Sei sulla pagina 1di 32

Mensile Medico Scientifico - Ottobre 2010

M croScopio
Pubblicazione Mensile in abbonamento • Anno I - Num. VII - Ottobre 2010

sindrome del

TUNNEL CARPALE

ACUFENE
sentire rumori sgradevoli

COLLAGENE
per ridurre l’invecchiamento

cambio di stagione con gli

INTEGRATORI

visitaci su www.microscopionline.it
1
notizia

FLASH
Novoselov e Geim? Un Nobel con divertimento
I due Nobel nel racconto dei fisici dell’Istituto
Nanoscienze del CNR

I fisici dell’Istituto di Nanoscienze del Consiglio


Nazionale delle Ricerche e i due studiosi dell’Università
di Manchester oggi insigniti del Premio Nobel 2010 per
la Fisica, Konstantin Novoselov e Andre Geim, hanno
condiviso un’intensa attività di ricerca sul grafene.
“Un campo aperto nel 2004 grazie all’intuizione di
pionieri come Novoselov e Geim, che ora coinvolge
numerosi gruppi a livello internazionale tra cui il nostro
dell’Istituto Nanoscienze”, come ricorda Marco
Polini del polo di Pisa. “Con il team dei due Nobel
condividiamo gli stessi obiettivi, ci confrontiamo
spesso nelle conferenze internazionali e abbiamo Andre Geim
gettato le basi di progetti comuni”. Il grafene è infatti
tra i temi di punta delle ricerche condotte dall’Istituto
Nanoscienze del Cnr, che proprio in questi giorni è
stato inaugurato. Le ricerche condotte, pubblicate
sulle principali riviste internazionali, riguardano
studi sia di tipo teorico che di tipo sperimentale per
comprendere a fondo le proprietà del grafene, ma
anche ricerche applicate: dallo sviluppo di memorie
magnetiche basate sul grafene, ai nuovi sensori ottici
per l’ambiente fino a sistemi per immagazzinare
l’idrogeno. “Konstantin Novoselov in particolare”, Konstantin Novoselov
ricorda Vittorio Pellegrini, ricercatore presso il polo
pisano dell’Istituto Nanoscienze, “è un amico, oltre
che un collega. Nel 2007 lo invitammo a Genova al
Ufficio Comunicazione Istituto Nanoscienze
convegno Nanotech EP2DS che lo vide premiato con del Cnr Maddalena Standola
un altro importante riconoscimento, il Nicolas Kurti Dr. Marco Ferrazzoli
European Science Prize. Di lui ci colpì l’approccio di
autentico divertimento con cui affrontava il suo lavoro, Capo Ufficio Stampa CNR
un approccio informale ma cruciale per concepire www.stampa.cnr.it
con Geim l’idea rivoluzionaria del grafene”. www.almanacco.rm.cnr.it

3
ROMA
www.mencarelligroup.com

in tutta Italia

Carlo Repetto
Cell. 335.737.15.91
Tel. 06.669.26.88 • FAX 06.661.83.757
carlorepetto@hotmail.it

Mencarelli Group
www.mencarelligroup.com
catering@mencarelligroup.com
mencarelli@mencarelligroup.com
SOMMARIO
Ricerca
Ginecologia Epilessia: il Mario Negri in prima linea
Intervista al Professor Nicola Gasbarro
pag. 19
pag. 6

Distrofia di Duchenne
Odontoiatria
pag. 20
Premio di eccellenza regionale per il distretto
18 della asl rme
pag. 10 Allattamento al seno, i galattogoghi sono i
farmaci più efficaci in caso di scarsa produ-
Ortopedia zione di latte materno
Sindrome del Tunnel Carpale pag. 23
pag. 14

Flebologia InSalute
Le varici degli arti inferiori Una dieta contro l’invecchiamento cutaneo
pag. 16 pag. 26

Otorinolaringoiatria Integratori per il cambio di stagione


Acufene pag. 28
pag. 18

M croScopio Pubblicazione Mensile in abbonamento • Anno I - Num. VII - Ottobre 2010

Direttore Editoriale Si ringrazia Editore


Antonio Guerrieri Professor Nicola Gasbarro, Dottor Ennio E.G.I s.r.l.
Flores, Dottor Ernesto Farina, Dottor Generoso Reg. Tribunale di Perugia
Direttore Responsabile Riccardi, Ufficio stampa Istituto Scientifico N. 12/2010 del 10/02/2010
Caterina Guerrieri Universitario San Raffaele, Ufficio stampa Direzione e Amministrazione
Istituto Mario Negri di Milano, Dottor Nicola E.G.I. s.r.l.
Capo redattore e coordinatrice Cerbino responsabile Ufficio Stampa Università Via Hanoi, 2 • 06023 Bastia Umbra (PG)
Cinzia Mortolini Cattolica sede di Roma e Policlinico Universitario Tel. 075.800.66.05 - Fax 075.800.42.70
“Agostino Gemelli” redazione@microscopionline.it
Redazione
Progetto Grafico Marketing & Pubblicità
Stefania Legumi, Caterina Guerrieri,
Marco Brugnoni - stampa@egipress.it Guerrieri Antonio, Altea Natalino
Francesco Fiumarella
Tel. 075.800.53.89
Stampa Le opinioni espresse impegnano solo la responsabilità
Collaboratori Properzio s.r.l - Perugia dei singoli autori. Tutto il materiale inviato, anche se
Paolo Nicoletti, Marco Nicoletti non pubblicato, non sarà restituito e resterà di proprietà
dell’editore.

5
M croScopio INTERVISTE

PROFESSOR NICOLA GASBARRO PRIMARIO


DI GINECOLOGIA DELL’OSPEDALE SANTA
MARIA DELLE GRAZIE DI POZZUOLI (NA)
Artefice di una iniziativa che non ha riscontri al mondo: “il Labo-
ratorio chirurgico permanente, il Laboratorio di anatomia 3D, il
Laboratorio ostetrico”. Direttore di questi corsi che si svolgono a
Torino e Napoli è il Professore Nicola Gasbarro Direttore dell’U-
nità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospe-
dale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli (NA), figura d’eccel-
lenza nella chirurgia ginecologica meno invasiva, con tecniche
innovative da lui ideate e messe a punto in anni di ricerche; dalla
laparoscopia Gas-Less, alle tecniche T.I.C.T. e T.U.S., nonché alla
chirurgia vaginale in cui maggiormente si evidenziano le capacità
di innovazione e di affidabilità delle tecniche, senza dimenticare i
vari approcci minilaparotomici. Una chirurgia ginecologica, quin-
di, realmente all’avanguardia che non trascura neppure gli aspetti
di confort per le pazienti, vedi appunto l’adozione degli occhiali
3D, per distrarle e rasserenarle durante gli interventi eseguiti in
Professore Nicola Gasbarro spinale ovviamente a paziente sveglia.

P
rofessor Gasbarro lei quindi un miglior utilizzo dei no asportare, previo morcel-
è un insigne chirurgo, posti letto. Altra tipologia di lement uteri che occupano
vorrei ripercorrere lo intervento è la chirurgia va- l’intera cavità addominale. Al-
studio, la ricerca e l’appli- ginale, la chirurgia da privile- tra tecnica da noi ampiamen-
cazione delle tecniche chi- giare in molte patologie se si te testata è l’asportazione
rurgiche da lei ideate e pra- hanno delle tecniche affidabili di cistomi giganti attraverso
ticate fino alla divulgazione perché la vera mini invasività, un’unica incisione periombe-
attraverso i laboratori gra- minore invasività, è proprio licale di 1,5 cm. In chirurgia
zie proprio ai corsi che lei della chirurgia vaginale. An- vaginale applichiamo delle
dirige… che rispetto alla Laparoscopia nostre tecniche per isolare
Noi proponiamo da anni una è meno invasiva perché non il tratto comune dell’arteria
chirurgia innovativa che tende ci sono i fori cutanei, i pa- uterina. Si possono asportare
ad essere sempre meno inva- zienti hanno sicuramente una per via vaginale anche uteri
siva, i filoni di questa chirur- ripresa post- operatoria più di notevolissime dimensioni
gia sono la Minilaparotomia, precoce, un dolore post ope- perché si va a clampare bene
cioè tutti gli interventi che in ratorio nettamente inferiore. l’arteria uterina. Tale tecni-
chirurgia tradizionale vengo- Da questo punto di vista per ca di isolamento del tratto
no eseguiti in Laparatomia quanto riguarda la Minilapa- comune dell’arteria uterina si
è possibile eseguirli in Mini- rotomia noi abbiamo messo a espleta con una manovra che
laparotomia riducendo l’in- punto tecniche nostre, origi- insegniamo anche ai nostri
cisione cutanea che diventa nali, vedi per esempio quella corsisti. Per quanto riguarda
minore di 9 centimetri. Que- ideata con il dott. Pietro Lupo la Laparoscopia, dal 1996 ab-
sta tecnica comporta, a pari- a Torino che concerne l’aspor- biamo abbandonato il pneu-
tà di patologie, una riduzione tazione di uteri di enormi di- moperitoneo ritenendo che
del dolore post operatorio, mensioni con tale tecnica(con l’anidride carbonica usata per
una dimissione più precoce e incisione di 5-6 cm si posso- gonfiare l’addome, per visua-
6
Ginecologia
Sospensore Gas-Lup

lizzare gli organi intra-addo- come per altri interventi ese- T.I.C.T (Tension-Free Inconti-
minali non è scevra da rischi e guiti in minilaparotomia ed in nence Cystocele Treatment)
può dare complicanze anche vaginale. sono state elaborate unita-
gravi. Con l’obiettivo di elimi- Considerando che la pazien- mente al Professore Vito Le-
nare, questo rischio aggiunti- te resta sveglia ed immobile, anza dell’Ostetricia e Gineco-
vo dovuto all’anidride carbo- abbiamo sfruttato l’utilizzo logia dell’Università di Cata-
nica abbiamo sperimentato degli occhiali 3D collegati ad nia e pubblicate in due libri.
prima alcune tecniche Gas- un lettore DVD per ridurre i li-
Less con dello strumentario velli di tensione delle pazienti Professor Gasbarro come è
dell’Origin: Laparofan e Air- sottoposte ad intervento chi- nata in lei l’idea del “Labo-
Lift. Insoddisfatti dai limiti di rurgico. ratorio”?
visibilità intra-addominale di Tale innovazione ha suscitato Nel 2000, ancora primario a
tali tecniche, abbiamo ideato notevole interesse tra i mass- Chivasso (TO) venni a cono-
un nostro sistema: Gas-Lup media, oltre ad essere stata scenza di uno stabulario a
(proprio da Gasbarro-Lupo) presentata, in prima serata, Napoli, gestito dal Cardarelli
brevettato il 10-09-99, che al telegiornale di RAI uno, ha e proposi l’allestimento di un
consiste in un sospensore avuto importanti spazi in va- centro di chirurgia sperimen-
meccanico dell’addome plu- rie testate nazionali. tale su maiali da operare in
riuso non monouso, steriliz- Altra tecnica che diffondia- anestesia generale su tre ta-
zabile, riutilizzabile. Da tale mo anche durante i corsi è voli, sia in Laparoscopia che in
data sia a Chivasso che a quella relativa alla correzio- Laparotomia. I corsi, indiriz-
Pozzuoli tutti gli interventi di ne dell’incontinenza urinaria zati a ginecologi provenienti
Laparoscopia vengono effet- molto meno lesiva di quelle da tutta Italia, riguardavano
tuati senza pneumoperitoneo messe in atto dal ’97 da Ulm- le riparazioni delle lesioni ia-
con il vantaggio di poterli sten. Tali tecniche meno inva- trogene che si possono ve-
eseguire in anestesia spinale sive e meno costose: T.U.S e rificare in corso di interventi
7
M croScopio
Ginecologia

Occhiali 3D

ginecologici:lesioni intesti- allo stabulario allo scopo di che rivolta all’acquisizione di


nali, urologiche e soprattut- ridurre il sacrificio di animali programmi 3D di anatomia
to vascolari. A mio giudizio, riservandone il loro utilizzo umana per facilitarne l’ap-
chiunque operi in ginecolo- esclusivamente per tecniche prendimento.
gia, specialmente in oncolo- chirurgiche eseguibili solo in Il semplice acquisto di un ma-
gia, ha l’obbligo di acquisire vivo. nichino ostetrico negli Stati
tali conoscenze dal momento In questo Laboratorio chirur- Uniti ci ha permesso di atti-
che complicanze ed emer- gico eseguiamo interventi su vare dei corsi pratici sull’as-
genze vascolari sono le più ri- pezzi anatomici animali non sistenza al parto spontaneo,
schiose per la paziente ed oc- destinati al consumo ripro-
al parto podalico, di vertice,
corre saperle dominare (vedi ducendo le stesse situazioni
applicazione di ventosa e di
lesioni accidentali in corso che si presentano in sala ope-
di linfoadenectomie). Questa ratoria (chirurgia intestinale, forcipe, riproducendo tutte le
esperienza è durata due anni. urologica, vascolare, etc…) manovre ostetriche ed anche
Con sommo rammarico posso e su simulatori laparoscopi- le manovre di rianimazione
dire che per motivi di politi- ci ed isteroscopici, offrendo neonatale e puerperale.
ca sanitaria questa iniziativa l’opportunità a molti giovani Dal prossimo anno partiran-
venne boicottata per cui fui medici di acquisire tecniche no anche i master di chirurgia
costretto a trasferire questi e competenze propedeutiche per coloro interessati ad ac-
corsi in Romania, all’Universi- alla loro attività clinica. quisire esperienza chirurgica
tà di Oradea. Successivamen- L’iniziativa, oltre che ai gine- diretta.
te sono stato contattato dal cologi è rivolta anche a Medi-
professore Massimo Moscari- ci di altre specialità (chirurghi Professor Nicola Gasbarro
ni dell’Università di Roma che generali, vascolari, ortopedici Primario di Ginecologia
mi ha affidato i corsi di chi- endoscopisti e chirurghi pla- dell’ospedale La Schiana di Pozzuoli
rurgia sui maiali in anestesia stici). Ricerca&Formazione: 338.160.56.31
nello stabulario di Pomezia. Alcune università hanno ade- ricerca.formazione@hotmail.it
Il laboratorio chirurgico na- rito a questa iniziativa.
Intervista a cura di Cinzia Mortolini
sce come alternativa didattica La nostra attenzione si è an-

8
M croScopio Odontoiatria

PREMIO DI ECCELLENZA
REGIONALE PER IL DISTRETTO
18 DELLA ASL RME
Una struttura decentrata, non elefantiaca e in una zona
periferica nel Distretto 18 della ASL RME, riesce ad offrire
servizi poliambulatoriali, efficaci e ben coordinati. Buoni servizi
informativi ed efficienti banche dati riescono a rendere edotti i
pazienti su quale potrà essere il proprio percorso terapeutico.
L’ambulatorio odontoiatrico costituisce un esempio di impegno
lavorativo non comune

N
ell’ambito di una serie funzionari. La nostra speranza 18 è appunto nel Presidio di
di articoli su un pro- era quella di avere una rassi- Montespaccato. Nel Presidio,
blema sanitario estivo curante prova di come, invece, come in tutto il Distretto 18,
pressante, vale a dire le cure l’odontoiatria pubblica possa la politica sanitaria è quella
odontoiatriche, ci siamo im- funzionare bene ed assicurare della presa in carico del citta-
battuti in un poliambulatorio un ampio ventaglio di servizi dino, che intende essere un
che merita di essere segna- a varie fasce di utenti, purché i modo di seguire il paziente
lato al pubblico. Anche in un dirigenti e tutti coloro che la- dall’ inizio alla fine e possibil-
quartiere non esattamente vorano a contatto con il pub- mente nello stesso giorno od
tranquillo e certamente non blico siano veramente motiva- in successioni temporali adia-
di lusso, questo poliambula- ti. Ci è sembrato di trovare ciò centi e brevissime. Di parti-
torio si distingue come una che cercavamo, insieme alla colare rilevanza è il Percorso
sorgente nel deserto, offren- constatazione che talvolta una Senologico, che sarà attivato
do servizi la cui qualità è pa- struttura di dimensioni non a breve e che, con il suo iter
ragonabile talvolta a quanto faraoniche può essere molto diagnostico e terapeutico,
possiamo trovare in grandi utile alla collettività, proprio ad integrazione con il servi-
policlinici o in strutture ben a cagione della sua agilità zio di senologia dell’ospeda-
più famose. Consci dei note- ed efficienza. I Distretti della le S.Spirito, offre alle pazienti
voli problemi strutturali ed ASL RME hanno un sistema di un percorso agile e dinami-
organizzativi che affliggono Ambulatori Odontoiatrici di co. Il Presidio ambulatoriale
l’odontoiatria pubblica in Ita- primo livello, in totale otto, di di Montespaccato è una mo-
lia, che notoriamente assicura cui quattro, uno per ciascun derna e praticamente nuova
i suoi servizi ad una minima Distretto, sono di riferimento struttura, nata nel 2000, in cui
parte dei cittadini, ci siamo per l’attuazione del progetto lavorano diversi specialisti, e
quindi apprestati a visitare il regionale di odontoiatria, che dove vengono assicurate mi-
Poliambulatorio del Distretto prevede, tra l’altro l’effettua- gliaia di prestazioni, tanto da
18 della ASL RME, ove insie- zione di visite gratuite ai bam- fornire una valida assistenza
me a ben 17 specializzazioni bini della terza elementare e in molti settori, odontoiatria
vengono assicurate agli utenti l’esecuzione, sempre gratuita compresa, e ad un tale livel-
anche prestazioni di Odonto- di fluoroprofilassi e/o sigilla- lo che non sarebbe ecces-
iatria. La nostra visita si è po- tura dei solchi, per la preven- sivo definire di “eccellenza”.
tuta svolgere il 5 agosto del zione della malattia cariosa. Sia l’Ufficio URP che L’Uf-
corrente 2010, e ci ha permes- L’ambulatorio odontoiatrico ficio Stampa della ASL RME
so di intervistare dirigenti e di riferimento del Distretto ci sono poi sembrati cordia-
10
M croScopio
li quanto prudenti ed ocu- l’ambulatorio infermieristico, oppure ancora il tipo di pre-

Odontoiatria
lati (Tel. 0676835.2590, Fax cerca di rispondere quanto stazioni che devono essere
06/6835.2589), facilitando il più possibile ai bisogni della erogate. Queste operazioni di
nostro lavoro di procurare in- Comunità. Esso ospita anche approccio vengono condot-
formazioni ai lettori. Abbia- un Centro per le Cefalee, un te con rapidità ed efficienza,
mo avuto, nella nostra visita, Centro Prelievi, un Consulto- che poi è un esplicazione del
l’assistenza della Dott.sa Anna rio, nonché servizi di Cardio- ben riuscito e premiatissimo
Roberti, Direttore dei Servi- logia, Diabetologia e numero- “Progetto Accoglienza “, che
zi Territoriali del Distretto 18, se altre prestazioni specialisti- prevede l’uso di un data-base
del Responsabile sanitario del che, tra cui Odontoiatria. per venire incontro in una ma-
Presidio Dott. Danilo Rinaldi, I funzionari responsabili del niera più ordinata e raziona-
e della Dott.sa Daniela Biol- Distretto credono nella pe- le alle esigenze dei pazienti.
ghini, Odontoiatra e speciali- riferizzazione dei servizi e Nel servizio di Odontoiatria,
sta strutturata presso l’Ambu- nell’utilizzo capillare del com- come anche nelle altre bran-
latorio di Odontoiatria, in cui puter per “far girare le infor- che specialistiche del Presi-
lavora assistita da valide infer- mazioni, non i cittadini“ (frase dio, vengono adottate efficaci
miere ed infermieri. Abbiamo citata dalla Dott.sa Roberti). procedure di sterilità. La ste-
così potuto rivolgere alcune I pazienti arrivano in questa rilizzazione dei ferri chirurgici
domande sulla struttura de struttura e trovano un desk avviene con scrupolosa at-
qua, e dalle risposte ricevute che funge da vera e propria tenzione in conformità delle
abbiamo potuto tracciare il banca dati, nell‘ambito della normative europee vigenti,
quadro che segue. quale il paziente può rapida- con costanti test di controllo
Il Poliambulatorio di Via Tor- mente scegliere il medico di (test Bowie-Dick, indicatori
nabuoni 50, con le sue nume- base che gli occorre oppure biologici, indicatori chimici).
rose branche specialistiche e lo specialista che gli necessita Tra i sistemi di sterilizzazione

11
M croScopio
mensile medico scientifico
Medicina
Chirurgia
Salute&Benessere
Cosmesi
Omeopatia
Nutraceutica

VISITA LA VERSIONE ONLINE


dove potrai rileggere gli argomenti trattati, le novità nel campo
medico-scientifico, gli approfondimenti ed altro ancora...

Quattro Mosse
per un mondo
di conoscenza

Veloce
con il tasto ricerca

Facile
argomenti suddivisi per categoria

Completo
con gli archivi di tutti i mesi

Aggiornato
con le ultime notizie

www.microscopionline.it
M croScopio
un servizio attivo tutti i giorni

Odontoiatria
compresa la mattina del sa-
bato (tuttavia, è noto che per
prenotare al telefono sono
necessari il codice fiscale ed
il modulo di richiesta medica,
quello consueto di colore rosa
e debitamente compilato da
un medico del SSN). Dopo le
prenotazioni, il paziente viene
letteralmente preso in carico
dall’ambulatorio del Distretto
18, ove si cerca di effettuare
tutte le operazioni necessarie
al paziente entro un mese dal
primo accesso. Le prestazio-
ni di “urgenza“ odontoiatri-
ca vengono effettuate anche
possibili vi è anche quello in tuiti per gli scolari della terza nella stessa giornata, dopo un
cui lo strumentario chirurgico elementare con visita, presta- primo filtro di valutazione di
che viene a contatto con san- zioni di fluoroprofilassi e si- priorità effettuato dalla spe-
gue o mucose lesionate viene gillatura dei solchi, e fornitura cialista sui pazienti, in base ad
anche accuratamente steriliz- di protesi gratuita nelle gravi attente valutazioni di ciò che
zato in autoclave e nell’inter- malocclusioni. Tale progetto potrebbe costituire “urgen-
vallo termico che vira tra 121° è triennale e regionale. Per gli za” anche in base all’età ed
e 134°, per opera di personale interventi nelle terze elemen- alle patologie pregresse del
che utilizza guanti spessi con- tari è anche prevista la viva- paziente. Ovviamente un pa-
formi alle norme EN 374 ed cizzazione delle campagne ziente con un terribile ascesso
EN 388, e pone uno schermo di prevenzione con strumen- dentario avrà la priorità su chi
facciale conforme alla norma- ti culturali agili ed innovativi, ad esempio deve effettuare
tiva EN 166 durante le ope- elaborati dalle AA.SS.LL. re-
l’igiene orale. Le prestazio-
razioni di decontaminazione gionali ( capofila la ASL RMA )
ni di routine sono prenota-
e lavaggio dei materiali. Nel come gli ormai famosi cartoni
bili in registrazione diretta. I
Servizio di Odontoiatria viene animati di “Mister Dentone”,
offerta una serie di prestazio- un personaggio di animazio- pazienti che pagano il ticket
ni: carie, estrazioni dentarie ne appositamente creato per possono usufruire delle stesse
(che rientrano nei LEA, o Li- spiegare con facilità ed imme- prestazioni odontoiatriche già
velli Essenziali di Assistenza), diatezza ai bambini la proble- sopra accennate.
terapie conservative, terapie matica della prevenzione del- L’ambulatorio di Via Torna-
parodontali di base (gengive, le carie. buoni 50 consente anche la
igiene orale etc. etc.), e pre- Le prestazioni erogate sono crescita professionale di fre-
sto verranno attivati servizi disponibili a tutti i cittadini, quentatori volontari e di spe-
relativi alle protesi ed all’orto- cercando di dare priorità alle cializzandi, ed ospita inoltre
donzia. L’Ambulatorio rispon- prestazioni più urgenti ed a lo svolgimento dei corsi di
de al suaccennato progetto di tutti coloro che appartengo- formazione per tutti gli ope-
odontoiatria regionale inter- no alle categorie sociali “pro- ratori del Distretto 18, nonché
ASL, che prevede tra l’altro in- tette”, vuoi per reddito vuoi i periodici incontri con i me-
terventi di prevenzione in età per motivi sanitari. Le preno- dici di Medicina Generale.
evolutiva gratuiti sul territorio, tazioni avvengono anche tele-
articolati in una campagna in- fonicamente attraverso il CUP
formativa per la prevenzione della Regione Lazio, che noto-
della carie con interventi pre- riamente funziona con il nu-
so le scuole e screenings gra- mero telefonico 80.33.33 ed è di Paolo Nicoletti

13
M croScopio Ortopedia

sindrome del

TUNNEL CARPALE
D
ottor Flores parliamo Intervista al Dottor Ennio Flores specializzato
della sindrome del in Ortopedia e Traumatologia, dirigente Medico
Tunnel Carpale, quali
sono i sintomi? È sempre ne- 1°Livello presso l’Ospedale di Solofra reparto
cessario intervenire chirurgi- Ortopedia e Traumatologia, Perfezionamento
camente? in Chirurgia della mano
I sintomi del Tunnel Carpale sono
caratterizzati da dolore e pare- patologia chiaramente avremo gia della mano, nella rizoartro-
stesie, specialmente durante le maggiori possibilità di miglio- si lei pratica l’impianto di pro-
ore notturne alle prime tre dita, ramento se i sintomi non sono tesi in ceramica…
della mano, difficoltà nella pre- iniziati da tanto tempo, inoltre Sì, sono stato a Lodi (MI) dove
sa, il dolore spesso si irradia lun- è molto utile nel periodo post un Medico di Berlino venne ad
go l’avambraccio fino al gomito. gravidanza dove quasi sempre impiantare queste protesi in ce-
Colpisce specialmente il sesso si ottiene una regressione della ramica per il trattamento delle
femminile. La patologia è carat- patologia. Nelle forme funzionali degenerazioni artrosiche della
terizzata da una compressione con una patologia sfumata con Trapezio-Metacarpale. Ho visto
del nervo mediano al polso da un grado di compressione lieve. questo intervento e l’ho messo
parte del legamento trasverso Inoltre è molto utile e lo uso per in pratica presso il nostro Ospe-
del carpo. L’intervento chirurgico dale. Nelle persone che svol-
può essere evitato solo in caso gono un lavoro manuale sono
di gravidanza e allattamento. La sempre propenso per l’artrodesi
diagnosi viene confermata da un o l’intervento di trapeziectomia
esame elettromiografico in sospensione. Però credo che
Quanto dura l’intervento Dot- con le dovute indicazioni cliniche
tore? la protesi in ceramica è una va-
L’intervento dura dieci, quindici lida alternativa chirurgica essen-
minuti. Viene praticato in regime do un intervento relativamente
di day-surgery in anestesia loca- semplice con una buona tollera-
le. bilità da parte del Paziente. I casi
E i tempi di recupero? in cui ho impiantato la protesi in
ceramica sono pochi , non pos-
Il tempo di recupero ottimale è
so essere un promoter di questa
di un mese per quanto riguar-
metodica protesica anche se ho
da l’attività lavorativa manuale.
potuto constatare, anche dalle
Nella prima settimana però bi-
circa un mese nel post-operato- esperienze di altri Colleghi, l’affi-
sogna essere particolarmente
rio ottenendo una ripresa fun- dabilità e la bontà dei risultati a
cauti muovendo solamente le
zionale più rapida. Sicuramente più lungo termine dell’impianto
dita, dall’ottavo, decimo giorno
in un lavoratore manuale dove protesico.
in poi si può riprendere una vita
normale. spesso avremo una compres-
Dottor Ennio Flores
Dottor Flores l’acido Alfa Li- sione da ipertrofia sinoviale dei Ospedale Landolfi Solofra (AV)
poico per quanto riguarda le flessori o una compressione con- Reparto di ortopedia e traumatologia
neuropatie ha un effetto be- clamata con richieste funzionale Sessione autonoma
nefico? importanti diventa poco utile la CHIRURGIA DELLA MANO
L’acido Alfa Lipoico lo prescrivo sua somministrazione
Intervista a cura di Cinzia Mortolini
spesso nelle forme iniziali della Lei si è perfezionato in chirur-
14
20
00
CULTURA TURISMO
www.era2000online.net

inclini alla
CULTURA
MENSILE DI APPROFONDIMENTO CULTURALE E TURISTICO

15
M croScopio Flebologia

LE VARICI DEGLI ARTI INFERIORI


Intervista al Dottor Ernesto Farina esperto in problematiche
vascolari, medico di base, specializzato in chirurgia d’urgenza
e pronto soccorso, ideatore di un progetto iniziato nel 1995,
“una particolare biciletta in grado di generare un particolare
gesto atletico nel quale le resistenze sul circolo venoso fossero
le più basse possibili…”

D
ottore le varici degli sangue verso il basso soprattut- nico a livello della parete e per
arti inferiori che cosa to quando siamo in piedi. quanto riguarda la resistenza
sono? Oltre al danno Vitamine C - E, principi attivi dei tessuti ad un eventuale sta-
estetico la loro comparsa a come la Diosmina, la Rutina, to temporaneo di stasi (aumen-
quali patologie può portare? il Mirtillo, possono essere an- to di pressione venosa). Quindi
Le varici degli arti inferiori sono tiossidanti o coadiuvanti nel queste sostanze preservando
legate ad una incontinenza val- trattamento delle varici? l’integrità valvolare, riducono il
volare. Nelle vene ci sono delle Sì, hanno un ruolo importante rischio di formazione di varici,
valvole che quando non chiudo- per quanto riguarda l’effetto to- ulcere e lesioni cutanee.
no (si rompono) generano dei
reflussi, dando origine alle vari-
ci. Questi reflussi determinano
ristagno di sangue venoso negli
arti inferiori, che, nelle forme
peggiori, possono portare alle
ulcere venose, alle flebiti super-
ficiali o profonde, e, alle relati-
ve complicanze, purtroppo, in
alcuni casi possono diventare
anche mortali, come la temuta
embolia polmonare.
Dottore ci sono delle “regole
d’oro” per prevenire le vene
varicose, i capillari…
Sì, la regola principale è l’atti-
vità fisica; avere un buon tono
muscolare rappresenta una
condizione indispensabile per
una efficiente pompa musco-
lare, poiché essa rappresenta
il rimedio più importante per
la prevenzione delle patologie
vascolari. La pompa muscolare
degli arti inferiori, gioca un ruo-
lo insostituibile nel contrastare
la tendenza fisiologica al rista-
gno, (i muscoli sono il motore
della circolazione venosa), essi
contrastano la forza di gravità
che riporta inesorabilmente il

16
M croScopio
Quali terapie complementari sul circolo venoso. Per quanto (gesto atletico) nel quale le resi-

Flebologia
possono apportare benefici, riguarda l’attività sportiva, tut- stenze sul circolo venoso fosse-
lei ha parlato di sport, ma si te le attività motorie e relati- ro le più basse possibili. Ho fat-
parla anche di calze, di cal- vi gesti atletici danno un utile to uno studio sul alcuni pazienti
zature… poi vorrei parlare di contributo alla circolazione ma, al Policlinico di Roma Umberto I
una sua particolare invenzio- ovviamente, ce ne sono alcuni nel quale abbiamo confermato
ne, una bicicletta… che proprio in virtù di una po- che in alcune posizioni l’attività
L’attività fisica in generale por- sizione vantaggiosa, generano di pompa muscolare era tanto
ta benefici, quindi, mantenere un circolo virtuoso che porta efficace, che le pressioni veno-
efficiente il sistema muscolo benessere alle gambe. se misurate subito dopo alcuni
scheletrico rappresenta il mi- Dottore credo che l’esperien- minuti di attività motoria, risul-
glior rimedio per una efficiente za medica l’abbia portato ad tavano alla flussimetria doppler
attività di pompa muscolare e in ideare questa bicicletta, que- molto basse, questo gesto at-
particolare, la mia invenzione, sto strumento in grado di mi- letico, che poi è una pedalata
consentendo un gesto atletico gliorare l’attività di pompa innovativa, consente, infatti alle
in una posizione vantaggiosa muscolare… gambe di lavorare a pressio-
per il circolo venoso degli arti Mi sono trovato spesso a dover ni venose di 5-10 millimetri di
inferiori, permette, utilizzan- curare delle persone con pro- Mercurio; pressioni veramente
do le maggiori masse muscolari blematiche vascolari e l’obietti- basse, basti pensare, che a pari-
del corpo umano, la massima vo che mi sono posto è stato tà di condizioni, pedalando sul-
attività di pompa muscolare e quello di studiare una posizione la cyclette tradizionale la pres-
il migliore effetto emodinamico con relativa attività muscolare sione venosa non è mai scesa
sotto i 30 millimetri di mercurio.
Confortato da questo studio, e
successivamente visti i risultati,
ho brevettato una bicicletta.
Attualmente ne sono state pro-
dotte circa duemila, e alcune di
esse vengono utilizzate anche a
livello agonistico, partecipando
a diverse manifestazioni sporti-
ve di interesse nazionale (Nove-
colli, Gran Fondo del Conero
ecc...). In queste manifestazioni
la bicicletta ha ottenuto subito
prestazioni molto interessanti,
basti pensare che a concluso la
Gran Fondo del Conero (90 Km
in due ore e 10 minuti) alla me-
dia di circa 40 Km. Questi fatti,
non considerazioni persona-
li, dimostrano il grande valore
di questo gesto atletico. Sono
120 anni che esiste la bicicletta
con una sua posizione tradizio-
nale, da oggi, è possibile anda-
re in bici anche in una nuova
posizione di massima efficienza
biomeccanica.

Dottor Ernesto Farina


Comune di Sora - Frosinone
Intervista a cura della Redazione

17
M croScopio Otorinolaringoiatria

aspetti dell’ ACUFENE


Esperienze di un otorino ambulatoriale

C
apita spesso che acufene organici, più spesso con opposti elettrodi cranici).
n e ll ’amb ulator io l’acufene è funzionale. Esisto- La terapia fisica utilizza un
dell’otorino, l’assistito no cioè un insieme di cause rumore con caratteristiche
riferisca la percezione per lo capaci da sole e/o in conco- opposte a quelle dell’acufe-
più sgradevole di un rumore, mitanza di alterare il giusto ne in maniera tale che le due
non riferibile ad un orecchio meccanismo neuronale della sorgenti di energia mecca-
in particolare, in assenza di via acustica: dalle cellule del
nica vibratoria incontrandosi
una stimolazione sonora. Corti a quelle dell’area del-
Tale percezione che prende la corteccia temporale 46 di possono annullarsi.
il nome di “acufene” non ha Brodmann. La giusta conoscenza della
predilezione di sesso ed è L’area acustica, attraverso persona e l’appropriata scel-
più frequente dopo i 60 anni. relè neuronali a partenza ta della terapia, spesso più
La descrizione dettagliata soprattutto dell’ippocampo principi attivi, ha permesso
del sintomo è legata sia alle e dall’amigdala risente delle di ottenere in una buona per-
caratteristiche fisiche ed og- variazioni comportamentali centuale di soggetti trattati
gettive del rumore, sia alla del soggetto. risultati più che lusinghieri.
condizione sociale della per- Pertanto perturbamenti intensi,
sona. Non è raro sentire va- negativi o positivi (gioie e/o
rie e pittoresche espressio- dolori) della sfera emotiva
Dottor Generoso Riccardi
ni: “avverto l’acqua bollire”; possono influenzare note-
Medico Chirurgo Specialista
“ho dimenticato il gas aper- volmente l’acufene.
in OtorinoLaringoiatria
to”; ”sento il fruscio d’inset- Nell’attesa che si possa me-
ti”; “ascolto il frastuono di glio conoscere il meccanismo Specialista ambulatoriale nel
un’orchestra stonata”; “odo eziopatogenetico che altera distretto di Nola, San Pietro a
lo scoppiettio delle bollicine il giusto funzionamento della Patierno (NA) e Capua Consulente
come una bottiglia di coca- via e dei centri acustici ven- tecnico di ufficio del tribunale di S.
cola aperta”. gono utilizzati una serie di Maria. C.V. Già commissario otorino
È nella quiete, quando i ru- farmaci che modificano: la nella Commissione medica periferica
mori dell’ambiente si affievo- qualità del circolo vascolare, di Napoli del Ministero del tesoro per
liscono, e quindi più spesso l’attività neuronale, la sfera le pensioni di guerra e d’invalidità, dal
di sera che l’acufene non più emotiva e meno frequente- 1989 a DIC 1998 Idonietà ad aiuto
mascherato si rende più evi- mente la terapia fisica in di- ORL:Ospedale di Avellino concorso
dente e fastidioso. verse applicazioni (masche- pubblico Dic 1988
Se si escludono i rari casi di ramento, sorgenti di rumore
18
M croScopio ricerca

Epilessia: il Mario Negri in prima linea


Individuata una molecola che fa insorgere le crisi epilettiche

D
a anni l'Istituto Mario Negri di Milano
conduce importanti ricerche sulle cau-
se dell'epilessia e su possibili nuove ed
efficaci terapie per curare questa patologia,
soprattutto nei casi cosiddetti farmaco-resi-
stenti, cioè quei pazienti che non rispondono
al trattamento con i farmaci antiepilettici at-
tualmente disponibili.
In particolare i ricercatori del Mario Negri han-
no svolto ricerche sperimentali sul ruolo dei
processi infiammatori nell'epilessia, scopren-
do che l'infiammazione è uno dei meccanismi
che predispone alla comparsa e ricorrenza di
crisi epilettiche. dei recettori Toll-like è stato evidenziato anche
Nel marzo 2010 è uscito un importante lavoro nel tessuto cerebrale ottenuto da pazienti sot-
sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Me- toposti a chirurgia perché affetti da crisi epi-
dicine, dove i ricercatori del Mario Negri de- lettiche insensibili ai farmaci.
scrivono la scoperta di una molecola che fa in- La Dottoressa Annamaria Vezzani, coordinatri-
sorgere le crisi epilettiche. Gli studiosi - guidati ce dello studio ha commentato “Questa sco-
da Annamaria Vezzani, capo del Laboratorio perta, oltre a mostrare un nuovo meccanismo
di Neurologia Sperimentale dell'istituto Mario alla base delle crisi epilettiche, apre la strada al
Negri e con la collaborazione di Marco Bian- futuro di nuove terapie anticonvulsivanti, uti-
chi dell'Ospedale San Raffaele di Milano -hanno lizzando particolari farmaci anti-infiammatori
scoperto un nuovo meccanismo infiamma- per curare l'epilessia. Speriamo sia possibile
torio che contribuisce in modo determinante usarli anche in altre patologie neurologiche
alla comparsa e alla ricorrenza delle crisi epi- associate a processi infiammatori. HMGB1 è
lettiche. I ricercatori del San Raffaele nel corso coinvolta nelle patologie in cui vi è uno stress
degli anni hanno dimostrato che molecole ri- biologico e quindi in quasi tutte le malattie”.
lasciate da tessuti danneggiati, e in particolare Allo studio una nuova terapia genica per cura-
una proteina chiamata HMGB1, sono respon- re i casi di epilessia resistente ai farmaci
sabili dell'infiammazione associata a traumi o Negli ultimi anni i ricercatori dell'Istituto Mario
stress biologici. Negri, sempre coordinati da Annamaria Vez-
Il nuovo studio ha dimostrato che i neuroni e zani, hanno anche sviluppato una terapia ge-
le cellule della glia, sottoposti a uno stimolo nica per curare l'epilessia farmaco resistente.
che causa l'epilessia, rilasciano HMGB1, che a E' questo il caso del 30% dei pazienti affetti da
sua volta stimola i recettori Toll-like. Questi re- epilessia, che purtroppo è resistente ai farmaci
cettori di norma rilevano la presenza di batteri abitualmente usati per curare le crisi epilet-
o virus: lo studio dimostra un loro importante tiche. Proprio per questo motivo i ricercatori
ruolo nella regolazione dell'eccitabilità delle del Mario negri hanno sviluppato una nuova
cellule nervose in risposta all'infiammazione. terapia genica ora in fase di sperimentazione
Il trattamento con farmaci che bloccano gli ef- clinica e già approvata dall'FDA, l'organo di
fetti della molecola HMGB1, oppure dei recet- controllo statunitense sui farmaci.
tori Toll-like, ha mostrato potenti effetti anti- Come funziona? Innanzitutto occorre indivi-
convulsivanti anche su animali con crisi resi- duare l'area del cervello in cui sorge l'epilessia
stenti ai farmaci oggi utilizzati. E - cosa ancora e da cui partono gli attacchi. Questo si può
più rilevante - il coinvolgimento di HMGB1 e fare con delle tecniche di imaging e con elet-

19
M croScopio ricerca

trodi particolari inseriti nel cervello. I pazienti il suo utilizzo su modelli animali ha funzionato
farmaco resistenti fino ad oggi dovevano es- molto bene”.
sere operati, per asportare (laddove possibile) Annamaria Vezzani è nota per aver ricevu-
l'area epilettogena. Al di là dei rischi di questo to nel dicembre scorso il prestigioso premio
intervento, comunque, non sempre è possibi- internazionale dell'American Epilepsy Society,
le farlo. In molti casi infatti si tratta di un'area conferito per la prima volta a una ricercatrice
molto importante, senza la quale il paziente italiana.
non può continuare a condurre una vita “nor-
male”. Si tende quindi a evitare di operare
questi pazienti.
Una volta individuata l'area “incriminata” vi si
inietta un gene terapeutico, che codifica per
una proteina che ha proprietà anticonvulsi-
vante. Basta iniettarlo una sola volta e poi il Isabella Bordogna, responsabile dell’ufficio stampa
gene entra a fare parte del patrimonio geneti- dell'Istituto Mario Negri di Milano
co della cellula in cui è stato iniettato. “Non è
detto comunque che la terapia genica funzioni www.marionegri.it
su tutti” osserva Annamaria Vezzani” anche se mnegri@marionegri.it

Distrofia di Duchenne
Un cromosoma artificiale per aprire la strada al trapianto di staminali autologhe

A
l via uno studio che interessa anche le
mutazioni meno comuni della patolo-
gia, condotto dal team di Giulio Cossu,
finanziato da Parent Project Onlus attraverso il
Fondo Daniele Amanti.
Sarà un cromosoma à la carte il prossimo pas-
so per avvicinarsi alla terapia
della distrofia muscolare di Duchenne. I ricer-
catori del team di Giulio Cossu, della Divisione
di Medicina Rigenerativa del San Raffaele di
Milano, hanno avviato uno studio di ricerca
per correggere geneticamente le cellule mu-
scolari distrofiche di topo mediante un cromo-
soma artificiale
umano e procedere al trapianto autologo, cioè
senza donatore. Finanziato da Parent Project come ad esempio la sua grande dimensione.
Onlus, attraverso il Fondo Daniele Amanti, la Con il cromosoma artificiale il gruppo mila-
prima fase del progetto durerà tre anni. nese, in collaborazione con i ricercatori giap-
La distrofia muscolare di Duchenne, rara pato-
ponesi della Tottori University, intende creare
logia che porta alla degenerazione muscolare
uno strumento ad hoc per affrontare queste
in un bambino maschio su 3.500, è dovuta a
una mutazione nel gene della distrofina, pro- difficoltà: da una sorta di 'menù genetico' i
teina con ruolo strutturale e regolatorio nella ricercatori potranno scegliere sequenze codi-
cellula muscolare. I vari approcci terapeutici ficanti per la distrofina, sequenze regolatorie,
per correggere geneticamente le cellule difet- fattori di
tose di chi ne è affetto, incontrano degli osta- differenziamento e proliferazione per inge-
coli a causa della complessità di questo gene, gnerizzare il cromosoma in laboratorio e in-

20
M croScopio ricerca

serirlo poi in mesoangioblasti, le cellule sta- queste forme più rare della malattia. Ma c'era
minali muscolari che servono al trapianto. Con anche la paura di non farcela.” Commenta Fa-
questo approccio, si dà bio Amanti, che, partito da un semplice appel-
la possibilità di correggere geneticamente i lo su Facebook per aiutare suo figlio - subito
mesoangioblasti difettosi estratti dallo stes- raccolto e rilanciato da Cinzia Lacalamita con
so paziente affetto da distrofia e procedere al il suo libro “Daniele. Storia di un bambino che
trapianto autologo, evitando le complicanze spera” - ha raggiunto, in un anno e mezzo, ol-
del trapianto tre 20.000 sostenitori e raccolto più di 450.000
cellulare da donatore eterologo ed eliminan- euro da destinare alla ricerca. “Oggi, grazie
do così il problema della compatibilità e le all’aiuto di tutte quelle persone che sono state
problematiche legate alla necessaria immuno- e continuano ad essere vicine a mio figlio Da-
soppressione. Il progetto di ricerca si affianca niele, questa speranza si è concretizzata con
agli studi internazionali più promettenti per l’avvio del primo progetto. Naturalmente que-
individuare una terapia. sto è il primo passo per dare una possibilità
“La terapia con cromosoma artificiale potreb- in più non solo a Daniele ma anche a tutti i
be essere applicata a qualsiasi paziente ma bambini che, come lui, presentano mutazioni
è lunga, complessa e molto costosa”, spiega molto rare.”
Giulio Cossu. “Noi tutti ci auguriamo che nel La Distrofia Muscolare di Duchenne e Becker
frattempo altre terapie geniche più imme- (DMD e DMB) è una malattia genetica causa-
diate funzionino e, in questo caso, i pazienti ta da un’alterazione del gene della distrofina
che sono eleggibili dovrebbero iniziare il trat- localizzato sul cromosoma X. Nell’età adulta,
tamento. Tuttavia questo approccio terapeu- la degenerazione muscolare determina una
tico dà sicuramente speranza a quel 20-25% grave compromissione del muscolo cardiaco,
di pazienti che hanno delle mutazioni meno del diaframma e dei muscoli intercostali fino
comuni che rischiano di restare escluse dalle a rendere necessaria l'assistenza respiratoria.
tecniche Attualmente, non esiste una cura specifica ma
genetiche oggi in fase di studio.” Il progetto è un trattamento multidisciplinare che ha con-
alla sua prima fase di sperimentazione sui topi. sentito di raddoppiare le aspettative di vita. Si
“Alla fine di questi tre anni vorremmo poter di- stima che in Italia siano circa 5.000 le persone
mostrare che cellule umane corrette in questo affette dalla patologia.
modo sono in Parent Project Onlus, l’associazione di genitori
grado di formare distrofina in topi distrofici fondata nel 1996, è impegnata nel finanzia-
immunodeficienti. Non è pensabile in tre anni mento diretto della ricerca scientifica e rive-
andare più lontano di così. Se tutto va bene, ste un ruolo fondamentale nello studio di in-
ci vorrà almeno il doppio degli anni prima di terventi mirati a sostenere le persone affette
provare queste cellule sull'uomo”. dalla distrofia di Duchenne e Becker e le loro
Il lavoro di Giulio Cossu riceverà, in tre anni, famiglie.
un finanziamento di 280 mila euro da Parent
Project Onlus attraverso il Fondo Daniele
Amanti nato nel 2009 per individuare e soste- Per ricevere maggiori informazioni sulle attività del
nere progetti di ricerca per le mutazioni meno Fondo Daniele Amanti e sugli altri progetti di Parent
frequenti tra quelle che causano la patologia. Project Onlus si può telefonare al numero 06 66182811
Un traguardo importante per l'associazione o visitare il sito www.parentproject.it
e, soprattutto, per Fabio Amanti, ideatore del Comunicazione Scientifica Parent Project Onlus
Fondo e padre di Daniele, un bambino di tre Cinzia Pozzi - email c.pozzi@parentproject.it
anni e mezzo a cui è stata diagnosticata una Ufficio stampa Parent Project Onlus
mutazione molto rara nel gene della Stefania Collet - email ufficiostampa@parentproject.it
distrofina a soli sei mesi d'età. Francesca Bottello - email f.bottello@parentproject.it
“Quando è stato istituito il Fondo Daniele Ufficio stampa Istituto Scientifico Universitario
Amanti, c'era la speranza che si riuscisse a fare San Raffaele - e-mail: ufficio.stampa@hsr.it
qualche cosa per far partire uno studio per www.sanraffaele.org

21
M croScopio ricerca

Allattamento al seno, i galattogoghi


sono i farmaci più efficaci in caso di
scarsa produzione di latte materno
È quanto emerge da uno studio condotto nell’ambito del Dipartimento di Scienze
Pediatriche medico-chirurgiche e Neuroscienze dello Sviluppo del Policlinico
Gemelli pubblicato sul “Journal of pharmacy and pharmaceutical sciences”

U
na scarsa produzione di latte della Alberto Zuppa, associato di Pediatria Generale
mamma è la causa più frequente del e Specialistica all’Università Cattolica di Roma,
fallimento dell’allattamento al seno del e dalla sua èquipe nell’ambito del Dipartimen-
neonato e le condizioni in cui più comunemen- to di Scienze Pediatriche medico-chirurgiche
te si verifica sono: parto pretermine, malattie e Neuroscienze dello Sviluppo del Policlinico
della madre e del bambino, separazione della universitario “Agostino Gemelli”, diretto dal
madre dal figlio, riavvio della lattazione dopo Prof. Costantino Romagnoli. Lo studio è stato
un periodo di sospensione e allattamento in- recentemente pubblicato sulla rivista canade-
diretto. Nelle donne in cui si verificano condi- se “Journal of pharmacy and pharmaceutical
zioni di scarsa produzione di latte, nelle quali sciences”, organo ufficiale della Canadian So-
non sono risultati efficaci adeguati interventi ciety for Pharmaceutical Sciences.
educativi nella fase di avvio dell’allattamento, “Nei Paesi in cui il domperidone non è disponi-
andrebbero utilizzati i farmaci galattogoghi. bile, come gli Stati Uniti, può essere sostituito
Tali farmaci stimolano e mantengono la lat- dalla metoclopramide, usata in genere come
tazione in quanto, con diversi meccanismi di antiemetico”, afferma il pediatra della Cattolica
azione, determinano un aumento della produ- Zuppa, che da anni si occupa dell’allattamento
zione della prolattina, ormone della lattazione, al seno. Gli autori sconsigliano l’uso di alcuni
da parte dalla ghiandola ipofisaria. I principa- farmaci neurolettici, come la clorpromazina,
li meccanismi di azione sono la stimolazione per i possibili effetti a breve e lungo termine
diretta sull'adenoipofisi, la soppressione del- sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del
la secrezione ipotalamica del fattore inibente neonato.
la prolattina, la stimolazione della secrezione Nell’articolo appena pubblicato, infine, il grup-
ipotalamica del prolactin releasing hormon, po di ricerca pediatrico della Cattolica di Roma
l’azione antagonista sulla liberazione di do- sottolinea la “necessità di attivare studi accu-
pamina che blocca la secrezione di prolattina. rati che possano dimostrare l’efficacia e la si-
In particolare il domperidone, usato comune- curezza delle erbe e dei rimedi naturali, che
mente come procinetico (farmaco in grado di tradizionalmente vengono usati come galatta-
stimolare la motilità intestinale), è il galattago- goghi quali il fieno greco, la silimarina, la ga-
go di prima scelta, essendo di provata effica- lega”.
cia e con effetti collaterali scarsi nella madre e
assenti nel neonato. Il domperidone stimola la
lattazione in quanto antagonista della dopa-
mina (antidopaminergico).
È quanto emerge da una revisione sistematica Dr. Nicola Cerbino
della letteratura sui galattogoghi, ovvero su responsabile Ufficio stampa
quei farmaci in grado di stimolare e mante- Università Cattolica sede di Roma
nere la lattazione, condotta dal Prof. Antonio e Policlinico universitario "Agostino Gemelli"

23
Speciale
Immobili di Prestigio
ed Attività Commerciali

chiama subito il nostro


call center 075.800.53.89 o il mobile 329.07.30.014

DI GRANDE PRESTIGIO!

Abruzzo:
pochi chilometri da Silvi Marina
Comune di Atri: a pochi chilometri dal mare palazzina di 3 piani (seminterrato + appartamento
su due piani di 200mq) con stupenda vista panoramica composto da: 3 camere, 3 bagni, sog-
giorno, cucina abitabile, studio, guardaroba, 4 balconi, 2 terrazze, scantinato e doppio garage
con apertura automatica. Completamente arredato. Ottime finiture. 560.000 euro.

Roseto degli Abruzzi: Roseto degli Abruzzi:


in collina, posizione pa- Zona Silvi Marina/Roseto complesso immobiliare
noramica a 5 km dal degli Abruzzi: vendesi in di 2000 mq circa: palaz-
mare, vendesi in esclu- esclusiva appartamenti di zina di 3 piani + capan-
siva splendida villa con varie metrature e tipologie none da ristrutturare +
STUPENDO PARCO DI a soli m 200 dal mare. So- dependance. Tutte e 3
PROPRIETÀ. Informa- luzioni interessantissime. A le strutture sono divisi-
zioni in agenzia. partire da 100.000 euro. bili in più unità abitative.
OTTIMO INVESTIMENTO
SCALA 1:100 APPARTAMENTO ROSETO DEGLI ABRUZZI [TE]
ZONA CENTRALE A m.200 DAL MARE
mq. 98,00 lordi
Viaggi & Vacanze
s.r.l.

VANTAGGI VANTAGGI VANTAGGI

PER I NOSTRI CLIENTI


NEI MIGLIORI VILLAGGI

Alpitour • Francorosso • Viaggidea • Karambola


Volando • Viaggi dello Zainetto

Villaggi Eurotravel • Villaggi Sprintour


Catalogo Itermar • Crociere SMC

INOLTRE TRAGHETTI PER:


Viaggi in Pullman • Voli aerei Sardegna, Croazia, Spagna

ed ancora VANTAGGI VANTAGGI e ... CORTESIA


M croScopio InSalute

UNA DIETA CONTRO


L’INVECCHIAMENTO CUTANEO
L
a nostra pelle, come è noto,
subisce quotidianamente
l’aggressione di agenti ester-
ni (vento, aria fredda, smog, sole)
che causano una perdita di elasti-
cità e di tono ed un aumento della
disidratazione. Il risultato è la com-
parsa di rughe sul viso e sul collo.
Una dieta adeguata, indirizzata
contro l’invecchiamento cutaneo,
può contribuire a minimizzare pro-
prio questo tipo di lesioni, insieme
all’ausilio di un medico.
Tale tipo di dieta non prevede sol-
tanto alimenti, ma anche integrato-
ri, e precisamente degli integratori
che contengano nel loro interno
acido ialuronico, collagene idroliz-
zato di tipo II, e condroitin-solfato
depolimerizzato . tenimento della forma ed anche di la finalità di degradarlo ed incenti-
Nella matrice dermica della nostra resistenza. Queste capacità sono va invece la proliferazione di cellule
pelle è naturalmente presente una collegate alla presenza di acido del tessuto connettivo che produ-
certa quantità di acido ialuronico. ialuronico nell’ambito dei tessuti cono a loro volta il collagene. Que-
Quest’ultimo è uno dei componen- cutanei. Purtroppo, con il passare sta molecola complessa e delicata,
ti fondamentali dei tessuti connet- del tempo, la sua concentrazione costituita dal collagene, supporta il
tivi umani ed è presente in partico- diminuisce e quindi la cute perde mantenimento della forma fisiolo-
lare a livello della cute, del liquido quell’aspetto caratteristico così tipi- gica e dell’elasticità dei tessuti cuta-
sinoviale delle articolazioni, come le co della giovinezza. Nel contempo, nei. Intimamente commiste alle fi-
caviglie, le spalle e le ginocchia, e la cute perde anche l’idratazione. bre collagene vi sono infatti le fibre
si trova perfino nell’umor vitreo La scarsità, oppure la mancanza, elastiche, che con particolari colora-
dell’occhio. Risulta immediatamen- di acido ialuronico determina la zioni come il Weighert possono es-
te evidente, quindi, l’importanza formazione di inestetismi cutanei, sere evidenziate, costituiscono uno
dell’acido ialuronico. peggiora le “linee di espressione degli elementi più interessanti per il
La capacità dell’acido ialuronico “ed è all’origine della formazione microscopio polarizzatore. Ma tor-
più caratteristica è quella di com- delle rughe. nando al collagene, esso esplica le
plessarsi con un numero elevato La molecola dell‘acido ialuronico sue funzioni non solo al livello del
di molecole d’acqua. In tal modo, è molto idrofila, cioè trattiene i li- derma, ma anche al livello del tes-
esso dà origine a dei gel protettivi quidi, ed è per questo motivo che suto connettivo articolare. Sembra
particolarmente utili per mantene- la concentrazione di tale acido è evidente quindi che la dieta contro
re l’idratazione nonché l’elasticità proporzionale in modo diretto all’i- l’invecchiamento cutaneo debba
della nostra cute, per sostenere la dratazione cutanea e quindi, stric- includere anche integratori a base
funzionalità delle nostre articola- tu sensu, all’aspetto giovanile della di collagene, ed a questo punto è
zioni. nostra pelle . opportuno rilevare che la molecola
Per non invecchiare, la nostra cute, L’acido ialuronico, inoltre, contrasta del collagene, così come essa si tro-
deve avere delle capacità di man- la produzione di enzimi che hanno va in natura, arriva ad un peso mo-
26
M croScopio
lecolare medio di 200.000 daltons. esso conseguono sono anche di venzione in numerose neoplasie,

inSalute
Questo peso molecolare elevato tipo cutaneo, se il collagene assun- e la sua biodisponibilità aumenta
fa sì che di per sé stesso e senza to è stato in precedenza idrolizzato. cuocendo brevemente i pomodori
particolari procedimenti, abbia un L’idrolizzato di collagene è un col- a fuoco lento oppure condendoli
assorbimento piuttosto lento e fati- lagene (ottenuto dal tessuto os- con olio di oliva. Per rallentare la
coso sia a livello percutaneo (som- seo, cartilagineo, oppure cutaneo) senescenza della nostra pelle, dob-
ministrato sotto forma di creme e frammentato con un processo na- biamo anche inserire, nell’ambito
pomate) che a livello intestinale, se turale (idrolisi) per facilitarne l’assor- di cinque moderati pasti giornalieri
noi lo somministriamo oralmente. bimento nel torrente sanguigno. alla maniera inglese, delle porzioni
Se però sottoponiamo il collage- L’idrolizzato di collagene stimola la di zucca, spinaci, broccoli, mango,
ne al procedimento dell’idrolisi, sintesi di collagene, come è stato papaia, albicocche e mirtillo. Ma
l’assorbimento da parte del no- brillantemente evidenziato da studi variando le componenti di questi
stro sistema digerente sarà molto di laboratorio compiuti da Oesser e piccoli cinque pasti, è giusto che vi
più semplice. Infatti la molecola di allievi (Cell e Tissue, Research 311: inseriamo anche fragole in dosi as-
peso molecolare elevato si ridurrà 393.9; March 2003) . sai contenute per evitare eventuali
in piccoli peptidi, scendendo quindi Alcune importanti ditte, nei loro allergie, pompelmo dopo aver con-
dai 200.000 daltons iniziali a 2000 integratori, hanno unito al collage- sultato il nostro medico ( perché
daltons. Pertanto è chiaro che l’as- ne idrolizzato e all’acido ialuronico può interferire con l’assorbimento
sunzione di collagene idrolizzato anche la vitamina C, la quale ha di numerosi farmaci, in quanto può
può concorrere ad ostacolare l’in- un’azione antiossidante, contra- influire con il metabolismo del co-
vecchiamento della pelle. Va anche sta la formazione di radicali liberi enzima Q10 a livello mitocondriale),
sottolineato che esistono vari tipi di coinvolti nei processi di invecchia- cavolfiore e the verde (si consiglia-
collagene, ed è opportuno rilevare mento, e coadiuva la sintesi del no dosi moderate di tale tipo di
che molti integratori a base di col- collagene. Per quello che riguarda the, non più di una tazza al giorno ).
lagene idrolizzato utilizzano Una ricerca
il collagene di tipo II, il quale Scegliere alcuni tipi di alimenti appropriati condot ta
si trova esclusivamente nel può influire in modo positivo sul processo di dell’Istituto
tessuto cartilagineo. Tutta- invecchiamento della nostra cute. Possono Superiore
via, tale tipo di collagene,
aiutare anche gli integratori nei quali sia di Sanità
una volta somministrato (sviluppata
come integratore alimenta- incluso il collagene idrolizzato in collabo-
re, conferisce al nostro organi- razione con
smo un beneficio a livello cutaneo, invece gli alimenti che rientrano in l’Università di Perugia) ha confer-
oltre che a livello articolare. Il classi- possibili diete di supporto inseri- mato che i vegetali crudi sono mol-
co collagene di tipo I si trova nella te in trattamenti e terapie contro to ricchi di antiossidanti che aiuta-
pelle e nelle ossa, viene maggior- l’invecchiamento cutaneo, aven- no le cellule a contrastare gli effetti
mente usato per produrre le gela- do esaminato brevemente alcuni dell’invecchiamento. Ciò conforta
tine, notoriamente molto usate nel- possibili integratori, esamineremo ulteriormente coloro che rimango-
le industrie alimentari, ma tuttavia ora a volo d’uccello l’opportunità no affezionati al cosiddetto pinzi-
meno importanti agli effetti delle di un uso più frequente ed accorto monio. Quest’ultimo è il modo più
finalità qui esaminate. di arance, carote, uva nera e rossa, classico ed estivo per servire verdu-
Esaminiamo ora il collagene di tipo rosa canina (da inserire in tisane), re crude (possibilmente inserite in
III e di tipo IV . ananas, limone, insalate di verdure una ciotola piena di ghiaccio tritato
Il collagene di tipo III è presente verdi, germe di grano, ortica ed in- o in cubetti) come la costola di se-
nella pelle assieme al collagene di fine il melograno. Quest’ultimo è dano, i peperoni gialli e rossi, le ca-
tipo I, mentre il collagene di tipo IV ancora più ricco, di antiossidanti e rote, i cetrioli ed i ravanelli, accom-
è un costituente delle membrane. di resveratrolo, che non il vino. pagnate da ciotoline individuali di
Anche se noi assumiamo integra- In una dieta che contrasti la sene- olio e sale, con eventuali erbe aro-
tori alimentari che contengono col- scenza cutanea deve essere inserito matiche, di cui un buon esempio è
lagene di tipo II, avremo un bene- anche il prezzemolo, il finocchio, il costituito dall’erba cipollina.
ficio pure a livello cutaneo. Infatti cetriolo, il melone ed i pomodo-
è vero che il collagene di tipo II si ri maturi. Essi infatti contengono
Dottor Marco Nicoletti
trova esclusivamente nel tessuto quantità significative di licopene.
Dermatologo-Tor Vergata
cartilagineo, ma i benefici che da Tale molecola ha finalità di pre-
27
M croScopio InSalute

INTEGRATORI PER IL CAMBIO DI STAGIONE


I cambi di stagione comportano, per la maggior
parte degli individui, uno stress significativo.
Alcune vitamine vengono “ bruciate “ con maggiore
velocità. In particolare la vitamina B5, o acido
pantotenico, svolge un ruolo importante nei
meccanismi biochimici che controllano lo stress a
livello delle ghiandole surrenali

M
ille volte si è detto
che responsabile dello
stress per il cambio di
stagione tra la primavera e l’estate
può essere il cambiamento di livel-
lo, o meglio la diminuzione, della
melatonina.
Infatti l’incremento progressivo
delle ore di luce comporta una di-
minuzione progressiva e gradua-
le di tale ormone che ha bisogno
dell’oscurità per essere prodotto.
Le giornate tendono a concludersi
sempre più tardi, fino alle ore 20.00,
con l’ ora legale, addirittura fino alle
21.00, con conseguenti aumenti
dello stress. Anche psicologica-
mente, tendiamo a non staccare sti stessi meccanismi biochimici. anche per la fragilità capillare e per
più la spina. Inoltre lo stress tende ad abbassare gli stati febbrili (essendo assai ricca
Al contrario, nel cambio di stagione comunque le difese immunitarie. di vitamina C). Essa può essere di
autunnale, il progressivo abbassa- Perciò è necessario fare una buona qualche utilità nelle malattie da raf-
mento delle temperature può fa- scorta di vitamina C che, come è freddamento e può contribuire ad
cilmente portare ad un incremento ben noto ai vitaminologi, è fonda- una maggiore stabilità delle difese
delle funzioni tiroidee. L’individuo, la mentale per il funzionamento del immunitarie. Pianta arbustiva, ori-
cui tiroide sia sollecitata dal freddo sistema immunitario. Premesso che ginaria dell’ America Centrale, dalla
che sopraggiunge, diventa facil- l’ uso degli integratori alimentari è lenta crescita e dalle medie dimen-
mente un ipercinetico, vale a dire sempre consigliabile se sottoposto sioni. L’ Acerola predilige i terreni
che si muove in continuazione, si al vaglio di un medico, e che il fai argillosi, ricchi di humus, che con-
muove troppo, non trova pace. Al- da te è sempre sconsigliabile ed in tiene molte sostanze organiche, di
tra forma di stress. Con l’arrivo della particolare è sconsigliato dall’au- grande importanza per la crescita e
stagione fredda, dunque, ci sarà un tore di quest’articolo, è opportu- la vita delle piante. Le foglie giova-
maggiore bisogno della vitamina no mettere in luce le molte doti ni hanno un colorito rossiccio, che
B5 che cerca di controllare a livello dell‘Acerola, o “ciliegia delle Indie con il tempo si trasforma gradual-
biochimico, questo stress agendo Occidentali“, nome scientifico “ mente in verde scuro. Produce dei
a livello delle ghiandole surrenali. Malpighia Punicifolia”. Dell’Acerola frutti che per dimensione, colore e
Ribadita, tuttavia, la provenienza vengono usati i frutti maturi, senza forma sono simili alle ciliegie. Il sa-
del danno dalla tiroide. Anche la il nocciolo. L’impiego dell’Acero- pore è lievemente dolciastro, ma
vitamina C viene coinvolta in que- la può comportare effetti positivi tende poi all’acidulo. All’interno del
28
M croScopio
frutto è contenuto un grosso seme. dica diabeticorum, nonché le der- chiederemo al nostro farmacista

inSalute
Dai frutti maturi viene ricavato un matiti che tanto spesso affliggono una fiala di “zinco oligoelemento”.
succo che attraverso varie fasi di il piede del soggetto diabetico. Per Misceliamo quindi i due ingredienti,
lavorazione viene trasformato in un tutti questi pazienti è sicuramen- cioè il succo di uva nera e la fiala di
estratto a contenuto altissimo di vi- te utile sapere che le vitamine del zinco oligoelemento (solitamente
tamina C. Ma anche la Rosa Canina gruppo B contenute nell’uva nera in fiale da due ml, contenenti acqua
è un ottimo integratore naturale di sono indispensabili per la salute del ultrapura, zinco gluconato e frut-
vitamina C. Questo tipo di rosa è di loro tessuto cutaneo. L’uva nera, in tosio), impiegando un cucchiaio di
piccole dimensioni. Quando il fiore particolare, è molto ricca di resvera- legno (per evitare ioni metallici) che
si trasforma nel frutto, se ne ottiene trolo. Tale molecola, alla base della ruoteremo lentamente. Berremo il
una bacca di colorito variabile dal fama del vino “nero d’ Avola” per preparato alla mattina, a digiuno,
rosso mattone al marrone con sfu- l’alta quantità di antiossidante in per almeno un mese. Ultimo, ma
mature di porpora. Si consiglia il di- esso contenuta, combatte i radicali non ultimo, ecco un altro integra-
stillato di Rosa Canina con la tecnica liberi e rinforza il sistema immunita- tore adatto per i cambi di stagione,
del cestello separato. Concisamen- rio. L’azione dell’uva nera come inte-
l’acido lipoico (in passato conosciu-
te, sul fondo del distillatore si pone gratore è amplificata dalla presenza
to come vitamina N). Ciò che rende
una miscela in cui vi sia una parte di dello zinco. Possiamo definire que-
unico l’acido lipoico è che questa
alcool a 90° e due parti di acqua di sto minerale come il minerale anti-
molecola esercita la sua azione sia
rubinetto. Dalla sommità del distil- stanchezza per eccellenza. Esso
in fase acquosa che in fase lipidica.
latore viene fatto scendere, grazie a infatti combatte lo stress, così tipico
due fili sottili di materia inossidabile in coloro che rientrano dalle vacan- Nella fase acquosa, esso contrasta i
(potrebbe essere perfino del nailon ze tanto da ispirare alcune note re- radicali liberi all’interno della cellula,
di buona tessitura), un cestello di clames (“sono appena tornato”). Lo in particolar modo a livello dei neu-
alluminio del fondo forato. La som- zinco aiuta anche chi soffre di cali di roni. In fase lipidica, esso agisce in
mità del distillatore viene chiusa vista, e rallenta i processi di invec- modo profondo sulle membrane
da un tappo in cui si inserisce una chiamento. Un integratore naturale, cellulari, e contrasta l’ingresso dei
serpentina, la quale poi termina in costituito da uva nera e zinco può radicali liberi che si trovano all‘e-
un recipiente di raccolta più piccolo essere utile anche ai fini di fronteg- sterno della cellula. Ma le sue azio-
del distillatore. I vapori della miscela giare eventuali situazioni influenzali. ni non finiscono qui, perché sono
idroalcoolica attraversano il cestello Il resveratrolo dell’uva nera, infatti, diversi anni che gli sportivi predili-
sospeso a metà del distillatore e poi agisce in cooperazione con lo zin- gono tale integratore, avendo intra-
passano nella serpentina. Un altro co migliorando la risposta immuni- preso diete dimagranti e cercando
valido integratore per il cambio di taria e rendendo più difficoltosa la di favorire la formazione di nuovo
stagione può essere a base di uva replicazione virale. La preparazione tessuto muscolare. Infatti una delle
nera e zinco, valido soprattutto per di tale integratore, che non andrà funzioni dell’acido lipoico è quella
l’autunno. Inutile ricordare la diffu- mai assunto senza il controllo ed il di favorire la formazione dell’ener-
sione e popolarità di cure a base di parere del medico, è relativamente gia all’interno dei mitocondri cellu-
uva. Tipico frutto settembrino, l’uva semplice. L’uva nera, intuitivamen- lari, a partire dai grassi e dagli zuc-
è un prezioso ricostituente naturale, te, è facile da acquistare. Anche un cheri. Nel contempo, esso indirizza
che contiene sali minerali depurati- robot multifunzioni, dotato di voce in modo selettivo la molecola del
vi ed energizzanti. Tra questi, tro- “centrifugazione” è similmente fa- glucosio verso l’interno delle cel-
viamo potassio, magnesio, fosforo, cile da acquisire. Possiamo quindi lule muscolari. Solitamente, l’acido
calcio e ferro. Gli zuccheri in essa agevolmente preparare il succo lipoico viene prodotto dall’organi-
contenuti, inoltre, sono di rapida di uva nera, con grappoli di origi- smo umano, ma purtroppo a par-
assimilazione ed in altri tempi si è ne biologica ed eliminando i semi tire dai cinquanta anni la capacità
ritenuto fossero utili per la prontez- prima di centrifugare gli acini. Tale di produrlo si riduce drasticamente
za mentale. Tra gli zuccheri vi sono il succo “casalingo“, come tutte le fino a sparire. Molto accortamente,
glucosio ed il fruttosio. Nel succo di sostanze genuine, sarà meno gra-
alcune ditte hanno cominciato ad
uva sono contenute le vitamine del devole del succo che possiamo
abbinarlo alla cannella, spesso in
gruppo B, indispensabili per la salu- trovare già pronto e confezionato.
compresse.
te dei tessuti. Ciò potrebbe essere A questo punto sarà anche agevole
di qualche importanza nei confron- miscelare un bicchiere (solitamente Dottor Marco Nicoletti
ti dei pazienti diabetici, essendo 2 dl o circa 240 ml) di succo di uva Dermatologo-Tor Vergata
tristemente nota la necrobiosi lipoi- nera con una fiala di zinco. All’uopo
29
Speciale
Immobili di Prestigio
ed Attività Commerciali

chiama subito il nostro


call center 075.800.53.89 o il mobile 329.07.30.014

VERO AFFARE!

Roseto Degli Abruzzi


Contrada Giardino: vendesi complesso residenziale panoramico mare e monti. Nuova co-
struzione a 2 km dal mare composta da n°2 mansarde di diverse metrature con travi a vista;
n°3 appartamenti 80/100 mq; n°2 bilocali. Vasti spazi esterni: terrazze, cortile, giardino e
parcheggio privato. Totale struttura 720 mq. Possibilità di realizzazione piscina. Euro 850.000

...oppure
Roseto Degli Abruzzi: in zona
centrale di via Amicis, vendesi
appartamenti di varie metra-
ture composti da 1, 2 o 3 ca-
mere, doppi servizi, con o sen-
za giardino, terrazzi, balconi e
30
cantina. Da Euro 100.000
GRIT
IMMOBILIARE
GRIT

www.gritimmobiliare.it
Portale di compravendita immobiliare

Grit Immobiliare periodico di


informazione immobiliare

Grit Immobiliare ® - E.G.I. srl - PG


Tel. 075.800.53.89 FAX 075.800.42.70 - contatti@gritimmobiliare.it
32