Sei sulla pagina 1di 9

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO


DIREZIONE GENERALE
Ufficio XIII - Ufficio scolastico di Vicenza
Borgo Scroffa 2 - 36100 Vicenza

Prot. n. 354 Vicenza,


11/01/2011
(prec. n. )

ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI


DELLA PROVINCIA
LORO SEDI
E p.c.
ALLE OO. SS. TERRITORIALI DEL COMPARTO
SCUOLA - LORO SEDI
ALL’ INPDAP
SEDE DI VICENZA

Oggetto: CM n. 100 prot. n. AOODGPER 11273 del 29/12/2010, avente ad oggetto:


«D.M. n. 99 del 28/12/2010 - Cessazioni dal servizio – Trattamento di quiescenza –
Indicazioni operative».

Si segnala che sul sito Intranet del MIUR ( http://www.mpi.it/normative/normativa_mf.html?


2010/cm100_10 )
è stata pubblicata la circolare in oggetto, con la quale vengono fornite indicazioni operative per l’attuazione
del DM n. 99 del 28/12/2010, contenente disposizioni per le cessazioni dal servizio dal 1° settembre 2011.
Nel raccomandarne un’attenta lettura e una tempestiva diffusione, si pongono in evidenza i seguenti
punti.

Cessazioni del Personale docente, educativo ed Ata – Nuova Procedura web Polis “Istanze on line”
Termine di presentazione e/o di revoca di tutte le istanze di cessazione e/o di trattenimento in servizio
: 11 febbraio 2011.
In particolare, tale termine vale in caso di:
o domanda di dimissioni;
o domanda di cessazione per raggiunti 40 anni di contribuzione;
o domanda di cessazione anticipata rispetto alla data prevista dal mantenimento in servizio,
oltre il limite di età, richiesto negli anni precedenti;
o domanda di mantenimento in servizio oltre il limite di età;
o domanda di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con contestuale
attribuzione della pensione. Tale richiesta va formulata con un’unica istanza, nella quale è necessario,
inoltre, esprimere l’opzione per la cessazione dal servizio o per la permanenza a tempo pieno, qualora il
part-time non potesse essere concesso.
Il personale docente ed ata di ruolo deve utilizzare la nuova procedura di presentazione delle istanze
on line (procedura WEB POLIS ) disponibile dal 12/01/2011 sul sito Internet del Ministero(www.istruzione.it),
per tutte le istanze suddette - ad eccezione di quelle di mantenimento in servizio oltre il limite di età, per le
quali è prevista la forma cartacea -
Eventuali domande di cessazione già presentate in forma cartacea vanno riprodotte on line.
Il personale non di ruolo continuerà a presentare domande in forma cartacea con le consuete
modalità.
Questo ufficio comunicherà agli interessati, tramite le scuole di titolarità, entro il 31/03/2011, l’eventuale
mancanza dei requisiti pensionistici, assegnando cinque giorni per la revoca.

1
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA
UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO
DIREZIONE GENERALE
Ufficio XIII - Ufficio scolastico di Vicenza
Borgo Scroffa 2 - 36100 Vicenza

Immediatamente dopo l’ 11/02/11, le scuole di titolarità invieranno tempestivamente, e comunque non


oltre il 20/02/2011, copia delle istanze e/o delle revoche suddette (modello in formato *.pdf prodotto con la
procedura Polis) a questo Ufficio Territoriale, che provvederà all’inserimento al SIDI delle stesse, o alla
cancellazione in caso di revoca.

Al riguardo, si raccomanda la massima puntualità, al fine di garantire la corretta determinazione delle


disponibilità di posti per le operazioni di mobilità. Eventuali invii tardivi dovranno essere specificatamente
motivati.

Applicazione art. 72, comma 7, della legge 133/08 (mantenimento in servizio oltre i 65 anni)
Viene confermata la Direttiva n. 94 del 2009, per cui il mantenimento in servizio per un biennio oltre i
65 anni può essere concesso solo a chi non appartenga a classe di concorso, posto o profilo in esubero e
non abbia raggiunto i 40 anni di anzianità contributiva al 31 agosto 2011.
Restano applicabili le norme speciali (Dlgs 297/94 art. 509, commi 2, 3 e 5) che prevedono di poter
rimanere in servizio fino ai 70 anni di età per raggiungere l’anzianità minima contributiva di 20 anni o
massima di 40 anni (in questo caso, solo per coloro che erano in servizio al 1/10/1974).

Con l’occasione, si prega ciascuna scuola di segnalare i nominativi dei dipendenti nati fra il 1/9/1945
ed il 31/08/1946 e di coloro che dovranno cessare per scadenza del periodo di proroga concesso negli anni
precedenti.

Applicazione art. 72, comma 11, della legge 133/08 (risoluzione del rapporto di lavoro al compimento del
40° anno di contribuzione)
E’ confermata la Direttiva n. 94 del 2009 anche per quanto riguarda il collocamento a riposo d’ufficio al
compimento del 40° anno di contribuzione (con preavviso da notificare entro il 28/02/2011). Tale anzianità
deve essere pienamente raggiunta entro il 31 agosto 2011.
Pur in assenza di un esplicito riferimento nella circolare ministeriale, si ritiene che nel caso in cui
l’interessato abbia titolo ad uno scatto stipendiale al 1° gennaio 2012, anche in mancanza della effettiva
attribuzione dello stesso, il medesimo possa rimanere in servizio fino al 31 agosto 2012.
Sarà in ogni caso cura dello scrivente ufficio fornire alle scuole successive comunicazioni utili per il
necessario preavviso agli interessati ed i conseguenti provvedimenti di risoluzione del rapporto di lavoro.

***
Cessazione Dirigenti scolastici dal 1/9/2011 (art. 12 CCNL 15/07/2010)

Cessazione per età al compimento del 65° anno: avviene d’ufficio su comunicazione scritta dell’Ufficio
scolastico regionale ed ha effetto dal 1° settembre successivo al verificarsi dell’evento suddetto.
Dimissioni: l’art. 12 del CCNL sottoscritto il 15/07/2010, fissa al 28 febbraio il termine per la presentazione
delle domande.
Recesso del dirigente: avviene a domanda da presentarsi con preavviso.
L’ufficio scolastico competente comunicherà, entro trenta giorni dal ricevimento della domanda, l’eventuale
mancanza del diritto alla pensione, assegnando cinque giorni per la revoca.
Ai dirigenti non risulta applicabile l’art. 59, comma 9, della legge 449/97, laddove consente la maturazione
dei requisiti pensionistici entro il 31 dicembre dell’anno di cessazione, per accedere alla pensione dal 1°
settembre.
Le istanze di cessazione debbono essere presentate in forma cartacea.

***

2
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA
UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO
DIREZIONE GENERALE
Ufficio XIII - Ufficio scolastico di Vicenza
Borgo Scroffa 2 - 36100 Vicenza

Adempimenti per la liquidazione della pensione e della buonuscita


Viene mantenuta presso questo UST la competenza relativa agli adempimenti connessi alla liquidazione
della pensione e della buonuscita per tutte le cessazioni, comprese quelle di altra tipologia con decorrenza
diversa dal 1° settembre 2011 (dispensa per salute, inabilità, decesso, decadenza, licenziamento,
destituzione, dispensa per incapacità o persistente insufficiente rendimento, superamento del periodo
massimo di assenza per malattia).

Al fine di agevolare la tempestiva predisposizione dei prospetti informativi per la pensione e dei progetti
di liquidazione della buonuscita, si prega di inviare dopo la data dell’11 febbraio 2011 (il più presto
possibile e comunque non oltre il 31 marzo 2011), la seguente documentazione in duplice copia:
- domanda di pensione, redatta sul modello reperibile sul sito Inpdap http://www.inpdap.gov.it/
- dichiarazione per detrazioni d’imposta, redatta sul modello reperibile sul sito Inpdap http://www.inpdap.gov.it/;
- eventuale richiesta di assegno familiare, redatta sul modello Inpdap reperibile sul sito
http://www.inpdap.gov.it/
- eventuale domanda di adesione al fondo credito Inpdap, redatta sul modello reperibile sul sito
http://www.inpdap.gov.it/ ;
- richiesta di accredito della buonuscita in ccb od in ccp;
- autocertificazione (v. modello allegato)
- dichiarazione circa eventuali periodi di assenza con riduzione o sospensione della retribuzione, anche se
negativa (v. mod. allegato);
- scheda retribuzioni accessorie (v. modello allegato) ;
- dichiarazione circa eventuali periodi di servizio part-time (anche se negativa);
- fotocopia cedolino stipendio più recente;
- copia eventuali domande di valutazione servizi ai fini pensionistici presentate all’Inpdap (dopo il 1/9/2000
e
mai inviate a questo ufficio);
- copia eventuali provvedimenti di valutazione dei servizi di cui al punto precedente, emessi dall’Inpdap (ad
es. accredito figurativo maternità, legge 29/79, ecc.), con la relativa accettazione o rinuncia);
- dichiarazione relativa a ritenute per eventuale riscatto buonuscita (v. modello allegato);
con indicazione della data di inizio e termine delle relative rate;
- modello PA04 ( o 98.2) e modello 350P compilati dall’ente locale competente (per il personale transitato
nei
ruoli dello Stato ex L. 124/99), se non già trasmessi allo scrivente.

Infine, si raccomanda di aggiornare la progressione economica del personale in cessazione,


intervenendo nelle aree di ricostruzione della carriera del Sidi.

IL DIRIGENTE
DR. FRANCO VENTURELLA
AG

3
Mod. Ap1

AUTOCERTIFICAZIONE
(Legge 15 maggio 1997, n.127 e DPR 20 ottobre 1998, n.403)

__l__ sottoscritt____ (a) ______________________________ nat__ a ________________________________


il _______________ e residente a __________________________ in via _______________________________
_________________________________________________________________________________________
consapevole della responsabilità penale cui può andare incontro in caso di dichiarazioni false, ai sensi dell’art.26
della legge n.15 del 4 gennaio 1968,

dichiara (b):

1 di essere nat___ a (c) _________________________________________ il __________________________


2 di essere residente in (d) ___________________________________Via _____________________________
3 di essere domiciliato in (e) _________________________________Via _____________________________
4. che il proprio codice fiscale è il seguente ______________________________________________________
5.di essere (f) _____________________________________________________________________________
6. di essere iscritt__ - in quanto appartenente a categorie privilegiate - nell’ (g) _________________________
_________________________________________________________________________________________

Luogo e data________________________________ (h) ________________________________


(firma)

Spiegazione dei richiami


(a) Indicare cognome e nome, data e luogo di nascita, residenza anagrafica e abitazione del dichiarante
(b) Barrare con una X le caselle corrispondenti alle voci che interessano.
(c) Indicare il Comune di nascita e, tra parentesi, la provincia.
(d) Indicare il Comune alla cui anagrafe l’interessato è iscritto.
(e) Indicare solo se se il domicilio è diverso dalla residenza
(f) Indicare lo stato civile: celibe, nubile, coniugato/a con _______________; vedovo/a di _________________ già coniugato/a.
(g) Indicare l’albo o l’elenco in cui si è iscritti.
(h) Firma per esteso e leggibile.

4
Dichiarazione relativa alle assenze con riduzione o sospensione degli assegni
(Timbro lineare della scuola)

ALL’INPDAP - UFFICIO PENSIONI


V.LE VERDI, 76
36100 VICENZA
tramite l’ Ufficio Territoriale Scolastico
DI VICENZA

Oggetto: Dichiarazione relativa alle assenze con riduzione o sospensione degli assegni
Sig./Sig.ra ____________________________, nato/a il __________________
Qualifica ____________________________.
Data Iscrizione al Fondo Tesoro ______________

Si dichiara che il/la dipendente in oggetto indicato/a, dalla data di iscrizione al Fondo
Entrate Tesoro e al Fondo di Previdenza e Credito, ha effettuato le seguenti assenze con riduzione o
sospensione degli assegni (1):

Dal Al % assegni (2) Motivo assenza Codice (3)

Data, ____________
Il Dirigente scolastico

Note: (1) Le assenze per sciopero non vanno indicate


(2) Indicare la percentuale di retribuzione
(3) V. Tabelle Manuale dichiarazione dei servizi

5
Dichiarazione relativa alle ritenute per contributo di riscatto buonuscita
(Timbro lineare della scuola)

ALL’INPDAP - UFFICIO PENSIONI


V.LE VERDI, 76
36100 VICENZA
tramite l’ Ufficio Territoriale Scolastico
DI VICENZA

Oggetto: Dichiarazione relativa alle ritenute per contributo riscatto buonuscita


Sig./Sig.ra ____________________________, nato/a il __________________
Qualifica ____________________________.

Si dichiara che, nei confronti del/della dipendente in oggetto, a seguito di delibera posizione
n. ______________ del ____________:

sono state operate le trattenute relative al contributo di riscatto buonuscita per n. __________
rate mensili di Lire _____________ ciascuna, per un importo complessivo di Lire ___________
dal mese di ______________ al mese di ________________;

oppure:

allo stesso titolo il/la medesimo/a ha versato Lire __________________, tramite bollettino di
c.c.p. in data _______________.

Data, ____________________

Il Dirigente scolastico

6
SCHEDA RETRIBUZIONI ACCESSORIE

SIG. ____________________________________________________
QUALIFICA ______________________________________________
DATA CESSAZIONE DAL SERVIZIO __________________________

DAL (*) AL (*) IMPORTO (*) CODICE(**) Aliquota


RIT. PREVID.
_________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______
__________ __________ _____________ _______ _____ , ______

DATA__________
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
_________________________

(*) Nell’ipotesi di retribuzioni “DA ANNUALIZZARE” , nelle colonne “DAL” “AL” vanno indicati i mesi per i
quali la retribuzione medesima è stata corrisposta, mentre nella colonna “IMPORTO” deve essere indicato
l’ammontare annuo della stessa (ad es. : se dal gennaio 96 al novembre 96, sono state corrisposte £ 1.375.000 di
compensi da annualizzare, nella colonna “DAL” si indicherà 01/96, nella colonna “AL”, 11/96 , mentre nella
colonna “IMPORTO” va indicato il risultato delle seguenti operazioni : £ (1.375.000 / 11) * 12 = £ 1.500.000.
Nell’ipotesi di retribuzioni “DA NON ANNUALIZZARE” , nelle colonne “DAL” , “AL” deve essere indicato
il solo mese di corresponsione (ad es. DAL 07/96 AL 07/96) , mentre nella colonna “IMPORTO” va indicato
l’importo corrisposto (ad es.: se nel luglio 96 sono state corrisposte £ 560.000 di compensi non annualizzabili,
quest’ultima cifra è quella che va riportata).
Ovviamente, se nel corso dello stesso anno sono state corrisposte diverse tipologie di compensi, ogni tipo di
compenso va indicato separatamente.
Indicare in LIRE gli importi corrisposti fino al 31/12/2001 ed in Euro quelli erogati
dal 1/01/2002 in poi
(**) V. tabella codici retribuzioni accessorie

7
Trattamento delle retribuzioni accessorie nelle pratiche di pensione

Il calcolo per le tipologie di retribuzione accessoria che nella tabella riportano la dicitura “DA
ANNUALIZZARE” nella colonna “Trattamento”, è effettuato calcolando il totale percepito nel
corso dell’anno, dividendo questo totale per i mesi di servizio prestati nel corso dell’anno solare e,
infine, moltiplicando per 12 il risultato della divisione.

Il calcolo per le tipologie di retribuzione accessoria che nella tabella riportano la dicitura “DA NON
ANNUALIZZARE” nella colonna “Trattamento”, è effettuato semplicemente sommando il totale
delle retribuzioni accessorie effettivamente percepite nel corso dell’anno solare.

In presenza di entrambe le tipologie di retribuzione accessoria, il totale annuale è dato dalla somma
delle retribuzioni da annualizzare e delle retribuzioni da non annualizzare.

8
TABELLA RETRIBUZIONI ACCESSORIE
Cod. Decodifica Norma Trattamento
01 MIGLIORAMENTO OFFERTA ART. 71 CCNL 4/8/95 DA NON ANNUALIZZARE
FORMATIVA
02 COMPENSO QUALITA’ PRESTAZIONE ART. 77 CCNL 4/8/95 DA NON ANNUALIZZARE
03 INDENNITA’ DI DIREZIONE ART. 75 CCNL 4/8/95 DA ANNUALIZZARE
ART. 33 CCNI 31/8/99
04 INDENNITA’ DI AMMINISTRAZIONE ART. 76 CCNL 4/8/95 DA ANNUALIZZARE
ART. 33 CCNI
31/8/99
05 ALTRE INDENNITA’ ART. 63 CCNL 4/8/95 DA NON ANNUALIZZARE
06 ORE ECCEDENTI (PREVISTE PER ART. 70 CCNL 4/8/95 DA ANNUALIZZARE
INTERO ANNO)
07 ORE ECCEDENTI (NON PREVISTE PER ART. 70 CCNL 4/8/95 DA NON ANNUALIZZARE
INTERO ANNO)
08 COMPENSO INDIVIDUALE ACCESSORIO ART. 25 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
09 COMPENSO PROGETTI AREE A RISCHIO ART. 27 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
10 INDENNITA’ LAVORO NOTTURNO E ART. 27 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
FESTIVO PERSONALE ATA ED
EDUCATIVO
11 INDENNITA’ BILINGUISMO E ART. 27 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
TRILINGUISMO
12 COMPENSO PERSONALE ZONE A ART. 29 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
FORTE FLUSSO MIGRATORIO
13 FLESSIBILITA’ ORGANIZZATIVA E ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
DIDATTICA
14 COMPENSI PER ATTIVITA’ ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
AGGIUNTIVE D’INSEGNAMENTO
15 ATTIVITA’ AGGIUNTIVE FUNZIONALI ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
ALL’INSEGNAMENTO
16 PRESTAZIONI AGGIUNTIVE ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
PERSONALE ATA
17 ATTIVITA’ DI COLLABORAZIONE CON ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
CAPO D’ISTITUTO
18 ALTRE ATTIVITA’ CONNESSE AL ART. 30 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
PIANO DI OFFERTA FORMATIVA
19 ORE ECCEDENTI DOCENTI ART. 32 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
EDUCAZIONE FISICA (PREVISTE PER
INTERO ANNO)
20 ORE ECCEDENTI DOCENTI ART. 32 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
EDUCAZIONE FISICA (NON PREVISTE
PER INTERO ANNO)
21 FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO ART. 37 CCNI 31/8/99 DA NON ANNUALIZZARE
OFFERTA FORMATIVA
22 TRATTAMENTO ECONOMICO ART. 38 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
SVILUPPO PROFESSIONE DOCENTE (con limite di £ 6.000.000
all’anno)
23 COMPENSO PER VALUTAZIONE DEI ART. 41 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
CAPI D’ISTITUTO (con limite di £ 6.000.000
all’anno)
24 FUNZIONI VALORIZZAZIONE ART. 50 CCNI 31/8/99 DA ANNUALIZZARE
PERSONALE ATA (con limite di £ 2.000.000 all’anno
per assistente amministrativo,
assistente tecnico e cuoco e limite
di £ 1.200.000 all’anno per
collaboratore scolastico)
25 RETRIBUZIONE PROFESS. DOCENTE ART.7 CCNL 15/2/01 DA ANNUALIZZARE