Sei sulla pagina 1di 2

Segnalazione certificata di inizio attivita

Enciclopedie on line

Segnalazione certificata di inizio attività

A partire dagli anni novanta, sotto l’influenza della politiche di liberalizzazione promosse
dal diritto europeo, si è avvertita l’esigenza di introdurre forme semplificate di controllo
delle attività economiche private da parte dei pubblici poteri. E ciò, soprattutto al fine di
favorire la libera circolazione di beni e servizi tra gli Stati membri.

L’art. 19 della l. n. 241/1990 ha previsto la Dichiarazione di inizio attività, quale


strumento alternativo all’emanazione di atti espressi di assenso, abilitazioni,
autorizzazioni, concessioni non costitutive, aventi comunque un basso contenuto di
discrezionalità. In queste ipotesi il potere amministrativo non viene esercitato
preventivamente (non condiziona quindi l’avvio dell’attività economica), ma solo
successivamente (ed in via eventuale) alla notifica di una dichiarazione con cui il privato
manifesta l’intenzione di avviare una determinata attività: i pubblici poteri possono
vietare l’attività qualora rilevino l’assenza o la violazione dei requisiti di legge per
l’esercizio dell’attività medesima. Decorso tuttavia un dato termine da tale dichiarazione,
l’attività può essere avviata senza che si debba attendere un assenso espresso
dell’amministrazione.

La l. n. 80/2005 ha introdotto numerose modifiche all’art. 19 della l. n. 241/1990.

Innanzitutto la Denuncia di Inizio di Attività (DIA), da istituto eccezionale, è divenuto un


istituto di carattere generale. Il termine per l’esercizio dell’attività è stato fissato in 30
giorni dall’invio della dichiarazione. Decorsi quindi 30 giorni dalla comunicazione,
l’attività può essere avviata dopo averne dato notizia all’autorità stessa; quest’ultima nei
successivi 30 giorni, dopo aver verificato l’esistenza dei requisiti richiesti dalla legge,
può eventualmente vietarne il proseguimento, oppure ordinare la rimozione degli effetti
prodotti, a meno che l’interessato non riesca a conformare la propria attività ai requisiti di
legge entro il termine fissato dall’amministrazione medesima.

La modifica del 2005 ha inoltre introdotto la possibilità per l’amministrazione di


esercitare i poteri generali di autotutela di cui agli artt. 21 quinquies (Revoca. Diritto
amministrativo) e 21 nonies (Annullamento d’ufficio) della legge sul procedimento
amministrativo anche decorsi i termini per vietare l’attività (30 giorni).

La previsione ha acceso un ampio dibattito in dottrina che ha investito soprattutto la


questione della natura giuridica della dichiarazione: a fronte di un contesto normativo e di
una ratio che lasciavano propendere per la natura privatistica della dichiarazione in
esame (stante le molteplici differenze con l’istituto del silenzio-assenso, su cui v. Silenzio
della pubblica amministrazione), da più parti è stato evidenziato che la previsione di un
potere generale di autotutela avrebbe necessariamente dovuto presupporre l’esistenza di
un potere (ancorché silenzioso) già esercitato, e su cui si poteva intervenire in secondo
grado. In realtà come precisato dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato (in particolare
n. 717/2009), tale potere di autotutela rappresenterebbe un generale potere di verifica dei
presupposti per l’esercizio dell’attività che prescinderebbe totalmente dall’esistenza di
un’autorizzazione implicita e preventiva dell’amministrazione: la dichiarazione, in
quanto concepita come strumento di semplificazione alternativo al tradizionale regime
autorizzatorio, rimarrebbe un atto di natura privatistica.

Recentemente, anche su impulso della cd. “Direttiva Servizi” (CE n. 123/2006), è stato
ulteriormente modificato il regime dell’istituto. L’art. 49, comma 4 bis del d.l. 31 maggio
2010, n. 78, convertito con modificazioni nella l. 30 luglio 2010, n. 122 ha sostituito l’art.
19 della l. 241/1990 introducendo la Segnalazione certificata di inizio attività, in luogo
della precedente Dichiarazione di inizio attività.

La modifica ha investito anche il regime sostanziale dell’istituto. È stata eliminata la cd.


“struttura bifasica” che prevedeva l’invio di due comunicazioni nel rispetto di un termine
dilatorio. È stato invece previsto che l’attività oggetto della segnalazione può essere
iniziata dalla stessa data di presentazione della segnalazione (co. 2), fatta salva la
possibilità per l’amministrazione di intervenire nei successivi 60 giorni per vietare la
prosecuzione dell’attività e, in ogni caso, di esercitare i propri poteri di autotutela in via
generale (co. 3).

Viene infine confermato che la previsione non può trovare applicazione in presenza di
rilevanti interessi pubblici, quali quelli concernenti, l’ambiente, la pubblica sicurezza,
l’amministrazione della giustizia, i mercati finanziari (co. 1 e 5).

Voci correlate

Atto amministrativo

Autorizzazione. Diritto amministrativo

Edilizia

Procedimento amministrativo

Silenzio della pubblica amministrazione

Approfondimenti di attualità

La semplificazione delle regole e delle procedure amministrative di Nicoletta Rangone