Sei sulla pagina 1di 2

VERBALE ASSEMBLEA PRECONGRESSUALE – MILANO 19 GENNAIO 2020

Il giorno domenica 19 Gennaio 2020 presso i locali di via Molise a Milano messi a disposizione dal signor
Armando Spiniello, simpatizzante e aspirante socio dell’associazione, si è tenuta la riunione spontanea di
simpatizzanti e soci dell’associazione GayLib.

Si è trattato della prima riunione in un luogo fisico successiva alla stesura della bozza di nuovo documento
politico, datata estate 2018, e alla successiva dichiarata azione di rilancio del lavoro associativo sul territorio
iniziato tra l’estate e l’autunno del 2019 attraverso la nascita di un gruppo sul social network Whatsapp al
momento della riunione composto da circa 70 iscritti presenti in ogni regione d’Italia e in alcuni paesi
europei.

Alla riunione, denominata “assemblea precongressuale” nelle more di quanto già precedentemente
dichiarato nel dibattito telematico, ovvero la convocazione di un nuovo congresso entro l’estate 2020, ha
preso parte la dirigenza uscente (il presidente Enrico Oliari, il vicepresidente Luca Maggioni, il segretario
politico Daniele Priori).

Soci e simpatizzanti partecipanti provenivano in larga parte dalla Lombardia, quindi dal Trentino, dall’Emilia
Romagna e dal Lazio.

Numerose sono le tematiche emerse.


Collante dell’impegno comune, sollecitato in più interventi, è stata la volontà di dare vita a una associazione
politicamente transpartitica, pronta al dialogo e alla collaborazione con tutti, con una propria identità certa
che si fondi però non sulle singole e libere appartenenze partitiche dei soci o dei dirigenti, quanto
sull’adesione – anche da posizioni critiche – alla storia e alla cultura di liberazione espressa dal 1969 (e
anche precedentemente attraverso altre forme) tra le persone di orientamento omoaffettivo, gay, lesbiche e
di identità transgender.
Da ciò è emersa in primo luogo l’importanza e la sentita necessità di dare una casa e uno spazio di libera
espressione al dibattito culturale aperto per quelle voci di intellettuali e artisti che altrimenti, anche nello
stesso mondo delle associazioni lgbt, faticano a trovare modo di esprimersi.

Il presidente uscente, Enrico Oliari con un apprezzato intervento di sintesi nel corso del quale ha manifestato
l’intenzione personale e politica di cedere la presidenza a un o una rappresentante più giovane
dell’associazione al termine del prossimo congresso, ha individuato un percorso su tre temi strutturali attorno
ai quali dare vita al dibattito congressuale che attende l’associazione.

Comunità – Cultura – Solidarietà


Tematiche contenitori di valori che sono alla base di un rilancio non solo di GayLib ma dell’intero movimento
lgbt.
All’interno di questo metacontenitore hanno quindi trovato spazio gli argomenti sui quali GayLib a giudizio
pressoché unanime intende riorganizzarsi in vista e dopo il prossimo congresso.
- Contribuire fattivamente alla rinascita di una comunità lgbt realmente trasversale e transpartitica,
capace di fare rete ed essere autenticamente solidale in particolare con i bisogni e le necessità, nelle varie
fasi della vita, delle persone lgbt.
- Creare un dibattito culturale e politico aperto e senza pregiudizi (anche verso posizioni che potessero
essere fortemente minoritarie) sui grandi temi dell’attualità: genitorialità gay, gestazione per altri, riordino
generale delle adozioni di minori, valore culturale e diffusione anche didattica nelle scuole dei valori base di
una normativa antiomotransfobia educativa e preventiva prima ancora che punitiva.
- Dare vita a una rete realmente solidale tra persone e gruppi lgbt dall’unione dei quali possano nascere:
case rifugio per i giovani lgbt vittime di discriminazione e violenze in famiglia, case di riposo per anziani lgbt,
creazione di un network nel mondo del lavoro fondato sui valori del diversity management pronto a
intervenire anche in casi di discriminazione o difficoltà in ambito lavorativo di persone lgbt.
Prossimi passi, oltre ad altre assemblee precongressuali laddove si vorranno svolgere (una delle quali per il
mese di febbraio p.v. è già in fase di organizzazione a Roma) sarà dunque la creazione di un nuovo sito web
di GayLib e l’avvio di una campagna di tesseramento 2020 da presentare nel corso di un evento pubblico nel
quale si colga l’occasione per annunciare ufficialmente la convocazione del V Congresso Nazionale di
GayLib che, come stabilito nelle assise precedenti, si terrà nella capitale.

Milano, 19 Gennaio 2020