Sei sulla pagina 1di 19

TESSUTO NERVOSO

Rete comunicante di cellule nervose

unità funzionale e
strutturale del
sistema nervoso

Funzione comunicazione
Funzione endocrina
FUNZIONE COMUNICAZIONE: mette in
comunicazione tutte le parti dell’organismo
l’una con l’altra e con l’ambiente esterno.
Riceve stimoli dall’ambiente sia interno che
esterno e ne produce una risposta .

FUNZIONE ENDOCRINA: alcune cellule nervose


situate in determinate zone del cervello, in
particolare l’ipotalamo producono ormoni.
CELLULE NERVOSE o NEURONI sono connesse tra loro
attraverso giunzioni cellulari specializzate per propagare
i segnali cellulari le SINAPSI CHIMICHE

Comunicano tramite esocitosi di un messaggero


chimico NEUROTRASMETTITORE, rilasciato nella fessura
sinaptica comporta una serie di cambiamenti nello stato
di polarizzazione della membrana postsinaptica che
produce un’azione cellulare.

Una volta usato il neurotrasmettitore è rimosso mediante


degradazione enzimatica, diffusione o endocitosi da
parte della cellula presinaptica.
GIUNZIONI CITONEURONALI: giunzioni di
comunicazione tra neurone e cellule
NON nervose degli organi effettori:

GIUNZIONE NEUROMUSCOLARE O
PLACCAMOTRICE tra neurone e muscolo
PROPRIETA’ DEI NEURONI

IRRITABILITA’ o ECCITABILITA’ capacità di


reagire agli stimoli provenienti dagli ambienti
esterno ed interno trasformandoli in impulsi
nervosi.
CONDUCIBILITA’ capacità di trasmettere
segnali nervosi ad altre parti della cell
nervosa, ad altri neuroni o a cellule di altri
tessuti tramite eccitabilità elettrica.
POLARIZZAZIONE FUNZIONALE direzioni
preferenziali di trasmissione dell’impulso
NEUROGLIA O GLIA
cellule nervose ramificate che occupano
spazi tra i neuroni e sono di supporto
meccanico e metabolico ai neuroni.
Costituiscono un tessuto specializzato per
funzioni trofiche di sostegno di difesa e
riparazione delle lesioni

VASI funzione trofica


TESSUTO CONNETTIVO di sostegno SOLO
NEL TESSUTO NERVOSO PERIFERICO
ASTROCITI

OLIGODENDROCITI

CELLULE EPENDIMALI

MICROGLIOCITI
SISTEMA NERVOSO

SNC SNP
cervello-cervelletto+ nervi cranici,
midollo spinale spinali e loro
ramificazioni

costituiscono il SN somatico o della vita


di relazione
Il SN periferico comprende il SN SIMPATICO
o di vita vegetativa :
CONTROLLA LE FUNZIONI INVOLONTARIE,
muscolatura liscia e cardiaca e secrezione
ghiandolare:

SN ORTOSIMPATICO attacco-fuga

SN PARASIMPATICO digestione
SNC composto da SOSTANZA BIANCA E
SOSTANZA GRIGIA

SOSTANZA GRIGIA: contiene i corpi cellulari


delle cellule nervose, i dendriti e il tratto
iniziale degli assoni NON rivestito da guaina
mielinica.
SOSTANZA BIANCA assoni avvolti da gualina
mielinica.
CORPO CELLULARE O PIRENOFORO O SOMA contiene il nucleo formato dal citoplasma e da
due tipi di prolungamenti 1 ASSONE e 1 o più DENDRITI (a volte assenti).
La zona da cui origina l’assone è definita CONO D’EMERGENZA.
ASSONE prolungamento la qualche mm a più di un mt termina su altri neuroni o su cellule
effettrici con estremità tondeggianti BOTTONI SINAPTICI.
Lungo l’assone l’impulso si muove in direzione centrifuga e possono o meno ricoperti da
guaina mielinica ed essere quindi chiamati OLIGODENDROCITI se rivestiti di guaina e presenti
nel SNC o CELLULE DI SCHWANN se ricoperti di guaina e presenti nel SNP
ASSONE + GUAINA= FIBRA NERVOSA
TRATTO INIZIALE ASSONE= ASSONE NUDO
senza rivestimento mielinico

ASSENTI NELL’ASSONE STRUTTURE PER SINTESI DI


PROTEINE TUTTO VIENE SINTETIZZATO NEL
PIRENOFORO E TRASPORTATE LUNGO L’ASSONE
FINO ALLE TERMINAZIONE ATTRAVERSO IL FLUSSO
ASSONICO.

DENDRITI= SITI DI CONTATTO SINAPTICO con


direzione dell’impulso in direzione CENTRIPETA
CLASSIFICAZIONE DEI NEURONI
IN BASE AL N. DEI PROLUNGAMENTI:
UNIPOLARI non hanno dendriti, unico assone e soma
circolare (vita embrionale o nell’adulto mucosa
olfattiva e retina)
PSEUDOUNIPOLARI: soma con un unico assone che si
biforca a Y o T neuroni (sensitivi primari)
BIPOLARI: fusiformi con un solo dendrite al polo
opposto rispetto all’assone ( nervo acustico, recettori
gusto, vista ed equilibrio)
MULTIPOLARI: più comuni, corpo cellulare di forme
diverse numerosi dendriti ed un unico assone
CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA
LUNGHEZZA DELL’ASSONE
I TIPO DEL GOLGI: assone lungo esce dalla sostanza
grigia, decorre nella sostanza bianca, esce dal SNC
ed entra a fare parte dei nervi periferici.

II TIPO DEL GOLGI assone corto si divide


ripetutamente e non esce dalla sostanza grigia
CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA FUNZIONE

NEURONI SENSITIVI conducono lo stimolo sensoriale


dalla periferia al SNC

NEURONI MOTORI conducono stimoli effettori dal SNC


alla periferia

NEURONI ASSOCIATIVI o INTERMEDI stabiliscono


rapporti sinaptici da un lato con uno o più neuroni
sensitivi e dall’altro con uno o più neuroni motori
permettendo il collegamento
FIBRE NERVOSE

MIELINICHE O AMIELINICHE