Sei sulla pagina 1di 69

OloBeam

Standard 7

Manuale d’Uso

Release: 7.7.1

Copyright (C) 2016 Ing. Catello BOCCELLINO - www.olobeam.com


OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

AVVERTENZE

L'utente è l'unico responsabile per i danni derivanti dall’uso del programma, per il quale non viene
fornita alcuna garanzia di funzionamento.
È necessario verificare l'attendibilità dei risultati tramite metodi e strumenti di calcolo alternativi.

www.olobeam.com 2
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

INTRODUZIONE

OloBeam è un software dedicato alla Scienza e Tecnica delle Costruzioni. Esso esegue l'analisi statica
di strutture tridimensionali costituite da travi di sezione generica, di qualsiasi materiale, comunque
vincolate e caricate, in ogni modo orientate nello spazio.
Il programma fornisce risultati in forma numerica e grafica relativamente a reazioni vincolari,
spostamenti, deformazioni, caratteristiche di sollecitazione, tensioni normali e tensioni tangenziali,
compresi direzione e verso di queste ultime.
Il programma integra la linea elastica secondo il modello proposto da Timoshenko, tenendo cioè
conto delle deformazioni per taglio.
Il calcolo dei fattori di taglio e di torsione è condotto con il metodo degli elementi finiti triangolari,
previa discretizzazione automatica della sezione.
Il Programma è in continua evoluzione. Si consiglia di verificare la disponibilità di una versione più
recente sul sito http://www.olobeam.com.

L’autore
Ing. Catello BOCCELLINO

www.olobeam.com 3
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

SISTEMA DI RIFERIMENTO

Il sistema di riferimento globale è una terna destrorsa con asse Z positivo verso l’alto.
Ad esso vanno riferiti: i vincoli esterni, le coordinate dei nodi, le azioni sui nodi, le reazioni vincolari e
gli spostamenti nodali, tutti positivi nel verso concorde a quello degli assi di riferimento.
A maggior chiarimento, per quanto riguarda le coppie destrorse:
MX tende a portare l'asse Y sull'asse Z, con una rotazione di 90°;
MY tende a portare l'asse Z sull'asse X;
MZ tende a portare l'asse X sull'asse Y.

I sistemi di riferimento locale, utilizzati per descrivere le proprietà delle singole aste, sono anch'essi
destrorsi, con l'asse z coincidente con l'asse longitudinale dell'asta, baricentrico rispetto alla sezione
trasversale, diretto dal nodo iniziale verso quello finale.
Le azioni esterne sulle aste sono parallele al sistema di riferimento locale; la loro direzione passa per
il baricentro della sezione trasversale. Il programma non tiene conto dell’eccentricità del centro di
taglio; pertanto, ove necessario, occorre inserire manualmente gli effetti torsionali da ciò derivanti.
Gli assi x e y individuano il piano della sezione trasversale dell'asta, con x parallelo alla base della
sezione e y parallelo all'altezza della stessa.
Per le aste non verticali (alias travi), l'asse y è per default posto nel piano verticale contenente l'asse
z.
Per le aste verticali (alias pilastri) gli assi x e y per default sono posti paralleli e concordi a quelli X e Y
del sistema di riferimento globale.
I sistemi di riferimento locali possono essere singolarmente ruotati intorno al proprio asse z.

www.olobeam.com 4
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

UNITÀ DI MISURA

Le unità di misura sono fisse ed invariabili:

Posizionamento globale m Metri

Dimensioni Sezione mm Millimetri

Forze applicate, Taglio e Sforzo Normale N Newton

Coppie, Momenti Flettenti e Torsione N⋅m Newton per metro

Azioni termiche °C Gradi Celsius

Forze ripartite N/m Newton al metro

Coppie ripartite N⋅m / m Newton per metro al metro

www.olobeam.com 5
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

LIMITAZIONI NUMERICHE

o Le coordinate dei nodi devono essere comprese tra –1000 e +1000 metri.
o La lunghezza delle aste non può essere inferiore a 1 cm, né superiore a 30 m.
o Le dimensioni di ingombro delle sezioni non possono essere inferiore ad 1 mm, né superiori a 30
m.
o Il modulo di elasticità normale E deve essere compreso tra 1'000 a 1'000'000 N/mm².
o Il modulo di elasticità tangenziale G deve essere compreso tra 3’00 a 1'000'000 N/mm².
o Il modulo di contrazione trasversale (modulo di Poisson) 1/m può variare da -0.999 a +0.5.
o Il coefficiente di dilatazione termica α deve essere inferiore o uguale a 0.0001/°C.
o Le forze e le coppie, concentrate o distribuite, non possono essere, in valore assoluto, maggiore
di 10'000'000 N (o Nm nel caso di coppie).
o Le azioni termiche non possono essere, in valore assoluto, maggiori di 100°C.
o I coefficienti di rigidità, devono essere compresi tra i valori min e max della sottostante tabella. Il
range dei valori inseribili varia grossomodo da quelli corrispondenti ad uno stuzzicadenti di legno
fino a quelli di una sezione di acciaio circolare piena del diametro di 10 metri. Possono inoltre
essere inserite rigidezze nulle o infinite.

Min Max

EA 1 E+04 N 1 E+14 N

EI ξ 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

EIη 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

GI p / q 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

GA / χ ξ 1 E+04 N 1 E+14 N

GA / χη 1 E+04 N 1 E+14 N

www.olobeam.com 6
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

MENU PRINCIPALE > FILE

File > Nuovo Telaio


Per iniziare un nuovo lavoro, dal menu File cliccare Nuovo Telaio.
Apparirà la pagina Dati di Default nella quale occorre inserire i dati di inizializzazione delle matrici,
tutti comunque modificabili successivamente.

File > Apri Telaio


Recupera un lavoro precedentemente archiviato.

File > Salva


Memorizza il lavoro in corso utilizzando il nome corrente, in pratica quello che appare sulla barra in
alto.
Il corrispondente file viene sovrascritto, perdendo le informazioni precedentemente memorizzate.

File > Salva con nome


Consente di attribuire un nuovo nome al telaio corrente e di memorizzarlo in una cartella a scelta.

File > Esporta


Esporta i dati e i risultati nel formato CSV di Microsoft Excel.
Il separatore di elenco utilizzato nei file è il simbolo “;”.
Maggiori dettagli in Risultati/Esporta.

File > Esci


Chiude il programma.

www.olobeam.com 7
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

MENU PRINCIPALE > EDIT

Nodi > Proprietà


Si entra in una pagina in cui è possibile inserire o modificare le coordinate dei nodi, i vincoli, le azioni
esterne ecc., in modalità singola (per ogni nodo) o multipla (insieme prescelto di nodi).

Nodi > Aggiungi / Elimina / Sposta

Aste > Proprietà


Si entra in una pagina in cui è possibile inserire o modificare tutte le proprietà delle aste, in modalità
singola o multipla.

Aste > Aggiungi / Elimina / Sposta

www.olobeam.com 8
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

MENU PRINCIPALE > CALCOLO

Calcolo > Verifica Dati

Calcolo > Analisi Statica

Calcolo > Inviluppo

www.olobeam.com 9
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

MENU PRINCIPALE > RISULTATI

Risultati > Spostamenti Nodali

Risultati > Reazioni Vincolari

Risultati > Caratteristiche Sollecitazione Interna e Frecce

Risultati > Componenti Sollecitazione Interna (Tensioni normali e tangenziali)

www.olobeam.com 10
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

MENU PRINCIPALE > VISTA

Vista > Struttura e Azioni

Vista > Deformata Nodale

Vista > Deformata Elastica

Vista > Diagramma Sollecitazioni

www.olobeam.com 11
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

DATI DI DEFAULT / GENERALITÀ

Tutti i dati inseriti in questa sezione sono modificabili in seguito. Essi servono essenzialmente ad
inizializzare le matrici dei dati.
Per iniziare a lavorare con il nuovo telaio è necessario memorizzare i dati cliccando sul pulsante Min,
e quindi tornare al menu principale.

Nome Telaio
Casella di testo, 50 caratteri alfanumerici, nella quale deve essere inserito il nome della struttura. È il
nome di default del file utilizzato per salvare l'attività corrente.
Questo nome apparirà sulla barra in alto del menu principale e indicherà il telaio corrente. Può
essere modificato successivamente con l'opzione Salva con nome dal menu principale.

Numero Nodi
Il numero dei nodi non può essere inferiore a 2 né superiore a 500.
È possibile eliminare o aggiungere nodi in seguito; dal menu principale selezionare
Nodi>Aggiungi/Elimina/Sposta.

Numero Aste
Il numero delle aste non può essere inferiore a 1 né superiore a 1'500.
È possibile eliminare o aggiungere aste in seguito; dal menu principale selezionare
Aste>Aggiungi/Elimina/Sposta.

Caratteristiche del materiale vedi Aste / Caratteristiche del materiale

Proprietà della sezione vedi Aste / Proprietà della sezione

Dimensioni termiche vedi Aste / Dimensioni termiche

Coefficienti di rigidità vedi Aste / Coefficienti di rigidità

www.olobeam.com 12
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

NODI / GENERALITÀ

Le modifiche effettuate in questa sezione comportano la necessità di rieseguire il calcolo


eventualmente effettuato. In tal caso il programma propone automaticamente di entrare in Sola
lettura, una modalità che consente di visualizzare i dati ma non di modificarli, conservando i risultati
del calcolo prima effettuato.

N (Numero Nodo)
I nodi sono numerati in ordine progressivo partendo da 1.
Il nodo selezionato, a cui si riferiscono i dati visualizzati, appare nella casella combinata in alto a
sinistra, nella quale è riportato il corrispondente numero.
È possibile selezionare i nodi dalla stessa casella mediante l’elenco di riepilogo, oppure in maniera

progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano in basso a destra della pagina
visualizzata.
È possibile modificare proprietà a più nodi contemporaneamente cliccando il pulsante Selezione
multipla.

Coordinate
Sono riferite al sistema di riferimento globale. Sono espresse in metri con tre cifre decimali
(precisione millimetrica).
Possono variare da -1000m a +1000m (vedi limitazioni numeriche).

Descrizione
Casella di testo nella quale può essere inserita una descrizione facoltativa del nodo.

www.olobeam.com 13
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

NODI / VINCOLI

Ogni nodo ha 6 gradi di libertà, 3 di traslazione e 3 di rotazione.


Per inserire un vincolo occorre selezionare la casella di controllo dello spostamento che si desidera
impedire, evidenziandola con una crocetta.
Per default i vincoli sono perfetti; la loro cedevolezza è nulla.
È possibile modificarne la deformabilità inserendo il relativo valore nella casella di testo
corrispondente.

www.olobeam.com 14
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

NODI / AZIONI ESTERNE

Ad ogni nodo è possibile attribuire fino a 9 azioni esterne. È possibile scegliere indipendentemente
tra sei tipi di azione:
- FX, FY e FZ, forze parallele ed equiverse agli assi del riferimento globale
- MX, MY e MZ, coppie destrorse nel sistema di riferimento globale.
A maggior chiarimento:
MX tende a portare l'asse Y sull'asse Z, con una rotazione di 90°. MY porta l'asse Z sull'asse X. MZ
tende a portare l'asse X sull'asse Y.

Ciascuna azione non può essere, in valore assoluto, maggiore di 10'000'000 Newton, o Nm nel caso
di coppie (vedi limitazioni numeriche).

www.olobeam.com 15
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

NODI / SELEZIONE MULTIPLA-GRAFICA

Dalla pagina Nodi, cliccando il pulsante Selezione Multipla, appare una cornice con 100 pulsanti
numerati progressivamente; a ciascun pulsante corrisponde il nodo con lo stesso numero
identificativo.
Per selezionare i nodi da modificare contemporaneamente, cliccare i relativi pulsanti, che vengono
evidenziati in scuretto.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di nodi.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco dei nodi selezionati.
Mediante il pulsante Selezione Grafica si accede ad una vista tridimensionale della struttura.
Il numero di identificazione dei nodi, posto al loro fianco, assume il colore giallo se il nodo risulta
selezionato; cliccando su esso il nodo può essere selezionato/deselezionato.
Con il pulsante OK viene confermata la selezione effettuata e si entra in una pagina di proprietà dei
nodi, denominata Nodi Selezione Multipla, simile a quella originaria denominata Nodi, in cui però
tutti i campi sono disabilitati. Per abilitarli, e quindi modificare o inserire i valori da attribuire
simultaneamente a tutti i nodi selezionati, occorre cliccare gli appositi pulsanti posti nelle loro
vicinanze, che assumono il colore rosso in segno di avvertimento.

Le modifiche effettuate in questa sezione devono essere convalidate cliccando il pulsante Min, per
evitare di perdere fortuitamente le informazioni precedenti.

www.olobeam.com 16
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

NODI > AGGIUNGI / ELIMINA / SPOSTA

Dal menu principale, selezionando Nodi>Aggiungi/Elimina/Sposta, appare una cornice con 100
pulsanti numerati progressivamente; a ciascun pulsante corrisponde il nodo con lo stesso numero
identificativo.
Per selezionare un nodo bisogna cliccare il relativo pulsante, che viene evidenziato in scuretto.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di nodi.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco dei nodi selezionati.
Serie
Viene eseguita una replica in serie dei nodi selezionati.
I nuovi nodi assumono tutte le proprietà dei nodi d’origine, compresi i vincoli e le azioni esterne.
Se è stata selezionata l’opzione Serie rettangolare, i nodi vengono copiati traslandoli, ad ogni ciclo di
copia, di un vettore che ha per componenti i passi ∆x ∆y ∆z specificati nelle corrispondenti caselle.
Se è stata selezionata l’opzione Serie polare, viene eseguita una replica in serie circolare, copiando i
nodi selezionati attorno ad un punto centrale, e distribuendoli equamente nell’angolo da riempire.
L’orientamento dell’asse di rotazione può essere scelto fra tre direzioni predefinite, parallele agli assi
del sistema di riferimento globale.
Sposta
I nodi selezionati vengono spostati nel sistema di riferimento globale.
Le aste che eventualmente convergono in tali nodi risulteranno modificate in lunghezza e direzione.
Se è stata selezionata l’opzione Trasla, i nodi vengono traslati di un vettore che ha per componenti i
passi ∆x ∆y ∆z, specificati nelle corrispondenti caselle.
Se è stata selezionata l’opzione Ruota, i nodi vengono spostati, mediante una rotazione nel piano
scelto, in base all'angolo specificato ed alle coordinate del punto centrale.
Elimina
I nodi selezionati vengono cancellati, a meno che essi non siano un nodo di estremità per un'asta. In
tal caso bisogna eliminare prima l'asta e poi il nodo.

www.olobeam.com 17
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / GENERALITÀ

Le modifiche effettuate in questa sezione comportano la necessità di rieseguire il calcolo


eventualmente effettuato. In tal caso il programma propone automaticamente di entrare in “solo
lettura”, una modalità che consente di visualizzare i dati ma non di modificarli, conservando i risultati
del calcolo precedentemente effettuato.

N (Numero Asta)
Le aste sono numerate in ordine progressivo partendo da 1.
L’asta selezionata, a cui si riferiscono i dati visualizzati, appare nella casella combinata in alto a
sinistra, nella quale è riportato il corrispondente numero.
È possibile selezionare le aste dalla stessa casella mediante l’elenco di riepilogo, oppure in maniera

progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano in basso a destra della pagina
visualizzata.
È possibile modificare proprietà a più aste contemporaneamente cliccando sul pulsante Selezione
Multipla.

Descrizione
Casella di testo nella quale può essere inserita una breve descrizione dell’asta.

www.olobeam.com 18
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / NODI DI ESTREMITÀ

Estremo i
È il nodo iniziale della trave. Va selezionato scegliendo il numero del nodo dall’elenco di riepilogo
posto in alto a sinistra nella cornice “estremo i”.
Nella casella di testo posta a lato del numero di nodo appare automaticamente la descrizione del
nodo stesso.
Per inserire cerniere all’estremo “i” della trave, occorre selezionare con una crocetta la casella di
controllo relativa al tipo di cerniera che si vuole inserire.

Estremo j
È il nodo finale della trave. Vale quanto detto per l’estremo “i”.

I nodi di estremità possono essere selezionati anche graficamente mediante il pulsante Input Grafico
Estremi.

www.olobeam.com 19
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / CERNIERE

Cerniera trasversale
Consente rotazioni intorno ad un asse ortogonale all’asse z locale. Per default, l’asse di rotazione
coincide con l’asse locale x. Esso può essere ruotato di ± 90°, nel piano del riferimento locale xy,
agendo sulla barra di scorrimento orizzontale posta immediatamente in basso. La sua direzione può
essere scelta indipendentemente da quella degli assi principali d’inerzia della sezione dell’asta.

Cerniera a snodo
Consente tutte le rotazioni attorno agli assi x e y del sistema di riferimento locale dell'asta, ma
impedisce le rotazioni di tipo torsionale.

Cerniera assiale
Consente la rotazione intorno all’asse z (torsionale), ma impedisce le rotazioni trasversali.

Cerniera sferica
Consente tutte le rotazioni.

Nota: le cerniere assiali, ma soprattutto quelle sferiche, vanno usate con cautela, sia perché
difficilmente realizzabili nella tecnica costruttiva, sia perché, se usate in coppia, procurano una
labilità interna (rotazione libera intorno all’asse z).

www.olobeam.com 20
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / PROPRIETÀ DELLA SEZIONE

Mediante il pulsante Edita Sezione si entra nella pagina Sezione Trasversalenella quale può essere
modificata la geometria della sezione trasversale, le proprietà di massa (momenti d'inerzia, direzioni
principali d'inerzia, ecc.) e le proprietà di forma (fattori di taglio e torsione).

Con la barra di scorrimento orizzontale, un’asta generica può essere ruotata intorno al proprio asse
longitudinale z. Gli angoli di rotazione sono sessagesimali con approssimazione di 0,1°.
Con la sezione viene ruotato anche il sistema di riferimento locale, e con esso la direzione delle
azioni esterne.

Se la sezione che si vuole attribuire all’asta corrente è già associata ad un’altra asta, è possibile
prelevarne i dati rapidamente selezionando il numero dell’asta di riferimento mediante la casella di
riepilogo a discesa e successivamente cliccando sul pulsante Min, posto immediatamente a destra,
per copiarne i dati.

www.olobeam.com 21
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / LUNGHEZZA

Proprietà in sola lettura.


La lunghezza dell’asta è calcolata e aggiornata in tempo reale ad ogni variazione dei nodi
d’estremità.
La lunghezza delle aste non può essere inferiore a 1 cm, né superiore a 30 metri (vedi limitazioni
numeriche).

www.olobeam.com 22
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / CARATTERISTICHE DEL MATERIALE

E Modulo di elasticità normale (modulo di Young), in N/mm².


Il programma accetta valori compresi tra 1'000 a 1'000'000 di N/mm² (vedi limitazioni numeriche).
Per fornire un ordine di dimensione del valore di E, si riportano di seguito alcuni valori di riferimento:
acciaio 200'000 ÷ 210'000 N/mm²
calcestruzzo 20'000 ÷ 40'000 N/mm²
legnami 10'000 ÷ 15'000 N/mm²
alluminio ~70'000 N/mm²
vetro ~70'000 N/mm²

G Modulo di elasticità tangenziale.


Viene ricalcolato automaticamente ad ogni variazione di E o di 1/m, con la relazione
G=E/(2*(1+1/m)).
È possibile modificarlo manualmente; in tal caso il corrispondente campo assume il colore giallo.
Il programma accetta valori compresi tra 300 a 1'000'000 di N/mm² (vedi limitazioni numeriche).

1/m Modulo di contrazione trasversale (modulo di Poisson).


Per i materiali reali può variare da 0 a 0.5. Fanno eccezione i materiali innovativi sviluppati in
laboratorio, detti auxetici, caratterizzati da coefficienti di Poisson negativi.
Oltre a legare i parametri E e G, esso è estremamente importante nel calcolo dei fattori di taglio.
Pertanto, per modificarlo è necessario entrare nella pagina Sezione Trasversale, mediante il pulsante
Edita Sezione.
Valori di riferimento:

Materiale 1/m

Acciaio 0.30

Calcestruzzo 0.20

Legnami 0.43

Alluminio 0.35

Vetro 0.25

www.olobeam.com 23
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Coefficiente di dilatazione termica.


Il programma accetta solo valori minori o uguali a 1,0E-04 .
Valori di riferimento:
acciaio 1,2E-05 /°C
calcestruzzo 1,0E-05 /°C
legnami 3,0E-06 /°C ÷ 9,0E-06 /°C
alluminio 2,3E-05 /°C
vetro 9,0E-05 /°C

www.olobeam.com 24
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / PROPRIETÀ DI MASSA

In questa cornice vengono presentate, in sola lettura, le proprietà di massa (area, momenti principali
d’inerzia e angolo tra l’asse principale ξ e l’asse locale x) così come determinate nella pagina Sezione
Trasversale, nella quale bisogna entrare, mediante il pulsante Edita Sezione, se le si vuole
modificare.
Maggiori informazioni in Sezione Trasversale / Proprietà di massa.

www.olobeam.com 25
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / PROPRIETÀ DI FORMA

In questa cornice vengono presentate, in sola lettura, le proprietà di forma (fattori di taglio e fattore
di torsione), così come determinate nella pagina Sezione Trasversale, nella quale bisogna entrare,
mediante il pulsante Edita Sezione, se le si vuole modificare.
Maggiori informazioni in Sezione Trasversale / Proprietà di forma.

www.olobeam.com 26
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / DIMENSIONI TERMICHE

Sono le dimensioni di ingombro della sezione trasversale, parallele alla base e alla altezza,
considerate ai fini delle azioni termiche a farfalla.
Esse vengono proposte automaticamente ad ogni variazione della geometria della sezione.
Possono essere modificate manualmente; in tal caso il corrispondente campo assume il colore giallo
in segno di avvertimento.

www.olobeam.com 27
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / COEFFICIENTI DI RIGIDITÀ

I coefficienti di rigidità legano le caratteristiche della sollecitazione interna alle caratteristiche di


deformazione. Essi vengono utilizzati per la costruzione della matrice di rigidezza dell’asta,
unitamente alla lunghezza dell’elemento.

EA rigidità estensionale

EI ξ rigidità flessionale (ξ asse neutro)

EIη rigidità flessionale (η asse neutro)

GI p / q rigidità torsionale (q fattore di torsione)

GA / χ ξ rigidità tagliante (ξ asse neutro)

GA / χη rigidità tagliante (η asse neutro)

GA / χ ξη rigidità tagliante mutua

dove ξ ed η sono gli assi principali d’inerzia della sezione.

Inserimento manuale
Si riportano di seguito i limiti min e max dei valori modificabili manualmente:

Min Max

EA 1 E+04 N 1 E+14 N

EI ξ 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

EIη 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

GI p / q 1 E+04 N⋅mm² 1 E+20 N⋅mm²

GA / χ ξ 1 E+04 N 1 E+14 N

GA / χη 1 E+04 N 1 E+14 N

www.olobeam.com 28
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

oltre naturalmente a valori nulli o tendenti ad infinito, che il programma simula attribuendo agli
elementi rigidità fittizie di almeno tre ordini di dimensione maggiori dei suddetti limiti max.
Se vengono inseriti valori al di fuori dei limiti consentiti, il relativo campo si colora di rosso in segno
di avverrtimento.
Spesso si ricorre all'ipotesi di impalcati rigidi nel loro piano; può essere perciò utile ritenere tendente
ad infinito il valore di alcune rigidezze. Ad esempio, se le travi appartenenti ad un impalcato
orizzontale (solaio) hanno gli assi locali ξ complanari, allora dovrebbero considerarsi tendenti ad
infinito le loro seguenti rigidità: EA , EIη , GA / χη .

Si può altresì modellare un solaio infinitamente rigido nel proprio piano, inserendo, tra i nodi dello
stesso impalcato, travi fittizie con rigidità modificate manualmente come nella figura seguente.

Calcolo automatico
Il calcolo automatico viene effettuato utilizzando le proprietà di massa e di forma precedentemente
inserite nella pagina Sezione Trasversale.
Se alcune di queste proprietà sono state inserite in modalità manuale, i relativi campi dei coefficienti
di rigidità, calcolati sulla base di tali dati manuali, si colorano di giallo in segno di avvertimento.
Se precedentemente si è optato per trascurare il calcolo dei fattori di taglio, la procedura interpreta
tale eventualità come volontà dell’utente di trascurare la deformabilità tagliante rispetto a quella
flessionale. A tale scopo viene automaticamente attribuito ai coefficienti di rigidità tagliante il valore
infinito.
Analogamente, se si è optato per trascurare il calcolo del fattore di torsione, la procedura attribuirà
automaticamente valore nullo al coefficiente di rigidità torsionale.

www.olobeam.com 29
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / AZIONI ESTERNE

Tipo di azione
Ad ogni asta è possibile attribuire fino a 9 azioni esterne. È possibile scegliere indipendentemente tra
15 tipi di azione:
- Fx, Fy e Fz, forze concentrate, parallele ed equiverse agli assi del sistema di riferimento locale;
- Mx, My e Mz, coppie concentrate, destrorse nel sistema di riferimento locale; Mx tende a
portare l'asse y sull'asse z, con una rotazione di 90°. My porta l'asse z sull'asse x. Mz tende a
portare l'asse x sull'asse y;
- qx, qy e qz, forze ripartite, parallele ed equiverse agli assi del sistema di riferimento locale;
- mx, my e mz, coppie ripartite, destrorse nel sistema di riferimento locale;
- Peso Concentrato (FZ) - peso distribuito (qZ), rispettivamente forza concentrata e distribuita,
parallele ed equiverse all'asse Z del Sistema di Riferimento Globale (generalmente vanno
inserite con segno negativo);
- tx, variazione termica (alla “Navier” o “a farfalla”) variabile in direzione parallela alla base; la
temperatura aumenta in senso equiverso a x;
- ty, variazione termica (alla “Navier” o “a farfalla”) variabile in direzione parallela all’altezza; la
temperatura aumenta in senso equiverso a y;
- tz, variazione termica uniforme, la temperatura è uguale in tutti i punti della sezione.

Punti di applicazione iniziali e finali


Il punto di applicazione delle azioni concentrate viene individuato dalla sua distanza z dal nodo
iniziale.
Il tratto di applicazione delle azioni distribuite è delimitato da un punto iniziale e un punto finale,
individuati dalle loro distanze dal nodo iniziale i, indicate con z inizio e z fine. Quando il punto finale
coincide con l’estremo j dell’asta, può più agevolmente essere inserito il carattere “L” anziché il
valore numerico.

www.olobeam.com 30
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / SELEZIONE MULTIPLA-GRAFICA

Dalla pagina Aste, cliccando il pulsante Selezione Multipla, appare una cornice con 100 pulsanti
numerati progressivamente; a ciascun pulsante corrisponde l'asta con lo stesso numero
identificativo.
Per selezionare le aste da modificare contemporaneamente, cliccare i relativi pulsanti, che vengono
evidenziati in scuretto.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di aste.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco delle aste selezionate.
Mediante il pulsante Selezione Grafica si accede ad una vista tridimensionale della struttura.
Il numero di identificazione delle aste, posto al loro fianco, assume il colore giallo se l'asta risulta
selezionata; cliccando su di esso l'asta può essere selezionata/deselezionata.
Con il pulsante OK viene confermata la selezione effettuata e si entra in una pagina di proprietà delle
aste, denominata Aste Selezione Multipla, simile a quella originaria denominata Aste, in cui però
tutti i campi sono disabilitati. Per abilitarli, e quindi modificare o inserire i valori da attribuire
simultaneamente a tutte le aste selezionate, occorre cliccare gli appositi pulsanti posti nelle loro
vicinanze, che assumono il colore rosso in segno di avvertimento.

Le modifiche effettuate in questa sezione devono essere convalidate cliccando il pulsante Min, per
evitare di perdere fortuitamente le informazioni precedenti.

www.olobeam.com 31
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE / INPUT GRAFICO ESTREMI

Mediante il pulsante Input Grafico Estremi, si accede ad una vista tridimensionale della struttura.
Per inserire l'estremo "i" cliccare sul numero identificativo del nodo prescelto, che si evidenzia in
giallo. Inserendo nello stesso modo l'estremo "j", il disegno si riaggiorna con la nuova posizione
dell'asta selezionata.
L’asta selezionata, della quale si stanno modificando i nodi d'estremità, è indicata nella casella
combinata in alto a sinistra. È possibile selezionare le aste dalla stessa casella mediante l’elenco di

riepilogo, oppure in maniera progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano


in basso a destra della pagina visualizzata.
Per maggiori informazioni sulla vista tridimensionale consultare Vista 3D.

www.olobeam.com 32
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

ASTE > AGGIUNGI / ELIMINA / SPOSTA

Dal menu principale, selezionando Aste>Aggiungi/Elimina/Sposta, appare una cornice con 100
pulsanti numerati progressivamente; a ciascun pulsante corrisponde l'asta con lo stesso numero
identificativo.
Per selezionare un’asta bisogna cliccare il relativo pulsante, che viene evidenziato in scuretto.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di aste.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco delle aste selezionate.

Serie
Viene eseguita una replica in serie delle aste selezionate.
Le nuove aste copiate assumono tutte le proprietà delle aste d’origine, compreso i carichi.
Se un estremo delle nuove aste non coincide con almeno un nodo esistente, viene automaticamente
generato un nuovo nodo; altrimenti, a quell’estremo dell’asta viene automaticamente attribuito il
nodo con numero identificativo più basso tra quelli coincidenti.
Se è stata selezionata l’opzione Serie rettangolare, le aste vengono copiate traslandole, ad ogni ciclo
di copia, di un vettore che ha per componenti i passi ∆x ∆y ∆z specificati nelle corrispondenti caselle.
Se è stata selezionata l’opzione Serie polare, viene eseguita una replica in serie circolare, copiando le
aste selezionate attorno ad un punto centrale, e distribuendole equamente nell’angolo da riempire.
L’orientamento dell’asse di rotazione può essere scelto fra tre direzioni predefinite, parallele agli assi
del sistema di riferimento globale.

Sposta
Le aste selezionate vengono spostate nel sistema di riferimento globale.
Se è stata selezionata l’opzione Trasla, le aste vengono traslate di un vettore che ha per componenti
i passi ∆x ∆y ∆z, specificati nelle corrispondenti caselle.
Se è stata selezionata l’opzione Ruota, le aste vengono spostate, mediante una rotazione nel piano
scelto, in base all'angolo specificato ed alle coordinate del punto centrale.

Elimina
Le aste selezionate vengono cancellate. I nodi di estremità non vengono automaticamente eliminati.

www.olobeam.com 33
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

SEZIONE TRASVERSALE / GENERALITÀ

La pagina Sezione Trasversale, accessibile mediante il comando Edita Sezione dalla pagina Aste,
consente di assegnare la geometria della sezione trasversale dell’asta, o di più aste nel caso
d’accesso dalla pagina Aste Selezione Multipla.
In questa pagina vanno inserite le proprietà di massa (area, direzioni principali d'inerzia, momenti
d'inerzia ecc.) e le proprietà di forma (fattori di taglio e torsione).

Le modifiche effettuate in questa pagina devono essere convalidate cliccando il pulsante Min, per
evitare di perdere fortuitamente le informazioni.

Il pulsante consente di testare la sezione analizzando le tensioni normali e tangenziali, che


si presenterebbero per una assegnata sollecitazione di calcolo da inserire manualmente.
Maggiori dettagli in Risultati / Componenti della Sollecitazione Interna (Tensioni).

www.olobeam.com 34
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

SEZIONE TRASVERSALE / GEOMETRIA

Le sezioni sono disegnate all'indietro, come se un osservatore guardasse dal nodo J al nodo I.

Nella pagina Sezione Trasversale, dal menu in alto scegliere la sezione tipo tra quelle elencate:

Generica
Si hanno a disposizione fino a 40 vertici per definire le coordinate delle poligonali chiuse che
definiscono il contorno della sezione. Sono definibili fino a 12 contorni, dei quali uno esterno ed 11
interni. I vuoti delle sezioni pluriconnesse vanno contornati da vertici ai quali va attribuito un
numero identificativo di bordo diverso dal bordo esterno e diverso da quelli di altre aree vuote.
Ciascuna poligonale viene automaticamente chiusa collegando l’ultimo vertice inserito con il primo
vertice del corrispondente bordo.
Ogni vertice può essere raccordato mediante un arco di raggio indicato nella specifica casella.
I pulsanti c ed i consentono di cancellare un vertice o di inserirne uno nuovo tra quelli esistenti.

Esempio esplicativo:

www.olobeam.com 35
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Compatta
Si hanno a disposizione 9 rettangoli, che assemblati tra loro danno forma alla sezione.
Ciascun rettangolo viene attivato cliccando sul corrispondente pulsante (di forma quadrata), che
assume il colore blu.
Le dimensioni di ciascun rettangolo sono inseribili nelle caselle di testo poste sui bordi dei pulsanti;
espresse in millimetri, possono variare da 1 fino a 10000 mm.
Con il pulsante Smussa Vertici si accede ad una maschera che consente di raccordare distintamente i
vertici della sezione o di cimarli secondo specifiche distanze.

Rettangolare cava
Per il dimensionamento vale quanto detto per le sezioni compatte.

Circolare
L'unico dato da inserire è il diametro del cerchio.

Anulare
De e Sp, rispettivamente il diametro esterno e lo spessore dell’anello.

Sottile
Si hanno a disposizione fino a 12 vertici per definire le coordinate della poligonale d’asse della
sezione. Se l’ultimo vertice ha le stesse coordinate del primo vertice la sezione sarà chiusa
automaticamente.
Ciascuna lato può avere un proprio spessore da inserire nella apposita casella di testo.

www.olobeam.com 36
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

SEZIONE TRASVERSALE / PROPRIETÀ DI MASSA

Area
Superficie della sezione trasversale; in mm².

Xg , Yg
Coordinate del baricentro della sezione; in mm.

x^ξ
Angolo tra l'asse xo e l'asse ξ (direzione principale d'inerzia); espresso in gradi sessadecimali, può
variare tra -45° a +45°.

Iξ Iη
Momenti d'inerzia rispetto agli assi baricentrici ξη (direzioni principali d'inerzia); in mm4.

Calcolo automatico / Inserimento manuale


Le proprietà di massa possono essere calcolate automaticamente o inserite manualmente.
Nel caso di inserimento manuale non sarà più possibile calcolare automaticamente le proprietà di
forma.

www.olobeam.com 37
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

SEZIONE TRASVERSALE / PROPRIETÀ DI FORMA

χξ Fattore di taglio ottenuto scegliendo ξ come asse neutro [adimensionale]

χη Fattore di taglio ottenuto scegliendo η come asse neutro [adimensionale]

q Fattore di torsione [adimensionale]

χ ξη Fattore di taglio mutuo rispetto alle direzioni principali d’inerzia [adimensionale]

Xc , Yc
Coordinate del Centro di Taglio, rispetto agli assi x y.
Esse sono in sola lettura.
Il programma non tiene conto dell'eccentricità del centro di taglio rispetto alle direzioni
baricentriche delle azioni esterne. Pertanto, ove opportuno, occorre inserire manualmente gli effetti
torsionali da ciò derivanti.

Calcolo automatico
I coefficienti elastici a taglio e torsione, per il modello di trave di De Saint-Venant, vengono
determinati risolvendo il problema di Neumann e l’equazione di Laplace con la tecnica delle
differenze finite, previa fitta discretizzazione della sezione trasversale.
La rete d’integrazione, a maglie triangolari, viene costruita appositamente per la sezione da
analizzare e varia secondo la complessità della sezione, infittendosi intorno gli spigoli vivi interni. I
tempi di elaborazione variano con la forma e la densità della maglia.
La procedura è in continua evoluzione, pertanto si consiglia di procurarsi sempre la versione
aggiornata di questo programma.

Inserimento manuale
Nel caso d’inserimento manuale dei fattori di forma, il programma non sarà più in grado, per quella
sezione, di determinare le tensioni tangenziali.
In modalità manuale il programma accetta valori compresi tra 1 e 1000, sia per i fattori di taglio che
per il fattore di torsione.

www.olobeam.com 38
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Trascura
Generalmente, la deformabilità tagliante può essere trascurata rispetto a quella flessionale. Talvolta
viene trascurata anche la rigidezza torsionale, ritenendo più sicuro affidare esclusivamente
all’inflessione l’integrità delle strutture.
Con questa opzione il programma non sarà più in grado, per quella sezione, di ricavare il valore, la
direzione e il verso delle tensioni tangenziali.

www.olobeam.com 39
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / VERIFICA DATI

La procedura esegue un controllo di massima dei dati, nel corso del quale viene verificata sia la
rispondenza ai limiti del programma, sia la congruenza ai fini del calcolo.
Sono segnalate con appositi messaggi tutte le anomalie riscontrate.
Questa fase di controllo non esclude che nuove anomalie siano riscontrate durante le fasi di
successive elaborazioni, ove sono presenti ulteriori filtri di autodiagnostica.

www.olobeam.com 40
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / ANALISI STATICA

L’analisi statica viene effettuata con il metodo delle deformazioni.


Il calcolo viene condotto considerando 6 gradi di libertà per ogni nodo, tre di spostamento, tre
rotazionali.
La matrice di rigidezza globale [K], di dimensioni [6N x 6N] (con N numero dei nodi), viene ottenuta
assemblando le matrici di rigidezza delle singole aste, tenendo conto di tutte le costanti di rigidità
(due flessionali, tre taglianti compreso quella mutua, una assiale ed una torsionale).
Per ciascuna condizione di carico vengono determinati:
- Spostamenti nodali;
- Reazioni vincolari;
- Caratteristiche della sollecitazione interna (momenti, tagli, torsione e sforzo normale) per ciascuna
trave, per tutti i punti cospicui (almeno 11 equidistanti) individuati in relazione ai carichi ivi
applicati.
- Linea elastica di ciascuna trave (frecce), per tutti i punti cospicui.
Il numero e la posizione delle sezioni significative, è scelto automaticamente dal programma in
relazione alla distribuzione delle azioni (in genere sono i punti di inizio e fine dei carichi ripartiti e i
punti immediatamente adiacenti le azioni concentrate). Vengono, in ogni caso, analizzate almeno 11
sezioni equidistanti per ogni asta.
- Tensioni Max
Per ogni asta, per ogni condizione di carico, vengono analizzate le sezioni significative (almeno 11
equidistanti); il valore minimo e massimo della tensione normale σ, e il valore massimo della
tensione tangenziale τ, vengono memorizzati per essere successivamente visualizzati al piede della
pagina Risultati>Caratteristiche Sollecitazione Interna, consentendo una immediata valutazione in
merito alla sicurezza della struttura.

www.olobeam.com 41
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / GENERALITÀ

La procedura inviluppo determina gli effetti minimi e massimi delle azioni di progetto da considerare
nelle verifiche di resistenza e di funzionalità.
La procedura esamina le possibili situazioni di carico che la struttura si troverà ad affrontare nel
corso della sua vita, mediante le regole dettate dalla normativa corrente italiana ed europea
(Eurocodici).

Condizioni di carico considerate


La procedura combinerà esclusivamente le condizioni di carico selezionate, vale a dire
contrassegnate con un segno di spunta nella relativa casella di controllo.

Tipo di azione
Azioni permanenti
Per azioni permanenti si intendono generalmente tutti i carichi non removibili durante il normale
esercizio della costruzione, come i pesi propri. La procedura li considererà sempre presenti in tutte le
possibili combinazioni. Tuttavia il loro effetto può talvolta essere favorevole in termini di sicurezza.
Per questo anche per esse sono previsti due fattori di sicurezza parziali, inferiore e superiore, che
saranno considerati alternativamente nel corso dell’inviluppo, indipendentemente da quelli delle
altre azioni permanenti.
Le azioni permanenti non possono essere a doppio segno.
Azioni variabili
Le azioni variabili, generalmente sovraccarichi, neve, vento, azioni termiche, ecc., si distinguono
dalle permanenti sostanzialmente perché potrebbero anche non essere presenti in un generico
momento di vita della struttura. La procedura considererà anche la loro assenza nelle possibili
combinazioni; quando le considererà presenti ne amplificherà o meno gli effetti, secondo i propri
coefficienti parziali e di combinazione.
Azioni eccezionali
Generalmente simulano esplosioni, impatti, guasti, ecc.
Esse sono prese in considerazione solo nelle combinazioni per situazioni di progetto eccezionali.
Nel caso siano presenti più azioni eccezionali, la procedura le considererà agenti non
simultaneamente.

www.olobeam.com 42
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Azioni sismiche
Esse vengono prese in considerazione solo nelle combinazioni per situazioni di progetto sismiche.
Per maggiori dettagli vedi combinazione delle azioni sismiche:

Segno
Con questa opzione viene offerta la possibilità di cambiare segno agli effetti di ciascuna condizione di
carico.
Inoltre, selezionando il segno ±, possono essere considerate le variazioni in verso delle azioni. Caso
tipico: le azioni termiche. Per le azioni sismiche, di qualunque tipo esse siano, il segno non ha alcuna
influenza perché esse vengono comunque considerate con segno alternato.

Coefficienti di sicurezza parziali e di combinazione


Si terrà conto di una probabilità ridotta dell'accadimento simultaneo della maggior parte di valori
sfavorevoli delle azioni indipendenti (condizioni di carico diverse), mediante i coefficienti di sicurezza
parziali e di combinazione, scelti oculatamente dall’utente in conformità alla normativa vigente.

Non agisce contemporaneamente alla condizione


Talvolta alcune azioni non possono verificarsi simultaneamente ad altre, pertanto non dovrebbero
essere considerate insieme nella combinazione.
Per selezionare le condizioni di carico che non possono presentarsi contemporaneamente, cliccare i
relativi pulsanti evidenziandoli in scuretto.

www.olobeam.com 43
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / CONDIZIONI DI CARICO

La condizione di carico può intendersi come un insieme di azioni aventi caratteristiche analoghe che,
sommate tra loro, concorrono a determinare un vettore di carico, per il quale si ottiene, mediante la
matrice di rigidezza, una risposta della struttura in termini di spostamento.
Sovrapponendo o combinando opportunamente gli effetti delle singole condizioni di carico, si
ottiene l’insieme dei valori di progetto da usare per la verifica della sicurezza strutturale, per un
determinato stato limite influenzato simultaneamente da azioni differenti.
Le condizioni di carico alle quali sono attribuite le singole azioni, sia dei nodi che delle aste, sono
evidenziate in scuretto nella stessa riga dell’azione considerata. La selezione viene effettuata
cliccando sui pulsanti corrispondenti al numero di condizione desiderata.
Ciascuna azione deve essere attribuita almeno ad una condizione di carico.

www.olobeam.com 44
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / TENSIONI AMMISSIBILI

Il programma non prevede l’esecuzione diretta di inviluppi secondo il metodo delle tensioni
ammissibili.
Tuttavia, gli stessi risultati si possono conseguire ricorrendo all’inviluppo secondo gli stati limite
ultimi, ponendo uguale ad 1.00 tutti i coefficienti, sia quelli parziali di sicurezza γ sia quelli di
combinazione ψ.

www.olobeam.com 45
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / STATI LIMITE ULTIMI

I valori di calcolo delle azioni sono combinati con le seguenti espressioni:

Situazioni di progetto persistenti e transitorie (fundamental combinations):

∑γ G, j Gk , j "+" γ Q ,1 Qk ,1 "+" ∑γ
i >1
Q ,i Ψ0,i Qk ,i

Una per volta, a turno, ciascuna delle azioni variabili viene considerata come dominante rispetto alle
altre.
In ogni caso viene considerata la situazione di solo carico permanente in assenza di ogni altra azione
variabile.

Situazioni di progetto sismiche:

∑G k, j "+" AEd "+" ∑Ψ


i ≥1
2,i Qk ,i

Situazioni di progetto eccezionali:

∑G k, j "+" Ad "+" ∑Ψ
i ≥1
2 ,i Qk ,i

Nel caso siano presenti più azioni eccezionali, il programma considera le azioni eccezionali agenti
non contemporaneamente.

Tabella Simboli

www.olobeam.com 46
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / STATI LIMITE DI ESERCIZIO

I valori di calcolo delle azioni vengono combinati con le seguenti espressioni:

Combinazione rara:

∑G k, j "+" Qk ,1 "+" ∑Ψ
i >1
0,i Qk ,i

Una per volta, a turno, ciascuna delle azioni variabili viene considerata come dominante rispetto alle
altre.

Combinazione frequente:

∑G k, j "+" Ψ1,1 Qk ,1 "+" ∑


i >1
Ψ2,i Qk ,i

Una per volta, a turno, ciascuna delle azioni variabili viene considerata come dominante rispetto alle
altre.

Combinazione quasi permanente:

∑G k, j "+" ∑
i ≥1
Ψ2,i Qk ,i

Tabella Simboli

www.olobeam.com 47
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / COMBINAZIONE DELLE AZIONI SISMICHE

Nota: Il segno impostato nella maschera inviluppo non ha alcuna influenza ai fini del calcolo; le azioni
sismiche vengono comunque considerate con segno alternato, e i loro effetti determinati in valore
assoluto.

Gli effetti del sisma vengono determinati automaticamente dalla procedura, combinando le tre
componenti dell'azione sismica con le seguenti regole:

a) 0.30 Edx "+" 0.30 Edy "+" Edz


b) Edx "+" 0.30 Edy "+" 0.30 Edz
c) 0.30 Edx "+" Edy "+" 0.30 Edz

dove:
- Edx : effetti azione sismica orizzontale direzione 1
- Edy : effetti azione sismica orizzontale direzione 2 (ortogonale alla direzione 1)
- Edz : effetti azione sismica verticale.

Edx, Edy ed eventualmente Edz sono a loro volta ottenuti combinando, con la regola della radice
quadrata della sommatoria dei quadrati, gli effetti delle singole condizioni di carico attribuite
rispettivamente al sisma in direzione orizzontale 1, sisma in direzione orizzontale 2 e sisma verticale.
In altre parole, se ci sono più condizioni di carico attribuite ad una determinata direzione sismica (1,
2 o verticale), l'effetto dell'azione sismica in quella determinata direzione viene ottenuto
"sommando" gli effetti delle singole condizioni di carico attribuite alla medesima direzione con la
relazione

EE = ∑E 2
E

Successivamente gli effetti delle azioni sismiche nelle tre direzioni principali vengono tra loro
combinati secondo le regole a, b e c.

www.olobeam.com 48
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

EFFETTI TORSIONALI ACCIDENTALI

Le normative sismiche richiedono di cautelarsi nei confronti dell'incertezza sul posizionamento delle
masse e sulla variazione spaziale del moto sismico, inserendo nella struttura una distribuzione di
momenti torcenti agenti lungo l'asse verticale di ogni impalcato:
M1i = e1i · F1i
dove:
- M1i : momento torcente relativo all'asse verticale dell' i-esimo impalcato, accoppiato al sisma in
direzione 1;
- e1i : eccentricità accidentale della massa dell' i-esimo impalcato, funzione della dimensione
dell'impalcato perpendicolare rispetto alla direzione 1 dell’azione sismica;
- F1i : forza orizzontale agente sull' i-esimo impalcato, accoppiata al sisma in direzione 1.

Gli effetti di questo carico vengono considerati due volte dal programma, alternandone il segno
(segno che deve essere il medesimo per tutti i piani).
Gli effetti torsionali in direzione 1 vengono sommati agli effetti dell’azione sismica orizzontale
direzione 1; analogamente per gli effetti torsionali in direzione 2.
Nel caso siano presenti più condizioni di carico attribuite ad effetti torsionali da accoppiare alla
medesima direzione orizzontale (1 o 2), il programma considererà tali effetti torsionali non agenti
contemporaneamente.

www.olobeam.com 49
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

CALCOLO / INVILUPPO / SIMBOLOGIA

Simboli Descrizione Note


Peso proprio degli elementi strutturali, carichi non
Valore caratteristico della
Gk , j rimovibili durante il normale esercizio della costruzione,
j-esima azione permanente
azioni di pretensione e di precompressione, ecc.
Valore caratteristico della
Qk ,i Sovraccarichi variabili, neve, ecc.
i-esima azione variabile
Valore caratteristico di una Una per volta, a turno, ciascuna delle azioni variabili viene
Qk ,1
delle azioni variabili considerata come dominante rispetto alle altre.
Nel caso siano presenti più azioni eccezionali, la
Valore di progetto di
Ad procedura considera le azioni eccezionali agenti non
un'azione eccezionale
contemporaneamente.
Valore di progetto È un inviluppo degli effetti sismici, ottenuto applicando le
AEd
dell'azione sismica regole di combinazione delle azioni sismiche.
Sono previsti due campi, superiore ed inferiore, per
ciascuna delle azioni permanenti; questo per tenere
Fattore di sicurezza conto del loro effetto più o meno sfavorevole.
γ G, j parziale della j_esima Il programma effettua l'inviluppo considerando
azione permanente alternativamente il γsup ed il γinf della j_esima azione
permanente indipendentemente da quelli delle altre
azioni permanenti.
Fattore di sicurezza
γ Q,i parziale della i_esima Viene assunto il valore incasellato nel campo γsup.
azione variabile
Coefficienti di
Ψ0,i Ψ1,i
combinazione della
Ψ2,i
i_esima azione variabile

Σ "gli effetti combinati di"

www.olobeam.com 50
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

RISULTATI / SPOSTAMENTI NODALI

In questa pagina viene visualizzato il valore degli spostamenti dei nodi della struttura.
Gli spostamenti sono espressi in millimetri.
Le rotazioni sono espresse in radianti.
Di default gli spostamenti sono esposti arrotondati a 0.01 mm, e le rotazioni arrotondate a 0.00001
rad; premendo il tasto F4 gli spostamenti del nodo corrente vengono mostrati nel formato scientifico
con 3 cifre significative.

Il nodo selezionato, a cui si riferiscono i dati visualizzati, è indicato nella casella combinata in alto a
sinistra, nella quale è riportato il corrispondente numero. Immediatamente a destra, appare la
descrizione dello stesso nodo (in sola lettura).
È possibile selezionare i nodi dalla stessa casella mediante l’elenco di riepilogo, oppure in maniera

progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano in basso a destra della pagina
visualizzata.
In un’unica pagina vengono mostrati i risultati corrispondenti a tutte le condizioni di carico, una per
riga.
Più in basso nella pagina, vengono forniti i risultati, min e max, relativi alle combinazioni di carico
esaminate nell’inviluppo. Tali valori sono nulli se l’inviluppo non è stato eseguito.

www.olobeam.com 51
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

RISULTATI / REAZIONI VINCOLARI

In questa pagina viene visualizzato il valore delle reazioni vincolari.


Le forze sono espresse in N (Newton).
Le coppie sono espresse in N⋅m.
Di default le reazione vincolari sono esposte arrotondate all’intero (senza decimali); premendo il
tasto F4 le reazione vincolari del nodo corrente vengono mostrate nel formato scientifico con 3 cifre
significative.
Nei nodi non vincolati, la corrispondente reazione deve essere nulla; valori molto piccoli sono
generalmente dovuti ad approssimazioni numeriche.

Il nodo selezionato, cui si riferiscono i dati visualizzati, è indicato nella casella combinata in alto a
sinistra, nella quale è riportato il corrispondente numero. Immediatamente a destra appare la
descrizione dello stesso nodo (in sola lettura).
È possibile selezionare i nodi dalla stessa casella mediante l’elenco di riepilogo, oppure in maniera

progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano in basso a destra della pagina
visualizzata.
In un’unica pagina vengono mostrati i risultati corrispondenti a tutte le condizioni di carico, una per
riga.
Più in basso nella pagina, vengono forniti i risultati, min e max, relativi alle combinazioni di carico
esaminate nell’inviluppo. Tali valori sono nulli se l’inviluppo non è stato eseguito.

www.olobeam.com 52
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

RISULTATI / CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE INTERNA, FRECCE E TENSIONI MAX

In questa pagina vengono visualizzati i risultati numerici relativi ad una asta generica.
I risultati sono organizzati su 11 righe. Nel caso che il numero delle sezioni analizzate sia superiore ad
11, utilizzare la barra di scorrimento verticale per visualizzare le successive sezioni.
Le prime 6 colonne si riferiscono alle caratteristiche della sollecitazione interna, le ultime due agli
spostamenti trasversali delle sezioni.
Nella prima colonna a sinistra sono indicate le distanze progressive delle sezioni cui si riferiscono i
risultati riportati nelle successive otto colonne.
Il numero e la posizione delle sezioni significative è scelto automaticamente dal programma in
relazione alla distribuzione delle azioni (in genere sono i punti di inizio e fine dei carichi ripartiti e i
punti immediatamente adiacenti le azioni concentrate). Vengono in ogni caso analizzate almeno 11
sezioni equidistanti per ogni asta.
L’asta selezionata, della quale si stanno visualizzando i risultati, è indicata nella casella combinata in
alto a sinistra, nella quale è riportato il corrispondente numero.
È possibile selezionare le aste dalla stessa casella mediante l’elenco di riepilogo, oppure in maniera

progressiva, azionando le frecce avanti-indietro che si trovano in basso a destra della pagina
visualizzata.

Riferimento locale
Nella corrispondente cornice in basso a sinistra si può selezionare il sistema di riferimento locale cui
si riferiscono sia le caratteristiche di sollecitazione sia gli spostamenti.
Il sistema di riferimento locale indicato con il simbolo ξη ha gli assi paralleli alle direzioni principali
d’inerzia della sezione trasversale.
Il sistema di riferimento locale indicato con il simbolo xy ha l’asse x parallelo alla base della sezione,
l’asse y parallelo all'altezza della stessa. Questo è il sistema di riferimento delle azioni esterne.

Condizione di carico
Tutti i risultati visualizzati si riferiscono ad una singola condizione di carico o al loro inviluppo. La
condizione di carico desiderata può essere selezionata mediante i corrispondenti pulsanti di opzione
nella cornice posta in basso al centro.

www.olobeam.com 53
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Caratteristiche della sollecitazione interna


Le caratteristiche della sollecitazione interna sono valutate sulla faccia di normale equiversa all’asse
z locale; esse sono quindi positive se, valutate su tale faccia, i corrispondenti vettori componenti
sono equiversi agli assi dei sistemi di riferimento locale. Mx tende a portare l'asse y sull'asse z, con
una rotazione di 90°. My tende a portare l'asse z sull'asse x. Mz tende a portare l'asse x sull'asse y.
Gli sforzi di taglio e lo sforzo normale sono espressi in N (Newton).
I momenti flettenti ed il momento torcente sono espressi in N⋅m.
Di default le sollecitazioni sono esposte arrotondate all’intero (senza decimali); premendo il tasto F4
le sollecitazioni dell’asta corrente vengono mostrate nel formato scientifico con 3 cifre significative.

Frecce (linea elastica)


Nelle ultime due colonne a destra sono riportati i valori dello spostamento laterale delle sezioni,
relativamente alle direzioni xy oppure ξη del sistema di riferimento locale.
Le frecce sono espresse in millimetri.
Nella cornice in basso a destra è possibile selezionare tra frecce relative e frecce assolute.
Le prime esprimono le componenti dello spostamento rispetto al sistema d riferimento locale con
asse z passante per i nodi nella loro posizione deformata (risultano naturalmente nulle le frecce nelle
sezioni d’estremità).
Le frecce assolute sono valutate rispetto al sistema di riferimento locale considerato fermo nella sua
posizione originaria, a nodi non spostati.

δ max %
Nell’etichetta in basso vengono visualizzati i rapporti tra la freccia relativa massima e la lunghezza
dell’asta, cioè δ/L .
Ai fini delle verifiche, questi valori devono essere inferiori ai limiti dettati dalle normative
(generalmente dell’ordine di 1/250, 1/500 ecc.).

Tensioni max
Sull’etichetta in basso al centro vengono visualizzati i valori critici delle tensioni normali e
tangenziali, σmin, σmax τmax, riscontrati automaticamente mediante l'analisi di tutte le sezioni
significative dell'asta selezionata.

www.olobeam.com 54
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

RISULTATI / COMPONENTI DELLA SOLLECITAZIONE INTERNA (TENSIONI)

In questa pagina vengono presentate le tensioni normali e tangenziali, sia in valore numerico sia
graficamente, in posizione, direzione e verso.
Questa sezione è attiva anche se l’analisi statica non è stata ancora effettuata. In questo caso è
necessario inserire manualmente le sollecitazioni di calcolo.
La barra di scorrimento orizzontale, posta in basso a centro pagina, consente di scorrere tra le
successive sezioni. La posizione della sezione considerata è indicata nella casella denominata z, sopra
la barra di scorrimento.
I punti nei quali calcolare le tensioni vengono scelti automaticamente dal programma, in relazione
alla complessità della sezione.
I risultati sono esposti in due caselle immagine.
A sinistra le tensioni normali, in posizione e valore.
A destra le tensioni tangenziali in posizione, valore, direzione e verso (rappresentate da una
freccetta orientata).
Le tensioni sono espresse in N/mm2 e arrotondate a 0.1 N/mm2; premendo il tasto F4 le tensioni
correnti vengono mostrate nel formato scientifico con 3 cifre significative.
Immediatamente al di sotto delle immagini, vengono esposte le caratteristiche della sollecitazione
interna che hanno generato quelle tensioni. Esse vengono automaticamente “lette” dal programma,
tra i risultati dell’analisi statica, relativamente alla condizione di carico desiderata, che può essere
selezionata attivando la corrispondente casella di opzione nella cornice in basso al centro.
Se le proprietà di massa (area, direzioni principali d'inerzia, momenti d'inerzia ecc.) non sono state
precedentemente calcolate in maniera automatica, non è possibile calcolare automaticamente le
tensioni normali, né quelle tangenziali.
Se le proprietà di forma (fattori di taglio e torsione) non sono state precedentemente calcolate in
maniera automatica, non è possibile calcolare automaticamente le tensioni tangenziali.

www.olobeam.com 55
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Nel caso che le sollecitazioni provengano da un inviluppo (siano cioè espresse nella forma tipo Nmin
Nmax, Mxmin Mxmax, ecc.) allora le tensioni critiche, normali minime e massime, e tangenziali massime,
vengono valutate combinando in terne indipendenti le caratteristiche di sollecitazione interessate,
secondo il seguente schema:

tensioni normali tensioni tangenziali


σmin σmax τmax

Mxmax + Mymax + Nzmax Txmax + Tymax + Mzmax

Mxmax + Mymax + Nzmin Txmax + Tymax + Mzmin

Mxmax + Mymin + Nzmax Txmax + Tymin + Mzmax

Mxmax + Mymin + Nzmin Txmax + Tymin + Mzmin

Mxmin + Mymax + Nzmax Txmin+ Tymax + Mzmax

Mxmin + Mymax + Nzmin Txmin + Tymax + Mzmin

Mxmin + Mymin + Nzmax Txmin + Tymin + Mzmax

Mxmin + Mymin + Nzmin Txmin + Tymin + Mzmin

Naturalmente, non è detto che, al verificarsi di una sollecitazione massima, accada


contemporaneamente che un’altra sollecitazione si presenti con il suo valore massimo o minimo.
Tuttavia, operare in questo modo è a vantaggio di sicurezza.

www.olobeam.com 56
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

RISULTATI / ESPORTA

Esporta i risultati nel formato CSV di Microsoft Excel.


Il separatore di elenco utilizzato nei file è il simbolo “;”.
Talvolta possono verificarsi anomalie e i dati non vengono correttamente incasellati nelle celle di
Microsoft Excel.
Spesso il problema si risolve automaticamente se, anziché aprire il file mediante il doppio clic (da
Risorse del Computer), si apre invece prima l’applicazione Excel e quindi dal relativo menu,
File/Apri/Tutti i file, si seleziona il file desiderato. Nelle more eseguire dei tentativi, o modificando il
Tipo dati originali in Excel, oppure sostituendo con un editore di testo il simbolo di separatore di
campo “;” con quello utilizzato nel computer in uso.

Risultati > Spostamenti Nodali


Per ogni nodo della struttura vengono innanzitutto stampati gli spostamenti dovuti alle combinazioni
di carico esaminate nell’inviluppo, riportandone i valori minimo e massimo.
Di seguito, nello stesso foglio, vengono riportati gli spostamenti nodali dovuti a ciascuna condizione
di carico.
Gli spostamenti sono espressi in millimetri e arrotondati a 0.01 mm.
Le rotazioni sono espresse in radianti e arrotondate a 0.00001 rad.

Risultati > Reazioni Vincolari


Per ogni nodo della struttura vengono innanzitutto stampate le reazioni vincolari dovute alle
combinazioni di carico esaminate nell’inviluppo, riportandone i valori minimo e massimo.
Di seguito, nello stesso foglio, vengono riportate le reazioni vincolari dovute a ciascuna condizione di
carico.
Le forze sono espresse in N (Newton) e arrotondate all’intero (senza decimali).
Le coppie sono espresse in N⋅m e arrotondate all’intero (senza decimali).
Nei nodi non vincolati la corrispondente reazione deve essere nulla; valori molto piccoli sono
generalmente dovuti ad inevitabili approssimazioni numeriche.

www.olobeam.com 57
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Risultati > Sollecitazioni e Frecce


Per ogni asta della struttura vengono stampate le sollecitazioni e le frecce dovute alle combinazioni
di carico esaminate nell’inviluppo, riportandone i valori minimo e massimo. Di seguito, nello stesso
foglio, vengono riportate sollecitazioni e frecce dovute a ciascuna condizione di carico.
Il sistema di riferimento locale, cui si riferiscono sia le caratteristiche di sollecitazione sia gli
spostamenti, è quello indicato con il simbolo xy, cioè lo stesso sistema di riferimento delle azioni
esterne e della geometria della sezione.
Gli sforzi di taglio e lo sforzo normale sono espressi in N (Newton) e arrotondati all’intero (senza
decimali).
I momenti flettenti ed il momento torcente sono espressi in N⋅m e arrotondati all’intero (senza
decimali).
Le frecce sono espresse in millimetri e arrotondate a 0.01 mm.
In modalità 11 Punti sono riportati i risultati riscontrati in 11 sezioni equidistanti di ogni asta della
struttura. In modalità 5 Punti e 3 Punti, il numero di sezioni cospicue viene ridotto rispettivamente a
5 oppure a 3.
Più precisamente:
- Sezioni cospicue in modalità 11 Punti

- Sezioni cospicue in modalità 5 Punti

- Sezioni cospicue in modalità 3 Punti

www.olobeam.com 58
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / GENERALITÀ

Argomenti correlati: Fattori di Scala Oggetti visualizzabili Filtri Punto di vista

La struttura viene rappresentata per linee essenziali e semplificate.

COMANDI COMUNI

Esporta BMP
Salva l'immagine visualizzata in un file bitmap, per l'eventuale successivo inserimento in un
documento generico.
L'immagine viene salvata con sfondo bianco.

Vedi Nodi
Questo comando offre la possibilità di nascondere alcuni nodi (insieme ai relativi vincoli, azioni,
ecc.).
Cliccando sul pulsante "Vedi Nodi", appare una cornice con 100 pulsanti numerati progressivamente;
a ciascun pulsante corrisponde il nodo con lo stesso numero identificativo.
I pulsanti evidenziati in scuretto corrispondono ai nodi visibili.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di nodi.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco dei nodi visibili.

Vedi Aste
Questo comando offre la possibilità di nascondere alcune aste e le relative caratteristiche (azioni,
deformate, ecc.)
Dal menu principale, cliccando sul pulsante "Vedi Aste", appare una cornice con 100 pulsanti
numerati progressivamente; a ciascun pulsante corrisponde l'asta con lo stesso numero
identificativo.
I pulsanti evidenziati in scuretto corrispondono alle aste visibili.

Con i pulsanti avanti-indietro che si trovano in basso a destra della cornice, vengono
visualizzati i pulsanti numerati corrispondenti alle successive centinaia di aste.
Sull'etichetta nella parte bassa della cornice appare il numero e l'elenco delle aste visibili.

www.olobeam.com 59
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Legenda
Con questo comando viene visualizzato un quadro schematico dei simboli grafici utilizzati nel
disegno, con relativa descrizione.

Zoom e Pan
Ridimensiona l'immagine per visualizzare l'intera struttura.
Ingrandisce l'immagine di 1/3
Riduce l'immagine di 1/3
Sposta l'immagine in alto di 1/3
Sposta l'immagine a destra di 1/3
Sposta l'immagine in basso di 1/3
Sposta l'immagine a sinistra di 1/3

www.olobeam.com 60
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / OUTPUT

Struttura originaria
Sono rappresentati la struttura originaria, le azioni esterne e i vincoli.

Diagramma Sollecitazioni
Visualizza i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione per tutte le varie condizioni di carico,
compreso l’inviluppo.

Deformata Nodale
È la rappresentazione della deformata cinematica, limitatamente agli spostamenti nodali della
struttura; le aste si conservano rettilinee.

Deformata Elastica
Le aste sono rappresentate con una spezzata tridimensionale, di almeno 11 punti, che interpreta la
loro linea elastica.

www.olobeam.com 61
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / FATTORI DI SCALA

Questa procedura serve a modificare il fattore di scala utilizzato per la rappresentazione delle azioni
esterne e dei diagrammi di sollecitazione, nonché a impostare la amplificazione degli spostamenti, in
modo da rendere il tutto più leggibile.
A volte può essere utile adottare un fattore di amplificazione anche molto grande, allo scopo di
evidenziare al meglio comportamenti che non sarebbero facilmente rilevabili con un’amplificazione
poco accentuata.

www.olobeam.com 62
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / OPZIONI / OGGETTI VISUALIZZABILI

Nella parte in alto della finestra Opzioni sono presenti 10 caselle di controllo che, se selezionate,
attivano le seguenti visualizzazioni:

Nodi
I nodi sono rappresentati con un cerchietto. Questa opzione può risultare utile per localizzare i nodi
nei quali non confluiscono aste.

N° Nodi
A ridosso dei nodi viene visualizzato il loro numero identificativo, in carattere grassetto per non
confonderli con quelli delle aste.

Azioni Nodi
Attiva la visualizzazione delle azioni esterne applicate ai nodi.

Vincoli
Attiva la visualizzazione dei vincoli nodali. Un breve segmento in grassetto, di colore blu o rosso,
individua un pendolo (traslazione impedita) rispettivamente perfetto o cedevole. Un quadrato, di
colore blu o rosso, individua un morsetto (rotazione impedita) rispettivamente perfetto o cedevole.

Aste
Le aste vengono rappresentate con una linea nera in grassetto che unisce i nodi di estremità.

N° Aste
Al centro di ogni asta viene visualizzato il loro numero identificativo.

Forma Sezioni
Al centro di ogni asta viene disegnato il contorno della sezione trasversale con una linea nera sottile,
nella stessa scala del disegno.

www.olobeam.com 63
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Azioni Aste
Attiva la visualizzazione delle azioni esterne applicate alle aste. Le convenzioni grafiche adottate
possono essere visualizzate con il pulsante Legenda nella parte bassa della schermata.

Cerniere Aste
Le eventuali cerniere interne vengono visualizzate con un segmento di colore fucsia, che individua il
loro asse di rotazione. Il segmento, per comodità di visualizzazione, viene disegnato in prossimità
dell'estremo ma non sul nodo. Nei calcoli la cerniera è considerata a una distanza nulla dal nodo.

Riferimenti Locali
Al centro di ogni asta vengono disegnati due piccoli segmenti che individuano gli assi x e y del
sistema di riferimento locale, rispettivamente di colore blu e rosso. Il verso dell'asse z, asse
longitudinale dell'asta, resta univocamente determinato in relazione alla destrorsità del sistema di
riferimento.

www.olobeam.com 64
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / OPZIONI / FILTRI

Filtro Numero Azione


Per default, questa casella combinata è impostata su "tutte". Se si modifica l'impostazione,
selezionando un numero da 1 a 9, vengono visualizzate solo le azioni esterne che hanno un numero
d'ordine uguale a quello selezionato.
Si ricorda che in fase d'inserimento dati, ad ogni elemento asta o nodo è possibile attribuire fino a 9
azioni esterne, contraddistinte dal numero d'ordine posto ad inizio riga.

Filtro Condizione di carico


Per default, questa casella combinata è impostata su "tutte". Se si modifica l'impostazione,
selezionando un numero da 1 a 12, vengono visualizzate solo le azioni esterne che sono state
attribuite a tale condizione di carico.
Si ricorda che in fase d'inserimento dati, ciascuna azione esterna, di asta o di nodo, può essere
attribuita ad una o più condizioni di carico scelte fra le 12 disponibili.

Filtro Azioni Aste


Per default, questa casella combinata è impostata su "tutte". Se si modifica l'impostazione
selezionando una voce diversa, vengono visualizzate solo le azioni esterne del tipo corrispondente
alla selezione effettuata.

Filtro Azioni Nodi


Per default, questa casella combinata è impostata su "tutte". Se si modifica l'impostazione
selezionando una voce diversa, vengono visualizzate solo le azioni esterne del tipo corrispondente
alla selezione effettuata.

www.olobeam.com 65
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / PUNTO DI VISTA

Prospettiva SW (Sud West)


Vista prospettica da sud ovest.

Prospettiva E (East)
Vista prospettica da est.

Prospettiva N (North)
Vista prospettica da nord.

Isometrica NE (North East)


Proiezione assonometrica con punto di vista a nord est. Le dimensioni si conservano inalterate nei
tre assi di riferimento.

Cavaliera S (Sud) XZ
Assonometria ottenuta impostando l’asse X orizzontale, l’asse Z verticale e l’asse Y inclinato di 45°
rispetto all’asse X; le misure sull’asse Y sono ridotte della metà.

Cavaliera W (West) YZ
Assonometria ottenuta impostando l’asse Y orizzontale, l’asse Z verticale e l’asse X inclinato di -45°
rispetto all’asse Y; le misure sull’asse X sono ridotte della metà.

Vista dall’Alto
Proiezione orizzontale (pianta); eseguita come se un osservatore guardasse dalla parte positiva
dell’asse Z.

Prospetto E (East)
Proiezione laterale, eseguita come se un osservatore guardasse dalla parte positiva dell’asse X.

Prospetto S (Sud)
Proiezione laterale, eseguita come se un osservatore guardasse dalla parte negativa dell’asse Y.

www.olobeam.com 66
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / DIAGRAMMA SOLLECITAZIONI

In questa modalità è possibile visualizzare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione.


Dalla finestra di dialogo “Opzioni Vista” può essere scelta la condizione di carico dall’apposito
riquadro. Dalla stesso elenco di riepilogo può essere scelta la rappresentazione dell’inviluppo,
sempre che lo stesso sia stato regolarmente elaborato in precedenza.

I diagrammi rappresentabili sono:

Taglio
- Tx: taglio in direzione x del sistema di riferimento locale dell’asta.
- Ty: taglio in direzione y del sistema di riferimento locale dell’asta.
- Tcsi: taglio in direzione ξ del sistema di riferimento locale dell’asta.
- Teta: taglio in direzione η del sistema di riferimento locale dell’asta.
- Tx & Ty: rappresentazione contemporanea di Tx e Ty.
- Tcsi & Teta: rappresentazione contemporanea di Tξ e Tη.
(ξ e η sono le direzioni principali d’inerzia dell’asta considerata)
I diagrammi del taglio vengono eseguiti nei piani contenenti gli assi z locali e le direzioni del taglio
considerato. Pertanto, si scelga opportunamente il tipo di vista (assonometria, prospetto, ecc.) che
meglio si presta alla loro rappresentazione.

Momento Flettente
- Mx: momento flettente asse x, nel sistema di riferimento locale dell’asta.
- My: momento flettente asse y, nel sistema di riferimento locale dell’asta.
- Mcsi: momento flettente asse ξ, nel sistema di riferimento locale dell’asta.
- Meta: momento flettente asse η, nel sistema di riferimento locale dell’asta.
- Mx & My: rappresentazione contemporanea di Mx e My.
- Mcsi & Meta: rappresentazione contemporanea di Mξ e Mη.
(ξ e η sono le direzioni principali d’inerzia dell’asta considerata)
I diagrammi del momento flettente vengono disegnati nei piani di sollecitazione del momento
considerato (Mx viene disegnato nei piani yz). Pertanto, si scelga opportunamente il tipo di vista
(assonometria, prospetto, ecc.) che meglio si presta alla loro rappresentazione.

www.olobeam.com 67
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

Momento Torcente
Mz: momento torcente asse z, nel sistema di riferimento locale dell’asta.
I diagrammi del momento torcente vengono eseguiti nel piano di visualizzazione; se positivi,
vengono disegnati a sinistra dell’asse z locale.

Sforzo Normale
Nz: sforzo normale in direzione z del sistema di riferimento locale dell’asta.
I diagrammi dello sforzo normale vengono eseguiti nel piano di visualizzazione; se positivi, vengono
disegnati a sinistra dell’asse z locale.
Il tratteggio interno al diagramma dello sforzo normale assume il colore blu nei tratti tesi, il colore
rosso nei tratti compressi.

Le caratteristiche della sollecitazione interna sono valutate sulla faccia di normale equiversa all’asse
z locale; esse sono quindi positive se, valutate su tale faccia, i corrispondenti vettori componenti
sono equiversi a x, y, z (assi dei sistemi di riferimento locale delle singole aste).
Se due travi consecutive, di una stessa travata, non sono equiverse, alcuni diagrammi potrebbero
apparire in opposizione anche se le corrispondenti caratteristiche conservano lo stesso segno. Questo
può compromettere la interpretazione corretta dei diagrammi, specialmente nel caso del taglio.
Pertanto, si suggerisce di tenere sempre sotto controllo i riferimenti locali abilitandone la
visualizzazione in Opzioni vista.

www.olobeam.com 68
OloBeam Standard 7 - Manuale d’uso

VISTA / DEFORMATA NODALE - DEFORMATA ELASTICA

In questa modalità viene visualizzata la struttura deformata.


Ogni deformata è associata ad una singola condizione di carico, che può essere scelta dalla finestra
di dialogo “Opzioni Vista” selezionandola dalla apposita casella di riepilogo.
La procedura non consente la rappresentazione grafica dell’inviluppo delle deformazioni.

Deformata Nodale
Rappresenta la deformata cinematica. È eseguita considerando solo gli spostamenti nodali della
struttura. Le aste vengono rappresentate rettilinee, indipendentemente dalla loro linea elastica.

Deformata Elastica
Le aste sono rappresentate con una spezzata tridimensionale di almeno 11 punti, che interpreta la
loro linea elastica.

www.olobeam.com 69