Sei sulla pagina 1di 27

Facoltà di Ingegneria

Dipartimento di Energetica

Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Anno accademico 2003-2004

Manuale di utilizzo e manutenzione di un


decespugliatore

Prof. Ing.: Paolo Di Stefano

Studente: Maurizio CIolfi


Matricola: 146712
AVVERTENZE PER LA SICUREZZA ATTENZIONE:
Prima di Iniziare
• Leggete attentamente tutte le istruzioni ed i consigli esposti in questo manuale prima d'iniziare
ad operare.
• Il decespugliatore deve essere usato esclusivamente per tagliare erbe, arbusti e cespugli.
• Deve essere utilizzato solo da persone adulte e ben istruite sul suo funzionamento da un
responsabile qualificato o dal vostro rivenditore.
• Entro il raggio di lavoro di 15 metri non devono esserci né persone, né animali o oggetti
danneggiabili.
• Quando lavorate siate sempre in buone condizioni fisiche, riposati, fuori dall'influsso di alcool,
droghe o farmaci.
• Lavorate solo in condizioni di buona visibilità e di luce naturale.
• Usate sempre indumenti di lavoro idonei, e adeguati strumenti di protezione: tute di lavoro
aderenti, scarpe pesanti, guanti casco protettivo etc.
• Indossate sempre occhiali di protezione o visiera, cuffie antirumore o tappi auricolari.
• Non utilizzate mai organi di taglio e utensili rotti o usurati, deformati, con ammaccature,
cricche incrinature.
• Non avviate o tenete in moto il decespugliatore in ambienti chiusi.
• Miscelate e maneggiate il combustibile all'aperto, con motore spento e lontani da ogni fonte di
calore, scintille o fiamme. Durante tali operazioni non fumate.
• Tutti gli interventi di manutenzione, riparazione, sostituzione di componenti devono essere
effettuati sempre a motore spento e con organi di taglio fermi.
• Tutti i sistemi di sicurezza della macchina, nonché l'equipaggiamento di protezione, devono
essere mantenuti operativi durante tutto il periodo di utilizzo del decespugliatore.
• Fate attenzione agli effetti delle vibrazioni. Interrompete spesso il lavoro con brevi pause dì
riposo.
• Fate attenzione che lo sminuzzamento di erbe ed arbusti generano emissione di "aerosol" che
possono causare allergie.

ASSICURATEVI INOLTRE ...


Assicuratevi inoltre di essere bene attrezzati con idoneo vestiario ed adeguati strumenti di protezione
prima d'iniziare ad operare.
In particolare:
Indumenti: Evitate di indossare camicioni o indumenti slacciati. Evitate gioielli, anelli, oggetti vari
come cravatte, scarpe o simili che potrebbero essere trattenuti dai rami delle siepi o dalle parti in
movimento della macchina.
Calzate scarpe da lavoro chiuse o stivali alti dotati di suola antisdrucciolo (evitate di essere scalzi,
d'indossare ciabatte o scarpe aperte basse).
Mettetevi il casco protettivo ogniqualvolta esiste il rischio di contatto con oggetti che cadono durante i
lavori di pulitura di sterpaglie ad altezza d'uomo.
Sono inoltre indispensabili, per una efficace protezione del viso e degli occhi, la visiera e/o gli occhiali
antiappannanti; portateli sempre!
Proteggetevi anche l'udito mediante l'uso di cuffie antirumore o tappi auricolari.
Usate sempre guanti da lavoro resistenti ai piccoli urti o tagli soprattutto causati dal maneggio di lame,
coltelli, o parti taglienti.
ORGANI DI TAGLIO
fissaggio
Per un lavoro economico e sicuro occorre che l'utensile da taglio corrisponda il più possibile
all'impiego previsto.
Verificate che gli utensili siano originali, marchiati e raccomandati dal costruttore.
Per l'assemblaggio degli utensili procedere come segue:
a) smontare dalla cassa coppia conica il dado autobloccante, la flangia e la ghiera.
Per montare un disco (part. 4, fig. 1): inseritelo sull'albero filettato (part. 2, fig. 1) in uscita dalla cassa
coppia conica (part. 1, fig. 1) e alloggiatelo sulla ghiera di centraggio (part. 3, fig. 1), inserite poi la
flangia fissaggio disco (part. 5, fig. 1), la coppetta d'appoggio (part. 6, fig. 1), la rondella (part. 7, fig.
1) e bloccate con dado (part. 8, fig. 1).
Per il bloccaggio dei componenti, dovete impedire la rotazione dell'alberino (part. 2, fig. 1) inserendo la
chiave a brugola in dotazione o un cacciavite nella feritoia della cassa coppia conica e foro della ghiera;
potete così serrare con forza tutti gli elementi tra loro utilizzando la chiave in dotazione.
Non utilizzate mai coltelli, lame od organi di taglio differenti da quelli forniti dalla casa costruttrice.
Utilizzate sempre utensili in perfette condizioni.

Fig. 1
Per montare una testina tagliabordi con filo (part. 5, fig. 2): avvitatela in senso antiorario, sull'albero
filettato (part. 2, fig. 2) in uscita dalla cassa coppia conica (part. 1, fig. 2), mantenendo bloccato l'albero
con la chiave a brugola o cacciavite inserito nella feritoia del coperchietto antiavvolgente (part. 4, fig.
2), della ghiera (part. 3, fig. 2) e della cassa coppia conica fino al completo bloccaggio della testina
stessa sulla ghiera di centraggio.

Fig. 2

LA SICUREZZA ATTIVA
nella macchina
Prima di avviare la macchina, sappiate che essa è dotata di una serie di "sicurezze" per la vostra
incolumità:
Marmitta silenziata con retina antifiamma.
Ripari di protezione adeguati per impedire il contatto con tutte le parti roventi della macchina.
Copricandela in nylon o gomma in modo che tutte le parti elettriche della macchina con alto voltaggio
siano protette contro un contatto accidentale.
Campana di collegamento asta- motore dotata di gomma antivibrante.
Crociera de l manubrio o dell'impugnatura con antivibrante.
Ripari e barriere di protezione di ampie dimensioni.
Leva manopola comando gas con doppia sicurezza.

CORRETTO UTILIZZO DELLA MANOPOLA


Per un corretto utilizzo della manopola dovete innanzitutto conoscerne le funzioni, in questo modo
potrete accendere la macchina e controllarne la velocità di lavoro.
a) Semiaccelerazione per messa in moto:
• Impugnate la manopola premendo con un dito il pulsante di sicurezza rosso situato sul lato
destro della manopola (fig. 3).

Fig. 3

• Premete la leva acceleratore a fine corsa.


• Ponete il pulsante rosso in posizione di START, quindi rilasciate la leva.
• Ora siete in condizione di avviare la macchina. il grilletto di sicurezza è indispensabile per
evitare pericolose accelerazioni dovute a incaute o accidentali manovre. Questo infatti, se
non impugnato e premuto non consente l'utilizzo della leva acceleratore.

N.B. a motore avviato, alla prima accelerazione, il pulsante ritorna automaticamente in posizione
centrale.

b) Accelerazione a macchina accesa:


• Impugnate la manopola premendo il grilletto di sicurezza.
• Premete sulla leva acceleratore a seconda della velocità che volete utilizzare.

c) STOP: (spegnimento motore):


• Lasciare la presa della leva ed il grilletto.
• Portare il pulsante in posizione di STOP.

PREPARAZIONE AVVIAMENTO
Prima di avviare la macchina, assicuratevi che essa sia appoggiata con cura su un fondo piano,
pulito, privo di ostacoli. Ponetela in posizione orizzontale, ed in modo tale che l'attrezzo di taglio
non tocchi né il suolo né alcun altro oggetto. Assicuratevi che tutte le viti, soprattutto quelle di
fissaggio asta, riparo e organo di taglio siano perfettamente serrate. Assicuratevi di aver montato
correttamente sia l'adeguato riparo che gli utensili di taglio come spiegato.

Qualora sia possibile, pulite la zona dei taglio prima di ogni lavoro: raccogliete tutti gli oggetti
come sassi, vetri, chiodi, fili di metallo o spaghi che potrebbero essere lanciati o impigliarsi
nell'accessorio di taglio.
Non è consentito avviare la macchina all'interno di ambienti chiusi o edifici: respirare i fumi di
scarico può causare pericolo di intossicazione.

Sappiate che l'utilizzo della testina con filo nylon produce un'emissione "aerosol" generata dallo
sminuzzamento della vegetazione che si sta tagliando. Fate particolare attenzione alle erbe tossiche.
Usate protezioni adeguate per la respirazione.

Usare miscela di benzina e olio: se si usa una benzina super, si può utilizzare olio minerale o
semisintetico nella percentuale dei 5% oppure olio sintetico nella percentuale descritta nella
confezione dell'olio stesso.
Se si utilizza benzina senza piombo (verde) utilizzare solo ed esclusivamente olio sintetico nella
percentuale descritta nella confezione dell'olio.
Si consiglia comunque di utilizzare in entrambi i casi olio sintetico appositamente studiato per
motori due tempi fortemente sollecitati, in modo da ridurre la formazione di ceneri ed incrostazioni
nella candela, sul pistone, nel cilindro e nella marmitta, nonché l'emissione di fumi in uscita.

E’ importante inoltre impiegare esclusivamente benzina e olio di marca qualificata e di


utilizzare la miscela dopo averla preparata entro 3 settimane.

Miscelate la benzina con l'olio prima di immetterla nel serbatoio. Eseguite questa operazione in un
luogo aperto, arieggiato, lontano da fonti di luce non elettrica, senza fumare, lontano da scintille o
fiamme, ed a motore spento.

Potete ora riempire il serbatoio della macchina: svitate il tappo dei serbatoio lentamente (fig. 4) e
versate la miscela facendo attenzione di non rovesciarla fuori, altrimenti asciugate scrupolosamente
il motore. Evitate che i vostri indumenti siano bagnati di miscela.

Fig. 4

Eseguite l'avviamento almeno tre metri lontano dal luogo nel quale avete effettuato il rifornimento
al fine di evitare eventuali pericoli d'incendio. Non rie mpite il serbatoio a macchina calda.
AVVIAMENTO DEL MOTORE
Dopo aver eseguito attentamente tutte le operazioni di preparazione e rifornimento, portate la leva
comando gas e il pulsante rosso in posizione START.
Impugnate il decespugliatore con la mano sinistra premendo sull'asta di trasmissione per tenerla ben
ferma a terra e con la destra tirate lentamente la funicella, fino all'aggancio dei cricchetti sul volano.
Seguendo le istruzioni inerenti al carburatore, qui sotto specificate, tirate con decisione la funicella
avviamento fino all'accensione della macchina. Mai tirare a fine corsa per non danneggiare il
meccanismo di aggancio.

1) A motore freddo premete il bulbo di adescamento A (fig. 5) sul carburatore 5-6 volte fino
alla fuoriuscita di miscela dall'apposito tubetto di scarico C (in modo da riempire
completamente tutte le camere del carburatore).

Fig. 5

2) Premete una-due volte il bottone nero di partenza B (fig. 6) che serve ad immettere la giusta
quantità di miscela per l'avviamento.
Fig. 6

3) Tirate la funicella avviamento da 1 a 2 volte massimo (fig. 7) fino al raggiungimento dei


primi scoppiettii del motore. Se il motore non si mette in moto, ripetere l'operazione come
da punto 1.

Fig. 7

Se, malgrado i ripetuti tentativi di avvia mento, il motore non parte, significa che la camera di
combustione è ingolfata. In questo caso svitate e asciugate la candela (fig. 8) di accensione e tirate
la funicella di avviamento alcune volte senza candela in modo da pulire la camera di combustione.
Fig. 8

IMPORTANTE: a motore caldo non occorre fare le operazioni di cui sopra, ma, con il pulsante in
posizione centrale, tirate semplicemente la funicella avviamento fino alla sua partenza.

CORRETTO UTILIZZO
Il decespugliatore serve esclusivamente per tagliare erbe, arbusti e cespugli
a) Indossate i cinghioni e regolateli.
b) A motore avviato, lasciatelo 2-3 minuti al minimo.
c) Allacciate il decespugliatore al gancio di sicurezza dei cinghioni.
d) Accelerate alcune volte a vuoto, ma mai al massimo, per verificare che tutto funzioni
regolarmente.
e) A organo di taglio fermo, ben visibile e sempre sotto il vostro controllo, raggiungete il
posto di lavoro, tenendolo sotto il livello della vita, lontano dal vostro corpo ed
assicurandovi che non ci siano persone nel raggio di 15 metri.

Ora siete pronti per iniziare il lavoro.


La falciatura dell'erba va eseguita come se foste in corridoi di larghezza di circa 1,5 metri,
spostandovi in avanti passo passo, sfalciando da destra a sinistra e viceversa. Se usate dischi per
erba, e volete recuperarla, falciate sempre da destra a sinistra depositando così alla vostra sinistra
quanto falciato.

Tutti i sistemi di sicurezza della macchina, nonché l'equipaggiamento di protezione, devono essere
mantenuti operativi durante tutto il periodo di utilizzo del decespugliatore.
Il decespugliatore, trasmette all'operatore delle vibrazioni prodotte dal funzionamento del motore e,
per l'utilizzo stesso che se ne fa, esse possono causare un sovraffaticamento dell'operatore. E’ perciò
opportuno intervallare il periodo di lavoro con qualche pausa.
Per ovviare a questo inconveniente, la macchina è dotata di alcuni dispositivi antivibranti in gomma
appositamente studiati.
Controllate sempre che questi sistemi antivibranti siano in ottime condizioni, altrimenti fateli
sostituire da un centro specializzato.
Eseguite ogni eventuale riparazione o montaggio esclusivamente a motore spento (eccetto che per la
regolazione del carburatore).

Dopo aver lavorato per alcune ore sotto sforzo, si raccomanda di non spegnere il motore ma di farlo
girare ancora per qualche minuto al minimo, in modo da raffreddarlo grazie all'azione della corrente
d'aria generata dal volano.

RODAGGIO
Per le prime 10 ore di funzionamento operate con numero di giri moderato, in ogni caso si consiglia
di non mantenere il motore al massimo dei giri, poiché tutti i componenti in moto devono ancora
adattarsi l'uno all'altro. Solo dopo tale periodo il motore raggiungerà la massima potenza.
Dopo le prime 2 ore di utilizzo controllate il fissaggio di tutte le viti e dadi: provvedete
eventualmente al loro serraggio.

REGOLAZIONE CARBURATORE
Il carburatore, durante il suo normale utilizzo può subire delle variazioni di taratura, in particolare
quando si cambia altitudine di lavoro, dopo molte ore di uso, per variazione di temperatura e
pressione dell'ambiente.
Se il carburatore necessita di una nuova regolazione, dovete:

Regolazione del minimo: avviare il motore e senza accelerare, trovate il punto dove il motore è al
minimo regime, avvitando o svitando la vite “M" e agendo sulla vite regolazione della valvola a
farfalla “F” (fig. 9). Assicuratevi che l'organo di taglio non giri quando il motore è al minimo.
Vi consigliamo, di affidare la taratura de l carburatore, ad una persona qualificata o ad un
nostro centro assistenza.

Fig. 9
TRASPORTO
A lavoro ultimato, ripulite la macchina e l'organo di taglio da eventuali residui o erbacce. Ponete
attenzione a non danneggiare il serbatoio con urti o tagli. Nel riporre la macchina evitate urti o
cadute a terra che potrebbero danneggiarla.

PERIODO D'INUTILIZZAZIONE
Se non utilizzate il decespugliatore per un lungo periodo di tempo, adottate le seguenti precauzioni:
a) togliete la miscela dal serbatoio;
b) togliete la candela, immettete nel cilindro alcune gocce di olio per miscela, e tirate la
funicella avviamento 2-3 volte per distribuirlo uniformemente e quindi rimettere la
candela;
c) proteggete il motore e tutte le parti metallo non verniciate dalla corrosione con un sottile
velo d'olio;
d) conservate in un luogo asciutto, riparato dalla polvere e inaccessibile a bambini;
e) è consigliabile comunque ogni 60 giorni d'inutilizzo avviare il motore per alcuni minuti.

MANUTENZIONI PERIODICHE
Filtro aria: situato all'interno della cuffia color marrone sul carburatore, ha il compito di trattenere
il pulviscolo dell'aria aspirata per la combustione. Per eseguire lo smontaggio premete le due alette
laterali del coperchio filtro (fig. 10/a e 10/b). Ad ogni utilizzo, pulite filtro e cuffia usando benzina
ed un pennello, poi asciugateli. Il filtro intasato provoca un calo di potenza del motore, un aumento
del consumo di carburante e rende l'avviamento difficoltoso.

Fig. 10/a Fig. 10/b

Candela: almeno ogni 25 ore pulire accuratamente la candela asportando le eventuali incrostazioni.
Se gli elettrodi sono fortemente corrosi o bruciati, sostituitela. Una candela imbrattata rende
irregolare la combustione della miscela fino al mancato avviamento della macchina. Tale
imbrattamento è dovuto ad un'errata carburazione, o ad un non corretto rapporto olio benzina della
miscela, al filtro dell'aria intasato, a condizioni di esercizio a carico ridotto.
Viti e dadi: almeno ogni 25 ore controllate e serrate le viti e i dadi di fissaggio.

Marmitta: almeno ogni 50 ore smontate la marmitta dal cilindro (fig. 11), togliete le incrostazioni
dal tubo di scarico della macchina facendo particolare attenzione a non far entrare le scorie nel
cilindro.

Fig. 11

Frizione: almeno ogni 50 ore pulite con un pennello e benzina la frizione e la campana, poi
asciugate il tutto (fig. 12).

Fig. 12

Carburatore: ogni 50 ore fate verificare la carburazione, controllando il minimo ed il massimo.

Coppia conica: ogni 25 ore ingrassate la coppia conica. Per fare questo, svitate la vite che funge da
tappo posta lateralmente alla cassa coppia conica (fig. 13), introducete il grasso con l'apposita
siringa a pressione e riempitela, poi riavvitare.
Fig. 13

EVENTUALI ANOMALIE
Se si notano delle vibrazioni o rumori insoliti, arrestate immediatamente il motore e cercate di
accertarne la provenienza.

In caso di avviamento difficoltoso (difficoltà a tirare la funicella avviamento), fate attenzione a:


a) cuscinetti difettosi, bloccati;
b) pistone cilindro grippati;
c) interferenza, contatto fra albero motore e carter;
d) rottura della molla avviamento o inceppamento della funicella.

In caso di mancata accensione o scoppio, controllare:


a) impianto elettrico (bobina che non fornisce corrente, candela imbrattata, con elettrodo
rotto o la distanza degli elettrodi è eccessiva);
b) se il cavo del pulsante massa è staccato o rotto;
c) se la pipa candela è staccata o a massa.
In caso di perdita di potenza o di arresto improvvisa del motore, fare attenzione a:
a) se si è esaurito il carburante;
b) se la miscela non raggiunge il carburatore (se non si vede passare miscela attraverso il
tubo benzina);
c) controllare se il filtro miscela nel serbatoio è intasato;
d) se il tubo benzina è ostruito schiacciato o staccato;
e) se il carburatore è fuori regolazione oppure presenta un guasto al suo interno (es.
membrane rotte) nel qual caso la miscela non raggiunge il cilindro;
f) che non vi sia presenza d'acqua nella miscela, nel qual caso è necessario pulire tutto
l'impianto di alimentazione;
g) se lo sfiato del tappo serbatoio è otturato;
h) se il getto del massimo del carburatore è ostruito;
i) se il filtro d'aria è sporco o intasato;
j) se l'anticipo dell'accensione è corretto;
k) se nel condotto di scarico del cilindro o nel silenziatore della marmitta ci sono delle
incrostazioni.
In caso di taglio scadente o difficoltoso, fare attenzione:
a) sovraccarico nel taglio (es. erbacce troppo alte o grosse rispetto alla potenza del motore,
o delle ramaglie si sono impigliate nell'organo di taglio);
b) lama poco affilata o usurata;
c) ceppi o campana frizione usurati.
Esploso decespugliatore con filo

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Motore 1
2 Frizione 1
3 Asta 1
4 Ghiera di centraggio 1
5 Coperchietto antiavvolgente 1
6 Testina Falciante 1
(con filo in nylon)
Esploso decespugliatore con lama

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Motore 1
2 Frizione 1
3 Asta 1
4 Ghiera di centraggio 1
5 Disco 1
6 Flangia fissaggio disco 1
7 Coppetta d’appoggio 1
8 Dado esagonale M10 1
9 Rosetta elastica Dint10,2 1
Esploso bastone

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Albero di trasmissione 1
2 Coprifrizione 1
3 Raccoglifili 1
4 Starter 1
5 Manico 1
6 Asta 1
7 Paraschizzi 1
8 Cassa coppia conica 1
Esploso particolare manico bastone

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZA


1 Albero di trasmissione 1
2 Coprifrizione 1
3 Dado esagonale M8 1
4 Vite T.E. M8x32 1
5 Raccoglifili 1
6 Vite T.C. M10x25 1
7 Leva acceleratore 1
8 Dado ad alette M6 1
9 Rondella piana Dint6,4 1
10 Asta 1
11 Manico 1
12 Vite T.C. M6x60 1
13 Vite T.C. M8x14 1
14 Starter 1
15 Vite T.C. M2.5x12 1
16 Dado esagonale M10 1
17 Vite T.C. M5x20 1
Esploso particolare zona taglio bastone

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Paraschizzi 1
2 Asta 1
3 Vite T.C. M4,5x10 4
4 Cassa coppia conica 1
5 Dado esagonale M9 1
6 Rosetta elastica Dint10,2 1
7 Vite T.C. M9x34 1
8 Tappo esagonale M12 1
9 Dado esagonale M4,5 2
10 Rosetta elastica Dint4,6 2
11 Dado esagonale M4,5 4
12 Vite T.C. M4,5x24 2
Esploso frizione

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Vite T.E. M9x16 2
2 Rondella piana Dint4,5 4
3 Ceppo frizione 2
4 Molla a tirante 1
5 Reggiganasce 1
Esploso gruppo motore
NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE
1 Coperchio motore 1
2 Candela 1
3 Bobina 1
4 Vite auotofilettante 3
5 Rondella di rasamento Dint19 2
6 Vite T.C. M3x18 2
7 Dado autobloccante M4 4
8 Gommino 4
9 Copriserbatoio 1
10 Rondella piana Dint5 10
11 Rosetta elastica dentata Dint4,3 4
12 Vite T.C.E.I. M4x34 4
13 Vite T.C.E.I. M4x20 4
14 Serbatoio 1
15 Tappo serbatoio 1
16 Tubetto scarico 1
17 Vite T.C. M2,5x45 2
18 Vite T.E. M4x16 2
19 Guarnizione 1
20 Vite T.E. M3x50 2
21 Rondella piana Dint3.5 2
22 Marmitta 1
23 Guarnizione 1
24 Tubetto alimentazione 1
Esploso Carburatore

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Coperchietto filtro aria 1
2 Filtro aria 1
3 Carburaotre 1
4 Vite T.C. M2,5x3.5 10
5 Tendifilo 1
6 Collettore 1
Esploso gruppo termico

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Testata 1
2 Cuscinetto a sfera Dint12 2
Dext28 h8 C3
3 Anello Seeger D30 2
4 Anello di tenuta Dint12,5 1
Dext28 h7
5 Ventola 1
6 Molla torsionale 1
7 Levetta di avvio 1
8 Meccanismo Avviamento 1
9 Rondella piana Dint5,5 2
10 Vite T.C.E.I. M5x16 2
11 Coperchio pistone 1
12 Volano 1
13 Biella 1
14 Vite T:E. M10x20 1
15 Spina cilindrica Dext6 1
16 Pistone 1
17 Anello di sicurezza 2
Esploso Cilindro Pistone

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Pistone 1
2 Fascia elastica 1
3 Testata 1
Esploso albero, biella, volano

NUMERO PARTE DENOMINAZIONE NUMERO RICORRENZE


1 Volano 1
2 Cuscinetto a sfera Dint12 2
Dext28 h8 C3
3 Anello Seeger D30 2
4 Albero 1
5 Biella 1
6 Gabbia a rulli 2
7 Vite T.E. M10x20 1
8 Spina cilindrica Dext6 1
9 Pistone 1
10 Anello di sicurezza 2
11 Anello di tenuta Dint12,5 1
Dext28 h7