Sei sulla pagina 1di 321

Rapporto



sull’applicazione



della


Direttiva


147/2009/CE



in


Italia:


dimensione,



distribuzione


e


trend



delle


popolazioni


di


uccelli



(2008-‐2012)

Rapporti





219/2015
Informazioni Legali
L’istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per
conto dell’Istituto non sono responsabili per l’uso che può essere fatto delle informazioni contenute in
questo rapporto.

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale


Via Vitaliano Brancati, 48 – 00144 Roma
www.isprambiente.gov.it

ISPRA, Rapporti 219/2015


ISBN 978-88-448-0705-4

Riproduzione autorizzata citando la fonte

Elaborazione grafica
ISPRA

Grafica di copertina: Franco Iozzoli


Foto di copertina: Moretta tabaccata (M. Piacentino), Nibbio reale (M. Piacentino), Cavaliere d’Italia
(M. Valentini), Ciuffolotto (S. Pirrello), Averla capirossa (S. Laurenti), Sgarza ciuffetto (Massimo
Piacentino), Ghiandaia marina (M. Piacentino). Sullo sfondo: Pittime reali (A. De Faveri).

Impaginazione: Riccardo Nardelli

Coordinamento tipografico:
Daria Mazzella
ISPRA – Settore Editoria

Amministrazione:
Olimpia Girolamo
ISPRA - Settore Editoria

Distribuzione:
Michelina Porcarelli
ISPRA - Settore Editoria

Stampa:
Tiburtini s.r.l.
Via delle Case Rosse, 23
00131 Roma

Stampato su carta FSC®

Finito di stampare nel mese di Maggio 2015

II
Autori:
Riccardo Nardelli1, Alessandro Andreotti1, Eleonora Bianchi2, Mattia Brambilla3, Benedetta
Brecciaroli2, Claudio Celada3, Eugenio Dupré2, Marco Gustin3, Violetta Longoni3, Simone Pirrello1,
Fernando Spina1, Stefano Volponi1, Lorenzo Serra1.
1
Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale
2
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM)
3
Lega Italiana Protezione Uccelli (LIPU)

Si raccomanda la seguente citazione del volume:


Nardelli R., Andreotti A., Bianchi E., Brambilla M., Brecciaroli B., Celada C., Dupré E., Gustin M.,
Longoni V., Pirrello S., Spina F., Volponi S., Serra L., 2015. Rapporto sull’applicazione della
Direttiva 147/2009/CE in Italia: dimensione, distribuzione e trend delle popolazioni di uccelli (2008-
2012). ISPRA, Serie Rapporti, 219/2015.

La stesura del Rapporto Nazionale Direttiva Uccelli e la produzione del presente volume sono stati
realizzati grazie ai contributi erogati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del
Mare nell’ambito della convenzione “Attività legate all’applicazione delle direttive Uccelli
2009/147/CE e Habitat 92/43/CEE e delle convenzioni internazionali in materia di conservazione
delle specie” stipulata con ISPRA in data 23/07/2014 e registrata in data 19/09/2014. Le attività
realizzate dalle Regioni e Province Autonome si inseriscono tra gli impegni previsti dal Decreto
interministeriale del 6/11/2012.

Autori delle foto


Alessandro Andreotti, Jacopo Angelini, Nicola Baccetti, Diego Bonafé, Maurizio Bonora, Jacopo
Cecere, Gianfranco Cinelli, Adriano De Faveri, Nicola Destefano, Alessandro di Federico, Iosto
Doneddu, Marco Fortunato, Francesco Grazioli, Antonio Guarrera, Stefano Laurenti, Ivan Maggini,
Roberto Marchitelli, Michele Mendi, Riccardo Paddeu, Massimo Piacentino, Simone Pirrello, Luigi
Sebastiani, Marco Valentini, William Vivarelli.

Ringraziamenti
Nicola Baccetti, Enrico Bassi, Jacopo Cecere, Massimiliano Di Vittorio, Sergio Fasano, Egidio Fulco,
Sergio Nissardi, Marco Zenatello.

III
Prefazione
Dott.ssa Maria Carmela Giarratano
Direttore Generale
Direzione per la Protezione della Natura e del Mare
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

La Direttiva “Uccelli” (2009/147/CE) è stata il primo strumento normativo adottato


dall’Unione Europea per la conservazione della biodiversità ed ha permesso l’armonizzazione, nei
diversi Stati membri, delle normative di tutela delle specie di uccelli selvatici viventi sul territorio
europeo. Tale armonizzazione risulta particolarmente importante per la gestione delle specie
migratrici, che rappresentano la maggioranza di quelle presenti nel territorio dell’Unione, in quanto la
condivisione di medesime popolazioni tra Paesi diversi richiama fortemente l’esigenza di adottare
strategie di conservazione comuni.
Questo volume presenta la sintesi delle informazioni sullo stato di conservazione dell’avifauna
italiana fornite dall’Italia alla Commissione Europea per ottemperare agli obblighi di rendicontazione
previsti dall’art. 12 della Direttiva Uccelli ed offre una visione aggiornata dello stato di conservazione
degli uccelli legati ai diversi contesti geografici ed ambientali. Da esso emerge chiaramente per la
tutela dell’avifauna europea l’importanza dell’Italia che, per la sua particolare posizione geografica,
ospita una grande varietà di specie nidificanti legate sia ai climi caldi degli habitat mediterranei, sia a
climi temperati o freddi tipici degli ambienti continentali e alpini, e che, nello stesso tempo,
rappresenta una vera e propria cerniera tra l’Europa e l’Africa per milioni di uccelli migratori che
regolarmente attraversano la penisola.
Le informazioni raccolte per l’elaborazione del Rapporto Nazionale sono state ottenute grazie
al lavoro di coordinamento, raccolta e analisi dei dati svolto dalla Direzione per la Protezione della
Natura e del Mare e dall’ISPRA con il supporto di LIPU BirdLife Italia, delle Amministrazioni delle
Regioni e Province Autonome e della fitta rete di esperti che hanno contribuito ad aggiornare le
informazioni nei diversi contesti territoriali e all’interno della Rete Natura 2000.
Nell’ottica della crescente esigenza di raccogliere dati che consentano di descrivere,
interpretare e quantificare gli effetti che l’implementazione della Direttiva Uccelli ha sulle
popolazioni di specie di interesse comunitario nei diversi Paesi, tale cooperazione tra istituzioni e
mondo scientifico, stabilita in base al Decreto Interministeriale del 6 novembre 2012, rappresenta il
presupposto indispensabile per la creazione di un’efficiente rete di monitoraggio nazionale
dell’avifauna.
Mi auguro che questo volume possa fornire, nel corso del prossimo ciclo di rendicontazione
della Direttiva Uccelli, un utile contributo per il rafforzamento delle collaborazioni già avviate,
nonché rappresentare un passo avanti per la conoscenza dello stato di conservazione di una
importante porzione dell’enorme Capitale naturale presente nel nostro Paese.

IV
Prefazione
Dott. Stefano La Porta
Direttore Generale ISPRA

Gli uccelli si inseriscono tra i gruppi animali più importanti del patrimonio naturale italiano, sia
per l’entità delle popolazioni ospitate sia per l’estrema varietà di specie presenti, testimonianza
dell’eccezionale diversità ambientale del Paese. Malgrado le iniziali difficoltà ad allinearsi con la
Direttiva Uccelli - il principale punto di riferimento normativo a livello europeo per la conservazione
dell’avifauna e dei loro habitat, l’Italia ha oggi compiuto passi significativi verso l’attuazione di
politiche volte a preservare le popolazioni di uccelli presenti sul territorio nazionale. L’istituzione di
oltre 600 Zone di Protezione Speciale e l’attuazione di numerosi interventi di conservazione – in
buona parte finanziati attraverso Progetti Life Natura – hanno certamente contribuito a migliorare lo
stato delle specie dell’avifauna italiana, soprattutto negli ecosistemi a maggiore vulnerabilità come
quelli acquatici. Le attività umane, tuttavia, hanno un’influenza ancora determinante su molte
popolazioni di uccelli e diverse minacce quali la riduzione degli habitat, l’inquinamento e il disturbo
possono condizionare negativamente o addirittura comprometterne il già precario assetto
demografico.
Il periodico controllo dello stato dell’avifauna a livello nazionale si configura quindi uno
strumento strategico per controllare lo stato dell’ambiente e verificare l’efficienza delle politiche
attuate, un compito che a livello tecnico-istituzionale rientra tra le competenze dell’ISPRA. Il nostro
Istituto, incaricato di raccogliere ed elaborare le informazioni concernenti le dimensioni delle
popolazioni e degli areali dell’avifauna italiana, ha potuto redigere il Rapporto sullo stato di
conservazione dell’avifauna italiana ai sensi dell’art. 12 della Direttiva Uccelli (ed il relativo
database), grazie al lavoro del personale afferente all’Area Avifauna Migratrice di ISPRA e alla
collaborazione delle Regioni e Province autonome, di Università ed enti di ricerca, delle associazioni
ornitologiche e di numerosi ornitologi impegnati nella raccolta di dati, soggetti ai quali è rivolto un
sentito ringraziamento. Il presente volume è stato prodotto con l’intento di sintetizzare i risultati
dell’attività di rendicontazione e di fornire uno strumento di agevole consultazione per quanti operano
nel settore della conservazione.
In futuro l’ISPRA intende continuare ad assolvere alla funzione di Ente istituzionale di
riferimento per la raccolta delle informazioni necessarie per fornire un quadro aggiornato e quanto più
attendibile dello stato di conservazione dell’avifauna in Italia. In quest’ottica, un ulteriore
coinvolgimento degli enti e delle associazioni che operano a livello periferico ed un loro
coordinamento nazionale non potrà che migliorare e consolidare il bagaglio di conoscenze finora
acquisite. In questa prospettiva, l’utilizzo degli uccelli come indicatori ambientali assumerà un ruolo
sempre più rilevante nella valutazione complessiva dell’ambiente e dello stato del nostro patrimonio
naturale.

V
INDICE
1. INTRODUZIONE……………………………………………………………….………… 1
1.1. Aspetti normativi……………………………………………………………………… 1
1.2. Il rapporto dell’Italia per il periodo 2008-2012 ……………………………………. 2

2. CRITERI E STANDARD DI RENDICONTAZIONE…………………………………….. 4


2.1. Il Rapporto generale……………………………………………………………...…… 4
2.2. Il Rapporto sullo stato delle specie e dei trend………………………………………... 5
2.3. Ambito geografico e specie oggetto del Rapporto……………………………………. 5
2.4. Informazioni sulla specie [1] …………………………………………………………. 6
2.5. Dimensione della popolazione [2] ……………………………………………………. 6
2.6. Trend di popolazione [3] ………………………………………………………...…… 8
2.6.1. Trend a breve termine [3.1].….………………………………..…………..…… 9
2.6.2. Trend a lungo termine [3.2]..………………………………..………..………… 11
2.7. Il materiale cartografico ……………………………………………….……………… 12
2.7.1. Acquisizione dei dati………………………………………………….………… 14
2.7.2. Traduzione, trasposizione e aggiornamento dei dati…..……………………… 14
2.7.3. Distribuzione in periodo riproduttivo e dimensione dell’areale [4]…..……….. 15
2.7.4. Trend di areale [5] …….…………………………………………….…………. 17
2.8. Progressi nelle attività correlate ai piani per la gestione delle specie:
Species Action Plans (SAPs), Management Plans (MPs) o Brief Management
Statements (BMSs) [6] …………………………………………………………..…… 19
2.9. Pressioni e minacce [7] ……………………………………………………………..… 20
2.10. Contributo delle ZPS [8.1] e misure di conservazione [8.2] …………………….…… 21

3. ANALISI DELLO STATO DI CONSERVAZIONE DELL’AVIFAUNA IN ITALIA 22


3.1 Attuale assetto demografico e distributivo dell’avifauna………………………...…… 22
3.2. Distribuzione della ricchezza……………………………………………………….… 27
3.3. I trend delle popolazioni nidificanti………………………………………...………… 28
3.4. I trend delle popolazioni svernanti…………….……………………………………… 33
3.5. Trend di areale………………………………………………………………………… 33
3.6. Le pressioni e le minacce..….………………………………………………………… 37
3.7. Il ruolo delle ZPS…………………...………………………………………………… 38
3.8. Le misure di conservazione…………………………………………………………… 41
3.9. Qualità dei dati……………………………………………………...………………… 42
3.10. Lo stato di conservazione dell’avifauna e l’applicazione della Direttiva: un primo
“bilancio”……………………………………………………………………………… 43
3.11 Le prospettive per migliorare il Rapporto: il monitoraggio……………………...…… 48

4. SCHEDE SPECIFICHE………………..………………………..……………………….. 51
4.1. Le schede delle popolazioni oggetto di approfondimento ………………..……...…… 51
4.2. Schema di scheda e legenda della cartografia………………………………………… 53
Strolaga mezzana Gavia arctica arctica……………………………………………… 55
Svasso maggiore Podiceps cristatus cristatus…………………………...…………… 56
Svasso piccolo Podiceps nigricollis nigricollis………………….…………………… 57
Berta maggiore Calonectris diomedea………………………………...……………… 58
Berta minore Puffinus yelkouan……………………………………………………… 60
Uccello delle tempeste Hydrobates pelagicus melitensis…………………………..… 62
Cormorano Phalacrocorax carbo sinensis……………………………….…………… 64
Marangone dal ciuffo Phalacrocorax aristotelis desmarestii………………………… 66
Marangone minore Phalacrocorax pygmeus……………………………………….… 68
Tarabuso Botaurus stellaris stellaris………………………………………………… 70
Tarabusino Ixobrychus minutus minutus……………………………………………… 72
Nitticora Nycticorax nycticorax nycticorax…………………………………………... 74
Sgarza ciuffetto Ardeola ralloides ralloides………………………………………….. 76
Airone guardabuoi Bubulcus ibis ibis………………………………………………… 78
Garzetta Egretta garzetta garzetta……………………………………………………. 80

VI
Airone bianco maggiore Casmerodius albus albus…………………………………… 82
Airone rosso Ardea purpurea purpurea………………………………………………. 84
Cicogna nera Ciconia nigra…………………………………………………………... 86
Cicogna bianca Ciconia ciconia ciconia……………………………………………… 88
Mignattaio Plegadis falcinellus falcinellus…………………………………………… 90
Spatola Platalea leucorodia leucorodia………………………………………………. 92
Fenicottero Phoenicopterus roseus…………………………………………………… 94
Oca selvatica Anser anser…………………………………………………………… 96
Volpoca Tadorna tadorna…………………………………………………………..… 97
Fischione Anas penelope……………………………………………………………… 98
Alzavola Anas crecca crecca…………………………………………………………. 100
Germano reale Anas platyrhynchos platyrhynchos…………………………………… 101
Anatra marmorizzata Marmaronetta angustirostris………………………………….. 102
Moretta tabaccata Aythya nyroca…………………………………………………...… 104
Falco pecchiaiolo Pernis apivorus…………………………………………….……… 106
Nibbio bruno Milvus migrans………………………………………………………… 108
Nibbio reale Milvus milvus………………………………………………………….… 110
Gipeto Gypaetus barbatus…………………………………………………………..… 112
Capovaccaio Neophron percnopterus………………………………………………… 114
Grifone Gyps fulvus…………………………………………………………………… 116
Biancone Circaetus gallicus…………………………………………………………... 118
Falco di palude Circus aeruginosus…………………………………………………... 120
Albanella minore Circus pygargus…………………………………………………… 122
Astore di Sardegna Accipiter gentilis arrigonii………………………………….…… 124
Aquila reale Aquila chrysaetos…………………………………………………..…… 126
Aquila di Bonelli Aquila fasciatus……………………………………………….…… 128
Grillaio Falco naumanni……………………………………………………………… 130
Falco cuculo Falco vespertinus…………………...………………………...………… 132
Falco della regina Falco eleonorae…………………………………………………… 134
Lanario Falco biarmicus……………………………………………………………… 136
Falco pellegrino Falco peregrinus……………………………………………….…… 138
Francolino di monte Bonasa bonasia…………………………………………..…….. 140
Fagiano di monte Tetrao tetrix tetrix…………………………………………………. 142
Pernice bianca Lagopus muta helvetica………………………………………………. 144
Gallo cedrone Tetrao urogallus………………………………………………………. 146
Coturnice Alectoris graeca …………………………………………………………... 148
Pernice sarda Alectoris barbara………………………………………………………. 150
Voltolino Porzana porzana…………………………………………………………… 152
Schiribilla Porzana parva parva……………………………………………………… 154
Re di quaglie Crex crex……………...………………………………………………... 156
Pollo sultano Porphyrio porphyrio porphyrio.…………………………..…………… 158
Folaga Fulica atra atra…………………………………………………..…………… 160
Gallina prataiola Tetrax tetrax tetrax…………………………………….…………… 162
Cavaliere d'Italia Himantopus himantopus…………………………………………… 164
Avocetta Recurvirostra avosetta……………………………………………………… 166
Occhione Burhinus oedicnemus………………………………………………….…… 168
Pernice di mare Glareola pratincola pratincola……………………………………… 170
Fratino Charadrius alexandrinus alexandrinus………………………………….…… 172
Piviere tortolino Eudromias morinellus………………………………………….…… 174
Piovanello pancianera Calidris alpina……………………………………………...… 176
Gabbiano corallino Larus melanocephalus…………………………………………… 178
Gabbiano roseo Larus genei…………………………………………………………... 180
Gabbiano corso Larus audouinii……………………………………………………… 182
Sterna zampenere Sterna nilotica nilotica……………………………………………. 184
Beccapesci Sterna sandvicensis………………………………………………………. 186
Sterna comune Sterna hirundo………………………………………………………... 188
Fraticello Sterna albifrons albifrons………………………………………………….. 190
Mignattino piombato Chlidonias hybrida…………………………………………….. 192
Mignattino comune Chlidonias niger………………………….…………………….. 194

VII
Gufo reale Bubo bubo………………………………………………………………… 196
Civetta nana Glaucidium passerinum………………………………………………… 198
Allocco degli Urali Strix uralensis………………………………………….………… 200
Civetta capogrosso Aegolius funereus………………………………………………… 202
Succiacapre Caprimulgus europaeus…………………………………………….…… 204
Martin pescatore Alcedo atthis…………………………………………...…………… 206
Ghiandaia marina Coracias garrulus………………………………………………… 208
Picchio cenerino Picus canus………………………………………….……………… 210
Picchio nero Dryocopus martius……………………………………………………… 212
Picchio rosso mezzano Dendrocopos medius………………………………………… 214
Picchio dalmatino Dendrocopos leucotos…………………………………………….. 216
Picchio tridattilo Picoides tridactylus………………………………………………… 218
Calandra Melanocorypha calandra…………………………………………………… 220
Calandrella Calandrella brachydactyla………………………………………………. 222
Tottavilla Lullula arborea…………………………………………………………..… 224
Calandro Anthus campestris………………………………………………………..… 226
Forapaglie castagnolo Acrocephalus melanopogon…….………………………..…… 228
Magnanina sarda Sylvia sarda……………………………….…………………..…… 230
Magnanina comune Sylvia undata…………………………….……………………… 232
Sterpazzolina di Moltoni Sylvia subalpina………………….….……………………… 234
Bigia padovana Sylvia nisoria………………………………..……………..………… 236
Balia dal collare Ficedula albicollis………………………………..………….……… 238
Averla piccola Lanius collurio…………………………………….…….…………… 240
Averla cenerina Lanius minor………………………………………………………… 242
Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax………………………………………… 244
Ortolano Emberiza hortulana……………………………………………….………... 246

ALLEGATI
Allegato A - Quadro riepilogativo: Check-list per l’art. 12 della Direttiva Uccelli,
dimensione delle popolazioni specifiche e trend …………………….…………………….. 248
Allegato B - Quadro riepilogativo per le altre specie: dimensione e variazione dell’areale
a breve e a lungo termine delle popolazioni nidificanti non classificate come
trigger………………………………………………………………………………………. 255
Allegato C - Elenco delle pressioni e delle minacce……..….……………………………... 299
Allegato D - Elenco delle misure di Conservazione………….…………………………….. 303

BIBLIOGRAFIA ………………………………………………………….….………………. 304

Indice delle specie trattate nel volume……………………………………………………….… 310


Executive summary……………………………………………………………...……………… 312

VIII
1. INTRODUZIONE

La politica di conservazione della biodiversità dell’Unione Europea si basa su due direttive distinte,
tra loro complementari: la Direttiva Uccelli (2009/147/CE che ha sostituito la precedente Direttiva
79/409/CEE) e la Direttiva Habitat (92/43/CEE).
La circostanza che il quadro normativo non sia unitario e che esista una fonte normativa dedicata alla
conservazione degli uccelli e un’altra rivolta alla conservazione di tutti i restanti gruppi tassonomici e
degli ambienti naturali ha motivazioni storiche. In primo luogo, l’estrema mobilità degli uccelli ha
reso evidente la necessità di armonizzare le disposizioni di tutela vigenti nei diversi Paesi molto prima
che per le altre specie selvatiche. In secondo luogo, il migliore livello di conoscenza sullo stato di
conservazione delle popolazioni ornitiche ha permesso di intervenire con maggiore efficacia su questo
gruppo di animali, aprendo la strada alle politiche per la tutela del patrimonio naturale europeo.
In effetti, la Direttiva Habitat, nata 13 anni dopo la Direttiva Uccelli, ha ripreso in gran parte
l’impianto di quest’ultima direttiva, pur ampliando l’ambito di tutela dalle singole specie agli habitat.
Al tempo stesso, tuttavia, non ha modificato la norma relativa agli uccelli, che si è mantenuta distinta
negli anni. Ne consegue che ancora oggi gli uccelli godano di un regime di tutela parzialmente
diverso rispetto a quello degli altri animali selvatici e delle piante.
Una differente regolamentazione per la conservazione degli uccelli trova una sua ragione d’essere
anche nel particolare appeal che questo gruppo tassonomico ha sulle persone. Gli uccelli sono animali
per lo più diurni, facilmente contattabili grazie alla vista o all’udito, e dunque tendono a attirare
l’attenzione dell’uomo. Questi probabilmente sono i motivi per cui essi sono oggetto d’interesse da
parte di categorie di persone che talora entrano in conflitto tra loro (come nel caso di cacciatori e
ambientalisti). Ma questa è anche la ragione per cui un numero crescente di persone si dedica al
birdwatching, spesso partecipando a programmi di monitoraggio e di censimento che permettono di
ottenere informazioni circostanziate sulla distribuzione e sulla consistenza delle diverse popolazioni.
Proprio quest’ultimo aspetto consente di avere un quadro più dettagliato dello status delle diverse
specie, di comprenderne meglio le dinamiche demografiche e, conseguentemente, di valutare più
efficacemente la validità delle azioni di conservazione poste in atto in attuazione della normativa
comunitaria.
Non deve stupire dunque che le autorità europee abbiano previsto standard diversi nel definire le
modalità di rendicontazione dello stato di attuazione delle Direttive Habitat e Uccelli. Per
quest’ultima direttiva è stato richiesto a ciascun Stato membro di redigere un rapporto che includesse
informazioni dettagliate sulla popolazione (dimensione, trend, areale, ecc.) per ogni specie nidificante
e per una parte di quelle svernanti. Anche in questo caso gli uccelli hanno rappresentato un caso di
studio, un modello cui tendere per la gestione di altri gruppi sistematici che ancora oggi risultano
poco noti e studiati.
In questo volume sono riportati i risultati delle attività di indagine e le informazioni raccolte per la
redazione del Rapporto Nazionale sullo stato di conservazione degli uccelli, frutto della
collaborazione tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), le
Regioni e Province autonome, l’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA)
e la Lega Italiana Protezione Uccelli. Oltre alla presentazione dei dati trasmessi alla Commissione
Europea, si è ritenuto utile inserire anche una serie di elaborazioni e di analisi, con l’obiettivo di
consentire una più agevole valutazione dello stato complessivo di conservazione dell’avifauna italiana
e di individuare le priorità di monitoraggio e intervento per gli anni a venire.

1.1. Aspetti normativi


La Direttiva Uccelli ha sancito alcuni principi fondamentali che hanno contribuito ad indirizzare le
scelte in materia di tutela nei diversi Stati membri dell’Unione Europea; in particolare, essa ha
previsto la tutela rigorosa di tutte le specie e la conservazione dei loro habitat.
Ogni specie ornitica vivente allo stato libero sul territorio dell’Unione è protetta; è pertanto previsto il
divieto di uccidere, disturbare, catturare, detenere o commerciare individui adulti, pulcini o uova e di
distruggere o danneggiare nidi (artt. 5 e 6). A questo regime generale di tutela si può derogare per
consentire la caccia (art. 7) o per ragioni motivate (art. 9). La caccia può essere autorizzata solo nei
confronti di un numero limitato di specie, elencate nell’allegato 2, a condizione che non ne venga
pregiudicato lo stato di conservazione. Inoltre non può essere consentita la caccia nel periodo della

1
riproduzione e della dipendenza dei giovani, o durante la migrazione di ritorno nelle aree riproduttive
nel caso delle specie migratrici. Le deroghe previste dall’art. 9 possono essere concesse solo per
esigenze di pubblica incolumità, per prevenire gravi danni ad attività economiche o ad altre specie
selvatiche, per motivi di ricerca, didattici o di ripopolamento, o per consentire impieghi misurati in
piccola quantità.
Per garantire la tutela degli habitat, ogni Stato membro deve individuare sul proprio territorio le aree
più importanti per l’avifauna e deve proteggerle istituendo Zone di Protezione Speciale (ZPS). Queste
aree protette devono preservare una porzione significativa del territorio dello Stato membro; inoltre, il
regime di tutela deve garantire la conservazione delle diverse tipologie ambientali, per assicurare il
mantenimento di adeguati livelli di popolazione di tutte le specie.
La Direttiva richiede verifiche periodiche sulle modalità di attuazione delle norme sopra richiamate.
In particolare, l’art. 12 prescrive che, ogni tre anni, gli Stati membri dell’UE trasmettano alla
Commissione Europea una relazione per verificare l’efficacia delle misure di conservazione poste in
essere. A sua volta la Commissione è tenuta ad elaborare una relazione riassuntiva, basata sui rapporti
nazionali, indirizzata alla valutazione dei progressi conseguenti all’applicazione della Direttiva.
Nel 2011, la Commissione Europea, in accordo con gli Stati membri, ha rivisto le procedure di
rendicontazione, in modo che i rapporti nazionali permettano di delineare un quadro dello status e del
trend delle popolazioni ornitiche, in analogia a quanto previsto per la Direttiva Habitat. Al tempo
stesso, la frequenza di rendicontazione è stata fissata ogni sei anni, per risultare concomitante con il
rapporto relativo alla Direttiva Habitat.
A seguito di una lunga fase istruttoria effettuata con il supporto tecnico dell’Agenzia Europea
dell’Ambiente e degli Stati membri, nel settembre del 2012 è stato definito un format standardizzato
(database) per la raccolta e l’elaborazione dei dati da inserire nei rapporti nazionali per monitorare lo
stato di conservazione delle specie e le misure gestionali messe in atto dai singoli Stati membri. Il
termine per la compilazione del primo rapporto secondo questo nuovo standard è stato fissato per il
31 dicembre 2013.
Lo Stato italiano, nella prospettiva di rendere quanto più razionale e coerente la raccolta dei dati utili
ai fini della rendicontazione, ha definito, attraverso il Decreto interministeriale 6 novembre 2012, le
tipologie di informazioni e le modalità di trasmissione che le Regioni e le Province Autonome sono
tenute a comunicare al MATTM e al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
In particolare, il decreto specifica che i dati devono consentire di elaborare l’areale e la consistenza
delle specie, con indicazioni sulle relative tendenze demografiche, nonché sulle minacce allo stato di
conservazione. L’ISPRA viene infine individuato quale organo tecnico per l’elaborazione dei dati.

1.2. Il rapporto dell’Italia per il periodo 2008-2012


L’attività di rendicontazione svolta dall’Italia per ottemperare agli obblighi previsti dall’art. 12 della
Direttiva Uccelli ha comportato la raccolta e l’analisi dei dati relativi allo stato di conservazione delle
popolazioni di uccelli viventi sul territorio nazionale, con particolare riguardo alle specie nidificanti e
alle specie dell’Allegato I della Direttiva. Contestualmente sono state raccolte anche informazioni
sulle minacce che gravano sulle specie, nonché sulle misure di conservazione messe in atto.
In applicazione al Decreto interministeriale 6/11/2012, su incarico del MATTM1, l’ISPRA ha
intrapreso un’indagine basata principalmente sulla raccolta di materiale bibliografico recante
informazioni sulle specie oggetto del Rapporto, avvalendosi della collaborazione della LIPU (Lega
Italiana Protezione Uccelli) e attivando al contempo una rete di referenti regionali. Al personale
tecnico afferente ad enti pubblici (Regioni e Province autonome, Parchi), sono stati affiancati esperti
ornitologi operanti nel mondo della libera professione e dell’associazionismo. La sinergia di questi
soggetti ha avuto un ruolo importante per ottenere dati aggiornati a ricostruire in modo quanto più
realistico le popolazioni e l’assetto distributivo delle specie. Ciò ha in parte sopperito alla scarsa
disponibilità dei dati ornitologici non ancora pubblicati o non ufficializzati, che è in parte attribuibile
alla mancanza di un efficace coordinamento istituzionale delle diverse iniziative di monitoraggio
presenti nel nostro Paese.
La stesura del Rapporto ha inoltre previsto alcuni passaggi formali di approvazione e condivisione
delle informazioni da parte delle Regioni e Province autonome. Le attività di rendicontazione si sono

1 L’incarico è stato conferito nell’ambito della convenzione MATTM-ISPRA “Attività legate all’applicazione delle direttive

Uccelli 2009/147/CE e Habitat 92/43/CEE e delle convenzioni internazionali in materia di conservazione delle specie”
stipulata il 23/07/2014 e registrata in data 19/09/2014.

2
concluse con l’invio all’Agenzia Europea dell’Ambiente tramite la rete EIONET (European
Environment Information and Observation Network) di una prima versione compilata del format, di
una sua fase di revisione e correzione automatica, e di un invio della versione definitiva del database e
delle cartografie allegate.
L’intento del presente lavoro è quello di rendere pubblici i dati raccolti per la redazione del Rapporto
da trasmettere dall’Italia in sede comunitaria alla fine del 2013 in ottemperanza agli obblighi derivanti
dall’art. 12 della Direttiva Uccelli. Questo processo di diffusione delle informazioni è stato voluto
nella convinzione che i dati presentati possano rivestite utilità ed interesse per quanti in Italia si
occupano di conservazione della biodiversità e, più specificatamente, di conservazione degli uccelli.
Per offrire una panoramica il più possibile ampia sullo stato delle popolazioni ornitiche presenti nel
nostro Paese, sono state riportate in modo dettagliato le informazioni relative a ciascuna specie
oggetto del Rapporto. Contestualmente sono state illustrate le metodiche adottate per la raccolta dei
dati e per il successivo inserimento nel database standard fornito dalla Commissione Europea, in
modo da offrire una chiave di interpretazione adeguata dei dati stessi. Infine, sono presentate alcune
elaborazioni che aiutano a individuare tendenze e a delineare possibili azioni di tutela.

Foto A. De Faveri

Foto J. Cecere - I. Maggini

Fig. 1.1, 1.2 – Il Grillaio (in alto) e la Berta maggiore (in basso) sono tra le specie di uccelli che nidificano in
Italia con una percentuale della popolazione europea significativa per la conservazione.

3
2. CRITERI E STANDARD DI RENDICONTAZIONE

Per disporre di un bagaglio di informazioni su cui basare strategie comuni per la tutela della
biodiversità, la Commissione Europea, attraverso un gruppo di esperti appositamente costituito,
unitamente agli Stati membri, ha strutturato tra il 2008 e il 2011 il nuovo format di rendicontazione
della Direttive Uccelli in modo analogo a quanto predisposto ai sensi dell’art. 17 della Direttiva
Habitat, portando la frequenza di rendicontazione a sei anni (in precedenza tre anni per la Direttiva
Uccelli).
Tutte le informazioni del Rapporto nazionale sono state compilate in un database (file Microsoft
Access), preimpostato nella sua struttura ed interfaccia grafica dalla European Environmental Agency
(EEA) e reso disponibile agli Stati membri attraverso un download dal Reference Portal per l’art. 12
del sito della rete EIONET (http://bd.eionet.europa.eu/activities/Article_12_Birds_Directive). Nello
stesso portale erano reperibili gli altri strumenti (tools) necessari alla raccolta dei dati, alla
elaborazione delle mappe, alla identificazione dei codici delle specie e delle relative pressioni o
minacce, nonché le Linee guida2 alle quali si è conformata tutta la rendicontazione.
L’adozione di un database di raccolta, strutturato secondo format comuni a tutti gli Stati membri, è un
requisito necessario per la standardizzazione, l’integrazione e l’elaborazione dei dati funzionali alla
stesura del rapporto riepilogativo che sarà prodotto dalla Commissione Europea (art. 12, comma 2).
Tale rapporto costituirà il più importante strumento di verifica delle politiche per la conservazione
degli uccelli nel territorio dell’Unione Europea.
Al termine del 2013 si è conclusa la prima rendicontazione realizzata attraverso il nuovo format. Il
rapporto, quindi, è stato non solo l’occasione per fare il bilancio a 34 anni dall’approvazione della
Direttiva Uccelli, ma sarà anche un preciso termine di confronto per le future rendicontazioni,
attraverso le quali si verrà a delineare un quadro sempre più preciso e realistico dello stato di
conservazione delle popolazioni di uccelli. Il nuovo format del rapporto consiste di due parti
principali:
- Il format del Rapporto generale per il periodo 2008-2012, compilato dal MATTM;
- Il format del Rapporto sullo stato delle specie e dei trend, compilato da ISPRA.

2.1. Il Rapporto generale


Nel Rapporto generale, ogni Stato membro è chiamato a riassumere le principali iniziative intraprese
a livello nazionale in applicazione delle disposizioni della Direttiva e in particolare le misure per il
mantenimento della coerenza della Rete Natura 2000. Nel Rapporto generale sono fornite in forma
sintetica informazioni su:
- i risultati conseguiti, valorizzando i benefici per le diverse specie, ma anche il miglioramento
nella gestione delle ZPS, i progetti che hanno coinvolto enti locali, enti di ricerca e
associazioni, le iniziative di integrazione delle ZPS nell’economia locale;
- le fonti e i siti internet da consultare per ottenere informazioni sulla rete di ZPS;
- il numero e la superficie di ZPS terrestri e marine;
- il numero di ZPS e la superficie interessata da Piani di gestione globale (comprehensive
management plans);
- i progetti di opere e i piani che hanno interessato le ZPS, per i quali sono state disposte misure
di compensazione;
- gli atlanti, i progetti di monitoraggio, le liste rosse ed altri lavori di interesse comunitario
pubblicati nel periodo di reporting;
- l’elenco delle specie alloctone.

2Assessment and reporting under Article 12 of the Birds Directive. Explanatory Notes & Guidelines for the period 2008-
2012. Final Version December 2011(https://www.bfn.de/fileadmin/MDB/documents/themen/monitoring/art_12_guidelines
_final_dec_11.pdf).

4
2.2. Il Rapporto sullo stato delle specie e dei trend
Nei successivi paragrafi viene fornita una descrizione della struttura della seconda e più cospicua
parte del Rapporto, relativa allo stato delle specie e dei trend, nella quale le informazioni sono
organizzate in schede, e ogni scheda corrisponde ad una diversa popolazione specifica.
Il format di ciascuna scheda si compone di otto sezioni a finestra, relative ad informazioni su:
[1] la specie o la popolazione specifica trattata;
[2] l’entità della popolazione;
[3] il trend di popolazione;
[4] la distribuzione e l’areale;
[5] il trend di areale;
[6] i progressi fatti nell’adozione di piani per la gestione delle specie: Species Action Plans (SAPs),
Management Plans (MPs) o Brief Management Statements (BMSs);
[7] le principali pressioni e minacce gravanti sulla specie;
[8] la popolazione delle ZPS e le misure di conservazione adottate in questi ambiti.
Di seguito vengono presentate le specie oggetto del Rapporto e le diverse sezioni del format. Viene
inoltre riportato uno specifico approfondimento sulla metodologia e sui criteri adottati, che in gran
parte ricalcano le indicazioni delle Linee guida per la compilazione. Nelle parentesi quadre che
seguono i titoli dei paragrafi sono stati indicati i numeri delle sezioni e sottosezioni in cui è suddiviso
il format.

2.3. Ambito geografico e specie oggetto del Rapporto


La Direttiva Uccelli si applica, secondo l’art. 1, a “tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo
stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri”. Per quanto riguarda l’ambito geografico,
quindi, si deve fare riferimento all’intero territorio nazionale e alle superfici marine di pertinenza.
Per quanto riguarda le specie trattate, invece, il Rapporto non segue in maniera letterale il dettato
dell’art. 1. Se infatti per “viventi” si fossero intese tutte le specie “presenti” anche in maniera
irregolare o accidentale, il numero delle specie da rendicontare sarebbe ammontato ad oltre 500
(Fracasso et al., 2009). Per evitare un sovraccarico di lavoro, le Linee guida specificano di utilizzare
come riferimento la “Check-list completa delle specie da rendicontare nella Direttiva Uccelli”,
scaricabile nel Reference Portal per la Direttiva Uccelli della rete EIONET, alla compilazione della
quale ciascuno Stato membro concorre prima dell’attività di reporting, proponendo ogni sei anni
eventuali modifiche (in funzione di sopraggiunte estinzioni o nuove colonizzazioni).
La check-list comprende 268 popolazioni di uccelli attualmente nidificanti in Italia, più 34
popolazioni di specie svernanti e quattro di specie migratrici.
La check-list italiana è stata preventivamente definita dall’Italia, di concerto con gli altri Stati membri
e con il supporto dell’ISPRA, selezionando in primo luogo:
- le popolazioni nidificanti regolari ed irregolari negli ultimi decenni;
- specie con popolazioni svernanti monitorate in modo continuativo, con un alto numero di
individui. Nel caso degli uccelli acquatici sono state considerate solo specie legate alle zone
umide abitualmente censite (sono pertanto escluse le specie che frequentano aree marine o
aree agricole non sottoposte a monitoraggio, per le quali non si dispone di stime esaustive);
- specie migratorie monitorate in modo continuativo lungo punti di passaggio cruciali (bottle
necks), con passaggi stagionali dell’ordine delle migliaia di individui.
È opportuno specificare che l’oggetto della rendicontazione non sono le “specie”, ma le “popolazioni”
del territorio nazionale appartenenti a una determinata specie. Per un numero limitato di specie della
check-list sono state elaborate più schede, riferite a popolazioni corrispondenti a sottospecie diverse
presenti nel territorio nazionale, oppure ad altre unità sottospecifiche identificate su base fenologica o
biogeografica (es. popolazioni con distinte rotte migratorie). Si tratta di particolari sottospecie che,
secondo le Linee guida, rientrano in una delle seguenti casistiche:
- sottospecie listate nell’Allegato I della Direttiva;
- sottospecie sottoposte a Species Action Plans (SAPs) – inclusi i SAP redatti in base alla
Convenzione di Berna e all’accordo AEWA - Management Plans (MPs) o Brief Management
Statements (BMSs);
- sottospecie o popolazioni listate nella colonna A del documento AEWA Status of the
Populations of Migratory Waterbirds 2009-2012;

5
- sottospecie o popolazioni di specie classificate come “globalmente minacciate” o “quasi
minacciate” secondo la Lista Rossa IUCN del 2010.
Per tutte le popolazioni sopra menzionate, il format del Rapporto deve essere compilato nelle sezioni
dalla 1 alla 5. Le sezioni 6, 7 e 8 richiedono invece informazioni aggiuntive sulle popolazioni elencate
nella check-list delle “SPA trigger species”, anch’essa scaricabile dal Reference Portal. Si tratta di un
insieme di popolazioni appartenenti a quasi3 tutte le specie listate nell’Allegato I della Direttiva, più
alcune entità definite come “specie migratrici chiave”, anch’esse selezionate previa consultazione
degli Stati membri, che in ragione dei loro consistenti contingenti migratori hanno determinato
l’istituzione di ZPS4. Per queste ultime è prevista la compilazione delle sole sezioni 1, 7, e 8.
Dai criteri indicati per la selezione delle specie da rendicontare si evince come si sia inteso conferire
particolare importanza alle entità di interesse biogeografico o scientifico presenti nel territorio
nazionale, ma anche alle specie maggiormente vulnerabili sotto il profilo della conservazione, che
come tali sono state (o possono essere) oggetto di specifici interventi o provvedimenti finalizzati al
mantenimento o all’incremento delle loro popolazioni e all’implementazione degli habitat.
Il Rapporto annovera anche specie con popolazioni ridotte o marginali, ma non le specie occasionali e
nemmeno quelle estinte prima dell’adozione della Direttiva (intorno al 1980).
Infine gli Stati membri possono in via opzionale rendicontare su un set di specie alloctone di propria
scelta. L’Italia ha scelto di rendicontare le specie naturalizzate riportate come nidificanti regolari nella
lista CISO-COI (Fracasso et al., 2009). Gli stessi Stati sono invitati a rendicontare anche le specie
che, a causa di cambiamenti climatici o di uso del suolo, risultano in fase di nuova colonizzazione,
anche se non ancora inclusi nella check-list per l’art. 12. Per l’Italia non sono al momento segnalate
nuove colonizzazioni dovute a tali cambiamenti naturali.

2.4. Informazioni sulla specie [1]


Nella prima sezione del format è indicata la popolazione trattata nella scheda, selezionata tra le specie
elencate nella lista “Bird check-list item”, coincidente con la check-list per l’art. 12. È altresì indicata
la denominazione italiana (common SpeciesName). Alla specie o alla popolazione sono vincolate nel
database altre informazioni codificate quali il codice EURING5, il codice Natura 20006, il nome
scientifico, la sottospecie e il nome scientifico alternativo (utile nei casi di cambiamento recente della
denominazione specifica).
Per quanto concerne i nomi scientifici, il Rapporto utilizza le stesse denominazioni approvate dal
CISO nella check-list 2009 (Fracasso et al., 2009). Nel caso in cui sul territorio dell’Unione
Europea siano presenti più sottospecie di una stessa specie, è stato indicato anche il riferimento
tassonomico dell’unità sottospecifica a cui i dati si riferiscono.
Infine nella stessa sezione è specificata la categoria fenologica della popolazione trattata nella scheda
(breeding = popolazione nidificante; wintering = popolazione svernante; passage = popolazione
migratoria).

2.5. Dimensione della popolazione [2]


Anno o periodo [2.1]
Il Rapporto richiede di indicare l’anno cui si riferisce la stima della popolazione. Convenzionalmente
è stato riportato l’anno della fonte disponibile più recente, recante la dimensione della popolazione,
oppure l’anno o il periodo di riferimento di una stima antecedente a detta fonte, qualora specificato
dagli autori della fonte stessa.
E’ stato inserito un intervallo temporale (invece di un singolo anno) qualora la stima sia desunta
integrando dati di aree geografiche rilevate in anni differenti, oppure corrisponda ad una media
nazionale di più annate consecutive. Quest’ultimo approccio è stato in particolare utilizzato per le
3 Le uniche popolazioni di Allegato I non trigger sono la Starna italica (Perdix perdix italica) e l’Oca lombardella (Anser
albifrons).
4 In sede di definizione della checklist italiana, sono state selezionate in particolare le specie di rapaci migratori monitorate

negli ultimi anni con maggiore continuità ed affidabilità lungo i corridoi migratori.
5
http://www.euring.org/data_and_codes/euring_code_list/euring_code_tables.htm
6
http://www.eea.europa.eu/data-and-maps/daviz/sds/list-of-species-with-natura/@@view

6
specie svernanti acquatiche, la cui stima (Fonte: dati ISPRA relativi all’International Waterbird
Census) è stata calcolata come media sul triennio 2000-2002, al fine di attenuare l’effetto di
pronunciate variazioni interannuali.
Nella compilazione del Rapporto sono stati inseriti, di norma, dati compresi nel periodo 2008-2012.
Tuttavia in diversi casi si è dovuto fare riferimento ad anni al di fuori di questo intervallo, incluso il
2013. Tale possibilità è stata prevista dal format per ovviare a carenza di dati.

Fig. 2.1 – Finestra del Reporting Tool relativa alla sezione [2] “Population size” (nell’esempio sono riportati i dati
dell’Allodola).

Unità – Stima massima e minima [2.2]


La dimensione della popolazione è riportata come numero di coppie riproduttive (benché per molte
specie le stime siano basate sul numero di territori occupati durante la stagione riproduttiva). Per
alcune popolazioni, si è dovuto procedere ad un adattamento del valore di stima (quasi sempre
espresse in coppie) ad una diversa unità di quantificazione imposta dal format (es. numero di “maschi
canori” e di “femmine”). Per le specie svernanti e migratrici, la popolazione è espressa in individui.
Si è applicato il criterio di indicare la dimensione massima e minima della popolazione nazionale
censita o stimata; tali valori risultano coincidenti nei casi in cui la popolazione sia stata censita con
metodi assoluti. Di norma i valori minimi e massimi della stima corrispondono agli estremi
dell’intervallo di variazione per l’anno o per il periodo di riferimento. La stima può essere anche il
risultato della somma di sub-popolazioni regionali che rappresentino l’intera popolazione nazionale
riferita all’anno o al periodo indicato.

Tipo di stima [2.3]


Per indicare il livello di precisione della stima, il format impone la scelta di una delle seguenti
opzioni:
- stima migliore: il miglior dato disponibile, tratto da progetti di censimenti nazionali o atlanti,
per i quali gli intervalli di confidenza al 95% non possono essere calcolati;
- media di cinque anni;
- stima con un intervallo di confidenza al 95%;
- valore minimo: nei casi in cui non si disponga di una stima accurata e il dato inserito sia
verosimilmente sottostimato.
Nella maggior parte dei casi è stata riportata la stima migliore (best estimate). La stima minima
(minimum) è stata inserita nei rari casi in cui la popolazione riportata apparisse sottostimata sulla base
dei dati disponibili per sub-popolazioni regionali.

Metodo usato [2.4]


Anche in questo caso il format prevede di scegliere una delle seguenti opzioni relative ai metodi su
cui è basata la stima e alla qualità dei dati:
- 3, censimento completo o stima statisticamente affidabile;
- 2, stime basate su dati parziali, con alcune estrapolazioni e/o modellizzazioni;

7
- 1, stime basate sull’opinione di esperti e campionamenti minimali;
- 0, dati assenti.
Per stime attendibili, suffragate da censimenti esaustivi, o tali da coprire la totalità dei siti idonei per
la specie, è stata applicata la categoria più alta (3 - complete survey). Per stime frutto di studi
campionari e conteggi parziali, è stata attribuita la categoria 2 (Estimate based on partial data with
some extrapolation and/or modelling). Per la gran parte delle specie (soprattutto uccelli appartenenti
ai Passeriformi, per i quali non sono disponibili stime estrapolate da studi campionari), è stata
utilizzata la categoria più bassa (1), in quanto le stime riportate derivano da valutazioni soggettive (1 -
Estimate based on expert opinion with no or minimal sampling).

Qualità [2.5]
È richiesto di esprimere un giudizio di qualità complessiva sul dato - scelto tra le tre categorie 3=
buono; 2= moderato; 1= basso - e attribuito tenendo conto di quanto il dato è realistico (nel periodo in
cui è stato stimato), di quanto è recente e del metodo utilizzato per ottenerlo.
È stata assegnata una qualità elevata all’informazione quando le popolazioni sono censite in modo
esaustivo, oppure quando le stime sono basate su estrapolazioni di conteggi statisticamente affidabili
o con un elevato grado di copertura del territorio nazionale o delle aree potenzialmente idonee alla
specie (es. specie acquatiche). La classe 1 è associata a stime con intervalli di minimo-massimo molto
ampi e a tutte le stime classificate come expert-based.

Fonti [2.6]
Quale principale fonte bibliografica è stata considerata quella riportante la stima della popolazione
nazionale più recente ed attendibile, anche se riferita in modo esplicito ad un anno o ad un periodo
antecedente all’anno di pubblicazione della fonte stessa (si veda a tale proposito il punto 2.1).
Sono citate più fonti ove sia stato ritenuto che concorrano a definire la stima dell’intera popolazione
nazionale attraverso dati parziali o regionali.

Motivi del cambiamento [2.7]


Questa sottosezione serve a valutare se la variazione dei dati di popolazioni tra un Rapporto ed il
successivo sia dovuta a diversi fattori:
- variazione reale della popolazione;
- miglioramento della conoscenza, dati più accurati;
- uso di differenti metodi di conteggio;
- uso di differenti metodi di elaborazione dei dati.
Poiché il Rapporto 2013 è il primo elaborato secondo il nuovo format, la compilazione di tale campo
dovrà essere effettuata nel prossimo Rapporto (2019).

Informazioni aggiuntive [2.8]


A giustificazione dei dati inseriti, sono state inserite note aggiuntive nei seguenti casi:
- qualora la fonte bibliografica sollevi dei dubbi sulla veridicità del dato e segnali che la stima
potrebbe risultare sovrastimata o sottostimata rispetto al reale valore della popolazione;
- qualora le stime risultanti dalle fonti forniscano tendenze demografiche contrastanti con i
trend emersi da elaborazioni statistiche basate su metodologie validate o da analisi effettuate a
scala geografica locale, tali da far dubitare che le stime passate (basate su opinioni di esperti e
come tali pesantemente sovrastimate o sottostimate) siano attendibili.

2.6. Trend di popolazione [3]


La variazione della popolazione nel tempo è un parametro essenziale per valutare lo stato della specie
a scala nazionale ed europea. Il Rapporto richiede due tipologie di dato:
- il trend a breve termine (ultimi 12 anni) [3.1]
- il trend a lungo termine (a partire dal 1980 circa) [3.2]

8
2.6.1.Trend a breve termine [3.1]

Periodo di riferimento [3.1.1]


Il format richiede di riferire il trend al periodo 2000-2012. Il periodo inserito, tuttavia, è stato
condizionato dalla disponibilità di fonti aggiornate su popolazioni e trend. Per buona parte delle
specie a più ampia diffusione il periodo di riferimento adottato corrisponde all’intervallo di
monitoraggio del Progetto MITO, attivo dal 2000 (Campedelli et al., 2012; Rete Rurale Nazionale &
LIPU, 2013). Per le popolazioni svernanti di specie acquatiche, il trend è stato desunto dall’analisi
della serie temporale di dati nazionali dell’International Waterbird Census (IWC) raccolti nei trienni
di confronto il 2000-2002 (Baccetti et al., 2002) e 2007-2009 (fonte: dati IWC ISPRA).

Fig. 2.2 – Finestra del Reporting Tool relativa alla sezione [3] “Population Trend” (nell’esempio sono riportati i dati
dell’Allodola).

Direzione [3.1.2]
È riportato il segno della variazione a breve termine emersa dal confronto delle stime di popolazione
rilevate negli anni indicati per il periodo di confronto, ove disponibili.
Il format richiede di indicare una delle seguenti opzioni:
0 = popolazione stabile;
F = popolazione fluttuante;
+ = popolazione in aumento;
- = popolazione in decremento;
x = segno della variazione sconosciuto.
Per molte specie la cui popolazione è risultata sconosciuta in uno dei due anni posti a confronto, al
trend è stata attribuita la categoria “sconosciuto” (unknown), a meno che il segno del trend potesse
ugualmente emergere da analisi corroborate da metodologie statistiche affidabili (es. analisi dei trend
dei dati MITO) o dal giudizio espresso sulle più recenti pubblicazioni che nel loro insieme
documentassero, anche basandosi su lavori di scala regionale o locale, un incremento o un
decremento della popolazione estrapolabile a livello nazionale.
Per le popolazioni svernanti di specie acquatiche, il trend è stato desunto dall’analisi della serie
temporale dei dati IWC, ponendo a confronto i dati dei trienni 2000-2002 e 2007-2009.
La categoria “fluctuating” è stata attribuita a popolazioni con forti variazioni numeriche interannuali
nell’ambito del periodo di riferimento.

9
Magnitudine [3.1.3]
La magnitudine descrive la variazione in termini percentuali rispetto al valore della popolazione
precedentemente stimato.
La magnitudine minima e massima è calcolata in base al confronto tra le stime di popolazione (ove
disponibili) dei due momenti storici (t0, t1), espresse come valore unico (nei rari casi in cui le
popolazioni sono state censite esaustivamente e si dispone di una stima esatta) o come minimo e
massimo di un certo intervallo di variazione. A seconda dei casi, si è proceduto come indicato nella
seguente tabella:

t0 t1 Magnitudine minima e massima


Valore unico Valore unico (percentuale arrotondata al valore più vicino multiplo di 5) ±5
Intervallo (differenze percentuali tra il il valore unico e il minimo/massimo,
Valore unico
Min-Max arrotondate al valore più vicino multiplo di 5) ± 5
Intervallo (differenze percentuali tra il minimo/massimo e il Valore unico,
Valore unico
Min-Max arrotondate al valore più vicino multiplo di 5) ± 5
Intervallo Intervallo (differenze percentuali tra i rispettivi minimi e i rispettivi massimi
Min-Max Min-Max arrotondate al valore più vicino multiplo di 5) ± 5

Nei casi di assenza di stime di popolazione basate su conteggi ed estrapolazioni, o nei casi il cui le
stime fossero il risultato di valutazioni soggettive da parte di esperti, il dato di magnitudine è stato
ricavato da fonti che hanno riportato la variazione percentuale o un intervallo di variazione
percentuale a scala nazionale per gli anni di riferimento, purché emersa da analisi basate su di un
solido campionamento statistico (es. trend del progetto MITO) o da analisi di lavori di ambiti
regionali o locali in grado di quantificare, nel loro insieme, un incremento o un decremento recente
della popolazione estrapolabile a livello nazionale. In mancanza di queste informazioni, il trend a
breve termine è risultato sconosciuto (Unknown).
Per le popolazioni svernanti di specie acquatiche, la magnitudine della variazione percentuale è stata
calcolata confrontando quali valori unici le media dei dati IWC rispettivamente dei trienni 2000-02 e
2007-09.

Metodo usato [3.1.4]


Le categorie di metodo di stima e di valutazione del dato sono analoghe a quelle già descritte per la
stima di popolazione.
Per trend sufficientemente attendibili, in quanto suffragati da analisi statistiche affidabili (es. trend del
MITO), è stata applicata la categoria 3 (complete survey). Nella maggior parte dei casi, per i quali le
stime sono frutto di studi campionari e conteggi, si è ritenuta più idonea l’attribuzione della categoria
2 (Estimate based on partial data with some extrapolation and/or modelling). Si è cercato di
utilizzare la valutazione di esperti (Estimate based on expert opinion with no or minimal sampling)
nel minor numero possibile di casi.

Qualità [3.1.5]
La qualità più alta per la stima del trend a breve termine è stata attribuita ai casi in cui le popolazioni
sull’intero territorio nazionale sono state censite in modo esaustivo o il cui trend sia stato calcolato
con studi campionari statisticamente robusti ed affidabili (es. dati MITO di specie rilevate su un
campione sufficientemente numeroso). Negli altri casi si è ritenuto conferire la categoria intermedia o
la categoria più bassa (categoria 1), quest’ultima soprattutto per valutazioni di trend e quantificazioni
di magnitudine espresse da esperti.

Fonti [3.1.6]
Per gran parte delle specie le stime più aggiornate sono tratte dalla Lista Rossa redatta da Peronace et
al. (2012) e alla trattazione enciclopedica di Brichetti e Fracasso (2003, 2004, 2006, 2007, 2008,
2010, 2011, 2013). Un importante riferimento a breve termine per il trend delle specie più comuni (la
gran parte delle quali appartenenti ai Passeriformi) è l’insieme delle risultanze del Progetto MITO.
Per le altre specie sono citate tutte le fonti che riportano trend di portata nazionale ed eventualmente,
in assenza di queste ultime, tutti i lavori più recenti svolti a scala regionale o locale che abbiano
fornito elementi informativi di interesse per valutare la tendenza a scala nazionale.

10
2.6.2. Trend a lungo termine [3.2]

Periodo di riferimento [3.2.1]


Il periodo richiesto è l’intervallo 1980-2012, sebbene il format conceda una tolleranza di alcuni anni
intorno a questi estremi di riferimento.
Il periodo di volta in volta considerato è stato condizionato dalla disponibilità di fonti storiche su
popolazioni e trend. Per gran parte delle specie, il periodo indicato è 1990-2012, in quanto i primi dati
utili per la rendicontazione, per gran parte delle popolazioni italiane, si riferiscono al 1990 (BirdLife,
2004).

Direzione [3.2.2]
La direzione del trend va scelta in una scala di categorie identica a quella utilizzata per il trend a breve
termine.
Nell’impossibilità di un confronto tra stime, ad esempio nei casi in cui l’entità delle popolazioni sia
stata stimata in passato con valutazioni soggettive da parte di esperti, si è optato per attribuire il segno
(+ increase, oppure – decrease) sul lungo termine in base ai trend emersi in singoli intervalli
temporali posti a confronto, pubblicati in lavori che riportano dati sullo status di conservazione riferiti
a diversi periodi. Per la gran parte delle specie italiane, le tendenze sono state ricavate in particolare
dai dati di BirdLife (2004) per il periodo 1990-2000 e dal Progetto MITO. Il segno del trend è
risultato dagli incrementi o decrementi rilevati nei due periodi, attribuendo un valore neutro ai periodi
in cui la specie è risultata “stabile” e inserendo la voce “unknown” qualora - in uno dei due periodi - il
trend risultasse sconosciuto. Nel caso di discordanza tra segni, il segno del trend è stato assegnato
sulla base dei valori di magnitudine (si veda il paragrafo successivo). Nella seguente tabella sono
indicati le diverse casistiche ed i criteri utilizzati per l’attribuzione del segno della tendenza ( = :
stabilità; - : decremento; + : incremento):

BirdLife 2004 Dati MITO RISULTANTE


unknown unknown unknown
unknown =/+/- unknown
=/+/- unknown unknown
- - -
- = -
= - -

= = =
= + +
+ = +
+ + +
+ - +/-
- + +/-

Il trend a lungo termine non è stato inserito per le specie di recente colonizzazione del territorio
italiano.
Per le specie cui non è stato attribuito un intervallo di magnitudine, il segno del trend è stato
determinato tenendo ugualmente conto di informazioni di ambito regionale o locale, ove disponibili,
che, nel loro insieme, documentassero un incremento o un decremento recente della popolazione
estrapolabile a livello nazionale.

Magnitudine [3.2.3]
Per il trend a lungo termine sono stati utilizzati i criteri già descritti a proposito del trend a breve
termine. Tuttavia per molte specie, a causa della carenza di indagini nel passato, l’entità delle
popolazioni è spesso il risultato di valutazioni soggettive da parte di esperti. Trattando questo genere
di stime, inevitabilmente caratterizzate da intervalli di variazioni molto ampi, il dato di magnitudine è
stato ricavato integrando tra loro i valori di magnitudine dei trend stimati su ciascun singolo periodo
posto a confronto. Data una popolazione iniziale p, definite v1 e v2 le variazioni percentuali/100
stimate rispettivamente sugli intervalli temporali 1 e 2, gli estremi dell’intervallo di magnitudine sono
stati così calcolati:
- Popolazione finale min = p(1±v2)100 (caso in cui la popolazione finale sia influenzata dal
solo contributo del trend più recente)

11
- Popolazione finale max = [(p ± v1p) + (p ± v1p)v2]100 (caso in cui la popolazione finale sia
influenzata dal contributo di entrambi i trend).
La variazione percentuale risulta dalla differenza tra la popolazione finale e quella iniziale.
E’ stato omesso l’inserimento della magnitudine minima e massima nei casi in cui il trend fosse
sconosciuto o non fosse possibile quantificare la magnitudine della variazione. Per le specie di recente
colonizzazione del territorio italiano (indicativamente dopo la seconda metà degli anni ’90), la
magnitudine del trend a lungo termine non è stata riportata.

Metodo usato [3.2.4]


Le categorie di metodo di stima e di valutazione del dato sono analoghe a quelle già descritte per la
stima di popolazione e per il trend a breve termine.
La categoria 1 (complete survey) è stata riservata ai rari casi in cui le specie sono state adeguatamente
monitorate nel tempo e le stime su cui basare il long-term trend sono giudicate altamente attendibili.
Per molte specie i dati di popolazione del passato e i trend sono stati quantificati in modo grossolano e
non sono stati sostenuti da studi di popolazione e analisi statistiche. Per tale motivo la categoria più
bassa (Estimate based on expert opinion with no or minimal sampling) è stata frequentemente
riportata sulla sezione relativa alla variazione di popolazione sul lungo termine.

Qualità [3.2.5]
La classe di qualità è stata attribuita sulla base del livello di affidabilità delle stime e dei trend
elaborati per i periodi storici di confronto. Il frequente inserimento della classe di qualità più bassa è
dovuto alla mancanza di dati sull’entità della variazione alla fine dello scorso secolo e alla carenza di
informazioni sull’attendibilità delle valutazioni espresse dagli esperti.

Fonti [3.2.6]
Per l’analisi del trend a lungo termine sono stati utilizzati - ove non fossero disponibili altre fonti con
dati di maggiore dettaglio, i dati riportati in BirdLife 1994 e BirdLife 2004 comparati al trend
calcolato sul periodo più recente (per gran parte delle specie: 2000-2012, Rete Rurale Nazionale e
LIPU, 2013).

Informazioni aggiuntive [3.2.6]


A giustificazione dei dati riportati o per una loro migliore interpretazione, sono state inserite note
aggiuntive per spiegare, ad esempio i casi di inserimento di anni del periodo di rendicontazione
diversi da quelli indicati dal format, i casi di mancato inserimento dei valori di magnitudine del trend
(per es. quando il trend a lungo termine è assente per via di una recente colonizzazione) oppure
quando i dati sono viziati da sottostime o sovrastime della popolazione.

2.7. Il materiale cartografico


Per acquisire un quadro esaustivo sullo status di conservazione di una specie, i dati relativi alle
dimensioni della popolazione devono necessariamente essere integrati da informazioni sull’assetto
distributivo. Le mappe distributive costituiscono quindi una parte corposa del Rapporto, che al pari
dei dati demografici, rappresentano importanti termini di confronto per valutare la
contrazione/espansione degli areali delle specie nel tempo, e per relazionare queste variazioni con i
mutamenti ambientali e i processi rilevabili tanto a scala regionale e nazionale (es. i cambiamenti di
uso del suolo, le modifiche degli habitat) quanto a scala continentale (per es. gli effetti dei
cambiamenti climatici). A tale scopo, la dotazione di dati di distribuzione aggiornati, relativi in
particolare della distribuzione dei siti riproduttivi (che assicurano alla specie il mantenimento della
propria popolazione) è estremamente importante.
La standardizzazione dei supporti cartografici (Fig. 2.3), al pari delle altre tipologie di informazioni
trattate dal Rapporto, è essenziale per uniformare ed accorpare le informazioni provenienti dai diversi
Stati membri, oltre che per attuare confronti storici durante le fasi di rendicontazione. La base
cartografica standard prescritta dalla Commissione Europea per la digitalizzazione delle carte è una
griglia in formato vettoriale (poligoni) digitalizzata nel sistema ETRS 89, proiezione ETRS LAEA
5210. Secondo tale griglia, scaricabile dal portale EIONET, il territorio nazionale è scomposto in
unità minime di 10 x 10 km.
Sulla base di tali standard, il Rapporto per l’art. 12 richiede agli Stati membri di elaborare, per
ciascuna popolazione, due tematismi in formato digitale vettoriale (.shp files):

12
- la carta della distribuzione in periodo riproduttivo: tale carta è definita dall’insieme di celle della
griglia in cui è documentata la coincidenza con il territorio occupato per la nidificazione;
- la carta dell’areale in periodo riproduttivo: si tratta di un’ulteriore elaborazione della carta di
distribuzione, processata attraverso uno specifico tool reperibile nel portale EIONET, che verrà più
avanti descritto.
Non sono invece richieste cartografie relative alla distribuzione in periodo invernale.
L’operazione principale necessaria per l’elaborazione delle carte è il trasferimento mediante GIS delle
informazioni spaziali disponibili.
In Italia sono stati sviluppati (e sono attualmente in corso) diversi progetti nazionali e regionali di
raccolta di dati spaziali e di monitoraggio dell’assetto distributivo degli uccelli, che hanno coinvolto
un numero sempre maggiore di studiosi ed appassionati provenienti dal mondo associazionistico ed
amatoriale. Tuttavia la mancanza di una struttura istituzionale di coordinamento di questi progetti, in
grado anche di acquisire, archiviare ed aggiornare con continuità i dati di distribuzione, pone non
poche criticità quando vi è la necessità di affrontare gli adempimenti delle Direttiva, come quelli
derivanti dall’art. 12.

Fig. 2.3 – Finestra del Reporting Tool relativa alla sezione [4] “Breeding distribution map and range size” (nell’esempio
sono riportati i dati dell’Allodola).

Nell’ambito della fase di redazione della parte cartografica le principali problematiche di ordine
tecnico hanno riguardato:
- la natura dei dati, spesso riportati in forma cartacea (pubblicazioni, atlanti regionali) e raramente
disponibili in banche dati o digitalizzati su supporti cartografici di agevole interscambio (es. files di
sistemi geografici informativi);
- la non rispondenza dei dati cartografici regionali a standard prefissati di campionamento. Ciò
implica che le elaborazioni cartografiche di differenti regioni siano restituite a scale spaziali,
risoluzioni, griglie di riferimento o sistemi di proiezione differenti tra loro e non confrontabili
direttamente. Talora le carte non forniscono le medesime categorie di dati;
- la disomogeneità temporale dei dati: gli atlanti distributivi regionali fino ad ora prodotti hanno
riguardato dati di intervalli temporali molto variabili da una regione all’altra, sia nell’inizio del
periodo di riferimento sia nella durata dello stesso.
Inoltre la mancata produzione periodica di atlanti nazionali non permette di attuare un confronto
storico su scale di breve termine (almeno decennali), e quindi di interpretare le dinamiche distributive
in atto.
Questa breve premessa rende chiaro quanto oneroso ed articolato sia stato il compito di assemblare e
far convergere la mole di informazioni nel quadro degli standard imposti dalla Commissione Europea.
Ciononostante, l’esigenza di elaborare uno strumento gestionale di valore nazionale, quale si
configura il Rapporto dell’Art. 12 della Dir. Uccelli, ha imposto di superare queste problematiche
sviluppando una metodologia volta a perseguire una ricostruzione quanto più attendibile, documentata

13
ed aggiornata della distribuzione delle specie, in grado di porsi come base di confronto con le
informazioni che saranno raccolte per le future rendicontazioni.
Nei seguenti paragrafi verrà sinteticamente descritto il percorso metodologico seguito per le
elaborazioni cartografiche.

2.7.1. Acquisizione dei dati

La necessità di elaborare cartografie digitali ha indotto a reperire un primo set di dati distributivi già
informatizzati. Un importante elemento di riferimento per la definizione della distribuzione degli
uccelli nidificanti in Italia è stato il materiale cartografico elaborato per la redazione della REN (Rete
Ecologica Nazionale, Boitani et al., 2002), il più aggiornato archivio di informazioni ufficialmente
pubblicato riguardante gli areali delle specie vertebrate italiane.
In particolare, dall’insieme delle informazioni relative all’intero patrimonio faunistico dei Vertebrati
italiani, sono state estratte le cartelle e le sottocartelle di file cartografici e le corrispondenti schede (in
formato .pdf) relative al gruppo degli Uccelli.
Le altre fonti consultate sono successive all’anno di pubblicazione della REN (2002) e contengono:
- informazioni cartografiche sulla distribuzione dell’areale riproduttivo delle specie, benché non
direttamente trasferibili su supporti informatici. Si tratta in prevalenza di atlanti distributivi dove
l’evento della nidificazione (nelle categorie di “possibile”, “probabile” e “certa”) è attribuita a celle di
reticolati di risoluzione differente a seconda dell’ambito sottoposto a rilevamento;
- dati di nidificazione con espliciti riferimenti a località o unità geografiche del territorio italiano
ben definibili ed individuabili, in particolare aree protette, siti della Rete Natura 2000 ed isole. Questa
classe di informazioni ha riguardato in particolare le specie a distribuzione più limitata o localizzata,
quali ad esempio gli uccelli nidificanti negli habitat costieri e nelle zone umide.

2.7.2. Traduzione, trasposizione e aggiornamento dei dati

Le informazioni della REN hanno rappresentato il layer principale di riferimento e di confronto sul
quale è stato effettuato un primo editing della cartografia di distribuzione delle specie, secondo la
griglia ETRS 89. La traduzione delle informazioni di tale layer nella griglia è stata effettuato in forma
automatica imponendo la condizione di includere, all’interno di ogni cartografia distributiva redatta
per il reporting, le celle con sovrapposizione anche solo parziale all’areale di riferimento.

Fig. 2.4 – Traduzione dei dati cartografici ed esempio di un potenziale errore causato dall’impossibilità di
costruire mappe a partire da dati di origine. A) Localizzazione di quattro siti riproduttivi (dati di origine) e
traduzione in superficie areale (in azzurro) su una griglia chilometrica UTM (il reticolo più comunemente
utilizzato negli atlanti regionali). B) Trasposizione dei dati dell’Atlante sul reticolo ETRS 89 per il Rapporto
(art. 12), a contorno rosso: vengono annesse all’areale le tre celle (in giallo) con la maggiore sovrapposizione
alle celle dell’areale definito nella griglia UTM. C) Sulla base dei dati di origine, le celle che contribuiscono a
definire l’areale della specie in base alla griglia ETRS 89 dovrebbero essere solo le due celle gialle più a
sinistra, le uniche che includono i siti riproduttivi. La costruzione automatizzata di mappe a partire da reticoli
di atlanti regionali già elaborati (anziché da dati di origine) può generare una “traslazione” dell’areale reale
e, in questo caso, anche una sovrastima.

Per facilitare i confronti cartografici ed apportare eventuali modifiche “manuali” (in termini di
addizione o sottrazione di celle) rispetto al layer di riferimento, è stato fatto ricorso all’overlaying
visivo tra informazioni cartografiche di differenti fonti, previa operazione di georeferencing e loro
allocazione nel medesimo sistema di riferimento. Ciò ha permesso di individuare con sufficiente

14
dettaglio quali celle dovessero essere incluse nella mappa di distribuzione, assegnando la priorità
all’informazione più aggiornata (assenza o presenza della specie come nidificante) relativa alla
località ricadente in ogni singola cella della griglia ETRS 89, proveniente dalle fonti disponibili.
Per l’acquisizione di informazioni cartografiche ed atlanti basati su reticoli risultati, dopo overlaying
cartografico, difformi o traslati rispetto alla griglia standard ETRS 89, si è proceduto applicando il
criterio di includere nella distribuzione specifica le celle della griglia maggiormente sovrapposte con
le rispettive unità di rilevamento degli atlanti posti a confronto, limitando il più possibile il margine di
soggettività7.
Nei limitati casi in cui l’anomala distribuzione di determinate specie a larga diffusione, riscontrata in
determinate e circoscritte porzioni del territorio nazionale, fosse attribuibile con elevata probabilità
alla mancata copertura di unità di rilevamento, è stato fatto ricorso anche alla consultazione di
ornitologi locali di comprovata esperienza e a loro segnalazioni attendibili e cartografabili. In assenza
di dati provenienti da letteratura più aggiornata è stato mantenuto l’assetto distributivo definito dalla
REN.

2.7.3. Distribuzione in periodo riproduttivo e dimensione dell’areale [4]


Questo paragrafo descrive in sequenza le tipologie di informazioni richieste dal Rapporto nella
sezione cartografica. Il materiale cartografico è stato consegnato come allegato informatico al format.

Periodo di riferimento [4.1]


Il format prevede di inserire l’anno o il periodo più recente a cui risale la cartografia resa. L’uso
dell’intervallo è idoneo ad indicare dati raccolti in anni diversi nell’ambito di progetti di monitoraggio
che richiedono diversi anni per essere completati (es. gli atlanti nazionali o regionali).

Specie sensibili [4.2]


Al fine di salvaguardare i siti di nidificazione di alcune specie maggiormente vulnerabili al disturbo o
alla persecuzione (abbattimenti illegali, furto di pulli, ecc..), il format consente ai compilatori di
classificare la popolazione specifica come “sensibile”, fornendo l’indicazione di pubblicare le
cartografie dell’areale riproduttivo con una definizione più grossolana (50 x 50 km8). Nel presente
rapporto, questa precauzione è stata adottata per le seguenti specie: Uccello delle tempeste, Cicogna
nera, Gipeto, Grifone, Capovaccaio, Aquila di Bonelli, Falco della Regina, Lanario, Gallina prataiola,
Gabbiano corso, Allocco degli Urali.

Carta della distribuzione [4.3]


Si tratta del primo output cartografico richiesto. Per ogni specie la carta prodotta rappresenta le celle
del territorio italiano nelle quali la nidificazione è certa o probabile9. A titolo di esempio è mostrata in
Fig. 2.5 la carta del Nibbio reale.

Carta della distribuzione aggiuntiva [4.4]


Gli Stati membri possono allegare al format ulteriori carte aggiuntive, a una risoluzione diversa da
quella standard. Nei casi in cui la distribuzione delle mappe non possa essere trasformata nel
reticolato standard 10x10 km senza introdurre errori significativi, la mappa aggiuntiva può essere
utilizzata come base per quantificare la superficie dell’areale.

Carta dell’areale [4.5]


Una volta definita, la mappa distributiva va processata con lo strumento ArcGIS “Range tool”
(scaricabile dal medesimo sito) per ottenere l’areale (o range, definito nelle Linee guida come “the
shortest continous imaginary boundary which can be drawn to encompass all the sites of present
occurrence”). Il tool è un programma che, mediante un apposito algoritmo, calcola le distanze tra i
centroidi delle celle della griglia per poi costruire poligoni che si collegano ad altri centroidi della
griglia, sulla base di una specificata “gap distance” (per gli uccelli è indicata di default una
discontinuità minima di 50 km). Tutte le celle che intersecano il limite di questi poligoni, insieme alle
7 Nell’impossibilità di attuare una procedura automatizzata in assenza di dati georiferiti per tutte le specie nidificanti italiane,

sono state incluse le unità degli atlanti la cui superficie ricadeva per circa ¾ all’interno della cella ETRS 89 10 x 10 km.
8 A tale scopo è stata utilizzata la griglia ETRS89-LAEA 52N 10E per l’Italia, scaricabile dal sito:

http://www.eea.europa.eu/data-and-maps/data/eea-reference-grids
9 I medesimi criteri (per un approfondimento si consulti Meschini e Frugis, 1993) sono stati utilizzati per definire le

cartografie storiche utilizzate per il confronto nel lungo termine degli areali riproduttivi.

15
celle che rappresentano la reale distribuzione, costituiscono l’areale (Fig. 2.5). L’output è quindi una
mappa definita secondo il reticolato standard, che tende a collegare porzioni di distribuzione disgiunta
occupando celle non incluse nell’assetto originale e a compensare i gap distributivi dovuti a carenza
di dati. Per non incorrere in una eccessiva sovrastima dell’areale, il valore indicato di 50 km per la
“gap distance” è stato modulato a seconda della specie, per ottenere un areale quanto più realistico ed
attendibile.

distribuzione

areale

Fig. 2.5 – Differenza tra distribuzione (rosso) e areale (arancio). La mappa dell’areale scaturisce dal
processamento della mappa distributiva con uno specifico programma (“Range tool”) che collega porzioni di
distribuzione disgiunta e compensa i gap distributivi dovuti a carenza di dati. L’output è stato modulato
assegnando una “gap distance” specie-specifica.

Superficie dell’areale [4.6]


Il valore espresso in ettari (Ha) è la risultante del conteggio delle celle, a valle del processamento
effettuato con lo strumento ArcGIS Range Tool.

Metodo usato [4.7]


La scelta del metodo è analoga a quella richiesta per le precedenti sezioni.
Nella gran parte dei casi è stata selezionata la voce “Estimate based on partial data with some
extrapolation and/or modelling”, dal momento che per la stragrande maggioranza delle specie italiana
la distribuzione non è desunta da rilevazioni esaustive tali da coprire l’intero territorio nazionale.

Qualità [4.8]
Anche in questo caso le classi di qualità sono identiche a quelle utilizzate per le precedenti sezioni (3
= buona, 2 = moderata, 1 = bassa). In questo caso il giudizio di qualità della distribuzione e
dell’areale ha tenuto conto del grado di copertura del territorio, dell’aggiornamento (più o meno
recente) e del metodo usato per la realizzazione della mappa. Di norma è stata attribuita la classe più
bassa di qualità alle specie che mostravano distribuzione incerta o frammentaria a causa delle
difficoltà nel rilevamento (es. dovute alla bassa contattabilità), tale da essere significativamente
differente dall’assetto distributivo atteso sulla base delle caratteristiche ecologiche della specie stessa.

Fonti [4.9]
Per la definizione della distribuzione e dell’areale attuali si è fatto riferimento alla REN (Boitani et
al., 2002) e alle successive pubblicazioni di portata regionale che hanno consentito una definizione di
maggiore dettaglio della distribuzione delle specie.

Motivi del cambiamento [4.10]


Come per le variazioni di popolazione, questa sottosezione serve a valutare se la variazione di areale
tra un Rapporto e il successivo sia dovuta ad un effettivo cambiamento dell’assetto distributivo o alla
qualità dei dati. Poiché il presente Rapporto è il primo elaborato secondo il nuovo format, la
compilazione di tale campo dovrà essere effettuata nel prossimo Rapporto (2019)

16
Informazioni aggiuntive [4.11]
Sono riportate eventuali note di supporto alla lettura della carta dell’areale.

2.7.4. Trend di areale [5]

Un ultimo importante parametro di valutazione dello stato di conservazione degli uccelli si basa sulla
variazione dell’areale entro predeterminati intervalli temporali. Il format (Fig. 2.6), seguendo uno
schema parallelo a quello adottato per i dati di popolazione, richiede di rendicontare su:
- il trend di areale a breve termine;
- il trend di areale a lungo termine.

Trend di areale a breve termine [5.1]

Periodo di riferimento [5.1.1]


Per il confronto a breve termine degli areali è stato selezionato quale anno di riferimento il 2000,
momento storico cui si riferisce la ricostruzione degli areali elaborati nella REN (Boitani et al., 2002).

Direzione [5.1.2]
Per le categorie opzionali di questa sezione, si veda quanto già riportato per la direzione del trend di
popolazione. La direzione è increase/decrease in base all’aumento/decremento del numero di celle tra
l’areale del 2000 e quello del 2012 (distribuzione aggiornata).

Fig. 2.6 – Finestra del Reporting Tool relativa alla sezione [5] “Breeding range trend” (nell’esempio sono riportati i dati
dell’Allodola).

Magnitudine [5.1.3]
La magnitudine è l’aumento/decremento percentuale del numero di celle tra l’areale del 2000 e quello
del 2012 (distribuzione aggiornata). A causa delle differenze nei metodi di rappresentazione delle
carte dei due differenti periodi, il valore percentuale ottenuto è stato approssimato al più vicino valore
percentuale multiplo di cinque, cui sono stati sottratti/aggiunti cinque punti percentuali per ottenere
rispettivamente la magnitudine minima e massima. Il caso di specie di nuova colonizzazione (entro il
periodo di riferimento) viene indicato nella sezione dedicata alle informazioni aggiuntive.

17
Metodo usato [5.1.4]
Per questa sottosezione sono utilizzate le classi di metodo già descritte a proposito del trend di
popolazione. Nella gran parte dei casi è stata selezionata la voce “Estimate based on partial data with
some extrapolation and/or modelling”, dal momento che per la stragrande maggioranza delle specie
italiana la distribuzione non è desunta da rilevazioni esaustive tali da coprire l’intero territorio
nazionale.

Qualità [5.1.5]
La qualità della distribuzione e dell’areale è variabile a seconda del grado di copertura del territorio e
dell’aggiornamento. Di norma è stata attribuita la classe più bassa di qualità alle specie che
mostravano distribuzione incerta o frammentaria a causa delle difficoltà nel rilevamento della specie
(es. dovuto alla bassa contattabilità), tale da essere significativamente differente dall’assetto
distributivo atteso sulla base delle caratteristiche ecologiche della specie. In alcuni casi la qualità è
stata attribuita dopo un’attenta valutazione del livello di attendibilità delle cartografie utilizzate per il
confronto a breve termine.

Fonti [5.1.6]
La fonte di riferimento principale per il calcolo della variazione di areale a breve termine è la REN
(Boitani et al., 2002).

Trend a lungo termine dell’areale [5.2]


La variazione di distribuzione su lungo termine è stata ottenuta dal confronto tra l’attuale
distribuzione e quella riportata nel PAI (Progetto Atlante degli uccelli nidificanti, Meschini e Frugis
1993). Anche il confronto storico, necessario per definire il trend dell’areale sul lungo periodo, ha
seguito alcuni step volti a superare le differenze tra le rappresentazioni passata ed attuale, che
interessano la risoluzione e la proiezione cartografica. Il PAI ha infatti utilizzato la griglia di tavolette
UTM (scaricabile come shape file dal sito dell’IGM serie_25v_wgs84_32.shp; serie_25v_wgs84
_33.shp) a loro volta accorpate a gruppi di 4, a formare i quadranti. Gli areali del PAI si basano su
dati di nidificazione provenienti da 941 dei 988 quadranti in cui è stato suddiviso il territorio italiano.
Sono stati considerati appartenenti all’areale i quadranti per i quali erano pervenuti dati di
nidificazione probabile e certa. Il reticolo di 10x10 km rappresentativo dell’attuale distribuzione è
stato sovrapposto alla griglia di quadranti utilizzata dal PAI, ottenendo così i quadranti occupati dalla
più recente distribuzione. Per ottenere la variazione di trend a lungo termine, è stata valutata la
differenza in positivo o in negativo del numero di quadranti occupati dalla specie tra il periodo di
riferimento del PAI (1983-1986) e il 2012.

Periodo di riferimento [5.2.1]


Per il confronto a lungo termine degli areali è stato selezionato il 1986, ultimo anno cui si riferisce il
PAI (Meschini e Frugis, 1993).

Direzione [5.2.2]
La direzione è increase/decrease in base all’aumento/decremento del numero di quadranti del PAI tra
il 1986 e il 2012 (distribuzione aggiornata). Per variazioni inferiori o uguali a 5%, nel campo è stata
selezionata la voce “stable”.

Magnitudine [5.2.3]
Per magnitudine si intende l’aumento/decremento percentuale del numero di quadranti del PAI tra il
1986 e il 2012 (distribuzione aggiornata). A causa delle differenze nei metodi di rappresentazione
delle carte dei due differenti periodi, il valore percentuale ottenuto è stato approssimato al più vicino
valore percentuale multiplo di cinque, cui sono stati sottratti/aggiunti cinque punti percentuali per
ottenere rispettivamente la magnitudine minima e massima. Nel caso di specie di nuova
colonizzazione, la magnitudine del trend a lungo termine corrisponde a quella riportata nella sezione
5.1.3.

Metodo usato [5.2.4]


Nella gran parte dei casi è stata selezionata la voce “Estimate based on partial data with some
extrapolation and/or modelling”, dal momento che per la stragrande maggioranza delle specie italiane
la distribuzione non è desunta da rilevazioni esaustive tali da coprire l’intero territorio nazionale.

18
Qualità [5.2.5]
La qualità della distribuzione e dell’areale è variabile a seconda del grado di copertura del territorio e
dell’aggiornamento. Di norma è stata attribuita la classe più bassa di qualità alle specie che
mostravano distribuzione (iniziale e aggiornata) incerta o frammentaria a causa delle difficoltà nel
rilevamento (es. dovuto alla bassa contattabilità), tale da essere significativamente differente
dall’assetto distributivo atteso sulla base delle caratteristiche ecologiche della specie. In alcuni casi la
qualità è stata attribuita dopo un’attenta valutazione del livello di attendibilità delle cartografie
utilizzate per il confronto a lungo termine.

Fonti [5.2.6]
La fonte di riferimento principale per il calcolo della variazione di areale a lungo termine è il Progetto
Atlante Italiano (Meschini e Frugis, 1993).

Informazioni aggiuntive [5.3]


Sono riportate eventuali note di supporto alla lettura dei trend di areale.

2.8. Progressi nelle attività correlate ai piani per la gestione delle specie:
Species Action Plans (SAPs), Management Plans (MPs) o Brief
Management Statements (BMSs) [6]
L’ultima sezione relativa alle informazioni aggiuntive per le specie trigger richiede di inserire le
misure o gli interventi adottati dagli Stati membri e previsti nei Piani d’azione per le specie (Species
Action Plans), nei documenti riassuntivi sulle indicazioni gestionali per le specie (Species Brief
Management Statements) o nei Piani di gestione (Management Plans) eventualmente predisposti per
le specie cacciabili in cattivo stato di conservazione. Fanno parte di questi interventi anche quelli
effettuati nell’ambito di Progetti LIFE.

Fig. 2.7 – Finestra del Reporting Tool relativa alla sezione [6] “Progress in SAPs, MPs BMSs” (nell’esempio
sono riportati i dati della Moretta tabaccata).

Al fine di verificare se le diverse specie sono oggetto di specifici piani redatti a livello internazionale,
si sono consultati i seguenti siti:
- Piani d’azione EU: http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/wildbirds/action_plans/per_
species_en.htm
- Piani d’azione AEWA: http://www.unep-aewa.org/publications/technical_series.htm
- Piani d’azione Convenzione di Berna: http://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/nature/bern/birds/
default_en.asp

19
- Piani di gestione EU: http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/wildbirds/hunting/
managt_plans_en.htm
A livello nazionale sono stati considerati i Piani d’azione pubblicati nella collana “Quaderni di
Conservazione della Natura” edita dal MATTM e da ISPRA, disponibili in rete all’indirizzo
http://www.isprambiente.gov.it/site/it-IT/Pubblicazioni/Quaderni/Conservazione_della_Natura/ e re-
lativi alle seguenti specie: Gabbiano corso, Chiurlottello, Pollo sultano, Anatra marmorizzata,
Lanario, Moretta tabaccata, Falco della regina, Capovaccaio.
Per la rendicontazione sono stati considerati anche il Piano d’azione nazionale per il Marangone
minore, in fase di ultimazione, ed il “Piano d’azione per la salvaguardia e il monitoraggio della
Gallina prataiola e del suo habitat in Sardegna” redatto dall’Assessorato della Difesa dell’Ambiente
della Regione Autonoma della Sardegna (http://www.sardegnaambiente.it/documenti/18_329_2012
042 0123 354.pdf). Tale piano, infatti, assume una validità nazionale dal momento che questa specie
ormai sopravvive soltanto in Sardegna.
Per quanto riguarda i management plan, nessuno di essi è stato recepito a livello nazionale.
Per rendicontare le azioni di conservazione messe in atto sono state raccolte informazioni sulle attività
promosse dalle amministrazioni regionali. Anche in questo caso i progetti LIFE hanno fornito un
importante contributo grazie agli interventi sugli habitat (set-aside, ripristino di zone umide, ecc.).

2.9. Pressioni e minacce [7]


Per le sole popolazioni trigger, il format (Fig. 2.9) prevede di indicare le principali minacce che
gravano sulla popolazione, condizionando la scelta di una o più classi di minaccia tra quelle
individuate secondo una classificazione standard, articolata in quattro ordini gerarchici, a diverso
grado di specificazione.

A Agriculture ◄ Fig. 2.8 – Principali classi di minaccia ed esempio


A01 Cultivation di alcune sottoclassi specifiche afferenti alla classe
A02 Modification of cultivation practices “Agriculture”.
A02.01 agricultural intensification
A02.02 crop change
A02.03 grassland removal for arable land
A03 Mowing / cutting of grassland
A03.01 intensive mowing or intensification
A03.02 non intensive mowing
A03.03 abandonment / lack of mowing
A04 Grazing
A04.01 intensive grazing
A04.01.01 intensive cattle grazing
A04.01.02 intensive sheep grazing
A04.01.03 intensive horse grazing
A04.01.04 intensive goat grazing
A04.01.05 intensive mixed animal grazing
(…..)

B Sylviculture, forestry
C Mining, extraction of materials and energy production
D Transportation and service corridors
E Urbanisation, residential and commercial development
F Biological resource use other than agriculture & forestry
G Human intrusions and disturbances
H Pollution
I Invasive, other problematic species and genes
J Natural System modifications ▲ Fig. 2.9 – Finestra del Reporting Tool relativa
K Natural biotic and abiotic processes (without catastrophes) alla sezione [7] “Main pressures and threats”
L Geological events, natural catastrophes (nell’esempio sono riportati i dati della Moretta
tabaccata).
M Climate change
U Unknown threat or pressure
XE Threats and pressures from outside the EU territory
XO Threats and pressures from outside the Member State

20
Le classi sono identificate da codici alfanumerici, in cui il primo ordine di specificazione è indicato da
una lettera e i successivi da numeri. Nella tabella di Fig. 2.8 sono riportate le 16 classi principali e, a
titolo di esempio, i sottolivelli della classe “A”. L’elenco complessivo delle minacce è consultabile
nell’allegato finale.
In associazione a ciascuna classe è riportata l’importanza (alta, media, bassa) dei fattori di minaccia e
le fonti bibliografiche dalle quali sono tratte le informazioni relative a detti fattori.

2.10. Contributo delle ZPS [8.1] e misure di conservazione [8.2]


Un’ulteriore informazione richiesta per le popolazioni trigger riguarda il contributo che le ZPS
svolgono per la loro conservazione. In particolare nel format deve essere quantificata, in coppie o
individui [8.1.1 a] - a seconda che si tratti di nidificanti o svernanti - la popolazione minima [8.1.1 b]
e massima [8.1.1 c] risultante dalla somma delle sub-popolazioni rilevate più di recente all’interno
delle ZPS dello Stato membro. Sono inoltre richiesti il metodo utilizzato per stimare la popolazione
(secondo classi identiche a quelle utilizzate nelle precedenti sezioni) ed il segno del trend a breve
termine.
La fonte principale di reperimento delle informazioni sulle ZPS è il database ministeriale
N2000IT_2013.mdb, che raggruppa tutti i dati dei Formulari standard della Rete Natura 2000. Data la
difficoltà a reperire informazioni sul trend, è stato riportato lo stesso segno del trend nazionale
soltanto nei casi in cui la somma delle sub-popolazioni viventi nelle singole ZPS rappresentasse la
gran parte della popolazione nazionale. Negli altri casi, in mancanza di fonti, è stata attributa la classe
“segno sconosciuto”.
Infine sono state indicate le misure di conservazione intraprese in favore della popolazione,
selezionando una tra le 43 possibili classi proposte dal format [8.2.1], ordinate in nove classi
generiche (Fig. 2.10) e 34 sottoclassi di maggiore specificazione (per la lista completa, si veda
l’Allegato D a pag. 303).

1 Nessuna misura
2 Misure correlate ad habitat agricoli ed aperti
3 Misure per habitat forestali
4 Misure per le zone umide, le acque dolci e gli habitat costieri
5 Misure per gli habitat marini
6 Misure di pianificazione territoriale
7 Misure per la caccia, il prelievo, la pesca e la gestione delle specie
8 Misure che interessano aree urbane, l'industria, l'energia e i trasporti
9 Misure che interessano l'uso di risorse speciali

Fig. 2.10 – Principali classi di misure di conservazione listate nel format del Rapporto ed adottate a tutela delle
specie trigger.

Per ciascuna misura adottata è stata specificata la tipologia (Legale/statutaria, Amministrativa,


Contrattuale, Ricorrente, una-tantum) [8.2.2], il livello di importanza (alta, media, bassa [8.2.3]),
l’ambito di applicazione della misura (all’interno o all’esterno della rete di ZPS [8.2.4]) e la
valutazione dell’efficacia della misura [8.2.5] ed è stato indicato se, in relazione allo status e al trend
riportato nella precedente sezione, il suo effetto è (o è stato):
- il mantenimento della popolazione al livello attuale o la prevenzione di un trend negativo;
- l’aumento della popolazione al livello attuale o la prevenzione di un ulteriore decremento,
come unica misura o in concorso con altre;
- l’aumento della popolazione e il cambiamento del segno del trend nel lungo termine;
- nullo, in quanto ha fallito il raggiungimento degli obiettivi preposti o ha avuto un effetto
contrario;
- sconosciuto;
- non valutato.

21
3. ANALISI DELLO STATO DI CONSERVAZIONE
DELL’AVIFAUNA IN ITALIA

3.1 Attuale assetto demografico e distributivo dell’avifauna


Il Rapporto ha preso in considerazione 306 schede, relative ad altrettante popolazioni, per un totale
complessivo di 277 specie. La scelta di trattare popolazioni appartenenti alla medesima specie
all’interno di schede a sé stanti è stata motivata, nel caso degli uccelli nidificanti, dal loro interesse
biogeografico e conservazionistico10. In Fig. 3.1 è illustrata la ripartizione delle popolazioni secondo
il loro status di presenza in Italia.
Il numero complessivo di popolazioni nidificanti ammonta a 268. L’inserimento nel Rapporto di
popolazioni alloctone nidificanti (11), e di alcune popolazioni svernanti (34) e migratrici (4
popolazioni di rapaci) è giustificato dall’importanza numerica dei contingenti rilevati e/o
dall’esistenza di dati di monitoraggio che permettono una valutazione dei trend.

Fig. 3.1 - Ripartizione percentuale


delle popolazioni trattate nel Rapporto in
base al loro status di presenza in Italia.
Le porzioni staccate mettono in risalto le
specie di Allegato I della Direttiva
Uccelli.

Le popolazioni trigger (114) rappresentano un considerevole sottoinsieme (37,4%) del totale e più di
¾ appartengono a specie listate nell’Allegato I della Direttiva Uccelli. L’inclusione tra le trigger di
alcune popolazioni svernanti e nidificanti non incluse nell’Allegato I11 è da porre in relazione non
solo alla loro rilevante consistenza numerica, ma anche alle implicazioni gestionali connesse al
prelievo venatorio di cui sono oggetto.
Assumendo come stima di popolazione il valore medio tra la stima minima e massima, soltanto 13
popolazioni raggiungono o superano un milione di coppie. Di queste Merlo, Fringuello, Capinera e
Cardellino entrano anche nelle 10 specie a più larga diffusione geografica (Fig. 3.2).
Nel gruppo delle popolazioni meno abbondanti (Fig. 3.3) compaiono sia taxa di colonizzazione
relativamente recente (Anatra marmorizzata, Edredone, Allocco degli Urali) o reintrodotti (Gipeto),
sia specie particolarmente minacciate o ridotte rispetto al passato (Capovaccaio). Il corrispondente
numero di celle di areale occupato rispecchia l’esiguità delle popolazioni nidificanti, ad eccezione di
Uccello delle tempeste e Falco della regina, specie coloniali che mostrano areale assai limitato,
verosimilmente a causa del ridotto numero di località in cui possono trovare un habitat idoneo alla
riproduzione.
Tra le 127 popolazioni nidificanti (pari al 47% del totale) che non superano le 5.000 coppie si
annovera anche la gran parte delle popolazioni (75%) appartenenti a specie dell’Allegato I nidificanti
in Italia. Analogamente, il 74% delle specie italiane listate in Allegato I ha un areale inferiore al 20%
del territorio nazionale (Fig. 3.4).

10 Per i nidificanti sono state trattate a parte: la sottospecie sarda dell’Astore (Accipiter gentilis arrigonii), la sottospecie
alloctona di Pollo sultano Porphyrio porphyrio poliocephalus, le tre sottospecie della Coturnice (Alectoris graeca graeca, A.
g. saxatilis A. g. whitakeri), la sottospecie appenninica della Starna Perdix perdix italica (non trattata in questo volume
perché considerata estinta), la sottospecie di Sterpazzolina Sylvia cantillans moltonii (trattata in questo volume come specie
a sé stante: Sterpazzolina di Moltoni S. subalpina) e le due sottospecie di Cornacchia (anch’esse recentemente assimilate a
specie: Corvus cornix e C. corone).
11 Le uniche specie trigger nidificanti non incluse in Allegato I sono il Cormorano (Phalacrocorax carbo) l’Airone

guardabuoi (Bubulcus ibis) e la Sterpazzolina di Moltoni (S. subalpina).

22
popolazione min max areale kmq
Capinera 2.000.000 5.000.000 Merlo 344.200
Merlo 2.000.000 5.000.000 Gheppio 343.600
Passera d'Italia 2.000.000 3.000.000 Verdone 342.800
Pettirosso 1.000.000 3.000.000 Capinera 342.400
Scricciolo 1.000.000 2.500.000 Rondine comune 341.100
Fringuello 1.000.000 2.000.000 Balestruccio 340.500
Cinciallegra 1.000.000 2.000.000 Rondone comune 340.400
Cincia mora 1.000.000 2.000.000 Fringuello 339.700
Storno 800.000 2.000.000 Cardellino 339.700
Cardellino 1.000.000 1.800.000 Passera mattugia 338.100

Fig. 3.2 - Le 10 specie con le popolazioni più numerose e a maggiore estensione di areale in Italia. L’areale è
calcolato in base all’unità minima di una cella (10x10 km = 100 kmq)

popolazione min max areale kmq


Pittima reale 15 15 Cicogna nera 1.100
Cicogna nera 10 10 Falco della regina 1.000
Capovaccaio 8 10 Anatra marmorizzata 800
Allocco degli Urali 5 8 Pittima reale 700
Gipeto 6 7 Uccello delle tempeste 600
Edredone 3 6 Mignattaio 600
Forapaglie 3 5 Forapaglie 500
Mignattino 4 4 Tortora delle palme 400
Anatra marmorizzata 2 3 Edredone 300
Averla maggiore 0 2 Mignattino alibianche 100

Fig. 3.3 - Le 10 specie con le popolazioni meno numerose e a minore estensione di areale in Italia. Sono state
escluse le specie alloctone e le specie per le quali, da alcuni anni, non si hanno prove certe di riproduzione.
L’areale è calcolato in base all’unità minima di una cella (10x10 km = 100 kmq).

A B

Fig. 3.4 - Distribuzione delle popolazioni nidificanti in Italia secondo (A) classi di dimensione della stima
(considerando il valore medio tra i valori minimi e massimi) e (B) classi di dimensioni dell’areale, come
percentuale del territorio nazionale. In colore scuro è evidenziato il contributo delle specie dell’Allegato I.

Gli ordini che annoverano più popolazioni al di sotto delle 5.000 coppie riproduttive sono i
Caradriformi (22 specie), i Passeriformi (21) e gli Falconiformi (19), seguiti da Anseriformi,
Ciconiformi e Galliformi. Al contrario, le popolazioni più cospicue (> 100.000 coppie) si concentrano
nei Passeriformi, in linea con la gerarchia trofica che vede, ai livelli più bassi della catena alimentare,
specie di taglia piccola e dimensioni elevate di popolazione.

23
10000000 10000000
Anseriformes Specie di
Gruiformes ALL. I
1000000 Podicipediformes 1000000

Ciconiformes vulnerabili
Dimensione della popolazione

Dimensione della popolazione


Phoenicopteriformes 100000
100000
Charadriiformes
in pericolo
Pelacaniformes
Procellariformes 10000
10000
Apodiformes in pericolo
Caprimulgiformes 1000
critico
1000
Columbiformes
Coraciformes Altre specie
Cuculiformes 100 non listate
100
in All. I
Galliformes
Otidiformes 10
10
Psittaciformes
Passeriformes
1
1 Strigiformes 100 1000 10000 100000 1000000
100 1000 10000 100000 1000000 Piciformes
Dimensione dell'areale Accipitriformes Dimensione dell'areale

A B
Fig. 3.5 - Relazione tra dimensione della Fig. 3.6 - Il grafico è analogo a quello della Fig.
popolazione (valore medio tra minimo e massimo 3.5, con l’esclusione delle specie alloctone. Sono
della stima) e dimensione dell’areale per le evidenziate le specie di Allegato I della Direttiva
popolazioni nidificanti in Italia. Le dimensioni sono Uccelli. I punti circolettati con colori differenti si
disposte in entrambi gli assi in scala logaritmica. Le riferiscono alle specie più minacciate della Lista
specie (che comprendono anche le alloctone) sono Rossa italiana.
raggruppate per ordini, corrispondenti a simboli e
colori differenti.

In Fig. 3.5 è illustrato il plot-diagram dei valori medi di popolazione delle 268 specie nidificanti, posti
in relazione ai rispettivi areali. Come è logico attendersi, ad un aumento dell’areale corrisponde un
aumento del numero di coppie riproduttive. I gruppi che tendono a discostarsi dall’andamento
generale sono soprattutto i Caradriformi e Procellariformi, in cui prevalgono specie che concentrano i
nidi in colonie, occupando un numero più limitato di siti riproduttivi e quindi un più limitato areale.
Nella parte opposta si localizzano invece i Falconiformi, in cui prevalgono specie con popolazioni
relativamente contenute, caratterizzate da coppie per lo più localizzate ma con ampio home-range e
areale abbastanza esteso.
La stessa relazione tra popolazione ed areale è stata riproposta in Fig. 3.6 per porre l’accento sulle
specie di maggior interesse conservazionistico: si nota che passando da popolazioni numerose ed
areali più estesi a popolazioni e distribuzioni più ridotte (in particolare entro le 10.000 coppie e i
100.000 kmq) aumenti la concentrazione di specie di Allegato I e la frequenza delle specie di livello
di rischio via via più elevato, secondo le categorie utilizzate nella Lista Rossa (specie vulnerabili, in
pericolo, in pericolo critico). Ciò è stato ulteriormente esplicitato in Fig. 3.7, dove le specie con più
ridotte popolazioni e distribuzioni sono state raggruppate secondo classi dimensionali, distinguendo le
specie di Allegato I dalle altre specie. La maggior parte delle specie classificate nelle categorie a più
elevato rischio fanno anche parte dell’Allegato I, con alcune importanti eccezioni (Forapaglie comune
tra le specie in pericolo critico; Mignattino alibianche, Pittima reale, Cuculo dal ciuffo, Fistione turco,
Salciaiola, Moriglione, Basettino tra quelle in pericolo). Queste ultime, pur non essendo prioritarie,
potrebbero richiedere azioni mirate di conservazione nell’ambito di una strategia nazionale.
Circa un quarto delle popolazioni nidificanti è stata classificata nelle tre categorie di rischio di
estinzione più elevato (Fig. 3.8). Tra queste spiccano le sei specie “in pericolo critico”: Gipeto,
Capovaccaio, Grifone, Aquila di Bonelli, Bigia padovana e Forapaglie comune.
Oltre ai Falconiformi, tra gli ordini in cui figurano il maggior numero di popolazioni a rischio (Fig.
3.9) vi sono gli Anseriformi (5 specie “in pericolo”: Anatra marmorizzata, Moretta tabaccata,
Alzavola, Fistione turco e Moriglione), i Caradriformi (Pernice di mare, Fratino, Fraticello,
Mignattino comune) e i Passeriformi (Monachella, Salciaiola, Bigia grossa, Basettino, Averla
capirossa), seguiti da Galliformi e Piciformi. Negli stessi ordini si annovera anche il più elevato
numero di specie dell’Allegato I.

24
Classi di superficie (areale in kmq)

< 1.000 kmq 1.000 < kmq ≤5.000 5.000 < kmq≤ 10.000 10.000 < kmq≤ 20.000 20.000 < kmq≤ 50.000

Anatra marmorizzata Gipeto Tarabuso Aquila di Bonelli


All.I Mignattaio Capovaccaio Schiribilla Bigia padovana
Piviere tortolino Grifone Moretta tabaccata
Cicogna nera Falco cuculo
Voltolino Astore di Sardegna
Allocco degli Urali Airone bianco magg.
Forapaglie Cuculo dal ciuffo Moretta Alzavola
cpp < 100
Mignattino alibianche Fistione turco Canapiglia
Pittima reale Smergo maggiore Rondine rossiccia
Averla maggiore
Edredone
Tortora delle palme

Mignattino comune Gallina prataiola Picchio rosso mezzano Re di quaglie


Pernice di mare Spatola Picchio tridattilo Nibbio reale
All.I
classi di popolazione (media n. coppie stimate)

100 Picchio dalmatino Cicogna bianca


< ccp ≤
500
Salciaiola Moriglione Volpoca
Oca selvatica Mestolone
Beccaccia di mare Colombella
Falco della regina Mignattino piombato Pollo sultano Sgarza ciuffetto
All.I

500 Beccapesci
< ccp ≤ Forapaglie castagnolo
1.000 Sterna zampenere
Basettino Gabbiano comune

Uccello delle tempeste Gabbiano corso Marangone minore Avocetta Fratino


Gabbiano corallino Marangone dal ciuffo Fraticello
Fenicottero Coturnice di Sicilia
Gabbiano roseo Gallo cedrone
All.I

1.000 Civetta nana


< ccp Picchio cenerino
5.000 Gracchio corallino
Balia dal collare
Civetta capogrosso
Pettegola Cormorano
Venturone corso
Francolino di monte
All.I

5.000 Magnanina sarda


< ccp ≤
Pernice sarda
10.000
Zigolo capinero
Venturone alpino
All.I

10.000 Berta minore


< ccp ≤ Berta maggiore
20.000 Passera oltremontana

Specie di All. I Vulnerabili In pericolo In pericolo critico

Fig. 3.7 - Specie con valore medio di coppie inferiore a 20.000, ordinate secondo la dimensione della
popolazione e dell’areale. Nelle righe verdi sono raggruppate le specie di Allegato I della Direttiva Uccelli. Le
specie maggiormente minacciate, in base alla Lista Rossa italiana, sono evidenziate con colore giallo (specie
vulnerabili), arancio (in pericolo) e rosa scuro (in pericolo critico). Sono state escluse le specie alloctone.

25
Fig. 3.8 - Ripartizione percentuale delle specie nidificanti in base alle categorie IUCN applicate nella Lista
Rossa (Peronace et al., 2012), in cui * è stata esclusa la Starna italica perché considerata estinta.

Fig. 3.9 - Ripartizione delle popolazioni nei diversi ordini di uccelli nidificanti, sulla base dell’appartenenza
rispettivamente alle categorie della Lista Rossa (a sinistra) e all’Allegato I della Direttiva Uccelli (a destra). La
barra dei Passeriformi è stata troncata per motivi di spazio.

Raggruppando gli uccelli secondo classi di macro-habitat12, si osserva che le popolazioni meno
numerose (> 5.000 coppie) e con areale più concentrato (percentuale del territorio nazionale occupato
< 10%) frequentano a scopo riproduttivo gli ambienti meno rappresentati in termini di superficie,
quali le zone umide e le aree nude, in virtù di una maggiore specializzazione ecologica. Al contrario
ai mosaici ambientali e ai boschi è associato il maggior numero di popolazioni superiori a 100.000
coppie e con areali estesi (> 80% del territorio nazionale), comprendenti diverse specie generaliste e
ubiquitarie. Le entità di interesse conservazionistico (popolazioni di specie vulnerabili, in pericolo e
in pericolo critico) si collocano in una gamma piuttosto estesa di tipologie ambientali, ma una
maggiore percentuale è associata alle classi dei prati-pascoli, dei seminativi e delle zone umide (Fig.
3.10). Le popolazioni di Allegato I si distribuiscono in modo più uniforme tra le categorie ambientali,

12Si tratta di una classificazione estremamente semplificata, per la quale ogni specie è stata associata a una o, al massimo, a
due classi, sulla base del tipo di habitat riproduttivo più frequentemente occupato in Italia.

26
sebbene risulti una loro più cospicua rappresentanza nella classe delle aree nude e a vegetazione
sparsa.

Prati e pascoli
Seminativi
Laghi e fiumi
in pericolo critico
Zone umide interne
in pericolo All. I
vulnerabili Aree nude e a veg. sparsa
a più basso rischio Arbusteti altre specie
quasi minacciate Mosaici agricoli
dati mancanti
Boschi e Foreste
non applicabile
Aree urbane
100% 80% 60% 40% 20% 0% 0% 20% 40% 60% 80% 100%

Fig. 3.10 - Importanza percentuale delle popolazioni di maggiore interesse conservazionistico (incluse in
categorie della Lista Rossa e nell’Allegato I della Direttiva Uccelli) nell’ambito di comunità di uccelli
nidificanti associate a diversi macro-habitat.

popolazione min max


Folaga 239.506 277.872
Germano reale 235.953 245.026
Alzavola 132.404 172.520
Fischione 106.885 127.726
Cormorano 63.626 79.967
Piovanello pancianera 64.925 79.211
Moriglione 25.488 37.173
Fenicottero 27.535 31.413
Svasso maggiore 23.546 27.863
Mestolone 17.650 27.252
Volpoca 11.575 20.689
Oca selvatica 10.928 15.577

Foto S. Pirrello
Codone 8.295 13.698
Marangone minore 12.670 12.670
Svasso piccolo 7.919 10.527
Canapiglia 8.069 10.409

Fig. 3.11 – Le 16 popolazioni svernanti più numerose in Italia inserite nel Rapporto.

Tra le 15 popolazioni di uccelli acquatici svernanti numericamente più importanti, gli Anatidi
figurano con 10 specie, di cui tre superano le 100.000 unità (Fig. 3.11).
Piuttosto ridotti risultano i contingenti svernanti degli altri gruppi di uccelli acquatici: tra questi
soltanto il Fenicottero è ben rappresentato, mentre, tra i limicoli di piccola e media taglia, l’unica
specie con una popolazione numericamente elevata è il Piovanello pancianera. Ciò rispecchia la
scarsità di habitat idonei a Caradridi e Scolopacidi, imputabile sia a cause naturali (per es. la ridotta
escursione di marea delle coste del Mediterraneo) sia alla perdita di habitat per bonifiche e
antropizzazione delle coste.

3.2 Distribuzione della ricchezza


La raccolta di informazioni spaziali relative alle singole specie dovrebbe porsi come obbiettivo quello
di realizzare carte tematiche che forniscono una lettura sintetica dell’assetto distributivo e permettono
di individuare le aree del Paese più importanti per la conservazione dell’avifauna.

27
Attualmente i dati cartografici a disposizione non permettono di effettuare un‘elaborazione
cumulativa in grado di modellizzare realisticamente la distribuzione della ricchezza di specie nel
territorio nazionale. La Fig. 3.12., più che evidenziare il reale assetto di questo parametro, sembra
sottolineare, per molte regioni del Paese, un disomogeneo aggiornamento degli areali di molte specie,
o la mancanza di fonti bibliografiche funzionali a tale aggiornamento. Ciò si traduce in una
sovrastima della ricchezza, soprattutto nei settori per i quali, in mancanza di un aggiornamento
recente realizzato attraverso atlanti di distribuzione di ambito regionale o provinciale, è stato
mantenuto l’assetto distributivo della Rete Ecologica Nazionale. Attualmente la mancanza di un
progetto atlante nazionale dell’avifauna rende inoltre impossibile “pesare” i risultati della ricchezza
con lo “sforzo” di indagine.
Queste considerazioni hanno suggerito di elaborare un analogo tematismo limitando il calcolo della
ricchezza alle sole specie di Allegato I (Fig. 3.13), per le quali l’errore atteso originato nella
rappresentazione è inferiore, per via della migliore conoscenza della distribuzione di dette specie.
Esse sono state infatti oggetto di una più intensa attività di monitoraggio correlata anche alla presenza
della Rete Natura 2000. Questa carta offre una rappresentazione abbastanza attendibile delle aree di
maggiore importanza per la riproduzione delle specie di interesse conservazionistico definite dalla
Direttiva: i settori con più alta concentrazione di specie e gli hot-spot coincidono soprattutto con le
zone umide della Val Padana, dell’alto Adriatico, della costa tirrenica settentrionale e della Sardegna.
Altri importanti settori ricchi di specie di Allegato I e di più alto valore conservazionistico sono le
vallate prealpine ed alpine, le zone interne dell’Appennino centro-meridionale e l’entroterra sardo. Se
si eccettuano le isole minori, dove si concentrano le colonie di un limitato numero di specie marine, le
celle con più basso numero di specie prioritarie sono particolarmente diffuse in Puglia.

Fig. 3.12 - Ricchezza di specie, calcolata come Fig. 3.13 - Ricchezza di specie listate nell’Allegato I,
numero cumulativo di specie/cella. calcolata come numero cumulativo di specie/cella
(griglia del Progetto Atlante Italiano).

3.3 I trend delle popolazioni nidificanti


Dopo questa disamina sullo stato attuale dell’avifauna, passiamo ad analizzare l’altro fondamentale
aspetto del Rapporto, che ha ispirato l’articolo 12 della Direttiva: il monitoraggio dell’avifauna a scala
nazionale e continentale. Dopo oltre 30 anni dall’entrata in vigore della Direttiva, come è cambiato lo
stato di conservazione delle specie? Quali sono state le ricadute della Direttiva per la conservazione,
in termini di miglioramento dei trend di popolazione e di contrasto alla perdita di biodiversità che i
cambiamenti ambientali hanno causato negli ultimi decenni?
Due primi dati suggeriscono quanto sia dinamica la situazione demografica delle popolazioni
nidificanti: una variazione superiore al 10% ha interessato oltre il 50% di esse nel breve termine ed
28
oltre il 60% nel lungo termine (escludendo le specie classificate con andamento fluttuante,
rispettivamente cinque ed otto) (Fig. 3.14).

Fig. 3.14 - Distribuzione delle 268 popolazioni nidificanti secondo classi di variazione percentuale, a breve
termine (in alto) e a lungo termine (in basso). Nei riquadri interni è mostrato il totale delle specie stabili, in
aumento e in decremento. Le barre più scure si riferiscono a popolazioni di Allegato I.

Un ulteriore dato fornisce invece la dimensione del livello insufficiente di conoscenza degli
andamenti demografici: per il 33% delle popolazioni non è noto il segno (+/-) della variazione a breve
termine, mentre per il 21% non disponiamo del segno del trend a lungo termine. La carenza di
informazioni - la più importante criticità incontrata nella compilazione del Rapporto - origina
principalmente dalla mancanza, nel primo caso, dei termini di confronto relativi allo status attuale o a
quello rilevato più recentemente, nel secondo da vuoti di conoscenza sulla situazione pregressa delle
popolazioni, che inevitabilmente si accumulano e hanno pesanti ricadute sulla qualità dei successivi
confronti, per l’impossibilità di valutare le variazioni nel tempo.
La percentuale di uccelli nidificanti per le quali è stato possibile reperire anche una stima della
magnitudine si abbassa ulteriormente al 41% nel breve termine e al 42% sul lungo termine. In questi
gruppi, il numero di popolazioni in incremento supera il numero di quelle in decremento, tanto nel
confronto più recente (75 specie contro 58) quanto in quello trentennale (94 contro 71).

29
Suddividendo le popolazioni per classi di trend, si assiste, nel periodo più recente, ad un aumento
significativo (tra +20% e +100%) di almeno 37 popolazioni, cui tuttavia si oppone il consistente calo
demografico (tra -20% ed -100%) di un numero altrettanto elevato di entità (41).
Nel confronto sul lungo periodo, il rapporto del numero di popolazioni nell’ambito delle stesse classi
di variazione è lievemente più favorevole a quelle in aumento (37/32). Per quattro specie si rileva una
diminuzione nel breve termine, malgrado un generale aumento sul lungo periodo. Al contrario
nessuna specie in diminuzione nel lungo periodo ha mostrato un cambiamento di segno nel breve
periodo, cosa che avrebbe indicato un segnale di ripresa recente (Fig. 3.15).

trend a lungo termine


▲ = ▼ Fluct. non noto no trend
▲ 67 (17) 4 4 (1)
trend a = 5 (2) 26 (4) 4 (1) 3 3 (1)
breve ▼ 4 (2) 1 (1) 51 (19) 2
termine Fluct. 5 (1)
non noto 17 (11) 5 (1) 16 (11) 3 (3) 48 (15)

Fig. 3.15 - Numero (e percentuale) di specie che hanno/non hanno mostrato cambiamento del segno del trend
tra il confronto a lungo termine e quello a breve termine in 268 popolazioni nidificanti: ▲: in incremento; = :
stabili; ▼: in decremento; Fluct.: fluttuanti; no trend: la specie non era presente in passato.

In modo analogo il rapporto incrementi/decrementi si riflette anche nelle specie di Allegato I (18/22
nel breve e 31/32 nel lungo termine), ma nel confronto recente è stimata una diminuzione superiore al
20% della popolazione in 14 specie. Un dato altrettanto preoccupante riguarda l’elevato numero di
popolazioni dell’Allegato I di cui non si conosce la magnitudine: per 41 popolazioni su 90 manca il
trend a breve termine, e per 15 su 90 quello a lungo termine (cui si aggiungono 17 specie di
decremento non noto). Pertanto anche le specie che dovrebbero richiamare una maggiore attenzione
per il loro significato conservazionistico risultano non sufficientemente monitorate. L’acquisizione di
informazioni su queste specie è ancor più necessaria se si considera la loro vulnerabilità, confermata
dal fatto che per molte di esse lo status, rispetto al passato, è peggiorato o non ha ancora raggiunto
una situazione favorevole.
Nelle tabelle di Fig. 3.16 sono riportate le 10 più alte variazioni percentuali di popolazione delle
specie nidificanti con trend positivo e negativo. L’ordine gerarchico di queste tabelle ha un valore
indicativo, in quanto viziato dal fatto che sono riportate soltanto le popolazioni per le quali vi sono
stime disponibili. Diverse specie in decremento nel lungo termine mostrano un trend negativo anche
nel breve termine, tra cui i seguenti Passeriformi: Salciaiola, Cannareccione, Cesena, Basettino,
Pendolino, Monachella, Calandrella, Beccafico, Bigia padovana, Averla capirossa e Forapaglie
comune; le ultime due specie mostrano cali molto pronunciati. Tra i non Passeriformi si evidenziano
forti diminuzioni, oltre che del Capovaccaio (80-90% nel lungo termine), anche di Moriglione,
Fraticello, Torcicollo, Nitticora e Re di quaglie. La Starna italica, considerata estinta, non è stata
inserita nella tabella del confronto a breve termine in quanto non è noto se sia scomparsa prima o
dopo l’inizio del periodo di confronto.
Il gruppo con i più significativi incrementi relativi include molte specie nidificanti in zone umide, tra
cui diverse specie listate in Allegato I. Tra queste spiccano diversi Caradriformi (Gabbiano roseo e
Gabbiano corallino, Beccapesci, Sterna zampenere, Beccaccia di mare, Pernice di mare, Pittima
reale), alcuni grandi trampolieri (Spatola, Airone cenerino, Airone guardabuoi, Cicogna bianca,
Fenicottero, Ibis sacro), oltre a Volpoca, Cigno reale, Cormorano, Svasso maggiore (nel lungo
termine), Marangone minore e Smergo maggiore (gli ultimi due omessi dalla tabella del confronto a
lungo termine in quanto specie di recente colonizzazione).

30
BT % min % max LT % min % max
Smergo maggiore + 2100 + 2800 Gabbiano roseo + 8700 + 14000
Marangone minore + 1900 + 2900 Spatola + 9400 + 9400
Pittima reale + 200 + 650 Volpoca + 1900 + 2900
Colombaccio + 355 + 365 Gabbiano corallino + 1100 + 1900
Ibis sacro* + 300 + 330 Airone cenerino + 1400 + 1550
Airone guardabuoi + 270 + 325 Cormorano + 1300 + 1300
Cicogna bianca + 200 + 235 Cigno reale + 1150 + 1400
Cigno reale + 200 + 210 Grillaio + 570 + 1000
Cormorano + 200 + 200 Beccaccia di mare + 550 + 730
Usignolo del Giappone* + 100 + 200 Beccapesci + 470 + 500
Spatola + 138 + 138 Svasso maggiore + 400 + 480
Cicogna nera + 40 + 235 Colombaccio + 360 + 450
Codirosso comune + 130 + 140 Nibbio reale + 325 + 350
Airone bianco maggiore + 80 + 180 Grifone + 190 + 310
Grifone + 105 + 125 Bengalino comune* + 100 + 400
Rampichino comune + 105 + 115 Pernice di mare + 0 + 490
Tortora dal collare + 100 + 110 Falco di palude + 190 + 230
Beccaccia di mare + 85 + 120 Fenicottero + 195 + 220
Sterna zampenere + 200 + 210

trend di popolazione a breve termine trend di popolazione a lungo termine


BT % min % max LT % min % max
Bigia padovana - 50 Fraticello - 40 - 60
Moriglione - 50 - 50 Cannareccione - 40 - 70
Torcicollo - 45 - 55 Torcicollo - 50 - 60
Beccafico - 45 - 55 Salciaiola - 50 - 60
Basettino - 50 Cesena - 50 - 60
Salciaiola - 50 - 50 Pendolino - 50 - 70
Nitticora - 50 - 55 Nitticora - 60 - 65
Re di quaglie - 45 - 61 Starna - 50 - 80
Calandrella - 50 - 60 Calandrella - 55 - 85
Cesena - 55 - 65 Bigia grossa - 75 - 80
Monachella - 60 - 70 Averla capirossa - 75 - 85
Averla capirossa - 70 - 80 Basettino - 78 - 85
Forapaglie comune - 80 - 90 Capovaccaio - 80 - 90
Pollo sultano* ssp pol .** - 95 - 100 Bigia padovana - 90 - 95
Forapaglie comune - 90 - 95
Pollo sultano* ssp pol.** - 95 - 100
Starna italica - 100 - 100

Fig. 3.16 - Trend delle popolazioni nidificanti con più elevata variazione percentuale positiva e negativa nel
breve termine (BT, a sinistra) e nel lungo termine (LT, a destra). Sono riportati i valori noti di magnitudine
minima e massima stimata. Le popolazioni evidenziate in grigio appartengono a specie dell’Allegato I.: *Specie
alloctone. ** ssp. poliocephalus.

Tra i rapaci in pronunciato aumento vi sono Grifone e - soprattutto nel confronto sul lungo periodo -
Grillaio, Falco di palude e Nibbio reale. Consistente è l’incremento del Colombaccio, rilevato in
particolare negli ultimi 10-15 anni. Tra i Passeriformi sono risultate in maggiore aumento due specie
alloctone: l’Usignolo del Giappone (nel breve termine) e il Bengalino (nel lungo termine).
Poiché il format del Rapporto richiede di indicare la variazione percentuale, che si traduce in un
aumento o in una diminuzione relativa a un dato pregresso da utilizzare come termine di confronto,
non viene presa in considerazione la variazione assoluta della popolazione, ovvero il numero di
coppie riproduttive perse o guadagnate da una certa specie. In rapporto alla dimensione della
popolazione e al trend diponibile, si ipotizza13 che, in entrambi i confronti storici, il maggiore
guadagno netto di coppie sia avvenuto per un aumento di alcune popolazioni tra le più numerose
(Merlo, Capinera, Pettirosso, Storno e Cinciarella), mentre le perdite più elevate sarebbero a carico di
Balestruccio, Verdone, Allodola, Saltimpalo, Cardellino, Passera mattugia e Passera d’Italia. Tra i
non Passeriformi, gli incrementi assoluti più cospicui riguardano: Tortora dal collare, Colombaccio,
Picchio rosso maggiore, Picchio verde e, nel lungo termine, anche Gabbiano reale e Airone cenerino.

13 L’ipotesi è comunque fondata su una stima molto approssimativa di queste popolazioni.

31
Le popolazioni di Cuculo, Torcicollo e Civetta (nel breve termine) avrebbero perso il maggior numero
di coppie.
Nel breve termine, gli ordini con la maggiore quota di popolazioni in aumento sono i Passeriformi
(33), seguiti da Falconiformi (9), Ciconiformi (6) e Anseriformi (6). Questi stessi gruppi presentano
un più elevato numero di entità con trend positivi anche nel lungo termine: 31 specie risultano in
aumento nei Passeriformi, 13 nei Falconiformi e 10 nei Ciconiformi, cui si aggiungono 13 specie nei
Caradriformi. Un numero più elevato di popolazioni in calo, tanto nel breve termine (33) quanto nel
lungo termine (41, su un totale di 95 con trend conosciuto) si ravvisa nei Passeriformi, mentre tra i
non Passeriformi spiccano i Galliformi, con sei e nove specie (su un totale di 10 con trend conosciuto)
in calo rispettivamente nel confronto recente e trentennale. La carenza di dati di trend interessa
popolazioni appartenenti a diversi ordini, ma per alcuni di essi appare particolarmente grave: non è
possibile stabilire il segno della variazione demografica recente nel 53% di Galliformi, nel 64% di
Caradriformi e nel 67% degli Strigiformi. Percentuali elevate si registrano anche nel lungo periodo
nei Galliformi, negli Anseriformi (41%) e negli Strigiformi (44%). La limitata conoscenza degli
Strigiformi risente in modo evidente della scarsità di iniziative di monitoraggio, rese problematiche
dalla necessità di effettuare conteggi notturni.

Foto S. Laurenti Foto S. Laurenti

Foto A. De Faveri Foto M. Fortunato

Fig. 3.17 – Esempi di specie con popolazioni recentemente interessate da importanti variazioni numeriche. A
sinistra due specie caratterizzate da consistenti decrementi di popolazione: La Nitticora (in alto) e l’Averla
capirossa (in basso); a destra due specie in notevole aumento: la Spatola (in alto) e l’Usignolo del Giappone
(in basso), specie alloctona naturalizzata.

Una pur grossolana classificazione delle popolazioni secondo l’habitat riproduttivo permette di
stabilire a quali categorie ambientali è associato il maggior numero di variazioni demografiche, ma
anche di determinare quali ambienti risentono in modo più forte dei gap di conoscenza relativi a tali
tendenze. Il rapporto tra numero di popolazioni in incremento/decremento numerico, nel confronto
storico recente, è favorevole alle prime soprattutto nella classe delle specie boschive. Lo stesso
rapporto assume invece valori minimi per gli uccelli dei prati-pascoli e dei seminativi, dato in linea
con il peggioramento dello stato di conservazione dei popolamenti degli ambienti agricoli emerso
negli ultimi decenni in tutta Europa (Donald et al., 2006). La situazione rimane sostanzialmente
32
invariata nel confronto a lungo termine, sebbene - rispetto al confronto di breve periodo - il rapporto
incrementi/decrementi risulti sensibilimente più elevato nell’avifauna nidificante delle zone umide, e
assuma un valore più basso in quella degli arbusteti.
I popolamenti di uccelli dei prati-pascoli, dei mosaici agricoli e delle zone umide (inclusi i corsi
d’acqua) annoverano un maggior numero di specie in calo consistente (maggiore del 20%) in
entrambi i confronti storici. Tuttavia l’avifauna legata alle zone acquatiche è, sorprendentemente,
anche quella con più specie caratterizzate da aumenti consistenti (superiori al 200%). Infatti, a fronte
di trend decisamente negativi da parte di uccelli vincolati alla vegetazione palustre e ripariale, tra cui
diversi Passeriformi (in primo luogo Salciaiola, Cannareccione, Basettino, Pendolino, e Forapaglie
comune), si oppone un aumento percentuale ragguardevole di diverse specie, in particolare di specie
di media e grande taglia (cormorani, Ciconiformi).
Riguardo al livello di conoscenza dei trend nell’ambito di popolamenti di specie selezionati secondo
un criterio ambientale, si osserva che il segno del trend nel breve termine manca in una percentuale di
popolazioni variabile dal 25 al 50%, se si eccettua l’avifauna dei prati-pascoli e dell’ambiente urbano,
mentre nel lungo termine le maggiori carenze riguardano i seminativi e gli arbusteti. Il dato di
magnitudine manca invece in un terzo delle specie di ciascun popolamento di macro-habitat, e in
particolare nel 50% delle specie arbustive, nel 49% di quelle rupicole e nel 45% delle specie urbane.
Nel confronto a lungo termine, la percentuale di specie per le quali la magnitudine del trend risulta
ignota è ancora più elevata: il 57% dell’avifauna dei seminativi, il 55% delle aree urbane, e il 45% dei
prati e degli arbusteti.

3.4 I trend delle popolazioni svernanti


Sebbene il Rapporto sia in gran parte focalizzato sulle popolazioni di uccelli nidificanti, anche il dato
di variazione dei contingenti svernanti integra il quadro di informazioni utili a rilevare l’incidenza
della Direttiva sulla conservazione dell’avifauna. A titolo di esempio i dati relativi alle popolazioni
svernanti possono permettere di valutare gli effetti della regolamentazione dell’attività venatoria
introdotta per ottemperare al dettato della normativa comunitaria, o a consentire una valutazione dello
stato di conservazione degli ambienti idonei allo svernamento.
La maggior parte dei trend delle popolazioni più cospicue di uccelli acquatici svernanti, ottenuti
attraverso il confronto dei dati IWC, appare in incremento. Nel breve termine (2000-2009), delle 33
popolazioni svernanti oggetto del Rapporto, 20 sono in incremento, quattro mostrano stabilità, quattro
sono fluttuanti e cinque risultano in diminuzione. Tra queste ultime, Moriglione, Svasso piccolo e
Smergo minore hanno registrato i decrementi maggiori. Gli incrementi più significativi riguardano
invece Marangone minore, Oca selvatica e Volpoca.
Anche nel confronto di lungo periodo (1991-2009) 23 popolazioni svernanti (70%) mostrano un
incremento, percentualmente più importante in Marangone minore, Oca lombardella, Oca selvatica,
Piovanello tridattilo e Airone bianco maggiore. Di rilievo è l’incremento delle popolazioni di alcune
specie di interesse venatorio, quali quelle di Folaga, Germano reale, Alzavola e Fischione. In
diminuzione risultano Gambecchio comune, Quattrocchi e Moriglione (per quest’ultima è
particolarmente elevata la riduzione in termini assoluti, cioè in numero di individui).

3.5 Trend di areale


Molte specie nidificanti hanno modificato il proprio assetto distributivo, anche se il numero
complessivo di popolazioni con variazioni di areale di una certa rilevanza non è così elevato come nel
caso delle variazioni demografiche: il 47% delle popolazioni con trend noto nel breve termine e il
34% nel lungo termine mostrano variazioni inferiori a ±10% (Fig. 3.18).
Il rapporto tra specie che hanno aumentato il proprio areale e specie che lo hanno ridotto appare
nettamente a favore delle prime, sia nel confronto recente (42% contro 11%) sia in quello di lungo
periodo (57% contro 8%). Anche tra le specie di Allegato I vi è una netta prevalenza di incrementi
rispetto alle riduzioni di areale, tuttavia 15 delle 90 popolazioni nidificanti (16%) hanno mostrato una
variazione negativa superiore al 20% nel breve periodo, e 12 nel lungo termine.

33
Fig. 3.18 - Distribuzione delle 268 popolazioni nidificanti secondo classi di variazione percentuale di areale, a
breve termine (in alto) e a lungo termine (in basso). Nei riquadri interni è mostrato il totale delle specie stabili,
in aumento e in decremento. Le barre più scure si riferiscono a popolazioni di Allegato I.

Si ritiene tuttavia che questa prevalenza di incrementi sia almeno in parte conseguenza di un mancato
aggiornamento dell’areale riproduttivo di molte specie italiane, dell’assenza di un atlante ornitologico
di recente pubblicazione, e soprattutto dalla mancanza di dati raccolti in modo sistematico sul
territorio14. Tutto ciò si traduce in un quadro verosimilmente più ottimistico di quello reale.
Il gruppo delle specie in forte contrazione di areale nel breve termine comprende alcune specie in
pericolo (Mignattino alibianche, Salciaiola) e in pericolo critico (Bigia padovana, Aquila di Bonelli,
Forapaglie comune). Le più evidenti contrazioni nel lungo termine interessano Mignattino comune,
Salciaiola (in pericolo), Bigia padovana, Forapaglie e Capovaccaio (in pericolo critico).
In Fig. 3.19 sono mostrate le popolazioni che hanno espresso le più importanti variazioni relative di
areale. Tra le specie con i più elevati incrementi di areale a breve termine compaiono diverse specie

14Per diverse specie, soprattutto per gli uccelli non coloniali e a distribuzione più diffusa, l’areale non è il risultato di
un’estrapolazione dell’insieme di dati di censimenti/conteggi o densità/abbondanza raccolti sull’intero territorio nazionale,
ma è spesso basata su approssimazioni ottenute dal parere di esperti.

34
acquatiche, e alcune (Airone guardabuoi, Airone bianco maggiore, Spatola, Marangone minore,
Cormorano, Usignolo del Giappone) figurano anche ai primi posti degli incrementi di popolazione,
mentre Salciaiola e Bigia padovana sono le uniche specie con pronunciata contrazione di areale che
hanno subito al contempo decisi decrementi numerici.

BT % LT %
Allocco degli Urali + 1500 Airone guardabuoi + 3300
Gabbiano corallino + 875 Cicogna bianca + 1317
Anatra marmorizzata + 700 Re di quaglie + 1300
Mignattaio + 500 Cormorano + 1075
Airone guardabuoi + 452 Fistione turco + 875
Spatola + 442 Beccapesci + 800
Usignolo del Giappone* + 393 Volpoca + 757
Cormorano + 390 Cigno reale + 560
Cigno reale + 367 Canapiglia + 480
Marangone minore + 364 Airone cenerino + 430
Falco cuculo + 329 Rondine rossiccia + 306
Airone bianco maggiore + 312 Beccaccia di mare + 300

BT % LT %
Fig. 3.19 - Trend degli areali delle popolazioni
Gallina prataiola - 54 Capovaccaio - 56
nidificanti con più elevata variazione
Schiribilla - 55 Voltolino - 56
percentuale positiva (sopra) e negativa (sotto).
Voltolino - 55 Salciaiola - 56
Sono riportati i valori noti di magnitudine
Pittima reale - 59 Cornacchia nera - 58
minima e massima stimata. Le popolazioni
Bigia padovana - 59 Mignattino comune - 75
evidenziate in grigio appartengono a specie
dell’Allega I. BT: breve termine; LT: lungo Uccello delle tempeste - 74 Forapaglie comune - 79
termine. *: specie alloctone. Salciaiola - 76 Starna italica - 100
Mignattino alibianche - 88

Diff. % Diff. %
Cardellino -2,2 Tortora dal collare +48,2
Starna -2,3 Falco pellegrino +40,5
Topino -2,4 Gruccione +31,0
Fig. 3.20 - Differenze tra le percentuali di Sordone -3,0 Colombaccio +30,5
territorio nazionale coperte dall’areale Ortolano -3,1 Folaga +25,0
riproduttivo rilevato nel lungo termine. Sono Salciaiola -3,2 Airone cenerino +24,2
visualizzati i valori delle specie con variazioni Marzaiola -3,4 Sparviere +23,0
più elevate e più basse. Le popolazioni Averla capirossa -3,8 Succiacapre +22,5
evidenziate in grigio appartengono a specie Passera d'Italia -6,8 Tuffetto +22,3
dell’Allegato I. Cornacchia nera -13,6 Germano reale +22,0

Analogamente, nel lungo termine un notevole aumento relativo di areale accompagna un elevato
incremento di popolazione in Cormorano, Volpoca, Cigno reale, Airone cenerino e Beccaccia di
mare, mentre gli importanti decrementi di Starna italica, Forapaglie comune, Capovaccaio, Salciaiola
e Bigia padovana si sono tradotti anche in elevate contrazioni di areale. Anche le specie che rivelano i
maggiori guadagni netti in termini di superficie di territorio nazionale rispetto agli anni ’80 (Fig. 3.20)
sono tutte in incremento numerico, così come alle contrazioni di areale di Passera d’Italia e Averla
capirossa corrisponde una diminuzione di popolazione.
Per molte specie, quindi, sembra esistere una generale corrispondenza tra variazione di popolazione e
variazione di areale, che tuttavia risulta più o meno pronunciata in relazione alle caratteristiche
ecologiche delle specie e al tipo di habitat riproduttivo. Tanto nel decennio recente quanto a scala
trentennale, tra i popolamenti legati alle zone umide si annovera il maggior numero di areali in
contrazione. Il maggior numero di areali in espansione riguarda popolazioni associate a zone umide,
agli ambienti rupicoli e agli ambienti forestali. Da un punto di vista sistematico, il gruppo con il
maggior numero di popolazioni in espansione è quello dei Passeriformi, seguito dai Caradriiformi, dai
Falconiformi, dagli Anseriformi e dai Ciconiformi, mentre ai Passeriformi appartiene anche il
maggior numero di specie in contrazione di areale.

35
Fig. 3.21 - Relazione tra variazione di popolazione e variazione di areale di non Passeriformi nidificanti (sono
riportate solo popolazioni con coppie di valori noti). Le ellissi evidenziano la localizzazione dei simboli dei
Falconiformi, dei Caradriformi, dei Piciformi, dei Galliformi e dei Ciconiformi. Non sono rappresentati i
simboli di diverse specie (Grillaio, Cigno reale, Volpoca, Cormorano, Airone cenerino, Spatola, Beccaccia di
mare, Gabbiano corallino, Gabbiano roseo) i cui valori di notevole incremento (superiori ai limiti riportati
negli assi) avrebbero impedito una chiara visualizzazione della parte centrale del grafico, in cui è concentrata
la maggior parte dei punti.

Fig. 3.22 - Relazione tra variazione di popolazione e variazione di areale di Passeriformi nidificanti
(popolazioni con coppie di valori noti) a breve (a sinistra) e a lungo termine (a destra). Le ellissi evidenziano le
popolazioni che si riproducono prevalentemente nei quattro habitat più rappresentati (zone umide, prati e
pascoli, boschi e arbusteti).

Per meglio evidenziare la relazione tra i trend di popolazione e di areale sono stati prodotti diagrammi
a dispersione (plot-diagram), differenziando gli ordini di “non Passeriformi” dai Passeriformi. Il
diagramma di Fig. 3.21, relativo alle variazioni nel lungo termine dei non Passeriformi, mette in
risalto che nel quadrante dei trend entrambi positivi ricadono soprattutto specie appartenenti ai
Falconiformi, ai Caradriformi e ai Ciconiformi, mentre i Galliformi si localizzano nel quadrante
definito da trend demografici e biogeografici negativi.
Nei diagrammi relativi ai Passeriformi sono state raggruppate le specie secondo l’habitat riproduttivo:
le popolazioni con trend di popolazione e areale positivi appartengono principalmente all’habitat
forestale, mentre nel quadrante opposto si localizzano alcuni Passeriformi associati agli habitat
acquatici (palustri, lacustri, fluviali). Le specie arbustive e quelle del prato-pascolo sono invece divise

36
in porzioni del diagramma caratterizzate rispettivamente da forti diminuzioni di popolazione e da
aumenti moderati di areale.
Un ulteriore strumento di lettura ed interpretazione dei mutamenti di areale, alla luce dei processi di
larga scala15 spazio-temporale, è rappresentato dalla elaborazione di carte tematiche cumulative in
grado di restituire la variazione dell’assetto distributivo, espresse ad esempio in termini di numero di
specie/cella con espansione o contrazione del proprio areale riproduttivo. Anche in questo caso, per le
problematiche già evidenziate a proposito della carta della ricchezza, è stata prodotta una carta
cumulativa delle variazioni di areale limitata alle popolazioni dell’Allegato I e al confronto di lungo
periodo, così da evidenziare eventuali effetti correlati all’applicazione della Direttiva (Fig. 3.22). A
tale scopo la carta della ricchezza è stata riadattata alla griglia del 1986. La carta descrive un generale
aumento del numero di specie di Allegato I, più accentuato in diverse zone nell’Italia meridionale, ma
anche in Sardegna, Umbria, Marche, Emilia-Romagna e Trentino. Pur senza essere esente dai già
citati errori dovuti alla disomogenea distribuzione delle informazioni spaziali attuali, tale
distribuzione appare riflettere, da una parte, una più completa conoscenza della situazione rispetto al
passato; dall’altra un effettivo aumento dell’areale di molte specie protette, comprese quelle a
distribuzione diffusa.

A B
Fig. 3.22 - A: variazione del numero di popolazioni di Allegato I nel lungo periodo (1985-2013). La griglia
utilizzata per il confronto è quella del Progetto Atlante Italiano. B: ubicazione delle Zone di Protezione
Speciale, rappresentate con colori differenti secondo il numero di specie di Allegato I ospitate.

3.6 Le pressioni e le minacce


La conoscenza dei principali fattori di minaccia, richiesta dal format di rendicontazione per le specie
trigger, è uno degli elementi alla base delle politiche di conservazione, in grado di indirizzare, tanto a
scala nazionale quanto in ambito locale, le misure e le azioni che perseguano il contenimento della
mortalità, il mantenimento delle popolazioni entro livelli accettabili o la loro implementazione.
L’individuazione di questi fattori è tuttavia solo in minima parte frutto di iniziative di ricerca
focalizzate sulle cause del decremento numerico delle popolazioni italiane; per molte specie tali cause
risultano ancora ignote e/o sono solo ipotizzate.
Nell’ambito delle schede relative alle specie trigger è stata calcolata la frequenza delle 16 classi di
minaccia a specificazione più generica (Fig. 3.23). Le minacce più ricorrenti riguardano le

15 individuabili cioè alla risoluzione della griglia standard e in atto durante i periodi di confronto storico.

37
modificazioni dei sistemi naturali, le pratiche agricole e l’uso di risorse biologiche (per es. la caccia e
la pesca).

Fig. 3.23 - Frequenza delle principali minacce per le popolazioni trigger, secondo una loro classificazione
più generica (A) e più specifica (B). In verde scuro è il indicato il numero di popolazioni per le quali la
minaccia è stata considerata di alta importanza.

Se si analizzano le classi di minaccia ad un livello maggiore di specificazione, i fattori più ricorrenti


sono il bracconaggio, le minacce esterne al di fuori della UE (soprattutto per le specie svernanti nei
paesi africani) e l’alterazione degli habitat. I fattori di minaccia considerati più frequentemente di
importanza elevata sono l’abbandono dei prati-pascoli, l’intensivazione dell’agricoltura, le modifiche
idrauliche e l’ingresso di specie aliene. La rilevanza di queste classi di minaccia è frequentemente
associata alla vulnerabilità di molte specie che vivono nelle suddette tipologie ambientali, rimarcata
anche dai loro trend negativi.

3.7 Il ruolo delle ZPS


L’importanza della Rete Natura 2000 per la conservazione delle specie più vulnerabili è strategica: le
ZPS ospitano più del 50% della popolazione nazionale di almeno 54 delle 90 specie nidificanti listate
nell’Allegato I (Fig. 3.24). Inoltre, le ZPS sono in gran parte sovrapposte alle zone a maggiore
diversificazione di specie dell’Allegato I: molte sono state istituite per tutelare le principali zone
umide, soprattutto lungo la fascia costiera e nelle principali aree planiziarie del Paese, inoltre una
parte consistente è localizzata lungo la dorsale alpina e appenninica, a tutela dei più importanti
massicci montuosi, dove si concentrano diverse e rare entità forestali e rupicole.

38
450000

400000 Sicilia
Lazio
350000 Veneto
Abruzzo

Superficie totale ZPS (Ha)


Lombardia
300000 Sardegna
Calabria Piemonte
Puglia
250000
Campania
200000 Toscana
Prov. BZ Emilia-Romagna
Basilicata
150000 Prov. TN
Marche
100000 Valle Friuli V.G.
d'Aosta
Molise
50000 Umbria
Liguria
0
0 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000 30.000

Superficie regionale (kmq)

Fig. 3.24 - Ripartizione delle specie di Allegato I in Fig. 3.25 - Relazione tra superficie cumulativa
base alla percentuale della popolazione nazionale tutelata da ZPS e superficie regionale.
all’interno delle ZPS.

N specie All. I
% superf. media specie indicate in formulario
REGIONE N. ZPS Med. Con. Alp. Media ha regione All. I/ZPS < 20 21-40 41-60 >60
Piemonte 50 1 32 17 5.479,03 10,8 18,6 32 17 0 1
Valle d’Aosta 5 0 0 5 24.069,38 36,9 11,6 4 1 0 0
Liguria 7 1 0 6 2.816,42 3,6 13,3 6 1 0 0
Lombardia 67 0 37 30 4.439,18 12,5 19,1 47 13 6 1
Prov.Aut. Bolzano 17 0 0 17 8.387,90 19,3 12,2 16 1 0 0
Prov.Aut. Trento 19 0 0 19 6.691,19 20,5 9,3 18 1 0 0
Veneto 67 0 48 19 5.371,18 19,6 13,5 58 7 1 1
Friuli-Venezia Giulia 8 0 5 3 14.556,20 14,8 54,5 3 0 1 4
Emilia-Romagna 87 0 87 0 2.203,03 8,5 21,7 48 25 12 2
Toscana 61 53 8 0 3.157,95 8,4 15,5 46 8 7 0
Marche 27 0 27 0 4.368,29 12,5 13,4 22 5 0 0
Umbria 7 5 2 0 6.749,08 5,6 22,0 4 2 1 0
Lazio 39 39 0 0 9.802,83 22,2 12,0 34 4 0 1
Abruzzo 5 2 0 3 69.512,26 32,1 11,8 5 0 0 0
Molise 12 12 0 0 5.140,07 13,8 12,7 10 2 0 0
Campania 31 31 0 0 7.117,65 16,1 15,7 21 9 1 0
Puglia 11 11 0 0 24.445,94 13,8 26,6 3 6 2 0
Basilicata 17 17 0 0 9.519,46 16,1 14,0 14 2 1 0
Calabria 6 6 0 0 43.709,45 17,2 18,3 5 0 1 0
Sicilia 30 30 0 0 13.315,72 15,5 25,4 16 7 7 0
Sardegna 37 37 0 0 7.997,99 12,3 19,3 24 9 4 0
610 245 246 119 13278,58 14,6 18,1 436 120 44 10

Fig. 3.26 - Distribuzione delle ZPS nelle Regioni e nelle Province Autonome. È riportato il numero di ZPS per
regione biogeografica (Med.: mediterranea; Con.: continentale; Alp.: alpina), l’estensione media, la ricchezza
media di specie di All.I e il numero di ZPS secondo classi di ricchezza di specie di All.I.

Le 610 ZPS italiane, nel loro insieme, sembrano favorire sia l’interconnessione tra i siti riproduttivi
più importanti sia la diffusione delle specie protette nelle aree non ancora colonizzate. Inoltre, nel loro
insieme, occupano una superficie di 44075 kmq, percentuale considerevole (14,6%) del territorio
nazionale16. Il maggior numero di ZPS ricade all’interno della regione biogeografica mediterranea
(40,2%) e continentale (40,3%), mentre, in termini di superficie, la maggior parte di territorio protetto
si trova nella regione mediterranea (53,5%), seguita da quella alpina (32,5%) e continentale (14,0%).
La quota di territorio protetto da ZPS è relativamente uniforme nelle diverse regioni (in media il
15,8%) in rapporto alla superficie totale (Fig. 3.25), sebbene Abruzzo, Lazio, Veneto, Trentino-Alto
Adige, Val d’Aosta e Calabria si distinguano per una percentuale più elevata di territorio, in ragione
della coincidenza tra ZPS e molti dei più estesi parchi nazionali e regionali collocati nei contesti
montani (Fig. 3.26 e 3.27). Abruzzo e Calabria - insieme alla Puglia - si collocano infatti ai primi

16 Tale percentuale è calcolata come quota del territorio nazionale tutelata da ZPS.

39
posti per estensione media delle ZPS, pur essendo queste ultime presenti in numero relativamente
basso. Al contrario, la Toscana e l’Emilia-Romagna si caratterizzano per una percentuale di territorio
protetto piuttosto bassa, frammentata in un elevato numero di istituti (Emilia-Romagna detiene il
primato di 87 ZPS): in queste regioni rivestono importanza le zone umide e i ripristini ambientali di
dimensioni ridotte o fortemente limitate dall’elevata antropizzazione del territorio.

REGIONE
DENOMINAZIONE ZPS REGIONE BIOGEOGRAFICA Ha N Specie
Foce dell'Isonzo-Isola della Cona Friuli-V.G. Continentale 2.668,138 94
Laguna di Marano e Grado Friuli-V.G. Continentale 16.363,397 93
Valle Cavanata e Banco Mula di Muggia Friuli-V.G. Continentale 859,949 77
Parco Nazionale del Circeo Lazio Mediterranea 22.164,816 75
Aree Carsiche della Venezia Giulia Friuli-V.G. Continentale 12.189,411 69
Lago di Mezzola e Pian di Spagna Lombardia Alpina 1.610,501 64
Valle del Mezzano Emilia-Romagna Continentale 18.862,936 62
Laguna di Venezia Veneto Continentale 55206,4 62
Biotopi e Ripristini amb. Di Medicina e Molinella Emilia-Romagna Continentale 4485,72 61
Fiume Po - tratto vercellese-alessandrino Piemonte Continentale 14.107,012 61
Pantani della Sicilia sud-orientale Sicilia Mediterranea 3.558,993 60
Padule della Trappola, Bocca d'Ombrone Toscana Mediterranea 489,417 60

Fig. 3.27 - ZPS con il maggiore numero di specie di All.I listate nel formulario.

REGIONE
DENOMINAZIONE ZPS REGIONE BIOGEOGRAFICA Ha N Specie
Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga Abruzzo Alpina 143.311,3 13
Murgia Alta Puglia Mediterranea 125.881,6 21
Pollino e Orsomarso Calabria Mediterranea 94.145,1 16
Massiccio del Monte Pollino e Monte Alpi Basilicata Mediterranea 88.052,4 11
Parco Nazionale della Maiella Abruzzo Alpina 74.081,6 14
Parco Nazionale del Gran Paradiso Valle d'Aosta Alpina 71.041,5 11
Monti Nebrodi Sicilia Mediterranea 70.528,5 39
Dolomiti del Cadore e del Comelico Veneto Alpina 70.395,7 17
Marchesato e Fiume Neto Calabria Mediterranea 70.205,5 58
Promontorio del Gargano Puglia Mediterranea 70.011,6 24
Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate Lazio Mediterranea 67.572,5 27
Picentini Campania Mediterranea 63.760,9 23
Monti Ausoni e Aurunci Lazio Mediterranea 62.326,8 17
Parco Nazionale dello Stelvio Lombardia Alpina 59.741,2 30
Monti Sicani, Rocca Busambra e Bosco d. Ficuzza Sicilia Mediterranea 59.354,8 20
Sirente Velino Abruzzo Mediterranea 59.133,7 13
Laguna di Venezia Veneto Continentale 55.206,4 62
Monti Simbruini ed Ernici Lazio Mediterranea 52.098,8 12
Parco Naz. d'Abruzzo,Lazio e Molise ed aree lim. Abruzzo Alpina 51.148,7 12

Fig. 3.28 - ZPS con la maggiore estensione (>50.000 Ha), ordinate per superficie decrescente.

L’Umbria e la Liguria sono infine le regioni con la più bassa percentuale di territorio disposto a tutela
dell’avifauna (rispettivamente 5,6% e 3,6%). Dal punto di vista del valore che le ZPS assumono per la
biodiversità e la conservazione delle popolazioni maggiormente tutelate dalla Direttiva Uccelli, si
constata che la maggioranza dei formulari standard (71,5%) riporta un numero di specie di Allegato I
inferiore a 20 (il 38,2% inferiore a 10), mentre solo l’8,9% registra un numero superiore alle 40
specie. Le ZPS che superano questa soglia sono esclusivamente zone umide (Fig. 3.27), per lo più
concentrate in Emilia-Romagna (12), Toscana e Sicilia (7), Friuli-Venezia Giulia (5), Sardegna (4)
Veneto e Puglia (2). In Friuli-Venezia Giulia si riscontra il più alto numero medio di specie di
Allegato I per ZPS, risultato probabilmente imputabile alla correlazione positiva tra latitudine e
ricchezza di specie e alla particolare collocazione geografica, che permette di ospitare specie e
popolazioni tipiche dell’Europa centrale, dei Balcani e del Mediterraneo.

40
3.8 Le misure di conservazione
Alle specie di Allegato I, è stato dedicato all’interno delle ZPS, un certo numero di misure specifiche
di conservazione. Sulla base dei dati inviati dalle Regioni e Province Autonome, un maggior numero
di specie è stato interessato da misure indirizzate alla gestione della fauna e alla tutela degli habitat
acquatici e di quelli agricoli e forestali (Fig. 3.29). Tra le misure considerate di maggiore impatto per
la conservazione si inseriscono, per la maggiore frequenza di adozione, anche misure concernenti la
pianificazione territoriale.

Fig. 3.29 - Numero di taxa per i quali sono state adottate, nelle ZPS, misure di conservazione di impatto elevato
(evidenziate con colore più scuro) e medio-basso. Le misure sono classificate sulla base dell’ambito di
applicazione.

Fig. 3.30 – Un intervento di miglioramento


ambientale all’interno di zone umide della Rete
Natura 2000: la realizzazione di isole artificiali
per la nidificazione dei Caradriformi (Saline di
Cervia - LIFE Nature MC Salt, Parco Regionale
del Delta del Po Emilia-Romagna).

Foto S. Pirrello

Nella gran parte dei casi (93%), l’effetto di queste misure è risultato non conosciuto o non valutabile.
Solo per un numero assai limitato di casi, le misure adottate, riguardanti per lo più l’ambito della
gestione faunistica e della pianificazione territoriale, hanno avuto un effetto nel lungo termine (27
specie) o sono state indirizzate al mantenimento (15) o all’incremento (5) della popolazione.
Alla base della scarsa conoscenza dell’effetto delle misure vi è probabilmente la mancanza di progetti
di monitoraggio, le cui risultanze spesso forniscono uno strumento oggettivo per misurare l’efficienza
e la reale ricaduta degli interenti intrapresi.

41
3.9 Qualità dei dati
Nei precedenti paragrafi abbiamo già evidenziato come la qualità generale del Rapporto sia
pesantemente condizionata dalla carenza di dati sullo stato di conservazione attuale e storico delle
specie, o da un mancato aggiornamento delle stime di popolazione e dell’assetto distributivo delle
specie. Una più specifica valutazione di questo aspetto è stata condotta considerando la qualità
attribuita al singolo dato, secondo tre classi di qualità (alta, moderata, bassa) previste nel format.
Il grafico di Fig. 3.31 sottolinea come tre quarti delle stime di popolazione degli uccelli nidificanti
siano basate sull’opinione di esperti, mentre solo il 9% delle stime si basa su studi o ricerche
affidabili. La valutazione di esperti è ancora preponderante nel trend a lungo termine (57,1%)17, si
abbassa in quello a breve termine per effetto di un maggior numero di popolazioni monitorate
attraverso campionamenti standardizzati (in particolare le numerose specie di Passeriformi
considerate dal Progetto MITO), ed è pressoche nulla per quanto attiene la qualità della distribuzione
(che deriva esclusivamente da dati di atlanti regionali o nazionali, con i limiti già precedentemente
discussi).

Fig. 3.31 - Percentuale di utilizzo dei diversi metodi utilizzati per le stime attuali, a breve termine e a lungo
termine delle popolazioni e degli areali delle specie nidificanti.

La ripartizione percentuale dei metodi di stima delle popolazioni nidificanti nel loro complesso
cambia se si analizzano differenti classi dimensionali di popolazione (Fig. 3.32): nelle popolazioni
meno numerose (inferiori a 100 coppie o comprese tra 100 e 1000 coppie) i metodi più affidabili
(censimenti completi o basati su estrapolazioni di campionamenti parziali) sono stati utilizzati in
percentuali elevate. Le specie meno numerose e come tali più vulnerabili (tra cui molte specie
acquatiche, ma anche diversi Falconiformi), sono dunque quelle più attentamente controllate, mentre
per popolazioni oltre le 100.000 coppie la stima è esclusivamente fornita da valutazioni soggettive
(expert based).
Le Figg. 3.31 e 3.32 indicano la necessità e l’urgenza di arrivare a standard qualitativi allineati alle
richieste di rendicontazione dell’UE, attraverso approcci di monitoraggio dell’avifauna differenti da
quelli fino ad ora utilizzati.

17 La percentuale delle valutazioni di esperti nelle stime dei trend di popolazione può essere inferiore rispetto a quella delle

stime di popolazione attuale in virtù del fatto che i trend non sono calcolati per differenza tra dati di popolazione degli anni
posti a confronto. Quindi la qualità della stima attuale non necessariamente inficia quella dei trend.

42
Popolazione Areale
100%

Stime attuali
0%
100%
Trend
a breve termine
0%
100%
Trend
a lungo termine
0%
2 3 4 5 6 2 3 4 5 6
10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

Classi di dimensione della popolazione (stima max)

Censimenti completi o stime statisticamente robuste


Stime basate su dati parziali con estrapolazioni e/o modellizzazioni
Stime basate sull’opinione di esperti, senza campionamenti o con campionamenti minimi
Dati assenti

Fig. 3.32 - Qualità del metodo utilizzato per le stime attuali, a breve termine e a lungo termine delle
popolazioni e degli areali delle specie nidificanti. Nelle barre è visualizzata la percentuale di utilizzo dei diversi
metodi in ciascuna delle sei classi di dimensione della popolazione (suddivise secondo potenze di 10).

3.10 Lo stato di conservazione dell’avifauna


e l’applicazione della Direttiva: un primo “bilancio”
Il quadro finora descritto, per quanto ancora incompleto e carente, permette di esprimere una
valutazione complessiva sullo stato di conservazione dell’avifauna italiana e sull’applicazione della
Direttiva Uccelli in Italia, distinguendo il reale e più diretto effetto delle misure della Direttiva a
beneficio dell’avifauna da quello di altri processi da essa indipendenti. Certamente la Direttiva
Uccelli, unitamente alla Direttiva Habitat e alla costituzione della Rete Natura 2000, ha avuto un
impatto positivo nelle politiche di conservazione del nostro Paese, per diverse motivazioni:
- ha introdotto nuovi e più cogenti vincoli per la tutela e la gestione delle specie, anche attraverso la
designazione delle ZPS, incentivando al tempo stesso il miglioramento della conoscenza sulle
popolazioni di uccelli (in particolare delle specie di Allegato I) ed il loro monitoraggio;
- ha collocato le problematiche di conservazione e gestione delle specie in una dimensione europea,
più rispondente alle caratteristiche biologiche di animali che hanno areali condivisi tra i territori degli
Stati membri e che attraverso le migrazioni possono trascorrere parte del proprio ciclo annuale in aree
del continente anche molto distanti tra loro;
- ha favorito l’introduzione di una più rigorosa gestione venatoria, che ha avuto effetti positivi sia
sulle specie cacciabili sia su quelle non cacciabili maggiormente sensibili;
- ha di fatto disposto le condizioni per la realizzazione di un sistema di controllo (in Italia
rappresentato dagli uffici regionali deputati al controllo delle valutazioni di incidenza) in grado di
vigilare sulle opere pubbliche e private gravanti sul territorio delle ZPS e sulle potenziali minacce per
le specie più a rischio;
- ha individuato nuovi ambiti amministrativi verso i quali privilegiare l’erogazione di finanziamenti
per progetti (LIFE, Misure agro-ambientali dei Piani di Sviluppo Rurale) indirizzati a realizzare
azioni pratiche strettamente mirate a favorire la nidificazione, l’alimentazione o la permanenza di
specie di uccelli negli habitat agricoli;
- ha promosso una nuova filosofia di tutela delle risorse naturali, fondata non più esclusivamente sul
vincolo, ma sulla compatibilità tra esigenze di conservazione ed attività umane, responsabilizzando
gli enti e le amministrazioni pubbliche a farsi carico della gestione attiva delle ZPS attraverso
l’applicazione di appositi piani;
- ha contribuito a favorire un graduale e crescente sviluppo di una “cultura della conservazione”, oggi
maggiormente radicata nella società, come anche negli enti e nelle amministrazioni pubbliche che
amministrano le risorse naturali.

43
Foto S. Pirrello

Fig. 3.33 – Le zone umide rappresentano i siti di maggiore concentrazione della biodiversità di uccelli.
Malgrado il loro apparentemente elevato grado di tutela, molti di questi siti sono soggetti ad un graduale e
profondo degrado ambientale che sta mettendo a rischio l’esistenza di diverse popolazioni di uccelli.

Molte delle popolazioni considerate maggiormente in pericolo per la loro limitata consistenza
numerica e ridotta distribuzione hanno potuto godere di un più elevato livello di protezione. In
particolare, l’aumento di diverse popolazioni di specie acquatiche, sia nidificanti che svernanti, non
può che essere collegato alla maggiore tutela accordata, nel corso degli ultimi decenni, alle zone
umide: si tratta infatti di aree spesso già sottoposte alla protezione di istituti statali o regionali (parchi
riserve), in cui gli interventi di gestione possono essere concentrati in una superficie più ridotta e
indirizzati ad azioni maggiormente finalizzate alle specie (migliore controllo dei fattori di disturbo e
minaccia, possibilità di ripristinare ambienti degradati o di creare nuovi ambienti artificiali). In ambiti
dominati dalla matrice agricola intensiva, invece, lo sviluppo della vegetazione e l’aumento della
copertura arborea hanno probabilmente aumentato la funzione di rifugio e corridoio ecologico per
molte specie di uccelli.
Se quindi le principali aree agricole di pianura si presentano come contesti ambientali tra i più poveri
di specie, nelle stesse aree si concentra la maggior parte delle zone umide, che rappresentano i
principali “hot-spot” di diversità dell’avifauna.
Come si è cercato di evidenziare, non tutte le popolazioni di uccelli associate alle zone umide hanno
migliorato il loro status di conservazione. Diverse specie permangono in uno stato demografico non
favorevole, e alcune (soprattutto Passeriformi) sono andate incontro a pesanti cali di popolazione.
Pertanto le alterazioni ambientali delle zone umide (es. ingresso del cuneo salino nelle aree costiere,
tagli indiscriminati, inquinamento delle acque), in particolare dei canneti, potrebbero aggravare lo
stato di alcune popolazioni già fortemente rarefatte, ma anche di specie a distribuzione diffusa e un
tempo relativamente comuni.
La diminuzione di altre specie non strettamente dipendenti dagli ecosistemi acquatici listate in
Allegato I (per es. Capovaccaio, Re di quaglie, Gallo cedrone, Coturnice, Pernice bianca, Gallina
prataiola, Averla piccola, Calandra, Calandrella, Bigia padovana), ma anche di specie un tempo
relativamente comuni ed oggi in precario stato di conservazione (per es. Torcicollo, Averla capirossa,
Allodola, Cutrettola, Monachella, Saltimpalo, Bigia grossa, Passera d'Italia, Passera mattugia) rende il
giudizio ancora piuttosto contrastato sulla reale capacità della Direttiva di opporsi alla perdità di
biodiversità. Probabilmente per molte popolazioni nidificanti le cause del declino sono da individuare
44
in ambiti spazio-temporali di grandezza superiore rispetto a quelli entro i quali le politiche di
conservazione della UE possono avere efficacia: ci si riferisce ad esempio alle specie che possono
risentire dei cambiamenti climatici o alle specie trans-sahariane potenzialmente influenzate da
processi in atto nei quartieri di svernamento.

Foto S. Pirrello

Fig. 3.34 – L’intensivazione dell’agricoltura ha determinato il decremento di molte popolazioni di uccelli. La


perdita di biodiversità può essere arginata con una gestione più eco-sostenibile dei sistemi agricoli.

Per altre specie di uccelli nidificanti le cause della contrazione numerica sono più direttamente
dipendenti dalle variazioni ambientali legate alla gestione locale. Escludendo gli ambienti acquatici,
le specie che, dal punto di vista dello stato di conservazione, presentano le maggiori criticità sono
associate agli ambienti agricoli, sia intensivi, sia estensivi e a minor impatto ambientale (i mosaici
agricoli, i prati-pascoli). Le cause del decremento, raramente studiate in Italia, sono probabilmente da
imputarsi alla graduale intensivazione agricola nei sistemi di pianura (aumento della meccanizzazione
e degli input di agrofarmaci, banalizzazione dei sistemi agricoli, riduzione dei margini e delle siepi,
sfalci in periodo riproduttivo di colture erbacee e fasce interpoderali,…) e all’abbandono delle attività
pastorali tradizionali nelle zone collinari e montane, cui consegue la graduale perdita di superfici
prative e di habitat idonei alla nidificazione e all’alimentazione.
La dinamica demografica dell’avifauna in Italia è quindi andata incontro ad un’accelerazione nel
corso degli ultimi trent’anni, anche in conseguenza di profondi cambiamenti socio-economici del
settore agricolo e al consumo di territorio. È noto che gli obiettivi di conservazione della Direttiva
Uccelli si scontrano (o mal si conciliano) con gli interessi economici del settore agricolo, orientato
sempre più a massimizzare la produzione. Le pur ridotte modalità introdotte dalla Politica Agricola
Comunitaria per contrastare il depauperamento delle specie ornitiche degli ambienti agricoli sono (o
sono state) mal utilizzate: gli interventi agro-ambientali, finanziati a livello regionale attraverso i
Piani di Sviluppo Rurale, sono poco diffusi, localizzati e di difficile applicazione. Si tratta però di
strumenti che offrono ancora ampi margini per il miglioramento dell’ambiente agricolo, in grado di
incidere sensibilmente sulle popolazioni di uccelli.
A limitare ulteriormente le possibilità di azione della Direttiva Uccelli ha contribuito anche la sua
“rigidità normativa” per quanto attiene il contenuto dell’Allegato I. Riconoscendo gli enormi risultati
conseguiti dalla Direttiva attraverso la definizione di questo allegato (che comprende la gran parte

45
delle specie meritevoli di un più elevato livello di tutela, per il loro precario stato di conservazione) si
deve costatare come la lista, malgrado alcuni recenti cambiamenti18, appaia alquanto obsoleta,
basandosi per lo più su una situazione dell’avifauna europea risalente agli anni ‘70. È pertanto
auspicabile una sua revisione, più attenta alle criticità specifiche dei diversi Stati membri e ai
cambiamenti demografici delle specie ornitiche.
La Direttiva, attraverso l’istituzione delle ZPS, ha comunque avuto il merito di estendere la tutela ad
un ampio spettro di specie e popolazioni, non limitato all’elenco dell’Allegato I. L’esclusione
dall’Allegato I di 14 specie classificate in Italia come vulnerabili o in pericolo di estinzione è
compensata dal fatto che la maggior parte di esse è localizzata principalmente all’interno di ZPS,
beneficiando così indirettamente della tutela accordata a questi siti.
Molte delle popolazioni nidificanti di uccelli degli ambienti forestali o ecotonali ad ampia
distribuzione hanno mostrato incrementi numerici consistenti; nel caso del Colombaccio, dei
Piciformi e di molti Passeriformi l’aumento numerico sembra essere confermato da un aumento
dell’areale riproduttivo. L’andamento di queste specie è stato verosimilmente influenzato, negli ultimi
decenni, da cambiamenti naturali dell’assetto forestale. L’aumento di determinate popolazioni di
uccelli boschivi potrebbe essere stato determinato da una migliore regolamentazione del patrimonio
forestale, soprattutto nelle aree protette, ma anche dall’aumento di copertura arborea (conseguente
all’abbandono di alpeggi montani), dallo sviluppo della vegetazione in zone umide, aree golenali, aree
urbane. Non devono essere sottovalutate, quali potenziali fattori di minaccia per il patrimonio
boschivo, alcune fito-patologie originate da agenti alloctoni, che negli ultimi anni si sono diffuse
soprattutto nei settori appenninici e con potenziali risvolti sulle specie ornitiche forestali. Al momento
le poche specie forestali in calo pronunciato, tutte a distribuzione alpina, sono Cesena, Beccafico,
Gallo forcello e Gallo cedrone. Lo status di queste ultime due specie (in decremento numerico fin
dagli anni ’50 del secolo scorso) ha senz’altro risentito in passato di un eccessivo prelievo venatorio,
al pari di altre specie di Galliformi. In questo ordine, tra quelli maggiormente penalizzati per numero
di specie in calo demografico, soltanto la popolazione della Quaglia mostra un aumento, anche se
forse solo apparente, legato all’immissione di soggetti di allevamento di Quaglia giapponese
(Coturnix japonica) o di forme ibride.
L’aumento della maggior parte delle popolazioni di Falconiformi può essere interpretato, in chiave
ecologica, come conseguenza di un sostanziale miglioramento ambientale che si ripercuote nella
catena trofica fino ai livelli di vertice. Diverse specie di rapaci hanno avuto una notevole ripresa,
soprattutto nel lungo termine, anche in seguito alla forte diminuzione di fenomeni come le uccisioni
dirette ed indirette (es. prodotte dall’ingestione di bocconi avvelenati) ed il prelievo di uova e pulli
destinati alla falconeria. Ciò è stato reso possibile da un inasprimento delle sanzioni, un maggiore
controllo dei siti riproduttivi e, soprattutto, un cambiamento culturale che ha da tempo cancellato
l’attributo di “nocivi” a questi animali. Restano tuttavia numerose criticità legate soprattutto alla
diffusione di sostanze tossiche nell’ambiente, e allo sviluppo di infrastrutture, quali le linee elettriche
e gli impianti eolici.
Alcune specie alloctone ormai da diversi anni naturalizzate si sono recentemente caratterizzate per il
ragguardevole incremento numerico ed una sempre maggiore diffusione geografica: tra queste le
popolazioni più cospicue sono rappresentate dall’Usignolo del Giappone, dal Bengalino, dal Panuro
di Webb, dal Colino della Virginia e dai due parrocchetti (Parrocchetto dal collare e Parrocchetto
monaco), pappagalli che formano notevoli aggregazioni nei siti di alimentazione e dormitorio e si
segnalano per danni alle colture in diverse località del Paese. Più localizzato nelle zone umide, ma
non meno importante, è il problema dell’inquinamento genetico, dovuto a diffusione di razze
alloctone o domestiche di Anatidi in grado di riprodursi con individui di specie selvatiche. Nei
prossimi anni sarà importante sviluppare una strategia sovranazionale in grado di fronteggiare la
diffusione dell’avifauna alloctona, e dirimere alcune questioni normative relative alla sua gestione,
per rendere le eventuali azioni da intraprendere quanto più efficienti, se non risolutive. Un analogo
approccio dovrebbe riguardare anche alcune specie autoctone considerate “problematiche”, quali ad
esempio il Gabbiano reale. Grazie alla plasticità ecologica e alle sue capacità di sfruttare le molteplici
risorse offerte dall’uomo, questa specie crea problemi sempre più rilevanti di convivenza con le
attività umane (soprattutto nelle aree urbane, dove si conta un numero crescente di colonie stabili), ma

18 Direttiva 97/49/CE della Commissione (GU L 223 del 13.8.1997, pag. 9)

46
anche con le specie di interesse conservazionistico (sulle quali esercita un’intensa predazione di uova
e pulli).
Il tentativo di dare un’interpretazione dei processi che hanno determinato l’attuale stato delle
popolazioni di uccelli non agevola una previsione sull’evoluzione dell’avifauna italiana nei prossimi
anni, anche perché al momento sono ancora poco conosciuti i fattori causali che determinano la
dinamica delle singole specie, ora più direttamente correlati alla gestione ambientale, ora dipendenti
dai cambiamenti globali.

Fig. 3.35 – Il Gabbiano


reale, una specie
opportunista che ha
beneficiato delle molteplici
risorse trofiche offerte
dall’uomo. La sua
abbondanza in alcune zone
umide è causa diretta di
predazione su specie
acquatiche prioritarie e del
loro basso successo
riproduttivo.
Foto S. Pirrello

L’analisi condotta sui dati del Rapporto ha evidenziato che il destino della gran parte delle specie
ornitiche, tra cui molte entità di interesse conservazionistico e a maggiore vulnerabilità o rischio di
estinzione, è vincolato a sistemi sottoposti a una più diretta influenza antropica (comprese molte zone
umide e corsi d’acqua). Pertanto le strategie per conservare o incrementare le popolazioni dovranno
sempre più interfacciarsi con la gestione di questi contesti ambientali. Le ZPS sono gli ambiti elettivi
all’interno dei quali tali strategie dovrebbero trovare attuazione, anche in forma sperimentale, per
individuare modelli di gestione esportabili nel resto del territorio. Sussistono tuttavia ancora molte
difficoltà nel dare corso ai Piani di gestione, spesso imputabili alla mancanza di risorse pubbliche,
soprattutto nelle aree della Rete Natura 2000 che non coincidono con i Parchi nazionali o regionali. In
un periodo di grave crisi economica, il rischio che un’ulteriore riduzione di finanziamenti destinati
alla gestione delle risorse naturali possa alterare la qualità ambientale, con negative ripercussioni
sull’avifauna, appare concreto. Inoltre, nei contesti più fortemente condizionati dall’abbandono
dell’agricoltura tradizionale potrebbe risultare difficile, se non velleitario, contrastare le dinamiche
naturali che contribuscono, a scala di paesaggio, a ridurre il numero di specie ornitiche.
Gli uccelli rappresentano una componente fondamentale dei nostri sistemi ambientali, oltre che una
risorsa economica sempre più importante per il loro valore scientifico, culturale, estetico ed
educativo. La conservazione dell’avifauna è attualmente affidata ad un esteso ed articolato impianto
normativo, in cui la politica nazionale ed europea, in primis attraverso l’applicazione della Direttiva
Uccelli, ha avuto e avrà un ruolo decisivo. Tuttavia la stessa filosofia della Direttiva sottintende che il
pieno raggiungimento degli obiettivi di conservazione preposti potrà essere realizzato, nel nostro
Paese, solo attraverso un generale mutamento culturale, proiettato verso una visione sistemica delle
problematiche ambientali.

47
Fig. 3.36 – Birdwatchers volontari
durante un conteggio ornitologico.
Il contributo del mondo amatoriale
e dell’associazionismo alla
rilevazione dello stato di
conservazione e alla tutela diretta
delle popolazioni di uccelli è
diventato sempre più rilevante negli
ultimi decenni.
Foto S. Pirello

3.11 Le prospettive per migliorare il Rapporto: il monitoraggio


Affinché il Rapporto nazionale non si limiti ad assolvere agli adempimenti formali della Direttiva e
alla mera funzione di “contenitore” di informazioni, ma si proponga invece come primo riferimento
per dare corso a politiche quanto più idonee agli obiettivi di conservazione, è necessario il
raggiungimento di standard di qualità elevati nei dati forniti attraverso la rimozione delle principali
criticità evidenziate anche da questo rapporto. Prioritaria è quindi l’affidabilità dei dati contenuti nel
Rapporto, a sua volta strettamente dipendente dalle modalità di raccolta e gestione delle informazioni
di carattere ornitologico.
È evidente che, data la mole di informazioni necessarie per la rendicontazione, tutti i soggetti che
esercitano un ruolo nella gestione delle risorse naturali e nel rilevamento dell’avifauna dovrebbero
essere chiamati periodicamente a concorrere alla loro raccolta. Il Decreto interministeriale del
6/11/2012 individua le Regioni come i soggetti deputati a raccogliere e trasmettere le informazioni
sulle popolazioni ornitiche presenti nel proprio territorio all’ISPRA, a sua volta incaricato della loro
elaborazione. Un tale meccanismo non può che richiedere l’esistenza, all’interno delle Regioni e
dell’ISPRA, di strutture specifiche, stabili e dotate di personale qualificato in grado di assolvere a
queste funzioni attraverso la pianificazione e l’attuazione di specifici progetti di monitoraggio
dell’avifauna. Lo stesso decreto, tuttavia, non richiama o definisce la necessità di un sistema
standardizzato e coordinato di raccolta dei dati ornitologici su base nazionale, raccolta che quindi
rimane tuttora affidata ad iniziative di rilevamento faunistico promosse da singoli soggetti, pubblici
(Regioni, Province, Enti Parco, enti di gestione delle ZPS, enti ed istituti di Ricerca e Università) o
privati, e di associazioni (protezionistiche, scientifiche, amatoriali e sostenute dal volontariato).
Queste realtà, nel loro insieme, rappresentano quindi una risorsa tanto unica e preziosa, quanto
incompleta ed insufficiente.
Sull’esempio di paesi europei che hanno da tempo avviato con successo programmi di monitoraggio
nazionali dell’avifauna (Balmer et al., 2013), risulta in primo luogo evidente la necessità di mettere “a
sistema” i diversi soggetti promotori in grado di contribuire al comune obbiettivo di aggiornare lo
stato di conservazione dell’avifauna, delineando in modo quanto più attendibile l’assetto delle
popolazioni e della loro distribuzione nel territorio nazionale. Per questo primo ed importante passo
devono però sussistere alcune condizioni:
- il riconoscimento formale del ruolo di questi soggetti (comprese le strutture private e le
associazioni) come centri o nodi locali di riferimento per la raccolta dei dati all’interno dei propri
ambiti di azione/competenza;
- l’identificazione a livello istituzionale di un organismo in grado di coordinare i soggetti
coinvolti, di assemblare ed elaborare i dati, e di produrre elaborati di feedback;

48
- il riconoscimento, da parte dei soggetti coinvolti, dell’organismo di coordinamento come
destinatario dei dati, nonché delle finalità comuni che ne motivano la raccolta e degli standard
necessari affinché i dati stessi possano essere utilizzati dai soggetti preposti;
- la disponilità piena dei dati raccolti per chi analizza i dati e redige periodicamente il Rapporto
nazionale.
Queste condizioni, in assenza delle quali molte delle difficoltà incontrate in occasione della
produzione del presente Rapporto si riproporranno anche in futuro, sono necessarie, ma non
sufficienti. Alla luce delle diverse tipologie di dati richieste nel Rapporto, per garantire un sistema
efficace di monitoraggio nazionale dell’avifauna dovrebbero essere superate diverse altre importanti
criticità19:
a) standardizzazione del rilevamento nazionale. L’applicazione nel territorio nazionale di
metodologie di rilevamento comuni, sincronizzate secondo una predefinita periodicità e riferibili allo
stesso sistema di rappresentazione spaziale (coordinate, griglie), permette la “confrontabilità” dei dati,
facilita la loro raccolta ed elaborazione con notevole riduzione di costi e tempi, ed aumenta la qualità
delle stime;
b) rilevamento delle popolazioni di specie coloniali e di uccelli nidificanti localizzati. Molte delle
iniziative di conteggio di queste tipologie di specie, svolta da professionisti e volontari, spesso
presentano una connotazione regionale (quindi non esaustiva della realtà nazionale), non hanno il
supporto di un coordinamento a scala nazionale, talora generano dati che non trovano spazio in
pubblicazioni. Ultimamente si sono costituiti diversi “gruppi tematici” di referenti ed esperti locali
che a vario titolo condividono i dati relativi a una o più specie, contribuendo a tenere aggiornato lo
status delle popolazioni. La collocazione di questi gruppi all’interno di uno schema nazionale appare
la soluzione preferibile affinché i dati trovino la giusta valorizzazione e non siano dispersi;
c) rilevamento dei trend delle popolazioni di specie diffuse. Gli uccelli a larga diffusione
(prevalentemente Passeriformi) sono oggetto di alcuni progetti di monitoraggio a scala nazionale.
Grazie al Progetto MITO, avviato da diversi anni, è stato possibile quantificare i trend di 99
popolazioni nidificanti. Attualmente il gap di conoscenza relativo a questi uccelli è rappresentato
dalla scarsa affidabilità delle stime di popolazione. Uno sforzo maggiore dovrà essere quindi
indirizzato a tradurre i dati delle campagne di rilevamento (valori di abbondanza o densità) in stime di
popolazione, attraverso opportune modellizzazioni o estrapolazioni per l’intero territorio nazionale;
d) rilevamento dell’areale riproduttivo. Il Rapporto non ha potuto disporre delle informazioni del
Progetto Atlante Italiano, recentemente promosso dal portale Ornitho.it e sottoscritto dalle più
importanti associazioni ornitologiche del Paese con lo scopo di aggiornare lo status distributivo delle
specie nidificanti. Il merito di questa iniziativa, lanciata da diversi anni in altri paesi occidentali
sull’onda della citizen-science, è quello di aver costruito una piattaforma capace di raccogliere
quantità imponenti di dati, raccolti nel territorio da studiosi, appassionati e birdwatcher della sempre
più ampia “comunità” ornitologica nazionale. Il sistema di controllo dei dati, affidato a validatori
locali, ne garantisce la qualità, mentre la trasparenza e l’immediata visualizzazione nel portale dei
dati, facilmente trasmessi via web, è fonte di gratificazione per il singolo utente, che vede il proprio
contributo concretizzarsi ed è quindi stimolato a collaborare al progetto in modo continuativo. È
auspicabile che i dati del Progetto Atlante, ancora in fase di raccolta, possano contribuire ad un
aggiornamento del quadro distributivo delle specie nidificanti italiane e agli elaborati cartografici
richiesti dalla futura rendicontazione;
e) razionalizzazione delle attività di monitoraggio e rendicontazione delle Regioni. Le Regioni sono
gli enti periferici preposti ad assolvere alle attività per il recepimento della Direttiva Uccelli e
dovrebbero essere più direttamente coinvolte nel progetto di rendicontazione nazionale, non soltanto
per effetto del Decreto interministeriale del 6/11/2012. Per ottimizzare tali attività e indirizzare in
modo quanto più utile e razionale le sempre minori risorse pubbliche, occorre predisporre la raccolta
dei dati non soltanto in funzione degli adempimenti della Direttiva, ma soprattutto come strumento di
gestione delle risorse naturali nel territorio di propria competenza. In tale direzione potrà essere utile:
- una più intensa collaborazione con le Università, gli enti pubblici di ricerca e le associazioni, per
coinvolgere le possibili risorse intellettuali ed umane presenti nel territorio nella promozione di
iniziative sempre più mirate alla conoscenza del patrimonio naturalistico regionale, con particolare
riguardo per le aree della Rete Natura 2000 e l’aggiornamento dei relativi formulari standard,
attraverso l’acquisizione di dati spendibili per il monitoraggio regionale e nazionale delle popolazioni
di uccelli;

19 Abbiamo qui voluto tralasciare le problematiche di natura giuridica ed economica che caratterizzano le forme di

collaborazione tra i vari soggetti, e che spesso hanno un peso notevole nell’ostacolare il raggiungimento di questo obbiettivo.

49
- il rilevamento delle misure e delle azioni adottate per finalità di conservazione dell’avifauna in
ambito regionale, nonché il loro controllo e la valutazione in rapporto agli obbiettivi specifici
predisposti nei Piani di gestione delle ZPS;
- un coordinamento e un interscambio di informazioni tra i settori dedicati alla tutela delle risorse
naturali e della Rete Natura 2000 e i settori Caccia e Pesca, i cui ambiti di competenza sono in molti
casi sovrapposti, così come un coinvolgimento di altri settori (es. agricoltura e foreste) che possono
indirizzare interventi in favore della biodiversità (es. misure agro-ambientali dei piani di sviluppo
rurale).
Per il miglioramento delle modalità di rendicontazione e dei contenuti, deve essere radicalmente
cambiata la connotazione negativa del Rapporto, che lo fa apparire come l’ennesimo “compito
imposto dalla UE”, da espletare per non venir meno agli adempimenti comunitari. Si tratta invece di
un’importante occasione per monitorare i cambiamenti di una parte considerevole del nostro
patrimonio faunistico ed orientare le politiche per la sua conservazione. Per tale motivo è auspicabile,
per il futuro, il superamento di una logica localistica ed “emergenziale” che, fino ad ora, ha ostacolato
una raccolta sistemica ed organizzata delle informazioni relative alle popolazioni di uccelli, ed una
loro maggiore condivisione nel segno di un comune arricchimento scientifico e culturale per l’intero
Paese.
L’interesse per gli uccelli da parte del mondo scientifico ed amatoriale ha raggiunto un livello tale
che, in Italia come in Europa, nessun’altra classe di vertebrati può vantare, ogni anno, la raccolta di
una così imponente quantità di informazioni. La sfida per il futuro sarà di canalizzare questi dati
affinché possano dare il loro contributo ad un controllo sempre più efficiente della biodiversità, la cui
evoluzione offre una misura indiretta dello stato ambientale e delle sue criticità e avrà un’influenza
sempre maggiore sulle modalità e le strategie comunitarie attraverso le quali tali criticità potranno
essere contrastate.

50
4. SCHEDE SPECIFICHE

4.1. Le schede delle popolazioni oggetto di approfondimento


Il Rapporto fornisce informazioni su tutte le popolazioni incluse nella check-list per l’art. 12. Un
quadro complessivo delle dimensioni di popolazione e dei loro trend è riportato a pag. 249 nel Quadro
riepilogativo A “Popolazioni specifiche e trend della check-list per l’art. 12 della Direttiva Uccelli”.
In questo volume sono approfondite e commentate in forma di schede esclusivamente le popolazioni
trigger (si veda il parag. 2.3), ordinate secondo il codice EURING crescente. Tale scelta è stata
determinata dalla volontà di valorizzare l’insieme delle specie di maggiore interesse
conservazionistico a livello europeo per le quali sono state determinate le principali linee di intervento
in materia di politiche di tutela della biodiversità, in primo luogo l’istituzione delle ZPS. Il
monitoraggio di queste specie rappresenta un primo ed importante avanzamento nell’ottica di una più
globale valutazione dello stato di conservazione degli uccelli e dell’efficienza delle politiche poste in
essere.
Per le altre popolazioni non classificate come trigger, informazioni sintetiche sugli areali riproduttivi
sono riportate a pag. 255 nel Quadro riepilogativo B “Dimensione e variazione dell’areale a breve e a
lungo termine delle popolazioni nidificanti non classificate come trigger”.
Oltre ai dati raccolti per la compilazione del Rapporto, nella presente pubblicazione per ogni specie è
stata indicata l’eventuale inclusione all’interno di diversi strumenti tecnico-normativi. In particolare,
nelle schede relative alle specie trigger è stato inserito un primo riquadro generale che specifica se il
taxon è incluso in uno o più allegati della Direttiva Uccelli, delle Convenzioni di Berna e di Bonn, o
nelle categorie della Lista Rossa IUCN (http://www.iucn.it/classe-aves.php), della Lista Rossa
nazionale (classificazione di Peronace et al., 2012), delle SPEC (Species of European Concern,
BirdLife International, 2004) o attribuite da Gustin et al., 2010.
La nomenclatura scientifica utilizzata è quella in vigore nel database ufficiale del Rapporto. Nei pochi
casi in cui tale nomenclatura è risultata obsoleta, è stata affiancata dalla nuova nomenclatura,
attualmente adottata dal CISO-COI (Fracasso et al., 2009).
In ogni scheda, a corredo di un commento generale ed interpretativo della situazione attuale di
ciascuna specie/popolazione e dei suoi cambiamenti più e meno recenti, sono inoltre allegate:
- le tabelle delle informazioni numeriche inserite nelle diverse sezioni del Rapporto (si veda il
capitolo 2), suddivise su base fenologica in tre distinte tabelle, riconoscibili per il diverso
colore (in verde chiaro le popolazioni nidificanti, in celeste le popolazioni svernanti, in rosa
scuro le popolazioni migratrici);
- la tabella che riassume i principali fattori di minaccia e le pressioni agenti sullo stato di
conservazione;
- la cartografia della distribuzione e dell’areale, secondo la griglia 10x10 km (sistema ETRS
89, proiezione ETRS LAEA 5210);
- la cartografia della variazione di distribuzione nel confronto storico 1986 – 2012, secondo la
griglia di tavolette UTM 1:25.000 dell’IGM, utilizzate dal Progetto Atlante Italiano (Meschini
e Frugis, 1993).
Le citazioni bibliografiche relative alle specie (ed elencate in ogni sezione del format di ciascuna
specie) sono state volutamente omesse nelle schede specifiche, al fine di non appesantirne la lettura.
Tutte le fonti consultate sono riportate nella sezione “Bibliografia” a pag. 310.
Il successivo paragrafo “4.2. Schema di scheda e legenda”, fornisce una chiave di più agevole lettura
ed interpretazione delle tabelle e delle mappe, riassumendo in forma grafica le numerose tipologie di
informazione contenute al loro interno.

51
Foto M. Piacentino
Airone Rosso (in primo piano) e Falco di palude

52
4.2. Schema di scheda e legenda della cartografia

53
Direttiva Uccelli
I Allegato I (specie prioritarie, per cui sono previste
misure speciali di conservazione)
IIa Allegato II, parte A (specie cacciabili nella zona
geografica marittima e terrestre a cui si applica la
presente direttiva
IIb Allegato II, parte B (specie cacciabili soltanto negli
Stati membri per i quali esse sono menzionate)
IIIa Allegato III, parte A, (specie per le quali la vendita, il
trasporto e la detenzione non sono vietate, purché gli
uccelli siano stati uccisi o catturati in modo lecito o
legittimamente acquisiti)
Codice Euring 02390 IIIb Allegato II (specie che possono essere oggetto di atti
Codice Natura 2000 A074 di caccia nel quadro della legislazione nazionale)
Convenzione di Berna
II Specie strettamente protette
Direttiva Uccelli I
III Specie protette
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2, R Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana VU 1 Allegato 1 della Convenzione di Bonn (specie in
Categoria SPEC 2 pericolo)
2 Allegato 2 (specie con stato di conservazione non
favorevole)
AEWA Specie oggetto dell’accordo AEWA (Agreement on the
Conservation of African-Eurasian Migratory
Waterbirds)
R Specie oggetto del Momorandum of understanding
“Birds of prey”
Lista Rossa Italiana (Categorie IUCN)
EN
(I codici in apice, es. CR , si riferiscono alla classificazione
della IUCN world list)
CR In pericolo critico
EN In pericolo
VU Vulnerabile
NT Quasi minacciata
LC A minor preoccupazione
NA Categoria non applicabile
RE Estinta
DD Carenza di dati
Categoria SPEC (Species of european conservation concern,)XXXXX)
1 Specie di interesse di conservazione globale
2 Specie che hanno uno stato di conservazione
sfavorevole, concentrate in Europa (percentuale della
popolazione globale > 50%)
3 Specie che hanno uno stato di conservazione
sfavorevole, non concentrate in Europa

54
Strolaga mezzana Gavia arctica arctica In Italia la Strolaga mezzana è una specie
esclusivamente svernante. La popolazione italiana
appartiene alla sottospecie arctica, il cui areale
Codice Euring 00030 riproduttivo comprende la regione sibirica
Codice Natura 2000 A689 occidentale e la penisola scandinava, mentre
durante la stagione fredda la specie si sposta
lungo le coste europee dell’oceano Atlantico e del
Direttiva Uccelli I Mediterraneo. In questo periodo può essere
trovata anche in mare aperto, a notevole distanza
Convenzione di Berna II dalla costa. Si osserva di frequente anche
Convenzione di Bonn 2, AEWA all’interno di porti e lagune costiere, mentre
Lista Rossa Italiana nell’entroterra sverna in laghi di grande
Categoria SPEC 3 estensione caratterizzati da acque profonde,
saltuariamente nei fiumi, lungo tratti ampi e poco
disturbati. Conserva, sempre un’indole piuttosto
schiva che rende difficili le osservazioni a breve
distanza.
La presenza della specie è regolare, seppur
variabile di anno in anno, lungo la maggior parte
delle coste italiane del centro Nord, con
concentrazioni particolarmente elevate nella
Laguna di Venezia, in Toscana e sui grandi laghi
lombardi. Osservazioni più meridionali sono più
comuni sulla costa orientale della Penisola, che
viene probabilmente percorsa anche per
raggiungere i più freddi mari di Grecia e Turchia.
La specie viene censita con regolarità nell’ambito
Foto S. Laurenti dei censimenti IWC (International Waterbird
Census). Sebbene la popolazione costiera sia
spesso sottostimata durante questi conteggi, la loro standardizzazione permette comunque una buona
accuratezza nell’analisi dei trend di popolazione. Le popolazioni svernanti italiane, concentrate in
buona parte all’interno di ZPS, risultano in incremento sia sul breve che sul lungo periodo, mentre a
livello globale la sottospecie registra un calo costante, probabilmente a causa di alterazioni e
sottrazioni di habitat nelle regioni di nidificazione. La specie sembra tendere verso uno slittamento a
meridione degli areali di svernamento, pertanto le regioni mediterranee, compresa l’Italia, stanno
assumendo un’importanza crescente per la sua conservazione.

Strolaga mezzana Gavia arctica arctica

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 235 420 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 65 115 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 55 180 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 80 300 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F01 - Ma ri ne a nd Fres hwa ter Aqua cul ture H*
F02.01.03 - demers a l l ongl i ni ng M*
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng H*
G01.01.01 - motori zed na uti ca l s ports L*
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M*
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on H*
H03.03 - ma ri ne ma cro-pol l uti on (i .e. pl a s ti c ba gs , s tyrofoa m) H*
XO - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the Member Sta te M*

55
Svasso maggiore Podiceps cristatus cristatus

Codice Euring 00090


Codice Natura 2000 A691

Direttiva Uccelli
Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn AEWA
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC
Foto S. . Laurenti

Lo Svasso maggiore è ampiamente distribuito in Italia peninsulare e sulle isole maggiori, con aree di
massima importanza rappresentate dall’asta fluviale del Po e dai laghi prealpini. Più a sud si trova nei
laghi vulcanici dell’Italia centrale, nelle lagune costiere tirreniche, pugliesi e sarde, come anche in
tutte le principali zone umide dell’entroterra nelle regioni meridionali ed in Sicilia. L’Italia è
interessata da movimenti di migrazione di popolazioni provenienti dall’Europa centrale e dall’area
baltica della Scandinavia.
La popolazione svernante, della quale si ha una buona conoscenza, è stimata in 23546-27863
individui. Anche in questo caso le aree di massima concentrazione si trovano nei laghi prealpini e nei
sistemi di zone umide costiere, con il Trasimeno che spicca quale area umida interna con alti numeri di
individui. Positive le tendenze della popolazione svernante sia sul breve sia, in modo più marcato, sul
lungo termine. Tra un quinto e la metà della popolazione stimata in inverno risulta presente nella rete
delle ZPS italiane.
Effetti negativi di attività umane sulla gestione delle acque e sulla qualità delle acque dolci e salmastre
rappresentano importanti ragioni di minaccia per la specie in Italia. Ciò anche quale effetto di attività
di vallicoltura intensiva ed estensiva. Rilevante mortalità è causata da alcune tecniche di pesca, ed a
questa si aggiungono le perdite che la popolazione subisce a causa di uccisioni illegali. Politiche di
gestione delle zone umide che siano bilanciate anche rispetto alle esigenze ecologiche della specie,
tecniche di pesca che minimizzino il rischio di catture accidentali ed un pieno rispetto del regime di
protezione, ai sensi delle normative comunitarie e nazionali, rappresentano esigenze primarie di
conservazione a livello nazionale.

56
Svasso piccolo Podiceps nigricollis nigricollis

Codice Euring 00120


Codice Natura 2000 A692

Direttiva Uccelli
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn AEWA
Lista Rossa Italiana NA
Categoria SPEC
Foto S. Laurenti

Lo Svasso piccolo ha una distribuzione subcosmopolita in cui la popolazione paleartica ha areali di


svernamento e nidificazione prevalentemente separati. Durante l’inverno boreale la specie infatti si
sposta dalle regioni centro ed Est-europee, dove nidifica nelle acque interne, alle coste dell’Atlantico e
del Mediterraneo ed in misura minore su alcuni grandi laghi dell’Europa meridionale, inclusa l’Italia.
Nel nostro paese la specie ha nidificato, negli scorsi decenni, solo in modo occasionale, mentre la
presenza durante i mesi invernali è regolare e concentrata principalmente sulle coste. La specie è
compresa nella lista di svernanti che vengono rilevati tramite i censimenti IWC e per la quale i
conteggi risultano piuttosto accurati. I dati relativi ai trend di popolazione evidenziano un calo del
contingente svernante in tutta Italia, relativo sia alla componente che utilizza le acque interne, sia a
quella litoranea. Il decremento numerico viene registrato anche in altre nazioni mediterranee,
nonostante il trend della popolazione che insiste sulla flyway dell’Europa sud-occidentale e del Nord
Africa mostri nel complesso un andamento incerto ed altalenante, forse ad indicare una redistribuzione
all’interno dell’areale di svernamento. Anche sul lungo periodo l’andamento della popolazione italiana
risulta in calo significativo; ciò può essere ascritto sia a fattori globali, come il cambiamento climatico,
sia a fattori locali, come il cambiamento nella disponibilità trofica. Ad esempio la radicale variazione
di composizione ed abbondanza dell’ittiofauna di molti siti italiani potrebbe limitare il numero di
prede di dimensioni adatte allo Svasso piccolo o alterare i rapporti con specie competitrici come lo
Svasso maggiore. Sarebbe auspicabile indagare le cause di questa diminuzione della specie per mettere
in atto, se possibile e se necessario, interventi di conservazione della popolazione italiana.

Svasso piccolo Podiceps nigricollis nigricollis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 7919 10527 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▼ 35 45 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 F 0 45 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 ▼ 5000 8500 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - a ba ndonment of s a l tpa ns (s a l i na s ) M*
C01.05.02 - convers i on of s a l tpa ns M*
D03.01.03 - fi s hi ng ha rbours H*
D03.01.04 - i ndus tri a l ports L*
F01 - Ma ri ne a nd Fres hwa ter Aqua cul ture M*
F01.01 - i ntens i ve fi s h fa rmi ng, i ntens i fi ca ti on H*
F02.01.02 - netti ng H*
F02.01.03 - demers a l l ongl i ni ng H*
G01.01.01 - motori zed na uti ca l s porG01.01.01 - motori zed na uti ca l s ports L*
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M*
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on H*
J02.12.01 - s ea defens e or coa s t protecti on works , ti da l ba rra ges M*

57
Berta maggiore Calonectris diomedea La Berta maggiore nidificante nel Mediterraneo è
stata da poco riconosciuta come specie a sé stante,
e separata dalle altre due specie gemelle
nidificanti nell’Oceano Atlantico: la Berta
maggiore atlantica (C. borealis) e la Berta
maggiore di Capo verde (C. edwardsii). L’Italia
Codice Euring 00360 ospita sull’isola di Linosa la più grande colonia
Codice Natura 2000 A010 europea di Berta maggiore: circa 10.000 coppie
stimate, pari ad oltre il 60% della popolazione
italiana e a più del 20% di quella europea; a
Direttiva Uccelli I livello globale, la colonia è seconda solo a quella
di Zembra (Tunisia).
Convenzione di Berna II Gran parte della popolazione italiana nidifica
Convenzione di Bonn quindi nel Canale Sicilia e nel Tirreno, mentre
Lista Rossa Italiana LC nell’Adriatico è presente unicamente la colonia
Categoria SPEC 2 dell’Arcipelago delle Tremiti (circa 400 coppie
stimate).

Foto S. Laurenti

Data la nota difficoltà di ottenere dati affidabili sull’entità delle popolazioni di uccelli marini
nidificanti in cavità, è sempre necessario considerare con molta cautela tanto i numeri di coppie che
vengono stimati quanto le loro variazioni nel tempo, al momento poco attendibili. La mancanza di
conoscenze dettagliate in merito alle dimensioni di popolazione è in parte compensata dall’incremento
di conoscenze acquisite nell’ultimo decennio circa la biologia e l’ecologia della specie. Il progresso
tecnologico ha permesso negli ultimi anni di seguire le berte durante i loro spostamenti effettuati per le
ricerca di cibo durante la nidificazione ma anche durante la migrazione che porta la specie a svernare
lungo la costa atlantica africana, prevalentemente nel Golfo di Guinea. Gli studi condotti al fine di
individuare le aree di alimentazione usate durante il periodo riproduttivo hanno evidenziato come solo
un approccio transfrontaliero possa garantire un’adeguata tutela della specie. Sebbene gran parte delle
coppie nidifichi all’interno di ZPS e goda di un certo grado di protezione, le aree di foraggiamento,
situate per lo più in acque internazionali e lungo le coste libiche e tunisine, non sono soggette ad alcun
tipo di vincolo o gestione dedicata.
Le minacce che incidono in maniera significativa sulle popolazioni di Berta maggiore possono essere
raggruppate in due categorie che si differenziano per il luogo in cui esse agiscono e, di conseguenza,
per la tipologia di intervento che richiedono. Il primo gruppo consiste nelle minacce che interessano il
sito di nidificazione, rappresentate principalmente dalla presenza del ratto nero - potenziale predatore
dell’unico pulcino o uovo deposto dalle coppie nel corso dell’anno. Il secondo gruppo è rappresentato
da minacce pertinenti all’habitat marino, per le quali si rende necessaria una diversa politica della
pesca in un ambito internazionale; ne sono un esempio il sovra-sfruttamento delle risorse ittiche del
58
Mediterraneo, con conseguente diminuzione delle prede disponibili, e l’utilizzo di pratiche per la
pesca che possono provocare l'uccisione diretta di individui adulti (bycatch).

Berta maggiore Calonectris diomedea

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2009 13344 21873 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 1998-2009 = var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1985-2009 = var. % 2 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 4700 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 2 2 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 30 30 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2009 x 12000 21873 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


E01 - Urba ni s ed a rea s , huma n ha bi ta ti on L
F02.01 - Profes s i ona l pa s s i ve fi s hi ng M
F02.01.03 - demers a l l ongl i ni ng H
F03.02.02 - ta ki ng from nes t (e.g. fa l cons ) L
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on M
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

59
Berta minore Puffinus yelkouan La Berta minore è una specie pelagica coloniale
che nidifica in corrispondenza di isole medio-
piccole e di alcuni tratti rocciosi della costa sarda.
Attualmente la popolazione italiana è valutata tra
le 12.000 e le 20.000 coppie (corrispondenti ad
oltre la metà della popolazione globale),
distribuite in 33 siti riproduttivi. Nel corso degli
Codice Euring 00462 anni particolarmente rilevante è risultata la
Codice Natura 2000 A464 colonia di Tavolara che, secondo i dati più
aggiornati, da sola ospita circa il 75% dei
nidificanti in Italia.
Direttiva Uccelli I Le stime esatte della consistenza delle colonie di
questa specie risultano difficili perché la
Convenzione di Berna II realizzazione di censimenti alle colonie è spesso
Convenzione di Bonn problematica, in quanto le nidificazioni
Lista Rossa Italiana DD avvengono all’interno di grotte, anfratti o
Categoria SPEC 2 spaccature delle rocce e dunque i nidi non
risultano visibili.

Foto S. Laurenti

Nel decennio compreso tra il 1980 e il 1990 si ipotizzava la presenza di un numero di coppie
sensibilmente più basso di quello attuale, ma è molto probabile che questi valori non riflettessero la
reale entità della popolazione e derivassero piuttosto da un quadro delle conoscenze parziale. In anni
recenti lo sviluppo di nuove tecniche di censimento, basate sull’osservazione al tramonto del volo
degli adulti nei pressi dei siti riproduttivi e su stime di densità di nidi occupati, ha permesso di
migliorare il livello delle conoscenze e ha portato ad aumentare le stime per alcune delle colonie di
maggiori dimensioni. In realtà è possibile che la popolazione complessiva dagli anni ’80 ad oggi sia
diminuita, come lascerebbe ipotizzare l’abbandono di alcuni siti riproduttivi nell’Arcipelago Toscano
e in Sardegna.
L’assenza di informazioni relative al periodo compreso tra la fine degli anni ‘90 e l’inizio degli anni
2000 rende impossibile calcolare l’andamento demografico nel breve periodo.
La specie risente dell’impatto che la predazione dei ratti determina sulle uova e sui pulcini; per
contrastare questa minaccia sono stati effettuati alcuni interventi di eradicazione in corrispondenza di
alcune isole dell’Arcipelago Toscano e della Sardegna. Altri importanti fattori limitanti sono
rappresentati dall’impoverimento dei mari legati all’eccessivo sfruttamento delle risorse ittiche, alla
mortalità indotta dall’uso dei palamiti e all’inquinamento delle acque marine.

60
Berta minore Puffinus yelkouan

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003-2010 12791 19774 p 1 2 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2010 ▲ ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2010 ▲ 40 65 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 3200 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 45 45 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 20 20 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003-2010 = 12000 19000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


E01 - Urba ni s ed a rea s , huma n ha bi ta ti on L
F02.01 - Profes s i ona l pa s s i ve fi s hi ng M
F02.01.03 - demers a l l ongl i ni ng M
F03.02.02 - ta ki ng from nes t (e.g. fa l cons ) L
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on M
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

61
Uccello delle tempeste Hydrobates pelagicus melitensis

Specie strettamente pelagica, l’Uccello delle


Codice Euring 00522 tempeste frequenta la terraferma solamente nel
Codice Natura 2000 A695 periodo della riproduzione, tra aprile e ottobre.
Nidifica su isole, spesso di piccole dimensioni,
all’interno di grotte e anfratti, in scogliere e
Direttiva Uccelli I falesie prossime al mare, talvolta formando
colonie di migliaia di coppie. L’individuazione
Convenzione di Berna II dei siti riproduttivi e il censimento dei nidi
Convenzione di Bonn risultano problematici per l’impossibilità di
Lista Rossa Italiana NT accedere alle cavità utilizzate; per questa ragione
Categoria SPEC le stime della popolazione nidificante, gli
andamenti demografici e le variazioni di areale
devono essere valutati con cautela.

Foto N. Baccetti

Specie strettamente pelagica, l’Uccello delle tempeste frequenta la terraferma solamente nel periodo
della riproduzione, tra aprile e ottobre. Nidifica su isole, spesso di piccole dimensioni, all’interno di
grotte e anfratti, in scogliere e falesie prossime al mare, talvolta formando colonie di migliaia di
coppie. L’individuazione dei siti riproduttivi e il censimento dei nidi risultano problematici per
l’impossibilità di accedere alle cavità utilizzate; per questa ragione le stime della popolazione
nidificante, gli andamenti demografici e le variazioni di areale devono essere valutati con cautela. A
titolo di esempio, l’aumento della stima complessiva della popolazione italiana, passata dalle 1.700-
2.500 coppie dei primi anni del 2000 ad almeno 3.700-4500 coppie attuali, è imputabile alla scoperta
di nuove colonie alle Isole Eolie, a Marettimo e a Lampedusa anziché ad un reale aumento dei
contingenti nidificanti. Analogo ragionamento vale per l’ampliamento nel lungo termine dell’areale
occupato, che è il risultato del migliorato livello di conoscenze sulla distribuzione della specie più che
dell’effettiva colonizzazione di nuovi siti. Per quanto concerne la variazione di areale nel breve
termine, che nella scheda risulta in marcato declino, il dato risulta non realistico, in quanto viziato dal
diverso approccio metodologico seguito per la realizzazione delle mappe poste a confronto.
Come molti uccelli pelagici che nidificano costruendo il nido a livello del terreno, l’Uccello delle
tempeste è soggetto alla predazione di uova, pulcini e adulti da parte dei ratti e di altri mammiferi
terrestri portati dall’uomo sulle piccole isole. La realizzazione, laddove possibile, di interventi di
eradicazione di questi taxa alloctoni opportunisti avrebbe effetti positivi sullo stato di conservazione
della specie.
Altri importanti fattori di minaccia per l’Uccello delle tempeste sono rappresentati dall’urbanizzazione
e l’antropizzazione della costa, dalle attività turistiche condotte all’interno delle grotte sul mare e
dall’inquinamento marino. In relazione a questi pericoli e alla circostanza che la popolazione
nidificante è concentrata in pochi siti e risulta dunque maggiormente vulnerabile, la specie è
classificata come “quasi minacciata” nella lista rossa italiana.

62
Uccello delle tempeste Hydrobates pelagicus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 3700 4500 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 = var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1985-2010 = var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 600 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 74 74 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 25 25 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 = 1500 3100 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


E01 - Urba ni s ed a rea s , huma n ha bi ta ti on L
G01.04.03 - recrea ti ona l ca ve vi s i ts L
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H

Carta della distribuzione e range

63
Cormorano Phalacrocorax carbo sinensis

Codice Euring 00722


Codice Natura 2000 A391

Direttiva Uccelli
Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn AEWA
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC
Foto S. Laurenti

Specie a distribuzione subcosmopolita, il Cormorano è presente in Europa con due sottospecie: la


forma nominale carbo è spiccatamente marina e si trova solo nell'Atlantico settentrionale, mentre la
forma continentale sinesis è ampiamente diffusa in tutta Europa e in Asia a sud della zona boreale. Le
popolazioni continentali dell’Europa centro-settentrionale ed occidentale, da cui originano gli
individui presenti in Italia, sono migratrici e dispersive con areale di svernamento che comprende i
paesi dell’Europa centro-meridionale ed il Nord Africa.
In seguito a misure dirette di protezione della specie e degli habitat, introdotte progressivamente a
partire dagli anni 1970, e a fattori ambientali favorevoli, negli ultimi 30-35 anni la popolazione
europea di Cormorano ha evidenziato una crescita numerica molto significativa sia nelle aree di
nidificazione che di svernamento. L’incremento numerico delle presenze invernali ha interessato
dapprima i paesi affacciati sul Mediterraneo e quindi – complici i cambiamenti climatici – le regioni
centro-europee. L’espansione dell’areale riproduttivo ha visto la colonizzazione di Paesi in cui la
specie risultava estinta da decenni (es. Italia peninsulare, Belgio, Estonia) o non vi aveva mai
nidificato prima (Lettonia, Svizzera e Finlandia).
In Italia, il Cormorano è specie sedentaria e nidificante, svernante e migratrice regolare. In epoca
storica nidificava in alcuni dei principali complessi di zone umide del nostro Paese, ma nel corso del
XX secolo si è estinto ovunque tranne che sulle coste della Sardegna centro-occidentale (oristanese)
dove tra il 1965 ed il 1975 furono rinvenute quattro colonie. Nel 1985 la specie è tornata a riprodursi
nella penisola presso Val Campotto (Ferrara) e da allora ha fondato nuove colonie, talvolta occupate
solo irregolarmente, nella Pianura Padana occidentale, nel Delta del Po, nella Laguna di Venezia, in
Sicilia. Nel 1989 la popolazione nidificante contava 223 coppie, salite a 472 nel 1995.
Successivamente, conteggi completi compiuti nell’ambito di due censimenti pan-europei, hanno
confermato sia l'incremento della popolazione nidificante che l’espansione di areale: nel 2006
vennero censite 2.142 coppie in 15 colonie, mentre nel 2012 circa 3.900 coppie nidificavano in 48
colonie distribuite in 11 regioni. Nel breve e nel lungo periodo risultano fortemente positivi anche i
trend della popolazione svernante cresciuta dai 13.000 e 49.139 individui contati in occasione dei
censimenti nazionali del 1987 e 1995, ai circa 63.800 del gennaio 2000, ai 55.000 contati ed in parte
stimati nell’inverno 2003, sino ai circa 80.000 individui contati a gennaio 2013 in occasione del
secondo censimento internazionale dei dormitori.

64
Cormorano Phalacrocorax carbo sinensis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 3050 3220 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▲ 200 200 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1989-2011 ▲ 1300 1300 var. % 3 3

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 20100 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 390 390 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 1075 1075 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 ▲ 2500 3000 p 2

periodo
2013 80000 80000 1 3 3

peri odo
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 25 30 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 510 520 3 3

periodo
2013 x 45000 50000 3

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) L
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

65
Marangone dal ciuffo Il Marangone dal ciuffo è specie politipica,
Phalacrocorax aristotelis desmarestii presente con le sottospecie aristotelis e
riggenbachi in Atlantico e con la sottospecie
desmarestii nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Le
popolazioni mediterranee sono in gran parte
sedentarie e frequentano sia le aree costiere
Codice Euring 00802 continentali che le isole. Nel nostro Paese, dove
Codice Natura 2000 A392 sino ad ora non sono mai stati segnalati soggetti
appartenenti alle due forme atlantiche, il
Marangone dal ciuffo è nidificante sedentario e
Direttiva Uccelli I dispersivo (soprattutto individui giovani ed
immaturi).
Convenzione di Berna II La popolazione italiana, sostanzialmente stabile
Convenzione di Bonn nel lungo periodo e in leggero decremento nel
Lista Rossa Italiana LC breve periodo, è stimata in circa 1.500-2.100
Categoria SPEC coppie distribuite prevalentemente lungo le coste
della Sardegna.

Foto S. Laurenti

Nuclei più piccoli, dell’ordine delle 30-50 coppie, nidificano anche nell’Arcipelago Toscano, nelle
isole Ponziane (Ponza) e nelle Pelagie (Lampedusa). Popolazioni consistenti sono inoltre presenti in
Corsica e nell’Alto Adriatico in Istria e Quarnaro. Individui provenienti dalle colonie croate
compiono ampi movimenti dispersivi che li portano a raggiungere regolarmente le coste italiane sino
alla Romagna, mentre i movimenti dei soggetti nati nelle colonie tirreniche determinano osservazioni
in Liguria e lungo la costa toscana, estendendosi più di rado a Malta o lungo la costa adriatica
meridionale.
In Europa la specie ha uno status di conservazione favorevole. La sottospecie nominale è, infatti,
stabile o in aumento, a differenza di quella mediterranea che, complessivamente, appare in regresso.
Le cause di minaccia sono tutte direttamente legate alle attività antropiche. Fra queste, la mortalità
causata dagli strumenti di pesca (ami, reti, nasse) è forse oggi la più rilevante. Il disturbo provocato
dalla navigazione da diporto e in generale l’antropizzazione delle aree costiere dovuta al turismo
balneare rappresentano un’ulteriore minaccia. Il prelievo diretto di uova, pulcini e adulti, assai
praticato in passato per vari scopi, non pare attualmente una minaccia.

66
Marangone dal ciuffo Phalacrocorax aristotelis desmarestii

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 1500 2100 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 ▼ 0 10 var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 = var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 11900 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 170 170 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 21 21 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 ▼ 1500 2100 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


D03.01.03 - fi s hi ng ha rbours M
F02.01 - Profes s i ona l pa s s i ve fi s hi ng L
G01.01.01 - motori zed na uti ca l s ports H
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) H
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on M
H03.01 - oi l s pi l l s i n the s ea H
H03.03 - ma ri ne ma cro-pol l uti on (i .e. pl a s ti c ba gs , s tyrofoa m) L
J02.06.05 - s urfa ce wa ter a bs tra cti ons by fi s h fa rms M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 – 2013

67
Marangone minore Phalacrocorax pygmeus

Codice Euring 00820


Codice Natura 2000 A393

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2, AEWA
Lista Rossa Italiana NT
Categoria SPEC

Specie monotipica il Marangone minore è un


uccello acquatico gregario e coloniale con
presenza limitata alla porzione orientale del
Paleartico Occidentale. Il limite occidentale
dell’areale riproduttivo coincide con le coste
adriatiche italiane. L’areale di svernamento
principale si estende dalle regioni costiere Foto M. Piacentino

adriatiche, ai paesi balcanici e centro-orientali


sino al Medio Oriente.
Sino agli anni più recenti è stata considerata specie vulnerabile perché dalla seconda metà dell’800 ha
sofferto un significativo declino numerico e una progressiva riduzione di areale in conseguenza della
bonifica e del degrado ambientale delle zone umide, della persecuzione diretta, del disturbo e della
distruzione delle colonie di nidificazione. A partire dalla metà degli anni 1990, la specie è andata
incontro ad una graduale ripresa numerica, almeno nella parte più occidentale dell'areale, che lo ha
portato a nidificare in Slovacchia, Italia e Austria. In Europa, lo stato di conservazione appare ancora
precario sia in relazione alla frammentazione dell’areale, sia alla circostanza che la maggior parte dei
nuclei nidificanti sono concentrati in poche aree dove possono risentire di modifiche ambientali,
eventi catastrofici e conflitti con le attività legate alla pesca.
In Italia la prima nidificazione accertata risale al 1981, ma è solo dal 1994 che si riproduce
regolarmente. Da allora la popolazione nidificante è cresciuta rapidamente (42-52 coppie nel 2000,
175 nel 2002), portando al definitivo insediamento di una popolazione residente nelle zone umide
costiere ravennati e venete. Più recentemente l’incremento numerico ha promosso la colonizzazione
di nuovi siti riproduttivi localizzati entro quello che forse era l’areale storico di presenza dell’alto e
del basso Adriatico (Puglia) oltre ad aree interne delle Marche, del riminese e del mantovano (2014,
segnalazione non inclusa nel Rapporto)). I censimenti dei siti riproduttivi svolti in preparazione del
Piano d’Azione Nazionale hanno quantificato in circa 2.125 coppie la popolazione nazionale
nidificante nel 2013. Parallelamente si è verificata la crescita esponenziale dei contingenti svernanti,
passati dalle 7-38 unità rilevate negli anni 1994-1999 ai circa 980 individui censiti nel gennaio 2003
sino agli oltre 12.670 censiti in 15 dormitori nel gennaio 2013. L’area principale di svernamento
coincide con le zone umide costiere venete ed emiliano-romagnole.

68
Marangone minore Phalacrocorax pygmeus
periodo min max unità tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2006-2010 1000 1500 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 ▲ 1900 2900 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1994-2010 ▲ ? ? var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 5100 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 364 364 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 x var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006-2010 ▲ 1000 1500 p 3

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2013 12670 12670 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 390 1275 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 17000 28000 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2013 ▲ 12670 12670 i 3

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F02 - Fi s hi ng a nd ha rves ti ng a qua ti c res s ources M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng M, H*
F03.02.05 - a cci denti a l ca pture L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons M
J02.15 - Other huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons L*
M01.03 - fl oodi ng a nd ri s i ng preci pi ta ti ons H
M02.01 - ha bi ta t s hi fti ng a nd a l tera ti on M*

Carta della distribuzione e range

69
Tarabuso Botaurus stellaris stellaris Il Tarabuso è una specie euroasiatica, anche se
alcuni autori proporrebbero di far confluire il
congenerico Botaurus poiciloptilus nella specie B.
stellaris allargando quindi la sua distribuzione
alla regione Australiana. La popolazione italiana è
Codice Euring 00950 composta da individui residenti, migratori e
Codice Natura 2000 A688-B svernanti. Questi ultimi provengono dalle regioni
del Nord Europa e sono particolarmente
abbondanti nelle annate caratterizzate da
Direttiva Uccelli I prolungati periodi di gelo. Le capacità di
spostamento della specie sono state
Convenzione di Berna II probabilmente sottovalutate e misconosciute in
Convenzione di Bonn 2, AEWA passato. Alcuni studi recenti di telemetria
Lista Rossa Italiana EN satellitare hanno mostrato che la specie è in grado
Categoria SPEC 3 di percorrere distanze di migrazione molto
superiori alle aspettative.

Foto S. Laurenti

La specie ha caratteristiche ecologiche e comportamentali che rendono difficile eseguire degli


accurati conteggi sia in stagione riproduttiva sia durante lo svernamento. In Italia è presente sia nel
suo ambiente elettivo (principalmente grandi canneti o cariceti solcati da canali, con acque basse e
dolci), sia in ambiente agricolo (risaie allagate e campi di orzo o canneti di ridottissime dimensioni
inframmezzati alle coltivazioni di riso). Dagli anni ’90 dello scorso secolo alcuni siti storici italiani
sono stati abbandonati, prevalentemente a causa di alterazioni ambientali, causando un severo declino
nella popolazione nidificante in ambienti naturali. La popolazione nidificante in ambiente agricolo ha
invece registrato un aumento, ma la mancanza di stime pregresse non ha reso possibile stabilire, sul
lungo periodo, quanto la popolazione delle risaie abbia compensato il calo di quella dei canneti. A
livello europeo la specie ha subito un grave declino nei decenni passati, rallentato negli ultimi anni da
azioni mirate alla sua salvaguardia, dimostrando una capacità di ricolonizzazione sia di ambienti
ripristinati che creati ex-novo. Dall’analisi della distribuzione e dei trend italiani si evince come la
conservazione della specie nel nostro Paese dovrebbe prevedere il miglioramento delle caratteristiche
ambientali dei canneti presenti e la creazione di aree naturali nelle regioni risicole, dove la
lavorazione dei cereali può inficiare l’esito della riproduzione per quelle coppie che nidificano nei
campi.

70
Tarabuso Botaurus stellaris stellaris

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2009-2011 75 95 cma l es 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 2 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 8100 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 8 8 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 43 43 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2009-2011 x 75 95 cma l es 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.02 - crop cha nge M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) H
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a ma ti on a nd dryi ng out, genera l H
J02.01.03 - i nfi l l i ng of di tches , dykes , ponds , pool s , ma rs hes or pi ts M
J02.09.01 - s a l twa ter i ntrus i on M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
K03.04 - preda ti on L

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

71
Tarabusino Ixobrychus minutus minutus Le popolazioni italiane di Tarabusino sono
esclusivamente nidificanti, con pochi casi, isolati
nel tempo, di presenza invernale. Il Tarabusino,
come la maggior parte dei migratori trans-
sahariani, arriva in Italia a primavera inoltrata
(sono regolari ma rari gli arrivi precoci) e si insedia
in una grande varietà di ambienti acquatici. Il
denominatore comune di questi siti è la presenza di
Codice Euring 00980 vegetazione fitta ed intricata, più o meno estesa,
Codice Natura 2000 A617-A aggettante sull’acqua e di aree di alimentazione
caratterizzate da acqua bassa ricche di prede (pesci,
anfibi o macro-invertebrati acquatici).
Direttiva Uccelli I L’abbondanza di siti di questa tipologia in Pianura
Padana influenza la distribuzione del Tarabusino,
Convenzione di Berna II che vede le sue maggiori concentrazioni tra
Convenzione di Bonn 2, AEWA Piemonte, Lombardia e Veneto. Tuttavia la
Lista Rossa Italiana VU capacità della specie di utilizzare siti sub-ottimali e
Categoria SPEC 3 di piccola estensione potrebbe contribuire ad una
sottostima nelle regioni meno vocate.

Foto M. Piacentino

Nonostante sia stato osservato un apprezzabile ampliamento dell’areale negli ultimi anni , forse anche
in virtù di un maggiore sforzo sul campo, i monitoraggi svolti su popolazioni note hanno registrato
quasi ovunque un calo numerico, indicando un cattivo stato di conservazione in tutto il territorio
nazionale. Questo decremento può essere associato sia a variazioni nella qualità ambientale delle zone
umide sia a fattori che insistono su altre regioni della flyway della specie, come la perdita di habitat
nelle aree di svernamento o l’aumento delle distanze di sorvolo delle regioni desertiche causate dal
riscaldamento globale. La specie, a causa delle scarsa contattabilità, dovuta alle abitudini schive e agli
ambienti a densa vegetazione che frequenta, non è facilmente osservabile durante i conteggi. Una
maggiore attendibilità si ottiene solo dove vengono effettuati censimenti dedicati alla specie. Le stime
nazionali fornite hanno quindi un basso grado di accuratezza. La frazione di popolazione compresa
nei siti di Rete Natura 2000 è di poco inferiore al 50%, ad indicare che una larga parte delle coppie
nidificanti di tarabusino potrebbe non essere adeguatamente tutelata.

72
Tarabusino Ixobrychus minutus minutus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 1300 2300 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ 10 0 var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 117400 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 8 8 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 5 5 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 ▼ 500 1000 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi ca ti on M
G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure a cti vi ti es , recrea ti ona l a cti vi ti es L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M
J02.01.02 - recl a ma ti on of l a nd from s ea , es tua ry or ma rs h M
J02.01.03 - i nfi l l i ng of di tches , dykes , ponds , pool s , ma rs hes or pi ts H
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng L
J02.10 - ma na gement of a qua ti c a nd ba nk vegeta ti on for dra i na ge purpos es M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

73
Nitticora Nycticorax nycticorax nycticorax

Codice Euring 01040


Codice Natura 2000 A610-B

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn AEWA
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC 3
Foto S. Laurenti

A livello globale la Nitticora presenta una distribuzione sub cosmopolita; si trova in tutti i continenti
ad eccezione di quello australiano e delle regioni più settentrionali dell’emisfero boreale. Tra gli
aironi coloniali la specie presenta la caratteristica – non comune tra gli Ardeidi - di essere attiva,
durante il periodo riproduttivo e la migrazione, tanto di giorno quanto di notte.
La presenza della Nitticora viene spesso rilevata grazie al caratteristico verso, udibile tra Aprile e
Ottobre anche nelle ore notturne. Al contrario, nei mesi invernali, i pochi individui che si fermano a
svernare in piccoli nuclei (poche centinaia di individui in tutta la nazione, in particolare al centro della
penisola e con una presenza piuttosto regolare) diventano estremamente schivi e silenziosi.
Attualmente, la presenza durante l’inverno sembra avere un trend positivo.
Le popolazioni nidificanti sono presenti prevalentemente nelle colonie dell’Italia centro-
settentrionale, dove si riscontrano concentrazioni tra le più alte d’Europa. Le colonie del Nord-Ovest
accolgono la maggior parte della popolazione italiana, con più di 3.000 coppie. Altre regioni
importanti per l’entità delle colonie risultano l’Emilia Romagna, il Veneto e la Toscana. Siti
riproduttivi sono noti anche in Lazio, Puglia, Calabria e Sardegna. L’andamento di popolazione della
Nitticora mostra un trend negativo sia sul lungo che sul breve periodo, accompagnato da un aumento
dell’areale di nidificazione forse dovuto ad una dispersione e frammentazione delle colonie.
Quest’ultimo fenomeno, associato al crollo della popolazione riproduttiva nell’ultimo decennio, ha
interessato quasi tutte le regioni di presenza della specie, ad eccezione dell’Emilia Romagna.
Sul lungo periodo la specie non mostra un andamento chiaro e definito. Nonostante quasi tutte le
colonie italiane abbiano mostrato una crescita negli ultimi due decenni del 1900, il recente e repentino
calo dei nidificanti ha portato la popolazione nazionale a perdere circa il 60% rispetto alla stima
effettuata nei primi anni ‘80. Il decremento può essere attribuibile sia a fattori locali di disturbo alle
colonie e alla riduzione delle aree idonee al foraggiamento, sia a fattori che insistono lungo le vie
migratorie e nei siti di svernamento nel continente africano.

74
Nitticora Nycticorax nycticorax nycticorax

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002-2012 6300 6600 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2002-2012 ▼ 50 55 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2012 ▼ 60 65 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 80800 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 100 100 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 102 102 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2012 ▼ 5000 6000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi ca ti on M
A07 - us e of bi oci des , hormones a nd chemi ca l s L
B02.02 - fores try cl ea ra nce M
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) M
L10 - other na tura l ca ta s trophes H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

75
Sgarza ciuffetto Ardeola ralloides rallide
Specie monotipica, nel Paleartico occidentale la
Sgarza ciuffetto ha colonie riproduttive
Codice Euring 01080 localizzate tra il 30° ed il 50° parallelo. L’areale
Codice Natura 2000 A635 principale di svernamento è localizzato nella
fascia sub-Sahariana ma interessa, con
contingenti modesti, anche il Nord Africa ed il
Medio Oriente. I limiti meridionali dei quartieri di
Direttiva Uccelli I svernamento sono sconosciuti così come per
Convenzione di Berna II molte altre specie che si riproducono anche
Convenzione di Bonn AEWA nell’Africa tropicale. La stima della popolazione
Lista Rossa Italiana LC europea è di 18-27.000 coppie, delle quali 7.000-
Categoria SPEC 8.500 diffuse in Russia e Romania. L’areale
3
riproduttivo appare frammentato e la popolazione
globale è considerata in declino.

Foto S. Laurenti

In Italia la Sgarza ciuffetto è nidificante, migratrice regolare e svernante occasionale. I movimenti


migratori si svolgono tra metà agosto e inizio ottobre e tra fine marzo e giugno. La dispersione
giovanile si osserva in luglio-agosto. La migrazione primaverile appare più regolare e consistente di
quella autunnale, quest’ultima più frequente nelle regioni basso-adriatiche e ioniche. I casi di
svernamento sono sporadici (Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Puglia, Sardegna) e riguardano
singoli individui che si fermano in occasione degli inverni particolarmente miti.
La popolazione nidificante è stimata in 500-600 coppie concentrate nella Pianura Padana centro-
occidentale (zona delle risaie), nel Delta del Po, lungo la costa adriatica settentrionale ed in Toscana.
Contingenti meno numerosi nidificano nelle poche colonie miste di Ardeidi presenti nelle regioni
centro-meridionali e nelle isole maggiori. In Sardegna la prima nidificazione risale al 1985, in Sicilia
al 1988, mentre altrove (Campania, Lazio, Marche, Puglia, Basilicata) i casi di nidificazione sono più
recenti e spesso irregolari.
Distribuzione e trend della popolazione nidificante mostrano andamenti contrastanti a lungo e breve
termine con tendenza recente all’espansione dell’areale, ma diminuzione del numero di nidi censiti. È
noto che le popolazioni di Sgarza ciuffetto possono incorrere in significative fluttuazioni legate sia a
degrado locale delle zone umide d’acqua dolce e degli habitat riproduttivi (canneti e saliceti allagati)
sia all’andamento delle precipitazioni invernali nell’area di svernamento. Tuttavia, per cause
intrinseche all’ecologia della specie, elusiva e di insediamento tardivo, il livello di accuratezza dei
dati disponibili non è omogeneo su base nazionale ed è possibile che i valori indicati sottostimino la
dimensione reale della popolazione nazionale.

76
Sgarza ciuffetto Ardeola ralloides ralloides

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002-2013 500 600 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2002-2012 ▼ 20 35 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2012 ▲ 80 130 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 28600 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 125 125 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 98 98 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2013 ▼ 500 600 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi ca ti on H
A07 - us e of bi oci des , hormones a nd chemi ca l s M
B02.02 - fores try cl ea ra nce M
G01.02 - wa l ki ng, hors eri di ng a nd non-motori s ed vehi cl es M
G02.09 - wi l dl i fe wa tchi ng L
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a ma ti on a nd dryi ng out, genera l M
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures H
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

77
Airone guardabuoi Bubulcus ibis ibis L’Airone guardabuoi è una specie di recente
colonizzazione per l’Italia. La prima
nidificazione accertata risale al 1985 ed è riferita
allo stagno di Molentargius, Cagliari
(segnalazione non presente nel Progetto Atlante
Italiano). La specie si è poi rapidamente diffusa,
Codice Euring 01110 partendo dal Piemonte, anche nella penisola
Codice Natura 2000 A696 italiana, insediandosi in boschi igrofili con piante
a medio fusto ed arbustive, di solito a fianco di
Garzetta e Nitticora.
Direttiva Uccelli Le garzaie del Nord-Ovest ospitano circa il 50%
della intera popolazione italiana, ma una quota
Convenzione di Berna II significativa è presente anche in Toscana (dove
Convenzione di Bonn AEWA nidifica poco più di un quarto delle coppie) e in
Lista Rossa Italiana LC Sardegna. In Emilia Romagna e Veneto sono
Categoria SPEC presenti tra le cento e le duecento coppie mentre
la presenza in Umbria è modesta.

Foto S. Laurenti

L’Airone guardabuoi, più “generalista” di altri Ardeidi, è adattato ad una dieta costituita in larga parte
da prede terrestri (in particolare invertebrati), e non è quindi strettamente legato alla presenza di zone
umide. Queste caratteristiche, insieme ad una certa tolleranza per le basse temperature, dimostrata
dall’elevata percentuale di individui svernanti, superiore rispetto a quella delle specie affini, hanno
contribuito alla formazione di nuclei residenti ed alla rapida formazione di nuove colonie riproduttive.
L’insediamento di tali colonie ha determinato l’elevato valore percentuale di magnitudine del trend di
popolazione dell’ultimo decennio (valore non quantificabile nel lungo periodo a causa della recente
colonizzazione).
La quasi totalità della popolazione nidifica in zone inserite nella Rete Natura 2000, in quanto la
maggior parte delle garzaie occupate risultava già presente ai tempi dell‘istituzione delle prime ZPS e
dei proposti SIC. Grazie al particolare interesse che le garzaie rivestono per la conservazione e alla
relativa semplicità di conteggio della specie rispetto ad altri uccelli a distribuzione dispersa, l’Airone
guardabuoi è oggetto di diversi progetti di monitoraggio che hanno permesso di ottenere stime
attendibili della dimensione e dell’andamento delle popolazioni. Nonostante la specie sembri
maggiormente adattabile alla presenza umana rispetto ad altri ardeidi coloniali italiani, il disturbo alle
aree di nidificazione ed una alterazione progressiva della qualità degli ambienti frequentati potrebbero
avere effetti negativi sulle sue popolazioni.

78
Airone guardabuoi Bubulcus ibis ibis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002-2013 4500 5000 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2002-2012 ▲ 270 325 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1985-2012 ▲ ? ? var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 43600 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 452 452 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 3300 3300 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2013 x 4500 5000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi ca ti on H
A07 - us e of bi oci des , hormones a nd chemi ca l s M
B02.02 - fores try cl ea ra nce M
G01.02 - wa l ki ng, hors eri di ng a nd non-motori s ed vehi cl es M
G02.09 - wi l dl i fe wa tchi ng L
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a ma ti on a nd dryi ng out, genera l M
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

79
Garzetta Egretta garzetta garzetta

Codice Euring 01190


Codice Natura 2000 A697

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn AEWA
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC
Foto S. Laurenti

Le Garzette nidificanti in Italia sono rappresentate da individui migratori e residenti. Questi ultimi
hanno registrato un aumento nell’ultimo decennio. Le colonie sono concentrate primariamente nel
nord-ovest della penisola, dove è presente circa la metà della popolazione italiana. Grazie alla
presenza di aree risicole del nord Italia, che rappresentano la principale fonte di risorse trofiche, il
nostro Paese ospita attualmente una delle più vaste popolazioni europee del paleartico occidentale. Un
quarto della popolazione è poi distribuito nelle regioni del nord-est, mentre nelle regioni centrali ed in
Sardegna vi sono concentrazioni minori.
In Italia le popolazioni di Garzetta hanno registrato un costante incremento a partire dagli anni ’80, in
particolare a seguito all’esclusione dall’elenco delle specie cacciabili. Il trend nazionale di
popolazione ha quindi subito un’inversione di tendenza a partire dal 2000, quando le popolazioni
nidificanti delle regioni del nord-ovest e del Veneto hanno iniziato un costante decremento, in
contrasto con quelle meno numerose del centro rimaste positive o stabili. La differenza tra gli
andamenti nelle diverse regioni suggerisce la possibilità che i fattori alla base del decremento siano
associati alle condizioni locali, in particolare alla dipendenza dalla presenza di risaie allagate. Un
deterioramento delle caratteristiche ecologiche delle risaie o dei siti di nidificazione in aree agricole
potrebbe avere limitato l’insediamento, il successo riproduttivo o la sopravvivenza della specie in
queste aree.
La gran parte delle garzaie è inclusa nei siti di Rete Natura 2000 ed ha un regime di protezione
adeguato. Considerando però l’attuale espansione dell’areale riproduttivo e la dinamicità dei siti,
risulterebbe opportuno ampliare la copertura della Rete.

80
Garzetta Egretta garzetta garzetta

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002-2013 10000 11000 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 ▼ 30 40 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2012 ▲ 50 70 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 92000 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 175 175 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 200 200 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2013 ▼ 10000 11000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntensi fi ca ti on H
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s M
B02.02 - fores try cl ea ra nce H
G01.02 - wa l ki ng, hors eri di ng and non-motori s ed vehi cl es M
G02.09 - wi l dl i fe watchi ng L
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a ma ti on a nd dryi ng out, genera l M
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng M
J03.01 - reducti on or l os s of speci fi c ha bi ta t fea tures H
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) H
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

81
Airone bianco maggiore L’Airone bianco maggiore è una specie di
Casmerodius albus albus recente colonizzazione del territorio italiano e
delle regioni europee in genere. La prima
nidificazione in Italia è stata documentata nel
1990 nel Delta del Po. Negli anni successivi
l’areale riproduttivo si è esteso verso l’interno
Codice Euring 01210 dell’Emilia Romagna, raggiungendo il Veneto, la
Codice Natura 2000 A698 Lombardia e il Piemonte. La Toscana,
nonostante sia stata interessata dall’insediamento
di coppie riproduttive solo in una fase più
Direttiva Uccelli I recente, risulta attualmente ospitare il maggior
numero di coppie (diverse decine).
Convenzione di Berna II Il trend di popolazione sul lungo periodo,
Convenzione di Bonn 2, AEWA positivo in quanto si tratta di una colonizzazione
Lista Rossa Italiana NT ex-novo, non è quantificabile. Sul breve periodo
Categoria SPEC il trend è crescente e la popolazione è più che
raddoppiata negli ultimi dieci anni.

Foto S. Laurenti

Il nostro paese accoglie anche un numero considerevole di individui svernanti. I risultati ottenute dai
censimenti IWC (International Waterbird Census) indicano la presenza di diverse migliaia di
individui svernanti provenienti dalle aree di nidificazione dell’Europa centro-orientale (Ungheria,
Romania, Ucraina e regioni caucasiche). Un individuo nato ed inanellato in Ungheria nel 2005 è stato
osservato tornare ogni inverno nella stessa area umida della Lombardia da dicembre 2006 fino a
gennaio 2014.
Le regioni mediterranee sono importanti come aree di svernamento piuttosto che di nidificazione. La
tutela delle zone umide e delle loro risorse ittiche rappresentano le misure più efficaci per la
conservazione della specie in Italia.

82
Airone bianco maggiore Casmerodius albus albus
periodo min max unità tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2002-2013 85 100 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2002-2012 ▲ 80 180 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2012 ▲ ? ? var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 14000 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 312 312 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 x var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2013 ▼ 85 100 p 2

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 6409 7110 i 1 3 2
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 10 65 var. % 3 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 520 590 var. % 3 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 ▲ 3000 5600 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tural i ntens i fi ca ti on H
A07 - us e of bi oci des, hormones a nd chemi cal s M
B02.02 - fores try cl ea ra nce H
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L*
G01.02 - wal ki ng, horseri di ng and non-motori s ed vehi cl es M
G02.09 - wi l dl i fe wa tchi ng L
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a ma ti on a nd dryi ng out, general M
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures M**
J03.01.01 - reducti on of prey ava i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca ss es) M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range

83
Airone rosso Ardea purpurea purpurea Tra i grandi ardeidi coloniali italiani l’Airone
rosso è sicuramente quello più selettivo sotto il
profilo ecologico, essendo legato alla presenza di
zone umide indisturbate con vegetazione igrofila
cospicua e fitta. È di conseguenza molto meno
abbondante di altri Ardeidi, con una popolazione
che risulta circa un quinto ed un areale stimato di
Codice Euring 01240 circa un terzo del congenerico Airone cenerino.
Codice Natura 2000 A634-A La specie è più abbondante nelle regioni
settentrionali, in particolare in quelle del nord-
est, ma nidifica anche in centro Italia ed in
Direttiva Uccelli I Sardegna, sempre all’interno di stagni, paludi e
canneti. La maggior presenza nelle regioni
Convenzione di Berna II orientali, in contrasto con la distribuzione degli
Convenzione di Bonn 2, AEWA altri ardeidi coloniali, è spiegabile dal fatto che
Lista Rossa Italiana LC in tali ambiti sono concentrate importanti aree
Categoria SPEC 3 umide naturali, conservate o ripristinate, come
quelle dell’entroterra dell’Emilia Romagna e del
Delta del Po.
Le popolazioni hanno mostrato un andamento
positivo nel lungo periodo, avvantaggiandosi di
numerosi fattori tra cui, in primo luogo, la
chiusura della caccia rivolta alla specie,
l’istituzione di un regime di protezione di molte
garzaie, nonché la creazione ex-novo od il
recupero di aree umide naturali.
Il confronto nel breve periodo dei dati di
popolazione non permette di individuare un
andamento certo del trend, anche se il controllo
di alcuni nuclei riproduttivi suggerirebbe un
trend positivo o la stabilità. Considerando un
sostanziale aumento dell’areale riproduttivo nel
territorio italiano rispetto al passato, la situazione
della specie può essere considerata al momento
favorevole, nonostante la sua stretta dipendenza
da un ambiente fragile e dinamico come le aree
palustri e la strategia migratoria che lo porta a
svernare a Sud del Sahara. Tali caratteristiche
espongono questo ardeide sia a minacce locali
nei siti di nidificazione che lungo il resto della
flyway quali ad esempio l’aumentata distanza di
sorvolo di aree desertiche, dovuta al processo di
desertificazione progressiva, e la scomparsa e il
degrado degli habitat nei quartieri di
Foto M. Piacentino svernamento.

84
Airone rosso Ardea purpurea purpurea

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002-2012 2000 2300 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2002-2012 x ? ? var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2012 ▲ 120 160 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 46200 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 10 10 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 37 37 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2012 x 2000 2300 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tural i ntens i fi ca ti on H
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s M
G01.02 - wa l ki ng, hors eri di ng and non-motori s ed vehi cl es L
G02.09 - wi l dl i fe wa tchi ng L
J02.01 - La ndfi l l , l and recl ama ti on and dryi ng out, genera l M
J02.01.03 - i nfi l l i ng of di tches , dykes , ponds , pool s , mars hes or pi ts H
J02.04.02 - l ack of fl oodi ng H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat features H
J03.01.01 - reducti on of prey ava i l abi l i ty (i nl udi ng ca rcas s es ) M
XE - Threa ts and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

85
Cicogna nera Ciconia nigra

Codice Euring 01310


Codice Natura 2000 A030-A

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2, AEWA
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC 2
Foto M. Piacentino

La Cicogna nera, probabile nidificante in Italia in tempi storici, ha ripreso a riprodursi nel nostro
Paese all’inizio degli anni novanta dello scorso secolo. Per diversi anni si sono osservati soggetti
estivanti; i primi accertamenti di nidificazione si sono avuti nel 1994, con la segnalazione di due
coppie in Piemonte e una in Calabria. Da allora il numero di coppie è aumentato lentamente ma
costantemente. Nel 2013 sono state censite 14 coppie territoriali, distribuite in Piemonte, Puglia,
Basilicata e Campania. Data la difficoltà ad individuare i nidi in alcuni contesti ambientali dove la
specie è stata osservata regolarmente in periodo estivo, è probabile che il numero di coppie presenti
sia superiore a quello rilevato. Nel 2014 è stata riscontrata per la prima volta la nidificazione in Lazio.
Il maggior incremento si è verificato nelle regioni meridionali, in particolare in un comprensorio a
cavallo tra la Puglia, la Campagna e la Basilicata. La circostanza che le coppie nidificanti in Piemonte
costruiscano i loro nidi sugli alberi, mentre quelle del meridione nidifichino su pareti rocciose, lascia
ipotizzare che la popolazione italiana sia il frutto di due processi di colonizzazione distinti, originati
rispettivamente dalle popolazioni dall’Europa centrale e dall’area mediterranea/balcanica, che sono
appunto caratterizzate da diverse preferenze nella scelta dei siti riproduttivi.
Specie legata per l’alimentazione a fiumi, laghi e acquitrini, la Cicogna nera risente di varie forme di
degrado dei corsi d’acqua (captazioni, regimazione degli alvei, inquinamento delle acque), ma anche
del disturbo per le attività che vengono praticate lungo i fiumi, soprattutto la pesca. Il disturbo può
avere pesanti ripercussioni anche quando viene esercitato in prossimità dei nidi: pratiche come il free
climbing possono portare alla perdita di intere covate. Come tutti i grandi veleggiatori, è esposta al
rischio di collisione e di elettrocuzione con i cavi elettrici; inoltre durante la migrazione è soggetta al
bracconaggio che viene praticato in molti Paesi mediterranei. Attualmente è in fase di discussione la
proposta di uno specifico Piano d’Azione Nazionale per la specie, avanzata in considerazione
dell’assai limitata popolazione e dalla frammentazione dell’areale riproduttivo.

86
Cicogna nera Ciconia nigra

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 10 10 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 ▲ 40 235 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1994-2010 ▲ ? ? var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 1100 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 48 48 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 x var. %
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x 4 5 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl earance M
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat features M
J03.01.01 - reducti on of prey a vai l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca ss es) M
XE - Threats and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

87
Cicogna bianca Ciconia ciconia ciconia La condizione della popolazione della Cicogna
bianca in Italia è emblematica delle difficoltà
intrinseche e delle situazioni contraddittorie che
si possono incontrare nella conservazione delle
specie selvatiche. Presente a metà dello scorso
secolo con poche coppie in Piemonte, dove è stata
osservata in tempi storici la prima nidificazione
Codice Euring 01340 per il territorio nazionale negli anni ’50, la specie
Codice Natura 2000 A667-A è stata oggetto di numerosi interventi di
reintroduzione, avvantaggiati dalla facilità di
reperimento di giovani presso centri di recupero
Direttiva Uccelli I esteri e di allevamento in stato di cattività. Nei
decenni successivi la specie ha registrato un
Convenzione di Berna II aumento esponenziale, dovuto in gran parte alle
Convenzione di Bonn 2, AEWA reintroduzioni20 ed in misura minore alla sua
Lista Rossa Italiana LC rigorosa protezione dall’attività venatoria, anche
Categoria SPEC 2 se casi di bracconaggio si sono ripetuti con una
certa frequenza anche in questo periodo.

Foto S. Laurenti

Attualmente i nuclei riproduttivi più abbondanti si trovano nelle pianure dell’Italia centro-
settentrionale, dove le coppie utilizzano, per la costruzione del nido, campanili e tralicci o altre
strutture e manufatti presso i centri di recupero e rilascio. La popolazione di origine naturale più
abbondante ed in maggiore crescita del territorio italiano si trova in Sicilia.
I movimenti migratori di individui della popolazione italiana indicano rotte che seguono le coste
franco-ispaniche per raggiungere l’Africa sub-sahariana. Larga parte della popolazione nidificante
italiana non è migratrice.
Gli interventi più idonei per una corretta gestione della specie dovrebbero essere indirizzati a
migliorare le condizioni ecologiche delle aree agricole in cui la specie si alimenta, al fine anche di
permettere l’indipendenza degli individui allevati dalle strutture di rilascio. Gli individui rilasciati
creano problemi conservazionistici di diversa natura. Tra questi vi è l’inquinamento genetico delle
popolazioni naturali che può influire sulle capacità di orientamento e, in ultimo, sulla storia evolutiva
delle popolazioni.

20
Non è conosciuta la percentuale dei casi di colonizzazione spontanea di individui di esclusiva origine selvatica.

88
Cicogna bianca Ciconia ciconia ciconia

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 150 200 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 1999-2013 ▲ 200 235 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2013 ▲ ? ? var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 31100 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 112 112 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 1317 1317 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x 90 120 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi cati on H
A02.03 - gra ss l a nd remova l for ara bl e l and H
A07 - us e of bi oci des , hormones a nd chemi ca l s L
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty and phone l i nes M
E06.02 - recons tructi on, renovati on of bui l di ngs M
F03.02.03 - trappi ng, poi soni ng, poachi ng L
G05 - Other huma n i ntrus i ons a nd di s turba nces M
I03.01 - geneti c pol l uti on (ani mal s) M
J02.01.02 - recl ama ti on of l and from sea, estua ry or ma rsh L
J02.03.02 - canal i sa ti on L
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
J03.01.01 - reducti on of prey ava i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rcas s es ) M
K05 - reduced fecundi ty/ geneti c depres si on L
M01.02 - droughts and l ess preci pi tati ons M
XE - Threats and pres sures from outs i de the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

89
Mignattaio Plegadis falcinellus falcinellus Specie monotipica a distribuzione sub-
cosmopolita, nel Paleartico occidentale il
Mignattaio è presente nei paesi dell’Europa
Codice Euring 01360 meridionale e balcanica, in Nord Africa, ed in
Codice Natura 2000 A700 Asia centrale verso est sino al subcontinente
indiano. In Europa è specie migratrice, nidificante
estiva con quartieri di svernamento in Africa
Direttiva Uccelli I tropicale e, secondariamente, nel bacino del
Mediterraneo.
Convenzione di Berna II E’ ancora oggi una specie rara che mostra una
Convenzione di Bonn 2, AEWA preoccupante contrazione di areale accompagnata
Lista Rossa Italiana EN da decremento numerico e progressivo
Categoria SPEC 3 abbandono delle zone ai margini dell’areale
distributivo primario.

Foto S. Laurenti

In Italia il Mignattaio è migratore regolare, nidificante raro e molto localizzato, svernante poco
numeroso con presenze divenute regolari in Sardegna e Sicilia, ma anche in Toscana, Emilia, Puglia. I
contingenti più numerosi vengono tuttavia osservati durante le migrazioni. In autunno, i movimenti
avvengono su un ampio fronte che coinvolge prevalentemente le regioni settentrionali (Pianura
Padana) e tirreniche (Sardegna), mentre in primavera gli spostamenti sono più concentrati ed
interessano le regioni costiere centro-meridionali (soprattutto Sicilia).
Nel nostro Paese la nidificazione del Mignattaio è nota solo per pochissime zone umide della Pianura
Padana e di Toscana, Sardegna e Puglia. Dagli anni 1970 risultano occupati poco più di una dozzina
di siti distribuiti in otto regioni. Dopo l’abbandono dei siti piemontesi e pugliesi (anni 1980) e di
Molentargius (Cagliari), l’unico sito riproduttivo occupato con regolarità è quello di Punte Alberete e
Valle Mandriole (Ravenna). Qui il Mignattaio si è riprodotto regolarmente sin dalla fine degli anni
1980 in stretta associazione con quattro specie di Ardeidi ed il Marangone minore. Tra i fattori
limitanti vanno citati il degrado delle zone umide, la limitata disponibilità di siti di alimentazione non

90
soggetti a disturbo antropico (prati allagati e acquitrini con acque poco profonde) e l’abbattimento
illegale di adulti e giovani durante le migrazioni e nelle fasi di dispersione post-riproduttiva.

Mignattaio Plegadis falcinellus falcinellus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002 14 16 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2002 F var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 600 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 500 500 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 100 100 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002 x 14 16 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F03.02.03 - trappi ng, poi soni ng, poa chi ng L
G01 - Outdoor sports a nd l ei sure a cti vi ti es , recrea ti ona l acti vi ti es L
J02.05 - Modi fi cati on of hydrographi c functi oni ng, general M
XE - Threats and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

91
Spatola Platalea leucorodia leucorodia

Diffusa nel Paleartico con la sottospecie


Codice Euring 01440 nominale, la Spatola è specie migratrice e
Codice Natura 2000 A607-B dispersiva, nidificante coloniale e solitamente
gregaria nei luoghi di alimentazione. E’ tra le
specie europee con status di conservazione
Direttiva Uccelli I sfavorevole considerate in pericolo di estinzione a
causa dell’areale riproduttivo molto frammentato
Convenzione di Berna II e localmente in forte contrazione (Russia,
Convenzione di Bonn 2, AEWA Turchia), nonostante nell’ultimo decennio si siano
Lista Rossa Italiana VU avuti segnali di espansione ed incremento
Categoria SPEC 2 numerico in alcune regioni dell’Europa
meridionale e centro-settentrionale.

Foto S. Laurenti

Delle due distinte popolazioni riconosciute in Europa, quella occidentale sverna prevalentemente
lungo le coste atlantiche africane, mentre quella orientale - che comprende anche gli individui italiani
- sverna nelle zone umide costiere mediterranee.
In Italia è specie nidificante molto localizzata, migratrice, svernante regolare (sino a 300-600
individui) nelle zone umide costiere del centro-sud (Toscana, Lazio, Puglia) e delle due isole
maggiori. Presenze invernali occasionali, ma via via più regolari e numerose sono riportate in
Piemonte, nel Delta del Po, nelle lagune venete e di Grado-Marano.
La colonizzazione del nostro Paese è evento relativamente recente ed interessa tuttora un numero
molto ristretto di siti. Dopo il primo caso di nidificazione nelle Valli di Comacchio (1989) sono state
occupate, spesso solo in modo occasionale, meno di una ventina di siti localizzati nella Pianura
Padana occidentale (zona delle risaie), le costa nord adriatica, ed alcune zone umide interne di Emilia
e Toscana.
Sebbene i trend di breve e lungo periodo siano fortemente positivi, lo status della specie è da
considerarsi vulnerabile anche in Italia in considerazione della piccola dimensione della popolazione
e della concentrazione delle colonie in pochi siti. Attualmente la popolazione italiana conta circa 230-
240 coppie, nidificanti in otto siti, delle quali l’85% concentrate in tre siti del comprensorio di zone
umide di Argenta, Comacchio e Ravenna. Anche in quest’area, occupata con regolarità sino
dall’insediamento, la riuscita della riproduzione è fortemente condizionata dal progressivo degrado

92
ambientale delle zone umide (eutrofizzazione e progressiva salinizzazione delle acque), dalla gestione
inadatta dei livelli idrici, dalla crescente presenza di predatori opportunisti quali Corvidi, Ratto delle
chiaviche (Rattus norvegicus) e Gabbiano reale (Larus michahellis).

Spatola Platalea leucorodia leucorodia

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 190 190 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▲ 138 138 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1989-2011 ▲ 9400 9400 var. % 3 3

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 6500 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 442 442 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 x var. %

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 ▲ 190 190 p 3

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng M
G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure acti vi ti es, recreati onal acti vi ti es M
I01 - i nva si ve non-nati ve speci es H
I02 - probl emati c nati ve s peci es H
J02 - huma n i nduced changes i n hydraul i c condi ti ons H
K02 - Bi ocenoti c evol uti on, succes s i on H

Carta della distribuzione e range

93
Fenicottero Phoenicopterus roseus Il Fenicottero è distribuito in un vasto areale che
va dall’Africa occidentale all’Asia sud-
occidentale. Gregario nel corso dell’intero ciclo
annuale, nidifica in dense colonie che possono
ospitare migliaia di coppie. Tra loro legate da
intensa dispersione di giovani ed adulti, le colonie
mediterranee e dell’Africa occidentale sono
considerate appartenere ad una stessa meta-
Codice Euring 01472 popolazione. La popolazione italiana è connessa
Codice Natura 2000 A663-A con tutte le colonie mediterranee e, ad est, con
quelle turche ed iraniane. Fortemente specia-
lizzato, anche anatomicamente, nell’alimentarsi
Direttiva Uccelli I primariamente di Crostacei (genere Artemia),
frequenta lagune salmastre e zone umide costiere.
Convenzione di Berna II La specie ha visto una prima nidificazione
Convenzione di Bonn 2, AEWA confermata in Sardegna nel 1993, alla quale è
Lista Rossa Italiana LC seguito un rapido incremento nel numero delle
Categoria SPEC 3 colonie ed un aumento marcato nel totale di
coppie.

Foto
M. Piacentino

La colonizzazione ha interessato, con frequenza ed esiti irregolari, costa toscana, Alto Adriatico,
Puglia e Sicilia. L’ottima conoscenza della distribuzione e delle dimensioni delle colonie offre una
valutazione precisa della popolazione riproduttiva nel nostro Paese, pari ad un minimo di 4.152
coppie nel 2010. Il trend della popolazione italiana conferma un rapido incremento numerico,
particolarmente marcato sul lungo termine, con un aumento del 195-220%. L’ampliamento dell’areale
viene a sua volta attestato da un marcato trend positivo sul lungo termine. L’intera popolazione
italiana nidifica entro i confini di ZPS.
L’Italia rappresenta inoltre un’importante area di svernamento; totali annuali che variano tra 27.535 e
31.413 individui risultano distribuiti in alcune decine di siti lungo la penisola e sulle isole maggiori,
alcuni dei quali rappresentati da zone umide interne. Anche la popolazione svernante mostra tendenze
numeriche positive marcate, in particolare, sul lungo termine, con variazioni comprese tra 150-190%.
risultano Considerevole risulta il numero di individui svernanti entro le ZPS.

94
Fenicottero Phoenicopterus roseus
periodo min max unità tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2010 4152 4152 p 4 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 ▲ 25 35 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1993-2010 ▲ 195 220 var. % 2 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 1100 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 125 125 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 x var. %
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 ▲ 4152 4152 p 3

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 27535 31413 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 25 45 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 150 190 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 ▲ 8500 20500 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - abandonment of s al tpa ns (sa l i nas ) M, H*
C01.05.02 - convers i on of s al tpa ns H**
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes L**
G05.11 - dea th or i njury by col l i s i on H
H01.03 - other poi nt s ource pol l uti on to s urfa ce wa ter M**
J02.04.02 - l a ck of fl oodi ng H**
K03.06 - antagoni s m wi th domesti c a ni ma l s H, L*
M01.02 - droughts a nd l es s preci pi ta ti ons H**
M02.01 - ha bi tat s hi fti ng and al tera ti on M**
XE - Threa ts and pres s ures from outsi de the EU terri tory H*

Data la spiccata selettività per habitat a


distribuzione fortemente frammentata, le cause
di minaccia principali sono collegate alla
riduzione, modificazione, inquinamento e
compromissione di tali ambienti. La specie
risulta fortemente vulnerabile ad impatti con
infrastrutture aeree, la cui presenza in aree di
particolare concentrazione costituisce ulteriore
e significativa minaccia. Anche processi di
progressiva siccità di aree umide costiere
causati dal mutamento climatico sono motivo
di rischio per la conservazione della specie.

Carta della disitribuzione e range

95
Oca selvatica Anser anser

L’Oca selvatica Anser anser ha una distribuzione


Codice Euring 01610 euroasiatica con due sottospecie riconosciute (A.a.
Codice Natura 2000 A043 anser e A.a. rubirostris o Oca selvatica orientale o
siberiana), estesi quartieri di svernamento, che si
estendono dal bacino del Mediterraneo fino al
Direttiva Uccelli IIa, IIIb Nord Africa e Medio Oriente. L’Italia è interessata
da movimenti di migrazione che riguardano
Convenzione di Berna III maggiormente l’A. a. rubirostris. La distribuzione
Convenzione di Bonn 2, AEWA invernale è concentrata soprattutto nelle lagune
Lista Rossa Italiana LC dell’alto Adriatico. Discrete presenze si registrano
Categoria SPEC anche per Puglia, Veneto e Sardegna.
La popolazione nidificante, nata a seguito di
discutibili progetti di reintroduzione, risulta in
discreto aumento, con una distribuzione locale in
espansione, in particolare in Friuli-Venezia Giulia,
Emilia-Romagna e Veneto, mentre ben più
abbondante risulta quella svernante. Tra 4.000 e
7.000 individui svernano in siti compresi nella
Rete Natura 2000. Le tendenze numeriche della
popolazione svernante sono positive sia nel breve
che - in modo molto marcato, nel lungo termine.
Da molti decenni la specie non è più cacciabile in
Italia e molto probabilmente ciò ha influito sul
forte incremento numerico della popolazione
svernante nel nostro paese, in particolare negli
Foto M. Piacentino
ultimi 15-20 anni.
Tra le cause più importanti di minaccia in Italia, così come per altre specie di anatre di superficie,
primeggiano quelle legate alla modifica, riduzione e alterazione delle zone umide. Per quanto
riguarda le zone agricole, l’uso massiccio di prodotti chimici in agricoltura, il disturbo antropico e la
rimozione delle stoppie di cereali in inverno costituiscono fattori negativi per la specie. Le uccisioni
illegali, appaiono poco rilevanti e probabilmente concentrate nelle aree pasturate (aziende faunistiche
venatorie) delle lagune adriatiche. Una corretta gestione delle principali zone umide dovrebbe mirare
ad assicurare la sosta ed il riposo della specie. Nelle aree agricole, che svolgono un ruolo trofico
prioritario per le oche, sarebbero auspicabili forme di conduzione a minor impatto ambientale.
Oca selvatica Anser anser

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 10928 15577 i 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termine 2000-2009 ▲ 245 285 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termine 1991-2009 ▲ 1220 1785 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 4000 7000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti va ti on pra cti ces M
A02.03 - gra s s l a nd remova l for a ra bl e l a nd H
A06.04 - a ba ndonment of crop producti on H
A07 - us e of bi oci des , hormones a nd chemi ca ls M
F03.02.03 - tra pping, pois oni ng, poa chi ng M
H01 - Pol luti on to s urfa ce wa ters (l imnic & terres tria l, ma ri ne & bra ckis h) H
I03.01 - geneti c pol luti on (a ni ma ls ) L
J03.01 - reduction or l os s of s peci fi c ha bita t fea tures M
M02.01 - ha bita t s hifting a nd a l tera tion H
XO - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the Member Sta te M

96
Volpoca Tadorna tadorna

Codice Euring 01730


Codice Natura 2000 A048

Direttiva Uccelli
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2, AEWA
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC
Foto M. Valentini

Specie a distribuzione eurocentroasiatico-mediterranea con areale riproduttivo che si estende nella


fascia latitudinale compresa tra 40° e 60° N dall’Irlanda alla Cina. Vengono distinte tre popolazioni
geografiche principali: una nord-europea, un’altra del Mediterraneo-Mar Nero ed una terza presente
dalla Turchia orientale al Mar Caspio.
La specie è parzialmente migratrice o dispersiva, soprattutto al Sud. In Italia è specie migratrice,
svernante e nidificante regolare localizzata. Sino ad un recente passato la Volpoca è stata rara e poco
numerosa su gran parte del territorio nazionale, mentre attualmente è abbondante e diffusa soprattutto
in inverno ed in corrispondenza di saline e lagune costiere.
La popolazione nidificante, stimata in 10-20 coppie nel periodo 1983-1990, è aumentata
sensibilmente nel corso degli anni 1990. Nel 2000 sono state stimate 99-129 coppie, l’80% delle quali
insediate nelle zone umide della fascia costiera adriatica che va dalla Laguna di Grado e Marano alla
Salina di Cervia. Molto limitata la presenza al Sud e nelle isole.
Trend di breve e lungo termine risultano positivi anche per la popolazione svernante, stimata in
11.575-20.689 individui nel triennio 2007-2009. La media quinquennale delle presenze nel periodo
2006-2010 ed il numero totale dei siti occupati risultano più che raddoppiati rispetto al valore
calcolato per il periodo 1991-1995. Analizzando la serie di dati derivanti dai conteggi di metà gennaio
(IWC), il trend decennale risulta in sensibile aumento (+13.1% all’anno), così come quello di lungo
periodo (+7.5%). Il 90% degli effettivi medi degli ultimi cinque anni risulta contenuto in sette siti, tre
dei quali (Delta del Po, Laguna di Venezia e Manfredonia–Margherita di Savoia) ospitano contingenti
di importanza internazionale.
La Volpoca ha un buono status di conservazione in Europa, mentre in Italia è considerata specie
vulnerabile per effetto di minacce riconducibili alla perdita ed al degrado degli habitat di salina e
laguna, all’inquinamento ed all’eutrofizzazione delle acque, al bracconaggio.

Volpoca Tadorna tadorna

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 11575 20689 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 95 100 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 80 220 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 10000 20000 i 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - a bandonment of s al tpa ns (s a l i nas ) H*
C01.05.02 - convers i on of s a l tpans H*
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng M*
H01 - Poll uti on to s urfa ce waters (l i mni c & terres tri al , ma ri ne & bracki s h) H*
J02.14 - Al tered water qua l i ty due a nthropogeni c cha nges i n s al i ni ty M*
J02.15 - Other huma n i nduced changes i n hydraul i c condi ti ons M*
M01.02 - droughts a nd l es s preci pi tati ons L*
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M*

97
Fischione Anas penelope
Il Fischione ha areali riproduttivi ampiamente
estesi alle più alte latitudini euroasiatiche. Ad
esclusione della popolazione nidificante nel Regno
Unito, la specie è spiccatamente migratrice e
Codice Euring 01790 fortemente gregaria nelle fasi di svernamento.
Codice Natura 2000 A050 L’Italia è interessata da importanti movimenti di
popolazioni dell’Europa settentrionale e baltica,
ma anche da contingenti nidificanti molto più
Direttiva Uccelli IIa, IIIb orientali, provenienti dall’area caspica e siberiana
Convenzione di Berna III sino alla Yakutzka. Il Fischione si nutre
prevalentemente di specie erbacee, anche non
Convenzione di Bonn 2, AEWA acquatiche, e frequenta zone umide aperte, dove si
Lista Rossa Italiana NA alimenta brucando in ambienti di prateria
Categoria SPEC circostanti i corpi idrici. Il nostro Paese ospita una
popolazione svernante numericamente importante,
stimata in 110.000-130.000 individui.
Distribuito in inverno nel sistema delle lagune costiere dell’Alto Adriatico e, più a sud, della Puglia, è
presente con buoni numeri anche nel complesso delle zone umide costiere tirreniche e sulle isole
maggiori. Mentre non risultano tendenze rilevabili nel breve termine, netto è l’incremento registrato
sul lungo termine, compreso tra 55%-85%. Importante è la frazione della popolazione invernale
ospitata nei siti della Rete Natura 2000, compresa tra 70.000-105.000 individui.
Le caratteristiche ecologiche del Fischione lo rendono particolarmente vulnerabile alla perdita di prati
umidi e pascoli a favore di aree coltivate, come anche alle modifiche nelle pratiche agricole
tradizionali. La conservazione della specie in Italia richiede il pieno rispetto delle norme che
governano il prelievo venatorio, insieme ad un continuo monitoraggio della popolazione. La
disponibilità di siti di alimentazione idonei e di maggiori opportunità di sosta per i migratori in aree
inserite nella Rete Natura 2000 potenzierebbero il ruolo dell’Italia nella conservazione di queste
popolazioni.

Fischione Anas penelope

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 106885 127726 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 = var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 55 85 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 70000 105000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti vati on practi ces L*
A02.03 - gra s sl and removal for a rabl e l a nd M*
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s M*
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng H*
XE - Threa ts and pres s ures from outsi de the EU terri tory M*

98
Maschio di Fischione (Foto M. Piacentino)

Coppia di Alzavole (Foto M. Piacentino)

99
Alzavola Anas crecca crecca L’Alzavola ha un vastissimo areale riproduttivo
eurasiatico ed altrettanto ampi quartieri di
svernamento, che si estendono dal bacino del
Mediterraneo alla valle del Nilo, dal Medio
Codice Euring 01840 oriente e Caspio ad est fino in India, sud-est
Codice Natura 2000 A704 asiatico e Giappone. L’Italia è interessata da
importanti movimenti di migrazione, risultando
connessa con un vastissima area geografica,
Direttiva Uccelli IIa, IIIb dall’Europa occidentale fino alla Siberia
occidentale.
Convenzione di Berna III Molto ampia la distribuzione invernale in Italia,
Convenzione di Bonn 2, AEWA dalle zone umide alpine fino alle estreme
Lista Rossa Italiana EN latitudini meridionali dell’Italia peninsulare e
Categoria SPEC delle isole maggiori. Particolarmente importanti
risultano le aree costiere dell’Alto Adriatico,
quelle tirreniche e pugliesi, sarde e siciliane.
A fronte di una popolazione nidificante molto ridotta e caratterizzata da distribuzione frammentata tra
l’area prealpina e le coste della Puglia settentrionale, molto abbondante risulta invece quella
svernante.
La stima nazionale disponibile indica numeri compresi tra 130.000 e 180.000 individui. Tra 50.000 e
80.000 alzavole svernano in siti compresi nella Rete Natura 2000.
Le tendenze numeriche della popolazione svernante sono positive sia nel breve sia nel lungo termine,
questi ultimi con incrementi molto marcati compresi tra il 150% e il 230%. La specie è stata da
sempre oggetto di prelievo venatorio in Italia. Tra le cause di minaccia nel nostro Paese primeggiano
quelle legate alla modifica, bonifica e riduzione dell’habitat, spesso correlate ad esigenze di tipo
idraulico. Anche la qualità delle acque, compromessa da fenomeni di inquinamento, si ripercuote
negativamente sulla popolazione svernante. Politiche di gestione delle zone umide che assicurino la
conservazione di loro caratteristiche quanto possibile naturali e che tengano conto delle esigenze
ecologiche della specie risultano quindi prioritarie per le alzavole che trascorrono l’inverno nel nostro
Paese.

Alzavola Anas crecca crecca

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 132404 172520 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 35 70 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 150 230 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 50000 80000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng L*
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M*
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H*
J02.03 - Ca na l i s a ti on & wa ter devi a ti on L*
J02.10 - ma na gement of a qua ti c a nd ba nk vegeta ti on for dra i na ge purpos es M*
J02.13 - Aba ndonment of ma na gement of wa ter bodi es H*
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M*
M01.02 - droughts a nd l es s preci pi ta ti ons H*
M02.01 - ha bi ta t s hi fti ng a nd a l tera ti on H*

100
Germano reale
Anas platyrhynchos platyrhynchos

Codice Euring 01860


Codice Natura 2000 A705

Direttiva Uccelli IIa, IIIa


Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn 2, AEWA
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC
Foto M. Piacentino

Distribuito nella gran parte dell’Olartico, Il Germano reale è frequente in un’ampia tipologia di zone
umide, d’acqua dolce e salmastra, dalle più alte latitudini Eurasiatiche all’Africa settentrionale.
Nell’esteso areale sono presenti popolazioni residenti, parzialmente migratrici e migratrici regolari su
media e lunga distanza. In assoluto è l’anatra più numerosa e diffusa in Italia, in periodo di
nidificazione e svernamento.
La distribuzione degli svernanti ricalca quella delle zone umide italiane, con grandi concentrazioni
lungo l’asta fluviale del Po, nel sistema delle lagune costiere dell’Alto Adriatico e del Tirreno, in
alcuni dei principali laghi vulcanici dell’Italia centrale e nel complesso delle paludi e lagune delle
isole maggiori.
Le tendenze rilevate confermano un incremento nel breve termine, molto più marcato nel lungo
termine. Quest’ultimo si può associare all’accorciamento della sovrapposizione temporale tra stagione
venatoria e periodo riproduttivo introdotto con l’applicazione delle legge 157/1992.
La minaccia primaria per la conservazione della specie in Italia risulta rappresentata
dall’inquinamento genetico che deriva dalle massicce immissioni, a fini venatori, di elevati numeri di
germani reali in numerose regioni italiane. L’uso di biocidi e sostanze chimiche in agricoltura, unito
alla modifica di caratteristiche fisiche ed ambientali di zone umide collegato ad esigenze idrauliche
rappresenta un’ulteriore minaccia, così come il rischio di diminuzione, a lungo termine, del regime di
precipitazioni quale effetto del mutamento climatico globale. La conservazione della specie in Italia
richiede quindi l’attenta gestione delle zone umide, il rispetto delle caratteristiche fenologiche della
specie quale base dei calendari venatori, una gestione venatoria sostenibile che parta dall’immediata
interruzione di qualsiasi intervento di immissione di soggetti in natura a fini di ripopolamento.

Germano reale Anas platyrhynchos platyrhynchos

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 235953 245026 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 5 95 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 215 230 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 100000 150000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi cal s M*
I03.01 - geneti c pol l uti on (ani ma l s) H*
J02 - huma n i nduced changes i n hydra ul i c condi ti ons M*
M01.02 - droughts and l es s preci pi tati ons L*
XO - Threats and pres s ures from outs i de the Member Sta te M*

101
Anatra marmorizzata Marmaronetta angustirostris

Sino alla fine del secolo scorso, l’Anatra


marmorizzata è comparsa in Italia in modo
accidentale e con un basso numero di individui;
Codice Euring 01950 dal 1999, tuttavia, più soggetti sono stati osservati
Codice Natura 2000 A057-A regolarmente lungo la costa meridionale della
Sicilia in corrispondenza di alcuni pantani, dove
hanno iniziato a riprodursi a partire dal 2000. Il
Direttiva Uccelli I numero di coppie rilevate annualmente si è
mantenuto molto basso, oscillando tra una e tre,
Convenzione di Berna II ma la riproduzione è stata accertata ogni anno. Dal
Convenzione di Bonn 1,2, AEWA 2007 altri avvistamenti si sono registrati anche
Lista Rossa Italiana EN presso una zona umida della Sardegna sud-
Categoria SPEC 1 occidentale, dove nel 2013 è stata segnalata la
riproduzione di una coppia.

Foto I. Doneddu

La dinamica delle osservazioni fa ritenere che sia in atto un processo di colonizzazione delle coste
italiane; è probabile che il piccolo nucleo riproduttivo siciliano si sia mantenuto costante, malgrado il
basso numero di individui, grazie ad un regolare afflusso di soggetti, verosimilmente provenienti dalla
popolazione nidificante in Tunisia e Algeria.
L’Anatra marmorizzata è stata monitorata con attenzione nei principali siti chiave, ma le abitudini
schive e la dimensione ridotta dei territori di nidificazione hanno reso difficile ottenere una copertura
completa degli ambienti idonei presenti in Sicilia e in Sardegna .
Dato il cattivo stato di conservazione dell’Anatra marmorizzata a livello globale, il Ministero
dell’Ambiente ha voluto definire un programma articolato di interventi attraverso la predisposizione
di uno specifico piano d’azione nazionale, redatto da ISPRA nel 2007 e finalizzato a favorire il
consolidamento di un nucleo riproduttivo della specie in Italia. Tale piano ha individuato tra le
principali minacce il degrado degli habitat riproduttivi, rappresentati dai pantani d’acqua dolce
caratterizzati da bassi livelli idrici e abbondante vegetazione lungo le rive. In particolare, la cattiva
gestione dei livelli idrici e la distruzione della fascia di piante acquatiche sono state considerate il
principale ostacolo all’insediamento e alla nidificazione delle coppie. Anche il bracconaggio e il
disturbo causato dalla caccia possono aver svolto un’azione negativa, soprattutto in corrispondenza di
zone umide di piccole dimensioni, dove gli uccelli hanno scarse possibilità di trovare luoghi sicuri per
rifugiarsi.

102
Anatra marmorizzata Marmaronetta angustirostris

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 2 3 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termine 2000-2010 = var. % 3 3
Trend di pop. a lungo termine var. %

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 800 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▲ 700 700 var. % 3 3
Trend di a rea le a lungo termine var. %

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x 0 3 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A07 - us e of biocides , hormones a nd chemica ls H
F03.02.05 - a cci denti al ca pture L
H01 - Polluti on to s urfa ce waters (limni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) H
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t features H
K03.04 - preda tion M

Carta della distribuzione e range

103
Moretta tabaccata Aythya nyroca

Codice Euring 02020


Codice Natura 2000 A060-B

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn 1, 2, AEWA
Lista Rossa Italiana EN
Categoria SPEC 1
Foto M. Piacentino

Specie paleartica, nel Mediterraneo le popolazioni nidificanti sono residenti o parzialmente migratrici.
Consistente è l’afflusso di contingenti migratori provenienti dall’Europa orientale. In Italia è presente
una popolazione nidificante di meno di 100 coppie ed una svernante di circa 400-500 individui. I
movimenti migratori avvengono tra fine agosto e novembre e tra febbraio e aprile. Sono noti
raggruppamenti di muta in tarda estate, in aree particolarmente tranquille e ricche di cibo.
Nidifica in zone umide d’acqua dolce o moderatamente salata, eutrofiche e trasparenti, con bacini di
profondità medio-basse alternati a tratti di canneto o tifeto. Importante risulta la presenza di
vegetazione sommersa e flottante. Durante le migrazioni e in inverno è meno selettiva e si può
rinvenire anche in grandi laghi, fiumi a corso lento e più raramente in lagune e stagni costieri.
I trend di popolazione sono positivi in tutti in entrambi i periodi di confronto storico, sia per la
popolazione nidificante sia per quella svernante. La contrazione di areale nel breve termine è
verosimilmente correlata ad una sovrastima dell’areale posto a confronto con quello attuale, mentre
rispetto al passato la specie è più diffusa, sebbene ancora con una distribuzione delle coppie nidificanti
discontinua sul territorio, associata alla presenza di nuclei storici (es. Punte Alberete, Lago di Lesina),
e in parte anche a reintroduzioni e rilasci involontari. In inverno il baricentro distributivo è spostato
verso il centro-sud della penisola, poiché alcuni siti ospitano grandi concentrazioni (il 75% del totale
nazionale è compreso in tre complessi di zone umide: Lago Trasimeno, Foce Simeto e zone umide del
Mazzarese).
Lo conservazione di questa specie in Italia ed in Europa richiede particolare attenzione sia per le gravi
minacce agli habitat da essa frequentati (inquinamento delle acque, disturbo antropico, cattiva
gestione), sia per il disturbo, la perdita di habitat e le uccisioni illegali connessi all’attività venatoria.
La caccia a specie simili, quali la Moretta, è inoltre spesso causa di abbattimenti involontari. Come per
tutte le specie di Anatidi nidificanti, l’apertura della caccia in settembre, prima dell’arrivo di
consistenti contingenti migratori, innalza enormemente la mortalità nelle popolazioni residenti. E’
disponibile il Piano d’Azione nazionale, da aggiornare.

104
Moretta tabaccata Aythya nyroca
periodo min max unità tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2003 62 89 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2003 ▲ 0 35 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2003 ▲ 80 150 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 14700 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 35 35 var. % 2 2
Trend di a real e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 100 100 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003 ▲ 50 80 p 1

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 369 506 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 20 45 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 180 290 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 200 400 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


D02.01.01 - sus pended el ectri ci ty a nd phone l i nes L**
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poa chi ng H**
F03.02.05 - a cci denti a l ca pture H**
G01 - Outdoor s ports and l ei s ure a cti vi ti es, recreati ona l a cti vi ti es M**
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es M**
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a mati on a nd dryi ng out, genera l H**
J02.05.04 - res ervoi rs M**
J02.10 - ma nagement of a qua ti c and ba nk vegeta ti on for drai na ge purpos es H**
M01.02 - droughts a nd l es s preci pi ta ti ons M**

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

105
Falco pecchiaiolo Pernis apivorus Il Falco pecchiaiolo è un rapace
dall’alimentazione fortemente specializzata,
basata su larve e nidi di Imenotteri. Preda
regolarmente anche piccoli mammiferi, uccelli e
Codice Euring 02310 rettili. Specie spiccatamente migratrice, ha vasti
Codice Natura 2000 A072 quartieri di svernamento nell’Africa sub-
Sahariana. L’Italia è area di massima importanza
per la migrazione di Pecchiaioli provenienti
Direttiva Uccelli I dall’Europa centro-settentrionale e dalla
Scandinavia, come anche da aree più orientali.
Convenzione di Berna II
Della popolazione nidificante italiana è
Convenzione di Bonn 2, R disponibile solo una stima molto approssimativa
Lista Rossa Italiana LC di 600-1000 coppie.
Categoria SPEC Le più importanti aree riproduttive sono nel
comparto alpino e nell’Appennino settentrionale.

Foto A. De Faveri

La conoscenza poco dettagliata della popolazione non consente stime di trend demografici. Netto
risulta invece l’incremento di areale, a breve e, in modo particolarmente marcato, a lungo termine. Le
aree che registrano una più netta variazione positiva nella distribuzione sono quelle dell’Italia centrale
e meridionale. L’insufficiente livello di conoscenza della distribuzione delle coppie riproduttive non
permette una valutazione della frazione presente nella rete delle ZPS. Pur a fronte di proficue
iniziative di monitoraggio a lungo termine delle popolazioni in transito primaverile ed autunnale, il
numero modesto dei siti controllati non permette di stimare tendenze a breve termine nell’abbondanza
dei migratori che utilizzano l’Italia quale ponte naturale tra Europa ed Africa. Al riguardo, la
rilevanza del nostro Paese è comunque confermata da una stima complessiva tra 16.000-35.000
individui migratori. Le politiche di gestione degli ambienti forestali, insieme alle infrastrutture legate
alla produzione di energie rinnovabili, rappresentano cause di minaccia per il Pecchiaiolo in Italia.
Forme diverse di disturbo da parte dell’uomo, ivi comprese le uccisioni illegali, continuano a
costituire causa di minaccia nel nostro Paese, sia pur limitate. La migliore conoscenza della
distribuzione riproduttiva e del ruolo che al riguardo riveste la Rete Natura 2000, la prosecuzione e
l’ampliamento della rete di siti di studio dei movimenti di migrazione, il monitoraggio dei rischi legati
all’ulteriore sviluppo di reti infrastrutturali quali quelle legate alle energie rinnovabili sono priorità
per la conservazione del Falco pecchiaiolo in Italia.

106
Falco pecchiaiolo Pernis apivorus

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 600 1000 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 191700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 21 21 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 80 80 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x ? ? p 0

periodo direz. B. T. min max metodo


Popolazione migratrice nelle ZPS 2001-2012 x 16000 35000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Fores t and Pl antati on ma na gement & us e M
C03.03 - wi nd energy producti on L+
D02.01 - el ectri ci ty a nd phone l i nes M, L++
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng L+
G05 - Other huma n i ntrus i ons and di s turba nces L
XE - Threats and pres s ures from outs i de the EU terri tory L, M+

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

107
Nibbio bruno Milvus migrans Il Nibbio bruno è un rapace migratore ad ampia
distribuzione, presente in Eurasia, Africa e
Australia con diverse sottospecie. Gli individui
nidificanti in Europa, appartenenti alla
sottospecie migrans, stabiliscono i propri
Codice Euring 02380 quartieri di svernamento nell’Africa sub-
Codice Natura 2000 A073 sahariana, ma si osservano individui svernanti
anche in zone mediterranee. In Sicilia svernano
5-10 individui, mentre è irregolarmente segnalato
Direttiva Uccelli I in Sardegna, Toscana, Lazio, Campania e
Basilicata.
Convenzione di Berna II
In Italia frequenta una gamma piuttosto estesa di
Convenzione di Bonn 2, R tipologie ambientali. Per la nidificazione
Lista Rossa Italiana NT seleziona soprattutto boschi maturi di latifoglie
Categoria SPEC 3 (anche planiziali), pinete e boschi mediterranei,
boschi igrofili, ma anche pareti rocciose. Questa

Foto M. Piacentino

plasticità ecologica si riflette in un regime trofico assai variegato, che lo porta a ricercare piccoli
vertebrati, pesci, carogne e rifiuti e a frequentare corsi d’acqua, zone umide, campagne ed aree aperte
di vario genere, comprese le discariche.
La specie è distribuita più uniformemente nei settori prealpini, nella Pianura Padana e nella porzione
centro-meridionale della penisola, con maggior diffusione nel versante tirrenico. Le regioni più
importanti per il numero delle coppie ospitate risultano la Basilicata (200-300 coppie) e la Lombardia
(200-250 coppie). Una quota rilevante della popolazione nidifica all’interno di ZPS. I siti riproduttivi
si trovano in prevalenza nella fascia tra i 200 e i 700 m di altitudine, e fino a 1200 nel settore
prealpino. In Sicilia il Nibbio bruno è localizzato soprattutto sui monti Sicani, con una popolazione in
declino rispetto ad alcuni anni fa, mentre in Sardegna la specie si è estinta negli ultimi anni.
Abbastanza consistente risulta l’afflusso della popolazione migratrice in primavera e in autunno, in
particolare lungo le isole del canale di Sicilia e lo stretto di Messina dove il passaggio viene
regolarmente monitorato (max totale ind. censiti in primavera 1500-2000, in autunno >3500 ind.).
Il trend della popolazione a breve e lungo termine risulta sconosciuto anche per le evidenti
fluttuazioni numeriche locali, spesso dipendenti dalla disponibilità di risorse trofiche. Le variazioni
della disponibilità trofica potrebbero aver contribuito ai cambiamenti dell’attuale areale rispetto agli
anni ’80, che rimane tuttavia invariato nel valore di estensione complessiva.
Le minacce più importanti per la specie sono l’elettrolocuzione, il bioaccumulo o l’avvelenamento per
ingestione di prede esposte a sostanze tossiche o inquinanti, la modifica degli ambienti fluviali. La
chiusura delle discariche può rappresentare un’ulteriore causa di abbandono dei territori riproduttivi.

108
Nibbio bruno Milvus migrans

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 860 1153 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 136300 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 1 1 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 6 6 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x 400 700 p 2

periodo direz. B. T. min max metodo


Popolazione migratrice nelle ZPS x 700 3600 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Forest a nd Pl a nta ti on management & us e M
C03.03 - wi nd energy producti on L
D02.01 - el ectri ci ty and phone l i nes H, M+
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng M, L+
G05 - Other human i ntrus i ons a nd di s turba nces L
J02.05 - Modi fi cati on of hydrogra phi c functi oni ng, genera l H
J02.06.05 - s urface wa ter a bs tracti ons by fi s h farms H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures M
J03.01.01 - reducti on of prey ava i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca ss es) M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M+

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

109
Nibbio reale Milvus milvus Il Nibbio reale è una specie endemica del
paleartico occidentale che fino agli anni ’70 del
secolo scorso ha registrato un calo considerevole
Codice Euring 02390 della popolazione in conseguenza soprattutto
Codice Natura 2000 A074 della persecuzione diretta, mentre nel ventennio
successivo la contrazione numerica delle
popolazioni sud-europee è stata in parte
Direttiva Uccelli I compensata da una ripresa demografica nel nord
Europa.
Convenzione di Berna II Un’inversione del trend ha interessato
Convenzione di Bonn 2, R recentemente anche le popolazioni del sud
Lista Rossa Italiana VU Europa, tra cui quella italiana, il cui graduale
Categoria SPEC 2 aumento (stimato superiore al 300% nel lungo
periodo) è proseguito anche nell’ultimo decennio.

Foto M. Piacentino

La “roccaforte” riproduttiva del Nibbio reale in Italia si trova in Basilicata (dove sono stimate 150-
200 coppie) ma sono presenti popolazioni di una certa entità anche nelle zone interne di Molise e
Abruzzo. In Lazio, Sardegna e Sicilia si trovano i nuclei meno consistenti e più localizzati. Gli habitat
riproduttivi sono rappresentati da boschi maturi di latifoglie e conifere e boschi mediterranei, con
presenza di vasti spazi aperti e incolti, selezionati come aree di alimentazione. Al pari del Nibbio
bruno, frequenta spesso le discariche.
All’incremento numerico hanno verosimilmente contribuito la maggiore protezione della specie
attraverso la tutela delle aree di nidificazione e la riduzione della persecuzione diretta e,
probabilmente, anche l’uso più razionale di prodotti fitosanitari negli ambienti agricoli. Tuttavia vi
sono diverse indicazioni che lo status di conservazione della specie non abbia ancora raggiunto un
livello adeguato. Se l’estensione dell’areale è rimasta sostanzialmente invariata rispetto agli anni ’80,
in alcune zone del paese il Nibbio reale ha mostrato un’evidente tendenza alla diminuzione o ha
notevolmente ridotto la sua distribuzione. In particolare in Sicilia sono rimaste soltanto 5-6 coppie, e
ridotte popolazioni si rilevano anche in Campania e Calabria.
La specie risulta vulnerabile a diverse minacce, tra cui le più rilevanti sono la modifica delle pratiche
agricole e un’intensivazione degli agro-ecosistemi, l’abbandono della pastorizia e dei sistemi agricoli
tradizionali a regime estensivo, la collisione con elettrodotti ed impianti eolici.
La popolazione italiana è sedentaria e parzialmente migratrice. Significativa è la popolazione
svernante presente nel nostro Paese, monitorata attraverso periodici conteggi ai dormitori, presso i
quali si radunano anche centinaia di individui.

110
Nibbio reale Milvus milvus
periodo min max tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2009 314 426 p 1 1 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 5 10 var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2009 ▲ 325 350 var. % 1 2
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 37700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 9 9 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 4 4 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2009 ▲ 180 240 p 1

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2011-2012 1439 1531 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▲ 30 70 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▲ 0 190 var. % 1 1
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2011-2012 ▲ 800 1000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti va ti on pra cti ces H**
A03 - mowi ng / cutti ng of gras s l a nd H*
A03.03 - abandonment / l ack of mowi ng H**
A04.03 - abandonment of pa stora l s ys tems , l a ck of gra zi ng H*
A04.03 - abandonment of pa stora l s ys tems , l a ck of gra zi ng H**
C03.03 - wi nd energy producti on H, M*
D02.01.01 - s uspended el ectri ci ty and phone l i nes H**
F03.02.03 - tra ppi ng, poi soni ng, poachi ng L**
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t features M
M02.01 - habi ta t s hi fti ng a nd a l terati on M*
XO - Threats and pres s ures from outs i de the Member Sta te L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

111
Gipeto Gypaetus barbatus

Codice Euring 02460


Codice Natura 2000 A076

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2
Lista Rossa Italiana CR
Categoria SPEC 3
Foto M. Piacentino

Come molti grandi rapaci, negli anni passati il Gipeto in Italia è stato vittima di una forte
persecuzione, al punto da andare incontro all’estinzione sull’intero territorio nazionale. Sulle Alpi
l’ultimo individuo è stato abbattuto nel 1913, mentre in Sardegna la specie è scomparsa attorno alla
metà degli anni ’70 del secolo scorso, verosimilmente in seguito all’impiego di bocconi avvelenati. Il
Gipeto dal 1998 è tornato a nidificare sull’arco alpino grazie ad un progetto internazionale di
reintroduzione avviato nel 1986. Da allora il numero di coppie territoriali è progressivamente
aumentato sino ad attestarsi sulla decina nel corso del 2014. Attualmente le zone frequentate in
periodo riproduttivo sono ubicate presso i Parchi Nazionali dello Stelvio e del Gran Paradiso.
La popolazione di Gipeto è oggetto di una costante attività di monitoraggio coordinata a livello
nazionale e internazionale, per cui si dispone di una puntuale conoscenza del numero di coppie attive,
del loro successo riproduttivo, dei soggetti non riproduttori, nonché dei fattori di minaccia che
agiscono sulla specie. Sulla base dei dati disponibili, risulta che in Europa il principale pericolo per
questo avvoltoio sia rappresentato dall’uso del piombo nelle munizioni da caccia. Frammenti di
proiettili vengono ingeriti dai gipeti quando si nutrono delle carni di ungulati colpiti e non recuperati,
oppure dei visceri che vengono abbandonati dai cacciatori sul terreno nel luogo dell’abbattimento allo
scopo di preservare la qualità organolettica delle carni e di ridurre il peso delle carcasse da trasportare.
I quantitativi di piombo che vengono così assunti sono sufficienti a determinare forme anche gravi di
intossicazione che possono portare a debilitazione, sterilità e persino alla morte. Un’altra grave
minaccia è legata all’uso del diclofenac, un prodotto farmaceutico utilizzato per il trattamento del
bestiame; questo farmaco è fatale per i rapaci che si nutrono dei resti di animali domestici
precedentemente trattati. Attualmente sono in atto iniziative per sostituire l’uso del piombo e del
diclofenac con prodotti alternativi che non provocano mortalità negli uccelli.

112
Gipeto Gypaetus barbatus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2012 6 7 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 1998-2012 ▲ ? ? var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne var. %

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 1700 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 = var. % 3 3
Trend di a rea l e a l ungo termi ne var. %
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2012 ▲ 5 6 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l s ys tems , l ack of gra zi ng M
D02.01.01 - s us pended electri city a nd phone l ines M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
G01.04.01 - mountai neering & rock cli mbing M
G01.05 - gl iding, del ta pla ne, paragl iding, bal looni ng M

Carta della distribuzione (risoluzione 50x50 km)

113
Capovaccaio Neophron percnopterus Il Capovaccaio è la specie nidificante in Italia
maggiormente a rischio di estinzione. Una volta
ampiamente diffuso in Sicilia, in Puglia, in
Basilicata e lungo tutta la costa tirrenica, dalla
Toscana alla Calabria, questo piccolo avvoltoio
Codice Euring 02470 migratore è andato incontro ad un declino
Codice Natura 2000 A077 inarrestabile che lo ha portato a scomparire da
gran parte dell'areale storico. Attualmente le
coppie che ancora nidificano sono localizzate in
Direttiva Uccelli I poche aree della Sicilia centro-occidentale, della
Calabria ionica, della Basilicata e della Puglia
Convenzione di Berna II occidentale. Contestualmente alla riduzione
Convenzione di Bonn 1, 2, R dell’areale, si è verificato un crollo della
Lista Rossa Italiana CR popolazione; dagli anni 70 del secolo scorso ad
Categoria SPEC 3 oggi, i contingenti nidificanti sono passati da 70-
80 coppie a circa una decina, la metà delle quali
in Sicilia.

Foto M. Piacentino

Le cause che hanno determinato il declino del Capovaccaio in Italia sono molteplici e vanno ricercate
soprattutto nella persecuzione diretta e nella trasformazione degli habitat elettivi, rappresentati dai
pascoli estensivi dove il bestiame viene lasciato allo stato brado per la gran parte dell'anno. Questi
due fattori hanno giocato un ruolo essenziale soprattutto in passato; in tempi più recenti hanno
acquisito importanza anche nuove minacce, legate alla diffusione delle linee elettriche, degli impianti
eolici e dei veleni in agricoltura.
Per la sua particolare alimentazione, il Capovaccaio è particolarmente esposto al rischio di nutrirsi di
piccoli animali avvelenati da fitofarmaci, rodenticidi o bocconi avvelenati, con la conseguenza di
restare a sua volta intossicato. Anche il piombo delle cartucce da caccia può essere causa di
avvelenamento, qualora un individuo si nutra della carcassa di un animale colpito da un cacciatore ma
non recuperato. Per la tutela di questa specie è stato redatto un piano d’azione ed è in corso un
programma di allevamento in cattività.

114
Capovaccaio Neophron percnopterus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011-2012 8 10 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▼ 45 50 var. % 3 3
Trend di pop. a lungo termi ne 1980-2012 ▼ 80 90 var. % 3 3
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 4700 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termi ne 2002-2013 ▼ 20 20 var. % 2 2
Trend di a rea l e a lungo termi ne 1983-2013 ▼ 56 56 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011-2012 ▼ 8 10 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gricul tura l intens ifica ti on M
A02.03 - gra s s la nd remova l for a rabl e la nd M
A03.03 - a ba ndonment / la ck of mowing L
A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l s ys tems , la ck of gra zi ng H
A07 - us e of bioci des , hormones and chemica ls M
B01 - fores t pl anting on open ground L
C03.03 - wi nd energy production H
D02.01.01 - s us pended el ectri city a nd phone lines L
E01.02 - dis conti nuous urba nis a tion L
F03.02.03 - tra pping, poi s oni ng, poa ching M
G01.04.01 - mounta ineeri ng & rock cli mbing M
G01.05 - gliding, delta pla ne, pa ragl iding, ba llooning L
J03.01.01 - reduction of prey a va ila bil ity (i nludi ng ca rcas s es ) M
J03.02.03 - reduction in genetic excha nge M
XO - Threa ts a nd pres s ures from outs ide the Member Sta te M

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

115
Grifone Gyps fulvus Benché in precedenza fosse diffuso anche lungo
l’arco alpino e probabilmente in corrispondenza
di alcuni massicci dell’Appennino, il Grifone già
Codice Euring 02510 nel corso del secolo scorso è stato segnalato come
Codice Natura 2000 A078 nidificante solamente in corrispondenza delle due
isole maggiori. In Sicilia la popolazione è calata
progressivamente, sino ad estinguersi nel 1965; in
Direttiva Uccelli I Sardegna si è assistito ad un'analoga diminuzione,
ma una piccola popolazione è riuscita a
Convenzione di Berna II sopravvivere sino ad oggi. All’inizio degli anni
Convenzione di Bonn 2, R ‘80 del Novecento si stimava fosse presente
Lista Rossa Italiana CR solamente una ventina di coppie nidificanti
Categoria SPEC distribuite in un paio di colonie nella Sardegna
nord-occidentale.

Foto M. Piacentino

Di recente, l’areale della specie si è espanso grazie ad una serie di interventi di reintroduzione avviati
a partire dagli anni ‘80 e che hanno interessato il Friuli-Venezia Giulia, l’Abruzzo, la Basilicata, la
Calabria e la Sicilia. Attualmente si stima siano presenti tra le 80 e le 90 coppie, la maggior parte
delle quali concentrate in Abruzzo. In Sardegna, malgrado gli interventi di tutela e di restocking, la
popolazione nidificante non è riuscita ad aumentare, a seguito dei periodici episodi di avvelenamento
che si sono verificati nel corso degli ultimi decenni, e che hanno fatto calare drasticamente il numero
di individui in più occasioni.
Malgrado tutti i trend riportati nel rapporto siano positivi ed indichino un miglioramento dello stato di
conservazione della specie, il Grifone nel nostro Paese è ancora esposto al rischio di estinzione a
causa dell’esiguo numero di coppie nidificanti e dei fattori di minaccia che gravano sulle diverse
popolazioni. In particolare, essendo al vertice della catena alimentare, questo avvoltoio risente del
rischio di avvelenamento legato all’ingestione di carni contaminate. Le cause dell'avvelenamento
delle carcasse possono essere diverse. Spesso si tratta di esche avvelenate sparse illegalmente sul
terreno per controllare le popolazioni di cani randagi, di lupi o di altri carnivori. In altri casi possono
essere le spoglie di animali domestici precedentemente trattati con farmaci che sono velenosi per gli
uccelli. Più di recente si è scoperto che anche l'ingestione del piombo delle munizioni da caccia può
causare l'intossicazione degli animali fino a provocarne la morte. Il piombo viene assunto quando i
grifoni si nutrono di capi non recuperati oppure delle viscere degli ungulati selvatici abbandonate sul
terreno dai cacciatori.

116
Grifone Gyps fulvus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2008 82 87 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 1999-2008 ▲ 105 125 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1983-2008 ▲ 190 310 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 1900 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 100 100 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 57 57 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2008 x 50 60 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l sys tems, l a ck of grazi ng H
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng H
G05.11 - dea th or i njury by col l i s i on M
J03.01.01 - reducti on of prey a vai l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca ss es) H

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

117
Biancone Circaetus gallicus

Il Biancone è una specie migratrice trans-


Codice Euring 02560 sahariana il cui areale riproduttivo ricalca la
Codice Natura 2000 A080 distribuzione delle aree del Paese a maggiore
vocazione agro-forestale, dalla pianura fino alla
media montagna, dove la compresenza di
Direttiva Uccelli I superfici boschive e di zone aperte (mosaici
agricoli non intensivi) fornisce le risorse per la
Convenzione di Berna II nidificazione e la caccia. La specie risulta invece
Convenzione di Bonn 2, R assente nelle isole e nelle principali aree planiziali
Lista Rossa Italiana VU a regime agricolo intensivo.
Categoria SPEC 3 La stima della popolazione nidificante indicata in
tabella, riportante un valore di 350-560 coppie,

Foto
M. Piacentino

dovrà essere più precisamente definita mediante un approfondimento dello status di questo rapace,
che negli ultimi 40 anni ha certamente incrementato il proprio contingente riproduttivo. In questo
modo potrà essere definita anche l’entità della variazione sia a breve che a lungo termine, al momento
ancora non conosciuta nemmeno all’interno delle Zone di Protezione Speciale.
Ad ulteriore riprova dell’aumento della popolazione italiana deve essere considerato anche
l’incremento dell’areale riproduttivo che, rispetto alla distribuzione storica, sembra si sia esteso su
vaste porzioni del territorio appenninico peninsulare, soprattutto nel versante adriatico e ionico, ma
anche in quello prealpino ed alpino. L’entità di questa espansione potrebbe essere in parte accentuata
da un’inadeguata conoscenza della distribuzione storica su cui viene attuato il confronto.
Infine, una conferma indiretta dell’incremento numerico della popolazione peninsulare è suggerita dal
recente aumento di osservazioni di individui migratori nei principali corridoi di transito (il numero in
tabella si riferisce alle media di passaggi). Questa importante attività di monitoraggio ha attestato
come la gran parte degli individui provenienti dall’Africa raggiungano l’Italia dal Mediterraneo
occidentale, per poi distribuirsi sulla penisola e sull’arco alpino.
La popolazione italiana gode, rispetto al passato, di uno stato di conservazione più favorevole, grazie
anche ad un più restrittivo regime di tutela della specie e all’istituzione di aree protette o afferenti alla
Rete Natura 2000. Non devono essere sottovalutati alcuni fattori di minaccia, tra cui si pone in
evidenza la diminuzione delle aree aperte prative nei contesti montani, conseguente all’abbandono
delle attività agricole estensive.

118
Biancone Circaetus gallicus

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006-2013 350 560 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1975-2012 ▲ ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 146800 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 96 96 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 114 114 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006-2013 x 100 300 p 2

periodo direz. B. T. min max metodo


Popolazione migratrice nelle ZPS x 1300 2000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tural i ntens i fi ca ti on L
A02.03 - gras s l and remova l for ara bl e l and M
A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
B01 - fores t pl a nti ng on open ground H
C03.03 - wi nd energy producti on L
D02.01.01 - s uspended el ectri ci ty and phone l i nes L
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L+
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory L
XO - Threats and pres s ures from outsi de the Member State M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

119
Falco di palude Circus aeruginosus
Il Falco di palude Circus aeruginosus è una
specie migratrice (alcune popolazioni svernano a
sud del Sahara), parzialmente sedentaria e
Codice Euring 02600 dispersiva il cui areale riproduttivo ricalca la
Codice Natura 2000 A081 distribuzione delle principali zone umide d’acqua
dolce o salmastra, sia costiere che interne. A
scopo riproduttivo utilizza anche cave in disuso,
Direttiva Uccelli I casse di colmata, vasche di zuccherifici, purché
ricche di vegetazione palustre e confinanti con
Convenzione di Berna II aree agricole anche intensive. La specie risulta
Convenzione di Bonn 2, R più abbondante lungo le zone costiere e interne
Lista Rossa Italiana VU dell’alto Adriatico, sebbene popolazioni di una
Categoria SPEC certa consistenza siano presenti anche in Toscana
e Sardegna.

Foto
A. De Faveri

Per l’Italia è indicata una popolazione massima di quasi 300 coppie, ma si tratta probabilmente di un
valore sottostimato, in quanto non aggiornato da ormai dieci anni. È infatti plausibile che il forte
incremento della specie registrato dagli anni 80’ sia proseguito sino ad oggi, come suggerirebbe anche
l’aumento dell’areale riproduttivo, che si è esteso soprattutto nella porzione meridionale della
penisola. Anche il contingente svernante appare in incremento, soprattutto nel lungo termine. La
popolazione migratrice ed in particolare quella pre-riproduttiva, è stata soggetta ad un intenso
monitoraggio negli ultimi anni nei principali bottle-neck di transito, dove il contingente migratore è
notevolmente aumentato rispetto ai movimenti rilevati agli inizi degli anni ’90.
La popolazione nidificante è compresa quasi totalmente nelle ZPS o in altre aree protette, a riprova
che le principali zone umide italiane garantiscono la tutela dell’intera popolazione italiana. Ciò non
impedisce la permanenza di alcuni fattori di minaccia per la specie, tra cui il più importante è
certamente la riduzione e la frammentazione dei siti riproduttivi, il taglio e la bruciatura dei canneti in
periodo estivo e il forte uso di pesticidi, soprattutto nelle aree agricole confinanti con le zone umide.

120
Falco di palude Circus aeruginosus
periodo min max tipo stima metodo qualità
Popolazione nidificante 2002-2004 214 287 p 1 1 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2004 ▲ 190 230 var. % 1 2
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 66700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 86 86 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 70 70 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002-2004 x 200 287 p 2

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 790 1029 i 1 2 2
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 = var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 15 55 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 = 540 1029 i 2

periodo direz. B. T. min max metodo


Popolazione migratrice nelle ZPS x 4000 5000 2
Fattori di minaccia/pressioni Importanza
A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
A07 - us e of bi oci des, hormones a nd chemi cal s L, M*
C03.03 - wi nd energy producti on L***
D02.01.01 - s uspended el ectri ci ty and phone l i nes L***, M*
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L***, M*
J02.15 - Other huma n i nduced changes i n hydraul i c condi ti ons H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures M**
L09 - fi re (na tural ) L
M02.01 - habi ta t s hi fti ng and a l terati on H*
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory L
XO - Threats and pres s ures from outsi de the Member State M*

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

121
Albanella minore Circus pygargus L’Albanella minore è una specie nidificante,
migratrice trans-sahariana, il cui areale
riproduttivo comprende aree con spiccata
vocazione agricola, dalla pianura fino alla collina
Codice Euring 02630 (fino a quote di 500 m circa), all’interno delle
Codice Natura 2000 A084 quale preferisce sistemi a mosaico non intensivi,
brughiere, calanchi, golene fluviali, ma anche
steppe cerealicole, pascoli e giovani impianti
Direttiva Uccelli I selvicolturali.
La specie risulta presente soprattutto nelle regioni
Convenzione di Berna II centrali (Molise, Abruzzo, Marche, alto Lazio e
Convenzione di Bonn 2, R Toscana meridionale), Pianura Padana e Sardegna,
Lista Rossa Italiana VU anche in aree a regime intensivo. La stima della
Categoria SPEC popolazione nidificante, sebbene datata, riporta un
valore di 260-380 coppie.

Foto
M. Piacentino

Anche l’incremento dell’areale riproduttivo, sia a breve che a lungo termine, confermerebbe un
incremento verso sud della distribuzione, in particolare lungo il versante adriatico e ionico. L’entità di
questa espansione potrebbe essere in parte accentuata da un’inadeguata conoscenza della distribuzione
storica su cui viene attuato il confronto. Si stima che circa un terzo della popolazione nidificante
nidifichi all’interno delle ZPS, una percentuale complessivamente elevata, tenuto conto della elevata
diversità ambientale dei siti riproduttivi utilizzati e dell’ampiezza della nicchia riproduttiva di questa
specie.
Come nel caso di altre specie di rapaci diurni, anche la migrazione pre-nuziale (aprile-maggio)
dell’Albanella minore, è stata soggetta negli ultimi anni ad un intenso monitoraggio nei principali
corridoi di transito, sia lungo il canale di Sicilia che in altri siti costieri e più interni dell’Italia centro-
settentrionale.
La specie è vulnerabile in periodo riproduttivo alla predazione da parte di mammiferi terrestri. Lo
stato di conservazione della specie è condizionato anche dalle modificazioni delle pratiche agricole,
dalla ricolonizzazione naturale degli arbusteti su aree aperte, ma soprattutto dalle operazioni di
trebbiatura dei cereali che possono compromettere il successo riproduttivo della specie. A questo
riguardo, in alcuni settori riproduttivi italiani (es. alto Lazio), vengono attuati - soprattutto nei contesti
ad agricoltura intensiva - interventi per la salvaguardia diretta dei nidi.

122
Albanella minore Circus pygargus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 260 380 bfemal es 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▲ 50 75 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 76100 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 10 10 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 28 28 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x 100 200 bfemal es 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti vati on pra cti ces H
A02.03 - gras s l and remova l for ara bl e l and H
A03 - mowi ng / cutti ng of gra s s l and H
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

123
Astore di Sardegna
Accipiter gentilis arrigonii Sottospecie endemica della regione sardo-corsa,
l’Astore di Sardegna Accipiter gentilis arrigonii è
uno dei rapaci meno studiati in Italia. L’habitat
Codice Euring 02670 riproduttivo è costituito principalmente da leccete
Codice Natura 2000 A400 in formazioni dominate da macchia-foresta di
Leccio e Sughera, compresa tra 300-1000 m.
Fuori dal periodo riproduttivo, la specie può
Direttiva Uccelli I essere osservata anche in aree periferiche urbane e
zone umide. Una recente ricerca sulla selezione
Convenzione di Berna II dell'habitat riproduttivo in Sardegna ha
Convenzione di Bonn 2, R evidenziato che quasi il 50% della superficie
Lista Rossa Italiana LC forestale sarda potrebbe risultare ancora idoneo
Categoria SPEC per la specie. I settori centro-occidentali della
Sardegna sono infatti ancora costituiti da vaste su-

Foto I. Doneddu
perfici boscate a latifoglie, contornate da spazi aperti e non antropizzati.
La stima della popolazione nidificante riporta un valore di 40-65 coppie, con una variazione a breve
termine sconosciuta, mentre nel lungo termine la popolazione appare in declino, probabilmente a
causa del depauperamento della superficie forestale verificatosi in Sardegna negli ultimi secoli, che ha
ridotto drasticamente i siti idonei per la nidificazione.
È pertanto necessario riqualificare l’habitat della specie (attraverso una selvicoltura naturalistica e la
conservazione degli alberi più grandi) per incrementare l’idoneità ambientale e la capacità portante
dei boschi dell’isola. Necessaria ed urgente è la definizione delle esigenze ecologiche della specie, al
fine di poter indirizzare nel modo più idoneo gli interventi specifici per la sua conservazione, come
anche la conoscenza delle dinamiche riproduttive e demografiche.
Fattori di minaccia per i quali la specie risulta particolarmente sensibile sono la perdita e il degrado
dell’habitat, in relazione soprattutto agli incendi, alla gestione forestale intensiva e alla creazione di
strade forestali. A queste minacce si aggiungonoil disturbo antropico causato dalla raccolta del
sughero, l’impatto contro linee elettriche e cavi aerei e la persecuzione diretta.

124
Astore di Sardegna Accipiter gentilis arrigonii

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 40 65 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termine 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termine 1990-2012 ▼ 5 20 var. % 1 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 13300 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▼ 35 35 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termine 1983-2013 ▲ 44 44 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x 20 30 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Fores t a nd Pl antation mana gement & us e M
B02.02 - fores try clea ra nce H
B02.06 - thinning of tree l ayer H
B04 - us e of bioci des , hormones a nd chemical s (fores try) L
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes M
F03.02.03 - tra pping, pois oning, poa chi ng H
J01.01 - burni ng down H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

125
Aquila reale Aquila chrysaetos Si tratta di uno dei rapaci che ha maggiormente
beneficiato del regime di protezione offerto
dall’istituzione di Parchi, Riserve e aree della Rete
Natura 2000. La maggiore disponibilità di prede
Codice Euring 02960 rispetto al passato, sopraggiunto anche in seguito
Codice Natura 2000 A091 allo spopolamento della montagna, e la sempre
minore frequenza degli episodi di persecuzione
diretta hanno permesso all’Aquila reale di
Direttiva Uccelli I riaffermarsi come superpredatore al vertice delle
catene alimentari e di incrementare la popolazione
Convenzione di Berna II riproduttiva del territorio italiano di oltre il 40%
Convenzione di Bonn 2, R nel corso degli ultimi trent’anni.
Lista Rossa Italiana NT Il numero di coppie nidificanti è verosimilmente
Categoria SPEC 3 sottostimato, in quanto non è disponibile un
quadro nazionale aggiornato.

Foto M. Piacentino

Recenti indagini (svolte in particolare nell’Appennino centro-settentrionale) suggerirebbero infatti un


aumento della popolazione anche nel breve termine.
L’areale riproduttivo include l’arco alpino, i rilievi più elevati della catena appenninica fino alla
Calabria (con una discontinuità tra il Pollino e l’Aspromonte), le montagne della Sicilia settentrionale
e la Sardegna (eccettuate le pianure principali). L’habitat è caratterizzato dalla compresenza di vallate
profonde ricche di pareti rocciose (dove viene alloggiato il nido) e di aree aperte idonee alla caccia
(prati, pascoli, garighe o brughiere). Tuttavia questo rapace dimostra di adattarsi anche a luoghi con
pareti rocciose estremamente ridotte, relativamente antropizzati o collocati in contesti intensamente
boscati. Le aree di nuova occupazione rispetto a quelle conosciute negli anni ’80 sono concentrate
soprattutto nell’Appennino (in particolare in quello meridionale), in Sicilia e in Sardegna occidentale.
L’Aquila reale è una delle specie più attentamente monitorate in Italia. L’incremento nel lungo
termine è solo in parte da imputare ad un aumentato interesse per questa specie da parte del mondo
scientifico ed amatoriale, e di conseguenza ad una migliore conoscenza rispetto al passato dell’assetto
distributivo e demografico.
Le uccisioni illegali (anche indirettamente indotte dall’ingestione di parti di animali avvelenati) e il
prelievo di pulli al nido costituiscono una minaccia ancora attuale per la specie, così come le morti
accidentali causate da cavi sospesi ed elettrocuzioni. A medio termine, un fattore che potrebbe

126
influenzare negativamente la popolazione italiana è rappresentato dall’abbandono e dalla conseguente
riduzione delle superfici aperte montane (soprattutto pascoli), sovente utilizzate dall’Aquila reale per
la caccia.

Aquila reale Aquila chrysaetos

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007-2013 492 561 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2013 = var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2013 ▲ 40 55 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 138500 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 52 52 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 46 46 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007-2013 ▲ 300 400 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l sys tems, l a ck of grazi ng H
C03.03 - wi nd energy producti on M
D01 - Roa ds , pa ths and ra i l roads L
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
G01.04 - mountai neeri ng, rock cl i mbi ng, s pel eol ogy L
G01.05 - gl i di ng, del ta pl a ne, paragl i di ng, bal l ooni ng L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

127
L’Aquila del Bonelli rientra tra le specie di
Aquila di Bonelli Aquila fasciata21 uccelli nidificanti in Italia maggiormente esposte
al rischio di estinzione. Questo rapace è andato
incontro a un forte declino, probabilmente
Codice Euring 02990 iniziato già nell’Ottocento e proseguito nel corso
Codice Natura 2000 A707 del secolo scorso. Un tempo nidificante in
Sardegna, in Sicilia e nelle regioni meridionali
dell’Italia peninsulare, oggi si riproduce con
I certezza solo in Sicilia; in Sardegna da decenni
Direttiva Uccelli
mancano indicazioni certe di presenza, mentre
Convenzione di Berna II per la Calabria vi sono alcuni casi dubbi di
Convenzione di Bonn nidificazione.
Lista Rossa Italiana CR Il declino che la specie ha subito dal 1980 ad
Categoria SPEC 3 oggi è difficilmente quantificabile a causa della
mancanza di dati di monitoraggio completi.

Foto M. Piacentino

La specie è molto elusiva e difficile da contattare in condizioni di basse densità come quelle che si
riscontrano sul territorio italiano.
Il nucleo nidificante in Sicilia negli ultimi anni ha mostrato incoraggianti segnali di ripresa, essendo
passato da 17 coppie nel 2000 a 34-38 coppie nel 2014. Solo una parte di questo incremento deriva da
un maggiore sforzo di monitoraggio messo in atto di recente. È certo infatti che la specie ha
ricolonizzato territori non occupati da tempo, dando quindi un importante segnale di vitalità. In
relazione a questa situazione riferita alla Sicilia, non pare realistica la variazione negativa di areale
indicata nel rapporto per il breve periodo. Tale variazione negativa dipende dalla circostanza che
all’inizio degli anni Duemila la specie era stata considerata ancora nidificante in Sardegna, regione
dove era verosimilmente già estinta da molti anni.

21
Sostituisce la vecchia denominazione di Aquila fasciatus (Fracassso et al. 2009).

128
Aquila di Bonelli Aquila fasciatus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011-2012 25 30 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▼ ? ? var. % 1 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 17100 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 40 40 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 30 30 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011-2012 x 10 20 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
C03.03 - wi nd energy producti on H
D01 - Roads, paths a nd ra i l roa ds M
D02.01.01 - s uspended el ectri ci ty and phone l i nes M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng M
G01.04.01 - mounta i neeri ng & rock cl i mbi ng H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures H
J03.01.01 - reducti on of prey ava i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca ss es) M

L’Aquila del Bonelli è soggetta a numerose


minacce che agiscono anche su altre specie di
rapaci. Le principali minacce sono
l’elettrocuzione e la collisione con cavi e centrali
eoliche, l’avvelenamento per ingestione di prede
morte per avvelenamento (a causa dell’uso di
pesticidi e rodenticidi) o colpite da munizioni a
base di piombo e non recuperate dai cacciatori.
Negli ultimi anni in Sicilia è stato scoperto un
intenso traffico illegale di uova e pulli sottratti
dai nidi; la dimensione di questo prelievo è
verosimilmente tale da aver avuto un forte
impatto negativo sulla dinamica della
popolazione.

Carta della distribuzione (risoluzione 50x50 km)

129
Grillaio Falco naumanni Specie a corologia euro-centro-asiatico-
mediterranea, il Grillaio è un migratore di lungo
raggio svernante nell’Africa sub-sahariana.
L’Italia è interessata dal passaggio di un
consistente flusso migratorio, sia in primavera
che in autunno, concentrato numericamente in
alcuni “bottle-necks”, in particolare nelle isole
Codice Euring 03030 del canale di Sicilia e lungo la penisola salentina.
Codice Natura 2000 A095 Questo rapace diurno nidifica fino a 1000 m di
altitudine in colonie che possono raggiungere in
alcuni casi notevoli dimensioni, localizzate
Direttiva Uccelli I soprattutto all’interno di piccoli e medi centri
Convenzione di Berna II urbani e insediamenti rurali. Si alimenta in
ambienti pseudo-steppici, incolti e in aree
Convenzione di Bonn 1, 2, R cerealicole circostanti i siti di nidificazione,
Lista Rossa Italiana LC presso i quali la specie, in periodo pre e post-
Categoria SPEC 1 riproduttivo, forma dormitori costituiti da molti
individui.

Foto A. Andreotti

In Italia è distribuito abbastanza uniformemente nell’area murgiana di Puglia e Basilicata (dove sono
stimate circa 5.000 coppie) e in Sicilia (800-1.000 coppie, concentrate soprattutto nella piana di Gela).
Una popolazione assai più ridotta nidifica in Sardegna. Recentemente nuovi nuclei hanno colonizzato
la Pianura Padana centrale, il Lazio ed il Molise. L’incremento di areale, soprattutto rispetto alla
situazione storica degli anni ’80 del secolo scorso, è in relazione al notevole aumento delle coppie
riproduttive di Grillaio, particolarmente elevato anche nel breve periodo.
Al raggiungimento di uno status di conservazione favorevole ha certamente contribuito l’insieme di
iniziative a tutela della specie intraprese da diversi anni nelle principali località di nidificazione, tra
cui le campagne di sensibilizzazione per la protezione dei siti riproduttivi, il recupero dei giovani
involati e l’istallazione di cassette nido nelle aree di più recente occupazione. Malgrado la specie
dimostri di adattarsi agli agro-ecosistemi intensivi, dove si sono stabiliti i nuovi nuclei riproduttivi,
localmente esistono potenziali minacce in grado di produrre effetti negativi sulle popolazioni. Ad
esempio la modifica delle pratiche agricole e l’uso di fitofarmaci, in grado di alterare l’abbondanza
delle specie preda, e l’alterazione degli habitat di nidificazione, in particolare a seguito della
ristrutturazione di vecchi edifici, sono ancora potenziali fattori in grado di produrre localmente effetti
negativi significativi sulle popolazioni.

130
Grillaio Falco naumanni

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2005-2012 5500 6700 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▲ 45 50 var. % 2 2
Trend di pop. a lungo termi ne 1993-2012 ▲ 570 1000 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 62300 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termi ne 2002-2013 ▲ 15 15 var. % 2 2
Trend di a rea l e a lungo termi ne 1983-2013 ▲ 45 45 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2005-2012 ▲ 2500 3800 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fica tion of culti va tion pra ctices H
A07 - us e of bioci des , hormones and chemica ls H
C03.03 - wi nd energy production M
D02.01.01 - s us pended el ectri city a nd phone lines M
E06 - Other urba nis a tion, indus tria l and s imi la r a cti vi ti es M
F03.02.03 - tra pping, poi s oni ng, poa ching M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

131
Falco cuculo Falco vespertinus

Codice Euring 03070


Codice Natura 2000 A097

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 1, 2, R
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC 3
Foto M. Piacentino

Migratore su lunga distanza, si riproduce in prevalenza tra l’Europa orientale e la Siberia e sverna in
Africa medionale. Durante la migrazione primaverile i contingenti migratori che attraversano la nostra
penisola si concentrano nel canale di Sicilia, mostrando notevoli fluttuazioni numeriche (fino a 10.000
individui nel 1992 e in media 400 nel 1996-2000), mentre in autunno le presenze sono piuttosto scarse
per effetto di una diversa e più orientale rotta migratoria verso sud.
Il Falco cuculo è un rapace sociale di recente colonizzazione del nostro paese. La prima nidificazione
in Italia è stata infatti accertata in Emilia-Romagna in provincia di Parma nel 1995, mentre più
recentemente è stata segnalata in Veneto e Lombardia, esclusivamente in aree planiziali. Oltre il 90%
della popolazione nazionale, che nel tempo ha avuto un andamento demografico fluttuante, è
concentrata in Emilia-Romagna (circa 50 coppie nella sola provincia di Parma nel 2013). Si è pertanto
costituita una piccola area sorgente dalla quale si sono diffuse negli ultimi anni le poche coppie
nidificanti nelle regioni limitrofe. Ciò spiega l’elevato incremento percentuale di areale nel breve
termine. Sono da confermare le segnalazioni in Trentino e Friuli. L’omissione del trend di areale sul
lungo periodo è dovuta all’assenza di una popolazione stabile negli anni ’80.
L’istallazione di cassette nido e la protezione delle piccole colonie riproduttive o delle singole coppie,
attraverso il costante controllo dei siti di nidificazione, hanno contribuito all’incremento numerico,
insieme alla presenza di buone condizioni trofiche e ambientali nella zona di insediamento. Gli habitat
selezionati sono gli ambienti agricoli aperti con predominanza e alternanza di coltivazioni cerealicole
intensive, prati stabili ed erba medica, con presenza di filari alberati e alberi sparsi, canali irrigui e
zone umide. La specie risulta particolarmente sensibile alle trasformazioni della componente naturale
all’interno della matrice agricola. Una potenziale minaccia è rappresentata dal taglio di alberi singoli
e/o di medie-grandi dimensioni, così come il taglio a raso dei filari alberati.

132
Falco cuculo Falco vespertinus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 50 70 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 F var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1995-2012 F var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 10300 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 329 329 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne var. %

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 F 40 60 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti vati on practi ces H
A02.01 - a gri cul tural i ntens i fi ca ti on M
A02.02 - crop change H
A02.03 - gra s sl and removal for a rabl e l a nd H
XE - Threa ts and pres s ures from outsi de the EU terri tory L

Carta della distribuzione e range

133
Falco della regina Falco eleonorae Il Falco della Regina è un rapace sociale
endemico del Mediterraneo e di alcuni
arcipelaghi dell’Atlantico orientale; tutte le
colonie esistenti sono localizzate su isole di
piccole e medie dimensioni. Altamente
Codice Euring 03110 specializzato nella cattura sul mare di migratori
Codice Natura 2000 A100 autunnali, in massima parte rappresentati da
Passeriformi, è la specie che si riproduce
stagionalmente più tardi nel Paleartico
Direttiva Uccelli I occidentale, con deposizioni in luglio, schiuse tra
fine agosto ed inizio settembre ed abbandono
Convenzione di Berna II
delle colonie nel tardo ottobre.
Convenzione di Bonn 2, R Migratore a lungo raggio, il Falco della Regina
Lista Rossa Italiana VU sverna primariamente in Madagascar, dove circa
Categoria SPEC 2 il 70% della popolazione mondiale si concentra
sugli altipiani della regione centro-settentrionale.

Foto A. De Faveri

La popolazione italiana è distribuita in 10 colonie localizzate in Sardegna e Sicilia; la migliore stima


nazionale disponibile riporta una popolazione compresa tra 638-704 coppie; i dati non consentono di
calcolare tendenze demografiche. La massima parte della popolazione italiana è protetta dalla rete
delle ZPS. Le minacce che gravano sulla specie sono significativamente concentrate nelle aree di
transito e soprattutto di svernamento, dove la perdita ed il degrado dell’habitat si uniscono alla
diffusione di trattamenti mirati a ridurre le popolazioni di insetti dei quali la specie si nutre in modo
esclusivo al di fuori della stagione riproduttiva.

134
Falco della regina Falco eleonorae

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2005 638 704 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 1000 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 17 17 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 50 50 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2005 x 600 700 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi cal s M
D05 - Improved a cces s to s i te H
F03.02.02 - taki ng from nes t (e.g. fa l cons ) L
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
G01 - Outdoor s ports and l ei sure a cti vi ti es , recreati onal acti vi ti es M
K03.04 - preda ti on M
K04.05 - da mage by herbi vores (i ncl udi ng game s pecies ) M
XE - Threats and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Nelle colonie italiane le ragioni di minaccia più


rilevanti sono collegate al disturbo diretto ed
indiretto ai siti di nidificazione causato da
attività di tempo libero, che aumentano il
rischio di predazione di uova e pulli da parte di
uccelli e mammiferi e la morte degli embrioni a
causa dell’insolazione conseguente la forzata
assenza della femmina. Ancora presenti attività
illegali di prelievo diretto alle colonie, mentre
ulteriori minacce derivano dagli effetti negativi
collegati all’accumulo di sostanze nocive
attraverso la dieta.

Carta della distribuzione (risoluzione 50x50 km)

135
Lanario Falco biarmicus La popolazione nidificante del Lanario è costituita
da un numero limitato di coppie (140-172), circa
la metà delle quali sono concentrate in Sicilia; la
restante parte è suddivisa in piccoli nuclei
riproduttivi dispersi lungo la penisola, dalla
Calabria sino all’Emilia Romagna.
La bassa densità che si riscontra in gran parte dei
contesti dove la specie nidifica e l’elusività dei
Codice Euring 03140 soggetti impegnati nella riproduzione rendono
Codice Natura 2000 A101 difficile la realizzazione di censimenti esaustivi
sul territorio nazionale. L’unica indagine condotta
in modo coordinato sull’intero areale è stata
I effettuata negli anni 2003-2004, in occasione della
Direttiva Uccelli
stesura del Piano d’azione nazionale. Dal
Convenzione di Berna II momento che le stime precedenti erano state
Convenzione di Bonn 2, R ottenute sulla base di estrapolazioni di dati
Lista Rossa Italiana VU parziali, che probabilmente hanno portato a
Categoria SPEC 3 sovrastimare l’entità della popolazione e
l’estensione dell’areale occupato, il calcolo dei

Foto J. Angelini

trend di lungo termine risulta poco attendibile. Per definire l’andamento demografico della specie nel
breve termine occorrerebbe ripetere il censimento coordinato seguendo metodologie analoghe a quelle
utilizzate precedentemente.
Lo stato di conservazione del Lanario risente negativamente di alcuni fattori di minaccia comuni ad
altri uccelli da preda. Nelle regioni meridionali, le trasformazioni del territorio legate all’abbandono
di pratiche agro-silvo-pastorali tradizionali e alla diffusione di colture intensive hanno determinato
una riduzione degli habitat idonei. Nella porzione centro-settentrionale dell’areale, invece, la specie
sembra aver risentito della perdita dei pascoli alle quote medie dovute alla riduzione della pastorizia e
alla ripresa della vegetazione forestale. La costruzione di centrali eoliche, linee elettriche ed altre
infrastrutture aeree rappresentano una causa di mortalità legata alla collisione in volo o
all’elettrocuzione. Negli ultimi anni in Sicilia è stata scoperta un intensa attività illegale di cattura di
pulli di Lanario destinati ad essere messi in vendita per allevatori e falconieri; si ritiene che questo
fenomeno possa aver ridotto in modo significativo la produttività della popolazione dell’isola. Le ZPS
attualmente esistenti garantiscono la protezione del 60-80% dei territori di nidificazione conosciuti.

136
Lanario Falco biarmicus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003-2004 140 172 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1986-2012 ▼ 0 20 var. % 2 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 53200 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 x 0 0 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 33 33 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003-2004 x 90 140 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi cati on of cul ti va ti on pra cti ces M
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi cal s L
B01 - fores t pl anti ng on open ground M
C01.04.01 - open cas t mi ni ng L
C03.03 - wi nd energy producti on M
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes M
E02 - Indus tri al or commerci a l a rea s L
F03.02.02 - taki ng from nes t (e.g. fa l cons ) H
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng L
G01 - Outdoor s ports and l ei sure a cti vi ti es , recreati onal acti vi ti es L
K03.01 - competi ti on (fauna ) L

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

137
Falco pellegrino Falco peregrinus La popolazione di Falco pellegrino nidificante
in Italia è stimata tra le 1100 e le 1400 coppie,
distribuite prevalentemente lungo i rilievi delle
Alpi e dell’Appennino, sulle due isole maggiori
e lungo la costa tirrenica. L’areale riproduttivo
Codice Euring 03200 in larga misura corrisponde alle parti di
Codice Natura 2000 A710 territorio caratterizzate dalla presenza di
affioramenti rocciosi in grado di ospitare i siti di
nidificazione; durante gli ultimi decenni,
Direttiva Uccelli I tuttavia la specie ha iniziato ad occupare anche
ambienti collinari e pianeggianti, adattandosi a
Convenzione di Berna II utilizzare per la riproduzione edifici e altri
Convenzione di Bonn 2, R manufatti antropici.
Lista Rossa Italiana LC Questa plasticità comportamentale ha permesso
Categoria SPEC alla specie di estendere il proprio areale in zone
storicamente non occupate.

Foto
M. Piacentino

Come molti uccelli da preda, il Falco pellegrino nel secondo dopoguerra ha subìto un marcato declino
che lo ha portato sull’orlo dell’estinzione in diverse realtà regionali. Dall’inizio degli anni ‘80 del
secolo scorso ha avuto una forte ripresa numerica, ben documentata soprattutto in diverse zone del
Paese dove l’attività di monitoraggio ha permesso di raccogliere informazioni dettagliate sul numero
di coppie presenti e sul successo riproduttivo nel corso dell’intero periodo. Un chiaro trend di crescita
è risultato evidente anche nell’ultimo decennio e ciò induce a pensare che la popolazione sia ancora in
fase di espansione.
Le cause di questo incremento sono imputabili all’introduzione di un regime di tutela per la specie,
che ha portato ad un forte calo della persecuzione diretta, e alla messa al bando del DDT, una
sostanza che inibisce la formazione del guscio delle uova e che in passato ha portato alla scomparsa di
intere popolazioni di falconi. Negli ultimi anni il mutato atteggiamento dell’opinione pubblica nei
confronti dei rapaci ha reso possibile l’espansione della specie verso ambienti fortemente antropizzati,
quali i centri urbani e le aree industriali.
Oggi il Falco pellegrino non è più considerato a rischio di estinzione e il suo stato di conservazione
appare soddisfacente.

138
Falco pellegrino Falco peregrinus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003-2006 1100 1400 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 1997-2007 ▲ 55 65 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2007 ▲ 140 160 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 285900 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 37 37 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 144 144 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003-2006 ▲ 400 700 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s L
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes L
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng L
G01.04.01 - mountai neeri ng & rock cl i mbi ng L

Carta della distribuzione e range

139
Francolino di monte Bonasa bonasia
Il Francolino di monte è un galliforme a
distribuzione boreo-alpina, presente in Italia
Codice Euring 03260 esclusivamente sull'arco alpino, dove risulta ben
Codice Natura 2000 A104 distribuito nel settore orientale, mentre in quello
occidentale è presente solamente in Val d’Ossola
e confinanti nelle aree limitrofe. La popolazione
Direttiva Uccelli IIb italiana conta poche migliaia di coppie, sebbene
una stima precisa sia resa difficile dalle abitudini
Convenzione di Berna III schive della specie; similmente, anche le
Convenzione di Bonn variazioni di areale registrate potrebbero essere in
Lista Rossa Italiana LC parte attribuibili a variazioni nella conoscenza
Categoria SPEC della distribuzione della specie o alla difficoltà di
contattarla. A queste ragioni, si aggiunga ilmfatto

Foto M. Piacentino

che le popolazioni possono mostrare fluttuazioni anche marcate, non sempre riconducibili a fattori
ben identificabili; pertanto risulta estremamente difficile definire il reale andamento demografico
della specie.
Abita soprattutto boschi misti con ricco sottobosco, ma può insediarsi anche in boschi puri di conifere
o latifoglie. Occupa porzioni di foreste mature con grandi alberi associati ad aperture, radure o
ambienti di margine forestale, prediligendo quindi ambienti diversificati. Per queste ragioni, può
risentire negativamente di pratiche forestali che comportino la rimozione del sottobosco,
l'eliminazione degli ambienti ecotonali o il taglio su ampie superfici.
Lo stato di conservazione della specie in Italia appare inadeguato, dal momento che sia l'areale che la
popolazione sono probabilmente ridotti rispetto al passato. In futuro, la specie potrebbe risentire
negativamente anche dei cambiamenti climatici, che potranno determinare un'ulteriore contrazione
delle aree di presenza.
In generale, le conoscenze sul Francolino di monte appaiono frammentarie e non vi sono studi recenti
di andamento della popolazione relativi ad aree rappresentative; il quadro distributivo, al contrario,
appare sufficientemente completo, fatte salve le lacune sopra menzionate dovute alle abitudini della
specie.

140
Francolino di monte Bonasa bonasia

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003 5000 6000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termine 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2012 x ? ? var. % 0 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 34700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▲ 20 20 var. % 2 2
Trend di a rea le a lungo termine 1983-2013 ▼ 6 6 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003 x 3500 4500 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.03 - remova l of fores t undergrowth H
B03 - fores t exploi ta tion without repla nting or na tural regrowth H
D01 - Roads , pa ths and ra i l roa ds M
F03.02.03 - tra ppi ng, pois oning, poa ching M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

141
Fagiano di monte Tetrao tetrix tetrix Il Fagiano di monte o Gallo forcello è un
galliforme sedentario che in Italia nidifica
esclusivamente sulle Alpi, in corrispondenza di
boschi montani radi (faggete, lariceti, mughete)
con buona copertura di sottobosco. Nonostante la
Codice Euring 03320 specie sia cacciata sulla base di piani di
Codice Natura 2000 A409 abbattimento basati su censimenti annuali,
mancano stime complete della popolazione
nazionale successive al 2004. Si stima che circa il
Direttiva Uccelli IIb 70% dei contingenti nidificanti si trovi all’interno
delle ZPS. L’assenza di dati recenti non permette
Convenzione di Berna III di valutare l’andamento demografico nel breve
Convenzione di Bonn periodo, anche se le stime estrapolate dalle
Lista Rossa Italiana LC informazioni ricevute da esperti suggeriscono che
Categoria SPEC 3 tra il 1980 e il 2009 ci sia stato un calo sensibile
dei maschi cantori.

Foto M. Piacentino

Sulla base dei dati cartografici aggiornati al 2013, l’areale della popolazione risulta aumentato negli
ultimi 12 anni, mentre appare in leggero calo rispetto alla situazione del 1983. Il decremento
dell’areale riproduttivo sul lungo periodo potrebbe essere legato alle principali minacce antropiche e
naturali che hanno ridotto l’habitat idoneo alla riproduzione di questa specie. L’incremento nel breve
periodo verosimilmente è avvenuto grazie all’avvio di diverse misure di conservazione tese a
contrastare la perdita dell’ambiente riproduttivo. Tali azioni hanno riguardato soprattutto il
mantenimento delle praterie alpine o di ambienti aperti all’interno del bosco; al tempo stesso sono
state promosse migliori forme di gestione venatoria.
Lo stato di conservazione a livello nazionale non è preoccupante. Tuttavia, come nella maggior parte
delle specie d’alta quota, anche la popolazione nidificante di Fagiano di monte è minacciata dai
mutamenti climatici. L’aumento delle temperature medie, insieme all’attività sciistica (soprattutto
fuoripista e sci alpinismo) e all’abbandono del pascolo alpino rappresentano le principali minacce per
la popolazione.

142
Fagiano di monte Tetrao tetrix tetrix

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 20000 24000 i 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2009 ▼ ? ? var. % 1 2
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 54600 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 14 14 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 4 4 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 14000 17000 i 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.01.04 - i ntensi ve goat grazi ng M
A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
F03.01 - Hunti ng M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng M
G01.06 - s ki i ng, off-pi s te H
K03.04 - predati on M
K04.05 - da mage by herbi vores (i ncl udi ng ga me s peci es ) M
M01.01 - temperature changes (e.g. ri se of tempera ture & extremes ) H
M02.01 - habi ta t s hi fti ng and a l terati on H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

143
Pernice bianca Lagopus muta helvetica La popolazione italiana di Pernice bianca è
costituita da poche migliaia di coppie riproduttive
localizzate esclusivamente sull’arco alpino. La
specie è stanziale e si riproduce al di sopra del
limite della vegetazione arborea, per lo più tra i
2300 e i 2700 m, in ambienti aperti caratterizzati
dalla presenza di formazioni erbacee alternate a
Codice Euring 03330 zone di bassi cespugli, rocce, massi affioranti e
Codice Natura 2000 A713 ghiaioni. A partire dagli anni ‘80 il contingente
riproduttivo ha subìto un declino significativo, a
cui è corrisposto un calo dell’areale. Le principali
Direttiva Uccelli I, IIa, IIIb cause di questo declino possono essere individuate
nella caccia, nel pascolo intensivo, nelle attività
Convenzione di Berna III sciistiche e ricreative di alta montagna e nei
Convenzione di Bonn mutamenti climatici. Pur avendo mostrato un
Lista Rossa Italiana VU significativo calo numerico, la specie sembra aver
Categoria SPEC sostanzialmente mantenuto lo stesso areale
occupato negli anni ’80.

Foto M. Piacentino

La specie si trova nell’Allegato I della Direttiva Uccelli e il suo stato di conservazione a livello
nazionale è considerato vulnerabile. Nel 2004 è stato stimato che circa il 60% della popolazione
nidificante fosse localizzata all’interno delle ZPS, ma mancano stime più recenti del numero di coppie
riproduttive che permettano di conoscere la situazione attuale della specie all’interno di queste aree
protette. La sola misura di conservazione attualmente intrapresa nelle ZPS per questa specie è la
regolamentazione e la gestione della caccia, anche se sarebbero auspicabili ulteriori misure di
conservazione per contrastare il declino numerico della popolazione. Ad esempio, si potrebbero
tutelare meglio gli habitat riproduttivi, anche recuperando quelle zone in cui il pascolo intensivo
ostacola l’insediamento delle coppie riproduttive.
Particolarmente esposta agli effetti dei cambiamenti climatici, la specie potrà trarre beneficio dalle
politiche tese a ridurre o contrastare il riscaldamento globale.

144
Pernice bianca Lagopus muta helvetica

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 5000 8000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ 30 0 var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▼ 20 30 var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 44200 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 13 13 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 7 7 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 3000 5000 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.01.04 - i ntensi ve goat gra zi ng H
F03.01 - Hunti ng H
G01.02 - wal ki ng, hors eri di ng a nd non-motori sed vehi cl es M
G01.06 - s ki i ng, off-pi s te H
H05.01 - ga rbage and s ol i d was te L
K03.02 - pa ra s i ti s m (fauna ) L
K03.04 - predati on L
K04.05 - da ma ge by herbi vores (i ncl udi ng game s pecies ) M
M01.01 - tempera ture cha nges (e.g. ri s e of temperature & extremes ) H
M02.01 - habi ta t s hi fti ng a nd a l terati on H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

145
Gallo cedrone Tetrao urogallus

Codice Euring 03350


Codice Natura 2000 A659

Direttiva Uccelli IIb, IIIb


Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC
Foto M. Piacentino

Il Gallo cedrone è un galliforme sedentario che nidifica sulle Alpi centrali e orientali con un numero
limitato di coppie riproduttive. Pur mancando un monitoraggio nazionale della popolazione
nidificante, è stato ravvisato un calo del contingente riproduttivo e dell’areale a partire dagli anni ’80,
purtroppo ancora non quantificabile. La diminuzione delle coppie riproduttive è stata riscontrata
anche all’interno delle ZPS, le quali nel 2004 ospitavano circa il 70% della popolazione nazionale. La
fascia altitudinale occupata da questa specie si colloca tra i 1200 e i 1700 m, dove si trova l’habitat
tipico, caratterizzato dal bosco maturo disetaneo di conifere, puro o misto al faggio, a copertura rada o
alternato a radure che consentano lo sviluppo di sottobosco. La presenza di zone aperte nella matrice
boschiva è particolarmente importante per i maschi in periodo riproduttivo come aree per richiamare
le femmine e indurle all’accoppiamento.
Le principali minacce riguardano la distruzione e lo sfruttamento delle foreste d’alta quota per la
produzione di legname, per la costruzione di impianti sciistici o di risalita e per l’installazione di linee
elettriche. La perdita degli habitat utilizzati dai maschi per effettuare i loro display di corteggiamento,
unita al disturbo antropico durante la fase di canto e di nidificazione e al bracconaggio, hanno portato
il Gallo cedrone ad avere uno stato di conservazione sfavorevole e ad essere classificato come
vulnerabile a livello nazionale. Tra le misure di conservazione attuate sia all’interno che all’esterno
delle ZPS, di prioritaria importanza sono la gestione delle praterie alpine e delle foreste d’alta quota
orientata al recupero delle situazioni ambientali ottimali per la specie.
Analogamente a quanto osservato per la Pernice bianca, negli ultimi 12 anni è stato osservato un
incremento dell’areale riproduttivo. Non è chiaro se questa espansione sia correlata ad un più rigoroso
regime di protezione che è seguito all’istituzione di nuovi parchi e riserve nell’arco alpino. In ogni
caso, il proseguimento delle indagini sul Gallo cedrone permetteranno di integrare e aggiornare le
conoscenze sulla situazione a livello nazionale, al fine di indirizzare adeguate e sempre più mirate
misure di conservazione per la specie.

146
Gallo cedrone Tetrao urogallus

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 1800 2500 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2009 ▼ ? ? var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2009 ▼ ? ? var. % 1 2
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 29800 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 17 17 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 4 4 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 ▼ 1200 1800 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.03 - removal of forest undergrowth H
B03 - fores t expl oi tati on wi thout repl anti ng or natura l regrowth H
D01.01 - pa ths , tra cks, cycl i ng tracks M
D02.01.01 - s uspended el ectri ci ty and phone l i nes H
F03.02.03 - tra ppi ng, poi soni ng, poachi ng M
G01.06 - s ki i ng, off-pi s te H
G02.02 - s ki i ng compl ex H
H04.01 - Aci d ra i n M
K03.06 - anta goni s m wi th domes ti c ani ma l s M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

147
Coturnice Alectoris graeca La Coturnice è un galliforme sedentario che
nidifica alle alte e medie altitudini delle Alpi
(sottospecie saxatilis) e dell’Appennino centro-
Codice Euring 03570 meridionale (sottospecie graeca), mentre in Sicilia
Codice Natura 2000 A413 (sottospecie whitakeri) può arrivare sino al livello
del mare. In fase di compilazione del database del
rapporto, queste tre sottospecie sono state trattate
Direttiva Uccelli I, IIa in schede distinte, in virtù del loro grado di
isolamento genetico e della loro importanza
Convenzione di Berna III biogeografica.
Convenzione di Bonn La specie frequenta versanti montuosi e collinari
Lista Rossa Italiana EN2, VU1 soleggiati con copertura erbacea (prati-pascoli),
Categoria SPEC 2 bassi cespugli, zone sassose (detriti, affioramenti
rocciosi) e piccoli arbusti.
1: Alectoris g. graeca, Alectoris g. saxatilis;
2: Alectoris g.whitakeri

Alectoris g. saxatilis Alectoris g. whitakeri


(Foto D. Bonafé) (Foto A. Guarrera)

Le uniche stime di popolazione disponibili sono relative alla sottospecie siciliana che nel 2002 era di
circa 1500 coppie. Tuttavia, a causa del generale declino osservato a partire dagli anni ’80 in tutte e
tre le italiane popolazioni, è verosimile che tale valore rappresenti oggi una sovrastima. Ad esempio,
si ipotizza che dal 2000 la popolazione alpina e quella appenninica siano diminuite di almeno il 30%,
nonostante gli areali di tutte le sottospecie risultino in aumento. Non sono disponibili informazioni
relative alla consistenza dei nuclei riproduttivi all’interno delle ZPS.
I più importanti fattori di rischio, comuni alle diverse popolazioni italiane, sono la caccia,
l’inquinamento genetico dovuto ai ripopolamenti con altre specie del genere Alectoris (A. chukar, A.
rufa) e l’abbandono del pascolo. Per le sottospecie graeca e saxatilis sussiste anche il problema della
perdita di habitat idonei a consentire la dispersione dei giovani dell’anno.
Da un punto di vista delle misure di
conservazione, sarebbe necessario che la
sottospecie whitakeri venisse protetta da
specifiche leggi e/o regolamenti regionali sia
all’interno che all’esterno delle ZPS, mentre è
auspicabile che il prelievo venatorio delle
sottospecie alpina e appenninica continui ad
essere regolamentato.

Un esemplare di Coturnice,
verosimilmente ibridato e proveniente da un
impianto di allevamento
(Foto M. Bonora)

148
Coturnice Alectoris graeca

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 p 1 0 1
A. g. graeca
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ 30 0 var. % 2 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2011 ▼ ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 29100 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area le a breve termi ne 2002-2013 ▲ 10 10 var. % 2 2
Trend di area le a lungo termine 1983-2013 ▼ 8 8 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x ? ? p 0

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2013 p 1 0 1
A. g. saxatilis
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 ▼ 30 0 var. % 2 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2010 ▼ ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 54000 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area le a breve termi ne 2002-2013 ▲ 14 14 var. % 2 2
Trend di area le a lungo termine 1983-2013 ▼ 9 9 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2013 x ? ? p 0

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002 1500 1500 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 1993-2006 ▼ ? ? var. % 1 2
Trend di pop. a lungo termine 1980-2012 ▼ ? ? var. % 1 2
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 23700 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area le a breve termi ne 2002-2013 ▲ 11 11 var. % 2 2
Trend di area le a lungo termine 1983-2013 ▲ 2 2 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A03.03 - a ba ndonment / la ck of mowing M
A04.03 - a ba ndonment of pas tora l sys tems, la ck of gra zi ng H
F03.01 - Hunti ng H
I03.01 - geneti c polluti on (anima ls ) H
J03.01 - reduction or loss of s peci fi c habitat fea tures M
J03.02.02 - reduction in dis pers al (A.g. saxatilis e A.g.graeca) H
K03.02 - pa ra s iti sm (fa una) (A.g. saxatilis e A.g.graeca) M
K03.02 - pa ra s iti sm (fa una) (A.g.graeca) M
M02.01 - habitat s hifti ng a nd a ltera ti on (A.g.whitakeri) M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

149
Pernice sarda Alectoris barbara La distribuzione di questo fasianide comprende le
coste atlantiche e mediterranee e nell’entroterra
dei Paesi dell’Africa nord-occidentale. La
Codice Euring 03590 Sardegna si colloca al limite settentrionale
Codice Natura 2000 A111 dell’areale ed è l’unica regione del nostro Paese in
cui questa specie si riproduce. All’interno
dell’isola l’habitat selezionato è analogo a quello
Direttiva Uccelli I, IIb, IIIa delle specie congeneri, preferendo ambienti aridi e
sassosi, colonizzati da gariga o macchia bassa
Convenzione di Berna III discontinua, pascoli e seminativi asciutti.
Convenzione di Bonn La mancanza di informazioni dettagliate e
Lista Rossa Italiana DD aggiornate sulla popolazione di Pernice sarda non
Categoria SPEC 3 consente di avere un quadro conoscitivo adeguato
relativo al suo stato di conservazione a livello
nazionale e alle variazioni numeriche nel tempo.

Foto
R. Paddeu

Inoltre, i continui rilasci a scopo venatorio rendono ancora più difficoltoso un monitoraggio efficace
dei contingenti riproduttivi di questa specie. Tali ripopolamenti dovrebbero essere sottoposti a
controlli rigorosi in quanto, se effettuati con individui non puri ed ibridati con altre specie del genere
Alectoris, aumentano il rischio di inquinamento genetico. Sebbene non sottoposti ad un adeguato
aggiornamento, i dati dei formulari standard indicano che circa il 40% della popolazione ricade
all’interno delle ZPS. Queste aree assumono quindi un ruolo significativo per la conservazione di
questa specie.
L’areale distributivo non è variato in modo sensibile né sul lungo periodo né sul breve periodo, e
appare continuo sulla gran parte del territorio insulare. Tuttavia, la mancanza di un monitoraggio
adeguato non consente di verificare se la popolazione di Pernice sarda sia effettivamente presente in
modo uniforme o se siano presenti delle lacune della distributive legate a particolari minacce.
Localmente, l’abbandono della pastorizia e il conseguente rimboschimento naturale delle aree aperte
possono rappresentare un’ulteriore minaccia.

150
Pernice sarda Alectoris barbara

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003 5000 10000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 27500 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 6 6 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 6 6 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003 x 2000 4000 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - a bandonment of pas toral s ystems , l ack of gra zi ng H
F03.01 - Hunti ng M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
I03.01 - geneti c pol l uti on (a ni ma l s ) H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t fea tures M
J03.02 - a nthropogeni c reducti on of ha bi tat connecti vi ty M
K03.02 - pa ras i ti sm (fa una) L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

151
Voltolino Porzana porzana
Il Voltolino è un rallide che nidifica in zone umide
d’acqua dolce, naturali o artificiali, anche di
Codice Euring 04080 ridotta estensione, bordate con vegetazione a
Codice Natura 2000 A119 canneto e carice, cave abbandonate e vasche di
zuccherifici. Solitamente la specie occupa aree
con vegetazione a Carex, Eleocharis, Iris,
Direttiva Uccelli I intervallate ad aree con erbe basse come Poa o
Deschampsia o Equisetum, frammisti con salici e
Convenzione di Berna II ontani. La popolazione italiana è migratrice
Convenzione di Bonn 2, AEWA regolare, con movimenti che avvengono tra metà
Lista Rossa Italiana DD agosto-metà novembre e febbraio-maggio. La
Categoria SPEC maggior parte degli individui sverna in Africa
sub-sahariana e più scarsamente nel Mediterraneo.

Foto
M. Valentini

Si tratta di una delle specie meno conosciute a livello nazionale, con una distribuzione estremamente
localizzata e frammentata. La popolazione nidificante in Italia appare inoltre estremamente ridotta
numericamente. La scarsità di dati inerenti la stima di popolazione non ha consentito di dare
indicazioni circa le tendenze demografiche a breve o lungo termine, benché l’areale italiano abbia
subìto un’apparente contrazione. Complessivamente, la maggior parte della popolazione nidificante si
trova all’interno di ZPS, dove tuttavia in alcuni casi (lago di Mezzola e Pian di Spagna, torbiere di
Sebino) modalità non idonee di gestione idraulica - tra i fattori di minaccia per la specie - possono
modificare o ridurre l’habitat e mettere a rischio la stabilità delle piccole popolazioni residuali. In tali
siti gli interventi idraulici dovrebbero essere attentamente valutati anche nell’ottica di conservazione
di questa specie. Una gestione dei siti riproduttivi attenta alle esigenze ecologiche della specie, una
maggiore conoscenza della sua ecologia e delle strategie di migrazione e un monitoraggio dei siti
riproduttivi delle popolazioni rimaste sono il presupposto per salvaguardare il Voltolino.
Indubbiamente il degrado o la perdita delle aree palustri con vegetazione erbacea e basso fondale,
spesso instabili nel tempo e soggette ad evoluzione spontanea verso altri ambienti, rappresentano i
fattori chiave che hanno determinato lo stato in cui versa attualmente la specie, che appare
particolarmente vulnerabile a variazioni del livello idrico, dovute sia a cause antropiche
(modificazioni del regime idrico di aree umide, opere di bonifica), sia ai cambiamenti climatici.

152
Voltolino Porzana porzana

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 10 50 cma l es 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2004 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 3400 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 55 55 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 56 56 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 10 30 cma l es 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L
H01 - Pol l uti on to surfa ce wa ters (l i mni c & terrestri al , ma ri ne & bra cki s h) M
I01 - i nva si ve non-nati ve speci es L
J02 - huma n i nduced changes i n hydraul i c condi ti ons H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures H
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

153
Schiribilla Porzana parva parva

La Schiribilla è un rallide che nidifica in zone


Codice Euring 04100 umide d’acqua dolce naturali anche di ridotta
Codice Natura 2000 A719 estensione, mentre durante la nidificazione
richiede la presenza di porzioni di vegetazione
acquatica emergente alta, con Scirpus, Typha,
Direttiva Uccelli I Carex, o Sparganium. Rispetto al Voltolino,
preferisce le porzioni più interne e allagate in
Convenzione di Berna II modo più continuativo delle zone umide.
Convenzione di Bonn 2, AEWA L’habitat di elezione per la specie é il canneto
Lista Rossa Italiana DD allagato, percorso da fitti canaletti e disseminato
Categoria SPEC da ammassi di detriti vegetali galleggianti.
La popolazione nidificante italiana è migratrice

Foto R. Marchitelli

regolare, con movimenti tra metà agosto-ottobre e marzo-maggio, svernante irregolare in Italia; la
maggior parte della popolazione sverna in Africa orientale fino al golfo Persico e più scarsamente nel
Mediterraneo. Si tratta come nel caso del Voltolino di una delle specie meno conosciute a livello
nazionale, con una distribuzione estremamente localizzata e frammentata.
La popolazione nidificante in Italia appare, infatti, ancor più del Voltolino, estremamente ridotta sia
numericamente che in termini di areale e, come nel caso di quest’ultima specie, la stima della
popolazione non consente di dare indicazioni circa le tendenze demografiche a breve o lungo termine,
nonostante l’effettivo trend negativo dell’areale italiano rilevato a breve termine. Si presume che la
maggior parte della popolazione nidifichi all’interno di ZPS. Tuttavia, anche in questi siti la stabilità
delle piccole popolazioni residuali potrebbe essere influenzata negativamente dalle modalità di
gestione delle singole aree (Palude Brabbia, Lago di Varese, Ttorbiere del Sebino, Lago Trasimeno).
Una gestione dei siti riproduttivi attenta alle esigenze ecologiche della specie ed una maggiore
conoscenza della sua ecologia e delle strategie di migrazione sono il presupposto per salvaguardare le
relitte popolazioni italiane di Schiribilla.
Sarebbe opportuno consolidare le popolazioni rimaste o incentivare la ricostituzione di quelle
scomparse di recente, attraverso un’attenta gestione dell’ambiente preferenziale della specie, ed in
particolare tramite conservazione e ripristino delle aree con alternanza di vegetazione erbacea igrofila,
canaletti e pozze di acqua libera. Come nel caso del Voltolino, la specie appare vulnerabile ai
cambiamenti del livello idrico.

154
Schiribilla Porzana parva parva

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 5 20 cma l es 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2004 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 6000 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 55 55 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 144 144 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 0 0 cma l es 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


J01.01 - burni ng down M
J02 - huma n i nduced changes i n hydraul i c condi ti ons M
J02.13 - Aba ndonment of mana gement of water bodi es M
J02.14 - Al tered wa ter qua l i ty due a nthropogeni c changes i n s a l i ni ty M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

155
Re di quaglie Crex crex La popolazione italiana di Re di quaglie è
costituita da poche decine di maschi riproduttori
localizzati esclusivamente sull’arco alpino ed in
Codice Euring 04210 particolare nel settore orientale (Veneto e Friuli-
Codice Natura 2000 A122 Venezia Giulia). Migratore transhariano, sverna
nell’Africa sub-sahariana (Africa centro-
meridionale e sud-orientale), irregolarmente in
Direttiva Uccelli I Europa. Il trend di popolazione a lungo termine
non è noto, ma negli anni ’80-’90 la specie ha
Convenzione di Berna II subito un calo superiore al 50% in diverse
Convenzione di Bonn 2, AEWA nazioni europee. Il suo stato di conservazione a
Lista Rossa Italiana VU livello nazionale è considerato non favorevole,
Categoria SPEC 1 anche in virtù del decremento occorso negli
ultimi anni.

Foto M. Mendi

In Italia il Re di quaglie appare prevalentemente legato agli ambienti di media montagna, ed in


particolare a quelli pianeggianti o in lieve pendio, esposti a sud-ovest o a sud-est, e dunque favorevoli
alla presenza di prati da sfalcio mesofili. La presenza a quote superiori a 1500 m sembra associata
soprattutto a microambienti dove l’elevata disponibilità di azoto permette una crescita anticipata e
rigogliosa della vegetazione erbacea.
L’aumento dell’areale è purtroppo solo apparente, viziato quasi certamente dalla carenza di dati sulla
distribuzione del passato e da un maggiore sforzo di indagine degli ultimi anni. In realtà l’habitat della
specie appare in netta contrazione a causa dell’abbandono delle pratiche agricole di tipo tradizionale.
La meccanizzazione dell’agricoltura e lo sfalcio precoce dei prati determinano un peggioramento
della qualità ambientale, incidendo in misura drammatica sull’esito della riproduzione e comportando
la distruzione di uova e pulcini, talvolta anche l’uccisione di individui adulti, nonché un aumento del
rischio di predazione dei pulcini.
Nelle principali zone di riproduzione si dovrebbero quindi prevedere sfalci tardivi, praticati di volta in
volta in porzioni diverse del prato, secondo uno schema a mosaico, e il ripristino delle aree prative in
via di abbandono. Il mantenimento di porzioni di incolto dovrebbe favorire la disponibilità di siti
idonei alla nidificazione. Contrastare l’abbandono delle aree rurali alpine e prealpine e favorire una

156
gestione degli ambienti prativi compatibile con la conservazione della specie (con adeguate strategie
di sfalcio), rappresenta al momento la priorità operativa più importante per la tutela del Re di quaglie,
soprattutto all’interno delle ZPS, dove è localizzato oltre il 50% della popolazione nidificante.

Re di quaglie Crex crex

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2012 160 200 cma l es 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▼ 45 61 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 20300 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 57 57 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 1300 1300 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2012 ▼ 90 140 cma l es 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti vati on pra cti ces H
A02.03 - gras s l and remova l for ara bl e l and M
A03 - mowi ng / cutti ng of gra s s l and L
A03.03 - abandonment / l ack of mowi ng M
A04.01 - i ntensi ve gra zi ng L
A07 - us e of bi oci des, hormones a nd chemi cal s M
A08 - Ferti l i s ati on H
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

157
Pollo sultano
Porphyrio porphyrio porphyrio Il Pollo sultano è un rallide sedentario,
tipicamente legato alle zone umide mediterranee
d’acqua dolce. In Italia nidifica in corrispondenza
Codice Euring 04270 delle due isole maggiori, prevalentemente lungo la
Codice Natura 2000 A722 fascia costiera, anche se si conoscono siti
riproduttivi ubicati all’interno, sino a quote
relativamente elevate (670 metri s.l.m., Lago di
Direttiva Uccelli I Pergusa, EN). In Sardegna la popolazione appare
stabile e ben distribuita ed è valutata attorno alle
Convenzione di Berna II 450-600 coppie. In Sicilia è in fase di espansione,
Convenzione di Bonn a seguito di un progetto di reintroduzione avviato
Lista Rossa Italiana NT nel 2000; un censimento condotto a cavallo tra il
Categoria SPEC 3 2008 e il 2009 ha portato a stimare su quest’isola
tra le 100 e le 150 coppie.

Foto S. Pirrello

A seguito della persecuzione diretta e della distruzione degli habitat, il Pollo sultano ha sofferto un
forte declino tra la fine dell’ottocento e gli anni ’70 del novecento. In quel periodo si è estinto in
Sicilia e probabilmente anche in Puglia, ed è sopravvissuto solo in Sardegna con una basso numero di
individui. A partire dall’inizio degli anni ’80, la popolazione sarda è andata incontro ad un processo di
espansione, ricolonizzando la pressoché totalità degli ambienti idonei. Attualmente in Sardegna
sembra che la specie sia stabile, non avendo a disposizione nuovi siti in cui espandersi. L’andamento
demografico positivo registrato in Italia negli ultimi anni è imputabile essenzialmente alla crescita
della popolazione reintrodotta in Sicilia, che si sta gradualmente diffondendo a partire dai siti di
rilascio ubicati nella parte orientale e meridionale dell’isola. Per garantire la conservazione della
specie nel lungo periodo bisognerebbe dare piena attuazione al Piano nazionale. Tra le azioni più
importanti spicca la necessità di tutelare le zone umide d’acqua dolce e di gestirle secondo criteri
naturalistici, favorendo lo sviluppo di ampie fasce di vegetazione ripariale.

158
Pollo sultano Porphyrio porphyrio porphyrio

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2008-2009 550 750 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termine 1999-2009 ▲ 20 25 var. % 2 2
Trend di pop. a lungo termine 1986-2009 ▲ 50 130 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 18500 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termine 2002-2013 ▲ 43 43 var. % 2 2
Trend di areal e a lungo termine 1983-2013 ▲ 94 94 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2008-2009 ▲ 350 500 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


D02.01 - el ectri ci ty and phone l i nes L
F03.02.03 - tra pping, pois oning, poa ching M
G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure acti vi ti es , recrea ti ona l a cti vi ti es L
H01.05 - di ffus e pol l uti on to s urfa ce wa ters due to a gri cul tura l a nd fores try a cti vi ti es H
H07 - Other forms of pol l uti on L
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydraul i c condi ti ons M
K03.04 - preda ti on M
K03.05 - a nta gonis m a ris i ng from introduction of s peci es H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

159
Folaga Fulica atra atra
Codice Euring 04290
Codice Natura 2000 A723

Direttiva Uccelli IIa, IIIb


Convenzione di Berna III
Convenzione di Bonn 2, AEWA
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC

La Folaga è distribuita in gran parte dell’Europa, in Africa, Asia ed Australia. Le aree a clima più
mite di questo areale ospitano popolazioni residenti, mentre a più alte latitudini ed in zone più
orientali sono presenti popolazioni migratrici su breve e lungo raggio. Folaghe migratrici che
transitano o svernano in Italia provengono da un’ampia fascia longitudinale che va dalla Penisola
Iberica ed il Regno Unito ad ovest, spingendosi verso est fino ai Balcani ed all’Ucraina.
Spiccatamente gregaria al di fuori della stagione riproduttiva, la specie è molto diffusa ed abbondante
in inverno lungo l’intera Italia peninsulare e nelle isole maggiori. La conoscenza dettagliata della
popolazione svernante indica variazioni inter-annuali comprese tra 239.506-277.872 individui. Le
aree di massima presenza di folaghe svernanti nel nostro Paese sono le zone umide costiere dell’Alto
Adriatico della Puglia e della costa tirrenica. Importanti concentrazioni invernali si riscontrano anche
nei laghi prealpini ed in quelli vulcanici dell’Italia centrale, come anche nel complesso delle lagune a
paludi sarde e siciliane.
Sul breve termine il trend dei contingenti invernali non mostra variazioni, mentre una leggera
tendenza positiva si registra sul lungo termine. Le principali cause di minaccia per le folaghe
svernanti in Italia derivano da riduzione o modifica degli habitat d’acqua dolce e salmastra frequentati
e dal disturbo antropico legato a sport nautici ed urbanizzazione nelle zone umide. Anche
l’inquinamento delle acque superficiali compromette la possibilità di un loro utilizzo da parte della
specie e rappresenta un’ulteriore motivo di minaccia.
La prosecuzione del monitoraggio può avere diversi risvolti applicativi, tra cui la migliore conoscenza
della connettività migratoria tra i principali quartieri riproduttivi ed nostro Paese, il cui importante
ruolo nel miglioramento dello stato di conservazione si attua con strategie gestionali della zone umide
che favoriscano la sosta e la permanenza dei contingenti svernanti ed in migrazione.

Folaga Fulica atra atra

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 239506 277872 i 1 3 3

peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 = var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 10 30 var. % 3 3

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 90000 170000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


E01.01 - conti nuous urbani s ati on H*
G01.01 - na uti cal s ports H*
H01.08 - di ffus e pol l uti on to s urfa ce wa ters due to hous ehol d s ewa ge and wa ste waters M*
J02.01.03 - i nfi l l i ng of di tches , dykes , ponds , pool s , ma rs hes or pi ts H*
J02.10 - ma nagement of a qua ti c and ba nk vegeta ti on for drai na ge purpos es H*

160
Folaga. In basso: un individuo nel nido
(Foto M. Piacentino)

161
Gallina prataiola Tetrax tetrax tetrax
Il Piano d’Azione nazionale per la salvaguardia e
il monitoraggio della Gallina prataiola,
pubblicato nel 2011, ha fornito dati aggiornati
Codice Euring 04420 sullo stato di conservazione della popolazione
Codice Natura 2000 A725-A nidificante in Sardegna, l’unica regione che
ospita le ormai poche coppie riproduttive
italiane. La specie è “in pericolo” a livello
Direttiva Uccelli I nazionale e il suo stato di conservazione è
Convenzione di Berna III preoccupante anche a livello internazionale. Il
Piano d’Azione europeo, pubblicato nel 2010, ha
Convenzione di Bonn infatti evidenziato che la frammentazione
Lista Rossa Italiana EN dell’habitat e l’agricoltura intensiva
Categoria SPEC 1 rappresentano le principali minacce per la
conservazione della popolazione nidificante.

Foto M. Mendi

A livello nazionale, dall’inizio del XX secolo la popolazione di Gallina prataiola è diminuita di


almeno il 30% ed il suo areale è più che dimezzato principalmente a causa delle modificazioni
ambientali legate all’abbandono del pascolo e all’intensivazione delle pratiche agricole. Il calo
demografico era già iniziato a partire dalla metà degli anni ’80, come anche la perdita di habitat
idonei alla riproduzione. Altrettanto preoccupante è la situazione all’interno delle ZPS, dove
attualmente nidifica non più del 60% della popolazione sarda e nel breve periodo (a partire dal 2001)
si è assistito ad un evidente decremento delle coppie riproduttive. E’ auspicabile che vengano al più
presto attuate le azioni previste dai Piani d’Azione europeo e nazionale al fine di provvedere alla
salvaguardia della Gallina prataiola in Italia.
Non è stato possibile realizzare la carta delle variazioni distributive, in quanto nel Progetto Atlante
Italiano (PAI) sono stati omessi i quadranti occupati dalla specie in alcune aree del sud Italia, dove
nidificavano poche coppie, oggi non più presenti.

162
Gallina prataiola Tetrax tetrax tetrax

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 352 352 mal es 1 3 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ 30 30 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1985-2011 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 7100 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 54 54 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 40 40 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 ▼ 150 200 mal es 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02 - modi fi ca ti on of cul ti vati on practi ces H
A02.01 - a gri cul tural i ntens i fi ca ti on H
A04.01 - i ntens i ve gra zi ng L
A04.03 - a bandonment of pas toral s ystems , l ack of gra zi ng H
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s L
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty a nd phone l i nes L
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
M02.01 - ha bi tat s hi fti ng and al tera ti on H

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

163
Cavaliere d'Italia Himantopus himantopus Il Cavaliere d’Italia frequenta zone umide
salmastre e d’acqua dolce, inclusi gli invasi
artificiali (es. risaie, bacini di decantazione degli
Codice Euring 04550 zuccherifici, valli da pesca, saline), purché con
Codice Natura 2000 A131 bassi fondali in cui alimentarsi, e sponde o isole
di sedimento nude o parzialmente ricoperte di
bassa vegetazione dove ubicare il nido.
Direttiva Uccelli I Un altro importante requisito dell’habitat
riproduttivo è quello di non essere sottoposto al
Convenzione di Berna II disturbo. Non a caso il Cavaliere d’Italia ha
Convenzione di Bonn 2, AEWA notevolmente beneficiato del regime di
Lista Rossa Italiana LC protezione applicato a numerose zone umide,
Categoria SPEC anche attraverso gli istituti previsti dalla Direttiva
Uccelli.

Foto
M. Valentini

Tra il 1980 e il 2004 la popolazione nidificante è quasi raddoppiata, andando a colonizzare


progressivamente nuove aree lungo la valle del Po e nel sud Italia. Pur mancando dati recenti sulla
consistenza della popolazione nidificante, un generale miglioramento demografico sembra
confermato da un consistente aumento dell’areale negli ultimi dodici anni, che attesta la recente
colonizzazione di nuovi siti. A livello nazionale, quindi, la specie sembra attualmente godere di un
buono stato di conservazione, ed il fatto che la maggior parte della popolazione nidificante (tra il 70 e
il 90%) sia localizzata all’interno di ZPS potrà ulteriormente consolidare questa situazione favorevole.
Il mantenimento delle popolazioni esistenti sembra in gran parte dipendere dalle modalità di gestione
delle zone umide in cui la specie nidifica, che dovrebbe essere attenta a prevenire e contenere
importanti fattori di minaccia quali il disturbo antropico, l’ingresso nelle colonie di potenziali animali
dannosi (predatori quali volpi, cani e gatti vaganti, ratti, ma anche bestiame), l’allagamento dei nidi o
il prosciugamento delle vasche causato da una non idonea regolamentazione dei livelli idrici.
Recentemente, il successo riproduttivo è messo in pericolo dalla presenza del Gabbiano reale, che – se
nidificante nelle vicinanze delle colonie – spesso preda uova e pulcini. Pertanto anche i processi
ambientali che favoriscono la proliferazione di Gabbiani reali nelle aree di nidificazione dovrebbero
essere oggetto di monitoraggio e contrastati con adeguati interventi gestionali. La popolazione italiana
è infine minacciata da problematiche ambientali nelle aree di svernamento in Africa.

164
Cavaliere d'Italia Himantopus himantopus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 3000 4000 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2004 ▲ 75 100 var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 92000 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 86 86 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 163 163 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 2200 3600 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04 - gra zi ng L
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s L
C01.05.01 - abandonment of s al tpa ns (sa l i nas ) M
C01.05.02 - convers i on of s al tpa ns M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce waters (l i mni c & terres tri a l , mari ne & bracki s h) M
J02.05 - Modi fi cati on of hydrographi c functi oni ng, genera l L
K03.04 - preda ti on H
M01.02 - droughts a nd l es s preci pi ta ti ons M
XE - Threa ts and pres s ures from outsi de the EU terri tory H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

165
Avocetta Recurvirostra avosetta

Specie a distribuzione paleartico-afro-tropicale,


Codice Euring 04560 presente in Europa con due popolazioni
Codice Natura 2000 A132-B biogeografiche: una localizzata nell’area Mar
Nero - Europa centro-orientale e Mediterraneo e
l’altra lungo le coste atlantiche. La popolazione
Direttiva Uccelli I italiana è inserita nel primo gruppo sulla base
della bassissima frequenza di segnalazioni di
Convenzione di Berna II individui marcati in Europa nord-occidentale.
Convenzione di Bonn 2, AEWA Apparentemente importante, invece, la presenza di
Lista Rossa Italiana LC individui di origine orientale in inverno,
Categoria SPEC specialmente nel Meridione.

Foto A. De Faveri

L’Avocetta è una specie molto selettiva nella scelta dell’habitat. Frequenta in Italia soprattutto le
saline, dove si concentra oltre l’80% della popolazione, quindi le valli da pesca, le lagune e gli stagni
costieri. Solo di recente ha colonizzato alcune zone umide interne della Pianura Padana, nidificando in
zuccherifici ed altri bacini d’acqua dolce.
La popolazione italiana è nidificante, svernante e parzialmente migratrice o dispersiva: individui
inanellati da pulcini hanno svernato in Spagna, Portogallo e Marocco. Non si hanno informazioni sulla
stagionalità dei movimenti delle popolazioni italiane, forse regolati dalle condizioni ambientali e
climatiche per la porzione non migratrice della popolazione. Il passaggio di popolazioni migratrici
sembra invece avvenire in marzo-maggio e luglio-ottobre.
Considerata estinta come nidificante in Italia nella seconda metà dell’800, è stata segnalata
nuovamente solo negli anni ‘40. A partire dagli anni ’70, tuttavia, si è assistito ad una veloce ed ampia
espansione dell’areale riproduttivo, che ha portato in un decennio alla situazione numerica e
distributiva attuale. Il trend di popolazione nidificante a breve termine è sconosciuto per mancanza di
rilevamenti, ma si può supporre sia ancora in incremento, in analogia con quello di areale. Anche il
trend di popolazione svernante è in lieve incremento, con una stima attuale di 6.000-7.500 individui,
distribuiti in 30-40 siti. Un’ulteriore espansione della specie è limitata dalla scarsa disponibilità di
habitat. La rete delle ZPS include tutta la popolazione italiana.
A livello globale la specie non è minacciata. In Italia, gli ambienti di maggiore importanza per
l’Avocetta sono quelli artificiali o comunque gestiti dall’uomo per attività produttive. Le principali
minacce rilevate sono l’abbandono delle saline, una gestione idraulica delle saline e delle zone umide
costiere non attenta alle esigenze ecologiche degli uccelli, l’inquinamento delle acque di superficie, le
uccisioni illegali. Importante anche la predazione nelle colonie riproduttive da parte di cani e gatti
vaganti e soprattutto da parte del gabbiano reale. Sono noti casi di avvelenamento per ingestione di
pallini da caccia.

166
Avocetta Recurvirostra avosetta

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 1873 1970 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2005 ▲ 130 150 var. % 3 3
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 14400 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 136 136 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 150 150 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 1500 1900 p 2

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 6346 7588 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 20 80 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 F 20 50 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 x 6000 7000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - a ba ndonment of sa l tpans (s al i na s) H**
C01.05.02 - convers i on of s a l tpans H**
D02.01.01 - s us pended el ectri ci ty and phone l i nes L**
F03.02.03 - trappi ng, poi soni ng, poachi ng L**
H01.05 - di ffuse pol l uti on to s urface wa ters due to agri cul tural and fores try a cti vi ti es M
J02.04.01 - fl oodi ng H
J02.13 - Aba ndonment of ma na gement of water bodi es H
M01.02 - droughts and l ess preci pi tati ons H
XE - Threats and pres sures from outs i de the EU terri tory L, H*

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

167
Occhione Burhinus oedicnemus Specie politipica a distribuzione euroasiatica,
l'Occhione nidifica in un vasto areale che si
estende dalla Penisola Iberica al Caucaso. Circa il
Codice Euring 04590 95% dell'intera popolazione europea si riproduce
Codice Natura 2000 A133 nella Penisola Iberica, in Francia e nell'ex-Unione
Sovietica. Le popolazioni che hanno i quartieri
riproduttivi posti più a nord e ad est sono
Direttiva Uccelli I prevalentemente migratrici, mentre quelle che
abitano le regioni meridionali hanno
Convenzione di Berna II comportamento parzialmente migratorio o sono
Convenzione di Bonn 2 tendenzialmente sedentarie. Numeri consistenti di
Lista Rossa Italiana VU individui attraversano il Mediterraneo per
Categoria SPEC 3 svernare in Nord Africa e nella fascia a sud del
Sahara.

Foto M. Piacentino

In Europa, a partire dalla metà del XIX secolo, l’Occhione ha subito un consistente e generalizzato
declino accentuatosi dopo la metà del XX secolo per la distruzione, messa a coltura o forestazione di
gran parte degli habitat adatti e per l’aumentato utilizzo di pesticidi. La diminuzione del pascolo nelle
aree steppiche residue ha ulteriormente ristretto l’habitat disponibile, in quanto la specie evita aree a
vegetazione erbacea troppo alta e densa.
In Italia questo Caradriforme è migratore regolare, nidificante e svernante parziale. La distribuzione
risulta piuttosto frammentaria e riconducibile a sei subareali tra loro distinti, localizzati nelle due isole
maggiori, in alcune aree della Pianura Padana centro-occidentale, nei magredi friulani, nella
Maremma tosco-laziale e nella Puglia (Gargano e Murge), con estensione al versante ionico di
Basilicata e Calabria. Le ultime stime disponibili valutano la popolazione nazionale in 1800-3300
coppie, in crescita rispetto alle 200-500 coppie delle stime di confronto nel lungo termine, sebbene sia
verosimile che i valori osservati derivino, oltre che da incrementi locali in Piemonte, Lombardia,
Emilia e Lazio, anche da una maggiore copertura del territorio adatto alla specie rispetto al passato.
Nel breve termine la popolazione, malgrado un apparente aumento dell’areale, è invece considerata in
calo. Va peraltro rilevato che i valori riportati non derivano da censimenti esaustivi condotti con
metodologie standardizzate, ma piuttosto si riferiscono a stime elaborate a livello regionale sulla base
di censimenti non sempre completi, svolti con metodologie diverse. E’ pertanto auspicabile lo
svolgimento di indagini coordinate a livello nazionale.

168
Lo stato di conservazione dell’Occhione nel nostro Paese viene considerato tuttora critico per la
limitata dimensione delle popolazioni, la rarefazione e la frammentazione degli ambienti adatti e la
forte pressione antropica sulle zone di riproduzione e svernamento.

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 1800 3300 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▲ 550 800 var. % 2 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 74700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 31 31 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 50 50 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x 500 800 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tural i ntens i fi ca ti on L
A02.02 - crop change L
A04.01 - i ntensi ve gra zi ng L
A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng L
G01.03.02 - off-roa d motori zed dri vi ng M
J02.05 - Modi fi cati on of hydrogra phi c functi oni ng, genera l H
J02.05.02 - modi fyi ng s tructures of i nl and wa ter cours es H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

169
Pernice di mare La Pernice di mare è specie politipica a corologia
Glareola pratincola pratincola paleartico-afrotropicale. L’areale riproduttivo
della sottospecie nominale si estende in maniera
frammentata dall’Europa meridionale e
dall’Africa settentrionale a Kazakhstan e
Codice Euring 04650 Pakistan, attraverso il Medio Oriente e la
Codice Natura 2000 A625-A Penisola Arabica. Sverna nella regione sub-
sahariana, sovrapponendosi in parte alle due
sottospecie africane.
Direttiva Uccelli I In Italia è migratrice regolare e nidificante estiva
la cui nidificazione, ritenuta possibile in diverse
Convenzione di Berna II regioni, è stata accertata soltanto in pochissime
Convenzione di Bonn 2, AEWA località di Emilia-Romagna, Puglia, Sardegna,
Lista Rossa Italiana EN Sicilia, Toscana e Veneto. I nuclei principali sono
Categoria SPEC 3 storicamente localizzati in Emilia-Romagna,
Sardegna e Sicilia, .mentre la nidificazione nelle

Foto M. Piacentino

altre aree geografiche italiane è limitata a poche coppie presenti in singole stagioni riproduttive. La
popolazione nidificante in Italia viene stimata in 107-132 coppie, valori dello stesso ordine di
grandezza di quelli riportati in letteratura per gli anni 2000 (103-130 coppie) e 2001 (121-156
coppie), biennio a cui si riferiscono le ultime informazioni raccolte su scala nazionale. Tuttavia, alla
luce della incerta occupazione del Biviere di Gela, tali valori appaiono sovrastimati.
La mancanza di indagini specifiche, unitamente all’occupazione irregolare dei siti riproduttivi e, non
ultimo, alla difficoltà di rinvenire i nidi, giustificano l’assenza di serie complete di dati e rendono
impossibile definire i trend di popolazione sul breve e lungo periodo.
Se in Europa la Pernice di mare ha uno stato di conservazione sfavorevole, in Italia è considerata
specie in pericolo in considerazione dell’areale ristretto, della scarsità di siti alternativi e del ridotto
numero di coppie nidificanti. A livello nazionale i principali fattori limitanti risiedono nella ridotta
disponibilità di ambienti adatti alla nidificazione e, verosimilmente, al basso successo riproduttivo e
di reclutamento dovuto a fattori essenzialmente di origine antropica.
La Pernice di mare è specie insettivora e coloniale che tipicamente nidifica in zone aperte
pianeggianti con vegetazione rada o assente, spesso originate dal prosciugamento di piccoli specchi
d’acqua a margine di lagune, saline o stagni poco profondi. La perdita di habitat naturale ha
recentemente indotto la Pernice di mare a colonizzare anche coltivazioni abbandonate con
vegetazione rada o colture a sviluppo tardivo (meloni, patate, soia, pomodori). Negli ambiti marginali
le covate possono risentire negativamente del calpestio del bestiame e, negli ambiti produttivi, dello
svolgimento dei lavori agricoli e degli effetti dei trattamenti chimici per la lotta agli insetti che
170
riducono drasticamente la disponibilità di cibo per l’allevamento dei pulli oltre che essere diretta
causa di mortalità.

Pernice di mare Glareola pratincola pratincola

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002 107 132 p 1 3 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2002 F 0 490 var. % 3 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 2700 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 59 59 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 33 33 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002 x 90 120 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tural i ntens i fi ca ti on M
A04.01 - i ntens i ve gra zi ng M
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi ca l s M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng M
G05.04 - Vanda l i s m M
XE - Threa ts and pres s ures from outsi de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

171
Fratino Piccolo limicolo a distribuzione subcosmopolita;
Charadrius alexandrinus alexandrinus in Europa è presente la sottospecie nominale,
distribuita attraverso le aree steppiche e temperate
che si estendono dalla Penisola iberica sino al
Pacifico. Le popolazioni settentrionali (nidificanti
sopra al 40° parallelo) sono migratrici, quelle più
Codice Euring 04770 meridionali sedentarie o parzialmente migratrici;
Codice Natura 2000 A682-A svernano lungo le coste del Mediterraneo e
dell’Africa, a nord dell’Equatore.
In Italia, nidificano 1500-1850 coppie, distribuite
Direttiva Uccelli I in maniera discontinua lungo le coste sabbiose
della penisola e delle isole maggiori; qualche
Convenzione di Berna II coppia si insedia anche nelle zone umide interne
Convenzione di Bonn 2, AEWA della Pianura Padana. La popolazione dell’Alto
Lista Rossa Italiana EN Adriatico è parzialmente migratrice; sono state
Categoria SPEC 3 documentate rotte di migrazione lungo le coste
mediterranee francesi e spagnole e sono noti casi

Foto A. De Faveri

di svernamento in Nord Africa. Durante le migrazioni sono presenti individui provenienti dall’Europa
centro-orientale e settentrionale; in alcune aree italiane si formano tra agosto e settembre importanti
raggruppamenti di muta. In inverno è presente una popolazione di circa 1500 individui, il 90% dei
quali concentrato in circa 30 siti. Nel periodo 1993-2010 si è assistito a un costante decremento della
popolazione svernante che ha portato ad un decremento del 50%.
Si riproduce principalmente lungo i litorali marini, nelle spiagge sabbiose che mantengono un buon
grado di naturalità. E’ comune anche in ambienti retro-costieri, come saline, lagune e anche bacini
artificiali. Nelle spiagge, la maggior parte dei nidi si trova nella fascia tra la linea di battigia e i primi
rilievi delle dune embrionali. Sverna esclusivamente in zone umide costiere, frequentando spiagge e
banchi fangosi, dove si riunisce in gruppi monospecifici o si associa a branchi di Calidris.
La continua perdita di habitat (erosione della costa, urbanizzazione, abbandono delle saline), il
disturbo antropico (turismo balneare, cicloturismo, raccolta di molluschi, pesca sportiva) e la
predazione dei nidi da parte di mammiferi (ratti, ricci, volpi, cani e gatti vaganti) e uccelli (gazze,
cornacchie grigie, gabbiani reali) hanno notevolmente ridotto la popolazione nidificante italiana, che
segue il trend negativo osservato anche in altri Paesi europei. La popolazione presente nelle ZPS è
insufficiente a garantire la conservazione della specie; sarebbe necessario attivare urgentemente una
gestione attiva dei siti riproduttivi per contrastare il veloce declino della popolazione italiana. La
specie è recentemente divenuta simbolo della naturalità delle spiagge ed è oggetto di attente
operazioni di monitoraggio e protezione in diverse regioni italiane.

172
Fratino Charadrius alexandrinus alexandrinus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2009-2010 1500 1850 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2010 ▼ 10 50 var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1989-2010 ▼ 10 50 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 37600 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 59 59 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 34 34 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2009-2010 ▼ 200 450 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - abandonment of s al tpa ns (sa l i nas ) M
E01 - Urbani s ed a reas , human habi ta ti on M
G01 - Outdoor sports and l ei s ure a cti vi ti es , recrea ti ona l a cti vi ti es H
G05.05 - i ntens i ve ma i ntenance of publ i c parcs /cl ea ni ng of bea ches M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t fea tures H
K01.01 - Eros i on M
K03.04 - preda ti on H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

173
Piviere tortolino Eudromias morinellus Specie nidificante negli ambienti di tundra delle
latitudini più settentrionali del Paleartico, il
Piviere tortolino sverna in Africa settentrionale e
in Medio Oriente. Gli unici nuclei riproduttivi
dell’Europa centrale e meridionale presenti negli
ultimi decenni sono localizzati sulle catene
montuose più elevate (Pirenei, Alpi, Appennino
Codice Euring 04820 centrale, Carpazi); tuttavia il numero delle coppie
Codice Natura 2000 A727 riproduttive, nel corso degli ultimi decenni, è
andato via via diminuendo.
In Italia è occasionale come nidificante, mentre
Direttiva Uccelli I singoli individui in migrazione (aprile-maggio e
agosto-ottobre) o piccoli gruppi sono
Convenzione di Berna II regolarmente osservati sostare in ampie vallate o
Convenzione di Bonn 2, AEWA valichi cacuminali alpini e appenninici,
Lista Rossa Italiana VU caratterizzati da pianori montani o a lieve
Categoria SPEC pendenza, bassa vegetazione erbacea o a pulvino,
con affioramenti rocciosi o depositi detritici.

Foto A. De Faveri

Il segno negativo nel trend è stato attribuito in relazione alle nidificazioni registrate nel 1996 nelle
vette della Majella (Abruzzo) – dove alcune coppie si riproducevano regolarmente negli anni 70’-’80
- e nel periodo 1990-1996 in Alta Valtellina, non più riconfermate in anni recenti. Si tratta delle
ultime segnalazioni di nidificazione certa nel territorio italiano.
Data la presenza di habitat idonei in molte vette montane, ambienti tra i meno monitorati del nostro
Paese, e le diverse segnalazioni storiche, soprattutto provenienti dalle Alpi e dall’Appennino centrale,
non si può escludere la sporadica presenza più recente di qualche coppia riproduttiva. Tuttavia, gli
effetti del riscaldamento globale sugli ambienti di alta quota non fanno ritenere probabile una
prossima ricolonizzazione della specie.
I più importante fattori di rischio per la specie nelle aree di riproduzione sono rappresentati
dall’alterazione dell’habitat causata dallo sfruttamento per scopi turistici (allestimento di piste da sci)
o come area di pascolo, e dal disturbo antropico. Non è tuttavia accertato che tali fattori abbiano avuto
una qualche influenza nella ulteriore rarefazione di questa specie in Italia.

174
Piviere tortolino Eudromias morinellus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 0 5 mal es 1 1 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a lungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2004 100 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea le a breve termi ne 2002-2013 ▼ var. % 1 1
Trend di a rea l e a lungo termi ne 1983-2013 ▼ var. % 1 1
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 0 5 mal es 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


D01.01 - pa ths , tra cks , cycling tra cks L
G02.02 - s kiing complex H

Carta della distribuzione e range

175
Piovanello pancianera Calidris alpina

Specie a distribuzione circum-artica, differenziata


Codice Euring 05120 in diverse popolazioni biogeografiche che
Codice Natura 2000 A149 coincidono con altrettante sottospecie. In Italia
sono presenti C. a. schinzii, C. a. alpina e C. a.
centralis. Gli individui che si trovano in Italia
Direttiva Uccelli provengono da aree di nidificazione che si
estendono dalla Scandinavia meridionale alla
Convenzione di Berna II Siberia centrale. La ssp. alpina ha di gran lunga la
Convenzione di Bonn 2, AEWA popolazione numericamente più abbondante come
Lista Rossa Italiana svernante in Europa settentrionale, lungo le coste
Categoria SPEC 3 atlantiche dell’Africa settentrionale e nel
Mediterraneo.
In Italia, la specie è svernante e migratrice regola-
re, alcuni individui del primo anno sono estivanti. Gli adulti migrano tra fine luglio e ottobre, con
picchi di passaggio differenziali per sesso e strategia di muta. I giovani arrivano dalla fine di agosto a
ottobre. I movimenti pre-riproduttivi avvengono tra marzo e maggio e vedono la presenza anche di
individui che hanno svernato in Africa settentrionale (principalmente in Tunisia).
Durante lo svernamento, la specie è legata alla presenza di vaste estensioni di fango, dove si alimenta,
soprattutto in zone di marea; sverna quindi in diversi tipi di zone umide costiere, come lagune, saline,
stagni retrodunali, foci fluviali. In migrazione sosta anche in zone umide interne. Circa Il 75% della
popolazione italiana sverna nelle lagune dell’Adriatico settentrionale, dove si trovano le maggiori
estensioni di zone intertidali, il 22% in saline.
La popolazione svernante nel 2007-2009 è oscillata tra i 64.000 e i gli 80.000 individui e ha mostrato
un trend di popolazione in crescita sia nel lungo sia nel breve termine. Non minacciata a livello di
specie, perché la ssp. alpina è ancora molto abbondante; gravi problemi di conservazione presenta
invece la ssp. schinzii, in drastico declino in gran parte dell’areale riproduttivo europeo. La perdita di
ambiente e il disturbo causato dalle attività di allevamento e raccolta dei molluschi nelle aree di
alimentazione sono le principali minacce nelle lagune dell’alto Adriatico e sul Delta del Po. Pur
essendo specie protetta, gli abbattimenti illegali sono ancora molto frequenti ed acuiscono il disturbo
derivante dalle attività antropiche negli ambienti costieri frequentati dalla specie. Come per tutte le
specie artiche, sono attesi forti cambiamenti demografici legati al riscaldamento globale.

Piovanello pancianera Calidris alpina

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione svernante 2007-2009 64925 79211 i 1 3 3
peri odo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 ▲ 5 15 var. % 3 3
Trend di pop. a l ungo termi ne 1991-2009 ▲ 40 75 var. % 3 3
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione svernante nelle ZPS 2007-2009 ▲ 33000 68000 i 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F01 - Mari ne a nd Fres hwa ter Aqua cul ture H
F03.02.03 - tra ppi ng, poi soni ng, poachi ng M
G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure acti vi ti es , recrea ti ona l a cti vi ti es M
H01.09 - di ffus e pol l uti on to s urface wa ters due to other s ources not l i s ted M
J02 - huma n i nduced changes i n hydra ul i c condi ti ons H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t features M

176
Foto A. De Faveri

177
Gabbiano corallino Larus melanocephalus Specie migratrice regolare, svernante, molto
localizzata come nidificante. L’Italia, come il
resto del Mediterraneo occidentale, è stata
Codice Euring 05750 colonizzata verso la fine degli anni ’70,
Codice Natura 2000 A176 probabilmente da parte di individui provenienti
dal Mar Nero, dove si trova la più grande
colonia della specie (ospita circa il 90% della
Direttiva Uccelli I popolazione globale). Dalle prime coppie
insediatesi nelle Valli di Comacchio (1978), la
Convenzione di Berna II popolazione italiana è cresciuta numericamente
Convenzione di Bonn 2, AEWA sino alle attuali 2.500-4.000 coppie, distribuite
Lista Rossa Italiana LC in pochissime colonie localizzate esclusiva-
Categoria SPEC mente nelle zone umide del Delta del Po, della
Laguna di Venezia e della Puglia.

Foto A. De Faveri

Al di fuori della stagione riproduttiva, la specie ha abitudini spiccatamente marine. Terminata la


riproduzione, mantiene carattere fortemente gregario, vagando in grandi stormi per il Mediterraneo
centro-occidentale, spingendosi anche sulle coste atlantiche europee. In concomitanza con particolari
condizioni meteorologiche si osservano sulla costa impressionanti concentrazioni. Inizia a visitare le
colonie riproduttive già da marzo, ma la scelta definitiva del sito avviene più tardivamente, in genere
tra fine aprile e maggio. Al termine della riproduzione, a partire da fine giugno, arrivano in Italia
individui provenienti prevalentemente dall’Europa orientale e dal Mar Nero.
Per nidificare si insedia su isolotti, argini e barene all'interno di valli da pesca, saline e lagune
salmastre. In questo periodo l’alimentazione è prevalentemente terrestre e i riproduttori si osservano
foraggiare nei coltivi nei dintorni delle colonie.
La specie ha uno status di conservazione favorevole in Europa. Le esigenze di conservazione note
sono legate al periodo riproduttivo. Le minacce rilevate più di frequente riguardano il disturbo
antropico, a volte intenzionale e diretto a scoraggiare l’insediamento di ‘gabbiani’ (saline), la
gestione dei livelli idrici (saline, valli da pesca) e della vegetazione di dossi e isolotti di nidificazione
(lagune, valli da pesca). Potenzialmente molto sensibile a trattamenti fitosanitari durante la
riproduzione. La sopravvivenza invernale, durante il periodo pelagico, potrebbe risentire della
gestione degli scarti della pesca.

178
Gabbiano corallino Larus melanocephalus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004-2011 2500 4000 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2011 ▲ 25 100 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1982-2011 ▲ 1100 1900 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 3900 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 875 875 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 250 250 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004-2011 ▲ 2500 4000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05 - Sa l t works H
C01.05.01 - a bandonment of s al tpa ns (s a l i nas ) H
C01.05.02 - convers i on of sa l tpans L
H01 - Pol l uti on to s urface wa ters (l i mni c & terrestri a l , ma ri ne & bra cki sh) M
I01 - i nvas i ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl emati c na ti ve s peci es H
J02.15 - Other huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat features M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

179
Gabbiano roseo Chroicocephalus genei22 Il Gabbiano roseo è una specie coloniale,
distribuita dal Mediterraneo occidentale sino al
Caspio. Le popolazioni più orientali e
settentrionali sono prevalentemente migratrici,
Codice Euring 05850 nel Mediterraneo è anche dispersiva e
Codice Natura 2000 A180 parzialmente sedentaria. La sua distribuzione è
sempre molto localizzata, perché la specie è
strettamente legata agli ambienti di salina e di
Direttiva Uccelli I zone umide salmastre, dove si alimenta e nidifica.
Le colonie sono mono- o plurispecifiche su
Convenzione di Berna II argini, isolotti, dossi o barene.
Convenzione di Bonn 2, AEWA Come altre specie di Laridi e Sternidi, le prime
Lista Rossa Italiana LC nidificazioni segnalate in tempi storici in Italia
Categoria SPEC 3 sono degli anni ’70. I primi siti colonizzati sono
stati le saline di Cagliari (1976) e le Valli di
Comacchio (1978).
L’origine dei fondatori è sconosciuta; considerando un criterio di prossimità, le colonie più vicine si
trovavano in Tunisia e sul delta del Danubio.La dinamica di popolazione nei due siti è stata diversa:
in Sardegna si è assistito ad una rapida crescita che ha portato in pochi anni ad avere diverse centinaia
di coppie nidificanti e alla colonizzazione di altri siti sardi; a Comacchio, invece, la crescita è stata
lenta e colonie satellite sono state trovate solo a partire dalla metà degli anni ’90.

A. De Faveri

Più recenti gli insediamenti nelle Saline di Margherita di Savoia (1988), in cui si è stabilizzato un
nucleo di circa 500 coppie e nelle saline di Trapani e Tarquinia, dove sono presenti poche coppie. Da
ciò, i trend di popolazione sono positivi nel breve e nel lungo termine, anche se il tasso di crescita è
ormai prossimo allo zero. L’areale è invece raddoppiato nel breve periodo, ad indicare una
frammentazione delle colonie principali, in alcuni casi dovuta al degrado ambientale dei siti (Valli di
Comacchio). Gli individui dell’area padana sono prevalentemente migratori, raggiungono le colonie
in marzo-aprile e ripartono in luglio-agosto, solo recentemente vengono segnalati con regolarità
alcuni individui svernanti. Più a sud, lo svernamento di parte della popolazione è regolare. Le
principali aree di svernamento della popolazione italiana sono in Tunisia e in Egitto.
Il Gabbiano roseo ha uno status di conservazione favorevole in Europa. Le esigenze di conservazione
sono prevalentemente legate alla estrema localizzazione degli habitat e alla loro gestione. In
particolare, la cattiva gestione dei livelli idrici nelle saline e nelle valli pesca mette ogni anno a
rischio il successo riproduttivo di intere colonie. Le principali cause di fallimento della nidificazione
sono la sommersione dei nidi, la predazione da parte di mammiferi terrestri dovuta all’abbassamento

22
Tale nuova denominazione sostituisce quella di Larus genei (Fracasso et al. 2009).

180
dei livelli idrici, il disturbo e il calpestio dei nidi da parte dei fenicotteri, la predazione del gabbiano
reale. Con queste premesse, sarebbe importante una gestione naturalistica delle saline italiane, che
tenga in considerazione le esigenze ecologiche di questa specie.

Gabbiano roseo Larus genei

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006-2012 3000 5000 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▲ 5 35 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▲ 8700 14000 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 3100 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 210 210 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 88 88 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006-2012 ▲ 3000 5000 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05 - Sal t works H
C01.05.01 - aba ndonment of s a l tpa ns (s al i na s ) H
H01 - Pol l uti on to s urface wa ters (l i mni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) M
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl ema ti c na ti ve s peci es H
J02.15 - Other huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

181
Gabbiano corso Larus audouinii Il baricentro dell’areale di nidificazione del
Gabbiano corso si trova nel Mediterraneo
occidentale (circa il 75% della popolazione in
Spagna, 5% in Sardegna e isole toscane); colonie
isolate si trovano in Italia meridionale, Sicilia,
Grecia, e Turchia. Al di fuori del periodo
riproduttivo, alcuni individui si comportano come
Codice Euring 05880 residenti, altri tendono a disperdere anche su
Codice Natura 2000 A181 lunghe distanze; in inverno la specie si osserva
con regolarità sulle coste nord-africane,
spingendosi fuori dallo Stretto di Gibilterra sino
Direttiva Uccelli I all’Africa occidentale (Marocco, Senegal). I
riproduttori si insediano nelle colonie a partire da
Convenzione di Berna II marzo-aprile, dove rimangono sino alla fine di
Convenzione di Bonn 1, 2, AEWA giugno-luglio; i giovani si attardano nei pressi
Lista Rossa Italiana NT delle colonie un po’ più a lungo, sino ad agosto-
Categoria SPEC 1 settembre per poi spostarsi verso l’Atlantico dove
rimangono sino alla maturità.

A. De Faveri

Le colonie sono localizzate in siti non raggiungibili dai predatori terrestri, come piccole isole, tratti di
falesie marine, argini di saline o valli da pesca. I nidi sono solitamente posti a pochi metri dal mare o
dall’acqua. Il substrato non sembra essere importante, anche se in Italia la maggior parte delle colonie
sono su rocce, con vegetazione rada o assente. Più strettamente legato alla pesca in mare di altre
specie congeneri, si alimenta sia di giorno sia di notte, compiendo lunghi voli per raggiungere le zone
di alimentazione.
Specie in passato considerata minacciata di estinzione, è oggi ritenuta dipendente dagli interventi di
conservazione per la estrema localizzazione delle colonie. Il trend della popolazione italiana appare in
aumento sia sul breve sia sul lungo periodo, anche se nell’ultimo decennio il tasso di incremento
sembra notevolmente diminuito. La situazione italiana è attentamente monitorata dagli inizi degli anni
’90, tuttavia, confronti con la situazione storica sono difficili perché le informazioni per il passato
sono per lo più aneddotiche e relative alla sola Sardegna. Le variazioni di areale mostrate nel rapporto

182
sono di segno negativo in entrambi i periodi, ma di scarsa significatività, perché ottenute da confronti
con mappe realizzate con due metodologie differenti: in passato le mappe indicavano la sola presenza
di individui durante il periodo riproduttivo, mentre attualmente rappresentano colonie effettivamente
accertate.
E’ stato redatto un Piano d’Azione nazionale per la specie, da aggiornare. Le minacce esistenti
consistono essenzialmente nel disturbo antropico ai siti riproduttivi, nel depauperamento degli stock
ittici e, forse, nella competizione con Gabbiano reale per le risorse trofiche. E’ stato documentato il
fallimento di colonie riproduttive per la predazione di nidi e uova da parte di Gabbiano reale e diverse
specie di mammiferi terrestri, il disturbo e il calpestio da parte di bestiame. È tra le specie che
potrebbero risentire delle politiche di gestione degli scarti della pesca. Potrebbe inoltre essere
significativa la mortalità dovuta ad ami e fili da pesca.

Gabbiano corso Larus audouinii

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007-2009 1153 1286 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termine 2000-2009 ▲ 20 30 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termine 1983-2011 ▲ 110 130 var. % 2 2
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 4000 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▼ 41 41 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termine 1983-2013 ▼ 6 6 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007-2009 ▲ 1000 1200 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


F02 - Fi s hing a nd ha rves ting a qua tic res s ources H
G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure a cti vi ti es , recreati ona l a cti vi ti es H
H03 - Ma ri ne water pol l uti on M
I01 - inva s ive non-native s peci es H
I02 - problema ti c na ti ve s pecies H

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

183
Sterna zampenere Sterna nilotica nilotica Specie politipica a distribuzione sub-cosmopolita,
ampia ma molto frammentata. La popolazione del
Paleartico occidentale, stimata in 10-13.000
Codice Euring 06050 coppie, mostra marcate fluttuazioni e una
Codice Natura 2000 A731-A tendenza al declino, specialmente nella parte
orientale dell’areale. Si riproduce in colonie mono
o plurispecifiche in associazione ad altri
Direttiva Uccelli I Caradriformi. I siti riproduttivi sono occupati
spesso in modo instabile, soprattutto nelle zone
Convenzione di Berna II marginali dell’areale dove la nidificazione
Convenzione di Bonn 2, AEWA interessa un numero di coppie molto fluttuante e
Lista Rossa Italiana NT risulta spesso irregolare. La sottospecie nominale
Categoria SPEC 3 nidifica in Europa, Africa nord-occidentale e
Medio Oriente, raggiungendo ad Est il
Kazakhstan ed il Pakistan.

A. De Faveri

In Europa è specie migratrice con areale di svernamento disgiunto che si estende tra Mauritania,
Nigeria e Chad (popolazioni nidificanti nelle regioni europee nord-occidentali), e dal Sudan al
Botswana (popolazioni balcaniche e russe). Le popolazioni europee sono andate incontro a
significativi decrementi numerici, soprattutto nelle parti sud-orientali dell’areale. La specie è
considerata vulnerabile ed ha uno stato di conservazione sfavorevole.
In Italia la Sterna zampenere è nidificante localizzata, migratrice e svernante occasionale. La prima
nidificazione certa risale al 1954 quando nelle Valli di Comacchio venne rilevata la presenza di una
decina di coppie. Successivamente sono state colonizzate altre regioni: la Puglia nel 1955, la
Sardegna nel 1971 e la Sicilia nel 1995. La popolazione nazionale è passata dalle circa 200 coppie del
1984 alle 540-550 nel 2002, con principali colonie nell’area del Delta del Po e nelle zone umide in
provincia di Foggia e Cagliari. Nel lungo periodo il trend di popolazione risulta positivo, mentre
l’assenza di indagini specifiche non permette di valutare l’andamento numerico nell’ultimo decennio.
La distribuzione risulta tuttora estremamente frammentata con siti occupati in modo instabile anche
all’interno dell’areale principale di nidificazione (Delta del Po). Le abitudini meno “marine” rispetto
alle altre specie di sterne, unitamente ad uno spettro alimentare più vario - comprendente spesso
piccoli rettili (soprattutto Lacertidae sp. pl.) ed insetti di grosse dimensioni, portano questa specie a
cacciare frequentemente lungo argini e fossati dell’entroterra. Queste caratteristiche consentono alla
184
Sterna zampenere di colonizzare siti anche molto distanti dal mare, fenomeno ben rappresentato in
Spagna e Turchia con insediamenti di diverse centinaia di coppie in zone umide dell’entroterra. A tale
riguardo possono trovare giustificazione le sporadiche nidificazioni registrate in zone interne nel
ravennate (1994) e nel modenese (2004).

Sterna zampenere Sterna nilotica nilotica

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2002 543 551 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1983-2002 ▲ 200 210 var. % 3 3

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 2900 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 190 190 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 50 50 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2002 x 500 550 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - a ba ndonment of s a l tpa ns (s al i na s ) M
H02.06 - di ffus e groundwa ter pol lution due to a gri cultura l a nd fores try a ctiviti es M
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl ema ti c na ti ve s peci es H
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J02.04.01 - fl oodi ng H
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

185
Beccapesci Sterna sandvicensis Specie presente in Europa con un’unica
popolazione biogeografica nidificante in tre aree
disgiunte: Nord-Atlantico orientale, Mar Baltico e
Codice Euring 06110 Mediterraneo occidentale. Il Beccapesci è specie
Codice Natura 2000 A191 migratrice e dispersiva nella parte più
settentrionale dell’areale riproduttivo,
parzialmente migratrice in quella meridionale. La
Direttiva Uccelli I popolazione europea sverna lungo le coste
atlantiche africane, prevalentemente tra l’Equatore
Convenzione di Berna II e la Mauritania, alcuni individui raggiungono il
Convenzione di Bonn 2, AEWA Sud Africa. In Italia la prima nidificazione nota in
Lista Rossa Italiana VU tempi storici è delle Valli di Comacchio (1979). Il
Categoria SPEC 2 sito è stato regolarmente occupato negli anni
successivi e la popolazione è passata dalle iniziali
7-8 coppie a quasi 600 negli anni ’80.
Successivamente, a causa del degrado ambientale,

Foto M. Piacentino

il nucleo riproduttivo è sceso a poche decine di coppie. Negli stessi anni, individui provenienti almeno
in parte da quello stesso nucleo hanno colonizzato la Laguna di Venezia (1995) e le Valli Bertuzzi
(1997). Nel 1997, 19 coppie hanno nidificato nella Salina di Margherita di Savoia, irregolarmente
occupata negli anni successivi. Nel 2004 sono state stimate 798-821 coppie, pari a meno dello 0,1%
della popolazione europea.
Il Beccapesci è legato ad acque costiere marine o salmastre, limpide e poco profonde, dove può
pescare tuffandosi in volo. Per la riproduzione è invece legato a isolotti sabbiosi in lagune (barene,
dossi) o saline (argini rotti, affioramenti nei bacini), nudi o con rada o bassa vegetazione alofitica. In
migrazione e svernamento può capitare raramente sui maggiori bacini lacustri e fiumi dell’entroterra.
La specie ha uno status di conservazione sfavorevole in Europa (SPEC2: in declino), anche se il trend
di popolazione a lungo termine in Italia è positivo, come pure i trend di areale. Le principali minacce
dirette riguardano i siti di nidificazione. Come per altri laridi e sternidi, la precarietà dei substrati su
cui nidifica determina un continuo trasferimento delle colonie da un sito all’altro. Ciò comporta un
aumento del rischio di fallimento per scarsa conoscenza della affidabilità del sito rispetto alle più
comuni minacce: inondazioni per cambi di livelli idrici (saline e valli da pesca), predazione da parte
di ratti e Gabbiani reali, calpestio da parte di Fenicotteri, disturbo antropico. Nonostante l’intera
popolazione nidificante in Italia sia compresa in ZPS, la conservazione e la gestione dei siti
riproduttivi rimane del tutto aleatoria e il monitoraggio affidato a spunti volontaristici.

186
Beccapesci Sterna sandvicensis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 798 821 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1983-2004 ▲ 470 500 var. % 3 3

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 2900 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 107 107 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 800 800 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 798 821 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - abandonment of sa l tpans (s a l i nas ) M
H03 - Ma ri ne wa ter pol l uti on L
I01 - i nva si ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl emati c nati ve speci es H
J02 - huma n i nduced changes i n hydra ul i c condi ti ons H
J02.04.01 - fl oodi ng H
XE - Threa ts a nd press ures from outs i de the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 – 2013

187
Sterna comune Sterna hirundo Specie ampiamente diffusa come nidificante
nell’emisfero settentrionale. In Europa ed in
Italia, è presente una popolazione biogeografia
Codice Euring 06150 ascrivibile alla ssp. hirundo, che sverna
Codice Natura 2000 A193 principalmente lungo le coste atlantiche africane.
Specie migratrice regolare e nidificante in Italia,
qualche individuo viene irregolarmente segnalato
Direttiva Uccelli I in inverno. I movimenti migratori si svolgono nel
nostro Paese tra marzo e maggio, quando vengono
Convenzione di Berna II occupati anche i siti riproduttivi e tra luglio e
Convenzione di Bonn 2, AEWA ottobre. Nidifica sia in zone umide costiere
Lista Rossa Italiana LC (lagune, valli da pesca, saline) sia d’acqua dolce
Categoria SPEC (greti di fiumi) e localmente (Sardegna) in mare,
su isole rocciose in prossimità della costa.

Foto M.
Piacentino

La popolazione nidificante in Italia, stimata in 4.000-5.000 coppie (2006), risulta prevalentemente


concentrata nella Pianura Padana, lungo l’asta del Po e di altri fiumi con ampio alveo, e nelle zone
umide Adriatico settentrionale (sino alla Salina di Cervia). Presente anche attorno alla costa sarda e
nella Laguna di Orbetello (Toscana), irregolare in Puglia (Margherita di Savoia). Il nucleo
riproduttivo principale si trova nel Delta del Po e in Laguna di Venezia, anche se le Valli di
Comacchio, sito storico di nidificazione, non ospitano più grandi colonie a causa della scomparsa di
siti idonei e del degrado ambientale. Il trend di popolazione a breve termine è sconosciuto,
apparentemente in decremento quello sul lungo periodo. I dati di censimento a disposizione sono
tuttavia insufficienti e contrastano apparentemente con i trend di areale, che indicano un incremento
in entrambi i termini temporali. Avendo una distribuzione piuttosto diffusa sul territorio, il
monitoraggio richiederebbe l’attivazione di progetti nazionali su ampia scala.
La specie mantiene in Europa uno stato di conservazione favorevole, a dispetto di molti fattori di
minaccia, ampiamente diffusi nei siti di riproduzione. In particolare, si segnalano le variazioni dei
livelli idrici o una gestione inappropriata degli stessi (saline, valli da pesca), l’abbandono e la
trasformazione degli habitat di riproduzione e il disturbo antropico causato da attività produttive
(escavazione, movimentazione di inerti) o turistico-ricreative (balneazione, pesca sportiva, fotografia
naturalistica, cicloturismo). Importante la predazione di uova e nidi da parte di Laridi (Gabbiano
reale), Corvidi, ratti, volpi, cani e gatti vaganti. Non ben definibili, ma sicuramente presenti, sono le
minacce nei quartieri di svernamento. Le ZPS coprono una percentuale superiore al 50% dei siti
riproduttivi, tuttavia ancora insufficiente a garantire una protezione della specie diffusa su tutto
l’areale.

188
Sterna comune Sterna hirundo

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 4000 5000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a lungo termi ne 1983-2006 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 44200 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea le a breve termi ne 2002-2013 ▲ 21 21 var. % 2 2
Trend di a rea l e a lungo termi ne 1983-2013 ▲ 7 7 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x 2600 4100 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.05.01 - a ba ndonment of s a ltpa ns (s al ina s ) L
H01 - Poll ution to s urfa ce wa ters (l imni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) L
H03 - Ma rine water poll ution L
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl ema ti c na ti ve s peci es H
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J02.04.01 - fl oodi ng M
J02.05.02 - modi fyi ng s tructures of i nl a nd wa ter cours es H
M01.02 - droughts a nd les s precipita tions M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs ide the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

189
Fraticello Sterna albifrons albifrons Specie subcosmopolita a diffusione ampia ma
discontinua. In Europa nidifica la sottospecie
albifrons, con due popolazioni biogeografiche,
Codice Euring 06240 una distribuita lungo le coste atlantiche, l’altra nel
Codice Natura 2000 A631-A Mediterraneo occidentale. Le aree di svernamento
sono comuni e localizzate in Africa occidentale.
In Italia è migratrice regolare e nidificante,
Direttiva Uccelli I presente solo occasionalmente in inverno. I
movimenti migratori post-riproduttivi si svolgono
Convenzione di Berna II luglio e settembre, quelli pre-riproduttivi tra aprile
Convenzione di Bonn 2, AEWA e maggio. Al termine della riproduzione, i
Lista Rossa Italiana EN fraticelli nidificanti nelle colonie adriatiche
Categoria SPEC 3 (anche quelle pugliesi), padane e dall’Europa
centro-orientale danno vita ad una spettacolare
migrazione di muta che li porta a concentrarsi

Foto A. De Faveri

nella Laguna di Venezia, che diviene per circa tre mesi uno dei siti chiave per la conservazione di
questa specie.
La popolazione italiana, valutata in 2.000-3.500 coppie, è prevalentemente distribuita nelle zone
umide dell’alto Adriatico (lagune, saline, stagni retrodunali, valli da pesca, litorali sabbiosi) e nella
Pianura Padana, lungo l’asta fluviale del Po e dei suoi affluenti (isole fluviali sabbiose). Più
localizzata in Puglia, Sicilia e Sardegna, irregolare in Toscana. La popolazione italiana rappresentava
fino ai primi anni ‘90 circa il 13% di quella paleartica occidentale, attualmente è scesa sotto al 9%. La
distribuzione di nidificazione attuale è ancora simile a quella storica, con trend positivi sul lungo e
breve termine probabilmente dovuti a più intensi sforzi di campionamento. Tuttavia, il trend di
popolazione negativo sul lungo termine (sconosciuto sul breve) fa ipotizzare un prossimo decremento
dell’areale, suggerito anche dalla presenza sempre più irregolare di diverse colonie riproduttive, anche
in importanti siti storici (Scanni del Delta del Po, Valli di Comacchio, Salina di Cervia).
La specie ha uno status di conservazione sfavorevole in Europa. Le principali minacce rilevate in
Italia riguardano la distruzione e la frammentazione degli habitat riproduttivi, il disturbo antropico
durante la nidificazione (balneazione, pescatori, mezzi fuoristrada), la sommersione dei siti di
nidificazione a causa di variazioni dei livelli idrici dei bacini (saline, valli da pesca), le piene fluviali e
la predazione di uova e pulli da parte di corvidi, Gabbiano reale, ratti, cani e gatti vaganti. Il degrado
ambientale della Laguna di Venezia (erosione delle barene, approfondimento dei fondali, scomparsa
delle nursery di molte specie ittiche, disturbo antropico) hanno gravemente compromesso il
fondamentale ruolo di questo sito per la muta e la preparazione della migrazione.

190
Fraticello Sterna albifrons albifrons

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004-2013 2000 3500 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2013 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1981-2013 ▼ 40 60 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 32700 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 7 7 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 19 19 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004-2013 x 1700 3500 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


C01.01 - Sand and gra vel extra cti on M
C01.05.01 - a ba ndonment of s a l tpa ns (s a l i na s ) H
G01 - Outdoor s ports and leis ure a ctivities , recrea ti ona l a cti vi ti es H
G05.05 - i ntens i ve ma i ntena nce of publ ic parcs /clea ni ng of bea ches L
H01 - Polluti on to s urfa ce waters (limni c & terres tri a l , ma ri ne & bra cki s h) L
H03 - Ma ri ne wa ter polluti on L
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es H
I02 - probl ema ti c nati ve s peci es H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t features H
K01.01 - Eros i on M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

191
Mignattino piombato Chlidonias hybrida Il Mignattino piombato Chlidonias hybrida è un
Laride coloniale che nidifica in zone umide
d’acqua dolce, naturali o artificiali, dove
Codice Euring 06260 costruisce nidi flottanti ancorati a vegetazione
Codice Natura 2000 A734 galleggiante. Nei siti di nidificazione storici per
l’Italia le colonie si sono sempre stabilite su vasti
lamineti a Nymphaea alba, mentre in anni più
Direttiva Uccelli I recenti la specie ha iniziato a nidificare anche su
letti di specie diverse, quali Potamogeton. Il
Convenzione di Berna II Mignattino piombato si nutre di pesci ed insetti
Convenzione di Bonn AEWA nel corso della nidificazione. La popolazione
Lista Rossa Italiana VU italiana è migratrice regolare, con segnalazioni in
Categoria SPEC 3 Africa fino in Namibia, mentre occasionali sono
le osservazioni invernali nel nostro Paese.

Foto M. Valentini

La popolazione nidificante in Italia si è ridotta sia numericamente, sia in termini di areale, essendo
attualmente concentrata in Emilia-Romagna.I dati esistenti non consentono di dare indicazioni circa le
tendenze demografiche a breve o lungo termine, mentre si registra un trend negativo dell’areale
italiano. Tale diminuzione è soprattutto marcata nel breve termine; ciò costituisce motivo di
preoccupazione, stante anche il legame della specie con zone umide prevalentemente artificiali.
L’istituzione di ZPS nei siti in cui è concentrata la gran parte della popolazione italiana dovrebbe in
linea teorica scongiurare interventi di bonifica o alterazione ambientale per ragioni idrauliche, che
sono tra i principali fattori di minaccia per la specie.
La riduzione della disponibilità di prede nelle zone umide di nidificazione, come pure la presenza di
di alte densità di Nutria (causa di disturbo diretto ai nidi) l’inquinamento e l’eutrofizzazione delle
acque sono altre importanti minacce per questa specie altamente specializzata, mentre le attività di
tempo libero risultano al momento causare un impatto limitato sulle colonie; la peculiarità dell’habitat
riproduttivo rende infatti poco agevole avvicinarsi ai siti di nidificazione. La precarietà dei substrati
flottanti di nidificazione è tale che andrebbe preclusa ogni attività recante disturbo alle colonie
(turismo, fotografia naturalistica, birdwatching, pesca sportiva, canottaggio).

192
Mignattino piombato Chlidonias hybrida

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 570 590 p 1 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 1900 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 42 42 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 10 10 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 400 500 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


G01 - Outdoor s ports a nd l ei s ure a cti vi ti es , recrea ti ona l acti vi ti es L
H01 - Pol l uti on to s urfa ce wa ters (l i mni c & terres tri al , ma ri ne & bra cki s h) L
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydra ul i c condi ti ons H
J02.01.02 - recl a ma ti on of l a nd from s ea , es tua ry or mars h H
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi tat fea tures M
J03.01.01 - reducti on of prey a va i l a bi l i ty (i nl udi ng ca rca s s es ) H
K02.03 - eutrophi cati on (na tural ) M
K03.05 - antagoni s m a ri s i ng from i ntroducti on of s peci es M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

193
Mignattino comune Chlidonias niger Il Mignattino comune Chlidonias niger è una
sterna coloniale che costruisce nidi flottanti su
vegetazione galleggiante in zone umide di acqua
dolce. In Italia nidifica oggi essenzialmente in
ambienti di risaia. Si alimenta di insetti, anellidi,
piccoli pesci ed anfibi. Migratore regolare a
lungo raggio, fino ad alcuni decenni fa transitava
in primavera con numeri imponenti di soggetti,
soprattutto lungo le coste tirreniche.
Codice Euring 06270 Il nostro Paese risulta connesso con popolazioni
Codice Natura 2000 A197 nidificanti ampiamente distribuite dall’Europa
settentrionale fino ad est degli Urali, e con aree di
svernamento distribuite lungo le coste dell’Africa
Direttiva Uccelli I occidentale ed a sud fino in Namibia.
La ridottissima popolazione nidificante italiana è
Convenzione di Berna II stimata in 120 coppie. Le scarse informazioni
Convenzione di Bonn 2, AEWA pregresse non consentono di valutare le tendenze
Lista Rossa Italiana EN demografiche a breve termine, mentre quelle a
Categoria SPEC 3 lungo termine suggeriscono fluttuazioni rispetto a
totali di coppie comunque non noti.

Foto M.
Valentini

Drammatica risulta invece la tendenza dell’areale: a fronte di una distribuzione molto frammentata,
che comunque interessava diverse regioni dell’Italia settentrionale e nord-orientale, la popolazione
italiana ha mostrato una riduzione di circa 2/3 rispetto agli anni ’80. Oggi la specie è estremamente
localizzata in zone risicole del Piemonte centro-orientale. Da ciò deriva come le minacce principali
per la conservazione del Mignattino comune in Italia siano rappresentate dalla possibile riduzione
dell’estensione delle risaie, da modifiche nella loro gestione e dall’intensivazione delle pratiche
agricole, dall’inquinamento delle acque. Inoltre, questa specie soffre della presenza della Nutria
Myocastor coypus, che si ciba della vegetazione flottante, induce disturbo ai nidi e occasionalmente
preda le uova. Risulta quindi indispensabile assicurare la duratura conservazione degli attuali
ambienti di nidificazione di origine antropica, fornire habitat rinaturalizzati e privi di specie introdotte
nelle adiacenze delle attuali colonie, ma anche approfondire le conoscenze sulla biologia della specie
nei contesti artificiali nei quali essa oggi sopravvive.

194
Mignattino comune Chlidonias niger

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2004 120 120 p 1 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2004 F var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 1200 kmq 3 3
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 14 14 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 75 75 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2004 x 100 120 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi cati on H
A02.02 - crop cha nge M
H01 - Pol l uti on to s urface wa ters (l i mni c & terres tri al , mari ne & bracki s h) M
I02 - probl ema ti c na ti ve s peci es L
J02.01 - Landfi l l , l a nd recl ama ti on a nd dryi ng out, genera l L
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures H
K03.05 - antagoni s m a ri s i ng from i ntroducti on of s peci es L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

195
Gufo reale Bubo bubo

Codice Euring 07440


Codice Natura 2000 A215

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana NT
Categoria SPEC 3
Foto M. Piacentino

Questo grande strigiforme, a distribuizione paleartico-orientale, è in Italia specie sedentaria, più


diffusa nei settori alpini e prealpini e più scarsa sugli Appennini, con presenze localizzate nel Carso
triestino, in Puglia ed in Basilicata.
La scarsità di informazioni relativa alla stima nazionale della popolazione nidificante e dei trend a
breve e a lungo termine sembra risentire di un’eccessiva riservatezza da parte di ricercatori e
appassionati della specie sulla presenza delle coppie riproduttive, che, se in passato era legittimata
dall’esigenza di proteggere le coppie dal bracconaggio e dalla persecuzione, negli ultimi decenni ha di
fatto soprattutto ostacolato una più completa conoscenza dello status di conservazione nazionale.
La specie appare in incremento in alcuni settori prealpini e in decremento nella maggior parte della
fascia appenninica. Le ZPS, nel 2006 ospitavano non meno del 40% della popolazione nazionale, ma
non sono disponibili dati più recenti.
Il Gufo reale occupa prevalentemente luoghi a topografia accidentata e difficilmente accessibili
all’uomo, quali i versanti rocciosi di vallate ampie o anche di forre o gole, come anche pareti di cave
abbandonate, purché con esposizione favorevole e relativamente vicini a spazi aperti o semi-aperti
utilizzati per la caccia.
I principali fattori di minaccia sono rappresentati soprattutto dall’elettrocuzione e dall’impatto con
cavi sospesi, fonte di mortalità molto elevata (soprattutto nei giovani) e dalla chiusura degli ambienti
aperti causata dall’abbandono delle pratiche agricole e pastorali di tipo tradizionale, in ambito sia
alpino che appenninico.
Tra le misure di conservazione prioritarie vi sono la prevenzione delle collisioni contro i cavi aerei
(anche attraverso accorgimenti tecnici specifici), in particolare nelle aree di nidificazione, nonché
l’incentivazione delle attività agricole in grado i mantenere i prati-pascoli, ambiente preferenziale per
l’attività trofica. la specie potrebbe risentire dell’uso di rodenticidi in agricoltura.

196
Gufo reale Bubo bubo

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 250 340 p 1 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a lungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 2 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 95700 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termi ne 2002-2013 ▼ 9 9 var. % 2 2
Trend di a rea l e a lungo termi ne 1983-2013 ▲ 139 139 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x 100 300 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A03.03 - a ba ndonment / la ck of mowing M
A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l s ys tems , la ck of gra zi ng H
D01 - Roa ds , pa ths a nd ra il roa ds M
D02.01.01 - s us pended el ectri city a nd phone lines H
E01 - Urba nis ed a rea s , huma n ha bitation M
F03.02.03 - tra pping, poi s oni ng, poa ching L
G01.04 - mounta ineering, rock cli mbing, s peleol ogy M

Carta della distribuzione e range

197
Civetta nana Glaucidium passerinum La Civetta nana è il più piccolo strigiforme
d'Europa, avendo dimensioni simili a quelle di
uno Storno. Ciò nonostante, è in grado di
catturare prede di dimensioni superiori alle
proprie, come merli e tordi. La sua presenza in
Italia è limitata all'arco alpino, ed è
Codice Euring 07510 probabilmente ciò che resta di una distribuzione
Codice Natura 2000 A217 più estesa in passato, quando il clima era più
rigido: per queste ragioni, si definiscono questa
ed altre specie a distribuzione boreo-alpina come
Direttiva Uccelli I "relitti glaciali".
La popolazione nazionale si aggira probabilmente
Convenzione di Berna II intorno alle mille coppie nidificanti. Si tratta
Convenzione di Bonn tuttavia di un valore indicativo: al momento non
Lista Rossa Italiana NT si dispone di una stima più attendibile a causa
Categoria SPEC della difficoltà di condurre censimenti accurati su
ampie superfici.

Foto M. Mendi

Mancano anche informazioni sull'andamento demografico della specie, mentre l'areale appare
sostanzialmente stabile, benché in assenza di dati circostanziati e precisi per molti settori alpini.
L'apparente espansione in certe aree va imputata verosimilmente a precedenti lacune conoscitive.
Strettamente legata a boschi di conifere in ambito montano, la Civetta nana può risentire
negativamente di una gestione forestale non compatibile con le esigenze ecologiche della specie; in
particolare, il taglio su superfici ampie, la rimozione di alberi morti o malati (solitamente quelli più
ricchi di potenziali cavità-nido, inclusi i nidi dei picchi), l'abbattimento di alberi di grandi dimensioni
possono determinare la scomparsa delle condizioni necessarie alla specie. Anche la chiusura delle
radure ha effetti negativi sulla Civetta nana, che utilizza per la caccia anche ambienti aperti al margine
delle foreste.
La qualità delle informazioni sulla specie è in generale modesta, anche per quanto riguarda le
popolazioni all’interno delle ZPS. In futuro, sarà importante monitorare con maggiore attenzione
distribuzione e trend della Civetta nana sulle Alpi. Essendo legata a boschi montani adattati ad un
clima relativamente freddo, rappresenta una delle specie potenzialmente più minacciate dal
cambiamento climatico.
198
Civetta nana Glaucidium passerinum

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 700 1400 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2006 = var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 28900 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 8 8 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 4 4 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl ea ra nce M
B02.04 - removal of dea d and dyi ng trees M
B02.06 - thi nni ng of tree l ayer M
B03 - fores t expl oi tati on wi thout repl a nti ng or na tural regrowth M
B07 - Forestry a cti vi ti es not referred to a bove M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

199
Allocco degli Urali Strix uralensis

La prima nidificazione di Allocco degli Urali in


Codice Euring 07650 Italia risale al 1994: si tratta pertanto di una
Codice Natura 2000 A220 specie che è entrata da pochi anni a far parte della
nostra avifauna. Per questa ragione, non è
possibile operare confronti diretti con la
Direttiva Uccelli I situazione storica. Dopo la scoperta della prima
riproduzione, sono state localizzate alcune coppie
Convenzione di Berna II nidificanti, tutte in Friuli Venezia Giulia e in
Convenzione di Bonn R Veneto, ma la popolazione nota è ancora
Lista Rossa Italiana NA estremamente ridotta. La piccola popolazione
Categoria SPEC italiana si trova al margine occidentale estremo
dell'areale globale della specie.

Foto L. Sebastiani

I dati disponibili non consentono di discriminare con certezza tra incremento reale della specie ed
incremento delle conoscenze relative alla sua distribuzione. L'Allocco degli Urali abita soprattutto
foreste mature con spazi aperti come radure, praterie e coltivi, utilizzati come ambienti di caccia.
Data l'estrema localizzazione di questo Strigiforme e il ridotto numero di coppie presenti, lo stato di
conservazione non si può ritenere soddisfacente, nonostante il suo apparente incremento dopo la
scoperta della sua presenza negli anni Novanta. Nei prossimi anni, è auspicabile monitorare
l'evoluzione dell'insediamento della specie nel nord-est del Paese e assicurare una gestione forestale
compatibile con le esigenze ecologiche di questo strigide (in particolare attraverso il mantenimento di
alberi vecchi e maturi e la limitazione del disturbo antropico) nelle aree di presenza. Dove non vi
siano alberi con cavità idonee, l'apposizione di cassette-nido può favorire la nidificazione
riproduzione della specie, come già avvenuto in Friuli.

200
Allocco degli Urali Strix uralensis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006-2008 5 8 p 4 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1994-2008 ▲ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 4800 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 1500 1500 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne var. %

periodo direz. B. T. min max unità metodo


Popolazione nidificante nelle ZPS 2006-2008 x 2 5 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Fores t and Pl antati on ma na gement & us e M
B02.02 - fores try cl earance L
B02.04 - remova l of dead a nd dyi ng trees L
D01.01 - paths , tracks , cycl i ng tracks M

Carta della distribuzione


(risoluzione 50x50 km)

201
Civetta capogrosso Aegolius funereus

Codice Euring 07700


Codice Natura 2000 A223

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn R
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC
Foto M. Piacentino

La Civetta capogrosso mostra caratteristiche ecologiche simili alla Civetta nana e le due specie hanno
una distribuzione geografica e preferenze ambientali analoghe. Anche la Civetta capogrosso si trova
in Italia solo sull'arco alpino (dove rappresenta un "relitto glaciale"), con distribuzione più continua ed
omogenea nel settore orientale e una popolazione che ammonta a qualche migliaio di coppie.
In assenza di studi dettagliati sull'andamento delle popolazioni della specie, è impossibile stabilirne il
trend e quantificare correttamente le variazioni di areale. In questo senso, le poche differenze rilevate
rispetto al passato possono essere attribuibili a un diverso livello di conoscenza o anche a differenze
nella restituzione cartografica del dato. È probabile che questa specie sia rimasta relativamente stabile
negli ultimi decenni, periodo in cui potrebbe aver beneficiato di una gestione più attenta dei boschi e
dell'espansione del Picchio nero, i cui nidi rappresentano il sito riproduttivo di gran lunga più
frequente per la Civetta capogrosso. Tuttavia, è verosimile che nel prossimo futuro questa specie,
legata a foreste di conifere e miste in contesti montani "freddi" risenta negativamente del
cambiamento climatico ed in particolare dell'aumento delle temperature.
La Civetta capogrosso è negativamente influenzata da forme di gestione forestale che causano
l'abbattimento degli alberi vecchi, morti o malati e di quelli di maggiori dimensioni, ed è sfavorita
anche della perdita di radure e di altri ambienti aperti o semi-aperti al limite delle foreste, spesso
utilizzati per la caccia.

202
0
Civetta capogrosso Aegolius funereus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 1500 3500 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 34200 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 4 4 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 8 8 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Forest a nd Pl a nta ti on management & us e M
B02.02 - fores try cl ea ra nce M
B02.04 - removal of dea d and dyi ng trees M
B02.06 - thi nni ng of tree l ayer M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 – 2013

203
Succiacapre Caprimulgus europaeus
Il Succiacapre è una specie migratrice trans-
sahariana, il cui areale riproduttivo comprende, in
Codice Euring 07780 Italia, tutta la penisola e le due isole maggiori con
Codice Natura 2000 A224 ampi vuoti di areale nelle vallate più interne delle
Alpi, nella Pianura Padana, in Puglia e Sicilia. La
specie sverna in Africa meridionale ed orientale e
Direttiva Uccelli I localmente in quella centro-occidentale.
L’habitat riproduttivo è caratterizzato da ambienti
Convenzione di Berna II caldi e versanti soleggiati, con ridotta copertura
Convenzione di Bonn arborea, radure di boschi, pascoli aperti e
Lista Rossa Italiana LC cespugliati, aree steppiche con alberi e cespugli
Categoria SPEC 2 sparsi e garìghe, anche in presenza di affioramenti
rocciosi.

Foto A. De Faveri

Il Succiacapre è relativamente poco studiato in Italia e la maggior parte delle informazioni di cui
disponiamo proviene da studi svolti all’estero.
La stima di 10.000-30.000 coppie della popolazione nidificante merita certamente una revisione. Solo
studi specifici potranno consentire di definire il trend di popolazione (valutato ancora in calo nel
lungo termine) e quantificare le variazioni intercorse negli intervalli temporali di confronto. Anche la
percentuale della popolazione presente nelle ZPS risulta sconosciuta. L’apparente espansione verso
sud dell’areale riproduttivo è da ricondurre ad un’insufficiente copertura del territorio durante gli anni
’80, soprattutto nelle regioni meridionali, e alla conseguente sottostima della distribuzione storica.
L’abbandono delle aree agricole estensive e loro conversione ad un regime intensivo contribuiscono a
rendere l’ambiente meno diversificato, facendo così scomparire gli habitat elettivi della specie. Il
Succiacapre è prevalentemente associato a stadi transitori delle successioni vegetazionali. Nell’ambito
della gestione forestale, il mantenimento di aree con vegetazione arborea rada e di formazioni
disetanee deve pertanto essere considerato un requisito primario per la sua conservazione.

204
Succiacapre Caprimulgus europaeus

periodo min max tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2006 10000 30000 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2006 ▼ ? ? var. % 1 1
periodo metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 283100 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 3 3 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 44 44 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2006 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi cati on M
A04.03 - a ba ndonment of pa stora l s ys tems , l ack of gra zi ng M
A10.01 - remova l of hedges a nd cops es or s crub L
E01 - Urbani s ed a rea s , huma n ha bi tati on M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures M
XE - Threats and pres sures from outs i de the EU terri tory L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

205
Martin pescatore Alcedo atthis
Tra i più caratteristici uccelli dell’ambiente
fluviale, questo piccolo Coraciforme piscivoro
Codice Euring 08310 frequenta fiumi, torrenti e zone umide nelle quali
Codice Natura 2000 A229 siano reperibili sponde e scarpate terrose in cui
scavare il nido. Si tratta di una specie a corologia
paleartico-orientale, in gran parte sedentaria, ma
Direttiva Uccelli I con popolazioni migratrici soprattutto nella
porzione centro-orientale dell’areale. In Italia i
Convenzione di Berna II movimenti della popolazione nidificante
Convenzione di Bonn appaiono di tipo dispersivo, ed il numero di
Lista Rossa Italiana LC soggetti coinvolti è fluttuante da un anno
Categoria SPEC 3 all’altro. Ben caratterizzati sono invece i
movimenti migratori di individui provenienti da
popolazioni più settentrionali ed orientali.
Nel nostro Paese, la distribuzione del Martin pescatore è abbastanza uniforme nelle regioni
settentrionali e centrali, più frammentata in Italia meridionale e nelle isole, ove la presenza di piccole
popolazioni è stata rilevata soltanto recentemente.

Foto M. Piacentino

È maggiormente diffuso tra il livello del mare e i 300 m di altitudine, ma può nidificare fino a 900 m.
La popolazione non risulta oggetto di attività di monitoraggio specifiche, ed estremamente carenti
sono i dati relativi ai formulari relativi alle ZPS, nonostante la facile contattabilità della specie.
Pertanto il valore della popolazione nazionale è da considerarsi indicativo. Le scarse informazioni
sulla consistenza numerica si riflettono inevitabilmente nell’impossibilità di valutare il trend a breve e
a lungo termine. Per quanto concerne l’assetto distributivo, la stabilità dell’estensione dell’areale, in
particolare nel confronto con l’areale storico, è in realtà l’effetto di una compensazione tra aree di
nuova colonizzazione ed aree apparentemente perse, le ultime attribuibili ad non completo e poco
uniforme aggiornamento dell’attuale areale riproduttivo.
Lo stato di conservazione della specie deve quindi essere definito sulla base di più affidabili dati sulla
distribuzione e sulla consistenza numerica, che può essere influenzata da inverni particolarmente
rigidi, ma anche da cambiamenti dei livelli idrici dei corsi d’acqua - dovuti sia a cause antropiche
(modificazioni del regime idrico di aree umide, opere di bonifica) che ai cambiamenti climatici,
dall’inquinamento delle acque interne e dall’uso sempre più ricorrente di interventi di difesa idraulica,
che modificano la funzionalità fluviale e la dinamica naturale dei corsi d’acqua.

206
Martin pescatore Alcedo atthis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 6000 16000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 216300 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 1 1 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 = var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


H01 - Pol l uti on to s urfa ce waters (l i mni c & terres tri a l , mari ne & bracki s h) M
J02.01 - La ndfi l l , l a nd recl a mati on a nd dryi ng out, genera l M
J02.01.03 - i nfi l l i ng of di tches , dykes, ponds , pool s, ma rs hes or pi ts L
J02.03.02 - cana l i s ati on M
J02.05.02 - modi fyi ng s tructures of i nl a nd water courses M
J02.12 - Dykes, emba nkments , arti fi ci a l beaches , genera l M
J03.01.01 - reducti on of prey a vai l abi l i ty (i nl udi ng carcas s es ) L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

207
Ghiandaia marina Coracias garrulus

La Ghiandaia marina è un Coraciforme migratore


Codice Euring 08410 trans-sahariano, nidificante estivo, svernante in
Codice Natura 2000 A231 Africa centrale e meridionale.
La specie nidifica soprattutto in aree collinari,
ricche di cavità e pareti naturali, fino a 600-700 m
Direttiva Uccelli I di quota. Si può trovare anche in pinete litoranee,
frutteti e coltivi alberati. Il nido è ubicato in cavità
Convenzione di Berna II sia di alberi (precedentemente preparate dal
Convenzione di Bonn 2 picchio verde) sia di manufatti: case coloniche,
Lista Rossa Italiana VU ponti, pali e vecchie cassette sospese delle linee
Categoria SPEC 2 elettriche e telefoniche, ed è quindi attirata dai
nidi artificiali.

Foto M. Piacentino

L’elevata espansione dell’areale, soprattutto evidente nel lungo termine, sembra attribuibile sia ad un
aumento nelle aree riproduttive storiche (presenti in Puglia, Basilicata e Calabria, nelle due isole
maggiori insulari, e nelle aree tirreniche del Lazio e della Toscana), sia al più recente insediamento in
diverse aree dell’Italia centrale e settentrionale (Marche, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte), dove
la specie ha stabilito piccole popolazioni nidificanti.
L’appariscente bellezza di questo uccello ha sicuramente attratto la curiosità del mondo ornitologico
amatoriale e dei fotografi naturalisti, e ha favorito il miglioramento delle conoscenze sullo status di
conservazione in Italia. L’assenza del segno e dei valori di magnitudine del trend di popolazione nella
tabella è essenzialmente dovuta alla mancanza di pubblicazioni riportanti una stima nazionale
aggiornata, verosimilmente superiore rispetto a quella indicata e tale da suggerire un trend in
incremento. Si auspica che tale aggiornamento possa scaturire dal sempre maggiore coordinamento e
scambio di informazioni tra i gruppi ornitologici attivi nelle diverse aree del paese.
La consistenza numerica ancora contenuta e la presenza di diversi fattori di minaccia (soprattutto
l’aumento dell’intensivazione delle attività agricole, l’abbandono dei sistemi agro-pastorali, la
riduzione degli incolti e la ristrutturazione o all’abbattimento di vecchi edifici rurali abbandonati)
rendono la specie ancora vulnerabile.

208
Ghiandaia marina Coracias garrulus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 300 500 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 74500 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 43 43 var. % 2 2
Trend di areal e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 71 71 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x 100 200 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tura l i ntens i fi ca ti on H
A04.03 - a ba ndonment of pa s tora l s ys tems , l a ck of gra zi ng H
A10.01 - remova l of hedges a nd cops es or s crub H
B02.04 - remova l of dea d a nd dyi ng trees L
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poachi ng L

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 – 2013

209
Picchio cenerino Picus canus

Codice Euring 08550


Codice Natura 2000 A234

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC 3
Foto M. Mendi

Il Picchio cenerino abita la fascia temperata e parte della zona boreale di una vasta porzione del
Paleartico. In Italia si rinviene nelle regioni nord-orientali, dove è prevalentemente sedentario e
presente con una popolazione stimata in 700-1500 coppie. L'areale della specie recentemente mostra
segni di espansione, soprattutto verso ovest: il Picchio cenerino sta ampliando progressivamente il suo
areale alla Lombardia (province di Sondrio e Brescia), dove fino a pochi anni fa era considerato molto
raro e localizzato nel settore più orientale. Le notizie sulla sua distribuzione in epoca storica sono
invece piuttosto contraddittorie: secondo alcuni autori, in passato era presente su tutto l'arco alpino,
sino alla Liguria, ma molti esperti ritengono poco affidabili queste informazioni.
Il Picchio cenerino occupa boschi di conifere o misti, talvolta boschi ripariali; in tutti i casi, è
comunque legato, da un lato, alla presenza di alberi di buone dimensioni in cui scavare il nido e,
dall'altro, alla disponibilità di ambienti aperti o semi-aperti in cui cercare gli invertebrati (soprattutto
formiche) di cui si nutre. Per questo motivo predilige boschi aperti o circondati da prati e pascoli.
Le principali minacce per la specie sono legate ad una gestione forestale poco attenta, con rimozione
di alberi vecchi, morti o senescenti, preferiti per lo scavo del nido, e alla perdita del mosaico
ambientale caratterizzato dalla presenza di boschi radi e o alternati ad ambienti aperti.
La scarsità di dati quantitativi sulla densità e sull'andamento demografico della specie rende
auspicabile l'avvio di indagini più approfondite in futuro, anche al fine di monitorare l'esito della
recente espansione di areale.

210
0
Picchio cenerino Picus canus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 700 1500 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2009 = var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2009 = var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 23400 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 44 44 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 16 16 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl ea rance M
B02.04 - removal of dead a nd dyi ng trees H

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 – 2013

211
Picchio nero Dryocopus martius

Codice Euring 08630


Codice Natura 2000 A236

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC

Foto A. De Faveri

Il Picchio nero è presente in buona parte dell'Europa e dell'Asia. In Italia, dove è prevalentemente
stazionario, pur potendo compiere movimenti di una certa portata in periodo invernale, è presente con
relativa continuità nel settore prealpino e alpino, mentre la sua distribuzione è molto più frammentata
in ambito appenninico.
La specie abita boschi di vario tipo, purché siano presenti alberi maturi, di grandi dimensioni, e
ambienti ricchi di cibo (tratti di bosco con abbondante legno morto, ambienti aperti o semi-aperti con
ampia disponibilità di formiche). In ambito prealpino utilizza ambienti leggermente diversi per la
nidificazione e per l'alimentazione, selezionando tratti con maggior copertura forestale per la
realizzazione del nido e aree a mosaico, con esposizione favorevole, per la ricerca delle prede.
Il Picchio nero rappresenta un ottimo esempio dell'andamento favorevole che contraddistingue negli
ultimi anni molte specie tipicamente forestali in Italia. La popolazione italiana, che conta alcune
migliaia di coppie, appare infatti in espansione e nell'ultimo ventennio si è assistito ad una progressiva
colonizzazione di settori collinari e, in alcuni casi, planiziali, da parte di questa specie, un tempo
relegata alle foreste montane. Tra i territori di nuova occupazione si segnalano diverse località della
Liguria occidentale e dell’Appennino, soprattutto nel sud della penisola.
L'espansione dei boschi e la loro miglior gestione hanno sicuramente favorito la diffusione di questa
specie e, verosimilmente, ne hanno determinato un incremento numerico, fenomeni che i dati
attualmente disponibili non consentono di quantificare.
Come gli altri picchi, anche il Picchio nero necessita del mantenimento di alberi maturi, senescenti o
morti, e risulta pertanto negativamente condizionato da forme di gestione forestale che non ne
garantiscono un’adeguata disponibilità.

212
Picchio nero Dryocopus martius

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 1300 3700 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 x ? ? var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2009 ▲ ? ? var. % 1 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 69800 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 45 45 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 36 36 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl ea ra nce H
B02.04 - removal of dea d and dyi ng trees H
B02.06 - thi nni ng of tree l ayer M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

213
Picchio rosso mezzano Dendrocopos medius

Codice Euring 08830


Codice Natura 2000 A238

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC

Foto N. Destefano

Il Picchio rosso mezzano è una specie diffusa prevalentemente in Europa. La sua distribuzione mostra
un curioso "vuoto" in corrispondenza del nord Italia, dove la specie è accidentale: si rinviene infatti in
centro Europa, sino alla Svizzera settentrionale, mentre manca da gran parte della Alpi e dalle regioni
italiane settentrionali, per tornare ad essere presente nei boschi di latifoglie dell'Appennino centrale e
meridionale. In gran parte del suo areale, risulta legato alla presenza di boschi di querce, con presenza
di alberi maturi e/o morti.
La popolazione italiana ammonta a poche centinaia di coppie nidificanti, ma appare in espansione, sia
in termini numerici che di areale. Sebbene non si possa escludere un effetto delle maggiori
conoscenze sull'espansione della specie osservata negli ultimi decenni, è verosimile che il
miglioramento qualitativo e quantitativo del bosco abbia influito positivamente anche sul Picchio
rosso mezzano.
L'elevata specializzazione ecologica della specie si traduce in una scarsa capacità di adattarsi a nuove
situazioni e in una stretta dipendenza da habitat forestali specifici; conseguentemente, la specie risulta
vulnerabile a impatti antropici diretti o indiretti, ed in particolare a tipologie di gestione forestale (in
senso lato) non favorevoli alla specie, come rimboschimenti con essenze arboree non autoctone,
alterazione della struttura delle foreste, rimozione di alberi maturi, malati o morti. La corretta gestione
dei boschi di latifoglie è pertanto di fondamentale importanza per la conservazione della specie.
La mancanza di dati quantitativi recenti impedisce la definizione del trend di popolazione recente; è
auspicabile avviare programmi di monitoraggio standardizzato per colmare questa lacuna e migliorare
le conoscenze su distribuzione e trend demografico del Picchio rosso mezzano. Studi approfonditi
sulla sua ecologia potranno aiutare invece a chiarire i motivi della sua distribuzione e ad attuare
efficaci strategie di conservazione.

214
Picchio rosso mezzano Dendrocopos medius

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 400 600 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1983-2007 ▲ 20 35 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 13700 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 57 57 var. % 2 2
Trend di a real e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 68 68 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x 150 200 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02 - Fores t a nd Pl a ntati on ma na gement & us e H
B02.02 - fores try cl ea ra nce M
B02.04 - remova l of dead a nd dyi ng trees H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

215
Picchio dalmatino Dendrocopos leucotos

Codice Euring 08840


Codice Natura 2000 A239

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC
Foto A. Di Federico

Il Picchio dalmatino è presente in Europa ed Asia. La sottospecie Dendrocopos leucotos lilfordii è


presente in Italia (dove la popolazione conta poche centinaia di coppie), Medio Oriente ed Europa
meridionale. In Italia si trova soprattutto in boschi montani nell’Appennino centro-meridionale (800-
1.800 m s.l.m.), di varia tipologia, ma sempre caratterizzati da buona strutturazione e dalla presenza di
alberi morti o morenti, sia in piedi che caduti.
La conservazione della specie si basa pertanto sul mantenimento di foreste mature, eterogenee, ben
strutturate, e soprattutto contraddistinte da abbondanza di alberi morti o senescenti. Nel Parco
Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise la tutela delle foreste mature e delle piante morte al loro interno
è verosimilmente la causa della relativa abbondanza della specie nel parco, che indirettamente
conferma l'importanza di adottare corrette forme di utilizzo delle risorse forestali.
Le informazioni sulla specie, ben studiata in alcuni contesti specifici (Parco Nazionale d’Abruzzo,
Lazio e Molise in primis), sono lacunose e imprecise per quanto riguarda distribuzione ed andamento
demografico; l'aumento di areale potrebbe infatti essere dovuto in parte ad una maggiore conoscenza
della specie, anche se è verosimile che negli ultimi trent'anni la specie abbia comunque incrementato i
propri effettivi ed esteso, almeno localmente, la propria distribuzione. Studi più approfonditi sono
auspicabili in futuro per definire con maggior precisione areale e trend di popolazione della specie in
Italia.

216
Picchio dalmatino Dendrocopos leucotos

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 250 350 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 = var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▲ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 5500 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 67 67 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 183 183 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 = 250 350 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl ea ra nce H
B02.04 - removal of dea d and dyi ng trees M
B02.06 - thi nni ng of tree l ayer M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 – 2013

217
Picchio tridattilo Picoides tridactylus

Codice Euring 08980


Codice Natura 2000 A241

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn
Lista Rossa Italiana NT
Categoria SPEC 3
Foto M. Mendi

Il Picchio tridattilo ha una distribuzione oloartica-boreoalpina ed occupa un areale molto ampio,


esteso su gran parte dell'emisfero settentrionale. In Italia è presente nelle regioni nord-orientali con
una popolazione ridotta (100-250 coppie) ed è prevalentemente stazionario, pur mostrando erratismi
invernali.
Sulle Alpi italiane abita foreste montane di conifere, nidificando prevalentemente in alberi morti o
malati, in prossimità di aperture create da valanghe, crolli o tagli su piccola scala.
L'andamento della popolazione appare sostanzialmente stabile, nonostante manchino informazioni
quantitative sufficienti per una valutazione precisa del trend. L'areale della specie sembra invece in
decisa espansione. Sebbene questo incremento della superficie occupata possa essere in parte dovuto
ad un aumento delle conoscenze, l'effettiva espansione della specie appare inequivocabile, ed
attualmente è presente in maniera molto più regolare di un tempo nel Trentino occidentale, mentre
recentissima è la conferma della sua presenza e nidificazione anche in alcune località lombarde.
Vista la recente dinamicità della distribuzione della specie e la mancanza di informazioni sufficienti
relativamente alla sua popolazione e al relativo andamento, si rende auspicabile avviare specifici
programmi di monitoraggio della specie nelle aree alpine interessate dalla sua presenza.
Come gli altri Picidi, anche il Picchio tridattilo è strettamente dipendente da ambienti forestali idonei,
ricchi di alberi maturi, morti, malati, anche in corrispondenza di piccole zone aperte, la cui
preservazione è alla base di una gestione forestale compatibile con le esigenze di conservazione della
specie.
La rarità della specie e le scarse conoscenze relativamente al suo trend e alla sua ecologia
determinano uno stato di conservazione non soddisfacente, nonostante l'apparente espansione areale.

218
Picchio tridattilo Picoides tridactylus

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 100 250 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2009 = var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2009 = var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 12400 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a rea l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 61 61 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 30 30 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x 60 160 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.02 - fores try cl ea ra nce M
B02.04 - removal of dead a nd dyi ng trees H
B02.06 - thi nni ng of tree l a yer M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

219
Calandra Melanocorypha calandra La Calandra è un Alaudide presente in Italia con
popolazioni prevalentemente sedentarie. Nidifica
soprattutto in aree pianeggianti e collinari aride,
in incolti, pseudosteppe, coltivi estensivi e
pascoli. Più diffusa sotto ai 500 m di quota, può
spingersi fino a 1.000-1.500 m (Sicilia e
Sardegna).
Codice Euring 09610 Il suo areale è discontinuo, interessando le regioni
Codice Natura 2000 A242 centro-meridionali e insulari. Probabilmente
Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna (in
quest’ultima erano stimate 4.000 coppie nel 1985-
Direttiva Uccelli I 93) sono le regioni più importanti a livello di
popolazione. L’areale sembra essere andato
Convenzione di Berna II incontro ad alcune importanti variazioni
Convenzione di Bonn (soprattutto in Sicilia, Puglia e Italia centrale),
Lista Rossa Italiana VU tuttavia non emerge un trend evidente, per un
Categoria SPEC 3 effetto di compensazione tra aree non più
occupate e aree di nuova colonizzazione.

Foto A. De Faveri

La variazione demografica recente e del lungo periodo è indicativa di un decremento numerico.


L’entità di questa diminuzione dovrebbe tuttavia essere considerata con estrema cautela, poiché si
ritiene che i dati disponibili non consentano una sua sicura quantificazione
Lo stato di conservazione deve ritenersi nel complesso cattivo, per una riduzione dell’ambiente
idoneo conseguente ai cambiamenti di uso del suolo. La specie risente sia dell’intensivazione
agricola, sia dell’abbandono delle pratiche agro-pastorali tradizionali.
Ai fini di sviluppare politiche mirate di conservazione sarebbe necessario avviare studi dettagliati
sulla demografia, l’ecologia e i fattori limitanti che agiscono nei confronti di questa specie.

220
Calandra Melanocorypha calandra

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 6000 12000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2011 ▼ 30 0 var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 78600 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 5 5 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 7 7 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tura l i ntens i fi cati on H
A02.03 - gras s l and remova l for arabl e l a nd H
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi cal s M
F03.02.03 - tra ppi ng, poi soni ng, poachi ng L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

221
Calandrella Calandrella brachydactyla Le popolazioni di Calandrella nidificanti in Italia
sono migratrici e svernano nell’Africa sub-
sahariana. Nel nostro Paese l’habitat riproduttivo
Codice Euring 09680 è costituito da ambienti aperti costieri e interni,
Codice Natura 2000 A243 greti fluviali, saline, pseudo-steppe aride e
ciottolose, coltivi e pascoli aridi. Si trova con
maggior diffusione alle basse quote, sino a 400-
Direttiva Uccelli I 600 m, più raramente ad altitudini maggiori
(1300-1400 m, nell’Appennino umbro-abruz-
Convenzione di Berna II zese).
Convenzione di Bonn Le informazioni sulla dimensione della
Lista Rossa Italiana EN popolazione, così come sulla distribuzione, non
Categoria SPEC 3 sono accurate a causa della mancanza di indagini
specifiche condotte su vasta scala. Il quadro
complessivo che emerge nel rapporto fa appari-

Foto A. Di Federico

re lo stato di conservazione della specie più favorevole di quanto probabilmente sia nella realtà.
Benché la cartografia mostri una distribuzione piuttosto diffusa dalla pianura friulana alla fino alla
Sicilia, in realtà la Calandrella nidifica principalmente nelle regioni centro-meridionali e insulari,
dove risulta concentrato il maggior numero di coppie. Più a nord sono presenti solo piccoli nuclei
riproduttivi isolati.
Anche il trend di areale, pesantemente condizionato dalla sovrastima dell’areale attuale, si traduce in
un aumento apparente, sia a breve termine sia, ancor più marcatamente, a lungo termine.
Per via della riduzione dell’ambiente idoneo conseguente ai cambiamenti di uso del suolo e di
evidenze attestanti estinzioni locali, lo stato di conservazione della specie in Italia rimane non
favorevole. In particolare, l’intensivazione agricola, l’abbandono dei sistemi agro-pastorali e il
disturbo antropico nei greti fluviali rappresentano le minacce più rilevanti.
In tutti i principali settori geografici in cui si sono mantenute popolazione residue sarà importante nei
prossimi anni raccogliere dati più affidabili e colmare le conoscenze sui fattori in grado di
condizionare abbondanza e distribuzione di questo uccello, per orientare in modo quanto più razionale
le politiche di conservazione.

222
Calandrella Calandrella brachydactyla

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 15000 30000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▼ 50 60 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2012 ▼ 55 85 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 184500 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 17 17 var. % 2 2
Trend di a real e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 34 34 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tural i ntensi fi ca ti on H
A02.02 - crop cha nge M
G01.03.02 - off-roa d motori zed dri vi ng L
J02.05.02 - modi fyi ng s tructures of i nl a nd wa ter cours es M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

223
Tottavilla Lullula arborea Distribuita principalmente nei rilievi appenninici
dell’Italia peninsulare e nelle due isole maggiori,
questa specie è legata alle aree prative anche di
Codice Euring 09740 limitata superficie con presenza di alberi e alle
Codice Natura 2000 A246 zone di interfaccia ecotonale tra il prato-pascolo e
il bosco. La distribuzione appare assai più
discontinua nelle zone costiere, nelle pianure
Direttiva Uccelli I della penisola e nella catena alpina. La specie è
pressoché assente nella Pianura Padana.
Convenzione di Berna III Contrariamente a quanto avvenuto per altri
Convenzione di Bonn Alaudidi, il trend della popolazione italiana nel
Lista Rossa Italiana LC breve termine, in base ai dati del monitoraggio a
Categoria SPEC 2 scala nazionale, è risultato in significativo
incremento. Si tratta di una tendenza non
facilmente spiegabile, considerato che nei contesti

Foto A. De Faveri

montani si è accentuata negli ultimi anni la perdita di superfici prative in conseguenza dell’abbandono
del pascolo estensivo, che attualmente si configura come la più importante minaccia per lo stato di
conservazione. Probabilmente la vocazione ecotonale e la capacità di adattarsi ad habitat prativi di
ridotta estensione permette a questa specie di risentire in modo ancora limitato dell’effetto diffuso di
questo fenomeno. Il discreto stato di salute della popolazione ha portato ad attribuire alla Tottavilla la
categoria di minore rischio di estinzione nella Lista rossa.
La stima della popolazione evidenzia un ampio divario tra il minimo e il massimo dell’intervallo di
variazione: si tratta infatti di un dato indicativo, che andrebbe confermato da valutazioni
demografiche più specifiche. Attualmente il numero di coppie nidificanti non è conosciuto nemmeno
all’interno delle ZPS.
Un apparente trend positivo risulta anche dal confronto tra l’areale attuale e quello storico del 1986.
Tuttavia si ritiene che tale variazione sia attribuibile più ad una sovrastima dell’areale elaborato nelle
cartografie tratte dalle più recenti fonti bibliografiche che ad una effettiva espansione e
colonizzazione di nuove aree riproduttive.

224
Tottavilla Lullula arborea

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 20000 40000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▲ 45 55 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2012 ▲ 45 55 var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 220200 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di areal e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 17 17 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 30 30 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tural i ntens i fi ca ti on M
A03.03 - a bandonment / l a ck of mowi ng H
A04.03 - a bandonment of pas toral s ystems , l ack of gra zi ng H
B01 - fores t pl a nti ng on open ground M
F03.02.03 - trappi ng, poi s oni ng, poa chi ng L

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

225
Calandro Anthus campestris Il Calandro Anthus campestris è un Passeriforme
migratore trans-sahariano, nidificante estivo,
svernante in Africa sub-sahariana (Sahel) e in
Codice Euring 10050 Asia sud-occidentale. La specie nidifica
Codice Natura 2000 A255 soprattutto in ambienti aperti, aridi con poca o
nulla copertura erbacea, come i greti fluviali, i
pascoli, le praterie montane, i calanchi e le dune.
Direttiva Uccelli I In Italia nidifica nelle regioni appenniniche
centro-meridionali, in Sicilia e Sardegna, mentre
Convenzione di Berna II risulta raro in ambito pre-alpino ed alpino. Si
Convenzione di Bonn trova con maggior diffusione tra 100 e 400 m,
Lista Rossa Italiana LC fascia in cui sono più frequenti gli affioramenti di
Categoria SPEC 3 calanchi, e fino a 1350 m in ambiente alpino e
appenninico.

Foto M. Valentini

Il trend di popolazione risulta stabile a breve termine, mentre ha subìto una pronunciata e
preoccupante diminuzione nel corso degli ultimi anni.
Come per molte altre specie legate agli ambienti aperti, anche nel caso del Calandro le popolazioni
più consistenti sono localizzate nelle regioni centro-meridionali, dove la copertura dell’areale
riproduttivo è più continua. La scarsa corrispondenza tra trend di popolazione e trend di areale, che
rimane sostanzialmente invariato sia nel breve che nel lungo termine, è attribuibile a un mancato
aggiornamento della distribuzione, che potrebbe risultare inferiore a quella rappresentata. Si ritiene
pertanto che lo stato di conservazione della specie in Italia debba ritenersi cattivo.
La specie risulta ancora poco studiata in Italia, soprattutto per quanto concerne i fattori in grado di
condizionarne abbondanza e distribuzione. L’intensivazione delle pratiche agricole e l’abbandono dei
sistemi agro-pastorali, che provoca la riduzione delle aree prative sia in collina che in media
montagna, potrebbero aver contribuito al declino della specie soprattutto lungo tutto l’arco
appenninico, e rappresentano i principali fattori di minaccia della specie.

226
Calandro Anthus campestris

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2007 15000 40000 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termine 2000-2012 = var. % 2 2
Trend di pop. a lungo termine 1990-2012 ▼ 10 30 var. % 2 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 181000 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▼ 1 1 var. % 2 2
Trend di a rea le a lungo termine 1983-2013 ▲ 8 8 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2007 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gricultural i ntens i fica tion M
A02.03 - gra s s la nd remova l for a ra ble la nd L
A04.03 - a ba ndonment of pa s toral s ys tems , la ck of gra zi ng H
B02.01.01 - fores t repla nti ng (na tive trees ) M
F03.02.03 - tra ppi ng, pois oning, poachi ng L
G01.03.02 - off-road motori zed driving L
J02.05 - Modifica tion of hydrogra phic functi oning, genera l L

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 – 2013

227
Forapaglie castagnolo Le popolazioni europee di Forapaglie castagnolo
Acrocephalus melanopogon nidificano entro un esteso areale su gran parte del
Paleartico centrale e meridionale. Nella parte
settentrionale dell’areale riproduttivo le
popolazioni sono migratrici, in quella
meridionale prevalentemente residenti. Nelle
regioni mediterranee l’areale è alquanto
discontinuo. Il principale movimento migratorio
è autunnale, tra settembre-ottobre, quando gli
Codice Euring 12410 individui provenienti primariamente dall’Europa
Codice Natura 2000 A293 centro-orientale migrano verso le nostre
latitudini. La migrazione primaverile è meno
visibile.
Direttiva Uccelli I In Italia la specie nidifica in pochissimi siti,
prevalentemente costieri, delle regioni centro-
Convenzione di Berna II settentrionali fino a 250 m di quota. Si tratta di
Convenzione di Bonn 2 zone umide d’acqua dolce con elevata copertura
Lista Rossa Italiana VU di canneto dominato da Phragmites australis e
Categoria SPEC Typha sp., che rappresenta l’habitat elettivo per la
nidificazione.

Foto M. Valentini

I trend demografici e di distribuzione evidenziano come la popolazione italiana sia andata incontro ad
una progressiva rarefazione negli ultimi decenni, malgrado la quasi totalità delle coppie riproduttive
nidifichi all’interno di ZPS. In Toscana, dove è concentrato l’89% della popolazione nazionale, la
specie è diminuita di circa il 40% negli ultimi 25 anni.
Specie estremamente specializzata, classificata tra le specie “vulnerabili” nella Lista Rossa, potrebbe
aver risentito di modificazioni degli habitat palustri. Attualmente le minacce ritenute più significative
sono la riduzione e la perdita dell’habitat riproduttivo conseguente ad una sfavorevole gestione
idraulica delle zone umide e allo sfalcio di canneti e magnocariceti, ma anche il degrado ambientale
provocato dall’ingressione di acqua salmastra nelle zone umide di acqua dolce collegate al mare e
dall’eutrofizzazione delle acque.
All’interno della Rete Natura 2000, gli auspicabili interventi mirati al miglioramento dell’habitat
dovranno essere attentamente predisposti, controllati nel tempo e valutati anche attraverso il
monitoraggio delle popolazioni residue di questo elusivo passeriforme.

228
Forapaglie castagnolo Acrocephalus melanopogon

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003 650 830 p 1 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2003 ▼ 17 17 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2003 ▼ 15 40 var. % 2 2

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 3700 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 40 40 var. % 2 2
Trend di a real e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 37 37 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003 ▼ 600 800 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


H01 - Pol l uti on to s urface wa ters (l i mni c & terrestri a l , ma ri ne & bra cki s h) M
I01 - i nva s i ve non-na ti ve s peci es M
J01.01 - burni ng down M
J02 - huma n i nduced cha nges i n hydraul i c condi ti ons H
J02.09.01 - s a l twater i ntrus i on M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c ha bi ta t fea tures H

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

229
Magnanina sarda Sylvia sarda La Magnanina sarda è specie sedentaria,
distribuita lungo le coste del Mediterraneo
occidentale e, nel territorio italiano,
Codice Euring 12610 esclusivamente in Sardegna e nelle isole
Codice Natura 2000 A301 dell’Arcipelago Toscano. L’habitat maggiormente
frequentato è la macchia mediterranea (Erica,
Cistus sp., ecc.), con preferenza per le formazioni
Direttiva Uccelli I basse, anche in pendio e in presenza di
affioramenti rocciosi, fino a circa 1.000 m di
Convenzione di Berna II altitudine.
Convenzione di Bonn 2 Sebbene in tabella sia riportata la stima delle
Lista Rossa Italiana LC coppie nidificanti, il dato, tratto dalla bibliografia
Categoria SPEC esistente, ha solo un valore indicativo, in quanto la
specie non è stata fino ad ora oggetto di un moni-

Foto I. Doneddu

toraggio dedicato. Per lo stesso motivo, non si dispone di valutazioni precise sull’entità delle
variazioni demografiche a breve e a lungo termine. Non sono altresì noti i valori della dimensione dei
contingenti nidificanti e dei trend all’interno delle ZPS.
Il confronto tra l’areale attuale e quello storico non fa emergere evidenti e significative variazioni,
portando a ritenere che la Magnanina sarda, anche per effetto di una spiccata sedentarietà, abbia
sostanzialmente mantenuto il proprio assetto distributivo nel corso degli ultimi decenni. La lieve
variazione negativa riscontrata nel lungo termine si ritiene dovuta a differenze metodologiche nella
elaborazione degli areali posti a confronto più che ad un effettivo cambiamento di areale.
Per quanto concerne la conservazione, trattandosi di una specie diffusa in formazioni arbustive, può
risentire soprattutto della temporanea scomparsa dell’habitat causata dagli incendi. Tuttavia, se si
valuta l’effetto degli incendi sul medio termine, si deve ammettere che tali fenomeni catastrofici -
portando all’arretramento della successione ecologica verso stadi intermedi e allo sviluppo di
formazioni arbustive basse - possono contribuire al mantenimento delle popolazioni.

230
Magnanina sarda Sylvia sarda

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 5000 10000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 0 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 27400 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 1 1 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 11 11 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


E01 - Urba ni s ed areas , huma n ha bi tati on L
J01 - fi re and fi re s uppres s i on L
K02.01 - s peci es compos i ti on cha nge (s ucces s i on) M

Carta della distribuzione e range Carta delle variazioni distributive


nel confronto 1986 - 2012

231
Magnanina comune Sylvia undata

Codice Euring 12620


Codice Natura 2000 A769

Direttiva Uccelli I
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2
Lista Rossa Italiana VU
Categoria SPEC 2
Foto A. De Faveri

La Magnanina comune è una specie a distribuzione mediterraneo-atlantica. In Italia è nidificante


sedentaria e parzialmente migratrice, con individui svernanti in Africa nord-occidentale. La
distribuzione nel territorio italiano è concentrata nella porzione più marittima della costa tirrenica fino
alla Sicilia e alle isole Eolie, all’arcipelago toscano, alla costa tra l’Abruzzo e il Gargano, al litorale
ionico e alla Sardegna. È tuttavia presente anche in alcune zone peninsulari interne (Toscana
orientale, Umbria). Le numerose discontinuità dell’areale sembrano correlate alla distribuzione
frammentaria dell’habitat, costituito da formazioni arbustive più o meno estese di gariga e macchia
mediterranea fitta, in particolare di Erica, Cistus, Cytisus e Ulex, tra il livello del mare e i 500 m di
quota.
Attualmente, la specie - il cui forte calo demografico a livello europeo è risultato evidente soprattutto
nel ventennio 1970-1990 - è classificata come vulnerabile nella Lista Rossa italiana, soprattutto per la
persistenza di alcuni fattori di minaccia, di cui la sottrazione di habitat risulta quello più impattante.
Le valutazioni reperibili nel repertorio bibliografico relative allo stato di conservazione e alle
variazioni demografiche recenti e storiche non appaiono ancora suffragate da dati di monitoraggio
sufficientemente affidabili, pertanto il segno e la magnitudine dei trend risultano sconosciuti, tanto
della popolazione nazionale quanto dell’insieme di popolazioni nidificanti nelle Zone di Protezione
Speciale.
Anche la tendenza della variazione distributiva sul lungo termine non è chiaramente orientata,
sebbene in tabella sia indicata come lievemente positiva. Questo bilancio emerge come differenza tra
zone del Paese in cui, rispetto alla situazione del 1986, la Magnanina comune è scomparsa (es.
Toscana orientale, Salento, coste dell’Italia centrale) e aree in cui sembra vi sia stata una
colonizzazione di nuovi territori.
I fattori di riduzione dell’habitat possono contribuire a peggiorare lo stato di conservazione della
specie. Tuttavia in diverse aree del paese le formazioni arbustive ideali per questo silvide potrebbero
aver riguadagnato terreno in seguito all’abbandono di coltivi e pascoli, ma anche al passaggio di
incendi.

232
Magnanina comune Sylvia undata

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 10000 30000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 2 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 76300 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 1 1 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 7 7 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A10.01 - removal of hedges a nd cops es or s crub L
J01 - fi re and fi re s uppres s i on L
K02.01 - s peci es compos i ti on cha nge (s ucces s i on) L

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

233
Sterpazzolina di Moltoni Sylvia subalpina23

Codice Euring 12652


Codice Natura 2000 A647

Direttiva Uccelli
Convenzione di Berna II
Convenzione di Bonn 2
Lista Rossa Italiana LC
Categoria SPEC

Si tratta di un taxon endemico di un'area


relativamente ristretta del Mediterraneo centro-
occidentale, comprendente Italia centro-
settentrionale, Sardegna, Corsica e Baleari.
L’Italia ospita probabilmente i due terzi o più
della popolazione globale della specie e ricopre
quindi un ruolo fondamentale per la sua
conservazione.
La Sterpazzolina di Moltoni è stata riconosciuta
come specie a sé stante solo recentemente, in
base a caratteristiche genetiche, morfologiche,
comportamentali e relative al canto. Data la
recente separazione da Sylvia cantillans, con la
quale è presente talvolta in condizioni di sintopia
(stessi habitat nelle stesse aree), non si hanno Foto A. De Faveri
sufficienti informazioni sullo stato di conser-
vazione e sull'andamento di popolazione.
Il contingente nidificante (la specie sverna in Africa a sud del Sahara) dovrebbe comunque includere
diverse decine di migliaia di coppie ed essere in aumento ed espansione, soprattutto verso nord, dove
l'ampliamento dell'areale è probabilmente favorito dall'aumento delle temperature e, nel breve
termine, anche dall'abbandono delle coltivazioni e dei prati in ambito collinare e basso-montano, che
consente l'instaurarsi di arbusteti idonei alla specie in molti siti appenninici. Tali ambienti
evolveranno però in tempi più o meno brevi in consorzi di tipo forestale, non più adatti alla specie.
Il confronto con la letteratura storica (sebbene quest'ultima sia riferita alla Sterpazzolina, prima del
riconoscimento sistematico di S. subalpina) evidenzia come nelle regioni del centro-nord la specie sia
probabilmente molto più frequente adesso di quanto lo fosse in passato.
Stante il rilevante interesse della popolazione italiana della specie, sia sul piano conservazionistico
che biogeografico, e la mancanza di informazioni sufficientemente precise sull'andamento di
popolazione e su alcuni aspetti della sua ecologia, è auspicabile avviare indagini mirate sulla
Sterpazzolina di Moltoni, che rappresenta uno degli elementi di maggior spicco del popolamento
faunistico italiano.

23
Denominazione sostitutiva di S. cantillans moltonii (Fracasso et al., 2009)

234
Sterpazzolina di Moltoni Sylvia cantillans moltonii

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 50000 130000 p 1 1 1
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di pop. a breve termine 2001-2010 ▲ ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2012 x ? ? var. % 0 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 82000 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 x 0 0 var. % 0 1
Trend di a rea le a lungo termine 1983-2013 x var. % 0 1
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A10.01 - remova l of hedges a nd cops es or s crub L
J01 - fi re a nd fi re s uppres s i on L
K02.01 - s peci es compos ition cha nge (s ucces s ion) L
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs ide the EU terri tory M

Carta della distribuzione e range

235
Bigia padovana Sylvia nisoria L’Italia settentrionale, insieme alla Penisola
Balcanica, si colloca al limite occidentale
dell’esteso areale riproduttivo di questo
Codice Euring 12730 migratore trans-sahariano, che copre gran parte
Codice Natura 2000 A307 del Paleartico occidentale.
Nel nostro paese la distribuzione della Bigia
padovana è limitata alle zone planiziarie
Direttiva Uccelli I pedemontane e ai fondovalle prealpini ed alpini
del Veneto, del Trentino-Alto Adige, della
Convenzione di Berna II Lombardia e del Piemonte settentrionale, ove
Convenzione di Bonn 2 frequenta habitat ricchi di rampicanti e siepi di
Lista Rossa Italiana CR rovo, quali i margini di boschi, le aree golenali,
Categoria SPEC le formazioni arbustive fluviali e i coltivi
abbandonati.

Foto G. Cinelli

Un tempo presente anche in molte zone della Pianura Padana, la Bigia padovana, a partire dagli anni
’80, è andata incontro ad una progressiva contrazione dell’areale riproduttivo e diminuzione della
popolazione nidificante. I dati sull’attuale distribuzione, confrontati con l’areale storico del 1986,
indicano che tale tendenza è proseguita anche nel corso degli ultimi decenni: la specie è infatti
recentemente scomparsa anche dai siti riproduttivi emiliani e romagnoli e da molte aree della pianura
lombardo-veneta.
A seguito di questo tracollo demografico (stimato nel lungo termine in una diminuzione di oltre il
90%) la popolazione nazionale nidificante è attualmente indicata in 90-100 coppie, alquanto
localizzate. Come suggerisce il basso livello di qualità attribuito in tabella. tale valore è indicativo, in
quanto desunto dall’insieme di segnalazioni raccolte a scala locale nell’areale riproduttivo, la cui
sempre maggiore sporadicità conferma la rarefazione di questa specie.
Le cause di questo declino sono ancora sconosciute. Si ritiene che le trasformazioni ambientali
occorse negli ultimi decenni, in particolare l’intensivazione degli agro-ecosistemi, il massiccio uso di
pesticidi e la scomparsa di siepi, hanno verosimilmente contribuito ad aggravare una tendenza
generale le cui origini potrebbero risiedere in cambiamenti ambientali o climatici dei quartieri di
svernamento, posti nell’Africa sub-sahariana.

236
La tutela degli habitat arbustivi, in particolare lungo le fasce fluviali e le aree agricole di fondovalle,
appare al momento il requisito minimo per mantenere condizioni quanto più idonee alla riproduzione
della popolazione residua.

Bigia padovana Sylvia nisoria

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2010 90 100 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 ▼ 50 0 var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2012 ▼ 90 95 var. % 1 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 11200 kmq 3 3

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▼ 59 59 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▼ 44 44 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2010 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gri cul tural i ntensi fi cati on L
A06.02.01 - i ntens i ve perenni a l non-ti mber crops /i ntensi fi cati on M
A07 - us e of bi oci des , hormones and chemi cal s H
A10.01 - remova l of hedges and copses or s crub H
J02.05 - Modi fi ca ti on of hydrographi c functi oni ng, genera l L
XE - Threats and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

237
Balia dal collare Ficedula albicollis La Balia dal collare è una specie migratrice
trans-sahariana, nidificante estiva, svernante
nell’Africa sub-equatoriale centro-orientale, per
la quale il nostro Paese svolge un ruolo rilevante
Codice Euring 13480 come area di transito migratorio, soprattutto in
Codice Natura 2000 A321 primavera. L’areale riproduttivo si estende
prevalentemente nell’Europa centrale, mentre in
Italia la distribuzione delle coppie riproduttive è
Direttiva Uccelli I descritta da un areale assai frammentato, che
include diverse zone interne poste a quote medio-
Convenzione di Berna II elevate (700-1800 m), lungo la dorsale
Convenzione di Bonn 2 appenninica fino all’Aspromonte, nel Gargano e
Lista Rossa Italiana LC in una porzione delle province di Como e
Categoria SPEC Sondrio in continuità biogeografica con una
popolazione prealpina stabilitasi nel Canton
Ticino.

Foto M. Valentini

La distribuzione è condizionata dalle esigenze ecologiche di questa specie, che pone il proprio nido
all’interno di cavità di tronchi, selezionando quindi contesti forestali caratterizzati dalla presenza di
alberi maturi o vetusti, quali castagneti da frutto e fustaie di faggio. L’estrema localizzazione delle
coppie riproduttive è alla base del fatto che la conoscenza della specie sia ancora piuttosto carente in
Italia e i dati disponibili risultino di bassa qualità.
Anche relativamente al trend di popolazione, le informazioni disponibili non permettono di valutare
l’entità della variazione a scala nazionale, ma le poche indicazioni suggeriscono un decremento
numerico, almeno nel lungo termine. Quest’ultimo dato sembra contrastare con il trend positivo della
distribuzione, messa in risalto dal numero relativamente elevato di celle guadagnate rispetto alla
distribuzione del 1986 (+74%). È tuttavia verosimile che un così accentuato aumento sia almeno in
parte spiegabile da una migliore conoscenza dell’effettivo areale. Per contro, in alcune zone del Paese
la presenza come nidificante non è stata confermata (es. Val d’Aosta, Val d’Ossola).
La più importante minaccia per la specie è rappresentata dalla perdita degli habitat forestali idonei alla
nidificazione, attraverso il taglio dei boschi maturi e l’abbandono dei castagneti da frutto (anche a
causa di fitopatologie). La tutela degli alberi vetusti e una gestione forestale orientata ad ottenere
boschi maturi hanno quindi un significativo risvolto ecologico per la specie, soprattutto nelle Zone di
Protezione Speciale, in cui si riproduce almeno un terzo della popolazione nazionale. Il monitoraggio
della migrazione e delle coppie nidificanti permetterà di verificare l’esistenza di potenziali effetti dei
cambiamenti climatici sulla biologia riproduttiva e sulla demografia di questa specie.

238
Balia dal collare Ficedula albicollis

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2008 1000 3000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2010 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 39600 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di a real e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 14 14 var. % 2 2
Trend di a rea l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 74 74 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2008 x 500 800 p 1

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


B02.04 - removal of dea d a nd dyi ng trees M
B03 - fores t expl oi ta ti on wi thout repl a nti ng or na tura l regrowth M
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi tat fea tures M
XE - Threa ts and pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

239
Averla piccola Lanius collurio
L’Averla piccola - specie migratrice regolare,
svernante nell’Africa australe - è il più diffuso
Codice Euring 15150 rappresentante del genere Lanius nidificante in
Codice Natura 2000 A338 Italia. L’areale riproduttivo si estende in gran
parte dell’Italia settentrionale peninsulare (ad
eccezione della Puglia orientale e meridionale),
Direttiva Uccelli I in Sardegna e nelle catene montuose della Sicilia
nord-orientale. In periodo riproduttivo frequenta
Convenzione di Berna II ambienti aperti (coltivi a mosaico, pascoli) con
Convenzione di Bonn arbusti fitti e spinosi, isolati o in ridotte
Lista Rossa Italiana VU formazioni, utilizzati sia come supporto per la
Categoria SPEC 3 nidificazione, sia come posatoio di caccia e di
allestimento delle dispense alimentari.

Foto A. De Faveri

Nel nostro Paese la permanenza (soprattutto nelle aree collinari e medio-montane) di un’agricoltura
estensiva, di aree pascolive e di mosaici agrari ricchi di siepi garantisce una buona diffusione della
specie all’interno dell’areale, malgrado le zone a più discontinua distribuzione (es. Val Padana) o
quelle in cui le coppie risultano piuttosto localizzate non siano apprezzabili dalla lettura della carta.
La comparazione dell’attuale areale con quello storico indica una sostanziale stabilità delle zone di
nidificazione, sia a breve che a lungo termine.
Diverso è l’andamento del trend demografico, in linea con quanto osservato in molti altri paesi della
UE. In Italia, infatti, la specie è in preoccupante declino, piuttosto marcato anche nel breve termine,
come è emerso dalle analisi del monitoraggio nazionale. Le più importanti minacce per la specie sono
la sottrazione di habitat e la diminuzione della disponibilità di prede, per lo più attribuite
all’intensivazione dell’agricoltura, all’uso massiccio di fitosanitari e alla banalizzazione dell’ambiente
agricolo (scomparsa di siepi, margini erbiti, prati naturali, ecc), ma anche all’abbandono della
pastorizia tradizionale nelle aree montane. Non si esclude che anche i fattori climatici possano
influenzare in modo indiretto la sopravvivenza delle popolazioni europee, in particolare nelle aree di
svernamento.
Prioritarie per la conservazione di questa specie, classificata come Vulnerabile nella Lista Rossa, sono
azioni mirate alla conservazione e al ripristino degli habitat selezionati dalla specie. All’interno della
Rete Natura 2000, tali azioni dovrebbero essere associate ad attività di monitoraggio per valutare
(oltre alla consistenza numerica, spesso ignota persino nelle ZPS) l’efficienza degli interventi e per

240
individuare linee di gestione in grado di migliorare sensibilmente lo status di conservazione
dell’Averla piccola.

Averla piccola Lanius collurio

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 20000 60000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2000-2012 ▼ 30 40 var. % 2 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1990-2012 ▼ 35 60 var. % 2 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 289300 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 3 3 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 1 1 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - agri cul tural i ntens i fi ca ti on H
A02.03 - gras s l and remova l for ara bl e l and M
A03.01 - i ntensi ve mowi ng or i ntens i fi ca ti on L
A03.03 - abandonment / l ack of mowi ng H
A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
A07 - us e of bi oci des, hormones a nd chemi cal s M
A08 - Ferti l i s ati on M
A10.01 - removal of hedges a nd cops es or s crub M
B01.01 - fores t pl a nti ng on open ground (nati ve trees ) M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs i de the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

241
Averla cenerina Lanius minor

L’Averla cenerina è una specie migratrice


Codice Euring 15190 svernante nell’Africa australe, distribuita nelle
Codice Natura 2000 A339 latitudini meridionali del Paleartico centro-
occidentale, inclusa l’Europa dell’Est, la Turchia,
i Paesi Balcanici fino alle coste mediterranee della
Direttiva Uccelli I Francia e della Spagna settentrionale. In Italia
questo lanide mostra una distribuzione alquanto
Convenzione di Berna II discontinua, con coppie riproduttive sparse ed
Convenzione di Bonn isolate, localizzate nella Val Padana (dal Piemonte
Lista Rossa Italiana VU al Friuli), in Toscana meridionale, Lazio
Categoria SPEC 2 settentrionale e in buona parte delle regioni
meridionali. Non si hanno prove di nidificazione
certa in Sardegna e, ultimamente, anche in Sicilia.
L’irregolarità delle nidificazioni e la rarità della specie non permettono una stima affidabile della
popolazione nazionale, qui indicata in meno di 2.000 coppie. Conseguentemente non è stato possibile
ipotizzare una valutazione numerica della variazione demografica, tanto nel breve quanto nel lungo
termine. Il trend, tuttavia, risulta negativo, sulla base delle segnalazioni locali attestanti la recente
scomparsa da molte aree del Paese e del confronto degli Atlanti regionali e provinciali. In particolare
L’Averla cenerina è scomparsa, oltre che in Sicilia, anche in molte aree dell’Italia centrale (Lazio
meridionale, nord della Toscana) e settentrionale (Romagna, pianura lombardo-veneta). Sul lungo
periodo, le aree di nuova occupazione (concentrate per lo più in meridione) sembrerebbero bilanciare
(o addirittura superare) le aree perse. Si ritiene tuttavia che tale apparente aumento debba essere
interpretato soprattutto come conseguenza del confronto con l’areale del 1986, verosimilmente
sottostimato per una insufficiente copertura del territorio.
Le classi di minaccia allo stato di conservazione della specie sono analoghe a quelle dell’Averla
piccola e riguardano principalmente le modifiche a carico degli habitat. In particolare l’Averla
cenerina seleziona ambienti aperti ed aridi, in pianura o su pendii dolci, con alberi isolati, filari o
piccole formazioni, prediligendo campagne alberate con pascoli e campi di cereali, coltivati in modo
tradizionale ed evitando gli ambienti antropizzati. Pertanto, al fine di favorire le condizioni ambientali
idonee alla riproduzione di questa specie, è importante - nei contesti agrari – applicare misure a tutela
di siepi, alberi e superfici erbite, e di incentivazione delle attività agricole tradizionali con uso limitato
di prodotti fitosanitari.

Foto F. Grazioli

242
Averla cenerina Lanius minor

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 1000 2000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termine 2001-2011 ▼ ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2011 ▼ ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 79900 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▼ 27 27 var. % 2 2
Trend di a rea le a lungo termine 1983-2013 ▲ 3 3 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gricultural i ntens i fica tion H
A03.01 - i ntens ive mowing or intens i fica ti on L
A04.03 - a ba ndonment of pa s toral s ys tems , la ck of gra zi ng M
A06.02.01 - intens ive perennia l non-timber crops /i ntensi fi cati on L
A07 - us e of biocides , hormones a nd chemica ls M
A10.01 - remova l of hedges a nd cops es or s crub M
E01 - Urba nis ed a rea s , human habi ta tion L
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t features L
M01 - Cha nges i n a bi oti c condi ti ons M
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs ide the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

243
Gracchio corallino Il Gracchio corallino è un corvide distribuito
Pyrrhocorax pyrrhocorax prevalentemente nelle regioni asiatiche di media
e bassa latitudine, nel Medio Oriente e nei paesi
mediterranei. I movimenti sono di portata limitata
nell’ambito dell’areale riproduttivo e si limitano
spesso a spostamenti verticali post-riproduttivi.
Codice Euring 15590 In Italia l’areale riproduttivo è caratterizzato da
Codice Natura 2000 A346 pochi nuclei isolati, i più estesi dei quali sono
localizzati sulle Alpi occidentali e sull’Ap-
pennino centro-meridionale, occupando fasce
Direttiva Uccelli I altimetriche variabili a seconda del contesto
geografico (2.200-2.600 m di quota sulle Alpi,
Convenzione di Berna II 1.200-2.000 m sugli Appennini). In queste aree si
Convenzione di Bonn concentra la gran parte della popolazione, mentre
Lista Rossa Italiana NT altri nuclei di minore entità si trovano sulle Alpi
Categoria SPEC 3 Apuane, nel Pollino e nelle isole (Sardegna e
Sicilia, con popolazioni ormai residuali).

Foto A. De Faveri

Tipica delle rupi montane, questa specie nidifica in cavità e nicchie di pareti rocciose, poste
generalmente ai margini di vaste aree aperte, erbose e pietrose.
Nonostante sia stato rilevato un apparente incremento dell’areale riproduttivo, più consistente nel
lungo periodo, non sussistono indicazioni precise sull’andamento della popolazione, poiché la specie
non è uniformemente monitorata. Il trend demografico risulta quindi sconosciuto, ma alcune
popolazioni sono andate incontro ad un forte calo, soprattutto nell’Appennino centrale (dove si è
rilevata una diminuzione del 43% delle coppie nidificanti) e nelle isole. Lo stato di conservazione di
questa specie non può quindi ritenersi soddisfacente.
Le cause del decremento numerico non sono ancora state evidenziate, ma si ipotizza che a questo
possa aver contribuito una minore disponibilità di prede conseguente alla perdita di habitat erbacei, a
sua volta correlato all’abbandono dei pascoli. Il regime alimentare, soprattutto durante il periodo
riproduttivo, è infatti prevalentemente insettivoro.

244
Sulla base delle conoscenze relative all’ecologia della specie, è lecito ritenere che la strategia per
conservazione della specie in Italia debba prevedere il mantenimento di adeguate condizioni trofiche
nei dintorni dei siti riproduttivi attuali o potenziali, così come la protezione degli stessi da un
eccessivo disturbo antropico. Ciò al fine di aumentare la produttività della popolazione italiana, che
risulta tra le più basse di quelle rilevate in Europa.

Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2011 1050 1500 p 1 1 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termi ne 2001-2009 x ? ? var. % 1 2
Trend di pop. a l ungo termi ne 1980-2011 x ? ? var. % 1 1

periodo unità metodo qualità


Dimensione dell'areale 2013 34200 kmq 2 2

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di area l e a breve termi ne 2002-2013 ▲ 10 10 var. % 2 2
Trend di area l e a l ungo termi ne 1983-2013 ▲ 23 23 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2011 x 1000 1500 p 2

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A04.03 - abandonment of pas tora l s ys tems , l a ck of grazi ng H
B01.01 - fores t pl a nti ng on open ground (nati ve trees ) H
B04 - us e of bi oci des, hormones a nd chemi cal s (fores try) L
F03.02.03 - tra ppi ng, poi s oni ng, poachi ng L
G01.04.01 - mounta i neeri ng & rock cl i mbi ng H

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

245
Ortolano Emberiza hortulana Tra i Passeriformi, l’Ortolano è una delle specie
che negli ultimi decenni ha subito in modo più
marcato un peggioramento del proprio status di
conservazione a scala europea, cui ha
verosimilmente contribuito una sempre più spinta
intensivazione dell’agricoltura.
La dimensione dell’attuale popolazione italiana
nidificante si basa su una stima soggettiva
verosimilmente imprecisa e datata. Ciò ha
Codice Euring 18660 pregiudicato la valutazione del trend di
Codice Natura 2000 A379 popolazione a lungo termine, mentre nel breve
termine si è prudenzialmente ritenuto di non
riportare il trend poiché le indicazioni in merito
Direttiva Uccelli I sono risultate contrastanti.
Anche la rappresentazione delle aree di
Convenzione di Berna III nidificazione appare influenzata dal mancato
Convenzione di Bonn reperimento di dati aggiornati ed omogeneamente
Lista Rossa Italiana DD distribuiti sul territorio nazionale, fatto che
Categoria SPEC 2 probabilmente induce ad una sovrastima.
dell’areale proposto rispetto a quello effettivo.

Foto W. Vivarelli

L’attuale areale comprende parte dell’arco alpino (Friuli-Venezia Giulia, Trentino, Alpi occidentali),
la pianura veneta e romagnola, la maremma tosco-laziale e la dorsale appenninica (soprattutto il
versante adriatico) fino alla Campania settentrionale, oltre ad un nucleo isolato nell’appennino
calabro-lucano. La superficie occupata da questo emberizide, di per sé alquanto frammentata anche
per un elevato grado di isolamento delle coppie, pare aver subìto una graduale e diffusa contrazione
negli ultimi decenni (in particolare nella Valle Padana), sebbene segnali più incoraggianti provengano
da aree in cui la specie ha mantenuto un buono stato di conservazione (Marche, Abruzzo, Molise), o
si è recentemente insediata.
L’estesa gamma di habitat riproduttivi in cui la specie nidifica comprende ambienti aperti aridi - quali
i prati o pascoli magri, le garighe, gli alvei fluviali, le aree calanchive e i seminativi, soprattutto
cereali - con siepi e filari alberati. L’intensivazione e la semplificazione degli ambienti agricoli
rappresentano una minaccia per questa specie, soprattutto nelle aree di pianura e di collina. Nei
contesti montani, parte della popolazione dipende dal mantenimento di superfici a pascolo, che si è
ulteriormente ridotta negli ultimi anni in seguito all’abbandono delle campagne.

246
Ortolano Emberiza hortulana

periodo min max unità tipo stima metodo qualità


Popolazione nidificante 2003 4000 16000 p 1 1 1

periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità


Trend di pop. a breve termine 2001-2012 x ? ? var. % 1 1
Trend di pop. a lungo termine 1980-2012 x ? ? var. % 1 1
periodo unità metodo qualità
Dimensione dell'areale 2013 116200 kmq 2 2
periodo direzione magn. min magn. max metodo qualità
Trend di a rea le a breve termine 2002-2013 ▼ 27 27 var. % 2 2
Trend di a rea le a lungo termine 1983-2013 ▼ 10 10 var. % 2 2
periodo direz. B. T. min max unità metodo
Popolazione nidificante nelle ZPS 2003 x ? ? p 0

Fattori di minaccia/pressioni Importanza


A02.01 - a gricultural i ntens i fica tion H
A03.03 - a ba ndonment / la ck of mowing M
A04.03 - a ba ndonment of pa s toral s ys tems , la ck of gra zi ng H
A07 - us e of biocides , hormones a nd chemica ls M
A10.01 - remova l of hedges a nd cops es or s crub M
B01.01 - fores t pl anting on open ground (na ti ve trees ) L
J01.03 - l a ck of fi res L
J03.01 - reducti on or l os s of s peci fi c habi ta t features L
XE - Threa ts a nd pres s ures from outs ide the EU terri tory M

Carta delle variazioni distributive


Carta della distribuzione e range
nel confronto 1986 - 2012

247
Allegato A - Quadro riepilogativo
Check-list per l’art. 12 della Direttiva Uccelli,
dimensione delle popolazioni specifiche e trend

Codice Natura 2000 Stagione o Classe fenologica Classe della Red List associata alla specie
associata alla popolazione CR In Pericolo Critico
B popolazione nidificante EN In Pericolo
W popolazione svernante VU Vulnerabile
Nome della P popolazione migratrice NT Quasi Minacciata
popolazione LC Minor Preoccupazione
T specie Trigger NA Non applicabile
specifica
I Specie listata nell'All. I DD Carente di Dati
della Direttiva Uccelli

DIMENSIONE TREND DI POPOLAZIONE


coppie (* indiv.)
TRIGGER
stagione

Red List
Allegati

Cod. POPOLAZIONE % % % %
a breve termine a lungo termine
min max min max min max
A689 Gavia arctica arctica W T I 235 420 2000-2009 ▲ 65 115 1991-2009 ▲ 55 180
A690 Tachybaptus ruficollis ruficollis B LC 3000 4000 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A691 Podiceps cristatus cristatus B LC 2315 3045 2000-2006 ▼ 10 25 1980-2006 ▲ 400 480

Dimensione minima e
massima della popolazione
(in coppie, salvo altra specificazione)

Trend di popolazione a breve e a lungo termine


periodo di riferimento
segno
▲ in incremento
= stabile
▼ in decremento
F fluttuante
x segno sconosciuto
magnitudine stimata della variazione
65 % min = valore minimo
115 % max = valore massimo
? = magnitudine sconosciuta

248
DIMENSIONE TREND DI POPOLAZIONE
coppie (* indiv.,

TRIGGER
stagione

Red List
Allegati
Cod. POPOLAZIONE **maschi cantori) % % % %
a breve termine a lungo termine
min max min max min max
A689 Gavia arctica arctica W T I 235 420 2000-2009 ▲ 65 115 1991-2009 ▲ 55 180
A690 Tachybaptus ruficollis ruficollis B LC 3000 4000 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A691 Podiceps cristatus cristatus B LC 2315 3045 2000-2006 ▼ 10 25 1980-2006 ▲ 400 480
A691 Podiceps cristatus cristatus W T LC 23546 27863 2000-2009 ▲ 15 25 1991-2009 ▲ 55 85
A692 Podiceps nigricollis nigricollis W T NA 7919 10527 2000-2009 ▼ 35 45 1991-2009 F 0 45
A010 Calonectris diomedea B T I LC 13344 21873 1998-2009 = 1985-2009 =
A464 Puffinus yelkouan B T I DD 12791 19774 2001-2010 ▲ ? ? 1980-2010 ▲ 40 65
A695 Hydrobates pelagicus melitensis B T I NT 3700 4500 2000-2010 = 1985-2010 =
A391 Phalacrocorax carbo sinensis B T LC 3050 3220 2001-2011 ▲ 200 200 1989-2011 ▲ 1300 1300
A391 Phalacrocorax carbo sinensis W T LC 80000 80000 2000-2009 ▲ 25 30 1991-2009 ▲ 510 520
A392 Phalacrocorax aristotelis desmarestii B T I LC 1500 2100 2001-2012 ▼ 0 10 1980-2012 =
A393 Phalacrocorax pygmeus B T I NT 1000 1500 2000-2010 ▲ 1900 2900 1994-2010 ▲ ? ?
A393 Phalacrocorax pygmeus W T I NT 12670 12670 2000-2009 ▲ 390 1275 1991-2009 ▲ 17000 28000
A688-B Botaurus stellaris stellaris B T I EN 75 95 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A617-A Ixobrychus minutus minutus B T I VU 1300 2300 2001-2011 ▼ 10 0 1980-2011 ▼ ? ?
A610-B Nycticorax nycticorax nycticorax B T I VU 6300 6600 2002-2012 ▼ 50 55 1981-2012 ▼ 60 65
A635 Ardeola ralloides ralloides B T I LC 500 600 2002-2012 ▼ 20 35 1981-2012 ▲ 80 130
A696 Bubulcus ibis ibis B T LC 4500 5000 2002-2012 ▲ 270 325 1985-2012 ▲ ? ?
A697 Egretta garzetta garzetta B T I LC 10000 11000 2001-2012 ▼ 30 40 1981-2012 ▲ 50 70
A698 Casmerodius albus albus B T I NT 85 100 2002-2012 ▲ 80 180 1990-2012 ▲ ? ?
A698 Casmerodius albus albus W T I NT 6409 7110 2000-2009 ▲ 10 65 1991-2009 ▲ 520 590
A699 Ardea cinerea cinerea B LC 10500 11000 2002-2012 ▼ 15 25 1981-2012 ▲ 1400 1550
A634-A Ardea purpurea purpurea B T I LC 2000 2300 2002-2012 x ? ? 1981-2012 ▲ 120 160
A030-A Ciconia nigra B T I VU 10 10 2000-2010 ▲ 40 235 1994-2010 ▲ ? ?
A667-A Ciconia ciconia ciconia B T I LC 150 200 1999-2013 ▲ 200 235 1980-2013 ▲ ? ?
A700 Plegadis falcinellus falcinellus B T I EN 14 16 2001-2012 x ? ? 1980-2002 F
A758-X Threskiornis aethiopicus B NA 100 120 2000-2012 ▲ 300 330 1989-2012 ▲ ? ?
A607-B Platalea leucorodia leucorodia B T I VU 190 190 2001-2011 ▲ 138 138 1989-2011 ▲ 9400 9400
A663-A Phoenicopterus roseus B T I LC 4152 4152 2000-2010 ▲ 25 35 1993-2010 ▲ 195 220
A663-A Phoenicopterus roseus W T I LC 27535 31413 2000-2009 ▲ 25 45 1991-2009 ▲ 150 190
A036 Cygnus olor B NA 300 500 2000-2011 ▲ 200 210 1980-2013 ▲ 1150 1400
A702 Anser fabalis rossicus W 8 30 2000-2009 ▼ 0 60 1991-2009 ▼ 65 95
A394 Anser albifrons albifrons W I 1018 2623 2000-2009 ▲ 105 465 1991-2009 ▲ 1715 4585
A043 Anser anser B LC 280 350 2000-2007 ▲ 75 90 1980-2007 ▲ ? ?
A043 Anser anser W T LC 10928 15577 2000-2009 ▲ 245 285 1991-2009 ▲ 1220 1785
A048 Tadorna tadorna B VU 300 300 1999-2007 ▲ 55 105 1983-2007 ▲ 1900 2900
A048 Tadorna tadorna W T VU 11575 20689 2000-2009 ▲ 95 100 1991-2009 ▲ 80 220
A050 Anas penelope W T NA 106885 127726 2000-2009 = 1991-2009 ▲ 55 85
A703 Anas strepera strepera B VU 50 100 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A703 Anas strepera strepera W VU 8069 10409 2000-2009 ▲ 15 30 1991-2009 ▲ 40 85
A704 Anas crecca crecca B EN 20 50 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x 15 35
A704 Anas crecca crecca W T EN 132404 172520 2000-2009 ▲ 35 70 1991-2009 ▲ 150 230
A705 Anas platyrhynchos platyrhynchos B LC 10000 20000 2000-2011 ▼ 25 35 1980-2011 x ? ?
A705 Anas platyrhynchos platyrhynchos W T DD 235953 245026 2000-2009 ▲ 5 95 1991-2009 ▲ 215 230
A054 Anas acuta W NA 8295 13698 2000-2009 F 0 40 1991-2009 ▲ 35 125
A055 Anas querquedula B VU 350 500 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A056 Anas clypeata B VU 150 200 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A056 Anas clypeata W VU 17650 27252 2000-2009 ▲ 0 40 1991-2009 ▲ 0 40
A057-A Marmaronetta angustirostris B T I EN 2 3 2000-2010 =
A058-A Netta rufina B EN 40 60 2001-2012 F 1990-2012 F
A058-A Netta rufina W EN 171 329 2000-2009 F 0 135 1991-2009 ▲ 190 460
A059 Aythya ferina B EN 150 200 2000-2012 ▼ 50 50 1980-2012 ▼ 25 40
A059 Aythya ferina W EN 25488 37173 2000-2009 ▼ 0 30 1991-2009 ▼ 10 40

249
DIMENSIONE TREND DI POPOLAZIONE
coppie (* indiv.,

TRIGGER
stagione

Red List
Allegati
Cod. POPOLAZIONE **maschi cantori) % % % %
a breve termine a lungo termine
min max min max min max
A060-B Aythya nyroca B T I EN 62 89 2000-2003 ▲ 0 35 1980-2003 ▲ 80 150
A060-B Aythya nyroca W T I EN 369 506 2000-2009 ▲ 20 45 1991-2009 ▲ 180 290
A061 Aythya fuligula B VU 50 70 2000-2012 ▲ ? ? 1980-2012 ▲ ? ?
A061 Aythya fuligula W VU 7640 8064 2000-2009 ▲ 30 85 1991-2009 F 0 50
A062 Aythya marila W 24 230 2000-2009 ▼ 50 85 1991-2009 F 0 95
A063 Somateria mollissima B NA 3 6 2001-2012 =
A063 Somateria mollissima W NA 98 171 2000-2009 F 0 40 1991-2009 F 0 35
A067 Bucephala clangula W 1117 1784 2000-2009 F 0 50 1991-2009 ▼ 35 60
A069 Mergus serrator W 993 1351 2000-2009 ▼ 15 30 1991-2009 F 0 40
A654-B Mergus merganser merganser B LC 22 29 1996-2008 ▲ 2100 2800
A072 Pernis apivorus B T I LC 600 1000 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A072 Pernis apivorus P T I LC 16000* 35000*
A073 Milvus migrans B T I NT 860 1153 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A073 Milvus migrans P T I NT 700* 3600*
A074 Milvus milvus B T I VU 314 426 2000-2009 ▲ 5 10 1980-2009 ▲ 325 350
A074 Milvus milvus W T I VU 1439 1531 2000-2012 ▲ 30 70 1980-2012 ▲ 0 190
A076 Gypaetus barbatus B T I CR 6 7 1998-2012 ▲ ? ?
A077 Neophron percnopterus B T I CR 8 10 2000-2012 ▼ 45 50 1980-2012 ▼ 80 90
A078 Gyps fulvus B T I CR 82 87 1999-2008 ▲ 105 125 1983-2008 ▲ 190 310
A080 Circaetus gallicus B T I VU 350 560 2001-2012 x ? ? 1975-2012 ▲ ? ?
A080 Circaetus gallicus P T I VU 1300* 2000*
A081 Circus aeruginosus B T I VU 214 287 2001-2012 x ? ? 1980-2004 ▲ 190 230
A081 Circus aeruginosus P T I VU 4000* 5000*
A081 Circus aeruginosus W T I VU 790 1029 2000-2009 = 1991-2009 ▲ 15 55
A084 Circus pygargus B T I VU 260 380 2001-2012 x ? ? 1980-2012 ▲ 50 75
A619 Accipiter gentilis gentilis B LC 800 1750 2001-2012 ▲ ? ? 1980-2012 ▲ ? ?
A400 Accipiter gentilis arrigonii B T I LC 40 65 2001-2012 x ? ? 1990-2012 ▼ 5 20
A633 Accipiter nisus nisus B LC 2000 4000 2001-2012 x ? ? 1980-2012 ▲ ? ?
A087 Buteo buteo B LC 4000 8000 2000-2012 ▲ 30 40 1990-2012 ▲ 30 60
A091 Aquila chrysaetos B T I NT 492 561 2000-2013 = 1980-2013 ▲ 40 55
A707 Aquila fasciata B T I CR 25 30 2001-2012 x ? ? 1980-2012 ▼ ? ?
A095 Falco naumanni B T I LC 5500 6700 2000-2012 ▲ 45 50 1993-2012 ▲ 570 1000
A096 Falco tinnunculus B LC 8000 12000 2000-2012 ▲ 30 40 1990-2012 ▲ 30 60
A097 Falco vespertinus B T I VU 50 70 2000-2012 F 1995-2012 F
A099 Falco subbuteo B LC 500 1000 2000-2012 ▲ ? ? 1983-2012 ▲ ? ?
A100 Falco eleonorae B T I VU 638 704 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A101 Falco biarmicus B T I VU 140 172 2001-2012 x ? ? 1986-2012 ▼ 0 20
A710 Falco peregrinus B T I LC 1100 1400 1997-2007 ▲ 55 65 1981-2007 ▲ 140 160
A104 Bonasa bonasia B T I LC 5000 6000 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A409 Tetrao tetrix tetrix B T I LC 20000* 24000* 2001-2012 x ? ? 1980-2009 ▼ ? ?
A713 Lagopus muta helvetica B T I VU 5000 8000 2001-2011 ▼ 30 0 1980-2011 ▼ 20 30
A659 Tetrao urogallus B T I VU 1800 2500 2001-2009 ▼ ? ? 1980-2009 ▼ ? ?
A752-X Colinus virginianus B NA 5000 8000 2000-2012 x ? ? 1985-2012 x ? ?
A411-X Alectoris chukar B NA 50 100 2001-2012 x ? ? 1980-2012 x ? ?
A413 Alectoris graeca whitakeri B T I EN 1500 1500 1993-2006 ▼ ? ? 1980-2012 ▼ ? ?
A412 Alectoris graeca saxatilis B T I VU 2000-2010 ▼ 30 0 1980-2010 ▼ ? ?
A465 Alectoris graeca graeca B T I VU