Sei sulla pagina 1di 2

LEZIONE 21/11

Non esistono le aree motorie come sembrano perfettamente disegnate, quando io


parlo di movimento io parlo per qualcosa di complesso, il movimento volontario è
sempre pensato un cosa fare. Il con che cosa fa riferimento a una sequenza di
contrazioni del movimento. L’inizio è sempre un cosa fare. Tutto questo tono
posturale dei muscoli sono l’equilibrio e la postura.
Equilibrio è mantenere la perpendicolare del baricentro nella base di appoggio,
postura è assumere la posizione del corpo più idonea a ciò che so facendo. Esistono le
posture non una sola. Giocare con agonisti anagonisti e sinergici è un qualcosa che è
un supporto al movimento. Per fare un movimento devo essere informato con
precisione nell’ambiente in cui mi trovo. Il rapporto sensitivo motorio è cosi stretto
che oggi parliamo di compartimento SENSITIVOMOTORIO, dei fasci piramidali
che comandano il movimento sotto stretto controllo della volontà i fasci piramidali
sono composti per almeno il 40/45% delle fibre da fibre che provengono dalle aree
sensitive primarie. Io ho fibre piramidali motrici che provengono da quasi tutte le
aree sensitive.
 SCISSURA DI ROLANDO:
- circonvoluzione pre-rolandica motoria (si estende nelle aree motrici
secondarie)
- circonvoluzione post rolandica sensitiva
Corteccia prefrontale = dove trovo la motivazione, personalità in termini neurologici.
Noi diciamo che il movimento ha inizio nella circonvoluzione prerolandica, ma per
quanto riguarda il controllo piramidale ha origine anche da altre aree che prima
assegnavo solo a competenze sensitive. Parlo allora di compartimento
SENSITIVOMOTORIO.
1> Nei lobi frontali si viene a strutturare il che cosa e il perché voglio fare
2> In aree assegnate alla sensazione si viene a strutturare il con che cosa voglio
fare quindi la vera esecuzione del progetto motorio.
Quello che io vedo è il movimento e esso viene comandato dalle teste dei motori
somatici della parte ANTERIORE DEL MIDOLLO SPINALE. il primo neurone
sensitivo era alla prima radice posteriore del nervo spinale. in realtà si trovano in due
grosse masse una laterale e una mediale, queste due grosse masse grigie si dice che
sono le aree che contengono in nuclei motori e vengono unite con il nome di lamina
numero 9. La cosa più importante di tutti sono i neuroni di collegamento, qui ci sono
strutture di collegamento sia fra nuclei motori che nuclei sensitivi.
Neuroni effettori nella parte laterale e mediale nella sostanza grigia del midollo
spinale.
POLIOMIELITE= in italia dagli anni 70 circa non la vediamo quasi più, perché si
prende per contagio orofecale, con la contaminazione delle acque o dei cibi.
I muscoli sono organi endocrini producono ormoni attivi sul metabolismo, a queste
cellule tutti noi abbiamo studiato le vie piramidali che originano dalla
circonvoluzione pre-rolandica. da qui originano i primi neuroni motori somatici i
quali poi danno il comando.
 Le vie piramidali originano da aree motrici e aree sensitive. Il vecchio concetto
delle aree corticali definite deve cominciare ad essere rivisto. Nei gatti invece
c’è un'altra via motrice che collega la corteccia telencefalica con i muscoli che
passa attraverso il nucleo rosso, nucleo del tronco encefalico . quindi se al
gatto taglio i fasci piramidali lui riesce ancora a muoversi, perché passa nel
nucleo rosso. IL NUCLEO ROSSO RIESCE A VICARIARE I FASCI
PIRAMIDALI.
I nuclei vestibolari sono collegati al cervelletto, abbiamo poi i sistemi di controllo
della postura che fanno parte di una grande quantità di nuclei che fanno parte della
formazione reticolare. Qui troviamo anche l’oliva bulbare, tutti questi presenti nel
tronco encefalico e controllano porzioni auomatizzate del movimento,
mantengono l’equilibrio e la postura più idonea.
Poi abbiamo due grandi centri per il controllo del movimento che sono i
1> NUCLEI DELLA BASE TELENCEFALICA
2> IL CERVELLETTO
La corteccia telencefalica è molo estesa.