Sei sulla pagina 1di 10

Le reazioni degli alogenuri alchilici: le sostituzioni nucleofile e le eliminazioni

δ- X
Dato il carattere elettrofilo del carbonio
δ+
X = F, Cl, Br o I alogeno sostituito, buona parte della chimica
C
degli alogenuri alchilici si basa sulle reazioni
polari con nucleofili e basi ricche di elettroni.

atomo di carbonio elettrofilo

Nucleofilo: reagente in possesso di siti ricchi di elettroni che può dare origine a un legame
donando una coppia di elettroni ad un sito che ne è povero.

Elettrofilo: reagente caratterizzato dalla presenza di siti poveri di elettroni capace di dar
luogo a un legame accettando una coppia di elettroni da un nucleofilo.

Reagendo con un nucleofilo gli alogenuri alchilici fanno l’una o l’altra di queste due cose:

- subire la sostituzione del gruppo X ad opera del nucleofilo (SN2 o SN1);

- subire l’eliminazione di HX con formazione dell’alchene (E2 o E1).


1

Reazione SN2 → sostituzione nucleofila bimolecolare

H3C CH3 CH3


H δ− δ−
HO Br HO
Br
OH- H
CH2CH3
H3CH2C H CH2CH3

(R)-2-Bromobutano stato di transizione con (S)-2-butanolo


rottura e formazione di legame
simultanee

Si svolge in un solo tempo con l’attacco del nucleofilo entrante sul substrato a 180° dal gruppo che
si allontana. La reazione si accompagna all’inversione della stereochimica intorno al carbonio
stereogeno.

La reazione risulta inibita dalla voluminosità dei reagenti. Ne viene che le reazioni SN2 sono
favorite nel caso dei substrati primari e secondari. Tali alogenuti danno SN2 in presenza di un
nucleofilo forte e di un solvente aprotico polare.
2

1
Reazione SN1 → sostituzione nucleofila unimolecolare
Stadio 1: Scissione del legame C-X e formazione del carbocatione

H3C CH3

+ La reazione, condotta in solventi protici e in presenza


Br + Br-
H di un nucleofilo debole, è governata principalmente
H3C H CH3
da fattori elettronici, cioè la stabilità relativa
intermedio carbocationico dell’intermedio carbocationico. Gli alogenuri alchilici
secondari e terziari reagiscono con meccanismo SN1.
Stadio 2: Reazione dell'intermedio con il nucleofilo

CH3 H CH3 H3C H


H2O
+ O + O
H
H
H CH3 H3 C H
H CH3

Stadio 3: Trasferimento di un protone all'acqua per dare il prodotto neutro.

H3C H H3C
H2O
O OH + H3O+
H H
H3C H H3C 3

Scrivere il prodotto della reazione:


1-bromobutano + metossido di potassio
Br
H2 H2
H2C C C CH3 + CH3OK

H H H
H δ− δ−
H3CO Br H3CO
CH3O- Br
H
CH2CH2CH3
H3CH2CH2C H CH2CH2CH3

stato di transizione con


rottura e formazione di legame
simultanee

2
Scrivere le strutture dei prodotti di sostituzione della seguente reazione :
(R)-3-Bromo-3-metilesano + H2O
H3CH2C CH2CH3

+
Br + Br-
H3C
R
H3CH2CH2C H CH2CH2CH3

intermedio carbocationico

CH2CH3
H3C CH2CH3 H3CH2C CH3
+ CH3OH
O + O
CH3
H3C
H CH2CH2CH3 H CH2CH2CH3 H3CH2CH2C H

la natura planare dell'intermedio carbocationico


favorisce la formazione di una miscela di enantiomeri CH3OH

H3C CH2CH3 H3CH2C CH3

O + O
S
CH3 H3C 5
R
CH2CH2CH3 H3CH2CH2C

Cloruro di (S)-1-feniletile + etanolo

Cl

CH3 CH3
C C C
CH3 + Cl - H
H
H
O
CH2CH3
H

CH2CH3
CH3 H
O+
CH3
C H
C
O+ +
H
Alogenuro 2°
CH2CH3
H Nucleofilo debole SN1

solvente protico
CH2CH3
CH3
O
CH3
C H
C H
O +
CH2CH3

Sintesi della miscela racemica


6

3
Competizione tra SN1 a SN2
Gli alogenuri alchilici secondari
- in presenza di nucleofilo forte reagiscono con un
meccanismo SN2
- in presenza di nucleofilo debole in solventi ionizzanti
reagiscono con un meccanismo SN1

Reazioni di eliminazione
Si realizzano quando un protone ed un gruppo uscente sono allontanati da atomi di
carbonio adiacenti

Eliminazione E1
3-bromo-3-etilpentano + etanolo in acqua

Br H

H2 H2 H2
H3C C C C CH3 H3C C C+ C CH3 Br -
H

CH2CH3 CH2CH3

Rottura del legame carbonio-


alogeno e formazione del Il nucleofilo strappa il protone in β rispetto al
carbocatione carbonio recante la carica positiva; gli elettroni
del legame C-H formano il doppio legame C-C

H2 H
H3C C C C CH3 + HBr + acqua

CH2CH3
8

4
Eliminazione E2
3-cloro-3-metilpentano + t-butossido di sodio
La reazione E2 è regioselettiva perché uno dei due isomeri
strutturali si forma in quantità superiori all'altro.

(H3C)3C O

(H3C)3C O
H CH2CH3 H CH2CH3

H2C C C CH3 H3C C C CH3


H H
3-metil-2-pentene
Cl
prodotto principale
(miscela di E e Z)

La reazione E2 è stereoselettiva, forma cioè


preferenzialmente uno degli stereoisomeri del prodotto.
L'alchene con i gruppi più ingombranti posizionati ai lati
opposti del doppio legame si formerà in quantità maggiori
CH2CH3 perché è l'alchene più stabile.

H2
H2C C C CH3

2-etil-1-butene
prodotto secondario 9

Eliminazione E2 da composti ciclici


La reazione di eliminazione per composti ciclici segue le stesse regole stereochimiche
dell’eliminazione per composti aciclici. Per ottenere la geometria anti che è preferita per una
reazione E2, i due gruppi che devono essere eliminati devono trovarsi in posizione trans l’uno
rispetto all’altro.
H
H
I gruppi da eliminare
I gruppi da eliminare devono trovarsi in
devono trovarsi in posizione assiale
trans
Br
Cl

H H

Cl H
Il conformero più stabile di un H H

clorocicloesano non può dare


reazione E2 perché il H
Cl
sostituente alogeno si trova in più stabile meno stabile
posizione equatoriale.
OH- OH-
condizioni E2 condizioni E2

nessuna reazione

10

5
Prevedete la struttura dell’alchene che si forma come prodotto principale nelle
reazioni E2 dei seguenti alogenuri alchilici.

CH(CH3)2
+ etossido di sodio
H3C

Cl

CH(CH3)2
CH(CH3)2

H3C
H3C

Cl
- 11
CH3CH2O

Eliminazione E1 da composti ciclici


Quando un cicloesano subisce una reazione E1, i due gruppi che sono eliminati non
devono necessariamente trovarsi in posizione assiale.

CH3
+ H3C OH
Cl

CH3

H
CH3

CH3

CH3 CH3

12

6
Prevedete la struttura dell’alchene che si forma come prodotto principale nella
reazione E1 dell’1-bromo-2,3-dimetilcicloesano con etanolo.

H
CH3
+ H3CH2C OH
H
Br
CH3

H3CH2C OH

H H
H H CH3
CH3 CH3
H
H
CH3 CH3
carbocatione secondario carbocatione terziario
CH3

13

Prevedete la struttura dell’alchene che si forma come prodotto principale nelle reazioni E2
dei seguenti alogenuri alchilici.

(R)-2-bromo-3-metilbutano + idrossido di potassio

Br CH3 H CH3
(R)
H CH3

H3C H H3C CH3


OH -
alchene più sostituito

Br CH3 H H
(R)
H CH3

H2C H H CH(CH3)2
H
alchene meno sostituito
OH - Si forma in piccole quantità
14

7
Prevedete la struttura dell’alchene che si forma come prodotto principale nelle reazioni E2
dei seguenti alogenuri alchilici.

(2R,3R)-3-bromo-2-butanolo + idrogenosolfuro di sodio

Br CH3 H CH3
(R)
H (R)
OH

H3C H H3C OH
SH - (Z)-2-buten-2-olo

15

Competizione tra sostituzioni ed eliminazioni

Gli alogenuri alchilici primari


In presenza di un buon nucleofilo → SN2

Gli alogenuri alchilici secondari


In presenza di un buon nucleofilo → SN2
In presenza di una base forte → E2
Con nucleofili deboli in solventi protogeni → SN1, E1

Gli alogenuri alchilici terziari


In presenza di una base forte → E2
Con nucleofili deboli in solventi protici → SN1, E1

N.B. le reazioni di eliminazione sono favorite alle sostituzioni in condizioni di alta temperatura (∆)
16

8
Stereochimica delle reazioni di sostituzione ed eliminazione

SN2 Si forma solo il prodotto a configurazione invertita

SN1 Si formano entrambi gli stereoisomeri (R e S) con una preferenza per quello a
configurazione invertita.

E2 Si formano sia lo stereoisomero E che quello Z (maggiore quantità dello


stereoisomero con i gruppi ingombranti dai lati opposti del doppio legame) a meno
che il carbonio b del reagente sia legato ad un solo idrogeno; in questo ultimo caso si
forma un solo stereoisomero, la cui configurazione dipende dalla configurazione del
reagente.

E1 Si formano sia lo stereoisomero E che quello Z (maggiore quantità dello


stereoisomero con i gruppi ingombranti dai lati opposti del doppio legame).

17

Scrivere i prodotti delle seguenti reazioni, indicando se esse si formano con un


meccanismo SN2, SN1, E2 o E1.
clorociclopentano+ t-butossido di potassio

Alogenuro 2°
Base forte stericamente impedita

E2

Cl CH3

+ O C CH3

CH3
H

18

9
(S) 2-bromopropano + acqua

Alogenuro 2° - nucleofilo debole - Solvente protico

SN1 + E1 (l’eliminazione prevale se la reazione è condotta ad alte temperature)

(R)-2-Iodobutano + etossido di potassio

Alogenuro 2° - nucleofilo forte

SN2 + E2 (l’eliminazione prevale se la reazione è condotta ad alte temperature)

1-bromoesano + etossido di sodio in DMSO

Alogenuro 1° -Buon nucleofilo - solvente aprotico

SN2

19

10