Sei sulla pagina 1di 21

ISL Igiene & Sicurezza del Lavoro n.

5 Maggio 2015

Gli inserti di

IPSOA
IGIENE
& SICUREZZA
DEL LAVORO
Mensile di aggiornamento giuridico e di orientamento tecnico

Rivista mensile Anno XIX – Maggio 2015 - Direzione e Redazione Strada 1


Palazzo F6 20090 Milanofiori - Assago 5/2015
INSERTO
SCELTA E USO DEI DPI
FILTRANTI PER LE VIE
RESPIRATORIE
Andrea Rotella

cop_inserto-05.indd 1 28/04/15 09:29


Sommario

Un caso studio (uno di tanti) .................................................................................................. III

Scelta del dispositivo di protezione per le vie respiratorie ......................................................... III

Il facciale ............................................................................................................................. XI

I filtri antipolvere................................................................................................................... XIII

Facciale (o semimaschera) filtrante antipolvere........................................................................ XIV

Filtri antigas ......................................................................................................................... XV

Filtri per dispositivi a ventilazione assistita............................................................................... XVIII

Informazione, formazione e addestramento in materia di protezione delle vie respiratorie............ XX

Utilizzo di un dispositivo di protezione per le vie respiratorie ..................................................... XXII

Manutenzione e pulizia.......................................................................................................... XXIII

MILANOFIORI ASSAGO, Strada 1, Palazzo F6, Tel. 02.82476.090


Inserto

Scelta e uso dei DPI filtranti per le vie


respiratorie
di Andrea Rotella – Ingegnere, consulente aziendale

Un caso studio (uno di tanti) — l’eliminazione delle sorgenti di emissione degli in-
quinanti;
Un operatore addetto alla manutenzione della rete fo- — il ricorso a sistemi di aspirazione e captazione;
gnaria si introduceva all’interno di una condotta ubicata — il confinamento delle lavorazioni e la ventilazione.
appena all’esterno di una fabbrica di birra. In generale, occorrerà sforzarsi di limitare l’uso dei di-
Dopo pochi minuti, questi cominciava ad avvertire una
spositivi di protezione individuali per le vie respiratorie
sensazione di stanchezza e debolezza; provava a risalire
la scala a pioli per uscire dalla condotta, ma collassava ad attività lavorative di breve durata o eccezionali (ma-
nel tentativo. nutenzione, operazioni di pulizia, travaso, evacuazione
Un lavoratore della birreria, che assisteva alle operazio- in caso di emergenza, salvataggio, incendio ecc.), poi-
ni, si accorgeva della situazione e accorreva in suo soc- ché indossare un DPI rappresenta pur sempre un vincolo
corso, indossando una maschera a filtro per la protezio- per l’utilizzatore. Inoltre il dispositivo protegge soltanto
ne delle vie respiratorie che si trovava nei pressi del chi lo indossa e non anche le persone che operano in
tombino di accesso. prossimità.
Nel giro di pochi minuti, anch’egli perdeva conoscenza. Infine, è da tenere presente che la protezione offerta dal
Quando le due persone vennero infine recuperate dai DPI è spesso limitata nel tempo, in particolare per il ca-
Vigili del Fuoco, non si poté che constatare, ormai, il lo- so dei dispositivi a filtro per la protezione delle vie re-
ro avvenuto decesso. spiratorie.
Questo incidente illustra chiaramente quali siano i rischi La scelta del DPI necessario non può che essere frutto
derivanti dalla selezione di un dispositivo di protezione di uno studio serio delle caratteristiche del posto di la-
per le vie respiratorie non idoneo. Nello specifico, l’ani- voro e dell’attività lavorativa in genere, analisi che deve
dride carbonica prodotta dalla fermentazione della birra portare a una chiara definizione delle condizioni di im-
si era introdotta all’interno della condotta fognaria, so- piego e alla valutazione, più precisa possibile, di:
stituendone l’ossigeno contenuto nell’aria al suo interno. — concentrazione di ossigeno;
Al di là della circostanza che il dispositivo a filtro im- — natura dell’inquinante (gas, vapori, polveri ecc.);
piegato dal lavoratore che prestò soccorso era idoneo — tossicità dell’inquinante;
per atmosfere in presenza di ammoniaca, esso, limitan- — concentrazioni dell’inquinante in aria nelle peggiori
dosi a filtrare l’aria respirata dal lavoratore, non poteva condizioni;
fornire l’ossigeno necessario, in quanto assente nell’at- — valori limite delle concentrazioni ammissibili sul
mosfera all’interno della condotta. luogo di lavoro, se esistono (valori limite di esposizione
professionale);
Scelta del dispositivo di protezione per le — dimensioni del particolato se si tratta di polveri;
vie respiratorie — condizioni di temperatura e umidità;
Il metodo di selezione di un dispositivo di protezione — attività fisica svolta dall’utilizzatore nel compimento
individuale delle vie respiratorie può essere suddiviso in del proprio lavoro;
quattro distinti passaggi. — durata dell’attività lavorativa che richiederebbe di in-
Vale la pena, tuttavia, fare una doverosa premessa: pri- dossare il dispositivo di protezione;
ma di ricorrere a un dispositivo di protezione per le vie — eventuali altri rischi presenti (schizzi di liquidi, in-
respiratorie, è indispensabile assicurarsi che non siano cendio ecc.).
attuabili eventuali protezioni di carattere collettivo, co- L’analisi di questi elementi permetterà di optare consa-
me ad esempio: pevolmente per dispositivi in grado di garantire il mas-
— la sostituzione dei prodotti pericolosi; simo livello di protezione nelle condizioni date.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 III


Inserto

Fase 1: scelta della tipologia di DPI corso che a un apparecchio isolante il cui grado di pro-
La prima fase vera e propria nella scelta del DPI per le tezione sia, comunque, appropriato.
vie respiratorie si basa sull’impiego di uno schema Per i dispositivi filtranti antigas, bisogna tenere in consi-
orientativo per la scelta di una famiglia di dispositivi derazione, da un lato, il limite della concentrazione del-
(Figura 1), che prevede la risposta a una serie di sempli- l’inquinante nell’ambiente che andrà a determinare, in
ci domande: funzione del livello di perdita, la concentrazione all’in-
— Si tratta di una attività lavorativa, di salvataggio, terno del facciale, e dall’altro lato, il tempo necessario
soccorso o incendio, evacuazione d’urgenza di un’area per giungere al valore del tempo di rottura specifico per
contaminata o di una questione di sopravvivenza? quel filtro con quella determinata concentrazione e quel
— La concentrazione di ossigeno è quella atmosferica determinato inquinante.
per tutta la durata del lavoro? (tenendo presente che la Sugli apparecchi il cui facciale è in depressione durante
concentrazione di ossigeno in atmosfera è da considerar- la fase di inalazione, come ad esempio le semimaschere
si “normale” ai fini della scelta di un DPI quando com- filtranti, le semimaschere o le maschere intere usate in
presa tra il 17 e il 21%) apparecchi filtranti privi di assistenza, esiste un rischio
— Qual è la natura e quali sono le caratteristiche di pe- accresciuto di penetrazione dell’inquinante verso l’inter-
ricolosità dell’inquinante?
no della guarnizione facciale, in particolare qualora vi
— Qual è la concentrazione massima prevedibile del-
l’inquinante in aria? fossero delle discontinuità sulla guarnizione stessa o
— Qual è il valore limite di esposizione professionale qualora il dispositivo non fosse stato indossato corretta-
(TLV) dell’inquinante? mente.
In normali condizioni di lavoro, un dispositivo filtrante Questo tipo di rischio di perdita esiste analogamente,
antipolvere o antigas non potrà essere utilizzato a meno ma in misura minore, anche nel caso di dispositivi mu-
che la concentrazione di inquinante nell’ambiente non niti di erogatore a domanda ma senza pressione positiva
sia minore o uguale a 400 volte la concentrazione limite all’interno del facciale o con apparecchi muniti di assi-
ammissibile (valori indicati per l’Italia nella norma UNI stenza con motore quando il flusso è inferiore alla ri-
EN 529:2006). Oltre tale valore non potrà che farsi ri- chiesta per la respirazione da parte dell’utilizzatore.

Figura 1 – Schema orientativo per la scelta di un DPI per le vie respiratorie

Tabella 1 – dispositivi filtranti antipolvere

Valore da non
Dispositivi classificati per grado di protezione crescente
superare

4 × TLV — Semimaschera filtrante monouso FFP1


— Semimaschera con filtro P1
— Maschera Intera con filtro P1

5 × TLV — Cappuccio o casco a ventilazione assistita TH1 P

10 × TLV — Semimaschera filtrante monouso FFP2


— Semimaschera con filtro P2
— Maschera intera o semimaschera a ventilazione assistita TM1 P

IV Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Valore da non
Dispositivi classificati per grado di protezione crescente
superare

15 × TLV — Maschera Intera con filtro P2

20 × TLV — Casco o cappuccio a ventilazione assistita TH2 P

30 × TLV — Semimaschera filtrante monouso FFP3


— Semimaschera con filtro P3

100 × TLV — Maschera intera o semimaschera a ventilazione assistita TM2 P

200 × TLV — Casco o cappuccio a ventilazione assistita TH3 P

400 × TLV — Maschera intera a ventilazione assistita TM3 P


— Maschera Intera con filtro P3

Tabella 2 – dispositivi filtranti antigas

Valore da non
Dispositivi classificati per grado di protezione crescente
superare

5 × TLV — Casco o cappuccio a ventilazione assistita di Classe TH1 e filtro antigas di Classe 1, 2 o 3

10 × TLV — Semimaschera filtrante monouso con filtro antigas di Classe 1, 2 o 3


— Maschera o semimaschera a ventilazione assistita di Classe TM1 e filtri antigas di Classe 1, 2 o 3

20 × TLV — Casco o cappuccio a ventilazione assistita di Classe TH2 e filtro antigas di Classe 1, 2 o 3

30 × TLV — Semimaschera con filtro antigas di Classe 1, 2 o 3

100 × TLV — Maschera o semimaschera a ventilazione assistita di Classe TM2 e filtri antigas di Classe 1, 2 o 3

200 × TLV — Casco o cappuccio a ventilazione assistita di Classe TH3 e filtro antigas di Classe 1, 2 o 3

400 × TLV — Maschera intera e filtri antigas di Classe 1, 2 o 3


— Maschera o semimaschera a ventilazione assistita di Classe TM3 e filtri antigas di Classe 1, 2 o 3

Tabella 3 – Dispositivi isolanti

Valore da non
Dispositivi classificati per grado di protezione crescente
superare

10 × TLV — Semimaschera, maschera intera, casco o elmetto ad adduzione di aria compressa a flusso continuo di Classe 1A
o 1B

50 × TLV — Semimaschera, maschera intera, casco o elmetto ad adduzione di aria compressa a flusso continuo di Classe 2A
o 2B

200 × TLV — Semimaschera, maschera intera, casco o elmetto ad adduzione di aria compressa a flusso continuo di Classe 3A
o 3B
— Semimaschera ad adduzione di aria compressa con valvola di erogazione a domanda a pressione positiva

400 × TLV — Autorespiratore ad aria compressa a circuito aperto con pressione negativa
— Autorespiratore a circuito chiuso ad ossigeno/azoto compressi

1000 × TLV — Autorespiratore ad aria compressa a circuito aperto con pressione positiva

2000 × TLV — Dispositivo ad adduzione di aria compressa a flusso continuo di Classe 4A o 4B

Tabella 4 – altri dispositivi isolanti utilizzabili per concentrazioni di inquinante molto elevate o quando
la concentrazione di ossigeno è inferiore al 17%

— Maschera intera ad adduzione di aria compressa con valvola con erogatore a domanda a pressione positiva

— Maschera intera con dispositivo autonomo ad aria compressa con valvola con erogatore a domanda a pressione positiva

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 V


Inserto

Fase 2: protezione minima assicurata dal DPI è sicuramente superiore ai fattori di protezione che pos-
Dopo aver selezionato la famiglia di dispositivi di prote- sono essere misurati in un reale ambiente di lavoro.
zione adatti al caso di interesse, secondo le indicazioni Questo perché gli esercizi che vengono svolti in labora-
viste nella Fase 1, il passaggio successivo consisterà nel torio non sono rappresentativi dei compiti realmente
rilevare quale sia il fattore di protezione minimo richie- svolti, i parametri individuali e ambientali esercitano
sto attraverso la relazione: una grande influenza sui risultati, le persone selezionate
Fattore di protezione minimo = Ce /Ci per l’esecuzione delle prove sono ben formate e adde-
dove: strate e conoscono le procedure di prova, le norme tec-
— Ce è la concentrazione di inquinante all’esterno del niche stesse permettono di rifiutare i soggetti che non
facciale (entro la zona di respirazione); riescono a superare il test di selezione iniziale ecc.
— Ci è la concentrazione ammissibile di inquinante al- Tutti questi elementi e altri ancora sono all’origine delle
l’interno del facciale. differenze che si rilevano persino tra i vari valori di
Il valore utilizzato per definire la concentrazione massi- FPA assegnati ai singoli dispositivi. Tuttavia, i valori di
ma ammissibile all’interno del facciale è generalmente FPA permettono di ottenere una visione più realistica
il valore limite di esposizione professionale (TLV). La della protezione effettiva e, dunque, una maggiore sicu-
concentrazione di inquinante all’esterno del facciale sa- rezza per l’operatore.
rà, invece, quella misurata nelle immediate prossimità Attualmente non esiste un valore di FPA armonizzato a
delle vie respiratorie dell’operatore. Nel caso di forti va- livello europeo.
riazioni di tale concentrazione, dovrà essere impiegato il In ogni caso sarà il valore di FPA a dover essere preso
valore massimo tra quelli rilevati o ipotizzabili. in considerazione e questo dovrà essere sempre superio-
Il fattore di protezione minimo previsto sulla base della re al fattore di protezione minimo richiesto, precedente-
relazione su esposta viene successivamente confrontato mente calcolato.
con il fattore di protezione nominale (FPN) e, qualora
Nelle tabelle riportate nella Fase 1, i dispositivi sono
esistente, con i fattori di protezione assegnati (FPA) dei
stati classificati in ordine crescente di protezione garan-
vari apparecchi di protezione per le vie respiratorie (1).
Si precisa che secondo quanto riportato nella norma tita, con l’indicazione, per ciascuno, di un limite di con-
UNI EN 529:2006, per l’Italia il fattore di protezione centrazione di inquinante espresso attraverso un multi-
assegnato (FPA) corrisponde al fattore di protezione plo del valore limite di concentrazione ammissibile.
operativo (FPO). Pertanto, i dispositivi di protezione individuali per le
Per capire bene il significato di tali parametri, occorre vie respiratorie adatti saranno, all’interno della tabella
considerare che i livelli di protezione forniti dai disposi- corrispondente alla famiglia di dispositivi selezionata
tivi di protezione per le vie respiratorie sono tra loro nella Fase 1, gli apparecchi i cui coefficienti moltiplica-
confrontati utilizzando, per l’appunto, differenti fattori tivi sono superiori al fattore di protezione minimo cal-
che, di fatto, forniscono una misura dell’isolamento che colato.
il dispositivo è in grado di garantire:
• il fattore di protezione nominale (FPN), che rappresen- Fase 3 (I parte): DPI adeguato
ta, per un dispositivo certificato, l’entità della protezione Al termine delle prime due tappe del processo per la
fornita nelle peggiori condizioni ipotizzate dalle norme scelta del DPI per le vie respiratorie, l’esito potrebbe
tecniche, ossia in relazione al massimo valore ammesso aver evidenziato la possibilità di scegliere tra differenti
per la perdita totale verso l’interno: tipi in quanto tutti appropriati.
FPN = 100 / (perdita totale verso l’interno in %) La terza fase del processo di scelta consentirà di deter-
• il fattore di protezione assegnato (FPA), che rappre- minare quale sarà il dispositivo più adatto per la specifi-
senta il livello di protezione atteso in condizioni lavora-
ca attività lavorativa da svolgere, in funzione di alcuni
tive normali per il 95% dei lavoratori formati e adde-
strati a indossarlo e in grado di utilizzarlo correttamente, parametri associati all’utilizzatore, al compito, al luogo
dopo un controllo, in perfette condizioni di efficienza e di lavoro.
manutenzione. Esso si basa, dunque, sul quinto percenti- Di seguito vengono presentati i principali fattori da te-
le delle misure dei fattori di protezione determinati in nere in considerazione per la scelta del DPI adatto (Ta-
situazioni lavorative. bella 5). L’obiettivo è quello di mettere a disposizione
Per un dato dispositivo, il valore di FPN sarà sempre su- un dispositivo il cui livello di protezione sia adeguato e
periore al valore di FPA e i valori di FPA, misurati in che non sia sorgente di rischio o discomfort; in caso
condizioni differenti, possono anch’essi divergere in contrario, vi saranno buone possibilità che il lavoratore
funzione degli organismi di unificazione nazionali. finisca per non indossare il dispositivo di protezione in-
La perdita totale verso l’interno viene misurata svolgen- dividuale o, eventualmente, per indossarlo non corretta-
do alcuni test su operatori nell’atto di eseguire una serie mente e, dunque, la protezione attesa non potrà essere
di esercizi in condizioni di prova controllate all’interno assicurata.
di un ambiente in presenza di un aerosol di cloruro di Ciascun dispositivo deve essere adatto al suo portatore,
sodio. Il fattore di protezione nominale così determinato individualmente considerato.

(1) I valori di FPN o FPA coincidono con i numeri moltiplica- 529:2006 indicava un valore per FPA, all’interno delle suddette
tori del TLV riportati nella colonna di sinistra delle Tabelle 1, 2 tabelle si è preferito inserire questo, maggiormente conservati-
e 3 precedentemente visti. Laddove la norma UNI EN vo rispetto al FPN.

VI Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Tabella 5 – Valutazione dei DPI rispetto alle caratteristiche del portatore

Fattori Considerazioni Raccomandazioni

Caratteristiche fisiche Alcune caratteristiche del viso come cicatrici, barba In alcuni casi, i caschi o i cappucci dovrebbero essere
del lavoratore non rasata (rasatura risalente ad oltre otto ore prima), preferiti, in termini di scelta, alle semimaschere o alle
baffi, possono attenuare la protezione offerta da una maschere intere, a condizione che forniscano il fattore
semimaschera o una maschera intera, poiché una su- di protezione minimo richiesto.
perficie irregolare del volto pregiudica la tenuta del
facciale.

Un’unica taglia del facciale non può essere adattata a Prima della scelta della maschera da acquistare, è im-
qualunque morfologia del viso. portante informarsi presso il fornitore su quali siano le
taglie disponibili.
È opportuno che una selezione dei DPI individuati
venga proposta ai futuri utilizzatori in modo da per-
mettere a ciascuno di trovare il modello che gli per-
mette di ottenere il massimo comfort.

Alcune tipologie di dispositivi per le vie respiratorie Far precedere la messa a disposizione del dispositivo
possono avere un peso o ingombro elevati e, di con- da una consultazione con il medico competente, al fi-
seguenza, non è detto siano idonei per tutti i lavorato- ne di verificare l’idoneità del lavoratore per quel DPI.
ri. In alternativa, selezionare, se disponibile, un altro tipo
di DPI che offra il medesimo livello di protezione, ma
abbia un peso e/o un ingombro inferiori.

Alcuni lavoratori possono presentare allergie nei con- Far precedere la messa a disposizione del dispositivo
fronti di alcuni dei materiali in cui è realizzato il DPI. da una consultazione con il medico competente, al fi-
ne di verificare l’idoneità del lavoratore per quel DPI.
In alternativa, selezionare, se disponibile, un altro tipo
di DPI che offra il medesimo livello di protezione.

Occhiali Gli occhiali non sono compatibili con l’impiego di una Sono disponibili sul mercato dispositivi speciali che
maschera intera o con alcuni caschi o cappucci, poi- permettono di fissare delle lenti di correzione per la vi-
ché le stanghette impediscono una tenuta perfetta sta all’interno di una maschera intera. In alternativa ci
del facciale al volto. si può rivolgere a dispositivi di protezione per le vie re-
spiratorie munite di casco compatibile con la necessi-
tà di indossare gli occhiali, ovviamente avendo pre-
ventivamente accertato che forniscano il fattore di
protezione minimo richiesto.

Lenti a contatto Durante l’utilizzo di un una maschera intera, un cap- Si dovrà valutare la possibilità per il lavoratore che in-
puccio o un casco, potrebbe accadere che le lenti a dossa le lenti a contatto di raggiungere un’area non
contatto si spostino o che il flusso d’aria provochi una contaminata per rimuovere il dispositivo di protezione.
secchezza eccessiva degli occhi. In tutti e due i casi, il In caso contrario, qualora tale opportunità non fosse
portatore avrà la necessità di levarsi il dispositivo di disponibile, si dovrà sconsigliare l’uso delle lenti a
protezione per porre rimedio la problema. contatto.

Ritmo di lavoro Qualunque dispositivo di protezione per le vie respira- In funzione del livello di protezione necessario, può
tore impone uno sforzo fisiologico al portatore a cau- essere raccomandato il ricorso a dispositivi a ventila-
sa del suo peso e della resistenza respiratoria che op- zione assistita o ad adduzione di aria compressa a
pone. flusso continuo (se il flusso è sufficiente a prevenire le
L’impatto di questi due fattori incrementa con l’au- pressioni negative all’interno del facciale) o ad addu-
mentare del carico di lavoro fisico richiesto per lo zione di aria compressa con erogatore a domanda a
svolgimento del compito. I ritmi di lavoro, inoltre, pos- pressione positiva.
sono determinare perdite di tenuta a causa delle pres-
sioni negative che si realizzano all’interno del facciale
quando la richiesta d’aria supera il flusso d’aria che
entra all’interno del facciale.

Durata complessiva di Le semimaschere o le maschere intere filtranti posso- Si raccomanda l’uso di dispositivi di protezione a ven-
utilizzo no diventare scomode se indossate per oltre un’ora. tilazione assistita per tutti i compiti di durata superiore
Il lavoratore potrebbe essere tentato di allentare le ad un’ora.
cinghie o di togliersi il dispositivo. In casi di ritmi di la- Bisogna prestare attenzione alla presenza di eventuali
voro elevati, il tempo necessario al sopraggiungimen- batterie a servizio del dispositivo, la cui durata, evi-
to dei primi segnali di discomfort, è ancora inferiore. dentemente, dovrà essere superiore a quella del com-
pito richiesto.

Visibilità I facciali possono ridurre il campo di visione, in parti- Quando è necessario avere una buona visibilità per lo
colare la visione periferica. svolgimento del compito o se questo può determinare
Anche la qualità ottica delle visiere determina questi infortuni o errori, se il fattore di protezione minimo ri-
effetti, in particolare se mediocre. chiesto lo permette, potrà essere verificata la possibi-
lità di ricorrere ad una semimaschera.
In alternativa si dovranno sostituire i dispositivi con al-
tri che presentino visiere con una qualità ottica miglio-
re.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 VII


Inserto

Fattori Considerazioni Raccomandazioni

Se fosse necessario avere la presenza di un campo di


visione esteso, è possibile ricorrere a facciali “a visio-
ne panoramica”.
Nei casi in cui la visiera è suscettibile di macchiarsi o
sporcarsi durante l’attività (per esempio a causa di
spruzzi di pittura), è possibile fare ricorso ad alcuni
modelli che presentano delle visiere sostituibili sopra
la visiera principale o utilizzare cappucci con visiera
sostituibile.

Mobilità L’esecuzione del compito può richiedere numerosi È opportuno valutare tali vincoli per scegliere l’appa-
spostamenti, il passaggio attraverso luoghi ristretti, recchio più adatto alle proprie esigenze. Il corretto in-
assunzione di posture non confortevoli o che implica- dossamento e la sicurezza stessa del dispositivo non
no movimenti significativi del corpo o della testa. deve mai essere compromessa, così come il dispositi-
vo non deve mai limitare i movimenti o essere causa
di intralcio per essi.

Per esempio:

— il lavoratore deve operare sulla schiena oppure — evitare di adottare un dispositivo di protezione
passare attraverso un’apertura di piccole dimensioni autonomo.

— esiste un rischio di rottura, strappo o schiaccia- — si dovrà selezionare un dispositivo filtrante a venti-
mento dei tubi per l’adduzione dell’aria lazione assistita o un dispositivo isolante autonomo,
in funzione dell’attività.

— gli spostamenti richiesti sono più lunghi della lun- — è possibile dotare alcuni modelli di filtri che per-
ghezza del tubo per l’adduzione dell’aria mettono all’operatore di non essere esposto durante il
lasso temporale che intercorre tra il distacco e il riat-
tacco alla sorgente d’aria compressa nei vari punti di
connessione disposti opportunamente nell’area di la-
voro.

Comunicazione Qualunque apparecchio di protezione per le vie respi- È importante assicurarsi che i lavoratori che indossa-
ratorie ostacola la comunicazione e attutisce i suoni. no i dispositivi di protezione possano comunicare effi-
Il rumore generato dal flusso d’aria in alcuni apparec- cacemente tra di loro, soprattutto laddove ciò può es-
chi contribuisce anch’esso alla creazione di tali diffi- sere indispensabile, come ad esempio negli spazi
coltà. confinati.
A volte non è semplice riconoscere la voce dei singoli Vari modelli di dispositivi integrano membrane foni-
lavoratori. Inoltre parlare all’interno di una semima- che, amplificatori della voce, microfoni o altro. I ca-
schera o di una maschera intera, in alcuni casi, po- schi e i cappucci ostacolano meno la comunicazione
trebbe ridurre la tenuta del facciale o aumentare la ri- poiché la bocca rimane visibile attraverso la visiera,
chiesta d’aria. ma riducono la capacità di udire a causa del fatto che
le orecchie sono coperte.
Diventa a volte necessario il ricorso a segnali di co-
municazione semplici e predefiniti.

Accessori Collane, orecchini, sciarpe, acconciature, piercing, Qualora tali accessori non possano essere rimossi, si
ecc. non devono compromettere la tenuta del faccia- dovrà verificare la possibilità di mettere a disposizione
le, né ridurre il flusso d’aria previsto durante l’impiego un dispositivo munito di cappuccio, fermo restando il
del dispositivo di protezione rispetto della condizione del fattore di protezione mi-
nimo richiesto.

Attrezzature utilizzate Gli attrezzi utilizzati per lo svolgimento dell’attività la-


vorativa non devono interferire con la protezione re-
spiratoria.

Per esempio, se:

— le attrezzature o i processi impiegati producono — dovranno essere selezioni apparecchi di protezione


forti campi elettrici o magnetici che non siano sensibili a campi elettrici o magnetici.

— è presente un rischio di proiezione di particelle in- — dovranno essere selezionati dispositivi con caratte-
candescenti (es. processi di fusione, saldatura, taglio, ristiche adeguate di resistenza a fiamme e calore.
ecc.)

— alcuni attrezzi producono vibrazioni o getti d’aria o — dovranno essere modificati i processi lavorativi per
di particelle che possono determinare conseguenza evitare che la protezione dei lavoratori venga compro-
sulla tenuta del facciale messa.

Interazione con altri In presenza di molteplici rischi che dovessero richie- In alcune applicazioni, come per esempio la saldatura,
dispositivi di protezio- dere ad un lavoratore la necessità di indossare vari di- sono disponibili delle attrezzature integrate che pro-
ne individuale spositivi di protezione individuale, questi devono es- teggono quanto necessario la testa, gli occhi, le vie
sere tra loro compatibili al fine di non compromettere respiratorie e le orecchie.
la protezione necessaria.

VIII Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Fattori Considerazioni Raccomandazioni

Procedure di deconta- Quando si rende necessario il ricorso a procedure di Per esempio, i blocchi motore di dispositivi di prote-
minazione decontaminazione prima di uscire dalla zona inquina- zione a ventilazione assistita TM3 P utilizzati per l’ese-
ta (es. amianto, pittura, prodotti fitofarmaceutici ecc.), cuzione di alcuni interventi di bonifica da amianto, do-
i dispositivi di protezione delle vie respiratorie devono vranno poter essere sottoposti alla decontaminazione
essere in grado di essere sottoposti al trattamento sotto la doccia.
senza che venga compromessa la loro efficienza e Quando si indossano molteplici dispositivi di protezio-
quella dello stesso procedimento di decontaminazio- ne individuale, la procedura di svestizione deve tenere
ne. in considerazione la necessità di mantenere attiva la
protezione respiratoria.

Stress termico Indossare un dispositivo di protezione delle vie respi- Il dispositivo di protezione delle vie respiratorie deve
ratorie determina uno stress termico, in particolare contribuire al raffrescamento di chi lo indossa (ventila-
quando è anche richiesta la necessità di indossare de- zione assistita, adduzione di aria compressa).
gli indumenti a protezione del corpo. La temperatura Sono altresì disponibili alcuni dispositivi per il raffred-
corporea e il ritmo cardiaco possono aumentare fino damento dell’aria compressa.
a raggiungere livelli di rischio per la salute dell’opera- In funzione della temperatura ambiente, è particolar-
tore. mente importante organizzare adeguatamente i tempi
di lavoro: ridurre la durata di utilizzo del dispositivo
quando la temperatura ambiente aumenta, disporre di
tempi di riposo in aree termicamente confortevoli.

In ambienti molto freddi, l’alito si condensa sulle ma- Occorre verificare adeguatamente le prestazioni di
schere e la rigidezza di alcuni materiali indotta dal eventuali batterie e motori.
freddo può diminuire la tenuta al viso. Si consiglia di installare dei dispositivi di riscaldamen-
to delle maschere.
Per evitare eventuali disagi dovuti al flusso di aria
fredda, possono essere installati dei riscaldatori dell’a-
ria sui circuiti di alimentazione di aria compressa.

In presenza di temperature molto elevate, i materiali Si dovrà consultare il produttore ai fini della verifica
plastici dei dispositivi di protezione delle vie respirato- della resistenza dei dispositivi di protezione alle alte
rie possono ammorbidirsi o fondere, le prestazioni dei temperature.
filtri antigas possono degradarsi.

Atmosfere corrosive o Alcuni inquinanti sono corrosivi o possono permeare Nella scelta del dispositivo di protezione delle vie re-
potenzialmente esplo- attraverso i materiali che costituiscono il dispositivo di spiratorie dovranno essere presi in adeguata conside-
sive protezione per le vie respiratorie. razione i materiali più resistenti nei confronti di agenti
chimici corrosivi.
Dovrà altresì essere previsto un adeguato programma
di addestramento.
Per essere utilizzati in zona dove possono formarsi
ATEX, gli apparecchi di protezione delle vie respirato-
rie dovranno essere compatibili con tale necessità.

Fase 4: modelli di DPI a confronto nuta, il modello testato deve essere scartato dovrà essere
provato un altro modello.
Una volta che sia stato scelto il dispositivo di protezione
Prima di cominciare il test, conviene assicurarsi che la
individuale adatto, si consiglia di mettere a confronto e
persona sia capace di riconoscere basse concentrazioni
provare i differenti modelli che il mercato propone. È della sostanza di prova.
particolarmente raccomandata l’esecuzione di prove du- Sono presenti sul mercato dei kit comprendenti la so-
rante le quali si procederà a indossare il dispositivo per stanza di prova, un nebulizzatore e un cappuccio di pro-
selezionare, per ciascun lavoratore, il modello e la taglia va. Le principali sostanze di prova sono la saccarina
che permettono di ottenere la migliore tenuta con il vi- (gusto zuccherato) e il Bitrex (gusto amaro). Questo me-
so. Le prove di adattamento possono essere qualitative o todo è particolarmente indicato per i facciali filtranti, le
quantitative. semimaschere e le maschere intere. Nei casi in cui fos-
Queste prove dovranno essere ripetute periodicamente, sero necessari fattori di protezione elevati, è più indicato
per esempio annualmente, e in occasione di ogni modi- ricorrere a test di adattamento quantitativi.
fica del dispositivo o di cambiamento delle condizioni Le prove di adattamento quantitativo permettono di cal-
fisiche del lavoratore (dimagrimento, cicatrici, modifi- colare direttamente un fattore caratteristico dell’utilizza-
che dei denti ecc.). tore per il modello testato. Vengono utilizzati tre meto-
Le prove di adattamento di tipo qualitativo consistono di, di cui due possono essere utilizzati in situ.
nell’esporre il lavoratore che indossa il dispositivo di Il primo metodo prevede che il lavoratore indossi il di-
protezione delle vie respiratorie a un’atmosfera conte- spositivo di protezione delle vie respiratorie ed esegua
nente una “sostanza di prova” dotata di un gusto o di un una serie di esercizi all’interno di una camera di prova
odore particolare. Se il lavoratore riconosce la sostanza, all’interno della quale è polverizzato un aerosol di parti-
il facciale non è a tenuta e deve essere reindossato. Se celle di cloruro di sodio. I facciali dovranno essere mu-
dopo due o tre riaggiustamenti persiste la perdita di te- niti di filtri ad elevata efficienza o essere collegati a una

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 IX


Inserto

sorgente d’aria per misurare, per quanto possibile, la te- elastici o bardature per poter essere indossato, uno strin-
nuta del facciale. Si misura così la quantità della sostan- gi naso e, in alcuni casi, una o più valvole di espirazio-
za di prova che è riuscita a penetrare all’interno del fac- ne.
ciale. Il rapporto tra la concentrazione all’esterno del
facciale e la concentrazione all’interno permetterà di de-
terminare direttamente il fattore di protezione caratteri- Figura 2 – Facciale filtrante
stico. Il secondo metodo può essere messo in opera di-
rettamente in situ attraverso un misuratore di polveri
che rileva la quantità di esse che penetra all’interno del
facciale e lo compara alla concentrazione di polvere pre-
sente all’esterno mentre l’utilizzatore esegue una serie
di esercizi. Le polveri sono quelle presenti nell’ambien-
te.
L’ultimo metodo si basa sulla misura delle perdite di
aria da un facciale reso temporaneamente ermetico.
Mentre l’operatore rimane immobile, viene mantenuta
una pressione negativa costante all’interno del facciale.
La quantità di aria necessaria per mantenere la pressione
negativa si assume essere pari al flusso di aria che entra
all’interno del facciale. Questo metodo non è adatto per
i facciali filtranti.
Per raggiungere il livello di protezione previsto per i di-
versi dispositivi di protezione, devono essere presi in
esame tutti i fattori sui quali ci si è soffermati nella fase Questo tipo di dispositivo può essere efficace contro ae-
precedente e deve essere valutata la loro influenza sulla rosol e polveri.
reale protezione fornita da un determinato apparecchio.
• Semimaschera: ricopre naso, bocca e mento ed è costi-
Prima di utilizzare gli apparecchi di protezione per le
vie respiratorie per la prima volta, i lavoratori devono tuita da un elastomero morbido e a tenuta, ermetica (per
ricevere un’informazione e una formazione sia teorica quanto possibile), trattenuto fermo sul capo e sul volto
che pratica (addestramento). Successivamente, è oppor- mediante bardature (Figura 3). Sono altresì presenti val-
tuno ripetere l’informazione e la formazione a intervalli vole di espirazione e di inspirazione e un raccordo por-
regolari. Lo scopo della formazione e la durata degli in- tafiltro necessario per attaccarvi un filtro o un dispositi-
tervalli per la sua ripetizione dipendono dal tipo di ap- vo per l’apporto dell’aria.
parecchio e dalla frequenza dell’uso.
La formazione e il suo aggiornamento devono essere af-
fidati a persone competenti. È da considerare competen- Figura 3 – Semimaschera
te una persona che, a tal fine, abbia a sua volta ricevuto
una speciale formazione e che, ad intervalli opportuni,
segua un corso di aggiornamento. Detti intervalli varie-
ranno in funzione del tipo di apparecchio e un aggiorna-
mento più rigoroso sarà necessario per apparecchi com-
plessi quali i respiratori isolanti. In ogni caso l’interval-
lo di tempo non dovrebbe superare i cinque anni.

Il facciale
Che si tratti di DPI antigas o antipolvere, il “facciale” è
la parte del dispositivo di protezione delle vie respirato-
re direttamente a contatto con il viso dell’utilizzatore.
Fondamentalmente, esso deve assicurare l’isolamento
tra l’esterno (aria inquinata) e l’interno (aria respirabile)
e, a questo proposito, i facciali possono essere distinti
in: • Maschera intera: ricopre interamente occhi, naso, boc-
1) ermetici (facciali filtranti antipolvere, quarti di ma- ca e mento (Figura 4). Il corpo è in materiale morbido,
schera, semimaschera e maschera intera); elastico ed ermetico e, oltre alla bardatura, valvole di
2) non ermetici (es. cappucci, caschi, tute), in cui dall’e-
espirazione ed inspirazione, presenta una visiera piutto-
sterno deve essere fornita sufficiente pressione all’aria
respirabile in modo da impedire le perdite del facciale. sto estesa. Possono essere munite di membrana fonica.
• Facciale filtrante: si tratta di un dispositivo filtrante Al loro interno, solidale con la restante parte della ma-
che riscopre naso, mento e bocca, realizzato interamente schera, è presente una semimaschera provvista di valvo-
o per la maggior parte della sua superficie da materiale la di inspirazione e un raccordo destinato a ricevere un
filtrante (Figura 2). Generalmente esso presenta degli filtro un sistema di apporto d’aria.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XI


Inserto

Figura 4 – Maschera intera • Elmetto o casco: oltre alla sua funzione di dispositivo
di protezione delle vie respiratore, esso presenta un ele-
mento di protezione rigido in sommità resistente agli ur-
ti, una visiera che aderisce al contorno del viso e, a vol-
te, una protezione che ricopre collo e spalle (Figura 6).
L’interno del casco è mantenuto in sovrapressione co-
stantemente grazie all’apporto di aria proveniente da
fonte esterna. Il loro impiego può comportare una ridu-
zione delle facoltà uditive e di ciò occorre tenere conto
nella scelta.

Figura 6 – Elmetto o casco

• Cappuccio: costituito da materiale morbido, ricopre


per intero la testa e, a volte le spalle (Figura 5). Prevede
la presenza di una visiera piuttosto estesa e di un dispo-
sitivo per l’apporto e la distribuzione dell’aria. L’interno
del cappuccio è mantenuto in sovrapressione costante-
mente grazie all’afflusso di aria proveniente da fonte
esterna, mentre l’aria espirata viene espulsa attraverso
un giunto periferico o una valvola di espirazione. Fac-
ciali del tipo cappuccio possono comportare una ridu-
zione delle facoltà uditive e di ciò occorre tenere conto
nella scelta.
Nella Tabella 6 si elencano i facciali idonei secondo la
tipologia di dispositivo di protezione delle vie respirato-
Figura 5 – Cappuccio rie.

Tabella 6 – Facciali idonei secondo la tipologia di DPI

Facciali
Tipologie di DPI Semi Maschera in-
Cappuccio Elmetto
maschera tera

Filtranti non assistiti X X

Filtranti a ventilazione assistita X X X X

Isolanti ad aria compressa X X X X

XII Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Facciali
Tipologie di DPI Semi Maschera in-
Cappuccio Elmetto
maschera tera

Isolanti a presa d’aria esterna, assistiti con motore X X X X

Isolanti a presa d’aria esterna, con o senza assistenza manuale X X

Isolanti autonomi ad aria compressa a circuito aperto X

Isolanti autonomi a ossigeno compresso a circuito chiuso X

Per l’evacuazione autonomi ad aria compressa a circuito aperto X X X

Per l’evacuazione autonomi a ossigeno compresso a circuito chiuso X

Per l’evacuazione autonomi a generazione d’ossigeno X

Per l’evacuazione filtranti X X

I filtri antipolvere resistenza sempre maggiore al passaggio dell’aria, pur


conservando la loro capacità filtrante.
I filtri antipolvere per la protezione delle vie respiratorie L’aumento di resistenza del filtro derivante dall’intasa-
sono classificati, in base alla loro efficienza filtrante, in mento, tuttavia, si traduce in un aumento della probabi-
tre classi, definite dalla norma EN143 in funzione delle lità che si verifichino delle perdite.
prestazioni ottenute. Le prestazioni si ricavano dal fil- Per tale motivo, durante l’impiego, l’apparire dei primi
traggio di un aerosol di cloruro di sodio composto da segni di fatica respiratoria derivante da intasamento del
particelle del diametro medio è di 0,6 ìm e di un aerosol filtro determina il tempo di utilizzo dello stesso e la fre-
di olio di paraffina con “diametro medio di Stokes” (ov- quenza con la quale dovrà essere sostituito.
vero il diametro della sfera che presenta la stessa veloci- Per quanto concerne la marcatura, oltre alla presenza
tà di caduta e la stessa densità della particella in esame) del marchio “CE”, un filtro antipolvere è caratterizzato
pari a 0,4 ìm. da una colorazione bianca, oppure dalla presenza, tipica-
Si distinguono, dunque: mente sul bordo, di una banda bianca. Inoltre, tra le al-
— filtri di Classe P1 (bassa efficienza), in grado di arre- tre informazioni, deve essere indicato su di esso la Clas-
stare almeno l’80% delle particelle che compongono se di efficienza (P1, P2, o P3), il riferimento alla norma
l’aerosol o, in altre parole, che presentano una penetra- EN 143 e al suo anno di pubblicazione, l’indicazione re-
zione inferiore al 20%; lativa alla sua eventuale riutilizzabilità (“NR” o “R”) e
— filtri di Classe P2 (media efficienza), in grado di ar- il nome del fabbricante.
restare almeno il 94% delle particelle che compongono L’efficienza complessiva di un dispositivo di protezione
l’aerosol o, in altre parole, che presentano una penetra- per le vie respiratorie dipende, certamente, dall’efficien-
zione inferiore al 6%; za del filtro, ma anche dalla tenuta del facciale al quale
— filtri di Classe P3 (alta efficienza), in grado di arre- esso verrà abbinato.
stare almeno il 99,95% delle particelle che compongono In generale, all’interno di un facciale, nell’aria inspirata
l’aerosol o, in altre parole, che presentano una penetra- dall’utilizzatore, potremo comunque rinvenire, in con-
zione inferiore al 0,05%. centrazione preferibilmente molto bassa, gli inquinanti
Dopo 24 ore dall’esecuzione delle prime misure per la ambientali. Ciò sarà dovuto a due diverse cause:
verifica dell’efficienza, si procede a una nuova verifica a) le perdite verso l’interno dell’apparecchio, indicate
delle prestazioni dei filtri. con IL (Inward Leakage , perdita verso l’interno), e at-
I filtri che conservano la loro efficienza sono marcati tribuite:
con la lettera “R” che significa “Riutilizzabile”; in caso — alla perdita lungo il bordo del facciale, che rappre-
contrario, i filtri sono marcati con le lettere “NR” (“Non senterà il contributo principale, indicata con FSL (Face
Riutilizzabile”) e la loro durata massima di impiego de- Seal Leakage, perdita del bordo del facciale);
ve essere considerata limitata a un unico turno di lavoro — alla perdita della valvola di espirazione, indicata con
della durata di 8 ore che si svolge in un’unica giornata EVL (Exhalation Valve Leakage, perdita della valvola
lavorativa (ovvero, le 8 ore non possono essere ripartite di espirazione);
in più giorni). — alle eventuali perdite di altri componenti (per esem-
I filtri marcati “R”, al contrario, possono essere utilizza- pio il visore, il tubo di respirazione, eccetera) indicate
ti per più di un turno lavorativo, ma se presentassero se- cumulativamente con OCL (Other Components Leaka-
gni di danneggiamento o deformazioni dovranno essere ge, perdita di altri componenti).
immediatamente sostituiti. La perdita verso l’interno sarà pertanto data dalla som-
Durante il loro impiego all’interno di ambienti inquinati ma di questi contributi:
da polveri, i filtri antipolvere tendono naturalmente ad IL = FSL + EVL + OCL
intasarsi; in funzione dell’intasamento oppongono una b) la penetrazione P attraverso i filtri antipolvere.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XIII


Inserto

Complessivamente, si definisce “perdita totale verso TIL = Ci / Ce


l’interno”, e si indica con TIL (Total Inward Leakage, dove:
perdita totale verso l’interno), la quantità: — Ci è la concentrazione di inquinante all’interno del
TIL = IL + P facciale,
Tale parametro, essenziale per la scelta del dispositivo — Ce è la concentrazione di inquinante all’esterno del
filtrante più adeguato, può essere altresì rappresentato facciale.
dalla seguente relazione: In Tabella 7 si riportano i valori consentiti.

Tabella 7 – Valori consentiti di perdita verso l’interno per i facciali filtranti

Facciale Filtro antipolvere EN143 Perdita totale verso l’interno [%]

Semimaschera EN140 P1 22

P2 8

P3 2,05

Maschera intera EN136 P1 20,05

P2 6,05

P3 0,1

Facciale (o semimaschera) filtrante — il fabbricante del dispositivo ha specificato quali pro-


antipolvere dotti e metodi possono essere utilizzati per la sua pulizia
e disinfezione;
I facciali filtranti antipolvere per la protezione delle vie — le prestazioni della semimaschera filtrante sono rima-
respiratorie sono classificate, in base alla loro efficienza ste invariate dopo 24 ore dall’avvenuta esecuzione di
filtrante, in tre classi FFP (Filtering Facepiece Parti- una precedente prova di laboratorio, seguita dallo svol-
cles), definite dalla norma EN149 in funzione delle per- gimento di un’attività di pulizia e disinfezione del di-
formance ottenute dal filtraggio di un aerosol di cloruro spositivo secondo le indicazioni fornite da fabbricante.
di sodio composto da particelle il cui diametro medio è Le semimaschere filtranti che, agli esiti di tale prova, ri-
di 0,6 ìm e di un aerosol di olio di paraffina il cui “dia- sultano aver perso la loro efficienza o che non possono
metro medio di Stokes” (ovvero il diametro della sfera essere pulite o disinfettate devono essere marcate con la
che presenta la stessa velocità di caduta e la stessa den- lettere “NR”, ovvero “Non Riutilizzabile”. Sono pertan-
sità della particella in esame) è di 0,4 ìm. to da considerarsi monouso e devono essere sostituite
Si distinguono, dunque: dopo ogni turno di lavoro della durata di otto ore in
— semimaschere filtranti di Classe FFP1 (bassa effi- un’unica giornata lavorativa (le otto ore non possono es-
cienza), in grado di arrestare almeno l’80% delle parti- sere ottenute sommando le ore cumulate in più giorni di
celle che compongono l’aerosol o, in altre parole, che lavoro).
presentano una penetrazione inferiore al 20%; Le semimaschere filtranti marcate “R” (“Riutilizzabile”)
— semimaschere filtranti di Classe FFP2 (media effi- possono, al contrario, essere reimpiegate per più di un
cienza), in grado di arrestare almeno il 94% delle parti- turno di lavoro.
celle che compongono l’aerosol o, in altre parole, che Un facciale filtrante deformato o i cui elastici siano dan-
presentano una penetrazione inferiore al 6%; neggiati deve essere sostituito immediatamente.
— semimaschere filtranti di Classe FFP3 (alta efficien- Alcune semimaschere filtranti sono concepite per resi-
za), in grado di arrestare almeno il 99,95% delle parti- stere all’intasamento. Esse, difatti, presentano solo un
celle che compongono l’aerosol o, in altre parole, che lieve aumento della resistenza respiratoria con l’aumen-
presentano una penetrazione inferiore al 0,05%. tare dell’utilizzo e, di conseguenza, l’intasamento del
La “perdita totale verso l’interno”, ovvero il parametro filtro con la polvere. Per verificare la presenza di questa
che rappresenta la somma delle perdite verso l’interno proprietà, viene eseguito dal produttore un test di intasa-
del dispositivo e della penetrazione dell’inquinante at- mento utilizzando come aerosol di prova la dolomite.
traverso il filtro antipolvere stesso, deve essere inferiore Se, al termine della prova, la semimaschera facciale
a: avesse rispettato le indicazioni contenute nella norma
— 22% per le semimaschere filtranti di Classe FFP1; EN149, il dispositivo verrebbe marcato con la lettera
— 8% per le semimaschere filtranti di Classe FFP2; “D” (“Dolomite”).
— 2% per le semimaschere filtranti di Classe FFP3. Per quanto concerne la marcatura, pertanto, una semi-
Una semimaschera filtrante antipolvere non può essere maschera filtrante antipolvere, oltre al marchio “CE”,
riutilizzata a meno che non si verifichino le seguenti deve almeno riportare l’indicazione della Classe di effi-
due condizioni: cienza (FFP1, FFP2, FFP3), il riferimento alla norma

XIV Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

EN149 e al suo anno di pubblicazione, l’indicazione Filtri antigas


sulla sua riutilizzabilità (“NR” o “R”) e il nome del fab-
È possibile distinguere differenti tipi di filtri antigas in
bricante. funzione della natura del gas o dei vapori dai quali essi
I filtri antipolvere utilizzati contro microrganismi ed devono fornire una protezione. Ciascun filtro, riconosci-
enzimi dovrebbero essere scartati dopo il primo utiliz- bile attraverso una marcatura che prevede l’apposizione
zo e smaltiti secondo le regolamentazioni nazionali o di una specifica lettera su una banda colorata da apporre
le pratiche lavorative. Questi organismi possono cre- sul bordo del filtro, può essere specifico per un gas o
scere e passare attraverso il materiale dei filtri antipol- per una famiglia di gas o vapori, secondo quanto ripor-
vere. tato nella Tabella 8.

Tabella 8 – Marcatura di identificazione dei filtri

Sostanza Tipo Colore

Gas e vapori di composti organici (punto ebollizione >65 °C), come specifi- A Marrone
cato dal fabbricante

Gas e vapori di composti inorganici, come specificato dal fabbricante B Grigio


(escluso monossido di carbonio – CO)

Anidride solforosa e altri gas e vapori acidi, come specificato dal fabbrican- E Giallo
te

Ammoniaca e derivati organici ammoniacali come specificato dal fabbrican- K Verde


te

Mercurio HgP3 Rosso-Bianco


incorpora filtro P3 e
utilizzo massimo limitato a 50 h

Ossido di azoto NOP3 Blu-Bianco


incorpora filtro P3 e esclusivamen-
te monouso

Gas e vapori di composti organici (punto ebollizione 65 °C), come specifica- AX Marrone
to dal fabbricante esclusivamente monouso

Filtri contro sostanze specifiche, come specificato dal fabbricante SX Viola


con il nome della sostanza chimi- Viola-bianco se
ca combinato con fil-
tro antipolvere

Un filtro antigas può essere destinato a proteggere da funzione della loro capacità di adsorbimento (una sorta
più famiglie di gas per volta; esso viene denominato di compromesso tra il volume e l’efficienza del materia-
“misto” ed è riconoscibile dall’apposizione delle lettere le adsorbente):
di marcatura e dalle bande di colore corrispondenti alle — Classe 1: filtri di piccola capacità;
famiglie di gas da cui esso protegge. — Classe 2: filtri di media capacità;
Per esempio, un filtro ABEK, sarà idoneo a proteggere — Classe 3: filtri di grande capacità.
il portatore da gas e vapori di composti organici e inor- La protezione assicurata da un filtro di Classe 2 o 3 in-
ganici, anidride solforosa e ammoniaca e sarà riconosci- clude la protezione assicurata dal corrispondente filtro
bile dalla presenza di una banda composta da strisce di di classe inferiore.
colore marrone, grigio, giallo e verde. Le concentrazioni dei gas di prova e i tempi di rottura
Alcuni produttori propongono anche filtri specifici per relativi alle tre classi, forniti dalla UNI EN 141, valgono
il monossido di carbonio (CO). Tali filtri, tuttavia, non soltanto ai fini delle prove di laboratorio e non devono
dovrebbero essere utilizzati per lo svolgimento di attivi- assolutamente essere considerati come un limite di espo-
tà lavorative, per esempio per operare in un locale con- sizione, ma soltanto come limite di utilizzo. Nell’uso
tenente monossido di carbonio o per svolgere attività in pratico, infatti, pur valendo la regola di non utilizzare i
spazi confinati nei quali questo gas può essere presente filtri antigas in presenza di concentrazioni di inquinanti
o prodotto dalla lavorazione stessa. L’impiego del filtro maggiori di quelle realizzate in laboratorio per provare
CO dovrebbe essere riservato ad apparecchi di evacua- le diverse classi di filtri (cioè 0,1% = 1.000 ppm per la
zione, mentre per le attività lavorative con possibile pre- Classe 1; 0,5% = 5.000 ppm per la Classe 2; 1% =
senza di monossido di carbonio, è necessario utilizzare 10.000 ppm per la Classe 3), il limite massimo di espo-
dispositivi isolanti. sizione per l’utilizzo di un respiratore con filtro antigas
Come anche per il caso dei filtri antipolvere, anche i fil- deve essere di volta in volta valutato in relazione al va-
tri antigas A, B, E e K si distinguono in tre classi in lore limite di soglia per l’esposizione allo specifico in-

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XV


Inserto

quinante (TLV) e alla perdita verso l’interno imputabile per di conoscere, durante l’utilizzo del filtro, quale sa-
al facciale. rà il tempo reale per il quale sarà garantita la protezio-
Per i filtri AX, SX e per i filtri speciali è prevista una ne.
sola classe. Durante l’uso di un filtro antigas, le molecole gassose
La marcatura dei filtri antigas fornisce informazioni in rimangono intrappolate sulla superficie del carbone atti-
merito alle circostanze nelle quali i filtri possono essere vo grazie al contatto dell’aria carica di inquinante man
utilizzati e comprende le voci seguenti: mano che essa passa attraverso il filtro. Il fenomeno che
— il tipo di filtro antigas con una delle lettere maiusco- governa questa capacità di intrappolamento dei gas è li-
le A, B, E o K, oppure con una loro combinazione, op- mitato nel tempo poiché, durante l’utilizzo, il filtro ten-
pure con NO-P3 o Hg-P3; derà a saturarsi progressivamente. La capacità di purifi-
— la classe del filtro antigas con il numero 1, 2 o 3 do- cazione del filtro viene misurata grazie ad una procedu-
po l’indicazione del tipo; ra normalizzata descritta nella norma UNI EN 14387,
— il colore o la banda colorata, secondo il tipo di filtro che prevede che il filtro venga sottoposto all’azione di
antigas; un flusso d’aria costante nel quale è presente una con-
— l’anno e il mese di scadenza, eventualmente con l’u- centrazione nota di inquinante. A valle del filtro si andrà
so di pittogrammi (clessidra). a misurare, quale sia la concentrazione del gas all’inter-
Si ricorda inoltre che: no del flusso d’aria filtrato.
— i filtri tipo AX ed SX riportano l’indicazione “Solo Sarà possibile così tracciare una curva che rappresenti
per monouso”; la concentrazione misurata in funzione del tempo. La
— il filtro tipo NO-P3 riporta l’indicazione “Da usare concentrazione di gas, misurata a valle del filtro, tende
una sola volta” (cioè solo per monouso); via via ad aumentare con la saturazione del filtro stesso,
— il filtro tipo Hg-P3 riporta l’indicazione “Durata finché non si raggiunge quello che si chiama “tempo di
massima di impiego 50 h”.
rottura”, a partire dal quale il processo di saturazione
Altre limitazioni sull’utilizzo dei filtri possono ricavarsi
accelera vistosamente comportando la saturazione pres-
dalle istruzioni per l’uso fornite dal fabbricante.
soché completa del carbone attivo.
Nel momento in cui è saturo, il filtro antigas diviene to-
Il funzionamento dei filtri antigas talmente inefficace e lascia passare per intero l’inqui-
Un filtro antigas è costituito, generalmente, da carbone nante contenuto nell’aria.
attivo. Il principio di purificazione dell’aria attraverso Pertanto, in condizioni reali, durante l’uso, il filtro anti-
l’impiego di questo materiale è basato sul fenomeno del gas di un dispositivo di protezione per le vie respiratorie
c.d. “adsorbimento” e può avvenire attraverso due di- dovrà essere sostituito periodicamente, prima ancora
stinti meccanismi: che raggiunga la saturazione completa.
— il fisisorbimento, che conserva l’identità delle mole- Allo stato attuale, non esistono dispositivi affidabili ca-
cole adsorbite; paci di rilevare la saturazione del filtro antigas. Eviden-
— il chemisorbimento, che comporta la rottura dei lega- temente, l’uso dell’olfatto per percepire la presenza del
mi chimici e, di conseguenza, la degradazione delle mo- gas nel facciale non può essere raccomandato, anche in
lecole adsorbite. considerazione del fatto che alcuni gas sono inodori o
Essendo l’adsorbimento un fenomeno superficiale, la presentano una soglia olfattiva superiore al valore limite
ricerca dei materiali utili si rivolge principalmente ai
di esposizione, senza considerare che le soglie olfattive
carboni attivi che presentano la maggior superficie di-
variano da un individuo all’altro.
sponibile (superficie specifica, espressa in m 2 /g). I
carboni sono ottenuto attraverso la pirolisi di un mate- Il tempo di rottura di un filtro antigas dipende dalla na-
riale a base di carbonio (carbone o materiali vegetali), tura dell’inquinante e, contemporaneamente, da numero-
seguita dalla ossidazione mediante vapore acqueo in si, altri parametri. Tale soglia viene raggiunta più rapi-
condizioni controllate. Tutto questo procedimento per- damente se:
mette di ottenere materiali con una struttura micropo- — la concentrazione dei gas o vapori nell’aria è elevata;
rosa. — il flusso d’aria che attraversa il filtro è elevato (ovve-
Il fisisorbimento è sufficiente a garantire la purificazio- rosia quanto più elevato è il ritmo della respirazione);
ne dell’aria inquinata per un elevato numero di inqui- — la temperatura è elevata.
nanti. È il caso, ad esempio, dei gas e vapori che vengo- L’influenza del grado di umidità dipende dalla natura
no fermati dai filtri etichettati come A e AX. del gas. Nel caso di gas e vapori inorganici, il tempo
Tuttavia, per alcuni altri inquinanti si rende necessario il di rottura si raggiunge più rapidamente quanto più
ricorso ai meccanismi di chemisorbimento, amplifican- elevata è l’umidità nell’aria, dato che le molecole
do l’effetto dei carboni attivi mediante l’aggiunta di rea- d’acqua vengono anch’esse adsorbite dal materiale fil-
genti chimici finalizzata a migliorarne le performance. I trante. Al contrario, nel caso di ammoniaca o idroge-
filtri del tipo B, E, K, NO, Hg funzionano proprio se- no solforato, per i quali si impiega un processo di che-
condo questo principio. misorbimento, un valore elevato di umidità ritarda il
Un filtro ABEK, dunque, è costituito da una miscela o tempo di rottura.
dalla sovrapposizione di differenti tipologie di filtri che Eventuali urti subiti dal filtro, in generale, hanno effetti
operano secondo diversi meccanismi. negativi sul tempo di rottura poiché modificano la com-
Il “tempo minimo di rottura”, ovvero, sostanzialmente, pattezza del materiale o possono determinarne microfes-
il tempo di saturazione, è il parametro determinante sure al suo intero.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XVII


Inserto

A titolo indicativo, il tempo minimo di rottura richiesto 30 l/min, alla temperatura di 20°C e al 70% di umidità,
dalla norma UNI EN 14387 in funzione dei vari gas di è riportato nella Tabella 9.
prova per ciascun tipo di filtro, con un flusso d’aria di

Tabella 9 – Tempo minimo di rottura (*) richiesto dalla norma UNI EN 14387 in funzione dei vari gas di
prova per ciascun tipo di filtro

Tipo e
Concentrazione del gas di Tempo minimo di rottura
classe Gas di prova
prova [ppm] [min]
del filtro

A1 Cicloesano 1.000 70

B1 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 1.000 20


1.000 40
1.000 25

E1 Anidride solforosa 1.000 20

K1 Ammoniaca 1.000 50

A2 Cicloesano 5.000 35

B2 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 5.000 20


5.000 40
5.000 25

E2 Anidride solforosa 5.000 20

K2 Ammoniaca 5.000 40

A3 Cicloesano 8.000 65

B3 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 10.000 30


10.000 60
10.000 35

E3 Anidride solforosa 10.000 30

K3 Ammoniaca 10.000 60

AX Dimetiletere Isobutano 500 50


2.500 50

(*) Rottura con un flusso d’aria di 30 l/min, alla temperatura di 20°C e al 70% di umidità.

In ambiente industriale, pertanto, per conoscere a priori ciale + motore/ventilatore + filtro). La loro efficienza
il tempo minimo di rottura di un filtro antigas, possono viene rappresentata dalle lettere:
essere utilizzati i valori riportati nella precedente tabel- — “TH” (“Turbo Hood”) se il facciale utilizzato è un
la, a condizione che i parametri del flusso d’aria di re- cappuccio o un casco;
spirazione, temperatura e umidità relativa siano del me- — “TM” (“Turbo Mask”) se il facciale utilizzato è una
desimo ordine di grandezza di quelli della prova. maschera intera o una semimaschera,
Si può affermare che il tempo di utilizzo è inversamente seguite dalle classi di efficienza vere e proprie (Classe
proporzionale alla concentrazione dell’inquinante nell’a- 1, 2 o 3) associate al filtro o ai filtri.
ria, in rapporto ai valori indicati (es. un filtro A2 potrà Il filtro antipolvere è etichettato unicamente con la lette-
essere impiegato per 350 minuti all’interno di un am- ra “P”, senza ulteriore riferimento alla sua Classe di ef-
biente nel quale la concentrazione di vapori organici
fosse di 500 ppm). Questa regola non è da considerarsi ficienza.
valida nel caso di concentrazioni molto basse. La tenuta del dispositivo viene misurata in termini di
percentuale di perdite di inquinante verso l’interno del
facciale. I valori di prestazione da raggiungere, descritti
Filtri per dispositivi a ventilazione nelle norme UNI EN 12941 per i dispositivi filtranti a
assistita ventilazione assistita con casco o cappuccio e UNI EN
I dispositivi di protezione individuale per le vie respira- 12942 per i dispositivi filtranti a ventilazione assistita
torie a ventilazione assistita, sono classificati in funzio- con maschera completa o semimaschera, sono riportati
ne della “tenuta” del dispositivo nella sua interezza (fac- in Tabella 10.

XVIII Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Tabella 10 – Valori di prestazione da raggiungere per i dispositivi filtranti

Denominazione del dispositivo Perdita massima


Classe Filtro antigas Filtro antipolvere verso l’interno [%]

TH1 A1 (o 2 o 3) P 10
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o2 o 3)
AX
SX

TH2 A1 (o 2 o 3) P 2
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o 2 o 3)
AX
SX

TH3 A1 (o 2 o 3) P 0,2
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o 2 o 3)
AX
SX
Hg
NO

TM1 A1 (o 2 o 3) P 5
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o 2 o 3)
AX
SX

TM2 A1 (o 2 o 3) P 0,5
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o 2 o 3)
AX
SX

TM3 A1 (o 2 o 3) P 0,05
B1 (o 2 o 3)
E1 (o 2 o 3)
K1 (o 2 o 3)
AX
SX
Hg
NO

Un dispositivo TH2 ABEK1 P (o TH2 A1B1E1K1 P) è Per una maschera completa o una semimaschera:
un apparecchio a ventilazione assistita con casco o cap- — TM1 P ferma il 95% degli aerosol;
puccio, munito di un filtro combinato antigas ABEK1 — TM2 P ferma il 99,5% degli aerosol;
(o A1B1E1K1) e antipolvere per il quale la perdita ver- — TM3 P ferma il 99,95% degli aerosol.
so l’interno complessiva è minore o uguale al 2%. Tali valori sono differenti da quelli relativi alle classi di
Un dispositivo TM3 P è un apparecchio a ventilazione efficienza dei filtri P1, P2 e P3 che possono essere ap-
assistita, costituito da maschera intera o semimaschera posti sui dispositivi a ventilazione libera.
e munito di un filtro antipolvere P per il quale la perdi- I filtri in grado di proteggere unicamente dagli aerosol
ta complessiva verso l’interno è minore o uguale a
solidi sono etichettati con la sigla TMx P S (dove x è la
0,05%.
Per aerosol solidi o liquidi, la massima penetrazione at- classe della perdita verso l’interno: 1, 2 o 3). Nel caso
traverso il filtro antipolvere montato sul dispositivo a in cui essi proteggano anche dai liquidi, dovranno essere
ventilazione assistita è pari alla perdita massima verso marcati come TMx P SL.
l’interno. Anche per i filtri antigas destinati a operare su apparec-
Per un cappuccio o un casco: chi a ventilazione assistita, le norme tecniche impongo-
— TH1 P ferma il 90% degli aerosol; no dei valori di capacità di protezione differenti da quel-
— TH2 P ferma il 98% degli aerosol; li previsti per i filtri antigas che operano su dispositivi a
— TH3 P Ferma il 99,8% degli aerosol. ventilazione libera.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XIX


Inserto

Il tempo minimo di rottura riportato nella Tabella 11 flusso d’aria inquinata che attraversa il filtro che verrà
viene testato alla temperatura di 20°C e con un grado di stabilito dal produttore:
umidità relativa dell’aria del 70%, ma considerando un

Tabella 11 – Tempo minimo di rottura

Tipo e classe Concentrazione del gas di Tempo minimo di rottura


Gas di prova
del filtro prova [ppm] [min]

A1 Cicloesano 500 70

B1 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 500 20


500 40
500 25

E1 Anidride solforosa 500 20

K1 Ammoniaca 500 50

A2 Cicloesano 500 70

B2 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 1.000 20


1.000 40
1.000 25

E2 Anidride solforosa 1000 20

K2 Ammoniaca 1000 50

A3 Cicloesano 5000 35

B3 Cloro, Idrogeno solforato, Acido cianidrico 5.000 20


5.000 40
5.000 25

E3 Anidride solforosa 5.000 20

K3 Ammoniaca 5.000 40

Nel caso dei dispositivi a ventilazione assistita occorre plessi quali i respiratori isolanti. In ogni caso l’interval-
prestare molta attenzione ad utilizzare unicamente i filtri lo di tempo non dovrebbe superare i cinque anni.
previsti dal produttore testati per lo specifico dispositivo
di protezione impiegato. Un determinato filtro è previsto Respiratori a filtro
solo per essere montato su determinati apparecchi e non La formazione teorica comprende gli argomenti seguenti
può essere adattato su altri, senza che ciò determini una (ove applicabili):
riduzione sensibile protezione. — composizione ed effetti delle sostanze pericolose in
questione (gas, vapori, particelle);
Informazione, formazione e — conseguenze di un’insufficienza di ossigeno sull’or-
addestramento in materia di protezione ganismo umano;
delle vie respiratorie — concezione e funzionamento degli APVR che si in-
tendono utilizzare;
Prima di utilizzare i dispositivi di protezione per le vie — limiti dell’effetto protettivo, durata di impiego, sosti-
respiratorie per la prima volta, i lavoratori devono rice- tuzione dei filtri;
vere un’informazione e una formazione sia teorica che — come indossare l’apparecchio filtrante;
pratica (addestramento). Successivamente, sarà opportu- — comportamento riguardo la protezione respiratoria
no ripetere l’informazione e la formazione a intervalli durante l’addestramento, durante l’uso effettivo e in ca-
regolari. so di fuga;
Lo scopo della formazione e la durata degli intervalli — conservazione e manutenzione.
per la sua ripetizione dipendono dal tipo di apparecchio Una volta terminata la formazione teorica, si passa al-
e dalla frequenza dell’uso. l’addestramento per abituare l’utilizzatore all’uso del-
La formazione e il suo aggiornamento devono essere af- l’apparecchio filtrante tenendo conto delle condizioni di
fidati a persone competenti. È da considerare competen- impiego previste. L’individuo deve addestrarsi ad indos-
te una persona che, a tal fine, abbia a sua volta ricevuto sare l’apparecchio e a controllare che il facciale sia bene
una speciale formazione e che, ad intervalli opportuni, adattato verificandone la tenuta mediante le prove a
segua un corso di aggiornamento. Detti intervalli varie- pressione negativa e a pressione positiva.
ranno in funzione del tipo di apparecchio e un aggiorna- La durata della formazione, ripetuta annualmente, di-
mento più rigoroso sarà necessario per apparecchi com- pende dal tipo, dalla frequenza e dallo scopo dell’utiliz-

XX Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

zo. Non è necessario ripetere prove pratiche se l’appa- — una volta l’anno per coloro che utilizzano gli autore-
recchio filtrante viene usato con frequenza. spiratori durante il lavoro, se gli apparecchi vengono
impiegati frequentemente;
Respiratori isolanti — non è necessario ripetere prove pratiche se gli appa-
Benché il presente intervento sia dedicato ai DPI filtran- recchi vengono usati con frequenza.
ti per la protezione delle vie respiratorie, si vuole appro- Se, oltre agli autorespiratori ad aria compressa a circuito
fittare dell’occasione per riportare alcune considerazioni aperto e agli autorespiratori a circuito chiuso, vengono
riguardanti i respiratori isolanti contenute nell’allegato utilizzati indumenti di protezione contro i gas o contro
al D.M. 2 maggio 2001. il calore, le prove pratiche devono essere eseguite indos-
Si rammenta l’attuale cogenza del decreto in questione sando anche tali indumenti.
sulla scorta di quanto disposto dall’art. 79, comma 2-bis
del D.Lgs. n. 81/2008. Utilizzo di un dispositivo di protezione
La formazione teorica comprende gli argomenti seguenti per le vie respiratorie
(ove applicabili):
— struttura e organizzazione del programma di prote- Il datore di lavoro ha l’obbligo di mettere a disposizione
zione respiratoria nello stabilimento ivi compresi i piani dispositivi di protezione per le vie respiratorie conformi
di emergenza; alle norme tecniche e alle procedure di certificazione
— composizione ed effetti delle sostanze pericolose in imposte dalla legge. Questa conformità si traduce nella
questione (gas, vapori, nebbie, polveri); marcatura “CE”. Gli apparecchi di protezione delle vie
— conseguenze di un’insufficienza di ossigeno sull’or- respiratorie non devono essere modificati degli utilizza-
ganismo umano; tori, pena la perdita della loro presunzione di conformi-
— respirazione umana; tà.
— aspetti fisiologici; Come più volte sottolineato, indossare un dispositivo di
— classificazione, struttura, funzionamento e prove de- protezione del respiratore può costituire un disagio,
gli APVR e degli apparecchi di rianimazione; principalmente a causa del suo peso, del suo ingombro
— limiti dell’effetto protettivo, durata di impiego, sosti- e delle differenze di pressione che possono esistere nella
tuzione delle bombole e delle cartucce di rigenerazione; fase di ispirazione e di espirazione se paragonate alla re-
— come indossare degli APVR e degli indumenti pro- spirazione libera. Il medico competente dovrà valutare
tettivi; caso per caso l’idoneità del lavoratore all’utilizzo del di-
— comportamento riguardo la protezione respiratoria spositivo di protezione delle vie respiratorie, in funzione
durante l’addestramento, durante l’uso effettivo e in ca- dello stato di salute della persona e dei limiti legati al
so di fuga; compito da svolgere. L’idoneità dovrà essere valutata
— conservazione e manutenzione. antecedentemente al primo utilizzo e verificata periodi-
Terminata la formazione teorica, l’addestramento deve camente, di norma annualmente.
abituare l’utilizzatore all’impiego dei respiratori isolanti Il lavoratore che indossa il dispositivo di protezione del-
e, se necessario, per rendere familiare l’uso di dispositi- le vie respiratorie deve essere informato sulla natura dei
vi di misura e ausiliari. È a questo punto che l’utilizza- rischi presenti nell’atmosfera nella quale egli deve svol-
tore deve addestrarsi ad indossare l’apparecchio e a con- gere il suo lavoro, sulle prestazioni e limitazioni di im-
trollare che il facciale sia bene adattato. Se non si dispo- piego del dispositivo utilizzato.
ne di impianti per l’addestramento con gli apparecchi di
Il lavoratore, a sua volta, deve attenersi alle istruzioni
protezione respiratoria, con detti apparecchi vengono
per indossare e utilizzare correttamente il dispositivo di
svolti esercizi pratici che tengano conto delle condizioni
di impiego previste. Una formazione di base con il re- protezione che sono contenute all’interno del libretto
spiratore isolante che si intende utilizzare richiede gene- d’uso e manutenzione consegnato dal fornitore del di-
ralmente mezz’ora di esercizi. spositivo.
Nell’ipotesi di un programma completo di addestramen- Prima di ogni utilizzo, si raccomandano alcuni controlli,
to per l’uso di autorespiratori ad aria compressa a cir- tra cui:
cuito aperto e di autorespiratori a circuito chiuso, la for- — ispezionare le parti più sensibili (visiere, valvole,
mazione di base dovrebbe normalmente avere una dura- guarnizioni …);
ta di almeno 20 ore. Se si devono usare altri tipi di ap- — controllare il tipo di filtri, che siano adatti all’attività
parecchi e non sono necessarie operazioni di salvatag- da svolgere, la loro data limite di scadenza, verificare
gio, la durata della formazione può essere ridotta, ma che non siano danneggiati e che siano installati corretta-
non deve comunque essere minore di 8 ore. Il rapporto mente;
fra la durata della formazione teorica e quello della for- — verificare che il flusso d’aria erogato sia corretto;
mazione pratica dovrebbe essere circa 1:2. — verificare la carica della batteria, ove presente;
L’aggiornamento della formazione, solitamente della du- — garantire la buona tenuta del facciale;
rata di 2 ore, dovrebbe essere dato nel modo seguente: — ecc.
— due volte l’anno per coloro che utilizzano gli autore- È opportuno prevedere dei contenitori dedicati, provvisti
spiratori ad aria compressa a circuito aperto e gli autore- di chiusura, sul luogo di lavoro al fine di recuperare fac-
spiratori a circuito chiuso, se devono fare operazioni di ciali filtranti o i filtri dopo l’uso. In funzione della natu-
salvataggio e se gli apparecchi non vengono utilizzati ra degli inquinanti, essi dovranno essere smaltiti in mo-
frequentemente; do appropriato.

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XXI


Inserto

Un’attenzione particolare deve essere rivolta al corretto Quando il numero di dispositivi presenti all’interno del-
adattamento del facciale. Questa è una delle condizioni l’azienda è particolarmente elevato, diviene utile pianifi-
essenziali per garantire l’efficacia della protezione. Nel care le operazioni di manutenzione e stabilire un pro-
caso di maschere intere o semimaschere, è necessario gramma. Diventa preferibile in questi casi affidare que-
prestare attenzione alla corretta continuità della guarni- sto compito di gestione ad un servizio centralizzato, sot-
zione di tenuta. Il lavoratore deve essere correttamente to la responsabilità di una persona formata e competen-
rasato; si deve evitare l’interposizione di capelli, di bar- te.
ba o baffi o delle stanghette degli occhiali.
Prima di ogni utilizzo deve essere verificata la tenuta
complessiva: facciale in rapporto all’adattamento dello Pulizia e disinfezione
stesso al viso del lavoratore. Dopo ogni utilizzo, il dispositivo di protezione dovrà es-
I test di tenuta sono di due tipi: a pressione negativa o a sere pulito, disinfettato, in particolare se non si tratta di
pressione positiva. un dispositivo personale, e preparato per il suo riutilizzo
• Il test a pressione negativa consiste nel: ulteriore.
— mettere la maschera intera o la semimaschera in po- I dispositivi dovranno essere puliti e manutenuti con i
sizione aggiustando le bardature; prodotti indicati dal produttore, altrimenti vi sarà il ri-
— otturare il filtro o la superficie filtrante con le mani schio di modificare il loro funzionamento o degradarne
o, se necessario, con una pellicola; le prestazioni.
— inalare e trattenere il respiro per qualche secondo.
Se la tenuta è buona, la maschera dovrà aderire legger-
mente sul viso. Nel caso contrario, la maschera dovrà Manutenzione e deposito
essere reindossata e la prova dovrà essere ripetuta. Se La sostituzione di elementi difettosi, le piccole ripara-
non si ottiene la corretta tenuta, il dispositivo di prote- zioni e le varie regolazioni necessarie dovranno essere
zione delle vie respiratorie non dovrà essere indossato. affidate a una persona competente secondo le indicazio-
• La prova a pressione positiva deve essere eseguita a ni del fabbricante.
valle della prova precedente. Essa consiste nel: I pezzi di ricambio dovranno essere quelli previsti dal
1) otturare la valvola respiratoria con il palmo della ma- fabbricante; per alcune attività di manutenzione, può es-
no o con una pellicola, sere necessario il ricorso ad attrezzi speciali. In genera-
2) soffiare leggermente all’interno della maschera. le, dovrà essere contattato il fabbricante per ogni attività
Se la tenuta è buona, il facciale dovrà gonfiarsi legger- di manutenzione particolare su un dispositivo di prote-
mente. In caso contrario dovrà essere eseguito un nuovo zione.
adattamento del facciale. Nel caso in cui non fosse otte- Il programma di manutenzione dei dispositivi di prote-
nuta la corretta tenuta, il dispositivo di protezione delle zione delle vie respiratorie deve contenere i seguenti
vie respiratorie non dovrà essere indossato. punti:
Si consiglia di prevedere un adeguato sistema di proce- — la pulizia;
dure all’interno delle quali vengano dettagliate le misure — la disinfezione;
che l’azienda intende adottare per assicurarsi che: — preparazione per il reimpiego;
— vengano selezionati i dispositivi di protezione delle — il controllo del buon funzionamento agli intervalli
vie respiratorie adatti; prescritti;
— i lavoratori che li devono utilizzare abbiano ricevuto — la verifica e la sostituzione sistematica dei vari pezzi
la formazione necessaria; agli intervalli prescritti.
— i lavoratori utilizzino il dispositivo in modo adegua- Devono essere osservate le durate di immagazzinamento
to; indicate dal fabbricante. Gli apparecchi di protezione
— le regole di manutenzione siano conosciute e rigoro- delle vie respiratorie o i loro componenti con tempo di
samente applicate. immagazzinamento limitato, come i filtri antigas e com-
Questo programma dovrà essere comprensibile a tutti i binati, devono essere ritirati dall’uso alla data di scaden-
livelli dell’organizzazione ed essere periodicamente ve- za, anche se tali apparecchi o componenti non siano mai
rificato. stati utilizzati.
Un filtro antigas normalmente non dovrebbe essere riu-
Manutenzione e pulizia tilizzato. Tuttavia, in caso di necessità, può essere con-
sultata la documentazione relativa al filtro e si possono
I dispositivi di protezione delle respiratorie disponibili richiedere consigli al fabbricante.
all’interno dell’azienda devono essere inventariati e re- Un filtro antigas già utilizzato non dovrebbe in nes-
gistrati; ogni dispositivo che non sia monouso deve es- sun caso essere riutilizzato contro un diverso inqui-
sere oggetto di una scheda attraverso la quale sia possi- nante.
bile risalire al suo utilizzo pregresso e che contenga al- Gli apparecchi di protezione delle vie respiratorie pronti
cune indicazioni tra le quali: per l’impiego, così come le relative parti di ricambio,
— l’identificazione del dispositivo (tipo, numero, indi- devono essere immagazzinati in maniera ordinata. Gli
rizzo del fabbricante, documentazione tecnica, …); apparecchi di protezione delle vie respiratorie che non
— il luogo di deposito; sono pronti per l’uso devono essere identificabili come
— la sua pulizia e disinfezione; tali, o tenuti separatamente, in modo da evitare di con-
— le operazioni di manutenzione (natura, date ecc.). fonderli con quelli pronti per l’uso.

XXII Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015


Inserto

Dopo essere stati ispezionati e dopo la pulizia e le ripa- dalla troppo umidità e da sostanze chimiche che possa-
razioni necessarie, i dispositivi di protezione per le vie no danneggiarli. L’immagazzinamento non deve provo-
respiratorie devono essere riposti in opportuni contenito- care deformazioni agli apparecchi di protezione delle
ri o scatole in modo da proteggerli dalla polvere, dall’o- vie respiratorie.
lio, dai raggi solari, dal calore e dal freddo eccessivi,

Igiene & Sicurezza del Lavoro 5/2015 XXIII