Sei sulla pagina 1di 36

Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M.

616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La classe e il cooperative
learning
36.0 Sistemare l’aula

Rif. David W. Johnson, Roger T. Johnson, Edythe J. Holubec, Apprendimento cooperativo in classe, nuova edizione, Erikson, 2015.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

L’organizzazione dello spazio e dell'arredamento dell'aula sono fattori


che possono facilitare oppure ostacolare l'apprendimento.

La sistemazione dell'aula è importante per molte ragioni:

La disposizione dello spazio e degli arredi dell'aula mostra


simbolicamente quali sono i comportamenti che vengono considerati
appropriati in classe e ciò che ci si aspetta che gli studenti facciano.

Ad esempio disponendo i banchi fila si comunica un messaggio diverso


rispetto a quello che si trasmette disponendoli in piccoli cerchi.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

L'organizzazione dell'aula può facilitare o ostacolare direttamente


rendimento scolastico.

Una buona organizzazione spaziale aiuta lo studente a focalizzare


l'attenzione sia livello visivo che uditivo.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

L'organizzazione dell'aula può determinare, positivamente o


negativamente, la qualità dell'apprendimento.

L'organizzazione dell'aula può facilitare o ostacolare la gestione della


classe.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

L'organizzazione dell'aula può agevolare ostacolare il funzionamento


dei gruppi di apprendimento. La disposizione influisce sugli schemi di
partecipazione dello studente dell'insegnante all'attività didattiche,
sull'autogestione dei gruppi di apprendimento, sugli schemi di
comunicazione tra studenti.

L'organizzazione dell'aula può agevolare ostacolare le relazioni tra


studenti.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Indicazioni generali

Nel disporre l’aula per il lavoro in gruppo e utile rispettare alcuni


principi:

I membri del gruppo di apprendimento dovrebbero sedere faccia a


faccia abbastanza vicini, in modo che possono condividere materiali,
mantenere il contatto oculare con tutti i membri del gruppo, parlassi a
bassa voce senza disturbare gli altri gruppi.

Gli studenti dovrebbero sedere con la faccia un fianco rivolti verso


l'insegnante, in modo da non dover girare la sedia su posizioni
scomode.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Indicazioni generali

I gruppi devono essere abbastanza distanziati in modo che non


interferiscano tra di loro e l'insegnante possa agevolmente monitorarli.

L’organizzazione dell'aula dovrebbe essere abbastanza flessibile da


permettere agli studenti di cambiare rapidamente la composizione e le
dimensioni del gruppo
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La classe e il cooperative
learning
36.1 Sistemare l’aula

Rif. David W. Johnson, Roger T. Johnson, Edythe J. Holubec, Apprendimento cooperativo in classe, nuova edizione, Erikson, 2015.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Organizzazione flessibile dello spazio: definire le aree di lavoro

Spesso non è possibile trovare una disposizione dell'aula adatta a tutte


le attività didattiche, occorre quindi organizzare lo spazio in modo
flessibile.
Per definire confini e punti di riferimento e quindi focalizzare
l'attenzione degli studenti possono essere usati alcuni metodi:
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Organizzazione flessibile dello spazio: definire le aree di lavoro

1. usare dei segnali per delimitare le aree;


2. usare colori per definire gli spazi di gruppo e quelli individuali, dove
posizionare materiali, ecc.;
3. delimitare le diverse aree di lavoro con dell'adesivo da incollare sul
pavimento o sulle pareti;
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Organizzazione flessibile dello spazio: definire le aree di lavoro

4. Usare forme come le frecce appese alle pareti o al soffitto per


guidare l'attenzione, delimitare le aree di lavoro appendendo dei
cartelli;

5. Usare le luci per definire specifiche aree di lavoro, un'illuminazione


più intensa in alcuni punti dell'aula aiuta a focalizzare l'attenzione;
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Organizzazione flessibile dello spazio: definire le aree di lavoro

6. Spostare i mobili per definire le aree di lavoro;

7. Espone il lavoro svolto dal gruppo per definire gli spazi, sei un
gruppo cooperativo deve lavorare insieme per più settimane i
membri potrebbero appendere poster e lavori nella loro area.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Schemi di movimento

Per un uso efficace dell'apprendimento cooperativo occorre sistemare


l’aula in modo da fornire degli schemi di movimento adeguati.

Gli schemi di movimento dovrebbero permettere agli studenti di


spostarsi rapidamente da un gruppo all'altro.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Schemi di movimento

Dal momento che durante la lezione di insegnante deve monitorare


attentamente l'intera classe, è necessario che possa accedere
facilmente a ogni gruppo o studente.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Sistemazione dell'aula e problemi disciplinari

Una corretta sistemazione dell'aula può contribuire a ridurre i problemi


disciplinari.

Molti problemi disciplinari si manifestano in classe la dove ci sono punti


nell'aula che l’insegnante non controlla agevolmente.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S1
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Sistemazione dell'aula e problemi disciplinari

Spesso gli studenti si comportano male perché pensano che


l'insegnante non si stia occupando di loro.

La possibilità per l'insegnante di accedere agevolmente a ciascuno


studente, senza disturbare gli altri, è quindi fondamentale.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La classe e il cooperative
learning
36.2 Organizzare i materiali

Rif. David W. Johnson, Roger T. Johnson, Edythe J. Holubec, Apprendimento cooperativo in classe, nuova edizione, Erikson, 2015.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La modalità di distribuzione dei materiali influisce molto sulla qualità del


lavoro collettivo svolto dagli studenti.

Il metodo cooperativo non richiede materiali particolari, diversi da quelli


impiegati in una lezione condotta in modo competitivo individualistico.

I materiali tradizionali possono essere utilizzati in modo particolare così


da favorire la cooperazione degli studenti.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Nella distribuzione dei materiali si possono usare diverse modalità:

1. Si consegna a ogni studente un set completo di materiali. Ogni


membro avendo poco perdere il bisogno di una copia di un brano o
di un capitolo da leggere, oppure di una copia dei problemi di
matematica che gruppo sto cercando di risolvere.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

2. Si dà a ogni gruppo una sola copia dei materiali. Limitate risorse


fornite al gruppo è uno dei modi per stabilire l'interdipendenza
positiva dai suoi membri. Essi sono costretti a lavorare insieme.
Questo metodo è particolarmente efficace durante i primi incontri
del gruppo. Se ciascuno studente infatti ha la sua copia dei
materiali È più probabile che tenda a lavorare autonomamente. Nel
caso in cui al gruppo vengano forniti degli strumenti, come ad
esempio un microscopio o un computer, il doverli condividere
spinge gli studenti studenti a cooperare.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

3. si distribuisce parte del materiale ad ogni studente e parte al


gruppo nel suo insieme. Ad esempio si può consegnare a ogni
membro del gruppo una copia del brano da leggere, così che
possa realizzarlo comodamente, e fornire al gruppo una sola copia
dell'elenco delle domande di studenti devono rispondere
collettivamente.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

4. Gli studenti possono essere resi interdipendenti distribuendo a


ciascuno studente solo una parte delle informazioni necessarie a
svolgere il compito (metodo Jigsaw). È responsabile della sua
parte del materiale: deve studiarla, insegnarla al resto del gruppo e
imparare a sua volta le informazioni fornite dagli altri. Poiché
ciascuno ha bisogno delle risorse degli altri per svolgere il compito,
tra i membri del gruppo si stabilisce interdipendenza di risorse.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

5. gli studenti possono essere resi interdipendenti distribuendo


l'attrezzatura e i materiali con la procedura Jigsaw. Ad esempio il
materiale per fare una traduzione può essere distribuito dando il
testo da tradurre al primo studente, gli schemi grammaticali al
secondo e il dizionario bilingue al terzo.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

6. si richiede a ciascun membro di fornire un contributo specifico al


prodotto collettivo di contribuire con un paragrafo o con una frase
alla scrittura di un testo.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S2
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

7. si strutturano i materiali così da creare una competizione tra i


gruppi e poter confrontare il livello di competenza raggiunta da
ciascuno. Si formano dei chiudi gli apprendimento cooperativo
eterogenei in termini di competenza; all'interno dei gruppi gli
studenti devono assicurarsi che tutti i membri raggiungano la
padronanza del materiale assegnato. Quindi I gruppi si confrontano
in un torneo competitivo per stabilire chi abbia preso meglio i
materiali. Torneo si formano dei nuovi gruppi che uniscano gli
studenti provenienti da gruppi di apprendimento diversi, Il torneo si
svolge come un gioco. Le prove possono essere costituite da
domande scritte su dei cartellini che gli studenti prelevano a turno.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La classe e il cooperative
learning
36.3 Organizzare i materiali

Rif. David W. Johnson, Roger T. Johnson, Edythe J. Holubec, Apprendimento cooperativo in classe, nuova edizione, Erikson, 2015.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

La scelta dei materiali per una lezione è determinata anche dal tipo di
compito e da ciò che gli studenti faranno durante la lezione stessa.

Occorre immaginare come gli studenti potrebbero lavorare in gruppo e


decidere se sia effettivamente necessario che gli studenti abbiano a
disposizione i materiali in ogni momento.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Quando un gruppo ha già esperienza e i suoi membri hanno raggiunto


un buon livello di abilità interpersonali non è necessario predisporre i
materiali in modo particolare.

Se il gruppo nuovo o i membri ancora non hanno acquisito adeguate


abilità di cooperazione si devono organizzare e distribuire i materiali in
modo da comunicare l'importanza del lavoro comune
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Difficoltà del gruppo

L'organizzazione accurata del materiale permette di evitare una serie di


difficoltà e di problemi comportamentali, tra cui:
1. Lo studente che non si fa coinvolgere. Quando uno studente non
partecipano al gruppo, li si può coinvolgere usando la procedura
Jigsaw per distribuire le informazioni, i materiali e le risorse. In
questo modo lo studente è spinto a partecipare perché senza il suo
contributo il lavoro non può essere svolto.
2. L’alunno dominante. Quando uno studente domina la discussione
di gruppo si può contenere il suo coinvolgimento usando la
procedura Jigsaw nella distribuzione delle informazioni dei
materiali.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Difficoltà del gruppo

3. Gli studenti stanno seduti troppo distanti per poter lavorare


insieme. Distribuendo agli studenti un solo corredo di materiali i
membri del gruppo dovranno stare necessariamente più vicini l'uno
all'altro
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Il metodo Jigsaw – approfondimento

Il metodo Jigsaw permette di strutturare l'interdipendenza positiva tra i


membri del gruppo attraverso l'interdipendenza delle risorse.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Il metodo Jigsaw – approfondimento

Le fasi per strutturare una lezione con questo metodo sono:

1. Fornire le risorse gruppi cooperativi. Distribuire un corredo di


materiali a ogni gruppo. I materiali devono potere essere suddivisi per il
numero dei membri del gruppo, così che ogni membro ne riceva una
parte.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Il metodo Jigsaw – approfondimento

2. Formare le coppie di studio. Gli studenti devono mettersi in coppia


con un compagno, membro di un altro gruppo di apprendimento, a cui
sia stata assegnata la stessa parte di materiale e svolgere insieme due
compiti:
a) apprendere padroneggiare il materiale.
b) Programmare come insegnarlo agli altri membri dei rispettivi
gruppi.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Il metodo Jigsaw – approfondimento

3. Formare coppie di preparazione all'insegnamento. Gli studenti


devono mettersi con un altro compagno, membro di un altro gruppo di
apprendimento, che abbia imparato lo stesso materiale e discutere
insieme le modalità più efficaci per insegnare il materiale studiato agli
altri membri dei rispettivi gruppi. Le copie rivedono insieme ciò che
ognuno singolarmente dovrà insegnare al suo gruppo di appartenenza
e come dovrà insegnarlo. Le idee migliori di ciascuno vengono inserite
nelle rispettive presentazioni.
Corso di Laurea: PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Insegnamento: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
Lezione n°: 36/S3
Titolo: sistemare l'aula e oranizzare i materiali
Attività n°: 1

Il metodo Jigsaw – approfondimento

4. Lavoro nei gruppi cooperativi. Assegnare agli studenti il compito


cooperativo di:
A) insegnare la loro area di competenza agli altri membri del gruppo.
B) imparare il materiale insegnato dagli altri.

5. Valutazione. Verificare il grado di padronanza del materiale raggiunto


dagli studenti. Premiare i gruppi in cui tutti i membri raggiungano il
criterio prestabilito.