Sei sulla pagina 1di 9

LAUREA TRIENNALE IN

CULTURE DELLE LINGUE MODERNE E DEL TURISMO


Classe L-11
Presidente: prof.ssa Lucia Sinisi
Tel. 080.5717488; e-mail: lucia.sinisi@uniba.it

Ordinamento didattico
Il Corso di laurea in Culture delle Lingue moderne e del Turismo, afferente alla (classe L-11) Lingue
e Culture moderne, si articola in due curricula:
a) Lingue e Culture moderne
b) Lingue e Culture per il Turismo.
Per accedere al Corso di laurea in Culture delle Lingue moderne e del Turismo è necessario essere in
possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio
conseguito all’estero riconosciuto idoneo, o del diploma di scuola media superiore di durata quadrienna-
le e del relativo anno integrativo o, nel caso l’anno integrativo non fosse attivato, del debito formativo
assegnato.
Nella Facoltà di Lingue sono impartiti gli insegnamenti delle Lingue e traduzioni e Letterature delle se-
guenti lingue: Albanese, Araba, Bulgara, Francese, Inglese, Neogreca, Polacca, Portoghese, Rome-
na, Russa, Serbocroata, Spagnola, Tedesca.

La frequenza alle lezioni non è obbligatoria, ma fortemente consigliata.

Gli insegnamenti di Lingua e traduzione-lingua 1, lingua 2 e lingua 3 hanno durata annuale.


All'inizio dei corsi agli studenti immatricolati sarà somministrato un test di verifica dei saperi essen-
ziali.
Nel curriculum di Lingue e Culture moderne è obbligatorio lo studio di due lingue straniere (di cui
una europea, oltre l’italiano); nel curriculum di Lingue e Culture per il Turismo è obbligatorio lo stu-
dio di tre lingue straniere (di cui una europea, oltre l’italiano).
Gli esami di Lingua e traduzione-lingua 1 e lingua 2, si articolano per ciascun anno di corso in una
prova scritta propedeutica e in una prova orale. Le votazioni di entrambe le prove, espresse in trentesi-
mi, formano media per l’attribuzione della votazione complessiva.
Gli esami di Lingua e traduzione-lingua 3, previsti nel curriculum Lingue e Culture per il Turismo,
prevedono solo una prova orale al termine della 1ª annualità; per la 2ª annualità si prevedono una prova
scritta propedeutica e una orale; le votazioni di entrambe le prove, espresse in trentesimi, formano media
per l’attribuzione della votazione complessiva.
Gli esami scritti, svolti secondo le modalità fissate dalla Commissione didattica, sono regolarmente regi-
strati nella carriera dello studente.
L’esame di Letteratura italiana prevede una prova scritta di idoneità propedeutica a quella orale.

“Attività formative a scelta dello studente” e “Discipline a scelta dello studente”


Lo studente può scegliere, in piena autonomia, rispettivamente al 2° e 3° anno, “Attività formative a
scelta dello studente” e “Discipline a scelta dello studente” .
La valutazione delle “Attività formative a scelta dello studente”, prevede la votazione in trentesimi
nel caso di un esame autonomamente scelto e il giudizio di idoneità nel caso di altre tipologie di attività
formativa; il superamento di un esame comporta la votazione in trentesimi.
Non è possibile biennalizzare le prove di esame degli insegnamenti diversi da Lingua e traduzione; sol-
tanto nell’ambito delle “Attività formative a scelta dello studente” o “Discipline a scelta dello stu-
dente” lo studente può reiterare, in anni di corso diversi, esami di tali discipline.

Riconoscimento di CFU per il Servizio Civile


Il riconoscimento di CFU per attività realizzate nel corso del Servizio Civile consiste nell’attribuzione:
- di CFU in sostituzione parziale o totale, fino a un massimo di 9, delle attività formative a libera scel-
ta dello studente;
- di ulteriori CFU in sostituzione parziale o totale, fino a un massimo di 9, per le altre attività formati-
ve (ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, relazionali, o, comunque
utili per l’inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte
professionali, in particolare i tirocini formativi e di orientamento).

Tirocinio formativo
Il tirocinio formativo potrà essere svolto presso istituti scolastici di ogni ordine e grado, archivi di sta-
to, biblioteche, sovrintendenze, centri culturali, fondazioni, redazioni scientifiche ed editoriali, organi
amministrativi territoriali, pubbliche amministrazioni e enti pubblici (compresi, ove possibile gli uffici
amministrativi universitari), istituti di cooperazione culturale internazionale e istituzioni italiane all'e-
stero (Ambasciate, Consolati, Istituti di Cultura), organismi non governativi, fondazioni pubbliche e pri-
vate, aziende e studi di riconosciuta professionalità che operino in un documentato contesto di interna-
zionalizzazione, con esclusione dei soggetti di diritto privato che esercitino a scopo di lucro attività for-
mative concorrenti con quella universitaria. Il progetto di tirocinio formativo dovrà prevedere un’attività
congruente con le finalità generali che caratterizzano i percorsi formativi previsti dai Corsi di laurea e
dagli indirizzi curricolari e, nel rispetto delle procedure previste dal Regolamento Tirocini dell’Ateneo e
della Facoltà, disponibili sul sito web della Facoltà.
Qualunque attività lavorativa che lo studente svolga o abbia svolto, in Italia o all’estero, purché adegua-
tamente documentata e coerente con un progetto di tirocinio approvato dal Corso di Studio di afferenza
dello studente, può essere riconosciuta come attività di tirocinio.
Il tirocinio potrà essere svolto a partire già dal 1° anno di corso e sarà debitamente registrato nel corso
del 2° anno.

Caratteristiche della prova finale


La prova finale, che consiste in una relazione a carattere teorico e/o applicativo su un argomento scelto
nell'ambito delle discipline curriculari (s’intende fra queste anche una disciplina inserita fra le “attività
formative a scelta dello studente”), è intesa a verificare le competenze linguistiche e la capacità di auto-
nomo sviluppo su una tema di argomento di carattere letterario, linguistico, artistico, storico e così via.
La prova finale viene preparata con la supervisione di un docente Relatore secondo quanto stabilito dal
Regolamento “Tesi di laurea di I livello - CFU 9” che tra l’altro disciplina le modalità della prova e del-
la valutazione conclusiva.
Il Regolamento “Tesi di laurea di I livello – CFU 9” è disponibile sul sito web della Facoltà.
Obiettivi formativi
La Laurea in Culture delle Lingue moderne e del Turismo fornisce competenze teoriche, metodologiche
e applicative nelle aree relative alle lingue, culture e letterature straniere, oltre alla lingua e alla letteratu-
ra italiana. Il laureato in lingue possiede una padronanza scritta e orale di due lingue straniere, nonché
del patrimonio culturale legato alle due lingue, oltre alla competenza funzionale di una terza lingua.
La formazione del laureato triennale in Lingue gli consente di accedere ad attività lavorative che richie-
dono:
- familiarità con la cultura, la civiltà e la letteratura di cui le lingue studiate sono espressione;
- capacità di scambi linguistici e culturali nel campo della produzione culturale, della traduzione e
dell’insegnamento;
- competenze tecniche e metodologiche nell'ambito di almeno due lingue, oltre alla lingua e letteratura
italiana;
- capacità di svolgere attività di traduzione di tipo letterario, storico e umanistico;
- una mentalità aperta e flessibile predisposta alle variegate attività connesse col turismo.

Sbocchi occupazionali
Gli sbocchi professionali si articolano secondo coordinate parallele in settori relativi:
- ad elementi di base per la formazione di docenti di Lingue e letterature straniere finalizzata
all’istruzione media e superiore;
- ad attività connesse con enti ed istituzioni nazionali ed internazionali;
- a consulenze linguistiche nei settori della editoria, dello spettacolo, delle attività commerciali e cultu-
rali;
- all’attività turistica di medio e alto livello professionale;
- alla traduzione di testi letterari o culturali.

Il Corso prepara alle professioni di:


- Corrispondenti in lingue estere e assimilati
- Professioni tecniche delle attività turistiche, ricettive ed assimilate
- Agenti di viaggio
- Guide ed accompagnatori turistici
- Istruttori in campo linguistico.

Per quanto non sia stato espressamente previsto nel presente Ordinamento didattico, si rinvia alle norme
del Regolamento didattico d’Ateneo e di Facoltà.
PIANO DI STUDI

Curriculum “LINGUE E CULTURE MODERNE”

PRIMO ANNO
CFU

1 Lingua e traduzione - lingua 1 (1) 9 CARATT.

2 Letteratura della lingua 1 (2) 7 CARATT.

3 Lingua e traduzione - lingua 2 (1) 9 CARATT.

4 Letteratura della lingua 2 (2) 7 CARATT.

5 Letteratura italiana [L-FIL-LET/10] - AL-MZ 8 BASE

6 Storia moderna [M-STO/02] 8 BASE

Didattica delle lingue moderne [L-LIN/02] - Glottodidattica [L-LIN/02] - Linguisti-


7 8 BASE
ca generale [L-LIN/01]

SECONDO ANNO
CFU

8 Lingua e traduzione - lingua 1 (1) 9 CARATT.

9 Letteratura della lingua 1 (2) 7 CARATT.

10 Lingua e traduzione - lingua 2 (1) 9 CARATT.

11 Letteratura della lingua 2 (2) 7 CARATT.

12 Filologia della lingua 1 o 2 - Glottologia [L-LIN/01] (3) 7 CARATT.

Letteratura italiana del Medioevo e del Rinascimento [L-FIL-LET/10] - Letteratura


teatrale italiana [L-FIL-LET/10] - Sociologia della letteratura [L-FIL-LET/10] - Sto-
13 8 AFFINE
ria della critica e della storiografia letteraria [L-FIL-LET/10] - Letteratura italiana
moderna e contemporanea [L-FIL-LET/11].
14 Discipline letterarie (4) 6 AFFINE

- Attività formativa a scelta dello studente (5) 6 ALTRE

- Tirocini 6 ALTRE
TERZO ANNO

CFU

15 Lingua e traduzione - lingua 1 (1) 9 CARATT.


16 Letteratura della lingua 1 (2) 7 CARATT.
(1)
17 Lingua e traduzione - lingua 2 9 CARATT.
18 Letteratura della lingua 2 (2) 7 CARATT.
Storia del teatro e dello spettacolo [L-ART/05] - Storia della musica moderna e con-
19 6 AFFINE
temporanea [L-ART/07] - Storia dell'arte moderna [L-ART/02]
20 Disciplina a scelta dello studente (6) 6 LIBERA
- Abilità informatiche (7) 6 ALTRE
- Prova finale 9

Note:
(1)
Lingua e traduzione - lingua albanese [L-LIN/18]; Lingua e traduzione - lingua araba [L-OR/12]; Lin-
gua e traduzione - lingua bulgara [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua francese [L-LIN/04]; Lin-
gua e traduzione - lingua inglese [L-LIN/12]; Lingua e traduzione - lingua neogreca [L-LIN/20]; Lin-
gua e traduzione - lingua polacca [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua portoghese [L-LIN/09];
Lingua e traduzione - lingua romena [L-LIN/17]; Lingua e traduzione - lingua russa [L-LIN/21]; Lin-
gua e traduzione - lingua serbocroata [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua spagnola [L-LIN/07];
Lingua e traduzione - lingua tedesca [L-LIN/14].
(2)
Letteratura albanese [L-LIN/18]; Letteratura araba [L-OR/12]; Letteratura bulgara [L-LIN/21]; Lette-
ratura francese [L-LIN/03]; Letteratura inglese [L-LIN/10]; Letteratura neogreca [L-LIN/20]; Lette-
ratura polacca [L-LIN/21]; Letteratura portoghese [L-LIN/08]; Letteratura romena [L-LIN/17]; Lette-
ratura russa [L-LIN/21]; Letteratura serba e croata [L-LIN/21]; Letteratura spagnola [L-LIN/05]; Let-
teratura tedesca [L-LIN/13].
(3)
Gli studenti possono, a loro scelta, sostenere un esame di filologia afferente alle lingue triennali.
Gli studenti che seguono i corsi di inglese o tedesco sostengono l’esame di Filologia germanica [L-
FIL-LET/15]; gli studenti che seguono i corsi di francese, romeno, spagnolo e portoghese sostengono
l’esame di Filologia romanza [L-FIL-LET/09]; gli studenti che seguono i corsi di bulgaro, polacco,
russo o serbocroato sostengono l’esame di Filologia slava [L-LIN/21];
Gli studenti possono scegliere Glottologia [L-LIN/01] nel caso in cui non trovino la filologia affe-
rente alle lingue di studio scelte.
(4)
Discipline letterarie:
Letteratura franco-canadese [L-LIN/03], Letteratura teatrale tedesca (L-LIN/13), Letteratura tedesca
dell’interculturalità [L-LIN/13], Letterature anglo-americane [L-LIN/11], Letterature francofone [L-
LIN/03], Lingua e letteratura yiddish [L-LIN/13], Storia della cultura anglo-americana [L-LIN/11],
Letteratura e cinema [L-FIL-LET/10], Letteratura latina [L-FIL-LET/04].
La scelta di un insegnamento letterario legato allo studio delle lingue 1 o 2 è solo consigliata.

(5)
Rientrano tra le “Attività formative a scelta dello studente” le seguenti tipologie:
a) Discipline a scelta libera dello studente:
- Insegnamenti attivati nella nostra Facoltà o in altra Facoltà, appartenenti a un Corso di laurea di I e
II livello, purché coerenti con il progetto formativo. Non è consentito scegliere presso altra Facoltà
insegnamenti di uguale denominazione già attivati presso la Facoltà.
b) Ulteriori abilità linguistiche:
- Lo studente può conseguire CFU tramite superamento dell’esame di una lingua straniera diversa da
quelle triennali previste dal proprio piano di studi.
- Lo studente può acquisire CFU presentando un certificato di conoscenze linguistiche ulteriori rispetto
al contenuto degli esami di lingua straniera superati nel CdL. Saranno presi in considerazione soltan-
to gli attestati rilasciati dagli Enti Certificatori convenzionati con il MIUR (Alliance Française, Con-
sejería de Educación Cervantes, Goethe Institut, Trinity College of London, English Speaking Board
of London, Pitman, Ucles, CAPLE - Associazione portoghese dell'ALTE - “Centro de Exames de
Portugues”), relativi ai livelli B2-C1 e C2, previsti nel quadro di riferimento del Consiglio d’Europa.
Gli attestati rilasciati dagli Enti certificatori devono riportare l’indicazione dei livelli summenzionati.
Le certificazioni o i diplomi ottenuti presso scuole pubbliche o istituti privati non possono essere au-
tomaticamente trasformati in CFU senza il vaglio del Consiglio di Corso di studi.
c) Abilità relazionali: lo studente può conseguire CFU per attività relazionali acquisite nell’ambito del
Servizio Civile sulla base di certificati riconosciuti secondo le modalità stabilite dal Regolamento
d’Ateneo per il riconoscimento dei CFU.
d) Attività formative di livello universitario e post-secondario: lo studente può chiedere il ricono-
scimento per le conoscenze e abilità acquisite in attività formative di tipo universitario (seminari-
giornate di studio) o post-secondario al quale abbia concorso una Università statale o legalmente ri-
conosciuta (lo studente dovrà rispettare il rapporto fra crediti/carico di lavoro complessivo).
La valutazione delle “Attività formative a scelta dello studente”, prevede la votazione in trentesimi
nel caso di un esame autonomamente scelto e il giudizio di idoneità nel caso di altre tipologie di attività
formativa.

(6)
Rientrano tra le “Discipline a scelta dello studente” le seguenti tipologie che comportano il supera-
mento di un esame:
- Studio di una lingua straniera diversa da quelle triennali già previste nel CdL.
- Insegnamenti attivati nella nostra Facoltà o in altra Facoltà, appartenenti a un Corso di laurea di I e II
livello, purché coerenti con il progetto formativo. Non è consentito scegliere presso altra Facoltà in-
segnamenti di uguale denominazione già attivati presso la Facoltà.

(7)
Rientrano tra le “Abilità informatiche” le seguenti attività:
- Attività informatiche di base (riconoscimento di 6 CFU tramite superamento di una prova di idonei-
tà); tali abilità di base corrispondono ai primi 4 livelli dell’ECDL (European Computer Driving Li-
cence)
- Conseguimento di 6 CFU tramite superamento di un esame di Informatica previsto nell’ambito
dell’offerta formativa dell’Ateneo (tale esame è equiparabile a un giudizio di idoneità).
- Riconoscimento di 6 CFU per le Certificazioni ECDL, IC3, MOS (Microsoft Office Specialist) e
EIPASS (Passaporto Informatico Europeo).

PIANO DI STUDI
Curriculum “LINGUE E CULTURE PER IL TURISMO”

PRIMO ANNO
CFU
(1)
1 Lingua e traduzione - lingua 1 9 CARATT.
2 Letteratura della lingua 1 (2) 7 CARATT.
3 Lingua e traduzione - lingua 2 (1) 9 CARATT.
4 Letteratura della lingua 2 (2) 7 CARATT.
5 Letteratura italiana [L-FIL-LET/10] - AL-MZ 8 BASE
6 Geografia del turismo [M-GGR/01] - Storia moderna [M-STO/02] 8 BASE
Sociolinguistica [L-LIN/01] - Filosofia del linguaggio - Semiotica - Semiotica del
7 8 BASE
testo [M-FIL/05]

SECONDO ANNO
CFU
(1)
8 Lingua e traduzione - lingua 1 9 CARATT.
9 Letteratura della lingua 1 (2) 7 CARATT.
10 Lingua e traduzione - lingua 2 (1) 9 CARATT.
11 Letteratura della lingua 2 (2) 7 CARATT.
12 Letteratura italiana moderna e contemporanea [L-FIL-LET/11] 8 AFFINE
13 Filologia della lingua 1 o 2 - Glottologia (3) 7 CARATT.
14 Lingua e traduzione - lingua 3 (orale) (1) 8 CARATT.
- Attività formativa a scelta dello studente (4) 6 ALTRE
- Tirocini 6 ALTRE

TERZO ANNO
CFU
(1)
15 Lingua e traduzione - lingua 1 8 CARATT.
16 Lingua e traduzione - lingua 2 (1) 8 CARATT.
17 Discipline giuridiche ed economiche - (5) 6 AFFINE
Storia del teatro e dello spettacolo [L-ART/05] - Storia della musica moderna e
18 6 AFFINE
contemporanea [L-ART/07] - Storia dell'arte regionale [L-ART/02]
19 Lingua e traduzione - lingua 3 (scritto e orale) (1) 8 CARATT.
20 Disciplina a scelta dello studente (6) 6 LIBERA
- Abilità informatiche (7) 6 ALTRE
- Prova finale 9
Note:
(1)
Lingua e traduzione - lingua albanese [L-LIN/18]; Lingua e traduzione - lingua araba [L-OR/12];
Lingua e traduzione - lingua bulgara [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua francese [L-LIN/04];
Lingua e traduzione - lingua inglese [L-LIN/12]; Lingua e traduzione - lingua neogreca [L-LIN/20];
Lingua e traduzione - lingua polacca [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua portoghese [L-
LIN/09]; Lingua e traduzione - lingua romena [L-LIN/17]; Lingua e traduzione - lingua russa [L-
LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua serbocroata [L-LIN/21]; Lingua e traduzione - lingua spagnola
[L-LIN/07]; Lingua e traduzione - lingua tedesca [L-LIN/14].
(2)
Letteratura albanese [L-LIN/18]; Letteratura araba [L-OR/12]; Letteratura bulgara [L-LIN/21]; Lette-
ratura francese [L-LIN/03]; Letteratura inglese [L-LIN/10]; Letteratura neogreca [L-LIN/20]; Lette-
ratura polacca [L-LIN/21]; Letteratura portoghese [L-LIN/08]; Letteratura romena [L-LIN/17]; Lette-
ratura russa [L-LIN/21]; Letteratura serba e croata [L-LIN/21]; Letteratura spagnola [L-LIN/05]; Let-
teratura tedesca [L-LIN/13].
(3)
Gli studenti possono, a loro scelta, sostenere un esame di filologia afferente alle lingue triennali.
Gli studenti che seguono i corsi di inglese o tedesco sostengono l’esame di Filologia germanica [L-
FIL-LET/15]; gli studenti che seguono i corsi di francese, romeno, spagnolo e portoghese sostengono
l’esame di Filologia romanza [L-FIL-LET/09]; gli studenti che seguono i corsi di bulgaro, polacco,
russo o serbocroato sostengono l’esame di Filologia slava [L-LIN/21];
Gli studenti possono scegliere Glottologia [L-LIN/01] nel caso in cui non trovino la filologia affe-
rente alle lingue di studio triennali scelte.
(4)
Rientrano tra le “Attività formative a scelta dello studente” le seguenti tipologie:

a) Discipline a scelta libera dello studente:


- Insegnamenti attivati nella nostra Facoltà o in altra Facoltà, appartenenti a un Corso di laurea di I e
II livello, purché coerenti con il progetto formativo. Non è consentito scegliere presso altra Facoltà
insegnamenti di uguale denominazione già attivati presso la Facoltà.
La Facoltà, a titolo di orientamento, indica le discipline di ambito giuridico-economico il cui studio è
consigliato al fine di acquisire CFU 12 necessari per l’eventuale accesso alla Laurea Magistrale in
Lingue moderne per la Cooperazione internazionale (Interfacoltà con Scienze Politiche) (classe
LM-38) - curriculum: Lingue moderne per il Turismo sostenibile, ad esempio:
Diritto dell’Unione Europea [IUS/14]; Economia e gestione delle imprese [SECS-P/08]; Legislazione
del turismo [IUS/09]; Legislazione dei beni culturali [IUS/09]; Istituzioni di diritto pubblico
[IUS/09]; Storia economica [SECS-P/12].

b) Ulteriori abilità linguistiche:


- Lo studente può conseguire CFU tramite superamento dell’esame di una lingua straniera diversa da
quelle triennali previste dal proprio piano di studi.
- Lo studente può acquisire CFU presentando un certificato di conoscenze linguistiche ulteriori rispetto
al contenuto degli esami di lingua straniera superati nel CdL. Saranno presi in considerazione soltan-
to gli attestati rilasciati dagli Enti Certificatori convenzionati con il MIUR (Alliance Française, Con-
sejería de Educación Cervantes, Goethe Institut, Trinity College of London, English Speaking Board
of London, Pitman, Ucles, CAPLE - Associazione portoghese dell’ALTE - “Centro de Exames de
Portugues”), relativi ai livelli B2-C1 e C2 previsti nel quadro di riferimento del Consiglio d’Europa.
Gli attestati rilasciati dagli Enti certificatori devono riportate l’indicazione dei livelli summenzionati.
Le certificazioni o i diplomi ottenuti presso scuole pubbliche o istituti privati non possono essere au-
tomaticamente trasformati in CFU senza il vaglio del Consiglio di Corso di Studi.
c) Abilità relazionali:
- Lo studente può conseguire CFU per attività relazionali acquisite nell’ambito del Servizio Civile sul-
la base di certificati riconosciuti secondo le modalità stabilite dal Regolamento d’Ateneo per il rico-
noscimento dei CFU.

d) Attività formative di livello universitario e post-secondario:


- Lo studente può chiedere il riconoscimento per le conoscenze e abilità acquisite in attività formative
di tipo universitario (seminari-giornate di studio) o post-secondario al quale abbia concorso una Uni-
versità statale o legalmente riconosciuta (lo studente dovrà rispettare il rapporto fra crediti/carico di
lavoro complessivo).
(5)
Discipline giuridiche ed economiche: Diritto dell’Unione Europea [IUS/14]; Economia e gestione
delle imprese [SECS-P/08]; Legislazione del turismo [IUS/09]; Legislazione dei beni culturali
[IUS/09]; Istituzioni di diritto pubblico [IUS/09]; Storia economica [SECS-P/12].
(6)
Rientrano tra le “Discipline a scelta dello studente” le seguenti tipologie che comportano il supera-
mento di un esame:
- Studio di una lingua straniera diversa da quelle triennali già previste nel CdL.
- Insegnamenti attivati nella nostra Facoltà o in altra Facoltà, appartenenti a un Corso di laurea di I e II
livello, purché coerenti con il progetto formativo. Non è consentito scegliere presso altra Facoltà in-
segnamenti di uguale denominazione già attivati presso la Facoltà.
La Facoltà, a titolo di orientamento, ancora una volta indica le discipline di ambito giuridico-
economico il cui studio è consigliato al fine di acquisire CFU 12 necessari per l’eventuale accesso al-
la Laurea Magistrale in Lingue moderne per la Cooperazione internazionale (Interfacoltà con
Scienze Politiche) (classe LM-38) - curriculum: Lingue moderne per il Turismo sostenibile, ad e-
sempio:
Diritto dell’Unione Europea [IUS/14]; Economia e gestione delle imprese [SECS-P/08]; Legislazione
del turismo [IUS/09]; Legislazione dei beni culturali [IUS/09]; Istituzioni di diritto pubblico
[IUS/09]; Storia economica [SECS-P/12].
(7)
Rientrano tra le “Abilità informatiche” le seguenti attività:
- Attività informatiche di base (riconoscimento di 6 CFU tramite superamento di una prova di idonei-
tà); tali abilità di base corrispondono ai primi 4 livelli dell’ECDL (European Computer Driving Li-
cence)
- Conseguimento di 6 CFU tramite superamento di un esame di Informatica previsto nell’ambito
dell’offerta formativa dell’Ateneo (tale esame è equiparabile ad un giudizio di idoneità)
- Riconoscimento di 6 CFU per le Certificazioni ECDL, IC3, MOS (Microsoft Office Specialist) e
EIPASS (Passaporto Informatico Europeo).