Sei sulla pagina 1di 63

www.Ebook777.

com
www.Ebook777.com
Introduzione

mondo movzes sana que! documentari


·ho<l:k (Ii chiamano anche shockumentary)
che colpirono e scandalizzarono l'Italia (rna
andle l'America e l'Europa) a partire dagli anni
«Mondo cane non e un'imprecazione, e I'immagine pili adana a definire it SeSSaiIlta, rappresentando realta lomane da queUe occi-
mondo che ci siamo proposti, can quesro film, di rappresentare. II mondo dentali attraverso una serie di immagini dure e sconvolgen-
che ogni uomo inrravede nascendo e che continua a esisrere anche se poi ti: esotismo misterioso e riti violenti, magie ancestrali e nudita
ness uno ci pensa a vuol pensarci. Inranro teniamo a precisare che i fani integrali, nature selvagge e cerimonie tribali costituiscono il fulcra
riporrati in quesro film corrispondono scrupolosamente alia realdl, sana dei mondo movies, che puntano all'esplorazione dei tabli tramite la
frurro di esperienze direne derivare da due anni di viaggi e rappresentano
visualizzazione e la testimonianza di cio che di pili sconcertante
mareriale inediro. Gli argomenti da noi roccati non rappresentano spora-
puo avvenire in aree geografiche remote. D'aluo canto e la stessa
dici avvenimenti della cronaca di quei paesi, rna farti abiruali che danno
la misura del cosrume dei vari popoli. Man mana che ci sposreremo verso natura a dettare Ie sue ferree leggi: la lotta per la sopravvivenza, i
la fine, e che aile immagini del mondo primitivo seguiranno alcre che por- combattimenti mortali, gli accoppiamenti, ma in una dimensione
rano il sigillo di una civildl, ci accorgeremo come Ie prime e Ie seconde del tutto innocente e pura rispetto alia crudelta consapevole e gra-
non siano che aspetti diversi di una identica realdl. Tunavia quesri paral- mita dell'uomo. E esattamente su questa netra dualita che si col-
lelismi, anche se di grande evidenza, non ci porreranno a giudicare 0 a fare locano i pili riusciti esempi di mondo movies.
del facile moralismo; ci limiteremo, semmai, a confidarvi quest'unica, Filiazione del cinema exploitation a base di sesso e violenza, il
vera, consolanre conclusione cui siamo giunri alia fine della nostra mode- mondo movie e quindi un genere davvero unico, che filma la realta
sra farica: quesro e davvero un mondo cane, rna un mondo cane nel quale
nella sua dimensione rerrificante e mosuuosa, insistendo in parti-
ci rroviamo runi benissimo.»
colari raccapriccianti e malsani, crudi e macabri. Pili che docu-
Dalla brochure pubblicitaria di Mondo cane (1961) di jaco etti, Cavara e
mentari-verita sono una sorta di "contradocumentari", veri e pro-
Prosperi
7
www.Ebook777.com
pri reportage giornalistici che descrivono avvenimenti sensaziona- varie zone del globo e caratterizzati da tre forti ed essenziali ingre-
Ii in paesi soprattutto esotici: dalle guerre tribali allo sterminio dienti: tabu, sesso e violenza.
degli elefanti, dalle tradizioni religiose aile iniziazioni sessuali. Sulla scia dei fIlm di ]acopetti si inseriscono quindi gli altri auto-
Si natta di un genere in cui si sono cimentati registi provenienti ri, che spesso esasperano la violenza gia insita nei primi mondo: e
dai piu diversi paesi e dove anche gli autori italiani hanno saputo il caso dei fratelli Castiglioni, COS! come del duo Climati-Morra, Ie
distinguersi. ui immagini colme di cupa crudelta diverranno ben presto cele-
Ed e a loro che questo libro e dedicato. hri, menrre un regista come Ruggero Deodato tenra un'indovina-
Gualtiero ]acopetti e Franco Prosperi, Alfredo e Angelo Castiglioni, 1<1 contarninazione tra documenrario shock e pura fiction, prima
Antonio Climati e Mario Morra sono i registi piu sigrllficarivi di (On Ultimo mondo cannibaLe e poi con l'agghiacciante CannibaL
questo particolare genere del cinema italiano. Con i loro viaggi ai I foLocaust.
limiti dell'impossibile hanno svelato un mondo nudo e crudele, rna Sono, del resto, da segnalare anche gli pseudo-mondo, ossia quei
non privo di un suo innato e irresistibile fascino. film di fiction recitati da attori professionisti, rna presentati come
Contemporaneamenre, in quegli stessi anni Sessanta sugli schermi lfIondo: dalla commedia all'erotico, dal drarnmatico aI sociale, gli
dilaga anche il filone dei mondo sexy che oEfte - sulla falsariga p eudo-mondo sono stati non di rado frequentati dai nostri registi,
dell'Europa di notte di Alessandro Blasetti e attravetso una carrel- 'on risultati spesso piu che apprezzabili.
lata di spogliatelli e locali notturni europei (rna non mancano, II genere mondo sembra quindi l'ideale contenitore per ogni tipo
naturalmente, la fauna femminile e Ie ambientazioni esotiche) - la di immagini erotiche e feroci, bizzarre e stravaganri, folli e
rappresentazione dell'immaginario erotico nel periodo subito pre- mostruose, perverse e sadiche. Non deve percio stupire che, nel
cedenre alIa liberazione sessuale. Dalla scoperta dell'erotismo degli orso della loro esistenza (ossia dall'inizio degli anni Sessanta alIa
anni Sessanta i mondo sexy passano gradualmenre, dai Settanra in meta circa degli o rtanta), i mondo movies subiscano una vera e
avanti, alia visualizzazione delle sfere piu trasgressive e proibite propria mutazione, divenendo un delirante e crudele "blob" aI cui
della sessualita. inrerno si trovano mescolati insieme i riti dell'Africa magica e Ie
Ma e con Mondo cane che ]acopetti, insieme a Cavara e Prosperi, "facce della morte", i vari aspetti della sessualita moderna e gli
in special modo rinnova (se non addirittura rivoluziona) il lin- interventi chirurgici, Ie esecuzioni di condannati a morte e la pro-
guaggio stesso del documenrario, servendosi anche di apposite e ~tiruzione minorile. D'altro canto i mondo non fanno altro che
mirate "scorrertezze" tecniche della macchina da presa, che in \pettacolarizzare quel che ci viene mostrato e raccontato, senz'aI-
seguito avrebbero fatto scuola sia in ltalia, sia all'estero. Altro ele- lro con maggiore e cinico realismo, su rutti i telegiornali e pro-
mento fondante del film e l'uso di un montaggio dinarnico e ser- grarnmi televisivi: la morte in diretta, gli orrori della guerra e del
rato, ove Ie immagini spiccano con impatto ancora maggiore. rimine ripresi sempre e comunque in primo piano, con I'alibi del-
Mondo cane ottiene un successo clamoroso in ltalia, in Europa e I'informazione e del diritto di cronaca.
anche negli USA; inolne, ne! 1962, rappresenra I'Italia aI Festival
di Cannes. II film e I'autentico prototipo dei mondo movies, che da
que! momento assumono i connotati di documenrari girati in

8
9
www.Ebook777.com
Nudi

111 finire degli anni Cinquanta, in Italia,


I .11 olizione delle case chiuse crea nella po-
polazione maschile il desiderio d'indirizzarsi
,throve, per trovare, se non altro voyeuristicamente,
ljU ,lie sollecitazioni erotiche che d'improvviso vengono
,I ll1ancare. Probabilmente captando queste aspettative, il
'ma inventa a poco a poco un filone capace di andar incontra a
111

"IIi desideri, sempre pili pressanti nel pubblico. Nasce cosl un gene-
I', il mondo sexy, che sembra fatto apposta per offrire stimoli e

,1111l1liccamenti eratici alio spettatore (seppur agli inizi in forma


ll1olto larvata). II successo di questo nuovo genere di spettacolo e
d'rompeme, sancendo 10 sviluppo di un vera e proprio filone ove Ie
(ornponenti erotico-morbose divengono sempre pili esplicite.
11 he per i mondo sexy e esistito un capostipite, nato grazie ali'acu-
1111' di un autore che ha saputo adeguatarneme metabolizzare cerci

1111 lit di quel periodo adattandoli a una propria precisa cifra stilisti-
(,\, osl da crcare un prototipo in cui i gusti dell'autore riuscivano a
oi11cidere brillantemente con Ie aspettative del pubblico. Nel caso in
IIU' tione il regista e Alessandro Blasetti, gia autore di importanti
01' 're del cinema italiano come La corona di ferro e La cena delle beffe,
, il film che da il via al genere mondo sexy e Europa di notte (1959).

II
Quasi profeticamente il commento del film e scritto da un gior- 1:ld,lndia, Giappone. II commenro e di Indro Montanelli.
nalista, Gualtiero Jacopetti, che di 11 a poco avrebbe anche lui esor- I pIli I'assistente alia regia di Blasetti per Europa di notte, Luigi
dito nella regia inventando a sua volta un alrro filone: quello dei ,III/.i (regista, poi, di qualche pregevole western all'italiana), a
mondo crudeli. 1'11l'.· 'uire il filone dei mondo sexy realizzando nel 1960 il suo
II film si apre emblematicamente con una panoramica su una MOl/do di notte. II tesro del commento viene curaro anche qui da
serie di modellini che riproducono ramose citta europee, fuse in l ,".t1liero Jacopetti, mentre operarore e stavolta it bravo Franco
un unico, grande scenario, e passa poi a una sistematica rassegna I )I,lli oUi. II film mosrra ancora una panoramica dei locali e degli
degli spettacoli pili vari in giro nei locali notturni d'Europa. Si va Iltlw Ilotturni (tra cui 10 strip-tease di Dodo d'Ambourg) da
dallo show d'illusionismo (il prestigiarore Channing Pollock, in 1.lIltim a Tokyo e da Hong Kong a Las Vegas, focalizzando pero
seguito anche attore in film di fiction) a esibizioni di clown e 1'.tIII'l1zione sugli spettarori di tali spettacoli e sull'atmosfera colo-
vedette canore del periodo (Domenico Modugno, The Platters), 111,1 he vi si respira, pili di quanto Blasetti avesse fatro con la sua
per poi passare agli attesi numeri di balletti sexy e, soprattutto, di I'Il'\edcllte opera.
strip-tease. Va ruttavia ricordaro che questi spogliarelli non sono II do 'umentarista Giuseppe Scotese realizza invece, nella stessa
ancora integrali, rna si fermano al bikini delle artiste. Da qui ,11111 I, il suo America di notte, con musiche di Marcello Giombini..
sarebbe poi nata l'idea di realizzare doppie versioni per il merca- I 1111 ommenro scritto da Vinicio Marinucci e Fulvio Palmieri,
ro estero, in cui s'intravedessero, anche se spesso solo fuggevol- 11'110 clal noto presentarore televisivo Corrado Mantoni. E una ras-
mente, i seni nudi delle ragazze. I..:allargarsi progressivo delle wgl1n di numeri di vario tipo ripresi in alcuni locali notturni delle
maglie censorie avrebbe poi reso questi numeri gradualmente dill' Americhe, da quelli esclusivi di Manhattan ai pili poveri di
sempre pili audaci, nel mostrare nudita, anche sul fronte italiano. 1111 'nos Aires, dove e naro il tango. Scotese si diletta anche nelle
Comunque, nonostante Ie sollecitazioni sexy fossero ancora assai Ilpr' e paesaggistiche che del regista testimoniano l'indubbio
timide, il film di Blasetti non manca di suscitare la riprovazione IIIl'stiere.
da parte del Centro Cattolico Cinemarografico, cosl come, al II ~1I cesso di Mondo di notte induce a realizzarne, l'anna successi-
contrario, l'entusiasmo del pubblico che decreta definitivamente VII, una sarta di sequel diretto da Gianni Proia e Mario Russo (per
la nascita del filone. I\' riprese in Asia e Mrica): Mondo di notte n. 2. Le musiche sono
In Europa di notte, oltre a famose spogliarelliste come Coccinelle, ,lIllora di Piero Piccioni, menrre il commento di Carlo Laurenzi e
e anche da segnalare la presenza di Raffaella Pelloni, poi celebre dt'llamato da Romolo Valli. Si tratta della consueta carrellata di
con it nome d'arte "Carra", e di Graziella Granara, in seguiro affa- 11 II I11cri, dalle esibizioni jazzistiche ai balletti sudamericani, rna che
scinante interprete di peplum e horror sexy, come La strage dei ,III ora una volta trova il proprio punto di forza negli spettacoli di
vampiri di Roberto Mauri. ,\11 ip-tease parigini (come quelli del celebre Crazy Horse).
Uno dei primi mondo a inserirsi sulla scia del successo di Europa ':1.11 tanto Alessandro Blasetti, iniziatore e vero auteur del filone dei
di notte e Le orientali, pellicola realizzata nel 1959 da Romolo /IIondo sexy, replica nel 1961 con 10 amo tu ami, un'opera abba-
Marcellini che illustra, attraverso cinque episodi, la condizione ,\t.\llZa diversa dalla precedente, a testimonianza della volonra del-
della donna in vari paesi esotici come Egitto, Malesia, Nepal, I'aucore di non realizzare un pedissequo sequel. E infatti una car-

12 13
rellata vivacemente filmata e montata di spenacoli rappresentati in ( IIH iolini e leno dal "solito" Corrado. Accanto ai consueti com-
vari paesi d'Europa, tuni incentrati sui tema universale dell'amo- 1'.Illirncmi nel fango e spogliarelli vari (tra cui uno, piunosto ori-
re, con il commento musicale curato da Carlo Savina. In piccole 1',111,11 ,eseguito in mezzo alle tigri), si segnalano spettacoli di twist
parti compaiono anche alcuni attori tra cui Giuliano Gemma (nel ( 1111 protagonista anche il nostro Little Tony) e un numero finale
molo di un giovane in spiaggia). iii Ma umba abbastanza spettacolare. II secondo e Tropico di notte
Nel1962 Vinicio Marinucci realizza il suo Le doLci notti, con testo I II , :lInbientato in America centrale con varie sequenze docu-

letto da Corrado Mantoni (a questo punto, ormai, specializzatosi IlIc'IlI:lrie, spicca anche per qualche seena sadica alIa Mondo cane.
nel molo dell'arguto commentatore di spenacoli pili 0 menD pm- II 11'1/. , invece, porta un titolo gia. di per se esplicativo: Sexy.
riginosi), con musiche di Marcello Giombini. Consueta carrellata 1,lvolta il commento, sempre di Ciorciolini, e letto oltre che da
di spenacoli notturni a New York, Parigi, Tokyo, Haiti e Rio De I "II.IJO anche dal comico Gino Bramieri. Si tratta di un'altra car-
Janeiro, con tappa finale a Roma, dove gli show piccanti cedono il I 11,11.1 di numeri di strip-tease che fotografa il "propagarsi del

passo alia visione di pantagrueliche mangiate di spagheni con con- '11111" in tutto il mondo.
torno di vino di Frascati (quasi un preludio al capolavoro di I III po' diverso dagli altri, se non altro per l'ambientazione, 11
Ferreri La grande abbu./fizta... ). I//Illido sulle spiagge (1962), esordio nella regia di Renzo Rossellini,
Nello stesso anna Marinucci replica con 1 piaceri nel mondo, sem- f IJ,,1io del pili celebre Roberto. II film immortala infani soltanto
pre commentato da Corrado e con la colonna sonora di Giombini, III Ib.ze, pili 0 menD spogliate, sulle pili rinomate spiagge del
un film, stavolta, del tuno giocato sui sexy show e con la parteci- 1I10ndo, accompagnate dalle musiche di Marcello Giombini.
pazione di attori come Franca Polesello, Marina Morgan e Renato Illi/ia nel 1962 anche la serie dei mondo sexy diretta da Roberto
Rossini (poi protagonista di western e avventurosi con 10 pseudo- Ili,ln hi Montero, buon artigiano che attraversa un po' tutti i
nimo di Howard Ross). W'II -ri del cinema italiano, dal western al giallo, con particolare
Mino Loy comincia, sempre nel 1962, a specializzarsi nei mondo pilip nsione al sexy. II suo primo film si intitola Notti calde d'o-
sexy dirigendo La donna di notte, che poco si discosta dagli altri, /If'II/e, si avvale delle musiche di Giombini e del commento Ieno
assemblando spettacoli di cancan al Moulin Rouge, combatti- 1.1 lin altro specialista, Nico Rienzi. La pellicola e un pot-pourri di
menti nel fango di lonatrici amburghesi e numeri di strip di vario \pogliarelli, tra cui quello di Dodo d'Ambourg, e di variopinti
tipo (spicca quello di una coppia dove lei e lui si chiamano Diana 1"'1 tacoli danzanti, come quello del Trio Montenegro.
e Tarzan). 1'll1pre nello stesso anna Montero realizza ben due pellicole dello
Sempre nello stesso anna Loy dirige anche Notti e donne proibite I '\sO genere, Superspettacoli nel mondo e Sexy Jo"ie, entrambi
commentato, come anche il film precedente, da Nico Rienzi. Da 111111 mentati dalla voce di Nico Rienzi, con numeri di varieta. ani-

segnalare tra i vari show uno strip a cavallo e uno animato da un IIl,Hi da ragazze in bikini e rappresentazioni esotiche e nostrane.
pupazzo, nonche uno spenacolo di travestiti del Cabaret Le Nt'l secondo film, tra Ie varie starlettes compare anche Corinne
Monocle. Jiol1laine, che curiosamente interpreta il molo di una ballerina
Renzo Russo dirige, sempre nel 1962, tre mondo sexy. II primo e ,Ill 'he nell'horror di Piero Regnoli L'ultima preda del vampiro.
Mondo caldo di notte, con commento serino dal regista Marcello 1':llore Fecchi, giornalista e in seguito anche produnore, dirige

14
Notti nude (1962) dove si segnala - olm alia fotografia dell'effica- 1111111 in cerca d'ingaggio. Da notare la fotografia curata da
ce futuro regista di gialli Massimo Dallamano e accanto ai con- \.I,dl1 'rto Albertini, poi regista in proprio di alcuni mondo crude-
sueti numeri di strip e varieta -Ia partecipazione di un ancora sco- II II W ondo, realizzaro nell'anna successivo, e Toto sexy, ancora
nosciuto Pippo Franco, di Franco Califano e dell'attrice Franca I <III MtlCario affiancato stavolta da Franca Polesello: narra dei
Polesello. "1',111 di due galeotti che vagheggiano di visitare locali notturni
Fecchi si specializza ne! genere e, ne! corso dello stesso anno, rea- 11.11'1 lIll po' in rutto il mondo.

lizza ben altri due mondo: Sexy al neon e Sexy al neon bis. Sono co- 1II'IIIIifl 0 Roberto Bianchi Montero realizza ne!1963 ben quattro
ptoduzioni italo-francesi che si esauriscono nelle solite parate di "II/If/IJ sexy, commentati dalla voce di Nico Rienzi. Africa sexy e a

numeri di strip-tease. Ne! secondo film il commento e del bravo 11111,1 Mrada tra i documentari d'arnbientazione esotica e gli ormai
Adriano Bolzoni, sceneggiatore specializzato soprattutto in IImlllidati spettacoli erotici; Sexy nel mondo e Sexy nudo, girati
western. 11l11l1'lllporanearnente dalla stessa produzione, presentano Ie attrici
In co-produzione con il Giappone esce anche Il paradiso dell'uomo .I, I I It.ll L'ultima preda del vampiro, Erika di Centa nel primo e
(1962), diretto da Giuliano Tomei e con il commento recitato I 11111111' Fontaine nel secondo; conclude la serie Universo proibito,

dalla calda voce di Nando Gazzolo. Il film, il cui sottotitolo suona , I Illhlaggio di vari spettacoli di strip-tease e numeri di balletto.

Giappone proibito, e un reportage attraverso la terra de! Sol 1111 dis orso a parte merira L'amore primitivo, firmato da Luigi
Levante alia ricerca di spettacoli e divertimenti d'ogni sorta, con , ,111 ini nel 1963. II film e infatti un'indovinara miscela di sequen-
qualche notazione culrurale e di costume. 1 elo umentarie riferite agli usi e ai costumi di popoli primitivi

Osvaldo Civirani, rinomato operatore e regista attivo in vari gene- IIJ\ll.lrdanti l'iniziazione all'arnore e alIa sessualita: a inframmez-
ri, firma ne! 1962 un suo mondo sexy folto di numeri di strip-tease .111· pwvvedono divertenti sketch comici con protagonisti i gran-
e music hall: Sexy proibito. Al mondo Civirani tornera anche I'anno .II Pr.lllco Franchi e Ciccio Ingrassia e seducenti spogliarelli del-
successivo con Tentazioni proibite dove, intercalati alIa consueta I ,,\I i e Jayne Mansfield, spiati dalla simpatica coppia. Da segna-
carrellata di locali notturni in giro per ['Europa, compaiono anche I,I 'ome il soggetto sia opera di Massimo Pupillo (che pare abbia
filmati con Alberto Sordi, Brigitte Bardot e Yvonne de Carlo. .I" '1 lO anche alcune sequenze di fiction del film), regisra di gotici
Tonino Cervi, produttore e regista versato anche lui in diversi Il.dl.lni come il cult 11 boia scarlatto, mentre la fotografia e curata
generi (dal western alI'horror), produce il film di Alessandro .II Claudio Racca, in seguito aurore di mondo violenti. II com-
Jacovoni Universo di notte, con musiche di Roberto Nicolosi, che 11\1'1110 e invece letto da Riccardo Cucciolla.
non si discosta molto dalla formula collaudata "balletti 1,1 \l ' so Scattini dirige Sexy magico (1963), stavolta in coppia con
sexy/numeri d'attrazione". 1\ 11110 Loy, aurore in proprio di due mondo sexy realizzati entrarn-
II successo di questi mondo sexy e tale da produrre in questi anni I" jll'r la medesima produzione sempre nel 1963: Ie mille e una
anche due vere e proprie parodie dirette da Mario Amendola, con ,/ollila e 90 notti in giro per il mondo.
protagonista il grande Toto. II primo e Toto di notte n. 1 (1962), I :lllseppe Scotese, gia aurore di America di notte, torna al genere
interpretato anche da Macario e Margaret Rose-Keil, che narra Ie 11111 Le citta proibite (1963), dal sottotitolo Un mondo si rivela: la

vicende corniche di due musicisti che girano per vari locali not- 1'(,llicola privilegia gli aspetti esotico-erorici di vari continenti, con

16 17
un commento letto dall'indimenticabile voce di Alberto Lupo III I I 1111 'n te dedicato alIa schiavitli e poi, Ie schiave esistono anco-
Anche Renzo Russo torna al filone con una pellicola fiction conte oil I II!> 'rto Malenotti (1963). Iniziato dOl Folco Quilici, fu poi
nente pero numeri di spogliarello, Europa - Operazione strip-teas 1111111111 dOl Malenotti (che si era occupato della seconda unita) per
(1963), interpretata anche dOl Gianni Agus: e la storia di tre ope~ ,II lilt 11;1 ['aurare e la produzione relativi al montaggio finale. II

ratori che frequentano vari locali notturni, alIa rice rca di nume Itlill Illn peraltro distribuito come un banale mondo sexy, nono-
sexy dOl fUmare. 1'"11 1',li copi prefissi fossero seri e impegnati: indagare 10 scot-
Paolo Cavara, gia coautore con Jacopetti e Prosperi del capostipi 111111 problema della schiavitli a ogni livello ed eta nelle diverse
te dei mondo crudeli Mondo cane, dirige I malamondo (1963). I II, • .I. I globo, dall'Africa al Medio Oriente.

film si distingue dagli altri del periodo sia per la bella colonn I ", 1I1,lInente interessante e Sexy proibitissimo, realizzato nel1963
sonora di Ennio Morricone, sia per il fatto di porsi a meta stra ,II 111\ lion meglio precisato Marcello Martinelli, che alcuni iden-
tra i mondo sexy e quelli crudeli. Tema portante e il malessere dif. "III 1111) on Osvaldo Civirani dietro pseudonimo. II fJm e una

fuso al tempo tra la gioventli europea, con sequenze relative a sui , 1111 II.ILI di strip-tease attraverso i secoli, can indovinate e godibi-
cidi in Svezia, orge nei cimiteri, episodi di travestitismo e "febbre II II III,lte d'occhio a un po' tutto il cinema di genere: il preistori-

dOl rock'n'roll. AlIa regia collabora anche Franco Giraldi. '" (11110 pogliarello della donna delle caverne), il peplum (uno
Nel 1963 escono anche Mondo matto al neon di Carlo Yeo, Se Illp t'\ 'gu i to niente menD che da Cleopatra!), la fantascienza (la
che scotta (cui partecipa l'amice di colore Beryl Cunningham, po /"1111,1 ,1St ronauta donna che si spoglia per sedurre i mostruosi abi-
interprete de II dio serpente diretto dOl Piero Vivarelli), Sexy show 111111 tli un lontano pianeta) e l'horror (due spogliarelliste si esibi-
Elio Balletti (con [a partecipazione di Maria Grazia Buccella) ""111,1' anto a un vampiro dagli enormi canini e tra Ie braccia del
Sexy ad alta tensione, realizzato dall'esperto in western, poi dive "'" 1111 di Frankenstein!). In questo (come in altri film del fJone
nuto medium, Demofilo Fidani. ,1111 III nello stesso periodo) compare tra l'altro, in qualita di aiuto-
Alcuni momenti pili ispirati ai mondo crudeli compaiono, invece, II I" 1,1 il futuro specialista in cinema di genere Alfonso Brescia.

in Mondo nudo di Francesco De Feo (1963), COSI come nel sue I ' I 11·1 1963 anche il terzo episodio della serie varata dOl Luigi
cessivo film che De Feo dirige l'anna seguente in collaborazion 111/1 'proseguita da Proia, Mondo di notte n. 3, diretto ancora da
con 10 sceneggiatore Adriano Bolzoni, Nudo, crudo e... I tI'"l1i Proia. Le musiche sono di Riz Ortolani, mentre il com-
A meta strada tra documentario sexy e reportage suI mondo della 111.1110 curato da Ugo Liberatore (non a caso futuro regista di cult
prostituzione e, invece, I piaceri proibiti (1963) diretto dOl Raffael ,1.1111 o-e otici come Bora Bora e Noa Noa) e Francesco Mazzei. II
Andreassi. Idlll liS I negli USA con il titolo Ecco e col commento letto da
Fabrizio Gabella dirige il curioso Questo mondo proibito (1963) I " I.t,..;' anders (nella versione italiana, invece, la voce edi Stefano
nobilitato dOl un'introduzione di Salvatore Quasimodo e conte I"'ddi). Ma il film appare gia in£1uenzato dal successo di Mondo
nente anche numerose sequenze per I'epoca piuttosto forti, girat ,,/I/f <: si situa pertanto, piuttosto strategicamente, tra i mondo
in una sorta di museD "sadico", che ne provocarono non a caso i 011111 'quelli crudeli. COSI, accanto a qualche immagine sexy, tro-
sequestro. II film fu, infatti, rieditato quamo anni dopo co 1.11110 numerose sequenze shock: castrazioni, rituali satanici, olne
pesanti censure. tll'IIILima esibizione del Grand Guignol. Numero clou e quello di

18
un fachiro, Evon Evah, che ama trapassarsi la carne con acumina I" 111'1)1 ' 'i fanno via via sempre pili duri, bizzarri e perversi, ranto
ti spilloni. I I" I',nlt:nto shock di tali film risulta, aHa fine, analogo a quello
Con 10 pseudonimo di Free Baldwin, Ferdinando Baldi, speciali ,I, I /lillI/riO crudeli dello stesso periodo, anche se solo rivolto alia
sta in western, si cimenta anche lui nel filone mondo dirigend I, I I \1·\,~L1ale.
FoLLie dEuropa (1964), pellicola in parte fiction dove tre cineasti Ill, (,110 Avallone, regista in seguito di notevoli horror, dirige per
assistono a spettacoli sexy nei locali notturni di mezza Europa , III pio L'altra faccia del peccato (1968), documentario-inchiesta
Nude, calde epure (1964), co-produzione italo-francese diretta dill 1111 In Africa e in Europa che prende di mira la sessualita nelle
Virgilio Sabel e Lambert Sanche, e una pellicola incentrata s III Illtik faccettature. Ecco allora musei erotici, cerimonie africa-
contrasto, in tema di sesso, tra l'Occidente e la Polinesia. II' 1lllti/.iazione sessuale e matrimoni omosessuali.
Elio Petri, Giuliano Montaldo e Giulio Questi girano, con 1 '1'11'1(' nello stesso anno Vittorio De Sisti realizza Inghitterra
pseudonimo comune di Elio Montesti, Nudi per vivere (1964), un ,101, 1111 reportage che visualizza aspetti insoliti legati alia sfera
documentario a meta strada tra il sexy e l'impegnato, che ebb II ill' nella Gran Bretagna di oggi: nudisti, lotta libera femmi-
non poche traversie di carattere censorio. lid, , ,llIh per donne sole, prostituzione, amore libero.
Enzo Peri, regista noto solo per l'insolito western Tre pistole contr II 11110 Pupillo, gia coautore di L'amore primitivo, realizza con 10
Cesare, firma II piacere e it mistero (1964), opera non priva di vel I' ,"dollimo di Max Hunter L'amore, questo sconosciuto (1969), un
leita indagatorie sui fronte etnico-religioso focalizzate sui paes' Itl/il/ll ~exy strutturato a film-inchiesta sui sesso in tutte Ie sue
orientali. 11111111' • rappresentazioni, dalla coppia "normale" alle pili svariate

Solo marginalmente rientra nel £ilone Sexy a Tahiti (1964), unic l'IIIdo'ic.
pellicola diretta da Umberto Bonsignori, tra fiction e documenta f j, 1111 .\ICSSO anna Sergio Martino, abile regista votato poi in vari
rio; ambientata in Polinesia, ela storia di una ragazza, sconvolta d /., III II . che ha fornito risultati eccellenti soprattutto nel campo
un trauma sessuale, che incrocia partner occasionali fino all'in- ,I, I 1',l.iIlo (Lo strano vizio della signora Wardh, La coda deLLo scor-
COntro d'amore che cambiera la sua vita. ' "1/", / corpi presentano tracce di violenza camale) e nella comme-
Mino Loy torna al genere con due pellicole, Supersexy 64 e Veneri .III llmica (quasi sempre con Edwige Fenech protagonista), esor-
proibite, entrambe dirette nel 1964, che contengono Ie consuet .II II proprio con un mondo sexy dal titolo MiLLe peccati... nessuna
carrellate di spogliarelli e numeri di varieta, sia europei, sia esotici. /11/ I.a pellicola, lanciata come "il film pili sconvolgente sui paesi
Si diversifica dal £ilone dei mondo sexy Stregoni in tight (1964) di II 1IIIIti dagli eccessi della liberta dei costumi e dall'incubo della
Marino Marzano, documentario sull'Africa di pretese pili serie, 1I11j',I,1 ncra", si propone di esplorare il mondo della gioventli con-
cui partecipa in qualita di montatore il futuro specialisra in mondo II IIlpomnea, e i suoi problemi di sesso e di droga.
violenti Mario Morra. La voce di commento e quella di Enrico 1'111 IIOLD per la sua attivita di produttore (si veda il gia tratrato
Maria Salerno. 1111'lit//erra nuda), Pino De Martino dirige Le isole deLL'amore
Tra la fine degli anni Sessanta e I'inizio dei Setranta anche la strut (jl)!O). ambientato in Polinesia: ha a che fare con Ie antiche tra-
tura dei mondo sexy cambia e si adegua alia rivoluzione sessual .II Ilini di quei luoghi e propone combattimenti tra galli, pratiche
allora nascente. Cosl i numeri e gli episodi rappresentati in quest III.1I',It'he, culti fallici e danze folcloristiche.

20 21
III LillO (\,1."111111, ,,,,,,1'1111'1 1111 I I' " ''1',10, filma seminati in tutto il mondo; tra Ie varie esibizioni spiccano un Eros
III I III p'I'lidolllli II I d I I ) III I "I"" , Il 1111,/ 1'111 IIIIde del Center ad Amburgo, un club per lesbiche a Hong Kong, un
11111111111 (II) I)., h, 1111111" Ii, ,II '"11" III' I" i ""'"1111 d'inizia- accoppiamento tra una donna (Marina Frajese) e un finto scim-
lIolH' ,II 'I ".1 d I 1111111111 I I", oi, ""11' III "", I mione, scene di partinaggio a rotelle nudista, immagini di prosti-
/'.,1 .Id '" I. ,.1,,", • .11111' " 1111'1' tuzione minorile e lezioni di sesso ad Amsterdam. Qui i siparietti
U" ,101 ,.I, P ,dllllill "I, I I' '" , con Laura Gemser porrano in realta la firma di Aristide
1111/\' "1,"'1111,11111 I" I' "1.1"'"111" .1, I "" ",II, '11111'1 invece Massaccesi, alias Joe D'Amato. Interamente diretto da Mattei e,
1,1, . / I/:~I/fl tlrll" tI//lilioi 11,1,,,,11 II" I' 1"'""11 111.11 III inchie- invece, il successivo EmanueLle e le porno notti, realizzato comun-
'I.I "I I III 11 1,"Ii1,IIIII', III' " " ,I,I 111111111" 111111 " II ft'mmini- que sulla scia del film precedente e caratterizzato da una struttura
Ito I' '" 1111111 I", l.dl'lllll II I ""'''11111' '"lpll P r rag- pressoche analoga. Mattei tornera ancora ai mondo movies realiz-
1'"111/\ 'II '111111'" 111,111, '" I zando nel 1980 Sesso perverso mondo violento, realizzato come i
Fillppll ,dlil I ,'"I 11'1"', "" d ""I II 'to pseu- precedenti con 10 pseudonimo di Jimmy Matheus. Molte sequen~
dllllllllO dl 1'111' It II II II oi" , \I, (I" ') III" 'portage ze 'del film sono, comunque, tiprese da EmanueLle e le porno nottt.
,,,tll'mll d,'l 11111111 III 1111" I 1111 ,",01,1 I, 1"" I III 11'"1', il esso Nel1978 e 10 stesso Joe D'Amato a cimentarsi nel genere con due
lilH"1l I' 1.1 1',111,1 dl II, 1,1,111, I" II, "1"111' III" , .II It, II III Arbore. prodotti pertinenti ai mondo sexy, anche se non esenti da partico-
1111 II II IIlI III .I,tlLI '1'"1',11.111 III II « ''', "" II, , tlldllldl (",III'li Proia lari bizzarri e violenti. In FoLlie di notte e l'ambigua cantante-attri-
(,11110'" ,,",111 d,II,1 1\ I ,,, 1111 I I \111/1111 FIlii cOSI,
ce Amanda Lear a introdurre i pili 0 menD spinti (tra cui una
II ()HOI) AlIIIII/III/1 1111/1 //1"" (I" 'I " '1"101, 1"'I',II,III'11i in vari sequenza hard) e stravaganti nurneri, quello, per esempio, di una
III ,til "011111111 1"" 111111111' II"'" I .1,11, I" II" "I, 11IIII p,lrti olar- donna vinta a upa lotteria a Las Vegas, 0 come i rituali sadomaso
'11 '1111' 'p"lll, " .1'"''1/',1''''''' 'I"l III ,I" "1"",, 1"III"I;oni ti Ie a Berlino. In Ie notti porno nel mondo n. 2 e invece iJ celebre tran-
pi'dlllll1,III1I' """Ltil ,l.tI I' ,,, IIII'd"" "',,' ,I,,, I" II"llill' lesbi- sessuale di colore Ajita Wilson a fare da anello conduttore ai vari
hi, /'.h 'pll/'.h,1I1111 "1.1 ,I,tli I" I "I, .1,,,," "I'I III 1',L1pponesi. episodi, tra cui spiccano porno show, erotismo sadomaso, pratiche
A",II 1"',1 I I., pI 1111 "I., .It< I ,".It" Il" I II '1111" .1"1 Ilore della sessuali con strurnenti meccanici, club punk e lesbismo.
(Olllgl,tfl,I, Iflillh/lli (I') l, ""111,,1111' 11\1 I" 1"11 I 111,,11 I misteri Singolarmente in questo stesso anna esce anche Nudeodeon di
,/,'/11'11111' ,\'('11/1 Ill/fil/O' /'01"''/'''' ,lllhll I' '''II'' vhualizzati Marino Girolami, autore di moire commedie sexy, che qui si firma
fol, ,I\p'lll pi" fl,llIlllll.llI" .1'111"'"111.1,11, • ,"111111.1 Lui I'er- can 10 pseudonimo di Franco Martinelli. II film si suppone realiz-
1I1,tflod"l"n" I' 011',""1"1111, III" zato con materiale girato all'inizio degli anni Sessanta, ma arric-
1\I1II' 1110111,11(11(. "II" ,Ill I. OJ,, 'I 1111 Ilill,,,,1.11I11 me nel- chito di nuove sequenze pili esplicitamente erotiche.
I'hollol pili '/'/111/('/ I,d 1111111" (.111'"'" \/1/11' ',d/III inferno),
IIIIIIW M,lll 'I d1l11',( dill /111/(11/" I \ '"1'11111" """ IIl.lli dalla
'pl'l1did,1 1,1111,1 "1'111,111'1\'111 1111' (,'111 " " 11//111 /lorno nel
!llIIIIrlO (1 1)7 7) ed 1,'1111111111'/1 / I, /'0111// 11"'11 (1'1 II) II IIi I III 0 e un
(iIlIOI'pOII.I'(.',lIII.IVI·'\IlII"IIII", til 01111 ,I" 1\""lhh'rodis-

23
Crudeli

alti sana i punti in camune tra i mondo


sexy e quelli cFudeli, anche se il pubblico
non sempre e 10 stesso per i due filoni. Innan-
zitu,to entra bi i generi puntano in maniera inci-
siva sull'esotismo, rafforzato cia musiche accattivanti e
appropriate e coniugato al sensazionalismo shock dell'imma-
gine; non e raro, inoltre, rrovare opere che si siruano a cavallo dei
due moni, alrernando a immagini di nudo sequenze che cavalca-
no l'orripilanre 0 viceversa. Tuttavia si puo dire che se i mondo sexy
erano nari per soddisfare il bisogno di proibiro degli spettarori dei
primi anni Sessama, i mondo crudeli, invece, han no in qualche
modo precorso quella voglia di shock che poi avrebbe farro fiorire
i filoni iraliani sugli zombi 0 sui cannibali. In prarica, se i docu-
memari sexy si possono considerare un comralrare realisrico dei
film erorici, queLli crudeli si configurano come il corrispettivo
documenrarisrico delle pellicole horror-splatter.

Gualtiero ]acopetti e Franco Prosperi


In ogni genere e sempre esistiro un film iniziarore, un'opera che,
vuoi per la srraordinaria carica innovariva vuoi per l'eccezionale
ispirazione del suo aurore, e riuscira non solo a imporsi al pub-
della fotografia) e Riz Ortolani (compositore di alcune tra Ie pili
indimenticabili colonne sonore di mondo movies).
11 commento e letto da Stefano Sibaldi, gia menzionato com-
mentatote di documentari tra i pili gettonati del periodo.
11 film si apre con l'immagine, ormai "storica", eli un cane trasci-
nato violentemente e poi gertato in un canile ricolmo di suoi
simili che abbaiano furiosamente, mentre sullo schermo si legge:
«Tutte Ie scene che vedete in questo film sono vere e sempre ripre-
se dal vero. Se spesso saranno scene amare e perche molte cose
sono amare su questa terra. D'altronde il dovere del cronista non
e quello di addolcire la verita, rna di riferirla obbiettivamente». In
questo iniziale assunto sta tutto il difficilmente spiegabile fascino
arnbiguo e un po' masochistico dei mondo violenti. Chi va a
vederli sa di andare ad assistere a orroti reali, di questa terra, e
puo talora vincere il disgusto e iJ raccapriccio con l'alibi che Forse
gli eventi in questione sono scene simulate. Tuttavia, a minare (0
Forse ad accrescere) il senso eli attrazione-repuJsione di queste
immagini, sta anche il dubbio (ben pili tremendo) che almeno
una parte eli quegli orrori possa essere stata provocata ad arte al
fine di filmarla '(e cio per Ie immagini relative alle uccisioni di ani-
mali e assai verosimile).
Del resto la sequenza iniziale del film gioca gia su tale ambiguita
e il cane gettato tra i suoi simili viene alia fine sentito guaire come
se stesse per venir sbranato dagli altri. Si passa da qui alia sequen-
za eli una convention in commemorazione eli Rodolfo Valentino,
seguita dalle immagini di un attacco all'artore Rossano Brazzi da
I tI. 11111111 I I" 1'"1 \i vincolera parte delle sue fan americane scatenate e successivamente dall'as-
I "1"1' .1111'" IlIItI/lllllondo e 10 salto ben pili vorace a un maschio da parte di un gtuppO di abo-
11'1' iii. "l' 'It· difiction, rigene assatanate della Nuova Guinea. L:aspetto pili crudo giun-
I rI 1"'''''111/'' rlfI! ventre ge presto con la scena, sempre in Nuova Guinea, eli una nativa
costretta ad allattare un porcellino, dopo che il bambino Ie estato
ucciso (immagine poi imitatissima in vari altri mondo crudeli).
Ancor pili dure e raccapriccianti Ie successive immagini, che
VI·dllllll ",II dill 11111 ,II IIII canoni del genete. Innanzitutto l'evidente spirito sadico con cui
" 11,1\11111111 11111,11 I 11"1 viene proposta gtan parte delle immagini, scientemente mosrrate
~ I II f 11.t11 II. 11111 Ill'.1, II nei loro dettagli pili crudeli e in un crescendo tale da suscitare
l.d1 .II I 1111 III III' 1 II I taccapticcio nello spetrarote. Poi l'altematsi di scene piccanti 0
I dhi .I I I 11111 '"11111 ""I III divertenti a quelle macabte, ad accentuare pet contrasro l'impat-
I'll III \111111111111 II 'I II , d", ro emotivo delle prime e tendete pili scortevole e appetibile l'in-
1111,111" 1'1'1'1'1"/' tera visione. Quindi la giustapposizione di sequenze mai casuale
IlglI,dllll III' 111111111 I rna rispetrosa di una logica intema e che sortisce risultati ora spi-
1.11," ,,".111" .I tI titosi, ora lugubti. Infine, decisivo, l'impiego della musica, con
I 11111 .I 1,/, .I. un tema pottante snocciolaro "a piccole dosi" e destinato ad
II 11111 ,. 'I" 1111 aprirsi liticamente nel finale, un tema struggente e trascinante,
:11'111 d'immediata ptesa suI pubblico e che addolcisce singolatmente il
111.1 I film. Si tratta della ammitevole composizione More, composta dal
btavo Riz Ottolani, che entro subiro nella hit-patade e si conqui-
11111 sto petsino una candidatuta agli Oscar.
In pili, tispetro ai mondo nati sulla scia di quesro capostipite, si
puo tilevare in Mondo cane una notevole abilita da parte degli
aurori nel proporre Ie immagini con un montaggio serrato e
accattivante, che tiesce a "prendere" 10 spettarote nonostante la
dutata del film,' eccessiva (quasi due ore) pet un documentario.
I tre registi collaudatisi con Mondo cane, ]acopetti-Cavara-
Prosperi, romano all'opera l'anno successivo con La donna neL
mondo. II film e dedicaro all'attrice Belinda Lee, compagna al
tempo di Gualtiero ]acopeni e scomparsa tragicamente in un
incidente d'auro nel quale anche 10 stesso regista rimase grave-
mente feriro. Diversamente dalla precedente pellicola, questa
appare meno improntata sugli aspeni raccapriccianti e pili su
quelli tipici del documentario sexy: e infatti il film si apre sul-
l'immagine di un bel paio di invitanti natiche femminili. Poi
ldltl ovunque,
III It Iltll' varia carrellata di "proibiro": un club per lesbiche a Parigi, scene
.III I1Il Jlllli. avarae di prostitute del quartiete a luci rosse d'Ambutgo e una sequenza
I , ",1" I 11111 ·Ii da qui a relativa alia realizzazione di foro che mischiano sexy e orrifico e in
1111 II' .II (1Illlivamente i CUI, curiosamente, compare anche la bella eutasiatica Moa Tahi,
h· p i ,\i IIOV 'I. ,d ('11110 dl 1111,1 \1111.111011(' .lllni ga come inter- notevole. Scorrono pOl III rapida rassegna: i segni dell'inquina-
pI' 'l' d '11'11/' hOllOI dl M.I\'"1111 l'llpdlo I//mifl scarfatto, mento in Africa con tanto di moria di uccelli, un'occhiata agli
In 'op'ui . PItl\IWII, ,I., 1111.1 \('11/.1 .IV.II.I, r ..t1izzano ne! 1963 studi dove si scanano foto macabre per illustrare copertine di
1\ tt 'M) ~ 'l'ullO dl !IIOI/(/'l '"11', 1I1lll1l1.IItl p'l I'appunto Mondo gialli, episodi di schiavismo femminile sui Mar Rosso, scene di
(fIIl/' • bambini torturati e stotpiati allo scopo di farli mendicare... n
La ~ '(1" '11'/.1 d'.II1('IIIII.I d 1 fdlll I,·pllld qll('I1.1 d·1 precedenre, rna tuno si conclude con un bizzarro concerto, in cui uomini in abito
011 1111.1 V.III.I/IOIlI I 1,1111 '1'"11 11'" I lilt hlll\1 ill gabbie singole e da seta vengono schiaffeggiati a suon di musica sopra un palco-
d.lllcloIOgol('"1111111l11l 11,11' IIIII.IIIIOgl.1 hiare.Sulloscher- scenlCO.
IHO Olllp.1I 1.1 \tlllld ,,1'"1011.1. I \1 III II l! II(' 19) » e lavoce del Si trana di una chiusa finale certo di minor impatto rispetto a
Ollll11 '1110 ,IV 1'111 ," 11"1 III Idlll,ll '11110 (.ll1i a cui son state quella poetica del primo film e tuna la pellicola non ha, del resto,
I.Igll,lIt' It ,11,011 \111 .dl.I" 11,111 111111 pll\,.UH abbaiare quando la stessa carica straordinaria del capostipite, rna Mondo cane n. 2
V(·11.1I11l11 ell ,1111.11' dl.l \1 I" :11111, III \\'f\U' una divertente e comunque un prodono azzeccato che riscuote ancora un consi-
11('1(1.11,1 .tll.lllll\l1I1 111/'011" 111.11 .IV,'I l'nsurato il primo derevole successo di pubblico in tuno il mondo.
/1101/(/0 ,till, 11111' .1111.11'1'11 '1'1111111.11 p.ltI.II' Si pa a, quindi, da n e
genere dei mondo crudeli ormai definitivamenre consacraro.
1111.1 I,,,,, gll.I.l1 111\' 1111 III 1111 ,," dill, 1I111l1.1gini di una squa- La terza opera dei due cineasti e anche quella che anira su di loro
d,.1 dl 1",llIllllll ,II, I II III II III .dlill f'llllllinili per catturare i il maggior numero di critiche. Africa addio, realizzato nel 1966, si
Ill.d 1.111 1111 11111 .... 11.111 111111111111 III' I' ,llIi ~'slcggiano il 2 apre con la scrina: «LAfrica dei grandi esploratori, l'immenso ter-
1111\' 111111' 111.111".1111,111 ,1111, 1111111 IIl1dl.1 111,11('11.1 'rebrale conte- ritorio di caccia e di avvenrura che inrere generazioni di giovani
1I1111 1111,,,111 111111' dll. 1"'"11111 1IIIIIII,I.lIVI.\ 'riumaniall'in- amarono senza conoscere e scomparso per sempre. A quell'Africa
1111111 oil I d I , ,.I I • II, I'" 11111 1'1, ,,111111 I 1Ill'o/nno di tortillas secolare, travolta e distruna con la tremenda VelOCitil del progres-
til, •""" I 111,111111. III III 1111111 III. 111'"111 ,II' I'llci per "sepa- so, abbiamo deno addio. Le devastazioni, gli scempi, i massacri ai
1 II 1.1 d ,1111111, .I III II I, 1'111'"11' 1"'ll111l10 violenre Ie per- quali abbiamo assistito, appartengono a un'Africa nuova, a
, 111111111 '"1111" I [11101011 II I '1"1 1I11'IIIt Ill' I'immagine pili quell'Africa che seppure riemergera dalle proprie rovine pili
'/,1111, I lilli' ,I, Iltil I "III II, d 1"1111'" I II ,Ii llIorre umana in moderna, pili razionale, pili consapevole sara irriconoscibile... ».
.1111111 lillIllIl III ""~J 1/,'//' "1111111 d'I,\ui idio di un Gia I'inrento, dichiarato da questa didascalia iniziale, di distin-
1111111" II 1,"".11 II I ' I " III 1,"101,1" 11111111 1110 0 per prote- guere una nuova Africa, apparenremenre pili libera e democrati-
1111 "'111111 I, I" I 111111 I '"11 1.111 .lvanzati pesan- ca rna preda di sangue e violenze d'ogni sorta, da un'Africa colo-
II .I iI,I" 1111 1111, 11111 III I, III 'I"' II I 1111 I.llIll (on1unque real- nialista, perc pili ordinata ed equilibrata, non poteva non far pio-
1111111 I.' ,.11111 111"",.1'11'11111.1 II I 1111I1.ili he poi passa- vere accuse di razzismo sui due autori, che gia avevano visto con
1111111 d "111 " '1""1"111 1111.11111""1"'1., quale giro dei i film precedenri gtavemenre compromessa la loro immagine. A
II "'11111 I I" I I. I. Ill, I 11111'1"1 1.lpidamenre. La cic si aggiunge il forte dubbio che molte delle situazioni filmate
'I" II • ",,11 II. III III III III II' I, "Itlil qll.iI he dettaglio fossero state provocate ad arte, al fine di realizzare un teportage
,Ill 1'"11,1,1" 11111 1111, 1111111111111111 "I" 11I11I11l .ill mpo, resta shock, e I'eccessiva vicinanza della macchina da presa agli anima-

1'1 31
lirll.l~\,I'I.IIIII.lIIIIII"III1II'III'.lllllltll.llllllol,lr'vafavoriretale a opera di l'ibelJi africani a Zanzibar, filmati tutti dalJ'alto, con
ipOI\'\1 1)11111111111.1111' 111'1'" 1111111111\11.11 .IV 'I ri chiato la vita queUe distese di migliaia di corpi che risalrano nel fango avvolti
ill ,dlll\'IIII 1111.1 01, II, 11I11 111111 Idllili. ll.l Ilvoli,l in Tanganica) e neUe vesti bianche. Le sequenze piu raccapriccianti sono, in ogni
di "\\1'111. "'1111111 ,.1'1 I" 1111111111111, •• 11111' d·ll'e to testimo- caso, queUe relative aile stragi compiute in Congo da parte dei
ni '"llh III I. I•• 111111111'1111 I'll II. (1111111111111' Miano Ie cose, e Simba contl'O i non Africani: prima vengono mostrati i corpi
plol,thdl III I~I III 1'"1' .111"1 1111,"1 ,1'"1111\ '1I1.Hi sia reale, rna i mutilati deUe virtime dei Simba, aile guali spesso e asponato e
I ',dlll.lllIli \\11111 1111, 11111"1"1"" I 11111 .1.1 ,Ill lise di eventuale divorato il fegato, guindi, dopo Ie immagini di mercenari belgi e
101llplllili 11111 II1I III I" 11"111111 I dl 11111111 di altra provenienza inviati in loco per combartere i Simba, viene
In 01'111 1.1',11 d Idlll II 1" II I 1'1111' I Itll •• .1'1111, lin grosso succes- ripresa una loro azione, con successive fucilazioni e uccisioni a
'0 ,d hl1l1ll',111I1I1 1'.1 ItllI ,II .ltl '11' .11.1111.11.1 v'ng no documen- sangue freddo, In particolar modo la brutale esecuzione di un
lolli, III 1111' II .' 111111.1111111111 1111 • I'll'" ItllI viol-nte, massacti e nero, con due colpi di pistola a bruciapelo aI petto e alia testa, e
lIud, 11.1 ('1".1 1111111 '"11'1'1111 ,1111111 II hl.llil hi, ad avvalorare la stata oggetto di accuse per una presunta complicita tra cineasti e
"'~idlll1ll1lod'I,IIIIII'"I) .Iplill ddll 11.11',1 ornpiuteinKenia mercenari, E indubbio che proprio tali seguenze serviranno da
d,1I 1'1111111 II t\ 1111 t\ 1111 III II, I I .I, I ,"II1I1I,tli~li inglesi (stragi agghiacciante pl'Ototipo per tutti gli shockumentaries successivi,
OVVI,II11l1l1l .1.1111111111111. 11111,111.1," 1",11.111 1"0 onti verbaJj dei sia dei frateUi Castiglioni, sia del duo Climati & Morra, nei quali
pili I \ " I III I t\ I III t\ I II I 11111 IIII' 1111 "I'" II) .d \('II1.IlC aile immagi- quasi mai mancheril. il momento c10u delJ'uccisione sadica di
III .1'1',11 till. 1111 .I, II. ,I, .1 I IplIlII delle carogne di nativi da parte di mercenari prezzolati, anche se sempre ricreata
\( 111111111 11111 tllIlIllI' III I' 111111 II'll' 1"11 Illll ,equenze di e1e- con efferti speciali e spacciata per vera.
1.11111. '1IPII'"111111 , "I," 1.11. 1111' III. 11\.1\\.1 I.lli da indigeni e II film si conclude, dopo Ie testimonianze deU'Apartheid impe-
ItI,11I111I .1"1'11 1111 tI. 11111,111 ,II I' '11111 III Ihh.llluto ogni prece- rante nel Sudafrica, con la ripl'esa simbolicamente aliusiva di
.111111 1'1'.1 1.111.1111 ,h. 111'1,"11 I Ill, \ I 111111 11.1 queste scene, par- alcuni pinguini sbalzati da un'onda suUe coste africane, con la
11.111111111 1111 111'1'" 1111111111 II 1111 III" '1",111' in 'renti ai massacri speranza che una nuova ondata successiva Ii possa riportare alia
.1'1',11 11'1'"1'"111111 (1111 III I, "'""", • I'" 'Illi), ompiuti dagli loro terra d'origine e non creare scompensi maggiori.
1I1l11J',' III '1111 .II III 11111' ,Ill 1,,"111111' 11111 .1110 mente J'agonia Va riconosciuto ad Africa addio un preciso pigJio stiJistico grinto-
.1'1,.11 .1111111 tI, I'"' IIllllldl. 1111' III "" 1111'1.111, 1~lllerge, comun- so e indovinato. Le immagini, ancora una volta magnificamente
lilll 1111 III '1'1 tI, III '1'1111111 I"" III II "tllll\. IIH' f1lrnato, come la filmate da Antonio Climati, sono proposte con un montaggio
"1'"111.1 .It 1111 Ill" 111111 .II (I" I tI 1111 d,tll' ,Ii ttero di una nervoso ed efficacissimo che privilegia dettagJi e primi piani, La
"" 111.1 Iddlll I till 1'11111 1111" 1'111 1111111 tli l' 11,1 P rtaw in aria pellicola e, come si diceva, da considerarsi ancor piu delle due
\ I~II 1111 III" tI" 11111111111 precedenti J'autentico prototipo di turti gli shockumentaries da
II 11111 d'J',IIII""11 111111111 1'"1 1'111111'1111111(' ,"'a di Watussi qui a venire,
"Ill 1.111 III HII 11111 I .I II 1\ till II II .1111 II , 111'111 '\.\ h indugia su Nonostante il grande successo riscosso anche da questa loro terza
1111111111 .II 1111111 III .I 1 111111 II 1111 ", .Id • centuare Ia opera in coppia, tuttavia, Jacoperti e Prosperi si limiteranno a rea-
1111.11,11.1 .I, ",II 1 I I I I 1'11111.111111111' II I J','II'I Idi di Illusulmani lizzare negli anni Sertanta due pseudo-monda, di cui solo il primo

33
si puo piu da VI Inn Vl'l,IIII('I1I(' ,Ipp,ll 'nlar' al filone, Addio zio rali, sia Ie messe, da parte dei bianchi e dei neri, il film procede la
Tom (1971), dir'tlo d,l I,HOP'lii ' Pl'(l~p'ri a qualche anna di sua indagine suJla schiavirli, dimosrrando come quesra sia consi-
distanza da Africn 1II111ill, 1,1 Oil 1.1 ill LIlI i la d 'portazione dei neri derara in Virginia una sorta di ordinamenro religioso e eome in
dall'Africa all'Am -ri ,1 dd Slid ,tll'initio dell' nocento e comin- Florida siano arrivi i cacciatOri di schiavi, Segue poi una sorra di
cia in epo a OIllCl11pOI,ll1l',1 0111.1 IIOliti,1 diffu a dalla radio del- spiegazione biologico-anrropologica, sosrenura da uno scienziatO,
I'omicidi d I I'ad'i I1l'ro M,IIIIIl IlIlh 'I' King, eguono raduni circa la presunra inferiorira razziale dei neri, A New Orleans,
di Pantere Ncr' , il1ll11,tgil1i di \lllnili n,lle lrade rra poJizia e invece, viene mosrratO un grande mercatO di schiavi: veri e pro-
dimosrranri di 0101' " PI illl,l di I ,1\\,IIl' ,r! lema enrrale del film, pri serragli dove sono rinchiusi i neri, compleramenre nudi,
]acoperri e Pro p 'ri nHl~IJ.IIH) 1I1l'.I111DIlIOhik nun aurism nero Ritorna, quindi, un erorismo perverso e malato: la signora bian-
e un'anziana ignora hi,ln .I l', 111 \l'glilltl, un ampo di nudisri, ca nuda che si gode uno schiavo nero incarenato; Ie cameriere
che in qual he modo l';IPPII'\('111.111fl I Illovim 'nli libertari ameri- nere amanri dei loro padroni bianchi; la "fattoria-allevamenro" di
cani degli anni Scs~anla, ( IIllldi ~I ,lhh,lnJona I'epoca moderna e donne e uomini di colore, Tra Ie scene pili sensazionali, il parto
ci si rrasFeri e dir 'ILlnl '111l' in 1111 illll11,l,inari proFondo Sud di una donna nera, Si ritorna infine in epoca conremporanea, con
degli rari Unili d'illitio 110 ('nlO, dov' lue reporter iraliani Ie immagini di sconrri rra polizia e dimosrranri neri, e iI tour si
indagano ul f!'nol11 '110 dril.l \l hLIVII iL I ,I 'ILIC to momento, ser- chiude con la ricosrruzione di battaglie della guerra di Secessione,
venda i Ii L1na fOlo 'r;lri,1 11"r!i"il,1 III ,I h':1 v Ile non rinuncia a che gli americani si divertono a reinrerprerare per gioeo,
riverberali nOLI, il ftlm d '\lIIV(' lon doviti,l di particolari racca- n secondo pseudo-monda, realizzato da ]acopetti e Prosperi nel
priccianri ' ILid ,Ii I, I 'I Iihtll olldillOll1 (IIi erano ortoposri gli e
1974, il pili modesto Mondo candido, ispirato vagamenre al
schiavi di 0101' " Itlillhilli l h' 1II,IIlgi,II10 gli avanzi al bancherro Candido di Volraire e inrerprerato da Christopher Brown nel
dei ri hi padloni hi.lll hi; nl'l'" \liV(' d ,lie n3vi negriere, inFesra- ruolo principale, Si rrarra di un ftIm il cui unico riferimento ai
re da lopi s hirmi, I'll \1 hl,lVI 111 ,11'11.111 v'n 'ono ingozzari di cibo mondo movies sra nel ritolo: vi si narra la parabola surreale, e 1;1on
a Forza (non nun ,1110111(11) '1111 IfllllIll'I, on sene di denri esrir- priva di forri componenri eroriche, di un giovane eccessivamenre
pari); in LOlli,\i,ll1,I, ill 1111 U'IIIID II 1('(IIII,11ll 'nl schiavi simile a ingenue che, esiliato per aver cercato di sedurre una ragazza nobi-
Lin lager, gli 'pil'lli i Vl'IlgOIlO ,IPI \I 1111 II pCI' i piedi, poi tutti i le (in seguito indorra a concedersi a rre laidi individui), vaga senza
prigi n ieri ~OIlO violrl1ll'l11 'Il\(' \Pllli I ,I 1111 I.tvaggio collerrivo e sosra scoprendo via via il fallimento della democrazia, la cadura
quindi ~I L1n;1 CO 111 II 11 ' 1l1,11l!',I,1I0i,l. id 'illi ,1,1 'ILI·lta degJi anima- della Chiesa, Ie conquisre dell'epoca moderna e gli orrori della
Ii, AbbondallO, n,1l1IJ.r!111 '111'. 1111111.11',1111 di l110rb 0 erotismo: guerra, rna resrando in fondo sempre inguaribilmenre ortimisra,
srupri di donl1 ' 11 'I ' d,1 p.1l1 . dl IlLIIII hi, '1I,lld. ri dai bambini E chiudiamo cirando quanto Gualriero ]acopetti ebbe a dire a
delle villimc; Lilla hilllh.1 hlol1d,1 1111 Il,llllllillo n'r al guinzaglio; proposito di Africa addio, parole di condanna rna che nel con-
una signora hian ,1 ,1 .lv.tlID l h ' \01 Pll'lllk l1ella ampagna una rempo ben evidenziano la solida missione del reporter, in barba
oppia di al11allli di 0101 '; 1.1 I ,1\1 I,I II tl 11(' pllhhlila di un nero vio- alle cririche e alJe pruderie di cerra "inrellighenzia": «La sofferen-
lenrar re, za umana, il sangue dell'uomo che in Africa scorre oramai come
Dopa aver vi lI:di:f'lalO i dill' dlVI'"i 11Iodi di illl 'ndere sia i fune- un fiume, io dovevo farli vedere perche non si ignorasse, perche

34 35
non si possa dire: ma io, io nOll 10 sapevo. [I matetiale che ho tilita, e destinata allavoro dei campi, menrre I'uomo si dedica alIa
tagliaro e me 0 da part' di· i voile piu terrificante di quel che caccia degli animali per il sostenramenro della comunita e
si vede nel film. I moni, 101 I,ill, 11 1n 'cra bisogno di andarli a costruisce Ie capanne dei villaggi, II mercaro e invece il luogo
cercare; Ie scen ch' i SOIlO n ,I 111m non s no niente in confron- deputato agli scambi e agli incontri. Seguono imrnagini all'inse-
ro a quanro ho r. olt 't 'nul() d.l pall '». gna del sensa'lionale e dell'insoliro, come il seppellimenro rituale
di un vecchio cacciatore, e frenetiche dan'le tribali che ini'liano i
Alfredo e Angelo astiglilll1i giovani al sesso. I bambini nati con segni particolari vengono sot-
Giornali ti, autori di 1l1i1lWro"i I 'port.lg' fotografici e documen- toposti a una dura prova rituale: passare alcuni giorni inreri chiu-
taristi, i frat ,IIi Alfredo . Allgl'lo :,I~ligliolli sana tra i piu inte- si in un luogo buio sen'la mangiare ne bere, Chi sopravvive alIa
ressanri alltori di mOllrlo lI/olJil'\ d 'di ,ui all'Africa. prova viene proclamaro feticcio vivenre. Molta importan'la rive-
II loro primo flll11, dir'llo in \(1 111111 n la collaborazione di stono i riti legati alla puberra: limature ed estirpazione di denri,
Guido uerrasio, ~i illl ilOl.l IIli'il'll \I'W'I'!t! (\969). La pellicola, la taruaggi, scarnifica'lioni e ogni tipo di perfora'lioni, soprattutto
cui voce narralllc ~ (j1l('1!.1 di Ri '.lIdo :u ilia, indaga sugli usi suI volto, circoncisioni maschili e femminili. Per entrare nell'eta
e cosrumi di IlUI11 Imc pl1pol.lfiolli d'i onlinenre Nero, facen- adulta i bambini srro'l'lano il loro cane e poi 10 mangiano,
done emerg'r' i I.ui pill 11.1'1.0"1 'plOihili, n i SUO! flU propi- Numerose popola'lioni africane sono dedite al culto del fallo, che
'liat ri e fu n 'bri, gl i ~II '1'0111, II' 11111 (' II ib.1I i n ,I Biafra, i sacrifici di sirnboleggia la fertilita e I'abbondan'la: non a caso, infatti, alcune
animali, I 'il 011 i,iolli, I 1.1I11.1,'gl, I 'I im nie egrete e quelle giovani spose so no deflorate con falli appartenenri alia loro fami-
d'ini'liazioll'dci ,iOV,llli \'1.1 I· 1I111l1.1 Iilli pill shockanri spiccano glia. I..:educa'lione sessuale delle raga'l'le, invece, prevede partico-
quelle di un indil' '110 II11 1110 ,I 11l.IIIgi.1I larve da un teschio lari cerimonie propi'liarorie, come quella del capretto sgo'l'laro
umano ' la "(jll '11/,1 d ,II'IPI'OI'OI,IIlHI 1 he vi 'ne progressivamente presso una b~ca dov'e stato in preceden'la versato il sangue delle
membrato d,li ,WII 11111'011, 1111 IIII1IIVO Ii' lIrellte e tipicamenre mestruazioni; non menD rilevanre, poi, la presentazione delle ver-
arall'lisli 0 1l1,II',IInhilil 1\to1l'II111'11I lilonl' d'i mondo crudeli, gini in pubblico, alcune delle quali com prate fin da bambine. Tra
Aile I11n\ "1111' l('n\,111 iI l,plolill III IIli'irf/ segreta i fratelli Ie riprese di particolari macabri 0 violenremenre realistici, risalta
aSliglioni \()III'I,IIlI\() 11111.1 1010 flilllOgl.dl.l, eviden'liando in I'infibulazione di una barnbina e il patro di sangue tra quattro
manicra ,'n1l 11' pill III I\lV,1 1 p,lIll"I'111,1 di a.petti violenri e uomini, che mischiano i1loro fluido rosso in un teschio e 10 bevo-
bi'l'l:1I'I'i, no, Le sacerdotesse del pirone sono donne sessualmenre libere,
11 sc 'olldo Vl.lgl',11I I hi Ifli'llo 1 III'c,11l :.I~liglioni complOno vivono al di fuori della tribli e prendono I'ini'liativa nei confron-
all'illl '1110 d 'lI'Aflll,1 IHIllliliv,l' I/i/u! 11111// (197\), Giraro tra ti degli uomini che desiderano. Gli amanti delle donne infedeli
I'AIl() VOI!.I, Ii ('1,111, II 1111\11 I d ( ,lIlU 11111 Ulll la ollaborazione sono a volte uccisi con il ricorso alia magia nera, menrre al con-
di ;uido ;11 '11,1\10 I' ()II \II 1',11/111, Ii 'dill I·i La tiglioni porta rrario Ie adultere so no punite in modi pili 0 meno blandi. Africa
:111,1 III . 1.1 dir1l1'11'llllll ,111'111.11111.1",111.1 1l,llUla e uomo: una ama si conclude con scene che contrappongono nerramenre
vi~iol1t: 1ll,ll'll.1 dlll,l \ 11,1 III \111 11,11 I 111111 .111 ora contaminaro I'Africa arcaica al progresso della civilta occidentale: da una parte
dall,l ivili",IIIOIU' Ill. Ill. III III (,llli 1.1 dOIlIl,I, simbolo della fer- Ie citta moderne, con Ie case di prostiru'lione per Ie nere, i locali

37
da ballo e la droga, dall'altra parte l'antico rito dell'uccisione di tano la "via crucis", rna ancora pili sensazionali Ie tiprese dei gua-
un'antilope e il suo conseguente sventramento eseguito da un cac- ritori e delle loro operazioni miracolose eseguite con Ie sole mani.
ciatore. Due monill illametralmeme opposti e incompenetrabili, Etiopia: crudele mutilazione dell'ugola e incisione delle sopracci-
se non attraverso una graduale invasione dell'Africa primitiva da glia dei bambini; taglio dei reni, per farli ingrassare. Di notevole
parte dei bianchi. rilievo l'esorcismo ill una giovane indemoniata nuda: Ie viene
Avvalendosi di un testo scritto da Alberto Moravia e letto da infilato un como di vacca nella vagina e una canna di bambli nel-
Riccardo Cucciolla, i fratelli Castiglioni dirigono Magia nuda l'ano; fwni magici vengono sprigionati fino a spingere la presen-
(1974), ancora in collaborazione con Guido Guerrasio. L'intento za malefica a fuoriuscire dalla bocca della ragazza.
del film e quello di dimostrare come la magia e i suoi riti ancora Indonesia: cruente prove di iniziazione per superare il dolore fisi-
sopravvivano in epoca moderna presso Ie pili svariate popolazio- co con la forza dello spirito.
ni primitive, seguendo un percorso che dall'Africa arriva Ancora in Africa: riti sessuali legati al culto del fallo. In conventi
all'Amazzonia e da qui alle Filippine e in Indonesia. Moltissime feticisti Ie novizie vengono rirualmente deflorate: d'ora in avanti
Ie scene di nudo e numerose anche quelle di sangue e violenza: la loro vita e consacrata al dio fallo. A rurno, Ie sacerdotesse si
giunri al loro terzo film, i Castiglioni si spingono sempre pili masturbano sui totem del dio per assicurare il benessere all'imera
verso l'estremo. comunita.
Africa: la tribli dei Mlindari e solita cospargersi dell'urina e dello «Tutte Ie immagini di questo film anche sconvolgemi sono asso-
sterco dei bovini per re pingere il cominuo attacco degli insetti; lutamente vereh>: cos) recita il flano di Addio uLtimo uomo (1978)
il bovino e un animale ritenllto acro e questo aspetto conferisce diretto da Alfredo e Angelo Castiglioni, che qui contrappongono
un senso magi co alIa ingolare 1I anza. Vediamo pratiche strego- la libera sessualita e l'innocente ferocia delle popolazioni primiti-
nesche e danze tribali, in ieme alia caccia e all'uccisione del bufa- ve all'erotismo' artificioso e al sadismo graruito dei bianchi civi-
10, della giraffa e dell'clcfant '; veramenre straziante risulta l'ago- lizzati.
nia filmata di un giganrcs 0 pa hiderma, ferito a morte dai cac- II flano promette tematiche crude e violenre, tra cui: «Lotta per la
ciatori. Presso la tribli afri ana dci inka, invece, i bovini vengo- sopravvivenza. Guerre tribali. Passaggio della malattia dall'uomo
no SOttoposti a un salasso quolidian per nutrire la popolazione. all'animale. Lotta coi coltelli. Rito di sangue per fertilizzare la
Amazzonia: gli indio Van ama man iano ragni e bruchi e abbat- terra. Scarnificazioni e tatuaggi tribali. Danze erotiche. Conventi
tono gli adulteri a Ipi eli baSLOn '. La 101'0 vita si svolge inrera- dedicati al culto del fallo. Spellatura del defunto. L'offerta dell'a-
mente all'interno della for "l" d vc la magia svolge un ruolo fon- more. Deflorazione riruale». II film, la cui voce narrante e ancora
damentale: I sciaman'simQ in rado di guarire i malati e 10 una volta ql1ella di Riccardo CucciolJa, si apre emblematicamen-
ciamano a quisi c pOlcri l1uovi grazi a droghe speciali. Per te con la scena di un elefante ucciso e fatto a pezzi da una tribli
consenrire ai dcful1li un ,l11ll1ino pill agevole verso l'aldila, Ie africana, sequenza messa poi a confronto con Ie immagini del
loro ossa veng no fran 1lI 111:11 t' n·1 'orso di una Festa magico-reli- viaggio dell'uomo sulla Luna. Parte poi una girandola disturban-
gio a e la mi cia Oll 'nUl,l d,l 'I" 'SI:I fr, nwmazione viene bevuta. te di tiruali orchestrati da varie tribli dell'Africa: il sacrificio ill un
Filippin : Ie pro 'ssiolli I' ·Ii ,iose, on i Oagellanti che rappresen- capretto durante la cerimonia funebre di una donna della comu-

39
nita; I'uccisione di un cane, per vendeme la came al mercato; shockanti e nude, tomano in Africa dolce e selvaggia (1982), la
I' apposizione di una barriera di sassi nella buca dove e stato sep- pellicola con cui i fratelli Castiglioni concludono la loro filmo-
pellito un cadavere, per impedire al morto di ritornare rra i vivi; grafia dedicata al Continente Nero.
la fustigazione eli giovani nel corso del rito funebre di un guerrie- Ritornano Ie tematiche legate aile tradizioni e ai rituali delle tribli
roo La sfida morrale di due guerrieri appartenenti a tribli diverse: africane: il contatto col mondo dei morti; gli antichi luoghi di
il sangue dello sconfirro servira a nurrire la terra, considerata sepoltura; I'iniziazione ai segreti dei totem e delle maschere reli-
come I'e!emento essenziale e primario per l'esistenza di tutti. giose; la lotta per la sopravvivenza; Ie sanguinose uccisioni eli ani-
Sono immagini estreme e iperrealiste, fotografie di popoli pr.imi- mali; il mitridatismo, esibito da uno stregone che si nutre eli scor-
tivi calati in una natura selvaggia e a volte ostile, e spesso in guer- pioni; la caccia ai rettili ve!enosi. E poi, Ie cruente cerimonie lega-
ra tra loro. te alia puberta, con la mutilazione del clitoride delle ragazze e la
Cosl, il film contrappone I'uccisione di un africano da parte del circoncisione dei ragazzi; i tatuaggi e Ie incisioni sui seni e suJ viso
suo avversario (con la conseguente evirazione compiuta con un per l'identificazione tribale; i rudimentali intervenri chirurgici; 10
coltello e l'amputazione delle mani) aile atrocita delle guerre che scalpellamento e Ie limature dei denti. Particolarmente insistite Ie
l'uomo civilizzato semina in ogni parte del globo. Ancora una scene di circoncisione e infibuJazione, con primi piani di affilati
scena: un uomo primitivo tra mette la ua malattia a una capra, c~ltelli che recidono prepuzi e clitoridi.
per liberarsene, rnentre I'uomo moderno sperimenta crudelmen- Tutte sequenze ugualmente forti e violente, sempre all'insegna di
te la vivisezione sugli animali. que! crudo iperrealismo che contraddistingue i documentari
Queste contrappo izioni, pernltr indovinate, non potevano shock dei fratelli Castiglioni,
cerro mancare I'argom 'nto della e ualita ed ecco quindi la pre-
parazione dei ragazzi e d II ragazze al rito dell'amore, che prece- Antonio Climati e Mario Morra
de l'accoppiamenLO v r e proprio: Ie femmine danzano nude Antonio Climati, il gia citato e talentoso direttore della fotogra-
unte d'olio davanti ai mas hi dipillti con i colori pili belli. La fia dei film eli ]acopetti e Prosperi, esordisce anche lui alia regia
civilta occident, Ie, inv' ',orrr strip-tease, locali nottumi, peep con un mondo movie nel 1975, firmato in coppia con Mario
shows. Le rradizioni primitive impon' no marchi e tatuaggi rri- Morra, uno tra i migliori montatori del cinema italiano. Climati
bali sui orpi nudi d'i gil vani, la so iedl dell'uomo modemo e Morra si propongono di seguire Ie orme del duo ]acopetti-
sciorina interv 'nti Ii hirur ria pla,~1 in ... Prosperi, rivitalizzando perc il fJone mondo che a quel punto,
Derivano dal pre cd '!1te MtlRitl III1t1n i riti del fallo e della ferti- senza I'apporro di nuova lin fa, pareva ineluttabilmente destinato
lita, Ie ma [Urbazioni (lliOlidi:llle 1·11 ra azze presce!te, che ven- a estinguersi. I due cineasti compresero, infatti, che menrre gli
gon deA rat· da lin ~;1l 'l'dOl' . < nsa rate al culto de! fallo. aspetti sexy dei mondo non attraevano pili come un tempo, sop-
InRne, un ,dav 'I' vi '11 '~l,llllifl ,Ito c fatro divenrare bianco, piantati ormai da pellicole erotiche 0 porno sempre piu spinre, il
quindi avvolto in lIll ~lId,lrio . Vl'~liIO 'on i uoi abiti migliori: una lato crudele di queste opere - proprio per il richiamo morboso
cerim nia rcligio~,l p 'I ·~(JIlill,lI('1.l1110I't' 'il uo grande mistero. che la supposta veridicita delle immagini sembrava emanare -
Quest iml1l.1 ,ini ~pi '1.11(, (. lip', ~.Inguinarie e incredibili, poteva fomire ancora i suoi frutti. Con questi intenti, i due rea-

4° 41
lizzano cosl la loro opera prima, ULtime grida daffa Savana, cen- male, rna anche tra animale e animale e, infine, era uomo e uomo.
trando in pieno il bersaglio e affermandosi da quesro momento Ed e con una scena di caccia piutrosro usuale che il film si apre.
come i pili autentici eredi di Jacopetti e Prosperi. Dopo una serie di immagini rutto sommaro ordinarie riferite a
Curiosamente illoro film, presentaro fugacemente nel 1974 con una comunita hippy (dove ci viene mostrata una ragazza menrre
il tirolo La grande caccia (rimasro poi come sonotirolo), passa a1latta un capretto), si entra nel vivo e nel crudo del tema por-
piunosro inosservaro, rna ripresentaro, con I'aggiunta di nuove tante con la tipresa lenta e insistita di una scimrnietta che si dibat-
sequenze, nell'estate del 1975 oniene un successo di pubblico te disperatamente mentre viene ingurgitata da un'anaconda.
cosl strepitoso da rilanciare in grande stile il filone. Tant'e che, Aborigeni australiani praticano buchi nel terreno e, dopo avervi
negli anni successivi, quasi immancabilmente a ogni fine estate introdotro il pene, si prodigano a fecondare la terra affinche riser-
sarebbero usciti a1meno uno 0 due tiroli dello stesso genere, inne- bi loro animali da poter cacciare nel prossimo futuro; quindi,
scando un fenomeno cinemarografico quasi unico, che sarebbe ecco Ie scene di una caccia alIa volpe in Inghilterra sabotata da
duraro pet oltte dieci annil una squadra votata alIa protezione degli animali, che fa bere pro-
ULtime grida daLfa Savana, spenacolatmente riusciro ed esttema- diroriamenre ai partecipanti un potente lassativo. E comunque
mente affascinante, e inolere solo il primo capitolo di una trilogia piazzata a meta pellicola la prima delle due sequenze piu scon-
realizzata da Climati e Morra, che sarebbe proseguita con Savana volgenti del film: quella del turista Pitt Doenitz divoraro da a1cu-
vioLenta (I976) e DoLce e seLvaggio (I983). ni leoni ai quali si era imprudentemente avvicinaro, do po essere
Lo stile dei due cineasti differisce in maniera evidente da quello sceso dalla sua macchina, durante la visita a un parco nazionale.
di Jacopetti e Prosperi, avvicinandosi fotse maggiormente a110 La sequenza, probabilmente a1meno in parte autentica, e stata ftl-
stile dei ftatelli Castiglioni. Mentre i film del primo celebte duo mata da a1tri turisti vicini in super 8 e per il suo realismo risulta
conservano un proprio impianro a tesi piunosto complesso, sep- decisamente impressionante. Celebre, anche perche usata come
pur discutibile, cui erano em pre subordinate Ie immagini, immagine-richiarno del film appatsa aI tempo nei flani dei gior-
Climati e Morra paiono aI contrario partire da un'idea di base nali, e proprio la scena che vede i leoni avvicendarsi sui resti del
sempre abba tanza lieve - diciamo W1 pretesro - per cucire assie- turista, mentte da dietro spunta una gamba ancora integra della
me i singoli episodi. Badando a hockare il pili possibile 10 spet- vittima, con tanro di calzino...
tarore con equenze magari non empre autentiche, rna di sicuro Laltra immagine shock, anche se piu fugace, mostta i resti wnani
IlTIpatro. di un pasro cannibalesco consumaro da due giovani indigeni
Nella loro prima opera, presentata con la fr;se-Iancio <<Immagini Burundi, che hanno divoraro i genirori appena moru per assimi-
di vita e di morce in un do umenro filmaro che e quanro di pili lame Ie doti ill cacciarori. II loro gesro, informa il commento
s onv Igenre abbia mai regi traro la macchina da presa" (cui della pellicola, costera loro una condanna a morte da parte delle
egue una orca di aeal g dei "numeri" pili shockanti mosttati, aurorita locali.
inne cando una m da he poi verdI adottata da tutti i mondo suc- E chiaro come sia quella orrifico-shockante la cifra che s'impone
cssivi), il tema di base e sempli emente la caccia. Caccia intesa, del film di Climati e Morra. Ma a1tro aspetta 10 spettarore: dopo
per, ne/ en piu ampi del termine, non solo tta uomo e ani- la visione ill a1cuni leopardi che inseguono degli sttuzzi nella

42 43
savana per poi divorarli, la platea viene sconvolta da una sadica Questa seconda Fatica della coppia si apre e si chiude con la
battura di caccia compiura da una banda di mercenari e precedu- sequenza, d'indubbia forza lirico-evocativa, di uno stregone che
ta dall'ambigua scritta: «La sequenza appartiene al fotografo dilet- compie nella Savana, all'alba, un rito propiziatorio per ordinare al
tante Ramon Ordonez, geometra, e Ie immagini dalle quali si e sole che sta sorgendo d'illuminare tutta la bellezza del Creato.
tratta la ricostruzione del documento cinematografico, sono state I..:incipit, commentato suggestivamente dalla melodia composta
riprese in 16 mm e riportate a 24 fotogrammi di velocit11». stavolta dai fratelli De Angelis, inaugura una galleria di sequenze
I mercenari che, come viene spiegato, sono stati redutati da una disturbanti, anche se talvolta contrappuntate, pili che nel prece-
compagnia decisa a espropriare alcune zone del Sud America dente film, da immagini provviste di una discreta dose d'ironia
dagli indigeni per potervi edificare, inseguono i nativi con fucili, demitizzante. Scene di animali che ne divorano altri e testimo-
machete e bombe molotov. Dopo averne raggiunto uno 10 evira- niano la consueta legge del pili forte che regola la vita nelle sava-
no selvaggiamente e gli ficcano in bocca pene e testicoli, un al tro ne, e poi Ie autotorture impostesi dai fachiri, che culminano con
viene sadicamente scalpato sotto gli sguardi divertiti dei "caccia- l'imprevista immagine di uno di loro che si taglia improvvisa-
tori", e questi ultimi vengono infine mostrati mentre ostentano mente di netto la lingua dinanzi alla macchina da presa.
con malato compiacimento i loro trofei: teste umane. Subentrano Ie scene, in seguito abbastanza sfruttate, della caccia
La voce del commento puntualizza: «Uccidere un proprio simile ai coccodrilli sopravvissuti nelle fogne di New York, alternate alle
e disumano, torturarlo, violarlo e oltraggiarlo solo umano, gode- inquietanti riprese di alcuni malati del Mozambico moribondi
re delle sue sofferenze umanissimo!». sotto i colpi di un'atroce malattia chiamata "Ia morte che ride", la
I..:intera sequenza, per quanto molto probabilmente ricostruita (in quale, causata dall'avvelenamento da mercurio per I'inquinamen-
questo senso si potrebbe intendere anche la giit citata scritta in i- to delle acque, genera terribili convulsioni e riso isterico con esito
ziale), e in ogni caso di un realismo terrificante, e l'impatto sui fatale. Ancer pili raccapricciante la breve sequenza (probabilmen-
pubblico, abituato sino ad allora a mondo movies che mai erano te suggerita dal successo del celebre Jaws di Steven Spielberg) del
giunti a mostrare orrori tanto estremi, fu un vero e proprio pugno corpo di una bambina divorata da uno squalo, con la macchina
nello stomaco. Proprio tale sequenza procura non poche noie alia da presa che indugia pili volte sui corpicino straziato. Un puro
pellicola, oltre a interpellanze varie rna, in definitiva, ne decreta momento shock, che vuole Forse essere il contraltare alia sequen-
anche il successo. za dell'uomo divoraro dai leoni nel film d'esordio. Quindi, per
Commentato dalle indovinate musiche di Carlo Savina, Uftime ammorbidire la violenza della pellicola con qualche rocco sexy, gli
grida daffa Savana rappresenta una riuscita miscela di orrori, eso- aurori ci trasferiscono in una dinica inglese, dove si cura la frigi-
tismo e anche poetica dolcezza, che non poteva mancare di far ditit invitando Ie coppie ad aggredirsi verbalmente con insulti e
presa sui pubblico. parolacce e anche fisicamente con schiaffi e botte, fino a giunge-
La trilogia di shockumentaries, inaugurata da Climati e Morra con re all'amplesso liberarorio.
questo film, prosegue nel 1976 con un nuovo capitolo intitolato La sequenza di cannibalismo, peraltro appena accennata, della
Savana viofenta. che viene pubblicizzato nei flani dei quotidiani pellicola precedente, viene qui in qualche modo riproposta con
come «Pili impre ionante del primo». queUo che e, probabilmente, il momenro dou pili macabro del-

44 45
I'intera pellicola. Alcuni indigeni, alia mone di un loro congiun- sequenze di raccapriccianti esecuzioni: a un pnglOniero della
ro, devono ricostruirsi con il fango una nuova abitazione rna, fin- guerra Iran-Iraq viene freddamente sparato alla testa, mentre un
che l'opera non si e concIusa, sono costretti per tradizione ritua- altro (scena censurata in moIre versioni straniere) e legato con il
Ie a conservare il corpo delloro caro sopra un catafalco e a berne braccio a una jeep che poi, messa in moto, gli strappa via I'arto,
iI liquame cadaverico che cola, ogni giorno vieppili, dal corpo in e alla fine l'uomo viene abbattuto con un colpo di pistola. Sono
putrefazione nelle brocche poste ai bordi dell'allestimemo fune- quineli di scena i fachiri che si autopuniscono trafiggendosi la lin-
bre stesso. gua, la bocca e il pene, immagini che vengono alternate alle ripre-
Altre sequenze pili nello standard dei mondo crudeli mostrano i se tragiche di alcuni stunt-man che perdono la vita nelI'esercizio
massacri delle foche in Groenlanelia, gli effetti cruemi del carne- della loro pericolosa professione e di altri spericolati individui che
vale di Rio, I'iniziazione dei bianchi in Australia alia vita degli precipitano nel vuoto mentre tentano eli passare camminando su
aborigeni (con tanto di disgustoso pasto a base di animali). Non un fuo da un grattacielo alJ'altro. Pili che nei due film preceden-
c'e, comunque, una sequenza impressionante paragonabile a ti e qui presente, oltre all'aspetto "crudele", anche quello "nudo".
quella del massacro degli indigeni nel primo film. Unico corri- Immagini di belle modelle senza veli ritratte da fotografi alIa
spettivo, la fucilazione brutale eli un giovane sorpreso a fare dello moda, corpi femminili che si contorcono in esercizi di aerobica e,
sciacallaggio in seguito a un terremoto in Guatemala. infine, una coppia di biologi (un uomo e una donna) che prati-
Dopo questa pellicola passano ben sette anni prima che la coppia cano il nudismo per raggiungere un miglior contatto con la natu-
Climati-Morra realizzi quello che sarebbe stato il terzo e ultimo ra e gli animali.
capitolo della serie: DoLce e seLvaggio (1983). Qui i due autori _ Non manca, anche qui, il momento cIou pili atroce: la sequenza
che utilizzano sequenze gia sfruttate (la caccia alIa volpe, il ghe- (che parrebbe peraltro autentica, come quella dei leoni nel primo
pardo che insegue 10 struzzo, il cacciatore delle Ande che si finge film) del macabro funerale di un monaco tiberano. II cadavere,
mono per catturare il condor) - perseguono I'imemo gia dichia- condotto sulla sommita di un'altura, viene atrocememe smem-
rato fin dal titolo di mostrare come sia nell'uomo, sia nella natu- brato, decapitato e i resti sono dati in pasto a cani e avvoltoi che
ra gli aspetti dolci e quelli selvaggi coesistano serenameme. II film si cibano avidameme delle sue carni.
si apre, infatti, con l'immagine di un cacciatore che si prepara a II tono eli questo terzo capitolo, comunque, suggestivameme
sparare, rna appena dopo ci accorgiamo che la sua attivita e affat- pumeggiato dalle musiche accattivanti di Daniele Patucchi, e pili
to particolare. L'uomo, tale Mike, infatti non fa Fuoco (come a dolce (come del resto ann uncia il titolo) rispetto ai due prece-
prima vista sembrerebbe) sulla fauna che scorrazza libera per il demi e il film si chiude con la commovente ripresa di una ragaz-
Serengeti, bens1 sulle mine celate in mezzo ai campi e rimaste za paralitica che ha come unica arnica una scimmietta in grado di
come residui di guerra, quelle sl che potrebbero uccidere gli ani- accudirla in tutto e per tutto. Questa chiusa malinconica e quasi
mali. L'effetto tremendo delle mine ci viene mostrato sulle gaz- un presagio che il cicIo inaugurato dai due intraprendemi cinea-
zelle che esplodono in aria al rallentatore (rna probabilmente si sti, come anche la stessa stagione dei mondo movies, si stava
tratta solo di carcasse adoperate allo scopo). A immagini ben pili avviando ineluttabilmeme al termine. I favori del pubblico (sem-
vere di massacri animali (struzzi, cinghiali, delfini), fan seguito pre promo a esultare per nuovi filoni per poi bruscamente, con Ia

47
stessa disinvoltura, abbando narli) si sarebbero tivolti altrove. E
piuta nella giungla a bordo di elicorreri; quindi i "cacciatori' scen-
dei due registi, Morra avrebbe proseguito, anche se per poco, a
dono a terra e fan no scempio delle loro virrime, scotenn andoli
frequentare il genere. Da notare, infine, come i dialoghi di DoLce
per conservare 10 scalpo come souvenir 0 mozzan do loro la testa.
e seLvaggio siano stati curati da Franco Prosperi, in una sua ultima
Un'imm agine, quest' ultima, esibita ampiam ente sui manifesti del
veloce rentree nei mondo movies.
film come richiamo per sperratori ancora in cerca di emozio ni
Ultima incursione, firmata stavolta dal solo Mario Morra, nel
forti. Va detto, comunq ue, che per quanto inferiore ai precede n-
filone dei mondo crudeli e Dimensione vioLenza, realizzato nel
ti film diretti in team dai due cineasti, questo di Morra e comun-
1984. Nonost ante il film non possegga pili l'impatt o dei film
que superiore ad altri tealizzati a meta degli anni Ottanta nel ten-
migliori della coppia Climati -Morra, la musica sempre appro-
tativo di sfruttare il fiJone fino in fondo.
priata di Daniele Patucchi e il comme nto scandito dalle belle voci
Ultimo contribu to apporta to dal partner di Morra, Antonio
di Nando Gazzolo e Pino Locchi tendono comunq ue dignitosa la
Climati , e invece uno pseudo-mondo realizzato nel 1988 dal tito-
pellicola. II problem a maggiore consiste nel fatto che il materiale,
10 Natura contro. In realta il film, oltre a non essere affatto un
pur montato come sempre da Morra in maniera eccellente, risul-
mondo, non e neppure del turro imparem abile a quei film shock
ta pili povero rispetto a quello mostrat o nelle puntate pregresse.
stile CannibaL HoLocaust, cui si rif'a per atmosfera e ambien tazio-
Con alcune sequenze (per esempio Ie autopsie dove ai cadaveri
ni. Si trarra, infatti, di un onesto esotico-avventuroso imperni aro
viene rovesciato 10 scalpo sulla faccia) gia comparse, tra l'altro,
su quattro giovani, tre uomini e un'intra prenden te giornalista,
anche in Le facce deLLa morte, del cui primo capitolo Morra aveva
che improvvisano una spedizione in Amazzonia per seguire Ie
curato l'edizione italiana.
tracce di un professore misteriosarnente scomparso laggili menrre
Inolrre, rispetto ai film firmati Climati -Morra, Dimensione vio-
cercava prove dell'esistenza di una tribli, gli Imas, che si riteneva
Lenza presenta pili scene di natura erotica. Non mancan o, comun-
estinta. Dopa mille avventure i giovani troveran no il professore
que, Ie consuete e atroci immagi ni di massacri ani mali (nella fat-
ancora vivo e scoprira nno che egli, avendo avuto prova dell'effe t-
tispecie cuccioli di foca macellati, cap terri gettati in pasto a squa-
tiva scomparsa degli Imas, aveva cercato di ricreare artificia lmen-
Ii ed elefanti selvaggiamente cacciati), con l'ambig uita pero di
te quel popela primitiv o con l'aiuro degli indios.
mostrar e alcune scene di caccia riprese dal punto di vista di colui
Pur dovendo dirigere una fiction d'avventura, Climati cerca anco-
che spara. Tra Ie immagi ni pili violente e raccapriccianti, il taglio
ra una volta di soddisfare la sua voglia di mondo movies inseren do
di una mana inflitto a un ladro, il cadavere di un transessuale
nella pellicola sequenze pseudo- docume ntaristic he tendent i al
straziato ed evirato e una scena che in qualche modo vuole repli-
sensazionale (come arracchi di pipistrelli e di pesci feroci, riti rri-
care la sequenza shock che aveva reso celebre e discusso ULtime
bali di sapore magico) ma, curiosam ente, pochi di quei momen -
grida riaLLa Savana: una terribile caccia all'uom o da parte dei
ti shock che avevano caratterizzato i suoi mondo crudeli (un'evi-
bianchi contro gli indigeni, un po' nello stile del conte Zaroff (il
razione tramite anacond a, del tesro non mostrat a per intero, Ie
folie cacciatore di uomini protago nista del racconto di Richard
perform ance dei cacciatori di teste, qualche corpo spolparo e dila-
Connell La seLvaggina pitt pericoLosa, trasposto cinematografica-
niato).
mente per la prima volta da Ernest B. Schoedsack nel 1932) com-
E significativo, turtavia, quesro estremo approda re di Climati

49
nella fiction, a riprova che, in fondo, anche tutti quei mondo cru- entatore Corrado. Le azzeccate musiche sono di Lallo Gori.
deli non volevano Forse essere altro che varianti solo apparente- E sempre del 1963 il molto pili crudo I tabu direrro da Romolo
mente pili realisriche delle pelJicole esorico-orrifiche da sempre MarcelJini (gia aiuto regista di Carmine Gallone, del cui Scipione
amate da un pubblico in cerca di forti emozioni filmiche. E volte L'Africano aveva anche girato alcune sequenze), con commenti
a farlo evadere dalle angosce ben pili opprimenti del quotidiano. recitati in Italia da Stefano Sibaldi (gia mitica voce del prototipo
Mondo cane) e negli USA da un'alrra star delJ'horror: Vincent
Gli altri mondo crudeli Price.
Uno dei primi registi italiani a seguire la scia del successo dei II film, considerato da alcuni anche superiore ai prototipi di
Mondo cane di Jacopetti e Prosperi e Roberto Bianchi Montero, Jacopetti e Prosperi, e un reportage che spazia dalla Svezia alia
che passa dalle sollecitazioni sexy dei suoi documentari "nudi" a Germania, dall'India al Nepal, da Hong Kong a Ceylon, dalle
quelle pili sensazionalistiche a base di shock visivi, prima con i ole Hawaii all'Iraq, alia ricerca degli ultimi tabli (soprarrutto
Mondo infame (1962) e poi con Mondo baLordo (1963). 11 primo, essuali) sopravvissuti nelle varie culture. Non mancano perc,
sorrolineato dalle efficaci musiche del bravo Francesco De Masi, come dicevamo, anche sequenze parricolarmente macabre: vitti-
e un'escursione aLL over the worLd (dall'Africa all'Egitto, dalla me della bomba atomica, bevitori di sangue e yakuza giapponesi
Svezia all'Inghilterra, dalla Cina all'Indonesia) alIa ricerca di che si ampurano Ie dita (una scena che ricomparira in pili recen-
asperri strani e spesso raccapriccianti delle varie culture e civilra, ti mondo violenti degli anni Ottanta). Vi sono poi numeri di bon-
e contiene anche spezzoni di precedenti documentari come dage e feticismo, drogati che vendono i propri figli e funerali
L'uLtimo paradiso, Continente perduto 0 L'impero deL soLe. Tra i rituali sui fiume Gange. La colonna sonora, composta da Angelo
numeri shock, un serpente che dopo aver battuto in combatri- Lavagnino, e divenuta col tempo uno dei pezzi pili rari ambiti dai
mento un altro rertile 10 divora vivo e un'operazione di chirurgia collezionisti cli' soundtracks originali.
plastica. Anche Antonio Margheriti, regista specializzato in gotici e fan-
Mondo baLordo alterna, invece, numeri di varieta e spogliarelJo tavventurosi, si inserisce nel genere dirigendo in collaborazione
(spesso ripresi in studio) ed esibizioni di bondage e women wre- con Marco Vicario 1L peLo neL mondo (1964). I due registi, che si
stling a sequenze shock 0 del turro "altre". Tra queste ulrime, Ie firmano risperrivamente con gli pseudonimi di Anthony Dawson
immagini di alcuni freak, ripresi anche durante amplessi amoro- e Renato Marvi, mettono in scena uno spettacolo che segue pili
si, rravestiti (visti come fossero freak), drogari e, persino, rein- la scia di Mondo cane che quella dei documentari sexy. Tra Ie varie
carnazioni di Rodolfo Valentino. Di pili spiccata ispirazione situazioni presentate spiccano rraffici di neonati, uccisioni di ani-
jacopettiana sono, invece, Ie crude uccisioni tribali di tartarughe mali, scene di prosrituzione, spose bambine della Nuova Guinea,
giganti, elefanti e alrri animali. Di sapore cinefilo rerro, in fine, e lorre nel fango e venditori cli cinture di casrira.
una breve parte riguardante i muscolari interpreti dei film 11 successo de I tabu induce Marcellini a replicare nell965 con I
pepLum, veri e propri divi di quegli anni. La versione americana tabu n. 2, uscito negli USA col titolo Macabro. Ancor pili del pre-
del film e commentata dalla voce del mago dell' horror Boris cedente capitolo, questa pellicola ebbe guai a non finire con la
Karloff, menrre l'originaria versione italiana da quella del pre- magistratura. Denunciato, il film venne immediatamente seque-
strato e quinill immesso di nuovo in circolazione, ma con non vedese del periodo, in cui vengono evidenziati alcuni eclatanti
pochi tagli. aspeni come l'amore incestlloso tra fratello e sorella, il fenomeno
Ancora una volta, accanto a qualche sequenza sexy emergono vari dei suicidi, I'alcolismo, i club sadomasochistici, il lesbismo e i
momenti raccapriccianti: vergini tatuate, immagini di cacciatori pornoshop. La fotografia e di Claudio Racca e la voce dell'onimo
di teste (riprese poi in shockumentaries pili recenti), travestiti giap- Enrico Maria Salerno. Lo stesso Salerno torna come voce narran-
ponesi, circoncisioni (anche queste riproposte in innumerevoli te nel successivo mondo di Scattini (anch'esso fotografato da
altri mondo violenti), uccisioni con pi toni, mangiatori di serpen- Racca): Angeli bianchi... angeli neri (1969). II film, grazie anche a
ti e roulette russe su treni in movimento. La voce narrante e, nel- un incisivo comrnento di Alberto Bevilacqua, e opera estrema-
l'edizione italiana, quella del bravo Riccardo CuccioUa, mentre in mente affascinante e suggestiva e si apre sulle macabre profana-
quella americana ill Marvin Miller. Le musiche sono, ancora, di zioni necrofile in un cimitero, per poi passare in rassegna riti
Angelo Lavagnino. magici a base di sangue d'animale, messe nere a Londra, matri-
Sulla scia del successo di Africa addio, Sranislao Nievo, gia orga- moni satanici, maghi e stregoni moderni. Tra questi ultimi emer-
nizzatore generale per tutti i primi mondo di Jacopeni e Prosperi, ge Anton La Vey, che illustra la "Chiesa di Satana" da lui stesso
realizza nel 1967 il suo Mal d'Africa. Le musiche del film, com- fondata. La versione americana del film di Scanini e stata rima-
poste da Riz Ortolani, non sono alrro che una replica di quelle gia neggiata dal regista Robert Lee Frost, con l'introduzione di nuove
realizzare dal bravo compositore per Mondo cane e Africa addio. II sequenze, e ribanezzata Witchcraft 70.
film esplora il continente africano mostrando i consueti safari e Ie La trilogia di Scanini si chiude con Questo sporco mondo meravi-
agitazioni razziali, ma evidenziando anche Ie contraddizioni rra glioso (1971), codiretto assieme a Mino Loy e commentato dal-
antiche superstizioni e aspirazioni a imitare il tecnologismo e il I'efficace voce ill Giorgio Albertazzi. II film, oltre che sugli aspet-
progresso di stile europeo. ti erotico-"morbosi, indugia in modo particolare sul raccapriccio e
il disgusto, esibendo cadaveri rigonfi all'obitorio, operazioni a
Ormai anche 10 shockumentary d'ambientazione africana alla cuore aperto e scoperchiamenti della calona cranica. Inoltre si
Jacopeni-Prosperi inizia a mostrare segni di stanchezza e, prima pazia dall'inquinamento in un paese del Giappone alle tecniche
che a rivitalizzare il filone giungano i mondo iperviolenti dei fra- di fecondazione artificiale, dagli effeni della droga sugli animali
telli Castiglioni e di Climati-Morra, si cerca di mantenere in vita all'educazione sessuale impartita a bambini ciechi.
il genere ricercando suggestioni nei recenti drammatici fatti di Nel 1970 Sergio Martino realizza come seconda opera un mondo
cronaca, come il massacro ill Bel Air di cui fu vinima la moglie violento, in gran parte ricostruito in studio, dal titolo America COSt
di Roman Polanski, Sharon Tate, e la diffusione delle sette votate nuda COSt violenta.
al satanismo. AI centro del reportage vi e, come dichiara il titolo, solo
Luigi Scattini, che gia si era dedicato a documentari di tipo sexy l'America, con miserie d'ogni sorta: vecchi abbandonati, episoill
come L'amore primitivo, realizza tre opere che s'inseriscono in ill razzismo, il diffondersi della droga, omicidi raccapriccianti...
qualche modo nel Blone dei mondo crudeli. Non manca un breve cenno al massacro di Bel Air, seguito dalle
Svezia, inferno e paradiso (1968) e un documentario sulla societa immagini di un rito sacrificale d'impronta satanista, ove una sorta

53
di sacerdote alia Charles Manson cola cera fusa sui sene nudo eli collaborazione di Mario Morra, aurore anche di alcune sequenze
una ragazza e poi taglia la testa a un pollo. Tra Ie sequenze sexy, appositamente girate per I'edizione italiana, come 10 sterminio
invece, spiccano i ristoranti votati al nudismo, Ie pitture sui corpo dei pipistrelli. Si tratta eli un documentario toralmente impernia-
e i coiri con Ie bambole gonfiabili. Le musiche sono del bravo to sulla paura pili grande dell'uomo: quella della mone. Girato in
Bruno Nicolai. varie pani del mondo, il film fotografa i diversi aspetti della Fine,
E del 1972 il menD noto e di limitatissima circolazione Riti segre- dai riti e culti tradizionali dei singoli paesi fino alle uccisioni pili
ti, eliretto da Gabriella Cangini con il commento letto da sanguinarie, dalle esecuzioni dei condannati a mone ai massacri
Riccardo Paladini. Tra i vari soggetti trattati, quasi tutti impron- di animali e ai disastri delle guerre, tutti all'insegna dello spetta-
tati sui raccapricciante (e senza particolare nesso tra loro), spicca- colo sensazionale. Eccole, Ie "facce della mone", che compaiono
no i figli che bruciano i padri, Ie sterilizzazioni maschili, un uomo in questo film (e ne! suo seguito) imprimendo illoro terrificante
senza sesso, un tempio dedicato alia masturbazione, il culto del marchio: ghigni atroci in volti mummificati, cataste di ossa
dio fallo, il consumo di uova "passate" con pulcino purrefatto umane, sche!etri, nudi teschi dalle orbite vuote. II £lano della pel-
all'inrerno. licola recita «Un film oltre I'immaginabile. Vedrete dal vero cib
Di maggior diffusione, rna sempre di scarso successo, il successi- che il cinema non aveva mai osato prima» e quindi descrive alcu-
vo Africa nuda Africa violenta diretto nel 1973 da Mauro Gervasi, ne delle situazioni pili foni mostrate: «Come mangiare il cervello
con la collaborazione di Guido Guerrasio alia regia e Ie musiche di una scimmia viva. Lo sterminio dei pipisrrelli con gli ultrasuo-
del maestro Lavagnjno. Due africani, un uomo e una donna, fun- ni. Lagghiacciante mone di un negro nella camera a gas. La deca-
gono da filo conduttore tra i vari episodi (come poi faranno Ie pitazione di un ribelle. Lallucinante salto eli un suicida da un
varie Laura Gemser 0 Amanda Lear nei mondo movies pili recen- grattacielo: Lagonia eli un condannato sulla sedia elemica. II
ti) e conducono 10 spettatore in un viaggio nel continente africa- pasto umano di un coccodrillo».
no, che ci offre I'iniziazione di alcune ragazze ai riti voodoo, la E il film mantiene in pieno cib che promette nel £lano, dal
danza del sangue, la mangiatrice di cuori vivi, gli amori panico- momento che si apre con un'operazione a cuore aperto sui titoli
lari delle sacre vergini, la punizione eli una sacerdotessa infedele, di testa. Seguono obi tori e autopsie, sepolrure e scheletri in un
l'implorazione del dio fallo e sacrifici e riti tribali eli varia natura. cimitero messicano, quindi lotte monali tra cani in Spagna, ani-
Lo sceneggiatore e regista Giorgio Mariuzzo dirige nel 1976, con mali feroci nella foresta amazzonica e riruali indios. E solo I'ini-
10 pseudonimo eli George McRoots, Mondo porno oggi, docu- zio: 10 "spettacolo" continua con Ie uccisioni dei bovini in Africa
mentario-inchiesta sui sesso suddiviso in vari capitoli e dove la e delle galline in occidence; con Ie mattanze eli ovini e bovini negli
fan no da padrone i club della frusta, i ristoranti del sesso, gli allevamenti; con 10 sterminio delle foche; con Ie gesta dei caccia-
accoppiamenti tra donne e animali, i porno show a domicilio, i tori di frodo di caimani. Ma la natura si ribella all'uomo, ed ecco
riti sadomasochistici, il body painting e gli hotel del sesso. la sequenza da brivido del poliziotto sbranato da un alligatore.
Conan Le Cilaire, pseudonimo di un regista giapponese, dirige Ie Non c'e tregua in Ie facce della morte: sullo schermo si susseguo-
facce della morte (1980), in assoluto uno dei mondo pili shockan- no delitti politici, killer e mercenari americani, visitiamo l'obito-
ti, che qui trattiamo perche si avvale per l'eelizione italiana della rio eli Los Angeles per poi assistere a un'esecuzione nella camera a

54 55
gas in California e all'ancora pili spaventosa fine di un uomo sulla quindi con una folie sarabanda necrofila: I'incendio di un palaz-
sedia elettrica, riperuta per ben due volte poiche la prima scarica zo, Ie vittime di una valanga, i disasrri aurosrradali, gli incidenri
non era stara sufficiente a uccidere il condannato. Ecco la deca- morrali a Indianapolis, i cruemi rodei. Lo schermo ripropone
pitazione di un criminale in Medio Oriente, mentre a San I'incontro di pugilato avvenuto nel 1980 tra Johnny Owen e
Francisco fioriscono i culti demoniaci, dove gli adepti della setta Lupe Pimor, fatale per Owen che ando in coma al dodicesimo
mangiano il eucre di un cadavere per conseguire I'immorralita e round. Pericolosi show acrabatici degli stum-man precedono
poi si abbandonano a un'orgia sfrenata. E ancora suicidi e iber- sciagure aeree e ferroviarie, con I'esposizione grafica dei cadaveri
nazioni di cadaveri in California. Ed e di nuovo la narura a insor- delle vittime. Scene di guerriglia nel Salvador si integrano alle
gere: un orso sbrana un incauto turista che 10 fotografava, i vul- immagini della guerra in Vietnam, con l'orribile visualizzazione
cani vomitano lava, i tornado si scatenano. Si continua con un degli effetti devastanti del napalm sulla popolazione, e agli espe-
attivista antinucleare che si da fuoco, e quindi balzano sullo rimenti atomici degli USA. Crudeli uccisioni di animali da pel-
schermo Ie immagini della seconda guerra mondiale, l'esplosione liccia, scene di vivisezione, eccidi di tossicodipendenti in
dell'atomica, i campi di concentramenro, i morri per malattie 0 California, si mjschiano all'attemaro a Ronald Reagan compiuro
malnutrizione in Mrica. Muore un paracadutista e uno stunt- da John Hinckley, alia rivoluzione islamica in Iran e alle vittime
man sui set di un film, mentre terribili sonG gli incidenti ferro- del conflitto tra Libano e Israele. E un incessame caleidoscopio di
viari, automobilistici e aerei. Infine una casa infestata dai fanta- orrari e brutalita che, ancora una volta, testimonia la cieca vio-
smi, una seduta spiritica, la ripresa di un parto. lenza innata dell'uomo moderno. Mattaroi di conigli e polli,
Bellissime scene naturali assieme alle immagini di una giovane cacce morrali a balene e delfllli, selvaggi della Nuova Gujnea, leb-
donna col suo bimbo concludono il film, rna risultano ben poco brosi in Cambogia, la guerra in Indocina (che vede ripristinato
rassicuranti dopo quella fiera delle atrocita meticolosamente I'uso della ghigliottina), fuciJazioni di dittarori in Niberia... Ie
descritta. Perche di fronte all'avvenenza incontaminata della natu- facce della morte 2 si conclude diversamente dal primo capitolo:
ra e sempte e comunque la mostruosita dell'uomo a prevalete. non pili splendide riprese della natura, rna desolami immagini di
I.:abnorme, il repellente, I'agghiacciante, il gusto dello shock e del inquinamenro in una metropoli americana. Infine, un missile
parricolare macabro insistito, dilatato, impietoso in tutto il suo parte alia conquista dello spazio. E sembra cosl assurdo...
orrore, la morre intesa come materia di spettacolo, ritornano in Giuseppe Maria Scotese, autore di diversi mondo quali America di
Ie facce della morte 2 (1982), sempre diretto da Conan Le Cilaire, notte e Acid - Delirio dei sensi, e il regista di Cannibali domani
con la collaborazione di Renato Poiselli per quamo riguarda l'e- (1983). Nonostame iJ tirolo, il film in realta nulla ha ache vede-
dizione italiana. Si tratta, come il ptimo film, di una co-produ- re col filone cannibal inaugurato dalle pellicole di Umberro Lenzi
zione Giappone-USA. e Ruggero Deodato, rna documenta invece con crudo realismo
Sui titoli di testa scorrono gli incidenti stradali, Ie morri per over- quelle popolazioni che, ancor oggi, vivono in condizioni disuma-
dose, i cadaveti di annegati, gli obitori. Subito dopo e la volta dei ne e selvagge in Mrica, in India, in Brasile e in Bolivia.
rituali funebri, con la visualizzazione di cimiteri e ossari, dal «Uomo divorato da coccodrillo, srupratore eviraro davami alIa
Medioevo alle cremazioni indli sulle rive del Gange. Si prasegue vittima, cambio di sesso su transessuale, spaghetti di serpente

57
appena scuoiato, migliaia di donne adorano il "sommo fallo"»: ccidente, tra giochi di guerra nel New Jersey e sale da giochi e
queste sono Ie frasi a effetto che accompagnano il film Nudo e spogliarelli a Las Vegas. Gran parte delle scene sono state, comun-
crudele (1984) di Adalberto Albertini, regista specializzato in fllm que, ricostruite.
avventurosi (western, peplum, spionistici, supereroistici [la serie Albertini replica I' anna seguente con Mondo senza veli (1985),
dei "Tre supermen"]) ed erotici (la prima "Emanuelle nera", alcu- diretto sempre con 10 pseudonimo di Albert Thomas. L'ironia che
ne commedie decamerotiche). Imperniato sui "misteri del a1eggiava in Nudo e crudele qui diviene ancora pili marcata, con
mondo", il film di Albertini (che qui si firma con 10 pseudonimo rani e doppi sensi da com media sexy, non sempre riusciti, enun-
di Albert Thomas) comincia con la ripresa di un parto in un ospe- iati dalla voce narrante. II £lano del fum recita: "Stuprarare
dale di Londra e quindi in uno di Dallas, per poi spostarsi in impalato in pubblico. Sollevamento pesi col pene. Uncinato vivo
India, nella citta sacra di Benares, dove hanno luogo Ie cremazio- in un rito tribale. Dall'Eurapa alia Cambogia in una sequenza di
ni indli. Assistiamo quindi all'adescamento di un turista occiden- scene senza precedenri!». Muovendosi sulla falsariga di Nudo e
tale in un porto dell'Estremo Oriente da parte della madre di una crudele, il film alterna scene di morte violenta ad altre puramen-
giovanissima prostituta; agli accoppiamenti di leoni, cavalli e tc sexy, rna con minor efficacia rispetto alia prima pellicola.
bufali; all'evirazione pubblica di un arabo stupratore. Quindi si Love - Duro e violento (1985) di Claudio Racca, gia autore di
continua a viaggiare da un angolo all'altro del globo, sempre alia Tomboy -1 misteri del sesso, illustra i costumi sessuali e i pili biz-
ricerca del sensazionale e del macabro. Hong Kong: antiche ceri- zarri modi di amare nel mondo conremporaneo: nudismo, eroti-
monie religiose si mischiano a immagini di topless bar e sexy smo telefonico, cortei di omosessuali a New York, bagni partico-
shop. Tokyo: arti marziali e cerimonie della fertilita, con I'esibi- lari negli harem orienrali, riti macumba, accoppiamenri tra uomi-
zione di totem fallici d'ogni tipo e misura. Mrica centrale: la sco- ni e ani~a1i e I'inevitabile operazione chirurgica per cambiare
perta degli "uomini proboscide", cosl chiamati per I'incredibile sesso.
lunghezza dei loro membri, e Ie cerimonie rituali con sangue I mondo movies degli anni Ottanta si concludono con due fum
bovino dei Masai, per l'iniziazione alIa caccia dei giovani della aII'insegna dello shock estremo, Mondo cane oggi - L'orrore conti-
tribli. Bangkok: centri di "purificazioni corporali" - ossia sale per nua (1985) di Stelvio Massi e Mondo cane 2000: l'incredibile
lavaggi e massaggi erotici - e postriboli in Medio Oriente. (1988) per la regia di Gabriele Crisanti. Non a caso Ie due pelli-
Casablanca: un intervento chirurgico per cambiare il sesso di un cole richiamano fin dal titolo il celebre Mondo cane di Jacopetti,
giovane omosessuale. Ancora in Mrica: il pasto di un pitone a inauguratore del filone: la lora intenzione e infatti quella di sve-
base di coniglietti; cacce a ghepardi, anrilopi, sciacalli, zebre, a11i- lare gli aspetti pili violenti e repellenri, pili stravaganri e malsani,
gatori, anatre. Florida: un ranger viene dilaniato da un caimano. pili morbosi e assurdi, dei costumi umani qua e la per il globo.
Centro Mrica: ecco la cerimonia funebre di un capo tribli, nel Celato dietro 10 pseudonimo di Max Steel, il regista di Mark il
corso della quale il suo erede divora il cuore del defunto per poliziotto e di tanti altri polizieschi e film d'azione dirige con
acquisirne i poteri; ancora un pasto cannibalesco, dove la "porta- Mondo cane oggi - L'orrore continua la sua unica incursione nei
ta" e un missionario che aveva tenrato di educare e convertire un mondo movies. II £lano del film e sormontato dall'inquietante
gruppo di indigeni dediti all'antropofagia. II film si conclude in Frase: "Tutto quello che vedrete e vera. Purtroppo ... » ed elenca

59
,<!'autapsia di un gay mono di AIDS. Massaggi orienrali. 11 maca- v, riopinte manifestazioni gay. Sud America: assistiamo all'auto-
bro corriere della droga. Le terapie contro l'impotenza e la frigi- p ia di un corriere della droga, zeppo di eroina, e aile gesta di una
dita. Bambini indiani storpiati dai genitari. Cambio di sesso: 1'0- Sl:tta del peyote. La carrellata riprende una scuola di ani marzia-
perazione dal vero. Le modelle di biancheria inrima. 11 taglio delle Ii, nonche scene di prostituzione infantile, traffici di organi, bam-
dita come prova di coraggio. 11 ristorante erotico. Dietro Ie quin- bini schiavi dei narcotra.fflcanti, bordelli di adolescenri in Sud
te di un film porno». America e harem orientali. Un edificio ospita figli di tossicodi-
11 film comincia punrando principalmente sui versante erotico, rendenti, malati e destinati alia mone come i loro genitori. Da
con riprese di nudisti, lotte fra donne, fota sexy, massaggi orien- una scimmia viene espiantata il cuore in tempo reale; ci confron-
tali. Quindi prosegue privilegiando I'insolito e I'estremo, con liamo con alcuni bambini anencefali, condannati a fornire i loro
autopsie (di panicolare effetto la seena del cadavere che nasconde organi. New York: prostiruzione, sexy shop e peep show. Sfilata di
al suo inrerno ingenri quantitativi di eroina) e ani marziali, spon seducenri modelle di biancheria intima, voyeurismo nelle toilette
estremi e tatuaggi, scuoiamen ta di serpenri in Giappone e san- della metropolitana, dolci erotici a forma di genitali. Dopo Ie
guinose corride. Di nuovo e di scena I'erotismo bizzarro: bere il macabre riprese dell'estrazione di testosterone dai testicoli di
sangue di ceni anirnali (serpenri, tori, cervi, tartarughe) viene alcune scimmie e da quelli di un cadavere, Mondo cane 2000 ter-
considerato afrodisiaco presso diverse popolazioni; in un risto- mina all'insegna dell'erotismo, mostrando centri di cura della fri-
ranre erotico giapponese il cibo si mangia direttamenre dal corpo gidita che si affidano all'agopuntura, terapie di gruppo e visioni
nudo di una ragazza sdraiata sui tavolo. E ancora: vacche sacre e essuali, autaerotismo femminile, saune e, infine, Ie squillo del
bambini storpiati dai propri genitori in India per spingerli a men- rururo. Che sono poi quelle di oggi. 11 materiale girato da Massi
dicare; mattatoi di bovini in Occidenre; il taglio di un dito tra i c Crisanti per questa film fu poi riutilizzato da Crisanri per un
seguaci di una setta orientale; e1ettroshock sessuali; prostituzione nuovo film'uscita solo in video nel1994 dal titolo Sporco mondo,
maschile e travestitismo in Giappone; un'operazione per murare sporca gente.
sesso a Casablanca; il set di un film hard. Parte del materiale uti-
lizzato per questo film proviene da un precedenre mondo girato
da Massi e mai uscito dal titolo Droga - Fiurne senza ritorno.
«La verita, tutta la verita, nienr'altro che la verid. Ma non ci cre-
derete 10 stesso... ». E la frase del £lano di Mondo cane 2000: L'in-
credibile, diretto dal regista e produttore Gabriele Crisanti. 11 film
e una sona di ideale seguito di Mondo cane oggi, da cui riprende
cene tematiche e situazioni, esplorando i fatti pili folli e abnormi
che han no luogo nelle pili svariate localita del mondo.
USA: un uomo paga cenro dollari a uno sfasciacarrozze per
distruggere a colpi di mazza una macchina della polizia; prostitu-
te adescano i clienri a bordo dei loro "porno taxi"; per Ie strade,

60 61
Gli pseudo-mondo

ogliamo qui riunire quei film che, pur re-


citati da attori e presentati come opere di fic-
tion, hanno in ogni caso tutte Ie peculiaridl dei
mondo m@vies: vi si trovano, infatti, diversi film-
inchiesra educativo-scientifici sulla sessualita, reportage
SlI alcuni tra i pili drammatici evenri dell'eta conremporanea,
il fuone di "Emanuelle nera" diretro da Aristide Massaccesi, e infi-
nc certe pellitole appartenenti all'ambiro cannibal che per Ie loro
spiccare cararrerisriche rientrano di dirirro nel genere mondo.

Ballerine e strip-tease
Lorenzo Ricciardi, activo come sceneggiarore, scenografo e aiuro
regisra, dirige Calvin Lockhart ed Helen Williams in lfenere
creola (1961). Arnbientaco nelle spectacolari isole dei Caraibi, il
fllm racconta di un giovane proprietario di galE da combacti-
mento alia ricerca di un valido pennuro che prenda il posco del
suo campione, rimasto ucciso. La trama e poco pili che un sim-
patico pretesto per dar vita a una galleria di scene imperniate sui
costumi e sulle tradizioni dei Caraibi e, naturalmente, sui
numeri animati da belle ed esotiche ballerine.
Piuttosto singolare il film di Enzo Di Gianni - regista di diver-
si lavori di genere napoletano e di alcune commedie - La guer- questo motivo comincia ad assumere droghe, abbandona iJ suo
ra dei topless (1965), imerpretato tra gli altti da Steve Lang, Importame lavoro e si unisce a un gruppo di hippy.
Giovanni Vari e Nunzio Filogamo. La pellicola, conosciuta Paolo Cavara, coautore di Mondo cane, dirige L'occhio selvaggio
anche con i1 titolo Donne e diavoli, puo essere annoverata tra Ie (1967), evidemememe ispirato alia sua collaborazione con
altre appartenemi al filone dei mondo sexy a base di spogiiarelli. ;ualtiero Jacopetti. La storia del film, infatti, e quella di un
Ma cifre distintive del film diretto da Di Gianni sono la sua par- I 'gista (in cui e facile identificare 10 stesso Jacopetti) che si trova

ticolare ambiemazione e la trama del tutto fantastica. Si narra, I n Africa per realizzare un documemario sensazionale e che non

infatti, di Satana che si diletta a guardare spettacoli di strip-tease Ilutre il benche minimo scrupolo put di portare a termine il
eseguiti da belle ragazze; per disporre sempre di un certo turno- proprio progetto: filmare crudamente la realta. Ma, nel corso
ver delle artiste, invia due diavoli sulla terra affidando loro l'in- d lie movimentate riprese, la sua amante rimane accidental-
carico di corrompere formose fanciulle. Non privo di momemi meme uccisa e il cineasta viene abbandonato da tutti.
comici, il film coma naturalmeme diverse scene di strip, peraJ- Interpretato da Philippe Leroy, Delia Boccardo e Gabriele Tinti,
tro piuttosto comenure dati i tempi in cui e stato realizzato. iI film trova la sua giusta dimensione tra fiction e documentario
.1 effetto, indipendentememe dalle imerpretazioni che la figura
Realta violenta lei protagonista puo sollevare.
A meta strada tra documentario e fiction si colloca il film di Ancora Giuseppe Scotese dirige Susan Penhaligon, Paul Muller
Giuseppe Scotese Acid - Delirio dei sensi (1967), imerprerato da . Graziella Galvani in I miracoli accadono ancora? (1974), girato
Bud Thompson, Bruna Caruso e Annabella Andreoli. Scotese in Peru. Si tratta di un vero e proprio documentario-verita
riesce a rendere con notevole efficacia il clima degli anni imperniato sull'unica sopravvissuta a una sciagura aerea, una
Sessanta colloro amore libero, Ie comuni hippy, Ie visioni allu- 1", gazza che insieme alla madre andava a raggiungere il padre in
cinogene, la cultura della droga. Non a caso il film sub) nume- Amazzonia. Scotese dipinge efficacememe la solitudine e la
rosi tagli all'epoca della sua uscita, rendendone non facile la paura della giovane protagonista, che vive per giorni imeri nella
comprensione. Una voce narrame imroduce il tema delle dro- 'iungla amazzonica, tra mille pericoli, fino a quando viene
ghe allucinogene e il film ricostruisce alcuni drammatici casi di miracolosameme tratta in salvo.
giovani vittime dell'LSD. Faccia di spia (1975) di Giuseppe Ferrara e una riuscita COnta-
Primo episodio: una scrittrice bianca ama un uomo di colore minazione tra documentario-inchiesta e fiction imperniata sui
rna, quando viene a sapere che il suo amame ha una relazione ratti politici e militari internazionali. Secondo 10 stile di Ferrara
anche con un'altra donna, inizia a drogarsi e alia fine si toglie (da sempre imeressato al cinema di impegno civile e a cui si
la vita. devono pellicole quali Cento giorni a Palermo, II caso Moro e
Secondo episodio: una giornalista si lega sentimemalmeme a iovanni Falcone), scene ricostruite con attori si alternano a fil-
uno spacciatore di stupefacenti, rna l'uomo viene sequestrato mati di repertorio e a sequenze dal vero. Si comincia con un
dai suoi compJici per una resa dei conti. cccidio di rivoltosi in Guatemala, per poi pumare i riflettori
Terzo episodio: un ragazzo evittima del complesso di Edipo. Per sulla tentata invasione americana a Cuba con 10 sbarco avvenu-
ro nell961 alia Baia dei Porci, quindi sono di scena il caso ]FK, Infanti, verre su una coppia di sposi, lei infermiera presso un
la Grecia dei colonnelli, Ie drammatiche vicende politiche in I. borarorio ginecologico e lui giornalista, che racconta Ie proprie
Brasile e Congo, la rorrura e l'esecuzione di un capo ribelle in vicende sessuali, Ie esperienze erotiche dei loro amici e cono-
Marocco. Notevole rilievo viene tributaro alla leggendaria figu- ~ enti e quanto inolrre hanno appreso a livello professionale.
ra di Ernesro Guevara, il "Che" (interpretaro da un somigliante I.e dieci meraviglie dell'amore e invece una sorra d'inchiesta sulla
Claudio Volonte, fratello di Gian Maria), dalla guerriglia in .~essualita condotta da un gruppo di studenti e studentesse per la
Bolivia alla sua cattura e uccisione. In questa ricostruzione I ro tesi di laurea. I giovani filmano svariate interviste, metten-
(dove e protagonista anche Mariangela Melaro nel ruolo di una do in luce Ie mille sfaccettature della sfera sessuale: sadismo, fri-
guerrigliera) so no evidenziati cerri rilevanti parricolari, come il gidita, omosessualita, impotenza. Tra gLi interpreti principali
famoso diario scritto dal Che e la macabra amputazione delle Brigitte Skay e Angelo Infanti.
sue mani eseguita dai killer boliviani. Non poche Ie scene crude Anche Sergio Pastore, aurore del memorabile thriller Sette scial-
e violente, come quella della prigioniera seviziata e stuprata Ii di seta gialla, si cimenta con il filone pseudo-mondo dirigen-
(Lou Castel riveste il ruolo di un sadico rorturarore), e addirit- do II diario proibito di Fanny (1968). Interpretata da Jeannette
tura splatter, con occhi estirpati, mani e braccia mutilate e ser- Len (alias Giovanna Lenzi, moglie di Pasrore), Anthony Steel e
penti infilati nella vagi na di una ragazza viernami ta. La seconda (,ianni Dei, la pellicola e suddivisa in vari episodi, ciascuno
parre del film rocca I'Italia della strategia della tensione, con La basaro su una certa inclinazione 0 problematica sessuale.
strage di piazza Fontana, la morre dell'anarchico Pinelli (un Ancora uno pseudo-mondo di sapore educativo-scientifico,
intenso Riccardo Cucciolla), quella di Feltrinelli e il delitto del .lnche se risolto con toni e situazioni da com media sexy. La pro-
commissario Calabresi. Si rorna quindi all'estero, con iL colpo di lagonista Fanny e di volta in volta alle prese can voyeurismo,
staro in Cile contro Allende (un rassomigliante Ugo BoLogna), Ie bismo, "frigidita e fecondazione arrificiale nelle diverse fasi
mentre la simboLica immagine finale vede una serie di rivoli di della sua vi ta.
sangue che coLano dai grattacieli americani. Tra gli altri inter- Alfonso Brescia, regista che ha apposto la propria firma su film
preti Adalberro Maria Merli, Giorgio Ardisson, Francisco Rabal, peplum, fantascientifici, western, sceneggiate, erotici, gialli,
Dominique Boschero, Umberro Raho, tutti incisivamente cala- .Ivventurosi e polizieschi, dirige Nellabirinto del sesso (1968), il
ti nei loro ruoli. ui sottotirolo suona Psychidion. E un mondo che va a roccare
svariati aspetti della sessualita, con tanto di voce narrante, quel-
Inchieste sul mondo del sessa la di Nando Gazzolo. Nel film, interprerato da Orchidea De
Sergio Bergonzelli, regista eclettico e attivo in vari generi, dal Santis, Franco Ressel, Susy Andersen e Maria Pia Conte, si alter-
western all'avventuroso, dall'horror all'erotico, firma gli pseu- nanD episodi di ninfomania, sadismo e fericismo.
do-mondo Silvia e l'amore (1967) e Ie dieci meraviglie dell'amo- Altro pseudo-mondo d'ispirazione educarivo-sessuale e Scusi, lei
re (1968), entrambi apparentabili al documentario di educazio- conosce if sesso? (1968), diretto da Vittorio De Sisti, regisra che
ne sessuale Helga (1967) del Tedesco Erich F. Bender. ha al suo attivo diverse commedie erotiche prima di dedicarsi
II primo film, interpretaro da Anna Maria Rosati e Angelo alia fiction televisiva. Interpretaro da Mirella Panphili e Gianni

66
Pulone, il film e un'inchiesta sulla vita sessuale umana, dall'in- in discoteche beat, avventure gay, scene bondage e ogni sarta di
fanzia fino all'eta adulta. La voce narrante e quella di Gianrico degenerazione.
Tedeschi. Masochismo: un uomo si fa trattare come un cane (con muse-
Maschi e femmine (1970) e uno pseudo-mondo nel tipico stile ruola) da due puttane. Un superdotato impossibilitato ad avere
del documentario-inchiesta sui tema del sesso e sulle pili diffe- rapporti completi possiede una donna fino a farla morire. Una
renti reazioni che certe situazioni erotiche possono suscitare giovane drogata e mitomane e preda di visioni erotiche.
nelle donne e negli uomini. Diretto da Augusto Caminito, pili erontofilia: una ragazza vioJentata da un suo coetaneo svilup-
noto per la sua attivita di produttore, e da Francesco pa una malsana attrazione verso uomini pili anziani di lei.
Scardamaglia, sceneggiatore e figlio del produttore Elio, il film Peticismo: un uomo segue una giovane donna che si sfila Ie calze
e conosciuto anche con i titoli Indagine sui peccato nel mondo e . Ie lascia appositamente dietro un cespuglio. Una prostituta
Vita selvaggia. Strutturata a episodi e interpretata da attori poco illustra Ie devianze di alcuni suoi clienti. Lesbismo: la stessa pro-
noti (Maea Temare, Moira Foot, Henry Dwight, Ernesto slituta inizia all'amore saffico la studentessa che l'ha intervista-
Barba), la pellicola e ambieneata a Hong Kong, Tokyo, Bangkok la. Necrofilia: una ragazza comincia a manifestare una morbosa
e nelle isole della Polinesia, oltre che a Roma, Milano e Londra. .mrazione verso i defunti dopo la morte dell'amante (suo e della
I materiali del film: prostitute tailandesi, incontri d'amore tra madre). Sadismo: un selvaggio stupro di gruppo. Iperrealismo e
italiani e polinesiane, amore libero sui treni da parte di una delirio sessuale sono gli ingredienti di quesro film di Polselli,
spregiudicata giapponese, un tradimento inventato ma del tutto he ancora una volta si conferma come regista eccenerico e sin-
fatale per la moglie che 10 racconea al marito, suicidi da sensi di olare, sempre alia ricerca dello shock e di quell'eccesso visivo
colpa per Ie avventure sessuali, prostituzione maschile. he marchia la sua filmografia.
Renato Polselli, autore di horror erotici e surreali quali esso in con/essionale (1974) di Vittorio De Sisti e un alero docu-
L'amante del vampiro, II mostro dell'opera, Delirio caldo e Riti, mentario-inchiesta che ha per oggetto la sfera della sessualita e i
magie nere e segrete orge nel '300, dirige Rivelazioni di uno psi- vari modi di viverla da patte di donne e uomini italiani. Girato
chiatra sui mondo perverso del sesso (1972), interpretato da in varie citta (tra cui Venezia, Vicenza, Padova) e interpretato da
Franca Gonella, Melissa Chimenti e Isarco Ravaioli. II £lano del attori non professionisti, il film offre la consueta carrellata di
film, tra l'altro, recita: «II masochismo erotico. La necrofilia. La peccati, vizi e manie legate al sesso. Da segnalare l'inserimento
coprolalia. I guardoni. I deviati. I feticisti. La gerontofilia». E, di un filmato (del 15-11-1972) in cui Papa Paolo VI afferma l'e-
in effetti, Polselli dissemina il suo lavoro di scene colme di istenza del diavolo nella vita umana.
morboso erotismo, come annuncia a partire dagli stessi titoli di Guido Guerrasio, documentarista e collaboratore dei fratelli
testa, un collage di titolazioni estratte dalla cronaca nera dei Castiglioni, dirige L1talia in pigiama (1976), che ha come sot-
giornali e delle riviste dell' epoca. Uno psichiatra illustra ad totitolo Costumi sessuali delle tribit italiane. Nel filone pseudo-
alcuni suoi studenei una serie di eclatanti casi di perversione mondo a base di documentari-verita incentrati sui sesso, l'eroti-
sessuale, subito visualizzati: il tutto tra citazioni di Freud, Jung, smo e gli italiani, il film di Guerrasio e senz'altro era quelli pili
Krafft-Ebing e Reich e scene hard, zoofilia, orge psichedeliche convincenti e meglio realizzati. La dice lunga il manifesto aper-

68
tamente voyeuristico che, dietro una serratura stilizzata, fa appa- 1980, con protagonista Eva Robins; L'intesa, 1995, da un'idea di
rire una ragazza nuda. Ecco inoltre Ie frasi a effetto che accom- Pasolini) e hard (con 10 pseudonimo di Richard Bennett), ha al
pagnavano la pellicola: «La prova della virilita. Le vedove bian- ~uo atrivo anche due pseudo-mondo. Si tratta di Impariamo ad

che. La punizione dell'adultera. Le prataiole. I disinibiti. flmarci (1985), il cui sottotitolo recita Guida all'educazione ses-
Aborto, si 0 no? La prima notte. II sultano. La Dea Cibele. I Itale, e Hoi e Lamore (1986), ovvero Comportamento sessuale
naturisti. Sesso party. Porno casalingo. E un eccezionale inter- IJariante. Nella prima pellicola un conduttore illustra i pili
vento chirurgico: un uomo diventa donna». Composto da diver- diversi aspetti della vita sessuale, dal feticismo alia frigidita, e Ie
si episodi intercalati a fJmati documentaristici, Italia in pigiama pili svariate performance erotiche, di volta in volta messe in
esplora dal Nord al Sud la penisola secondo gli stilemi della ~cena da una coppia ill attori. Divertente l'inserimento nel film
commedia sexy. Ed ecco padri e figlie incesruose, adulrere e di spezzoni a cartoni animati, sempre inerenti al discorso sulla
femministe, mariti gelosi e transessuali, prosriture e omosessua- sessualita.
Ii, mariri e mogli scontente, amanri in ascensore e mogli annoia- Pili interessante risulta Hoi e lamore, una sorta ill catalogo di
re. Tra gli interpreri, la futura attrice hard Zaira Zoccheddu, perversioni, anomalie, patologie e inibizioni sessuali, con tanto
Tano Cimarosa, Ezio Sancrotti, Milly Corinaldi e Paola di riferimenti e citazioni letterarie (Masoch, Sade, Freud,
Corazzi. Appare anche Mino Reirano nel ruolo di se stesso. Moravia) e intriso di un erotismo fortemente morboso. Tra i
Renato Polselli dirige Isarco Ravaioli, Mirella Rossi e Dino momenti pili forti e malsani, una scena di pissing e la sottomis-
Strano in Oscenita (1979), dove un gruppo di persone riunite sione masochistica da parte di un uomo nei confronti della sua
in una villa parla della violenza sessuale in diverse epoche sto- amante-padrona.
riche, dal Medioevo a oggi. II film, il cui titolo doveva essere
"Quando l'amore e oscenita", si distingue per una cerra criri- rnanuelle nera
ca contro il potere e I'autorita costituita, contro i loro tabli e 11 grande successo del rornanzo Emmanuelle della Arsan e del-
oscurantismi (vedansi gli episodi di Savonarola e Galileo). I'omonimo film diretto nel 1973 da Just Jaeckin, da la stura a
Eccessivo e morboso, Oscenita presenta amori di gruppo, un vero e proprio filone del cinema erotico nostrano di cui e
messe nere e scene animal (un contadino paga una prostituta principale protagonista la bellissima Laura Gernser. II primo
perche si faccia possedere dal suo cavallo). Girato nel 1973 rna regista a dirigerla e Adalberto Albertini, il cui merito, con
bloccato dalla censura, usd nelle sale solo alcuni anni dopo Emanuelle nera (1975), e quello di aver fornito la risposta italia-
grazie a un differente doppiaggio in chiave parafemminisra, na al personaggio incarnato da Sylvia Kristel nel film di Jaeckin;
volto a dimostrare come la donna Fosse stata nel corso del I'anno successivo Albertini, sempre con 10 pseudonirno di
tempo vittima di violenze sessuali da parte dell'uomo. E que- Albert Thomas, sostituisce la Gemser con la mulatta Sharon
sto assunto, in ultima analisi, giustificava Ie svariate scene di Lesley, rna la pellicola risulta inferiore alla precedente. I film in
sesso con ten ute nel film. questione non rientrano nel genere mondo rna vi apparriene la
Antonio D'Agostino, regista specializzato in film erotici (La erie a essi ispirata e orchestrata da Aristide Massaccesi-Joe
cerimonia dei sensi, 1979, ispirato al Sala di Pasolini; Eva Man, D'Amato.
Ripreso il personaggio di Emanuelle nera e l'atrrice originar~a
viaggio in meravigliosi luoghi esotici e intesa come una rice rca
Lauta Gemset, D'Amato inventa infatti un vero e propno
dei pili diversi modi di amare ed essere amati. Per quanto I'ero-
serial erotico-esotico-avventuroso giraro qua e la per il globo
Ii mo sia in qualche modo pili morbido rispetto aile successive
con protagonista l'eccitante e spregiudicata fororeporter. di
pellicole della serie, vieppili trasgressive, D'Amato e la Gemser
colore. I film della serie sono Emanuelle nera - Orunt
f"unzionano in perfetta sinronia: il regista scopre la naturale can-
Reportage (1976), Emanuelle in America (1976), Em~nu:"e:
a magnetica e sensuale dell'attrice, splendida e ideale interpre-
perch! violenza aile donne? (1977), La via della prostxtuzlOne
le delle pili bizzarre e morbose fantasie erotiche che il personag-
(1977), Emanuelle e gli ultimi cannibali (1977). Emanuelle-
gio di Emanuelle nera sperimentera a partire da quesro primo
Laura Gemser compare pure nei due mondo sexy firmati da
·pisodio.
Bruno Mattei di cui si e gia detto.
Tra gLi altri inrerpreti, Gabriele Tinti, parmer della Gemser
.ll1che nella vita, Ely Galleani e Ivan Rassimov.
Emanuelle nera - Orient Reportage
Emanuelle giunge a Bangkok insieme al suo partner, un archeolo-
Emanuelle in America
go, per un importante servizio fotografico su un irraggiungibile
A New York Emanuelle scopre che un importante uomo d'affari e
principe. Messasi in contatto con un cugino del nobile, Emanuelle
ill realta un trafficante d'armi, oltre a possedere un proprio harem.
si fa iniziare all'amore orientale e, nel contempo, Izbera sessual-
Recatasi a Venezia, l'intraprendente e disinibita fotoreporter strin-
mente una coppia di turisti americani. Ma, in occasione di un sedi-
Xe una relazione con un duca e sua moglie, partecipando infine a
cente colpo di stato, un gruppo di soldati violenta la fotoreporter e
IIIl ftsta-orgia, di cui fotografa ogni dettaglio. Da Venezia
I'obbliga a lasciare Bangkok senza passaporto ne rullini. Raggiunto
£manuelle si sposta a un'isola dei Caraibi, presso un centro parti-
iI Marocco, Emanuelle intreccia una relazione saffica con la bella
cofare per donne sole: anche qui immortafa gli incontri erotici tra
figlia del console, quindi incontra nuovamente I'archeologo e si
Ie clienti e i loro amanti, non senza aver iniziato all'amore saffico
fascia andare a un breve triangolo con lui e fa sua fidanzata. La
la responsabile del club. lOrnata quindi a New York, viene intro-
figlia del console, che ha recuperato i documenti di Emanuelle, vor-
dotta da un influente politico nel sordido giro degli snuff movies,
rebbe trattenere la sua amica ma, alia fine, e costretta a cedere allo
dove donne nude vengono sottoposte a ogni genere di sevizie.
spirito libero e indipendente dell'avvenente fotoreporter.
embra si tratti solo di un'allucinazione derivata da una potente
droga che iI politico Ie ha somministrato ma Emanuelle ha vera-
Emanuelle nera - Orient Reportage spicca per l'intenso erotismo,
mente fotografato tutte Ie atroci scene che ha visto. II suo giornale,
annoverando: Ie arti dell'amore orientale, I'amore libero che
pero, non intende pubblicarle. COSl, nauseata, la fotoreporter rag-
Emanuelle pratica con uomini e donne, Ie voglie della coppia
giunge con iI suo partner un'isola africana.
occidentale che aspira a inedite e stimolanti esperienze sessuali
(sui filone erotico-esotico degli anni Sessanta-Settanta, inaugu-
«Laura Gemser, la vera Emanuelle ha fotografato per voi: bot-
raro da film come Bora Bora). Nella dimensione fortemenre sen-
delli per sole donne; Ie schiave del piacere; snufffilms sadoma-
suale della vicenda CUtto puo accadere. La stessa concezione del
ochisti; l'amore primitivo di una tribli in un'isola dei Caraibi;
72
73
come si divertono i ricchi e i nob iii; l'amore sentimentale e ses- Emanuelle: perche violenza aIle donne?
suale nato tra una donna e un cavallo». E 10 strillo del flano di Inviata in India per un'inchiesta sulle tradizioni religiose,
Emanuelle in America, per distinguere la vera Eman uelle nera di Emanuelle conosce un santone che pratica nel suo tempio speciali
Joe D'Amato dalle altre sue imitatrici presenti sugli schermi tecniche per prolungare all'infinito it rapporto sessuale. Ma, da qui,
nello stesso periodo (Emanuelle bianca e nera, 1976, di Mario In bella fotoreporter giunge a conoscenza di un vasto giro della
Pinzauti, Emanuelle nera n. 2, di Adalberto Albertini). Pili malavita al centro del quale c'e la tratta delle bianche. Ne segue Ie
morbosamente erotico e con momenti di violenza estrema, tracce assieme a unamica giornalista, da Roma al Medio Oriente,
Emanuelle in America prende Ie mosse a New York, dove la filmando un reportage di denuncia e smascherando infine gli orga-
bella proragonisra viene aggredita da un giovane psicopatico nizzatori dellosco traffico.
che vorrebbe ucciderla, perche la considera un simbolo del pec-
cato. Lo schermo sciorina, quindi, una girandola di scene e luo- Riuscito tentativo di coniugare Ie avventure della conturbante
ghi all'insegna del sesso estremo e bizzarro: l'harem moderno di r, toreporter di colore con l'inchiesra sociale (in questo caso la
un trafficante d'armi; l'amore saffico in piscina con Emanuelle [ratta delle bianche) e l'eros totale vissuto da Emanuelle con
e due ragazze, tra i virtuosismi della macchina da presa e Ie modalidl malsane e sadiche. Numerose, quindi, Ie scene cariche
struggenti musiche di Nico Fidenco; una sequenza animal: pro- Ii sensualira, a cominciare da queUe ambientate in India, dove
tagonisti una ragazza e un cavallo, guardati da un boss e dalla Lin santone (George Eastman) divulga il metodo per prolungare
sua corte; ancora momenti lesbici mozzafiato con Emanuelle, il coito all'infinito, tra rapporti lesbici di Emanuelle con una
in una sauna; un appassionaro triangolo a Venezia tra la foto- iovanissima adepta del tempio e amori di gruppo secondo i riti
reporter, un duca (Gabriele Tinti) e la moglie (Paola Senatore); 'rotici orientali del Kamasutra. Violentissimo, invece, il pestag-
l'amplesso in piedi di Emanuelle e un suo parmer in un palaz- io e 10 srupro inHitti a una coraggiosa giornalisra (Karin
zo veneziano, mentre un' orchestra di musica classica sra pro- chubert, qui al secondo film con la Gemser dopo Emanuelle
vando; una ragazza nuda che fuoriesce da una torta gigante a nera di Albertini) che indaga sulla tratta delle bianche; allo stes-
una fesra d.i nobili, desrinata a trasformarsi in un'orgia sfrena- ,0 modo il successivo rapimento d.i Emanuelle, prigioniera dei

ra; sesso al relefono rra Emanuelle e il suo amico americano; un gangster insieme a due ragazze e come loro spogliata, bendata e
club esclusivo per donne sole in un'isola dei Caraibi, dove la eviziata. Non mancano, perc, momenti da commedia sexy,
protagonista filma i vari incontri delle clienti con uomini a orne la scena dell'amore safftco in barca tra una giovane signo-
pagamento; ulteriori seduzioni e iniziazioni lesbiche; cruente ra e la sua cameriera, mentre Emanuelle e chiusa dentro un
scene di uno snuff movie, con torture splatter inflitte alle pri- armadio con il figliastro della signora. A Hong Kong, invece,
gioniere di una banda di feroci soldati (gli effetti speciali sono sempre sulle tracce della tratta delle bianche, Emanuelle s'im-
a cura dello specialisra Giannetto De Rossi). Nella versione batte in un laido cinese che tortura Ie sue prigioniere irrorando
estera del film compaiono inoltre scene hard con la futura attri- i loro corpi nudi di latte e quindi liberando un grande serpente.
ce a luci rosse Marina Lotar. Tra gli altri interpreri si dis tin- Non meno intrise di erotismo Ie scene dell' harem dell'Emiro,
guono Roger Browne e Riccardo Salvino. con l'infuocato triangolo composto da questi, Emanuelle e la

74 75
sua arnica giomalista, e il bordello destinato agli ospiti europei. I al £lano di Emanuelle e gli ultimi cannibali: «II cannibalismo
II film si conclude a New York, all'insegna della violenza, lad- \ ssuale. II rito della fecondazione di gruppo. La deviazione ses-
dove i giochi particolari dell'alta societa sfociano in tragedia: un suale nel manicomio. La sodomizzazione volontaria». II film di
gruppo di balordi srupra la donna di un politico che aveva bal- l 'Amato conclude la serie di Emanuelle nera impersonata dalla
lato seminuda davanri a loro. Nel cast del film figurano anche seducente e indimenricabile Laura Gemser: I'attrice conrinuera
Ivan Rassimov, Marino Mase, Don Powell e Brigitte Petronio. munque a lavorare col regista in diversi altri film erotici e,
successivamente, anche in qualita di cosrumista.
D'Amato dirige ancora Laura Gemser in La via della prostitu- F.manuelle e gli ultimi cannibali e un'ottima e indovinata com-
zione, interpretato anche da Ely Galleani e Gabriele Tinti. penetrazione tra Ie movimentate avventure della fotoreporter di
Questa volta il compito della fotoreporter di colore e quello di 'olore e il filone horror-cannibalesco di quello stesso periodo.
realizzare un esclusivo servizio suI mondo della prostiruzione. 'Amato non rinuncia, dunque, alle componenti macabre e
Giunta in Kenya, Emanuelle conosce un ambiguo e misterioso ,pLatter tipiche del suo cinema dell' orrore (si pensi al film cuLt
uomo d'affari, che in realta e a capo di un esteso racket della lJuio Omega), iniziando la storia in maniera drammaticamente
prostituzione. A suo modo affascinata da questo personaggio, la sanguinaria (in un manicomio di New York un'infermiera viene
spregiudicata fotoreporter non esita a introdursi nel giro e a pro- morsa a un sene da una pazienre) e riservando forti momenri
stiruirsi, pur di portare a termine il proprio reportage. Tra Ie Kore nel finale. Risultano in puro stile mondo, invece, i filmati in
scene pili morbosamente erotiche spiccano quelle ambienrate 1ianco e nero sull'antropofagia riruale africana, presenrati all'i-
nel falso collegio (diretto da un uomo travestito da donna), che nizio della vicenda. Nel euore della giungla amazzonica, inoltre,
cela un giro di prostitute minorenni. il torbid~ erotismo che lega tra loro alcuni componenri della
spedizione (di cui fa parte Emanuelle) va a braccetto con l'av-
Emanuelle e gli ultimi cannibali ventura sottesa dalle rrappole mortali che la giungla riserva, tra
Dopo aver assistito in un manicomio di New .York a uno sconcer- serpenti e sabbie mobili. Linvisibile, incombenre presenza dei
tante episodio di cannibalismo, Emanuelle giunge in Amazzonia annibali prende a manifestarsi con il ritrovamenro di un cada-
sulle tracce degLi uLtimi antropofagi insieme all'antropoLogo Mark, vere orrendamente mutilato e la macabra scoperta di una testa
suo nuovo partner, con cui organizza una spedizione. mozzata. Poi esplode l' orrore cannibalesco: una donna viene
Costantemente tallonati dai cannibali, i bianchi subiscono i primi fatta prigioniera, Ie tagliano un capezzolo ed edivorata viva. Nel
attacchi e una donna viene uccisa e divorata. Tutti vengono poi villaggio dei cannibali una giovane della spedizione viene appe-
fatti prigionieri, e torturati fino alia morte, a eccezione di a e sventrara, un uomo squartato in due, un'alrra prigioniera
Emanuelle e di Mark. Per salvare I'ultima donna, violentata ripe- posseduta a tumo dai cannibali.
tutamente, Emanuelle appare improvvisamente ai cannibali sor- Non mancano, comunque, i momenri fortemente erotici:
gendo dalle acque nuda e dipinta con i segni magici della loro "dea Emanuelle e un'altra ragazza della spedizione si esibiscono in un
delle acque". Riesce cos1 a coglierli di sorpresa e ad allontanarsi rappono saffico nelle acque di una cascata; selvaggio e l'amples-
miracolosamente con Mark e I'altra unica sopravvissuta alia strage. o nella giungla tra la donna bianca e il suo servitore di colore,

77
voyeurisricamenre spiaro dal mariro; e ancora spicca I'appassio- firma invece La montagna del dio cannibale (1978), che va a
naro inconrro d'amore di Emanuelle a New York, mila riva del inserirsi in un trittico orrifico-avventuroso composro da L'isola
fiume Hudson, vogliosamente osservaro da una ragazza che si rlegli uomini pesce (1979) e Ilfiume del grande caimano (1979).
masturba. Tta gli altri interpreti, Gabriele Tinti, Donald Aristide Massaccesi, che gia aveva esploraro il filone horror-can-
O'Brien, Susan Scott e Monica Zanchi. nibalesco con EmanueLle e gli ultimi cannibali, e il regista di
Antropophagus (1980), uno splatter estremo giustamenre cons i-
Mondo cannibale deraro un cult. Marino Girolami tenra un'altra contaminazione,
II filone horror-cannibalesco italiano, naro col film di Umberro peraltro efficacemente riuscita, tra il filone degli zombi e quello
Lenzi Il paese del sesso selvaggio (1972), annoveta alcune pellico- dei cannibali con Zombi Holocaust (1980), firmaro con 10 pseu-
Ie senz'altro inscrivibili all'interno degli pseudo-mondo per la donimo di Frank Marrin; e anche Anronio Margheriti speri-
presenza di ingtedienti propri del filone, quali Ie ambienrazioni menra una simile ibridazione con Apocalypse domani (1980).
esotiche, la natura selvaggia e infida, gli ancestrali titi tribali, i Ma eccoci ai film del filone pili strettamente inerenti al genere
feroci combattimenri tra animali, gli improvvisi momenri d.i mondo.
sanguinaria violenza, la lotta per la sopravvivenza, 10 spiccaro
contrasro tra uomini e animali, cosl come tra crudelta del bian- Ultimo mondo cannibale
co e quella dell'uomo primitivo. Lo stesso tema centrale del- Atterrati nella giungla di Mindanao, due antropologi trovano if
l'antropofagia, del resro, e staro pili volte visualizzaro dai mondo loro campo base stranamente deserto, mentre la ragazza che li
movies. Delle pellicole del genere cannibal rienrrano, a nostro accompagna scompare d'improvviso. L'aereo non e in condizioni
avviso, pili propriamenre tra gli pseudo-mondo Ultimo mondo tali da ripartire e ben presto una trappola letale si tende intorno ai
cannibale e Cannibal Holocaust, entrambi diretti da Ruggero bianchi:' si trovano infatti nel territorio di una tribu di indigeni
Deodaro, Schiave bianche - Violenza in Amazzonia di Mario rhe vivono ancora aLl'eta della pietra e praticano if cannibalismo.
Gariazzo e Nudo e selvaggio per la regia di Michele Massimo Mentre if pilota cade vittima di un micidiale trabocchetto, i due
Tarantini. amici vengono separati: uno precipita in un fiume e l'altro viene
II cannibal movie e un genere del tutto italiano (anche se cerro Jatto prigioniero. Costui subisce ogni sorta di torture e vessazioni,
non mancano esempi provenienri da altre nazionaJita), una rna riesce a fuggire portando con se un'india; si ricongiunge con l'a-
sorra d'indovinata fusione tra mondo movie e horror, in cui si mico, anche se inseguito dai cannibali. Infine ajfronta if capo tribu
sono cimentati svariati registi con risultati inreressanti. in un dueLlo aLl'arma bianca e lo uccide. Per i due l'evento rappre-
Lenzi, dopo Il paese del sesso selvaggio (una sorra d.i variazione senta, miracolosamente, la salvezza.
avventuroso-cannibalesca di Un uomo chiamato cavallo), dirige
Mangiati vivi! (1980), notevole contaminazione tra orrore can- Dal £lano di Ultimo mondo cannibale (1977), di Deodaro: «La
nibal e la ricostruzione del suicidio collettivo nella Guyana della carnificazione del braccio. Lo squarramento del coccodrillo. II
setta capitanata dal reverendo Jim Jones, e Cannibal Ferox pitone che divora I'uomo. L'uccisione delle figlie femmine. II
(1981), con cui chiude la personale trilogia. Sergio Martino cannibalismo nei suoi dettagli pili orripilanti. II pasro col fega-

79
to dell'avversario. Lamore selvaggio». Come si vede, il primo 'eguendo il medesimo itinerario degli scomparsi, Munro rinviene i
cannibal movie di Ruggero Deodato rimanda direttamente al foro scheletri e iL materiaLe da costoro fiLmato. Tornato a New York
genere mondo, da cui riprende certe siruazioni shock relative alia I' visionando it girato per scegliere alcuni brani adatti a commemo-
vita violenta e primitiva degli indios e Ie cruente lotte tra gli ani- rare i reporter, Munro si rende ben presto conto che questi si sono
mali e tra questi e l'uomo. Girato in Malesia e ispirato a una sto- resi colpevoli di vioLenze, sevizie e uccisioni aL fine di rendere piu
ria vera, Ultimo mondo cannibale e interpretato da Massimo flgghiacciante it loro lavoro. Ma, alia fine, i cannibali Li avevano
Foschi, Ivan Rassimov e Me Me Lay, amice-feticcio del filone rintracciati, orrendamente uccisi e divorati. 11 professore vorrebbe
cannibalesco. II regista immerge il protagonista in un incubo rendere pubbLica La terribite verita, ma i cinici dirigenti della rete
claustrofobico, aU'interno di un'inestricabile giungla cupa e lelevisiva, per La quaLe i reporter lavoravano, preferiscono far pas-
inquietante, dove anche il continuo canto degli uccelli diventa are gli scomparsi per vittime piuttosto che per assassini.
angosciante. II bianco, prima da solo nell'ignoto e poi prigio-
niero dei cannibali fino alIa liberatoria conclusione, subisce tal- al £lano di CannibaL Holocaust (1979), di Ruggero Deodato:
mente l' essenza primitiva di quei luoghi ancora incontaminati «Violenza brutale. Srupro disumano. Cannibalismo nauseante.
da trasformarsi gradualmente in un essere selvatico e forsenna- uesto e il mondo agghiacciante di Cannibal Holocaust». I
to, lontano dalla civilta cui appartiene. Moire Ie scene memora- rischi e Ie inevitabili "mutazioni" che certi reportage e doeu-
bili: il prigioniero continuamente umiliato dai suoi aguzzini e rnentari possono subire, la lucida e crudele follia dei reporter
gettato in una fossa come una bestia; la tortura mortale di un bianchi, la dissacrazione della televisione, il fascino mostruoso
indio, ferito e divorato dagli insetti; I'uccisione e 10 scuoiarnen- dei rituali antropofagi, esplodono in tutto il loro orrore in
to di un coccodrillo; il parto di un'india davanti a un fiume Cannibal Holocaust, il pili estremo e shockante film sui canni-
infestato dagli alligatori, in pasto ai quali getta la neonata; l'in- bali che rilai sia stato realizzato, nonche uno dei migliori lavori
digena posseduta selvaggiamente dal bianco, ormai segnato di Deodato.
dagli shock di cui e stato testimone; la stessa indigena uccisa, Le struggenti e malinconiche musiche di Riz Ortolani accom-
squartata e quindi divorata dalla sua medesima gente; la pauro- pagnano scene violentissime nel cuore della meravigliosa e
sa fuga nella giungla, tra mille insidie; il duello per la sopravvi- incontarninata natura amazzonica: un'indigena adultera punita
venza, a conclusione del quale il bianco mangia il euore del con un fallo rituale e quindi uccisa; una donna stuprata e un'al-
nemlCO UCClSO. tra squartata dagli uomini di una tribli rivale; la cattura e l'uc-
Deodato qui anticipa ['orrore assoluto e la devastazione corporea cisione di una tartaruga gigante; una gamba amputata a un
di Cannibal Holocaust, insistendo con raccapriccianti primi piani uomo per il morso di un serpente velenoso; una scimmia Farra a
di smembramenti, cadaveri decomposti e pasti cannibaleschi. pezzi e divorata dagli indios; una donna incinta e malata, appe-
sa e massacrata; l'agonia di una donna anziana abbandonata
Cannibal Holocaust nella giungla; un'indigena stuprata nel fango e poi impalata; il
11professor Munro, antropologo, si trova nel centro dell'Amazzonia riruale cannibalesco in tutte Ie sue atroci fasi.
sulle tracce di una troupe di reporter, misteriosamente dispersa. Ma, come s'e detto, i bianchi superano in ferocia gli stessi antro-

80 8r
pofagi poiche, pur di filmare la mone, non esitano a inscenarla compagnia di alcune ridenti ragazze indios, ugualmente nude.
ad hoc: violentano una ragazza e la impalano selvaggiamente; Cannibal Holocaust all'epoca dell'uscita nelle sale venne seque-
distruggono e incendiano un villaggio di pacifici indios, e al ter- strato e i suoi artefici furono condannati. Si grida "al rogo!", rna
mine della distruzione il regista e la sua arnica fanno I' amore la pellicola riusd qualche anna dopo, in versione censurata, e
davanti agli indigeni ... E una troupe di esaltati (tre uomini e soltanto in seguito ritrova finalmente la sua integrita nella ver-
una donna), avvezzi a riprendere esecuzioni e massacri ovunque, ione per I' home video. Tra gli interpreti, Robert Kerman,
nella maniera pill sensazionale e con dovizia di detragli macabri. Francesca Ciardi e Luca Barbareschi.
I.;azzeccatissima intuizione registica di Deodato e quella di rico-
struire cia che e real mente accaduto ai reporter atrraverso i loro Schiave bianche - Violenza in Amazzonia
stessi filmari: praticamente l'assunto di base di The Blair Witch Durante un processo per omicidio, la giovane Catherine rivive la
Project, con vent'anni d'anticipo! E quei filmati sgranati e volu- sua incredibile vicenda. In Amazzonia, durante una gita, la fami-
tamente confusi risultano di grande effetto, costituendo una glia della ragazza viene assassinata dagli indios e lei rapita. Difesa
sona di diario - via via sempre pill pazzesco e sanguinoso - di dal guerriero piit forte, Umukai, Catherine vive assieme ai suoi
quel manipolo di bianchi senza scrupoli. In preda al delirio, rapitori, conoscendo illoro mondo e Ie loro usanze fino a essere con-
continuano a filmare anche i loro stessi ultimi istanti di vita e siderata una donna della tribit. Nonostante il difficile rapporto con
quelle immagini mosse, graffiate e fuori quadro segnano il Umukai, che ritiene responsabile della morte dei genitori, la ragaz-
momenta pill disturbante del film: la mone in diretra, in nome za bianca ammira la grande bellezza della natura e comincia a
di un assurdo e aberrante sensazionalismo televisivo. comprendere i costumi degli indios. Dopo un attacco al villaggio da
I.;antropologo che fa da collante al racconto commenta al ter- parte di alcuni mercenari al servizio di una compagnia mineraria,
mine della pellicola: «Mi sto chiedendo chi siano i veri canni- Catherine apprende da Umukai che i colpevoli della fine dei suoi
bali ... ». E qui sta la densita del film di Deodato, che raffronta il genitori sono bianchi. Si tratta di due zii, che intanto si erano
cannibalismo della civilta moderna e dei suoi onnipresenti mass impossessati dei beni della famiglia di Catherine: la prigioniera
media con l'antropofagia rituale degli indios dell'Amazzonia. bianca si concede allora al guerriero indio, che poi l'aiuta a fuggi-
Nonostante l'incredibile impatto, Cannibal Holocaust si ricorda reo Lei uccide gli assassini con frecce al curaro e Ii decapita.
anche per la rara abilita con cui Deodato orchestra il suo terri-
bile racconto: la fotografia, la colonna sonora e certe immagini Dal £lano di Schiave bianche - Violenza in Amazzonia (1985), di
del euore dell'Amazzonia nel contempo bellissima e atroce, con- Mario Gariazzo: «La donna bianca catrurata e trascinata alia
corrono a creare un'atmosfera davvero unica e indimenticabile, presenza del "sommo fallo" subisce Ie pill inaudite violenze».
con momenti di autentica poesia visiva. Marginalmente legato al filone cannibal, rna con addentellati al
I.;erotismo e spesso presente, come del resro in tutre Ie pellico- genere mondo, il film diretro da Gariazzo con 10 pseudonimo di
Ie del filone cannibal, ma l'unica scena erotica solare, contrap- Roy Garrett e un avventuroso ambientaro nell' inferno verde
posta aile altre di sesso violento e selvaggio che costellano il dell'Amazzonia. Interpretato da Elvire Audray e basaro su una
film, e quella in cui l'antropologo si trova nudo in acqua in sroria vera, la pellicola e imperniata sulle abitudini e sui riti di
una tribu di indios dell'Amazzonia, che prende prigioniera la cannibal movie, con alcune indovinate situazioni orrifiche e un
giovane protagonista. Assistiamo cosl a tutta una serie di rituali ritmo serrato. Sono presenti Ie tipiche componenti del filone:
che in parte derivano direttamente dai mondo: la prigioniera, coccodrilli famelici, micidiali piranha, sabbie mobili, sanguisu-
lavata e unta dalle altre donne della tribu, e condotta nuda ghe, serpenti, torture rituali, indios cannibali. Oi notevole
davanti al capo degli indios; punita per la sua tentata fuga, la impatto Ie scene splatter: risalta quella in cui iI capo tribu srrap-
ragazza bianca viene sverginata da un fallo di legno; un'india pa iI cuore di una vittima e 10 divora. Gli interpreri sono
adultera e immolata alle rapide di un fiume, mentre il suo Michael Sopkiw, attivo in diversi film iraliani del periodo, e
amante viene appeso per i piedi e divorato vivo dagli insetti; nel usanne Carvall.
fitto di una natura selvaggia e stupenda gli animali combattono
tra di loro, secondo I'eterna legge del piu forte; un vorace coc-
codrillo sbrana un incauto indigeno. Non meno forti gli altri
momenti del film, con scene puramente splatter, a base di teste
mozzate e frecce negli 'Occhi. Oi nuovo emerge il contrasto tra la
subdola crudelta dell'uomo bianco e la naturale violenza del-
l'uomo primitivo: anche qui, come in altri film del filone can-
nibal, I' essere civilizzato supera l'indio in ferocia.

Nudo e selvaggio
Amazzonia: un aereo precipita nella Valle dei dinosauri, un luogo
infestato da animali feroci e tribu antropofaghe. I sopravvissuti
organizzano una spedizione, di cui fan parte tra gli altri il paleon-
tologo Kevin e fa giovane Eva, che si addentra nella zona proibita.
Qui alcuni perdono la vita per Ie insidie della giungla, altri sono
uccisi dagli indios cannibali, che rapiscono Eva e un'altra ragazza
per sacrificarle nel corso di una cerimonia. Liberate da Kevin, Ie
giovani e illoro amico sono fatti prigionieri da una banda di traf
ficanti di smeraldi. Dopo una spietata lotta, Kevin uccide il capo
dei criminali e riesce a salvarsi insieme a Eva.

Oal £lano di Nudo e selvaggio (1985), diretto da Michele


Massimo Tarantini con 10 pseudonimo di Michael E. Lemick:
«Vedrete quello che non pensavate potesse esistere». Ancora
Arnazzonia in un film che amalgama I' esotico-avventuroso al
Filmografia

Acid - Delirio dei semi (1967)


Regia Giuseppe Maria Scotese
Soggetto dal racconto LSD The Paradise at 5 Dollars
di Erskine Williams
Sceneggiatura Ernesto Guida, Vinicio Marinucci,
Giuseppe Maria Scotese
Fotografia Giampaolo Santini
Musica Angelo Francesco Lavagnino, Armando Trovajoli
Interpreti Bud Thompson, Bruna Caruso, Annabella Andreoli,
Norman I?avis, Federica Sachs, Stephen Forsyth

Addio ultimo uomo (1978)


Regia Alfredo e Angelo Castiglioni
Testo Vittorio Buttafava
Voce Riccardo Cucciolla
Fotografia Alfredo Castiglioni
Musica Franco Godi

Addio zio Tom (1971)


Regia Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi
Soggetto, sceneggiatura e commento Gualtiero Jacopetti,
Franco Prosperi
Fotografia Claudio Cirillo, Antonio Climati,. Benito Frattari
Musica Riz Onolani
Africa addio (1965)
Regia Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi
Soggetto e Commento Gualtiero Jacopeni, Franco Prosperi
Fotografia Antonio Climati
Musica Riz Ortolani

Africa ama (1971)


Regia Guido Guerrasio, Alfredo e Angelo Castiglioni, Oreste Pellini
Commento Guido Guerrasio
VOce Riccardo Cucciolla
Fotografia Alfredo e Angelo Castiglioni, Oreste Pellini
Musica Angelo Francesco Lavagnino

Africa dolce e selvaggia (1982)


Regia Alfredo e Angelo Castiglioni
Soggetto e sceneggiatura Angelo Castiglioni
Testo Guglielmo Guariglia
Fotografia Angelo Castiglioni
Musica Franco Godi

Africa nuda Africa violenta (1973)


Regia Mario Gervasi
Soggetto e Commento Mario Gervasi
Voci: Luciano Melani, Angiolina Quinrerno
Fotografia Mario Gervasi
Musica Angelo Francesco Lavagnino

Africa segreta (1969)


Regia Guido Guerrasio, Alfredo e Angelo Castiglioni
Commento Guido Guerrasio
VOce Riccardo Cucciolla
Fotografia Alfredo Castiglioni
Musica Angelo Francesco Lavagnino

88
Africa sexy (1963) Amore primitivo, L' (1963)
Regia Roberto Bianchi Montero Regia Luigi Scattini
Soggetto e sceneggiatura Roberto Bianchi Montero, oggetto Luigi Scattini, Massimo Pupillo
William H. Stevens ceneggiatura Amedeo Sollazzo
Commento Enzo Prosperi, Aldo Castaldi Commento Luigi Scattini
VOce Nico Rienzi VOce Riccardo Cucciolla
Fotografia Giuseppe La Torre, Francesco Izzarelli, Carlo Bellero, Fotografia Claudio Racca
Renaro Spinotti, Giorgio Mason Musica Coriolano Gori
Musica Marcello Giombini Interpreti Jayne MansFIeld, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia,
Interpreti Jimmy Montland, Joe Said, Raymond Loyal, Luwena Mickey Hargitay, Carlo Kechler, Lucia Modugno

Altra faccia del peccato, L' (1968) Amore, questo sconosciuto, L' (1969)
Regia Marcello Avallone Regia Max Hunter (Massimo Pupillo).
Soggetto e sceneggiatura Giacinto Ciaccio, Massimo D'Avack Soggetto, sceneggiatura e commento Massimo Pupillo
Commento Gianfranco Vene Fotografia Rino Filippini
VOce Nico Rienzi Musica Lallo Gori
Fotografia Anton Giulio Borghesi
Musica Peppino De Luca Angeli bianchi... angeli neri (1969)
Regia Luigi Scattini
America cos1. nuda COS1. violenta (1970) Commentd Alberto Bevilacqua
Regia Sergio Martino VOce Enrico Maria Salerno
Soggetto e sceneggiatura Sergio Martino Fotografia Claudio Racca
Fotografia Floriano Trenker Musica Piero Umiliani
Musica Bruno Nicolai
Cannibal Holocaust (1979)
America di notte (1960) Regia Ruggero Deodaro
Regia Giuseppe Scotese Soggetto e sceneggiatura Gianfranco Clerici
Soggetto e sceneggiatura Giuseppe Scotese, Ernesro Guida Fotografia Sergio D'Offizi
Testo Vinicio Marinucci, Fulvio Palmieri Musica Riz Orrolani
VOce Corrado Mantoni Interpreti Robert Kerman, Francesca Ciardi, Luca Barbareschi
Fotografia Massimo Dallarnano, Rino Filippini, Alessandro D'Eva
Musica Marcello Giombini

91
Cannibali domani (1983) Dimensione violenza (1984)
Regit;l Giuseppe Scotese Regia Mario Morra
Soggetto e sceneggiatura Giuseppe Maria Scatese, Soggetto Mario Morra, Willy Molco, Emilio Ugoletti
Huguette Coulaudon Sceneggiatura Mario Morra
Fotografia Claudio Casoraghi, Giampaolo Santini \lOci Nando Gazzolo, Pino Locchi
Musica Marcello Giombini Fotografia Giancarlo Pancaldi, Adolfo Bartoli,
Domenico Ciampanella
Citta proibite, Le (1963) Musica Daniele Patucchi
Regia Giuseppe Maria Scotese
Soggetto e sceneggiatura Giuseppe Maria Scotese, Angelo Faccenna Dolce e selvaggio (1983)
Commento Angel9 Faccenna, Giuseppe Maria Scotese, Vinicio Regia Antonio Climati, Mario Morra
Marinucci, Gino Pallotta, Ernesto Guida Soggetto e sceneggiatura Antonio Climati, Mario Morra
VOce Alberto Lupo Fotografia Mario Morra
Fotografia Fulvio Testi, Giampaolo Santini, Massimo Dallamano Musica Daniele Patucchi
Musica Marcello Giombini
Dolci notti, Le (1962)
Diario proibito di Fanny, 11(1968) Regia Vinicio Marinucci
Regia Sergio Pastore Testo Vinicio Marinucci
Soggetto e sceneggiatura Sergio Pastore Voce Corrado Mantoni
Fotografia Giovanni Raffaldi Fotografia Fulvio Testi
Musica Nora Orlandi Musica Marcello Giombini
lnterpreti Jeannette Len, Anthony Steel, Mario Donen, lnterpreti Maria Ortega, Li Han e i suoi sette fratelli,
Ivano Davoli, Gianni Dei Carmen Brox, I Clown Barrios

Dieci meraviglie dell'amore, Le (1968) Donna di notte, La (1962)


Regia Sergio Bergonzelli Regia Mino Loy
Soggetto Calisto Cosulich Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
Sceneggiatura Sergio Bergonzelli, Fabio De Agostini, Voce Nico Rienzi
Werner Hauff Fotografia Rino Filippini
Fotografia Fausto Zuccoli Musica Franco Tamponi
Musica Guycen. Interpreti Cancan del Moulin Rouge di Parigi, Dioriss Dancers
lnterpreti Bernhard De Vries, Angelo Infanti, Brigitte Skay, e Dioriss Girls, Cover Girls del Kobayashi Theatre
Hansi Linder, Marisa Solinas, Tom Felleghi, Biagio Pelligra

92 93
Donna nel mondo, La (1962)
Regia Gualtiero Jacopetti, Paolo Cavara, Franco Prosperi
Commento Gualtiero Jacopetti
VOce Stefano Sibaldi
Fotografia Antonio Climati, Benito Ftattati
Musica Riz Ortolani, Nino Oliviero

Emanuelle e gli ultimi cannibali (1977)


Regia Joe D'Amato (Aristide Massaccesi)
Soggetto Aristide Massaccesi
Sceneggiatura Aristide Massaccesi, Romano Scandariato
Fotografia Aristide Massaccesi
Musica Nico Fidenco
Interpreti Laura Gemser, Gabriele Tinti, Susan ScOtt,
Donald O'Brien, Petey Hogan, Monica Zanchi

Emanuelle e Ie porno notti (J 978)


Regia Jimmy Matheus (Bruno Mattei)
Soggetto e sceneggiatura Bruno Mattei
Fotografia Enrico Biribicchi
Musica Joe Dynamo
Interpreti Lauta Gemser.

Emanuelle in America (1976)


Regia Joe D'Amato (Aristide Massaccesi)
Soggetto Ottavio Alessi, Piero Vivarelli
Sceneggiatura Maria Pia Fusco
Fotografia Aristide Massaccesi
Musica Nico Fidenco
Interpreti Laura Gemser, Gabriele Timi, Roger Browne,
Riccardo Salvino, Lars Bloch, Paola Senatore

94
Emanuelle nera - Orient Reportage (1976) Musica Armando Sciascia
Regia Joe D'Amaro (Aristide Massaccesi) Interpreti Gianni Agus, Elio Crovetto, Betry Caviar, Bror,
Soggetto Maria Pia Fusco, Ottavio Alessi, Piero VivareUi Brasilia Shox, Cherry Liberry
Sceneggiatura Maria Pia Fusco
Fotografia Aristide Massaccesi Facce della morte, Le (1980)
Musica Nico Fidenco Regia Conan Le Cilaire
Interpreti Laura Gemser, Gabriele Tinti, Ely Galleani, Sceneggiatura: Alan Black
Ivan Rassimov, Venancino Venantini, Giacomo Rossi Stuart, Fotografia Michael Golden, Dimitri Fermo
Chris Avtam Musica Gene Kauer

Emanuel/e: perch! violenza al/e donne? (1977) Facce della morte 2, Le (1982)
Regia Joe D'Amaro (Aristide Massaccesi) Regia Conan Le Cilaire
Soggetto e sceneggiatura Maria Pia Fusco Ideazione e voce Dr. Frances B. Gross
Fotografia Aristide Massaccesi Fotografia Peter B. Good, Dimitri Fermo
Musica Nico Fidenco Musica Gene Kauer
Interpreti Laura Gemser, Ivan Rassimov, Karin Schubert,
Don Powell, George Eastman, Marino Mase, Gianni Macchia, Faccia di spia (1975)
Brigitte Petronio Regia Giuseppe Ferrara
Soggetto e sceneggiatura Giuseppe Ferrara
Europa di notte (1959) Fotografia Mario Masini
Regia Alessandro Blasetti Musica Manos Hadjidakis
Trattamento Ennio De Concini Interpreti Adalberto Maria Merli, Mariangela Melaro,
Commento Gualtiero Jacopetti Francisco Rabal, Riccardo Cucciolla, Claudio Volonte,
VOce Cortado Manroni (non accteditaro) Giorgio Ardisson, Dominique Boschero, Umberto Raho,
Fotografia Gabor Pogany Lou Castel
Musica Carlo Savina
Interpreti Carmen Sevilla, Domenico Modugno, Henry Salvador, Fol/ie d'Europa (1964)
The Platters, Crazy Horse Saloon Regia Free Baldwin (Ferdinando Baldi)
Soggetto e sceneggiatura Free Baldwin
Europa: operazione strip-tease (1963) Fotografia Angelo Filippini
Regia Renzo Russo Musica Marcello Giombini
Soggetto e sceneggiatura Renzo Russo Interpreti Alberto Bonucci, Umberto D'Orsi, Vittorio Congia,
Fotografia Mario Cimini Poupee La Rose, Jessica, Agnes, Capucine

97
I'ollie di notte (1978)
Regia Joe D'Amato (Aristide Massaccesi)
Soggetto e sceneggiatura Aristide Massaccesi
Fotografia Aristide Massaccesi
Musica Piero Umiliani
/nterpreti Amanda Lear

'/terra dei topless, La (1965)


Regia Enzo Di Gianni
Soggetto e sceneggiatura Enzo Di Gianni
Musica Luciano Fineschi
Iliterpreti Steve Lang, Giovanni Vari, Nunzio Filogamo,
1,L1ciano Fineschi, Kiko Gonsalves, Denny Durano,
nlanche Gallay

Impariamo ad amarci (1985)


Regia Antonio D'Agostino
Soggetto e sceneggiatura Antonio D'Agostino
f!otografia Maurizio Centini
Musica ~iero Montanari
/literpreti Lidia Annichiarico, Pietro Barreca, Claudio Crisafi,
( :ristina Del Monte, Marcella Petrelli, Zaira Zoccheddu

Ilighilterra nuda (1968)


Regia Vittorio De Sisti
Soggetto e sceneggiatura Ettore Mattia, Pino De Martino,
Vittorio De Sisti
Fotografia Marcello Masciocchi, Gino Santini
/Ill/sica Piero Piccioni

10 amo, tu ami". (1961)


Regia Alessandro Blasetti
Soggetto Alessandro Blasetti
Sreneggiatura Luigi Chiarini, Carlo Romano, Antonio Savignano

99
Fotografia Aldo Tonti Voce Riccardo Cucciolla
Musica Carlo Savina Fotografia Alfredo e Angelo Castiglioni
Interpreti Trio Marny, Chaz Chase, Las Hermanas Benitez, Musica Angelo Francesco Lavagnino
John and Masha, Giuliano Gemma, Giovanni Grasso,
Renato Speziali Malamondo, 1 (1963)
Negia Paolo Cavara
Isole dell'amore, Le (1970) Soggetto e sceneggiatura Paolo Cavara, Ugo Gregoretti,
Regia Pino De Martino (:esare Zanetti
Soggetto Pino De Martino ;ommento Guido Castaldo, Ftanco Toni, Stefano Strucchi
Testo Vinicio Marinucci Voce Riccardo Cucciolla
voce Giuseppe Rinaldi "otografia Ennio Guarnieri
Fotografia Gino Santini Musica Ennio Morricone
Musica Piero Umiliani
Mill d'Africa (1967)
Italia in pigiama, L' (1976) Negia Stanis Nievo (Stanislao Nievo)
Regia Guido Guerrasio L'ommento Stanislao Nievo
Soggetto Guido Guerrasio oce Nino Dal Fabbro
Sceneggiatura Pietro Cimatti, Guido Guerrasio Fotografia Antonio Climati
Fotografia Aldo Tonti Musica Riz Onolani
Musica Angelo Francesco Lavagnino
Interpreti Tano Cimarosa, Zaira Zoccheddu, Mino Reitano, Maschi efemmine (1970)
Ezio Sancrotti, Mario Cutini Nt'gia Augusto Caminito, Francesco Scardamaglia
\'oggetto e sceneggiatura Augusto Caminito,
Love - Duro e violento (1985) Francesco Scardamaglia
Regia Claudio Racca !'i/lografia Giorgio Tonti
Soggetto e sceneggiatura Claudio Racca 11ft/sica Stelvio Cipriani
Fotografia Maurizio La Monica IlIlerpreti Maea Temore, Ernesto Barba, Moira Foot, Therese
Musica RCA
Mille e una donna, Le (1963)
Magia nuda (1974) Nl'gia Mino Loy
Regia Alfredo e Angelo Castiglioni \oggetto e sceneggiatura Mino Loy
Soggetto e sceneggiatura Guido Guerrasio ( ilmmento Vinicio Marinucci
Commento Alberto Moravia \"Ire Renato Izzo

100
lOr
Fotografia Floriano Trenker Mondo candido (1974)
Musica Franco Tamponi Regia Gualriero Jacoperri, Franco Prosperi
Soggetto liberamente tratto dal Candido di Voltaire
Mille peccati... nessuna virtU (1969) \'ceneggiatura Gualtiero Jacoperti, Franco Prosperi,
Regia Sergio Martino (-'audio Quarantotto
Soggetto e sceneggiatura Luciano Marrino Fotografia Giuseppe Ruzzolini
Fotografia Floriano Trenker Musica Riz Orrolani
Musica Giuseppe De Luca fllterpreti Christopher Brown, Jacques Hedin, Michelle Miller,
10 e Quaglio, Richard Domphe, Gianfranco D'Angelo
Miracoli accadono ancora?, 1(1974)
Regia Giuseppe Scotese Mondo cane (1961)
Soggetto e sceneggiatura Giuseppe Scotese Negia Gualriero Jacopetti, Paolo Cavara, Franco Prosperi
Fotografia Giorgio Tonti Soggetto Gualtiero Jacoperti, Paolo Cavara, Franco Prosperi
Musica Marcello Giombini (;ommento Gualtiero Jacoperti
Interpreti Susan Penhaligon, Graziella Galvani, Paul Muller V'lJce Stefano Sibaldi
!'(It'Ografia Antonio Climati, Benito Frartari
Mondo balordo (1963) Musica Riz Ortolani, Nico Oliviero
Regia Roberto Bianchi Montero
Soggetto e sceneggiatura Roberro Bianchi Montero Mondo cane 2000: l'incredibile (1988)
Commento Guido Castaldo, Franco Torri Nr'Sia Gab;iele Crisanti
Voce Corrado Mantoni \'oggetto e sceneggiatura Luigi Mangini
Fotografia Giuseppe La Torre f·;ltografia Cesare Bianchini
Musica Lallo Gori !I[,{Sica Roberto Cimpanelli

Mondo caido di notte (1962) Mondo cane n. 2 (1963)


Regia Renzo Russo Rl'gia Gualtiero Jacoperti, Franco Prosperi
Soggetto e sceneggiatura Renzo Russo \'liggetto e sceneggiatura Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi
Commento Marcello Ciorciolini ( 'ommento Gualtiero Jacoperti
Voce Corrado Mantoni 10ce Stefano Sibaldi
Fotografia Aldo Greci f';ltografia Beniro Romano Frattari
Musica Armando Sciascia AllISica Nino OJiviero
Interpreti Mac Ronay, The American Twisters,
Lecuona Cuban Boys, Berra Rosen, Wanda Roti, Lirtle Tony

102 103
Mondo cane oggi - L'orrore continua (1985) "0ce Oreste Lionello
Regia Max Steel (Stelvio Massi) Fotografia Benito Frattari, Claudio Ragona
Soggetto e sceneggiatura Max Steel Musica Gianni Oddi
Fotografia Max Steel
Musica Claudio Cimpanelli, Walter Martino Mondo erotico (1972)
Regia Peter Rush (Filippo Walter Ratti)
Mondo di notte n. 2 (1961) oggetto e sceneggiatura Maurizio Riganti
Regia Gianni Proia, Mario Russo ommento Renzo Arbore
Commento Carlo Laurenzi Fotografia Girolamo La Rosa
VOce Romolo Valli Musica Piero Umiliani
Fotografia Gabor Pogany, Giulio Giannini, Thomas Tutwiler
Interpreti Hal Hirt e la sua Jazz Band, Balletto subacqueo Mondo infame (1962)
dell'Everglades, Balletto Bella Artes, Lola Beltram Regia Roberto B. Montero
Soggetto e sceneggiatura Roberto B. Montero, Alfredo Medori,
Mondo di notte n. 3 (1963) William H. Stevens, Claudine Michel, Robert Hightower
Regia Gianni Proia .ommento Guido Castaldo, Franco Torti, Nico Rienzi
Soggetto e sceneggiatura Gianni Proia, Francesco Mazzei VOce Nico Rienzi
Commento Ugo Liberatore, Francesco Mazzei Fotografia Carlo Bellero, Francesco lzzarelli, Antoine Patomian,
VOce Stefano Sibaldi .iuseppe La Torre
Fotografia Gianni Narzisi, Baldo Schwarze Musica Francesco De Masi
Musica Riz Ortolani
Interpreti Leo Campion, Maria Ansaldi, Laura Betti, Mondo matto al neon (1963)
I?egia Carlo Yeo
Mario De Simone, Marcella Ruffini, Michel Simon
. oggetto e sceneggiatura Carlo Yeo
Fotografia Giuseppe La Torre
Mondo di notte, II (1960)
Musica Piero Umiliani
Regia Luigi Vanzi
Testo Gualtiero Jacopetti
Mondo nudo (1963)
Fotografia Tonino Delli Colli
I?egia Francesco De Feo
Musica Piero Piccioru
oggetto e sceneggiatura Giuseppe Marotta
{esto Giuseppe Marotta, Giancarlo Fusco, Nino Longobardi
Mondo di notte oggi (1975) "0ce Stefano Sibaldi
Regia Gianni Proia
Fotografia Adalberto Albertini, Cesare Allione, Mario Fioretti
Testo Oreste Lionello, Giancarlo Fusco Musica Teo Usuelli
10 4
Mondo porno oggi (1976)
Regia George McRoots (Giorgio Mariuzzo)
Commento Giorgio Mariuzzo
Voce Ferruccio Amendola
Fotografia Sergio Rubini
Musica Alessandro Alessandroni

Mondo senza veti (1985)


Regia Albert Thomas (Adalbetto Albertini)
Soggetto e sceneggiatura Bitto Albertini
Fotografia Piergiorgio Albertini
Musica Nico Fidenco

Mondo sexy di notte (1962)


Regia Mino Loy
Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
Voce Nico Rienzi
Fotografia Fausto ZuccoIi, Benito Ftattari
Musica Franco Tamponi

Mondo sulie spiagge, It (1962)


Regia Renzo Rossellini
Soggetto e sceneggiatura Adriano Bolzoni, Antonello Picciau
Voce Nico Rienzi
Fotografia Vittorugo Contino, Renato Del Frate, Amerigo Hoss
Musica Marcello Giombini

Natura contro (1988)


Regia Antonio Climati
Soggetto Antonio Climati, Marco Merlo
Sceneggiatura Franco Prosperi, Antonio Climati,
Federico Moccia, Lorenzo Castellano
Fotografia Antonio Climati

106
Musica Maurizio Dami Notti e donne proibite (1962)
Interpreti Marco Merlo, Fabrizio Merlo, May Deseligny, Regia Mino Loy
Pio Maria Federici, Bruno Corazzari Soggetto e sceneggiatura Mino Loy
Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
Nellabirinto del sesso (1968) Voce Nico Rienzi
Regia Alfonso Brescia Fotografia Floriano Trenker.
Soggetto Giorgio Carlo Rossi Musica Franco Tamponi
Sceneggiatura Giacinto Ciaccio, Massimo D'Avack Interpreti Audrey Ross e Hyalish Nicolson, Strip La Giungla,
Voce Nando Gazzolo Balletto Madison, Strip Asiatico, Scarlet Love
Fotografia Fausto Rossi e Patrick Maurandi
Musica halo Fischerri
Interpreti Orchidea De Santis, Franco Ressel, Susy Andersen, Notti nude (1962)
Edgardo Siroli, Maria Pia Conte, Massimo Foschi Regia Ettore Fecchi
Soggetto e sceneggiatura Errore Fecchi
Noi e l'amore (1986) Fotografia Massimo Dallamano
Regia Antonio D'Agostino Musica Francesco Ferrari
Soggetto e sceneggiatura Antonio D'Agostino Interpreti Pippo Franco, Marilu Asaro, Anna Maria Belardinelli,
Fotografia Maurizio Centini Franco Califano, Mirella ed Erika Di Centa, Franca Polesello
Musica Piero Montanari
Interpreti Marcella Petrelli, Lidia Annichiarico, Walter Toschi, Notti porno nel mondo n. 2, Le (1978)
Pierro Barreca Regia Joe D'Amato (Aristide Massaccesi)
oggetto e sceneggiatura Aristide Massaccesi
Notti caide d'oriente (1962) Fotografia Aristide Massaccesi
Regia Roberto Bianchi Montero Musica Gianni Marchetti
Soggetto Roberto Bianchi Montero, Carlo Veo Interpreti Ajita Wilson
Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi, Franco Torti
VOce Nico Rienzi Notti porno nel mondo, Le (1977)
Fotografia Francesco Izzarelli, Giuseppe La Torre, Giovanni Regia Jimmy Matheus (Bruno Marrei)
Varriano, Carlo Bellero, Enzo Oddone, Antonio Portamian oggetto e sceneggiatura Bruno Marrei
Musica Marcello Giombini Fotografia Enrico Biribicchi
Interpreti Takeukmi Keigo e i suoi ballerini, Trio Montenegro, Musica Joe Dynamo (Gianni Marchetti)
Juan Marilla, Nagva Fouad, Mary Gordon, Dodo d'Ambourg Interpreti Laura Gemser, Marina Hedman Frajese

108
90 notti in giro per il mondo (1963)
Regia Mino Loy
Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
VOce Nico Rienzi
Fotografia Floriano Trenker
Musica Franco Tamponi

Nude caide e pure (1964)


Regia Vir Sabek (Virgilio Sabel), Lambert Sanme
Soggetto e sceneggiatura Sergio Spina, Jacques Lanzmann
Fotografia Enzo Serafin, Piero Pupilli
Musica Mario Gem

Nudeodeon (1978)
Regia Franco Martinelli (Marino Girolami)
Soggetto e sceneggiatura Marino Girolami
fnterpreti Dorothy Flower, Mary Govert, Margarem Harrison,
Kerina Mulligan

Nudi per vivere (1964)


Regia Elio Montesti (Elio Petri, Giuliano Montaldo,
Giulio Questi)
Commento Giancarlo Fusco
Fotografia Ennio Guarnieri, Giuseppe De Mitri
Musica Ivan Vandor
fnterpreti Cycle de I'aveu Gard, Ballerro Negro Mrican,
lub Drom, Chet Baker, Nancy Holloway, Marianette Regens

Nudo e crudele (1984)


Regia Albert Thomas (Adalberto Albertini)
, oggetto e sceneggiatura Adalberto Albertini, Maurizio Amati,
Vincenzo Mannino
Voce Romano Malaspina
Fotografia Piergiorgio Albertini, Guglielmo Mancori

III
Nudo e selvaggio (1985) Oscenita (1979)
Regia Michael E. Lemick (Michele Massimo Tarantini) Regia Ralph Brown (Renato Polselli)
Soggetto e sceneggiatura Michael E Lemick Soggetto e sceneggiatura Renato Polselli
Fotografia Edison Batista Fotografia Giorgio Montagnani
Interpreti Michael Sopkiw, Susanne Carvall, Milton Morris, Interpreti Isarco Ravaioli, Mirella Rossi, Dino Strano,
Martha Anderson, Joffry Soares, Gloria Cristal Ivana Giordan, Franca Grey, Brad Euston

Nudo, crudo e... (1964) Paradiso del/'uomo, II (1962)


Regia Francesco De Feo, Adriano Bolzoni Regia Giuliano Tomei
Soggetto e sceneggiatura Francesco De Feo, Adriano Bolzoni Sceneggiatura Vittorio Bonicelli, Ivo Perilli, Giuliano Tomei
Commento Adriano Bolzoni Commento Corrado Sofia
VOce Riccardo Cucciolla VOce Nando Gazzolo
Fotografia Cesar~ Allione, Adalberto Albertini, Mario Fioretti Fotografia Cesare Allione, Yujiro Yoshida, Juichi Nagarno
Musica Marcello Giombini Musica Piero Umiliani

Occhio selvaggio, L' (1967) Pelo nel mondo, II (1964)


Regia Paolo Cavara Regia Renato Marvi (Marco Vicario), Anthony M. Dawson
Soggetto Paolo Cavara, Fabio Carpi, Ugo Pirro (Antonio Margheriti)
Sceneggiatura Paolo Cavara, Tonino Guerra, Alberto Moravia, oggetto e sceneggiatura Marco Vicario
Fabio Carpi VOce Nico Rienzi
Fotografia Marcello Masciocchi Fotografia Giovanni Raffaldi, Giancarlo Lari, Marcello Gallinelli
Musica Gianni Marchetti Musica Nico Oliviero, Bruno Nicolai
Interpreti Philippe Leroy, Delia Boccardo, Gabriele Tinti,
Luciana Angelillo, Giorgio Gargiullo, Lars Bloch Piacere e il mistero, II (1964)
Regia Enzo Peri
Orientali, Le (1959) • oggetto Pasquale Prunas, Enzo Peri
Regia Romolo Marcellini ceneggiatura e commento Pasquale Prunas, Enzo Peri,
Soggetto e sceneggiatura Gino De Santis, Romolo Marcellini, iancarlo Fusco
Corrado Sofia Fotografia Benito Romano Frattari
Commento Indro Montanelli Musica Marcello Giombini
Fotografia Aldo Giordani
Musica Carlo Rustichelli
Interpreti Nagva Fouad, Lakshmi, Kannikar Dowklee, Nit Sawapaa

II2 II3
Piaceri nel mondo, 1(1962) Riti segreti (1972)
Regia Vinicio Marinucci Regia Gabriella Cangini
Testo Vinicio Marinucci Soggetto e commento Gabriella Cangini
"Voce Corrado Mantoni Voce Riccardo Paladini
Fotografia Fulvia Testi Fotografia Ramiro Arango
Musica Marcello Giombini Musica Ramiro Arango
Interpreti Zambra Mora, Jose Miguel, Franca Polesello,
Giovanna Negulesco, Natasha Rivelazioni di uno psichiatra sui mondo perverso del sesso (1972)
Regia Ralph Brown (Renato Poiselli)
Piaceri proibiti, 1(1963) Soggetto e sceneggiatura Renato Poiselli
Regia Raffaele Andreassi Fotografia Ugo Brunelli
Soggetto da un'idea di Callisto Cosulich Musica Umberro Cannone
Sceneggiatura Raffaele Andreassi, Callisto Cosulich, Interpreti Isarco Ravaioli, Franca Gonella, Bruna Beani,
Ottavio Jemma Mirella Rossi, Melissa Chimenri, Anna Rita Fodde, Tony Fusaro,
Fotografia Giuseppe Aquari Steven Tedd
Musica Piero Umiliani
Savana violenta (1976)
Questo mondo proibito (1963) Regia Antonio Climati, Mario Morra
Regia Fabrizio Gabella Soggetto e sceneggiatura Antonio Climati, Mario Morra
Soggetto da un'idea di Roger Vailland Fotografia Antonio Climari
Sceneggiatura Giorgio Bonrempi, Renato Mainardi Musica Guido e Maurizio De Angelis
Introduzione Salvatore Quasimodo
Fotografia Carlo Carlini Schiave bianche - Violenza in Amazzonia (1985)
Musica Lallo Gori Regia Roy Garrett (Mario Gariazzo)
Soggetto e sceneggiatura Franco Prosperi
Questo sporco mondo meraviglioso (1971) Fotografia Silvana Ippoliri
Regia Mino Loy, Luigi Scatrini Musica Franco Campanino
Soggetto e sceneggiatura Mino Loy, Luigi Scattini Interpreti Elvire Audray, Will Gonzales, Dick Marshall,
"Voce Giorgio Alberrazzi ara Fleszer, Andrew Louis Coppola
Fotografia Pasqualino Fanetti, Claudio Racca
Musica Piero Umiliani

II4
Schiave esistono ancora, Le (1963) Sexy (1962)
Regia Roberro Malenotti Regia Renzo Russo
Soggetto dallibro The Slaves di Sean O'Callaghan Soggetto e sceneggiatura Renzo Russo
Sceneggiatura Baccio Bandini, Gianfranco Calderoni Commento Marcello Ciorciolini
Fotografia Aldo Tonti, Aldo Nascimben, Giovanni Scarpellini, Voci Gino Bramieri, Corrado Manroni
Adalberro Alberrini, Giuseppe Pinori Fotografia Aldo Greci
Musica Teo Usuelli Musica Armando Sciascia
Interpreti Rita Himalaya, Lin Chen, Cora Vanguard,
Scusi, lei conosce il sesso? (1968) Gianna Paoletti, Norma Gladis, Rene Sartais
Regia Vittorio De Sisti
Soggetto e sceneggiatura Piero Bellanova Sexy a Tahiti (1964)
Fotografia Danilo Desideri Regia Umberro Bonsignori
Musica Angelo Francesco Lavagnino, Piero Umiliani Soggetto e sceneggiatura Umberro Bonsignori
Vilce Gianrico Tedeschi Fotografia Alberro Baldecchi
Interpreti Gianni Pulone, Mirella Pamphili, Jacques Helie Musica Tejro Ito
InterpretiTumata Feuiau, Lilian Felicien, Poia, Jean Kave
Segreti delle citta piu nude del mondo, I (1971)
Regia Dan Loperr (Luciano Marrino) Sexy ad alta tensione (1963)
Soggetto Sergio Martino Regia P. V. -Oscar De Fina (Demofilo Fidani)
Commento Tiro Carpi Soggetto e sceneggiatura P. V. Oscar De Fina
Vilce Nico Rienzi Commento Alberro Penna
Fotografia Floriano Trenker Fotografia Adriano Bernacchi
Musica Sergio Pagoni Musica Armando Sciascia
Interpreti Jon Lei, Les Piper, Les Cyranos, Frankie Ferrer,
Sesso in confessionale (1974) Aziza e Mohamed
Regia Vittorio De Sisti
Soggetto dallibro inchiesta di Norberro Valentini Sexy al neon (1962)
e Clara Di Meglio (Edizioni Marsilio) Regia Ettore Fecchi
Sceneggiatura Sandro Parenzo, Vittorio De Sisti, Norberro Soggetto e sceneggiatura Georges, Tabet, Andre Tabet,
Valentini, Clara Di Meglio Ettore Fecchi
Fotografia Erico Menczer Commento Tiro Carpi, Dipas
Musica Ennio Morricone Vilce Mario Colli
Fotografia Erico Menczer

II6 II?
Musica Marcello Giombini Sexy magico (1963)
Interpreti Scotch Steip Tease, Flevre tropicale, South American . 1?egia Mino Loy, Luigi Scattini
Ballet, Tokiko and Taiko, Storm Steip Tease, Baby Doll Soggetto e sceneggiatura Mino Loy, Luigi Scattini
Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
Sexy al neon bis (1962) Voce Nico Rienzi
1?egia Ettore Fecchi Fotografia Benito Romano Frattari, Floriano Trenker
Soggetto e sceneggiatura Adriano Bolzoni, Ettore Fecchi Musica Marcello Gigante
Commento Adriano Bolzoni Interpreti Black Eva, Barbara Won, Jessa Rubicon, Esperanza,
VcJce Stefano Sibaldi Nan a
Fotografia Erico Menczer.
Musica Marcello Giombini Sexy nel mondo (1963)
Interpreti Nelly Roche in Dog and Steip, Le retour du guerrier, 1?egia Roberto Bianchi Montero
Peryhan, Lolite's Strip Tease, Conrad Springle Soggetto e sceneggiatura Roberto Bianchi Montero,
William H. Stevens
Sexy che scotta (1963) Commento Enzo Prosperi, Aldo Cast
1?egia Franco Macchi VcJce Nico Rienzi
Commento Paolo Catletti Fotografia Giuseppe La Torre, Francesco Izzarelli, Carlo Bellero,
Fotografia Romolo Garroni Antoine Partmain, Giorgio Mason, Renato Spinotti
Musica Lallo Gori Musica Marcello Giombini
Interpreti Noel Sheldon e il suo balletto, Gisella O'Brien, Milly, Interpreti Josy e Paul Delme, Hania Kochansky, Les Batis,
Helga Hagen, Roberta, Jazmir e Anna, Janna Nicol's George, Michael Tor, Enrica Centha

Sexy Jollie (1962) Sexy nudo (1963)


1?egia Roberto Bianchi Montero 1?egia Roberto Bianchi Montero
Soggetto e sceneggiatura William H. Stevens, Soggetto e sceneggiatura Roberto Bianchi Montero,
Roberto Bianchi Montero George Reynolds
Commento Enzo Prosperi, Aldo Cast Commento Enzo Prosperi, Aldo Cast
VcJce Nico Rienzi Voce Nico Rienzi
Fotografia Francesco Izzarelli, Carlo Bellero, Giuseppe La Torre Fotografia Giuseppe La Torre
Musica Marcello Giombini Musica Marcello Giombini
Interpreti Nahed Sabri, Arab Dancers, Carol Riva, Issa Pereira Interpreti Fay Sparks, Anne Moon, Liana Certha,
e il suo balleteo, Alina, Henrietta Bud Thompson, Corinne Fontaine, Rita Kelly

n8
Sexy proibitissimo (1963) Silvia e l'amore (1967)
Regia Marcello Martinelli Regia Sergio Bergonzelli
Sceneggiatura e commento Marcello Martinelli Soggetto e sceneggiatura Fabio De Agostini, Sergio Bergonzelli
l-0ci Ferruccio Amendola, Oreste Lionello Fotografia Giampaolo Santini
Fotografia Adalberto Albertini Musica Piero Umiliani
Musica Lallo Gori Interpreti Anna Maria Rosati, Angelo Infanti, Ugo Adinolfi,
Interpreti The Paul Steffen Dancers, Kanoi Brothers, Mavl
Le Copacabana Girls, Helen Mary, Corinne Fontaine
Stregoni in tight (1964)
Sexy proibito (1962) Regia Marino Marzano
Regia Osvaldo Civirani Sceneggiatura e commento Marino Marzano
Soggetto e commento Dino Verde l-0ce Enrico Maria Salerno
Fotografia Osvaldo Civirani Fotografia Cesare Allione, Anton Giulio Borghesi
Musica Lallo Gori Musica Anton Giulio Perugini
Interpreti Wilbert Bradley, Jacqueline Bernard, Interpreti Emily Rorobi e attori non professionisti
Lino Montez Rivera, Tom Parker e Mary O'Brien, Aida
Supersexy 64 (1964)
Sexy show (1963) Regia Mino Loy
Regia Elio Balletti Commento G,uido Castaldo, Nico Rienzi
Soggetto e sceneggiatura Elio Bailetti l-0ce Nico Rienzi
l-0ce Nico Rienzi Fotografia Floriano Trenker
Fotografia Angelo Baistrocchi Musica Franco Tamponi
Musica Marcello Giombini Interpreti Cecilia Barnett, Jacques Ary, Katina del Sexy Club,
Interpreti Maria Grazia Buccella, Annie Gorassini, The Black Queen
Rita Himalaya, Susanne Loret
Superspettacoli nel mondo (1962)
Siamo Jatti cosl (1980) Regia Roberto Bianchi Montero
Regia Gianni Proia Soggetto e sceneggiatura Carlo Veo, Roberto Bianchi Montero,
Soggetto e sceneggiatura Gianni Proia Jose Maria Nunez.
Fotografia Silvio Fraschetti Commento Guido Castaldo, Franco Torti, Nico Rienzi
Voce Nico Rienzi
Fotografia Francesco Izzarelli, Giuseppe La Torre, Giovanni
Varriano, Carlo Bellero, Enzo Oddone, Antoine Partmain,

120 121
Torre Garriaga Commento Osvaldo Civirani
Musica Lallo Gori Voce Mario Colli
Interpreti Takeuki Keigo, Sybil Seymour del Sex de Paris, Fotografia Osvaldo Civirani
Leon Grieg e il suo balletto, Chery Milion Musica Lallo Gori
Interpreti Yvonne De Carlo, Dolly Bell, Alan Kemp, Dana Ghia,
Svezia, inferno e paradiso (1968) Helen Bugge, Nella Asaro, Francesca Ungaro
Regia Luigi Scattini
Soggetto e sceneggiatura Luigi Scattini, Lucio Marcuzzo Tomboy (1977)
(dallibro inchiesta di Enrico Altavilla) Regia Claudio Racca
Voce Enrico Maria Salerno Soggetto Claudio Racca
Fotografia Claudio Racca Commento Gianna Schelotto
Musica Piero Umiliani Voce Riccardo Cucciolla
Fotografia Claudio Racca
Tabu, 1(1963) Musica Marcello Giombini
Regia Romolo Marcellini
Soggetto Romolo Marcellini, Virgilio Lilli, Ugo Guerra, Toto di notte n. 1 (1962)
Ettore Della Giovanna, Luigi De Marchi, Jacques Lanzman Regia Mario Amendola
Sceneggiatura Ugo Guerra, Romolo Marcellini Soggetto e sceneggiatura Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi
Commento Ugo Guerra, Giancarlo Del Re Fotografia Adalberto Albertini
Voce Stefano Sibaldi Musica Armando Trovajoli
Fotografia Rino Filippini Interpreti Toto, Erminio Macario, Margaret Rose Keil,
Musica Angelo Francesco Lavagnino Mac Ronay, Moha Tahi, Dodo d'Ambourg

Tabu n. 2, 1(1965) Toto sexy (1963)


Regia Romolo Marcellini Regia Mario Amendola
Commento Giancarlo Del Re, Ugo Guerra Soggetto e sceneggiatura Mario Amendola, Bruno Corbucci,
Voce Riccardo Cucciolla Giovanni Grimaldi
Fotografia Rino Filippini, Angelo Filippini Fotografia Alessandro D'Eva
Musica Angelo Francesco Lavagnino Musica Armando Trovajoli
Interpreti Toto, Erminio Macario, Mario Castellani,
Ientazioni proibite (1963) Mimmo Poli, Toni Ucci, Franca Polesello, Dodo d'Ambourg
Regia Osvaldo Civirani
Soggetto e sceneggiatura Osvaldo Civirani

122 123
Tropico di notte (1962) Fotografia Giuseppe La Torre, Francesco Izzarelli, Carlo Bellero,
Regia Renzo Russo Antoine Partmain
Soggetto e sceneggiatura Renzo Russo Musica Marcello Giombini
Fotografia Mario Bernardo Interpreti Alfredo Alaria, Ricardo Ferrante, Bonny Parkes,
Musica Carlo Innocenzi Maria Asquerino, Josephine e Fernando Rubio, Les Sirex
lnterpreti Susanna Dujim, Van Aikens, Carol Carter,
Sophie Tikel. venere creola (1961)
Regia Lorenzo Ricciardi
Ultime grida dalla Savana (1974) Soggetto dal racconto Le belle creole di Melchior De La Cruz
Regia Antonio Climati, Mario Morra di Lorenzo Ricciardi
Soggetto e sceneggiatura Antonio Climati, Mario Morra Sceneggiatura Lorenzo Ricciardi
Fotografia Antonio Climati Fotografia Aldo Giordani
Musica Carlo Savina Musica Carlo Rustichelli, Piero Umiliani
Interpreti Calvin Lockhart, Helen Williams, Issa Arnal,
Ultimo mondo cannibale (1976) Sheyla Gibson
Regia Ruggero Deodato
Soggetto Renzo Genta, Gigi Rossi veneri proibite (1964)
Sceneggiatura Tito Carpi, Gianfranco Clerici, Renzo Genta Regia Mino Loy
Fotografia Marcello Masciocchi Commento Guido Castaldo, Nico Rienzi
Musica Ubaldo Continiello Wice Nico Rienzi
Interpreti Massimo Foschi, Me Me Lay, Ivan Rassimov Fotografia Floriano Trenker
Musica Franco Tamponi
Universo di notte (1962)
Regia Alessandro Jacovoni Via della prostituzione, La (1977)
Fotografia Vitrotti, Kuveiller, Carta, Bernardo Regia Joe D'Arnato (Aristide Massaccesi)
Musica Roberto Nicolosi Soggetto Aristide Massaccesi
Sceneggiatura Romano Scandariato, Aristide Massaccesi
Universo proibito (1963) Fotografia Aristide Massaccesi
Regia Roberto Bianchi Montero Musica Nico Fidenco
Soggetto e sceneggiatura Roberto Bianchi Montero, lnterpreti Laura Gemser, Ely Galleani, Gabriele Tinti,
William H. Stevens Venantino Venantini
Commento Guido Castaldo, Enzo Prosperi
Wice Nico Rienzi

124 12 5
Vizi segreti della donna nel mondo, 1(1971)
Collana PuntoSpot
Regia Silvano SeceUi (Luigi Scattini)
Soggetto e sceneggiatura Luigi Scattini
Volumi gia pubblicati:
Voce Nico Rienzi
1 - Franco Busatta
Fotografia Benito Frattari, Pasquale Fanetti
I Simpson - La guida NON u./ficiale
Musica Piero Umiliani
2 - Aleksandar Zograf
Lettere dalla Serbia - Un fUmettista sotto Ie bombe
3 - Gianni Bergamino, Pier Giuseppe Fenzi
Guerre stellari - Epica di fine millennio
4 - Daniela Catelli
L'esorcista - 25 anni dopo
5 - Andrea Carlo Cappi, Edward Coffrini Dell'Orto
Mondo Bond - Tutto quanto fa 001
6 - Fabio Gadducci, Mirko Tavosanis
Casa Disney - Autori e diritto d'autore
7 - Paolo Bacilieri, Franco Busatta
Patty Paradise - Le avventure di Patty Pravo
8 - Angelica Timori
Michael Crichton - Medici, dinosauri & Co.

126
127