Sei sulla pagina 1di 304

Renault KADJAR

Libretto d’istruzioni
passione per le prestazioni

ELF partner di

RENAULT consiglia ELF


Partner nell’alta tecnologia automobilistica, Elf e Renault uniscono le proprie competenze sia in
pista sia in città. Questa collaborazione di lunga data mette a disposizione una gamma di lubri-
ficanti perfettamente adatti a ciascuna vettura Renault. La protezione duratura e le prestazioni
ottimali del motore sono assicurate. In occasione del cambio olio o del rabbocco, consultare il
rappresentante Renault o il manuale di manutenzione del veicolo per scegliere il lubrificante
ELF omologato più adatto al motore.

www.lubricants.elf.com

Un marchio
Benvenuti a bordo del vostro veicolo
Il presente libretto d’istruzioni e di manutenzione raggruppa le informazioni che vi permetteranno di:
– conoscere il vostro veicolo e, grazie a ciò, beneficiare pienamente e nelle migliori condizioni di utilizzo di tutte le funzionalità ed
i perfezionamenti tecnici di cui è dotato.
– mantenere il funzionamento a livello ottimale attraverso una semplice e rigorosa osservanza dei consigli di manutenzione.
– far fronte, senza eccessive perdite di tempo, alle operazioni che non richiedono l’intervento di un tecnico specializzato.
I pochi minuti che dedicherete alla lettura di questo libretto saranno largamente compensati dagli insegnamenti che ne trarrete e
dalle innovazioni tecniche che scoprirete. Nel caso in cui la lettura di questo libretto vi lasciasse nel dubbio riguardo a qualsiasi
argomento, i tecnici della nostra Rete si premureranno di fornirvi qualsiasi informazione complementare da voi richiesta.
Come aiuto, troverete i seguenti simboli:

  e Appaiono sul veicolo e indicano di consultare il manuale per reperire informazioni dettagliate e/o per individuare i
limiti di funzionamento in funzione dell’equipaggiamento del veicolo.

in un punto qualsiasi nel manuale indica un pericolo o una norma di sicurezza.

La descrizione dei modelli, indicati in questo libretto, è stata stabilita a partire dalle caratteristiche tecniche note alla data di reda-
zione del presente documento. Il libretto raggruppa tutto l’insieme degli equipaggiamenti (di serie o in opzione) disponibili
per questi modelli, la loro presenza sul veicolo dipende dalla versione, dalle opzioni scelte e dal paese di commercia-
lizzazione.
Inoltre, in questo libretto possono essere descritti equipaggiamenti che verranno resi disponibili entro un anno a par-
tire dalla data di pubblicazione.
Infine, in tutto il libretto, quando si fa riferimento alla Rete del marchio, si intende la Rete RENAULT.

Buon viaggio al volante del vostro veicolo.

Tradotto dall’inglese. La riproduzione o la traduzione, anche parziale, sono proibite senza previa autorizzazione scritta del costruttore del veicolo.

0.1
0.2
S O M M A R I O
Capitoli

Fate conoscenza con il vostro veicolo ............... 1

La guida ................................................................ 2

Il vostro comfort ................................................... 3

Manutenzione ....................................................... 4

Consigli pratici ..................................................... 5

Caratteristiche tecniche ...................................... 6

Indice alfabetico ................................................... 7

0.3
0.4
Capitolo 1: fate conoscenza con il vostro veicolo
Chiave, telecomando a radiofrequenza: generalità, utilizzo, chiusura ad effetto globale . . . . . . . . . 1.2
Carta RENAULT: informazioni generali, uso, chiusura ad effetto globale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6
Bloccaggio, sbloccaggio delle parti apribili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.13
Apertura e chiusura delle porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.16
Chiusura automatica delle parti apribili durante la guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.18
Appoggiatesta — Sedili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.19
Cinture di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.23
Dispositivo di sicurezza complementare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.27
alle cinture anteriori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.27
alle cinture posteriori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.31
laterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.32
Sicurezza dei bambini: informazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.34
scelta del fissaggio del seggiolino per bambini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.37
Installazione del seggiolino per bambini, generalità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.39
Seggiolini per bambini: fissaggio tramite cintura o sistema Isofix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.41
disattivazione, attivazione dell’airbag passeggero anteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.47
Posto di guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.50
Quadro della strumentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.54
computer di bordo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.62
menu di personalizzazione delle regolazioni del veicolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.72
Volante/Servosterzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.74
Orologio e temperatura esterna. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.75
Retrovisori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.76
Illuminazioni e segnalazioni esterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.78
Avvisatori acustici e luminosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.84
Regolazioni dei fari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.85
Tergivetri, lavavetri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.87
Serbatoio carburante (rifornimento). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.95
1.1
CHIAVE, TELECOMANDO A RADIOFREQUENZA: informazioni generali (1/2)

2
1
Responsabilità del
conducente all’arresto
5 o allo spegnimento del
veicolo
Non lasciate mai il vostro veicolo
incustodito, lasciando all’interno
4 la chiave e un bambino (o un ani-
male), anche per un breve lasso di
1 Blocco di tutte le parti apribili. tempo.
2 Sblocco di tutte le parti apribili. Infatti, questi potrebbero mettere a
rischio la propria incolumità o quella
3 Chiave di contatto-accensione e di altre persone ad esempio av-
della porta anteriore sinistra. viando il motore, azionando degli
4 Apertura/chiusura del solo portel- equipaggiamenti, come ad esempio
lone. gli alzavetri o addirittura bloccare le
Consigli porte...
Telecomando con inserto estraibile: Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
5 Blocco/sblocco dell’inserto della Non avvicinate il telecomando ad
una fonte di calore, freddo o umi- giato la temperatura interna dell’abi-
chiave. Per liberare l’inserto dal re- tacolo aumenta molto rapidamente.
lativo alloggiamento premete il pul- dità.
RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
sante 5, quest’ultimo fuoriesce da LESIONI.
solo. Premete il pulsante 5 e accom-
pagnate l’inserto per inserirlo nell’al- La chiave non deve essere utiliz-
loggiamento. zata per nessuna altra funzione ad
eccezione delle funzioni descritte
nel libretto d’istruzioni (aprire una
bottiglia…).

1.2
CHIAVE, TELECOMANDO A RADIOFREQUENZA: informazioni generali (2/2)
Campo d’azione
del telecomando a
radiofrequenza
Varia a seconda dell’ambiente: atten-
zione alle manipolazioni del teleco- Sostituzione, necessità di una
mando che possono provocare il bloc- chiave o di un telecomando sup-
caggio o lo sbloccaggio intempestivo plementare
delle porte a causa di pressioni involon- Rivolgetevi esclusivamente alla
tarie dei pulsanti. Rete del marchio:
Nota: se una parte apribile (porta o ba- – in caso di sostituzione di una
gagliaio) fosse aperta o chiusa male, le chiave, sarà necessario portare
parti apribili si bloccano/sbloccano ra- il veicolo e tutte le sue chiavi
pidamente. presso la Rete del marchio per
procedere alle operazioni di ini-
Interferenze zializzazione dell’insieme;
A seconda dell’ambiente circostante
(impianti esterni o uso di dispositivi fun- – a seconda della versione del vei-
zionanti sulla stessa frequenza del tele- colo, potete disporre di un mas-
comando) il funzionamento del teleco- simo di quattro telecomandi.
mando può risultare disturbato.
Guasto del telecomando
Assicuratevi di avere sempre una
pila in buono stato, del tipo richiesto
ed inserita correttamente. La durata
della vita di una pila è di circa due
anni.
Per conoscere la procedura di sosti-
tuzione della pila, consultate il pa-
ragrafo «Telecomando a radiofre-
quenza: pila» del capitolo 5.

1.3
TELECOMANDO A RADIOFREQUENZA: utilizzo
Il telecomando A assicura il blocco o lo A Nota
sblocco delle parti apribili.
con motore acceso, contatto inserito e
È alimentato da una pila che con-
in posizione accessori (consultate il pa-
viene sostituire (consultate il paragrafo
ragrafo «Commutatore di avviamento:
«Telecomando a radiofrequenza: batte-
veicolo con chiave» del capitolo 2), i
rie» nel capitolo 5).
tasti del telecomando non sono attivi.
1
Bloccaggio delle porte
Premete il tasto di blocco 1. 2
Il bloccaggio è confermato da due
lampeggiamenti delle luci di segnala-
zione pericolo e delle frecce. 3
Se una parte apribile (porta, portellone)
è aperta o chiusa male, le serrature si
bloccano e sbloccano in rapida succes-
sione e le luci di segnalazione pericolo Bloccaggio/sbloccaggio del
e delle frecce non lampeggiano. solo bagagliaio
Premete il pulsante 3.
Sbloccaggio delle porte
Una pressione del pulsante 2 permette
di sbloccare le parti apribili. Responsabilità del conducente all’arresto o allo spegnimento del
Lo sbloccaggio è confermato da un veicolo
lampeggiamento delle luci di segnala- Non lasciate mai il vostro veicolo incustodito, lasciando all’interno la
zione pericolo e delle frecce. chiave e un bambino (o un animale), anche per un breve lasso di tempo.
Infatti, questi potrebbero mettere a rischio la propria incolumità o quella di altre
persone ad esempio avviando il motore, azionando degli equipaggiamenti, come
ad esempio gli alzavetri o addirittura bloccare le porte...
Inoltre con tempo caldo e/o soleggiato la temperatura interna dell’abitacolo au-
menta molto rapidamente.
RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI LESIONI.

1.4
TELECOMANDO A RADIOFREQUENZA: chiusura a effetto globale
Per attivare la chiusura ad Per disattivare la chiusura ad
effetto globale effetto globale
Esercitate due pressioni successive sul Sbloccate il veicolo con il pulsante 2.
pulsante 1. Lo sbloccaggio delle porte viene visua-
Il blocco è confermato da due lampeg- lizzato attraverso un lampeggiamento
1 giamenti lenti e tre rapidi delle luci di delle luci di segnalazione pericolo.
segnalazione pericolo e delle frecce.
Particolarità: la chiusura ad effetto glo-
bale non è possibile se le luci di segna-
2 lazione pericolo o le luci di posizione
del veicolo sono accese.

Se il veicolo è dotato della funzione di


chiusura a effetto globale, questa per-
mette di bloccare le parti apribili e d’im-
pedire l’apertura delle porte dalle mani-
glie interne (in caso di rottura del vetro
con tentativo d’apertura delle porte
dall’interno).

Non utilizzate mai la chiu-


sura ad effetto globale delle
porte se qualcuno resta al-
l’interno del veicolo.

1.5
CARTA RENAULT: informazioni generali (1/2)
La carta RENAULT consente: Campo di azione della carta
– il blocco/sblocco delle parti apribili RENAULT
1 (porte, bagagliaio) (consultate le Varia in funzione dell’ambiente circo-
pagine successive); stante: prestate attenzione quindi a
4
– l’accensione delle luci a distanza non premere involontariamente i pul-
del veicolo (leggete alle pagine se- santi della carta RENAULT provocando
2 guenti); il bloccaggio o lo sbloccaggio intempe-
stivi delle porte del veicolo.
3 – l’avviamento del motore, consultate il
paragrafo «Avviamento del motore»
del capitolo 2.

Autonomia
Assicuratevi di avere una pila in buono
stato, del tipo richiesto e inserita corret-
1 Sbloccaggio di tutte le parti apribili. tamente. La sua durata è di circa due
2 Bloccaggio di tutte le parti apribili. anni: sostituitela quando appare il mes-
3 Blocco/sblocco del bagagliaio. saggio «Pila carta debole» sul quadro
della strumentazione (consultate il pa-
4 Accensione a distanza dell’illumina- ragrafo «Carta RENAULT: pila» del ca-
zione. pitolo 5).

Con la pila scarica, potete sempre


bloccare/sbloccare le porte ed av-
viare il veicolo. Consultate i para-
grafi «Bloccaggio, sbloccaggio delle
porte» del capitolo 1 e «Avviamento,
spegnimento del motore» del capi-
tolo 2.

1.6
CARTA RENAULT: informazioni generali (2/2)

Consigli
Non avvicinate la carta ad una fonte
4 di calore, di freddo o di umidità.
Non riponete la carta RENAULT in
un luogo in cui possa essere pie-
gata o rovinarsi involontariamente: Responsabilità del
ad esempio, quando ci si siede sulla conducente all’arresto
carta messa nella tasca posteriore o allo spegnimento del
dei pantaloni. veicolo
Non lasciate mai il vostro veicolo
incustodito, lasciando all’interno
la chiave e un bambino (o un ani-
male), anche per un breve lasso di
Funzione «illuminazione a tempo.
distanza» Infatti, questi potrebbero mettere a
Sostituzione, necessità di una rischio la propria incolumità o quella
Premendo il pulsante 4, le luci anab- carta RENAULT supplementare di altre persone ad esempio av-
baglianti e l’illuminazione interna si ac- viando il motore, azionando degli
cendono per circa 20 secondi. Questo In caso di perdita, o se desiderate
equipaggiamenti, come ad esempio
consente, ad esempio, di ritrovare da un’altra carta RENAULT, rivolgetevi
gli alzavetri o addirittura bloccare le
lontano il veicolo fermo in un parcheg- esclusivamente alla Rete del mar-
porte...
gio. chio.
Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
Nota: premendo nuovamente il pul- In caso di sostituzione di una carta giato la temperatura interna dell’abi-
sante 4, l’illuminazione si spegne. RENAULT, sarà necessario por- tacolo aumenta molto rapidamente.
tare il veicolo e tutte le sue carte RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
RENAULT presso la Rete del mar- LESIONI.
chio per reinizializzare l'insieme.
Ad ogni veicolo possono essere attri-
buite fino a quattro carte RENAULT.

1.7
CARTA RENAULT "ACCESSO FACILITATO": utilizzo (1/4)
Disponete di due modalità di bloccag-
gio/sbloccaggio del veicolo:
– la carta RENAULT in modalità "ac-
cesso facilitato";
– la carta RENAULT in modalità tele-
comando.

1 1
Responsabilità del
conducente all’arresto
o allo spegnimento del
veicolo
Non lasciate mai il vostro veicolo
incustodito, lasciando all’interno
la chiave e un bambino (o un ani- 1
male), anche per un breve lasso di
tempo. Utilizzo della carta in viva
Infatti, questi potrebbero mettere a voce
rischio la propria incolumità o quella
di altre persone ad esempio av- La modalità «viva voce» consente il
viando il motore, azionando degli bloccaggio/sbloccaggio senza agire sui
equipaggiamenti, come ad esempio pulsanti della carta RENAULT quando
gli alzavetri o addirittura bloccare le questa è presente nella zona di ac-
porte... cesso 1.
Inoltre con tempo caldo e/o soleg- Nota: è possibile disattivare l’accesso
giato la temperatura interna dell’abi- «viva voce» (consultate il paragrafo
tacolo aumenta molto rapidamente. «Menu di personalizzazione delle rego-
RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI lazioni del veicolo» del capitolo 1).
LESIONI.
Non riponete la carta RENAULT in
un luogo in cui possa essere a con-
tatto con altri equipaggiamenti elet-
tronici (computer, telefono ecc.) che
possono pregiudicarne il funziona-
mento.

1.8
CARTA RENAULT "ACCESSO FACILITATO": utilizzo (2/4)
Il blocco è confermato da un lampeg-
giamento delle luci di segnalazione
3 pericolo e degli indicatori di direzione,
seguito dall’accensione fissa per circa
quattro secondi insieme a un segnale
acustico.

Bloccaggio con il pulsante 2


Con porte e bagagliaio chiusi e veicolo
sbloccato, premete il pulsante 2 della
maniglia di una delle porte anteriori. Il
veicolo si blocca. La chiusura è con-
fermata da due lampeggiamenti delle
luci di segnalazione pericolo e degli in-
2 dicatori di direzione.

Sbloccaggio «viva voce» Pulite i sensori. Se il problema persiste, Particolarità relative al bloccaggio
rivolgetevi alla Rete del marchio. Dopo un blocco tramite pressione del
Con la carta RENAULT nella zona 1, pulsante 2, occorre attendere tre se-
premere il pulsante 2 della maniglia di Bloccaggio in “accesso facilitato” a condi circa per poter sbloccare il vei-
una delle porte anteriori: il veicolo si distanza colo. Durante questi tre secondi, è
sblocca. (A seconda del veicolo) possibile assicurarsi del corretto bloc-
L’apertura è indicata da un lampeggia- caggio azionando le maniglie delle
mento delle luci di segnalazione peri- Con la carta RENAULT in tasca, porte e porte. Se una porta è aperta o chiusa
colo e degli indicatori di direzione. bagagliaio chiusi, allontanatevi dal vei- male:
colo: il viva voce si blocca automatica- – quando il blocco viene eseguito pre-
Una pressione del pulsante 3 sblocca mente non appena uscite dalla zona di
tutte le porte del veicolo, bagagliaio in- mendo il pulsante 2, il veicolo viene
accesso. bloccato, quindi rapidamente sbloc-
cluso.
L’eventuale copertura (sporcizia, fango, Nota: la distanza dal veicolo a cui inter- cato, senza il lampeggiamento delle
neve, sale antigelo e così via) di uno viene la chiusura dipende dall’ambiente luci di segnalazione pericolo e degli
dei sensori integrati nella parte interna circostante. indicatori di direzione;
della maniglia di una porta potrebbe – durante l’allontanamento, il veicolo
compromettere temporaneamente il non si blocca.
funzionamento del sistema di accesso
facilitato.

1.9
CARTA RENAULT "ACCESSO FACILITATO": utilizzo (3/4)
Bloccaggio con la carta RENAULT
Con porte e bagagliaio chiusi, premere
il pulsante 6: il veicolo si blocca.
5 La chiusura è confermata da due lam-
peggiamenti delle luci di segnalazione
pericolo e degli indicatori di direzione.
Nota: la distanza massima dal veicolo
6 in cui interviene la chiusura dipende
dall’ambiente circostante.
4
Particolarità
Se una parte apribile (porta o baga-
gliaio) risulta aperta o chiusa male, il
veicolo non può essere bloccato. Il vei-
colo si blocca/sblocca in rapida suc-
cessione senza lampeggiamento delle
Particolarità relative al bloccaggio Utilizzo della carta con luci di segnalazione di pericolo e delle
(segue) telecomando frecce.
Se la carta RENAULT (eventualmente
fornita con il veicolo) si trova nella zona Sbloccaggio tramite utilizzo della
di rilevamento da circa 15 minuti, il carta RENAULT
bloccaggio a distanza è disattivato. Premete il pulsante 5.
L’apertura è indicata da un lampeggia-
Il bloccaggio del veicolo non può essere mento delle luci di segnalazione peri-
effettuato in presenza di una carta nella colo e degli indicatori di direzione.
zona 4.
Dopo lo sbloccaggio premendo il pul-
sante della carta RENAULT senza
apertura di una parte apribile, il bloc-
caggio «viva voce» a distanza viene di-
sattivato.

Motore acceso, i tasti della carta


sono disattivati.

1.10
CARTA RENAULT "ACCESSO FACILITATO": utilizzo (4/4)

Responsabilità del
4 7 conducente all’arresto
o allo spegnimento del
veicolo
Non lasciate mai il vostro veicolo
incustodito, lasciando all’interno
la chiave e un bambino (o un ani-
male), anche per un breve lasso di
Con il motore acceso, se dopo aver Bloccaggio/sbloccaggio del tempo.
aperto e chiuso una porta, la carta non solo bagagliaio Infatti, questi potrebbero mettere a
è più nella zona 4, il messaggio «Carta rischio la propria incolumità o quella
non rilevata» vi avvisa che la carta non Premete il pulsante 7 per bloccare/ di altre persone ad esempio av-
è più nel veicolo. Ciò consente di evi- sbloccare solo il bagagliaio. viando il motore, azionando degli
tare ad esempio di partire dopo aver equipaggiamenti, come ad esempio
lasciato a terra un passeggero con la gli alzavetri o addirittura bloccare le
carta addosso. porte...
L’avviso scompare quando la carta Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
viene nuovamente rilevata. giato la temperatura interna dell’abi-
tacolo aumenta molto rapidamente.
RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
LESIONI.

1.11
CARTA RENAULT: chiusura ad effetto globale
Particolarità
La chiusura ad effetto globale non può
1 essere attivata quando sono accese le
luci di segnalazione pericolo o le luci di
posizione.

2 Per disattivare la chiusura ad


effetto globale
Sbloccate il veicolo con il pulsante 1
della carta RENAULT.
L’apertura è indicata da un lampeggia-
mento delle luci di segnalazione peri-
3 colo e degli indicatori di direzione.

Se il veicolo è dotato della funzione di Per attivare la chiusura ad


chiusura ad effetto globale, questa per- effetto globale
mette di bloccare le parti apribili e d’im-
pedire l’apertura delle porte dalle mani- Premete due volte rapidamente il pul-
glie interne (in caso di rottura del vetro sante 2.
con tentativo d’apertura delle porte Con il veicolo sbloccato, avete l’ulte-
dall’interno). riore possibilità di premere due volte ra-
pidamente il pulsante 3 della porta con-
ducente, della porta passeggero o del
bagagliaio.
In entrambi i casi, il bloccaggio è indi-
cato da cinque lampeggiamenti delle
frecce laterali e delle luci di segnala-
Non utilizzate mai la chiu- zione pericolo.
sura ad effetto globale delle
porte se qualcuno resta
all’interno del veicolo.

1.12
BLOCCAGGIO, SBLOCCAGGIO DELLE PORTE (1/3)
Caso di mancato Si può quindi:
funzionamento del – di utilizzare, a seconda del veicolo,
telecomando o, a seconda la chiave integrata del telecomando
del veicolo, della carta a radiofrequenza o la chiave di
emergenza integrata nella carta per
RENAULT sbloccare la porta anteriore sinistra;
In alcuni casi, il telecomando a radio-
– bloccare manualmente la serratura 1
frequenza o la carta RENAULT pos-
di ogni porta;
sono non funzionare:
– utilizzare il comando di bloccaggio/
– usura della pila del telecomando
sbloccaggio delle porte dall’interno
a radiofrequenza o della carta
(consultate le pagine seguenti).
RENAULT, batteria del veicolo sca-
rica, ecc. 2
– utilizzo di apparecchiature che fun-
zionano sulla stessa frequenza della
carta (telefono cellulare...); Veicoli con chiave,
– veicolo situato in una zona caratte- telecomando
rizzata da un’elevata presenza di
onde elettromagnetiche. Utilizzo della chiave
introducete la chiave 2 nella serratura 1
e bloccate o sbloccate la porta ante-
riore sinistra.

Non lasciate mai il vostro


veicolo con la chiave o la
carta RENAULT all'interno
dell'abitacolo.

1.13
BLOCCAGGIO, SBLOCCAGGIO DELLE PORTE (2/3)

4
3

Veicoli con carta RENAULT Utilizzo della chiave integrata


introducete la chiave 4 nella serratura 1
Accesso alla chiave 4 integrata e bloccate o sbloccate la porta ante-
nella carta riore sinistra.
Fare scorrere il guscio posteriore 3 Una volta aperto il veicolo, riposizio-
verso il basso premendo sulla zona A. nate la chiave integrata nel relativo al-
loggiamento nella carta RENAULT.

1.14
BLOCCAGGIO, SBLOCCAGGIO DELLE PORTE (3/3)
Blocco delle parti apribili
senza la carta RENAULT o
senza chiave
Nel caso, ad esempio, di una pila sca-
rica, di un mancato funzionamento tem-
poraneo della carta RENAULT o della
6 chiave, ecc.
5 A motore spento, con una parte
apribile (porta o bagagliaio) aperta,
tenete premuto per oltre cinque se-

condi il tasto 5 lato .
Alla chiusura della porta si blocche-
ranno anche tutte le altre parti apribili.
Sarà possibile sbloccare il veicolo
Comando di bloccaggio/ Se si trasporta un oggetto con il cofano dall’esterno solo con la carta RENAULT
Sbloccaggio dall’interno aperto, è possibile comunque bloccare collocata nella zona di accesso al vei-
le altre parti apribili: a motore spento, colo o con la chiave.
Il tasto 5 situato sulla porta conducente esercitare una pressione di oltre cinque
e passeggero comanda simultanea-
mente le porte e il bagagliaio. secondi sul tasto 5 sul lato
bloccare le altre parti apribili.
… per Spia stato di bloccaggio delle
parti apribili
Sbloccaggio: premere il tasto 5 sul

lato .
Con contatto inserito, la spia 6 vi in-
forma sullo stato di bloccaggio delle
Bloccaggio: premere il tasto 5 sul lato parti apribili:
– spia accesa, le parti apribili sono
… .
Responsabilità del con-
ducente bloccate;
Qualora una parte apribile (porta o ba- – spia spenta, le parti apribili sono
Se decidete di viaggiare a
gagliaio) fosse aperta o chiusa male, sbloccate.
porte bloccate, tenete conto
le parti apribili si bloccherebbero/sbloc- Quando chiudete le porte dall’esterno
che ciò può rendere più difficile l’ac-
cherebbero rapidamente. la spia rimane accesa, poi si spegne.
cesso dei soccorritori nell’abitacolo
in caso d’emergenza.

1.15
APERTURA E CHIUSURA DELLE PORTE (1/2)

3 4

1
5

Apertura dall’esterno Apertura dall’interno Segnalazione dimenticanza


Con le porte sbloccate, tirate la mani- Tirate la maniglia 3. chiusura di una parte apribile
glia 1. A veicolo fermo e con contatto inserito,
Allarme acustico di la spia 4 si accende sul quadro della
Particolarità dei veicoli dotati di
carta RENAULT dimenticanza luci accese strumentazione insieme alla spia 5 2 ,
a indicare la o le parti apribili (porta, ba-
Con le porte sbloccate, premete il pul- All’apertura di una porta e se la le-
sante 2 della maniglia 1 di una delle vetta dell’illuminazione non è in posi- gagliaio) aperte o chiuse male.
sue porte anteriori e tirate verso di voi. zione AUTO, scatta un allarme acustico Quando il veicolo raggiunge i 20 km/h
per segnalare che le luci sono rimaste circa, una spia accompagnata dal mes-
accese mentre il contatto motore è di- saggio «Portellone aperto» o «Porta
sinserito. aperta» indica la o le parti apribili (porta
Per motivi di sicurezza fate o bagagliaio) aperte o chiuse male,
sempre le operazioni di mentre un segnale acustico risuona
apertura/chiusura quando il per circa 40 secondi o fino alla chiusura
veicolo è fermo. della parte apribile.

1.16
APERTURA E CHIUSURA DELLE PORTE (2/2)

Responsabilità del
conducente all’arresto
o allo spegnimento del
veicolo
6 Non lasciate mai il vostro veicolo
incustodito, lasciando all’interno
la chiave e un bambino (o un ani-
male), anche per un breve lasso di
Veicolo con bloccaggio manuale tempo.
delle porte Infatti, questi potrebbero mettere a
Per impedire l’apertura delle porte rischio la propria incolumità o quella
posteriori dall’interno, spostate la le- di altre persone ad esempio av-
vetta 6 e verificate, dall’interno, che le viando il motore, azionando degli
porte siano effettivamente chiuse. equipaggiamenti, come ad esempio
gli alzavetri o addirittura bloccare le
porte...
Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
giato la temperatura interna dell’abi-
tacolo aumenta molto rapidamente.
RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
LESIONI.

1.17
BLOCCO AUTOMATICO DELLE PORTE DURANTE LA GUIDA
A seconda del veicolo, potete anche di-
sattivare/attivare questa funzione dal
quadro della strumentazione o dallo
2 schermo multifunzione.
Leggete il paragrafo «Menu della
personalizzazione delle regolazioni
del veicolo» al capitolo 1, funzione
«Bloccaggio porte in marcia»:
1
Anomalia di funzionamento
Se constatate un funzionamento ano-
malo (la chiusura automatica non in-
terviene, la spia 2 non si accende alla
chiusura delle parti apribili, ecc.) ve-
rificate innanzitutto la corretta chiu-
Principio di funzionamento Attivazione/Disattivazione sura di tutte le parti apribili. Se sono
In seguito all’avviamento del veicolo, della funzione chiuse correttamente, rivolgetevi a un
il sistema chiude automaticamente le Rappresentante del marchio.
porte non appena si oltrepassa la velo- Per attivarla: a veicolo fermo e con
cità di circa 10 km/h. motore acceso, premete il contattore 1
Lo sbloccaggio avviene:
– premendo il contattore 1 di apertura
lato
stico.
… fino a udire un segnale acu-


delle porte lato ;
– a veicolo fermo, aprendo l’interno di
Per disattivarla: a veicolo fermo e con
motore acceso, premete il contattore 1
una porta anteriore.
Nota: se viene aperta/chiusa una porta,
essa si bloccherà di nuovo automatica-
lato ‡
stici.
fino a udire due segnali acu- Responsabilità del con-
ducente
mente quando il veicolo raggiungerà la Se decidete di viaggiare a
velocità di circa 10 km/h. porte bloccate, tenete conto
che ciò può rendere più difficile l’ac-
cesso dei soccorritori nell’abitacolo
in caso d’emergenza.

1.18
APPOGGIATESTA ANTERIORE
Per togliere l’appoggiatesta
Sollevate l’appoggiatesta nella posi-
zione più alta (se necessario, reclinate
A lo schienale all’indietro). Premete il pul-
2 sante 3 e sollevate l’appoggiatesta fino
a disimpegnarlo.

1
Per rimettere l’appoggiatesta
Verificate che le aste dell’appoggiate-
sta siano pulite 2.
L’asta scanalata deve essere inserita
nella guida 1 dotata del pulsante di
3 blocco 3.
Introducete le aste dell’appoggiatesta
Per alzare l’appoggiatesta nelle guide (se necessario, reclinate lo
Tirate l’appoggiatesta verso l’alto fino schienale all’indietro).
all’altezza desiderata. Verificate che sia Premete il pulsante 3 e abbassate l’ap-
bloccato correttamente. poggiatesta fino allo scatto, poi regola-
telo all’altezza desiderata. Verificate il
Per abbassare corretto bloccaggio di ogni asta 2 sullo
schienale del sedile.
l’appoggiatesta
Premete il tasto 3 e fate scendere l’ap- L’appoggiatesta è un ele-
poggiatesta fino all’altezza desiderata. mento di sicurezza, deve
Verificate che sia bloccato corretta- quindi essere presente e
mente. correttamente posizionato:
la sommità dell’appoggiatesta deve
trovarsi il più vicino possibile alla
sommità della testa e la distanza
tra la testa e la parte A deve essere
minima.

1.19
SEDILI ANTERIORI CON COMANDI MANUALI (1/2)
Per fare salire o scendere la
seduta del sedile
Agite sulla leva 2 per quanto necessa- 5
rio verso l’alto o il basso.

Per inclinare lo schienale


3 Sollevate la leva 3 e spostate lo schie-
2
nale fino alla posizione desiderata.

1 6

Per avanzare o arretrare il Per regolare il sedile


sedile conducente a livello lombare
Sollevate la maniglia 1 per sbloccare. Abbassate la leva 5 per accentuare il
Nella posizione desiderata, rilasciatela Per motivi di sicurezza, ef- sostegno e sollevatela per diminuirlo.
e verificate che il sedile sia corretta- fettuate queste operazioni a
mente bloccato. veicolo fermo.
Per non limitare l’azione Sedili termici
delle cinture di sicurezza, vi con- Con contatto inserito, premete il contat-
sigliamo di non inclinare eccessi- tore 6 del sedile desiderato. Le spie in-
vamente indietro gli schienali dei tegrate al contattore si accendono.
sedili.
Il sistema regola automaticamente il ri-
Sul pianale (del posto guida) non scaldamento, disattivandolo se neces-
deve trovarsi alcun oggetto: in caso sario. Premendo una seconda volta,
di frenata brusca rischierebbe di sci- si abbassa la temperatura. Premendo
volare sotto la pedaliera impeden- una terza volta si spegne il riscalda-
done l’uso. mento.

1.20
SEDILI ANTERIORI A COMANDI MANUALI (2/2)
Durante l’utilizzo del sedile passeggero Riposizionamento del sedile
in posizione piatta, è vietato utilizzare
i 2 posti che si trovano proprio dietro il Abbiate cura che nessun oggetto osta-
sedile passeggero. coli la regolazione del sedile.
– Tirate la maniglia 7 e sollevate lo
schienale, assicurandovi che sia
bloccato correttamente;
– riposizionate la seduta.
7 Fate attenzione a trattenere
correttamente lo schienale
3 del sedile quando pas-
sate alla posizione pianale
unico. Rischio di lesioni.

Posizione tavolino Quando ripiegate lo schie-


A seconda della versione del veicolo, nale del sedile anteriore,
lo schienale del lato passeggero può l’airbag passeggero ante-
essere abbassato sulla seduta in modo riore deve essere obbliga-
da ottenere una posizione tavolino. toriamente disattivato (consultate il
– Abbassate l’appoggiatesta; paragrafo «Sicurezza dei bambini:
– indietreggiate il sedile; disattivazione, attivazione airbag
– Sollevare la leva 3 e reclinare lo passeggero anteriore» del capi-
schienale in avanti al massimo; tolo 1).
– tirate la maniglia 7 e abbassate com- Rischio di lesioni gravi in caso di
pletamente lo schienale. apertura dell’airbag per proiezione
degli oggetti appoggiati sullo schie-
nale ripiegato.
Per la vostra sicurezza, fis- L’etichetta (sul cruscotto) e le mar-
sate gli oggetti trasportati cature (sul parabrezza) vi ricordano
queste istruzioni. Per motivi di sicurezza, ef-
quando il sedile si trova in fettuate queste operazioni a
posizione tavolino. veicolo fermo.

1.21
SEDILE ANTERIORE CON COMANDI ELETTRICI
Sedili termici
Con contatto inserito, premete il contat-
tore 4 del sedile desiderato. Le spie in-
3 tegrate al contattore si accendono.
Il sistema regola automaticamente il ri-
scaldamento, disattivandolo se neces-
sario. Premendo una seconda volta,
si abbassa la temperatura. Premendo
una terza volta si spegne il riscalda-
mento.
2
4
1 Per motivi di sicurezza, ef-
Regolazione della seduta: Per regolare il sedile a livello fettuate queste operazioni a
lombare veicolo fermo.
– Per avanzare o indietreggiare la
seduta Abbassate la levetta 3 per accentuare Controllate che gli schie-
Azionate il tasto 1 in avanti o indie- il supporto e sollevatela per attenuarlo. nali dei sedili siano corretta-
tro. mente bloccati.
– Per rialzare o abbassare la seduta Per non limitare l’azione delle cin-
Azionate il contattore 1 in alto o in ture di sicurezza, vi consigliamo di
basso. non inclinare eccessivamente indie-
tro gli schienali dei sedili.
Regolazione dello schienale: Sul pianale (posto anteriore con-
Per inclinare lo schienale, azionate il ducente) non deve trovarsi alcun
tasto 2 in avanti o all’indietro. oggetto: in caso di frenata brusca
rischierebbe di scivolare sotto la pe-
daliera impedendone l’uso.

1.22
CINTURE DI SICUREZZA (1/4)
Per evidenti ragioni di sicurezza, allac- Prima di accendere il motore, re-
ciate la vostra cintura per qualsiasi spo- golate innanzitutto la posizione di
stamento. Inoltre, dovete conformarvi guida, poi, per tutti i passeggeri, re-
alle leggi del paese in cui vi trovate. golate le cinture di sicurezza per ot-
tenere la migliore protezione possi-
bile.
1
Regolazione della posizione
di guida
– Sedetevi bene contro lo schienale
del sedile (dopo avere tolto indu-
menti quali cappotto, giubbotto....). È
un fattore essenziale per il posizio-
namento corretto della schiena;
– regolate la posizione del sedile in 2
funzione della pedaliera. La posi- Regolazione delle cinture di
zione del vostro sedile deve essere
tale da consentirvi di premere a fondo
sicurezza
Le cinture di sicurezza non
regolate o attorcigliate pos- il pedale della frizione. Lo schienale Appoggiatevi bene allo schienale.
sono provocare lesioni in deve essere inclinato in modo che le La cintura del torace 1 deve essere il
caso d’incidente. braccia rimangano leggermente pie- più vicino possibile alla base del collo
gate; senza tuttavia toccarlo.
Utilizzate una cintura di sicurezza – regolate la posizione dell’appog-
per una sola persona, un bambino giatesta. Per la massima sicurezza, La cintura del bacino 2 deve essere ap-
o un adulto. la distanza tra la testa e l’appoggia- poggiata alle cosce e contro il bacino.
Anche le donne incinte devono al- testa deve essere minima; La cintura deve aderire il più possibile
lacciare la cintura. In tal caso, veri- – regolate l’altezza della seduta. al corpo. Es. : evitate di indossare ve-
ficate che la cintura del bacino non Questa regolazione permette di otti- stiti troppo pesanti, di interporre oggetti
eserciti una pressione rilevante sul mizzare la visibilità; tra il corpo e la cintura...
basso ventre, senza tuttavia creare – regolate la posizione del volante.
un gioco eccessivo.

1.23
CINTURE DI SICUREZZA (2/4)
Spia di allarme di mancato
ß allacciamento della cintura
di sicurezza del conducente e, a se-
conda del tipo di veicolo, del pas-
seggero anteriore
Si accende sul display centrale all’av-
viamento del motore poi, se la cintura
1 del conducente o del passeggero an- 6
teriore (con sedile occupato) non è
allacciata e il veicolo raggiunge circa
20 km/h, lampeggia e si attiva un se-
3 gnale acustico per circa 120 secondi.
Nota: un oggetto appoggiato sulla
4
seduta del passeggero può azionare, in
5 5 alcuni casi, la spia.
Allarme di cintura posteriore non al-
Bloccaggio lacciata (a seconda della versione del Verificate che i passeggeri posteriori
veicolo) abbiano allacciato correttamente la cin-
Svolgete la cinghia lentamente e tura e che il numero di cinture allac-
senza strappi ed inserite la fibbia 3
nel modulo 5 (verificate il bloccaggio ti-
rando la fibbia 3).
La spia ß si accende sul display
centrale accompagnata dalla scher-
ciate indicato corrisponda al numero
dei posti occupati sui sedili posteriori.
mata 6 sul quadro della strumentazione Sul display 6:
In caso di bloccaggio della cintura, tor- – riferimento in verde: cintura allac-
per circa 30 secondi a ogni avviamento
nate indietro e svolgetela di nuovo. ciata;
del veicolo, apertura di una porta o ag-
Se la vostra cintura è completamente gancio/sgancio di una cintura poste- – riferimento in rosso: cintura non al-
bloccata, tirate lentamente, ma con riore. lacciata.
forza, la cintura ed estraetene circa
3 cm. Lasciate che si riavvolga normal-
mente poi svolgetela di nuovo. Sbloccaggio
Se il problema persiste, rivolgetevi alla Premete il pulsante 4, la cintura viene
Rete del marchio. riavvolta. Accompagnatela.

1.24
CINTURE DI SICUREZZA (3/4)
7

8
8

Regolazione in altezza delle Cinture posteriori 8


cinture anteriori Il bloccaggio, lo sbloccaggio e la rego-
Utilizzate il pulsante 7 per regolare l’al- lazione si effettuano nello stesso modo
tezza della cintura in modo che la cin- delle cinture anteriori.
tura a bandoliera passi come indicato
in precedenza. Premete il pulsante 7
e alzate o abbassate la cintura. Dopo
avere effettuato la regolazione, assicu-
ratevi del corretto bloccaggio.

Verificate la corretta posi-


zione e il funzionamento
delle cinture di sicurezza
posteriori dopo essere in-
tervenuti sul sedile unico posteriore.

1.25
CINTURE DI SICUREZZA (4/4)
Le informazioni che seguono riguardano le cinture anteriori e posteriori del veicolo.

– Non apportate alcuna modifica agli elementi del sistema di ritenuta montati originariamente: cinture, sedili e relativi
attacchi. In casi particolari (ad es.: montaggio di un seggiolino per bambini) rivolgetevi a un rappresentante del mar-
chio.
– Non utilizzate nulla che possa creare gioco nelle cinghie (ad es.: mollette per panni, fermagli, ecc.) in quanto una
cintura di sicurezza non tesa può causare lesioni in caso di incidente.
– Non fate mai passare la cintura a bandoliera sotto il braccio o dietro la schiena.
– Non utilizzate la stessa cintura per più di una persona, e non allacciate mai con la vostra cintura un neonato o un bambino
che tenete in braccio.
– La cintura non deve essere attorcigliata.
– Dopo un incidente, fate verificare e, se necessario, sostituire le cinture. Inoltre, fate sostituire le cinture se dovessero pre-
sentare qualsiasi segno di usura o deterioramento.
– Verificate che la staffa della cintura sia inserita nel modulo appropriato.
– Fate attenzione a non inserire oggetti nella zona del dispositivo di bloccaggio della cintura che potrebbero comprometterne
il corretto funzionamento.
– Assicuratevi di aver ben posizionato il dispositivo di bloccaggio (non deve essere coperto, schiacciato, appiattito... da per-
sone o oggetti).

1.26
DISPOSITIVI COMPLEMENTARI ALLA CINTURA ANTERIORE (1/4)
A seconda della versione del veicolo,
possono essere costituiti da: – Dopo ogni incidente, fate
– pretensionatori dell’avvolgitore controllare l’insieme dei
della cintura di sicurezza; dispositivi di sicurezza.
– pretensionatori della cintura ven- – Qualsiasi intervento sul
trale conducente; sistema (pretensionatori, airbags,
moduli elettronici, cablaggi) e i
– limitatori di sforzo del torace; componenti del sistema o il riu-
– airbags conducente e passeggero tilizzo su un altro veicolo, anche
anteriore. identico, è rigorosamente vietato.
Questi sistemi sono studiati per funzio- – Al fine di evitare azionamenti ac-
nare separatamente o contemporanea- cidentali che possano causare
mente nel caso di uno scontro frontale. 2 dei danni, solo il personale qua-
1 lificato della Rete del marchio è
A seconda della violenza dell’urto il si- abilitato ad intervenire su preten-
stema aziona: sionatori e airbag.
– il blocco della cintura di sicurezza; Pretensionatori
– Il controllo delle caratteristiche
– il pretensionatore dell’avvolgitore I pretensionatori servono a far aderire elettriche dell’attuatore deve
della cintura di sicurezza (che si la cintura al corpo dell’occupante del essere effettuato esclusivamente
attiva per tendere la cintura); sedile, aumentando l’efficacia della cin- da personale con una prepara-
tura stessa. zione specifica, che utilizzi at-
– il pretensionatore della cintura ven-
Con contatto inserito, quando si verifica trezzi adatti.
trale per bloccare l’occupante sul re-
lativo sedile; uno scontro frontale, in funzione della – Al momento della rottamazione
violenza della collisione, il sistema può del veicolo, rivolgetevi alla Rete
– parte anteriore airbag. azionare: del marchio per l’eliminazione del
– il pretensionatore dell’avvolgitore pretensionatore e dei airbags ge-
della cintura di sicurezza 1 che tira neratori di gas.
indietro immediatamente la cintura;
– il pretensionatore della cintura ven-
trale 2 solo per il conducente.

1.27
DISPOSITIVI COMPLEMENTARI ALLA CINTURA ANTERIORE (2/4)
Limitatore di sforzo Airbags conducente e
A partire da un certo grado di violenza passeggero anteriore
dell’urto, questo meccanismo scatta Sono installati in corrispondenza dei
per limitare ad un livello sopportabile posti anteriori del conducente e del
l’azione della cintura sul corpo. passeggero.
La stampigliatura «Airbag» sul volante
e sul cruscotto (zona dell'airbag A) e, A
a seconda della versione del veicolo,
un’etichetta incollata nella parte infe-
riore del parabrezza indicano la pre-
senza di questo equipaggiamento.
Ogni sistema airbag è costituito da:
– un airbag ed il relativo generatore di
gas installati nel volante per il condu-
cente e nel cruscotto per il passeg-
gero anteriore;
– un modulo elettronico del disposi-
tivo di controllo del sistema che co-
manda il dispositivo elettrico d’inne-
sco del generatore di gas;
Il sistema airbag utilizza
– una spia di controllo å unica sul
quadro della strumentazione.
un principio pirotecnico.
Questo spiega il fatto che
alla sua apertura, produce
calore, libera fumo (il che non sta ad
indicare un principio di incendio) e
genera un rumore di detonazione.
L'azionamento dell'airbag, che deve
essere immediato, può provocare
lesioni cutanee o può avere altri in-
convenienti

1.28
DISPOSITIVI COMPLEMENTARI ALLA CINTURA ANTERIORE (3/4)
Anomalie di funzionamento
La spia å si accende sul quadro
della strumentazione all’inserimento
del contatto, quindi si spegne dopo
pochi secondi.
Se la spia non si accende quando viene
inserito il contatto o si accende durante
la guida, indica un’anomalia del si-
stema.
Consultate al più presto la Rete del
marchio. Qualsiasi ritardo nel farlo può
compromettere l’efficacia della prote-
zione.

Funzionamento
Il sistema è operativo solo dopo aver in-
serito il contatto.
In caso di violento urto frontale, gli
airbags si gonfiano rapidamente, per-
mettendo in tal modo di assorbire
la violenza dell'urto della testa e del
torace del conducente contro il volante
e del passeggero contro il cruscotto. Gli
airbag si sgonfiano immediatamente in
modo da non impedire in alcun modo
l'uscita dei passeggeri dal veicolo.

1.29
DISPOSITIVI COMPLEMENTARI ALLA CINTURA ANTERIORE (4/4)
Tutte le avvertenze che seguono sono volte a non ostacolare il gonfiaggio dell’airbag e ad evitare il verificarsi di gravi
lesioni dirette dovute alla proiezione di oggetti al momento della sua apertura.

Avvertenze riguardanti l’airbag conducente


– Non modificate né il volante né il relativo cuscino.
– Il cuscino del volante non deve essere ricoperto in nessun modo.
– Non fissate alcun oggetto (spillette, logo, orologio, supporto del telefono…) sul cuscino.
– È vietato smontare il volante (tranne se viene fatto dal personale qualificato della Rete del marchio).
– Non guidate troppo vicini al volante: adottate una posizione di guida con le braccia leggermente piegate (vedere paragrafo
«Regolazione del posto conducente» del capitolo 1). Tale posizione assicurerà una distanza sufficiente al dispiegamento e
la piena efficacia dell’airbag.

Avvertimenti relativi all’airbag passeggero


– Non incollare né fissare alcun oggetto (spillette, logo, orologio, supporto del telefono, ecc.) sul cruscotto o nella zona dell’ai-
rbag.
– Non frapponete oggetti (animali, ombrello, bastone, scatole...) tra il cruscotto e il passeggero.
– Non appoggiate i piedi sul cruscotto o sul sedile, queste posizioni possono provocare gravi lesioni. In generale, tenete lon-
tana dal cruscotto ogni parte del corpo (ginocchia, mani, testa...).
– Quando non utilizzate più il seggiolino per bambini sul sedile passeggero anteriore, riattivate i dispositivi complementari alla
cintura del passeggero anteriore per assicurare la protezione del passeggero anteriore in caso di incidente.
È VIETATO MONTARE UN SEGGIOLINO PER BAMBINI IN SENSO CONTRARIO ALLA MARCIA
SUL SEDILE PASSEGGERO ANTERIORE FINCHÉ I DISPOSITIVI DI SICUREZZA COMPLEMENTARI
ALLA CINTURA PASSEGGERO ANTERIORE NON SONO STATI DISATTIVATI.
(consultate il paragrafo «Sicurezza dei bambini: disattivazione, attivazione airbag passeggero anteriore» nel capitolo 1)

1.30
DISPOSITIVI DI SICUREZZA COMPLEMENTARI ALLE CINTURE POSTERIORI LATERALI
Limitatore di sforzo
A partire da un certo grado di violenza
dell’urto, questo meccanismo scatta
per limitare ad un livello sopportabile
l’azione della cintura sul corpo.

– Dopo ogni incidente, fate


controllare tutti i disposi-
tivi di sicurezza.
– Qualsiasi intervento sul
sistema completo (airbag, moduli
elettronici, cablaggi) o il riutilizzo
su un altro veicolo, anche iden-
tico, è rigorosamente vietato.
– Per evitare azionamenti acciden-
tali che possono provocare danni,
soltanto il personale qualificato
della Rete del marchio è abilitato
ad intervenire sugli airbag.

1.31
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE LATERALE
Airbags laterali
Si tratta di airbag di cui sono dotati
i sedili anteriori e i posti posteriori la-
terali, che si gonfiano ai lati del sedile
(lato portiera) per proteggere gli occu-
panti in caso di urto laterale violento.

Airbags tendine
Si tratta di airbag inseriti ai lati nella
parte superiore del veicolo, che si di-
spiegano lungo i vetri laterali delle
porte anteriori e posteriori per proteg-
gere i passeggeri in caso di urti laterali
violenti.

Avvertimento relativo all’airbag laterale


– Installazione delle foderine: i sedili equipaggiati di airbag richiedono
foderine specificamente realizzate per il vostro veicolo. Consultate la
Rete del marchio per sapere se quel tipo di foderine è disponibile. L'uso
di ogni altra foderina (o di foderine specifiche per un altro veicolo) potrebbe
impedire il corretto funzionamento di questi airbags e mettere a repentaglio la
vostra sicurezza.
– Non mettere alcun accessorio o oggetto né un animale tra lo schienale, la
portiera ed i rivestimenti interni. Non coprire lo schienale del sedile con og-
getti come vestiti o accessori. Ciò potrebbe impedire il corretto funzionamento
dell’airbag o provocare lesioni al momento del dispiegamento.
A seconda della versione del vei-
colo, una stampigliatura sul para- – Qualsiasi smontaggio o modifica del sedile e dei rivestimenti interni è proibito,
brezza vi ricorda la presenza dei di- tranne da parte del personale qualificato della Rete del marchio.
spositivi di sicurezza complementari
(airbag, pretensionatori, ...) nell’abi-
tacolo.

1.32
DISPOSITIVI DI SICUREZZA COMPLEMENTARI
Tutte le avvertenze che seguono sono volte a non ostacolare il gonfiaggio Anomalie di funzionamento
dell’airbag e ad evitare il verificarsi di gravi lesioni dirette dovute alla proie-
zione di oggetti al momento della sua apertura. å Questa spia si accende all’av-
viamento del motore e poi si spegne
L’airbag è concepito per completare l’azione della cintura di sicurezza.
dopo circa tre secondi.
L’airbag e la cintura di sicurezza, insieme, costituiscono elementi indis-
sociabili dello stesso sistema di protezione. È quindi assolutamente in- Se la spia non si accende quando viene
dispensabile allacciare sempre le cinture di sicurezza. Non allacciarle inserito il contatto o se resta accesa,
espone gli occupanti a lesioni aggravate in caso di incidente e può aumentare i viene indicato un guasto del sistema.
rischi di lesioni cutanee prodotte dal dispiegamento stesso dell'airbag. Consultate al più presto la Rete del
L’azionamento dei pretensionatori e degli airbags in caso di ribaltamento del vei- marchio.
colo o urto violento posteriore non è sistematico. Gli urti sotto il veicolo, quali urti Qualsiasi ritardo nel farlo può compro-
contro i marciapiedi, fori nel manto stradale, pietre… possono provocare l'azio- mettere l’efficacia della protezione.
namento di questi sistemi.
– Qualsiasi intervento, o modifica del sistema completo airbag (airbags, preten-
sionatori, modulo elettronico, cablaggio…) è severamente proibito (tranne da
parte del personale qualificato della Rete del marchio).
– Per preservare il corretto funzionamento e per evitare un azionamento acci-
dentale, soltanto il personale qualificato della Rete del marchio è abilitato ad
intervenire sul sistema airbag.
– Per motivi di sicurezza, fate controllare il sistema airbag dopo che il veicolo ha
subito un incidente, un furto o un tentativo di furto.
– Quando prestate o rivendete il veicolo, informate il nuovo acquirente di queste
condizioni d’impiego consegnandogli il presente libretto d’istruzioni e di manu-
tenzione.
– Al momento della rottamazione del veicolo, rivolgetevi ad un Rappresentante
del marchio per l’eliminazione del generatore (dei generatori) di gas.

1.33
SICUREZZA DEI BAMBINI: generalità (1/2)
Trasporto di bambini
Conformatevi alle leggi del paese in cui
vi trovate.
Il bambino, come un qualsiasi adulto,
deve essere seduto correttamente e al-
lacciato indipendentemente dal tragitto.
Voi siete responsabili dei bambini che
trasportate. Responsabilità del con-
Il bambino non è un adulto in minia- ducente all’arresto o allo
tura. Egli è esposto a rischi di lesioni spegnimento del veicolo
specifiche in quanto i suoi muscoli e Non lasciate mai il vostro
le sue ossa sono in piena crescita. La veicolo incustodito, lasciando all’in-
sola cintura di sicurezza non è adatta terno la chiave e un bambino (o un
al suo trasporto. Utilizzate il seggiolino animale), anche per un breve lasso
per bambini appropriato e fatene un di tempo.
uso corretto.
Infatti, questi potrebbe mettere a ri-
Un urto a 50 km/h equivale schio la propria incolumità o quella
ad una caduta da 10 metri. di altre persone avviando il motore,
Non allacciare la cintura di azionando degli equipaggiamenti
sicurezza di un bambino come ad esempio gli alzavetri o ad-
equivale a lasciarlo giocare sul bal- dirittura bloccare le porte...
cone al quarto piano, senza rin- Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
ghiera! giato la temperatura interna dell’abi-
Non tenete mai un bambino in brac- tacolo aumenta molto rapidamente.
cio. In caso di incidente, non lo trat-
terrete anche se avete la cintura al- RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
Per impedire l’apertura lacciata. LESIONI.
delle porte, utilizzate il di- Se il vostro veicolo è stato coinvolto
spositivo «Sicurezza dei in un incidente stradale, sostitu-
bambini» (consultate il pa- ite il seggiolino per bambini e fate
ragrafo «Apertura e chiusura delle verificare le cinture e gli ancoraggi
porte» del capitolo 1). ISOFIX.

1.34
SICUREZZA DEI BAMBINI: generalità (2/2)
Utilizzo di un seggiolino per
bambini Mostrate l’esempio allacciando la
Il livello di protezione offerto dal seg- vostra cintura ed insegnate al vostro
giolino per bambini dipende dalla sua bambino:
capacità a trattenere il bambino e dalla – ad allacciarsi correttamente;
sua installazione. L’installazione non – a salire e scendere dal lato oppo-
corretta compromette la protezione del sto al traffico.
bambino in caso di frenata brusca o di Non utilizzate seggiolini per bambini
urto. d’occasione o sprovvisti del libretto
Prima di acquistare un seggiolino per di istruzioni.
bambini, verificate che sia conforme Abbiate cura che nessun oggetto,
alla normativa del paese in cui vi tro- nel seggiolino o in prossimità, impe-
vate e che si monti sul vostro veicolo. disca la sua installazione.
Consultate un Rappresentante del mar-
chio in modo da conoscere i seggiolini
raccomandati per il vostro veicolo. Non lasciate mai un bam-
Prima di montare un seggiolino per bino da solo nel veicolo.
bambini, leggete il libretto e rispettate Assicuratevi che il vostro
le istruzioni. In caso di difficoltà durante bambino sia sempre allac-
l’installazione, contattate il fabbricante ciato e che la sua cintura sia rego-
dell’equipaggiamento. Conservate il li- lata correttamente. Evitate vestiti
bretto con il seggiolino. troppo pesanti che creano gioco
con le cinture.
Non permettete ai bambini di spor-
gere la testa o le braccia dal fine-
strino.
Verificate che il bambino conservi
una postura corretta durante tutto
il viaggio, specialmente quando
dorme.

1.35
SICUREZZA DEI BAMBINI: scelta del seggiolino per bambini

Seggiolini per bambini rivolti in Seggiolini per bambini rivolti verso Rialzi
senso contrario alla marcia il senso di marcia A partire da 15 kg o 4 anni, il bambino
La testa del bambino è, in proporzione, La testa e l’addome dei bambini sono le può viaggiare su un rialzo che permette
più pesante di quella dell’adulto e il principali zone del corpo da proteggere. di adattare la cintura di sicurezza alla
collo è molto fragile. Trasportate il bam- Un seggiolino per bambini rivolto verso sua morfologia. La seduta del rialzo
bino il più a lungo possibile in questa il senso di marcia e saldamente fissato deve essere dotata di guide che posi-
posizione (fino ad almeno 2 anni). Essa al veicolo riduce i rischi di urto della zionano la cintura sulle cosce del bam-
sostiene la testa e il collo. testa. Spostate il bambino su un seg- bino e non sul ventre. Lo schienale re-
Scegliete un seggiolino avvolgente per giolino rivolto verso il senso di marcia golabile in altezza e dotato di una guida
una migliore protezione laterale e sosti- con cintura appena le dimensioni lo della cintura è raccomandato per posi-
tuitelo quando la testa del bambino lo permettono. zionare la cintura al centro della spalla.
supera. Per una migliore protezione laterale, Essa non deve mai trovarsi sul collo o
scegliete un seggiolino avvolgente. sul braccio.
Scegliete un seggiolino avvolgente per
una migliore protezione laterale.

1.36
SICUREZZA DEI BAMBINI: scelta del fissaggio del seggiolino per bambini (1/2)
Esistono due sistemi di fissaggio dei Fissaggio con il sistema ISOFIX
seggiolini per bambini: la cintura di si- Prima di utilizzare un seg-
giolino per bambini ISOFIX I seggiolini per bambini ISOFIX autoriz-
curezza o il sistema ISOFIX. zati sono omologati in conformità con
che avete acquistato per un
Fissaggio mediante cintura altro veicolo, assicuratevi il regolamento ECE-R44 in uno dei tre
La cintura di sicurezza deve essere re- cha la sua installazione sia autoriz- casi seguenti:
golata per assicurarne la funzione in zata. Consultate la lista dei veicoli – universale ISOFIX a 3 attacchi ri-
caso di frenata brusca o di urto. che possono montare il seggiolino volto nel senso di marcia;
Rispettate il percorso della cintura indi- del fabbricante dell’equipaggia- – semi-universale ISOFIX a 2 punti;
cato dal fabbricante del seggiolino per mento. – specifico.
bambini. Per questi ultimi due, verificate che il
Verificate sempre che la cintura di si- vostro seggiolino per bambini possa
curezza sia allacciata tirandola poi ten- essere installato consultando la lista
dendola al massimo premendo il seg- dei veicoli compatibili.
giolino per bambini. Allacciate il seggiolino per bambini con
Verificate che il seggiolino sia bloccato i fermi ISOFIX se presenti. Il sistema
correttamente esercitando un movi- ISOFIX assicura un montaggio sem-
mento a sinistra/destra e avanti/indie- plice, rapido e sicuro.
tro: il seggiolino deve rimanere salda- La cintura di sicurezza non
mente fissato. deve mai essere lenta o at- Il sistema ISOFIX è composto da 2
Verificate che il seggiolino per bambini torcigliata. Non fatela mai anelli e, in alcuni casi, da un terzo
non sia installato di traverso e che non passare sotto il braccio o anello.
appoggi contro un vetro. dietro la schiena.
Verificate che la cintura non sia dan-
neggiata da spigoli vivi.
Se la cintura di sicurezza non fun-
ziona normalmente, essa non può
Non utilizzate seggiolini per
proteggere il bambino. Rivolgetevi
bambini che rischiano di
ad un Rappresentante del marchio.
sbloccare la cintura che lo
Non utilizzate questo posto finché Non vanno apportate mo-
trattiene: la base del seg-
non si ripara la cintura. difiche a nessuno degli
giolino non deve appoggiare sulla
staffa e/o sulla fibbia della cintura di elementi del sistema di si-
sicurezza. curezza originale: cinture,
ISOFIX, sedili e relativi fissaggi.

1.37
SICUREZZA DEI BAMBINI: scelta del fissaggio del seggiolino per bambini (2/2)
Gli anelli sono situati sugli schienali dei
sedili e sono contrassegnati dal sim-
bolo .
2 3 In ogni caso, fissate il gancio della cin-
1 tura sull’anello corrispondente 2 e 3 e
collocate il sedile del veicolo nella posi-
zione desiderata.
Tendete la cinghia per far sì che lo
schienale del seggiolino per bam-
bini sia a contatto con lo schienale del
sedile del veicolo.

Fissaggio tramite sistema ISOFIX Il terzo anello 2 o 3 è utilizzato per al-


(segue) lacciare la cintura superiore di alcuni
I due anelli 1 si trovano tra lo schienale sedili ISOFIX. Gli ancoraggi ISOFIX sono
e la seduta del sedile e sono indicati da stati messi a punto esclu-
un’etichetta. sivamente per i seggiolini
Per accedere agli anelli, inserite il dito per bambini con sistema
nel coperchio di protezione e toglietelo. ISOFIX. Non fissate mai altri seggio-
lini per bambini, né cinture o altri og-
Nota: conservate i coperchi di prote-
getti a questi ancoraggi. Verificare
zione appena tolti in un vano per non
che niente sia di ostacolo a livello
perderli o danneggiarli.
dei punti di ancoraggio.
Se il veicolo è stato coinvolto in un
Fissate tassativamente la
incidente stradale, fate verificare gli
cinghia del seggiolino per
ancoraggi ISOFIX e sostituite il seg-
bambini sull’anello corri-
giolino per bambini.
spondente.
Non dovete utilizzare un altro punto
di fissaggio.

1.38
SICUREZZA DEI BAMBINI: montaggio del seggiolino per bambini, generalità (1/2)
Il montaggio di seggiolini per bambini Nel posto anteriore Dopo aver installato il seggiolino per
non è autorizzato su alcuni sedili. Lo Il trasporto di bambini nel posto pas- bambini, quando è possibile, spostare
schema della pagina seguente indica seggero anteriore è specifico per cia- il sedile del veicolo in avanti se neces-
la posizione di fissaggio del seggiolino scun paese. Consultate la legislazione sario, in modo da lasciare spazio suffi-
per bambini. in vigore e seguite le indicazioni dello ciente ai posti posteriori per i passeg-
I tipi di seggiolini per bambini menzio- schema riportato nella pagina se- geri o per altri seggiolini per bambini.
nati possono non essere disponibili. guente. Nel caso di un seggiolino per bambini
Prima di utilizzare un altro seggiolino, rivolto in senso contrario alla marcia
Prima di installare un seggiolino per non andare a contatto con il cruscotto
verificate dal fabbricante la possibilità bambini su questo posto (se autoriz-
di montaggio. o tutto in avanti.
zato):
– abbassate al massimo la cintura di Non modificate più le altre regolazioni
sicurezza; dopo il montaggio del seggiolino per
– indietreggiate al massimo il sedile; bambini.
Montate il seggiolino per – inclinate leggermente lo schienale ri-
bambini preferibilmente su spetto alla verticale (25° circa);
un sedile posteriore. – per i veicoli che ne sono dotati, ri-
Assicuratevi che l’installa- sollevate al massimo la seduta del
zione del seggiolino per bambini sedile.
nel veicolo non rischi di sbloccarlo In ogni caso rialzate al massimo l’ap-
dall’alloggiamento. poggiatesta del sedile in modo che non
Se dovete togliere l’appoggiatesta, interferisca con il seggiolino (consultate
assicuratevi che sia posizionato il paragrado «Appoggiatesta anteriore»
correttamente in modo che non di- al capitolo 1). RISCHIO DI MORTE O DI
venti un proiettile in caso di frenata GRAVI LESIONI: prima di
brusca o di urto. installare un seggiolino per
Fissate sempre il seggiolino per bambini rivolto in senso
bambini al veicolo anche se non uti- contrario alla marcia in questo
lizzato in modo che non diventi un posto, verificate che l’airbag sia cor-
proiettile in caso di frenata brusca o rettamente disattivato (consultate il
di urto. paragrafo «Sicurezza dei bambini:
disattivazione/attivazione airbag
passeggero anteriore» del capi-
tolo 1).

1.39
SICUREZZA DEI BAMBINI: montaggio del seggiolino per bambini, generalità (2/2)
Nel posto posteriore laterale
La culla si installa in senso trasversale
rispetto al veicolo ed occupa almeno
due posti.
Posizionate la testa del bambino dal
lato opposto alla porta.
Fate avanzare al massimo il sedile an-
teriore del veicolo per installare un seg-
giolino per bambini rivolto in senso con-
trario a quello di marcia, quindi fatelo
arretrare al massimo, evitando il con-
tatto con il seggiolino per bambini.
Per la sicurezza del bambino quando
questi è rivolto verso il senso di marcia,
avanzate il sedile collocato davanti
al bambino e raddrizzate lo schienale
per evitare il contatto tra il sedile e le
gambe del bambino.
In ogni caso, togliete l’appoggiatesta
del sedile posteriore sul quale è posi-
zionato il seggiolino (consultate il pa-
ragrafo «Appoggiatesta posteriore»
del capitolo 3). Quest’operazione deve
essere effettuata prima di posizionare il
seggiolino per bambini. Durante l’installazione di
Verificate che il seggiolino per bambini Verificate che il seggiolino un seggiolino per bambini
rivolto verso il senso di marcia sia ap- per bambini o i piedi del (rialzo Gruppo 2 o 3), ve-
poggiato allo schienale del sedile del bambino non ostacolino rificate il corretto funzio-
veicolo. il corretto bloccaggio del namento (avvolgimento) della cin-
sedile anteriore. Consultate i para- tura: fate riferimento al paragrafo
grafi «Sedile anteriore» del capi- «Cinture di sicurezza posteriori» del
Montate il seggiolino per tolo 1. capitolo 1. Se necessario, adattate
bambini preferibilmente su la posizione del sedile del veicolo.
un sedile posteriore.

1.40
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio tramite cintura di sicurezza (1/3)

³ Verificate lo stato dell’airbag


prima di sistemare un passeggero o in-
stallare un seggiolino per bambini.
Posto in cui è vietato il mon-
²
bambini.
taggio di un seggiolino per

Seggiolino per bambini fissato con


l’ausilio della cintura

¬ Posto che consente il fissag-


gio tramite la cintura di un seggiolino
omologato «Universale».

RISCHIO DI MORTE O DI
GRAVI LESIONI: prima di
installare un seggiolino per
bambini sul posto del pas- L’utilizzo di un sistema di
seggero anteriore, verificate che sicurezza per bambini non
l’airbag sia correttamente disattivato appropriato a questo vei-
(consultate il paragrafo «Sicurezza colo non proteggerà corret-
dei bambini: disattivazione, attiva- tamente il bambino. Rischierebbe di
zione airbag passeggero anteriore» riportare ferite gravi o mortali.
del capitolo 1).

1.41
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio tramite cintura di sicurezza (2/3)
La tabella seguente riporta le stesse informazioni della grafica della pagina precedente in modo da rispettare le norma-
tive in vigore.

Tipo di seggiolino Posto anteriore Posti posteriori Posto posteriore


Peso del bambino
per bambini passeggero (1) laterali centrale

Culla trasversale
< di 10 kg X U (3) X
Gruppo 0

Seggiolino a guscio
con schienale rivolto
verso il senso di < 10 kg e < 13 kg U (2) U (4) X
marcia
Gruppi 0 o 0 +
Seggiolino rivolto in
senso contrario alla
< a 13 kg e da 9 a 18 kg U (2) U (4) X
marcia
Gruppi 0 + e 1
Seggiolino rivolto in
senso di marcia da 9 a 18 kg X U (5) X
Gruppo 1

Rialzo da 15 a 25 kg e da 22 a
X U (5) X
Gruppi 2 e 3 36 kg

(1) RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI LESIONI: prima di installare un seggiolino per bambini sul posto del passeggero
anteriore, verificate che l’airbag sia correttamente disattivato (consultate il paragrafo «Sicurezza dei bambini: disatti-
vazione, attivazione airbag passeggero anteriore» del capitolo 1).

1.42
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio tramite cintura di sicurezza (3/3)
X = Posto non autorizzato al montaggio di un seggiolino per bambini di questo tipo.
U = Posto che consente il fissaggio mediante cintura di un seggiolino omologato come «Universale»; verificate la possibilità di
montaggio.
(2) Posizionate il sedile del veicolo nella posizione più arretrata e più alta possibile, quindi inclinate leggermente lo schienale (di
25° circa).
(3) La culla si installa in senso trasversale rispetto al veicolo e occupa almeno due posti. La testa del bambino deve stare dal lato
opposto a quello della porta del veicolo.
(4) Avanzate il sedile che è davanti al bambino, raddrizzate lo schienale per evitare il contatto tra il sedile e le gambe del bambino.
(5) In ogni caso rimuovete l’appoggiatesta del sedile posteriore sul quale è posizionato il seggiolino. Quest’operazione deve
essere effettuata prima di posizionare il seggiolino per bambini. Consultate il paragrafo «Appoggiatesta posteriori» del capi-
tolo 3.

1.43
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio mediante sistema isofix (1/3)
La tabella seguente riporta le stesse informazioni della grafica delle pagine seguenti in modo da rispettare le normative
in vigore.

Versione cinque posti

Tipo di seggiolino Peso del Dimensione del Posto anteriore Posti posteriori Posto posteriore
per bambini bambino seggiolino ISOFIX passeggero laterali centrale

Culla trasversale
< di 10 kg F, G X X X
Gruppo 0

Seggiolino a guscio
con schienale rivolto
verso il senso di < 10 kg e < 13 kg E X IL (1) X
marcia
Gruppi 0 o 0 +
Seggiolino rivolto in
senso contrario alla < a 13 kg e da 9
C, D X IL (1) X
marcia a 18 kg
Gruppi 0 + e 1
Seggiolino rivolto in
senso di marcia da 9 a 18 kg A, B, B1 X IUF - IL (2) X
Gruppo 1

Rialzo da 15 a 25 kg e
X IUF - IL (2) X
Gruppi 2 e 3 da 22 a 36 kg

1.44
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio mediante sistema isofix (2/3)
X = Posto non autorizzato al montaggio di un seggiolino per bambini ISOFIX.
IUF/IL = Posto che consente, per i veicoli che ne sono dotati, il fissaggio grazie agli attacchi ISOFIX di un seggiolino per bambini
omologato «Universale/semi-universale o specifico di un veicolo»; verificate la possibilità di montaggio.
(1) Fate avanzare al massimo il sedile anteriore del veicolo per installare un seggiolino per bambini rivolto in senso contrario a
quello di marcia, quindi fatelo arretrare al massimo, evitando il contatto con il seggiolino per bambini.
(2) In ogni caso rimuovete l’appoggiatesta del sedile posteriore sul quale è posizionato il seggiolino. Quest’operazione deve
essere effettuata prima di posizionare il seggiolino per bambini. Consultate il paragrafo «Appoggiatesta posteriori» del capi-
tolo 3. Avanzate il sedile che è davanti al bambino, raddrizzate lo schienale per evitare il contatto tra il sedile e le gambe del
bambino.

1.45
SEGGIOLINI PER BAMBINI: fissaggio mediante sistema isofix (3/3)
Seggiolino per bambini fissato con
fissaggio ISOFIX
ü Posto che consente il fissaggio di
un seggiolino per bambini ISOFIX.

± I posti posteriori sono dotati di


un ancoraggio che consente il fissag-
gio di un seggiolino per bambini rivolto
verso il senso di marcia ISOFIX univer-
sale. Gli ancoraggi sono situati sugli
schienali dei sedili posteriori.
La dimensione di un seggiolino per
bambini ISOFIX è indicata da una let-
tera:
Posto che non consente il – A, B e B1: per i seggiolini rivolti verso
² montaggio di un seggiolino per
bambini di questo tipo.
il senso di marcia del gruppo 1 (da 9
a 18 kg);
– C e D: seggiolini rivolti in senso con-
trario alla marcia del gruppo 0+ (infe-
riore a 13 kg) o gruppo 1 (da 9 a
18 kg);
– E: seggiolini in senso contrario alla
marcia del gruppo 0 (inferiore a
10 kg) o 0+ (inferiore a 13 kg);
L’utilizzo di un sistema di
– F e G: culle del gruppo 0 (inferiore a
sicurezza per bambini non
10 kg).
appropriato a questo vei-
colo non proteggerà corret-
tamente il bambino. Rischierebbe di
riportare ferite gravi o mortali.

1.46
SICUREZZA BAMBINI: disattivazione, attivazione airbag passeggero anteriore (1/3)

1 2

Disattivazione degli airbags Per disattivare gli airbags: con vei-


passeggero anteriore colo fermo, contatto disinserito,
(per i veicoli che lo permettono) spingete e ruotate il fermo 1 sulla po-
sizione OFF.
Prima di installare un seggiolino per
bambini sul sedile del passeggero an- Con contatto inserito, verificate tassati- L’attivazione o la disattiva-
teriore dovete tassativamente disatti-
vare l’airbag lato passeggero.
vamente che la spia ] sia accesa
sul display 2 e, a seconda della ver-
zione dell’airbag passeg-
gero deve avvenire a vei-
sione del veicolo, che compaia il mes- colo fermo.
saggio «airbagpasseggero disattivato». In caso di manipolazione del veicolo
Questa spia rimane accesa in modo
permanente per confermarvi la pos-
durante la guida, le spie
© si accendono.
å e
sibilità di montare un seggiolino per
bambini. Per ritornare nella condizione del-
l’airbag conforme alla posizione del
fermo, disinserite il contatto e poi
reinseritelo nuovamente.

1.47
SICUREZZA BAMBINI: disattivazione, attivazione airbag passeggero anteriore (2/3)

A
A

Le stampigliature sul cruscotto e le eti-


chette A su ogni lato dell’aletta para-
sole del passeggero 3 (come l’etichetta
riportata sopra), vi ricordano queste
istruzioni.
PERICOLO
A causa dell’incompatibilità
tra il dispiegamento dell’ai-
rbag passeggero anteriore
e il posizionamento di un seggio-
lino per bambini con schienale ri-
volto verso il senso di marcia, NON
INSTALLARE MAI un sistema di ri-
tegno per bambini rivolto in senso
contrario alla marcia su un sedile
dotato di AIRBAG FRONTALE
ATTIVO. In caso contrario, può sus-
sistere il rischio di MORTE per il
BAMBINO o di LESIONI GRAVI.

1.48
SICUREZZA BAMBINI: disattivazione, attivazione airbag passeggero anteriore (3/3)
Anomalie di funzionamento
In caso di anomalia del sistema di at-
tivazione/disattivazione degli airbags
passeggero anteriore, è vietato mon-
tare, sul sedile anteriore, un seggio-
lino per bambini in senso contrario alla
marcia.
1 2
Si sconsiglia anche di viaggiare con
passeggeri seduti su questo sedile.
Consultate al più presto un
Rappresentante del marchio.

Attivazione dell’airbags Per riattivare gli airbags: con veicolo


passeggero anteriore fermo, contatto disinserito, spingete
e ruotate il fermo 1 sulla posizione ON.
Quando non utilizzate più il seggiolino
per bambini sul sedile passeggero an- Con contatto inserito, verificate tassati-
teriore, riattivate gli airbags per assicu-
rare la protezione del passeggero ante-
vamente che la spia ] sia spenta L’attivazione o la disattiva-
zione dell’airbag passeg-
riore in caso di incidente. e che la spia  si accenda sul di-
splay 2 per 1 minuto circa dopo ogni av-
gero deve avvenire a vei-
colo fermo.
viamento. In caso di manipolazione del veicolo
I dispositivi di sicurezza complementari
alla cintura di sicurezza del passeggero durante la guida, le spie
© si accendono.
å e
anteriore vengono attivati.
Per ritornare nella condizione del-
l’airbag conforme alla posizione del
fermo, disinserite il contatto e poi
reinseritelo nuovamente.

1.49
POSTO DI GUIDA VERSIONE GUIDA A SINISTRA (1/2)

1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 10 2 11 2 1 12 13 14 1 2

25 24 23 22 21 20 15
19 16
17
18

1.50
POSTO DI GUIDA VERSIONE GUIDA A SINISTRA (2/2)
La presenza degli equipaggiamenti descritti di seguito DIPENDE DALLA VERSIONE DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

1 Aeratore. 10 Comandi: 19 Comando del freno di staziona-


– di accesso al menu Home; mento assistito o del freno a mano.
2 Presa d’aria di disappannamento. – di accesso al menu Assistente di
guida o, a seconda del veicolo, al 20 Leva del cambio.
3 Levetta per: menu preferenza utente;
– luci indicatori di direzione; – del parcheggio assistito. 21 Commutatore di avviamento (vei-
– illuminazione esterna; coli con chiave).
– luci fendinebbia. 11 Tasto delle luci di segnalazione
pericolo, spia di chiusura elettrica 22 Comando di regolazione in altezza
4 Comandi del regolatore/limitatore delle porte. e profondità del volante.
di velocità.
12 Schermo multimediale. 23 Comandi di sbloccaggio:
5 Quadro della strumentazione. – del cofano motore;
13 Comandi del riscaldamento o della – dello sportellino del carburante.
6 Sede Airbag conducente, avvisa- climatizzazione.
tore acustico. 24 Comandi per:
14 Sede Airbag passeggero. – regolazione elettrica dell’altezza
7 Comandi: delle luci anteriori;
– di sequenza informazioni del 15 Vano portaoggetti. – reostato di illuminazione degli ap-
computer di bordo e del menu di parecchi di controllo;
personalizzazione delle imposta- 16 Presa accessori e multimediale. – avviso di uscita dalla carreggiata;
zioni del veicolo; – del sistema di controllo della tra-
– a distanza dell’autoradio, sistema 17 Selettore di modalità due e quattro zione ed ESC.
di navigazione. ruote motrici o, a seconda del vei-
colo, del controllo di aderenza. 25 Comandi:
8 Levetta del tergivetro/lavavetro del – modalità ECO;
parabrezza e del lunotto poste- 18 Comando generale del regolatore/ – di attivazione/disattivazione della
riore. limitatore di velocità. funzione Stop and Start.

9 Pulsante di avviamento/spegni-
mento del motore (veicolo con
carta RENAULT).

1.51
POSTO DI GUIDA VERSIONE GUIDA A DESTRA (1/2)

1 2 3 4 5 1 6 2 7 2 1 8 9 10 11 12 13 2 1

25 24 19 18 17 16 15 14
23 20
21
22

1.52
POSTO DI GUIDA VERSIONE GUIDA A DESTRA (2/2)
La presenza degli equipaggiamenti descritti di seguito DIPENDE DALLA VERSIONE DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

1 Aeratore. 10 Quadro della strumentazione. 16 Comandi di sbloccaggio:


– del cofano motore;
2 Presa d’aria di disappannamento. 11 Sede Airbag conducente, avvisa- – dello sportellino del carburante.
tore acustico.
3 Sede Airbag passeggero. 17 Commutatore di avviamento (vei-
12 Comandi: coli con chiave).
4 Comandi del riscaldamento o della – di sequenza informazioni del
climatizzazione. computer di bordo e del menu di 18 Comando di regolazione in altezza
personalizzazione delle imposta- e profondità del volante.
5 Schermo multimediale. zioni del veicolo;
– a distanza dell’autoradio, sistema 19 Pulsante di avviamento/spegni-
6 Comandi: di navigazione. mento del motore (veicolo con
– di accesso al menu Home; carta RENAULT).
– di accesso al menu Assistente di 13 Levetta del tergivetro/lavavetro del
guida o, a seconda del veicolo, al parabrezza e del lunotto poste- 20 Presa accessori e multimediale.
menu preferenza utente; riore.
– del parcheggio assistito. 21 Selettore di modalità due e quattro
14 Comandi: ruote motrici o, a seconda del vei-
7 Tasto delle luci di segnalazione – della modalità ECO; colo, del controllo di aderenza.
pericolo, spia di chiusura elettrica – di attivazione/disattivazione della
delle porte. funzione Stop and Start. 22 Comando generale del regolatore/
limitatore di velocità.
8 Levetta per: 15 Comandi per:
– luci indicatori di direzione; – regolazione elettrica dell’altezza 23 Comando del freno di staziona-
– illuminazione esterna; delle luci anteriori; mento assistito o del freno a mano.
– luci fendinebbia. – reostato d’illuminazione degli ap-
parecchi di controllo; 24 Leva del cambio.
9 Comandi del regolatore/limitatore – avviso di uscita dalla carreggiata;
di velocità. – del sistema di controllo della tra- 25 Vano portaoggetti.
zione ed ESC.

1.53
SPIE LUMINOSE (1/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Spia delle luci di posizione Spia delle luci indicatrici di


š c direzione lato sinistro
Spia delle luci abbaglianti Spia delle luci indicatrici di
á b direzione lato destro
A Spia delle luci anabbaglianti Spia riserva carburante
k M
Si accende in arancione all'inseri-
Spia delle luci antinebbia an-
g teriore mento del contatto o all'avviamento del
motore, quindi si spegne dopo alcuni
Spia della luce antinebbia secondi.
f posteriore Se diventa arancione durante la guida,
Spia delle luci abbaglianti accompagnata da un segnale acustico,
 automatiche
Consultate il paragrafo «Illuminazioni
fate rifornimento appena possibile. Vi
restano circa 50 km di autonomia.
e segnalazioni esterne» del capitolo 1.
Quadro della strumentazione A: Si
accende quando si apre la porta del
conducente.
L’accensione di alcune spie è accom-
pagnata da un messaggio. L’assenza di ritorni visivi
o sonori indica un’anoma-
La spia ® vi impone, lia del quadro della stru-
per la vostra sicurezza, di mentazione. L’accensione
fermarvi tassativamente e di questa spia impone un arresto
La spia © implica una sosta al subito compatibilmente con
più presto presso la Rete del mar- immediato compatibilmente con le
le condizioni del traffico. Spegnete il condizioni del traffico. Verificate che
chio guidando con prudenza. Il motore e non riavviatelo. Rivolgetevi
mancato rispetto di questa norma il veicolo sia correttamente immo-
alla Rete del marchio. bilizzato e rivolgetevi alla Rete del
rischia di provocare un danno del
veicolo. marchio.

1.54
SPIE LUMINOSE (2/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Spia di anomalia sul circuito Spia della pressione del-


D dei freni À l’olio
Si accende all'inserimento del contatto Si accende all'inserimento del contatto
o all'avviamento del motore, quindi si o all'avviamento del motore, quindi si
A spegne dopo alcuni secondi. spegne dopo alcuni secondi.
Se si accende quando si frena insieme Se si accende durante la guida, in-
alla spia ® e ad un segnale acu- sieme alla spia ® e a un segnale
stico, significa che il livello di liquido dei acustico, fermatevi immediatamente e
freni è basso oppure l’impianto freni disinserite il contatto.
è guasto. Fermatevi e rivolgetevi alla Controllate il livello dell’olio. Se il li-
Rete del marchio. vello è normale, la causa è un’altra.
Spia di carica della batteria Rivolgetevi alla Rete del marchio.
Ú Spia servosterzo variabile
Si accende all'inserimento del contatto
o all'avviamento del motore, quindi si
U Si accende all'inserimento del
Spia di arresto immediato contatto o all'avviamento del motore,
® Si accende all'inserimento del spegne dopo alcuni secondi. quindi si spegne dopo alcuni secondi.
contatto o all'avviamento del motore, Se si accende durante la guida insieme
quindi si spegne appena il motore inizia Durante la guida, se questa spia si ac-
alla spia ® e ad un segnale acu- cende insieme alla spia ®, indica
a girare. Si accende assieme ad altre stico, indica che il circuito elettrico è
spie e/o messaggi, contemporanea- un’anomalia del sistema.
troppo carico o scarico.
mente all’emissione di un segnale acu- Rivolgetevi alla Rete del marchio.
stico. Fermatevi e rivolgetevi alla Rete del
marchio.
Vi impone, per la vostra sicurezza, di
fermarvi tassativamente e subito com-
patibilmente con le condizioni del traf-
fico. Spegnete il motore e non riavvia-
telo.
Rivolgetevi alla Rete del marchio.

1.55
SPIE LUMINOSE (3/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Spia di controllo del sistema Spia antibloccaggio delle


Ä antinquinamento x ruote
Si accende all'inserimento del contatto
Nei veicoli che ne sono dotati, questo
indicatore si accende all'avviamento o all'avviamento del motore, quindi si
del motore e, a seconda della versione spegne dopo alcuni secondi.
A Se si accende durante la guida, se-
del veicolo, quando il contatto viene di-
sinserito se il veicolo è in fase di stand- gnala un’anomalia del sistema ABS.
by del motore (consultare il paragrafo L’impianto freni è assicurato normal-
«Funzione Stop and Start» del capi- mente come su un veicolo senza ABS.
tolo 2), quindi si spegne. Consultate al più presto la Rete del
marchio.
– Se resta accesa, rivolgetevi al più
Spia di allarme della tempe-
presto alla Rete del marchio;
– se lampeggia, riducete il regime
Ô ratura del liquido di raffred-
damento
del motore fino alla scomparsa del
lampeggiamento. Consultate al più Si accende in rosso all'inserimento del
Spia di allarme presto la Rete del marchio. contatto o all'avviamento del motore.
© Si accende all'inserimento del
Consultate il paragrafo «Consigli antin- Se diventa rossa, fermate la vettura e
contatto o all'avviamento del motore, lasciate girare il motore al minimo uno
quindi si spegne appena il motore inizia quinamento, risparmio di carburante,
guida» del capitolo 2. o due minuti.
a girare. Può accendersi insieme ad
altre spie e/o a messaggi sul quadro La temperatura deve scendere.
della strumentazione. Altrimenti spegnete il motore. Lasciatelo
È necessario recarsi al più presto raffreddare prima di controllare il livello
presso la Rete del marchio guidando del liquido di raffreddamento.
con prudenza. Il mancato rispetto di Rivolgetevi alla Rete del marchio.
questa norma rischia di provocare un
danno del veicolo.

1.56
SPIE LUMINOSE (4/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Allarme di cintura posteriore non al- Spia dell’Airbag


lacciata (a seconda della versione del
veicolo)
å Si accende sul quadro della
strumentazione all’inserimento del con-
tatto o all'avviamento del motore, quindi

A
La spia ß si accende, eventual-
mente accompagnata, a seconda del
si spegne dopo pochi secondi.
Se la spia non si accende quando viene
veicolo, da una spia sul quadro della inserito il contatto o se si accende a
strumentazione che indica il numero motore acceso, indica un’anomalia del
delle cinture allacciate, per circa 30 se- sistema.
condi a ogni avviamento del veicolo, Consultate al più presto la Rete del
all'apertura di una porta o all'aggan- marchio.
cio/sgancio di una cintura posteriore.
Spia di piede sul pedale del
Verificate che i passeggeri posteriori
abbiano allacciato correttamente la cin-
Ó freno
tura e che il numero di cinture allac- Si accende quando è necessario pre-
ciate indicato corrisponda al numero mere il pedale del freno. Consultate il
Spia di preriscaldamento dei posti occupati sui sedili posteriori. paragrafo «Cambio automatico» del
É (versione diesel)
Š‰ Indicatore di cambio marcia capitolo 2.
Con contatto inserito, deve accendersi. Si accendono per consigliarvi Consultate il paragrafo «Consigli di
Indica che le candele di preriscalda- di passare ad una marcia superiore guida, Guida ecologica» del capitolo 2.
mento sono in funzionamento. (freccia verso l’alto) o inferiore (freccia
Spia di serraggio del freno di
Si spegne quando il preriscaldamento
verso il basso).
Consultate il paragrafo «Consigli di
} stazionamento assistito
Consultate il paragrafo «Freno di sta-
è stato raggiunto. Il motore può essere guida, Guida ecologica» del capitolo 2.
avviato. zionamento assistito» del capitolo 2.

2 Spie porta(e) aperta(e)

1.57
SPIE LUMINOSE (5/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Spie del limitatore e del Spia di stazionamento assi-


Φ regolatore di velocità  stito
Consultate i paragrafi «Regolatore di Consultate il paragrafo «Stazionamento
velocità» e «Limitatore di velocità» del assistito» del capitolo 2.
A capitolo 2. Spia della frenata attiva di
 Sistema di sorveglianza
della pressione degli pneu-
 emergenza
Consultate il paragrafo «Dispositivi di
matici correzione e di assistenza alla guida»
Consultate il paragrafo «Sistema di del capitolo 2.
controllo della pressione degli pneuma- Spia di controllo dinamico
tici» del capitolo 2.
Spia modalità ECO
 della stabilità (ESC) e si-
stema di controllo della trazione
 Si accende quando è attivata Si accende all'inserimento del contatto
la modalità ECO. o all'avviamento del motore, quindi si
Spia di messa in stand-by spegne dopo alcuni secondi.
 del motore
Consultate il paragrafo «Guida ecolo-
gica» del capitolo 2. Questa spia si accende in vari casi:
Consultate il paragrafo «Funzione Stop consultate il paragrafo «Dispositivi di
and Start» nel capitolo 2. correzione e di assistenza alla guida»
Spia di mancata disponibi- del capitolo 2.
 lità della messa in stand-by
del motore
Consultate il paragrafo «Funzione Stop
and Start» nel capitolo 2.

1.58
SPIE LUMINOSE (6/6)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL PAESE DI
COMMERCIALIZZAZIONE.

Spia di allarme per mancato

B
ß allacciamento della cintura
conducente e, a seconda del vei-
colo, della cintura del passeggero
anteriore
Queste luci si accendono all'inseri-
mento del contatto; poi, se la cintura del
conducente o del passeggero anteriore
(con sedile occupato) non è allacciata e
il veicolo raggiunge circa 20 km/h, esse
lampeggiano e viene emesso un se-
gnale acustico per circa 2 minuti.
Nota: un oggetto posato sulla seduta
passeggero può azionare la spia di al-
larme.

Sul display B
Airbag passeggero ON
 Consultate il paragrafo
«Sicurezza dei bambini: disattivazione/
attivazione airbag passeggero ante-
riore» del capitolo 1.
Airbag passeggero OFF
¹ Consultate il paragrafo
«Sicurezza dei bambini: disattivazione/
attivazione airbag passeggero ante-
riore» del capitolo 1.

1.59
DISPLAY E SPIE (1/2)
4

6
A 1
5

Quadro della Indicatore dello stile di Quadro della strumentazione con


strumentazione A guida 3 indicazioni in miglia
Potete personalizzare il quadro della Consultate il paragrafo «Guida ecolo- (possibilità di passare in km/h)
strumentazione con un contenuto e con gica» del capitolo 2. Veicoli non dotati di un sistema di
colori diversi secondo la vostra scelta. navigazione
Per i veicoli dotati di un sistema di – Con contatto disinserito, premete
navigazione, consultare le istruzioni Tachimetro 5 il tasto OK 2 e il pulsante di avvia-
dell’equipaggiamento. (km o miglia all’ora)
mento 6;
Per i veicoli non dotati di un sistema È visualizzato in modo diverso secondo
– utilizzando il comando 1, selezionate
di navigazione, consultare il paragrafo la personalizzazione scelta sul quadro
«Impostazione», «Quadro della stru-
«Menu di personalizzazione delle rego- della strumentazione.
mentazione», quindi l’unità;
lazioni del veicolo» del capitolo 1. – premete il tasto OK 2 per confer-
Allarme acustico di eccesso di
velocità mare.
Contagiri 4 A seconda della versione del veicolo e Per tornare alla modalità precedente,
(scala x 1000) del paese, un allarme acustico si attiva rifate la stessa operazione.
per circa 10 secondi ogni 40 secondi,
quando viaggiate a più di 120 km/h.

1.60
DISPLAY E SPIE (2/2)

6 7
A
2

Veicoli dotati di un sistema di navi- Indicatore della Spia del livello minimo
gazione temperatura del liquido di dell’olio motore
Dal touch screen multifunzione, sele-
zionate «Sistema», «Profilo utente» e
raffreddamento 6 All’avviamento del motore, il display
«Unità». sul quadro della strumentazione A vi
Indicatore del livello di avvisa quando è stato raggiunto il li-
Nota: in entrambi i casi, dopo aver vello minimo dell’olio. Consultate il pa-
scollegato la batteria, il computer di carburante 7 ragrafo «Livello dell’olio motore» nel
bordo torna automaticamente all’unità capitolo 4.
di misura originaria. Se il livello è al minimo, la spia M
integrata nell’indicatore è visualizzata Al primo avviso, potete eliminarlo pre-
in arancione unitamente a un segnale mendo il tasto OK 2.
Computer di bordo acustico. Affrettatevi a fare rifornimento. Gli avvisi successivi scompaiono auto-
Consultate il paragrafo «Computer di maticamente entro 30 secondi.
bordo» del capitolo 1.

1.61
COMPUTER DI BORDO: informazioni generali (1/2)
Tasti di selezione della
visualizzazione 2
1
Fate scorrere le seguenti informazioni
esercitando pressioni successive e
brevi sul comando 2 (la visualizzazione
dipende dell’equipaggiamento del vei-
2
colo e dal paese):
a) contachilometri generale e parziale
della distanza percorsa;
b) parametri di viaggio:
– consumo medio;
– consumo istantaneo;
– autonomia prevedibile;
– distanza percorsa;
– velocità media;
Computer di bordo 1
c) limite revisione;
A seconda della versione del veicolo,
raggruppa le seguenti funzioni: d) reinizializzazione della pressione
degli pneumatici;
– distanza percorsa;
e) giornale di bordo, scorrimento dei
– parametri di viaggio;
messaggi d’informazione e delle
– messaggi informativi; anomalie di funzionamento.
– messaggi di anomalia di funziona-
mento (associati alla spia ©);
– i messaggi di allarme (associati alla
spia ®);
Tutte queste funzioni sono descritte
nelle pagine seguenti.

1.62
COMPUTER DI BORDO: informazioni generali (2/2)
Interpretazione di alcuni
valori visualizzati dopo un
azzeramento
I valori di consumo medio e di velocità
media sono sempre più stabili e signi-
ficativi man mano che aumenta la di-
stanza percorsa dall’ultimo azzera-
mento.
Però, il consumo medio può diminuire
3 quando:
– il veicolo esce da una fase di accele-
razione;
– il motore raggiunge la temperatura
di funzionamento (Azzeramento:
Azzeramento del totalizzatore motore freddo);
chilometrico parziale – passate da una circolazione urbana
Una volta visualizzata la voce «conta- a una circolazione extraurbana.
chilometri parziale», premete il tasto
OK 3 fino all’azzeramento del contachi-
lometri.
Azzeramento automatico dei
parametri di viaggio
L’azzeramento è automatico quando si
Azzeramento dei parametri di supera la capacità di uno dei parametri.
viaggio (Azzeramento)
Una volta visualizzato uno dei parame-
tri di viaggio, premete il tasto OK 3 fino
all’azzeramento della visualizzazione.

1.63
COMPUTER DI BORDO: parametri di viaggio (1/5)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALLA VERSIONE E DALLE OPZIONI DEL VEICOLO E DAL
PAESE DI COMMERCIALIZZAZIONE.

Esempi di selezione Significato delle informazioni selezionate

101 778 km
112,4 km a) Totalizzatore generale e parziale.

Carburante
b) Parametri di viaggio:
Carburante consumato dall’ultimo azzeramento.
8l

Consumo medio Consumo medio dall’ultimo azzeramento.


Il valore è visualizzato dopo aver percorso almeno 400 metri dall’ultimo
5,8 l/100 Azzeramento.

Istantaneo
Consumo istantaneo.
Valore visualizzato dopo aver raggiunto la velocità di 30 km/h.
7,4 l/100

1.64
COMPUTER DI BORDO: parametri di viaggio (2/5)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALLA VERSIONE E DALLE OPZIONI DEL VEICOLO E DAL
PAESE DI COMMERCIALIZZAZIONE.

Esempi di selezione Significato delle informazioni selezionate

Autonomia
Autonomia prevedibile con il carburante residuo.
541 km Valore visualizzato dopo aver percorso 400 metri.

Tratta percorsa
Distanza percorsa dall’ultimo azzeramento.
522 km

Consumo medio
Velocità media dall’ultimo azzeramento.
123,4 km/h Valore visualizzato dopo aver percorso 400 metri.

1.65
COMPUTER DI BORDO: parametri di viaggio (3/5)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALLA VERSIONE E DALLE OPZIONI DEL VEICOLO E DAL
PAESE DI COMMERCIALIZZAZIONE.

Esempi di selezione
Computer di bordo con il messaggio Significato delle informazioni selezionate
limite di manutenzione
c) Limite sostituzione olio o manutenzione

Manutenzione fra Limite di manutenzione


Autonomia di Con contatto inserito, motore non avviato e visualizzazione
revisione 30 000 km / 12 mesi selezionata su «Autonomia di revisione», premete il tasto OK
per circa 5 secondi così da visualizzare il limite di manutenzione,
(distanza o tempo fino al prossimo tagliando). Quando si avvi-
cina il termine della revisione, si presentano diversi casi:
Fare manutenz. entro – autonomia inferiore a 1.500 km o un mese: il messaggio
300 km / 24 giorni «Fare manutenz. entro» compare insieme alla scadenza più
vicina (distanza o tempo);
– autonomia uguale a 0 km o data di manutenzione scaduta:
il messaggio «Fare manutenzione» compare insieme alla
spia ©.
Fare manutenzione
Il veicolo necessita quindi di una manutenzione il più presto pos-
sibile.

Azzera: per reinizializzare il limite di manutenzione, tenere premuto il tasto 2 per circa 10 secondi finché sul display non viene
visualizzata in modo permanente l’indicazione del limite di manutenzione.
Nota: se una manutenzione viene effettuata senza sostituzione olio motore, è necessario reinizializzare unicamente il limite di
manutenzione. In caso di sostituzione olio motore, è necessario reinizializzare sia il limite di manutenzione che il limite sostitu-
zione olio.

1.66
COMPUTER DI BORDO: parametri di viaggio (4/5)
La visualizzazione delle informazioni seguente DIPENDE DALLA VERSIONE E DALLE OPZIONI DEL VEICOLO E DAL
PAESE DI COMMERCIALIZZAZIONE.

Esempi di selezione
Computer di bordo con il messaggio Significato delle informazioni selezionate
limite di manutenzione (segue)
c) Limite sostituzione olio o manutenzione
Limite sostituzione olio
Autonomia di Cambio olio fra Con contatto inserito, motore non avviato e visualizzazione
revisione 30 000 km / 24 mesi selezionata su «Limite autonomia di revisione», premete il tasto
OK per circa 5 secondi così da visualizzare il limite di revisione,
quindi premete il tasto 2 per visualizzare il limite di sostituzione
dell’olio (distanza o tempo fino al prossimo tagliando). Quando
Fare manutenz. entro si avvicina il termine della revisione, si presentano diversi casi:
– autonomia inferiore a 1.500 km o un mese: il messaggio
300 km / 24 giorni
«Fare manutenz. entro» compare insieme alla scadenza più
vicina (distanza o tempo);
– autonomia uguale a 0 km o data di sostituzione olio rag-
giunta: il messaggio «Fare manutenzione» compare insieme
Fare manutenzione alla spia ©.
Il veicolo necessita quindi di una sostituzione olio il più presto
possibile.

A seconda della versione del veicolo, il limite di sostituzione olio si adatta allo stile di guida (guida frequente a basse velocità,
porta a porta, guida prolungata al minimo, traino di un rimorchio, ecc.). La distanza che rimane da percorrere fino alla succes-
siva sostituzione può quindi diminuire, in certi casi, più velocemente della distanza realmente percorsa.
Reinizializzazione: per azzerare il limite di manutenzione, premete per circa 10 secondi, senza interruzioni, il tasto 2 finché non
compare l’indicazione fissa del limite di sostituzione olio.
Nota: se una manutenzione viene effettuata senza sostituzione olio motore, è necessario reinizializzare unicamente il limite di
manutenzione. In caso di sostituzione olio motore, è necessario reinizializzare sia il limite di manutenzione che il limite sostitu-
zione olio.

1.67
COMPUTER DI BORDO: parametri di viaggio (5/5)
La visualizzazione delle informazioni descritte di seguito DIPENDE DALL’EQUIPAGGIAMENTO DEL VEICOLO E DAL
PAESE DI COMMERCIALIZZAZIONE

Esempi di selezione Significato delle informazioni selezionate

d) Reinizializzazione della pressione degli pneumatici.


Consultate il paragrafo «Sistema di controllo della pres-
+ Pressione pneumatici
sione degli pneumatici» del capitolo 2.

Nessun messaggio
memorizzato e) Giornale di bordo.
Visualizzazione in successione:
– messaggi di informazioni (airbag OFF passeggero
ecc.);
– messaggi relativi ad anomalie di funzionamento (inie-
zione da controllare...).

1.68
COMPUTER DI BORDO: messaggi d’informazione
Possono aiutare all’avviamento del veicolo o fornire informazioni su una scelta o sulle condizioni di guida.
Vari esempi di messaggi informativi sono indicati qui di seguito.

Esempi di messaggi Significato delle informazioni selezionate

«Freno staziona-
Indica che il freno di stazionamento è tirato.
mento tirato»

«Test funzioni sotto controllo» Compare, con contatto inserito, quando il veicolo si autocontrolla.

Ruotate leggermente il volante mentre premete il pulsante di avviamento del vei-


«Girare volante + START»
colo per sbloccare il piantone dello sterzo.

«Sterzo non bloccato» Indica che il piantone dello sterzo non è stato bloccato.

1.69
COMPUTER DI BORDO: messaggi di anomalia di funzionamento

Compaiono con la spia © e necessitano una sosta al più presto presso la Rete del marchio guidando con pru-
denza. Il mancato rispetto di questa norma rischia di provocare un danno del veicolo.
Vengono cancellati premendo il tasto di selezione della visualizzazione oppure automaticamente dopo pochi secondi, ve-
nendo memorizzati nel giornale di bordo. La spia © resta accesa. Vari esempi di messaggi di anomalie di funzionamento
vengono indicati qui di seguito.

Esempi di messaggi Significato delle informazioni selezionate

«Filtro gasolio da spurgare» Indica una presenza di acqua nel filtro del gasolio, rivolgetevi al più presto a un
Rappresentante del marchio.

«Luci da controllare» Indica un’anomalia dei fari.

«Veicolo controllare» Indica un’anomalia di uno dei sensori dei pedali, del sistema di gestione della
batteria o di un sensore di livello dell’olio.

«Airbag controllare» Indica un’anomalia dei sistemi di ritegno complementari alle cinture. In caso di
incidente, rischiano di non azionarsi.

«Antinquinamento controllare» Indica un’anomalia nel sistema antinquinamento del veicolo.

1.70
COMPUTER DI BORDO: messaggi di allarme

Compaiono con la spia ® e vi impongono per la vostra sicurezza una sosta tassativa ed immediata compatibil-
mente con le condizioni del traffico. Spegnete il motore e non riavviatelo. Rivolgetevi alla Rete del marchio.
Di seguito sono indicati vari esempi di messaggi di allarme. Nota: i messaggi compaiono sul display sia da soli, sia alternati-
vamente (quando il display deve visualizzare vari messaggi), al tempo stesso può accendersi una spia e/o risuonare un se-
gnale acustico.

Esempi di messaggi Significato delle informazioni selezionate

«Rischio rottura motore» Indica un guasto dell’iniezione, un surriscaldamento del motore del veicolo o un
problema grave al livello del motore.

«Guasto servosterzo» Indica un problema allo sterzo oppure indica un problema alle 4 ruote sterzanti.

«Guasto circuito freni» o Indica un problema all’impianto freni. Tirate manualmente il freno di staziona-
«Immobilizzare il veicolo» mento assistito e verificate di aver immobilizzato il veicolo, calzandone le ruote.

«Guasto elettrico PERICOLO» Indica un problema nel circuito di carica della batteria del veicolo (alternatore...).

«Foratura» Indica una foratura della ruota segnalata sul quadro della strumentazione.

1.71
MENU DI PERSONALIZZAZIONE DELLE REGOLAZIONI DEL VEICOLO (1/2)
Selezione delle regolazioni
Selezionate la funzione da modificare:
1
a) sbloccaggio della porta conducente;
b) bloccaggio automatico delle porte
durante la guida;
c) funzione viva voce;
d) volume del segnale acustico dei lam-
peggianti ;
e) suono iniziale interno;
f) suono iniziale esterno;
g) lampada di lettura in modalità auto-
matica;
h) tergivetri posteriore in retromarcia;
i) configurazione dell’indicatore dello
stile di guida;
Quando il veicolo ne è dotato, questa j) controllo attivo del rumore.
funzione consente l’attivazione/disatti- Selezionate «ON» o «OFF» per atti-
vazione e l’impostazione di alcune fun- vare o disattivare la funzione.
zioni del veicolo.
Per la funzione «intensità luminosa
delle spie» scegliete l’intensità pre-
Veicoli dotati di un sistema di mendo «+» o «-».
navigazione
Accesso al menu di regolazione
A veicolo fermo, dallo schermo multifun-
zione 1, selezionate il menu «Veicolo»,
«Impostazioni utente» per accedere
alle diverse impostazioni.
Per motivi di sicurezza, ef-
fettuate queste operazioni a
veicolo fermo.

1.72
MENU DI PERSONALIZZAZIONE DELLE REGOLAZIONI DEL VEICOLO (2/2)
Selezione delle regolazioni Se selezionate una delle voci «AIUTO
2 Spostatevi utilizzando il comando 4 per AL PARCH. VOLUME» o «LINGUA»,
selezionare la funzione da modificare: dovrete selezionare un’altra voce
(volume del suono del parcheggio as-
a) Bloccaggio porte in marcia; sistito o lingua del quadro della stru-
b) Sbloccaggio port solo conducente; mentazione). In tal caso, effettuate la
3 4 selezione e confermatela premendo il
c) Tergilunotto in retromarcia; tasto 3 OK: il valore selezionato è rap-
d) AIUTO AL PARCH.;
e) Abbagliantiautomatici ;
presentato dal simbolo
alla riga.
~ davanti

f) All uscitastrada volume; Per uscire dal menu, premete il co-


mando 4 verso l’alto o verso il basso.
g) All uscitastrada sensibilità; Può essere necessario ripetere questa
h) AIUTO AL PARCH.; operazione.
i) AIUTO AL PARCH. Volume ;
Veicoli non dotati di un j) LINGUA;
sistema di navigazione
k) COLORE.
Accesso al menu di regolazione del
display 2 = funzione attivata
A veicolo fermo, fate una pressione
lunga sul contattore 3 OK per accedere < funzione disattivata
al menu di regolazione. Una volta selezionata la riga, premete
il tasto 3 OK per modificare la funzione.

Il menu di personalizzazione delle


regolazioni del veicolo non può
essere utilizzato durante la guida.
Se si superano 20 km/h, il display
di bordo torna automaticamente in
modalità computer di bordo.

1.73
VOLANTE/SERVOSTERZO
Servosterzo
Servosterzo variabile
Il servosterzo variabile è dotato di un si-
stema elettronico che varia il livello di
servoassistenza in funzione della velo-
cità del veicolo.
Lo sterzo risulta quindi più morbido in
fase di parcheggio (per maggiore co-
modità), mentre lo sforzo è maggiore
1 man mano che aumenta la velocità (per
aumentare la sicurezza alle alte velo-
cità).

Regolazione in altezza e in
Da fermi non sterzate a fondo insi-
profondità del volante stendo con il volante in questa po-
Abbassate la leva 1 e posizionate il vo- sizione.
lante nella posizione desiderata.
Successivamente, risollevate comple-
tamente la leva oltre il punto di resi- Con motore spento o in caso di
stenza per bloccare il volante. guasto del sistema è sempre pos-
Assicuratevi che il volante sia corretta- sibile ruotare il volante. Lo sforzo
mente bloccato. fornito sarà maggiore.

Non spegnete mai il motore


Per motivi di sicurezza, ef- in discesa, e in generale
fettuate queste operazioni mentre il veicolo è in movi-
con il veicolo fermo. mento (spegnendo il motore
non si dispone più del servosterzo).

1.74
ORA E TEMPERATURA ESTERNA
Indicatore di temperatura
esterna
1 Particolarità:
Quando la temperatura esterna è com-
presa tra –3 °C e +3 °C, i caratteri lam-
peggiano °C (segnalando il rischio di
ghiaccio).

Display 1
Veicoli dotati di touch screen multi-
mediale, sistemi di navigazione, te-
lefoni, ecc.
L’ora e la temperatura esterna sono
visualizzate sullo schermo multifun-
zione 1.
Indicatore di temperatura
Consultate le istruzioni dell’equipaggia- esterna
mento.
Dato che la formazione di
ghiaccio sulla strada di- In caso di interruzione dell’alimenta-
pende da vari fattori climatici, quali zione elettrica (batteria scollegata,
l’esposizione, l’igrometria locale e la filo di alimentazione tagliato…),
temperatura, non bisogna basarsi l’orologio si regola automaticamente
soltanto sull’indicazione della tem- dopo alcuni minuti, non appena il
peratura esterna per determinare la sistema è in grado d ricevere le in-
presenza di ghiaccio. formazioni GPS.

1.75
RETROVISORI (1/2)
Retrovisori ripiegabili
Premete il tasto 1 per ripiegare i retrovi-
sori esterni. Premete di nuovo il tasto 1
per aprire automaticamente i retrovisori
esterni.

Funzione di cortesia e di arrivederci


1 (a seconda del veicolo)
2 Quando i retrovisori esterni non ven-
gono ripiegati premendo l’interruttore 1,
si:
– ripiegano automaticamente quando
il veicolo viene chiuso;
3 – aprono automaticamente quando il
veicolo viene aperto.
Retrovisori esterni
Regolazione
Selezionate il retrovisore con il contat-
tore 2, poi con il comando 3 regolatelo
fino alla posizione desiderata.

Retrovisori termici
Lo sbrinamento è garantito unitamente Gli oggetti riflessi nello
a quello del lunotto. specchio del retrovisore
Consultate il paragrafo «Aria condizio- sono in realtà più vicini di
nata manuale» e «Climatizzazione au- quanto appaiono.
tomatica» del capitolo 3. Per ragioni di sicurezza, tenerne
conto per valutare correttamente la
distanza prima di qualsiasi mano-
vra. Per motivi di sicurezza, ef-
fettuate queste operazioni a
veicolo fermo.

1.76
RETROVISORI (2/2)
Retrovisore senza levetta 4
6 Il retrovisore si oscura automatica-
mente di notte quando siete seguiti da
un veicolo con i fari accesi.
A seconda della versione del veicolo,
è possibile attivare o disattivare questa
5 funzione premendo il tasto 5. La spia 6
4 si accende quando la funzione è attiva.
Nota: la funzione viene riattivata non
appena il motore viene spento e le
porte vengono bloccate/sbloccate.

Retrovisore interno
È orientabile.

Retrovisore con levetta 4


Durante la guida notturna, per non
essere abbagliati dai fari dei veicoli che
seguono, spostate la levetta 4 situata
dietro il retrovisore.

Per motivi di sicurezza, ef-


fettuate queste operazioni a
veicolo fermo.

1.77
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (1/6)
Luci anabbaglianti
1 k Funzionamento manuale
2 Ruotate l’anello 3 fino alla comparsa
1 del simbolo davanti al riferimento 2.
Questa spia si accende sul quadro
della strumentazione.

Funzionamento automatico
Ruotate l’anello 3 fino alla comparsa
del simbolo AUTO in corrispondenza
del riferimento 2: con motore acceso,
le luci anabbaglianti si accendono o si
3 spengono automaticamente in funzione
della luminosità esterna, senza dover
agire sulla levetta 1.
Luci di posizione Luci abbaglianti
š Ruotate l’anello 3 fino alla á Con luci anabbaglianti accese,
comparsa del simbolo davanti al rife- premete la levetta 1. Questa spia si ac-
rimento 2. Questa spia si accende sul cende sul quadro della strumentazione.
quadro della strumentazione. Per ritornare in posizione luci anabba-
glianti, tiratela 1 verso di voi.

Prima di viaggiare di notte: In caso di guida a sinistra con un


verificate il corretto funzio- veicolo dotato di posto di guida a si-
namento dell’equipaggia- nistra (o viceversa), è obbligatorio
mento elettrico. Controllate regolare le luci per il tempo di per-
che nulla interferisca con il fascio di manenza (consultate il paragrafo
luce dei fari (polvere, fango, neve, «Regolazione dei fari» al capi-
oggetti trasportati, ecc.). tolo 1).

1.78
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (2/6)
Luci abbaglianti
 automatiche 1 4
A seconda del veicolo, questo sistema
accende e spegne automaticamente
le luci abbaglianti. La funzione utilizza
una telecamera posta dietro il retrovi-
sore interno per individuare i veicoli che
precedono e quelli provenienti in senso
inverso.
Le luci abbaglianti si accendono auto-
maticamente se:
– la luminosità esterna è scarsa;
– non viene rilevato nessun altro vei-
colo o fonte di illuminazione;
– la velocità del veicolo è superiore a
40 km/h circa. Attivazione
In assenza di una delle condizioni di cui Veicolo dotato di un sistema di
sopra, il sistema riattiva le luci anabba- navigazione
glianti. In determinate condizioni il funzio-
namento del sistema può essere di- Dallo schermo multifunzione 4, selezio-
sturbato. In particolare: nate il menu «Veicolo», «Assistente di
– le condizioni climatiche estreme guida», «Abbagliantiautomatici», quindi
(pioggia, neve, nebbia, ecc.); scegliete «ON» o «OFF».
Il sistema «luci abbaglianti – parabrezza o videocamera ostru-
automatiche» non può in iti;
alcun caso sostituire la vigi- – quando un veicolo che segue o
lanza e la responsabilità del proviene in senso opposto pos-
conducente per ciò che concerne siede una illuminazione scarsa-
l’illuminazione del veicolo e il suo mente visibile o schermata;
adattamento alle condizioni di lumi- – regolazione non corretta dei fari
nosità, visibilità e traffico. anteriori;
– sistemi riflettenti;
– ...

1.79
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (3/6)
Attivazione/disattivazione
Per attivare le luci abbaglianti automa-
1 tiche:
2
– ruotate l’anello 3 fino alla comparsa
del simbolo AUTO in corrispondenza
5 6
del riferimento 2;
– premete la levetta 1.

La spia  compare sul quadro


della strumentazione.
Per disattivare le luci abbaglianti au-
3 tomatiche:
– tirate la levetta 1;
– oppure ruotate l’anello 3 in una posi-
zione diversa da AUTO.
Veicoli non dotati di un sistema di – premete ripetutamente il comando 6
navigazione
– A veicolo fermo, fate una pressione
verso l’alto o il basso finché non
viene visualizzato il menu “Luci ab-
La spia  si spegne sul quadro
della strumentazione.
lunga sul contattore 5 OK per acce- baglianti automatiche”, quindi pre- Nota: accertatevi che il parabrezza non
dere al menu di regolazione; mete il contattore 5 OK; sia oscurato (da sporcizia, fango, neve,
– premete ripetutamente il comando 6 – premete nuovamente il contattore 5 condensa, ecc.).
verso l’alto o il basso finché non OK per attivare o disattivare la fun-
viene visualizzato il menu di assi- zione.
stenza alla guida. Premete il tasto 5
OK;

L’utilizzo, durante le ore notturne, di un sistema di navigazione portatile


nella zona del parabrezza posto sotto la telecamera comporta il rischio Ogni volta che avviate il motore,
di disturbare il funzionamento del sistema «luci abbaglianti automatiche» tirate e quindi spingete la levetta 1
(rischio di riflessi sul parabrezza). per riattivare il sistema.

1.80
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (4/6)
Funzione accensione running Spegnimento delle luci
lights Esistono due possibilità:
1 Le luci diurne si accendono automatica- – manualmente, portate l’anello 3 in
mente senza agire sulla levetta 1 all’av- posizione 0;
viamento del motore e si spengono allo – automaticamente, le luci si spen-
spegnimento del motore. gono dopo l’arresto del motore, al-
l’apertura della porta del conducente
o alla chiusura del veicolo. In questo
Anomalia di funzionamento caso, al successivo avviamento del
Quando compare il messaggio «Luci motore, le luci si riaccenderanno se-
2 da controllare», accompagnato dalla condo la posizione dell’anello 3.

3 spia ©, e la spia k lampeg-


gia sul quadro della strumentazione, Allarme acustico di
significa che vi è un guasto nell’illumi- dimenticanza luci accese
nazione. Nel caso in cui le luci siano accese,
Anomalia di funzionamento
Rivolgetevi alla Rete del marchio. questo viene segnalato mediante
Quando il messaggio «Automatismo
luci controllare» viene visualizzato sul l’emissione di un segnale acustico di
quadro della strumentazione, il sistema avvertenza all’apertura della porta lato
è disattivato. conducente.
Rivolgetevi alla Rete del marchio.

1.81
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (5/6)
Funzione «luci esterne follow Funzione cortesia e Attivazione/Disattivazione della
me home» arrivederci funzione
Questa funzione consente di accen- (a seconda del veicolo) Dallo schermo multifunzione, selezio-
dere momentaneamente le luci anab- Quando la funzione è attivata, le luci nate il menu «Veicolo», «Impostazioni
baglianti (per illuminare l’apertura di un diurne e le luci di posizione posteriori utente», poi «Benvenuto esterno».
cancello...). si accendono automaticamente al rile- Scegliete «ON» o «OFF» per attivare o
vamento della carta RENAULT o allo disattivare la funzione.
A motore e luci spente e con l’anello 3
in posizione 0 o AUTO, tirate la levetta 1 sbloccaggio del veicolo.
verso di voi: le luci anabbaglianti si ac- Esse si spengono automaticamente:
cendono per trenta secondi circa. Per – circa un minuto dopo la loro accen-
prolungare questa durata, potete tirare sione;
la leva fino a quattro volte (tempo totale
limitato a circa due minuti). Il messag- – all’avviamento del motore, secondo
gio «Monitoragg. luci per _ _ _» accom- la posizione della levetta dell’illumi-
pagnato dal tempo di accensione viene nazione;
visualizzato sul quadro della strumen- oppure
tazione per confermare questa azione.
Potete poi chiudere a chiave il vostro – al bloccaggio del veicolo.
veicolo.
Per spegnere le luci prima dello spegni-
mento automatico, ruotate l’anello 3 in
una posizione qualsiasi, poi riportatelo
nella posizione AUTO.

1.82
ILLUMINAZIONI E SEGNALAZIONI ESTERNE (6/6)
Luce antinebbia Spegnimento
1
f posteriore Fate nuovamente ruotare l’anello 7 per
2 Fate ruotare l’anello centrale 7 della le- riportare il riferimento 2 davanti al sim-
vetta fino a portare il simbolo in corri- bolo corrispondente alla luce fendineb-
spondenza del riferimento 2, quindi ri- bia che desiderate spegnere. La spia
lasciatelo. corrispondente si spegne sul quadro
della strumentazione.
Il funzionamento dipende dalla posi-
zione di illuminazione esterna selezio- Lo spegnimento della luce esterna
nata, con accensione della relativa spia comporta lo spegnimento delle luci fen-
sul quadro della strumentazione. dinebbia.

7 Non dimenticate di spegnere queste


luci quando non è più necessario al fine Luci di curva
di non infastidire gli altri automobilisti. (A seconda del veicolo)
In curva, con le luci di posizione accese
Luci antinebbia e in determinate condizioni (velocità,
g anteriori angolo del volante, marcia avanti, luce
indicatrice di direzione attivata, ecc.),
Fate ruotare l’anello centrale 7 della una delle luci antinebbia anteriori si ac-
leva 1 fino a portare il relativo simbolo cende per illuminare la curva.
in corrispondenza con il riferimento 2,
quindi rilasciatelo.
Il funzionamento dipende dalla posi- Con nebbia, neve o in caso di tra-
zione di illuminazione esterna selezio- sporto di oggetti che oltrepassino il
nata, con accensione della relativa spia tetto, l’accensione automatica delle
sul quadro della strumentazione. luci non è sistematica.
L’accensione delle luci antinebbia
continua ad essere a discrezione
del conducente: le spie sul quadro
della strumentazione indicano se
sono accese (spia accesa) o spente
(spia spenta).

1.83
AVVISATORI ACUSTICI E LUMINOSI
Luci indicatori di direzione
2
Spostate la levetta 1 nel piano del vo-
1 lante e nel senso in cui intendete girare
il volante.

Funzionamento ad impulsi
Durante la guida, le manovre del vo-
A lante possono essere insufficienti a ri-
portare automaticamente la levetta
nella posizione originaria.
In tal caso, spostate brevemente la le-
vetta 1 in posizione intermedia, quindi
rilasciatela: la levetta torna al punto di
partenza e la luce indicatrice di dire-
zione lampeggia tre volte.
Avvisatore acustico Luci di segnalazione
Premete il cuscino del volante A per é pericolo
azionare l’avvisatore acustico. Premete il tasto 2. Questo dispositivo
aziona simultaneamente le quattro luci
Segnale luminoso lampeggianti e le frecce laterali. Deve
essere utilizzato solo in caso di peri-
Per ottenere una segnalazione lumi- colo per avvertire gli altri automobili-
nosa, tirate la levetta 1 verso di voi. sti che siete costretti a fermarvi in un
luogo anomalo o in un punto proibito o
in condizioni di guida o di circolazione
particolari.
A seconda della versione del veicolo, in
caso di brusca frenata, le luci di segna-
lazione pericolo possono accendersi
automaticamente. Potete spegnerle
premendo il tasto 2.

1.84
REGOLAZIONE DEI FARI (1/2)

In caso di regolazioni manuali


Esempi di posizioni di regolazione del comando A
in funzione del carico e del faro

Fari con lampadine


Faro a LED
alogene

Conducente da solo o con


A 0 0
passeggero anteriore

Tutti i posti occupati 1 1

Per i veicoli che ne sono dotati, la ro-


tella A permette di regolare l’altezza dei Conducente con passeggeri
fari in funzione del carico. e bagagli (o carico) in
3 e 4 3
configurazione massa
Ruotate la rotella A verso il basso per massima autorizzata
abbassare i fari e verso l’alto per alzarli.

Conducente senza passeggeri


e bagagli (o carico) in
4 4
configurazione massa
massima autorizzata

La tabella seguente riporta alcuni esempi. In ogni caso, regolare il comando A in


funzione del carico del veicolo in modo da vedere la strada e da non abbagliare gli
altri conducenti.
Per i veicoli che non sono dotati
della rotella A, la regolazione dei
fari è automatica in funzione del
carico del veicolo.

1.85
REGOLAZIONE DEI FARI (2/2)

In caso di guida a sinistra con un


veicolo dotato di posto di guida a si-
nistra (o viceversa), è obbligatorio
regolare temporaneamente le luci
per il tempo di permanenza.
1

Regolazione temporanea per


i veicoli dotati di lampadine
alogene
Aprite il cofano motore e individuate la
stampigliatura B vicino a uno dei fari
anteriori.
Per ogni faro ruotate la vite 1 di un
quarto di giro verso il - con uno stru-
mento tipo cacciavite per abbassare i
fari.
Ripristino nella posizione originaria al
termine del tragitto: ruotare la vite 1 di
un quarto di giro verso il simbolo + per
alzare il fascio luminoso.

1.86
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (1/6)

1 2
1 Efficacia della spazzola del
tergivetro
Controllate lo stato delle spazzole
A del tergivetro. La sua durata di-
pende da voi:
B – deve rimanere pulita: pulire rego-
C larmente la spazzola e il lunotto
D con acqua saponata;
E – non utilizzatela quando il lunotto
è asciutto;
– staccatela dal lunotto se non
viene utilizzata da tempo.
Veicolo con tergivetro Particolarità
Durante la guida, ad ogni arresto del In ogni caso, sostituitela non
anteriore intermittente appena la sua efficacia diminuisce:
veicolo si riduce la velocità del tergi-
vetro. Da un funzionamento continuo circa ogni anno (consultare il para-
A funzionamento unico grafo “Spazzole del tergivetro” al ca-
Una pressione breve provoca una rapido, passate ad un funzionamento
continuo lento. Non appena il veicolo pitolo 5).
passata dei tergivetri.
B arresto riparte, il tergivetro torna alla velocità
C funzionamento intermittente di funzionamento selezionata inizial- Precauzioni relative all’uso
Tra una passata e l’altra, le spaz- mente.
Qualsiasi intervento sulla levetta 1 è
dei tergivetri
zole si fermano per alcuni secondi.
È possibile modificare il tempo prioritario ed annulla l’automatismo. – In caso di neve o ghiaccio, pulire
tra una passata e l’altra ruotando il lunotto prima di attivare i tergi-
l’anello 2. vetri (rischio di surriscaldamento
D funzionamento continuo e lento del motore);
E funzionamento continuo e – verificare che nessun oggetto tra-
rapido Le posizioni A, C e D sono acces- sportato interferisca con la spaz-
sibili a contatto inserito. La posi- zola del tergivetro in movimento.
zione E è accessibile soltanto a
motore acceso.

1.87
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (2/6)
All’attivazione del tergivetro automa-
tico o all’aumento della sensibilità,
1 2 viene effettuata una passata.
1 F Nota:
– il sensore di pioggia ha soltanto
una funzione di assistenza. In
caso di visibilità ridotta, il condu-
A cente deve attivare manualmente
il tergivetro;
B – in presenza di nebbia o in caso
C di nevicata, la funzione tergive-
D tro automatico non è attivata dal
E G sistema e resta pertanto sotto il
vostro controllo;
– in caso di temperatura nega-
tiva, il tergivetro automatico non
Veicolo dotato di tergivetro C funzione tergivetro automatico è attivo all’avviamento del vei-
anteriore con sensore di In questa posizione il sistema colo. Si attiva automaticamente
rileva la presenza di acqua sul
pioggia parabrezza e aziona il tergivetro
non appena il veicolo supera una
certa velocità (circa 8 km/h));
Il sensore di pioggia si trova sul para- alla velocità di funzionamento più – non attivate il tergivetro automa-
brezza, davanti al retrovisore interno. adatta E’ possibile modificare la tico in assenza di pioggia;
soglia di azionamento ed il tempo – sbrinate completamente il para-
A funzionamento unico tra una passata e l’altra ruotando brezza prima di attivare il tergive-
Una pressione breve provoca una l’anello 2: tro automatico.
passata dei tergivetri. – F : sensibilità minima
B arresto – G : sensibilità massima
Più la sensibilità è elevata, più i ter-
givetri reagiscono rapidamente e
la frequenza di funzionamento au-
menta.

1.88
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (3/6)
Anomalia di funzionamento Particolarità
In caso di anomalia del funziona- Durante la guida, ad ogni arresto del
mento automatico, il tergivetro opera veicolo si riduce la velocità del tergi-
in funzionamento intermittente. 1 vetro. Da un funzionamento continuo
Rivolgetevi alla Rete del marchio. rapido, passate ad un funzionamento
Il funzionamento del sensore di piog- continuo lento. Non appena il veicolo
gia può essere disturbato in caso di: riparte, il tergivetro torna alla velocità
– tergivetri posteriori danneggiati, A di funzionamento selezionata inizial-
un velo d’acqua o tracce lasciate mente.
da una spazzola sulla zona di ri-
B Qualsiasi intervento sulla levetta 1 è
levamento del sensore possono C prioritario ed annulla l’automatismo.
aumentare il tempo di reazione D
dei tergivetri automatici o aumen- E Precauzioni
tare la frequenza di funziona- – In caso di gelo, prima di attivare il
mento; tergivetro, verificate che le spazzole
– parabrezza scheggiato o fessu- non siano bloccate. Se azionate il
rato a livello del sensore o pa- D funzionamento continuo e lento
tergivetro mentre le spazzole sono
rabrezza incrostato da polvere, bloccate dal gelo, rischiate di dan-
sporcizia, insetti, brina, utilizzo E funzionamento continuo e
rapido neggiare sia la spazzola sia il moto-
di cere di lavaggio o di prodotti rino del tergivetro.
idrofobi; la levetta del parabrezza
sarà meno sensibile oppure non – Non azionate i tergivetri sul vetro
sarà sensibile affatto. asciutto, per non provocare l’usura
o il deterioramento prematuro delle
spazzole.

Le posizioni A e D sono accessibili a


contatto inserito. Le posizioni C e E
sono accessibili soltanto a motore
acceso.

1.89
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (4/6)
Posizione particolare Nota
del tergivetro anteriore Dopo l’intervento, per riposizionare cor-
(posizione di servizio) rettamente le spazzole, verificate che le
Questa posizione permette di sollevare spazzole poggino sul parabrezza, inse- 1
le spazzole, allontanandole dal para- rite il contatto e azionate il comando dei
brezza. tergivetri.

Può essere utile per: A


– pulire le spazzole;
– staccare le spazzole dal parabrezza
B
durante l’inverno;
– sostituire le spazzole (consultate il
paragrafo «Spazzole del tergivetro»
al capitolo 5).
Con contatto inserito e motore spento,
abbassate completamente la levetta
del tergivetro (posizione funziona-
mento rapido continuo): le spazzole si
fermano in una posizione staccata dal
cofano.
Per riportare le spazzole in posizione, In caso di ostacoli presenti sul para-
verificate che le spazzole siano state brezza (sporcizia, neve, ghiaccio e
reclinate sul parabrezza, quindi ripor- così via), pulire il parabrezza (com-
tate la levetta in posizione B (arresto), presa la zona centrale situata dietro
con contatto inserito. il retrovisore interno) prima di atti-
vare i tergivetri (rischio di surriscal- Prima di effettuare qual-
Prima di inserire il contatto, posizionare
damento del motore). siasi azione sul parabrezza
i tergivetri sul parabrezza. In caso con-
trario, si potrebbe danneggiare il cofano Se un ostacolo impedisce il movi- (lavaggio del veicolo, sbri-
o i tergivetri quando vengono accesi. mento di una spazzola, questa po- namento, pulizia del para-
trebbe fermarsi. Rimuovete l’osta- brezza, ecc.) portate la levetta 1in
colo e riattivate il tergivetro con posizione B (arresto).
l’apposita levetta. Rischio di ferite e/o di danneggia-
menti.

1.90
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (5/6)
Nota
Con temperatura negativa, il liquido
dei lavavetri rischia di congelare sul
1 parabrezza e di ridurre la visibilità.
Riscaldate il parabrezza mediante il co-
mando di disappannamento prima di
pulirlo.
A
B
C
D
E

Lavavetro
Con contatto inserito, tirate la le-
vetta 1 poi rilasciatela.
Una breve azione attiva, a differenza
del lavavetro, una passata dei tergive-
tri.
Un’azione prolungata attiva, a diffe-
renza del lavavetro, tre passate con-
secutive, dopo alcuni secondi, una
quarta.
Durante gli interventi nel
vano motore, assicuratevi
che la levetta dei tergivetri
sia in posizione B (arresto).
Rischio di lesioni.

1.91
TERGIVETRO, LAVAVETRO ANTERIORE (6/6)
Nota
Per assicurare un corretto funziona-
mento del lavafaro nella stagione inver-
1 nale, rimuovete la neve dai portaugelli
e scongelate i portaugelli utilizzando
uno spray sbrinante.

A Si raccomanda comunque di eliminare


a intervalli regolari lo sporco ostinato
B che si accumula sul vetro dei fari.
C Quando raggiungete il livello minimo
D del liquido lavavetri, il circuito del lava-
E faro può disinnescarsi.
Rabboccate il liquido del lavavetro
quindi azionatelo, con motore acceso,
per reinnescarlo.
Lavafari
Fari accesi
Per i veicoli che ne sono dotati, a
motore acceso, tenete la levetta 1 tirata
verso di voi per circa 2 secondi, azio-
nate contemporaneamente i lavafari e
il lavavetro.
I lavafari sono attivati anche da tre
pressioni prolungate del comando del
lavavetro anteriore.

Durante gli interventi nel


vano motore, assicuratevi
che la levetta dei tergivetri
sia in posizione B (arresto).
Rischio di lesioni.

1.92
TERGIVETRO, LAVAVETRO POSTERIORE (1/2)
Per disinserire il funzionamento, fate
ruotare nuovamente l’anello 3.
1
2 Nota: prima di far lavare il veicolo
3 presso un autolavaggio automatico, Efficacia della spazzola del
portare l’anello 3 della levetta 1 in po- tergivetro
sizione di arresto per disattivare la fun- Controllate lo stato delle spazzole
zione tergivetro automatico. del tergivetro. La sua durata di-
Rispettate le indicazioni d’uso. pende da voi:
– deve rimanere pulita: pulire rego-
larmente la spazzola e il lunotto
con acqua saponata;
– non utilizzatela quando il lunotto
è asciutto;
– staccatela dal lunotto se non
viene utilizzata da tempo.
Tergivetro posteriore
Y Con contatto inserito, fate ruo-
In ogni caso, sostituitela non
appena la sua efficacia diminuisce:
tare l’anello 3 della levetta 1 fino a por- circa ogni anno (consultare il para-
tare il simbolo in corrispondenza del ri- Non utilizzate il braccio del tergive- grafo ”Spazzole del tergivetro” al ca-
ferimento 2 tro per aprire o chiudere lo sportello pitolo 5).
– arresto; del bagagliaio.
– funzionamento intermittente. Precauzioni relative all’uso
Tra una passata e l’altra, le spaz- dei tergivetri
zole si fermano per alcuni secondi.
– In caso di neve o ghiaccio, pulire
La frequenza di funzionamento Prima di qualsiasi azione
il lunotto prima di attivare i tergi-
varia a seconda della velocità; sul lunotto (lavaggio del vei-
vetri (rischio di surriscaldamento
– funzionamento continuo e lento. colo, sbrinamento, pulizia,
del motore);
ecc.) portate la levetta 1 in
– verificare che nessun oggetto tra-
posizione di arresto.
sportato interferisca con la spaz-
Rischio di ferite e/o di danneggia- zola del tergivetro in movimento.
menti.

1.93
TERGIVETRO, LAVAVETRO POSTERIORE (2/2)
Attivazione/disattivazione del Se sul lunotto sono presenti ostacoli
tergivetro posteriore (sporcizia, neve, ecc.), il tergivetro
(a seconda del veicolo) tenta di rimuovere tutti gli ostacoli. Se 1
Il passaggio alla retromarcia attiva il un ostacolo impedisce il movimento
tergivetro posteriore in funzionamento della spazzola, questa potrebbe fer-
intermittente (se i tergivetri anteriori marsi. Rimuovete l’ostacolo, attendete
funzionano). Se il vostro veicolo è prov- circa 30 secondi e riattivate il tergivetro
visto di un menu di personalizzazione con l’apposita levetta.
delle impostazioni del veicolo, potete Precauzioni
scegliere di attivare o disattivare questa
funzione. Per effettuare questa opera- – In caso di gelo, prima di attivare i ter-
zione, consultate il paragrafo «Menu di givetri, verificare che le spazzole non
personalizzazione delle impostazioni siano bloccate. Se azionate il tergi-
del veicolo» del capitolo 1, funzione vetro mentre la spazzola è bloccata
«Tergivetro posteriore con retromarcia dal gelo, rischiate di danneggiare sia
innestata». la spazzola sia il motorino del tergi-
vetro. Tergivetro/lavavetro
– Non attivare i tergivetri sul vetro
p posteriore
asciutto. Questo provoca l’usura pre- Con contatto inserito, spingete a lungo
coce o il deterioramento delle spaz- la levetta 1, quindi rilasciatela.
zole.
Un’azione prolungata attiva, oltre al la-
valunotto, tre passate in andata e ri-
torno del tergivetro posteriore, seguite
dopo alcuni secondi da una quarta pas-
sata.

1.94
SERBATOIO CARBURANTE (1/3)
Versione benzina
Utilizzate tassativamente benzina
senza piombo. L’indice di ottano (RON)
deve essere conforme alle indicazioni
2 riportate sull’etichetta situata nello spor-
tellino A. Consultate le «Caratteristiche
A motori» nel capitolo 6.
Versione diesel
Utilizzate tassativamente del gaso-
3 lio conforme alle indicazioni riportate
sull’etichetta posta all’interno dello
1 sportellino A.

Capacità utile del serbatoio: Qualità del carburante


– 55 litri circa per le versioni due ruote Utilizzate carburante di ottima qua-
motrici; lità rispettando le norme in vigore speci-
– 65 litri per le versioni quattro ruote fiche per ogni paese e tassativamente
motrici. conforme alle indicazioni riportate
sull’etichetta posta sullo sportellino A.
Per aprire lo sportellino A, tirate il co- Consultate il paragrafo «Caratteristiche
mando 1. motore» al capitolo 6.
Durante il riempimento, utilizzate il
porta-tappo 3 sullo sportellino A per ap- Non mescolare la benzina
pendere il tappo 2. (senza piombo o E85) al
gasolio, anche se in minima
quantità.
Non utilizzare carburante a base di
etanolo se il vostro veicolo non è
idoneo.
Dopo il rifornimento, verificate la Per evitare di danneggiare il motore,
chiusura del tappo e dello sportel- non aggiungete additivi al carbu-
lino. rante.

1.95
SERBATOIO CARBURANTE (2/3)
Riempimento di carburante
Con contatto disinserito, introducete la
pistola e inseritela fino in fondo prima
di azionarla per il rifornimento del ser-
batoio (rischio di schizzi).
Mantenete la pistola in questa posi-
zione per tutta la durata del riforni-
mento.
Se effettuate il pieno, dopo il primo arre-
sto automatico è possibile fare al mas-
simo ancora due scatti, ciò per man-
tenere vuoto il volume d’espansione
all’interno del serbatoio.
Al momento del rifornimento, fate at-
tenzione che non penetri dell’acqua. Lo
sportellino A e la relativa parte circo-
stante devono essere pulite.

Versioni benzina
Tappo del serbatoio: è
L’uso di benzina con piombo potrebbe
specifico.
danneggiare i dispositivi antinquina-
Se dovete sostituirlo, assi- mento ed annullare la garanzia.
curatevi che sia dello stesso Al fine di impedire un rifornimento in-
tipo di quello d’origine. Rivolgetevi volontario di benzina al piombo, il boc-
alla Rete del marchio. chettone di riempimento del serbatoio
Veicolo dotato della funzione
Non avvicinate il tappo ad una presenta un restringimento ed è prov-
Stop and Start
fiamma o fonte di calore. visto di un sistema di sicurezza che
consente di utilizzare solamente una Per il rifornimento carburante, il
Non lavare la zona di riempimento
pistola erogatrice di benzina senza motore deve essere spento (e non
con un pulitore ad alta pressione.
piombo (al distributore). in stand-by): spegnete tassativa-
mente il motore (consultate il para-
grafo «Avviamento/spegnimento del
motore» del capitolo 2).

1.96
SERBATOIO DEL CARBURANTE (3/3)
Carburante esaurito versione Qualsiasi intervento o mo-
diesel difica del sistema di alimen-
Veicoli con chiave/telecomando tazione del carburante (cir-
cuiti elettronici, cablaggi,
– Girate la chiave di contatto fino alla 4 circuito del carburante, iniettore,
posizione «Marcia» M (consultate il
protezioni...) è rigorosamente vie-
paragrafo «Commutatore di avvia-
tato a causa dei rischi che comporta
mento» del capitolo 2) e aspettate
(da affidare esclusivamente al per-
qualche minuto prima di accendere
sonale qualificato della Rete del
il motore per consentire l'innesco del
marchio).
circuito del carburante;
– Ruotate la chiave nella posizione D.
Se il motore non si avvia, ripetete la
procedura.
– Se, dopo diversi tentativi, il motore
non si accende, rivolgetevi alla Rete Veicoli con carta RENAULT
del marchio. Odore persistente di
Con la carta RENAULT nell'abitacolo, carburante
premete il pulsante di avviamento 4
senza agire sui pedali. Attendete qual- Se sentite un odore persi-
che minuto prima di partire. Questo stente di carburante procedete nel
consente l’innesco del circuito del car- modo seguente:
burante. Se il motore non si avvia, ripe- – fermatevi compatibilmente con le
tete la procedura. condizioni del traffico e disinse-
Se, dopo diversi tentativi, il motore non rite il contatto;
si accende, rivolgetevi alla Rete del – azionate le luci di segnalazione
marchio. pericolo e fate scendere tutti gli
occupanti dal veicolo allontanan-
doli dalla zona di circolazione;
– rivolgetevi alla Rete del marchio.

1.97
1.98
Capitolo 2: La guida
(consigli d’uso per il risparmio e il rispetto dell’ambiente)

Rodaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2
Commutatore di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3
Avviamento, spegnimento del motore: veicolo con chiave/telecomando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4
Avviamento, spegnimento del motore: veicolo con carta RENAULT. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5
Funzione Stop and Start . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.8
Particolarità delle versioni a benzina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.12
Particolarità delle versioni diesel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.13
Leva del cambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.14
Freno a mano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.15
Freno di stazionamento assistito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.16
Guida ecologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.19
Consigli manutenzione e antinquinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.24
Ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.25
Sistema di sorveglianza della pressione degli pneumatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.26
Dispositivi di correzione e di assistenza alla guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.29
Trasmissione: 4 ruote motrici (4WD) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.39
Avviso di uscita dalla carreggiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.43
Avviso di angolo morto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.46
Limitatore di velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.50
Allarme di eccesso di velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.53
Regolatore di velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.56
Parcheggio assistito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.60
Telecamera di retromarcia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.65
Parcheggio assistito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.67
Cambio automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.71
2.1
RODAGGIO
Versione a benzina Versione diesel
Fino a 1 000 Km, non superate i Fino a 1.500 km, non superate i
130 km/h sulla marcia più elevata, o da 130 km/h sul rapporto più elevato o
3 000 a 3 500 g/min. 2.500 g/min. Dopo tale chilometraggio
È soltanto dopo 3 000 km circa che il potrete spingere di più il motore, ma
veicolo offrirà tutte le sue prestazioni. la vettura renderà al meglio solo dopo
aver per-corso circa 6 000 chilometri.
Periodicità dei tagliandi: consultate
il documento di manutenzione del vei- Nel periodo di rodaggio, non accele-
colo. rate bruscamente a motore freddo, ed
evitate di far girare il motore a regimi
troppo elevati.
Periodicità dei tagliandi: consultate
il documento di manutenzione del vei-
colo.

2.2
COMMUTATORE DI AVVIAMENTO: veicolo con chiave
Posizione «Marcia» M
Il contatto è inserito.

Posizione «Avviamento» D
Se il motore non si avvia, bisogna ripor-
tare la chiave indietro prima di azionare
di nuovo il motorino di avviamento.
Appena il motore si avvia, rilasciate la
chiave.
Nota: nella versione diesel, possono
essere necessari alcuni secondi dopo
l’inserimento del contatto prima di poter
effettuare l’avviamento del motore,
per consentire il preriscaldamento del
motore.
Commutatore di avviamento
Posizione «Stop e bloccasterzo» St
Per bloccare lo sterzo, togliete la chiave
e girate il volante fino allo scatto del
bloccasterzo.
Per sbloccare lo sterzo, agite senza for-
zare sulla chiave ed il volante.

Posizione «Accessori» A
A contatto disinserito, gli eventuali ac-
cessori (autoradio...) continuano a fun-
zionare.

2.3
AVVIAMENTO, SPEGNIMENTO DEL MOTORE: veicolo con chiave
Versioni diesel Spegnimento del motore
É Con il motore al minimo, riportate la
– Girare la chiave su “Marcia” M e chiave in posizione “Stop” St.
rimanervi finché si spegne la spia;
– girare la chiave su Avviamento
D senza rilasciare il pedale
dell’acceleratore;
– rilasciare la chiave non appena il
motore si accende. Responsabilità del con-
Particolarità: in caso di avviamento del ducente all’arresto o allo
motore con temperatura esterna molto spegnimento del veicolo
bassa (inferiore a - 10° C): tenete pre- Non lasciate mai il vostro
muto il pedale della frizione fino all’av- veicolo incustodito, lasciando all’in-
viamento del motore. terno la chiave e un bambino o un
Avviamento del motore animale, anche per un breve lasso
di tempo.
Versioni a benzina Infatti, questi potrebbero mettere a
rischio la propria incolumità o quella
– Attivare il motorino di avviamento di altre persone avviando il motore,
senza accelerare; azionando dispositivi come gli alza-
– rilasciare la chiave non appena il vetri o addirittura bloccare le porte.
motore si accende. Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
giato la temperatura interna dell’abi-
Non disinserite mai il con- tacolo aumenta molto rapidamente.
tatto prima dell’arresto ef- RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
fettivo del veicolo, lo spe- LESIONI.
Non avviate mai il veicolo in gnimento del motore
folle in pendenza. Rischio di comporta l’eliminazione delle varie
non attivazione del servos- assistenze: A motore spento, il ser-
terzo. vofreni, il servosterzo e i dispositivi
Rischio di incidente. di sicurezza passiva quali airbag e
pretensionatori non sono più in fun-
zione.

2.4
AVVIAMENTO, SPEGNIMENTO DEL MOTORE: veicolo con carta RENAULT (1/3)
Avviamento in modalità
«accesso facilitato» con
bagagliaio aperto
2 In questo caso, non lasciate la carta
RENAULT nel bagagliaio per evitare il
rischio che vada smarrita.

1 Responsabilità del con-


ducente all’arresto o allo
spegnimento del veicolo
Non lasciate mai il vostro
veicolo incustodito, lasciando all’in-
terno la chiave e un bambino o un
La carta RENAULT deve trovarsi nella Particolarità animale, anche per un breve lasso
zona di rilevamento 1. di tempo.
– Se una delle condizioni di avvia- Infatti, questi potrebbero mettere a
Per avviare: mento non viene soddisfatta, sul rischio la propria incolumità o quella
– sui veicoli con cambio automatico, quadro della strumentazione com- di altre persone avviando il motore,
portate la leva in posizione P, pre- pare il messaggio «Premere freno azionando dispositivi come gli alza-
mete il pedale del freno e premete il + START», «Premere frizione + vetri o addirittura bloccare le porte.
pulsante 2; START» o «Mettere su P»; Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
– sui veicoli con cambio manuale, pre- – in alcuni casi, sarà necessario muo- giato la temperatura interna dell’abi-
mete il pedale del freno o della fri- vere il volante tenendo premuto il tacolo aumenta molto rapidamente.
zione e premete il pulsante 2. Se una pulsante di avviamento 1 per sbloc- RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
marcia è innestata si potrà avviare il care il piantone dello sterzo. Verrete LESIONI.
motore solo schiacciando il pedale avvertiti dal messaggio «Girare vo-
della frizione. lante + START».

2.5
AVVIAMENTO, SPEGNIMENTO DEL MOTORE: veicolo con carta RENAULT (2/3)
Premete il pedale del freno o della
frizione, quindi posizionate la carta
RENAULT 3 (lato logo) a contatto con
il pulsante di avviamento 2 per circa
3 2 secondi. Premete il pulsante 2 per av-
2
viare il veicolo. Il messaggio scompare.

Non disinserite mai il con-


tatto prima dell’arresto ef-
fettivo del veicolo, lo spe-
gnimento del motore
comporta l’eliminazione delle varie
assistenze: A motore spento, il ser-
Funzione accessori Anomalia di funzionamento vofreni, il servosterzo e i dispositivi
(inserimento del contatto) In alcuni casi, la carta RENAULT «ac- di sicurezza passiva quali airbag e
Non appena accedete al vostro veicolo, cesso facilitato» può non funzionare: pretensionatori non sono più in fun-
potete disporre di alcune funzionalità zione.
– pila della carta scarica RENAULT…
(radio, navigazione, tergivetri, ecc.).
– prossimità di un apparecchio fun-
Per disporre delle altre funzionalità, con zionante sulla stessa frequenza Non lasciate mai il vostro
la carta RENAULT presente nell'abita- (schermo, telefono cellulare, video- veicolo incustodito, la-
colo, premete il pulsante 2 senza fare giochi...); sciando la carta RENAULT
pressione sui pedali. nel lettore e un bambino (o
– veicolo situato in una zona caratte- un animale), anche per un breve
rizzata da un’elevata presenza di lasso di tempo.
onde elettromagnetiche.
In effetti potrebbe mettere in peri-
Sul quadro della strumentazione com- colo la propria incolumità o quella
pare il messaggio «Avvicina carta a delle altre persone avviando il
START e premi». motore.
Rischio di gravi lesioni.

2.6
AVVIAMENTO, SPEGNIMENTO DEL MOTORE: veicolo con carta RENAULT (3/3)
Se la carta RENAULT non è più nell’abi-
tacolo o se la pila della carta è scarica, Quando lasciate il vostro
quando richiedete lo spegnimento del veicolo in particolare con
motore, sul quadro della strumenta- la carta RENAULT in tasca,
2 zione compare il messaggio «Carta as- assicuratevi che il motore
sente premere a lungo»: premete per sia effettivamente spento.
più di due secondi il pulsante 2. Se la
carta non è più nell’abitacolo, verificate
di poterla recuperare prima di effet-
tuare una pressione lunga; senza carta
Responsabilità del con-
RENAULT, non potrete più ripartire.
ducente all’arresto o allo
Dopo aver spento il motore, gli acces- spegnimento del veicolo
sori accesi (autoradio...) continuano a
Non lasciate mai il vostro
funzionare per 10 minuti circa.
veicolo incustodito, lasciando all’in-
Quando si apre la porta conducente, gli terno la chiave e un bambino o un
Condizioni di spegnimento accessori si spengono. animale, anche per un breve lasso
di tempo.
del motore Infatti, questi potrebbero mettere a
Il veicolo deve essere fermo, la leva rischio la propria incolumità o quella
posizionata su N o P per i veicoli con di altre persone avviando il motore,
cambio automatico. azionando dispositivi come gli alza-
Con la carta RENAULT nel veicolo, pre- vetri o addirittura bloccare le porte.
mete il pulsante 2: il motore si spegne. Il Inoltre con tempo caldo e/o soleg-
piantone dello sterzo si blocca all’aper- giato la temperatura interna dell’abi-
tura della porta conducente o al bloc- Non disinserite mai il con- tacolo aumenta molto rapidamente.
caggio del veicolo. tatto prima dell’arresto ef- RISCHIO DI MORTE O DI GRAVI
fettivo del veicolo, lo spe- LESIONI.
gnimento del motore
comporta l’eliminazione delle varie
assistenze: A motore spento, il ser-
vofreni, il servosterzo e i dispositivi
di sicurezza passiva quali airbag e
pretensionatori non sono più in fun-
zione.

2.7
FUNZIONE STOP AND START (1/4)
Questo sistema consente di ridurre il Per cambio manuale:
consumo di carburante e l’emissione di – il cambio è in posizione neutra (folle);
gas serra. e
All’avviamento del veicolo, il sistema – il pedale della frizione è rilasciato.
viene attivato automaticamente.
Durante la guida, il sistema arresta il Se la spia  lampeggia, signi-
fica che il pedale della frizione non è
motore (messa in stand-by) quando il Prima di scendere dal vei-
veicolo rimane fermo (ingorgo, arresto sufficientemente rilasciato;
e colo, è obbligatorio disin-
ad un semaforo rosso, ecc.). serire il contatto (consultate
– la velocità del veicolo è inferiore a
3 km/h circa. il paragrafo «Avviamento,
Condizioni di messa in spegnimento del motore»).
Per tutti i veicoli
stand-by
Il veicolo è avanzato dopo l’ultimo ar-
resto.
la spia compare fissa sul quadro
della strumentazione per avvisarvi della Non guidate quando il
Per cambio automatico: messa in stand-by del motore. motore è in stand-by (sul
– il cambio è posizionato su D, M o N; Gli equipaggiamenti del veicolo restano quadro della strumenta-
e in funzione per l’intero intervallo di spe- zione si accende la spia
– il pedale del freno è premuto (suffi-
cientemente forte);
gnimento del motore.  ).
e
– il pedale dell’acceleratore non è pre-
muto;
e In caso di messa in stand-
– la velocità è nulla per 1 secondo by del motore, il freno di
circa. stazionamento assistito (a
La messa in stand-by del motore viene seconda della versione del
mantenuta quando è innestata la posi- veicolo) non si inserisce automati-
zione P, o quando è innestata la posi- camente.
zione N con il freno di stazionamento
inserito e il pedale del freno rilasciato. In caso di spegnimento del motore,
se il sistema è attivo, premendo con
decisione sul pedale della frizione, il Motore in stand-by, il servo-
motore viene riavviato. freno è disattivato.

2.8
FUNZIONE STOP AND START (2/4)
Impedire la messa in Uscita dallo stand-by motore Particolarità: a seconda del veicolo,
stand-by del motore se disinserite il contatto con il motore in
Per cambio automatico:
Con il sistema attivato, in alcune situa-
zioni come l’attraversamento di un in-
– il pedale del freno è rilasciato, nella stand-by, la spia Ä si accende per
alcuni secondi sul quadro della stru-
posizione D o M innestata;
crocio è possibile mantenere il motore – il pedale del freno è rilasciato, leva mentazione.
acceso per una ripresa rapida. posizionata su N e freno di staziona-
Cambio automatico: mento disinserito o
– il pedale del freno è di nuovo pre-
Mantenete il veicolo fermo con una leg- muto, leva posizionata su P o leva
gera pressione del pedale del freno. posizionata su N con freno di stazio-
Cambio manuale: namento inserito o
– la leva è posizionata su R o
Tenete premuto il pedale della frizione.
– il pedale dell’acceleratore è premuto;
– in modalità manuale, la leva del
cambio è spostata verso + o -.
Per cambio manuale:
– cambio in folle e pedale della frizione
leggermente premuto o
– con marcia inserita e pedale della fri-
zione completamente premuto.

Per il rifornimento carburante, il


motore deve essere spento (e non
in stand-by): spegnete tassativa-
mente il motore (consultate il pa-
ragrafo «Avviamento, spegnimento
del motore»).

2.9
FUNZIONE STOP AND START (3/4)
Condizioni di mancata messa – è in funzione il parcheggio assistito; Casi particolari dei veicoli
in stand-by del motore – la pendenza è superiore al 12 % circa dotati di carta RENAULT
Alcune condizioni impediscono al si- per i veicoli dotati di cambio automa- Con motore in stand-by (ingorgo, arre-
stema di mettere in stand-by il motore, tico; sto a un semaforo, ecc.), se il condu-
nello specifico: – la funzione “visibilità” è attivata (con- cente sgancia la cintura e apre la porta
per i veicoli dotati di una carta sultate il paragrafo “climatizzazione conducente, oppure si alza dal sedile, il
RENAULT: automatica” del capitolo 3); contatto viene disinserito.
– la porta conducente non è chiusa; – la temperatura motore non è suffi- A quel punto, il freno di stazionamento
– la cintura del conducente non è al- ciente; assistito si inserisce automaticamente.
lacciata; Per riavviare e riattivare il sistema Stop
– il sistema anti-inquinamento è in
per tutti i veicoli: and Start, avviate il motore (consultate
corso di rigenerazione;
– la retromarcia è stata inserita; le informazioni su «Avviamento, spegni-
oppure
– il cofano motore non è bloccato; mento del motore» del capitolo 2).
– ...
– la temperatura esterna è troppo
bassa o troppo elevata (inferiore a
5°C circa o superiore a 35°C circa); La spia  che si accende sul
quadro della strumentazione segnala
Casi particolari dei veicoli
– la batteria non è sufficientemente dotati di chiave
carica; l’indisponibilità della messa in stand-by
– Quando il veicolo ne è dotato, la del motore. Con il motore in stand-by (ingorgo, ar-
modalità «4WD Lock» è attiva (con- resto a un semaforo, ecc.), se uscite
sultate il paragrafo «Trasmissione: dal veicolo, un segnale acustico av-
4 ruote motrici (4WD)» del capi- verte che il motore è in stand-by e non
tolo 2); è stato spento.
– la differenza tra la temperatura in-
terna del veicolo e quella impostata
dalla climatizzazione automatica è
eccessiva;

Disattivare la funzione Stop


and Start per qualsiasi in-
tervento nel vano motore.

2.10
LA FUNZIONE STOP AND START (4/4)
Caratteristiche relative al riavvio Il messaggio «Stop & Start disattivato»
automatico del motore viene visualizzato sul quadro della stru-
In certi casi, il motore può ripartire mentazione e la spia integrata 2 al tasto
senza bisogno di alcun intervento per si accende. Una nuova pressione riat-
garantirvi la sicurezza e il comfort ideali. tiva il sistema. Il messaggio «Stop &
Start attivato» viene visualizzato sul
Questo si verifica soprattutto quando: quadro della strumentazione e la spia
– la temperatura esterna è troppo integrata 2 nel contattore 1 si spegne.
bassa o troppo elevata (inferiore a 1 Il sistema si riattiva automaticamente a
5° C circa o superiore a 35 °C circa); ogni avviamento volontario del veicolo
– la funzione “visibilità” è attivata (con- (consultate il paragrafo «Avviamento,
sultate il paragrafo “climatizzazione spegnimento del motore» del capi-
automatica” del capitolo 3); tolo 2).
2
– la batteria non è sufficientemente
carica; Anomalie di funzionamento
Per i veicoli dotati di cambio manuale,
– la velocità del veicolo è superiore a Quando il messaggio «Stop & Start
il riavvio del motore può essere inter-
5 km/h (in discesa ecc.); da controllare» viene visualizzato sul
rotto se il pedale della frizione viene
quadro della strumentazione, accom-
– pressioni ripetute sul pedale del rilasciato troppo rapidamente e una
pagnato dall’accensione della spia in-
freno o impianto freni necessario; marcia è inserita.
tegrata 2 nel contattore 1, il sistema è
– ... disattivato.
Disattivazione, attivazione Rivolgetevi alla Rete del marchio.
della funzione
Premete il contattore 1 per disattivare
la funzione.

Particolarità dei veicoli dotati di Prima di scendere dal vei-


chiave: a seconda del tipo di vei- colo, è obbligatorio disin-
colo, per alcune di queste condi- Particolarità: Con il motore in stand- serire il contatto (consultate
zioni il riavvio automatico del motore by, premendo il contattore 1 il il paragrafo «Avviamento,
è inibito se una porta anteriore è motore si riavvia automaticamente. spegnimento del motore»).
aperta.

2.11
PARTICOLARITÀ DELLE VERSIONI A BENZINA
Condizioni di funzionamento del vei- Se rilevate le anomalie di funziona-
colo quali: mento descritte precedentemente, fate
– guida per lunghi tratti con la spia di eseguire al più presto le riparazioni ne-
riserva del carburante accesa; cessarie presso la Rete del marchio.

– utilizzo di benzina al piombo; Facendo controllare regolar-


mente il vostro veicolo presso un
– utilizzo di additivi per lubrificanti o Rappresentante del marchio e rispet-
carburanti non omologati. tando la periodicità consigliata nel li-
O alcune anomalie di funzionamento bretto di manutenzione, potrete evitare
quali: questi inconvenienti.
– sistema di accensione difettoso o
carburante esaurito o candela scol- Problemi di avviamento
legata, che provocano irregolarità Per evitare di danneggiare la marmitta
d’accensione o strappi durante la catalitica della vostra auto, non tentate
guida; insistentemente di avviare il motore
– perdita di potenza, (sia con il motorino di avviamento, sia
spingendo o trainando la vettura) se
provocano un surriscaldamento della
non riuscite ad identificare e rime-
marmitta catalitica, ne diminuiscono
diare alla causa dell’inconveniente.
l’efficienza e possono anche distrug-
gerla, causando danni termici al vei- Se non riuscite ad avviare il motore,
colo. non tentate più di farlo da soli e rivolge-
tevi alla Rete del marchio.

Non parcheggiate e non


lasciate acceso il motore
in luoghi in cui sostanze o
materiali combustibili quali
erba o foglie secche possono en-
trare in contatto con il sistema di
scarico caldo.

2.12
PARTICOLARITÀ DELLE VERSIONI DIESEL
Regime motore diesel Precauzioni invernali
I motori diesel sono dotati di un sis- Per evitare ogni inconveniente in caso
tema di iniezione che non permette al di gelo:
motore di superare un certo numero – assicuratevi che la batteria sia
di giri, qualunque sia la marcia inse- sempre carica,
rita.
– assicuratevi di non lasciare mai una
Se viene visualizzato il messaggio quantità troppo esigua di gasolio
«Antinquinamento controllare» con le nel serbatoio, in modo da evitare la
spie Ä e ©, rivolgetevi imme-
diatamente alla Rete del marchio.
formazione di condensa di vapore
acqueo che si accumula sul fondo
del serbatoio.
Durante la guida, a seconda del tipo di
carburante utilizzato, in casi eccezionali
il veicolo può emettere fumi bianchi.
Ciò è dovuto alla rigenerazione auto-
matica del filtro antiparticolato e non
ha alcuna conseguenza sul comporta-
mento del veicolo.

Mancanza totale di
carburante
Dopo il riempimento effettuato in se-
guito all’esaurimento completo del Non parcheggiate e non
carburante, è necessario reinnescare lasciate acceso il motore
il circuito del carburante: consultate il in luoghi in cui sostanze o
paragrafo «serbatoio carburante» del materiali combustibili quali
capitolo 1 prima di riavviare il motore. erba o foglie secche possono en-
trare in contatto con il sistema di
scarico caldo.

2.13
LEVA DEL CAMBIO
Innesto della retromarcia
Occorre sollevare l’anello 2 contro il po-
mello della leva per poter inserire la re-
tromarcia.
Le luci di retromarcia si accendono
quando è innestata la retromarcia, con
contatto inserito.
Nota: a seconda del veicolo, se le luci
1 anabbaglianti sono accese, le luci anti-
nebbia anteriori si accendono contem-
poraneamente quando viene innestata
2 la retromarcia.

Leva del cambio


Veicoli con cambio meccanico: se-
guite la griglia disegnata sul pomello 1.
Veicoli con cambio automatico: con-
sultate il paragrafo «Cambio automa-
tico» del capitolo 2. In caso di urto dell’infra-
struttura del veicolo durante
la retromarcia (ad esem-
pio: urto con un paracarro,
un marciapiede rialzato o qualsiasi
altro arredo urbano) potreste dan-
neggiare il veicolo (ad esempio: de-
formazione di un asse).
Per evitare qualsiasi rischio di inci-
dente, fate controllare il vostro vei-
colo dalla Rete del marchio.

2.14
FRENO A MANO

1
2
A veicolo fermo, in fun-
zione della pendenza e/o
del carico del veicolo, può
essere necessario aumen-
Freno a mano tare il serraggio di altri due scatti
Per allentarlo e ingranare una marcia (1a o retro-
marcia) nei veicoli con cambio mec-
Tirate leggermente la leva 2 verso l’alto, canico o la posizione P per i veicoli
premete il pulsante 1 e accompagnate con cambio automatico.
la leva in basso.
Se partite con il freno a mano non com-
pletamente allentato, la spia luminosa
rossa del quadro della strumentazione
rimarrà accesa.

Per serrarlo
Durante la guida, verificate
Tirate la leva 2 verso l’alto. Controllate che il freno a mano sia com-
che il veicolo sia correttamente immo- pletamente allentato (spia
bilizzato. La spia luminosa Dsul
quadro della strumentazione si ac-
rossa spenta): rischio di
surriscaldamento ed anche di dan-
neggiamento.
cende.

2.15
FRENO DI STAZIONAMENTO ASSISTITO (1/3)
Operazione assistita Nota
Il freno di stazionamento assistito Per segnalarvi che il freno di staziona-
consente di immobilizzare automati- mento assistito è disinserito, si attiva un
camente il veicolo al momento dello segnale acustico e il messaggio «Tirare
spegnimento del motore (e non freno stazionamento» compare sul
della messa in stand-by del motore quadro della strumentazione:
per i veicoli dotati della funzione – motore acceso: all’apertura della
Stop and Start). Consultate i para- 2 porta conducente;
grafi «Avviamento, spegnimento del
motore» e «Funzione Stop and Start»
1 – motore spento (ad esempio in caso
del capitolo 2. di spegnimento del motore): all’aper-
tura di una porta anteriore.
In tutti gli altri casi, lo spegnimento del
motore per esempio, il freno di stazio- In tal caso, tirate poi rilasciate il contat-
namento assistito non si inserisce auto- tore 1 per serrare il freno di staziona-
maticamente. Occorre allora utilizzare mento assistito.
la modalità manuale. Il serraggio del freno di stazionamento
Rilascio assistito del freno di
In alcune versioni di modelli specifi- assistito è confermata dal messaggio
stazionamento
che per determinati paesi, la funzione «Freno staziona-mento tirato», dalla
Il disinserimento si verifica accele-
di applicazione della frenata assistita
non è attivata. Consultate il paragrafo
spia} sul quadro della strumenta-
zione e dall’accensione della spia 2 sul
rando, all’avviamento del veicolo.
«Funzionamento manuale». contattore 1.
In seguito all’arresto del motore, la
spia 2 si spegne per alcuni minuti
dopo l’inserimento del freno di stazio- Prima di scendere dal vei-
colo, verificate che il freno
namento assistito e la spia }
spegne al bloccaggio del veicolo.
si di stazionamento assistito
sia effettivamente inserito. Il
serraggio è confermato dall’accen-
sione della spia 2 sul contattore 1
e dalla spia } sul quadro della
strumentazione fino al bloccaggio
delle porte.

2.16
FRENO DI STAZIONAMENTO ASSISTITO (2/3)
Spegnimento temporaneo Casi particolari
Per azionare manualmente il freno Per parcheggiare su un terreno in pen-
di stazionamento assistito (arresto a denza o con un rimorchio, ad esempio,
un semaforo rosso, spegnimento del tirate il contattore 1 per alcuni secondi
motore acceso, ecc.): tirate e rilasciate al fine di ottenere il massimo sforzo fre-
il contattore 1. Il disinserimento è auto- nante.
matico non appena si riavvia il veicolo. Sostare con freno di stazionamento as-
2 sistito allentato (ad esempio per evitare
il blocco del sistema a causa del gelo):
1 – a motore acceso, tenendo contem-
poraneamente premuti il pedale del
freno e il contattore 1, spegnete il
motore (e non con messa in stand-
by per i veicoli dotati della funzione
Stop and Start);
– con una marcia o una leva P inne-
Funzionamento manuale stata, rilasciate il pedale del freno e il
Potete comandare manualmente il contattore 1.
freno di stazionamento assistito.
Per i veicoli dotati della funzione Stop
Serraggio del freno di and Start, con motore in stand-by, il
stazionamento assistito Particolarità legata alla fun- freno di stazionamento assistito è azio-
Tirate il contattore 1. La spia 2 e la spia zione Stop and Start: qua- nato automaticamente se il conducente
lora la cintura di sicurezza sgancia la cintura e apre la porta con-
} sul quadro della strumentazione
si accendono.
conducente venga sgan-
ciata prima che il motore entri in
ducente o si alza dal sedile.
stand-by per effetto della funzione
Disinserimento del freno di Stop and Start, verificate il cor-
stazionamento assistito retto inserimento del freno di sta-
Con contatto inserito, premete il pedale zionamento: la conferma è data
del freno poi premete il contattore 1: la
spia 2 e la spia } si spengono.
dall’accensione della spia
sul quadro della strumentazione.
}
Rischio di perdita di immobilizza-
zione.

2.17
FRENO DI STAZIONAMENTO ASSISTITO (3/3)
Versioni con cambio Anomalie di funzionamento
automatico – In caso di anomalie, la spia © si
Con la porta conducente aperta o chiusa accende sul quadro della strumenta-
male e il motore acceso, per motivi di zione accompagnata dal messaggio
sicurezza, il disinserimento automa- «Freno stazionam. controllare» e in
In caso di messag-
gio «Guasto elettrico
PERICOLO» o «Batteria da
tico è disattivato (al fine di evitare che
il veicolo si metta automaticamente in alcuni casi dalla spia} .
Consultate rapidamente la Rete del
controllare», azionate ma- movimento senza conducente). Il mes-
saggio «Allentare a mano» appare sul marchio.
nualmente il freno di stazionamento
assistito tirando il contattore 1 quadro della strumentazione quando il – In caso di guasto del freno di stazio-
(oppure mettete la leva del cambio conducente preme il pedale dell’acce- namento assistito, la spia ® si
in P per i cambi automatici), prima leratore. accende, accompagnata dal mes-
di spegnere il motore. saggio «Guasto circuito freni», da
un segnale acustico e, in alcuni casi,
Rischio di perdita di immobilizza-
zione del veicolo. dalla spia } .
Rivolgetevi alla Rete del marchio. Ciò impone un arresto immediato
compatibilmente alle condizioni del
traffico.

L’assenza di ritorni visivi Non scendere mai dal vei-


o sonori indica un’anoma- colo senza aver posizionato
lia del quadro della stru- la leva del cambio su P. In
mentazione. L’accensione effetti il veicolo con motore È tassativo immobilizzare il
di questa spia impone un arresto acceso e marcia innestata può met- veicolo innestando la prima
immediato compatibilmente con tersi in movimento se accelerate marcia (cambi meccanici) o
le condizioni del traffico. Verificate inavvertitamente. la posizione P (cambi auto-
che il veicolo sia correttamente matici). In caso di pendenza ecces-
Rischio di incidente. siva, immobilizzate le ruote del vei-
immobilizzato e rivolgetevi ad un
Rappresentante del marchio. colo.

2.18
CONSIGLI DI GUIDA, GUIDA ECOLOGICA (1/5)
Il consumo di carburante è omologato in L’indicatore di cambio marcia 2
conformità a un metodo standard e re- A seconda della versione del veicolo,
golamentare. Identico per tutti i costrut- 1
per ottimizzare i consumi, una spia sul
tori, consente di confrontare i veicoli tra quadro della strumentazione vi informa
di loro. Il consumo in base all’uso reale del momento più appropriato per inse-
dipende dalle condizioni di utilizzo del 2 rire la marcia superiore o inferiore:
veicolo, dagli equipaggiamenti e dallo
stile di guida. Per ottimizzare i consumi,
consultate i consigli di seguito.
Š inserite la marcia superiore;

A seconda del veicolo, avete a dispo-


sizione diverse funzioni che vi consen-
‰ inserite la marcia inferiore.

tono di ridurre il consumo di carburante: Se seguirete regolarmente questo in-


– il contagiri; dicatore, ridurrete il consumo di carbu-
– indicatore di cambio marcia; rante del veicolo.
– l’indicatore dello stile di guida;
– la sintesi percorso e i consigli ecolo-
gici tramite lo schermo multimediale; Sul quadro della
– la modalità ECO. strumentazione
Il sistema di navigazione, se il veicolo La visualizzazione delle informazioni
ne è dotato, completa le informazioni. può essere organizzata e personaliz-
zata secondo lo stile di personalizza-
zione del quadro della strumentazione
selezionato sullo schermo multifun-
zione.

Il contagiri con zona ECO 1


Una guida nella zona ECO consente
per la maggior parte del tempo di otti-
mizzare il consumo di carburante.

2.19
CONSIGLI DI GUIDA, GUIDA ECOLOGICA (2/5)
Indica:
– il consumo medio;
– il numero di chilometri percorsi;
– il numero di chilometri guadagnati.
4 Essi corrispondono a una guida
senza consumo di carburante (de-
celerazione e/o piede sollevato dal
pedale dell’acceleratore).
Viene visualizzata una nota generale
da 0 a 100 che vi consente di valutare
la vostra prestazione di guida ecolo-
gica. Più elevato è il punteggio, più il
consumo di carburante è ridotto.
Di seguito vengono presentati dei con-
3 sigli ecologici per migliorare la vostra
Indicatore dello stile di guida 3 Sullo schermo multifunzione prestazione.
Vi informa in tempo reale sullo stile di La memorizzazione dei vostri percorsi
Sintesi percorso preferiti vi consentirà di confrontare
guida adottato. La segnalazione pro-
viene dall’indicatore 3. Allo spegnimento del motore, il mes- le vostre prestazioni tra di esse e con
saggio «Sintesi percorso» sul display 4 quelle degli altri utenti del veicolo.
Più alto è il numero di foglie dell’indi-
vi fornisce le informazioni relative al Per ulteriori informazioni, consultate il
catore 3, più la guida sarà flessibile ed
vostro ultimo percorso. libretto d’istruzioni del sistema multime-
economica.
diale.
Se seguirete regolarmente questo in-
dicatore, ridurrete il consumo di carbu-
rante del veicolo.
Per attivare/disattivare l’indicatore
dello stile di guida, consultate il libretto
di istruzioni del sistema multimediale.

2.20
CONSIGLI DI GUIDA, GUIDA ECOLOGICA (3/5)
Modalità ECO Disattivazione della funzione
La modalità ECO è una funzione che ot- Premete il tasto 4.
timizza il consumo di carburante. Essa
agisce su alcuni utilizzatori del veicolo La spia  si spegne sul quadro
della strumentazione per confermare la
(riscaldamento, climatizzazione, ser-
vosterzo, ecc.) e su alcune operazioni disattivazione.
di guida (accelerazione, cambi marcia, 4
regolatore di velocità, decelerazione,
ecc.).
La limitazione dell’accelerazione con-
sente una guida a basso consumo sia
in città che in periferia. Con modalità
ECO inserita, è normale constatare una
variazione del livello di riscaldamento.

Attivazione della funzione Durante la guida è possibile uscire


La funzione può essere attivata: temporaneamente dalla modalità ECO
per ripristinare tutte le prestazioni del
– premendo il contattore 4.
motore.
– a seconda del veicolo, dal menu di
Per farlo, premete con decisione e a
navigazione dello schermo multime-
fondo il pedale dell’acceleratore.
diale (consultate il libretto multime-
diale). La modalità ECO si riattiva non appena
si rilascia il pedale dell'acceleratore.
La spia  si accende sul quadro
della strumentazione per confermare
l’attivazione.

2.21
CONSIGLI DI GUIDA, GUIDA ECOLOGICA (4/5)
– Non spingete il motore ad alti regimi – Intemperie, strade allagate:
nelle marce intermedie.
Utilizzate quindi sempre la marcia Non guidate su una
più elevata. strada allagata se l’al-
– Evitate di accelerare bruscamente. tezza dell’acqua supera
– Frenate il meno possibile, valutando la parte inferiore dei
in tempo l’ostacolo o la curva; sarà cerchi.
sufficiente alzare il piede dall’accele-
ratore.
– In salita, piuttosto che tentare di
mantenere la stessa velocità, evitate
di accelerare più che nella guida nor-
male: mantenete preferibilmente la
stessa posizione del piede sull’acce-
leratore.
– Doppio colpo di frizione e colpo di
Consigli di guida e guida acceleratore prima dello spegni-
ecologica mento del motore sono ormai inutili
sui veicoli moderni.
Comportamento
– Piuttosto che far scaldare il motore
a veicolo fermo, guidate con mode-
razione fino a quando il motore non
raggiunge la sua normale tempera- Ostacolo alla guida
tura di funzionamento. Sul lato conducente, utiliz-
– La velocità costa cara. zate esclusivamente sovra-
– Una guida dinamica, con accelera- tappeti adatti al veicolo, in
zioni e decelerazioni forti e frequenti, grado di agganciarsi agli elementi
risulta costosa in termini di carbu- preinstallati e verificatene periodi-
rante rispetto al tempo risparmiato. camente il fissaggio. Non sovrappo-
nete più tappetini.
Rischio di incastro dei pedali.

2.22
CONSIGLI DI GUIDA, GUIDA ECOLOGICA (5/5)
– Per i veicoli equipaggiati con aria
condizionata, è normale constatare
un aumento del consumo di carbu-
rante (soprattutto in città) durante il
suo utilizzo. Per i veicoli equipaggiati
con aria condizionata senza moda-
lità automatica, spegnete l’impianto
quando non è più necessario.
Alcuni consigli per ridurre al
minimo il consumo e quindi con-
tribuire alla salvaguardia dell’am-
biente:
Se il veicolo è rimasto fermo in condi-
zioni di temperatura elevata o sotto il
sole, aerate per alcuni minuti l’abita-
Pneumatici Consigli d’uso colo per far uscire l’aria calda prima
di partire.
– Una pressione insufficiente può – È preferibile utilizzare la modalità – Non lasciate montato il portapacchi
far aumentare il consumo di carbu- ECO. sul tetto se non lo utilizzate.
rante. – L’elettricità vuol dire «consumo di – Per il trasporto di oggetti voluminosi,
– Privilegiate la pressione alla velocità benzina». Spegnete quindi gli acces- utilizzate preferibilmente un rimor-
più elevata o la pressione consigliata sori elettrici quando non li utilizzate chio.
per ottimizzare il consumo di carbu- più. Tuttavia (la sicurezza innanzi- – Per trainare una roulotte, utilizzate
rante, indicata sul bordo di chiusura tutto), tenete accesi i fari appena la un deflettore omologato e non di-
della porta lato conducente (consul- visibilità lo esige (per vedere e per menticatevi di regolarlo.
tate il paragrafo «Pressioni di gon- essere visti). – Evitate l’uso del veicolo «porta a
fiaggio degli pneumatici» del capi- – Utilizzate per quanto possibile gli ae- porta» (tragitti brevi con soste pro-
tolo 4). ratori. Guidare a 100 km/h con vetri lungate), in quanto il motore non rag-
– L’uso di pneumatici non consigliati aperti aumenta il consumo di carbu- giunge mai la temperatura ideale.
può aumentare il consumo di carbu- rante del 4%.
rante. – Evitate il pieno di carburante al mas-
simo, per non farlo fuoriuscire.

2.23
CONSIGLI MANUTENZIONE E ANTINQUINAMENTO
Il vostro veicolo rispetta i criteri di rici- Inoltre, la sostituzione di parti del – Filtro dell’aria, filtro del carbu-
claggio e di valorizzazione dei veicoli motore, del sistema di alimentazione e rante: una cartuccia sporca dimi-
rottamati, entrati in vigore nel 2015. di scarico, con ricambi diversi da quelli nuisce il rendimento. Occorre sosti-
Alcuni pezzi del vostro veicolo sono originali consigliati dalla casa costrut- tuirla.
quindi concepiti in vista del loro ulte- trice annulla la conformità della vettura – Accensione e minimo: non neces-
riore riciclaggio. alle normative antinquinamento. sitano di alcuna regolazione.

Questi pezzi sono facilmente smonta- Fate effettuare le regolazioni ed i


bili per essere recuperati e riutilizzati controlli del vostro veicolo, conforme- Controllo dei gas di scarico
nelle filiere di riciclaggio. mente alle istruzioni contenute nel pro-
gramma di manutenzione, presso il Il sistema del controllo dei gas di sca-
Inoltre il vostro veicolo, grazie alla sua Rappresentante del marchio: qui sono rico permette di individuare le anomalie
concezione avanzata, alle sue registra- disponibili tutti i mezzi materiali che di funzionamento del dispositivo antin-
zioni originali e al modesto consumo di permettono di garantire le registrazioni quinante del veicolo.
carburante, è conforme alle normative d’origine del vostro veicolo. Tali anomalie possono causare un ec-
antinquinamento in vigore. Si impegna cesso di emissioni inquinanti e provo-
attivamente a ridurre le emissioni di gas care danni meccanici.
inquinanti e a risparmiare energia. Ma il Registrazioni motore Questa spia sul quadro della
livello di emissioni di gas inquinanti e il
consumo del vostro veicolo dipendono
– Candele: le condizioni ottimali di
consumo, di rendimento e di pres-
Ä strumentazione indica even-
tuali anomalie di funzionamento del sis-
anche da voi. Abbiate cura di utilizzarlo tazioni impongono di rispettare rigo- tema:
ed effettuare la manutenzione in modo rosamente le specifiche stabilite dal Si accende all’inserimento del contatto
corretto. nostro Ufficio Studi. e si spegne all’avviamento del motore.
In caso di sostituzione di candele, – Se resta accesa, rivolgetevi al più
Manutenzione utilizzate le marche, tipi e le distanze presto alla Rete del marchio;
È importante far notare che il mancato elettrodi specificate per il vostro – se lampeggia, riducete il regime del
rispetto delle normative antinquina- motore. Per effettuare questa opera- motore fino a che non smette di lam-
mento da parte del proprietario del vei- zione consultate la Rete del marchio. peggiare. Rivolgetevi al più presto
colo può avere conseguenze legali. alla Rete del marchio.

2.24
AMBIENTE
Il vostro veicolo è stato progettato con Emissioni – Il veicolo da rottamare va conse-
la volontà di rispettare l’ambiente per gnato ai centri tecnici omologati che
tutto il suo ciclo di vita: dalla fabbrica- Nella fase di utilizzo, il vostro veicolo lo riciclano.
zione, all’utilizzo fino alla fine della sua è stato progettato in modo da emet-
tere una quantità inferiore di emissioni – In ogni caso, è necessario rispettare
durata di esercizio. le vigenti disposizioni legali.
Questo impegno viene rappresentato di gas a effetto serra (CO2), e dunque
dalla firma eco² del costruttore. in modo da consumare meno (es.:
140 g/ km equivalgono a 5,3 l/100 km
per un veicolo Diesel).
Ricircolo
Fabbricazione Inoltre, i veicoli sono dotati di sistemi
Il vostro veicolo è riciclabile all’85% e
valorizzabile al 95%.
La fabbricazione del vostro veicolo è antinquinamento quali: marmitta catali-
stata effettuata presso uno stabilimento tica, sonda Lambda e filtro al carbone Per raggiungere tali obiettivi, numerosi
industriale che applica procedure avan- attivo (quest’ultimo impedisce l’emis- pezzi del veicolo sono stati progettati in
zate volte alla riduzione degli impatti sione nell’aria dei vapori della benzina modo da consentirne il riciclaggio. Le
ambientali nei confronti degli abitanti e provenienti dal serbatoio)... strutture e i materiali sono stati partico-
della natura delle zone circostanti (ridu- larmente studiati per facilitare lo smon-
Per alcuni veicoli diesel, questo si-
zione dei consumi di acqua e di ener- taggio di questi componenti e il loro ri-
stema è completato da un filtro antipar-
gia, dei disturbi visivi e acustici, delle trattamento nelle filiere specifiche.
ticolato che permette di ridurre le emis-
emissioni atmosferiche e acquose, sioni di particolato di fuliggine. Allo scopo di preservare le risorse in
smaltimento e valorizzazione dei rifiuti). termini di materie prime, questo veicolo
contiene numerosi pezzi in materie pla-
Contribuite anche voi al stiche riciclate o in materiali rinnova-
rispetto dell’ambiente bili (materiali vegetali o animali come
– I pezzi usati e sostituiti in occasione cotone o lana).
degli interventi di manutenzione pe-
riodica (batteria, filtro dell’olio, filtro
dell’aria, pile...) e i bidoni d’olio (sia
vuoti o pieni di olio usato) devono
essere consegnati ai consorzi di rac-
colta specializzati.

2.25
SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRESSIONE DEGLI PNEUMATICI (1/3)
Reinizializzazione del valore Procedura di reinizializzazione
di riferimento della pressione Con il contatto inserito:
1 2 3
degli pneumatici – premere ripetutamente e breve-
mente il comando 2 per selezio-
Questa operazione deve essere effet-
nare la visualizzazione della pres-
tuata:
sione degli pneumatici e la funzione
– quando la pressione di riferimento
“Pressione pneumatici”;
degli pneumatici deve essere modi-
– esercitare una pressione lunga
ficata per essere adattata alle con-
(3 secondi circa) sul pulsante 2 per
dizioni di impiego (a vuoto, sotto
avviare l’inizializzazione. I pneuma-
carico, guida in autostrada ...);
tici lampeggianti seguiti dai mes-
– dopo una rotazione della ruota
saggi “misura pressione in corso”,
(questa pratica è tuttavia sconsi-
quindi “Localizzazione pneum in
gliata);
corso” indicano che la richiesta di az-
– dopo la sostituzione di una ruota.
zeramento per il valore di riferimento
Questa operazione deve essere della pressione di gonfiaggio degli
Quando il veicolo ne è dotato, questo sempre effettuata dopo un controllo a pneumatici è stata riconosciuta.
sistema sorveglia la pressione di gon- freddo della pressione di gonfiaggio dei
fiaggio dei pneumatici. La reinizializzazione può durare diversi
quattro pneumatici.
minuti di guida.
La pressione di gonfiaggio deve corri-
Principio di funzionamento Se l’azzeramento è seguito da percorsi
spondere all’impiego corrente del vei-
brevi, il messaggio «Localizzazione
Ogni ruota (tranne quella di scorta) colo (a vuoto, sotto carico, guida in au-
pneum in corso» può rimanere visualiz-
comporta un sensore inserito nella val- tostrada...).
zato dopo diversi riavvii successivi.
vola di gonfiaggio che misura ad inter-
valli regolari la pressione del pneuma- Nota
tico. Il valore della pressione di riferimento
Il sistema visualizza la pressione cor- non può essere inferiore a quello consi-
rente sul quadro della strumentazione 1 gliato e indicato sul taglio della portiera.
e avvisa il conducente in caso di pres- Quando il veicolo è dotato di un si-
sione insufficiente. stema di navigazione, la reinizializ-
zazione può essere effettuata anche
dallo schermo multifunzione 3.
Selezionate il menu «Veicolo»,
«Pressionepneumatici».

2.26
SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRESSIONE DEGLI PNEUMATICI (2/3)
1 « Foratura »
Viene visualizzata una ruota B di colore
A rosso, la spia 4  si accende, il
messaggio “Foratura” viene visualiz-
zato e si può udire un segnale acustico.
Questo messaggio è accompagnato
dalla spia ®.
4 Indica che la ruota interessata è forata
o fortemente sgonfia. Sostituitela o ri-
volgetevi ad un Rappresentante del
marchio se è forata. Rigonfiate lo pneu-
B matico se è sgonfio.

“Sensori pneuma- tici controllare”

Visualizzazione « Regolare pres-sione pneumatici »


Una ruota A scompare, la spia 4 
lampeggia per alcuni secondi, poi si
Viene visualizzata una ruota B di colore

Il display 1 e la spia 4 sul quadro
della strumentazione vi segnalano arancione, la spia 4  si accende
accende modo fisso e il messaggio
“Sensori pneuma-tici controllare” viene
e il messaggio “Regolare pres-sione visualizzato.
eventuali anomalie di gonfiaggio (ruota Questo messaggio è accompagnato
sgonfia, ruota forata, sistema ineffi- pneumatici” viene visualizzato.
Indicano che la ruota è sgonfia. dalla spia ©. Indicano che almeno
ciente, ecc.).
Controllate e regolate, se necessario, la una delle ruote non è dotata di sensori
pressione delle quattro ruote a freddo. (per esempio la ruota di scorta). In tutti
gli altri casi, rivolgetevi alla Rete del
La spia 4 
minuti di guida.
si spegne dopo alcuni marchio.

La spia ® vi impone,
per la vostra sicurezza, di
fermarvi tassativamente
e subito, compatibilmente
con le condizioni del traffico.
La perdita improvvisa di pressione di uno pneumatico (scoppio di uno pneuma-
tico, ecc.) potrebbe non essere rilevata dal sistema.

2.27
SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRESSIONE DEGLI PNEUMATICI (3/3)
“Localizzazione pneum fallita” Sostituzione di ruote/ Bombolette spray per la
Il messaggio “Localizzazione pneum pneumatici riparazione degli pneumatici
fallita” viene visualizzato durante la Il sistema richiede l’uso di equipag- e kit di gonfiaggio
guida se una o più ruote sono state giamenti specifici (ruote, pneumatici, Per la specificità delle valvole, utilizzate
dotate di sensori non consigliati da coppe ruote, ecc.). Consultate il para- esclusivamente equipaggiamenti omo-
Renault. grafo «Pneumatici» del capitolo 5. logati dalla rete del marchio. Consultate
Rivolgetevi al Rappresentante del mar- Rivolgetevi ad un Rappresentante del il paragrafo «Kit di gonfiaggio degli
chio. marchio per la sostituzione dei pneu- pneumatici» del capitolo 5.
matici e per conoscere gli accessori
compatibili con il sistema e disponibili Sostituzione della ruota
Nuova regolazione della nella rete del marchio: l’utilizzo di qual- poiché il sistema può richie-
pressione degli pneumatici siasi altro accessorio potrebbe pregiu- dere diversi minuti in base
La pressione deve essere regolata dicare il corretto funzionamento del si- alla guida, per rilevare cor-
a freddo (consultate l’etichetta situata stema. rettamente la posizione delle ruote
sul bordo di chiusura della porta del e la pressione, controllate la pres-
conducente). Qualora la verifica della Ruota di scorta sione degli pneumatici dopo qual-
pressione non possa essere effettuata siasi intervento.
su pneumatici freddi, è necessario au- Se il veicolo ne è dotato, la ruota di
mentare la pressione consigliata da 0,2 scorta non dispone di sensori.
a 0,3 bar (3 PSI).
Non bisogna mai sgonfiare un pneu-
matico caldo. Questa funzione fornisce
un aiuto supplementare alla
guida.
Tuttavia questa funzione
non può sostituirsi al conducente.
Quindi non esime il conducente
dalla normale vigilanza e dalla re-
sponsabilità in caso d’incidente.
Verificate la pressione degli pneu-
matici, compresa la ruota di scorta,
una volta al mese.

2.28
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (1/10)
A seconda del veicolo, possono essere ABS (antibloccaggio delle
costituiti da: ruote)
– ABS (antibloccaggio delle ruote); In caso di frenata brusca, l’ABS per-
mette di evitare il bloccaggio delle
– ESC (controllo dinamico della
ruote, e quindi di gestire la distanza
stabilità) con controllo del sotto-
d'arresto e di mantenere il controllo del
sterzo e sistema di controllo della
veicolo.
trazione;
In queste condizioni, è possibile com-
– assistenza alla frenata d’emer-
piere manovre tenendo premuto a
genza;
fondo il pedale del freno. Inoltre, questo
– controllo della trazione avanzata; sistema permette di ottimizzare le di-
– frenata attiva di emergenza; stanze d’arresto soprattutto su fondo
stradale sdrucciolevole (fondo bagna-
– assistenza alla partenza in salita. Queste funzioni costitui- to, ...).
scono un contributo supple- Ogni attivazione del dispositivo si ma-
mentare alla sicurezza in nifesta con un tremolio del pedale del
condizioni di guida critiche freno. L’ABS non permette in alcun
permettendo di adattare il compor- caso di migliorare le prestazioni «fisi-
tamento del veicolo alla traiettoria di che» legate all’aderenza tra pneuma-
guida impostata dal conducente. tico e fondo stradale. Le regole di pru-
Le funzioni non intervengono al denza devono essere tassativamente
posto del conducente. Non con- rispettate (distanza di sicurezza tra i
sentono di aumentare i limiti di veicoli, ...).
guida del veicolo e non incorag-
giano ad andare più veloci. Di
conseguenza, in nessun caso so-
stituiscono la vigilanza o la respon-
sabilità del conducente durante le In caso di emergenza, si consiglia di
manovre del veicolo (il conducente applicare sul pedale una pressione
deve sempre prestare massima at- forte e continua. Non è necessario
tenzione alle situazioni improvvise agire con pressioni ripetute (pom-
che possono verificarsi durante la paggio). L’ABS modulerà lo sforzo
guida). applicato nell'impianto freni.

2.29
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (2/10)
Anomalie di funzionamento:
– ©e x accese sul quadro
della strumentazione, accompa-
gnate dai messaggi «ABS control-
lare», «Circuito freni controllare»
e «ESC controllare»: indicano che
l’ABS, l'ESC e il servofreno di emer-
genza sono disattivati. La frenata è
sempre assicurata;
– xD , , © e ®
accese sul quadro della strumenta-
zione, accompagnate dal messaggio
«Guasto circuito freni»: ciò indica
un’anomalia dell’impianto freni.
In entrambi i casi consultate la Rete del
marchio.

La spia ® vi impone, I freni continuano a funzio-


per la vostra sicurezza, di nare. Tuttavia, è perico-
fermarvi tassativamente e loso frenare bruscamente
subito compatibilmente con e per questo motivo è ne-
le condizioni del traffico. Spegnete il cessario fermarsi immediatamente,
motore e non riavviatelo. Rivolgetevi compatibilmente con le condizioni
alla Rete del marchio. del traffico. Rivolgetevi alla Rete del
marchio.

2.30
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (3/10)
Controllo dinamico della Controllo del sottosterzo Anomalia di funzionamento
stabilità ESC con controllo Questo sistema ottimizza l’azione Quando l’impianto rileva un’anoma-
del sottosterzo e sistema di dell’ESC in caso di marcato sottosterzo lia di funzionamento, sul quadro della
controllo della trazione (perdita di aderenza dell'avantreno). strumentazione compare il messag-
gio «ESC controllare» accompagnato
Controllo dinamico della stabilità Sistema di controllo della trazione dall’accensione della spia © e
ESC
Questo sistema contribuisce a mante-
Questo sistema limita lo slittamento
delle ruote motrici e contribuisce al con-
della spia .
In questo caso, l’ESC e il sistema di
nere il controllo del veicolo nelle situa- trollo del veicolo nelle partenze, in ac-
controllo della trazione sono disattivati.
zioni di guida «critiche» (evitare un osta- celerazione o in decelerazione.
Rivolgetevi alla Rete del marchio.
colo, perdita di aderenza in curva...). Principio di funzionamento
Principio di funzionamento Grazie alla presenza di sensori nelle
ruote, il sistema misura e confronta
Un sensore nel volante riconosce la ad ogni istante la velocità di rotazione
traiettoria di guida impostata dal con- delle ruote motrici rilevando immediata-
ducente. mente la perdita di aderenza. Se una
Altri sensori sparsi nel veicolo misurano ruota comincia a slittare, il sistema fa
la traiettoria reale. intervenire i freni fino al ristabilimento
della motricità compatibile con il livello
Il sistema confronta la volontà del con- di aderenza della ruota.
ducente alla traiettoria effettiva del vei- Il sistema agisce anche sul regime del
colo correggendo quest’ultima, se ne- motore adattandolo alle condizioni di
cessario, frenando alcune ruote e/o aderenza delle ruote, indipendente-
riducendo la potenza del motore, in mente dall’intervento del conducente
caso di attivazione del sistema la spia sul pedale dell’acceleratore.
 lampeggia sul quadro della stru-
mentazione.

2.31
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (4/10)
Poiché il sistema di controllo della tra-
zione rappresenta un ulteriore ele-
mento di sicurezza, si raccomanda di
non viaggiare con la funzione inibita.
Se non potete farne a meno limitate al
massimo il tempo di disattivazione pre-
mendo appena possibile il contattore 1.
Nota: la funzione si riattiva automatica-
mente all’inserimento del contatto del
veicolo o non appena si supera una ve-
1 locità di circa 40 km/h.

Servofreno d’emergenza
Si tratta di un sistema complementare Queste funzioni costitui-
all’ABS che permette di ridurre gli spazi scono un contributo supple-
Disattivazione della funzione di frenata del veicolo. mentare alla sicurezza in
(a seconda del veicolo) Principio di funzionamento condizioni di guida critiche
Il sistema permette di rilevare una si- permettendo di adattare il compor-
In certe condizioni di guida (fondo stra- tamento del veicolo alla traiettoria di
dale cedevole: neve, fango... o catene tuazione di frenata d’emergenza. In tal
caso, il servofreno sviluppa subito la po- guida impostata dal conducente.
montate), il sistema può ridurre la po-
tenza del motore per limitare lo slitta- tenza massima di frenata facendo inter- Le funzioni non intervengono al
mento delle ruote. Se volete evitare che venire così il sistema ABS. L’intervento posto del conducente. Non con-
ciò si verifichi, potete disattivare la fun- dell’ABS perdura finché non si rilascia il sentono di aumentare i limiti di
zione premendo il pulsante 1. pedale del freno. guida del veicolo e non incorag-
Il messaggio «ANTIPATTINO Accensione delle luci di segnala- giano ad andare più veloci. Di
DISATTIVATO» compare sul quadro zione pericolo conseguenza, in nessun caso so-
della strumentazione per avvisarvi. A seconda del veicolo, queste luci pos- stituiscono la vigilanza o la respon-
sono accendersi quando si rallenta bru- sabilità del conducente durante le
scamente. manovre del veicolo (il conducente
deve sempre prestare massima at-
tenzione alle situazioni improvvise
che possono verificarsi durante la
guida).

2.32
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (5/10)
Controllo della trazione Modalità «Terreno friabile»
avanzato (controllo Ruotare il selettore 2: la spia integrata
dell’aderenza)  si accende, accompagnata da
un messaggio sul quadro della stru-
Quando il veicolo ne è provvisto, il con-
trollo dell’aderenza garantisce un più mentazione “Modo Off Road Attivato”.
agevole controllo del veicolo in condi- Questa posizione garantisce un utilizzo
zioni di presa ridotta (terreno friabile). ottimale su terreno friabile (sabbia,
fango, foglie morte, ecc.). La modalità
«Terreno friabile» fa uso delle funzioni
di controllo della trazione. Il sistema
passa automaticamente in modalità
“Strada” oltre i 40 km/h circa e la spia
Per la vostra sicurezza e il 2
rispetto della legislazione
vigente.

cende.
integrata al selettore 2 si ac-

Quando si rende necessa-


ria la sostituzione, bisogna mon- Modalità «Strada» Modalità «Expert»
tare sullo stesso asse del veicolo All’avviamento del veicolo, la spia inte- Ruotare il selettore 2: la spia integrata
soltanto pneumatici della stessa
marca, dimensioni, tipo e struttura. grata  al selettore 2 si accende
insieme al messaggio «Modo autoatti-
 si accende, accompagnata da
un messaggio sul quadro della stru-
I penumatici devono avere una
capacità di carico e una capa- vato» sul quadro della strumentazione. mentazione “Modo Expert Attivato”.
cità di velocità almeno identica Questa posizione garantisce un utilizzo Questa posizione garantisce un utilizzo
ai pneumatici di origine o corri- ottimale in condizioni di strada normali ottimale in condizioni estreme (strade
spondere a quelli consigliati dalla (fondo stradale asciutto, bagnato, leg- molto innevate o sporche di fango). Il
rete del marchio. germente innevato, ecc.). regime motore è lasciato al controllo
L’inosservanza di queste istruzioni La modalità «Strada» utilizza le fun- del conducente.
può compromettere la sicurezza e zioni del controllo della trazione. Il sistema passa automaticamente in
la conformità del veicolo. modalità “Strada” oltre i 40 km/h circa
Rischio di perdita di controllo del
veicolo.
e la spia 
si accende.
integrata al selettore 2

2.33
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (6/10)
Se il conducente preme il pedale del
freno, ma il sistema continua a rilevare
il rischio di un urto, la forza frenante au-
menta.
3 4 Se il conducente non reagisce all’al-
larme e l’urto è ormai imminente, il si-
stema aziona la frenata.

Frenata attiva di emergenza Funzionamento


Tramite il radar 3, il sistema determina Durante la guida (velocità compresa tra
la distanza che lo separa del veicolo 30 e 140 km/h), quando vi è un rischio
che lo precede e avvisa il conducente di urto con il veicolo che vi precede,
se esiste un rischio di urto frontale. Può l’indicatore 4 si accende in rosso sul
frenare il veicolo per limitare i danni de- quadro della strumentazione, accom-
rivanti da un urto. pagnato da un segnale acustico.
Nota: verificare che il radar 3 non sia
coperto (da sporcizia, fango, neve, ecc.
o dal montaggio di accessori quali bull
bar).
Il sistema rileva esclusivamente i
veicoli che procedono nello stesso
senso di marcia. A causa dell’impre-
vedibilità della loro traiettoria, il si-
stema non è in grado di rilevare la
presenza di motociclisti.

2.34
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (7/10)
Premete nuovamente il contattore 7 OK
per attivare o disattivare la funzione:

5
= funzione attivata

7 < funzione disattivata


Alla disattivazione del sistema, la spia
8
6  si accende sul quadro della stru-
mentazione. Il sistema si riattiva ogni
volta che si reinserisce il contatto del
veicolo.

Condizioni di disattivazione del


sistema
Il sistema non si attiva:
– quando la leva del cambio è in posi-
Attivazione, disattivazione del Per i veicoli non dotati di un sistema zione neutra o folle;
sistema di navigazione – quando il freno di stazionamento è
attivato;
Per i veicoli dotati di un sistema di – a veicolo fermo, fate una pressione
– in curva;
navigazione lunga sul contattore 7 OK per acce-
– per i veicoli a 4 ruote motrici, quando
dere al menu di regolazione;
Dallo schermo multifunzione 5, selezio- il controllo della stabilità ESC con
– esercitare delle pressioni successive
nate il menu «Veicolo», «Assistente di controllo del sottosterzo e del si-
sul comando 8 verso l’alto o verso
guida», «Freno attivo», quindi scegliete stema di controllo della trazione
il basso fino al menu “Assistente di
«ON» o «OFF». sono disattivati (consultare il para-
guida”. Premete il tasto 7 OK;
grafo “Controllo dinamico della stabi-
– esercitate delle pressioni successive
lità ESC con controllo del sottosterzo
sul comando 8 verso l’alto o verso il
e del sistema di controllo della tra-
basso fino al menu «Freno attivo» e
zione” delle pagine precedenti). La
premete il tasto 7 OK.

Potete accedere direttamente al


spia  si accende.

menu «Assistente di guida» dal


tasto 6  .

2.35
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (8/10)
Anomalia di funzionamento
Frenata attiva di emergenza
Quando il sistema rileva un’anoma-
lia di funzionamento, sul quadro della Questa funzione fornisce un aiuto supplementare alla guida. Tuttavia,
questa funzione non sostituisce in alcun modo la vigilanza e la responsa-
strumentazione la spia  si ac-
cende e viene visualizzato il messaggio
bilità del conducente, che deve mantenere sempre il controllo del veicolo.

“Frenata attiva disattivata”. Interventi/riparazioni del sistema


Esistono due possibilità: – In caso di urto, l’allineamento del radar può alterarsi, con possibili conse-
guenze sulle sue prestazioni. Disattivate la funzione e consultate la Rete del
– il sistema viene temporaneamente
marchio.
interrotto (ad esempio: radar coperti
da sporcizia, fango, neve, ecc.). In – Ogni intervento nella zona in cui si trova il radar (riparazione, sostituzione, ri-
tal caso, parcheggiare il veicolo e tocchi di vernice) deve essere effettuato da un professionista qualificato.
spegnere il motore. Pulire la zona di – L’installazione di accessori che possono oscurare il radar (bull bar, ecc.) è vie-
rilevamento del radar. Al successivo tata.
avvio del motore, la spia si spegne e
il messaggio non viene più visualiz- Solo la Rete del marchio è abilitata a intervenire sul sistema.
zato
Interferenze sul sistema
– In caso contrario, il problema può
essere dovuto a un’altra causa; rivol- Alcune condizioni possono interferire o danneggiare il funzionamento del si-
gersi a un rappresentante del mar- stema, come:
chio. – un ambiente complesso (ponte metallico, ecc.);
– cattive condizioni climatiche (neve, grandine, ghiaccio, ecc.).
Rischio di frenata intempestiva.

2.36
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (9/10)

Frenata attiva di emergenza


Limiti di funzionamento del sistema
– Il sistema reagisce unicamente sui veicoli in movimento o che siano stati rilevati come in movimento.
– Un veicolo che circola in senso inverso non attiva alcun allarme, né alcun intervento da parte del sistema.
– Per garantire il buon funzionamento del sistema, la zona del radar deve restare pulita e non deve essere manomessa.
– Sui veicoli di piccole dimensioni, come moto e biciclette, il sistema potrebbe reagire in maniera meno efficace che sugli altri
veicoli.

Disattivazione della funzione


La funzione deve essere disattivata se:
– le luci di stop non funzionano;
– la parte anteriore del veicolo ha subito un incidente o è stata danneggiata;
– il veicolo viene trainato (riparazione).

Interruzione della funzione


È possibile bloccare la frenata attiva in qualsiasi momento premendo rapidamente il pedale dell’acceleratore.
Se notate un comportamento anomalo del sistema, rivolgetevi alla Rete del marchio.

2.37
DISPOSITIVI DI CORREZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GUIDA (10/10)
Assistenza alla partenza in
salita
A seconda della pendenza, il sistema
assiste il conducente quando si affronta
una salita. Impedisce al veicolo di indie-
treggiare, intervenendo sul serraggio
automatico dei freni, quando il condu-
cente alza il piede dal pedale del freno Il sistema di assistenza alla
per azionare l’acceleratore. partenza in salita non può
totalmente impedire al vei-
Funzionamento del sistema colo di indietreggiare in tutti
Funziona soltanto quando la leva del i casi (forti pendenze…).
cambio non si trova in folle (posizione Il conducente può comunque azio-
diversa da N o P per i cambi automatici) nare il pedale del freno e impedire
e quando il veicolo è completamente quindi al veicolo di indietreggiare.
fermo (pedale del freno premuto). L’assistenza alla partenza in salita
Il sistema tiene fermo il veicolo per non deve essere usata per un arre-
circa 2 secondi. In seguito, i freni si al- sto prolungato: usate il pedale del
lentano (il veicolo procede in funzione freno.
della pendenza). Questa funzione non è concepita
per immobilizzare il veicolo in ma-
niera permanente.
Se necessario, usate il pedale del
freno per fermare il veicolo.
Il conducente deve prestare partico-
lare attenzione ai fondi sdrucciole-
voli o poco aderenti.
Pericolo di gravi lesioni.

2.38
TRASMISSIONE: 4 ruote motrici (4WD) (1/4)
Selettore di modalità Modalità «2WD»
In funzione delle condizioni del traffico, Per attivare questa modalità, ruotate il
potete scegliere, ruotando il selettore 1, selettore 1 in posizione «2WD». La spia
una modalità tra:
– AUTO ;
‘ sul quadro della strumentazione
si accende.
– 2WD ;
Principio di funzionamento
– 4WD Lock.
La modalità «2WD» utilizza soltanto le
ruote anteriori. Utilizzate questa moda-
Modalità «AUTO» lità su fondi stradali asciutti che presen-
Per attivare questa modalità, ruotate il tano una buona aderenza.
1 selettore 1 in posizione «AUTO». Per disattivare questa modalità, ruotate
il selettore 1 in posizione «AUTO». La
Principio di funzionamento
La modalità «AUTO» distribuisce au-
spia ‘ si spegne sul quadro della
strumentazione.
tomaticamente la coppia motore tra
l'asse anteriore e posteriore a seconda
Ricordate che la guida di un veicolo delle condizioni stradali e della velocità
su percorsi fuoristrada è completa- del veicolo. Questa posiziona ottimizza
mente diversa dalla guida di un vei- la tenuta di strada. Utilizzate questa
colo su strada. modalità su tutti i tipi di strada (fondo
stradale asciutto, scivoloso, innevato,
Per sfruttare il potenziale del vostro ecc.), o quando trainate un rimorchio o
veicolo su percorsi fuoristrada, si un caravan, ecc.
consiglia di seguire una formazione
alla guida dei veicoli 4x4 (4WD).
La vostra sicurezza e quella dei
La spia  sul quadro della stru-
mentazione si accende.
vostri passeggeri dipendono da voi,
dalla vostra competenza e dall’at-
tenzione che dedicate alla guida sui
percorsi fuoristrada.

2.39
TRASMISSIONE: 4 ruote motrici (4WD) (2/4)
Modalità «4WD Lock» Nota: se la velocità del veicolo supera Una risoluzione di questo problema
all'incirca 40 km/h in modalità «4WD può essere la sostituzione dei pneuma-
Per attivare questa modalità, ruotate il Lock», il sistema torna automatica- tici. Utilizzate sempre i quattro pneuma-
selettore 1 in posizione «4WD Lock». mente alla modalità «AUTO». tici identici (stessa marca, stessa strut-
Il selettore ritorna poi in posizione tura...) e di simile usura.
«AUTO». La spia ’ si accende sul La spia ’ si spegne e si accende Se le ruote slittano in modo eccessivo,
quadro della strumentazione.
la spia  . il fenomeno potrebbe essere dovuto al
surriscaldamento di alcuni componenti
Principio di funzionamento meccanici.
La modalità «4WD Lock» distribuisce Particolarità della In questo caso:
la coppia motore tra gli assi anteriore trasmissione a 4 ruote
e posteriore, in modo da ottimizzare le
capacità del veicolo di affrontare una
motrici – in un primo tempo, la spia ’
accende. La modalità «4WD Lock» è
si
condizione di guida su fuoristrada. Il veicolo può emettere più rumore
quando le modalità «AUTO» o «4WD sempre attivata, ma si raccomanda
Questa modalità deve essere utilizzata di fermarsi appena possibile per las-
esclusivamente fuori dalle strade car- Lock» sono attivate. Ciò è normale. Se
il sistema rileva una differenza di di- ciar raffreddare il sistema (fino allo
rozzabili (ad esempio fango, forti pen- spegnimento della spia);
denze, sabbia). mensioni tra le ruote anteriori e poste-
Per disattivare questa modalità, ruo- riori (caso, ad esempio, di un gonfiaggio – se il fenomeno di slittamento delle
tate il selettore 1 di nuovo in posizione insufficiente, di un'usura pronunciata su ruote continua, il sistema passa au-
«4WD Lock». La spia si spegne sul un assale....), il sistema passa automa- tomaticamente in modalità «2WD»,
quadro della strumentazione. ticamente in modalità «2WD». per preservare gli elementi mecca-
Sul quadro della strumentazione viene nici.
visualizzato il messaggio «4WD indis- Sul quadro della strumentazione
ponib. pneu non adatti». Guidate a ve- viene visualizzato il messaggio «sur-
locità moderata per raggiungere al più riscaldamento 4WD». Non è più pos-
presto la Rete del marchio. sibile selezionare un'altra modalità
finché il messaggio è presente.

2.40
TRASMISSIONE: 4 ruote motrici (4WD) (3/4)
Dopo un arresto del motore, il raffred- Controllo dinamico della stabilità e Anomalie di funzionamento
damento del sistema può durare fino a sistema di controllo della trazione in
cinque minuti circa. caso di guida «fuoristrada» Se il sistema rileva un'anomalia di fun-
Quando il sistema rileva uno slittamento zionamento, esso passa automatica-
Durante la guida su terreno friabile mente alla modalità «2WD». Sul quadro
troppo elevato delle ruote anteriori, il (sabbia, fango, neve profonda), si rac-
funzionamento del motore viene adat- della strumentazione viene visualizzato
comanda di disattivare l’ESC premendo il messaggio «4WD da controllare» e si
tato in modo da ridurre lo slittamento. sul tasto «ESC».
Antibloccaggio delle ruote in In questo caso, solo la funzione di
accende la spia ‘© .
modalità LOCK frenata ruota per ruota resta attiva. Guidate a velocità moderata per rag-
Questa funzione frenerà la o le ruote giungere al più presto la Rete del mar-
Quando la modalità 4WD Lock è atti- chio.
vata, viene inserita una modalità fuo- che slittano per permettere di trasmet-
ristrada dell’ABS. In questo caso, le tere della coppia motore alle ruote che In alcuni casi di anomalie di funziona-
ruote possono bloccarsi in modo ciclico hanno maggiore aderenza. Questo è mento, è possibile che il sistema rifiuti
per sprofondare meglio nella terra, il particolarmente utile nelle condizioni di di passare in modalità «2WD» o in mo-
che riduce le distanze di frenata su ter- incrocio di ponte. dalità «4WD Lock». La modalità AUTO»
reno mobile. Finché è attiva questa mo- Tutte le funzioni ESC saranno di nuovo resta attiva.
dalità: attive oltre i 50 km/h circa (40 km/h in Consultate al più presto la Rete del
– la manovrabilità del veicolo è limi- modalità 4WD Lock), dopo il riavvio del marchio.
tata durante la frenata. Questa mo- motore o premendo di nuovo il tasto
dalità di funzionamento non è quindi «ESC».
consigliata in condizioni di aderenza
molto scarsa (presenza di ghiaccio,
ad esempio).
– possono comparire alcuni rumori.
Questo è normale e non costituisce
un’anomalia di funzionamento.

2.41
TRASMISSIONE: 4 ruote motrici (4WD) (4/4)

Sistema 4 ruote motrici


– Qualunque sia la modalità selezionata, non avviate il motore se le quattro ruote non sono tutte a terra, ad esempio
durante l’utilizzo di un cric o di un banco a rulli.
– Non ruotate il selettore di modalità in curva, in retromarcia o quando le ruote slittano fortemente. Selezionate la mo-
dalità «2WD», «AUTO» o « 4WD Lock» esclusivamente quando il veicolo si muove in linea retta.
– Usate soltanto dei pneumatici che rispondono alle caratteristiche richieste.
– La modalità «4WD Lock» è riservata esclusivamente alla guida fuori dalle strade carrozzabili. Ogni altro utilizzo di questa
modalità rischia di degradare la manovrabilità e di deteriorare gli elementi meccanici del veicolo.
– Montate sempre sulle quattro ruote dei pneumatici con caratteristiche identiche (marca, dimensione, struttura, usura, ecc.).
L’utilizzo di pneumatici di dimensioni diverse sulle ruote anteriori e posteriori e/o sinistra e destra può avere conseguenze
gravi sui pneumatici stessi, sul cambio, sul distributore di coppia e sui pignoni del differenziale posteriore.

2.42
AVVISO DI USCITA DALLA CARREGGIATA (1/3)
Questa funzione avvisa il conducente
in caso di superamento involontario di
una linea continua o tratteggiata.
Questa funzione utilizza una teleca-
mera installata sul parabrezza dietro il
retrovisore.

Questa funzione costituisce un’assistenza supplementare alla guida


in caso di superamento involontario della linea continua o tratteggiata.
Tuttavia questa funzione non può sostituirsi al conducente. In effetti,
questa funzione può essere disturbata in alcune condizioni, tra cui:
– Scarsa visibilità (pioggia, neve, nebbia, parabrezza sporco, sole basso fron-
tale, linee di mezzeria parzialmente cancellate...);
– strada con curve strette;
– presenza di un veicolo che segue in prossimità nella stessa corsia;
– segnaletica orizzontale usurata, scarsamente in contrasto e con i tratti molto
distanziati gli uni dagli altri;
– strada stretta;
– ...
In tal caso, gli indicatori di visibilità delle strisce di corsia rimangono non colorati
sul quadro della strumentazione, a indicare che la funzione non è pronta a far
scattare un allarme (strisce non rilevate).
La funzione, non vi esime quindi in nessun caso dalla vigilanza di guida normale
e dalle responsabilità in caso di incidente mentre effettuate una manovra.

2.43
AVVISO DI USCITA DALLA CARREGGIATA (2/3)

1
4

Attivazione/disattivazione Veicoli non dotati di un sistema di La funzione è pronta a far scattare


navigazione un allarme se:
Veicoli dotati di un sistema di – la velocità è superiore a 70 km/h
Premete il tasto 3.
navigazione circa;
Dallo schermo multifunzione 2: selezio- e
nate «Veicolo», «Assistente di guida», Funzionamento – le strisce di corsia vengono rilevate
«Avviso corsia di partenza», poi sce- Con funzione attivata, gli indicatori di e gli indicatori di visibilità 4 sono di
gliete «ON» o «OFF». visibilità 4 grigi delle strisce sinistra e colore verde.
destra compaiono sul quadro della stru- Quando viene superata una striscia
mentazione. senza attivazione degli indicatori di
cambio di direzione, la funzione fa scat-
tare l’allarme. La funzione avvisa il con-
ducente tramite un segnale acustico e
l’indicatore della striscia laterale supe-
Potete accedere direttamente al rata diventa rosso sul quadro della stru-
menu «Assistente di guida» dal mentazione.
tasto 1  .

2.44
AVVISO DI USCITA DALLA CARREGGIATA (3/3)
Regolazioni – esercitate delle pressioni successive
sul comando 6 verso l’alto o verso il
Veicoli dotati di un sistema di basso fino al menu «Impostazione
navigazione avviso corsia di partenza» e premete
2 Dallo schermo multifunzione 2, selezio- il tasto 5 OK.
5 6 – Volume: regolate il volume acustico
nate «Veicolo», «Assistente di guida»,
«Impostazione avviso corsia di par- dell’allarme: a tale scopo, selezio-
tenza». nate uno dei tre livelli;
– Volume: regolate il volume dell’al- – sensibilità: regolate il livello di sensi-
larme: a tale scopo selezionate uno bilità del rilevamento delle strisce; a
dei cinque livelli; tale scopo selezionate:
– sensibilità: regolate il livello di sensi- – «Bassa» striscia rilevata al supe-
bilità del rilevamento delle strisce; a ramento;
tale scopo selezionate: – «Velocità media» striscia rilevata
– «Bassa» striscia rilevata al supe- in avvicinamento;
ramento; – «alto» striscia rilevata in prossi-
Condizioni di mancata – «Velocità media» striscia rilevata mità.
attivazione degli allarmi in avvicinamento;
– Indicatori di direzione attivati meno – «alto» striscia rilevata in prossi- Anomalia di funzionamento
di 2 secondi circa prima del supera- mità.
In caso di malfunzionamento, un mes-
mento della linea; Veicoli non dotati di un sistema di saggio «Allarm uscita di strada da
– superamento estremamente rapido navigazione contr» compare sul quadro della stru-
della linea; mentazione e gli indicatori di visibilità
– guida continua sopra una linea; – A veicolo fermo, fate una pressione
delle strisce sinistra e destra scompa-
– nelle curve, la funzione consente lunga sul contattore 5 OK per acce-
iono dal quadro della strumentazione.
di superare leggermente la linea di dere al menu di regolazione;
Rivolgetevi alla Rete del marchio.
mezzeria; – esercitare delle pressioni successive
– luci di segnalazione pericolo attivate; sul comando 6 verso l’alto o verso
– ... il basso fino al menu “Assistente di
guida”. Premete il tasto 5 OK;

2.45
AVVISATORE DI ANGOLO MORTO (1/4)

A Questa funzione costituisce


un aiuto supplementare alla
guida in grado di indicare
che un altro veicolo si trova
Questo sistema informa il conducente Particolarità nella zona dell’angolo morto.
circa la presenza di un altro veicolo nel Abbiate cura di verificare che i sensori
perimetro di rilevamento A. Di conseguenza, non può in nessun
non siano coperti (da sporcizia, fango,
caso esimere il conducente dalla vi-
Questo sistema funziona quando il vei- neve…).
gilanza né dalla responsabilità du-
colo viaggia a una velocità compresa Se uno dei sensori è coperto, il mes-
rante la guida.
tra 30 km/h e 140 km/h circa. saggio «AAM: pulire sensore» compare
sul quadro della strumentazione. Pulite Il conducente deve sempre prestare
Questa funzione utilizza appositi sen- i sensori. massima attenzione alle situazioni
sori 1 installati su entrambi i lati dei pa- improvvise che possono verificarsi
raurti anteriori e posteriori. nella circolazione stradale. Prima
di iniziare la manovra verificate in
particolare la presenza, nella zona
dell’angolo morto, di ostacoli mobili
(come un bambino, un animale, un
passeggino o una bicicletta) o di og-
getti troppo piccoli per essere rile-
vati a colpo sicuro (pietre, picchetti,
ecc.).

2.46
AVVISATORE DI ANGOLO MORTO (2/4)
– esercitate delle pressioni successive
sul comando 5 verso l’alto o verso il
basso fino al menu «Allarme punto
cieco» e premete il tasto 4 OK.
3
– Premete nuovamente il contattore 4
4 OK per attivare o disattivare la fun-
5
zione.
2

Attivazione/disattivazione Veicoli non dotati di un sistema di


navigazione
Veicoli dotati di un sistema di
– A veicolo fermo, fate una pressione
navigazione
lunga sul contattore 4 OK per acce-
Dallo schermo multifunzione 3, selezio- dere al menu di regolazione;
nate il menu «Veicolo», «Assistente di
– esercitate delle pressioni successive
guida», «Assistente di guida», quindi
sul comando 5 verso l’alto o verso
scegliete «ON» o «OFF».
il basso fino al menu «Assistente di
guida». Premete il tasto 4 OK;

Potete accedere direttamente al


menu «Assistente di guida» dal
All’avviamento del motore, il si-
tasto 2  . stema ripristina l’ultimo stato prece-
dente al disinserimento del contatto.

2.47
AVVISATORE DI ANGOLO MORTO (3/4)
Visualizzazione B
14 4
La funzione è attivata e non rileva
B nessun veicolo.

Visualizzazione C
C Primo avviso: l’indicatore 4 segnala che
5 è stato rilevato un veicolo nella zona
dell’angolo morto.

D Visualizzazione D
A indicatore di direzione attivato, l’indi-
catore 4 lampeggia quando la funzione
rileva un veicolo nella zona dell’angolo
morto dal lato in cui state per girare il
Indicatore 4 Funzionamento volante. Se disattivate l’indicatore di
L’indicatore 4 si trova su ogni retrovi- La funzione avvisa; direzione, viene ripristinato il primo
sore 5. – quando la velocità del veicolo è com- avviso (visualizzazione C).
Nota: pulite regolarmente gli specchietti presa tra 30 km/h e 140 km/h;
retrovisori 5 per visualizzare gli indica- – quando un veicolo si trova nella zona
tori 4. dell’angolo morto e si sposta nella
stessa direzione del vostro veicolo.
Se il veicolo supera un altro veicolo,
l’indicatore 4 si attiverà solo se il vei-
colo superato permane nella zona
dell’angolo morto per oltre un secondo.

Nota: la capacità di rilevamento del


sistema si basa su una larghezza
di carreggiata standard; tuttavia, se
guidate su una strada stretta, po-
trebbe rilevare un veicolo posto su
un’altra carreggiata.

2.48
AVVISATORE DI ANGOLO MORTO (4/4)
Anomalie di funzionamento
4
Se il sistema rileva un guasto, il mes-
B saggio «Controllare avviso AAM» com-
pare sul quadro della strumentazione.
Rivolgetevi alla Rete del marchio.
Nota: all’avviamento del motore, l’indi-
C catore 4, visualizzazione B, lampeggia
3 volte. Questa situazione è normale.

– La capacità di rilevamento
Condizioni di non del sistema segue una lar-
funzionamento ghezza corsia standard.
Se invece guidate su una
– Se l’oggetto non è in movimento; carreggiata larga, il sistema po-
– se il traffico è intenso; trebbe non rilevare un veicolo
– in guida su strada durante una ma- presente nell’angolo morto.
novra di sterzo; – In caso di esposizione a onde
– se i sensori anteriori e posteriori rile- elettromagnetiche di forte inten-
vano simultaneamente lo stesso og- sità (in prossimità di linee ad alta
getto (ad es. un autoarticolato). tensione, ecc.) o di condizioni
meteorologiche avverse (forte
– ... pioggia, neve, ecc.), il sistema A causa della presenza di
può essere momentaneamente sensori nei paraurti, qual-
disturbato. Prestate attenzione siasi intervento (ripara-
alle condizioni del traffico. zione, sostituzione, ritocco
Rischio di incidente. vernice, ecc.) deve essere effettuato
da un professionista qualificato.

2.49
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione limitatore (1/3)
Attivazione
Premete il contattore 1, sul lato  .
La spia  si accende in arancione e
il messaggio «Limitatore» compare sul
quadro della strumentazione accompa-
a 3 gnato da trattini, a indicare che la fun-
zione limitatore di velocità è attiva e in
2 attesa di memorizzare un limite di ve-
locità.
Per memorizzare la velocità corrente,
b 4 premete il contattore 2 sul lato a (+): il
limite di velocità sostituisce i trattini.
La velocità minima registrata sarà di
30 km/h.
1
Il limitatore di velocità è una funzione Comandi
che vi consente di non oltrepassare una
determinata velocità di guida, da voi im- 1 Tasto generale di Funzionamento/
postata che prende il nome di limite di Arresto.
velocità. 2 Comando di:
a attivazione, memorizzazione e au-
mento del limite di velocità (+);
b diminuzione del limite di velocità
(-).
3 Attivazione con richiamo del limite di
velocità memorizzato (R).
4 Messa in stand-by della funzione
(con memorizzazione del limite di
Se lo desiderate, potete associare velocità (O).
al limitatore di velocità la funzione
«Allarme di eccesso di velocità»
(consultate il paragrafo «Allarme di
eccesso di velocità» del capitolo 2).

2.50
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione limitatore (2/3)
Variazione della velocità Superamento della velocità
limitata impostata
Per modificare il limite di velocità pre- In ogni momento, è possibile superare
mete consecutivamente il contattore 2: la velocità limitata, premendo con de-
– sul lato a (+) per aumentare la velo- cisione e a fondo il pedale dell’acce-
a leratore (oltre il «punto di resistenza»).
cità;
– sul lato b (-) per diminuire la velocità. Durante il tempo di superamento della
2 velocità, il limite di velocità lampeggia in
rosso sul quadro della strumentazione.
b Successivamente, rilasciate il pedale
dell’acceleratore: la funzione limitatore
di velocità si riattiva non appena rag-
giungete una velocità inferiore a quella
memorizzata.
Guida Impossibilità per la funzione di
Quando è stata memorizzata una ve- mantenere il limite di velocità
locità, fintanto che questa velocità non In caso di forte pendenza, il limite di ve-
viene raggiunta, la guida è simile a locità non può essere mantenuto dal
quella di un veicolo non equipaggiato sistema: la velocità memorizzata lam-
del limitatore di velocità. peggia in rosso sul quadro della stru-
Una volta raggiunto tale limite, agendo mentazione e un segnale acustico
sul pedale dell’acceleratore non si risuona a intervalli regolari per infor-
potrà superare la velocità program- marvi.
mata, tranne nei casi d’emergenza
(consultate il paragrafo «Superamento
del limite di velocità»).

La funzione limitatore di ve-


locità non agisce in alcun
caso sull’impianto freni.

2.51
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione limitatore (3/3)
Richiamo della velocità
limitata
Se una data velocità è memorizzata, la
si può richiamare premendo il tasto 3
(R).
a 3

1
Messa in stand-by della Interruzione della funzione
funzione La funzione limitatore di velocità può
La funzione limitatore di velocità è in- essere disinserita agendo sul contat-
terrotta quando agite sul contattore 4 tore 1, in tal caso la velocità non è più
(O). In questo caso, il limite di velo- memorizzata. Lo spegnimento della
cità viene memorizzato e il messaggio spia arancione  e del messaggio
«Memorizzato» insieme alla velocità associato sul quadro della strumenta-
memorizzata appare nel quadro della zione conferma l'arresto della funzione.
strumentazione.

Quando il limitatore si trova in stand-


by, premendo il lato a (+) del contat-
tore 2 si riattiva la funzione senza
tenere conto della velocità memoriz-
zata: viene utilizzata la velocità alla
quale viaggia il veicolo.

2.52
ALLARME DI ECCESSO DI VELOCITÀ (1/3)
1 Principio di funzionamento Quando il limitatore di velocità è attivo,
è possibile adattare il limite di velocità
Il sistema rileva i segnali di limite di ve-
impostato alla velocità indicata dal si-
locità sul bordo della strada e visualizza
stema.
il limite di velocità.
Utilizza le informazioni fornite dalla te- In caso di superamento del limite di ve-
lecamera 1 installata sul parabrezza, locità, la visualizzazione del segnale
dietro il retrovisore. viene modificata (i caratteri diventano
rossi o il cerchio attorno al segnale lam-
Nota: Verificate che il parabrezza non
peggia) per informarvi.
sia coperto (da sporcizia, ghiaccio,
neve, ecc.). Caso particolare
Quando attivate il sistema a veicolo Il sistema non tiene conto di limita-
acceso, dei trattini sul quadro della zioni eccezionali, come ad esempio nei
strumentazione indicano l’avvenuta at- giorni di picco di inquinamento.
tivazione.
L’allarme di eccesso di velocità con ri- Al rilevamento di uno dei segnali di
conoscimento dei segnali stradali in- limite di velocità, tale limite sostituisce
forma il conducente del superamento i trattini per alcuni secondi, poi i trattini
del limite di velocità sul tratto di strada vengono visualizzati di nuovo fino al
in cui si trova. successivo rilevamento di un cartello di
limite di velocità.

2.53
ALLARME DI ECCESSO DI VELOCITÀ (2/3)
– esercitate delle pressioni successive
sul comando 6 verso l’alto o verso il
basso fino al menu «Avviso velocità»
2 e premete il contattore 5 OK;
– Premete OK per attivare/disattivare
a 5 6 la funzione.

3 Variazione della velocità


4
limitata
Se il limitatore di velocità è impostato
b su un valore di velocità diverso da
quello rilevato, effettuate una pressione
lunga sul contattore 4:
– sul lato a (+) per aumentare la velo-
cità impostata fino al valore rilevato;
Attivazione/disattivazione del Con funzione attivata, e a seconda – sul lato b (-) per diminuire la velocità
sistema della legislazione locale, potete atti- impostata fino alla velocità rilevata.
vare le «zone di vigilanza rafforzata».
Veicoli dotati di un sistema di Il sistema vi avvertirà dapprima della di-
navigazione stanza che vi separa da questa zona e
poi fintantoché continuerete a circolare
Sullo schermo multifunzione 2, selezio-
all’interno di essa.
nare il menu “Veicolo”, “Assistenza alla
guida”, “Impostazioni avviso velocità”, Veicoli non dotati di un sistema di
quindi scegliere “ON" o "OFF". navigazione
– A veicolo fermo, fate una pressione
lunga sul contattore 5 OK per acce-
dere al menu di regolazione;
– esercitare delle pressioni successive
sul comando 6 verso l’alto o verso il
Potete accedere direttamente al basso fino al menu di assistenza alla
menu «Assistente di guida» dal guida. Premete il tasto 5 OK;
tasto 3  .

2.54
ALLARME DI ECCESSO DI VELOCITÀ (3/3)
Anomalia di funzionamento Questa funzione fornisce un aiuto supplementare alla guida. Tuttavia,
Il sistema potrebbe non rilevare il limite questa funzione non sostituisce in alcun modo la vigilanza e la responsa-
di velocità se: bilità del conducente, che deve mantenere sempre il controllo del veicolo.
– il parabrezza non è pulito; Il conducente deve sempre adattare la velocità alle condizioni del traffico,
– la telecamera è abbagliata dal sole; indipendentemente dalle indicazioni del sistema.
– la visibilità è insufficiente (notte, Il sistema permette di rilevare i segnali di limite massimo di velocità, ma non gli
nebbia, ecc.); altri.
– i segnali stradali sono illeggibili Il conducente non deve comunque ignorare i cartelli che non sono rilevati dal
(neve, ecc.) o nascosti (da un altro sistema, attenendosi in primo luogo ai segnali stradali e alle norme del Codice
veicolo o dagli alberi). della strada.
In caso di scarsa visibilità (nebbia, neve, brina, ecc.), il sistema potrebbe non se-
gnalare al conducente il limite adeguato.
Il conducente deve sempre adattare la velocità alle condizioni del traffico, indi-
pendentemente dalle indicazioni del sistema.

2.55
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione regolatore (1/4)

a 3

b 4
Questa funzione fornisce
un aiuto supplementare alla
1 guida. Tuttavia questa fun-
zione non può sostituirsi
Il regolatore di velocità è una funzione Comandi al conducente. Non può quindi in
che vi consente di mantenere la velo- nessun modo sostituire l’osserva-
cità di guida entro il limite prescelto, 1 Tasto generale di Funzionamento/
Arresto. zione dei limiti di velocità, né la vi-
soprannominato velocità di regola- gilanza (siate sempre pronti a fre-
zione. 2 Comando di: nare in qualsiasi circostanza), né la
Tale velocità di regolazione è regolabile a attivazione, memorizzazione e au- responsabilità del conducente. Il re-
in modo continuo a partire da 30 km/h. mento della velocità di regolazione golatore di velocità non deve essere
(+) ; utilizzato quando il traffico è intenso,
b diminuzione della velocità di rego- in strade sinuose o sdrucciolevoli
lazione (-). (ghiaccio, aquaplaning, ghiaia) e
3 Attivazione con richiamo della velo- quando le condizioni meteorologi-
cità di regolazione memorizzata (R). che sono sfavorevoli (nebbia, piog-
gia, raffiche di vento…).
4 Messa in stand by della funzione
(con memorizzazione della velocità Rischio di incidente.
La funzione di regolazione di regolazione) (O).
della velocità non agisce
in alcun caso sul sistema
freni.

2.56
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione regolatore (2/4)
Impostazione della
regolazione di velocità
A velocità costante (superiore a 30 km/ h
circa), premete il contattore 2 sul lato a
(+): la funzione viene attivata e la velo-
cità corrente viene memorizzata. a
La velocità di regolazione sostituisce
i trattini e la regolazione viene confer- 2
mata dalla visualizzazione in verde
della velocità di regolazione e del mes-
saggio «Regolatore controllare», oltre
che dall’accensione della spia .
Se cercate di attivare la funzione sotto i
1 30 km/h, compare il messaggio «veloc
Attivazione non valida» e la funzione resta inattiva. Guida
Premete il contattore 1, sul lato . Dopo aver memorizzato la velocità
di regolazione e dopo aver attivato la
La spia  di colore verde si accende regolazione, potete rilasciare il piede
ed il messaggio «Regolatore control- dall’acceleratore.
lare» compare sul quadro della stru-
mentazione accompagnata da trattini
per indicare che la funzione regolatore
è attiva ed in attesa di registrare una
velocità di regolazione.

Attenzione, si consiglia vi-


vamente di tenere i piedi
vicino ai pedali per essere
pronti a intervenire in caso
di emergenza.

2.57
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione regolatore (3/4)
Superamento della velocità di
regolazione
In ogni momento è possibile superare
la velocità di regolazione premendo
il pedale dell’acceleratore. Durante il
a tempo di superamento, la velocità di re-
golazione compare in rosso e lampeg-
2 gia sul quadro della strumentazione.
Successivamente, rilasciate il pedale
dell’acceleratore: dopo alcuni secondi,
b il veicolo riprende automaticamente la
velocità di regolazione iniziale.

Impossibilità per la funzione di


mantenere la velocità di regolazione
Variazione della velocità di In caso di forte pendenza, la velocità
regolazione di regolazione non può essere rispet-
Per modificare la velocità di regola- tata dal sistema: la velocità memoriz-
zione, premete consecutivamente il zata compare in rosso e lampeggia sul
contattore 2: quadro della strumentazione per avvi-
sarvi.
– sul lato a (+) per aumentare la velo-
cità;
– sul lato b (-) per diminuire la velocità.

La funzione di regolazione
della velocità non agisce
in alcun caso sul sistema
freni.

2.58
REGOLATORE-LIMITATORE DI VELOCITÀ: funzione regolatore (4/4)
Richiamo della velocità di
regolazione
Se è memorizzata una velocità, è pos-
sibile richiamarla, dopo essersi assi-
curati che le condizioni di circolazione
a 3 siano adatte (traffico, stato del fondo
stradale, condizioni atmosferiche…).
Premete il contattore 3 (R) se la velo-
2 cità del veicolo è superiore a 30 km/h.
Quando si richiama la velocità memo-
4 rizzata, l’attivazione del regolatore è
confermata dalla visualizzazione in
verde della velocità di regolazione e del
messaggio «Regolatore controllare».
Nota: se la velocità precedentemente 1
Messa in stand-by della registrata è molto più elevata della ve- Interruzione della funzione
locità corrente, il veicolo accelererà for-
funzione temente fino a questo limite. La funzione regolatore di velocità può
La funzione può essere sospesa: essere disinserita agendo sul tasto 1, in
– agendo sul contattore 4 (O); tal caso la velocità non è più memoriz-
– il pedale del freno; zata. Lo spegnimento della spia verde
– sul pedale della frizione o mettendo il  e del messaggio associato sul
cambio in posizione neutra per i vei- quadro della strumentazione conferma
coli con cambio automatico. l'arresto della funzione.
Nei tre casi, la velocità di regola-
zione resta memorizzata e il messag-
gio «Memorizzato», accompagnato da
questa velocità, compare sul quadro Quando la funzione regolatore si
La messa in stand-by o la
della strumentazione. trova in stand-by, premendo sul
disattivazione della fun-
La messa in stand-by è confermata lato a (+) del contattore 2 si riattiva
zione regolatore di velocità
dalla visualizzazione in grigio della ve- la funzione regolatore senza tenere
non comporta una diminu-
locità di regolazione e del messaggio conto della velocità memorizzata:
zione rapida della velocità: dovete
«Memorizzato». viene utilizzata la velocità alla quale
frenare premendo il pedale del
viaggia il veicolo.
freno.

2.59
PARCHEGGIO ASSISTITO (1/5)
Principio di funzionamento
Dei sensori a ultrasuoni, installati nel
paraurti del veicolo, «misurano» la di-
stanza tra il veicolo e un ostacolo. 1
Se rilevano un ostacolo, i sensori provo-
cano l’emissione di un segnale acustico
la cui frequenza aumenta all’approssi-
marsi dell’ostacolo, fino a diventare un
suono continuo quando l’ostacolo si
Questa funzione costitui-
trova a 20 o 30 centimetri circa dal vei-
sce un ausilio alla guida,
colo.
indicando, tramite segnali
Il sistema rileva gli ostacoli sulla parte acustici, la presenza e l’ap-
anteriore, sulla parte posteriore e sui prossimarsi di un ostacolo quando
lati del veicolo. si effettua la manovra.
Il sistema di parcheggio assistito si Particolarità Tuttavia non vi esime in nessun
attiva solo quando il veicolo viaggia ad caso dalla vigilanza di guida nor-
una velocità inferiore a circa 10 km/h. Verificate che i sensori a ultrasuoni indi- male e dalle responsabilità in caso
cati dalle frecce 1 non siano coperti (da di incidente mentre effettuate una
Il sistema di parcheggio assistito non sporcizia, fango, neve, ecc.).
tiene conto dei sistemi di traino e di tra- manovra.
sporto ecc. Il conducente deve essere sempre
pronto ad affrontare situazioni im-
provvise che possono verificarsi
nella circolazione stradale. Prima
di iniziare la manovra, verificate in
particolare la presenza di ostacoli
mobili (come un bambino, un ani-
male, una bicicletta, una pietra, un
palo, ecc.) o di oggetti nell’angolo
morto troppo piccoli per essere ri-
levati.

2.60
PARCHEGGIO ASSISTITO (2/5)

2
C

A B
Nota: il display 2 permette di visualiz- Funzionamento
zare l’ambiente che circonda il veicolo
come complemento ai segnali acustici. La maggior parte degli oggetti che si
trova in prossimità della parte anteriore,
È necessario percorrere alcuni metri della parte posteriore e dei lati del vei-
prima che il rilevamento laterale si attivi. colo viene rilevata.
Quando tutte le zone presentano uno In base alla distanza dell’ostacolo, la
sfondo grigio, significa che l’intero pro- frequenza del segnale acustico sarà
filo del veicolo è sorvegliato: più elevata in avvicinamento, fino a
– A : analisi dell’ambiente attorno al divenire continua verso 20 cm per un
veicolo in corso; ostacolo sui lati e verso 30 cm circa per
un ostacolo sulla parte anteriore o po-
– B : analisi dell’ambiente attorno al steriore. Sul display C saranno visua-
veicolo effettuata lizzate le zone verdi, arancioni e rosse.

2.61
PARCHEGGIO ASSISTITO (3/5)
Quando viene rilevato un ostacolo su
D un lato:
– se c’è un rischio di urto, vengono
emessi segnali acustici con una fre-
quenza sempre più elevata all’ap-
prossimarsi dell’ostacolo, fino a dive-
nire continua. Sul display D saranno
visualizzate le zone verdi, arancioni
3 e rosse;
– se non c’è alcun rischio di urto, non
sarà emesso alcun segnale all’ap-
prossimarsi dell’ostacolo. Le zone
verdi, arancioni e rosse compari-
ranno tratteggiate sul display D.
Nota: in caso di modifica della traiet-
Rilevamento di ostacoli su un lato toria durante una manovra, il rischio
Secondo l’orientamento delle ruote, il di urto contro un ostacolo potrebbe
sistema determina la traiettoria del vei- essere segnalato tardivamente.
colo e segnala l’eventuale rischio di
urto contro un ostacolo 3 situato su un In caso di urto dell’infra-
lato del veicolo. struttura del veicolo du-
rante una manovra (esem-
pio: urto con un paracarro,
un marciapiede rialzato o qualsiasi
altro arredo urbano) potreste dan-
neggiare il veicolo (esempio: defor-
mazione di un asse).
Per evitare qualsiasi rischio di inci-
dente, fate controllare il vostro vei-
colo dalla Rete del marchio.

2.62
PARCHEGGIO ASSISTITO (4/5)
Suono del sistema
Consente di scegliere, fra 3 opzioni, il
suono del sistema.
4
Disattivazione del suono del
sistema
Attivate o disattivate il suono del par- 5 6
cheggio assistito.
Nota: Se disattivate il suono, non
sarete più avvisati da segnali acustici
all’approssimarsi di un ostacolo.

Disattivazione del sistema


Attivate o disattivate il parcheggio as-
sistito.

Regolazione Veicoli non dotati di un sistema di – premete il tasto 5 OK;


navigazione – tramite il comando 6, selezionate le
Potete regolare alcuni parametri dallo impostazioni da modificare;
schermo multifunzione 4. Per mag- Veicolo fermo:
– esercitate una pressione lunga sul – premete il tasto 5 OK.
giori informazioni, consultate il libretto
dell’equipaggiamento. contattore 5 OK per accedere al
menu di regolazione;
Veicoli dotati di un sistema di – esercitate delle pressioni successive
navigazione sul comando 6 verso l’alto o verso
il basso fino al menu «Assistente di
Selezionate «Veicolo», «AIUTO AL
guida»;
PARCH.», «Rilevamento ostacoli».
– premete il tasto 5 OK;
Volume acustico del parcheggio – esercitate pressioni successive sul
assistito comando 6 verso l’alto o verso il Quando il veicolo viaggia a una velo-
basso fino al menu «Regolazione del cità inferiore a 10 km/h circa, alcune
Regolate il volume del parcheggio assi- parcheggio assistito»; fonti di rumore (moto, camion, mar-
stito premendo + o -.
tello pneumatico, ecc.) possono at-
tivare i segnali acustici del parcheg-
gio assistito.

2.63
PARCHEGGIO ASSISTITO (5/5)
Disattivazione automatica Anomalia di funzionamento
della funzione di parcheggio Quando il sistema rileva un’anomalia
assistito di funzionamento, ad ogni inserimento
Il sistema si disattiva: della retromarcia si avverte un segnale
acustico per circa 3 secondi, accompa-
– quando la velocità del veicolo è su- gnato dal messaggio «Aiuto parcheg-
periore a 10 km/h circa; gio controllare» sul quadro della stru-
– a seconda del veicolo, quando il vei- mentazione. Rivolgetevi alla Rete del
colo è fermo per oltre cinque secondi marchio.
circa e si rileva un ostacolo (caso ad
esempio di ingorgo…);
– quando siete in folle con un cambio
manuale o in posizione N o P con un
cambio automatico.

2.64
TELECAMERA PER LA RETROMARCIA (1/2)

2 3 4 3
4
C
B
A

Funzionamento Sagoma fissa 3 Sagoma Mobile 4


All’innesto della retromarcia, la teleca- La sagoma fissa è composta da riferi- È rappresentata in blu sullo schermo
mera 1 situata sul portellone consente menti colorati A, B e C che indicano la multifunzione 2. Indica la traiettoria del
di visualizzare sullo schermo multifun- distanza dietro il veicolo: veicolo in funzione della posizione del
zione 2 lo spazio dietro il veicolo, ac- – A (rosso) a circa 30 centimetri dal volante.
compagnato da una o due sagome 4 veicolo;
e 3 (mobile e fissa). – B (giallo) a circa 70 centimetri dal Particolarità
Questo sistema è utilizzato inizialmente veicolo;
– C (verde) a circa 150 centimetri dal Assicuratevi che la telecamera non sia
servendosi di una o più sagome (mobile
veicolo. oscurata da sporcizia, fango, condensa
per la traiettoria, fissa per la distanza).
neve ecc.).
Quando la zona rossa viene raggiunta, Questa sagoma resta fissa e indica la
aiutatevi con la rappresentazione del traiettoria del veicolo se le ruote sono
paraurti per fermarvi in modo preciso. allineate.

2.65
TELECAMERA PER LA RETROMARCIA (2/2)
Si possono inoltre regolare i parametri
dell’immagine della telecamera (lumi-
nosità, contrasto, ecc.).
2

Lo schermo visualizza un’immagine


invertita, come in un retrovisore.
Le sagome sono una rappresenta-
Attivazione, disattivazione zione proiettata su terreno piano; Questa funzione è un aiuto
della telecamera per la questa informazione deve essere supplementare. Quindi non
retromarcia ignorata quando si sovrappone a vi esime in nessun caso
un oggetto verticale o appoggiato a dalla normale vigilanza e
Dallo schermo multifunzione 2, sele- terra.
zionate «Veicolo», «Impostazioni», dalla responsabilità in caso d’inci-
«Assistenza al parcheggio», poi Gli oggetti che compaiono sul bordo dente.
«Telecamera vista posteriore». Attivate dello schermo possono essere de- Il conducente deve essere sempre
o disattivate la telecamera per la re- formati. pronto ad affrontare situazioni im-
tromarcia e convalidate la scelta effet- In caso di luminosità troppo forte provvise che possono verificarsi
tuata. (neve, veicolo al sole, ecc.), la vi- nella circolazione stradale. Prima
sione della telecamera può essere di iniziare la manovra, verificate in
disturbata. particolare la presenza di ostacoli
mobili (come un bambino, un ani-
Quando il bagagliaio è aperto o non male, una bicicletta, una pietra, un
è chiuso correttamente, compare il palo, ecc.) o di oggetti nell’angolo
messaggio «Portellone aperto» e morto troppo piccoli per essere ri-
la visualizzazione della telecamera levati.
scompare.

2.66
STAZIONAMENTO ASSISTITO (1/4)

2 3

È una funzione che vi assiste nella ma- Attivazione Particolarità


novra di stazionamento.
A veicolo fermo, o circolando a meno di Verificate che i sensori a ultrasuoni indi-
Togliete le mani del volante; solo i 30 km/h circa, premete l’interruttore 1. cati dalle frecce 3 non siano coperti (da
pedali e la leva del cambio rimangono La spia integrata nel contattore 1 si ac- sporcizia, fango, neve, ecc.).
sotto il vostro controllo. cende e sullo schermo multifunzione
In qualsiasi momento potete riprendere compare la schermata 2.
il controllo azionando il volante.

2.67
STAZIONAMENTO ASSISTITO (2/4)
Scelta della manovra Funzionamento La vostra velocità non deve superare i
7 km/h circa.
Il sistema può effettuare quattro tipi di Parcheggio
manovre:
– parcheggio del veicolo tra altri due
Quando il veicolo viaggia a una velo-
cità inferiore a 30 km/h circa, il sistema
Lo spegnimento della spia  sul
quadro della strumentazione, accom-
veicoli; cerca i posti di stazionamento disponi- pagnato da un segnale acustico, vi
– parcheggio del veicolo a pettine; bili sui due lati del veicolo. avverte della fine della manovra.
– parcheggio del veicolo a spina di Quando viene rilevato un posto, esso
pesce; compare sullo schermo multifunzione,
– uscita del veicolo da un parcheggio contrassegnato dalla lettera «P» pic-
tra altri due veicoli. cola. Guidate a velocità moderata, con
gli indicatori di direzione attivati sul lato
Dallo schermo multifunzione, selezio- del posto, finché non compare il mes-
nate la manovra da effettuare. saggio «Álljon meg» accompagnato da
Nota: All’avviamento del veicolo, o un segnale acustico.
dopo avere parcheggiato con successo Quindi, il posto viene contrassegnato
tra altri due veicoli grazie al sistema, la sullo schermo multifunzione con la let-
manovra predefinita proposta dal sis- tera «P» grande.
tema è l’aiuto all’uscita dal parcheg-
gio tra altri due veicoli. Negli altri casi, – Fermate il veicolo;
la manovra predefinita è configurabile – innestate la retromarcia.
dallo schermo multifunzione. Sul quadro della strumentazione si ac-
cende la spia 
un segnale acustico.
accompagnata da

– rilasciate il volante;
– seguite le istruzioni del sistema che
compaiono sullo schermo multifun-
zione.

2.68
STAZIONAMENTO ASSISTITO (3/4)
La vostra velocità non deve superare i In questo caso, sullo schermo multi-
7 km/h circa. funzione compare la causa dell’interru-
Una volta in posizione per uscire dal zione.
parcheggio, il sistema vi avvertirà della Verificate:
fine della manovra. – di avere rilasciato il volante e;

1
Lo spegnimento della spia 
quadro della strumentazione, accom-
sul – che tutte le porte e il bagagliaio siano
chiusi e;
pagnato da un segnale acustico, vi av- – che non vi siano ostacoli sulla traiet-
verte della fine della manovra. toria e;
– che il motore sia acceso.

Interruzione della manovra


La manovra si interrompe nei casi se- Annullamento della manovra
guenti: La manovra viene annullata nei casi se-
– prendete il volante; guenti:
– una porta o il bagagliaio si aprono; – premendo il contattore di attivazione
Uscita da un parcheggio tra altri – il veicolo è fermo da troppo tempo; del sistema;
due veicoli – un ostacolo sulla traiettoria impe- – la velocità del veicolo ha superato i
– Selezionate la modalità «uscita dal disce la fine della manovra; 7 km/h;
parcheggio tra due veicoli»; – il motore si spegne. – Avete effettuato più di dieci movi-
– azionate l’indicatore di direzione sul
lato dal quale desiderate uscire con Lo spegnimento della spia 
quadro della strumentazione, accom-
sul
menti in avanti/all’indietro in mano-
vra;
il veicolo; – i sensori di parcheggio assistito sono
– premete a lungo il contattore 1 (2 se- pagnato da un segnale acustico, vi sporchi od ostruiti;
condi circa). avverte dell’interruzione della manovra. – le ruote del veicolo sono slittate.
Quindi, per riprendere la manovra, pre-
Sul quadro della strumentazione si ac-
cende la spia  accompagnata da
mete a lungo il contattore di attivazione
del sistema.
Lo spegnimento della spia  sul
quadro della strumentazione, accom-
un segnale acustico. pagnato da un segnale acustico, vi
– rilasciate il volante; avverte della fine della manovra.
– effettuate manovre in avanti e all’in-
dietro servendovi degli allarmi del
sistema di parcheggio assistito.

2.69
STAZIONAMENTO ASSISTITO (4/4)

Questa funzione fornisce un aiuto supplementare alla guida. Tuttavia, questa funzione non sostituisce in alcun modo
la vigilanza e la responsabilità del conducente, che deve mantenere sempre il controllo del veicolo.
Verificate che la manovra rispetti le norme di circolazione in vigore sulle strade percorse.
– Il conducente deve sempre prestare massima attenzione alle situazioni improvvise che possono verificarsi nella circolazione
stradale. Prima di iniziare la manovra, verificate in particolare la presenza in prossimità del veicolo di ostacoli mobili (come
un bambino, un animale, un passeggino, una bicicletta, ecc.) o di oggetti troppo piccoli o sottili per essere rilevati (pietre di
piccole dimensioni, picchetti sottili, ecc.).
– Il sistema potrebbe non rilevare oggetti presenti negli angoli ciechi dei sensori.
– Durante le manovre, il volante potrebbe girare rapidamente: non mettere le mani all’interno e accertarsi che non sia inca-
strato alcun oggetto.
– Effettuate sempre un controllo visivo per verificare che il posto di stazionamento proposto dal sistema sia sempre disponibile
e privo di ostacoli.
– Quando trainate un rimorchio, Il sistema deve essere disattivato.

2.70
CAMBIO AUTOMATICO (1/3)
Guida in funzionamento
automatico
3
Spostate la leva 1 in posizione D.
Nella maggior parte delle condizioni di
guida, non dovrete più toccare la leva
del cambio: le marce verranno cam-
1 biate automaticamente, al momento
2 giusto, al regime adatto, in quanto
“l’automatismo” tiene conto del carico
della vettura, del profilo della strada e
dello stile di guida scelto.

Come guidare in maniera


economica
Viaggiando, lasciate sempre la leva in
Leva del cambio 1 Accensione posizione D, con il pedale dell’accele-
P: stazionamento Con la leva del cambio 1 posizionata su ratore poco premuto. Il cambio passerà
P, inserite il contatto. automaticamente a un regime motore
R: retromarcia
inferiore.
N: folle Per spostare la leva dalla posizione P,
è necessario premere il pedale del Accelerazioni e sorpassi
D: modalità automatica freno prima di premere il pulsante di
sbloccaggio 2. Premete decisamente e a fondo il
M: modalità manuale
pedale dell’acceleratore (fino a supe-
Nota: premete il pulsante 2 per pas- Con il piede premuto sul pedale del rare il punto di resistenza del pedale).
sare dalla posizione D o N a R o P.
3: visualizzazione della marcia innes-
freno (la spia Ó sul display 3 si
spegne), spostare la leva dalla posi-
Ciò consente, nella misura delle pos-
sibilità del motore, di scalare nella
tata in modalità manuale. zione P. marcia ottimale.
La leva può essere posizionata
su D o R esclusivamente a veicolo
fermo, con pedale del freno premuto
e pedale dell’acceleratore rilasciato.

2.71
CAMBIO AUTOMATICO (2/3)
Casi particolari Situazioni particolari
In certe situazioni di guida (che com- – Se il profilo della strada e la sua
portano ad esempio la protezione del sinuosità non sono adatti alla mo-
motore, l’azionamento del controllo di- dalità automatica (ad es.: in mon-
namico della stabilità: ESP…) «l’au- tagna), si consiglia di passare in
tomatismo» può imporre una certa modalità manuale. Ciò per evitare
marcia. frequenti e ripetuti cambi marce da
1 Analogamente, per evitare “errori di parte “dell’automatismo” in salita e
guida”, una marcia può essere rifiu- sfruttare al meglio il freno motore
tata “dall’automatismo”. In tal caso la nelle lunghe discese.
segnalazione della marcia interessata – In caso di temperature molto
lampeggia per alcuni secondi per avvi- basse, per evitare di far spegnere
sare il conducente. il motore, attendete alcuni secondi
prima di spostare la leva del cambio
dalla posizione P o N alla posizione
D o R.
Guida in modalità manuale
Agganciate la leva del cambio 1 in posi-
zione D, spostate la leva verso sinistra.
Successivi spostamenti della leva del
cambio permettono di innestare le
marce manualmente:
– per passare alle marce inferiori,
spingete la leva in avanti;
– per passare alle marce superiori,
tirate indietro la leva.
La marcia innestata compare sul di-
splay del quadro della strumentazione.
In salita, per rimanere fermi, non la-
sciate il piede sull’acceleratore.
Rischio di surriscaldamento del
cambio automatico.

2.72
CAMBIO AUTOMATICO (3/3)
Parcheggio del veicolo Anomalia di funzionamento
Quando il veicolo è fermo, tenendo – in marcia, se il messaggio «cambio
sempre il piede sul freno, spostate la da controllare» viene visualizzato sul
leva in posizione P: il cambio è in folle, quadro della strumentazione, esso
e le ruote motrici vengono bloccate indica un’anomalia.
meccanicamente dalla trasmissione. Consultate al più presto un
Tirate il freno a mano o, a seconda Rappresentante del marchio; 4
della versione del veicolo, verificate – durante la guida, se il messag-
che il freno di stazionamento assis- gio «surriscaldamento del cambio»
tito sia serrato. compare sul quadro della strumen-
tazione, fermatevi appena possibile
per far raffreddare il cambio fino alla
scomparsa del messaggio;
– traino di una vettura con cambio
automatico, consultate il paragrafo All’attivazione, se la leva è bloccata su
«Traino» del capitolo 5. P mentre premete il pedale del freno, è
possibile liberarla manualmente. Per
farlo, passate un attrezzo (asta rigida)
nella fessura 4 per sbloccare la leva.
In caso di urto dell’infra-
struttura del veicolo durante Rivolgetevi al più presto alla Rete del
una manovra (esempio: marchio.
urto con un paletto, un mar-
ciapiede rialzato o qualsiasi altro
arredo urbano) potreste danneg-
giare il veicolo (esempio: deforma-
zione di un asse).
Per evitare qualsiasi rischio di inci- Per ragioni di sicurezza,
dente, fate controllare il vostro vei- non interrompete mai il con-
colo dalla Rete del marchio. tatto prima dell’arresto com-
pleto del veicolo.

2.73
2.74
Capitolo 3: Il vostro comfort

Aeratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2
Riscaldamento/Aria condizionata manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4
Climatizzazione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.7
Aria condizionata: informazioni e consigli di uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.13
Funzioni qualità dell’aria esterna e deodorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.15
Alzavetro con comando elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.16
Tetto in vetro fisso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.17
Illuminazione interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.18
Vani portaoggetti nell’abitacolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.20
Posacenere, accendisigari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.25
Sedile unico posteriore scorrevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.27
Bagagliaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.29
Copribagagli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.30
Vano portaoggetti della seduta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.31
Trasporto di oggetti nel bagagliaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.33
Trasporto di oggetti: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.34
sistema di traino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.34
Rete di fissaggio dei bagagli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.35
Barre del tetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.37
Spoiler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.38
Equipaggiamenti mulltimediali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.39
3.1
AERATORI, uscite di aria (1/2)
1 aeratore laterale sinistro
2 bocchette di disappannamento para-
2 brezza
4 5
3 aeratori centrali
2 3 4 bocchetta di disappannamento del
vetro laterale
5 aeratore laterale destro
6 schermo multifunzione
1 7 uscite riscaldamento ai piedi degli
occupanti anteriori
6 8 a seconda del veicolo, uscite riscal-
4 damento ai piedi degli occupanti po-
7 steriori

3.2
AERATORI, uscite di aria (2/2)

9
11 12

10

Aeratori centrali Aeratori laterali


Erogazione Erogazione
Ruotate la rotellina zigrinata 10 (oltre il Ruotate la rotellina zigrinata 11 (oltre il
punto di resistenza). punto di resistenza).
Verso l’alto: chiusura. Verso l’alto: chiusura.
Verso il basso: apertura massima. Verso il basso: apertura massima.

Orientamento Orientamento
Orientate i cursori 9 nella posizione de- Orientate i cursori 12 nella posizione
siderata. desiderata. Non introdurre niente nel
circuito di ventilazione del
veicolo (ad esempio in caso
di cattivi odori...).
Rischio di danneggiamento o di
incendio.

3.3
ARIA CONDIZIONATA MANUALE (1/3)
A B C D Inserimento o disinserimento
dell’aria condizionata
Il tasto 7 permette l’autorizzazione
dell’inserimento (spia accesa) o del
disinserimento (spia spenta) dell’aria
condizionata.

L’utilizzo dell’aria condizionata


permette:
– di abbassare la temperatura all’in-
terno dell’abitacolo;
– di disappannare più rapidamente i
vetri.
1 2 3 4 5 6 7 8
Funzione «visibilità»
I comandi Gli indicatori Premete il tasto 3, la spia integrata si
1 Regolazione della temperatura A Temperatura dell’aria. accende.
dell’aria. B Ricircolo dell’aria. Questa funzione permette uno sbrina-
2 Ricircolo dell’aria. mento e un disappannamento rapido
C Velocità di ventilazione. del parabrezza e del lunotto, dei vetri
3 Funzione «visibilità». D Ripartizione dell’aria nell’abitacolo. laterali anteriori e dei retrovisori esterni
4 Regolazione della velocità di ventila- (a seconda della versione del vei-
zione. colo). Impone l’inserimento automatico
dell’aria condizionata e dello sbrina-
5 Disattivazione del sistema. mento del lunotto.
6 Sbrinamento/disappannamento del Premete il tasto 6 per disinserire il fun-
lunotto e, a seconda della versione zionamento del lunotto termico poste-
del veicolo, dei retrovisori. riore; la spia integrata si spegne.
Per disattivare questa funzione, pre-
7 Aria condizionata.
mete nuovamente il tasto 3.
8 Regolazione della ripartizione
dell’aria nell’abitacolo.

3.4
ARIA CONDIZIONATA MANUALE (2/3)
Ripartizione dell’aria B D
nell’abitacolo
Sono disponibili cinque possibilità di
ripartizione dell’aria. Ruotate il co-
mando 8 per scegliere la ripartizione.
La ripartizione dell’aria compare sull’in-
dicatore D.
Il flusso è diretto verso le boc-
õ chette di disappannamento del
parabrezza e le prese di disappanna-
mento dei vetri laterali anteriori.
Il flusso dell’aria è distribuito
÷ tra tutti gli aeratori, le prese di
disappannamento dei vetri laterali ante-
2 6 8
riori, le bocchette di disappannamento
del parabrezza e i piedi degli occupanti.
Inserimento del ricircolo Il ricircolo dell’aria permette:
dell’aria – di isolarvi dall’ambiente esterno (cir-
Il flusso di aria è diretto princi- colazione in zone inquinate…);
ó
cupanti.
palmente verso i piedi degli oc-
Premete il tasto 2: la spia B si accende.
In questa posizione l’aria presente – di raffreddare più rapidamente la
temperatura dell’abitacolo.
nell’abitacolo viene fatta ricircolare
Il flusso dell’aria è diretto verso senza immissione d’aria esterna.
G gli aeratori del cruscotto, verso
i piedi dei passeggeri anteriori e, a se-
conda del veicolo, dei passeggeri di se-
conda fila.
Il flusso dell’aria è diretto verso
J gli aeratori del cruscotto.

L’utilizzo prolungato del ricircolo dell’aria può provocare l’appannamento dei


vetri laterali e del parabrezza nonché la presenza di aria viziata nell’abitacolo. Si
consiglia quindi di tornare al funzionamento normale (aria esterna) premendo di
nuovo il pulsante 6 non appena il ricircolo dell’aria non è più necessario.

3.5
ARIA CONDIZIONATA MANUALE (3/3)
A C Sbrinamento-
disappannamento del lunotto
Con motore acceso, premete il tasto 6.
La spia di funzionamento si accende.
Questa funzione permette lo sbrina-
mento e il disappannamento rapido del
lunotto e degli specchietti dei retrovisori
autosbrinanti, per i veicoli che ne sono
equipaggiati.
Per disattivare questa funzione, pre-
mete nuovamente il tasto 6.
Se non lo fate, il disappannamento si
1 4 5 6 7 disinserisce automaticamente.

Variazione della velocità di Regolazione della Disattivazione del sistema


ventilazione temperatura dell’aria
Per spegnere il sistema, premete il
Potete regolare la velocità di ventila- Azionate il comando 1 in base alla tem- tasto 5 OFF (la spia integrata si ac-
zione premendo i tasti 4 per aumentare peratura desiderata. Più aumenta il cende).
o diminuire la velocità di ventilazione. numero di barrette del display A, più la
La velocità di ventilazione compare temperatura è elevata.
sull’indicatore C. Quando si utilizza a lungo l’aria condi-
Il sistema è disinserito (OFF): la velo- zionata, è possibile provare una sensa-
cità di ventilazione dell’aria è nulla (vei- zione di freddo. Per aumentare la tem-
colo fermo), potete avvertire una debole peratura, azionate il comando 1 verso
portata d’aria con veicolo in marcia. destra.
La temperatura dell’aria compare Lo sbrinamento impedisce l’azio-
sull’indicatore A. namento del ricircolo dell’aria per
evitare il rischio che il parabrezza
si appanni; comporta l’attivazione
dell’aria condizionata. La spia inte-
grata nel tasto 7 non si accende.

3.6
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (1/6)

A B C E
Modalità automatica
D La climatizzazione automatica è un si-
stema che garantisce (ad eccezione di
casi di utilizzo in condizioni estreme) il
comfort nell’abitacolo e un buon livello
di visibilità, ottimizzando il consumo. Il
sistema agisce sulla velocità di venti-
lazione, ripartizione dell’aria, ricircolo
dell’aria, attivazione o spegnimento
dell’aria condizionata e temperatura
dell’aria.
AUTO : ottimizzazione del raggiun-
gimento del livello di comfort selezio-
nato in base alle condizioni esterne.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Premete il tasto 7. La spia integrata nel
tasto 7 selezionato si accende.
I comandi Gli indicatori
1 Spegnimento del sistema o, a se- A Temperatura dell’aria lato sinistro. Variazione della velocità di
conda del veicolo, sbrinamento/di- B ripartizione dell’aria. ventilazione
sappannamento del parabrezza. In modalità automatica, il sistema gesti-
2 e 10 temperatura dell’aria. C Velocità di ventilazione.
sce la velocità di ventilazione più adatta
3 Funzione «visibilità». D Spia del ricircolo automatico dell’aria. per raggiungere e mantenere il comfort.
4 e 5 Ripartizione di aria nell’abitacolo. Potete sempre regolare la velocità di
6 Velocità di ventilazione e, a seconda E Temperatura dell’aria lato destro.
ventilazione premendo i tasti 6 per au-
del veicolo, spegnimento del si- mentare o diminuire la velocità di ven-
stema. tilazione.
7 Programma automatico. In questo caso, la spia integrata sul
8 Aria condizionata. tasto 7 si spegne e la velocità di ven-
9 Ricircolo dell’aria. tilazione selezionata viene visualizzata
11 Sbrinamento/disappannamento del sull’indicatore C.
lunotto e, a seconda della versione
del veicolo, dei retrovisori.
12 Funzione DUAL.

3.7
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (2/6)

2 10 12 Le temperature visualizzate indi-


cano il livello di comfort dell’abita-
Regolazione della Regolazione in funzione DUAL colo.
temperatura Premete il tasto 12 per attivarlo. Durante l’avviamento del veicolo,
Esistono 2 tipi di regolazione: l’aumento o la diminuzione del
Agite sul comando 2 per regolare il lato
valore visualizzato non permette in
– regolazione uniforme dell’abitacolo; sinistro e sul comando 10 per regolare
alcun caso di raggiungere più ra-
il lato destro.
– regolazione in funzione DUAL per pidamente il livello di comfort. Il si-
gestire in modo indipendente il lato stema ottimizza sempre la diminu-
sinistro e/o il lato destro dell’abita- zione o l’aumento di temperatura (la
colo. climatizzazione non si attiva imme-
diatamente alla velocità massima:
Regolazione uniforme dell’abitacolo aumenta progressivamente) questa
operazione può durare da alcuni se-
Agite sul comando 2. condi a diversi minuti.
In generale, tranne se disturbano
un occupante, gli aeratori sul cru-
scotto devono restare costante-
mente aperti.

3.8
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (3/6)

13

3 6 7 8 11

Inserimento o disinserimento
dell’aria condizionata
In modalità automatica il sistema ac-
cende o spegne l’aria condizionata in
funzione delle condizioni climatiche
esterne. Usate preferibilmente la modalità
automatica.
Premete il tasto 8 per forzare l’attiva-
zione (la spia integrata si accende) o la In modalità automatica (spia del
disattivazione dell’aria condizionata (la tasto 7 accesa), tutte le funzioni
spia integrata si spegne). della climatizzazione sono control-
late dal sistema.
Veicoli dotati della modalità ECO
Potete sempre modificare la scelta (pulsante13): quando azionata, la
del sistema; in tal caso la spia del modalità ECO può ridurre le presta-
tasto 7 si spegne. zioni dell’aria condizionata automa-
Per tornare in modalità automatica, tica. Consultate il paragrafo «Guida
premete il programma AUTO. ecologica» del capitolo 2.

3.9
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (4/6)
Funzione «visibilità»
B
Questa funzione permette uno sbrina-
mento e un disappannamento rapido
del parabrezza e del lunotto, dei
vetri laterali anteriori e dei retrovi-
sori esterni (a seconda della versione
del veicolo). Impone l’inserimento au-
tomatico dell’aria condizionata e dello
sbrinamento del lunotto.
Premete il tasto 3, la spia integrata si
accende.
Per disinserire il funzionamento del lu-
notto posteriore, premete il tasto 11 ter-
mico: la spia integrata si spegne. 3 4 5 6 11
Potete modificare la velocità di ventila- Modifica della ripartizione Il flusso d’aria è ripartito tra le
zione: premete il tasto 6.
dell’aria nell’abitacolo
÷ bocchette dei vetri laterali an-
teriori, le prese di disappannamento del
Per disattivare questa funzione, pre-
Sono disponibili cinque possibilità di parabrezza e i piedi dei passeggeri.
mete nuovamente il tasto 3.
ripartizione dell’aria. Premete i contat-
Il flusso di aria è diretto princi-
tori 4 e 5 per scorrerle. Le frecce pre-
senti sull’indicatore B si combinano per
ó
cupanti.
palmente verso i piedi degli oc-
segnalarvi la ripartizione selezionata:
Il flusso dell’aria è diretto verso
õ Il flusso è diretto verso le boc-
chette di disappannamento del
G gli aeratori del cruscotto e
verso i piedi degli occupanti.
parabrezza e le prese di disappanna-
mento dei vetri laterali anteriori. Il flusso dell’aria è diretto verso
J gli aeratori del cruscotto.

Alcuni tasti dispongono di una spia


di funzionamento che indica lo stato
della funzione.

3.10
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (5/6)

1 11
Sbrinamento/ Sbrinamento-
disappannamento del disappannamento del lunotto
parabrezza Premete il tasto 11, la spia integrata si
(a seconda del veicolo) accende. Questa funzione permette il
A motore avviato, premete il tasto 1, la disappannamento rapido del lunotto e
spia integrata si accende. dei retrovisori termici (per i veicoli che
ne sono dotati).
Questa funzione rende possibile uno
sbrinamento e disappannamento elet- Per disattivare questa funzione, pre-
trico rapido. mete nuovamente il tasto 11. In caso
contrario, il disappannamento si disat-
tiva automaticamente.

3.11
CLIMATIZZAZIONE AUTOMATICA (6/6)
Ricircolo
D
Questa funzione è gestita automati-
camente (l’attivazione è confermata
dall’indicatore D), ma potete anche atti-
varla manualmente.

Nota
– durante il ricircolo, l’aria presente
nell’abitacolo viene fatta ricircolare
senza immissione d’aria esterna;
– il ricircolo dell’aria permette d’isolarvi
dall’ambiente esterno (circolazione
in zone inquinate...);
– di raffreddare più rapidamente la
temperatura dell’abitacolo. 1 6 7 9
Utilizzo manuale Disattivazione del sistema
Una pressione sul tasto 9 permette di Per spegnere il sistema, premete il
forzare il ricircolo dell’aria; in tal caso, tasto 1 OFF (la spia integrata si ac-
la spia integrata si accende e l’indica- cende) o, a seconda del veicolo, di-
tore D si spegne. minuite la ventilazione fino al minimo
L’utilizzo prolungato della funzione ricir- premendo per il numero di volte neces-
colo può causare cattivi odori a causa sario il tasto 6 contrassegnato da OFF.
del mancato ricambio di aria nonché Per attivarlo, premete il contattore 7.
l’appannamento dei vetri.
Si consiglia quindi di tornare alla moda-
lità automatica premendo nuovamente
il tasto 9 non appena il ricircolo dell’aria
non è più necessario.

Il disappannamento/sbrinamento ha
in ogni caso priorità sul ricircolo del-
l’aria.

3.12
ARIA CONDIZIONATA: informazioni e istruzioni d’uso (1/2)
Consigli d’uso Consumo Anomalie di funzionamento
In alcuni casi (aria condizionata disin- È normale constatare un aumento del In generale, se constatate anomalie di
serita, ricircolo dell’aria attivo, velocità consumo di carburante (soprattutto funzionamento dell’impianto, rivolge-
di ventilazione nulla o insufficiente, nel traffico urbano) durante l’utilizzo tevi ad un Rappresentante del marchio.
ecc.) è possibile constatare l’appan- dell’aria condizionata. – Efficacia limitata a livello di sbri-
namento dei vetri e del parabrezza del Per i veicoli equipaggiati con aria con- namento, disappannamento o aria
veicolo. dizionata senza modalità automatica, condizionata.
In caso di appannamento, utilizzate la spegnete l’impianto quando non è più Può essere dovuto all’intasamento
funzione «visibilità» per eliminarlo, necessario. della cartuccia del filtro abitacolo.
poi favorite l’uso di aria condizionata in Alcuni consigli per ridurre al minimo – Non viene generata aria fredda.
modalità automatica per evitare che si il consumo e quindi contribuire alla Controllate la corretta posizione dei
formi. salvaguardia dell’ambiente comandi e le condizioni dei fusibili.
Durante la guida tenete gli aeratori Altrimenti spegnete il sistema.
aperti e i finestrini chiusi.
Se il veicolo è rimasto fermo in condi-
zioni di temperatura elevata o sotto il Presenza d’acqua sotto il
sole, aerate per alcuni minuti l’abitacolo veicolo
Veicoli dotati di modalità ECO: per far uscire l’aria calda prima di par-
tire. Dopo un uso prolungato dell’aria condi-
una volta azionata, la modalità ECO
zionata è normale rilevare la presenza
potrebbe ridurre le prestazioni della
d’acqua dovuta alla condensa sotto il
climatizzazione. Consultate il para-
grafo «Consigli di guida, Guida eco-
Manutenzione veicolo.
logica» del capitolo 2. Consultate il documento di manuten-
zione del vostro veicolo per informarvi
sulla periodicità dei controlli.

Non introdurre niente nel


circuito di ventilazione del Non aprite il circuito del
veicolo (ad esempio in caso fluido frigorigeno. È peri-
Utilizzare il sistema di climatizza-
di cattivi odori...). coloso per gli occhi e per la
zione con regolarità, anche a tem-
Rischio di danneggiamento o di perature basse, attivandolo almeno pelle.
incendio. una volta al mese per circa 5 minuti.

3.13
ARIA CONDIZIONATA: informazioni e istruzioni d’uso (2/2)
Tipo di liquido refrigerante
A A A Ñ
Tipo di olio nel circuito della
 climatizzazione
Prodotto infiammabile

Consultare il libretto di istru-
 zioni
Manutenzione

Quantità di liquido re-
x,xxx kg frigerante presente nel
Il circuito refrigerante potrebbe conte- veicolo.
nere gas fluorurati ad effetto serra.
A seconda della versione del veicolo, Potenziale di riscalda-
sull’etichetta A affissa all’interno del GWP xxxxx mento globale (CO2
Non aprire il circuito refri-
vano motore sono riportate le seguenti equivalente).
gerante. È pericoloso per
informazioni.
gli occhi e per la pelle.
La presenza e l’ubicazione delle infor- CO2 eq Quantità in massa e in
mazioni sull’etichetta A dipendono dal x,xx t CO2 equivalente.
veicolo.

Prima di qualsiasi inter-


vento nel vano motore, di-
sinserite tassativamente il
contatto (consultate il pa-
ragrafo «Avviamento, spegnimento
del motore» del capitolo 2).

3.14
FUNZIONE QUALITÀ DELL’ARIA ESTERNA E DEODORIZZAZIONE
Avvertenza

Ciclo deodorazione On

Con l’aria condizionata attivata, dallo Funzione deodorizzazione


schermo A selezionate «Menu»,
«Veicolo», «Avvertenza». Permette di ridurre i cattivi odori pre-
senti nell’abitacolo.

Qualità dell’aria esterna Ciclo deodorazione


La qualità dell’aria è segnalata dal gra- – ON: aiuta a ridurre più rapidamente i
fico sullo schermo multifunzione. cattivi odori nell'abitacolo;
Tre colori indicano il livello qualitativo – OFF: interruzione della funzione.
dell'aria (dalla più pura alla più inqui- Nota
nata):
La funzione è temporizzata. Si spegne
1 (blu) automaticamente dopo alcuni minuti.
2 (grigio chiaro)
3 (grigio)
Per maggiori informazioni, consul-
tate il libretto dell’equipaggiamento
multimediale.

3.15
ALZAVETRI ELETTRICI (1/2)

Sicurezza degli occupanti


Il conducente può preclu-
dere a tutti gli occupanti la
possibilità di azionare gli 2
alzavetri dei passeggeri anteriori e 1
posteriori, premendo il contattore 2. 6
5
Responsabilità del conducente
Non lasciate mai il veicolo incusto- 3
dito, lasciando all’interno la carta 4
RENAULT e un bambino, un adulto
non autosufficiente o un animale, Questi sistemi funzionano: Dal posto conducente, agite sul pul-
anche per un breve lasso di tempo. – con motore acceso; sante:
Infatti, questi potrebbe mettere a ri- – dopo lo spegnimento del motore, 1 per il lato conducente;
schio la propria incolumità o quella fino all’apertura di una porta ante- 3 per il lato passeggero anteriore;
di altre persone avviando il motore, riore (per non più di 12 minuti circa); 4 e 5 per i passeggeri posteriori.
azionando degli equipaggiamenti – con il motore spento, le porte ante-
come ad esempio gli alzavetri o ad- Dai posti passeggeri agite sul pul-
riori chiuse, una volta premuto il pul- sante 6.
dirittura bloccare le porte. In caso di sante di avviamento.
incidente, invertite subito il senso
della corsa del vetro premendo il Premete o tirate il pulsante di un vetro
tasto interessato. per abbassarlo o alzarlo fino all’altezza
desiderata: i vetri posteriori non si ab-
Pericolo di gravi lesioni. bassano completamente.

Evitare di collocare un oggetto in


appoggio su un vetro socchiuso: si
rischia di danneggiare gli alzavetri.

3.16
ALZA-VETRI ELETTRICI (2/2)/TETTO IN VETRO FISSO
Funzionamento ad impulsi Anomalie di funzionamento
A seconda del veicolo, questa modalità In caso di mancato funzionamento
si aggiunge al funzionamento degli al- della chiusura di un vetro, il sistema
zavetri elettrici descritto in precedenza. passa in modalità non ad impulsi: tirate
Riguarda unicamente il vetro davanti al per quanto necessario l’interruttore in- 7
conducente. teressato fino alla chiusura completa
Premete o tirate brevemente e a fondo del vetro (il vetro si risolleva gradual-
l’interruttore 1: il vetro si abbassa o si mente), quindi mantenete tirato l’inter-
alza completamente. Ogni ulteriore ruttore (sempre sul lato chiusura) per
azione sul pulsante arresta il funziona- una secondo poi fate abbassare e sol-
mento del vetro. levare completamente il vetro per reini-
Nota: se il vetro incontra resistenza du- zializzare il sistema.
rante la chiusura (ad esempio rami di Se necessario, rivolgetevi ad un
un albero, ecc.) si ferma e scende nuo- Rappresentante del marchio.
vamente di alcuni centimetri.
Tetto in vetro fisso
Apertura della tendina
Tirate il contattore 7 e mantenetelo fino
alla posizione desiderata.

Chiusura della tendina


Spingete il contattore 7 e mantenetelo
fino alla posizione desiderata.
Quando si chiudono i vetri, Funzionamento automatico
verificate che nessuna
Tirate o spingete a fondo e brevemente
parte del corpo (braccio,
il contattore 7: la tendina si chiude o
mano, ecc.) si sporga dal
si apre completamente. Ogni ulteriore
veicolo.
azione sul contattore arresta il funzio-
Pericolo di gravi lesioni. namento della tendina.

3.17
ILLUMINAZIONE INTERNA (1/2)

Spot di lettura Nota: per i veicoli dotati di un sistema


di navigazione, è possibile disattivare/
Premete l’interruttore 1; otterrete: attivare l’accensione delle plafoniere
– un’illuminazione permanente; all’apertura delle porte o del bagagliaio
– lo spegnimento immediato. tramite lo schermo multifunzione. A
tale proposito, consultate il paragrafo
«Menu della personalizzazione delle Lo sbloccaggio e l’apertura delle
regolazioni del veicolo» al capitolo 1. porte o del portellone provocano
l’accensione temporizzata delle
lampade di lettura e delle luci.

Con le porte correttamente chiuse,


il blocco delle porte o l’avvio del
motore determina lo spegnimento
della plafoniera e delle luci.

3.18
ILLUMINAZIONE INTERNA (2/2)

Luci del vano portaoggetti Luci del bagagliaio


La luce 2 si accende all’apertura dello La luce 3 si accende all’apertura del ba-
sportello. gagliaio.

3.19
VANI PORTAOGGETTI DELL’ABITACOLO (1/5)
2

4 3

1
5
Portaoggetti delle porte Aletta parasole anteriore Vano portaoggetti della
anteriori 1 Abbassate l’aletta parasole 2. consolle centrale 5
Possono contenere una bottiglia da
0,5 litri. Vano portaoggetti aletta
parasole 3
Può contenere biglietti autostradali,
carte, ecc.

Sul pavimento (del posto Specchietti di cortesia Controllate che nessun og-
di guida) non deve trovarsi Sollevate il coperchio 4. getto duro, pesante o ap-
alcun oggetto che in caso di puntito sporga o sia pre-
frenata brusca rischierebbe sente nei vani portaoggetti
di scivolare sotto la pedaliera osta- Durante la guida, fate atten- «aperti», in modo tale da non met-
colandone l’uso. zione a richiudere la prote- tere a repentaglio l’incolumità degli
zione dello specchietto di occupanti del veicolo in curva o in
cortesia. Rischio di lesioni. caso di frenata brusca.

3.20
VANI PORTAOGGETTI DELL’ABITACOLO (2/5)

6
A

8
9

Portabicchieri 6 Vano portaoggetti sotto


Può contenere il posacenere estraibile, bracciolo centrale anteriore A
lattine... (a seconda del veicolo)
Questo vano portaoggetti è dotato di Sollevate il comando 8 e sollevate il
un tappetino amovibile per facilitarne la bracciolo 7.
pulizia.
7
Vano portaoggetti del
In curva, in fase di accele- bracciolo centrale anteriore B
razione o frenata, abbiate Sollevate il comando 9 e sollevate il
cura che il recipiente pre- bracciolo 7.
sente nel portalattine non
fuoriesca. B
Rischio di lesioni se il liquido è caldo
e/o fuoriesce.

3.21
VANI PORTAOGGETTI DELL’ABITACOLO (3/5)
11

12

11
10

Vano portaoggetti Maniglia di ritegno 11 Ganci portabiti 12


Per aprire il vano portaoggetti, solle- Serve a tenersi durante la guida.
vate la levetta 10. Non utilizzatela per salire o scendere
dal veicolo.

3.22
VANI PORTAOGGETTI DELL’ABITACOLO (4/5)

14

13

15

Vano portaoggetti. 13 Tasche portaoggetti 14 sedili Vani portaoggetti nella


anteriori consolle centrale
posteriore 15

3.23
VANI PORTAOGGETTI DELL’ABITACOLO (5/5)

16

17

Bracciolo posteriore con Vano portaoggetti della porta


portabicchieri posteriore 17
Abbassate il bracciolo 16.

In curva, in fase di accele-


razione o frenata, abbiate Controllate che nessun og-
cura che il recipiente pre- getto duro, pesante o ap-
sente nel portalattine non puntito sporga o sia pre-
fuoriesca. sente nei vani portaoggetti
Rischio di lesioni se il liquido è caldo «aperti», in modo tale da non met-
e/o fuoriesce. tere a repentaglio l’incolumità degli
occupanti del veicolo in curva o in
caso di frenata brusca.

3.24
POSACENERE, ACCENDISIGARI, PRESA ACCESSORI

2
1
Posacenere 1 Prese accessori 2
Per aprirlo, sollevate il coperchio . Per Sono fornite per il collegamento di ac-
vuotarlo tirate l’insieme, il posacenere cessori omologati dai nostri Servizi
si sgancia dalla propria sede. Tecnici del marchio.

Collegare solo accessori


con potenza massima di
120 Watt (12 V).
In caso di utilizzo contem-
poraneo di diverse prese per ac-
cessori, la potenza totale degli ac-
cessori collegati non deve superare
Se il vostro veicolo non dispone di 180 Watt.
un accendisigari e di un posace- Rischio d’incendio.
nere, potete procurarveli presso la
Rete del marchio.

3.25
APPOGGIATESTA POSTERIORE
1

Gli appoggiatesta 2 dei sedili posteriori Posizione riposta Per rimontare un


laterali non possono essere regolati. dell’appoggiatesta del sedile appoggiatesta
centrale Introducete le aste nelle guide, premete
Posizione di utilizzo Premere il pulsante A e abbassare il pulsante A e abbassate l’appoggiate-
dell’appoggiatesta centrale completamente l’appoggiatesta cen- sta. Verificate che sia bloccato corret-
trale 1. tamente.
Sollevare l’appoggiatesta centrale 1
al massimo per utilizzarlo in posizione La posizione dell’appoggiatesta
alta. Verificate il corretto bloccaggio. completamente abbassato è una po-
sizione riposta: non deve essere adot-
tata quando un passeggero è seduto. L’appoggiatesta è un ele-
mento di sicurezza, deve
essere presente e corretta-
Per rimuovere un mente posizionato. La parte
appoggiatesta superiore dell’appoggiatesta deve
Sollevate l’appoggiatesta al massimo, trovarsi il più vicino possibile alla
quindi premete il pulsante A ed estra- sommità della testa.
etelo.

3.26
SEDILE UNICO POSTERIORE (1/2)

2
1

A
B

Per ribaltare manualmente gli Per rimontare lo schienale, procedete La configurazione sedile
schienali in senso contrario. unico a due posti con lo
Verificate che i sedili siano avanzati Rimontate lo schienale e inclinatelo schienale piccolo B ribal-
sufficientemente. contro il relativo supporto. tato impedisce l’uso del
Abbassate al massimo gli appoggiate- posto centrale, data l’impossibilità di
sta. agganciare la cintura (modulo della
Quando risollevate lo cintura non accessibile).
A seconda della versione del veicolo, schienale, abbiate cura di
posizionare la cintura nel guida cin- verificarne il corretto fissag-
tura 2 per evitare di danneggiarla, gio.
prima di ripiegare lo schienale. Qualora utilizziate delle foderine
Tirate il comando 1 e abbassate lo dei sedili, controllate che non im-
schienale A. pediscano il bloccaggio dello schie- Quando spostate i sedili po-
nale. steriori, verificate che i punti
Posizionate correttamente le cin- di fissaggio siano liberi
ture. (parti del corpo, animali,
Per motivi di sicurezza, ef- Rimettete gli appoggiatesta. ghiaia, stracci, giocattoli...).
fettuate queste operazioni a
veicolo fermo.

3.27
SEDILE UNICO POSTERIORE (2/2)

Per reclinare Condizioni di utilizzo Limitazione dell’utilizzo


automaticamente gli – Veicolo fermo; È vietato viaggiare con uno schienale
schienali (posizione pianale – sportello del bagagliaio aperto; o un sedile ribaltato sui sedili ante-
piatto) – cinture posteriori sganciate. riori quando un passeggero occupa un
posto posteriore.
Dal bagagliaio, tirando il comando 3, Anomalia di funzionamento
potete sbloccare automaticamente gli
Se tutte le condizioni di utilizzo sono
schienali del sedile unico posteriore al
soddisfatte, ma il ribaltamento non è
fine di ottenere un pianale piatto.
possibile, contattate la Rete del mar-
chio.

Quando spostate i sedili po-


steriori, verificate che i punti
di fissaggio siano liberi
(parti del corpo, animali,
ghiaia, stracci, giocattoli...). Per motivi di sicurezza, ef-
fettuate queste operazioni a
veicolo fermo.

3.28
BAGAGLIAIO
2

Apertura Apertura manuale dall’interno


Premete il pulsante 1 e sollevate lo Qualora il bagagliaio non si apra, è pos-
sportello del bagagliaio. sibile sbloccarlo manualmente dall’in-
terno:
Chiusura – potete accedere al bagagliaio ri-
baltando il o gli schienali del sedile
Abbassate lo sportello del bagagliaio unico posteriore;
aiutandovi inizialmente con le maniglie
interne 2. – inserite una matita, o un oggetto
simile, nella cavità 3 e fate scivolare
l’insieme come indicato nel disegno;
– spingete lo sportello del bagagliaio
per aprirlo.

3.29
COPRIBAGAGLI

3
2 4
1

5 5
A
2
4

Per avvolgere la parte Rimontaggio del copribagagli


flessibile del copribagagli Posizionate il lato 3 del copribagagli in
Tirare quindi sollevare la maniglia 1 con sede, premete il lato 3 e posizionate il
delicatezza. lato opposto in sede.
Accompagnate il movimento di avvolgi-
mento del copribagagli 2. Riporre il copribagagli
Versione senza ruota di scorta
Distacco del copribagagli Sollevate il contropianale 4, posizio-
nate l’avvolgitore del copribagagli 2.
Premere la parte laterale 3 del copriba- Fissatelo con gli elastici 5 situati su Non collocate oggetti pe-
gagli 2 (movimento A), rilasciare il lato ciascun lato del bagagliaio. santi o duri sul copribagagli.
opposto dal relativo alloggiamento e In caso di frenata brusca o
sollevare, quindi rimuovere tutta la co- d’incidente potrebbero met-
pertura. tere a rischio l’incolumità degli occu-
panti del veicolo.

3.30
VANI PORTAOGGETTI DEL BAGAGLIAIO (1/2)

1 2 3
1
A
B 1

Pianale amovibile 1 Posizione intermedia Posizione di carico


(a seconda del veicolo) Permette di dividere il bagagliaio in due Permette di aumentare il volume di
È composto da due parti, A e B, indi- spazi distinti. carico del bagagliaio.
pendenti e reversibili. Il lato liscia per- – Togliete la parte B del pianale amovi- – Rimuovere la parte B, quindi la
mette una pulizia agevole. bile ; parte A del pianale amovibile 1;
Posizione pianale unico – Posizionatela nel bagagliaio aiutan- – posizionare la parte A nel bagagliaio
dovi, per orientarlo, con le guide 2. sotto i supporti 3, quindi la parte B.
Permette, ribaltando lo schienale del
sedile unico posteriore, di ottenere un
pianale unico.
Il pianale amovibile è posizionato sui
supporti 3.

Carico ammesso sul pianale amovi-


bile in posizione pianale piatto:
50 kg uniformemente ripartiti.

3.31
VANI PORTAOGGETTI DEL BAGAGLIAIO (2/2)

Gancio portaborse 4 Ganci di fissaggio


Massa massima per gancio: 5 kg. Punti di fissaggio 5

Se il vostro veicolo non è dotato di


ganci di fissaggio, potete procurar-
veli presso la Rete del marchio.

3.32
TRASPORTO DI OGGETTI NEL BAGAGLIAIO
Mettete sempre gli oggetti da traspor-
tare in modo che il loro lato più grande
sia appoggiato contro:

– Lo schienale del sedile posteriore, in


caso di carico normale (caso A). A

– Gli schienali dei sedili anteriori con gli


schienali posteriori ribaltati con il pia- B
nale amovibile in posizione pianale
unico (caso B).

Appoggiate sempre gli og-


– Gli schienali dei sedili anteriori con gli getti più pesanti a contatto
schienali posteriori ribaltati, con il pia- C diretto contro il pianale.
nale amovibile in posizione ripiegata Utilizzate, se il veicolo ne è
in caso di carico massimo (caso C). equipaggiato, i punti di aggancio 1
situati sul pianale del bagagliaio.
Il carico deve essere sistemato in
modo tale da non mettere a repen-
Se dovete appoggiare degli oggetti sullo taglio l’incolumità degli occupanti
schienale ribaltato, è obbligatorio to- del veicolo in caso di frenata brusca.
gliere gli appoggiatesta prima di ribaltare Allacciate le cinture di sicurezza dei
lo schienale in modo da posizionarlo il posti posteriori anche in assenza di
più possibile contro il sedile. passeggeri.

3.33
TRASPORTO DI OGGETTI: sistema di traino

Soglia massima A: 1.029 mm.

Carico ammesso sul punto di


traino, massa massima. rimor-
chio con freni e senza freni: con-
sultate il paragrafo «Masse» del ca-
pitolo 6.

Scelta e montaggio del sistema


di traino
Massa massima del sistema di
traino: 32 kg
Rimuovere il gancio di traino in caso
Per il montaggio e le condizioni di di non utilizzo se questo copre la
utilizzo, consultate le istruzioni di targa e la luce fendinebbia poste-
montaggio dell’equipaggiamento. riore del veicolo.
Si consiglia di tenere questo libretto
In ogni caso, rispettate le disposi-
con gli altri documenti di bordo.
zioni legali vigenti.

3.34
RETE DI SEPARAZIONE DEI BAGAGLI (1/2)
1
A

2 3
B 5
4

A seconda della versione del veicolo, Montaggio della rete di – fissate i due ganci 5 delle cinghie
è utile quando vengono trasportati ani- separazione dietro i sedili della rete 3 sugli ancoraggi 4 posi-
mali o bagagli per isolarli dalla parte dei zionati sotto il tappetino;
passeggeri.
anteriori
– regolate la cinghia 3 della rete in
Nell’abitacolo, da entrambi i lati:
Può essere posizionata: modo che sia ben tesa.
– sollevate la protezione 1 per acce-
– dietro ai sedili posteriori A;
dere ai punti di ancoraggio che ser-
– dietro ai sedili anteriori B. vono da fissaggio superiore della
rete;
– inserite il tirante superiore della
rete 2 nei punti di ancoraggio;

La rete di separazione dei Non posizionate la rete di


bagagli è predisposta per separazione dei bagagli in
trattenere una massa mas- questa posizione quando
sima di 10 kg. un passeggero occupa il
Rischio di lesioni. sedile posteriore.

3.35
RETE DI SEPARAZIONE DEI BAGAGLI (2/2)

7
6
6

10
8

Montaggio della rete di – fissate il gancio 9 della cinghia della


separazione dietro i sedili rete negli ancoraggi 10;
posteriori – regolate la cinghia 8 della rete in
modo che sia ben tesa; Gli schienali
Nell’abitacolo, da entrambi i lati:
dei sedili non devono toccare la rete
– sollevate la protezione 6 per acce- di separazione.
dere alla guida che serve da fissag-
gio superiore della rete;
– inserite il tirante superiore 7 della
rete nella guida;

3.36
BARRE DEL TETTO (1/2)
1 3

Accesso ai punti di fissaggio Veicoli non equipaggiati di barre del


tetto longitudinali
Veicoli equipaggiati di barre del Aprite le porte, per accedere agli inserti
tetto longitudinali di fissaggio 3.
Gli inserti di fissaggio 2 sono situati
sulle barre del tetto longitudinali 1.

Quando le barre del tetto


originali, ed omologate dai
nostri Servizi Tecnici, ven-
gono fornite con delle viti,
utilizzate esclusivamente queste
ultime per fissare le barre tetto sul
veicolo.

3.37
BARRE DEL TETTO (2/2)/SPOILER
Precauzioni d’uso
Manipolazione dello sportello del ba- A
gagliaio
Prima di manipolare lo sportello del ba-
gagliaio, verificate gli oggetti e/o ac-
cessori (portabiciclette, bagagliaio del
tetto...) montati sui portapacchi: devono
essere correttamente disposti e fissati,
e il loro ingombro non deve impedire il
corretto funzionamento dello sportello
del bagagliaio.

Spoiler A

Per la scelta dell’equipaggiamento


adatto al vostro veicolo, vi consi-
gliamo di rivolgervi alla Rete del
marchio.
Per il montaggio delle barre e le
condizioni di utilizzo, consultate le
istruzioni di montaggio dell’equipag-
giamento.
Si consiglia di tenere questo libretto
con gli altri documenti di bordo.
Carico ammesso sul portabaga-
È vietato montare oggetti
gli del tetto: consultate il paragrafo
e/o accessori (portabici,
«Masse» del capitolo 6.
ecc.) che appoggiano sullo
spoiler.

3.38
EQUIPAGGIAMENTO MULTIMEDIALE

1
4

Sistemi multimediali Comando integrato del


1 Touch screen multimediale; telefono viva voce
2 Prese multimediali; Per i veicoli che ne sono provvisti, utiliz-
3 Comandi al volante; zate i comandi del volante 4.
4 Comandi al volante;
5 Microfono.

Utilizzo del telefono


Vi ricordiamo la necessità
di rispettare le normative vi-
genti che regolano l’utilizzo
Consultate il libretto dell’equipag- di queste apparecchiature.
giamento per conoscerne il funzio-
namento.

3.39
3.40
Capitolo 4: Manutenzione

Cofano Motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2


Livello olio motore: generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4
Livello olio motore: rabbocco, riempimento olio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.5
Sostituzione olio motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7
Livelli:. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.8
liquido di raffreddamento motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.8
liquido dei freni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9
serbatoio lavavetri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.10
Filtri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.10
La pressione degli pneumatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11
Batteria: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13
Manutenzione della carrozzeria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.15
Manutenzione dei rivestimenti interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.18
4.1
COFANO MOTORE (1/2)

2
5

1
3

Per aprire, tirate il comando 1. Sbloccaggio di sicurezza del Apertura del cofano
cofano Sollevate il cofano, sganciate l’asta di
Per aprire, sollevate leggermente il sostegno 4 dal fissaggio 5 e, per si-
cofano, poi tirate la levetta 2 situata al curezza, inseritela tassativamente in
centro del cofano. sede 3.

Quando si interviene in
prossimità del motore,
quest’ultimo potrebbe
essere caldo. Inoltre, l’elet-
Prima di qualsiasi inter- Quando si interviene nel troventola può azionarsi in ogni
vento nel vano motore, di-
sinserite tassativamente il
cofano motore, assicuratevi
che la levetta dei tergivetri
momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
contatto (consultate il para- sia in posizione di arresto. tale condizione.
grafo «Avviamento, spegnimento del Rischio di lesioni
motore» del capitolo 2). Rischio di lesioni

4.2
COFANO MOTORE (2/2)

Dopo ogni intervento nel


vano motore, accertatevi
di non dimenticare nulla
(stracci, attrezzi, ecc.)
In effetti questi possono danneg-
giare il motore o provocare un in-
cendio.
Chiusura del cofano motore
Prima di chiuderlo, accertatevi di non
aver dimenticato nulla nel vano motore.
Per richiudere il cofano, riposizionate Assicuratevi che il cofano
l’asta di sostegno 4 nel fissaggio 5. sia correttamente bloccato.
Afferrate il cofano al centro e accom- Assicuratevi che nulla im-
pagnatelo fino a 30 cm dalla posizione pedisca l’aggancio del bloc-
chiusa, quindi lasciatelo andare. Si caggio (ghiaia, stracci…).
chiude da solo sotto l’effetto del suo
stesso peso.

In caso di urto, anche leg-


gero contro la calandra o
il cofano, fate controllare
quanto prima il sistema di
bloccaggio del cofano dalla Rete
del marchio.

4.3
LIVELLO DELL’OLIO MOTORE: informazioni generali
Un motore consuma normalmente un – Estraete l’asta e asciugatela con uno
po’ d’olio per la lubrificazione ed il raf-
B straccio pulito e che non lasci pe-
freddamento degli organi in movimento A lucchi;
ed è normale rabboccare il circuito lu- – inserite l’asta fino in fondo, (per i vei-
brificante tra due sostituzioni d’olio. coli equipaggiati con “tappo-asta” C,
Tuttavia, se dopo il periodo di rodag- avvitate completamente il tappo);
gio, il consumo d’olio fosse superiore a – estraete nuovamente l’asta;
0,5 litri ogni 1.000 km, rivolgetevi ad un C – controllate il livello: non deve mai
Rappresentante del marchio. B scendere al di sotto del livello
Periodicità: controllate periodica- «mini» A né oltrepassare il livello
mente il livello dell’olio e in ogni «maxi» B.
caso prima di lunghi viaggi, altri- A Una volta letto il livello, inserite a fondo
menti rischiate di danneggiare il l’asta o avvitate completamente il
motore del vostro veicolo. tappo-asta.

Controllo del livello dell’olio


Il controllo del livello dell’olio deve
esser effettuato con il veicolo in piano
e a motore freddo.
Per conoscere il livello dell’olio in
Per evitare schizzi, vi consigliamo di maniera esatta e accertarsi che non
utilizzare un imbuto al momento del sia stato oltrepassato il livello mas- Superamento del livello
rabbocco/riempimento dell’olio. simo (rischio di danneggiamento del massimo dell’olio motore
motore), è tassativo utilizzare l’asta.
Non si deve in nessun caso
Consultate le seguenti pagine.
superare il livello massimo
Il display sul quadro della strumenta-
di riempimento B: rischio di danneg-
zione avverte solamente quando il li-
Prima di qualsiasi inter- giamento del motore e del cataliz-
vello dell’olio è al minimo.
vento nel vano motore, di- zatore.
sinserite tassativamente il Se il livello massimo è superato,
contatto (consultate il para- non avviate il veicolo e rivolgetevi
grafo «Avviamento, spegnimento del alla Rete del marchio.
motore» del capitolo 2).

4.4
LIVELLO DELL’OLIO MOTORE: rabbocco, riempimento (1/3)

1
1

2 2

Rabbocco/riempimento olio – Svitate il tappo 1;


Il veicolo deve trovarsi su superficie – ripristinate il livello (approssimati-
orizzontale, a motore spento e freddo vamente la quantità da aggiungere
(ad esempio: prima del primo avvia- per passare da «mini» a «maxi» del-
mento della giornata): l’asta 2 è compresa tra 1,5 e 2 litri, a
seconda del motore);
– attendete 10 minuti circa per permet-
tere all’olio di rifluire nel circuito; Per evitare schizzi, vi consigliamo di
utilizzare un imbuto al momento del
– verificate il livello tramite l’astina 2
rabbocco/riempimento dell’olio.
(come spiegato in precedenza).
Prima di qualsiasi inter- Una volta letto il livello, inserite a fondo
vento nel vano motore, di- l’asta o avvitate completamente il
sinserite tassativamente il tappo-asta.
contatto (consultate il para-
grafo «Avviamento, spegnimento del Non superate il livello «maxi» e non
motore» del capitolo 2). dimenticate di rimettere il tappo 1 e
l’asta 2.

4.5
LIVELLO DELL’OLIO MOTORE: rabbocco, riempimento (2/3)

1 1

2 2
2
1

Prima di qualsiasi inter-


vento nel vano motore, di-
sinserite tassativamente il
Per evitare schizzi, vi consigliamo di contatto (consultate il para-
Non superate il livello «maxi» e non utilizzare un imbuto al momento del grafo «Avviamento, spegnimento del
dimenticate di rimettere il tappo 1 e rabbocco/riempimento dell’olio. motore» del capitolo 2).
l’asta 2.

4.6
LIVELLO DELL’OLIO MOTORE: rabbocco, riempimento (3/3)/SOSTITUZIONE DELL’OLIO
Sostituzione olio motore Qualità dell’olio motore
Periodicità: consultate il libretto di ma- Consultate il documento di manuten-
nutenzione del vostro veicolo. zione del vostro veicolo.

Quantità per sostituzione olio


Consultate il documento di manuten-
zione del vostro veicolo o rivolgetevi Riempimento: quando
alla Rete del marchio. In caso di diminuzione anormale rabboccate l’olio fate at-
Verificate sempre il livello dell’olio e ripetuta del livello, consultate la tenzione a non far cadere
motore mediante un’astina come spie- Rete del marchio. gocce d’olio sulle parti del
gato in precedenza (non deve mai motore rischiando di provocare un
essere al di sotto del livello MINI, né al incendio. Non dimenticate di richiu-
di sopra del livello MAXI dell’astina). dere correttamente il tappo, altri-
Quando si interviene nel
cofano motore, assicuratevi menti si rischia di provocare un in-
che la levetta dei tergivetri cendio a causa degli schizzi d’olio
sia in posizione di arresto. sulle parti calde del motore.
Rischio di lesioni

Non fate girare il motore in


Superamento del livello un luogo chiuso: i gas di
massimo dell’olio motore Quando si interviene in scarico sono tossici.
Non si deve in nessun caso prossimità del motore,
superare il livello massimo quest’ultimo potrebbe
di riempimento: rischio di danneg- essere caldo. Inoltre, l’elet-
giamento del motore e del cataliz- troventola può azionarsi in ogni
zatore.
Se il livello massimo è superato, momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
Sostituzione dell’olio: se
si sostituisce l’olio a motore
non avviate il veicolo e rivolgetevi
alla Rete del marchio. tale condizione. caldo, fare attenzione ai
rischi di ustioni a causa del
Rischio di lesioni
riflusso dell’olio.

4.7
LIVELLI (1/3)
Completate tale livello a freddo prima Periodicità di sostituzione
che arrivi al riferimento «MINI». Consultate il documento di manuten-
Periodicità di controllo del livello zione del vostro veicolo.
1 Verificate regolarmente il livello del
liquido di raffreddamento (il motore
potrebbe subire gravi danni in caso
di mancanza di liquido di raffredda-
mento).
Se è necessaria un’aggiunta, utilizzate
solamente prodotti omologati dai nostri
Servizi Tecnici, che vi assicurano:
– la protezione antigelo;
– una protezione anticorrosione del
circuito di raffreddamento.
Liquido di raffreddamento

A motore spento su superficie orizzon-
tale, il livello a freddo deve posizionarsi
tra i riferimenti «MINI» e «MAXI» indi-
cati sul serbatoio 1. In caso di diminuzione anormale
e ripetuta del livello, consultate la
Rete del marchio.

Quando si interviene nel Prima di qualsiasi inter- Nessun intervento sull’im-


cofano motore, assicuratevi vento nel vano motore, di- pianto di raffreddamento
che la levetta dei tergivetri sinserite tassativamente il deve essere effettuato a
sia in posizione di arresto. contatto (consultate il pa- motore caldo.
Rischio di lesioni ragrafo «Avviamento, spegnimento Pericolo di ustioni.
del motore» del capitolo 2).

4.8
LIVELLI (2/3)
Livello 2
Normalmente, il livello cala di pari
passo con l’usura delle pastiglie, ma
non deve comunque mai scendere al
2 di sotto della soglia di allarme «MINI».
Se si desidera verificare direttamente lo
stato di usura dei dischi e delle pasti-
glie, procurarsi il documento che illustra
il metodo di controllo disponibile presso
la Rete o sul sito Internet del costrut-
tore.

Riempimento
Ogni intervento sul circuito idraulico
comporta la sostituzione del liquido ad
opera di un tecnico specializzato.
Liquido dei freni  Utilizzate esclusivamente un liquido
omologato dai nostri Servizi Tecnici
Il controllo del livello si esegue a motore
fermo e su superficie orizzontale. (prelevato da una confezione nuova).
Deve essere controllato spesso e co- Periodicità di sostituzione
munque ogni volta che si avverte una
variazione anche minima nell’efficacia Consultate il documento di manuten-
zione del vostro veicolo. Quando si interviene in
dell’impianto frenante. prossimità del motore,
quest’ultimo potrebbe
essere caldo. Inoltre, l’elet-
troventola può azionarsi in ogni
momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
In caso di diminuzione anormale tale condizione.
e ripetuta del livello, consultate la Rischio di lesioni
Rete del marchio.

4.9
LIVELLI (3/3)/FILTRI
Filtri
La sostituzione degli elementi filtranti
(filtro aria, filtro abitacolo, filtro gaso-
lio...) è prevista dal programma di ma-
nutenzione del vostro veicolo.
4 Periodicità di sostituzione degli ele-
3 menti filtranti: consultate il libretto di
manutenzione del veicolo.

Prima di qualsiasi inter-


vento nel vano motore, di-
Serbatoio lavavetri Controllo del livello sinserite tassativamente il
Utilizzate il «tappo-pipetta». Per farlo, contatto (consultate il pa-
Riempimento chiudere il foro 4 con il dito, estrarre il ragrafo «Avviamento, spegnimento
A motore spento, aprite il tappo 3. tappo e leggere il contenuto sull’asta in- del motore» del capitolo 2).
Riempite fino a vedere il liquido poi ri- tegrata nel tappo.
mettete il tappo.
Nota: verificate regolarmente il livello
Liquido del serbatoio, effettuando un rabbocco
Prodotto lavavetro (prodotto antigelo in di liquido prima di compiere un per- Quando si interviene in
inverno). corso. prossimità del motore,
quest’ultimo potrebbe
Spruzzatori essere caldo. Inoltre, l’elet-
Quando si interviene nel troventola può azionarsi in ogni
Per regolare l’altezza degli ugelli dei la-
cofano motore, assicuratevi
che la levetta dei tergivetri
vavetri del parabrezza, rivolgetevi alla
Rete del marchio.
momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
sia in posizione di arresto. tale condizione.
Rischio di lesioni Rischio di lesioni

4.10
PRESSIONE DI GONFIAGGIO DEGLI PNEUMATICI (1/2)
E: pressione dei pneumatici anteriori.
F: pressione dei pneumatici posteriori.
A G: pressione di gonfiaggio della ruota
di scorta.
A
B Veicolo dotato di sistema di
controllo della pressione degli
C E F pneumatici
C E F In caso di perdita di pressione (fora-
tura, pressione insufficiente, ecc.), sul
D E F quadro della strumentazione si ac-
G cende la spia  . Consultate il pa-
ragrafo «Sistema di controllo della pres-
sione degli pneumatici» del capitolo 2.
Etichetta A B : dimensione dei pneumatici montati
sul veicolo.
Per leggerla aprite la porta conducente.
C: velocità di guida prevista.
La pressione di gonfiaggio deve essere
controllata su pneumatici freddi. D : pressione consigliata per ottimiz-
zare il consumo di carburante.
Se la verifica della pressione non può
essere effettuata su pneumatici freddi, Nota: il comfort di guida può subire
occorre aumentare le pressioni indicate alterazioni.
di 0,2 - 0,3 bar (o 3 PSI). Non bisogna
mai sgonfiare un pneumatico caldo.

4.11
PRESSIONI DI GONFIAGGIO DEGLI PNEUMATICI (2/2)
Particolarità dei veicoli utilizzati a
pieno carico (Massa Max. Ammessa a
pieno carico) e con traino di rimor-
chio: la velocità massima non deve
essere superiore a 100 km/h e la pres-
sione dei pneumatici deve essere au-
mentata di 0,2 bar.
Consultate il paragrafo «Masse» del
capitolo 6.
Sicurezza pneumatici e montaggio Per la vostra sicurezza e il
delle catene: Consultate il paragrafo rispetto della legislazione
«Pneumatici» del capitolo 5 per conos- vigente.
cere le operazioni di manutenzione e, Quando si rende necessa-
a seconda delle versioni, le condizioni ria la sostituzione, bisogna mon-
di montaggio delle catene del veicolo. tare sullo stesso asse del veicolo
soltanto pneumatici della stessa
marca, dimensioni, tipo e struttura.
Essi devono: avere una capacità
di carico e una capacità di velo-
cità almeno identica alle pneu-
matici di origine, o corrispondere
a quelli consigliati dalla rete del
marchio.
L’inosservanza di queste istruzioni
può compromettere la sicurezza e
la conformità del veicolo.
Rischio di perdita di controllo del
veicolo.

4.12
BATTERIA (1/2)
A seconda della versione del veicolo,
un sistema verifica in continuazione
lo stato di carica della batteria. Se la
carica scende, il messaggio «Batteria
1 debole avviare motore» compare sul
quadro della strumentazione. In tal
caso, avviate il motore. Il messaggio
scompare.
Lo stato di carica della batteria può di-
minuire soprattutto se utilizzate il vei-
colo:
– su brevi percorsi;
– nella guida in città;
– quando la temperatura diminuisce; Prima di qualsiasi inter-
vento nel vano motore, di-
La batteria 1 non richiede manuten- – dopo un utilizzo prolungato di utenze sinserite tassativamente il
zione. Non deve essere aperta o non elettriche (autoradio, ecc.) a motore contatto (consultate il para-
si deve aggiungere un liquido. spento. grafo «Avviamento, spegnimento del
motore» del capitolo 2).
Maneggiate con cura la bat-
teria, in quanto contiene
acido solforico che non
deve entrare in contatto con Quando si interviene in
gli occhi o la pelle. Nel caso in cui prossimità del motore,
ciò avvenga, sciacquate abbondan- quest’ultimo potrebbe
temente con acqua. Se necessario, essere caldo. Inoltre, l’elet-
consultate un medico. troventola può azionarsi in ogni
Mantenete fiamme vive, corpi in-
candescenti e sorgenti di scintille
momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
lontani dagli elementi della batteria: tale condizione.
rischio di esplosione.
Rischio di lesioni

4.13
BATTERIA (2/2)
A Sostituzione della batteria
2 3 4 Data la complessità di tale opera-
zione, vi consigliamo di rivolgervi ad un
Rappresentante del marchio.

7 6 5

Etichetta A
Rispettate le indicazioni presenti sulla
batteria:
– 2 Divieto di fiamme libere e di
fumare;
– 3 protezione obbligatoria degli occhi;
– 4 tenere lontano dalla portata
dei bambini;
– 5 sostanze esplosive;
– 6 consultare il libretto di istruzioni;
– 7 sostanze corrosive.

Siccome la batteria è spe-


cifica, abbiate cura di sosti-
tuirla con una di tipo equi-
valente. Consultate la Rete
del marchio.

4.14
MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA (1/3)
Se sottoposto a corretta manuten- Ciò che è necessario fare Rispettate le normative locali in mate-
zione, il veicolo può durare più a lungo. ria di lavaggio dei veicoli (ad es.: non
Si consiglia pertanto di curare regolar- Lavate frequentemente il vostro vei- lavare il veicolo in strada).
mente la manutenzione dell’esterno del colo, a motore spento, con shampoo
selezionati dai nostri servizi tecnici (mai Tenetevi a distanza dagli altri veicoli
veicolo. quando si guida su strada con ghiaia,
con prodotti abrasivi) e risciacquando
Il vostro veicolo usufruisce delle tec- abbondantemente con un getto d’ac- per evitare di danneggiare la vostra
niche anticorrosione più avanzate. qua: carrozzeria.
Ciononostante, esso subisce l’azione – la resina caduta dagli alberi o le so- Effettuate o fate effettuare rapidamente
di vari fattori. stanze industriali; dei ritocchi in caso di danni alla vernice
– il fango, che forma masse umide della carrozzeria in modo da evitare la
Agenti atmosferici corrosivi. sotto i passaruota e il sottoscocca;
– inquinamento atmosferico (zone propagazione della corrosione.
– il guano degli uccelli che, produ-
urbane e industriali), cendo una reazione chimica con la Se il vostro veicolo beneficia della ga-
– salinità dell’atmosfera (zone di mare, vernice, provoca una rapida azione ranzia anticorrosione, non dimenti-
soprattutto nei mesi caldi), scolorante che può persino cau- cate di effettuare i controlli periodici.
– condizioni climatiche stagionali sare il distacco della vernice. Consultate il libretto di manutenzione.
e igrometriche (sale sparso sulle È indispensabile togliere immedia- Se si è resa necessaria la pulizia degli
strade d’inverno, acqua di lavaggio tamente queste macchie, in quanto elementi meccanici, cerniere... È ne-
delle strade, ecc.). dopo qualche tempo neanche luci- cessario proteggerli nuovamente me-
dando la carrozzeria si riuscirebbe diante l’applicazione di prodotti omolo-
Incidenti di guida ad eliminarle; gati dai nostri Servizi Tecnici.
Azioni abrasive – il sale, soprattutto nei passaruota
Pulviscolo atmosferico, sabbia, fango, e nel sottoscocca, dopo aver gui-
ghiaia fatta schizzare da altri veicoli... dato su strade sulle quali sono state
sparse sostanze antigelo.
È necessario che prendiate alcune pre-
cauzioni contro questi fattori di rischio. Rimuovete regolarmente i vegetali
caduti (resina, foglie...) dal veicolo.

Abbiamo selezionato prodotti speci-


fici per la manutenzione che potete
trovare nei punti vendita del mar-
chio.

4.15
MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA (2/3)
Ciò che non bisogna fare
Lavare il veicolo sotto il sole o a basse Eliminare le tracce d’olio
temperature. o pulire utilizzando appa-
recchiature di lavaggio
Raschiare il fango o la sporcizia senza ad alta pressione o me-
prima ammorbidirli con acqua. diante l’applicazione di
Far accumulare lo sporco all’esterno. prodotti non omologati
Lasciare che si formi la ruggine sulle dai nostri servizi tecnici:
parti danneggiate della carrozzeria. – elementi meccanici (per es.: il vano
motore);
Sciogliere le macchie con solventi non – sottoscocca;
approvati dai nostri tecnici, che pos- – pezzi con cerniere (per es.: interno
sono danneggiare le vernici. delle porte);
Circolare nella neve o nel fango senza – parti esterne in plastica verniciate
lavare il veicolo, particolarmente i pas- (per es.: paraurti).
saruota e il sottoscocca. Potrebbero provocare ossidazione o
cattivo funzionamento.

4.16
MANUTENZIONE DELLA CARROZZERIA (3/3)
Particolarità dei veicoli con Passaggio sotto un Pulizia dei fari
vernice opaca autolavaggio automatico Poiché i fari sono equipaggiati con “ve-
Questo tipo di vernice richiede alcune Portate la levetta dei tergivetri in posi- trini” in plastica, utilizzate un panno
precauzioni. zione di Arresto (consultate il paragrafo morbido o un batuffolo di cotone. Se
“Tergivetro, lavavetro anteriore” del ca- non fosse sufficiente, imbevetelo leg-
Ciò che è necessario fare pitolo 1). Controllate il fissaggio di equi- germente di acqua saponata, poi ri-
paggiamenti esterni, fari addizionali, re- sciacquate con un panno morbido o
Lavare il veicolo a mano, con acqua
trovisori e fate attenzione a fissare con cotone.
abbondante, utilizzando un panno mor-
un adesivo le spazzole del tergivetro. Terminate l’operazione asciugando de-
bido o una spugna.
licatamente con un panno morbido ed
Staccate l’antenna dell’autoradio (ove asciutto.
Ciò che non bisogna fare presente).
Utilizzare prodotti a base di cera (luci- Non utilizzare detergenti a base
Togliete l’adesivo e rimettete l’antenna di alcool o attrezzi (per es.: un ra-
datura). una volta terminato il lavaggio.
Strofinare energicamente. schietto).
Utilizzare un autolavaggio automatico.
Applicare autoadesivi sulle superfici
verniciate (potrebbero restare segni).

Lavare il veicolo con


un’apparecchiatura di
pulitura ad alta pres-
sione.

4.17
MANUTENZIONE DEI RIVESTIMENTI INTERNI (1/2)
Se sottoposto a corretta manutenzione, Vetri della strumentazione Tessuti (sedili, rivestimenti
il veicolo può durare più a lungo. Si con- (ad es.: quadro della strumentazione, delle porte...)
siglia pertanto di curare regolarmente orologio, display temperatura esterna,
la manutezione dell’interno del veicolo. display autoradio…) Spolverate regolarmente i tessuti.
Ogni macchia deve essere trattata ra- Utilizzate un panno morbido di cotone. Macchie liquide
pidamente. Se fosse insufficiente, utilizzare un
Utilizzate acqua saponata.
Qualunque sia la natura della mac- panno morbido (o un batuffolo di
chia, utilizzate acqua saponata fredda cotone) leggermente imbevuto di Assorbite o tamponate leggermente
(eventualmente tiepida) a base di acqua saponata poi risciacquare con (senza strofinare) con un panno mor-
sapone naturale. un panno morbido o del cotone inumi- bido, quindi sciacquate e assorbite il li-
dito. quido residuo.
È vietato utilizzare detergenti (deter- Terminate l’operazione asciugando de-
sivo liquido per stoviglie, detersivo licatamente con un panno morbido ed Macchie solide o di consistenza
in polvere, prodotti a base di alcool). asciutto. pastosa
Usate un panno morbido. Non utilizzare prodotti a base di Rimuovete immediatamente e delica-
Sciacquate e assorbite la parte in ec- alcool e/o polverizzazione fluidi tamente l’eccesso di materiale solido o
cesso. sull’area. pastoso con una spatola (agendo dai
bordi verso il centro, onde evitare di
espandere la macchia).
Cinture di sicurezza Pulite come indicato per le macchie li-
Devono essere mantenute sempre quide.
pulite.
Utilizzate i prodotti selezionati dai nostri Procedura particolare per caramelle,
servizi tecnici (Boutique del marchio) gomme da masticare
oppure acqua saponata tiepida strofi- Applicate un cubetto di ghiaccio sulla
nando con una spugna e asciugando macchia per cristallizzarla, quindi pro-
con un panno asciutto. cedete come indicato per le macchie
Non utilizzare detersivi o prodotti solide.
chimici.

Per qualsiasi consiglio di manuten-


zione dell’interno e/o in caso di ri-
sultato non soddisfacente, rivolge-
tevi alla Rete del marchio.

4.18
MANUTENZIONE DEI RIVESTIMENTI INTERNI (2/2)
Smontaggio/rimontaggio Ciò che non bisogna fare
degli equipaggiamenti Posizionare oggetti a livello degli aera-
amovibili montati d’origine tori quali deodoranti, profumi, ecc. po-
nel veicolo trebbe danneggiare il rivestimento del
cruscotto.
Se per effettuare la pulizia dell’abitacolo
dovete rimuovere degli equipaggia-
menti d’origine (ad esempio i sovratap-
peti), fate sempre attenzione a reinstal- L’impiego all’interno
larli correttamente e sul lato giusto (il dell’abitacolo di un’ap-
sovratappeto conducente deve essere parecchiatura di pulitura
rimontato sul lato conducente...) e a fis- ad alta pressione o di
sarli utilizzando gli elementi forniti con nebulizzazione:
l’equipaggiamento stesso (ad esem- senza le dovute precauzioni ciò può
pio, il sovratappeto conducente deve danneggiare, tra l’altro, i componenti
essere sempre tenuto in posizione con elettrici o elettronici del veicolo.
gli elementi di fissaggio preinstallati).
In tutti i casi, a veicolo fermo verificate
che nulla possa disturbare la guida (os-
tacolo all’azione sui pedali, tacco della
scarpa che si incastra sul sovratappeto
ecc.).

4.19
4.20
Capitolo 5: Consigli pratici

Foratura/ruota di scorta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2


Kit di gonfiaggio degli pneumatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.4
Gli attrezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.7
Coppa ruota - ruota . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.8
Sostituzione della ruota . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.9
Pneumatici (sicurezza degli pneumatici, ruote, utilizzo invernale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.11
Fari (sostituzione delle lampadine) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.14
Luci posteriori e laterali (sostituzione delle lampadine) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.17
Illuminazione interna (sostituzione delle lampadine) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.20
Carta RENAULT: pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.22
Telecomando a radiofrequenza: pile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.23
Fusibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.24
Batteria: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.27
Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.29
Tergivetro (sostituzione della spazzola). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.30
Rimorchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.32
Anomalie di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.34
5.1
FORATURA, RUOTA DI SCORTA (1/2)
In caso di foratura
A seconda del veicolo, disponete di una
ruota di scorta o di un kit di gonfiaggio
degli pneumatici (consultate le pagine
seguenti).

Particolarità
La funzione «sistema di sorveglianza
della pressione dei pneumatici» non
permette di controllare la ruota di scorta
(la ruota sostituita dalla ruota di scorta
scompare dal display sul quadro della
strumentazione).
Consultate il paragrafo «Sistema di
controllo della pressione degli pneuma- Se la ruota di scorta è rimasta inutilizzata per diversi anni, fatela control-
tici» del capitolo 2. lare da un gommista.

Veicolo dotato di ruota di scorta di dimensione inferiore alle altre


quattro ruote:
– Non montate mai più di una ruota di scorta sullo stesso veicolo.
– Dato che la ruota forata è più larga di quella di scorta, l’altezza da terra del vei-
colo diminuisce.
– Sostituite al più presto la ruota di scorta con una ruota delle stesse dimensioni
di quella originale.
– Durante l’utilizzo, che deve essere temporaneo, la velocità di marcia non deve
superare la velocità indicata sull’etichetta situata sulla ruota.
– Il montaggio di questa ruota può modificare il comportamento abituale del
vostro veicolo. Evitate le accelerazioni o le decelerazioni brusche e riducete la
velocità in curva.
– Se dovete utilizzare delle catene da neve, montate la ruota di scorta sull’asse
posteriore e verificate le pressioni di gonfiaggio.

5.2
FORATURA, RUOTA DI SCORTA (2/2)

Ruota di scorta A
Per accedervi:
– aprite il portellone;
– a seconda del veicolo, sollevate il
pianale amovibile;
– sollevate il tappetino del bagagliaio;
– togliete la cassetta degli attrezzi sol-
levandola dalle relative maniglie; In caso di stazionamento
– svitate il fissaggio centrale; a lato della carreggiata,
– togliete la ruota di scorta. dovete avvisare gli altri
utenti della strada della
Nota: posizionate la ruota forata presenza del vostro veicolo posi-
nell’apposita busta fornita con la cas- zionando un triangolo di presegna-
setta degli attrezzi e mettetela nel ba- lazione o altri dispositivi prescritti
gagliaio. dalle normative vigenti nel Paese in
cui vi trovate.

5.3
KIT DI GONFIAGGIO DEI PNEUMATICI (1/3)

Non utilizzate il kit di gon- Il kit è omologato solo per


B fiaggio se il pneumatico è gonfiare i pneumatici del
danneggiato in seguito a veicolo equipaggiato d’ori-
guida con un pneumatico gine con questo kit.
forato. Non deve in nessun caso essere
A Controllate quindi con cura i fianchi utilizzato per gonfiare i pneumatici
dei pneumatici prima di qualsiasi in- di un altro veicolo o qualsiasi altro
tervento. oggetto pneumatico (salvagenti,
Viaggiare con pneumatici parzial- materassini gonfiabili...).
mente o completamente sgonfi (o Durante l’utilizzo della bomboletta di
forati) può causare problemi di sicu- riparazione agire con estrema cau-
rezza e danneggiare in modo irrime- tela, onde evitare schizzi di prodotto
diabile il pneumatico interessato. sulla pelle. In caso di contatto con
Questa riparazione è tempora- la pelle, sciacquate abbondante-
nea. mente.
Il kit può riparare dei pneu- Non lasciate il kit di riparazione alla
matici il cui battistrada A sia Un pneumatico che ha subito una
foratura deve essere sempre esa- portata dei bambini.
danneggiato da corpi estra-
nei inferiori a 4 millimetri. minato (e riparato se possibile) da Non disperdete nell’ambiente la
Invece non è in grado di riparare uno specialista nel più breve tempo bomboletta vuota. Consegnatela
tutti i tipi di forature, come i tagli su- possibile. alla Rete del marchio o a un con-
periori a 4 millimetri e quelli sul fian- Quando fate sostituire un pneu- sorzio incaricato della sua raccolta.
co B del pneumatico... matico riparato con il kit avvisate La bomboletta ha una data di
Assicuratevi inoltre che il cerchio sia sempre il gommista. scadenza indicata sull’etichetta.
in buone condizioni. Durante la guida, potete eventual- Verificate la data di scadenza.
Non togliete il corpo estraneo che mente sentire delle vibrazioni cau- Recatevi presso la Rete del mar-
ha causato la foratura se questo è sate dalla presenza del prodotto nel chio per far sostituire il tubicino di
sempre piantato nel pneumatico. pneumatico. gonfiaggio e la bomboletta di ripa-
razione.

5.4
KIT DI GONFIAGGIO DEI PNEUMATICI (2/3)
Con motore acceso e freno di stazio- – dopo 10 minuti al massimo, smettete
namento serrato, di gonfiare e leggete la pressione
2 (sul manometro 1);
3 – Svitate il tappo del riferimento 3 della
1 bomboletta; Nota: durante lo svuotamento della
bomboletta (circa 30 secondi), il ma-
4 – svitate il tappo della bomboletta 2;
nometro 5 indica brevemente una
– avvitate la bomboletta 2 al compres- pressione fino a 6 bar, successiva-
sore in corrispondenza del riferi- mente la pressione scende.
mento 3 della bomboletta;
6 – regolate la pressione: per aumen-
– svitate il tappo della valvola della tarla, continuate il gonfiaggio con il
ruota interessata e avvitate il rac- kit.
cordo di gonfiaggio 6 sulla valvola;
Se dopo 10 minuti non si raggiunge
– scollegate gli accessori precedente- una pressione minima di 1,8 bar, la
5 mente connessi alle prese degli ac- riparazione non è possibile; non
cessori del veicolo; mettetevi quindi in strada, ma rivol-
In caso di foratura, utilizzate il kit situato getevi alla Rete del marchio.
– collegate il raccordo 4 tassativa-
sotto il tappetino del bagagliaio.
mente nella presa accessori del vei-
colo.
– premete l’interruttore 5 per gon-
fiare lo pneumatico alla pressione
consigliata (consultate il paragrafo
«Pressione di gonfiaggio degli pneu-
matici»); In caso di stazionamento
Prima d’utilizzare il kit, par- a lato della carreggiata,
cheggiate il veicolo in modo dovete avvisare gli altri
da essere sufficientemente utenti della strada della
lontani dalla zona di circola- presenza del vostro veicolo posi-
zione, accendete le luci di segnala- zionando un triangolo di presegna-
zione pericolo, tirate il freno a mano lazione o altri dispositivi prescritti
e fate scendere tutti gli occupanti dalle normative vigenti nel Paese in
del veicolo tenendoli lontani dalla cui vi trovate.
zona di circolazione.

5.5
KIT DI GONFIAGGIO DEI PNEUMATICI (3/3)
– Incollate l’etichetta di istruzioni di Precauzioni di utilizzo del kit
guida sul cruscotto in una posizione
visibile dal conducente. Il kit non deve essere utilizzato per più
di 10 minuti di seguito.
6 – Riponete il kit.
– Al termine della prima operazione di
gonfiaggio, il pneumatico continuerà Attenzione, un tappo della
a perdere ed è pertanto necessario valvola mancante o male
rimettersi in marcia per otturare il avvitato può nuocere alla
foro. tenuta dei pneumatici e pro-
vocare delle perdite di pressione.
– Partite immediatamente e guidate
a una velocità compresa tra 20 e È importante che i tappi delle val-
60 km/h in modo da distribuire uni- vole siano sempre identici a quelli
formemente il prodotto sul pneuma- originali e avvitati a fondo.
tico e, dopo 3 chilometri di guida, fer-
matevi per controllare la pressione.
Una volta che il pneumatico è corret-
tamente gonfiato, togliete il kit: svitate – Se la pressione è superiore a 1,3 bar
lentamente il raccordo di gonfiaggio 6 ma inferiore a quella prescritta, rego-
in modo da evitare schizzi di prodotto latela (consultate l’etichetta incollata
sul lato della porta conducente), al- Dopo una riparazione con il
e riponete la bomboletta in un imballag- kit, non bisogna percorrere
gio in plastica per evitare la fuoriuscita trimenti rivolgetevi alla Rete del mar-
chio: la riparazione non può essere più di 200 km. Inoltre, ridu-
del prodotto. cete la velocità e, in ogni
effettuata.
caso, non superate la velocità di
80 km/h. L’etichetta che dovrete in-
collare in una posizione visibile sul
Ai piedi del conducente cruscotto ve lo ricorda.
non deve trovarsi alcun og- A seconda del paese di commercia-
getto che, in caso di frenata lizzazione o della normativa locale,
brusca, rischierebbe di sci- un pneumatico riparato con il kit di
volare sotto la pedaliera impeden- gonfiaggio dei pneumatici dovrà
done l’uso. essere sostituito.

5.6
ATTREZZI
Martinetto 2
2 Ripiegatelo correttamente prima di ri-
metterlo nel relativo alloggiamento
1 (fate attenzione a riposizionare la ma-
novella).

Leva 3
Consente di serrare o allentare l’anello
3 di traino 5.

Chiave per copriruota 4


Permette di staccare le coppe delle
5 4 ruote.

La presenza degli attrezzi dipende dal Chiave della ruota 1 Anello di traino 5
veicolo. Permette di svitare o riavvitare le viti Consultate il paragrafo «Traino: soc-
Gli attrezzi sono situati nel vano sotto il della ruota e l’anello di traino 5. corso» del capitolo 5.
tappetino del bagagliaio.
Sollevate il coperchio, quindi toglieteli.

Non lasciate mai gli attrezzi alla rinfusa nel veicolo: in caso di frenata potrebbero sparpagliarsi sul pianale costituendo
un pericolo per gli occupanti. Dopo l’utilizzo, abbiate cura di agganciare gli attrezzi nella cassetta poi posizionatela
correttamente in sede: rischio di ferite.
Quando nella cassetta degli attrezzi sono presenti dei bulloni di fissaggio della ruota, dovete utilizzarli esclusivamente
per la ruota di scorta: leggete l’etichetta situata sulla ruota di scorta.
Il cric serve alla sostituzione della ruota. Non deve essere utilizzato, in nessun caso, per sollevare il veicolo allo scopo di effet-
tuare una riparazione o per accedere sotto il veicolo.

5.7
COPPA RUOTA - RUOTA

D
1
C
B
2
A

Rimuovetela con l’apposita chiave 1


(che si trova nella cassetta degli at-
trezzi) inserendo il gancio nell’apertura
in prossimità della valvola 2.
Per rimetterla, posizionatela rispetto
alla valvola 2. Inserite i ganci di ritegno
iniziando dal lato valvola A poi B e C
e terminate con il lato opposto alla val-
vola D.
Non lasciate mai gli attrezzi
alla rinfusa nel veicolo: in
caso di frenata potrebbero
sparpagliarsi sul pianale
costituendo un pericolo per gli occu-
panti. Dopo l’utilizzo, abbiate cura
di agganciare gli attrezzi nel relativo
supporto poi posizionatelo corretta-
mente in sede: rischio di ferite.

5.8
SOSTITUZIONE DELLA RUOTA (1/2)
Continuate ad avvitare per appoggiare
la base correttamente (deve essere
2 leggermente rientrata sotto la vettura
ed allineata con la testa del martinetto).
3

Veicoli dotati di cric e chiave Quando il veicolo non è dotato


della ruota del cric, della chiave della ruota...,
Azionate le luci di segnala-
Se necessario, smontate la coppa potete procurarvela presso la Rete
zione pericolo.
ruota. del marchio.
Parcheggiate il veicolo in
piano lontano dalla zona di Sbloccate le viti della ruota con la
circolazione e su fondo non scivo- chiave 1. Posizionatela in modo da
loso e resistente. esercitare una pressione verso l’alto. In caso di stazionamento
Tirate il freno di stazionamento ed Iniziate ad avvitare il cric 3 a mano per a lato della carreggiata,
innestate una marcia (prima o retro- allineare la testa fra le 2 scanalature del dovete avvisare gli altri
marcia o posizione P per i cambi au- supporto in lamiera 2 il più vicino possi- utenti della strada della
tomatici). bile alla ruota interessata. presenza del vostro veicolo posi-
Fate scendere tutti gli occupanti fa- zionando un triangolo di presegna-
cendoli allontanare dalla zona di cir- lazione o altri dispositivi prescritti
colazione. dalle normative vigenti nel Paese in
cui vi trovate.

5.9
SOSTITUZIONE DELLA RUOTA (2/2)
Fate alcuni giri di manovella per solle-
vare la ruota da terra.
Svitate i bulloni e staccate la ruota.
Mettete la ruota di scorta sul mozzo
centrale e giratela per far coincidere i
fori di fissaggio della ruota con quelli
del mozzo.
Serrate le viti assicurandovi che la
ruota sia correttamente posizionata sul
mozzo.
Abbassate il martinetto.
Non lasciate mai gli attrezzi
Con la ruota a terra, stringete a fondo alla rinfusa nel veicolo: in
i bulloni e fate controllare il più presto caso di frenata potrebbero
possibile il serraggio e la pressione di sparpagliarsi sul pianale
gonfiaggio della ruota di scorta. costituendo un pericolo per gli occu-
panti. Dopo l’utilizzo, abbiate cura
di agganciare gli attrezzi nel relativo
supporto poi posizionatelo corretta-
mente in sede: rischio di ferite.
Quando nella cassetta degli attrezzi
sono presenti dei bulloni di fissag-
gio della ruota, utilizzateli esclusiva-
mente per la ruota di scorta: consul-
tate l’etichetta collocata sulla ruota
In caso di foratura, sostitu- di scorta.
ite la ruota prima possibile.
Il cric serve alla sostituzione della
Un pneumatico forato deve ruota. Non deve essere utilizzato,
sempre essere controllato in nessun caso, per sollevare il vei-
(e riparato, se possibile) da uno colo allo scopo di effettuare una ri-
specialista. parazione o per accedere sotto il
veicolo.

5.10
PNEUMATICI (1/3)
I pneumatici costituiscono l’unico Quando il rilievo delle scolpiture è stato
mezzo di contatto tra la vettura e il eroso fino al livello delle protuberanze-
suolo, ed è quindi essenziale mante- spia, queste diventano visibili 2: è
nerli in buono stato. quindi necessario sostituire i pneuma-
Dovete obbligatoriamente rispettare le tici in quanto la profondità delle scol-
norme locali previste dal codice della
2 piture è al massimo di 1,6 mm e ciò
strada. comporta una scarsa aderenza su
strade bagnate.
1 Un veicolo troppo carico, tragitti lunghi
in autostrada, magari in condizioni di
grande caldo, una guida su strade ac-
cidentate, contribuiscono a deteriorare
più rapidamente i pneumatici e srego-
lare l’avantreno.

Manutenzione dei pneumatici


I pneumatici devono essere sempre in
buono stato, le loro scolpiture devono
presentare uno spessore sufficiente; i
pneumatici approvati dai nostri Servizi
Tecnici presentano delle spie di usura 1
che sono costituite da protuberanze-
spia incorporate nello spessore del
battistrada.
Degli incidenti di guida,
quali «urti contro il marcia-
piede», rischiano di dan-
neggiare i pneumatici ed i
cerchi, e di alterare le regolazioni
dell’avantreno o del retrotreno. In
tal caso, fate eseguire una verifica
presso la Rete del marchio.

5.11
PNEUMATICI (2/3)
Pressioni di gonfiaggio La pressione deve essere controllata a Veicolo dotato di sistema di con-
freddo: non calcolate le pressioni supe- trollo della pressione degli pneuma-
Rispettate la pressione di gonfiaggio riori che verrebbero raggiunte nei mesi tici
(compresa la ruota di scorta), controlla- caldi o dopo un percorso a forte anda-
tela almeno una volta all’anno e prima In caso di perdita di pressione (fora-
tura. tura, pressione insufficiente, ecc.), sul
di effettuare lunghi viaggi (consultate
l’etichetta incollata sul lato interno della Se la verifica della pressione non può quadro della strumentazione si ac-
essere effettuata su pneumatici freddi,
porta del conducente).
occorre aumentare le pressioni indicate cende la spia  . Consultate il pa-
ragrafo «Sistema di controllo della pres-
di 0,2 - 0,3 bar (o 3 PSI).
sione degli pneumatici» del capitolo 2.
Non bisogna mai sgonfiare un pneu-
matico caldo.
Ruota di scorta
Particolarità
Consultate i paragrafi «Foratura» e
Pressioni insufficienti pro- A seconda della versione del veicolo,
«Sostituzione della ruota» del capi-
vocano l’usura precoce ed disponete di un adattattore da posizio-
tolo 5.
il riscaldamento anormale nare sulla valvola prima di effettuare il
dei pneumatici, con evidenti rigonfiaggio.
conseguenze per la sicurezza:
– scarsa tenuta di strada,
– rischi di scoppio o di scollamento
del battistrada.
La pressione di gonfiaggio dipende
dal carico e dalla velocità. Regolate Attenzione, un tappo della Sostituzione della ruota
la pressione in base alle condizioni valvola mancante o male Poiché il sistema di con-
di utilizzo (consultare l’etichetta in- avvitato può nuocere alla trollo della pressione degli
collata sulla battuta della porta con- tenuta dei pneumatici e pro- pneumatici può richiedere
ducente). vocare delle perdite di pressione. diversi minuti in base alla guida, per
È importante che i tappi delle val- rilevare correttamente la posizione
vole siano sempre identici a quelli delle ruote e la pressione controllate
originali e avvitati a fondo. la pressione degli pneumatici dopo
qualsiasi intervento.

5.12
PNEUMATICI (3/3)
Sostituzione dei pneumatici Utilizzo invernale Pneumatici chiodati
Catene Questo tipo di pneumatico è utilizzabile
solamente per un periodo di tempo li-
Per motivi di sicurezza, è proibito mitato e determinato dalla normativa
montare catene da neve sull’asse locale. È necessario rispettare i limiti
posteriore. di velocità imposti dalla normativa in
L’uso di pneumatici di dimensioni supe- vigore.
riori a quelle originarie può rendere im- Questi pneumatici devono essere mon-
possibile il montaggio delle catene. tati almeno su entrambe le ruote ante-
Per la vostra sicurezza e il Pneumatici da «neve» o «termo- riori.
rispetto della legislazione gomme»
vigente.
Vi consigliamo di montarli sulle quattro
Quando si rende necessa- le ruote in modo da garantire il più pos-
ria la sostituzione, bisogna mon- sibile l’aderenza del vostro veicolo.
tare sullo stesso asse del veicolo
soltanto pneumatici della stessa Attenzione: questi pneumatici compor-
marca, dimensioni, tipo e struttura. tano talvolta un senso di marcia ed un
indice di velocità massima che possono
Devono: avere una capacità di essere inferiori alla velocità massima
carico e un indice di velocità del vostro veicolo.
almeno uguali a quelli degli pneu- In ogni caso, vi consigliamo di ri-
matici originali oppure corrispon- volgervi alla Rete del marchio che
dere a quelli consigliati dalla Rete saprà suggerirvi l’equipaggiamento
del marchio. più adatto al vostro veicolo.
L’inosservanza di queste istruzioni
può compromettere la sicurezza e
la conformità del veicolo.
Rischio di perdita di controllo del Il montaggio delle catene è Non si possono montare
veicolo. possibile solo con pneuma- catene su ruote da 18” e
tici di dimensione identica a superiori.
quelli presenti in origine sul Se desiderate utilizzare
vostro veicolo. degli equipaggiamenti specifici,
rivolgetevi alla Rete del marchio.

5.13
FARI ANTERIORI: sostituzione delle lampadine (1/3)
Dopo aver sostituito le lampadine, ri-
posizionate tassativamente il condotto
d’aria A. Per farlo, procedete analoga-
mente, effettuando in senso inverso le 4
operazioni precedenti.
1
2

3
Accesso alle lampadine Sul lato destro del veicolo, è necessa-
rio smontare il bocchettone di riempi-
Sul lato sinistro del veicolo, è necessa- mento 4 del serbatoio di liquido lava-
rio smontare il condotto d’aria A per ac- vetri per accedere alle lampadine. Per
cedere alle lampadine. Per farlo: farlo:
– togliete i fermi 3; – svitate il bocchettone 4;
– svitate il bullone 2; – tirate il bocchettone 4.
– premete la parte superiore dei
fermi 1 di fissaggio per liberare il Quando si interviene in
condotto d’aria A; prossimità del motore,
– fate scorrere il condotto d’aria A quest’ultimo potrebbe
verso la parte anteriore del veicolo essere caldo. Inoltre, l’elet-
per liberarlo. Prima di qualsiasi inter- troventola può azionarsi in ogni
vento nel vano motore, di-
sinserite tassativamente il
momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
contatto (consultate il para- tale condizione.
grafo «Avviamento, spegnimento del
motore» del capitolo 2). Rischio di lesioni

5.14
FARI ANTERIORI: sostituzione delle lampadine (2/3)
Luce abbagliante a
lampadina alogena
6 Per sostituire la lampadina:
7 – staccate la protezione C;
– ruotate di un quarto di giro il porta-
B lampada 7;
C – estraete la lampadina.
Tipo di lampadina: H7.
Utilizzate tassativamente delle lam-
padine anti-U.V. 55W per non danneg-
giare il vetro in plastica dei fari.
5
Non toccate il vetro della lampadina.
Tenetela per le estremità.
Luce indicatrice di direzione Luce anabbagliante a Dopo aver sostituito la lampadina, ri-
Ruotate di un quarto di giro il portalam- lampadina alogena montate correttamente la protezione.
pada 5 ed estraete la lampadina. Per sostituire la lampadina:
Tipo di lampadina: PY21W. – staccate la protezione B;
Dopo aver rimontato la lampadina, ac- – ruotate di un quarto di giro il porta-
certatevi del corretto fissaggio. lampada 6;
– estraete la lampadina.
Tipo di lampadina: H7.

Le lampadine sono sotto


pressione e possono scop-
piare al momento della so-
stituzione.
Rischio di lesioni

5.15
FARI ANTERIORI: sostituzione delle lampadine (3/3)
Luci fendinebbia anteriori 10 Fari addizionali
Consultate la Rete del marchio sulla Se si desidera dotare il veicolo di fari
necessità di smontare il paraurti ante- «antinebbia», rivolgetevi alla Rete del
8 riore. marchio.
Tipo di lampadina: H11.

10

Luci abbaglianti/
anabbaglianti con LED 9
Rivolgetevi alla Rete del marchio.

Luci diurne e di posizione 8 A seconda della normativa locale o Qualsiasi intervento (o mo-
Rivolgetevi alla Rete del marchio. per precauzione, procuratevi presso difica) sul circuito elettrico
la Rete del marchio una scatola di deve essere effettuato da
emergenza contenente una serie di un Rappresentante del
lampadine e di fusibili. marchio che dispone dei pezzi ne-
cessari alla modifica, in quanto un
collegamento scorretto potrebbe
Le lampadine sono sotto provocare il deterioramento dell’im-
pressione e possono scop- pianto elettrico (cablaggi, compo-
piare al momento della so- nenti, e in particolare l’alternatore).
stituzione.
Rischio di lesioni

5.16
LUCI POSTERIORI E LATERALI: sostituzione delle lampadine (1/3)

1 3

Luci di posizione e di stop Ruotate di un quarto di giro il portalam-


padina 4.
Rivolgetevi alla Rete del marchio.
Estraete la lampadina.
Luci di direzione 1 Tipo di lampadina: PY21.
Aprite lo sportello del bagagliaio. Rimontate il portalampada e spingete il
gruppo a fondo fino al bloccaggio.
Agendo dall’interno del bagagliaio,
sganciare il coperchio per accedere Verificate il corretto bloccaggio della
alla vite 2, e svitarla. luce.
Agendo dall’esterno, rimuovere le viti 3. Avvitate le viti 3. 4
Tirate il lato esterno A della luce ed Serrare la vite 2 e riposizionare il co-
estraete il gruppo delle luci posteriore. perchio.

5.17
LUCI POSTERIORI E LATERALI: sostituzione delle lampadine (2/3)

5 6

Luci di retromarcia Sostituite la lampadina 6.


Dal bagagliaio, sganciate il coperchio Tipo di lampadina: H21W.
situato sulla placchetta interna 5 dello
sportello del bagagliaio utilizzando un Rimontaggio
attrezzo tipo cacciavite. Per il rimontaggio, procedete nell’or-
dine inverso avendo cura di non dan-
neggiare il cablaggio.

Le lampadine sono sotto


pressione e possono scop-
piare al momento della so-
stituzione.
Rischio di lesioni

5.18
LUCI POSTERIORI E LATERALI: sostituzione delle lampadine (3/3)

7
9

10

8
Terza luce di stop 7 Luci targa 9 Frecce laterali 10
Consultate la Rete del marchio. – Sganciate la luce 9 con un attrezzo Consultate la Rete del marchio sulla
tipo cacciavite a testa piatta. necessità di smontare il retrovisore.
Luci antinebbia posteriori 8 – togliete il coperchio della luce per ac- Tipo di lampadina: W5W.
cedere alla lampadina.
Consultate la Rete del marchio sulla
necessità di smontare il paraurti poste- Tipo di lampadina: W5W.
riore.
Tipo di lampadina: P21W.

Le lampadine sono sotto


pressione e possono scop-
piare al momento della so-
stituzione.
Rischio di lesioni

5.19
ILLUMINAZIONE INTERNA: sostituzione delle lampadine (1/2)

4
1

3
2
Lampade di lettura 1 Luci 2 Luci del vano portaoggetti 4
Rivolgetevi alla Rete del marchio. (A seconda del veicolo) Sganciare la luce 4 usando un attrezzo
Sganciare la luce 2 usando un attrezzo tipo cacciavite piatto o equivalente, pre-
tipo cacciavite piatto o equivalente, pre- mendo la linguetta situata a lato della
mendo la linguetta situata a lato della luce per accedere alla lampadina.
luce per accedere alla lampadina. Tipo di lampadina: W5W.
Tipo di lampadina: W5W.

Luci 3
(A seconda del veicolo)
Rivolgetevi alla Rete del marchio.
Le lampadine sono sotto
pressione e possono scop-
piare al momento della so-
stituzione.
Rischio di lesioni

5.20
ILLUMINAZIONE INTERNA: sostituzione delle lampadine (2/2)

6 7 8

Luce del bagagliaio 5


Sganciate (con un attrezzo tipo caccia-
vite a testa piatta) la luce 5 premendo
le linguette da entrambi i lati della luce.
Scollegate la luce.
Premete la linguetta 6 per disimpe-
gnare il diffusore 8 e accedere alla lam-
padina 7.
Tipo di lampadina: W5W.

Le lampadine sono sotto


pressione e possono scop-
piare al momento della so-
stituzione.
Rischio di lesioni

5.21
CARTA RENAULT: pila

1
A

Sostituzione della pila Per il rimontaggio, procedete nel senso Anomalia di funzionamento
inverso, quindi premete quattro volte, in
Quando il messaggio «Pila carta prossimità del veicolo, uno dei pulsanti Se la batteria è troppo scarica per assi-
debole» compare sul quadro della stru- della carta: all’avviamento successivo, curare il corretto funzionamento, potete
mentazione, sostituite la pila della carta il messaggio scompare. comunque avviare e bloccare/sbloc-
RENAULT: care il veicolo (consultate il paragrafo
– fare scorrere il guscio posteriore 1 Nota: quando si sostituisce la pila, non “Bloccaggio e sbloccaggio delle parti
verso il basso premendo sulla toccate il circuito elettronico ed i contatti apribili” del capitolo 1).
zona A; situati nella carta RENAULT.
– togliete la protezione 2 della pila;
– estraete la pila premendo su un lato
e sollevando dall’altro;
– sostituirlo secondo la polarità e il
modello indicato all’interno dello Le pile sono disponibili presso la
sportellino. Rete del marchio, la loro durata è di Non disperdete le pile usate
circa due anni. Abbiate cura di veri- nell’ambiente, consegna-
ficare che non vi siano tracce d’in- tele ai consorzi incaricati
chiostro sulla pila: rischio di contatto della raccolta dei rifiuti e del
elettrico non corretto. riciclaggio delle pile.

5.22
TELECOMANDO A RADIOFREQUENZA: pile

2
1

1
Sostituzione della pila Nota: quando si sostituisce la pila, si
raccomanda di non toccare il circuito
Aprite la scatola dalla fenditura 1 utiliz- elettronico situato nel coperchio della
zando un attrezzo tipo cacciavite piatto, chiave.
e sostituite la pila 2 rispettando il mo-
dello e la polarità incisa sul fondo del
coperchio.

Le pile sono disponibili presso la


Rete del marchio, la loro durata è di
circa due anni. Non disperdete le pile usate
Abbiate cura di verificare che non vi nell’ambiente, consegna-
siano tracce d’inchiostro sulla pila: Durante il rimontaggio, assicuratevi tele ai consorzi incaricati
rischio di contatto elettrico non cor- che il coperchio sia fissato corretta- della raccolta dei rifiuti e del
retto. mente e che la vite sia serrata. riciclaggio delle pile.

5.23
FUSIBILI (1/3)

C
A

In caso di mancato funzionamento di Fusibili nell’abitacolo C lato destro


un apparecchio elettrico, verificate lo del veicolo
stato dei fusibili. Sganciate lo sportellino C servendovi di
Fusibili nell’abitacolo A o B lato un attrezzo tipo cacciavite.
sinistro del veicolo
Sganciate lo sportellino A servendovi di
un attrezzo tipo cacciavite.
Aprite il vano portaoggetti e sganciate
lo sportellino B.

A seconda della normativa locale o


per precauzione:
procuratevi presso un
Rappresentante del marchio una
scatola di emergenza contenente
una serie di lampadine e di fusibili
di ricambio.

5.24
FUSIBILI (2/3)
Per individuare i fusibili, aiutatevi con
l’etichetta di assegnazione dei fusibili
situata nel vano portaoggetti A, B o C.
La sostituzione di alcuni fusibili richiede
l’intervento di un professionista qualifi- 1
cato; questi fusibili non figurano sull’eti-
chetta.
Intervenite unicamente sui fusibili raffi-
gurati sull’etichetta.

Pinza 1
Sfilate il fusibile utilizzando la pinza 1
situata sulla basetta del fusibile.
Per staccarlo dalla pinza, fatelo scivo-
Verificate il fusibile inte- lare lateralmente.
ressato e sostituitelo, se Si raccomanda di non utilizzare le posi-
necessario, con un fusi- zioni libere dei fusibili.
bile assolutamente dello
stesso amperaggio di quello
d’origine.
Un fusibile con un amperaggio
troppo elevato può causare un sur-
riscaldamento del circuito elettrico
(rischio d’incendio) nel caso di fun-
zionamento scorretto di un equipag-
giamento.
Non toccate i fari né i connettori.

5.25
FUSIBILI (3/3)
Destinazione dei fusibili
(la presenza dei fusibili dipende dal livello di equipaggiamento del veicolo)

Simbolo Destinazione Simbolo Destinazione

D Lampeggianti  Comandi al volante

ß Luci di stop ñ Sedili termici

 Amplificatore del suono C Lunotto termico posteriore

N Bloccaggio/sbloccaggio delle porte  Retrovisore elettrico

f Tergivetri ë Prese accessori

Unità centrale abitacolo, freno di stazionamento,


Illuminazione interna, specchietto di cortesia,
regolatore/limitatore di velocità, presa diagnosi,
Z sensore pioggia e crepuscolare, retrovisori  alza-vetri elettrici, trasmissione a 4 ruote motrici
elettrici, aria condizionata, modalità ECO
(4WD)

Autoradio, schermo multifunzione, prese multi-


î mediali

5.26
BATTERIA: riparazione (1/2)
Per evitare il rischio di Collegamento di un
scintille caricabatteria
– Accertatevi che gli «utilizzatori elet- Il caricabatteria deve essere com-
trici» (plafoniere, ecc.) siano disin- patibile con una batteria di tensione
seriti prima di scollegare o di ricolle- nominale da 12 volt.
gare una batteria; Non scollegate la batteria mentre il
– se volete ricaricare la batteria, spe- motore è acceso. Attenetevi alle istru- Maneggiate con cura la bat-
gnete il caricabatteria prima di colle- zioni del costruttore del caricabatte- teria, in quanto contiene
gare o scollegare la batteria; ria che intendete usare. acido solforico che non
deve entrare in contatto con
– non posate oggetti metallici sulla gli occhi o la pelle. Nel caso in cui
batteria, per evitare di provocare un ciò avvenga, sciacquate abbondan-
cortocircuito tra i morsetti; temente con acqua. Se necessario,
– attendete almeno un minuto dopo lo consultate un medico.
spegnimento del motore per scolle- Tenere fiamme vive, oggetti incan-
gare la batteria; descenti e scintille a distanza dagli
– verificate di aver ricollegato corretta- elementi della batteria in quanto
mente i morsetti della batteria dopo il sussiste il rischio di esplosione.
rimontaggio.

Alcune batterie possono


presentare delle specificità Quando si interviene in
per la loro carica, richiedete prossimità del motore,
informazioni presso il vostro quest’ultimo potrebbe
Rappresentante del marchio. essere caldo. Inoltre, l’elet-
Prima di qualsiasi inter- Evitate i rischi di scintille che potreb- troventola può azionarsi in ogni
bero provocare un’immediata esplo-
vento nel vano motore, di-
sinserite tassativamente il sione e procedete alla carica in un momento. La  spia nel vano
motore ha la funzione di ricordare
contatto (consultate il para- locale ben aerato. Pericolo di gravi
lesioni. tale condizione.
grafo «Avviamento, spegnimento del
motore» del capitolo 2). Rischio di lesioni

5.27
BATTERIA: riparazione (2/2)
Avviamento con la batteria di
un altro veicolo
Per l’avviamento, se dovete utilizzare la
batteria di un altro veicolo, procuratevi 1 2
dei cavi elettrici appropriati (di grande
sezione) presso la Rete del marchio,
oppure se già li possedete, assicuratevi 1
che siano in perfetto stato. B
2
Le due batterie devono avere una 1
tensione nominale identica: 12 volt.
La batteria che fornisce la corrente A
deve avere una capacità (ampere-ora,
Ah) almeno identica alla batteria sca- 4
rica. 3
Assicuratevi che non ci sia contatto tra Sollevate la fodera, quindi il coperchio
i due veicoli (rischio di cortocircuito al rosso della colonnina 1 (+).
momento del contatto dei poli positivi)
e che la batteria scarica sia ben colle- Fissate il cavo positivo A al morsetto 1
gata. Disinserite il contatto del vostro (+), poi al morsetto 4 (+) della batteria
veicolo. che fornisce la corrente.
Avviate il motore del veicolo che for- Collegate il cavo negativo B al mor-
nisce la corrente e tenetelo a medio setto 3 (–) della batteria che fornisce la
regime. corrente, quindi al morsetto 2 (–). Controllate che i cavi non
si tocchino A e B, e che il
Avviate il motore e, non appena gira, cavo positivo A non tocchi
scollegate i cavi A e B in ordine inverso alcun elemento metallico
( 2 - 3 - 4 - 1). del veicolo che fornisce la corrente.
Rischio di lesioni e/o di danni al
veicolo

5.28
ACCESSORI

Accessori elettrici ed elettronici


Prima di installare questo tipo di accessorio (in particolare per le trasmittenti/riceventi: banda di frequenza, livello
di potenza, posizione dell’antenna...), assicuratevi che sia compatibile con il vostro veicolo. Chiedete consiglio al
Rappresentante del marchio.
Scollegate solo gli accessori con potenza massima di 120 Watt. Rischio d’incendio. In caso di utilizzo contemporaneo di di-
verse prese per accessori, la potenza totale degli accessori collegati non deve superare 180 Watt.
Qualsiasi intervento sul circuito elettrico del veicolo può essere eseguito solo dalla Rete del marchio in quanto un collegamento
scorretto potrebbe danneggiare l’impianto elettrico e/o gli organi ad esso collegati.
Nel caso di montaggio di un equipaggiamento elettrico addizionale, assicuratevi che l’impianto sia protetto da un fusibile.
Chiedete informazioni circa l’amperaggio ed il posizionamento di questo fusibile.

Utilizzo della presa diagnostica


L’uso di accessori elettronici sulla presa diagnostica può provocare gravi interferenze ai sistemi elettronici del veicolo. Per la
propria sicurezza, si consiglia di utilizzare solamente accessori elettronici approvati dal costruttore, rivolgersi a un concessio-
nario autorizzato. Rischio di incidente grave.

Utilizzo di trasmittenti/riceventi (telefoni, apparecchi CB).


I telefoni o apparecchi CB dotati di antenna integrata possono creare interferenze con i sistemi elettronici che equipaggiano il
veicolo d’origine, si raccomanda pertanto di utilizzare soltanto apparecchi con antenna esterna. Vi ricordiamo inoltre la ne-
cessità di rispettare le norme del codice della strada per l’utilizzo di queste apparecchiature.

Montaggio di accessori addizionali


Se desiderate far installare degli accessori sul veicolo: rivolgetevi alla Rete del marchio. Inoltre, per garantire il corretto funzio-
namento del veicolo ed evitare di mettere a repentaglio la vostra sicurezza, vi consigliamo di utilizzare degli accessori specifi-
cati, adatti al veicolo e garantiti dal costruttore.
Se utilizzate un’asta antifurto, fissatela esclusivamente al pedale del freno.
Ostacolo alla guida
Sul lato conducente, utilizzate esclusivamente sovratappeti adatti al veicolo, in grado di agganciarsi agli elementi preinstallati,
e verificatene periodicamente il fissaggio. Non sovrapponete più tappetini. Rischio di incastro dei pedali.

5.29
SPAZZOLE DEI TERGIVETRI: sostituzione (1/2)
Rimontaggio
1 Fate scorrere la spazzola sul braccio
fino allo scatto. Verificate che sia bloc-
cato correttamente. Abbassate con
cautela il braccio della spazzola del ter-
givetro.
A contatto inserito, portate la levetta del
tergivetro in posizione di arresto.
3
Nota: prima di riavviare il motore, ab-
bassate le spazzole del tergivetro sul
2 parabrezza per non rischiare di dan-
neggiare il cofano o i tergivetri.

– In caso di gelo, assicura-


Spazzola del tergivetro tevi che le spazzole del ter-
anteriore 1 givetro non siano immobi-
lizzate dalla brina (rischio di
Con contatto inserito, a motore surriscaldare il motorino o di dan-
spento, abbassate completamente la neggiare le spazzole).
levetta del tergivetro: le spazzole si fer- – Verificate lo stato delle spazzole.
mano con cofano in posizione libera. È necessario sostituirle appena
Sollevare il braccio del tergivetro 3, pre- la loro efficacia diminuisce, ossia
mere la linguetta 2 e spingere la spaz- all’incirca ogni anno.
zola per disimpegnarla. Nel sostituire la spazzola, una volta
rimossa, abbiate cura di non far
cadere il braccio sul vetro: rischio di
rottura del vetro.

Non azionate i tergivetri sul vetro


asciutto per non provocare l’usura
o il deterioramento delle spazzole.

5.30
SPAZZOLE DEI TERGIVETRI: sostituzione (2/2)
Rimontaggio
A Per rimontare la spazzola del tergi-
vetro, procedere in senso inverso.
Assicuratevi che la spazzola sia corret-
4 tamente bloccata.

Sostituzione della spazzola


del tergivetro posteriore 4
Con la levetta in posizione di arresto
(disattivata):
– sollevate il braccio del tergivetro 6; Sorvegliate lo stato delle spazzole
– fate ruotare la spazzola 4 fino a in- del tergivetro. La loro durata di-
contrare una resistenza (movi- pende da voi:
mento B); – pulite regolarmente le spazzole,
– a seconda della versione del veicolo, il parabrezza ed il lunotto con
premete la linguetta 5, poi disimpe- acqua saponata;
gnate la spazzola tirandola (movi-
mento A). – non utilizzatele quando il para-
Prima di sostituire la spaz-
brezza o il lunotto sono asciutti;
zola del tergivetro poste-
– staccatele dal parabrezza o dal riore, verificate che la le-
lunotto se non sono state messe vetta sia in posizione di
in funzione da molto tempo. arresto (disattivata).
Rischio di lesioni

5.31
TRAINO: soccorso (1/2)
Prima di effettuare qualsiasi traino, E’ obbligatorio rispettare le normative
mettete il cambio in posizione neutra, vigenti sul traino. Se siete voi a trainare 2
sbloccate il piantone dello sterzo, quindi un veicolo, non superate il peso rimor-
allentate il freno di stazionamento. chiabile del vostro veicolo (consultate il
Per i veicoli provvisti di cambio automa- paragrafo «Masse» del capitolo 6).
tico, se non è possibile portare la leva
del cambio in posizione N, rivolgetevi 1
alla Rete del marchio. Traino di un veicolo con
cambio automatico
Sbloccaggio del piantone dello Trasportate il veicolo sul carro attrezzi o
sterzo rimorchiatelo con le ruote anteriori sol-
Inserire la chiave nel commutatore di levate.
avviamento o, a seconda del veicolo, In via eccezionale, potete trainarlo con
con la carta RENAULT in tasca pre- tutte e quattro le ruote al suolo, unica-
mere per circa due secondi il pulsante mente a marcia avanti, con la leva del
di avviamento del motore. cambio in posizione neutra N, su una
Riposizionate la leva in posizione Nel caso in cui la leva sia bloccata su P
distanza non superiore a 80 km e a una quando premete il pedale del freno, si
folle (posizione N per i veicoli dotati di velocità massima di 25 km/h.
cambio automatico). può liberare manualmente la leva. Per
Il piantone dello sterzo si sblocca, le farlo, passate un attrezzo (asta rigida)
funzioni accessorie del veicolo sono ali- nella fessura 1 e premete contempora-
mentate ed è possibile utilizzare le luci neamente il pulsante 2 per sbloccare la
del veicolo (indicatori di direzione, luci leva.
di stop, ecc.). Di notte le luci del veicolo Rivolgetevi al più presto alla Rete del
devono restare accese. marchio.
A seconda del veicolo, al termine del
traino, premete due volte il pulsante di
avviamento del motore (rischio che la
batteria si scarichi).

Durante il traino non to-


gliete la chiave dal commu-
tatore di avviamento.

5.32
TRAINO: soccorso (2/2)

– Utilizzate una barra di


3 7 traino rigida. Qualora si uti-
4 lizzino una corda o un cavo
3
(se il codice della strada lo
permette), i freni del veicolo trai-
nato devono essere in grado di
funzionare.
– Non si deve trainare un veicolo
non più in grado di circolare a
6 5 causa dei danni subiti.
6 8
– Evitate contraccolpi in fase di ac-
celerazione e frenata che potreb-
Utilizzate esclusivamente i punti di Accesso ai punti di traino bero danneggiare il veicolo.
aggancio anteriore 5 e posteriore 8 – In ogni caso, si consiglia di non
(mai i tubi della trasmissione o qualsiasi Sganciate la protezione 4 o 7 passando
un attrezzo piatto sotto la protezione. superare 50 km/h.
altra parte del veicolo).
Avvitate l’anello di traino 6 al mas- – Non spingete il veicolo se il pian-
Utilizzate tali punti di aggancio esclu- tone dello sterzo è bloccato.
sivamente per il traino; in nessun caso simo: in un primo tempo a mano e poi
devono servire a sollevare il veicolo, di- bloccatelo utilizzando la chiave della
rettamente o indirettamente. ruota o la leva, a seconda della ver-
sione del veicolo.
Utilizzate esclusivamente l’anello di
traino 6 e la chiave della ruota 3 riposti
insieme agli attrezzi (consultate il para- Non lasciate mai gli attrezzi
grafo «Attrezzi» del capitolo 5). alla rinfusa nel veicolo: in
caso di frenata potrebbero
Con motore spento, il ser- sparpagliarsi sul pianale
vosterzo e il servofreno non costituendo un pericolo per gli oc-
sono più operativi. cupanti.

5.33
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (1/7)
I consigli che seguono vi permettono di rimediare rapidamente e provvisoriamente a vari problemi: per sicurezza, rivol-
getevi appena possibile alla Rete del marchio.

Utilizzo della carta RENAULT CAUSE POSSIBILI COSA FARE

La carta RENAULT non riesce a Pila della carta scarica. Sostituite la pila. Potete sempre chiudere/
sbloccare o bloccare la serratura aprire ed avviare il vostro veicolo (consul-
delle porte. tate i paragrafi «Bloccaggio/sbloccaggio
delle porte» del capitolo 1 e «Avviamento/
spegnimento del motore» del capitolo 2).

Utilizzo di apparecchiature che fun- Cessate di utilizzare tali apparecchi oppure


zionano sulla stessa frequenza della ricorrete alla chiave integrata (consultate il
carta (telefono cellulare...). paragrafo «Chiusura/apertura delle porte»
del capitolo 1).

Veicolo situato in una zona caratteriz- Utilizzate la chiave integrata nella carta
zata da un’elevata presenza di onde (consultate il paragrafo «Chiusura/aper-
elettromagnetiche. tura delle porte» del capitolo 1).
Batteria del veicolo scarica.

Il veicolo è acceso. A motore acceso, il bloccaggio/lo sbloc-


caggio della carta è inibito. Disinserite il
contatto.

5.34
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (2/7)
I consigli che seguono vi permettono di rimediare rapidamente e provvisoriamente a vari problemi: per sicurezza, rivol-
getevi appena possibile al Rappresentante del marchio.

Utilizzo del telecomando CAUSE POSSIBILI COSA FARE

Il telecomando non funziona per Pila del telecomando scarica. Utilizzate la chiave.
sbloccare o bloccare le porte.

Utilizzo di apparecchiature che funzionano Interrompete l’utilizzo degli attrezzi o utiliz-


sulla stessa frequenza del telecomando (te- zate la chiave.
lefono cellulare...).
Veicolo situato in una zona caratterizzata Sostituite la pila. Potete sempre chiudere/
da un’elevata presenza di onde elettroma- aprire ed avviare il vostro veicolo (consul-
gnetiche. tate i paragrafi «Bloccaggio/sbloccaggio
Batteria scarica. delle porte» del capitolo 1 e «Avviamento/
spegnimento del motore» del capitolo 2).

Il veicolo è acceso. A motore acceso, il bloccaggio/lo sbloc-


caggio con la chiave è inibito. Disinserite
il contatto.

5.35
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (3/7)
Azionate il motorino di avviamento CAUSE POSSIBILI COSA FARE

Le spie del quadro della strumentazione Morsetti della batteria allen- Riserrateli, ricollegateli o puliteli se sono ossidati.
sono fioche o non si accendono, il moto- tati, scollegati o ossidati.
rino di avviamento non gira.

Batteria scarica o fuori uso. Collegate un’altra batteria alla batteria difettosa.
Consultate il paragrafo «Batteria: riparazione» del ca-
pitolo 5 o sostituite la batteria se necessario.
Non spingete il veicolo se il piantone dello sterzo è
bloccato.

Circuito difettoso. Consultate la Rete del marchio.

Il motore non si accende. Condizioni di avviamento Consultate il paragrafo «Avviamento, spegnimento


non soddisfatte. del motore» del capitolo 2.

La carta RENAULT non fun- Consultate il paragrafo «Avviamento, spegnimento


ziona. del motore» del capitolo 2.

Il motore non si spegne. Carta non identificata. Consultate il paragrafo «Avviamento, spegnimento
del motore» del capitolo 2.

Problema elettronico. Premete cinque volte in rapida successione il pul-


sante di avviamento.

Il piantone dello sterzo resta bloccato. Volante bloccato. Girare il volante premendo al tempo stesso il pul-
sante di avviamento del motore o, a seconda del
veicolo, agendo sulla chiave (consultare il paragrafo
«Avviamento, spegnimento del motore» del capi-
tolo 2).

Circuito difettoso. Consultate la Rete del marchio.

5.36
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (4/7)

Durante la guida CAUSE POSSIBILI COSA FARE

Vibrazioni. Pneumatici gonfiati male, mal equili- Controllate la pressione dei pneumatici;
brati o danneggiati. se l’anomalia persiste, fateli controllare
presso la Rete del marchio.

Fumo bianco dal tubo di scappa- Nella versione diesel quest’ultimo non Consultate il paragrafo «Particolarità delle
mento. rappresenta tassativamente un’ano- versioni diesel» del capitolo 2.
malia: il fumo proviene dalla rigenera-
zione del filtro antiparticolato.

Fumo dal cofano motore. Cortocircuito o perdite dal circuito di Fermatevi, disinserite il contatto, allontana-
raffreddamento. tevi dal veicolo e rivolgetevi alla Rete del
marchio.

La spia della pressione dell’olio si ac-


cende:

in curva o in frenata Il livello è troppo basso. Aggiungete olio motore (consultate il para-
grafo «Livello dell’olio motore: rabbocco, ri-
empimento olio» del capitolo 4).

tarda a spegnersi o rimane accesa Mancanza di pressione dell’olio. Fermatevi: rivolgetevi alla Rete del mar-
quando si accelera chio.

5.37
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (5/7)

Durante la guida CAUSE POSSIBILI COSA FARE

Lo sterzo si indurisce. Surriscaldamento del servosterzo. Guidare con cautela a velocità ridotta, te-
Avaria del motore elettrico di assi- nendo conto del livello di sforzo sul volante
stenza. necessario per girare le ruote. Rivolgetevi
al Rappresentante del marchio.
Anomalia nel sistema di assistenza.

Il motore si surriscalda. L’indicatore di Elettroventola fuori uso. Fermatevi, spegnete il motore e rivolgetevi
temperatura del liquido di raffredda- alla Rete del marchio.
mento si trova nella zona d’allarme e
la spia ® si accende.

Perdite di liquido di raffreddamento. Verificate il serbatoio del liquido di raffred-


damento: deve contenere il liquido. Se non
ne contiene, rivolgetevi il più presto possi-
bile alla Rete del marchio.

Liquido di raffreddamento in ebolli- Guasto meccanico: guarnizione della Spegnete il motore.


zione nel serbatoio. testata danneggiata. Rivolgetevi alla Rete del marchio.

Radiatore: in caso di mancanza rilevante del liquido di raffreddamento, ricordate che, quando il motore è molto caldo,
non bisogna mai effettuare il riempimento con del liquido di raffreddamento freddo. Dopo qualsiasi intervento mecca-
nico che comporti una sostituzione, anche parziale, del liquido di raffreddamento, quest’ultimo deve essere di un tipo
ben preciso. Vi ricordiamo che è necessario usare solamente prodotti selezionati dai nostri servizi tecnici.

5.38
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (6/7)
Apparecchiatura elettrica CAUSE POSSIBILI COSA FARE
Il tergivetro non funziona. Spazzole tergivetro bloccate. Staccate le spazzole prima di azionare il
tergivetro.
Circuito elettrico difettoso. Consultate la Rete del marchio.

Fusibile danneggiato. Sostituire o far sostituire il fusibile; consul-


tare il paragrafo «Fusibili» nel capitolo 5.

Il tergivetro non si ferma più. Comandi elettrici difettosi. Consultate la Rete del marchio.

Frequenza più rapida delle luci lam- Lampadina bruciata. Consultate i paragrafi «Fari anteriori: sosti-
peggianti. tuzione delle lampadine» o «Fari posteriori
e laterali: sostituzione delle lampadine»
nel capitolo 5.

Gli indicatori di direzione non funzio- Circuito elettrico o comando difet- Consultate la Rete del marchio.
nano. toso.
Fusibile danneggiato. Sostituire o far sostituire il fusibile; consul-
tare il paragrafo «Fusibili» nel capitolo 5.

I fari non si accendono o non si spen- Circuito elettrico o comando difet- Consultate la Rete del marchio.
gono più. toso.

Fusibile danneggiato. Sostituire o far sostituire il fusibile; consul-


tare il paragrafo «Fusibili» nel capitolo 5.

5.39
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO (7/7)
Apparecchiatura elettrica CAUSE POSSIBILI COSA FARE
Tracce di condensa nei fari anteriori La presenza di tracce di condensa
o posteriori. può essere un fenomeno naturale
legato alle variazioni di temperatura
e di umidità.
In questo caso le tracce spariscono
gradualmente quando si accendono
i fari.

L’accensione della spia di mancato Un oggetto è inserito tra il pianale e Togliete ogni oggetto presente sotto i sedili
allacciamento delle cinture anteriori il sedile e ostacola il funzionamento anteriori.
è incoerente con lo stato di allaccia- del sensore.
mento delle cinture.

5.40
Capitolo 6: Caratteristiche tecniche

Targhetta di identificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2


Targhetta di identificazione motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3
Dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4
Caratteristiche del motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.5
Carichi rimorchiabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.6
Masse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.6
Pezzi di ricambio e riparazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.7
Giustificativi di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.8
Controllo anticorrosione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.14
6.1
TARGHETTE D’IDENTIFICAZIONE VEICOLO

A
1
2
3
4
A
5
10 6
9 7
8

Le indicazioni che figurano sulla 4 MMAC (massa max. ammessa a


targhetta del costruttore devono pieno carico).
essere riportate in ogni comunica- 5 MTR (Massa Totale in Ordine di
zione scritta o ordine. Marcia - veicolo carico con rimor-
La presenza e la collocazione delle chio).
informazioni dipendono dal veicolo. 6 MMTA (Massa Max. Totale
Ammessa) asse anteriore.
Targhetta costruttore A 7 MMTA asse posteriore.
1 Nome del costruttore. 8 Riservato alle iscrizioni di partena-
2 Numero di progettazione comuni- riato o complementari.
tario o numero di omologazione. 9 Emissioni di scarico diesel.
3 Numero di identificazione. 10 Codice vernice (codice colore).
B
A seconda della versione del
veicolo, questa informazione
viene richiamata sulla stampi-
gliatura B.

6.2
TARGHETTE D’IDENTIFICAZIONE MOTORE

1 2

3
A A

Le indicazioni che figurano sulla


targhetta del motore o etichetta A
devono essere riportate in tutte le
vostre lettere o ordini.
(collocazione diversa a seconda del
motore)

1 Tipo di motore.

2 Indice del motore.

3 Numero del motore.


A
A

6.3
DIMENSIONI (in metri)

0,899 2,647 0,903 1,561

4,449

1,607-1,621*

1,560
2,064

* A vuoto, con o senza barra del tetto longitudinale


6.4
CARATTERISTICHE DEI MOTORI

Versioni 1.2 TCe 1.6 TCe 1.5 dCi 1.6 dCi

Tipo di motore
(vedere targhetta H5F turbo M5M Turbo K9K R9M
motore)

Cilindrata (cm3) 1 197 1 618 1461 1 598

Tipo di carburante
Indice di ottani Gasolio
Benzina senza piombo tassativamente, con
Indice di Ottani indicato sull’etichetta incollata L’etichetta posta all’interno dello sportellino del
sullo sportellino del carburante. serbatoio carburante vi indica i
carburanti autorizzati.

Candele

Utilizzate unicamente candele specifiche per il


motore del vostro veicolo.
Il tipo deve essere indicato su un’etichetta incol-
lata all’interno del vano motore, altrimenti rivolge- -
tevi alla Rete del marchio.
Il montaggio di candele non adatte può causare il
deterioramento del motore.

6.5
MASSE (in kg)
Le masse indicate sono quelle di un veicolo di base e senza opzioni: esse variano in funzione dell’equipaggiamento del
vostro veicolo. Rivolgetevi alla Rete del marchio.

Massa Massima Autorizzata a pieno Carico (MMAC)


Masse indicate sulla targhetta del costruttore (leggete al
Massa Massima Totale Autorizzata (MMTA)
paragrafo «Targhette di identificazione» nel capitolo 6)
Massa totale circolante (MTR)

Massa rimorchio con freni* mediante calcolo si ottiene: MTR - MMAC

Massa rimorchio senza freni* 690

Carico consentito sul punto di traino* 75

Carico ammesso sul tettuccio 75 kg (compreso dispositivo portapacchi)

* Carico rimorchiabile (traino di caravan, barca, ...)


Il rimorchio è vietato quando il calcolo MTR - MMAC è uguale a zero o quando la MTR è uguale a zero o non è indicata sulla
targhetta costruttore.
– È importante rispettare le condizioni di traino stabilite dalla normativa locale, e soprattutto quelle stabilite dal codice della
strada. Per qualsiasi adattamento del sistema di traino, rivolgetevi alla Rete del marchio.
– Nel caso di un veicolo trainato, la massa totale circolante (veicolo + rimorchio) non deve mai essere superata. Tuttavia,
si tollera:
– un superamento dell’MMTA posteriore entro il limite del 15%,
– un superamento dell’MMAC entro il limite del 10% o 100 kg (il primo tra questi due limiti raggiunti).
Nei due casi, la velocità massima della massa circolante non deve superare 100 km/h e la pressione dei pneumatici deve
essere aumentata di 0,2 bar (3 PSI).
– Dato che il rendimento del motore e il comportamento in salita subiscono una flessione in altura, consigliamo di ridurre il carico
massimo del 10% ad un’altitudine di 1000 metri, e del 10% ogni 1000 metri supplementari.

6.6
PEZZI DI RICAMBIO E RIPARAZIONI
I ricambi originali sono prodotti sulla base di criteri molto severi e sono oggetto di test specifici. Pertanto presentano un livello qua-
litativo almeno pari ai pezzi montati sui veicoli nuovi.
Utilizzando sempre ricambi originali, avete la certezza di mantenere invariate le prestazioni del vostro veicolo. Inoltre, le ripara-
zioni effettuate dalla Rete del marchio utilizzando dei pezzi di ricambio originali sono garantite come indicato dalle condizioni ri-
portate a tergo dell’ordine di riparazione.

6.7
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (1/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.8
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (2/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.9
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (3/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.10
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (4/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.11
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (5/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.12
GIUSTIFICATIVI DI MANUTENZIONE (6/6)

VIN: ..................................................................................

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

Data: Km: N. fattura: Commenti/varie


Tipo di intervento: Timbro
Manutenzione □
....................................... □
Controllo anticorrosione:
OK □ Non OK* □
*Vedere la pagina specifica

6.13
CONTROLLO ANTICORROSIONE (1/5)
Nel caso in cui il proseguimento della garanzia sia condizionata da una riparazione, quest’ultima è indicata di seguito.

VIN: ..........................................................

Riparazione per corrosione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

6.14
CONTROLLO ANTICORROSIONE (2/5)
Nel caso in cui il proseguimento della garanzia sia condizionata da una riparazione, quest’ultima è indicata di seguito.

VIN: ..........................................................

Riparazione per corrosione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

6.15
CONTROLLO ANTICORROSIONE (3/5)
Nel caso in cui il proseguimento della garanzia sia condizionata da una riparazione, quest’ultima è indicata di seguito.

VIN : ..........................................................

Riparazione per corrosione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

6.16
CONTROLLO ANTICORROSIONE (4/5)
Nel caso in cui il proseguimento della garanzia sia condizionata da una riparazione, quest’ultima è indicata di seguito.

VIN: ..........................................................

Riparazione per corrosione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

6.17
CONTROLLO ANTICORROSIONE (5/5)
Nel caso in cui il proseguimento della garanzia sia condizionata da una riparazione, quest’ultima è indicata di seguito.

VIN : ..........................................................

Riparazione per corrosione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

Riparazione da effettuare: Tampone

Data della riparazione:

6.18
INDICE ALFABETICO (1/5)
A barre del tetto ......................................................... 3.37 – 3.38
A.S.R. (sistema di controllo trazione) ....................2.29 → 2.38 batteria................................................ 4.13 – 4.14, 5.27 – 5.28
ABS ..............................................................1.56, 2.29 → 2.38 riparazione ........................................................ 5.27 – 5.28
accendisigari...................................................................... 3.25 bloccaggio automatico delle porte durante la guida .......... 1.18
accessori ........................................................................... 5.29 bloccaggio delle porte..............................................1.2 → 1.18
aeratori ....................................................................... 3.2 – 3.3 bracciolo
airbag............................................................1.27 → 1.33, 1.54 anteriore ....................................................................... 3.21
attivazione airbag passeggero anteriore...................... 1.49
disattivazione airbag passeggero anteriore ................. 1.47 C
aletta parasole ................................................................... 3.20 cambio automatico (utilizzo) ..................................2.71 → 2.73
alzavetri .................................................................. 3.16 – 3.17 cambio marce ...............................................2.14, 2.71 → 2.73
ambiente ............................................................................ 2.25 capacità del serbatoio del carburante....................1.95 → 1.97
anelli di fissaggio ...................................................... 3.33, 3.36 capacità olio motore ..................................................4.5 → 4.7
anelli di traino .................................................. 5.7, 5.32 – 5.33 caratteristiche dei motori .............................................. 6.3, 6.5
angolo cieco: segnalatore......................................2.46 → 2.49 caratteristiche tecniche ..............................................6.4 → 6.7
anomalie di funzionamento.............. 1.54 → 1.59, 5.34 → 5.40 caravanning ................................................................ 3.34, 6.6
antinquinamento carburante
consigli ......................................................................... 2.24 consigli per risparmio energetico .....................2.19 → 2.23
apertura delle porte ...............................................1.13 → 1.17 consumo ..........................................................2.19 → 2.23
apparecchi di controllo..................................1.54 → 1.63, 1.75 qualità ..............................................................1.95 → 1.97
appoggiatesta ........................................................... 1.19, 3.26 riempimento ............................................1.54, 1.95 → 1.97
aria condizionata .....................................................3.4 → 3.14 carichi rimorchiabili .............................................................. 6.6
assistenza al parcheggio: parcheggio assistito .....2.67 → 2.70 carico ammesso sul tetto ..................................................... 6.6
assistenza alla partenza in salita ...........................2.29 → 2.38 carta RENAULT
asta dell’olio motore............................................................. 4.4 pila ............................................................................... 5.22
autoradio............................................................................ 3.39 utilizzo .............................................. 1.6 → 1.12, 2.5 → 2.7
avviamento motore ..................................................2.3 → 2.11 cassetta degli attrezzi .......................................................... 5.7
avvisatore acustico ............................................................ 1.84 catalizzatore ........................................................... 2.12 – 2.13
avvisatori acustici e luminosi ............................................. 1.84 chiave della ruota ................................................................ 5.7
avviso di uscita dalla carreggiata...........................2.43 → 2.45 chiave di emergenza .................................................. 1.6 – 1.7
avviso di velocità eccessiva...................................2.53 → 2.55 chiave per copparuota ................................................ 5.7 – 5.8
chiave/telecomando a radiofrequenza
B utilizzo ..................................................................1.2 → 1.4
bagagliaio .....................................................3.29, 3.31 → 3.33 chiavi .........................................................................1.2 → 1.5
bambini ........................................ 1.6, 1.34 – 1.35, 3.16 – 3.17 chiusura ad effetto globale ......................................... 1.5, 1.12
bambini (sicurezza) ............................................................. 1.6 chiusura delle porte ...............................................1.13 → 1.18
7.1
INDICE ALFABETICO (2/5)
cinture di sicurezza .......................................1.23 → 1.30, 1.33 dispositivo complementare alle cinture..................1.27 → 1.33
climatizzazione ........................................................3.4 → 3.13
cofano motore............................................................. 4.2 – 4.3 E
comandi .................................................................1.50 → 1.53 Eco guida...............................................................2.19 → 2.23
comando integrato del telefono viva voce ......................... 3.39 equipaggiamenti multimediali ............................................ 3.39
commutatore di avviamento ................................................ 2.3 ESC: Controllo dinamico della stabilità.........1.56, 2.29 → 2.38
computer di bordo............................ 1.54 → 1.59, 1.62 → 1.71
consigli antinquinamento ................................................... 2.24 F
consigli di guida .....................................................2.19 → 2.23 fari
consumo di carburante ..........................................2.19 → 2.23 anteriore ...........................................................5.14 → 5.16
controllo anticorrosione .........................................6.14 → 6.18 regolazione ....................................................... 1.85 – 1.86
controllo dell’aderenza....................................................... 2.33 sostituzione delle lampadine ............................5.14 → 5.16
controllo della trazione: A.S.R. ..............................2.29 → 2.38 filtro
controllo dinamico della stabilità: ESC ..................2.29 → 2.38 abitacolo ...................................................................... 4.10
controllo livelli: dell’aria ........................................................................ 4.10
liquido dei freni ............................................................... 4.9 dell’olio .................................................................4.5 → 4.7
liquido di raffreddamento ............................................... 4.8 foratura .............................................. 5.2 – 5.3, 5.7, 5.9 – 5.10
serbatoio liquido lavavetri ............................................ 4.10 frenata attiva di emergenza ...................................2.34 → 2.38
coppe ruota.......................................................................... 5.8 frenata d’emergenza..............................................2.29 → 2.38
copribagagli ....................................................................... 3.30 freno a mano ..................................................................... 2.15
cric ....................................................................................... 5.7 freno di stazionamento assistito ............................2.16 → 2.18
cruscotto ................................................................1.50 → 1.53 funzione Stop and Start ...........................................2.8 → 2.11
fusibili.....................................................................5.24 → 5.26
D
dimensioni ........................................................................... 6.4 G
disappannamento giustificativi di manutenzione ...................................6.8 → 6.13
parabrezza .........................................................3.4 → 3.12 gonfiaggio dei pneumatici ....................................... 4.11 – 4.12
vetro posteriore ..................................................3.4 → 3.12 guida ......... 2.2 → 2.7, 2.12 – 2.13, 2.16 → 2.23, 2.29 → 2.42,
disattivazione degli airbag passeggero anteriore .............. 1.47 2.50 → 2.52, 2.56 → 2.64, 2.71 → 2.73
display ...................................................................1.54 → 1.61
dispositivi di protezione laterale......................................... 1.32 I
dispositivi di sicurezza bambini 1.34 – 1.35, 1.37 → 1.40, 1.47 illuminazione. .......................................................... 3.18 – 3.19
dispositivi di sicurezza complementari .............................. 1.33 illuminazione:
alle cinture anteriori .........................................1.27 → 1.30 esterna .............................................................1.78 → 1.86
alle cinture posteriori .................................................... 1.31 interna ........................................... 3.18 – 3.19, 5.20 – 5.21
laterali .......................................................................... 1.32 quadro della strumentazione ....................................... 1.78

7.2
INDICE ALFABETICO (3/5)
inconvenienti M
anomalie di funzionamento ..............................5.34 → 5.40 manovella ............................................................................ 5.7
indicatori: manutenzione .................................................................... 2.24
del quadro della strumentazione ......................1.54 → 1.63 manutenzione:
di direzione .................................................................. 1.84 carrozzeria .......................................................4.15 → 4.17
inserimento del contatto del veicolo ...................2.3, 2.5 → 2.7 meccanica ...............................4.4, 4.13 – 4.14, 6.8 → 6.13
Isofix ....................................................................... 1.37 – 1.38 rivestimenti interni ............................................. 4.18 – 4.19
masse .................................................................................. 6.6
K menu di personalizzazione delle regolazioni del veicolo ..........
kit di gonfiaggio dei pneumatici .................................5.4 → 5.6 1.72 – 1.73
messa in stand-by del motore .................................2.8 → 2.11
L messaggi sul quadro della strumentazione ...........1.62 → 1.71
lampadine modalità ECO .................................................................... 2.20
sostituzione ......................................................5.14 → 5.21 motore
lampeggianti .................................................1.84, 5.14 → 5.19 caratteristiche ................................................................ 6.5
lavaggio .................................................................4.15 → 4.17
lavavetri .................................................................1.87 → 1.94 O
leva del cambio.................................................................. 2.14 olio motore .................................................................4.4 → 4.7
leva del cambio automatico ...................................2.71 → 2.73 ora ..................................................................................... 1.75
limitatore di velocità ......................................1.57, 2.50 → 2.52 orologio .............................................................................. 1.75
liquido dei freni .................................................................... 4.9
liquido di raffreddamento motore ......................................... 4.8 P
livelli .........................................................................4.8 → 4.10 parabrezza termico ..................................................3.7 → 3.12
livello carburante ...................................................1.54 → 1.60 parcheggio assistito ......................... 2.60 → 2.64, 2.67 → 2.70
livello olio motore .......................................................4.4 → 4.7 particolarità dei veicoli a benzina....................................... 2.12
luci: particolarità dei veicoli diesel ............................................. 2.13
abbaglianti .....................................1.54, 1.78, 5.14 → 5.16 personalizzazione delle regolazioni del veicolo ..... 1.72 – 1.73
anabbaglianti .................................1.54, 1.78, 5.14 → 5.16 pezzi di ricambio .................................................................. 6.7
antinebbia .................................................. 1.54, 1.81, 5.19 pianale mobile ................................................................... 3.31
di direzione ....................................1.54, 1.84, 5.14 → 5.17 pila carta RENAULT .......................................................... 5.22
di posizione .............................................1.78, 5.14 → 5.17 pile (telecomando) ............................................................. 5.23
di retromarcia ............................................................... 5.19 plafoniera ....................................................... 3.18 – 3.19, 5.20
di stop ..............................................................5.17 → 5.19 pneumatici .......... 2.22, 2.26 → 2.28, 4.11 – 4.12, 5.11 → 5.13
regolazione ....................................................... 1.85 – 1.86 portapacchi
segnalazione pericolo .................................................. 1.84 barre del tetto .................................................... 3.37 – 3.38
porte/sportello del bagagliaio............................1.4, 1.6 → 1.18
7.3
INDICE ALFABETICO (4/5)
posacenere ........................................................................ 3.25 risparmi di carburante ............................................2.19 → 2.23
posizione di guida rivestimenti interni
regolazioni .......................................................1.23 → 1.26 manutenzione ................................................... 4.18 – 4.19
posto di guida ........................................................1.50 → 1.59 rodaggio...................................................................... 2.2 – 2.3
presa accessori ................................................................. 3.25 ruota di scorta ............................................................. 5.2 – 5.3
pressione dei pneumatici ..........2.26 → 2.28, 4.11 – 4.12, 5.12 ruote (sicurezza) ....................................................5.11 → 5.13
pretensionatori .......................................................1.27 → 1.30
pretensionatori delle cinture S
di sicurezza anteriori ........................................1.27 → 1.30 sbloccaggio delle porte ..........................................1.13 → 1.15
protezione anticorrosione .................................................. 4.15 sbrinamento/disappannamento del parabrezza ......3.7 → 3.12
pulizia: sedile unico posteriore............................................ 3.27 – 3.28
interno del veicolo ............................................. 4.18 – 4.19 sedili anteriori
pulsante di avviamento/spegnimento del motore ......2.5 → 2.7 a comando elettrico ..................................................... 1.22
regolazione .............................................. 1.19 – 1.21, 1.23
Q sedili posteriori................................................................... 1.25
quadro della strumentazione .................................1.54 → 1.71 funzionalità ........................................................ 3.27 – 3.28
quattro ruote motrici (4WD) ...................................2.39 → 2.42 sedili termici ....................................................................... 1.20
seggiolini per bambini ........................1.34 – 1.35, 1.37 → 1.43
R segnalatore angolo cieco.......................................2.46 → 2.49
regolatore di velocità ....................................1.57, 2.56 → 2.59 segnalazione illuminazione....................................1.78 → 1.86
regolatore-limitatore di velocità........ 2.50 → 2.52, 2.56 → 2.59 segnale
regolazione dei fari ................................................. 1.85 – 1.86 luminoso ...................................................................... 1.84
regolazione dei sedili anteriori ................................ 1.20 – 1.21 segnale pericolo ................................................................ 1.84
regolazione della posizione di guida 1.19 – 1.21, 1.23 → 1.26, sensore di retromarcia ...........................................2.60 → 2.64
3.26 serbatoio
regolazione della temperatura .................................3.7 → 3.12 lava-vetri ...................................................................... 4.10
regolazione elettrica dell’altezza dei fari ................. 1.85 – 1.86 liquido dei freni ............................................................... 4.9
regolazioni personalizzate del veicolo ................... 1.72 – 1.73 liquido di raffreddamento ............................................... 4.8
rete di separazione ................................................. 3.35 – 3.36 serbatoio carburante
retromarcia capacità ....................................................................... 1.95
passaggio ...............................................2.14, 2.71 → 2.73 servofreno di emergenza .......................................2.29 → 2.38
retrovisori ................................................................ 1.76 – 1.77 servosterzo ........................................................................ 1.74
rilevamento cartelli stradali: avviso di velocità eccessiva ......... servosterzo variabile.......................................................... 1.74
2.53 → 2.55 sicurezza bambini ..............................1.34 – 1.35, 1.37 → 1.43
ripiano posteriore ............................................................... 3.30 sicurezza dei bambini .....1.30, 1.34 – 1.35, 1.37 → 1.43, 1.47,
riscaldamento ..........................................................3.4 → 3.12 2.5, 3.16 – 3.17
7.4
INDICE ALFABETICO (5/5)
sistema antibloccaggio delle ruote: ABS ...............2.29 → 2.38 rete di separazione ........................................... 3.35 – 3.36
sistema di controllo della pressione dei pneumatici ................. sul tetto .......................................................................... 6.6
2.26 → 2.28
sistema di controllo della trazione: A.S.R. .............2.29 → 2.38 V
sistema di navigazione ...................................................... 3.39 vani di riordino .......................................................3.20 → 3.24
sistema di ritegno bambini ........1.34 – 1.35, 1.37 → 1.43, 1.47 vani portaoggetti ....................................................3.20 → 3.24
sistema di traino vano portaoggetti ...................................................3.20 → 3.24
montaggio .................................................................... 3.34 ventilazione..............................................................3.2 → 3.12
sollevamento del veicolo vernice
sostituzione della ruota ....................................... 5.9 – 5.10 manutenzione ..................................................4.15 → 4.17
sostituzione della ruota ............................................. 5.9 – 5.10 volante
sostituzione delle lampadine .................................5.14 → 5.21 regolazione .................................................................. 1.74
sostituzione olio motore .............................................4.5 → 4.7
spazzole dei tergivetri ............................................. 5.30 – 5.31 W
specchietti di cortesia ........................................................ 3.20 warning .............................................................................. 1.84
spegnimento del motore ............................................2.4 → 2.7
spia di controllo......................................................1.54 → 1.71
spoiler ................................................................................ 3.38
Stop and Start.................................................1.57, 2.8 → 2.11

T
tappo serbatoio carburante....................................1.95 → 1.97
targhette di identificazione ................................................... 6.3
telecomando di bloccaggio delle porte
pile ............................................................................... 5.23
telecomando di chiusura............................................1.2 → 1.4
telefono .............................................................................. 3.39
tergivetro................................................................1.87 → 1.94
spazzole ............................................................ 5.30 – 5.31
tetto in vetro fisso .............................................................. 3.17
traino
riparazione ........................................................ 5.32 – 5.33
sistema di traino ........................................................... 3.34
trasporto bambini ......................1.34 – 1.35, 1.37 → 1.43, 1.47
trasporto di oggetti
nel bagagliaio ............................................................... 3.33
7.5
RENAULT S.A.S. SOCIÉTÉ PAR ACTIONS SIMPLIFIÉE AU CAPITAL DE 533 941 113 € / 13-15, QUAI LE GALLO
92100 BOULOGNE-BILLANCOURT R.C.S. NANTERRE 780 129 987 — SIRET 780 129 987 03591 / TÉL. : 0810 40 50 60
NU 1161-6 – 99 91 097 86R – 08/2017 – Edition italienne
à999109786Ròñêä 50