Sei sulla pagina 1di 88

1

“Se vuoi realmente


fare qualcosa
troverai il modo..
se non lo vuoi
veramente
troverai una scusa
J.R.

Buttami ai lupi
e tornerò a capo del branco
(Spirit of the Wolf)

2
INDICE

ANALISI TECNICA ........................................................................................................................ 5


DOW ............................................................................................................................................................................... 6
Supporti e Resistenze ..................................................................................................................................................... 8
1. Inversione del Trend .............................................................................................................................................. 9

PRINCIPALI PATTERN D’INVERSIONE..........................................................................................................................12


HAMMER & INVERTED HAMMER................................................................................................................................ 12
SHOOTING STAR & HANGING MAN ............................................................................................................................ 12
DARK CLOUD COVER & PIERCING LINE ....................................................................................................................... 13

OSCILLATORI & INDICATORI .......................................................................................................................................14


MEDIA MOBILE ............................................................................................................................................................ 15
MACD ........................................................................................................................................................................... 17
BANDE DI BOLLINGER .................................................................................................................................................. 18
LO STOCASTICO ............................................................................................................................................................ 20
CCI ................................................................................................................................................................................ 20

ANALISI TECNICA OPERATIVA ................................................................................................... 21


DIVERGENZA DIRETTA ................................................................................................................................................. 22
DIVERGENZA INDIRETTA O INVERSA ........................................................................................................................... 23
DOPPIO MINIMO IN OTTICA OPERATIVA .................................................................................................................... 24
DOPPIO MASSIMO IN OTTICA OPERATIVA ................................................................................................................. 24
STRATEGIA OPERATIVA ............................................................................................................................................... 25

RISK MANAGEMENT ................................................................................................................ 27


TRADE MANAGEMENT ................................................................................................................................................ 27
MONEY MANAGEMENT ............................................................................................................................................... 28

COSE DA FARE PRIMA DI FARE TRADING ................................................................................... 29

ANALISI GRAFICA .......................................................................................................................................................29

ANALISI TECNICA EVOLUTA....................................................................................................... 30

INTERRUZIONI DI SEQUENZA .....................................................................................................................................30


1° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA.............................................................................................................. 30

AREE DA DIFENDERE ..................................................................................................................................................34

DINAMICA DEI PREZZI ................................................................................................................................................37

DAY & NIGHT .............................................................................................................................................................39


CLOSE EFFETTIVO CLOSE UFFICIALE & OPEN DEL NUOVO GIORNO .......................................................................... 39
2° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA .............................................................................................................. 39

MORNING BOX ..........................................................................................................................................................42


IL PATTERN DELLA CANDELA CHE NON ESISTE............................................................................................................ 42
3° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA .............................................................................................................. 42

3
AREE SENSIBILI EVOLUTE ...........................................................................................................................................44

BREAKIN BREAKOUT & PULLBACK .............................................................................................................................49


BREAK OUT................................................................................................................................................................... 50
PERCENTUALE DI BREAK OUT E BREAK IN................................................................................................................... 52

TRADARE IL LIVELLO O IL PATTERN ............................................................................................................................54

STRATEGIE .................................................................................................................................................................55
DEFINIZIONE DI STRATEGIA ......................................................................................................................................... 55
ANALISI DELLE STRATEGIE ........................................................................................................................................... 57
PRINCIPIO DI STRATEGIA EVOLUTA............................................................................................................................. 59
STRATEGIE CONTRAPPOSTE ........................................................................................................................................ 61
DIFFERENZA TRA GAMBE POTENZIALI E GAMBE EFFETTIVE ...................................................................................... 62
COSA COME QUANDO ................................................................................................................................................. 63

GAIN POTENZIALE ......................................................................................................................................................64

MULTIBOX .................................................................................................................................................................65

MODELLO ULTRAEVOLUTO ....................................................................................................... 67


SUPERTREND ................................................................................................................................................................ 67
ATR ............................................................................................................................................................................... 69
MERCATI....................................................................................................................................................................... 71
- Forza Relativa ............................................................................................................................................................ 71
CICLI TRIMESTRALI DEL MERCATO .............................................................................................................................. 73
CORRELAZIONI ............................................................................................................................................................. 73

TECNICHE OPERATIVE ................................................................................................................................................74


M4 ................................................................................................................................................................................ 74
GLOBEX ........................................................................................................................................................................ 76
TECNICA 15:30.............................................................................................................................................................. 78

STOP TARGET & MONEY MANAGEMENT EVOLUTI ....................................................................................................80

BOOK .........................................................................................................................................................................81
TIPI DI ORDINE ............................................................................................................................................................. 83
ORDINI BRACKET .......................................................................................................................................................... 84

RIFLESSIONI ...............................................................................................................................................................86

4
ANALISI TECNICA

L’ ANALISI TECNICA E’ LA STATISTICA APPLICATA ALLA PSICOLOGIA

L’Analisi Tecnica può essere

- Classica (J. Murphy)

- Operativa

- Evoluta ( Il vantaggio di adottare un modello semplificato che facilita le nostre decisioni problema
fondamentale nel Trading G. D’Angelo)

Si analizza attraverso i Grafici che sono il metodo di registrazione dei movimenti del mercato (Point & Figure)

I Principali sono:

Lineare
si ottiene unendo i prezzi di chiusura di ogni periodo a seconda del time frame selezionato.

Barre
viene definito così perché ogni periodo a seconda del time frame selezionato è formato da una barra verticale
che unisce i due punti di Massimo e Minimo e in più attraverso una linea orizzontale a sinistra viene indicato
il prezzo di apertura e una linea orizzontale a destra della barra indica il prezzo di chiusura.

Candelstick
rappresenta la versione Giapponese del grafico a Barre ma la presentazione visiva è diversa, una linea sottile
chiamata Shadow o ombra, mostra l’intervallo dal massimo al minimo e una parte Real Body o Corpo centrale,
misura la distanza tra il prezzo di apertura e quello di chiusura del periodo del time frame selezionato

5
DOW

La maggior parte dei tecnici e dei studiosi dei mercati ritengono che quella che oggi viene definita Analisi
Tecnica trae origine dalle idee di Charles Dow fondatore insieme al suo socio Edward Jones della Down Jones
& Company che il 3 Luglio 1884 pubblico il primo indice di Mercato il Dow Jones composto dai prezzi di
chiusura di 11 titoli, 9 dei quali relativi a compagnie dei trasporti e 2 relativi al settore industriale.
Down riteneva che questi titoli fornissero un ottimo strumento di valutazione dell’economia della nazione e
nel 1929 portò i titoli industriali a 30 che è anche il numero attuale.
Down approfondì anche altri concetti che formano la sua teoria e che sono ancora attuali nello studio dei
mercati e dell’analisi tecnica.

TEORIA DI DOW

1 – I prezzi scontano tutto

La somma e la tendenza delle transazioni deve essere riflessa nel mercato attraverso l’analisi tecnica ad
esclusione di tutto quanto non è prevedibile (Terremoti o calamità naturali).
In pratica tutto ciò che non può essere anticipato dal mercato, viene scontato e quasi immediatamente
assimilato nei prezzi.

2 – Il mercato ha 3 Trend

Il Trend è una sequenza ordinata di minimi o massimi di swing crescenti o decrescenti

Down divise il Trend in 3 categorie:

- Trend Primario che durava per un anno o diversi anni ed è a sua volta suddiviso in 3 Fasi
Accumulazione
Partecipazione
Distribuzione
- Trend Secondario o Intermedio che rappresenta la correzione del Trend Primario con una durata
media da 3 settimane a 3 mesi
- Trend Minore o di breve periodo solitamente dura meno di 3 settimane e rappresenta le fluttuazioni
più brevi del Trend Intermedio.

6
Generalmente i mercati non si muovono lungo delle linee rette, ma sono caratterizzati da movimenti
oscillatori intorno a una trend line. Queste oscillazioni altro non sono che dei movimenti temporanei di prezzo
in controtendenza rispetto alla direzione del trend principale e sono noti come pull back o ritracciamenti.

I ritracciamenti di Fibonacci permettono proprio di identificare delle possibili aree dove i prezzi possono
trovare temporaneo supporto o resistenza. I livelli di questo indicatore si basano sul principio matematico del
rapporto aureo ideato dal matematico toscano Leonardo Pisano, detto Fibonacci.
La sequenza per il rapporto aureo è 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144 e così via, dove ogni numero è la
somma dei due numeri che lo precedono. Secondo il rapporto aureo, vengono identificati una serie di valori
percentuali che potrebbero indicare dei livelli di supporto e resistenza.
I livelli più noti – e che troveremo di default su ogni piattaforma di trading – sono: 23,6%, 38,2%, 50%, 61,8%
e 100%. Ce ne sono anche altri, meno noti come il 76,4%. Ad ogni modo, quasi tutte le piattaforme oggi giorno
permettono di settare dei livelli personalizzati sui grafici.

Fino al 23,6 % Trend Forte

Dal 38,2 % al 50 % Normale

Oltre il 61,8 % Trend compromesso

Un Trend è in atto finchè non esiste un segnale definitivo di inversione di tendenza

7
In generale il Trend rappresenta semplicemente la direzione del mercato ma non seguendo un andamento
lineare ma un andamento a Zig Zag con massimi e minimi di swing crescenti per il Trend rialzista e massimi e
minimi decrescenti per il Trend ribassista, l’analisi tecnica ci fornisce degli strumenti per l’individuazione del
Trend chiamati supporti e resistenze.
Massimo di Swing è un Massimo che ha sia sinistra che a destra Massimi più bassi anche non ordinati
Minimi di Swing è un Minimo che ha sia a sinistra che a destra minimi più alti anche non ordinati

Supporti e Resistenze

I supporti e le resistenze sono innanzitutto livelli o aree di prezzo nei quali gli equilibri tra venditori e
compratori cambiano.
I Supporti sono quelle aree di prezzo o minimi nel quale l’interesse dei compratori supera la pressione dei
venditori.
Le Resistenze viceversa sono quelle aree di prezzo o massimi dove la pressione dei venditori supera l’interesse
dei compratori.
I supporti e le resistenze si suddividono in

- Dinamiche
- Statiche

Supporti e resistenze dinamiche


Sono quei livelli di prezzo che con l’avanzare del tempo cambiano valore.
Nelle dinamiche i supporti e le resistenze seguono il trend e formano le Trendline che sono l’unione dei massimi
di swing Trendline rialzista mentre l’unione dei minimi di swing forma le trendline ribassista.

Supporti e resistenze statiche


Sono quei livelli di prezzo che non cambiano valore con l’avanzare del tempo, ne fanno parte i livelli identificati
che si presentano in maniera orizzontale sul grafico.

8
L’analisi Tecnica descrive la continuazione o l’inversione di un Trend attraverso formazioni grafiche che
possono essere di:

Continuazione del Trend


Triangoli
Flag o Pennants
Rettangoli o Canali

1. Inversione del Trend


Testa e Spalle
Doppi Massimi e Minimi

Per calcolare l’obiettivo di prezzo una volta individuata una figura Testa e Spalle, per prima cosa si calcola
l’altezza della testa tracciando una linea retta dal massimo di swing della testa fino alla Neck line o linea di
collo e si proietta dal breakout della neck line.
L’operatività prevederà l’entrata al mercato al breakout della neck line con lo stop posizionato al massimo
della testa e il target l’altezza della testa proiettata.

9
Il Doppio Massimo si forma solitamente alla fine di Trend rialzista ritestando la resistenza con un secondo
massimo, si opera entrando con una posizione alla rottura del supporto formato dallo swing o ritracciamento
dei due massimi con lo stop sopra i massimi e il target si calcola dalla proiezione del canale formato dal doppio
massimo.
Nel Doppio Minimo ci troviamo nella situazione inversa siamo alla fine di un Trend al ribasso dove il supporto
viene per la seconda volta ritestato.

PRINCIPALI FORMAZIONI GRAFICHE DI INVERSIONE E DI CONTINUAZIONE DI TREND

Quindi per un Trader l’individuazione di un Trend è fondamentale e per poterlo fare ha bisogno:
- dell’ Orizzonte Temporale cioè dell’arco temporale su cui calcola il trend
- del Time Frame cioè la durata di una singola Candelstick e
- Analizzare la Dinamica dei Prezzi

10
Il Trader Evoluto modifica l’orizzonte temporale affinchè un trend sia sempre definibile

Analizzare la dinamica dei prezzi vuol dire andare a misurare i rapporti che ci sono
fra Body e Shadow, questa è la vera differenza con l’Analisi Tecnica Classica.

La Candelstick si misurano con la differenza di valori

Candela Verde o Long – Shadow Superiore : E’ la differenza fra Chiusura e Massimo


Shadow Inferiore : E’ la differenza fra Apertura e Minimo
Candela Rossa o Short – Shadow Superiore : E’ la differenza fra Apertura e Massimo
Shadow Inferiore : E’ la differenza fra Chiusura e Minimo

Body : E’ la differenza fra Apertura e Chiusura

Range : E’ la differenza fra il Minimo e il Massimo

Quando si guarda una candela bisogna immaginare la dinamica che l’ha prodotta

11
PRINCIPALI PATTERN D’INVERSIONE

HAMMER & INVERTED HAMMER


Sono Pattern d’Inversione Long e si trovano alla fine di un Trend Short
Si entra Long sopra il Massimo e si posiziona lo Stop sotto il Minimo in tutte e due i casi

SHOOTING STAR & HANGING MAN


Sono Pattern d’Inversione Short e si trovano alla fine di un Trend Long
Si entra Short sotto al Minimo e si posiziona lo Stop sopra il massimo in tutte e due i casi

12
ENGULFING BEARISH & ENGULFING BULLISH

Qui il colore deve essere sempre opposto al Trend


Rosso alla fine di un Trend Long Verde alla fine di un Trend Short
La caratteristica di questo Pattern è che l’ultima candela deve sempre inglobare quella precedente
quindi Massimo più Alto e Minimo più Basso e si entra in inversione.

DARK CLOUD COVER & PIERCING LINE

A differenza degli Engulfing questo Pattern non riesce ad andare sopra al Massimo o sotto al Minimo
ma solo a chiudere al 50 % della candela precedente.
Quindi la Dark Cloud Cover si trova sempre alla fine di un Trend Long con il colore opposto al Trend e
chiude sotto al 50 % della precedente si entra sotto il Minimo e si posiziona lo Stop sopra al Massimo.
Mentre la Piercing Line si trova sempre alla fine di un Trend Short con il colore opposto al Trend
e chiude sopra il 50 % della precedente si entra sopra il Massimo e si posiziona lo Stop sotto al Minimo.

13
OSCILLATORI & INDICATORI

INDICATORE è un Algoritmo che oscilla in un Range prestabilito

OSCILLATORE è un Algoritmo che oscilla in un Range stabilito che di solito è 0 – 100

Possono essere

LEADING viene dal termine Leader colui che in qualche modo guida, anticipa (anticipatore)

LAGGING Jet lag, sfasamento, ritardo (ritardatario)

IN REALTA’ LA GIUSTA INTERPRETAZIONE E’

SI UTILIZZANO SEMPRE COME FILTRO MAI COME SEGNALE

GUARDANDO SEMPRE LE CONDIZIONI D’IPERCOMPRATO E D’IPERVENDUTO


14
MEDIA MOBILE

La Media Mobile è l’unione dei Close, potrebbe essere anche l’Open dei
Massimi e Minimi ma di solito è dei Close e l’orizzonte temporale su cui è
settata si chiama DOMINIO

Le Proprietà delle Medie Mobili sono di Accelerazione e di Attrazione

La peculiarità di ogni Media Mobile è di essere da un lato Attrattiva quindi quando il prezzo
diverge molto dalla Media Mobile tende a tornare verso il valore medio e questa si chiama
Proprietà di Attrazione.
Sembra paradossale per un valore medio, essendo medio dovrebbe trovarsi sempre in mezzo
al valore del prezzo, invece quasi mai il prezzo coincide con la media tranne in rarissimi casi.
Quindi se è vero che il prezzo non coincide quasi mai con la media e le poche che volte che
coinciderà con essa è molto probabile che se ne allontanerà subito e quindi verrà immediatamente
in qualche modo respinto e questa si chiama Proprietà di Accelerazione.

15
Operativamente le cose da osservare nella Media Mobile sono:

1- L’INCLINAZIONE CHE MISURA LA VELOCITA’ DEL PREZZO


Quindi tanto più la Media è inclinata tanto più sosterrà il Trend in atto,
facendo da supporto in un Trend Long e resistenza in un Trend Short

2- LA CONCAVITA’ CHE MISURA L’ACCELERAZIONE DEI PREZZI

3- POSIZIONAMENTO DEI PREZZI RISPETTO ALLA MEDIA


CHE MISURA IL PREZZO SUL QUEL DATO ORIZZONTE TEMPORALE
Per esempio su una Media a 20 periodi se i prezzi sono sopra la media il trend è long
mentre se i prezzi sono sotto la media il trend è short, questo principio è valido per
ogni media.
Se i prezzi sono invece sopra una media e sotto ad un’altra non si opera.

4- ORDINAMENTO DELLE MEDIE


Sintesi dei 3 punti precedenti
Ogni Media è diversa dall’altra
Ogni Media misura il Trend su quel Dominio
Quindi se sono ordinate il Trend è uniforme

16
MACD

L’Indicatore Lagging misura il Trend e ha 2 tipi di significato e di uso

Trend di Breve Periodo che è dato dall’incrocio della sua media


Quando il MACD incrocia la sua Media al rialzo il filtro sul trend è Long
Quando il MACD incrocia la sua Media al ribasso il filtro sul trend è Short

Trend di Lungo Periodo


Quando il MACD è sopra la zero line il Trend di lungo è Long
Quando il MACD è sotto la zero line il Trend di lungo è Short

Quindi quando il Trend è di breve periodo si guardano gli incroci con le Medie
Quando il Trend è di Lungo periodo si guarda se il MACD sta sopra o sotto lo zero

17
BANDE DI BOLLINGER
Le Bande di Bollinger sono una misura della Volatilità
La Volatilità si definisce la distanza tra le Bande ed è la velocità del Prezzo

Sulle Bande di Bollinger si applicano 2 Principi

1 – Se i prezzi sono su una Banda tenderanno ad andare sull’altra

18
2 - Se i Prezzi vanno in Trend su una Banda tenderanno a rimanerci

Quindi essendo le Bande un’indicatore che si usa come filtro e non come segnale
si possono filtrare Pattern Candelstick tramite le Bande, quindi le Bande diventerebbero
una modalità per andare a qualificare Pattern Candelstick.

19
LO STOCASTICO

Il Principio di un Trend Sano è se i Close tendono a posizionarsi vicino ai Massimi se il Trend è long
se i Close tendono a posizionarsi vicino ai Minimi se il Trend è Short

Lo Stocastico misura il posizionamento in percentuale del Close rispetto al Range


se lo Stocastico è vicino a zero vuol dire che il Close è vicino ai Minimi
se lo Stocastico è vicino a 100 vuol dire che il Close è vicino ai Massimi

Quindi lo Stocastico è un oscillatore che misura in percentuale come si posiziona il Close rispetto al Range e
quindi ci sta dando una qualità della forza del Trend in atto.
Quindi se un mercato sale con uno Stocastico che non sta vicino a 100 vuol dire che sta salendo “male”
mentre se uno Stocastico scende ma non è vicino a zero vuol dire che sta scendendo “male” quindi è più
probabile che vada in inversione.

CCI

CCI è un Leading come lo Stocastico però non è un oscillatore ma un indicatore e


quindi in qualche modo è anche simile al MACD quindi è una sorta d’ibrido
che sta a metà fra i due, in più l’altra particolarità è che è stato settato su
un dominio che è la metà rispetto allo Stocastico.

Settaggio : Stocastico 14
CCI 8

E quindi ci darà degli elementi di valutazione che sono differenti sia dallo Stocastico che dal MACD

20
ANALISI TECNICA OPERATIVA

UN MODELLO VALIDO SI COSTRUISCE SCEGLENDONE UNO PER CATEGORIA

Vengono usati dopo aver cercato sul Prezzo delle ragioni per entrare al mercato Long o Short
come conferme, i settaggi si lasciano standard (perché la maggior parte non li setta)

21
Esempio: Se troviamo un Pattern Short lo Stocastico deve stare a +80, viceversa per filtrare positivamente
se troviamo un Pattern Long lo Stocastico deve stare a -20 , andiamo al contrario dell’Indicatore/Oscillatore
perché guardo le ragioni dell’Ipercomprato e Ipervenduto.

Il secondo uso che se ne può fare e guardare le Divergenze che creano con il Prezzo
che possono essere Dirette o Indirette

DIVERGENZA DIRETTA
In un Trend Long ha Massimi più alti dei Prezzi corrispondono Massimi più alti sull’Oscillatore
In un Trend Short ha Minimi più bassi dei Prezzi corrispondono Minimi più alti sull’Oscillatore
Questo tipo di Divergenza ti fa entrare contro Trend.

Se siamo in presenza di un trend long che ha massimi di swing sono associati massimi più bassi sull’oscillatore,
questa si chiama divergenza diretta fra massimi dei prezzi e massimi dell’oscillatore.
E’ chiaro che per come la divergenza diretta è stata costruita nei grafici di analisi tecnica classica dovremmo
sempre andare in inversione, perché in questo caso il trend di fondo è long, la divergenza ci va a filtrare
un’inversione quindi dovremmo andare short, quindi contro il trend principale e noi invece dobbiamo andare
contro il breve a favore del lungo, quindi noi la divergenza diretta non la dovremmo usare mai.
In realtà noi abbiamo ottimizzato questo principio e andiamo invece a cercare divergenze dirette su un
ritracciamento di un trend di breve e quindi sempre a favore del trend di lungo.

22
DIVERGENZA INDIRETTA O INVERSA

In un Trend Long ha Minimi più alti sul Prezzo corrispondono Minimi più bassi sull’Oscillatore
In un Trend Short ha Massimi più bassi sul Prezzo corrispondono Massimi più bassi sull’Oscillatore.

E’ chiaro che qui andiamo sempre a favore del trend di fondo per definizione.

Quindi in ottica classica la divergenza diretta la tradiamo contro trend mentre quella inversa la tradiamo a
favore di trend, noi ottimizzando la divergenza diretta possiamo usare entrambe per andare sempre contro il
trend di breve e a favore del trend di lungo.

23
DOPPIO MINIMO IN OTTICA OPERATIVA

Classicamente si entrava alla rottura del Massimo di Swing che è compreso fra i due Minimi
con lo Stop sotto ai minimi, mentre in ottica operativa si cerca un Pattern a cavallo del precedente Minimo si
posiziona lo Stop sotto ai minimi e il 1° Target è il Massimo di Swing dove prima classicamente si entrava e il
2° Target è la proiezione dello Swing.

DOPPIO MASSIMO IN OTTICA OPERATIVA

Nel Doppio Massimo si cerca un Pattern a cavallo del precedente Massimo si posiziona lo Stop sopra ai
massimi e il 1° Target è il Minimo di Swing dove prima classicamente si entrava e il 2° Target è la proiezione
dello Swing.

24
STRATEGIA OPERATIVA

MAI IN TREND LONG ENTRARE SUL BREAK OUT DEL MASSIMO DI SWING E VICEVERSA

Se il Trend è Long, i Minimi di Swing sono sempre più alti, quindi cercare di entrare
al prossimo Minimo di Swing che si potrà verificare in un’area che è compresa fra
fra il precedente Minimo e il precedente Massimo di Swing (Area Gialla), in quest’area cercare un
Pattern per andare Long.

IL TRADE PERFETTO SARA’ SEMPRE CONTEMPORANEAMENTE CONTRO IL TREND DI BREVE

A FAVORE DEL TRENDI DI LUNGO

25
CARATTERISTICHE DI UN TREND LONG CONTROINTUITIVE E NON CONVENZIONALI

La forza e la qualità di un trend long si può valutare anche con criteri di tipo non convenzionale quando:

- Il mercato smentisce un pattern d’inversione (Hammer, Hanging Man) per esempio in un trend long la candela
successiva al pattern va prima sotto il minimo del pattern, attivandolo, ma poi lo nega continuando il trend
long, quindi realmente non sono un segnale che il mercato sta invertendo ma sono una conferma del trend in
atto.

- La volatilità deve essere decrescente rispetto al trend, quindi con l’ATR settato a 5 periodi sul daily notiamo
che quando il prezzo sale, la volatilità scende e viceversa, questo vale soprattutto per gli indici.
Questo è controintuitivo perché nell’analisi classica se la volatilità scende c’è la convinzione che anche il prezzo
scenda, invece il mercato continuare a salire, ma in modo strano, che in gergo viene definito come un mercato
che “arranca”, in pratica forma tante candele piccole con poco body che continuano piano, però a salire anche
generando pattern d’inversione e quindi dando l’impressione che si stia per esaurire mentre in realtà è più forte.

- Il mercato crea e nega divergenze sugli oscillatori che non sono un segnale d’inversione ma un segnale di
forza.

Quindi nella valutazione di un trend su time frame alti bisognerà chiedersi:

- Questo trend crea divergenze, crea dei pattern che costantemente nega?

- Questo trend avviene in dimensioni di volatilità?

26
RISK MANAGEMENT

Questa formula permette di annientare le perdite, cioè che il conto da 100 non arrivi mai a 0,
anzi non solo non arrivi mai a 0, ma non arrivi mai ad una percentuale tale che sia impossibile da
recuperare.
Se perdiamo il 50% del Capitale abbiamo bisogno di fare + 100 % per arrivare da dove eravamo partiti.
Siccome c’è una simmetria delle performance, di fatto, quando facciamo Trading,
fino ad un 20/25 % più o meno dobbiamo fare la stessa percentuale per tornare in pari,
se perdessimo il 90 % dovremmo fare il 9000 % per tornare in pari,
se perdessimo il 99 % dovremmo fare il 9900 % per tornare in pari,
quindi essendoci questa simmetria delle perdite, automaticamente se applichiamo questa formula,
questa cosa non ci potrà mai accadere.

Quindi se mettiamo a rapporto il Rischio, cioè quanto ci assumiamo di rischio con lo Stop (Es.200€)
fratto l’Account cioè quello che in quel momento c’è disponibile sul Conto di Trading,
se il risultato di questo rapporto è inferiore al 2 % se faccio Intraday o se è inferiore al 3% se facciamo
Multi day allora possiamo fare il Trade, altrimenti non lo facciamo.
Questo di rapporto è il rischio massimo, che non vuol dire che dobbiamo correre il rischio massimo,
(poi l’abilità starà anche nel minimizzare questo rischio), ma se è superiore a queste soglie non possiamo fare
il trade.
Un’altra cosa che non si deve mai fare è variare la quantità perché non si può sapere con quale quantità si
guadagna e con quale quantità si perde.
Quindi la quantità non si modifica mai.

TRADE MANAGEMENT

Ci sono 4 cose che bisogna vare prima di fare un Trade

1 – Setup che sono l’insieme di condizioni, preliminari all’entrata al mercato,


di fatto i motivi per cui entriamo o vorremmo entrare al mercato.

2 – Entry il livello effettivo di prezzo in cui vogliamo entrare al mercato e se lo tocca entriamo.

3 – Stop il livello di prezzo in cui vogliamo chiudere il Trade se il mercato ci va contro.

4 – Target il livello di prezzo in cui vogliamo chiudere una o più parti del Trade andato in gain.

27
MONEY MANAGEMENT

Nessuno sa il prezzo dove andrà ma tutti possiamo dire per esempio che l’EUR/USD arriverà a 1,30
e sicuramente prima o poi ci arriverà, ma non sappiamo quando e soprattutto il percorso che farà
per arrivarci, se siamo Long e prima di arrivare a 1,30 scende, avremo i soldi necessari per tenere la
posizione?
Quindi il Target sarà dove andrà e lo Stop sarà per dove non passerà.

I tasselli fondamentali su cui basa il money management sono:

- Nessuno sa dove andrà il prezzo, usiamo per questo motivo il money management.

- Quello che dovremmo quindi tentare di fare è da un lato è minimizzare il rischio, quindi cercare di
perdere il meno possibile e dall’altro massimizzare il profitto. Il profitto si massimizza definendo dei
target e usando i Stop/Profit perché se usciamo e il prezzo va ancora dalla nostra parte non riusciamo
a guadagnare di più.
Quindi dobbiamo definire sia i Target sia usare i Stop/Profit.

Quindi qual è la prima cosa da fare?

- Identificare graficamente il rischio


Dopo che abbiamo deciso graficamente dove si dovrà chiudere la posizione a quel punto si verifica la
compatibilità.
- Identificare almeno un paio di Target con criteri stavolta che siano opposti, possono essere anche
economici, ma devono essere compatibili al livello grafico.
Questo rapporto deve essere almeno 1:1 se guadagniamo 100 al massimo possiamo rischiare 100.
Quindi con il primo Target (T1) andremo a remunerare il rischio, quando il nostro rischio/stop è 100
e stiamo guadagnando 100, normalmente al primo Target (T1) liquidiamo metà posizione, alziamo lo
stop in pari e quando il guadagno potenziale nel book è uguale al rischio liquido, raggiunto il secondo
target (T2), liquidiamo tutta la mia posizione.
Questo e lo schema base del money management che si chiama 2 x 1.

28
COSE DA FARE PRIMA DI FARE TRADING

ANALISI GRAFICA
Con l’ Analisi Grafica andremo ad analizzare i Time Frame partendo sempre dal più alto
Monthly Weekly Daily
E su su ogni uno di questi time frame bisognerà identificare 2 cose
1- Il Trend l’analisi delle sequenze di swing
2- Le Aree Sensibili i livelli statici e dinamici
Le aree sensibili sono essenzialmente dei livelli di prezzo e ci sono 6 modi precisi ed esatti
per identificare queste aree

Per esempio in un trend long incominciamo tracciando una Trend Line sui minimi, viceversa in un trend short
si traccerà sui massimi, la prova per vedere se l’abbiamo tracciate correttamente si fa proiettando la trendline
dai minimi ai massimi in un trend long e viceversa in un trend short e vedere se in linea di massima coincide e
la chiamiamo Return line.
In caso eccezionali dove le return line non coincidono, possiamo tracciarle all’opposto in un trend long dai
minimi ai massimi e viceversa, se anche così non risultano funzionali li archiviamo e andiamo ad usare i livelli
statici (supporti e resistenze) avendo il criterio di tracciare i livelli più vicini possibile ai prezzi che ci potranno
sicuramente interessare.
Il consiglio è di fare sempre questo lavoro per affinare la nostra capacità di valutare la dinamica dei prezzi.
Poi tracciamo il trend con l’analisi delle sequenze di swing che formano la congiunzione fra l’analisi
tecnica classica e quella evoluta attraverso le Interruzioni di Sequenze 1° concetto di analisi tecnica
evoluta.

29
ANALISI TECNICA EVOLUTA

INTERRUZIONI DI SEQUENZA

1° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA.


Le Interruzioni di Sequenza sostituiscono e ottimizzano tutti i modelli d’interazione di
Analisi Tecnica Classica e tutti pattern di J.Ross (1,2,3,Uncino)
Si definisce Interruzione di sequenza, in un trend long dove abbiamo una sequenza ordinata di swing, quando
si forma il primo minimo più basso o il primo massimo più basso mentre in un trend short quando si forma il
primo massimo più alto e il primo minimo più alto.

Quindi se in un trend ci sono tutte interruzioni di sequenze di 1° livello possiamo definire il trend ancora in
atto.
Le interruzioni di sequenza hanno 2 regole

1°- Regola Non possiamo mai tradare interruzioni di sequenza di livello 1

Quindi non si deve mai andare short sotto al breakout del minimo di swing in un trend long, neanche se c’è
un pattern sulla violazione del minimo del pattern e viceversa non si deve mai andare long sul breakout del
massimo di swing in un trend short, neanche se c’è un pattern sulla violazione del massimo del pattern.

Le motivazioni per cui non bisogna farlo è perché il trend di fondo è sempre contrario, in due casi anche il
trend di breve è contrario e in due casi si traderebbe un breakout.
Quindi in due casi su quattro si sta tradando un breakout e in due casi su quattro si sta tradando anche contro
il trend di breve.

30
2°- Regola possiamo tradare quelle di livello superiore a 1 a patto che non siano un breakout

In questo caso la 1° interruzione di


sequenza è un minimo più basso in un
trend short e quindi traderemo solo le
sequenze pari (2,4,6) e non traderemo
mai i breakout, per definizione non
possiamo tradare la 1 e non possiamo
tradare la 3 e la 5 perché sono
breakout.

Mentre in un trend long in cui la


1° interruzione di sequenza fosse un
massimo più basso, per definizione la
1 non la possiamo tradare e la 2, la 4
e la 6 non le possiamo tradare perché
sono Breakout traderemo quindi solo
le dispare la 3, la 5 e la 7.

Mentre se il mercato dopo la prima interruzione di sequenza non forma la seconda interruzione ma continua
il trend in atto long e ricomincia a brekkare massimi e consolidare al di sopra di essi, tutti i minimi che vengono
comprati li rilonghiamo perché le resistenze diventano supporti.
Quindi finchè il mercato compra minimi e compra massimi noi continuiamo in breakin a comprare minimi con
un target inizialmente sui massimi nel caso i breakout non funzionassero e mantenendo sempre un contratto
se viceversa i breakout funzionassero dandoci la possibilità di lasciare l’operazione aperta per più giorni.

31
STRATEGIE OPERATIVE

In un trend short le sequenze sono tutte negative perché sono ordinati negativamente minimi e massimi, dopo
che il prezzo viola l’ultimo minimo e quindi non sapremo se continua a scendere o salire formando lo swing.
Prendiamo quindi come riferimento il massimo dell’ultimo swing e l’ultimo minimo in quell’istante dove non
sappiamo ancora cosa farà il prezzo, ma che riteniamo essere l’ultimo swing se il prezzo risale e ci ricaviamo
un’area.
A questo punto per esserci un’interruzione di sequenza il prezzo deve salire fino a fare un massimo più alto
che diventa l’interruzione di sequenza di livello 1, perché tutti i massimi precedenti erano tutti più bassi e
adesso per la prima volta c’è un massimo più alto.
Quest’ultima essendo un’interruzione di sequenza di livello 1, la regola vuole che non dobbiamo tradarla mai,
perché entrando alla rottura del massimo precedente staremo a favore del trend di breve e contrari al trend
di fondo, quindi dobbiamo aspettare la formazione di un potenziale minimo più alto per entrare long cercando
un pattern d’ingresso in quell’area che ci eravamo ricavati al principio, con target sul massimo di swing più
alto, questa sarà la futura interruzione di sequenza di livello 2, per poi continuare con la 4 e con tutte le
sequenze superiori a 1 a patto che non siano un breakout.

Mentre non traderemo interruzioni di sequenza 2 se


un trend short svilupperà l’ultimo minimo, quindi la
l’interruzione 1 non la possiamo tradare ed è anche un
breakout, l’interruzione 2 ugualmente long è un
breakout, possiamo aspettare un pattern nell’area del
precedente swing per entrare long alla potenziale
formazione dell’interruzione 3 con target sul
precedente massimo.

32
Testa & Spalle
In questo caso non si può mai tradare short la spalla destra, perché se la neckline è positiva,
la spalla destra è sempre interruzione di livello 1.
Quindi in questo caso l’interruzione di sequenza di livello 1 per regola non si può tradare,
l’interruzione di sequenza di livello 2 non si può tradare perché sarebbe un breakout e quindi
non possiamo andare short, l’unica cosa che si può fare è andare Long sull’interruzione di sequenza
di livello 3 che sarebbe l’ennesimo massimo più basso.
Quindi con la neckline positiva non si è mai aggressivi sulla spalla ma si trada sempre
l’interruzione di sequenza di livello 3.

Finita l’analisi grafica in ottica operativa che ci ha illustrato un quadro generale, utilizzeremo poi l’analisi
evoluta per avere una visione più chiara e nitida e in particolar modo useremo il concetto superevoluto delle
aree da difendere che ci permetteranno d’intervenire in maniera chirurgica.

33
AREE DA DIFENDERE

Per definizione le aree da difendere (ADD) sono un concetto evoluto ideato da Gianvito D’Angelo
è un concetto evoluto dell’Open Interest si tratta di aree di prezzo dove c’è stata la massima
apertura di operazioni al mercato dei compratori o dei venditori evidenziato da un’accelerazione
del prezzo, dal funzionamento dei Breakout e dimostrato da una evidenza grafica di cui il mercato
conserva memoria e di conseguenza tenterà di difendere.
Il livello generato susciterà più interesse quanto è più alto il time frame e quando il prezzo proverà
a tornare su queste aree potremmo individuare punti d’entrata o obiettivi di prezzo.

Le ADD è un ‘evoluzione del concetto di open interest cioè la somma di tutti i contratti non ancora
chiusi ad uno specifico momento temporale e quindi andiamo oltre il concetto di volumi perché se
per esempio su un livello in un determinato periodo di tempo (time frame) sono scambiati per
esempio 100 contratti e su un altro livello 10 contratti, non è che il livello dove sono stati scambiati
100 contratti è più importante del livello dove sono stati scambiati 10 contratti, perché magari sul
livello dove hanno aperto posizioni long e short i 10 contraenti è di questo livello che il mercato avrà
memoria massima, perchè tutti sono aperti sul quel livello e quindi tutti guadagneranno o
perderanno se il prezzo sta sopra o sotto quel livello.
Se invece sul livello dove hanno scambiato più contratti magari hanno tutti chiuso posizioni e di
quel livello il mercato non avrà memoria, perché su quel livello nessuno ha aperto posizioni.
Normalmente tutti ci ricordiamo il livello dove abbiamo aperto e non dove abbiamo chiuso, al
massimo ci ricordiamo della eventuale perdita o guadagno.
Se per esempio il prezzo va su un livello dove siamo andati a target non è che noi facciamo
qualcosa perché siamo flat mentre per esempio se il prezzo prima va dalla nostra parte e poi ci va
contro portandoci in perdita, questo creerà sicuramente una pressione psicologica che sicuramente
ci farà prendere una decisione e quindi il mercato di quel livello avrà memoria massima e questo
è il concetto di aree da difendere.
Le ADD si individuano guardando dove c’è stato il massiccio ingresso al mercato dei compratori
o dei venditori ma tutti nella stessa direzione e più precisamente solo dove hanno funzionato i
breakout e devono essere tracciate solo quando c’è un’evidenza grafica.
L’idea che c’è dietro le ADD è individuare queste aree perchè questi sono livelli che per gli analisti
classici non esistono e chi fa analisi tecnica una volta che il prezzo ha violato un livello
(supporti o resistenze) quel livello non ha più senso di esistere mentre individuare questi livelli
ci dà la possibilità di un entry più specifica oppure se il trend cambia ci permette d’identificare
i primi target, perché il mercato avrà memoria di quei livelli.
34
Praticamente per esempio se il mercato scende e vende massimi poi comincia a vendere anche
minimi di conseguenza accelera al ribasso, al contrario se il mercato è rialzista comprerà minimi e
comprerà massimi e accelera al rialzo, oppure compra 2 minimi o compra 2 massimi, l’importante
è che faccia queste 2 cose anche se non le fa consecutivamente.
Operativamente andiamo a vedere tutti i livelli soprattutto gli ultimi 2 dove sono entrati
oggettivamente in massa i long o i short e il livello deve essere evidenziato e aggiustato
sull’ultimo livello in senso cronologico, partendo dal time frame Monthly andremo a vedere le
ultime candele con range ampi e dove hanno funzionato i breakout e segneremo 2 livelli short
se il trend è short (ADD short) e 2 livelli long se il trend è long (ADD Long).
Ripeteremo l’analisi sui time frame weekly e daily e aggiustando il livello all’ultimo time frame
daily se sono vicini considerando che i sui mercati americani i livelli sono 3, a questo punto
cercheremo la nostra entrata o target individuano i minimi e i massimi daily.
Quando un’area è stata sconfitta automaticamente non è più un livello e non la possiamo
più considerare e quindi dovremmo incominciare a considerare l’area opposta,
per esempio se è stata sconfitta un’area short dovremmo considerare poi le aree long.
Il mercato crea un’impulso rialzista o ribassista e non si può definire un ritracciamento quando per regola
sconfigge 2 aree da difendere.

Ricapitolando l’analisi grafica, utilizzando tutti i concetti Analisi Tecnica Operativa (trendline e livelli statici),
ci delimita il raggio d’azione in cui ci dobbiamo muovere e si completa successivamente con l’Analisi Tecnica
Evoluta, attraverso lo studio delle Interruzioni di Sequenza che sono l’anello di giunzione tra le due analisi e il
concetto superevoluto delle Aree da Difendere che ci porta a individuare precisamente i livelli di entrata o di
target sfruttando il principio di arrivare su un supporto già short e di arrivare su una resistenza già long.

Perché uno dei limiti dell’analisi tecnica operativa nella classificazione del trend, per esempio in un trend long
che ha generato una prima interruzione di sequenza con un minimo più basso, generando poi un rialzo e una
seconda interruzione di sequenza con un massimo più basso, potrebbe indurci a pensare all’inversione di un
trend e l’inizio di un nuovo trend short.
Ma attraverso lo studio della dinamica dei prezzi, un altro concetto dell’analisi tecnica evoluta, possiamo vedere
che se è un minimo comprato, diventa la prima prova di un trend ancora in atto pur avendo un minimo di swing
più basso.

35
In ottica evoluta si definisce un trend long quando compra minimi e compra massimi.

36
DINAMICA DEI PREZZI

Quale orizzonte temporale è migliore per fare trading Scalping, Intraday o Multiday?
Ogni trader si è fatto almeno una volta questa domanda, quello che possiamo sicuramente eliminare è lo
Scalping e il motivo è molto semplice, se solo noi facessimo 5 operazioni al giorno per 10 mesi e
pagassimo solo 5 € ad eseguito spenderemmo in 10 mesi 10000 € in commissioni, magari più del
capitale che abbiamo sul conto.
Questo è uno dei motivi perché le persone perdono soldi, perché sottovalutano i costi.
Quindi la vera domanda che ci dobbiamo fare a prescindere che si faccia Intraday o Multiday,
si può davvero prevedere cosa faranno i prezzi?
La risposta è SI
Perché è si, perché in realtà il trucco è molto semplice ed è quello di fare previsioni
ad una sola candela, cioè noi che cosa dobbiamo fare, dobbiamo andare ad analizzare decine
a volte centinaia di candele ma facendo la previsione sempre a una candela.
Questo superficialmente potrebbe sembrare un limite, perché allora noi che facciamo possiamo sapere solo
quello che succede domani e non quello che succede dopodomani.
In realtà la soluzione è molto semplice perché se noi volessimo sapere cosa accadrà
- fra 2 – 5 giorni basta fare l’analisi sul time frame Weekly
- fra 2 – 4 settimane basta fare l’analisi sul time frame Monthly
- fra 2 – 3 mesi basta fare l’analisi sul time frame Trimestrale e cosi via.
Quindi in realtà noi faremo sempre operazioni ad una candela, solo che alzando il time frame, guarderemo
sempre più avanti nel tempo, quindi per fare trading faremo analisi sui time frame Monthly, Weekly e Daily
ma poi la strategia per fare trading Intraday la faremo sul Daily e cercheremo l’entrata sul time frame a 30
minuti e quindi dobbiamo tradare in ottica multi frame.

37
Quindi mentre in Analisi Tecnica Operativa siamo riusciti a sintetizzare 500 pagine di manuale
In 4 slide in Analisi Tecnica Evoluta si possono sintetizzare in 1 sola slide.

Questa è la possibile forma candela di domani e qualsiasi cosa accadrà la candela di domani
Assomiglierà fortemente a 1 di queste 4 e non potrà che fare altre cose.
Nella candela di tipo

A Il mercato apre sui minimi poi sale e chiude sui minimi.

B Il mercato apre sui massimi poi scende e chiude sui massimi.

C Il mercato apre sui minimi e chiude sui massimi.

D Il mercato apre a metà range, scende poi sale e chiude ma non sappiamo esattamente
l’andamento del prezzo, potrebbe anche aver fatto il contrario cioè aver aperto e
prima aver fatto il massimo poi il minimo e poi ha chiuso, comunque in tutte i due
casi ha sviluppato più di 2 tendenze.

Questo ci fa capire che comunque gira che ti rigira il mercato ogni giorno manifesta
1 o 2 tendenze dominanti su cui vale la pena fare trading.
Quindi ogni giorno in ogni unità di tempo si manifestano sempre
1 o 2 tendenze dominanti che è possibile sfruttare e che il nostro
obiettivo sarà fare tante operazioni quante saranno le tendenze
dominanti.
Quindi in termini pratici vuol dire che se guardiamo il time frame
daily faremo mediamente 1 o 2 operazioni, se guardiamo il time
frame weekly 1 o 2 operazioni a settimana, se guardiamo il time
frame monthly 1 o 2 operazioni al mese e cosi via.

38
DAY & NIGHT
CLOSE EFFETTIVO CLOSE UFFICIALE & OPEN DEL NUOVO GIORNO
2° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA
Per valutare l’efficacia del nostro trading ci dovremmo parametrare alla volatilità media,
che in termini pratici vuol dire che saremo stati bravi se avremmo catturato almeno il 50 %
del range medio.
Ora consideriamo che l’ Analisi Tecnica Evoluta ha un rendimento, quindi una maggiore perfomance
del 500 % in più rispetto all’Analisi Tecnica Classica e uno dei mattoni fondamentali
dell’Analisi Tecnica Evoluta è il Close Ufficiale chiamato anche Prezzo di Riferimento.
Questo Close Ufficiale è una sorta di Close che si differenzia dal Close Effettivo che normalmente
è quello che si mette in tutte le candele intraday, quindi per convenzione
nelle candele intraday troveremo sempre il Close Effettivo
mentre nelle candele dal daily in sù troveremo sempre per definizione il Close Ufficiale.

Quindi il Close Effettivo è il prezzo dell’ultimo scambio nell’unità di tempo mentre


Il Close Ufficiale è la media dei prezzi ponderata scambiata nei 30/40 secondi prima che il sottostante chiuda,
questa è la definizione.
Questo cambia da mercato a mercato perché per
esempio se guardiamo
i Mercati Americani Il Close ufficiale c’è l’hanno alle ore
22:00
le Valute alle ore 21:00,
il DAX alle ore 17:30
il Bund alle ore 17:15,
ogni mercato ha la sua peculiarità per quanto riguarda
il Close Ufficiale.

È cosi importante perché in base a questo valore che il giorno dopo si calcola la variazione percentuale.

39
L’altro valore fondamentale in ottica Evoluta è L’OPEN DEL NUOVO GIORNO

Perché da questo dipende il colore della candela di oggi se il prezzo va sopra l’ Open la candela è Verde ma se
il prezzo comincia ad andare sotto l’Open la candela diventa Rossa.
Quindi mentre in ottica Operativa lavoravamo sulle sequenze di Swing, in ottica Evoluta lo faremo attraverso
l’analisi del Close di Ieri e dell’Open di Oggi e questi 2 valori mi serviranno per definire il Trend.
La prima definizione che daremo di trend è una definizione di tipo statico significa che definiamo il trend in
base a dov’è il prezzo quando apriamo la piattaforma.

Se per esempio quando apriamo la


piattaforma il prezzo si trova
sia sopra il Close e sia sopra l’Open in zona
++ il Trend è Long
se al contrario il prezzo si trova
sia sotto il Close sia sotto l’Open il in zona
- - il Trend è Short,
se invece il prezzo sta tra l’Open e il Close
non riusciamo a definire il Trend e quindi
staremo Flat.

Questo concetto in ottica Evoluta si chiama Day & Night e definisce il Trend in base alla posizione del prezzo
rispetto ad Open e Close.
Il D&N è la dinamica di base che sta alla base della tecnica evoluta, tutti i mercati sviluppano il D&N tranne
in casi rarissimi e tutte le nostre strategie, tecniche e punti di entrata tentano per loro natura di andare a
prendere i cambiamenti di stato.
Ma in realtà a noi più che una definizione
di tipo Statico interessa una definizione di
tipo Dinamico, perché i momenti migliori
per sfruttare i grafici sono quando il
mercato passa da doppia positività a
doppia negatività o viceversa, cioè fa
questo tipo di movimento
apre e va in zona ++ e poi ha la forza di
scendere in zona - - sono scarse le
probabilità che torni in zona ++ come pure
se apre e va in zona - - e poi ha la forza di
salire in zona ++ sono ugualmente scarse
le probabilità che torni in zona - -

Quindi se siamo bravi a vedere bene le posizioni e a posizionare lo Stop quando passa da doppia
Positività a doppia Negatività è molto difficile che me lo prenda.
Quindi guardando il close ufficiale su time frame Monthly e weekly potremmo individuare il trend
sul time frame daily.

40
Praticamente per individuare il close ufficiale nel daily basterà andare sul time frame a 1 minuto e
guardare il close delle 22:00 per i mercati americani, il close ufficiale è compreso nel range di
quella candela e sarà molto vicino al close effettivo.
E questa è la definizione di Trend Dinamica.

41
MORNING BOX
IL PATTERN DELLA CANDELA CHE NON ESISTE
3° CONCETTO DI ANALISI TECNICA EVOLUTA
Nasce nei primi anni 2000 dall’osservazione di una piattaforma, che ora non esiste neanche più,
che mostrava sempre una candela in più sul grafico daily, il lunedi mattina quando apriva il mercato,
questo perché, per esempio sul grafico daily la linea del cambiamento di data da un giorno ad un
altro non stava sul fuso orario di Chicago che sta 7 ore in meno rispetto a noi ma sta sul GMT 1 che
sarebbe il nostro fuso orario Roma – Berlino.
Quindi il grafico mostrava sempre una candela in più, perché in realtà, quando il mercato
apriva a mezzanotte ora Italiana, in realtà a Chicago erano le ore 17:00 del pomeriggio e quindi era
ancora Domenica e quindi la piattaforma faceva vedere il grafico giusto ma con il fuso orario di
Chicago che paradossalmente è quello sbagliato ed è questo il motivo per cui sul grafico c’era una
candela daily in più, perché mostrava la candela dalle ore 17:00 a mezzanotte.
In realtà questo sfasamento del fuso orario c’è tutti i giorni e questo vuol dire che tutto ciò che
accade tra mezzanotte e le sette ora italiana è appunto la differenza di orario fra i due luoghi
che andiamo a chiamare Morning Box, che sarebbe il massimo e il minimo delle prime sette ore del giorno.
Per definizione la Morning Box è una modalità di aggiustamento del D & N, perché se dovessimo tracciare i
livelli del D & N cioè il close del giorno precedente e l’open del nuovo giorno, avremmo dei livelli troppo vicini
quasi coincidenti e quindi il prezzo non potrebbe fare uno o al massimo due cambiamenti di stato, di
conseguenza i livelli di morning box diventano la modalità di aggiustamento del D & N, perché i cambiamenti
di stato avvengono non quando il mercato sale sopra o scende sotto l’open e il close perché quei livelli sono
quasi coincidenti ma quando sale sopra o sotto la morning box.

In questo modo ci siamo ricavati 2 livelli eccezionali che molti non conoscono, se il mercato poi
dalle ore 7:00 alle ore 8:00 aggiornasse quei massimi o quei minimi, io aggiornerò anche i minimi e
i massimi della Morning Box.

Quindi sopra la morning box è + + e sotto la morning box è - -, quindi tradare i riassorbimenti della morning
box vuol dire di fatto provare a tradare potenziali cambiamenti di stato.

42
In termini pratici sulla piattaforma bisogna calcolare da mezzanotte i minimi e i massimi delle prime
14 candele a mezz’ora o 16 candele se il mercato aggiorna e queste non sono altro i minimi e i
massimi della Morning Box e da ciò definiamo le aree sensibili Evolute.

43
AREE SENSIBILI EVOLUTE
- Minimi e Massimi di ieri
- Minimi e Massimi dei giorni precedenti
- Close Ufficiale di ieri
- Minimi e Massimi della Morning Box
- Ragionare in ottica Multibox

In ottica evoluta si usano per individuare i livelli di Entry (compatibili con la strategia) o
come Target (parziale o totale).

Se succede che per caso alcune Aree Sensibili sono molto vicine tra loro ad esempio
i massimi di ieri con i massimi della morning box, c’è un criterio di differenziazione
di aree sensibili vicine.

Se il prezzo viene dal basso elimino e non trado la più bassa


se il prezzo viene dall’alto elimino e non trado la più alta
Per esempio se i minimi di morning box e i minimi di ieri sono molto vicini se i prezzi
vengono dall’alto non tengo conto dei minimi di mornig box.

Quindi siamo riusciti in ottica evoluta a definire sia il trend che le aree sensibili ora dobbiamo
Imparare a costruire una strategia e questo lo faremo andando a studiare quelli che si chiamano
Pattern Grafici che studieremo ed andremo ad osservare solo su Time Frame
Monthly, Weekly e Daily.

44
PATTERN
Una strategia si costruisce attraverso lo studio dei Pattern grafici da cercare nei seguenti
Time Frame Monthly, Weekly, Daily e mai in Intraday perché i stessi pattern su base Intraday
non funzionerebbero allo stesso modo e comunque anche se funzionassero avendo le candele
un range medio più piccolo i guadagni sarebbero molto esigui.
Lo studio di questi pattern comunque ci serve esclusivamente per generare strategie e non per definire
punti di entrata intraday.
Questi pattern sono esclusivamente di 2 tipi:
- Pattern di Compressione di volatilità che sono IDNR4, NR7 e Boomer
- Pattern d’Inversione che sono 80/20, Connors – Rasckke, Oops, Williams

PATTERN DI COMPRESSIONE

I pattern di compressione si basano sull’andamento della volatilità e non del prezzo,


la volatilità e un fenomeno ciclico, che vuol dire che a momenti di alta volatilità seguiranno
sempre momenti di bassa volatilità e cosi via.

Quindi questi pattern cercano


queste parti della curva, cioè
quando la volatilità si sta
abbassando, magari ancora non è
molto bassa ma comunque è in
fase calante oppure momenti in
cui sta salendo ma non è ancora
altissima.

IDRN4
Inside Day Narrow Range 4

Definizione: E’ una candela inside


rispetto alla precedente è anche la
più piccola delle 3 precedenti

45
NR7
Narrow Range 7

Definizione: E’ una candela non necessariamente inside rispetto alla


precedente ma più piccola delle 6 precedenti

BOOMER

Definizione: E’ una candela inside di un’inside

46
80/20
L’ 80/20 è una candela molto direzionale fatta da tutto body e piccole o quasi nulle shadow e
formalmente si dice che se il mercato apre sotto il 20 % e chiude sopra l’80 % del range o
viceversa apre sopra il 20 % e chiude sotto l’80 % del range quella è una candela di setup 80/20
questa è la definizione.

Per operare il setup 80/20 il giorno dopo del setup


devono avvenire 3 cose, come in questo caso
Il mercato deve aprire nel range (apre),
Il mercato deve rompere i massimi di ieri (rompe),
Il mercato deve riassorbire i massimi di ieri
(riassorbe).
In questo caso quindi si entra short sotto i massimi
di ieri con lo stop posizionato sopra il massimo
di oggi.

OOPS!

L’OOPS! è un caso particolare di 80/20, la differenza in termini di dinamica del prezzo è


che non ha bisogno di una particolare candela di setup, l’unica cosa importante affinchè
ci sia un OOPS! è che il mercato il giorno dopo apra in GAP, cioè al di fuori del range di ieri,
se il mercato apre al di fuori del range di ieri allora certamente ho un setup OOPS!
e quindi come in questo caso se il mercato riassorbe i minimi di ieri si entra long
sopra i minimi di ieri con lo stop posizionato sotto il minimo di oggi.

47
DIFFERENZA TRA GAP E LAP

Il Gap si ha quando l'apertura di una candela è


superiore al massimo del giorno prima (Gap up)
oppure inferiore al minimo del giorno prima (Gap
Dow) ma fuori dal range di ieri.

Il Lap si ha quando l'apertura di una candela é


inferiore (Lap down) o superiore (Lap up) alla
chiusura del giorno prima, ma dentro il range di
ieri.

Il fatto che rimanga aperto non deve essere un indice che deve essere ricoperto, per esempio
se il gap è down allora andiamo long, il fatto che non lo ricopra è un indice che il mercato è ribassista
(un segnale negativo ci dice che la situazione è negativa) e non lo vuole ricoprire.
Un Gap non ricoperto è un tipico segno che il mercato è direzionale e la direzione è nel verso del
Gap, il Gap è Down il Trend è Dow (Short).

48
BREAKIN BREAKOUT & PULLBACK

Per definizione

Il Breakin si ha quando il prezzo rompe un minimo o un massimo e poi lo riassorbe e può essere o
un Break in dei minimi o un Breakin dei massimi.
Per tradare un break in bisogna aspettare che il livello venga sporcato di 6/8 tick e poi non si entra
mai sul livello ma 1 tick sopra il livello se andiamo long o 1 tick sotto il livello se andiamo short.
La particolarità del break in è che noi entriamo dove gli altri si “stoppano”.

Il Breakout si ha quando il prezzo rompe un minimo o un massimo.

Il Pullback si ha quando il prezzo rompe il livello e poi ci ritorna toccandolo per poi proseguire
con il trend in atto.
In ottica operativa si cerca un setup di entrata (pattern Shooting star, Hanging man etc) quando va
a ritoccare il livello.

Questo può fare il prezzo rispetto ad un livello o fa un break in o fa un break out o un pullback e
non può fare altro.

49
BREAK OUT

L’errore tipico che fanno tutti è che guardano il body, invece di guardare il range
mentre invece bisogna guardare il range che come sappiamo è la differenza tra minimo e massimo,
mentre il body è la differenza tra open e close.
Strategie operative a prescindere dal singolo pattern

1- Se il mercato rompe il massimo entriamo


long (Break out).
2- Se il mercato rompe il minimo entriamo short
(Break in).
3- Se il mercato rompe il massimo e siamo
entrati long e poi scende e ci prende lo stop, poi
dovremmo rientrare alla rottura del minimo con
una posizione short.
4- Se il mercato rompe il minimo e siamo entrati
short e poi sale prendendoci lo stop, dovremmo
rientrare poi alla rottura del massimo con una
posizione long.

E’ chiaro che applicare questo modello al trading di oggi sarebbe complicato e quindi abbiamo fatto delle
modifiche facendo due ipotesi
- Ipotesi di 1° Breakout
- Ipotesi di 2° Breakout
Perché dobbiamo fare questo, noi sappiamo che il breakout è un evento non frequentissimo per cui
è molto probabile che il mercato la prima volta che rompe un livello è più probabile che non lo
rompa e quindi modifichiamo la nostra operatività e così quando il mercato attacca la prima volta
invece di mettere lo stop su tutto il range, mettiamo lo stop a metà range.
1- Posizione short alla rottura
del minimo ma lo stop non sarà di
tutto il range ma si posizionerà a metà
range.
2- Posizione long ma quando il
mercato gira e ci prende lo stop noi
rientriamo short alla rottura del
minimo ma siccome il mercato è la
seconda volta che tenta di rompere un
livello, lo stop non va posizionato a
metà range ma su tutto il range.
3- Posizione long il mercato
potrebbe aprire, provare a rompere e
tornare indietro prendendoci lo stop per poi tornare di nuovo su ma in questo caso non entriamo sul vecchio
livello di breakout ma entriamo sulla violazione del nuovo livello e posizioneremo lo stop a metà range.

50
REGOLE PER ENTRARE IN BREAK OUT
1 – Se i break out funzionano quando non devono funzionare e funzionano quando funzionano i Break in vuol
dire che è una giornata direzionale
2 – Che siamo a favore di strategia cioè che la gamba che stiamo tradando sia per definizione una Gamba
Dominante, non tradiamo mai i breakout di gamba non dominante.

3 – Lo Stop deve essere sostenibile a metà range compatibilmente il livello di stress che ci comporta, da non
dimenticare l’operazione non ci deve mai causare stress.

4- Deve avvenire assolutamente in orario che funzionano i Break out.

Calcolo Target Break out

I Target che si dividono in

Target 1 chiamato Box Target che è la proiezione del range box

Target 2 chiamato Swing Target che è la proiezione dello swing

51
PERCENTUALE DI BREAK OUT E BREAK IN

Durante l’orario della giornata ci sono degli orari in cui i break out sono meno probabili e
degli orari in cui sono più probabili e degli orari in cui il più delle volte funzionano i Break in.

24:00 – 08:00 Le percentuali dei Break out sono molto basse e quindi al contrario funzionano molto bene i
Break in ed in questa fascia oraria che usiamo la tecnica Globex.
09:00 – 11:00 Quando apre l’Europa le percentuali di Break out iniziano a salire e dopo
le 10:00 iniziano a scendere fino ad arrivare all’ora di pranzo.
14:30 – 16:30 Qui c’è il picco dei Break in e l’apertura della Borsa Americana e in questa fascia oraria usiamo
la Tecnica delle 15:30 che è una tecnica extra-strategia cioè indipendente dalla strategia prevista.
16:30 – 18:00 Qui terminata la prima ora di contrattazione dall’apertura Americana e chiusura delle Borse
Europee le percentuali di Break out ricominciano a salire fino ad avere il picco massimo alle ore 17:30/18:00.

Sugli orari c’è una differenza da considerare


sulla base degli strumenti in cui decidiamo di
operare.
Per le Commodity e Valute le percentuali di
Break out a favore iniziano ale ore 07:00 a
salire mentre per il gli Indici si aspetta
l’apertura del Cash alle ore 09:00/09:30,
perché gli Indici Azionari hanno bisogno che le
azioni aprano e che passi almeno mezz’ora
quindi dalle ore 09:30 in poi.
Le Valute non devono aspettare nessuna
apertura e non hanno bisogno di un cash che
apre perché il sottostante è sempre aperto e
quindi i Break out potrebbero funzionare da prima, questo non vuol dire che i Break out funzionano di più,
perchè il Break out non è nient’altro che un Break in andato a buon fine.

52
Quindi se dovessimo tradare in breakout andiamo a
filtrare operazioni per esempio sulle Valute dalle h
07:00 alle h 10:30 e dalle h 16:30 alle h 19:00 in cui i
break out sono più probabili rispetto agli orari h
24:00 – 07:00 in cui invece i break out non sono
probabili, mentre sugli Indici gli orari cambiano
leggermente.
Quindi ci saranno dei momenti in cui conviene
operare in Break out (Verdi) e dei momenti in cui
conviene operare in Break in (Gialli).

Questo vale sia per le valute che per gli Indici.

Gli Istituzionali non tradano mai i break out perché circa il 70% dei break out di solito fallisce e
quindi si trasforma in fake out. Questo perché in psicologia il comportamento di un singolo
non è possibile prevederlo invece quello di un gruppo si, ed è quello che serve a noi,
a noi serve prevedere non il comportamento di un singolo ma quello del gruppo come somma
di comportamenti singoli e quindi gli istituzionali cosa fanno sfruttano proprio questi meccanismi
psicologici che si basano:
Sulla Paura
che può essere di 2 tipi:
di perdere soldi che è quella che ci impedisce di operare e
di perdere occasioni che è quella paura che ci fa sottostimare i rischi e ci fa entrare sempre anche quando
non ci sono i giusti setup.

Sull’Avidità che vuol dire non sapersi accontentare ed è il frutto del non avere una precisa strategia ed un
preciso piano operativo.

53
TRADARE IL LIVELLO O IL PATTERN

- Nel 1° caso visto che non c’è il break in ma c’è il livello che il prezzo però non tocca, cerchiamo un pattern
per entrare (se non c’è, non tradiamo).
- Nel 2° caso tradiamo il pattern, perché anche in questo caso il prezzo non tocca il livello ma ci prende lo
stop violando il livello di 6/8 tick, quindi a questo punto rientriamo tradando il livello in break in.
- Il 3° caso il prezzo viola il livello dei tick necessari, quindi tradiamo il livello in break in.
- Il 4° caso il prezzo viola tutte e due i livelli, il primo dei 6/8 tick necessari per entrare, mentre non lo fa
con il secondo, allora non aspettiamo la formazione di un pattern sul quel livello per entrare sul
riassorbimento che ci renderebbe lo stop troppo ampio perché a quel punto potremmo tradare
direttamente il livello, invece andremo a cercare la formazione di un pattern fra i due livelli, in ottica di
minimizzazione dello stop e di una entrata più efficiente.
- Nel 5° caso il prezzo viola entrambi i livelli dei tick necessari per entrare in break in e quindi possiamo
tradare entrambi, ma la nostra scelta ricadrà sul secondo livello perché più conveniente.

54
STRATEGIE

Tutti pensano che il mercato ogni giorno possa avere milioni di andamenti differenti, ogni candela
non si reputa mai identica a quella successiva, ma in realtà non è cosi perché la maggior parte
delle volte il mercato sviluppa da 1 a 3 tendenze su ogni unità temporale (Time Frame) chiamate
in gergo GAMBE.

DEFINIZIONE DI STRATEGIA
Il mercato genera una gamba quando va direttamente a infrangere un Massimo o un Minimo
o quando genera un Massimo che viola un Minimo o
quando genera un Minimo che viola un Massimo.
Nella pratica si tradano gambe potenziali, perché a volte si trada una gamba che poi
si potrebbe rilevare non la gamba che si pensava che fosse e sappiamo che il mercato
ha generato una gamba solo quando il mercato va violare con quella gamba un minimo o
un massimo oppure perché genera un minimo o un massimo inside che poi vanno a violare
un minimo o un massimo daily.

Di fatto in un mercato Long il prezzo


può salire solamente in 3 modi
- Prima scende e poi sale.
- Perché inizialmente il mercato fa un
Fake out ma poi fa una gamba
Dominante.
- Perché funzionano i Break out e farà
la stessa cosa in maniera speculare in
un mercato short.

Definiremo la gamba A strategia 2 gambe, la gamba B strategia a 3 gambe e la gamba C strategia ad 1


gamba direzionale long al contrario D, E e F strategie short.

55
Quindi in trend rialzista potremmo prevedere che se il mercato fa strategie a 2 gambe long noi short non ci
andiamo e quindi la nostra strategia sarà gamba 1 non dominante NO, mentre gamba 2 dominante SI.
Mentre se farà strategia a 3 gambe
long noi gamba 1 non la tradiamo,
mentre andiamo short su gamba 2
non dominante, anche essendo il
mercato di fondo rialzista scende
perché c’è chi ritira i profitti dopo il
break out e chi è entrato su gamba 1
inizia a perdere e per paura chiude le
posizioni e questo fa accelerare il
prezzo al ribasso.
Di conseguenza noi andremo short sul
break in dei massimi (gamba 2),
andando a proiettare il rischio più o
meno alla fine di gamba 1 dove tutti
hanno chiuso capitalizzando perdite
per noi saranno guadagni e a questo
punto saremo flat per tradare gamba
3 Long dominante.

56
ANALISI DELLE STRATEGIE

L’Analisi delle gambe si fa per ogni orizzonte temporale partendo dal Time Frame più alto
Monthly : l’individuazione delle gambe sul time frame monthly si fa analizzando le settimane che
compongono il mese, se individuiamo 1 sola gamba vuol dire che dall’inizio del mese fino alla fine il mercato
o sale o scende solamente.
Se individuiamo 2 gambe, per esempio in un mercato short nella I° settimana (gamba), si avrà un rialzo del
prezzo che può arrivare massimo a 7/8 giorni lavorativi (ovviamente) e poi ci dovrà essere l’inversione che mi
porta a manifestare un trend short.
Se invece individuiamo 3 gambe, per esempio in un mercato short la I° settimana (gamba) sarà ovviamente
short poi avremo la II° settimana (gamba) sempre non dominante long è infine dovremmo avere circa 13/15
giorni lavorativi (2 settimane) dove il prezzo è sostanzialmente short.

Se sono 3 tendenze su time frame Weekly


sicuramente la gamba non dominante la farà
tra martedi e mercoledi.

57
Daily: l’individuazione delle gambe sul time frame daily si farà intraday, quindi verso le ore 07:00/08:00
abbiamo già probabilmente gamba 1 poi dalle 07:00/08/00 alle 12:00/13:00 si formerà gamba 2 e dalle
12:00/13:00 alle 17:00/18:00 fino alla sera stiamo probabilmente su gamba 3.
Poi dipende molto da quando fa gamba 1 e ovviamente da quante gambe fa in un giorno se ne svilupperà 1,
2 o 3.
Se fa 2 gambe è probabile che l’inversione avvenga più tardi delle 12:00/13:00 e mentre se fa 2 gambe e non
fa il Globex è molto probabile che l’inversione avvenga fra l’ora di pranzo e l’apertura delle Borse Americane.
Quindi abbiamo definito il concetto di Gamba in se, rifacendoci al concetto di Swing, perché bisogna avere
sempre 2 punti di riferimento e quindi quando andiamo a ragionare e a ricostruire intraday le gambe che
abbiamo ipotizzato nella nostra strategia daily, dobbiamo avere come punti di riferimento il minimo e il
massimo e quindi si ragiona in termini di Swing.
Non consideriamo più il minimo e il massimo solo per la gamba dominante, che per definizione è
la gamba che deve fare un movimento più ampio dell’ultima gamba che ha fatto.

Ricapitolando la nostra operatività prima in un trend long


era questa entravamo long ci prendeva lo stop a metà del range
e poi rientravamo al breakout del massimo precedente.

Adesso abbiamo scoperto che sulla prima gamba long non ci andiamo e non
prendiamo lo stop che in precedenza prendevamo, di conseguenza non perdiamo
soldi, ma se la nostra visione rimane long, non entriamo come prima sul break out
del massimo ma molto prima sul break in e se abbiamo sbagliato visione ed essere
entrati short su gamba 2 abbiamo sempre guadagnato.

Quindi se magari prendiamo 8 strategie su 10 le 2 che sbagliamo molto spesso non perdiamo,
perché anche se sbagliamo a definire la gamba dominante riusciamo comunque a guadagnare
sulle gambe minori, in gergo non dominanti.
Quindi tradare la stessa dinamica dei prezzi in Ottica Operativa e tradarla in Ottica Evoluta
è completamente differente e da questo ne discende l’ultimo concetto del coaching intensivo
che è il principio di Strategia Evoluta.
58
PRINCIPIO DI STRATEGIA EVOLUTA

Il principio dice che dati 2 Livelli (Aree Sensibili) e data una strategia, immaginiamo
che la strategia per domani sia long, il prezzo per domani potrà salire solo in 2
modalità, o sale in funzione dei break out a certe condizioni, una di quelle sarà
sicuramente in cui gli orari dei break out funzionano (modalità conservativa) che il più
delle volte non rispetterà, o salirà sul break in dei minimi (modalità aggressiva) dove
noi entreremo, escludendo lo short sulla prima gamba.
Quindi No Short, No Long Conservativo ma Si Long Aggressivo.

Però anche in questo caso non avremo la certezza di essere su gamba 2, perché il mercato potrebbe
fare un impulso che genera il break in un mercato rialzista, ma poi continuare a scendere
facendo funzionare i break out e avremmo tradato pensando fosse gamba 2 ma in realtà era
un ritracciamento e quindi ancora gamba 1, ci siamo sbagliati e siamo andati in stop.
Questo ci fa capire che la maggior parte delle volte in cui perdiamo, in realtà abbiamo sbagliato
la strategia.
Ecco perché noi proviamo sempre a entrare di nuovo dopo il primo stop, perché se anche la seconda
volta ci prende lo stop, senza neanche remunerare il rischio, allora abbiamo sbagliato gamba e
strategia e a quel punto ci fermiamo così abbiamo perlomeno limitato le perdite e andiamo
su un altro mercato.
Questo ci permette di dare delle regole alle strategie:

- Se la nostra strategia è giusta, l’entrata è giusta e comunque il mercato ci è andato contro


mandandoci in stop e vediamo un’altra entrata conforme all’operatività dobbiamo sempre
riprovarci, sempre rispettando il 2 % del nostro money management.

- Il filtro orario vale solo per la gamba non dominante mentre per la gamba dominante non serve, la
gamba dominante si trada sempre senza filtro orario.

- Gamba 1 non si trada mai e gamba 3 esiste perché quando il prezzo riparte o va sopra il precedente
massimo in un mercato rialzista o quando riparte va sotto il precedente minimo in un mercato ribassista
e se non lo fa è un ritracciamento.

Da questo si evince che noi tradiamo gambe potenziali e che quando le tradiamo, siccome sono solo
Informazioni, non sappiamo se in effetti sono le gambe che pensiamo che siano.

59
CONCETTO FONDAMENTALE DI STRATEGIA
La cosa importante nell’individuazione delle strategie e cercare di prendere macro movimenti che ci
permettano di prendere almeno il 50 % del range.
Le gambe possono essere 3, molto spesso sono 2 e il 20 % delle volte è solo 1 la classica giornata
direzionale che fa funzionare i break out, per esempio la candela di setup 80/20 che è una candela
direzionale che è formata da tutto body con piccole o assenti shadow.
Analizzando le candele posso notare che le candele che non hanno shadow ne inferiori, ne superiori,
sono molto poche ed ecco come si verifica in maniera empirica il fatto che 1 o al massimo 2 candele su 10
sono direzionali, quindi la maggior parte delle volte il mercato avrà solo 2 o 3 gambe.
Se per esempio il mercato apre inside all’interno dello swing (max e min di ieri) finché sta dentro
stiamo su gamba 1 e la candela inside per definizione non ci permette di fare una strategia.
Operando sui mercati americani, quando ci alziamo la mattina abbiamo la gamba 1 già formata che per
regola non si trada mai e quindi ci da la possibilità di tradare la formazione di gamba 2 che sarà dominante
se la strategia è a 2 gambe o sarà gamba 2 non dominante se la strategia è a 3 gambe.
Praticamente per formare gamba 2 il mercato per esempio dovrebbe salire sopra il massimo di ieri e poi
provare a riassorbire.
Possiamo avere la certezza di essere su gamba 2,
solo quando per esempio il mercato apre, genera
la morning box e poi genera un minimo che non
va sotto il minimo di ieri ma va sotto il minimo di
morning box e poi riassorbe, generando un
massimo che supera il massimo di ieri. In questo
caso quindi possiamo avere la certezza che questa
sia gamba 2 perché ha fatto un minimo Intraday
e un max di swing.

Avere però la certezza di essere su gamba 2


dominante allo stesso tempo però non ci consente
di avere un’entrata altamente efficiente, perché
dovremmo tradare una gamba con uno stop
enorme e quindi non ci tutela dal punto di vista
della perdita poi sappiamo che i break out non
funzionano la maggior parte delle volte e quindi il
paradosso sarà che oltre a rischiare di avere una
perdita consistente per via dello stop grande,
avremo anche una probabilità di riuscita per via
dell’inefficienza dei break out e quindi il risultato
sarà che dovremmo evitare di fare il trade.
NO ENTRY NO LOSS.

L’entrata più efficiente sarà quando il mercato per esempio apre va sotto il minimo di ieri, riassorbe
e va in break-in e quindi stiamo sempre tradando una potenziale gamba 2 ma in maniera più proficua perché
avremo uno stop più piccolo o aggressiva che è poi il principio di strategia evoluta

60
STRATEGIE CONTRAPPOSTE

Di solito le strategie contrapposte si mettono in atto in presenza o in vicinanza di un supporto o


di una resistenza cioè di un livello grafico rilevante.
Si definiscono contrapposte perché se una strategia è long, quindi per esempio in presenza di una
resistenza se prima scende possiamo tradare long, invece se prima sale possiamo tradare short mentre l’altra
strategia è short e quindi per esempio in presenza di un supporto se prima sale possiamo tradare poi short
mentre se prima scende possiamo tradare poi long.

61
DIFFERENZA TRA GAMBE POTENZIALI E GAMBE EFFETTIVE

Quando il mercato rompe la morning box e poi la riassorbe (fake out), generando un massimo che va sotto il
minimo di ieri questa si può definire gamba 2.
Se però noi definiamo gamba quel movimento che va a
rompere un minimo o un massimo daily, il movimento che
prima abbiamo definito gamba 1 diventa insignificante.
La sintesi che possiamo fare è la differenza che c’è tra gambe
potenziali e gambe effettive.
Quando al mattino stiamo tradando il fake out (break in)
della morning box l’idea che ci siamo fatti è che stiamo
tradando una potenziale gamba 2, perché il mercato
potrebbe non solo arrivare al minimo di ieri ma scendere
ancora formando la gamba 2 dominante effettiva.
In questo caso però una volta violato il minimo di ieri ha fatto
poi un break in che ha generato un movimento che è arrivato
a violare il massimo di ieri generando una gamba 3.
In questo momento però ci rendiamo conto che risalendo il
mercato non ha fatto una gamba 2 dominante e quindi il
primo movimento della giornata (potenziale gamba 1) è
inside è quindi irrilevante ai fini della strategia.
Quindi durante la giornata pensavamo ad una potenziale strategia a 3 gambe, ma a fine giornata quando il
mercato è andato prima a violare i minimi e poi i massimi intraday potremmo dire con certezza che oggi il
mercato ha generato una strategia a 2 gambe.
Quindi di fatto abbiamo tradato gamba 2 che in realtà era gamba 1 e gamba 3 che di fatto era gamba 2.
NEL TRADING NOI TRADIAMO NON TRADIAMO GAMBE EFFETTIVE MA GAMBE POTENZIALI.

Esercitazione: Andare a vedere indietro nel tempo e tracciare sui grafici le gambe effettive
secondo le regole e ipotizzare le strategie per i giorni futuri tracciando le gambe potenziali
62
COSA COME QUANDO

Se per esempio dobbiamo fare la strategia annuale sul 2020, chiuso il 2019, in questo momento (Maggio
2020) è a due gambe, quindi la Ia I° gamba l’ha già fatta e ci troviamo adesso su gamba 2 dominante (sul
time frame giornaliero possiamo evidenziare un testa & spalle).
In ottica evoluta è stata difesa un’area di due anni fa e quindi quella e diventata la vera “death line”, se
quell’area viene venduta (che di fatto sono i minimi del coronavirus) o va rivedere i minimi d’inizio anno o
funziona la strategia e arriva sui massimi storici e questo è importantissimo da sapere.
Perché quello che vediamo quando facciamo la strategia, vale anche sull’annuale, così per esempio come il 9
maggio è presto rispetto al mese, allo stesso modo il mese di maggio è presto rispetto all’anno.

Quindi in ottica evoluta per noi è importante


- Cosa fa il prezzo
- Come lo fà (se va prima prendere un minimo o prima un massimo)
- Quando lo fa
Soprattutto il quando perché tanto più presto il mercato va a prendersi un livello, tanto più è probabile che la
gamba che sta mettendo in essere non è quella dominante.
Quindi i nostri parametri di riferimento devono essere il mese, ci dobbiamo chiedere quando sta facendo la
gamba i primi del mese o a metà mese.
Per esempio se un mercato la I° settimana del mese va a prendersi subito un minimo, le probabilità che lo
sfori sono bassissime perché i break out non funzionano, è un livello che andremo subito a longare e viceversa
se è un massimo a shortare.
Se abbiamo strategie short monthly, il prezzo potrà fare per esclusione solo strategia a 3 gambe, perché se
fosse a 2 gambe sarebbe prima salito e poi sceso e le probabilità che sia direzionale sono scarsissime.
Quindi come in questo caso se fa subito gamba 1, potremmo tradare la seconda gamba di breve che in ottica
monthly può durare giorni o settimane e quando formerà la potenziale gamba 3 i nostri target parziali
saranno i breakout, che se funzionassero lasceremo correre il T3 che è l’unico modo di guadagnare.
“L’unico modo di guadagnare sugli indici ieri e oggi era essere già dentro”

“Per l’Analisi Tecnica Classica è importante soltanto il COSA, mentre per l’Analisi Evoluta è importante il COME
e soprattutto è più importante il QUANDO perché il QUANDO incide sul COME.”

63
GAIN POTENZIALE

Trend long durato 5 giorni!

Operativamente

l’entrata è stata sul break in dei minimi sul


setup OOPS!

Essendo un’entrata notturna, in alternativa


si poteva entrare in ottica Multi box sul
livello più conveniente.

Quindi una volta remunerato il rischio e raggiunto anche il T2 con il T3 a fine giornata vediamo che il mercato
chiude sui massimi, il giorno dopo, di notte funzionano i break out e il Globex no, ci rendiamo conto che il
mercato è direzionale e quando ritraccia l’indicazione che ci da è che non stanno entrando i short ma quei
ritracciamenti sono chiusure di posizione long (prese di profitto).

64
MULTIBOX

Il Multibox non è una tecnica per entrare a mercato ma una modalità per rendere più efficiente
una entrata a mercato e deve sempre rispettare a monte le potenziali strategie che abbiamo
pianificato.
Praticamente è l’aggiornamento del massimo o minimo della Morning Box se avviene un nuovo
massimo o minimo nei vari orari di seguito elencati.

Sul time frame a 30 minuti normalmente noi creiamo calcolando il numero di candele x box

- Il I° Box che va dalle h 00:00 alle 07.00 è un aggiustamento del close del giorno prima e la chiamiamo
MORNING BOX (14 candele)

- Il II° Box va dalle h 07:00 alle 08:00 se ci sono massimi inferiori o minimi superiori ai livelli prima
considerati della Morning Box. estendiamo il box fino alle ore 08:00 perché a quest’ora alcuni
strumenti iniziano a far funzionare i break out e quindi considerando sempre la strategia,
consideriamo il livello delle 08:00 un livello che va aggiustare la Morning Box.
(2 Candele)

- Il III° Box si costruisce alle h 09:00 ora di apertura dei Mercati Europei fino alle h 10:00
(2 Candele)

- Il IV° Box si costruisce dalle h 10:00 prima ora di contrattazione della Borsa Europea fino alle h 14:30
dove quotidianamente prendiamo i livelli per tradare dopo l’entrata del Cash USA
(9 candele)

- Il V° Box si costruisce dalle h 14:30 alle h 15:30 (2 Candele)

- Il VI° Box si costruisce dalle h 15:30 orario di apertura dei Mercati Americani fino alle h 16:30 (2
Candele)

- Il VII° Box si costruisce alla prima ora di contrattazione del Mercato USA h 16:30 – h 17:30
(2 Candele)

65
Dopo le h 16:30 si trada sui livelli dei box precedenti.

Regola : Tutti i livelli che sono inside al box precedente non ne dobbiamo tenere conto, eccetto i livelli di
morning box che li usiamo come target, i livelli creati sono livelli più efficienti per la minimizzazione dello stop
rispetto alla morning box o ai minimi e ai massimi.

Il concetto di multibox come anche al concetto di morning box si attua sia ai mercati americani che ai mercati
europei, però mentre i mercati americani per il fuso orario, possiamo tradarli di notte, in Europa nonostante il
Dax sia aperto di notte, la maggior parte delle piattaforme non danno però l’accesso ai dati, perché sia le
banche che i broker per solo vedere i dati devono pagare un costo al CMI, costo che non recuperano perché di
notte gli europei non tradano e anche avendo l’informativa dei dati, ogni operazione avrebbe un’ulteriore
costo e quindi ad oggi il Dax di notte non ha volumi a differenza dei mercati dei mercati americani che anche
se di notte hanno uno spread maggiore, si riesce ad operare e quindi ha sostenere il costo.
Quindi alla luce di questo di questo opereremo sui mercati europei come se non fossero aperti di notte.

66
MODELLO ULTRAEVOLUTO

CHART SETTING

- Media Mobile a 4 Periodi (colore Rosso)


- Media Mobile a 100 Periodi (colore Azzurro)
- Media Mobile a 200 Periodi (colore Verde)

- Supertrend di Breve (settato a 10:3)

- Supertrend di Lungo (settato a 10:6)

- Indicatore ATR (settato a 5 periodi) indica la Volatilità

Operativamente questo modello ci serve per generare segnali di entrata al mercato.

SUPERTREND

Il Supertrend è un ‘indicatore di tendenza del prezzo e ci aiuta a definire il Trend.

Il Trend è Long in ottica operativa quando tutte le medie sono ordinate al di sotto del prezzo, mentre in ottica
evoluta è quando compra minimi, quando compra massimi e quando compra un minimo e un massimo anche
non consecutivi.
Il Trend è Short in ottica operativa quando tutte le medie sono ordinate al di sopra del prezzo, mentre in ottica
evoluta è quando vende minimi, vende massimi, vende un minimo e un massimo anche non consecutivi.
Nel modello ultraevoluto usiamo due supertrend uno di lungo e uno di breve per filtrare le operazioni
seguendo alcune regole a seconda dei casi:

- 1° Caso – Se in un trend long i due supertrend sono long possiamo tradare il break in dei minimi
sempre e senza filtri.
Mentre il breakout dei massimi (long) non essendo un’entrata efficiente lo possiamo fare a condizione
che
- La nostra strategia sia long
- L’orario deve essere favorevole ai breakout
- Lo stop deve andare a metà range e non deve superare la soglia del 2 % del money management.

Ipotizzando di tradare una gamba non dominante con due supertrend (filtri) contrari sarà necessario
guardare un altro filtro che è la distanza dal supertrend se è sufficiente almeno per remunerare il
rischio, possiamo tradare per esempio un setup M4 ma è molto rischioso.

67
- 2° Caso – Se in un trend short i due supertrend sono short possiamo tradare sempre il break in dei
massimi senza filtri.
Mentre il breakout dei minimi(short) possiamo tradarlo sempre a condizione che
- La nostra strategia sia short
- L’orario deve essere favorevole ai break out
- Lo stop deve andare a metà range e non deve superare la soglia del 2 % del money management.
E possiamo tradare il break in dei minimi ma li filtreremo con la distanza dal supertrend.

- 3° Caso – Se il supertrend di lungo è long mentre il supertrend di è short


In questo caso dovremmo da un lato privilegiare i long perché il supertrend di lungo è long e per
definizione è più importante del supertrend di breve, ma in realtà si potranno tradare sia il break in
dei massimi che il break in dei minimi e la stessa cosa vale anche se il supertrend di lungo è short e il
supertrend di breve è long in questo caso si possono tradare il break in dei massimi anche perché sono
normalmente sul time frame a 4 h le aree da difendere.

Nella pratica quello che conta è che ci siano coincidenze tra le aree da difendere e i supertrend a 4 h
perché, se ci sono, quell’area che coincide avrà più valore e quindi la privilegeremo per tradare i break in.
Quindi ci vuole sempre una corretta analisi grafica e poi un’analisi di tipo evoluto supertrend e
medie, se per esempio il trend sta sopra il supertrend e le medie stanno sotto il prezzo e i supertrend
è chiaro che il trend è long e quindi bisognerà privilegiare i break in dei minimi e i break out dei
massimi.
Quando invece i supertrend sono opposti e le medie ci passano attraverso quindi non c’è trend
funzionano molto bene i break in sul time frame a 4 h con range molto ampi.

68
ATR

L’indicatore Average True Range (ATR) è un’indicatore che serve principalmente a misurare la
volatilità di un mercato in un arco temporale specifico.
L’ATR si muove verso l’alto o verso il basso in base all’andamento del prezzo di un asset:
Un ATR alto si traduce come maggiore volatilità del mercato sottostante, mentre un ATR basso
rappresenta l’esatto contrario.
La volatilità è inversamente proporzionale con il prezzo cioè quando il prezzo sale la volatilità
scende e quando il prezzo scende la volatilità sale, questo principio vale solo per gli Indici e le
Azioni e non vale per le Valute.
Nel modello ultra evoluto l’ATR è settato a 5 periodi lo utilizziamo come valore sul time frame
daily del giorno precedente rispetto al giorno nel quale operiamo, ci da un range medio di
escursione del prezzo degli ultimi 5 giorni e lo utilizziamo soprattutto per controllare la nostra
morning box .
Nel senso che se la morning box in quel giorno è di un valore inferiore al 30 % rispetto al giorno
precedente , la consideriamo troppo piccola per essere tradata.
Per esempio in un trend di fondo long nel mercato Russel, la morning box è di 5 punti mentre
l’ATR è 25, in percentuale è il 20 %, quindi il range è molto stretto e non possiamo utilizzare la
morning box per operare long sul break in dei minimi.
Perché di notte i volumi sono molto bassi e gli asiatici operano solo sui loro mercati e non su quelli
americani e quindi il rischio è di andare molte volte in stop prima che il mercato vada definitivamente
long, perché ha bisogno di un range più ampio.
Quindi abbiamo bisogno di questo filtro per capire quant’è il range della morning box se è meno
di 1/3, come in questo caso, non entriamo a mercato long ma al contrario entriamo short sul break in
dei massimi su gamba 2 non dominante e viceversa in un trend di fondo short tradiamo gamba 2 non
dominante long.
Inoltre correlando il range di stop di un numero di operazioni per un periodo di tempo con l’ATR si
ottiene quanto sarà maggiore lo stop in tick con un un’ ATR alto e quindi quanto sarà più alto il
rischio che dovremmo prenderci.
La soluzione per ovviare a questa alta volatilità sarà o non entrare o fare operazioni che per
rispettare il 2 % del money management dovranno avere meno contratti.

69
70
MERCATI

S&P 500
Nasdaq
Dow Jones
Russel 2000
Euro Dollaro
British Pound
Australia Dollar
Canadian Dollar
Franco Svizzero
Yen Giapponese
Oro
Petrolio

I Mercati che seguiamo nella nostra operatività sono circa 12 e ogni giorno in ciascuno di questi mercati
capitano più di un setup d’entrata in più di un mercato, quindi dobbiamo avere dei criteri di filtraggio, criteri di
scelta, che sono:
- Forza Relativa
- Stop
- Risk management
La forza relativa è il rapporto in percentuale che c’è fra più mercati e la regola vuole che in un trend long
andiamo a scegliere il più forte mentre in un trend short scegliamo il più debole o il meno forte.

Bisogna fare attenzione quando sugli indici troviamo su uno un setup long e su un’altro un setup short, se
succede bisogna fermarsi perché o è un’anomalia oppure abbiamo sbagliato qualcosa.
Nel caso siano tutte e due negative e noi stiamo cercando un setup short andremo a tradare il meno debole
in questo caso il – 6 %, molti intuitivamente farebbero il contrario, perché direbbero il setup short andiamo
short su – 0,2 % perché si deve andare ad allineare all’altro indice che fa – 0,6 %, non è così si shorta il più
debole o il meno forte.
Se guardiamo il + 0,2 % e il + 0,6 % il meno forte è il + 0,2 % non ha senso dire il più debole perché è comunque
una variazione positiva, quindi dire che è debole non è corretto, in questo caso bisogna dire che stiamo
tradando short il meno forte.

71
Bisogna ragionare esattamente al contrario nel caso stiamo cercando un setup long fra + 0,2 % e + 0,6 %
andiamo long su + 0,6 %, mentre se abbiamo un setup long bisogna andare long su quello che ha manifestato
meno debolezza in questo caso – 0,2 %,, invece se capita un setup long su indici che stanno performando
negativamente comunque prendiamo quello che ha manifestato meno debolezza.
Attenzione il setup e le variazioni percentuale sono due cose totalmente staccate se per esempio su due indici
abbiamo due variazioni negative - 0,2 % e - 0,6 % e per vari motivi, quali le strategie e le tecniche pensiamo
di andare long non è perché sta facendo variazioni negative long non ci possiamo andare o viceversa se sta
facendo variazioni positive non possiamo andare short, perché non sono in alcun modo correlati.
Se al momento in cui decidiamo di entrare con un setup short i mercati stanno quotando + 0,2 % e + 0,6 % ci
concentriamo sul mercato che fa percentualmente + 0,2 %, a questo punto andiamo a valutare la nostra
entrata e scopriamo che malgrado facciamo la quantità minima, immaginiamo 1 contratto, questo stop sia
di 300,00 € e sul conto abbiamo 3000,00 € in percentuale è uno stop immenso.
Quindi è vero che la forza relativa ci dice di scegliere il setup short dell’indice che fa il + 0,2 %, ma è anche
vero che se non ce l’ho possiamo permettere, perché non è corretto dal punto di vista dell’assunzione del
rischio, andremo a scegliere l’indice che fa + 0,6 % o un altro indice che ci dà lo stop più sostenibile per il nostro
money management.
Praticamente bisogna interfacciare il filtro della forza relativa con il filtro dello stop e con il filtro del risk
management, criteri basilari per filtrare le operazioni a prescindere dal setup.
Quindi la forza relativa e il costo dello stop sono due concetti che dobbiamo sempre interfacciare, non può
esistere solo uno senza l’altro.

72
CICLI TRIMESTRALI DEL MERCATO

Statisticamente il mercato durante l’anno si muove ciclicamente, generando andamenti per ogni trimestre
Il I° Trimestre è associata una discesa
Il II° Trimestre è associata una salita
Il III° Trimestre è associata una discesa
Il IV° Trimestre è associata una salita
A livello ciclico i trimestri non coincidono perfettamente con i trend e ovviamente non guardiamo le variazioni
in valore assoluto, guardiamo la tendenza, perché potremmo avere una salita che anticipa la discesa.
Quindi guardiamo questi andamenti in questo modo, per esempio:
il 1° Gennaio andiamo short cosa è successo a Marzo?
Il 1° Marzo andiamo long cosa è successo a Giugno? e cosi via.
Quindi guardiamo l’andamento relativo al trimestre non in relazione ai trimestri precedenti.
Alcuni anni il mercato può non rispettare questi andamenti trimestrali, quindi per esempio può salire
nel I° Trimestre fino a metà del II° Trimestre per poi scendere per il resto dell’anno, come il 2015.
Se ci sono le presidenziali l’anno è solitamente positivo perché parliamo di politica, votazioni e quindi
l’imprinting deve essere positivo, questo ovviamente sugli indici americani.

CORRELAZIONI

Esiste una correlazione inversa fra EUR/USD e Indici Americani,


quando l’EUR/USD sale, le Borse e gli Indici Americani scendono e viceversa.
La stessa correlazione esiste con il Franco Svizzero, visto come l’ ORO come un bene rifugio,
se le borse e gli Indici Americani scendono l’oro e il Franco svizzero salgono.
Mentre sono correlati direttamente EUR/USD e AUD/USD se sale uno sale anche l’altro e viceversa.

73
TECNICHE OPERATIVE

M4
Il Time Frame a 4 h è un grafico importante e nell’arco di un giorno si sviluppano pochissime candele,
sono soltanto 6 candele, quindi è un time frame molto affidabile che ci ha permesso di costruire un modello
operativo (Rimini 2019).
Le medie a 100 e a 200 periodi hanno la caratteristica di non intersecare i prezzi e a grandi linee da
fare da supporto o da resistenza dinamica, coincidono raramente con i prezzi e quella volta che
succede è perché hanno la proprietà di attrazione e di accelerazione, quindi si avvicinano e si
allontanano costantemente dai prezzi.
A differenza della media a 4 periodi che interseca sempre i prezzi ad eccezione di alcune volte
che una candela sta tutta sopra o tutta sotto la media.
La definizione di questa candela è:
Quando una candela rispetta la condizione di avere il massimo e il minimo sotto al close dell’ultimo
valore o se il minimo e il massimo sono sopra al close della media mobile (4 periodi) in quel punto
sarà potenzialmente una candela di setup perché indicherà una sorta di eccesso che poi in qualche
modo dovrà essere riassorbito (neutralizzato).
Quando il prezzo va in trend, il mercato genera candele che sono tutte al di sopra o tutte al di sotto
della media, quelle sono tutte potenziali candele di setup, potenziali perché se la candela per
esempio in un trend long dovesse rompere il minimo e non il massimo, quella violazione del minimo
sarebbe un punto dove entrare short con lo stop sopra il massimo della candela., quindi il range della
candela a 4 H che da il setup diventerebbe di fatto il potenziale punto di entrata e il potenziale punto di stop.
Ovviamente non tutte le candele di potenziale setup sono da considerare, la candela di setup
deve rispettare alcune regole:

- 1 – La prima candela del giorno è una candela del giorno non è mai una candela
ne una candela di setup ne una di entry (h 00:00 – 04:00)

- 2 – La seconda candela del giorno è una candela di setup ma non di entry (h 04:00 – 08:00)
di fatto le prime due candele sul time frame a 4 H del giorno definiscono la morning box.

- 3 – Mentre dalla terza candela del giorno in poi sono solo candele di entry ad eccezione
dell’ultima che come la prima non è ne una candela di setup e ne di entry

I filtri orari per andare ad operare con la tecnica M4 sono h 08:00 - h 12:00 – h 16:00

74
E’ chiaro che se il mercato viola il minimo
o il massimo della candela di setup,
l’entrata sarà più aggressiva e sarà in
break in del livello violato (candela di
setup) con lo stop sotto il minimo o sopra
il massimo di oggi.

Come anche se la mattina (h 9:00) il prezzo fa il break out della morning box long e si è formata
la candela di setup in M4 possiamo andare sul grafico a 30 minuti e cercare un punto di entry
efficiente che non sia necessariamente un break out dei massimi ma può essere anche un break in
dei minimi.

75
GLOBEX

L’ aspetto fondamentale per utilizzare questa tecnica è quando abbiamo un close forte il giorno
prima, quando il mercato chiude molto vicini ai massimi o molto vicino ai minimi è chiaro che le
probabilità, che vada a ritoccare il livello, dato che ha chiuso molto vicino, sono alte.
I mercati americani hanno close effettivo, close ufficiale che sono quasi sempre allineati.
Quindi da mezzanotte alle h 03:00 prendiamo come livello d’entrata il minimo o il massimo del
giorno precedente e precisamente 1 tick sotto il livello con lo stop posizionato 2 tick sopra il
massimo di oggi se entriamo short e 1 tick sopra il livello con lo stop posizionato 2 tick sotto il
minimo se entriamo long.
Come sempre con il target 1 remuneriamo il rischio mentre il target 2 sarà un time target
Tra le h 07:00 e le h 08:00 del mattino perché le probabilità che in questo orario faccia un massimo
o un minimo sono molto alte e quindi alle h 07:30 si chiude la posizione.
La ratio di questa tecnica è che siccome in questa fascia oraria i break out non funzionano,
noi tradiamo esattamente in direzione opposta cioè in break in.

Possiamo considerare anche il riassorbimento di un massimo o di un minimo dei giorni precedenti,


perché il Globex potrebbe anche essere un’OOPS! e quindi per esempio il mercato potrebbe aprire
già al di sopra dei massimi visto che il close è forte e di conseguenza shortiamo direttamente il
break in dei massimi.

76
Questa tecnica funziona all’incirca l’ 80 % delle volte, quando la posizione prende lo stop è perché
il mercato ha fatto funzionare i break out che di notte non funzionano mai e quindi è improntato ad
essere direzionale in quel giorno.

77
TECNICA 15:30

La tecnica delle 15:30 chiamata così per via dell’orario, ideata per il Nasdaq ma la usiamo anche
sugli altri indici americani e anche su altri strumenti.
Si basa sul probabile riallineamento tra l’open del cash americano e il close ufficiale quello
delle h 22:00 del giorno precedente.
Avviene quando il prezzo nell’intervallo di tempo che va dalle h 14:30 alle h 16:30 (filtro orario)
raggiunge il massimo o il minimo intraday oppure il massimo o il minimo del giorno prima o di
alcuni giorni prima, sfruttando l’orario a favore dei break in, una volta violato il livello entriamo in
break in in direzione del close ufficiale.
Quindi è preferibile che il prezzo stia molto lontano dal close per poi riallinearsi ad esso e noi
entreremo in break in long se in quell’arco temporale il prezzo stia sotto il close mentre entreremo in
break in short se in quell’arco temporale il prezzo si trova sopra il close e quindi per riallinearsi deve
scendere.
Quindi per esempio se il prezzo quel giorno si allontana dal close al ribasso possiamo immaginare
che come un elastico, in quell’arco temporale si riallinei al close.
E’ una tecnica che va extra strategia cioè che è indipendente dalla strategia che abbiamo per quel
giorno, se per esempio in quel giorno abbiamo una strategia marcatamente short non è
incompatibile o incoerente andare long sulla tecnica delle 15:30, non tiene conto della nostra
strategia, semplicemente la ignora.
Perché il suo principio è solo di andare a fare il riallineamento tra prezzo attuale e vecchio close è
chiaro che se per caso il prezzo oltre ad andare verso il close è anche su una gamba dominante,
cercheremo di andare oltre il terzo target (T3) in ottica multiday.
Riassumendo l’entrata a mercato è in break in in direzione del close del giorno precedente con 1 tick
sotto il livello e lo stop sopra il massimo di 2 tick se andiamo short o con 1 tick sopra il livello
d’entrata e lo stop di 2 tick sotto il minimo se andiamo long, gestendo come sempre i target con
target 1(T1) remunerazione del rischio e target 2 (T2) sul minimo o massimo intraday.

78
79
STOP TARGET & MONEY MANAGEMENT EVOLUTI

STOP
Per definizione è sempre grafico e mai economico ma
deve essere compatibile a livello economico,
deve andare a remunerare il rischio per avere un potenziale target e
infine deve trovare conferma sul grafico.

TARGET
Le nostre entrate al mercato hanno sempre dai 2 ai 3 target

Target 1 che remunera il rischio e a differenza dell’analisi operativa non alziamo


mai lo stop in pari

Target 2 è un target grafico, quindi ho un minimo o un massimo intraday o di giorni passati

Target 3 è molto raro avviene 1 volta su 10, si lascia una quota di tutta l’operazione andare fino
al giorno successivo (Overnight).
Per definizione è il valore più alto fra il 50 % del profit potenziale e il valore del
supertrend veloce.

MONEY MANAGEMENT
La quantità di contratti con cui entriamo a mercato sempre rispettando il 2 % del capitale può essere
di 6 contratti di cui la metà la liquideremo al target 1 per remunerare il rischio,
2 contratti verranno liquidati al target 2 e 1 contratto si lascerà per il target 3.
Mentre con 4 contratti la metà verrà sempre liquidata a target 1, 1 contratto a target 2 e
1 contratto a target 3.
Si può anche cercare di non solo remunerare il rischio ma guadagnare anche con il T1 entrando a mercato
con minimo di 3 contratti di cui liquidiamo 2 contratti al T1 e 1 contratto al T2 o entriamo con 5 contratti di
cui ne liquidiamo 2 al T1 e 2 al T2 e 1 al T3.
A differenza del classico dove bisogna fare il doppio del rischio sostenuto dallo stop.

80
BOOK

Per trading Book s’intende generalmente la tabella operativa tramite la quale è possibile seguire
l’andamento delle proposte di acquisto e di vendita nelle varie fasi di mercato ed eseguire i propri
ordini riguardanti gli strumenti finanziari quotati.
Ogni book presenta una sezione Bid (denaro o prezzo al quale un’acquirente è disponible ad
effettuare lo scambio) e una sezione Ask (lettera o prezzo al quale un venditore è disposto ad
accettare un’offerta), in queste sezioni sono presenti anche i livelli di ordini presenti per ogni fascia
di prezzo e la quantità degli ultimi scambi indicata come volumi di mercato.
Tramite questo strumento vengono inseriti, ritirati o eseguiti gli ordini di acquisto e di vendita che
rendono possibili gli scambi tra i diversi operatori.
Esistono 2 tipi di book

- Verticale

- Orizzontale

E’ preferibile usare quello verticale perché il book orizzontale dove da un lato ci sono proposte di
acquisto e dall’altro proposte di vendita , le proposte di acquisto iniziano da un prezzo più alto fino
a scendere ad un prezzo più basso mentre sulle proposte di vendita succede esattamente il contrario
partono dal prezzo più basso per arrivare ad un prezzo più alto e si muovono in circolo.

81
Mentre sul book verticale il prezzo si muove esattamente in verticale perché su un’asse abbiamo
il tempo e sull’altro abbiamo il prezzo.

E il prezzo si muove allo stesso modo come nel grafico anche nel book.

82
TIPI DI ORDINE

Quando di seguito al nome del tipo di ordine non viene specificato nulla si dà per scontato che sia
un ordine Stop Market, vuol dire che gli stiamo dicendo alla nostra piattaforma che se per esempio
il prezzo sta a 100 e mettiamo un ordine Buy Stop a 105, quando il mercato batte quel prezzo la
piattaforma dovrà eseguire quell’ordine al miglior prezzo, quindi lei eseguirà l’ordine di acquisto in
una sola volta, se in quel momento la quantità di contratti che abbiamo richiesto è disponibile se
invece al quel prezzo c’è solo una parte di contratti della quantità richiesta , gli altri contratti li
acquisterà al prezzo superiore di 106 se ci sono o 107 e così via fino all’esaurimento dei contratti
che vogliamo acquistare.
Quindi quando vicino a Buy stop non è specificato nulla vuol dire Buy Stop Market , compra al
miglior prezzo al momento stesso che il mercato batte, come nell’esempio al prezzo di 105.
La stessa cosa vale per Sell Stop se non è specificato nulla sarà Sell Stop MIT (Market If Touched)
e quindi la piattaforma eseguirà l’ordine al miglio prezzo quando il mercato batte il prezzo ordinato.
Quindi se per esempio mettiamo l’ordine Sell Stop al prezzo di 95 essa lo potrà eseguire anche a 94,
93 e cosi via.
Ma se noi vogliamo entrare al quel prezzo specifico perché altri prezzi potrebbero compromettere il
nostro rapporto di Rischio/Rendimento, possiamo chiedere alla piattaforma di eseguire il nostro
ordine solo a quel prezzo e quindi mettiamo un ordine Buy Stop Limit o Sell Stop Limit cioè il
limite del prezzo a cui vogliamo entrare è solo quello richiesto.
Ma in questo caso può succedere che il mercato sia fast (veloce) o poco liquido e sul quel livello di
prezzo ci siano per esempio solo 2 contratti che sono già stati acquistati o venduti prima di noi e
quindi rimaniamo eseguiti nel Book cioè l’ordine salta e magari era l’operazione con cui avremmo
guadagnato.
Per rimediare a questo possiamo dare alla nostra piattaforma un margine d’errore chiamato
Slippage, quindi l’ordine sarà per esempio Sell Stop Limit a 95 con slippage 1 Tick quindi 94,
quindi la piattaforma potrà eseguire l’ordine a 95 ma anche a 94 e basta se così non riesce
rimarremmo eseguiti nel book.

83
Quindi per definizione
- Per vendere ad un prezzo più basso del prezzo attuale usiamo ordine Sell Stop Limit con
Slippage 1 Tick
- Per acquistare ad un prezzo più alto del prezzo attuale usiamo ordine Buy Stop Limit con
Slippage 1 Tck
Quindi nel nostro caso va bene se vogliamo tradare un break out, per esempio di una resistenza
posizionata al prezzo di 95, per regola non entriamo mai sul livello ma sempre 1 Tick sopra e quindi
l’ordine sarà Buy stop limit a 96 con slippage 1 tick quindi 97, ovviamente l’operazione sarà
speculare se vogliamo andare short se vogliamo tradare il break out di un supporto posizionato per
esempio al prezzo di 80, l’ordine sarà Sell stop limit a 79 con slippage 1 tick quindi 78, quindi
1 tick o addirittura 2 tick sotto il livello che vogliamo tradare.
Mentre sorge il problema se vogliamo tradare un break in. perché se per esempio vogliamo tradare il
Break in dei minimi, noi ipotizziamo di farlo quando il prezzo è ancora sopra quel livello,
prima che scenda e la piattaforma a quel prezzo ci fa mettere solo ordini Limit o Mit e quindi se per
caso il mercato per qualche motivo fa funzionare i break out noi long non ci vogliamo più andare.
Quindi di conseguenza per mettere l’ordine dobbiamo aspettare che il prezzo scenda al di sotto del
livello in cui vogliamo entrare in break in,a questo punto la piattaforma ci permette d’inserire
l’ordine perché stiamo comprando ad un prezzo più alto del prezzo attuale.
A questo punto il nostro ordine sarà Buy stop limit con slippage 1 Tick mentre il mercato sta
facendo il fake out che nel peggiore dei casi è di almeno 8 tick, poi dipenderà dal mercato,
dalla volatilità ma rimane il fatto che possiamo inserire l’ordine Buy stop limit con slippage 1 tick
solo quando il mercato va sotto il livello che abbiamo individuato.
Per esempio se vogliamo entrare al prezzo di 95 possiamo inserire l’ordine al prezzo di 87 e sarà
Buy stop limit 96 con slippage 1 tick 97, allo stesso modo in maniera speculare sarà tradare il
Break in dei massimi e in questo caso l’ordine sarà Sell stop limit con slippage 1 tick.
L’importanza di considerare almeno 8 tick è da imputare al nostro money management,
difatti non metteremo mai stop che superino il 2 % del nostro capitale, quindi fin da subito
dobbiamo calcolare dove il prezzo dovrà arrivare per non sforare il nostro 2 %, altrimenti il trade
non lo facciamo.
Per esempio se in base ai nostri calcoli ci possiamo prendere 20 tick di stop e vogliamo entrare al
prezzo di 96 su un break in dei minimi(long), sappiamo che possiamo mettere l’ordine almeno al
prezzo di 87 (8 tick), ma se scende ancora, possiamo mettere l’ordine al massimo al prezzo di 75,
perché se va più giù sfiora il nostro 2 % e il trade non lo possiamo fare.

ORDINI BRACKET
Gli ordini in Borsa sono sempre gli stessi ma la tipologia di come vengono incastrati si chiama
Bracket, in Italiano si potrebbe tradurre “Imbracatura”, quindi un ordine bracket ha dei binari ben
precisi.
Quindi settandolo con 10 tick di profit e 10 tick di stop, per esempio se vogliamo entrare al prezzo
di 96, la piattaforma metterà il take a 106 e lo stop al prezzo di 86 e con un solo click e 1 solo
ordine piazzerà nel mercato in cui vogliamo operare 3 ordini, poi in un secondo momento
potremmo aggiustare lo stop, magari più piccolo, prendendolo direttamente dalla piattaforma e
aggiustarlo dove vogliamo.
La cosa importante è che una volta inserito l’ordine, aggiusteremo sicuramente lo stop per renderlo
più efficiente ma mai il target, perché l’ordine target sarà sempre limit che va sempre in cronologia

84
temporale, questo vuol dire che se mettiamo l’ordine molto prima che il mercato batte quel prezzo,
per esempio 20 minuti prima è probabile che in quel momento sul mercato ci siano 80 contratti e
noi saremo tra i primi a prenderli, quindi l’accortezza sarà poi di non spostare mai il target
perché così, sia a seconda di quanti contratti sono rimasti, sia che il mercato è molto liquido, noi
saremo sicuri di essere eseguiti a quel prezzo.
Mentre l’ordine stop è un ordine che va sempre messo market, quindi sarà un ordine sell stop
market o semplicemente sell stop anche se non specificamente indicato che ci andrà ad eseguire al
miglio prezzo.
Quindi per esempio se il mercato prende il nostro ordine al prezzo di 105 e poi va a prendere
il nostro ordine sell stop al prezzo di 95 la piattaforma eseguirà l’ordine al miglior prezzo che sarà
94, 93 e così via, sfruttando così la cronologia temporale dalla nostra parte.
Perché a differenza del limit sullo stop vogliamo essere eseguiti per ultimi, sempre dal nostro
esempio il mercato batte il prezzo di 96 noi riusciamo a stare ancora dentro perché il nostro ordine
sell stop market viene eseguito a 95.
La differenza nel posizionare manualmente gli ordini al posto del braket sta nel fatto che gli ordini
posizionati manualmente non sono autoescludenti, quindi se per esempio entriamo in un’operazione
long e dopo 10 tick di profit chiudiamo, l’ordine sell stop rimane e se in questo caso il mercato
scende anche se siamo stati già eseguiti, quell’ordine diventa un ordine short che non fa parte del
nostro piano e quindi ci dobbiamo ricordare di toglierlo, mentre gli ordini bracket per definizione
sono tutti autoescludenti.
Quindi le corrette regole quando mettiamo un ordine sono:

- 1° Si entra sempre con un ordine Stop Limit con Slippage 1 tick.

- 2° Si esce sempre con un ordine Stop Market (per avere la certezza di uscire).

- 3° Quando si posiziona un target limit bisogna avere l’accortezza di mettere l’ordine e non
toglierlo più (prima lo mettiamo e meglio è).

Quindi ricapitolando l’ordine se long va messo 1 tick sopra il livello di entry con slippage 1 tick e
calcolare con precisione i target per non toccarli più e lo stop sempre 2 tick sotto il livello.

85
RIFLESSIONI

86
Di
Gianvito D’Angelo
Scritto e Interpretato
da
Mauro Barbieri

87
88