Sei sulla pagina 1di 2

3.5 MAC MANAGEMENT 3.5.

2 POWER MANAGEMENT
È costituito da: Per il Power Management si spegne il transceiver se non è
 Sincronizzazione/(finding e staying dentro una necessario e si permette alle stazione in idle di passare alla modalità
WLAN;funzioni di sincronizzazione (timer, beacon generation, etc). sleep.
 Power Management(sleep-mode, senza inviare Nella rete infrastrutturata si ha:
messaggi; sleep periodico, buffering delle trame, misure di traffico  Una Traffic Indication Map (TIM);
(TIM).  Una lista di ricevitori unicast trasmessa dall’AP con ogni
 Associazione/Riassociazione (Integrazione con una beacon;
LAN;Roaming, necessario ad esempio per il cambio di access  Una Delivery Traffic Indication Map (DTIM);
point; Scanning, necessario per attivare la ricerca di una rete.)  Una lista di ricevitori broadcast/multicast trasmessa
3.5.1 SINCRONIZZAZIONE dall’AP.
Tutte le stazioni in una WLAN mantengono un timer locale. È Nella rete Ad-hoc si ha:
necessaria una funzione di sincronizzazione che mantenga allineati i  Una Ad-hoc Traffic Indication Map (ATIM);
timer di tutte le stazioni in un BSS (IBSS).  L’annuncio dei ricevitori da parte delle stazioni che
In una rete infrastrutturata la temporizzazione è controllata bafferizzano i frame.
dall’AP; in una rete ad hoc una qualsiasi stazione si fa carico di In questo caso si ha un meccanismo più complicato, in quanto non
mantenere la sincronizzazione. Le informazioni di temporizzazione c’è un AP centrale e inoltre sono possibili collisioni di ATIM.
vengono inviate periodicamente nelle trame di Beacon. I beacon Power Saving
sono trame trasmesse sia nella PCF che nella DCF ad intervalli Come già detto, le principali funzioni di MAC Management sono
regolari (Target Beacon Transmission Time, TBTT). Ogni CFP la sincronizzazione e la gestione della potenza. Entrambe vengono
inizia con una trama di beacon inviata dal PC/AP. I beacon sono realizzate tramite i beacon, che, nel caso di rete infrastrutturata
trasmessi dal PC, quando questo è presente, o altrimenti in modo vengono inviati dall’AP, mentre nel caso di rete ad hoc da una
distribuito dalle altre stazioni. Non è necessario che una stazione stazione prescelta.
ascolti tutti i beacon per rimanere sincronizzata.Se il canale è Le stazioni sono alimentate tramite una batteria, pertanto è
occupato quando scade il TBTT, la trasmissione del beacon deve necessario a livello MAC un meccanismo che consenta di ridurre il
essere ritardata. consumo energetico. Ovviamente tale riduzione deve essere
La sincronizzazione è mantenuta entro 4 μs più il ritardo di effettuata non quando il terminale ha qualcosa da trasmettere, ma
propagazione. In una rete infrastrutturata, l’AP fa da master per la quando è in idle.
temporizzazione e genera i beacon per tutte le stazioni del BSS. L’802.11 definisce due modalità di potenza:
L’AP trasmette Beacon periodici che contengono il valore del suo  Awake, in cui le stazioni funzionano a piena potenza e
clock al momento della trasmissione (cioè al momento in cui la possono ricevere sempre i pacchetti;
trasmissione avviene effettivamente, dato che anche il Beacon  Doze, in cui una stazione non può ricevere né trasmettere
Frame è trasmesso usando le regole del CSMA e la trasmissione e consuma pochissima potenza.
potrebbe essere ritardata). Le stazioni riceventi controllano il valore Le stazioni devono informare l’AP quando entrano in modalità
del proprio clock locale all’istante di ricezione e lo correggono per doze e devono “svegliarsi” periodicamente per ascoltare i beacon.
sincronizzarsi col clock dell’AP. Infatti, come qualsiasi altra cadenza nelle WLAN, la cadenza del
risveglio è stabilità in base alle trame di beacon.
In un IBSS, ad ogni TBTT, tutte le stazioni eseguono la procedura L’AP deve conoscere lo stato delle stazioni perché esse quando
seguente per mantenere la sincronizzazione: devono trasmettere si svegliano da sole, mentre se devono ricevere
 Sospensione del decremento del timer di backoff; qualcosa devono essere svegliate dall’AP.
 Calcolo di un ritardo random uniformemente distribuito Allo stato di potenza sono legate due modalità operative per una
tra 0 e 2CWmin* SlotTime; stazione 802.11:
 Attesa per un tempo pari al ritardo random calcolato  Active Mode (AM): la stazione è nello stato awake; una
(usando per decrementare il timer lo stesso algoritmo usato nel stazione nella polling list di un PC resta in AM per tutta la durata del
backoff); CFP.
 Se nel frattempo arriva una trama di beacon, si azzera il  Power Save (PS): la stazione è nello stato doze, ascolta i
ritardo e non si invia un beacon; beacon frame (transizione nello stato awake) e controlla se ha
 Quando il timer del ritardo si azzera, si invia un beacon. ricevuto MSDU, se non ce ne sono e non ne ha da trasmettere torna
Acquisizione della sincronizzazione nello stato doze.
Se una WSTA vuole unirsi a un IBSS esistente inizia la fase di Le MSDU destinate ad una stazione in PS mode vengono
scanning, sintonizzando il suo ricevitore su varie frequenze alla bufferizzate: da una qualsiasi stazione nelle WLAN ad hoc; dall’AP
ricerca di un particolare frame di controllo. nelle WLAN infrastrutturate.
 Passive scanning: WSTA ascolta un eventuale trama di
beacon (che contiene informazioni di synch e il set di parametri
dell’IBSS: IBSSID, BeaconPeriod, supported data rates, PS
parameters,… ).
 Active scanning: WSTA ha una lista di frequenze da
scandire; su ogni canale invia un frame probe con destinazione
broadcast usando la DCF; se non riceve risposta entro un tempo
limite, esamina il canale successivo nella lista. I frame di risposta al
probe vengono inviati in unicast.
Se la fase di scanning non dà risultati, la WSTA può iniziare la
creazione di un nuovo IBSS.
Power Saving nella rete infrastrutturata Power Saving nella rete ad hoc
Ogni volta che le stazioni cambiano power mode devono Una stazione qualsiasi può inviare il beacon. Le trame multicast
comunicarlo all’AP. L’AP mantiene una lista aggiornata delle e/o unicast che sono destinate ad una stazione in modalità PS,
stazioni che operano in modalità PS e bufferizza le trame indirizzate vengono annunciate quando tutte le stazioni sono nello stato awake.
a queste stazioni. In questo caso si usano gli ATIM, Ad-hoc Traffic Indication Map,
L’AP usa i Beacon per gestire il risparmio di potenza delle che sono trasmessi durante l’ATIM Window, ovvero un periodo di
stazioni in PS. Le stazioni in PS si svegliano periodicamente per lunghezza fissa durante il quale si possono inviare solo ATIM e
ricevere i Beacon. L’AP trasmette periodicamente nei Beacon beacon. Inoltre, in questo periodo di tempo tutte le stazioni devono
l’informazione di quali stazioni in PS hanno trame in attesa di rimanere sveglie.
essere consegnate. Distinguiamo i seguenti casi: I frame ATIM unicast devono essere riscontrati. Se l’ack non
 Trame unicast: le stazioni sono annunciate nel campo arriva l’ATIM viene ritrasmesso tramite una procedura di backoff.
Traffic Indication Map (TIM) in tutti i beacon generati dall’AP. La destinazione deve rimanere awake per l’intera durata
 Trame multicast e broadcast: le stazioni sono annunciate dell’intervallo di beacon.
nel campo Delivery Traffic Indication Message (DTIM) di alcuni Le trame ATIM multicast non sono riscontrate. Se una stazione
beacon. non riceve tutti gli ATIM frame durante l’ATIM Window, può entrare
La periodicità del DTIM è più lunga di quella del TIM. nello stato doze alla fine dell’ATIM Window.

La stazione entra in modalità PS e informa l’AP settando i bit di Le trame di dati sono trasmesse in modo random alla fine
Power Management nel campo Frame Control della trama. L’AP dell’ATIM Window usando la procedura di backoff, come in una
aggiunge l’identificativo della stazione in un apposito registro in cui normale procedura di accesso DCF. Il random delay è il periodo
sono elencate tutte le stazioni del BSS che si trovano in modalità random che viene estratto e in base al quale si decide chi deve
PS. Le trame destinate a queste stazioni sono memorizzate dall’AP. trasmettere.
L’AP trasmette ad intervalli regolari i beacon contenenti la lista Le stazioni sono nello stato di awake prima dell’inizio del beacon
TIM delle stazioni che hanno trame in attesa. Le stazioni in e rimangono in questo stato per la durata dell’ATIM Window.
modalità PS sono programmate per riattivarsi ad intervalli regolari La stazione 1 trasmette un ATIM alla stazione 2. Poichè l’ATIM
(Listen Interval), in corrispondenza della trasmissione di un beacon. annuncia trame unicast la stazione 2 deve rispondere con un
Se una stazione, leggendo il TIM, apprende che ci sono trame ad riscontro. Dopo aver ricevuto l’ack, la stazione 1 può mandare i dati.
essa destinate in coda all’AP, avvia la procedura di contesa del Nel terzo periodo l’intervallo di awake è trasbordato nel periodo di
canale e invia all’AP un PS-poll frame. Quando l’AP riceve il PS- beacon successivo, perché per poter tornare in modalità PS occorre
poll frame, trasmette al terminale le trame in attesa. completare la trasmissione.
Ad intervalli prefissati i beacon trasportano un particolare tipo di Un ATIM può essere ricevuto da più di una stazione, e una
TIM, detto DTIM per segnalare la presenza di trame stazione che riceve un ATIM può ricevere più di una singola MSDU
multicast/broadcast in attesa. Le trame multicast/broadcast sono da una stazione.
trasmesse immediatamente dopo l’invio di un DTIM. Le stazioni Nella rete infrastrutturata l’AP sa quali sono le stazioni in modalità
che sono interessate alla ricezione di questo tipo di trame possono PS. Nelle reti ad hoc lo standard 802.11 non stabilisce le modalità
riattivarsi in corrispondenza dei beacon DTIM e restare sveglie fino per determinare se una stazione non è attiva. Le soluzioni possibili,
alla completa ricezione delle trame multicast/ broadcast. tuttavia, sono due; una stazione può assumere che un’altra stazione è
Osservando la modalità della stazione si evince che la rampa di nello stato di PS:
accensione è poco prima dell’inizio del beacon. Quando finisce il  in base al numero di tentativi di trasmissione falliti;
beacon la stazione entra nella modalità PS. Se le trame sono  se non viene ricevuto il CTS di riscontro ad un RTS
broadcast o multicast la stazione rimane sveglia fino a quando tutte inviato, nel caso di modalità DCF con RTS/CTS.
le trame vengono trasmesse.

Consideriamo adesso il caso in cui la modalità utilizzata è quella


PCF. Se all'inizio di un CFP, vi sono, nel buffer del PC, trame
destinate a stazioni PS, queste devono essere trasmesse prima di
tutte le altre, in modo da tenere “sveglie" quelle stazioni il meno
possibile. La procedura è analoga a quella nel caso DCF con la
differenza che le stazioni PS non mandano il PS poll-frame, ma
restano attive finché il traffico in attesa viene ricevuto (o il CFP
termina). Le stazioni possono quindi tornare in modalità di
risparmio energetico quando vengono informate dall’AP che il
traffico a loro destinato è terminato.