Sei sulla pagina 1di 1

12 oggi lunedì 3 maggio 2004

Roma, l’incendio al Parco dei Principi costato la vita a tre persone: ripartite le due americane dalla cui camera si sono propagate le fiamme
Caso Calvi: due misteriosi furti e un fermo
ROMA Una persona è stata fermata venerdì sera dalla
Dia di Roma, nell'ambito delle indagini condotte su
due furti subiti nella capitale dal Coroner della City di
Londra Paul Bernard Metthew. È molto probabile che i
Rogonelgrandhotel:potevaessereunastrage MILANO
Lite fra automobilisti
due furti siano in relazione alle indagini sull'omicidio ROMA Poteva essere una strage. L'incendio al Grand 300, che non si sono fatti prendere dal panico». Le 310 dopo che quest'ultima era stata aperta creando così
di Roberto Calvi, avvenuto nel 1982, che la polizia di Hotel Parco dei Principi - ieri l’altro notte a Roma, in fiamme sono rimaste circoscritte a due stanze anche un giro d'aria che ha accompagnato le fiamme. Come finisce in omicidio
Londra sta compiendo insieme con la procura di Roma pieno quartiere Parioli - avrebbe potuto costare molte «perchè i dispositivi delle porte tagliafuoco hanno fun- normali turiste statunitensi in vacanza nel paese di Felli-
nell'inchiesta di cui sono titolari Luca Tescaroli e Maria altre vite. Poteva essere, insomma, «una tragedia ben più zionato, l'incendio quindi non ha invaso le camere». ni, Michelangelo e «macaroni», ieri mattina hanno lascia- Un uomo è stato ucciso e un altro è stato ferito a
Monteleone. Il Coroner di Londra (una delle massime grave», dicono le forze dell’ordine. Una tragedia che si è Intanto, le salme delle tre vittime dell’incendio sono to Roma. La partenza è assolutamente legittima: nei loro coltellate al culmine di una lite originata, in base ai
autorità di polizia della capitale inglese) è stato potuta evitare perché gli altri ospiti non si sono fatti da sabato nella camera mortuaria del cimitero del Vera- confronti il pm non ha preso al momento alcun provve- primi accertamenti, da motivi di viabilità e
derubato una prima volta di un personal computer nel prendere dal panico, perché i vigili del fuoco, il persona- no. Il riconoscimento di Paul Emile Busque, di 64 anni, dimento. Nell'attesa che alla Procura di Roma pervenga avvenuta ieri, all’alba, alla periferia est di Milano.
quale, tra l'altro, erano contenuti file inerenti alle le del 118 e la polizia sono intervenuti subito. Un rogo di Lac Frontiere (Canada) e della moglie Bernice Marie la perizia tecnica sulle cause dell’incendio, il magistrato La vittima aveva 32 anni, mentre il ferito è un
indagini sulla morte del banchiere, e una seconda volta terribile che è costato la vita a tre persone, due delle quali John Busque, di 61, di Connors (Canada), morti per non ha contestato loro alcun reato. Sebbene risulti incon- giovane di 21 anni. L’omicida sarebbe uno
della borsa contenente, anche questa, documenti morte carbonizzate e l’altra che si è gettata dalla finestra asfissia, è già stato fatto sabato dall'accompagnatore mes- futabilmente dai filmati a circuito chiuso dell’albergo e straniero che, dopo aver colpito i due, è fuggito ed
sull'inchiesta. I due furti sono avvenuti rispettivamente nel tentativo di sfuggire alle fiamme. «Non avremmo so a disposizione del gruppo dal tour operator che ha dalle testimonianze che il focolaio dell’incendio si sia è ora ricercato. È accaduto poco prima delle 5 in
nel corso delle due visite che ha fatto a Roma, il 19 e il avuto vittime - spiega il comandante dei vigili del fuoco organizzato il viaggio in Italia. Un riconoscimento che sviluppato nella stanza 305 occupato dalle due amiche, il via Anacreonte, nelle vicinanze di via Padova.
24 aprile scorsi. Entrambi i furti sarebbero avvenuti della capitale, Domenica Riccio - se tutti fossero riusciti solo lui poteva fare, in tempi strettissimi, per dar modo pm non ha ritenuto necessario denunciare in stato di
nell' hotel Habitat dove alloggiava. Le indagini della ad attendere l'intervento dei soccorsi che sono stati im- al personale dell'ambasciata canadese a Roma di avverti- libertà le straniere, nè iscriverle nel registro degli indaga-
Dia di Roma sono risalite a uno studente di ingegneria mediati. Purtroppo i due anziani coniugi si sono messi re le famiglie oltreoceano prima che la notizia gli arrivas- ti nè ritirare loro il passaporto. Quando sono state porta-
attraverso il quale si sarebbe poi individuata la persona nella condizione di non poter essere raggiunti perchè se attraverso i media. Per la terza vittima, uno statuniten- te in commissariato accompagnate dai rispettivi genitori CATANIA
fermata venerdì scorso. L' accusa nei confronti di quest' barricati nel bagno della propria stanza e la terza vittima se della Georgia, James Lowry, di 58 anni, ha invece e da addetti dell' ambasciata statunitense, le due giovani,
ultima è di ricettazione. Di recente è ripresa una ha tentato di mettersi in salvo da solo calandosi dalla provveduto al riconoscimento formale la moglie. Saran- di 24 e 25 anni, erano ancora visibilmente alticce. Sono Scivolano nel fiume
intensa collaborazione tra le autorità inquirenti italiane finestra con le lenzuola annodate. Siamo intervenuti no le perizie che polizia scientifica e vigili del fuoco state sentite come persone informate dei fatti ma non
e quelle inglesi in merito all' omicidio di Roberto Calvi, tempestivamente con dodici squadre, circa 60 uomini e consegneranno al pm Giuseppe Andruzzi a definire gli avrebbero fornito indicazioni utili alle indagini. Secon- Annegati due giovani
che ha portato a importanti risultati. Pochi mesi fa, nel tre autoscale. La collaborazione con polizia, carabinieri e aspetti giudiziari della tragedia. L'unico dato certo è che do operatori del settore, l'incendio potrebbe configurare
dicembre 2003, la City of London Police arrestò Odette personale del 118 ma, anche, del personale dell'albergo, le fiamme si sono propagate dalla stanza 305, al terzo diversi reati: dall'incendio (art.423) al danneggiamento Due giovani sono scivolati nel fiume Simeto e
Morris, parente di Flavio Carboni. è stata senza falle. Inoltre - prosegue Riccio - un ruolo piano dell'albergo, dove alloggiavano due giovani ameri- seguito da incendio (art.424), dal delitto colposo di dan- sono stati trascinati via dalla corrente sabato
importante l'hanno avuto gli ospiti dell'albergo, circa cane rientrate nella notte ubriache ed estese alla stanza no all' omicidio colposo a seguito di incendio colposo. mattina. Annamaria Cardiano e Francesco
Saraniti, 17enni di Centuripe, sabato stavano
trascorrendo il primo maggio con alcuni amici nei
pressi del fiume Simeto, in territorio di Adrano,

Br, il Nicaragua non estrada Casimirri nella provincia di Catania. Le ricerche sono
scattate subito ma soltanto ieri i sommozzatori dei
vigili del fuoco sono riusciti a ritrovare il corpo
della ragazza: era sommerso in un anfratto del
fiume, sotto un metro d’acqua, a 50 metri a valle
da dove era scivolata.
Non è stato invece trovato ancora Francesco

L’ultimo brigatista del sequestro Moro negato alla giustizia italiana. L’associazione vittime: una sconfitta Saraniti, che si era generosamente buttato nel
fiume nel tentativo di salvare la ragazza e un suo
compagno.

Giuseppe Rolli se che gli era stata tolta cinque anni prima
dall’allora ministro dell’Interno, Alfredo
Mendieta, il quale ritenne in prima battuta
ROMA La Suprema Corte di Giustizia del che l’avesse ottenuta in modo fraudolento MODENA
Nicaragua ha respinto sabato la richiesta di Via Fani il giorno proprio grazie all’appoggio dei sandinisti.
estradizione presentata nel febbraio scorso del rapimento di L’ex brigatista ha poi presentato una de- Morto il neonato
dall’Italia per Alessio Casimirri, l’ex brigati- Aldo Moro e nuncia al ministro dell’Interno e al diretto-
sta condannato in contumacia nel 1989 l’uccisione degli re dell’ufficio per l’immigrazione nella qua- abbandonato nel prato
per aver preso parte al sequestro e all’omi- uomini della le spiega di temere che vengano messe in
cidio di Aldo Moro. scorta atto «azioni criminali» nei suoi confronti. Il piccolo Jacopo non ce l’ ha fatta. Sabato sera le
L’ultimo. Alessio Casimirri, 47 anni, Foto di Claudio Una sconfitta. «Non dimentico - ave- condizioni del neonato abbandonato in un prato
residente nel paese latinoamericano dal Onorati/Ansa va detto recentemente in un’intervista al alla periferia di Modena e ricoverato in terapia
1983, rimane l’unico latitante del gruppo quotidiano El Nuevo Diario - quello che ho intensiva al Policlinico di Modena dalla mattina
che avrebbe partecipato all’agguato di Via passato negli ultimi undici anni: molti ten- del 9 aprile sono peggiorate notevolmente.
Fani. Con lui, quel 16 marzo 1978, c’era tativi da parte della autorità italiane e diplo- La madre, una diciottenne che ha dichiarato di
anche la sua ex moglie, Rita Algranati matici di questo paese, alcuni dei quali essere stata lei ad abbandondonare il piccolo dopo
(“Marzia”), arrestata dalla polizia il 14 gen- corrotti, di mettere in atto azioni contro la aver partorito, ha vegliato il corpicino di Jacopo
naio al Cairo assieme ad un altro brigati- legge. Come il tentativo di sequestrarmi, fino a tarda sera, «Abbiamo concesso alla ragazza
sta, Maurizio Falessi. «Camillo», questo in- narcotizzarmi mettermi in una cesta e por- la possibilità di stare accanto al bimbo, come
vece il nome di battaglia di Casimirri, se- tarmi con un pulmino alla frontiera. Ho i aveva chiesto - ha spiegato il direttore della
condo la magistratura italiana, era sulla nomi di coloro che organizzarono questo Divisione di Neonatologia, professor Fabrizio
Fiat 128 bianca assieme ad Alvaro Lojaco- nel 1996». Ferrari - anche perchè sappiamo che questo le
no (arrestato due anni fa in Corsica), e dine di «Autonomia operaia» di via dei in Nicaragua ha aperto due ristoranti nel Dopo l’arresto della Algranati e la nuo- La notizia della mancata estradizione potrà far elaborare meglio la perdita del neonato.
partecipò attivamente al sequestro con Volsci e gestiva insieme alla moglie un’ar- centro di Managua, la capitale, dove vi è va domanda di estradizione avanzata dal- dell’ex brigatista è stata accolta negativa- Inutile dire che l’incontro è stato toccante,
una funzione di copertura al gruppo di meria vicino piazza San Giovanni di Dio, a arrivato tra il 1982 e il 1983. Proprio in l’Italia al Nicaragua, “Camillo” si è presen- mente dall’Associazione delle vittime del straziante». Tra quaranta giorni sarà reso noto il
fuoco che uccise i cinque uomini della scor- Roma, assumendo un ruolo di rilievo nella quegli anni ottiene la cittadinanza pare gra- tato il 19 marzo scorso alla Procura Gene- terrorismo: «È una sconfitta per il governo risultato dell’esame del Dna con il quale verrà
ta dello statista democristiano. colonna romana delle Brigate Rosse. Fugge zie all’interessamento di alcuni esponenti rale della Repubblica di Managua esibendo e per le vittime del terrorismo - ha afferma- accertato definitivamente se la donna sia o meno
Successivamente avrebbe preso parte dall’Italia e ripara prima in Francia e poi in del Fsln (il Fronte sandinista) e al matrimo- i documenti che provano la sua avvenuta to il presidente Bruno Berardi - adesso vor- la vera madre del piccolo Jacopo.
anche ad altri attentati terroristici e per Nicaragua. Alessio Casimirri, da parte sua, nio, contratto senza aver ottenuto il divor- nazionalizzazione nel 1988. In quell’occa- rei sapere dal governo che cosa intende Di fatto si aggrava la posizione giudiziaria della
questo su di lui pendono sei ergastoli emes- ha sempre negato di aver preso parte al zio dalla Algranati, con Raquel Garcia, una sione ha spiegato che la Corte Suprema di fare per assicurare alla giustizia italiana madre che rischierebbe, oltre all’accusa di
si nel processo Moro-ter. Prima di darsi sequestro e all’uccisione dell’onorevole ragazza del posto diventata sua moglie nel Giustizia gli ha restituito nel ’99, con la non solo Casimirri, ma anche Cesare Batti- abbandono di minore, anche quella di omicidio
alla latitanza, faceva parte del servizio d’or- Moro. Grande appassionato di subacquea, 1986. sentenza n.146, la nazionalità nicaraguen- sti e Achille Lollo». colposo.

I genitori? Diano l’esempio (ma non come Bush)


n mio alunno scrive: «Mia stri comportamenti disattendono.

U madre mi ha detto che se mi


scopre con una sigaretta in
mano non mi fa più uscire, proprio
Per il mio alunno diventare adulto
significa assumere su di sé la contrad-
dizione. In un mondo in cui l'aria si
lei che si fuma una ventina di sigaret- confonde col fumo, cerca di evitare
te al giorno. Io fumo, ma anche se la fatica di dover separare l'una dall'
non fumassi i miei polmoni sarebbe- Luigi Galella altro e il dolore di doverlo fare «con-
ro neri ugualmente, questo perché a tro» i genitori. Così, paradossalmen-
casa mia siamo in sei e tranne mia portamento e della «colpa» indivi- Rigurgito di un'umanità che ha per- in una commedia di Ionesco o di ologica della guerra preventiva con- te, il suo accostarsi alla sigaretta, ap-
nonna e mia sorella, tutti fumano e duali che si mimetizzano e perdono so la percezione di quel doppio bina- Pinter, ma rispetto a ieri cominciassi- tro il terrorismo? La guerra che insie- parente trasgressione, è come un at-
io quindi aspiro il loro fumo passi- nel fetore generale. O quello di do- rio, verbale e comportamentale, in mo ad assuefarci. Il celebre slogan di me alla «democrazia» esporta le to d'amore rivolto a sua madre, attra-
vo». ver eseguire un ordine avendo «age- cui vivono i propri «insegnamenti», 1984 di George Orwell, «La guerra è bombe sui civili, le menzogne, le tor- verso l'uso del suo stesso linguaggio
E più avanti: «Del resto mia madre volmente» a portata di mano gli stru- e non ha più l'olfatto per odorare pace», epitaffio di ogni possibile grot- ture? non verbale. Anche se è un «amore»
non fa niente per non farmi fumare, menti per trasgredirlo. Come se que- l'aria che contribuisce ad appestare. tesco, si sta come «normalizzando» «Ho paura che i miei genitori mi misto a una forte dose di risentimen-
anzi senza volerlo mi agevola. Lascia gli strumenti, in fondo, contenesse- Quei soldati, in fondo, si comporta- nel cuore di molti, come se la realtà, scoprano - scrive ancora il mio stu- to. Allo stesso modo, fatte le debite
sempre un accendino in bagno, e io ro un'inconscia determinazione ad no «di conseguenza». Hanno in ma- col trascorrere del tempo, avesse len- dente - anche se non mi sentirei in proporzioni, le torture inflitte dai
così vado in camera di mio zio, pren- essere utilizzati. no degli strumenti, lasciati «distratta- tamente ammansito e persuaso la lo- colpa, perché in fondo lo fanno an- soldati americani e inglesi ai prigio-
do una sigaretta dal comodino e me Sfogliando i giornali di questi giorni, mente» in giro, e li usano. Come gica. Perché l'abnorme, l'indomani, che loro. Lo so che non è una scusa, nieri iracheni sono in perfetta coe-
la vado a fumare in bagno. Un'altra nei quali esplode l'indignazione di sostiene provocatoriamente uno di è già più accettabile, e il giorno dopo però anche il loro non è un buon renza con l'ideologia che sostiene e
agevolazione è che fumano tutti e George Bush e Tony Blair di fronte loro, il sergente statunitense Chip si trasforma in qualcosa che somi- esempio». pratica la guerra. Non una devianza
quindi la puzza delle mie sigarette alle fotografie dei soldati che tortura- Frederick: «Ho iniziato chiedendo tologico: è così perché è così. Ma a glia a una norma, che non abbiamo I ragazzi ci chiedono esempi, sia co- del sistema, ma il suo compiersi. Co-
non si sente perché c'è già nell'aria». no, seviziano e umiliano i prigionie- regole e nessuno mi ha risposto». volte le contraddizioni si fanno così più voglia di distinguere o stigmatiz- gnitivi che morali. La loro struttura me se quelle torture, nella loro crude-
Nel tema sono presenti alcuni segni ri iracheni, quasi fossero dei genitori I ragazzi spesso ci presentano il con- vistose da realizzare un cortocircui- zare. mentale non è tortuosa, la loro sensi- le evidenza, sapessero fornirne la me-
che potrebbero esser tradotti in chia- ciechi o distratti, inconsapevoli dei to delle loro osservazioni, alle quali, to, un'ambivalenza massima e insa- Che cosa accade emotivamente a un bilità è incontaminata. Hanno biso- no ipocrita e più perfetta esemplifica-
ve simbolica. Ad esempio quello dell' loro figli, viene voglia di dire: che vi in assenza di altri argomenti, non nabile, che partorisce l'assurdo. Ed è ragazzo che vive gli anni della sua gno di valori agiti, non di dichiara- zione.
aria della casa che «puzza» e del com- aspettavate? Curiosa indignazione. sappiamo opporre altro che un tau- come se noi tutti oggi ci trovassimo formazione immerso nella realtà ide- zioni formali di principio che i no- luigalel@tin.it

Pietro Spataro, Paolo Branca, Nuc-


cio Ciconte e Ronando Pergolini ab-
bracciano Grazia e le sono vicini
per la perdita della cara mamma
NOEMI BARBIERO
Grazia, un forte abbraccio.
NOEMI BARBIERO
Roberto, Silvia, Stefano
Roma, 3 maggio 2004