Sei sulla pagina 1di 2

LA TRUCIOLARA

COME SCEGLIERE UN TORNIO ©2004

Struttura della macchina.


La scelta è sempre difficile e ci sono parecchi parametri però l’unico che il tornitore
non potrà mai compensare è la mancanza di rigidità della macchina. L’assieme blocco
motore, contro punta, porta utensili, appoggio deve essere il più rigido possibile.
Pertanto una struttura tutta in ghisa, (assolutamente abolire i torni con barre
cilindriche) è un vantaggio certo. In fine, il peso del tornio è anche una buona
indicazione perché contribuisce alla stabilità dell’insieme.

Distanza tra punte


Spesso si fa pubblicità sulla distanza tra la punta trascinatrice e la punta mobile. Per
la tornitura di ebanisteria una distanza di 1 metro è indispensabile per realizzare piedi
di tavolo o montanti di scala. Per la tornitura artistica, una distanza da 600 a 800 mm
bastano nella maggior parte dei casi.

Altezza delle punte


È la distanza tra la pinta e il banco. Determina il diametro massimo del pezzo da
tornire. Per esempio un piede di tavolo è raramente di grosso diametro, mentre una
coppa in legno e sempre di più decine di centimetri.
Spesso oggi si trovano dei torni con la punta trascinatrice girevole; questo permette
di aumentare considerevolmente il diametro di tornitura, migliorando anche
notevolmente il confort durante il lavoro.

Potenza del motore


Il tornio non necessita di tanta potenza. Mezzo cavalo permetterà di tornire pezzi
fino a 25 cm di diametro. Tuttavia bisogna tener conto del diametro che si
desidererà tornire in quanto più il diametro aumenta più la potenza richiesta è grande.
A scegliere meglio averne troppa che troppo poca.
Numerò di velocità
È un’importante caratteristica nella scelta di un tornio. In generale maggior è il
diametro minore deve essere la velocità. Tenete conto che la velocità che conta non è
quella del tornio ma quella il pezzo da tornire. Una velocità perimetrale di circa 14 -
16 m al secondo è sufficiente per sgrossare, dopo si passa a 18 – 20 m al secondo.
(piccolo ricordo matematico, per un diametro di 30 cm, velocità del tornio di 1500 giri
al minuto si ottiene una velocità perimetrale di 23,55 metri al secondo

Per quelli che hanno dimenticato le basi matematiche della loro infanzia, la formula
che indica a quale velocità deve girare il tornio è:

per sgrossare (14 a 16 m/s):

per tornire (18 – 20 m/s):

Pertanto un tornio che offre una vasta gamma di velocità, avendo la minima molto
bassa, è da considerarsi un vantaggio.

Cambiare velocità
Come si deduce di quanto scritto sopra bisogna cambiare spesso di velocità, pertanto
il dispositivo permettendo tale cambiamento deve essere il più semplice e rapido
possibile. Tutti I tornitori si stufano rapidamente di un sistema che richiede
l’apertura dell’accesso alla cinghia del motore, il cambiamento delle pulegge utilizzate,
il bloccaggio del supporto motore e del suo coperchio. Oggi tanti fornitori offrono
sistemi elettronici con convertitore di frequenze (detto anche variatore), che
permettono di variare la velocità girando un pulsante. Tale sistema, malgrado il suo
costo, offre vantaggi considerevole permettendo un aggiustamento preciso della
velocità al minimum senza perdere potenza.