Sei sulla pagina 1di 32

NAPOLI

legge
NAPOLI
dallo spettacolo
emmepi “Toni Servillo legge Napoli”
Prima edizione
23 Dic 2014
Napoli,
Paradiso e Inferno poetico
Pochi giorni fa, al Teatro “Carlo Gesualdo” dialogare con il Padre Eterno. Tutt’altro, gli
di Avellino, ho assistito allo spettacolo “Toni rivolgono imprecazioni e bestemmie perché siamo
Servillo legge Napoli” e ne sono rimasto tanto attratti dall’abisso di brutture senza fondo della
entusiasta da volerne cristallizzare il ricordo con il realtà che non ci lascia il tempo di fantasticare, ci
recupero dei testi che l’ottimo Servillo ha recitato. attanaglia e ci costringe a rimanere con i piedi per
Non sono riuscito a trovare sul web tutti i terra.
testi recitati in un’unica pubblicazione che, penso, La poesia ci salverà?
avrebbe potuto accompagnare lo spettacolo per L’itinerario della raccolta attraverso la
rendere più godibile l’intero recital che, a Nord poesia napoletana tra Ottocento e Novecento, con
del Garigliano, certamente viene compreso con una crudissima puntata nel nuovo secolo, è
molta difficoltà. idealmente concepito come una discesa agli Inferi,
Non sono riuscito a recuperare i testi di “A dal Paradiso attraverso il Purgatorio. Da “Lassa
Sciaveca” di Mimmo Borrelli, di “Sogno fa’ a Dio” di Di Giacomo e “De Pretore
Napoletano” di Giuseppe Montesano e di “Cose Vincenzo” di Eduardo che collocano la scena
sta lengua sperduta” di Michele Sovente che non nell’alto dei cieli, a “Nfunno” di Eduardo che
dispero di trovare prossimamente per inserirli in “cumm’ ‘a diavule, vulesse cammenà pe’
successive edizioni dell’ebook che ho pensato di sottoterra”, percorre l’arco della vita nel quale
realizzare mettendo insieme i poemetti e le poesie ognuno può collocare se stesso ed il prossimo.
che ho potuto recuperare, sperando di fare cosa Il percorso non rinuncia a fare una
gradita a qualcuno. puntatina nelle canzonette popolari, esempio
Mi è piaciuto produrlo e questo, per ora, sublime del genio e dello spirito partenopeo,
può essere sufficiente. pescando “’A casciaforte” che, recitata da Toni
La ricerca delle singole opere è stata Servillo con sarcasmo e ironia, è diventato un
piuttosto faticosa per la difficoltà di trovare testi gioiellino molto applaudito a teatro.
concordanti e formattati in modo decente, in Lo sforzo che chiedo agli amici che
considerazione anche delle diverse modalità di riceveranno questo ebook come mio augurio per
scrittura della “lingua” napoletana. Per rendere le feste di fine anno del 2014 è di trovare il modo
possibile la lettura dell’ebook sugli smartphone, di leggerlo attraverso un ereader che supporti i
ho scompaginato la formattazione dei versi, formati epub e mobi; ma se sono arrivati a leggere
evidenziando con un diverso stile le parti del testo queste poche righe, vorrà dire che l’ostacolo è
in forma diretta. Chiedo scusa per questa licenza a stato già superato!
qualche purista che, incappando in questo ebook, Mi farà piacere ricevere segnalazioni di
a buona ragione potrà storcere il naso. immancabili ed inevitabili errori da correggere in
Il titolo “Napoli legge Napoli” che ho scelto successive edizioni e di essere informato della
sottolinea come Napoli viene vista e cantata dai eventuale condivisione con altre persone.
Napoletani che si abbandonano al sogno,
soprattutto i classici, senza ignorare la realtà. Di
Buon Natale e Felice 2015.
Giacomo ed Eduardo si confrontano e parlano con
il Padre Eterno attraverso due classici poemetti
tragicomici nel tentativo –vano- di sfuggire alla Michele Perone
terra che, matrigna, ci richiama e fa riaprire gli micheleperone@gmail.com
occhi sulla realtà ineluttabile. I contemporanei twitter.com@micheleperone
(Borrelli e Moscato) non ci provano nemmeno a www.micheleperone.it
Lassammo fa' a Dio di Salvatore Di Giacomo
De Pretore Vincenzo di Eduardo De Filippo
'A Madonna d' 'e mandarine di Ferdinando Russo
'E sfugliatelle di Ferdinando Russo
Fravecature di Raffaele Viviani
Litoranea di Enzo Moscato
O viecchio sott’o ponte di Maurizio De Giovanni
Napule di Mimmo Borrelli
'A livella di AntonioD e Curtis
Primitivamente di Raffaele Viviani
‘A Casciaforte di Alfonso Mangione
Nfunno di Eduardo De Filippo

_ _
- Andiamo dunque! - E ghiammo...
Quanto mme piglio 'e guante...
Lassammo fa' a Dio Ed in un batter d’occhio eccoli a Napoli,
di Salvatore di Giacomo in mezzo piazza Dante.

'A dummeneca 'e Pasca 'O Patre Eterno vutaie ll'uocchie attuorno,
d' 'o mille e noveciento, 'o Pateterno scanzaie nu tramme, se mettette 'a lente,
(ca s'è susuto sempe 'int 'e primm'ore) e proprio come un semprice murtale,
di buonissimo umore (ma però con accèndo forastiero)
se scetaie mmerz' 'e sette, dice:
fece chiammà san Pietro - Sai, caro, ma l'è mica male
e lle dicette: questa vostra città!
- Piè, siente, stammatina Mi fa piacere
è ‘na bella iurnata assai di rivederla:
e ll' aria è fina fina: ci mancavo dal secolo passato...
vurria fa ‘na scappata Ma proprio ha molto,
'n Terra... Che te ne pare? molto migliorata!
La statua qui davante
- Mah! cosa l'è?
Dicette san Pietro L'Aligherio?...
(santo napulitano e,
‘mparaviso, capo guardapurtone) - No.
- Mah... Lei siete il padrone! Dicette san Pietro.
Vulite vedè 'a Terra? E fate pure... - Questo è Dante.
Però… vedete... francamente, Grand'uomo!...
'a Terra è nu poco afflittiva. E questa sulla mano destra
V'avesse disgustà?... è la famosa chiesa 'e san Michele:
quello è il Liceo Vittorio Emmanuele:
- Ma che! più sopra c'è il Museo.
Che dici! Questo, rimpetto,
Su, vèstiti! è il caffè di Diodati.
Scendiamo!... Ce vulimmo assettà diece minute?
Dove ci fermeremo?
Dove andiamo?... - Entriamo pure.
Napoli!...
Che? E 'o Signore trasette
Ti pare? in quelle belle sale ornamentate,
e san Pietro dicette al cammariere:
- Eh! Sissignore. - Favorite due mezze limonate.
Se dice:
vide Napule e po' muore! Erano 'e ddiece e mmeza
e 'a iurnata era bella.
E senza perder tempo, llà ppe llà, A mille a mille
san Pietro se vestette comilfò: passiàveno 'e ggente
nu pantalone inglese a quadrigliè, pe mmiez' 'a strata
nu gilè (comm' 'o pòrteno 'e cocò) e ncopp' 'e marciappiede;
tutto piselli verdi in campo blu, e vedive mmiscate
cappiello a tubbo, cravatta a rabà, femmene, uommene,
scicco stiffelio di color rapè, gruosse e piccerille
e un piccolo bastone di bambù. nutricce, serve,
priévete e surdate…
- Sto bene?
- Oh, qual vista gentile!
- Elegantone!... (Dicette 'o Pateterno
pusanno o' cucchiarino)
- Ma com' è che si dice, e quase ‘lle parette
caro quel mio Pierino, dint' a n' eco e 'a luntano,
che la Terra è infelice? sentì 'o stesso lamiento....
Ma guarda,
guarda un po' che movimento, - 'A carità!...
che scena pittoresca e che allegria!
Via, son proprio contento... Cu ‘na resella amara,
Be'?... Pietro?... e allisciannose 'a barba ‘a franciscana,
E parla, vecchio brontolone! san Pietro suspiraie:
Non sei della mia stessa opinione? - Nun c'è che fa'!...
Mo nu' ve frasturnate,
- Sì, sentite a me:
rispunnette 'o viecchio. mo iammuncenno 'a ccà:
- E opera vosta piuttosto quando siamo in Paraviso
è certamente tutta chesta ccà: se ne riparlerà...
certo: chi 'o ppò negà?
Però... - Come?... Non ho capito...
Vi siete presa 'a limunata?...
'O Patre Eterno capuzziava,
- Si, ho finito… parlava isso sulo,
teneva mente in aria...
- Embè, usciamo. Tutto ‘nzieme
Signori, a tutti!... fece segno c' 'a mano.
E nu lenzulo scendette
- Buona passeggiata! sulla Terra lentamente,
lo stendettero a terra
- Dunque dicevi? in piazza Dante
nu centenaro d'angele
- E c'aggia di'?... tutte vestute 'e velo
Guardate! ‘nce ammuntunaino, dinto,
Tenite mente attuorno... 'e puverielle,
Che bedite? e s' 'e purtaino 'ncielo...
Che ve pare?...
Dicite.

A Mappata

'A carità Figurateve nu poco


sta mappata ca pe’ ll'aria
Dio guardaie, spaventato. ogne tanto s'abbuffava,
Mmiez' 'a strata, se sbuffava
stuorte, struppie, cecate, e viaggiava ncopp' 'o viento
giuvene e bicchiarielle, chiena 'e strille,
guagliune senza scarpe, chiena 'e ggente.
vicchiarelle appuiate a 'e bastuncielle, Cchiù de mille!
scartellate, malate,
e ciert' uocchie arrussute Figurateve nu poco
chine 'e lacreme che nzalata e c'ammuina!
e mane secche, aperte, stennute... Chi chiagneva, chi rereva,
chi alluccava:
- 'A carità!... - I' mò mm' affoco!

Sta voce Chi cantava, chi chiammava:


‘e voce a centenara - Neh, Totò!...
sentette, 'a tutte parte,
disperate, strellà: - Peppì!..
ncopp' a Il'èvera corta, ca luceva
- Giuva'!... comm' 'o velluto ‘nfuso,
quatto tavule, pronte
- Donn' Aniè! e apparicchiate a Il' uso
d' 'e meglie risturà,
- Don Ferdinà... pareva ca dicessero:
- Venite! Favurite a mangià!...
- Mo’ addo' iammo?...
E che ce steva esposto!
- E ba’ nce ‘o spia!... 'A meglia carne,
'o meglio pesce,
- Chi s' 'a fatta 'a pippa mia?... 'e frutte cchiù assurtite,
cchiù gentile e cchiù ffine:
- Prufesso'!... 'a mela, 'a pera,
'o fenucchiello, 'a fava,
- Pronto... 'a nanassa, 'o mellone,
Il'uva, 'e nnoce,
- Addò state? 'e bbanane, 'e mandarine,
e tutto 'o bbene 'e Dio fore staggione.
- Sto cchiù ‘ncoppa...
Vine paisane,
- A voi! Sapete, abbarate addò sputate!... e vine ‘mbuttigliate
col sùvero d'argento e l'etichetta,
- Ma che ghiammo 'int' 'o pallone?... liquori delle frabbiche premiate,
curassò,
- Pe', tenisse nu muzzone?... strega,
cùmmel
- Bu! bu! bu!...” e anisetta:
e in mezzo a questi
- Chi è?.. Passa llà!... (pe fa’ na surpresa
a quacche puveriello furastiero)
- Nun buttà!... preffino il vischisodo
a marca inglesa!...
- Sore cu 'e mmane!
Avite ‘ntiso maie Miseria e nubiltà?
- Neh, chiammateve a stu cane... Ve ricurdate quanno Sciosciammocca
e chill' ati stracciune,
Appena miso pède ‘mparaviso con l'acquolina in bocca
Il'angele mmiez' a Il'erba 'e na vallata guardano ncopp' 'a tavula 'e mangià
se fermaino mparanza chella bella zuppiera 'e maccarune?
e pusaino 'a mappata,
ca pe dduie tre minute se muvette, Non vi dico altro.
ruciuliaie pe’ terra e, tutto ‘nzieme, Pe’ quase mez'ora
s'arapette essa stessa. ato nun se sentette
E se sentette 'a voce (mmiez' a tutta sta gente
'e n' ommo ca diceva a ll' ate: ca mangiava, bbeveva,
- Uscite, miei signò, simmo arrivate!... e sciglieva a piacere)
ca 'o rummore d' 'e piatte
e d' 'e furchette
e 'o ndrì ndrì
A tavuliata d' 'e buttiglie
e d' 'e bicchiere.
Mmiez' a nu scampagnato,
addò nasceva E all'ùrdemo d' 'o pranzo
vicino ‘a viuletta ‘a margarita, (nu poco fatto a vino)
s' aizaie nu cecato
'e na trentina d'anne. fissaie dint' 'o bbacante
Doie tre vote tussette, 'o gghianco 'e ll'uocchie...
s'adderezzaie,
sputaie,
fece n'inchino,
e stu brinnese, Nonnanonna
a voce auta, facette:
- Oi suonno, Suonno!...
Suonno, ca te ne parte all'uriente,
e nun t'abbence prencepe o rignante,
'O brinnese oi Suonno, e vienetenne lentamente,
e, mpponta 'e pède,
- Cumpagne e care amice! férmete ccà nnante...
Premmettete E, si si' piatuso e si' putente,
c'a stu bello signore, stienne ‘na mano,
ca ‘nce ha fatto l'onore e adduorme a tuttuquante...
'e ce mmita' cca' ‘ncoppa “Vienece, Suonno!...
a bèvere e a mangià, Te manna san Giuseppe 'a Bettalemme,
io gli rivolgio nella sua presenza, e, sotto 'a porta, chi te mmostra a via
come attestato di ricanoscenza, cu nu ramo 'e viole, è 'a Vergene Maria...
quatto parole p' 'o ringrazià! (E chi te chiamma ccà,
Grazie, grazie, signo'! ... Suonno, tu 'o ssaie,
Grazie! Vv' 'o dico so' chille ca cuntente
a nomme 'e tutte chiste sfurtunate, nun se scetano maie...).
ca se so' saziate, Vienece Suonno!
e ca p' 'a primma vota, (E tu ‘nchiudele Il'uocchie doce doce,
senza stennere 'a mano, comm' 'e nchiudiste
mmiez all'aria addurosa 'e stu ciardino a Giesù Cristo ncroce...)
hanno pruvato 'o broro,
'a carne, o vino!... 'O Suonno s'accustaie...
Ccellenza! Ma n'ombra nera
E cumpatite sti pparole, lle cammenava appriesso,
ca so' napulitane n'ombra longa e liggiera,
e nun so' ttaliane c' appena isso 'a vedette e se fermaie,
comme ve mmeretate! s'acalaie, Il'afferraie,
Io nun aggio pututo sturià! s' 'o strignette int' 'e bbracce forte forte
Nun me pozzo applicà!... e, cu nu filo 'e voce, lle dicette:
Guardate!... - Vattenne!
Io nun ce veco! Famme passà.
'A che so' nnato So' 'a Morte...
io nun beco a nnisciuno!...
So' cecato, guardate... - E mo che dice?...
So' cecato! Dicette a san Pietro
Ccellenza, e che piatà!... 'o Patre Eterno.
- Guarda!
'A voce lle mancaie. Nun è meglio accussì?
Chiagneva... Tutta sta gente,
'A mano ca teneva 'o bicchiere turmentata e nnucente
s'acalaie chiano chiano ncopp' 'a Terra che turnava a fa’?....
e 'o pusaie ncopp' 'a tavula. Doppo n'ora felice c' ha passata,
Isso stesso, guarda, è passata 'int' 'a l'eternità...
comme si 'o vino
'o fosse risturbato, - Là!... Guardate!... Là... là!...
se chiaie lentamente
int' 'e ddenocchie, C' ‘a mano stesa e trattenenno 'o sciato,
e, cadenno assettato e abbandunato, san Pietro ‘lle mmustraie ca quaccheduno
ch'era rummaso aizato si te stracque e t'abbandune…
mò se vutava attuorno
e se muveva... Quanta miglie staie facenno?
Nu minuto e nne faie ciento
- Là!... ‘Na femmena!... e quant' ate, p'arrivà!...

E chella, Ma mò luceno, 'a luntano,


comme fosse ‘mpazzuta, luceluce a mmeliune...
cammenava e curreva, E so' lume...
‘nciampecava e cadeva, E 'a luna, 'a luna
e s'aizava... già fa 'o mare nnargentà...
E fuieva...
Scinne, scinne...
- Chiammatela! Addò va?!... Si' arrivata...
Guarda... 'a i' llà...
- Zitto... Napule! 'A i' llà!...
dicette 'o Padre Eterno
- Zitto...
Lass' 'a fa’...
lassa 'a fa’... Mammarè, ringrazia Dio...

Nanninella 'a pezzente


guardaie ccà, guardaie llà,
Cade 'a cielo, s'urizzuntaie,
'a mammarella, e truvaie finalmente
puverella, puverella... 'a via d' 'a casa soia.
Sunava ll'una
Curreva, fuieva a Sant'Eliggio.
pe nnanz' 'e cumpagne passanno, E dint' 'o vico scuro
(ca nun se muvevano cchiù) sciuliava ncopp' 'o muro
sperduta, abbeluta, nu raggio 'e luna.
chiagnenno, tremmanno,
‘mpauruta, sbattuta, - Ninno! Ninno!
curreva, curreva 'int' a ll'ombre Sto ccà!...
e dint' 'o silenzio d' 'a sera, Mamma è turnata!...
Nannina 'a pezzente...
E 'a porta,
E, senza sapè cchiù addo’ ieva mez' aperta e meza ‘nchiusa,
curreva, curreva... e ‘nu vascio vuttaie cu ‘na spallata.
Nfi a che -tutto nzième- Trasette 'e furia.
uh Dio!... se sentette Currette addò steva
mancà sott' 'e piede 'o tturreno. ‘nu piccerillo
E ‘a cielo cadette... dint' a ‘nu spurtone...
S'acalaie...
Scinne, scinne, puverella ca Chillo povero guaglione,
-'int' 'a notte chiena 'e stelle- c' appena appena teneva nu mese,
‘na palomma ‘e notte pare sennuzziava,
cu ‘nu triemmolo 'int' 'e scelle… cu 'e manelle stese...

Scinne ‘nterra, palummella,


passa 'e monte,
passa 'o mare, Lassammo fa' Dio...
vola, sciùlia,
scinne... va, Nanninella 'a pezzente
ll'aria è 'a toia. ll'arravugliaie
Te porta 'o viento dint' a nu sciallo viecchio,
s' 'o pigliaie mbraccia
s' 'o strignette ‘mpietto,
e dint' 'o chiaro 'e luna,
e asciuttannose ll' uocchie
a 'o mantesino,
lle dette latte
e s' l'addurmette ‘nzino…

_ _
qua’ san Giuseppe me pruteggiarrà?

De Pretore Vincenzo Arrubbava vasanne fijurelle;


nu furto,
di Eduardo De Filippo nu lumino
e ddoje cannele…
De Pretore Vincenzo s’arrangiava, Era cadut’ puorco dint’ ‘e mmele.
campava ‘a bona ‘e Dio, San Giuseppe ‘o faceva rispettà.
comme se dice.
Figlio di padre ignoto, senz’amice, Chi ‘o manteneva ‘o 19 ‘e Marzo,
facev’ ‘o mariuolo pe’ campà. ‘o jiuorno ‘e san Giuseppe!
Addirittura,
Marciava bene: si se trovava ‘ncopp’ a na Quistura,
‘o vestetiello inglese nun se steva cujeto manco llà.
‘a scarpa mocassino su misura;
‘a cammisa le steva ‘na pittura; Campanno ‘e chistu passo, se capisce,
‘a cravatta marrò “petit-pois”. pure si te protegge ‘o Pateterno,
quaccheduno ce stà,
Nun s’ ‘a faceva, pure all’Inferno,
comme v’aggio ditto, ca ‘mpizz’ ‘a cora,
né cu n’amico, pe’ te scumbinà.
né cu nu parente;
campava sulo, A Piazza Municipio, ‘na matina,
nun liggeva niente; sfilann’ ‘o portafoglio a ‘nu signore,
ma ‘o codice chisto, cchiù lesto, ferm’ a De Pretore
‘o puteva declamà. e ‘o ‘ncatasta cu’ tanta abilità,

Pe’ ‘na manovra ca fenette ‘nfieto ‘nfacc’ a nu camionne; e nun contento


-nu scippo a ‘na bizzoca- d’averle sbutecato ‘na mascella,
jiett’ ‘a dinto; ‘o lassa, mette man’ ‘a rivoltella,
nemmen’ ‘o pizzo c’ ‘o mustaccio finto e tira, senza scrupolo e piatà.
chella vota ‘o putètteno salvà.
De Pretore cadette.
L’ammonimento già l’aveva avuto.
Ddoje vote sorvegliato speciale… - E’ muorto!… E’ muorto!
Se spuzzuliaje na Pasca
e dduje Natale - Gneornò, suspir’ancora!
C’ ‘o scisto,
‘a fava secca Ll’aizàjeno ‘a terra
e c’ ‘o cantà. e lestu s’ ‘o purtàjeno
dint’ a na carruzzella p’ ‘o salvà…
Quanno ascette, Vicienzo ce penzaje:
- S’adda perdere ‘o nomm’ ‘e De Pretore Miezo stunato…
si nun trovo nu Santo protettore ‘a man’ ‘e nu ‘nfirmiere…
ca me protegge ‘nterra, e in aldilà! Nu fieto ‘e mmedicina l’affucava
E chi sceglio? Chi piglio? e mentre nu chirurgo s’accustava
De Pretore già steva in aldilà.
Finalmente,
chillo ca cerca trova, penza e penza. Cu ‘e pied’ ‘a fora,
Se scigliette nu Santo ‘e conseguenza, e cu nu cammisone
ca meglio d’isso ‘ncielo nun ce stà. ‘e musullina, pallido e scaruso,
era, gnorsì, nu poco curiuso;
Pato a Gesù, ma ll’aneme se vestono accussì.
marito d’ ‘a Madonna,
‘mparentat’ a sant’Anna e a san Gioacchino: Allero e zumpettianno se fermaje
- Si nun me po’ proteggere a puntino for’ ‘o palazzo ‘e Dio,
‘nnanz’ ‘o purtone: sentette c’ ‘o purtone s’arapeva,
spustaje cu fforza na maniglia ‘attone, e tanto d’ ‘o remore ca faceva,
sbattènnola doje vote pè chiammà. Vicienzo se sentette scunucchià.

Nu spurtiello quadrato s’arapette, Po’, quanno s’arapette tuttu quanto,


e comm’ ‘a guardaporta s’affaciaje vedette a san Giuseppe ca scenneva
na capa ‘e pruvulone, ca spiaje nu scalone ’ndurato, e ca diceva:
nomme, cognomme, patria e qualità. - Ma chistu De Pretore, chi sarrà?

- E a chi volete? E De Pretore, cu ‘na faccia tosta,


‘o jett’ incontro, cu ‘na mana stesa:
- Voglio a S. Giuseppe… - So’ De Pretore,
‘o figlio d’ ‘a Turresa!
- Ma siete atteso?… M’hanno sparato ‘na mez’ora fa.
Siete canusciuto?
- T’hanno sparato?
- Ma sono addirittura benvoluto, Uh povero guaglione!
san Giuseppe m’ha fatto saglì ‘ccà! Chi è stato ca t’ha fatt’ ‘o mmalamente?

- Allora ci tenete appuntamento? - Ma allora nun sapite proprio niente?…


Vuje ‘mparaviso che ce state a ffà?…
- Così credo. Llavissev’ ‘a sapè, ca si so’ muorto,
Voi dite: De Pretore, è certamente pure colpa vosta.
chillo ca ve scegliette protettore, Io arrubavo sicuro, a bella posta,
vò sapè, sapenn’ ca ce stìveve vuje ccà.
mò che è muorto,
c’ ‘adda fa! - Sicchè tu si ‘nu muorto mariuolo?!

Se chiudett’ ‘o spurtiello. - Gnernò,


De Pretore sentett’ ‘o passo mò ca so’ muorto song’ onesto.
ca s’alluntanava. Nu mariuolo vivo,
Dopo poco sentette ca turnava, si fa chesto,
cchiù svelto e risoluto a cammenà. nunn‘o ffà pe murì,
ma pe’ campà.
Arapenn’ ‘o spurtiello n’ata vota,
‘o pruvulone, tutt’amariggiato, - E’ giusto!
dicette: rispunnette san Giuseppe
- De Pretò, te si sbagliato. - però, ccà ‘ncopp’, stu ragionamento
San Giuseppe ha risposto: difficilmente, dint’ a ‘nu mumento,
“e ch’aggia fa? Si è muorto cagn’ ‘na legge antica ca ce sta!
se mettesse mmiez’ ‘e muorte, Chi arroba in vita, è sempre mariuolo
chi ‘o sape a stu Vicienzo De Pretore?” e doppo muorto resta signalato…
Stev’ parlanno cu nostro Signore, Si ‘o mariuolo fosse perdunato
‘o quale ha ditto: “Làssace parlà. ‘o ffuoco eterno che ce stesse a ffà?

Vicienzo rummanett’ penzieruso. De Pretore dicette:


Po’ dicette: - ‘J che ne saccio,
- Ma chesta è malafede! io nun pozz’ capì tutte sti llegge.
Si se conta stu fatto nun se crede: Chi tene a S. Giuseppe c’ ‘o prutegge,
‘e ll’ampede s’ ‘e sapeva cunzumà? è san Giuseppe che c’adda penzà.
È meglio ca ce jate n’ata vota,
facènnol’ accapì ca so’ diciso; - Primm’ ‘e tutto
si nun traso e rummanno ‘mparaviso dicette san Giuseppe
facce correr’ ‘e guardie ‘e l’aldilà! - ‘sta prutezione, si me l’ ‘e cercata,
tu te l’ ‘e vista, e tu te l’ ‘e pigliata.
Doppo aspettato cos’ ‘e mez’ora, Nun capisco pecchè t’avev’ a dà!
m’appicciava ‘e cannele… c’aggia fa?
- Overo? E tutte chelli ffigurelle Lle vaco a ddì ca nun ne saccio niente…
cu vvuje fotografato e culurato? Ca conta solamente ‘o Pateterno,
Io, certi vvote, me so ‘ndebbitato e ca se n’adda scènnere all’Inferno
p’ ‘e cannèle e pe’ ll’uoglio! pecchè ‘a protezione nun ce sta?…
E mò che ffà?… Si vuje vulite fa chesta figura,
Mò me dicite io nun ‘a voglio fa.
“Ccà ce sta ‘na legge… Sa che ve dico?
Ca ‘o mariuolo è sempre signalato…” Ve rummanno devoto,
A me, si nun m’avessero sparato, frato, amico;
fosse muorto p’ ‘a famma, san Giusè!… ma ve saluto,
Mò tantu bello, e mme ne vaco a ccà.
nun facimme storie,
parlate in confidenza c’ ‘o Signore. Dicette ‘o Pateterno:
Dicìtele “Vicienzo De Pretore - Chella è ‘a porta.
ll’aggio protetto, Però piènzece bbuono nu mumento.
e ‘o faccio restà ccà Pecchè, si po’ te ven’ ‘o pentimento,
‘a porta è chiusa, e chiusa restarrà!
- E si me dice: no?
E c’ ‘a mazza fiorita, san Giuseppe,
- Peggio pe’ vvuje, comme si nun avesse manco ‘ntiso,
ca ‘lloco ‘ncoppa nun cuntate niente. lassav’ ‘o posto ‘e copp’ ‘o Paraviso,
Pe’ chello c’aggio spiso, c’ ‘a capa sotto, e senza s’avutà.
stregn’ ‘e diente.
Ma vuje… ‘A Madonna,
ce avite perzo ‘e dignità! strignènnose dint’ ‘e spalle,
se susette pur’essa e s’avutaje;
San Giuseppe, nu poco penzieruso, facette ‘a riverenza, salutaje,
s’abbiaje p’ ‘o scalone, a malincuore, dichiaranno:
e se truvaje ‘mpresenza d’ ‘o Signore, - Ma comme pozzo fa?…
cu lluocchie ‘nterra pe’ nun ‘o guardà. Giuseppe è mio marito, certamente…
E lo devo seguire ovunque vada.
- Giuseppe cosa c’è? Io, come moglie, seguo la sua strada:
‘na mugliera fedele chesto fa.
- Caro Maestro,
va trova comm’ è gghiuto e comm’ è stato, Gesù Cristo dicette:
‘o certo è ca me sento scuncertato. - Io song’ ‘o figlio…
Nun saccio comm’ avesse accummincià. Che faccio?
Fore ce sta nu mariuolo muorto ‘E llasso sule?
ca se chiama Vicienzo De Pretore. E cu’ qua’ core?
Siccome me scegliette Protettore Specialmente mia Madre,
giustamente vulesse restà ccà. se ne more…
Io mme ne vaco cu Papà e Mammà.
- San Giusè, ma te fusse rimbambito?
Nu mariuolo! E dice: giustamente? Sant’Anna fece segno a san Gioacchino.
Ma tu te si stunate veramente! san Giuvanne, cumpar’ ‘o Salvatore…
Chest’ è ‘a vicchiaja ca te fa parlà. l’Angelo Gabriele Annunciatore
pur’ isso s’ ‘a vuleva spalummà.
- Che c’entra?
Vuje, ched’è, nun site vecchio? Tanto, ca ‘o Pateterno se susette,
Anze, si ce penzate, mmiez’ a nnuje, strillanno:
‘o vicchiacone overo site vuje. - Fermi tutti!!…
Insomma, ccà se tratt’ ‘e dignità. Dove andate?
De Pretore arrubbava, sissignore; Si overamente ascite e ve ne jate,
è muorto acciso pe’ chesta ragione. ‘o Paraviso nun ‘o pozzo fa.
S’era fissato c’ ‘a prutezione:
Tutt’ ‘a Sacra Famiglia se fermaje, se sap’ ca fernesce p’arrubà!
aspettanno ‘a parola d’ ‘o Signore. E songo a meliune chella ggente
ca pe’ se mantenè pulit’ ‘a fora,
- Va bene, quanno nu figlio nun è nato ancora,
fate entrare a De Pretore… le negano ‘o diritto d’ ‘o ccampà.
Almeno, m’ ‘o facite interrogà! Se ll’accidene ‘ncuorpo, ‘e ccriature,
senza piatà, redento e pazianno.
De Pretore trasette. Pariente e amice ‘o ssanno e nun ‘o ssanno…
E se levano ‘a tuorno ‘a verità.
- Vieni avanti. Overo, Patetè, sti criaturelle
Tu ti chiami Vincenzo? accise primm’ ‘e nascere, addo’ vanno?
Veneno ‘mparaviso, e nun ‘o ssanno?
- Sissignore. E vuje nun c’ ‘o putisseve spiegà?

- E di cognome? - Dove sei nato?

- Faccio De Pretore. - So’ napulitano.


Pure pe’ chesto stevo scumbinato…
- Tuo padre? Pe’ Napule ogneduno ha studiato,
pe’ vedè comm’ aveven’ ‘a ‘nguaià!”
- De Pretore fuje mammà. Pero’ senza volerlo…
Per progetto.
- Come sarebbe?! Caro Maestro, con la malafede;
con l’arma che si vede e non si vede,
- So’ di padre ignoto. con la calunnia e con la falsità.

- Non capisco. - Ma c’è il governo!


Ma ignoto di che cosa?
- Nun ne sape niente.
- Che quando sulla terra non si sposa, Se ‘mbrogliano cu ‘e llegge pure lloro.
‘e figlie nun se ponno dichiarà. Nun c’è che ffà;
s’hanno ‘mparat’ ‘o coro,
- Ma i figli sono figli. ch’a Napule se vene pe’ cantà.
‘O peggio surdo è chi nun sente apposta.
- Niente affatto. Pecchè, si voglio fa ‘na vita onesta
Vuje ve credite ca so tutte eguale; e nisciuno m’aiuta, che me resta?
ma ‘e figlie, ‘nterra, si nun so’ legale, Industrializzo la disonestà.
campano comme ponno:
c’hann’a fa? Nu minuto ‘e silenzio, ‘o Pateterno,
cu ‘na santa pacienza se susette,
- Ma c’è la Chiesa! e cu ‘na voce ferma po’ dicette:
- Chistu Napulitano resta ccà!
- Comme nun ce stesse,
nun cagna ‘a strada vecchia p’una nova; Po’ se chiammaje san Ciro:
ce sta chi ‘o pate fauzo s’ ‘o trova… - Cì’, ‘e sentito ‘o fatto d’ ‘e creature?
e addeventa legale chillu llà.
- Ll’aggio ‘ntiso…
Doppo capuziato, rispunnette san Ciro,
‘o Pateterno dicette: - ’mparaviso
- Aggio capit’ ‘o fattariello. nun c’è cchiù posto p’ ‘e ricoverà!
Pirciò tu addeventaste mariunciello? Arrivavano a chiorme, st’Angiulille…
Ca j’ dicevo…scusate si v’ ‘o ddico:
Gnorsì, ma sulamente pe’ campà. ma ‘o Pateterno fosse ‘nu nemico?
Senza ‘nu pate ca te mann’ ‘a scola, Sti mmeze criaturelle che nne fa?
campanno abandunato mmiez’ ‘a via, Cu ‘e ccapuzzelle grosse,
facenno sulamente e capa mia… a forma ‘e pera;
ch’ ‘e ddetelle azzeccate Neh, De Pretore c’arrubbasse a ffà?
e ll’uocchie ‘nchiuse,
pàrene vicchiarelle penzieruse, ‘E Sante se guardàjeno tutte ‘nfaccia
ca sanno ‘a ggente, E ‘ntunajen’ ‘a cchiù bbella Pasturale,
‘o munno e ‘a ‘nfamità! comm’a chella che cantano a Natale:
N’aggio fatte nuttate appriesso a lloro, e pe’ Vicienzo che felicità!
attuorno a tutte chelli spalluzzelle!
Ce n’aggio miso ‘nguenta e ppumatelle… A poco a poco tutte chistu coro,
Ma ‘e scelle nun putevano spuntà… e tutta chesta musica fernette.
E bello De Pretore se sentette
Dicett’ ‘o Pateterno: ‘a stanchezza e ‘o dolore d’ ‘o campà.
- Nun fa niente. Po’ n’ata voce ‘e cristiane,
Nun vularranno maje chist’Angiulille. una diceva:
Che ffà… so piccerille piccerille - Fatelo dormire.
e mm’ e porto cu mmico, a passià. Ripiglia il polso, ma non puo’ capire.
Pe’ comme vanno ‘e fatte ‘ncopp’ ‘a terra, Complimenti, Dottore… se ne va?
ce sta na legge mia, can nu’ perdona.
Chillo ca dice: “Dio nun se ne addona” Cu ll’uocchie miez’ apierte, lle parette
se sbaglia, pecchè ‘a leggia mia ce sta. ‘e vedè ‘na figura d’omme anziano,
Nun è ca tutt’ ‘e juorne stong’ attiento cu nu fuglietto e cu ‘na penna ‘mmano
a chello ca succede ‘ncopp’ ‘a terra; e ca diceva:
però si se scatena quacche guerra, - ’O pozzo interrogà?
è ll’ommo stesso c’ ‘a fa scatenà.
Se ‘mbroglia dint’ ‘a stessa cattiveria, N’ata voce dicette:
se ‘mbriaca c’ ‘a vendetta e c’ ‘a malizia; - Con prudenza.
s’accide, se condanna e fa giustizia;
ma è sempe ‘a leggia mia ca ce ‘o ffa fa. - Tu ti chiami Vincenzo?
Andate tutti a letto.
Domattina vi sveglierete nelle prime ore - Sissignore.
per spiegare a Vincenzo De Pretore
in Paradiso come ci si sta. - E di cognome?

‘E Sante cu ‘na meza resatella - Faccio De Pretore.


e cu ‘nu miez’inchino s’abbiàjeno,
ammagliecanno amaro se cuccàjeno - Tuo padre?
penzanno:
- ’A rrobba mo’ s’adda ‘nzerrà! - Ve l’ho detto poco fa.

‘O Pateterno, ‘a sera, è abituato N’ata voce dicette:


a sentì, ‘mparaviso, ‘e meglie cante. - Su coraggio,
Invece, chella notte, tuttuquante cercate di rispondere al signore.
nun ‘e ssenteva manco ‘e pepetià.
- Gnorsì, già mi ha concesso l’alto onore.
E, cu ‘nu naso fino ‘e Pateterno, Sul’isso me puteva perdunà.
‘o Signore capett’ ‘a serenata. Ce ll’aggio ditto, ch’ero mariunciello
Nun potette durmì tutt’ ‘a nuttata, e ca pe’ chesto songo muorto acciso.
penzanno che discorso aveva fa. Fatemi rimanere in Paradiso!
Tengo… ‘a prumessa
Schiarato juorno, fece l’adunata e voglio…restà ccà…
e dicette:
- Capisco il malumore, Credenno ca parlava c’ ‘o Signore,
avvuje ve fa paura De Pretore, ‘nzerraje pe’ sempe ll’uocchie De Pretore.
ch’è mariunciello, e ca ve po’ arrubbà?
State tranquilli, ne rispondo io.
Chisto pirciò se chiamma Paraviso. _ _
Lietto sicuro, pane ben diviso…
'A Madonna d' 'e mandarine
di Ferdinando Russo

Quanno ncielo n’angiulillo


nun fa chello c’ha da fa’,
‘o Signore int’a na cella
scura scura ‘o fa nzerrà.

Po’ se vota a n’ato e dice:


- Fa venì san Pietro ccà!

E san Pietro cumparisce:


- Neh, Signò, che nuvità?

- Dint’ ‘a cella scura scura


n’angiulillo stà nzerrato:
miettammillo a pane e acqua
pecché ha fatto nu peccato!

E san Pietro acala ‘a capa


e risponne:
- Sissignore!

Dice Dio:
- Ma statt’attiento
ch’ha dda sta’ vintiquatt’ore!

L’angiulillo, da llà dinto,


fa sentì tanta lamiente…

- Meh, Signò
dice san Pietro,
- pè sta vota…nun fa niente…

- Nonzignore! Accussì voglio!


Statte zitto!
Dice Dio;
- Si no ognuno se ne piglia!
‘NParaviso cummann’io!

E san Pietro avota ‘e spalle.


Da la cella scura scura
l’angiulillo chiagne e sbatte,
dice ‘e metterse paura!

Ma ‘a Madonna, quanno ognuno


sta durmenno a suonne chine,
annascuso ‘e tutte quante
va e lle porta ‘e mandarine.

_ _
mo 'nce vò, sempe tentato
da 'o diavolo curnuto
'E sfugliatelle ca vulea farte dannato!
Tu c'attuorno 'pe lu munno
di Ferdinando Russo sì curruto predecanno
'a crianza, 'a fratellanza,
N'ata volta 'nParaviso 'a pacienza, e raggiunanno
era 'o tiempo de li “rrose mmiezzo 'a folla cchiù fferoce
e 'nce n'erano a migliare e chiù pazza, sì passato,
'ncrispatelle e addurose, sempe a nomme d'o Signore,
perdunanno e turmentato;
succedette 'nu revuoto mò tu pure tiene 'e nierve!
dint'all'ora d'a cuntrora, Pure a tte 'a nevrastenia,
e san Pietro, che durmeva guaio niro 'e tutto 'o munno ?
se susette e ascette fora. Cicciarièee! ... Madonna mia!

Fora 'o "ffrisco 'e nu limone, E, vutanne 'e spalle, steva


san Francisco se sbrucava, quase pe se ne turnà,
ca vuleva fà capace quanne Dio da copp'a loggia
a san Ciro c'alluccava. s'appennete p'o chiammà.
- Tu che vuò? Songo d'e "ttoje ? - Guardapò, dì a chisti dduje
Ma guardate c'ata cosa! ca 'a cuntrora nun s'allucca!
Mò a 'nu santo n'è permesso Mo aggia avuto 'na canesta
cchiù de cogliere 'na rosa! m'ha mannata 'a Croce 'e Lucca!
Songo cierte sfugliatelle,
San Francisco rispunneva: quann'è ogge ca 'e spartimmo,
- Ciro mio, te sto preganno! dì 'a 'sti guappe, 'a parta mia,
Songo 'o santo 'e tutte 'e sciure! 'ca "ccà guappe 'un ne vulimmo!
e sti ccose tutt' ‘e ssanno!
Posa 'a rosa, t'aggio ditto
e sarrà meglio 'pe "ttè! _ _

- Ma sta scritto a quacche parte?

- Accussì piace a me!

- Ma guardate! Se fa forte
pecchè è frate a Gesù Cristo!

- Mò te sono 'na carocchia!

- Tu si 'o primmo cammurristo!

Pe 'sti strille, pe st'allucche,


Santo Pietro se scetaje.
- Che "mmalora! St'ammuina
a chest'ora! E quanno maje!?
Pace, pace, amice mieje!
Sante cu sante, nun sta bene! ...
Site surde? E datavelle,
"ccà nisciuno ve mantene!
Sulamente, Ciccio mio,
t'aggia dì chello ched'è!
'Sta mancanza è grossa assaje
e me meraviglio 'e te!
Tu ca 'e fatto chella vita,
‘a via se fa stramano.

Fravecature E 'a casa, po', 'e manibbele,


muorte, poveri figlie,
di Raffaele Viviani mentre magnano, a tavola,
ce 'o diceno a 'e famiglie.
All'acqua e a 'o sole fràveca
cu na cucchiara 'mmano, 'E mamme 'e figlie abbracciano,
pe' ll'aria 'ncopp'a n'anneto, nu sposo abbraccia 'a sposa...
fore a nu quinto piano. E na mugliera trepida,
aspetta, e nn'arreposa.
Nu pede miso fauzo,
nu muvimento stuorto, S'appenne 'a copp'a ll'asteco;
e fa nu vuolo 'e l'angelo: sente 'o rilorgio: 'e nnove!
primma c'arriva, è muorto. Se dice nu rusario...
e aspetta e nun se move.
Nu strillo; e po' n'accorrere:
gente e fravecature. L'acqua p' 'o troppo vóllere
- Risciata ancora... E' Ruoppolo! s'è strutta 'int' 'a tiana,
Tene ddoie criature! 'o ffuoco è fatto cénnere.
Se sente na campana.
L'aizano e s' 'o portano
cu na carretta a mano. E 'e ppiccerelle chiagneno
Se move ancora ll'anneto pecché vonno magna':
fore d' 'o quinto piano. - Mammà, mettímmo 'a tavula!

E passa stu sparpetuo, - Si nun vene papà?


cchiú d'uno corre appriesso;
e n'ato, 'ncopp'a n'anneto, 'A porta! Tuzzuléano:
canta e fatica 'o stesso. - Foss'ísso? - E va 'arapi'.

'Nterra, na pala 'e cavece - Chi site?


cummoglia 'a macchia 'e sango,
e 'e sghizze se sceréano - 'O capo d'opera.
cu 'e scarpe sporche 'e fango. Ruoppolo abita qui?

Quanno ‘o spitale arrivano, - Gnorsì, quacche disgrazia?


‘a folla è trattenuta, Io veco tanta gente...
e chi sape 'a disgrazia
racconta comm'è gghiuta. - Calmateve, vestiteve...
E attuorno, tutt' 'o popolo: - Madonna!
- Madonna! - Avite visto?
- E’ cosa 'e niente.
- D' 'o quinto piano! - 'E Virgine! 'E sciuliato 'a l'anneto
d' 'o primmo piano.
- E comme, Giesucristo ... ?!
- Uh, Dio!
E po' accumpare pallido e sta ‘o spitale?
chillo c' 'ha accumpagnato:
e, primma ca ce 'o spiano, - E’ logico.
fa segno ca è spirato.
- Uh, Pascalino mio!
Cu 'o friddo dint'a ll'anema,
‘a folla s'alluntana; E ddoie criature sbarrano
'e lume già s'appicciano; ll'uocchie senza capì;
a mamma, disperannose,
nu lampo a se vestì;

e cchiude 'a dinto; e scenneno


pe' grade cu 'e cerine.

- Donna Rache'! - Maritemo


che ssà, sta ‘e Pellerine.
E' sciuliato 'a ll'anneto.

- Sì, d' 'o sicondo piano.

E via facenno st'anneto,


ca saglie chiano chiano.

- Diciteme, spiegateme.

- Curaggio.

- E' muorto?!

- E' muorto!
D'o quinto piano. All'anneto.
Nu pede miso stuorto.

P' 'o schianto, senza chiagnere,


s'abbatte e perde 'e senze.
E' Dio ca vo' na pausa
a tutte 'e sufferenze.

E quanno 'a casa 'a portano,


trovano 'e ppiccerelle
'nterra, addurmute. E luceno
'nfaccia ddoie lagremelle.

_ _
- quase na faccia tagliata ca se mette
appaura d'o sole...
Litoranea e dita e voce e sfregio si danno un
violetto alla Matisse,
di Enzo Moscato scomposte anatomie di festa all'obitorio,
(versione incompleta) fari sparati sotto il cuore come tracchi
all'intrasatto.
Se estrogeno è un estro che gira Un cammeo di Assunta Spina ci ricorda
quando ne ha voglia, che bastava esagerare agli aggettivi per campare o
ormonico un pifferetto maschile a bocca, per essere.
ossidianico un elemento che agisce solo di giorno Moltiplicarli come i pani e come i pesci.
e algoritmo un'alga che danza tra i marosi, O gli amanti e i tradimenti, tanto per essere
questa, allora, è davvero una terra di briganti precisi.
e la sua alta chirurgia proviene diritta I mantelli dei poeti, del resto, si aprono
dai grammatologi del circolo di Copenaghen. a campana come quelli dei cafoni,
Del resto, chi cantava "Anna, soror..." pipistrelli! sciosciamosche! così dicono ai
sugli arenili di Sorrento Quartieri.
pensava bene ai gargarismi di Caruso,
un'ottava più sopra del tintinnio dei lampadari. Hanno mani butterate dall'azoto, ulcere schiattose
E non è stato possibile mai furtire una lacrima, lungo gli anulari
alla Duse o alla Mignonette, ogni volta Dai bordelli scendono, simili a rigagnoli di
che un batò si allontanava dallo sangue,
strillante golfo delle Sirene. dai bordelli scendono che sembrano macelli,
Cose che ci rallegrano solo nei giorni di lutto, schifati da Dio, schifati da tutti.
quando sesso e diluvio, sesso e diluvio - Nostra ignuda Natura, tale e quale,
sono il sesto itinerario possibile scurnuse...
ad eundum Deum accatteno e vénneno, accattano e
nella Summa di san Tommaso. venneno costati e cosce, milze, dalla
bestia senza dazio sui pontoni.
E questo qualche sarda lo sa bene, Ecce Homo, lo scemo Ciccillo, viene
qualche seppia pure. trascinato in processione.
I polipi, forse, chissà. Sono tanto aristocratici. Da un letto, poi, da un basso di dolore,
L'acetilene, di notte, li bombarda, li mitraglia, - Appiccia a radio, appiccia a radio...
e loro, oncògeni stupiti, vanno avanti in si sente
confusione, - Cagna a stazione, cagna a stazione...
non sanno più che dire né capire. Un cieco, certo. Luce sospesa ai meri
- Che sse dice? Che sse dice? suoni, capricciose ragnatele.
s'informano tra loro Santificare, dovrebbero, i pittori e
- Che sse dice? Che sse dice? I musicisti e i fotografi col lampo di magnesio.
A tempesta mann'a gall' alice! Santificare, dovrebbero, gli artisti a quattro soldi,
Barocca cultura di gesti. Empio mambo le scosciate ballerine, le sdentate
dell'eco/degrado. sciantose dei Café,
Niente. Un tuffo. Una passeggiata sola. santificare, dovrebbero, tutta la plebaglia
Chi ci sputa sopra è arso. Cioè, va in paradiso. creativa che si esprime tanto per maniera.
Tanto, i guaglioni sugli scogli, hanno La maniera qui, è l'unica parrocchia dove
vene di assassini, si affresca il vero.
azzurre pubescenze.
Li avete visti mai? E poi Didone ncopp'e scoglie,
Nudi, tra le cozze a Marechiaro, si Brigetella degli embargos di Toledo,
finiscono il calore da soli, con un casto don Astarte, don Chisciotte,
gesto della mano. e Anna La Bella, per un vaiolo bianco,
raro,
- Chi ha visto maie 'e ccaiuole... che si specchia in un miroir di mala sorte
e le dita corrono sapienti dentro brache nere, negli stagni di Posillipo,
- dicere no a matina, a luce, 'e ccanzone... museiformi, aprono i balletti,
e la voce si fa erettile, orfica penetrazione, scambiandosi di posto
dint'a nuttata 'e luna. Mater Immunnezzarum.
Ieri, na criatura, lanciandosi sul fondo, E quanti piccerilli tene o mare,
è rimasta prigioniera dei vasi di Pollione - orfanelli pesciolini della Litoranea,
verderame tranello tessuto dalle orate. acqua salata dentro il pane e sulle ciglia,
E nanelle saccenti, erette su un comò, stelle di micòsi sul visetto
che girano e rigirano e la bocca pronta ad addentare la più laida
mestoli giganti dentro una poltiglia blu di bestemmia.
Prussia, - A purchiacca 'e mammeta, a purchiacca 'e
lenitive cioccolate di nobili anemie. mammeta fetente...,
- Rien du mer, rien de la mère, rien du mer, da queste parti, la medusa, infatti, ha
rien de la mère... legami molto stretti,
sentenziano raspose, i culetti a mandolino. valenze quasi chimiche con gli organi e gli
È bbona, a sanno sta canzona, umori della donna
quest'arpeggio lionese e l'incontro con i liquidi urticanti,
inventato per i figli di Gioacchino. gli eritemi,
Scoppia da basso, in fronte all'arenile sono allora una faccenda molto antica,
una vena d'artificio, un glorioso marchio mitologico,
fuochi e fuochi, lampe. Un'immensa oltreché un'impresa precocissima, virile.
emicrania settembrina. - A purchiacca 'e mare, a purchiacca 'e
I guaglioni hanno vene tatuate, pelurie appena mammeta fetente...
apparse. e il grido si fa sale, si fa rumor di acqua
Dai pubi gonfiati di recente tirano fuori granchi, sporca stessa,
colonie di batteri, iammarielli tagliati col limone. sciabordìo prezioso, dannunziano.
I guaglioni hanno vene tatuate, sole pigliato a
canottiera. Un tuffo, una bracciata solamente.
Tra un cespuglio e l'altro, invece, Alì - Spruzzi, schiamazzi, ammuina.
che odia e schifa l'acqua, st'acqua marrò, castana, A largo, appaiono i costumini.
straordinariamente figlia di Califfi - O le natiche translucide, offerte senza
chiude e dilata i pugni nella gola di un Tedesco, impudicizia agli occhi altrui.
inginocchiato sul pietrisco, quasi una preghiera. Compatta guagliunera, vermi e vermi,
- Blute nur blute nur... sanguisughe, pignatte.
sospira, e gli occhi dei guaglioni, Cardellini ‘nfusi che appassionati cantano
tutti insieme, vanno a quella voce. A quel basso - Chi tene o mare, chi tene o mare,
singhiozzo è cuntento e fesso...
avvertito come urlo.
Tutti insieme si alzano gli occhi. Veloci.
Colombi spaventati da uno sparo. _ _

Angiospermia è l'acqua, questa.


Nutrita di guappesche strafottenze,
di pisciate anfiteatrali dall'alto dei muretti
o nel salto di banchine.
Angiospermia perché prolifica alla
10 ph. Mille.
E quanti piccerilli tene o mare, quanti
scarrafune color latte,
meticci e muti, alcuni sciancariati,
qualche altro mezzo prete,
devoto 'e Dio, forse. Miezzu ricchione.
Quanti aborti dentro la corrente.
Feti aggrinziti, ipocalcificati.
L'acqua tutti i giorni è ingravidata dal
lancio di gamèti misti a urèa
pezzenti facciatosta di sei o sette anni
che trattano le onde come una vagina,
collettiva prostituta, cloaca magna,
E chella voce, comme ‘a fai a sapè?

O viecchio sott’ ‘o ponte Sospira, acala ‘a capa e nun risponne


e ‘o munno attuorno pare se fermà;
di Maurizio De Giovanni poi vota ‘a faccia ‘a parte d’a colonna
e murmuranno dice:
O mmale ca te chiure int’a ‘na stanza, - Tu stai ccà.
cu ll’uocchie apierte, stiso ‘ncopp’o lietto, Stai ccà pecchè ce sta chi t’ha chiammato,
è ‘nu piso, calato dint’o pietto stai ccà pecchè ‘a creatura toia te vò.
ca ’o fiato spezza, e nun te fa pensà. Stai ccà pecchè int’o scuro l’hai lassato
e dint’o scuro isso nun vo’ stà.
‘Nu figlio ca te lassa nun t’accire,
respiri ancora, te guarde dint’ ‘o specchio, ‘A voce ‘e chistu viecchio sott’o ponte
te vieste, iesce, ma te siente viecchio me strappa ‘o core ‘a pietto. Comme ‘o ssa
nun chiagne, no: e che chiagnisse a ffà? ca ‘o scuro era ‘a paura cchiù potente
d’a vita mia, quanno steva ccà?
‘Nu figlio ca te lassa nun t’accire,
ma ‘a capa nun ‘o lassa ‘nu momento; Me pare d’a sentì, chella vocella
‘e mmane, l’uocchie, tutto tiene spento a dint’o lietto friddo d’o spitale,
si’ muorto dinto, nun puo’ cchiù scappà. quanno allunganno ‘e ddeta d’a manella
cercava ‘a mana mia, pe me tuccà.
Io me ne ievo fore, senza meta
cercanno ‘nu ricordo, ‘nu pensiero. E ‘o viecchio mo’, facenno ‘a stessa voce,
Quaccosa ca me fosse cchiù leggiero me dice: “Avvicinate, papà.
d’a morte ca nun me fa respirà. Tieneme ‘a mano.” Siente quanto coce,
‘a freva sale, nun se po’ fermà.
E jenno jenno arrivo sott’o ponte
addò ce sta ‘o tempietto d’a Maronna; ‘O guardo fisso. Sta facenno notte
e llà, assettato aret’a na culonna, ma chillo nun se move, fermo llà;
ce sta ‘nu viecchio: cerca ‘a carità. simmo rimaste io, isso e ‘e pprete rotte
d’a strada sotto ‘o ponte ‘a Sanità.
‘Nu cieco cu ‘o cappiello e ‘e llente nere,
sta fermo, mmiezo ‘a gente ca currenno Lle dico:
appriesso ‘a vita nun po’ gghì verenno - Si addu me t’hanno mannato
chi sott’a pioggia nun tene a se parà. po’ dicere ‘na cosa sulamente:
che quaccheduno ‘n cielo ha cummannato
‘O guardo: stammo sulo io e isso c’o core mio ‘sta pace adda truvà.
ll’unece roje ca stanno sotto all’acqua; Facitelo turnà, pe’ nu mumento,
me fa ‘mpressione ca nisciuno ‘o guarda ‘o figlio mio faciteme abbraccià.
comme se nun ce stesse, sotto llà. Vi prego, sulamente pe ‘n’istante
‘a faccia soja faciteme vasà!
E po’, a ‘nu certo punto, isso s’avota
comme se me vedesse, areto ‘e llente, ‘O viecchio nun se move. Dint’o scuro
e arape ‘a vocca, moscia e senz’e riente pare ‘na statua senza carità.
e dice, chiano chiano: ciao, papà. Po’ dice:
- Io posso, ma tu si’ sicuro
Se ferma ‘o core ‘mpietto: è a stessa voce che tutta ‘a strada po’ te siente e fà?
ca me sento int’e rrecchie tutte ‘e juorne Pecchè chi dint’a morte s’avventura
e pure ‘a notte, quanno allucco: “torna!” sape che lassa, no che ppo’ truvà.
e sento sulo l’eco, e niente cchiù. ‘A faccia e ‘a voce bella d’a criatura
nun è l’unica cosa che sta allà.
- Chi si’?
lle chiedo, Risponno:
- dimme, si’ demonio? - Sissignore, e che paura
opure ‘n angelo, ca pace me po’ dda’? quaccosa ‘e ll’ato munno me po’ ffà,
‘A quale munno viene, e chi te manna? si ‘i campo già all’inferno ora per ora,
si peggio ‘e stu destino niente sta? E po’.
E po’ duiciento stanze d’ospitale,
Respira, ‘n’ata vota; passa uno duiciento mmericine a ce accattà.
‘e fretta, forse ‘a casa se ne va. Duiciento lli speranze andate a mmale,
Passa vicino ‘o viecchio e nun ‘o vede duiciento chiese pe ‘na carità.
I’ penso: è ‘nu fantasma, annaz’a mme.
Arricuordete!
Me dice:
- Vuo’ vede’ ‘a criatura toia? E m’arricordo… m’arricordo ‘a voce
E allora tutto tu t’e arricurdà. ca sempe cchiù suttile se faceva:
Risate, spaseme, ‘e sapure, - Papà, ti prego, tienimi la mano”
l’addure, ‘e llacreme, e nun t’accuietà.
- Io: sì, t’a tengo, nun t’addurmentà!
E io accummencio. ‘A vocia mia spezzata
racconta tutte l’attime ‘e ‘na vita; Arricuordete!
ogni parola è comm’a ‘na ferita,
me spezza ‘o core ‘mpietto, ‘stu pparlà. E stammo llà inchiuvate, sotto ‘o ponte,
cu ll’acqua ca cuntinua a zuffunnà.
Arricuordate!, dice ‘o viecchio. Arricuordate! ‘O guardo, fermo, ‘e mmane ‘ncopp’a fronte
comme se ‘a freva stesse a ll’abbrucià.
‘O juorno ca turnanno d’a fatica
‘a mamma nun truvai, ca se ne jette, - Che vvuò,
nun era nata p’ ’o tene’ ‘mbraccio, ce dico,
‘na carta scritta, sulo: - dimme, che vvuò ancora,
- Nun ce ‘a faccio. qual’ata sufferenza aggia pruvà?
Io nun ce ‘a faccio, manco pe ‘n’at’ora,
Arricuordate! a tutto ‘stu dulore rinnuvà.

‘O primmo iuorno ‘e scola, ‘o grembiulino, Arricuordete! E po’, che succerette?


‘a primma vota a mare, che paura!
‘A vota che facette ‘na puntura ‘A vocia mia se spezza p’o penziero
senza manco ‘na lacrema verzà. d’o juorno ca fernette ‘a vita mia.
’I m’arricordo ‘e me, ca stavo allerta
Arricuordete! vicino ‘a casciulella, fredda e janca.
Steva ‘nu mazzo ‘e ciure, m’arricordo,
‘A primma partetella cu’ ‘o pallone, l’avevano purtate ll’infermiere.
me pare d’o vede’, tutto sudato, Chiagnevano ‘e dulore pure lloro,
e chella vota ‘o cinema, ‘ncuietato pe’ chillu mio dolcissimo tesoro.
pecchè ‘o lione nun s’o po’ purtà.
E po’? Arricuordete, po’ che faciste?
Arricuordete!
E po’ me ne fujette d’o spitale;
Ddoje ore pe’ magna’ ‘nu poco ‘e pasta, scappavo d’o dulore, e nun capevo
po’ me rassigno a ce accatta’ ‘o gelato, ca m’o purtavo dinto, e nun putevo
‘o musso tutto spuorco ‘e ciucculato, truvà ‘nu posto pe m’asserenà.
e che risate, me facette fà.
E allora?, dice ‘o viecchio. Addò arrivaste?
Arricuordete!
‘I cammenavo, e cammenavo ancora;
E po’ me vene a mmente ‘a malatia, ‘a gente me guardavano appaurate
‘e quanno me venettere a chiammà. ca ‘nfaccia me leggeveno ‘o dulore
E quanno s’addurmette ‘a scola soja, pe n’anema e ‘nu core già spezzate.
senza che l’arrivassero a scetà. ‘E llacreme scennevano infinite,
e ‘o sole ieva scennenno p’o tramonto.
E po’? Arricuordete! ‘I camminavo, e me sentevo pronto,
finché m’arritruvaie…
Finché t’arritruvaste…?
… ‘ncopp’o ponte.

Arricuordate!

Sagliette ‘ncopp’o muro, guardaie sotto,


‘o sanghe dint’e ttempie me sbatteva.
Annanz’a mme ‘o vedevo, me chiammava,
e allora m’avanzaie pe’ ll’abbraccià.

‘O viecchio tace. ‘A sotto ‘e llente scure


me guarda cu chill’uocchie senza luce.
Me dice:
- Pe’ sta porta che cunduce
all’atu munno, ccà s’adda passà.
Ma ‘a porta non s’arape, si nun saje
comme ci si’ arrivato, a chesta parte.
Tu si’ vulato, nun t’ho scurdà maje:
‘o piccirillo tuo mo’ può abbraccià.

Caputo, ‘o farmacista sott’o ponte,


esce pe se fumà ‘na sigaretta.
Guarda ‘o cecato, pensa: pover’ommo,
chissà che pensa, chi nun po’ vedè.

_ _
Napule cia facimm,
Napule l’avvincimm,
Napule Napule e’ primm,
Napule e’ cazzimm,
di Mimmo Borrelli Napule e’ cardamm,
(versione incompleta) Napule e’ mazzamm,
Napule tien famm… attaccat o’ tramm!.
Napule che spara,
Napule sempre in guerra, Napule è innocente,
Napule tene’ o mar, marrò, comm’ a’ terra. Napule nun c’azzecca,
Napule s’accuntent,
Napule e’ Chianur, Napule ch’e zecche.
Napule e’ Giugliano,
Napule re’ paur, Napule ra brava ggente,
Napule e’ Marano, ra ggente onesta,
Napule avvucat, ca’ s’ piglia paura e sente che chesta omertà nun è
Napule e’ Punticiell giusta!
Napule ro mercato.
Napule pe’ ddin’t e vic,
Napule e’ Scampia, Napule t’accic,
Napule e’ Miano, Napule senza fatica,
Napule avecaria, Napule t’è amica.
Napule e’ Chiaiano,
Napule e’ copp e quartieri, Napule terra mia,
Napule ro Rione, Napule c’a chiagne,
Napule a sciammeria t’a faje aret a stazione. Napule senza ‘ddio,
Napule c’a fragna.
Napule re’ ricchiun,
Napule re’ femmeniell: nun stanne maje riune ca’ Napule terra mia senza libertà,
bott rint e’ scelle. Napule a bbon’ e ‘ddio faje o’ paraviso ccà!
Napule c’a canta, Napule e’ figliem,
Napule ro coro, Napule e’ patem,
Napule che schianta, Napule e’ nonnm,
Napule ch’addor, Napule e’ frat’t’!
Napule c’a feta,
Napule se sceta! Napule venitece vuje,
Napule re poeti: sparlan, semp arret, Napule a campà ccà!!
Napule ro rione Stella,
Napule ro scippo, Napule nun me ne fuje,
Napule e’ Forcella, Napule je schiatt ccà!
Napule ro Cip,
Napule e’ latitanza, Napule rin’t all’anema,
Napule e’ paranza, Napule tumore,
Napule e’ lagnanza, Napule senz’anema….
Napule, ramm o canz’, Napule r’ammore.
Napule e’ conseguenza,
Napule e’ creanza,
Napule e’ delinquenza, _ _
Napule senza speranza.

Napule ro corteo,
Napule re’ disoccupati,
Napule nun me chiej!

Frat contr’ a’ frat,


Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
'A livella Penzaje; stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato ... dormo, o è fantasia?
di Antonio de Curtis – Totò
Ate che' fantasia; era 'o Marchese:
Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza c' 'o tubbo, 'a caramella e c' 'o pastrano;
per i defunti andare al Cimitero. chill'ato appriesso' a isso un brutto arnese:
Ognuno ll'adda fa' chesta crianza; tutto fetente e cu 'na scopa mmano.
ognuno adda tené chistu penziero.
E chillo certamente è don Gennaro...
Ogn'anno puntualmente, in questo giorno, 'o muorto puveriello... 'o scupatore.
di questa triste e mesta ricorrenza, 'Int' a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
anch'io ci vado, e con i fiori adorno so' muorte e se retireno a chest'ora?
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza
Putevano stà 'a me quase 'nu palmo,
St'anno m'è capitata 'n'avventura... quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
dopo di aver compiuto il triste omaggio s'avota e, tomo tomo... calmo calmo,
(Madonna), si ce penzo, che paura! dicette a don Gennaro:
ma po' facette un'anema 'e curaggio. - Giovanotto!
Da voi vorrei saper, vile carogna,
'O fatto è chisto, statemi a sentire: con quale ardire e come avete osato
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura: di farvi seppellir, per mia vergogna,
io, tomo tomo, stavo per uscire accanto a me che sono un blasonato?!
buttando un occhio a qualche sepoltura. La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
"Qui dorme in pace il nobile marchese la vostra salma andava, si, inumata;
signore di Rovigo e di Belluno ma seppellita nella spazzatura!
ardimentoso eroe di mille imprese Ancora oltre sopportar non posso
morto l'11 maggio del '31." la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto... tra i vostri pari, tra la vostra gente.
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto: - Signor Marchese, nun è colpa mia,
cannele, cannelotte e sei lumine. i' nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa' sta fessaria,
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore i' che putevo fa' si ero muorto'?
nce steva n'ata tomba piccerella Si fosse vivo ve farrie cuntento,
abbandunata, senza manco un fiore; pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse,
pe' segno, solamente 'na crucella. e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa.
E ncoppa 'a croce appena si liggeva:
"Esposito Gennaro netturbino". - E cosa aspetti, oh turpe macreato,
Guardannola, che ppena me faceva che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
stu muorto senza manco nu lumino! Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!
Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente! - Famne vedé... piglia sta violenza...
Stu povero maronna s'aspettava 'A verità, Marché', mme so' scucciato
ca pure all'atu munno era pezzente? 'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so' mazzate!...
Mentre fantasticavo stu penziero, Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
s'era ggià fatta quase mezanotte, Ccà dinto, 'o vvuò capì, ca simmo eguale?...
e i' rummanette 'chiuso priggiuniero, ... Morto si' tu e muorto so' pur'io;
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte. ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale.
- Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?

- Tu qua' Natale ... Pasca e Ppifania!!


T' 'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int' 'a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'è.... è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt' 'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme
tu nun t'he fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo a morte!

_ _
Distratto, senza leggere giurnale,
senza rilorge, calannarie: niente.
Primitivamente Comme a ll’antiche, primitivamente.
Senza sta civiltà. Vita animale.
di Raffaele Viviani
Cient’anne aggi’ ‘a campà ‘mmiez’a sta terra:
Me ne vogl’i’ a campa’ ‘mmiez’a na terra, quanno voglio fa’ ‘a vita, vaco ‘Acerra!
‘a parte ‘e Punticiello, Caivano:
so’ stufo d’ ‘e città, Roma, Milano:
quanno voglio fa’ ‘a vita, vaco ‘Acerra. _ _

‘Mmiezo a ‘na terra, sulo, addò se magna


cu a crapa, ‘a vacca, o puorco, ‘o pullicino;
‘na casa grezza ‘e tufo, ‘nu lettino,
e se risciata l’aria d’ ‘a campagna.

All’alba ‘o gallo canta, io arapo ll’uocchie


e appiso ‘e trave veco ‘o bene ‘e Dio.
Mme mengo, jesco fore, sto sul’io
e me diverto a sèntere ‘e rranocchie.

M’accosto ‘o puzzo, addò ce sta ‘o mulino:


na grossa rota e tutte sicchie attuorno.
E ‘o ciucciariello avota, albanno juorno,
e ‘o sicchio ‘e reto saglie sempe chino.

Scarreca ll’acqua e torna a capa sotto,


se jenche e saglie areto cu ll’at’acqua.
E ‘o ciucciariello avota e nun se stracqua
fino a c’ ‘o sole forte nun l’ha cuotto.

Rallenta ‘o passo, va cchiù lenta ‘a rota,


cu ‘a capa, ‘e rrecchie appese e ‘a lengua ‘a fora.
Se scioscia ‘e mosche ‘a cuollo aizanno ‘a cora,
pe’ dinto ‘a gareggiata chiena ‘e lota.

Chesto voglio vedè, chesto e nient’ato.


Aggio bisogno e fa’ ‘na vita santa.
N’aucelluzzo ‘nterra ca me canta:
senza me ‘ntulettà, sempe sciambrato.

Voglio fà ‘a corte? ‘a faccio a’ gallenella,


spugliato comme sto, comme me trovo.
‘A vaco appriesso, veco addò fa l’uovo,
m’ ‘o zuco o ‘o faccio fritto ‘int’ ‘a tiella.

Me voglio fà nu bagno? ‘Int’ ‘ a cesterna


acqua gelata! e vevo ‘nfaccia ‘o sicchio.
Cu ‘o vino ca se fa, spilo ‘o cavicchio
e aggio voglia ‘e campà na vita eterna.

‘O parzunale me dà ‘o Ssignuria,
‘o cane ‘e presa ca m’allecca ‘a mano.
Niente pultrone, segge né divano:
sempe pe’ terra ch’è ‘a passione mia.
_ _
‘A Casciaforte
di Alfonso Mangione

Vaco truvanno ‘na casciaforte!


E andivinate pe' ne fá che?
Non tengo titoli,
non vivo 'e rendita,
non ci ho un vestito pe' cuollo a me!
Ma 'a cascia mi necessita,
pe' forza ll'aggi''a tené!
Ce aggi''a mettere tutt' 'e llettere
che mi ha scritto Rosina mia.
Nu ritratto (formato visita)
d' 'a bonanema 'e zi' Sufia,
nu cierro 'e capille,
nu cuorno 'e curallo...
ed il becco del pappagallo
che noi perdemmo nel ventitré...
Pe-re-pe-re-pe-re-ppe-ré....

Sono ricordi che in cassaforte,


sulo llá dinto t' 'e ppuó' astipá.
Quando mi privano
del companatico,
io 'ngótto e zitto senza sferrá.
Lo so! La vita è tragica,
ma 'a cascia...mme ll'hann' 'a dá!
Ce aggi' 'a mettere tutt' 'e llettere
che mi ha scritto Rosina mia.
Il mozzone di una steárica
conficcato nella bugia,
‘na bambola 'e Miccio,
‘na lente in astuccio...
e una coda di cavalluccio
che mi ricorda la meglio etá!
Pa-ra-pa-ra-pa-ra-ppa-rá....

Vaco truvanno ‘na casciaforte!


Ma a qua' casciere ce 'o vvaco a dí?
Certe reliquie,
certi cimeli,
si 'e ttiene 'a fore, pònno sparí!
San Casimiro martire,
'sta cascia, famm' 'a vení!
Ce aggi' 'a mettere tutt' 'e llettere
che mm'ha scritto Rosina mia,
‘na cartella (di lire dodici)
rilasciata dall'agenzia.
‘Na máneca 'e sicchio,
‘na crástula 'e specchio,
‘na corteccia di cacio vecchio
e un fracchesciasso color cakí!
Pi-ri-pi-ri-pi-ri-ppi-rí....
Nfunno
di Eduardo

Vulesse cammenà pe’ sottoterra


striscianno cumm’ ‘a vverme
int’ ‘o turreno
zucanno ‘o grasso ca scenness’ ‘a coppa
e me facesse chiatto
tunno e forte.


scennesse cchiú sotto
e me mpizzasse sotto
sempe cchiú sotto
sotto
nfunno
fino a quanno truvasse
l’ummetore
ca me dicesse:
sotto ce sta ll’acqua.

E quanno ce arrivasse
dint’ a ll’acqua
me ce menasse ‘a rinto cumm’a pesce,
cumm’a pesce cecato
e me magnasse
‘e pisce piccerille ca truvasse
senza manco ‘e verè.

Po’ che facesse?


Roppo
me menasse sempe cchiú sotto
anzin’ ca sentesse
‘a puzz’ ‘e zurfo
e finalmente ‘o ffuoco!

Me ce menasse ‘arinto
e me sperdesse
vulanno
e zumpettianno
ncopp’ ‘e ffiamme
e ce campasse,
gnorsí,
cumm’a diavule!

_ _