Sei sulla pagina 1di 11

MATEMATICAperTUTTI

Modelli di secondo grado

1 ESERCIZIO SVOLTO
Le equazioni di secondo grado incomplete. Un’equazione di secondo grado si può sempre scrivere
nella sua forma normale ax 2 þ bx þ c ¼ 0 dove a, b, c sono numeri reali con a 6¼ 0 altrimenti l’equa-
zione diventa lineare. Se uno dei coefficienti b o c è nullo, l’equazione si dice incompleta.
n Se l’equazione ha la forma ax 2 þ bx ¼ 0, cioè manca il termine noto, basta raccogliere x a fattor
comune ed applicare la legge di annullamento del prodotto.
Per esempio:
2 5
l 6x þ 5x ¼ 0 xð6x þ 5Þ ¼ 0 x¼0 _ x¼
6
9
l 4x 2  9x ¼ 0 xð4x  9Þ ¼ 0 x¼0 _ x¼
4

n Se l’equazione ha la forma ax 2 þ c ¼ 0, cioè manca il termine in x, si isola x 2 e si ottiene:


c
ax 2 ¼ c ! x 2 ¼ 
a
c
Ponendo  ¼ k, si tratta di risolvere l’equazione x 2 ¼ k :
a
pffiffiffi
l se k > 0 le soluzioni sono le seguenti: x ¼  k
l se k < 0 l’equazione non ha soluzioni reali
Per esempio: rffiffiffiffi
2 2 9 9 3
l 4x  9 ¼ 0 x ¼ x¼ ¼
4 4 2
1
l 5x 2 þ 1 ¼ 0 x2 ¼  l’equazione non ha soluzioni reali
5

n Se l’equazione ha la forma ax 2 ¼ 0, cioè mancano sia il termine in x che il termine noto, basta
dividere entrambi i membri per il coefficiente a e applicare la legge di annullamento del prodotto.
Tale equazione ammette sempre due soluzioni entrambe nulle.
Per esempio:
l 5x 2 ¼ 0 x2 ¼ 0 xx ¼0 x¼0 _ x¼0

Risolvi le seguenti equazioni incomplete.


2 a. 4x 2  25 ¼ 0 b. 5x 2 þ x ¼ 0

3 a. 3x 2 þ 2x ¼ 0 b. 36x 2 þ 1 ¼ 0
3 2 1 2
4 a. 4x  x ¼0 b. x þ9¼0
4 16

Modelli di secondo grado


1
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
5 ESERCIZIO SVOLTO
Le equazioni di secondo grado complete. Quando l’equazione è completa, cioè è del tipo
ax 2 þ bx þ c ¼ 0 con tutti i coefficienti diversi da zero, le soluzioni si ottengono applicando la se-
guente formula pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi
b  b 2  4ac

2a

in cui l’espressione b 2  4ac si chiama discriminante e si indica con il simbolo .


Per esempio:
n nell’equazione 3x 2  5x  2 ¼ 0 è a ¼ 3, b ¼ 5, c ¼ 2, quindi le soluzioni sono
qffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 1
2 pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 
ð5Þ  ð5Þ  4  3  ð2Þ 3
5  25 þ 24 57
x¼ ¼ ¼ ¼
23 6 6
2

n nell’equazione 2x 2 þ x  3 ¼ 0 è a ¼ 2, b ¼ 1, c ¼ 3, quindi le soluzioni sono


3
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 
1  1 2  4  2  ð3Þ 2
1  1 þ 24 1  5
x¼ ¼ ¼ ¼
22 4 4
1

Le soluzioni di un’equazione di secondo grado dipendono dal valore del discriminante; in partico-
lare:
n se  > 0, le soluzioni dell’equazione sono numeri reali e distinti
n se  ¼ 0, le soluzioni sono numeri reali coincidenti
n se  < 0, le soluzioni non sono numeri reali.

Risolvi in R le seguenti equazioni.


6 a. 2x 2 þ 3x  5 ¼ 0 b. 4x 2  4x  3 ¼ 0
7 a. x 2 þ 3x þ 8 ¼ 0 b. 4x 2  12x þ 9 ¼ 0

2x 2 þ 1  3x 2x  1 6
8 ¼ 
7 2 7
9 ESERCIZIO GUIDATO
1 3
þ5¼
x1 xþ1
L’equazione è frazionaria, deve quindi essere x 6¼ 1 ^ x 6¼ 1; si ha allora che
D ¼ :::::::::::::::::::
Liberando l’equazione dai denominatori e svolgendo i calcoli trovi l’equazione
5x 2  2x  1 ¼ 0
le cui soluzioni sono ...........................
Poiché tali soluzioni appartengono al dominio, S ¼ ::::::::::::::::::::

Modelli di secondo grado


2
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
Risolvi in R le seguenti equazioni frazionarie.
xþ1 xþ2 3  5x
10 þ ¼ 2
x1 x2 x  3x þ 2
(Attenzione: delle soluzioni trovate una non appartiene al dominio, quindi ....)
x2 7 1
11  ¼
2x þ 3 4x 2  9 3  2x
5x 6 1
12 ¼ 2 
x 2 þ 6x þ 9 x þ 4x þ 3 x þ 3
13 ESERCIZIO SVOLTO
Se il coefficiente b dell’equazione ax 2 þ bx þ c ¼ 0 è pari, per determinare le soluzioni conviene
usare la formula ridotta: sffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi

 2
b b
  ac
2 2

a
b
Per esempio, nell’equazione 3x 2 þ 8x þ 4 ¼ 0 è b ¼ 8, quindi ¼ 4; applicando la formula ridotta
2
otteniamo:
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 2
4  4 2  3  4 4  2
x¼ ¼ ¼
3 3
2

3

14 Risolvi in R le seguenti equazioni applicando la formula ridotta:


a. x 2 þ 6x  7 ¼ 0 b. x 2 þ 2x  1 ¼ 0
15 ESERCIZIO SVOLTO
I legami fra coefficienti e soluzioni. Ricordiamo che fra le soluzioni x1 e x2 di un’equazione di se-
condo grado ed i coefficienti a, b, c sussistono le seguenti relazioni:
b c
x1 þ x 2 ¼  e x1  x2 ¼
a a
Per esempio, data l’equazione 12x 2  8x þ 1 ¼ 0 si ha che:
8 2 1
x1 þ x2 ¼  ¼ e x1  x2 ¼
12 3 12
Posto s ¼ x1 þ x2 e p ¼ x1  x2 , l’equazione può essere scritta nella forma x 2  sx þ p ¼ 0.
Queste relazioni ci permettono di:
n determinare rapidamente in alcuni casi le soluzioni di un’equazione senza applicare la formula
risolutiva.
Per esempio, dell’equazione x 2  2x  8 ¼ 0 sappiamo che x1 þ x2 ¼ 2 e x1  x2 ¼ 8; quindi i
due numeri il cui prodotto è 8 e la cui somma è 2 sono þ4 e 2.
Quindi S ¼ f2, 4g.
n individuare due numeri conoscendo la loro somma s ed il loro prodotto p.
2 5
Per esempio, se s ¼ e p ¼  per trovare i due numeri possiamo risolvere l’equazione
3 3
x  x  ¼ 0, ricaviamo cosı` che i due numeri sono 1 e 5 .
2 2 5
3 3 3

Modelli di secondo grado


3
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
n scrivere l’equazione che ha come soluzioni due numeri assegnati.
Per esempio, l’equazione che ha come soluzioni x1 ¼ 3 e x2 ¼ 7, tenendo presente che
x1 þ x2 ¼ 3 þ 7 ¼ 4 x1  x2 ¼ 3  7 ¼ 21
è x 2  4x  21 ¼ 0.
n scomporre in fattori un trinomio di secondo grado; vale infatti la relazione
ax 2 þ bx þ c ¼ aðx  x1 Þðx  x2 Þ

essendo x1 e x2 le soluzioni dell’equazione ax 2 þ bx þ c ¼ 0.

Per esempio, scomponiamo il trinomio 2x 2 þ 5x  3:


3
2 5  7
l risolviamo l’equazione 2x þ 5x  3 ¼ 0 x¼ ¼
4 1
2
l applichiamo la formula tenendo presente che è a ¼ 2
 
1
2 x ðx þ 3Þ ¼ ð2x  1Þðx þ 3Þ
2

16 Senza applicare la formula risolutiva, trova le soluzioni delle equazioni:


a. x 2  2x  63 ¼ 0 b. x 2  12x þ 35 ¼ 0
17 Determina due numeri sapendo che:
a. la somma è 6 e il prodotto è 16
b. la somma è 2 e il prodotto è 8
c. la somma è 2 e il prodotto è 1
18 Scrivi l’equazione che ha come soluzione i numeri:
a.  3 e 5 b. 1 e 2 c.  1 e 2 d. 4 e 5
2 4 2 3 3 2
19 Scomponi in fattori i seguenti trinomi di secondo grado:
a. 3x 2  2x  5 b. 15x 2 þ 13x  2 c. 5x 2  9x  2 d. 6x 2 þ 13x þ 6
20 ESERCIZIO GUIDATO
Nell’equazione parametrica x 2  ðk þ 3Þx  k þ 5 ¼ 0, vogliamo determinare il valore del parame-
tro k in modo che le radici siano reali e che:
a. una soluzione sia nulla b. le radici siano coincidenti
c. una delle radici sia l’opposto dell’altra d. una radice sia l’inverso dell’altra.

a. Sostituisci 0 nell’equazione al posto di x; ottieni che deve essere k ¼ ::::::::::::::::::


b. Le soluzioni di un’equazione di secondo grado sono coincidenti se il discriminante vale zero,
quindi ..................
c. Se x1 ¼ x2 , allora x1 þ x2 ¼ 0; applicando la relazione sulla somma delle soluzioni trovi l’equa-
zione .................., da cui ricavi che ..................
1
d. Se x1 ¼ , allora x1  x2 ¼ 1; applicando la relazione sul prodotto delle soluzioni trovi che
x2
...........

Modelli di secondo grado


4
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
21 Nell’equazione parametrica 2x 2  kx þ k  2 ¼ 0, determina il parametro in modo che le radici siano
reali e che:
a. x1 ¼ 2 b. x1 þ x2 ¼ 1 c. x1  x2 ¼ 1
22 ESERCIZIO SVOLTO
La parabola: equazione e grafico. La parabola è il luogo dei punti
che hanno uguale distanza da un punto fisso F detto fuoco e da
a.
una retta fissa d detta direttrice; la rappresentazione grafica di
questo luogo è in figura a. Le caratteristiche geometriche di una
parabola sono riassunte nelle seguenti considerazioni (figura b.) :
n è una curva simmetrica rispetto alla retta che passa per il fuoco
ed è perpendicolare alla direttrice; tale retta si dice asse della
b.
parabola
n il punto V di intersezione dell’asse con la parabola si chiama
vertice.

In un sistema di riferimento cartesiano che ha l’asse x parallelo alla direttrice e l’asse y parallelo al-
l’asse di simmetria, l’equazione di una parabola ha la forma
y ¼ ax 2 þ bx þ c
Posto  ¼ b 2  4ac, le coordinate del vertice della parabola e l’equazione dell’asse di simmetria si
trovano con le formule:
 
b  b
vertice: V  , asse: x ¼ 
2a 4a 2a
L’ordinata del vertice, che è un punto della parabola, si può anche trovare sostituendo nella sua
equazione il valore calcolato dell’ascissa.
Per esempio, data la parabola di equazione y ¼ x 2  2x  1 nella quale a ¼ 1, b ¼ 2, c ¼ 1 si ha
che:
2 4þ41
l x
V ¼  ¼1 yV ¼  ¼ 2 ! V ð1,  2Þ
21 41
l equazione dell’asse x¼1
Per calcolare l’ordinata del vertice, una volta trovata la sua ascissa, si può anche procedere per so-
stituzione: yV ¼ 1  2  1  1 ¼ 2.
Si può inoltre dire che se a > 0 la parabola è concava verso l’alto, se a < 0 è concava verso il basso.

Per tracciare il grafico di una parabola si devono sempre determinare le coordinate del vertice e
quelle di qualche altro punto a nostra scelta. Nella ricerca di questi punti occorre tenere presente
che l’asse di simmetria della parabola è parallelo all’asse y e passa per il vertice, quindi altri punti,
oltre a quelli calcolati, si possono trovare per simmetria. Spesso poi è con-
veniente attribuire il valore 0 alla x trovando in questo modo il punto di
intersezione con l’asse y.
Per esempio, la precedente parabola di equazione y ¼ x 2  2x  1
passa per i punti individuati nella seguente tabella e per i loro simmetrici
rispetto all’asse della parabola ed il suo grafico è nella figura a lato:

x 0 1
y 1 2

Modelli di secondo grado


5
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
Trova le coordinate del vertice e l’equazione dell’asse delle seguenti parabole e costruiscine poi il gra-
fico.
1
23 y ¼  x 2 þ 1 24 y ¼ x 2 þ 4x
2
25 y ¼ x 2 þ 3x 26 y ¼ x 2 þ x  2

3 2
27 y ¼ 2x 2 þ 1 28 y ¼  x  3x þ 1
2
29 ESERCIZIO SVOLTO
Gli zeri di una parabola. Considerando una parabola di equazione y ¼ ax 2 þ bx þ c, si chiamano
zeri della parabola le soluzioni dell’equazione ax 2 þ bx þ c ¼ 0; dal punto di vista grafico questi
valori corrispondono alle ascisse dei punti di intersezione della parabola con l’asse x.
Per esempio, gli zeri della parabola di equazione y ¼ 6x 2 þ x  2 sono le soluzioni dell’equazione
6x 2 þ x  2 ¼ 0 :
2
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 
1  1 þ 48 1  7 3
x¼ ¼ ¼
12 12 1
2

Trova gli zeri delle seguenti funzioni.


30 y ¼ 8x 2 þ 20x  12 31 y ¼ 9x 2 þ 9x  4

1 2
32 y ¼ x 2 þ 8x  15 33 y ¼ x þ 7x
3
34 ESERCIZIO SVOLTO
Le disequazioni di secondo grado intere. Ricordiamo i passi da eseguire per risolvere una disequa-
zione di secondo grado intera:
n svolgere i calcoli fino ad arrivare ad avere una disequazione della forma ax 2 þ bx þ c > 0 (oppu-
re ax 2 þ bx þ c < 0) in cui si può sempre supporre che sia a > 0 (in caso contrario basta cambiare
segni e verso della disequazione)
n risolvere l’equazione di secondo grado associata ax 2 þ bx þ c ¼ 0
n rappresentare la parabola associata y ¼ ax 2 þ bx þ c
n scegliere l’intervallo delle soluzioni.
Nel risolvere l’equazione di secondo grado associata si possono presentare tre casi a seconda del
valore del discriminante:  > 0,  ¼ 0,  < 0:

numero soluzioni rappresentazione segno del valore di y della parabola


dell’equazione della parabola
>0 2 soluzioni reali l il trinomio ax 2 þ bx þ c è positivo
distinte per x < x1 _ x > x2
l il trinomio ax 2 þ bx þ c è negativo
per x1 < x < x2
l il trinomio ax 2 þ bx þ c si annulla
per x ¼ x1 _ x ¼ x2

Modelli di secondo grado


6
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
numero soluzioni rappresentazione segno del valore di y della parabola
dell’equazione della parabola
¼0 1 soluzione reale l il trinomio ax 2 þ bx þ c è positivo
per tutti i valori di x tranne per
x ¼ x0
l il trinomio ax 2 þ bx þ c non è mai
negativo
l il trinomio ax 2 þ bx þ c si annulla
per x ¼ x0
<0 0 soluzioni reali l il trinomio ax 2 þ bx þ c è positivo
per tutti i valori di x
l il trinomio ax 2 þ bx þ c non è mai
negativo
l il trinomio ax 2 þ bx þ c non si an-
nulla mai

Se la disequazione ha verso maggiore di zero, la soluzione è data da quei valori di x che rendono il
trinomio ax 2 þ bx þ c positivo; se il verso è minore di zero, la soluzione è data da quei valori di x
che rendono il trinomio ax 2 þ bx þ c negativo.
Per esempio risolviamo le seguenti disequazioni:
l x2  3 > 0
pffiffiffi pffiffiffi
risolviamo l’equazione x 2  3 ¼ 0: x¼ 3 _ x¼ 3
disegniamo la parabola corrispondente (figura a lato)
pffiffiffi pffiffiffi
l’insieme delle soluzioni è x <  3 _ x > 3

l ð2  3xÞð2 þ 3xÞ > 6x


svolgiamo i calcoli 9x 2 þ 6x þ 4 > 0 ! 9x 2  6x  4 < 0
risolviamo l’equazione 9x 2  6x  4 ¼ 0
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi pffiffiffi pffiffiffi
3  9 þ 36 33 5 1 5
x¼ ¼ ¼
9 9 3
disegniamo la parabola corrispondente (figura a lato)
pffiffiffi pffiffiffi
1 5 1þ 5
l’insieme delle soluzioni è <x<
3 3

Risolvi le seguenti disequazioni di secondo grado.


35 x 2  x  2 > 0 36 4x 2  4x þ 1 < 0
37 3x 2  2x þ 5 > 0 38 ð3x  1Þð3x þ 1Þ < 15

x þ 1 x2 þ 3 x2  3 2
39   40 ðx  1Þ < ð2x þ 1Þðx þ 1Þ
2 3 6
 
1 3 1 5x þ 1 5ðx  1Þ
41 x x þ  3x  1 >  x  42 4x 2  >
2 2 2 2 3

Modelli di secondo grado


7
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
1 þ 2x 3x þ 8 x ðx þ 1Þ  5 1
43  < þ
2 3 2 3
44 ESERCIZIO SVOLTO
Aðx Þ
Le disequazioni frazionarie. Ogni disequazione frazionaria si può scrivere nella forma > 0 (op-
B ðx Þ
A ðx Þ
pure < 0) e bisogna ricordare che i denominatori non si possono eliminare a meno di sapere a
B ðx Þ
priori se sono positivi o negativi.
Conviene poi procedere cosı`:
l studiare il segno di ogni fattore che si trova al numeratore e di ogni fattore che si trova al denomi-
natore
l costruire la tabella dei segni
l determinare il segno della frazione in ciascun intervallo
l scegliere gli intervalli delle soluzioni.
x 2  36
Risolviamo per esempio la disequazione: >0
x  4x  21
2

Studiamo il segno del numeratore andando a vedere quando è positivo:


x 2  36 > 0 se x < 6 _ x > 6
Studiamo in modo analogo il segno del denominatore:
3
2
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi
x  4x  21 > 0 x ¼ 2  4 þ 21 ¼ 2  5 ¼ x < 3 _ x>7
7
Costruiamo la tabella dei segni:

Poiché vogliamo che la frazione sia positiva, l’insieme delle soluzioni è


x < 6 _ 3 < x < 6 _ x>7

Risolvi le seguenti disequazioni frazionarie.


9x x2 þ x  2
45 >0 46 0
x þxþ8
2 x  10x þ 21
2

6x 2  x  1 2x 2  x  1
47 0 48 0
3x 2  20x x3
7 8 1
49 3þ <0 50 x þ 1 >
x2 x5 x1
51 ESERCIZIO SVOLTO
I sistemi di disequazioni. Ricordiamo che per risolvere un sistema di disequazioni si deve:
n risolvere ciascuna disequazione del sistema

Modelli di secondo grado


8
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
n costruire la tabella delle soluzioni
n determinare l’intersezione degli insiemi soluzione.
 2
x 1>0
Risolviamo per esempio il seguente sistema:
6x 2 þ x  2 > 0

Risolviamo la prima disequazione del sistema: x2  1 > 0 se x < 1 _ x > 1 S1


Risolviamo la seconda disequazione: 6x 2 þ x  2 > 0
2
pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 
1  1 þ 48 3 2 1
x¼ ¼ x< _ x> S2
12 1 3 2
2
Costruiamo la tabella delle soluzioni:

L’insieme delle soluzioni è x < 1 _ x > 1.

 
x3<0 x2  x > 0
52 53
x 2  3x  4 > 0 4x 2 þ 1 > 0
8
> xð1  2xÞ
 >
< <0
3x 2 þ x  4 < 0 3
54 55
1  4x 2 < 0 >
> 6x 2  5x  1  0
:
x 2 < 3x
56 ESERCIZIO SVOLTO
I sistemi di secondo grado. Un sistema di equazioni è di secondo grado se una delle equazioni che
lo compongono è di secondo grado e le altre sono tutte di primo. Per risolvere un sistema di questo
tipo è conveniente usare il metodo di sostituzione e ricavare l’espressione di una delle variabili da
una delle equazioni di primo grado.
Osserva l’esempio.
 2
x  y þ 6ðx þ 1Þ ¼ 0
xy þ2¼0
Conviene ricavare il valore di y dalla seconda equazione perché nella prima questa variabile com-
pare una sola volta ed è di primo grado:
 2  2
x  ðx þ 2Þ þ 6x þ 6 ¼ 0 x þ 5x þ 4 ¼ 0
y ¼xþ2 y ¼xþ2

Risolviamo l’equazione di secondo grado nella variabile x:

pffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffiffi 4
5  25  16 5  3
x¼ ¼ ¼
2 2
1

Modelli di secondo grado


9
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
 
x ¼ 4 x ¼ 1
Otteniamo allora i due sistemi: e
y ¼xþ2 y ¼xþ2
 
x ¼ 4 x ¼ 1
le cui soluzioni sono: e
y ¼ 2 y ¼1

Quindi S ¼ fð4,  2Þ; ð1, 1Þg.

Risolvi i seguenti sistemi di secondo grado.


8

y þ x ¼ ðx  2Þðx þ 1Þ <2 y ¼ x1  xþ1
57 58 3 2 3
2y  x þ 1 ¼ 0 :
3y ¼ 2  ðx  1Þ
8 8
< 2ðy  xÞ ¼ 1  2x <y ¼ 2  3
59 60 x þ 10
:y ¼ 6 5 :
 8y þ x þ 4 ¼ 0
x1 x

61 ESERCIZIO GUIDATO
1 3 13
Troviamo le coordinate dei punti di intersezione della parabola di equazione y ¼ x 2  x þ
4 2 4
1 3
con la retta di equazione y ¼ x þ .
2 2
Le coordinate dei punti di intersezione di due curve si determinano risolvendo il sistema delle loro
equazioni, nel nostro caso: 8
> 1 2 3 13
<y ¼ 4 x  2 x þ 4
>

>
>
:y ¼ 1 x þ 3
2 2
Completa la risoluzione del sistema.

62 Trova le coordinate dei punti A e B di intersezione della parabola di equazione y ¼ x 2  6x þ 10 con la


bisettrice del primo e terzo quadrante.

Risultati di alcuni esercizi.


     
5 5 1 2
2. a. S ¼  , ; b. S ¼ 0,  3. a. S ¼ 0, ; b. S ¼ 1
2 2 5 3
     
16 5 1 3
4. a. S ¼ 0, ; b. S ¼ 1 6. a. S ¼  , 1 ; b. S ¼  ,
3 2 2 2
   
3 7 3
7. a. S ¼ 1; b. S ¼ 8. S ¼ ,
2 2 2
 pffiffiffi  
1 6 7
9. S ¼ 10. S ¼ 
5 2
   pffiffiffiffiffiffi
1 1  41
11. S ¼ ,2 12. S ¼
2 4

Modelli di secondo grado


10
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS
pffiffiffi

14. a. S ¼ f1,  7g; b. S ¼ 1  2 16. a. S ¼ f7, 9g; b. S ¼ f7, 5g


pffiffiffi
17. a. 8,  2; b. 2,  4; c. 1  2
18. a. 2x 2 þ 13x þ 15 ¼ 0; b. 4x 2  9x þ 2 ¼ 0; c. 6x 2  x  2 ¼ 0; d. 6x 2 þ 7x  20 ¼ 0
19. a. ð3x  5Þðx þ 1Þ; b. ð2  3xÞð5x  1Þ; c. ð5x þ 1Þðx  2Þ; d. ð3x þ 2Þð2x þ 3Þ
20. soluzioni reali se k  11 _ k  1; a. k ¼ 5; b. k ¼ 11 _ k ¼ 1; c. 6 9k; d. k ¼ 4
21. soluzioni reali 8k 2 R; a. k ¼ 6; b. k ¼ 2; c. k ¼ 0
23. V ð0, 1Þ, x ¼ 0 24. V ð2,  4Þ, x ¼ 2
   
3 9 3 1 7 1
25. V  ,  ;x¼ 26. V , ;x¼
2 4 2 2 4 2
 
5
27. V ð0, 1Þ; x ¼ 0 28. V 1, ; x ¼ 1
2
1 4 1
30. x ¼ 3 _ x ¼ 31. x ¼  _ x¼
2 3 3
32. x ¼ 3 _ x ¼ 5 33. x ¼ 0 _ x ¼ 21
35. x < 1 _ x > 2 36. per nessun valore di x
4 4
37. 8x 2 R 38.  < x <
3 3
39. 0  x  1 40. x < 5 _ x > 0
pffiffiffi pffiffiffi
1 3 1þ 3
41. x < _ x> 42. S ¼ R
2 2
43. x < 1 _ x > 0 45. x > 0

1 1 20
46. x  2 _ 1  x < 3 _ x > 7 47.   x < 0 _  x <
3 2 3
1
48. x   _ 1x<3 49. x < 2 _ 3 < x < 5 _ x > 9
2
pffiffiffi pffiffiffi
50.  2 < x < 1 _ x > 2 52. x < 1

4 1 1
53. x < 0 _ x > 1 54.  < x <  _ < x < 1
3 2 2
  
1 3
55. 1  x < 3 57. S ¼  , ; ð3, 1Þ
2 4
     
2 1 1
58. S ¼ 1, 59. S ¼ 5, ; 2,
3 2 2
(   )
9 1
60. S ¼ 22, ; 8, 61. Að1, 2Þ, Bð7, 5Þ
4 2

62. Að2, 2Þ; Bð5, 5Þ

Modelli di secondo grado


11
Q ISTITUTO ITALIANO EDIZIONI ATLAS