Sei sulla pagina 1di 18

Corso di Laurea: #corso#

Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Paradigmi pedagogici

Il termine epistemologia deriva dal greco epistème e cioè scienza e lògos: il sapere
della scienza stessa.
L’epistemologia “è la scienza che ha per oggetto l’esame critico della ricerca
scientifica e della stessa nozione di scienza” (Morselli 1993).
L’espistemologia rappresenta, quindi, lo studio dei paradigmi e del pensiero che
appartengono ad una data area del sapere umano, attraverso metodi e verifiche
che corroborano o falsificano, secondo il modello popperiano, un dato sapere

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Tra le principali aspirazioni e connotazioni dell’epistemologia si ricordano:


- il convenzionalismo: aderente al pensiero di E. Mach e P. Duhem;
- il neoempirismo logico: espresso dal Circolo di Vienna agli inizi del Secolo
trascorso, che si connota per un approccio positivista ed empirico alla realtà;
- le ricerche: riferibili a I. Lakatos-T. Kuhn-P. Feyerabend;
- il metodo della falsificazione: di popperiana memoria che, nel 1902, espresse la
necessità di un metodo secondo il quale “una teoria scientifica è tale se è
falsificabile, ossia se è concepita e formulata in termini tali da poter essere
sottoposta ad esperimenti in grado di provarne la (eventuale) falsità”
(Morselli 1993)

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Il problema epistemologico della pedagogia obbliga, per prima cosa, a definire tale
termine.
Pedagogia deriva dalle parole greche pàis che significa fanciullo e agoghé termine usato
per identificare un determinato stile di condotta (sia da parte dell’educatore, che del
discente), nonché il condurre e guidare il soggetto in apprendimento verso la
realizzazione dei propri obiettivi di vita.
Una dottrina, quella pedagogica, che caratterizza la persona nella sua totalità espressiva,
nella sua singolarità-unicità e nella sua libertà d’azione e di pensiero.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

La pedagogia non può prescindere da una chiara impostazione personalista capace di


accrescere appieno tutte le potenzialità che ogni soggetto possiede e che maieuticamente
devono esprimersi.
Da un punto di vista storico si chiama personalismo “la posizione di Ch Renouvier che,
sviluppando tematiche del pensiero cristiano di S. Agostino e di Cartesio, intendeva
difendere il valore della persona, centro di rielaborazione dei dati empirici e di libere
scelte in campo conoscitivo, morale, storico e politico, dagli attacchi delle filosofie di tipo
assolutistico e deterministico”
(Cfr. Morselli 1993)

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Connotazioni pedagogiche
Come si è potuto osservare la pedagogia non discende da una sola idea ed
impostazione.
Una pedagogia, quindi, che si rende concreta sia nel suo aspetto pratico, ma che
comunque si alimenta di ideali e modelli che si dirigono verso la trascendenza
dell’uomo e della sua umanità tipiche del personalismo di stampo cristiano.
Approfondimento
(Da un punto di vista storico si chiama personalismo “la posizione di Ch Renouvier
che, sviluppando tematiche del pensiero cristiano di S. Agostino e di Cartesio,
intendeva difendere il valore della persona, centro di rielaborazione dei dati
empirici e di libere scelte in campo conoscitivo, morale, storico e politico, dagli
attacchi delle filosofie di tipo assolutistico e deterministico” (Morselli 1993).
Come si è potuto osservare la pedagogia non discende da una sola idea ed
impostazione positivista, intendendo con questo termine il suo aspetto
ermeneutico, ma che nella scientificità dei fatti e nel suo processo di
sperimentazione sviluppa concetti e archetipi metafisici e platonici)
© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

La pedagogia, afferma L. Rosati, non certo ancora come scienza, deriva dalla filosofia e in
essa si disperde fino ad annullarsi, se non quando, da una sorta di servitù ancillare si
riscatta per guadagnare un proprio spazio, propri metodi, propri contenuti.
E la lezione comeniana sta nel mezzo, perchè si affermerà “l’Emilio di J. J. Rousseau che
opererà una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di intendere l’educazione e
la pedagogia come guida attenta allo sviluppo del giovane Emilio”
(Rosati L., La fine di un’illusione. Le scienze dell’educazione al bivio, Morlacchi, Perugia
2008, p.27)

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Da quanto espresso ne deriva la sua connotazione filosofica, dalla quale non può
prescindere per divenire scienza a disposizione dell’educazione e della persona. Non a
caso la pedagogia trae la sua origine epistemologica dalla filosofia.
Ed è qui che la pedagogia trova la sua più naturale ragione d’essere. Una
responsabilità educativa che contempla:

-il suo essere scienza dell’educazione

-di essere arte filosofica dell’educazione.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Una riflessione critica sulla pedagogia ha l’obbligo di:


-indagare sulla formazione e sull’educazione del soggetto considerandolo nella sua
totalità psico-fisica
- determinare i fini e gli scopi che si debbono perseguire

-Definire il metodo più adeguato alla realizzazione degli obiettivi

- l’arte con cui intraprendere tale viaggio.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia
Educazione, formazione e
istruzione nella scuola
dell’inclusione
Iniziamo dal termine Istruzione
Definizione generale: Complesso delle cognizioni acquisite
- Rosati L.: volta a designare l’aspetto informativo
- Laporta R.: insieme di aspetti dell’educazione controllabili mediante
l’insegnamento
- Crispiani e Giaconi: locuzione che indica la funzione di conferimento di
competenze culturali in ambito scolastico.
- Margiotta U: valore di leva fondamentale per l’autorealizzazione
dell’individuo

Per istruzione, quindi è legittimo intendere quel processo di alfabetizzazione che


ogni soggetto compie nel pervenire alle informazioni. É un processo spesso
passivo in quanto può essere descritto come un travaso di conoscenze.
© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

La seconda terminologia che è doveroso scrutare è Formazione:


- in internet si trova: processo complesso di trasferimento di contenuti e metodi per
fare acquisire alle persone livelli intellettuali, culturali, emotivi e spirituali sempre
maggiori (http://it.wikipedia.org);
- Rosati L.: “attitudine a documentarsi, ad apprendere per tutto il corso della vita; a
creare un clima di fiducia e stima reciproca, a instaurare un rapporto, o meglio
un’autentica relazione di aiuto, che si traduce in atteggiamenti di comprensione,
cooperazione e solidarietà”. Carattere funzionale dell’intervento educativo
- Sen: “Condizione sistemica per promuovere la possibilitazione e la capacità
umana, intesa come la libertà di mettere in atto più stili di vita”
- Vespa G., “l’insieme delle azioni di progettazione, insegnamento, apprendimento e
di valutazione il cui obiettivo è quello di sviluppare le conoscenze, le capacità, le
competenze e le abilità del soggetto per svolgere efficacemente ed
efficientemente le prestazioni lavorative. Essa si diversifica in: a distanza,
continua, permanente, dei formatori, di affiancamento iniziale, integrata,
professionale”
La formazione è una sintesi proceurale del prendere forma di un soggetto e che parte
dall’istruzione
© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Educazione:
Mialaret: “L’educazione è un’arte”
- W. Brezinka: “Insieme di azioni significative coordinate con le quali gruppi di uomini
organizzati cercano di migliorare la compagine delle disposizioni psichiche di altri uomini.
Di qui il passaggio dalla costituzione originaria della persona alla formazione della
personalità”

- J. Dewey: “progressiva partecipazione delle giovani generazioni al patrimonio


consolidato e tramandato della umanità”
- E. Durkheim: “opera attraverso la quale la società procede a forme di integrazione nei
propri sistemi di funzionamento e nei propri sistemi di valori”;
- G. Acone “autorealizzazione del soggetto persona, socialmente e culturalmente
orientato, sulla scorta di una costellazione di conoscenze, competenze, valori e significati,
in vista di un orizzonte di senso”
- Rosati L.: “azione volta a guidare ogni soggetto verso valori etici e morali, volti a
salvaguardare la persona, il pianeta”
© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

I termini educazione, istruzione e formazione suscitano notevoli dibattiti nelle stanze


pedagogiche.
Questa è particolarmente dovuto alla difficile circoscrizione generale del significato che
assumno, il quale varia secondo molteplici implicazioni culturali, econimiche e politiche.
Di qui l’assunzione di percezioni di significanza che possono adirittura sembrare
contrastanti, ma che comunque si legano all’unicità contestuale.
Se l’istruzione può essere considerata un processo di alfabetizzazione, ed il suo processo
come una trasmissione di informazioni, la formazione è definibile come un
consolidamento di quest’ultima.
In tale modo, riflette la De Angelis, «sembra che l’educazione, l’istruzione e la
formazione, nella loro triplice articolazione trovino una unitarietà nell’individuo che si fa
artefice del divenire sociale»

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Traduzione inclusive
Di certo l’educazione, la formazione e l’istruzione sono i stretta simbiosi, soprattutto
allorquando si legano alla pedagogia inclusiva.

Il documento dell’UNESCO “Good Pedagogy – Inclusive Pedagogy”: ”[…] si dichiara che


tutti i bambini possono imparare e che tutti i bambini sono fra di loro diversi. Se
partiamo da questo presupposto, la diversità può essere intesa come punto di
forza e si può evidenziare l’esistenza di stili di apprendimento diversi, che si
basano sulle caratteristiche di ognuno, sulle sue peculiarità”
(rif. Unesco, Good pedagogy-inclusive pedagogy, in Unesco Section for Special Need
Education, Inclusive Education and EFA. A challenge and a vision, Paris 2000)

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Tutti i bambini (dopo le recenti scoperte neurologiche diremmo anche tutti gli adulti)
quindi possono ed hanno il diritto ad imparare nella triplice forma
precedentemente espressa.
Dopo trentenni dal passaggio da una logica di separazione ad una scuola aperta a
tutti è ora di tirare le somme. Da un iniziale “inserimento selvaggio”, grazie al
lavoro di esperti – a volte anche solo volenterosi - educatori si è riusciti a
migliorare la situazione, tanté che oggi all’interno della scuola si assiste ad una
«normalizzazione» del processo apprenditivo. Non si tratta più di decidere il cosa,
piuttosto il come.
L’inclusione scolastica ormai rappresenta il dato concreto e non più una utopica e
futuristica visione.
Il passaggio e la trasformazione dell’integrazione in quella scelta di inclusione ha
delineato la garanzia per tale processo, non solo a livello scolastico, piuttosto
anche a livello sociale.
Certo di strada ancora ne abbiamo da fare al fine di ridurre l’handicap, come avanzato
dallo stesso Canevaro alle soglie del nuovo millennio.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

La qualità dell’inclusione scolastica può essere considerata una cartina di tornasole


della stessa salute della scuola italiana.
I risultati a cui si giunge nel clima di una inclusione capace di riconoscere le
potenzialità dei soggetti diversamente abili sono rappresentativi del corretto
utilizzo delle risorse messe in campo dall’educazione, dalla formazione e
dall’istruzione stesse: insegnati, famiglie, compagni e servizi specializzati.
Sotto tali aspetti lo studio dei vari deficit può e deve rappresentare un momento di
profonda riflessione pedagogico didattica, nella quale riscontrare sufficienti
processi e idee al fine di favorire ogni processo di insegnamento apprendimento.
Sotto tali aspetti l’insegnante si veste di quel senso di riflessione sostenuto da Schol
quale «professionista riflessivo», soggetto, cioè, in grado, attraverso la libertà
creativa e di ricerca, di fondere conoscenze dei soggetti che ha davanti e
competenze didattiche e pedagogiche.
Una figura di sistema: l’insegnante di qualità.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Occorre esaminare più da vicino quali siano gli aspetti critici e attuali riguardanti il
processo di inclusione, in particolare secondo tre elementi:

1. organizzazione della scuola e integrazione


L’autonomia ha reso flessibile l’organizzazione scolastica. Anche se tale flessibilità è
più teorica che pratica, le cause di questa dicotomia sono da rintracciare nella
paura al cambiamento, alla limitata conoscenza e ad una amministrazione e
burocraticità sempre più pressante. Occorre, oltre che una maggiore flessibilità
organizzativa, anche una migliore qualità di comunicazione con il territorio, come
previsto negli accordi di programma.

2. la metodologia educativa
una corretta metodologia educativa ha una finalità socializzante e di emancipazione.
Questo può avvenire solo attraverso una programmazione personalizzata e un
insegnamento individualizzato, calibrata, cioè, ad ogni singola esigenza.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

3. Le risorse per l’integrazione

Le risorse principali per l’inclusione sono rappresentate senza dubbio:


- dalla professionalità del personale docente, dal quale è richiesta una sempre
maggiore sensibilità nei confronti di soggetti deficitari;
- team dei soggetti professionali presenti nella rede educativa;
- il gruppo dei pari, quali elementi determinanti per una solidale integrazione;
- programmi di insegnamento cooperativo;
- le famiglia, quale partner educativi indispensabili per una didattica di qualità.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it
Corso di Laurea: #corso#
Insegnamento: #insegnamento#
Lezione n°: #lezione#
Titolo: #titolo#
Attività n°: #attività#

Facoltà di Psicologia

Per eventuali approfondimenti si vedano:

❖ AAVV, Per una didattica speciale di qualità. Dalla conoscenza del deficit
all’intervento inclusivo, Morlacchi Editore, Perugia 2008
❖ Canevaro A., Pedagogia speciale. La riduzione dell'handicap, Mondadori
Bruno, Milano 1999
❖ M. Pavone, Dall'esclusione all'inclusione. Lo sguardo della Pedagogia
Speciale, Mondadori Università, Milano, 2010
❖ Ianes D., L’evoluzione dell’insegnante di sostegno, Erickson, Trento 2014
❖ Andrea Canevaro, Luigi d’Alonzo, Dario Ianes, Roberta Caldin,
L’integrazione scolastica nella percezione degli insegnanti, Erickson,
Trento 2011.

© 2007 Università degli studi e-Campus - Via Isimbardi 10 - 22060 Novedrate (CO) - C.F. 08549051004
Tel: 031/7942500-7942505 Fax: 031/7942501 - info@uniecampus.it