Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 142 (48.466) Città del Vaticano mercoledì 24 giugno 2020
.

Superato nel mondo il tetto dei nove milioni di contagi Annunciato il cessate il fuoco tra governo e separatisti del sud

Per uscire dalla crisi l’Onu chiede Spiragli di dialogo


nello Yemen
condizioni di lavoro dignitose SANA’A, 23. La coalizione militare so, accusando il governo del presi-
internazionale a guida saudita in dente Hadi di non aver adempiuto
NEW YORK, 23. «È giunto il mo- l’occasione per un miglioramento mondo prima del covid-19 era mancanza di opportunità per i gio- Yemen ha annunciato oggi un ces- ai suoi doveri. Alla fine del 2019,
mento di coordinare l’azione globa- delle condizioni lavorative. tutt’altro che normale» e ha ricorda- vani, da salari stagnanti, e non per sate il fuoco tra il governo yemeni- era stato raggiunto un accordo per
le, regionale e nazionale per creare Analizzando la situazione Guter- to come la quotidianità fosse spesso ultimo da un cambiamento climatico ta e le formazioni dei ribelli sepa- una ripartizione dei poteri nel sud
condizioni di lavoro dignitose per res ha affermato che «mentre i Paesi caratterizzata da un’esacerbazione dilagante. ratisti del sud del Paese che aveva- del Paese. Tuttavia, l’intesa finora è
tutti». È quanto ha dichiarato il se- si affannano a trovare piani di rilan- delle disuguaglianze, da una discri- Guterres ha aggiunto che la crisi no dichiarato l’autogoverno dopo rimasta soltanto sulla carta.
gretario generale delle Nazioni Uni- cio non dobbiamo dimenticare che il minazione sistemica di genere, dalla che il mondo del lavoro sta vivendo una serie di conquiste militari. Il Come detto, lo scontro tra go-
te, António Guterres, rivolgendo un allo stato attuale, non fa altro che portavoce della coalizione, Turki verno e separatisti rientra in un
appello ai Paesi che stanno pianifi- riaccendere un focolaio già ardente Al-Maliki, ha dichiarato che il go-
cando l’uscita dalla crisi generata dal di malcontento e ansia. L’aumento conflitto più vasto che deve oppor-
verno yemenita, sostenuto dal- si la coalizione a guida saudita e i
coronavirus. Per il numero uno sfrenato della disoccupazione, so- l’Onu e da Riad, e le formazioni
dell’Onu il mondo del lavoro non prattutto per le fasce più vulnerabili ribelli huthi. Proprio oggi la coali-
separatiste «terranno nuovi collo- zione ha detto di aver intercettato
può e non deve rimanere lo stesso della popolazione mondiale, e la qui in Arabia Saudita per discutere
dopo l’esperienza vissuta nel corso perdita di reddito sopraggiunta con tre missili lanciati dal territorio ye-
della tregua».
della pandemia. In questi mesi l’eco- la pandemia «erodono ulteriormente menita contro l’Arabia Saudita. Po-
L’annuncio è arrivato dopo che,
nomia e il mondo del lavoro hanno la coesione sociale e destabilizzano i co dopo i ribelli huthi hanno ri-
nel fine settimana scorso, i separa-
subito stravolgimenti epocali. La so- Paesi e le regioni, socialmente, poli- tisti hanno preso il controllo vendicato il lancio.
luzione deve essere per forza di cose ticamente ed economicamente». D al dell’isola di Socotra, situata vicino
Palazzo di Vetro ha indicato tre alle rotte marittime strategiche e fa-
fronti su cui è necessario agire per mosa per la sua biodiversità, dopo
sostenere i lavoratori, le imprese e il aver espulso le forze governative.
Dio ci ha creato
reddito a rischio per evitare chiusure
e perdite di posti di lavoro. Dopo la
«La coalizione accoglie con favore ALL’INTERNO
la risposta del governo legittimo
per la comunione, revoca delle misure di contenimento
dello Yemen e del Consiglio di
dovranno essere garantiti posti di la- A cinquant’anni dalla nascita
per la fraternità, ed ora più transizione meridionale (le forma-
voro sicuri dal punto di vista sanita- della Pontificia Facoltà Auxilium
zioni separatiste, ndr) alla richiesta
che mai si è dimostrata rio. Pensare, infine, ad una ripresa
verde, sostenibile, inclusiva e incen- di un cessate il fuoco globale e di
illusoria la pretesa di puntare trata sull’uomo. Tale ripresa dovrà una riunione da convocare nel re- La passione
sfruttare il potenziale delle nuove gno» ha detto il portavoce Maliki dell’educare
tutto su sé stessi, in una dichiarazione diffusa sui
tecnologie per creare posti di lavoro
di porre l’individualismo dignitosi per tutti. media statali.
GRAZIA LOPARCO A PAGINA 4
Intanto a livello globale la pande- È ancora presto per dire se il
alla base della società. cessate il fuoco sarà un passo in
mia di coronavirus «continua ad ac-
Ma stiamo attenti! celerare». Nelle ultime 24 ore il nu- avanti concreto per mettere fine a
un conflitto che dura ormai da Equivoci, storie e rappresentazioni
Appena passata l’emergenza, mero totale di contagi nel mondo ha
superato la soglia dei nove milioni. quasi cinque anni e che ha provo-
è facile ricadere Se per arrivare al primo milione di cato conseguenze disastrose sul Maddalena la grande
in questa illusione. casi sono stati necessari più di tre piano umanitario. Va detto che i
Un lavoratore compila una richiesta di impiego mesi, negli ultimi due mesi e mezzo separatisti del sud e il governo ye- SERGIO MASSIRONI A PAGINA 5
(@Pontifex_it) in una fabbrica di Ciudad Juarez, in Messico (Reuters) sono stati registrati i rimanenti otto menita del presidente Hadi sono
milioni, una media di un milione di teoricamente alleati nella lotta con-
nuove infezioni ogni otto giorni. Lo tro i ribelli huthi. Lo scontro tra A venticinque anni
ha evidenziato ieri il direttore gene- essi rappresenta una «guerra all’in- dalla «Orientale lumen»
rale dell’Organizzazione mondiale terno di una guerra» estremamente
della sanità (Oms), l’etiope Tedros dannosa nel paese più povero della In realtà vicinissimi
Manifestanti cercano di abbattere la statua del presidente Jackson Adhanom Ghebreyesus, sottolinean- penisola arabica. Il sud era un pae-
do che la pandemia di covid-19 «è se indipendente prima dell’unifica- ALDINO CAZZAGO A PAGINA 6

Scontri davanti alla Casa Bianca molto più di una crisi sanitaria, è
una crisi economica, sociale e, in
molti paesi, politica. I suoi effetti si
zione nel 1990; il sentimento sepa-
ratista rimane forte. Il Consiglio di
transizione meridionale ha dichia-
faranno sentire per decenni». rato l’autogoverno il 26 aprile scor-
WASHINGTON, 23. Attimi di confusione e paura, ieri,
davanti alla Casa Bianca. Oltre cento manifestanti han-
no cercato di abbattere la statua del presidente Andrew Nessuno
Jackson. L’intervento delle forze dell’ordine è stato im-
è nato schiavo
mediato. La statua di Jackson si trova a Lafayette
Square, nei pressi dell’edificio presidenziale. Jackson è NOSTRE INFORMAZIONI
accusato di essere stato uno dei principali artefici della GIULIO ALBANESE A PAGINA 2
deportazione dei nativi americani. La statua è da giorni
uno dei bersagli della rabbia dei manifestanti che da
Il Santo Padre ha accettato la ri- Monsignor Luis Armando Tineo
quasi un mese invadono le strade americane per prote- nuncia al governo pastorale del- Rivera.
stare per la morte di George Floyd, l’afroamericano uc- l’Arcidiocesi Metropolitana di
ciso da un agente bianco a Minneapolis. Sono già fini- Cagayan de Oro (Filippine), pre-
te nel mirino molte altre statue sparse negli Stati Uniti. sentata da Sua Eccellenza Monsi- Provvista di Chiesa
L’ultima in ordine temporale è quella di Teddy Roose- gnor Antonio J. Ledesma, SI. Il Santo Padre ha nominato Ar-
velt. Intanto, ha suscitato scalpore e indignazione la
civescovo Metropolita di Cagayan
notizia che uno degli agenti coinvolti nella morte di
Il Santo Padre ha accettato la de Oro (Filippine) Sua Eccellen-
Floyd è libero su cauzione. Alexander Keung, 26 anni,
rinuncia al governo pastorale del- za Monsignor Jose A. Cabantan, OSPEDALE DA CAMPO
è stato rilasciato dalla prigione della contea di Henne-
pin venerdì scorso in seguito al pagamento di una cau- la Diocesi di Carora (Venezuela), trasferendolo dalla Sede vescovile
zione 750.000 dollari. presentata da Sua Eccellenza di Malaybalay. PAGINA 8

Certe critiche all’attuale pontificato contestano il Vaticano II


la buona notizia

Il Vangelo della Domenica del Tempo ordinario (Matteo 10, 37-42)


XIII
Lo sviluppo della dottrina
Senza difese né maschere è la fedeltà nella novità
di FRANCESCO PESCE In questo orizzonte non è bene fare una distinzione netta tra co- Alcune critiche di carattere dottri- più netta presa di distanza dal con-
lui che accoglie e chi è accolto. Ogni persona che incontriamo può nale all’attuale pontificato stanno cilio Vaticano II. Non da una certa
on è degno di me!” È una parola grave ma è una parola essere una opportunità di un dono reciproco, per accogliere Gesù e interpretazione di alcuni testi, ma

“N
mostrando una graduale ma sempre
vera. I nostri affetti più intimi e importanti se non si in Lui, il Padre stesso. dai testi conciliari stessi. Alcune let-
aprono ad una grande universalità, fino al mondo inte- Ogni incontro, ogni persona, porta con sé un dono particolare: ture che insistono nel contrapporre
ro, se non sono vissuti in Dio, si sclerotizzano, perdono fecondità, accogliere, riconoscere, dare spazio al profeta come profeta e al giu- Papa Francesco ai suoi immediati
e addirittura la casa può trasformarsi in una prigione. sto come giusto, significa non soltanto crescere nel nostro cammino predecessori finiscono così per criti-
Anche per questo Gesù invita a prendere la sua croce, che non di vita, mettendosi alla loro scuola, ma partecipare agli stessi doni. care apertamente anche san Gio-
significa amare il dolore, ma fare una scelta per una vita più gran- La ricompensa del profeta o quella del giusto è far parte dello stes- vanni Paolo II e Benedetto XVI o
de. Vivere i nostri giorni senza difese né maschere, con i nostri so dono, vorrei dire gustare l’abbondanza dei doni di Dio nelle re- comunque fanno passare sotto si-
amori e i nostri dolori, tutto condividendo, nella coscienza che nes-
lazioni tra di noi e con tutta la Creazione. lenzio alcuni aspetti fondamentali
suno è degno, ma tutti siamo stati resi degni dalla croce di Cristo.
Con stupore vediamo nel vangelo anche quelli che sembrano del loro ministero che rappresenta-
Aprire la nostra famiglia, la nostra casa, i nostri confini, la nostra
non avere nessun dono da scambiare: sono i “piccoli”, cioè i bam- no evidenti sviluppi dell’ultimo
Chiesa ad una fraternità universale per la quale Gesù ha donato la
bini, i poveri, gli ultimi, le persone che potrebbero darci solo il lo- concilio.
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!z!.!$![!

vita. Come possiamo realizzare questa fraternità?


C’è una luce al numero 19 della enciclica Laudato si’, dove il Pa- ro dolore e la loro miseria, uomini e donne che secondo la “legge” Un esempio di quanto appena
pa ci invita a compiere un passo che io definirei decisivo, necessa- non hanno né diritti né dignità. Sappiamo che il vangelo è pieno detto è stato, di recente, il 25o anni-
rio, per comprendere veramente la realtà. Quale è questo passo?: di questi piccoli. Oggi dobbiamo aprire gli occhi per tornare a ve- versario dell’enciclica Ut unum sint
«L’obiettivo è […] di prendere dolorosa coscienza, osare trasforma- dere che questi piccoli sono in mezzo a noi, bussano agli avanzi dei nella quale Papa Wojtyła afferma
re in sofferenza personale quello che accade al mondo». nostri festini, e sono uno straordinario dono del Signore. Penso in che l’impegno ecumenico e il dialo-
Prendere dolorosa coscienza, osare trasformare in sofferenza perso- particolare al fenomeno migratorio che non è affatto un esodo bi- go con i non cattolici sono una
nale è una espressione commovente e straordinaria; è una vocazione, blico; è invece una epifania, una manifestazione del Signore che ci priorità della Chiesa.
la nostra; è servire l’uomo concretamente, è costruire la fraternità en- sta parlando attraverso questi piccoli. Per ascoltarlo serve soltanto
trandovi dentro, è per noi cristiani partecipare al Mistero Pasquale. un bicchiere di acqua fresca. SERGIO CENTOFANTI A PAGINA 7
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 24 giugno 2020

Lo schiavismo in Africa è una vergogna per tutti

Nessuno
è nato in catene
a feroce uccisione dell’afroa- così via, fin sotto la coperta dell’im-

L mericano George Floyd, avve-


nuta alcune settimane fa negli
Stati Uniti, oltre a scatenare prote-
barcazione. Si hanno notizie di bat-
telli partiti da Kilwa con 200-400
schiavi ed arrivati 10 giorni dopo a
ste, anche violente in alcune città Zanzibar con solo una decina di vi-
americane, ha sollevato un acceso di- vi». Il suo diario è una delle prove
più sconvolgenti della brutalità della
tratta degli schiavi nell’Africa orien-
tale tre secoli fa. Non mancarono,
naturalmente, anche voci di denun-
cia come quella dell’esploratore e
missionario scozzese David Livin-
di GIULIO ALBANESE gstone (1813-1873). «Se si vuole esse-
Marshall Billingslea inviato speciale statunitense a Vienna (Afp)
re sinceri — scrisse — devo ammette-
re che non mi sarebbe possibile am-
battito sulla questione del razzismo e pliare anche minimamente le dimen-
sioni di questo male: quando si parla
A Vienna i colloqui tra Stati Uniti e Russia
sulle sue radici. In una lettera a no-
me di 54 paesi dell’Africa, l’amba- di questo infame commercio, risulta
sciatore del Burkina Faso presso il
Consiglio dei diritti umani delle Na-
semplicemente impossibile esagerare!
Lo spettacolo che ho avuto sotto gli
occhi è stato orribile!». Il santo Da-
Negoziati
zioni Unite (Unhrc) a Ginevra ha
presentato ufficialmente, la scorsa
settimana, una richiesta, accolta poi
niele Comboni, padre della Chiesa
cattolica sudanese (1831-1881) gli fece
eco, denunciando che «l’abolizione
sul New Start
dalla presidenza, per discutere urgen-
temente del razzismo e della violenza dello schiavismo, deciso dalle poten-
ze europee a Parigi nel 1856, è lette- VIENNA, 23. Proseguono anche og- non si presenta», ha scritto l’invia-
della polizia nel contesto della mobi-
ra morta per l’Africa Centrale». An- gi a Vienna i colloqui tra Stati to speciale statunitense a Vienna,
litazione mondiale seguita alla morte
cora oggi, al centro della capitale Uniti e Russia sul disarmo nuclea- Marshall Billingslea. «Andremo
di Floyd.
sierraleonese, Freetown, svetta il re. I negoziati si tengono a otto avanti lo stesso con la Russia», ha
Sta di fatto che per comprendere
“Cotton tree”, un albero maestoso e mesi dalla scadenza del trattato aggiunto. «E' arte performativa
la fenomenologia del razzismo, con
secolare attorno al quale veniva ra- New Start (5 febbraio 2021), l’uni- americana?», ha risposto la missio-
particolare riferimento ai patimenti
dunata quella negritudine dolente, co accordo tra i due Paesi ancora ne cinese nella capitale austriaca.
subiti dalle popolazioni afro, può es-
proveniente dall’entroterra, per esse- in vigore per la riduzione degli ar- Al di là delle schermaglie dialet-
sere utile qualche rapido cenno alla netrazione; la colonizzazione vera e giovani con rhum, acquavite, polvere re vilmente venduta ai negrieri euro- senali nucleari strategici. Il trattato tiche, il dialogo in questione è sta-
sua principale fonte: lo schiavismo. propria si avrà solo nell’O ttocento, da sparo e fucili. Ma queste élite pa- pei o d’oltre oceano. Per questo pae- New Start limita a 800 i vettori per to richiesto da Washington, che ha
Si tratta dell’assoggettamento di ma- grazie anche alle spedizioni di innu- garono esse stesse un prezzo altissi- se il “Cotton Tree” è diventato il il lancio di missili strategici e a rifiutato la proposta del Cremlino
nodopera a costo zero, noto nella merevoli esploratori e missionari eu- mo poiché furono schiacciate a una simbolo della libertà riconquistata 1.550 le testate nucleari dislocabili. di rinnovare automaticamente il
storia millenaria del continente afri- ropei. A ciò si aggiunga che i sovra- a una dalle potenze coloniali: l’ulti- da un popolo costretto per secoli a Gli Stati Uniti hanno dichiarato trattato New Start, firmato a Mo-
cano, incentrato sull’opposizione ni africani dai quali i negrieri acqui- mo sovrano degli Ashanti si arrese subire indicibili umiliazioni. Fu pro- che i loro accordi bilaterali con la sca nel 2010 dagli allora presidenti
ideologica civiltà/barbarie, superio- starono la merce umana, a partire nel 1896 a un corpo di spedizione prio in coincidenza con l’abolizione Russia sul controllo degli arma- statunitense, Barack Obama, e rus-
re/inferiore e identità/alterità. Esso dalla fine del Quattrocento, gover- venuto dal mare per fare del suo re- dell’ignobile tratta che la Corona di menti sono obsoleti e hanno auspi- so, Dmitrij Medvedev.
evoca solitamente nell’immaginario navano imperi più vasti di qualsiasi gno una colonia della Corona bri- Sua Maestà Britannica decise d’in- cato che la Cina venga inclusa in Il testo fondamentale limita a
nostrano bastimenti carichi di uomi- moderna nazione europea. La merce tannica. viare in questa terra le popolazioni qualsiasi futura intesa sulle armi 1.550 per parte il numero di testate
ni ridotti a merce, a bordo di navi principale di scambio era il prezioso Per quanto concerne l’altro ver- nucleari, anche se il Governo Pe- di Washington e Mosca possono
afro che avevano finalmente ottenu-
negriere che solcavano l’O ceano “legno d’ebano”: così venivano chia- sante dell’Africa, quella orientale, è chino ha ripetutamente sostenuto detenere oltre a stabilire il limite di
to la libertà. Con grande entusia-
Atlantico, deportando schiavi in ca- mati in codice gli schiavi, unitamen- ancora oggi scioccante leggere la te- smo, nel 1787, il filantropo inglese di non essere interessato ad aderire. missili balistici intercontinentali, di
tene. In effetti, il trasferimento for- te alle armi da fuoco che giocarono stimonianza del Capitano Moresby, Granville Sharp ribattezzò la regione Un esperto di sicurezza russo ha sottomarini nucleari lanciamissili e
zato di milioni d’africani dalle coste un ruolo di primo piano, come oggi ufficiale della Marina di Sua Maestà “The Province of Freedom”. Lenta- dichiarato ai media statali prima di bombardieri pesanti contempo-
del Golfo di Guinea, fino alle colo- d’altronde, per la conquista e il con- Britannica per comprendere le vicis- mente, poi, a partire dal 1896 venne- della riunione che è improbabile raneamente operativi in loro pos-
nie europee nelle Americhe — di cui trollo del potere. Alla fine del Sei- situdini a cui vennero sottoposti mi- ro annessi amministrativamente an- che gli Stati Uniti prolunghino sesso. A rifiutare il rinnovo auto-
peraltro Floyd era discendente — fu cento, ad esempio, si impose il po- lioni d’innocenti. «I neri sono am- che i territori dell’interno, che for- l’accordo New Start se la Cina non matico è stato il presidente Donald
preceduto, accompagnato e per certi tente stato degli Ashanti sotto la mucchiati nella stiva del battello co- meranno lo Stato moderno della sarà al tavolo delle trattative. Trump, deciso ad allargare il tratta-
versi, addirittura superato nel tempo guida carismatica di Osei Tutu: que- me merce sciolta» scriveva l’ufficiale, Sierra Leone. Una cosa è certa: co- All’inizio dei colloqui, gli Stati to con Mosca anche alla Cina, per
da una seconda tratta, meno cono- sto regno estese il suo controllo lun- precisando che «la prima fila di per- me ebbe a scrivere il grande e indi- Uniti hanno pubblicato la fotogra- renderlo trilaterale. Una opzione
sciuta, ma certamente altrettanto fe- go tutte le coste degli odierni stati sone, una accanto all’altra, viene si- menticabile Nelson Mandela, «nes- fia di una sedia vuota al tavolo dei già respinta da Pechino in diverse
roce. Stiamo parlando della rotta at- del Ghana e della Costa d’Avorio. stemata sul fondo dello scafo. Sopra, suno è nato schiavo, né signore, né negoziati con la bandiera cinese, occasioni, come ribadito anche di
traverso il deserto del Sahara e le re- Quello degli Ashanti fu certamente è posta una piattaforma, sulla quale per vivere in miseria, ma tutti siamo anche se Pechino aveva già rifiuta- recente dal portavoce del ministero
gioni dell’Africa Orientale, verso il il più potente degli stati che si svi- viene sistemata una seconda fila, e nati per essere fratelli». to l’invito a partecipare. «La Cina degli Esteri cinese.
Maghreb, l’Egitto, il Medio Oriente lupparono tra la fine del Quattro-
e l’Oceano Indiano. Testimonianze cento e l’Ottocento sulla dorsale
storiche indicano che già nel secon- atlantica, dalla foce del Senegal sino
do millennio avanti Cristo, gli egizi ai confini occidentali del Camerun.
ricevevano dalla Nubia (regione set- Questi governi autoctoni africani si
tentrionale del moderno Sudan)
gruppi di prigionieri afro che veniva-
consolidarono fortemente con l’in-
tensificarsi degli scambi commerciali
Nella Repubblica Democratica del Congo
L’Europa cerca
no ridotti in schiavitù. Per non par-
lare della dominazione romana in
con l’Europa; naturalmente gli schia-
vi erano la merce più pregiata. Ad Strage di civili il compromesso
Africa che determinò un rilevante
commercio di schiavi, utilizzati come
esercitare il potere erano classi ege-
moni, a volte dinastie, che aveva ai
sul Recovery fund
manodopera, soprattutto nelle cam- loro ordini un apparato militare e KINSHASA, 23. Le violenze nella gna contro l’Adf, ritenuto respon- zioni Unite per i diritti umani
pagne, negli immensi latifondi dei uno burocratico capace di riscuotere Repubblica Democratica del Con- sabile di decine di attacchi nella re- BRUXELLES, 23. Nonostante le po-
(Ohcrh), circa 1.300 civili sono ri-
ricchi proprietari terrieri che li sfrut- e amministrare le imposte dei suddi- go continuano a diffondersi con di- gione, connotata anche da scontri sizioni siano ancora distanti, l’Eu-
tavano al posto di contadini liberi e masti uccisi, negli ultimi 8 mesi,
ti. È vero che l’organizzazione politi- sastrose ripercussioni per la popo- intercomunitari. Fondate in Ugan- ropa è alla ricerca di un compro-
salariati. Nei secoli successivi, all’ini- ca dei regni africani non si estese in nei conflitti in corso in tutto il Pae-
lazione civile. Almeno 19 civili so- da per rovesciare le autorità di se, mentre più di mezzo milione di messo sul Recovery fund, il piano
zio dell’epopea coloniale, il fenome- modo uniforme su tutto il continen- no stati uccisi nell’est del Paese in Kampala, le Adf si sono in seguito
persone risultano sfollate a causa per aiutare i Paesi più colpiti
no gradualmente riprese con una sua te, vista anche la moltitudine di “sta- seguito a una serie di attacchi, av- stabilite nell’est della Repubblica
della violenza. Michele Bachelet, a dall’emergenza economica causata
precisa connotazione. Infatti, a diffe- ti senza stato”, cioè piccoli gruppi venuti nel fine settimana, attribuiti Democratica del Congo a metà de- dal covid-19. Dopo il primo vertice
renza di quanto avvenne nelle Ame- tribali di agricoltori senza norme sta- al gruppo armato delle Forze de- gli anni Novanta, da dove condu- capo dell’Ohcrh, recentemente ha
interlocutorio della scorsa settima-
riche, la potenza degli stati autocto- tuarie. Ma è anche vero che si con- mocratiche alleate (Adf). Lo rendo- cono frequenti attacchi in territorio avvertito che alcuni attacchi indi-
na — dove Austria, Paesi Bassi, Da-
ni africani fu tale da scoraggiare sino solidò gradualmente un rapporto tra no noto fonti della sicurezza, citate congolese. scriminati e massacri «possono nimarca, Svezia hanno confermato
all’epoca della rivoluzione industria- Africa ed Europa dovuto ai crescenti dai media locali. Tra le vittime ci Secondo l’ultimo rapporto equivalere a crimini contro l’umani- l’opposizione al progetto di piano
le, all’incirca il XIX secolo, qualsiasi scambi commerciali. Non v’è dubbio sono anche due bambini. dell’Alto commissariato delle Na- tà e crimini di guerra». Ue da 750 miliardi di euro — si
conquista su scala continentale. che lo schiavismo fu una vergogna I corpi di nove persone, rapite stanno intensificando nelle ultime
Contrariamente a quanto comune- per tutti: per i mercanti europei, i venerdì scorso da Adf, sono stati ri- ore i negoziati per dipanare la ma-
mente si pensa, gli insediamenti por- negrieri, che comprarono senza scru- trovati nella provincia del Nord tassa.
toghesi lungo le coste africane non poli la merce umana e per i capi Kivu, che confina con il Ruanda.
furono che un primo tentativo di pe- africani che barattarono milioni di Secondo il ministro degli Esteri
Separatamente, nella vicina provin- tedesco, Heiko Maas, Paesi Bassi e
cia dell’Ituri, la milizia ribelle ha Austria avrebbero ammorbidito la
attaccato sabato il villaggio di Bu- loro posizione. «La domanda è
kaka, uccidendo dieci civili. Le vit-
non sè, ma come», ha precisato.
time — ha specificato un leader del
«Il nostro compito più urgente è
villaggio — sono cinque uomini, tre
Tre morti nell’attentato donne e due bambini. «Alcuni so-
avere una ripartenza economica vi-
gorosa in Europa — ha aggiunto
no stati uccisi con machete e altri
davanti alla base turca a Mogadiscio con armi da fuoco», ha aggiunto.
In un altro blitz avvenuto sabato
Maas — e questa sarà la massima
priorità» del semestre di presidenza
scorso a Fizi, nella provincia del tedesco, che inizia il primo luglio.
Sud Kivu, uomini appartenenti a I riflettori sono ora puntati sul
MO GADISCIO, 23. Almeno due civili do di entrare nella base, spacciando-
sono rimasti uccisi in un attacco una «coalizione di gruppi armati» presidente del Consiglio europeo.
si per una recluta dell’accademia mi-
sferrato, stamattina, nella capitale hanno attaccato un’unità dell’eser- Al belga Charles Michel spetta in-
litare turco-somala. Il portavoce ha
della Somalia da un attentatore sui- cito uccidendo due soldati, secon- fatti il difficile compito di mettere
confermato che non ci sono morti né a punto, e inviare alle cancellerie
cida davanti alla più grande base feriti fra i soldati somali e fra i citta- do quanto affermato da un porta-
militare turca all’estero. Lo rende voce militare locale. dei 27, una nuova proposta che,
dini turchi. pur conservando i punti cardine di
noto l’agenzia ufficiale turca Anado- Il gruppo armato Adf è accusato
Intanto, un passo avanti è stato quella presentata a maggio dalla
lu. L’attacco, che ha causato in tutto di aver ucciso oltre 400 civili negli
dato in Somalia per una adeguata ultimi sei mesi, come rappresaglia Commissione, possa rappresentare
tre morti compreso l’attentatore, non
è stato sinora rivendicato. L’esplo- rappresentatività delle donne nella all’offensiva militare lanciata una valida base di partenza per
sione è avvenuta — riferisce un por- politica del Paese. La Camera bassa dall’esercito di Kinshasa lo scorso raggiungere un compromesso.
tavoce del governo somalo — quan- del Parlamento ha approvato, ieri, 30 ottobre, contro le sue basi ubi- Intanto, oggi, il presidente fran-
do gli agenti incaricati della sicurez- una legge che garantisce alle donne cate nelle foreste intorno alla regio- cese, Emmanuel Macron, sarà
za della base hanno aperto il fuoco il 30 per cento dei seggi in entrambi ne di Beni. L’esercito, infatti, ha all’Aja per un colloquio con il pri-
contro l’attentatore che stava cercan- i rami parlamentari. Lo riporta Bbc. avviato l’anno scorso una campa- mo ministro olandese, Mark Rutte.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
mercoledì 24 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Alla manifestazione organizzata dall’Autorità palestinese anche alcuni diplomatici

In migliaia a Gerico
contro le annessioni israeliane
GERICO (Palestina), 23. Migliaia di dell’Organizzazione per la liberazio- nostri figli a vivere in un conflitto
palestinesi si sono radunati oggi a ne della Palestina (Olp) Saeb Ere- permanente». Livni è una decisa so-
Gerico su iniziativa del Presidente kat. Assieme con loro c’erano anche stenitrice di una soluzione con due
palestinese Mahmoud Abbas per alcuni diplomatici fra cui l’inviato stati, l’unica a suo parere «in grado
partecipare alla prima di una serie di dell’Onu per il Medio Oriente Nic- di mantenere i valori fondamentali
manifestazioni di protesta contro i kolay Mladenov, il capo della mis- d’Israele». Se ci sarà un’annessione
progetti di Israele di estendere unila- sione Ue per i Territori palestinesi sulla base della mappa del piano
teralmente la propria sovranità a par- Sven Kuhn von Burgsdorff, nonché Trump «i palestinesi si ritroveranno
te dei Territori palestinesi. Il piano alcuni ambasciatori e consoli. in enclavi separate». Una situazio-
delle annessioni — stando a quanto L’agenzia di stampa Wafa precisa ne, scrive Tzipi Livni, «che finirà
affermato dal premier israeliano Ben- che Mladenov ha sostenuto che per portare ad un unico stato di cui
jamin Netanyahu — dovrebbe essere «ogni annessione da parte di Israele
approvato i primi di luglio. entreranno a far parte milioni di
contrasterebbe col diritto internazio- palestinesi, cambiando l’identità
Fra i leader giunti sul posto, rife- nale» mentre von Burgsdorff ha ri-
riscono i media locali, vi sono il pri- d’Israele». Gli ultimi gravi scontri a
badito «l’impegno europeo per uno causa del piano di annessioni sono
mo ministro palestinese Mohammed Stato palestinese indipendente in
Shtayeeh, il vice-presidente del Co- avvenuti due giorni fa nei pressi di
buon vicinato con Israele».
mitato centrale di Fath Mahmud al- Secondo i media locali, l’esercito
Qalqiliya (Kfar Qaddum), quando Un’iniziativa di solidarietà a favore delle popolazioni amazzoniche
Alul, ed il segretario generale un reparto dell’esercito israeliano ha
israeliano ha bloccato alcuni torpe-
doni con dimostranti che erano di-
retti verso Gerico. Non si hanno pe-
rò notizie di scontri.
disperso con la forza una manifesta-
zione. Due persone sono state ferite
da proiettili di arma da fuoco. Altre
Il virus non cede in America Latina
Intanto, sulla questione delle an- otto sono state contuse da proiettili
Conferenza nessioni è intervenuta ieri anche rivestiti di gomma e decine di abi-
tanti sono rimasti intossicati da gas
BRASÍLIA, 23. Continua a puntare dalla settimana scorsa, la situazione corridoio umanitario che porterà
Tzipi Livni, ex ministro degli esteri
dei Paesi donatori israeliano e rappresentante dell’op- lacrimogeni. E sempre due giorni fa
verso l’alto la curva della pandemia
in America Latina, anche se da due
delle comunità indigene in America
Latina. La morte del leader indige-
nella regione 50 tonnellate di presìdi
medici. Un’iniziativa frutto della
Hamas — il movimento islamico che
per la Siria posizione. «L’annessione unilaterale
di parti dei Territori palestinesi sa- detiene il controllo della striscia di
giorni le percentuali di crescita di
contagi e di decessi sono legger-
no Paulinho Paiakan, uno dei più
accaniti difensori della foresta plu-
collaborazione tra la Fondazione
Pontificia “Gravissimum Educatio-
rebbe un errore storico» ha scritto Gaza dal 2006 — ha avvertito Israe- mente inferiori alle medie. I nuovi viale amazzonica, ha dato un volto nis”, in seno alla Congregazione per
Livni in un articolo sul «Washin- le che se realizzerà le previste annes- casi registrati nelle ultime 24 ore si a questo drammatico scenario. Spes- l’Educazione Cattolica, in collabora-
DAMASCO, 23. «I siriani hanno gton Post». Secondo lei un simile sioni di parti dei Territori della Pa- sono avvicinati alle 40.000 unità, so abbandonate dai governi e po- zione con il ministero dell’Educazio-
sofferto per troppo tempo. Dopo passo senza una intesa con i palesti- lestina, l’ala militare del movimento portando il dato complessivo sopra tenzialmente più fragili per mancan- ne degli Emirati Arabi Uniti. Dal
nove anni di conflitto, c’è il ri- nesi significherebbe «oltrepassare «non resterà inerte ma reagirà con i 2.09 milioni. Le vittime sono state za di sufficienti difese immunitarie febbraio 2019, i due organismi ap-
schio che il mondo diventi im- un punto di non ritorno; così facen- lanci di razzi e con attacchi in pro- 1.820 e il totale delle morti è arriva- le comunità indigene stanno suben- plicano in ambito educativo il «Do-
mune ai resoconti di sofferenze do — ha detto — condanneremmo i fondità in territorio israeliano». to a 97.544. All’attenzione generale, do una vera e propria decimazione a cumento sulla fratellanza umana per
inaccettabili e inutili, ma non causa della pandemia del nuovo co- la pace mondiale e la convivenza».
possiamo permettere che ciò ac- ronavirus. La Pan American Health Giovedì 25 giugno da Abu Dhabi
cada, non possiamo ignorare la Organization ha stimato che almeno un aereo trasporterà gli aiuti a Li-
loro condizione. È nostro dovere 20.000 indigeni siano risultati posi- ma, in Perú; poi, via terra, il carico
morale continuare a sostenere il tivi al covid-19 in America Latina. proseguirà per Iquitos, città sul Rio
popolo siriano». Queste le parole La scorsa settimana uccisi 291 agenti
In Brasile, secondo l’Associazione delle Amazzoni, nel folto della fore-
usate oggi dall’Alto rappresen- nazionale delle popolazioni indige- sta amazzonica, destinazione finale
tante Ue per la politica estera e
di sicurezza comune Josep Bor-
rell annunciando che fino al 30
Senza sosta gli attacchi ne, sono più di 300, al momento, le
vittime appartenenti a più di 100 co-
del materiale. Mascherine, guanti,
ossigeno medicale — utili a contene-
munità e circa 5.500 gli indigeni re il diffondersi nella pandemia — e
giugno l’Unione europea ospita
la quarta conferenza internazio- dei talebani in Afghanistan contagiati su una popolazione di
750.000 unità.
generi alimentari saranno smistati
dalla Chiesa locale: una parte sarà
nale dei Paesi donatori per la Si- Nel frattempo, proprio in aiuto destinata alle strutture sanitarie ed
ria. L’obiettivo è quello di assicu- delle popolazioni amazzoniche è educative; la restante distribuita fra
rare gli aiuti necessari per fron- KABUL, 23. La scorsa settimana, giunta la notizia dell’apertura di un le famiglie della zona.
teggiare la crisi aggravada dalla per le forze di sicurezza nazionali
pandemia covid-19. in Afghanistan è stata «la più mor-
tale» in 19 anni di conflitto, con i
talebani che hanno ucciso 291
agenti. Lo ha reso noto un porta-
voce del Consiglio di sicurezza na- Dichiarazione della Santa Sede
zionale. «L’impegno dei talebani
Razzo colpisce per ridurre la violenza non ha sen-
so e le loro azioni sono incompati- Libertà religiosa
l’aeroporto bili con la loro retorica della pace»,

di Baghdad
ha dichiarato il portavoce governa-
tivo. I talebani hanno smentito
queste cifre.
e libertà di espressione
Nonostante una serie di reciproci
BAGHDAD, 23. Un razzo si è ab- scambi di accuse, Governo e tale- VIENNA, 23. «Per far avanzare la ve- essere incoraggiati a fornire una
battuto ieri sera sull’aeroporto di bani sembrano però avvicinarsi ai rità, la libertà, la giustizia e la soli- piattaforma per un’ampia gamma di
Baghdad, vicino ad un comples- negoziati di pace, mentre il presi- darietà nella società, i media — di opinioni, sia politicamente, sia basa-
so dove sono alloggiati soldati e dente afghano, Ashraf Ghani, ha qualunque forma — devono essere te sulla fede, che consentirà uno
diplomatici statunitensi. Lo ha promesso di completare la libera- protetti e ricevere la libertà ricono- scambio molto più ampio e più am-
reso noto l’esercito iracheno, pre- zione di 5.000 prigionieri talebani, sciuta dalla comunità internaziona- pio di idee e opinioni».
cisando che non ci sono vittime. in cambio di un migliaio di mem- le. Allo stesso tempo, è necessario La Dichiarazione si rivolge agli
L’aeroporto è chiuso ai voli bri delle forze di sicurezza tenuti riconoscere che la libertà di espres- Stati membri dell’Osce per chiedere
commerciali da metà marzo, nel prigionieri dagli insorti. Le autorità sione, come ogni diritto umano, un impegno concreto nel garantire
tentativo di arginare la diffusione di Kabul, che hanno già rilasciato comporta responsabilità che non visibilità alle religioni anche nel
del nuovo coronavirus. L’attenta- circa 3.000 prigionieri talebani, possono essere ignorate». Questo il quadro del dibattito politico. «Ciò
to non è stato rivendicato. Da ot- hanno in programma di rilasciarne punto nodale della Dichiarazione consentirà di ascoltare una voce al-
tobre sono quasi una trentina gli altri 2.000, come previsto dall’ac- della Missione Permanente della ternativa del mainstream politico e
attacchi che hanno preso di mira cordo tra Stati Uniti e talebani fir- Santa Sede presso l’Osce (Organiz- di impedire che queste opinioni mo-
gli interessi statunitensi in Iraq, mato alla fine di febbraio a Doha, zazione per la sicurezza e la coope- rali profondamente radicate venga-
tra cui una serie di basi militari, capitale del Qatar. Un accordo non razione in Europa) al secondo Sup- no ignorate o denigrate nel discorso
l’ambasciata Usa a Baghdad e le ratificato dall’Esecutivo di Kabul. plementary Human Dimension pubblico».
compagnie petrolifere statuniten- In più di un’occasione, i talebani Meeting dedicato alla libertà di La Dichiarazione si concentra in
si. In particolare, dall’8 giugno, hanno dichiarato di essere pronti espressione, media e informazione, particolare sull’uso di internet e dei
sei attacchi missilistici hanno pre- per l’avvio dei colloqui di pace, ma che si tiene oggi a Vienna. social media, che deve essere regola-
so di mira il compound dell’am- solo dopo il rilascio dei restanti Il ruolo dei media nella società — to in maniera precisa e accurata.
basciata statunitense. Mezzi dell’esercito afghano nei pressi di Helmand (Epa) 2.000 detenuti. sostiene la Dichiarazione — dovreb- «Particolare attenzione dovrebbe es-
be avere una base etica fondamenta- sere prestata anche all’uso di Inter-
le perché «la persona umana e la net, e in particolare ai social net-
comunità umana sono la fine e la work, che svolgono un ruolo chiave
misura dell’uso dei media nella co- nella diffusione del disprezzo o
municazione sociale; la comunica- dell’incitamento contro le comunità
Si estende tra le due Coree Unione europea e Cina zione dovrebbe essere fatta per lo
sviluppo integrale delle persone». I
religiose, compresa la promozione
di descrizioni irriverenti o la rappre-
media «non fanno nulla da soli; so- sentazione provocatoria di simboli
il confronto a colpi di propaganda verso un accordo sugli investimenti no strumenti, strumenti, usati come religiosi. I fornitori di servizi Inter-
le persone scelgono di usarli». net e i servizi di social network do-
Un punto cruciale, in questo qua- vrebbero essere incoraggiati ad
PYONGYANG, 23. Prosegue a ritmo Chiefs of Staff di Seoul ha riferito BRUXELLES, 23. L’accordo sugli in- round negoziali e citato l’ipotesi dro, è la relazione tra libertà religio- adottare standard chiari, trasparenti
serrato il “confronto” sulla propa- di operazioni «in contemporanea». vestimenti tra Cina e Ue, in discus- del trentesimo «forse prima della sa e libertà di espressione. «La li- e non discriminatori, che prevenga-
ganda tra Corea del Nord e Corea «Monitoriamo con attenzione le sione dal 2014, sarà firmato nel fine del mese» mettendo comun- bertà di religione o di credo — si no comportamenti intolleranti e in-
del Sud, che ha riacceso le tensioni mosse della Corea del Nord — ha 2020. Lo ha annunciato ieri sera que in risalto come siano stati fatti legge nella Dichiarazione — non fiammatori» afferma la Dichiarazio-
al 38° parallelo. detto l’ufficiale — e restiamo pronti Wang Lutong, direttore degli Affa- progressi tangibili in settori come il preclude il dibattito critico o la di- ne della Santa Sede.
Citando fonti militari a Seoul, a una risposta adeguata a qualsiasi ri europei al ministero degli Esteri finanziamento ambientale e gli ap- scussione seria sulla religione. Tutta- La necessità di una maggiore
l’agenzia di stampa sudcoreana Yo- eventualità». Secondo la Yonhap, cinese, incontrando i giornalisti al palti pubblici. via, non è accettabile nascondersi “uguaglianza digitale”, cioè di ga-
nhap ha fatto sapere che la Corea dopo il summit di Panmunjom la termine del 22° Summit Ue-Cina, Michel, sottolineando come l’in- dietro la libertà di espressione come rantire a tutti un accesso alle tecno-
del Nord sta «installando nuova- Corea del Nord aveva smantellato precisando che «sono stati compiu- terdipendenza economica tra le giustificazione per discriminazione, logie digitali sulla base di regole
mente» altoparlanti nelle aree di decine di altoparlanti in una qua- ti progressi nei negoziati. Se dicia- due potenze sia elevata» e facendo ostilità o violenza contro una reli- chiare e di trasparenza dei contenuti
confine. Gli altoparlanti posizionati mo che lo firmeremo quest’anno, lo presente che gli scambi commercia- gione o i suoi membri. La libertà di è ancor più importante oggi a causa
rantina di aree nei pressi del confi-
lungo la zona demilitarizzata tra i faremo». All’incontro erano presen- li tra le due potenze si aggirano sul espressione deve consentire lo svi- della pandemia. «Il divario digitale
ne e lo stesso aveva fatto la Corea
due Paesi — che trasmettevano mes- ti per l’Ue la presidente della miliardo di euro al giorno, ha assi- luppo di uno spazio in cui entram- tra ricchi e poveri potrebbe costare
del Sud. Ora, alla luce delle nuove
saggi di propaganda del Sud e del Commissione europea Ursula Von curato di voler difendere «con fer- be le parti siano in grado di espri- la vita, soprattutto quando le infor-
Nord fin dalla Guerra di Corea del tensioni, Seoul starebbe valutando der Leyen, il presidente del Consi- mezza gli interessi dell’Unione eu- mere le proprie opinioni, con rispet- mazioni cruciali sul covid-19 non ar-
1950 — sono stati rimossi nel 2018 la possibilità di ripristinare gli alto- glio Charles Michel e l’Alto rap- ropea e mantenendo fermi i nostri to e senza paura dell’altra, anche rivano in tempo utile, o non arriva-
all’epoca del summit di Panmun- parlanti. Tutto dopo che la scorsa presentante per la Politica estera e valori». quando ciò va controcorrente». no proprio, alle comunità più pove-
jom tra il presidente sudcoreano, settimana Pyongyang ha fatto di sicurezza comune, Josep Borrell; Da entrambe le parti hanno au- Proprio per questo motivo, «i re. Senza accesso a informazioni re-
Moon Jae-in, e il leader nordcorea- esplodere l’ufficio di collegamento mentre da parte cinese oltre a spicato di superare le difficoltà per media hanno la responsabilità di sponsabili, trasparenti e aggiornate,
no, Kim Jong-un. Le nuove opera- intercoreano a Kaesong, e ieri si è Wang Lutong hanno partecipato il raggiungere un impegno ambizio- fornire un resoconto equo e accura- una cacofonia di ipotesi non dimo-
zioni, indica sempre la Yonhap, sa- detta pronta a lanciare «12 milioni primo ministro Li Keqiang e il pre- so: un accordo sulle regole di con- to delle questioni religiose e di con- strate potrebbe diffondersi tra le co-
rebbero iniziate «in più punti» del- di volantini» di propaganda verso sidente Xi Jinping. correnza leale e un progetto comu- sentire ai membri delle comunità re- munità povere. Il rischio è creare di-
la zona demilitarizzata che divide le la Corea del Sud con l’aiuto di Il funzionario del ministero degli ne per combattere la pandemia di ligiose di esprimere le proprie opi- suguaglianze ancora più ampie tra
due Coree. Un ufficiale del Joint «più di 3.000 palloncini». Esteri cinese ha ricordato i 29 coronavirus in corso. nioni». I mass media «dovrebbero enormi sofferenze».
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 24 giugno 2020

A cinquant’anni dalla nascita della Pontificia Facoltà Auxilium

La passione
di educare
coltà sorelle” di quelle tradizionali, dell’Educazione» e nelle collane del- che anche oggi è un campo promet-
riconoscendo l’importanza dell’edu- la Facoltà. Inoltre la collaborazione tente ma problematico, una sfida per
cazione nella missione evangelizzatri- con molte istituzioni civili ed eccle- il reale sviluppo di società a misura
ce della Chiesa. siali allarga la rete di esperienze cul- della persona umana, nel rispetto
D all’iniziale idea di Facoltà ponti- turali e professionali di docenti e della dignità e vocazione di ciascuno
ficia destinata a religiose e laiche, studenti a livello nazionale e interna- a servizio del bene comune.
tutta femminile, la composizione de- zionale. Il motto della Facoltà, con Maria
gli studenti si è modificata nel tem- L’attenzione alle persone concrete per una cultura della vita, indica
po. L’iscrizione di religiose di molti che frequentano la Facoltà è il fon- l’impegno di coltivare il talento di
Istituti, giovani laiche e laici, sacer-
doti e religiosi ha favorito l’apertura
e il confronto critico con mentalità e
abitudini differenti scoperti nella Questa istituzione inizialmente anomala
consuetudine della vita quotidiana; è potenzialmente paradigmatica di una Chiesa post conciliare
nelle scuole superiori, psicologhe Alcune autorità salesiane come ha suggerito passi rispettosi e solida-
di GRAZIA LOPARCO li verso un’intercultura radicata nei al passo delle esigenze sempre nuove dell’educazione
scolastiche e assistenti sociali, inse- pure alcune della Sacra Congrega-
gnanti di religione e formatrici reli- zione, soprattutto il cardinale Ga- valori evangelici, nell’esperienza uni-
l 27 giugno ricorrono cin-

I
giose. briel Marie Garrone e poi monsi- ca del vivere Roma, oltre che vivere
quant’anni dalla nascita della a Roma.
Pontificia Facoltà di scienze Subito dopo l’emanazione delle gnor Francesco Marchisano, appog- damento di una formazione accade- educare, in sinergia con quanti han-
Normae quaedam nel 1968, le respon- giarono il cambio dell’Istituto peda- Per quanto concerne le religiose e mica che si ispira all’umanesimo pe- no a cuore la totalità della persona.
dell’educazione Auxilium, af- i religiosi, la variazione delle aree di
sabili intrapresero l’iter per l’autono- gogico, sicché nel 1970 la neonata dagogico salesiano, così che i profili Il recente volume, Pontificia Facoltà
fidata alle Figlie di Maria provenienza ha costituito dall’inizio
mia istituzionale, in modo da svilup- Facoltà di scienze dell’educazione, professionali possano recare l’im- di Scienze dell’Educazione Auxilium
Ausiliatrice fondate da san Giovanni un singolare osservatorio sulla vita pronta di un’esperienza in cui essere,
pare un’identità specifica coerente incoraggiata da Paolo VI, fu “conso- 1970-2020. Contributi per la storia
Bosco e da santa Maria Domenica con la fisionomia dell’Istituto, sia religiosa. Per tutti, la Facoltà è un sapere e saper fare interagiscono per
ciata” al Pas, in modo che restava (Villa Pavone, Teramo, Edizioni Pa-
Mazzarello. Nel 1954 avevano inizia- nell’offerta formativa che nella con- cantiere sempre aperto, in cui si svi- promuovere la cultura della vita, con
come legame istituzionale il Gran lumbi, 2020, pagine 264, euro 25)
to a Torino l’Istituto superiore inter- notazione della ricerca. L’unica ma- luppa la missione culturale. particolare attenzione alle donne, al
Cancelliere, cioè il Rettor Maggiore mette in luce alcune pagine di que-
nazionale di pedagogia e scienze re- trice salesiana si era difatti sviluppata Varie volte si sono cambiati i cur- loro apporto responsabile e proposi-
dei salesiani, mentre Statuti e strut- sta istituzione inizialmente anomala,
ligiose, con diplomi riconosciuti dal- dall’inizio a due voci, convergenti ricula dei corsi di laurea finalizzati a tivo nella società e nella Chiesa. I
tura organizzativa erano vincolati so- potenzialmente paradigmatica di
la Sacra Congregazione dei religiosi. nella missione e nello stile educativo. professioni educative, tenendo fede dieci corsi di laurea, i corsi di diplo-
lo alla Santa Sede. Nel corpo docen- una Chiesa post conciliare al passo
all’identità specifica della vision e ma, due affiliazioni e diverse colla-
te ci furono professori del Pas, Figlie delle esigenze sempre nuove del-
della mission, confermate nella visita borazioni provano l’impegno di inci-
di Maria Ausiliatrice e altri, prima a l’educazione dei giovani e delle gio-
di Giovanni Paolo II nel 1992, in dere nella missione evangelizzatrice
Dall’iniziale idea di un ateneo Torino e, dal 1978, nella sede di
quanto Facoltà Universitaria Pontifi- della Chiesa tramite l’educazione, vani.
Roma.
destinato a religiose e laiche, tutto al femminile cia Salesiana. Di qui
La superiora generale delle Figlie
la spinta al dialogo
la composizione degli studenti si è modificata nel tempo di Maria Ausiliatrice divenne, così,
continuo con le sfide
la prima e unica vice gran cancellie- di un mondo in rapi-
L’iscrizione di religiose di molti Istituti re. La denominazione di Scienze do cambiamento e con
giovani laiche e laici, sacerdoti e religiosi dell’educazione, invece di pedagogia le domande di forma-
e scienze religiose, fu scelta per l’im- zione dei giovani e
ha favorito l’apertura e il confronto critico postazione epistemologica, giacché delle giovani.
con mentalità e abitudini differenti stava maturando la consapevolezza Il Processo di Bolo-
che il sapere pedagogico esigeva
scoperte nella consuetudine della vita quotidiana sempre più approcci interdisciplina-
gna, con le verifiche
di Qualità, ha visto
ri. Il contatto con altri ambienti cul- impegnata la Comuni-
turali aprì a questa prospettiva scien- tà accademica tra le
Intanto il concilio Vaticano II, tra i Per passare dalle parole ai fatti, tifica, di cui furono pioniere le prime due istituzioni pilota,
giovani docenti che si stavano for- mettendo in gioco
segni dei tempi, indicava una pre- anche nella Sacra Congregazione dei
mando in università europee come competenze acquisite
senza più qualificata delle donne seminari e delle università degli stu-
Lovanio, Monaco, Bruxelles, Fribur- e flessibilità nel rinno-
nello sviluppo sociale e nella stessa di, ovviamente, occorrevano passaggi
go, oltre che italiane e pontificie. vamento della didatti-
Chiesa. Avendo guadagnato la stima inesplorati. Esistevano già, certo, re- L’internazionalità originaria sia ca, dei campi di ricer-
sul campo, nel 1966 l’Istituto peda- ligiose docenti universitarie, e c’era- delle docenti che delle studentesse ca e della terza missio-
gogico (come era comunemente de- no pure istituzioni accademiche rette era pure specchio della diffusione ne. Gli Istituti e i
nominato) fu “incorporato” nell’Isti- da donne, ma nessuna era una Fa- dell’Istituto delle Figlie di Maria Au- Centri Studi Donne
tuto superiore di pedagogia del Pon- coltà Pontificia affidata a un Istituto siliatrice nei cinque continenti, ed ha ed educazione; Figlie
tificio Ateneo Salesiano (Pas, poi femminile, con la possibilità di con- segnato in modo peculiare lo svilup- di Maria Ausiliatrice,
Ups). Era una situazione inedita per ferire tutti i gradi accademici a nome po dell’esperienza accademica, con e il Centro di orienta-
le religiose e per la Santa Sede, che della Santa Sede. Le università ec- ripercussioni in molti Paesi, nel cam- mento integrano la di-
le riconosceva come docenti univer- clesiastiche, come si sa, si occupava- po educativo, sociale, catechetico. dattica con altre attivi-
sitarie in una istituzione direttamen- no di filosofia, teologia, diritto e af- Nel 1977 Paolo VI annoverava sia tà scientifiche, che si
te dipendente da essa, per formare fini, ed erano destinate a un pubbli- questa Facoltà che quella dell’Uni- rispecchiano nella
insegnanti di pedagogia e filosofia co maschile. versità Pontificia Salesiana tra le “fa- «Rivista di Scienze

Laudi e canti nati dalla devozione al Sacro Cuore di Gesù

Un varco misterioso
di BENNO SCHARF manna tua vital. / Oh d’amor inclita fonte, / re, o in quella successiva, i monti di tutto il Cuore di Gesù». Dopo la solenne prima serva di Dio Suor Marie Bernaud, partì una
d’acqua limpida sorgente, / carità mai sem- Tirolo austriaco e dell’Alto Adige in Italia si strofa si ribadisce «Siamo saldi nella fede, il nuova pratica: la Guardia d’Onore al Sacro
olti fedeli ripetono la nota e pre ardente / espiatrice d’ogni mal». riempiono di grandi fuochi a forma di cuo- più bel vanto del nostro paese» ed «Anche Cuore di Gesù. Il fine era ed è quello di

M popolare invocazione al Sa- Nella seconda strofa, con accento tipico re, di croce o traccianti le scritte Inri o Ihs, se i nemici ci bestemmiano: la fedeltà è il ca- rendere un culto di “Gloria, Amore e Ripa-
cro Cuore di Gesù. La sua del Barocco, Gesù è presentato morente «so- visibili anche da lontano. rattere del Tirolo!». razione” perpetuo, mediante la pratica
origine è antica: la troviamo vra il letto del dolor» mentre «cruda lancia» Un inno per la festa fu composto più tar- La melodia è enfatica e marziale: l’inizio dell’Ora di guardia davanti al tabernacolo o
infatti, ritornello di una can- squarcia «il Divin Petto». Una mistica con- di nel 1896 dal poeta e sacerdote Josef sull’accordo maggiore con le prime note ri- al Santissimo esposto. Sorse così la nuova
zoncina sacra, in un libro di canti del Duo- templazione conclude il testo: «Fu l’amor Seeber (1856-1919) e musicato subito da petute è di solito accompagnato da squilli di arciconfraternita, riconosciuta con tale deno-
mo di Napoli datato 1752. Ed è un’impor- che ci aperse / questo varco misterioso», la Ignaz Mitterer (1850–1924), sacerdote e com- tromba. Un canto che rinnova il secolare minazione dal Papa Leone XIII nel 1878. A
tante testimonianza, perché il culto al Sacro «gran porta» al «Santissimo tuo Cuor». La positore. giuramento. essa aderirono i Sommi Pontefici successivi e
Cuore era sorto poco prima. melodia è dolce e carezzevole e fa pensare Il testo consta di tre quartine a rima ba- la devozione dei primi venerdì di 9 mesi suc-
Pur essendovi stati dei prodromi già nel ad uno dei grandi autori della prima Scuola ciata, con un distico per ritornello, che nel cessivi si diffuse in tutto il mondo cattolico.
XIII secolo negli scritti della mistica Matilde Napoletana, da Domenico Scarlatti a Fran- canto viene sempre ripetuto due volte. «Su,
di Magdeburgo (1207-1282), i promotori di cesco Durante o a Nicola Porpora. nel giuramento, paese del Tirolo, alza al cie- La Francia L’arciconfraternita ebbe un suo inno, il cui
testo fu composto nel 1864 dalla beata Ma-
questa devozione furono i santi Giovanni lo il cuore e la mano. Quanto i padri giura-
rono nell’uragano della guerra» conclude la In Francia era nata la devozione al Sacro rie Deluil Martiny (1841- 1994).
Eudes (1601-1680) e Margherita Maria
quartina, mentre il ritornello afferma «Noi Cuore di Gesù e nel 1863 dal Monastero del- In dieci quartine si snoda una solenne ma
Alacoque (1647–1690), ambedue francesi. Il Il Tirolo lo giuriamo di nuovo: Fedeltà eterna a te, la Visitazione di Bourg, per iniziativa della festosa preghiera; nella prima strofa, che fa
culto al Sacro Cuore di Gesù si diffuse rapi-
damente prima dei riconoscimenti ufficiali. da ritornello, si enuncia la tematica: «Che
Nel maggio 1796 le truppe di Napoleone tutta la terra formi la guardia d’onore; essa
Nel 1765 il Papa Clemente XIII lo autorizzò Bonaparte si avvicinarono al Tirolo, che al-
in Polonia e in Francia, mentre solo nel 1856 canti trionfante gloria ed amore al Sacro
lora faceva tutto parte dell’Austria. Nell’as- Cuore». Nelle strofe successive si afferma
Pio IX lo estese a tutta la Chiesa. semblea dei rappresentanti delle 26 principa-
Ma durante il Settecento questo culto era che «Gesù ci dona senza limiti i suoi teso-
li città tirolesi l’abate cistercense di Stams ri». Una lunga invocazione segue poi. Si
già praticato in varie regioni e lo dimostra (presso Innsbruck), Sebastian Stöckl propo-
l’esistenza di preghiere, canti e tradizioni in chiede al Divin Cuore d’insegnarci a cono-
se di consacrare il Tirolo al Sacro Cuore, co-
due aree diversissime tra loro: la Napoli di scerlo, di essere il nostro re, di salvare il
me baluardo contro gli invasori. La proposta
sant’Alfonso Maria de’ Liguori ed il Tirolo mondo colpevole e di conquistare gli uomini
fu accettata all’unanimità e la consacrazione,
austriaco. ad opera dei vescovi, avvenne il 1° giugno ingrati. Infine anche questo canto si conclu-
successivo. Nel 1689 santa Margherita de con un proposito: «Noi, guardie fedeli,
Alacoque aveva proposto la stessa cosa per vogliamo essere il tuo baluardo d’amore,
Napoli la Francia, ma il re Luigi XIV aveva rifiutato. contro quei tuoi figli ribelli, che ti oltraggia-
Così un secolo dopo il Tirolo fu il primo no giorno e notte». La melodia venne ripre-
Ancora in uso è una bella canzone napo- paese consacrato al Sacro Cuore e la devo- sa da una canzone mariana di origine italia-
letana, di autore incerto (l’attribuzione a zione relativa accompagnò le vicende belli- na: «O del cielo gran Regina». Autore ne
sant’Alfonso non è documentata) in tre otta- che, che culminarono nell’insurrezione del era il compositore Simon Mayr (1763–1845),
ve, intercalate dal ritornello «Dolce cuor del 1809 sotto la guida di Andreas Hofer. Unico tedesco ma trapiantato a Bergamo, dove in-
mio Gesù, fa ch’io t’ami sempre più». La mezzo di comunicazione a distanza era l’ac- segnò per quattro decenni. Tra i suoi nume-
prima strofa è un’accorata invocazione: «Sa- censione di fuochi sulle pendici dei monti e rosi allievi spicca il nome di un giovane
cro Cuor d’amor ferito, / d’amor santo i da qui nacque l’uso, tuttora in vigore: nella di cui egli scoprì il talento: Gaetano Doni-
cuori accendi, / e partecipi li rendi / della notte dopo il venerdì dedicato al Sacro Cuo- Cristina Odasso interpreta la beata Marie Deluil Martiny in «Troverai un cuore» (Alberto Di Giglio, 2011) zetti.
mercoledì 24 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Maddalena la grande
Equivoci, storie e rappresentazioni della donna che vide Gesù risorto prima degli apostoli

di SERGIO MASSIRONI La vicenda di Maria, in effetti — genuo (talvolta interessato) anacro- cluso. Una Verità vivente, debordan-
come quella della madre di Gesù, nismo, per cui è indispensabile che te e generativa, che agisce struttural-
na ricerca che mira del resto — rinvia a una grandezza rigore scientifico e senso ecclesiale mente con un vigore che spaventa e

U dritto al centro. Il pic- che non si ottiene nella smania (ma- non vengano disgiunti. Il volume è insieme attrae. Le donne del vangelo
colo volume di Adria- schile?) di conquistare il cielo come in tal senso magistrale, sebbene non incarnano la delicatezza di tale for-
na Valerio, Maria a Babele, dove «farsi un nome» di- nasconda la simpatia per soluzioni za, un’energia gentile che non giusti-
Maddalena. Equivoci, venne principio di confusione e di- di profonda discontinuità all’interno fica tuttavia alcuna strumentalizza-
storie, rappresentazioni (Bologna, Il della prassi cattolica. Ciò che è opi- zione.
spersione, ma nell’incontro con una
Mulino, 2020, pagine 136, euro 12), nione, infatti, viene proposto e moti- Maria di Magdala, «la figura fem-
grazia che rende inconfondibili. Ciò
accompagna il lettore attraverso due vato come tale, mentre la ricostru- minile più amata e raffigurata» dopo
che avviene attorno a Gesù, in effet- zione dei dati e l’interpretazione del-
millenni senza nascondere il proprio la Vergine Maria, del rapporto cri-
ti, ha carattere tanto escatologico da la storia rivelano una pacata lucidità. stiano con la verità manifesta i tratti
obiettivo: quello di non fare della
sbaragliare qualsiasi idea lineare di Certo, l’autrice sostiene che «come imprescindibili, vincolanti per la
«mera filologia archeologica, ma di
avviare una rivoluzione ermeneutica progresso: la ricerca sulle fonti e la per l’esegesi biblica si deve parlare Chiesa di ogni tempo: in principio
(...) toccando il cuore stesso del cri- storia degli effetti documentano di una gamma di possibili soluzioni sta l’essere «resa grande» da una
stianesimo». La posta in gioco è alta l’impatto di modi d’essere novissimi, interpretative piuttosto che di uno grazia che restituisce dignità e rifon-
ma, a giudizio dell’autrice, propor- la cui onda d’urto non cessa di inve- schema univoco, così la Tradizione, da la coscienza del proprio incom-
zionata a colei che nel seguito di mensurabile valore; ne scaturisce lo
Gesù dovette essere riconosciuta co- spazio di «un discepolato attivo e
me «la torre», dall’ebraico mag- autorevole» in cui la «nuova condi-
dal/migdal da cui l’appellativo che
Uno studio di Adriana Valerio zione di affrancata» induce «a met- Adolfo Tommasi, «La Maddalena penitente» (1893)
da sempre segue al suo nome. mostra la “statura” di una discepola tersi al seguito di Gesù attraverso
Non dunque «di Magdala» — nuove modalità relazionali» che
espressione del tutto assente nel te-
la cui autorità i vangeli non nascondono comportano inedite forme di condi- novella della nuova vita raggiunga i epoche della storia, grazie al suo ri-
sto greco dei vangeli — ma «Magda- Sebbene sia di una qualità tanto nuova visione e di partecipazione alla vita confini del mondo». Se è così, la fe- cordo, hanno dato vita a esperienze
lena», nella linea già di san Girola- del gruppo; sino ai piedi della croce,
da risultare ancora in buona parte incompresa dove il mondo intero è rifondato e
deltà alla verità evangelica non im- di fede, ad atti di culto, a opere arti-
mo, secondo il quale «per il suo ze- plicherà certo, specie da parte fem- stiche, a istituzioni, a elaborazioni
lo e per l’ardore della sua fede rice- le sole donne divengono «garanti di minile, un ritorno alla Babele in cui dottrinali, a testi spirituali, a propo-
vette il nome di turrita ed ebbe il quella triplice testimonianza che è a
darsi un nome attraverso rivendica- ste ecclesiali e altro ancora, che non
privilegio di vedere Cristo risorto stire le forme culturali e le stratifica- soggetta anch’essa alle dinamiche fondamento della fede delle comuni-
zioni e progetti ideologici. Tuttavia, possono essere racchiusi acriticamen-
prima degli apostoli». Torre, fortez- zioni storiche della socialità umana. della storia, conosce una varietà di tà primitive: “Cristo morì… fu se-
tale fedeltà richiede l’apertura a te in una proposta univoca».
za, oppure — come proposto dalla Secondo l’autrice «per questi mo- filoni che contraddicono la trasmis- polto… è risorto” (At 2, 23-24; 1 Cor
15, 3-4)». È in questo quadro che quello Spirito che cambiò la faccia È questa, d’altra parte, la ricchez-
biblista Maria Luisa Rigato — «la tivi occorre interrogarsi sulla com- sione dottrinale presentata come
Adriana Valerio legge il prefazio che di Gerusalemme e continua a voler za della cattolicità, di ciò che riguar-
Resa-grande», quasi a riprendere prensione della Bibbia e sulle sue er- l’unica possibile».
In tal senso «la Maddalena è la con Decreto della Congregazione far nuova tutta la terra, in virtù di da l’intero: ciò che appare nuovo,
Origene, che osservava: «Si chiama rate interpretazioni, sul peso della
cartina tornasole di questa polivalen- per il culto divino e la disciplina dei una rivelazione che in Cristo si dona particolare, rivoluzionario, se con-
Magdalena, accordandosi bene con Tradizione nell’elaborazione della vi-
il significato del nome della sua pa- sione antropologica, sul tabù sessua- za di testi che sottolineano la centra- sacramenti del 10 giugno 2016 collo- inesauribile. «Di qui la necessità — nesso al tutto apre il passato al futu-
tria. Infatti, quel luogo viene inter- le legato alle dinamiche di genere, lità della sua persona nella costitu- ca Maria di Magdala tra gli apostoli: osserva l’autrice — di considerare la ro. Adriana Valerio ha dunque il me-
pretato come grandezza, accresci- sull’esclusione delle donne dalla suc- zione della comunità di fede», una «Poiché lo aveva amato nella vita, “Tradizione” come “l’insieme di tra- rito di consegnare al presente alcuni
mento. E questa Magdalena è stata cessione apostolica e dai ruoli di po- complessità che può spaventare, per- l’aveva visto morire sulla croce, lo dizioni”, come la trasmissione diffe- interrogativi audaci su cui una Chie-
ché difficilmente addomesticabile, e aveva cercato giacente nel sepolcro e renziata e complessa che include sa ben compaginata e guidata dallo
che pure è propria del tipo di verità fu la prima ad adorarlo risuscitato molteplici e innumerevoli soggetti, Spirito può francamente confrontar-
che l’universo biblico mette in cam- dai morti; e lo onora davanti agli gruppi e movimenti. Nel caso della si, per rispondere oggi a Colui che,
po, alternativa e sempre più grande apostoli (coram apostolis) con l’ufficio Maddalena ci troviamo in presenza avendola amata e redenta, le parla
di qualsiasi sistema logicamente con- dell’apostolato, affinché la buona di donne e uomini che, nelle diverse ancora.

A partire dal libro di Elizabeth E. Green sull’ultimo decennio della teologia femminista

La parità di genere è nelle Scritture


di GIORGIA SALATIELLO si accostano al testo sacro. Riguar- mente protagoniste, insieme agli culturali diversi, ognuna con un
do al primo livello individuato, la uomini, nella sequela di Gesù, che bagaglio esistenziale non omolo-
l recente libro di Elizabeth E. produzione delle teologhe e delle mostra nei loro riguardi un parti- gabile a quello delle altre.

I Green, pastora presso le Chie-


se evangeliche battiste, Un
percorso a spirale. Teologia femmini-
bibliste ha condotto ad un’ampia
ed approfondita rivalutazione del-
le figure di donne presenti nella
colare apprezzamento, lo seguono
fino ai piedi della croce e ricevono
il primo annuncio della risurrezio-
In questo modo, il testo sacro
fornisce risposte che vanno al di là
delle domande iniziali e conduco-
sta: l’ultimo decennio (Torino, Clau- Scrittura e spesso considerate se- ne. Anche gli Atti e le Lettere, che no a una inedita rilettura del pro-
diana, 2020, pagine 154, euro 14, condarie, mostrando come, al con- delineano la Chiesa nascente, ri- prio vissuto, rivisitato in una pro-
90) che qui non ci si soffermerà a trario, esse svolgano spesso un portano notizia di donne impe- spettiva che non è quella umana,
Giotto, «La Maddalena approda a Marsiglia» (XIV secolo) gnate in prima persona nella co- ma quella di Dio. Perché ciò av-
commentare, offre, però, lo spunto ruolo cruciale nella narrazione e
per ripensare il rapporto tra le siano portatrici di un messaggio struzione della comunità e nella venga, però, è necessario che il te-
resa grande per nessun’altra ragione tere nella Chiesa, sull’identità della donne e la Scrittura. Questo rap- che altrimenti non potrebbe essere diffusione del messaggio cristiano sto sia liberato dagli schemi inter-
se non perché aveva seguito Gesù e stessa comunità di fede alla luce del porto già da alcuni decenni è al annunciato. al di là del luogo della sua prima pretativi patriarcali che gli si sono
aveva assistito al mistero della sua messaggio evangelico e delle recenti centro dell’interesse della teologia Ciò emerge con chiarezza già proclamazione. sovrapposti lungo i secoli e sia re-
passione». acquisizioni circa la dignità e l’ugua- femminile e/o femminista e può nel Vecchio Testamento in cui Il secondo livello prima ricorda- stituito alla sua originaria purezza,
Insomma, la rivoluzione in cui glianza della persona umana, ma- essere rivisitato muovendosi su donne protagoniste o apparente- to induce a spostare lo sguardo nella quale il messaggio può essere
crede Adriana Valerio viene da lon- schio e femmina». due distinti livelli. mente marginali offrono un signi- sulle donne credenti che oggi leg- colto in tutto il suo valore.
tano e ha a che fare con la “statura” Evidentemente si tratta di un ap- In primo luogo, si deve portare ficativo contributo al dipanarsi gono, studiano e interpretano la Molte studiose già da decenni
di una discepola la cui autorità i proccio radicale e per ciò stesso tan- l’attenzione sulle figure femminili della storia della salvezza e dell’al- Scrittura a partire dalla personale sono impegnate in questo lavoro e
vangeli non nascondono, sebbene sia to delicato quanto meritevole di at- presenti nella Scrittura e, in secon- leanza di Dio con il Suo popolo e esperienza femminile. Qui l’esegesi il risultato non deve essere quello
di una qualità tanto nuova da risul- tenzione: una simile ricerca si muove da istanza, ma con importanza aprono piste che poi gli uomini e la competenza teologica si inter- di sostituire una parzialità, quella
tare ancora in buona parte incom- sul vertiginoso crinale che separa non minore, si deve considerare la seguono grazie a loro. Nel Nuovo secano con il vissuto delle donne e femminile, a un’altra parzialità,
presa. l’autentico discernimento da un in- particolare ottica con cui le donne Testamento le donne sono sicura- le domande che esse pongono al quella maschile prevalente da lun-
testo sacro sono molto spesso pro- go tempo, bensì quello di giunge-
fondamente differenti da quelle de- re ad una lettura e ad un’interpre-
gli uomini e rispecchiano situazio- tazione articolata e poliedrica. Su
ni che sovente sono di sofferenza, queste basi, la maggior parte delle
di emarginazione e di subordina- studiose che si accostano alla

Contro la dittatura dell’immagine


«Congedo da Goethe» di Costantin Noica

di RO CCO PEZZIMENTI ampiamente mutilata. Si parlava cati oculari». Discorso che sarebbe traddizioni nel modo di concepire il
all’inizio di 800 pagine, l’autore ne poi stato esasperato dal piccolo divenire dell’essere. «Goethe era nel
ecensire un testo come quello riebbe indietro circa 300. Nel frat- schermo. Mentre si stava inventando giusto quando diceva che l’oggetto

R di Costantin Noica, Congedo


da Goethe (Soveria Mannelli,
Rubbettino, 2019, pagine 311, euro
tempo anche il titolo è cambiato:
originariamente doveva essere “Anti-
Goethe” ma prese poi il titolo di
la televisione, Noica sosteneva che si
arriverà a «televisionare» invece di
comprendere. Profetizzava già un
della ragione è il divenire. Ma qua-
le?». Si può ignorare questa doman-
da? Sottovalutandola si dimentica
24), per chi studia seriamente è un Congedo da Goethe. Forse perché, ri- dramma per altri versi intravisto già un requisito essenziale della nostra
obbligo morale. Il grande pubblico corda ancora Zaffi, «da un punto di da Rosmini. «Quando non sai che passata cultura: «L’assoluto della re-
sa chi siano Mircea Eliade, Emil vista comunista nulla sfugge alle ra- fartene dei mezzi che hai a disposi- ligione era l’assoluto umano».
Cioran, Eugen Ionescu (poi noto gioni della politica». Rimane però il zione, essi cominciano ad agire da L’illusione della linearità accompa-
come Eugène Ionesco) ma ignora fatto che, a una delle opere fonda- soli». L’intelligenza si spegne di gna la nostra esperienza di pensiero,
chi sia Costantin Noica che, comun- mentali del pensiero europeo del fronte al culto degli oggetti. ma si può negare che tale illusione
que, di quel gruppo di intellettuali Novecento, sicuramente non fu dato Il pensiero di Goethe dà questo non ci soddisfa, se costretta nel finito?
romeni era parte integrante. Rimane lo spazio che avrebbe meritato. assaggio di crisi della ragione in mo- «Come si può negare il senso dell’in-
poco noto perché, a differenza degli Il lavoro è effettivamente denso di do quasi compiaciuto. Noica lo dice finitudine a un mondo che accanto al- zione. Si ritrova, questo caso, quel- Scrittura concorda nel riconoscere
altri, non emigrò convinto che — co- significati e critica un certo modo di con chiarezza: «L’arte dà sì un av- la coscienza artistica (il bello è l’infini- lo che è un principio generale del- che il messaggio che essa veicola
me ricorda Davide Zaffi nella pre- intendere il mondo o, se si vuole, di vertimento e segnala che esiste un to nel finito, diceva Schelling) ha sco- la lettura di qualsiasi testo e cioè per le donne è di uguaglianza e di
ziosa e densa presentazione del vo- fare filosofia, modo che, in Goethe, altro ordine, un altro modo di com- perto la coscienza filosofica, cioè quel- quello che è necessario tenere con- liberazione, come del resto avviene
lume — «emigrando, un intellettuale «rimaneva però ambiguo», come in porre le cose, ma non porta nessuno la dell’infinitudine razionale?». to non solo del messaggio veicola- per tutti coloro che, lungo la sto-
non solo infligge una grave perdita parte della cultura contemporanea. in modo necessario verso quest’ordi- Questo rapporto tra finito e infinito to, ma anche del contesto dell’au- ria, sono stati esclusi, emarginati e
al proprio Paese, ma allo stesso tem- La nostra epoca, ricorda Zaffi ripor- ne. È come se l’arte dicesse: esiste è stato oggi completamente travisato tore e di quello del lettore. oppressi.
po depotenzia se stesso». tando le parole di Noica, «accentua una ragione più profonda delle cose, con il sacrificio dell’infinitudine. Da La questione, a questo proposi- La parola di Dio, così, si rivela
L’opera in questione è, purtrop- nel culto della forma semplicemente ma le sue vie ci sono ignote». Per- qui la coraggiosa conclusione. «Oc- to, si complica perché non è possi- capace non soltanto di prefigurare
po, solo una parte di quella inizial- l’aspetto esteriore» e questo viene ché l’arte si è ridotta così? La ragio- corre in effetti riconoscere lucidamen- bile parlare di una generica espe- il mondo futuro, nel tempo esca-
mente scritta perché le vicende in- esasperato dal cinema. «Quel che è ne della grandezza di Goethe, come te, per la stessa dignità della cultura rienza femminile, ma devono esse- tologico, ma anche di fornire un
terne del nuovo regime portarono al assurdo nel cinematografo (...) è la pure il motivo per il quale dobbia- europea, che essa appare oggi un no- re considerate le donne concrete potente ed insostituibile impulso
sequestro dell’opera che verrà resti- pretesa che tutto può esporsi all’oc- mo congedarci da lui, sta tutta qui. bile fallimento, sia in campo umanisti- che si accostano alla Scrittura alla trasformazione ed alla purifi-
tuita all’autore solo decenni dopo e chio e tutti i significati sono signifi- Ha generato molte delle nostre con- co che in quello scientifico». muovendo da ambiti geografici e cazione di quello attuale.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 24 giugno 2020

A venticinque anni dalla «Orientale lumen»

In realtà
vicinissimi
di ALDINO CAZZAGO poiché essa non è un accessorio di ra» (11), la comunione e il servizio
quella latina, ma «parte integrante (14), i mezzi, il padre spirituale (13),
l mese di maggio non è stato so- del patrimonio della Chiesa di Cri- l’esperienza del silenzio (16) e il

I lo l’occasione per ricordare il


centenario della nascita di san
Giovanni Paolo II. Nello stesso me-
sto» (Orientale lumen, 1). Scrive Gio-
vanni Paolo II: «È necessario che an-
che i figli della Chiesa cattolica di
compimento, la deificazione (5 e 10)
e la santità (6) dell’«esperienza di
fede» che la tradizione orientale ha
se, ma di venticinque anni fa, venne- tradizione latina possano conoscere elaborato lungo la storia. Egli riba-
ro resi pubblici due importanti do- in pienezza questo tesoro e sentire disce con forza che «il cristiano
cumenti del suo magistero: il 2 mag- così, insieme con il Papa, la passione orientale ha un proprio modo di
gio la lettera apostolica Orientale lu- perché sia restituita alla Chiesa e al sentire e di comprendere, e quindi
men, indirizzata all’episcopato, al mondo la piena manifestazione della anche un modo originale di vivere il
clero e ai fedeli per la ricorrenza cattolicità della Chiesa, espressa non suo rapporto con il Salvatore» (5).
centenaria della Orientalium dignitas da una sola tradizione, né tanto me- Per scrivere questa «piccola, pre-
di Papa Leone XIII, e il 25 maggio no da una comunità contro l’altra» ziosa summa di spiritualità orienta-
l’enciclica Ut unum sint sull’impegno (ibidem, 1). le» era necessario individuare
ecumenico della Chiesa cattolica. A conclusione del documento un’«altura particolare» (9) che per-
Come ha scritto Papa Francesco nel- Giovanni Paolo II torna a ribadire la mettesse un’adeguata ed esauriente
la sua recente lettera al cardinale necessità dell’accoglienza della tradi- visione dell’«esperienza di fede»
Kurt Koch, presidente del Pontificio zione orientale da parte della Chiesa propria della tradizione orientale. In
Consiglio per la promozione cattolica di tradizione latina: «Le piena sintonia con questa tradizione, Giovanni Paolo II abbraccia il cardinale Lubomyr Husar (27 giugno 2001) durante il suo viaggio apostolico in Ucraina
dell’unità dei cristiani, giovedì 25 parole dell’Occidente hanno bisogno il Pontefice la individua nel mona-
maggio 1995, solennità dell’Ascensio- delle parole dell’Oriente perché la chesimo perché in Oriente non è
ne, Giovanni Paolo II firmò l’encicli- Parola di Dio manifesti sempre me- stato visto «soltanto come una con- a una duplice presa d’atto nei rap- nel recente passato di molte Chiese tempo e lo spazio. Presto, molto
ca Ut unum sint «con lo sguardo ri- glio le sue insondabili ricchezze» dizione a parte, propria di una cate- porti con le Chiese orientali cattoli- orientali ha assunto la forma del presto Cristo, l’Orientale lumen, ci
volto all’orizzonte del Giubileo del (28). La lettera contiene anche un goria di cristiani, ma particolarmente che e con le altre Chiese orientali martirio (19). conceda di scoprire che in realtà, no-
2000». Ora, a venticinque anni di pressante invito a tutte le Chiese come punto di riferimento per tutti i non in piena comunione con essa: Giovanni Paolo II formulava allo- nostante tanti secoli di lontananza,
distanza, egli intende riproporla a orientali non in comunione con la battezzati, nella misura dei doni of- «[…] I tentativi del passato avevano ra il seguente auspicio: «Giudico eravamo vicinissimi, perché insieme,
tutto il «popolo di Dio». Chiesa cattolica perché, insieme a ferti a ciascuno dal Signore, propo- i loro limiti derivanti dalla mentalità molto positivamente le iniziative di forse senza saperlo, camminavamo
Per capire il valore della Orientale essa, si dispongano a cercare una nendosi come una sintesi emblemati- dei tempi e dalla stessa comprensio- pellegrinaggi comuni sui luoghi do- verso l’unico Signore, e quindi gli
lumen è, invece, istruttivo ritornare a «risposta agli interrogativi che l’uo- ca del cristianesimo» (9). ne delle verità sulla Chiesa» (20); ve la santità si è espressa in modo uni verso gli altri» (28).
quanto nel 1998, in occasione del mo oggi si pone a ogni latitudine Nella seconda parte Giovanni «allo sguardo odierno appare che particolare, nel ricordo di uomini e Nei mesi successivi alla pubblica-
ventesimo anniversario dell’elezione del mondo» (3). Al paragrafo 4 il Paolo II affronta alcune tematiche di una vera unione era possibile solo donne che in ogni tempo hanno ar- zione, la lettera fu variamente accol-
pontificia di Giovanni Paolo II, Papa così si esprime: «Giunge a tut- carattere ecclesiologico ed ecumeni- nel pieno rispetto dell’altrui dignità, ricchito la Chiesa del sacrificio della ta e fatta oggetto di osservazioni e
scrisse l’allora cardinale Ratzinger: te le Chiese, d’Oriente e d’O cciden- co. Nei paragrafi 17-19, dopo un bre- senza ritenere che il complesso degli propria vita. In questa direzione sa- critiche. Tra le numerose reazioni va-
«Accanto a questa grande enciclica te, il grido degli uomini d’oggi che ve ricordo dell’unità che nel primo usi e consuetudini della Chiesa lati- rebbe poi un atto di grande signifi-
[Ut unum sint] c’è un altro docu- le la pena ricordare quella interes-
chiedono un senso per la loro vita. millennio continuò a sussistere tra le na fosse più completo o più adatto a cato il pervenire al riconoscimento
mento ecumenico del Papa rimasto sante della poetessa russa Ol’ga Se-
Noi vi percepiamo l’invocazione di Chiese nonostante le varie contese, mostrare la pienezza della retta dot- comune della santità di quei cristiani
fin troppo in ombra: la lettera apo- chi cerca il Padre dimenticato e per- dakova, che dopo aver ricordato co-
egli si sofferma sul «gravissimo» (17) trina; e ancora che tale unione dove- che negli ultimi decenni, in partico-
stolica Orientale lumen, in cui il Papa duto (cfr. Luca, 15, 18-20; Giovanni, lare nei paesi dell’Est europeo, han- me la Orientale lumen fosse «un’ispi-
peccato della separazione tra Roma va essere preceduta da una coscienza
slavo dimostra tutto il suo amore 14, 8). Le donne e gli uomini di oggi e Costantinopoli. Oggi però, grazie no versato il sangue per l’unica fede rata lode delle ricchezze spirituali
di comunione che permeasse tutta la
per le Chiese d’Oriente […]. Questa ci chiedono di indicare loro Cristo, anche a un nuovo desiderio di unità Chiesa e non si limitasse a un accor- in Cristo» (25). del cristianesimo orientale», si ram-
lettera del Papa rappresenta una pic- che conosce il Padre e ce lo ha rive- frutto del Concilio Vaticano II, «ab- do tra vertici» (20). maricava che, a un anno di distanza
cola, preziosa summa di spiritualità lato (cfr. Giovanni, 8, 55; 14, 8-11). biamo sempre meglio appreso che a A tutte le Chiese egli chiede per- dalla pubblicazione, dal mondo or-
orientale, un testo magisteriale che Lasciandoci interpellare dalle do- lacerare il tessuto dell’unità non è ciò di «incontrarsi, conoscersi e la-
Conclusione todosso non fosse ancora giunta una
potrebbe aiutate la nostra spiritualità mande del mondo, ascoltandole con stato tanto un episodio storico o una vorare insieme» perché «la cono- Nel bellissimo paragrafo conclusi- lettera contenente «una analoga lode
occidentale, così tendente al raziona- umiltà e tenerezza, in piena solida- semplice questione di preminenza, scenza dei tesori di fede altrui […] vo il Papa tornava a parlare della della tradizioni occidentale».
lismo, a recuperare l’eredità rietà con chi le esprime, noi siamo ma un progressivo estraneamento, produce spontaneamente lo stimolo «nostalgia santa dei secoli vissuti Giovanni Paolo II avrà modo di
dell’Oriente e a riavvicinarci a parti- chiamati a mostrare con parole e ge- sicché l’altrui diversità non è più per un nuovo e più intimo incontro nella piena comunione delle fede e manifestare nuovamente il suo amo-
re dal compimento interiore della vi- sti di oggi le immense ricchezze che percepita come ricchezza comune, tra fratelli, che sia di vero e sincero della carità [che] ci urge, ci grida i re per l’Oriente cristiano nel 1996
ta spirituale». Quanto al fatto di es- le nostre Chiese conservano nei for- ma come incompatibilità» (18). scambio reciproco» (22). Tra i vari nostri peccati, le nostre reciproche quando da giugno a novembre illu-
sere un documento «rimasto fin zieri delle loro tradizioni». A giudizio di Giovanni Paolo II i «tesori di fede altrui», che sarebbe incomprensioni» (28). In un auspi- strerà con il breve testo di ben quat-
troppo in ombra», anche a venticin- Uno sguardo contemplativo della passi fatti dopo il concilio Vaticano necessario conoscere e scambiarsi, vi cio che diventava preghiera così tordici Angelus i vari aspetti e ric-
que anni di distanza le cose non so- ricca tradizione spirituale delle Chie- II hanno portato la Chiesa cattolica è senz’altro quello della santità che esclamava: «Voglia Dio far breve il chezze del cristianesimo orientale.
no affatto cambiate. se d’Oriente attraversa l’intera lettera
ed è lo stesso sguardo ad animare il
forte desiderio di unità per tutte le
I motivi ispiratori
Chiese. Scrive Giovanni Paolo II:
della «Orientale lumen» «Si fa in me ogni giorno più acuto il
Giovanni Paolo II scrisse l’Orienta-
le lumen per due principali ragioni:
una guardava al passato e l’altra al
desiderio di ripercorrere la storia
delle Chiese, per scrivere finalmente
una storia della nostra unità»
Orizzonte di pace
futuro. Con la prima egli intese ri- (Orientale lumen, 18).
cordare il centenario della lettera
In un libro le relazioni del Patriarcato Maronita con il Regno dell’Arabia Saudita
apostolica Orientalium dignitas pub-
Il contenuto
blicata il 30 novembre 1894 da Leo- stione. L’una è il patriarcato maro- effetti e dei loro orizzonti e lo fa in ruolo dell’attuale patriarca e dei
di AMAL HAZEEN
ne XIII, con la quale il Pontefice Dopo l’introduzione (1-4) la lette- nita, somma autorità cristiana ma- sedici punti che fanno molto riflet- suoi predecessori, ma anche di in-
prendeva una serie di decisioni prati- ra si divide in due parti: la prima na relazione serena, fraterna ronita in Libano, mentre l’altra par- tere. tellettuali e politici maroniti, che
che e canoniche per la difesa e lo
sviluppo delle Chiese orientali catto-
liche. Lo storico Vincenzo Poggi ha
dal titolo «Conoscere l’Oriente cri-
stiano un’esperienza di fede» (5-16)
e la seconda «Dalla conoscenza
U e profonda, ma sconosciuta
e quasi invisibile, portata al-
la luce da un importante ricercatore
te è rappresentata dai regnanti
dell’Arabia Saudita, paese islamico
che ospita due dei luoghi più sacri
Nel solco del pensiero, degli
sforzi e del magistero della Chiesa
cattolica e soprattutto di Papa
hanno lavorato con impegno per
istituire queste relazioni, svilupparle
e per farle progredire.
definito questo testo come «il più all’incontro» (17-28). Nella prima e promotore del dialogo interreli- del mondo sunnita. Francesco — e qui non si può non Lo scambio epistolare tra i pa-
importante documento filoorientale» parte Giovanni Paolo II si mette «in gioso e della cultura della pace: Il libro è composto da dieci capi- ricordare la storica visita che il car- triarchi maroniti e i re di Al Saud e
di Leone XIII. La seconda ragione, ascolto delle Chiese d’Oriente» (5) l’abate Antoine Daou, dell’O rdine toli e un’introduzione. Il primo ca- dinale Jean-Louis Tauran, presiden- i loro emiri, e i responsabili del re-
quella che guardava al futuro, si per raccontare a tutti i fondamenti antoniano maronita del Libano. Mi pitolo parla dell’ultima e più im- te del Pontificio Consiglio per il gno saudita, e le loro reciproche vi-
riassumeva nell’invito ai cattolici di teologici, «la partecipazione alla vita riferisco al libro pubblicato in ara- portante tappa di queste relazioni dialogo interreligioso, ha effettuato site, rappresentano un soffio dello
tradizione latina a conoscere «l’anti- trinitaria» (6) i luoghi, la Parola di bo qualche mese fa e che doveva che è la suddetta visita del patriarca in Arabia Saudita alla fine di aprile Spirito che infonde speranza e vita
ca tradizione delle Chiese orientali» Dio, la liturgia come «cielo sulla ter- avere una grande risonanza, non maronita in Arabia Saudita. Il se- 2018 — questo libro viene a rinfor- nelle relazioni tra l’islam e il cristia-
solo in Libano ma in tutto il mon- condo capitolo spiega e riporta i zare l’impegno che la convivenza, nesimo. Questo è, in sintesi, il nu-
do arabo perché parla delle relazio- due memorandum del patriarca car- la fratellanza e la pace non solo so- cleo del libro. È vero che il volume
ni intercorse tra i patriarchi della dinale Raï consegnati al re Salman no possibili ma sono anche dovero- tratta di una relazione tra maroniti
Chiesa maronita in Libano e i re Ben Abd al Aziz Al Saud. Il primo si, sia a livello morale che umano. e sauditi ma può essere guardato
dell’Arabia Saudita, a partire memorandum è intitolato «Sulla Perché se cerchiamo il dialogo, il come un passo in avanti nelle rela-
Il pellegrinaggio alla Mecca dall’istituzione del regno saudita questione libanese», il secondo ha bene dell’altro e la pace, spianere- zioni islamo-cristiane in genere e un
nel 1932. come titolo «Dislocamento siriano mo la strada a una convivenza bella incentivo a promuovere sempre più
limitato ai soli residenti nel Regno Il libro intitolato La relazione del
Patriarcato Maronita con il Regno
in Libano: realtà, sfide e richieste».
Il terzo capitolo invece racconta
e luminosa, tale che il mondo assi-
sterebbe a un sussulto di vera e au-
tali relazioni di amicizia e di fratel-
lanza.
dell’Arabia Saudita è stato pubblica- l’accoglienza che i maroniti hanno tentica umanità e le relazioni uma- Per dare un’adeguata rivalutazio-
RIYADH, 23. L’hajj, il grande pelle- diffuso in oltre centottanta paesi nel to a settembre 2019 e il mese dopo, riservato ai re e agli emiri che si re- ne risulterebbero imperlate da si- ne e il giusto apprezzamento al
grinaggio annuale alla Mecca, quin- mondo, e che i decessi correlati han- cioè il 23 ottobre 2019, si doveva te- cavano in visita in Libano e a Bker- gnificativi e veri atteggiamenti di ruolo che ognuno di noi ha nel dif-
to pilastro dell’islam, in programma no colpito quasi mezzo milione di nere un evento per festeggiare la ké. Segue il quarto capitolo in cui pacifica fraternità. fondere la cultura della pace e
dalla sera del 28 luglio alla sera del persone e più di sette milioni di casi sua pubblicazione e per presentarlo continua la storia affrontando le vi- Questo libro, dice l’autore, narra dell’amore fraterno, mi sembra do-
2 agosto, si farà ma — a causa della sono stati confermati a livello globa- a Bkerké, sede del patriarcato maro- site che i patriarchi maroniti e i loro di una pagina importante della sto- veroso concludere proprio con le
pandemia di covid-19 — potrà parte- le», e «considerando che la malattia nita, alla presenza sia del patriarca, delegati rendevano ai re, agli emiri ria delle relazioni islamo-cristiane parole dell’autore: «È vero che l’es-
ciparvi «un numero molto limitato» si diffonde negli incontri affollati sua beatitudine il cardinale Béchara e ai responsabili sauditi nelle loro ed è allo stesso tempo un testo di sere umano è figlio della storia, ma
di fedeli ovvero solo le persone, di dove è difficile mantenere un distan- Boutros Raï, che dell’ambasciatore sedi in Libano. Quindi il quinto ca- ricerca e di documentazione che è più giusto dire che egli è il signo-
qualsiasi nazionalità, che «si trovano ziamento sociale sicuro», il regno, dell’Arabia Saudita in Libano, sua pitolo prosegue esponendo e pub- sottolinea la profondità e l’impor- re della storia, è il fautore della sto-
all’interno del regno». Ad annun- per salvaguardare la salute pubblica, eccellenza il signor Walid Ben Ab- blicando lo scambio epistolare tra tanza delle relazioni tra i maroniti e ria con le sue buone opere e la sua
ciarlo è stato, ieri sera, il ministero «ha deciso che quest’anno l’hajj si dulla Bukhary. Purtroppo, tre gior- le due parti in questione. i sauditi. Inoltre, esso evidenzia il buona volontà».
saudita dell’Hajj e dell’Umra: «Alla svolgerà con un numero molto limi- ni prima, l’evento è stato annullato Il sesto capitolo è dedicato ad al-
luce del fatto che il coronavirus si è tato di pellegrini di varie nazionalità e rinviato a data da destinarsi, a cune personalità maronite che ave-
che già risiedono in Arabia Saudi- causa delle forti proteste dovute al- vano stretto relazioni di profonda
ta». Il ministero incaricato sottolinea la crisi economica che sta attraver- amicizia con i re e gli emiri sauditi
che il pellegrinaggio si terrà osser- sando il Libano. e che erano i pionieri del Rinasci-
vando «tutte le misure preventive e i Mi piacerebbe presentare questo mento arabo e dello sviluppo. Suc-
protocolli di distanza sociale neces- importante testo, la cui idea è nata cessivamente nel settimo capitolo si
sari per proteggere gli esseri umani prendendo spunto dalla memorabi- parla dell’interazione civile e cultu-
† dai rischi associati a questa pande- le visita del patriarca Raï, cardinale rale tra i due interlocutori per poi
Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Sergio mia e in conformità con gli insegna- di Santa Romana Chiesa al re arrivare a esporre la cronistoria
Pagano, Prefetto dell’Archivio Aposto- menti dell’islam nel preservare le vite dell’Arabia Saudita, il 13 e il 14 no- dell’Accordo di Taif che è stato una
lico Vaticano, il Vice Prefetto, con tut- degli esseri umani». Fin dall’inizio vembre 2017; questa visita, su invito tappa fondamentale nella storia del
to il Personale, partecipa al dolore dei della crisi sanitaria l’Arabia Saudita delle autorità saudite, è un unicum paese dei cedri. Nel nono capitolo
famigliari per la morte di (che a oggi ha registrato 157.612 casi nella storia dei rapporti con il Re- si analizza la relazione tra i maroni-
confermati e 1267 decessi) si è mossa gno. L’abate Daou ha deciso così ti e l’Arabia Saudita parlando di
Monsignor per arginare il contagio, limitando di fare una ricerca e di scrivere que- una missione islamo-cristiana di
fortemente la circolazione delle per- sto libro, pubblicando anche tutti i aperture e di interazioni. Il libro si
UGO D OVERE sone soprattutto nella capitale Riya- documenti che riguardano il rap- conclude con il decimo capitolo in-
della Diocesi di Napoli, professore di dh e nelle città sante della Mecca e porto tra il patriarcato maronita e titolato «Gli orizzonti delle relazio-
Storia della Chiesa, offrendo preghiere di Medina, e sospendendo l’ingresso l’Arabia Saudita lungo la storia. Un ni islamo-cristiane». In quest’ultimo
di suffragio cristiano per l’anima del ai pellegrini dell’umra, che, a diffe- libro e una relazione che acquisisco- capitolo l’autore fa una sintesi mol-
defunto. renza dell’hajj, può compiersi in no una notevole importanza, vista to interessante e ben precisa delle
qualsiasi periodo dell’anno. la peculiarità delle due parti in que- relazioni islamo-cristiane, dei loro
mercoledì 24 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Certe critiche all’attuale pontificato contestano il Vaticano


Nuove sfide
II

Lo sviluppo della dottrina


dopo la crisi sanitaria
I temi discussi all’assemblea dell’episcopato austriaco
è la fedeltà nella novità
di SERGIO CENTOFANTI ta una volta per sempre (Discorso ad vita civile». La conseguenza di que-
VIENNA, 23. Le conseguenze del- tato di essere arcivescovo e ora pre- e dalla strumentalizzazione della re- un gruppo di scienziati e di ricercatori, sta visione era la «tentazione inte-
l’epidemia di coronavirus sulla vita sidente della Conferenza episcopale ligione per scopi politici. L’arcive- lcune critiche di carattere 9 maggio 1983). gralista di escludere dalla comunità
e il futuro della Chiesa, specialmen-
te a livello economico e finanziario;
la lotta contro i cambiamenti clima-
austriaca, lui che proviene da una
famiglia povera e che ha completato
il suo apprendistato da elettricista
scovo di Salisburgo ha ribadito che
nel dibattito politico bisogna sem-
pre osservare un livello minimo di
A dottrinale all’attuale pontifi-
cato stanno mostrando una
graduale ma sempre più netta presa
Wojtyła ricorda che «la rappre-
sentazione geocentrica del mondo
era comunemente accettata nella
temporale coloro che non professa-
vano la vera fede» (Discorso durante
la visita al Parlamento europeo, 11 ot-
tici e la protezione della Casa comu- «con fatica». Il presule ha poi rin- rispetto e apprezzamento per le reli- di distanza dal concilio Vaticano II. cultura del tempo come pienamente tobre 1988).
ne; la «strumentalizzazione della re- graziato il suo predecessore per i 22 gioni e i credenti e il cardinale Non da una certa interpretazione di concorde con l’insegnamento della Ancora nel 1791, in una lettera ai
ligione» a scopi politici: questi sono anni passati a dirigere l’Öbk. Anche Schönborn ha parlato di un neces- alcuni testi, ma dai testi conciliari Bibbia, nella quale alcune espressio- vescovi francesi, Pio VI criticava la
stati i temi principali evocati in oc- in tempi difficili, «quando era il sario «disarmo delle parole». La stessi. Alcune letture che insistono ni, prese alla lettera, sembravano co- Costituzione varata dall’Assemblea
casione della conferenza stampa di momento di chiedere perdono», il buona cooperazione tra lo Stato e le nel contrapporre Papa Francesco ai stituire delle affermazioni di geocen- nazionale che stabiliva «come un
chiusura dell’assemblea plenaria dei cardinale Schönborn è stato per lui comunità religiose in Austria, «che suoi immediati predecessori finisco- trismo. Il problema che si posero principio di diritto naturale che
vescovi austriaci (Öbk) al santuario un modello da cui aveva imparato alcuni ci invidiano» — ha aggiunto no così per criticare apertamente an- dunque i teologi dell’epoca era l’uomo vivente in Società debba es-
nazionale mariano di Mariazell, se- molto. l’arcivescovo di Vienna — deve esse- che san Giovanni Paolo II e Bene- quello della compatibilità dell’elio- sere pienamente libero, vale a dire
gnata dallo storico passaggio di I due leader cattolici austriaci, da re preservata, così come il buon rap- detto XVI o comunque fanno passare centrismo e della Scrittura. Così la che in materia di Religione egli non
consegne tra il cardinale Christoph Vienna, si sono espressi inoltre con- porto tra le religioni. sotto silenzio alcuni aspetti fonda- debba essere disturbato da nessuno,
scienza nuova, con i suoi metodi e
Schönborn, arcivescovo di Vienna, e tro ogni «strumentalizzazione della mentali del loro ministero che rap- e possa liberamente pensare come
Nella loro dichiarazione finale, i la libertà di ricerca che essi suppon-
monsignor Franz Lackner, arcivesco- religione», e hanno chiesto il rispet- presentano evidenti sviluppi dell’ul- gli piace, e scrivere e anche pubbli-
vescovi austriaci hanno anche riba- gono, obbligava i teologi a interro-
vo di Salisburgo, alla guida dell’epi- to delle religioni e il mantenimento timo concilio. care a mezzo stampa qualsiasi cosa
dito che «a lungo termine, le conse- garsi sui loro criteri di interpretazio-
scopato in Austria. della pace religiosa in Austria. Un esempio di quanto appena in materia di Religione». E nel 1832,
All’origine del loro richiamo, riferi- guenze del cambiamento climatico ne della Scrittura. La maggior parte
Nel valutare l’impatto della crisi detto è stato, di recente, il 25o anni- l’enciclica Mirari vos di Gregorio
sce il comunicato finale dell’Öbk, è globale saranno molto più devastan-
del Covid-19, monsignor Lackner ha versario dell’enciclica Ut unum sint XVI parla della libertà di coscienza
affermato che questa pandemia ha un intervento del capo del partito ti di quelle dell’attuale pandemia».
Ecco perché è necessario secondo nella quale Papa Wojtyła afferma come «errore velenosissimo» e «de-
causato «una grande incertezza populista FpÖ, Norbert Hofer, che che l’impegno ecumenico e il dialo-
loro incoraggiare la diffusione di lirio», mentre Pio IX nel Sillabo del
nell’episcopato». Parlando ai gior- il 16 giugno, nell’ambito di una go con i non cattolici sono una
uno «spirito di consapevolezza e 1864 condanna tra «i principali erro-
nalisti a Vienna, il vescovo ha evi- campagna elettorale, aveva dichiara- priorità della Chiesa. L’anniversario
to che il corano era «più pericoloso determinazione». «Siamo convinti — ri dell’età nostra» la concezione che
denziato che, tramite un continuo è stato ignorato da quanti oggi ri-
del coronavirus». Da qui le proteste affermano — che la crisi può avere non convenga più «che la religione
scambio con esperti di medicina e propongono una interpretazione ri-
della comunità musulmana e le nu- un effetto positivo in Austria e nel cattolica si ritenga come l’unica reli-
politica, è stato compiuto il massi- duttiva della Tradizione, chiusa a
merose critiche giunte da ambienti mondo solo se porta a cambiamenti gione dello Stato, esclusi tutti gli al-
mo sforzo per evitare l’infezione dal quel “dialogo dell’amore”, oltre
virus. Si prevede tuttavia che la cristiani. Lackner, in qualità di nuo- concreti e fondamentali dello stile di tri culti, quali che si vogliano» e il
quello dottrinale, promosso dal Pa- fatto che «in alcuni paesi cattolici si
pandemia avrà anche conseguenze vo presidente dell’Öbk, ha fatto ri- vita, in modo che la famiglia umana
pa polacco in obbedienza all’arden- è stabilito per legge che a coloro i
finanziarie per la Chiesa: «qualche ferimento al documento finale della possa vivere bene in pace e giustizia
te desiderio di unità di nostro Si- quali vi si recano, sia lecito avere
notizia ci sta arrivando» al riguardo, plenaria nel quale l’episcopato au- nella casa comune della creazione
gnore. pubblico esercizio del culto proprio
indica Lackner. Ciò nonostante, l’ar- striaco prende le distanze dall’abuso donata da Dio».
Altrettanto trascurato è stato un di ciascuno».
civescovo di Salisburgo ha confer- altro importante anniversario: la ri-
mato che verranno soddisfatte le ri- Il concilio Vaticano II, con le Di-
chiesta di perdono giubilare forte- chiarazioni Dignitatis humanae sulla
chieste dei più bisognosi. Personal- mente voluta da san Giovanni Paolo
mente «sconvolto» dal dover cele- libertà religiosa e Nostra aetate sul
II il 12 marzo di vent’anni fa. È pro- dialogo con le religioni non cristia-
brare la messa nella cattedrale di rompente la forza profetica di un
Salisburgo vuota, il presule ha rin- ne compie un salto che ricorda il
Pontefice che chiede perdono per i concilio di Gerusalemme della pri-
graziato i media che hanno permes-
peccati compiuti dai figli della ma comunità cristiana che apre la
so ai fedeli di poter comunque se-
Chiesa. E quando si parla di “figli” Chiesa a tutta l’umanità. Di fronte a
guire le liturgie grazie alle trasmis-
sono compresi anche i papi. Si sa: queste sfide, Giovanni Paolo II af-
sioni in diretta, «con una risposta non seppe farlo. Paradossalmente,
chi chiede perdono per gli sbagli ferma che «il pastore deve mostrarsi
del pubblico di grande interesse». Il Galileo, sincero credente, si mostrò
compiuti si mette in una rischiosa pronto a un’autentica audacia».
nuovo presidente dell’Öbk ha rico- su questo punto più perspicace dei
situazione di revisione. Wojtyła ha Nel 1988 si verifica lo scisma dei
nosciuto che per una celebrazione suoi avversari teologi» caduti
scelto profeticamente la strada della tradizionalisti lefebvriani. Rifiutano
eucaristica in senso pieno «c’è biso- nell’errore cercando di difendere la
verità. La Chiesa non può e non de- gli sviluppi apportati dal concilio
gno della presenza fisica». Allo stes- fede.
ve avere paura della verità. L’allora Vaticano II: dicono che è stata crea-
so tempo è importante ora sviluppa- «Il capovolgimento provocato dal
cardinale Joseph Ratzinger, prefetto ta una nuova Chiesa. Benedetto XVI
re una «teologia del digitale». sistema di Copernico» generava così
della Congregazione per la dottrina usa un’immagine forte quando li
Commentando la sua elezione, «ripercussioni sull’interpretazione
monsignor Lackner ha spiegato che della fede, sottolineava la «novità di esorta a non «congelare l’autorità
questo gesto», un «atto pubblico di della Bibbia»: Galileo, non un teo-
Dio lo aveva sempre sorpreso nella logo, ma uno scienziato cattolico, magisteriale della Chiesa all’anno
sua vita e che mai si sarebbe aspet- pentimento della Chiesa per i pec-
«introduce il principio di una inter- 1962» (Lettera ai vescovi della Chiesa
cati del passato e di oggi»: un «mea
pretazione dei libri sacri, al di là an- cattolica riguardo alla remissione della
culpa del Papa in nome della Chie-
che del senso letterale, ma conforme scomunica dei 4 vescovi consacrati
sa», un gesto davvero «nuovo, ma
all’intento e al tipo di esposizione dall’arcivescovo Lefebvre, 10 marzo
tuttavia in una profonda continuità
propri di ognuno di essi» secondo i 2009). Era già accaduto nel 1870: i
con la storia della Chiesa, con la
generi letterari. Una posizione con- “vecchi cattolici” condannano il
In Germania Auspicio del nuovo presidente dei vescovi portoghesi sua autocoscienza».
Tante leggende nere sono state fermata da Pio XII nel 1943 con l’en- concilio Vaticano I per il dogma
dell’infallibilità pontificia.
Chiesa e Stato Costruire fomentate su Inquisizione, roghi e
intolleranze varie della Chiesa lungo
ciclica Divino afflante Spiritu (Gio-
vanni Paolo II, Discorso ai parteci- La Chiesa cattolica ha camminato
nella storia attraversando oltre 20
uniti contro la storia, esagerando, falsificando, panti alla sessione plenaria della Pon-
tificia accademia delle scienze, 31 otto- concili: ogni volta c’è stato qualcu-
gli abusi sessuali un’umanità migliore calunniando e decontestualizzando
per cancellare dalla memoria l’ap-
porto grande e decisivo del cristia-
bre 1992).
Analoga crescita della consapevo-
no che non accettava i nuovi svilup-
pi e si fermava. Pio IX nel 1854 pro-
lezza della Chiesa si è verificata con clama il dogma dell’Immacolata
nesimo all’umanità. E gli storici
hanno spesso ricondotto a verità la teoria dell’evoluzione che sembra- Concezione. Ma un grande santo,
BERLINO, 23. Un testo congiunto FÁTIMA, 23. «Dobbiamo costruire una sola famiglia umana e che “sia- Bernardo di Chiaravalle, pur essen-
tante distorsioni e mitizzazioni della va contraddire il principio della
che definisce nuovi criteri e stan- un mondo che non sia del tutto mo tutti nella stessa barca”». Sareb- do uno dei più ardenti propagatori
realtà. Ma questo non impedisce di creazione. Una prima apertura fu
dard vincolanti per trattare in ma- uguale, che usi tutta la ricchezza be positivo se questa consapevolez- della devozione mariana, qualche
che abbiamo, ma che sia anche in fare un serio esame di coscienza per quella dello stesso Papa Pacelli con
niera indipendente la questione za «fosse estesa ad altre aree della secolo prima esprimeva la sua con-
grado di sognare nuovi mondi, im- «riconoscere — afferma Giovanni l’enciclica Humani generis del 1950:
degli abusi sessuali nella Chiesa vita sociale, prima di tutto al modo trarietà a questa verità: «Sono mol-
parando da tutti gli sforzi che sono Paolo II — le deviazioni del passato» il prossimo 12 agosto compie 70 an-
cattolica in Germania è stato fir- di affrontare la crisi economica e so- to preoccupato, visto che molti di
stati fatti in questo momento per e «risvegliare le nostre coscienze di ni. Giovanni Paolo II afferma che
mato ieri dalla Conferenza episco- ciale che stiamo già vivendo». Il su- voi hanno deciso di mutare le con-
costruire un’umanità migliore per fronte ai compromessi del presen- «la creazione si pone nella luce
pale tedesca (Dbk) e dal Commis- peramento di questa situazione ri- dizioni di importanti eventi, come
tutti». È questo l’auspicio espresso te». Di qui la richiesta di perdono dell’evoluzione come un avvenimen-
sario indipendente del governo fe- chiede però una coesione senza pre- ad esempio introdurre questa festa
derale sui problemi relativi agli dal vescovo di Setúbal, José Orne- cedenti tra attori sociali e politici. nel 2000 «per le divisioni che sono to che si estende nel tempo — come
las Carvalho, eletto nuovo presiden- intervenute tra i cristiani, per l’uso una “creatio continua” — in cui Dio sconosciuta dalla Chiesa, non ap-
abusi sessuali su minori, Johan- «Lo Stato ha un ruolo importante provata certo dalla Ragione, e non
nes-Wilhelm Rörig. «Questa di- te della Conferenza episcopale por- — viene ribadito — ma forse ancora della violenza che alcuni di essi diventa visibile agli occhi del cre-
toghese riunitasi in plenaria a Fáti- hanno fatto nel servizio alla verità, e dente come Creatore del Cielo e giustificata neppure dall’antica Tra-
chiarazione — commenta quest’ul- più importante è quello della socie-
ma dal 15 al 17 giugno scorsi. Al ter- per gli atteggiamenti di diffidenza e della terra» (Discorso ai partecipanti dizione. Siamo noi davvero più eru-
timo — è la base decisiva per un tà civile. Questa crisi sembra essere
mine dei lavori è stato redatto un di ostilità assunti talora nei confron- al simposio internazionale su «Fede diti e pii dei nostri antichi padri?».
trattamento trasparente, ed esem- senza precedenti nella sua gravità e,
documento che rappresenta, ha ti dei seguaci di altre religioni» cristiana e teoria dell’evoluzione», 26 Siamo nel XII secolo. La Chiesa, da
plare per altri attori sociali» nel pertanto, richiede uno sforzo di so-
spiegato il presule, una riflessione (Messa per la Giornata del perdono, aprile 1985). Papa Francesco sottoli- allora, ha introdotto altre feste sco-
paese. Con l’adozione del testo, si lidarietà senza precedenti».
sulla ricostruzione della società in 12 marzo 2000). nea che «quando leggiamo nella nosciute che probabilmente avreb-
congratula, «i vescovi hanno preso Quali sono allora le basi da cui
Portogallo dopo la pandemia di co- «Col progresso del tempo — af- Genesi il racconto della Creazione bero scandalizzato molti fedeli vis-
una decisione irreversibile e vinco- ripartire per ripensare il sistema
ronavirus. ferma nel 2004 — la Chiesa, guidata rischiamo di immaginare che Dio suti nei secoli precedenti.
lante per consentire indagini indi- economico? «Preservare ciò che è
pendenti sugli abusi sessuali nel L’insegnamento principale da buono e correggere ciò che è nega- dallo Spirito Santo, percepisce con sia stato un mago, con tanto di bac- Gesù ha affermato di non essere
mondo cattolico», un traguardo trarre dalla sofferenza e dal dolore tivo e ingiusto — suggeriscono i pre- una coscienza sempre più viva quali chetta magica in grado di fare tutte venuto ad abolire la Legge, «ma a
tanto auspicato dalle vittime. causati dal covid-19, è scritto nel suli — come la disuguaglianza e la siano le esigenze della sua confor- le cose. Ma non è così. Egli ha crea- dare pieno compimento» (Mt 5, 17).
documento, «è la riscoperta del va- mità» al Vangelo che rifiuta i meto- to gli esseri e li ha lasciati sviluppa- Ha insegnato a non trasgredire
D’ora in poi, il trattamento dei ca- distruzione dell’ambiente». Un’oc-
lore di ogni vita umana, poiché solo di intolleranti e violenti che nella re secondo le leggi interne che Lui neanche «uno solo di questi precet-
si «può avvenire in tutte le diocesi casione unica, in sostanza, per dar
quel valore può giustificare le con- storia hanno deturpato il suo volto ha dato ad ognuno, perché si svi- ti, anche minimi» (Mt 5, 19). Eppu-
secondo standard e criteri unifor- vita a un progetto «in cui i valori
seguenze delle misure prese per pre- (Lettera al cardinale Etchegaray in oc- luppassero, perché arrivassero alla re era accusato di violare le norme
mi; trasparenza, omogeneità e sen- della solidarietà non solo muovano
venire la diffusione della malattia». casione della pubblicazione degli atti propria pienezza (...) Il Big-Bang, mosaiche, come il riposo del sabato
sibilità verso le persone interessate le azioni di sostegno sociale, ma pe-
Insieme ad esso è stato rivalutato, del simposio internazionale «L’Inquisi- che oggi si pone all’origine del o il divieto di frequentazione dei
stanno diventando vincolanti», proseguono i vescovi, anche il valo- netrino anche nell’economia e nel
sottolinea Rörig. Per il rappresen- mercato». Solamente in questo mo- zione», 29-31 ottobre 1998). mondo, non contraddice l’intervento pubblici peccatori. E gli apostoli
re della missione degli operatori del creatore divino ma lo esige. L’evolu- compiono il grande salto: abolisco-
tante della Dbk incaricato delle do sarà possibile creare posti di la- Un caso particolarmente significa-
settore sanitario che meritano un ri- zione nella natura non contrasta con no l’obbligo sacro della circoncisio-
questioni relative agli abusi ses- voro «attraverso metodi più rapidi tivo è stato quello di Galileo Galilei,
conoscimento per l’attenzione rivol- la nozione di Creazione, perché ne, risalente addirittura ad Abramo
suali nella Chiesa e alla protezio- ed economici, con requisiti struttu- il grande scienziato italiano, un cat-
ta ai malati. Soprattutto per l’ammi- e in vigore da 2000 anni, e aprono
ne dei minori, monsignor Stephan rali a più lungo termine che richie- tolico, che — ha detto Giovanni l’evoluzione presuppone la creazio-
revole dedizione alla cura degli an- ai pagani, cosa impensabile a quel
Ackermann, la firma della dichia- dono investimenti più in linea con Paolo II — «ebbe molto a soffrire, ne degli esseri che si evolvono» (Di-
ziani, cercando di alleviare le loro
razione congiunta dimostra che i gli obiettivi di sviluppo sostenibile. non possiamo nasconderlo, da parte scorso in occasione dell’inaugurazione tempo. «Ecco — dice il Signore — io
sofferenze e fragilità. Se però da
vescovi e le diocesi in Germania Dobbiamo resistere — ammoniscono di uomini e organismi della Chiesa» di un busto in onore di Benedetto XVI, faccio nuove tutte le cose» (Ap 21,
una parte si è ritrovata l’importanza
assumono la loro responsabilità — alla tentazione di guardare a bre- (Discorso per la commemorazione della 27 ottobre 2014). 5). È il «vino nuovo» dell’amore
di difendere la vita umana dall’al-
istituzionale per le ingiustizie tro, evidenziano i presuli, ci si è tro- ve termine dimenticandoci di peri- nascita di Albert Einstein, 10 novem- Nel Nuovo Testamento, ma non evangelico che subisce sempre il ri-
commesse da membri della Chie- vati di fronte alla sua precarietà. coli molto più gravi che potrebbero bre 1979). Papa Wojtyła esamina la solo, ci sono richiami profondissimi schio di essere messo negli «otri
sa. Il vescovo di Trier ritiene posi- Questa, pertanto, «deve essere an- verificarsi in un futuro forse non co- vicenda «alla luce del contesto stori- alla libertà che hanno cambiato la vecchi» delle nostre sicurezze reli-
tivo che rappresentanti ecclesiali, che un’occasione per riscoprire Dio, sì lontano». Globalizzazione della co dell’epoca» e «della mentalità di storia: ma vengono scoperti poco a giose, che tante volte mettono a ta-
esperti indipendenti in ambito al quale dobbiamo questa vita e che solidarietà, dunque, partendo pro- allora». La Chiesa, pur fondata da poco. Papa Bonifacio VIII con la cere il Dio vivo che non smette di
scientifico, giuridico e amministra- ci chiama a condividere con lui prio da interventi sulla sanità pub- Cristo, «resta tuttavia costituita da bolla Unam sanctam del 1302 ribadi- parlarci. È la sapienza del «discepo-
tivo, nonché le persone colpite, la- un’altra Vita, di pienezza ed eterni- blica: ad esempio, rendere accessibi- uomini limitati e legati alla loro va la superiorità dell’autorità spiri- lo del regno dei cieli» che cerca la
vorino insieme a questo nuovo tà». le a tutti il futuro vaccino contro il epoca culturale». Anch’essa «impara tuale su quella temporale. Era un’al- pienezza della Legge, la giustizia
progetto. Allo stesso tempo, con- Un altro aspetto drammatico cau- covid-19. Anche a questo sono chia- con l’esperienza» e la vicenda di tra epoca. Quasi 700 anni dopo che supera quella degli scribi e dei
clude, i numerosi sforzi compiuti sato dalla malattia infettiva è quello mati i governi dell’Unione europea, Galileo «ha permesso una matura- Giovanni Paolo II, parlando a Stra- farisei, estraendo «dal suo tesoro co-
fino ad ora dalle diocesi e le co- relativo alla crisi economica, si sot- è scritto nel documento, affrontan- zione e una comprensione più giu- sburgo, osserva che la cristianità se nuove e cose antiche» (Mt 13,
noscenze già acquisite vanno inte- tolinea nel documento. «La pande- do una sfida «che potrebbe essere sta della sua autorità». Cresce la medievale non distingueva ancora 52). Non solo cose nuove, non solo
grate nel processo. mia ci ha fatto sentire che siamo la più grande della loro storia». comprensione della verità: non è da- «tra la sfera della fede e quella della cose antiche.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO mercoledì 24 giugno 2020

«Io vedo con chiarezza che la cosa di cui la Chiesa ha più bisogno oggi
OSPEDALE DA CAMPO è la capacità di curare le ferite e di riscaldare il cuore dei fedeli, la vicinanza, la prossimità.
Io vedo la Chiesa come un ospedale da campo dopo una battaglia...
Curare le ferite, curare le ferite... E bisogna cominciare dal basso»

Come portare Dio fra gli uomini: intervista a don Giovanni Carpentieri

Un catino, un asciugamano
dell’acqua e un grembiule
di MAURO LEONARDI a proposito di “periferie esistenziali” va ai servizi sociali, non arriva alla tavolino ma piano pianino, in ma-
e parlo di “esistenze periferiche”. scuola, non arriva a un dialogo fami- niera casalinga, anzi casareccia,
on Giovanni Carpentieri, ro- Queste esistenze periferiche sono liare o psicologico, che è invisibile a mozzichi e bocconi. Cominciai a

D mano di nascita, è prete ed


educatore professionale. Or-
dinato dal cardinale Ruini, ha fatto
dappertutto a Roma: vanno dalla
Roma bene alla Roma messa male.
Perché non si tratta di individuare il
fino a quando esplode all’improvviso
quando ne leggiamo i drammi sui
giornali.
capire come si sta in una comitiva
pomeridiana, cosa significava avere
un ragazzo in dipendenza, cosa era
il Seminario Romano e svolge il suo giovane tossico, o il tossico non gio- una comunità, come s’incontrano i
incarico pastorale sul fronte del disa- vane, ma si tratta di intercettare esi- Perché non si è accontentato di fare il ragazzi in una classe di scuola, in
gio giovanile, servizio che porta stenze che, svuotate di vita e riempi- prete normale? una discoteca o in una famiglia che
avanti da 17 anni prima con lo stesso te di mammona, di egoismi, invece ha il figlio agli arresti domiciliari,
di comunicare vita, succhiano quella Prima non mi ero affatto accon- ecc...
Ruini, poi con il cardinale Vallini e tentato di fare il prete e come lo fac-
attualmente con il cardinale Angelo degli altri a proprio vantaggio. Que-
ste esistenze periferiche sono dap- cio ora, per me, non è normale, ma Arriviamo così al 2003. Che cosa ac-
De Donatis. normalissimo! Tutto nasce in Semi-
pertutto, ce ne sono tantissime. Oc- cadde?
corre fare come Gesù. Si tratta di nario. Ricevetti una formazione —
Don Giovanni, perché noi “non vedia- Dopo 11 anni di normalissimo vi-
abitare queste realtà, senza annetter- mi piace definirla “addestramento”,
mo” i giovani che lei incontra? Perché i ceparroco in alcune parrocchie di
le, ma viverle mettendosi al servizio con riferimento al Salmo 143 dove si
ragazzi che stanno male per noi adulti Roma, mi decisi a chiedere al cardi-
e comunicando loro vita. Compito dice che il Signore addestra le mie
sono invisibili? nale Ruini, attraverso l’intelligente
di noi cristiani è quello di stare lì ed mani alla “battaglia” — che non fu
Io mi diverto ad “invertire” la fa- andare ad intercettare queste esisten- specifica, anzi, fu quasi casuale. Non mediazione dell’allora vescovo vice-
mosa espressione di Papa Francesco ze, trovare quella fascia che non arri- è stata una formazione progettata a gerente monsignor Nosiglia, di poter
avviare il mio desiderio pastorale:
chiesi di occuparmi di disagio giova- abbiamo lo stile del Buon Samarita- dente, o diversamente credente, o
nile. Una vecchia denominazione no, il passo dopo passo che insegna non ancora credente, che però ha a
parlerebbe di “pastorale di strada”, lui. cuore la fascia giovanile di cui stia-
qualificazione che non mi piace: io mo parlando. È importante abitare
Il Villaggio dell’Arca in Kazakhstan ad essa, invece, preferisco “periferie Cos’ha fatto Gesù secondo la sua lettu- questi mondi giovanili, con una
esistenziali”, il modo di dire di Papa ra? prossimità adulta e matura. Questo

All’altezza Francesco. Nel mio caso chiedevo di


occuparmi di periferie esistenziali
giovanili. Ruini mi diede il permes-
Al riguardo, prendo a prestito una
riflessione di Alberto Maggi che
condivido e integro: Gesù ha porta-
tipo d’intervento sarebbe richiesto
semplicemente dalla giustizia visto
che esistono tanti adulti per cui i

del nostro essere umani so. Così, partii. E posso dire che
tante cose belle sono state fatte in
questi 16 anni.
to Dio fuori dal Tempio. Ha tolto
Dio dal sistema sacrificale, dal siste-
ma rituale, dal sistema cultuale, e,
giovani sono solo business e motivo
di soldi. Vorrei che ci fossero adulti
desiderosi di “abitare le periferie”.
mettendosi in fila tra i peccatori, lo Ed ecco una proposta per tutti i let-
Mi spiegava che per la sua attività ha portato direttamente lì dove c’era tori: con tanto affetto, colgo l’occa-
di CRISTINA UGUCCIONI pastorale centrale è il vangelo del Buon bisogno. Non ha portato l’uomo a sione per presentare un’iniziativa
Samaritano. Dio ma Dio all’uomo. Se tu porti diocesana tutta romana, che si chia-
n bambino rifiutato e ab-

U bandonato, un bambino
sofferente nel corpo o nello
spirito, è figlio di tutti. E quando
Sì. L’icona che abbiamo presente
è quella del Buon Samaritano. Cosa
fa il Buon Samaritano? Incontrato
l’uomo a Dio, c’è sempre qualcuno
che lasci per strada. Ti perdi un tos-
sico, un omosessuale, una prostituta,
ma: Ospedale da Campo per giova-
ni, nasce a cura di un gruppo di dia-
coni permanenti della diocesi. L’ini-
ziativa è aperta a tutti coloro che ne
donne e uomini decidono di allearsi lo sventurato on the road, attiva un transessuale, una divorziata, in-
somma lasci qualcuno che non gliela condividono gli obiettivi e desidera
e lavorare insieme per curare le sue una serie di step. Per prima cosa se
fa ad arrivare a Dio perché non rie- avviare una collaborazione, rivolgen-
ferite e aiutarlo a costruire un futu- lo prende in carico, poi lo porta in
sce ad affrontare quel complesso si- dosi a quanti — educatori professio-
ro buono, lì si compie un’opera in- una locanda, in terzo luogo attiva ri-
stema di preghiere, di culti, di sacra- nali, assistenti sociali, insegnanti, ge-
dubitabilmente all’altezza del no- sorse umane (il locandiere), di spa-
menti che, in gran parte, abbiamo nitori, medici, avvocati, forze dell’or-
stro essere “umani”. Lì si stringono zio (la locanda), poi ci mette anche
qualche suo soldino, e infine rimane costruito noi. Gesù ha portato Dio dine, credenti e non, volontari, ecc.
quei legami speciali che tengono in — incontrano nei loro percorsi pro-
piedi il mondo. Accade ogni gior- lì tutta la notte e, promettendo un all’uomo. Ha portato il Volto del
suo ritorno, garantisce pure quella Padre, la carezza del Padre, la bontà fessionali e di vita quotidiana adole-
no, in molti luoghi della terra: an- scenti e giovani in dipendenza o con
che noi oggi chiameremmo “una su- del Padre all’uomo. E una carezza la
che in Kazakhstan, vastissimo Paese comportamenti difficili da trattare e,
pervisione”! È un progetto di pro- capiscono tutti. Noi quindi cerchia-
abitato da 17 milioni di persone ap- al contempo, vogliano dare risposte
mozione umana. Perché questi ra- mo di fare proprio questo: “generare
partenenti a 130 nazionalità diverse sto abbiamo voluto costruire un’al- gettando nuove iniziative fra le concrete a tragiche situazioni: faccia-
gazzi, ancor prima di aver perso il processi”, direbbe l’Evangelii gau-
nel quale i musulmani costituiscono leanza educativa tra adulti generosi quali una fattoria con gli animali, molo insieme! Seguiteci su Fb:
senso della fede — della quale non dium. Cerchiamo di abitare le perife-
il 70-75 per cento della popolazio- e disponibili, aperta al contributo nuovi laboratori di artigianato e Ospedale da campo per giovani. Il
importa loro nulla — hanno smarrito rie esistenziali giovanili e di portare
ne, gli ortodossi il 20-25 per cento, di tutti. Io, ad esempio, do ai miei corsi di tecnologia: «Vogliamo ac- lì la carezza di un cristiano che si sottoscritto resta a disposizione.
mentre i cattolici sono circa 50.000. ragazzi lezioni di chitarra ma se mi il senso della vita. Quindi noi dob-
compagnare tutti, siamo una gran- biamo fare come faceva Gesù. Gesù mette accanto a una persona. Siamo
Qui, nella cittadina di Talgar, accorgo che uno di loro è partico- più abituati a parlare di Cristo, ma
de famiglia attenta a ogni figlio: e abitava le periferie e comunicava vi-
sorge il Villaggio dell’Arca, fondato larmente dotato lo indirizzo subito dobbiamo fare come Cristo. Fare co-
e diretto da padre Guido Trezzani, questo è un legame invincibile. ta. La Buona Notizia di Gesù non è
a un maestro di musica più qualifi- me Cristo vuol dire armarsi delle ar-
64 anni, dal 2019 anche direttore Molti ragazzi che hanno vissuto qui fornire un complesso dottrinale e
cato di me, che è pronto a impe- mi di Cristo. Quali sono? È il pro-
sono ormai grandi, hanno messo su poi chiedere di aderire a quel com-
della Caritas kazaka. Nel 1997,
quando viveva ad Almaty (la città
gnarsi. Questa alleanza tra adulti
per il bene delle giovani generazio- casa e famiglia: spesso mi vengono plesso, ma consiste nel comunicare gramma battesimale che io traduco
con “catino, asciugamano, acqua e
Nomina episcopale
a trovare e mi commuovo sempre vita, dare umanità, umanizzare l’uo-
più popolosa del Paese), iniziò a la-
vorare con i volontari che prestava-
ni va sempre alimentata e ampliata:
è fondamentale, decisiva sul piano molto quando sento che trasmetto- mo laddove non c’è più né dignità grembiule”: è portare la carezza di
cui parlo. In questo modo noi cri-
nelle Filippine
no servizio negli orfanotrofi locali. no ai loro figli (che mi chiamano né libertà perché è stato fatto ogget-
educativo. Papa Francesco lo ha stiani siamo più che vincenti.
Nel 2000, insieme a un piccolo “nonno”) insegnamenti che hanno to di sistemi oppressivi religiosi e ci-
saggiamente sottolineato quando ha
gruppo di volontari e grazie all’aiu- promosso l’evento mondiale (riman- ricevuto qui».
vili. Sistemi che, nel caso dei ragaz-
Lei che passa la sua giornata con que-
Jose Araneta Cabantan
to di amici italiani, decise di fonda- zi, sono la dipendenza dalla droga, arcivescovo metropolita
dato a causa della pandemia) intito- È la catena delle generazioni nel- ste esistenze periferiche giovanili cosa
re nelle vicinanze di Almaty, a Tal- dall’alcol, le compulsività di diverso di Cagayan de Oro
lato “Ricostruire il patto educativo la quale gli esseri umani si impe- dice agli adulti?
gar, una casa famiglia per dare ac- genere come lo shopping, il gioco
globale”. Quell’alleanza di cui lui gnano a far passare le cose migliori.
coglienza a bambini e ragazzi orfa- d’azzardo, i disagi familiari, le picco- Vorrei che riflettessero su quella Nato a Lagonglong, Misamis
parla è la medesima che ispira la È la catena nella quale il Figlio è
ni, disabili o provenienti da fami- le o micro devianze che poi possono vita “periferica” di cui abbiamo par- orientale, il 19 giugno 1957, ha
nostra opera». entrato e alla quale si è irrevocabil-
glie che attraversavano momenti di condurre sempre più frequentemente lato qui. Penso a quella realtà adulta compiuto gli studi secondari pres-
I giovani accuditi da padre Gui-
difficoltà. La casa famiglia, situata mente legato. alla macro-criminalità. Quindi sì, noi magari non credente, o non più cre- so la locale Saint John the Bapti-
do e dai suoi collaboratori frequen-
in una colonia estiva del tempo so- tano gli istituti scolatici statali della st High School. Ha successiva-
vietico, nel corso degli anni è stata zona mentre nella scuola del Villag- mente conseguito il baccellierato
ampliata sempre più sino a diventa- gio possono seguire corsi per ap- in ingegneria chimica presso il
re il Villaggio dell’Arca che ospita profondire alcune materie (ad esem- Cebu Institute of Tecnology, il
mediamente sessanta bambini e ra- pio, lingue, informatica, musica). __
__ master in ministero pastorale al
gazzi ed è composto da abitazioni, Nel Villaggio è stato avviato un
__ Online Saint John Vianney Theological
scuola, mensa, laboratori di artigia- progetto agricolo e sono state aper- seminary di Cagayan de Oro, e la
nato, terreni coltivati, centro medi- te una serra, una sartoria, una fale- licenza in sacra teologia presso la
co e riabilitativo.
Qui, insieme a padre Guido, la-
gnameria, tutte attività nelle quali i
ragazzi, anche quelli con disabilità,
UN SITO ALLA SETTIMANA Loyola School of Theology a Ma-
nila. Ordinato sacerdote il 30
vorano stabilmente trenta persone possono imparare un mestiere e la- a cura di FABIO BOLZETTA aprile 1990 a Lagonglong per il
(anche musulmane) cui si aggiun- vorare. I ragazzi che invece deside- clero dell’arcidiocesi metropolita-
gono numerosi volontari locali che rano frequentare corsi esterni o av- na di Cagayan de Oro, dopo un
nel corso negli anni sono andati au-
mentando.
viare una attività in proprio sono
accompagnati nel percorso e soste-
Codice Murad anno come vice-parroco della cat-
tedrale, è stato dal 1991 al 1995
«Il Villaggio — racconta padre nuti economicamente. amministratore parrocchiale di
Guido — è nato per rispondere al In Kazakhstan, purtroppo, la di- San Roque Catarman, Camaguin,
Una iniziativa di consultazione globale per proteggere
bisogno di famiglia e di affetti soli- sabilità è spesso vista come una ver- e dal 1995 al 1997 decano degli
le vittime di violenza sessuale in zone di conflitto, docu-
di di giovani in molti modi provati gogna o una maledizione, sottoli- studi al San Jose de Mindanao
mentarne i casi e sostenere i diritti dei sopravvissuti.
dalla vita. La nostra proposta edu- nea padre Guido. La società non è Seminary di Cagayan de Oro.
cativa, diversa da ogni altra presen- In occasione della Giornata internazionale per l’elimi-
pronta ad accogliere serenamente i Dopo il triennio di studi alla Lo-
te in Kazakhstan, si fonda su due nazione della violenza sessuale nei conflitti, introdotta yola School of Theology e un an-
disabili, ai quali sono ancora pre-
capisaldi. Il primo è la centralità clusi le scuole statali e il mondo del cinque anni fa dall’Assemblea generale delle Nazioni no come direttore del San Jose
della persona: ogni bambino è uni- lavoro. Nel Villaggio i bambini e i Unite ogni 19 giugno, il Governo del Regno Unito ha Seminary di Quezon City, è stato
co e prezioso, ed è seguito, amato e ragazzi disabili frequentano la scuo- appena lanciato il sito del Codice Murad, un progetto dal 2000 al 2007 formatore al
accudito come un figlio. Ci impe- la interna seguendo un programma consultivo di condotta globale, il cui testo è aperto al Saint John Vianney Theological
gniamo affinché possa sperimentare di attività proporzionato alle capa- contributo di tutti, con linee guida e fonti di diritto in- Seminary di Cagayan de Oro, e
l’affetto incondizionato, il calore e cità di ciascuno. Hanno a disposi- ternazionale e una Carta dei sopravvissuti per cercare di Come è stato scritto nel tweet di Papa Francesco del dal 2007 al 2010 parroco di Me-
la sicurezza di una famiglia». zione un centro riabilitativo (aperto rafforzare il senso comune di giustizia e responsabilità. 19 giugno 2020 in riferimento alla Giornata internazio- dalla Milagrosa nella stessa città.
Il secondo caposaldo è la dimen- anche alle persone disabili che vivo- Il Codice è intitolato al premio Nobel per la pace nale «ricordiamo che la donna racchiude in sé la custo- Eletto il 18 febbraio 2010 alla sede
sione del villaggio: «Desideriamo no nella zona) e possono lavorare Nadia Murad, la donna yazida di 27 anni, vittima delle dia della vita, la comunione con tutto, il prendersi cura residenziale di Malaybalay, è stato
offrire a ogni giovane un ampio insieme agli altri giovani. violenze, che dal 2016 è il primo Ambasciatore di buona di tutto. Da come trattiamo il corpo della donna com- ordinato vescovo il 30 aprile suc-
ventaglio di opportunità in modo Padre Guido, proprio per offrire volontà dell’Onu per la dignità dei sopravvissuti alla prendiamo il nostro livello di umanità». cessivo. Nella Conferenza episco-
che possa sviluppare i propri talenti a tutti i ragazzi ulteriori strade per tratta di esseri umani. www.muradcode.com pale filippina presiede la commis-
e trovare la propria strada: per que- edificare un futuro buono, sta pro- sione per le comunità di base.