Sei sulla pagina 1di 24

ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Indice

1
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Indice

Autori:

Marco Dominici
Carlo Guastalla
Chiara Pegoraro

© 2020 ALMA Edizioni – Firenze


Tutti i diritti riservati

Indice

Lezione 1 | In giro per negozi pag. 3


Lezione 2 | Quando ero piccola… pag. 5
Lezione 3 | Un tipo interessante pag. 7
Lezione 4 | Ti va di venire? pag. 9
Lezione 5 | Buon viaggio! pag. 11
Lezione 6 | A tavola! pag. 13
Lezione 7 | Come va? pag. 16
Lezione 8 | Egregio Dottor… pag. 19
Lezione 9 | Colpo di fulmine pag. 21
Lezione 10 | Casa dolce casa… pag. 23

2
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 1

Lezione 1 – In giro per negozi


3 Cerca qualcuno che…
Obiettivo: praticare il lessico relativo all’abbigliamento e ai colori

Strumenti: dialogo a catena

1. Chiedete ai vostri strumenti di essere pronti ad andare a cercare in armadi o cassetti della casa.
2. Spiegate che l’attività avverrà secondo la modalità → dialogo a catena e che ognuno dovrà pensare
(per ora solo pensare) a un capo di abbigliamento tra quelli incontrati nella lezione e tra quelli che
trovano a pagina 9.
3. Date agli studenti qualche minuto per osservare il lessico di pagina 9 e pensare a un capo di
abbigliamento.
4. Cominciate voi e invitate uno studente a trovare e indossare un capo di abbigliamento a vostra scelta
(per esempio: Sciarpa!). Lo studente dovrà correre a cercare il capo nominato e mostrarlo nel minor
tempo possibile.
5. Il turno successivo, toccherà allo studente che ha giocato nominare un capo di abbigliamento per un
compagno, e così via. Potete dare un tempo massimo ad ogni studente (per esempio: 30 secondi) sia
per velocizzare il gioco, sia per renderlo più avvincente e poter decretare il o i vincitori.

7 Vi piacciono questi capi?


Obiettivo: parlare dei gusti nell’abbigliamento

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sottogruppi

1. Create dei sottogruppi di 2 o 3 studenti e date loro un budget immaginario. Uno studente per gruppo
sarà incaricato di condividere il suo schermo e di mostrare ai compagni un sito italiano di vendita di
abbigliamento indicato da voi. Date loro 10 minuti di tempo per discutere come spendere i soldi e
date l’incarico di segnare il nome e il prezzo dei capi scelti.
2. Entrate e uscite dai sottogruppi per fornire assistenza. Assicuratevi che usino le espressioni incluse
nel libro.
3. In plenum, verificate quali capi hanno comprato gli studenti.
4. Vince il gruppo che ha speso più soldi senza sforare il budget.
5. Se il programma che usate non consente la creazione di sottogruppi, aprite e condividete sullo
schermo il sito di un qualsiasi negozio di abbigliamento online italiano.
6. Dite agli studenti che dovete scegliere un capo di abbigliamento che piaccia a tutta la classe. Può
essere qualsiasi capo a qualsiasi prezzo, ma deve mettere d’accordo tutti.
7. Navigate nel sito secondo le indicazioni degli studenti e coinvolgete tutti nella scelta.

3
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 1

11 Centri commerciali aperti anche la domenica? Alcune opinioni


Obiettivo: esprimere opinioni e raccontare esperienze personali, sviluppare la comprensione scritta
leggendo pareri diversi sul medesimo argomento (l’apertura domenicale dei centri commerciali)

Grammatica: il secondo termine di paragone nel comparativo di minoranza e maggioranza

1. Chiedete agli studenti, collegati in videoconferenza, di osservare l’immagine di pagina 12 e di


rispondere alla domanda della consegna.
2. Seguite la tipologia di attività “lettura” per presentare il testo alla classe.
3. Risolvete eventuali problemi di comprensione e spiegate la differenza tra comparativo di
maggioranza e quello di minoranza.
4. Fate eseguire l’attività di comprensione.
5. Verificate in plenum.

15 Come possono essere?


Obiettivo: ampliare e fissare il lessico relativo all’abbigliamento

1. Svolgete l’attività in plenum, interpellando ogni volta uno studente diverso.


2. Come verifica, incaricate gli studenti di reperire in casa un capo di abbigliamento corrispondente a
una delle opzioni indicate. Assegnate un capo diverso a ogni studente.
3. Concedete il tempo necessario e poi, fate condividere agli studenti sul loro schermo il risultato delle
loro ricerche.
4. Se necessario, spiegate espressioni non chiare.

4
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 2

Lezione 2 – Quando ero piccola…


3 Da piccola avevo un cane
Obiettivo: esercitare la comprensione orale ed estrapolare dal dialogo le forme dell’imperfetto

Grammatica: l’imperfetto indicativo

Strumenti: Condivisione dell’audio, chat, ruota

Materiali: AUDIO traccia 5

1. Seguite la tipologia di attività “ascolto” per presentare il dialogo alla classe e fate ascoltare la traccia
5.
2. Fate eseguire la prima attività di comprensione usando la → chat. Fate la prima affermazione e
chiedete agli studenti di scrivere in → chat vero o falso. Invitateli a inviare la risposta solo al vostro
VIA. Fate lo stesso con tutte le affermazioni.
3. Fate riascoltare a libro o ebook aperto a pagina 24 e fate osservare la trascrizione del dialogo.
4. Risolvete eventuali problemi di comprensione e fate osservare per ora sommariamente le desinenze
dell’imperfetto.
5. Fate completare lo schema scegliendo una delle due modalità:
Libro Ebook
6. Chiedete agli studenti di Prima della lezione:
completare lo schema 6. Aprite la pagina 24 dell’ebook e cancellate con la matita
individualmente sul libro. Le forme queste parole dal dialogo: avevo, chiamava, era,
da inserire sono nel dialogo. Date 3 svegliava, accompagnava, tornavo, aspettava, riusciva,
o 4 minuti di tempo. vivevate, era.
7. Se la classe non è troppo A lezione:
numerosa potete annunciare che 7. Chiedete agli studenti di chiudere il libro o l’ebook e
vi toglierete le cuffie per 2 minuti. condividete sullo schermo la pagina 24 del vostro ebook.
In questo lasso di tempo gli 8. Fate ascoltare il dialogo e fermate la traccia quando viene
studenti possono confrontare i pronunciata la prima parola cancellata. Usate la ruota per
loro schemi e preparare le estrarre il nome di uno studente a cui chiedere di ripetere
domande per l’insegnante. la forma corretta della parola appena ascoltata nel
8. Ricordatevi di attivare tutti i dialogo.
microfoni e toglietevi le cuffie o 9. Per la verifica, cancellate (cliccandoci sopra) il tratto di
spegnete l’audio del computer. matita che avevate usato per coprire la parola. Proseguite
9. Dopo 2 minuti, tornate e chiedete così fino alla fine del dialogo.
se ci sono domande e rispondete. 10. Fate quindi completare lo schema utilizzando gli strumenti
dell’ebook.

5
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 2

5 E tu?
Obiettivo: Esercitare la comunicazione orale parlando della propria infanzia.

Strumenti: dialogo a catena

1. Seguite la tipologia di attività “produzione orale”. In questo caso risulta appropriato proporre un →
dialogo a catena.
2. Chiedete agli studenti di procurarsi una loro foto da piccoli in cui ci sia anche un animale. Se non
avevano animali, una semplice foto del passato.
3. Fate al primo studente le domande dell’attività prendendo anche spunto dalla fotografia.
4. Fate procedere gli studenti uno dopo l’altro.
5. Se qualcuno ha attualmente animali in casa, può mostrarli. Invitate gli altri studenti a fare domande
per alzata di mano.

11 E voi?
Obiettivo: esercitare la produzione orale parlando di vacanze durante l’infanzia

Strumenti: dialogo a catena

1. Seguite la tipologia di attività “produzione orale”. In questo caso risulta appropriato proporre un →
dialogo a catena.
2. Chiedete agli studenti di procurarsi una loro foto da bambini fatta durante una vacanza
particolarmente memorabile.
3. Chiedete agli studenti di inviarvi le fotografie o verificate che sappiano come fare una →
condivisione dello schermo.
4. Fate al primo studente le domande prendendo spunto dalla fotografia.
5. Invitate poi lo studente che ha appena parlato a guardare la foto del suo compagno e a fare
domande al riguardo, e così via.

14 Le tre bugie
Obiettivo: esercitare la produzione scritta parlando di esperienze dell’infanzia

Strumenti: condivisione dello schermo, sondaggio

Prima della lezione:


1. Fate svolgere la produzione scritta a casa.
2. In base alle dimensioni della classe, decidete quanto devono essere lunghe le produzioni. Se la classe
è molto numerosa, limitatevi a poche frasi, per non rendere eccessivamente lunga l’attività.
3. Correggete e raccogliete gli scritti in un unico file, senza indicare i nomi di chi li ha scritti.
A lezione:
4. Mostrate i file con una condivisione dello schermo e/o leggeteli ad alta voce.
5. Chiedete agli studenti di identificare chi ha scritto il testo e in secondo luogo quali sono le bugie.
Chiedete queste informazioni tramite un → sondaggio.

6
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 4

Lezione 3 – Un tipo interessante

2 Chi è l’intruso?
Obiettivo: descrivere l’aspetto fisico di una persona

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sondaggio

Prima della lezione:


1. Assegnate l’attività come compito a casa.
A lezione:
2. Chiedete agli studenti di scrivere nella → chat il numero dell’intruso e di inviare il messaggio al
vostro via. Eventualmente questa fase potete svolgerla preparando un → sondaggio.
3. Chiedete quali sono stati gli elementi che hanno portato gli studenti alla soluzione.

3 Il personaggio misterioso
Obiettivo: descrivere l’aspetto fisico di una persona

Strumenti: dialogo a catena, alzata di mano Strumenti consigliati: sottogruppi

1. Formate dei → sottogruppi di 4 studenti.


2. Ognuno dovrà pensare a un personaggio famoso e gli altri a turno (in modalità → dialogo a catena)
dovranno fare le domande per indovinarlo. Se qualcuno ritiene di aver indovinato, tramite → alzata
di mano chiede di poter fare il suo tentativo: se indovina, prende un punto, se non indovina si
continua. Ogni studente ha a disposizione 3 tentativi per ogni personaggio.
3. Quando tutti e 4 gli studenti hanno presentato il loro personaggio famoso, vince lo studente che ha
più punti.
4. Se la piattaforma che usate non consente di formare dei gruppi, provate ad eseguire l’attività in
plenum ma state molto attenti alla gestione degli interventi degli studenti.

7 Cosa sa fare
Obiettivo: formulare ipotesi circa le abilità di una persona.

Grammatica: il verbo sapere come sinonimo di essere capace di

Strumenti: dialogo a catena

1. Spiegate questo uso del verbo sapere.


2. Invitate gli studenti a procurarsi, in casa, uno o più oggetti che possano essere utili per indovinare
cosa sanno fare e di mostrarli tramite la condivisione dello schermo. Potete anche chiedere di
trovare oggetti per “ingannare” i loro compagni, cioè oggetti legati a cosa NON sanno fare.
3. Chiedete poi a uno studente di osservare gli oggetti di un suo compagno e ipotizzare che cosa sa o
non sa fare. Il compagno deve rispondere sì o no. Poi, secondo la modalità → dialogo a catena, sarà
il suo turno fare la stessa cosa con un altro compagno, e così via.

7
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 4

12 E adesso che facciamo?


Obiettivo: esercitare la comprensione orale

Grammatica: gli indefiniti qualcuno e nessuno

Strumenti consigliati: sondaggio

1. Chiedete di osservare le immagini di pagina 44 e di fare ipotesi sull’argomento del dialogo.


2. Seguite la tipologia di attività “ascolto” per presentare il dialogo e fate ascoltare l’AUDIO traccia 9.
3. Chiedete agli studenti di abbinare le frasi ai nomi dei personaggi, come prevede l’attività. Se ne
avete la possibilità utilizzate un → sondaggio.
4. Fate riascoltare a libro aperto a pagina 45 e fate osservare la trascrizione del dialogo per verificare
l’attività precedente.
5. Risolvete eventuali problemi di comprensione e spiegate poi la differenza tra qualcuno e nessuno.
Variante: invece di seguire il punto 4, potete scegliere una delle due modalità:
Libro Ebook
6. Chiedete agli studenti di sottolineare le Prima della lezione:
parole o le forme che non hanno 6. Aprite la pagina 45 dell’ebook e cancellate con la
capito. matita le parole o le espressioni su cui desiderate
7. Se la classe non è troppo numerosa concentrare l’attenzione degli studenti.
potete annunciate che vi toglierete le A lezione:
cuffie per 2 minuti. In questo lasso di 7. Chiedete agli studenti di chiudere il libro e
tempo gli studenti possono confrontare condividete sullo schermo la pagina 45 del vostro
le parole che hanno indicato e trovare ebook.
compagni in grado di spiegarle e, a loro 8. Fate ascoltare il dialogo una prima volta. Poi ripetete
volta, spiegare ai compagni quelle di cui l’ascolto e fermate la traccia quando viene
loro sono a conoscenza. pronunciata la prima parola cancellata. Chiedete a
8. Ricordatevi di attivare tutti i microfoni e uno degli studenti (o rivolgetevi a tutti, e invitate a
toglietevi le cuffie o spegnete l’audio usare alzata di mano) di ripetere la forma corretta
del computer. della parola appena ascoltata nel dialogo. Per la
9. Dopo 2 minuti, tornate e chiedete se verifica, cancellate (cliccandoci sopra) il tratto di
hanno chiarito tutti i loro dubbi o ci matita che avevate usato per coprire la parola.
sono ancora domande e rispondete. 9. Proseguite così fino alla fine del dialogo.

16 Come reagiresti?
Obiettivo: esercitare la produzione orale descrivendo come si risolverebbero situazioni delicate.

Strumenti consigliati: sottogruppi; dado

1. Date qualche minuto di tempo per leggere le situazioni. Spiegate eventuali parole poco chiare.
2. Create dei → sottogruppi di 2 o 3 studenti per permettere la discussione sui punti elencati nel libro.
3. Entrate e uscite dai sottogruppi per verificare che tutto proceda regolarmente.
4. Tornate in plenum e fate le vostre osservazioni su quello che avete visto, notando aspetti positivi e
negativi.
5. Se il programma che usate non consente la creazione di sottogruppi dite agli studenti di aprire il →
dado elettronico sul proprio computer senza condividerlo con la classe.
6. Scegliete uno studente e dategli l’incarico di tirare il dado. Se il numero che uscirà sarà uno, dovrà
rispondere alla situazione numero uno, se il numero che uscirà sarà due, dovrà rispondere alla
seconda e così via.
7. Il resto della classe in ascolto deve indovinare di quale situazione si trattava.
8. L’attività si conclude quando tutti gli studenti hanno partecipato.
8
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 4

Lezione 4 – Ti va di venire?
2 E tu?
Obiettivo: esercitare la produzione orale descrivendo le proprie preferenze in tema di tempo libero

Strumenti: dialogo a catena

1. Seguite la tipologia di attività “produzione orale”. In questo caso risulta appropriato proporre un →
dialogo a catena.
2. Chiedete agli studenti di procurarsi, se ne hanno in casa, biglietti di concerti o di spettacoli a cui
hanno assistito.
3. Interpellate il primo studente e invitatelo a parlare delle sue preferenze in fatto di spettacoli,
ricorrendo anche ai biglietti che eventualmente ha raccolto. Invitate gli altri studenti a fargli le
domande per alzata di mano. Continuate a turno con tutti gli studenti.

6 Una serata insieme


Obiettivo: esercitare la produzione orale organizzando una serata culturale

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sondaggio

Prima della lezione:


1. Assegnate a ogni studente una città italiana (sarebbe meglio se ogni città fosse assegnata a due
studenti). Chiedete di cercare su Internet notizie sugli spettacoli in quella città nel fine settimana
seguente. Può salvare foto, programmi, ecc.
2. Invitateli infine a stilare un possibile programma che includa almeno cinque possibili eventi o
appuntamenti (cinema, teatro, concerti, mostre, ecc.) a cui invitare altri studenti. Chiedete poi di
organizzare una proposta per il fine settimana da sottoporre ai compagni.
A lezione:
3. Chiedete ad uno studente di condividere lo schermo e proporre il suo programma per il fine
settimana mostrando i materiali trovati on line.
4. Se un altro studente aveva la stessa città assegnata, in base al programma a cui aveva pensato a sua
volta, può accettare o meno, o fare delle controproposte.
5. Dopo che tutti gli studenti hanno presentato i loro programmi, ogni studente vota la città da
visitare. Potete svolgere questa fase usando la → chat o attraverso un → sondaggio.

9
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 4

7 In fila
Obiettivo: fissare la struttura stare + gerundio.

Strumenti consigliati: sottogruppi

1. Prima di avviare l’attività soffermatevi sulle frasi di esempio nel riquadro (gli studenti hanno già
incontrato questa struttura nell’attività 3). Sollecitate gli studenti a formulare ipotesi sulla
formazione del gerundio e verificate poi che sia chiara a tutti in plenum. Specificate che oltre a
facendo esistono solo due verbi il cui gerundio è irregolare: dire (dicendo) e bere (bevendo).
2. Per rendere il compito più gestibile è utile invitare gli studenti a numerare o (meglio) dare un nome
ai personaggi.
3. Dividete la classe in → sottogruppi di 2 studenti. Ogni coppia dovrà svolgere l’attività come indicato,
con uno studente che osserva e descrive l’immagine di pagina 57 e l’altro che osserva e descrive
l’immagine di pagina 58.
4. Entrate e uscite dai sottogruppi per verificare che tutto proceda regolarmente.
5. Una volta tornati in plenum, commentate e rispondete a eventuali dubbi sulla costruzione stare +
gerundio.
6. Se il programma che usate non consente la creazione di sottogruppi dividete la classe in due gruppi,
il gruppo A che osserva la foto di pagina 57 e il gruppo B che osserva la foto di pagina 58.
7. A turno, gli studenti del gruppo A e del gruppo B descrivono l’immagine mentre i compagni dell’altro
gruppo prendono nota delle differenze.
8. Al termine potete dire agli studenti di scrivere nella chat che cosa sta facendo un personaggio, per
esempio: Mario sta parlando al telefono. / Mario sta bevendo una bibita.
9. Correggete e rispondete a eventuali dubbi sulla costruzione stare + gerundio.

11 Luoghi pubblici e buone maniere


Obiettivo: esercitare la comprensione scritta mediante un testo prescrittivo

Grammatica: la posizione del pronome in presenza di un infinito

Strumenti: chat

Prima della lezione:


1. Chiedete agli studenti di leggere il testo e di svolgere il compito, evidenziando le frasi che
corrispondono ai disegni.
A lezione:
2. Condividete sullo schermo la pagina 60 del libro e chiedete agli studenti di usare la → chat per
scrivere la frase che corrisponde al disegno 1 e di inviarla al vostro VIA.
3. Commentate i risultati chiedendo agli studenti le ragioni delle loro scelte.
4. Fate lo stesso con gli altri disegni.
5. Chiedete ora di aprire la propria copia del libro o ebook. Ogni studente ha il compito di evidenziare
nel testo due parole o forme di cui vuole conoscere il significato. Date 3 minuti di tempo.
6. Chiedete singolarmente agli studenti di esporre le cose che hanno sottolineato e chiedete se ci
sono studenti che possono aiutare. Per fare questo ricorrette all’alzata di mano.
7. Evidenziate poi la posizione del pronome in presenza di un infinito aiutandovi con il box.

10
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 5

Lezione 5 – Buon viaggio!


4 Ho saputo che…
Obiettivo: esercitare la produzione orale chiedendo e fornendo informazioni su un agriturismo

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sottogruppi

Prima della lezione:


1. Chiedete agli studenti di andare sul sito www.agriturismo.it e di scegliere una meta di vacanza.
Invitateli a prendere più informazioni possibili, salvare immagini, ecc.
A lezione:
2. Dividete la classe in → sottogruppi di due studenti. Seguite la tipologia di attività “produzione orale”
e invitate gli studenti, a turno, a chiedere più informazioni possibili sull’agriturismo scelto dal
compagno. Invitateli a mostrare immagini e a invogliare il compagno ad andarci.
3. Se il programma che usate non consente di creare sottogruppi, date ad ogni studente un tempo
limitato (dipende da quanto è numerosa la vostra classe) per mostrare il proprio agriturismo. Dite agli
studenti che devono invogliare il più possibile gli altri ad andare lì.
4. Mentre uno studente espone le caratteristiche del proprio agriturismo, gli altri prendono appunti
sulle caratteristiche del luogo.
5. Alla fine, ogni studente scrive sulla → chat il nome dello studente che ha presentato il migliore
agriturismo. Vince chi riceve più voti.

11
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 5

5 Villaggio turistico pro e contro


Obiettivo: esercitare la produzione orale negoziando una modalità di vacanza condivisa.

Strumenti: chat privata Strumenti consigliati: sottogruppi

1. Dividete la classe in quattro gruppi e a ognuno di essi assegnate un tipo di alloggio (albergo, villaggio,
campeggio, agriturismo).
2. Invitate ciascuno studente ad appuntare in modo sintetico ed individualmente i vantaggi dell’alloggio
in questione: ribadite che è importante che ne elenchino gli aspetti positivi anche se questo non
rappresenta la soluzione che sceglierebbero per una vacanza.
3. Date agli studenti un po’ di tempo per prepararsi e dopo formate dei → sottogruppi di cui facciano
parte quattro studenti a cui avete assegnato quattro alloggi diversi e avviate l’attività come da
consegna. Ribadite che l’obiettivo è riuscire a trovare una soluzione unica che soddisfi però tutti nei
limiti del possibile. Si tratta quindi di convincere gli altri membri del gruppo.
4. Date un tempo per la discussione. Poco prima della fine del tempo, annunciate che il tempo sta per
finire e invitate gli studenti a giungere a una soluzione.
5. Se il programma che usate non consente la creazione di sottogruppi svolgete comunque i punti 1 e
2 come indicato sopra. Dopo fate esporre a 4 studenti che rappresentano alloggi diversi le loro
motivazioni. Il resto della classe dovrà votare la spiegazione più convincente ma non potrà votare per
uno studente che rappresenta il suo stesso alloggio.
6. Proseguite con altri 4 studenti fino a far parlare ogni studente della classe.
7. Vince il gruppo (albergo, villaggio, campeggio, agriturismo) che ha avuto il maggior numero di
votazioni.
8. In entrambi i casi un modo per vivacizzare il dibattito può essere quello di assegnare ad alcuni
studenti il ruolo di “troll”. Spiegate a tutta la classe che alcuni studenti dovranno interpretare un
“troll”, cioè una persona che ha l’incarico di commentare in modo provocatorio quello che dicono gli
altri in modo da esasperare la conversazione.
9. Mandate un messaggio in → chat privata ad alcuni studenti dicendo che dovranno comportarsi da
troll nella discussione.
10. Gli studenti durante la discussione avranno il compito aggiuntivo di identificare i troll.

6 La toscana in moto
Obiettivo: esercitare la comprensione scritta con un diario di viaggio

Grammatica: l’alternanza tra passato prossimo e imperfetto

Strumenti: chat Strumenti consigliati: cappello virtuale

Materiali: FOTO “nesp2-5-6”

1. Annunciate che mostrerete un testo di una mail con i paragrafi rimescolati. Gli studenti dovranno
cercare di rimettere il testo nel giusto ordine. Annunciate che dopo 2 minuti potranno provare a
scrivere in → chat l’ordine corretto dei paragrafi. Ogni studente avrà però 1 solo tentativo a
disposizione.
2. Mostrate la foto con il testo rimescolato e, dopo due minuti, dite che possono scrivere la soluzione,
se e quando vogliono.
3. Quando il primo studente fornisce la risposta corretta, dichiarate il gioco chiuso e date la soluzione.
4. Chiedete poi agli studenti di aprire il libro o l’ebook a pagina 72, rileggere in autonomia e segnare le
risposte al vero/falso.
5. Verificate l’attività vero/falso in plenum facendo una domanda a ogni studente estraendolo con il →
cappello virtuale.
12
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 6

Lezione 6 – A tavola!
4 Un lavoro sedentario
Obiettivo: esercitare la comprensione scritta mediante post sui rimedi contro il lavoro sedentario

Grammatica: l’imperativo informale irregolare

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sondaggio; cappello virtuale

Prima della lezione:


1. Chiedete agli studenti di leggere il testo e di svolgere il compito, evidenziando il consiglio migliore.
A lezione:
2. Condividete sullo schermo la pagina 86 del libro e chiedete agli studenti di usare la → chat per
scrivere il nome della persona che fornisce, secondo voi, il consiglio migliore e di inviarla al vostro
VIA. Eventualmente questa fase può esser svolta attraverso un → sondaggio.
3. Commentate i risultati chiedendo agli studenti le ragioni delle loro scelte. Fate in modo che, per
alzata di mano, ognuno esponga il proprio parere e, in caso, possa ribattere alle opinioni di un
compagno.
4. Chiedete ora di aprire la propria copia di libro o ebook. Ogni studente ha il compito di evidenziare nel
testo due parole o forme di cui vuole conoscere il significato. Date 3 minuti di tempo.
5. Chiedete singolarmente agli studenti di esporre le cose che hanno sottolineato e chiedete se ci sono
studenti che possono aiutare. Per fare questo ricorrette all’alzata di mano.
6. Come anticipazione dell’attività 5, potete poi procedere come segue:

Libro Ebook
7. Chiedete agli studenti di evidenziare i primi due verbi 7. Potete svolgere l’attività
all’infinito nella risposta di Marco: “Fa’” e “approfitta”. proposta per il libro oppure la
8. Chiedete di evidenziare nei testi, individualmente, almeno altri seguente:
5 verbi all’imperativo presenti nelle risposte. Attenzione: ci Prima della lezione:
sono anche verbi alla forma negativa! 8. Aprite la pagina 45 dell’ebook e
9. Date 3 minuti per svolgere questo compito. In una classe di evidenziate con l’evidenziatore
buon livello, questa parte può essere saltata e potete proporre le forme dell’imperativo.
direttamente il gioco. A lezione:
10. Usate il → cappello virtuale per estrarre il nome di uno 9. Tramite la condivisione dello
studente che dovrà dire (o scrivere in chat) il terzo verbo schermo, mostrate la pagina
presente nei testi (Sta’). Se è corretto, lo studente prende un del vostro ebook e chiedete agli
punto, altrimenti si va avanti con un altro studente. studenti se riescono a risalire
11. Andate avanti così fino all’ultimo imperativo. alle forme all’infinito dei verbi
12. Vince lo studente che indovina più verbi. evidenziati.

13
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 6

7 Abitudini alimentari
Obiettivo: riflettere sulle abitudini alimentari proprie e altrui e dare consigli

Strumenti consigliati: cappello virtuale

1. Chiedete a tutti gli studenti di compilare sul libro o sull’ebook le risposte alle domande dell’attività
nella colonna “io”.
2. Estraete due studenti attraverso il → cappello virtuale.
3. Invitate i due studenti a dire quanta acqua bevono al giorno e a darsi dei consigli su questa loro
abitudine alimentare, seguendo il modello.
4. Procedete così con le altre domande e con tutti gli altri studenti.

10 Riscopri il gusto della tavola


Obiettivo: esercitare la comprensione scritta con un decalogo su una sana alimentazione, riflettere sulla
posizione dei pronomi con l’imperativo informale.

Grammatica: la posizione dei pronomi con l’imperativo informale, raddoppiamento della consonante del
pronome diretto in combinazione con un imperativo monosillabico.

Prima della lezione:


1. Chiedete agli studenti di leggere il testo, di sottolineare le forme dell’imperativo, annotarne il numero
complessivo e rispondere alla domanda sulla posizione dei pronomi.
A lezione:
2. Condividete sullo schermo la pagina 89 e chiedete se nel testo ci sono problemi lessicali da risolvere e
rispondete alle domande.
3. Chiedete agli studenti di usare la → chat per scrivere il numero complessivo di imperativi presenti nel
testo e di inviarlo al vostro VIA. Eventualmente questa fase può esser svolta attraverso un →
sondaggio.
4. Se il numero è sostanzialmente corretto, andate avanti, altrimenti verificate meglio.
5. Chiedete agli studenti di spiegare la posizione dei pronomi con l’imperativo. Commentate i risultati
chiedendo agli studenti le ragioni delle loro scelte. Fate in modo che, per alzata di mano, ognuno
esponga il proprio parere e, in caso, possa ribattere alle opinioni di un compagno.
6. Se il tema del raddoppiamento della consonante del pronome non è uscito nella discussione,
proponete i prossimi punti.
7. Chiedete agli studenti di evidenziare in modo diversi da una parte le forme dell’imperativo senza
raddoppiamento e dall’altra quelle con raddoppiamento. Fate un esempio.
8. Chiedete quali possono essere le ragioni per cui avviene questo fenomeno e procedete come nel
punto 4.

14
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 6

13 Cucina tradizionale? No grazie, la preferisco esotica


Obiettivo: esercitare la produzione orale discutendo di cucina esotica e tradizionale, dei propri gusti e
delle proprie consuetudini culinarie.

Strumenti: sondaggio

Per attività di questo tipo è opportuno dedicare un po’ di tempo alla ricerca di materiale online per
arricchire la discussione.
Piuttosto che riflettere in astratto sul tipo di ristorante o di tipo preferito, portate degli esempi di diversi
ristoranti reali in modo che gli studenti abbiano un riferimento concreto su cui basarsi.

Prima della lezione:


1. Scegliete 4 o 5 ristoranti di tipo diverso come il ristorante di uno chef-stellato, una trattoria storica,
un ristorante che serve cibo di altri paesi, un locale specializzato in cibo di strada e un ristorante che
espone un menù turistico. Lasciate i siti di questi ristoranti aperti sul vostro browser.
A lezione:
2. Durante la lezione, fate le domande della consegna, invitando gli studenti a riflettere sulle loro
preferenze generali. Moderate con attenzione l’uso dei microfoni.
3. Dopo, fate una condivisione dello schermo e mostrate uno per volta i siti dei ristoranti che avete
selezionato. Lasciate che gli studenti sviluppino le loro ipotesi sul tipo di ristorante. Mostrate il menù
e qualche foto del locale.
4. A questo punto dite alla classe che dovranno scegliere uno fra quei ristoranti per la cena di classe e
fateli votare tramite un → sondaggio.
5. Fate più giri di votazioni, eliminando ogni volta un ristorante.
6. A ogni votazione, gli studenti avranno la possibilità di convincere i compagni per il ristorante che
preferiscono.
7. L’attività si conclude quando è stato scelto il ristorante per la cena di classe.

15
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 7

Lezione 7 – Come va?


2 In farmacia
Obiettivo: esercitare la comprensione orale con un dialogo in farmacia, scoprire il lessico relativo al corpo
umano, ai disturbi di salute e ai possibili rimedi e l’uso dell’imperativo formale (Lei) per dare consigli e
suggerimenti

Grammatica: l’imperativo formale regolare e irregolare e la posizione dei pronomi

Materiali: AUDIO traccia 22

Strumenti: dialogo a catena

Si tratta di un’attività piuttosto complessa, che è bene dividere in due fasi:


FASE 1
1. Procuratevi, se ne avete in casa, farmaci di vario tipo, in modo da poter mostrare agli studenti una
pomata, delle pillole, uno sciroppo.
2. Chiedete agli studenti, collegati in videoconferenza, di osservare le immagini di pagina 99.

Libro Ebook
3. Date agli studenti un minuto circa Prima della lezione:
per imparare quante più parole a 3. Aprite la pagina 99 dell’ebook e cancellate con la matita i
memoria. nomi delle parti del corpo.
4. A tempo scaduto, chiedete agli A lezione:
studenti di chiudere il libro. 4. Chiedete agli studenti di usare il loro libro e date loro un
5. Fate lavorare gli studenti tramite il minuto circa per imparare quante più parole a memoria.
→ dialogo a catena: il primo 5. Chiedete agli studenti di chiudere i loro libri.
studente indica al compagno una 6. Tramite la condivisione schermo, mostrate la pagina del
parte del corpo e l’altro deve dire in vostro ebook con i nomi cancellati.
italiano il nome. Se è corretto, 7. Interpellate gli studenti singolarmente: indicate una
prende un punto. Se è sbagliato e il parte del corpo sul libro e invitate lo studente a dire il
primo compagno lo corregge e sarà nome in italiano. Se risponde correttamente, avrà un
lui a prendere il punto. Se invece la punto. In caso contrario, chiedete, per alzata di mano,
correzione è sbagliata, nessuno dei chi sa la risposta. Come verifica, eliminate la cancellatura
due avrà un punto. e scoprite il nome che avevate cancellato.
6. Fate proseguire l’attività fino alla 8. Continuate così finché non avrete completato tutti i
fine. Se gli studenti sono pochi, termini delle illustrazioni.
potete fare un secondo ‘giro’.

16
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 7

FASE 2
1. Seguite la tipologia di attività “ascolto”.
2. Fate ascoltare una prima volta il dialogo condividendo la TRACCIA 22. Invitate poi gli studenti ad
aprire libro o ebook e a mettere le X sui disturbi e i consigli presenti nel dialogo, in base a quello che
ricordano.
3. Fate riascoltare il dialogo una seconda volta con il libro o ebook aperto, per controllare quanto fatto
in precedenza e modificare, se necessario.
4. Verificate in plenum.
5. Fate ascoltare una terza volta il dialogo, questa volta seguendo il testo a pagina 100. Chiedete agli
studenti di sottolineare o evidenziare le parole o le espressioni che non risultano chiare.
6. Chiarite le parole e le espressioni non chiare, mettendo per ora da parte gli imperativi di cortesia.

Libro Ebook
7. Chiedete agli studenti di Prima della lezione:
evidenziare, individualmente, le 7. Aprite la pagina 100 del vostro ebook ed evidenziate con
forme dell’imperativo di cortesia. l’evidenziatore le forme dell’imperativo di cortesia.
8. Chiedete, con alzata di mano, se A lezione:
notano qualcosa rispetto 8. Tramite la condivisione schermo, mostrate la pagina del
all’imperativo visto nelle lezioni vostro ebook e chiedete agli studenti se riescono a notare
precedenti. quali sono le caratteristiche e invitateli a fare ipotesi al
riguardo.

5 Fumi meno!
Obiettivo: esercitare in modo ludico l’uso dell’imperativo formale per dare consigli e suggerimenti.

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sottogruppi

1. Formate dei → sottogruppi di tre-quattro studenti e spiegate che per ogni situazione indicata nel
manuale (che chiarirete se necessario) andrà scritto il maggior numero possibile di consigli con i verbi
all’imperativo formale.
2. Date un tempo sufficiente all’attività e comunicate il numero minimo di frasi scritte che vi aspettate
dagli studenti. Ricordate agli studenti di inviarvi le frasi nella → chat.
3. Una volta tornati in plenum, fate leggere ai gruppi i consigli elaborati per ciascuna situazione. Potete
stabilire voi se i suggerimenti sono corretti o meno, o chiedere agli altri gruppi di verificarne la
correttezza, intervenendo solo in caso di disaccordo. Vince la squadra che ha il maggior numero di
consigli corretti.
4. Se il programma che usate non consente la creazione di sottogruppi può essere comunque una
buona idea far uscire dalla chiamata principale gli studenti e fare in modo che creino dei gruppi più
piccoli di lavoro per portare a termine l’incarico, specificando che devono inviarvi nella → chat le
frasi scritte autonomamente. Se però non è proprio possibile, procedete con i punti successivi.
5. Dite agli studenti di scrivere individualmente una frase nella chat rispondendo (senza rivelare quale)
a una delle situazioni descritte.
6. Al termine del tempo, leggete le frasi, correggete e chiedete ai compagni in ascolto di individuare a
quale situazione si applica il consiglio che hanno letto.

17
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 7

7 Meglio o migliore? Benissimo o ottimo?


Obiettivo: fissare le forme irregolari e regolari del comparativo e del superlativo di bene e buono e indicare
suggerimenti per una vita sana

Strumenti: dialogo a catena; cappello virtuale

1. Spiegate, a partire dal box, i comparativi e superlativi di bene e buono.


2. Estraete con il → cappello virtuale uno studente. Dovrà formare una frase a partire dal punto a.
3. Come un → dialogo a catena, chiedete allo studente successivo se è d’accordo o meno. Se lo è, dovrà
formare una nuova frase a partire dal punto b. Altrimenti, dovrà anche lui iniziare dal punto a e
formulare un consiglio differente dal compagno. Procedete così con tutti gli studenti.

10 Un po’ di corsa
Obiettivo: esercitare la comprensione orale eseguendo degli ordini impartiti, fissare le forme
dell’imperativo plurale in modo ludico

Strumenti: AUDIO traccia 24

1. Seguite la tipologia di attività “ascolto”.


2. Fate in modo che tutti gli studenti siano visibili in videoconferenza. Chiedete loro di alzarsi in piedi.
3. Condividete il file audio traccia 24 e chiedete agli studenti di eseguire i movimenti come richiesto
dalla speaker. Come esempio, fate la stessa cosa anche voi.
4. Dopo l’ascolto, date agli studenti qualche minuto per scrivere una lista di 5 movimenti.
5. Invitate ogni studente a leggere la sua lista (attivate solo il suo microfono) e chiedete agli studenti di
fare i movimenti richiesti. Fate anche voi l’attività insieme agli studenti.

18
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 8

Lezione 8 – Egregio Dottor…


2 Prima o poi…
Obiettivo: esercitare la comprensione orale con un dialogo tra due giovani che parlano di progetti
professionali

Grammatica: il futuro semplice, bisogna + infinito

Materiali: AUDIO traccia 26

Strumenti: chat

1. Seguite la tipologia di attività “ascolto”.


2. Fate ascoltare una prima volta il dialogo condividendo la TRACCIA 26.
3. Invitate poi gli studenti ad aprire libro o ebook e a indicare se le azioni del dialogo sono riferite a
Matteo o a Fabiano. Eventualmente fate riascoltare il dialogo.
4. Come verifica, invitate quindi gli studenti a scrivere in → chat la risposta alla domanda e di inviare al
vostro VIA.
5. Procedete nello stesso modo per tutte e 6 le domande, commentando eventuali risposte differenti o
non corrette.
6. Fate ascoltare ancora il dialogo leggendo il testo a pagina 116.
7. Chiedete agli studenti di sottolineare o evidenziare su libro o ebook le parole o le espressioni che non
risultano chiare.
8. Spiegate le parole e le espressioni non chiare, mettendo per ora da parte le forme al futuro semplice.

Libro Ebook
9. Chiedete agli studenti Prima della lezione:
di evidenziare i verbi 9. Aprite la pagina 116 dell’ebook e evidenziate con l’evidenziatore i verbi
al futuro semplice. al futuro.
10. Chiedete, per alzata di 10. Se volete, potete cancellare con la matita parole o espressioni su cui
mano, se gli studenti desiderate concentrare l’attenzione degli studenti.
notano qualche A lezione:
somiglianza con modi 11. Tramite la condivisione schermo, mostrate la pagina del vostro ebook e
verbali incontrati in chiedete agli studenti se riescono a notare quali sono le caratteristiche di
precedenza (risposta: questo tempo verbale.
il condizionale) e di 12. Se avete anche cancellato parole o espressioni, procedete all’ascolto del
evidenziarne analogie dialogo condividendo l’audio della traccia 26.
e differenze. 13. Quando si arriva al momento di ascoltare le parole cancellate,
interrompete l’audio e invitate uno studente a trovare la parola
mancante. Per la verifica, eliminate la cancellatura e scoprite la parola
nel testo.

19
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 8

5 Oggi bisogna…
Obiettivo: esercitare la produzione orale esprimendo il proprio parere sui requisiti per trovare lavoro

Grammatica: il verbo impersonale bisogna

Strumenti: dialogo a catena

1. In questo caso risulta appropriato proporre un → dialogo a catena. Interpellate il primo studente e
invitatelo a formare una frase utilizzando la forma bisogna e una delle parole delle liste ESSERE /
AVERE. Poi chiedete al secondo compagno di confermare da una parte ciò che ha detto chi ha parlato
prima, ma di aggiungere una frase nuova, sempre usando la forma bisogna + una delle parole della
lista.
2. Fate un esempio iniziando voi e continuate coinvolgendo uno studente:
insegnante: Per trovare un lavoro bisogna essere flessibili.
studente 1: Sì, bisogna essere flessibili, ma bisogna anche avere fortuna.
studente 2: Sì, bisogna avere fortuna, ma… (ecc.).
3. Invitate gli studenti a continuare la catena.

8 Una mail
Obiettivo: esercitare la produzione scritta mediante la redazione di una lettera di presentazione.

Strumenti: condivisione dello schermo Strumenti consigliati: cappello, dado

1. Prima della lezione, date agli studenti l’incarico di scrivere la lettera di presentazione a casa e di
inviarvela per e-mail.
2. Correggete e restituite il compito agli studenti.
3. Come rinforzo, il giorno successivo potrete mostrare ai compagni alcune delle lettere con una →
condivisione dello schermo.
4. Date l’incarico a due studenti di leggere la lettera a voce alta. Dopo spiegate che avranno l’incarico di
fare il “poliziotto buono” e il “poliziotto cattivo”. Assegnate questi due ruoli → estraendo i nomi dal
cappello.
5. A questo punto tirate il → dado e date l’incarico al “poliziotto buono” di trovare nella lettera una
serie di buoni motivi per assumere il candidato in numero pari a quello indicato dal dado.
6. Anche il “poliziotto cattivo” dovrà indicare un numero di buoni motivi per non assumere il candidato
pari al numero indicato dal dado.
7. L’attività si conclude quando tutti gli studenti hanno fatto il poliziotto buono o quello cattivo.

11 Frasi ipotetiche
Obiettivo: formulare periodi ipotetici della realtà

Strumenti: dialogo a catena

1. Svolgete l’attività attraverso il → dialogo a catena. Interpellate il primo studente e invitatelo a fare al
compagno una delle domande dell’attività. Il suo compagno dovrà rispondere alla domanda e, a sua
volta, sceglierne una per il compagno successivo.
2. Mostrate chiaramente l’esempio coinvolgendo, nel caso, uno studente.
3. Se gli studenti risultano in eccesso rispetto alle domande e alle risposte, potete invitare gli studenti a
inventare domande e a rispondere con periodi ipotetici coerenti alla domanda ricevuta.
20
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 10

Lezione 9 – Colpo di fulmine


3 Mi è successa una cosa incredibile!
Obiettivo: esercitare la comprensione orale con un dialogo informale su una giornata iniziata male e finita
bene

Grammatica: stare per + infinito, mentre e durante

Materiali: AUDIO traccia 29

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sondaggio

1. Seguite la tipologia di attività “ascolto”.


2. Fate ascoltare una prima volta il dialogo condividendo la TRACCIA 29.
3. Mostrate le 3 opzioni tra cui scegliere per il punto “a” (senza mostrare la trascrizione) e chiedete agli
studenti di scrivere in → chat la lettera che identifica la continuazione corretta. Chiedete di inviare la
risposta solo al vostro VIA. Fate lo stesso per la seconda scelta (La ragazza). Questo punto può essere
svolto in modo più dinamico preparando, prima della lezione, un → sondaggio a scelta multipla.
4. Fate ascoltare ancora il dialogo leggendo il testo.
5. Chiedete agli studenti di sottolineare o evidenziare su libro o ebook le parole o le espressioni che non
risultano chiare.
6. Spiegate, a partire dai box, le espressioni mentre, durante, finalmente, all’inizio e alla fine.
7. Chiedete di leggere le frasi con i verbi evidenziati e di abbinarli a quello che esprime. Invitate gli
studenti ascrivere in → chat i numeri 1, 2, 3 seguiti dalla lettera abbinata. Chiedete di inviare la
risposta solo al vostro VIA. Anche questo punto può essere svolto in modo più dinamico preparando,
prima della lezione, un → sondaggio a scelta multipla.
8. Commentate e invitate la classe a commentare e porre domande per chiarire le differenze tra questi
modi di esprimere azioni nel passato.

21
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 10

8 Incontri curiosi
Obiettivo: esercitare la produzione orale raccontando un incontro avvenuto in modo singolare

Strumenti: chat

1. Prima dell’attività, chiedete agli studenti se hanno in casa una foto, un oggetto o un indumento che
ricorda loro una persona incontrata in modo particolare. Non è necessario che abbiano qualcosa, ma
chi ne fosse in possesso, potrebbe iniziare il suo racconto utilizzando l’oggetto in questione e magari
incuriosendo i compagni mostrandolo soltanto e stimolando le loro domande.
2. Chiedete agli altri studenti di interagire facendo domande, utilizzando le forme viste al punto 7.
3. Eventualmente potete scrivere in chat una espressione (ad esempio: Sul serio?). Il primo studente che
interagisce usandola guadagna un punto.
4. Date 3 minuti a ogni studente e passate la parola ad un altro allo scadere del tempo. In classi poco
numerose potete aumentare il tempo a disposizione.

10 La tua storia in 140 caratteri


Obiettivo: esercitare la produzione scritta raccontando un evento in modo sintetico e la produzione
orale aggiungendo dettagli a un racconto altrui.

Strumenti: chat

1. Prima della lezione, chiedete agli studenti di svolgere a casa il compito come è indicato nella
consegna e di mandarvelo.
2. Inserite (senza correggere) tutte le composizioni in un unico file.
3. Senza rivelare chi è l’autore, copiate e incollate il messaggio in→ chat (se possibile, in una chat
privata) e date l’incarico a uno studente di leggerlo a voce alta, aggiungendo al racconto i dettagli
che preferisce.
4. Gli studenti in ascolto hanno l’incarico di identificare la persona che ha scritto il messaggio.
5. Una volta identificato, l’autore conferma o smentisce i dettagli che sono stati inventati dal
compagno.
6. L’attività continua allo stesso modo con il testo degli altri studenti.

13 Non sopporto…
Obiettivo: fissare le forme non sopporto/mi dà fastidio

Strumenti: dialogo a catena

1. Invitate gli studenti, in autonomia, a stilare una lista di 5 cose che non sopportano o danno loro
fastidio.
2. Svolgete poi l’attività attraverso un → dialogo a catena.
3. Interpellate il primo studente e invitatelo a dire le cinque cose che non sopporta o che gli danno
molto fastidio. Lo studente legge la lista e, per alzata di mano, un compagno che ha almeno una delle
cose fastidiose in comune (dicendo Neanche io sopporto…) ne dirà altre, e così via.
4. Procedete così finché tutti gli studenti non avranno esposto la loro lista.

22
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 10

Lezione 10 – Casa dolce casa…


2 Cerco casa
Obiettivo: esercitare la comprensione orale con un dialogo informale sulla ricerca di un appartamento

Grammatica: le forme dell’aggettivo bello prima del sostantivo, il congiuntivo presente con espressioni
impersonali e verbi di opinione

Materiali: AUDIO traccia 32

Strumenti: chat Strumenti consigliati: sondaggio

1. Seguite la tipologia di attività “ascolto”.


2. Fate ascoltare una prima volta il dialogo condividendo la TRACCIA 32.
3. Invitate poi gli studenti ad aprire libro o ebook e a indicare nella → chat come deve essere e cosa deve
avere l’appartamento. Questa fase può essere svolta anche attraverso un → sondaggio.
Eventualmente fate riascoltare il dialogo e commentate eventuali risposte differenti o non corrette.
4. Fate ascoltare ancora il dialogo leggendo il testo a pagina 146.
5. Chiedete agli studenti di evidenziare su libro o ebook le parole o le espressioni non chiare. Rispondete
alle domande e mostrate l’esempio del box con l’aggettivo bello prima del sostantivo.
6. Chiedete ora di completare le frasi di Cosa è importante per Daniela scrivendo i due verbi nella → chat.
Chiedete di inviare la risposta solo al vostro VIA. Fate lo stesso con Cosa pensa Carlo.
7. Commentate e invitate la classe a commentare e porre domande per chiarire l’uso del congiuntivo
presente dopo verbi di opinione e forme impersonali.

23
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso 2 DaD | Didattica a Distanza | Lezione 10

6 Una casa a Venezia


Obiettivo: esercitare la comprensione scritta con una mail informale in cui si descrive un appartamento
e ampliare il lessico sugli ambienti della casa

Strumenti consigliati: lavagna; screenshot

1. Seguite la tipologia di attività “lettura”.


2. Chiedete agli studenti di identificare e poi scrivere nella chat le parole che indicano le stanze.
3. Verificate che siano corrette e chiarite eventuali dubbi.
4. Individualmente ora gli studenti disegnano la pianta dell’appartamento di Alberto e Lucia e
confrontano la propria rappresentazione con quella dei compagni. Per svolgere questo punto, avete
diverse opzioni.
5. Se il programma che usate consente l’uso della lavagna, potete chiedere a uno studente di leggere la
descrizione mentre un volontario disegna sulla lavagna. Chi ascolta deve indicare se il disegno è
corretto o meno.
6. Un’alternativa più analogica potrebbe essere di chiedere a tutti gli studenti di disegnare a mano, su
un foglio o sul libro la pianta dell’appartamento. Chiedete di usare un pennarello scuro, dal tratto ben
visibile. Dategli qualche minuto per svolgere il compito. Allo scadere del tempo chiedete a tutti di
alzare il disegno davanti alla telecamera. Quando tutti i disegni sono visibili, fate uno → screenshot.
7. Condividete lo screenshot con gli studenti e commentate insieme le loro opere d’arte!

7 Bella, accogliente…
Obiettivo: esercitare la produzione orale descrivendo la propria casa

1. Prima dell’attività, chiedete agli studenti se potranno utilizzare un dispositivo mobile per mostrare la
casa ai loro compagni o se possono fotografare le stanze della loro casa per mostrarle durante
l’attività. Sarà sicuramente più agevole per loro e per i compagni svolgere la produzione orale in base
qualche immagine da mostrare in condivisione schermo.
2. Chiedete agli altri studenti di interagire facendo domande.
3. Date 3 minuti a ogni studente e passate la parola ad un altro allo scadere del tempo. In classi poco
numerose potete aumentare il tempo a disposizione.

13 E voi?
Obiettivo: esercitare la produzione orale esprimendo un parere favorevole o contrario allo scambio di casa,
difendere un punto di vista, convincere

Oltre all’attività proposta, potete invitare i vostri studenti ad andare su al sito www.scambiocasa.com/it/: a
coloro che hanno espresso parere contrario allo scambio casa, chiedete di cercare una proposta che
potrebbe far cambiare loro idea; a coloro che avevano espresso un parere favorevole, chiedete di cercare
una città e una casa per loro adeguata a uno scambio con il loro appartamento.

24