Sei sulla pagina 1di 10

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA

ESERCITAZIONI DI ANALISI MATEMATICA I

ESERCIZI SUI LIMITI 2

CALCOLARE IL VALORE DEI SEGUENTI LIMITI

2
sin(ex − 1) − x − x2
2
(x − 1) log x − (x−1)
x
1) lim 2) lim
x→0 x4 x→1 (ex − e)3

x − sin x log2 (1 + x) − sin2 x


3) lim x2
4) lim
x→0 ex − 1 − x − 2
x→0 1 − e−x2

2(tan x − sin x) − x3
 
1 1
5) lim 6) lim −
x→0 x5 x→0 x tan x
    x 
1 1 1
7) lim − 8) lim log 1 + −1 x
x→0 x 2 tan2 x x→+∞ x
n
(sin x)x − 1
 
π 2
9) lim 10) lim tan +
x→0 xx − 1 n→+∞ 4 n
 1 1
 h πi
11) lim x2 e x − e x+1 12) lim x arctan x −
x→+∞ x→+∞ 2
log sin x
13) lim (log log x) e−x 14) lim
x→+∞ x→0+ log x
1 1   x  
(x + 3) 2 − (3x + 5) 3 1 2 1
15) lim 2 16) lim x 1+ − e x log 1 +
1 − tan π4 x x x

x→1 x→+∞

log(cos ax)  √  tan1 x


17) lim 18) lim x+ 1+ x2
x→0 log cos bx x→0

2 +x
ex − e2x  2a )
x tan( πx
19) lim 20) lim 2−
x→1 cos π2 x x→a a
x
2 − x2 − 2 cos x

1
21) lim 22) lim
x→+∞ tan x1 x→0 x4

ex − 1 − x
 i
1 h 1
23) lim 24) lim e − (1 + x) x
x→0 sin x x→0+ x

1
 x1
arccos(1 − x2 )

sin x
25) lim 26) lim
x→0+ x x→0+ x

ex − cos x 1
27) lim 28) lim (x + cos x) x
x→0+ (sin x)2 log x x→+∞

sin x1 (x2 ex + 2 log cos x)



x arctan log(1 + x)
29) lim 30) lim √
x→0 e − ecos4 x x→0+ x2 x
√ √ √ !n 1
n
a+ n
b+ nc + [log(1 + e x )] sin x7
31) lim , a, b, c ∈ R \ {0, 1} 32) lim sin2 x
n→+∞ 3 x→0+ 1
− 1 − x4
1−x2

1
esin x − 1 − x1
33) lim h i
x→+∞ x2 x2
log 1 + (1+x) 3 − (1+x) 3

34) Per ogni coppia di numeri interi n ≥ 1, m ≥ 1 determinare k ∈ N ed L ∈ R \ {0} tali


che
(sin x)n − arctan(xm )
lim =L
x→0 xk

RISULTATI

5 1 1 2 1
1) − 2) 3 3) 1 4) 0 5) 6) 0 7) 8) −
24 2e 4 3 2
3
9) 1 10) e2a 11) 1 12) − 1 13) 0 14) 1 15) − 16) 0
8π 2

a2 −2e2 2 1 e
17) 18) e 19) 20) e π 21) + ∞ 22) − 23) 0 24)
b2 π 12 2
√ 1 √
3
25) 2 26) 1 27) − ∞ 28) 1 29) 30) 0 31) abc 32) 6
2e

33) − 1

1
34) se n < m : k = n, L = 1; se n > m : k = m, L = −1; se n = m : k = 3n, L =
6

2
SVOLGIMENTO DI ALCUNI DEGLI ESERCIZI PROPOSTI (1 )

ESERCIZIO 1 Consideriamo lo sviluppo di Taylor della funzione esponenziale


1 1 1
ex = 1 + x + x2 + x3 + x4 + o(x4 ) e sostituiamolo nell’argomento della funzione seno
2! 3! 4!
 
x 1 2 1 3 1 4 4
sin(e − 1) = sin x + x + x + x + o(x ) .
2 6 24

Consideriamo anche lo sviluppo di Taylor di sin : sin y = y − 16 y 3 + o(y 3 ) con y = x + 12 x2 +


1 3 1 4
6
x + 24 x + o(x4 ) ottenendo
 3
1 1 1 1 1 1 1
sin(e − 1) = x + x2 + x3 + x4 + o(x4 ) −
x
x + x2 + x3 + x4 + o(x4 ) +
2 6 24 6 2 6 24
 3 ! (1)
1 1 1
+o x + x2 + x3 + x4 + o(x4 ) .
2 6 24

Osserviamo che
3
3! x4

1 2 1 3 1 4 3
x + x + x + x + o(x ) = x3 +
4
+ o(x4 ) = x3 + x4 + o(x4 ), (2)
2 6 24 2! 2 2
eleviamo infatti alla terza il polinomio contenuto nelle parentesi quadre utilizzando la formula
(che si dimostra per induzione su k, vedi esempi e dimostrazione in Appendice)
X n!
(x1 + · · · + xk )n = xν11 · · · xνnk .
ν1 +···+νk =n
ν1 ! · · · νk !

Ciascuno dei termini dentro la parentesi quadra di (2) viene quindi elevato ad un esponente
in modo tale che la somma di tutti gli esponenti sia 3. Se eleviamo alla terza x, gli altri
termini sono elevati a 0; quando si eleva x al quadrato uno degli altri viene elevato alla prima
2 4
potenza e cosı̀ via. In particolare moltiplicando x2 per il termine x2 otteniamo x2 , mentre
moltiplicando x2 per gli altri termini otteniamo tutte potenze con un esponente di x di grado
superiore a quattro, quindi o(x4 ). Sostituendo (2) nell’espressione (1) si ha
1 5
sin (ex − 1) = x + x2 − x4 + o(x4 ) (3)
2 24
Sostituendo (3) nel limite proposto
5 4 5 4
− 24 x + o(x4 ) − 24 x o(x4 ) 5
lim = lim + = −
x→0 x4 x→0 x4 x4 24
1
Gli esercizi sono tutti risolti mediante gli sviluppi di Taylor, provate a risolverne alcu-
ni anche con il teorema dell’Hospital per vedere in quali casi l’uno risulta più conveniente
dell’altro.

3
ESERCIZIO 2
Effettuiamo il seguente cambiamento di variabile: y = x − 1. Osservato che per x → 1 y → 0,
possiamo scrivere:
y2 y2
y log(y + 1) − y+1 1 y log(y + 1) − y+1
lim = 3 lim
y→0 (ey+1 − e)3 e y→0 (ey − 1)3
Utilizziamo i seguenti sviluppi di Taylor:
2
log(y + 1) = y − y2 + o(y 2 )
1
y+1
= 1 − y + y 2 + o(y 2 )
ey = 1 + y + o(y) da cui
(ey − 1)3 = [y + o(y)]3 = y 3 + o(y 3 ) perché
[y + o(y)]3 = y 3 + 3y 2 o(y) + 3y[o(y)]2 + [o(y)]3 = y 3 + 3o(y 3 ) + 3o(y 3 ) + o(y 3 ) = y 3 + o(y 3 )
Infatti
3y 2 o(y) = o(y 3 ), y[o(y 2 )] = o(y 3 ), [o(y)]3 = o(y 3 ), 3o(x3 ) = o(x3 ), o(x3 ) + o(x3 ).
(vedi proprietà degli o-piccoli nel file LIMITI 1). Sostituendo sopra:
h i
y2 2
1 y y − 2
+ o(y ) − y 2 [1 − y + o(y)] 1 1 3
y + o(y 3 )
2
lim = lim =
e3 y→0 y 3 + o(y 3 ) e3 y→0 y 3 + o(y 3 )
(principio di sostituzione degli infinitesimi)
1 3
1 2
y 1
= 3 lim 3
= 3
e y→0 y 2e
ESERCIZIO 3 Utilizziamo i seguenti sviluppi di Taylor:
1
sin x = x + x3 + o(x3 )
6
1 2 1 3
e = 1 + x + x + x + o(x3 )
x
2 6
ed otteniamo
x − (x − 61 x3 + o(x3 ) 1 3
6
x + o(x3 )
lim = lim =
x→0 1 + x + 12 x2 + 61 x3 + o(x3 ) − 1 − x − 21 x2 x→0 16 x3 + o(x3 )
(principio sostituzione infinitesimi)
1 3
x
lim 61 3 = 1.
x→0
6
x
ESERCIZIO 15
Effettuiamo il cambiamento di variabile: y = x − 1 ed ossserviamo che per x → 1 si ha che
y → 0.Il limite proposto può quindi essere scritto nella forma seguente:
√ √
y + 4 − 3 3y + 8
lim  2 =
y→0 1 − tan π4 y + π4

4
Applichiamo al denominatore le formule di addizione della tangente, ed al numeratore modi-
fichiamo l’espressione dei radicandi in modo da poter applicare lo sviluppo di Taylor (1+z)α =
1 + αz + 12 α(α − 1)z 2 + o(z 2 ) con i valori α = 21 ed α = 31 :
q q
2 1 + y4 − 2 3 1 + 38 y 1 + y4 − 3 1 + 38 y
p p
lim   = − lim =
y→0 tan π4 y + tan π4 2 y→0 tan2 π4 y
1−
1 − tan π4 y tan π4
q
y
1 + 4 − 3 1 + 38 y
p
π
= − lim 2 π lim cos2 y =
y→0 sin 4 y y→0 4
y
Utilizziamo quindi lo sviluppo di Taylor visto sopra, rispettivamente con α = 21 , z = 4
e
α = 13 , z = 38 y :

1 y2
r  
y y 1
1+ =1+ + −1 + o(y 2 )
2 8 2 2 32
r
1 9 y2
 
3 1 1
+ o(y 2 ).
3
1+ y =1+ y+ −1
8 8 3 3 64 2

Inoltre 2 π 2
π π π π2
sin2 y= y + o(y) = y 2 + y o(y) + [o(y)]2 = y 2 + o(y 2 ),
4 4 16 2 16
Perché:
π
y o(y) = o(y 2 ); [o(y)]2 = o(y 2 ); o(y 2 ) + o(y 2 ) = o(y 2 ).
2
Sostituendo otteniamo:
1 2 1 2 3 2
− 128 y − 64
y + o(y 2 ) − 128 y + o(y 2 )
− lim π2 2
= − lim π2 2
= (principio sostituzione infinitesimi)
y→0
16
y + o(y 2 ) y→0 + o(y 2 )
16
y
− 3 y2 3
= − lim π128
2 = − .
y→0
16
y2 8 π2

ESERCIZIO 16
1
Effettuiamo il seguente cambiamento di variabile: y = . Osservato che per x → +∞ si ha
x
y → 0+, sostituendo otteniamo
   
1 1 1 1 1
log(1+y) 1
lim (1 + y) y − e 2 log(1 + y) = lim ey − e 2 log(1 + y) =
y→0+ y y y→0+ y y
 
1 [ y log(1+y)−1]
1 1
= e lim e − 2 log(1 + y)
y→0+ y y

5
1
Utilizziamo lo sviluppo di Taylor dell’esponenziale: et = 1 + t + t2 + o(t2 ) ponendo t =
2
1
log(1 + y) − 1, e sostituiamo nell’espressione del limite:
y
" (    2
1 1 1 1
e lim 1+ log(1 + y) − 1 + log(1 + y) − 1 +
y→0+ y y 2 y

 2 !) #
1 1
+o log(1 + y) − 1 − 2 log(1 + y) =
y y
(  2
1 1 1 11 1
= e lim + 2 log(1 + y) − + log(1 + y) − 1 +
y→0+ y y y 2y y

 2 ! )
1 1 1
+ o log(1 + y) − 1 − 2 log(1 + y) =
y y y
(  2  2 ! )
11 1 1 1
= e lim log(1 + y) − 1 + o log(1 + y) − 1 =
y→0+ 2y y y y
(  2 )
11 1
= e lim log(1 + y) − 1 =
y→0+ 2y y
2
[log(1 + y) − y]2 y − 12 y 2 + o(y 2 ) − y

e e
= lim 3
= lim =
2 y→0+ y 2 y→0+ y3
1 4 1 4
e 4
y + o(y 4 ) e 4
y
= lim 3
= lim =0
2 y→0+ y 2 y→0+ y 3

Negli ultimi passaggi abbiamo utilizzato il fatto che [y 2 + o(y 2 )]2 = y 4 + 2y 2 o(y 2 ) + [o(y 2 )]2 =
y 4 + o(y 4 ). Infatti y 2 o(y 2 ) = o(y 4 ), 2o(y 4 ) = o(y 4 ) e o(y 4 ) + o(y 4 ) = o(y 4 ).

6
ESERCIZIO 18
Utilizzando l’artificio di Bernoulli otteniamo:
1

log(x+ 1+x2 )
lim e tan x
x→0

Calcoliamo il limite dell’esponente.


h√

 i
log 1 + x2 1 + √ x
log(x + 1 + x2 ) 1+x2
lim = lim cos x =
x→0 tan x  x→0 sin x
√ x

1 2

x

2
log 1 + x + log 1 + 1+x2
√ log(1 + x ) + log 1 + 1+x2

2
= lim = lim =
x→0 sin x x→0 sin x
Utilizziamo gli sviluppi di Taylor delle funzioni che compaiono nell’espressione del limite:
x
log(1 + y) = y + o(y) con y = x2 e y = √ .
1 + x2
 
1 2 2 x x
2
x + o(x ) + 1+x2 + o 1+x2
√ √
lim .
x→0 x + o(x)

Osserviamo che:
 
2 1 2 x
o(x ) = o(x); x = o(x); o √ = o(x); o(x) + o(x) = o(x).
2 1 + x2
Sostituendo ed utilizzando il principio di sostituzione degli infinitesimi

√ x + o(x) √ 6x
1+x2 1+x2
lim = lim = 1.
x→0 x + o(x) x→0 6x

ESERCIZIO 31
Osservato che √ √ √
1 1 1
a = e n log a , b = e n log b , c = e n log c ,
n n n

Il limite da calcolare assume la forma


1 1 1
!n
e n log a + e n log b + e n log c
lim
n→+∞ 3

1
Effettuiamo il cambiamento di variabile x = ed osserviamo che per n → +∞ si ha che
n
x → 0+ . Sostituendo sopra
 x1
ex log a + ex log b + ex log c

lim
x→0+ 3

7
Utilizziamo gli sviluppi di Taylor della funzione esponenziale ey = 1+y+o(y), rispettivamente
con y = x log a, y = x log b e y = x log c, osservando che ciascuno di questi tende a zero per
x → 0. Sostituendo:
 1
1 + x log a + o(x) + 1 + x log b + o(x) + 1 + x log c + o(x) x
lim =
x→0+ 3
  x1
3 + x log a + x log b + x log c + o(x)
= lim =
x→0+ 3
  x1
x[log a + log b + log c] + o(x)
= lim 1+ =
x→0+ 3
 9
<1 x[log a + log b + log c] + o(x) =
8

log 1 +
= lim e x
: 3 ;
=
x→0+

 9
<1 x log(a b c) + o(x) =
8

log 1 + √
= lim e x
: 3 ; 1
= e 3 log(a b c) = a b c.
3

x→0+

Infatti possiamo calcolare il limite dell’esponente utilizzando lo sviluppo di Taylor per la


x log(a b c) + o(x)
funzione logaritmo: log y = y + o(y) con y = (infatti per x → 0 risulta
3
y → 0,) e quindi
   
x log(a b c) + o(x) x log(a b c) + o(x) x log(a b c) + o(x)
log 1 + = +o =
3 3 3

x log(a b c) o(x) x log(a b c)


= + + o(x) = + o(x).
3 3 3
Perché (2 )
 
o(x) x log(a b c) + o(x)
= o(x), o = o(x) e o(x) + o(x) = o(x).
3 3
In definitiva il limite dell’esponente si calcola come segue:
  
1 x log(a b c) + o(x) x log(abc) o(x)
lim log 1 + = lim + =
x→0+ x 3 x→0+ 3x x

x log(abc) 1
= lim = log(a b c).
x→0+ 3x 3
    
x log(a b c)+o(x) x log(a b c)+o(x) x log(a b c)+o(x)
o 3 o 3 3

log(abc) o(x)

2
lim = lim x log(a b c)+o(x)
=0· + lim = 0.
x→0 x x→0 x 3 x→0 x
3

8
APPENDICE
Dimostriamo per induzione, su k, la formula:

X n!
(x1 + · · · + xk )n = xν1 · · · xνnk . (4)
ν1 +···+νk =n
ν1 ! · · · νk ! 1

I) Per k = 2 è vera in quanto si tratta della formula di Newton della potenza ennesima di un
binomio. Infatti basta osservare che
 
n! n! n
= = , ν1 + ν2 = n.
ν1 !ν2 ! ν1 !(n − ν1 )! ν1

II) Induttività della proposizione: verifichiamo che da (4) segue


X n!
(x1 + · · · + xk+1 )n = xν1 · · · xνnk+1 . (5)
ν1 +···+νk+1 =n
ν1 ! · · · νk+1 ! 1

Modifichiamo la forma in cui è scritto il polinomio in modo da applicare l’ipotesi induttiva.

[(x1 + · · · + xk ) + xk+1 ]n =
(formula di Newton del binomio)
n  
X n
= (x1 + · · · xk )h xh+1
n−h
=
h=0
h
ipotesi induttiva (3) applicata al polinomio (x1 + · · · + xk )h

n   !
X n X h! ν1 νk n−h
= x1 · · · x n xk+1 =
h ν1 ! · · · νk !
h=0 ν1 +···+νk =h
n
X X n! h!
= xν11 · · · xνnk xk+1
n−h
.
h=0 ν1 +···+νk =h
(n − h)! h! ν1 ! · · · νk !

Da questa, ponendo νk+1 = n − h, otteniamo la tesi (5).

Esempio di applicazione della formula (4)


Calcolare lo sviluppo di
(a + b + c + d)3
Applicando (4) si ha

X 3!
(a + b + c + d)3 = a ν1 bν2 cν3 d ν4 .
ν1 +ν2 +ν3 +ν4 =3
ν1 !ν2 !ν3 !ν4 !

La seguente tabella fornisce tutti i possibili indici ν1 , ν2 , ν3 , ν4 che hanno per somma 3.

9
ν1 ν2 ν3 ν4
3 0 0 0
2 1 0 0
2 0 1 0
2 0 0 1
1 1 1 0
1 0 1 1
1 1 0 1
0 3 0 0
1 2 0 0
0 2 1 0
0 2 0 1
0 1 1 1
0 0 3 0
1 0 2 0
0 1 2 0
0 0 2 1
0 0 0 3
1 0 0 2
0 1 0 2
0 0 1 2
Otteniamo quindi

(a + b + c + d)3 =

3! 3 0 0 0 3! 2 1 0 0 3! 2 0 1 0
= a b c d + a b c d + a b c d +
3! 2! 2!
3! 2 0 0 1 3! 1 1 1 0 3! 1 0 1 1 3! 1 1 0 1
+ a b c d + a b c d + a b c d + a b c d +
2! 1 1 1
3! 0 3 0 0 3! 1 2 0 0 3! 0 2 1 0 3! 0 2 0 1 3! 0 1 1 1
+ a b c d + a b c d + a b c d + a b c d + a b c d +
3! 2! 2! 2! 1!
3! 0 0 3 0 3! 1 0 2 0 3! 0 1 2 0 3! 0 0 2 1
+ a b c d + a b c d + a b c d + a b c d +
3! 2! 2! 2!
3! 0 0 0 3 3! 1 0 0 2 3! 0 1 0 2 3! 0 0 1 2
+ a b c d + a b c d + a b c d + a b c d = ·········
3! 2! 2! 2!

10