Sei sulla pagina 1di 54

where?

what?
why?

ROMA
GUIDA di
when?

who?
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
Come stampare la guida

stampa la guida su fogli A4,


A orientamento orizzontale,
stampa dimensioni effettive

piega ogni foglio a metà lasciando


B la stampa all’esterno

sovrapponi i fogli piegati, mantenendo


C l’ordine indicato dal numero di pagina e
rilegali tutti insieme con una pinzatrice o
una spirale

La tua azienda in questa guida


Se hai una attività commerciale in questa città e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al
turista ed in linea alla qualità offerta dalla guida, scrivi a: inguide@weagoo.com.

Pernottamento: hotel, Servizi: farmacie, officine,


bed and breakfast, camp- negozi in genere, assi-
ing ecc. curazioni ecc.

Ristorazione: ristoranti,
trattorie, pizzerie, bar,
gelaterie ecc. Eventi: sponsorizza un
evento nella guida della
tua città.

Con l’intento di fornire all’utilizzatore della guida un servizio migliore, WeAGoo si riserva di se-
lezionare la presenza nelle proprie Guide.
ROMA

3
vista livello nazione
vista livello regione
vista livello paese
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
LALACITTà
CITTà

L’ETERNA ROMA
Roma, per antonomasia definita “Urbe” e “Città Il centro storico, ritenuto per la ricchezza delle
eterna”, è un comune di quasi tre milioni di ab- sue opere d’arte e dei suoi monumenti il più
itanti ed è il più popoloso ed esteso della pe- bello al mondo e contenuto all’interno delle
nisola. mura aureliane è espressione del patrimonio
storico, artistico e culturale del mondo occi-
La sue origini risalgono a 2700 anni fa; la dentale europeo; qui troviamo infatti la più alta
tradizione narra che fu Romolo, il 21 aprile 753 concentrazione di beni storici e architettonici
a.C., a fondare la città, oggi uno dei luoghi eu- del pianeta.
ropei più antichi e ricchi di monumenti e tra i
maggiori per grandezza del territorio. Era con- L’ Unesco, nel 1980, lo ha dichiarato, insieme
siderata l’ “ombelico” dell’intera Regione del alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede
Mediterraneo; tale appellativo derivava dal fat- e alla Basilica di San Paolo fuori le Mura, Pat-
to che, 2000 anni fa, Roma fosse già alla guida rimonio Mondiale dell’Umanità. Roma è anche
di un impero mondiale: è stata la prima grande conosciuta con la denominazione di “capitale di
metropoli dell’umanità. due Stati”, questo perché ospita al proprio in-
terno uno stato straniero: la Città del Vaticano,
Questo luogo magico è caratterizzato da una istituito l’11 febbraio 1929 è il più piccolo Stato
storia che dura ormai da tre millenni, Roma è indipendente del mondo in termini sia di pop-
stata il cuore di una delle più importanti civiltà olazione che di estensione territoriale.
antiche e ha avuto un’importanza talmente rile-
vante da influenzare: cultura, società, arte, let- Roma ha sempre avuto, fin dalla sua origine,
teratura, lingua, religione, architettura, filosofia, una posizione molto favorevole e fondamen-
diritto e costumi anche dei secoli successivi. tale in quanto importante punto di snodo fra
E’ stata capitale dello Stato Pontificio (stato la cultura etrusca e quella greca. I resti degli
sottoposto al potere temporale dei papi) e insediamenti originari risalgono al 753 a.C.,
dell’Impero romano. anno in cui Romolo tracciò il quadrato cittadino.
L’impero romano non è stato il più vasto mai Furono i Tarquini nell’ottavo secolo a.C. a im-
esistito, ma è considerato il più grande in ter- padronirsi della città, essi edificarono le Mura
mini di gestione e qualità del territorio, di or- Serviane (prime mura urbane risalenti al VI
ganizzazione socio-politica e per importanza secolo a.C.) e la Cloaca Massima (una delle
visto tutto quello che ha significato per la storia più antiche condotte fognarie). A partire dal 509
dell’umanità. a.C. iniziò il dominio romano, romani che prima
4
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

LA CITTà
occuparono la Grecia e poi combatterono le
Guerre Puniche fino al 146 a.C., anno in cui av-
venne il saccheggio e la completa distruzione
di Cartagine. In seguito, con Giulio Cesare, rite-
nuto da alcuni degli storici a lui contemporanei
il primo imperatore di Roma, questo luogo si
espanse ma fu con Gaio Giulio Cesare Otta-
viano Augusto, meglio conosciuto come Otta-
viano o Augusto, che ebbe il suo più grande im-
peratore. Costui promosse lo sviluppo edilizio
edificando, tra le altre cose: il Pantheon, il Tea-
tro Marcello, il Foro di Augusto e il Mausoleo
dell’Imperatore. Sviluppo edilizio che continuò
anche con Nerone, Traiano e Adriano sino alla
fine dell’Impero Romano d’Occidente, nel 476
d.C, anno in cui Odoacre depose l’ultimo im-
peratore Romolo Augusto.

Durante il Medioevo, più precisamente tra il


410 e il 553, l’attuale metropoli dovette subire i
saccheggi da parte dei Vandali e dei Goti. Nel
frattempo l’importanza del papato crebbe sino
all’incoronazione, nell’800, di Carlo Magno. In
seguito, nel 1084, Roma fu prima attaccata dai
Normanni e poi suddivisa in feudi dalle famiglie
feudatarie. Il potere papale continuò ad aumen-
tare fino a quando la città fu sottoposta al po-
tere assoluto dei papi.

I secoli XIII, XIV e XV coincisero con una fior-


itura incredibile di arte e cultura: i papi infatti
chiamano a corte grandi artisti come Raffaello,
Michelangelo, Leon Battista Alberti, Bramante
e in seguito Bernini, Borromini e tanti altri per
decorare, costruire e abbellire questo luogo già
di per se magnifico.

La Repubblica Giacobina venne instaurata


verso la fine del Settecento e poco dopo Na-
poleone abolì il potere temporale del papa. Il
20 settembre 1870, con la famosa breccia di
Porta Pia, fu annessa al Regno d’Italia, di cui
divenne capitale.

La prima guerra mondiale si concluse con la


“vittoria mutilata” e la città si trovò in un clima
di disordini e incertezza politica; tutto ciò favorì,
nel 1922, l’ascesa al potere di Mussolini. Nel
1940 l’Italia entrò nella seconda guerra mon-
diale e Roma, teatro di attacchi e massacri, fu
liberata dagli Alleati il 4 giugno 1944.
5
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
TRASPORTI

COME MUOVERSI A ROMA


BUS
Il modo migliore per visitare i principali siti tu- mero illimitato di viaggi.
ristici di Roma è l’Autobus. Le principali corse B.T.I. (€ 11,00): valido per 3 giorni consecu-
cominciano alle 5 e finiscono alle 24, ma nu- tivi dalla data della prima timbratura, ovvero
merose sono le linee che operano anche du- fino alle ore 24.00 del terzo giorno (compreso
rante le ore notturne. Il biglietto dell’autobus è quello della timbratura) e per un numero illimi-
valido anche sugli altri mezzi di trasporto: tram, tato di viaggi.
metro, filobus e i treni regionali. C.I.S. (€ 16,00): valido per 7 giorni consecutivi
dalla data della prima timbratura, ovvero fino
alle ore 24.00 del settimo giorno (compreso
TAXI quello della timbratura) e per un numero illimi-
Trovare un taxi libero per le strade della città tato di viaggi.
non è sempre facile, per questo motivo con-
viene recarsi alla fermata taxi più vicina o, in
alternativa, prenotarne uno telefonicamente al GIRARE A PIEDI
numero 060609. Il taxi comunque non è la scel- E’ senza dubbio il molo migliore per visitare e
ta più conveniente per via del traffico e delle conoscere questa splendida città. Detto ciò,
tariffe alte. Attenzione ai taxisti abusivi. bisogna però aggiungere che le grandi dimen-
sioni di Roma non sempre lo rendono possibile;
in alcuni casi infatti l’utilizzo dei mezzi pubblici
BUS TURISTICI diventa assolutamente indispensabile.
Per chi ha poco tempo a disposizione o vuole
farsi un’ idea immediata dei luoghi da visitare DALL’AEROPORTO
successivamente con più calma, consigliamo L’aeroporto principale è il Leonardo da Vinci
di prendere i bus turistici in quanto percorrono i (Fiumicino) che dista circa 30 Km dal centro.
principali itinerari culturali. Dall’aeroporto si può raggiungere il centro con il
treno-navetta Leonardo Express: parte ogni 30
METRO minuti circa dalle 6:36 alle 23:36 e in 30 minuti
Il servizio della metropolitana è molto efficiente: porta a Roma Termini. Il biglietto costa 14 €
dal lunedì al giovedì e la domenica il servizio è per la singola corsa. Le alternative sono il bus
attivo dalle 5.30 alle 23.30; il venerdì e il sabato (60 minuti circa; biglietto € 4.50 se acquistato
dalle 5.30 all’1.30. nei punti vendita convenzionati, € 7.00 se ac-
La rete è costituita da solamente due linee: A e quistato a bordo) e il taxi (I taxi del Comune
B. La prima attraversa Roma da nord-ovest a di Roma adottano una tariffa fissa pari a € 40
sud-est; la seconda percorre invece la città da mentre quelli del Comune di Fiumicino € 60).
nord-est a sud-ovest.
Il punto di incontro tra queste due linee è la L’altro aeroporto è il Giovanni Battista Pastine
stazione Termini. Ai visitatori conviene, e con- (Ciampino), da cui è possibile raggiungere,
sigliamo di comprare il biglietto di tipo turistico; con linee bus dedicate, la stazione ferrovi-
questo permette di viaggiare senza limitazioni aria di Ciampino. Questa è collegata a Roma
su tutti i mezzi pubblici del comune per la du- Termini da diversi treni. Ciampino è diventato
rata di 3 giorni. l’aeroporto di riferimento per i voli low cost,
Una valida alternativa è rappresentata dal bigli- dista circa 15 km dal centro. Si può raggiun-
etto giornaliero: questo permette di usufruire gere il centro in autobus attraverso il servizio di
di tutti i mezzi fino alle ore 24.00 del giorno di Terravision (4€ a tratta). E’ disponibile anche
timbratura e per un numero illimitato di viaggi. l’autobus Sitbusshuttle che arriva sempre a
Vediamo ora quali sono le principali tipologie Roma Termini (4€ a tratta). Per chi vuole usare
di biglietto. il taxi, il parcheggio si trova di fronte agli arrivi.
B.I.G. (€ 4,00): è valido per un giorno, fino alle E’ consigliabile usare solo taxi autorizzati che
ore 24.00 del giorno di timbratura e per un nu- offrono una tariffa fissa per Roma di 30 euro.
6
TRASPORTI
ROMA

7
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
INFO UTILI

INFORMAZIONI UTILI
Siti Internet Ufficiali della Città
Per info generali visitate il sito del comune:
www.comune.roma.it
oppure il sito ufficiale del turismo:
www.turismoroma.it
Per informazioni sul turismo accessibile:
www.handyturismo.it

Ufficio Informazioni Turistiche


Azienda di Promozione Turistica (APT)
Via Parigi 11, Roma
Tel. 06/5167240
info@aptroma.com
Aperto tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il sa-
bato aperto fino alle 13.00.
Sparsi per la città vi sono i numerosi Punti Informativi
Turistici (PIT)
aperti dalle ore 9.30 sino alle 19.00, 365 giorni
all’anno.

Numeri Utili
Carabinieri........................112
Polizia Di Stato.................113
Vigili del Fuoco.................115
Emergenza Sanitaria........118
Viaggiare Informati...........1518
Sportello Turistico.............060608

Roma Pass
E’ la card turistico-culturale della Capitale che of-
fre riduzioni e servizi ai turisti per godere le bellezze
di Roma. Costo unitario 30 €. Ha una validità di tre
giorni dalla data di attivazione. La carta offre l’ingresso
gratuito ai primi 2 musei e/o siti archeologici a scelta,
ingresso ridotto a tutti i successivi musei e/o siti arche-
ologici, accesso gratuito ai mezzi di trasporto inclusi
nell’offerta, sconti per mostre, eventi e servizi conven-
zionati. La tessera si attiva al momento dell’accesso
al primo sito/museo, oppure al primo viaggio su un
mezzo di trasporto pubblico.

Clima
La città gode di un tipico clima mediterraneo. La tem-
peratura, generalmente mite durante tutto l’anno, è
particolarmente piacevole durante i mesi primaverili
ed autunnali. Questi mesi, favoriti appunto dalle tem-
perature e dalle giornate lunghe grazie all’ora legale,
coincidono anche con il periodo migliore per visitare
la città. Il clima è gradevole anche durante l’inverno,
inverno generalmente mite e piovoso, ma con notevoli
e improvvisi picchi di freddo, anche se raramente si
scende sotto lo zero. Le estati sono calde e umide.
Le precipitazioni sono in genere poco abbondanti; le
stagioni più piovose sono la primavera e l’autunno.
8
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

DA VISITARE

TiP (tourist informations in pills)


chiese.............................................pag 10
palazzi............................................pag 14
musei..............................................pag 18
monumenti......................................pag 22
luoghi storici...................................pag 26
piazze/vie.......................................pag 30
strutture..........................................pag 34
teatri...............................................pag 38
parchi-castelli.................................pag 40
chiese...................................................pag 1
palazzi..................................................pag 5
musei....................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag 13
teatri.....................................................pag 21
varie......................................................pag 23

9
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CHIESE

1
Basilica di Santa Maria Maggiore
Piazza Santa Maria maggiore, 28-31 - Roma
Costruita da papa Liberio nel luogo indicatogli da una miraco-
losa visione di una nevicata estiva, la basilica sorge sul colle
Esquilino. Molti artisti collaborarono allo splendore della Basilica:
F. Fuga, D. Fontana, A. di Cambio, G. Cosma, F. Ponzio, G.
Reni, G. della Porta. Le maggiori opere sono la cappella Sistina
di Domenico Fontana, la cappella Paolina di Flaminio Ponzio e
il primo presepe fatto con le statue (“La Natività”), ad opera di A.
di Cambio.

2
Basilica di San Giovanni In Laterano
Piazza di San Giovanni in Laterano, 4 - Roma
Fondata nel IV sec., fino al 1309 ebbe la funzione di residenza
papale. In origine sorgeva proprio al centro dei palazzi later-
anensi e si trovava all’interno delle mura della città. Nel corso
dei secoli subì modifiche e distruzioni. Vi lavorarono artisti quali
Borromini, Della Porta, Fontana e Galilei, che terminò nel 1735
la facciata con 15 imponenti statue di Cristo. Dal portico, si ac-
cede alla basilica a 5 navate con impianto a croce latina, lungo
all’incirca 130 metri.

3
Basilica di San Pietro
Piazza San Pietro - Roma
E’ la chiesa più grande del mondo eretta da Costantino nel 324,
sul luogo dove si trovava la tomba di Pietro. Nel 1506 Giulio II
affidò la ricostruzione al Bramante; il lavoro fu portato avanti da
Michelangelo e dall’allievo Giacomo della Porta. Nel 1605 Paolo
V fece prolungare la navata fino a piazza San Pietro. Fu com-
pletata nel 1626. All’interno la Pietà di Michelangelo, la statua di
San Pietro di Arnolfo di Cambio, il baldacchino del Bernini e le
tombe di molti pontefici.

4
Chiesa di Trinità dei Monti
Piazza della Trinità dei Monti, 6 - Roma
La prima parte della chiesa fu costruita nel 1502 in stile gotico
per volere del Re di Francia Luigi XII, poi , verso la metà del XVI
sec., fu aggiunto un nuovo corpo chiuso da una facciata ornata
da due campanili simmetrici di Della Porta e del Maderno. Tutta
la zona della Trinità dei Monti fu un’area d’influenza francese.
La celebre scalinata fu realizzata da De Sanctis per celebrare la
pace tra Francia e Spagna, collegando così la piazza spagnola
alla chiesa francese.

10
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

chiese
5
Pantheon
Piazza della Rotonda, 73 - Roma
Costruito nel 27 a.C.dal console Agrippa come “tempio dedicato
alle divinità”, solo nel 609, quando fu donato a Bonifacio IV, di-
venne una chiesa cattolica. Ai vari devasti e saccheggi, partecipò
anche Urbano VIII Barberini, il quale ne asporto’ i bronzi che lo
adornavano per fondere il baldacchino di S. Pietro e i cannoni
per Castel S. Angelo. Tra le opere spiccano la bellissima cupola,
la porta di bronzo e le colonne in granito. Vi sono custodite le
tombe di Re d’Italia.

6
Cappella Sistina
Viale del Vaticano - Roma
La Cappella Sistina fu costruita tra il 1475 e il 1483, all’epoca
del papa Sisto IV da cui prende il nome. Sta sulla destra della
Basilica di San Pietro ed è il luogo dove si tengono le grandi cel-
ebrazioni religiose come ad esempio i conclavi. La volta e i nove
riquadri centrali sono stati progettati e realizzati da Michelangelo
Buonarroti. Le pitture sulle parete laterale sono state realizzate
dai grandi dell’epoca quali Il Perugino, Botticelli e il Ghirlandaio.

7
Basilica di San Pietro in Vincoli
Piazza di San Pietro in Vincoli - Roma
La modesta facciata cinquecentesca, voluta da Papa Sisto IV, è
preceduta da un portico a 5 arcate chiuso da cancellata e sorretto
da pilastri ottagonali; al centro si apre il grande portale marmoreo
quattrocentesco. La chiesa conserva, a destra del transetto, una
delle opere più conosciute dell’arte italiana: il Mausoleo di Giulio
II con la famosa statua del Mosè, una delle più intense opere
scultoree di Michelangelo Buonarroti. Nel sottosuolo si trova una
Domus del sec. III.

8
Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza
Corso del Risorgimento, 40 - Roma
La chiesa fu realizzata nella seconda metà del XVII secolo
dall’architetto ticinese-italiano Francesco Borromini; per i suoi
valori artistici, tecnici e simbolici, l’edificio è considerato come
uno dei capolavori dell’architetto, del Barocco e della storia
dell’architettura in generale. All’interno si segnala la pala d’altare
con Sant’Ivo patrono degli avvocati di Pietro da Cortona, incom-
piuta per la morte del maestro nel 1669 e terminata dai suoi al-
lievi.

11
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CHIESE

9
Basilica di San Paolo Fuori le Mura
Piazzale di San Paolo - Roma
Una delle quattro basiliche papali, fu eretta per volere di Cos-
tantino nel 314 sul luogo creduto come quello della sepoltura
dell’apostolo Paolo. Nel 1823, dopo un incendio, venne ricostrui-
ta dall’arch. Belli. La facciata è preceduta da un quadriportico for-
mato da 146 colonne. L’interno, è ricco di mosaici di ispirazione
bizantina. Particolarmente interessanti il candelabro pasquale, il
tabernacolo sopra l’Altare di San Paolo e il chiostro del XIII sec.
di Pietro Vassalletto.

10
Basilica di Santa Croce in Gerusalemme
Piazza di Santa Croce in Gerusalemme - Roma
La basilica, una delle sette “giubilari”, fu ricavata dal Palazzo Ses-
soriano del III sec., che era stato la dimora degli ultimi imperatori.
Nel XII sec. fu restaurata e in seguito dotata di una torre, simbolo
di potere. All’interno, tra le altre opere, si può ammirare un af-
fresco del ‘400 attribuito ad Antoniazzo Romano. Nella “Cappella
delle Reliquie” sono venerati i ricordi della Passione di Cristo.

11
Basilica di San Lorenzo Fuori le Mura
Piazzale del Verano, 3 - Roma
E’ una delle “sette chiese” di Roma posta vicino al Cimitero del
Verano. Nella basilica si trova la tomba di San Lorenzo; sono in-
oltre sepolti i Papi Ilario e Pio IX e Alcide De Gasperi. La basilica
venne costruita nel IV secolo dall’imperatore Costantino. Nel
tempo ha subito numerose modifiche ed ampliamenti; è deco-
rata da molti affreschi a testimonianza della vita di San Lorenzo
e Santo Stefano. Bombardata durante la II guerra mondiale ,
venne seriamente danneggiata.

12
Basilica di San Sebastiano Fuori le Mura
Via Appia Antica, 136 - Roma
La basilica è una chiesa di Roma al di fuori delle mura aureli-
ane, dedicata a San Sebastiano (martire romano del III secolo)
e costruita nel IV secolo; essa venne definita “ad catabumbas”
in quanto ospitante le catacombe di San Sebastiano. L’interno
è a navata unica; troviamo l’Altare con l’urna contenente i resti
del santo e la sua statua - che rappresenta il santo in posizione
sdraiata mentre è trafitto dalle frecce del martirio - opera di Gi-
useppe Giorgetti.

12
CHIESE
ROMA

13
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
PALAZZI

1
Palazzo del Quirinale
Piazza del Quirinale - Roma
Iniziato nel 1573 da Mascarino, su commissione di Gregorio
XIII, fu proseguito da Maderno, Bernini, Fontana e, nel 1700,
da Fuga. Fu la residenza estiva di Clemente VIII e di altri pon-
tefici. Nel 1870 divenne la sede del Re d’Italia e, dal 1947 è la
residenza ufficiale del Presidente della Repubblica. Il palazzo è
ricco di opere d’arte; i giardini permettono di godere di una vista
unica di tutta la Capitale.

2
Palazzo di Montecitorio
Piazza di Montecitorio - Roma
Progettato dal Bernini per Innocenzo X, l’edificio, in stile barocco,
fu iniziato nel 1650 e terminato nel 1694 da Carlo Fontana. Lo
stupendo palazzo fu adibito, da papa Innocenzo XII, a sede della
Curia Pontificia fino a quando, nel 1871, non venne acquistato
dalla Stato italiano e destinato ad ospitare la Camera dei Depu-
tati. Il palazzo fu ampliato nel 1919, ad opera dell’architetto Er-
nesto Basile, con l’aggiunta del nuovo edificio verso Piazza del
Parlamento.

3
Palazzo Venezia
Piazza Venezia, 3 - Roma
Chiamato anche palazzo Barbo, in esso vi ha sede il Museo na-
zionale di Palazzo Venezia. Fu costruito tra il 1455 e il 1467 su
commissione del cardinale veneziano Pietro Barbo, che in segui-
to divenne papa con il nome di Paolo II. La paternità del progetto
del palazzo, che rappresenta uno dei primi e più importanti edifici
civili della Roma rinascimentale, è incerta; è tuttavia più accredi-
tata dalla critica più recente l’attribuzione a Francesco del Borgo.

4
Palazzo Colonna
Piazza dei Santi Apostoli, 66 - Roma
Il palazzo si estende su un’area dove già prima dell’anno 1000
sono documentati edifici, case e fortezze appartenenti ai conti
di Tuscolo, dai quali discende la nobile famiglia dei Colonna. I
grandi lavori iniziati dal cardinale Girolamo I Colonna, vennero
affidati a partire dal 1654 ad Antonio Del Grande e dopo la sua
morte vennero proseguiti da Girolamo Fontana. L’appartamento
della Galleria Colonna e la relativa Galleria sono visitabili il Sa-
bato mattina.

14
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

palazzi
5
Palazzo Pamphilj
Piazza Navona, 11 - Roma
Il palazzo venne fatto edificare nel 1630 dalla famiglia Doria
Pamphilj sul luogo dove sorgevano più piccoli immobili di sua
proprietà. Il pezzo forte delle opere d’arte del palazzo è la lunga
galleria disegnata dal Borromini, impreziosita dal grande affresco
“Storie di Enea”, dipinto dal 1651 al 1654 da Pietro da Cortona.
Il palazzo Pamphilj ora ospita nelle sue sale meravigliose, ab-
bellite da numerosi affreschi, la sede dell’ Ambasciata italiana
del Brasile.

6
Palazzo Borghese
Piazza Borghese - Roma
Il “Cembalo Borghese”: così è ricordato uno dei palazzi più in-
cantevoli della Roma rinascimentale e residenza della famiglia
Borghese a Roma. Fu iniziato da Martino Longhi il vecchio nel
1590, proseguito da Flaminio Ponzio fino al 1613 e completato
da Carlo Maderno e Vasanzio; dopo il 1670 fu allargato da Carlo
Rainaldi. Il palazzo rimane quindi una delle attrazioni principali
del centro storico sia per la sua singolare forma, sia per i curati
giardini all’interno.

7
Palazzo Senatorio
Piazza Campidoglio - Roma
Costruito tra la metà del XII secolo e l’ultimo quarto del XIII se-
colo, fu sede dal 1144 del Comune di Roma e del suo più alto
rappresentante: il Senatore. Michelangelo, tra il 1542 e il 1554 ,
progettò la monumentale scalinata a doppia rampa che svolge la
triplice funzione di accesso alla nuova progettata aula del Sena-
tore, raccordo plastico tra la piazza e il palazzo ed elegante am-
bientazione architettonica per le due colossali statue antiche del
Nilo e del Tevere.

8
Palazzo di Giustizia
Piazza Cavour - Roma
Il Palazzo di Giustizia, sede della Corte Suprema di Cassazione,
viene popolarmente chiamato con il termine di Palazzaccio. Re-
alizzato negli anni 1889-1910 dall’architetto perugino Guglielmo
Calderini, è una delle maggiori opere realizzate dopo la proc-
lamazione di Roma capitale. L’edificio, ispirato all’architettura
tardorinascimentale e barocca, di grandi dimensioni (metri 170
x 155) è completamente rivestito di travertino.

15
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
palazzi

9
Villa del Priorato di Malta
Piazza dei Cavalieri di Malta - Roma
Anticamente sede dei Templari sull’Aventino, alla soppressione
dell’Ordine avvenuta nei primi del Trecento, divenne sede degli
Ospedalieri, che furono in seguito Priorato dei Cavalieri di Malta
nel Quattrocento. La piazzetta interna è nota soprattutto perché
dal buco della serratura del portone d’ingresso è esattamente
inquadrata, in fondo al giardino, la cupola di San Pietro. La villa
ha il suo centro ideale nella chiesa di Santa Maria del Priorato,
interna al parco.

10
Palazzetto Le Roy o Piccola Farnesina
Corso Vittorio Emanuele, 168 - Roma
Costruito nel 1523 per il prelato francese Tommaso Le Roy, su
progetto di Antonio da Sangallo il Giovane, il Palazzetto sorge
su resti di età romana tra i quali è stato scoperto un bel portico.
I gigli della Francia che erano posti sulla facciata furono confusi
con i simboli araldici dei Farnese e per questo il Palazzo fu detto
“Piccola Farnesina”. Attualmente è sede del Museo di Scultura
Antica Giovanni Barracco.

11
Palazzo Wedekind
Piazza Colonna - Roma
Il palazzo è noto per essere la sede storica del quotidiano “Il
Tempo”. Il nucleo originario dell’edificio, sito dove in epoca roma-
na sorgeva il Tempio di Marco Aurelio, risale alla seconda metà
del XVII secolo. Fu fatto completamente ricostruire da Papa Gre-
gorio XVI nel 1838 su disegni di Pietro Camporese il Giovane,
che lo dotò di un porticato realizzato con sedici colonne ioniche
provenienti dagli scavi archeologici del Veio.

12
Palazzo dei Conservatori
Piazza del Campidoglio - Roma
Il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Nuovo, insieme al Tabu-
larium, costituiscono la sede espositiva dei Musei Capitolini.
Venne fatto costruire da Niccolò V; la progettazione della fac-
ciata fu affidata a Michelangelo Buonarroti e, dopo la sua morte,
i lavori furono completati nel 1568 da Giacomo della Porta che
seguì quasi fedelmente i disegni michelangioleschi, derogandovi
solo per costruire una più ampia sala di rappresentanza al primo
piano.

16
PALAZZI
ROMA

17
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
MUSEI

1
Museo Galleria Borghese
Piazzale San Borghese - Roma
La galleria venne messe a punto nel 1902, quando lo Stato
Italiano acquisì alcune raccolte che facevano parte del “Fide-
commisso Borghese”. All’interno del museo sono presenti im-
portanti opere risalenti ad un arco di tempo che va dal XV se-
colo al XVIII secolo. Primo a collezionare tali tesori fu Scipione
Borghese intorno al XVII secolo. Si possono ammirare sculture
del Canova, del Bernini, dipinti di Caravaggio, Raffaello, Tiziano
e molti altri illustri artisti.
Aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso 8,50 €, ridotto 5,25 €.

2
Museo Centrale del Risorgimento
Via di San Pietro in Carcere - Roma
Il museo si trova sul fianco sinistro del monumento nazionale a
Vittorio Emanuele II (Vittoriano). Accedendo all’interno del mu-
seo si arriva subito alla prima sezione dedicata ai veri e propri
protagonisti del Risorgimento. Giuseppe Mazzini, Camillo Benso
conte di Cavour, ma soprattutto Giuseppe Garibaldi, l’eroe dei
due mondi, sono presenti in ogni angolo del museo, sembra an-
cora di sentirli respirare o infervorarsi per i loro fortissimi ideali.
Aperto tutti i giorni, tranne il primo lunedì del mese, dalle 9.30 alle 18.30. Ingresso 5 €.

3
Galleria Doria Pamphilj
Piazza Grazioli, 5 - Roma
La Galleria Doria Pamphilj è una grande collezione privata es-
posta nell’omonimo Palazzo. I capolavori raccolti nei secoli dalle
famiglie Doria e Pamphilj comprendono lavori di Jacopo Tintoret-
to, Tiziano, Raffaello Sanzio, Correggio, Caravaggio, Guercino,
Gian Lorenzo Bernini, Parmigianino, Gaspard Dughet, Jan Brue-
ghel il Vecchio, Velázquez e molti altri artisti importanti. Una delle
opere più conosciute è senz’altro il ritratto di papa Innocenzo X,
fatto da Velázquez.
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso 10,50 €.

4
Museo Etrusco di Villa Giulia
Piazzale di Villa Giulia, 9 - Roma
E’ dedicato alla Civiltà Etrusca e si trova sin dall’inizio del XX
secolo a Villa Giulia. E’ stato fondato nel 1889 allo scopo di
raccogliere insieme tutte le antichità pre-Romane del Lazio,
dell’Etruria meridionale e dell’Umbria appartenenti alle civiltà
etrusca e falisca. Il singolo tesoro più famoso è il monumento
funerario di terracotta, il Sarcofago degli Sposi, che rappresenta
una coppia di sposi a grandezza quasi naturale che adagia in
una luminosa posa conviviale.
Aperto da mertedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso 8 €, ridotto 4 €.

18
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

MUSEI
5
Galleria Colonna
Piazza dei Santi Apostoli, 66 - Roma
L’intera Galleria è stata ideata per essere vista essa stessa
come un gioiello artistico: i capolavori pittorici sono innumerevoli
avvalendosi dell’estro di Tintoretto, Guido Reni, Pietro da Cor-
tona e molti altri. I marmi antichi e le cornici dal vago e sensuale
sapore barocco completano le splendide collezioni della famiglia
Colonna; molto interessanti, nell’ambito di questo appartamento,
sono infine gli scrigni della Sala dei passaggi, davvero magnifici
e preziosi.
Aperto tutti i sabati dalle 9.00 alle 13.15.

6
MAXXI - Museo delle Arti del XXI Secolo
Via Guido Reni, 6 - Roma
Il museo è stato pensato come un luogo pluridisciplinare desti-
nato alla sperimentazione e all’innovazione nel campo delle arti
e dell’architettura. Nel MAXXI risiedono due istituzioni museali, il
MAXXI arte e il MAXXI architettura, le cui collezioni permanenti
sono incrementate sia attraverso l’acquisizione diretta di opere
che tramite progetti di committenza, concorsi tematici, premi riv-
olti alle giovani generazioni, donazioni, affidamenti.
Aperto da martedì a domenica dalle 11.00 alle 19.00, il sabato fino alle 22.00. Ingresso
11 €.

7
Galleria d’Arte Antica di Palazzo Corsini
Via della Lungara, 10 - Roma
Questo museo è una delle più importanti gallerie d’arte della
città; la sua dislocazione è piuttosto particolare, visto che viene
suddivisa tra Palazzo Barberini e Palazzo Corsini (splendido es-
empio di architettura civile del Settecento). La collezione della
galleria in questione può vantare capolavori dell’arte mondiale,
tra cui quelli di Caravaggio, J. Bassano, A. Van Dyck, Rubens,
Beato Angelico, O. Gentileschi, Murillo e Luca Giordano.
Aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso 4 €.

8
Museo di Roma
Piazza di San Pantaleo, 10 - Roma
Il settecentesco Palazzo Braschi è la sede del Museo di Roma.
Raccoglie una grande varietà di opere d’arte legate da molte-
plici rapporti alla storia della città dal Medioevo alla prima metà
del Novecento, testimonianza delle trasformazioni topografiche
e dei vari aspetti della vita culturale, sociale e storico artistica.
Si spazia dalla produzione di mobili, carrozze e portantine ad el-
ementi di arredo architettonico e urbano, dai mosaici e affreschi
agli abiti e arazzi.
Aperto da martedì a domenica dalle 10.00 alle 20.00. Ingresso 9 €, ridotto 7 €.

19
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
MUSEI

9
Musei Vaticani
Via Sebastiano Veniero, 22 - Roma
I Musei Vaticani sono una delle raccolte d’arte tra le più grandi
e importanti del mondo, dal momento che espongono l’enorme
collezione di opere d’arte accumulata nei secoli dai Papi. Il mu-
seo è stato fondato da papa Giulio II nel XVI secolo. I Musei Vati-
cani, giustamente chiamati al plurale, sono in realtà un insieme
di musei e collezioni; attualmente comprendono: i Musei e gli
ambienti visitabili dei palazzi Vaticani.
Aperto da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 16.00. Ingresso 15 €, ridotto 8 €.

10
Musei Capitolini
Piazza Campidoglio - Roma
I Musei Capitolini hanno sede nei due edifici posti l’uno di fronte
all’altro: il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Nuovo o del Mu-
seo; insieme al Palazzo dei Senatori, che fa da sfondo, costituis-
cono un’area classica nel cuore di Roma. La fondazione dei Mu-
sei Capitolini si fa risalire al 1471, cioè alla data della donazione
di alcune opere in bronzo fatta al popolo di Roma da Sisto IV: a
buon diritto dunque essi possono ritenersi la più antica raccolta
pubblica del mondo.
Aperto da martedì a domenica dalle 9.00 alle 20.00. Ingresso 12 €, ridotto 10 €.

11
Galleria d’Arte Antica di Palazzo Barberini
Via delle Quattro Fontane, 13 - Roma
Questo museo è una delle più importanti gallerie d’arte della
città; la sua dislocazione è piuttosto particolare, visto che viene
suddivisa tra Palazzo Barberini e Palazzo Corsini. La collezione
della galleria in questione può vantare capolavori dell’arte mon-
diale, tra cui quelli di Caravaggio, Perugino, Bernini, Raffaello e
Tintoretto.
Aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.00. Ingresso 5 €, ridotto 2,50 €.

12
Galleria Nazionale d’Arte Moderna
Viale delle Belle Arti, 131 - Roma
È il 1883 quando il ministro dei Beni Culturali Guido Baccelli de-
cide di dar vita alla Galleria Nazionale di Arte Moderna; dal 1915
è ospitata nel Palazzo delle Belle Arti. La Galleria nel suo genere
è il museo più importante in Italia per consistenza numerica della
collezione; il patrimonio ammonta, infatti, a più di 5.000 opere.
Le sale vengono suddivise a seconda dell’epoca di realizzazione
delle opere che vi sono ospitate.
Aperto da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso 8 €, ridotto 4 €.

20
MUSEI
ROMA

21
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
MONUMENTI

1
Ara Pacis
Piazza del Porto di Ripetta - Roma
L’Ara Pacis è un altare la cui costruzione fu decisa dal Senato
Romano nel 13 a.c. per celebrare il ritorno di Augusto da una
spedizione pacificatrice in Spagna e nella Gallia meridionale du-
rata tre anni. L’Ara Pacis è costituita da un recinto rettangolare
elevato su un podio, nei lati lunghi si aprono due porte, cui si
accede da una scalinata; all’interno, sopra una gradinata, si erge
l’altare vero e proprio.

2
Colonna di Marco Aurelio
Piazza Colonna - Roma
Eretta tra il 176 e il 192 per celebrare, forse dopo la sua morte,
le vittorie dell’imperatore romano Marco Aurelio (161-180) otte-
nute su Germani e Sarmati stanziati a nord del medio corso del
Danubio durante le Guerre marcomanniche. La colonna è alta 42
metri se si considera anche la base ed è coperta di bassorilievi,
è ispirata alla Colonna Traiana. La sommità della Colonna ospita
dal 1589 una statua bronzea di San Paolo.

3
Fontana di Trevi
Via delle Muratte, 9 - Roma
E’ la più famosa fontana di Roma, opera dell’architetto Salvi che
la realizzò nel 1735 sotto il pontificato di Clemente XII. E’ consid-
erata una delle più belle fontane del mondo. Il palazzo che fa da
sfondo alla fontana è quello dei Duchi di Poli. Migliaia di persone
ogni giorno visitano l’opera per potere gettare nella vasca una
moneta, che come da leggenda, garantisce al turista di tornare
ancora a Roma nella sua vita.

4
Monumento a Giordano Bruno
Piazza Campo de’ Fiori, 32-51 - Roma
L’ideazione del monumento venne affidata allo scultore Ettore
Ferrari che presentò nel 1879 una prima versione della statua,
raffigurante Giordano Bruno in atteggiamento di sfida davanti
al tribunale dell’Inquisizione. Il bozzetto non venne accettato e
pertanto nel 1887 fu presentata la proposta poi realizzata con il
Bruno raffigurato in atteggiamento di filosofo, raccolto in se stes-
so, con le mani incrociate sul suo libro chiuso e con lo sguardo
dritto davanti a sè.

22
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

MONUMENTI
5
Vittoriano - Altare della Patria
Piazza Venezia, 11 - Roma
Il Monumento nazionale a Vittorio Emanuele II, meglio conosciu-
to con il nome di Vittoriano, viene anche spesso chiamato Altare
della Patria, da quando esso accoglie il milite ignoto. E in perfetto
stile neoclassico e costruito con tecniche avanzate per l’epoca,
celebra la grandezza e la maestà di Roma. L’edificio, per le sue
notevoli dimensioni, presenta una struttura dinamica e semplice
nella concezione generale, ma complicatissima nei particolari.

6
Colonna Traiana
Via dei Fori Imperiali - Roma
La Colonna traiana è un monumento innalzato a Roma per cel-
ebrare la conquista della Dacia da parte dell’imperatore Traiano,
rievocando tutti i momenti salienti della guerra. Una lettura “ab-
breviata” era anche possibile senza la necessità di girare intorno
al fusto della colonna per seguire l’intero racconto, seguendo le
scene secondo un ordine verticale, dato che la loro sovrappo-
sizione nelle diverse spire sembra seguire una logica coerente.

7
Statua a Giulio Cesare
Via dei Fori Imperiali - Roma
E’ un’opera moderna in bronzo che riproduce la figura di Giulio
Cesare, personaggio fondamentale per la nascita dell’Impero.
L’imperatore appare nelle sue magnifiche vesti di somma guida
di Roma e alla base del monumento campeggia la sigla SPQR,
ovvero l’acronimo Senatus Populus Que Romanus.

8
Statua di Marco Aurelio
Via del Campidoglio, 1 - Roma
La statua originale di Marco Aurelio in passato campeggiava
nella piazza del Campidoglio; ora è stata spostata all’interno dei
musei capitolini a causa dell’inquinamento dell’aria: sul finire de-
gli anni ‘80 la statua originale dovette essere meticolosamente
restaurata, trasferita in un ambiente al chiuso, e rimpiazzata da
una fedele copia, che ora campeggia nel centro della piazza.

23
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
MONUMENTI

9
Colosseo
Piazza del Colosseo - Roma
Il Colosseo è il più grande anfiteatro costruito dai Romani. Venne
costruito nel 72 d.C. per iniziativa dell’imperatore Vespasiano e
inaugurato dal figlio Tito nell’80 d.C. Con una capienza di 45.000
spettatori il Colosseo veniva di solito usato per gli spettacoli dei
gladiatori. L’imperatore Tito, in occasione dell’inaugurazione del
Colosseo, fece organizzare ben tre mesi di giochi, con un cospic-
uo sacrificio di gladiatori e animali.

10
Arco di Tito
Via Sacra - Roma
L’Arco di Tito fu costruito fra l’anno 81 e l’anno 100 d.C. per
volontà del Senato romano in onore dell’imperatore Tito che
aveva conquistato, nel 70 d.C., la città di Gerusalemme. L’Arco
è ad un solo fornice, su base quadrata: l’esterno è costruito in
marmo, il nucleo interno in cementizio e lo zoccolo in travertino.
E’ finemente decorato, con incisioni che fanno riferimento alla
religione, all’imperatore Tito ed alla sua impresa.

11
Arco di Costantino
Piazza del Colosseo, 1 - Roma
E’ un maestoso arco trionfale posto accanto al Colosseo. L’arco
è riccamente decorato da rilievi e statue. Fu dedicato dal senato
di Roma per commemorare la vittoria dell’imperatore su Mas-
senzio nella battaglia di Ponte Milvio del 312 d.c.. Alcune statue
furono danneggiate da Lorenzino de’ Medici che le decapitò per
divertimento, impresa che ne causò la cacciata da Roma e gli
guadagnò l’appellativo popolare di Lorenzaccio.

12
Bocca della Verità
Piazza della Bocca della Verita - Roma
La Bocca della Verità è probabilmente un chiusino, a forma di
maschera rappresentante un fauno, e risalente al I secolo.Il suo
utilizzo come smascheratore di bugie fu introdotto nel Medioevo,
per giudicare l’innocenza, o la colpevolezza, di un imputato: se,
dopo aver introdotto la mano, riusciva ad estrarla, l’imputato era
innocente. In caso di colpevolezza, l’imputato correva invece il
rischio che la Bocca della Verità gli troncasse di netto la mano.

24
MONUMENTI
ROMA

25
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
luoghi storici

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
1
Mercati di Traiano
Via 4 Novembre, 144 - Milano
I lavori per la realizzazione del complesso oggi noto come i Mer-
cati di Traiano iniziarono, presumibilmente, fra il 94 ed il 95 d.C.
durante l’impero di Domiziano. Durante il Medio Evo il complesso
fu trasformato con l’aggiunta di alcuni piani ancora visibili oggi
e la costruzione di alcuni elementi difensivi come la Torre delle
Milizie costruita nel 1200. Successivamente fu costruito anche
un convento, poi demolito nel XX secolo.

2
Colle Palatino
Piazza Santa Maria Nova, 53 - Roma
Il colle Palatino è alto 70 metri e guarda da un lato sul Foro
Romano e dall’altro sul Circo Massimo; il sito è ora un grande
museo all’aperto. La leggenda vuole che Roma ebbe le sue
origini sul Palatino; in effetti, scavi recenti hanno mostrato che
delle popolazioni vi abitavano già nel 1000 a.C. circa. Secondo
la Mitologia Romana, il Palatino fu il luogo dove Romolo e Remo
vennero trovati dalla Lupa che li tenne in vita.

3
Teatro di Marcello
Via di Monte Savello, 30 - Roma
Fu iniziato da Giulio Cesare che espropriò per largo tratto la
zona, demolendo gli edifici esistenti tra cui il tempio della Pietà,
per cui venne ampiamente criticato. E’ uno dei più antichi giunti
fino a noi; rappresenta un interessante documento del periodo
di transizione verso il classicismo della tarda età augustea, fuso
con una certa ricchezza nella decorazione. La sobrietà nella
struttura della facciata ne fece un modello di riferimento per ogni
teatro romano futuro.

4
Anfiteatro Castrense
Via di Santa Croce in Gerusalemme, 12 - Roma
L’anfiteatro prende il nome da “Castrum”, antico modo di chia-
mare le residenze imperiali. La costruzione della Villa imperi-
ale iniziata da Settimio Severo fu ultimata da Elagabalo. Fu lui,
amante di giochi circensi e di combattimenti gladiatori, a dotare il
complesso oltre che di terme anche di un circo e di un anfiteatro
molto simile al Colosseo. L’edificio, riservato all’imperatore ed ai
suoi ospiti, era di pianta ellittica, interamente in laterizio.

26
luoghi storici
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

5
Terme di Caracalla
Viale Guido Baccelli - Roma
Legate alla dinastia della famiglia degli Antonini, sono l’esempio
più prestigioso di terme presenti a Roma. Inaugurate nel 217,
rimasero in funzione fino al VI secolo. Erano in grado di ospitare
ben 1500 persone. Sono visibili i resti del frigidarium, del tepi-
darium, del calidarium e di altri ambienti. Comprendevano anche
palestre, biblioteche, sale di ritrovo e giardini. Gli antichi fasti si
rivivono nelle sere estive, quando vi vengono allestiti spettacoli
operistici.

6
Domus Aurea
Via della Domus Aurea - Roma
L’imperatore Nerone la fece costruire con l’obbiettivo di realiz-
zare un’immensa residenza che doveva essere la più vasta e
preziosa del mondo. Per le sue ricche decorazioni e per i suoi
prestigiosi arredi acquisì il nome di Domus Aurea (Casa d’oro).
Gli architetti della Domus Aurea furono Severo e Celere e la dec-
orazione è opera di Fabullus. La casa era ornata da statue pre-
date in Grecia e in Asia minore; l’estensione approssimativa era
di circa ottanta ettari.

7
Foro Romano
Via Foro Romano - Roma
In origine il Foro Romano era uno spazio dove si svolgevano
molteplici attività della città, era un luogo di incontro e dove si
faceva il mercato. L’estensione del Foro andava dal Campidog-
lio al Quirinale. L’area cambiò forma a partire dal 200 a.C. con
l’edificazione di palazzi per l’amministrazione pubblica e della gi-
ustizia; furono Cesare ed Augusto che diedero la configurazione
definitiva del Foro Romano. Intorno al diciannovesimo secolo
cominciarono gli scavi.

8
Fori Imperiali
Via dei Fori Imperiali - Roma
Essi rappresentavano, nell’Antica Roma Imperiale, il luogo
principale della vita pubblica e privata e grazie alla loro visita
è possibile tornare indietro all’epoca più gloriosa della città.
Dall’ingresso subito ci si imbatte nei resti del Tempio di Cesare,
da cui si raggiunge facilmente la Piazza del Foro, antico fulcro
della vita cittadina, al cui centro si trova la Colonna di Foca; poco
distanti si trovano i resti dell’Arco di Settimio Severo e di molti
altri edifici.

27
luoghi storici

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
9
Circo Massimo
Via dei Cerchi, 55-95 - Roma
Bacino di circa 600 metri di lunghezza, il Circo Massimo era un
antico circo per gli spettacoli di Roma, dedicato alle corse di cav-
alli. Si tratta del più grande edificio per spettacoli mai costruito,
con una capienza che poteva arrivare fino a 250.000 persone
e forse più. E’ ricordato come sede di giochi sin dagli inizi della
storia della città. Oggi questo luogo è scelto sempre più spesso
come sede per grandi eventi di massa: concerti, spettacoli, giu-
bilei e manifestazioni.

10
Mitreo di San Clemente
Piazza di San Clemente, 1-5 - Roma
Al di sotto della basilica inferiore di San Clemente si trovano
varie strutture romane. I resti più antichi sono quelli di un edificio
a base rettangolare composti da muri in grossi blocchi di tufo. Il
lato breve misurava 29.60 metri, mentre quello lungo, oltre una
serie di piccoli ambienti, non è completamente scavato. Nel sec-
ondo quarto del III secolo il cortile della casa di epoca imperiale
venne trasformato in mitreo.

11
Sepolcro degli Scipioni
Via di Porta San Sebastiano, 9 - Roma
Ricavato in un banco naturale di cappellaccio, fu costruito nei
primi decenni del III sec. a.C. dal capostipite Lucio Cornelio Scip-
ione Barbato, console nel 298 a.C., il cui sarcofago in peperino
(si tratta di una copia, l’originale è conservato ai Musei Vaticani)
si trova in posizione dominante di fronte all’ingresso. Il sepolcro
ha una pianta quadrangolare, con quattro gallerie sui lati e due
perpendicolari al centro; lungo le pareti interne trovavano posto
32 sarcofagi.

12
Area di Sant’Omobono
Vico Jugario - Roma
E’ un’area archeologica della città, scoperta nel 1937 nei pressi
della chiesa di Sant’Omobono la cui esplorazione ha restituito
documenti di importanza eccezionale per la comprensione della
storia della Roma arcaica e repubblicana. Vi sono compresi due
templi, il tempio di Fortuna e il tempio di Mater Matuta; attual-
mente nell’area è completamente visibile solo il tempio della
Fortuna.

28
LUOGHI STORICI
ROMA

29
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
piazze/vie

1
Piazza San Pietro
Piazza San Pietro - Roma
Piazza San Pietro è la regina delle piazze, il capolavoro del
Bernini che realizzò dal 1656 al 1667, con lo scopo di dare una
degna cornice, un solenne accesso al maggior tempio della cris-
tianità. E’ un’ellissi immensa, nel cui fondo, al di là di un sagrato
trapezoidale, prospetta sopraelevata la grande facciata della
Basilica Vaticana, e dietro emerge maestosa la cupola Michel-
angiolesca. Al centro dell’emiciclo si leva altissimo un obelisco
egiziano, proveniente da Eliopoli.

2
Piazza del Popolo
Piazza del Popolo - Roma
Piazza del popolo è l’ultima grande realizzazione della Roma
papale, è la rappresentazione del mecenatismo del pontefice.
Si tratta di una architettura allegra poiché oltre a costituire
l’elegante vestibolo della città, era in passato l’ambientazione di
giochi, fiere, spettacoli popolari; anche se, purtroppo, non man-
cavano anche le esecuzioni capitali. Oggi Piazza del Popolo è
un’ampia isola pedonale di circa 16000 m2, luogo di eventi pub-
blici importanti.

3
Piazza di Spagna
Piazza di Spagna - Roma
E’ indubbiamente la piazza più famosa di Roma e prende il suo
nome dalla presenza storica in questo luogo dell’Ambasciata di
Spagna. La piazza si allarga davanti alla collina del Pincio ed ha
forma irregolare. E’ dominata dalla maestosa e celebre scalinata
di Trinità dei Monti, costruita intorno al 1725 da Francesco De
Sanctis, per collegare la piazza alla soprastante Chiesa della
Trinità dei Monti. Al centro della piazza vi è la famosa Fontana
della Barcaccia del Bernini.

4
Via dei Condotti
Via dei Condotti - Roma
Il nome deriva dalle condutture dell’Acqua Vergine che nel XVI
secolo Gregorio XIII fece derivare dal “bottino” del Pincio, per
servire la parte bassa del Campo Marzio. Al di là del Corso, in-
fatti, il tracciato prosegue rettilineo, pur cambiando nome in “via
della Fontanella di Borghese”. Oggi via dei Condotti è una delle
vie dei negozi di lusso: le più grandi firme dell’abbigliamento,
della pelletteria e della gioielleria possiedono una boutique in
questa strada.

30
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

piazze/vie
5
Piazza del Quirinale
Via del Quirinale - Roma
La piazza prende il nome dal Palazzo del Quirinale e come la
gran parte dei monumenti romani, è il risultato di successivi inter-
venti di sistemazione. Il fulcro urbanistico della piazza è la Fon-
tana dei Dioscuri; solo successivamente fu collocato l’obelisco
che, in origine, ornava l’ingresso del Mausoleo di Augusto. Sulla
piazza affacciano palazzi di grande rilievo, non solo architet-
tonico.

6
Piazza Navona
Piazza Navona - Roma
E’una delle più celebri piazze di Roma; la sua forma è quella
di un antico stadio, e venne costruita in stile monumentale per
volere di papa Innocenzo X, della famiglia Pamphilj. E’ in un cer-
to senso l’orgoglio della Roma barocca, con elementi architet-
tonici e scultorici di maestri come Gian Lorenzo Bernini, Franc-
esco Borromini e Girolamo Rainaldi. A partire dal dopoguerra,
numerosi artisti hanno cominciato a frequentarla insediandovi
estemporanei banchetti per dipingere.

7
Corso Vittorio Emanuele II
Corso Vittorio Emanuele II - Roma
Ampia arteria stradale che collega Piazza Venezia e il fiume Te-
vere, venne realizzata nel 1886 e intitolata a Vittorio Emanuele
II, primo re d’Italia. Vi si affacciano il rinascimentale Palazzo
Massimo alle Colonne e l’attiguo Palazzo Massimo di Pirro, il
seicentesco Palazzo Sora, e i cinquecenteschi Palazzo Vidoni
Caffarelli e Palazzo della Valle.

8
Piazza Campo de’ Fiori
Piazza Campo de’ Fiori - Roma
E’ famosa per essere stata per lungo tempo il luogo dove avveni-
va l’esecuzione delle sentenze di morte. Sulla piazza è possibile
vedere la statua raffigurante Giordano Bruno, opera eseguita dal
Ferrari in memoria del personaggio: fu l’ultimo ad essere giusti-
ziato nel 1600. Oggi la piazza è uno dei luoghi più affollati della
città: di giorno si svolge il mercato, di notte si anima di centinaia
di giovani che si incontrano nei numerosi locali notturni.

31
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
piazze/vie

9
Lungotevere de’ Cenci
Lungotevere De’ Cenci - Roma
E’ il tratto di Lungotevere che collega ponte Garibaldi a ponte
Fabricio, e prende il nome dalla famiglia dei Cenci, protagonista
di una tragica vicenda della Roma rinascimentale. Tra i principali
monumenti lungo il suo percorso si segnalano il Tempio Mag-
giore di Roma, a cui è annesso il museo della comunità ebraica
di Roma, e il villino Astengo, realizzato in stile liberty nel 1914 su
progetto di Ezio Garroni e decorato da Giuseppe Zina.

10
Piazza del Campidoglio
Piazza Campidoglio - Roma
Fin dal medioevo l’area del Campidoglio fu sede dell’amministra-
zione civile della città. Michelangelo Buonarroti riprogettò com-
pletamente la piazza, disegnandola in tutti i particolari e facendo-
la volgere non più verso il Foro Romano ma verso la Basilica di
San Pietro, che rappresentava il nuovo centro politico della città.

11
Via dei Fori Imperiali
Via dei Fori Imperiali - Roma
La via dei Fori Imperiali, già via dell’Impero, è una strada mod-
erna della città, che riprende l’attuale nome dai resti degli antichi
Fori imperiali, che attraversa. A partire dagli anni ottanta è stata
discussa l’ipotesi di eliminare la via per ragioni archeologiche,
in quanto essa copre i resti dei Fori imperiali, tagliando a metà
l’area archeologica. Attualmente la strada è aperta al transito,
ma la domenica viene chiusa al traffico veicolare e diventa zona
pedonale.

12
Piazza Bocca della Verità
Piazza della Bocca della Verità - Roma
La piazza è al centro dell’antica zona mercantile di Roma fra il
porto fluviale, presso l’isola Tiberina, e l’Emporio. Oggi la piazza
vanta un insieme di monumenti unica al mondo: due templi an-
tichi ancora conservati, una chiesa altomedievale con splendido
campanile. A decorare la piazza, nel 1715 il papa Clemente XI,
vi fece collocare una fontana tardo-barocca ad opera di Carlo
Bizzaccheri.

32
piazze/vie
ROMA

33
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
strutture

1
Acquario Romano
Piazza Manfredo Fanti, 7 - Roma
Costruzione tipica della Roma umbertina, venne realizzato tra
il 1885 e il 1887 su progetto di Ettore Bernich, e fu sede di un
acquario solo per pochi anni. Elementi caratterizzanti sono il
corpo cilindrico scandito da semicolonne e paraste, la pianta cir-
colare con pronao e le decorazioni di ambiente marino inserite
tra le statue delle edicole. Dopo un periodo di semiabbandono,
fu adibito a museo e a luogo di spettacoli, e oggi è sede della
Casa dell’Architettura.

2
Porta Pia
Via 20 Settembre, 2 - Roma
Porta Pia è una delle porte che si aprono nelle Mura aureliane
della città, divenuta particolarmente nota il 20 settembre 1870,
quando il tratto di mura adiacente la porta fu lo scenario della
fine dello Stato Pontificio. Fu costruita per ordine di papa Pio IV
(da cui il nome) su disegno di Michelangelo tra il 1561 e il 1565 in
sostituzione della Porta Nomentana che contemporaneamente
venne chiusa e che si trovava a meno di un centinaio di metri
verso est.

3
Fontana del Tritone
Piazza Barberini - Roma
Ritenuta una delle fontane più belle di Roma fu realizzata in trav-
ertino da Gian Lorenzo Bernini nel 1643. Fra le code dei delfini
che sorreggono la conchiglia sulla quale si accovaccia il tritone,
il Bernini ha posizionato due stemmi dei Barberini. Il tritone che
soffia con impeto in una conchiglia fa uscire il getto d’acqua che,
ricadendo nelle valve e poi dalle scannellature di queste nella
vasca sottostante, crea una coreografia di grande effetto.

4
Fontana della Barcaccia
Piazza di Spagna - Roma
La Fontana della Barcaccia è una delle più famose di Roma, fu
realizzata da Pietro e Gian Lorenzo Bernini nel 1627 per conto
di Papa Urbano VIII, deve il suo nome alla caratteristica forma
a barcone che affonda. Probabilmente è stata ispirata da una
barca che si è arenata nella stesso luogo dove oggi troviamo la
fontana, a causa dell’alluvione e del conseguente straripamento
del Tevere del 1598. L’opera presenta numerose decorazioni e
stemmi della famiglia dei Bernini.

34
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

strutture
5
Obelisco Flaminio
Piazza del Popolo, 5 - Roma
Risalente all’epoca dei faraoni Ramesse II e Merenptah, venne
portato a Roma per volere di Ottaviano Augusto nel 10 a.C.
insieme all’obelisco di Montecitorio e collocato sulla spina del
Circo Massimo. Venne ritrovato nel 1587 rotto in tre pezzi in-
sieme all’obelisco Lateranense, ed in seguito rieretto per ordine
di papa Sisto V nel 1589. Al 1823 appartiene la base con quattro
vasche circolari e altrettanti leoni in pietra di stile egizio, opera di
Giuseppe Valadier.

6
Ponte Sant’Angelo
Ponte Sant’Angelo - Roma
Il Ponte Sant’Angelo chiamato in origine Ponte Elio, fu costruito
nel 136 d.C. per collegare Roma al Mausoleo di Adriano, attuale
Castel Sant’Angelo. È sicuramente il più bello dei ponti romani:
nessuna piena del Tevere lo ha mai danneggiato; fin dall’epoca
medievale fu la via più frequentata dai pellegrini diretti a San
Pietro. L’ultimo abbellimento fu realizzato nel ‘600 con la sis-
temazione degli angeli disegnati da Bernini.

7
Ponte Vittorio Emanuele II
Ponte Vittorio Emanuele II - Roma
Detto più semplicemente ‘Ponte Vittorio’, collega Piazza Pas-
quale Paoli al Lungotevere Vaticano. Venne costruito nel 1886
e inaugurato solo nel 1911, in occasione del Cinquantenario
dell’Unità d’Italia, e si presenta come una struttura in travertino
a tre arcate decorata da alti basamenti con Vittorie alate alle
estremità e da gruppi scultorei simbolici in corrispondenza dei
piloni centrali.

8
Fontana del Nettuno - dei Calderai
Piazza Navona, 56-84 - Roma
E’ opera di Giacomo della Porta; giunta fino all’unità d’Italia sen-
za alcun corredo scultoreo, per darle una similitudine stilistica
con le altre fontane dell’area, venne varato nel 1878 un concorso
per la realizzazione dell’apparato monumentale che vide vinci-
tori Gregorio Zappalà e Antonio Della Bitta. Il primo realizzerà il
complesso decorativo a soggetto mitologico delle “Nereidi con
putti e cavalli marini”, il secondo il gruppo marmoreo “Nettuno
lotta con una piovra”.

35
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
strutture

9
Fontana dei Quattro Fiumi
Piazza Navona - Roma
La scultura detta Fontana dei Quattro Fiumi è stata ideata e
plasmata dallo scultore e pittore Gian Lorenzo Bernini nel 1651
su commissione di Papa Innocenzo X, in piena epoca barocca,
durante il periodo più fecondo di questo artista. Fa da base ad
un obelisco e rappresenta i quattro continenti allora conosciuti
attraverso i loro maggiori fiumi: il Danubio per l’Europa, il Nilo
per l’Africa, il Gange per l’Asia ed il Rio della Plata per l’America.

10
Orto Botanico
Largo Cristina di Svezia 23 - Roma
Fu istituito nel 1883 quando parte dei giardini di Villa Corsini
furono assegnati al Comune. L’Orto ha funzione didattiche, di
educazione ambientale e di ricerca scientifica; è sede di mostre,
corsi, conferenze e simposi ed ha annualmente quasi centomila
visitatori. L’Orto inoltre è sede di ricerche altamente specializzate
sull’ecologia dell’ambiente urbano. Il giardino ospita attualmente
oltre 3000 specie vegetali; tra le piante ci sono anche esemplari
di Ginkgo Biloba.

11
Ponte Cestio
Ponte Cestio - Roma
Il ponte venne costruito nel 46 a.C. da Lucio Cestio, uomo polit-
ico cesariano. Attraversando il ponte, la cui struttura originale fu
quasi completamente distrutta durante la costruzione dei nuovi
argini, si raggiunge il famoso Trastevere oggi considerato uno
dei più caratteristici quartieri della città.

12
Porta Portese
Piazza di Porta Portese - Roma
Porta Portese è una delle tante porte della città, costruita nel
1644 in sostituzione della più antica Porta Portuensis. La grande
fama di questo nome si deve all’omonimo mercato popolare,
vastissimo e variegato sia nell’offerta di merci, sia nella varietà
dell’umanità che lo popola ogni domenica. L’aspetto generale è
comunque quello di una porta incompiuta e con uno stile piut-
tosto lontano dai canoni tradizionali.

36
strutture
ROMA

37
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
teatri

1
Teatro Argentina
Largo di Torre Argentina, 52 - Roma
Il Teatro Argentina, uno dei più antichi teatri di Roma, venne inau-
gurato il 31 gennaio del 1732 con la rappresentazione dell’opera
Berenice composta da Domenico Sarro. E’ celebre per aver os-
pitato il primo spettacolo, il 20 febbraio 1816, de Il barbiere di
Siviglia di Gioachino Rossini. Il Teatro ospita rappresentazioni di
prosa e manifestazioni musicali sia operistiche che sinfoniche;
all’interno dell’edificio è istituito il Museo Storico del Teatro.

2
Teatro Eliseo
Via Nazionale, 183 - Roma
Nato nel 1900 come Arena Nazionale, inizialmente era costruito
interamente in legno (tranne il boccascena). La sua storia comp-
lessa fatta di numerosi rifacimenti e cambi di nome, gli ha co-
munque permesso di aggiudicarsi il primato di primo teatro capi-
tolino costruito interamente in cemento armato. Oggi è tra i teatri
più frequentati della capitale.

3
Teatro dell’Opera
Piazza Beniamino Gigli, 1 - Roma
Dedicato all’opera lirica e al balletto è anche conosciuto come
Teatro Costanzi, dal nome del suo artefice, Domenico Costanzi.
L’architetto Achille Sfondrini in due anni costruì il teatro, nello
stile neorinascimentale di moda all’epoca; il teatro non era di
grandi dimensioni, ma aveva un’ottima acustica e una bella cu-
pola dipinta da Andrea Brugnoli. L’opera fu inaugurata alla pre-
senza del Re d’Italia e della Regina il 27 novembre 1880, con la
Semiramide di Rossini.

4
Villa Borghese - Silvano Toti Globe Theatre
Viale Pietro Canonica - Roma
E’ stato costruito nel 2003 a imitazione del Globe Theatre di Lon-
dra (il più famoso teatro del periodo elisabettiano), del quale ri-
prende la forma, con il palcoscenico coperto proteso verso l’area
del pubblico scoperta e circondata dai palchi su tre livelli, e il ma-
teriale costruttivo, ovvero il legno. La pavimentazione è in blocchi
di tufo posati a secco, che danno un’impressione di terra battuta.

38
teatri
ROMA

39
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
parchi/castelli

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
1
Villa Doria Pamphilj
Via Papa Leone XIII 327 - Roma
Roma è una città complicata ma conserva angoli di paradiso che
resistono ai progressi dell’urbanistica. Uno di questi è Villa Doria
Pamphilj: parco davvero sconfinato la cui superficie abbraccia
più di un quartiere con i suoi nove chilometri di perimetro. Con
i suoi 180 ettari di superficie è il più grande dei giardini romani.
Come molti altri parchi cittadini trae origine dalla tenuta di cam-
pagna di una famiglia nobile. È la sede di rappresentanza del
Governo italiano.

2
Castel Sant’Angelo
Lungotevere Castello - Roma
Fu fatto costruire nel 123 d.C. con la funzione di mausoleo fune-
bre per l’imperatore Adriano e la sua famiglia, poi utilizzato come
edificio fortificato, per poi passare all’attuale funzione di museo.
Il castello prese il suo nome dopo che Papa Gregorio I ebbe
la visione dell’arcangelo Michele che rinfoderava la sua spada
annunciando la fine di un’epidemia. Oggi ospita una varietà di
collezioni notevoli: ceramiche, splendide sculture, armi e celebri
dipinti.

3
Villa Borghese
Via Pinciana 67 - Roma
Con la sua forma che vista dall’alto ricorda un cuore e i 6 chilo-
metri di perimetro, Villa Borghese è davvero il Cuore Verde della
città.E’ il parco più famoso della capitale e nonostante si collochi
al terzo posto per estensione, è sicuramente il più vivo e amato
parco di Roma. Questa grande area verde comprende al proprio
interno sistemazioni a verde di diverso tipo, dal giardino
all’italiana alle ampie aree di stile inglese, edifici, piccoli fabbri-
cati, fontane e laghetti.

4
Villa Ada
Via Panama 102 - Roma
La meraviglia di questo luogo facilita la completa distensione
dell’animo. Al suo interno vi sono numerosi edifici di varia nat-
ura ed epoca. E’ il parco più ricco di Roma per quanto riguarda
l’aspetto faunistico e ambientale: cipressi, pini, palme ma anche
una pista di pattinaggio e percorsi ginnici la rendono una delle
ville più amate e frequentate dai romani.Collocato nella zona
settentrionale della città, è il secondo più grande parco della città
dopo Villa Doria Pamphilj.

40
parchi/castelli
ROMA

41
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
CHI SIAMO

Weagoo è un’azienda specializzata nella rac- base d’informazioni turistiche localizzate e de-
colta ed elaborazione di informazioni turistiche scritte in modalità “short information” concepite
brevi ed essenziali a carattere storico, artistico, per fornire un’informazione essenziale ma utile
culturale, naturalistico ed architettonico. Wea- al turista prima e durante la visita della città.
Goo, nella sua attività di ricerca e recensione Tutte le nostre descrizioni dei punti di interesse
dei siti, con gli attuali 24.000 punti d’interesse, sono informazioni oggettive, storiche, prese da
110 province, 1.400 comuni e tutte le città fonti ufficiali, che seguono uno standard di real-
d’arte italiane, sta costantemente e progressi- izzazione preciso in cui la georeferenziazione è
vamente realizzando una mappatura capillare sicuramente una parte fondamentale.
del territorio che comprende anche località mi- L’attività primaria di WeAGoo consiste nel riv-
nori, ma non per questo prive di storia. ersare queste informazioni nel proprio portale
Il nostro obiettivo è creare il più grande data- weagoo.com.

Il portale ti permette di Registrati al portale...conviene!


Creare itinerari personalizzati La registrazione al portale ti porterà via solo
pochi secondi e ti permetterà di creare itinerari
Ricercare POI per città multi-città, modificare l’ordine dei POI e delle
Ricercare per nome attrazione città tramite drag and drop così da pianificare
perfettamente il tuo roadbook di viaggio e suc-
Filtrare per tipologie d’interesse cessivamente condividerlo con i tuoi amici. In-
Visualizzare risultati in modalità elenco oltre settimanalmente ti verrà inviata un’email
con interessanti spunti di viaggio e le novità
o mappa riguardanti le nostre utili guide.
Scaricare guide turistiche gratuitamente
Visualizzare i virtual tour
42
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

DA VISITARE

chiese...................................................pag 1
palazzi..................................................pag 5
musei....................................................pag 9
monumenti e strutture..........................pag 13
teatri.....................................................pag 21
varie......................................................pag 23

43
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
ostia

OSTIA ANTICA
Gli scavi di Ostia rappresentano uno dei più importanti siti ar-
cheologici nel mondo; al suo interno strutture imponenti e ben
conservate offrono un esempio esaustivo delle forme e tecniche
architettoniche e urbanistiche dell’antica romana tutte realizzate
essenzialmente in calcestruzzo romano. Gli scavi conservano i
resti di gran parte della città, scavata nel corso del XIX e so-
prattutto XX secolo; insieme ai monumenti pubblici si sono con-
servate numerose strutture private.

Teatro
Via Deignoli, 717 - Roma
In assoluto l’edificio più rappresentativo di Ostia Antica, venne
costruito nel 12 a.C. ai tempi di Augusto, e ampliato alla fine del
II secolo d.C. su iniziativa di Commodo, per permettere una mag-
giore disponibilità di posti. Anticamente vi si trovavano delle ‘tab-
ernae’ (botteghe) nelle quali gli spettatori si ristoravano e delle
‘stationes’ di corporazioni commerciali, e vi si svolgevano spetta-
coli acquatici. Ancora oggi è utilizzato per delle rappresentazioni
teatrali.

Borgo
Piazza Gregoriopoli, 3 - Milano
Il borgo di Ostia, l’antica ‘Gregoriopoli’, è un luogo unico in cui
convivono diversi stili architettonici: all’interno delle mura restau-
rate dal Cardinale d’Estouteville si ritrovano infatti testimonianze
di epoca romana, la basilica quattrocentesca di Sant’Aurea (che
conserva al di sotto dell’attuale struttura il suo impianto mediev-
ale), l’Episcopio, il Castello di Giulio II e le abitazioni risalenti alla
fine del Quattrocento.

Rocca di Ostia
Piazza della Rocca - Roma
La fortezza venne fatta edificare intorno al 1485 dal cardinale Gi-
uliano della Rovere, futuro papa Giulio II, per controllare i propri
possedimenti di famiglia e l’accesso a Roma dal mare lungo il Te-
vere, in funzione anti Borgia. L’opera presenta criteri tecnici inno-
vativi e conoscenze militari notevoli. La forma è triangolare, con
bastioni sui vertici: due circolari e uno poligonale, alti quanto le
mura per creare un cammino di ronda unico su tutto il perimetro.

44
quartiere coppedè
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

QUARTIERE COPPEDè
L’esperimento artistico-architettonico più origi- montato da altre otto rane.
nale intrapreso a Roma nei primi decenni del
XX secolo è senza dubbio quello che si scorge Per la sua particolare architettura il Quartiere
nelle case della zona tra la Salaria e la Nomen- Coppedè fu scelto dal regista Dario Argento
tana che prende il nome di Quartiere Coppedè. come sfondo per alcune scene dei suoi film In-
Pur non essendo propriamente un quartiere, ferno e L’uccello dalle piume di cristallo.
venne così chiamato dallo stesso architetto che
lo ha progettato, Gino Coppedè. È composto Tra le costruzioni più famose del partico-
da diciotto palazzi e ventisette tra palazzine ed lare quartiere spiccano il Villino delle Fate
edifici disposte intorno al nucleo centrale di pi- e l’Ambasciata Russa. Il Villino delle Fate,
azza Mincio. fiabesca costruzione delimitata da una raffi-
natissima cancellatura in legno e ferro bat-
Il Quartiere si apre trionfalmente con il maes- tuto, mostra uno spazio architettonico ritmato
toso e a tratti cupo arco d’ingresso che unisce da loggiati irregolari, scalinate, archi e tettoie.
due palazzi e dove simbologie ed elementi Le pareti presentano numerose e diversificate
propri di Rinascimento, Gotico e Barocco si decorazioni i cui soggetti spaziano tra campi di
fondono insieme e danno vita ad una sorta fiori ed immagini urbane, tra storie tipicamente
di sospensione temporale. A mettere ulterior- medievali e figure geometriche.
mente in discussione il senso del tempo e della
realtà, un enorme lampadario in ferro battuto
posto proprio sotto l’arco. Due torri riccamente
decorate a fregi, statue e balaustre sormontano
l’arco. L’arco è decorato con numerosi elementi
architettonici, che hanno la caratteristica di es-
sere disposti in modo asimmetrico.

Superato l’arco si giunge a piazza Mincio, cen-


tro del quartiere. In mezzo alla piazza sorge la
Fontana delle Rane, costruita nel 1924 e costi-
tuita da una vasca centrale, di pochi centimetri
più alta del livello stradale, con quattro coppie
di figure, ognuna delle quali sostiene una con-
chiglia sulla quale si trova una rana dalla quale
zampilla acqua all’interno della vasca. Dal cen-
tro della fontana si innalza una seconda vasca,
di circa due metri di altezza, il cui bordo è sor-

45
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
SHOPPING

MERCATINI
Mercato delle stampe presenta un’ampia e piacevole scelta tra og-
Lunedì e Sabato dalle 7.00 alle 13.00. Largo delle Fontanelle getti, capi d’abbigliamento, scarpe, accessori
di Borghese. oltre a tante altre curiosità.
Questo evento è un appuntamento assolu-
tamente imperdibile per gli appassionati di PortobelloExpo
stampe, vecchi libri, antiquariato autentico, Ogni prima e terza domenica del mese dalle 9.00 alle 19.30.
dischi in vinile, riviste e materiale stampato in Via Vincenzo Lamaro, Cinecittà.
genere. Qui si possono trovare anche le classi- Il mercatino “PORTOBELLO EXPO” offre circa
che stampe di Piranesi con gli scorci della città 200 stand che espongono complementi di arre-
eterna. do, d’epoca, modernariato, vintage, accessori,
comics, abiti, giocattoli, editoria antica e molto
Mercato Campo de’ Fiori altro. Si potrà inoltre degustare prodotti tipici e
Dal lunedi al sabato dalle 6.00 alle 14.00. Piazza Campo de’ biologici provenienti da tutta l’Italia.
Fiori.
E’ il più pittoresco mercato cittadino, caratteriz-
zato da variopinte bancarelle che vendono frut-
ta, verdura, carne, pollame e pesce. Imperdibili
sono poi le gigantesche ceste di broccoli e spi-
naci, oppure di verdure già tagliate e pronte per
il minestrone, e di freschissime insalate miste.
L’ampia e variegata gamma di prodotti offerti
è completata dagli ottimi negozi gastronomici
e dai numerosi panettieri situati intorno e nei
pressi della piazza.

Mercato via Sannio


Dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 14.00. Via Sannio.
Questo mercato era molto rinomato in pas-
sato, soprattutto negli anni ’60 e ’70, per i capi
d’abbigliamento. Oggi, a prima vista, non sem-
bra avere alcunché di speciale, e non è più
famoso come lo era un tempo. Tuttavia merita
una visita specialmente per la presenza di una
grande sezione coperta, che si estende fino
alle Mura aureliane. Questa sezione è carat-
terizzata dalla presenza di molte bancarelle
che espongono abiti di seconda mano a prezzi
molto bassi, per la gioia di coloro che amano
cercare l’affare in mezzo alla confusione. Alcuni
banchetti vendono articoli in stile militare e at-
trezzature inerenti al campeggio e alla pesca.

Circolo degli Artisti


Ogni terza domenica del mese. Via Casilina Vecchia 42.
Questo appuntamento è destinato soprattutto
agli amanti del vintage, prevede poi esposizioni
dedicate alle produzioni di stilisti emergenti ol-
tre a oggetti d’artigianato e modernariato, an-
tiquariato e molto altro. Il “circolo degli artisti”

46
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

COSA FARE
COSA FARE
LA SERA
Roma durante le ore notturne è movimentata
almeno quanto di giorno; trovare qualcosa da
fare per trascorrere una serata/nottata in modo
assolutamente piacevole è estremamente sem-
plice. La movida romana è caratterizzata da
ristoranti, locali e discoteche che non lasciano
spazio alla noia. La metropoli, così come quasi
tutte le altre grandi città italiane ed europee, è
in grado di offrire divertimenti e svaghi per tutti i
gusti, per tutte le tasche e, soprattutto, per tutte
le età. Il luogo dove si ritrovano e si divertono
i più giovani è Campo dei Fiori: piazza ricca di
locali e pub. Altra zona molto movimentata è
Trastevere: quartiere che durante la notte si
riempie di persone, sia italiane che straniere,
grazie alla ricchezza di ristoranti ed esercizi
in generale. Gli studenti, invece, sono soliti ri-
unirsi a San Lorenzo: è il quartiere universitario
cittadino; adiacente al suo territorio troviamo che permetto di concludere buoni affari e fare
infatti l’Università “La Sapienza”: l’ateneo più acquisti più ‘modesti’ rispetto alle rinomate Via
grande d’Europa. Il massiccio afflusso di stu- del Corso, via dei Condotti e Via del Babuino,
denti e giovani in generale ha portato ad un senza tralasciare la zona di Campo Marzio e i
rilevante incremento della vita notturna. Luogo dintorni di Piazza di Spagna (luoghi all’insegna
di incontro principale è piazza dell’Immacolata, del glamour, qui troviamo le maggiori griffe itali-
che ogni notte viene invasa da centinaia di ra- ane ed internazionali per acquisti all’insegna
gazzi. Nelle sere d’estate ci si può spostare del lusso). Il mercato più rinomato e pittoresco
verso il mare, soprattutto ad Ostia, con i suoi è senza dubbio quello domenicale di Porta Por-
bar e le discoteche quasi sull’acqua. tese: storico mercato delle pulci romano, che
si estende dal Piazzale Portuense, fino a Via
NEL WEEK-END Ippolito Nievo. In questo luogo si può trovare
Per tutti coloro che preferiscono ancora i davvero di tutto: dalle borse alle biciclette, dai
tradizionali mercati in cui ricercare abiti ed vestiti ai mobili, dalle scarpe ai dischi, dagli ac-
oggetti particolari, Roma è la città giusta. So- cessori per la casa alle piante. Merita assoluta-
prattutto durante il week-end infatti le strade mente una visita.
cittadine si popolano di mercatini caratteristici
CON I BAMBINI
Explora - Museo Dei Bambini Via Flaminia 32, Roma
Il padiglione espositivo è strutturato come una
città per giocare dove tutto può essere os-
servato, toccato e sperimentato. Explora mette
in contatto con l’ambiente, la comunicazione,
l’economia, le nuove tecnologie, creando oc-
casioni che permettono ai bambini di indagare
i misteri delle cose. La visita non è guidata per
permettere ai bambini di scegliere in completa
autonomia in quale area giocare, soffermarsi il
tempo che desiderano e cambiare attività lib-
eramente.
47
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
cucina

CUCINA
La cucina romana tradizionale è fondata su e produttivi. La pietanza aveva poi come pri-
L’arte culinaria romana tradizionale è semplice, mario obiettivo quello di soddisfare le esigenze
basata su ingredienti popolari che nulla con- energetiche dell’uomo impegnato nel lavoro nei
cedono a complesse e leziose elaborazioni, i campi, i piatti sono quindi particolarmente nu-
componenti sono infatti di derivazione rurale e tritivi e generalmente somministrati in porzioni
contadina, di origine vegetale ed animale. La abbondanti. Ecco alcuni dei piatti tipici della
gastronomia locale è rustica, dai toni caserecci gastronomia capitolina: bucatini all’amatriciana,
ma saporiti, genuini e corposi. I piatti tipici sono spaghetti alla carbonara, abbacchio alla roma-
spesso il risultato di ricette tramandate di gen- na, coda alla vaccinara, porchetta di Ariccia,
erazione in generazione. La cucina è caratter- carciofi romaneschi e maritozzo al cioccolato.
izzata da portate ricavate da terreni molto fertili

Bucatini all’amatriciana
Ingredienti: 400 g di bucatini, 400 g di po-
modori, 100 g di guanciale stagionato, 60 g di
pecorino stagionato, vino bianco secco, sale
e pepe.

Preparazione: Tagliare il guanciale a cubetti


e cuocerlo a fuoco basso in una padella antia-
derente di 28 cm, quando il grasso è diventa-
to trasparente aggiungere mezzo bicchiere di
vino bianco secco e far evaporare,aggiungere
quindi i pomodori tagliati a pezzetti e il pep-
eroncino e cuocere per 5 minuti a fuoco vi-
vace. Lessare la pasta in abbondante acqua
salata, quindi unirla al sugo insieme al pecori-
no grattugiato, mescolare bene per condire
uniformemente la pasta e servire. Volendo, il
guanciale può essere rimosso prima di unire
i pomodori e rimesso in padella prima di con-
dire la pasta, per evitare che diventi troppo
croccante e che assuma lo sgradevole aroma
di bruciato.

48
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

cucina
Saltimbocca alla romana
Ingredienti: 4 scaloppine di vitello, 4 fette di
prosciutto cotto, 8 foglie di salvia, burro, fa-
rina q.b. , vino bianco secco q.b. , sale, pepe,
olio extravergine d’oliva.

Preparazione: Per cominciare prendete le


fettine di carne di vitello, copritele con della
pellicola trasparente e battetele un pochino
con il batticarne rendendole un più sottili.
Togliete ora la pellicola, condite leggermente
con sale e pepe, quindi adagiate una fetta di
prosciutto su ogni fettina di carne, aggiungete
2 foglie di salvia per ogni fettina e ripiegate su
sè stessa la fettina, quindi chiudete con uno
stuzzicadenti.
Mettete a scaldare una noce di burro con
dell’olio extravergine di oliva, non appena
sarà ben caldo passate le fettine veloce-
mente nella farina (eliminate quella in ec-
cesso) e mettete a cuocere a fiamma viva,
dopo che i saltimbocca saranno ben rosolati
da tutti i lati aggiungete circa mezzo bicchiere
di vino bianco e fate cuocere finchè non sarà
evaporato del tutto, quindi togliete dal fuoco,
eliminate gli stuzzicadenti e servite. Buon ap-
petito!

DOVE ANDARE A MANGIARE


Mangiare a Roma a prezzi contenuti non è (molto spesso a gestione familiare) rappre-
assolutamente un’impresa ardua: pranzare o sentano i luoghi tradizionali in cui mangiare. In
cenare senza spendere troppo è infatti molto questi esercizi,cibi e ingredienti sono spesso di
più semplice rispetto a tante altre capitali eu- produzione propria. Soprattutto in questi tipi di
ropee. I quartieri di Testaccio e Trastevere sono locali risulta assolutamente facile gustare i piat-
ricchi di ristoranti tipici, molto caratteristici e so- ti tipici della cucina romana. Ricordiamo, oltre a
prattutto convenienti. Per tutti coloro che sono quelli già citati in precedenza: i saltimbocca alla
invece alla ricerca di qualcosa di più ricercato, romana e come dolce il bigné di San Giuseppe.
di un ristorante di categoria superiore, consigli- Il tutto è ovviamente accompagnato da rinomati
amo allora le zone situate nei pressi del centro vini d.o.c, come per esempio quelli di Frascati e
storico cittadino. Trattorie, osterie e pizzerie dei Castelli Romani.

49
wi-fi / hotspot

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
WI-FI E HOT SPOT
Grazie a due interessanti iniziative quali ROMA inviare posta elettronica o semplicemente navi-
WIRELESS e PROVINCIA WI-FI, collegarsi ad gare in Internet con tutta la velocità della banda
un hot-spot gratuito nella capitale è davvero larga immerso nei magnifici scenari dei posti
semplice. Basta seguire poche semplici istruzi- più belli e suggestivi della Capitale.
oni per accedere ai servizi in banda larga.
Come si accede? Questa rete offre, per il suo
PROVINCIA WI-FI primo anno di attività, un’ora di connessione
Il progetto ProvinciaWiFi consiste nell’ in- gratuita al giorno. Una volta raggiunta un’area
stallazione in piazze, biblioteche e luoghi di coperta dal segnale RomaWireless basta
ritrovo del territorio provinciale di Roma di ap- aprire il proprio Browser Internet. Automatica-
parati WiFi per l’accesso gratuito ad Internet. mente appare la pagina di autenticazione. Se
si è già registrati al sistema basta effettuare il
Collegarsi ad Internet con ProvinciaWiFi è piut- login per iniziare a navigare.
tosto semplice: basta recarsi in una delle aree
ProvinciaWiFi muniti di un PC portatile, uno Per chi è un nuovo utente è necessario regis-
smart phone, o un qualsiasi altro dispositivo trarsi gratuitamente, dunque compilare i campi
dotato di un’interfaccia WiFi e alla prima con- richiesti, fornendo anche un numero di cellu-
nessione, registrarsi al servizio aprendo il pro- lare.
prio browser internet.
Una volta ultimata la registrazione il sistema
ROMA WIRELESS richiederà di effettuare, entro 15 secondi dal
Nei luoghi pubblici di Roma coperti dagli hot login, una chiamata, anch’essa gratuita, con il
spot RomaWireless, riconoscibili dalle apposite cellulare segnalato all’atto della registrazione;
segnaletiche, chiunque può accedere comoda- un server verificherà la validità del contatto e
mente alla rete. Così l’utente potrà scaricare e avvierà la connessione dell’utente.

50
ROMA

51
SCRIVI QUI I TUOI APPUNTI DI VIAGGIO
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
52
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!
ROMA
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

CHIESE
11 Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza - p. 11
12 Pantheon - p. 11

PALAZZI
5 Palazzetto Le Roy - p. 16
7 Palazzo Pamphilj - p. 15
13 Palazzo di Montecitorio - p. 14
14 Palazzo Wedekind - p. 16
17 Palazzo del Quirinale - p. 14
21 Palazzo Colonna - p. 14
22 Palazzo Venezia - p. 14
29 Palazzo Senatorio - p. 15

MUSEI
6 Museo di Roma - p. 19
20 Galleria Doria Pamphilj - p. 18
27 Museo Centrale del Risorgimento- p. 18
28 Musei Capitolini - p. 20

MONUMENTI
2 Monumento a Giordano Bruno - p. 22
15 Colonna di Marco Aurelio - p. 22
16 Fontana di Trevi - p. 22
23 Vittoriano - p. 23
24 Colonna Traiana - p. 23
26 Statua a Giulio Cesare - p. 23
37 Colosseo - p. 24
38 Arco di Tito - p. 24
39 Arco di Costantino - p. 24

STRUTTURE
9 Fontana dei Quattro Fiumi - p. 36
10 Fontana del Nettuno-dei Calderai - p. 35
32 Ponte Cestio - p. 36

PIAZZE / VIE
3 Piazza Campo de’ Fiori - p. 31
4 Corso Vittorio Emanuele II - p. 31
8 Piazza Navona - p. 31
18 Piazza del Quirinale - p. 31
31 Lungotevere de’ Cenci - p. 32
35 Via dei Fori Imperiali - p. 32

LUOGHI STORICI
25 Mercati di Traiano - p. 26
30 Teatro di Marcello - p. 26
33 Area di Sant’Omobono -p. 28
34 Foro Romano - p. 27
36 Fori Imperiali - p. 27

TEATRI
1 Teatro Argentina - p. 38
19 Teatro Eliseo - p. 38

53
AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

Weagoo non fornisce alcuna garanzia sulla qualità e l’accuratezza delle informazioni così come al carattere esclusivo delle stesse. Parte del mate-
riale presente in questa guida è soggetto a licenze “Commons”, immagini, suoni e altro materiale sono di proprietà dei rispettivi proprietari, le mappe
sono di Google Maps - ©2012 Google Inc. e Tele Atlas North America, Inc. Altri marchi, nomi e prodotti menzionati e non, sono dei rispettivi proprietari.
WeAGoo adotta una procedura di segnalazione, gestione delle obiezione o reclami concernente il materiale e il contenuto di questa guida, ovvero
ritieni che il materiale e il contenuto pubblicato lede il tuo diritto d’autore, contattataci senza indugio attraverso l’apposita procedura di segnalazione
presente all’indirizzo : http://www.weagoo.com/it/contact. Le informazioni possono variare anche senza preavviso e sono puramente indicative.