Sei sulla pagina 1di 35

Adalgisa Muscari

QUADERNO
OPERATIVO
CLASSI
SECONDE E
TERZE

DI
MUSICA
SCUOLA PRIMARIA
maestra.ada

1
CURRICOLO VERTICALE DISCIPLINARE
(Nuove Indicazioni Nazionali - settembre 2012)
DISCIPLINA MUSICA
CLASSE SECONDA - TERZA

NUCLEI TEMATICI

 Esplorare diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti


musicali.
 Discriminare ed elaborare eventi sonori.
 Ascoltare, interpretare e descrivere brani musicali.

CONOSCENZE
 Potenzialità espressive: filastrocche, favole, canti e attività motorie.
 Ascolto e analisi dei fenomeni sonori e linguaggi musicali.
 Repertorio musicale
 Strumenti musicali.

ABILITÀ
 Ascolta e discrimina suoni e rumori.
 Percepisce la presenza di suoni in situazioni di vario genere.
 Analizza le caratteristiche dei suoni e dei rumori in ordine a fonte, lontananza, vicinanza,
durata, intensità.
 Intuisce la necessità di un codice per riprodurre esperienze sonore vissute.
 Esplora, ricerca ed utilizza le possibilità sonore del proprio corpo e di oggetti di uso comune.
 Imita con il corpo e con la voce modelli espressivi.
 Associa movimenti del corpo al canto.
 Interpreta verbalmente, con il corpo e con il disegno brani musicali.
 Riproduce semplici sequenze ritmiche.
 Mantiene il ritmo durante l’esecuzione o l’ascolto del brano musicale.
 Sintonizza il proprio canto a quello degli altri.
 Distingue strumenti a corda, a percussione e a fiato.
 Sa mantenere il ritmo con semplici strumenti a percussione.
 Analizza le caratteristiche del suono: riconosce suoni forti/deboli e variazioni della musica
(crescendo -diminuendo)
 Riconosce l’altezza dei suoni, il timbro della voce e di alcuni strumenti musicali distingue suoni
lunghi e brevi, riconosce ritmi diversi.

maestra.ada

2
DISEGNA L’INSIEME DEGLI STRUMENTI A FIATO, DEGLI
STRUMENTI A CORDA E DELLE PERCUSSIONI

TROVA L’INTRUSO______________________________

maestra.ada

3
UNISCI I PUNTINI DA 1 A 21

1.

2. 21.

3. 20.

4. 19.

5.
18.

6. 17.
7.

16.

8. 15.

9. 14.

10. 13.

11. 12.

DI QUALE STRUMENTO SI TRATTA?

_______________________________________

maestra.ada

4
COLORA IL DISEGNO, POI SCRIVI QUALI AZIONI
COMPIONO I BAMBINI.

(1) ____________________
(2) ____________________
(3) ____________________

maestra.ada

5
IL RITMO

Il ritmo è il succedersi ordinato nel tempo di forme in movimento.


Il ritmo di qualsiasi brano musicale si basa su dei battiti regolari chiamati pulsazioni
ritmiche. Le pulsazioni ritmiche ci permettono di misurare la durata dei suoni.

Ritmi in natura:
 l’alternarsi del giorno e della notte
 il ciclo delle stagioni

Ritmi nell’arte:
 la ripetizione di forme e di linee
 l’alternanza di colori

maestra.ada

6
Ritmi che circondano la nostra vita:
 la marcia dei soldati
 la danza


Il ritmo è ovunque: dentro di noi, intorno a noi, in natura.
Il ritmo si trova in particolar modo nella musica.
Esso regola lo scorrere dei suoni nel tempo.




















maestra.ada

7
SEQUENZA RITMICA
Ogni bambino può ora completare una sequenza ritmica suggerita, può inventare una
propria sequenza ritmica e proporla ai compagni con l’uso del proprio corpo (mani,
piedi…) di oggetti presenti nella stanza (costruzioni, legnetti…) o mediante semplici
strumenti musicali (triangolo, tamburello…).

TRIANGOLO

Esegui con l’aiuto dell’insegnante la sequenza ritmica.

 Quadratino nero: batti le mani; quadratino bianco: silenzio.

 Quadratino nero: triangolo; quadratino bianco silenzio.

Ora esegui la sequenza ritmica con il triangolo

maestra.ada

8
LA TEORIA IN BREVE…

LE NOTE MUSICALI SONO SETTE, ESSE SONO:


DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI.
PER DISTINGUERLE DEVI POSIZIONARLE SUL
PENTAGRAMMA.
IL PENTAGRAMMA È FORMATO DA CINQUE LINEE E
QUATTRO SPAZI.

“CASA” DELLA NOTE: PENTAGRAMMA

5 LINEE 4 SPAZI
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………
RIPASSA CON LA MATITA SUI PUNTINI E VEDRAI UN

P_ _ _ _ G _ _ M _ A

maestra.ada

9
LE NOTE

LE NOTE SI LEGGONO PARTENDO DAL BASSO VERSO


L'ALTO.

LA CHIAVE DI VIOLINO CI CONSENTE DI DARE IL NOME


ALLE NOTE: ESSA CI DICE CHE LA NOTA SCRITTA SUL
SECONDO RIGO, A PARTIRE DAL BASSO, SI CHIAMA SOL.

NOTE SUI RIGHI

ORA PROVACI TU…


INSERISCI SUI RIGHI LE NOTE, POI SCRIVI IL LORO
NOME

________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

Ricorda di disegnare la chiave di violino, anche detta: “CHIAVE DI SOL”.

maestra.ada

10
NOTE NEGLI SPAZI

ORA PROVACI TU…


INSERISCI NEGLI SPAZI LE NOTE,
POI SCRIVI IL LORO NOME

________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

Ricorda di disegnare la chiave di violino, anche detta: “CHIAVE DI SOL”.

maestra.ada

11
LA CHIAVE DI VIOLINO

ORA, PROVA TU…


________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………….

maestra.ada

12
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………….

------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------

maestra.ada

13
LA SCALA
MUSICALE
_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

DO
SI
DO
_______________________________________________________________________________________
LA O
SOL
_______________________________________________________________________________________
FA
MI
RE

DO
OO

RIPRODUCI LA SCALA MUSICALE


RICORDA DI DISEGNARE LA CHIAVE DI VIOLINO

________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

maestra.ada

14
DISEGNA LA CHIAVE DI VIOLINO E SCRIVI IL NOME DELLE NOTE

_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________

DISEGNA LA CHIAVE DI VIOLINO E SCRIVI IL NOME DELLE NOTE

_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________

DISEGNA LA CHIAVE DI VIOLINO E SCRIVI IL NOME DELLE NOTE

_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________

maestra.ada

15
FILASTROCCA DELLE NOTE

Le note sono sette…

DO come il dono di mammolo

RE come il regno di Artù

MI come la miseria di Pollicino

FA come la fata di Cenerentola

SOL come i soldi di Pinocchio

LA come la Bella Addormentata

Si come il silenzio della Sirenetta

maestra.ada

16
Quali tra queste favole/fiabe preferisci?

Sottolinea il nome della favola/fiaba e rappresentala.

maestra.ada

17
ANCORA PENTAGRAMMA E CHIAVE DI SOL
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________

……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………….

------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------

maestra.ada

18
CRUCIVERBA

N L A L I N E E M U S
O M E L O D I A I C A
T È P U R S E T T E O
E D I V S P A Z I E R
C H I A V E D I S O L
T I S I L E N Z I O M
R U M O R E E N T O !
P E N T A G R A M M A
 NOTE
 PENTAGRAMMA
 CHIAVE DI SOL
 LINEE
 SETTE
 MELODIA
 SILENZIO
 RUMORE
 SPAZI

SCOPRI LA FRASE NASCOSTA, COLORANDO I QUADRATINI DELLE


LETTERE NON UTILIZZATE

_____________________________________________________
_____________________________________________________

maestra.ada

19
Inserisci le parole trovate nel cruciverba nel testo seguente:

Il_______________________ è formato da cinque ______________e

da quattro _____________.

Le __________sono __________ , per dare loro il nome devi disegnare

sul secondo rigo, partendo dal basso, del pentagramma la____________

______________________________________________________.

Quali parole non hai inserito nel testo?

(1) ________________

(2) ________________

(3) ________________

Inventa con ciascuna di esse una frase.

(1) _______________________________________________

(2) ______________________________________________

(3) ______________________________________________

maestra.ada

20
LABIRINTO
COLORA DI GIALLO IL PERCORSO CHE PARTE DALLA GIRAFFA, DI
VERDE QUELLO CHE PARTE DAL GATTO E DI ROSSO QUELLO CHE
INIZIA DALLA TIGRE.

maestra.ada

21
I MUSICANTI DI BREMA

Un uomo aveva un asino che lo aveva servito diligentemente per molti anni, ma ora le

forze lo stavano abbandonando e di giorno in giorno diveniva sempre più incapace di

lavorare.

Allora il padrone pensò di toglierlo di mezzo, ma l’asino si accorse che non tirava buon

vento, scappò e prese la via di Brema: là, pensava, avrebbe potuto fare parte della

banda municipale.

Dopo aver camminato un po’, trovò un cane da caccia che giaceva sulla strada, ansando

come uno sfinito dalla corsa.

- “Perché soffi così?” domandò l’asino. - “Ah,” rispose il cane.

- “Siccome sono vecchio e divento ogni giorno più debole e non posso più andare a

caccia, il mio padrone voleva accopparmi, e allora me la sono data a gambe; ma adesso

come farò a guadagnarmi il pane?”

– “Sai ?” disse l’asino. - “Io vado a Brema a fare il musicante, vieni anche tu e fatti

assumere nella banda.”

Il cane fu d’accordo e andarono avanti. Poco dopo trovarono per strada un gatto

dall’aspetto molto afflitto. “Ti è andato storto qualcosa?” domandò l’asino.

“Come si fa a essere allegri se ne va di mezzo la pelle?

Dato che invecchio, i miei denti si smussano e preferisco starmene a fare le fusa

accanto alla stufa invece di dare la caccia ai topi, la mia padrona ha tentato di

annegarmi; l’ho scampata, è vero, ma adesso è un bel pasticcio: dove andrò?” – “Vieni

con noi a Brema: ti intendi di serenate, puoi entrare nella banda municipale.” Il gatto

acconsentì e andò con loro. Poi i tre fuggiaschi passarono davanti a un cortile; sul

portone c’era il gallo del pollaio che strillava a più non posso. “Strilli da rompere i

timpani,” disse l’asino, “che ti piglia?” – “Domani, che è festa, verranno ospiti, e la

padrona di casa, senza nessuna pietà, ha detto alla cuoca che vuole mangiarmi lesso,

così questa sera devo lasciarmi tagliare il collo. E io grido a squarciagola finché posso.”
maestra.ada

22
– “Macché Cresta rossa,” disse l’asino, “vieni piuttosto con noi, andiamo a Brema;

qualcosa meglio della morte lo trovi dappertutto; tu hai una bella voce e, se faremo

della musica tutti insieme, sarà una bellezza!” Al gallo piacque la proposta e se ne

andarono tutti e quattro.

Ma non potevano raggiungere Brema in un giorno e la sera giunsero in un bosco dove si

apprestarono a passare la notte. L’asino e il cane si sdraiarono sotto un albero alto,

mentre il gatto e il gallo salirono sui rami, ma il gallo volò fino in cima, dov’egli era più

al sicuro. Prima di addormentarsi guardò ancora una volta in tutte le direzioni, e gli

parve di vedere in lontananza una piccola luce, così gridò ai compagni che, non molto

distante, doveva esserci una casa poiché splendeva un lume. Allora l’asino disse:

“Mettiamoci in cammino e andiamo, perché qui l’alloggio è cattivo.” E il cane aggiunse:

“Sì, un paio d’ossa e un po’ di carne mi andrebbero anche bene!” Perciò si avviarono

verso la zona da cui proveniva la luce e, ben presto, la videro brillare più chiara e

sempre più grande, finché giunsero davanti a una casa bene illuminata dove abitavano i

briganti. L’asino, che era il più alto, si avvicinò alla finestra e guardò dentro. “Cosa

vedi, testa grigia?” domandò il gallo. “Cosa vedo?” rispose l’asino. “Una tavola

apparecchiata con ogni ben di Dio e attorno i briganti che se la spassano.” – “Farebbe

proprio al caso nostro,” disse il gallo. “Sì, sì; ah, se fossimo là dentro!” esclamò l’asino.

Allora gli animali tennero consiglio sul modo di cacciar fuori i briganti, e alla fine

trovarono il sistema. L’asino dovette appoggiarsi alla finestra con le zampe davanti, il

cane saltare sul dorso dell’asino, il gatto arrampicarsi sul cane, e infine il gallo si alzò

in volo e si posò sulla testa del gatto. Fatto questo, a un dato segnale incominciarono

tutti insieme il loro concerto: l’asino ragliava, il cane abbaiava, il gatto miagolava e il

gallo cantava; poi dalla finestra piombarono nella stanza facendo andare in pezzi i

vetri. I briganti, spaventati da quell’orrendo schiamazzo, credettero che fosse

entrato uno spettro e fuggirono atterriti nel bosco. I quattro compagni sedettero a

maestra.ada

23
tavola, si accontentarono di quello che era rimasto e mangiarono come se dovessero

patir la fame per un mese.

Quando ebbero finito, i quattro musicisti spensero la luce e si cercarono un posto per

dormire comodamente, ciascuno secondo la propria natura. L’asino si sdraiò sul

letamaio, il cane dietro la porta, il gatto sulla cenere calda del camino e il gallo si posò

sulla trave maestra; e poiché erano tanto stanchi per il lungo cammino, si

addormentarono subito. Passata la mezzanotte, i briganti videro da lontano che in casa

non ardeva più nessun lume e tutto sembrava tranquillo; allora il capo disse: “Non

avremmo dovuto lasciarci impaurire” e mandò uno a ispezionare la casa. Costui trovò

tutto tranquillo andò in cucina ad accendere un lume e, scambiando gli occhi sfavillanti

del gatto per carboni ardenti, vi accostò uno zolfanello perché prendesse fuoco. Ma il

gatto se ne ebbe a male e gli saltò in faccia, sputando e graffiando.

Il brigante si spaventò a morte e tentò di fuggire dalla porta sul retro, ma là era

sdraiato il cane che saltò su e lo morse a una gamba; e quando attraversò dl corsa il

cortile, passando davanti al letamaio, l’asino gli diede un bel calcio con la zampa di

dietro; e il gallo, che si era svegliato per il baccano, strillò tutto arzillo dalla sua

trave: “Chicchirichì!”

Allora il brigante tornò dal suo capo correndo a più non posso e disse: “Ah, in casa c’è

un’orribile strega che mi ha soffiato addosso e mi ha graffiato la faccia con le sue

unghiacce e sulla porta c’è un uomo con un coltello che mi ha ferito alla gamba; e nel

cortile c’è un mostro nero che mi si è scagliato contro con una mazza di legno; e in

cima al tetto il giudice gridava: “Portatemi quel furfante!”. “Allora me la sono data a

gambe!”. Da quel giorno i briganti non si arrischiarono più a ritornare nella casa, ma i

quattro musicanti di Brema ci stavano così bene che non vollero andarsene.

Tratta da “ Ti racconto una fiaba “ - dalle fiabe dei fratelli Grimm.

maestra.ada

24
RAPPRESENTA LA FIABA

maestra.ada

25
FIABA
Il pifferaio di Hamelin è una fiaba tradizionale tedesca, trascritta, fra
gli altri, dai fratelli Grimm . È anche nota come Il Pifferaio Magico. Si
ritiene che essa sia stata ispirata da un evento accaduto nella città
tedesca di Hameln in Bassa Sassonia, nel XIII secolo.

Il Pifferaio Magico

C’era una volta la città di Hamelin in Germania. Era una città molto
graziosa, ma aveva due grossi difetti: i suoi cittadini erano molto avari e
le sue cantine piene di topi.

Di gatti neanche l’ombra perché, siccome qualcosina costavano ai padroni,


erano stati cacciati.

Fatto si è che i topi diventavano tanti e tanti che non era più possibile
vivere nella città.

Si pensò allora di far tornare i gatti scacciati, ma i topi li misero in fuga.


Era una vita beata la loro.

Ce n’erano di tutti i tipi: topi, t’opini, ratti, rattoni e per tutti c’era da
mangiare: nei granai, nelle cucine, dove c’erano molte forme di formaggio.

I poveri cittadini, non sapendo più che fare, si rivolsero al loro sindaco,
ma anche quello più che dire: – Cercherò… Farò… Non so… – insomma…non
faceva.

Ma ecco, che una mattina comparve in città un ometto minuto tutto brio e
allegria che disse al sindaco: – Io vi libererò dai topi, ma voglio in cambio
mille monete d’oro.

Al sindaco la richiesta non parve esagerata e promise la ricompensa,


scambiando con l’ometto una bella stretta di mano.
maestra.ada

26
L’ometto, allora, prese da un sacchetto che portava a tracolla un piffero e
diede due o tre zufolate. Subito i topi che erano nello studio del Sindaco,
nascosti qua e là, balzarono fuori e, quando l’uomo uscì, lo seguirono.

Il pifferaio continuò a suonare in strada e nugoli di topi lo seguirono


squittendo felici.

Nelle loro testoline vedevano montagne di formaggio tutte per loro,


vedevano dispense con ogni ben di Dio pronte ad essere saccheggiate.
– Tutto per voi, tutto per voi, bei t’opini! – prometteva la musica che li
attraeva e li affascinava.

E la marcia trionfale del suonatore continuò: da tutte le case uscivano a


centinaia topi di tutte le dimensioni, di tutte le età: anche i più saggi e i
più furbi tra loro credevano a ciò che la musica magica prometteva!

E la gente, affacciata alle finestre, appoggiata ai muri delle case guardava


esterrefatta e felice quella smisurata fila di roditori che seguiva il
suonatore.
– Se ne vanno! Se ne vanno! Ma è possibile? Oh, che gioia! Che il cielo sia
benedetto!

Finalmente quando tutti i topi della città furono riuniti dietro a lui, il
suonatore si avviò verso il fiume e le bestiole dietro, sempre più
affascinate dalla musica magica. Il pifferaio entrò ad un tratto nell’acqua
e quelli ancora dietro; avanzò ancora finché fu immerso fino al collo e i
topi lo seguirono incantati e fiduciosi.

Egli allora si fermò in mezzo alla corrente e seguitò a suonare e i topi per
un po’ nuotarono e poi, siccome da lui non potevano allontanarsi finirono
per annegare tutti, nessuno escluso! Allora il suonatore uscì dal fiume, si
scrollò l’acqua di dosso e si recò dal sindaco per ricevere la dovuta
ricompensa.

Il sindaco, come lo vide entrare, arricciò il naso e gli chiese: – Che vuoi
tu?
– Essere pagato per tutto quello che ho fatto per la città!

maestra.ada

27
– Mille monete d’oro per aver suonato il piffero per poco più di un’ora?
– Senza di me i topi avrebbero distrutto le vostre case!
– Ebbene io non ti do niente!
– Chiedi ai cittadini se sono del tuo parere.

Il sindaco si affacciò al balconcino del municipio e chiese ai concittadini


quel che doveva fare e tutti furono d’accordo con lui, da quegli avaracci
che erano.

Il pifferaio allora amareggiato e molto arrabbiato minacciò: – Vi pentirete


oh, se vi pentirete di quello che mi fate!

Uscì in strada ed eseguì una scala col flauto soffiando a tutte gote poi,
aiutandosi con le agili dita, emise dolcissimi suoni.

Tosto si videro teste di bimbi guardare giù dalle finestre, volgersi verso il
pifferaio, poi un ragazzino uscì dalla casa e guardò con entusiasmo l’uomo
che suonava.

A lui si unirono due, tre compagni e tutti guardavano come affascinati il


suonatore.

E questi non smise di suonare, anzi la sua musica diventò più dolce e
persuasiva e nella mente dei bambini faceva nascere visioni di città tutte
balocchi, di città tutte dolci, senza scuole, senza adulti che volevano
comandare ad ogni ora del giorno.

E la schiera ingrossava sempre più e tutti i componenti erano felice e


ridevano, e tenendosi per mano cantavano seguendo sempre più
affrettatamente il pifferaio.

Ed ecco i genitori rincorrere quella schiera di gioiosi figlioli che se ne


andavano con l’omino così, come i topi che lo avevano seguito sino alla
morte!
– Non andate con lui! Tornate per carità! – gridavano disperati i padri e le
madri mettendosi a loro volta in fila.

maestra.ada

28
Ma essi si stancavano da morire e non riuscivano a tenere il passo con i
loro figli che camminavano sognando cose meravigliose…

Il sindaco, chiuso nelle sue stanze, si strappava disperato i capelli.

Intanto il suonatore si avviava verso la grande montagna che si trovata


proprio alle spalle della città.

I bimbi dietro cantavano: erano così felici di seguire quell’omino che


nessuno li avrebbe distolti dal loro proposito.

Giunsero così a metà montagna: al suono del piffero questa si aprì e tutti,
pifferaio in testa, entrarono nella fenditura che si richiuse
ermeticamente dietro l’ultimo della fila.

Ne restò fuori solo un bambino zoppo che non era riuscito a camminare
veloce come i compagni.

I cittadini che giunsero sul luogo dopo qualche tempo, lo trovarono là che
piangeva disperato per non aver potuto raggiungere i suoi amici.

Dei bambini non c’era più traccia e nessuno seppe mai ciò che ne fosse
stato.

Tratta da “ Ti racconto una fiaba “ - dalle fiabe dei fratelli Grimm

maestra.ada

29
Numera in modo corretto i disegni che narrano la fiaba, poi cambia il
finale…..

1
..

Infine,
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________

maestra.ada

30
FIGURE MUSICALI VALORE

SEMIBREVE 4 TEMPI TA- TA- TA- TA

MINIMA 2 TEMPI TA- TA

SEMIMINIMA 1 TEMPO TA

CROMA 1/8

SEMICROMA 1/16

BISCROMA 1/32

SEMIBISCROMA 1/64

maestra.ada

31
LE PAUSE

 SEMIBREVE 4 TEMPI PAUSA

LA PAUSA CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA SEMIBREVE (CIOÈ QUATTRO


TEMPI) È POSTA SOTTO IL QUARTO RIGO E INDICA UNA PAUSA (SILENZIO)
DI QUATTRO TEMPI.

 MINIMA 2 TEMPI PAUSA

LA PAUSA CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA MINIMA (CIOÈ DUE TEMPI) È


POSTA SUL TERZO RIGO E INDICA UNA PAUSA (SILENZIO) DI DUE TEMPI.

 SEMIMINIMA 1 TEMPO PAUSA

LA PAUSA CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA SEMIMINIMA (CIOÈ UN


TEMPO) INDICA UNA PAUSA (SILENZIO) DI UN TEMPO.

maestra.ada

32
 CROMA 1 /8 PAUSA

LA PAUSA (SILENZIO) CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA CROMA


(CIOÈ UN/ OTTAVO).

 SEMICROMA 1/16 PAUSA

LA PAUSA (SILENZIO) CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA SEMICROMA

(CIOÈ UN/SEDICESIMO).

 BISCROMA 1/32 PAUSA

LA PAUSA (SILENZIO) CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA BISCROMA (CIOÈ


UN/ TRENTADUESIMO).

 SEMIBISCROMA 1/64 PAUSA

LA PAUSA (SILENZIO) CHE CORRISPONDE AL VALORE DELLA SEMIBISCROMA


(CIOÈ UN /SESSANTAQUATTRESIMO).

maestra.ada

33
DIPLOMA DI MERITO

IN MUSICA
A
……………………………………
A.S. ……/……..

maestra.ada

34
INDICE

COPERTINA PAG. 1

CURRICOLO VERTICALE DISCIPLINARE - CLASSE SECONDA E TERZA PAG. 2

INSIEME STRUMENTI A CORDA, A FIATO, A PERCUSSIONE PAG. 3

UNISCI I PUNTINI PAG. 4

COLORA IL DISEGNO, POI SCRIVI QUALI AZIONI COMPIONO I BAMBINI PAG. 5

IL RITMO PAG. 6

SEQUENZA RITIMCA PAG. 8

LA TEORIA IN BREVE PAG. 9

LE NOTE PAG.10

LA CHIAVE DI VIOLINO PAG.12

LA SCALA MUSICALE PAG. 14

FILASTROCCA DELLE NOTE PAG. 16

CRUCIVERBA PAG. 19

IL LABIRINTO PAG. 21

I MUSICANTI DI BREMA PAG.22

IL PIFFERO MAGICO PAG.26

FIGURE MUSICALI - VALORE PAG. 27

LE PAUSE PAG. 31

DIPLOMA DI MERITO PAG. 34

maestra.ada

35