Sei sulla pagina 1di 3

Come possiamo comprendere l'atto che il cristiano

compie quando dice "io credo"?

Questo si fonda puramente su qualche tipo di sentimento


oppure è una convinzione soggettiva che viene dal cuore?

Alcuni scettici possono argomentare che dato che noi non


vediamo direttamente la verità delle cose di cui noi crediamo,

credere è qualcosa da fare che è fondamentalmente


irragionevole oppure irrazionale.

Adesso per rispondere a questa questione, è bene rivolgersi


a san Tommaso d'Aquino e alla sua spiegazione

delle quattro vie.

Supponiamo che un amico mi mostri un articolo di giornale


dicendo che il custode di uno zoo sta mettendo tutti

in guardia perché un leone è scappato durante la notte


e potrebbe essere in giro per le strade,

e il mio amico mi chiede se questo è vero.

Adesso, io potrei rispondere, che presumo che probabilmente


è vera tale notizia.

Suppongo che l'editore del giornale aveva mandato un suo inviato


a fare delle indagini sulla vicenda prima

di pubblicarla, e questa risposta


è quella che l'Aquinate chiama opinione.

Affermo questa dichiarazione, ma con una qualificazione.

Affermo che è probabilmente vero, ma non escludo


la possibilità che sia falsa.

Ma potrei anche dire, beh, sarei sorpreso


se quest'articolo sia realmente veritiero.

Il giornale sta probabilmente esagerando il pericolo


giusto per vendere più giornali.

Adesso, questo tipo di risposta è quello che san Tommaso


chiama dubbio.

Nego la proposizione, ma ancora una volta con una


qualificazione.

Potrebbe essere vero, ma non credo lo sia.

Oppure, potrei dire che è vero, perché


ero nel mio cortile di casa la scorsa notte e ho visto

il leone.

Questo tipo di risposta è quello che l'Aquinate chiama


conoscenza certa, o in latino, scientia.

Si basa sia su una prima esperienza personale


oppure su un sillogismo valido e logico su
alcune premesse.

Affermo una proposizione senza qualifica


perché so che è vera.

Finalmente, potrei dire che io conosco il guardiamo


dello zoo, e lo credo quando dice questo.

Questa è una credenza naturale.

Ora non è ancora un atto di fede sopranaturale,


come la nostra fede in Dio, ma è una cosa

ragionevole da fare, di credere ad un'altra persona.

Acconsento alla proposizione, ciò che la persona


mi dice, senza alcuna qualifica, anche se

io stesso non so nulla del leone


essendo fuggito dallo zoo.

Invece accetto questo come verità basata sulla parola


di un altro, in questo caso il custode dello zoo.

Secondo il racconto dell'Aquinate, credere non è


principalmente una convinzione interiore e

non è neanche un sentimento.

In realtà si tratta di entrare in contatto con una verità,


arrivando ad avere la verità nella nostra mente,

anche se non abbiamo visto direttamente o


verificato la prova di questa affermazione.

Questo tipo di credenza è eminentemente razionale


e noi la facciamo in ogni momento.

Gli studenti credono giustamente a quanto gli scienziati


gli dicono sugli esperimenti che hanno

generato le conclusioni scientifiche contemporanei.

Sarebbe irragionevole per uno studente di chimica


di verificare ogni esperimento

che si trovano nel suo libro prima di accettarli.

Tali verità sono in linea di principio conoscibili da una


esperienza diretta, questo è vero, ma alcune cose,

anche cose molto importanti, in principio non si conoscono


da una esperienza diretta.

Quindi per esempio, ciò che un'altra persona pensa realmente


di te, oppure se quella persona

ti ami veramente.

Io non posso conoscere realmente ciò che tu pensi di me


a meno che tu non me lo dica.

Ed anche dopo, tu potresti soltanto aver voluto essere carino.


In verità, noi tutti crediamo a qualsiasi cosa
in ogni momento.

Sarebbe difficile per noi andare avanti nella nostra vita


senza questo tipo di credenza naturale, quindi

accettiamo un po' di verità, anche se non vediamo


direttamente le prove, ma piuttosto

perché ci fidiamo nella parola di un altro, questa


è veramente una cosa ragionevole che noi possiamo fare.

Per letture, podcast e altri video come questo,


vai su Aquinas101.com.

Già che ci sei, assicurati di iscriverti a uno


dei nostri video-corsi sull'Aquinate.

E non dimenticate di mettere "mi piace" e di condividere


con i vostri amici perché è importante quello che tu pensi.