Sei sulla pagina 1di 3

Tecnica Indiretta

Importante: Quando ci svegliamo siamo già nella “FASE”, la condizione in cui siamo distaccati,
dobbiamo prendere coscienza di esserci. Quindi appena svegli, iniziamo subito i tentativi seguendo alla
lettera il metodo spiegato.

Prima di provare le tecniche dobbiamo la sera prefissarci un obbiettivo

Obbiettivi per iniziare scegliamone un paio:

Guardare in uno specchio, della propria camera o del bagno (partire da questa!)
Mangiare o bere qualcosa che piace secondo obbiettivo per i primi tentativi
Visitare qualsiasi attrazione turistica
Sorvolare la Terra Volare per tutto l’Universo
Volare verso vicini di casa, amici, e familiari
Incontrare un innamorato
Incontrare un parente defunto
Qualsiasi altro

Metodo

Fissiamo una sveglia dopo 6 ore da quando ci addormentiamo, dobbiamo dormire bene, in maniera tale da
fare almeno 4 cicli di sonno che durano 1,5 ore ciascuno circa. Esempio se ci addormentiamo a mezzanotte
la sveglia la mettiamo alle 6.

Quando suona la sveglia ci alziamo per qualche minuto, fino a mezz’ora e facciamo qualcosa, beviamo
mangiamo, passeggiamo, andiamo in bagno, rileggiamo queste istruzioni

Ci rimettiamo a dormire pensando a quello che faremo al prossimo risveglio, pensiamo alla procedura.
Quando ci riaddormentiamo, probabilmente faremo dei pisolini con diversi risvegli che ci serviranno per
fare i tentativi.

Al risveglio provo subito l’obbiettivo prefissato, proviamo subito ad apparire allo specchio, non importa
come, mi penso allo specchio. Se vedo il mio corpo allo specchio, aumento subito la sensazione, provo a
toccare lo specchio, vedere il riflesso, aumento i dettagli → Sono separato dal corpo, faccio subito un'altra
attività che mi ero prefissato, per esempio mangiare. (per le prime volte provare poche attività)

Se il portarsi allo specchio non funziona per circa 10 secondi di tentativi

Provo subito qualcosa per separarmi, non importa cosa, non una tecnica specifica, provo a separarmi
spontaneamente e con naturalezza, come per alzarsi dal letto, girarmi di lato mettere giù i piedi, senza
muovere un muscolo e senza aprire gli occhi. Se funziona, se mi distacco, subito cerco il mio obbiettivo,
vado allo specchio e così via…..

Se non funziona:

Inizio una tecnica di separazione, velocemente ho un minuto a disposizione, in questo minuto userò 3-4
tecniche con un ciclo massimo 5-6 secondi cadauna e massimo 2-3 tecniche, fino ad un minuto di tentativi,
se i tentativi non funzionano mi rimetto a dormire e proverò al prossimo risveglio.

TECNICHE:

RUOTARE: Da 3 a 5 secondi, provare a immaginare di ruotare da entrambi i lati lungo l’asse che va dalla
testa alla punta dei piedi il più intensamente possibile. Se non compare nessun tipo di sensazione, passare
ad un’altra tecnica. Se durante la rotazione compare anche una lieve sensazione, focalizzare la propria
attenzione su questa tecnica e ruotare con maggiore energia.

NUOTARE: Da 3 a 5 secondi, provare a immaginare con la maggiore risolutezza possibile di nuotare o


semplicemente fare il movimento di nuotare con le braccia. Provare a sentire, a qualsiasi costo e il più
intensamente possibile. Se non accade nulla, passare a un'altra tecnica

MANI: Immagino le mani Da 3 a 5 secondi, immaginare intensamente e risolutamente di strofinarsi le mani


e contemporaneamente chiudere gli occhi. Provare a qualsiasi costo di sentirle davanti di vederle e anche
di sentire il suono del loro sfregamento. Se non accade nulla, passare ad un’altra tecnica.

LIEVITARE: per 3-5 secondi provare a levitare, sentire il corpo che si solleva e sale verso l’altro. Se non
accade nulla, passare ad un’altra tecnica

CADERE: per 3-5 Sentire il corpo che cade, che scivola dal letto. Se non accade nulla, passare ad un’altra
tecnica

VOLARE: PER 3-5 Secondi sentire il corpo che vola, ad alta velocità, sentire il movimento e l’effetto del volo.
Se non accade nulla, passare ad un’altra tecnica

“SENSAZIONI”: per 3-5 secondi penso di muovermi nella stanza, toccare, guardare le cose, approfondire. Se
non accade nulla, passare ad un’altra tecnica

OSSERVARE LE IMMAGINI per 3-5 secondi, ad occhi chiusi osservare le immagini che appaiono, cercando di
scrutare cosa appare, senza forzare nulla. Se non accade nulla, passare ad un’altra tecnica

ASCOLTARE: per 3-5 secondi ascoltare se si sentono fischi o ronzii nelle orecchie e nel caso affermativo
aumentarli. Se non accade nulla, passare ad un’altra tecnica

VIBRAZIONI: per 3-5 secondi sentire se si avvertono vibrazioni e provare ad aumentarle. Se non accade
nulla, passare ad un’altra tecnica

Sento che una tecnica che funziona!!! Inizio ad avvertire delle sensazioni, mi sento ruotare, mi sento
lievitare, sento vibrazioni, ronzii, aumento le sensazioni che sento e poi mi devo alzare ed andare allo
specchio, non devo pensare a come separarmi se la tecnica sta funzionando siamo separati!!!
E’ importante capire quando la tecnica funziona, generalmente è più facile con le tecniche di movimento,
può capitare che la tecnica funzioni e non ci rendiamo conto.

Se il ciclo non funziona mi rimetto a dormire e proverò al prossimo risveglio. Al massimo 1 minuto di
tentativi, poi lasciar perdere, ma addormentarsi con la ferma intenzione di riprovarci al prossimo risveglio.

CONSIGLI

All’inizio, dobbiamo prendere consapevolezza con il risveglio cosciente, cioè nel momento esatto in cui ci
svegliamo dobbiamo renderci conto che dobbiamo iniziare la procedura, per alcuni questa cosa può
essere difficile, ma esistono dei trucchi:

- Addormentarsi con il pensiero di ciò che dovremmo fare al risveglio


- Creare motivazioni, motivarci, desiderare ardentemente una uscita
- Affermare spesso il desiderio di riuscire
- Analizzare i tentativi sbagliati

Movimento:
Se anche ci dovessimo muovere per sbaglio appena svegli, comunque proviamo subito ad apparire allo
specchio, non sciupiamo il tentativo ma proviamo ugualmente, molte volte i primi movimenti al risveglio
sono falsi movimenti.

Provare questa tecnica 2-3 volte alla settimana, preferibilmente i giorni in cui non si andrà a lavorare, non
provare tutte le notti.

Nel caso ci si dovesse svegliare prima della sveglia proviamo le tecniche senza metterci troppa enfasi,
FACCIO COMUNQUE NN TENTATIVO

La tecnica si può fare anche durante il giorno dopo un sonnellino pomeridiano

Provare la tecnica per esercitarsi durante il giorno, pensando bene alle varie fasi, come fosse una ginnastica

ERRORI CHE POSSONO ACCADERE DA ANALIZZARE IL GIORNO DOPO

- Assenza del tentativo di separarsi al risveglio (dobbiamo pensare la sera prima al nostro tentativo)
- Non provare per tutto il minuto che abbiamo a disposizione dopo svegli
- Cambiare tecnica se una ha cominciato a funzionare
- Spaventarsi se una tecnica funziona e trattenere il respiro
- Aprire gli occhi subito appena svegli
- Muovere i muscoli anziché tenerli fermi durante le tecniche (ma attenzione che alcuni movimenti
sono in realtà movimenti del corpo astrale)
- Provare altre tecniche in contemporanea, usare solo questa, non usare altre tecniche la sera prima
di addormentarsi