Sei sulla pagina 1di 16

CON TSUNAMI NUCLEARE + EURO 10,00

CON LE MONDE DIPLOMATIQUE + EURO 1,70


SPED. IN ABB. POST. - 45% ART.2 COMMA 20/
BL 662/96 - ROMA ISSN 0025-2158

ANNO XLI . N. 136 . GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 EURO 1,30

Tra schede sbagliate o mai arrivate, a tre giorni dal referendum il voto degli italiani all’estero è un rebus
che il governo non chiarisce. Di Pietro fa ricorso in Cassazione: «Vanno esclusi dal conteggio». Mobilitazioni
È a stelle e strisce in tutta Italia per i 4 Sì, ma per la chiusura i comitati si tengono alla larga dalla piazza Pd-Idv PAGINE 2, 3
l’orizzonte dell’Egitto
Gli Usa preferiscono /FOTO RICCARDO DE LUCA

i Fratelli musulmani
ai nuovi democratici
L’ARTICOLO
SAMIR AMIN
a pagina 10

Le primavere arabe,
il pantano afghano,
la guerra in Libia
I dilemmi politici
di Barack Obama
L’ARTICOLO
IMMANUEL WALLERSTEIN
a pagina 15

UNA SCINTILLA

S
DI SPERANZA
Marco d’Eramo

embra quasi che gli esseri


umani siano alberi, e che le
sommosse si propaghino co-
me un incendio in una foresta uma-
Il quorum
oltre l’ostacolo
na. La scintilla scocca – letteralmen-
te – a Sidi Bouzid il 18 dicembre
quando un giovane venditore ambu-
lante si dà fuoco per protestare con-
tro le malversazioni e la corruzione
della polizia. Da quel gesto divampa
la rivolta in tutta la Tunisia, tanto
che il 14 gennaio il presidente a vita
Zine El Abidine Ben Ali deve scappa-
re dal paese. La fuga di Ben Ali fun-
ziona da detonatore e il vento della
sommossa prende a soffiare a ovest, IMMIGRATI PARLAMENTO | PAGINE 4, 5
in Algeria e Marocco, e a est in Egit-
Leggi anticorruzione,
to, Bahrein, Yemen, Oman, Giorda-
nia, per coinvolgere poi Siria e Libia.
Piccole manifestazioni sfidano persi-
no il tetragono potere saudita.
Sono scoppiate quelle che sono
Lacrimogeni sulla tendopoli, il governo va a sbattere
due volte. E si fa male
state chiamate le «primavere arabe»
(anche se hanno toccato il loro cul-
mine in inverno) su cui tanto è stato
scritto. Ma il mistero rimane: come
la polizia brucia il Cie di Caserta LIBIA | PAGINA 9
hanno potuto dilagare questi moti? Adriana Pollice
Come è successo che la speranza ab- La Nato: raid su Tripoli
L
bia contagiato paesi che da decenni a carica notturna è partita quando un tunisi- RAPPORTO SUI DIRITTI SOCIALI
cercavano invano di scrollarsi di no, raggiunto sul cellulare dai familiari, sco- finché Gheddafi non cade
dosso una cappa asfissiante? pre che il fratello è morto e per uscire decide
È un mistero che ci riguarda. Co- di ingerire pezzi di vetro. Così dalle 2 alle 4 di mer- Welfare tagliato del 78%.
me fare che una scintilla scocchi an- coledì il campo di Santa Maria Capua Vetere è let-
che sulla riva nord del Mediterra- teralmente andato a fuoco: i lacrimogeni sparati a Ma il governo Berlusconi BRASILE | PAGINA 8
neo? Come creare un contagio della raffica dalla polizia hanno incendiato dieci tende
speranza? Come innescare un effet- su dodici. Venticinque tunisini sono finiti all’ospe- trova i fondi per Cie e Cpt La Corte suprema vota
to domino virtuoso? dale con crisi respiratorie e in stato di choc. La Pro-
È per rispondere a queste doman- cura ha messo sotto sequestro l’intera area. «Un a cui destina 1 miliardo sull’estradizione. I media:
de che noi de il manifesto abbiamo fatto che dà ragione alle nostre denunce», dicono
voluto organizzare un convegno sul- gli avvocati dei migranti SERVIZI |PAGINA 6 |PAGINA 7 Battisti verso la libertà
le primavere arabe che ponga in pri-
mo piano la domanda – e il proble-
ma – della speranza. Il convegno co-
mincia oggi e si concluderà sabato
mattina. Vi ascolteremo voci da qua- VAURO LUTTI
si tutti i paesi contagiati dalle insur-
rezioni, voci di tutte le età a riflette-
re il ruolo fondamentale esercitato
Enzo Del Re,
dai giovani, voci di ambo i generi, a
sottolineare il ruolo straordinario
cantastorie
avuto dalle donne, come si è visto
dalla telecronoca di Piazza Tahir al
proletario
Cairo. Non pretendiamo risposte,
vogliamo fornire a noi e a voi gli stru-
e irriducibile
menti concettuali per capire meglio
quel che è successo lì, e quindi quel Ieri i funerali del poeta-performer
che succede qui. Capire un po’ me- di Mola di Bari, autodidatta rivolu-
glio quel meccanismo della speran- zionario della canzone popolare.
za che in Europa sembra inceppato. Il suo cachet era la giornata di
In fondo cos’altro aveva entusiasma- lavoro di un operaio metalmecca-
to nella campagna elettorale di Ba- nico, lo strumento con cui si ac-
rack Obama, se non che il suo era compagnava una sedia-tamburo,
per la prima volta da decenni un il suo bersaglio prediletto l’ingiu-
messaggio di speranza nel futuro? stizia. Divenne famoso negli anni
Noi sappiamo che la caratteristi- ’70 grazie al brano-manifesto
ca principale della speranza è di an- «Lavorare con lentezza».
dare delusa. Quindi nessuno si fa il- SERVIZI E UN RICORDO
lusioni. CONTINUA |PAGINA 14 DI DANIELE SEPE |PAGINA 12
pagina 2 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

IL QUORUM OLTRE L’OSTACOLO

Per Antonio Di Pietro il voto degli italiani fuori dai confini


Referendum • alza troppo il quorum: «Ricorrerò alla Cassazione»

Luca Fazio
MILANO

I
l voto degli italiani all’estero. Ecco un
pasticcio all’italiana che rischia di com-
plicare la già complicatissima rincorsa
al quorum. Il «problema» riguarda il fatto
che sul nucleare i 3 milioni e 200 mila italia-
ni che vivono all’estero hanno già votato
sulla base della vecchia formulazione del
quesito e che ormai non c’è più il tempo
necessario per ristampare le schede per far
ripetere le operazioni di voto. «E’ impossi-
bile procedere ad una nuova stampa delle
schede per i votanti all’estero con il nuovo
quesito referendario sull’energia nuclea-
re», ha puntualizzato ieri Elio Vito, mini-
stro per i Rapporti col Parlamento.
Domanda. Stando così le cose, le schede
già votate verranno comunque conteggia-
te ai fini del risultato e, soprattutto, ai fini
del raggiungimento del quorum? Sulla que-
stione, decisiva per i quesiti referendari, il
ministro Elio Vito non si è pronunciato.
Considerando che il governo sta cercando
in ogni modo di affossare i referendum, è
logico pensare che farà di tutto per conside-
rare anche quei 3,2 milioni di voti inviati
dall’estero come parte della base elettorale
su cui bisogna calcolare il 50% dei votanti
per rendere validi i referendum: più alto è
il numero degli aventi diritto al voto, più al-
to è il quorum. E’ una specie di gioco delle
tre carte che i sostenitori dei referendum
non hanno alcuna intenzione di tollerare.
Il più puntuale e deciso a percorrere tut-
te le vie legali per scongiurare la trappola
dell’ultimo minuto è Antonio Di Pietro. Ieri
ha annunciato che presenterà un’istanza
«a tre livelli» presso l’ufficio centrale per i
referendum della Cassazione. Lo farà entro
le ore 15 di lunedì, prima che inizi lo spo-
glio delle schede. L’obiettivo principale è
giusto, ma non facile da ottenere: che non

L’incognita del voto all’


si tenga conto ai fini del raggiungimento
del quorum del numero degli aventi diritto
al voto che risiedono all’estero. In questo
modo la consultazione sul nucleare per es-
sere valida dovrebbe superare un quorum
ridotto, una percentuale che tiene conto so-
lo dei voti espressi in Italia. «Il governo e la
maggioranza - spiega Di Pietro - hanno cre-

ato questo problema attraverso una legge cleare).


Roma /LA PIAZZA DI VENERDÌ truffa, dunque noi ora chiediamo alla magi- Dopo il pasticcio del Il trucchetto del governo potrebbe rive-
stratura di non considerare il voto all’este- larsi addirittura un boomerang. I reiterati
ro ai fini del raggiungimento del quorum». governo sulle schede tentativi di affossare il referendum sul nu-

Divorzio dei comitati da Idv e Pd Se le cose andassero come auspica il lea-


der dell’Idv, il numero dei voti necessari
per superare il 50% scenderebbe da 25 mi-
per i cittadini non
cleare hanno prodotto il paradosso che gli
italiani all’estero per la prima volta potreb-
bero non essere conteggiati: un grosso au-

«Nessuna iniziativa unitaria» lioni e 332 mila a 22 milioni 132 mila (una
differenza consistente che potrebbe deci-
dere le sorti del nucleare in Italia). Ma è lo
residenti in Italia, l’Idv togol. Si sa, infatti, che si tratta di un baci-
no elettorale tradizionalmente astensioni-
sta - alle ultime politiche, per esempio, ha
stesso Antonio Di Pietro a temere le preve- chiede di non tenere votato solo il 39,5% degli aventi diritto. Ed
Carlo Lania conto dell’accordo raggiunto da Pd e Idv dibili contromosse di un governo che sem- è lo stesso Antonio Di Pietro a denunciare
ROMA per una manifestazione comune che atten-
deva l’adesione dei comitati. «E’ la dimo-
bra intenzionato a fare carte false pur di
boicottare l’istituto referendario. «Mi aspet-
conto del loro voto ai il fatto che per questi referendum hanno
votato pochissime persone, al massimo

E fini del raggiungimento


alla fine la spaccatura è arrivata. strazione che non era vero che avevano ac- to e mi ci gioco la testa - spiega Antonio Di qualche decina di migliaia, solo quei po-
Non ci sarà nessuna manifestazio- cettato le nostre condizioni», prosegue Ber- Pietro - che presenteranno una memoria chissimi che sono stati raggiunti da una in-
ne unitaria domani a piazza del sani. «I partiti non capiscono che il movi- contraria attraverso l’avvocatura dello sta- formazione che è stata scarsa anche sul ter-
Popolo per la chiusura della campagna re- mento si rivolge a tutti i cittadini. Il gover- to. Lo hanno già fatto altre volte. In ogni ca- del quorum. In questo ritorio nazionale. Senza contare i soliti dub-
ferendaria. Comitati, Pd e Idv non sono riu- no Berlusconi è nemico dell’acqua e dei be- so la Cassazione dovrà aspettare la chiusu- bi sulla regolarità del voto all’estero, che in
sciti infatti a trovare un accordo che soddi- ni comuni, ma la cultura delle privatizza- ra delle votazioni del 13 giugno, prima non caso la soglia questo caso riguardano tutti e quattro i
sfacesse tutti e alla fine i comitati hanno zioni è trasversale. Ci fa piacere che il Pd potrà esprimersi». quesiti e non solo quello sul nucleare.
deciso di disertare la manifestazione indet-
ta da Di Pietro e Bersa-
abbia cambiato idea ma adesso noi voglia-
mo parlare a tutti».
E se la Cassazione decidesse di non deci-
dere dichiarandosi non titolata a stabilire
si abbasserebbe Come spiega Mario Staderini, segretario
dei radicali, che segnala alcune anomalie.
ni. «Non ci stiamo a
farci mettere il cappel-
«Di Pietro Venerdì mattina i
comitati terranno una
se bisogna o meno conteggiare i voti al-
l’estero? In questo caso, l’Idv le chiederà di
notevolmente Le solite. «Siamo davvero sicuri che siano
stati tutti informati? Il plico con le schede
lo dai politici», accusa- e Bersani vogliono conferenza stampa «sospendere la proclamazione dei risulta- referendarie non è inviato tramite racco-
no il comitato contro per illustrare le iniziati- ti» e di «sollevare la questione presso la Cor- mandate, sono sempre di più le segnalazio-
il nucleare e quello «2 mettere il cappello ve della giornata, che te costituzionale» (e se la Cassazione non ni di mancate consegne. Inoltre lo stesso
Sì per l’acqua». «I refe- politico sulla prevede feste, concer- dovesse farlo, sarà lo stesso partito di Di APRILE 1987, CATENA UMANA ANTI-NUCLEARE DAVANTI ALLA CENTRALE voto all’estero avviene con posta ordinaria,
rendum sono un ap- ti e incontri in «mille Pietro a rivolgersi alla Corte in quanto co- DI CAORSO /FOTO FABIO FIORANI APRILE 2011 MOBILITAZIONE per cui chi ha votato non saprà mai se il
puntamento trasversa- manifestazione» piazze dal nord al mitato promotore del referendum sul nu- ALLA CENTRALE DI BORGO SABOTINO (LATINA) /ANDREA SABATINI suo voto è arrivato a destinazione».
le, che va oltre l’appar- sud». «Invitiamo a par-
tenenza a questo o quel partito - spiega tecipare a tutte le iniziative, a prescindere
Marco Bersani, del Forum per l’acqua - da chi le ha indette», dice Vittorio Cogliati
Per noi l’importante è portare alle urne i Dezza, del comitato contro il nucleare.
cittadini, sia di centrodestra che di centro- Certo, adesso il rischio è che domani po- LEGA · All’ultimo momento il Senatur fa dire al fedele Reguzzoni che diserterà le urne
sinistra perché i temi su cui bisogna deci- meriggio tutti i riflettori saranno accesi su
dere non hanno niente a che fare con gli
schieramenti politici di appartenenza. Pd
e Idv invece hanno voluto mettere il loro
piazza del Popolo, trascurando i comitati.
«I riflettori hanno già deciso dove accen-
derli», prosegue Bersani, che se la prende
Bossi boicotta il voto e spiazza il suo popolo
cappello sulla manifestazione». anche con i talk show televisivi. «Santoro ci
Martedì notte, dopo una giornata passa- ha invitati a stare nella piccionaia con le no- L.Fa. te). Ora invece, tanto per fare un favore a Ber- gnetta di Altan che invita i lettori ad andare a
ta a discutere, un accordo per la verità era stre bandiere mentre in studio ci saranno i MILANO lusconi, Bossi ha deciso di sabotare il referen- votare - per comprendere in quale pasticcio
stato anche raggiunto. I responsabili orga- politici, proprio come ha fatto Floris a Bal- dum lasciando parlare il capogruppo del Car- si è infilato Umberto Bossi. Fuori sintonia

T
nizzativi dell’Idv e del Pd avevano finito larò. Non capiscono che il risultato ottenu- utti pecoroni nelle fila del cosiddetto roccio a Montecitorio, Marco Reguzzoni: con il suo «mitico» popolo, che non ha mai
con l’accettare le condizioni poste dai co- to alle amministrative è frutto di un lavoro popolo leghista? Staremo a vedere. Per- «Da quel che mi risulta Bossi non andrà a vo- fatto mistero di una certa vocazione ambien-
mitati per chiudere tutti insieme la campa- sociale nato anche con la raccolta delle fir- ché è vero che conta solo lui, che deci- tare». Si tratta quindi di un chiaro invito a di- talista legata al territorio, e con i pezzi da no-
gna per i referendum. Due in particolare: me per i referendum». de solo lui, che è bravo solo lui, però questa sertare le urne che di fatto spacca il partito, vanta del suo partito che continuano ad
via i segretari dal palco, sul quale non devo- Tra quanti sono delusi dal mancato rag- volta Umberto Bossi si è prodotto in un dop- anche se ufficialmente la Lega lascia libertà esprimersi a favore del referendum nono-
no apparire neanche i simboli dei partiti, e giungimento di un accordo c’è anche An- pio salto mortale che potrebbe disorientare il di coscienza. «Ciascuno – precisa Reguzzoni stante il suo nemmeno troppo velato invito a
nessun collegamento che le tante manife- gelo Bonelli. «Noi a piazza del Popolo ci an- suo elettorato di riferimento. Pochi giorni fa dopo aver comunicato la mossa a sopresa disertare le urne. Questo è Zaia, governatore
stazioni indette sempre per venerdì pome- dremo, ma saremo presenti anche alle ini- il leader leghista aveva definito «attraenti» al- del grande capo – decide come meglio cre- del Veneto: «Ci sono due grandi temi, come il
riggio in molte città d’Italia. E questo pro- ziative dei comitati», dice il presidente dei cuni quesiti referendari, in particolare quello de». Il voltafaccia di Bossi è un attentato al nucleare e l’acqua, che vedono la mobilitazio-
prio per evitare di dare un’impronta partiti- Verdi. «Quanto è successo è un errore, ma sull’acqua, non facendo altro che sintonizzar- quorum ma nello stesso tempo potrebbe rive- ne della gente. E non è un mistero che su que-
ca alla giornata. Ieri mattina, invece, la let- adesso dobbiamo raggiungere il quorum si con la sua base che si è sempre espressa a larsi un autogol, perché ormai il partito – dal- sti temi per me si tratta di due Sì. Il Pdl, che
tura dei giornali ha fatto infuriare i comita- ed è un risultato che è possibile ottenere so- favore dell’acqua pubblica e contro la costru- la base ai governatori – sembra orientato ad inizialmente aveva posto un argine, ha dato
ti. In particolare un articolo in cui si dava lo tutti insieme». zione di centrali nucleari, soprattutto sotto andare alle urne. Basta guardare la prima pa- libertà di coscienza, figuriamoci se non pos-
casa (vedi Zaia in Veneto e Cota in Piemon- gina del quotidiano la Padania – con una vi- siamo farlo noi».
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 3

IL QUORUM OLTRE L’OSTACOLO

Il Viminale conferma: le nuove schede per il nucleare non verranno spedite all’estero, dove voteranno
con le vecchie. Ma le rassicurazioni del governo non convincono le opposizioni. Che denunciano brogli

MARIO STADERINI (RADICALI) QUATTRO SÌ ai referendum. Così voteranno, e fanno


«Il plico con le schede non è inviato tramite raccomandata, appello a votare, 13 sindaci calabresi. Tra questi il primo
non v’è certezza sulla sua effettiva ricezione. Il Governo cittadino di Lamezia Terme Gianni Speranza (Pd), quelli di
chiarisca quanti sono i plichi tornati al mittente e quanti gli Riace Mimmo Lucano (Sel), il neosindaco di Crotone Peppino
italiani all’estero che hanno effettivamente ricevuto le Vallone (Pd) e la sindaca di Rosarno Elisabetta Tripodi (Pd),
schede. Non può essere conteggiato nel quorum chi non è Nicola Belcastro di Cotronei, Renato Bellofiore di Gioia Tauro,
stato messo nelle condizioni di votare». «Sono sempre di più Mimmo Ceravolo di Laureana di Borrello, Carolina Girasole di
le segnalazioni che ricevo di italiani all’estero a cui le schede Capo Rizzuto, Giovanni Manoccio di Acquaformosa, Salvatore
non sono arrivate nonostante al Consolato risultasse di sì». Migale di Cutro.

I COMITATI · Ad Aprilia e Latina i «pionieri» delle proteste contro le privatizzazioni, «di destra e di sinistra»

«La nostra resistenza va al voto»


Andrea Palladino di cittadini.

A
Chi sono i padroni dell’acqua in Italia?
prilia e la provincia di Latina sono Lessio: È un cartello a doppia faccia, con
divenute il simbolo della lunga bat- due colori. C’è quello rosso, la Toscana, do-
taglia per l’acqua pubblica. Terra do- ve l’acqua è gestita dalla società più aggres-
ve i rubinetti sono controllati dal 2003 dal siva, la romana Acea, attraverso l’accordo
colosso francese Veolia, che si è trovata da- con Suez, anche se oggi con l’arrivo di Ale-
vanti una resistenza popolare inaspettata. manno sta privilegiando il rapporto con
Solo nella città di Aprilia sono settemila le Caltagirone. Questo cartello rosso si è dovu-
famiglie che da cinque anni contestano la to fermare in Puglia, dove Vendola è riusci-
gestione della multinazionale parigina, to a fermare le mire sull’Acquedotto Puglie-
continuando – testardamente – a pagare le se. C’è poi il cartello dell’altra parte, quello
bollette al Comune. Un anno fa il consiglio che guarda alle compagnie francesi e che
comunale ha presentato il conto ai privatiz- predilige i rapporti con il centrodestra, ed è
zatori, chiedendo ufficialmente di lasciare ben rappresentato a Latina.
la gestione. Una vertenza il cui successo le- Alberto, il volto di questo cartello lo vivi
gale è appeso in buona parte all’esito dei re- ogni giorno con le famiglie di Aprilia che con-
ferendum. Nella pianura pontina – zona testano la gestione di Acqualatina. Quali so-
tradizionalmente governata dal centrode- no le conseguenze di questo modello indu-
stra – i comitati per l’acqua pubblica han- striale che i referendum vogliono abrogare?
no iniziato a comprendere il meccanismo De Monaco: La storia dell’acqua privata
delle privatizzazioni molti anni fa. Roberto /FOTO ALEANDRO BIAGIANTI può essere raccontata come una vicenda
Lessio è un agricoltore specializzato in col- in cui qualcuno, che è il padrone di una co-
tivazioni biologiche. Da anni è uno dei pun- l’acqua a Latina? impediva alle multinazionali francesi di sa per te essenziale, prende te, cittadino,
ti di riferimento dei comitati locali e insie- Lessio: Molti anni fa una persona che da mettere in bilancio le tangenti che pagava- letteralmente per il collo. Ti scontri con la
me con Alberto De Monaco, del comitato anni seguiva le vicende della discarica di no. Da quel momento iniziai a interessar- forza che viene dalle banche d’affari, dai

estero di Aprilia, ha passato anni interi studiando


i contratti di Acqualatina, i bilanci, gli incro-
ci societari, la fitta rete di interessi che si ce-
la dietro le privatizzazioni.
Com’è iniziata la vostra ricerca per capire
il funzionamento della gestione privata del-
Borgo Montello mi fece leggere un articolo
interessante. Parlava del primo arresto di
Giuseppe Pisante, imprenditore del grup-
po Acqua, e nella pagina c’era un trafiletto
che raccontava come in Francia si erano fi-
nalmente decisi a varare la legislazione che
mi della vicenda, degli incroci che si stava-
no sviluppando tra le società italiane e
quelle francesi per la gestione dei servizi
ambientali in Italia. Poi è scoppiato il caso
Aprilia, e ancora ricordo la prima manife-
stazione in quella città, con la piazza piena

ROMA
grandi gruppi economici che si presentano
con contratti blindati, ancorché illeciti.
Non guardano in faccia nessuno, vanno
avanti come un carrarmato. E sai che per
fermarlo devi fare una fatica enorme, an-
dando davanti ai tribunali, convincendo
non solo le persone a resistere, ma i rappre-
sentanti politici e gli amministratori, facen-
dogli capire le conseguenze di certe scelte.
una filiale comune Suez-Veolia, co-
FRANCIA · Dopo 25 anni l’acqua è tornata pubblica sta il 56% più cara della media). Nei
Qual è stato il momento peggiore nella
storia del comitato di Aprilia?
grossi comuni che non hanno scelto
«Miglio nudo» De Monaco: Quando vedevamo i vigilan-

La comune di Parigi la rimunicipalizzazione, la strada in-


trapresa è stata quella di chiedere un
ribasso delle bollette ai distributori
privati e la restituzione di parte dei
a Montecitorio
Nudi nel centro di Roma
contro il silenzio dei media
tes armati che bussavano alle porte delle
persone per staccare l’acqua. È stato il mo-
mento più brutto, perché arrivò alla fine di
un lungo percorso legale che ci aveva visto

ora costa meno


fondi versati dalle città per la manu- sul referendum. Su Face- vincere in Tribunale, con la dichiarazione
tenzione della rete, troppo spesso in- book sono già in 612 ad della vessatorietà della clausola del contrat-
tascati dalle multinazionali senza aver aderito all'appello del to che prevede il distacco per morosità do-
poi aver realizzato i lavori. Così, «Miglio nudo»: oggi alle 15 po due bollette non pagate. Sono metodi
Gérard Collomb, sindaco socialista da via di Sant'Ambrogio a che continuano anche oggi a usare. Questo
ve l’acqua era gestita dai privati so- malgrado Santini si vanti di aver otte- di Lione, ha negoziato un ribasso del Montecitorio un serpentone per me fu un metodo violento dal punto di
no tornati alle municipalizzate. Tra nuto un ribasso del 20% delle bollet- 9% delle bollette, a Bordeaux la co- di corpi nudi marcerà in alle- vista psicologico, il peggiore che puoi utiliz-
queste città, c’è anche Parigi: il sin- te da Veolia. munità urbana dopo aver accusato gria fino al cuore del Palaz- zare su una persona.
daco socialista Bertrand Delanoë ha In effetti, il movimento di rimuni- Suez di «superprofitti» ha ottenuto zo. E ancora alle 16 a piazza La vittoria dei Si ai referendum potrà fer-
affidato a un operatore pubblico la cipalizzazione dell’acqua riguarda che la concessionaria investisse 230 Navona gli studenti della mare le pattuglie mandate a tagliare l’ac-
gestione del servizio idrico nella ca- soprattutto i piccoli centri. A parte milioni nella manutenzione della re- Rete degli studenti e del- qua ai cittadini di Aprilia?
pitale, dalla produzione alla distribu- l’eccezione di Parigi, di Grenoble e te. Saint-Etienne ha ottenuto da l'Unione universitari faranno De Monaco: Anche se noi siamo stati già
zione, che dall’84 era stata delegata di una parte dell’agglomerazione di Suez un ribasso del 24% delle bollet- vedere cosa succederà se i privatizzati, la vittoria dei referendum po-
a due privati (Veolia nella rive droite Rouen, anche se solo il 13% degli en- te. Il sindaco socialista della cittadi- cittadini non andranno a trà rappresentare uno scatto morale fonda-
e Suez nella rive gauche). Il risultato ti locali francesi hanno delegato ai na di Anglet (Pirenei orientali) ha bat- votare due sì per difendere mentale. Tutti i cittadini dovranno dire
Anna Maria Merlo è un prezzo del metro cubo d’acqua privati la distribuzione dell’acqua tuto il record, ottenendo da Suez un l'acqua bene comune. Con- con chiarezza che non è accettabile che
PARIGI meno caro che altrove (2,93 euro), (2000 su 15.500), nei fatti i privati di- ribasso del 61% sul prezzo del metro temporaneamente gli studen- chi ha la forza finanziaria deve guadagnare
con sprechi molto ridotti (il 96,5% stribuiscono il 75% dell’acqua pota- cubo e del 20% sull’abbonamento. A ti di tutta Italia da Padova a sempre di più su un bene che per noi è an-

L
a Francia, paese d’origine del- dell’acqua potabile che circola nella bile nel paese. La guerra diventa sem- Parigi, Delanoë, non solo ha rimuni- Palermo passando per Bre- cestrale. Gli sponsor delle privatizzazioni
le grandi multinazionali del- rete è consumata dagli abitanti e pre più calda, perché si avvicina la cipalizzato, ma si è fatto anche resti- scia, Parma, Ferrara, Anco- dicono che in realtà l’acqua non è mai sta-
l’acqua Veolia e Suez, ha già non si perde per strada, le società scadenza di importanti contratti, tuire 150 milioni di euro da Suez e na, Napoli e Catania deposi- ta privatizzata: ma quando tu mi chiudi il
una lunga esperienza di battaglia tra private che hanno gestito fino a più che potrebbero non venire riconfer- Veolia. A Tolosa, è stata Veolia a pro- teranno migliaia di euro di contatore mi togli il servizio oppure non ar-
acqua privata e acqua pubblica. di un anno fa la distribuzione si attri- mati: Lille e Nancy nel 2015, Marsi- porre spontaneamente una riduzio- acqua pubblica nelle ban- riva più l’acqua? Parlare della privatizzazio-
Una storia che può essere istruttiva buiscono questa performance). glia nel 2013 (qui l’acqua gestita da ne del 25% del prezzo dell’acqua. che delle città. ne dell’acqua è esattamente questo.

– –
alla vigilia dei referendum italiani. Ma l’acqua è un «business» che
Danielle Mitterrand, la vedova del- Veolia e Suez non intendono perde-
l’ex presidente, da anni impegnata a re. Così, il mercato dell’est parigino GENSHI MONOGATARI
favore dell’acqua pubblica, qualche – tra i più grandi d’Europa, 144 co-
tempo fa ha presentato un appello muni della banlieue, con 4 milioni
ai sindaci francesi: «L’opacità delle di abitanti – non ha potuto essere ri-
imprese di distribuzione dell’acqua
va di pari passo con la loro mancan-
za di interesse per la gestione di un
municipalizzato, come avevano pro-
messo i partiti di sinistra (che espri-
mono ancora molti sindaci in que-
Pesce all’acqua marcia
bene comune». I due giganti Veolia sta ex cintura rossa). Grazie alle ma- Situazione sempre sotto controllo a Pio d’Emilia cuazione forzata? Individuare i singoli
e Suez sono sospettati di intese oligo- novre del sindaco di Issy-les-Mouli- Fukushima e dintorni. «hot spots» e stabilirne, di volta in vol-
polistiche, a spese dei cittadini. E neaux, André Santini (un centrista), Oggi c’è stato l’ennesimo corto circuito ta, l’evacuazione? Prima di trovare un
non solo in Francia: la Bolivia e l’Ar- presidente del Setif (Sindacato del- che ha interrotto per tre ore la corrente massimi previsti (e allo- ne faranno una ragione. accordo, ci sembra di capire, il gover-
gentina hanno denunciato i contrat- l’acqua dell’Ile-de-France), la produ- ai reattori numero 1 e 2, ma stavolta il ra, ci si chiede, dov’è il Come se la stanno fa- no di Naoto Kan sarà già morto e se-
ti che li legavano a Suez. Le multina- zione e la distribuzione dell’acqua è sistema di raffreddamento d’emergenza problema???) ha an- cendo gli abitanti di polto. Fanno in fretta, in Giappone, a
zionali si difendono e attaccano: per rimasta saldamente nelle mani di Ve- ha funzionato perfettamente, ci informa nunciato che domani Iitate e di altri comuni seppellire i governi, questo è il sesto in
il 2012 hanno organizzato un Forum olia, peraltro sospettata (da un’in- la Tepco. La quale ci informa pure che è procederà come stabili- dove le radiazioni, in 5 anni. Si farà molta più fatica a sep-
mondiale dell’acqua, che si terrà a chiesta del 2008 di un’organizzazio- giunta l’ora di scaricare un altro po’ di to. Immaginiamo i salti certi punti e certi mo- pellire i cadaveri e le carcasse in putre-
Marsiglia, un’operazione gigante di ne di difesa dei consumatori), di acqua marcia nel mare. Tremila tonnel- di gioia dei pesci, ora- menti, sono molto più fazione nella zona evacuata. E ancor
comunicazione, mentre nel frattem- aver sovrafatturato agli utenti 90 mi- late, per il momento. Il Ministero della mai in crisi di astinenza alte di quelle che si regi- più fatica a seppellire l’incubo della
po denunciano (anche in tribunale) lioni di euro senza giustificazione. I Pesca Agricoltura e Foreste stavolta non da cesio, iodio, cobalto strano, in media, nelle contaminazione nucleare. Sabato 11
chi svela i loro trucchi e la loro avidi- comuni ribelli, che si erano riuniti ha dato l’autorizzazione, ma alla Tepco e quant’altro. Se poi zone evacuate. giugno, tre mesi dopo lo tsunami, i
tà (Suez ha sporto denuncia contro per tentare la strada del ritorno alla se ne fregano. Dopo aver rassicurato qualcuno si dovesse preoccupare co- Alcuni sindaci oggi sono stati convoca- giapponesi scenderanno di nuovo in
il documentario Water Makes Mo- gestione pubblica, sono tornati al- ministero, pescatori e abitanti che l’ac- munque, tranquilli: la miracolosa zeolite ti a Tokyo, dove il segretario di gabinet- piazza (si fa per dire, in Giappone le
ney, che accusa la multinazionale di l’ovile. Santini li aveva minacciati di qua, prima di essere caricata in mare, è pronta. Pare sia particolarmente tossi- to di un governo che non c’è più, Eda- piazze non ci sono) e proveranno a far
«mungere» gli utilizzatori). chiudere i rubinetti. In questa zona, verrà parzialmente purificata fino a ren- ca per i pesci, ma che faccia miracoli no, ha chiesto suggerimenti su come sentire la loro voce. Ma è ancora trop-
Dal 2004, 300 comuni francesi do- l’acqua è il 50% più cara che a Parigi, derne la radioattività inferiore ai valori per assorbire la radioattività. I pesci se comportarsi. Allargare il raggio dell’eva- po fioca. Che altro deve succedere?
pagina 4 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

IN CRISI

Maggioranza sotto due volte a palazzo Madama. Bossi dice no al


«Incidenti» • giuramento di stato ma si accontenta di «rappresentanze» al nord

Domenico Cirillo

Cadute di governo
ROMA

V
ertici che produco altri vertici. E
soluzioni salomoniche come lo
spostamento al nord non di al-
cuni ministeri ma di «sedi periferiche
di rappresentanza». Dopo aver fatto
notte martedì con Bossi e Tremonti al-
la ricerca di un’impossibile riforma fi-
scale che rianimi il suo governo, Berlu-
sconi trascorre la mattinata di ieri rice-
vendo prima il prossimo segretario del Non più solo alla camera, l’esecutivo battuto anche
Pdl Angelino Alfano con altri esponen-
ti del partito poi l’amico e socio Confa-
lonieri visto che si avvicina la decisio-
al senato. La Lega contro la Costituzione, Micciché
ne della corte d’appello sul risarcimen-
to da 500 milioni che la Fininvest po-
contro il cavaliere e i responsabili in dissolvimento
trebbe essere chiamata a dare a De Be-
nedetti per la vicenda Mondadori. Affa-
ri pubblici e privati si mischiano e nel tra gli altri dal procuratore generale di sfaldamento e Quagliariello medesi- cio di misteriosa rappresentanza al
pomeriggio le private porte di palazzo presso la Cassazione, dal presidente mo è il protagonista di un’altra querel- nord è un evidente e misero contenti-
Grazioli si aprono per il summit con i del Consiglio di Stato, dal comandante le perché secondo alcuni potrebbe es- no che avrà l’unico effetto di peggiora-
capigruppo, i coordinatori e le altre dei Carabinieri, dal capo della Polizia, sere lui a fine giugno a sostituire Co- re i conti pubblici.
eminenze del Pdl. Alla fine un altro ap- dal comandante della Finanza. Questa sentino come coordinatore campano E non basta, perché alla camera le
puntamento interlocutorio. Nel frat- nuova formulazione dell’articolo uno dopo il disastro di Napoli, incarico ro- cose non vanno certo meglio, stavolta
tempo in parlamento il governo fini- tornerà per la discussione in commis- gnoso che Quagliariello dichiara di a causa dei responsabili che prima si
sce due volte in minoranza. sione, mentre l’aula del senato andrà non gradire. La Lega poi non smette di incartano nella scelta del nuovo capo-
Accade questa volta al senato ed è avanti dall’articolo 2 in poi per cercare segnalare la sua distanza dalla maggio- gruppo tenendo ancora un po’ a ba-
clamoroso visto che lì Lega e Pdl posso- di concludere l’esame della legge en- ranza votando contro un emendamen- gnomaria il predestinato ex finiano
no contare su un’ampia maggioranza. tro la prossima settimana. to bipartisan - che però passa ugual- Moffa, poi disertano la riunione della
E invece quando si passa a votare il di- Con questi due episodi si trasferisce mente - che istituisce l’obbligo per i commissione cultura costringono la
segno di legge anticorruzione, lunga- anche al senato l’incertezza che da cir- funzionari pubblici di giurare sulla Co- maggioranza a rinviare la seduta. Il
mente atteso, le 35 assenze nel centro- ca dieci mesi, dall’uscita dei finiani, ca- stituzione. «Pura demagogia», sostiene gruppo che era nato per fare da «terza
destra (29 del Pdl, tra le quali quelle di ratterizza la vita della maggioranza al- il Carroccio alla ricerca di qualche gamba» alla maggioranza è ormai in
Dell’Utri, Matteoli e Sacconi; 6 nella Le- la camera. Berlusconi fa in tempo a la- spunto di propaganda alla vigilia del dissolvimento, con l’anima sudista
ga dove mancavano Calderoli e Castel- mentarsene durante i suoi vertici, e raduno di Pontida che quest’anno si pronta a formare con i deputati fedeli
li) consentono a un’opposizione nem- non può ingannare il modo con il qua- annuncia piuttosto difficile per Bossi. a Gianfranco Micciché un ennesimo
meno a ranghi serrati di bocciare le il vice capogruppo del Pdl Quaglia- Il fatto che il gran capo nella veste di sottogruppo. Un’altra grana che Berlu-
l’emendamento con il quale la maggio- riello cerca di ricondurre i rovesci di ministro per le riforme e Calderoli in sconi si avvia a tamponare nel solito
ranza voleva accentrare il coordina- palazzo Madama a semplici «incidenti quella di ministro per la semplificazio- modo. Offrendo posti di governo e sot-
mento delle iniziative anticorruzione d’aula». Le assenze sono chiari segnali ne potranno con decreto creare un uffi- togoverno ai «responsabili». C’è sem-
alla presidenza del Consiglio. pre la poltrona di ministro delle politi-
Per rimediare alla brutta figura il che europee a disposizione, ma non
centrodestra scarica la colpa sul Pd ac- per Scilipoti. Per lui è troppo, il deputa-
cusato di voler affossare la legge anti- to ex dipietrista divenuto simbolo del
corruzione che invece i dirigenti demo- ALESSANDRA MUSSOLINI trasformismo potrebbe comunque tro-
cratici avevano a parole apprezzato. varsi presto alla guida di un diparti-
«Ma non possiamo accettare che ven- «Una cosa ho detto a Lettieri: mento della presidenza del Consiglio.
ga messa la volpe a guardia del polla-
io», replicano dal Pd dove si spiega co-
almeno mangia qualcosa» Bisogna solo capire quale.

sì il no al controllo governativo. Per


qualche ora è tutta la legge a rischiare, Un’interpretazione da Oscar. Arriva come una furia,
anche perché viene bocciato sempre bacia la sagoma di Berlusconi - «ma perché me l’ave-
per due voti un altro emendamento di te imbalsamato così?» - e poi si scatena riuscendo a
maggioranza, questa volta sulla rota- strappare sorrisi persino a Sallusti. Inarrivabile Mus- Un’adunata particolare
zione obbligatoria dei dirigenti della solini, ieri, sul palco del teatro Capranica. «Chi me
pubblica amministrazione. Alla fine il l’ha messo vicino Lettieri? Voglio dire, quello, De Magistratis, è nù bell’ guaglione pure com-
governo inventa a tempo di record
una nuova formulazione dell’articolo
uno della legge che cambia l’emenda-
pleto di maglioncino rosa. Quell’altro, invece, sembrava un agente immobiliare ma di quelli
che ti vendono solo nude proprietà. Un imbarazzo questa campagna elettorale! Poi alla fine
l’ho detto: Lettieri fai qualcosa, che ne so, almeno...mangia». Non si tiene Alessandra Mus-
Ferrara ci prova. A salvare il re
mento bocciato ma conserva il coordi-

L
solini che invoca primarie e congresso, attacca i vertici del Pdl ma ormai esasperata quanto
namento delle attività anticorruzione Feltri e Ferrara se la ride. «Abbiamo perso Napoli dopo un ventennio. Un ventennio. E detto a tenaglia ce l’hanno in Iaia Vantaggiato terla di stare a disposizione di un
a palazzo Chigi. Solo che il comitato da me!». Sì certo forse avrebbe fatto bene a non rivendicare onori genealogici ma a lei va il mano Giuliano Ferrara e partito e pretendere, piuttosto,
non sarà più presieduto dal premier e merito di aver scosso una platea non proprio brillante quanto a riflessi politici. E che solo Vittorio Feltri che apro- cui va la palma del Crociato più che sia il partito a stare a sua di-
composto dai ministri, bensì formato una cosa voleva sentirsi dire: «A Berlusconi, per favore, dategli aria e fatelo lavorare». no e chiudono - rispettivamen- realista del re. Noi vogliamo un sposizione. Solo così si vince e
te - «la libera adunata dei ser- condottiero e Berlusconi ancora solo così la monarchia assoluta
vi del Cav.». Entrambi al loro lo è. Niente primarie, niente de- (che Sallusti - insolitamente sim-
meglio, va detto, ma pacati in mocrazia interna: «Voi state met- patico fuori dagli studi di Vespa
particolare ostilità dal primo all’ultimo modo eccessivo. Quasi al limi- tendo in scena un regicidio», at- e Santoro - confonde con la de-
NAPOLI · Narducci aveva indagato i «no discarica» giorno». Ci va duro anche il consigliere te del sospetto. tacca il direttore del Giornale. Co- mocrazia presidenziale) può evi-
Rinaldi che ricorda quando De Magi- Sono preoccupati Feltri e Ferra- me se Feltri e Ferrara non lo sa- tare la ghigliottina.

Al Pm la delega al patrimonio stris da europarlamentare aveva firmato


un appello di solidarietà agli attivisti nel
marzo 2010: «Il sindaco ha voluto farci
ra che a Berlusconi chiedono di
tornare «se stesso», l’uomo che
nel ’94 ha cambiato il volto della
pessero. E come se non avessere
deciso di dar voce agli ultimi sus-
Il resto della giornata è pura
cronaca. Un comizio elettorale
di Giorgia Meloni che ai diretto-

E tra i movimenti è rivolta un favore, Narducci andrà in aspettati-


va e magari il carteggio dei nostri proces-
si passerà ad un magistrato meno caro-
politica italiana e che di nuovo
potrebbe farlo se solo si decides-
se ad arieggiare le stanze dei suoi
I «servi liberi e
forti» bocciano le
ri di «famiglia» chiede di raccon-
tare «di più» perché il governo
ha fatto molte cose e stupisce
gna». D’altro canto Narducci è conside- palazzi. «Un cambio di passo», in- che neanche voi ve ne siate ac-
Francesca Pilla rato una persona estremamente punti- somma, e in soffitta i monologhi primarie. Mentre corti. Ma stupisce pure che l’ex
NAPOLI gliosa, capace di supervisionare le gare che hanno stufato il Paese e se- Sallusti si nomina responsabile del Fronte della
pubbliche e in grado di estromettere dal- questrato le anime belle del parti- Gioventù, grazie a un lapsus su-

I
n una piazza Municipio tinta di l’amministrazione pubblica le società in to. primo cortigiano blime, dichiara che è arrivato il
arancione il sindaco appena eletto odore di camorra. Una funzione non da Rimettersi in gioco è la parola momento di spalancare le fine-
nel suo discorso aveva urlato alla poco che potrebbe essere di grande aiu- d’ordine e le primarie sono l’uni- sulti di un’esperienza politica mo- stre «all’aria fresca» della parteci-
piazza in festa: «Mi hanno accusato di to a De Magistris. Il primo cittadino ha ca arma possibile per tornare sul rente per suggerire che forse, ma- pazione popolare. Intende dire
essere amico dei centri sociali, è vero fatto sapere di voler incontrare i movi- campo di battaglia. gari, sarebbe arrivato il momento che appoggia le primarie.
ma che c’è di male?». E infatti a garantir- menti già oggi: «Noi siamo disponibili, Non che Feltri e Ferrara alle di passare dalla monarchia asso- Egregio anche lo scivolamento
gli il servizio d’ordine intorno a quel pal- naturalmente l’operato di un sindaco primarie ci credano davvero ma luta a quella costituzionale. grammaticale di Daniela Santan-
co improvvisato oltre a pochi vigilantes non si giudica dalla nomina di un asses- di fronte a un re ormai impazzi- Si perde un po’ nei meandri ché - pure lei monarchica e dun-
c’erano i ragazzi dei movimenti, che sore», conclude Musella. to - «e soprattutto stanco» come della storia, Sallusti, quando re- que contrarie alle primarie - che
esultavano per la vittoria. Oggi i primi Per ragioni opposte, sull’eventuale non fa che ripetere Feltri che ve- plica paragonando Berlusconi a si tira pudicamente indietro
scricchiolii di una bella storia d’amore, nomina di Narducci insorgono anche de nel ripristino dell’immunità De Gaulle. «Era la Quarta Repub- quando è il momento di parlare
visto che per Luigi De Magistris inizia dal Pdl, con Gaetano Quagliarello che parlamentare l’unico modo per blica? Non mi ricordo, certo il affermando che «oggi è giusto
un percorso difficile (ma non impossibi- definisce un’eventuale conferma delle riportare il premier in vita - altro programma era lo stesso: antico- che parlano i direttori».
le) di mediazione nel tentativo di aprire per altri 4 per le manifestazioni del mag- indiscrezioni la prova della mancanza non si può fare. munismo, nazionalismo e pas- Una platea sin troppo prevedi-
un dialogo tra mondi diversi. gio 2008, quando il ministro Roberto di autonomia della magistratura. Una di- Il re - lo sanno entrambi - è co- saggio alla democrazia presiden- bile che ai tre «interventi di sini-
I ragazzi di Insurghencia non hanno Maroni diede l’ordine per due giorni di chiarazione prevedibile da parte del se- me Ludwig di Baviera, folle e ge- ziale». Silvio come Charles: smet- stra» - Marina Terragni, Ritanna
infatti preso bene la notizia che, salvo caricare gli abitanti che si opponevano natore, tra gli irriducibili alfieri berlusco- niale, meno bello di Helmut Ber- Armeni e Piero Sansonetti - ri-
sorprese dell’ultima ora, al pm Giusep- all’apertura del sito cittadino. niani, che proprio in queste ore è stato ger e attratto dalle donne, non da- sponde con fischi e gestacci. Nel-
pe Narducci sarà affidata la delega al pa- Tra la folla scesa in piazza c’era an- individuato come il possibile successo- gli uomini. Ma sempre di Ludwig l’imbarazzo di Ferrara che quel
trimonio, ma anche agli appalti e alla si- che Pietro Rinaldi, avvocato tra gli eletti re di Nicola Cosentino, nel ruolo di coor- parliamo. popolo delle primarie avrebbe
curezza. Il magistrato che ha chiesto l’ar- del consiglio e candidato per i movimen- dinatore in Campania. Il sindaco non si E se dalla tenaglia si lascia do- voluto un po’ più educato e me-
resto del coordinatore del Pdl Nicola Co- ti nella lista Napoli è tua che insieme ad scompone e lavora alla composizione cilmente avvinghiare il direttore no rumoroso. Si guardano più
sentino, accusato di associazione ester- Antonio Musella di Insugencia, ieri è an- della giunta che dovrebbe riunirsi per la del Tempo Mario Sechi - che cer- volte Feltri e Ferrara e alzano le
na con il clan dei Casalesi, nonché inda- dato a Palazzo San Giacomo per una prima volta lunedì. E sul nome di Nar- ca invano di strappare un applau- le mani. La proposta delle pri-
gato Luciano Moggi nel processo su Cal- chiacchierata di chiarificazione con lo ducci cha ha già chiesto l’aspettativa al so citando Francesco Cossiga cui marie ad ottobre - nonostante
ciopoli, non è amato dai centri sociali vi- staff di De Magistris. Ma a incontro fini- Csm: «È uno di quelli di cui stiamo di- lo accomuna l’innata passione neanche sfiorasse la leadership
sto che ha aperto a suo tempo un fasci- to non è tornato il sereno anzi: «Non sia- scutendo – dice - È difficile trovare solo per un desco che sa di «ministra del Cavaliere - è stata bocciata
colo contro i no discarica di Chiaiano. mo arrabbiati con il sindaco, ma con 12 assessori, quando le disponibilità so- e politica» e per una terra in cui a pressocché all’umanità. Perché
Un procedimento che ha portato all’ar- Narducci – ha detto Musella di Insurgen- no tante, occorre coinvolgere tutti nel fare le primarie, per prima, è la il popolo di Arcore è con Sallu-
resto di un attivista e all’obbligo di firma cia – a cui ovviamente riserveremo una progetto per la città». natura - è a Alessandro Sallusti sti. Il re c’è e non è nudo.
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 5

IN CRISI

Vertici continui dal cavaliere, ma i guai invece di diminuire aumentano.


Strategia • Prima della verifica servono altre nomine, una chance per Scilipoti

IL MINISTRO BRUNETTA che, come ha detto in più occasioni, MARIO DRAGHI alla vigilia dell’insediamento alla guida
sogna il premio Nobel all’economia, azzarda sulle cifre sostenendo che della Bce ha ribadito il «no» all’ipotesi di una ristrutturazione del SINISTRA E LIBERTA’
«molto probabilmente quest’anno il tasso di crescita del nostro paese debito pubblico della Grecia, che che comporterebbe «troppi
sarà tra l’1,3 e l’1,5%, non sufficiente ma assolutamente indicativo che rischi per tutta l’area euro». Il governatore di Bankitalia ha «Noi, il Pd e l’Udc»
il peggio è passato». Previsioni azzardate, non solo perchè cozzano con espresso la sua posizione nelle risposte scritte ai quesiti posti
quelle di diversi, autorevoli, istituti a cominciare da Bankitalia. dagli europarlamentari in vista dell’audizione del 14 giugno. Vendola e Fava
Soprattutto si collocano a una distanza siderale con i dati diffusi ieri da Draghi si è impegnato a rispettare il mandato fino in fondo e ha
Eurostat che mostrano un Pil italiano inchiodato allo 0,1 percento, in difeso le politiche monetarie finora seguite dalla Bce, che ha litigano a soggetto
controtendenza con quello degli altri paesi europei. avuto «grande successo nell’assicurare la stabilità dei prezzi».

I. Va.
CENTRODESTRA · Scontro Belusconi-Bossi. La Lega vuole aiuti per le piccole imprese del Nord ROMA

N
eanche il tempo di godersi i

Fisco più leggero per le Pmi successi elettorali delle am-


ministrative che già - dentro
Sel - si arriva alle mani. No, mani è
un’esagerazione ma alle parole sì
che si arriva soprattutto quando il
Roberto Tesi primo a pronunciarle - in un’intervi-
sta rilasciata iera al Corriere della se-

L
a notte non ha portato consiglio ra - è Nichi Vendola. Protagonista so-
e la confusione nel centrodestra lo due giorni fa di uno scontro fronta-
sta crescendo: tutti si rendono le con Bersani, il Presidente della Re-
conto che il disastro elettorale è so- gione Puglia nonché leader di Sel,
prattutto figlio degli insuccessi econo- confida ieri a Maria Teresa Meli di es-
mici. Lunedì c’era stato il vertice - mol- sere pronto a costruire un nuovo sog-
to allargato - a Arcore, poi nella tarda getto politico insieme al Pd. Modula-
serata di martedì c’è stata una replica: bile, all’occasione, anche all’Udc.
un vertice ristretto, aperto solamente L’idea non nasce ieri e proprio sul-
ai capi: Berlusconi e Bossi in testa. A le pagine del manifesto era stata cal-
sorpresa a un certo punto è arrivato deggiata anche da Franco Giordano.
anche Giulio Tremonti di ritorno da Nessuno scandalo, dunque, e nessu-
Strasburgo. Il ministro dell’economia na novità perché la critica alla «for-
ha portato i complimenti della Com- ma partito», Vendola e i suoi, la bran-
missione europea sulla tenuta dei con- discono come un’arma libertaria e
ti, ma anche la «raccomandazione» di non da oggi. Cristallino il Governato-
dare il via (entro ottobre) alla nuova re: «Noi non dobbiamo recuperare
manovra correttiva (da oltre 45 miliar- lo spazio residuo che fu della sinistra
di) che entro il 2014 dovrebbe portare radicale. Sarebbe come scrivere vec-
i conti pubblici al pareggio e all’avvio chi copiani: il nostro compito invece
di un sentiero virtuoso di riduzione è quello di rimescolare le carte insie-
del debito pubblico che quest’anno soldi per incentivare la ripresa? Sul pri- le medie e piccole imprese strozzate I DATI EUROSTAT me a tanti e a tante altre».
supererà la barriera del 120% del Pil. mo punto, ad Arcore era stata avanza- dalla crisi, ma anche dal sistema ban- Ed è da qui che comincia il mi-
Il centro della riunione è stato il ta- ta l’ipotesi di risparmi previdenziali in- cario; Berlusconi vorrebbe una mano- nuetto perché gli ex diessini che pu-
glio delle tasse al quale tiene parec- nalzando l’età del pensionamento del- vra «clamorosa» sul fisco per dimostra-
L’Ue cresce re di Sel fanno parte e che - si voglia
chio Berlusconi per cercare di ricon- le donne a 65 anni con una progressio- re che non mette le mani nelle tasche Italia al palo o non si voglia dall’esperienza del
quistare un po’ di popolarità. Più in ge- ne programmata di 6-8 anni. I sindaca- degli italiani. Il problema è che le in- vecchio Pci esattamente vengono
nerale, però, si è discusso delle modali- ti farebbero un po’ di casino, ma il go- tenzioni di Berlusconi - e Tremonti Pil fermo allo 0,1% in come Vendola - a rinunciare alla
tà degli interventi di politica economi- verno su questo punto sembra com- l’ha ripetuto - cozzano con le indica- Italia nel primo trime- «forma partito» non sono del tutto
ca che permettano, in tempi brevi di patto. Martedì notte c’è chi ha propo- zioni della Ue, ma anche col fatto che stre del 2011. È quan- pronti. Aldilà di qualsiasi dichiara-
dare un po’ di ossigeno all’economia. sto anche di bloccare per un altro an- in cassa non c’è un centesimo. to rileva Eurostat, che zione programmatica. Basta dare
ALESSANDRO SALLUSTI DIRETTORE D’altra parte anche la Ue suggerisce no, cioè per tutto il 2014, le retribuzio- A questo punto si sta rafforzando oggi ha diffuso la se- un’occhiata al sito di Sel e alla rispo-
DE IL GIORNALE, MAURIZIO BELPIETRO di investire nella crescita, ma non in ni dei dipendenti pubblici. La logica è: una doppia ipotesi: tagli per tenere in conda stima relativa sta che Claudio Fava dà non si sa se
DIRETTORE DI LIBERO, deficit spending. Questo significa che negli altri paesi in crisi (Grecia e Porto- equilibrio i conti; partita di giro per alla crescita del Pro- a Vendola, al Corriere o a Fabio Mus-
LA SAGOMA DI BERLUSCONI, GIULIANO FERRARA nuove spese debbono essere coperte gallo, in testa) salari sono stati addirit- «non» ridurre la pressione fiscale, dan- dotto interno lordo nei si che dei diessini comunque resta il
DIRETTORE DE IL FOGLIO E MARIO SECHI da tagli di altre spese o da maggiori en- tura tagliati, quindi i sindacati nostra- do l’impressione però di aver dato l’av- 27 nel periodo genna- leader incontrastato.
DIRETTORE DE IL TEMPO ALLA FESTA PER IL CARO trate. La Ue è stata addirittura brutale ni non si possono lamentare per un vio a una grande manovra. In pratica io-marzo. L’Italia ha Il partito è il partito e Fava lo dice
AMICO SILVIO /FOTO LUIGI MISTRULLI-EMBLEMA raccomandando di destinare i proven- provvedimento che li blocca per tre con lo slogan «tassare le cose e non le fatto registrare un au- senza infingimenti.«Mettiamoci in
A DESTRA, BOSSI BERLUSCONI E TREMONTI ALLA ti della lotta all’evasione fiscale all’ab- anni. Favorevole è la Lega che, notoria- persone» si sta mettendo a punto un mento del Pil dello gioco va bene ma chiudere Sel nel-
CAMERA /FOTO EMBLEMA battimento del debito. Insomma, la mente, non ama i dipendenti pubbli- provvedimento a costo zero. Ovvero: 0,1%, identico a quel- l’astrattezza di un movimento sa-
strada è stretta e non ci sono risorse ci, anche se vorrebbe trasferirne un si riduce la pressione fiscale sui reddi- lo rilevato nell'ultimo rebbe riduttivo». Astrattezza di un
(cioè soldi) da mettere sul piatto. po’ - con i ministeri - a Milano. ti (all’inizio solo quelli più bassi) e sul- trimestre del 2010 e movimento? Ma Claudio Fava i voti
A questo punto si da il via al gioco Ma a parte i tagli, cosa fare per rilan- le imprese, ma al tempo stesso si au- ben al di sotto della con cui Sel ha preso due sindaci - in
delle tre carte: cosa tagliare per correg- ciare l’economia? È scontro vero: la Le- menta l’Iva, colpendo il momento di media dell'Eurozona e Sardegna e Lombardia - da dove
gere i conti e dove mettere un po’ di ga pretende forti riduzioni fiscali per spesa del reddito. Ma soldi anche in dell'Ue a 27, pari allo crede che siano spuntati?. Dal-
questo caso (aumentare dell’1% l’ali- 0,8%. Su base annua- l’astrattezza di un movimento che
quote Iva darebbe un maggior getti- le, rispetto al primo c’è o da un partito che pur avendo
to di circa 10 miliardi) non bastano. trimestre dello scorso abbandonato qualsiasi nostalgia co-
E così si sta pensando di ridurre la munque non c’è?
Mauro Ravarino
TORINO
VAL DI SUSA · L’inizio dei lavori posticipato al 30 platea dell’evasione legalizzata, cioè
anno, la crescita del
Pil in Italia è stata Certo, ha ragione Fava quando di-
di dare un taglio a tutti i provvedi- dell’1%, contro il ce che «Noi e il Pd in nuovo sogget-

M Maroni: no all’esercito
aroni non manda l’esercito menti che consentono deduzioni e 2,5% della media eu- to» non può essere «la nostra ambi-
in Val di Susa, come aveva detrazioni che costano al fisco circa ropea. Peggio dell'Ita- zione» e ancora che «mescolare non
chiesto il Pd regionale ed 170 miliardi l’anno. lia, secondo l'Ufficio vuol dire accorpare ma costruire a si-
evocato qualche sottosegretario Pdl.
E meno male. Poi, però, il ministro
dell’Interno, al vertice sulla sicurezza
ma la tensione resta alta Infine, una voce dell’ultima ora
sostiene che si è anche parlato di da-
re una grossa sforbiciata allo stato
statistico di Bruxelles,
fanno solo Cipro, Dani-
marca e Portogallo.
nistra un campo nuovo di forze che
vadano bel oltre l’esperienza del Pd
e di Sel». La sensazione, tuttavia, è
per la Torino-Lione in Prefettura a sociale. In altre parole: welfare ga- Crescono più dell'Ita- che quel campo nuovo sia stato già
Torino (presente il sindaco Fassino), veva essere un irremovibile ultima- rantito solo a chi ne ha proprio biso- lia anche due tra i arato. Bandiere dell’alternative non
ha aggiunto: «Non saranno tollerati tum, ma è stato sostituito dal 30 giu- gno con la logica del profitto a farla Paesi più in difficoltà ne servono più. E invece che spaccar-
atti di violenza di nessun tipo. Vanno gno, quando Italia e Francia dovreb- da padrone in tutte gli aspetti socia- dell’eurozona, Spagna si sulla forma partito, Sel farebbe be-
contrastati con ogni mezzo». E, anco- bero firmare il nuovo accordo inter- li. In fondo la stessa logica che ha e Grecia, che registra- ne a spiegare ai suoi elettori la scelta
ra: «Di là ci saranno i professionisti nazionale e per farlo Parigi vuole ve- spinto il governo all’apertura al pro- no un 0,3% ed un di Napoli. La chiarezza e il nuovo sog-
della violenza di qua ci sono i profes- dere il cantiere aperto. Le forze del- fitto nel settore dell’acqua. 0,8%. getto passano da qui.
sionisti della legalità e dell’antiviolen- l’ordine (e gli operai del cantiere) po-
za». Non le migliori premesse. Così, trebbero arrivare da un momento al-
anche se non arriveranno gli alpini, l’altro. Al presidio, le previsioni si ac-
saranno schierati in forza poliziotti e cavallano: «Non di notte, ma di pri-
carabinieri per l’avvio del cantiere. ma mattina», «Appena dopo il refe- LA7 · Dopo Santoro altri da Rai3, ma l’incognita è a chi venderà Telecom
Tanti, in centinaia. rendum». Insomma, si sta in campa-
Ancora una volta il Tav viene con-
siderato come esclusiva questione di
ordine pubblico e si evita di entrare
na.
Diverse associazioni (tra gli altri,
Emergency, Laboratorio democra-
Mentana: De Benedetti? Meglio di no
nel merito dei problemi posti dalla zia, Fiom Torino, Officine Corsare,
maggioranza della popolazione val- za del proiettile è sufficiente chieder- comitato No Tav Torino) hanno lan- ROMA Il patron del gruppo l’Espresso potrebbe investire
susina, contraria all’opera faraonica. si chi ne trae vantaggio. Non certo il ciato in rete un appello per la demo- nell’affare i molti milioni - all’incirca 500 - che dovreb-

«L
Un movimento – è il caso di ricordar- movimento e tanto meno la Valle di crazia e il rispetto della legalità in Val a7 cambierebbe sia con Rcs sia con De Be- be vedersi riconoscere dalla corte di appello come ri-
lo - storicamente pacifico e pacifista. Susa» dice Luigi Casel, coordinamen- di Susa: «Fallito ogni tentativo di nedetti, soprattutto con De Benedetti». sarcimento per l’affaire Mondadori, a pagare dovrà
La tensione, però, sale, come nell’au- to delle liste civiche. comprare il consenso e la benevolen- Parola di Enrico Mentana, il primo arriva- essere Fininvest. C’è però l’ostacolo della legge Ga-
tunno del 2005, prima dei pestaggi di A Chiomonte, alla Libera Repubbli- za di cittadini e sindaci, il governo to nella rinnovata televisione di proprietà di Tele- sparri e del divieto, prorogato, a possedere assieme
Venaus. Ed ecco rispuntare, cariche ca della Maddalena, il clima resta co- sta preparando una nuova prova di com che con l’arrivo di Michele Santoro si appre- più giornali (De Benedetti ha Repubblica e una galas-
di tristi presagi, lettere minatorie. Da munque allegro (si alternano conve- forza. Non ci rassegniamo – scrivono sta a lanciare la sua sfida al duopolio Rai-Media- sia di testate locali) e più tv (l’ingegnere ha già Rete
giorni vengono recapitate buste con gni e concerti, domani sera i Lou Dal- - all’idea che il nostro futuro possa es- set. E per questo punta a convincere altri «campio- A). Acquirente alternativo come ha scritto ieri il Gior-
proiettili inviate al Pd e in particolare fin). Ma, allo stesso tempo, vigile; le sere deciso da quell’intreccio perver- ni» della squadra di Raitre - Fabio Fazio, Milena nale dei Berlusconi potrebbe essere Rcs. La società
ai parlamentari più esposti per il sì sentinelle della valle, «armate» di cel- so tra politica, affari e criminalità or- Gabanelli o Giovanni Floris, se non addirittura l’al- editrice del Corriere della Sera è finora rimasta fuori
Tav, Stefano Esposito e Giorgio Mer- lulare ed e-mail, non dormono. E ganizzata che governa ampie aree lenatore, il direttore Paolo Ruffini - a trasferirsi sul dal mercato delle tv e ha in comune con la venditrice
lo. Condanne unanimi ma pure av- ogni movimento anomalo viene se- del nostro Paese». settimo canale. Ma sul futuro del La7 pesano so- Telecom molti azionisti, difficile che vogli lasciare
ventati collegamenti con il movimen- gnalato. Quando arriveranno? A pro- Ieri, quasi 150 arresti in Piemonte prattutto i possibili sviluppi societari. Telecom ven- La7 al concorrente di Repubblica. Rcs ieri ha smenti-
to No Tav, che ovviamente non c’en- posito di scadenze per l’apertura dei contro la ’ndrangheta, un’inchiesta derà almeno il 40% della tv e intende farlo molto to di essere interessata («è totalmente infondato») e il
tra niente: non è né il mandante, né lavori, si è capito che sono relative. che ha fatto emergere contatti tra co- presto, gli acquirenti possibili sono ridotti a due e titolo di borsa della società ha perso quasi il 3%. Ave-
il mittente. «Per capire la provenien- Così è stato per il 31 maggio, che do- sche e politica. sono entrambi accreditati da diversi giornali. va guadagnato più del 17% all’arrivo di Santoro. r. pol.
pagina 6 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

ITALIA
NELLE FOTO DI
QUESTE PAGINA LE
IMMAGINI DEI
LACRIMOGENI
SPARATI DI NOTTE
CONTRO LA
TENDOPOLI DI
ANDOLFATO, A SANTA
MARIA CAPUA VETERE MASSA
IMMIGRATI NEL DUOMO, SÌ A
MOZIONE FDS PER PERMESSO
«Il presidente della Giunta Rossi si attivi
insieme al sindaco di Massa nei confronti
del procuratore capo, perché sia conces-
so il permesso temporaneo di soggiorno
agli immigrati truffati dalla sanatoria
2009» perchè possano completare l'iter
processuale per il permesso di soggiorno.
È quanto prevede una mozione approvata
ieri a maggioranza, contrari Pdl e Lega
Nord, dal Consiglio regionale toscano e
presentata da Fds-Verdi insieme ai consi-
glieri Marta Gazzarri (Idv) e Loris Rossetti
(Pd). La mozione, ha spiegato Paolo Mari-
ni (Fds-Verdi) è relativa alla vicenda del
gruppo di giovani provenienti da Senegal,
Algeria, Tunisia e Marocco che all'inizio di
maggio hanno occupato la scalinata della
cattedrale di Massa. «Questi ragazzi - ha
detto Marini - sono stati truffati dalla sa-
natoria del 2009 e dai contratti fasulli
per colf e badanti promessi da agenzie
interinali. Hanno pagato somme ingenti,
anche tremila euro, pur di ottenere la re-
golarizzazione».

IL COMMISSARIO UE HAMMARBERG
«I MORTI NEL MEDITERRANEO
Adriana Pollice
NAPOLI
S.M.CAPUA VETERE · Lacrimogeni sulla tendopoli, fiamme e rivolta: 25 tunisini in ospedale SONO COLPA DELL’EUROPA»
Thomas Hammarberg, il commissario per
i diritti umani del Consiglio d'Europa, tor-

«N La polizia brucia il nuovo Cie


on siamo cani, aiutateci na ad accusare l’Europa per i migranti
per favore» è quello che che muoiono nelle acque del Mediterra-
ripeteva a telefono all’al- neo. «I governi e le istituzioni europee
ba di ieri uno dei 95 migranti tunisi- hanno responsabilità molto più grandi di
ni rinchiusi dal 18 aprile nel Cie di
Santa Maria Capua Vetere. Dalle 2 al-
le 4 di mercoledì il campo è letteral- La carica è partita dopo la protesta choc re un centro provvisorio, legato alla LA DENUNCIA DELL’ARCI
mente andato a fuoco: i terribili lacri- crisi sbarchi, e che invece si avviava
mogeni Cs, quelli che tolgono il fiato di un immigrato che, nel tentativo di uscire a proseguire l’attività. Il 24 maggio
«Non ci hanno
e bruciano gli occhi, sparati a raffica scorso la prefettura di Caserta, infat-
hanno incendiato 10 tende su 12, dopo la morte del fratello, aveva ingerito ti, ha pubblicato un bando per «l’affi- fatto entrare»
fiamme così alte da superare il muro pezzi di vetro. La Procura sequestra lo stabile damento della gestione del Centro
di 5 metri che circonda la Andolfato. di Identificazione ed Espulsione sito L’Arci se la prende con il gover-
In 25 finiscono all’ospedale con crisi in Santa Maria Capua Vetere», nel te- no per quanto accaduto a San-
respiratorie, i medici riscontrano sta- le loro condizioni ancora più disu- spinto in primo grado la richiesta di sto è sparito il termine Temporaneo. ta Maria Capua Vetere. «Il nume-
ti di choc fino alla catatonia. Di sedi- mane, in un gesto di rabbia e di protezione internazionale, nono- Il contratto poneva come termine il ro verde per richiedenti e titolari
ci di loro ieri non si riusciva a sapere estrema protesta ci hanno orinato stante il primo contingente di 200 31 dicembre, con la possibilità di di protezione internazionale del-
le condizioni. sopra. Atti di autolesionismo si sus- migranti avesse ottenuto il permes- proroga di altri 3 mesi, il prezzo base l'Arci ha ricevuto le chiamate di
La carica notturna è partita per- seguono. C’è chi ingerisce candeggi- so temporaneo, nonostante nessu- dell’appalto di 40 euro a migrante al otto ragazzi di nazionalità tunisi- quelle che hanno finora dimostrato di
ché un tunisino, raggiunto sul cellu- na, vetro, shampoo, chi si taglia. Le no dei termini stabili dalla legge per giorno, per una popolazione stimata na che hanno raccontato agli volersi assumere in questa crisi», ha scrit-
lare dai familiari, scopre che il fratel- sigarette le acquistano dagli italiani il loro trattenimento sia stato rispet- tra le 100 e le 200 persone. Un vero e operatori dell'associazione la to Hammerberg. Secondo il commissario
lo è morto, per uscire decide di inge- nel campo, con la sovrattassa di un tato. Il 20 giugno i giudici dovranno proprio business su cui, pare, avesse dinamica degli scontri», scrive «c'è un'impellente necessità di aumenta-
rire pezzi di vetro. «Si è sentito male paio di euro. Un interprete della Cro- decidere l’ulteriore fermo. Per i 95 si già messo gli occhi la Protezione civi- in una nota. Poi accusa: «Non è re in maniera esponenziale» la sorveglian-
– spiegano al telefono i migranti ai ce rossa è stato allontanato su de- ipotizzava una uscita dal campo con le. Un budget a cui vanno aggiunti i stata data possibilità agli opera- za, anche aerea, lungo le coste libiche e
ragazzi dei comitati antirazzisti e al- nuncia di alcuni migranti: avrebbe il decreto di espulsione in tasca, ma costi di polizia, procura, giudici di tori dell'Arci Caserta accorsi nel tratto di mare tra il nord Africa e le
l’Arci – e allora l’abbiamo accompa- estorto loro 400 euro e un oggetto la possibilità ieri è sembrata allonta- pace, ditte per i lavori e tutte le altre all'ingresso del Cie di farvi in- coste sud dell'Europa in modo da poter
gnato al cancello per farlo soccorre- d’oro in cambio dell’inserimento in narsi. La Rete antirazzista con i sena- spese, un conto molto salato a cari- gresso, alludendo a un presunto individuare le imbarcazioni e poter agire
re. Ma c’erano gli uomini in assetto una lista, inesistente, per la regolariz- tori Marco Perduca e Annamaria co della collettività per tenere in orario di visita, finora mai reso tempestivamente per soccorrerle. «Il prin-
antisommossa, hanno cominciato a zazione. Carloni chiedono da mesi la chiusu- ostaggio 100 persone, fuori da ogni noto, che sarebbe previsto dalle cipio del salvataggio in mare non può più
insultarci, lo trascinavano a terra, è La commissione di Caserta ha re- ra di quello che avrebbe dovuto esse- legalità. ore 10.30 alle 12.30». valere solo per chi si trovi nelle vicinanze
partita la carica, hanno sparato i di un'imbarcazione in difficoltà», ha affer-
gas». Opposta la versione del questo- mato Hammarberg, secondo il quale sa-
re: sarebbero stati i tunisini ad appic- rebbe «difficile sostenere, viste le opera-
care il fuoco, usando carta igienica e Intervista / JAMAL QADDORAH, RESPONSABILE IMMIGRAZIONE DELLA CGIL CAMPANIA zioni militari in Libia, che non vi sono le
accendini, cercando poi di fuggire necessarie risorse per condurre attività di
usando i supporti in ferro. La procu- sorveglianza».
ra di Santa Maria Capua Vetere ha
messo sotto sequestro probatorio
l’intera area: «Accertati fatti eloquen-
Voci dal centro della vergogna so. Ad esempio nei giorni scorsi si è pre-
sentato un tipo, ha detto di essere un avvo-
cato, voleva fare firmare ai ragazzi delle
RAPPORTO INPS/CARITAS
2,7 MILIONI DI IMMIGRATI
ti e gravi di devastazione» fanno sa-
pere. «Il sequestro dà ragione alle no-
stre denunce, a quanto sostenuto da
«È peggio di un carcere» carte, quando sono entrati i legali veri è
scappato. Chi lo ha fatto entrare? Anche
su questo abbiamo fatto un esposto.
ISCRITTI ALLA PREVIDENZA
Operai nell'industria metalmeccanica e
tessile, lavoratori domestici ed edili ma
comitati e sindacati – spiega l’avvo- Da marzo chiedevate la chiusura della anche commesse, baristi e braccianti agri-
cato Cristian Valle -. Avevamo già fat- A.Po. struttura, ieri il sequestro. Potrebbero coli: sono oltre 2,7 milioni i lavoratori im-
to un esposto per le pessime condi- NAPOLI aprire un altro Cie? migrati regolarmente iscritti all'Inps, per
zioni sanitarie, un altro perché ven- È una vergogna per la Campania, Centri quasi due terzi nelle regioni del Nord (1,7

«U
ga accertata la causa dell’incendio. na gestione ambigua» la defini- di identificazione ed espulsione non ne vo- milioni), mentre al Centro sono 650.000
È evidente che il campo non rispetta sce Jamal Qaddorah, responsa- gliamo. Il sindacato, le associazioni anti- (il 23,8%) e al Sud 380.000 (il 13,9%).
le norme di sicurezza, come dimo- bile per le politiche dell’immi- razziste e alcuni senatori Pd e radicali so- Questa la fotografia del lavoro immigrato
stra la documentazione che abbia- grazione della Cgil Campania, quella del no impegnati nella battaglia, il governato- scattata dal Rapporto Inps-Caritas. Al
mo depositato». In serata si è riunito Cie di Santa Maria Capua Vetere. Una si- re invece tace. Ma c’è bisogno di cambiare Nord - spiega l'Istituto di previdenza - si
il tavolo per l’ordine e la sicurezza, tuazione che conosce bene perché è entra- radicalmente approccio sulla questione concentrano i lavoratori dipendenti delle
obiettivo individuare un nuovo sito to nel campo tutte le volte che le autorità migranti e, soprattutto, fare chiarezza sul- imprese (soprattutto metalmeccaniche
dove smistare i migranti, a cui si è hanno consentito l’accesso. Un portone la gestione dell’accoglienza, che spesso fi- ma anche del commercio), mentre nel
cercato di addossare tutte le respon- piantonato da carabinieri a cavallo e poi nisce a Croce rossa e Protezione civile. Centro è rilevante e «ben superiore alla
sabilità. Un luogo, probabilmente, una prima rete che chiude il cortile inter- Come funziona l’accoglienza? media» la concentrazione degli immigrati
come l’Andolfato, ex carcere milita- no e poi ancora un’altra, l’ultima, dietro A Santa Maria Capua Vetere, ad esem- occupati nel settore domestico (un terzo
re. Il permesso di soggiorno come ri- cui sono rinchiusi un centinaio di tunisi- pio, la Prefettura ha fatto un bando per dei casi), e nel Mezzogiorno quella degli
sarcimento per essere stati rinchiusi ni. una struttura che è piena di carenze, asso- operai agricoli. La Lombardia da sola ac-
illegalmente a Santa Maria, invece, Come sono le condizioni nel centro? lutamente inadatta. Ma la regione è piena coglie più di un quinto degli iscritti Inps
la richiesta della Rete antirazzista. Drammatiche. Con il caldo le tempera- di realtà alberghiere piccole e grandi, ho- immigrati (il 21,2%), una quota superiore
Ieri niente medici, né operatori e ture salgono fino a 40 gradi e non siamo tel come agriturismo, a Napoli, Somma Ve- a quella dell'intero Mezzogiorno. Nel Vene-
neppure cibo nel campo. I tunisini ancora in estate, devono fare la fila pure suviana, Ariano Irpino, San Giorgio del to lavora il 12,2% degli assicurati, una
raccontano di un ragazzo ferito alla per andare al bagno. L’esasperazione è al- Sannio… Dove sono stati dirottati gruppi quota di poco inferiore a quella dell'intero
testa da un sasso lanciato dall’ester- tissima anche perché non c’è chiarezza di rifugiati per motivi politici o umanitari Sud. L'incidenza più elevata degli immi-
no del recinto che li chiude (dentro sulla loro situazione giuridica, da settima- dal Mali, Libia, Burkina Faso, Somalia, Ni- grati sul totale degli iscritti all'Inps è nel
è tutto spianato), un altro ha il gesso ne minacciavano di farsi del male da soli. geria, li abbiamo censiti tutti. Lo stato pa- Trentino (il 18,6%) mentre il valore più
e la gamba gonfia che gli fa male, Ogni nuovo turno delle forze dell’ordine ga 40 euro al giorno a persona semplice- basso si registra in Sardegna (3,7%). La
molti i contusi, ma hanno paura di l’insofferenza nei confronti dei migranti mente per tenerli lì abbandonati. Un giro provincia con l'incidenza più alta è invece
andare al pronto soccorso, temono sale, vengono continuamente puniti. Così di affari che è anche uno spreco di soldi, Prato. Gli operai agricoli sono 231.000
rastrellamenti che li avviino al rimpa- devono rimanere chiusi nelle tende e non soldi che finiscono nelle tasche degli italia- mentre i lavoratori autonomi sono il
trio. Le nottate scandite da manga- possono uscire più di tre volte al giorno, ni. Ma i migranti, intanto, non sanno asso- 10,8% del totale. Tra i lavoratori dipen-
nelli e lacrimogeni si susseguono da oppure non hanno i pasti, non fanno en- lutamente che fare, chi li può aiutare a in- denti delle aziende è prevalente il settore
marzo perché il campo è talmente trare i medici o i mediatori culturali e cer-
«L’esasperazione è serirsi nel tessuto sociale. Allora può capi- commerciale con negozi, bar e ristoranti
invivibile da rendere impossibile la te volte neppure gli avvocati. altissima, non c’è chiarezza tare addirittura che due rifugiati somali ri- (il 41,6% del totale) ma è in edilizia che
pacifica permanenza, figuriamoci la Sono chiusi in un carcere. cevano dalla questura di Salerno il decre- si registra la massima incidenza di immi-
reclusione forzata. Di giorno il caldo Peggio che in un carcere. Sono comple- giuridica. Da settimane to di espulsione perché si sarebbero sot- grati sui lavoratori totali (il 22,6%). Gli
è asfissiante, da più di un mese dor- tamente isolati, noi non possiamo eserci- i migranti minacciavano tratti ai controlli alla frontiera. Se non sai immigrati sono in genere inquadrati nelle
mono senza le reti, i materassi stesi tare neppure un attività di controllo però a chi rivolgerti, se non fai opposizione, fi- aziende ai livelli più bassi, con l'81,9%
a terra. Gli acquazzoni dei giorni poi strani personaggi hanno libero acces- di farsi del male da soli» nisci ricacciato nella clandestinità. iscritto come operaio e il 7,4% come ap-
scorsi li hanno inzuppati rendendo prendista.
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 7

ECONOMIA E LAVORO
RAPPORTO SUI DIRITTI · Il rapporto tra finanza e economia reale è di 14 a 1. L’indagine curata da Cgil e associazioni

Europa, addio caro vecchio welfare


L’ex Belpaese, tra SCUOLA BCE
DRAGHI: LA POLITICA
il 2008 e il 2011, ha MONETARIA NON CAMBIERÀ
tagliato la spesa Il sindacato Usb: La Bce di Mario Draghi sarà «indipenden-
sociale del 78%. Un sciopero scrutini te, credibile e pragmatica». Parola dell'at-
tuale governatore di Bankitalia e prossi-
miliardo di euro a Cpt e Cie L'Unione Sindacale di Base mo presidente della Banca centrale euro-
Scuola ha proclamato lo sciope- pea, il quale assicura che, visti i successi
ro nazionale degli scrutini. Lo ottenuti negli ultimi 12 anni, l'istituzione
Riccardo Chiari sciopero inizia il 9-10 giugno in Ue continuerà ad assicurare la stabilità
Marche e Puglia, a seguire il dei prezzi «senza cambiare la sua politica

U
ltimo in ordine di apparizio- 10-11 giugno in Veneto, il monetaria». Le prime indicazioni sulla
ne ma non certo per nitidez- 16-17 giugno in Liguria e a Bol- politica della Bce versione Draghì sono
za di analisi, anche il «Rap- zano, il 14-15 giugno in tutte le state date dal diretto interessato nelle
porto sui diritti globali 2011» certifi- altre regioni. Nelle stesse giorna- risposte ai quesiti - diffuse ieri - che gli
ca, numero dopo numero, la macel- te l'Usb scuola ha proclamato europarlamentari gli hanno posto in vista
leria sociale portata avanti dal gover- sciopero di 24 ore del persona- dell'audizione che si terrà il 14 giugno
no Berlusconi nei suoi tre anni di le Ata. L'Usb ha indetto lo scio- prossimo a Bruxelles nella sede del Parla-
quotidiano, certosino lavoro ai fian- pero orario per consentire ai mento europeo. Un passaggio importante
chi di quanto restava del welfare ita- docenti di scioperare solo per in vista della nomina formale del succes-
liano. Al tempo stesso, alzando lo uno scrutinio, e dunque di alter- sore di Jean-Claude Trichet da parte del
sguardo alla dimensione europea narsi nei due giorni consentiti Consiglio Europeo convocato per il 24
che del welfare è stata portabandie- per legge con una trattenuta giugno. In un documento di oltre 30 pagi-
ra nei primi trent’anni del secondo pari all'effettiva durata dello ne, la futura massima autorità monetaria
dopoguerra, la nona edizione del scrutinio «bloccato», senza per- europea tocca praticamente tutti gli argo-
Rapporto ribadisce la sproporzione dere la paga dell'intera giorna- menti possibili, dalla crisi della Grecia
record tra la finanza globale e l’eco- ta. Questa modalità si affianca agli Eurobond (sui quali esprime un giudi-
nomia reale. Con quel che ne conse- a quella che prevede lo sciope- zio prudente a differenza del ministro del-
gue in tema di ricadute, anche e so- ro per l'intera giornata, procla- l'Economia italiano Giulio Tremonti), dal
prattutto sociali. mato da altri sindacati. Lo scio- rafforzamento della sorveglianza sui Paesi
I numeri raccontanto che nel pero è indetto contro la politica dell'Eurozona all'ipotesi di introdurre una
2008 il mercato dei derivati conosce- del ministro Gelmini, la privatiz- tassazione sulle transazioni finanziarie e
va una dimensione di 668mila miliar- zazione della scuola, la precariz- alla necessità di garantire un dollaro for-
di di dollari, mentre la filiera della fi- zazione sistematica dei rapporti te. Ma prima di tutto Draghi sgombra il
nanza più tradizionale copriva un di lavoro, la scuola dei test In- campo da ogni possibile dubbio - se mai
mercato di 167mila miliardi di dolla- valsi e della performance azien- ce ne sono stati - sul fatto che sotto la
ri, e il pil mondiale non arrivava a dale; l'ingresso delle fondazioni sua presidenza la politica della Bce conti-
61mila miliardi di dollari. In altre pa- private, la progressiva riduzione nuerà ad assicurare la stabilità dei prezzi
role, il rapporto tra finanze ed econo- dell'organico Ata, ridotto di qua- così come finora fatto.
mia reale era di 14 a 1. E l’andazzo, MILANO,ALLO SCIOPERO GENERALE DELLA CGIL/FOTO PAOLO SALMOIRAGO si il 20% in 3 anni.
nonostante la crisi finanziaria, non è GERMANIA
cambiato. Anzi. Fra le conseguenze, LA LOCOMOTIVA D’EUROPA
annota il Rapporto curato da Sergio 273,8 milioni, 69 milioni nel 2012, e PERDE QUALCHE COLPO
Segio e pubblicato dalla Ediesse, ca- 44 nel 2013. E ancora: il Fondo per la Contratti / RAPPRESENTANZA SINDACALE E IMPRESE La cancelliera tedesca Angela Merkel non
sa editrice della Cgil, il fatto che nel- famiglia nel 2008 è stato di 346,5 mi- esclude che la prima economia d'Europa
la partita ci siano due canoni arbitra- lioni, nel 2010 di 185,3 milioni, e que- possa archiviare anche il 2011 con una
li, a vantaggio degli stati più grandi.
Quelli troppo grandi per fallire, co-
me gli Usa che viaggiano con un de-
st’anno si taglia del 71,3%, con appe-
na 52,5 milioni di euro. Stesso discor-
so per gli altri fondi del welfare: da
Il sogno nero dell’«avviso comune» crescita superiore al 3%, ma la locomoti-
va Ue - come ama definirla il ministro
delle Finanze Wolfgang Schaeuble - sem-
bito pubblico oltre i 20mila miliardi
di dollari. «Superiore, nel rapporto
con il pil, a quello dell’Italia. E il defi-
quello per infanzia e adolescenza a
quello per i non autosufficienti, dal
fondo per il sostegno all’affito e quel-
Perplessi gli industriali (bolognesi) bra perdere colpi nel contesto di una ri-
presa mondiale che procede ancora a
diverse velocità. I dati emersi ieri indica-
cit è più alto di quello della Grecia. lo per le pari opportunità. Mentre no in particolare che nel mese di aprile
Ma nessuno ha ovviamente chiesto quello per l’inclusione sociale degli Francesco Piccioni fuori completamente la Cgil (e la Fiom) come «soggetto l'export della Germania è sceso più del
agli Stati Uniti di rientrare». In que- immigrati è sparito già da anni. trattante», ma soprattutto per eliminare le Rappresen- previsto, mentre la produzione industriale

C
sto già patologico contesto globale, Sergio Segio tira le somme: «I co- ome si stabilisce se un contratto di lavoro rappre- tanze sindacali unitarie (elette dai lavoratori con siste- è diminuita a sorpresa, rispetto alle stime
il Rapporto promosso dal sindacato sti della crisi sono ricaduti sul siste- senta davvero la volontà dei contraenti (imprese ma proporzionale, anche se con «riserva» di un terzo della vigilia che la davano in ulteriore cre-
di Corso Italia insieme ad Arci, Anti- ma di protezione, sugli operai, sulle e lavoratori)? Ovvero, se chi firma - essendo «col- per i confederali) sostituendole con le Rsa (delegati no- scita. Intanto, Eurostat ha confermato da
gone, ActionAid, Legambiente e famiglie. Siamo in una stagione di lettivi» tutti i contratti non aziendali - rappresenta sul se- minati dai sindacati stessi). Ma un magheggio soprattut- Bruxelles che il Pil dei paesi dell'eurozona
Gruppo Abele segnala poi che, nella macelleria sociale, portata avanti dal rio la propria parte? La domanda, naturalmente, ha sen- to mirante a eliminare il «parere vincolante» (il voto) di e dell'intera Ue nel primo trimestre dell'an-
dimensione europea, la crisi sta spin- governo con tagli del 78,7% al welfa- so solo dal lato dei lavoratori, perché le imprese sono i coloro che poi dovranno subire le conseguenze dei con- no è cresciuto dello 0,8%, contro lo 0,3%
gendo le varie nazioni del continen- re. Eppure i soldi ci sono, il proble- «soggetti forti» e sono loro, da 30 anni a questa parte, a tratti stessi: i lavoratori. del trimestre precedente. Gli economisti
te ad archiviare i loro, pur variegati, ma sono le scelte: abbiamo speso in dettare le condizioni di ogni rinnovo (anche se il «mo- La segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, tedeschi si aspettavano per il mese di
modelli di welfare. «Con la crisi, gli dieci anni un miliardo di euro per dello Marchionne» destabilizza l’intero sistema delle re- cui è stato chiesto – guarda caso dal quotidiano di Con- aprile un calo del 3% dell'export, ma l'uffi-
stati europei stanno semplicemente Cpt e Cie». In ultimo Segio ricorda: lazioni industriali). La domanda non findustria – un parere sull’«avviso cio nazionale di statistica ha annunciato
cercando di liberarsi degli oneri deri- «L’Italia ha un livello di disoccupa- ha più una risposta dal momento comune», ha risposto negativamen- una flessione del 5,5% rispetto al mese
vanti dalla protezione degli strati so- zione giovanile del 29%, uguale a della rottura dell’unità sindacale sul- Il neopresidente te. Ma il problema dei contratti e del- precedente, quando le esportazioni erano
ciali più deboli, e dal mantenimento quello della Tunisia dove è scoppia- la «riforma del modello contrattua- di Unindustria Bologna: la rappresentanza, si diceva, imba- salite del 7,2% (dato rivisto al ribasso dal
di una serie di servizi pubblici a suo ta la primavera del Nordafrica». E le le», a gennaio 2009. razza anche le imprese. Ieri il neo- 7,3%). Non è andata meglio per la produ-
tempo considerati essenziali». possibile toppe? Susanna Camusso In questi giorni si avverte un lavo- «Non si può prescindere presidente dell’Unione industriali zione industriale: invece dell'atteso rialzo
Va da sé che, in questa particolare pensa al nostro sesto posto nell’Oc- rio frenetico sottotraccia che punta dal confronto con la Fiom di Bologna, Alberto Vacchi, è stato dello 0,2%, c'è stato ad aprile un calo
classifica, l’ex belpaese sia nelle posi- se per disuguaglianza sociale, e os- a trovare una soluzione purchessia a molto chiaro: «Non ci sentiamo di dello 0,6% su base mensile.
zioni di vertice. Per precisa strategia serva: «Sono necessari investimenti, questo problema. Non indolore. La
e con la Cgil. essere parificati al mondo Fiat. In re-
politica dell’attuale governo, che al- molta redistribuzione del reddito di- presidente di Confindustria, Emma Isolarli è complicato» altà come la nostra bisogna rendersi CINA
meno fino ad oggi si è unita come minuendo la tassazione sul lavoro e Marcegaglia, sembra la più determi- conto che, pur aprendoci a tutte le AUTO, ARRIVANO GLI INCENTIVI
una tenaglia ai richiami dell’Ue in te- sulle imprese, e aumentandola su fi- nata. Ieri ha dovuto richiamare all’ordine un pasdaran organizzazioni sindacali, non si può prescindere dall’in- ALLA ROTTAMAZIONE
ma di debito pubblico. Il risultato è nanza e grandi ricchezze». Mentre dell’«innovazione» come Luigi Angeletti – segretario ge- terlocutore Cgil-Fiom». Isolarla è «oggettivamente com- Il governo cinese, a sorpresa, ha varato
che dal 2008 al 2011 i dieci principali Rifondazione guarda anche all’Euro- nerale della Uil – definendo «priva di senso» la sua ipote- plicato», visto che «l’obiettivo non è fare il tagliafuori, un nuovo piano di incentivi alla rottama-
ambiti di investimento sociale han- pa. «I tagli al sociale esemplificano si di «disdettare gli accordi del ’93», che aprirono la fase ma di convolgere tutte» le sigle. Anche perché il tipo di zione per il settore auto, dopo il primo
no avuto tagli complessivi pari al un’ottica privatistica di welfare resi- della concertazione (e del blocco salariale). imprese presenti localmente non hanno «l’obiettivo di brusco calo di vendite nel primo mercato
78,7%, passando da 2.527 milioni di duale e caritatevole. Sono politiche Voci insistenti – in realtà ben più che semplici «voci» delocalizzare, ma di mantenere sul territorio solide basi del mondo, -14% in maggio. Che fa più
euro stanziati nel 2008 ai 538 milioni da contrastare mandando a casa – danno lo stesso Angeletti, il pari grado in Cisl Raffaele produttive». Un’altra linea? No, «non voglio rinnegare paura dell’inflazione, evidentemente. Chi
della legge di stabilità 2011. Più in questo governo. Ma anche metten- Bonanni, il ministro del welfare Maurizio Sacconi e na- quanto fatto da Federmeccanica», ma «se mi chiedete compra nuovi veicoli, inclusi camion e
dettaglio, nel Fondo per le politiche do in discussione il nuovo Patto di turalmente Confindustria, propense a siglare un «avvi- se è auspicabile una presidenza di Federmeccanica a bus che rappresentano la parte più impor-
sociali per il 2010 sono stati stanziati stabilità europeo, che rischia di di- so comune» che il governo si incaricherebbe di trasfor- un imprenditore bolognese, non posso che rispondere tante, riceverà bonus da un minimo di
435 milioni complessivi; nel 2009 struggere definitivamente i residui li- mare in legge. Un magheggio immaginato per tagliar positivamente». Altri problemi, diciamo. 11.000 yuan (1.700 dollari) a un massi-
erano stati 584, nel 2011 saranno velli di protezione». mo di 18.000 yuan (2.800 dollari).
pagina 8 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

BRASILE

Alle 10 di ieri sera


il verdetto non era
ancora stato emesso.
Esito «incerto»
per alcuni,
«no all’estradizione»
per i media brasiliani
UN CASO SCOMODO
Maurizio Matteuzzi
Una sentenza
D
opo quattro anni e tre mesi, ie-
ri era il giorno in cui il caso Bat- per elaborare
tisti, che ha diviso Brasile e Ita-
lia con una contrapposizione a mo- la storia
menti assai aspra, doveva arrivare (for-
se) alla fine.
Gli 11 giudici del Supremo tribunale Mauro Palma
federale si sono riuniti a Brasilia alle 2

M
del pomeriggio (le 19 in Italia) per dire entre scriviamo la Corte non
l’ultima parola sull’estradizione di Ce- si è ancora pronunciata, ma è
sare Battisti, mentre l’ex-terrorista ita- atteso un no all’estradizione.
liano, arrestato il 18 marzo 2007 a Rio Una decisione quella del Tribunale Su-
de Janeiro dove era arrivato (con passa- premo brasiliano sul caso Battisti che,
porto falso) nel 2004 in fuga dalla Fran- se confermerà l’attesa, non stupisce.
cia, aspettava il verdetto nel carcere di Quantomeno non stupisce coloro che
Papuda, in cui è rinchiuso da quattro BRASILIA, SOSTENITORI DI BATTISTI DAVANTI LA CORTE SUPREMA. A DESTRA, CESARE BATTISTI. SOTTO, DILMA ROUSSEF/REUTERS hanno cercato di seguire le argomenta-
anni e tre mesi, a poche centinaia di zioni delle autorità giudiziarie e politi-
metri di distanza. che brasiliani senza quell’eccesso di af-
Al momento di chiudere questa edi- BRASILIA · Davanti agli 11 magistrati del Supremo tribunale federale il caso dell’ex-terrorista fermazioni apodittiche sul caso specifi-
zione (le 10 di ieri sera), il verdetto non co e di connotazioni specifica sulla sua
era ancora stato emesso. Da Brasilia ar-
rivavano flash che lo davano ancora co-
me «incerto», anche se la gran parte
dei media brasiliani invece dava la con-
ferma del no all’estradizione e la sua
Battisti: la parola ai giudici persona che hanno caratterizzato il di-
battito italiano. Un eccesso di attribu-
zione di ruolo, responsabilità e rappre-
sentatività simbolica che ha finito per
rendere il suo caso non più una pur con-
imminente liberazione come «certa». Quella decisione scatenò un altro nale brasiliano di qualche mese fa che troversa applicazione di regole e tratta-
«Ottimista, tranquillo e in buona sa- putiferio, con un nuovo messaggio del GOVERNO anche il manifesto ha pubblicato pro- ti, ma quasi un regolamento di conti
lute», secondo Maria Luiza Fontenelle, presidente Napolitano a Dilma Rous- vocando non poche reazioni) è finito con un periodo della nostra storia, col-
ex sindaco di Fortaleza, che insieme al seff e la risposta, nel gennaio scorso, in La prima crisi di Dilma: via per diventare uno scontro fra diverse lettiva e individuale, nonché una mu-
senatore Eduardo Suplicy - entrambi
esponenti del Partido dos Trabalhado-
cui la nuova presidenta ribadiva, picca-
ta, la decisione del suo predecessore e
ministro chiaccheratissimo soggettività «offese»: l’offesa alla demo-
crazia italiana, alla giustizia, alle vitti-
scolare rappresentazione della nostra
pretesa superiorità giuridica.
res di Lula e Dilma e animatori del mentore politico. me del terrorismo da una parte; l’offe- Tutto ciò ha reso più deboli le argo-
gruppo di appoggio a Battisti -, è anda- Ma il governo italiano non si rasse- Oltre alla grana Battisti, che potrebbe ricaderle addos- sa alla sovranità giuridica e politica del mentazioni di chi riteneva opportuna e
ta a visitarlo in cella. Per Roberto Barro- gnò facendo fuoco e fiamme, e presen- so, la presidente Dilma Rousseff a 5 mesi dal suo Brasile dall’altra. regolare la sua estradizione, ma ha al
so, il suo difensore, invece Battisti è sì tando un ulteriore ricorso al Supremo insediamento si trova ad affrontare la prima crisi di Oltre tutto non è neanche sicuro contempo evidenziato la debolezza del-
«fiducioso, ma ansioso e nervoso». tribunale federale. La tesi, esposta (an- governo. Martedì si è infatti dimesso il ministro della che la saga abbia trovato ieri la sua pa- le stesse poiché ha posto nuovamente in
Prima dell’inizio della seduta si cer- che nella seduta di ieri davanti alla Cor- Casa civile, una sorta di primo ministro-ombra: Antonio Palocci era accusato di rola fine. Perché, secondo l’avvocato evidenza uno dei limiti teorici, culturali
cava di capire quale potesse essere il ri- te) da Nabor Bulhoes, l’avvocato brasi- arricchimento illecito e l’opposizione in Congresso gli chiedeva di spiegare come Barroso, anche nel caso il Stf decides- e concreti della legislazione dell’emer-
sultato, sulla base delle posizioni pre- liano che difende la posizione del go- avesse potuto moltiplicare per 20 il suo patrimonio in soli 4 anni (9 milioni di euro se di sconfessare Lula, questo non si- genza di trent’anni fa: quella piegatura
cedentemente espresse dagli 11 giudi- verno italiano, è che «gli argomenti del solo nel 2010). Palocci, ex trotzkista, ministro dell’economia semi-liberista del gnificherebbe automaticamente soggettivista che determinava la centrali-
ci o dalle loro inclinazioni. La maggio- presidente Lula avessero i limiti del primo governo Lula, fu già costretto a dimettersi nel 2006 per un altro caso di cor- l’estradizione: «Il caso dovrebbe ritor- tà non già dell’astrattezza dell’accertare
ranza dei media brasiliani propendeva trattato di estradizione». Per esempio ruzione (il «mensalao»). Palocci era stato imposto da Lula a Dilma che ora potreb- nare dalla presidenta Dilma in quanto e sanzionare in sede processuale reati e
per una sentenza che confermasse il «la supposizione che Battisti sarebbe be cominciare a uscire dall’ombra dell’ex-presidente. Con una mossa a sorpresa il Stf non ha la competenza di estrada- relativi responsabili, bensì quella della
no all’estradizione dato da Lula il 31 di- stato perseguitato in Italia, già esclusa ha nominato una donna, Gleisi Hoffmann, senatrice poco conosciuta del Pt. re le persone». valutazione della personalità di ogni im-
cembre scorso, ultimo giorno prima di dal Stf con la decisione del 2009 favore- putato, per valutare il suo essere o meno
uscire dopo 8 anni dal palazzo presi- vole all’estradizione»; oppure l’argo- ancora irriducibile antagonista o la sua
denziale di Planalto per far posto al mento relativo all’ergastolo, che il Bra- disposizione a collaborare o a dissociarsi
suo successore Dilma Rousseff. sile ha abolito con un massimo di 30 dal proprio passato. Le gabbie che distin-
Una sentenza tuttavia con margini anni di carcere, che secondo Bulhoes guevano nella scena processuale gli im-
numerici che si prevedevano molto «Battisti non dovrà scontare nel caso putati tra pentiti, dissociati e irriducibili
stretti, tipo 6 a 5 o 5 a 4, nel caso due fosse estradato in Italia» (anzi, a sentir erano l’immagine plastica di questo ap-
giudici si astenessero dal voto per ra- lui, «in poco tempo verrà liberato»). Il prodo culturale; e la collocazione in una
gioni di cosicenza, come accadde il 18 ricorso dell’Italia fu accolto dal Supre- o nell’altra gabbia era indicativa di un
novembre 2009. In quell’occasione pe- mo tribunale che, respinte le istanze di passaggio che mutava entità della pena
rò il verdetto fu negativo per Battisti liberazione di Battisti, infine si è riuni- e modalità della sua esecuzione.
giacché il Supremo tribunale annullò to, ieri, per decidere se gli argomenti In qualche modo il dibattito che si è
lo status di rifugiato politico che nel usati da Lula sono compatibili con il sviluppato attorno alla vicenda Battisti è
gennaio precedente gli aveva ricono- trattato di estradizione. stato ancora figlio di quella cultura, an-
sciuto l’allora ministro della giustizia Uno strano guazzabuglio. Il Stf ave- che nei modi e nei toni. Eppure il conte-
Tarso Genro, provocando un’aspra rea- va detto che l’ultima parola spettava al sto naturale in cui considerare le motiva-
zione da parte italiana. Con Berlusco- presidente della repubblica e poi, do- zioni per cui il presidente Lula ha chiuso
ni e Frattini che richiamarono l’amba- po che questi l’ha pronunciata, si riuni- il suo mandato negando l’estradizione
sciatore e chiesero a Lula di rivedere la sce di nuovo per decidere se quella pa- di Battisti e la decisione odierna del Tri-
decisione, con il presidente Napolita- rola sia compatibile con il trattato. bunale Supremo che stabilisce che tale
no a scrivergli manifestando «stupore L’argomentazione del difensore di decisione non è in conflitto con il tratta-
e rammarico» (e con Lula a rispondere Battisti, Roberto Barroso (ripetuta an- to di estradizione tra Brasile e Italia, do-
che gli italiani dovevano «rispettare la che ieri davanti al Stf), era invece che vesse essere del tutto diverso. Una sche-
decisione sovrana» dello stato brasilia- «in discussione non è l’estradizione matica illustrazione può essere data in
no). Ma in quella stessa votazione i giu- ma la conferma di un atto di sovranità due punti. Il primo è che nessuno stato
dici del Stf decisero anche, sempre per dello stato brasiliano». Un argomento concede l’estradizione di un individuo
5 a 4, che l’ultima parola spettasse a Lu- che in Brasile (come nelle altre «ex-co- verso un paese dove egli dovrebbe scon-
la. E Lula, in camera caritatis, disse no lonie») fa sempre molta presa. Jo- tare una pena non prevista nel proprio
all’estradizione dopo aver chiesto il pa- aquim Barbosa, primo giudice di colo- ordinamento: e ciò nonostante l’assicu-
rere scritto dell’allora avvocato dello re del Stf, si è detto più volte contrario razione che possa essere data dallo stato
stato Antonio Dias Toffoli (divenuto all’estradizione di Battisti in quanto sa- richiedente, perché questa ha valore
oggi uno dei giudici del Stf...) che lo re- rebbe «un’offesa nei confronti della so- non vincolante, meramente intenziona-
dasse sulla base «delle clausole del trat- vranità brasiliana». le. L’Italia poteva commutare la pena
tato di estradizione in vigore fra Brasi- Così il caso Battisti (cui non ha gio- dell’ergastolo, che non esiste in Brasile,
le e Italia» firmato nel 1989. vato un’intervista «sparata» a un gior- in una pena temporanea prima di ri-
chiederne l’estradizione. Non solo, ma
– e questo è il secondo punto – proprio
l’eccesso di dichiarazioni e di vesti strac-
PROFILO · Una vita da fuggiasco ciate all’ipotesi della mancata estradi-
zione, ha indotto le autorità brasiliane a
ritenere che una volta estradato, Battisti
Cesare Battisti, una vita in fuga dopo attentati, condanne, carcere, è nato nel 1954 a Ser- non avrebbe goduto dei normali percor-
moneta, non lontano da Latina. Nel 1968 si iscrive al Liceo classico, nel 1971 abbandona si di esecuzione della pena previsti dal
la scuola, nel ’72 primo arresto per una rapina compiuta a Frascati. Tra il ’74 e il ’76 altri nostro ordinamento e dei relativi benefi-
arresti per furto e sequestro di persona. Nel ’76 partecipa alla fondazione dei Pac, Proletari ci e che, quindi, avrebbe avuto condizio-
armati per il comunismo, formazione nata nell'area dell'autonomia del quartiere Barona, alla ni peggiori rispetto a quelle di un qualsi-
periferia di Milano. Nel ’77 nuovo arresto, sempre per rapina, nel carcere di Udine conosce asi altro detenuto. E ciò è uno degli ele-
Arrigo Cavallina, ideologo dei Pac. Arrestato a Milano il 26 giugno ’79 e condannato a 13 menti per i quali il trattato non autoriz-
anni per l'omicidio del gioielliere Pierluigi Torreggiani, ucciso nel febbraio ’79. Nell’81 evade za l’estradizione.
dal carcere di Frosinone grazie a un assalto di terroristi. Nell’85 è condannato all'ergastolo La chiusura odierna della vicenda
nel processo contro i Pac, sentenza confermata dalla Cassazione nel ’91. La condanna è deve comunque servire non già a ria-
per vari reati, tra cui 4 omicidi: oltre a Torreggiani e al macellaio Lino Sabbadin (militante prire sterili discussioni o indignate pro-
del Msi), febbraio ’79 a Milano e Mestre, il maresciallo degli agenti di custodia Antonio San- teste, bensì a riflettere sulla necessità
toro, ucciso a Udine il 6 giugno 1978, e l'agente Digos Andrea Campagna, ucciso a Milano di elaborare le storie di quegli anni, in
il 19 aprile 1978. Però Battisti non c'è più. Parigi, poi Messico, a Puerto Escondido, con la un modo tale da non avere alcuna
compagna Laurence, dalla quale si è poi separato e che gli ha dato due figlie, di nuovo Pari- compiacenza con vicende e scelte
gi, nel ’90, dove viene arrestato ma la Francia nega l' estradizione e torna in libertà. Nel ’97 drammatiche che hanno prodotto lut-
- già affermato autore di noir per Gallimard - è uno della colonia dell'estrema sinistra italia- ti, ma neppure assecondare una rico-
na rifugiata in Francia che chiede all'allora presidente Scalfaro una soluzione politica »di struzione auto-assolutoria della me-
indulto o di amnistia« dei reati loro addebitati. Fuggito in Brasile nel 2004, poco prima che moria che non rende giustizia a quan-
il Consiglio di stato francese decidesse la sua estradizione in Italia, il 18 marzo 2007 Batti- to anche di negativo sul piano istituzio-
sti, che afferma di essere innocente, è arrestato a Rio de Janeiro. nale e ordinamentale essa ha lasciato.
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 9

INTERNAZIONALE
LIBIA · Rasmussen a Bruxelles: raid fino alla caduta di Gheddafi. «Rammarico» per le vittime civili I RAID ATLANTICI
Uranio impoverito
La Nato: escalation aerea e bombe tricolori
Manlio Dinucci PALESTINA OCCUPATA

T
ra le bombe che piovono sui Il boom? Inventato
due milioni e mezzo di abitanti da Netanyahu
dell’area urbana di Tripoli, ora
anche in pieno giorno, vi sono sicura- Il boom economico della Cisgior-
mente quelle italiane. Si tratta di una dania occupata del quale tanto si
«operazione aerea combinata» cui par- parla è una invenzione dei me-
tecipano cacciabombardieri di più pae- dia e del premier israeliano Ne-
si, comunica il Comando della forza tanyahu. Lo rivela un rapporto
congiunta alleata a Napoli. In poco diffuso dall’Unrwa (l’agenzia del-
più di due mesi la Nato ha compiuto l’Onu che assiste i profughi pale-
oltre 10mila operazioni aeree sulla Li- stinesi) che spiega come i segnali
bia, di cui circa 4mila con bombe e positivi registrati negli ultimi an-
missili, effettuate per la maggior parte ni non abbiano cancellato proble-
da cacciabombardieri di Gran Breta- mi, contraddizioni e punti debo-
gna, Francia, Italia e Canada, e da ae- li. Il rapporto illustra i dati negati-
rei Usa Predator/Reaper telecomanda- vi sul fronte dell’occupazione,
ti. L’aeronautica italiana non rivela mette in evidenza il rincaro dei
Michele Giorgio quante bombe e missili ha lanciato (se- prezzi e la perdita di potere d’ac-
condo una stima, oltre 200 in un me- quisto da parte della popolazio-

L
a ferma intenzione della Nato se), ma comunica di che tipo sono. ne. Più di tutto denuncia il so-
di continuare la guerra è la so- Nel documento «Unified Protector: stanziale mantenimento delle
la certezza per la Libia dove le capacità di attacco dell’AM» (6 giu- forti restrizioni imposte dall’occu-
giorno dopo giorno sale il bilancio gno), specifica che sono bombe a gui- pazione militare e dalla coloniz-
di civili uccisi nei bombardamenti da laser e Gps della statunitense zazione israeliana in Cisgiorda-
degli aerei dell’Alleanza. Ieri apren- Raytheon, dei tipi Gbu-16 Paveway II nia. Nel complesso l’economia
do la riunione di Bruxelles il segreta- da circa mezza tonnellata e Gbu-24 Pa- palestinese continua a dipendere
rio generale della Nato Anders Fogh veway III da una tonnellata: quest’ulti- dal flusso degli aiuti stranieri e
Rasmussen ha annunciato che an- ma, sganciata a bassa quota a oltre 15 da qualche rimessa. Il rapporto
drà avanti l’offensiva aerea in Libia, km dall’obiettivo, è «una bomba di pre- perciò appare in forte contrasto
dopo aver ottenuto il sostegno degli cisione usata per distruggere i più resi- con l’immagine di un’economia
alleati per una proroga oltre i 90 stenti bunker sotterranei». Anche la cisgiordana in piena fioritura,
giorni inizialmente previsti, e aven- BRUXELLES, IL SEGRETARIO DELLA NATO ANDERS FOGH RASMUSSEN. ZLITAN, INSORTI CON BOMBE DI MORTAIO/FOTO REUTERS bomba Gbu-32 Jdam della statuniten- usata più volte da Netanyahu.
do a disposizione i mezzi necessari se McDonnell Douglas, a guida inerzia- Secondo il portavoce dell’Unrwa
per portare a termine l’operazione. del regime». Rasmussen a Bruxelles «IL RAÌS NON È IN EPISCOPATO» profonde. Soprattutto sul fatto che le e Gps, lanciata a circa 25 km dal- Chris Gunness, «l’occupazione
«Abbiamo la disponibilità degli “as- ha ripetuto cose già dette decine di il leader Muammar Gheddafi debba l’obiettivo, viene usata contro «target militare, la presenza degli inse-
set” necessari per continuare le ope- volte: «Posso assicurare che i nostri lasciare il Paese, come chiesto dai ri- rinforzati». Ciò significa che queste diamenti (colonici), la violenza
razioni», ha detto Rasmussen inco- comandi sono concentrati ad evita- «È una notizia assolutamente belli. Le speranze di una soluzione bombe hanno sicuramente testate pe- dei coloni e gli ostacoli frapposti
raggiando «altri alleati ad ampliare re vittime civili e che sono attenti al infondata, quasi inimmaginabi- politica restano vane nonostanze gli netranti a uranio impoverito e tungste- dalla barriera di separazione (il
il loro sostegno», ossia permettendo modo in cui conducono le operazio- le». Cosi il vicario apostolico di sforzi di mediazione di Margelov, ar- no per distruggere edifici rinforzati. Gli Muro, ndr), continua a incidere
l’impiego di aerei che ora sono im- ni per proteggere la popolazione». Tripoli, mons. Giovanni Innocen- rivato martedì a Bengasi, dove ha in- aerei italiani usano anche missili da sulle prospettive dei palestinesi,
pegnati solo a garantire la «No-fly Bombardamenti sono proseguiti an- zo Martinelli, ha smentito ieri contrato Mustafa Abdul Jalil, capo crociera a lungo raggio Storm Shadow, segnatamente dei profughi».
Zone» sulla Libia, anche nei raid che ieri. I caccia, secondo la tv satel- voci di stampa secondo cui del Cnt. «La Russia vuole vedere la fabbricati dalla Mbda di cui fa parte
contro bersagli al suolo. litare al Jazeera, hanno effettuato 25 Gheddafi si sarebbe nascosto Libia come uno Stato unico, indi- Finmeccanica, la cui carica esplosiva è FIAMMA NIRENSTEIN
L’offensiva si intensificherà e no- attacchi su Tripoli. Sul terreno i sol- da qualche settimana all'inter- pendente, sovrano e democratico, «ottimizzata per neutralizzare struttu-
nostante le smentite di Rasmussen dati fedeli a Gheddafi a loro volta no dell'episcopato della capita- parte integrante del mondo arabo e re corazzate e sotterranee», e missili «Tra i più influenti
dovrebbe vedere presto l’impiego di avrebbero cannoneggiato la zona le libica. Martinelli afferma inol- parte inalienabile dell’Unione Afri- Agm-88 Harm della Raytheon per «la al mondo»
truppe di terra, come indica la parte- orientale di Misurata nel tentativo tre di non aver avuto recente- cana», ha detto Margelov a Voice of soppressione dei radar nemici».
di avanzare verso la città facendo, mente «alcun contatto né con Russia. La «Russia sta cercando di Queste bombe e missili di ultima ge- L’italiana Fiamma Nirenstein,
Ieri 25 attacchi secondo fonti locali, almeno 12 mor- Gheddafi né con le autorità libi- costruire un ponte tra queste due nerazione – impiegati nella guerra con- parlamentare di destra (Pdl) e
ti. che», e mette in guardia rispet- branchie separate della società libi- tro la Libia, cui il governo Berlusconi giornalista, è una dei 50 ebrei
aerei su Tripoli. Intanto l’inviato russo Mikhail to alla diffusione di informazioni ca», ha aggiunto il mediatore di Mo- fa partecipare l’Italia – non avrebbero più influenti al mondo. A procla-
Margelov ha lasciato ieri la Libia di questo genere. «Notizie di sca. Da Ankara ieri hanno annuncia- potuto essere usati se nel 2007 il gover- marlo è stato il quotidiano israe-
Fermata dagli con un nulla di fatto, potendo solo questo tipo - afferma - potrebbe- to che la prossima riunione del co- no Prodi non avesse deciso di ammo- liano «The Jerusalem Post» che
insorti un’offensiva constatare che le divisioni tra i rap- ro nuocere alla chiesa, perché siddetto «gruppo di contatto» sulla dernare i cacciabombardieri Tornado ogni anno stila questa classifica.
presentanti del governo di Tripoli e potrebbero indurre erroneamen- Libia, in programma per luglio, si (con una spesa di oltre 50 milioni di eu- È la prima volta che un tale rico-
lealista su Misurata quelli del Cnt di Bengasi restano te la Nato a un'azione». svolgerà in Turchia. ro), facendo tesoro dell’esperienza dei noscimento viene assegnato a
Tornado nella guerra contro la Jugosla- un’italiana. Nirenstein fa parte di
cipazione, già da qualche giorno, di via, cui il governo D’Alema aveva fatto un gruppo che include personag-
elicotteri da combattimento france- partecipare l’Italia. E’ grazie a questo gi di primo piano come il fonda-
si e britannici agli attacchi contro
LA SIRIA NEL PRECIPIZIO impegno bipartisan che l’Aeronautica tore di Facebook Mark Zucker-
l’esercito governativo libico. La Na- può oggi dichiarare di aver acquisito il berg, il primo ministro israeliano
to è convinta che il regime sia al
«collasso» e l’invio di reparti speciali
pare scontato di fronte alla determi-
I tank verso Jisr al Shughour «potere aerospaziale». Ciò significa – si
spiega nel documento – avere assoluta
libertà di manovra al di fuori delle limi-
Benyamin Netanyahu, l’ex capo
del Mossad Meir Dagan, il presi-
dente della Federal Reserve Ben
nazione del colonnello Muammar
Gheddafi di non arrendersi e di ri-
manere nella sua terra. Corpi scelti
La Turchia: accoglieremo rifugiati tazioni imposte dalla geografia del glo-
bo, dare massimo risalto alla mobilità
(raggiungere sempre più in fretta lonta-
Bernanke e l’attrice Natalie Port-
man. Tra i «meriti» che il quoti-
diano israeliano attribuisce a Ni-
da utilizzare negli scontri strada per ni teatri operativi) e all’autonomia nel renstein ci sarebbe quello di aver
strada, casa per casa, quando i ribel- Miriam Giannantina dall’emergenza del 1991 quando la Turchia accolse sostenere operazioni che possono pro- fatto aggiungere alla lista Ue dei
li del Consiglio nazionale transitorio DAMASCO circa 450.000 curdi iracheni. Circa 4.000 siriani si so- trarsi nel tempo. «Operazioni che han- «gruppi terroristici» l’Ong turca
(Cnt) di Bengasi, aiutati dalle bom- no rifugiati in Libano dall’inizio della crisi secondo no come imperativo quello di conse- Ihh, uno degli sponsor della Free-

«L
be «umanitarie» arriveranno, alme- a situazione a Jisr al –Shughour potrebbe le autorita’ libanesi. «Quello che sta accadendo in guire gli obiettivi posti dall’autorità po- dom Flottilla e l’aver organizzato
no nelle previsioni della Nato, a Tri- essere più grave che a Daraa, sono stati Siria è molto triste, seguiamo la vicenda con preoc- litica al più basso costo possibile in ter- la manifestazione «Per la verità,
poli. «Gheddafi deve andarsene» ha avvistati un centinaio di carri armati e mi- cupazione. Spero - ha proseguito Erdogan - che il mini di vite umane e risorse». Pensan- per Israele» lo scorso 7 ottobre a
detto perentorio Mike Mullen, il ca- gliaia di uomini della quarta divisione comandata governo siriano assuma un atteggiamento più tolle- do ovviamente alle proprie vite e risor- Roma. «Mi rende felice questo
po dello stato maggiore interforze da Maher Al Assad» dice un residente dell’area, in rante nei confronti dei civili, che attui riforme che se, non a quelle che la guerra distrugge riconoscimento e farò del mio
statunitensi. Ma le certezze di Ra- un’azione di rappresaglia contro l’uccisione di 123 convincano il popolo e spianino la strada al cam- in Libia. Anche se, mentre gli aerei ita- meglio per meritarlo», ha com-
smussen e Mullen non convincono militari da parte di gruppi armati secondo le fonti biamento». liani lanciano su Tripoli bombe da una mentato la deputata di destra,
tutti. «La Nato e Rasmussen dicono governative, che ammettono di non avere il control- «La Turchia ha investito molto sia in politica este- tonnellata a uranio impoverito, la Na- conosciuta come una accanita
che Gheddafi si sta isolando – ha lo dell’area. Secondo l’opposizione, soldati in ordi- ra che sul piano economico con la Siria in questi an- to assicura che, in base alle risoluzioni sostenitrice del movimento dei
commentato il generale Mario Arpi- ne sparso o interi reparti sono passati dalla parte ni. Dall’inizio delle proteste ha mediato con le for- del Consiglio di sicurezza dell’Onu, coloni israeliani nella Cisgiorda-
no, già capo di Stato maggiore della ze islamiste, proponendo che ci fosse un ministro «scopo dell’operazione Protettore uni- nia palestinese. Lei stessa, quan-
Difesa - e vedono una caduta immi- Francia e Gran Bretagna hanno di “area” nel nuovo governo, senza essere ascolta- ficato è proteggere i civili e le aree con do si reca in Israele, risiede a Ghi-
nente del colonnello, che certo non presentato all’Onu una risoluzione ta. I turchi non vogliono il caos, gli interessa che le popolazione civile da attacco o minac- lo, un insediamento colonico tra
cederà. Di guerre lampo abbiamo vi- strade siano sicure per i loro commerci con i paesi cia di attacco». Betlemme e Gerusalemme.
sto solo l’attacco alla Polonia men- che condanna la repressione, ma dell’area e temono l’esplodere della questione cur-
tre quella (del presidente francese non chiede un intervento armato. da» afferma un diplomatico occidentale, «mi aspet-
Sarkozy) sta diventando una guerra to che dopo le elezioni tornino attivi».
infinita». E dopo l’aumento dei bom- Da Russia e Cina «no», comunque Aumenta la pressione della comunità internazio-
bardamenti aerei? «Credo – ha ag- nale sul regime siriano. Ieri Francia e Gran Breta- FORMULA UNO
giunto Arpino - si andrà verso una dei civili e sono stati uccisi dalle forze di sicurezza, gna hanno presentato all’Onu una risoluzione che
nuova risoluzione dell’Onu, preve- ipotesi che spiega l’alto numero di vittime e l’invio condanna la repressione delle proteste ma si ferma Così parlò Bernie Ecclestone:
dendo forse di aiutare gli insorti sul
terreno. Ma anche questa non mi
ora di truppe fedeli. Altre voci accusano il regime di
cercare un pretesto per una repressione esemplare
prima di chiedere un intervento armato. Russia e
Cina hanno già reso noto di non essere d’accordo.
«Niente gran premio in Bahrain»
pare una buona idea. La verità è che e per inviare l’esercito in una zona tradizionalmen- «La risoluzione Onu è indirizzata anche all’opinio- Il Grande Capo della Formula 1 ha parlato: le primavere
ci si è messi in un bel pasticcio». te calda. ne pubblica occidentale giustamente indignata dal- arabe hanno colpito, quest’anno niente gran premio nel
«Far salire la pressione» significa Molti residenti di Jisr al –Shughour si sono rifu- la violenza. Qui la speranza è che con il tempo il re- Bahrain. In un’intervista alla Bbc, Bernie Ecclestone ha
aumentare il numero dei raid aerei giati nei villaggi circostanti, le autorità turche con- gime si convinca che non è possibile tornare allo dichiarato di «sperare che in futuro nel paese ci siano pa-
che continuano a mietere vittime. fermano che 224 profughi siriani, tra cui donne e status quo ante, che questa crisi non passerà come ce e calma e la Formula Uno possia fare ritorno, ma ades-
La Nato si «rammarica» ma solo nel- bambini, sono stati accolti in una tendopoli sul con- quella 2005 e che la repressione non è efficace, per- so non è così». Parole che suonano come una campana a
la giornata di martedì 31 libici sareb- fine siriano (Hatay). 35 feriti siriani sono stati rico- ché si riaprano degli spazi di discussione. Ma è mol- morto per il gran prix dell’emirato, originariamente previsto
bero rimasti uccisi in 60 bombarda- verati in un ospedale in Turchia (due sarebbero to esile» continua il diplomatico. Piccolo giallo, con in apertura di stagione, in marzo, e spostato proprio a causa dell’estensione della «primave-
menti dal cielo. Certo, non è possibi- morti). La Siria avrebbe richiesto la loro estradizio- le annunciate, e poi smentite, dimissioni di prote- ra araba» anche al Bahrain. In quell’occasione, al contrario che in Libia dove l’aiuto militare
le verificare la piena attendibilità ne senza specificare i nomi ed accusandoli di terro- sta dell’ambasciatrice siriana a Parigi. è andato ai ribelli, il Consiglio dei paesi del Golfo autorizzò l’uso della forza contro la ribellio-
dei dati forniti dal regime di Ghed- rismo, ma lo stato turco avrebbe rifiutato. Poche sono le voci ottimiste in questi giorni in Si- ne, inviando truppe dell’Arabia saudita e del Quatar per aiutare l’emiro a stroncare la rivolta.
dafi ma il fatto che l’Alleanza abbia La Turchia non ha intenzione di «chiudere le por- ria. C’è chi pronostica che le proteste e la violenza La scorsa settimana la Federazione automobilistica (Fia) ha rimesso in calendario il gran
espresso «rammarico» indica che i te» ai rifugiati siriani, ha assicurato il primo mini- si intensificheranno durante il mese di Ramadan, premio del Bahrain per il 30 ottobre al posto di quello in India, a sua volta spostato in di-
comandi militari Nato sanno quello stro turco Erdogan, anche se Robert Fisk sull’Indi- quando le moschee si riempiranno tutti i giorni e cembre, a fine stagione. Ma molti team non vogliono prolungare la stagione fino a dicem-
che accade, anche ai civili, quando pendent aveva svelato un piano per costituire delle non solo il venerdì, e con gli effetti della crisi econo- bre. Inoltre, se da un lato le squadre avvertono la pressione di chi denuncia violazioni dei
missili e bombe colpiscono quelli «zone sicure per l’accoglienza» in territorio turco in mica. Sempre che qualche evento non faccia esplo- diritti umani nell’emirato, dall’altro i team non sono del tutto sicuri che le truppe saudite e
che vengono descritti semplicemen- caso di una crisi di rifugiati. Cifre ancora lontane dere violentemente prima la situazione. quatariote abbiano svolto alla perfezione il loro lavoro: «Dire che nel Bahrain è tutto calmo -
te come «centri di comunicazione ha detto alla reuters un anonimo esponente delle squadre - oggi è del tutto falso».
pagina 10 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

CULTURA

VENTI DI RIVOLTA
momento che l’Islam egiziano è stori-

Orizzonti egiziani
Samir Amin
camente sufi, e le sue confraternite

L’
Egitto di Nasser aveva instau- contano oggi circa quindici milioni di
rato un sistema economico e fedeli. Islam aperto, tollerante, che in-
sociale criticabile ma coeren- siste più sulle convinzioni individuali
te. Nasser aveva puntato sull’indu- che sulla pratica dei riti («ci sono tan-
strializzazione per uscire dalla specia- te strade verso il Signore quante sono
lizzazione internazionale di stampo le persone sulla terra», dicono), il sufi-
coloniale che aveva circoscritto l’eco- smo egiziano è stato sempre guarda-
nomia del paese all’esportazione del to con sospetto dai poteri dello Stato

a stelle e strisce
cotone. Sadat e Mubarak hanno che tuttavia, usando la carota e il ba-
smantellato il sistema produttivo egi- stone, si guardavano bene dall’anda-
ziano, a cui hanno sostituito un siste- re a uno scontro aperto. (…)
ma del tutto incoerente, fondato
esclusivamente sulla ricerca di redditi- Islamizzazione alla wahabita
vità di imprese che per lo più si limita- Si parla molto, per dare legittimità a
no a subappaltare il capitale dei mo- un governo dei Fratelli musulmani
nopoli imperialisti. I tassi di crescita, («uniti alla democrazia!»), dell’esem-
teoricamente elevati, che la Banca pio turco. Ma è solo fumo negli occhi,
Mondiale esalta da trent’anni, sono Alcuni passaggi di un lungo saggio che Samir Amin ha dedicato alle primavere arabe. perché l’esercito turco, che resta ben
privi di significato. La crescita egizia- presente tra le quinte, sebbene sia cer-
na è estremamente vulnerabile ed è In questo testo, che uscirà in volume alla fine dell’estate, l’economista egiziano tamente non democratico e per di
del resto accompagnata da un incredi- più sia un alleato fedele della Nato, re-
bile aumento dell’ineguaglianza e del- approfondisce le tesi che esporrà sabato a Roma, nel corso del convegno organizzato sta la garanzia della «laicità» in Tur-
la disoccupazione che colpisce la
maggior parte dei giovani. Questa si-
dal manifesto con il titolo «La speranza scende in piazza». Queste le sue conclusioni: chia. Il progetto di Washington, aper-
tamente espresso da Hilary Clinton,
tuazione era esplosiva, ed è esplosa. Washington preferisce il potere dei Fratelli musulmani a quello dei democratici, Obama e dai think tanks al loro servi-
che rischierebbero di mettere in questione la subalternità dell’Egitto al loro dominio zio, si ispira al modello pakistano:
Una esplosione annunciata l’esercito («islamico») tra le quinte, il
L’apparente «stabilità del regime» governo («civile») assunto da uno o
vantata da Washington poggiava su IL CONVEGNO più partiti islamici «eletti». Evidente-
una macchina poliziesca mostruosa mente in questa ipotesi il governo
(1.200.000 uomini contro appena «islamico» egiziano sarebbe ricom-
500.000 per l’esercito) che si abbando-
Le «rivoluzioni» pensato per questa sottomissione sul-
nava quotidianamente a abusi crimi- della sponda sud, le cose essenziali (il fatto che non ven-
nali. Le potenze imperialiste fingeva- gano rimessi in causa il liberalismo e i
no che questo regime «proteggesse»
viste dalle nostre cosiddetti «trattati di pace» che per-
l’Egitto dall’alternativa islamista. Si democrazie in crisi mettono a Israele di continuare la sua
tratta di una bugia grossolana. In effet- politica di espansione territoriale) e
ti, il regime aveva integrato alla perfe- È diventata un piccolo «anticipo» di potrebbe proseguire, a mo’ di dema-
zione l’Islam politico reazionario (il dibattito, la conferenza stampa te- gogica compensazione, la realizzazio-
modello wahabita del Golfo) nel pro- nuta ieri a Roma per presentare il ne dei suoi progetti «di islamizzazio-
prio sistema di potere, concedendogli convegno «La primavera scende in ne dello Stato e della politica», e gli as-
la gestione dell’istruzione, della giusti- piazza. L’Europa e le primavere ara- sassini dei copti! Bella democrazia,
zia e dei media più importanti, in par- be», organizzato da «il manifesto» e quella concepita a Washington per
ticolare la televisione. (...) dalla rivista Oil con la sponsorizza- l’Egitto! È evidente che l’Arabia saudi-
Il regime poteva apparire «tollerabile» zione di Sky tv. Il convegno comin- ta sostiene con tutti i suoi mezzi finan-
fino a quando funzionava la valvola cia oggi (alle 15,30 presso il Cen- ziari questo progetto, perché Ryad sa
di sicurezza rappresentata dall’emi- tro di studi americani, via Caetani benissimo che la sua egemonia regio-
grazione in massa dei poveri e delle 32) e prosegue tutto venerdì e saba- nale (nel mondo arabo e musulma-
classi medie verso i paesi petroliferi. to mattina. E a presentarlo ieri, in- no) esige la riduzione dell’Egitto a
L’esaurimento di questo sistema (la sieme alla direttrice del manifesto uno stato di insignificanza. E il mezzo
sostituzione di immigrati asiatici a Norma Rangeri e a Marco d’Eramo, per raggiungere questo obiettivo è
quelli provenienti dai paesi arabi) ha c’erano alcune delle relatrici e rela- «l’islamizzazione dello Stato e della
portato con sé la rinascita della resi- tori che vi prenderanno parte. Ma- politica» – di fatto, una islamizzazio-
stenza. Gli scioperi operai del 2007 – i nal Hassan, egiziana, attivista e co- ne alla wahabita. (…)
più forti del continente africano da fondatrice di un noto blog (www.ma- Questa forma di islamizzazione è
cinquant’anni – insieme alla resisten- nalaa.net) e Nermeen Edrees, pure possibile? Forse, ma a prezzo di vio-
za ostinata dei contadini minacciati egiziana e blogger (globalvoicesonli- lenze inaudite. La battaglia si combat-
di esproprio dal capitalismo agrario e ne.org), hanno sottolineato che i te sull’articolo 2 della costituzione del
alla formazione di circoli di protesta nuovi media hanno cominciato a FOTO REUTERS regime caduto. Questo articolo secon-
democratica nelle classi medie (i mo- diffondersi intorno al 2004, diven- do il quale «la sharia è la fonte del di-
vimenti Kefaya e del 6 aprile) hanno tando strumento per far circolare rato religioso (l’Azhar), le correnti del- profitto della polizia. In questa situa- sto una novità, né una caratteristica ritto», è una novità nella storia politi-
annunciato l’inevitabile esplosione – opinioni e organizzare proteste: ma l’Islam politico (i Fratelli musulmani zione, e dato che il movimento ha dell’Egitto. Fin dalla loro creazione, ca dell’Egitto. Né la costituzione del
prevista in Egitto, nonostante la sor- restano uno strumento, pur impor- e i salafisti). L’aiuto militare concesso espresso con forza la sua volontà di al- nel 1927, i Fratelli musulmani sono 1923, né quella di Nasser l’avevano
presa degli «osservatori stranieri». (...) tante, di un fermento sociale profon- dagli Stati Uniti all’esercito egiziano lontanare l’esercito dalla direzione po- sempre stati un utile alleato per l’im- immaginato. È stato Sadat che l’ha in-
do. Sono questi nuovi media che non è mai servito per rafforzare la ca- litica del paese, è probabile che le alte perialismo e il blocco reazionario del- trodotto nella nuova costituzione,
I borghesi «compradori» hanno diffuso il «contagio» delle pacità difensiva del paese ma al con- sfere militari sceglieranno in futuro di l’area, e hanno sempre rappresentato con il triplice sostegno di Washington
Proprio come nel periodo di flusso rivolte, dalla Tunisia all’Egitto e a trario per azzerarne i pericoli con restare dietro le quinte, rinunciando un terribile avversario per i movimen- («rispettare le tradizioni»!), di Ryad
delle lotte del passato, il movimento tutto il mondo arabo? Cherifa l’uso di una corruzione sistematica, a presentare i propri uomini nelle ti democratici in Egitto. Di certo i mul- («il Corano fa da Costituzione») e di
democratico antimperialista e sociale Bouatta, algerina, femminista, por- non solo riconosciuta e tollerata, ma prossime elezioni. timiliardari che oggi compongono la Gerusalemme («lo Stato di Israele è
si scontra in Egitto con un blocco rea- tavoce dell’Osservatorio sulla violen- sostenuta attivamente e cinicamente. I Fratelli musulmani costituiscono direzione della Confraternita non si uno Stato ebraico»).
zionario potente, guidato dalla bor- za contro le donne, non crede si Questo «aiuto» ha permesso agli uffi- la sola forza politica di cui il regime uniranno alla causa democratica!
ghesia egiziana considerata nel suo in- tratti di «effetto domino»: l’ondata ciali più alti in grado di appropriarsi aveva non solo tollerato l’esistenza, L’Islam politico è anche l’alleato stra- Una dichiarazione bugiarda
sieme. Le forme di accumulazione di- che ha travolto un paese dopo l’al- di segmenti importanti dell’econo- ma della quale aveva sostenuto attiva- tegico degli Stati Uniti e dei loro part- Il progetto dei Fratelli musulmani ri-
pendente in opera nel corso degli ulti- tro dipende piuttosto dalle somi- mia compradora egiziana, al punto mente lo sviluppo. Sadat e Mubarak ner subalterni della Nato in tutto il mane la realizzazione di uno Stato te-
mi quarant’anni hanno prodotto glianze strutturali, «la prima è di che in Egitto si parla della «società avevano affidato loro la gestione di mondo musulmano. Washington ha ocratico, come testimonia il loro at-
l’emergere di una borghesia ricca, uni- vivere sotto dittature, regimi che anonima/esercito» (Sharika al geish). armato e finanziato i taccamento all’articolo 2 della Costi-
ca beneficiaria dell’ineguaglianza hanno represso i movimenti sociali Gli alti vertici dell’esercito, che si so- L’aiuto militare degli Usa talebani, definiti tuzione di Sadat/Mubarak. Inoltre il
scandalosa che ha accompagnato e negato la libertà di espressione, no assunti la responsabilità di «dirige- «eroi della libertà» programma più recente dell’organiz-
questo modello «liberal-mondializza- asserviti agli interessi occidentali, e re» la transizione, non sono per que- all’esercito egiziano non è mai (Freedom Fighters) zazione rafforza ancora questa visio-
to». Si tratta di decine di migliaia non comune è la spinta a smantellare sto neutri, sebbene abbiano avuto nella loro guerra con- ne passatista proponendo di costitui-
di «imprenditori inventivi» – come li vecchi poteri; poi però ogni paese l’accortezza di sembrarlo, dissocian- servito per rafforzare la difesa tro il regime nazio- re un «consiglio degli ulema» incari-
presenta il discorso della Banca mon- resta un caso a sé». Ma le «rivolu- dosi dalla repressione. del paese, ma al contrario nal popolare detto cato di vegliare sulla conformità di
diale – ma di milionari e miliardari zioni» sono pronte a essere scippa- Il governo «civile» ai suoi ordini (i «comunista» (prima qualsiasi proposta di legge alle esi-
che devono tutta la loro fortuna alla te? Passata l’effervescenza di piaz- cui membri sono stati nominati dal- per accrescerne la corruzione e dopo l’intervento genze della Sharia. Questo consiglio
loro collusione con l’apparato politi- za Tahrir al Cairo, cosa potranno l’alto comando militare), composto sovietico). Quando i costituzionale religioso è analogo a
co (la «corruzione» è una componen- blogs e facebook di fronte ai vecchi in parte da uomini del vecchio regi- tre istituzioni fondamentali: l’istruzio- talebani hanno chiuso le scuole per quello che in Iran controlla il «potere
te organica di questo sistema). Questi poteri che si riorganizzano? Ma «la me, scelti tuttavia fra le personalità ne, la giustizia e la televisione. I Fratel- ragazze create dai «comunisti», ci so- eletto». Il regime è allora quello di un
borghesi compradori (nel linguaggio rivoluzione non si è fermata», ribat- meno visibili, ha preso una serie di mi- li musulmani non sono mai stati e no stati «democratici» e perfino «fem- super partito religioso unico e tutti i
politico corrente in Egitto il popolo li te Manal Hassan: «L’Egitto ora non sure rigorosamente reazionarie per non possono essere «moderati», e an- ministe» che hanno sostenuto il biso- partiti che rivendicassero la laicità di-
definisce «parassiti corrotti») costitui- fa notizia ma ogni giorno gruppi frenare la radicalizzazione del movi- cora meno «democratici». Il loro capo gno di «rispettare le tradizioni»! venterebbero «illegali». I loro sosteni-
scono la base di sostegno attivo del- lavorano a livello locale, nei quartie- mento. Tra queste misure una scelle- – il mourchid (traduzione araba di In Egitto i Fratelli musulmani sono tori, come i non musulmani (i copti),
l’inserimento dell’Egitto nella globa- ri, tra i lavoratori, contro gli arresti. rata legge anti-sciopero (con il prete- «guida» – Führer) è autoproclamato e ormai spalleggiati dalla corrente sala- sarebbero di fatto esclusi dalla vita
lizzazione imperialista contempora- No, non abbiamo ancora finito». sto di rimettere in piedi l’economia l’organizzazione si basa sul principio fista («tradizionalista»), ampiamente politica. A dispetto di tutto questo i
nea, gli alleati incondizionati degli Sta- Resta, dice il regista tunisino Moha- del paese), una legge che impone rigi- della disciplina e dell’esecuzione de- finanziata dai paesi del Golfo. I salafi- governi a Washington e in Europa si
ti Uniti. Fra i loro ranghi contano nu- med Challouf (direttore di festival de restrizioni alla costituzione di parti- gli ordini dei capi, senza discussioni sti si dichiarano estremisti (wahabiti comportano come se si potesse pren-
merosi generali dell’esercito e della afro-mediterraneo di cortometraggi ti politici il cui scopo è di offrire la pos- di sorta. La direzione è costituita convinti, intolleranti rispetto a qualsi- dere sul serio la recente dichiarazio-
polizia, «civili» associati allo Stato e al e documentari), un deficit di cono- sibilità di entrare nel gioco elettorale esclusivamente da uomini ricchissi- asi altra interpretazione dell’Islam) e ne dei Fratelli musulmani, che «ri-
partito al potere («nazional-democra- scenza tra i nostri paesi: «Forse, solo alle correnti dell’Islam politico mi (grazie fra l’altro al sostegno del- sono all’origine degli assassini siste- nunciano» al progetto teocratico
tico») creato da Sadat e da Mubarak, rovesciati regimi che limitavano la (Fratelli musulmani, in particolare) l’Arabia Saudita e dunque di Washin- matici perpetrati contro i copti. Ope- (ma senza modificare il loro pro-
religiosi (la totalità dei dirigenti dei possibilità di comunicare, riuscire- già bene organizzate grazie al sistema- gton), i quadri da uomini provenienti razioni difficili da immaginare senza gramma!), una dichiarazione oppor-
Fratelli musulmani e dei principali mo a cambiare immagine». Anche tico sostegno del regime precedente. da segmenti oscurantisti delle classi il tacito sostegno (se non la complici- tunista e bugiarda. Gli esperti della
sceicchi dell’Azhar sono tutti «miliar- per questo, dice Norma Rangeri, «il E nonostante tutto questo, l’atteggia- medie e la base da gente del popolo tà) dell’apparato governativo, e in par- Cia non sanno leggere l’arabo? Si im-
dari»). (...) manifesto» ha voluto questo forum: mento dell’esercito resta in ultima reclutata dai servizi sociali di carità of- ticolare della Giustizia, largamente af- pone una conclusione: Washington
Questo blocco sociale reazionario guardiamo alle rivolte sulla sponda analisi imprevedibile. Infatti, a dispet- ferti dalla confraternita (e sempre fi- fidata ai Fratelli musulmani. Questa preferisce il potere dei Fratelli musul-
dispone di strumenti politici al suo sud del Mediterraneo perché ci inte- to della corruzione dei quadri (i solda- nanziati dall’Arabia saudita), mentre singolare divisione del lavoro permet- mani, che garantisce la permanenza
servizio: l’esercito e la polizia, le istitu- ressano qui, nelle nostre democra- ti sono coscritti, ma gli ufficiali sono le forze d’assalto sono composte dai te ai Fratelli musulmani di passare dell’Egitto nella sfera sua e della glo-
zioni dello Stato, il partito politico pri- zie in crisi, dove in forme diverse di carriera), il sentimento nazionali- miliziani (i baltaguis) reclutati tra i per moderati, cosa che Washington balizzazione liberale, a quello dei de-
vilegiato (di fatto una sorta di partito emergono questioni e protagonisti sta non è mai del tutto assente, senza lumpen. (…) finge di credere. Ci sono tuttavia lotte mocratici, che rischierebbero molto
unico), vale a dire il Partito nazional- simili, a cominciare dai giovani e contare che l’esercito soffre per esse- La collusione tra le potenze impe- violente all’orizzonte in seno alle cor- di rimettere in questione lo stato su-
democratico creato da Sadat, l’appa- dalle donne». (ma.fo.) re stato di fatto escluso dal potere a rialiste e l’Islam politico non è del re- renti religiose islamiste in Egitto, dal balterno dell’Egitto.
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 11

CULTURA
IL RATTO DELLE SABINE Sarà sottoposta da domani a un nuovo check up MARATONA ARTE Partirà alle 14 di venerdì e terminerà dopo dodici ore
oltre la celeberrima opera del Giambologna che fa parte dell'arredo granducale della
Loggia dei Lanzi in piazza della Signoria a Firenze. Gli esperti intendono
la celebrazione dell’arte contemporanea che, con il titolo «For the love of
contemporary», si articolerà in una serie di appuntamenti tra cui un film
tutto controllare il comportamento di alcune sostanze protettive naturali che vennero
applicate in anni recenti sulle superfici lapidee del monumento, eretto nel 1583
sulla vita e l’opera di Anish Kapoor, e una serie di conferenze: centrale
quella di Francesco Bonami sul celebre teschio di Damien Hirst

Emigrato in Francia, INTERVISTA · Un incontro con il russo Pavel Sanaev


dopo la guerra civile
spagnola, aderì alla
resistenza e nel 1943 Interno sovietico
venne arrestato
dalla Gestapo e inviato
a Buchenwald,
con nonna ossessiva
esperienza che restituì Maria Teresa Carbone
in molti libri, tra cui

P
orta un titolo curioso, Seppellite-
«La scrittura o la vita» mi dietro il battiscopa, quello
che è stato qualche anno fa un
e «Vivrò col suo nome, caso editoriale in Russia ed è stato pro-
morirà con il mio» posto ora in Italia da nottetempo, nel-
la bella traduzione di Valentina Parisi
(pp. 281, euro 17). Mescolando comici-
tà e tragedia, l’autore, il quarantenne
Glauco Felici Pavel Sanaev (stasera a Roma con lo
statunitense Gary Shteyngart sul palco

J
orge Semprún è stato una gui- del festival di Massenzio), ha attinto al-
da essenziale alla comprensio- le proprie esperienze di bambino per
ne dei drammi del secolo pas- mettere in scena lo straniamento e il
sato: per averli vissuti in prima per- dolore del piccolo Saša, in balia di una
sona, e per averli saputi magistral- nonna disperatamente nevrotica.
mente rappresentare con la scrit- La storia editoriale di questo libro è
tura. Era nato il 10 dicembre 1923 lunga: è stato infatti scritto alla me-
in una famiglia spagnola dell’alta tà degli anni Novanta ed è uscito per
In «Seppellitemi
borghesia, la madre morì quando la prima volta sulla rivista «Oktjabr» dietro il battiscopa»
ancora non aveva otto anni. Scop- nel 1996. Anche se il successo è
piata la Guerra civile fuggì insieme stato immediato (già nel ’97 è stato lo straniamento
ai fratelli per raggiungere il padre, segnalato per il Booker Prize russo), di un bambino
ambasciatore della Repubblica il romanzo è stato pubblicato in volu-
nei Paesi Bassi. Nel 1939 si stabilì UN RITRATTO DI JORGE SEMPRUN me solo nel 2003, diventando rapi- tra comicità e dolore
in Francia, dove imparò la lingua damente un bestseller, con oltre
che divenne la sua elettiva, per tut- evidente che l’ambiente che ho de-
ta la vita, tanto che vi scrisse la ADDII · Tappe letterarie e politiche dell’autore spagnolo morto a Parigi quindici edizioni al suo attivo e più di
mezzo milione di copie vendute. A di- scritto nel libro è quello che cono-
massima parte delle sue opere stanza di quasi vent’anni, le è mai sco meglio, in cui sono vissuto quan-

L’ultimo approdo
(conservò, tuttavia, per sempre la venuta voglia di rimetterci mano? do ero piccolo. Ma la cosa che conta
cittadinanza spagnola). Proprio no. Tra il 1996 e oggi ci sono di più ai miei occhi è quello che ho
Nel 1941 aderì alla Resistenza stati dei cambiamenti di vario tipo in fatto di queste vicende nel momen-
francese (facendo parte dei Fran- Russia, ma nulla a che vedere con la to in cui le ho scritte, come le ho tra-
cs-tireurs et partisans) e nel 1942 trasformazione radicale che è avvenu- dotte sulla carta.
al Partito comunista spagnolo; ma ta nel nostro paese tra il 1989 e il ’93. È L’io narrante del libro, Saša, è un

di Jorge Semprún
l’anno dopo venne arrestato come come se in quegli anni ci fossimo trova- bambino di otto o nove anni. Ha tro-
membro della Resistenza antinazi- ti a passare da un mondo a un altro vato difficile riprodurre la sua voce?
sta, torturato e deportato a Bu- mondo, e dal punto di vista letterario il No, quando ho cominciato a scrive-
chenwald, dove rimase quasi due mio libro appartiene già a questo «do- re quello che poi sarebbe diventato
anni, con il numero di matricola po». D’altra parte, la storia che raccon- questo libro, andavo ancora a scuola,
44.904. Liberato, nel 1945, non riu- to è ambientata tra gli anni Settanta e e l’intonazione del protagonista è ve-
scì ad affrontare subito quell’espe- gli anni Ottanta, un periodo che si è nuta da sé, insieme alla prima idea del-
rienza per renderla materia di nar- spagnolo. Nel 2010, già malato, tor- scrivere in francese? A causa della che una forma di rispetto per Co- già cristallizzato nella memoria e sul la storia. Molto più difficile è stato, suc-
razione: lo avrebbe fatto quasi nò a Buchenwald per l’ultima vol- censura. Quel che racconto ades- lette, la compagna della vita perdu- quale il mio sguardo non è cambiato. cessivamente, trovare la tenacia e la
vent’anni dopo, con Il grande viag- ta, e vi pronunciò un lucido com- so, in Vent’anni, l’ho vissuto in spa- ta poco prima, certo è che le que- Del resto, ho la prova di quello che di- determinazione per rimanere seduto
gio (Einaudi 1964), e con molta miato, ricordando il debito del- gnolo, perciò ho deciso di affronta- stioni personali avevano interesse, co, perché di recente, dopo che il libro a tavolino, giorno dopo giorno, fino a
maggiore compiutezza in La scrit- l’umanità nei confronti dei bambi- re il rischio di raccontarlo in que- per Semprùn, solo quando assu- era già diventato un bestseller, la mia quando il libro non ha assunto la sua
tura o la vita (Guanda 1996). Du- ni ebrei passati da quel campo: sta lingua». Un simbolico ritorno mevano valore collettivo. casa editrice ha deciso di mettere in forma definitiva. Ora, invece, sono al
rante la militanza clandestina nel- «Tutte le memorie europee della alle origini della comunicazione, Personaggio di complessità am- vendita una nuova edizione illustrata, lavoro su un nuovo libro, e questa vol-
la Spagna franchista assunse il no- resistenza e della sofferenza, nel gi- per un uomo – un militante nel mirevole, soprattutto in Spagna ve- per la quale ho scritto – o meglio, ri- ta è decisamente meno immediato far
me di battaglia di Federico Sán- ro di dieci anni, avranno come ulti- senso più splendido del termine – niva considerato un «rojo» votato scritto – tre capitoli che erano rimasti suonare «giusta» la voce del mio eroe,
chez; il suo universo – politico e vi- mo rifugio e baluardo la memoria che ha vissuto sempre nella con- alla battaglia delle idee; ma la ric- fuori dalla prima edizione. Ed è stato un giovanotto indolente e pieno di bel-
tale – subì un ennesimo scossone ebraica dello sterminio. La più vec- vinzione secondo la quale la me- chezza della sua scrittura, al tem- molto facile, queste nuove pagine si so- le speranze, che si trova travolto dal
quando, nel 1964, venne espulso chia memoria di quella vita, dato moria è cardine dell’esistenza, ed po stesso scarna e piena di innesti no integrate benissimo fra le altre. crollo dell’Unione Sovietica e che poi
dal Pce di Santiago Carrillo e Dolo- che fu appunto il più giovane “vis- è trasversale agli uomini. ideali ed emotivi, dovrebbe indur- Sebbene molti critici, in Russia e al- si rivede a vent’anni di distanza. Quel-
res Ibárruri, per dissidenza con la suto” della morte». La versatilità di Semprún si tra- re a valutare con occhio più atten- l’estero, abbiano sottolineato gli lo che posso dire, è che ancora una vol-
linea ufficiale. Anche in quel caso Proprio la memoria ha costitui- dusse anche nella collaborazione to i suoi libri. L’ultimo lavoro, in- aspetti umoristici del libro, non pen- ta impasto l’umorismo con il dolore,
la letteratura si sarebbe incaricata to il punto centrale della vicenda – come sceneggiatore – con alcuni terrotto dalla morte, era un nuovo sa che si potrebbe parlare di un perché questa è la mia cifra, ed è an-
di accogliere e sublimare l’accadu- umana e culturale di Semprún: dei registi più significativi del No- testo sulla memoria storica della dramma in forma di commedia? che quello che i lettori si aspettano da
to: scrisse Autobiografia di Federi- non soltanto nei libri già ricordati, vecento: per Costa Gavras scrisse Spagna: sebbene il progetto fosse Sono completamente d’accordo. In me. Non potrei cambiare, sarebbe co-
co Sánchez (Sellerio 1979), per tor- ma ancora in Vivrò col suo nome, Z: l’orgia del potere, per Joseph Lo- ancora in sospeso tra la forma ro- realtà, quando ho scritto il libro, non me se un gruppo heavy metal a un cer-
nare sull’argomento nel 1993 con morirà con il mio (Einaudi 2005), sey Le strade del Sud, e per Alain manzo e il saggio, l’argomento era mi sono posto il problema in questo to punto sfornasse un disco pop: non
Federico Sánchez se despide de e in Vent’anni e un giorno (Passigli Resnais La guerra è finita. L’anno ben definito, e riguardava la Tran- modo, ma già allora sapevo quali era- c’è niente di male nel pop, ma i fan sa-
ustedes, e concludere così il capito- 2005). In una intervista a proposi- scorso, quando uscì la sua biogra- sizione e le orribili lacune a danno no gli autori che per me rappresentava- rebbero frastornati.
lo tormentato dei suoi rapporti to di quest’ultimo romanzo, uno fia scritta da Franziska Augstein, dei vinti che quel passaggio stori- no un modello. Da un lato il Jerome K. Uno dei tratti più evidenti del suo li-
con un certo modo di concepire e dei pochi testi da lui scritti in spa- Lealtad y traición. Jorge Semprún co ha comportato. «L’amnesia del- Jerome di Tre uomini in barca, e so- bro è che nella costruzione di tutti i
praticare l’attività politica. Ma a gnolo, ormai ultraottantenne con- y su siglo (TusQuets) con la con- la Transizione non può essere eter- prattutto Jaroslav Hašek, di cui avevo personaggi, anche i più sgradevoli,
quest’ultima testimonianza va fessava: «Ho cominciato Il grande sueta signorilità Semprún mise in na», aveva detto pochi mesi fa: letto Il buon soldato Sc'vèik per la pri- la nonna in primo luogo, lei lenta-
consegnata una speciale valenza, viaggio in Spagna e l’ho scritto in guardia dal cercare lì quel che di adesso il lavoro di recupero della ma volta quando avevo dodici anni – mente porta alla luce i fatti che li
perché il libro fu scritto tra il 1988 francese dal momento che in quel- suo non si trova nei libri da lui memoria sarà più doloroso per- già allora mi aveva colpito enorme- hanno portati ad agire in quel modo.
e il 1991, mentre Semprún era mi- la lingua avevo vissuto i fatti che scritti: «Cose private che non rac- ché un protagonista, un interprete mente ed è poi diventato uno dei miei Ma è la vita ad avere queste sfuma-
nistro della cultura nel governo narravo. Perché ho continuato a conterò mai»: forse lo motivava an- d’eccezione non è più qui. libri preferiti, credo che un lettore at- ture: i cattivi al cento per cento esisto-
tento possa riconoscere in Seppellite- no soltanto nei film di Hollywood. Per
mi dietro il battiscopa i miei tentativi quanto riguarda la nonna, come tantis-
di riprodurre quel gusto per il parados- sime persone russe della sua genera-
so, addirittura la costruzione delle fra- zione, ha dovuto fare i conti nel corso
si di Hašek; dall’altro lato a influenzar- della vita con grandi tragedie, che han-
mi è stato Dostoevskij in particolare no segnato in modo indelebile il suo
Povera gente e più ancora Umiliati e of- carattere.
a 40 anni ci tiriamo su le maniche fesi – leggendo il monologo di Nelly
quando è sul punto di morire, mi sono
Alla durezza e alle ossessioni della
nonna lei contrappone la dolcezza
detto che così avrei voluto scrivere, della madre di Saša, che a un certo

la nuoizvioa nt-eshliirmtitata
con quella passione e quella forza. Co- punto il bambino – senza neanche
sì, dovendo definire molto rozzamen- capire bene cosa vuol dire – defini-
te il mio libro, potrei dire che la prima sce come una «dissidente».

in ed metà è sotto il segno di Hašek e la se-


conda porta l’impronta di Dostoevskij.
Al tempo stesso, il suo romanzo è
Il fatto è che per affrontare le mille
difficoltà che l’esistenza ci riserva, tut-
ti noi tendiamo ad affidarci a delle re-
pienamente calato nella società so- gole, ed è quello che fa Nina Antonov-
Potete acquistarla direttamente vietica degli anni Settanta. Sarebbe na, soffocando il nipote con una serie
sul sito del manifesto al prezzo di difficile immaginare una storia come infinita di imposizioni, che altro non
15 euro. quella di Saša e di sua nonna Nina sono che lo specchio delle sue paure.
Antonovna, ambientata in un altro Mentre la madre nel suo rapporto con
Disponibile nelle taglie S, M, L, XL. luogo, in un altro tempo. il figlio si affida all’amore: sa che ar-
Info 06-68719330 dal lunedì al Non saprei, ho visto nonne simili rampicarsi su un albero può essere pe-
venerdì dalle 10.30 alle 18.00 anche altrove: negli Stati Uniti, per ricoloso, ma non impedisce al figlio di
mail: manpromo@ilmanifesto.it esempio. Al tempo stesso, la base di farlo, gli offre il suo sostegno. In que-
www.ilmanifesto.it questa storia è autobiografica, le vicen- sto senso, sì, è una dissidente – e non
de di Saša sono state le mie, e quindi è mi riferisco solo al periodo sovietico.
pagina 12 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

VISIONI

Enzo Del Re • Unico e irriducibile, l’«autodidatta rivoluzionario» della canzone


popolare. Il suo cachet era la giornata di lavoro di un operaio metalmeccanico

Una sedia parlante


contro l’ingiustizia
Pugni chiusi, ieri, al funerale del cantastorie anarchico che ha girato
l’Italia negli anni ’70 con la sua voce, gli schiocchi e le percussioni
zo?» Flaviano De Luca
«Quando parlo del fatto che se cadi ti

«G
fai male e all’ospedale non c’è posto, e li Stati Uniti hanno ucciso gli anar-
ci puoi morire presto. Rino così è mor- chici Sacco e Vanzetti con la sedia
to, cadde dalla moto e l’ambulanza non elettrica, ai tempi perciò decisi di ri-
arrivò in tempo». E m’ero preso pure la scattare questo povero oggetto contadino, la se-
cazziata… dia, e di farlo diventare il mio mezzo d'espres-
Le cassette erano La storia completa sione, il mio strumento preferito, schierando-
di Mola o qualcosa del genere. Le vole- mi pure contro la disumanità della pena di mor-
vo comprare, insomma dare una ma- te». Così parlava, tanti anni fa, Enzo Del Re, ulti-
no, avevo capito che la situazione non mo cantastorie radicale, un personaggio unico
era delle migliori. Gli chiesi: «Quanto co- e irriducibile, molto noto nelle battaglie politi-
stano?». che degli anni settanta, un autodidatta rivolu-
E lui: «50mila lire». zionario che si definiva un cantantediprotest-
«Alla faccia! Enzo pe’ ’na cassetta è autore o operaio dell’arte. Faceva così: giunge-
un po’ troppo». va nel luogo del concerto e chiedeva una qua-
Contrattammo e mi presi le cassette lunque sedia che cominciava a percuotere, te-
e il libri. Alessio ’o prufessore mi fece ca- nendo la parte piatta tra le gambe, creando il rit-
pire che dissentiva. Insomma Enzo non mo che accompagnava il suo canto e aiutando-
è che aveva presente il valore dei soldi, si con schiocchi della lingua sul palato, apren-
in negativo e in positivo. Ne ho avuta do e chiudendo la bocca. Il suo cachet era la
conferma qualche anno dopo, quando giornata di lavoro di un operaio metalmeccani-
mi chiamò da Bologna un tizio di una co (rifiutava i contributi previdenziali, accettan-
produzione cinematografica. Facevano do solo una piccola quota per le medicine), la
un film sul ’77 e volevano mettere il bra- sua missione «battersi in favore della classe la-
no di Enzo, anzi dare proprio il titolo al voratrice», i suoi concerti delle straordinarie
film, ma mi spiegò che Enzo gli aveva maratone di canzoni, quasi declamate con una
chiesto «nonsoquanta» milioni. voce perfettamente intonata, calda e avvolgen-
IL POETA PROLETARIO Mi disse: «Tu lo conosci, parlaci tu». te, pieni d’ironia e di giochi di parole che si me-
Io lo feci rintracciare dagli amici di scolavano perfettamente con la scansione, sec-
Autoriduzione Mola e cercai di convincerlo. Non so co- ca e omogenea, del pezzo di legno.
me andò la trattativa, ma qualunque co- Figlio di un fruttivendolo, aveva studiato al
e testi strepitosi sa gli abbiano dato sarà stato sempre Conservatorio di Bari ma presto l’aveva abban-
troppo poco. Qualche anno fa l’ho visto donato, virando verso l’utilizzo di materiali po-
sul palco del Primo Maggio, al concerto- veri. Dopo l'alluvione di Firenze del 1966, du-
Daniele Sepe ne della Triplice, e mi è venuta un po’ rante i concerti per gli Angeli del Fango, conob-
di tristezza a vederlo lì, lui che non vole- be Antonio Infantino e con lui incise il suo pri-

U
n giorno mio padre mi portò un va suonare meno di otto ore perché gli mo disco, Ho la criniera da Leone (perciò atten- le lotte degli studenti e degli operai, brani tradi- 2010 (ma Del Re si era già raccontato in Le sto-
disco. Era stato al Festival del- operai lavorano otto ore, proprio nel po- zione), edito dalla Ricordi. Suonava sedie, tum- zionali e composizioni originali finite in un di- rie cantate- viaggio tra i cantastorie di Puglia, il
l’Unità e aveva assistito a un sto dove i sindacati si sono venduti il be e altre percussioni ma faceva anche da se- sco, un ellepì con la copertina gialla, titolo Il mediometraggio di Nicola Morisco e Daniele
concerto. Era un disco giallo, senza foto vendibile della vita dei salariati. conda voce in molti brani. banditore, che si era registrato e stampato da Trevisi, del 2006).
o disegni, fondo giallo e una scritta ros- Pensavo a Bonanni e a Angeletti e al Grazie al suggerimento di Nanni Ricordi, en- solo senza etichetta discografica nè data (e veni- In questi anni Duemila era tornato sotto l’oc-
sa: Enzo Del Re Il Banditore. Mi disse: testo di Lavorare con lentezza, agli inci- trò con Antonio Infantino nello seconda edizio- va venduto al pubblico militante dei suoi con- chio dei media dapprima per il film di Guido
«Sentitelo per bene, perché questo c’ha denti sul lavoro e a Marchionne, e ragio- ne dello spettacolo Ci ragiono e canto della certi). L’altro, ancora precedente, si chiamava Chiesa, Lavorare con lentezza, del 2004, uno dei
cervello». navo sul fatto che il padrone le nostre compagnia Nuova Scena di Dario Fo. Debutta- Maul, il nome in dialetto pugliese di Mola, la cit- suoi pezzi più famosi che divenne sigla della bo-
Era il ’74 e giallo e rosso voleva dire canzoni le digerisce sempre bene, e ce rono nel 1969 alla Camera del Lavoro di Milano tà dove era nato nel 1944 e dove si era ritirato al- lognese Radio Alice, uno dei punti di riferimen-
Maoista. Io, anarchico, lo misi sul Le- le ricaca sempre in testa. con due brani di straordinario successo e com- l’inizio degli anni ’80, ormai dimenticato e fuori to del movimento del ’77. Poi l’anno scorso, il ri-
saphon da tre lire con una certa diffi- Enzo rimane quello che saliva sugli posti insieme allo stesso Dario Fo: Povera gente dai circuiti. Negli anni novanta ha prodotto sarcimento ultratardivo per un artista che il la-
denza. La musica era come la coperti- autobus e faceva l’autoriduzione del bi- ed Avola. Nel frattempo continuava la collabo- due musicassette con il titolo di Canzoni di lot- voro l’aveva cantato, discusso e analizzato per
na, essenziale: la voce e qualcosa che glietto, per principio, da solo, per avere razione con Antonio Infantino, insieme al qua- ta contro i nemici dell'8 marzo e un cofanetto di tutta la vita («Adoro il lavoro ma detesto la fati-
pensavo fossero bonghetti. Una stranez- l'occasione di parlare di ingiustizia so- le registrò anche un disco per la campagna elet- 4 musicassette, La leggenda della nascita di Mo- ca» uno dei suoi classici aforismi) sul palco del
za nell'era del pop e del folk. Ma i testi ciale e sfruttamento. Un folle compa- torale del Pci del 1968, quattro brani incisi den- la (un’opera colossale, durata cinque ore e mez- Concertone del Primo Maggio a Piazza San Gio-
erano strepitosi: Il superuomo, Voglio fa- gno, un grande militante e un surreale tro la sede nazionale di Botteghe Oscure. Insie- za). Entrambi contengono brani in dialetto mo- vanni, invitato da Vinicio Capossela, dove in-
re il boia, Lavorare con lentezza. Prese poeta proletario, che ha ricevuto dalla me si esibirono nel cabaret milanese di Enzo lese, incentrati sul carattere identitario della sto- cendiò facilmente l’enorme platea eseguendo
posto a fianco ai dischi di Buttitta e Sal- compagneria molto meno di quello che Jannacci e al FolkStudio. ria locale e sui prodotti della terra e del lavoro. proprio Lavorare con lentezza e Tengo na vo-
vatore. alla compagneria ha regalato. Dal 1973 girò da solo l’Italia delle camere del Ogni tanto si esibiva, con indomito carattere e glia ’e fa niente («Chi m'ha mis'in catena,/passa
Cominciai a cercare informazioni su Buon viaggio Enzo, una sedia la trove- lavoro e delle case del popolo, delle scuole e del- ferrea determinazione, in svariate feste popola- a vita in vacanza,/io fatico e fatico/e passo pure
chi era il tipo strano, e mi arrivavano rai pure dove stai adesso. le fabbriche occupate per i concerti organizzati ri dell’entroterra barese. Una di queste situazio- pe strunz:/vaffanculo alla fatica/e a chi la vuo-
strane voci: è un compagno pugliese, E il biglietto di sicuro non l’avrai volu- dai Circoli Ottobre di Lotta Continua. Cantò la ni è poi la base del videodocumentario, Io e la le») presentandosi col suo berrettino rosso da
suona da solo con una sedia e niente al- to pagare. rivolta di Avola, l’uccisione di Tonino Micciché, mia sedia, di Angelo Amoroso d’Aragona del puffo, la barba lunga, il farfallino azzurro al col-
tro, usa solo i pullman per spostarsi, fa lo (e persino un sacchetto di tela al braccio, coi
l’autoriduzione e quando arriva il con- suoi effetti personali) ma intrattendo il pubbli-
trollore si mette a fare comizio per i pas- co con i suoi aneddoti e incatenandolo-incan-
seggeri, contro il biglietto e per il tra- tandolo con la carica evocativa della sua voce.
sporto pubblico gratuito, vuole suonare TESTI · Una sua canzone del 1969, scritta con Dario Fo Anche i Têtes de bois lo ospitarono in una tap-
otto ore e a paga sindacale di operaio… pa del tour di Avanti Pop e poi il Premio Tenco
Non mi capitò di incrociarlo, all’epo-
ca de’ I Zezi, tra i festival del Proletaria-
to Giovanile e quelli dell’Unità. Anni do-
I migranti di «Povera gente» gli consegnò il riconoscimento alla carriera. En-
zo Del Re, in dialisi da qualche anno, viveva
con la pensione sociale di 300 euro al mese,
po decisi di fare un cd dedicato al lavo- continuando a rifiutare ogni compromesso.
ro, o meglio, alla fatica, e mi ricordai di Un saluto a pugno chiuso.
quel pezzo Lavorare con lentezza e la
Povera gente...vengono dal paese mio due giorni Su Youtube ci sono tantissimi videoclip.
sua continuazione geniale, Tengo ’na e una notte in treno... Sempre in treno, le valigie Uno dei più strabilianti è Scittrà, un brano di
voglia ’e fa niente. E andai a cercarlo. sei minuti dove si evidenzia il legame con le fi-
Avevo conosciuto negli anni molti di cartone i figli, la moglie e ’sta creatura appena nata lastrocche popolari pugliesi, col mondo conta-
compagni di Bari. Uno di questi, Ales- che vomita tutto quello che ha mangiato e qualche volta arriva dino scomparso, con quell’umorismo vicino
sio ’o prufessore, si era aperto un agritu- al nonsense. Scittrà è il grido che si dice al gat-
rismo alla buona, ex ML era quello che già morta... Povera gente, arrivano to per farlo scappare, quello che lancia una fa-
ne poteva sapere qualche cosa. miglia qualunque al passaggio di un micio ne-
Mi disse: «Enzo Del Re? Oggi è giorno a Torino, alla stazione c'è il solito imbroglione ro che sembra voler restare lì, nonostante la
di mercato a Mola, andiamo che te lo che li ingaggia nella carovana, manovale, sterratore, mamma si dia da fare con la scopa. La canzo-
porto a salutà». ne nacque proprio come risposta in musica di
Stava seduto dietro un banchetto, pic- 12 ore senza contratto, giornaliero, un quinto Enzo Del Re a Domenico Modugno, l’autore
colo, minuto, con una barbetta bianca, al procuratore, dormitorio: in 40 tutti in un camerone di Musciu níuru (Micio nero), che ironizzava
e sul banchetto decine di cassette, quel- proprio sulla malasorte, sulla cattiva fama por-
le vecchie che non si usano più, e qual- 300 lire a letto, la mutua nemmeno li paga, lavorare tata dai gatti neri. Una sua ennesima presa di
che libro piccolo quanto lui. posizione a favore di chi è nato nero, debole,
Mi disse: «L’ho sentito il pezzo come tanto per campare per non morire. povero e indifeso. O forse invece ipotizza una
l'hai fatto tu, ma ti sei dimenticato la Povera gente vengono dal paese mio un mese, due mesi: finito! liberazione dal male, dal ritmo alienante, dai
strofa che parla di Rino Gaetano». pregiudizi con la dolcezza e la caparbietà di
«Dov’è che parla di Rino Gaetano, En- Torna al paese col foglio di via! una lotta continua.
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 13

VISIONI
ARCHEOLOGIA IN SPOT
I Bronzi di Riace, due ragazzi palestrati che fanno pari e dispari per scegliere tra montagna e mare:
è lo spot televisivo nato per promuovere il turismo nella Regione Calabria, ma sta suscitando molte
polemiche. La soprintendente ai beni archeologici Simonetta Bonomi, dopo aver specificato che
nessuno ha chiesto l’autorizzazione, non si è però scandalizzata. Lo ha comunque trovato «kitsch»

SCOMMESSOPOLI · Lo «sdegno» di Totti

Signori: «Ho rifiutato


combine su Inter-Lecce» MUSICA

Nicola Sellitti Einaudi porta la


taranta a Londra
S
commessopoli ieri puntava
sui grandi attaccanti. L’inter- Dopo il Mali e la musica armena,
rogatorio alla procura di Cre- il compositore torinese si tuffa
mona per Beppe Signori, i sospetti nella taranta - è stato il maestro
– con l’annunciata querela del di- concertatore nell’agosto scorso
retto interessato - su Vieri e lo sde- della Notte della taranta, che pro-
gno di Totti e della Roma per il porrà al pubblico londinese del
coinvolgimento indiretto del capi- teatro Barbican in due serate il
tano giallorosso da parte degli in- 25 e il 26 di giugno. Venti artisti
dagati Erodiani (titolare di sul palco, con un repertorio qua-
un’agenzia di scommesse e che si completamente composto da
ha poi scagionato il giallorosso) e musiche tradizionali pugliesi.
Pirani (medico). Per l’ex attaccan- Sarà presente oltre ai membri
te della Lazio non c’è stata combi- dell'orchestra salentina, anche il
DEBORAH HARRY, FRED BRATHWAITE E MARIPOL / FOTO DI BOBBY GROSSMAN ne in Inter-Lecce 1-0. E nessun ac- dj turco Mercan Dede con il suo
cenno ai calciatori da avvicinare gruppo, il suonatore di kora del
«perché non si sapeva se ce ne sa- azzurra. L’obiettivo è accertare Mali Ballakè Sissoko e la cantan-
BIOGRAFILM · A Bologna, il festival si concentra sull’omaggio agli anni 80 rebbero stati di addomesticabili». eventuali irregolarità nello svolgi- te greca Savina Yannatou, che
Signori, arrestato per associazione mento delle gare e gli intrecci con eseguirà alcuni pezzi in griko, il

My eighties, un decennio a delinquere nella retata della scor-


sa settimana per aver fatto parte
di un giro di scommettitori (il
gruppo dei bolognesi) che punta-
la criminalità organizzata.
I Monopoli di Stato informano
che le gare sub judice (soprattutto
Napoli-Parma del 10 aprile 2010
dialetto di origine greca parlato
in alcuni comuni del Salento.

CINEMA

a prova di globalizzazione
vano grosse cifre su gare che con- cui assisteva da bordo campo il fi-
tribuivano a truccare, ha parlato glio di un noto della camorra) - Di Caprio «Django»
per un’ora a Cremona. non hanno fatto registrare flussi per Tarantino
L’ex attaccante di Lazio e Nazio- anomali agli operatori di scom-
nale ha raccontato che gli era sta- messe. E il procuratore della Re- Sembra che Tarantino sia riusci-
Elfi Reiter cali che assieme alla provincia finan- per offrire una panoramica sui temi af- to prospettato di finanziare «un af- pubblica di Napoli, Lepore, dice to a convincere Leonardo Di Ca-
BOLOGNA ziano, con altrettanto supporto di pri- frontati, dal mondo globalizzato alla fare». Gli offerenti erano Antonio che il Napoli «al momento non è prio ad interpretare il suo nuovo
vati (Lancia, Hera, Legacoop, Coop rivoluzione digitale alla coscienza eco- Bellavista - ex Bari, arrestato come coinvolto». In attesa del vertice al film «Django Unchained», omag-

C
ome dice l’incipit all’introduzio- Adriatica, in primis) la manifestazione logica. Perché spuntavano negli anni Signori, segnalato in altre intercet- Viminale - in programma domani gio allo spaghetti western di Ser-
ne del catalogo del Biografilm che ormai può contare su oltre 500mi- ottanta i primi segnali per l’abbatti- tazioni in cui chiedeva la mano du- - con il ministro Maroni e i vertici gio Corbucci. Se le trattative an-
2011 «anche solo dare il nome la euro. Lo sottolineiamo perché è un mento del muro di Berlino, avveni- ra sul portiere Paoloni che non pa- di Figc e Coni sulla task force inve- dranno in porto, il ruolo di Di
giusto alle cose diventa un atto rivolu- piacere assistere dopo un anno e mez- mento simbolo dell’apertura tra est e gava scommesse andate male - ed stigativa anti criminalità organiz- Caprio sarà quello del cattivo,
zionario», Andrea Romeo, artefice del- zo di commissariamento del comune ovest, base per l’attuale globalizzazio- Erodiani. L’avvocato di quest’ulti- zata che gestisce le scommesse il- Calvin Candie, proprietario di
la kermesse di undici giorni che inizia di Bologna a un dialogo costruttivo ne, così come allora erano entrati nel- mo, ha raccontato che il suo assi- legali, il portiere della Nazionale una piantagione nel Sud ameri-
oggi con lo special dedicato a Michael che promette di elaborare politiche le case i primi personal computer e vi- stito avrebbe presentato dieci gior- Buffon punta il dito sulla giustizia ca. Candie ha vinto ad un torneo
J. Fox con tutti e tre i Ritorni al futuro, non competitive per controbattere deogame, diventati poi sempre più so- ni prima dell’arresto una denun- sommaria che ha spedito nel frul- di poker la moglie dello schiavo
ha voluto provare a individuare il tur- quelle attuate dallo stato, il vero affos- fisticati. Si scriveva il 1986 quando il cia alla Procura Federale Sportiva latore mediatico colleghi noti co- liberato Django e l'ha messa a
ning point della crisi attuale nei terribi- satore della cultura, locale e nazionale. disastro nucleare di Chernobyl fece ri- su una possibile combine di Inter- me lui nello scandalo scommesse lavorare duramente, torturando-
li e/o amabili anni ottanta. Se la cita- Sono stati scelti gli anni ottanta, quin- montare il movimento ambientalista, Lecce. Le prove erano le stampate 2006: «Siamo sempre l’Italia di la e molestandola. Django non
zione è di Rosa Luxemburg che fu ucci- di, come focus principale, accanto ai così come bisogna tornare agli anni di una chiacchierata in chat con piazzale Loreto, basta un nome in sarà più interpretato da Will Smi-
sa a Berlino nel 1919 per averlo detto tradizionali cinque personalizzati che ottanta per comprendere la situazio- l’attaccante del Lecce Corvia - con- prima pagina e tutto viene infanga- th, sembra che Tarantino abbia
(e praticato) a suo tempo in difesa dei da sempre caratterizzano il ricco pro- ne attuale in Italia sul piano socio-po- tatto procurato da Paoloni - che as- to, quando il fatto per ora non è ora puntato gli occhi su Jamie
gramma del festival e che quest’anno litico-culturale. sicurava la partecipazione alla fro- chiaro. Alcuni calciatori vengono Foxx e Idris Elba.
Un focus dedicato sono dedicati a Elsa Schiapparelli (11 Se ne discuterà in numerosi incon- de di 4-5 compagni di squadra. In- additati come farabutti, perché
giugno, con ospite Marisa Berenson tri e dibattiti, tornano nei film in con- tanto l’inchiesta torna al Sud. Do- chi vende una partita e ci scom- BOLOGNA
a Michael J. Fox, per ricordare «una vita rosa corso, saranno sfiorati parallelamente po Bari e il gruppo degli zingari ec- mette sopra è un farabutto e deve
Malick sottosopra,
shocking»), Emilio Salgari (domenica nella consegna dei Lancia Celebration co la Procura di Napoli che inten- essere radiato a vita. Mi sembra
il documentario 12, col documentario sulla sua vita Ca- Awards 2011 a Diane Disney Miller (ve- de acquisire i filmati su tre partite che si vogliano far emergere nomi cineteca si scusa
su Salgari e il premio pitan Salgari. In viaggio con l’immagi- di Alias di sabato) e a Saverio Tutino, di A (Sampdoria-Napoli e Napoli- che non c’entrano: giocare sulla
nazione), Ernest Hemingway (il 15, tra fondatore dell’Archivio diaristico na- Parma del 2009/2010 e Lecce-Na- pelle e sulla dignità delle perso- Un episodio «mortificante e gra-
a Diane Disney Miller Spanish Earth di Ivens e ricordi di Inge zionale di Pieve Santo Stefano. poli del 2010/2011) della squadra ne». vissimo», che «non ha giustifica-
Feltrinelli che l’aveva intervistato), zioni» e del quale la Cineteca di
principi marxisti e pacifisti, il fatto di ri- Marshall McLuhan (il 18, accanto a stu- Bologna si assume in pieno tutte
prenderla quasi cent’ anni dopo per diosi, sarà ospite Eric McLuhan, figlio le responsabilità. Sono le scuse
aprire al motto della settima edizione
dell’International Celebration of Lives,
e collaboratore del pioniere del «villag-
gio globale») e Freddie Mercury (19 giu- TEATRO · Leone d’oro a Thomas Ostermeier, d’argento a Stefan Kaegi del presidente Giuseppe Berto-
lucci e del direttore Gian Luca
‘85/’86-L’inizio del futuro, speriamo sia gno, tra The untold story e il concerto Farinelli, dopo che per nove gior-
invece di buon auspicio per l’evoluzio- di Killer Queen). È il regista Thomas Ostermeier, dal 1999 alla testa della Schaubühne di Berlino, fra le massime ni al cinema Lumière «The tree
ne della cultura bolognese. Affinché Sotto il titolo My eighties ci sarà un istituzioni teatrali tedesche, il Leone d’oro alla carriera del 41/mo Festival Internazionale del Teatro of life», l'ultimo film di Terrence
sappia cogliere l’opportunità lanciata ciclo di dieci film al Cinema Odeon (Venezia, 10 - 16 ottobre 2011), mentre al regista svizzero Stefan Kaegi, del collettivo artistico di Malick, è stato proiettato a rulli
dagli stessi assessori alla cultura di co- (nuova sala aggiunta alle due del Cine- stanza a Berlino Rimini Protokoll, è stato attribuito il Leone d’argento, istituito lo scorso anno e invertiti. «L'assurda vicenda dei
mune e regione - rispettivamente Al- ma Lumière della Cineteca di Bolo- destinato alle nuove realtà teatrali. Entrambi i riconoscimenti sono stati proposti dal direttore del rulli scambiati - scrivono Farinel-
berto Ronchi e Massimo Mezzetti - in gna per l’enorme affluenza di pubbli- festival Àlex Rigola e accolti dal cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta. La li e Bertolucci - ha naturalmente
conferenza stampa, raccogliendo una co registrata l’anno scorso): un titolo cerimonia di consegna del Leone d’oro alla carriera avverrà nella giornata inaugurale della kermes- l'aggravante del soggetto respon-
recente affermazione del neo-sindaco per anno, da L’impero colpisce ancora se, lunedì 10 ottobre, alle ore 17.00, a Venezia (Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian, sede della sabile del grave infortunio, una
Virginio Merola: «facciamo della cultu- di Keshner del 1980, episodio 5 della Biennale). Fra le motivazioni, si legge: «Ostermeier è un punto di riferimento internazionale per la Cineteca, dunque una istituzione
ra un volano per questa città». E faccia- saga Guerre stellari, fino a The Abyss reinterpretazione dei testi classici e per la messa in scena della nuova drammaturgia contempora- che fa dell'integrità delle opere
mola all’insegna di coordinamento tra di Cameron del 1989, passando per nea» (clamoroso il suo esordio italiano nel 1999 con «Shopping and Fucking» di Mark Ravenhill). una delle ragioni stesse della pro-
gli enti locali e i molteplici soggetti ope- WarGames di Badham (83), Dune (84) Stephan Kaegi ha fatto del «dokumentarstück», quello che si potrebbe chiamare docu-drama, il pria esistenza». Ecco perché pro-
ranti sul territorio, hanno ribadito in di Lynch e Wall Street (87) di Stone, suo segno distintivo. «È sicuramente uno dei personaggi più in vista - si spiega nella nota - di una seguono i due, «non possiamo
coro i due rappresentanti degli enti lo- per citarne alcuni. Titoli significativi nuova generazione di artisti - che cerca nel teatro una via per parlare di temi politici e sociali». che rivolgere tutte le nostre scu-
se alle centinaia di spettatori ai
quali abbiamo offerto un involon-
tario falso d'autore» e «non pos-
siamo che subire in silenzio tutte
stasera tv Rainews le prese in giro e anche gli insulti
Rai1 Rai2 Rai3 Rete4 Canale5 Italia1 La7 dei quali giustamente la circo-
Puntata storica, per- stanza ci fa facile bersaglio».
ché l’ultima di Annoze- 17:15 LE SORELLE MCLEOD 18:15 TG2 Notiziario 17:45 GEOMAGAZINE 2011 16:20 IL CAPITANO DEI MARI 16:30 POMERIGGIO CINQUE 18:05 LOVE BUGS Sit com 17:40 J.A.G. - AVVOCATI IN 19:03 IL PUNTO SETTIMANALE
Telefilm Con Aaron Jeffery, 18:45 TRIBUNA REFERENDUM Documentario DEL SUD FILM Con Rock Attualità Conduce Barbara 18:30 STUDIO APERTO - METEO DIVISA Telefilm Con David Attualità
ro (Raidue, ore Rachael Carpani, Bridie Attualità 18:55 METEO 3 - TG3 Notiziario Hudson, Arthur Kennedy, D’Urso Notiziario James Elliott, Catherine 19:27 AGRIMETEO Notiziario INTERNET E SANTITÀ
21.10) dopo l’addio Carter, Myles Pollard 19:15 PILOTI Telefilm Con Enrico 19:30 TG REGIONE - METEO Cyd Charisse, Leif Erickson 18:05 TG5 MINUTI Notiziario 19:00 STUDIO SPORT Notiziario Bell, Patrick Labyorteaux, 19:30 TG3 Notiziario
di Santoro. Si parlerà
17:55 IL COMMISSARIO REX
Telefilm Con Tobias Moretti,
Bertolino, Max Tortora
19:30 SENZA TRACCIA Telefilm
Notiziario
20:00 BLOB Varietà
18:55 TG4 - METEO Notiziario
19:35 TEMPESTA D’AMORE
18:50 CHI VUOL ESSERE
MILIONARIO Gioco
sportivo
19:25 C.S.I. MIAMI Telefilm Con
John M. Jackson, Chuck
Carrington
20:00 IPPOCRATE Rubrica
20:30 TEMPI SUPPLEMENTAR
I pericoli della rete
20:15 SABRINA VITA DA 18:35 CUOCHI E FIAMME Real
di referendum, e poi
della maggioranza a
Gerhard Zemann, Heinz
Weixeibraun
Con Anthony LaPaglia
20:25 ESTRAZIONI DEL LOTTO STREGA Telefilm Con
Soap opera
20:30 WALKER TEXAS RANGER
Conduce Gerry Scotti
20:00 TG5 - METEO 5 Notiziario
David Caruso, Emily Procter,
Adam Rodriguez Tv Conduce Simone Rugiati
Rubrica
20:57 METEO Previsioni del per preti e suore
18:50 L’EREDITÀ Gioco Conduce 20:30 TG2 - 20.30 Notiziario Melissa Joan Hart Telefilm Con Chuck Norris, 20:30 PAPERISSIMA SPRINT 20:20 THE MENTALIST Telefilm 19:40 G’ DAY Varietà Conduce tempo
rischio crisi. «Annonuo- 20:35 UN POSTO AL SOLE Soap Corso per preti e suore per met-
21:00
Geppi Cucciari
21:05
Carlo Conti. Clarence Gilyard Varietà Conduce Giorgia Con Simon Baker
20:00 TG1 Notiziario ANNOZERO 20:00 TG LA7 Notiziario NEWS LUNGH
21:10 21:10
opera Con Patrizio Rispo Palmas, Vittorio Brumotti
vo» è il titolo della pun- 20:30 DA DA DA Documenti IN FONDO AL C.S.I. Telefilm 20:30 OTTO E MEZZO Attualità DA 24 Notiziario terli in allerta e per fornire loro
21:05
Attualità Conduce con il Gabibbo
tata che vede ospiti il DESPERATE CUORE FILM Con Michelle Conduce Lilli Gruber 21:27 METEO Previsioni del strumenti per arginare i pericoli
21:20 21:10
Michele Santoro. Con la Con Marg Helgenberger,
SEI GIORNI, HOUSEWIVES Telefilm SI PUÒ FARE
21:10 legati a Internet. Accadrà sabato
collaborazione di Sandro Pfeiffer, Whoopi Goldberg, George Eads, William tempo
leader del Pd Pier Lui- SETTE NOTTI FILM Con Ruotolo, Corrado Formigli e Con Teri Hatcher, Felicity Rose Gregorio, Lucinda FILM Con Claudio Bisio, Petersen, Laurence S.O.S. TATA Real 21:30 MERIDIANA - SCIENZA
gi Bersani, il ministro Harrison Ford, Anne Heche, di Stefano Maria Bianchi. Huffman, Marcia Cross, Eva Jenney, John Kapelos Anita Caprioli, Giuseppe Fishburne, Gary Dourdan, Tv Rubrica prossimo, 11 giugno, all'Ateneo
per la pubblica ammi- Cliff Curtis, Allison Janney, 23:10 TG2 - TG2 PUNTO DI Longoria 23:30 CINEMA FESTIVAL Battiston, Giorgio Colangeli, Paul Guilfoyle, Jorja Fox 00:10 TG LA7 Notiziario 21:57 METEO Previsioni del Pontifico Regina Apostolorum
David Schwimmer, Temuera VISTA Notiziario 22:45 TG REGIONE Notiziario Rubrica Bebo Storti, Andrea Bosca, 23:00 THE CLOSER Telefilm 00:25 IL BIANCO, IL GIALLO, IL tempo
nistrazione Renato Bru- Morrison 23:25 RAI 150 ANNI LA STORIA 22:50 TG3 LINEA NOTTE ESTATE 23:35 THE NEW WORLD - IL Giovanni Calcagno, Michele Con Kyra Sedgwick, J.K NERO FILM Con Giuliano 22:00 INCHIESTA 3 Attualità quando sacerdoti, religiose ma
netta, il leader dell'Ita- 23:15 PORTA A PORTA Attualità SIAMO NOI Documentario Attualità NUOVO MONDO FILM De Virgilio, Carlo Giuseppe Simmons, Corey Reynolds, Gemma, Tomas Milian, 22:30 NEWS LUNGHE DA 24 anche medici, infermieri e psico-
Conduce Bruno Vespa Conduce Giovanni Minoli 23:10 METEO 3 Previsioni del Con Colin Farrell, Q’Orianka Gabardini, Andrea Gattinoni, Robert Gossett, G.W Bailey, Eli Wallach, Manuel de Notiziario
lia dei valori Antonio 00:50 TG1 NOTTE - TG1 FOCUS 00:25 RITRATTI MUSICALI tempo Kilcher, Christian Bale, 23:30 MATRIX Attualità Conduce Anthony John Denison, Jon Blas, Jacques Berthier, 22:57 METEO Previsioni del logi siederanno attorno a un ta-
Di Pietro e il vicemini- Notiziario Rubrica Conduce Cristina 23:25 SEI MILIARDI DI ALTRI Jason Aaron Baca, Ben Alessio Vinci Tenney Romano Puppo, Nazzareno tempo volo per parlare di temi legati al
01:20 CHE TEMPO FA Previsioni Ravot Talk show Conduce Sveva Mendelsohn, David Thewlis, 01:30 PAPERISSIMA SPRINT 00:45 POKER1MANIA Rubrica Zamperla, Edy Biagetti, 23:00 CONSUMI E CONSUMI
stro delle infrastrutture del tempo 01:00 TG PARLAMENTO Attualità Sagramola Christopher Plummer Varietà sportiva Hideo Saito, France Nuyen Rubrica mondo giovanile, come l'anores-
e dei trasporti Roberto 01:30 SOTTOVOCE Rubrica 01:10 THE NINE Telefilm Con 00:15 APPUNTAMENTO AL 01:25 TG4 NIGHT NEWS - 02:00 TG5 NOTTE - METEO 5 01:35 STUDIO APERTO - LA 02:35 OTTO E MEZZO Attualità 23:27 METEO Previsioni del sia e la vita affettiva nell'era del
CINEMA Rubrica METEO Notiziario NOTTE Notiziario GIORNATA Notiziario Conduce Lilli Gruber tempo
Castelli. Conduce Gigi Marzullo. Tim Daly, Kim Raver
digitale.
pagina 14 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

COMMUNITY

la domanda
è "Born This Way", il cui testo è il ma-
nifesto del pensiero di Lady Gaga.
terraterra «I'm beautiful in my way /'Cause God
makes no mistakes /I'm on the right
Paolo Periati track, baby / I was born this way /
Don't hide yourself in regret / Just
Le colline di Freetown love yourself and you're set / I'm on
the right track, baby / I was born this

U
na volta le colline che cingevano il LAZIO way, born this way / Ooh, there ain't
cuore di Freetown erano rigogliose no other way, baby, I was born this
e coperte di alberi. Oggi, a causa del- Giovedì 9 giugno, ore 20.15 LA POPSTAR way. ...Don't be drag, just be a queen
la deforestazione che negli ultimi vent’anni IL SORPASSO Paolo Mieli incontra Pier Luigi USA, icona del / Whether you're broke or evergreen /
ha investito la capitale della Sierra Leone, Battista, terzo appuntamento con Contempora- movimento lgbt e You're black, white, beige, chola de-
gran parte della vegetazione è stata tolta di neamente, partendo da Il sorpasso, il fim di non nuova a inizia- scent / You're Lebanese, you're orient
mezzo per fare spazio alle abitazioni. Ma Dino Risi, per poi parlare dell'Italia di oggi. tive politiche per i / Whether life's disabilities / Left you
non si tratta di villini a schiera o palazzine Ore 20.15, ingresso 4 euro diritti civili, sabato outcast, bullied or teased / Rejoice
edificate seguendo un preciso piano regola- ■ MAXXI Via Guido Reni 2 Roma (RM) al Circo Massimo and love yourself today / 'Cause ba-
tore, ma di una baraccopoli, fatta di rifugi a Roma, al con- by, you were born this way... No mat-
di fortuna in lamiera e case scalcinate, in Venerdì 10 giugno, ore 14.30 certo che conclu- ter gay, straight or bi / Lesbian, tran-
cui trovano riparo tutte quelle persone che KESBILE’ Alla Casa Internazionale delle donne derà la manifesta- sgendered life / I'm on the right track,
hanno abbandonato le zone rurali per pren- in Via S. Francesco di Sales 1/a Roma, luogo zione dell’Europri- baby / I was born to survive / No mat-
dere d’assalto la città in cerca di un futuro storico e politico del femminismo e del lesbi- de. Pronuncerà ter black, white or beige / Chola or
migliore. smo romano e italiano, il gruppo Kesbilè invita un discorso e poi orient made /I'm on the right track,
Ma la città, con il suo milione di abitanti le lesbiche e le donne ad una giornata particola- canterà una can- baby I was born to be brave.
chiusi tra l’Oceano Atlantico e le zone alte re per stare insieme, divertirci e prepararci a zone. La sua pre- Alessandro
dell’entroterra, rigetta i nuovi arrivati verso marciare. Nel programma: concorso fotografico senza è stata pos-
la periferia, costretti a ricavarsi una sistema-
zione precaria in sobborghi abbarbicati su
quelle colline ormai brulle e ad alto rischio
«Lesbiche, embè’?» a cura del gruppo Fuoricam-
po (tutte possono partecipare! Scarica il regola-
mento sul sito http://www.fuoricampo.net/ ),
sibile grazie all’in-
tercessione del-
l’ambasciatore
Gli Usa portano Di sicuro Lady Gaga è un’icona
della musica pop, realmente stra-nota
a livello mondiale. Visto il successo
idrogeologico. Infatti, le case si aggrappano
a ripidi pendii, alcuni tenuti insieme da ter-
razzamenti di fortuna detti packings, sepa-
proiezioni di filmati a cura del gruppo Visibilia –
Immaginaria, presentazione di libri a tematica
Usa a Roma Thor-
pe. Lady Gaga planetario che riscuote e la montagna
di soldi che è in grado di fare e di
muovere, sospetto anche che nel suo

all’Europride.
lesbica scritti da lesbiche, presentazione degli
rate da sentieri scoscesi fatti di terra e pie- atti delle Cinque Giornate Lesbiche del giugno campo sia persino molto brava (oltre
tre. Qui gli incidenti sono all’ordine del gior- 2010. Momo in concerto - la festa con dj Ma- che “spinta” da qualche super-major
no: basta mezza giornata di pioggia per far
Esportazione dei
rah di azione Gay e Lesbica. L’evento è aperto discografica). È (quasi) sicuro che sia
sì che si creino smottamenti e frane che van- sole donne pertanto in grado di fare uno show
no giocoforza a investire case e persone. ■ Casa Internazionale delle donne Via scoppiettante, spettacolare, persino

diritti civili in un
Samuel Weekes, che si occupa di studi S. Francesco di Sales 1/a Roma geniale, a suo modo... Quindi, mediati-
sulla popolazione al Fourah Bay College di camente parlando, credo che questa
Freetown, sostiene che una delle cause prin- LIGURIA iniziativa sarà un successo, almeno in
cipali del problema è l’assenza di una piani-
ficazione urbanistica: il governo «dovrebbe
far applicare le normative ponendo dei limi-
Domenica 12 giugno, ore 18
KURDISTAN Presso la sede di Music For
paese omofobo o termine di persone coinvolte, riscontri
mediatici, notizie in tv ecc. e di sicuro,
almeno per Lady Gaga, un’ulteriore
ti alla quantità di edifici che possono essere
costruiti in collina», dichiara ai reporter del-
l’Inter Press Service Abdul Samba Brima e
Peace in via Balleydier 60 (zona elicoidale
San Benigno) incontro pubblico «Kurdistan, il ingerenza pubblicità, dato che essendo una vera
regina dello “show–business”, sarà
abilissima nel girare principalmente a

umanitaria?
Paese che non esiste». L'evento si tiene nel
Jessica McDiarmid. Secondo Weekes, però, giorno delle elezioni politiche in Turchia, elezio- suo favore anche questo ulteriore spet-
occorre analizzare anche le regioni di «uno ni precedute da gravi tensioni e repressione tacolo. Insomma, sospetto (o dovrei
sviluppo distorto», ovvero la massiccia mi- del Governo turco contro la campagna di di- dire sono certo?) che alla fin fine l’
grazione dalle zone rurali verso il centro ur- sobbedienza civile della minoranza Kurda evento verrà ricordato più come lo
bano che ha portato la popolazione a una (minoranza relativa in quanto sono quasi 17 show di Lady Gaga, mentre l’Europride
crescita rapida e sfrenata. «Se il governo in- milioni su 70) che subisce da anni la negazio- Il tutto grazie all'intervento di- passerà in secondo ordine... Ciò det-
traprendesse specifiche azioni per lo svilup- ne dei diritti umani, primo fra tutti il diritto ad retto dell'ambasciatore americano a un agente Cia. Claudio ciazioni organizzatrici dell'evento ed to, ignoro totalmente se questa artista
po dell’agricoltura nelle zone dell’entroter- usare la propria lingua madre e ad avere una roma! Ma questo è l'ennesimo tentati- alcuni loro ospiti. Lady Gaga sarà la “globale” sia anche storic mente schie-
ra, insieme a una seria pianificazione urba- adeguata rappresentanza democratica. Saran- vo di colonizzazione culturale. E che Personalmente lo ritengo un bel prima a salire sul palco per pronuncia- rata o meno a favore del cosiddetto
nistica, si riuscirebbe ad alleviare lo stress no proiettati filmati con testimonianze di: senza dubbio andrà a buon fine. colpaccio (indipendentemente dalle re un discorso sui diritti degli omoses- movimento glbt: essendo però una
abitativo della capitale». Antonio Olivieri (Ass .Verso il Kurdistan) e Bice Paolo Minella ingerenze Usa) dato che chi ci guada- suali e più in genere sull'identità per- persona di sicuro piena di risorse, la
Kolleh Bangura, capo dell’Agenzia per la Parodi (ass. Senza Paura), reduci dalla recen- gna di più a livello di visibilità sarà sonale, come da lei già affrontato nel- cosa non mi sorprenderebbe affatto!
protezione e lo sviluppo, ammette che «il te missione della delegazione italiana di osser- Per rispondere alla domanda... l’Europride. La Lady G. è già visibile le sue canzoni, nei suoi spettacoli e Comunque, la mia conclusione è la
governo dovrebbe rivedere le leggi e amplia- vatori internazionali in occasione della festività perché troppo commerciale? Che vuol abbastanza! Fabio nei precedenti discorsi pubblici (si seguente: se è un modo come un al-
re le risorse economiche per far fronte alla nazionale kurda del Newroz. Sono previste dire? Prendere piuttosto un artista ricordano quelli alla National Equity tro per far parlare dell’Europride sui
crescita della popolazione», ma sottolinea testimonianze di profughi kurdi presenti nel meno di successo e più noioso che In merito alla partecipazione di March di Washington nel 2009 e il media, grazie ad una simile “icona”
anche come le persone non abbiano alcun nostro Paese. attiri meno pubblico e crei minore in- Lady Gaga al Roma Euro Pride 2011, #4THE14K Rally di Portland nel globale, è probabile che il target sarà
rispetto per le aree in cui la costruzione è Durante l'incontro saranno presentate iniziati- troito? Direi che Lady Gaga è perfetta l'organizzazione precisa che non ci 2010). In via eccezionale, oltre a tene- centrato in pieno; se, però, gli organiz-
vietata, perché esiste già una «green belt» ve concrete di solidarietà con la società civile la manifestazione. Sulla seconda do- sarà alcun concerto della cantante. re il proprio discorso, Lady Gaga si zatori dell’evento pensano seriamente
(cintura verde), sottoposta a regolamenta- kurda. E' necessario che la società civile italia- manda si potrebbe considerare un Niente "concertone". Al termine della esibirà in un brano al pianoforte, da di “gestire” per i loro scopi "istituziona-
zione edilizia. na ed europea affianchi la società civile kurda "né l'una né l'altra?" Mi sembra un parata Europride dell'11 giugno, al sola, senza alcuna coreografia. Ogni li", a loro modo, un simile personag-
Molti ormai segnalano che se la crescita nella campagna non violenta di disobbedienza po' esagerato vedere gli Usa piazzare Circo Massimo di Roma prenderanno altra ipotesi di intervento è priva di gio – in quel caso, mi sembra un po’
continuerà al ritmo attuale si aggraveranno civile anche in considerazione della richiesta Lady Gaga in giro per il mondo come la parola i rappresentanti delle asso- alcun fondamento. La canzone scelta difficile da credere... Fabio Vivian
sia la deforestazione, sia anche tutti i proble- della Turchia di entrare nella Comunità Euro-
mi dovuti alla carenza di servizi igienico-sa- pea.
nitari, di acqua, elettricità e infrastrutture ■ Sede di Music For Peace Via Bal-
adeguate. Le istituzioni però continuano a leydier Genova (GE) tà»: quest’atteggiamento ci dice di sperare
latitare e a scaricarsi le responsabilità l’una
LUTTO TRA I NO DAL MOLIN DALLA PRIMA contro ogni ragione. Mi sembra invece che
con l’altra. La causa di questi ritardi va ricer- LOMBARDIA Marco d’Eramo noi dobbiamo esercitare un ponderato, disil-
cata a monte, ovvero al 2004 quando – ter- Il nostro compagno Antonio Castellarin ci luso «ottimismo della ragione».
minata la guerra civile da un paio di fanni – Giovedì 9 giugno, ore 21 ha lasciati e l'unica nostra consolazione È possibile che alcune – forse tutte – Ecco, vorremmo che questo convegno fos-
con il Local Governement Act sono state ACQUA, NUCLEARE, LEGITTIMO IMPE- è il fatto che almeno nonsoffre più. Sem- di queste rivoluzioni siano normaliz- se un esercizio di ottimismo della ragione.
reintrodotte le amministrazioni locali (abo- DIMENTO Sono battaglie per la difesa del pre attivo al Presidio permanente No Dal zate. E che l’ordine torni a regnare al In un certo senso, il fatto che il convegno av-
lite nel lontano 1972), e in un paese dove po- nostro "bene comune". Se ne parlerà nel cor- Molin, in particolare si occupava di moni- Cairo, a Tunisi, a Tripoli, a Damasco, a Mana- venga davvero è già una controprova che
chi hanno esperienza di attiva partecipazio- so di un incontro e dopo la proiezione del film torare i principali quotidiani internaziona- ma, come in altra epoca regnava a Varsavia. ogni tanto c’è ragione di essere ottimisti.
ne alla governance, la devoluzione di re- «Vite, luoghi e speranze». Interverranno Massi- li e ci forniva una premurosa e puntuale Ma solo l’assenza totale di prospettive ci può Nelle nostre ben note, disastrose condizioni
sponsabilità agli enti locali risulta in ritar- mo Gatti, Giansandro Barzaghi, Stefano Zampo- rassegna stampa sui misfatti della politi- premunire dalle disillusioni, proprio come so- economiche non avremmo mai potuto, da
do. Oggi la gestione delle strutture sanita- ni e Massimo Rossi. ca belligerante, nel cui ambito si situa lo il non fare ci esime dall’errore. Certo è che soli, mettere su una simile organizzazione,
rie, l’istruzione primaria e secondaria e ■ Sala Consigliare Piazza Libertà 1 anche la militarizzazione della città di quel che è iniziato nel Magreb e nel Machrek pagare il viaggio e il soggiorno ai relatori, pa-
l’agricoltura sono divenute di competenza Paullo (MI) Vicenza da parte dell'esercito Usa. Anto- non finisce qui, e che dobbiamo ancora assi- gare un apparato di traduzione simultanea
dei consigli locali, mentre acqua, rifiuti, po- nio era inoltre un grande amico del mani- stere all’onda lunga di questa primavera. e affrontare tutte le altre (ingenti) spese ne-
litiche giovanili e sportive restano ancora in Venerdì 10 giugno, ore 20 festo e una delle sue ultime uscite avven- Un’onda lunga che ci riserverà altrettante sor- cessarie. Ma la rete televisiva Sky e la rivista
mano agli enti centrali dello Stato. Quanto REFERENDUM Concerto di chiusura campa- ne il 18 marzo scorso, partecipando, già prese di quelle che ci hanno colpito a gennaio Oil dell’Eni hanno avuto fiducia in noi e so-
alle colline di Freetown la gestione delle in- gna Referendum. Con le band Stonebreaker, molto sofferente, alla cena con Gabriele quando tiranni inamovibili sono crollati co- no stati tanto lungimiranti da fornirci il loro
frastrutture è di competenza statale. E men- Fabio NObili Group e l’associazione su il sipa- Polo, organizzata a sostegno economico me giganti dai piedi di argilla. sostegno lasciandoci la completa regia del-
tre enti locali e governo nazionale continua- rio. del nostro giornale. Un forte abbraccio Ho sempre trovato profondamente reazio- l’evento. E dandoci la possibilità di incontra-
no con lo «scarica barile», i nuovi immigr- ■ Piazza Garibaldi, Sondrio alla sua compagna Lilli. Lo saluteremo nario lo slogan (variamente attribuito ad An- re i tanti interlocutori e le tante protagoni-
tanti continuano a scavare e a sradicare al- venerdì pomeriggio, ritrovandoci al teatro tonio Gramsci o a Romain Rolland) del «pessi- ste di questa primavera che speriamo duri fi-
beri per costruire baracche. Inviate a: eventiweb@ilmanifesto.it san Marco a Vicenza. Mario Basso mismo della ragione e ottimismo della volon- no a diventare un autunno caldo.

il manifesto DIR. RESPONSABILE norma rangeri


VICEDIRETTORE angelo mastrandrea
– DEMOCRAZIAKMZERO

Appello urgente per la Tav
CAPOREDATTORI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
marco boccitto, micaela bongi, PRESIDENTE valentino parlato
michelangelo cocco, sara farolfi, massimo CONSIGLIERI miriam ricci, Il nuovo sindaco di Torino Piero Fassi- tà… in una parola, la «crescita». Ora
giannetti, giulia sbarigia, roberto zanini, emanuele bevilacqua, ugo mattei,
giuliana poletto (ufficio grafico) gabriele polo (dir. editoriale) no, la cui elezione al primo turno è Nichi Vendola ha fatto la sua mossa:
stata salutata come un affermazione facciamo un partito unico, tutti insie-
il manifesto coop editrice a r.l.
REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE,
copie arretrate 06/39745482
arretrati@redscoop.it della democrazia, deve incontrare il Pierluigi Sullo me nel Pd (o come si chiamerebbe),
00153 roma via A. Bargoni 8
FAX 06 68719573, TEL. 06 687191 STAMPA litosud Srl via Carlo Pesenti 130, ministro degli interni, Maroni, per inci- di modo che le primarie siano meno
E-MAIL REDAZIONE redazione@ilmanifesto.it Roma - litosud Srl via aldo moro 4, 20060
E-MAIL AMMINISTRAZIONE Pessano Con Bornago (MI) tarlo a sbloccare a mano armata la laceranti di come sono state a Milano
manamm@ilmanifesto.it
SITO WEB: www.ilmanifesto.it CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PUBBLICITÀ situazione della Valle di Susa. Dove, costosa e catastrofica per la vita degli il tipo di «sviluppo» che ci auguriamo Vendola, Di Pietro e gli altri si chiedes- (poi, tutto è bene quel che finisce be-
TELEFONI INTERNI poster pubblicità srl SEDE LEGALE, DIR. GEN.
SEGRETERIA 576, 579 - LETTERE 578 00153 roma via A. Bargoni 8, tel. 06 come è noto, la generalità dei cittadi- abitanti. D’altra parte, il capo del parti- – tema sul quale ha fatto molti esem- sero se, in effetti, «uscire dal berlusco- ne) e non si presentino situazioni co-
AMMINISTRAZIONE 690 - ARCHIVIO 310 - 68896911
POLITICA 530- MONDO 520 - CULTURE 540 fax 06 58179764, E-MAIL poster@poster-pr.it ni si oppone al tunnel di 50 chilometri to di De Magistris, Antonio Di Pietro, pi concreti Guido Viale sul manifesto nismo» non voglia dire solamente but- me Napoli, dove De Magistris ha cor-
TALPALIBRI 549 - VISIONI 550 - SOCIETÀ 590
ECONOMIA 580 TARIFFE DELLE INSERZIONI della Tav, preliminare al quale è un era stato, da ministro dei lavori pubbli- di domenica – il centrosinistra non tar fuori l’ex incantatore delle masse so contro il Pd. Magari è una buona
pubblicità commerciale: 368 € a modulo
SEDE MILANO (mm44x20), edizione locale: 184 € a modulo tunnel «esplorativo» da far partire subi- ci nell’ultimo governo Prodi, un accani- solo procede in ordine sparso, ma da Palazzo Chigi e fare in modo un idea, ma per fare cosa? Come sem-
REDAZIONE: via ollearo, 5 20155 REDAZIONE: cinema edizione locale: 134 € a modulo
0245072105 024521071406 pubblicità finanziaria/legale: edizione to, ché sennò cadono i finanziamenti to sostenitore della Tav. Mentre Pierlui- sceglie ricette opposte: De Magistris po’ più razionale (ma fino a un certo pre, la medicina migliore è che i citta-
redmi@ilmanifesto.it nazionale:
AMMINISTRAZIONE-ABBONAMENTI: 02 450€ a modulo, edizione locale: 225€ a europei. Perciò la gente occupa da un gi Bersani, a volerla dire tutta, da bra- cercando di coinvolgere i cittadini in punto, la Val di Susa dimostra che il dini si diano da fare a prescindere, in
45071452 modulo, finestra di prima pagina: formato mm
65 x 88, colore: 4.550 €, b/n: euro 3.780 paio di settimane l’impervia località vo liberista «temperato», non era affat- una soluzione corale del dramma dei retropensiero è: quando ci vuole ci modo magari da trascinare poi i parti-
SEDE FIRENZE posizione di rigore più 15%, pagina intera:mm
via maragliano, 31a 320 x 455 doppia pagina: mm 660x455. della Maddalena, nel comune di Chio- to turbato dal nucleare e dalla privatiz- rifiuti, ossia la raccolta porta a porta; vuole) quel che, ovviamente, i mercati, ti, come nel caso dell’acqua. E sulla
TEL. 055 363263, FAX 055 354634
DIFFUSIONE, CONTABILITÀ. RIVENDITE, monte, proclamata «Libera Repubbli- zazione dei servizi pubblici: che ora il Fassino invocando l’intervento della il Fondo monetario e l’Unione euro- Val di Susa c’è un «appello urgente»
iscritto al n.13812 del registro stampa del ABBONAMENTI: reds, rete europea distribuzione
tribunale di roma autorizzazione a giornale murale e servizi, viale bastioni michelangelo 5/a 00192 ca». Il nuovo sindaco di Napoli, Luigi leader del Pd abbia cambiato idea è polizia contro i cittadini che, in sostan- pea, nonché la Nato, vogliono che da firmare e far firmare prima che Ma-
registro tribunale di roma n.13812 ilmanifesto roma tel 06 39745482 fax 0639762130
fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge certificato n. 6946 del 21-12-2010 De Magistris, la cui elezione è stata una buona cosa, merito dei milioni di za, vogliono la stessa cosa, una gestio- l’Italia faccia: meno debito pubblico, roni, stimolato da Fassino, entri in
07-08-1990 n.250
salutata come la rinascita della città, cittadini che hanno firmato per i refe- ne comune di quel che è comune. Sa- più precarietà, meno tutele al territo- azione. Lo trovate su www.notavtorino.
ABBONAMENTI POSTALI PER L’ITALIA annuo
260€ semestrale 135€ i versamenti c/c chiuso in redazione ore 21.30 già da deputato europeo aveva giudi- rendum. Insomma, succede che su rebbe quindi il caso che, oltre alle rio, più armi, privatizzazione di tutto org.
n.00708016 intestato a “il manifesto” via A.
Bargoni 8, 00153 roma tiratura prevista 70.300 cato l’opera inutile, eccessivamente uno spartiacque fondamentale, quale tattiche politiche-politiche, Bersani, ciò che è privatizzabile, più produttivi- www.democraziakmzero.org
GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011 il manifesto pagina 15

COMMUNITY

next ❚ DOPOVOTO
REDDITO, Le spine
«KERMESSE» DI MILANO
ISRAELE, OVVERO
UN’OCCASIONE L’INSOSTENIBILE
A SINISTRA
Peppe Allegri di Barack Obama LEGGEREZZA
Alessandra Mecozzi *, Roberto Giudici **

L «I
a sinistra rischia di perdere sraele che non ti aspetti» è il titolo
un’occasione. Ridurre l’esi- scelto per una kermesse (dal 12 al 23
to elettorale a Milano e a Na- giugno) di eventi espositivi, promos-
poli, e le prospettive sulla possibili- si dall'Ambasciata di Israele con la Regione
tà di fuoriuscire dal berlusconi- Lombardia e l’ex giunta Moratti. Per alcuni
smo, al dibattito sulle nuove alchi- giorni il centro di Milano verrà «occupato»
mie del centrosinistra significa so- dall'esibizione di tecnologie sofisticate nei
lo una cosa: non rispondere alla settori della sicurezza e degli armamenti, del
domanda che Ulrich Beck rivolse trattamento delle acque, della sanità e dell’in-
provocatoriamente alle classi diri- formatica. Nella stessa occasione un vertice
genti europee all’indomani delle di uomini d’affari italiani e israeliani discute-
Le nuove schede rivolte nelle banlieues francesi nel rà di cooperazione economica tra i due pae-
non saranno inviate 2005: «Dobbiamo finalmente por- si. «Fare affari», è l'invito dell’ambasciata di
re all’ordine del giorno queste que- Israele, accolto dalla partecipazione impren-
agli italiani all’estero stioni: come si può condurre una ditoriale e istituzionale italiana. Il titolo indi-
Che hanno già votato vita sensata anche se non si trova ca la consapevolezza che a Israele si pensa co-
un lavoro? Come saranno possibi- me ad a un paese super militarizzato, in guer-
Uno spettro agita i sonni dei refe- li la democrazia e la libertà al di là ra – che è un dato di fatto – cercando di attrar-
rendari: il quorum. Da ieri l’asticel- della piena occupazione? Come re l'attenzione su un'altra faccia. Ma queste
la potrebbe essere alzata oltre la potranno le persone diventare cit- presunte due facce, sono in realtà una sola:
soglia del 50%, addirittura al 58%, tadini consapevoli, senza un lavo- quella dell’insostenibile politica israeliana co-
per via del pasticcio sul voto degli ro retribuito? Abbiamo bisogno di loniale e di occupazione. Una politica che an-
italiani all’estero. Tutto nasce dalla un reddito di cittadinanza. Non è drebbe sanzionata, non alimentata!
finta moratoria del nucleare inseri- una provocazione, ma un’esigen- Immanuel Wallerstein Scienza e ricerca non sono mai neutre. La
ta dal governo nel decreto omni- za politica realistica». È su questa ricerca scientifica è strettamente legata a
bus. La Cassazione ha infatti am- alternativa di civiltà rispetto al cu- quella militare e della sicurezza. Viene quoti-

I
messo il referendum e bocciato i po e risentito dissolvimento al qua- l presidente degli Stati Uniti è reincarnazione di George Washin- camente sottoscritto il golpe contro dianamente «testata» dal governo di Israele
ricorsi governativi, modificando pe- le le politiche dell’austerità con- considerato l’individuo più po- gton. Uno schiaffo in faccia per l’ex presidente Zelaya. A causa del su migliaia di palestinesi, la cui vita è resa im-
rò leggermente il quesito. Nel frat- dannano l’Italia e l’Europa che si tente del mondo contempora- Obama, che tuttavia parlando all’Ai- golpe, l’Honduras è stato sospeso possibile dal sistema dell’occupazione milita-
tempo all’estero si era già votato, misurerà la politica della sinistra neo. Barack Obama sta dolorosa- pac aveva già ritirato de facto il suo dall’Oas. Allora gli Stati Uniti si so- re ed economica. Centinaia di check points
sul vecchio quesito. Il governo ha nei prossimi dieci anni. Al centro mente scoprendo di avere ancora timido tentativo di proporre i confi- no dati da fare per far rientrare tecnologico/militari impediscono il movi-
dovuto ristampare le schede, che di questa alternativa si staglia la un immenso potere di far male e ni Israele/Palestina del 1967 come l’Honduras nell’Oas a pieno titolo mento della popolazione, come lo sviluppo
però non non saranno nuovamente prospettiva indicata da Luigi Fer- praticamente nessun potere di fare possibile base di una soluzione. con la scusa che era stato formal- economico; l’impenetrabile «barriera di dife-
inviate agli italiani residenti al- rajoli nell’intervista pubblicata ieri bene. Credo che Obama se ne ren- Il governo saudita ha chiarito mente eletto un nuovo presidente. sa» o «muro dell’apartheid» protetto da un si-
l'estero, dal momento che il voto dal manifesto: bisogna arrivare a da conto ma non sappia come por- che farà tutto quanto è in suo pote- L’America Latina ha resistito a quel- stema sofisticatissimo di sensori e comandi
poteva essere espresso solo entro un reddito per tutti, che garanti- vi rimedio. Il fatto è che temo non re per difendere i regimi del mondo le pressioni perché a Zelaya non hi- tech, ha confiscato terre e pozzi, demoli-
il 2 giugno. E non si sa se le vec- sca l’uguaglianza e la dignità della ci sia niente da fare. arabo ed è irritato con Obama per era stato permesso il rientro malgra- to case, distrutto terreni agricoli, posti di lavo-
chie schede già votate saranno persona. Retrocedere rispetto a Pensiamo per esempio alla sua l’accenno occasionale al discorso do tutti i pretestuosi processi pen- ro, separato famiglie e comunità; ha «sposta-
conteggiate ai fini del risultato e questo progetto significa rinuncia- più grossa preoccupazione attuale: dei "diritti umani". Il governo paki- denti contro di lui fossero stati can- to» confini internazionalmente riconosciuti.
soprattutto ai fini del raggiungimen- re a immaginare, e a mettere in la seconda rivolta araba. Non l’ha stano gli ha detto in tutta franchez- cellati. E dopo? La Colombia (in teo- Il muro è una «violazione del diritto interna-
to del quorum. O meglio, il mini- pratica, una vera, concreta e irri- cominciata lui, anzi all’inizio l’ha za che se volesse cercare di fare il ria il miglior amico degli States in zionale», ha avvisato la Corte di giustizia del-
stro Vito ieri non si è voluto pronun- nunciabile soluzione alla crisi glo- colto di sorpresa come tutti gli altri. America Latina) e il Venezuela (in l'Aja (9 luglio 2004). Gran parte dell’acqua vir-
ciare, alimentando i peggiori so- bale che diffonde impoverimento La sua reazione immediata è stata teoria la nemesi degli Stati Uniti in tuosamente trattata dall'ingegneria israelia-
spetti. Con il paradosso che, se e miseria fin dentro il ceto medio ritenere, correttamente, che presen-
Le primavere arabe, America Latina) si sono alleati e ac- na proviene da espropriazioni e spoliazione
non fossero conteggiate, l’asticella garantito del capitalismo avanza- tasse grossi rischi per una regione la questione cordati col governo honduregno al dei territori, a danno di villaggi, di città e del-
del quorum si alzerebbe pericolosa- to. Il rischio c’è e sarebbe da inco- del mondo già fortemente instabile potere per far tornare Zelaya alle l’economia palestinesi. Viene esaltato un si-
mente, mettendo a rischio l’esito scienti non vederlo. dal punto di vista geopolitico. Gli
palestinese, il pantano sue condizioni. Il Segretario di Sta- stema sanitario all’avanguardia nella cura
dei referendum. Da qui la nostra Continuare a indulgere nel vi- Usa hanno cercato in tutti i modi afghano, il «cortile to, Clinton, ha accolto con un sorri- dei propri cittadini, mentre a Gaza si negano
domanda: un pasticcio che si rive- zio sfrenato della politologia, ri- possibili di arginare i danni e man- so malinconico quella ripulsa de cure basilari ad una cittadinanza sotto un as-
lerà un autogol per il governo o un nunciando ancora una volta al- tenere la loro posizione, nonché di di casa» facto della diplomazia statunitense. sedio di anni, condannato dalle agenzie sani-
deliberato colpo al cuore del quo- l’immaginazione progettuale di restaurare "l’ordine". Non si può di- latinoamericano, Infine, Obama è nei pasticci col tarie mondiali. Persino le immagini simbolo
rum? un’altra società, significa condan- re che i loro sforzi siano stati coro- Congresso per la guerra in Libia. Se- del turismo sul mar Morto e la città entro le
narsi a non vedere l’unico modo nati dal successo. Giorno dopo gior- la guerra in Libia. condo il War Powers Act, Obama mura di Gerusalemme, parlano di territori
per uscire dai fallimenti politico- no la situazione si è fatta più caoti- I fallimenti della poteva impegnare le truppe in Li- occupati secondo le Risoluzioni Onu.
istituzionali della Seconda Repub- ca ed è sfuggita sempre più al loro bia solo per 60 giorni senza Sostenere economicamente la politica del
blica. Forse è prematuro celebrare controllo. politica «centrista» un’esplicita ulteriore approvazio- Governo israeliano, significa sostenerela sua il-
oggi la fine del berlusconismo, ma Barack Obama è, per convinzio- del presidente Usa. ne del Congresso. Ormai i 60 giorni legale e crudele occupazione e colonizzazione
è altrettanto chiaro che la sinistra ne e personalità, la quintessenza sono passati e non c’è stata alcuna dei territori palestinesi, la sua violenza contro
dovrebbe iniziare a pensare una del centrista. Cerca il dialogo e il Vicino alla rielezione iniziativa da parte del Congresso. chi rivendica i propri diritti, legalmente sanciti.
«Terza Repubblica». È un progetto compromesso tra gli "estremi". Agi- Continuare la guerra in Libia è chia- La kermesse a Milano è una scelta di par-
ambizioso, certo, ma in questi an- sce dopo aver attentamente riflet- duro con loro possono sempre tro- ramente illegale ma Obama non è te, di pieno appoggio alla politica del gover-
ni ciò che è mancato è stata pro- tuto e prende le sue decisioni con vare un alleato sicuro nella Cina. I in grado di ottenere quell’approva- no di Israele. Ed è un grave errore, che pre-
prio l’ambizione a immaginare prudenza. È a favore del cambia- governi russo, cinese e sudafrica- zione. E tuttavia ribadisce l’impe- giudica la possibilità che il nostro paese gio-
una radicale trasformazione del- mento lento e ordinato, un cambia- no hanno dichiarato che se gli Usa gno in Libia. E il coinvolgimento chi un ruolo attivo per la risoluzione del con-
l’esistente. In questa prospettiva il mento che non minacci l’essenza dovessero richiedere un’azione statunitense potrebbe perfino au- flitto, tanto più necessaria quando dal mon-
Sui referendum reddito incondizionato permette- del sistema di cui non solo fa parte del Consiglio di Sicurezza delle Na- mentare. Dunque può nuocere, do arabo arrivano segnali per un avanzamen-
rebbe non solo di riformare il wel- ma è per decreto la figura centrale zioni Unite contro la Siria non ma non può fare il bene. to democratico di tutta la regione.
il rebus del voto fare, ma soprattutto di fondare la e il giocatore di punta. Oggi è vinco- avrebbero il loro sostegno e proba- Nel frattempo, Obama si con- La Fiom, impegnata con le società civili pa-
cittadinanza sociale. Come indica- lato da ogni parte a quel ruolo. E bilmente non otterrebbero nem- centra sulla rielezione. Ha buone lestinese e israeliana per una pace giusta e du-
all’estero. no i promotori del convegno sul tuttavia cerca di continuare a svol- meno la maggioranza dei voti – probabilità di successo. I repubbli- revole in Medio Oriente, ritiene che neppure
Un autogol reddito che l’associazione Basic In-
come Network-Italia ha organizza-
gerlo. Ovviamente si chiede: che
cos’altro dovrei fare? Quello che ne
echi della sconfitta di Bush nel
2003 con la seconda risoluzione
cani si stanno spostando sempre
più a destra e politicamente stan-
il business e la cooperazione possano prescin-
dere dalla difesa del diritto internazionale, del-
del governo to in questi giorni a Roma, sono consegue è che altri giocatori (com- sull’Iraq. In Afghanistan, Karzai fa no davvero esagerando. Ma una l’autodeterminazione e della sicurezza per le
o un deliberato questi i punti minimi a partire dai presi quelli che un tempo erano appello alla Nato perché fermi gli volta rieletto il presidente Usa avrà popolazioni. Respingiamo le tristi e ormai pa-
quali può nascere una sinistra fi- stati suoi alleati subordinati ) lo sfi- attacchi dei droni. E il Pentagono ancora meno potere di oggi. Il tetiche accuse di antisemitismo contro ogni
colpo al cuore nalmente all’altezza delle doman- dano apertamente e impudente- è sottoposto a pressioni per lascia- mondo va avanti rapidamente. E voce critica che condanni l’occupazione di
de di giustizia e delle istanze di li- mente e se la cavano – diminuen- re l’Afghanistan, perché l’operazio- in uno scenario così pieno di incer- territori e popolazioni. Chi rivendica rapporti
per il quorum? berazione che i movimenti degli done vieppiù il potere. ne è troppo costosa. tezze e di attori imprevedibili la privilegiati di Israele con l’Europa, non può
studenti, dei precari, dei nuovi e Netanyahu parla al Congresso Per non cadere nell’illusione che più pericolosa mina vagante sono sorprendersi per l’attenzione ad una politica
vecchi disoccupati hanno urlato degli Stati Uniti, che applaude con la debolezza degli Stati Uniti sia proprio gli Stati Uniti. che, sempre più diffusamente a livello interna-
INVIATE I VOSTRI COMMENTI SU: nelle strade in questo lungo ven- entusiasmo travolgente il suo di- una questione esclusivamente me- traduzione di Maria Baiocchi zionale, viene chiesto di sanzionare.
www.ilmanifesto.it tennio del loro scontento. In Italia scorso insensato, pericoloso e op- diorientale basta dare un’occhiata Copyright by Immanuel Waller- *responsabile internazionale Fiom-Cgil
lettere@ilmanifesto.it e in Europa. portunista come si trattasse della all’Honduras. Gli Usa avevano prati- stein, distributed by Agence Global **responsabile org. Fiom-Cgil Milano

Diario dal bunker anti-nucleare


– VUOTI DI MEMORIA

Ce ne eravamo quasi dimenticati. dipendente come Greenpeace, ab- Odissea
È come se fosse la prima volta che
sentiamo il calore del sole, il vento
fresco in faccia, gli sguardi della
Vento e referendum bia insegnato qualcosa: che è pos-
sibile migliorare quello che non ci
piace, che è un nostro dovere op-
Alberto Piccinini
gente per strada, gli abbracci delle porci alle ingiustizie... Ill.mo Signor Procuratore, io sottoscritto Cruciani Massimo nato a Roma, il 15-8-1948,
persone amate. Abbiamo percor- re e di far sentire al go- ta superata, ce l’abbia- Cambiare le cose è possibile, in sottopongo alla cortese attenzione della S.V. Ill.ma il seguente esposto, i fatti sottoelencati
so il cortile che porta al rifugio, verno il loro dissenso mo fatta, siamo riusci- tanti lo stanno già facendo, e se la sono necessariamente scarni data la estrema complessità della vicenda; per cui, nel pormi
questa volta per uscire, e a ogni e ai grandi media la lo- ti a entrare in contatto pensi come noi, allora attivati subi- a completa disposizione della S.V. Ill.ma fornirò in prosieguo tutti i dettagli che la S.V. me-
passo ci hanno seguito le sensazio- ro indignazione. con le persone! to anche tu! desima riterrà utili ai fini dell'indagine. Verso la metà del 1979, frequentando il locale risto-
ni provate nell’ultimo mese, a par- Uniti in una prote- Mentre noi erava- Il Referendum è una grande e rante «Le Lampare», di proprietà del Sig. A. T. che rifornivo di frutta possedendo un magaz-
tire dalla paura e l’ansia dell’ini- sta non violenta ci sia- mo rinchiusi, fuori so- unica occasione che non possia- zino all'ingrosso, ebbi modo di conoscere alcuni giocatori di calcio, tra i quali in particolare
zio. mo privati della no- no accadute tante co- mo farci sfuggire, sarà un momen- Giuseppe WILSON, Lionello MANFREDONIA, Bruno GIORDANO, Massimo CACCIATORI. Inter-
Fin dal primo giorno sapevamo stra libertà personale se…Oggi siamo usciti to importante per la democrazia vennero gradualmente, con costoro, dei rapporti di amicizia, alimentati dal mio interesse
quello che ci aspettava, ma finché e abbiamo fatto il ten- prima del previsto per- nel nostro Paese, dunque per tutti. per il calcio e per le scommesse clandestine e non che ruotano intorno al mondo del pallo-
non lo vivi non puoi sapere vera- tativo di parlare alle ché abbiamo sentito il E poi, come si può credere ancora ne. I quattro giocatori, in proposito, mi dissero chiaramente che era possibile «truccare» i
mente…Dopo poco che eravamo persone, alla gente co- desiderio di unirci al nel nucleare, è una follia! E le alter- risultati delle partite, con il che, ovviamente, scommettendo nel sicuro. (...) Accettai l'idea
tutti dentro abbiamo iniziato a re- me noi, informandola sui rischi movimento e all’energia che si so- native esistono. Noi siamo usciti e decisi di intraprendere una serie di attività di gioco d'accordo con i suddetti giocatori e
spirare male. Sette pazzi?! No, set- del nucleare e sul diritto al voto. no formati all’esterno. Speriamo per andare a votare Sì al Referen- gli altri che a volta a volta, come mi si disse, si sarebbero dichiarati disponibili. Iniziò così,
te persone molto motivate che Non sapevamo quale sarebbe sta- che il successo della nostra prote- dum e dire ancora una volta no al per me, una vera e propria odissea che mi ha praticamente ridotto sul lastrico ed esposto
condividevano un forte bisogno di ta la risposta da fuori, ma, dopo sta, organizzata dal basso e con il nucleare. Sappiamo che anche voi ad una serie preoccupante di intimidazioni e minacce.(...) (esposto di Massimo Cruciani,
ribellarsi a un (non)futuro nuclea- poco, ogni nostra aspettativa è sta- supporto di un’organizzazione in- farete lo stesso. il «fruttivendolo» del calcioscommesse 1980, alla Procura della Repubblica di Roma)
pagina 16 il manifesto GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

L’ULTIMA

storie

L’unione
Ylenia Sina
ROMA

P
iazza Vittorio, cuore pulsante di Nel cuore multietnico di
una Roma multietnica «già abi-
tuata alle differenze». È questa la
Roma, città «del Vaticano»,
sede scelta per EuroPride Park 2011. In- prende voce e visibilità
sieme a immigrati di ogni provenienza
e residenti romani che vivono quotidia-
l’immensa galassia
namente la piazza più animata del quar- delle associazioni «lgbtqi»
tiere Esquilino, sono tantissime le per-
sone «contrarie a ogni tipo di discrimi-
Pensando alla parata

EUROPRIDE
nazione - come sottolinea Rossana Prai- di sabato e alla performance
tano presidente del Comitato EuroPri-
de 2011 e del Circolo di Cultura Omo-
finale di Lady Gaga
sessuale Mario Mieli, assegnatario uffi-
ciale dell’evento - che stanno parteci-
pando (dall’1 al 12 giugno) ai dodici
giorni di discussioni, dibattiti, esposizio-
ni e spettacoli dedicati al mondo lgbtqi «La parte più debole dell’universo verso lgbtqi. «Human rights are my pri-
(lesbiche, gay, bisessuali, transgender, lgbtqi» è invece la componente trans de» scrive Amnesty International. «Euro-
queer e intersessual, ndr)». che rappresenta «l’orientamento ses- pa 2020: crescita inclusiva e diritto al-
Gli eventi dell’EuroPride, che oltre a suale più visibile e di conseguenza più l’uguaglianza» è il titolo della conferen-
Piazza Vittorio toccano molti punti ne- soggetta a subire violenze, sia fisiche za organizzata presso la sede della Cgil
vralgici della cultura della Capitale co- che psicologiche» spiega Porpora Mar- a Corso Italia 25 (10 giugno ore 9,30)
me il Teatro Eliseo o l’Auditorium, cul- casciano del Movimento Identità Tran- promossa all’interno dell’EuroPride a
mineranno con il grande corteo di sa- sessuale. È ancora lungo l’elenco di re- cui parteciperanno sindacati da tutta
bato pomeriggio, giorno in cui decine altà lgbtqi che hanno aderito all’Euro- Europa. Oltre a loro associazioni stu-
di migliaia di persone sfileranno da Pride 2011, così vario da essere sintetiz- dentesche, culturali, ambientaliste e
piazza dei Cinquecento (ore 15) al Cir- zabile solo dai colori sgargianti dell’ar- una lunga serie di partiti del centrosini-
co Massimo, dove si terrà la perfor- cobaleno simbolo di questo universo. stra e di politici che sostengono e ani-
mance di Lady Gaga, attesa star inter- Ci sono realtà territoriali, come Sto- mano il fitto calendario di eventi del-
nazionale. «Essere orgogliosi di quello newall Siracusa o il Milk di Milano, ci l’EuroPride.
che siamo» sintetizza il documento sono associazioni queer, collettivi di Nonostante le adesioni e il patrocinio
politico di presentazione dell’EuroPri- studenti lgbtqi, fino ad arrivare all’as- di Comune e Provincia di Roma e della
de romano. Un Pride con il quale sociazione Polis Aperta costituita dai Regione Lazio, con tanto di auguri uffi-
prende visibilità un’immensa galassia lavoratori delle forze di polizia stanchi ciali da parte del Sindaco Alemanno e
di associazioni lgbtqi. Un «orgoglio» di subire ripercussioni per il proprio della Presidente Polverini, il grande as-
non scontato in un’Italia fanalino di orientamento sessuale, e ai cattolici di sente del Pride dei diritti rimangono i
coda dell’Europa in tema di diritti. Nuova Proposta. Tra queste realtà an- governi, «freno istituzionale all’afferma-
E non è un caso che sia stata proprio che la Rete Lenford, l’associazione di zione della nostra dignità» è il sentimen-
Roma, città «del Vaticano», a ricevere il avvocati che informa e difende «tutti to diffuso.
testimone di Varsavia che ha ospitato coloro che hanno problemi legati al- Ora tutte le attenzioni sono puntate
l’EuroPride nel 2010. La bocciatura in Rivendicazione di diritti C’è chi si sente «genitore a metà» rac- l’omogenitorialità, al riconoscimento sulla parata di sabato quando insieme
EUROPRIDE Commissione Giustizia «di una pur ba- Del resto Roma è anche il luogo fisico conta Marina dell’associazione Fami- di coppia o all’affermazione di identi- a delegazioni di realtà lgbtqi da tutto il
PARK A PIAZZA nale» legge contro la violenza omofoba «dove si mette a dura prova la laicità di glie Arcobaleno che, a rappresentanza tà» spiega Antonio Rotella. mondo salirà sul mega palco del Circo
VITTORIO, ROMA non è che l’apice di un paese che «a dif- uno stato» afferma Paolo Patanè presi- delle tantissime coppie omosessuali in Non manca, ovviamente, l’ala “movi- Massimo Lady Gaga, «da tempo famo-
/FOTO ferenza di tutti i fondatori dell’Unione dente di Arcigay, «garanzia di un diritto Italia con bambini, spiega come «solo i mentista”: il coordinamento Orgogliosa- sissima paladina dei nostri diritti». Per
VELENTINA Europea, non riconosce alcun diritto di uguaglianza che nel nostro paese ri- genitori biologici possono essere rico- mente e quello Facciamo Breccia secon- l’evento sono attese oltre 500mila per-
STEFANELLI agli omosessuali, mostrandosi invece mane incompiuto». Matrimonio civile nosciuti padre o madre». C’è chi invece do cui «nella fortezza Europa la lotta sone e il rischio per i pomodori simbo-
-EIDON più in linea con i paesi dell’est europeo, per gli omosessuali, riconoscimento del- dopo la scoperta dell’omosessualità del contro il sessismo si porta avanti con- lo dell’“orgoglio etero” che Fiamma
come la Polonia, ostacolati da una forte le coppie di fatto «per tutti», libertà di proprio figlio si sente «genitore due vol- giuntamente ai diritti di cittadinanza» Tricolore vorrebbe lanciare contro l’ar-
influenza religiosa» spiega Andrea Mac- orientamento sessuale senza ripercus- te» per aver dovuto abbandonare que- spiega Elena Biagini. Ed è proprio sulla tista americana è quello di aggiungere
carrone del direttivo dell’European Pri- sioni su lavoro, scuola e vita affettiva. gli stereotipi, codice genetico della so- scia del riconoscimento di diritti per tut- solo un altro colore a un fiume di gen-
de Organiser Association, organizzazio- L’EuroPride oltre a costituire un impor- cietà italiana, «con i quali avevamo cre- ti che le adesioni all’EuroPride, dove tra te che contro «una pericolosa omofo-
ne che raccoglie numerose associazioni tante momento di incontro per la co- sciuto i nostri figli» testimonia Ettore i volantini del locale Coming Out si pos- bia purtroppo diffusa nel nostro Pae-
lgbtqi europee, incaricata di eleggere le munità lgbtqi internazionale è rivendi- Ciano presidente dell’Agedo Roma, As- sono trovare anche quelli dei “4 sì” per se» risponde: «Orgogliosi di essere
città dell’EuroPride. cazione di diritti. sociazione genitori di omosessuali. il referendum, non si limitano all’uni- quello che siamo».