Sei sulla pagina 1di 327

Il tuo sapone naturale.

Metodi, ingredienti, ricette


Marina Tadiello

ISBN: 9788866040071
NaturalLifeStyle

Il tuo sapone naturale


terza edizione

Patrizia Garzena
Marina Tadiello
Il tuo sapone naturale - terza edizione
Autrici: Patrizia Garzena e Marina Tadiello
Collana:

Publisher: Fabrizio Comolli


Progetto grafico: escom - Milano
Curatore: Alessandro Valli

ISBN: 978-88-8233-949-4
Copyright © 2009 Edizioni FAG Milano
Via G. Garibaldi 5 – 20090 Assago (MI) – www.fag.it
Nessuna parte del presente libro può essere riprodotta, memorizzata in un sistema che ne permetta l’elaborazione, né
trasmessa in qualsivoglia forma e con qualsivoglia mezzo elettronico o meccanico, né può essere fotocopiata, riprodotta o
registrata altrimenti, senza previo consenso scritto dell’editore, tranne nel caso di brevi citazioni contenute in articoli di
critica o recensioni.
La presente pubblicazione contiene le opinioni dell’autore e ha lo scopo di fornire informazioni precise e accurate.
L’elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità in capo
all’autore e/o all’editore per eventuali errori o inesattezze.
Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive aziende. L’autore detiene i diritti per
tutte le fotografie, i testi e le illustrazioni che compongono questo libro.
Prima parte
I metodi di base

Il mondo in cui viviamo è sempre più piccolo. E anche i gesti più banali del nostro
quotidiano possono innescare, per reazione a catena, cambiamenti tanto enormi quanto
difficili da prevedere.
Imparare a fare il proprio sapone è un piccolo passo che offre la grande opportunità di
prendersi cura del proprio corpo senza delegare ad altri scelte importanti per la
conservazione del pianeta e per la promozione di uno stile di vita davvero responsabile.
Questo libro raccoglie tutte le informazioni necessarie per riscoprire il sapone naturale: vi
parla degli ingredienti di base, vi segue passo dopo passo nelle prime sperimentazioni, vi
aiuta a guardare con una consapevolezza nuova alla natura che vi circonda e a creare
stupendi saponi, sempre gentili sulla pelle e rispettosi dell’ambiente.
La piccola rivoluzione del sapone naturale è iniziata: esserne protagonisti non è mai stato
così facile e divertente.

Patrizia e Marina
Capitolo 1

Alla riscoperta del sapone

Negli ultimi anni sono sempre


più numerosi i medici e gli Sommario
specialisti della pelle che
sembrano aver dichiarato guerra • Che cos’è il sapone
al sapone. • C’è sapone e sapone
Che soffriate di un problema • La storia: dai Babilonesi alla Rivoluzione Industriale
cronico – come per esempio la • I saponi della nonna
psoriasi – o di un’irritazione • Il sapone industriale
temporanea, la prima • I saponi “naturali” dell’industria cosmetica
raccomandazione che vi • Il mito del sapone-non-sapone
daranno sarà quella di buttare • Il sapone fatto in casa
via il sapone e di sostituirlo con
uno dei tanti “detergenti delicati” di cui traboccano gli scaffali dei negozi specializzati.
Parallelamente, è interessante notare che chi si affida regolarmente a sapone fatto a mano si
trova, quasi d’improvviso, con una pelle più sana e scopre che, meraviglia delle meraviglie,
persino le irritazioni più ostinate sembrano, se non sparire del tutto, quantomeno affievolirsi
notevolmente. Dove sta allora la verità? E che cosa c’è che non funziona nel comune
sapone?
Come spesso succede, le risposte sono molteplici e non facili da intuire al primo sguardo.
Intanto, c’è sapone e sapone; e poi, la nostra pelle non reagisce sempre allo stesso modo nei
confronti di certi prodotti. Così per esempio, mentre è ben noto il fatto che alcuni degli
alimenti più comuni (come latticini e cereali) possano provocare reazioni negative in certi
individui, ben pochi sono coloro che attribuiscono al comune sapone la causa di eventuali
problemi di pelle.
Per capire però perché certi saponi siano migliori di altri, dobbiamo partire da che cosa è il
sapone e da come viene prodotto.

1.1 Che cos’è il sapone


Su due dizionari scelti a caso, alla voce “sapone” si legge:
1. Sale alcalino di acidi grassi a elevato numero di atomi di carbonio, usato specialmente
come detergente (Il nuovo Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana)
2. Agente detergente ed emulsionante prodotto dall’azione di alcali in grassi o acidi grassi
che consiste essenzialmente di sali di sodio o potassio degli stessi acidi (Merriam-
Webster Collegiate Dictionary)
In parole più semplici, ciò che noi chiamiamo sapone è il prodotto di una reazione chimica
tra una base (gli alcali) e uno o più acidi. E, come probabilmente ricorderete dai tempi
della scuola, il risultato della reazione tra una base e un acido è un sale. Dal punto di vista
chimico, dunque, il sapone è quindi nient’altro che un sale.
Si tratta tuttavia di un sale un po’ speciale, e la reazione che lo produce è talmente tipica da
avere meritato un suo nome specifico: saponificazione.
Perché questa reazione avvenga, è necessaria una forte base alcalina che riesca a catalizzare
uno o più acidi deboli, quali sono, nel nostro caso, gli acidi grassi naturali che si trovano
nei grassi animali e negli oli vegetali.
E poiché i grassi (animali e vegetali) sono costituiti da una molecola di glicerolo e da tre
molecole di acidi, la saponificazione di questi materiali dà origine a un composto che
contiene un sale (il sapone) e delle molecole libere di glicerolo (la glicerina). Nei saponi
fatti a mano coi metodi naturali descritti in questo libro, sale e glicerina coesistono nel
prodotto finito e contribuiscono a esaltarne le qualità.
L’azione pulente del sapone è dovuta invece alla sua particolare struttura molecolare.
Poiché ogni particella di sapone possiede una “coda” idrofila e una “testa” lipofila, quando
strofiniamo una saponetta su una superficie da lavare, la parte lipofila si lega allo sporco,
quasi sempre costituito da materiale grasso, mentre la parte idrofila si combina con l’acqua
per lavar via i residui. L’effetto dello scioglimento del sale nell’acqua e la sua
combinazione con l’ossigeno dell’aria danno origine a una della caratteristiche più
piacevoli e tipiche del sapone: la schiuma.

1.2 C’è sapone e sapone


La saponificazione è una delle prime reazioni chimiche scoperte dall’uomo. Per millenni, si
è fatto sapone mescolando semplicemente i grassi animali con la potassa di cenere (una
forma rudimentale e impura di idrossido di potassio). Solo con l’avvento della Rivoluzione
Industriale, alla fine dell’Ottocento, il semplice processo usato dai nostri antenati è stato
gradualmente soppiantato da tecniche sempre più innovative. Al posto della potassa si è
introdotto l’uso degli idrossidi di sodio o di potassio (simboli chimici NaOH, KOH) per
saponificare non più oli grezzi, ma acidi grassi puri, estratti chimicamente dai grassi
comuni.
Il processo di saponificazione è stato modificato e manipolato in modo da poter estrarre –
per idrolisi – il glicerolo dal sale-sapone e destinarlo ad altri tipi di produzione (per
esempio di glicerina e di cosmetici che ne sfruttano le proprietà idratanti).
In sostanza, l’evoluzione e la standardizzazione del processo industriale hanno
drasticamente influito sulla composizione finale di ciò che noi oggi chiamiamo sapone.
Come ha puntualizzato, a tal proposito, un saponiere artigianale: «Siamo passati dall’epoca
in cui il sapone si otteneva bollendo degli scarti animali con la potassa di cenere, a una in
cui il comune sapone da bagno è un detergente interamente sintetico, composto
artificialmente manipolando acidi grassi e additivi chimici con nomi impronunciabili – un
qualcosa che pulisce talmente bene, che usarlo per lavarsi è come farsi una passeggiata in
un asciugabiancheria, per non parlare naturalmente delle conseguenze sulle acque di scarico
e quindi sull’ambiente».

1.3 La storia: dai Babilonesi alla Rivoluzione Industriale


La storia del sapone si perde nella notte dei tempi. Usato dai popoli antichi soprattutto per
la pulizia della lana grezza e dei tessuti, il sapone è stato prodotto per millenni utilizzando il
grasso animale e la sostanza caustica derivante dalla macerazione della cenere in acqua.
Testimonianze archeologiche provano come già i Babilonesi, gli Egizi e i Fenici usassero un
materiale simile al sapone per trattare le fibre grezze prima di destinarle alla lavorazione,
ma è stato sicuramente Plinio il Vecchio, uno dei più importanti cronisti della storia
occidentale, a darci le prime notizie certe sulla produzione e sull’uso del sapone
nell’antichità. Plinio, riferendosi ai popoli celtici della Gallia, racconta di un preparato a
base di grasso di capra e materiale alcalino, ottenuto dalla cenere di betulla, che veniva
utilizzato per decolorare i capelli. E a quanto pare furono proprio i Celti a trasmettere ai
Romani l’uso del sapone nella pulizia personale, visto che i discendenti dei Cesari
preferivano piuttosto usare olio misto a sabbia e a erbe aromatiche per pulire e massaggiare
il loro corpo. Del resto, il termine tardo-latino saponem sta proprio a indicare una “miscela
di sego e cenere per tingere i capelli, di origine celtica o germanica”.
Sarebbe quindi soltanto una leggenda la storia secondo la quale il termine “sapone”
deriverebbe dal presunto nome di un colle di Roma, il Sappo; un luogo, in realtà mai
esistito, dove i Romani avevano sacrificato animali ai loro dei. Il grasso che colava dagli
altari – si racconta – veniva a mescolarsi con la cenere dei bracieri e con l’acqua piovana,
trasformandosi in una sostanza saponosa che, come avrebbero scoperto le “lavandaie”
dell’epoca, rendeva puliti i tessuti. La storiella è sicuramente affascinante, ma totalmente
priva di fondamento storico. La produzione a livello artigianale del sapone inizia invece in
epoca medievale quando, tra il 1200 e il 1300, comparvero i primi laboratori in Francia, in
Inghilterra e nella zona di Savona, in Italia; l’ingrediente principale era sempre il grasso
animale, anche se, nelle regioni mediterranee della Francia, si mise a punto ben presto una
tecnica di cottura della miscela che permetteva l’uso dell’olio di oliva. Ma il prodotto-
sapone non ebbe un successo duraturo, almeno non nell’uso che ne conosciamo noi oggi: nel
tardo Medioevo le condizioni igieniche generali peggiorarono drasticamente, tanto da
favorire il diffondersi di epidemie letali, come la Peste Nera che decimò la popolazione
europea negli anni tra il 1348 e il 1350. E in epoca Rinascimentale anche i sovrani e la loro
corte preferivano profumare e ungere il corpo con unguenti piuttosto che concedersi il
“licenzioso” lusso di un bel bagno.
Del resto, il sapone di quel tempo era molto diverso da quello che oggi conosciamo; il
problema fondamentale stava nella scarsa purezza della base alcalina che veniva utilizzata
per ottenere la saponificazione dei grassi. L’estrazione di idrossido di sodio dalla
macerazione di cenere (prodotta da alghe o da vari tipi di erbe o legni) era infatti un
processo lungo, complicato e spesso dall’esito discutibile. La sostanza caustica che ne
derivava aveva concentrazioni molto variabili e questo incideva irrimediabilmente
sull’esito della saponificazione.
Il passo più importante nella storia del sapone è da ricondurre invece alla scoperta di un
chimico francese, Nicolas Leblanc (1742-1806), che, nella seconda metà del XVIII secolo,
mise a punto un sistema per produrre soda caustica di purezza costante partendo dal comune
sale da cucina. Leblanc riuscì a ottenere carbonato sodico impiegando come reagenti di
partenza il cloruro di sodio (il sale comune) e l’acido solforico. La strada si rivelò corretta,
ma non priva di effetti collaterali indesiderati; il sistema per ottenere il carbonato, infatti,
produceva enormi quantità di scarti tossici e difficili da smaltire. Il problema venne
affrontato e risolto dal chimico belga Ernest Solvay (1836-1922), il quale, prendendo
spunto dal procedimento messo a punto da Leblanc, riuscì a produrre idrossido di sodio con
una tecnica che permetteva di utilizzare tutti i sottoprodotti della reazione chimica. Partendo
dal sale da cucina (simbolo chimico NaCl), il processo consente di ottenere idrossido di
sodio (NaOH) e ipoclorito di sodio (HCl), ossia candeggina. La soda Solvay, brevettata a
livello industriale, aprì definitivamente la strada alla produzione industriale del sapone.

1.4 I saponi della nonna


Prima dell’avvento dei primi modelli di lavatrice, alla fine degli anni Cinquanta, il rito del
bucato è stato per decenni qualcosa di molto più complesso dello stipare una montagna di
panni dietro a un oblò. Ogni angolo di campagna italiana, dalle Alpi alla Sicilia, offre un
ricco armamentario di aneddoti, proverbi e usanze legati sia alla produzione casalinga del
sapone, sia al trattamento della biancheria. La storia che abbiamo preso d’esempio, perché
frutto di una diretta conoscenza personale, è ambientata nelle vallate alpine del Biellese, in
Piemonte, e vuole essere un piccolo omaggio a quel mondo rurale, antico e saggio, ormai
troppo spesso travisato in un folclore consumistico privo di contenuti autentici.
Nel calendario dei lavori agricoli stagionali, la preparazione del sapone cadeva verso la
fine di dicembre, quando si concludeva la macellazione degli animali da cortile, in
particolare dei maiali, e c’era abbondanza di strutto da utilizzare.
Il sapone casalingo di una volta – collocato cioè in un arco di tempo non posteriore al
Novecento – non era affatto preparato con la cenere, come sostengono certe “favolette naïf”
spesso spacciate come verità su Internet e sui giornali, ma si otteneva piuttosto attraverso la
bollitura dei grassi in una soluzione di acqua e soda caustica. Del resto, come abbiamo
spiegato nel paragrafo precedente, a partire dall’Ottocento gli alcali erano diventati un
materiale tanto affidabile e a buon mercato, che nemmeno le nostre nonne sarebbero mai
tornate indietro alla lisciva di cenere di epoca medievale.
Nelle famiglie che potevano permetterselo, al sapone si aggiungeva, per tradizione passata
di bocca in bocca, della colofonia, del talco e, a volte, dell’allume di rocca.

La colofonia o pece greca è una resina naturale che si ottiene dal residuo
della distillazione della trementina; il talco è un minerale usato in cosmesi;
l’allume di rocca, o allume di potassio o kalinite, è un solfato usato
nell’industria della carta e nella purificazione delle acque.
Figura 1.1 – Vari tipi di sapone fatto in casa.

La cenere, dunque, era presente sì: non nel sapone, ma come ingrediente fondamentale del
rito del bucato o, come si dice nel Biellese, “dla boà”.
Il lavaggio della biancheria avveniva saltuariamente, spesso in periodi regolati dalle fasi
lunari, ed era un’occupazione che impegnava le donne della cascina o della malga per tutto
il giorno. In certe borgate di montagna, il bucato era un rito collettivo come la fienagione, la
raccolta dei frutti in autunno, le veglie invernali.
La biancheria, dopo una robusta insaponata col sapone casalingo, veniva impilata in un
mastello bucato, sulla sommità del quale si poneva un sacco di tela o di juta – detto “fiorel”
– che conteneva la cenere. Nel secchio veniva poi versata acqua a temperatura sempre più
alta per un determinato numero di volte fino a quando la superficie del mastello non
“fioriva” di bollicine. “Set ciapëti, set caodëti, set buiji, set fioriji” recita un vecchio
proverbio biellese ovvero: sette volte acqua tiepida, sette volte acqua calda e tanta acqua
bollente fino a quando la superficie del mastello non “fiorisce” di schiuma. A quel punto la
biancheria era pronta; non restava che sciacquarla in acqua corrente al lavatoio pubblico o
nel torrente quindi stenderla, magari direttamente sull’erba per sfruttare al meglio il potere
sbiancante della luce solare. L’acqua che usciva dal fondo del mastello, saponata e resa
alcalina dalla diluizione della cenere, veniva di solito raccolta e riciclata per le pulizie
domestiche
La preparazione del bucato comportava la conoscenza di segreti antichi: la cenere, per
esempio, veniva scelta tra quella dei legni chiari (betulla, frassino) mentre si evitava quella
di rovere e di castagno, in quanto di grana troppo grossa e ricca di catrame e tannini. In
mezzo alla biancheria impilata nel mastello si usava aggiungere foglie di alloro per
profumare, o fiori di borragine, che erano considerati sbiancanti naturali. I giorni del bucato
“ordinario” erano quelli soleggiati e ventosi, mentre solo alla biancheria delle spose
toccava l’originale privilegio di asciugare al chiaro di luna.

1.5 Il sapone industriale


In un mondo dove la quantità è diventata più importante della qualità, l’attività industriale di
produzione del sapone è tesa più a ottenere una produzione abbondante e un buon ritorno
degli investimenti, che a garantire la piena soddisfazione del cliente e il benessere della
pelle e dell’ambiente. Le materie prime vengono scelte in base alla loro convenienza, non
certo per le loro proprietà cosmetiche o detergenti. Di fatto, la gran parte del sapone
commerciale deriva dagli scarti della produzione alimentare, e in particolare dal trattamento
dei sottoprodotti dell’industria della carne. Massiccio è pure l’impiego di grassi vegetali di
scarsa qualità, provenienti da coltivazioni estensive che minacciano seriamente la
sopravvivenza delle foreste equatoriali.
Per ottimizzare la produzione, il processo industriale, durante il quale gli ingredienti di base
vengono trattati chimicamente, è stato completamente automatizzato e richiede l’introduzione
di additivi sintetici per accelerare i tempi di reazione. Dagli oli e dai grassi naturali
vengono prelevati gli acidi grassi e la glicerina; quest’ultima, una volta estratta, viene
purificata e concentrata, quindi imballata per essere venduta separatamente. Gli acidi grassi
“puri” invece – da questo momento in poi ridotti a una mera formula chimica – vengono fatti
reagire con la dose massima di reagente caustico, in modo che nessuna molecola di grasso
rimanga libera nella pasta di sapone (il sale di sodio). Dopo essere stato disidratato,
refrigerato e solidificato, il sale di sodio viene macinato o pestato. All’impasto finale
vengono aggiunti profumi e coloranti sintetici, sostanze chelanti, conservanti e stabilizzanti.
Infine, con l’ulteriore aggiunta di lubrificanti sintetici, la massa saponosa viene pressata in
barre e compressa negli stampi definitivi.
Il processo naturale di saponificazione viene talmente esasperato e stravolto, che ciò che ne
deriva può essere a stento definito “sapone”.

1.6 I saponi “naturali” dell’industria cosmetica


Negli ultimi anni, sono apparsi sul mercato una notevole quantità di preparati che si
definiscono “naturali” – incluso il sapone. Inizialmente confinati nelle rivendite super
specializzate, oggi i cosiddetti cosmetici “naturali” sono disponibili in molti negozi di
prodotti per la cura quotidiana e persino in certi supermercati e discount.
Ma al di là dell’aspetto estetico e degli astuti espedienti di marketing che stanno alle spalle
di questi prodotti, se andate a leggere le etichette con attenzione, vi verrà da domandarvi
che cosa, in definitiva, renda questi prodotti più “naturali” e diversi rispetto a quelli
tradizionali. Viene il sospetto dunque che qualcuno, essendo aumentata in maniera
esponenziale la domanda di prodotti privi di additivi chimici, e poiché non esiste un
disciplinare di legge per l’uso del termine “naturale”, abbia colto al volo l’opportunità di
buttarsi sull’affare.
A parte poche eccezioni, i saponi “biologici” che si trovano in commercio non presentano
differenze intrinseche sostanziali rispetto ai loro equivalenti industriali.
Mentre alcuni possono contenere esigue dosi di sostanze naturali – in genere, una minuta
quantità di oli essenziali diluiti nelle fragranze sintetiche – nella maggioranza dei casi si
tratta invece del solito prodotto; magari impacchettato in una confezione in perfetto stile
country o bio, ma sicuramente non all’altezza del prezzo – quello sì, molto diverso – che
sarete costretti a pagare.
Una buona regola per capire esattamente che tipo di prodotto “naturale” state comprando è
quella di imparare a decifrare le etichette. I paesi dell’Unione Europea, gli Stati Uniti, il
Canada, l’Australia, la Nuova Zelanda e il Giappone impongono alle aziende di compilare
per ogni prodotto un elenco dettagliato degli ingredienti utilizzati.
Figura 1.2 – Il sapone fatto in casa è naturale e fa bene alla pelle!

Una piccola eccezione a questa regola si verifica negli Stati Uniti solo per il sapone
comune, quello per il quale il produttore non dichiari proprietà cosmetiche o curative.
Trovate maggiori informazioni su questi aspetti al Capitolo 11.

1.7 Il mito del sapone-non-sapone


Abbiamo già accennato in apertura del capitolo al fatto che svariati medici e dermatologi
raccomandano l’uso, al posto del sapone, di detergenti più delicati. Questi prodotti, che
vengono di solito identificati con il nome generico di “sapone-non-sapone”, sono costituiti
da ingredienti ricavati attraverso un processo sintetico.
Se è vero che possono essere più gentili del sapone industriale con una pelle irritata, è
altrettanto vero che questi detergenti non sono sicuramente naturali. Ed è anche vero che il
sistema più sicuro per capire se un sapone è davvero delicato sulla pelle, è metterlo alla
prova! Con il sapone naturale, in genere, non si hanno delusioni…

1.8 Il sapone fatto in casa


La produzione tradizionale del sapone si è basata per secoli su tecniche molto rudimentali e
su materie prime decisamente grezze. Ed è sicuramente vero che quel mattoncino giallastro,
spugnoso e dall’odore vagamente rancido che un tempo si chiamava “sapone” non
riscuoterebbe oggi un grande successo, nemmeno se fosse un toccasana per la pelle. E va
detto che buona parte dei saponi fatti in casa dalle nonne, cuocendo insieme grassi animali e
soda caustica, erano decisamente più adatti a detergere i panni che non a prendersi cura del
corpo
Ma le cose, per fortuna, sono drasticamente cambiate. Il progresso tecnologico e la facilità
di reperire gli ingredienti migliori sono elementi che, se usati con buon senso e misura, ci
danno la possibilità di produrre un sapone gradevole, efficace e soprattutto delicato sulla
pelle. Grassi e oli naturali di alta qualità sono oggi facilmente disponibili, acquistare alcali
puri è diventato facile, sicuro ed economico e i metodi per fare il sapone in casa si sono
evoluti e risultano oggi pratici e divertenti. Ecco perché l’idea di fare da sé il proprio
sapone non deve né stupire, né tanto meno far sorridere.
Quando un sapone è prodotto con le proprie mani, si è liberi di utilizzare ingredienti di base
di alta qualità, che trasmetteranno le loro proprietà specifiche al prodotto finito. Inoltre, per
chi ha la pelle particolarmente “difficile” o delicata, sarà possibile scegliere gli oli più
adatti tra i tesori che la natura ci mette a disposizione. Il sapone fatto a mano del terzo
millennio può essere, dunque, tanto genuino quanto lo era quello delle nostre nonne, ma
anche sicuro ed efficace come i prodotti commerciali, pur senza condividerne gli “effetti
collaterali”. Riappropriarsi della libertà di azione in un campo come la cosmesi, dove tutto
sembra delegato alle grandi multinazionali, significa fare davvero qualcosa di concreto per
favorire un modello di sviluppo più a misura dell’uomo e dell’ambiente.
Soprattutto, non dimenticatelo mai, sarete sempre e soltanto voi a decidere quanto “buono”
il vostro sapone dovrà essere.
E la prossima volta che vi capita di incontrare un dermatologo...
Capitolo 2

Gli ingredienti fondamentali

Nel Capitolo 1 vi abbiamo spiegato i fondamenti della reazione chimica


detta saponificazione; senza questo processo non ci può essere “sapone”, Sommario
e perché questo processo avvenga è fondamentale la presenza di tre
ingredienti essenziali: • Gli alcali
1. una base alcalina, che per i saponi “solidi” (saponette) è la soda • I liquidi
caustica; • Oli e grassi
2. un liquido, che serve da solvente per la soda;
3. degli oli o dei grassi, che forniscono gli acidi grassi necessari per la saponificazione.

Al sapone, fatto con grassi e soda caustica sciolta in un liquido, si possono poi aggiungere
una grande varietà di altri ingredienti, che abbiamo chiamato “facoltativi” perché la loro
presenza non è mai strettamente necessaria.
Questi ingredienti servono per dare profumo, colore, consistenza e vengono aggiunti, di
solito, alla cosiddetta fase “del nastro”. Ne parleremo in dettaglio nelle prossime pagine.

2.1 Gli alcali


C’è una regola d’oro, che tutti gli aspiranti saponai devono imparare all’inizio della loro
carriera: non può esistere sapone senza la soda caustica, ma il sapone finito non deve mai
contenere soda caustica.
La credenza che il sapone possa essere fatto senza la soda caustica è supportata e alimentata
da certe aziende che pubblicizzano saponi “senza soda” o “senza alcali”. Tuttavia, si tratta
semplicemente di un espediente commerciale, che in molti casi punta a creare nei
consumatori nuovi bisogni e quindi nuovi impulsi a comprare. Ogni volta che qualcuno vi
parla di “sapone-non-sapone” o “sapone senza soda” dovete tenere presenti due aspetti:
1. I “saponi-non-saponi” sono in realtà detergenti sintetici, ottenuti dalla miscela di diverse
sostanze (tra le quali tensioattivi e agenti schiumogeni). In genere, il cosiddetto sapone-
non-sapone non ha nulla a che vedere con ciò che legittimamente si chiama “sapone”, e
tanto meno con quel che noi chiamiamo “sapone naturale”.
2. Il riferimento al “sapone senza soda” riguarda solamente il prodotto finito e non significa
che per ottenerlo non si sia utilizzato un alcale nella fase iniziale. A ben vedere, infatti,
nessun sapone finito contiene soda; gli alcali hanno semplicemente la funzione di
reagente, ossia di ciò che innesca la trasformazione chimica dei grassi in quel sale inerte
che è, appunto, il sapone. Proprio per effetto della trasformazione, al termine della
reazione chimica l’alcale sparisce completamente.
Per la produzione del sapone naturale, gli alcali più usati sono due. L’ idrossido di sodio o
soda caustica (simbolo chimico NaOH) viene utilizzato per produrre il sapone solido.
L’idrossido di potassio o potassio idrossido (simbolo chimico KOH) viene invece
utilizzato per la produzione casalinga di saponi liquidi, di cui si parla nel Capitolo 9.
L’idrossido di sodio, o soda caustica, è un alcale facilmente acquistabile nelle drogherie e
nei negozi di ferramenta, in quanto viene in genere utilizzato per operazioni di pulizia e
sverniciatura. Si presenta sotto forma di scaglie o palline di color bianco semitrasparente. Il
legame ionico che tiene insieme gli atomi di sodio, ossigeno e idrogeno che compongono la
soda caustica è altamente instabile; pertanto, la soda tende a reagire e a combinarsi con
molti dei materiali con cui entra in contatto. Per questo motivo, ogni volta che vi troverete a
maneggiare la soda caustica, vi sarà raccomandato di indossare occhiali, guanti e
mascherina di protezione e dovrete seguire le regole di sicurezza che troverete descritte
nelle prossime pagine. La soda va trattata con molto rispetto, certo, ma senza lasciarsi
bloccare dalla paura. In fondo, è un po’ come una bacchetta magica che permette, con un
tocco, di trasformare la materia davanti ai vostri occhi!
Quando acquisterete soda caustica per fare il sapone, verificate che sulla confezione ci sia
scritto “idrossido di sodio anidro al 98-99 per cento”; non commettete l’errore di acquistare
prodotti “alla soda caustica”, come certi liquidi che si utilizzano per sturare gli scarichi
otturati, ma accertatevi che la soda caustica sia pura al 98-99%. Va evitata anche la
cosiddetta “soda da bucato”, perché si tratta di carbonato di sodio (Na2CO3), e non di
idrossido di sodio (NaOH), e non dà alcun risultato nella preparazione di sapone.

2.2 I liquidi
L’acqua
Come accennato nei paragrafi precedenti, i liquidi nel processo di saponificazione hanno la
funzione di “solvente”: servono cioè a dissolvere gli alcali per renderli più facilmente
disponibili nella reazione coi grassi. L’acqua è il liquido più usato per questo scopo.
Convenzionalmente, si consiglia di optare per l’acqua distillata, ma in pratica l’acqua del
rubinetto va benissimo così come quella di fonte. Non ha nessun senso acquistare acqua
confezionata per il sapone!

Il latte
Raramente usato nei metodi a caldo, nel metodo a freddo il latte può sostituire, in parte o
del tutto, l’acqua in cui si scioglie la soda caustica. In genere, si usano il latte intero di
mucca oppure di capra, ma è possibile usare anche latte vegetale, specie quello di cocco.
A contatto con la soda caustica, il latte assume inizialmente tonalità di giallo più o meno
marcate; quando la temperatura della soluzione sale in maniera eccessiva, diventa rosso-
bruno ed emette un tipico odore ammoniacale. Questo inconveniente – causato dalla
combustione degli zuccheri del latte, ma che comunque non influisce sulla qualità del sapone
– può essere evitato adottando “il sistema del congelatore”. Quando decidete di fare un
sapone al latte, pesate il liquido e mettetelo per 6-8 ore nel freezer; fatelo quindi scongelare
per qualche decina di minuti a temperatura ambiente, sino a quando riuscirete a romperlo o
tagliarlo in piccoli blocchi. Mettete circa due terzi dei blocchi di latte congelato nel
contenitore per la soluzione caustica; aggiungete poco per volta la soda, mescolando con
regolarità per evitare che il grasso del latte saponifichi in piccoli grumi, o che la soda non
si sciolga del tutto. Una soluzione caustica alla “giusta” temperatura appare di colore giallo
paglierino o giallo canarino. Procedete quindi normalmente nella preparazione della ricetta
e aggiungete il resto del latte al momento del nastro. Ricordatevi che la temperatura della
soluzione caustica ottenuta con il latte congelato sarà piuttosto bassa; per evitare che questo
generi inconvenienti, preparate quindi prima tutti gli altri ingredienti della ricetta, fate la
soluzione caustica e versatela subito nei grassi che avrete riscaldato fino alla temperatura
indicata. Il sapone al latte assume deliziose colorazioni che vanno dall’avorio al caramello
e produce una schiuma dalla consistenza cremosa e morbida.
Per il latte vegetale, in particolare quello di riso, di soia e di mandorle, è necessario fare un
discorso a parte; si tratta, infatti, della polpa dei semi di piante oleose diluita in soluzione
acquosa e addizionata di oli vegetali (specialmente olio di girasole). È bene dunque tenere
conto di questa ulteriore presenza di grasso nell’equilibrio totale della ricetta; il nostro
consiglio è quello di limitare l’uso del latte vegetale a piccole dosi, aggiunte al momento
del nastro. Usatene non più di tre-quattro cucchiai per ricette da un chilo di grassi. L’unico
latte vegetale che può essere usato come quello di origine animale – e dunque adottando il
“metodo del congelatore” – è quello di cocco.

Gli infusi
Menta, lavanda, karkadé, tè verde, ortiche, malva... le possibilità che la natura offre sono
tantissime. Basta preparare un decotto molto concentrato e lasciarlo raffreddare per qualche
ora prima di utilizzarlo per sciogliere la soda. Gli infusi, soprattutto quelli di erbe
aromatiche, contribuiscono a dare un leggero profumo e un tocco di colore. Non aspettatevi
però di ritrovare nel sapone il colore originario dell’erba, del fiore o dell’infuso: la
reazione con la soda fa prendere a tutti gli infusi varie tonalità di bruno, che rimangono in
misura più o meno accentuata nel sapone finito!
Figura 2.1 – Saponi fatti in casa.

La birra
I mastri saponai più originali la usano per gli shampoo, perché rende forti e lucidi i capelli.
Si utilizza nel sapone al posto dell’acqua. Poiché contiene alcol e zuccheri, è più reattiva
con la soda e va pertanto “preparata” prima dell’uso: per evitare che, quando viene aggiunta
la soda, la temperatura salga troppo in fretta e che il liquido trabocchi, va lasciata sgasare
completamente, trasferendola in un contenitore a bocca larga senza coperchio e
lasciandovela per qualche giorno, mescolando ogni tanto. Non è consigliata per i saponi
rilavorati.

I succhi
È possibile utilizzare, al posto o in sostituzione di parte dell’acqua, anche succhi di frutta e
di verdura (per esempio di carota).
Per evitare il surriscaldamento durante la preparazione della soluzione caustica, vanno
preferiti quelli non zuccherati.
Come si è detto a proposito degli infusi, non aspettatevi risultati eclatanti in termini di
colore e di profumo, e ricordate che i saponi che contengono succhi di frutta o verdura
freschi possono irrancidire più in fretta.
Una precisazione a parte la richiedono i succhi di frutta, e in particolare quelli più aciduli,
come per esempio il succo degli agrumi, del pomodoro e dell’ananas. Poiché la reazione di
saponificazione si verifica senza problemi soltanto in ambienti altamente alcalini, l’uso di
quantità troppo elevate di liquidi acidi come solventi per la soda può influire negativamente
sul sapone. Per evitare sgradite sorprese, consigliamo di utilizzare succhi “acidi” in ragione
di non più del 10% del liquido totale.

2.3 Oli e grassi


I grassi sono il vero ingrediente fondamentale del sapone. Le nostre nonne usavano
sostanzialmente quelli di origine animale, il lardo e il sego, per produrre un sapone molto
rustico, che veniva usato per fare il bagno alla famiglia oppure per lavare la biancheria. A
partire dagli anni ‘50, la diffusione degli oli di palma e di noce di cocco ha aperto la strada
alla produzione di saponi totalmente vegetali, col vantaggio di accontentare anche le
persone – e oggi sono sempre di più – che hanno a cuore la salute degli animali. A dire il
vero, la scelta tra grassi animali e vegetali rimane tuttavia un punto piuttosto controverso,
che riprenderemo nei paragrafi seguenti.
La grande famiglia dei grassi e degli oli viene suddivisa dai saponai, per convenzione, in
grassi di base e in grassi nutrienti.
I primi sono quelli che contribuiscono a dare corpo al sapone, in quanto possono essere
usati in maggiore quantità, e che, spesso, sono più facili da reperire a prezzi contenuti.
I nutrienti sono invece ingredienti più pregiati e costosi, che danno però al sapone una
qualità “superiore” anche quando vengono usati in minima percentuale.
I grassi di base

Olio di arachidi (Arachis hypogaea)


È un grasso insaturo, ricco di vitamina E, che ha blande proprietà emollienti e lenitive. Nel
sapone, contribuisce a produrre una buona schiuma e può essere usato in sostituzione
dell’olio di oliva, perché è meno caro; tuttavia, se viene aggiunto in percentuale superiore al
30 per cento sul totale dei grassi della ricetta, produce un sapone piuttosto molle, che
irrancidisce in fretta.

Olio di noce di cocco (Cocos nucifera)


È l’ingrediente vegetale che più di ogni altro ha rivoluzionato la produzione del sapone,
anche a livello industriale. Viene estratto dalla copra, la polpa del frutto, e si presenta come
un liquido che ha la tendenza a solidificare a temperature al di sotto dei 24 gradi centigradi.
Siccome è un ingrediente dell’industria alimentare, lo si trova facilmente, nella versione
idrogenata1 (dove l’olio rimane solido fino a temperature intorno ai 30ºC), presso i
fornitori di questo settore, oppure se ne può acquistare la versione raffinata in erboristeria.
Entrambi, al di là della enorme differenza di prezzo, sono ottimi per il sapone, purché siano
usati in una percentuale inferiore al 30 per cento sul totale dei grassi della ricetta.

L’idrogenazione è un processo chimico industriale che consente di inserire


atomi di idrogeno nella struttura molecolare di oli insaturi o polinsaturi.
Questo processo rende solidi oli che, nella loro condizione naturale, sono
liquidi.

L’olio di cocco, infatti, dà al sapone una schiuma fantastica, lo rende solido e compatto ma,
se usato in eccesso e con una quantità non “scontata” di soda caustica, può seccare la pelle.
Tra le curiosità: il sapone di olio di cocco è l’unico a fare la schiuma anche in acqua di
mare. Inoltre, come l’olio di palma e il burro di cacao, l’olio di cocco, benché di origine
vegetale, è un grasso saturo.

Olio di colza o di ravizzone (Brassica napus,


B. campestris, B. tournefortii)
Usato nel resto d’Europa anche come olio da tavola, l’olio estratto dalla colza è un buon
ingrediente per il sapone. Non ha particolari proprietà, ma è un grasso poco costoso che può
essere usato come “riempitivo”. Eccessive quantità di questo grasso però producono un
sapone molliccio, che tende a irrancidire facilmente.

Olio di semi di girasole (Helianthus annuus)


È un grasso insaturo, leggero e ricco di proprietà emollienti. Rilevante inoltre il contenuto
di vitamina E, che lo rende meno vulnerabile all’ossidazione. Se viene usato in grandi
quantità, produce un sapone molle che impiegherà molto tempo a raggiungere il nastro.
Figura 2.2 – Alcuni oli usati per la saponificazione.

È ottimo anche come olio da massaggio, perché nutre la pelle senza ungerla.

Olio di semi di mais (Zea mays)


È un olio polinsaturo, leggero, che contiene vitamine (E, A, B1, B2 e C) e minerali quali
magnesio, ferro e zinco. È emolliente e riequilibrante. Se usato in grande quantità, produce
un sapone molle che impiega parecchio tempo a fare il nastro, ma se bilanciato con altri
grassi saturi contribuisce a migliorare la qualità della schiuma.

Margarina
La citiamo soltanto per consigliarvi di non usarla. Si tratta infatti, per le marche
commercializzate in Italia, di una miscela di grassi insaturi idrogenati, cioè resi solidi
attraverso l’immissione di idrogeno nella loro struttura molecolare.
Se non si sa esattamente quali oli la compongono e in quale percentuale siano presenti,
diventa difficile determinare il coefficiente di saponificazione e quindi calcolare la quantità
di soda necessaria per trasformarla in sapone. Il rischio è duplice: fare un sapone troppo
caustico oppure un sapone troppo unto.
Benché alcuni testi diano per certo un valore di saponificazione di 0,136 – basandosi però
su un prodotto non commercializzato in Italia – se proprio si vuole usare la margarina,
conviene fare qualche esperimento e verificare di volta in volta l’esito finale. Meglio
sarebbe comunque scegliere direttamente altri ingredienti. Da evitare, per gli stessi motivi,
le miscele di oli da frittura, gli oli “di semi vari” o quelli “di frutti”.
Olio di oliva (Olea europaea)
Secondo noi, è il vero “principe” di tutti gli oli per fare il sapone. Largamente disponibile,
ricco di qualità emollienti e nutrienti, l’olio di oliva rappresenta l’ingrediente principale
per qualsiasi ricetta di sapone.
Per il sapone casalingo va benissimo il semplice olio di oliva, in quanto l’extravergine e il
vergine – oltre che più costosi – sono poco raffinati e decisamente più adatti a finire in
tavola che non nella vasca da bagno. All’estero viene spesso usato l’olio di sansa, che però
in Italia non sempre è facile trovare in commercio. Benché esista, in Europa e in altri Paesi,
una normativa molto rigorosa per la classificazione degli oli di oliva e di sansa destinati
all’uso alimentare, può succedere che compaiano occasionalmente sul mercato partite di
olio di sansa “non a norma”, in quanto contenenti tracce superiori ai minimi accettabili delle
sostanze chimiche utilizzate, come solventi, nel processo di estrazione. È bene ricordarselo
e acquistare, quando ne capita l’occasione, solo olio di sansa di buona qualità.
L’olio di oliva è un grasso mono-insaturo, molto ricco di “insaponificabili”, ossia di
sostanze che non si combinano con la soda caustica e possono restare intatte nel sapone.
Oltre a essere emolliente e curativo, protegge la pelle permettendole al tempo stesso di
respirare e di conservare la sua naturale idratazione. Dall’olio di oliva si ottiene un sapone
di colore chiaro che, dopo un tempo di maturazione piuttosto lungo (6-8 settimane), diventa
duro e ha una buona resa in termini di durata. Nonostante faccia poca schiuma, il sapone di
olio di oliva ha qualità pulenti eccezionali ed è quindi molto adatto anche ai saponi da
bucato (si pensi ai saponi di Marsiglia e di Savona). A dispetto di questi piccoli
inconvenienti (tempi lunghi di maturazione, scarsa produzione di schiuma) l’olio di oliva è
un ingrediente dalle proprietà ineguagliate che produce, usato al cento per cento o in
percentuali minori, un sapone di altissima qualità.
Nei paesi di lingua inglese i saponi fatti esclusivamente di olio di oliva sono chiamati
“Saponi di Castiglia” secondo una tradizione che li vorrebbe originari dell’omonima
regione spagnola. I saponi “di Castiglia” dei nostri giorni sono molto più probabilmente
derivazioni del “sapone bianco” che è stato prodotto nel Nord Italia fin dal 1600. Questo
sapone, a base di olio di oliva, fu prodotto in origine soprattutto nei laboratori artigianali di
Venezia, da dove raggiunse l’isola di Creta e il sud della Francia nei secoli successivi.
Siccome non abbiamo trovato conferme in documenti storici ufficiali dell’origine
castigliana del sapone all’olio di oliva, pensiamo che il nome possa derivare o da
produzioni spagnole moderne, o dal fatto che, dopo la scoperta dell’America, erano
spagnoli i porti dai quali il “sapone bianco” partiva per raggiungere le coste al di là
dell’Atlantico.

Olio di palma (Elaeis guineensis)


È un grasso saturo che si presenta spesso in forma idrogenata o frazionata. Non ha
particolari proprietà, ma è un grasso che contribuisce a dare corpo e consistenza al sapone.

Gli oli frazionati vengono preparati industrialmente, sottoponendo l’olio


grezzo a un trattamento termico nel quale vengono estratte, e imballate
separatamente, le “frazioni” (nel caso di oli e grassi, gli acidi grassi) che
hanno temperature di fusione diverse.
I saponi di olio di palma induriscono molto velocemente e hanno un buon potere pulente.
Non ci sono restrizioni di quantità in quanto, a differenza dell’olio di noce di cocco e
dell’olio di noccioli di palma, l’olio di palma non irrita la pelle.
Impiegato nell’industria dolciaria e alimentare come sostituto di grassi più cari, l’olio di
palma si compra in genere in grosse quantità a prezzi da ingrosso. È possibile anche trovare
alcune versioni non raffinate – sovente di colore rosso-arancione e con un odore piuttosto
marcato – nei negozi di alimenti afro-cinesi. Tutti i tipi vanno bene per fare il sapone, tanto
che il grasso di palma è spesso l’ingrediente di cui si fa più largo uso nei saponi e nei
detersivi commerciali. La presenza dell’olio di palma in un sapone si individua dalla
dicitura “sodium palmate” riportata in etichetta; allo stesso modo, la dicitura generica
“tensioattivi di origine vegetale” che appare su certi detersivi, anche su quelli “biologici”,
fa supporre l’utilizzo di questo grasso in larghe quantità. La nostra principale
preoccupazione, nel suggerire impiego massiccio di olio di palma, deriva dal fatto che,
soprattutto nell’America del Sud e in alcuni paesi dell’Oceania, per far posto alla
coltivazione estensiva della palma da olio si stanno distruggendo senza criterio ettari ed
ettari di foresta vergine tropicale.
La mono-cultura della palma da olio, secondo fonti ambientaliste del 2002, copre qualcosa
come 6,5 milioni di ettari in tutto il mondo e solo l’Indonesia, il maggior produttore
mondiale, estende di un milione di ettari ogni anno le sue già immense piantagioni. Se il
trend di consumo attuale si confermerà, nel 2020 la richiesta globale di olio di palma salirà
a 40 milioni di tonnellate, con conseguenze disastrose per l’equilibrio etico-ambientale dei
paesi del Sud del Mondo – a fronte comunque di enormi guadagni per le multinazionali, che
ne controllano la produzione e il commercio.
Personalmente, preferiamo pertanto limitare l’uso di olio di palma al minimo indispensabile
e incoraggiare il lettore a realizzare, ove possibile, ricette che lo evitino completamente.
L’olio di oliva è un’ottima alternativa; laddove non esistano incompatibilità particolari, i
grassi animali possono sostituirlo pari pari, ossia senza nemmeno bisogno di ricalcolare i
valori di saponificazione.
Vorremmo suggerire, a questo proposito, un uso attento e moderato di tutti gli ingredienti
che derivano da coltivazioni estensive nei Paesi Tropicali. Vi invitiamo a pensare con
spirito critico e un pizzico di anticonformismo a tutte le “alternative ecologiche” che ci
vengono proposte in maniera martellante da più parti. Perché la vera alternativa, a nostro
modo di vedere, non è consumare “alternativo”, bensì consumare “meglio” e di meno.
Sempre.

Olio di noccioli di palma (Elaeis guineensis)


È un grasso saturo molto usato soprattutto nella produzione industriale di cosmetici. Produce
un sapone duro e con una schiuma ricca e abbondante, ma, se utilizzato in quantità elevate,
può irritare e seccare la pelle. Molti dei saponi commerciali, spesso anche quelli venduti
come “naturali”, sono interamente prodotti con questo tipo di grasso. La presenza di questo
ingrediente nei saponi commerciali si rileva dalla dicitura “sodium palm kernelate” elencata
nell’etichetta. Anche per questo grasso valgono le considerazioni appena esposte circa
l’impatto socio-ambientale.

Olio di riso (Oryza sativa)


È un grasso insaturo estratto dalla crusca del riso. Contiene vitamina E e un antiossidante
specifico, chiamato gamma-orizanolo. Le sue caratteristiche lo rendono particolarmente
adatto alle pelli secche e mature e alla produzione dei saponi-shampoo. L’olio di riso ha
proprietà emollienti e contribuisce, nel sapone, a produrre una bella schiuma. Poiché può
far aumentare la temperatura della reazione di saponificazione, andrebbe tenuto sotto il 20
per cento del totale dei grassi in ricette che prevedono l’uso di sostanze zuccherine (latte,
miele), già di per sé stesse agenti “calorifici”. Il sapone con molto olio di riso, inoltre,
tende ad attaccarsi più facilmente agli stampi.
In Giappone l’olio di riso viene usato anche come olio da massaggio per le sue proprietà
lenitive ed emollienti.

Olio di soia (Glycine max)


È un grasso insaturo che si compra a buon mercato, ma che non ha particolari proprietà
cosmetiche. Va usato in dosi contenute, in quanto produce un sapone molle con poca
schiuma. È un buon riempitivo.

Sego, strutto e grassi animali in genere


In teoria, per fare il sapone si possono utilizzare tutti i grassi di origine animale (dal sego di
bue, all’olio di pesce). Lo strutto è il grasso del maiale ed è stato, in passato, tra gli
ingredienti principali del sapone fatto in casa.
Sebbene siano ottimi riempitivi e abbiano la capacità di dare al sapone caratteristiche di
durezza e durata molto superiori (soprattutto i grassi di bue e di montone), i grassi animali
più comuni non hanno proprietà cosmetiche particolari. Essendo a buon mercato, sono stati
usati in passato per “fare volume” e rimangono tuttora l’ingrediente di base di molte
saponette commerciali. Se si esagera con la dose, lasciano nel sapone uno sgradevole odore
di unto; tuttavia, se bilanciati con grassi insaturi, hanno un ottimo potere pulente e
producono saponi bianchi (o comunque molto chiari), con schiuma cremosa. Usati da soli,
danno il massimo nei saponi da bucato.
Nella tradizione moderna del sapone fatto a mano, i grassi animali vengono spesso sostituiti
dagli oli di palma e di cocco. L’impiego dei grassi animali nella produzione del sapone
naturale è tuttavia un argomento a doppio taglio, che continua a suscitare discussioni nella
comunità internazionale dei saponai. Ci limiteremo qui a riassumere le principali posizioni
che sono emerse in questi anni.
Sicuramente, l’industria zootecnica attuale è lontana anni luce dalla civiltà contadina che
pure, per secoli, ha fatto della carne e dei suoi derivati una delle principali fonti di
sostentamento: oggi gli animali vengono considerati alla stregua di merce, dalla quale
ricavare il maggior profitto nel minor tempo possibile. Il rispetto e le cure che i contadini
tributavano al loro bestiame, pur sapendolo destinato al macello, sembrano ormai estinti in
una società dove il “progresso” si continua a misurare nella crescita di consumi e fatturati.
Partendo da queste considerazioni, vegetariani e animalisti sostengono che ridurre o
eliminare l’uso della carne e dei suoi derivati sia l’unico sistema per praticare uno stile di
vita non violento, contrario allo sfruttamento indiscriminato degli animali e, in senso più
ampio, più attento all’equilibrio etico-ambientale.
Chi invece continua ad ammettere l’uso di grassi animali nel sapone, lo fa cercando una
soluzione di compromesso come “male minore”: posto il fatto che immaginarsi un mondo
interamente di vegetariani è pura utopia, e che è utopico sperare che spariscano
l’allevamento e la macellazione, tanto vale riciclare e rigenerare gli scarti di queste attività
nel sapone. I sostenitori di questa teoria fanno inoltre notare che, dal loro punto di vista, è
preferibile utilizzare una sostanza di scarto, disponibile e a buon mercato, come il grasso
animale, piuttosto che intaccare le risorse primarie della terra come avviene, per esempio,
con lo sfruttamento delle palme da olio.
La scelta finale spetta dunque all’individuo e alla sua coscienza!

I nutrienti
Come si è detto, la suddivisione tra grassi di base e “nutrienti” è convenzionale, e viene
fatta sostanzialmente per aiutarvi a ricordare che alcuni grassi sono più “preziosi” di altri.
Mentre i grassi di base, nella preparazione del sapone, vengono sempre mescolati
direttamente con la soluzione caustica, i metodi per valorizzare al massimo le proprietà dei
nutrienti sono due:
1. Li si può aggiungere ai grassi di base, all’inizio della preparazione del sapone, nelle
ricette in cui la soda caustica è stata “scontata” per consentire la presenza di oli liberi nel
sapone finito. Di “sconto” della soda si parla nei prossimi capitoli.
2. Possono essere aggiunti al momento del “nastro”, quando la soda è già meno attiva
(metodo a freddo) oppure dopo la cottura nel metodo a caldo. Il “nastro” è un passaggio
cruciale del processo di saponificazione ed è illustrato in dettaglio nei prossimi capitoli.

Olio di argan (Argania spinosa)


È prodotto principalmente in Marocco dalle noci dell’Argania spinosa, un albero endemico
della regione dell’Atlante.
Ricco di acidi grassi essenziali, di vitamine e minerali, l’olio di argan è tradizionalmente
usato dalle donne berbere per curare le piccole escoriazioni e per lenire i reumatismi. Ha
spiccate proprietà ristrutturanti, emollienti e nutrienti, che lo rendono molto adatto nella
cura della pelle matura o sciupata dal sole.
Nel sapone può essere usato in dosi minime (non più del 5 per cento), in quanto dà il meglio
di sé solo nelle preparazioni destinate a rimanere sulla pelle.

Olio di armellina o di noccioli di albicocca (Prunus armeniaca)


È un grasso insaturo e leggero che nutre la pelle e ne mantiene l’idratazione, apportando
vitamine e minerali.
Aggiungetelo al sapone dopo il nastro, in quantità non superiori al 20 per cento, perché le
sue proprietà resistano all’azione della soda.

Olio di avocado (Persea gratissima, P. americana)


È un grasso insaturo estratto dalla polpa del frutto e rappresenta un vero e proprio tesoro
della natura.
L’olio di avocado è ricco di insaponificabili, contiene vitamine del gruppo A, D ed E, oltre
ad amminoacidi e proteine che contribuiscono a nutrire la pelle in profondità. Una
percentuale del 5-10 per cento di olio di avocado migliora già sensibilmente la qualità del
sapone.
Lo si trova in commercio nei negozi di alimenti naturali e nelle erboristerie; la versione
integrale ha un pungente aroma fruttato che persiste nel sapone e conferisce un bel colore
verde dorato, più o meno intenso a seconda della quantità utilizzata. L’olio di avocado non
sopporta bene la conservazione in frigorifero.

Olio di borragine (Borago officinalis)


È un olio raro e costoso, noto per il suo alto contenuto di acidi grassi essenziali. In
particolare fornisce vitamina F, una sostanza che il corpo umano non è in grado di produrre.
L’olio di borragine è curativo e adatto soprattutto alle pelli secche o irritate. Deve essere
aggiunto al sapone dopo il nastro, per evitare che l’azione della soda neutralizzi tutte le sue
potenzialità.

Burro di cacao (Theobroma cacao)


È un grasso saturo ottenuto dalla spremitura dei semi del cacao, con buone proprietà
emollienti. Se usato in larga quantità, il burro di cacao rende il sapone friabile, può
provocare sensibilizzazione nelle persone con la pelle più delicata, ed è ovviamente
sconsigliato per chi soffre di allergie specifiche. L’ideale è mantenerne la percentuale al di
sotto del 10 per cento sul totale dei grassi.

Olio di canapa (Cannabis sativa)


È l’olio che in questi ultimi anni si è guadagnato la maggiore attenzione da parte dei
produttori di cosmetici. L’olio di canapa ha il più alto contenuto di acidi grassi essenziali e
questa caratteristica lo rende un vero toccasana per la pelle e per i capelli. È emolliente,
nutriente e aiuta la pelle più indebolita (dall’età, dall’inquinamento, dalle irritazioni) a
ritrovare il proprio equilibrio.
L’olio di canapa irrancidisce con molta facilità: meglio conservarlo in frigorifero e usarlo
in fretta. Nel sapone, dove contribuisce a dare un colore verde più o meno intenso a seconda
della quantità utilizzata, se ne può aggiungere dal 3 al 30 per cento. Bisogna ricordare però
che più alta è la percentuale di questo olio, più cresce la possibilità che il sapone
irrancidisca velocemente.

Olio di cartamo (Carthamus tinctorius)


È estratto dai semi della pianta e viene utilizzato in cosmetica come olio da massaggio per il
suo effetto emolliente.
L’olio di cartamo irrancidisce molto facilmente, ed è per questo motivo che nel sapone va
combinato con altri oli saturi e stabili, e non deve superare una percentuale del 4-5 per
cento .

Olio di comino (Nigella sativa)


È un olio raro e poco diffuso che si ottiene dalla spremitura dei semi. Poiché ha un alto
contenuto di acidi grassi polinsaturi, contribuisce ad ammorbidire e rigenerare la pelle, ed è
meglio sfruttato in prodotti cosmetici che nel sapone.

Olio di enotera (Oenothera biennis)


Si ottiene dalla spremitura dei semi ed è noto per le sue proprietà rigeneranti, emollienti e
curative. Ha un alto contenuto di acidi grassi essenziali, in particolare di acido gamma-
linoleico. L’olio di enotera viene preferibilmente usato come olio nutriente per ridurre i
segni dell’invecchiamento cutaneo e mantenere l’elasticità della pelle.
Olio di germe di grano (Triticum durum o T. aestivum)
Ha un alto contenuto di antiossidanti, quali le vitamine E, F e V. Aiuta a proteggere la pelle
dai radicali liberi e rinforza le sue naturali difese contro le aggressioni esterne.
Può essere aggiunto al sapone in ragione del 5 per cento del totale dei grassi con ottimi
risultati. L’olio di germe di grano può dare problemi nelle persone con allergie specifiche.

Olio di jojoba (Simmondsia chinensis)


È estratto dalle bacche di un cespuglio che cresce nelle regioni desertiche ed è in realtà una
cera liquida più che un olio vero e proprio.
Poiché ha una composizione molto simile a quella del sebo della pelle, l’olio di jojoba
contribuisce a ristrutturare l’epidermide e a proteggerla dalle aggressioni esterne. Dà ottimi
risultati nel trattamento delle pelli irritate e può essere usato come ingrediente degli oli da
massaggio (al 10 per cento) anche per i neonati. Essendo completamente inodore,
costituisce il veicolo ideale per oli profumati.
È molto costoso, ma nel sapone dà ottimi risultati anche quando viene usato in percentuali
minime.
In quantità superiori al 3 per cento, tende a far ammassare troppo rapidamente la mistura.
Figura 2.3 – Olio di jojoba.

Burro di karitè (Butyrospermum parkii)


Ricavato dall’Albero del Burro, una pianta originaria dell’Africa, il karitè è usato da
sempre per curare le pelli screpolate, per distendere le rughe e per tonificare e ammorbidire
l’epidermide irritata o indebolita dall’età.
Il burro di karitè è piuttosto costoso, ma ne basta poco (il 5-10 per cento sul totale dei
grassi della ricetta) per cambiare la qualità del vostro sapone.
È ricco di insaponificabili; il karitè vergine, inoltre, ha un caratteristico aroma amarognolo
che persiste nel prodotto finito.

Lanolina
Ricavata dal grasso della lana delle pecore, è nota per le sue spiccate proprietà emollienti.
Va usata però con una certa cautela, perché può provocare reazioni allergiche, e nel sapone
sono sufficienti dosi minime (3 per cento del totale dei grassi).

Olio di semi di lino (Linum usitatissimum)


È un olio leggero e polinsaturo; ha un alto contenuto di vitamine (E, C, B1 e B2), minerali e
di acidi grassi nobili.
L’olio di semi di lino è emolliente e delicato, soprattutto con le pelli arrossate o sensibili.
Siccome diventa rancido molto in fretta, va conservato al fresco, al buio e consumato nel
minor tempo possibile.
Nel sapone è consigliato utilizzarlo in percentuale minima, per evitare che faccia andare a
male tutta la ricetta.

Olio di macadamia (Macadamia integrifolia, M. ternifolia)


Estratto dalla spremitura dei semi, è apprezzato sia per l’alto potere emolliente e nutriente,
sia perché – sebbene si tratti di un olio di “noci” – difficilmente provoca reazioni
allergiche. Ha un aroma caratteristico che persiste nel sapone, dove può essere usato in
qualunque percentuale.

Olio di mandorle dolci (Prunus amygdalus v. dulcis)


Estratto dalla spremitura del frutto, questo grasso insaturo è un nutriente che può essere
usato nel sapone, senza problemi, anche in grandi quantità. Emolliente, lenitivo e curativo,
l’olio di mandorle costituisce un’ottima base soprattutto per gli oli da massaggio. Lo si
compra in erboristeria e anche in certi supermercati, oppure nei negozi di alimenti biologici
e nei bazar di cibi orientali. Può provocare reazioni nelle persone con allergie specifiche.

Burro di mango (Mangifera indica)


Ricavato dai semi del mango, una pianta originaria dell’India, il burro di mango ha
proprietà molto simili al karitè e viene dunque usato di preferenza per le pelli screpolate,
per distendere le rughe e per tonificare e ammorbidire l’epidermide irritata o indebolita
dall’età. Il burro di mango è piuttosto raro e costoso, ma ne basta poco (il 5-10 per cento sul
totale dei grassi) per cambiare la qualità del vostro sapone.

Olio di Neem (Azadirachta indica, Melia azadirachta)


È estratto da una pianta di origine indiana, nota per le sue proprietà curative e cosmetiche.
L’olio di neem è antisettico; viene usato per trattare alcune tra le più diffuse irritazioni della
pelle e mantiene intatte le sue fantastiche proprietà solo nella forma non raffinata.
Poiché può accelerare l’ammassamento precoce della pasta di sapone (e l’odore tipico,
molto sgradevole, persiste nel prodotto finito), se ne consiglia l’uso in percentuali non
superiori al 5 per cento.

Olio di noci (Iuglans regia)


È l’olio estratto dal frutto del noce, che, in passato, soprattutto nelle regioni alpine,
sostituiva l’olio d’oliva in cucina. Nel sapone va usato con moderazione perché potrebbe
provocare irritazione nelle pelli più sensibili. Da usare con cautela nei casi di allergie
specifiche.

Olio di nocciole (Corylus avellana)


È tra i grassi più insaturi che la natura ci offra. È delicato e leggero tanto da essere
assorbito dalla pelle con grande rapidità.
Nel sapone va usato in una percentuale non superiore al 4-5 per cento. Può provocare
reazioni nelle persone con allergie specifiche.

Olio di semi di pistacchio (Pistacia vera)


Estratto dai semi, ha un bel colore verde. È nutriente, rigenerante e stimolante.

Olio di ricino (Ricinus communis)


L’olio di ricino viene estratto dai semi della pianta, che allo stato crudo contengono una
fitotossina letale, chiamata ricina. L’olio, che viene di solito estratto a caldo o raffinato per
eliminare residui tossici, è tuttavia noto da secoli per le sue proprietà terapeutiche.
Nel sapone, usato in ragione del 3-5 per cento, da solo o in combinazione con l’olio di
cocco, l’olio di ricino produce una schiuma morbidissima, di lunga durata e a bolle larghe,
particolarmente adatta per gli shampoo e i saponi da barba. È consigliato aggiungerlo
sempre all’inizio del processo di preparazione del sapone. Se usato in quantità troppo alte,
può dare irritazione in individui particolarmente sensibili.

Olio di rosa mosqueta o del falso frutto della rosa (Rosa aff. Rubiginosa, R. canina, R.
moschata)
È uno degli oli più preziosi e rari, conosciuto soprattutto per le sue proprietà ristrutturanti e
per la sua capacità di attenuare i segni dell’invecchiamento cutaneo.
Più adatto per creme e oli nutrienti per il viso che non per il sapone, l’olio di rosa mosqueta
può essere usato puro per ridurre le rughe e le smagliature, oppure per ridare lucentezza alle
pelli più sciupate.

Olio di sesamo (Sesamum indicum)


Ha un’alta percentuale di insaponificabili ed è nutriente ed emolliente. L’olio di sesamo
integrale ha un forte aroma mandorlato che può diventare fastidioso se si eccede con le
quantità. Viene impiegato anche come olio per massaggi, nei trattamenti dei capelli e come
lenitivo dopo l’esposizione al sole.
Olio di vinaccioli o di semi di uva (Vitis vinifera)
È un olio leggero, insaturo e molto usato per i massaggi perché ammorbidisce e lubrifica
senza ungere.
L’olio di vinaccioli si può usare nel sapone in larga quantità ed è reperibile in molti
supermercati.

Olio di semi di zucca (Cucurbita maxima, C. pepo)


È un prodotto tipico della regione della Stiria in Austria; è ricco di vitamine A, E, C e K.
L’olio di semi di zucca è molto scuro, quasi nero, denso, con un forte odore mandorlato. Nel
sapone, si può aggiungere in ragione del 2-3 per cento. In combinazione con l’olio di canapa
è un ottimo ingrediente per saponi da destinare all’igiene intima.

I nutrienti macerati
Olio di calendula, di arnica, di carota, di iperico… Non si tratta di oli estratti direttamente
dalle piante di cui portano il nome, ma ottenuti per macerazione di fiori, radici o foglie in un
olio vegetale di base.
La macerazione – che nelle preparazioni erboristiche tradizionali dura in genere
quarantacinque giorni – fa sì che le proprietà delle piante vengano cedute all’olio di base.
Ed è proprio la natura di quest’ultimo che bisogna conoscere prima di usarli nel sapone:
soltanto sapendo la natura della base del macerato (olio di oliva, di mandorle e di girasole
sono i più usati) si può calcolare infatti la giusta quantità di soda.
I nutrienti esotici
La categoria dei nutrienti si arricchisce di altri ingredienti che però, per la loro particolare
origine, sono decisamente difficili da reperire in Europa, e particolarmente in Italia.
A titolo di curiosità, ecco comunque un elenco dei nutrienti esotici più usati tra i saponai di
altri continenti: l’olio di kukui (prodotto nelle Hawaii), il burro di babassù, il monoi di
Tahiti (una delle forme “vergini” dell’olio di cocco), i grassi di emu e di struzzo, l’olio di
semi di cotone (usato come grasso di base dai saponai americani). Approfondimenti (in
inglese) su questi ingredienti si possono trovare su Internet, per esempio partendo dai siti
elencati nel Capitolo 11.
Capitolo 3

Gli ingredienti facoltativi

Li abbiamo chiamati ingredienti facoltativi


perché, in effetti, la loro presenza nel sapone Sommario
naturale non è strettamente necessaria: se siete in
vena di sapone “minimalista”, magari ottenuto • Essenze e profumi
facendo reagire puro olio extravergine di oliva • Coloranti vegetali e minerali
con la soda diluita in acqua di fonte, nessuno vi • Altri additivi naturali
vieta di farlo! Se invece volete scatenare la • Conservanti, antiossidanti, fissativi
fantasia per produrre qualcosa di più accattivante,
allora essenze, pigmenti e additivi naturali sono proprio quello che fa al caso vostro.
Rimandiamo ai Capitoli 5, 7, 8, 9, 10 e 15 per istruzioni specifiche, ricette ed esempi d’uso.
Una tabella riassuntiva dei dosaggi suggeriti per gli ingredienti facoltativi è riportata nel
Capitolo 13.
3.1 Essenze e profumi
Scegliere il profumo per il vostro sapone sarà sicuramente una delle parti più divertenti e
creative della vostra carriera di mastri saponai. Esistono due grandi classi di ingredienti a
disposizione per profumare le vostre creazioni: gli oli essenziali e le fragranze sintetiche.

Lo straordinario mondo degli oli essenziali


Gli oli essenziali sono sostanze ottenute dalle piante attraverso procedimenti di espressione
(spremitura), di distillazione o di estrazione e rappresentano l’opzione naturale per
profumare le vostre creazioni. Si tratta di liquidi altamente concentrati, che danno ottimi
risultati anche in piccole quantità, e che vanno trattati sempre con un certo rispetto. Il fatto
che derivino dalle piante e dai fiori, infatti, non vuole dire che siano del tutto innocui.
Scegliendo e combinando oli essenziali diversi, potrete sbizzarrirvi seguendo la fantasia o
l’umore del momento e puntare a ricreare aromi sensuali, fioriti, speziati o stimolanti. E la
natura verrà ancora una volta in vostro aiuto, offrendovi a piene mani il suo incredibile
tesoro di essenze e aromi.

Come scegliere gli oli essenziali


Con la recente diffusione dell’aromaterapia, l’uso delle essenze naturali è andato
aumentando, di pari passo alla convinzione che questi prodotti possano rappresentare un
aiuto per il benessere fisico e psichico. Al di là dei reali fondamenti scientifici di questa
teoria, noi crediamo che la scelta e l’uso di una fragranza abbiano sicuramente un’influenza
sulla sfera emotiva, in quanto capaci di evocare sentimenti, emozioni, ricordi. Siamo
tuttavia anche convinte che la pratica di miscelare e usare le essenze dovrebbe sempre
essere preceduta dalla lettura di qualche buon manuale e accompagnata dalla regola d’oro:
“poco è meglio”.
La società in cui viviamo è segnata da un abuso sistematico delle sostanze profumanti, tanto
che il nostro olfatto, bombardato letteralmente di aromi di tutti i tipi, rischia di andare in tilt
e di perdere la capacità di percepire i profumi più sottili e di apprezzarne le sfumature.
L’effetto di questa sovraesposizione ci porta a credere che le cose “non profumino
abbastanza” e ci induce quindi a perseverare nell’abuso di sostanze profumanti,
nell’illusione di trovare un equilibrio ideale, che in realtà non raggiungeremo mai. Il nostro
consiglio è quello di rinunciare fin da subito ai saponi super-profumati, approfittando così
dell’opportunità di rieducare il vostro olfatto alla percezione delle essenze più delicate.
Ancora una volta, questo piccolo gesto di continenza può avere grandi conseguenze sia nel
ridurre lo sfruttamento indiscriminato delle risorse ambientali, sia nel sottrarre la vostra
vita agli imperativi del consumo.
Figura 3.2 – Alcuni oli essenziali da usare per il sapone.

Consigliamo inoltre di scegliere di preferenza oli essenziali derivanti da coltivazioni,


riducendo per esempio l’uso di essenze prodotte con la distruzione di alberi tropicali come
il sandalo o il palissandro, e di acquistare solamente oli essenziali puri e di buona qualità.
Generalmente, gli oli essenziali a buon mercato, o che recano sulla confezione una generica
denominazione di “essenza”, possono non essere la scelta migliore.

Piccola guida agli oli essenziali


Non applicate oli essenziali puri sulla pelle. Possono provocare irritazioni o reazioni
allergiche. Inoltre, alcuni oli (soprattutto quelli estratti dagli agrumi) aumentano il
rischio di scottature solari.
Non ingerite gli oli essenziali. Benché prevista da alcune pratiche di medicina
alternativa, l’assunzione di essenze va fatta solo sotto stretto controllo medico. Alcuni
oli (per esempio gaultheria, thuja, sassafrasso, ruta, mandorla amara, betulla dolce)
sono velenosi anche in piccolissime dosi.
Non inalate a lungo le essenze. Possono provocare nausea o mal di testa.
Conservate le essenze in bottiglie di vetro scuro, al riparo dalla luce e da fonti di
calore.
Parecchi oli essenziali – in particolare quelli estratti dagli agrumi e dalle conifere –
sono altamente infiammabili. Maneggiateli lontano dai fornelli accesi o da fiamme
libere.
Alcune essenze (per esempio, quelle di agrumi) possono reagire con la plastica e
danneggiarla.
Maneggiate le essenze indossando guanti di gomma.
Evitate gli oli essenziali se siete nei primi quattro mesi di gravidanza.
Evitate di utilizzare oli essenziali su neonati (fino ai tre-sei mesi).
Evitate il contatto con gli occhi e le mucose. Se succede, lavate subito con acqua e
sapone, e sciacquate con abbondante acqua corrente.
Poiché si tratta in genere di “solventi”, vanno evitati schizzi su mobili, tessuti sintetici
e materiali plastici o verniciati. Alcuni oli essenziali “colorati” – per esempio la
camomilla blu, il patchouli e il cipresso blu australiano – possono lasciare macchie
indelebili.

Gli oli essenziali nel sapone


Metodo a freddo – vanno aggiunti quando il sapone raggiunge la fase del nastro e la
soda è meno attiva. Per ottenere un profumo stabile e persistente, è importante
scegliere oli essenziali garantiti naturali e di buona qualità. In questi casi, la dose
ottimale va dai 15 ai 30 ml per ogni ricetta da un chilo di grassi. La dose massima, che
comunque vi invitiamo a utilizzare molto di rado e solo con le essenze davvero poco
persistenti, come per esempio quelle degli agrumi, non deve superare in ogni caso i 40
ml per chilo di grassi.
Metodo a caldo – si aggiungono al termine della cottura, quando la temperatura della
pasta di sapone è scesa intorno ai 50ºC. La quantità consigliata è uguale o leggermente
inferiore a quella richiesta dal metodo a freddo.

Come creare il vostro profumo


Nel linguaggio della profumeria, le essenze sono state spesso paragonate alla musica. Una
fragranza ben riuscita, infatti, è come una sinfonia. E la parola d’ordine per diventare
“compositori” di profumi è soltanto una: sperimentare. È necessario conoscere bene le
caratteristiche delle diverse essenze, valutarle secondo i propri gusti e poi provare e
riprovare varie combinazioni sino a quando non si ottiene il risultato desiderato. Per
aiutarvi potete attingere l’ispirazione dalle tre categorie convenzionali:
Note di testa: sono quelle che, in un bouquet, si percepiscono per prime e danno una
sensazione squillante, fresca, pungente. Sono anche le più volatili, quelle che
svaniscono più in fretta. Appartengono a questa categoria gli agrumi (arancio, limone,
pompelmo, bergamotto, mandarino), la canfora, il cajeput, la citronella, l’eucalipto, il
lemongrass, la verbena e la menta piperita. Di una fragranza dovrebbero costituire dal
20 al 65 per cento.
Note di cuore: sono le essenze che danno il carattere alla fragranza, che la rendono
rotonda, corposa, morbida e armonica. Sono meno volatili delle note di testa e
dovrebbero costituire dal 25 al 70 per cento della miscela. Appartengono alle note di
cuore il geranio, il gelsomino, la camomilla, il finocchio, la rosa, l’ylangylang, la
lavanda, il neroli, la palmarosa.
Note di base: hanno la funzione dei contrabbassi in un’orchestra, sono persistenti,
intense, grevi, avvolgenti. Sono poco volatili e ne basta il 10 per cento per completare
il bouquet della fragranza. Si tratta in genere di essenze estratte dalle radici, dalle
cortecce e dalle resine dei legni pregiati come il sandalo, il palissandro, il cedro,
alcuni tipi di cipresso, la mirra, il tolu e il vetiver. Appartengono a questa categoria
anche le essenze estratte da alcune spezie ed erbe officinali, quali lo zenzero,
l’incenso, l’elicriso, l’angelica, l’amyris, il bay rum, il patchouli.

La regola tradizionalmente seguita dagli esperti di profumi per bilanciare note di testa, di
cuore e di base, si riassume nella seguente formula: 3 parti di testa, 2 parti di cuore, 1 parte
di base. In realtà, combinare le essenze è uno degli aspetti più avvincenti nella preparazione
di saponi e cosmetici fatti in casa, e quello dove si può lasciar spaziare tutto il proprio estro
creativo.
In questo senso, anche le regole per la scelta delle proporzioni diventano totalmente libere e
soggette al gusto personale.
Quando studiate una fragranza nuova, provate a mettere poche gocce degli oli essenziali che
avete scelto su un batuffolo di cotone, quindi chiudetelo in un contenitore di vetro e
annusatelo diverse volte nel giro delle ventiquattro ore. In questo modo vi renderete conto
di come il profumo “matura” e capirete se ci sono eventuali note “stonate”.

Il volume di questa collana “Aromi, profumi e balsami naturali” vi sarà


d’aiuto nel creare le vostre formule.

Procedete con pazienza, combinando pochi oli essenziali per volta. Il vostro naso e la
vostra memoria olfattiva si formeranno con l’allenamento e saranno in grado di suggerirvi le
miscele giuste.
Le fragranze sintetiche
Se volete a tutti i costi un sapone che sappia di fragola o di mela verde, dovrete
abbandonare il campo dei profumi naturali e addentrarvi, per forza, in quello delle fragranze
sintetiche. Si tratta di composti ottenuti in laboratorio e derivati dagli idrocarburi (petrolio
e gas naturali), che consentono all’industria di riprodurre nei vari prodotti tutti gli aromi del
mondo: dalla torta di mele al profumo di bucato, dalla banana al cappuccino.
Le fragranze sintetiche per uso cosmetico si presentano diluite in alcol, in olio o in solventi
sintetici – e vanno usate, nel sapone, seguendo le stesse regole già spiegate a proposito
degli oli essenziali. Bisogna ricordarsi però che – soprattutto nel metodo a freddo – la
presenza di alcol accelera la formazione del nastro e può causare il cosiddetto
“ammassamento” del sapone (quello che in inglese si definisce “seizing”): la miscela di
sapone si solidifica di colpo e diventa impossibile versarla nello stampo. Per ridurre il
rischio di ammassamento nel metodo a freddo, diluite la fragranza in un cucchiaio degli oli
di base, aggiungetela quando il nastro è appena accennato, mescolate con decisione ma
senza usare il frullatore a immersione, e versate subito il sapone nelle forme.
La scelta di una fragranza sintetica può essere valida anche per sostituire quegli oli
essenziali – per esempio la rosa – che hanno un prezzo sbalorditivo, ma fate attenzione: non
lasciatevi tentare dai profumi a buon mercato che servono per fabbricare le candele o per
deodorare gli ambienti. Il nostro consiglio è quello di relegare le fragranze sintetiche in
fondo alla lista delle vostre priorità; se proprio decidete di rinunciare all’opzione naturale
degli oli essenziali e volete un profumo sintetico, vi invitiamo caldamente a mettere nel
sapone soltanto fragranze testate per uso cosmetico.
Va inoltre detto che, allo stato attuale, le fragranze sintetiche per uso cosmetico si trovano di
rado in Italia e l’unico modo per procurarsele è quello di acquistarle all’estero attraverso
Internet.

3.2 Coloranti vegetali e minerali


Tinte naturali o pigmenti sintetici? La risposta dipende dal tipo di sapone che avete in
mente. Se il vostro modello sono i saponi brillanti, dai colori shocking, che fanno capolino
dalle vetrine delle profumerie non ci sono dubbi: dovete procurarvi coloranti minerali o
pigmenti sintetici. Se invece preferite quei saponi un po’ rustici, dall’aspetto “vissuto” e
meno appariscente, allora potrete affidarvi ancora una volta alla natura. E la scoperta dei
coloranti naturali sarà forse una delle più affascinanti...
Per secoli l’uomo ha usato sostanze estratte dalle piante per preparare le tinture: basti
pensare all’henné con cui le donne indiane si tingono i capelli, oppure alla curcuma che
viene usata per colorare i tessuti. E a quanti hanno ammirato l’azzurro di certe splendide
icone della tradizione sovietica, vale la pena ricordare che quella meravigliosa tinta è
estratta da un minerale, il lapislazzulo. I coloranti naturali per il sapone, in senso stretto,
sono solo quelli prodotti dai vegetali (cortecce, semi, bacche, fiori) e dalle argille. Sebbene
sia possibile ricavare coloranti “naturali” anche dai minerali (ossidi e miche), colori e
pigmenti approvati per uso cosmetico sono tutti ottenuti sinteticamente. L’uso di coloranti
minerali “naturali” è vivamente sconsigliato, perché troppo alto è il rischio che siano
presenti percentuali indesiderate di minerali pericolosi (per esempio, arsenico e piombo
negli ossidi).
Coloranti vegetali
Date un’occhiata agli scaffali della vostra cucina: curry, paprika, cioccolato sono coloranti
fantastici per il sapone.
Le spezie, macinate e aggiunte al momento del nastro, permettono di ottenere delicate
sfumature. Visto però che alcune, per esempio la paprika e la cannella, sono irritanti, è
meglio non esagerare e non aggiungerne più di un paio di cucchiaini per chilo di sapone.
Se vi piace la tinta del cioccolato avete due alternative: potete aggiungere direttamente un
pezzo di tavoletta del vostro fondente preferito agli oli di base (non più di 10-15 grammi
per ogni ricetta da un chilo di grassi) oppure miscelare un cucchiaio di cacao amaro al
momento del nastro. Tenete presente che, se usati in quantità superiori, tutti i derivati del
cacao produrranno saponi dalla schiuma... color cioccolato! Altre sostanze naturali (come la
clorofilla, l’alga spirulina e il betacarotene contenuto nel succo di carota) possono essere
aggiunte al sapone per colorarlo. In genere, si miscelano al momento del nastro. Clorofilla e
spirulina producono tonalità verdi, mentre il betacarotene dà l’arancio. L’unico limite
documentato di queste sostanze è che il colore sbiadisce – fino a sparire – col passare del
tempo.
Ecco una piccola guida ai coloranti naturali:
Figura 3.2 – Potete colorare il sapone con sostanze naturali.

Ingrediente Colore
Cannella Tonalità di beige, marrone chiaro
Curcuma Tonalità di giallo, arancio
Curry Tonalità di rosa pesca, giallo
Paprika Rosa pastello, arancione spento
Zafferano Tonalità di giallo
Cacao o cioccolato fondente Tonalità di crema, marrone
In alcune regioni della terra, l’uso delle piante per colorare i tessuti è ancora largamente
diffuso.
Da queste antichissime tradizioni possiamo attingere qualche segreto per colorare il nostro
sapone.
L’estrazione del colorante dal materiale vegetale avviene in genere attraverso l’infuso o il
decotto in acqua bollente, oppure attraverso la macerazione in olio. La tintura acquosa può
essere utilizzata in sostituzione o in combinazione con il liquido necessario a sciogliere la
soda, mentre quella oleosa può essere aggiunta a piccole dosi al momento del nastro.
Tra le piante adatte ricordiamo l’henné, l’alcanna tintoria e l’anatto, che viene usato anche
nell’industria casearia per dare a certi formaggi quel caratteristico colore arancio. Un’altra
pianta in uso per tingere è il sambuco, di cui si utilizzano le bacche fresche.
Vale la pena di ricordare infine che gli stessi grassi di base possono dare tonalità diverse al
sapone: l’olio di oliva e di cocco per esempio producono varie tonalità di bianco-beige,
l’extravergine di oliva produce sfumature giallo-verdi, il girasole dà un delicato marrone-
beige, l’olio di canapa, a seconda del dosaggio, regala un sapone verde mentre la presenza
del latte genera delicate sfumature color caramello. Anche certi oli essenziali
contribuiscono a dare colore oltre che profumo: per esempio, l’olio estratto dalle bucce
d’arancia impartisce un giallo/arancione pallido, la vaniglia tende a scurire il sapone e certi
oli ricchi di citronellolo (lemon-myrtle, lemon-tea-tree) danno un colore che tende al rosa.

Coloranti minerali
Oltre ai coloranti ottenuti dalle piante e dalle spezie, nel sapone si possono utilizzare i
pigmenti inorganici (ossidi e ultramarini) e le tinture per cosmetici. Gli ossidi e gli
ultramarini che non reagiscono con la soda sono particolarmente adatti per i saponi
variegati e per ottenere tinte che non scoloriscano.
In passato, alcuni di questi pigmenti erano ottenuti dalla macinazione di particolari minerali,
ma oggi la maggior parte, e in particolare tutti quelli destinati all’uso cosmetico o
alimentare, sono prodotti da sintesi chimica. I pigmenti estratti dalle pietre, per esempio il
blu di lapislazzulo, sono costosissimi e riservati ormai solo a particolari lavorazioni
artistiche come, per esempio, l’iconografia. Gli ultramarini sono più stabili degli ossidi e
non c’è il rischio che tingano la pelle o la biancheria del bagno. Tra gli ossidi, bisogna fare
particolare attenzione al dosaggio del rosso e del nero, perché sono piuttosto capricciosi e
basta un pizzico in più per ottenere un sapone che macchia. Tra i pigmenti inorganici
ammessi all’uso in cosmetica rientrano il violetto di manganese e il ferrocianide (blu di
Prussia), che però, essendo instabili al contatto con la base alcalina, non sono adatti per il
sapone. Appartengono più alla categoria degli additivi invece le miche, in particolare
quelle perlescenti; si tratta, anche in questo caso, di sostanze di sintesi ottenute in genere
dalla miscela di bianco di diossido di titanio e altri ossidi o ultramarini, con polvere
finissima di mica (un minerale “luccicante”) o di gusci di conchiglie.
Le miche sono adatte ai saponi molto chiari; soprattutto la mica bianca può essere utilizzata
per aumentare la “lucentezza” degli altri colori.
Il dosaggio di miche, ossidi e ultramarini è rapportato all’intensità del colore che si vuole
ottenere e varia, in genere, da un quarto di cucchiaino fino a 2 cucchiaini per ogni chilo di
grassi.
Le tinture organiche sono prodotti di sintesi, generalmente solubili in acqua e destinati
all’uso cosmetico o alimentare. Di solito, le tinte per alimenti non sono adatte al sapone,
perché la loro composizione reagisce con la soda e altera il colore finale. Non stupitevi
dunque se, usando un bel verde nel vostro sapone, finirete con un rosso o peggio con un
orribile grigio! Le tinture cosmetiche, molto difficili da reperire in Italia, permettono di
ottenere colori molto brillanti, ma che impallidiscono se esposti alla luce del sole e, se
usate in eccesso, stingono sulla pelle e sulla biancheria.

3.3 Altri additivi naturali


Volete un sapone esfoliante? Oppure ne sognate uno goloso alla frutta, al latte, al miele o al
caffè? La scelta degli additivi naturali da aggiungere alle vostre creazioni è davvero
infinita.
In genere, questi ingredienti servono a migliorare l’aspetto del sapone, ad aumentarne la
consistenza, a ridurne la scivolosità, oppure a renderlo più cremoso. Sono il bagaglio cui
attinge la fantasia di ogni mastro saponiere per dare vita a qualcosa che sia davvero unico, e
permettono alla creatività personale di esprimersi al massimo.

Le erbe e i fiori
Calendula, camomilla, malva, tiglio, lavanda, menta ... e tantissime altre erbe officinali
possono essere aggiunte fresche o secche al sapone. In genere, se si sceglie materiale fresco
è meglio usarlo negli infusi, mentre le erbe secche vanno sminuzzate nel robot da cucina e
ammorbidite negli oli essenziali (o in un pochino degli oli di base) prima di aggiungerle al
momento del nastro (metodo a freddo), oppure al termine della cottura (metodo a caldo). La
quantità di base va da una a due cucchiaiate colme per chilo di grassi.
Le erbe svolgono una delicata azione esfoliante, migliorano la “presa” sulla saponetta e
danno al sapone un aspetto rustico e interessante. La presenza delle erbe triturate può però
non essere gradevole sulla pelle del viso. Ricordatevi, in ogni caso, che le erbe in genere
perdono colore e profumo nel sapone, per effetto del calore e della soda caustica.

Le farine
Le più usate sono quelle di avena e di mais, ma si può provare con la crusca, la farina di
castagne, quella di riso, la tapioca e la farina di semi di lino. Nel metodo a freddo si
aggiungono sempre al momento del nastro, dopo averle mescolate con gli oli essenziali o
con un poco degli oli di base per evitare la formazione di grumi. Nel metodo a caldo si
aggiungono a fine cottura; nei rilavorati, appena prima di versarli negli stampi. Per i metodi
a freddo e a caldo ne bastano un cucchiaio o due per ciascun chilo di grassi.
Figura 3.3 – Fiori anche nel sapone.

Le farine, soprattutto la farina di mais e la crusca, producono un sapone delicatamente


abrasivo, adatto per il peeling di ginocchia, talloni e gomiti. Le farine sono inoltre un valido
ed economico “fissativo” per gli oli essenziali; un cucchiaio di farina di riso o di avena,
mescolata alla vostra essenza preferita, aiuta a mantenerla stabile più a lungo nel sapone e
vi risparmia la ricerca – spesso vana – di ingredienti rari e costosi, come il benzoino o la
polvere di radice di giaggiolo.
Le alghe
Tutti i tipi di alghe vanno bene per il sapone. Basta macinarle finemente e aggiungerle al
nastro (metodo a freddo) o a fine cottura nel metodo a caldo.

Figura 3.4 – Le farine sono ottimi fissativi.

Le alghe danno un tocco di colore e possono contribuire minerali benefici per la pelle.
Alcune hanno tuttavia un intenso aroma “marino”, che può non sempre risultare gradevole.

La verdura e la frutta
Cetrioli, fragole, albicocche, pesche, meloni, frutti tropicali sono i tipi che più si prestano a
essere aggiunti al sapone.
Possono essere frullati e usati, del tutto o in parte, per la sostituzione del liquido in cui si
scioglie la soda. Il sapone che contiene frutta o verdura in grandi quantità irrancidisce più in
fretta.
Ricordatevi inoltre che frutta e verdura perdono, nel processo di trasformazione, profumo e
colore. Insomma, se volete un sapone rosso fragola non pensate di ottenerlo aggiungendo
solo delle fragole!

I semi
Volete un sapone da massaggio? Un perfetto sapone da scrub per tonificarvi e rinvigorirvi?
L’ingrediente giusto allora sono i semi. Quelli piccoli e lisci (per esempio, i semi di
papavero o le perle di tapioca) si lasciano di solito interi, mentre quelli più grandi o con la
buccia più dura vanno passati nel macinino (semi di lino, mandorle, caffè). La quantità va
regolata a vista, a seconda dell’effetto che si vuole ottenere. I semi, interi o macinati, si
possono amalgamare con la base di sapone o spolverizzare in superficie non appena il
sapone è stato versato negli stampi.
Figura 3.4 – La verdura e la frutta possono sostituire parte dei liquidi.

Il gel di aloe vera


È un ingrediente noto per le sue proprietà rinfrescanti, lenitive e ristrutturanti, che può
essere utilizzato nel sapone in sostituzione di parte dell’acqua.
Nel metodo a freddo si aggiunge al momento del nastro; nel metodo a caldo, è bene
aggiungerlo dopo la cottura. In entrambi i casi, la quantità desiderata va dedotta dalla
quantità totale di liquido richiesta dalla ricetta e deve stare entro il 10-20%.

I prodotti delle api


Cera d’api
Può essere usata, soprattutto nel sapone a freddo, per ovviare alla mancanza grassi saturi e
produrre un sapone solido e compatto. Scegliete quella vergine che conserva un
caratteristico odore di miele, spezzettatela e fatela sciogliere con i grassi di base all’inizio
del procedimento. Per evitare che il sapone diventi ceroso e friabile, non aggiungetene più
dell’1-3 per cento sul totale dei grassi. Dal punto di vista chimico la cera è un estere – un
composto di acidi organici e alcoli – e viene parzialmente trasformata in sapone dalla soda
caustica.

Miele
Di acacia, di castagno, millefiori... tutte le varietà di miele sono adatte a entrare nelle vostre
ricette di sapone. Per quanto riguarda il metodo a freddo, ci sono varie “scuole di pensiero”
sul come incorporare il miele al sapone, tutte ugualmente valide. La prima ipotesi prevede
che lo si sciolga nell’acqua, prima di aggiungere la soda. In questo caso basta fare un tantino
di attenzione a che la temperatura del liquido – vista la presenza dello zucchero – non salga
in modo eccessivo e non lo faccia traboccare. Un’altra teoria prevede che il miele sia
aggiunto metà ai grassi, nella fase iniziale, e metà al momento del nastro. La terza ipotesi
infine sostiene che il miele va diluito con poca acqua – tolta dalla quantità prevista per la
ricetta – e aggiunto tutto al momento del nastro. Come norma generale, se ne usano dai 15 ai
30 grammi per chilo di oli al massimo. Il sapone fresco che contiene miele non ha bisogno
di essere avvolto in una coperta durante le prime ventiquattrore; lo zucchero genera calore
e, se questo diventa eccessivo, può caramellare e far raggrinzire la superficie del sapone.

Figura 3.6 – Il miele, per un sapone più… dolce.

Per questo motivo, il miele va sempre aggiunto alla fine della cottura nei saponi a caldo.
Il latte in polvere o liofilizzato
È meglio usare quello non zuccherato e aggiungerlo al momento del nastro (metodo a
freddo) oppure al termine della cottura (metodo a caldo) quando il sapone si sta già
raffreddando. Ne bastano dai 15 ai 30 grammi per chilo di oli, diluiti in un pochino di
acqua.

Il caffè
Il caffè è un buon deodorante, toglie dalle mani l’odore di cipolle e aglio e contribuisce, con
la sua leggera azione abrasiva, a pulire la pelle dopo un pomeriggio di lavoro in giardino.
Se ne aggiunge qualche cucchiaio (circa tre per ogni chilo di grassi) al momento del nastro.
Il caffè deve essere asciutto e macinato finemente. Si può usare anche del caffè molto lungo
come liquido per sciogliere la soda all’inizio del procedimento. Il caffè solubile va diluito
in pochissima acqua e aggiunto quando il sapone raggiunge il nastro.

Le uova
Sono ricche di proteine e sono indicate soprattutto per la preparazione dei saponi-shampoo.
Si utilizza il solo tuorlo, in ragione di uno-due per chilo di grassi. Preparate una specie di
maionese con i tuorli e qualche cucchiaio degli oli di base; aggiungetela al momento del
nastro, mescolando molto rapidamente per evitare che l’uovo cuocia o si rapprenda. I
saponi che contengono uova irrancidiscono più in fretta, quindi non possono essere
conservati a lungo. Questo ingrediente inoltre non è adatto per i saponi a caldo.

Le argille
Oltre che come coloranti, vengono utilizzate nei saponi esfolianti e in quelli da barba,
perché aiutano a far scorrere meglio la lama sulla pelle. Vanno comunque usate in quantità
minute per evitare che il sapone risulti troppo “gessoso”, e per limitare possibili effetti
collaterali, tra cui per esempio il blocco dello scarico del lavandino!

Le fibre di seta
La seta, tessuto naturale di origine animale, contiene una specifica proteina, detta sericina,
che contribuisce ad arricchire il sapone di elementi nutritivi per la pelle. Le fibre di seta –
rigorosamente grezze – vanno sciolte nella miscela caustica. La seta grezza si può trovare in
piccole matasse ma, in alternativa, si possono utilizzare piccolissime porzioni di tessuto.
L’unica raccomandazione è che la fibra sia pura e assolutamente non trattata con pigmenti o
altri agenti chimici. Se ne usa non più di un grammo per chilo di grassi.

3.4 Conservanti, antiossidanti, fissativi


I grassi residui contenuti nel sapone fatto a mano possono, in talune condizioni ambientali,
combinarsi con l’aria e, attraverso un processo di ossidazione, irrancidire. È un fenomeno
naturale, la cui frequenza aumenta di pari passo con la quantità di materiali acquosi o oleosi
che sopravvivono alla saponificazione. Un sapone fatto scontando la quantità di soda oltre il
9 per cento, oppure contenente frutta, verdura, uova, avrà quindi una scadenza ravvicinata.
Per le stesse ragioni, i saponi conservati in ambienti umidi e caldi correranno più facilmente
questo rischio. Un rimedio a questo inconveniente è rappresentato da alcuni estratti naturali,
che per il loro potere antiossidante possono contrastare il normale processo di
degenerazione degli ingredienti.
Il pH relativamente alto del sapone ne fa in genere un ambiente ostile allo sviluppo di
batteri e micro-organismi. Per questo motivo, non sono necessari conservanti veri e propri
(sostanze che inibiscono la crescita di muffe e di batteri). Tuttavia, sulla superficie dei
saponi che contengono frutta fresca, uova o grandi quantità di latte fresco si possono
sviluppare delle muffe – per lo più innocue, ma di aspetto davvero sgradevole!
Poiché non esistono conservanti naturali che rimangano efficaci in ambiente alcalino, si
consiglia di consumare velocemente questi tipi particolari di sapone e di conservarli
sempre in ambienti freschi e ben aerati. Eventuali muffe possono essere raschiate (o lavate)
via prima dell’uso. In generale, va tenuto presente che il sapone con additivi inerti (farine,
erbe, spezie, argille, eccetera) e uno sconto della soda fino all’8 per cento, non ha bisogno
di conservanti né di antiossidanti e può essere utilizzato anche nell’arco di svariati anni.
Scoprirete addirittura che vale la stessa regola del vino: il sapone “stagionato” è
decisamente migliore di quello fresco.

La vitamina E
È una sostanza oleosa che viene venduta liquida o in capsule. È un antiossidante naturale e,
sebbene ci sia chi la aggiunge al sapone per i suoi benefici effetti sulla pelle, andrebbe
riservata per creme e lozioni, perché, nell’ambiente caustico, perde completamente i suoi
poteri.

Figura 3.7 – Un’idea di freschezza per questo sapone glaciale.

Estratti di rosmarino
Gli estratti di rosmarino e di oleoresina di rosmarino – da non confondersi con l’olio
essenziale della stessa pianta-sono potenti antiossidanti naturali che vengono utilizzati nel
sapone per fermare il processo di degenerazione dei grassi. Si presentano come liquidi
resinosi di colore marrone-rossiccio o marrone-verdastro scuro, privi di odore o con un
leggero odore legnoso. L’estratto di oleoresina di rosmarino, del quale esistono diversi tipi,
è attualmente l’antiossidante naturale più usato e più efficace. Ne bastano pochi grammi (da
10 gocce a 4 grammi per un chilo di oli, a seconda del tipo) e va aggiunto ai grassi della
ricetta prima di metterli a scaldare. A differenza dell’olio di vitamina E, l’estratto di
oleoresina di rosmarino è in grado di resistere all’azione della soda.

Estratto di semi di pompelmo


In alcuni testi viene consigliato per le sue proprietà antisettiche e antiossidanti. In realtà,
secondo l’esperienza di numerosi saponai ed esperti di cosmetica, l’estratto di semi di
pompelmo non ha alcuna proprietà specifica che possa giustificarne l’impiego nel sapone
naturale, tanto più che si tratta di un materiale raro e molto costoso.

Fissativi: benzoino, radice di giaggiolo


In alcuni testi sul sapone viene consigliato l’uso del benzoino o della polvere di radice di
giaggiolo come fissativo degli oli essenziali.

Benzoino
È il nome comune di una pianta, Styrax benzoin, nativa di Java e di Sumatra, dalla quale si
estrae una resina usata da secoli in cosmetica e nella medicina tradizionale. Esiste inoltre un
composto sintetico, derivato dal benzoaldeide, che viene spesso utilizzato in alternativa alla
forma naturale, perché più disponibile e meno costoso.
La resina di Styrax benzoin compare come ingrediente fissativo dei profumi, soprattutto
nella preparazione casalinga dei pot-pourri o nelle composizioni di fiori secchi. Il benzoino
però, sia in forma di resina, sia di tintura, è un potenziale irritante della pelle e vi
consigliamo quindi di non utilizzarlo nel sapone naturale.

Radice di giaggiolo
Estratta dalla radice dell’Irisflorentina, una pianta molto rara, è una polvere usata in
profumeria sin dall’antichità greca e romana. Carissima e difficile da trovare, la polvere di
radice di giaggiolo presenta le stesse controindicazioni del benzoino, tanto più che spesso,
proprio per il suo costo elevato, tende a essere sostituita da succedanei di origine sintetica.

Entrambi questi ingredienti sono una scelta legittima se siete in vena di fantasie esotiche per
i vostri profumi, ma il loro prezzo elevato e la loro fama di potenziali irritanti li rendono
decisamente poco attraenti per il sapone naturale. Sicure, efficaci e soprattutto economiche
alternative per fissare i profumi sono le farine, specie di riso e di avena, le erbe essiccate o
certe argille.
Capitolo 4

Sicurezza, materiali, stampi

Se pensate che fare il sapone in casa sia difficile, entrate


nella vostra cucina e guardatevi attorno. Tutto quello che vi Sommario
serve è già lì, a portata di mano, e vi basterà realizzare la
vostra prima ricetta per sentirvi perfettamente a vostro agio • Le regole per la sicurezza
nei panni del mastro saponaio. L’unica vera cautela che • Gli utensili
dovrete sempre prestare è quella nei confronti • Stampi e formine
dell’idrossido di sodio, meglio conosciuto come soda • L’ambiente di lavoro
caustica; come abbiamo spiegato nei capitoli precedenti, si
tratta, infatti, di un materiale altamente reattivo, che deve essere maneggiato con estrema
attenzione e seguendo le indicazioni riportate in questo capitolo.

Non lasciatevi frenare dal timore nei confronti della soda caustica: se
osserverete alcune fondamentali regole di sicurezza, questo materiale sarà
sempre e soltanto il vostro strumento “magico” per produrre meravigliosi
saponi.

4.1 Le regole per la sicurezza


Come vi abbiamo spiegato nel Capitolo 2, non esiste alcuna possibilità di ottenere sapone
senza utilizzare, all’inizio della reazione chimica di saponificazione, un materiale alcalino
come l’idrossido di sodio (soda caustica) o il potassio idrossido. A differenza dei saponi
industriali, però, nessun sapone naturale, se fatto seguendo correttamente tutte le istruzioni,
contiene alcuna traccia di residui alcalini una volta che il processo di trasformazione degli
ingredienti (saponificazione) è completato. L’uso di materiale caustico puro nelle fase
iniziali di preparazione del sapone impone però la conoscenza delle seguenti regole di
sicurezza per poterlo maneggiare e conservare senza alcun rischio:
1. Mantenete il barattolo della soda ben chiuso e fuori dalla portata di bambini o animali
domestici. Non travasate la soda dal suo contenitore originale.
2. Indossate sempre guanti di gomma, occhiali di protezione e abiti che riparino gambe e
braccia, sia quando maneggiate la soda per pesarla, sia mentre preparate la miscela di
acqua e soda, sia mentre mescolate e versate il sapone fresco. Per proteggervi gli occhi
potete utilizzare una mascherina specifica, magari acquistata in qualche ferramenta,
oppure comuni occhialini da piscina. Indossate una mascherina specifica o coprite il
naso con un foulard pesante per ripararvi dai vapori che la soda sprigiona mentre la
mescolate con l’acqua.
3. Non lasciate mai incustodite la soda o le miscele caustiche; se ingerite accidentalmente
provocano ustioni gravissime, se vengono a contatto con la pelle sono altamente
corrosive.
4. Versate la soda nell’acqua e non fate mai il contrario! Provochereste una violenta
reazione con schizzi di materiale caustico ovunque.
5. La soda diluita nell’acqua fa aumentare la temperatura del liquido sino a 80-90 gradi.
Usate pertanto solo contenitori resistenti al calore e non riempiteli mai al di sopra dei
due terzi della loro capacità, perché il liquido, scaldandosi, aumenta di volume e
potrebbe traboccare.
6. Fate in modo che le pentole del sapone siano piene soltanto a metà; la miscela
scaldandosi aumenta di volume e, se non ha spazio, potrebbe traboccare.
Figura 4.1 – Anche se può sembrare esagerata, un’adeguata protezione è necessaria per lavorare.

7. Quando si dissolve nell’acqua, la soda caustica emana, per pochi secondi, uno sbuffo
di vapore e potrebbe provocare schizzi. Evitate di respirare i fumi, coprendovi il viso
con una mascherina o con un foulard. Se possibile, lavorate all’aperto, sottovento e in
posizione riparata, e tenendo il viso lontano dal contenitore.
8. In caso di contatto accidentale tra il materiale caustico e la pelle, lavatevi subito con
abbondante acqua corrente e fate seguire una spruzzata di aceto. Se a essere colpiti
sono gli occhi, risciacquateli abbondantemente solo con acqua corrente e consultate
subito un medico.
9. Evitate schizzi di materiale caustico sul piano di lavoro, rimuoveteli subito con un
panno inumidito di aceto e fate lo stesso con eventuali scaglie di soda. La soluzione
migliore è coprire il piano di lavoro con uno strato di vecchi giornali che poi butterete.
10. Pesate la soda con estrema precisione; anche un piccolo errore in eccesso o in difetto
può compromettere tutto il vostro lavoro. Pesate la soda sistemando la bilancia nel
lavello; in questo modo, eventuali scaglie finite fuori dal contenitore potranno essere
eliminate con un semplice risciacquo.
11. Preparate la soluzione caustica mettendo il contenitore del liquido nel lavello; in caso
di rottura accidentale del contenitore la soluzione caustica scenderà nello scarico senza
danni.
12. Fate in modo che i vostri familiari conoscano le norme di sicurezza e non permettete a
nessuno di aiutarvi se non adeguatamente attrezzato e informato.
13. Tenete a portata di mano una bottiglia di aceto: è una sostanza in grado di
neutralizzare la soda. Non usate aceto in caso di schizzi di materiale caustico negli
occhi, ma sciacquate con acqua corrente e consultate subito un medico.
14. Usate un set di utensili solo per il sapone e non mescolateli con gli attrezzi della
cucina. Al termine di ogni preparazione, sempre indossando i guanti, lavate le
attrezzature in acqua calda e risciacquate in acqua corrente. Asciugate con vecchi
strofinacci.
15. Nel sapone a freddo, se le dosi sono state calcolate in modo corretto e la pasta di
sapone è stata mescolata e isolata in maniera adeguata, un’eventuale percentuale
residua di soda caustica libera dovrebbe sparire completamente nell’arco di due o tre
giorni. A seconda dello sconto di soda utilizzato nella ricetta, dell’efficacia del
sistema di isolamento e dell’accuratezza con cui avete mescolato, il sapone a freddo
che risultasse leggermente caustico può essere lasciato riposare per un paio di
settimane prima di verificarne nuovamente l’alcalinità.

Figura 4.2 – La soda caustica è un materiale pericoloso.


Per sicurezza, è comunque preferibile maneggiare sempre il sapone fresco – cioè
quello che ha meno di due settimane – solo indossando i guanti. Un sistema empirico,
per verificare se un sapone è troppo caustico, è quello di toccarlo velocemente con la
punta della lingua: se si avverte un certo pizzicore vuole dire che che è presente un
residuo alcalino. Ciò può dipendere da un’insufficiente stagionatura del sapone, oppure
da un errore di calcolo sui valori di saponificazione (Capitolo 10) o di una svista nella
pesatura degli ingredienti.

4.2 Gli utensili


Per fare il sapone naturale non sono richieste attrezzature particolari o costose; nell’elenco
che segue troverete strumenti che siete già abituati a usare tutti i giorni.
Pentole di acciaio inox
Cucchiai di legno o di plastica dura e resistente al calore
Una caraffa di vetro da fuoco, oppure di ceramica o plastica pesante resistente al
calore
Uno o due termometri in grado di misurare temperature tra i 10 e i 100 gradi. Il tipo più
adatto è quello in uso nei caseifici
Una bilancia elettronica con divisioni a uno o due grammi
Un frullatore a immersione o, in alternativa, una frusta da pasticceria in plastica o in
acciaio inox
Un paio di guanti di gomma del tipo da usare in cucina
Un paio di occhialini da piscina o di occhiali speciali da indossare come protezione
Una mascherina protettiva o un foulard da indossare come protezione
Una vecchia coperta oppure asciugamani o strofinacci pesanti per isolare il sapone
quando l’avrete versato nello stampo
Un set di misurini se intendete aggiungere oli essenziali o coloranti
Un mestolino di acciaio inox per versare il sapone, soprattutto se intendete usare degli
stampi piccoli (facoltativo)

Materiali da evitare
La soda caustica non va d’accordo con diversi tipi di materiali con i quali reagisce, spesso
corrodendoli o comunque danneggiandoli: devono quindi essere assolutamente evitati
utensili e stampi di alluminio, stagno, ferro, rame, ghisa, pentole e contenitori ricoperti di
materiali antiaderenti e schiume plastiche tipo il polistirolo.
Se usate cucchiai di legno, sostituiteli spesso per evitare che si sfaldino e lascino schegge
nel sapone.

4.3 Stampi e formine


I mastri saponai al supermercato si fanno sempre riconoscere... sono affascinati da
qualunque tipo di contenitore e ogni volta che incappano in una nuova vaschetta se la girano
e rigirano tra le mani, immaginando forme voluttuose di schiuma! In realtà il mondo è pieno
di formine per il sapone e andare alla loro scoperta sarà molto divertente.
Figura 4.3 – Gli attrezzi di lavoro.

Per i saponi preparati a freddo e a caldo, gli stampi devono avere alcune caratteristiche
standard: essere flessibili per permettere al sapone di staccarsi senza rompersi, resistere a
temperature abbastanza alte, non reagire con la soda (vedere “materiali da evitare”).
Esistono in commercio stampi speciali per sapone, ma una buona ed economica alternativa
sono, per esempio, i contenitori di plastica che usiamo ogni giorno per conservare gli
alimenti in frigorifero. Funzionano bene poi le vaschette della frutta, della verdura e dei
dolci, quelle del ghiaccio e i nuovi stampi di silicone per dolci.
Potrete usare anche i contenitori cilindrici di certe marche di patatine oppure i cartoni del
latte, ma facendo ben attenzione a che lo strato interno di plastica protettivo sia intatto,
perché il materiale caustico non venga a contatto con il foglio di alluminio sottostante.
Alcuni mastri saponai fantasiosi usano addirittura tubi in PVC, dopo averne chiuso
un’estremità con plastica e nastro adesivo, oppure si fabbricano cassette di legno grezzo da
ricoprire ogni volta con uno strato di carta da forno, di acetato o di polietilene (la plastica
nera dei sacchi della spazzatura). Meglio evitare invece le formine di vetro, ceramica,
acciaio, terracotta, rame e polistirolo.
È bene ricordare inoltre che gli stampi “verticali” (a tubo o a sezione quadrata che siano)
non sono in genere adatti ai saponi che contengono ingredienti zuccherini (tipo latte o
miele), perché non permettono una buona dispersione del calore in eccesso. Se usate questo
tipo di stampi, limitate al minimo la copertura esterna di coperte o stracci.

Un piccolo segreto per convincere anche il sapone più testardo a uscire dallo
stampo? Mettetelo in freezer per qualche ora e lasciatelo a temperatura
ambiente per circa dieci minuti prima di riprovare a spingerlo fuori dallo
stampo.

4.4 L’ambiente di lavoro


L’ambiente ideale per fare il sapone è la cucina, perchè permette di avere sotto mano una
fonte di acqua corrente, i fornelli e delle ampie basi d’appoggio.
Basta ricordarsi però che ingredienti e utensili per il sapone, durante l’uso e finché non sono
stati lavati perfettamente, vanno tenuti separati da tutto quello ha a che vedere con
l’alimentazione. Non pensate, per esempio, di poter cucinare e fare il sapone in
contemporanea: l’incauta saponaia che ha usato per sbaglio il cucchiaio del sapone per
rimescolare la frittata (pensando di risparmiare tempo), ha imparato una lezione dura, che si
spera serva di esempio!
Riservatevi dunque un po’ di tempo per le vostre creazioni, magari approfittando del fine
settimana o di un momento in cui la casa è tranquilla, e dedicate loro le vostre attenzioni in
esclusiva. Fare il sapone è un’attività molto rilassante, che richiede un’attenzione costante
ed è assolutamente nemica della fretta e dell’approssimazione.
Quando vi prende l’estro di fare del sapone naturale, prendetevi un po’ di tempo per
preparare l’ambiente di lavoro: disponete tutti gli utensili di cui avete bisogno a portata di
mano, stendete qualche vecchio foglio di giornale sul piano di lavoro, mettete al riparo da
schizzi e colature di materiale caustico tutto quello che potrebbe essere danneggiato o
contaminato, tirate fuori tutti gli ingredienti e pesateli con cura. Col tempo questi gesti
diventeranno il vostro piccolo rito, che farà da preludio all’inizio di nuove alchimie. Tenete
inoltre presente che, una volta acquisita la pratica, la produzione di un chilo di sapone
naturale non vi porterà mai via in totale più di un’ora o un’ora e mezza.
Capitolo 5

I metodi di base: a freddo, a caldo

Se vi affascina l’idea di creare qualcosa di unico, se volete


essere sicuri al cento per cento di quello che metterete sulla Sommario
vostra pelle, o se vi diverte l’idea di giocare a combinare gli
elementi della natura e stare a guardare cosa succede, allora • Quale metodo scegliere?
è giunto il momento di imparare qualcosa sui metodi naturali • Il metodo a freddo
per produrre il sapone in casa. • Il metodo a caldo

5.1 Quale metodo scegliere?


I metodi moderni disponibili per fare in casa sapone solido, messi a punto attingendo a una
tradizione antica di secoli, sono in sostanza due: il metodo a freddo (in inglese Cold
Process o CP) e il metodo a caldo (Hot Process o HP).
Questi due sistemi hanno molte affinità: si usano sostanzialmente i medesimi utensili, le
modalità di impiego della soda caustica sono identiche, la procedura per miscelarla ai
grassi è uguale, i criteri di scelta degli ingredienti sono analoghi. Ciò che divide
drasticamente i due metodi sono i passaggi finali.
Nel metodo a freddo, infatti, è il solo calore naturale, prodotto dalla reazione chimica, a
portare avanti la saponificazione; il sapone ottenuto in questo modo ha bisogno di tempi di
maturazione (normalmente definiti come tempi di cura) che vanno da poche ore a qualche
settimana, a seconda di alcune variabili tra le quali la velocità e la durata della fase di
mescolamento, la temperatura e la durata della cosiddetta “fase del gel”, di cui parleremo
più in dettaglio in seguito.
Nel metodo a caldo, invece, il saponaio interviene con una fonte di calore esterno,
accelerando in tal modo le fasi della reazione chimica. La “cottura” del sapone – che può
avvenire in diversi modi – fa sì che la saponificazione si completi nel giro di qualche ora, e
permette di ottenere un sapone pronto per l’uso in tempi più brevi.
In realtà, il nostro consiglio resta quello di far stagionare il sapone per almeno quattro
settimane, anche se avete scelto il metodo a caldo; la stagionatura consente al sapone di
asciugarsi, di diventare più delicato, cremoso, resistente all’acqua, e di produrre una
schiuma più abbondante.
La pazienza è un’altra virtù importante per i mastri saponai, perché non solo aiuta il nostro
sapone a diventare migliore, ma ci insegna a rispettare i ritmi della natura senza lasciarci
travolgere dal tuttoe-subito.
Per quanto riguarda la scelta tra i due metodi, però, non cercate di farvi dire da un saponaio
se l’uno è migliore dell’altro… sarebbe come discutere se è meglio fare le vacanze al mare
o in montagna! Sicuramente i due sistemi offrono, come tutte le cose, vantaggi e svantaggi.
Chi ama il metodo a freddo vi dirà che è più semplice e più adatto ai principianti, perché la
cottura del sapone implica comunque una certa dose di esperienza in più; in parallelo, i fan
del metodo a caldo vi faranno notare che il loro sapone è pronto in pochissimo tempo e che
inoltre, aggiungendo additivi, profumi e nutrienti quando la soda è già neutralizzata, il
prodotto ottenuto è più ricco.
A favore del metodo a freddo altri vi diranno che il sapone ha una consistenza liscia e
omogenea, mentre quello ottenuto dal metodo a caldo risulta grezzo e rugoso; altri ancora vi
diranno che nel metodo a caldo alcuni ingredienti, come il miele, finiscono per bruciare, e
che il metodo a freddo è quello che permette di diluire meglio i coloranti e i profumi.
Insomma, i suggerimenti che ci sentiamo di darvi sono: leggete bene le descrizioni dei due
metodi, fatevi un’idea in base alle vostre aspettative e al vostro grado di intraprendenza,
quindi applicate la regola d’oro: “provate e giudicate”!

5.2 Il metodo a freddo


Il metodo a freddo rappresenta il sistema più semplice per preparare il sapone naturale in
casa.
Basta seguire le istruzioni per mescolare gli ingredienti, innescare la reazione chimica tra i
grassi e la soda caustica e lasciare che la natura faccia il resto. Ci sono però alcune
condizioni essenziali per ottenere dal metodo a freddo un risultato di qualità:

Pesare in modo esatto gli ingredienti fondamentali (grassi, soda caustica, liquidi)
Fare attenzione alle temperature di miscela perché la reazione chimica abbia sufficiente
“energia” per procedere
Isolare bene il sapone nella prima fase del tempo di cura perché il calore naturale della
reazione chimica non si disperda

Detto questo, possiamo passare a realizzare insieme, passo dopo passo, una prima, semplice
ricetta. La spiegazione abbinata ai gesti pratici vi aiuterà a capire meglio tutta la procedura.

Sapone all’olio di oliva – Metodo a freddo


Ingredienti fondamentali
1000 grammi di olio di oliva
128 grammi di soda caustica
300 grammi di acqua distillata

Ingredienti facoltativi
da 15 a 25 ml di olio essenziale di lavanda
due cucchiai di additivi secchi tipo fiori, erbe o farine

Come procedere

Fase 1: Preparare l’area di lavoro


Coprite il vostro piano di lavoro con vecchi giornali; disponete a portata di mano tutti
gli utensili che vi serviranno durante la preparazione del sapone e mettete sul piano
tutti gli ingredienti che prevedete di usare.
Se avete deciso di usare degli additivi, per esempio l’olio essenziale e i fiori secchi,
passate questi ultimi nel frullatore e mescolateli con l’olio essenziale; fate lo stesso se
pensate di usare della farina. Questo vi aiuterà a guadagnare tempo quando sarà
necessario completare velocemente le ultime fasi della preparazione e versare il
sapone nello stampo.
Preparate anche gli stampi; se usate un contenitore al quale il sapone potrebbe
attaccarsi, rivestitelo di plastica resistente al calore o copritene il fondo con un foglio
di acetato.

Fase 2: Preparare la soluzione caustica


Mettete l’acqua nella caraffa termica e, indossando guanti e occhialini, pesate la soda
(Figura 5.1) mettendo la bilancia sul lavello e utilizzando un contenitore (tipo scodella
o ciotolina di ceramica o plastica dura) che risciacquerete dopo l’uso.
Copritevi il viso con una mascherina e, mettendo la caraffa con l’acqua nel lavello,
versate poco alla volta la soda nell’acqua (Figura 5.2). Mescolate rapidamente fino a
quando non si sarà completamente dissolta. Riponete la caraffa in un luogo sicuro a
raffreddare, coperta con uno strofinaccio o con un coperchio.

Fase 3: Preparare i grassi


Pesate l’olio direttamente in una pentola di acciaio inox(Figura 5.3).
Mettete la pentola sul fornello e, a fuoco bassissimo, riscaldatelo, mescolando di tanto
in tanto. Fate attenzione che il grasso non si surriscaldi. Tenete sotto controllo la
temperatura con il termometro (Figura 5.4).

Figura 5.1 – Pesate la soda caustica.


Figura 5.2 – Versate la soda nell’acqua.
Figura 5.3 – Pesata del grasso.

Figura 5.4 – Controllate costantemente la temperatura dell’olio.

Fase 4: Versare la soluzione caustica nei grassi


Controllate la temperatura della soluzione caustica (usando il termometro; Figura 5.5) e
poi tornate a verificare quella dei grassi; quando entrambe le temperature saranno a 45
gradi centigradi e, sempre indossando guanti, mascherina e occhialini, iniziate a
versare lentamente la soluzione caustica nell’olio (Figura 5.6).
Mescolate con ritmo costante ed evitando schizzi, sino a quando i due liquidi non
saranno del tutto incorporati , ossia quando la soluzione assume un aspetto opaco e un
colore più chiaro (Figura 5.7). A questo punto, potrete passare al frullatore a
immersione.
Appoggiate il frullatore sul fondo della pentola e mescolate il composto a frullatore
acceso per un paio di minuti (Figura 5.8). Spegnete il motore e utilizzate il frullatore,
spento, per tenere in movimento la miscela. Per evitare di surriscaldare il motore,
alternate sempre queste due fasi. Potreste fare a meno del frullatore a immersione,
scegliendo una frusta da pasticcere o un semplice cucchiaio di legno, ma in questo caso
fareste molta più fatica e l’azione di mescolamento sarebbe meno efficace. Perché la
reazione chimica proceda, infatti, è necessario che grassi e soda vengano tenuti in
veloce e costante rotazione. Solo così gli ioni della soda caustica, liberati dalla
soluzione con l’acqua, possono “catturare” meglio le molecole di grasso e trasformarle
in sale-sapone.
Figura 5.5 – Grassi e soluzione caustica devono essere entrambi a 45 °C.
Figura 5.6 – Versate la soluzione caustica nell’olio.
Figura 5.7 – La soluzione si schiarisce.
Figura 5.8 – Mescolate con il frullatore per un paio di minuti.

Fase 5: Il nastro
Mentre frullate e mescolate, vedrete la miscela di grasso e soda diventare a mano a
mano più densa e opaca. Dallo stato liquido iniziale passerete a una specie di crema
che, a un certo punto, comincerà a “fare il nastro” (Figura 5.9).
Vi accorgerete di aver raggiunto il nastro quando, facendo colare un po’ di miscela dal
cucchiaio o dal frullatore, questa non sparirà subito nella pentola, ma resterà in
evidenza, lasciando una traccia in rilievo sulla superficie del sapone. Vi sembrerà di
poter “scrivere” sulla superficie della pasta di sapone, un po’ come succede con la
besciamella o la maionese quando raddensano.

Figura 5.9 – Il “nastro”.


Il tempo per arrivare al nastro dipende da molti fattori e può variare da qualche minuto
addirittura a diverse ore, a seconda del metodo di mescolamento e del tipo di ricetta.
In genere, i saponi che contengono molti oli insaturi impiegano di più a fare il nastro di
quelli che hanno invece un alto contenuto di grassi saturi.
Anche la costanza e la velocità con cui si mescola possono influire sui tempi del
nastro, tant’è che l’uso del frullatore a immersione è in genere l’unico sistema per
risparmiare davvero tempo.

Fase 6: Dopo il nastro


Quando il sapone fa il nastro, la soda è meno attiva e la miscela è pronta per ricevere
gli ingredienti facoltativi, in questo caso l’olio essenziale e gli additivi scelti.
Incorporateli velocemente, mescolate bene o frullate a piccoli colpi per distribuirli e
versate subito il sapone nello stampo (Figura 5.10). Indossate sempre occhialini e
guanti durante tutte queste fasi, perché il sapone è ancora caustico.
Figura 2.9 – Sulla confezione del caglio è riportato il suo titolo.

Fase 7: La fase del gel e il tempo di cura


Appena versato nello stampo, il sapone ha bisogno di essere tenuto al caldo; solo così
la reazione chimica potrà andare avanti e completare la metamorfosi del grasso.
Avvolgete lo stampo in una vecchia coperta, o in alcuni asciugamani, e mettetelo a
riposare in un luogo sicuro per ventiquattro ore (Figura 5.11).
Se l’isolamento è efficace, il sapone attraverserà, prima di solidificarsi, quella che i
saponai chiamano “fase del gel”: la mistura si scalda e si rapprende, fino a diventare
lucida e brillante con una consistenza gelatinosa. Durante la fase del gel, il calore
naturale si sviluppa dal centro della miscela e si irradia verso l’esterno, sino a
raggiungere il bordo dello stampo.
Una buona coperta fa sì che questa energia non si disperda nell’ambiente e che la
saponificazione si completi in ogni punto del sapone. La fase del gel è infatti cruciale
per ottenere un sapone di buona qualità.
Figura 5.11 – Coprite il sapone con un panno.

In alcuni casi, la presenza di ingredienti come gli zuccheri (latte, miele), certe fragranze
contenenti alcool, grosse quantità di olio di riso o di palma possono far raggiungere al
sapone, durante la fase del gel, temperature troppo alte. Se sapete di aver usato questi
ingredienti, tenete sotto controllo la fase del gel e riducete la copertura degli stampi
per disperdere il calore in eccesso.
Passata la fase del gel, il sapone inizia pian piano a solidificarsi. Dopo ventiquattr’ore,
quando solleverete la coperta, scoprirete che l’impasto sarà diventato solido e potrete
toglierlo dallo stampo. Ricordatevi che, sino al compimento delle due settimane, il
sapone può contenere tracce di alcali in fase di neutralizzazione, quindi maneggiatelo
sempre coi guanti per evitare irritazioni alle mani.

Fase 8: Stagionatura, conservazione e confezione


Una volta sformato, il vostro sapone può essere tagliato a pezzi e lasciato stagionare, in
un ambiente fresco e ventilato, per le canoniche quattro settimane.
Disponete le saponette su un foglio di carta da pacchi, oppure su del cartone non
colorato, e giratele di tanto in tanto. Durante queste fatidiche settimane – dette tempo di
cura o di stagionatura – il sapone assume il suo colore definitivo e, man mano che
l’acqua evapora e la saponificazione si completa, diventa sempre più compatto e
liscio.
Durante le fasi di cura e stagionatura, può succedere che la superficie del sapone si
copra di una specie di polvere biancastra; è la cosiddetta “polvere di sapone”, una
sostanza innocua che nasce dalla reazione tra il sapone e l’aria. Non tutti i saponi fanno
la “polvere” ma, se succede e se la cosa disturba l’estetica, basta eliminarla
raschiandola con un coltellino. Questa operazione vi permetterà anche di aggiustare la
forma del vostro sapone e di eliminare quella specie di “buccia” che può formarsi
durante la stagionatura.
Il sapone finito si conserva in un ambiente fresco, al riparo da polvere, umidità, luce
diretta e calore. Se volete confezionarlo, scegliete materiali naturali che gli permettano
di “respirare” e che non facilitino la formazione di muffe.
Le temperature di miscela
La buona riuscita del sapone a freddo, si diceva nei precedenti paragrafi di questo capitolo,
dipende anche dalla temperatura a cui vengono miscelate la soluzione caustica e i grassi.
In generale, le basse temperature mantengono più intatti i nutrienti contenuti negli
ingredienti, ma sono sconsigliate in presenza di grassi o composti che solidificano quasi di
colpo quando la temperatura è inferiore ai 40 gradi (per esempio la cera d’api, alcuni tipi di
olio di palma e cocco e il burro di cacao). Va inoltre tenuto presente che, se la temperatura
ambientale è molto bassa, oli e soluzione caustica cederanno calore all’ambiente molto in
fretta, e dovranno pertanto essere miscelati a temperature leggermente più alte della media.

Tabella 5.1: Una guida alle temperature di miscela


Quando volete evitare l’eccesso di calore che può alterare gli oli. Ogni volta che la ricetta non
Tra 38 e 40° C
comprende ingredienti con un alto punto di fusione, come la cera d’api e il burro cacao.
C Per i saponi con un alto contenuto di oli insaturi. Per avere un sapone a consistenza più
Tra 40 e 45° omogenea e più fluido da versare negli stampi.
Per evitare problemi di ammassamento in presenza di ingredienti che lo favoriscono.
Per quei saponi che contengono ingredienti con un alto punto di fusione (come per esempio la cera
tra 45 e 50° C
d’api).

Quando si utilizzano ingredienti che “accelerano” il nastro – ossia che generano una
reazione che provoca l’ammassamento rapido della mistura – è di solito preferibile
lavorare a temperature leggermente inferiori alla norma, anche se su questo punto esistono
esperienze diverse, e alcuni affermano esattamente il contrario. I materiali che accelerano il
nastro sono, in particolare, gli zuccheri (latte e miele), l’alcol contenuto in certe fragranze, i
componenti di alcuni oli essenziali (come l’eugenolo contenuto nell’essenza di cannella e di
chiodi di garofano) e gli esteri contenuti nella cera d’api e nell’olio di jojoba. Temperature
superiori ai 50 gradi centigradi sono comunque sconsigliate, sia perché provocano
un’alterazione di molti oli vegetali, sia perché in alcuni casi possono generare una reazione
molto violenta, che nel gergo dei saponai è conosciuta come “vulcano”. In questo frangente,
il calore in eccesso fa gonfiare la pasta di sapone caustica sino a farla eruttare dalla
pentola. Un’esperienza decisamente da evitare! L’esperienza vi insegnerà come lavorare
con le diverse temperature, e non dovete preoccuparvi se ora tutto sembra difficile e
complicato. In generale, è meglio iniziare nel segno della prudenza e seguire le istruzioni di
ciascuna ricetta in maniera scrupolosa, prima di lanciarsi in nuovi esperimenti.

Prime ricette a freddo


Dalla teoria alla pratica… Dopo avervi spiegato passo dopo passo i procedimenti per fare
il sapone naturale, eccovi due ricette facili facili, con le quali potrete mettere alla prova le
conoscenze appena acquisite. Le ricette che seguono sono state scelte tra le tante che
abbiamo sperimentato personalmente e ripetutamente nel corso della nostra pluriennale
esperienza di mastri saponai. Questo vi darà la confidenza di sperimentare con formule
sicure e dai risultati praticamente garantiti. Se siete ai vostri primi tentativi, vi
raccomandiamo di seguire con scrupolo i dosaggi indicati nelle formule e di non modificare
in alcun modo né la scelta dei grassi, né il peso della soda caustica. Il dosaggio del
materiale caustico è strettamente legato al tipo e al peso dei grassi utilizzati e qualsiasi
cambiamento, anche minimo, può compromettere il risultato in maniera drammatica. Allo
stato attuale della vostra conoscenza, gli unici cambiamenti che potete permettervi sono:

la sostituzione dell’acqua con un infuso di erbe in pari quantità;


la sostituzione dell’acqua con latte intero di mucca o di capra, in modo che la quantità
totale di liquido sia uguale a quella indicata in ricetta. Se scegliete di usare solo latte
al posto dell’acqua applicate il procedimento di preparazione della soluzione caustica
che vi abbiamo spiegato al Capitolo 2;
la sostituzione o l’eliminazione degli ingredienti facoltativi (per esempio, una diversa
miscela di oli essenziali o l’uso di uno o più additivi a scelta, facendo attenzione ad
evitare quelli che potrebbero dare reazioni “speciali”, tra cui le sostanze zuccherine,
gli oli fragranti, il succo di limone).

Nella tabella degli ingredienti di ciascuna ricetta, abbiamo lasciato una colonna vuota, dove
potrete annotare i vostri commenti; prendere appunti è una buona abitudine e vi aiuta a
memorizzare i passaggi ed evitare errori quando ripetete la stessa ricetta.

BURRO & SALVIA


% Ingredienti fondamentali Quantità Note
5% Burro di karitè 50 gr
95% Olio di oliva 950 gr
Soda caustica (NaOH) 127 gr
Infuso di salvia officinale 300 gr
Al nastro (ingredienti
facoltativi)
Farina di riso o amido di riso 1 cucchiaio
Olio essenziale di salvia 5 ml
Olio essenziale di limone 10 ml o di lemon-tea tree
A questa ricetta è stato applicato uno sconto della soda del 6%

Scontare la soda vuol dire ridurne la quantità in modo da lasciare nel sapone
finito una parte di grassi liberi (ossia non saponificati). Questo contribuisce
a rendere il sapone più ricco e gentile con la pelle. La procedura per
scontare la soda è descritta in dettaglio nei prossimi Capitoli.

Procedimento
1. Qualche ora prima di fare il sapone, preparate l’infuso di salvia e lasciatelo
raffreddare completamente.
2. Coprite il piano di lavoro con vecchi strofinacci o fogli di giornale e disponete a
portata di mano gli utensili e gli ingredienti della ricetta.
3. Indossate i guanti, gli occhialini e la mascherina. Mettete la bilancia sul piano del
lavello, ben asciutto, e pesate la soda caustica in un bicchiere di plastica. Per
prelevare la soda, usate un cucchiaio da cucina di acciaio inox.
4. Pesate l’infuso direttamente nella caraffa termica e ponetela nel lavello.
5. Preparate la soluzione caustica, versando lentamente la soda nell’infuso e mescolando
bene con un cucchiaio di legno perché si sciolga. Mentre fate questa operazione,
indossate la mascherina ed evitate di respirare direttamente il vapore che si sprigiona
dal contenitore. Quando la soda è ben sciolta, coprite la caraffa e lasciatela raffreddare
in un posto sicuro.
6. Mettete la pentola di acciaio inox sulla bilancia e pesate attentamente il burro di karitè
e l’olio di oliva.
7. Mettete la pentola coi grassi sul fornello, a fuoco bassissimo, e controllate che il burro
si sciolga, senza che la temperatura salga troppo.
8. Mentre i grassi si scaldano e la soluzione caustica raffredda, misurate gli oli essenziali
e mescolateli alla farina in una tazzina o altro recipiente adatto. Preparate lo stampo
che avete scelto.
9. Controllate le temperature della soluzione caustica e dei grassi; quando sono entrambe
a 45° gradi, togliete la pentola dal fuoco, spegnete il fornello e indossate nuovamente
tutte le protezioni (occhialini, mascherina).
10. Versate la soluzione caustica nei grassi, mescolando con un cucchiaio di legno perché
si incorpori bene.
Impugnate il frullatore a immersione e iniziate a frullare a intervalli regolari sino a
quando la miscela comincerà ad addensarsi sino ad arrivare al nastro.
11. Quando il sapone ha raggiunto il nastro, aggiungete gli oli essenziali mescolati alla
farina, agitate bene con un cucchiaio di legno per incorporare il profumo e versate il
sapone nello stampo.
12. Isolate bene lo stampo con coperte e strofinacci e lasciate riposare per ventiquattro
ore.
13. Il giorno successivo, controllate il sapone; se vi sembra ancora troppo morbido,
lasciatelo nello stampo per altri due o tre giorni prima di sformarlo e tagliarlo.
14. Lasciate stagionare il sapone per quattro o cinque settimane.

SAPONE ALLA CALENDULA


% Ingredienti fondamentali Quantità Note
30% Olio di mandorle dolci 300 gr
70% Olio di cocco 700 gr
Soda caustica (NaOH) 126 gr
Acqua o infuso di calendula 300 gr
Al nastro (ingredienti facoltativi)
Fiori secchi di calendula macinati 2 cucchiai
Olio essenziale di bergamotto 10 ml
Olio essenziale di lavanda 5 ml
Olio essenziale di rosmarino 5 ml
A questa ricetta è stato applicato uno sconto della soda del 6%

Due grassi nutrienti e delicati, l’olio di oliva e l’olio di mandorle dolci,


sono abbinati in questa ricetta per un sapone adatto a tutti i tipi di pelle. Se
evitate l’aggiunta degli oli essenziali, otterrete un ottimo sapone per il bagno
dei bambini. La calendula è uno dei pochissimi fiori che conservano il loro
colore nel sapone finito.

Procedimento
1. Se decidete di utilizzare l’infuso di fiori di calendula, qualche ora prima di fare il
sapone preparatelo e lasciatelo raffreddare completamente.
2. Coprite il piano di lavoro con vecchi strofinacci o fogli di giornale e disponete a
portata di mano gli utensili e gli ingredienti della ricetta.
3. Indossate i guanti, gli occhialini e la mascherina. Mettete la bilancia sul piano del
lavello, ben asciutto, e pesate la soda caustica in un bicchiere di plastica. Per
prelevare la soda, usate un cucchiaio da cucina di acciaio inox.
4. Pesate l’infuso o l’acqua direttamente nella caraffa termica e ponetela nel lavello.
5. Preparate la soluzione caustica, versando lentamente la soda nel liquido e mescolando
bene con un cucchiaio di legno perché si sciolga. Mentre fate questa operazione,
indossate la mascherina ed evitate di respirare direttamente il vapore che si sprigiona
dal contenitore. Quando la soda è ben sciolta, coprite la caraffa e lasciatela raffreddare
in un posto sicuro.
6. Mettete la pentola di acciaio inox sulla bilancia e pesate attentamente l’olio di oliva e
l’olio di mandorle dolci.
7. Mettete la pentola coi grassi sul fornello, a fuoco bassissimo, e controllate che la
temperatura non salga troppo.
8. Mentre i grassi si scaldano e la soluzione caustica raffredda, misurate gli oli essenziali
e mescolateli ai fiori secchi macinati in una tazzina o altro recipiente. Preparate lo
stampo che avete scelto.
9. Controllate le temperature della soluzione caustica e dei grassi; quando sono entrambe
a 45° gradi, togliete la pentola dal fuoco, spegnete il fornello e indossate nuovamente
tutte le protezioni (occhialini, mascherina).
10. Versate la soluzione caustica nei grassi, mescolando con un cucchiaio di legno perché
si incorpori bene. Impugnate il frullatore a immersione e iniziate a frullare a intervalli
regolari sino a quando la miscela comincerà ad addensarsi sino ad arrivare al nastro.
11. Quando il sapone ha raggiunto il nastro, aggiungete gli oli essenziali mescolati alla
farina, agitate bene con un cucchiaio di legno per incorporare il profumo e versate il
sapone nello stampo.
12. Il giorno successivo, controllate il sapone; se vi sembra ancora troppo morbido,
lasciatelo nello stampo per altri due o tre giorni prima di sformarlo e tagliarlo.
13. Lasciate stagionare il sapone per quattro o cinque settimane.

5.3 Il metodo a caldo


Esistono svariate tecniche per produrre sapone a caldo. I metodi utilizzati per questo
procedimento si sono sviluppati in tempi abbastanza recenti – nell’ordine degli ultimi
quattro o cinque anni – e sono tuttora in continua evoluzione. Chi ricorda la preparazione
del sapone fatto in casa dalle nonne, troverà strano che si parli di metodi a caldo come se
fossero una novità. In effetti, quel sapone giallastro, che alcuni di noi ricorderanno con poca
simpatia, veniva sì preparato facendo bollire per ore una miscela di grassi e di soda
caustica diluita in acqua, ma aveva ben poco in comune coi moderni saponi fatti in casa.
Lo stesso procedimento di preparazione del sapone a freddo è una tecnica relativamente
nuova; determinante per la sua diffusione è stata la possibilità di produrre, e quindi di
reperire facilmente sul mercato, soda caustica con un alto grado di purezza e di lavorabilità.
Storicamente, l’evoluzione delle tecniche di produzione della soda caustica, pura e a basso
prezzo rispetto agli anni pre-industriali, rappresenta la molla che ha fatto scattare la
produzione di sapone a livello commerciale. Cento anni dopo, la possibilità di reperire
soda caustica in piccole quantità e a prezzi abbordabili, insieme all’esigenza sempre più
sentita di limitare l’impatto dei prodotti sintetici nella nostra vita quotidiana, stanno alla
base della scuola che fa del sapone fatto in casa un prodotto nello stesso tempo sofisticato e
genuino, che garantisce un minor impatto sull’ambiente.
A livello aneddotico, vale la pena di segnalare che lo sviluppo delle tecniche di
preparazione del sapone è cresciuto parallelamente e grazie alla diffusione di Internet: senza
la rete, sarebbe stato difficile immaginare un’evoluzione tanto rapida e una distribuzione in
tempo quasi reale, a livello globale, delle tecniche e delle ricette.
Ed è proprio attraverso Internet che si sono sviluppati e diffusi i vari metodi a caldo. A
partire dalla cottura su fuoco diretto, lo scambio di opinioni ed esperienze, arricchito dal
desiderio di sperimentare tecniche nuove – nonché da un certo numero di incidenti di
percorso che si sono poi rivelati soluzioni vincenti – ha portato alle cotture a bagnomaria, in
forno, in pentola elettrica e in forno a microonde, sino ad arrivare alle più recenti tecniche
di cottura direttamente nello stampo. E poiché gli esperimenti continuano, si può presumere
che le tecniche di oggi verranno arricchite o soppiantate da altre tecniche, ancor più
raffinate. I vantaggi del sapone a caldo, universalmente riconosciuti, sono fondamentalmente
tre:
Il sapone avrà perso ogni traccia di alcali residui al termine della cottura.
Profumi, oli essenziali, nutrienti e altri additivi che vengano aggiunti a fine cottura non
subiscono l’impatto negativo del processo chimico di saponificazione.
Per chi preferisce il sapone in “lingotti” da affettare al momento, il sapone a caldo
garantisce facilità di taglio e compattezza.

D’altro canto, vanno tenuti presenti alcuni svantaggi:

La pasta di sapone cotta ha una consistenza poco fluida e si presta male alla formatura
in stampi per produzioni in serie (per esempio, gli stampi con divisori interni).
Esiste un certo disaccordo sugli effetti che la cottura può avere sui grassi. In alcuni
casi, si può immaginare che il calore riduca o penalizzi i valori nutritivi degli
ingredienti. Se è vero che anche il sapone a freddo deve attraversare una fase
esotermica, cioè con sviluppo di calore, la differenza tra le temperature massime
raggiunte dalla pasta di sapone, nei due metodi, può arrivare a 30°C od oltre, e questo
giustifica le perplessità.
Per quanto il sapone a caldo sia utilizzabile poche ore dopo la cottura, la resa massima,
in termini di produzione di schiuma e resistenza all’acqua, si ottiene comunque solo
dopo un periodo di stagionatura analogo a quello richiesto per il metodo a freddo (da
quattro a otto settimane).
La cottura del sapone rappresenta un inutile consumo energetico, che il metodo a freddo
consente di evitare.
La cottura a bagnomaria
Il più comune e il più semplice tra i metodi a caldo è la cottura a bagnomaria; per questo
procedimento non sono richiesti particolari requisiti di esperienza, anche se vi consigliamo
comunque di adottarlo come “seconda tappa” della vostra carriera di mastri saponai, dopo
aver sperimentato il metodo a freddo. Ingredienti e dosi sono gli stessi del processo a
freddo, con le seguenti differenze:

La quantità di acqua per il sapone a caldo va calcolata intorno ai 375 grammi per ogni
chilo di grassi. L’evaporazione prodotta dalla cottura richiede, fin da subito, una
disponibilità maggiore di liquido per evitare che il sapone bruci o asciughi troppo.
Profumi, oli essenziali, erbe, infusi e altri additivi organici (come per esempio avena,
semi, farine eccetera) vanno aggiunti a fine cottura. Lo stesso vale per eventuali oli o
burri preziosi. L’unica eccezione alla regola è l’olio di ricino che, per fare il suo
dovere, ossia produrre un sapone schiumoso, va aggiunto sempre all’inizio.
In genere, se si vuole ottenere una pasta di sapone di colore uniforme, i coloranti
specifici – approvati per uso cosmetico – vanno aggiunti prima della cottura. È
comunque possibile aggiungere coloranti al sapone cotto, per ottenere effetti
marmorizzati o picchiettati.
Tutti i tipi di latte, lo zucchero e il miele tendono a caramellare se aggiunti prima della
cottura e danno saponi con colori tendenti al beige-marrone. In linea di massima, le
ricette con questi ingredienti riescono meglio a freddo.
Le temperature di partenza dei grassi e della soluzione caustica non sono fondamentali,
ma è bene lavorare sempre con temperature sotto i 50 gradi centigradi per evitare
sgradevoli sorprese. Se le temperature di grassi e soda sono troppo alte, infatti, la
pasta di sapone rischia di “lievitare” e fuoriuscire dalla pentola.
Prima di iniziare a fare il sapone a caldo, ripassate le regole di sicurezza elencate al
Capitolo 4 perché, ovviamente, sono da ritenersi valide anche in questo contesto.

Il metodo di cottura del sapone a bagnomaria, conosciuto in inglese con la


sigla DBHP (Double Boiler Hot Process), è stato per la prima volta
introdotto su una mailing list in Internet all’inizio del 1999. Con parecchie
varianti, esso ha rapidamente rimpiazzato il vecchio sistema, molto più
soggetto a errori e fallimenti, della cottura su fuoco diretto. Nei paragrafi che
seguono vi descriviamo il metodo a caldo a bagnomaria, così come lo
abbiamo perfezionato e applicato nel corso della nostra esperienza
personale. Per i metodi a caldo più complessi vi rimandiamo al Capitolo 8.

Utensili speciali
Per il metodo a bagnomaria, avrete bisogno di due contenitori di dimensioni tali che uno
possa comodamente contenere l’altro, lasciando un po’ di spazio in altezza e ai bordi. Come
contenitore esterno, che chiameremo “caldaia”, qualunque pentola va bene. Per quello
interno, potete scegliere tra acciaio inox o vetro-ceramica resistente al calore. Il contenitore
interno deve avere un coperchio. Vi servirà inoltre un disco di acciaio rialzato del tipo di
quelli che si usano per la sterilizzazione delle conserve, oppure una griglia tonda di acciaio
di quelle che si usano come spandifiamma sui fornelli, da appoggiare sul fondo della
caldaia.

Come procedere
1. Preparate la vostra attrezzatura, organizzate il piano di lavoro e tenete a portata di
mano utensili e ingredienti.
2. Indossate i guanti, gli occhialini e la mascherina per proteggervi da eventuali schizzi di
materiale caustico.
3. Pesate l’acqua in una caraffa termica, quindi pesate la soda caustica in un contenitore
ben asciutto. Versate la soda caustica nell’acqua, mescolando sino a quando è ben
sciolta, quindi mettete la soluzione caustica a raffreddare, coperta e in un luogo sicuro.
4. Pesate i grassi – tranne quelli che volete eventualmente aggiungere a fine cottura –
direttamente nella pentola del sapone (il contenitore interno).
5. Mettete nella caldaia il piatto d’acciaio, o l’attrezzatura alternativa, e aggiungete
dell’acqua. Appoggiate il contenitore con gli oli nella caldaia e regolate il volume
dell’acqua in modo che sia grossomodo allo stesso livello degli oli contenuti nella
pentola del sapone.
6. Mettete su fuoco vivo e fate sciogliere i grassi solidi. Quando sono sciolti, togliete il
contenitore dalla caldaia, posatelo sul piano di lavoro e, indossando le protezioni,
versate la soluzione caustica nei grassi. Ricordatevi che le temperature di grassi e
soluzione caustica non devono superare comunque i 50°C.
7. Mescolate sino al nastro, quindi rimettete la pentola nella caldaia – che nel frattempo
avrete lasciato sul fuoco. Mettete il coperchio al contenitore interno, regolate il livello
dell’acqua e fate sobbollire molto dolcemente per un’ora. Se riuscite, cercate di
coprire con degli stracci la caldaia, a mo’ di coperchio. Fate attenzione a che la stoffa
non venga in contatto col fuoco o l’acqua bollente!
8. Nel frattempo, preparate lo stampo e tutti gli ingredienti da aggiungere a fine cottura:
tenete presente che, quando il sapone è pronto, avrete poco tempo da perdere, ed
essere pronti con tutto è fondamentale!
9. Dopo un’ora di cottura, togliete i coperchi e date una mescolata alla pasta di sapone.
Dovrebbe essere di colore biondo, di aspetto gelatinoso e di una consistenza simile
alla Vaselina2. Per stabilire se il sapone è pronto, toglietene un cucchiaino e mettetelo
su un piattino per la prova-pallina; intanto rimettete i coperchi.
10. Quando la pasta di sapone che avete messo nel piattino si è un po’ raffredata, cercate
di arrolarla con le dita formando una pallina. Se conserva la forma senza essere troppo
appiccicosa e diventa di un colore bianco opaco, il sapone è pronto.
11. A seconda dei grassi utilizzati e della quantità di sapone, la cottura richiede da un’ora
a due; piccole quantità e ricette con un alto contenuto di grassi saturi impiegano meno
tempo, mentre grandi quantità di sapone e ricette con un’alta percentuale di grassi
insaturi richiedono tempi di cottura più lunghi. In particolare, il sapone all’olio di
oliva e le ricette con solo olio di ricino e olio di oliva richiedono due ore di cottura.
12. Se la pallina di sapone è appiccicosa e non riuscite a rotolarla bene tra le dita, è
necessario continuare la cottura e riprovare dopo circa 15 minuti.
13. Se la pallina di sapone tende a sbriciolarsi, è un segno che la cottura è durata troppo a
lungo, oppure che il fornello era regolato su una temperatura troppo alta. In questo caso
il sapone è perfettamente utilizzabile, ma potrebbe essere difficile da trasferire negli
stampi.
14. Ricordatevi che l’acqua nella caldaia deve sobbollire lentamente e non bollire.
15. Quando la pasta di sapone è pronta, spegnete il fornello e aspettate che la temperatura
dell’acqua della caldaia scenda intorno ai 50°C. A questo punto, potete aggiungete
eventuali ingredienti che avete tenuto da parte. Ricordatevi che tenere il contenitore a
mollo nell’acqua calda semplifica l’operazione, ma dovrete fare attenzione a non
scottarvi.
16. Quando tutti gli ingredienti sono stati aggiunti, mescolate bene e versate nello stampo.
Battete vigorosamente lo stampo sul piano per espellere eventuali bolle d’aria,
livellate con una spatola o con la lama di un coltello, coprite con un foglio di carta da
forno o di plastica e lasciate raffreddare.
17. Per ottenere un aspetto più omogeneo, potete coprire il sapone coi soliti stracci o
coperte. La pasta impiegherà più tempo a raffreddarsi, ma si assesterà meglio negli
stampi.
18. Quando il sapone è freddo, potete sformarlo, tagliarlo come al solito e lasciarlo
stagionare in un ambiente ventilato per un minimo di quattro settimane. Siccome la
saponificazione sarà completa al termine della cottura, potrete ovviamente provare a
usare subito il vostro sapone.

5.3.2 Prime ricette a caldo


Anche per il sapone a caldo, vi diamo l’opportunità di sperimentare nel concreto le nozioni
che avete appena imparato. Abbiamo scelto una ricetta adatta al metodo a caldo a
bagnomaria, perché è il procedimento più semplice e più adatto a chi inizia. Prima di fare il
sapone ricordate sempre di dare un’occhiata alle norme di sicurezza (Capitolo 4) e di
indossare le protezioni per gli occhi, le mani e il viso.

SAPONE DEODORANTE AL CAFFÈ


% Ingredienti fondamentali Quantità Note
60% Olio di oliva 600 gr
40% Olio di cocco 400 gr
Soda caustica (NaOH) 143 gr
Caffè molto lungo 375 gr
Al nastro (ingredienti
facoltativi)
Caffé macinato fresco 1 cucchiaio
Olio essenziale di albero del tè 5 ml
Olio essenziale di eucalipto 5 ml
Olio essenziale di limone 5 ml
A questa ricetta è stato applicato uno sconto della soda del 7%

Il caffè è un deodorante naturale ed è in grado di eliminare dalle mani gli


odori fastidiosi di cucina. La sua gentile azione esfoliante permette di
rimuovere dalle mani le tracce di una lunga giornata in giardino. La quantità
di olio di cocco, in questa ricetta, è più alta della norma, ma è funzionale per
l’azione super-detergente prevista per questo sapone. Gli oli essenziali di
albero del tè, eucalipto e limone sono stati scelti per le loro proprietà
deodoranti e per la loro azione anti-micotica e antibatterica. L’olio di oliva e
lo sconto della soda consentono a questo sapone di essere detergente e
delicato allo stesso tempo.
Utilizzate sempre caffé macinato fresco per questa ricetta. I fondi di caffé
vanno evitati perchè, essendo molto umidi, contribuirebbero a produrre un
sapone che si ossida o ammuffisce facilmente.

Procedimento
1. Preparate le attrezzature per la cottura del sapone a bagnomaria come spiegato nei
paragrafi precedenti. Coprite il tavolo di lavoro con strofinacci o vecchi giornali.
2. Preparate un caffè molto lungo, eventualmente diluitelo con acqua e lasciatelo
raffreddare.
3. Indossando guanti, occhialini e mascherina, pesate la soda caustica, mettendo la
bilancia direttamente nel lavello.
4. Pesate la giusta quantità di caffè, mettetelo in una caraffa termica e ponete il recipiente
nel lavello. Indossando le protezioni, versate la soda caustica e mescolate bene fino a
completo scioglimento. Coprite il contenitore e mettetelo a raffreddare in un posto
sicuro.
5. Pesate gli oli direttamente nella pentola interna (la pentola del sapone). Mettetela nella
caldaia e fate riscaldare a bagnomaria, mescolando di tanto in tanto.
6. Preparate gli ingredienti facoltativi (caffè e oli essenziali), mescolate e mettete da
parte.
7. Quando il grasso di cocco si sarà liquefatto, togliete il contenitore interno dalla caldaia
e controllate che la temperatura non sia al di sopra dei 50°C.
8. Controllate che la temperatura della soluzione caustica non sia più alta di 45°C e
versate la soluzione alcalina nei grassi.
9. Mescolate con il frullatore a immersione sino alla comparsa del nastro (circa 10
minuti).
10. Mettete il contenitore nella caldaia e copritelo con un coperchio.
11. Se avete previsto un sistema di coperchi per la caldaia, è il momento di utilizzarlo.
Alzate il fuoco sino al momento in cui l’acqua incomincerà a bollire.
12. Riducete il fuoco e lasciate sobbollire per circa un’ora.
13. Controllate la cottura del sapone con la prova-pallina (punto 10 delle istruzioni per il
sapone a bagnomaria). Mentre il sapone cuoce, preparate gli stampi.
14. Quando il sapone è cotto e l’acqua nella caldaia si è raffreddata un po’, togliete la
pentola del sapone e mescolate rapidamente con un cucchiaio di legno dal manico
lungo, o con un cucchiaio di acciaio. Indossate i guanti e gli occhialini per evitare di
scottarvi.
15. Aggiungete il caffè macinato e gli oli essenziali, mescolando con energia.
16. Versate o trasferite a cucchiaiate il sapone negli stampi, livellate la superficie,
coprite con strofinacci e lasciate riposare sino a quando non si sarà rappreso.
17. Sformate il sapone, tagliatelo (se necessario) e lasciatelo asciugare per circa 4
settimane.
Seconda parte
I metodi avanzati

Nella prima parte del volume si sono visti i metodi di base per la preparazione di un
eccellente sapone fatto in casa.
In questa seconda parte sono invece descritti in dettaglio i metodi più complessi
sperimentati e messi a punto in questi ultimi anni dai saponai di tutto il mondo. Il nostro
consiglio è quello di fare prima una certa esperienza con le tecniche più semplici e passare
ai metodi descritti nelle pagine seguenti soltanto in un secondo momento.
Vi invitiamo inoltre a consultare il Capitolo 4 per le regole di sicurezza relative all’utilizzo
delle sostanze caustiche.
Capitolo 6

Nuovi metodi per un sapere antico

6.1 Idrossido di sodio o potassio idrossido?


Si sente spesso dire che, per essere davvero
delicato sulla pelle, il sapone non deve Sommario
contenere soda caustica – il che è verissimo,
ma non significa automaticamente che sia • Idrossido di sodio o potassio idrossido?
possibile fare il sapone senza usare soda • Attrezzature, stampi e area di lavoro
caustica, o qualche altro alcale! • Saponi solidi e saponi liquidi
Il sapone è, come abbiamo spiegato, un sale • Come scegliere il metodo migliore
ottenuto dalla reazione chimica tra una
sostanza alcalina (sotto forma di soluzione acquosa) e degli acidi deboli, quali gli acidi
grassi contenuti negli oli vegetali e nei grassi animali. Senza alcali, non è possibile produrre
sapone – ma è vero che, quando il sapone è preparato correttamente, nel prodotto finito non
sono mai presenti alcali liberi. In questo senso, dunque, tutti i saponi naturali sono “senza
soda”.
Nel corso degli anni, la scelta degli alcali più adatti alla saponificazione è passata dalla
rudimentale “potassa caustica”, che prima dell’Ottocento si otteneva dilavando le ceneri dei
camini, a sostanze più pure, e quindi più pericolose da maneggiare: l’idrossido di sodio
(simbolo chimico NaOH) e il potassio idrossido (simbolo chimico: KOH). Questi due
alcali non sono intercambiabili – ossia, vanno scelti in base al tipo di sapone che si
desidera ottenere, e vanno misurati secondo scale diverse per trovare le quantità richieste
per saponificare un certo peso di grassi di base.

Soda è il termine utilizzato dai saponai, in senso generale, per indicare sia
l’idrossido di sodio (NaOH, detto anche soda caustica), sia il potassio
idrossido (KOH), sia le rispettive soluzioni in acqua o altro liquido.

L’idrossido di sodio (NaOH) consente di ottenere saponi solidi (saponette).


Il potassio idrossido (KOH) è indispensabile invece se si vuole preparare il sapone
liquido. Si tratta di un alcale di uso meno comune, pertanto più difficile da trovare e
sostanzialmente reperibile solo attraverso rivenditori di prodotti per laboratorio o per
l’industria chimica. In Italia, il potassio idrossido più puro che si trova più facilmente
ha titolo 80 (il titolo è il grado di purezza delle sostanze chimiche, e in questo caso
“titolo 80” significa che il potassio idrossido è “puro” solo all’80 per cento). Le
ricette riportate in questo libro per i saponi liquidi indicano pertanto due valori diversi
per il potassio idrossido: quello richiesto se si usa potassio idrossido con titolo 80, e
il valore (più basso) necessario per i fortunati che riuscissero a trovare potassio
idrossido puro (ossia, con titolo da 96 a 100).

Per il calcolo delle quantità di alcali necessarie per i vari tipi di sapone, si
rimanda alle istruzioni riportate nel Capitolo 10.
Figura 6.1 – È molto importante lavorare con adeguate protezioni.

Ricordate che lavorare con sostanze altamente alcaline, quali sono l’idrossido di sodio, il
potassio idrossido e le rispettive soluzioni in acqua, richiede attenzione e alcune importanti
precauzioni, riportate in dettaglio nel Capitolo 4.

6.2 Attrezzature, stampi e area di lavoro


Oltre ai soliti utensili per il sapone, elencati nel Capitolo 4, i metodi riportati in questa
parte possono richiedere delle attrezzature speciali, che troverete descritte in
corrispondenza di ciascun metodo.
Vi ricordiamo che la soda caustica non va d’accordo con diversi tipi di materiali e ne va
sempre evitato il contatto con utensili di alluminio, stagno, ferro, rame, ghisa, schiume
plastiche tipo il polistirolo, teflon e tutti i materiali verniciati. Se usate cucchiai di legno,
sostituiteli spesso per evitare che si sfaldino e lascino schegge nel sapone.

Come scegliere stampi e contenitori


Per tutti i contenitori che si intende utilizzare come stampi per il sapone, una caratteristica
fondamentale è che il materiale sia flessibile e resistente a temperature che, in alcuni casi,
possono arrivare a 90º C e oltre. La scelta degli stampi dipende in parte dal metodo di
preparazione scelto.
Poiché ha una consistenza più fluida, il sapone realizzato coi metodi a freddo si presta,
meglio di qualunque altro tipo, a stampi di forma originale e con incavi o decorazioni in
rilievo.
Oltre agli stampi appositi, disponibili presso fornitori specializzati, si possono utilizzare
per questo tipo di sapone tutti i contenitori di plastica destinati a conservare gli alimenti o
recuperati dalle confezioni di altri prodotti: vaschette della frutta e della verdura,
contenitori di yogurt o piatti pronti, vassoi per il ghiaccio (in particolare quelli di gomma
flessibile), forme di silicone per dolci.
Anche materiali plastici relativamente poco resistenti al calore, come per esempio il
polietilene tereftalato (PET), possono dare buoni risultati coi metodi a freddo, se si presta
attenzione alla temperatura della cosiddetta fase del gel.
Materiali con maggiore tolleranza di temperature e minor dettaglio nel disegno dello stampo
sono invece consigliati per tutti i saponi realizzati coi metodi a caldo.
Cartoni del latte, tubi di PVC o di cartone plastificato, cassette di legno o di cartone e
scatole da scarpe opportunamente rivestiti possono facilmente essere trasformati in stampi
per saponi “a fette”, adatti a tutti i tipi di metodo.
Se la quantità di sapone che state preparando è compresa tra il chilo e il chilo e mezzo,
potete rinforzare i cartoni del latte avvolgendoli in un foglio di cartone ondulato, fermato
con degli elastici, per evitare che il peso del sapone e il calore che si sviluppa durante la
fase del gel li deformino.
Se invece preparate quantità di sapone inferiori al chilo, potete tagliare il cartone del latte
“su misura” (circa 2 centimetri di altezza per ogni 100 grammi di pasta di sapone per i
cartoni a sezione quadrata). Una volta usati per il sapone, i cartoni del latte non sono
ulteriormente recuperabili.
Per i tubi, le scatole e le cassette (di cartone o di legno), è sufficiente foderare l’interno con
un foglio di plastica, di vinile o di carta (da pacco o da forno) per facilitare l’estrazione del
blocco di sapone e recuperare lo stampo per usi futuri.
Il sapone realizzato con uno dei metodi a caldo uscirà ancora più facilmente dallo stampo se
avrete avuto l’avvertenza di ungerne le superfici interne con un leggero strato di olio. Tale
soluzione non si applica ai saponi a freddo, dove lo strato di olio verrebbe comunque
saponificato insieme a tutto il resto!

L’ambiente di lavoro
Come già detto nella prima parte, l’ambiente ideale per fare il sapone è la cucina, perché
permette di avere a portata di mano una fonte di acqua corrente, una fonte di calore e delle
solide basi d’appoggio. Basta ricordarsi però che ingredienti e utensili per il sapone,
durante l’uso e finché non sono stati lavati perfettamente, vanno tenuti separati da tutto
quello che ha a che vedere con l’alimentazione.
Quando progettate di dedicarvi al vostro hobby, prendetevi un po’ di tempo per scegliere la
ricetta e il metodo che intendete seguire, e preparate per prima cosa l’ambiente di lavoro:
disponete tutti gli utensili di cui avete bisogno a portata di mano, stendete qualche foglio di
giornale sul piano di lavoro, mettete al riparo da schizzi e colature di materiale caustico
tutto quello che potrebbe essere danneggiato o contaminato, tirate fuori tutti gli ingredienti e
pesateli con cura.
Per il metodo ad acqua ridotta e per il sapone liquido, è importante ricordare che gli sbuffi
di vapore causati dalla reazione con l’acqua della soda caustica (in soluzione concentrata) e
del potassio idrossido sono più “vivaci” del solito.
Specialmente in questi casi, dunque, può essere prudente preparare la soluzione caustica
all’aperto, in un angolo ben riparato da correnti d’aria e avversità atmosferiche.

6.3 Saponi solidi e saponi liquidi


Quando si parla di sapone fatto a mano, si pensa automaticamente alle saponette – ed è in
effetti con questo tipo di sapone che, in genere, si compiono i primi passi nel mondo
affascinante del sapone fai-da-te. È tuttavia opinione abbastanza diffusa che il sapone
liquido sia più “gentile” delle saponette nell’uso personale quotidiano, e nello stesso tempo
più adatto alle pulizie generali della casa – per questi motivi, molti sono coloro che si
affacciano al mondo del sapone fatto in casa con la precisa intenzione di produrre saponi
liquidi.
Va subito chiarito che, se si escludono considerazioni pratiche nel dosaggio e nell’uso, non
esistono differenze sostanziali tra l’uno e l’altro tipo di sapone.
Il sapone liquido può essere più pratico delle saponette, in quanto non lascia residui sul
lavandino e si dosa meglio per l’uso in lavatrice. Va comunque tenuto presente che il
fascino attribuito al sapone liquido (in quanto “migliore” delle saponette) è spesso la
conseguenza di una distorsione dei fatti indotta da certe pubblicità, dove detergenti sintetici
liquidi vengono presentati come “saponi delicati”. Il sapone è sapone, liquido o solido che
sia, e quel che lo rende buono e delicato sono soltanto gli ingredienti scelti e l’attenzione
posta nel prepararlo!
6.4 Come scegliere il metodo migliore
I metodi presentati in questa parte del libro sono nati in risposta alle esigenze di diversi tipi
di saponai, ciascuno con obiettivi, caratteristiche e aspettative diverse. Come si è già detto
nei primi capitoli, non esiste un metodo che si possa definire “migliore” di tutti gli altri.
Ciascuno di noi deve dunque abituarsi a scegliere il metodo “più adatto”, a seconda delle
circostanze, delle proprie capacità e aspettative e di altre variabili.
Prima di fare le vostre scelte, vi invitiamo pertanto a leggere con attenzione la descrizione
di tutti i metodi riportati nei prossimi capitoli, e di effettuare le vostre scelte anche alla luce
dalle considerazioni generali riportate di seguito.

Saponette: metodi a freddo


Delle tre varianti del metodo a freddo, quella “di base”, descritta in dettaglio nel Capitolo
5, è sicuramente la più adatta sia a chi muove i primi passi sia a tutti coloro che
preferiscono un procedimento semplice, con risultati garantiti.
Una volta raggiunte una buona padronanza del procedimento e una certa familiarità col
comportamento della miscela di sapone a seconda dei diversi grassi utilizzati, chi volesse
esplorare nuovi orizzonti potrà cimentarsi con tutti i metodi descritti in queste pagine. Di
questi, il metodo ad acqua ridotta e le tecniche per gli effetti-colore sono quelli che
richiedono maggior pratica.
In questi casi, infatti, la consistenza della miscela di sapone può raggiungere troppo
velocemente il punto in cui diventa troppo densa per consentire di incorporare gli additivi
aggiunti alla fine (metodo ad acqua ridotta), oppure di sfumare il sapone colorato nella base
neutra (saponi variegati), oppure di sovrapporre strati di colori diversi e spessori uniformi.
Per il metodo “tutto a freddo”, che in genere non presenta difficoltà di questo tipo, le
incognite da superare riguardano possibili “effetti vulcano” quando ai grassi di base si
aggiunge la soluzione caustica bollente, e la sopravvivenza di eventuali nutrienti nel sapone
finito.

Saponette: metodi a caldo


Per i metodi a caldo, vantaggi e svantaggi dei vari procedimenti dipendono in gran parte da
affidabilità e costi di esercizio degli strumenti di cottura utilizzati.
La cottura nel forno si presta meglio di altri metodi a caldo alla preparazione di quantità di
sapone medio/grandi (5 chili o più) ed è sconsigliata per piccoli lotti (meno di 1 chilo). In
generale, i forni elettrici garantiscono risultati migliori di quelli a gas, ma comportano costi
di esercizio più alti.
Se il vostro forno non è in grado di “reggere” temperature basse e costanti, il metodo a
bagnomaria (descritto in dettaglio nella prima parte) risulta sicuramente più affidabile e
sicuro.
Le pentole elettriche a temperatura controllata non sono comuni in Italia, ma possono
rappresentare un valido investimento, con costi di acquisto ed esercizio più contenuti di un
forno elettrico, per chi intende produrre regolarmente piccole/medie quantità di sapone con
un metodo a caldo.
Nel forno a microonde, la pasta di sapone viene soggetta a brevi ma intensissimi “shock
termici”, che possono facilmente rovinare i risultati.
Per limitare eventuali danni (al sapone e agli attrezzi, esposti al contatto con grassi che
possono arrivare a temperature mai raggiunte con altri metodi), è necessario attendere che la
pasta di sapone si intiepidisca tra un’esposizione alle microonde e la successiva. Poiché ciò
può prolungare di parecchio i tempi di preparazione, questo metodo è decisamente
sconsigliato per chi ha poca pazienza o scarsa esperienza con la cottura a microonde in
genere, e anche per chi vuole ottimizzare gli effetti benefici delle sostanze “vive” usate nel
sapone. Inoltre, poiché la pasta di sapone cotta nel microonde risulta sempre più asciutta e
“gessosa” di quella ottenuta con altri metodi a caldo, questo metodo si presta meno di
qualunque altro agli stampi individuali.
Nei metodi che prevedono la cottura del sapone direttamente nello stampo, va segnalato lo
svantaggio, in termini di costi monetari e ambientali, derivante dalla necessità di aumentare
di parecchio la quantità degli oli essenziali utilizzati per la profumazione, per
controbilanciare l’eccessiva evaporazione delle essenze volatili provocata dall’esposizione
al calore.
Il metodo per la preparazione del sapone semi-trasparente, infine, richiede lunghi tempi di
cottura e l’impiego di ingredienti speciali (alcol, glicerina e uno sciroppo di zucchero), che
non sempre risultano graditi a tutti.
Se però avete tempo, pazienza e voglia di provare, i risultati potrebbero davvero
sorprendervi!

Saponi liquidi
Anche per chi ha una buona padronanza dei metodi, a freddo e a caldo, per fare saponette, il
passaggio dal sapone “solido” al sapone liquido comporta un paio di concetti nuovi:

1. l’utilizzo di potassio idrossido, invece di o in combinazione con la tradizionale soda


caustica, e
2. un diverso comportamento della miscela di sapone in presenza di potassio idrossido – in
particolare, il sapone liquido non forma il “nastro” e attraversa fasi diverse a seconda
che sia preparato a freddo o a caldo.

Indipendentemente dal metodo scelto, la preparazione di sapone liquido comporta tempi di


lavorazione e cura decisamente lunghi, che richiedono però una supervisione più attenta
solo nel metodo a caldo. Tra i due metodi di preparazione del sapone liquido descritti nel
Capitolo 9, quello a freddo è tuttavia meno adatto a saponi destinati all’uso personale.
Poiché richiede una maggiore quantità di alcale a parità di peso dei grassi, questo metodo
tende a dare un sapone molto detergente, che può facilmente seccare la pelle.
Capitolo 7

I nuovi metodi a freddo

Come si è visto nella prima parte del libro, il metodo a


freddo tradizionale richiede il calore del fornello per Sommario
portare i grassi di base a una temperatura compresa tra i
38º e i 50º gradi centigradi. Alcuni sostenitori del metodo a • Il metodo “tutto a freddo”
freddo seguono però una nuova “scuola di pensiero”, • Il metodo ad acqua ridotta
secondo la quale il sapone si può fare anche in assenza di • Saponi decorativi
una qualunque fonte di calore. In questo metodo, il calore
necessario per scaldare gli oli di base e fondere i grassi solidi a temperatura ambiente viene
fornito dalla soluzione caustica, che viene aggiunta non appena la soda è completamente
dissolta nel liquido.
Il procedimento è semplicissimo: per prima cosa, si pesano i grassi nella pentola del
sapone; quindi, si prepara la soluzione caustica e la si aggiunge direttamente ai grassi di
base, senza farla raffreddare.
A fronte di un indubbio vantaggio in termini di risparmio di energia e di tempo, questo
metodo presenta però un paio di inconvenienti:

1. Il cosiddetto “effetto vulcano”, causato da una reazione troppo rapida tra alcali e acidi
grassi, si verifica con maggior frequenza proprio quando la temperatura della soluzione
caustica è più alta di quella dei grassi.
2. Le soluzioni caustiche sono tanto più reattive, quanto più sono fresche (ossia… calde!).
Se la ricetta contiene oli nutrienti, è pertanto probabile che una reazione più virulenta con
la soda influisca negativamente sulle sostanze non saponificabili. In questi casi, è
preferibile optare per il metodo a freddo tradizionale, oppure pesare a parte i nutrienti e
aggiungerli al momento del nastro.

Va detto inoltre che capire come diverse temperature di miscela influiscono sul prodotto
finito è un elemento importante per imparare a produrre sapone di qualità, e controllare le
temperature di miscela è indispensabile quando le condizioni ambientali non sono ideali
(ossia, quando fa troppo freddo o troppo caldo). Per questi motivi, il metodo “tutto a
freddo” è sconsigliato per chi è ancora agli inizi, soprattutto per le ricette destinate all’uso
personale, ma può trovare un buon impiego nella preparazione di saponi per la casa, come
nella ricetta che segue.

Ricetta: Sapone da bucato “tutto a freddo”


% Ingredienti Quantità
40 Olio di semi di arachide 400 g
40 Strutto 400 g
20 Olio di cocco 200 g
Idrossido di sodio (NaOH) 144 g
Acqua 300 g
Oli essenziali di eucalipto o rosmarino, limone o lemon myrtle,
18 ml in totale
menta piperita o chiodo di garofano (in parti uguali)
Sconto soda: 2% circa

Questa ricetta, come tutti i saponi preparati col metodo “tutto a freddo”, dà risultati ottimali
quando la temperatura ambientale è compresa tra i 18º e i 26º C, e i grassi solidi (olio di
cocco e strutto) sono a temperatura ambiente. Se la temperatura ambientale, dei grassi e
dell’acqua fosse molto al di sotto dei 18ºC, il calore della soluzione caustica potrebbe
risultare insufficiente per sciogliere i grassi solidi e portare la miscela di sapone alla
temperatura minima necessaria per la cosiddetta “fase del gel”; in questo caso, è preferibile
optare per il metodo a freddo tradizionale.
Nelle giornate molto calde, invece, per evitare possibili effetti vulcano è bene che olio,
grassi e acqua siano tenuti in frigorifero fino a poco prima dell’uso. Per il sapone da bucato
“tutto a freddo” si è scelta una combinazione di grassi di costo contenuto e con buon potere
pulente. L’unico grasso di origine animale nella ricetta, lo strutto, può eventualmente essere
sostituito con dell’olio di palma; chi scegliesse quest’opzione dovrà tuttavia rifare il
calcolo della soda, perché l’olio di palma ha un valore di saponificazione diverso dallo
strutto. In assenza di conflitti sanitari o ideologici nei confronti dei grassi animali, lo strutto
va comunque sempre preferito all’olio di palma, in quanto localmente disponibile e pertanto
più “sano” dal punto di vista ecologico. Per evitare strutto e olio di palma si può optare per
l’olio di oliva e regolare di conseguenza la quantità di soda caustica.
Gli oli essenziali suggeriti sono quelli che hanno migliori proprietà deodoranti, igienizzanti
e “pulenti”, e possono essere combinati in vari modi per ottenere profumazioni diverse.
Un’ultima nota riguarda la scelta di utilizzare olio di semi di arachide al 40% del totale. La
percentuale massima normalmente consigliata per le saponette è il 30%, in quanto l’olio di
semi di arachide in percentuali più alte può dare saponi molli e poco resistenti
all’ossidazione. In questa ricetta, il basso valore dello sconto soda, la presenza di grassi
saturi in misura del 60% e le proprietà “schiumogene” dell’olio di semi di arachide ne
controbilanciano i possibili aspetti negativi e consentono di utilizzarne una percentuale più
alta di quella normalmente suggerita per le saponette. Per migliorarne durezza e resa, è
comunque bene lasciar stagionare questo sapone per tempi abbastanza lunghi (2 mesi o più).

Procedimento
1. Preparate il piano di lavoro e tirate fuori attrezzi e ingredienti; preparate lo stampo e la
miscela di oli essenziali, in ragione di 18 ml in totale per ogni chilo di grassi di base.
2. Pesate i grassi direttamente nella pentola del sapone.
3. Indossando abiti coprenti e protezioni per viso e mani, pesate separatemente l’acqua e la
soda. Versate la soda nell’acqua e mescolate fino a totale scioglimento.
4. Versate la soluzione caustica nella pentola coi grassi e mescolate con un cucchiaio o con
la frusta, facendo attenzione a evitare schizzi, finché i grassi solidi sono completamente
sciolti.
5. Lavorate la miscela col frullatore a immersione, o con la frusta a mano, fino a quando si
forma il nastro.
6. Aggiungete la miscela di oli essenziali, mescolate bene e versate nello stampo.
7. Coprite lo stampo con un foglio di carta o di plastica, isolate con stracci o vecchi
asciugamani e lasciate riposare il sapone per circa 24 ore prima di toglierlo dallo
stampo.
8. Tagliate il sapone a pezzi e lasciatelo asciugare per almeno un paio di settimane prima
dell’uso. Stagionature più lunghe daranno saponi più asciutti, durevoli e ricchi di
schiuma.

7.2 Il metodo ad acqua ridotta


Il metodo ad acqua ridotta (in inglese Discounted Water Cold Process o DWCP ) è
un’evoluzione recente del procedimento classico per la preparazione di saponi a freddo.
Poiché richiede una buona comprensione della tecnica di base, del comportamento della
miscela di sapone in presenza di ingredienti diversi e delle implicazioni relative alle
temperature degli ingredienti e del miscuglio, è consigliabile solo a chi ha già una solida
esperienza alle spalle. In particolare, se ne sconsiglia caldamente l’uso per la preparazione
di nuove ricette “personalizzate”, non altrimenti sperimentate. Tuttavia, poiché i concetti su
cui si basa il metodo ad acqua ridotta valgono in pratica per tutti i saponi, la lettura dei
seguenti paragrafi può interessare anche chi optasse per metodi diversi.
ATTENZIONE: Sperimentare una ricetta significa anche rilevarne le
caratteristiche, e saper identificare la causa di eventuali problemi, dopo
diversi mesi di stagionatura. La stessa ricetta di base può dare risultati molto
diversi in situazioni, stagioni e condizioni ambientali diverse, e persino con
diversi lotti dello stesso olio o grasso di base. Per queste ragioni, i saponai
davvero esperti utilizzano sempre ricette ampiamente sperimentate ogni
qualvolta decidono di cambiare metodo.

L’idea di ridurre la quantità di acqua utilizzata per la soluzione caustica nasce


dall’osservazione che tutti i saponi fatti a mano, a prescindere dal procedimento utilizzato
per produrli, col tempo perdono peso e si riducono di volume. Questa perdita di peso e
volume, che è tanto più facile da rilevare quanto più alta è la quantità iniziale di acqua
utilizzata, si spiega con l’evaporazione della parte acquosa.
Prima di passare oltre, è bene ricordare che la funzione dell’acqua è quella di diluire
l’alcale (l’idrossido di sodio o di potassio) e disperderne gli ioni, che possono quindi
muoversi più liberamente ed entrare meglio in contatto con le molecole degli acidi grassi,
facilitando pertanto la saponificazione.
Quando la miscela di sapone comprende zuccheri, alcol o altre sostanze che fungono da
catalizzatori o accelerano in maniera anomala l’addensarsi della miscela, l’acqua aiuta
inoltre a evitare il rischio che la miscela di sapone si ammassi di colpo prima del tempo.
Pertanto, fare il sapone con una quantità di acqua “normale” (da 300 a 375 grammi per chilo
di oli di base, a seconda del tipo di sapone) consente di limitare i rischi e ottenere risultati
garantiti.
In particolare, quando si utilizzano le normali quantità di acqua, suggerite dai testi
sull’argomento e dai calcolatori per i valori di saponificazione, la reazione chimica nel
sapone è meno violenta, e per il saponaio sarà dunque più facile interrompere il
rimescolamento della miscela al momento giusto. Inoltre, più acqua si adopera, meno forte è
la reazione, e meno probabili sono i possibili inconvenienti, quando si dissolvono gli alcali
(soda caustica o potassio idrossido). Per questi motivi, è meglio non affidarsi al metodo ad
acqua ridotta sino a quando non si è acquisita una buona conoscenza dell’intero processo di
saponificazione, e in tutti i casi dove la ricetta prevede l’aggiunta di ingredienti che
accelerano il nastro.

Si rimanda alla prima parte del libro per maggiori informazioni sugli
ingredienti che possono causare un ammassamento anomalo della miscela di
sapone.

D’altro canto, in alcune situazioni l’eccesso di acqua può rappresentare un vero e proprio
problema: per esempio, quando si usano alte percentuali di grassi insaturi (olio d’oliva,
girasole o arachidi, tanto per citarne qualcuno) o quando il luogo di conservazione del
sapone e le condizioni climatiche non sono ideali, o infine quando esiste l’esigenza di
stabilire, in tempi brevi, il peso minimo di una saponetta al momento della vendita.
Se la ricetta è formulata in modo corretto, e la miscela di sapone è stata mescolata bene e
isolata in modo da garantire la saponificazione completa nel giro delle prime 24/48 ore, la
stagionatura serve a due scopi. Il primo, e il più importante, è quello di ottenere saponi
delicati, compatti, durevoli e ricchi di schiuma.
Il secondo è quello di eliminare l’acqua in eccesso per arrivare al peso minimo finale. In
entrambi i casi, la stagionatura sarà tanto più lunga quanta più acqua è stata utilizzata.
Mentre è inevitabile lasciar stagionare il sapone per aumentarne la bontà, riducendo la
quantità d’acqua per la soluzione caustica è possibile ridurre drasticamente i tempi di
asciugatura; si potrà pertanto impacchettare il sapone in tempi relativamente brevi, e
addirittura entro una o due settimane. Per abbreviare i tempi, alcuni optano per uno dei
metodi a caldo, che in certi ambienti vengono consigliati come soluzione per chi vuole un
sapone “pronto” al momento della sformatura. Tuttavia, il sapone preparato col metodo a
caldo contiene anch’esso acqua in eccesso, e può richiedere tempi di stagionatura ancor più
lunghi di quelli per il sapone a freddo. In sostanza, non esiste alternativa alla stagionatura se
si vogliono ottenere saponi di qualità – ossia delicati, durevoli, compatti e ricchi di
schiuma; ma se si intende semplicemente abbreviare i tempi per arrivare al “peso finale”, la
migliore alternativa possibile è il metodo ad acqua ridotta.
Figura 7.1 – Saponi da bagno per un piacere profumato.

Come ridurre la quantità di acqua


In generale, in tutti i metodi, a freddo e a caldo, la quantità di acqua utilizzata per diluire la
soda caustica viene calcolata sulla base del peso totale dei grassi (si veda a questo
proposito anche il Capitolo 10, dove sono illustrati i criteri per calcolare le quantità
necessarie di acqua e di alcali). Tuttavia, i valori di saponificazione – ossia, le quantità di
soda caustica necessarie per trasformare in sapone un grammo di grasso – variano a
seconda del tipo di grasso: pertanto, calcolare l’acqua in rapporto al peso della soda offre
un riferimento più certo nella preparazione di soluzioni caustiche “ad acqua ridotta”.
L’innovazione introdotta dal metodo ad acqua ridotta sta proprio nel concetto che la quantità
d’acqua si calcola in base alla quantità di soda caustica richiesta per la ricetta – e per
questo metodo si fa dunque riferimento alla concentrazione della soluzione di acqua e soda,
senza più tener conto del peso dei grassi una volta ottenuto il valore di saponificazione
totale per ciascuna ricetta.
Il grado di concentrazione della soluzione caustica dipende strettamente dal tipo di grassi
scelti per ciascuna ricetta. Le ricette dove è prevalente la percentuale di grassi insaturi
accettano soluzioni più concentrate; le ricette con un’alta percentuale di grassi saturi (per
esempio, che contengono più del 50% di sego, oli di cocco e di palma – da soli o in
combinazione) danno risultati migliori con concentrazioni più basse e, di conseguenza,
quantitativi di acqua più alti. Inoltre, l’eventuale presenza di ingredienti come per esempio
il miele o il latte, che possono provocare un ammassamento precoce della pasta di sapone
anche con quantità di acqua non ridotte, influisce sul criterio di calcolo della concentrazione
della soluzione caustica, suggerendo un maggior quantitativo di acqua come misura
precauzionale. Ne consegue pertanto che non esiste un livello “ideale” di concentrazione
della soluzione caustica, né è possibile proporre una formula universale per calcolarla.
Il livello di concentrazione dipende dal tipo di grassi usati e dall’eventuale presenza di
ingredienti che richiedono quantità di acqua normali, se si vogliono evitare possibili
problemi di ammassamento. La chiave del successo sta nella conoscenza delle proprietà
degli oli e nell’esperienza diretta con le reazioni dei singoli ingredienti. Un’altra delle
variabili di cui dovrete tener conto è l’impiego delle fragranze: profumi di origine sintetica
che fanno ammassare il sapone velocemente non sono compatibili col metodo ad acqua
ridotta.
Come si è detto, l’acqua si calcola in base alla quantità di soda caustica necessaria e non in
base al peso degli oli.
Nel formulare una ricetta, il primo passo è dunque calcolare il peso della soda; si sceglie
quindi una concentrazione per la soluzione caustica, e si usa questo valore per calcolare, in
base al peso della soda, la quantità di acqua richiesta.
Nelle ricette che utilizzano valori “normali” per l’acqua, dove l’acqua si calcola in ragione
del peso degli oli (da 300 a 375 grammi di acqua per chilo di grassi di base), la
concentrazione della soluzione caustica è mediamente compresa tra il 27 e il 31 per cento, a
seconda dei grassi presenti. In altre parole, la miscela di acqua e soda caustica contiene tra
il 27 e il 31 per cento di idrossido di sodio e tra il 69 e il 73 per cento di acqua. Le
soluzioni caustiche che contengono più del 31 per cento di soda caustica e meno del 69 per
cento di acqua sono pertanto “soluzioni ad acqua ridotta”; e la concentrazione diventa tanto
più alta, quanto più le percentuali dell’acqua e dell’idrossido di sodio si avvicinano al 50
per cento.
Un formula largamente in uso per calcolare soluzioni caustiche ad acqua ridotta è la
seguente:

(peso della soda x 2) + 2 = peso dell’acqua

Tradotta in percentuali, questa formula corrisponde a una soluzione caustica con una
concentrazione media intorno al 33 per cento. Purtroppo però, poiché la formula fu
introdotta anni fa da un saponaio canadese, tristemente scomparso nel frattempo, il primo
problema è che non c’è modo di sapere che cosa indichi il valore “+2”.

Potrebbe trattarsi di grammi o di once, e la differenza tra once e grammi (1


oncia = 28 grammi circa) è troppo grande per poter stabilire una “media”
che abbia significato!

Inoltre, questa formula non tiene conto delle differenze di comportamento di grassi diversi
in presenza di soluzioni ad acqua ridotta.
Se, dunque, si vuole calcolare la quantità d’acqua “ideale” richiesta dai diversi tipi di
grassi, è preferibile prendere come riferimento l’intervallo di concentrazioni che va dal 33
per cento (per saponi con alte percentuali di grassi saturi) sino al 48 per cento (per ricette
a prevalenza di grassi insaturi). Questi valori rappresentano i valori estremi all’interno dei
quali va scelta la concentrazione della soluzione caustica più adatta per ciascuna ricetta.
È importante ricordare che la soda caustica è un composto chimico altamente solubile e
nello stesso tempo molto instabile, che reagisce immediatamente al contatto con l’acqua.
Dal punto di vista della sicurezza, concentrazioni al 48% di soda rappresentano il limite
massimo accettabile: è vero che l’idrossido di sodio (NaOH) ha una solubilità di 1:0,9
(ossia, una parte di NaOH per 0,9 parti di acqua) in condizioni ideali di laboratorio – ma
noi facciamo sapone in cucina e non possiamo affidarci ciecamente all’assoluta purezza
degli ingredienti, né all’assoluta precisione degli strumenti che abbiamo a disposizione!
Inoltre, ridurre ulteriormente il margine di sicurezza (ossia, tentare di fare saponi con
concentrazioni più alte del 48%) non comporta necessariamente risultati migliori in termini
di qualità del sapone. Pertanto, soluzioni caustiche con una percentuale di soda
(concentrazione) superiore al 48% vanno assolutamente evitate.
Il calcolo della quantità di acqua necessaria per preparare soluzioni caustiche di varia
concentrazione è meglio spiegato con qualche esempio, partendo per prima cosa dai limiti
estremi sopra definiti.
Per una soluzione caustica al 33 per cento, la formula è la seguente:

peso della soda : 33 x 67 = peso dell’acqua

Per una soluzione caustica al 48 per cento la formula invece è:

peso della soda : 48 x 52 = peso dell’acqua

Le percentuali intermedie si calcolano dividendo il peso della soda per la percentuale


desiderata e moltiplicando il risultato per la differenza tra 100 e la percentuale scelta per la
soda.
Così per esempio, per una soluzione al 44% la formula è la seguente:

peso della soda : 44 x (100–44) = = peso della soda : 44 x 56 = peso dell’acqua

Per ricette con alte percentuali di grassi insaturi (per esempio, che contengono il 45% o più
di olio di oliva), la concentrazione suggerita è del 40%. La quantità di acqua necessaria si
calcola come segue:

peso della soda : 40 x 60 = peso dell’acqua

oppure

peso della soda x 1,5 = peso dell’acqua


Il risultato delle due formule sopra riportate è lo stesso, e a questa formula si fa spesso
riferimento come ad acqua = soda x 1,5. Questa concentrazione è un buon punto di partenza
per i saponai esperti che vogliono scoprire i vantaggi del metodo ad acqua ridotta, sia
perché è facile da calcolare e da ricordare, sia perché dà ottimi risultati con una vasta
gamma di ricette (ossia, di diverse combinazioni di grassi di base). Anche i saponai più
esperti, comunque, dovranno imparare o ripassare un po’ di matematica e tener presenti
diverse variabili – chimiche, fisiche e ambientali – per ottenere risultati soddisfacenti con
le ricette ad acqua ridotta. Alcune importanti considerazioni sono riportate nei prossimi
paragrafi.

Avvertenze importanti
L’uso di soluzioni caustiche concentrate comporta rischi maggiori sia quando si aggiunge la
soda all’acqua, sia durante le altre fasi di lavorazione del sapone.
Minore è la quantità di acqua, maggiori sono le probabilità che ci si scotti con la soluzione
caustica, o che l’energia della reazione la faccia traboccare dal contenitore. Attenzione poi
alle reazioni inaspettate di certi ingredienti e a voi stessi: se i fumi della soda vi danno
molto fastidio, se temete di non avere padronanza assoluta della situazione, questo metodo è
decisamente da scartare.
Le regole di sicurezza e le esigenze particolari del metodo ad acqua ridotta, da non
dimenticare mai, sono riportate di seguito.

1. Prima di tutto, ricordate che ridurre la quantità d’acqua non garantisce saponi “pronti
da usare” da un giorno all’altro. La stagionatura è l’unico modo per ottenere sapone di
qualità, e purtroppo non ammette “sconti”!
2. L’acqua non va ridotta quando si usa potassio idrossido (KOH). Intanto, il potassio
idrossido serve per preparare saponi liquidi, dei quali l’acqua costituisce l’ingrediente
principale. Inoltre, il potassio idrossido reagisce con l’acqua ancor più violentemente
della soda caustica (NaOH), e può più facilmente causare i cosiddetti “effetti vulcano”
(ossia, la fuoriuscita della soluzione o del sapone dai rispettivi contenitori).
3. Non utilizzate il metodo ad acqua ridotta prima di sentirvi sicuri di aver raggiunto una
solida esperienza con saponi preparati con soluzioni caustiche “normali” (così come
suggerito dai testi e dai vari calcolatori per i valori di saponificazione).
4. Non riducete l’acqua se siete ipersensibili all’idrossido di sodio e ai suoi vapori.
5. Non riducete l’acqua in saponi che contengano latte, zuccheri, cere, acido stearico o
stearina, oppure oli essenziali o fragranze noti per accelerare il nastro o causare la
coagulazione del sapone. È bene affrontare ricette con questi ingredienti solo dopo
aver acquisito buona esperienza col loro comportamento in presenza di quantità
normali di acqua (o liquido totale).
6. Non riducete l’acqua in saponi che contengano olio di jojoba (che è in effetti una cera
liquida), olio di neem, burro di mango o di karité in percentuali superiori all’1%
(jojoba, neem) o al 5% (burri di mango e di karité). Poiché questi grassi sono noti per
accelerare il nastro, è bene affrontare ricette con percentuali più alte solo dopo aver
acquisito buona esperienza col loro comportamento in presenza di quantità normali di
acqua (o liquido totale).
7. Non riducete drasticamente l’acqua in ricette che prevedano più del 40 per cento
complessivo di grassi saturi (oli di cocco, palma e noccioli di palma, sego, strutto
eccetera). Poiché i grassi saturi tendono a far rapprendere il sapone più velocemente, è
bene affrontare ricette ad acqua ridotta con percentuali più alte di questi ingredienti
solo dopo aver acquisito buona esperienza col loro comportamento in presenza di
quantità normali di acqua (o liquido totale).
8. Usate il doppio della cautela mentre lavorate con la soda caustica, e siate
particolarmente scrupolosi nel rispettare tutte le regole di sicurezza: indossate guanti,
maschera protettiva e abiti coprenti, lavorate all’aperto in un angolo riparato, o
all’interno in ambiente ben ventilato, tenete lontani bambini e animali domestici, non
lasciate mai incustodita la soluzione caustica eccetera.
9. Almeno all’inizio, limitatevi a scontare l’acqua nelle ricette che prevedono più del 75
per cento di olio di oliva o di grassi insaturi in genere, tenendo comunque presente che
alcuni tipi di olio di sansa hanno la tendenza a far rapprendere il sapone più
velocemente.
10. Non fidatevi ciecamente del primo risultato dei vostri calcoli. Fate e rifate
l’operazione, controllatela invertendo i fattori e applicando gli altri “trucchi”
matematici che si imparano a scuola. Anche errori apparentemente piccoli potrebbero
provocare grossi problemi.
11. Misurate l’acqua in un contenitore che resista senza deformarsi o surriscaldarsi a
temperature intorno ai 100ºC. Pyrex, porcellana da fuoco e materiali plastici ad alta
densità sono preferibili all’acciaio inossidabile, che può venire attaccato da soluzioni
caustiche concentrate se non è di primissima qualità. Sistemate il contenitore con
l’acqua nel lavandino – o in un altro recipiente capace – e tenetelo immerso in acqua
fredda mentre aggiungete la soda e preparate la soluzione caustica.
12. Versate la soda caustica nell’acqua poco alla volta, mescolando ben bene dopo ogni
aggiunta per evitare che si formino grumi. Fate attenzione che il liquido non schizzi
all’esterno.
13. Per mescolare la soluzione, usate uno strumento in plastica resistente e dal manico
molto lungo (per esempio, come gli attrezzi che vengono impiegati dai decoratori per
miscelare le tinte).
14. Mescolate periodicamente la soluzione caustica finché ha raggiunto la temperatura
desiderata. L’idrossido di sodio, in concentrazione elevata, può precipitare, ossia
cristallizzarsi sul fondo del contenitore, e compromettere i risultati.
15. Preparatevi a lavorare molto più in fretta del solito: preparate in anticipo e tenete a
portata di mano gli stampi, gli additivi e tutti gli ingredienti della vostra ricetta e
scegliete il momento per fare il sapone in modo da poterlo togliere dallo stampo dopo
6 ore.
16. Ricordatevi di controllare le temperature di miscela e di avvolgere gli stampi con
stracci che mantengano a lungo il calore generato dalla saponificazione. La
saponificazione completa si ottiene più rapidamente quando il sapone attraversa la
cosiddetta “fase del gel” (descritta nel primo volume della collana), e la fase del gel è
particolarmente importante nei saponi ad acqua ridotta. Infatti, la minore quantità di
acqua produce una miscela di sapone meno fluida, dove gli acidi grassi e gli ioni di
idrossido di sodio hanno meno probabilità di reagire tra loro in fase di mescolatura.
17. Ricordate che le ricette ad acqua ridotta possono dare qualche problema al
momento di togliere il sapone dagli stampi. Il sapone ad acqua ridotta è più denso e
“tenace” di quelli preparati con quantità di acqua normali, ed è di solito più facile
estrarlo dagli stampi se si interviene prima che si sia asciugato troppo.
18. Se usate stampi a cassetta o a tubo e dovete tagliare il sapone, fatelo il più presto
possibile! Il sapone ad acqua ridotta può diventare troppo duro da tagliare nel giro di
24 ore.
19. Sia che il sapone sia destinato a voi, sia che intendiate regalarlo o rivenderlo,
lasciatelo sempre stagionare per almeno 4 settimane. Tempi di cura più lunghi sono
particolarmente importanti per i saponi che non fossero “andati in gel” – ma tutto il
sapone, non importa come sia preparato, diventa più delicato, più duraturo e più ricco
di schiuma solo col tempo. Non per altro si dice che la virtù indispensabile per tutti i
saponai è la pazienza…!

Ricetta: Mai dire mais


% Ingredienti Quantità
50 Olio di oliva 500 g
30 Olio di mais 300 g
10 Olio di semi di arachide 100 g
5 Olio di ricino 50 g
5 Olio di mandorle dolci (da aggiungere al nastro) 50 g
Idrossido di sodio (NaOH) 125 g
Acqua (concentrazione di soda: 42%) 173 g
Farina gialla da polenta, macinata fine 30 g
Olio essenziale di arancio amaro 10 ml
Olio essenziale di limone o lemon myrtle 7 ml
Olio essenziale di cedro deodara o ginepro virginiana 3 ml
Sconto soda: 7% circa

Come esempio per il metodo ad acqua ridotta, abbiamo scelto una ricetta che sfida le solite
regole di equilibrio tra grassi saturi e grassi insaturi e consente di ridurre drasticamente la
quantità di acqua.
La presenza di un 50% di olio di oliva lascia un margine di sicurezza sufficiente a garantire
che il sapone, al termine del periodo di cura, dia buoni risultati in termini di compattezza e
durata; il 5% di olio di ricino contribuisce alla schiumosità del sapone, e il rimanente 45%
di grassi insaturi ed emollienti (mais, arachide e mandorle dolci) lo rende particolarmente
adatto per tutti gli usi personali, compresa la pulizia del viso. Questo sapone è tuttavia
sconsigliato per chi soffrisse di allergie alle noci (arachidi, mandorle).
Il tempo di stagionatura minimo consigliato è di 6 settimane.
Procedimento
1. Preparate il piano di lavoro, gli attrezzi, gli ingredienti e lo stampo.
2. Indossate guanti, occhiali e mascherina, e controllate che gli abiti che indossate vi
proteggano da eventuali schizzi.
3. Pesate separatemente l’acqua e la soda (NaOH). Versate la soda nell’acqua poco per
volta, tenendo il contenitore immerso in acqua fredda e mescolando ben bene tra
un’aggiunta e l’altra.
4. Misurate in un contenitore a parte la farina gialla e gli oli essenziali. Aggiungete l’olio
di mandorle.
5. Pesate gli altri oli direttamente nella pentola del sapone e metteteli a scaldare a fiamma
bassa.
6. Mescolate periodicamente la soluzione caustica, finché avrà raggiunto la temperatura
di miscela (37º C).
7. Quando la temperatura degli oli arriva a 38-40º C, versate la soluzione caustica nella
pentola con gli oli, mescolando con un cucchiaio o con una bacchetta di plastica.
8. Lavorate la miscela col frullatore a immersione, o con la frusta a mano, fino a quando
si forma il nastro. Ricordate che i tempi di miscela, in presenza di dosi ridotte di
acqua, possono essere molto più brevi del solito.
9. Aggiungete la miscela di oli e farina gialla, mescolate bene e versate nello stampo.
10. Coprite lo stampo con un foglio di carta o di plastica, isolate con stracci o vecchi
asciugamani e lasciate riposare il sapone per circa 8 ore.
11. Togliete il sapone dallo stampo non appena si sia rassodato. In genere, col metodo ad
acqua ridotta il sapone è pronto da sformare in 6-8 ore.
12. Tagliate il sapone a pezzi e lasciatelo asciugare per almeno 6 settimane prima
dell’uso. Stagionature più lunghe (8 settimane o più) daranno saponi più asciutti,
durevoli e ricchi di schiuma.

7.3 Saponi decorativi


Abbiamo raggruppato radunato sotto questo titolo quelle tecniche che consentono di
ottenere, col metodo a freddo di base (Capitolo 5) saponette “sfiziose” in grado di
soddisfare le esigenze degli esteti più raffinati.
Quel che caratterizza tutti i saponi descritti di seguito è dunque il bell’aspetto, più che la
buona qualità – ed è con quest’obiettivo in mente che vanno interpretati i suggerimenti sotto
riportati. In molti casi, l’aspetto delle saponette rappresenta un criterio di scelta privilegiato
per quei saponi che sono destinati a essere regalati o a finire nei casetti di amici e parenti
perché “troppo belli per essere usati!”
Anche alla luce di queste considerazioni, lasciamo a voi la scelta ultima tra saponi belli e
saponi buoni, e vi invitiamo in ogni caso a provare le versioni più naturali e, dunque,
potenzialmente belle e buone, dei metodi illustrati di seguito.

Saponi variegati
I saponi variegati sono quelli la cui pasta mostra striature di colori diversi, che si ottengono
“pennellando” sapone di colore contrastante in una base in tinta unita. Poiché per ottenere
questo effetto la pasta di sapone deve essere piuttosto fluida, i risultati migliori dal punto di
vista visivo si ottengono solo quando il sapone è preparato col metodo a freddo di base. Il
segreto alla base delle striature più interessanti sta nell’azzeccare la giusta consistenza della
pasta di sapone al momento di versarla nello stampo. In tutti i casi, e soprattutto se si
intende lavorare con più di due colori, è dunque preferibile che il sapone sia preparato con
quantità normali di acqua, proporzioni abbastanza alte di grassi insaturi e senza ingredienti
che potrebbero causare l’ammassamento precoce della pasta.

Figura 7.2 – Alcuni esempi di saponi decorativi.


Attrezzature speciali
Oltre alle attrezzature comuni per il sapone (indumenti di sicurezza, guanti, occhiali,
mascherina, bilancia, frullatore a immersione, termometri eccetera), per il sapone variegato
servono tanti contenitori di plastica a chiusura ermetica quanti sono i colori secondari, più
uno scalpellino di plastica o un coltello da burro per “pennellare” le striature. Come stampi,
è meglio usare quelli con divisori interni estraibili, vaschette di plastica, scatole di cartone
o cassette di legno abbastanza grandi da contenere tutto il sapone, piuttosto che stampi
individuali.

Ingredienti e dosi
In sostanza, l’unico ingrediente obbligatorio per i saponi variegati sono i colori, che (con le
solite restrizioni che valgono per tutti i tipi di sapone) possono essere di origine vegetale o
minerale.
Almeno per i primi esperimenti, la soluzione caustica va preparata con un po’ più di acqua
del solito (per esempio, 330 grammi per chilo di oli, invece dei “soliti” 300 g di acqua per
kg di oli).
Per quanto concerne i grassi di base, vanno preferite ricette con almeno il 70% di grassi
insaturi “lenti”, ossia che richiedono tempi di mescolamento medio-lunghi per raggiungere il
nastro. Formule con percentuali superiori al 70-80% di olio di oliva sono ideali. Vanno
inoltre evitati tutti gli additivi noti per “accelerare il nastro” (zuccheri, cere, latte eccetera),
che in molti casi contribuiscono anche a scurire la pasta, con risultati poco desiderabili per
questo tipo di sapone. In genere, è prudente evitare anche le fragranze sintetiche, soprattutto
se non si è certi che non provochino l’ammassamento rapido della pasta di sapone.
Istruzioni passo per passo
1. Preparate il piano di lavoro, gli attrezzi, gli ingredienti e lo stampo. Ricordate che,
quando il sapone è pronto, dovrete lavorare in fretta se volete evitare problemi!
2. Preparate la soluzione caustica con una quantità d’acqua pari a 330 grammi per chilo
di oli di base. Mettetela da parte e lasciatela intiepidire.
3. Preparate i contenitori per i colori, come spiegato più sotto nelle Avvertenze
importanti.
4. Pesate tutti i grassi direttamente nella pentola del sapone, senza riservarne alcuno da
aggiungere al nastro.
5. Scaldate i grassi a una temperatura intorno ai 43ºC. 6. Versate la soluzione caustica
tiepida (40ºC circa) nei grassi e mescolate col frullatore a immersione per pochi
istanti, finché grassi e soluzione caustica sono ben combinati.
7. Appena la mistura di sapone è omogenea, e dunque ben prima di arrivare al nastro,
trasferite una piccola quantità del miscuglio (non più di un decimo del totale) in
ciascun contenitore coi colori.
8. Sigillate i contenitori e scuotete bene per distribuire il colore uniformemente.
9. Mescolate il resto del sapone (che fornirà la base neutra per le striature) finché si
forma il cosiddetto nastro leggero, ossia finché la mistura cola a filo dal frullatore a
immersione e lascia una leggera scia rilucente sulla superficie del miscuglio.
10. Versate la base di sapone neutra nello stampo e scuotete leggermente lo stampo per
distribuirla uniformemente.
11. Agitate il primo contenitore col sapone colorato, togliete il coperchio e versate il
sapone a filo sopra la base neutra, distribuendolo in righe e colonne oppure in cerchi
concentrici.
12. Ripetete col secondo e con eventuali altri colori, incrociando le linee.
13. Prendete lo scalpellino o il coltello da burro e appoggiatelo verticalmente in un
angolo dello stampo, fino a sfiorare il fondo. “Disegnate” con l’attrezzo delle spirali, o
degli zig-zag, coprendo tutta la superficie dello stampo per “pennellare” i colori nella
base neutra.
14. Scrollate e battete leggermente lo stampo sul piano di lavoro per assestare il sapone,
coprite con un foglio di carta o di plastica e avvolgete in stracci o coperte come al
solito.

Avvertenze importanti
Questa tecnica richiede buone capacità di lavorare in fretta e riconoscere il momento giusto
per trasferire il sapone nei contenitori col colore. Se la pasta di sapone viene mescolata
troppo poco, il rischio è che si separi; se invece si mescola troppo a lungo, il sapone può
diventare troppo denso per consentire il lavoro di “pennellatura”.
Una considerazione importante riguarda il colore “base” della ricetta di sapone: se volete
ottenere delle striature a colori brillanti su un fondo bianco, vanno evitati tutti i grassi di
base che danno saponi giallastri, verdastri o brunastri. In questo senso, meglio evitare l’olio
extravergine di oliva e usare piuttosto olio di oliva puro o una miscela di sansa e oliva.
Sempre per ragioni di colore vanno evitati gli oli di avocado, macadamia, semi di zucca,
rosa mosqueta eccetera; vanno bene invece gli oli di soia, mandorle, albicocca, girasole e
vinaccioli, e i grassi animali di bue o agnello (sego) e di maiale (strutto).
I colori vanno preparati prima di iniziare a fare il sapone. Gli ossidi, gli ultramarini e gli
altri pigmenti sintetici sono in genere solubili in acqua, e vanno diluiti quanto basta per
renderli “cremosi”.
Figura 7.3 – Con il giusto metodo si possono ottenere saponi bellissimi.

La quantità di colore dipende dai gusti individuali e dalla resa dei singoli prodotti, ma in
genere va tenuta al di sotto di un quarto di cucchiaino per colore per ricette fino a 1 chilo di
grassi di base.
Se preferite lavorare con colori naturali, quelli che si prestano meglio sono il cacao amaro
(non più di mezzo cucchiaino), la paprika dolce (da mezzo a un cucchiaino), il caffè (un
paio di cucchiaini) e lo zafferano (una punta di cucchiaino).
Per effetti variegati/picchiettati, si possono naturalmente usare erbe disseccate (che
diventeranno bruno-grigiastre nel sapone) o petali di calendula macinati finemente (che
rimarranno giallo-arancioni). Per erbe e petali, le quantità massime dipendono
sostanzialmente da quante ne potrà assorbire il sapone che intendete mettere da parte. Tutte
le altre quantità qui riportate vanno intese come quantità massima da aggiungere alle frazioni
colorate di ricette di sapone fino a 1 chilo complessivo di grassi di base.

Saponi a strati
Oltre agli effetti colore, che riescono sempre meglio quando si usano combinazioni di grassi
di colore neutro e coloranti minerali o sintetici, la tecnica di preparazione del sapone a
strati può essere utilizzata per saponi completamente naturali “a due facce”: per esempio,
dei saponi con un lato esfoliante e uno liscio.

Ingredienti, dosi e avvertenze


Poiché in sostanza i saponi a strati si ottengono semplicemente versando diversi tipi di
sapone uno sull’altro, non esistono limitazioni specifiche sulla scelta degli ingredienti, né
dosaggi speciali se si sceglie di preparare separatamente tante ricette di sapone (o frazioni
di un’unica ricetta ridimensionata) quanti sono i colori che si vogliono sovrapporre.
Se tuttavia i colori sono più di tre, conviene preparare una pasta di sapone “liquida”, come
spiegato per i saponi variegati, e dividerla in tre o più parti poco prima del momento del
nastro. Si aggiunge poi il colore desiderato a ciascuna parte, e la si porta al nastro prima di
versarla nello stampo. L’unico ingrediente speciale, peraltro facoltativo, è un pochino di
alcol (denaturato o etilico), tenuto in un contenitore a spruzzo. L’alcol aiuta la coesione tra i
diversi strati e si usa per inumidire la superficie di uno strato precedente che si fosse
rassodato troppo.

Ricetta: Sale e pomice

% Ingredienti Quantità
70 Olio di sansa e di oliva (o olio di oliva) 700 g
17 Olio di cocco 170 g
5 Burro di karité 50 g
5 Olio di semi di zucca (da aggiungere al nastro) 50 g
3 Olio di ricino 30 g
Idrossido di sodio (NaOH) 133 g
Acqua 330 g
Sale marino fino 50 g
Polvere di pomice 30 g
Semi di papavero (da spolverizzare in superficie)
Olio essenziale di nerolina o albero del tè 10 ml
SOlio essenziale di petitgrain arancio o lemon
5 ml
myrtle
Olio essenziale di anice o menta piperita 3ml
Sconto soda: 6% circa

Procedimento
1. Preparate la soluzione caustica e lasciatela intiepidire (40ºC).
2. Misurate in un contenitore a parte l’olio di semi di zucca e la miscela di oli essenziali.
Pesate in un altro contenitore il sale e la polvere di pomice.
3. Pesate gli altri oli direttamente nella pentola del sapone e fateli scaldare a fiamma
bassa fino a 42º C circa.
4. Preparate la pasta di sapone come al solito, fino ad arrivare al nastro leggero (punto 9
delle istruzioni per i saponi variegati).
5. Aggiungete la miscela di oli tenuta da parte, mescolate bene e versate metà della pasta
di sapone nello stampo. Scuotete leggermente lo stampo per distribuire uniformemente
il sapone e coprite lo stampo con un pezzo di cartone, appoggiandolo ai bordi dello
stampo in modo che non tocchi il sapone.
6. Aggiungete al sapone rimasto nella pentola il sale e la polvere di pomice, mescolando
bene per incorporarli uniformemente e portare il sapone al nastro.
7. Togliete il cartone e versate lentamente il sapone con sale e pomice sopra a quello
nello stampo, facendo attenzione a distribuirlo uniformemente sopra lo strato già
presente. Livellate la superficie con una spatola o la lama di un coltello e spolverizzate
con i semi di papavero.
8. Coprite lo stampo con un foglio di carta o di plastica e avvolgete in stracci o vecchie
coperte come al solito.

Altri effetti–colore
Se avete in giro pezzi di sapone vecchio o malriuscito, che volete riciclare senza ricorrere
ai vari metodi per la “rilavorazione” vera e propria, potete ottenere interessanti effetti di
incastro o a coriandoli incorporandoli in una base fresca di sapone, di colore contrastante.
Prima di tutto, tagliate o grattugiate il vecchio sapone e pesatelo. Quindi, scegliete una
ricetta adatta (con una base di colore neutro se i pezzi di sapone sono colorati, o con una
base colorata se si tratta di saponi di colore neutro) e calcolatene una quantità pari ad
almeno due volte il peso dei “ritagli”.
Portate il sapone fresco al nastro e incorporate i pezzi di sapone “riciclato”, distribuendoli
bene prima di versare nello stampo.
Se i pezzi di sapone riciclato sono abbastanza piccoli, potete usare anche degli stampi
individuali – ma va detto che i risultati migliori, con questo tipo di saponi a “intaglio”, si
ottengono sempre quando il sapone va tagliato. Un’altra tecnica, che funziona
particolarmente bene con pezzi di sapone piuttosto grandi, magari tagliati in modo da avere
sezione triangolare o esagonale, prevede di versare la base fresca nello stampo, e spingerci
dentro (indossando i guanti o aiutandosi con un cucchiaio) i blocchi o le barrette di sapone
riciclato.
Ancor più che con altre tecniche, questo metodo per gli effetti colore consente di sbrigliare
la fantasia e creare invenzioni sempre nuove!
Capitolo 8

I nuovi metodi a caldo

Alcuni dei metodi


presentati in questo Sommario
Capitolo
rappresentano • La cottura nel forno tradizionale (OHP)
semplicemente delle • La cottura elettrica a temperatura controllata (CPHP)
varianti del metodo a • La cottura nel forno direttamente nello stampo (IMTHP e CPOP)
bagnomaria, con • Il sapone semi-trasparente
procedimenti e
istruzioni dettagliate rivisti in funzione degli strumenti di cottura scelti. Altri introducono
nuovi concetti – per esempio, uno “sconto” dell’acqua per il metodo che prevede la cottura
nel forno direttamente nello stampo, e l’aggiunta di ingredienti speciali per i saponi semi-
trasparenti. Come si è già detto, ottenere risultati ottimali con tutti i nuovi metodi presentati
in questa seconda parte richiede una buona conoscenza dei due metodi di base: il metodo a
freddo tradizionale e il metodo a caldo con cottura a bagnomaria, descritti nel Capitolo 5.

8.1 La cottura nel forno tradizionale (OHP)


Il metodo a caldo nel forno (Oven Hot Process) si è sviluppato e diffuso qualche mese dopo
la comparsa del metodo a caldo a bagnomaria. Poiché richiede una sola pentola, è
particolarmente adatto a chi prepara quantità di sapone relativamente grandi (fino a 10 chili
per volta) e vuole evitare la fatica di preparare e spostare, oltre alla pentola col sapone, un
“calderone” abbastanza grande per il bagnomaria.
Un altro vantaggio del metodo del forno è che, a parità di ricetta, la pasta di sapone rimane
di solito più fluida di quella cotta a bagnomaria.
Lo svantaggio è che richiede molta più energia di altri metodi a caldo per cuocere piccole
quantità di sapone; per questo, viene in genere consigliato solo quando si intendono
preparare almeno tre chili di sapone per volta.

Attrezzature speciali
Oltre alla solita attrezzatura, il sapone cotto nel forno tradizionale richiede sostanzialmente
solo un forno – elettrico o a gas che sia. È tuttavia particolarmente importante, in questo
caso, che la pentola del sapone sia capace, e che la miscela di sapone non la riempia mai
per più di due terzi.
Ingredienti: dosi e modalità d’uso
Per ingredienti e dosi, valgono sostanzialmente gli stessi concetti già illustrati nel Capitolo
5 per il sapone a bagnomaria, e precisamente:

La quantità di acqua per il sapone cotto nel forno va calcolata intorno ai 375 grammi
per ogni chilo di olio o grasso. Se la percentuale di oli insaturi è uguale o superiore al
60% dei grassi totali, l’acqua può essere ridotta a 340 grammi per chilo.
Oli essenziali, profumi sintetici, erbe, infusi e altri additivi organici (quali avena, semi,
farine eccetera) vanno aggiunti a fine cottura. Pesare a parte e aggiungere a fine cottura
eventuali oli o burri nutrienti può inoltre aiutare a mantenere intatta nel sapone una
maggior quantità di sostanze insaponificabili. L’olio di ricino va tuttavia sempre
saponificato del tutto, e pertanto aggiunto prima della cottura, se si vuole ottenere un
sapone ricco di schiuma.
Se si punta a un sapone di colore uniforme, i coloranti specifici (approvati per uso
cosmetico) vanno aggiunti prima della cottura. È comunque possibile aggiungere
coloranti al sapone cotto, diluendoli in poco olio o acqua, oppure aggiungendoli a
eventuali nutrienti riservati per la fine della cottura, per ottenere effetti marmorizzati o
picchiettati.
Se aggiunti prima della cottura, tutti i tipi di latte, gli zuccheri e il miele tendono a
caramellare e danno saponi con colori tendenti al beige-marrone. In linea di massima,
le ricette con questi ingredienti riescono meglio a freddo.
Le temperature di partenza dei grassi e della soluzione caustica possono essere
leggermente al di fuori della gamma normalmente suggerita per il sapone a freddo, ma,
se si vogliono evitare sgradevoli sorprese, è sempre bene lavorare a temperature non
superiori ai 50 gradi. Se le temperature di grassi e soda sono troppo alte, infatti, la
pasta di sapone rischia di “lievitare” e fuoriuscire dalla pentola, con conseguenze poco
simpatiche per il forno!

Istruzioni passo per passo


1. Accendete il forno al minimo (100ºC o meno) mentre preparate attrezzature e
ingredienti.
2. Preparate la soluzione di acqua e soda caustica e lasciatela intiepidire.
3. Pesate i grassi, tranne quelli che preferite aggiungere a fine cottura, direttamente nella
pentola del sapone.
4. Mettete la pentola nel forno (o sul fornello) e fate sciogliere i grassi solidi.
5. Quando i grassi sono sciolti e la temperatura della soluzione caustica è scesa sotto i
45ºC, versate la soluzione caustica nei grassi e preparate la pasta di sapone come al
solito.
6. Una volta raggiunto il nastro, rimettete la pentola in forno e lasciate cuocere per un
tempo variabile tra i 10 minuti (per miscele di sapone fino a 3 chili di peso totale) e i
20 minuti (per quantità superiori), senza mai aprire lo sportello.
7. Spegnete il forno e lasciate riposare il sapone per mezz’ora circa, senza aprire lo
sportello.
8. Nel frattempo, controllate che siano pronti lo stampo e gli ingredienti da aggiungere a
fine cottura: tenete presente che quando il sapone è pronto, avete poco tempo da
perdere, ed essere pronti con tutto è fondamentale!
9. Dopo circa mezz’ora dal momento in cui avete spento il forno, tirate fuori la pentola e
date una mescolata alla pasta di sapone. Dovrebbe essere di colore biondo, di aspetto
gelatinoso e di consistenza simile alla vaselina.
10. Per stabilire se il sapone è pronto, mettete da parte, per la provapallina, il cucchiaio
che avete usato per mescolare; rimettete intanto la pentola col sapone nel forno e
richiudete immediatamente lo sportello.
11. Dopo qualche minuto, provate a rotolare tra le dita un po’ del sapone che è rimasto
sul cucchiaio: se sbianca e si appallottola bene, senza appiccicarsi alle dita, il sapone
è pronto. Se invece la pallina di sapone non solidifica, lasciate la pentola nel forno per
un altro quarto d’ora e ripetete il procedimento finché la provapallina dà il risultato
desiderato.
12. Quando la pasta di sapone è pronta, aggiungete gli ingredienti messi da parte per la
fine della cottura. Ricordatevi che dovrete lavorare velocemente, se volete riuscire a
trasferire il sapone nello stampo senza problemi.
13. Mescolate bene e versate nello stampo. Battete lo stampo sul piano di lavoro per
espellere eventuali bolle d’aria, livellate con una spatola o con la lama di un coltello e
coprite con un foglio di plastica o di carta da forno.
14. Per ottenere un sapone di aspetto più omogeneo, isolate lo stampo coi soliti stracci o
asciugamani. La pasta impiegherà più tempo a raffreddarsi, ma si assesterà meglio
negli stampi.
15. Il sapone è pronto da sformare non appena si è completamente raffreddato.
16. Per ottenere saponi durevoli e ricchi di schiuma, è sempre bene lasciar stagionare il
sapone per diverse settimane.

Avvertenze importanti
Il successo del sapone cotto nel forno è strettamente legato a due variabili: temperatura e
tempi di cottura. La temperatura del forno deve essere bassa e costante – intorno ai 100ºC, e
possibilmente anche meno. L’isolamento del forno deve essere tale da garantire un buon
mantenimento di temperature moderate per tempi abbastanza lunghi, anche a forno spento –
ed è per questo che la porta del forno va aperta e tenuta aperta solo lo stretto necessario.
Per verificare che tutto proceda come si deve e sorvegliare il comportamento del sapone, è
dunque bene tenere accesa la luce del forno.
A seconda dei grassi utilizzati e della quantità totale di miscela, il sapone cotto nel forno
richiede tra i 10 e i 20 minuti a forno acceso, e da mezz’ora a un’ora a forno spento.
Se nella prova-pallina il sapone vi sembra già troppo asciutto dopo tempi di cottura minimi
(10 minuti più mezz’ora), è probabile che la temperatura minima del vostro forno sia troppo
alta, o che il tempo di cottura a forno acceso sia stato troppo lungo per la quantità di sapone
che state preparando. Un’altra indicazione di temperature troppo alte viene dalla comparsa
di abbondante “schiuma” sulla superficie della pasta di sapone dopo i primi minuti di
cottura (a forno acceso): col metodo del forno, è normale che sulla superficie del sapone si
sviluppino delle bolle, soprattutto ai bordi della pentola, ma se avete l’impressione che il
sapone gonfi e “schiumi” troppo, togliete immediatamente la pentola dal forno se volete
evitare disastri!
Se dopo il tempo minimo di cottura e un’ora di riposo in forno spento il sapone non fosse
ancora pronto, potete riaccendere il forno, proseguire la cottura per qualche minuto e farla
seguire da un ulteriore periodo di riposo a forno spento.
Per questo metodo ancor più del solito, il consiglio migliore per ottenere risultati
soddisfacenti è di seguire le istruzioni, fare un paio di esperimenti con quantità ridotte di
sapone (un chilo per volta) e prender nota dei vari passaggi e delle vostre osservazioni.
Eventuali esperimenti mal riusciti possono essere facilmente recuperati facendo terminare a
bagnomaria la cottura del sapone.

Ricetta: Doccia speziale

% Ingredienti Quantità
35 Olio di oliva 700 g
25 Olio di cocco 500 g
20 Olio di semi di girasole 400 g
10 Strutto 200 g
10 Olio di riso (da aggiungere alla fine della cottura) 200 g
Idrossido di sodio (NaOH) 278 g
Acqua 700 g
Zenzero in polvere 10 ml
Cannella in polvere 10 ml
Caffé macinato 10 ml
Olio essenziale di limone o lemon myrtle 16 ml
Olio essenziale di pino 16 ml
Olio essenziale di cannella o cardamomo 4 ml
Olio essenziale di zenzero o rosmarino 4 ml
Sconto soda: 5% circa

Le quantità degli ingredienti sono state ricalcolate per ottenere il peso minimo di pasta di
sapone che giustifichi la scelta del metodo di cottura nel forno tradizionale. Questa
combinazione di grassi di base si presta particolarmente bene a un sapone per le docce
mattutine, che assume proprietà rinvigorenti grazie all’aggiunta di spezie, caffé e oli
essenziali con effetti stimolanti.
La prevalenza di grassi insaturi consente di diminuire la quantità necessaria di acqua, senza
ridurre eccessivamente la fluidità della pasta di sapone al termine della cottura. Se preferite
evitare l’uso di grassi animali, potete sostituire lo strutto con un’uguale quantità di olio di
palma, oppure aumentare del 10% (200 grammi in questo caso) la dose dell’olio di oliva,
ricalcolando opportunamente la quantità di soda richiesta. Istruzioni dettagliate sul calcolo
della soda sono riportate nel Capitolo 10.

Procedimento
1. Accendete il forno al minimo (100ºC o meno) mentre preparate attrezzature e
ingredienti.
2. Preparate la soluzione di acqua e soda caustica e lasciatela intiepidire.
3. Pesate i grassi (meno l’olio di riso) direttamente nella pentola del sapone e metteteli a
sciogliere in forno o sul fornello.
4. Quando la temperatura di grassi e soluzione caustica è intorno ai 45ºC, preparate la
pasta di sapone come al solito.
5. Una volta raggiunto il nastro, mettete la pentola in forno e lasciate cuocere per 10
minuti, senza mai aprire lo sportello.
6. Spegnete il forno e lasciate riposare il sapone per mezz’ora circa, senza aprire lo
sportello.
7. Nel frattempo, misurate e radunate in un unico contenitore le spezie, il caffè macinato e
gli oli essenziali.
8. Aggiungete l’olio di riso; preparate lo stampo e gli stracci o asciugamani per isolare il
sapone.
9. Dopo circa mezz’ora dal momento in cui avete spento il forno, fate la prova-pallina per
verificare se il sapone è pronto (punti da 9 a 11 delle Istruzioni passo per passo nelle
pagine precedenti).
10. Quando la pasta di sapone è pronta, incorporate il miscuglio di spezie, oli essenziali
e olio di riso, mescolando velocemente, e versate nello stampo.
11. Battete lo stampo sul piano di lavoro per espellere eventuali bolle d’aria, livellate
con una spatola o con la lama di un coltello e coprite con un foglio di plastica o di
carta da forno.
12. Per ottenere un sapone di aspetto più omogeneo, isolate lo stampo coi soliti stracci o
asciugamani.
13. Sformate il sapone dopo 12-24 ore, tagliatelo e lasciatelo stagionare per 4 settimane.
Stagionature più lunghe daranno un sapone ancora più delicato, compatto e ricco di
schiuma.
8.2 La cottura elettrica a temperatura controllata (CPHP)
La sigla che caratterizza questo metodo di cottura del sapone, CPHP, viene dall’inglese
Crock Pot Hot Process , dove il termine “Crock Pot” indica, per convenzione, uno
qualunque di tre tipi di apparecchi per la cottura elettrica. Le pentole elettriche a
temperatura controllata, in Italia, vengono sostanzialmente utilizzate solo nelle cucine
industriali e collettive, e non è facile trovarne modelli di dimensioni adatte all’uso
famigliare. In altri paesi, sono tuttavia abbastanza comuni sia pentole elettriche di pochi litri
di capacità, destinate alla cottura lenta o programmata delle vivande (crockpot), sia pentole
elettriche per la cottura a vapore (steamer, o rice cooker quando la pentola è
specificamente destinata alla cottura del riso), sia bollitori elettrici di dimensioni più
grandi, utilizzati per la sterilizzazione a bagnomaria delle conserve sotto vetro (per
esempio, i bollitori Weck, di fabbricazione tedesca). Tutte le pentole elettriche sono dotate
di termostati, che consentono di regolare la temperatura di funzionamento e possono pertanto
rimpiazzare la “caldaia” utilizzata nel metodo a bagnomaria. Il vantaggio della cottura in
pentola elettrica a temperatura controllata è che la pasta di sapone cuoce “da sola”, senza
bisogno di supervisione continua, e alla fine della cottura risulta più fluida e facile da
versare di altri metodi a caldo. In Italia, gli svantaggi stanno nella difficoltà a trovare questo
tipo di pentola, e in un costo più alto di quello delle cucine a gas per l’energia consumata.
Figura 8.1 – Una raccolta di saponi di varie forme e colori.

Attrezzature speciali
La cottura elettrica a temperatura controllata richiede una delle attrezzature speciali sopra
descritte.
Nella scelta della pentola elettrica più adatta per la cottura del sapone, vanno privilegiate
quelle che hanno corpo interno in materiali resistenti alla soda (acciaio o porcellana da
fuoco) e superfici interne liscie, senza spigoli o griglie. Le pentole elettriche con il
contenitore interno rimovibile risultano più comode da pulire, il che è particolarmente
importante quando la stessa pentola è destinata a scopi alimentari (oltre che al sapone). Va
segnalato infine che alcune pentole elettriche a temperatura controllata (per esempio, quelle
specifiche per la cottura del riso) hanno un dispositivo automatico di spegnimento, che
potrebbe interferire coi tempi di cottura.

Ingredienti e dosi
Per ingredienti e dosi, valgono gli stessi concetti già illustrati più sopra per il sapone cotto
nel forno.

Istruzioni passo per passo


1. Preparate la soluzione di acqua e soda caustica e lasciatela intiepidire.
2. Pesate i grassi, tranne quelli che preferite aggiungere a fine cottura, direttamente nella
pentola elettrica.
3. Accendete la pentola al minimo e fate sciogliere i grassi solidi, mescolando spesso.
4. Quando i grassi sono sciolti e la temperatura della soluzione caustica è scesa sotto i
42ºC, spegnete la pentola elettrica.
5. Versate la soluzione caustica nei grassi e portate la pasta di sapone al nastro. Fate
attenzione, sia nel versare la soluzione caustica, sia nel rimescolare, a non provocare
schizzi che potrebbero danneggiare le parti elettriche della pentola.
6. Una volta raggiunto il nastro, riaccendete la pentola al minimo e lasciate cuocere per
un tempo variabile tra 45 minuti e 2 ore, a seconda di quantità e tipo di sapone e della
potenza della pentola elettrica.
Figura 8.2 – Sapone fatto in casa per un bianco che più bianco non si può!

7. Nel frattempo, preparate lo stampo e gli ingredienti da aggiungere a fine cottura.


8. Il sapone pronto è di colore biondo, di aspetto gelatinoso e di consistenza simile alla
vaselina.
9. Per verificare che il sapone sia pronto, prelevatene una piccola quantità con un
cucchiaino e mettetelo da parte.
10. Dopo qualche minuto, provate a rotolare tra le dita un po’ del sapone che avete messo
da parte: se sbianca e si appallottola bene, senza appiccicarsi alle dita, il sapone è
pronto. Se invece la pallina di sapone non solidifica, lasciate proseguire la cottura e
ripetete il procedimento dopo qualche tempo, finché la provapallina dà il risultato
desiderato.
11. Quando la pasta di sapone è pronta, spegnete la pentola elettrica.
12. Controllate che la temperatura della pasta di sapone sia al di sotto dei 58ºC prima di
aggiungere gli ingredienti messi da parte per la fine della cottura.
13. Mescolate bene e versate nello stampo. Battete lo stampo sul piano di lavoro per
espellere eventuali bolle d’aria, livellate con una spatola o con la lama di un coltello e
coprite con un foglio di plastica o di carta da forno.
14. Per ottenere un sapone di aspetto più omogeneo, isolate lo stampo coi soliti stracci o
asciugamani. La pasta impiegherà più tempo a raffreddarsi, ma si assesterà meglio
negli stampi.
15. Il sapone è pronto da sformare non appena si è completamente raffreddato.
16. Per ottenere saponi durevoli e ricchi di schiuma, è sempre bene lasciar stagionare il
sapone per diverse settimane.
Avvertenze
Per l’uso e la manutenzione della vostra pentola elettrica, fate sempre riferimento a
istruzioni e avvertenze con essa fornite.
Tutte le ricette adatte per il metodo a caldo con cottura a bagnomaria o nel forno possono
essere utilizzate per la cottura elettrica a temperatura controllata, riducendo eventualmente
l’acqua per la soluzione caustica a 340 grammi per chilo di grassi di base.

8.3 La cottura nel forno direttamente nello stampo (ITMHP e


CPOP)
I metodi a caldo con cottura al forno direttamente nello stampo (in inglese, In The Mould
Hot Process o ITMHP e Cold Process Oven Process o CPOP) rappresentano l’ultima
evoluzione – in termini di tempo – dei metodi di cottura del sapone. Entrambi i metodi
utilizzano il forno, cosa che li caratterizza a tutti gli effetti come metodi “a caldo”, e
prevedono in genere una riduzione della quantità d’acqua per la preparazione della
soluzione caustica.
Gli ideatori sostengono che, poiché (secondo loro) il sapone cotto nello stampo è pronto da
usare e asciutto al punto giusto in 24 ore, i metodi CPOP e ITMHP consentono di eliminare
completamente i tempi di stagionatura.
Questi metodi sono tuttavia visti con poca simpatia da chi preferisce saponi di qualità, sia
perché oli essenziali ed eventuali grassi pregiati vanno sempre aggiunti prima della cottura
(il che comporta l’uso di quantità maggiori di essenze, coi rischi evidenziati più avanti nelle
Avvertenze importanti), sia perché, come abbiamo segnalato più volte e non ci stancheremo
mai di ripetere, l’unico sistema per ottenere saponi davvero buoni, compatti, resistenti
all’uso e ricchi di schiuma è lasciarli stagionare per diverse settimane! I saponi prodotti con
la cottura in forno direttamente nello stampo hanno aspetto e consistenza molto simili a
quelli del processo ad acqua ridotta e non si prestano pertanto alla formatura in “lingotti” da
affettare al momento.

Attrezzature speciali
La cottura nel forno direttamente nello stampo richiede un forno in grado di mantenere una
temperatura costante idealmente intorno agli 80 gradi, quando è acceso, e un buon
isolamento termico a forno spento. Gli stampi devono essere fatti con materiali in grado di
resistere al calore senza deformarsi, e vanno coperti con assicelle di legno non trattato;
alcuni saponai preferiscono avvolgerli nei soliti stracci o asciugamani, sia per mantenere il
calore, sia per contenere eventuali fuoriuscite di liquido. In genere, il legno è comunque il
materiale migliore per la cottura direttamente nello stampo. Se utilizzate stampi di plastica,
verificatene la resistenza al calore col vostro fornitore.
Figura 8.3 – Verificate sempre la resistenza al calore della plastica prima di versarvi il sapone caldo.

Ingredienti: dosi e modalità d’uso


Gli ingredienti sono i soliti, con le seguenti differenze in dosaggi e modalità d’uso:

A prescindere dalle vostre preferenze per i metodi tradizionali a freddo e a caldo, la


quantità di acqua per il sapone cotto direttamente nello stampo va ridotta a circa 240
ml per ogni chilo di olio o grasso.
Per compensare l’inevitabile perdita di fragranza causata dal calore, le quantità di
profumi e oli essenziali vanno raddoppiate o addirittura triplicate, a seconda del tipo
di essenza scelto.
Tutti i tipi di latte, lo zucchero e il miele tendono a caramellare con la cottura, e danno
saponi con colori tendenti al marrone. In linea di massima, i saponi con questo tipo di
additivi riescono meglio a freddo.
Le temperature di partenza di oli/grassi e soluzione caustica non sono fondamentali, ma
è bene lavorare sempre con temperature inferiori ai 50ºC per evitare sgradevoli
sorprese. Se le temperature di grassi e soda sono troppo alte, infatti, la pasta di sapone
rischia di “lievitare” e fuoriuscire dallo stampo.
Poiché il sapone viene cotto nello stampo, non ha senso tenere da parte eventuali
nutrienti per “dopo il nastro”, né tanto meno per “dopo la cottura”!

Istruzioni passo per passo


1. Accendete il forno al minimo (80-100ºC) mentre preparate gli ingredienti.
2. Preparate la soluzione caustica e la pasta di sapone come spiegato per il metodo del
forno, pesando tutti i grassi direttamente nella pentola del sapone.
3. Al nastro, aggiungete gli additivi (erbe, colori, farine eccetera) e il profumo
desiderato.
4. Mescolate bene e versate il sapone nello stampo.
5. Coprite la pasta di sapone prima con un foglio di carta da forno, tagliato su misura
dell’apertura dello stampo, e poi con un’assicella di legno di dimensioni adatte.

Figura 8.4 – Il sapone fatto in casa può anche essere un ottimo regalo.

6. Mettete lo stampo in forno (eventualmente avvolgendolo in stracci, o appoggiandolo


sopra una piastra da forno senza fori per evitare che il sapone coli e rovini il forno) e
lasciate andare al minimo per tempi variabili tra circa 20 minuti (con forno a 100ºC) e
due ore (con forno a 80ºC), senza mai aprire lo sportello.
7. Spegnete il forno e lasciate riposare per almeno quattro ore, o meglio ancora per tutta
la notte.
8. Togliete lo stampo dal forno, lasciate raffreddare completamente e sformate.

Avvertenze importanti
Più bassa è la temperatura che si riesce a mantenere a forno acceso, più lunghi saranno i
tempi di cottura, e migliori i risultati.
Se il vostro forno è in grado di mantenere una temperatura costante che non supera gli 85ºC,
il sapone richiederà fino a due ore di cottura, più 8 ore circa di riposo in forno spento.
Se la temperatura minima del forno è più alta, è meglio ridurre i tempi di cottura e
prolungare il tempo di riposo in forno spento, (alcuni consigliano di tenere accesa la luce
del forno come fonte di calore alternativa , ma questa ci sembra più una superstizione che
una necessità vera e propria!).
Poiché, come abbiamo spiegato, la quantità di essenze richiesta per profumare il sapone
cotto nel forno direttamente nello stampo è molto più alta del solito, più alti sono
ovviamente i costi di produzione – e più alta è la probabilità che l’eccesso di sostanze
profumanti (soprattutto se si scelgono fragranze sintetiche in basi minerali, quali per
esempio il glicole dipropilenico) possa provocare fenomeni di irritazione o
sensibilizzazione in chi usa il sapone.

Il glicole dipropilenico, o DPG (dal nome INCI DiPropylen Glycol), è


probabilmente il più comune solvente per le fragranze sintetiche, che in alte
dosi sembra possa causare gravi problemi di allergie e sensibilizzazione.

Qualunque sostanza profumante si scelga, va comunque sottolineato che aumentarne le dosi,


semplicemente per bilanciare la perdita di profumo causata dall’esposizione al calore,
costituisce uno spreco inutile e fa a pugni con la filosofia del buon sapone. Tutti gli sprechi
corrispondono a prelievi ingiustificati dalle risorse globali e rappresentano pertanto,
secondo noi, costi complessivi inaccettabili per l’ambiente e per la collettività.

8.4 Il sapone semi-trasparente


Il metodo descritto di seguito viene spesso presentato come la tecnica che consente di
ottenere sapone trasparente, simile alle basi alla glicerina (altrimenti chiamate Sciogli &
Versa). In realtà, il risultato è un sapone compatto e di lunga durata (dopo un periodo di
stagionatura relativamente breve), di colore biondo e aspetto simile all’ambra o alla
corniola – ossia, semi-trasparente.
Un vantaggio di questo tipo di sapone – al di là dell’aspetto, che può piacere o meno, e di
una compattezza e durata che spesso superano quelle di altri tipi di sapone – è che è
possibile farlo fondere a caldo per utilizzarlo un po’ come gli Sciogli & Versa.
Nella versione fatta a mano, tuttavia, non è sempre possibile fondere ripetutamente il
sapone.
Lo svantaggio principale è che il sapone preparato con questo metodo non tollera bene lo
sconto della soda, e può pertanto risultare poco gentile con le pelli più sensibili.

Attrezzature speciali
Il sapone semi-trasparente viene cotto in un sistema a doppia pentola, simile a quelli del
metodo a bagnomaria e del sapone liquido.
Poiché il procedimento è complesso e richiede lunghi tempi di cottura, una volta
sperimentata la ricetta d’esempio vi suggeriamo di prepararne sempre quantità abbastanza
grandi per volta, per poi rifonderlo in un secondo tempo. Come stampi per la “scorta”
potete usare delle vaschette di plastica col coperchio, che terrete sempre chiuse fino al
momento dell’uso.

Ingredienti e dosi
Il sapone semi-trasparente richiede tre ingredienti speciali: glicerina, zucchero bianco e
dell’alcol (possibilmente etilico, o comunque inodore e non tossico).
Per cercare di ottenere una pasta di sapone che rimanga più chiara e trasparente possibile,
vanno evitati i grassi in eccesso (ossia, non si sconta la soda) e tutti i grassi che potrebbero
accentuare la torbidezza o dare colori troppo scuri. In talune ricette, viene usata insieme ai
grassi di base della stearina, che contribuisce alla durezza del sapone senza modificarne la
trasparenza. Nella ricetta d’esempio, la combinazione di grassi di base, con l’aggiunta di
una discreta quantità di zucchero, garantisce un sapone di buona trasparenza e abbastanza
duro da non richiedere l’aggiunta di stearina.
In genere, è meglio attenersi a una ricetta sperimentata, come quella riportata più avanti, e
tentare avventure diverse solo quando ci si sente pronti per sfidare l’ignoto. Tenete bene a
mente, inoltre, il fatto che l’alcol, in forma liquida o sotto forma di vapori volatili, è
altamente infiammabile. E ora, armatevi di pazienza, un pizzico di cautela… e provate!

Ricetta passo per passo: Ambra da sciogliere

% Ingredienti Quantità
Per la pasta di sapone:
40 Olio di ricino 400 g
Olio di oliva (puro) o di sansa o di sansa e
30 300 g
oliva
30 Olio di cocco 300 g
Idrossido di sodio (NaOH) 146 g
Acqua (preferibilmente distillata) 330 g
Da aggiungere dopo la cottura:
Alcol etilico (a 97 gradi) 350 g
Glicerina 120 g
Zucchero 300 g
Acqua distillata (per sciogliere lo zucchero) 100 g
Sconto soda: 0%
Procedimento
1. Mettete in frigorifero un barattolo di vetro, che vi servirà tra qualche ora per
controllare la trasparenza del sapone.
2. Preparate la soluzione caustica, versando lentamente la soda nel contenitore con
l’acqua, e lasciatela intiepidire.
3. Preparate il sistema a due pentole, scegliendo come pentola per il sapone una pentola
che contenga almeno 5 litri.
4. Pesate i grassi nella pentola del sapone e versate nella caldaia tant’acqua quanto basta
a tenere la pentola del sapone immersa fino al livello di riempimento.
5. Mettete sul fuoco la caldaia, con dentro la pentola del sapone, e portate l’acqua a
ebollizione.
6. Quando l’olio di cocco è sciolto, abbassate la fiamma al minimo sotto la caldaia e
controllate la temperatura della soluzione caustica, che dovrebbe essere tra i 38ºC e i
45ºC.
7. Togliete la pentola del sapone dalla caldaia e versateci la soluzione caustica. Lasciate
la caldaia sul fuoco, a fiamma bassa.
8. Mescolate col frullatore a immersione finché il sapone fa il nastro.
9. Raschiate con la lama di un coltello i bordi della pentola e ammucchiate ordinatamente
la pasta di sapone.
10. Rimettete la pentola del sapone nella caldaia e regolate la fiamma in modo che
l’acqua nella caldaia sobbolla appena.
11. Mettete il coperchio sulla pentola del sapone e coprite la caldaia col suo coperchio
(se disponibile). Per limitare la dispersione di calore e l’evaporazione dell’acqua
della caldaia, coprite le pentole, a mo’ di coperchio, con un asciugamano ripiegato,
facendo attenzione a tenerlo lontano dall’acqua e dal fuoco.
12. Proseguite la cottura a fuoco lentissimo, verificando ogni tanto che l’acqua nella
caldaia rimanga al livello di riempimento della pentola col sapone.
13. Il sapone va cotto per tre ore, senza mescolare. Resistete alla tentazione di togliere i
coperchi e sbirciare continuamente: è meglio evitare che il sapone si asciughi troppo,
ma qualche controllo veloce, ogni mezz’ora circa, vi consentirà di verificare che tutto
proceda come si deve.
Figura 8.5 – Barre di sapone.

14. Se l’acqua nella caldaia bollisse troppo forte, potete spegnere periodicamente la
fiamma e lasciarla spenta per 10-15 minuti, senza spostare o disturbare le pentole.
15. Intanto che il sapone cuoce, pesate l’alcol in un contenitore con chiusura ermetica
(per esempio, un barattolo di vetro da conserve). Pesate e mettete da parte anche la
glicerina.
16. Dopo circa due ore e mezzo da quando è iniziata la cottura del sapone, pesate l’acqua
e lo zucchero in un pentolino e preparate uno sciroppo, facendo andare a fuoco lento
finché lo zucchero è completamente sciolto e il liquido perfettamente trasparente.
Attenzione a non far cuocere troppo lo zucchero!
17. Dopo tre ore di cottura, fate la prova-pallina per controllare che la pasta di sapone
sia pronta (punti 9-11 delle Istruzioni passo per passo per il metodo del forno), quindi
togliete la pentola del sapone dalla caldaia e appoggiatela sul piano di lavoro, ben
lontano dal fornello acceso.
18. Versate metà dell’alcol e tutta la glicerina nel sapone e date una mescolata energica
con una frusta pulita o con un cucchiaio dal manico lungo. Rimettete il coperchio sulla
pentola e copritela con un asciugamano grande, lasciandola al caldo per circa un
quarto d’ora. Ricordatevi che l’alcol è altamente infiammabile e adottate le
precauzioni necessarie!
19. Mescolate bene il sapone, che a questo punto dovrebbe risultare praticamente liquido.
Rimettete la pentola col sapone nella caldaia, copritela col coperchio e lasciate
scaldare per 10 minuti circa, a caldaia coperta.
20. Mescolate per qualche istante e continuate la cottura per 5-10 minuti, rimettendo i
coperchi per evitare che l’alcol evapori troppo velocemente.
21. Ripetete quest’operazione per un paio di volte, quindi aggiungete il resto dell’alcol e
continuate a mescolare e cuocere (come al punto 20) finché il sapone diventa
completamente liquido e trasparente. Non preoccupatevi se sulla superficie del sapone
si forma una schiuma bianca.
22. Fate attenzione alla temperatura dell’acqua nella caldaia, che deve sempre essere in
ebollizione molto leggera. Potete spegnere e riaccendere la fiamma, oppure aggiungere
un po’ di acqua fredda nella caldaia per evitare che il bollore si alzi troppo.
23. Quando il sapone è completamente liquefatto, coprite pentola e caldaia e appoggiate
l’asciugamano ripiegato sopra il coperchio della caldaia per mantenere il calore
meglio possibile.
24. Lasciate le pentole su fuoco lentissimo per 15 minuti circa, per permettere alla
schiuma che si fosse sviluppata di riassorbirsi.
25. Controllate che lo sciroppo di acqua e zucchero sia versabile (diversamente,
aggiungete pochissima acqua e fatelo scaldare un pochino) e aggiungetelo al miscuglio
di sapone, alcol e glicerina, mescolando molto dolcemente per evitare che si formi
dell’altra schiuma.
26. Togliete il barattolo dal frigorifero, capovolgetelo e lasciate cadere sul fondo circa
un cucchiaino di sapone. Lasciate rapprendere il sapone (ci vorrà solo qualche istante)
per verificarne la trasparenza.
27. Se siete soddisfatte, potete versare il sapone direttamente negli stampi provvisori. È
normale che, sulla superficie del sapone, si formi una specie di pellicola opaca o
schiumosa. Non preoccupatevene per il momento.
28. Se il sapone risultasse troppo opaco, o se una volta rappreso fosse appiccicoso al
tatto, lasciatelo nella pentola. Avvolgete la pentola in un paio di vecchie coperte e
mettetela in un luogo tranquillo fino al giorno dopo.
29. Il giorno dopo, rimettete la pentola sul fuoco (potete metterla su fuoco diretto a questo
punto) e scaldate a fiamma bassa e pentola coperta finché il sapone si scioglie
completamente.
30. Ripetete la prova del barattolo, che dovrebbe ora darvi i risultati desiderati, e
trasferite il sapone negli stampi provvisori.

Sciogli e Versa fatti in casa


1. Quando siete pronte per realizzare le vostre saponette Sciogli e Versa fatte in casa,
mettete in frigorifero per qualche ora gli stampi scelti (potete usare qualunque stampo
di plastica, anche quelli più intricati), prevedendo di far fondere non più di 500
grammi di sapone per volta.
2. Preparate il profumo, in ragione di circa 1 millilitro (20 gocce) per ogni 100 grammi di
sapone, ed eventuali colori, erbe o altri additivi secchi.
3. Se volete colorare il sapone con miche, ossidi o ultramarini, calcolate non più di una
punta di cucchiaino per ogni 500 grammi di sapone (troppo colore può far tornare il
sapone opaco) e aggiungete il colore, sciolto in poche gocce di glicerina o alcol, al
sapone prima di fonderlo.
4. Fate fondere il sapone a fuoco lento e pentola coperta, quindi aggiungete il profumo,
mescolate rapidamente e versate negli stampi ben freddi. Eventuali “pelli” o bolle di
schiuma sulla superficie del sapone possono essere eliminate con un coltellino o col
pelapatate quando il sapone si sarà rappreso.
5. Lasciate stagionare i saponi in luogo asciutto e fresco per almeno due settimane.
Capitolo 9

Il sapone liquido

Il passaggio dalla produzione di


saponette al sapone liquido avviene di Sommario
solito dopo che si è acquisita una certa
dimestichezza con l’arte del sapone fatto • L’ingrediente cruciale: il potassio idrossido
in casa. In effetti, padroneggiare l’arte di • Il sapone liquido a freddo
produrre saponi liquidi di consistenza e • Il sapone liquido a caldo
concentrazione soddisfacenti, e che nello • Il sapone liquido nelle pulizie domestiche
stesso tempo sappiano rispettare la pelle,
non è difficile, ma nemmeno facilissimo. Intanto, il sapone liquido richiede un alcale
speciale, il potassio idrossido, che non si trova tanto facilmente quanto la soda caustica. In
secondo luogo, la chiave di volta per ottenere un sapone liquido di buona qualità è la
pazienza: sebbene le differenze di procedimento non siano poi così sostanziali, le fasi di
lavorazione richiedono tempi decisamente più lunghi e qualche precauzione in più.
Se avete poca pazienza col sapone solido… potreste scoprire che quello liquido non fa
proprio per voi!
Alcune scuole suggeriscono metodi per la preparazione di sapone liquido che consentono di
accorciare i tempi di cottura e di cura, ma che richiedono l’uso di sostanze quali il borace e
l’acido citrico, che – secondo il nostro modesto parere – finiscono col compromettere la
“naturalità” e la gentilezza sulla pelle del prodotto finito. In questo libro parliamo soltanto
dei metodi più “naturali” per fare sapone liquido: perché rischiare, quando quel che ci
vuole, in fondo, è solo un po’ di pazienza in più?

Il borace (tetraborato di disodio decaidrato, o sodio borato decaidrato, o


ancora sodio tetraborato decaidrato) è un composto minerale che si forma
naturalmente in alcune zone della terra come residuo dell’evaporazione di
laghi stagionali. Pur non essendo considerato tossico, a contatto con la pelle
può causare irritazione. La dispersione di borace nelle acque di scarico può
inoltre aumentare l’inquinamento da boro.

Il sapone liquido descritto in questo Capitolo è concettualmente simile al sapo kalinus che
veniva un tempo impiegato in ambito medico come detergente e blando disinfettante. Una
ricetta d’epoca per il sapo kalinus è riportata più avanti, come curiosità storica. Altre
versioni di sapo kalinus, alle quali venivano aggiunti allume di rocca (un composto di
alluminio e potassio solfato) e altri ingredienti con proprietà disinfettanti e cicatrizzanti,
costituivano in passato i saponi da barba “in pasta”, che qualcuno di voi ricorderà di aver
visto usare da genitori o nonni. Il sapone liquido prevede sempre due fasi di lavorazione:
per prima cosa, si prepara una pasta di sapone concentrata, che viene diluita in acqua calda
(tutta insieme o poca per volta) quando la reazione chimica è completa.

9.1 L’ingrediente cruciale: il potassio idrossido


Come si è accennato nel Capitolo 6, il sapone liquido si ottiene dalla saponificazione di
acidi grassi tramite l’aggiunta di una soluzione di idrossido di potassio (simbolo chimico
KOH). Senza idrossido di potassio (potassio idrossido), non è possibile ottenere saponi
liquidi di buona consistenza, e che rimangano fluidi anche a basse temperature.
È tuttavia possibile ottenere saponi liquidi di buona qualità utilizzando insieme soda
caustica e potassio idrossido.
Figura 9.1 – Gli strumenti per la realizzazione del sapone di due secoli fa.

In Italia, il potassio idrossido, che è il reagente utilizzato dai chimici per calcolare il valore
di saponificazione delle materie grasse, si trova soltanto presso rivenditori specializzati di
prodotti chimici per laboratori e usi industriali.
Come la soda caustica, il potassio idrossido è classificato come materiale pericoloso
(corrosivo), il che comporta restrizioni di trasporto e spedizione. Dovrete pertanto investire
un po’ di tempo per consultare gli elenchi telefonici e trovare un rivenditore vicino, che sia
disposto a vendere a privati, oppure chiedere ad amici e conoscenti che abbiano esperienza
in questo settore.
Il potassio idrossido che abbiamo usato per la “versione italiana” delle ricette riportate in
questo capitolo ha titolo 80 – ossia, è puro all’80% soltanto. Questa, infatti, sembra essere
la purezza massima disponibile per i privati, perlomeno a Milano!
Poiché tuttavia non è escluso che qualcuno di voi sia più fortunato e riesca a mettere le mani
su potassio idrossido praticamente “puro” (con titolo compreso tra 96 e 98), abbiamo
riportato per ciascuna ricetta le due quantità necessarie di potassio idrossido, a seconda del
titolo (80% puro o 96-98% puro).
Le formule per calcolare diverse quantità di potassio idrossido per tipi con titoli diversi
sono riportate nel Capitolo 10.

9.2 Il sapone liquido a freddo


La preparazione del sapone liquido a freddo è piuttosto semplice. Tuttavia, poiché ridurre
la quantità di alcale (o, come si dice in gergo, scontare la soda) può compromettere i
risultati, i saponi liquidi a freddo risultano meno adatti per uso personale e – secondo noi –
vanno riservati esclusivamente all’uso domestico.
Gran parte delle avvertenze e delle istruzioni per il sapone liquido a freddo valgono anche
per quello preparato col metodo a caldo; vi raccomandiamo pertanto una lettura attenta di
tutti i paragrafi che seguono.

Attrezzature speciali
Per il sapone liquido a freddo, è bene evitare attrezzi e contenitori di legno o metallo
(compresi molti tipi di acciaio inossidabile).
Come pentola del sapone si può usare un contenitore di plastica ad alta densità, resistente al
calore, oppure di vetro o porcellana da fuoco. Per mescolare la soluzione caustica, vanno
preferiti cucchiai o fruste di plastica resistente al calore, oppure bacchette di vetro da
laboratorio. La pasta di sapone può essere mescolata anche con fruste di acciaio
inossidabile, purchè non abbiano parti in alluminio o in altri metalli che potrebbero reagire
con l’alcale.
La pasta di sapone non diluita può essere conservata in vasi di vetro o barattoli di plastica a
bocca larga. Per diluire la pasta di sapone, avrete bisogno di una pentola di acciaio con
coperchio, abbastanza capace, di un cucchiaio a manico lungo (meglio se di plastica, ma va
bene in questo caso anche un cucchiaio di legno) e di abbastanza stracci o vecchie coperte
per isolare ben bene la pentola.
Il sapone liquido va preferibilmente conservato in flaconi o bottiglie di plastica con tappo
misuratore; potete riciclare per questo i contenitori vuoti dei detersivi e degli shampoo.

Ingredienti e dosi
L’unico ingrediente speciale obbligatorio per la preparazione del sapone liquido è il
potassio idrossido.
Per tutte le ricette che usano potassio idrossido, la quantità d’acqua necessaria per la
soluzione caustica è sempre superiore alla norma e si calcola in base al peso dell’alcale,
piuttosto che in rapporto alla quantità totale di grassi. Il nostro suggerimento è di calcolare
il peso dell’acqua in misura tripla del peso del potassio idrossido – ossia:

acqua = peso del KOH x 3

Per quanto riguarda il calcolo dell’alcale, il metodo a freddo richiede esattamente la


quantità necessaria per saponificare tutti i grassi utilizzati nella ricetta (ossia, non si sconta
mai la soda2).

In questa frase, comune tra saponai, soda indica per estensione tutti gli alcali
utilizzati per la saponificazione (in questo caso, dunque, anche il potassio
idrossido).

Nella scelta dei grassi di base, va tenuto presente che i risultati migliori, in termini di
trasparenza e fluidità del sapone liquido, si ottengono coi grassi insaturi. In particolare,
l’olio di ricino è un ingrediente preferito perché migliora la schiuma e la trasparenza;
contrariamente a quanto vale per le saponette, nel sapone liquido (soprattutto in quello
preparato a caldo) se ne può usare senza problemi fino al 20% del totale dei grassi.
Attenzione: I valori di saponificazione per il potassio idrossido non sono
uguali a quelli che valgono per la soda caustica (che è idrossido di sodio).
Se intendete sviluppare ricette personalizzate di sapone liquido o ricalcolare
le dosi di quelle qui riportate, fate riferimento alle colonne KOH nella
Tabella coi coefficienti di saponificazione di Capitolo 13. Nel Capitolo 10
si spiega come calcolare i coefficienti di saponificazione per potassio
idrossido con titolo di purezza diverso da quelli indicati.

Ingredienti facoltativi per il sapone liquido sono i cosiddetti sequestranti, ossia quelle
sostanze che favoriscono la dispersione degli ioni metallici più pesanti, aumentando
trasparenza e solubilità del sapone dopo la diluizione.
Tra i sequestranti meno dannosi, in termini di impatto sulla pelle e sull’ambiente, si
segnalano la glicerina, il comune zucchero da cucina e l’alcol etilico.
I sequestranti vanno aggiunti al sapone in piccole dosi, dopo aver diluito la pasta nella
giusta quantità di acqua. Indicativamente, i risultati migliori si ottengono combinando in
parti uguali alcol e zucchero (sciolto in poca acqua calda), oppure zucchero e glicerina, e
aggiungendo circa 20 grammi della miscela scelta per ogni litro di sapone. Nel metodo a
freddo, in assenza di fonti di calore esterno che “stimolino” la saponificazione, può
succedere che i grassi solidi affiorino in superficie troppo presto, solidificandosi senza
reagire col potassio idrossido.
Per questa ragione, nel sapone liquido preparato a freddo è meglio di norma evitare grassi
solidi, o utilizzarne solo piccole percentuali (non più del 10%), e mescolare energicamente
e frequentemente la pasta di sapone finché non si ottiene il “gel”.

Istruzioni passo per passo


Il sapone liquido si prepara sempre in due fasi: la prima è la preparazione della pasta, la
seconda è la diluizione.
Eventuali sequestranti vanno aggiunti dopo la diluizione e prima dell’imbottigliamento
finale, mentre il profumo (oli essenziali o fragranze) si aggiunge di solito dopo
l’imbottigliamento.

La pasta di sapone (a freddo)


1. Pesate i grassi in un contenitore di plastica ad alta densità, resistente al calore. Se la
ricetta comprende grassi solidi, fateli sciogliere immergendo il contenitore in un bagno
di acqua calda.
2. Preparate la soluzione di acqua e potassio idrossido, facendo attenzione a proteggervi
dai fumi e a evitare schizzi.
3. Quando i grassi solidi sono sciolti e la temperatura della soluzione caustica è scesa
intorno ai 70 gradi, versate la soluzione caustica nei grassi.
4. Mescolate con ritmo e continuità, stando attenti a non provocare schizzi, finché la pasta
di sapone comincia ad addensarsi.
Figura 9.2 – Un sapone liquido.

5. Lasciate riposare la miscela in un posto sicuro, fuori dalla portata di bambini e


animali, mescolandola periodicamente finché diventa e rimane perfettamente
omogenea.
6. A seconda dei grassi utilizzati, la pasta di sapone va mescolata ogni tanto per periodi
che vanno complessivamente dalle 24 ore ai 3-4 giorni. Se la ricetta comprende grassi
solidi, rimescolate spesso e bene per assicurare la saponificazione completa di tutti i
grassi.
7. Il sapone è tecnicamente pronto quando il miscuglio rimane omogeneo e assume un
aspetto gelatinoso, simile a quello della pasta di sapone cotta.
8. La pasta di sapone non diluita può essere conservata in contenitori ermetici a collo
largo fino a poco prima dell’uso.

Dalla pasta al liquido: diluizione e sequestranti


9. Una volta che il sapone è pronto per essere diluito, mettete a scaldare una pentola di
acciaio inossidabile con due volte tant’acqua quanto è il peso della pasta che volete
diluire (per esempio, un chilo d’acqua per 500 grammi di pasta di sapone).
10. Quando l’acqua bolle, aggiungete a cucchiaiate la pasta di sapone.
11. Lasciate scaldare finché l’acqua riprende l’ebollizione, mescolando ogni tanto.
12. Utilizzate un cucchiaio o un altro utensile a manico lungo, pulito, per rimescolare.
Non preoccupatevi se la pasta di sapone rimane a grumi, ma cercate di evitare che si
ammassi in un blocco unico.
13. Appena il miscuglio di acqua e pasta di sapone accenna a riprendere l’ebollizione,
togliete dal fuoco, coprite la pentola col suo coperchio e avvolgetela in una vecchia
coperta – oppure chiudetela in una scatola di cartone foderata di stracci, per tenerla
calda il più a lungo possibile.
14. Dopo circa 12 ore, controllate lo stato del sapone. Se i grumi di pasta sono sciolti
completamente, il sapone liquido è pronto per essere trasferito nei flaconi di plastica
che avrete preparato allo scopo. Se il sapone risultasse più opaco di quel che vi
piacerebbe, potete provare ad aggiungere un sequestrante (punti 17-18, ma fate
riferimento anche a quanto si dice nelle Avvertenze importanti più sotto) prima di
imbottigliarlo.
15. Se i grumi di pasta di sapone non sono sciolti completamente, rimettete la pentola sul
fuoco e ripetete i punti da 11 a 14, finché la pasta di sapone è completamente sciolta.
16. A seconda dei grassi utilizzati, la fase di diluizione richiede da poche ore a tre giorni.
Se fossero ancora presenti grumi di pasta di sapone dopo tre giorni, potete aggiungere
piccole quantità di acqua bollente fino alla completa diluizione.
17. Quando il sapone è completamente diluito, e prima di trasferirlo nei flaconi, potrete
aggiungere eventuali sequestranti. In questo caso, rimettete per prima cosa il sapone sul
fuoco e fatelo scaldare fino a 60ºC circa.
18. I sequestranti vanno aggiunti al sapone caldo in piccole quantità – per esempio, per
ogni chilo di sapone, mezzo cucchiaio di alcol e mezzo di zucchero, sciolto in poca
acqua bollente. Mescolate bene e lasciate decantare il sapone a pentola coperta.
19. Una volta che il sapone si sia raffreddato completamente, potrete travasarlo nei
contenitori finali e aggiungere eventuali profumi in ragione di non più di 25 millilitri
per chilo di sapone diluito. Aggiungete il profumo direttamente nel flacone, chiudete e
agitate bene per distribuirlo.

Avvertenze importanti
La reazione del potassio idrossido con l’acqua può essere ancora più virulenta di quella
della soda caustica. In particolare, può succedere che il potassio idrossido (specialmente
quello con titoli alti) “bolla” a contatto con l’acqua ed emetta sbuffi di vapore caustico
particolarmente violenti.
Anche la miscela di sapone fresca è più corrosiva di quella a base di soda caustica. È
dunque importante indossare abiti coprenti, guanti, mascherina e occhiali di protezione in
tutte le fasi durante le quali si lavora con l’alcale e con la pasta di sapone molto fresca.
Preparate sempre le soluzioni di potassio idrossido in un locale ben ventilato, ma al riparo
da correnti d’aria, che potrebbero disperdere i granuli di alcale.
Nelle fasi iniziali della preparazione della pasta a freddo, è normale che i grassi affiorino in
superficie dopo i periodi di riposo, e che il miscuglio ricordi vagamente una maionese
impazzita. La reazione di saponificazione col potassio idrossido avviene più lentamente che
in presenza di soda caustica e richiede pertanto tempi di rimescolamento più lunghi.
Inoltre, va ricordato che il sapone liquido non attraversa la fase cosiddetta del “nastro” e,
nel metodo a freddo, passa in sostanza da una fase “non omogenea” direttamente a una fase
simile a quella della pasta cotta dei saponi a caldo.
La pasta di sapone preparata col metodo a freddo va lasciata riposare per almeno due
settimane prima dell’uso, o più a lungo se dopo questo periodo il sapone risultasse ancora
troppo alcalino. La prova dell’alcalinità può essere effettuata scientificamente, con delle
cartine reagenti che misurino il pH in incrementi di mezzo punto, oppure empiricamente,
come descritto nel Capitolo 10.
Va comunque ricordato che il sapone liquido preparato a freddo difficilmente avrà un pH
inferiore a 10,5, ed è pertanto sconsigliato per i saponi destinati all’igiene personale.
Prima dell’uso, la pasta di sapone va sempre diluita in acqua bollente, di solito in ragione
di una parte di pasta per 2 parti di acqua. Pertanto, ogni chilo di pasta di sapone dà circa 3
chili di sapone liquido “finito”.
A queste concentrazioni, il sapone liquido ha consistenza diversa a seconda dei grassi
utilizzati.
In genere, i grassi insaturi e quelli animali danno un sapone più viscoso o pastoso, mentre
alcuni grassi saturi (e in particolare l’olio di cocco) danno saponi liquidi molto fluidi. Non
lasciatevi ingannare, però, dall’apparente “acquosità” del vostro sapone liquido! In
concentrazione 1:2 (ossia, un chilo di pasta per due chili di acqua), il sapone liquido fatto in
casa è altrettanto, se non più potente dei detergenti sintetici cosiddetti “concentrati”.
L’aggiunta di sequestranti è consigliata solo se puntate a un sapone liquido che sia il più
trasparente possibile. Ricordate a questo proposito che il sapone naturale liquido non è mai
incolore, ma assume colorazioni che vanno dal giallo paglierino al bruno rossiccio o
verdastro, a seconda dei grassi usati. Il sapone liquido fatto con alte percentuali di olio di
palma e grassi animali può risultare completamente opaco, di colore bianco e con sfumature
madreperlacee.
La fase di decantazione, che va prevista solo dopo l’eventuale aggiunta dei sequestranti,
serve per lasciar precipitare sul fondo eventuali ioni metallici pesanti, insolubili.
Se volete che il vostro sapone finito sia perfettamente trasparente, prestate pertanto
attenzione a non disturbare il deposito quando imbottigliate il sapone.
L’aggiunta di oli essenziali (e di certe fragranze sintetiche) può facilmente modificare la
viscosità e la trasparenza del sapone. In particolare, gli oli essenziali di eucalipto e
rosmarino tendono a ispessire il sapone, mentre certi tipi di lavanda e di agrumi lo rendono
più acquoso. Poiché anche piccole quantità di oli essenziali “coagulanti” possono rendere il
sapone troppo denso per essere versato, è sempre preferibile conservarlo in flaconi di
plastica flessibile e aggiungere il profumo dopo aver imbottigliato il sapone.
Se volete conservare il sapone liquido in flaconi dosatori del tipo a pompa, vi suggeriamo
di non riempirli mai per più di tre quarti della loro capacità, in modo da aver spazio per
aggiungere dell’acqua se il sapone fosse troppo denso per passare dalla pompa.
Il sapone non è (in genere) soggetto a deterioramento per effetto di funghi, batteri o altri
microorganismi dannosi. Poiché la pasta di sapone preparata a freddo non contiene grassi in
eccesso, non è soggetta nemmeno a ossidazione e si conserva praticamente all’infinito in
vasi di vetro o plastica a bocca larga, tenuti in luogo fresco e al riparo dalla luce. Per
evitare problemi, è comunque meglio consumare il sapone, una volta diluito, nel giro di 6
mesi. Se temete che i vostri livelli di consumo siano più bassi, e che la quantità diluita
ottenuta con una determinata ricetta possa durare molto più di sei mesi, vi suggeriamo di
diluire piccole quantità di pasta per volta.

Ricetta: Mezzo Marsiglia

% Ingredienti Quantità 1 Quantità 2


Per la pasta di sapone (fase 1):
50 Olio di oliva 250 g 250 g
46 Olio di semi di girasole 230 g 230 g
4 Olio di ricino 20 g 20 g
Potassio idrossido (KOH) titolo 80 118 g
oppure
Potassio idrossido (KOH) titolo 96-99
Acqua (per la soluzione caustica) 280 g 280 g
Per diluire la pasta (fase 2):
Acqua – circa 1600 g 1600 g
Ingredienti facoltativi (sequestranti):
Zucchero, sciolto in 50 ml di acqua bollente 30 g 30 g
Alcol etilico o denaturato 30 g 30 g
Sconto soda: 0%

Come si è detto, il sapone liquido preparato col metodo a freddo non sopporta bene lo
sconto della soda, e va usato di preferenza per il bucato e le pulizie di casa.
La ricetta per il Mezzo Marsiglia, che dà almeno due chili di sapone diluito, è
particolarmente adatta a questi scopi e, nel rapporto di diluizione suggerito, dà un sapone
liquido piuttosto concentrato, che offre risultati eccellenti sia in lavatrice, sia come
detersivo per stoviglie e superfici lavabili in genere. Prima di mettervi al lavoro per
realizzare la ricetta, controllate il grado di purezza (titolo) del vostro KOH e scegliete di
conseguenza la quantità corretta dalla colonna Quantità 1 o Quantità 2.
Eventuali considerazioni sull’aspetto finale di un sapone destinato alle pulizie di casa sono
superflue; tuttavia, l’aggiunta di una miscela di zucchero e alcol, come sequestrante, a
questo tipo di saponi può renderli ancora più efficaci, soprattutto in presenza di acque dure.

Suggerimenti sull’uso del sapone liquido fatto a mano nelle pulizie di casa
sono riportati alla fine di questo capitolo e nel volume Cura naturale della
casa, pubblicato in questa stessa collana.
9.3 Il sapone liquido a caldo
Nella manifattura industriale dei saponi liquidi, che segue un procedimento a caldo simile a
quello illustrato più avanti, e in tutti i testi sinora disponibili sul sapone liquido fatto a
mano, si usano per la preparazione della pasta quantità di alcale (KOH) più alte di quanto
richiesto dai valori di saponificazione dei grassi utilizzati. Questo espediente, che taluni
chiamano “eccesso di alcali”, garantisce che, al termine della cottura e della diluizione
della pasta, tutte le molecole degli acidi grassi siano trasformate in sale-sapone.
Il sapone liquido preparato con quei criteri contiene, ovviamente, una parte di alcali non
saponificati – e risulta pertanto molto più alcalino di quanto la nostra pelle potrebbe
tollerare.
Per questo motivo, è necessaria un’ulteriore fase di lavorazione, nella quale si opera la
“neutralizzazione” del liquido attraverso i cosiddetti “regolatori del pH” – ossia, delle
sostanze acide, come per esempio l’acido citrico, che consentono di abbassare il pH e
portarlo a valori normali (per il sapone).

Il termine “neutralizzazione”, utilizzato per descrivere l’operazione di


normalizzazione dei valori del pH nel sapone, non va confuso con il concetto
di “pH neutro”. Informazioni dettagliate sui valori normali di pH per il
sapone sono riportate nel prossimo Capitolo.
Come abbiamo accennato in apertura di Capitolo, la nostra preferenza, e la filosofia che sta
alla base di questi testi, è invece di puntare a ottenere saponi che siano quanto più naturali
(e gentili con la pelle) possibile. Pertanto, abbiamo messo a punto dei metodi di
preparazione che consentono di ottenere saponi con pH “naturalmente” più basso, senza
richiedere l’aggiunta di regolatori di pH, né di sequestranti.
Nel sapone liquido preparato col nostro metodo a caldo, si riduce leggermente la quantità
degli alcali per ottenere un prodotto finito che risulti “per definizione” meno alcalino, e
dunque più gentile per la pelle, sia di quello ottenuto col metodo a freddo sopra descritto,
sia – soprattutto – di tutti i saponi liquidi realizzati coi metodi a caldo tradizionali.
La cottura, che richiede sempre tempi piuttosto lunghi, e che va continuata per almeno 4 ore
in presenza di olio di ricino, accelera la saponificazione completa; quando lo sconto della
soda (che in questo caso riguarda anche il potassio idrossido) è calcolato correttamente, la
lavorazione a caldo della pasta assicura che i grassi in eccesso rimangano uniformemente
distribuiti sia nella pasta di sapone, sia nel sapone diluito.
L’uso combinato di soda caustica e di potassio idrossido, nel nostro metodo a caldo, riduce
al minimo i due problemi più comuni nella preparazione di sapone liquido: la difficoltà nel
raggiungere la fase cosiddetta di ammassamento, e l’affioramento dei grassi in eccesso nel
sapone diluito, al quale alcuni fanno riferimento come a separazione del sapone.

Attrezzature speciali
Oltre alle attrezzature comuni per il sapone (indumenti di sicurezza, guanti, occhiali e
mascherina, bilancia, termometri, frullatore a immersione eccetera), per il sapone liquido a
caldo servono:
un recipiente, di vetro o plastica resistenti al calore, per preparare la soluzione
caustica;
una caldaia per il bagnomaria, che possa contenere interamente la pentola per il
sapone;
un coperchio per la caldaia, oppure degli stracci per coprirla;
una pentola di acciaio inossidabile per il sapone, con coperchio, di almeno 3 litri di
capacità;
un paio di cucchiai o spatole col manico lungo, di acciaio inossidabile o di plastica
resistente al calore;
una frusta da pasticceria, di plastica resistente al calore o di acciaio inossidabile;
un paio di vecchie coperte, oppure stracci in abbondanza, per tenere al caldo la pasta
prima, e il sapone in fase di diluizione poi;
se non avete vecchie coperte, potete realizzare una “scatola isolante” con una
qualunque scatola di cartone, abbastanza grande da contenere la pentola del sapone
avvolta in numerosi stracci, oppure in vecchi giornali (su tutti i lati, sul fondo e al di
sopra).

Ingredienti e dosi
Come abbiamo detto, nel nostro metodo a caldo per il sapone liquido si usano insieme soda
caustica e potassio idrossido. Le formule per calcolare le quantità richieste per ricette
personalizzate sono illustrate nel prossimo Capitolo. Per il calcolo dell’acqua, si triplica il
peso totale degli alcali e lo si arrotonda per difetto ai 10 grammi inferiori; per esempio, se
il peso totale degli alcali fosse di 116 grammi, si useranno 340 grammi di acqua per
preparare la soluzione caustica.

L’arrotondamento ai 10 grammi inferiori vale per quantità di sapone


“familiari”, ossia da mezzo chilo a un chilo e mezzo di pasta di sapone per
volta, calcolando il peso totale di tutti gli ingredienti. Per quantità più alte, si
possono applicare arrotondamenti più grandi.

La scelta dei grassi di base dipende sostanzialmente dai gusti. Tuttavia, poiché si presume
che il sapone liquido a caldo sia sempre destinato a usi personali, può essere utile ricordare
che i risultati migliori, in termini di trasparenza e fluidità, si ottengono con l’olio di oliva
(di tutti i tipi, compreso quello di sansa e le miscele di sansa e oliva) e i grassi insaturi in
generale.
Ottimi risultati, in termini di schiumosità e trasparenza del sapone, si ottengono utilizzando
olio di ricino in percentuali comprese tra il 10% e il 20%. Tutte le ricette che contengono
olio di ricino richiedono tuttavia tempi di cottura più lunghi (almeno 4 ore dal momento in
cui il sapone liquido arriva alla fase del “gel”).
L’olio di cocco, che è spesso difficile sostituire nelle saponette, dà saponi liquidi piuttosto
deludenti: a fronte di una buona schiuma, i saponi liquidi al cocco hanno un odore
sgradevole e una consistenza molto fluida, senza grandi vantaggi sugli altri tipi di sapone
liquido.
Per i sequestranti, si rimanda a quanto già detto a proposito del sapone liquido a freddo. Va
solo aggiunto che lo zucchero può essere utilizzato anche come “arricchitore della schiuma”
nelle ricette che non contengono olio di ricino né di cocco, o che ne contengono meno del
10% (individualmente o combinati).

Istruzioni passo per passo


Come per quello a freddo, anche il sapone liquido a caldo si prepara in due fasi principali:
nella prima si prepara e si cuoce la pasta, nella seconda la si diluisce per ottenere il sapone
liquido finito. A differenza del metodo a freddo, la pasta di sapone cotta attraversa tuttavia
una fase intermedia, detta di “ammassamento”, poco prima di raggiungere la cosiddetta fase
del gel. Come vedrete più avanti, l’ammassamento è un momento critico per la pasta di
sapone. Anche nel metodo a caldo, eventuali sequestranti vanno aggiunti dopo la diluizione
e prima dell’imbottigliamento finale, mentre il profumo (oli essenziali o fragranze) si
aggiunge di preferenza dopo l’imbottigliamento.

La pasta di sapone (a caldo)


1. Pesate la pentola del sapone vuota e prendete nota del suo peso.
2. Pesate i grassi direttamente nella pentola per il sapone.
3. Preparate la caldaia per il bagnomaria, aggiungendovi una quantità d’acqua sufficiente a
tenere immersa la pentola del sapone fino al livello di riempimento.
4. Mettete la caldaia sul fornello e portate l’acqua a ebollizione.
5. Immergete la pentola del sapone nella caldaia per scaldare i grassi ed eventualmente far
sciogliere quelli solidi a temperatura ambiente.
6. Nel frattempo, bardatevi con l’abbigliamento di sicurezza e pesate gli alcali (in un unico
contenitore) e l’acqua (nel contenitore per la soluzione caustica).
7. Preparate la soluzione caustica, versando gli alcali nell’acqua poco per volta,
mescolando molto bene e facendo attenzione a evitare schizzi.

Figura 9.3 – La pesata dei grassi.

8. Quando gli alcali sono completamente sciolti e la soluzione caustica è tornata trasparente,
aggiungetela lentamente ai grassi, rimescolando con la frusta e facendo attenzione a
evitare schizzi. Se preferite, per effettuare quest’operazione potete togliere la pentola del
sapone dalla caldaia e appoggiarla sul piano di lavoro.
9. Mettete da parte la frusta, ma tenetela a portata di mano (per esempio, dentro il
contenitore dove avete preparato la soluzione caustica): vi servirà di nuovo!
10. Mescolate col frullatore a immersione per un paio di minuti, e lasciate riposare per tre-
cinque minuti.
11. Rimettete (se l’avevate tolta) la pentola del sapone nella caldaia e ripetete ciclicamente,
allungando progressivamente i tempi di riposo: due minuti col frullatore a immersione, da
5 a 20 minuti di riposo.
12. Regolate la fiamma sotto la caldaia, in modo che l’acqua sobbollisca appena.
13. Man mano che mescolate e lasciate riposare, il miscuglio comincia a ispessirsi e a
prendere un aspetto simile a quello della maionese impazzita. A seconda dei grassi
utilizzati, questa fase richiede dai 20 ai 60 minuti.
14. Poco per volta, il miscuglio di grassi e soluzione caustica si ispessisce al punto da non
consentire più l’uso del frullatore a immersione senza creare bolle d’aria; a questo punto,
coprite la pentola del sapone col suo coperchio e mettete da parte il frullatore a
immersione, che non vi servirà più.
15. Rimescolate la mistura con la frusta ogni venti minuti-mezz’ora, facendo attenzione a
spingere la frusta fino al fondo e ai bordi della pentola e ad amalgamare per bene tutta la
massa.
16. Controllate periodicamente il livello dell’acqua nella caldaia, in modo che sia sempre
sufficiente a tenere immersa la pentola del sapone fino al livello di riempimento, e non
preoccupatevi se, in queste fasi, il miscuglio continua a ricordarvi una maionese
impazzita.
17. Poco per volta, la quantità di grassi liberi diminuisce e la massa saponosa diventa man
mano più densa, fino a raggiungere una consistenza cremosa e liscia, simile a una
besciamella spessa.
18. Quando notate che non ci sono più grassi “liberi” che galleggiano sulla superficie del
miscuglio, e la pasta di sapone ha preso un aspetto liscio e cremoso, che ricorda la
besciamella o una crema pasticcera, si è raggiunta la fase cosiddetta dell’ammassamento.
A seconda dei grassi utilizzati, questa fase si raggiunge in tempi che vanno da una a tre
ore dall’inizio della lavorazione.

Attenzione: Tra la fase cosiddetta di ammassamento e il momento in cui la


pasta di sapone avrà raggiunto la fase del gel, l’acqua della caldaia va
mantenuta al di sotto della temperatura di ebollizione. Aggiungete
periodicamente un po’ di acqua fredda nella caldaia, o spegnete
temporaneamente la fiamma, e non perdete mai d’occhio la pentola del
sapone: se la temperatura sale troppo, la pasta di sapone si gonfia e potrebbe
fuoriuscire dalla pentola.

19. Date una rimescolata energica alla crema di sapone e controllate che non ci siano liquidi
“nascosti” sul fondo della pentola.
20. Rimettete il coperchio e continuate la cottura a fiamma bassissima, controllando e
mescolando periodicamente finché la pasta di sapone avrà assunto un aspetto traslucido
(fase del gel).
21. Da questo punto in poi, la cottura della pasta serve sostanzialmente a garantire che la
saponificazione si completi, e che il sapone rimanga omogeneo e assuma una buona
trasparenza una volta diluito. La fiamma va tenuta al minimo e, se l’acqua nella caldaia
bolle troppo vivacemente, potete spegnere la fiamma periodicamente e tenerla spenta per
10-15 minuti, senza spostare le pentole.
22. Per mantenere il calore uniformemente e non prolungare inutilmente i tempi di cottura,
coprite anche la caldaia col suo coperchio, e mettete sopra il coperchio della caldaia uno
straccio ripiegato.
23. Continuate la cottura fino a quando la pasta di sapone, mettendone un pochino su un
cucchiaio e lasciandola raffreddare, rimane trasparente. A seconda dei grassi utilizzati, la
pasta di sapone va cotta dalle 2 alle 6 ore, calcolate dal momento in cui avete notato il
gel per la prima volta.
24. Per verificare la trasparenza del sapone dopo la diluizione, fate cadere un grumo di
pasta in un pentolino con dell’acqua bollente. Se l’acqua ritorna trasparente dopo che il
sapone si è sciolto del tutto, la pasta di sapone è pronta.
25. Spegnete la fiamma e togliete la pentola dalla caldaia. Avvolgetela in un paio di vecchie
coperte, per mantenere il calore il più a lungo possibile, e lasciatela riposare nella
“scatola isolante” o in un angolo caldo fino al giorno dopo.

Dalla pasta al liquido: diluizione e sequestranti


26. Liberate la pentola del sapone dallo strato di stracci o coperte che la isolavano, togliete
il coperchio e pesatela. Sottraete dal peso totale (pentola + sapone) la tara, ossia il peso
della pentola a vuoto che avevate annotato all’inizio delle operazioni.
27. Mettete a scaldare, nella caldaia (che avrete risciacquato nel frattempo), due volte
tant’acqua quanto è il peso della pasta di sapone.
28. Quando l’acqua bolle, versatela nella pentola con la pasta di sapone, mescolando con
un cucchiaio di legno o con un altro utensile a manico lungo, pulito. Non preoccupatevi
se la pasta di sapone rimane a grumi, ma cercate di evitare che si ammassi in un blocco
unico.
29. Mettete la pentola sul fuoco diretto e lasciate scaldare finché il miscuglio si avvicina
all’ebollizione.
30. Togliete dal fuoco, coprite la pentola col suo coperchio e riavvolgetela nella coperta o
negli stracci, per tenerla calda il più a lungo possibile.
31. Dopo un paio d’ore, controllate lo stato del sapone. Se i grumi di pasta sono sciolti
completamente, il sapone liquido è pronto per essere trasferito nei flaconi di plastica che
avrete preparato allo scopo. Se il sapone risultasse più opaco di quel che vi piacerebbe,
potete provare ad aggiungere un sequestrante (punti 34 e 35) prima di imbottigliarlo.
32. Se i grumi di pasta di sapone non sono sciolti completamente, rimettete la pentola sul
fuoco e ripetete i punti da 29 a 31, finché la pasta di sapone è completamente sciolta.
33. A seconda del tipo di grassi utilizzati, la fase di diluizione richiede da poche ore a un
paio di giorni. Se fossero ancora presenti grumi di pasta di sapone dopo due giorni,
potete aggiungere piccole quantità di acqua bollente fino alla completa diluizione.
34. Quando il sapone è completamente diluito, e prima di trasferirlo nei flaconi, potete
aggiungere eventuali sequestranti. Preparate una miscela di zucchero (sciolto in poca
acqua bollente) e glicerina in parti uguali, in ragione di un cucchiaio in totale per ogni
chilo di sapone diluito.
35. Rimettete sul fuoco e fate scaldare il sapone fino a 60ºC prima di aggiungere la miscela
sequestrante. Mescolate bene e lasciate decantare il sapone a pentola coperta.
36. Una volta che il sapone si sia raffreddato completamente, potrete travasarlo nei
contenitori finali e aggiungere eventuali profumi (oli essenziali o fragranze), in ragione di
non più di 25 millilitri per chilo di sapone diluito. Aggiungete il profumo direttamente nel
flacone, chiudete e agitate bene per distribuirlo.

Avvertenze importanti
Al sapone liquido preparato col metodo a caldo si applicano le stesse avvertenze riportate
per il metodo a freddo, con le seguenti differenze:

La pasta di sapone è pronta (ossia, completamente saponificata) al termine della prima


fase di isolamento. Questo “trucco” di tenere al caldo la pasta di sapone evita i tempi
di cottura molto più lunghi (da 4 a 12 ore) necessari per i metodi a caldo che non
prevedono l’isolamento.
Il pH del sapone liquido ottenuto col metodo a caldo qui descritto oscilla di solito tra
8,5 e 9,5. Se il pH del vostro sapone liquido fosse più alto, è probabile che si sia
verificato un errore nei dosaggi, o che i tempi di cottura fossero insufficienti. Poiché
regolare il pH del sapone finito non è semplicissimo, vi suggeriamo in questi casi di
destinare il sapone alle pulizie di casa.
Se decidete di aggiungere sequestranti o arricchitori della schiuma, vi consigliamo di
limitare la scelta a zucchero e glicerina, in quanto l’alcol potrebbe seccare le pelli
particolarmente sensibili.

Ricetta: Castiglia liquido

% Ingredienti Quantità 1 Quantità 2


Per la pasta di sapone (fase 1):
90 Olio di oliva 450 g 450 g
10 Olio di ricino 50 g 50 g
Potassio idrossido (KOH) titolo 80 68 g
oppure
Potassio idrossido (KOH) titolo 96-99 54 g
Soda caustica (NaOH) 26 g 26 g
Acqua (per la soluzione caustica) 240 g 240 g
Per diluire la pasta (fase 2):
Acqua – circa 1700 g 1700 g
Ingredienti facoltativi (sequestranti):
Zucchero, sciolto in 50 ml di acqua bollente, oppure glicerina 50 g 50 g
Sconto soda: 3% circa

Col procedimento sopra descritto, è possibile preparare del sapone liquido trasparente e
delicato sulla pelle, senza bisogno di aggiungere ingredienti potenzialmente rischiosi – quali
l’acido citrico o l’acido borico, che sono indispensabili con altri metodi per rettificarne
l’alcalinità. Questa ricetta non richiede sequestranti ed è particolarmente adatta a saponi
“universali”, adatti sia per la pulizia personale, sia per le faccende domestiche. Le dosi
sopra riportate consentono di ottenere circa 2 litri e mezzo di sapone liquido (concentrato).
Prima di mettervi al lavoro, controllate il grado di purezza (titolo) del vostro KOH e
scegliete di conseguenza la quantità corretta dalla colonna Quantità 1 o Quantità 2.

Ricetta storica: Sapo kalinus

Ingredienti Parti
Olio di semi di lino 40
Potassio idrossido (KOH) titolo 96-99 9
Acqua (per la soluzione caustica) 45
Alcol

La ricetta per il sapo kalinus qui riportata è stata adattata dalla versione descritta nel
codice farmaceutico pubblicato dall’ordine dei farmacisti britannici nel 1911 e viene fornita
più come “curiosità storica” che altro. Il termine ufficiale Sapo Kalinus della farmacopea
tedesca corrisponde al Linseed Oil Soap o Potash Soap della farmacopea britannica, e al
Sapo Mollis della farmacopea americana, che costituivano la base delle soluzioni detergenti
usate in campo medico. La soluzione acquosa della pasta di sapo kalinus, preparata a caldo,
è quasi completamente trasparente e mostra una reazione di tipo alcalino con le cartine al
tornasole. La pasta, sciolta in alcol caldo, non dovrebbe lasciare più del 3% di residui
insolubili.

Figura 9.2 – Una saponeria del Settecento.


Procedimento
1. Scaldate a bagnomaria l’olio di semi di lino fino a una temperatura di 70ºC.
2. Diluite il potassio idrossido nell’acqua e scaldate la soluzione a 70ºC.
3. Versate la soluzione caustica nell’olio e mescolate bene.
4. Aggiungete l’alcol, mescolando in continuazione, e tenete in caldo la mistura,
trasferendola eventualmente in un bagno di sabbia.
5. Quando un grumo di sapone si scioglie in acqua bollente senza che affiorino particelle
di olio, il sapone è pronto.
6. Lasciate raffreddare e trasferite in contenitori adatti.

9.4 Il sapone liquido nelle pulizie domestiche


Il sapone liquido fatto in casa può essere impiegato, con risultati a volte strabilianti, come
detersivo universale per tutte le pulizie domestiche.
In lavatrice, il sapone naturale liquido, soprattutto se preparato con buone proporzioni di
olio di oliva e grassi animali, ha grande forza pulente e va usato in dosi leggermente ridotte
rispetto ai comuni detersivi. Come con tutti i tipi di sapone naturale, il bucato non richiederà
l’aggiunta di ammorbidenti. Un paio di cucchiai di bicarbonato, durante la fase di lavaggio,
aiutano a pulire in profondità i capi molto sporchi e fungono da “addolcente” per le acque di
scarico. L’aggiunta di un bicchiere di aceto nella vaschetta dell’ammorbidente contribuisce
a proteggere i colori e a tener pulita la lavatrice.
Figura 9.5 – Preparazione del sapone liquido per il bucato.

Per la lana e i delicati che preferite lavare a mano, aggiungete al sapone qualche goccia di
olio essenziale di lavanda o eucalipto per donare ai capi un profumo di pulito che non piace
alle tarme. In cucina, il sapone liquido sostituisce egregiamente il detersivo dei piatti e,
combinato con bicarbonato e soda da bucato, il detergente per la lavastoviglie.
I risultati migliori per i piatti a mano si ottengono con sapone liquido preparato a caldo e
con un 3% di sconto soda, come nella ricetta riportata più sopra per il Castiglia liquido.
L’aggiunta di qualche goccia di olio essenziale di limone, lemon myrtle o menta piperita
aiuta a deodorare i piatti… e tiene lontane eventuali formiche che minacciassero il lavello!
In una ricetta per la lavastoviglie che funziona, senza produrre troppa schiuma, si mescolano
2 parti ciascuno di bicarbonato e soda da bucato con 1 parte di sapone liquido,
preferibilmente preparato col metodo a freddo o comunque senza sconto soda, e si usano
non più di due cucchiai di questa mistura per ogni carico. Mezzo bicchiere di aceto nella
vaschetta del brillantante (oppure aggiunto direttamente all’acqua del risciacquo) vi darà
bicchieri scintillanti ed eliminerà gli odori. Il sapone liquido fatto a mano può inoltre essere
impiegato come detersivo per pavimenti (non più di mezzo cucchiaio in un secchio d’acqua
calda) e per tutte le superfici lavabili.
Capitolo 10

Il laboratorio del sapone

In questo capitolo abbiamo raccolto


informazioni tecniche, più o meno Sommario
specializzate, che riguardano aspetti
aspetti generici e specifici dei vari • Il calcolo degli ingredienti
metodi per fare il sapone. I • Temperature di miscela e condizioni ambientali
suggerimenti per scegliere le corrette • Controlli di qualità
temperature di miscela, controllare il • Segreti del mestiere
pH del sapone, identificare eventuali
problemi, pulire gli attrezzi e recuperare gli scarti possono interessare tutti coloro che si
cimentano nell’arte del sapone fatto in casa, mentre le istruzioni per calcolare la quantità di
alcali necessaria per una certa quantità di grassi e scontare la soda riguardano soprattutto
chi intendesse sviluppare nuove ricette.
10.1 Il calcolo degli ingredienti
Nel mettere a punto una nuova ricetta, le prime operazioni (dopo aver scelto il tipo di grassi
da usare e le rispettive quantità) riguardano il calcolo dei quantitativi di alcale e acqua per
preparare la soluzione caustica.

Ricordate che, tra saponai, scontare la soda indica l’operazione che si


effettua per aumentare la quantità di grassi non saponificati che rimangono
nel sapone finito. In questo contesto, soda indica per estensione tutti gli
alcali utilizzati per la saponificazione e, dunque, sia l’idrossido di sodio, sia
il potassio idrossido.

Di scelta dei grassi in funzione di diversi tipi di sapone, da destinare a scopi diversi, si
parlerà più avanti. In questa sede, analizziamo le operazioni necessarie per il calcolo
matematico degli ingredienti per la soluzione caustica.

Il calcolo degli alcali


Ogni grasso ha uno specifico coefficiente di saponificazione (spesso abbreviato in SAP); in
chimica, questo valore corrisponde alla quantità di idrossido di potassio (KOH) necessaria
per trasformare in sapone un grammo di quel grasso.
Poiché, come si è visto nella pagine precedenti, il sapone fatto a mano richiede alcali
diversi, a seconda che si vogliano ottenere saponette o sapone liquido, in una delle tabelle
del Capitolo 13 si riportano per ciascun grasso i tre coefficienti che interessano i saponai
domestici: quello per la soda caustica (NaOH) e quelli per il potassio idrossido (KOH)
nelle due concentrazioni più comunemente disponibili. Per calcolare la quantità di soda
necessaria per saponificare un certo quantitativo di grassi, è dunque sufficiente moltiplicare
il peso del grasso per il relativo coefficiente NaOH o KOH, rilevato dalla suddetta Tabella.
Per esempio, poiché l’olio di oliva ha un coefficiente NaOH pari a 0,134, se voglio sapere
quanta soda mi serve per saponificarne un intero chilo (e farne saponette) devo moltiplicare
0,134 per mille – e il risultato è 134 grammi.
Analogamente, se voglio saponificare un chilo di olio di oliva per farne sapone liquido, e
intendo usare soltanto potassio idrossido, moltiplicherò il peso dell’olio per il relativo
coefficiente KOH, ossia per 0,188 (se il potassio idrossido ha titolo 96-98), oppure per
0,235 se il potassio idrossido ha titolo 80. I risultati sono rispettivamente 188 grammi e 235
grammi.
Figura 10.1 – Carta, penna, calamaio e… calcolatrice.

Quando la ricetta comprende più grassi, il calcolo degli alcali va fatto separatamente per
ciascun grasso, e l’arrotondamento si opera solo sul totale dei valori ottenuti. Immaginiamo
per esempio una ricetta (per saponette) che contenga 800 grammi di olio di oliva, 170
grammi di olio di riso e 30 grammi di olio di ricino. In questo caso, vanno svolte quattro
operazioni: tre moltiplicazioni, per trovare le tre quantità (pesi) di alcale necessarie per
ciascun peso di grasso, e un’addizione per ottenere il peso totale di alcale richiesto per la
ricetta:
1. Olio di oliva 800 grammi * 0,134 (SAP NaOH) = 107,2 grammi
2. Olio di riso 170 grammi * 0,130 (SAP NaOH) = 22,1 grammi
3. Olio di ricino 30 grammi * 0,128 (SAP NaOH) = 3,84 grammi
4. 107,2 + 22,1 + 3,84 grammi = 133,14 grammi

Il totale di alcale necessario (NaOH in questo caso) è dunque di 133,14 grammi, e il


risultato del calcolo di esempio ci dà la quantità di soda necessaria per saponificare tutti i
grassi usati. Poiché le comuni bilance da cucina non pesano le frazioni di grammo, e la
prudenza suggerisce di non eccedere con l’alcale, questo valore dovrà essere arrotondato –
vediamo come nel paragrafo che segue.

Lo sconto della soda


Come abbiamo detto nei Capitoli precedenti, nessun saponaio usa la quantità di soda esatta
richiesta per saponificare interamente i grassi: per motivi di sicurezza, e soprattutto per
garantire che il sapone sia gentile sulla pelle, si preferisce procedere al cosiddetto sconto
della soda o, come si dice in inglese, superfatting.

Le due sole eccezioni a questa regola sono i saponi semitrasparenti


(Capitolo 8) e i saponi liquidi a freddo (Capitolo 9).
Quest’operazione, che viene effettuata in percentuale sul peso della soda trovato come
spiegato più sopra, consente di lasciare intatta, nel sapone finito, una parte degli acidi grassi
e ottenere così un prodotto più ricco, con un pH più basso e dunque molto più gentile sulla
pelle. La formula per calcolare il peso della soda scontata (ossia, la quantità ridotta da
utilizzare) è la seguente:
Peso della soda scontata = [SAP totale * (100 – sconto)] / 100 dove a “SAP totale” si
sostituisce il peso della soda trovato con la formula illustrata nel paragrafo precedente,
nella quale vanno calcolati tutti i grassi utilizzati. Tornando all’esempio di prima, e
immaginando di voler scontare la soda del 6%, l’operazione finale per determinare la
quantità di soda scontata sarà pertanto:

Peso soda scontata al 6% = [133,14 grammi * (100 – 6)]/100


Peso soda scontata al 6% = 133,14 grammi * 94/100 = 125,1516 grammi

Per “tutti i grassi utilizzati”, si intendono sempre sia i cosiddetti grassi di


base, sia eventuali oli o grassi nutrienti che si decidesse di tenere da parte
fino al momento del nastro. Gli unici oli che non vanno mai inclusi nel
calcolo della soda sono gli oli essenziali e quelli fragranti (profumi
sintetici).

Riducendo l’espressione, si ottiene la formula breve comunemente utilizzata, che è la


seguente:
Peso soda scontata al 6% = 133,14 grammi * 0,94

ossia

Peso soda scontata all’x% = (peso soda totale) * 0,(100-x)

Gli stessi calcoli valgono per i valori KOH nei saponi liquidi, dove tuttavia lo sconto
massimo applicabile, se si vuole evitare l’affioramento dei grassi in eccesso, è il 3%.
Per quanto riguarda le saponette, le percentuali di sconto più usate ed efficaci sono di solito
comprese tra il 5% e il 7%; se si vuole un sapone particolarmente ricco e delicato, si può
arrivare anche all’8% o al 9%. Nonostante l’opinione di alcuni, è meglio non superare
questi valori, perché i saponi eccessivamente scontati rischiano di irrancidire troppo in
fretta. Di contro, si scende sotto il 3% – e si arriva ad azzerare lo sconto – quando si vuole
un sapone più pulente, che sia adatto, per esempio, al bucato e alla pulizia della casa.
Percentuali di sconto relativamente basse (dal 3% al 5%) sono preferibili anche per gli
shampoo solidi.
Un’eccezione alla regola è la percentuale di sconto da applicare per le saponette fatte con
solo olio di cocco: per evitare che secchino la pelle, lo sconto della soda va portato al
15%.
Percentuali di sconto proporzionalmente più alte della norma vengono applicate anche per
tutti i saponi solidi che comprendono grasso di cocco in misura superiore al 30%. Va detto
tuttavia, a questo proposito, che ci sembra decisamente preferibile evitare saponi che
contengano grandi quantità di grassi che, come il cocco, non sono disponibili localmente e
possono pertanto rappresentare un costo eccessivo in termini di impatto ambientale.

Calcoli particolari per i saponi liquidi


L’uso alcali nei saponi liquidi richiede un paio di considerazioni speciali.
La prima riguarda il calcolo dei coefficienti di saponificazione quando si utilizza potassio
idrossido (KOH) con titoli di purezza diversi da quelli riportati nella Tabella di Capitolo
13. In questi casi, il coefficiente di saponificazione per ciascuno dei grassi utilizzati in
ricetta si calcola con la seguente formula matematica:

X = Y ÷ 0, Z

dove:

X indica il coefficiente di saponificazione ricalcolato;


Y indica il coefficiente di saponificazione riportato in Tabella 13.3 per KOH con titolo
96-98;
Z indica il titolo del KOH a vostra disposizione (diverso da 80)

Per esempio, supponiamo di dover ricalcolare il coefficiente di saponificazione dell’olio di


oliva, avendo a disposizione del potassio idrossido (KOH) titolo 85:
X = 0,188 ÷ 0,85 = 0,2211764706 (che si arrotonderà a 0,221)

Il coefficiente di saponificazione ricalcolato è dunque 0,221, ossia 221 grammi di KOH con
titolo 85 per ogni chilo di olio di oliva.
La seconda considerazione vale per Un discorso a parte meritano i saponi liquidi che, come
la ricetta per il metodo a caldo del Capitolo 9, utilizzano contemporaneamente soda caustica
e potassio idrossido. In quella ricetta, il calcolo dei valori di saponificazione è effettuato
sulla base di un 40% per la soda caustica (NaOH) e di un 60% per il potassio idrossido
(KOH). In altre parole, il 40% del totale dei grassi è saponificato con NaOH e il 60% con
KOH, e il sapone liquido risultante è dunque una miscela di sali di sodio e di potassio.
Sebbene la proporzione di KOH e NaOH possa essere modificata a piacimento, la nostra
esperienza è che questa combinazione (60% KOH e 40% NaOH) è quella che permette di
ottenere i risultati migliori. Se volete sviluppare altre ricette di questo tipo, dovrete pertanto
calcolare separatamente il totale degli alcali richiesti, moltiplicando per prima cosa il totale
dei grassi per 60% e per 40%. Calcolate quindi il SAP KOH (per il 60% dei grassi) e il
SAP NaOH (per il 40% dei grassi); sommate i due valori così ottenuti e calcolate uno
sconto della soda (massimo) complessivo del 3%.
Figura 10.2 – Occorre calcolare correttamente i liquidi.

Il calcolo del liquido


Nel processo di preparazione del sapone, il liquido assume la funzione di solvente, ossia di
quell’elemento che permette alla soda caustica di scindersi in ioni mobili e di reagire con
gli oli.
Nelle ricette di sapone a freddo, dove si usa solo soda caustica (NaOH), il liquido viene di
solito calcolato in ragione di circa un terzo del peso totale dei grassi.
Per calcolare la quantità d’acqua, si moltiplica dunque il peso di tutti i grassi (compresi
eventuali nutrienti aggiunti al nastro) per 0,3. Lo stesso calcolo vale per le ricette dove
all’acqua vengono sostituiti, interamente o in parte, latte o infusi. Per il sapone a caldo, la
quantità di liquido è più alta (di solito, da 340 a 375 grammi per chilo di grassi) perché è
necessario assicurare alla miscela l’adeguata umidità durante la cottura – e ciò, non solo per
evitare di fare il sapone arrosto, ma anche per semplificare le operazioni di trasferimento
nello stampo! Per ulteriori dettagli sulle quantità suggerite per diversi tipi di sapone a
caldo, si rimanda alle istruzioni riportate nel Capitolo 3 per i singoli metodi. Analogamente,
si rimanda alle istruzioni fornite nel Capitolo 7 per il calcolo dell’acqua nei saponi ad
acqua ridotta. Per il sapone liquido, vale quanto già detto nel Capitolo 9 – ossia, la quantità
di liquido necessaria per la soluzione caustica si calcola sul peso totale della soda (KOH
soltanto, oppure KOH + NaOH) e deve essere pari a tre volte questo valore.

10.2 Temperature di miscela e condizioni ambientali


La buona riuscita del sapone dipende in buona parte dalla temperatura a cui vengono
miscelate la soluzione caustica e i grassi e dalle condizioni ambientali durante le fasi di gel,
cura e stagionatura. Indipendentemente dal metodo di preparazione del sapone scelto, è
sempre bene che la temperatura della soluzione caustica sia di qualche grado più bassa di
quella dei grassi.
Per i saponi a caldo, dove la saponificazione viene “forzata” dal calore esterno, le
temperature massime degli oli non devono mai superare i 50ºC se si vogliono evitare i
cosiddetti effetti vulcano – ossia, quelle situazioni dove temperature troppo alte fanno
aumentare di volume la miscela di sapone e rischiano di far traboccare la pentola.
Nei saponi a freddo, dove le temperature influiscono direttamente sulla cosiddetta fase del
gel, le temperature consigliate per i grassi vanno da 38ºC a 45ºC, ma è richiesta maggiore
attenzione alla relazione tra temperature di miscela e condizioni climatiche esterne. In
genere, conviene aumentare leggermente le temperature di oli e soluzione caustica quando la
temperatura ambientale è particolarmente bassa (al di sotto dei 15ºC), e diminuirle di
qualche grado quando fa molto caldo (28ºC o più).
Vi regolerete di conseguenza anche per lo spessore degli strati di stracci o coperte impiegati
per l’isolamento del sapone appena versato nello stampo e durante la fase del gel: meno
coperte se fa caldo, più coperte se fa freddo. Una tabella con le temperature consigliate per
il metodo a freddo è riportata nella prima parte – e l’esperienza diretta vi insegnerà come
comportarvi di volta in volta, anche a seconda del tipo di sapone.
Per esempio, un sintomo che qualcosa non ha funzionato a livello di temperature è la
comparsa di un velo di “polvere” biancastra sulla superficie del sapone a freddo, di cui si
parla più avanti. Durante la fase di stagionatura, ossia dopo che il sapone è stato tolto dallo
stampo ed eventualmente tagliato, le condizioni ambientali ideali, per tutte le saponette
(comprese quelle preparate con uno dei metodi a caldo), sono quelle dei climi asciutti: più
alta è l’umidità dell’aria, maggiori sono le probabilità che il sapone “sudi” o irrancidisca. Il
sapone liquido soffre meno di eventuali problemi climatici e richiede in sostanza solo di
essere conservato in contenitori (barattoli o flaconi di plastica) a chiusura ermetica, in un
angolo al riparo dalla luce diretta e non eccessivamente caldo.
10.3 Controlli di qualità
I dubbi sulla qualità del sapone sono fonte di moltissime domande, soprattutto per chi si
trova a dover giudicare un sapone senza magari essersi mai posto il problema di quali siano
i metri di paragone e i parametri di valutazione.
In questa sezione, ci occupiamo sostanzialmente di controllo del pH e dei sintomi che
possono far pensare a errori nel calcolo dei vari ingredienti; per altri dubbi e problemi
comuni, vi rimandiamo alla parte finale del capitolo.

Il controllo del pH
Il sapone è, per natura, un composto alcalino e – contrariamente a quanto certi prodotti
industriali fanno pensare – non è possibile ottenere saponi con pH “neutro”. Tutti i prodotti
detergenti con pH inferiori a 8 sono in effetti detersivi sintetici, ottenuti dalla combinazione
di tensioattivi, agenti schiumogeni e regolatori del pH.

4 Per convenzione, si definisce neutro il valore 7, che è il valore di pH


dell’acqua pura e quello intermedio tra il valore minimo 0 (acido) e il
massimo 14 (base). Nella scala di misurazione del pH, la progressione è
esponenziale: ogni punto di incremento rappresenta un valore 10 volte
superiore al punto di partenza.
Per fortuna, la pelle umana tollera senza grossi problemi l’esposizione a sostanze con pH
piuttosto alti, fino a 10,5; quest’ultimo è in effetti il valore di pH “normale” per gran parte
dei saponi industriali. I valori del pH per i saponi fatti a mano, di buona qualità, sono
normalmente compresi tra 8,5 e 10. Dunque, se il vostro sapone ha un valore di pH entro
questi limiti, siete promossi Mastri Saponai! Il pH delle vostre creazioni si può controllare
in due modi:

1. Facendo schiumare abbondantemente il sapone e misurando il pH della schiuma con


un’apposita cartina reagente. Le normali cartine al tornasole vanno evitate, perché si
limitano a fornire una risposta di tipo “sì/no” – ossia, indicano semplicemente se un certo
liquido è basico o alcalino. Le cartine reagenti adatte per misurare il pH del sapone
hanno invece scale di lettura a segmenti colorati, con incrementi di mezzo punto, che
indicano il valore di pH in base alla combinazione di colori ottenuti.
2. Semplicemente lavandovi le mani col sapone, quando pensate che la saponificazione sia
completa (di solito, da un paio di giorni a un paio di settimane dopo averlo estratto dallo
stampo). Se il pH è nei limiti, il sapone si sciacqua velocemente, lasciando una
sensazione di pulito e la pelle morbida. Se invece, quando vi sciacquate le mani, il
sapone lascia una sensazione “viscida”, simile a quella delle soluzioni di acqua e
candeggina, e la pelle sembra tirare, o peggio ancora diventa rugosa (un po’ come quando
si sta troppo tempo immersi nell’acqua), o la sentite “pungere”, è segno che il sapone ha
un pH troppo alto e contiene residui di alcale non neutralizzato.

I saponi che non superano la prova del pH sono comunque recuperabili, come si spiega più
avanti nella sezione Pulizia e recupero degli scarti.

Altri sintomi di errori di calcolo o di peso


Se vi rendete conto di aver sbagliato a calcolare o misurare le quantità dei grassi, vi
conviene tentare immediatamente di recuperare il sapone. Se non potete provvedere entro
due giorni, conservate il sapone in un sacchetto di plastica, per evitare che asciughi troppo.
Altri sintomi di errori, di calcolo o di peso, non rilevati immediatamente sono riportati di
seguito.

Nel sapone finito ci sono grumi bianchi e duri, oppure il sapone è duro, brillante e friabile,
o presenta bolle acquose torbide
Avete usato troppa soda e il sapone è caustico (Figura 10.3). Non usatelo sulla pelle, ma
recuperatelo come si spiega più avanti. Un sapone friabile che supera la prova del pH può
essere conseguenza di un difetto di liquido, e in questo caso si può usare senza problemi.

Il sapone dopo 24 ore si presenta “tagliato” con uno strato di grasso che galleggia in
superficie
Questo problema può avere diverse cause. Se si tratta di un sapone di solo olio di oliva e
siete sicuri di non aver sbagliato le dosi, non preoccupatevi. Mescolatelo ancora un po’,
eventualmente rimettendolo nella pentola. Se non si era mescolato abbastanza a lungo
inizialmente e le dosi sono giuste, il sapone riuscirà comunque bene (Figura 10.4).
Figura 10.3 – Troppa soda nell’impasto.
Figura 10.4 – Troppa soda nell’impasto o sapone non ben mescolato.

La separazione però può essere causata da un eccesso di soda e, in questo caso, il sapone
può essere usato solo dopo un’operazione di “riciclaggio”, come si spiega più avanti.
Infine, alcuni oli essenziali (specialmente quelli di agrumi) possono affiorare sulla
superficie sul sapone, ma si tratta di una patina molto sottile che si assorbirà nel giro di
pochi giorni.

Dopo diversi giorni il sapone è viscido o spugnoso


Nella ricetta c’è troppa acqua, oppure non avete usato abbastanza soda, oppure la ricetta
contiene troppi oli insaturi (Figura 10.5). Lasciate asciugare il sapone per qualche
settimana; se il liquido si riassorbe e la prova del pH dà risultati positivi, potrete usarlo
così com’è.

10.4 Segreti del mestiere


Un buon saponaio impara molto in fretta che del sapone non si butta via niente. Anche gli
esperimenti peggio riusciti possono essere recuperati, con l’aiuto di un po’ di calore o
fantasia e un pizzico di intraprendenza.
Figura 10.5 – Troppa acqua nell’impasto.

Pulizia e recupero degli scarti


Il sapone fresco che resta appiccicato a pentole e utensili può essere riutilizzato senza
sprechi. Sarà sufficiente lasciar asciugare completamente il sapone – se si è usato il metodo
a freddo – e quindi aggiungere acqua e far sobbollire dolcemente per qualche minuto.
L’acqua saponata così ottenuta è di solito sufficiente per un bucato o per un lavaggio a
mano.

Saponi troppi “ricchi”


Se avete esagerato con gli oli, tagliuzzate o rompete a pezzi il sapone, aggiungetelo a un
nuovo lotto, dove la soda non sia stata scontata, e fate cuocere insieme i due tipi di sapone
con uno dei metodi a caldo.
Questo tipo di correzione è efficace però solo per i “peccati veniali”. Se l’olio che avete
dimenticato rappresentava il 20 per cento della ricetta (o più), è meglio unire il sapone a un
nuovo lotto, preparato a caldo, dove la soda sia ricalcolata sul totale tenendo conto
dell’errore di calcolo precedente – e pertanto, aumentata di conseguenza.

Attenzione: indossate sempre i guanti di gomma per manipolare sapone,


quando c’è il dubbio che ci sia della soda caustica libera.

Saponi troppo caustici


Non possono essere usati sulla pelle, ma fanno un ottimo lavoro in lavatrice e nelle pulizie
di casa.
Per riciclarli nel bucato ci sono due possibilità: sminuzzarli e usarli come un normale
detersivo a scaglie (Figura 10.6), oppure trasformarli in gel liquido (Figura 10.7). Il
procedimento è molto semplice: basta fondere, a caldo, una parte di scaglie di sapone in
dieci di acqua (per esempio, 100 grammi in un litro).
Figura 10.6 – Riducete il sapone a scaglie e usatelo direttamente nella lavatrice.
Figura 10.7 – Create un gel liquido aggiungendo acqua al sapone ridotto in scaglie.

Scarti
Un certo sapone vi è venuto a noia? Quella creazione è troppo “secca” e non vi soddisfa
come dovrebbe? Vi sono rimasti pezzetti e rimasugli di vari esperimenti? Anche in questo
caso la parola d’ordine è una sola: rilavorare. Si possono combinare saponi di colori
diversi e farli fondere a bagnomaria o nel microonde, oppure potete aggiungere pezzetti di
tinte diverse a un sapone bianco per ottenere un effetto mosaico. E nel peggiore dei casi, si
può riciclare tutta la produzione in gel da bucato o in detersivo per la casa, aggiungendo
eventualmente piccolissime quantità di soda per bilanciare saponi che avessero troppi
grassi in eccesso. Il sistema più semplice per rilavorare “in blocco” scarti e saponi mal
riusciti è spezzettare il sapone, raccoglierlo in una pentola e farlo andare a bagnomaria,
magari con l’aggiunta di poco liquido, finché è abbastanza morbido da poter essere
ritrasferito nello stampo.

Analisi e soluzione dei problemi più comuni


Perché il nastro non si vede? Che cosa sono quelle macchie brune? Perché il sapone si
rapprende? Il sapone, soprattutto quello preparato con uno dei metodi a freddo, può far
nascere tante domande, tante incertezze, specialmente in chi è ancora alle prime armi. Ecco,
per non lasciarvi soli nei vostri dubbi, un elenco dei problemi più frequenti e delle possibili
soluzioni.

La mistura di grassi e soda non fa il nastro


È possibile che abbiate usato troppa acqua oppure non abbastanza soda. Ricontrollate le
dosi. Se è tutto a posto, magari dipende soltanto dal fatto che nella vostra ricetta c’è un’alta
percentuale di grassi insaturi, oppure che non state mescolando abbastanza in fretta. In
questi casi non vi resta che continuare a mescolare: se il dosaggio è giusto, prima o poi il
nastro arriverà (Figura 10.8)! Se usate il frullatore a immersione, potreste non incontrare
mai questo problema.

Il sapone è coperto di polvere biancastra


Si tratta di un problema comune quando le temperature non sono “ideali”. Magari avete
versato negli stampi il sapone troppo caldo, o non l’avete isolato abbastanza. Se la patina ha
una consistenza simile al borotalco, si tratta di “polvere di sapone”, un sottoprodotto
innocuo della saponificazione.
Figura 10.8 – Il nastro è un momento importante della saponificazione.

Se non vi piace, potete raschiare la superficie delle saponette per eliminarla e il sapone può
essere utilizzato con tutta tranquillità. Aumentare leggermente le temperature di miscela
quando fa freddo, diminuirle di qualche grado quando fa molto caldo e regolare gli strati di
stoffa per isolare il sapone nello stampo aiuta a evitare la formazione di “polvere di
sapone”.

Il sapone si rapprende nella pentola


Le fragranze che contengono alcol o DPG (glicole dipropilenico), gli zuccheri, certi
nutrienti (per esempio gli oli di jojoba, di neem) e certi oli essenziali (come cannella e
chiodi di garofano) possono provocare l’ammassamento improvviso del sapone. Cercate di
stendere il sapone nello stampo, aiutandovi con un cucchiaio; magari non sarà una bellezza,
ma lo potrete usare.
Per ridurre al minimo il rischio di ammassamento causato da oli essenziali e fragranze,
mescolate le fragranze o gli oli essenziali a un cucchiaio degli oli di base intiepiditi e
aggiungeteli quando il nastro è appena accennato. Oppure, optate per uno dei metodi a caldo
e aggiungete il profumo a fine cottura.

Il sapone non esce dallo stampo


Può succedere quando si usano stampi di vetro o di ceramica, oppure se la ricetta ha un’alta
percentuale di certi grassi particolarmente “appiccicosi” (burro karité, olio di ricino, olio
di riso). Mettete lo stampo in freezer per qualche ora, quindi lasciatelo a temperatura
ambiente per una decina di minuti e riprovate. Meglio comunque usare solo stampi di
plastica flessibile, perché la surgelazione può “uccidere” alcuni tipi di profumi.

Il sapone presenta aloni di colore diverso


Certi oli (soprattutto quelli saturi) possono determinare questa specie di effetto-mosaico,
soprattutto se durante la fase del gel la temperatura della miscela non si è distribuita in
modo uniforme. Per esempio il burro di karité produce, a seconda del tipo o della marca,
una sorta di picchiettatura bianca, mentre l’olio di palma può dare aloni di sfumature beige.
Al di là dell’aspetto estetico, il sapone può essere usato con tranquillità.

La miscela di grassi e soda fa grumi


Succede soprattutto quando si usa il latte, perché i grassi in esso contenuti saponificano
durante la preparazione della soluzione caustica. A volte, si formano grumi nella miscela di
grassi quando si aggiungono oli essenziali o farine.
Se usate il frullatore a immersione, il problema viene minimizzato dall’alta velocità di
mescolamento.

Il sapone ha macchie caramellate o bruciate


Se il sapone contiene del miele, isolatelo solo con uno straccio leggero; la presenza di
zucchero fa aumentare la temperatura della reazione chimica e, se il calore è eccessivo, si
formano macchie caramellate, che comunque interessano solo l’aspetto estetico e non la
qualità.

Il sapone “suda”
Niente paura, le goccioline di “sudore” sulla superficie del sapone non sono altro che un
segno di qualità! Il sapone fatto a mano è ricco di glicerina, che è una sostanza altamente
idrofila – in altre parole, attira acqua (umidità).
Per questo, quando l’aria è umida, il sapone “suda”. Pur non essendo un difetto del sapone,
le goccioline di condensa possono accelerare l’ossidazione dei grassi in eccesso e quindi
farli irrancidire. Nei climi e nelle stagioni umide, è pertanto importante che il sapone sia
conservato al riparo da possibili “attacchi ambientali”.

Sulla superficie del sapone ci sono macchie irregolari di colore giallo-arancione o giallo-
brunastro
Macchie scure (gialle, arancioni o brunastre) sulla superficie del sapone sono di solito un
cattivo segno: se la consistenza delle macchie è cedevole al tatto, si è in presenza di quel
che in inglese si abbrevia in DOS (Dreaded Orange Spots – ossia le temute macchie
arancioni). Queste macchie indicano che i grassi liberi (non saponificati) si stanno
ossidando e fanno irrancidire il sapone.
In generale, la causa dell’irrancidimento sta nell’eccessiva umidità dell’aria (si veda il
paragrafo precedente). Il sapone è utilizzabile, ma va consumato in fretta, e prima che
l’odore di olio rancido diventi preponderante.

Il sapone, col passare del tempo, perde la profumazione


Questo è un dei problemi più comuni, sia per i saponai più abili, sia per i principianti, per il
quale diversi esperti puntano a rimedi di natura “chimica”: per esempio, suggerendo di
aggiungere benzoino o altri tipi di fissativi, o di sostituire gli oli essenziali con le fragranze
sintetiche. Ci sono però almeno due importanti aspetti da considerare, prima di stabilire se
fissativi o fragranze siano davvero la soluzione ideale:

1. Qualsiasi sapone perde, gradualmente e inevitabilmente, il proprio profumo


“superficiale”, specialmente quando viene conservato senza un involucro protettivo.
Persino i profumatissimi saponi industriali, che qualche volta usiamo come
profumabiancheria, perdono l’aroma dopo qualche giorno di esposizione all’aria. In
genere, il profumo del sapone fatto a mano torna a farsi sentire quando lo si usa!
2. In molti casi, e specialmente per chi produce sapone regolarmente, la percezione della
diminuzione del profumo è, in qualche modo, “viziata”: in altre parole, quando ci si
abitua al profumo intenso degli oli essenziali puri, è facile avere l’impressione che lo
stesso profumo non abbia un’intensità soddisfacente nel sapone. In molti casi, però, basta
sentire l’opinione di amici e familiari per capire che il problema sta… nel nostro naso!
Va notato, a questo proposito, che siamo tutti costantemente bombardati da prodotti di
consumo intensamente profumati, e che sono sempre di più coloro che sviluppano una
sorta di “anusia” da overdose di aromi, e di profumi sintetici in particolare. L’abuso di
sostanze profumanti deve farci riflettere, soprattutto se vogliamo che il nostro sapone sia
amico dell’ambiente, oltre che della pelle.

Fatte queste precisazioni, va detto che il miglior modo per conservare il profumo del sapone
più a lungo possibile è quello di imballare ogni saponetta accuratamente alla fine delle
prime quattro-sei settimane di stagionatura.
Questo espediente permetterà di ridurre l’eccessiva evaporazione e la conseguente “fuga”
del profumo. Se non è possibile avvolgerli individualmente, conservate i saponi, divisi a
seconda della profumazione, in contenitori chiusi. In genere, i sacchetti di carta e le scatole
di cartone si prestano meglio della plastica; se preferite utilizzare sacchetti o contenitori di
plastica, avvolgete prima il sapone in un foglio carta (non colorata). Utilizzate se possibile
carta riciclata o non trattata, e ricordate che gli imballaggi nuovi, specie quelli di materiale
plastico, sono una fonte di inquinamento ambientale troppo spesso ignorata. Naturalmente,
concentrazione e qualità degli oli essenziali sono fondamentali se si vuole ottenere un
profumo che conservi nel tempo intensità e pienezza. Acquistare essenze e fragranze da
fornitori qualificati, che siano in grado di garantirne concentrazione e purezza, è dunque un
punto chiave per ottenere saponi di buona qualità. Ricordatevi, inoltre, che i saponi
contenenti additivi solidi, per esempio erbe o farine, conservano il profumo più a lungo:
queste sostanze fungono infatti da “fissativo” per le essenze. Il benzoino e la polvere di
radice di giaggiolo, che spesso vengono consigliati come fissativi, non sono mai più efficaci
di un cucchiaino di farina o di erbe secche polverizzate.
E d’altra parte, essendo potenzialmente irritanti, il benzoino e la polvere di radice di
giaggiolo finiscono per esporre il consumatore finale a un rischio non necessario.
Capitolo 11

Dove trovare ingredienti, informazioni e normative

11.1 Fornitori tradizionali


Andare a caccia di ingredienti per un nuovo
sapone è uno dei piacevoli effetti collaterali di Sommario
questa attività. Scoprirete che non è necessario
ricorrere a negozi specializzati per trovare tutto • Fornitori tradizionali
quanto occorre alle vostre creazioni, ma che • Fornitori su Internet
spesso anche la drogheria sotto casa può rivelarsi • Il sapone secondo la legge europea
un buon indirizzo. Fare il sapone vi aiuterà, ancora • Decifrare le etichette
una volta, a guardare il mondo che vi circonda con
occhi e consapevolezza diverse. Ecco qualche dritta per orientarvi nelle vostre prime
spedizioni.
Supermercati
Sono l’indirizzo giusto per acquistare olio di oliva e di sansa, di girasole, di mais, di riso,
di arachidi e di soia. Alcune catene commercializzano anche l’olio di semi d’uva e, mentre
nel reparto della cosmetica si possono trovare olio di jojoba, di germe di grano e di
mandorle dolci, in quello degli affettati o sugli scaffali frigoriferi si trova lo strutto. Evitate,
per le ragioni già espresse al Capitolo 2, tutte le margarine generiche e le miscele di “oli
vegetali” perché, non conoscendo l’esatta percentuale degli ingredienti che li compongono,
non è possibile ottenere risultati affidabili.
Nei supermercati si trovano poi erbe e spezie a prezzi contenuti, farine, latte di capra,
succhi di frutta e di verdura.

Drogherie, ferramenta, garden center, brico center


Nelle drogherie e nelle ferramenta si può acquistare la soda caustica che, in genere, si
presenta in scaglie o in granuli. Controllate che sulla confezione ci sia scritto “idrossido di
sodio puro al 98-99 per cento” e che il preparato non contenga altri ingredienti.
Le drogherie possono essere un’insospettata fonte per nutrienti particolari, come il burro di
cacao, il burro di karitè – e non è escluso che vi aiutino a trovare anche l’olio di cocco. In
alcune drogherie si trovano inoltre spezie, erbe, miele e cera d’api.

Discount, Cash&Carry
Ottimo punto di appoggio per acquistare oli (di girasole, oliva, mais, soia) in grandi
quantità e a prezzi economici.
Nei punti di vendita Cash&Carry è possibile trovare anche confezioni di olio di palma,
spesso (e purtroppo) utilizzato per le fritture commerciali.
Per le considerazioni già esposte diverse volte in questo libro, vi invitiamo tuttavia a
evitare il più possibile sia l’olio di palma, sia gli altri oli e grassi importati da paesi
tropicali, che rappresentano sempre una scelta troppo costosa in termini di impatto
ambientale, anche quando il prezzo di vendita sembra inferiore a quello di ingredienti simili
o alternativi prodotti localmente!

Negozi etnici, negozi di alimenti naturali


Le piccole rivendite di alimenti cinesi o afro-indiani offrono ingredienti interessanti,
sebbene non sempre “etici”; vi si trova l’olio di cocco a buon mercato e non è raro scoprire
qualche altro olio particolare, come quelli di sesamo e di semi di lino, e poi spezie, latte e
crema di cocco, acque profumate.
In questo tipo di negozi si trova l’olio di palma integrale, che si presenta sotto forma di
liquido piuttosto denso e di colore arancione brillante perché ricco di betacarotene; questo
tipo di grasso produce un sapone altrettanto colorato che, col passare del tempo, sbiadirà
leggermente ma senza mai schiarirsi del tutto. L’olio di palma integrale ha anche un odore
piuttosto marcato che non sempre risulta gradevole.
I negozi di alimenti naturali e biologici sono un buon indirizzo per oli e burri nutrienti (di
mandorle, germe di grano, karitè, semi di lino, sesamo, avocado), per farine di tutti i tipi e,
in alcuni casi, per gli oli essenziali.

Erboristerie, farmacie
Le erboristerie sono un’ottima fermata per tutti coloro che vanno a caccia di oli essenziali o
di erbe.
Magari previa ordinazione, si possono inoltre reperire buona parte dei grassi nutrienti e
l’olio di cocco.
L’unica avvertenza è quella di rivolgersi a diversi punti vendita e chiedere informazioni sui
prezzi prima di decidere. Ricordatevi inoltre di acquistare ingredienti puri, e non
“preparati” che contengano una pluralità di sostanze. Per questo motivo, vi raccomandiamo
di leggere sempre bene le etichette prima di passare alla cassa! Nelle farmacie, a buon
prezzo, si trova l’olio di ricino.

Pasticcerie
Le abbiamo inserite perché possono essere un’insolita fonte per reperire il burro di cacao e
l’olio di cocco – purché siate pronti a fare tanti tentativi a vuoto. L’ideale è rivolgersi a
eventuali amici o conoscenti che lavorano in questi settori e che possono indirizzarvi
meglio.

11.2 Fornitori su Internet


Inserendo le relative parole chiave nei motori di ricerca è molto facile localizzare siti dove,
in Italia e nel mondo, si vendono oli essenziali e ingredienti cosmetici; è inoltre possibile
rintracciare i grossisti che forniscono grasso di cocco e di palma all’industria alimentare. Il
nostro consiglio però è quello di privilegiare sempre gli esercizi commerciali tradizionali,
perché spesso il sovrapprezzo delle spedizioni o la difficoltà a ottenere quantitativi ridotti
rendono poco conveniente l’acquisto on line.
A questo proposito, vorremmo ancora una volta incoraggiarvi a condividere le nostre
preoccupazioni etico-ambientali sulla sostenibilità di molti ingredienti apparentemente “a
buon mercato”, quali gli oli di palma e cocco e altri ingredienti esotici, il cui costo
complessivo andrebbe sempre calcolato tenendo conto del loro impatto globale sulle risorse
primarie del pianeta e sui livelli di inquinamento generati dal trasporto e dal consumo di
energie non rinnovabili. Nell’acquisto di oli essenziali, inoltre, è necessario ricordarsi che
non tutte le sostanze profumate disponibili sul mercato sono oli essenziali veri e propri. In
genere, le etichette degli oli essenziali puri riportano il nome botanico della pianta, la
concentrazione dell’essenza e, in alcuni casi, informazioni sull’infiammabilità e possibili
effetti collaterali dannosi. Quando le etichette contengono descrizioni generiche del tipo
“olio di rosa”, “olio alla rosa”, “essenza alla rosa” è più probabile che si tratti di
profumazioni ottenute da miscele totalmente o parzialmente sintetiche.
Iscriversi a una lista di discussione aiuta a entrare in contatto con altri saponai e può
consentirvi di sfruttare l’esperienza comune per identificare i fornitori giusti, siano essi
tradizionali o su Internet. Tra gli iscritti, inoltre, è d’abitudine organizzare acquisti in
“cooperazione”, soprattutto per ammortizzare i costi di spedizione sui grandi quantitativi.
A proposito di acquisti via Internet, è bene tener presente che alle merci acquistate in
Europa non si applicano oneri doganali.
Diverso invece il discorso per gli acquisti dagli Stati Uniti, sui quali vengono applicati
oneri doganali che spesso duplicano il prezzo della merce. Se si compra negli Stati Uniti,
dunque, è bene contattare prima direttamente i titolari dell’e-shop e informarsi sia sulle
modalità di spedizione, sia sugli oneri doganali. Di solito, le aziende americane spediscono
merci in Europa tramite corrieri, ma in questo caso, a fronte di una consegna veloce, i costi
possono essere molto alti; è meglio concordare una spedizione via superficie che, benché
molto lenta, è decisamente più conveniente.
Le compere in Australia e Nuova Zelanda, invece, rappresentano in genere una piacevole
sorpresa: i prezzi sono buoni, le spese di spedizione ragionevoli (soprattutto se si sceglie la
posta via mare) ed eventuali costi aggiuntivi di importazione sono di solito molto contenuti,
perlomeno sulle spedizioni che avvengono attraverso i normali servizi postali. All’estero,
soprattutto in Inghilterra, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, i siti di materiali per il
sapone sono moltissimi e alcuni di essi hanno in effetti una grande scelta; il nostro consiglio
però è quello di pazientare un po’ prima di fare incetta di fragranze, pigmenti cosmetici o
altre stranezze.
Meglio prima acquisire una certa esperienza con quello che si trova a portata di mano per
evitare grossi sprechi di denaro… e qualche delusione!

11.3 Il sapone secondo la legge europea


Se chiedete a un mastro saponaio quale sia il suo sogno nel cassetto, probabilmente vi
risponderà: “Vendere il sapone che produco”.
Il risvolto commerciale-professionale della fabbricazione casalinga del sapone è
un’opportunità molto allettante. Ma come per tutti i bei sogni, bisogna anche saper fare i
conti con la realtà. Dal punto di vista della legge, nei paesi dell’Unione Europea il sapone è
considerato un cosmetico, un prodotto cioè “destinat[o] ad essere applicat[o] sulle
superfici esterne del corpo umano […] allo scopo esclusivamente o prevalentemente di
pulir[e], profumar[e], modificarne l’aspetto”. E la distribuzione al pubblico di cosmetici è
consentita soltanto in presenza di una serie di certificazioni e di adeguamenti logistico-
amministrativi piuttosto complessi e costosi. In linea con le impostazioni di governo
europee, che perseguono una politica di protezione del consumatore e di controlli statali
portata all’estremo, la produzione e la vendita dei cosmetici sono regolate da una normativa
complessa. Il primo riferimento nel tempo è la Direttiva 76/768/CEE, approvata dal
Consiglio Europeo il 27 luglio del 1976 allo scopo di “riavvicinare le legislazioni degli
stati membri relative ai prodotti cosmetici”. La Direttiva 76/768/CEE ha subìto, nel corso
degli anni, varie integrazioni e si è arricchita nel 1996 di un catalogo e di una nomenclatura
ufficiale per gli ingredienti utilizzati nei cosmetici, che si affianca ad altre nomenclature
internazionali, note come INCI (International Nomenclature for Cosmetic Ingredients).
La politica europea sui cosmetici è stata recepita dallo Stato Italiano con la legge numero
713, approvata dal Parlamento l’11 ottobre 1986. Dal febbraio 2008 l’Unione Europea sta
lavorando alla redazione di un testo unico sulla produzione di cosmetici che raggruppi le
oltre 3500 pagine di testi giuridici delle normative nazionali. Il testo unico definisce i
requisiti minimi per la sicurezza dei prodotti immessi sul mercato, approfondisce le azioni
di vigilanza e semplifica i requisiti di notifica per ridurre i costi amministrativi delle
imprese produttrici. Un’azione legislativa necessaria per uniformare un mercato in forte
espansione: il mercato europeo dei cosmetici vale circa 65 miliardi di euro e crea con il
suo indotto più di 350.000 posti di lavoro.
Secondo il testo della norma, la produzione e la vendita dei cosmetici – e dunque anche del
sapone – possono avvenire soltanto quando si è in grado di offrire al consumatore una serie
di garanzie su produttore e prodotto, che riguardano in particolare i seguenti aspetti:

idoneità e igiene del luogo di fabbricazione;


qualità e idoneità degli ingredienti;
correttezza e idoneità delle ricette;
completezza e idoneità delle etichette.

Il sapone destinato alla vendita, dunque, non può essere fabbricato in cucina o in un
laboratorio improvvisato, ma deve essere prodotto in un ambiente garantito dal punto di
vista igienico e sanitario, secondo le correnti disposizioni in materia. È poi esclusa la
possibilità di comprare gli ingredienti al supermercato o nella drogheria sotto casa.
Secondo la legge, ogni ingrediente destinato a diventare parte di un prodotto cosmetico
destinato alla vendita deve essere accompagnato da una scheda tecnica, da un certificato di
analisi e da una scheda di sicurezza – e questa documentazione si ottiene soltanto da
fornitori abilitati.
Inoltre, ciascuna ricetta di sapone deve essere accompagnata da una serie di dati che
costituiscono il cosiddetto “dossier prodotto”. Secondo la legge, di questa sorta di “carta
d’identità” del cosmetico fanno parte:
la formulazione del prodotto;
la descrizione del metodo di fabbricazione;
i dati organolettici e l’analisi chimico-fisica;
la valutazione di adeguatezza microbiologica;
la documentazione completa per ciascuno degli ingredienti utilizzati;
una dichiarazione, firmata da un esperto, che garantisca la buona tollerabilità delle
materie prime usate;
il calcolo dei livelli di esposizione; ` un’eventuale valutazione farmaco-tossicologica,
quando richiesta;
un’eventuale relazione su ipoallergenicità e non sensibilizzazione del prodotto;
una valutazione dell’efficacia del prodotto, firmata da un esperto, qualora si
attribuiscano al prodotto proprietà cosmetiche specifiche e particolari (per esempio,
anti-rughe, anti-cellulite eccetera).

È poi necessario ricordare che, ogniqualvolta si modifica una ricetta, anche in minima parte,
bisogna ripetere da capo tutta la procedura e ottenere di nuovo le varie autorizzazioni.
Ogni cosmetico deve infine essere posto sul mercato con un’etichetta che, tra l’altro, riporti
in modo scrupoloso tutti gli ingredienti utilizzati, elencati in ordine decrescente di
percentuale e coi nomi loro attribuiti dalla nomenclatura europea degli ingredienti cosmetici
(INCI). Alcuni esempi di nomi INCI validi per i paesi dell’Unione Europea sono riportati
nelle tabelle del Capitolo 13.
A proposito di etichettatura, va ricordato che, a partire dal marzo del 2005, la Direttiva
Europea 2003/15/CE impone a tutti i produttori di cosmetici di indicare in modo chiaro i
potenziali allergeni contenuti negli oli essenziali e nelle fragranze sintetiche. L’elenco
ufficiale degli allergeni comprende 26 sostanze di cui va indicata la presenza se la loro
percentuale supera lo 0,01% nei prodotti destinati a essere risciacquati (come il sapone) o
lo 0,001% nei cosmetici destinati a restare a contatto con la pelle (per esempio le creme).
I testi aggiornati delle Direttive si possono scaricare dai siti internet dell’Unione Europea.
Questo tipo di normativa viene applicato – con poche sostanziali varianti – su tutto il
territorio degli stati membri dell’Unione Europea e non va inteso come vincolante per chi
produce sapone esclusivamente per uso proprio.
La situazione in altri Paesi è diversa, anche se ovunque esiste la tendenza ad applicare
normative sempre più restrittive; per esempio, in Australia il sapone è un prodotto
cosmetico, soggetto ad alcune regole di registrazione, etichettatura e scelta degli ingredienti,
mentre la registrazione delle ricette è obbligatoria in Canada. Negli Stati Uniti viene fatta
distinzione tra il sapone che semplicemente lava, e quello al quale si attribuiscono proprietà
cosmetiche. Nel primo caso gli adempimenti sono molto semplici; a chi invece non si
accontenta di fare solamente del “sapone”, ma attribuisce al proprio prodotto qualità
cosmetiche, anche la legge degli Stati Uniti impone autorizzazioni e controlli molto più
severi. In Italia il sistema “all’americana”, cioè la distinzione tra il sapone comune e il
“sapone da toeletta” con proprietà cosmetiche, era stata introdotta da una legge del 1950.
Il recepimento della Direttiva europea, nel 1986, ha tuttavia segnato la fine di questo
sistema e fatto definitivamente rientrare il sapone nella categoria dei cosmetici.

11.4 Decifrare le etichette


Leggere le etichette dei cosmetici è spesso un’operazione difficile e frustrante. Gli
ingredienti, infatti, non vengono elencati col loro nome comune, ma col termine loro
attribuito da una nomenclatura internazionale degli ingredienti cosmetici (INCI). Si tratta di
una sorta di “lingua ufficiale”, che tutte le aziende produttrici devono conoscere, e che
prende in prestito, curiosamente, termini dalle due più importanti lingue universali della
nostra storia: il latino e l’inglese.
A complicare ulteriormente le cose contribuisce il fatto che esistono diverse versioni della
nomenclatura INCI, una per ciascuno degli organismi, nazionali o internazionali, che
regolano il settore, e dei relativi ambiti. In questa sede, ci limiteremo tuttavia alla
nomenclatura INCI europea, in quanto è l’unica che interessa direttamente i cosmetici messi
in vendita nei paesi dell’Unione (e pertanto in Italia).
Capire la nomenclatura INCI non è semplice, ma ci sono alcuni piccoli trucchi che possono
aiutarvi in questo compito.
Per il sapone, per esempio, l’elenco dei grassi saponificati viene riportato indicando prima
l’agente alcalino responsabile del processo – sodium (se si tratta di saponette, e quindi di
idrossido di sodio) o potassium (se si tratta di saponi liquidi, e quindi di idrossido di
potassio) – e quindi aggiungendo il termine inglese che indica l’acido grasso nel sale
corrispondente. Ecco un esempio pratico per capire meglio: se il sapone è fatto con oli di
palma, cocco e oliva, in etichetta si leggerà sodium palmate, sodium cocoate, sodium
olivate. Se l’olio di oliva invece è stato aggiunto, ma non saponificato, allora in etichetta si
indicherà il nome botanico dell’olivo: Olea europæa. Con poche eccezioni, le sostanze
naturali che non hanno subìto trasformazioni chimiche vengono indicate col nome linneiano
latino della pianta dalla quale sono stati ottenuti.
I coloranti vengono invece indicati con un codice numerico assegnato dal Colour Index,
mentre per le sostanze chimiche e di sintesi si ricorre al nome assegnato loro dalla
nomenclatura INCI. Per le sostanze profumanti, sia di origine botanica, sia di natura sintetica,
sino all’entrata in vigore della Direttiva Europea 2003/15/CE, si poteva ricorrere al termine
generico profumo o parfum oppure, per gli oli essenziali, al nome latino della specie da cui
sono ottenuti. A partire dal marzo 2005 è invece fatto obbligo di indicare anche i potenziali
allergeni contenuti nei profumi, secondo l’elenco stabilito dalla stessa Direttiva.
Come si è accennato, l’etichetta deve riportare gli ingredienti in ordine decrescente di
quantità: per tornare all’esempio di prima, immaginando che corrisponda a un sapone reale,
l’etichetta indicherebbe che il peso dell’olio di palma è superiore a quello di cocco, che è a
sua volta superiore a quello dell’olio di oliva.
A coloro tra voi che volessero buttarsi nella produzione commerciale di sapone fatto a
mano, raccomandiamo di fare riferimento, per i nomi degli ingredienti da indicare in
etichetta, esclusivamente alla nomenclatura ufficiale europea e non ad altre versioni di
nomenclature INCI, che potrebbero valere in altri ambiti geopolitici, ma non in Italia e nei
paesi dell’Unione Europea!

La nomenclatura INCI valida in Europa


Si rimanda alla parte sulle fonti di riferimento, in chiusura di capitolo, per l’indirizzo Web
ufficiale della nomenclatura INCI europea. La nomenclatura europea, che esiste soltanto in
versione inglese, è strutturata in ordine alfabetico e riporta per ciascun ingrediente le
seguenti indicazioni:
INCI name: nome ufficiale INCI europeo
INN (International Non-proprietary Name): indica l’eventuale nome comune
internazionale raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Pharm Eur Name: indica il nome utilizzato dalla farmacopea europea (se esistente).
CAS Nr (Chemical Abstracts Service Number): indica l’eventuale numero di codice
assegnato da Chemical Abstracts Service, un’organizzazione privata che fornisce
servizi di informazione e gestione dati, specifici per il settore chimico.
EINECS Nr (European Inventory of Existing Commercial Substances Number) : indica
l’eventuale nome assegnato dal catalogo europeo delle sostanze chimiche commerciali
esistenti, oppure il nome ELINCS (European List of Notified Chemical Substances) per
i prodotti chimici nuovi.
Chemical/IUPAC Name: riporta il nome chimico e quello eventualmente assegnato da
IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry) e comprende i nomi
EINECS e CAS per le sostanze presenti in quei cataloghi.
Restriction: se presente, indica che si applicano restrizioni sull’uso dell’ingrediente e
rimanda al relativo allegato della Direttiva sui cosmetici, in notazione abbreviata (per
esempio, “III/1, 16” indica l’Allegato III, Parte Prima, Numero 16).
Function: indica la funzione normalmente svolta dall’ingrediente nelle formulazioni
cosmetiche. Un ingrediente può naturalmente avere più funzioni.
Capitolo 12

Ricette per tutti i gusti

12.1 Sapone all’alloro


Il sapone di Aleppo viene tradizionalmente
preparato con grandi quantità di acqua e Sommario
sottoposto a tempi di cottura e asciugatura
molto lunghi. Nel nostro adattamento ai • Sapone all’alloro
metodi moderni, si utilizzano un macerato e • Shampoo solido alla birra
un infuso di alloro per impartire al sapone • Shampoo liquido alle ortiche e rosmarino
la fragranza e il colore che lo • Sapone da barba
caratterizzano. • Sapone delicato alla seta
I risultati migliori, in termini di colore, si • Sapone da bagno al burro
ottengono con oli di oliva “grezzi”, non • Sapone da bucato alla lanolina
filtrati.
% Ingredienti Quantità
95 Olio di oliva 950 g
5 Macerato di bacche e foglie di alloro in olio di oliva (da aggiungere dopo la cottura) 50 g
Soda caustica 127 g
Infuso di bacche e foglie di alloro 400
Sconto soda: circa 5%

Attenzione: Non usate il lauroceraso (o “falso alloro”) al posto dell’alloro!


Il lauroceraso (Prunus laurocerasus) è utilizzato come pianta ornamentale
soprattutto per le siepi. L’alloro, invece, (Laurus nobilis) è un albero d’alto
fusto, le cui foglie vengono utilizzate come aroma in cucina. Se avete dubbi,
consultate un erborista o un buon libro di botanica. Ricordatevi che le
bacche dell’alloro contengono una sostanza tossica e vanno pertanto usate
con prudenza.

Procedimento
Metodo suggerito: a caldo a bagnomaria
1. Un paio di settimane prima di fare il sapone, preparate il macerato di alloro, mettendo in
un barattolo di vetro a chiusura ermetica un paio di manciate di foglie e bacche pestate e
coprendo con almeno 100 grammi di olio di oliva. Sigillate il barattolo e fatelo scaldare
a bagnomaria diverse volte, oppure tenetelo sul calorifero d’inverno, in modo da
trasferire quanto più aroma possibile all’olio di oliva.
2. Qualche ora prima di fare il sapone, preparate l’infuso: aggiungete un paio di belle
manciate di foglie e bacche pestate a circa un litro d’acqua e fate bollire per una ventina
di minuti. Coprite e lasciate raffreddare completamente, quindi filtrate e misurate, nel
contenitore che utilizzerete per la soluzione caustica, 400 grammi di infuso.
3. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo. Pesate la soda caustica e
versatela poco per volta nell’infuso di alloro, mescolando bene dopo ogni aggiunta;
quando tutto l’alcale è sciolto, mettete la soluzione caustica a raffreddare.
4. Preparate il bollitore per il bagnomaria; pesate i 950 grammi di olio di oliva nella
pentola del sapone, mettete quest’ultima nel bollitore e fate intiepidire l’olio. Misurate e
tenete da parte 50 grammi del macerato di alloro.
5. Quando le temperature dell’olio di oliva e della soluzione caustica sono intorno ai 40° C,
versate la soluzione caustica nell’olio. Frullate o mescolate sino al nastro.
6. Fate cuocere la pasta di sapone come spiegato in dettaglio nel Capitolo 5. Preparate
intanto lo stampo, che sarà preferibilmente a “cassetta”, foderatelo con un foglio di carta
da pacco che ungerete leggermente con poco olio di oliva, e disponete sul fondo, a
intervalli regolari, delle foglie di alloro, che farete aderire alla carta unta.
7. Quando il sapone è pronto, togliete dal fuoco e aggiungete il macerato di alloro;
mescolate bene e trasferite nello stampo, facendo attenzione a non spostare le foglie di
alloro. Livellate la superficie e copritela prima con un foglio di carta o plastica, poi con
un pezzo di legno o cartone di misura adatta, sul quale distribuirete dei pesi.
8. Isolate con stracci o vecchi asciugamani e lasciate raffreddare fino al giorno dopo.
Sformate e tagliate il sapone, in modo che rimanga una foglia di alloro nel centro di ogni
pezzo.
9. Il sapone di Aleppo tradizionale viene di norma lasciato stagionare per 9 mesi; la nostra
versione può essere utilizzata molto prima (in genere, da 8 a 10 settimane di stagionatura
sono sufficienti), ma stagionature più lunghe daranno sempre risultati più soddisfacenti.

12.2 Shampoo solido alla birra

% Ingredienti Quantità
50 Olio di oliva 500 g
15 Olio di semi di mais 150 g
15 Olio di riso 150 g
10 Burro di karitè 100 g
10 Olio di ricino 100 g
Soda caustica 122 g
Acqua 200 g
Birra “concentrata” 150 g
Al nastro:
Oli essenziali di arancio, alloro o cardamomo e patchouli in proporzione 3:1:1 20 ml
Sconto soda: circa 8%
La birra rinforza e dà corpo ai capelli e, diluita in poca acqua nell’ultimo
risciacquo dopo lo shampoo, offre un’alternativa naturale a lacche e gel. Se
avete capelli sottili e tendenti al secco/svolazzante, ma non vi piace l’idea di
“sciacquarvi alla birra”, provate questo shampoo solido!
Il burro di karitè, l’olio di ricino al 10% e la birra stessa tendono a far
ispessire di colpo la miscela di sapone. L’alta percentuale di oli insaturi e i
“trucchi del mestiere” descritti di seguito aiutano a ottenere buoni risultati
senza problemi.

Procedimento
Metodo suggerito: a freddo
1. Per prima cosa, preparate la birra concentrata: versate in un pentolino 330 grammi
circa (una lattina) di birra, scioglietevi mezzo cucchiaino di sale e fate scaldare a
fuoco basso fino a ridurne il peso a 150 grammi. Lasciate raffreddare completamente.
2. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo.
3. Pesate, in due contenitori separati, la soda caustica e l’acqua.
4. Versate la soda nell’acqua, poca alla volta, mescolando bene tra un’aggiunta e l’altra;
quando l’alcale è sciolto, aggiungete poco per volta la birra concentrata e mettete la
soluzione caustica a raffreddare.
5. Pesate 50 grammi di olio di mais in un piccolo contenitore, che terrete da parte.
6. Misurate il resto dei grassi direttamente nella pentola e mettete a riscaldare a fuoco
bassissimo.
7. Misurate gli oli essenziali nel contenitore con l’olio di mais.
8. Quando le temperature dei grassi e della soluzione caustica hanno raggiunto
rispettivamente 45° e 40º C circa, versate la soluzione caustica nei grassi, quindi
frullate sino al nastro.
9. Aggiungete la miscela di oli essenziali e olio di mais; mescolate rapidamente e bene.
Versate il sapone nello stampo, isolatelo e sformatelo dopo 24 ore.
10. Tempo di stagionatura minimo consigliato: 8 settimane.

Se la miscela di sapone diventasse troppo spessa, troppo in fretta, fate


cuocere il sapone a bagnomaria, come descritto nel Capitolo 5 e tenete da
parte fino a dopo la cottura la miscela di oli essenziali e olio di mais.

12.3 Shampoo liquido alle ortiche e rosmarino

% Ingredienti fondamentali Quantità 1 Quantità 2


Fase 1: Preparazione della pasta
70 Olio di oliv 350 g 350 g
20 Olio di ricino 100 g 100 g
10 Olio di crusca di riso 50 g 50 g
Potassio idrossido (KOH) titolo 80 68 g
oppure
Potassio idrossido (KOH) titolo 96-98 55 g
Idrossido di sodio 26 g 26 g
Acqua 240 g 240 g
Fase 2: Diluizione della pasta
Decotto di ortiche e rosmarino in acqua distillata o purificata 1700 g 1700 g
Oli essenziali di rosmarino, lavanda e cedro in proporzione
15 ml per litro di shampoo (diluito)
3:2:1
Sconto soda: circa 2%

Procedimento
1. Preparate l’area di lavoro e il sistema di pentole per la cottura a bagnomaria, descritto
nelle istruzioni per il sapone liquido al Capitolo 9. Pesate gli oli direttamente nella
pentola del sapone e mettetela a riscaldare dentro la caldaia.
2. Indossate abbigliamento protettivo. Pesate la soda caustica e il potassio idrossido
nello stesso contenitore. Pesate, in un contenitore separato, l’acqua e aggiungetevi gli
alcali, mescolando bene.
3. Versate la soluzione alcalina nella pentola con gli oli; frullate o mescolate, cuocendo a
fuoco bassissimo, sino a raggiungere la fase cosiddetta “del gel”, descritta al Capitolo
5 e nel Glossario.
Ortiche e rosmarino danno forza e lucentezza ai capelli e contribuiscono a
tonificare la pelle dello scalpo. Chi volesse un prodotto ancor più delicato
potrà omettere di aggiungere gli oli essenziali allo shampoo diluito. Le dosi
riportate in ricetta danno circa 2,2 litri di shampoo diluito. Se questa quantità
fosse superiore a quanto prevedete di usare nel giro di 6 mesi, vi
consigliamo di conservare la pasta di sapone in un contenitore ermetico e
diluirne poca per volta, ricalcolando opportunamente le quantità di decotto.
Il metodo suggerito è quello a caldo ma si può preparare questo shampoo
anche col metodo del sapone liquido a freddo con l’accortezza di lasciar
stagionare la pasta per almeno due settimane prima di diluirla.

4. Fate cuocere la pasta di sapone per 4-6 ore, o finché si sia raggiunto un grado di
trasparenza soddisfacente (la pasta per il sapone liquido è pronta quando un grumo di
pasta, sciolto in un pentolino con dell’acqua bollente, lascia l’acqua trasparente).
5. Quando la pasta di sapone è cotta, togliete la pentola dalla caldaia e tenetela al caldo,
avvolta in stracci o coperte come descritto nelle istruzioni per il sapone liquido
riportate al Capitolo 9, fino al giorno dopo.
6. Intanto, preparate il decotto aggiungendo a due litri e mezzo d’acqua fredda un bel
pugno ciascuno di ortiche e di rosmarino, freschi o secchi. Coprite, portate a
ebollizione e fate bollire a fuoco lento per 15 minuti, quindi spegnete e lasciate
raffreddare.
7. Quando la pasta di sapone è pronta per essere diluita, filtrate il decotto; misuratene
1700 grammi nella caldaia, mettete sul fuoco, portate a ebollizione e aggiungete la
pasta di sapone a cucchiaiate.
8. Quando il miscuglio si avvicina all’ebollizione, togliete dal fuoco, coprite la caldaia
col suo coperchio e isolatela con stracci o coperte per tenerla al caldo il più a lungo
possibile.
9. Dopo un paio d’ore, controllate lo stato del sapone. Se i grumi di pasta di sapone non
sono sciolti completamente, rimettete la pentola sul fuoco e ripetete queste ultime due
fasi finché la pasta di sapone è completamente sciolta.
10. Imbottigliate lo shampoo e lasciate intiepidire prima di aggiungere gli oli essenziali.

12.4 Sapone da barba all’argilla

% Ingredienti Quantità a freddo Quantità a caldo


60 Olio di oliva 600 g 600 g
25 Olio di cocco 250 g 250 g
10 Olio di mandorle o di mais 100 g 100 g
5 5 Olio di ricino 50 g 50 g
Soda caustica 134 g 134 g
Acqua 300 g 375 g
Al nastro/dopo la cottura:
Argilla verde o bentonite 1 cucchiaio 1 cucchiaio
Miscela di oli essenziali a scelta 15 ml 15 ml
Allume di potassio (allume di rocca), sciolto in poca acqua o
10 g 10 g
succo di aloe (facoltativo
Sconto soda: circa 8%

Due sono le proprietà che caratterizzano i saponi da barba: una schiuma


ricca e densa, e la capacità di far scivolare la lama del rasoio sulla pelle,
riducendo così l’attrito ed eventuali irritazioni da esso dipendenti. In questa
ricetta, gli oli di cocco e di ricino producono una schiuma abbondante. L’alta
percentuale di oli insaturi, uno sconto soda relativamente alto e l’aggiunta di
argilla verde o bentonite garantiscono nello stesso tempo delicatezza e
“scivolosità”. L’allume di rocca è facoltativo e può essere usato per dare al
sapone una leggera azione cicatrizzante. Se preferite fare questo sapone a
caldo, aggiungete l’argilla e l’allume di rocca, sciolto, prima della cottura, e
tenete da parte l’olio di mandorle o mais da aggiungere, insieme agli oli
essenziali, una volta che il sapone è cotto.

Procedimento
Metodi suggeriti: a freddo, a caldo
1. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo.
2. Pesate, in due contenitori separati, la soda caustica e l’acqua.
3. Versate la soda nell’acqua, mescolando bene; quando l’alcale è sciolto, mettete la
soluzione caustica a raffreddare.
4. Pesate i grassi direttamente nella pentola e mettete a riscaldare a fuoco bassissimo.
5. Misurate l’argilla verde e gli oli essenziali. Se intendete usare anche l’allume di rocca,
misuratene 10 grammi in un contenitore a parte e aggiungete poca acqua per volta, finché
è completamente sciolto.
6. Quando le temperature dei grassi e della soluzione caustica hanno raggiunto
rispettivamente 43° e 40º C circa, versate la soluzione caustica nei grassi, che avrete nel
frattempo tolto dal fornello, quindi frullate o mescolate sino al nastro.
7. Se avete scelto il metodo a freddo, aggiungete la miscela di argilla e oli essenziali,
l’eventuale allume di rocca e mescolate bene. Versate il sapone nello stampo, isolatelo
bene e sformatelo dopo 24 ore.
8. Tempo di stagionatura minimo consigliato: 6 settimane

12.5 Sapone delicato alla seta

% Ingredienti Quantità a freddo Quantità a caldo


80 Olio di oliva 800 g 800 g
10 Olio di riso 100 g 100 g
5 Olio di ricino 50 g 50 g
5 5 Olio di germe di grano 50 g 50 g
Soda caustica 122 g 122 g
Acqua 280 g 350 g
Seta grezza, non trattata né colorata artificialmente 1 g 1g
Al nastro/dopo la cottura:
Farina di manioca (tapioca) 1 cucchiaio 1 cucchiaio
Miscela di oli essenziali a scelta 15 ml 15 ml

Sconto soda: circa 8%

Le fibre di seta contengono una proteina, la sericina, che ha proprietà


antiossidanti e protettive. Nel sapone, la seta dona alla schiuma una
consistenza morbida e “setosa”, particolarmente adatta ai saponi da barba e
per il viso. Per dare risalto alle proprietà della seta, abbiamo optato per
grassi emollienti e uno sconto della soda relativamente alto. La tapioca,
aggiunta insieme a oli essenziali che consigliamo di scegliere tra quelli più
adatti alle pelli delicate, funge da “fissatore” per il profumo e può
rimpiazzare brillantemente l’argilla se volete destinare questo sapone alla
barba o alla depilazione col rasoio. Se non trovate la tapioca, potete usare al
suo posto dell’amido di riso, mais o patate. Anche senza l’aggiunta della seta
questo è un sapone super delicato adatto alle pelli sensibili e alla pulizia del
viso.
Procedimento
Metodi suggeriti: a freddo, a caldo
1. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo.
2. Pesate, in due contenitori separati, la soda caustica e l’acqua.
3. Aggiungete la seta nel contenitore con l’acqua.
4. Versate la soda nell’acqua, mescolando bene; quando l’alcale e le fibre di seta sono
sciolti, mettete la soluzione caustica a raffreddare.
5. Pesate i grassi direttamente nella pentola e mettete a riscaldare a fuoco bassissimo.

L’alta percentuale di oli insaturi richiede tempi di stagionatura molto lunghi,


che si possono abbreviare sostituendo parte dell’olio di oliva con grasso
animale (strutto, sego) o vegetale (olio di cocco o di palma, con le riserve
etico-ambientali già espresse!) e ricalcolando opportunamente gli alcali.

6. Misurate la tapioca e gli oli essenziali nello stesso contenitore.


7. Quando le temperature dei grassi e della soluzione caustica hanno raggiunto
rispettivamente 43° e 40º C circa, versate la soluzione caustica nei grassi, quindi
frullate o mescolate sino al nastro.
8. Se avete scelto il metodo a freddo, aggiungete la miscela di tapioca e oli essenziali e
mescolate bene. Versate il sapone nello stampo, isolatelo bene e sformatelo dopo 24
ore.
9. Se preferite seguire un metodo a caldo, tenete da parte la miscela di tapioca e oli
essenziali e aggiungetela alla fine della cottura. Istruzioni per il metodo a caldo ai
Capitoli 5 e 8.
10. Tempo di stagionatura minimo consigliato: 8 settimane.

12.6 Sapone da bagno al burro

% Ingredienti Quantità a freddo Quantità a caldo


90 Olio di oliva 900 g 900 g
10 Burro vaccino, 80% materia grassa 125 g 125 g
Soda caustica 130 g 130 g
Acqua 275 g 350 g
Al nastro/dopo la cottura
Acqua 280 g 350 g
Amido di riso 15 ml 15 ml
Miscela di oli essenziali a scelta da 10 a 18 ml da 10 a 18 ml
Sconto soda: circa 5%

Il burro utilizzato per questa ricetta contiene un 80% di materia grassa e un 20% di liquidi.
Il peso indicato è al lordo del liquido; pertanto, il coefficiente di saponificazione va
calcolato sull’80% del peso totale (125 grammi), ossia 100 grammi di materia grassa. Di
conseguenza, va riveduta e ridotta la quantità dei liquidi (acqua) per la preparazione della
soluzione caustica.

Procedimento
Metodi suggeriti: a freddo, a caldo
1. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo.
2. Pesate, in contenitori separati, la soda caustica e l’acqua.
3. Versate la soda nell’acqua, mescolando bene; quando l’alcale è sciolto, mettete la
soluzione caustica a raffreddare.
4. Pesate i grassi direttamente nella pentola e mettete a riscaldare a fuoco bassissimo.
5. Misurate gli oli essenziali e metteteli da parte.

Il burro vaccino viene raramente consigliato come ingrediente nei saponi


fatti a mano per due ragioni principali. La prima è che il comune burro da
cucina contiene una percentuale non irrisoria di liquido, che può essere siero
di latte nei burri centrifugati preparati artigianalmente, oppure acqua nei
burri prodotti dalle industrie casearie. Poiché l’alcale reagisce solo con la
materia grassa, sapere quanta di questa è presente in un dato peso di burro è
fondamentale per poter calcolare correttamente la quantità di soda caustica
richiesta per il sapone. In Italia, il peso della materia grassa per un dato peso
di burro si ricava dalla concentrazione della materia grassa dichiarata in
etichetta; pertanto, se il burro che intendete usare contiene una percentuale di
materia grassa diversa dall’80, ricalcolate opportunamente i pesi di burro,
soda caustica e acqua. La seconda ragione che fa del burro un ingrediente
poco comune è la sua tendenza ad impartire al sapone un odore non
esattamente gradevole, che diventa tanto più forte, quanto più alta è la
percentuale di burro in ricetta. Peccato, perché il burro vaccino è un
ingrediente etico e sostenibile, che dà saponi duri, bianchi, schiumosi,
durevoli e gentili con la pelle, e si presterebbe benissimo a essere utilizzato
come unico grasso in ricette adatte per tutti gli usi! In combinazione con
l’olio di oliva, il burro può tuttavia diventare il vostro ingrediente preferito
se lo userete al 10% del totale dei grassi, addolcendone gli effetti “olfattivi”
con oli essenziali balsamici e deodoranti (rosmarino, conifere, eucalipto) e
una lunga stagionatura. È inoltre possibile preparare saponi di odore non
offensivo utilizzando fino al 20% di burro e seguendo un metodo a caldo o,
meglio ancora, lasciando fuori gli oli essenziali (in fase di preparazione) e
rilavorando a caldo il sapone dopo qualche giorno.

6. Quando le temperature dei grassi e della soluzione caustica hanno raggiunto


rispettivamente 45° e 40º C circa, versate la soluzione caustica nei grassi, quindi frullate
o mescolate sino al nastro.

7. Se avete scelto il metodo a freddo, aggiungete gli oli essenziali e versate il sapone nello
stampo, isolatelo bene e sformatelo dopo 24 ore.
8. Se avete scelto uno dei metodi a caldo seguite le istruzioni per la cottura riportate ai
Capitoli 5 e 8.

9. Tempo di stagionatura minimo consigliato: 8 settimane.

12.7 Sapone da bucato con lanolina

% Ingredienti Quantità a freddo Quantità a caldo


70 Olio di oliva 700 g 700 g
20 Strutto od olio di palma 200 g 200 g
10 Lanolina 100 g 100 g
Soda caustica (versione con strutto) 128 g 128 g
Soda caustica (versione con olio di palma) 129 g 129 g
Acqua 300 g 375 g
Al nastro/dopo la cottura
Olio essenziale di albero del tè 10 ml 10 ml
Olio essenziale di lavanda 5 ml 5 ml

Sconto soda: circa 1%

Procedimento
Metodi suggeriti: a freddo, a caldo
1. Preparate l’area di lavoro e indossate abbigliamento protettivo.
2. Pesate, in contenitori separati, la soda caustica e l’acqua.
3. Versate la soda nell’acqua, mescolando bene; quando l’alcale è sciolto, mettete la
soluzione caustica a raffreddare.
4. Pesate i grassi direttamente nella pentola e mettete a riscaldare a fuoco bassissimo.
5. Misurate gli oli essenziali e metteteli da parte.

Questo sapone sfrutta il potere detergente dell’olio di oliva in combinazione


con la lanolina, una sostanza di derivazione animale dal forte potere
emolliente. Il sapone con lanolina è adatto soprattutto al lavaggio a mano di
capi delicati ma può essere trasformato in gel per lavatrice, seguendo il
procedimento riportato nelle pagine precedenti. Gli oli essenziali possono
essere omessi in fase di preparazione del sapone e aggiunti alla fine del
processo di liquefazione. Per un sapone senza strutto o palma, aumentare la
quantità di olio di oliva a 900 grammi e utilizzare 127 grammi di soda
caustica.

6. Quando le temperature dei grassi e della soluzione caustica hanno raggiunto


rispettivamente 45° e 40º C circa, versate la soluzione caustica nei grassi, quindi
frullate o mescolate sino al nastro.
7. Se avete scelto il metodo a freddo, aggiungete gli oli essenziali e versate il sapone
nello stampo, isolatelo bene e sformatelo dopo 24 ore.
8. Se avete scelto uno dei metodi a caldo seguite le istruzioni per la cottura riportate ai
Capitoli 5 e 8.
9. Tempo di stagionatura minimo consigliato: 4 settimane.
Capitolo 13

Tabelle e indirizzi utili

13.1 Caratteristiche del sapone


Ogni grasso dà un sapone diverso, sia
nell’aspetto, sia nella produzione di schiuma, Sommario
sia nella durata. Salvo pochissime eccezioni,
tra cui la principale è rappresentata dall’olio • Caratteristiche del sapone
di oliva, è preferibile miscelare due o più • Tempi di conservazione di oli e grassi
grassi diversi in ogni ricetta e non limitarsi a • Coefficienti di saponificazione
un unico ingrediente. Inoltre, poiché ogni • Dosi suggerite per gli additivi
grasso impartisce al sapone specifiche qualità, • Accessi alla rete mondiale del sapone
i risultati migliori si ottengono proprio quando
grassi complementari vengono utilizzati insieme. Alla luce di questa considerazione, è bene
abituarsi a combinare nella stessa ricetta grassi diversi, per ottenere il massimo risultato nel
vostro sapone.
Gli oli di palma e di cocco e i grassi animali danno saponi duri, con buona schiuma e scarse
proprietà emollienti. Gli oli insaturi producono saponi più “gentili” con la pelle, ma di
consistenza cedevole o appiccicosa e che possono irrancidire rapidamente. L’unico olio
insaturo che può essere utilizzato al 100 per cento senza problemi è l’olio di oliva. La
Tabella 13.1 illustra le principali caratteristiche che la composizione specifica di ciascun
grasso impartirebbe a saponi “monograsso”. Inoltre, poiché ciascun olio reagisce con la
soda in maniera diversa, abbiamo aggiunto un’indicazione approssimativa del tempo che la
mistura, sempre ponendo il caso di una ricetta composta da un solo grasso, impiegherebbe a
raggiungere il nastro.
Va notato però che, come avete imparato nei Capitoli precedenti, il raggiungimento del
nastro dipende anche da fattori esterni (la temperatura di miscela, la velocità di
mescolamento, la presenza di determinati ingredienti facoltativi): pertanto, vi
raccomandiamo di prendere queste annotazioni come valori relativi.

13.2 Tempi di conservazione dei grassi


I grassi di base e i nutrienti si conservano in contenitori ermetici, in ambiente fresco, al
riparo dall’aria, dalla luce e da fonti di calore.
A seconda del clima e della stagione, alcuni grassi solidi (come per esempio gli oli di
cocco e palma, il burro di cacao e il sego) possono essere conservati nel frigorifero o, in
dosi già pesate, addirittura congelati, ma resistono bene anche a temperatura ambiente,
purché non faccia eccessivamente caldo.
La conservazione al freddo è raccomandata invece per il burro di karitè e gli oli di canapa,
germe di grano, enotera e semi di lino; specialmente d’estate, è consigliata anche per lo
strutto e per tutti i grassi insaturi. Come regola generale, i grassi saturi (quelli solidi a
temperatura ambiente) sono più resistenti e hanno una durata maggiore, mentre quelli
insaturi (tutti gli oli liquidi a temperatura ambiente) hanno più facilità a combinarsi con
l’aria e quindi a deteriorarsi.
Alcuni oli, per esempio quello di avocado, possono diventare torbidi col passare del tempo,
ma questo non significa che si siano guastati. Gli oli andati a male (irranciditi) si
individuano facilmente per via del tipico odore aspro e pungente. Sui burri e sui grassi
solidi si possono sviluppare dei segni visibili di ossidazione: decolorazioni, macchie nere o
giallastre, oppure muffe.

Tabella 13.1: Caratteristiche del sapone in base al tipo di grasso


Grasso Schiuma Consistenza Proprietà Tempo per il nastro
Da solo: irritante In
Burro di cacao Cremosa, durevole Duro, secco miscela con altri oli: Molto breve
emolliente
Breve, può provocare
Burro di karitè Stabile Duro, secco Lenitivo, ristrutturante
ammassamento
Molto breve, può
Emolliente,
Lanolina Scarsa Duro provocare
possibileallergene
ammassamento
Olio di arachidi Ricca e durevole Molle Emolliente Lungo
Olio di avocado Durevole Molle Lenitivo, emolliente Medio/lungo
Olio di canapa Leggera Molle Lenitivo, ristrutturante Lungo
Detergente, possibile
Olio di cocco Ricca Duro Breve/medio
irritante
Olio di colza Scarsa Molle Emolliente Medio/lungo
Olio di germe di grano Cremosa Molle dLenitivo Lungo
Olio di girasole Scarsa Molle Lenitivo, emolliente Lungo
Molto breve, provoca
Olio di jojoba Non fa schiuma Molle Ristrutturante
ammassamento
Olio di mais Scarsa Molle Emolliente Lungo
Olio di mandorle dolci OLeggera Molle Emolliente Medio/lungo
Medio/lungo di
Olio di Leggera Scarsa Molle Emolliente, lenitivo
albicocca
Detergente, possibile
Olio di noccioli di palma Ricca, morbida Duro, secco Breve
irritante
Scarsa, durevole se Emolliente, lenitivo,
Olio di oliva Da molle a molto duro Da breve a molto lungo
stagionato detergente
Olio di palma Da duro a molto duro Duro, secco Detergente Detergente
Purificante, possibile
Olio di ricino Ricca, soffice1 Molle, appiccicoso irritante se in alte Medio
quantità
Olio di riso Leggera2 Molle, appiccicoso Emolliente, Medio/lungo
Olio di sesamo Scarsa Molle Emolliente, lenitivo Lungo
Olio di soia Leggera Molle Emolliente Lungo
Olio di vinaccioli Leggera Molle Emolliente Lungo
Strutto Cremosa Duro Detergente, emolliente Breve
1 Solo se in combinazione con altri grassi. Il sapone di solo olio di ricino produce pochissima schiuma.
2 In combinazione con altri grassi, l’olio di riso contribuisce a una schiuma ricca e stabile.

Tabella 13.2: Tempi di conservazione dei grassi più comuni


Grasso Tempo medio di conservazione
Burro di cacao Da 12 a 18 mesi
Burro di karitè 12 mesi, ma può durare di più se conservato in frigo
Olio di arachidi Da 6 a 12 mesi
Olio di avocado Fino a 24 mesi se conservato bene. Non tenere in frigorifero
Da 6 a 12 mesi se acquistato di fresca spremitura. Conservare sempre in frigorifero,
Olio di canapa
in bottiglie riempite il più possibile in modo che lo spazio lasciato all’aria sia minimo
Olio di cocco Liquido (frazionato): da 6 a 12 mesi
Solido: da 12 a 24 mesi
Olio di colza 12 mesi
Olio di germe di grano 6 mesi. Conservare sempre in frigorifero
Olio di girasole Da 3 a 12 mesi a seconda dei tipi
Olio di jojoba Può durare virtualmente all’infinito
Olio di macadamia 24 mesi e oltre
Olio di mais Da 6 a 12 mesi
Olio di mandorle dolci Da 3 a 12 mesi
Olio di noccioli Da 6 a 12 mesi di albicocca
Olio di noci 3 mesi
Olio di oliva Da 12 a 24 mesi
Olio di ricino 12 mesi
Olio di sesamo Da 6 a 12 mesi
Olio di soia Da 3 a 12 mesi
Olio di vinaccioli Da 3 a 12 mesi

13.3 Coefficienti di saponificazione


I grassi “naturalmente” presenti nelle sostanze viventi sono centinaia, ma non tutti si
prestano allo sfruttamento commerciale. Per soddisfare richieste di mercato che crescono
esponenzialmente con lo sviluppo della popolazione e di nuovi stili di vita, l’uomo forza
continuamente la mano alla natura, rimpiazzando le foreste vergini con colture intensive di
piante specifiche da olio e allevamenti industriali di animali da macello, il cui grasso viene
“riciclato” come materia prima destinata alle industrie alimentari, cosmetiche e di
trasformazione.
Invertire questa tendenza non sembra facile, ma qualcosa possiamo fare – individualmente,
prima ancora che tutti insieme. Nella scelta delle materie prime per i vostri saponi, vi
invitiamo pertanto a mantenere un atteggiamento “pulito”, in linea con la scelta di creare con
le vostre mani saponi più naturali, privilegiando oli vegetali e grassi animali che non
contribuiscono all’ulteriore distruzione degli ambienti naturali – o che, se lo fanno, almeno
non minaccino direttamente le poche oasi di verde intatto che ancora rimangono sulla Terra.
Nelle tabelle che seguono, abbiamo raccolto i coefficienti di saponificazione dei grassi di
origine animale e vegetale più comunemente utilizzati in prodotti alimentari, cosmetici e
industriali. Il nostro obiettivo è fornire un panorama il più possibile completo delle
alternative disponibili, con la speranza di semplificare il compito, peraltro non facile, di
scegliere quelle che risultano più rispettose della natura e dell’ambiente “globale”, a
seconda delle preferenze e delle situazioni ambientali in cui ciascuno di noi si muove.
I grassi di origine animale sono raggruppati in Tabella 13.3, mentre la Tabella 13.4 elenca
solo oli e grassi di origine vegetale. I valori riportati nelle ultime tre colonne indicano i
coefficienti da utilizzare per il calcolo della soda caustica e del potassio idrossido; per
quest’ultimo, sono riportati sia il valore per il tipo “puro” (titolo 96-98), sia quello per il
tipo più facilmente disponibile in Italia, che ha titolo 80.
Tutti i coefficienti qui riportati sono valori medi. Se intendete utilizzare più del 5% di un
grasso di uso non comune, richiedete al vostro fornitore la documentazione specifica e fate
riferimento al valore di saponificazione in essa indicato (opportunamente ricalcolato1),
piuttosto che ai valori riportati in questa tabella. Gli oli e i grassi che più difficilmente si
possono reperire attraverso i comuni canali di distribuzione sono contrassegnati da un
asterisco.
Fate riferimento al Capitolo 10 per istruzioni dettagliate su come calcolare e scontare le
quantità di alcali per ricette diverse, e in presenza di alcali con concentrazioni diverse.

Tabella 13.3: Coefficienti di saponificazione per i grassi animali


Animale o parte (nome del grasso) KOH 96-98 KOH 80 KOH 80
Aringa (olio) 0.190 0.238 0.135
Bue (sego) 0.197 0.246 0.140
Burro caprino/ovino (materia grassa)2 0.234 0.293 0.167
Burro vaccino (materia grassa)2 0.227 0.284 0.162
Capra (sego) * 0.194 0.243 0.138
Cera d’api 0.095 0.119 0.068
Emu (olio) * 0.192 0.240 0.137
Fegato di merluzzo (olio) 0.185 0.231 0.132
Lana, grasso di (lanolina) 0.104 0.130 0.074
Maiale (strutto) 0.193 0.241 0.138
Oca (grasso) * 0.192 0.240 0.137

Pecora, montone (sego) * 0.194 0.243 0.138

Piede di bue (olio)3 * 0.198 0.248 0.141


Pollo (grasso) 0.195 0.244 0.139
Struzzo (olio, grasso) * 0.190 0.238 0.135

Tabella 13.4: Coefficienti di saponificazione per oli e grassi vegetali


Nome comune Nome botanico o INCI KOH 96-98 KOH 80 NaOH
Albicocca, armellina Prunus armeniaca 0.189 0.236 0.135
Anacardio * Anacardium occidentale 0.190 0.238 0.135

Anguria * Citrullus vulgaris 0.190 0.238 0.135


Arachidi Arachis ipogaea 0.191 0.239 0.136
Argania Argania spinosa 0.191 0.239 0.136
Avocado Persea gratissima, P. americana 0.186 0.233 0.133
Babassu * Orbignya oleifera, O. phalerata 0.246 0.308 0.175
Balanite * Balanites aegyptiaca, B. maughamii 0.187 0.234 0.133

Baobab * Adansonia digitata 0.195 0.244 0.139


Bassia, mowrah (burro) Madhuca latifolia, M. longifolia 0.192 0.240 0.137
Borragine, boragine Borago officinalis 0.188 0.235 0.134
Cacao Theobroma cacao 0.192 0.240 0.137
Caffè Coffea arabica 0.182 0.228 0.130
Camellia oleifera, C. sasanqua, C.
Camelia, olio di tè 0.191 0.239 0.136
sinensis
Camelina * Camelina sativa 0.187 0.234 0.133
Canapa Canapa 0.190 0.238 0.135
Candelilla (cera) Euphorbia cerifera, E. antisyphilitica 0.055 0.069 0.039
Canola (colza <2% erucico) * Brassica napus, B. campestris 0.174 0.218 0.124

Carciofo * Cynara cardunculus 0.194 0.243 0.138

Cariocar * Caryocar villosum 0.204 0.255 0.145


Carnauba (cera) Copernicia prunifera, C. cerifera 0.075 0.094 0.053
Cartamo Carthamus tinctorius 0.192 0.240 0.137
Cartamo >70% oleico Carthamus tinctorius 0.190 0.238 0.135
Cera o sego del Giappone * Rhus succedanea 0.215 0.269 0.153

Ciliegia * Prunus avium 0.190 0.238 0.135


Cocco, copra Cocos nucifera 0.258 0.323 0.184
Cocco frazionato Caprylic / capric triglyceride (INCI) 0.330 0.413 0.235
Cocco vergine Cocos nucifera 0.258 0.323 0.184
Cohune, ouricouri * Orbignya cohune 0.250 0.313 0.178
Brassica napus, B. campestris, B.
Colza, ravizzone – non OGM 0.174 0.218 0.124
tournefortii
Comino nero, grano nero Nigella sativa 0.189 0.236 0.135
Copra, cocco Cocos nucifera 0.258 0.323 0.184
Cotone * Gossypium spp. 0.194 0.243 0.138

Cotone di Java, kapok* Ceiba pentandra 0.192 0.240 0.137


Egoma, perilla Perilla frutescens 0.192 0.240 0.137
Enotera, onagra Oenothera biennis 0.187 0.234 0.133
Germe di grano Triticum aestivum, T. durum 0.184 0.230 0.131
Gingelly, sesamo, til * Sesamum orientalis 0.187 0.234 0.133
Girasole Helianthus annuus 0.191 0.239 0.136
Girasole >75% oleico Helianthus annuus 0.188 0.235 0.134
Guizotia, semi del Niger * Guizotia abyssinica 0.190 0.238 0.135
Illipe (burro), sego/olio del
Shorea macrophylla, S. stenoptera 0.185 0.231 0.132
Borneo *
Jathropa, physic nut * Jatropha curcas 0.196 0.245 0.140

Jessenia * Jessenia polycarpa 0.198 0.248 0.141


Jojoba Simmondsia chinensis 0.083 0.104 0.059
Kapok, cotone di Giava Ceiba pentandra 0.192 0.240 0.137
Butyrospermum parkii, Vitellaria
Karité (burro) 0.179 0.224 0.128
paradoxa
Garcinia indica 0.188 0.235 0.134
Kokum (burro) ** Aleurites moluccana 0.190 0.238 0.135
Kukui, lumbang
Lampone * Rubus idaeus 0.188 0.235 0.134

Lesquerella * Lesquerella grandiflora, L. fendleri 0.168 0.210 0.120

Limnante * Limnanthes alba 0.168 0.210 0.120


Lino – crudo Linum usitatissimum 0.191 0.239 0.136
Luffa * Luffa cylindrica 0.187 0.234 0.133
Macadamia Macadamia integrifolia, M. ternifolia 0.191 0.239 0.136
Mais Zea mays 0.191 0.239 0.136
Mandorle dolci Prunus amygdalus dulcis 0.191 0.239 0.136
Mango – noccioli Mangifera indica 0.186 0.233 0.133
Marula * Sclerocarya birrea 0.190 0.238 0.135

Melone * Cucumis melo L. 0.191 0.239 0.136

Miglio * Panicum millaceum 0.185 0.231 0.132

Mirica (cera) * Myrica cerifera 0.125 0.269 0.153

Miristica, noce moscata * Myristica fragrans 0.163 0.204 0.116

Monoi di Tahiti, cocco * Cocos nucifera 0.258 0.323 0.184

Mowrah, bassia (burro) * Madhuca latifolia, M. longifolia 0.192 0.240 0.137


Melia azadirachta, Azadirachta
Nem, neem 0.191 0.239 0.136
indica
Nigella * Nigella sativa 0.189 0.236 0.135
Nocciole Corylus avellana 0.190 0.238 0.135
Noci Juglans regia 0.190 0.238 0.135
Noci brasiliane * Bertholletia excelsa 0.193 0.241 0.138

Oiticica * Licania rigida 0.193 0.241 0.138


Oliva, sansa Olea europaea 0.188 0.235 0.134
Olivello spinoso * Hippophae rhamnoides 0.195 0.244 0.139
Onagra, enotera Oenothera biennis 0.187 0.234 0.133
Ouricouri (grasso), cohune
Orbignya cohune 0.250 0.313 0.178
(olio)
Palma Elaeis guineensis 0.199 0.249 0.142
Palma – noccioli Elaeis guineensis 0.230 0.288 0.164
Palma – oleina Elaeis guineensis 0.198 0.248 0.141
Palma – stearina Elaeis guineensis 0.204 0.255 0.145
Passiflora * Passiflora incarnata 0.190 0.238 0.135

Perilla, egoma * Perilla ocymoides 0.192 0.240 0.137


Pesca Prunus persica 0.191 0.239 0.136
Pistacchio Pistacia vera 0.189 0.236 0.135
Pongamia * Pongamia glabra 0.185 0.231 0.132

Prugna * Prunus domestica 0.180 0.225 0.128


Brassica napus, B. campestris, B.
Ravizzone, colza 0.174 0.218 0.124
tournefortii
Ribes nero Ribes nigrum 0.189 0.236 0.135
Ricino Ricinus communis 0.180 0.225 0.128
Ricino solfonato Sulfonated castor oil (INCI) 0.178 0.223 0.127
Riso Oryza sativa 0.183 0.229 0.130
Rosa – drupe Rosa canina 0.185 0.231 0.132
Rosa canina Rosa aff. rubiginosa 0.185 0.231 0.132
Roselle * Hibiscus sabdariffa 0.258 0.323 0.184

Sal (burro) * Shorea robusta 0.185 0.231 0.132


Sansa, oliva Olea europaea 0.188 0.235 0.134
Sego vegetale di Cina * Triadica sebifera, Sapium sebiferum 0.188 0.235 0.134

Sego o cera del Giappone * Rhus succedanea 0.215 0.269 0.153


Senape bianca Sinapis alba, Brassica hirta 0.176 0.220 0.125
Senape indiana o scura * Brassica juncea 0.174 0.218 0.124
Senape nera Brassica nigra 0.174 0.218 0.124
Sesamo Sesamum indicum 0.187 0.234 0.133
Soia Glycine max 0.190 0.238 0.135
Tamanu * Calophyllum inophyllum 0.208 0.260 0.148
Camellia oleifera, C. sasanqua, C.
Tè, camelia * sinensis
0.191 0.239 0.136

Til, gingelly, sesamo Sesamum orientalis 0.187 0.234 0.133


Ucuúba, virola * Virola surinamensis, V.sebifera 0.223 0.279 0.159
Uva – semi Vitis vinifera 0.181 0.226 0.129
Vinaccioli, semi d’uva Vitis vinifera 0.181 0.226 0.129
Zucca fiasco, zucca bottiglia * Lagenaria siceraria 0.195 0.244 0.139
Zucca, melopopone Cucurbita pepo, C. Maxima 0.187 0.234 0.133

13.4 Dosi suggerite per gli additivi


In questa Tabella sono riassunti i dosaggi suggeriti per alcuni tra gli additivi più comuni.
Per un quadro generale degli ingredienti facoltativi, vi rimandiamo al Capitolo 3.

Tabella 13.5: Dosi suggerite per gli additivi più comuni


Ingrediente Dosaggi suggeriti
Erbe essiccate, farine, argille Da 1 a 2 cucchiai per chilo di grassi
Miele, cera d’api Da 15 a 30 grammi per chilo di grassi
a) Se usati al posto dell’acqua: la quantità di liquido richiesta dalla ricetta
Succhi freschi, infusi, latte fresco b) Se aggiunti al nastro: fino al 20 per cento della quantità di liquido richiesta per la
ricetta (ricordate di scontare questa quantità
Latte condensato o liofilizzato Da 1 a 3 cucchiai per chilo di grassi
Frutta fresca (frullata o schiacciata) Da 2 a 4 cucchiai per chilo di grassi
Spezie Da 1 a 2 cucchiaini per chilo di grassi
Ossidi, ultramarini, pigmenti
Da un quarto a 2 cucchiaini per chilo di grassi a seconda dell’intensità di colore voluta
cosmetici
Oli essenziali Da 10 a 30 ml per chilo di grassi
Fragranze cosmetiche Una media di 20 ml per chilo di grassi, o secondo le indicazioni del fornitore

13.5 Accessi alla rete mondiale del sapone


Ecco alcuni siti e gruppi su cui potrete trovare informazioni sul sapone.
Sapone
http://groups.yahoo.com/group/sapone
È la più vasta, entusiasta e autorevole comunità virtuale dei saponai italiani, oggi la seconda
in Europa per numero di iscritti. Buon database per fornitori, ricette, informazioni generali.
Le autrici di questo libro ne sono le moderatrici.

Il Mio Sapone
http://www.ilmiosapone.it
Dal 2001 è il primo e il più affidabile sito in lingua italiana dedicato alla produzione
casalinga del sapone; è ricco di ricette, spiegazioni delle tecniche e link a fornitori, gruppi,
siti mondiali. È stato realizzato da Patrizia, una delle autrici di questo libro.

Soap Naturally
http://www.soapnaturally.org
È uno dei più completi punti di riferimento sul sapone naturale oggi esistenti sulla Rete. Le
autrici di questo libro ne fanno parte entrambe e Marina è una delle moderatrici. La lingua è
l’inglese.
Glossario

Acidigrassi: composti organici di carbonio, ossigeno e idrogeno strutturati in legami


saturi e insaturi. In natura si trovano esterificati con la → glicerina a formare i →
gliceridi che sono ciò che noi conosciamo come → oli e → grassi. Gli a.g. possono
essere isolati nella loro forma pura attraverso un processo chiamato idrolisi. Nel
processo di → saponificazione gli a.g. reagiscono con la → soda caustica e producono
un → sale sodico detto → sapone. Gli a.g. che il corpo umano non è in grado di
produrre attraverso il proprio metabolismo sono detti → acidi grassiessenziali. In
cosmesi gli a.g. vengono utilizzati per le loro proprietà emollienti, lenitive, ristrutturanti.

Acidi grassi essenziali: sono l’a. linoleico e l’a. linolenico; entrambi non vengono
prodotti dal metabolismo umano e devono quindi essere introdotti attraverso la dieta.
L’a. linoleico è un componente di buona parte degli oli che conosciamo (soia, girasole,
oliva) mentre l’a. linolenico è la costituente principale dell’olio di semi lino ed è
presente in percentuali significative anche negli oli di canapa, emu e soia.
Additivi: in questo libro si definiscono a. tutte le sostanze di origine vegetale, minerale o
animale (tipo erbe aromatiche, miele, argille etc) che si aggiungono al → sapone
naturale per arricchirlo, modificarne la consistenza o l’aspetto. Gli a. rientrano nella
categoria degli → ingredienti facoltativi.

Alcali: sostanze che si comportano come basi e sono quindi antagoniste degli acidi di cui
neutralizzano le proprietà. Gli idrossidi dei metalli alcalini (sodio e potassio) sono
conosciuti con i nomi comuni di → soda caustica e → potassio caustico. Dalla
neutralizzazione di un → acido grasso attraverso una → base alcalina si ottiene il →
sapone.

Antiossidante: sostanza di sintesi o di origine organica che frena il processo di


combinazione di certi ingredienti del → sapone, in particolare dei → grassi, con
l’ossigeno contenuto nell’aria e ne impedisce il deterioramento. La rancidità è il
fenomeno più evidente dell’avvenuta → ossidazione.

Base alcalina: sostanza alcalina tipo → l’idrossido di sodio o → l’idrossido di


potassio che viene usata per neutralizzare gli acidi grassi e trasformarli in → sapone.

Conservante: sostanza di sintesi o di origine organica che impedisce il proliferare di


batteri, muffe e microorganismi e frena il processo degenerativo degli ingredienti.
Fase del gel: e una delle fasi della → saponificazione e avviene in genere dopo qualche
ora dal momento in cui il sapone e stato versato nello stampo. Durante la f.d.g. c’è un
aumento della temperatura del sapone che assume un aspetto gelatinoso, traslucido. Il
calore naturale si irradia dal centro dello stampo verso l’esterno e contribuisce a
completare piu rapidamente la trasformazione dei grassi in sapone. I saponi che “non
vanno in gel” hanno bisogno di tempi di stagionatura piu lunghi.

Essenza: qui usato come sinonimo di → oli essenziali o della loro combinazione in →
fragranza o → profumo.

Fragranza: qui usato come sinonimo di “combinazione di oli essenziali o di →


fragranze sintetiche”. Altro termine analogo è → profumo.

Fragranza sintetica: composto di sintesi ottenuto dalla miscelazione di sostanze


chimiche profumanti, derivate spesso dagli idrocarburi. Le f.s. si trovano generalmente
confezionate in soluzione in una base alcolica o oleica. Nel → sapone naturale si
raccomanda l’uso esclusivo di fragranze sintetiche per cosmetici onde evitare possibili
reazioni allergiche o irritazioni della pelle.

Gliceridi: composti esterificati di → glicerina con → acidi grassi. I più importanti sono
i tri-gliceridi poiché comprendono gli → oli e i → grassi animali e vegetali conosciuti
in natura.

Glicerina: è una sostanza molto diffusa in natura, negli → oli e nei → grassi animali e
vegetali, dove si trova legata agli → acidi grassi in forma di → gliceridi. La reazione
chimica della → saponificazione rende disponibile la g. che va quindi ad arricchire la
composizione del → sapone naturale.

Grassi: sostanze organiche naturali di origine animale e vegetale costituite in genere da


miscele di tri-→ gliceridi misti a → glicerina. Si distinguono g. saturi, in genere, solidi
a temperatura ambiente (ad esempio lo strutto e il burro di cacao) e g. insaturi nella
forma liquida detti → oli. I g. reagiscono con la → soda caustica nel processo di →
saponificazione trasformandosi nel → sale sodico detto → sapone. Per convenzione in
questo libro si parla di → grassi di base e di → nutrienti.

Grassi di base: sono quegli → oli o → grassi che possono essere usati in quantità in una
ricetta di → sapone naturale. I g.d.b. vengono in genere combinati con i → nutrienti
all’inizio della → saponificazione. Rientrano nella categoria degli → ingredienti
fondamentali.

Idrossido di potassio: conosciuto anche con i nome comuni di → potassio caustico o


potassa caustica è una → base alcalina (simbolo chimico KOH) usata per la
produzione di saponi liquidi. Di saponi liquidi si parla nel secondo volume della collana
NaturalMente.

Idrossido di sodio: → base alcalina meglio conosciuta col nome comune di → soda
caustica

Ingredienti facoltativi: le sostanze profumanti, coloranti e gli → additivi che possono


essere aggiunti al sapone in base ai propri gusti o a scopi particolari. La loro presenza
non è obbligatoria nelle ricette per il sapone, mentre lo è invece quella degli →
ingredienti fondamentali.

Ingredienti fondamentali: sono i → grassi, la → soda caustica e un → liquido (acqua,


succhi di frutta, latte, infusi etc). Senza di essi non è possibile creare un → sapone
naturale.

Insaponificabili: componenti secondarie degli → oli e dei → grassi, specie di quelli


vegetali, che non vengono trasformate durante il processo di → saponificazione e
possono quindi restare intatte nel → sapone naturale finito. L’olio di oliva è tra i grassi
più ricchi di i., che contribuiscono a renderlo uno degli oli più importanti per la
produzione del sapone naturale.
Liquido: serve per dissolvere la → soda caustica e renderla attiva per la reazione con i
→ grassi. Di solito si usa acqua, ma è possibile utilizzare anche latte, succhi di frutta o
di verdura, infusi di erbe e di fiori.

Miche: sostanze perlescenti o luminescenti di derivazione minerale o sintetica. Vengono


usate nel → sapone naturale come → additivi per aumentare l’effetto luminescente del
prodotto finito.

Metodo a caldo: processo per la produzione di → sapone naturale nel quale è prevista
l’applicazione di calore esterno per completare la reazione di → saponificazione.

Metodo a freddo: processo per la produzione di → sapone naturale che sfrutta il


calore normalmente prodotto dalla reazione chimica tra la → soda caustica e i →
grassi.

Nastro: fase cruciale della → saponificazione che si raggiunge dopo che la →


soluzione caustica è stata versata nei → grassi e si è proceduto a mescolare o frullare
la → pasta di sapone. Il n. si presenta come una piccola traccia in rilievo ottenuta
facendo colare la pasta dal frullatore o dal cucchiaio. Una volta raggiunto il n., si
possono aggiungere al sapone gli → ingredienti facoltativi per profumarlo, colorarlo,
arricchirlo.
Nutrienti: → oli o → grassi dalle particolari proprietà che vengono usati nel sapone
naturale per migliorarne la qualità. Due sono i metodi per usare i n.: includerli con i →
grassi di base all’inizio della → saponificazione o aggiungerli al momento del →
nastro.

Pasta di sapone: la mistura che si ottiene dopo aver versato la → soluzione caustica nei
→ grassi.

Potassio caustico o potassa caustica: i nomi comuni dell’→ idrossido di potassio.

Profumo: qui usato nel senso di “combinazione di sostanze profumanti come → oli
essenziali o → fragranze sintetiche”.

Oli: → grassi insaturi di origine prevalentemente vegetale che costituiscono uno degli
→ ingredienti fondamentali del → sapone naturale.

Oli essenziali: sostanze altamente concentrate derivanti dalla distillazione, espressione


o spremitura di materiale botanico (erbe, fiori, radici, cortecce etc). Gli o.e sono usati in
cosmetica, in profumeria, nell’aromaterapia e nella medicina alternativa. Nel → sapone
naturale si usano per profumare e rientrano nella categoria degli → ingredienti
facoltativi.

Ossidazione: la combinazione di un elemento o di un composto chimico con l’ossigeno


contenuto nell’aria. L’ o. è responsabile di molti fenomeni degenerativi naturali, tra i
quali l’irrancidirsi dei → grassi.

Ossidi: categoria di sostanze di derivazione minerale o sintetica che vengono utilizzate


come coloranti. Nel → sapone naturale si consiglia l’uso di o. destinati alla cosmesi.
Le tonalità degli o. possono essere molto varie. Rientrano tra gli → ingredienti
facoltativi.

Sale potassico: composto ottenuto dalla reazione tra → acidi grassi (contenuti negli oli
e grassi animali o vegetali) e → idrossido di potassio. Il sale potassico corrisponde al
sapone liquido naturale.

Sale sodico: composto ottenuto dalla reazione tra → acidi grassi (contenuti negli oli e
grassi animali o vegetali) e → idrossido di sodio. Nel → sapone naturale il s.s. è
accompagnato dalla → glicerina. Il sale sodico corrisponde al sapone solido naturale.

Sapone: → sale sodico o potassico ottenuto dalla reazione tra gli → acidi grassi
(contenuti negli oli e grassi animali o vegetali) e una → base alcalina come la → soda
caustica o il → potassio idrossido. A seconda del tipo di → alcali utilizzati si ottiene
un sapone solido (sodico) o liquido (potassico).

Sapone naturale: → sale sodico ottenuto dalla semplice reazione chimica tra la → soda
caustica e→ grassi o → oli di origine vegetale o animale. Il s.n. è ricco di → glicerina,
un sottoprodotto della reazione chimica di → saponificazione che viene normalmente
eliminato dai detergenti industriali. Il s.n. può essere fatto con il → metodo a freddo o
il→ metodo a caldo. Il sapone liquido naturale è un → sale potassico.

Saponificazione: reazione chimica innescata dalla miscela di una → soluzione caustica


con → grassi di origine vegetale o animale. La → base alcalina (in genere → soda
caustica o → potassio caustico), diluita in un → liquido che funge da → solvente,
viene fatta reagire con gli → acidi grassi contenuti nei grassi e negli oli; questo
procedimento permette di ottenere un → sale sodico o potassico (dagli → acidi grassi)
e → glicerina. La reazione di s. è esotermica, ossia genera calore, ed è proprio questo
innalzamento della temperatura a essere sfruttato nel cosiddetto → metodo a freddo.

Sconto della soda: scontare la quantità di → soda caustica vuol dire ridurne la dose in
modo da lasciare una parte di → grassi liberi nel sapone finito. Questo contribuisce a
renderlo più ricco e gentile con la pelle.
Soda caustica: nome comune dell’→ idrossido di sodio (simbolo chimico NaOH). È
una base alcalina che viene fatta reagire con gli acidi contenuti negli → oli e nei →
grassi per dare luogo ad un → sale sodico detto → sapone. La soda caustica innesca la
reazione chimica e sparisce durante il processo; ecco perché il sapone non si può fare
senza la soda, ma il sapone finito non contiene mai soda!

Soluzione caustica: si definisce s.c. il → liquido all’interno del quale è stata sciolta la
→ soda caustica. La s.c. è aggiunta ai → grassi per innescare la → saponificazione.

Solvente: il → liquido che è utilizzato per la → soluzione caustica. Si tratta in genere


di acqua, ma si possono usare anche latte, infusi di erbe e succhi di frutta o di verdura.

Tempo di cura : periodo che va dal momento in cui il → sapone è stato versato nello
stampo sino a quando viene sformato e tagliato. Per t.d.c. si intende a volte (meno
correttamente) il → tempo di stagionatura, ossia le quattro/otto settimane in cui il
sapone naturale, fatto con il → metodo a freddo o con il → metodo a caldo, va lasciato
stagionare.

Tempo di stagionatura : periodo che va dal momento in cui il → sapone è stato


sformato e tagliato, al momento in cui viene giudicato pronto per l’uso. In generale, il
t.d.s. minimo consigliato è di quattro settimane, con periodi più lunghi per saponi ad alta
concentrazione di oli insaturi e in tutti i casi in cui si vogliano ottenere saponi duri,
durevoli e ricchi di schiuma.
www.fag.it