Sei sulla pagina 1di 1

SCIOPERO 27 Gennaio per non subire accordi Vergogna

Fim e Uilm hanno poco da vantarsi nelle bacheche aziendale del Contratto separato del 2010. Oggi, il disastro è
sotto gli occhi di tutti. Il contratto separato di Fim e Uilm è stato siglato con Federmeccanica disdettando il
contratto del 2008.
Il contratto del 2008 era unitario e soprattutto era stato approvato dai lavoratori con un referendum.
La disdetta di Fim e Uilm non trova nessuna giustificazione perchè non è stato chiesto a nessun lavoratore se
volesse un nuovo contratto disdettando quello ancora in vigore, conquistato con scioperi e picchetti.
Il nuovo accordo è stato siglato da Fim e Uilm dopo un referendum che ha coinvolto solo gli iscritti.
Tutti gli altri lavoratori metalmeccanici hanno subito l’accordo.

Parte Normativa del Contratto separato:

Il fatto più grave di quel contratto sono le deroghe al contratto stesso.


Nei fatti quell’accordo sciagurato ha aperto un’autostrada alla Fiat per porre ricatti ai lavoratori.
Le deroghe (cioè superare ciò che è previsto dal contratto se l’azienda ne ha bisogno) sono diventate sistema
per Fiat tanto che deroga dopo deroga si è arrivati a firmare un contratto ricatto a Mirafiori e Pomigliano,
con Fim e Uilm che sono dovuti uscire fuori dalle regole del Contratto Nazionale da loro stessi voluto e
imposto ai lavoratori nel 2010

Parte salariale: il contratto nazionale separato prevede al 3° livello

Accordo separato 2010/2012 Accordo unitario 2008


Tot: 95 euro lordi in 3 anni (64, 52 euro netti) , Tot. 112, 99 lordi in 2 anni
Gennaio 2010/ 24,15 euro lordi (16,42 euro netti)
Gennaio 2011/ 34,50 euro lordi (23,46 euro netti)
Gennaio2012/ 36,23 euro lordi (24,63 euro netti)

Con l’aumento salariale su 3 anni, non più su 2 anni, Fim e Uilm hanno imposto ai lavoratori
metalmeccanici una grave perdita salariale rispetto all’accordo unitario del 2008.

Per riprenderci il Nostro Contratto senza ricatti:


La Fiom a breve discuterà in assemblea con tutte le lavoratrici e lavoratori metalmeccanici per un rinnovo di
Contratto Nazionale partendo dall’accordo del 2008. L’ultimo accordo legittimo perché approvato da
tutti i meccanici.
La Piattaforma verrà votata in tutti i posti di lavoro da iscritti e non iscritti al sindacato.
La Piattaforma sarà vincolante, e in caso di ipotesi di accordo tutti i lavoratori, iscritti e non iscritti al
sindacato, decideranno se approvare l’intesa.

1) Per fare questo percorso democratico è necessario lottare contro gli accordi imposti da
Marchionne a Mirafiori che distruggono il contratto nazionale e i diritti di chi lavora. Lo sciopero del
27 Gennaio ha lo scopo di ribadire che non recepiamo accordi che ricattano i lavoratori e pongono limiti
alla malattia, al diritto alla salute, al diritto di sciopero, alla elezione dei rappresentanti dei lavoratori

2) Visto che è giusto ritenere legittimo solo quello che è stato approvato dai lavoratori, rinnoviamo
l’invito al Fim e Uilm a rispondere alla nostra richiesta di RSU-unitaria per discutere al più presto di
contratto aziendale, partendo dalla piattaforma approvata dai lavoratori 2 anni fa.

20-1-2011 RSU-FIOM-FERRARI