Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 144 (48.468) Città del Vaticano venerdì 26 giugno 2020
.

Guterres chiede a Netanyahu di fermare il piano ma gli Stati Uniti si oppongono A cura del dicastero per la nuova evangelizzazione

Scontro all’O nu Un nuovo


«Direttorio per la Catechesi»
sulle annessioni israeliane dei Territori
NEW YORK, 25. È uno scontro duris- zione del diritto internazionale». nella sua richiesta dai Paesi europei permanenti), Estonia, Norvegia e Ir-
simo quello andato in scena ieri alle Una violazione che «danneggerebbe e dalla Lega Araba. landa (membri non permanenti che
Nazioni Unite. Il Consiglio di sicu- gravemente la prospettiva della solu- «L’annessione costituirebbe una ancora devono entrare in carica).
rezza si è completamente spaccato zione a due stati e minerebbe le pos- chiara violazione del diritto interna- Anche per il segretario generale del-
sulla questione delle annessioni uni- sibilità di ripresa dei negoziati». Per zionale» si legge in una dichiarazio- la Lega Araba, Ahmed Aboul Gheit,
laterali di parti dei Territori palesti- questo Guterres ha lanciato un ap- ne congiunta firmata da Francia e «la mossa di Israele, se attuata, di-
nesi annunciate dal governo israelia- pello al governo israeliano perché Gran Bretagna (membri permanen- struggerà ogni prospettiva di pace»
no di Benjamin Netanyahu. Le an- abbandoni i suoi piani, sostenuto ti), Germania, Belgio (membri non e «costituirebbe una seria minaccia
nessioni scatteranno il 1 luglio. alla stabilità regionale».
Nel corso di una riunione on line Per il ministro degli Esteri del go-
del Consiglio, il segretario generale verno palestinese, Riad Al-Malki,
delle Nazioni Unite António Guter- «qualsiasi annessione dei Territori
res ha avvertito che l’annessione di palestinesi da parte di Israele sareb-
parti dei Territori da parte di Israele be un crimine». Per questo i palesti-
costituirebbe «una gravissima viola- nesi minacciano «ripercussioni im-
mediate» se il piano andrà avanti.
«Il mondo è a un bivio», ha aggiun-
to Al-Malki.
Gli Stati Uniti si sono schierati a
ALL’INTERNO fianco di Israele. Per il segretario di
stato americano, Mike Pompeo, sul- Stampa raffigurante san Turibio di Mogrovejo in missione
le annessioni è il governo israeliano
Il metodo Rondine al servizio ad avere l’ultima parola. «Le decisio-
dei giovani del mondo ni sull’estensione della sovranità Al passo con i tempi, inserita nelle ne genesi, contenuti, obiettivi e
d’Israele spettano agli israeliani» ha sfide della cultura digitale e con un modalità di attuazione sono inter-
Crescere sottolineato. «Ma parliamo con tutti ruolo primario nella realizzazione venuti anche l’arcivescovo José Oc-
i paesi della regione su come gestire della missione fondamentale della tavio Ruiz Arenas e il vescovo
leader di pace questo processo». Va detto che il Chiesa: ecco come deve essere la Franz-Peter Tebartz-van Elst, ri-
piano di annessioni presentato dal Catechesi nell’era attuale secondo spettivamente segretario e delegato
SILVIA CAMISASCA A PAGINA 2 governo di Netanyahu è strettamente le indicazioni del nuovo Direttorio per la catechesi del Dicastero. Ap-
connesso al progetto di pace elabo- redatto dal Pontificio consiglio per
rato dall’Amministrazione Usa. provato da Papa Francesco lo scor-
la promozione della nuova evange-
Il cardinale vicario di Roma Al momento, Israele sembra inten- lizzazione. Presentato in diretta so 23 marzo, memoria liturgica di
ha consegnato gli orientamenti zionato ad andare avanti. «Nessuna streaming nella Sala stampa della Turibio di Mogrovejo, il Direttorio
per il nuovo anno pastorale propaganda palestinese cambierà il Santa Sede la mattina di giovedì 25 per la Catechesi è affidato alla spe-
legame forte e innegabile tra il po- giugno, il documento «rappresenta ciale protezione del santo arcive-
In ascolto dell’altro polo ebraico e la nostra storica pa- un felice evento per la vita della scovo e catechista spagnolo.
tria» ha detto l’ambasciatore israelia- Chiesa», ha detto l’arcivescovo pre-
guidati dallo Spirito no all’Onu, Danny Danon. sidente Rino Fisichella. A illustrar- PAGINA 8

PAGINA 7

Il governo libico presenta una serie di proposte per modificare il memorandum del 2017
LABORATORIO
D OPO LA PANDEMIA Tripoli pronta al dialogo sui migranti
Il libro del vescovo di Assisi
TRIPOLI, 25. Passi in avanti nel dia- Il 2 luglio sarà la data per l’avvio direzione, con la volontà della Libia governo di al-Serraj. «L’intervento dell’Egitto in caso di ulteriore avan-
Crisi come grazia logo sulla gestione dell’immigrazio- dei negoziati sulla modifica del me- di applicare i diritti umani». della Turchia in Libia ha riportato zata della controffensiva delle forze
ne nel Mediterraneo. Le autorità li- morandum. «Anche nelle fasi più A Tripoli c’è aria di soddisfazione. un equilibrio nella regione» ha detto di Tripoli verso Sirte a Jufra.
biche hanno consegnato ieri al mini- drammatiche dell’epidemia, il dialo- Le autorità locali parlano di «un il ministro degli Esteri di Ankara
D OMENICO SORRENTINO A PAGINA 3 stro degli Esteri italiano, Luigi Di go dell’Italia con la Libia non si è deciso cambio di passo dell’Italia». Mevlut Cavusoglu. Parlando della
Maio, una serie di proposte per la mai interrotto. La Libia è una priori- Inoltre, hanno aggiunto le fonti par- situazione in Nordafrica e nel Medi-
modifica del memorandum del 2017 tà della nostra politica estera e della lando all’Ansa, «è stata impostata terraneo in un’intervista a una radio
sui migranti che andrebbero incon-
tro alle richieste avanzate dal gover-
sicurezza nazionale» ha detto Di
Maio. L’Italia «ritiene inaccettabile
una fondamentale cooperazione nel-
lo sminamento di un’area molto am-
di Istanbul, il capo della diplomazia
turca è tornato ad attaccare la Fran-
NOSTRE
ra
L
cconto’
A PAROLA DELL ANNO
no italiano a quello di Tripoli. Lo si
apprende da fonti qualificate a mar-
gine della visita di Di Maio nel Pae-
una divisione del Paese» che sarebbe
«l’anticamera di nuovi conflitti ar-
mati» ha spiegato il titolare della
pia, circa cento chilometri quadrati,
che è stata minata dalle forze» del
generale Khalifa Haftar (l’avversario
cia, sostenendo che insieme agli
Emirati Arabi Uniti è il Paese «più
disturbato» dal rafforzamento del
INFORMAZIONI
se. «La Libia si impegna nell’assiste- Farnesina, facendo riferimento al di al-Serraj, ndr) «in ritirata alla pe- governo libico. «È il presidente fran- Il Santo Padre ha ricevuto
La narrazione che rappresenta re i migranti salvati nelle loro acque, conflitto civile tutt’ora in atto nel riferia della capitale». La visita di Di cese Emmanuel Macron a superare i questa mattina in udienza:
il mondo a vigilare sul pieno rispetto delle Paese. «Il presidente al-Serraj (capo Maio ha attestato «la determinazio- limiti e a giocare un gioco pericolo-
convenzioni internazionali attribuen- del governo libico riconosciuto ne a riacquisire quel ruolo che in Li- so in Libia» ha ripetuto Cavusoglu, l’Eminentissimo Cardinale
Una storia strana do loro protezione internazionale co- dall’Onu, ndr) mi ha consegnato la bia compete all’Italia, in collabora- usando nuovamente la stessa espres- Luis Francisco Ladaria Ferrer,
Prefetto della Congregazione
e varia, piena di eventi sì come stabilito dalle Nazioni Uni- proposta libica di modifica del me- zione con altri Paesi amici». sione rivolta da Parigi ad Ankara. Il
per la Dottrina della Fede;
te» si legge in uno dei passaggi cen- morandum in materia migratoria. Ad Intanto, Ankara è intervenuta ieri ministro ha anche respinto le minac-
PIERO BOITANI A PAGINA 5 trali del documento di 7 pagine. una prima lettura si va in una giusta confermando il proprio sostegno al ce di un intervento militare Sua Eccellenza Monsignor
Alfred Xuereb, Arcivescovo ti-
tolare di Amantea, Nunzio
Apostolico in Corea e in Mon-
golia.
NEL NUMERO DI LUGLIO DI «D ONNE CHIESA MOND O» Webinar della Cei e della Fondazione Soleterre sull’emergenza coronavirus in Africa occidentale
Il Santo Padre ha ricevuto
Strategia di azione questa mattina in udienza il
«Vite di frontiera» Signor Gilbert F. Houngbo,
Presidente dell’«International
n Africa e nel mondo intero All’incontro online hanno parteci- condividere la scienza medica, le
«Vite di frontiera» è il tema di
«Donne Chiesa Mondo», il mensi-
le de «L’Osservatore Romano»,
Per la sezione «La foresta silen-
ziosa» tre storie: Las Patronas del
Messico, che lanciano cibo ai mi-
I «tutti coloro che hanno vissuto
il lockdown a causa del corona-
virus stanno subendo le conseguenze
pato Gian Battista Parigi, presidente
del Centro internazionale per la coo-
perazione allo sviluppo dell’universi-
pratiche scientifiche con tutta l’uma-
nità?». Dal canto suo Parigi si è in-
nanzitutto rallegrato per il fatto che
Fund for Agricultural Deve-
lopment» (IFAD).

online a partire dal 28 giugno sul granti che tentano di attraversare il legate al fatto che si sono fermate le tà di Pavia e membro del Comitato «l’Africa, fortunatamente, è ancora Il Santo Padre ha ricevuto
sito www.osservatoreromano.va. confine con gli Stati Uniti aggrap- vite delle persone. Dopo la pande- della Cei per gli interventi caritativi relativamente poco colpita» dalla
pati ai treni; Janet Marquez, diret- questa mattina in udienza Sua
In prima persona si raccontano mia, sintomi o manifestazioni menta- a favore del Terzo mondo, Sonia pandemia di coronavirus, osservando
le teologhe Cristina Simonelli, che trice della Caritas del Venezuela; Eccellenza la Signora Safia
li riguarderanno gli abitanti di tutto Drioli, coordinatrice regionale dei che «esiste la possibilità di avere più
ha vissuto 35 anni in un campo Marrina Zavagli, operatrice Asvi il pianeta»: ad affermarlo è stato programmi di sviluppo della Fonda- morti a causa del mancato ricovero Taleb al Souhail, Ambasciato-
rom; Shahrzad Houshmand Zadeh, negli slum del Mozambico. Damiano Rizzi, presidente della zione Soleterre nell’Africa occidenta- in ospedale, per la paura di recarvisi re di Iraq in Italia, con il
doppia laurea in Teologia islamica, Nella rubrica «Promemoria» il Fondazione Soleterre e psicologo cli- le (Marocco), nonché tre responsabi- da parte della popolazione, che de- Consorte.
all’Università di Teheran, e Licenza ricordo di Margherita Guarducci, nico, in occasione di un webinar te- li del programma salute della fonda- cessi legati alla pandemia in sé». Tra
in Teologia Fondamentale cristiana, l’archeologa che ritrovò le reliquie nutosi oggi 25 giugno durante il zione in Africa: Jean Marie Djesso- la gente, infatti, c’è il timore di un
alla Pontificia Università Latera- di Pietro nella basilica Vaticana quale è stato presentato il piano uan (Costa d’Avorio), Imane Benle- contagio nei centri sanitari. «La pri-
Il Santo Padre ha ricevuto
nense; suor Shalini Mulackal, pre- d’azione che la fondazione sviluppe- kbir (Marocco) e Parfait Tiemtore ma cosa che ci è stata chiesta — ha questa mattina in udienza Frè-
sidente del Centro Studi Dalit in rà nei prossimi quattro mesi grazie al (Burkina Faso). proseguito Parigi — è la possibilità re Alois, Priore di Taizé.
India; Lusia Shammas, irachena, contributo della Conferenza episco- Parte dell’intervento di Rizzi è di proteggere il personale medico e
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!z!]!$!.!

prima donna cattolica cappellana ANTICIPAZIONE pale italiana (Cei) per implementare stata dedicata al tema della prepara- infermieristico».
militare in Svizzera. una strategia d’azione nell’Africa oc- zione delle campagne di vaccinazio- In conclusione del webinar sono Nomina di Amministratore
Vengono rievocate inoltre le fi- In missione cidentale e di intervento sull’emer- ne contro il covid-19, non rispar- intervenuti i tre responsabili locali di Apostolico
gure di Madeleine Delbrêl, atea genza covid-19. A maggio la Cei ha miando i timori: «Si sta realizzando Soleterre, presentando le loro azioni
convertita, assistente sociale attivis- nella città marxista finanziato una campagna per far un vaccino quasi spartendosene le e insistendo sulla necessaria condivi-
Il Santo Padre ha nominato
sima nella periferia operaia di Pari- fronte all’emergenza sanitaria in quote, solo per una parte del mondo sione delle esperienze, anche tramite Amministratore Apostolico “se-
gi, e della missionaria italiana An- Madeleine Delbrêl e l’apostolato molti paesi poveri, destinando 9 mi- — ha denunciato — e non per tutti, piattaforme web, in tutta l’Africa de plena” della Diocesi di Ka-
nalena Tonelli, uccisa il 5 ottobre nella periferia operaia di Parigi lioni di euro per finanziare 541 pro- come invece è chiesto dall’O rganiz- francofona, in particolare nell’ambito lisz (Polonia) Sua Eccellenza
2003 nel centro assistenziale che di- getti, tra cui quelli della Fondazione zazione mondiale della sanità. Cosa della formazione del personale sani- Monsignor Grzegorz Ryś, Ar-
rigeva in Somalia. RITANNA ARMENI A PAGINA 4 Soleterre in Africa occidentale. deve accadere ancora perché si possa tario. (charles de pechpeyrou) civescovo Metropolita di Łódź.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 26 giugno 2020

Ma i Paesi del Nord chiedono più condizionalità Il metodo Rondine al servizio dei giovani del mondo

Germania e Francia accelerano Crescere


leader di pace
sul Recovery fund genere, la parola chiave è eduzione.
di SILVIA CAMISASCA
Per questo, è importante che al
BRUXELLES, 25. Berlino e Parigi si ri- che a Polonia, Repubblica Ceca, orge nel cuore della Toscana progetto di Rondine partecipino
mettono in moto in vista dell’accele-
razione sul negoziato per il Recove-
ry fund e il bilancio europeo 2021-
Slovacchia e Ungheria.
Negli ultimi giorni, i Paesi Bassi
sono tornati alla carica soprattutto
S quello che, da oltre 20 anni, è
un punto di riferimento inter-
nazionale per i giovani di tutto il
tante giovani colombiane». Ed è
proprio una studentessa, Yanine, a
fornire uno spaccato sul nuovo fer-
2027, da chiudere entro luglio. sulla condizionalità, e non a caso mondo che investono il proprio fu- mento che sta percorrendo la nuo-
Il cancelliere tedesco, Angela Macron ha voluto già incontrare il turo nella risoluzione dei conflitti e va generazione: «Noi giovani co-
Merkel, e il presidente francese, premier olandese, Mark Rutte, per nel dialogo tra i popoli, soprattut- lombiani siamo cresciuti in un mo-
Emmanuel Macron, si sono dati ap- preparare la strada della trattativa. to, nelle zone di guerra o di ex mento davvero difficile per il no-
puntamento a lunedì al Castello di I Paesi del Nord vogliono raffor- conflitto bellico. Proprio grazie al stro Paese e, forse per questo,
Meseberg, residenza ufficiale del zare il legame tra aiuti e riforme, lavoro svolto a fianco dei ragazzi l’esperienza vissuta quotidianamen-
Governo della Germania, per una provando ad inserire nella proposta
provenienti da tali regioni, Rondi- te rende noi stessi il cambiamento
cena di lavoro nella quale mettere a una serie di paletti che renderebbero
ne Cittadella della Pace ha avviato che vorremmo portare nel mondo».
più difficile l’accesso agli aiuti euro-
punto la posizione negoziale comu- nei giorni scorsi l’iniziativa Rondi- Al dibattito sull’esperienza colom-
pei, che potrebbero anche essere riti-
ne, e una conferenza stampa con cui ne World Room, un ciclo di incon- biana si è affiancato quello sul
rati qualora il Paese non facesse le
illustrarla al resto dell’Unione. riforme che ha promesso. tri, (dedicati ad Americhe, Medi- Messico, in cui quasi tre quarti del-
Il primo luglio la Germania assu- Il ministro olandese degli Esteri, terraneo, Europa, Africa) teso a la popolazione ha un’età compresa
merà la presidenza di turno seme- Stef Blok, che ieri a Roma ha incon- istaurare un dialogo on line — at- tra 15 e 34 anni. Il grande paese
strale della Ue, e, quindi, avrà un trato l’omologo italiano, Luigi Di traverso le più comuni piattaforme nordamericano, partner strategico
ruolo chiave nella gestione della trat- Maio, ha ribadito che i Paesi che ri- digitali — tra studenti e futuri lea- della grande area di libero scambio
tativa che terrà impegnati soprattut- cevono i fondi del Recovery fund der con gli ambasciatori delle di- nordamericana Nafta, ha ospitato,
to i diplomatici delle cancellerie e i devono fare le riforme per rendere le verse regioni del mondo. lo scorso settembre, l’ultimo World
ministri degli Affari europei. loro economie più competitive e ave- Un progetto di digital diplomacy Summit of Nobel Peace Laureates,
Nel frattempo, il presidente del re finanze pubbliche sostenibili. Ma che, con metodo e linguaggio in- facendosi quindi cornice di un pro-
Consiglio europeo, Charles Michel, una rigida condizionalità è inaccetta- novativi, si inquadra nell’ambito ficuo dialogo centrato sulla costru-
ha avviato una fitta serie di consulta- bile per i Paesi del Sud, alcuni dei della tradizionale missione di for- zione della pace. Il paese è prota-
zioni di leader Ue in videoconferen- quali, come Grecia, Spagna e Porto- mazione di Rondine, che intende gonista anche di un secondo per-
za, cominciando dal presidente del gallo, hanno fresca la memoria dei porre il problema della leadership corso di grande interesse, il «Piano
Consiglio dei ministri italiano, Giu- programmi della troika. giovanile alla luce delle nuove con- della Chiesa cattolica per la costru-
seppe Conte. La situazione non è Intervenendo ieri di fronte alla flittualità sociali e politiche che si zione della pace», promosso dalla
semplice, anzi, rispetto al primo ver- commissione Bilancio dell’Euroca- stanno delineando. Come crescere Conferenza episcopale messicana
tice sul bilancio pluriennale fallito il mera a Bruxelles, il commissario leaders di pace? Come identificare (Cem) nell’ambito del rinnovamen-
21 febbraio dopo una maratona ne- dell’Ue al Bilancio, il tedesco figure-guida in politica, economia e to pastorale avviato in seguito alla
goziale di 48 ore, è ancora più com- Johannes Hahn, ha detto di ritenere cultura per le comunità che si an- visita di Papa Francesco del 2016.
plessa. Perché, oltre al prossimo bi- molto possibile un accordo globale dranno a delineare? Come generare «Spero che tanti giovani messicani
Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel (Reuters) al prossimo vertice europeo.
lancio dell’Ue, c'è ancora da trovare valori socialmente condivisi? Si colgano l’invito di Rondine a spen-
un’intesa anche sul Recovery fund. tratta di sfide impegnative per le dersi per il dialogo tra i popoli —
Per alcuni analisti, una trattativa nuove generazioni, governance «in ha affermato Carlos Eugenio Gar-
così ampia offre più margini di com- potenza» di ogni nazionalità, anco- cía De Alba Zepeda — per parte
promessi, e sono quelli che Michel ra più alla luce di una fase post- nostra, sostenendo convintamente
intende esplorare nelle prossime due Per prorogare il trattato con Mosca sulla riduzione della armi nucleari pandemica globale, i cui contorni la campagna Leaders for Peace, in-
settimane, prima del vertice del 17-18 possiamo, ad ora, solo intravedere, tendiamo spronare i nostri ragazzi
luglio. Le linee rosse sono già note.
Il Sud, con Italia, Spagna, Portogal-
lo e Grecia, chiede che si mantenga
Washington fissa le condizioni e per la quale è necessario condivi-
dere strumenti e risorse. Con que-
sto obiettivo è stata lanciata la
a cogliere questa straordinaria op-
portunità». L’iniziativa di Rondi-
ne, del resto, concentra i propri
il più possibile intatta la proposta campagna Leaders for Peace, rivol- sforzi laddove le differenti leader-
della Commissione Ue, che vuole un ta a tutti i 193 stati membri ship mondiali si arrestano o si sono
VIENNA, 25. Gli Stati Uniti sono Accogliendo in serata alla Casa a 25.000 il numero di marines ame-
Recovery fund da 750 miliardi di eu- dell’Onu, ai quali si chiede di inve- tragicamente infrante in processi
pronti a prendere in considerazione Bianca il presidente polacco, ricani che resteranno nel Paese.
ro, con 500 miliardi di sovvenzioni a Andrzej Duda, Trump ha detto che E che la Polonia è uno dei Paesi stire in una nuova giovane leader- sempre più accelerati, complessi e
una proroga del New Start (il trat-
fondo perduto e 250 miliardi di pre- tato che limita il numero di testate «gli Usa stanno facendo bene nel dove probabilmente saranno ricollo- ship di pace — sostenendo i giovani conflittuali: ovvero, laddove il dia-
stiti. Il Nord, con Paesi Bassi, Dani- nucleari americane e russe), «ma lavoro per l’accordo sugli armamen- cate le truppe che verranno ritirate più promettenti con borse di studio logo e la cooperazione si sono are-
marca, Svezia e Austria, invece, met- solo a certe condizioni». Lo ha det- ti con la Russia». Trump ha poi ag- dalla Germania. Secondo il presi- — e, allo stesso tempo, di integrare nati. Dalle crisi belliche e ambien-
te in discussione le sovvenzioni, a to ieri l’inviato presidenziale statu- giunto che Washington ridurrà la dente statunitense, questa mossa i programmi scolastici nazionali tali, dalle vecchie e nuove ingiusti-
cui preferisce i prestiti, comunque in nitense, Marshall Billingslea, al ter- presenza militare in Germania «in «manderà un segnale molto forte con l’insegnamento dei diritti uma- zie, dalla negazione dei diritti uma-
misura ridotta e legati strettamente a mine del colloqui a Vienna sull’in- modo molto sostanziale», fissando alla Russia». ni, in collaborazione con l’organiz- ni potrebbe generarsi la comune
condizionalità, cioè obbligando chi tesa, che scade il 5 febbraio del zazione di Rondine stessa, il sup- volontà di ricercare e far crescere
chiede il sostegno a fare le riforme 2021. Discussioni alle quali la Cina porto ufficiale del governo italiano figure di leader preparate alla sfida
chieste dalla Ue. non ha voluto partecipare. e quello morale del presidente del- della nuova epoca, come testimo-
C’è poi anche il fronte orientale Billingslea ha spiegato che gli la Repubblica italiana e di Papa niato dall’intervento di Tony Ka-
rappresentato dai Paesi del Gruppo Usa hanno chiesto progressi «sul Francesco. Partire dalle Americhe mara, ex studente di Rondine, oggi
di Visegrad, che sembra, al, momen- programma nucleare intensivo in- — a cui è stata dedicata la Rondine docente di economia all’Università
to, più conciliante. I Visegrad, infat- credibilmente inquietante della Ci- World Room n.1 con protagonisti di Makeni: «In Sierra Leone abbia-
ti, chiedono soltanto una diversa na» e su «un certo numero di com- Gloria Isabel Ramírez Ríos, amba- mo creato un’associazione volta a
chiave di distribuzione dei fondi, portamenti molto preoccupanti del- sciatore della Repubblica di Co- potenziare il ruolo dei giovani in
che non privilegi Italia, Spagna e la Russia, che sono stati concepiti lombia in Italia, e Carlos Eugenio Africa, ispirandoci proprio al meto-
Grecia come nell’attuale proposta, per agire al di fuori dei limiti del García De Alba Zepeda, ambascia- do e al modello della Cittadella
ma che assegni qualcosa in più an- New Start». Il trattato New Start tore degli Stati Uniti messicani in della Pace: non può esistere cam-
limita a 800 i vettori per il lancio di Italia, a dialogo con gli studenti biamento senza partecipazione, del
missili strategici e a 1.500 le testate della World House di Rondine — resto». Un metodo — quello di
nucleari dislocabili. non è casuale. A quattro anni Rondine — che insegna come dalle
«Ma più di tutto — ha precisato dall’assegnazione del Nobel per la sconfitte e dai fallimenti umani
l’inviato di Donald Trump ai collo- pace all’allora presidente Santos, la possono fiorire — attraverso una
In Italia sentenza qui nella capitale austriaca — noi
vogliamo un regime di verifica in
Colombia rappresenta un caso di
grande interesse per i processi di
profonda riflessione — una visione
e una pratica di leadership umaniz-
della Consulta vigore che possa stabilire un certo pace, vista la peculiare situazione
politica interna: «Il nostro giovane
zante. Lo ricorda un ex studente
livello di garanzia che, nei fatti, ci georgiano, Alexandre: «La collabo-
in favore sia un rispetto degli impegni presi presidente — ha affermato Gloria razione tra gli Stati è un tema criti-
da tutte e tre le parti (Stati Uniti, Isabel Ramírez Ríos, prima donna co, soprattutto in questo momento,
degli invalidi civili Russia e Cina, ndr) che coinvolte ambasciatore della Repubblica di ma è inevitabile che, nel prossimo
nell’accordo». Billingslea si è poi Colombia in Italia — è molto sensi- futuro, avanzi la necessità di un di-
rammaricato dell’assenza di Pechi- bile alle problematiche che toccano verso e più attento approccio alla
ROMA, 25. «I 285,66 euro mensili, no, ma ha riferito che i colloqui di giovani e donne: in particolare, si cooperazione». Con programmi di
previsti dalla legge per le persone Vienna con le autorità di Mosca so- sta spendendo per una maggiore formazione pianificati e coordinati
totalmente inabili al lavoro per effet- no stati produttivi e che in estate ci rappresentanza femminile in politi- a livello internazionale, il processo
to di gravi disabilità, non sono suffi- sarà un secondo incontro. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Afp) ca, ma, anche per le questioni di di rinnovamento, teso a portare ai
cienti a soddisfare i bisogni primari vertici dei governi locali e globali
della vita». La ho sancito ieri la leader capaci di porsi come guide
Corte costituzionale, affermando che lungimiranti e illuminate, sarà cer-
agli invalidi civili totali la legge non
tamente agevolato. L’aspettativa è
assicura i mezzi necessari per vivere.
alta: «La nostra sfida è sviluppare
Secondo la Consulta con una som-
ma simile è violato il «diritto al
Fine dell’epidemia di ebola Proteste contro la riforma un vaccino di pace che ci renda
immuni da conflitti e guerre, attra-
mantenimento e all’assistenza socia-
le» garantito agli inabili dall'articolo
nella Repubblica Democratica del Congo del sistema giudiziaro a Kinshasa verso i valori dell’apertura e
38 della Costituzione. dell’incontro — afferma Franco
È stato quindi affermato che il co- Vaccari, presidente di Rondine — i
KINSHASA, 25. Oggi — dopo due vorato sotto la guida del governo KINSHASA, 25. Infiammano le pro- di manovrare ancora la scena poli- nostri anticorpi sono l’educazione e
siddetto «incremento al milione» anni di lotta — il governo della del Paese per tenere sotto control- teste nella Repubblica Democratica tica — sono scesi in piazza dando
(pari a 516,46 euro) da tempo rico- la formazione». Infine, Vaccari ha
Repubblica Democratica del Con- lo questo focolaio di ebola». Ghe- del Congo contro la riforma del si- alle fiamme pneumatici e intonan- voluto rilanciare l’appello Leaders
nosciuto, per vari trattamenti pensio- go dichiarerà la fine dell’epidemia breyesus ha poi spiegato che mol- stema giudiziario. La polizia — ieri, do slogan proprio contro Kabila.
nistici, dall’articolo 38 della legge n. for Peace: «Con la Global Leaders
di ebola nella parte orientale del te delle misure di salute pubblica e per il secondo giorno consecutivo La riforma è, difatti, portata avanti
448 del 2011, debba essere assicurato School, insieme agli Stati, mettia-
Paese. Ad annunciarlo, ieri, è stato che hanno avuto successo nell’ar- — ha usato gas lacrimogeni e spara- da Common front for Congo (Fcc),
agli invalidi civili totali (di cui parla il direttore generale dell’O rganiz- restare ebola sono le stesse che ora to colpi di arma da fuoco per di- forza politica vicina dell’ex capo mo il metodo Rondine a servizio
l’articolo 12 della legge 118 del 1971) zazione mondiale della sanità si rivelano essenziali per sopprime- sperdere i manifestanti radunatisi dello Stato. I dimostranti sostengo- del mondo, con l’obiettivo di av-
senza attendere il raggiungimento (Oms), Tedros Adhanom Ghebre- re covid-19. Il risultato raggiunto è fuori dal Parlamento a Kinshasa. no che il disegno di legge al vaglio viare un percorso condiviso, una ri-
del sessantesimo anno di età, attual- yesus, in conferenza stampa. stato possibile, rimarca ancora, so- I sostenitori del presidente Felix del Parlamento punterebbe a ga- cerca comune che elabori, formi e
mente previsto dalla legge. In totale — sottolinea Ghebreye- lo grazie al lavoro e al sacrificio di Tshisekedi — la cui coalizione di rantire l’immunità penale agli allea- proponga nuovi modelli di leader-
La sentenza non avrà effetto re- sus — si contano oltre 3.500 casi di migliaia di operatori sanitari con- forze Union for democracy and social ti di Kabila, al potere dal 2001 al ship e, nello stesso tempo, incontri
troattivo e potrà applicarsi a partire Ebola, circa 2.300 decessi e quasi golesi, che hanno collaborato con progress party (Udps) ha uomini vi- 2019, dando inoltre più potere al il sostegno dei governi ad investire,
dal giorno successivo alla pubblica- 1.200 sopravvissuti. «L’Oms — ha i colleghi dell’Oms e molti altri cini anche all’ex presidente di lun- ministro della giustizia e limitando a lor volta, nell’educazione alla pa-
zione sulla Gazzetta Ufficiale. aggiunto — è orgogliosa di aver la- partner. go corso Joseph Kabila, accusato l’indipendenza della magistratura. ce delle future governance».

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
venerdì 26 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Crescita esponenziale di casi in molti Stati e preoccupazione per la situazione negli ospedali
LABORATORIO «Per chi è responsabile la domanda ultima non è:

L’incubo covid-19 D OPO LA PANDEMIA come me la cavo eroicamente in quest’affare, ma: quale potrà essere
la vita della generazione che viene» (D. Bonhoeffer)

non abbandona gli Usa Il libro del vescovo di Assisi

WASHINGTON, 25. Negli Usa i con-


tagi da coronavirus continuano ad
South Carolina, Tennessee e Texas
— che hanno registrato il loro nume-
timana — ha dichiarato il dott. Peter
Hotez del Baylor College of Medi-
Crisi come grazia
aumentare in oltre la metà dei 50 ro più alto dall’inizio della crisi. In cine —. Se continuiamo su questa
Stati, prevalentemente nel sud e Texas, dove le misure di allentamen- traiettoria, saremo al livello di una
nell’ovest con Texas, Florida, Cali- to al lockdown sono partite all’ini- città in Brasile e saremo la città più
fornia e Arizona tra i più colpiti. zio di maggio, il numero di ricoveri colpita negli Stati Uniti». «La fragilità della società contemporanea, delle sue re- to riferendosi alla realtà della Chiesa e in particolare ai
Nelle ultime 24 ore il Paese ha regi- è raddoppiato nell’ultimo mese e le Intanto la città di New York ha lazioni, dei suoi valori e della sua economia è emersa temi legati ai migranti — siamo immersi in questa situa-
strato oltre 35 mila nuovi casi di co- strutture ospedaliere cominciano a deciso di rinviare al novembre 2021 con tutta la sua preoccupante evidenza proprio in occa- zione, abbiamo chiesto anche la possibilità dei Grest
sione della pandemia da coronavirus, un evento straor- per quest’estate però è una responsabilità che ci si assu-
vid-19, un record da fine aprile e il essere sotto pressione per il rischio la prossima edizione della maratona.
dinario, imprevisto e imprevedibile che ha costretto a ri- me e ci si assume volentieri perché c'è un futuro da ri-
terzo totale più alto dall’inizio della sovraffollamento. La curva di conta- Si sarebbe trattato di un’edizione
pensare tutta la nostra vita. È un tempo di crisi ma cre- costruire, siamo come nel dopoguerra. Non dobbiamo
pandemia, e 756 decessi. Il dato minazione del coronavirus in Texas speciale della più grande corsa del
do che ci siano tutti i presupposti per riprendere la vita sbagliare obiettivo perché se sbagliamo obiettivo ci si
complessivo dei positivi è arrivato a è ora esponenziale e la regione di mondo, quella del 50° anniversario. della Chiesa, io prendo di mira anche le incrostazioni
2.381.369, mentre quello delle vitti- Houston sembrerebbe essere il nuo- Una decisione sofferta, hanno spie- troverà nella situazione di prima». La “ricostruzione”
della Chiesa, dobbiamo tornare allo spirito di Assisi, passa naturalmente per il riavvio il più possibile inte-
me per cause riconducibili al covid- vo epicentro della pandemia negli gato gli organizzatori, ma inevitabi- dove san Francesco si spogliò di tutto per tornare al
19 a 121.979. Stati Uniti. le. Era successo soltanto un’altra grale di attività cruciali, come quella dell’istruzione: «Le
Vangelo della fraternità per ricostruire la bellezza della scuole cattoliche — ha detto a questo proposito il por-
E continuano a salire anche i ri- «Siamo ora nella fase della curva volta, nel 2012, quando la maratona vita cristiana». Con queste parole il vescovo di Assisi,
coveri con sette Stati — Arizona, Ar- verticale e a questo ritmo tutti i no- fu cancellata a causa dell’uragano porato — sono scuole pubbliche a tutti gli effetti. Noi
Domenico Sorrentino, ha presentato ieri a Roma, nella accogliamo tanti ragazzi, anche di altre religioni, quindi
kansas, California, North Carolina, stri letti saranno pieni entro una set- Sandy. sede della Comunità di Sant'Egidio, alla presenza del certamente chiediamo che si faccia uno sforzo da parte
presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, e
dello Stato».
del fondatore della Comunità, Andrea Riccardi, il suo
Secondo Riccardi, «per parlare di crisi bisogna legge-
libro “Crisi come grazia. Per una nuova Primavera della
re il nostro tempo. Credo che il tempo del coronavirus
Chiesa” (Edizioni francescane italiane, Perugia, 2020,
non è solo il tempo della crisi, ma il tempo della rivela-
pp.238 euro 15). Un libro, quello di Sorrentino, che, pur
In Arizona prendendo atto degli effetti della pandemia, è sostan- zione di quella crisi che ci portavamo dentro come so-
cietà e come Chiesa. Leggere questa realtà ci dà la forza
zialmente dedicato al difficile tempo che la Chiesa è
giovane ispanico chiamata a vivere, attraversato da crisi diverse, alle quali di riprendere il cammino con più coraggio. La chiesa di
minoranza che l’autore propone — ha continuato rife-
occorre rispondere con una proposta chiara, immediata-
muore mente ispirata alla scelta francescana. Così come, ispira- rendosi al libro di Sorrentino — è una chiesa costruita
ta alla stessa scelta, è anche la risposta da dare alle do- come famiglia e non una chiesa residuo di una maggio-
durante l’arresto mande pressanti del nostro mondo. «Certamente un pe- ranza che sta larga nei suoi templi». «Non dobbiamo
riodo di riflessione è necessario perché nessuno di noi arrenderci alla psicologia del tramonto — ha aggiunto
può prevedere come sarà la situazione tra un paio di Riccardi — anche se questa nostra uscita dal coronavirus
WASHINGTON, 25. Un altro video mesi, nessuno può prevedere quale sarà la situazione è un’uscita stanca, non mossa da grandi idee». «Se to-
shock sulla brutalità della polizia delle famiglie, la psicologia della gente, e se continuere- gliamo la speranza, uccidiamo le persone», ha concluso
Usa a poco meno di un mese mo ad affrontare un periodo che sarà di crisi sia dal Bassetti. È la stessa preoccupazione che ha pervaso il li-
dall’uccisione dell’afroamericano punto di vista ecclesiastico sia dal punto di vista civile», bro del vescovo Sorrentino. Di cui pubblichiamo, qui
George Flyod. Questa volta la ha detto il cardinale Bassetti. «Anche noi — ha aggiun- sotto, stralci tratti dal primo capitolo.
vittima è un 27enne di origini
ispaniche, Carlos Ingram López,
27 anni, morto durante l’arresto a
di D OMENICO SORRENTINO un’istituzione che fa professione di gono mosse aspre critiche. C’è per-
Tucson, in Arizona, per un arre-
magistero morale? Si è scoperchiato sino chi lo sospetta di eresia. La co-
sto cardiaco dovuto alla combina-
a crisi è senza precedenti. Cri- un marcio che non si sarebbe mai sa è andata crescendo con il Sinodo
zione della costrizione fisica con
l’assunzione di cocaina. L’episo-
dio risale al 21 aprile ma le imma-
gini sono state pubblicate dalla
L si globale, direi totale, ben ol-
tre l’accezione corrente, preva-
lentemente finanziaria. Sintomi a
sospettato o che si riteneva confina-
to a poche “mele bacate”. Obiettiva-
mente, il positivo è tanto di più, le
sui giovani e quello sull’Amazzonia.
Una reazione abnorme. Tra i dis-
senzienti alcuni si sentono sincera-
tutti i livelli e in ogni angolo del “mele marce” sono una minoranza. mente provati: meritano rispetto e
polizia solo due giorni fa. Il vi- mondo: guerre regionali, milioni di E tuttavia tante, troppe, per una ascolto. Ma forse per tanti gioca la
deo mostra come il giovane du- affamati, migranti forzati, questione materia di immane gravità. fatica ad accogliere l’impulso al rin-
rante l’arresto sia stato tenuto in Intensificati i controlli a Pechino socio-ambientale a livelli critici, sfi- Ma non è solo pedofilia. C’è una novamento da parte di un pontefice
posizione prona per 12 minuti, da bioetica dalle prospettive inquie- evidente lentezza del corpo ecclesia- che non tralascia occasione per ri-
nonostante non abbia opposto re-
sistenza agli agenti, ai quali anzi
ha mormorato di non respirare.
A New Delhi il primato tanti, rivoluzione informatica che fa
temere processi ingovernabili. Sul
piano del pensiero, confusione e
le nell’imboccare la via di un rinno-
vamento evangelico. Troppe resi-
stenze, troppe pigrizie. Quando va
proporre il Vangelo, con gesti e pa-
role forti: l’evangelico segno di con-
traddizione? (cfr. Lc 2, 34).

dei contagi in India scetticismo. Sul piano delle relazio-


ni, un processo disgregativo che
sembra inarrestabile. Sotto scacco la
bene, ci si trincera dietro la pruden-
za e il realismo. Il discorso potrebbe
andare subito alle problematiche di
A leggere blogger raffinati, infor-
matissimi, posti sul piano inclinato
di una critica senza appello dell’at-
vita, la famiglia, il lavoro, l’equili- carattere generale e istituzionale. tuale pontificato (c’è poi — com’è
NEW DELHI, 25. La megalopoli Dati gli ultimi aggiornamenti sui brio del pianeta. A far la conta delle C’è evidentemente bisogno di met- noto — chi risale ai Pontefici prece-
La Camera Usa New Delhi registra un altro triste contagi, la governatrice del West
criticità, sul piano geopolitico, eco-
nomico, sociale, morale, spirituale,
tere mano a meccanismi della vita denti fino al Vaticano II), viene da
ecclesiale che portano il peso della domandarsi: siamo ancora la stessa
vuole estendere record, attestandosi come la città in-
diana con più casi di covid-19 dopo
Bengala, Mamata Banerjee, ha deci-
so di prolungare il lockdown nel
non si finirebbe più. Come non ba-
stasse, mentre chiudo queste pagine,
storia, mentre hanno bisogno Chiesa?
dell’agilità del Vangelo. Una comu- Va da sé: su ciò che è davvero es-
l’Obamacare aver superato Mumbai, dove il 9
giugno scorso i contagi erano già
suo Stato di un altro mese, ossia fi-
no al 31 di luglio. Il West Bengala
la crisi del coronavirus sta sconvol- nità bimillenaria ha accumulato pa- senziale, ed è ragione stessa della
gendo il mondo, mostrando quanto trimoni, potere, consuetudini, prassi nostra fede, non c’è compromesso
superiori a quelli di Wuhan, epicen- ad oggi conta quasi 15.000 casi. siamo tutti legati, al di là di ogni
Anche Pechino stringe sulle misu- ministeriali e abitudini popolari che che tenga. Ma nel dialogo — sem-
WASHINGTON, 25. Lo speaker tro della pandemia in Cina. Ad og- confine. devono essere rituffati nel Vangelo e pre, e a maggior ragione tra fratelli
gi le autorità locali di Delhi segna- re mirate di prevenzione. Il ministe- Anche nella Chiesa, aria pesante.
della Camera Usa, la democratica ro cinese dei Trasporti ha intensifi- lavati in esso. Senza gettare via — e sorelle di fede — bisogna fare di
Nancy Pelosi, ha svelato ieri una lano 70.390 casi e circa 2.365 decessi Nella lettera apostolica Novo Millen- sfida decisiva — con l’acqua sporca tutto per comprendersi. Spesso il
dal primo caso diagnosticato il 2 cato i controlli sui viaggiatori che nio ineunte (6 gennaio 2001) Giovan-
proposta di legge per espandere lasciano la capitale, proibendo l’ac- anche il bambino. dibattito si spinge ben al di là
l’Obamacare che sarà messa al marzo. A Mumbai invece si rilevano ni Paolo II esortava a prendere il Si comprende, dunque, di fronte dell’essenziale. Procede per forzatu-
cesso alle stazioni ferroviarie a chi largo: «Duc in altum!». A meno di
voto lunedì. L’annuncio di Pelosi 862 contagi in meno, mentre le vit- a questo impegnativo programma re. Si “crea” il nemico.
presenti codici sanitari anomali o vent’anni da quell’invito, la Chiesa
è arrivato alla vigilia dell’attesa time sono 3.964. Intanto l’India se- che fu la ragione del concilio Vati- Comunque stiano le cose, la criti-
non sia in possesso di un certificato appare agli occhi di molti come una
azione legale dell’amministrazio- gnala 16.922 nuovi contagi, il dato cano II, la fatica del cammino, se ca non può prescindere dalla carità.
che attesti la negatività all’acido nu- nave incagliata. Il pensiero va allo
ne Trump per motivare alla Corte più alto mai registrato sinora, facen- cleico per il nuovo coronavirus ne- dev’essere il cammino di un popolo Un caso esemplare, nell’esperienza
do così salire a 473.105 il totale delle scandalo della pedofilia. Una pato- e non di una élite. Ma come andar della prima Chiesa, fu la polemica
Suprema la richiesta di cancellare gli ultimi sette giorni. logia in realtà presente in tanti am-
la riforma sanitaria di Obama. persone infettate. I dati sono stati In Giappone, nel frattempo, si piano mentre tutto corre? Tante fa- che si scatenò a proposito della pu-
biti sociali e familiari, punta d’ice- miglie cristiane sono infettate dal vi- rità e dell’impurità dei cibi. Paolo
Su questo fronte, e di pari pas- divulgati dal ministero della Sanità. assiste a un’impennata di contagi. berg di una sindrome che va dal li-
so sulla situazione di crisi vissuta In tutto il Paese si contano anche Nelle ultime 24 ore, sono stati regi- rus della divisione — vera epidemia dedicò al tema un intero capitolo
bertinismo sessuale, privo di Dio e
nel Paese a causa della pandemia altri 418 decessi e il bilancio sale a strati 86 nuovi casi, il numero più — a discapito del matrimonio, della lettera ai Romani, sviluppando
di coscienza morale, a oscuri dina-
di coronavirus, potrebbe aprirsi 14.894 dall’inizio dell’emergenza sa- alto da metà maggio, quando il go- dell’accoglienza della vita, della se- un pensiero esposto anche ai cristia-
mismi psicologici, fino alle psicopa-
dunque uno scontro dialettico nitaria. L’India — quarto Paese al verno ha revocato il lockdown in 39 renità dei bambini. Un quadro do- ni di Corinto. Chi è forte nella fede
tie autoritarie che si dispiegano vil-
molto forte tra democratici e re- mondo per contagi dopo Stati Uni- delle 47 prefetture. Circa 55 dei loroso. — argomenta — sa che tutti i cibi so-
mente sui più fragili. Il problema va
pubblicani su cui sarà incentrato ti, Brasile e Russia — a fine maggio nuovi casi sono stati rilevati a Tokio Le prime battute di Papa France- no puri. Ma ci può essere chi, edu-
ben oltre i confini della Chiesa, ma
il dibattito politico in vista delle ha superato la Cina per il bilancio e 12 nella vicina prefettura di Saita- sco hanno dato la sensazione di un cato nelle norme dell’antica legge,
giustamente ha fatto più scalpore
presidenziali di novembre. delle vittime. ma. nella Chiesa. Come perdonarlo a miracolo. Il suo stile fresco, evange- se ne fa un problema di coscienza.
lico, sorridente e insieme pungente, E la coscienza è il criterio che deci-
all’insegna della gioia del Vangelo — de la qualità morale di un’azione
Evangelii gaudium, “magna carta” agli occhi di Dio. Splendida la con-
del pontificato —, ci ha fatto sogna- clusione: «D’ora in poi non giudi-
re che, come per incanto, tornassero chiamoci più gli uni gli altri; piutto-
Kashmir: la Cina Tokyo esclude Nel settantesimo anniversario dell’inizio della guerra di Corea a riempirsi chiese ormai così poco
frequentate che, in alcune parti del-
sto fate in modo di non essere causa
di inciampo o di scandalo per il fra-
critica l’India pressioni Giornata di preghiera a Seoul la vecchia ed ex–cristiana Europa,
rischiano di essere vendute. Succes-
tello. Io so, e ne sono persuaso nel
Signore Gesù, che nulla è impuro in
per gli scontri dagli Usa sivamente l’enciclica Laudato si’ ha
intercettato una delle più formidabi-
se stesso; ma se uno ritiene qualcosa
come impuro, per lui è impuro. Ora
SEOUL, 25. Ricorre oggi il settante- rea del Nord. A questo punto, pe- li criticità del nostro tempo, la que- se per un cibo il tuo fratello resta
simo anniversario dell’inizio della rò, intervenne nel conflitto anche stione ambientale. Molti l’hanno as- turbato, tu non ti comporti più se-
PECHINO, 25. Nonostante l’accor- TOKYO, 25. Il Governo giapponese guerra di Corea (1950-1953). Il 25 la Cina. Le truppe statunitensi, sunta come un manifesto, piattafor- condo carità. Non mandare in rovi-
do siglato con l’India per riporta- esclude di avere avuto alcuna ri- giugno del 1950, le truppe del Nord colte di sorpresa, furono costrette a ma di impegno comune per credenti na con il tuo cibo colui per il quale
re la pace e la stabilità nella zona chiesta dagli Stati Uniti di un invasero il Sud, scatenando un san- ripiegare in Corea del Sud. La e non credenti. Ma quanti ne hanno Cristo è morto! Non divenga moti-
di confine himalayana contesa, la maggiore contributo per il soste- guinoso conflitto che ha provocato guerra, quindi, si arrestò sulla linea colto anche il fondamento e l’afflato vo di rimprovero il bene di cui go-
Cina ha attribuito a New Delhi gno delle forze militari Usa nel almeno 3 milioni di vittime. del 38º parallelo. spirituale? L’Amoris laetitia — esorta- dete! Il regno di Dio infatti non è
l’intera responsabilità degli scon- Paese, come suggerito dall’ex con- In ricordo di tale, drammatico zione frutto di un doppio sinodo — cibo o bevanda, ma giustizia, pace e
tri, che nei giorni scorsi hanno sigliere alla Sicurezza nazionale avvenimento bellico — che determi- ha cantato, ancora una volta, la bel- gioia nello Spirito Santo» (Rm 14,
provocato la morte di venti solda- John Bolton. «Le negoziazioni sui nò una delle fasi più acute della lezza del matrimonio. Un canto sul- 13-17). Una rilettura di questa pagi-
ti indiani. Lo ha dichiarato ieri il costi per ospitare le truppe statuni- guerra fredda — a Seoul si svolge le macerie! E in più si è come in- na, nell’odierno contesto, farebbe
portavoce del ministero cinese oggi la giornata nazionale di pre- ceppata sul capitolo ottavo che, bene a tutti. Una grande pagina di
tensi non sono ancora iniziate, e
della Difesa, Wu Qian. Il funzio- ghiera per la riconciliazione. mentre è parso ad alcuni una pana- dialogo e di rispetto reciproco. Un
non abbiamo avuto una esplicita
nario ha ribadito la sovranità del- L'invasione del Nord determinò cea, in altri ha suscitato perplessità, inno alla coscienza. Un grande eser-
richiesta da Washington sul caso»,
la Cina sulla regione della valle una rapida risposta dell'Onu: su là dove apre anche ai divorziati ri- cizio di stile cristiano. Un modello
di Galwan, ricordando come il ha detto il ministro della Difesa
mandato del Consiglio di sicurez- sposati qualche possibilità di comu- di saggia conduzione pastorale. Il
pattugliamento da parte delle nipponico, Taro Kono. L’attuale za, gli Stati Uniti, affiancati da al- nione eucaristica, in considerazione vero problema che oggi deve occu-
truppe cinesi in servizio al confi- accordo quinquennale — che ri- tri 17 Paesi, intervennero militar- della complessità dei singoli casi e pare ogni nostro pensiero è il crollo
ne proceda da molti anni in que- guarda 54.000 militari Usa di stan- mente nella penisola per impedire con tutte le cautele di un discerni- della fede. Dobbiamo arrenderci a
st’area. «La Cina chiede all’India za in Giappone — è valido fino al una rapida vittoria di Pyongyang. mento esigente. questa psicologia del tramonto che
di punire severamente i responsa- marzo 2021 e la stampa nipponica Dopo grandi difficoltà iniziali, le Papa Francesco — ancora molto si impadronisce dei nostri sentimen-
bili, disciplinando rigorosamente si interroga sulle dinamiche dei ne- forze statunitensi respinsero l'inva- amato, stando a recenti indagini — ti e paralizza il nostro entusiasmo?
le proprie truppe schierate in pri- goziati nel caso di una rielezione a sione e proseguirono l'avanzata fi- si è fatto dei nemici. Facendo leva Tempo di resa? E perché non di ri-
ma linea», ha aggiunto . presidente di Donald Trump. no a invadere gran parte della Co- Veterani durante una commemorazione (Afp) su quest’ultimo documento, gli ven- presa?
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 26 giugno 2020

Madeleine Delbrêl
e la copertina del numero
di luglio
di «Donne Chiesa Mondo»

Incontri e parabole nelle campagne del lodigiano

di RITANNA ARMENI Lasciarsi


addomesticare
a frontiera di Madeleine

L Delbrêl era a Ivry-sur-


Seine. Per arrivarci si
prende la linea sette del-
la metropolitana parigi-
na; lasciandosi alle spalle la gran-
deur degli edifici haussmaniani e
dei boulevard, il lusso delle vetrine
Una pagina accorata della Delbrêl

scintillanti e i café affollati e rumo-


di GIOVANNI CESARE PAGAZZI da pericoli mortali in gelosi custodi
rosi e per arrivare in una delle città
di gregge. Addomesticare un lupo
satellite che un tempo circondava-
na ventina d’anni fa, non è facile, né per il pastore né

U
no la capitale e che oggi fanno
capitò tra le mani per il lupo. I due devono imparare
parte della sua periferia: palazzi
popolari, costruzioni basse, qual-
L’anticipazione da «Donne Chiesa Mondo» dell’allora rettore del ad intendersi, abituarsi l’un l’altro.
seminario di Lodi Ciò comporta lungo tempo, molti
che esempio di moderna architet-

In missione (adesso parroco di equivoci e fraintendimenti, ribellio-


tura, la Marie, spazi incolti e cura-
Codogno, primo focolaio italiano ni e riavvicinamenti, carezze e ba-
tissimi orti, volti che vengono da
del covid-19) una pagina accorata stonate, delusioni e sorprese. Cia-
lontano, mercati etnici.
di Madeleine Delbrêl. Il testo para- scuno deve trovare i modi per farsi
Ivry-sur-Seine era chiamata la
città delle trecento fabbriche ed è
stata fino agli anni Settanta un
crogiolo di tensioni, rivendicazioni
salariali, lotte operaie, scontri so-
nella città marxista gonava il prete al cane del pastore.
Di pastore ce n’è uno solo. Tuttavia
per custodire il gregge ha bisogno
di collaboratori, di cani appunto. I
capire dall’altro che parla una lin-
gua straniera. L’uomo deve lasciare
la sua casa e stare nella solitudine
col lupo e questi paga carissima la
cani pastore, i “cani del pastore”, vicinanza al pastore: l’esclusione dal
ciali e ideologici. Egemonizzata e Madeleine Delbrêl e l’apostolato nella periferia operaia di Parigi sono animali strani: difendono le branco, una volta per sempre. Un
governata dal partito comunista di
Maurice Thorez. La parrocchia è pecore, restando parenti stretti dei pastore capace non cancella nulla
in Boulevard Stalingrad. più temuti nemici del gregge: i lupi del lupo, tutto gli è utile: somi-
Al numero 11 di Rue Raspail a Ville marxiste, terre de mission, la pure scrive tanto e analizza tutto, in disaccordo con le posizioni uffi- che vengono a rapire e disperdere. gliando ai nemici del gregge, il suo
pochi metri dalla piazza principale sua autobiografia. È un libro mera- sa trovare una spiegazione. S’inna- ciali della Chiesa. Quando esce il Anzi, si dice che i migliori cani da cane saprà tenerli alla larga, o af-
in una palazzina a due piani con le viglioso» mi dice la gentile signora mora di Dio. Non lo cerca. È Dio suo libro Città marxista, terra di pastore siano quelli più somiglianti frontarli. Cristo non chiede ai lupi
finestre verdi ha abitato fino al cui ho chiesto informazioni. L’en- che la trova e non la abbandona missione Madeleine lo regala al vi- ai lupi. Di quei famelici animali di diventare barboncini; ma lavora
1964 Madeleine Delbrêl, poetessa, tusiasmo mi contagia. Prendo il li- più, dice. cesindaco di Ivry di cui era fedele conservano la forza, l’impeto a trat- affinché i lupi (proprio loro!) si af-
assistente sociale, mistica. Con lei bro e decido di cercare i luoghi di Il resto nella sua vita viene con collaboratrice. ti violento e rapace, la sveltezza tat- fezionino al suo gregge. Pietro era
una o due compagne, poi qual- Madeleine. Perché? Non lo so. la naturalezza con cui un fiume Per capire come Madeleine com- tica, la resistenza, la capacità di agi-un lupo; fu scelto dal pastore affin-
cun’altra fino a venti. Il gruppo si Al numero 11 di Rue Raspail la trova il suo alveo e continua a batteva e su quale frontiera si col- re in branco, la fierezza che li rende ché pascesse le sue pecorelle. Ogni
chiamò Charité de Jesus. Era for- casa è ancora lì, un portone picco- scorrere calmo o autorevoli. Sono animali focosi, ma prete è un lupo che sta diventando
lo, le finestre verdi chiuse. Non ci impetuoso secon- cane del pastore. Ci vuole
mato da laiche senza alcun legame
abita più nessuno. Fino a qualche do dei momenti e tutta la vita.
istituzionale la cui missione era
hanno fa c’era Susanne Perrin che dei luoghi. Il rettore voleva la foto
stare per la strada, a fianco della
con Madeleine aveva condiviso gli Madeleine è uf- di un cane pastore da
gente che soffriva e aprire a chiun-
anni dell’impegno sociale e cristia- ficialmente assi- pubblicare sul giornalino
que la propria casa. Nessun ordine,
no. Accanto al portone un cancello stente sociale del del seminario accanto alla
nessuna gerarchia. Solo Madeleine.
Era arrivata in quella cittadina
e dietro un grande e abbandonato
cortile. L’ho aperto e vi ho trovato
comune rosso, gui-
dato dai comuni-
II lupo e il cane pagina della Delbrêl.
abitata dalla classe operaia e dal D’inverno le praterie della
una famiglia Rom che cucinava il sti, nella realtà è pianura lombarda sono vi-
marxismo nel 1933 quando aveva suo pranzo. Era stata ospitata in molto di più: un sitate da greggi; lì trovano
scelto «di essere volontariamente quella parte della casa che era di di MADELEINE DELBRÊL
punto di riferi- comunque qualcosa da
di Dio quanto una creatura umana Madeleine forse in ricordo della mento, una guida,
può appartenere a colui che ama». uando un gregge è piccolo e le mangiare. Gli dissi che
E di combattere sul fronte della
povertà, della condizione operaia,
sua attività fra gli ultimi e in attesa
— raccontano — che la casa sia ri-
strutturata. Perché il comune di
una compagna dei
poveri. C’è
guerra e la fine
la Q pecore sono docili e vi sono pochi
lupi o non ve ne sono affatto, il
avevo avvistato un branco
di pecore nella campagna
del lavoro e dello sfruttamento. pastore può far a meno del cane. Quando il vicina, sicché fui inviato a
Ivry intende restituire Madeleine al della guerra, i po-
Contro la povertà suoi alleati era- gregge è grande e le pecore sono vagabonde, fotografarne il pastore e il
ricordo pubblico. veri, profughi, i
no i comunisti. Contro il marxismo non una sola ma a branchi, e i lupi sono relativo cane. Attrezzato
La tomba di Madeleine è al ci- senza tetto, i bam-
condusse una lotta serrata in nome numerosi, bisogna che il pastore abbia un di tutto punto, mi diressi
mitero, grande quadrato, nel mez- bini senza scuole, i
del cristianesimo e di Dio. Senza malati senza ospe- cane e magari più di uno. I cani somigliano alla volta del gregge. Per
zo della città, circondato da palaz-
odiare chi lo sosteneva, anzi con zoni da cui nel tardo pomeriggio dali. Poi la fabbri- sempre ai lupi, e spesso i migliori cani da dichiarare le mie intenzio-
collaborazione e amicizia «Gesù ci provengono voci, canzoni, rumori ca, lo sfruttamen- pastore sono proprio i cani lupi. E quel che ni, m’incamminai verso il
ha detto di amare tutti i nostri fra- casalinghi. È difficile trovarla. È to, la miseria. Lei hanno conservato del lupo che permette loro pastore, lontano qualche
telli e sorelle. Ma non ci ha detto coperta di foglie, non c’è un fiore, e le sue sorelle si di fare per il pastore ciò che lui stesso non centinaio di metri. Ma es-
“eccetto i comunisti”». solo una pianta mezza secca e un dedicano ad alle- farebbe: fiutano, corrono, si arrampicano alla sendomi avvicinato alle
Se a qualcuno capita di girare piccolo crocefisso sul quale qualcu- viare sofferenze e maniera degli animali che sono. Ma è quel pecore, immediatamente
nel centro di Parigi, di fronte alla no ha appoggiato un rosario fatto diseguaglianza. che il pastore ha comunicato loro di se stesso un cane mi puntò, cari-
Chiesa di Saint Sulpice c’è la libre- con una cordicella rosa. Poi il suo Ivry diventa un la- che fa di essi dei cani da pastore: amare le candomi con fare per nul-
ria cattolica La Procure. Ci si trova nome. Si può solo poggiare la ma- boratorio nella lotta alla povertà e locava vale la pena di leggere la pecore come un pastore o come un lupo, la pacifico. Per calmare
tutto quello che un laico o un cat- no e carezzare la lapide. all’esclusione. E grazie a Madelei- sua dedica al vicesindaco di Ivry e non è affatto la stessa cosa. È condividendo l’animale (e me), gli dissi
tolico possa desiderare di leggere. Madeleine era di famiglia bor- ne terra di missione contro l’atei- la risposta del comunista. «A Veni- un po’ la vita del pastore che il cane rimane che non doveva temere
Ci sono decine e decine di volumi ghese e dichiaratamente atea. Scri- smo. se Gosnat, di cui sono stata cattiva un cane e non diventa un lupo. Non vive perché, in fondo, eravamo
di e su Madeleine: i suoi scritti, le veva poesie nichiliste e arrabbiate Nello stesso tempo continua a allieva in marxismo, ma di cui so- più nei boschi, ma accanto alla casa del colleghi.
sue poesie, le sue confutazioni filo- «Dio è morto, viva la morte». Poi scrivere e a produrre. È incredibile no anche l’amica fedele, rispettosa pastore. Si nutre del cibo dell’uomo. Ode la Ma non furono le mie
sofiche e poi tante biografie, per- arrivò la conversione. Violenta. La la mole delle opere di Madeleine, della sua bontà e della sua genero- voce dell’uomo. È l’uomo che lo chiama francescane parole a paci-
ché in tanti sono stati sedotti dalla definisce così lei stessa: «conversio- gli argomenti trattati: meditazioni, sità concreta, offro con tutto il senza tregua a sé, è l’uomo che lo manda ficarlo; l’effetto desiderato
figura di una donna che è vissuta ne violenta». Come avviene, per- poesie, trattati. Libera e mai con- incessantemente alle frontiere del gregge. I l’ottenne un bel fischio
cuore questo libro, certo che se
in trincea. «Cominci da questo, ché, non si sa. Neanche lei, che formista, non poche volte si trova suoi due estremi sono la testa del gregge e i del pastore, che subito
egli non lo approva lo capirà».
piedi del pastore. Le pecore non possono né trasformò quella macchina
Risponde Venise Gosnat: «Do-
ritrovarsi le une le altre, né difendersi. Ma da guerra in un accompa-
po che il marxista, che io sono, ha
non diventeranno mai lupi. I cani possono gnatore scodinzolante (e
espresso la ragione principale del
ritrovare le pecore e difenderle, ma c’è comunque all’erta) che mi
profondo disaccordo esistente sulla
sempre un lupo nascosto dentro di loro; condusse dal guardiano
questione sociale con la cristiana
Dettagli capaci di descrivere un mondo che lei è, l’amico vuole dirle ora
possono tornare ad esserlo. Ai piedi di San delle pecore. Custodisco il
Domenico, in San Pietro a Roma, c’è un ricordo dell’unico incon-
che lei non si sbaglia e assicurarla
Degas e il dito in bocca che io la capirò... Con il suo inne-
cane simbolo della sua missione. L’ovile
della Chiesa, in certi periodi, ha bisogno di
tro con quell’uomo sem-
gabile talento lei ci ha messo in un plice — allora poco più
cani da pastore. In queste ore, il Signore li
una maggiore precisione nell’esecuzione rispetto bel pasticcio: ma per quanto ri- che trentenne, come me —
di GABRIELE NICOLÒ ha sempre fatti sorgere. Se sono fedeli, li si
all’olio perché non consente di rifare un’opera guarda la nostra amicizia sono cer- come un tesoro appena
riconoscerà sempre da due cose: le spine e i
uando decise di abbandonare i temi coprendo un’immagine con un’altra — l’artista to che lei è tranquilla come lo sono scoperto, ma che si desi-
morsi sulle zampe, il segno del collare
Q storici per abbracciare la dimensione del
realismo, Edgar Degas sapeva di dover
francese è in grado di rendere degli effetti i quali
esigono una straordinaria bravura. Testimonianza
io. Le è stata data la forza di par-
lare a tutti da parte di Dio. Co-
intorno al collo. Come tutti i cani pastori,
porteranno la contraddizione di essere al
dera subito seppellire di
nuovo.
di questo talento è Donne in un caffè. Con tratto scientemente fedele al mio partito tempo stesso gli amici dell’uomo e gli antichi Avvertito del mio inten-
essere guardingo per non scadere, a suo dire, in
fermo e sicuro, Degas definisce le quattro donne comunista e alla sua politica, io abitatori della giungla. Come tutti i cani to, il pastore si mise in
una «osservazione scarna e gretta» della vita che
che conversano sedute in un bar cittadino. Una faccio parte dei quadri locali delle pastori, un giorno o l'altro riceveranno la bella posa, intimando al
aveva intorno. Occorreva dunque un caratteristica costante dell’artista consiste nel cane di far altrettanto. Ma
rete marxista. Ciascuno di noi con- «correzione» del pastore... perché non
compromesso: lo trovò mettendo nella denunciare senza veli l’inconsistenza spirituale e tinuerà a proclamare la propria appena l’animale si vide al
rappresentazione della quotidianità la cura che possono capire tutto ciò che egli dice. Come
la fatuità etica dei personaggi da lui promossi a certezza ma il professore non di- tutti i cani da pastore, saranno disprezzati, ai centro dell’attenzione, ri-
aveva prodigato, fino a quel momento, nello protagonisti dei suoi quadri: in tale opera, il menticherà le qualità di cuore e la fiutò di starsene fermo.
margini del bosco, un giorno, una sera, a
studio dei grandi classici della pittura. Quando tocco di genio rivelatore è dato dalla donna che, delicatezza della sua cattiva allieva Stette immobile giusto il
causa del collare dell’uomo.
approda alla tecnica del pastello — che richiede infrangendo il protocollo delle buone maniere, si in marxismo». tempo di uno scatto, poi
mette un dito in bocca senza curarsi Si può stare su un fronte e non Testo tratto da «Madeleine Delbrêl, si voltò agilmente, alzò le
minimamente di dissimulare il gesto odiare il proprio nemico, anzi sti- Strade di città, sentieri di Dio» zampe anteriori fino al
certamente poco urbano. In più di marlo ed esserne stimata. Si può di Christine de Boismarmin petto del pastore per ap-
un’occasione Degas si era lottare insieme contro un nemico (Città Nuova, 1978) poggiarvi il muso devoto.
configurato come un critico comune. Questo insegna Madalei- L’uomo ricambiò il gesto,
sferzante degli ozi cittadini: ne nella sua vita di frontiera. affondando la mano nel
attraverso quel gesto l’artista ritorna Lei, sostenitrice del più ampio pelo soffice del cane, co-
a biasimare il carattere stagnante di coinvolgimento dei laici nella me una robusta carezza.
una atmosfera cittadina irretita Chiesa, morì all’improvviso al suo Chissà da dove venivano,
dall’apatia. Sullo sfondo del quadro tavolo di lavoro il 13 febbraio 1964, si sa che la fiamma che divora le dove abitavano. Essendosi abituati
si intravedono persone, o meglio lo stesso giorno in cui, per la pri- foreste è la medesima che illumina l’uno all’altro, senza dubbio si sen-
sagome in dissolvenza che si ma volta, un laico aveva preso la e scalda la casa. Si tratta di saperla tivano a casa, anche se sperduti in
disperdono gradualmente nel parola durante il concilio Vaticano addomesticare. quell’aperta campagna, esposta al
boulevard. Come ebbe a scrivere il II. Al suo funerale organizzato dal La vera gloria dei primi antichi freddo invernale. Si erano addome-
critico d’arte Georges Rivière, il comune in migliaia arrivarono con pastori non fu custodire le pecore sticati l’un l’altro. Più il cane (il lu-
quadro rappresenta «una pagina di le bandiere rosse a darle l’ultimo (compito non così difficile), ma ad- po) al pastore, o il pastore al cane?
storia veramente straordinaria». saluto. domesticare i lupi, trasformandoli Chissà.
venerdì 26 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

ra cconto
LA PAROLA DELL’ANNO
«Desidero dedicare il Messaggio di quest’anno al tema della narrazione
perché credo che per non smarrirci abbiamo bisogno di respirare la verità delle storie buone:
storie che edifichino, non che distruggano;
storie che aiutino a ritrovare le radici e la forza per andare avanti insieme»
(Papa Francesco per la giornata delle comunicazioni sociali 2020)

La narrazione che rappresenta il mondo

Una storia strana e varia


piena di eventi
di PIERO BOITANI brazione che verrà. Nella Messa tri- ogni narrazione. Tutto, qui, è conte-
dentina, all’inizio, il sacerdote invo- nuto in un manoscritto che una
l mondo è narrazione: soltan- cava: Introibo ad altare Dei: «Mi ac- principessa ritrova nell’ultimo volu-

I to in questo modo si palesa-


no in parte i misteri insonda-
bili del Principio in termini a
noi comprensibili:

nesi ci dice dei Sei giorni, Esiodo


della generazione degli dei, Platone
così
l’astrofisica narra il Big Bang, la Ge-
costerò all’altare di Dio». «A Dio
che allieta la mia giovinezza», si ri-
spondeva. E veniva allora la procla-
mazione, ripresa dal Salmo 43: «Lo-
derò te sulla cetra, o Dio, Dio mio:
perché sei in tristezza, anima mia?».
«Spera in Dio, perché potrò ancora
me dell’Iliade tradotta in inglese da
Pope nel Settecento: opera che le è
stata venduta nel 1929 dall’antiqua-
rio Joseph Cartaphilus di Smirne
poco prima di morire ed essere se-
polto nell’isola di Ios.
Il manoscritto racconta di un ca-
dell’opera del Demiurgo, dei pri- cantar le sue lodi». Ogni volta che valiere che proviene dalle rive del
mordi Lucrezio e Ovidio. Anche la si celebra una Messa, la storia del Gange giungendo a Tebe d’Egitto:
vita dell’uomo è una storia, «una mondo e dell’uomo riprende dal cerca il fiume segreto che «purifica
storia strana e varia, piena di even- canto, dalla poesia: dal racconto. In- gli uomini dalla morte», ma muore
ti», dice Jacques nel Come vi piace di troibo ad altare Dei, ripeterà beffardo egli stesso prima di proseguire. Il
«Ulisse riconosciuto da Argo» (Palazzo Milzetti, Faenza)
Shakespeare: il mondo è un palco- Joyce nelle primissime righe militare romano che lo accoglie,
scenico, sul quale gli esseri umani dell’Ulisse, quel gioco liturgico tra il Marco Flaminio Rufo, tribuno di
recitano, in sette età, le loro parti, sacro e l’eretico che inaugura il mo- una legione di Diocleziano, decide sibile, è sapersi immortali»; la storia glia che Harold d’Inghilterra vince La meravigliosa parabola termina
con entrate e uscite secondo i casi. dernismo. di dar seguito all’impresa dello sco- non è che una ruota di eterno ritor- contro Harald Hardrada di Norvegia con la fine della vita del singolo in-
Ecco dapprima l’infante, che sbava Vorrei offrire un esempio novecen- nosciuto: la ricerca dell’immortalità, no, come nella religione indù o in solo tre settimane prima di cadere dividuo fisico. È un peana a Omero,
in braccio alla balia, poi il bambino tesco di introito letterario che si ac- il sogno che gli uomini hanno sem- Nietzsche. Omero, poi, gli racconta vittima a sua volta di Guglielmo il che compare sin dall’inizio, forse,
che infreddolito va a scuola, l’aman- costa al nocciolo interiore con forza pre inseguito e al quale soltanto che la prima Città degli Immortali Normanno ad Hastings; nel settimo nella persona di Joseph Cartaphilus,
te che sospira come una fornace; davvero eclatante. Obliqua, indiret- l’umanissimo Ulisse ha rinunciato fu distrutta e quindi ricostruita su secolo dell’Egira redige in arabo, a nativo di Smirne e sepolto a Ios co-
quindi il soldato baffuto «come un ta, travolgente, essa mira alla ricerca quando Calipso gliel’ha offerto. Fla- suo consiglio, «come un dio che Bulaq, sobborgo del Cairo, i viaggi me l’antico cantore dell’Iliade e
gattopardo», il giudice dalla pancia dell’immortalità e della narrazione minio attraversa oasi e deserti a occi- avesse creato il cosmo e poi il caos», di Sindbad il Marinaio, e descrive la dell’Odissea: Omero, che diverrà nel-
rotonda, il pantalone in ciabatte dal- primeva: perché, inutile negarlo, la dente dell’Egitto e avvista la Città e gli narra, anche, della propria vec- Città di Bronzo delle Mille e una le Altre inquisizioni l’Artefice per defi-
le gambe rinsecchite e con le lenti letteratura nei suoi momenti migliori degli Immortali: penetra nel suo la- chiezza e dell’«ultimo viaggio che notte. Gioca a scacchi a Samarcanda; nizione della memoria umana. Ma
sul naso, la voce da maschio ridotta mette in scena la ricerca della felicità birinto interno, beve l’acqua che vi aveva intrapreso, mosso, come Ulis- professa l’astrologia a Bikaner in In- l’Introito non era ad altare Dei? E
a falsetto bambinesco. L’ultima sce- (Odissea), del bello e del bene (Pin- scorre accanto rugginosa. Un uomo, se, dal proposito di giungere presso dia e in Boemia; vive a Kolozsvár in dove è Dio nell’Immortale, ci si
na è una seconda infanzia: «Puro daro, Platone): o il loro tragico falli- un troglodita, lo segue passo passo
chiederà. Bene, è proprio all’inizio:
oblio, senza denti, senza occhi, sen- mento (Edipo re, l’Inferno dantesco, come un cane. Per via della sua
za gusto, senza niente». Re Lear). La storia è L’Immortale di perché in maniera tipicamente obli-
«umiltà e miseria» Flaminio comin-
A me pare che tanta letteratura Borges, il primo racconto nella rac- Tanta letteratura “buona”, sacra o profana che sia qua Borges colloca in epigrafe al
cia a chiamarlo Argo, il nome del
“buona”, sacra o profana che sia, an- colta intitolata, con la prima lettera vecchio cane che dopo vent’anni ri- racconto una frase proveniente dai
tica medievale o moderna, costitui- dell’alfabeto ebraico, L’Aleph: come a
costituisce una sorta di “introito” alla celebrazione che verrà Saggi di Francesco Bacone, che
conosce per primo Ulisse nell’Odis-
sca una sorta di “introito” alla cele- dire il Bereshit, l’archè, il Principio di sea spirando subito dopo. Nella pri- Nella messa tridentina il sacerdote invocava combina Platone con Qoèlet (nel Sei-
ma notte di pioggia che rinfresca il cento attribuito a Salomone) e che
«Introibo ad altare Dei» recita al modo seguente: «Salomone
calore del deserto, Flaminio si accor-
ge che Argo è tutto bagnato di ac- Ogni volta che si celebra una messa dice: non c’è cosa nuova sulla terra.
qua piovana e di lacrime. Lo chia- Come Platone immagina che tutta la
la storia del mondo e dell’uomo riprende conoscenza è ricordo, così Salomone
ma, gridando «Argo! Argo!». Il tro-
glodita parla per la prima volta: dal canto, dalla poesia: dal racconto proclama la sua sentenza che ogni
«Argo», dice, «cane di Ulisse», e novità non è che oblio». La conclu-
aggiunge un mezzo verso dell’O dis- sione non è di Qoèlet, ma di Bacone:
sea: «Questo cane gettato nello ster- tuttavia, citare Qoèlet vuol dire ri-
gli uomini che non conoscono il ma- Romania e a Lipsia; acquista ad
co». Flaminio gli domanda allora chiamare un testo centrale, e stupen-
re e non mangiano carne salata né Aberdeen, in Scozia, nel 1714, i sei
cosa sappia del poema omerico. Ar- do, della tradizione ebraico-cristiana:
hanno nozione del remo». volumi dell’Iliade di Pope; intorno al
go, al quale il greco risulta faticoso, Non conosco Introito più fulmi- 1729 discute l’origine di quel poema quello per il quale «ricercare ed
risponde: «Molto poco. Meno del nante alla poesia — alla narrazione — con Giambattista Vico. Giunge infi- esplorare con saggezza tutto ciò che
rapsodo più povero. Saranno passati euro-americana degli ultimi trenta ne nel 1921 sul Mar Rosso: ricorda si fa sotto il sole è un’occupazione
mille e cento anni da quando l’in- secoli, né alla storia stessa dell’O cci- allora le mattine tebane di quindici gravosa che Dio ha dato agli uomi-
ventai». dente, fatta di continua esplorazione secoli prima, beve l’acqua di un rivo ni, perché vi si affatichino». E del
La sorpresa, per il lettore, è di in- del mondo (e purtroppo della sua limpido, e perde finalmente l’immor- resto, l’ultimo capitolo del libro bi-
tensità e commozione senza pari: il conquista). L’insegnamento di Ome- talità. Discute verità e autenticità del blico raccomanda di ricordare il
troglodita è nientedimeno che Ome- ro ha su Marco Flaminio Rufo, or- manoscritto, poi si rende conto che creatore nei giorni della giovinezza,
ro, il poeta che dà inizio alla nostra mai anche lui immortale, effetto du- «quando s’avvicina la fine, non re- di temere Dio e conservare i suoi co-
letteratura! Tutto diventa ora chiaro raturo, ma i due si separano quando stano più immagini del ricordo; re- mandamenti, «perché qui sta tutto
per Flaminio: essere immortali è po- raggiungono Tangeri. Flaminio at- stano solo parole». Conclude, infine: l’uomo».
ca cosa, lo sono tutti gli animali, traversa, come fosse in un’odissea «Io sono stato Omero; tra breve, sa- Quale Introito ha dunque costrui-
«giacché ignorano la morte», mentre del tempo, la Storia: nel 1066 com- rò Nessuno, come Ulisse; tra breve, to Jorge Luis Borges, l’Omero cieco
Jorge Luis Borges «la cosa divina, terribile, incompren- batte a Stamford Bridge, nella batta- sarò tutti: sarò morto». di Buenos Aires!

Nuovo numero per «Accènti» di «La Civiltà Cattolica»

Se l’intelligenza
Alla scoperta di Carlo
Bud Spencer in privato nel libro scritto dalla figlia
diventa artificiale
di FLAMINIA MARINARO stream, talmente lunga che dovette a preservare una parvenza di normali- vorando come rappresentante della
È dedicato al tema dell’Intelligenza artificiale (Ia) il nuovo trasportarla all’aeroporto di Roma-Ur- tà e dando la possibilità a Carlo di Dupont, anni impressi nella memoria
numero di «Accènti», la collana monografica digitale utti lo ricordano come il be dove teneva gli aerei della compa- partecipare ai 100 metri rana con la dei figli attraverso i suoi ricordi, le

T
pubblicata da «La Civiltà Cattolica» che raccoglie, attraverso gigante buono. Bud Spen- gnia che aveva fondato, la Mistral Air, Romana Nuoto fino a conseguire il sue melodie e i suoi disegni di loco-
parole-chiave ispirate dall’attualità, il patrimonio di contenuti e cer è uno degli attori ita- e ne fece il suo ufficio». È Cri Cri a record nazionale a Trieste. Quello motive a forma di caffettiere che
riflessioni accumulato sin dal 1850 dal periodico dei gesuiti. La liani più amati e conosciu- parlare per più di centocinquanta pa- stesso giorno il generale Doolittle in avanzavano lasciandosi alle spalle una
riflessione nasce da una serie di domande: «Può l’intelligenza ti del mondo, un uomo gine, in cui racconta suo padre come profumata scia di caffè.
straordinario in tutti i sensi. Anche il grande pubblico, il suo pubblico, Quando rientrò in Italia l’orizzonte
essere artificiale? Quali decisioni siamo disposti ad affidarle?».
nel fisico oltre misura. Ma com’era in non lo può conoscere (Bud. Un gigan- cambiò di nuovo colore. Furono anni
Come spiegato nella presentazione dal direttore Antonio
privato? Chi era Carlo Pedersoli, te per papà, Firenze, Giunti, 2020, pa- È il racconto speciali, conobbe Maria Amato, la ra-
Spadaro, si tratta di questioni che richiedono oggi uno «Maciste» come si scherniva lui stes- gine 160, euro 16,50).
vibrante e commosso gazza che sarebbe diventata sua mo-
sviluppo culturale e di leadership per affrontare con so, quando i riflettori si spegnevano e Oltre il memoir, è un vero e pro- glie, nacquero i tre figli, Giuseppe,
responsabilità «il rischio che l’uomo venga tecnologizzato, faceva ritorno a casa? prio atto d’amore, il racconto vibrante di un legame ancora forte Cristiana e Diamante e poi l’incontro
invece che la tecnica umanizzata», come dice Papa Francesco. «Una volta tornò dagli Stati Uniti e commosso di un legame ancora for- con il cinema. Giuseppe Colizzi e
Le implicazioni sono enormi, al pari delle opportunità offerte con una roulotte in metallo, l’Air- te e potente, che continua a cercare le che continua a cercare
Mario Girotti avrebbero dato il via al-
dal rapidissimo sviluppo tecnologico. E non possono più parole per raccontarsi. La retrospetti- le parole per raccontarsi la carriera che tutti conosciamo.
restare solo un argomento della grande fantascienza. Nella va di un’esistenza unica che ha sem- Senza volerlo, quasi senza renderse-
prima sezione viene proposta una riflessione sulla praticabilità pre messo la famiglia al centro di tut-
ne conto Bud Spencer e Terence Hill
e sui possibili principi di un «umanesimo digitale». La to e che solo una figlia avrebbe potu-
volo sulla capitale faceva sganciare un si ritrovano protagonisti di un genere
to narrare con sguardo profondo e lie-
seconda parte del volume tratta quindi le questioni etiche carico di 4.000 bombe. Se il treno cinematografico del tutto nuovo e vin-
ve al contempo, inizia prima ancora
poste dall’Ia: il confine tra possibilità tecnologica e di quel 31 ottobre 1929 quando a po- fosse arrivato alla Stazione San Lo- cente, il western comico e cominciaro-
opportunità, i nuovi esclusi dall’economia dei big data e dalla chi metri dal Golfo di Napoli, il pic- renzo solo un attimo prima, Carlo sa- no a collezionare premi e riconosci-
tecnopolitica, la ridefinizione di una bioetica che integri anche colo Carlo — si fa per dire per un rebbe rimasto soffocato dalle macerie menti.
una «algor-etica», e così via. E se la terza sezione affronta più neonato di 6 chili e mezzo — apre gli dell’esplosione ma «il caso, la coinci- Bud si è occupato di diritti umani,
esplicitamente il tema del rapporto tra uomo e macchina, per occhi al mondo. denza e la fortuna» avevano per lui è stato nominato ambasciatore Une-
concludere — spiega sempre il direttore Spadaro — «abbiamo La passione per il cibo probabil- altri piani. sco, è stato insignito del titolo di
dedicato una sezione al gesuita Roberto Busa, un vero pioniere mente ce l’ha nel Dna. E anche quella Prima di trasformarsi in Bud Spen- Grande ufficiale dell’Ordine al merito
per il nuoto, come suo nonno Ales- cer, aveva attraversato il mondo in della Repubblica, ha dedicato canzoni
dell’informatica e della riflessione su di essa». Padre Busa che
sandro. In pochi anni diventa come lungo e in largo, vissuto in Sud Ame- d’amore a sua moglie e ha lasciato
così scriveva su «La Civiltà Cattolica» nel 1969: «Resterà che le amicizie restassero spontanee
lui, un atleta e campione olimpionico. rica, incontrato sciamani, preso il bre-
quindi sempre, come minimo, questa differenza: l’uomo con così com’erano nate. «Non sono un
Di nuovo la famiglia è il fulcro della vetto di volo, formato una flotta di
solo se stesso ha dato inizio alla macchina artificiale; mentre storia. La guerra distrugge la piccola aerei e dato spazio senza tregua alle attore, sono un personaggio» diceva
una macchina manufatta, anche se dall’uomo resa più capace fabbrica di mobili che era l’attività dei sue passioni. Aveva una memoria ec- di se stesso. Ed è quel personaggio
dell’uomo, è per definizione che mai avrà la caratteristica di Pedersoli e si trasferiscono a Roma cezionale, gli bastava leggere un testo indimenticabile, poliedrico se non
dare con solo se stessa il primo inizio a qualcosa di nuovo: dove nonna Rina diventa il fulcro del- una volta per ricordarlo perfettamen- unico, che Cristiana Pedersoli ci trat-
sarà sempre stato l’uomo a “inventare” di farla più capace la famiglia. Apre una sartoria ai Pario- te. Imparò il portoghese alla perfezio- teggia oggi in un racconto emozio-
dell’uomo». li e supera quegli anni bui riuscendo ne e trascorse anni felici in Brasile la- nante che gli restituisce la scena.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 26 giugno 2020

Appello dei gesuiti per l’Africa

Prima che sia


troppo tardi
BRUXELLES, 25. In Africa il covid-19 rappresentano meno del 20 per cen-
«sta causando una crescente “pande- to dell’occupazione nella maggior
mia della fame” e provocando uno parte del continente».
“tsunami della povertà”, che minac- A livello nazionale, ritiene il re-
ciano la vita di innumerevoli perso- sponsabile gesuita, è auspicabile che
ne vulnerabili e povere. Gli esperti i paesi africani dispongano di un
ritengono che il numero di vittime modello di finanziamento per la
dovute agli effetti secondari del co- protezione sociale basato su un soli-
ronavirus — povertà, fame, malattie do sistema fiscale generale e non
e violenze esacerbate dalla pandemia soltanto su trattenute salariali che ri-
— potrebbe superare quello delle guardano poche imprese.
persone che muoiono direttamente a Per padre Chilufya, «è dunque
causa del virus»: è quanto sottolinea comprensibile che in assenza di en-
padre Charlie Chilufya, direttore trate sufficienti i paesi in via di svi-
dell’Ufficio per la giustizia e l’ecolo- luppo africani si rivolgano alle na-
gia della Conferenza dei gesuiti zioni ricche per coprire i costi per
dell’Africa e del Madagascar, in un attenuare gli effetti del coronavirus». La Chiesa a sostegno dell’editoria in Togo
articolo pubblicato sul sito internet A breve termine, ritiene, «c’è un ur-
del Centro sociale europeo gesuita,
che si concentra su «alcuni danni
collaterali che potrebbero essere dif-
gente bisogno di aiuto internaziona-
le da parte dei paesi ricchi del
Nord. Alcune spese di stimolo eco-
Libri
ficili da riparare se non si presta at-
tenzione».
In molte città africane, la pande-
nomico d’emergenza sono necessarie
per prevenire danni permanenti ai
più poveri del mondo in questa crisi
per tutti
mia «ha amplificato i problemi so- da covid-19».
ciali preesistenti per le popolazioni Secondo il religioso, «il mondo LOMÉ, 25. La Chiesa cattolica in disposizione dei cristiani affinché
più disagiate, e ancora di più per le potrebbe facilmente fornire due dol- Togo contribuisce in modo sostan- partecipino alla liturgia e alla vita
categorie più vulnerabili come le lari a persona a settimana in soste- ziale alla promozione della cultura della Chiesa nel miglior modo pos-
donne, le ragazze e i senzatetto, che gno del reddito, per le prossime cin- del paese, impegnandosi in partico- sibile», spiega al quotidiano france-
subiscono gli effetti più duri della quanta settimane, di due miliardi di lare nel campo dell’industria del li- se «La Croix» suor Edith Mensah,
crisi attuale». Il padre gesuita cita indigenti». Senza tale misura — que- bro. Nelle diocesi del piccolo paese religiosa agostiniana.
un recente studio di Plan Internatio- sto è il monito del direttore dell’Uf- africano, numerose istituzioni svol- Purtroppo, la pandemia da coro-
nal (una ong umanitaria che opera ficio per la giustizia e l’ecologia del- gono attività mirate nell’ambito navirus e la conseguente crisi eco-
in cinquanta paesi in via di sviluppo la Conferenza dei gesuiti dell’Africa dell’editoria, come a esempio attra- nomica hanno provocato un calo
ed è impegnata in prima linea nella e di Madagascar — «milioni di per- verso l’istituzione di uffici di tradu- delle vendite. Per questo, la casa
tutela dei diritti dell’infanzia, soprat- sone moriranno di fame e altri mi- zione della Bibbia nelle lingue loca- editrice cerca sovvenzioni per ab-
tutto delle bambine), secondo il lioni subiranno i danni della denu- li, per facilitare la comprensione bassare i prezzi di vendita dei libri,
quale «le misure adottate per argi- trizione». delle sacre Scritture da parte della per consentire a un maggior nume-
nare la malattia hanno aggravato le popolazione. Ma non solo: sono ro di persone di accostarsi alla let-
disuguaglianze esistenti, costringen- presenti anche case editrici speciali, tura.
do le ragazze ad abbandonare la tra cui le edizioni Sant’Agostino Suor Marie-Madeleine Koukoui-
scuola e mettendole in una situazio-
Africa ed Ediverbum-Svd. zou è la responsabile della bibliote-
ne dove corrono il rischio di essere
I salesiani in Uganda lanciano l’allarme Fondata all’inizio degli anni No- ca diocesana Saint-Augustin a Lo-
vittime di violenze nelle proprie ca-
vanta dalla Società del Verbo Divi- mé, che dispone di un fondo di cir-
se».
La crisi, secondo padre Chilufya,
evidenzia inoltre la necessità di rin-
Crisi sanitaria e alimentare nel campo profughi di Palabek no, Ediverbum è una struttura idea-
ta da padre Dieter Skweres (1938-
ca 45.000 opere, sia letterarie sia re-
ligiose. Per lei, questo luogo ha co-
forzare i sistemi di protezione socia- 2016) per l’edizione e la diffusione me missione di contribuire non so-
le in Africa, «che attualmente sono di testi biblici, gestita dal 2000 da lo «all’educazione e alla formazione
KAMPALA, 25. «Il campo rifugiati di Palabek è un luo- La riduzione delle razioni alimentari è un altro dei padre Mirosław Wołodko, sacerdote del pubblico», ma anche «alla for-
inesistenti o molto insufficienti». In go a grande rischio di contagio da coronavirus. Oltre al problemi che riguardano l’insediamento: il cibo dispo-
tutto il mondo, compresi alcuni pae- polacco in missione in Togo. Edi- mazione permanente dei sacerdoti e
timore che esso possa diventare un enorme focolaio nibile è calato del 30 per cento e per una persona verbum, che pubblicava inizialmen- dei laici cristiani e di qualunque
si africani, diversi governi hanno in- (attualmente ospita 56.000 persone) vi sono poi forti adulta è quasi impossibile mantenersi per un mese.
tensificato la protezione sociale per te il bollettino «Ascoltate e Annun- persona interessata».
preoccupazioni per l’approvvigionamento alimentare e «Questo può generare fame, malnutrizione e anche ziate», cura anche la diffusione di La Chiesa valorizza l’attività di
affrontare lo choc socioeconomico
per le conseguenze sul piano educativo e psico-sociale frustrazione, rabbia e altri disordini sociali», ha sottoli- un’agenda biblica e di un calenda- altre biblioteche, come quella del
causato dal covid-19. Tuttavia in
derivanti dalle restrizioni imposte dalle autorità»: è neato don Lazar Arasu, responsabile della presenza sa- rio liturgico in collaborazione con centro culturale Sant’Agostino di
Africa «le misure sono di gran lunga
inadeguate o insufficienti per pro- questo l’allarme lanciato dai missionari salesiani che lesiana a Palabek. A ciò bisogna poi aggiungere l’in- le edizioni Sant’Agostino Africa. Sokodé, la mediateca San Giovanni
teggere le persone più povere», rile- operano nell’area del nord Uganda, paese dove ancora sufficienza dei servizi medici forniti ai rifugiati — sono Grazie al suo servizio informatico, Paolo II di Lomé e tutti i centri di
va il gesuita: «Spesso manca la pos- non sono stati registrati decessi per covid-19 a fronte presenti, infatti, solamente tre unità sanitarie con strut- la struttura mira a diventare un lettura presenti nelle parrocchie e
sibilità di stanziare importanti risor- però di 805 casi di infezione. I timori nascono dall’os- ture minime condivise da diverse migliaia di cittadini punto di riferimento in materia bi- negli istituti cattolici, per «aiutare il
se monetarie e fiscali come nei paesi servazione di movimenti continui tra i rifugiati del Sud ugandesi dei dintorni — e la chiusura delle undici blica nella regione. pubblico a coltivare se stesso». Ma
più ricchi», prosegue il prete zam- Sudan che attraversano di nascosto i confini non uffi- scuole primarie, di quella secondaria e dell’istituto tec- Dal canto suo, la casa editrice non solo: i cattolici del Togo assi-
biano. Inoltre, «le debolezze struttu- ciali, e anche tra campi profughi: di recente, hanno nico presenti nell’insediamento, come stabilito da de- Sant’Agostino Africa, attiva dal curano inoltre la promozione e la
rali nei mercati del lavoro nel conti- spiegato i religiosi, circa cinquanta camionisti in transi- creto governativo a livello nazionale. Situazione che ha 2002, pubblica principalmente il diffusione della cultura anche attra-
nente limitano l’efficacia delle rispo- to, che erano stati in Sud Sudan, sono risultati positivi. coinvolto anche le cappelle all’interno del campo pro- messale mensile «Parole di Vita» e i verso diverse librerie, tra cui quella
ste politiche, che si concentrano I rifugiati nel campo di Palabek «non seguono le rego- fughi, togliendo, seppur temporaneamente, quel mini- documenti pontifici. «Curiamo del Buon Pastore a Lomé, la San
principalmente su lavoratori con le che potrebbero contrastare la diffusione della malat- mo di sostegno spirituale e psicosociale che i religiosi l’edizione di questi testi il più rapi- Carlo Lwanga di Dapaong e la San
contratto di lavoro e le imprese che tia; per il loro stile di vita, spesso sono incontrollabili». potevano offrire. damente possibile e li mettiamo a Luca di Barkoissi.

Conclusa a Nairobi la terza conferenza sulla «Laudato si’» Arcidiocesi keniana istituisce un servizio per fornire assistenza psicologica e spirituale

Un New Deal per la natura e le persone Il call center del buon pastore
NAIROBI, 25. «Un New Deal per la NYERI, 25. Si chiama Good Shepherd Call Center ed fitto o a soddisfare le necessità di base. Cerchiamo di
natura e le persone. Appello al clero» è una struttura di consulenza e supporto di base che coinvolgere la polizia quando è chiaro che si tratta di
è il titolo della terza conferenza inter- fornisce assistenza a persone e famiglie che si trova- un caso di violenza. Questo non è solo per gli sposi;
nazionale sulla Laudato si’, appena no in difficoltà a causa delle misure sanitarie per coinvolgiamo anche fratelli o parenti che vivono in-
conclusasi a Nairobi, dedicata que- contenere il covid-19, Istituita nei giorni scorsi sieme alla persona maltrattata».
st’anno alla protezione della biodiver- dall’arcidiocesi di Nyeri, in Kenya, l’iniziativa si è re- Recentemente i vescovi in Kenya hanno espresso
sità in vista della nuova strategia de- sa indispensabile per fronteggiare la pandemia nel preoccupazione per l’aumento della violenza in fami-
cennale (2020-2030) delle Nazioni paese, dove secondo i dati della John Hopkins Uni- glia avvertendo la popolazione che gli abusi nell’am-
Unite che sarà discussa alla quindice- versity, le persone contagiate hanno superato le 5200 bito domestico e quelli “di genere” non sono accetta-
sima Conferenza delle Parti della unità, mentre i decessi sono 130. bili in alcuna circostanza.
Convenzione Onu sulla diversità bio- «Il nuovo centro — ha affermato l’arcivescovo di
logica (Cbd Cop15), prevista per il Nyeri, monsignor Anthony Muheria — ha lo scopo
prossimo ottobre a Pechino. di offrire sostegno psicologico e incoraggiamento, in-
L’incontro è stato promosso dal Ca- clusa la consulenza matrimoniale per dirimere i di-
tholic Youth Network for Environ- saccordi coniugali». Secondo il presule, con l’adozio-
mental Sustainability in Africa (Cyne- ne da parte del governo di misure rigorose per con-
sa), piattaforma ecologista cattolica trastare la diffusione di covid-19, tra cui la limitazio-
Numerosi i progetti promossi in tre quaranta sacerdoti dell’Africa sub-
nata nel 2012 per iniziativa di un ne dei movimenti, i livelli di stress tra le persone si
questi anni dal network cattolico, fo- sahariana che si sono confrontati sul
gruppo di giovani di Kenya, Etiopia, sono intensificati, portando a conflitti all’interno del-
calizzati soprattutto su tre obiettivi ruolo che possono svolgere i giovani
le famiglie.
Zimbabwe, Tanzania, Zambia, Rwan- centrali: la sensibilizzazione e la for- cattolici africani nella protezione della
Il Call center del buon pastore ha un numero ver-
da e Sudafrica ispirati dal messaggio mazione dei giovani sui temi ambien- biodiversità attraverso la divulgazione de al quale le persone si possono rivolgere per chie-
di san Giovanni Paolo II per la XXIII tali e della sostenibilità basata sulle dei contenuti della Laudato si’ e del dere assistenza non solo psicologica ma anche spiri-
Giornata mondiale della pace del 1990 Scritture, la spiritualità ignaziana, la “New Deal per la natura e le persone” tuale, ed è destinato a tutti coloro che, a prescindere
dedicato al tema della salvaguardia ricerca scientifica e la dottrina sociale lanciato dal Wwf per rendere operati- dal proprio credo, «si trovano in una grave situazio-
del creato. Un testo che con il suo ri- della Chiesa; l’incoraggiamento a farsi vi gli sforzi necessari legati alla nuova ne di stress mentale», specifica l’arcivescovo. La
chiamo alla “responsabilità ecologica”, promotori della causa ambientale nel- strategia decennale dell’O nu. struttura è coordinata da un consulente certificato,
intesa al tempo stesso come responsa- la società e a fare rete; il comanda- Fra i numerosi relatori presenti padre Stephen Ndung’u, ed è supportato da oltre
bilità verso gli altri e l’ambiente, ha mento ad agire nelle loro parrocchie, all’incontro di Nairobi, Seif Hamisi, dieci psicologi volontari. Altri operatori, sempre a
anticipato i grandi temi affrontati da scuole e movimenti adottando com- delegato del Wwf, che ha esortato il base volontaria, stanno seguendo un programma di
Papa Francesco nella Laudato si’. portamenti sostenibili per preservare clero cattolico africano a cercare nuo- formazione intensiva di consulenza psicologica. «Co-
Obiettivo del Cynesa è quello di l’ambiente. L’enciclica di Papa Fran- ve idee per dare slancio alla lotta con- loro che chiamano alla nostra struttura — ha spiegato
aiutare i giovani cattolici dell’Africa cesco sulla cura della casa comune ha tro la distruzione della biodiversità, monsignor Muheria — hanno necessità diverse: dai
sub-sahariana, i loro movimenti e co- dato nuovo slancio e nuova linfa a attraverso il coinvolgimento dei fedeli: problemi molto seri e acuti alle semplici chiamate di
munità, a rispondere alla doppia sfida questi progetti e alle iniziative pro- «Abbiamo bisogno di cittadini che chi cerca un interlocutore con cui parlare. La solitu-
dell’emergenza ambientale e dei cam- mosse in collaborazione con altre or- facciano pressione sui loro dirigenti dine è una questione molto seria per quelli che vivo-
biamenti climatici in un modo che sia ganizzazioni cattoliche e istituzioni affinché diventino promotori della no lontano dalle loro famiglie o sono in quarantena
al contempo efficace, coordinato, ispi- internazionali. causa contro la perdita della biodiver- o in isolamento. All'inizio, ricevevamo oltre trecento
rato al Vangelo, basato sugli insegna- All’incontro del Catholic Youth sità», ha detto il delegato, sottoli- chiamate a settimana, adesso ne riceviamo circa un
menti sociali della Chiesa sulla cura Network for Environmental Sustaina- neando che l’Africa, con la sua acqua, centinaio. I più gravi sono i casi di suicidi che ven-
del creato e sull’attenzione ai più fra- bility in Africa, organizzato in colla- energia, cultura e spiritualità, dipende gono gestiti professionalmente e spiritualmente, le
gili, nonché rispettoso delle culture borazione con il Fondo mondiale per ancora più direttamente dalla natura controversie domestiche, gli episodi di stress dovuti
africane. la natura (Wwf), sono intervenuti ol- di altri continenti. alla mancanza di cibo, all’impossibilità di pagare l’af-
venerdì 26 giugno 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Riflessione del vescovo di Cassano all’Jonio Il cardinale vicario di Roma ha consegnato gli orientamenti per il nuovo anno pastorale

Usura In ascolto dell’altro


pandemia sociale guidati dallo Spirito
CASSANO ALL’JONIO, 25. Un’amara anche quanti «esercitano un lavoro Tale piaga deve essere contrastata ROMA, 25. «Oggi, nel giorno della trice» diretta al rapporto del “tu per Uscire, incontrare, abbracciare:
realtà quella dell’usura, «pratica an- irregolare senza alcuna garanzia, da tutti, «dai più giovani, a cui bi- nascita del Battista, siamo qui per tu” e «mettendoci davvero in ascol- sono i tre verbi guida di una missio-
tichissima e irragionevole» che al privi del diritto di riposo settimana- sognerebbe rivolgere lezioni di lega- continuare il nostro cammino dioce- to di ciò che le persone pensano, ne pastorale fruttuosa che è chiama-
giorno d’oggi assume i connotati le o di ferie, senza tutela della salute lità, ai più anziani, affinché libertà, sano, il nostro “esodo”, arricchito da sentono e vivono, prendendoci cura ta a «“varcare la soglia” delle case,
«del più becero prodotto della so- e di permessi per malattia». Proprio lavoro e dignità siano garantiti a tutto questo tempo in cui lo Spirito di loro». Un ascolto che è ancora per farci raccontare ciò che è acca-
cietà», in aperto contrasto e nega- la preghiera, sottolinea Savino, «ci ciascuno». Impegno che non deve ci ha ricondotto fortemente all’es- più vivo se guidati dallo Spirito duto e come sono cambiate le fami-
zione con la dottrina sociale della spalanca lo scenario anche su quanti mai venir meno da parte delle istitu- senziale. Non è una ripartenza da Santo, dal suo soffio salvifico che è glie», ha aggiunto De Donatis,
Chiesa: con queste parole Francesco non sono né usurai né vittime zioni, chiamate, come garanti “dove eravamo rimasti”, perché que- «il motore segreto dell’evangelizza- ascoltando le loro paure, le loro
Savino, vescovo di Cassano all’Jo- dell’usura. Sono davvero tanti colo- dell’uguaglianza, a prevenire e con- sto periodo non è stato una “paren- zione» e dal quale siamo chiamati a speranze, le loro esperienze accumu-
nio, in una lettera dal titolo Una ro che, consapevolmente o inconsa- trastare ogni forma di criminalità. tesi”, ma piuttosto un tempo in cui ripartire come comunità. Occorre late sotto la scure del covid-19 e
pandemia sociale di nome usura punta pevolmente — osserva — diventano La miglior soluzione per annientare siamo “stati arati” per renderci “il abbandonare infatti, ha osservato «annunciando il vangelo della gra-
il dito contro una piaga che ha cau- terreno buono” che accoglie il seme De Donatis, «la tentazione di resta- zia e della misericordia». La fami-
“complici” quando sanno di qualcu- questa piaga, però, è che gli usurai
sato, e continua a causare, sofferen- dei doni di Dio». Considerazioni di glia deve essere valorizzata
no che finisce nelle maglie dell’usu- si convertano, conclude il presule,
ze inaudite a persone in difficoltà grande impatto quelle pronunciate come soggetto attivo del-
ra e non denunciano», mancando di invitandoli, «con la sollecitudine del
economiche. Un male, osserva il dal cardinale vicario di Roma, An- l’evangelizzazione, ha ribadi-
solidarietà con gli indigenti e disto- fratello e la fermezza del padre», a to il porporato, sostenendola
presule, che rappresenta un grave gliendo lo sguardo «dall’estorsione compiere tale atto per diventare cri- gelo De Donatis, nel suo intervento
peccato generante «angoscia, dispe- dopo la preghiera dei vespri cele- innanzitutto con la liturgia
e dalla violenza per non offrire stiani «che amano gratuitamente sa- domestica. A tal proposito
razione e morte»; ma anche un male brati mercoledì 24 giugno nel cortile
un’opportunità a chi si trova nella pendo di essere amati gratuitamente sarà offerto, ha spiegato il
«economico e morale che desertifica del palazzo Lateranense. In questa
difficoltà». da Dio Padre Nostro». cardinale vicario di Roma,
e distrugge sia il debitore che il cre- occasione, dopo aver presieduto nel-
ditore, nella pretesa assurda di ri- la basilica di San Giovanni in Late- un sussidio mensile con
durre tutti a devoti del denaro»; un rano una messa dove sono stati cele- «proposte semplici» da at-
male che trasforma inoltre «signo- brati i giubilei sacerdotali di quanti tuare durante l’Avvento, la
rotti d’affare, in giacca e cravatta, in ricordano quest’anno il 25°, il 50° e Quaresima e la Settimana
santa. Importante poi è far
commercianti di utili senza scrupo- Lettera congiunta di Bagnasco, Betori e Nosiglia il 60° di ordinazione, il porporato
riscoprire ai nuclei familiari
lo, senza alcun limite legale, a disca- ha consegnato alla diocesi romana
quanto la grazia sacramenta-
pito di tanti onesti lavoratori e im-
prenditori che si affannano per so- Ripensare le città gli orientamenti per il nuovo anno
pastorale.
le ricevuta nel battesimo, nel-
la confermazione e nel matri-
stenere le necessità della famiglia e Parroci e rappresentanti laici di
monio agisca nella loro vita,
permettere ai propri figli un riscatto ogni chiesa, invitati all’incontro, so- aiutandoli a vivere la quoti-
che la propria terra, come la Cala- ROMA, 25. Un’esortazione a «ripensare le nostre città per il futuro» con- no stati ringraziati da De Donatis
siderato che nei prossimi anni verrà richiesta a tutti, in particolare a chi dianità delle relazioni, con
bria, non garantisce e talvolta nem- insieme a sacerdoti, diaconi, religiosi uno sguardo speciale a gio-
meno consente». ha responsabilità amministrative e a chi è protagonista della vita econo- e religiose, seminaristi e tutte le co-
mica e culturale, «una chiara visione di ciò che realmente conta e costi- vani e adolescenti. Famiglie
Si tratta di una vera e propria munità della diocesi per il modo che vanno supportate quan-
“pandemia sociale”, come l’ha defi- tuisce la sostanza della vita, personale e sociale». È quella espressa dai con cui hanno affrontato la dura
cardinali Angelo Bagnasco, amministratore apostolico di Genova, e Giu- do si trovano in difficoltà
nita Papa Francesco, che si aggiun- prova della pandemia, gettando le economiche, comprese quelle
ge a quella di coronavirus ancora seppe Betori, arcivescovo di Firenze, insieme all’arcivescovo di Torino, fondamenta del prossimo cammino degli immigrati, grazie a cen-
nociva per la società. Ma l’usura, Cesare Nosiglia, in una lettera congiunta diffusa in occasione della so- pastorale diocesano. Esso sarà rivol- re attaccati al “respiratore artificia- tri di ascolto e a iniziative di solida-
prosegue monsignor Savino, è un lennità di san Giovanni Battista «patrono delle nostre tre città e dei loro to soprattutto, ha sottolineato il car- le”, invece di confidare nel “respiro rietà. Questi gli impegni principali
virus ancora più subdolo, «serpeg- abitanti». Nel testo si evidenzia come ci si trovi attualmente di fronte a dinale vicario, nell’entrare «in rela- di Dio”» che ci esorta a entrare in dell’equipe pastorale che «dovrà sti-
giante, che si esprime in termini di un grave compito «per il rilancio della vita sociale ed economica delle zione ancora di più con le persone relazione con Lui e con gli altri. molare la comunità cristiana ad ap-
virulenza molto aggressiva, tangibile nostre città», alla base del quale è necessaria «una chiara visione della che abitano i nostri quartieri (in La centralità della missione dello plicarsi a questo compito con creati-
e spaventosa», colpendo chi, in que- dignità della persona, della centralità della famiglia, del riconoscimento particolare le famiglie, i giovani e i Spirito implica pertanto, da parte vità», forte dell’apprezzamento di
sti mesi di problemi occupazionali, del diritto al lavoro per tutti». Tutto questo «in un’ottica di sussidiarietà, soggetti più fragili) e ascoltare con degli evangelizzatori, «il discernere tanti fedeli per la prossimità dei pa-
«restando in casa dimezzava o azze- della ricerca del bene comune avendo particolare attenzione per i più un cuore contemplativo le loro sto- e contemplare quali frutti di fede, di stori nel periodo del contagio, «dal
rava gli introiti giornalieri e la pos- deboli». Il messaggio prosegue sottolineando la necessità di tornare rie di vita». Questo perché, nel pe- speranza e di carità lo Spirito abbia Papa ai parroci». Nell’incontro e
sibilità di far fronte a necessità pri- all’essenziale, alla verità del Battista. «In questo periodo di pandemia — riodo di isolamento, si è accresciuta già seminato nel cuore delle perso- nell’ascolto con le persone — ha
marie senza alcuna speranza di so- è scritto — abbiamo avuto testimonianze splendide di fedeltà alla verità e sempre di più tra le persone la no- ne», con una predicazione del keryg- concluso De Donatis — e nel condi-
luzioni lavorative». Per loro è stata alla dignità della persona umana», rappresentate dall’operato di medici, stalgia di relazioni autentiche e pro- ma «forte e incisiva». Consapevoli videre tra noi le esperienze pastora-
quotidianamente rivolta una pre- infermieri, volontari. Da qui bisogna partire, soprattutto quando alle Ca- fonde che rende necessaria «una ri- di questa ricchezza sarà ancora più li, «il Signore ci ispirerà cosa lascia-
ghiera da parte del vescovo della ritas «bussano sempre più persone che hanno perso il lavoro, che non forma della vita della Chiesa dioce- gratificante l’incontro e l’abbraccio re e a cosa dare inizio nella vita del-
diocesi cosentina, il quale ricorda sanno come sfamare i propri figli». sana e della sua azione evangelizza- con il prossimo. la nostra comunità diocesana».

La Pontificia Università Salesiana


Per un rilancio dei territori
delle aree interne Ottant’anni e non sentirli
Da Mattarella i presuli della metropolia beneventana di ROBERTO CETERA cioè nel solco della missio affidataci ti, dall’Africa all’India, dal Viet- con giovani suore e seminaristi che
dal nostro fondatore. E questa pe- nam all’Argentina, fino alla presti- mi danno molta soddisfazione».
el mondo degli atenei com- culiarità non è confinata all’ambito giosa sede di Gerusalemme intito- Parere confermato da un recente
ROMA, 25. Una rinnovata attenzione ai
territori delle “aree interne”, questione
che non può continuare a restare mar-
condizione precaria delle fasce più de-
boli della società richiede da parte di
tutti — istituzioni, comunità ecclesiali,
N piere appena 80 anni signi-
fica essere giovani. E la
Pontificia Università Salesiana gio-
specifico degli studi pedagogici,
ma cerchiamo di declinarla lungo
tutta quanta la nostra offerta for-
lata ad Alphonse Marie Ratisbon-
ne. L’ateneo è oggi strutturato in
cinque facoltà: oltre a teologia,
ex studente, don Andrea Lupi, og-
gi vice parroco a Latina: «La mia
esperienza prima che istruzione è
ginalizzata nell’agenda di governo: è realtà educative ed assistenziali — un vane lo è nei fatti prima ancora mativa». «Sì — gli fa eco don An- quelle di filosofia, di scienze stato cammino; entrando in ateneo
ciò che hanno sollecitato oggi i vesco- costante sforzo per chinarsi sulle diffi- che anagraficamente. D’altronde tonio Escudero Cabello, decano dell’educazione, di lettere cristiane si respirava quella temperatura re-
vi della metropolia di Benevento rice- coltà e le sofferenze di tanti nostri fra- della Facoltà di teologia — anche e classiche, e di scienze della co- lazionale giusta a motivare e stimo-
non poteva darsi differentemente
vuti al Quirinale dal presidente della telli e sorelle, offrendo loro gesti con- l’insegnamento della teologia segue municazione sociale. lare le domande e a cercare insie-
nell’ambiente ispirato a don Bosco, la medesima impronta. Non solo
Repubblica Sergio Mattarella. L’in- creti di condivisione e di solidarietà. «Oltre che nel rango di ateneo me le risposte. Ragione, religione,
il “santo dei giovani”. E la positivi- per l’Istituto di teologia pastorale
contro, programmato in vista del se- Auspico, pertanto, che si dedichi ogni pontificio alle dipendenze della amorevolezza, come insegnava don
tà, l’ottimismo giovanili sono la che è particolarmente rivolto alla
condo Forum degli amministratori energia per ridare speranza alle perso- Santa Sede, l’Università Salesiana Bosco».
campani (che dovrebbe svolgersi in prima nota che risulta visitando pastorale giovanile, ma anche negli
ne più deboli e bisognose di aiuto, in l’ateneo: la comunità accademica in queste materie “laiche” rilascia Don Fabio Pasqualetti, che è il
autunno), è servito per tornare a sotto- vista di una società sempre più acco- altri due istituti di teologia spiri-
salesiana è stata severamente colpi- lauree e titoli accademici ricono- decano della Facoltà di scienze
lineare con forza i temi già affrontati gliente, fraterna e a misura d’uomo». tuale e di dogmatica i programmi
ta nei mesi scorsi dalla pandemia, sono particolarmente orientati al sciuti dallo Stato italiano», spiega della comunicazione sociale, spie-
dai presuli nella lettera Mezzanotte del Copia della lettera e dei lavori del pri- il vice rettore, don Paolo Carlotti. ga: «La nostra è una finestra aper-
Mezzogiorno?, datata 13 maggio 2019 e eppure preoccupazioni e tristezza tema della formazione cristiana,
mo Forum degli amministratori cam- Inutile a dirsi che la facoltà di ta sul mondo dei nuovi media e
inviata ai politici locali, con la quale pani (tenutosi dal 24 al 26 giugno scienze dell’educazione, per la delle tecnologie: insegniamo a pro-
mettevano a fuoco il persistente e gra- 2019) è stata consegnata al presidente stretta contiguità con il carisma sa- durli e a utilizzarli con senso criti-
ve ritardo nello sviluppo dell’area san- della Repubblica dall’arcivescovo di lesiano, costituisca un po’ il bari- co, con uno sguardo particolare
nita-irpina, «territorio povero di popo- Benevento quando Mattarella è inter- centro dell’intero ateneo. Il profes- ovviamente al loro uso pastorale.
lazione e di risorse, che dopo la pan- venuto all’inaugurazione dell’anno ac- sore don Cristiano Ciferri spiega Tema che è risultato di grande at-
demia vedrà — facile previsione — au- cademico, nel capoluogo sannita, il 28 come è strutturato l’ateneo: «Sia- tualità in questi ultimi mesi con la
mentare il numero dei poveri». Zona, gennaio 2020. mo organizzati in ben sette istituti pandemia che ha costretto le realtà
tuttavia, dove proprio la recente pan- I vescovi «non pretendono, né in- di facoltà: pedagogia, metodologia della Chiesa a dispiegarne l’uso
demia «ha messo drammaticamente in tendono, sostituirsi a nessuno arrogan- pedagogica, didattica, sociologia, ovunque».
luce le potenzialità delle aree interne
dosi compiti che non competono lo- catechetica, pedagogia vocazionale, Specialità unica dell’ateneo è in-
rispetto ai grandi raggruppamenti ur-
ro»; non spetta infatti a essi «formula- psicologia». Quest’ultima è consi- fine la Facoltà di lettere cristiane e
bani e alle aree metropolitane».
re progetti di chiara valenza politica, derata all’esterno il fiore all’oc- classiche. «Il nostro compito —
La delegazione — guidata dall’arci-
né, ancor meno, programmi». Inten- chiello della facoltà e dell’universi- sottolinea il preside-decano, don
vescovo di Benevento, Felice Accrocca
dono, questo sì, «proporre un metodo tà. Ogni anno centinaia di studenti Miran Sajovic — consiste fonda-
— si è detta certa che il capo dello Sta-
che, in politica come in economia, ten- affrontano fiduciosi i test di am- mentalmente nel preparare i futuri
to saprà confortare la loro azione an-
che con suggerimenti e stimoli «affin- ga fermo il primato della comunione». missione al corso di laurea in psi- professori di latino e greco, che an-
ché essa convinca gli attori dello sce- Il metodo «è quello del camminare in- sono state rapidamente archiviate tanto nella storia che nel presen- cologia che si caratterizza per il dranno poi a insegnare negli atenei
nario politico-amministrativo a speri- sieme, di fare rete, gioco di squadra, in questi giorni con i festeggiamen- te». suo curriculum molto impegnativo di tutto il mondo. Fu san Paolo VI
mentare nuove prassi e a praticare fi- programmando insieme una politica di ti in corso per gli ottant’anni di vi- Da quel giugno di ottant’anni fa e qualificante. Pochi sanno che, a a volere nel 1964 il Pontificium In-
nalmente azioni convergenti e, perciò, sviluppo». Sono infatti convinti che ta. Esattamente due giorni dopo molta acqua è passata sotto i ponti dispetto dei luoghi comuni sulla stitutum Altioris Latinitatis che poi
produttive per il bene delle comuni- un serio progetto per le aree interne l’ingresso in guerra dell’Italia infat- del mondo, dell’Italia e della Chie- presunta diffidenza ecclesiale nei dal 1971, pur conservando un lega-
tà». Mattarella del resto, nell’udienza avrebbe ricadute positive, anche sul ti, il 12 giugno 1940, la Santa Sede, sa. Oggi, l’Università Pontificia confronti della psicologia, i salesia- me speciale con la Santa Sede, è
concessa nel febbraio scorso agli edu- piano economico, per tutta la nazione. su proposta del cardinale Ruffini, Salesiana è una grande realtà acca- ni sono stati i primi a introdurre in divenuto parte integrante della no-
catori del seminario di Posillipo, ha In un contesto dove i rapporti umani approvò gli statuti dell’erigendo demica con più di ottocento stu- Italia un corso di laurea in psicolo- stra università. Il lavoro di ricerca
già manifestato attenzione e parole di sono più forti e stabili che non nei ateneo salesiano, che iniziò il suo denti, di cui oltre la metà laici, alla gia, assai prima delle università è soprattutto indirizzato a studiare
stima per l’iniziativa e la promozione grandi agglomerati urbani, risultano primo anno accademico a Torino il cui formazione concorrono circa statali. «Un luogo — racconta Bea- le connessioni tra il mondo della
di un percorso che veda uniti gli am- più facili anche quei legami di solida- successivo 16 ottobre con, accanto duecentottanta religiosi salesiani. Il trice Visco, studentessa del primo classicità pagana e il cristianesimo
ministratori delle realtà più fragili rietà che in altri contesti lo Stato deve alla filosofia e alla teologia, la no- punto di svolta è avvenuto nel 1965 anno di specialistica in psicologia delle origini».
dell’Italia. impegnarsi a garantire: «Nei nostri vità di un istituto di pedagogia. quando, per meglio rispondere alla — dove oltre alla trasmissione di Conclude don Mauro Mantova-
Nella lettera del 13 maggio 2019 i piccoli comuni molte persone si pren- Entriamo nel moderno campus crescente utenza internazionale, competenze c’è una grande atten- ni: «Non voglio sembrare presun-
presuli esortavano ad agire con «un dono cura dei vicini anziani, vigilando accompagnati da Veronica Petroc- venne deciso di spostare la sede zione alla formazione umana inte- tuoso, ma debbo dire che siamo
progetto strategico di lunga gittata che su di loro a distanza. Quante persone chi e don Donato Lacedonio che centrale dell’ateneo a Roma, nel grale. Vi si respira una vera aria da veramente orgogliosi non solo del
miri a privilegiare l’interesse comune, potrebbero vivere in modo più digni- ne curano le relazioni esterne. «Fin moderno e ampio campus costruito campus, con tante e stimolanti ini- servizio che svolgiamo per la Chie-
il quale solo può consentire il benesse- toso e sereno la propria vecchiaia in da subito — ci spiega, accogliendo- sulla collinetta del quartiere Nuovo ziative extracurriculari, ricreative e sa universale, ma anche per essere
re di tutti, singole persone come enti questi territori (invece che in tante ca- ci, don Mauro Mantovani, rettore Salario. Che è solo il centro di una sportive. All’inizio — aggiunge — ormai riconosciuti come un presi-
locali». Attenzione auspicata anche da se di riposo) e quanto beneficio eco- magnifico dell’ateneo — abbiamo fitta rete di istituti universitari col- ero un po’ sorpresa da questo stra- dio culturale di eccellenza per la
Papa Francesco un mese dopo, il 12 nomico ne trarrebbe lo Stato, se vi voluto caratterizzare i nostri per- legati in tutto il mondo: dieci isti- no mix tra studenti laici e studenti città di Roma». Ottanta candeline
giugno, in una lettera a monsignor fosse un progetto serio per rivitalizzare corsi accademici nel segno della tuti aggregati, diciotto affiliati, religiosi, ma col tempo mi sono ben meritate, e soprattutto ben
Accrocca nella quale affermava che «la le nostre terre?», concludono i presuli. formazione integrale dei giovani, quattro associati e tre sponsorizza- trovata a fare delle belle amicizie portate.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 26 giugno 2020

Redatto dal Pontificio consiglio per la Pubblicato dal Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione che tende la mano. La catechesi, alla
promozione della nuova evangelizzazio- stessa stregua, introduce progressiva-
mente ad accogliere e vivere global-

Un nuovo
ne, il nuovo «Direttorio per la Cate-
chesi» è stato presentato in diretta mente il mistero nell’esistenza quoti-
streaming nella mattina di giovedì 25 diana. Il Direttorio fa propria questa
giugno, presso la Sala stampa della visione quando chiede di esprimere

«Direttorio per la Catechesi»


Santa Sede. Di seguito, quasi integral- una catechesi che sappia farsi carico
mente, l’intervento dell’arcivescovo pre- di mantenere unito il mistero pur ar-
sidente. ticolandolo nelle diverse fasi di
espressione. Il mistero quando è col-
to nella sua realtà profonda, richiede
di RINO FISICHELLA il silenzio. Una vera catechesi non
comunque, le traduzioni in spagnolo problematica impone di verificare affidato alla sua Chiesa per essere rie accezioni (cfr. n. 62). È urgente sarà mai tentata di dire tutto sul mi-
a pubblicazione di un Diretto-

L rio per la Catechesi rappresenta


un felice evento per la vita
della Chiesa. Per quanti sono dediti
(edizione per l’America Latina e la
Spagna), in portoghese (edizione
per il Brasile e Portogallo), inglese
(edizione per Usa e Regno Unito),
l’adeguatezza della proposta formati-
va da qualunque parte provenga. Es-
sa diventa, comunque, un confronto
imprescindibile per la Chiesa in for-
nel mondo di ogni tempo l’annuncio
fedele del suo Vangelo. Prescindere
da questo presupposto equivarrebbe
a rendere la comunità cristiana una
compiere la “conversione pastorale”
per liberare la catechesi da alcuni
lacci che ne impediscono l’efficacia.
Il primo, lo si può identificare nello
stero di Dio. Al contrario, essa dovrà
introdurre alla via della contempla-
zione del mistero facendo del silen-
zio la sua conquista.
al grande impegno della catechesi, francese e polacco. È rivolto in pri- za della sua “competenza” sull’uomo delle tante associazioni benemerite, schema scolastico, secondo il quale Il Direttorio, pertanto, presenta la
infatti, può segnare una provocazio- mo luogo ai vescovi, primi catechisti e la sua pretesa veritativa. forte dei suoi duemila anni di storia, la catechesi dell’Iniziazione cristiana catechesi kerygmatica non come una
ne positiva perché permette di speri- tra il popolo di Dio, perché primi Forse, solo per questa premessa si ma non la Chiesa di Cristo. La pro- è vissuta sul paradigma della scuola. teoria astratta, piuttosto come uno
mentare la dinamica del movimento responsabili della trasmissione della rendeva necessario un nuovo Diretto- spettiva di Papa Francesco, tra l’al- La catechista sostituisce la maestra, strumento con una forte valenza esi-
catechetico che ha sempre avuto una fede (cfr. n. 114). Insieme a loro so- rio per la Catechesi. Nell’epoca digi- tro, si pone in forte continuità con all’aula della scuola subentra quella stenziale. Questa catechesi trova il
presenza significativa nella vita della no coinvolte le Conferenze episcopa- tale, vent’anni sono paragonabili l’insegnamento di san Paolo VI nella del catechismo, il calendario scolasti- suo punto di forza nell’incontro che
comunità cristiana. Il Direttorio per li, con le rispettive Commissioni per senza esagerazione ad almeno mezzo Evangelii nuntiandi del 1975. Ambe- co è identico a quello catechistico… permette di sperimentare la presenza
la Catechesi è un documento della la catechesi, per condividere ed ela- secolo. (...) È per questo motivo che due non fanno altro che riferirsi alla Il secondo, è la mentalità secondo la di Dio nella vita di ognuno. Un Dio
Santa Sede affidato a tutta la Chie- borare un auspicato progetto nazio- il Direttorio presenta non solo le pro- ricchezza scaturita dal Vaticano II quale si fa la catechesi per ricevere vicino che ama e che segue le vicen-
sa. Ha richiesto molto tempo e fati- nale che sostenga il cammino delle un sacramento. È ovvio che una vol- de della nostra storia perché l’incar-
ca, e giunge a conclusione di una singole diocesi (cfr. n. 413). I più di- ta terminata l’Iniziazione si crei il nazione del Figlio lo impegna in
vasta consultazione internazionale. rettamente coinvolti nell’uso del Di- vuoto per la catechesi. Un terzo, è la modo diretto. La catechesi deve
Oggi si presenta l’edizione ufficiale rettorio, comunque, rimangono i sa- strumentalizzazione del sacramento coinvolgere ognuno, catechista e ca-
in lingua italiana. Sono già pronte, cerdoti, i diaconi, le persone consa- a opera della pastorale, per cui i techizzando, nell’esperire questa pre-
crate, e i milioni di catechisti e cate- tempi del sacramento della Confer- senza e nel sentirsi coinvolto
chiste che quotidianamente offrono mazione sono stabiliti dalla strategia nell’opera di misericordia. Insomma,
con gratuità, fatica e speranza il loro pastorale di non perdere il piccolo una catechesi di questo genere per-
ministero nelle differenti comunità. gregge di giovani rimasto in parroc- mette di scoprire che la fede è real-
La dedizione con cui operano, so- chia e non dal significato che il sa- mente l’incontro con una persona
Sotto prattutto in un momento di transi- cramento possiede in se stesso
nell’economia della vita cristiana.
prima di essere una proposta morale,
e che il cristianesimo non è una reli-
zione culturale come questo, è il se-
la protezione gno tangibile di quanto l’incontro Papa Francesco ha scritto che
«Annunciare Cristo significa mostra-
gione del passato, ma un evento del
con il Signore possa trasformare un presente. Un’esperienza come questa
di san Turibio catechista in un genuino evangeliz- re che credere in Lui e seguirlo non
è solamente una cosa vera e giusta,
favorisce la comprensione della li-
zatore. bertà personale, perché risulta essere
di Mogrovejo A partire dal concilio Vaticano II ma anche bella, capace di colmare la
vita di un nuovo splendore e di una
il frutto della scoperta di una verità
questo che oggi presentiamo è il ter- che rende liberi (cfr. Gv 8, 31).
zo Direttorio. Il primo del 1971, Di- gioia profonda, anche in mezzo alle La catechesi che dà il primato al
Papa Francesco ha approvato il rettorio catechistico generale, e il secon- blematiche inerenti la culturale digi- che, per quanto riguarda la cateche- prove. In questa prospettiva, tutte le kerygma si pone all’opposto di ogni
nuovo Direttorio per la Catechesi do del 1997, Direttorio generale per la tale, ma suggerisce anche quali per- si, ha trovato nella Catechesi traden- espressioni di autentica bellezza pos- imposizione, fosse anche quella di
lo scorso 23 marzo, memoria catechesi, hanno segnato questi ultimi corsi effettuare perché la catechesi dae (1979) di san Giovanni Paolo II sono essere riconosciute come un un’evidenza che non permette vie di
liturgica di san Turibio di cinquant’anni di storia della cateche- diventi una proposta che trova l’in- il suo punto focale. sentiero che aiuta ad incontrarsi con fuga. La scelta di fede, infatti, prima
Mogrovejo (1538-1606). Una si. Questi testi hanno svolto un ruo- terlocutore in grado di comprenderla La catechesi, quindi, va intima- il Signore Gesù… Si rende necessa- di considerare i contenuti a cui ade-
coincidenza messa in evidenza lo primario. Sono stati un aiuto im- e di vederne l’adeguatezza con il mente unita all’opera di evangelizza- rio che la formazione nella via pul- rire con il proprio assenso, è un atto
dalla Presentazione pubblicata portante per far compiere un passo proprio mondo. zione e non può prescindere da essa. chritudinis sia inserita nella trasmis- di libertà perché si scopre di essere
all’inizio del documento, nella decisivo al cammino catechetico, so- Esiste, comunque, una ragione più (...) In questo rapporto il primato sione della fede» (Eg 167). Una nota amati. In questo ambito, è bene con-
quale si spiega come Turibio sia prattutto rinnovando la metodologia di ordine teologico ed ecclesiale che spetta all’evangelizzazione non alla di particolare valenza innovativa per siderare con attenzione quanto il Di-
un santo, forse, non molto e l’istanza pedagogica. Il processo di ha convinto a redigere questo Diret- catechesi. Ciò permette di compren- la catechesi può essere espressa dalla rettorio propone circa l’importanza
conosciuto e tuttavia protagonista inculturazione che caratterizza in torio. L’invito a vivere sempre più la dere perché alla luce di Evangelii via della bellezza soprattutto per dell’atto di fede nella sua duplice ar-
di un forte impulso dato particolare la catechesi e che soprat- dimensione sinodale non può far di- gaudium, questo Direttorio si qualifi- permettere di conoscere il grande ticolazione (cfr. n. 18). Per troppo
all’evangelizzazione e alla tutto ai nostri giorni impone un’at- menticare gli ultimi Sinodi che la patrimonio di arte, letteratura e mu- tempo la catechesi ha focalizzato il
ca per sostenere una “catechesi keryg-
catechesi. «Ripercorrendo — si tenzione del tutto particolare ha ri- Chiesa ha vissuto. Nel 2005 quello sica che ogni Chiesa locale possiede. suo impegno nel far conoscere i con-
matica”.
legge nel testo — le orme di chiesto la composizione di un nuovo sull’Eucaristia fonte e culmine della vi- In questo senso, si comprende per- tenuti della fede e con quale peda-
Cuore della catechesi è l’annuncio
sant’Ambrogio, questo laico e Direttorio. ta e della missione della Chiesa; nel ché il Direttorio abbia posto la via gogia trasmetterli, tralasciando pur-
della persona di Gesù Cristo, che
insigne giurista nato a Maiorca La Chiesa è dinanzi a una grande 2008 La Parola di Dio nella vita e della bellezza come una delle “fonti” troppo il momento più determinante
sorpassa i limiti di spazio e tempo
da nobile famiglia (...) fu sfida che si concentra nella nuova nella missione della Chiesa; nel 2015 della catechesi (cfr. nn. 106-109). come l’atto di scegliere la fede e da-
per presentarsi ad ogni generazione
consacrato vescovo e inviato da cultura con la quale si viene a incon- La vocazione e la missione della fami- Un’ultima dimensione offerta dal re il proprio assenso.
come la novità offerta per raggiun- Direttorio si ritrova nell’aiutare a in-
Papa Gregorio XIII a Lima in trare, quella digitale. Focalizzare l’at- glia nella Chiesa e nel mondo contem- Ci auguriamo che questo nuovo
gere il senso della vita. In questa serirsi progressivamente nel mistero
Perú. Comprese il suo ministero tenzione su un fenomeno che si im- poraneo; nel 2018 I giovani, la fede e il Direttorio per la Catechesi possa esse-
prospettiva, viene indicata una nota della fede. Questa connotazione non re di vero aiuto e sostegno al rinno-
episcopale come evangelizzatore e pone come globale, obbliga quanti discernimento vocazionale. Come si fondamentale che la catechesi deve
catechista. Facendo da eco a hanno la responsabilità della forma- può osservare, ritornano delle co- può essere delegata a una sola di- vamento della catechesi nell’unico
fare propria: la misericordia. Il keryg- mensione della fede o della cateche- processo di evangelizzazione che la
Tertulliano amava ripetere: zione a non tergiversare. A differen- stanti in tutte queste assemblee che ma è annuncio della misericordia del
“Cristo è verità non costume”. Lo za del passato, quando la cultura era toccano da vicino il tema dell’evan- si. La teologia indaga con gli stru- Chiesa da duemila anni non si stan-
Padre che va incontro al peccatore menti della ragione il mistero rivela- ca di realizzare, perché il mondo
ribadiva soprattutto nei confronti limitata al contesto geografico, la gelizzazione e della catechesi come non più considerato come un esclu-
dei conquistadores che cultura digitale ha una valenza che si può verificare dai documenti che to. La liturgia celebra ed evoca il mi- possa incontrare Gesù di Nazareth,
so, ma un invitato privilegiato al stero con la vita sacramentale. La ca- il figlio di Dio fatto uomo per la no-
opprimevano gli indios in nome risente della globalizzazione in atto ne hanno fatto seguito. Più in parti- banchetto della salvezza che consiste
di una superiorità culturale e dei e ne determina lo sviluppo. Gli stru- colare è doveroso far riferimento a rità riconosce il mistero del fratello stra salvezza.
nel perdono dei peccati. Se si vuole,
sacerdoti che non avevano il menti creati in questo decennio ma- due scadenze che in maniera com- è in questo contesto che prende for-
coraggio di difendere la sorte dei nifestano una radicale trasformazio- plementare segnano la storia di que- za l’esperienza del catecumenato come
più poveri». Turibio fu un ne dei comportamenti che incidono sto ultimo decennio per quanto ri- esperienza del perdono offerto e del-
instancabile missionario: soprattutto nella formazione del- guarda la catechesi: il Sinodo sulla la vita nuova di comunione con Dio
«Percorreva i territori della sua l’identità personale e nei rapporti in- Nuova evangelizzazione e trasmissione
Chiesa, ricercando soprattutto gli terpersonali. La velocità con cui si della fede nel 2012, con la conseguen-
che ne consegue.
La centralità del kerygma, comun-
Francesco invia a Gaza
indigeni per annunciare loro la modifica il linguaggio, e con esso le te Esortazione apostolica di Papa
Parola di Dio con un linguaggio relazioni comportamentali, lascia in- Francesco Evangelii gaudium, e il
que, deve essere recepita in senso
qualitativo non temporale. Richiede, 2.500 test per il coronavirus
semplice e facilmente accessibile. travedere un nuovo modello di co- venticinquesimo anniversario della infatti, che sia presente in tutte le fa-
Nei venticinque anni di municazione e di formazione che pubblicazione del Catechismo della si della catechesi e di ogni catechesi.
episcopato organizzò Sinodi tocca inevitabilmente anche la Chie- Chiesa Cattolica, ambedue toccano Papa Francesco ha donato 2.500 test per il covid-19 al ministero della Sa-
È il “primo annuncio” che sempre
diocesani e provinciali, si fece sa nel complesso mondo dell’educa- direttamente la competenza del Pon- lute di Gaza, attraverso la Congregazione per le Chiese orientali. I kit so-
viene fatto perché Cristo è l’unico
catechista producendo in lingua zione. La presenza delle varie espres- tificio Consiglio per la promozione no stati consegnati, nei giorni scorsi, dalla Caritas Gerusalemme e da pa-
necessario. La fede non è qualcosa
spagnola, in quéchua e in aymara, sioni ecclesiali nel vasto mondo di della nuova evangelizzazione. dre Gabriel Romanelli, parroco della Sacra Famiglia a Gaza. La donazio-
di ovvio che si recupera nei momenti
i primi catechismi per gli indigeni internet è certamente un fatto positi- L’evangelizzazione occupa il po- ne rientra nell’ambito delle iniziative promosse dal Fondo di emergenza,
del bisogno, ma un atto di libertà
nell’America del Sud (...) È vo, ma la cultura digitale va ben ol- sto primario nella vita della Chiesa e voluto da Papa Francesco per aiutare i Paesi più colpiti dalla diffusione
che impegna tutta la vita. (...) La ca-
quindi sotto la protezione di tre. Essa tocca in radice la questione nel quotidiano insegnamento di Pa- del coronavirus. Secondo padre Romanelli «i kit mandati dal Papa aiute-
techesi come espressa dal Direttorio,
questo grande catechista che si antropologica decisiva in ogni conte- pa Francesco. Non potrebbe essere ranno a fare diagnosi più precise e appena li abbiamo ricevuti li abbiamo
si caratterizza per questa dimensione
pone anche il nuovo Direttorio per sto formativo, come quello della ve- altrimenti. L’evangelizzazione è il portati al laboratorio del ministero della Salute. In tutta Gaza infatti c’è
e per le implicanze che porta nella
la catechesi». rità e della libertà. Già porre questa compito che il Signore Risorto ha una sola macchina che può fare le analisi».
vita delle persone. Tutta la catechesi,
in questo orizzonte, acquista una va-
lenza peculiare che si esprime
nell’approfondimento costante del
messaggio evangelico. La catechesi,
insomma, ha lo scopo di far rag-
Nelle sfide della cultura digitale giungere la conoscenza dell’amore
cristiano che porta quanti l’hanno
accolto a divenire discepoli evange-
Una catechesi al passo con i tempi, inserita nelle sfide rie ulteriore di incontri e confronti, tra i quali l’assem- lizzatori.
della cultura digitale e con un ruolo primario «nella blea plenaria del dicastero nel settembre 2017, ha porta- Il Direttorio si snoda toccando di-
realizzazione della missione fondamentale della Chiesa: to infine, dopo dodici bozze e quasi sei anni di impe- verse tematiche che non fanno altro
l’evangelizzazione». Sono queste le direttrici fonda- gno, al nuovo Direttorio. Alcuni suoi aspetti particolari, che rimandare all’obiettivo di fondo.
mentali del nuovo Direttorio sottolineate in sede di pre- sono stati quindi sottolineati in conferenza dal vescovo Una prima dimensione è la mistago-
sentazione alla stampa dall’arcivescovo José Octavio Franz-Peter Tebartz-van Elst, delegato per la catechesi gia che viene presentata attraverso
Ruiz Arenas segretario del Pontificio consiglio per la del medesimo Pontificio consiglio. Esso «è molto at- due elementi complementari tra loro:
promozione della nuova evangelizzazione. «La cateche- tento ai segni dei tempi e cerca di interpretarli alla luce anzitutto, una rinnovata valorizza-
si — ha detto il presule colombiano intervenendo dopo del Vangelo», ha detto elencandone alcuni: le sfide zione dei segni liturgici dell’inizia-
il presidente Fisichella — è chiamata a un rinnovamen- della cultura digitale, la trasmissione della fede nella zione cristiana; inoltre, la progressiva
to che non può consistere solo in un cambiamento di famiglia e tutte le questioni connesse alla crisi ecologi- maturazione del processo formativo
strategia, o nell’elaborazione di discorsi semplicemente ca. Legata come è alla missione evangelizzatrice, la ca- in cui tutta la comunità è coinvolta.
più attraenti», essa deve, «in una società secolarizza- techesi, inoltre, deve assumere «coraggio», puntando La mistagogia è una via privilegiata
ta», mettere in atto adeguati modi e linguaggi per fare alla testimonianza personale che non può essere dele- da seguire, ma non è facoltativa nel
della «trasmissione della fede» una delle sue «principa- percorso catechetico, rimane come
gata.
li prerogative». un momento obbligato perché inse-
L’arcivescovo segretario ha quindi illustrato il cam-
Il documento, ha aggiunto il presule, orienta anche
il processo di qualsiasi catechesi basato sul catecume-
risce sempre più nel mistero che si Il dono del Papa per i bambini
mino lungo e articolato che ha portato alla stesura del crede e si celebra. È la consapevo-
Direttorio: un itinerario che ha preso le mosse da una
serie di incontri con i responsabili dei dipartimenti di
nato come via originale di iniziazione cristiana e pro-
muove anche lo sviluppo di un «catecumenato-matri-
lezza del primato del mistero che
porta la catechesi a non isolare il ke-
assistiti dall’Unitalsi al Gemelli
nuova evangelizzazione e catechesi delle varie confe- monio». Più dei precedenti Direttori, inoltre, questo rygma dal suo contesto naturale.
renze episcopali e da un seminario di studio con esper- sottolinea la “via della bellezza” come centrale nel pro- L’annuncio della fede è pur sempre Per regalare a tanti bambini ricoverati nel reparto di oncologia pediatrica
ti del mondo accademico e delle organizzazioni pasto- cesso di evangelizzazione in epoca postmoderna. Infi- annuncio del mistero dell’amore di del policlinico Gemelli «un’esperienza unica di amicizia, fede e condivi-
rali. Tutto ciò ha portato nel maggio 2015 a una bozza ne, ha concluso il vescovo, occorre aumentare la consa- Dio che si fa uomo per la nostra sal- sione come solo un pellegrinaggio a Lourdes può fare», l’Unitalsi ha
che, partendo dal Direttorio generale per la catechesi del pevolezza che la catechesi ha bisogno dello scambio tra vezza. La risposta non può esulare messo all’asta una bicicletta elettrica offerta personalmente da Papa Fran-
1997, faceva proprie le indicazioni date da Papa France- le Chiese nel mondo. dall’accogliere in sé il mistero di Cri- cesco. L’iniziativa è promossa dalla sezione romana-laziale dell’Unitalsi
sco nell’Evangelii gaudium. Ne è scaturita la decisione Rispondendo alle domande dei giornalisti, l’arcive- sto per permettere di fare luce sul che, il 31 maggio 2013, aveva accompagnato a incontrare il Pontefice, a
di aggiornare il documento ormai ultraventennale. Una scovo Fisichella, ha annunciato che nei prossimi mesi, mistero della propria esperienza per- Casa Santa Marta, ventidue bambini malati. E con il significativo dono
commissione di dodici esperti si è messa all’opera, e i il Dicastero da lui presieduto organizzerà nei singoli sonale (cfr. Gs 22). della bici — una Piaggio elettrica di ultima generazione — Francesco ha
risultati, nell’aprile 2017, sono stati inviati al vaglio di paesi incontri con le conferenze episcopali di tutto il Un ulteriore tratto di novità del voluto testimoniare, ancora una volta, la propria vicinanza alla particolare
più di cento esperti — cardinali, vescovi, sacerdoti, reli- mondo per presentare in maniera diretta i contenuti Direttorio è il legame tra evangeliz- missione dell’Unitalsi. Le offerte per la bici possono essere fatte online,
giosi, religiose e laici — dei cinque continenti. Una se- del documento. zazione e catecumenato nelle sue va- sul sito www.unitalsiromanalaziale.it