Sei sulla pagina 1di 21

DERMATOLOGIA E MALATTIE INFETTIVE DERMATOLOGIA E MALATTIE INFETTIVE

1. Gli annessi cutanei (ghiandole sudoripare e 1. Nel derma papillare e reticolare


sebacee, bulbi piliferi…) sono localizzati
2. Il follicolo pilifero 2. Si sviluppa dopo la pubertà/ nel tempo va incontro
a modificazioni di volume/ aumentano con gli
anni/ produce il pelo in modo ciclico (?)
3. Indicare la frase NON corretta 3. L’epidermide è ricca di vasi e nervi /l’epidermide è
un epitelio pavimentoso pluristratificato/il derma
contiene mastociti/ l’ipoderma contiene c.adipose
4. Epidermide 4. È costituita da epitelio pavimentoso
pluristratificato
5. In quale strato dell’epidermide si trovano i 5. Strato basale
melanociti
6. Melanociti originano 6. Dalla cresta neurale (sono cellule dendritiche)
7. Ghiandola sebacea è 7. Olocrina
8. Ghiandole sudoripare 8. Sia eccrine (la maggioranza) che apocrine (più
rappresentate nelle ascelle e nell’inguine, sono
stimolate dagli androgeni)
9. Lesioni primitive 9. Macule, papule, noduli, nodosità, placche,
vescicole, bolle, pustole
10. Lesioni primitivo-secondarie della cute 10. Pustole, squame, sclerosi, atrofia
11. Lesioni secondarie 11. Croste, soluzioni di continuo (ulcere, erosioni,
escoriazioni, ragadi)
12. La pustola è una lesione 12. Sia primitiva che secondaria
13. Condilomi piani: quale affermazione è 13. Sono contagiosi
corretta?
14. Condilomi piani 14. Sifilide secondaria
15. I condilomi acuminati 15. Sono sostenuti da HPV
16. Le cellule di Langherans 16. Presentano l’antigene
17. Le ulcere sono 17. Perdite di sostanza che NON tendono alla
guarigione spontanea
18. Fanno parte del quadro clinico dell’acne 18. Papule/pomfi/vescicole/tutte le precedenti
19. Acne 19. Regredisce prevalentemente con esiti transitori o
definitivi
20. Acne 20. Può insorgere in età neonatale
21. Acne è causata da 21. Seborrea, ormoni, Propionibacterium acnes,
genetica (di sicuro non dalla dieta)
22. I farmaci che possono includere reazioni 22. Derivati del bromo
acneiche includono
23. Acne 23. Sensibile alle tetracicline
24. Tp Acne 24. NON è comunemente usato Acido Tricloroacetico
25. Tp Acne 25. Antibiotici, Ac. Salicilico, benzoilperossido
26. Farmaco utile per ridurre la resistenza 26. Benzoilperossido
batterica nell’acne
27. Nell’acne giovanile i pz presentano lesioni 27. Polimorfe, in sedi seborroiche, talora influenzate
cutanee da traumi autoindotti (tutte le precedenti)
28. Nelle pz femminili con acne severa in terapia 28. Va associata contraccezione protratta dopo la fine
con isotretinoina della terapia per 1 mese
29. Acne 29. Tutte le precedenti (comedone/influenzata da
ormoni/esordio pubertà)
30. Acne rosacea 30. Colpisce spt le donne adulte
31. Acne rosacea 31. Mancano i comedoni, lesioni elementari tipiche
dell’acne giovanile
32. Acne rosacea, tp 32. Metronidazolo
33. Nella rosacea può giovare una tp con 33. Metronidazolo/ tetracicline/ acido azelaico/
(indicare risposta SBAGLIATA) terbinafina
34. Lesioni presenti nell’acne volgare 34. Papule, pustole, noduli, cisti
35. Lesione elementare NON presente nell’acne 35. Pomfo
volgare
36. I fattori favorenti l’acne volgare includono 36. Disordini endocrini
37. Quale dei seguenti farmaci sistemici può 37. Isotretinoina
essere utile nell’acne volgare
38. Lesioni nell’acne severa 38. Comedoni, lesioni infiammatorie e nodulo-cistiche
di diametro superiore ai 5 mm. Lascia cicatrici.
39. Il nodulo 39. Può essere osservato nell’acne volgare
40. Micosi fungoide 40. È un linfoma
41. Verruche piane 41. Nei bambini
42. Pemfigo 42. Depositi IgG all’interno dell’epidermide (bolle
superficiali, intraepidermiche)
43. Pemfigo, sede di esordio 43. Cavo orale
44. Ig nel Pemfigo 44. IgG e C3 sui cheratinociti
45. Evoluzione pemfigo 45. Bolla poi erosione poi crosta infine segni
discromici
46. Pemfigo 46. Colpisce frequentemente le mucose
47. Farmaci induttori del pemfigo volgare 47. FANS/progesterone/ACE-inibitori/tutte le
precedenti
48. Segno di Nikolsky 48. Positivo nel pemfigo (lesioni superficiali) --> NON
nel pemfigoide (lesioni profonde)
49. Il fenomeno di Nikolsky è patognomonico di 49. Pemfigo volgare
50. Pemfigo 50. Presenza di acantolisi, segno di Nicolsky ne è
l’espressione clinica, esame di Tzank positivo
51. Pemfigoide 51. Assenza di acantolisi, segno di Nicolsky negativo
52. Pemfigoide bolloso 52. Bolla dermo-epidermica
53. Quale età della vita è interessata 53. Si manifesta più frequentemente in adulti/anziani
maggiormente dal pemfigoide bolloso?
54. Il pemfigoide bolloso 54. Predilige l’età senile
55. Ig in pemfigoide bolloso 55. Ig G lungo la membrana basale
56. Nel pemfigoide bolloso 56. Mostra depositi LINEARI di IgG (e complemento)
l’immunofluorescenza diretta lungo la membrana basale/alla giunzione dermo-
epidermica
57. Quale tipo di bolla conosci? 57. Bolla intraepidermica
58. Psorasi guttata 58. Può essere causata da streptococchi
59. Psoriasi volgare, sedi tipiche 59. ginocchia, gomiti, cuoio capelluto (ricorda: le sedi
di appoggio)
60. Psoriasi 60. può colpire le articolazioni
61. Psoriasi 61. può essere pustolosa, può essere eritrodermica
62. Psoriasi 62. NON può alterare fusto dei peli
63. Psoriasi invertita 63. Colpisce le pieghe
64. Psoriasi (comorbidità) 64. Associata a sd metabolica, Crohn e artropatie
65. La lesione cutanea tipica della psoriasi è 65. Eritemato-desquamativa (macchia eritemato-
squamosa)
66. la psoriasi non determina 66. alopecia
67. Koebner è segno di 67. psoriasi
68. Il segno di Auspitz 68. è tipico della psoriasi
69. Psoriasi che non esiste 69. foliacea
70. Tra quelli elencati quale segno non c’è nella 70. …..
psoriasi
71. Tp locale psoriasi 71. NON si avvale di solfoni
72. Tp locale psoriasi 72. si avvale di corticosteroidi topici, etretinato, PUVA
terapia
73. Tp psoriasi 73. metrotexate
74. Il pitting ungueale è diagnostico di 74. psoriasi
75. Nella psoriasi, quale tra i segni elencati le 75. Tutte le precedenti (depressioni cupoliformi della
unghie possono mostrare lamina/onicolisi con orletto
eritematoso/emorragie a scheggia)
76. Papillomatosi e ipercheratosi 76. Psoriasi (papillomatosi: ispessimento delle papille
paracheratosica dermiche)
77. La paracheratosi è 77. La presenza di nuclei nello strato corneo (nella
psoriasi c’è una maggiore velocità di proliferazione
delle cellule dello strato basale, che impiegano
solo 4 giorni e non 36 per arrivare allo strato
corneo. Tra le varie terapie calcipotriolo, che
inibisce la proliferazione).
78. Qual è la caratteristica principale 78. Prurito
dell'eczema?
79. Eczema palmare 79. Tutte le precedenti
80. Eczema da contatto 80. Tutte le precedenti
81. Eczema cronico delle mani 81. Può raramente non rispondere alle tp
classiche/nel 20% dei casi è di grado severo/la sua
severità si valuta tramite il Physician’s Global
Assessment/tutte le precedenti
82. Il pomfo è per lo più asintomatico? 82. FALSO (è pruriginoso)
83. Qual è la lesione primitiva dell’orticaria? 83. pomfo
84. Pitiriasi versicolore 84. NON colpisce gli arti
85. Pitiriasi versicolore 85. non è contagiosa, spesso diviene evidente dopo
esposizione solare, si presenta color camoscio su
cute non abbronzata
86. Pitiriasi versicolore 86. Micosi
87. Pitiriasi alba 87. Dermatite atopica (DA)
88. Le lesioni maculose della pitiriasi alba sono 88. Ipopigmentate a margini sfumati
89. Quale di queste è una manifestazione della 89. credo che la risposta fosse DA, perché è uno dei
pitirasi alba criteri minori per diagnosticare la DA. L'eziologia è
sconosciuta
90. Terapia delle dermatofitosi 90. Griseofulvina per via sistemica
91. Nella prognosi del melanoma 91. È più importante l’estensione in profondità
92. La prognosi del melanoma 92. è correlata con lo spessore della lesione iniziale
93. Quale parametro NON è utile per valutare la 93. colore del tumore (invasione del linfonodo
prognosi del melanoma? sentinella, spessore e ulcerazione del tumore,
invece, sono utili)
94. Indice di Breslow 94. è un sistema per la stadiazione del melanoma che
misura lo spessore
95. Quando si esegue la valutazione del 95. per valori > 1 mm cerco linfonodo sentinella per
linfonodo sentinella in base all’indice di studiarlo
Breslow
96. Melanoma che infiltra il derma reticolare 96. grado IV secondo la stadiazione di Clark (che è su
(porzione più profonda del derma) base anatomica)
97. Melanoma 97. può essere non pigmentoso/ato
98. Melanoma 98. NON è radiosensibile
99. Melanoma 99. può insorgere su un nevo preesistente
100. Melanoma 100. è frequente complicanza del nevo congenito
gigante
101. Melanoma 101. In aumento/da nevo giunzione/…
102. Melanoma 102. Raro nei bambini/colpisce prevalentemente a
15-20 anni/ si presenta come nodulo scuro (?)
103. Il melanoma cutaneo è più frequente in 103. Australia
104. Il più frequente carcinoma della cute 104. Ca. basocellulare
105. Carcinoma basocellulare (= a cellule 105. Viso
basali), sede + freq
106. Carcinoma basocellulare 106. non è di origine connettivale
107. Epitelioma basocellulare 107. NON dà metastasi sistemiche
108. Epitelioma basocellulare 108. NON colpisce il labbro inferiore
109. Epitelioma basocellulare 109. È il più frequente tumore cutaneo, può essere
pigmentato, colpisce più frequentemente il volto
110. Epitelioma basocellulare 110. lesione a “collana di perle”
111. Non esiste il Ca basocellulare 111. papillomatoso
112. Carcinoma spinocellulare 112. origina dall'epitelio
113. L’eritema polimorfo essudatizio 113. tutte le precedenti (può esserci in corso di
herpes/causato da farmaci)
114. Eritema nodoso 114. Si localizza alla superficie estensoria delle
gambe
115. Eritema nodoso in gravidanza 115. Ha varie eziologie ma non è modificato dalla
gravidanza
116. Eritema nodoso 116. può essere scatenato dalla tp estro-
progestinica
117. Eritema nodoso 117. NON dà prurito
118. Eritema da contatto 118. Può colpire anche zone lontane da quelle del
contatto
119. Eritema fisso 119. Tutte le precedenti (bolla, poche ore, genitali)
120. Nell’eritema fisso da medicamenti 120. Tutte le precedenti (spesso coinvolte le
mucose/esiste una forma bollosa/possono
residuare esiti pigmentati, cioè aree di
ipopigmentazione)
121. Quale patologia si caratterizza x l'eritema 121. Lupus
a farfalla
122. Un esantema maculo-papuloso o 122. febbre bottonosa
petecchiale si osserva spesso nella
123. Esantema da farmaci 123. può causare prurito
124. Esantema critico 124. Macchia maculo-papulosa sfumata, segue
caduta febbre
125. La febbre bottonosa è causata da 125. Rickettsia conori
126. Si osserva nella febbre bottonosa 126. Esantema maculo-papuloso o petecchiale
127. Abbinare lesione tipica a malattia: 127.
scabbia - ? scabbia – cunicolo
orticaria - ? orticaria – pomfo
eczema - ? eczema – vescicola
pemfigo - ? pemfigo - bolla
128. Abbina caratteristiche a malattia: 128.
Eczema – ? Eczema – eritema, edema, vescicole
Ustione I grado – ? Ustione I grado – edema ed eritema
Eruzioni da farmaci –? Eruzioni da farmaci – esantema, edema del volto
Orticaria –? Orticaria – angioedema
129.
129. Abbina caratteristiche a malattia: Herpes simplex – degenerazione balloniforme
Herpes simplex – ? Eczema – spongiosi
Eczema – ? Orticaria – pomfo
Orticaria – ? Psoriasi – Paracheratosi
Psoriasi – ? 130.
130. Abbina caratteristiche a malattia: Herpes simplex – degenerazione balloniforme
Herpes simplex – ? Dermatite da contatto – spongiosi
Dermatite da contatto – ? Pemfigo – acantolisi
Pemfigo – ? Psoriasi – fenomeno di Koebner
Psoriasi – ? 131.
131. Abbina esame a malattia: Herpes zoster – esame citodiagnostico
Herpes zoster – ? Dermatite da contatto – patch test
Dermatite da contatto – ?
Dermatite atopica – ? Dermatite atopica – prick test
Pitiriasi versicolore – ? Pitiriasi versicolore – esame microscopico diretto
132. Malattia dermatologica più frequente in 132.
Bimbi-? Bimbi- Dermatite atopica
Adolescenti-? Adolescenti- Acne
Adulti-? Adulti- Psoriasi
Anziani-? Anziani- Carcinoma spinocellulare
133. Abbina farmaco a malattia: 133.
erisipela-? Erisipela-antibiotici
Scabbia-? Scabbia-permectina
Micosi-? Micosi-itroconazolo
Psoriasi-? Psoriasi-ciclosporina
134. Reazione citodiagnostica di Tzank 134. Evidenzia cellule in degenerazione
balloniforme (o acantolitiche)
135. In quale patologia nel citodiagnostico di 135. Pemfigo
Tzank si evidenziano cellule acantolitiche?
136. Pediculosi 136. rara nei bambini neri/dà prurito
137. Quale sostanza non rientra tra le cause di 137. soluzione cloruro di sodio e acqua (soluzione
DAC da farmaci fisiologica=sodio cloruro)
138. Fattori favorenti la DAC 138. tutte le precedenti
139. DAC 139. ipersensibilità di IV tipo
140. Quali sostanze rientrano tra le cause di 140. medicamenti topici (antistaminici topici,
DAC da farmaci? cortisonici, cerotti medicati ,antibiotici topici,
FANS topici)
141. Esame per la (DAC) dermatite da contatto 141. patch test
142. DAC non è provocata da 142. acidi forti
143. DAC principali localizzaz in base all'età 143.
adulti - ? adulti - mani,
lattanti - ? lattanti - viso,
bambini - ? bambini - pieghe cutanee,
severa - ? severa - tutto il corpo
144. LA DAC (Dermatite allergica da contatto) 144. è un’immunoreazione di 4° tipo mediata dai
linfociti Th1
145. Quale di queste reazioni avverse a 145. Dermatite da contatto
farmaci appartiene al gruppo delle reazioni
immunomediate di quarto tipo?
146. DAC 146. può dare reazioni separate (?)
147. Esiste la DAC 147. da cosmetici
148. La più frequente causa di DAC 148. Metalli
149. Complicanze DIC (Dermatite Irritativa da 149. impetigine, eritrodermia ed eczematizzazione
Contatto )
150. Dermatite da contatto sia irritativa che 150. fa parte delle malattie professionali
allergica
151. Dermatite atopica 151. diminuzione ceramidi nell’epidermide
152. Dermatite atopica 152. NON è più frequente negli adolescenti
153. Dermatite atopica, parametri di 153. Iper IgE nel sangue, ipereosinofilia, altre Atipie
laboratorio alterati
154. Dermatite atopica spesso in associazione 154. rinite allergica e\o asma bronchiale
con
155. Dermatite atopica 155. eczematosa
156. Lattante con dermatite atopica manifesta 156. latte e uova
allergia per
157. La dermatite atopica è una patologia 157. multifattoriale
158. Quale dei seguenti fattori sono coinvolti 158. Anomala risposta Th2 verso allergeni
nell’eziopatogenesi della dermatite atopica? ambientali/Iperattività a stimoli
infiammatori/alterazione della barriera
cutanea/tutte le precedenti
159. Nella dermatite atopica 159. Tutte le precedenti (sono utili emollienti
riparatori di barriera/topici steroidei/inibitori
topici della calcineurina)
160. Dermatite atopica 160. Nei bimbi piccoli interessa sempre le
pieghe/nei bimbi grandi risparmia sempre il volto/
in adulti colpisce spesso polsi e mani
161. Quale di queste patologie responsabili di 161. Vitiligine/ pitiriasi alba/ tinea versicolor/
macchie ipocromiche appartiene ai criteri ipomelanosi a coriandolo
minori della dermatite atopica
162. Dermatite bollosa 162. impetigine (no eczema --> che dà la vescicola)
163. La Dermatite erpetiforme di Duhring è 163. malattia celiaca (depositi IgA)
spesso associata a
164. La dermatite erpetiforme di Duhring 164. si presenta con pomfi fissi, papule, vescicole
165. La dermatite seborroica 165. interessa il volto, il cuoio capelluto, lo scollato
e più raramente le pieghe
166. L’angioedema è 166. una varietà di orticaria
167. In presenza di angioedema recidivante del 167. ACE-inibitori
volto, quale farmaco è più sovente implicato
168. La superficie volare del polso è una tipica 168. scabbia
localizzazione di
169. Le reazioni cutanee avverse ai farmaci 169. riguardano donne anziane, sono prevedibili e
non prevedibili, severe e non severe,
immunomediate e non immunomediate,
provocano spt esantemi ed orticaria (no pancia)
170. Reaz allergiche da farmaci si manifestano 170. FALSA
x ultime sulla pancia?
171. Orticaria da farmaci 171. può essere una reazione allergica, cioè
immunomediata, o non allergica, cioè non
immunomediata.
172. Orticaria da farmaci 172. Nessuna delle precedenti (solo pomfi/solo
pomfi e angioedema/nessuna)
173. Orticaria da farmaci: chi è più colpito? 173. Anziani (?)
174. Orticaria acuta da farmaci 174. Atopici
175. L’orticaria si definisce cronica quando 175. 6 settimane
dura più di
176. Secondo le linee guida più recenti, 176. 2+3 (si distingue in spontanea ed inducibile/la
l’orticaria cronica severità della malattia si misura con UAS-Urticaria
Activity Score-)
177. Sindrome di Lyell o epidermolisi tossica 177. può comparire in soggetti che avevano già
sviluppato Sindrome di Steven Johnson nei
confronti dello stesso farmaco
178. Nella malattia di Lyell si osserva 178. Tutte le precedenti (lesioni erosive mucose,
severa compromissione dello stato generale,
positività del segno di Nikolsky)
179. Tp sd di Lyell 179. sospensione f.
180. Farmaco che non induce TEN (necrolisi 180. Paracetamolo [A indurla sono: antibiotici,
epidermica tossica=sd di Lyell) FANS, sulfamidici, TEN, allopurinolo, antiepilettici
–es. lamotrigina-]
181. Il dermografismo sintomatico 181. È una forma/manifestazione di orticaria fisica
182. Il dermografismo 182. È presente nell’orticaria
183. Patch test, quando fare la seconda 183. 96 ore dopo l’applicazione dei cerotti
lettura?
184. Fascite necrotizzante 1, eziologia 184. Polimicrobica
185. Infezione suppurativa che colpisce il 185. Cellulite/ erisipela/….
sottocute
186. Lesione secondaria/lesione elementare 186. Crosta
non primitiva
187. Cos’è la reazione di Jarish-Herxheimer? 187. Reazione dovuta alla liberazione di tossine
prodotte dalla lisi batterica, possibile complicanza
di erisipela
188. Quadro clinico della DRESS 188. Eritema cutaneo, eosinofilia, interessamento
sistemico (epatico, polmonare, cardiovascolare)
189. Spessore cute 189. 05-4mm [variabile da 0,5 a 2-3 mm]
190. Cos’è l’acantosi? 190. Ispessimento dello strato spinoso
191. Roseola tp 191. Cortisonici (mah)
192. Spongiosi 192. Sopraggiungere di liquido, proveniente dal
derma, negli spazi intercellulari
193. Vescicola spongiosa 193. Intraepidermica/ intradermica/nel tessuto
adiposo/ può essere intradermica, intraepidermica
o nel tessuto adiposo (?)
194. I test epicutanei 194. Evidenziano sensibilizzazioni da contatto
195. I test epicutanei (patch test) vengono letti 195. 48-72 ore
dopo
196. Le onicomicosi 196. Tutte le precedenti (sono affezioni micotiche
delle unghie/i miceti invadono la lamina in vario
modo/i segni clinici dipendono dalle modalità di
invasione)
197. La ciclosporina può essere utile 197. In tutte le precedenti (nella dermatite atopica
severa/nella DAC estesa eritrodermica/nella
psoriasi severa)
198. Le fasi del ciclo del pelo includono 198. Tutte le precedenti (anagen/catagen/telogen)
199. Lesione elementare tipica del lichen 199. Papula
planus
200. Il lichen ruber planus si associa 200. Frequentemente a epatite da HCV
201. A quale patologia NON si associa il lichen 201. Vitiligine/ pitiriasi alba/ tinea versicolor/ ernia
ruber planus iatale (si associa invece a dermatomiosite e
rettocolite ulcerosa)
202. Quale di queste lesioni non è una papula? 202. Papula dermica/ papula epidermica/ papula
dermo-epidermica/ papula ripiena di liquido (la
papula è una rilevatezza solida)
203. Da quando è contagiosa la varicella? 203. Da qualche giorno prima della formazione
dell’esantema a quando cadono le croste
204. Complicanza possibile della varicella sono 204. lesioni fetali se contratta nei primi 4 mesi di
gravidanza
205. Complicanza più grave della varicella 205. polmonite interstiziale
206. Varicella: quando si può dire che è 206. solo quando tutte le croste sono andate via
guarita?
207. Varicella in fase di stato (stazionario) 207. Lesioni asincrone (o vescicole?)
208. Di cosa è recidiva lo Zoster? 208. Varicella
209. Agente eziologico dello zoster 209. Virus della varicella
210. Incubazione varicella 210. 10-23 gg (15 gg)
211. Tp nella varicella non complicata 211. Solo sintomatica
212. Farmaco usato comunemente nel pz con 212. Aciclovir
varicella
213. Periodo incubazione rosolia 213. 20 giorni (14-21 gg=12-23gg)
214. Clinica della Rosolia 214. eritema, linfonodi ingrossati
215. Rosolia 215. i neonati infetti eliminano il virus per circa un
anno
216. Rosolia 216. appartiene ai togavirus
217. Rosolia, trasmissione fetale 217. avviene soprattutto nelle prime 11 settimane
218. Embriopatia rubeolica primo semestre 218. Tutte le precedenti
219. Periodo incubazione scarlattina 219. 3-5 giorni
220. Esantema scarlattina 220. Maschera di filatow
221. Scarlattina insorge 221. A partire dalla radice degli arti
222. Il periodo di incubazione del morbillo 222. 10-13 gg (9-11 gg)
223. Periodo prodromico del morbillo 223. segno di Koplik, macchie buccali, febbre,
comprende mucosite, rinorrea, faringite. NON comprende
tache noire
224. Complicanze del morbillo 224. polmonite (la più frequente), encefalomielite
(PESS)
225. Un pz con morbillo è da considerarsi 225. da 3-4 gg prima a 5-6 gg dopo la comparsa
contagioso dell'esantema
226. età di vaccinazione del morbillo 226. Prima dose:12-15 mesi. Seconda dose:5-6
anni
227. La 5° malattia 227. è causata dal parvovirus B19
228. Virus B19 228. è la quinta malattia, colpisce prevalentemente
bambini
229. Agente eziologico del megaloeritema 229. Parvovirus B19
infettivo o quinta malattia
230. Qual è l'agente eziologico della sesta 230. HHV6
malattia?
231. Herpesvirus: dove latentizzano? 231. nei gangli dei nervi sensitivi
232. Herpes simplex può provocare 232. eritema essudativo polimorfo
233. L’Herpes simplex di tipo 1 predilige 233. il volto
234. L’Herpes simplex di tipo 1 234. non è mai contagioso/può dare stomatite
erpetica nell’infanzia/è perlopiù da contagio
sessuale/non dà mai prodromi
235. Herpes zooster 235. stesso virus della varicella
236. Herpes zooster: come si diagnostica? 236. esame citodiagnostico
237. Nell’Herpes Zoster l’eruzione cutanea è 237. monodermatomerica
solitamente
238. Herpes genitale 238. può recidivare
239. Di quale dermatosi è tipica la 239. infezioni erpetiche
degenerazione balloniforme?
240. La formazione della vescicola erpetica si 240. per degenerazione balloniforme
attua
241. Aciclovir si usa x 241. HSV
242. Manifestazione clinica possibile EBV 242. splenomegalia
243. Quanti sono i tipi di HPV? 243. + di 100
244. HPV 6 causa 244. Verruche genitali
245. HPV 11 causa 245. Condilomi acuminati
246. Indicare quale affermazione sull’infezione 246. Vi è un’elevata prevalenza di portatori sani
da HPV è vera
247. Causa verruche 247. HPV
248. Anomalie laboratoristiche che si 248. leucocitosi con linfo-monocitosi (relativa)
osservano generalmente nella mononucleosi
infettiva
249. Sierologia della mononucleosi 249. leucocitosi linfo-monocitica
250. Un’alterazione di laboratorio frequente in 250. aumento delle transaminasi
caso di mononucleosi infettiva è
251. Mononucleosi 251. tutte (alt/ast, linfocitosi, neutropenia, Ig
eterofili)
252. Il mycrosporum canis in Italia 252. è l’agente eziologico più frequente della tinea
capitis (è un micete zoofilo)
253. tinea capitis: trattamento 253. trattata con successo con griseofulvina
254. tinea capitis: in chi è più frequente? 254. più frequente nei bambini
255. Tinea capitis: diagnosi 255. esame colturale
256. Esame diagnostico della tinea 256. ricerca microscopica diretta dei miceti
257. Quale delle seguenti affermazioni sulla 257. Colpisce esclusivamente il sesso femminile/
tinea cruris è errata può dare prurito/ è solitamente causata da
T.rubrum/ può estendersi ai glutei
258. Tipica dei bambini 258. Tinea capitis
259. AIDS è in diagnosi differenziale con 259. EBV
260. Si fa diagnosi di AIDS conclamata 260. Se compaiono infezioni croniche da
Herpesvirus (NO candidosi orale)
261. Diagnostico di AIDS 261. retinite da CMV
262. Sintomatologia conclamata AIDS: quando 262. linfociti T CD4 <200
si ha?
263. È caratteristica di AIDS 263. candidosi esofagea
264. La più frequente esofagite nell'AIDS è 264. Candida albicans
causata soprattutto da
265. L’infezione opportunistica più frequente 265. candidosi oro-faringea (se tra le opzioni c’è la
in un paziente affetto da AIDS è candidosi esofagea, che diviene frequente con una
conta dei linfociti CD4+ < 200 cellule x mm 3, allora
è questa la risp esatta)
266. Patologia opportunista/complicanza del 266. toxoplasmosi cerebrale
SNC diagnostica di AIDS
267. Infezione opportunistica del SNC più 267. toxoplasmosi cerebrale
frequente nei malati di AIDS
268. Pneumocistis carinii nell'AIDS causa 268. interstiziale
polmonite di che tipo?
269. Patologia dermatologica vistosamente più 269. esantemi da farmaci
frequente nell’ AIDS
270. Patologia tipica dell’AIDS 270. leucoplachia villosa
271. Non è indice di AIDS 271. candidosi vaginale (e orale)
272. Malattia opportunistica diagnostica di 272. candidosi orale/candidosi vaginale/Herpes
AIDS labiale/Linfoma NH/leucoplachia villosa orale
273. HIV è 273. retrovirus
274. HIV infetta prevalentemente 274. i linfociti T CD4+
275. Sintomatologia infezione acuta HIV: con 275. si manifesta circa nel 50% dei casi
che frequenza si manifesta?
276. Infezione da HIV 276. può essere asintomatica (o dare lieve
manifestazione simil-influenzale)
277. L’infezione acuta da HIV può manifestarsi 277. tutte le precedenti (candidosi orale, astenia,
con/ Manifestazioni cliniche dell’infezione da faringodinia, artromialgie, febbre)
HIV
278. Patologia diagnostica di HIV 278. pneumocistosi polmonare
279. Quando iniziare la Tp dell'HIV? 279. Sempre se il pz risulta sieropositivo
280. Rischio di contrarre infezione da HIV con 280. 0,3 – 0,5 % o 3 – 5 % (in quattro compiti
un singolo rapporto diversi le hanno date valide sia l'una che l'altra
risposta)
281. HIV si tramette x via 281. sessuale, parenterale, perinatale,
transplacentare
282. Disfagia nell’HIV 282. causata da candidosi esofagea
283. Farmaco NNRTI nella terapia di HIV 283. Nevirapina
284. In quale categoria di rischio è più diffuso 284. Uomini omosessuali
l’HIV in Italia?/Quali sono i soggetti più a
rischio di HIV?
285. La zidovudina 285. è un farmaco antiretrovirale inibitore
nucleotidico della trascrittasi inversa
286. Quale antiretrovirale è un inibitore della 286. Lopinavir
proteasi
287. La tp antiretrovirale quanti farmaci usa di 287. 3
prima linea?
288. Effetti collaterali degli antiretrovirali 288. Sindrome lipodistrofica
289. L’inizio della tp antiretrovirale è 289. Sempre (indipendentemente dalla conta dei
consigliato quanto la conta dei CD4 diventa CD4 e dal fatto che il pz sia sintomatico o
minore di asintomatico)
290. Nella storia naturale dell'infezione da HIV 290. in media 7-10 anni
la fase di latenza clinica dura mediamente,
senza terapia
291. I soggetti HIV-positivi “long term non 291. >500/mm3
progressors” presentano, dopo oltre 10 anni
dal contagio, una conta di LT CD4
292. Nel pz HIV-positivo con conta di CD4 292. Candidosi vaginale ed oro-faringea
3
compresa tra 200 e 500 cellule/mm si
osservano più spesso
293. Tra i seguenti non è un enzima replicativo 293. Transpeptidasi (trascrittasi inversa, proteasi e
di HIV integrasi lo sono)
294. Quale affermazione è vera sul HIV 294. Ha 3 enzimi replicativi/ infetta solo i monociti/
infetta solo i linfociti T/ è un virus a DNA/ ha scarsa
variabilità
295. Le persone viventi con infezione da HIV al 295. 38 milioni
mondo sono
296. Marker immunologico di HIV 296. Linfociti T CD4
297. Infezione opportunistica da HIV 297. Candidosi esofagea
298. Diagnosi di HIV 298. Tutte le precedenti (test positivi, HIV-RNA,
pneumocistosi, CD4 <500)  DIAGNOSI
EZIOLOGICADI HIV: dimostrando presenza di
anticorpi anti-HIV o presenza diretta del virus (HIV
DNA PCR o HIV RNA)
299. HIV, infezioni più gravi 299. T CD4<200 cell x mm3
300. Rischio di trasmissione verticale di HIV in 300. <2%/5-10%/25-35%/50-60%/90%
assenza di profilassi
301. HIV, trasmissione verticale 301. Senza profilassi
302. Il marcatore predittivo della velocità di 302. HIV RNA (viremia)
progressione dell’infezione da HIV è
303. Il marcatore di replicazione di HIV è 303. HIV RNA
304. Nella poliomielite paralitica 304. si hanno paralisi flaccide con distribuzione
asimmetrica e irregolare
305. Sintomi e segni polio 305. può essere sia asintomatica ,che paralitica,
che meningitica, che dare febbre con faringodinia
306. Il vaccino del morbillo è 306. virus vivo attenuato
307. Vaccino anti-morbillo, controindicazioni 307. gravidanza
308. Il vaccino del tetano è 308. tossina purificata, anatossina tetanica
309. Vaccino anti-rosolia è 309. a virus vivo attenuato
310. Vaccino anti-rosolia controindicato in 310. gravidanza
311. Il vaccino anti-parotite è costituito da 311. virus vivo attenuato
312. Vaccino parotite, controindicazioni 312. Immunodepressione
313. Il vaccino contro l'influenza stagionale 313. tutte le precedenti (è solitamente trivalente,
può essere a virus intero ucciso, a virione
disintegrato, a subunità)
314. Vaccino antiinfluenzale controindicato in 314. nessuna di queste categorie: sotto 10 aa,
sopra 65 aa, asplenici, operatori sanitari
315. Vaccino anti-influenzale, controindicato 315. in presenza di malattia acuta febbrile
316. Il vaccino anti-influenzale è consigliato 316. nei pz con malattie respiratorie croniche/negli
anziani sopra i 65 anni/nei pz con malattie
cardiocircolatorie/negli immunodepressi/ tutte le
precedenti
317. Influenza, complicanza 317. polmonite batterica
318. Il vaccino anti-febbre gialla è 318. virus vivo attenuato
319. Il vaccino anti-febbre gialla 319. controindicato nei pazienti gravemente
immunodepressi
320. Vaccino anti-meningococco tetravalente 320. <2 anni (il vaccino non coniugato è efficace
non coniugato: quando è controindicato? solo negli adulti, il vaccino coniugato anche nei
neonati)
321. Le complicanze della pertosse si 321. bambini < 1anno
verificano più frequentemente in
322. Nella fase parossistica della pertosse la 322. secca, stizzosa, a colpi ravvicinati
tosse è tipicamente
323. Manifestazione pertosse in bambino con 323. leucocitosi con linfocitosi
più di 1 anno
324. Quali sono gli esami adatti x le differenti 324.
patologie?
Zoster - ? Zoster - citologico,
tinea capitis - ? tinea capitis - microscopico,
DAC- ? DAC- PATCH,
dermatite atopica – ? dermatite atopica – PRICK
325. Malattie sessualmente trasmesse 325. tutte le precedenti (scabbia, condilomi
acuminati, molluschi contagiosi)
326. Indicare il numero di casi incidenti di MTS 326. Circa 500 milioni
curabili per anno nel mondo
327. Via di contagio dell'HAV 327. alimentare
328. HAV 328. non cronicizza
329. HAV 329. tutte le precedenti
330. Marker sierologico di HBV acuta 330. IgM anti HBcAg
331. Indicatore guarigione HBV 331. IgG anti-HBs
332. Complicanza dell'HBV cronica 332. cirrosi
333. La terapia HBV cronica 333. si basa sulla lamivudina (anche interferon-α,
adefovir ed entecavir)
334. Nella trasmissione verticale l’HBV quanto 334. 90% dei casi
cronicizza
335. HBV con superinfezione HDV 335. Cronicizza spesso (90%)
336. Indice di replicazione del virus HBV 336. HBV DNA
337. L’epatite B può essere trasmessa 337. Per via sessuale/Per via perinatale/per via
percutanea/Tutte le precedenti/nessuna delle
precedenti
338. Se mamma HbsAg+, al neonato 338. Ig anti-HBV + vaccino anti-epatite B (4 dosi, di
cui l’ultima all’undicesimo mese di vita)
339. Tp HCV cronica 339. ribavirina + interferone alfa
340. La tp dell’epatite cronica da HCV può 340. sofosbuvir
comprendere
341. Quale è un farmaco diretto (DIRECTLY 341. sofosbuvir
Acting Antivirals- DAA) contro l’epatite
cronica da HCV
342. L'epatite da HCV 342. cronicizza spesso, in oltre il 50 % dei casi
343. La risposta virologica alla terapia anti HCV 343. Varia con il genotipo del HCV
con interferone e ribavirina
344. Quale ceppo di HCV risponde peggio alla 344. Genotipo 1
tp
345. HCV cronica, laboratorio e clinica 345. transaminasi normali e HCV-RNA positivo nel
sangue; fegato normale nel 20% dei casi oppure
epatite (lieve/moderata/severa), fibrosi (minima o
assente)
346. Epatite E trasmissione 346. orofecale
347. HEV responsabile del 20% epatiti 347. nelle donne in gravidanza
fulminanti
348. L’epatite E causa più spesso epatite 348. nella gravida
fulminante
349. Caratteri Legionella 349. Gram-, ricercata con antigene urinario
350. Legionella si trasmette tramite 350. condizionatori (quindi anche alberghi, dove
c’è stato il primo caso di epidemia)
351. La malattia dei legionari 351. si manifesta con una polmonite interstizio-
alveolare
352. La malattia dei legionari 352. Tutte le precedenti (è causata da Legionella
pneumophila/si contrae x via inalatoria/ può
causare epidemie negli alberghi/può essere
diagnosticata con la ricerca di un antigene
urinario)
353. Complicanza Dengue 353. emorragie muco-cutanee
354. Presentazione della Dengue classica 354. eritema (rash cutaneo maculo-papuloso),
febbre (elevata), artralgie (artromialgie marcate)
355. Dengue: agente eziologico e vettore 355. è una patologia provocata da un virus della
famiglia Flavivirus, trasmessa dalle zanzare Aedes
356. Clinica dell’emorragia causata dalla 356. emottisi, melena (e simili), aumento Hct (per
Dengue compensare l’anemia), riduzione delle piastrine,
danno ai capillari alveolari (ARDS)
357. Esiste il LES 357. indotto da farmaci
358. Eziologia tifo esantematico 358. Rickettsia prowazekii
359. Tifo si presenta con 359. Febbre, cefalea, epatosplenomegalia,
leucopenia, interessa il sistema monocito-
macrofagico
360. Caratteri febbre tifoide 360. splenomegalia, leucopenia, febbre A SCALINI,
assopimento
361. Febbre tifoide, reazione con cui si fa la 361. Widal
diagnosi
362. Febbre tifoide è causata da 362. Salmonella tiphy
363. Salmonellosi minore: quando compare la 363. Un’alternativa era “la batteriemia compare
batteriemia? nella fase finale della malattia, dopo la guarigione
clinica” ma è SBAGLIATA
(solitamente non compare, è un evento
eccezionale)
364. Leishmaniosi viscerale, trasmissione 364. Trasmessa dalla puntura del flebotomo
365. Localizzazione delle Leishmanie 365. Si localizzano negli organi reticolo-endoteliali
366. Leishmaniosi viscerale, clinica e 366. febbricola, splenomegalia, calo ponderale,
laboratorio pancitopenìa (anemia, leucopenia), aumento delle
gammaglobuline
367. Leishmaniosi viscerale, parametri alterati 367. piastrinopenia
368. La Leishmaniosi viscerale può causare 368. pancitopenia, policitemia,
ipergammaglobulinemia
369. La Leishmaniosi viscerale NON causa 369. Rush eritematoso, astralgie, artriti
370. Periodo di incubazione leishmaniosi 370. NON dura 2-3 gg (varia da 10 giorni a qualche
mese, tipicamente è 2-4 mesi)
371. Kala-azar (è la leishmaniosi viscerale), 371. Leucopenia, piastrinopenia, anemia,
laboratorio frequente pancitopenia
372. SIFILIDE 372.
Sifilide primaria: ? Sifilide primaria: papula (sifiloma) (compare in
media dopo 21 gg, ma fino a 90)
Sifilide secondaria: ? Sifilide secondaria: rash cutaneo roseoliforme
diffuso (sifiloderma eritematoso)  sifiloderma
papuloso o papulare lesioni muco-cutanee
Sifilide terziaria: ? Sifilide terziaria: gomme (sifiloderma nodulare)
Sifilide quaternaria: ? Sifilide quaternaria: tabe dorsale
373. Sifilide latente 373. Evidenza solo sierologica (ma non clinica)
374. Periodo di incubazione della sifilide 374. Da 10 a 90 giorni
375. Sifilide primaria 375. Tutte le precedenti: si localizza nella sede del
contagio, si associa a linfadenopatia satellite,
regredisce spontaneamente (autolimitante)
376. Lesione primaria sifilide 376. rappresenta il sito di ingresso treponema
377. Sifiloma: dove si localizza? 377. nella sede del contagio
378. La diagnosi di sifiloma si può fare con 378. ricerca diretta del treponema (tramite
microscopio paraboloide/in campo oscuro)
379. Lesioni sifilide secondaria 379. regrediscono anche in assenza di tp
380. Lesioni sifilide secondaria 380. possono essere ubiquitarie
381. Sifilide secondaria causa spesso lesioni 381. falso
bottonose?
382. Sifilide secondaria dà 382. sierologia positiva, iperpiressia, lesioni
cutanee, linfoadenopatia, artro-mialgie
383. Le manifestazioni cutanee della sifilide 383. possono associarsi a manifestazioni
secondaria viscerali/lasciano cicatrici/interessano
esclusivamente i genitali/si associano ad intenso
prurito
384. Sifilide secondaria 384. lesioni papulose
385. Quale dei seguenti test sierologici per la 385. TPHA (emoagglutinazione) (in realtà no, sono
sifilide viene utilizzato per lo screening ELISA- TP EIA- e CLIA –chemiluminescenza- e TPHA
è usato per conferma)
386. Test/Diagnosi di guarigione della sifilide 386. RPR (e VDRL)
387. Indicare quale tra i seguenti test 387. TPHA/ELISA/VDRL/WbIgG
sierologici per sifilide tende a negativizzarsi
dopo adeguata terapia
388. Nella sifilide non si dà 388. Rifampicina
389. La penicillina (nella sifilide) 389. Passa la barriera emato-encefalica/passa la
barriera placentare/può determinare la reazione
di Herxheimer/tutte le precedenti
390. Nella sifilide è falso che… 390. Non dà mai febbre e non interessa le mucose
391. Sifilide congenita 391. Trasmessa per via transplacentare
392. Sifilide, trasmissione 392. Tutte le precedenti (trasmissione materno-
fetale- ereditaria- al momento del parto )
393. Manifestazioni neurolue 393. Paralisi progressiva, tabe dorsali, meningite
(NO neurofibromatosi)
394. Con quale patologia entra in dd il 394. Pitiriasi rosea di Gilbert atipica/ eruzioni
sifiloderma eritematoso? cutanee da farmaci/ altri esantemi infettivi/ tutte
le precedenti
395. Eziologia mollusco contagioso 395. Poxvirus
396. Mollusco contagioso 396. trasmissione sessuale, viso, recidive, forme
giganti
397. Mollusco contagioso, colpisce 397. bambini
prevalentemente
398. I molluschi contagiosi nel bambino 398. sono spesso localizzati al volto
399. Agente eziologico prevalente negli adulti 399. neisseria meningitidis
di meningite a liquor torbido
400. Meningite tipica dei bambini 400. Haemophilus influenzae
401. Quale patogeno dà meningite a liquor 401. pneumococco
torbido tra quelli elencati
402. Patogeno che dà meningite in corso di 402. Listeria monocytogenes
tumore
403. Meningite da meningococco, liquor 403. torbido ( aumento dei neutrofili),
(uguale nella meningite da streptococco) ipoglicorrachia, aumento della protidorrachia
404. Liquor in meningite virale 404. protidorrachia lievemente aumentata,
glicorrachia normale, limpido
405. Liquor in corso di meningite da 405. protidorrachia lievemente aumentata,
enterovirus glicorrachia normale o aumentata
406. LCR nella meningite da S.pneumoniae 406. aumento dei PMN
407. Liquor nella meningite da virus Toscana è 407. Con pleiocitosi linfocitaria (pleiolinfocitosi)
408. Liquor nella meningite tubercolare 408. Limpido, con leucocitosi linfocitaria,
iperprotidorrachia e ipoglicorrachia marcate
409. Serbatoio Borrelia Burgdorferi (agente 409. Uccelli
eziologico della malattia di Lyme)
410. Malattia di Lyme, manifestazioni cliniche 410. eritema cronico migrante e artralgie – fase
precoce
411. Nel primo stadio della Malattia di Lyme 411. eritema cronico migrante
spesso si riscontra la presenza di
412. Malattia di Lyme 1 e 2 stadio 412. tutte le manifestazioni precedenti (eritema
cronico migrante, artromialgie, SNC, cuore)
413. In corso di malattia di Lyme si osservano 413. Eritema cutaneo e artralgie
tipicamente
414. Nel terzo stadio della malattia di Lyme si 414. Artrite cronica/ encefalomielite
può osservare (indicare quella ERRATA) cronica/acrodermatite cronica
atrofizzante/eritema migrante/tutte le precedenti
415. Malattia di Lyme colpisce 415. SNC, cuore, articolazioni, cute
416. Febbre nella borreliosi di Lyme 416. Ricorrente, una settimana si e una no
417. Complicanza parotite epidemica 417. orchi-epididimite
418. La parotite epidemica determina 418. pancreatite acuta, ooforite, orchi-epididimite,
meningite a liquor limpido
419. Nell’infezione da virus della parotite 419. la tumefazione parotidea è più spesso
epidemica bilaterale
420. Amebiasi intestinale 420. tutte le precedenti (si manifesta tipicamente
con diarrea muco-sanguinolenta (muco-
ematica)/può essere complicata da un ascesso
epatico/può essere complicata da un ascesso
polmonare/viene diagnosticata con la
dimostrazione dei trofozoiti nelle feci)
421. Amebiasi intestinale 421. tutte le precedenti (si ha spesso diarrea muco-
ematica/nelle feci si ritrovano trofozoiti di
Entamoeba/può essere complicata da ascesso
epatico/può essere complicata da perforazione
intestinale)
422. Complicanza amebiasi 422. tutte le precedenti (ascesso epatico, polmoniti
e pleuriti, lesioni ulcerate cutanee)
423. Amebiasi colpisce 423. tutte le precedenti (fegato/colon-
retto/meningi)
424. Quadro RX torace in corso di infezione da 424. opacità interstiziali a “vetro smerigliato”
Mycoplasma Pneumoniae (=addensamento interstiziale)
425. Malaria perniciosa 425. tutte le precedenti (causata da P.falciparum,
bambini)
426. Quale tipo di malaria causa danno 426. tutte le precedenti: (vivax, ovale, falciparum,
cerebrale malariae)
427. La diagnosi di malaria si fa abitualmente 427. striscio di sangue periferico
con
428. La diagnosi di specie di malaria si fa 428. Striscio sottile
abitualmente con
429. La profilassi della malaria può essere 429. Uno dei precedenti a seconda dell'area
effettuata con geografica (meflochina, doxiciclina, atovaquone-
proguanil, clorochina)la malaria viene trattata
con farmaci diversi in base alla zona
430. Agente eziologico più frequente Malaria 430. Plasmodium Falciparum
431. La malaria è detta complicata quando il pz 431. Acidosi metabolica/insufficienza renale
presenta acuta/confusione mentale/insufficienza
respiratoria/tutte le precedenti
432. Causa più freq di polmoniti nosocomiali 432. Pseudomonas
433. Polmonite acquisita in comunità, 433. Pneumococco
principale ag eziologico
434. La scabbia è 434. endemica in tutto il mondo
435. La scabbia si caratterizza x la presenza di 435. cunicoli, vescicole perlacee, lesioni da
grattamento
436. Lesione primaria scabbia 436. cunicolo
437. La scabbia 437. si localizza sovente e talora esclusivamente ai
genitali
438. La scabbia non interessa 438. capo e volto
439. Scabbia norvegese 439. è caratterizzata da intensa desquamazione, è
spesso correlata a immunodepressione, è spesso
causa di epidemie nosocomiali. È FALSO che sia
più frequente negli stranieri
440. Provoca prurito notturno 440. scabbia
441. Causa della diarrea da colera 441. tossina
442. Determinano rischio di sepsi 442. Tutte le precedenti (cateterizzazione urinaria,
CVC, immunosoppressione)
443. Segni laboratoristici in caso di sepsi 443. +PCR +eritrociti +linfoB +potassio +ac. Urico
444. Sepsi severa, segni clinici 444. ipotensione, disfunzione multi-organo, segni
di sepsi, SIRS
445. Marcatore di laboratorio che può aiutare 445. Procalcitonina (è un indicatore di sepsi
a distinguere la sepsi dalla SIRS non infettiva sistemica)
446. Quale tra i seguenti pz può avere una 446. Tutti i precedenti (febbre e leucocitosi/ febbre
sepsi e tachicardia/ febbre e tachipnea/ leucocitosi e
tachicardia)
447. Shock settico 447. Diminuisce la P, non rsp a tp
448. Uretrite non gonococcica è causata da 448. Clamidia Trachomatis
449. P.I. Clamidia 449. 2-3 settimane
450. La diagnosi di infezione genitale da 450. PCR/esame microscopico/biopsia/microscopio
Clamidia si può fare con paraboloide
451. Tp uretrite da Clamidia 451. Tetraciclina
452. Farmaco uretriti da Clamidia 452. Minociclina
453. Farmaco di prima scelta x Chlamydia 453. Azitromicina (anche doxiciclina)
454. Indicare quale tra i seguenti antibiotici 454. Penicillina (assolutamente vietata)
NON è utile per la terapia dell’uretrite da
clamidia
455. Uretrite da clamidia colpisce 455. Solo maschi

456. L’infezione genitale da Clamidia interessa 456. Le adolescenti femmine


soprattutto
457. Uretrite da gonorrea causa secrezioni 457. Giallo-verdastre
458. Diagnosi uretrite gonococcica 458. Microscopica (poi esame colturale per testare
le sensibilità antibiotiche)
459. P.I. gonorrea 459. Alcuni giorni
460. Antibiotico di prima scelta nella tp della 460. Cefalosporine (di terza generazione)/
gonorrea/del gonococco penicillina/ fluconazolo/ cloramfenicolo
461. Modificazioni antigeniche maggiori del 461. nuovo sottotipo
virus dell’influenza
462. Brucellosi, cause 462. Ingestione latte e formaggi contaminati
463. Brucellosi sintomi 463. Tutte le precedenti (febbre, sudorazioni
notturne, linfoadenomegalie, artriti e artralgie,
artrosi, meningite a liquor limpido, epatite acuta,
splenomegalia, setticemia, endocardite e mialgia)
NB. Le forme più gravi interessano tantissimi
organi e portano, più frequentemente, alla
formazione di granulomi con cellule di Langhans e
anche da corpo estraneo (più raramente necrosi
caseosa).
464. La brucellosi si manifesta tipicamente con 464. Febbre, artralgie (artro-mialgie) e sudorazioni
notturne
465. Febbre nella Brucellosi 465. Ondulante (un giorno si e uno no)
466. Brucella, di solito si trasmette con… 466. ingestione latticini contaminati
467. Toxoplasmosi congenita/complicanze del 467. calcificazioni cerebrali, idrocefalo,
toxoplasma nel neonato corioretinite
468. Toxoplasmosi è + pericolosa (gravi 468. affetti da AIDS
complicanze) in
469. La toxoplasmosi può causare gravi 469. nei pz con deficit di T CD4
complicanze
470. Toxoplasmosi nell’immunocompetente 470. è spesso asintomatica
471. La toxoplasmosi acquisita si può 471. tutte le precedenti (linfoadenite/sindrome
manifestare con simil-mononucleosica/corioretinite/è spesso
asintomatica)
472. Toxoplasmosi, trasmissione 472. c + d (alimenti, verticale)
473. Stafilococco aureus da che sede parte x 473. faringotonsillare (è la sua sede di origine)
contaminare la cute?
474. Quali di queste infezioni non è causata 474. Erisipela (prevalentemente streptococcica)
dallo stafilococco?
475. Quale indice è alterato nella filariasi? 475. Eosinofilia
476. La filariasi linfatica 476. provoca elefantiasi dello scroto, edema vulva..
477. Nella filariasi linfatiche le microfilarie 477. di solito nelle ore notturne
sono presente nel sangue periferico
478. Eziologia delle filariasi linfatiche 478. wuchereria bancrofti (un altro agente
eziologico è la Brugia, ma non c’era tra le opzioni)
479. Cosa si comunica all'ufficio di igene? 479. scabbia/ tinea captis / tinea corporis / tinea
cruris
480. Va segnalata 480. sifilide secondaria
481. Ectima 481. è una piodermite ad evoluzione ulcerativa
si manifesta sulla cute con bolle, vescicole e
pustole, le quali rompendosi danno luogo ad una
caratteristica ulcerazione
482. Influenza aviaria 482. H5N1
483. Pz africano con ematuria mi fa pensare a 483. Schistosoma haematobium
484. Trasmissibilità al feto di CMV in 484. 30%
gravidanza
485. Diagnosi prenatale CMV 485. amniocentesi
486. La tripanosomiasi americana determina 486. Cardiomiopatia dilatativa
come complicanza
487. AGEP, definizione 487. grave forma di reazione a farmaci,
caratterizzata da un’eruzione eritemato-
edematosa con formazione di micropustole
superficiali sterili e NON follicolari
488. Nell’AGEP NON è corretto 488. Si presenta con pustole follicolari
489. Nell’AGEP, quale affermazione è errata? 489. Si associa spesso ad artrite
490. AGEP entra in diagnosi differenziale con 490. Psoriasi pustolosa
491. AGEP 491. Autorisolve spontaneamente con
desquamazione
492. Osteomielite ematogena, eziologia 492. Staphylococcus Aureus
493. Un criterio maggiore di Duke per la 493. Vegetazione all’ecocardiogramma
diagnosi di endocardite infettiva
494. Un criterio maggiore di Duke per la 494. Almeno 2 emocolture positive per
diagnosi di endocardite infettiva microrganismi tipici
495. Endocardite 495. Necessari gli esami emocolturali per la scelta
della terapia
496. Rischi dell’endocardite infettiva 496. Tutte le precedenti (insuff.mitralica, SA, ….)
497. L’agente eziologico più frequente di 497. Streptococchi
endocardite infettiva su valvola nativa è
498. Provoca cheratite, iridociclite, 498. Oncocercosi
corioretinite
499. Farmaci che attraversano la BEE 499. Penicilline (attraversano anche la barriera
placentare)
500. Danno resistenza crociata alle penicilline 500. Cefalosporine
501. Quale tra i seguenti antibiotici è un beta- 501. Penicillina
lattamico
502. La manifestazione clinica del botulismo 502. Strabismo, diplopia, disfagia
comprende
503. Malattia di West Nile 503. Causata da flavivirus
504. E.coli 504. Feci a purè di piselli
505. Erisipela, indica l’affermazione ERRATA 505. è un’infezione di cute e sottocutaneo/
a. è causata spesso da Streptococcus pyogenes/
b. si manifesta con febbre e segni di flogosi locale/ è
accompagnata spesso da linfoadenite
regionale/interessa spesso arti inferiori e volto
506. Patologia con frequente localizzazione al 506. Tutte le precedenti (Lichen planus/pemfigo
cavo orale volgare/alcune severe reazioni avverse a farmaci)
507. Indicare l’affermazione ERRATA 507. Il vettore è solitamente la zanzara Aedes
riguardante la febbre gialla aegepty/ Per la trasmissione il ciclo urbano è più
frequente del ciclo silvestre/Il periodo di
incubazione dura 3-6 giorni/Clinicamente
comprende una fase rossa e una fase gialla/La
viremia dura circa 3 settimane (è falsa perché dura
3-4 giorni-fase acuta-)
508. La leptospirosi si può manifestare 508. Tutte le precedenti (come una sindrome simil-
clinicamente influenzale/ con febbre seguita da epatite acuta e
insufficienza renale acuta/come una meningite
acuta a liquor limpido/con febbre elevata,
alterazioni del sensorio ed esantema maculo-
papuloso)
509. Nella SSLE (Serum sickness-like eruption), 509. Si presenta con un rush orticarioide
quale delle seguenti affermazioni è errata? polimorfo-like/si associa ad alterazione degli
esami di laboratorio, come
ipercomplementemia/si associa ad edema
periarticolare e artrite (non è questa)/si tratta di
una reazione di tipo ritardato

CHIRURGIA PLASTICA CHIRURGIA PLASTICA


1. Lembo locale 1. lembo vincolato a irrorazione random (a
vascolarizzazione locale)
2. Lembo libero 2. lembo prelevato da una sede donatrice “a
distanza” e rivascolarizzato con anastomosi micro
vascolari
3. Definizione di innesto 3. Trasferimento di un tessuto privato del suo
apporto vascolare da un sito donatore ad uno
ricevente SENZA anastomosi microchirurgiche
4. Innesto Autologo 4. innesto proveniente dalla stessa persona
5. Un innesto cutaneo può essere prelevato con 5. Bisturi/Dermatomo/Coltello di Padgett/tutti
6. Qual è la principale sequela degli innesti 6. Retrazione
cutanei sottili
7. È vero che 7. Gli innesti sottili attecchiscono più facilmente di
quelli spessi
8. Sutura 8. è un mezzo di accostamento
9. Linee di Langer 9. corrispondono alle rughe senili  usate per le
incisioni
10. Le linee di Langer 10. corrispondono a linee di orientamento della
direzione della tensione elastica della cute
11. La cicatrizzazione cutanea si realizza in quali 11. Infiammazione - Proliferazione – Maturazione
fasi
12. Cicatrice 12. tutte le precedenti: solitamente preceduta da
ulcerazione/ può essere atrofica o ipertrofica/ se
ipertrofica può dare cheloidi
13. Brachicefalia 13. è causata da una precoce saldatura della sutura
coronale bilateralmente
14. Scafocefalia 14. è causata da una precoce saldatura della sutura
sagittale
15. Protesi mammarie: più frequentemente al loro 15. gel di silicone
interno hanno
16. Ricostruzione dopo mastectomia si fa con 16. tutte le precedenti (lembi liberi, lembi locali e
protesi)
17. Patent Blue 17. colore usato per la ricerca del linfonodo sentinella
18. L’addominoplastica è 18. sia estetica che funzionale
19. Nella terapia chirurgica dei melanomi 19. è importante l’ampiezza e la profondità
dell’exeresi
20. Melanomi metastatizzano per via 20. linfatica
21. Affermazione corretta sul melanoma 21. È più frequente nell’etnia non caucasica e nei
fenotipi scuri/ interessa esclusivamente la cute e
MAI le mucose/ la mutazione di KIT è la più
frequentemente associata a melanoma del
tronco/ la mutazione somatica di BRAF è la più
frequente nel melanoma (40-50% dei casi studiati)
22. Sd di Romberg 22. NON è congenita
23. Labiopalatoschisi: incidenza 23. 1 su 750-800 nati vivi
24. Nel trattamento della labiopalatoschisi, qual è 24. Cheiloplastica
il primo atto chirurgico
25. Una schisi che coinvolge labbro, processo 25. Labiopalatoschisi monolaterale completa
alveolare e palato fino all'ugola a destra viene
definita
26. Timing (le 3 tecniche in successione) della 26. Cheiloplastica-palatoplastica-alveoloplastica
labiopalatoshisi
27. È causa di ustione 27. Calore/elettricità/caustici/tutte
28. Ustioni di primo grado danno 28. edema e vasodilatazione, eritema, restitutio ad
integrum, dolore e bruciore
29. Segno clinico tipico delle ustioni di II grado 29. flittene
30. Lesione dell’ustione di terzo grado 30. Escara
31. Ustione di 3° grado, tp chirurgica 31. prevede una toilette chirugica e riparazione con
innesti cutanei
32. Ustioni gravi, non si utilizzano 32. lembi adiacenti
33. La più importante causa di morte in un 33. infezioni
paziente ustionato
34. CLASSIFICAZIONE LESIONI DA DECUBITO: 34.
STADIO 1 - ? STADIO 1: infiammazione e distruzione
STADIO 2 – ? epidermide
STADIO 3 - ? STADIO 2: distruzione del derma
STADIO 4 - ? STADIO 3: distruzione sottocute e pannicolo
adiposo
STADIO 4: necrosi dei muscoli, periostio ed
eventualmente osso
35. Un decubito è considerato di grado terzo se 35. grasso sottocutaneo
interessa
36. Erosioni di terzo grado possono non lasciare 36. FALSO
cicatrici senza tp?
37. Sindattilia 37. malformazione congenita che determina la fusione
di due o più dita di mani o piedi
38. Cheratosi attinica 38. lesione precancerosa
39. Causticazione 39. azione lesiva diretta di sostanze chimiche sui
tessuti
40. La capsula periprotesica è 40. una normale risposta dell’organismo nei confronti
di un corpo estraneo
41. Segni precoci di infezione alla protesi si hanno 41. Entro un mese dall’intervento
42. Tecnica per cambiare orientamento ad una 42. Plastica a Z
cicatrice
43. Classificazione di Angle, si usa per 43. Classificare i vari tipi di malocclusione maxillo-
mandibolare
44. Quale lembo libero è particolarmente indicato 44. Perone
per la ricostruzione di difetti mandibolari
45. Quale condizione rende particolarmente 45. Pregressa radioterapia
indicata la ricostruzione mammaria con lembi
liberi
46. Lembo volare dell’avambraccio, che trova 46. Cinese
indicazione nel rivestimento interno della
cavità orale
47. Che tipo di sutura si usa per estendere la 47. Plastica a Z (?)
mobilità delle cicatrici?
48. Cosa si fa per allungare una retrazione 48. Plastica a Z
cicatriziale?
49. L’eccesso di tessuto di granulazione nelle 49. rallenta la riepitelizzazione dai margini
ulcere
50. Trigonocefalia 50. Mancata saldatura della sutura metopica
51. La sd di Poland è caratterizzata da tutte le 51. Ipoplasia o aplasia del grande pettorale/ mancato
seguenti caratteristiche tranne sviluppo di capezzolo o mammella/ depressione
delle coste/ assenza di parti del retto addominale
52. La rigenerazione epiteliale di un’area 52. Annessi cutanei
donatrice dopo un prelievo di cute a spessore
parziale deriva principalmente da
Descrizione dell’epidermide (dalla giunzione dermoepidermica)
strato basale: cellule cuboidali o cilindriche con nucleo, melanociti, cellule di Merkel
strato spinoso: cellule con desmosomi, cellule di Langherans
strato granulare-oso: cellule contenenti cheratoialina
strato lucido: solo in sede palmo-plantare
strato cornificato-corneo (cellule senza nucleo) polistratificato squamoso
Patologie dell’epidermide
Strato basale: basalioma (colpisce testa e collo nell’85% casi)
Strato spinoso: acantolisi (pemfigo) o acantosi (psoriasi)
Strato granulare: ipergranulosi
Strato cornificato: ipercheratosi (data da aumentata proliferazione delle cellule dello strato basale, che
migrano troppo velocemente allo strato corneo –da 30 a 3 giorni-). Può essere di due tipi
paracheratosi: cellule nucleate nello strato corneo (psoriasi). Quando c’è paracheratosi , lo strato
granulare si assottiglia.
ortocheratosi: aumentano ma sono sempre senza nucleo (lichen). Lo strato granulare si
ispessisceipergranulosi.

CUTE: VASCOLARIZZAZIONE DEL DERMA


Il derma è costituito da due parti: una più superficiale detta derma PAPILLARE (una sua condizione
patologica è la papillomatosi) e una più profonda detta RETICOLARE (comprende derma medio e
profondo).
La vascolarizzazione è data da:
 plesso superficiale: tra derma superficiale e medio
 plesso profondo: tra derma profondo e ipoderma
Nel derma si trovano annessi, vasi e nervi.