Sei sulla pagina 1di 45

Set Domande

METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE


PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Generato il 03/02/2020 10:59:19


N° Domande Aperte 50
N° Domande Chiuse 112
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 001 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 6
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 39

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 2/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 40


Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 45

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 3/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 001
01. I mass-media possono essere definiti strumenti di apprendimento informale?

No.

Quanto utilizzati in contesti di apprendimento strutturato.

In determinate condizioni.

Si.

02. Quale tra le seguenti può essere definita una caratteristica dell'apprendimento in età adulta?

Ha luogo in contesti strutturati.

Nessuna delle risposte.

Ricostruisce contenuti attraverso le emozioni.

L'apprendimento è il modo in cui l'adulto acquisisce, interpreta, organizza, modifica o assimila e costruisce significati.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 4/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 004
01. Quale è stato il contributo della teoria psicoanalitica all'apprendimento esperienziale?

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

attenzione al rivelare i desideri inconsci e le paure

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione alla riflessione sull'esperienza concreta

02. Quale è stato il contributo della teoria culturale all'apprendimento esperienziale?

attenzione alla riflessione sull'esperienza concreta

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione al rivelare i desideri inconsci e le paure

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 5/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 005
01. Quele tra le seguenti è una caratteristica del modello di Jarvis?

un processo di trasformazione

la didattica inclusiva

il modello sociologico

la presenza dell'educatore

02. Quale è stato il contributo della teoria costruttivista all'apprendimento esperienziale?

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione alla riflessione sull'esperienza concreta

attenzione al rivelare i desideri inconsci e le paure

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 6/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 006
01. Qule è il tratto saliente del modello di Usher, Bryant e Johnston?

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione alla riflessione sull'esperienza concreta

gli studiosi considerano l'esperienza come un testo che, nonostante il grande sforzo che richiede per essere letto e interpretato, non possa avere significati che siano da
assumersi come definitivi o durevoli.

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

02. Quale è stato il contributo della teoria situazionale all'apprendimento esperienziale?

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

attenzione al rivelare i desideri inconsci e le paure

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione alla riflessione sull'esperienza concreta

03. Che cosa sono le critical practices nel modello di Usher, Bryant e Johnston?

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

nascono dal riconoscimento che l'esperienza non può essere assunta come un dato ineluttabile. L'attenzione è rivolta al cambiamento dei contesti sociali e di appartenenza
in cui la persona si muove, piuttosto che al tentativo di adattarvisi.

significa che l'esperienza è tale a causa di una transazione che avviene tra l'individuo e ciò che, in un dato momento, costituisce l'ambiente in cui si muove.

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 7/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 007
01. Come possiamo definire la riflessione sull'azione?

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

è il processo che permette di tornare consapevolmente sull'esperienza vissuta.

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

implica che ogni esperienza assorbe qualcosa da quelle che l'hanno preceduta e, allo stesso tempo, modifica in qualche modo la qualità di quelle che verranno in seguito

02. Quali tra le seguenti sono dimensioni peculiari della pratica riflessiva?

il modello sociologico.

le credenze e le pratiche.

la presenza dell'educatore.

la didattica inclusiva.

03. Quale tra le seguenti definizioni è applicabile alla pratica riflessiva?

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

attenzione al rivelare i desideri inconsci e le paure

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

richiede un'interruzione intenzionale dell'azione che permetta al soggetto di prendere in considerazione la molteplicità delle prospettive che possono concorrere a definire
una situazione o un problema.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 8/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 008
01. Che cosa contraddistingue la riflessione nel corso dell'azione da altri tipi di riflessione?

nessuno.

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

il suo immediato significato per l'azione.

significa che l'esperienza è tale a causa di una transazione che avviene tra l'individuo e ciò che, in un dato momento, costituisce l'ambiente in cui si muove.

02. Che cosa è quella che Schön chiama "la consapevolezza dei dilemmi"?

ricostruisce contenuti attraverso le emozioni.

"quando una comunità di professionisti incorpora idee molteplici e contrastanti sulle strutture adatte alla costruzione di problemi e di ruoli"

attenzione alla partecipazione a comunità di pratica

implica che ogni esperienza assorbe qualcosa da quelle che l'hanno preceduta e, allo stesso tempo, modifica in qualche modo la qualità di quelle che verranno in seguito

03. Quale tra le seguenti è una tipologia di ricerca rilessiva?

La ricerca-azione.

la ricerca qualitativa.

la ricerca quantitativa.

la ricerca per la costruzione del repertorio.

04. Che cosa può fare la ricerca educativa?

indica la particolare modalità di partecipazione della persona-che-apprende coinvolta nella pratica reale di un esperto.

la partecipazione attiva.

una comunità di pratica

costruire repertori di pratiche.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 9/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 009
01. Che cosa è la partecipazione periferica legittima?

implica che ogni esperienza assorbe qualcosa da quelle che l'hanno preceduta e, allo stesso tempo, modifica in qualche modo la qualità di quelle che verranno in seguito

indica la particolare modalità di partecipazione della persona-che-apprende coinvolta nella pratica reale di un esperto.

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

02. Su quale aspetto si soffermano Lave e Wenger nella definizione di apprendimento situato?

il modello sociologico

la didattica inclusiva

sulle forme di partecipazione sociale che forniscono il contesto

la presenza dell'educatore

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 10/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 010
01. Per avere una comunità di pratica è sufficiente associare il concetto di pratica e quello di comunità?

a volte

dipende dal contesto

si

no

02. Una pratica è il frutto di una negoziazione tra:

tutti gli esperti del campo

aspetti materiali e immateriali

la metafisica della relatà e il pensiero

esperti e soggetti esterni alla comunità

03. E' possibile progettare una comunità di pratica se non esiste un network preesistente?

no

si a deterimante condizioni

solo in azienda

solo nella scuola

04. La comunità di pratica nasce:

spontaneamente

se progettata in modo accurato

su iniziativa del management

può solo essere costruita da un formatore

05. Che cosa si intende con partecipazione all'intrno della comunità di pratica?

legittimare chi non fa parte della comunità

essere partecipanti attivi nelle pratiche di comunità sociali e nella costruzione di identità

essere partecipanti attivi della comunità per differenziarsi dai partecipanti passivi

non è applicabile

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 11/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 011
01. Quale definizione di Comunità di pratica è corretta?

è il processo che permette di tornare consapevolmente sull'esperienza vissuta.

richiede un'interruzione intenzionale dell'azione che permetta al soggetto di prendere in considerazione la molteplicità delle prospettive che possono concorrere a definire
una situazione o un problema.

nascono dal riconoscimento che l'esperienza non può essere assunta come un dato ineluttabile. L'attenzione è rivolta al cambiamento dei contesti sociali e di appartenenza
in cui la persona si muove, piuttosto che al tentativo di adattarvisi.

gruppi di persone che condividono un interesse, un insieme di problemi, una passione rispetto a una tematica e che approfondiscono la loro conoscenza ed esperienza in
quest'area mediante interazioni continue

02. Che cosa è l'impegno reciproco?

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

indica la particolare modalità di partecipazione della persona-che-apprende coinvolta nella pratica reale di un esperto.

essere partecipanti attivi nelle pratiche di comunità sociali e nella costruzione di identità

Una CdP necessita di mantenere nel tempo intense relazioni di impegno reciproco, organizzato intorno ai compiti da svolgere

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 12/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 012
01. Come può essere definita l'impresa comune in una comunità di pratica?

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

le credenze e le pratiche.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

il suo immediato significato per l'azione.

02. Coltivare la Comunità di pratica significa:

richiede un'interruzione intenzionale dell'azione che permetta al soggetto di prendere in considerazione la molteplicità delle prospettive che possono concorrere a definire
una situazione o un problema.

dirigere l'apprendimento

la presenza dell'educatore

stimolare la riflessione

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 13/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 013
01. Che cosa significa aprire un dialogo tra prospettive interne ed esterne alla comunità di pratica?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità

Gli elementi di progettazione dovrebbero porsi come dei catalizzatori per un'evoluzione naturale della comunità

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

02. Che cosa significa sviluppare spazi di comunità sia pubblici che privati?

Gli elementi di progettazione dovrebbero porsi come dei catalizzatori per un'evoluzione naturale della comunità

La dimensione pubblica e quella privata sono strettamente correlate, la loro efficace gestione è la chiave per il successo della comunità.

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità

Fare in modo che i membri della comunità, siano centrali (core), attivi (active) o periferici (peripheral) e ricoprano ruoli specifici.

03. Che cosa significa progettare l'evoluzione di una comunità di pratica?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

le credenze e le pratiche.

Gli elementi di progettazione dovrebbero porsi come dei catalizzatori per un'evoluzione naturale della comunità

04. Che cosa significa favorire differenti livelli di partecipazione in una comunità di pratica?

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità

Gli elementi di progettazione dovrebbero porsi come dei catalizzatori per un'evoluzione naturale della comunità

Fare in modo che i membri della comunità, siano centrali (core), attivi (active) o periferici (peripheral) e ricoprano ruoli specifici.

Gli elementi di progettazione dovrebbero porsi come dei catalizzatori per un'evoluzione naturale della comunità

05. Che cosa significa concentrarsi sul valore in una comunità di pratica?

Fare in modo che i membri della comunità, siano centrali (core), attivi (active) o periferici (peripheral) e ricoprano ruoli specifici.

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità

Creare occasioni per incoraggiare i membri a esplicitare il valore attribuito alla comunità nel corso del suo sviluppo.

Valorizzare economicamente la c.d.p.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 14/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 014
01. Cosa può innescare un dilemma disorientate?

un processo di trasformazione.

una comunità di pratica

la partecipazione attiva.

indica la particolare modalità di partecipazione della persona-che-apprende coinvolta nella pratica reale di un esperto.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 15/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 015
01. Nella teoria trasformativa l'apprendimento rappresenta la capacità di:

Creare occasioni per incoraggiare i membri a esplicitare il valore attribuito alla comunità nel corso del suo sviluppo.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

Ricordare, validare e agire.

02. Come possiamo schematizzare l'apprendimento nella teoria trasformativa?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

la ricerca per la costruzione del repertorio.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

Capacità di esplicitare, schematizzare, interiorizzare.

03. In che cosa consiste il principio di continuità dell'esperienza secondo Dewey?

implica che ogni esperienza assorbe qualcosa da quelle che l'hanno preceduta e, allo stesso tempo, modifica in qualche modo la qualità di quelle che verranno in seguito

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

significa che l'esperienza è tale a causa di una transazione che avviene tra l'individuo e ciò che, in un dato momento, costituisce l'ambiente in cui si muove.

04. Come ha inizio il processo di apprendimento secondo Jervis?

in modo casuale.

in modo volontario.

all'interno dell'aula.

Quando si è alle prese con un'esperienza la cui elaborazione non possa essere automaticamente accomodata o assimilata

05. Che cosa è uno schema di significato nella teoria trasformativa?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

E' costituito da aspettative abituali e da regole implicite che supportano il processo d'interpretazione.

Capacità di esplicitare, schematizzare, interiorizzare.

la ricerca per la costruzione del repertorio.

06. Quale tra i seguenti è un termine chiave della pratica trasformativa?

"partecipazione periferica"

"prossimità"

"prospettiva di significato"

"comunità"

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 16/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 016
01. La trasformazione delle prospettive comporta?

un senso rafforzato del Sé.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

le credenze e le pratiche.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

02. Quali sono le tipologie di prospettive di significato individuate da Mezirow?

storiche e politiche

epistemologiche, sociolinguistiche e psicologiche

di natura formale e informale

nessuna di queste

03. Quale è Il contributo di Wildemeersch e Leirman alla prospettiva trasfrormativa?

la didattica inclusiva

il mondo della vita auto-dimostrato, minacciato, trasformato.

la presenza dell'educatore

il modello sociologico

04. Quali tra le seguenti sono fasi del processo di trasformazione delle prospettive di significato?

la partecipazione periferica.

la partecipazione attiva.

la pianificazione di un corso d'azione.

la pratica.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 17/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 017
01. Che cosa è una distorsione socioculturale?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

coinvolgono i sistemi di credenze che gli adulti assumono come scontati e si riferiscono alle relazioni sociali e di potere

un senso rafforzato del Sé.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

02. Che cosa è una distorsione epistemologica?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

un senso rafforzato del Sé.

una visione distorta dell'approccio alla conoscenza.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

03. Che cosa è una distorsione psicologica?

coinvolgono i sistemi di credenze che gli adulti assumono come scontati e si riferiscono alle relazioni sociali e di potere

producono modi di sentire e agire che causano dolore, perché risultano incoerenti con il concetto di Sé e il profilo che l'adulto vuole darsi

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

un senso rafforzato del Sé.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 18/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 018
01. Quale è il rapporto tra riflessione e trasformazione secondo Mezirow?

un senso rafforzato del Sé.

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

è proprio il processo di riflessione retroattiva sugli apprendimenti che l'adulto ha maturato a permettere di giustificarne la validità in circostanze inedite.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

02. Come può essere definita in sintesi la teoria trasformativa?

considera la riflessione critica come l'esperienza di apprendimento più significativa dell'adultità.

indica la particolare modalità di partecipazione della persona-che-apprende coinvolta nella pratica reale di un esperto.

essere partecipanti attivi nelle pratiche di comunità sociali e nella costruzione di identità

attenzione alla comprensione delle norme sociali dominanti e strutturanti l'esperienza

03. Come viene definita la riflessione da Mezirow?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

un senso rafforzato del Sé.

è definita come una valutazione del come e del perché si pensa, si senta e si agisca.

coinvolgono i sistemi di credenze che gli adulti assumono come scontati e si riferiscono alle relazioni sociali e di potere

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 19/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 019
01. Che cosa sono gli schemi di significato nella teoria trasformativa?

strutture generali di aspettativa, regole implicite per interpretare le situazioni.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

è un set di risorse condivise dalla comunità che include routine, parole, strumenti, modi di operare, storie, gesti, simboli, azioni o concetti che la comunità ha prodotto o
adottato

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

02. Che cosa sono gli: "Habits of mind"?

modi di vedere il mondo basati sul nostro background, esperienza, cultura e personalità.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

considera la riflessione critica come l'esperienza di apprendimento più significativa dell'adultità.

producono modi di sentire e agire che causano dolore, perché risultano incoerenti con il concetto di Sé e il profilo che l'adulto vuole darsi

03. In che cosa consiste il principio di interazione dell'esperienza?

tutto ciò che può genuinamente definirsi educazione avviene attraverso l'esperienza;

implica che ogni esperienza assorbe qualcosa da quelle che l'hanno preceduta e, allo stesso tempo, modifica in qualche modo la qualità di quelle che verranno in seguito

significa che l'esperienza è tale a causa di una transazione che avviene tra l'individuo e ciò che, in un dato momento, costituisce l'ambiente in cui si muove.

l'esperienza per essere considerata tale deve manifestare i principi di continuità e interazione;

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 20/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 020
01. Che cosa è un dilemma disorientante?

gruppi di persone che condividono un interesse, un insieme di problemi, una passione rispetto a una tematica e che approfondiscono la loro conoscenza ed esperienza in
quest'area mediante interazioni continue

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità.

una visione distorta dell'approccio alla conoscenza.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 21/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 022
01. Che cosa può fare l'educatore in ottica trasformativa?

fare in modo che i membri della comunità, siano centrali (core), attivi (active) o periferici (peripheral) e ricoprano ruoli specifici.

riorientare continuamente i propri riferimenti concettuali e i quadri di sapere acquisiti, i modelli di pensiero e gli approcci conoscitivi sedimentati, per meglio "adattarsi" e
comprendere i contesti che incontra .

ricordare, validare e agire.

la partecipazione periferica.

02. Che cosa significa fare ricerca educativa in un contesto di azione?

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

una visione distorta dell'approccio alla conoscenza.

orientare le pratiche educative in senso riflessivo e con una sensibilità narrativa

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 22/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 023
01. Che cosa è la memoria autobiografica in ottica educativa?

modi di vedere il mondo basati sul nostro background, esperienza, cultura e personalità.

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

consolida e strutttura l'esperienza.

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

02. Come possiamo definire il "Sé oggetto di ricordo" ?

Il confronto con l'esterno può favorire una migliore comprensione del potenziale della comunità.

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

orientare le pratiche educative in senso riflessivo e con una sensibilità narrativa

è un fenomeno socialmente costruito grazie al saper attribuire un ordine sequenziale alle proprie esperienze di vita.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 23/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 024
01. Quale è il primo passo per definire un progetto di ricerca empirica?

il modello sociologico

la presenza dell'educatore

la didattica inclusiva

identificare il problema di ricerca.

02. Come possiamo definire la ricerca empirica in ambito educativo?

E' costituito da aspettative abituali e da regole implicite che supportano il processo d'interpretazione.

una visione distorta dell'approccio alla conoscenza.

è una successione di operazioni per produrre risposte a domande sulla realtà.

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 24/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 025
01. Quale tra i seguenti è un esempio di ricerca qualitativa?

analisi statistica.

data mining.

analisi a campione.

ricerca etnografica.

02. Chi può determinare il problema di ricerca?

un bando.

il MIUR.

i soggetti coinvolti nella ricerca.

il ricercatore o un committente.

03. Quale delle seguenti affermazioni è congruente con il concetto di apprendimento situato?

si tratta di una pratica sociale

la presenza dell'educatore

la didattica inclusiva

il modello sociologico

04. Quali tra i seguenti aspetti afferiscono alla tattica del progetto di ricerca?

il campione di riferimento.

gli assunti epistemologici.

l'approccio metodologico.

la didattica inclusiva.

05. Quale sono le fasi di lavoro sui dati di una ricerca empirica?

raccolta e trasmissione.

ricerca e comunicazione.

modifica e integrazione.

raccolta, elaborazione e analisi.

06. Su quali piani si sviluppa il percorso di formulazione degli obiettivi di ricerca?

modifica e integrazione.

rispetto agli scopi e rispetto alla teoria.

ricerca e comunicazione.

raccolta e trasmissione.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 25/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 026
01. Come si configura la ricerca nell'ambito dei sistemi educativi?

analisi a campione.

analisi statistica.

come pratica euristica e come dispositivo di formazione.

data mining.

02. La cultura organizzativa risulta importante per comprendere:

la didattica inclusiva

la presenza dell'educatore

il modello sociologico

i significati condivisi.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 26/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 027
01. A cosa attiene il paradigma costruzionista?

la ricerca de-costruisce e ri-costruisce la realtà.

approccio idiografico e contingente.

teoria generata dal fenomeno.

ancoraggio al senso comune.

02. A cosa attiene il paradigma formalista?

approccio idiografico e contingente.

teoria generata dal fenomeno.

ancoraggio al senso comune.

Esistenza di una teroria di riferimento.

03. Quale è il terzo assunto della ricerca qualitativa?

nessuno di questi.

Paradigmi, teorie, metodi, tecniche e strumenti della ricerca qualitativa

ricerca per paradigmi, ricerca per problemi.

Processo di ricerca: elementi, metodo, teoria della tecnica.

04. A cosa attiene il paradigma ermeneutico?

la ricerca de-costruisce e ri-costruisce la realtà.

la realtà è frutto di interpretazione.

approccio idiografico e contingente.

ancoraggio al senso comune.

05. Quale è il secondo assunto della ricerca qualitativa?

Processo di ricerca: elementi, metodo, teoria della tecnica.

Paradigmi, teorie, metodi, tecniche e strumenti della ricerca qualitativa

ricerca per paradigmi, ricerca per problemi.

nessuno di questi.

06. Quale è il primo assunto della ricerca qualitativa?

Paradigmi, teorie, metodi, tecniche e strumenti della ricerca qualitativa

nessuno di questi.

ricerca per paradigmi, ricerca per problemi.

Processo di ricerca: elementi, metodo, teoria della tecnica.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 27/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 029
01. Che cosa è uno strumento nell'ambito della ricerca didattica?

Dispositivo operativo + tecniche atti a generare le conoscenze identificate negli obiettivi.

ancoraggio al senso comune.

approccio idiografico e contingente.

teoria generata dal fenomeno.

02. Che cosa è uno strumento situato nell'ambito della ricerca didattica?

Strumento + condizioni di attuazione.

Dispositivo operativo + tecniche atti a generare le conoscenze identificate negli obiettivi.

approccio idiografico e contingente.

nessuno di questi.

03. Che cosa è il campo relazionale nell'ambito della ricerca didattica?

nessuno di questi.

la relazione tra ricercatore, soggetto e oggetto della ricerca.

la relazione tra ricercatore e docente..

la relazione tra ricercatore e oggetto della ricerca.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 28/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 030
01. Come può essere definita la progettazione educativa?

è un fenomeno socialmente costruito grazie al saper attribuire un ordine sequenziale alle proprie esperienze di vita.

un insieme concatenato di attività orientate al conseguimento di un risultato che in genere coincide con un obiettivo definito in anticipo.

orientare le pratiche educative in senso riflessivo e con una sensibilità narrativa

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 29/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 031
01. Quale è lo scopo della valutazione?

è uno strumento di apprendimento e di cambiamento.

nessuno di questi.

definizione degli obiettivi.

progettazione.

02. Quale tra i seguenti è un approccio attraverso cui analizzare e organizzare le esperienze di apprendimento

approccio centrato sulla condivisione di conoscenze.

definizione degli obiettivi.

nessuno di questi.

progettazione.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 30/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 032
01. Quale è la prima fase del processo educativo?

progettazione.

valutazione.

esplorazione del problema.

definizione degli obiettivi.

02. Che cosa si intende per programmazione?

il modello sociologico

la didattica inclusiva

documento di carattere normativo riguardante i contenuti e i metodi di insegnamento

la progettazione educativo-didattica elaborata per uno specifico gruppo di alunni in una situazione determinata.

03. Che cosa è il curricolo come documento?

un documento programmatico con programmi di insegnamento, libri di testo dettagliati, fino a direttive globali o raccolte in temi

documento di carattere normativo riguardante i contenuti e i metodi di insegnamento

la progettazione educativo-didattica elaborata per uno specifico gruppo di alunni in una situazione determinata.

un modo personale, ma oggettivabile di programmare il lavoro dell'insegnante.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 31/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 033
01. Quali obiettivi ha l'apprendimento cooperativo?

definizione degli obiettivi.

valutazione.

costruire relazioni positive tra gli studenti.

progettazione.

02. Quali obiettivi ha l'apprendimento cooperativo?

migliorare il rendimento di tutti gli studenti, anche quelli più in difficoltà.

progettazione.

definizione degli obiettivi.

nessuno di questi.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 32/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 034
01. Come possiamo classificare gli obiettivi della didattica cooperativa?

sintetici e di dettaglio.

didattici e strutturati.

obiettivi didattici e riguardanti le abilità sociali.

nessuno di questi.

02. Per programmare gli obiettivi in termini di abilità interpersonale l'insegnante può:

definire un piano.

nessuno di questi.

stilare una lista delle abilità sociali.

usare il curricolo.

03. Quale tra i seguenti strumenti può essere usato per spiegare i ruoli in una lezione cooperativa?

la disposizione dell'aula.

nessuno di questi.

un diagramma di flusso.

i ruoli assegnati

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 33/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 035
01. A cosa servono i ruoli nella didattica collaborativa?

definire degli obiettivi.

progettare.

nessuno di questi.

I ruoli definiscono ciò che gli altri membri del gruppo si aspettano da uno studente.

02. Quale è il primo passo nell'assegnazione dei ruoli nella didattica cooperativa?

nessuno di questi.

assegnare da subito i ruoli agli studenti.

definire i ruoli in relazione agli studenti piùcapaci.

non assegnare da subito ruoli definiti.

03. Che cosa sono i compiti in una lezione cooperativa?

il risultato di un processo collettivo di negoziazione che riflette tutta la complessità dell'impegno reciproco

modi di vedere il mondo basati sul nostro background, esperienza, cultura e personalità.

Servono a spiegare agli studenti che cosa devono sapere cosa ci si aspetta da loro

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 34/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 036
01. Quale sono tra le seguenti le ragioni per organizzare l'aula nella didattica cooperativa?

definire un piano.

La disposizione dello spazio e degli arredi dell'aula mostra simbolicamente quali sono i comportamenti che vengono considerati appropriati.

non fare confusione.

definire gli spazi a disposizione di ciascuno studente.

02. Quanto influisce la distribuzione dei materiali nella didattica coopertiva?

per nulla.

solo in alcuni casi è importante.

Molto.

abbastanza.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 35/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 038
01. Che ruolo hanno le abilità sociali nella didattica cooperativa?

nessuno di questi.

la capacità di interagire produttivamente con gli altri.

la disposizione dell'aula.

serve a spiegare agli studenti che cosa devono sapere cosa ci si aspetta da loro

02. Che cosa è l'interdipendenza positiva in una lezione cooperativa?

serve a spiegare agli studenti che cosa devono sapere cosa ci si aspetta da loro

consiste nello stabilire tra gli studenti dei rapporti tali per cui nessuno possa riuscire individualmente se non con il successo dell'intero gruppo

i ruoli assegnati

la disposizione dell'aula.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 36/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 039
01. Come possiamo chiudere una lezione cooperativa?

con l'intervento dell'insegnante.

ritornando ai rispettivi posti.

l'insegnante riassume il lavoro svolto.

attraverso un processo attivo da parte degli studenti.

02. Quale è l'essenza della lezione cooperativa?

i ruoli assegnati

la disposizione dell'aula.

gli studenti lavorano insieme durante la lezione per svolgere il compito assegnato.

nessuno di questi.

03. In quale occasione si può usare metodo cooperativo a coppie?

scrivere un testo.

definire degli obiettivi.

definire i ruoli.

lavorare assieme.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 37/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 040
01. Quale strumento consente di monitorare la lezione cooperativa?

lavorare assieme.

definire i ruoli.

una scheda di osservazione formale.

scrivere un testo.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 38/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 041
01. Come si effettua la sintesi per coppie nella lezione cooperativa?

entrambi i membri della coppia devono essere d'accordo su ciò che è stato scritto e tutti e due devono essere in grado di spiegarlo

con l'intervento dell'insegnante.

ritornando ai rispettivi posti.

attraverso un processo attivo da parte degli studenti.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 39/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 042
01. Che cosa è la valutazione nella lezione cooperativa?

Ha luogo in contesti strutturati.

è un giudizio di valore formulato sulla base dei dati disponibili.

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

è la raccolta dei dati necessari a formulare un giudizio.

02. Che cosa è la verifica nella lezione cooperativa?

Ha luogo in contesti strutturati.

Ricostruisce contenuti attraverso le emozioni.

si tratta di una sfida ad una prospettiva consolidata che comporta dolore perché spesso si mettono in discussione valori profondamente radicati e il nostro stesso senso del
Sé.

è la raccolta dei dati necessari a formulare un giudizio.

03. Come si può monitorare la lezione cooperativa?

definire degli obiettivi.

scegliere alcuni osservatori.

definire i ruoli.

lavorare assieme.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 40/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 043
01. quale tra i seguenti è un requisito della sommisistarzione di test in ambito cooperativo?

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

interrogazione.

definizione dei ruoli.

correzione in gruppo dei compiti a casa.

02. Quale tra i seguenti è un metodo di valutazione cooperativo?

definizione dei ruoli.

attribuzione dei voti.

interrogazione.

correzione in gruppo dei compiti a casa.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 41/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 044
01. Chi ha la responsabilità della verifica nella lezione cooperativa?

l'insegnante.

gli studenti.

congiuntamente insegnante e studenti.

non è applicabile.

02. Che cosa significa attribuire giudizi nel lavoro in gruppo in una lezione cooperativa?

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

interrogazione.

dare una valutazione personale sulle prestazioni dello studente.

correzione in gruppo dei compiti a casa.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 42/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 045
01. Come si può fornire un eedback individuale nella lezione cooperativa?

focalizzare il feedback sul comportamento e non sulle caratteristiche personali dello studente.

nessuna di queste.

evidenziare gli aspetti negativi.

essere critici sulla performance dello studente.

02. Che cosa devono fare gli stuenti dono la lezione cooperativa?

riflettere sul lavoro svolto nel gruppo e analizzarne i vari aspetti.

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

correzione in gruppo dei compiti a casa.

interrogazione.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 43/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 046
01. Che cosa dovrebbe fare il gruppo dopo la riflessione sulla lezione cooperativa?

porsi obiettivi di miglioramento.

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

correzione in gruppo dei compiti a casa.

riflettere sul lavoro svolto nel gruppo e analizzarne i vari aspetti.

02. Come può il gruppo riflettere sulla lezione cooperativa?

focalizzare il feedback sul comportamento e non sulle caratteristiche personali dello studente.

rappresentare con un diagramma tutti i dati raccolti sull'interazione tra i membri del gruppo.

evidenziare gli aspetti negativi.

essere critici sulla performance dello studente.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 44/45
Set Domande: METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE
PERCORSO FORMATIVO DOCENTI (D.M. 616)
Docente: Raviolo Paolo

Lezione 047
01. Cosa è possibile fare in una lezione cooperativa se la discussione degli studenti rimane sul vago?

riflettere sul lavoro svolto nel gruppo e analizzarne i vari aspetti.

porre domande specifiche che richiedano risposte dettagliate e concrete.

porsi obiettivi di miglioramento.

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

02. Che cosa è importante fare per gratificare gli studenti nella lezione cooperativa?

raggiungere un consenso su quali siano le risposte corrette e perché.

gli sforzi individuali che contribuiscono al successo del gruppo devono essere riconosciuti, apprezzati e incoraggiati.

riflettere sul lavoro svolto nel gruppo e analizzarne i vari aspetti.

porsi obiettivi di miglioramento.

© 2016 - 2020 Università Telematica eCampus - Data Generazione 03/02/2020 10:59:19 - 45/45
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)