Sei sulla pagina 1di 51

MASSAGGIO SVEDESE

LE MANUALITA' DEL PIEDE


ZONA PLANTARE
MANUALITÀ PRINCIPALI

- Posizione laterale al piede, durante l’esecuzione della manualità sostenere


il piede con la mano craniale ed operare con la caudale
• SFIORAMENTO APPOGGIATO mono-manuale della pianta
- 3 volte più lento e profondo dello sfioramento superficiale
• SFIORAMENTO APPOGGIATO digitale in 3 sezioni verticali

- Usare la parte laterale del pollice e l’eminenza tenar della mano


- 3 volte più lento e 3 volte più profondo dello sfioramento superficiale
• FRIZIONI PALMARI in 3 sezioni orizzontali

- Dividere il piede in 3 zone, avampiede, centro e calcagno


- La mano craniale tiene fermo, la caudale friziona
• IMPASTAMENTI O SPREMITURE (statici) mono-manuali in 3 sezioni
orizzontali
- La mano craniale comprime il dorso del piede, la caudale preme la pianta
del piede ripetendolo su 3 zone, avampiede, centro e calcagno
• IMPASTAMENTI DIGITALI: pollice a bruco fino al calcagno in 3
sezioni verticali
- Lungo le tre sezioni verticali far scivolare il pollice avanti premendo col
polpastrello e recuperare. L’azione è quando il dito preme in avanti
• IMPASTAMENTI DIGITALI (pressioni) sul calcagno a piramide
rovesciata
- 3-2-1 (3 pressioni parte alta del calcagno, 2 una fila sotto, 1 alla fine)
• IMPASTAMENTO A ZETA

- Di fronte al piede, inginocchiarsi (cavalier servente) e distendere le


braccia tenendole tese a toccare il piede
- Appoggiare i polpastrelli dei pollici alla pianta del piede e con un
movimento digitale alternato muoversi dal 1° metatarso in direzione del
5°, poi dal 5° in direzione obliqua per arrivare alla parte mediale del
calcagno e infine spostarsi nella sua parte laterale, mentre le dita fanno
da guida appoggiandosi ai lati del piede
- Tenere le braccia tese e muovendo le spalle agire in pressione coi
pollici sulla pianta del piede disegnando una Z

- Direzione manualità: da mediale a laterale e da laterale a mediale

MANUALITÀ ACCESSORIE

• PERCUSSIONI ULNARI (mani a taglio)


• PERCUSSIONI A PUGNETTO

- Tenere i polsi e dita morbidi


ZONA DORSALE DEL PIEDE

• SFIORAMENTI SUPERFICIALI antero-laterali e mediali con prono-


supinazione della mano
- usare tutto il palmo della mano
• SFIORAMENTI APPOGGIATI antero-laterali e mediali con prono-
supinazione della mano
- Mano opposta sulla caviglia o sul ginocchio a sostegno
N.B.: In queste due manualità, partire appoggiando tutto il palmo e finire
con la mano supina ad evitare il malleolo lavorando alla fine con la parte
del 5° metacarpo
• FRIZIONI PALMARI antero-laterali e mediali

- Utilizzare tutto il palmo della mano


- Tenere fermo il piede con la mano opposta

- Da eseguire su un unico punto del dorso del piede


• FRIZIONI DIGITALI intra-metatarsali
- Usare la parte laterale del pollice o l’indice
- Fare 4-5 rotazioni
- 2-3 zone da distale a prossimale, dipende dalla lunghezza delle dita
partendo dal1° metatarso
• IMPASTAMENTI DIGITALI intra-metatarsali
- Con il lato del pollice
- affondare in avanti per più volte (pollice a bruco)
• FRIZIONI RETRO-MALLEOLARI con 5° - 4°- 3° dito allineati
sull'estremità
- Tenere il palmo rivolto in alto

LE MANUALITA' DELLA GAMBA


MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI antero-laterali e postero-mediali, bi-
manuali alternati
- Il pollice segue sempre la cresta della tibia
- La mano mediale scivola postero-mediale, la mano laterale scivola
antero-laterale
• SFIORAMENTI APPOGGIATI antero-laterali e postero-mediali, mono-
manuali

- Il pollice segue sempre la cresta della tibia


- Antero-laterale e postero-mediale: la mano opposta tiene fermo il
ginocchio

• FRIZIONI PALMARI su 3 sezioni (distale mediale e prossimale),


mono-manuali anterolaterali, monomanuali postero-mediali

• FRIZIONI PALMARI BI-MANUALI ALTERNATE su 3 sezioni

- Appoggio il palmo delle mani medialmente e lateralmente iniziando dal


terzo distale

• IMPASTAMENTI DINAMICI mono-manuali


- maunalità a cavatappi (mano a “C” che avvolge tutto il ventre muscolare)

- Utilizzo la sia la mano mediale che quella laterale


• IMPASTAMENTI STATICI (O SPREMITURE) bi-manuali su tre
sezioni (distale media e prossimale)
- Appoggiare le mani come per le frizioni, comprimere con i pettorali
quindi premere con le dita delle mani o con i palmi (4-5 sec.)

MANUALITÀ ACCESSORIE
• BATTITURE A COPPETTA
- Tenere le mani a coppa come per bere, battere sul ventre muscolare con
decisione
• PIZZICAMENTI

- Usare pollice, indice e medio o pollice, medio e anulare


- Movimento rotatorio con il polso

- • SCUOTIMENTI
- Usare il pollice e dita formando una C
- muoversi dal basso verso l’alto

• ROTOLAMENTI

- Posizionarsi con il busto allineato con la tibia (spostato verso l’interno


delle gambe)
- muoversi lungo la gamba ripetere più volte

LE MANUALITA' DELLA COSCIA


MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati
- Busto rivolto verso il paziente
- È possibile con le mani arrivare fino alla zona interdetta del triangolo di
Scarpa perché superficiale e uscire lateralmente
• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali
simultanei della coscia
- Busto rivolto al paziente

• FRIZIONI: mono-manuali (con rinforzo) e bi-manuali alternate

• Lavorare nella zona del retto femorale e la zona mediale degli addutto

• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:
- bi-manuali dinamici

- lavorare con una controresistenza del pollice alle dita lunghe della mano
opposta, lavorando solo la plica cutanea
- Fare 2 o 3 sezioni verticali (dipende dalla dimensione della coscia),
centrale e mediale

PINCE-ROULE’
- Iniziando sul retto prendere la plica cutanea ed eseguire delle strisce
verso l’interno coscia

• IMPASTAMENTI PROFONDI: bi-manuali dinamici e bi-manuali statici


- bi-manuali dinamici

- come l’impastamento superficiale ma lavorando la muscolatura


- Lavorare solo il retto del femore

- bi-manuali statici
- Appoggiare i palmi delle mani sul retto, appoggiarsi e schiacciare con
le dita premendo per 4-5”

MANUALITÀ ACCESSORIE

• BATTITURE A COPPETTA (leggère sulla zona mediale della coscia)


• PIZZICAMENTI
• PERCUSSIONI ULNARI O MANI A TAGLIO (no interno coscia)
• PERCUSSIONI A PUGNETTO (no interno coscia)

• SCUOTIMENTI:
-mono-manuali
- Mano aperta sopra il retto femorale
- bi-manuali
- Mano a “C” afferrare la coscia lateralmente scuotendo su e giù
• ROTOLAMENTI
- Mano sotto la coscia e una sopra il retto

LE MANUALITA' DELLA FASCIA LATA


Posizionarsi dal lato opposto dell’arto da massaggiare

MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati
- Usare tutta la mano
• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati
- 3 volte più lenti e 3 volte più
profondi

• FRIZIONI: mono-manuali e bi-manuali alternate

- Frizionare con una mano (l’altra rinforzo)


- mani assieme nelle frizioni alternate
- Lavorare su 2-3 punti (dipende sempre
dalla lunghezza dell’arto)

• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:
- bi-manuali dinamici

- Pollice e dita della mano opposta alternandole e lavorando solo la plica


cutanea
- pincé-roulé

• IMPASTAMENTI PROFONDI:
- bi-manuali dinamici

- Mani a “C” e gomiti aperti


- Una mano spinge mentre l’altra solleva

spostandosi cranialmente
- bi-manuali statici
La mano sotto la coscia con le dita tira mentre la mano sopra con il palmo
spinge effettuando una spremitura statica per 4-

5”

MANUALITÀ ACCESSORIE
• BATTITURE A COPPETTA
• PIZZICAMENTI
• PERCUSSIONI ULNARI
• PERCUSSIONI A PUGNETTO
LE MANUALITA' DELLA GAMBA
(PAZIENTE PRONO)
MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati
- Usare tutta la mano
- Alternare le mani
- Partire appena sopra il tendine d’Achille all’inserzione dei gemelli

• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei


- Uguale ai superficiali ma 3 volte più lenti e 3 volte più profondi

• FRIZIONI

- mono-manuali
Utilizzo una mano l’altra rinforza
- bi-manuali alternate
- Alternare le mani
- Mai frizionare sul tendine ma sul ventre muscolare

• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI
-bi-manuali dinamici
- Lavorare sulla plica cutanea su 2-3 linee longitudinali in base alla
superficie del muscolo

- pincé-roulé
- Lavorare sulla plica cutanea trasversalmente al muscolo su più linee

• IMPASTAMENTI PROFONDI
- bi-manuali dinamici

- Afferrare il ventre muscolare alternando l’azione delle mani


- Almeno su 2 vie
- bi-manuali statici

- Pressione di entrambe le mani verso il lettino oppure controresistenza di


un palmo verso l’altro mantenendo la pressione per 4-5”
MANUALITÀ ACCESSORIE

• BATTITURE A COPPETTA

• PIZZICAMENTI

• MANI A TAGLIO

• SCUOTIMENTI
2 possibili posizioni:
- Laterale, se si lavora sull’arto dx usare la mano sx e viceversa per l’altro
lato
- Caudale, in fondo ai piedi afferro la caviglia con la mano mediale e
scuoto con quella laterale
LE MANUALITA' DELLA COSCIA
(PAZIENTE PRONO)

- La zona da trattare parte da sopra il cavo popliteo di fino alla linea glutea
MANUALITÀ PRINCIPALI

• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati


- posizione rivolta al paziente
- spingere con tutte e due le mani alternativamente
• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei

- Posizione rivolta verso il paziente, 3 volte più lenti e profondi


utilizzando le mani simultaneamente senza premere col primo dito

- Spingere con entrambe le mani simultaneamente uscendo lateralmente


in direzione del grande trocantere

• FRIZIONI:
- mono-manuali
- con rinforzo
- Lavoro su più linee anche all’interno coscia

- bi-manuali alternate

- Con tutte e due le mani appoggiate sulla coscia alternandole

- Su più linee anche all’interno coscia

• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:
- bi-manuali dinamici
- Si lavora sempre la plica cutanea almeno su 2 o 3 linee

- pincé-roulé

- Si lavora sempre la plica cutanea dall’esterno verso l’interno


44
• IMPASTAMENTI PROFONDI:
- bi-manuali dinamici

- Almeno su due linee: medialmente (zona adduttori, semimembranoso) e


lateralmente (zona bicipite femorale)

- bi-manuali statici
- Premere contemporaneamente appoggiandosi con tutte e 2 le mani
oppure controresistenza di un palmo contro l’altro per
4-5”

MANUALITÀ ACCESSORIE
• BATTITURE A COPPETTA
• PIZZICAMENTI
• PERCUSSIONI ULNARI (mani a taglio)
• PERCUSSIONI A PUGNETTO

• SCUOTIMENTI

- Mano aperta scuotere dal basso verso il gluteo


- Ripetere più volte
LE MANUALITA' DEl GLUTEI
Si considera il gluteo:
- Dalla piega glutea alla cresta iliaca
- Dal sacro al grande trocantere del femore
- Si lavora sulla parte contro laterale (ci si mette dalla parte opposta del
gluteo trattato)
- Nelle manualità delle frizioni e impastamenti si lavora su tre vie:
1 - dalla cresta iliaca al grande trocantere
2 - dal sacro al grande trocantere
3 – dalla tuberosità ischiatica al grande trocantere

Cresta iliaca

Osso sacro

Grande trocantere
Tuberosità ischiatica

MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI
bi-manuali alternati
- Si parte dal sacro verso il grande trocantere
- Si copre tutto, fino alla cresta iliaca, facendo un movimento che dal sacro
ci si allarga e poi si chiude verso il trocantere

• SFIORAMENTI APPOGGIATI
bi-manuali simultanei

- Come per quelli superficiali 3 volte più lenti e profondi


- In queste due manualità coprire bene tutto il gluteo con la mano bene
aperta (mano a
cuore)

• FRIZIONI monomanuale con rinforzo


- Su tre punti:
1. Appoggiare il palmo della mano tra la tuberosità ischiatica e osso sacro
2. Appoggiare il palmo della mano tra il sacro e il trocantere
3. Appoggiare il palmo della mano tra il trocantere e la cresta iliaca
- Movimenti ampi, bisogna sentire (non toccare) i limiti ossei dei punti
indicati sopra
• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:

- Sono su tre vie:1) dalla linea glutea al grande trocantere, 2) o.sacro


medio verso il trocantere e 3) dalla cresta iliaca verso il grande
trocantere
- bi-manuali dinamici su tre vie
47

- pincé-roulé su tre vie

• IMPASTAMENTI PROFONDI:

- digitali (con i pollici) su tre vie


- Mani a “C”,
picchietto con i
pollici estesi

- Bi-manuali dinamici su due vie (l’operatore si sposta di 45° rispetto al


paziente)

- bi-manuali statici (mani sovrapposte) su tre punti (la pressione non è in


direzione del lettino, ma in diagonale verso il sacro)

MANUALITÀ ACCESSORIE
• BATTITURE A COPPETTA
• PIZZICAMENTI
• PERCUSSIONI ULNARI
• PERCUSSIONI A PUGNETTO

• VIBRAZIONI :
-traslatorie (mano a carciofo): scuotere a destra e sinistra

- sussultorie (mano a carciofo): oscillare verso il basso

LE MANUALITA' DEL TRATTO LOMBO-


DORSO-CERVICALE
- Posizione prona
- In caso di dolori lombari posizionare un cuscino sotto l’addome per
diminuire la curva lombare e uno sotto il collo del piede per rilassare la
muscolatura
- In caso di addome pronunciato il cuscino sotto l’addome è da evitare.
- Se il lettino non dispone del foro per la testa, farla ruotare dalla parte
opposta dell’emi-dorso trattato per avere la muscolatura rilassata dalla
parte dove si sta trattando
- Le braccia devono essere rilassate lungo i fianchi
- Il trattamento parte dalla cresta iliaca fino alla nuca (occipite), evitando
di trattare i processi spinosi della colonna vertebrale
MANUALITÀ PRINCIPALI
N.B.: le prossime 3 manualità devono essere eseguite di seguito una dietro
l’altra

• SFIORAMENTO SUPERFICIALE
1)bi-manuale simultaneo del tratto lombare in toto

- Entrare con le mani appoggiandole all’altezza delle creste iliache


centralmente uscendo lateralmente
- Le dita delle mani rivolte esternamente abbracciando i fianchi

2) bi-manuale simultaneo del tratto lombo-dorsale in toto fino alle scapole


(escluse)

- Entrare con le mani all’altezza delle creste iliache centralmente salendo,


scivolando sui paravertebrali, fino all’altezza delle scapole uscendo
lateralmente e sotto il margine scapolare
- Le dita delle mani rivolte esternamente
3) bi-manuale simultaneo dei paravertebrali sul tratto lombo- dorso-
cervicale, ultimando le manualità verso le spalle

- Entrare con le mani all’altezza delle creste iliache centralmente salendo,


scivolando sui paravertebrali fino alla nuca e scendendo sulle spalle
terminando all’altezza dell’acromion
- Le dita delle mani rivolte in alto arrivando alla cervicale avvolgendola
con tutta la mano e uscendo lungo le spalle
- Processi spinosi delle vertebre sono zone interdette

• SFIORAMENTO APPOGGIATO: queste manualità sono uguali alle


precedenti ma 3 volte più lente e 3 volte più profonde
1)bi-manuale simultaneo del tratto lombare in toto
2)bi-manuale simultaneo del tratto lombo-dorsale in toto fino alle scapole
(escluse)
3)bi-manuale simultaneo dei paravertebrali fino al collo ultimando le
manualità verso le spalle

- MANUALITA DELL’EMI-DORSO
Ci posizioniamo lateralmente e trattiamo l’emidorso controlaterale

• SFIORAMENTI SUPERFICIALI alternati dell'emi-dorso

- la mano caudale parte a livello della cresta iliaca ed esce all’altezza


dell’angolo inferiore della scapola

- La mano caudale si stacca e parte il movimento della mano craniale


- La mano craniale parte all’altezza della scapola e seguendo il suo
margine superiore arriva fino all’acromion

• SFIORAMENTI APPOGGIATI -simultanei dell'emi-dorso

- manualità uguali alle precedenti ma simultanee e 3 volte più lente e 3


volte più profonde
• FRIZIONI:
- palmari mono-manuali con rinforzo

- Si parte sopra alla cresta iliaca, quando si arriva alla zona della scapola
la mano ruota verso l’occipite, frizionando tra le spinose e la scapola
utilizzando le dita o il palmo a seconda dello spazio disponibile

- Si sale fino alla base dell’occipite (eventualmente anche cambiando


mano).

- Si ridiscende sulla spalla fino all’acromion

- bi-manuali alternate del tratto lombare e toracico dell'emidorso fino

alla scapola (esclusa)


• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:

- bi-manuali dinamici
- Si va dai paravertebrali in direzione laterale (verso il lettino)
- Essendo impastamento superficiale e trattando solo la plica cutanea si
può operare anche sulla scapola
- Arrivati all’altezza dell’angolo della scapola si continua a raggio
- Si continua sul collo fino all'occipite

- pincé roulé
- Arrivati all’altezza della scapola si continua a raggio come per i
superficiali
• IMPASTAMENTI PROFONDI (A GATTO)
-bi-manuali dinamici
- sui paravertebrali del tratto lombo- dorsale
- Le mani si alternano
- Si arriva fino all’angolo inferiore della scapola.

- Digitali bimanuali: si lavora sui paravertebrali tra le spinose delle


vertebre e l’angolo interno della scapola

- Arrivati sull’angolo superiore della scapola si procede ad un


impastamento con le dita ed il pollice proseguendo a mano piena sulla
parte alta del trapezio e quindi con le dita e pollice sui paravertebrali
cervicali fino ad arrivare all’occipite.
- Si scende si lavora sul trapezio fino ad arrivare all’acromion.

. digitali intercostali
- Con 3-4 dita si cerca lo spazio tra le coste e si spinge esternamente con
dei piccoli affondi (come nel petto).

MANUALITÀ ACCESSORIE (SOLO SULLA PARTE ALTA DEL


TRAPEZIO)

• PERCUSSIONI ULNARI (mani a taglio) solo parte alta del trapezio


• PIZZICAMENTI solo parte alta del trapezio

FINITO DI TRATTARE IL PRIMO EMIDORSO SI PASSA DALLA


PARTE OPPOSTA DEL SOGGETTO E SI RIPETONO LE STESSE
MANUALITA SULL'ALTRO EMIDORSO
• FRIZIONI DIGITALI INTERVERTEBRALI

- Si prende come riferimento l’osso sacro, si appoggiano i polpastrelli di


indice e medio lateralmente alla colonna
- Si fanno scivolare le dita in su fino a percepire la prima fossetta (è lo
spazio tra le due vertebre).

• IMPASTAMENTI DIGITALI INTERVERTEBRALI


- Si appoggiano i polpastrelli delle due dita, indice e medio, e si va verso
l’alto con piccoli affondi (come per l’intrametatarsale del piede).
- Si arriva fino alla 7° cervicale.
55

• VIBRAZIONI INTERVERTEBRALI

- Si appoggiano i polpastrelli delle due dita, indice e medio, le si fa


vibrare trasmettendo il movimento (come per il gluteo)
- Si arriva fino alla 7° cervicale.
LE MANUALITA' DELL'ADDOME
Cl SI PONE A DESTRA DEL PAZIENTE INIZIANDO A TRATTARE
LA SUA PARTE SINISTRA

- Si comincia lavorando sulla parte terminale del colon, la parte


discendente
- Il massaggio favorisce la peristalsi, facilita i movimenti intestinali
MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati (la mano sinistra
scende di fianco all'arcata costale e la destra sale di fianco alla S.I.A.S. e
all'inguine)
• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati (la mano sinistra
scende di fianco all'arcata costale e la destra sale di fianco alla S.I.A.S. e
all'inguine)

- Immaginare di spingere, di comprimere verso il basso un tubo (colon)

-
• FRIZIONI MONO-MANUALI (su tre punti, iniziando con la sinistra di
fianco all'arcata costale e concludendo con la destra di fianco alla Spina
Iliaca Antero Superiore)

- Lavorare col palmo della mano spostandolo da sotto l’arcata costale fino
alla cresta iliaca (2-3 frizioni) avendo cura di porre la mano rivolgendo
sempre il lato ulnare verso le salienze ossee
• IMPASTAMENTI:
1. bi-manuali dinamici con azione peristaltica (tipo fascia-lata con
direzione caudale)

- Mani a “C”, alterno il movimento delle mani spingendo con il pollice,


senza mai staccarlo
2. digitali alternati con azione peristaltica (profondamente con i pollici, si
inizia un centimetro sopra l'ombelico in direzione laterale seguendo il
decorso trasverso del colon e poi quello discendente verso l'inguine)

- Mani a “C”, pollice iperesteso picchiettare delicatamente lungo il decorso


del colon
• MOVIMENTO AMEBOIDE (in direzione inguinale si ripete tre volte)
- prendo credito di pelle dal fianco e salgo in direzione del retto
dell’addome

- Adduco il pollice all’interno della mano craniale intra-ruotandola e


appoggiando il lato del primo dito sull’addome appena sotto l’arcata
costale
- iniziare a fare una pressione ruotandola in posizione pronata
- estrarre leggermente il pollice ruotando e spingendo verso il bacino

SI PASSA ALLA SINISTRA DEL PAZIENTE E SI TRATTA LA SUA


PARTE DESTRA
- Da questo lato si lavora sul colon ascendente
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati (la mano sinistra
scende di fianco all'inguine e alla S.I.A.S. e la destra sale di fianco
all'arcata costale)
• SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati (la mano sinistra
scende di fianco all'inguine e alla S.I.A.S. e la destra sale di fianco
all'arcata costale)
• FRIZIONI MONO-MANUALI (su due punti iniziando con la sinistra di
fianco alla Spina Iliaca Antero Superiore)

- Da questo lato si lavora su due tratti evitando l’ultimo sotto l’arcata


costale per evitare di disturbare il fegato
• IMPASTAMENTI:
1. bi-manuali dinamici con azione peristaltica (tipo fascia-lata con
direzione craniale)
2. digitali alternati con azione peristaltica (profondamente con i pollici, si
inizia in zona inguinale e seguendo il tratto ascendente del colon si
procede in direzione cranio-laterale, giunti due dita sopra l'ombelico si
procede in direzione mediale è ci si arresta sulla linea alba)

• MOVIMENTO AMEBOIDE (in direzione craniale si ripete due volte)


- Anche in questa manualità ripetere su due posizioni evitando di operare
sotto l’arcata costale per via del fegato

ORA OPERIAMO SULL’ADDOME NELLA SUA INTEREZZA

• Sfioramento profondo su tutto l’addome a semicerchio, partendo dalla


SIAS di destra per arrivare alla zona inguinale sinistra

• • IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: (l’operatore suddivide l’addome


in quattro sezioni verticali)
1. bi-manuali dinamici (dalle coste all'inguine)
- Su quattro vie, se l’addome è grande si aumentano (evitando l’ombelico)

2.pince- roulè(l’operatore si posiziona dando le spalle al paziente dalle


coste all'inguine)

• IMPASTAMENTI PROFONDI bi-manuali dinamici del retto


addominale
• VIBRAZIONI PROFONDE
1. Traslatorie (mano a carciofo)
2. sussultorie (mano a carciofo)

- Senso orario

MANUALITÀ ACCESSORIE
• PIZZICAMENTI
- Seguire il decorso del colon
• MOBILIZZAZIONE DELLE COSTE FLUTTUANTI
- Localizzare la 11 e 12 costa
- Posizionare le mani sotto le coste
- Chiudere, stringere le coste sollevandole, senza sollevare la persona per
poi lasciarle di colpo

LE MANUALITA' DEL TORACE


MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI:
- bi-manuale simultaneo del basso torace (pettorali esclusi) - bi-manuale
simultaneo (si sale al centro ed evitando le clavicole e i capezzoli e si esce
verso le spalle)
• SFIORAMENTI APPOGGIATI: -bi-manuale simultaneo (si sale al
centro ed evitando le clavicole e i capezzoli e si esce verso le spalle)
ORA SI LAVORA SU UN EMITORACE CONTROLATERALMENTE
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI: bi-manuali alternati dell'emi-torace
• SFIORAMENTI APPOGGIATI: bi-manuali simultanei dell'emi-torace
(una volta e mezzo più profondi)
• FRIZIONI PALMARI E DIGITALI:
- 7/8 zone da trattare
1. Posizione la mano sotto il pettorale

2. Posizione parte bassa esterna del torace con la mano verticale


3. Posizione affianco al torace con la mano orizzontale andando con le dita
quasi sotto l’ascella

4. Posizione laterale allo sterno nella


parte bassa

5. Posizione laterale allo sterno nella parte alta, con le dita che arrivano
vicine alla clavicola
6. Posizione sopra al pettorale

7. Posizione si appoggia l’anulare e il medio


sotto la clavicola
8. Posizione appoggiare il tenar e l’ipotenar tra l’omero e il torace
lavorando profondamente

• IMPASTAMENTI:
- digitali intercostali : con 3-4 dita si cerca lo spazio tra le coste e si spinge
esternamente con dei piccoli affondi (come nel dorso)

• digitali lungo tutta la zona inserzionale del gran pettorale

- Impastare tra l’indice e medio delle due mani girando attorno al


capezzolo
In questa manualità e nella successiva si cambia posizione passando dalla
parte opposta
• Profondi bi-manuali dinamici del muscolo gran pettorale
- Si rovescia il braccio appoggiandolo sulla coscia
- Si impasta la parte laterale del pettorale con le dita

MANUALITÀ ACCESSORIE

• BATTITURE DIGITALI: si picchietta col 5° dito restando sotto la


clavicola (mietitrebbia)

• PIZZICAMENTI
LE MANUALITA' DEGLI ARTI SUPERIORI
MANUALITÀ PRINCIPALI
• SFIORAMENTI SUPERFICIALI:
- Sorreggere l’arto per la mano o per il polso

• mono-manuali dei flessori della mano e degli avambracci

- Eseguire su tutto l’avambraccio e braccio


- Dalla parete interna dell’avambraccio alla parte superiore del braccio

• mono-manuali degli estensori della mano dell'avambraccio

- Dalla parete esterna dell’avambraccio alla parte posteriore del braccio


• SFIORAMENTI APPOGGIATI:
- mono-manuali dei flessori della mano
- mono-manuali dei flessori dell'avambraccio
- mono-manuali degli estensori della mano
- mono-manuali degli estensori dell'avambraccio
- Appoggiare il gomito sul lettino per i flessori e estensori della mano -
Braccio sollevato per i flessori e estensori dell’avambraccio
• FRIZIONI: MONO-MANUALI E BI-MANUALI ALTERNATE
- dei flessori e degli estensori della mano (su due zone)
- dei flessori e degli estensori dell'avambraccio (su due zone)
- Appoggiare la mano sull’addome per i flessori ed estensori della mano
- Appoggiare la mano sull’addome e il gomito sul ginocchio appoggiato
sul lettino

• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI:
- bi-manuali dinamici su tutto l'avambraccio
- pincé-roulé su tutto l'avambraccio
- bi-manuali dinamici su tutto il braccio
- pincé-roulé su tutto il braccio
Flessori - Estensori mano
- Avambraccio disteso
- Mano rivolta verso l’alto (se possibile)
Flessori - Estensori avambraccio
- Avambraccio appoggiato sulla coscia per detendere il bicipite del
paziente

- L’impastamento superficiale degli estensori dell’avambraccio si possono


eseguire stando in ginocchio o in piedi

• IMPASTAMENTI PROFONDI: (cavatappi)


- mono-manuali dinamici dei flessori della mano
- mono-manuali dinamici dei flessori dell'avambraccio
- mono-manuali dinamici degli estensori della mano
- mono-manuali dinamici degli estensori dell'avambraccio

• IMPASTAMENTI STATICI (spremiture):


- bi-manuali statici dei flessori e degli estensori della mano
- bi-manuali statici dei flessori e degli estensori dell'avambraccio

MANUALITÀ ACCESSORIE
• SCUOTIMENTI

LE MANUALITA DEL DELTOIDE


MANUALITÀ PRINCIPALI

• SFIORAMENTI SUPERFICIALI: -bi-manuali alternati

• • SFIORAMENTI APPOGGIATI: -bi-manuali simultanei

• FRIZIONI BIMANUALI ALTERNATE (a saponetta)


• IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: -bi-manuali dinamici - pincé-roulé
- Eseguire la manualità dividendo il deltoide in 2/3 zone (in base alla
grandezza del deltoide)
• IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici su 2/3 zone
- Da eseguire sui tre fasci del deltoide, ma decidere in base alla massa
muscolare. Se piccola eseguire la manualità in un unico impastamento
MANUALITÀ ACCESSORIE
• PIZZICAMENTI