Sei sulla pagina 1di 19

UNITÀ DI APPRENDIMENTO

“LA TERRA DEI CUOCHI”

Comprendente:

UDA
CONSEGNA AGLI STUDENTI
PIANO DI LAVORO
SCHEMA RELAZIONE INDIVIDIVIDUALE
GRIGLIE DI OSSERVAZIONE DEL DOCENTE
GRIGLIE DI AUTOVALUTAZIONE DEGLI ALUNNI
UDA

UNITA’ DI APPRENDIMENTO

Denominazione
LA TERRA DEI CUOCHI
( conoscere i prodotti e le ricette della tradizione gastronomica territoriale come veicolo di una corretta educazione alimentare)

Prodotti  Questionario sulle abitudini alimentari


 Glossario “gastronomico” italiano ,inglese e francese/spagnolo
 Calendario “I sapori di Ercolano”: ogni mese è associato ad una ricetta della tradizione ercolanese/partenopea

Competenze chiave/competenze culturali Evidenze osservabili

L’alunno/a :
1-Comunicazione nella madrelingua: Produce testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi.
 Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire Espone oralmente all'insegnante e ai compagni argomenti di studio e di ricerca
l’interazione comunicativa verbale in vari contesti

2-Competenze di base in scienze e tecnologia: Ha consapevolezza delle esigenze alimentari in relazione ai fabbisogni nutritivi ed energetici legati
 Utilizzare il proprio patrimonio di conoscenze per comprendere le problematiche all’età ed all’attività fi-sica.
scientifiche di attualità e per assumere comportamenti responsabili in relazione al proprio Sa valutare il valore nutritivo degli alimenti in relazione al contenuto dei principi nutritivi.
stile di vita, alla promozione della salute Sa collegare gli aspetti nutrizionali e gli stili di vita al benessere ed alla prevenzione delle malattie.

3 -Competenza digitale: Utilizza con dimestichezza le più comuni tecnologie dell’informazione e della comunicazione,
 Utilizzare con dimestichezza le più comuni tecnologie dell’informazione e della individuando le soluzioni potenzialmente utili ad un dato
comunicazione, individuando le soluzioni potenzialmente utili ad un dato contesto contesto applicativo, a partire dall’attività di studio.
applicativo, a partire dall’attività di studio.

2
UNITA’ DI APPRENDIMENTO

4-Imparare ad imparare: Acquisisce ed interpreta le’informazioni;


 Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti Individua e seleziona contenuti, immagini,materiali adatti
e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), Organizza le informazioni (ordina – confronta – collega)
anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di Pone domande pertinenti
studio e di lavoro Argomenta in modo critico le conoscenze acquisite

5- Competenze sociali e civiche: Assume responsabilmente atteggiamenti e ruoli e sviluppa comportamenti di partecipazione attiva
 Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, e comunitaria
critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi Aspetta il proprio turno prima di parlare e ascolta prima di chiedere.
In un gruppo fa proposte che tengano conto anche delle opinioni ed esigenze altrui.
Partecipa attivamente alle attività proposte senza escludere alcuno.
Assume comportamenti rispettosi di sé e degli altri.
6- Spirito di iniziativa ed intraprendenza: Prende decisioni, singolarmente e/o condivise da un gruppo.
 Pianificare e organizzare il proprio lavoro; realizzare semplici progetti. Pianifica e organizza il proprio lavoro; realizza semplici progetti.
7 Comunicazione nelle lingue straniere Legge e comprende comunicazioni scritte relative all’argomento di studio
 Stabilire relazioni positive con compagni e insegnanti utilizzando correttamente semplici
espressioni per descrivere cibo e bevande Opera confronti culturali tra il paese d’origine la Francia, i paesi anglosassoni,la Spagna

Abilità Conoscenze
(in ogni riga gruppi di abilità conoscenze riferiti ad una singola competenza) (in ogni riga gruppi di conoscenze riferiti ad una singola competenza)
1. Riflettere su quanto ascoltato ed intervenire in modo adeguato utilizzando le proprie conoscenze 1. Lessico fondamentale per la gestione di semplici comunicazioni orali in contesti formali e
ed argomentando il proprio punto di vista informali
Esprimersi consapevolmente in modo diversificato a seconda di diversi contesti comunicativi e Principi di organizzazione del discorso descrittivo, narrativo,
delle fondamentali funzioni della lingua espositivo, argomentativo
Fasi della produzione scritta: pianificazione, stesura, revisione
2. Spiegare l’importanza delle molecole biologiche come struttura fondamentale delle cellule e Classificazione e funzione dei principi nutritivi
quindi dell’organismo umano La piramide alimentare
Spiegare quali nutrienti siano alla base della dieta mediterranea Concetti di fabbisogno, energetico, dieta, caloria e Kcal
Saper leggere l’etichetta di un alimento La dieta mediterranea e i prodotti del proprio territorio
Collegare la malnutrizione con alcune malattie dismetaboliche Le principali malattie dismetaboliche
Fare un esame del proprio stile di vita alimentare
3. Utilizzare il PC, alcune periferiche e programmi I più comuni software applicativi, con
applicativi particolare riferimento a Microsoft Word ,Power Point, Publisher
4. Ricavare da fonti diverse (scritte, Internet .....), informazioni utili per i propri scopi (per la Metodologie e strumenti di ricerca dell’informazione: motori di
preparazione di una semplice ricerca
Confrontare le informazioni provenienti da fonti diverse; selezionarle in base all’utilità a seconda
del proprio scopo
Leggere, interpretare, costruire semplici grafici e tabelle; rielaborare e trasformare testi di varie
tipologie partendo da
materiale noto, sintetizzandoli anche in scalette, riassunti, semplici mappe

3
UNITA’ DI APPRENDIMENTO

5. Partecipare all’attività di gruppo confrontandosi con gli altri, valutando le varie soluzioni Significato di gruppo e comunità
proposte, assumendo e portando a Elementi generali di comunicazione
termine ruoli e compiti; prestare aiuto a compagni e persone in difficoltà. interpersonale verbale e non verbale
6. Pianificare azioni nell’ambito personale e del Strumenti di progettazione: cartelloni, disegni-bozze per calendario
lavoro, giustificando le scelte e valutando gli
esiti.
7. Comprendere semplici espressioni e frasi (scritte e orali) relative all’ambito lessicale cibi e Lessico di base inerente l’ambito lessicale proposto
bevande (se pronunciate chiaramente ) Regole grammaticali fondamentali
Produrre semplici testi (orali e scritti ) sull’argomento cibo e bevande Corretta pronuncia di un repertorio di parole e frasi
memorizzate relative all’argomento di studio
Utenti destinatari
Alunni di Scuola Secondaria di 1° grado, classi seconde

Prerequisiti  Saper leggere, comprendere e interpretare semplici testi di vario tipo.


 Saper produrre testi di vario tipo.
 Conoscere l'utilizzo basilare di Internet per scopo di ricerca
 Conoscenza delle tradizioni gastronomiche locali in lingua madre

Fase di applicazione 1. fase- riflessioni sulle abitudini alimentari degli alunni e confronto con le abitudini di altri paesi comunitari in base alle informazioni dei docenti di
lingua; lezioni frontali dell’insegnante di Scienze sui principi alimentari, valore nutritivo,dieta e fabbisogno clorico, dieta mediterranea (novembre-
dicembre)
2. fase- lezioni frontali dell’insegnate di Storia e geografia sulla tradizione culinaria partenopea e sui piatti tipici della regione Campania. Il docente
fornisce materiale sull’origine di alcune pietanze (novembre dicembre). Realizzazione di glossario gastronomico multilingua.
3. fase- lavori di gruppo: raccolta di dati ed informazioni,confronto e relazioni sui cibi della tradizione focalizzando l’attenzione sul valore della dieta
mediterranea (gennaio)
4. fase- sondaggio sulle abitudini e preferenze alimentari di amici e conoscenti utilizzando un questionario da essi predisposto (febbraio)
5. fase- lavori di gruppo: raccolta di materiale (immagini, foto, disegni,ricette )necessario alla realizzazione del calendario (marzo)
6. fase - lavoro di gruppo: realizzazione del calendario”I sapori di Ercolano” con programma Publisher( aprile-maggio)

Tempi
Novembre-Maggio

Esperienze attivate
 Discussioni guidate
 ttività di ricerca: recepire informazioni e organizzarle (ordinarle, confrontarle, collegarle) e argomentare in modo critico le conoscenze acquisite.
 Formazione gruppi di lavoro
 Schematizzazione delle informazioni in modi diversi ( mappe, tabelle ,testi espositivi).
 Utilizzo delle abilita informatiche
 Elaborazione di questionari ( abitudini alimentari)e glossari ( termini gastronomici in italiano, inglese, francese/spagnolo)

4
UNITA’ DI APPRENDIMENTO

Metodologia  Discussioni e riflessioni guidate


 Lezioni frontali degli insegnanti
 Lavoro di gruppo
 Ricerche individuali
Risorse umane
 interne Insegnanti di classe di italiano,storia/geografia, scienze, tecnologia, arte

Strumenti  Libri di testo e di consultazione
 Materiale vario di cancelleria
 Questionari
 Macchina fotografica
 LIM
 pc
 Dizionario bilingue
Valutazione La valutazione formativa in itinere avrà come oggetto le conoscenze e le abilità acquisite al termine di ciascuna fase ed utilizzerà strumenti di verifica aperta
o semistrutturata, scritta ed orale.
La valutazione sommati iva avrà come oggetto le competenze chiave e culturali che si intendono promuovere con l’Ud ed utilizzerà
Griglie di monitoraggio:
 di processo (impegno ,precisione, collaboratività, responsabilità, autonomia)
 di compito/prodotto (proprietà di linguaggio, rispetto del contesto, pertinenza, estetica)
Le osservazioni rispetteranno i seguenti criteri: per tutte le fasi saranno prese in considerazione le “evidenze” per le Competenze Sociali e Civiche; per le fasi
in cui si fanno ricerche e/o attività al computer (fasi 3, 5, 6) saranno prese in considerazione le “evidenze” per le Competenze di Imparare ad Imparare, le
Competenze digitali;. per la realizzazione dei del Prodotti Finali (fasi 4-6) saranno prese in considerazione le Competenze di Spirito di iniziativa e di
intraprendenza; per la redazione delle ricerche delle relazioni individuali saranno prese in considerazione le “evidenze” per le Competenze in Madrelingua , le
Competenze in lingua straniera, le Competenze di base di Scienze e Tecnologia.

Autovalutazione degli studenti da intendersi n termini di percezione del livello raggiunto e dell’eventuale miglioramento rispetto al livello di partenza sia
nella competenza che nell’apprendimento disciplinare.

5
LA CONSEGNA AGLI STUDENTI
Per “consegna” si intende il documento che l’équipe dei docenti/formatori presenta agli studenti, sulla base del quale essi si attivano realizzando il prodotto nei tempi e nei modi definii, tenendo
presente anche i criteri di valutazione.

1^ nota: il linguaggio deve essere accessibile, comprensibile, semplice e concreto.

2^ nota: l’Uda prevede dei compiti/problema che per certi versi sono “oltre misura” ovvero richiedono agli studenti competenze e loro articolazioni (conoscenze, abilità, capacità) che ancora non
possiedono, ma che possono acquisire autonomamente. Ciò in forza della potenzialità del metodo laboratoriale che porta alla scoperta ed alla conquista personale del sapere.

3^ nota: l’Uda mette in moto processi di apprendimento che non debbono solo rifluire nel “prodotto”, ma fornire spunti ed agganci per una ripresa dei contenuti attraverso la riflessione, l’esposizione, il
consolidamento di quanto appreso.

CONSEGNA AGLI STUDENTI

Titolo UdA
La terra dei cuochi

Cosa si chiede di fare:


 inizierai con una riflessione sulle abitudini e sui gusti alimentari della nostra regione e le confronterai con quelle di altri paesi , per passare a conoscere sul piano scientifico della composizione
degli alimenti , il loro valore nutritivo, la dieta mediterranea, gli errori dell’alimentazione che provocano malattie
 parallelamente conoscerai le origini storiche di alcuni alimenti e di alcune pietanze della nostra tradizione territoriale campana
 raccoglierai dati, informazioni sui cibi della tradizione e farai una relazione su valore della dieta mediterranea
 lavorerai in gruppo per realizzare un questionario sulle abitudini alimentari da somministrare a familiari e conoscenti
 raccoglierai immagini, foto, ricette della tradizione culinaria campana e li utilizzerai ( insieme a quelli già raccolti) per i lavori di gruppo che porteranno alla realizzazione del calendario “I
sapori di Ercolano” in cui ogni mese sarà associato ad una ricetta

In che modo (singoli, gruppi..)


● Discussioni e riflessioni guidate
● Lezioni frontali
● Formazione gruppi di lavoro
● Attività di ricerca

l diario alimentare dovrai realizzarlo singolarmente, mentre gli altri elaborati (questionario, calendario) saranno il frutto di un lavoro di gruppo.

Quali prodotti
Inizieremo con il realizzare un diario delle proprie abitudini alimentari ; proseguiremo con la realizzazione di un questionario sulle abitudini alimentari di familiari e/o amici, raccoglieremo immagini,
fotografie , ricette per realizzare un calendario in formato Publisher ed infine manderemo in stampa un calendario/ricettario con ricette del nostro territorio( I sapori di Ercolano)

6
Che senso ha (a cosa serve, per quali apprendimenti)
Uno scopo educativo è di capire quali errori si commettono abusando di alcuni alimenti o escludendone altri e quali conseguenze hanno queste scorrette abitudini per la nostra salute. Scopriremo poi
qual è la storia delle pietanze che mangiamo e che posto occupano nelle tradizioni del nostro territorio.

Tempi
Dedicheremo a questa attività alcune ore settimanali (ogni insegnante vi comunicherà durante quale delle sue ore svolgerete questa unità di apprendimento) per … settimane ( da novembre a maggio),
durante ognuna delle quali i vari professori coinvolti affronteranno l’argomento da diverse prospettive a seconda della loro materia.

Risorse (strumenti, consulenze, opportunità…)


● Risorse umane: alunni, docenti
● Risorse strumentali: testi di consultazione, computer, internet, libri di testo, LIM, fotocamera, pc, materiale didattico.

Criteri di valutazione
Ogni singolo docente coinvolto utilizzerà l’Ud per assegnare un voto nella propria disciplina (Conoscenza dei contenuti presentati ,capacità di utilizzare i mezzi tecnologici )e il Consiglio di
Classe ne terrà conto nella valutazione delle competenze, ossia valuteremo sia il processo, cioè l’impegno, la puntualità e la collaboratività con cui ognuno di voi affronterà il lavoro proposto ma
verrà valutato anche il prodotto realizzato: a questo scopo terremo conto della pertinenza, completezza, accuratezza ed originalità dell’elaborato.

7
PIANO DI LAVORO UDA
UNITÀ DI APPRENDIMENTO: La terra dei cuochi

Coordinatore: Lorella Licenziato

Collaboratori : docenti classi seconde di italiano, scienze, storia-geografia, tecnologia, sostegno

PIANO DI LAVORO UDA


SPECIFICAZIONE DELLE FASI

Fasi Attività Strumenti Evidenze osservabili Esiti Tempi Valutazione

1 Riflessioni sulle abitudini Discussione in classe Espone oralmente Diario delle proprie abitudini Novembre Impegno e puntualità
Scienze alimentari regionali, confronto Libri di testo all'insegnante e ai compagni alimentari Dicembre nell’esecuzione del
Lingue con quelle di Francia, UK, Dizionario bilingue argomenti di studio e di ricerca Schemi di confronto tra prima compito. Capacità di
Spagna Ha consapevolezza delle colazione, pranzo cena italiani e organizzazione dei i dati
comunitarie
Lezioni frontali sulla esigenze alimentari in relazione francese/inglese/spagnolo
classificazione principi al clima
alimentari, valore nutritivo Legge e comprende
alimenti comunicazioni scritte relative
all’argomento di studio

Opera confronti culturali

2 Lezioni frontali sul significato Discussione in classe Sa valutare il valore nutritivo Acquisizione Dicembre Conoscenze acquisite
Scienze di dieta e fabbisogno energetico, Libri di testo degli alimenti in relazione al conoscenze specifiche Livello di
Storia/Geografia calorie,dieta mediterranea, contenuto dei principi nutritivi. Glossario multilingua approfondimento
malattie del metabolismo, Sa collegare gli aspetti Utilizzo del linguaggio
Lezioni frontali nutrizionali e gli stili di vita al specifico
sulla tradizione culinaria benessere ed alla prevenzione
partenopea e sui piatti tipici delle malattie.
della regione Campania Produce testo multilingua
3 Lavori di gruppo: raccolta di Discussione in classe Reperisce informazioni da varie Acquisizione di capacità Gennaio Partecipazione,
Lavoro dati ed informazioni,confronto e Lavoro di gruppo fonti , le organizza , le confronta di rielaborazione e di impegno nelle attività
interdisciplinare relazioni sui cibi della Materiali per cartelloni e le collega. organizzazione Rispetto delle regole
tradizione focalizzando Libri di testo Libri di Testi informativi Mappe
l’attenzione sul valore della consultazione Cartelloni
dieta mediterranea Internet
4 Realizzazione di questionario Lavoro di gruppo Realizza in gruppo questionario Questionario informativo sulle Febbraio Chiarezza e correttezza
Italiano informativo Lavoro individuale a casa Riporta risultati del sondaggio abitudini alimentari nella trasposizione dei
Scienze Sondaggio sulle abitudini e Discussione in classe informativo e li espone Schematizzazione risultati dati raccolti nei testi
preferenze alimentari di amici e Internet Effettua tabulazione dei sondaggio prodotti.

8
conoscenti risultati

5 Raccolta di materiale Foto camera Pianifica e organizza il proprio Sistemazione dei dati raccolti in Marzo
Lavoro (immagini, foto, disegni,ricette Libri di consultazione lavoro file
interdisciplinare )necessario alla realizzazione Internet
del calendario
6 Realizzazione del calendario”I Pc Utilizza con dimestichezza le Calendario/ricettario “I sapori di Aprile/Maggio Capacità di utilizzo del software
Lavoro sapori di Ercolano” con più comuni tecnologie Ercolano” Serietà nell’impegno
interdisciplinare programma Publisher dell’informazione e della Accuratezza del lavoro svolto
comunicazione

PIANO DI LAVORO UDA


DIAGRAMMA DI GANTT
Tempi

Fasi NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO

9
SCHEMA DELLA RELAZIONE INDIVIDUALE
dello studente
RELAZIONE INDIVIDUALE

Descrivi il percorso generale dell’attività

Indica come avete svolto il compito e cosa hai fatto tu

Indica quali crisi hai dovuto affrontare e come le hai risolte

Che cosa hai imparato da questa unità di apprendimento

Cosa devi ancora imparare

Come valuti il lavoro da te svolto

10
GRIGLIE DI OSSERVAZIONE PER LA VALUTAZIONE
DELL’UNITA’ DI APPRENDIMENTO
“LA TERRA DEI CUOCHI”
di processo: con competenze, evidenze, livelli e descrittori di livello
di prodotto: con dimensioni, criteri, livelli e descrittori di livello

11
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELL’UNITÀ DI APPRENDIMENTO
processo

COMPETENZA CHIAVE DI CRITERI LIVELLI DI PADRONANZA DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


RIFERIMENTO EVDENZE
COMUNICAZIONE NELLA Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, 5 Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo)
MADRELINGUA descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario.
adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario. 4 Scrive testi di diversa tipologia corretti e pertinenti al tema e allo scopo..
3 Scrive testi corretti ortograficamente, chiari e coerenti, legati all'esperienza e alle diverse occasioni di
scrittura che la scuola offre
2 Scrive testi coerenti relativi alla quotidianità e all’esperienza; opera semplici rielaborazioni (sintesi,
completamenti, trasformazioni)
1 Scrive semplici testi narrativi relativi a esperienze dirette e concrete, costituiti da una o più frasi minime.

COMPETENZA CHIAVE DI CRITERI LIVELLI DI PADRONANZA DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


RIFERIMENTO EVDENZE

COMUNICAZIONE NELLE Opera confronti linguistici e relativi ad elementi culturali 5 Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di scolarizzazione e li confronta
LINGUE STRANIERE tra la lingua materna (o di apprendimento) e le lingue con quelli veicolati dalla lingua straniera, senza atteggiamenti di rifiuto.
studiate Autovaluta le competenze acquisite ed è consapevole del proprio modo di apprendere.
4 Descrive oralmente e per iscritto semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente.
Scrive semplici comunicazioni relative a contesti di esperienza (istruzioni brevi, mail,
descrizioni, semplici narrazioni, informazioni anche relative ad argomenti di studio).
3 Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi della lingua
straniera.

COMPETENZA CRITERI LIVELLI DI DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


CHIAVE DI EVDENZE PADRONANZA
RIFERIMENTO
COMPETENZE DI Riconosce alcune problematiche scientifiche di attualità e utilizza le 5 Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli macroscopici e microscopici, è
BASE IN SCIENZE conoscenze per assumere comportamenti responsabili (stili di vita, rispetto consapevole delle sue potenzialità e dei suoi limiti.
E TECNOLOGIA dell’ambiente…). Ha curiosità e interesse verso i principali problemi legati all’uso della scienza nel campo dello sviluppo
SCIENZE scientifico e tecnologico.
4 Fa riferimento a conoscenze scientifiche e tecnologiche apprese per motivare comportamenti e scelte

12
ispirati alla salvaguardia della salute, portando argomentazioni coerenti.
3 Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati,
ne riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
2 Assume comportamenti di vita ispirati a conoscenze di tipo scientifico direttamente legate
all’esperienza, su questioni discusse e analizzate nel gruppo o in famiglia.
1 Assume comportamenti di vita conformi alle istruzioni dell’adulto, all’abitudine, o alle conclusioni
sviluppate nel gruppo coordinato dall’adulto.

COMPETENZA CRITERI LIVELLI DI DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


CHIAVE DI EVDENZE PADRONANZA
RIFERIMENTO
COMPETENZA Riconosce e denomina correttamente i principali dispositivi di 5 Utilizza in autonomia programmi di videoscrittura, fogli di calcolo, presentazioni per elaborare testi,
DIGITALE comunicazione ed informazione (TV, telefonia fissa e mobile, Computer nei comunicare, eseguire compiti e risolvere problemi.
suoi diversi tipi, Hifi ecc.) Sa utilizzare la rete per reperire informazioni, con la supervisione dell’insegnante; organizza le
Utilizza i mezzi di comunicazione che possiede in modo opportuno, informazioni in file, schemi, tabelle, grafici; collega file differenti. Confronta le informazioni reperite
rispettando le regole comuni definite e relative all’ambito in cui si trova ad in rete anche con altre fonti documentali, testimoniali, bibliografiche.
operare Comunica autonomamente attraverso la posta elettronica.

4 Utilizza la posta elettronica e accede alla rete con la supervisione dell’insegnante per ricavare
informazioni e per collocarne di proprie.
Comunica attraverso la posta elettronica.
3 Scrive, revisiona e archivia in modo autonomo testi scritti con il calcolatore
Confeziona e invia autonomamente messaggi di posta Accede alla rete con la supervisione
dell’insegnante per ricavare informazioni
2 Utilizza la rete solo con la diretta supervisione dell’adulto per cercare informazioni.
1 Sotto la diretta supervisione dell’insegnante identifica, denomina e conosce le funzioni fondamentali
di base dello strumento.
Con la supervisione dell’insegnante, utilizza i principali componenti, in particolare la tastiera.

COMPETENZA CHIAVE DI CRITERI LIVELLI DI DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


RIFERIMENTO EVDENZE PADRONANZA
IMPARARE A IMPARARE Reperisce informazioni da varie fonti 5 Ricava informazioni da fonti diverse e le seleziona in modo consapevole.
Organizza le informazioni (ordinare – Legge, interpreta, costruisce, grafici e tabelle per organizzare informazioni.
confrontare – collegare) Collega informazioni già possedute con le nuove anche provenienti da fonti diverse.
Rileva problemi, seleziona le ipotesi risolutive, le applica e ne valuta gli esiti.
4 Sa ricavare e selezionare per i propri scopi informazioni da fonti diverse
Sa formulare sintesi e tabelle di un testo letto collegando le informazioni nuove a quelle già possedute ed utilizzando
strategie di autocorrezione
Rileva problemi, individua possibili ipotesi risolutive e le sperimenta valutandone l’esito
3 Sa ricavare e selezionare semplici informazioni da fonti diverse: libri, Internet…) per i propri scopi, con la supervisione
dell’insegnante.
Utilizza semplici strategie di organizzazione e memorizzazione del testo letto: scalette, sottolineature, con l’aiuto
dell’insegnante.
Sa formulare sintesi scritte di testi non troppo complessi e sa fare collegamenti tra nuove informazioni e quelle già
possedute, con domande stimolo dell’insegnante; utilizza strategie di autocorrezione.
Ricava informazioni da grafici e tabelle e sa costruirne di proprie.
Sa utilizzare dizionari e schedari bibliografici.
Sa rilevare problemi di esperienza, suggerire ipotesi di soluzione, selezionare quelle che ritiene più efficaci e metterle in

13
pratica.
2 Con l’aiuto dell’insegnante, ricava e seleziona informazioni da fonti diverse per lo studio, per preparare un’esposizione.
Legge, ricava informazioni da semplici grafici e tabelle e sa costruirne, con l’aiuto dell’insegnante.
Rileva semplici problemi dall’osservazione di fenomeni di esperienza e formula ipotesi e strategie risolutive.
E’ in grado di formulare semplici sintesi di testi narrativi e informativi non complessi.
1 In autonomia, trasforma in sequenze figurate brevi storie.
Riferisce in maniera comprensibile l’argomento principale di testi letti e storie ascoltate e sul contenuto, con domande
stimolo dell’insegnante.
Formula ipotesi risolutive su semplici problemi di esperienza
Ricava informazioni dalla lettura di semplici tabelle con domande stimolo dell’insegnante.

COMPETENZA CHIAVE DI CRITERI LIVELLI DI DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


RIFERIMENTO EVDENZE PADRONANZA
COMPETENZE SOCIALI E Aspetta il proprio turno prima di parlare; ascolta prima di 5 Osserva le regole interne e quelle della comunità e del Paese (es. codice della strada); conosce
CIVICHE chiedere alcuni principi fondamentali della Costituzione e le principali funzioni dello Stato;
Si impegna con responsabilità nel lavoro e nella vita scolastica; collabora costruttivamente con
Collabora all'elaborazione delle regole della classe e le rispetta adulti e compagni, assume iniziative personali e presta aiuto a chi ne ha bisogno.
4 Utilizza con cura materiali e risorse. E' in grado di spiegare in modo essenziale le conseguenze
dell'utilizzo non responsabile delle risorse sull'ambiente.
Collabora costruttivamente con adulti e compagni.
3 Utilizza materiali, attrezzature, risorse con cura e responsabilità, sapendo indicare anche le ragioni e
le conseguenze sulla comunità e sull’ambiente di condotte non responsabili.
Osserva le regole di convivenza interne e le regole e le norme della comunità e partecipa alla
costruzione di quelle della classe e della scuola con contributi personali.
2 Condivide nel gruppo le regole e le rispetta; rispetta le regole della comunità di vita.
Rispetta i tempi di lavoro, si impegna nei compiti, li assolve con cura e responsabilità.
1 Rispetta le regole della classe e della scuola; si impegna nei compiti assegnati e li porta a termine
responsabilmente.

COMPETENZA CHIAVE DI CRITERI LIVELLI DI DESCRITTORI DI LIVELLO ATTRIBUITO


RIFERIMENTO EVDENZE PADRONANZA
SPIRITO DI INIZIATIVA E Progetta un percorso operativo e lo ristruttura in base a 5 Sa pianificare azioni nell’ambito personale e del lavoro, individuando le priorità, giustificando le
IMPRENDITORIALITA’ problematiche insorte, trovando nuove strategie risolutive. scelte e valutando gli esiti, reperendo anche possibili correttivi a quelli non soddisfacenti.
Coordina l’attività personale e/o di un gruppo Collabora in un gruppo di lavoro o di gioco, tenendo conto dei diversi punti di vista e confrontando
la propria idea con quella altrui. E’ in grado di assumere ruoli di responsabilità all’interno del gruppo
(coordinare il lavoro, tenere i tempi, documentare il lavoro, reperire materiali, ecc.).
Con l’aiuto dell’insegnante e del gruppo, effettua indagini in contesti diversi, individuando il
problema da approfondire, gli strumenti di indagine, realizzando le azioni, raccogliendo e
organizzando i dati, interpretando i risultati.
4 Utilizza le conoscenze apprese per risolvere problemi di esperienza e ne generalizza le soluzioni a
contesti simili.
Con l’aiuto dell’insegnante e il supporto del gruppo, sa effettuare semplici indagini su fenomeni
sociali, naturali, ecc., traendone semplici informazioni
Reperisce e attua soluzioni a problemi di esperienza, valutandone gli esiti e ipotizzando correttivi e
miglioramenti, anche con il supporto dei pari.
3 Sa pianificare il proprio lavoro e individuare alcune priorità; sa valutare, con l’aiuto dell’insegnante ,
gli aspetti positivi e negativi di alcune scelte
Sa esprimere ipotesi di soluzione a problemi di esperienza, attuarle e valutarne gli esiti.

14
2 Porta a termine i compiti assegnati; sa descrivere le fasi di un lavoro sia preventivamente che
successivamente ed esprime semplici valutazioni sugli esiti delle proprie azioni.
1 In presenza di un problema, formula semplici ipotesi di soluzione.
Descrive semplici fasi di giochi o di lavoro in cui è impegnato.

CONSAPEVOLEZZA ED Sa utilizzare le fonti (reperirle, leggerle e confrontarle) 5 L'alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi storici anche mediante l’uso di risorse digitali.
ESPREZZIONE CULTURALE – Produce informazioni storiche con fonti di vario genere – anche digitali – e le sa organizzare in testi.
IDENTITA’ STORICA Comprende testi storici e li sa rielaborare con un personale metodo di studio.
4 Individua le trasformazioni intervenute nel tempo e nello spazio, anche utilizzando le fonti storiografiche che
può rintracciare attraverso personali ricerche nelle biblioteche e nel web.
3 Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti.
Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le caratteristiche.
Usa carte geo-storiche, anche con l’ausilio di strumenti informatici.
2 Sa rintracciare reperti e fonti documentali e testimoniali della propria storia personale e familiare.
1 Rintraccia le fonti testimoniali e documentali della propria storia personale con l’aiuto dell’insegnante e dei
familiari.

15
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELL’UNITÀ DI APPRENDIMENTO
prodotto

dimensioni di criteri livello descrittori di livello


osservazione
LINGUAGGIO E Utilizzo del linguaggio tecnico specifico 5 Nella realizzazione del prodotto e nella sua illustrazione, è stato utilizzato in modo pertinente e corretto il linguaggio specifico
COMUNICAZIONE richiesto, con precisione e accuratezza rispetto ai diversi contesti
4 Nella realizzazione del prodotto e nella sua illustrazione, è stato utilizzato in modo pertinente e corretto il linguaggio specifico
richiesto
3 Nella realizzazione del prodotto e nella sua realizzazione è stato utilizzato un linguaggio corretto, con l’utilizzo dei termini
specifici essenziali
2 Nella realizzazione del prodotto e nella sua realizzazione si è utilizzato un linguaggio standard, privo di termini specifici
1 Nella realizzazione del prodotto e nella sia realizzazione, il linguaggio utilizzato è essenziale, privo di riferimenti tecnici specifici,
non sempre preciso ed esplicativo
Efficacia comunicativa rispetto allo 5 Il linguaggio utilizzato nella realizzazione del prodotto, nella sua illustrazione e presentazione è chiaro, ben strutturato,
scopo e al target di riferimento pienamente attinente allo scopo e alla funzione, ben calibrato e modulato rispetto ai contesti e ai destinatari
4 Il linguaggio utilizzato nella realizzazione del prodotto, nella sua illustrazione e presentazione è chiaro, ben strutturato, calibrato
rispetto al contesto, allo scopo, alla funzione e al destinatario
3 Il linguaggio utilizzato nella realizzazione del prodotto, nella sua illustrazione e presentazione è strutturato e rispettoso dello
scopo, con qualche incertezza rispetto al registro adeguato al contesto, alla funzione e al destinatario
2 Il linguaggio utilizzato è corretto e rispondente al tema, ma generico e non riferito, nel registro, alle specifiche funzioni, scopi,
destinatari della comunicazione
1 Il linguaggio utilizzato è generico, essenziale, non calibrato sulle specificità del prodotto
Utilizzo di tipologie testuali specifiche 5 Vengono utilizzate le tipologie testuali più adeguate per la realizzazione, illustrazione del prodotto, anche rispetto alle diverse
esigenze (testo espositivo; argomentativo; lettera; schemi, relazione tecnica, ecc.). Le strutture delle diverse tipologie vengono
utilizzate in modo pertinente e flessibile, con elementi di originalità e creatività
4 Vengono utilizzate le tipologie testuali più adeguate per la realizzazione, illustrazione del prodotto, anche rispetto alle diverse
esigenze (testo espositivo; argomentativo; lettera; schemi, relazione tecnica, ecc.)
3 Vengono utilizzate in modo pertinente ed efficace alcune tipologie testuali
2 Vengono utilizzate alcune tipologie testuali, utilizzando un linguaggio corretto, ma essenziale, non sempre calibrato sulle
esigenze comunicative delle diverse fasi del lavoro
1 Vengono utilizzate poche tipologie testuali, non sempre calibrate sulle esigenze comunicative delle diverse fasi del lavoro e con
linguaggio generico, essenziale, poco preciso

16
dimensioni di criteri livello descrittori di livello
osservazione
CORRETTEZZA, Correttezza, completezza 5 Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e pienamente rispondente a tutti i parametri della
PRECISIONE, consegna, con soluzioni originali e spunti per il miglioramento
FUNZIONALITA’ 4 Il prodotto è completo in tutte le sue parti, correttamente eseguito e rispondente a tutti i parametri della consegna, con
soluzioni originali
3 Il prodotto è correttamente eseguito e completo, rispondente in modo sufficiente ai parametri della consegna
2 Il prodotto è sostanzialmente corretto, pur presentando incompletezze in alcune parti
1 Il prodotto è incompleto ed eseguito in modo sommario
Precisione, funzionalità, 5 Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista pratico, estetico e della convenienza.
efficacia 4 Le soluzioni adottate sono precise, pienamente funzionali ed efficaci dal punto di vista pratico.
3 Le soluzioni adottate sono precise, corrette e funzionali
2 Le soluzioni adottate sono in gran parte corrette e funzionali, pur presentando alcune imprecisioni e debolezze sotto l’aspetto
della precisione
1 Il prodotto presenta scorrettezze esecutive ed imprecisioni che ne compromettono la funzionalità

17
GRIGLIE DI AUTOVALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

AUTOVALUTO LA MIA COLLABORAZIONE

CRITERI DI 4 3 2 1
VALUTAZIONE
Contributo offerto al Contribuisco costantemente e Contribuisco alle discussioni di gruppo Non offro al gruppo un Scelgo di non partecipare
gruppo attivamente alle discussioni di Porto a termine le attività che mi sono contributo costante Non porto a termine le attività che mi
gruppo state assegnate. Se incoraggiato, porto a sono state assegnate.
Accetto ed eseguo tutte le attività Contribuisco all’impostazione degli termine le attività che mi sono Ostacolo il processo di impostazione
di cui mi incarico Aiuto il gruppo a obiettivi Contribuisco al state assegnate. degli obiettivi
stabilire gli obiettivi raggiungimento degli obiettivi Contribuisco sporadicamente Sono causa di ritardi nel raggiungimento
Contribuisco a guidare il gruppo all’impostazione degli obiettivi degli obiettivi da parte del gruppo
verso il raggiungimento degli Ho dei problemi a raggiungere
obiettivi gli obiettivi
Collaborazione con il Condivido molte idee e Se incoraggiato, condivido le idee Se incoraggiato, condivido Non mi piace condividere le idee
gruppo contribuisco con informazioni Consento agli altri membri di occasionalmente le idee Non contribuisco alle discussioni di
rilevanti condividere le proprie idee Consento alla maggior parte gruppo Interrompo gli altri, mentre
Incoraggio gli altri membri a Sono in grado di ascoltare gli altri del gruppo di condividere le stanno condividendo le proprie idee
condividere le loro idee Dimostro sensibilità nei confronti dei proprie idee Non ascolto gli altri
Sono in grado di trovare un sentimenti e delle idee altrui A volte, ascolto gli altri Non mi preoccupo dei sentimenti e delle
equilibrio tra l'ascolto e A volte, prendo in idee degli altri
l'esposizione orale considerazione i sentimenti e le
Mi preoccupo dei sentimenti e delle idee altrui
idee degli altri

18
AUTOVALUTO IL MIO STILE DI APPRENDIMENTO

4 3 2 1
Sono in grado di trovare le parti più Di solito, sono in grado di individuare A volte, confondo le idee importanti Di solito, sono in grado di distinguere
importanti delle informazioni che sto le informazioni più importanti. con i dettagli secondari. le informazioni importanti da quelle
studiando che non lo sono.
Utilizzo le mie conoscenze per fare Con un po’ di aiuto, faccio
Utilizzo le mie conoscenze per fare collegamenti e trarre conclusioni sulle collegamenti sulle informazioni, ma Ho difficoltà a farecollegamenti.
collegamenti e trarre conclusioni sulle informazioni e, di solito, ne verifico la a volte non fornisco motivazioni
informazioni e ne verifico la correttezza. correttezza. adeguate. Di solito, sono soddisfatto delle
informazioni che ho già e non mi
Faccio il possibile per approfondire le Cerco di approfondire le idee e i Se qualcuno me lo ricorda, impegno ad approfondire
idee e i concetti che mi sono nuovi. concetti che mi sono nuovi. approfondisco le idee e i concetti l’argomento.
che mi sono nuovi.
Sono in grado di spiegare in modo chiaro Sono in grado di spiegare e motivare la Non sono in grado di spiegare la mia
e completo le mie opinioni su un mia opinione. Di solito, sono in grado di spiegare opinione
argomento, in forma scritta od orale, e la mia opinione, ma non sempre
fornire motivazioni fornisco motivazioni adeguate.

19