Sei sulla pagina 1di 174

Pagina 1

ALEJANDRO JODOROWSKY
PSYCHOMAGY
Edizioni Siruela

Pagina 2
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
Due
1a edizione: marzo 2004
2a edizione: marzo 2004
3a edizione: maggio 2004
PREMIO NAZIONALE PER IL MEGLIO
LAVORO EDITORIALE CULTURALE 2003
Sul ponte: Alejandro Jodorowsky,
foto di © Luigi's Boy
Progetto grafico: Gloria Gauger
© Alejandro Jodorowsky, 2004
© Dall'intervista Lessons for Mutants,
Javier Esteban Guinea, 2004
© Dall'appendice, Martín Bakero, 2004
© Ediciones Siruela, SA, 2004
Plaza de Manuel Becerra, 15. «Il padiglione»
28028 Madrid. Tel .: 91 355 57 20/91 355 22 02
Fax: 91355 22 01
siruela@siruela.com www.siruela.com
Stampato e prodotto in Spagna

Pagina 3
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
3
Indice
Prefazione
Alejandro Jodorowsky
PSYCHOMAGY
Psychomagia. Cenni di una terapia di panico
Nota preliminare (Gilíes Farcet)
L'atto poetico
Atto teatrale
L'atto del sogno
L'atto magico
L'atto psicomagico
Alcuni atti psicomagici
Breve epistolare psicomagico
Immaginazione al potere
Lezioni per mutanti
Nota preliminare (Javier Esteban)
Chiavi dell'anima
La scia della vita
Ponte invisibile
visioni
L'arte della guarigione
Comprendi la vita
Corso intensivo di creatività
introduzione
Esercizi di immaginazione
Tecniche di immaginazione
Applicazioni terapeutiche
Appendice. Psychomagic: poesia applicata
al trattamento della follia
Martín Bakero

Pagina 4
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
4
Prefazione
Avendo vissuto molti anni nella capitale del Messico, ho avuto l'opportunità di farlo
studiare i metodi di coloro che sono chiamati "streghe" o
"Guaritori". Sono legioni. Ogni quartiere ha il suo. Nel cuore del
città si trova il grande mercato di Sonora, dove vengono venduti esclusivamente
prodotti magici: candele colorate, pesce farcito a forma di diavolo,
immagini di santi, piante medicinali, saponi benedetti, tarocchi, amuleti,
sculture in gesso della Vergine di Guadalupe trasformate in uno scheletro, ecc. Nel
alcune stanze sul retro nell'oscurità, donne con un triangolo dipinto
sulla fronte strofinano con fasci di erbe e acqua santa quelli che vanno
consultateli e praticano un corpo e un'aura "puliti" ... Medici
Professionisti, figli fedeli dell'Università, disprezzano queste pratiche. Secondo
la medicina è una scienza. Vorrebbero trovare il rimedio ideale,
preciso, per ogni malattia, cercando di non differenziare uno dei
altri. Vogliono che la medicina sia una, ufficiale, senza improvvisazioni e applicata
pazienti che sono trattati solo come corpi. Nessuno intende curare
l'anima. Al contrario, per i guaritori la medicina è un'arte.
È più facile per l'inconscio comprendere il linguaggio dei sogni che
linguaggio razionale. Da un certo punto di vista, le malattie sono sogni,
messaggi che rivelano problemi irrisolti. Guaritori, con grande
creatività, sviluppo di tecniche personali, cerimonie, incantesimi, strano
medicinali come lavaggi di caffè bianco, infusi a vite
impacchi di patate arrugginiti, purè, pillole di feci di animali o
uova di falena. Alcuni hanno più immaginazione o talento di altri, ma
tutti, se consultati con fede, sono utili. Parlano all'essere primitivo,
superstizioso, che ogni cittadino ha dentro.
Guardando questi terapisti popolari operare, spesso posano come
trucchi di miracoli degni di un grande prestigiatore, ho concepito l'idea di "imbroglione
sacro ". Perché accada lo straordinario è necessario che il paziente,
ammettendo l'esistenza del miracolo, credi fermamente che possa essere guarito. Per
successo, lo stregone, nei primi incontri, è costretto a impiegare
trucchi che lo convincono che la realtà materiale obbedisce allo spirito.
Una volta che la sacra trappola inganna il cliente, il cliente sperimenta a
trasformazione interiore che ti permette di catturare il mondo dal più intuitivo
che dalla ragione. Solo allora può accadere il vero miracolo.
Ma all'epoca mi chiedevo se la sacra trappola fosse rimossa,
con questa terapia artistica può guarire le persone senza fede? D'altro canto,
sebbene la mente razionale guidi l'individuo, possiamo dire che manca a qualcuno

Pagina 5
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
5
di fede? In ogni momento l'inconscio supera i limiti del nostro ra-
zon, attraverso sogni o atti falliti. Se è così, non c'è a
Come far agire volontariamente l'inconscio come alleato?
Un certo incidente accaduto in uno dei miei corsi di psicogenealogia
indicava la strada: all'epoca descrivevo le cause della nevrosi
di fallimento, uno studente, un chirurgo, cadde a terra contorcendosi
spasmi di dolore. Sembrava un attacco epilettico. Tra il panico
In generale, senza che nessuno sapesse come aiutarlo, mi sono avvicinato alla persona interessata e
senza
so perché ho rimosso, con molto lavoro, l'anulare della sua mano
ha lasciato l'anello sposato. Si calmò immediatamente. L'ho capito
per l'inconscio, gli oggetti che ci accompagnano e ci circondano fanno parte
la loro lingua. Proprio come mettere un anello a una persona, potresti
concatenarsi, rimuovere quell'anello potrebbe alleviarla ... Un'altra esperienza
È stato molto rivelatore: mio figlio Adam di sei mesi aveva un figlio
bronchite forte. Un medico amichevole, un erborista, aveva prescritto alcune gocce
di olio essenziale vegetale. La mia ex moglie Valeria, madre di Adam, doveva
versare trenta gocce in bocca tre volte al giorno. Si lamentò presto che il
il bambino non è migliorato. Gli ho detto: «Quello che succede è che non credi nel rimedio. Nel
quale religione hai studiato? ». "Come ogni messicano, nel cattolico!" "Nel-
Quindi aggiungeremo fede a quelle gocce. Ogni volta che lo dai a loro, dì a
nostro padre." Valeria l'ha fatto. Adam è rapidamente migliorato.
Ho iniziato quindi, con grande cautela nelle mie letture dei Tarocchi, quando il
il consulente si chiedeva come risolvere un problema, prescrivere atti di
che ho chiamato "psicomagico". Perché non "magia"?
Perché la sua terapia primitiva funzioni, il guaritore, appoggiandosi al
spirito superstizioso del paziente, deve mantenere un mistero, presentarsi
come il proprietario di poteri extraumani, ottenuto da un segreto
iniziazione, contando sulla guarigione con alleati divini e infernali. Le medicine
esso dovrebbe essere ingerito senza conoscerne la composizione e gli atti raccomandati
dovrebbero essere fatti senza cercare di sapere perché. In Psychomagia, invece di
Una credenza superstiziosa richiede la comprensione del richiedente. Lui deve
conoscere il motivo di ciascuna delle tue azioni. Lo psicomagico, come guaritore
diventa un consulente: grazie alle sue prescrizioni il paziente diventa suo
proprio guaritore.
Questa terapia non è venuta da me come illuminazione improvvisa ma
perfezionato, passo dopo passo, nel corso di molti anni ...
sembrava così stravagante, così poco scientifico, che potevo solo sperimentarlo
con amici e parenti ... Di tanto in tanto, alle mie conferenze a Parigi,
Mi riferivo ad esso ... Una volta fui invitato al centro studi fondato
dal maestro spirituale Arnaud Desjardins. Questo, che aveva scoperto
le mie ricerche, mi ha chiesto se potevo risolvere un problema suo
suocera, un eczema nel palmo delle mie mani ... Ho pensato alla signora, a
mostra le sue mani colpite, ha fatto un gesto di richiesta, perché si sentiva ex-
cluida della coppia che ha formato la loro figlia. Ho chiesto al Maestro che lui e sua moglie,
di fronte al paziente, hanno sputato abbondantemente su una pila di
argilla verde per poi diffondere la pasta risultante sull'eczema. il male
rapidamente scomparso.
Venne Gilles Farcet, un giovane discepolo di Desjardins, consigliato dalla sua guida
di vedermi, con il pretesto di un'intervista, di conoscere le mie strane teorie.
Dal nostro incontro è uscito un piccolo libro in forma di biografia, intitolato
La sacra trappola, che ha conquistato un buon numero di lettori. Gilles, in-
Quindi, mi ha suggerito di sviluppare ulteriormente le mie idee allo stesso tempo

Pagina 6
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
6
che, volendo verificarne gli effetti, mi ha chiesto un consiglio psicomagico
diventare "uno scrittore profondamente spirituale". L'ho proposto
ha scritto un libro di interviste con me chiamato Psychomagia, e quello
Sottotitolò Outlines of Panic Therapy. Il mio giovane amico esitò: non sapendo
per niente l'argomento, non si sentiva in grado di farmi domande interessanti.
"Questo è esattamente il motivo per cui ti prescrivo questo atto. L'uccello spirituale deve liberarsi
la gabbia razionale. Per questo spezzeremo l'ordine logico. Invece di te io
chiedi e ti risponderò, prima ti risponderò e poi lo farai
chiederai ... Cioè, l'effetto verrà prima della causa. » Ecco come l'abbiamo fatto:
Farcet si sedette di fronte a me con un registratore e stavo dando risposte
domande inesistenti per dieci ore di seguito. A volte, mio giovanotto
l'intervistatore si addormentò aggrappandosi alla sua macchina. Gilles quindi divise quel materiale
in frammenti ordinati e li ha sormontati da domande. Come è entrato
terreno sconosciuto (mi aveva detto: «Non so se si possano riconciliare
ricerca artistica e ricerca terapeutica »), le scrisse in tono oggettivo
dichiarando: «Non sono uno dei tuoi fedeli. Non ho scritto questo libro come apprendista
ma come amico. Da qui la sana perplessità a cui talvolta mi oppongo
parole, quella che per effetto felice lo costringe a specificare il suo pensiero ».
Quando Marc de Smedt, direttore della collezione «Free Spaces» di Albin
Michel, Francia, ha accettato di pubblicare il libro, lo ha fatto a condizione di cambiare il
Titolo. «Nessuno conosce la parola psicomagica. Meglio chiamarlo: Le théâtre de la
guérison, une thérapie panique ».
Il Teatro della Guarigione è apparso nel 1995. Ha suscitato grande interesse. Ho ricevuto
una grande corrispondenza che mi chiedeva atti psicomagici. Sviluppare
questa tecnica, fino ad ora praticata esclusivamente in modo intuitivo, ho deciso
accettare due consulenti ogni giorno, dal lunedì al venerdì, in sessioni di un'ora e
metà. Dopo aver stabilito i tuoi alberi genealogici - fratelli, genitori,
zii, nonni e bisnonni, ho consigliato loro atti psicomagici che hanno prodotto
risultati notevoli. Sono stato così in grado di scoprire una serie di leggi che
ha permesso di insegnare quest'arte a un gran numero di studenti, molti dei quali già
terapisti affermati. Ho concesso sessioni private per due anni, dopo
di cui ho iniziato a scrivere la mia danza della realtà. Si esibì Gilles Farcet
la sua carriera di scrittore spirituale e oggi nobile padre di famiglia,
porta all'ovile molti spiriti mal guidati che collaborano con Arnaud
Desjardins in un compito così arduo.
Dopo la pubblicazione in Spagna di Siruela di The dance of reality
(2001), oltre alle generose interviste che Fernando Sánchez Dragó mi ha fatto
in televisione, la psicomagia era nota al grande pubblico. Non mancarono
appassionati che incautamente, senza aver mai avuto un'attività onesta
artistico o terapeutico, volevano praticarlo dando, a causa dell'incapacità creativa,
consiglio che era una mia ingenua imitazione.
Nel 2002 ho tenuto una conferenza a Madrid per un pubblico di alcuni
seicento persone in un'aula universitaria. Abilmente guidato da me
presentatore, il giovane professore Javier Esteban, gli studenti mi hanno chiesto il loro
problemi che richiedono consigli psicomagici per risolverli. Alla fine dell'at-
Javier mi ha dato una copia del suo libro Duermevela, in cui
descrivi i tuoi sogni. («Vado in un negozio dove ne vendono migliaia
pesca gigantesca. L'amo mi raggiunge il ginocchio. L'uomo che
mi accompagna mi insegna a pescare ma mi dice che non c'è bisogno di una canna o di un placcaggio
qualunque. Li lancio e attraversiamo una foresta fino a raggiungere un fiume. Pesce
saltano nelle nostre mani. ») Ritengo che i suoi scritti abbiano un significato
guaritore. Javier, a sua volta, esprime la sua adesione alle mie idee e mi chiede un appuntamento

Pagina 7
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
7
per farmi le domande che il giovane pone, domande a
quelli a cui l'attuale sistema educativo non risponde. "Gli studenti hanno mutato,
purtroppo gli insegnanti continuano a mantenere il loro modo arcaico di
pensa », mi dice. Si reca a Parigi e mi interroga per alcuni giorni. Pensare
senza limiti, parla per i giovani mutanti. » Quindi il secondo e il
terza parte di questo libro.
In appendice, la testimonianza di Martín Bakero, poeta e dottore in Italia
psicopatologia, che ha partecipato a un mio seminario tenuto a Santiago del Cile e in seguito
ha viaggiato a Parigi per perfezionare la sua comprensione del mio lavoro. Ha il merito
di aver applicato la psicomagia alla guarigione dei malati di mente. Grazie a
può concepire la speranza che quest'arte di guarigione venga usata un giorno
come complemento alla medicina ufficiale.
Alejandro Jodorowsky

Pagina 8
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
8
PSYCHOMAGY
Pagina 9
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
9
Psychomagia. Cenni di una terapia di panico
(conversazioni con Gilles Farcet)
Titolo originale: Psychomagie. Approches d'une thérapie panique, traduzione di
Christopher Santa Cruz.

Pagina 10
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
10
Nota preliminare
Non sono un ubriaco, ma non sono nemmeno un santo. Uno stregone non dovrebbe
sii un "santo" ... Dovresti essere in grado di scendere come un pidocchio e di rialzarti
Alto come un'aquila ... Devi essere dio e diavolo allo stesso tempo. Sii un bravo
Stregone significa essere nel mezzo della tempesta e non rifugiarsi. Si intende
vivi la vita in tutte le sue fasi. Vuol dire impazzire di tanto in tanto
quando. Anche questo è sacro.
Cervo zoppo
(Sioux Warlock of the Lakota Tribe)
Un giorno, dopo molte serate nella sua biblioteca, cercando di rivelare il significato
nel profondo della psicomagia, ho chiesto ad Alejandro Jodorowsky se avesse pensato
prescrivimi un atto per me. Ha risposto che il semplice fatto di farlo
Il libro in sua compagnia sarebbe un atto abbastanza potente. Perché
no?
In realtà Jodorowsky è esso stesso un atto psicomagico ambulante, a
personaggio alto e decisamente "panico", il cui trattamento introduce delle fessure
nell'ordine del nostro universo, così prevedibile in apparenza.
Drammaturgo che, con i suoi complici Arrabal e Topor, ha segnato la storia
del teatro con il suo cosiddetto movimento "panico"; direttore di
film cult, come El Topo o The Holy Mountain, a cui il
I nordamericani - impagabili - dedicano tesi e saggi studi; scrittore, autore
di fumetti per fumetti che si concedono il lusso di lavorare con i nostri
migliori vignettisti; padre attento di cinque figli con cui sostiene
attualmente una relazione iridescente, Jodorowsky è oggi il tarologo senza
norme le cui intuizioni hanno lasciato cadere più di una mascella; È anche,
il pagliaccio convulso del Cabaret Místico 1 che, in un momento in cui il
Il pubblico parigino gira le spalle alle conferenze, riesce a ingombrare le sue
auditorium con il miglior potere pubblicitario attraverso il passaparola; mago internazionale -
interstellare, potremmo dire, sotto l'influenza di Moebius, che ha
consultato rock star e artisti di tutto il mondo ...
1 Per molti anni e senza pubblicità, Jodorowsky anima ogni mercoledì a
Parigi, una conferenza in corso in cui affronta questioni terapeutiche. Entrata libera,
Cinquecento spettatori partecipano ogni settimana. Alla fine della sessione di Mystic Cabaret, alcuni
I volontari fanno una raccolta, che consente di pagare l'affitto per la stanza. Tre giorni prima
All'inizio della conferenza, e sempre gratuitamente, Jodorowsky legge i tarocchi verso le trenta
persone. Questi, una volta terminata la lettura, e a titolo di pagamento, devono tracciare con il loro indice il
parola "grazie" sulle mani di Alejandro.

Pagina 11
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
undici
Questo cileno di origine russa, vive per molti anni in Messico e
ora radicato in Francia, è un personaggio che i romanzieri di oggi,
troppo freddo, non potevano creare, un essere che ha portato l'immaginazione
potere in tutti i recessi della sua esistenza multidimensionale.
La sua casa, una saggia alleanza di ordine e disordine, di organizzazione e caos, è a
specchio fedele del tuo ospite o, semplicemente, della vita. Costituisce a
l'esperienza stessa visita questa cava disseminata di libri, video, giocattoli
bambini, ecc. Lì si possono incontrare i fumettisti Moebius, Boucq o
Besse, così come con un gatto o una donna di nessuno, sa dove e cosa
sembra prendersi cura della casa per un po '... È un luogo di potere
poetico, una concentrazione di energie sovrabbondanti e ancora
dominato.
Va da sé che lavorare con un personaggio di panico non è un peccato. E
questo, prima di tutto, perché Jodorowsky ignora le pianificazioni, le agende e
un altro tipo di vincoli temporali che governano la vita di quelli terreni. quando
Ho deciso di mettere su carta la sua avventura psicomagica, ho capito che doveva farlo
mi dedico esclusivamente a tale azienda. Con lui non ci sono previsioni, scadenze
fissati in anticipo, appuntamenti adeguatamente annotati: le cose vengono fatte a
immediato. Tutto in esso ha la qualità di brillantezza. Non che ne sia incapace
sottomettersi a una disciplina o piegare agli orari, al contrario; ma in ogni caso,
c'è un mistero: come quest'uomo che, una volta terminati i nostri appuntamenti
psicomagico, stava partendo per fare un film con un nome evocativo: The Rainbow
Thief (The Rainbow Thief, 1990) - può dirigere ottime riprese
budget, domare mostri sacri come Peter O'Toole, Omar Sharif o
Christopher Lee, imponendo la sua sensibilità ai produttori tanto materialista quanto
irrequieto e, d'altro canto, non prendere nota di nessuno dei loro impegni
futuro e accettare a settembre una conferenza per marzo senza segnare il giorno
in un quaderno, ecco perché, come data del tuo
intervento, dobbiamo localizzarlo, per paura che abbia dimenticato il suo
promettere e scomparire in qualsiasi punto del pianeta?
Alejandro è convinto della natura convulsa della realtà, e quindi di quella
aspetto affascinante ed estenuante che lo rende eccessivo in tutti i suoi
dimostrazioni. Quando qualcuno mette un pubblico di fronte a te, raramente resisti
la tentazione di spingerlo al limite. Tratto molto sudamericano di questo essere
eccezionale chi, privatamente, sa mostrarsi come il più dolce e il più
umile e che all'improvviso, in un batter d'occhio, può diventare
un'opera barocca dello stesso calibro dei suoi film, in cui il grottesco
compete con la tomba, l'osceno con il sacro. Jodorowsky rimane
sempre al limite; danza sul confine sottile che separa la creazione da
libera provocazione, innovazione dell'attacco selvaggio al buon gusto, il
audacia di indecenza ... Moebius, il grande fumettista di El Incal,
familiarità con questi metodi dopo quindici anni di collaborazione, vedi in esso
«La tecnica usata da Alessandro per minare la resistenza del
universo...".
In ogni caso, con Jodorowsky le cose finiscono sempre
preparatevi, nonostante il trauma inflitto ai nervi degli organizzatori.
Quest'uomo non ha eguali nella capacità di oscillare una situazione
che è stato presentato sotto i peggiori auspici e trasformato in realtà come
se fosse un guanto.
Citerò qui un aneddoto, che ricorderemo più avanti [a p.
53], che illustra bene questa capacità di trasformare la realtà, operazione
per cui è conveniente essere preparati, se si ha l'audacia di entrare

Pagina 12
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
12
compagnia di lui.
Avevamo deciso di fare una performance congiunta in occasione di una fiera
in cui erboristi biologici, venditori di
vasche da bagno a bolle, esoteriche di tutta la pelliccia, poeti di Madre Natura,
redattori e medici alternativi ... È stato un errore tattico? Il caso era che,
Quando sono venuto a Vincennes in cerca del mio eroe, l'ho trovato totalmente assorbito
nel realizzare una sceneggiatura comica a cui si è rifiutato di rinunciare
"Alla maggiorana", come ha detto, per tenere un discorso ...
Ho insistito, sostenendo che ci stavano aspettando e che non potevamo mancare ai nostri
parola, fino a quando finalmente Jodorowsky ha accettato con riluttanza di venire dal mio
macchina, non senza ripetermi durante il viaggio: «Non lo sento,
Capisci ... Non credo che abbiamo qualcosa da fare in
Maggiorana...". Quando arrivammo al luogo in questione, trovammo il peggio: a
stanza aperta ai quattro venti, senza microfono o sedie, e cento
persone che erano venute ad ascoltare non Jodorowsky, ma a causa di un
errore di programmazione, Dr. Woestlandt, simpatico autore di successo
medico-esoterico ...
Mentre stavo tenendo il broncio, il mio geniale complice, dopo aver dato un'occhiata al
magnitudo della catastrofe, mi rimproverò in tono fatalistico: «Lo vedi? io già
Ho detto! ", E si voltò, lasciando senza ulteriori indugi ...
Il mio compagno gli corse dietro e lo pregò di parlare comunque.
Ovviamente sensibile alle ragioni femminili, Alexander accese il suo
passi e mi disse: "Va bene, queste persone vogliono ascoltare il Dr. Westphaler;
okay, perché non mi presenti come se fosse lui? Di 'loro che sono il dottore
Wiesen-Wiesen e ti parleremo ... ».
Forse oggi avrei accettato volentieri la sfida; ma per
poi ero ancora convinto di quell'idea tradizionale che il dottore
Woestlandt è il Dr. Woestlandt, Gilles è Gilles e Jodorowsky lo è
Jodorowsky ... Quel concetto di reale mi ha reso impossibile
dimensione mascherata. In queste condizioni, ho improvvisato alcune semplici parole
per presentare il mio pericoloso amico, che, davanti al suo des-
pubblico concordato, cominciò a parlare in tono conciliante: «Guarda, non sono io
Dr. Westphallus; ma questo è il minimo, la persona non ha importanza.
Immagina di essere il Dr. Wiesen-Wiesen e farmi delle domande.
Non importa la persona, risponderò come se fossi il dottor Wuf-Wuf ... ».
All'inizio le persone sembravano stupite, ma molto presto si sono arrese
incantò ed entrò nel gioco di Jodorowsky, che, davanti al mio sguardo incredulo,
È stato un successo clamoroso. Al momento del colloquio, ha invitato il suo improvvisato
gli ascoltatori, con intonazione canora, per raccontare i loro problemi e
Avrebbero così approfittato della fortuna che il destino aveva portato loro: «Attenzione,
fai le tue domande perché è l'ultima volta che vengo alla maggiorana ... ».
Dopo aver visitato lo stand delle edizioni Dervy per acquistare il libro del
Dr. Woestlandt ("Devi almeno sapere chi è questo Dr. Westphaler,
No? ”), Alejandro entrò nella mensa, dove, in pochi secondi,
si ritrovò circondato da ammiratori e continuò a dare consigli e
osservazioni illuminate, con straordinaria gentilezza.
E così fu quel pomeriggio che iniziò con la fine di un fiasco
apoteosi.
Sarebbe necessario parlare anche qui della sua incredibile intuizione: non è strano
Alejandro, quando vede una persona per la prima volta, gli dice punto in bianco
che credeva di aver perfettamente nascosto, lasciando nel suo interlocutore il
tremenda impressione di trovarsi di fronte a un mago onnisciente.
Un amico - che chiameremo Claude Salzmann - non lo dimenticherà mai

Pagina 13
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
13
notte, dopo una conferenza che era già stata epica, in cui noi
ci siamo seduti sulla terrazza di un caffè in Place Saint Sulpice e Alexander, da
colpito ma delicatamente, ha insistito per fare una di quelle rivelazioni:
Ascolta, Salzmann, posso parlarti? Sei un mio amico, ed è per questo che vado
per farmi parlare con te, ok? Ascolta, Salzmann, quando ti guardo, vedo
a un uomo di natura divisa: il labbro superiore è molto diverso dal labbro
inferiore". (Ho guardato Claude e ho visto, per la prima volta, quella sua straordinaria caratteristica
fisionomia). «Il labbro superiore, molto magro, è quello di un uomo serio,
labbro spirituale, quasi rigido, ascetico ... Ma il labbro inferiore, denso, pieno,
È il labbro di un uomo sensuale, amante del piacere ... Sì, in te coesistono quelli
due nature, Salzmann, e devi riconciliarle ... »Anche se in se stesso sembrava
Ovviamente, il commento ha impressionato il mio amico, che proprio in
quei giorni sembrava concentrato come mai prima sull'armonizzazione di quei due
inclinazioni, contraddittorie alla logica tradizionale, ma complementari
per il profondo.
Quante persone ho sentito che Alejandro, supportato da a
tarocchi o nella sua unica capacità di osservazione, li aveva mostrati dentro
una parola il conflitto che stavano affrontando in quel momento, mettendo in evidenza il
accendi un misterioso segreto della tua personalità?
Un giorno l'ho visitato con un mio amico di cui Alejandro non sapeva nulla.
Ricordo di essere stato totalmente sorpreso di vedere come, senza di lei
Avrei ancora chiesto, si stava concentrando su un paio di frasi, dopo aver eliminato il
lettere, gli elementi essenziali della situazione in cui si è trovato. Non è strano
Quindi, possa il nostro uomo suscitare passioni e devozione.
Il re Jodorowsky governa la sua corte, circondato da uno sciame di fedeli
per cui il Mystic Cabaret rappresenta una vera massa. Alcuni,
frequentano il commercio da anni e seguono devotamente di più
eventi pellegrini del maestro ...
Penso che sia ovvio che non faccio parte di quel gregge. Il nostro è,
soprattutto, un dialogo tra amici. Da qui quella sana perplessità con cui
A volte ricevo i tuoi commenti, e anche per l'amicizia che hai
buon effetto di costringerti a perfezionare il tuo pensiero.
Perché il suo straordinario splendore, che provoca sempre fascino, può
porta anche a dubbi e persino a irritazioni: esatte come sono, molte
A volte le tue intuizioni incisive possono sembrare affrettate. Dopo averlo visto
consegnato alle sue terapie con i fulmini nell'ambito del Cabaret, dove
si vanta di sbloccare vecchi nodi psicologici in una notte, in una
colpo dell'albero genealogico condito con una punta "psicomagica", il
spettatore ben disposto, che allo stesso tempo conserva il suo buon senso critico, no
può solo oscillare tra ammirazione e scetticismo, stupore e
dubbio. Ammirazione e stupore, perché la performance di questo attore senza eguali, la sua
potere di sostenere e guidare l'energia di cinquecento persone in una stanza e nel
La pertinenza di ferro delle sue osservazioni trattenne il respiro. Scetticismo e
dubbio, d'altra parte, perché quelle serate piene di risate ed emozioni, nel
quale miseria umana è messa in scena con enorme coraggio, dove
complessi e traumi sono portati alla luce e trattati dal "maestro" con a
saggio mix di intuizione, esagerazione e benevolenza, sono i primi di a
nuovo genere, il reality show analitico-spirituale. Da lì si parte
convinto e irrequieto allo stesso tempo, chiedendosi il vero scopo e
sugli effetti a lungo termine di questo miscuglio artistico-terapeutico.
C'è qualcosa di stuzzicadenti e guaritori equi in questo visionario che
si definisce un "sacro imbroglione". Ma, infine, quella sfaccettatura del «ciarlatano
trascendente ", che è una parte importante del personaggio di Jodorowsky, è ambientato

Pagina 14
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
14
al servizio di una rara energia compassionevole. Si potrebbe dire che Alessandro lo sia
un bodhisattva in salsa sudamericana, una salsa con molto pepe ...
Non sei un imbroglione sacro solo sforzandoti di esserlo; sotto il
eccesso e apparente facilità di questo artista che parte da tutto
i canoni, c'è molto rigore - un rigore molto particolare ma rigore alla fine -, a
inesauribile potenziale creativo, una profonda visione poetica e, lo sono
convinto, molta gentilezza.
Perché il nostro uomo ha un cuore puro. Pur essendo il re, Jodorowsky
non abusa del potere quasi assoluto che molti dei suoi sudditi gli danno. suo
Maestà è il suo giullare; mai paura di mettere i propri insegnamenti
interrogato con una buona dose di umorismo. Anche se non rifiuta l'omaggio
dei suoi seguaci, non mostra la minima intenzione di essere trasformato in
idolo. Disinteressato per eccellenza, come ho visto in così tanti
occasioni-, Jodorowsky rimane, secondo me, crucialmente lucido,
consapevole dei suoi poteri e dei suoi limiti. Ha avuto il
fortunato ad avvicinarmi ai veri maestri, come il giapponese Ejo Takata, che
l'ha segnato con il ferro rovente dello zazen - eppure non è questo il motivo
essere un guru nel senso stretto e nobile della parola; è piuttosto un genio
benevolo e inquietante con cui tutti possono percorrere una parte del cammino.
"Cresce un po '", ha detto Jodorowsky un giorno alla sua ventenne figlia Eugenia.
A cui ha risposto:
-E rallenti un po '!
Quello stesso Alexander cita, non senza orgoglio, la forte risposta di sua figlia
dice molto sul personaggio.
Servo della verità, anche se a volte con una certa aria di inganno,
maglione spudorato che non chiede altro che silenzio e inchinarsi a chiunque
Jodorowsky appartiene chiaramente alla razza dei saggi pazzi. sì
il mistico pagliaccio può ispirare un fascino o un'antipatia immediata
A volte anche entrambi allo stesso tempo, c'è molto da guadagnare conoscendo
quest'uomo in tutta la sua ricchezza interiore.
Sebbene abbia pubblicato numerosi romanzi e innumerevoli fumetti, Jodorowsky
ha aspettato l'età pensionabile per scrivere ciò che conta di più per lui. Alla discussione
Dalle nostre conversazioni, Alexander mi ha guidato in un viaggio magico con il
arte di una Castaneda che avrebbe fatto teatro. Siamo invitati a questo viaggio
adesso. Questo libro ha sia un'autobiografia artistico-spirituale che una guida
in una nuova terapia. Finestra aperta su un mondo in cui la poesia è
si incarna in rivolte, in cui il teatro diventa sacrificio rituale e in cui
una vera strega, armata di un coltello da cucina, cura i tumori, le cambia il cuore-
nes e nutre i sogni della notte, questo lavoro rimarrà, lo spero,
come la traccia del passaggio tra noi di un essere di una piccola dimensione
Comune.
Gilles Farcet
Parigi, 1989-1993

Pagina 15
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
quindici
L'atto poetico
Immagino che la nascita di ciò che chiamate psicomagia abbia risposto
un bisogno...
Anzi, è stato così. Durante un periodo della mia vita, nell'ambito della mia
attività come specialista dei tarocchi, riceveva almeno due persone al giorno
leggere le lettere ...
Ha predetto il futuro?
Assolutamente! Non credo nella reale possibilità di prevedere il futuro, nel
nella misura in cui, dal momento in cui vedi il futuro, lo modifichi o
voi credete. Prevedendo un evento, si provoca: è ciò che in psicologia
Il social è chiamato "fare previsioni automatiche". Qui ho
un testo di Anne Ancelin Schutzberger, professore all'Università di Nizza,
evocando precisamente quel fenomeno: «Se osservi attentamente il
passato un certo numero di malati di cancro in condizioni critiche, si nota che
Molte volte si tratta di persone che durante la loro infanzia hanno fatto a
dizione su se stessi, che hanno sviluppato una "sceneggiatura" inconscia
(di se stessi o delle loro famiglie) legati alla loro vita e morte, a
volte anche con indicazione di data, ora, giorno ed età, quindi
vedere efficacemente in quella situazione di morte. Ad esempio a 33 anni-
età di Gesù Cristo - o all'età di 45 anni in cui morì suo padre o sua madre, o
quando suo figlio ha compiuto 7 anni - perché a quell'età quella persona lo era
orfano-. Sono esempi di una sorta di realizzazione automatica di
pronostici personali o familiari ». Inoltre, come sottolinea Rosenthal, se a
l'insegnante prevede che uno studente cattivo continuerà lo stesso, molto probabilmente
niente cambia. Al contrario, quando l'insegnante stima che lo sia il bambino
intelligente, anche se timido, e anticipa che farà ancora progressi, il bambino
inizia a progredire ... È una scoperta sorprendente ma lo è stata
verificato più volte, abbastanza da suscitare la più grande sfiducia
rispetto a coloro che, con il pretesto di possedere doni soprannaturali,
consentire la previsione di eventi che l'inconscio del cliente tradurrà
nel desiderio personale, al fine di sottomettersi agli ordini del veggente. Come
Di conseguenza, il consulente si assumerà il compito di fare queste previsioni.
tioni, con conseguenze spesso disastrose. Ogni previsione è una
presa del potere, per cui il veggente è lieto di prefigurare i destini,
torcendo così il corso naturale di una vita ...

Pagina 16
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
16
Ma perché questo fenomeno dovrebbe necessariamente avere conseguenze
disastroso? Cosa ne pensi allora dei veggenti che predicono gli eventi
felici, prosperità, fertilità o altri benefici?
Allo stesso modo, implica potere e manipolazione. Per il resto lo sono
assolutamente convinto che dietro l'etichetta di "veggente professionista"
si nascondono, con rare eccezioni, sbilanciati, disonesti e
delirante. In definitiva, solo le previsioni di a
vero santo ... Questo spiega perché mi rifiuto di dedicarmi alla chiaroveggenza.
Ritorniamo alle origini della psicomagia e alla sua attività di tarologa. Nel
In che cosa consisteva allora la tua pratica?
Ho considerato i tarocchi come un test proiettivo che ha permesso di individuare il
i bisogni della persona e sapere dove risiedevano i loro problemi. È buono
noto che il semplice aggiornamento di un inconscio o poca difficoltà
noto è già uno schema di una soluzione. Lavorando con me,
le persone sono diventate consapevoli della loro identità, delle loro difficoltà, di cosa
portato ad agire. Li avrei accompagnati attraverso il loro albero genealogico
mostrare loro l'antica origine di alcuni dei loro disagi. Tuttavia, ho capito
si rese presto conto che non poteva esserci una vera cura se non lo sapesse
è venuto all'azione concreta. Per la consultazione avere un effetto terapeutico
Peutico, ha dovuto condurre all'azione creativa svolta nel
portata reale. Per raggiungere questo obiettivo, ho dovuto indicare a coloro che sono venuti a trovarmi
uno o due
si esibisce. La persona e io dovevamo, d'accordo e pienamente
coscienza, impostare un programma d'azione molto preciso. Ecco come sono arrivato
pratica la psicomagia.
Hai praticato questa terapia per un decennio e ottenuto risultati pienamente raggiunti.
avvincente. Come lo hai inventato?
Qualcosa del genere non è inventato; uno lo vede nato attraverso se stesso. Ma questo
La nascita ha radici molto profonde.
Prima di entrare nei dettagli sulla psicomagia, esaminando le tue relazioni
con la psicoanalisi, per riferire atti precisi o per immergersi nelle lettere
che i tuoi consulenti ti hanno scritto, sarebbe interessante tornare alle origini.
La prima cosa che mi venne in aiuto fu la poesia, il mio contatto con i poeti
negli anni cinquanta ... sono stato fortunato a nascere in Cile, anche se ho potuto
perfettamente nato altrove. Se non fosse stato per la guerra russa-
Giapponese, i miei nonni non sarebbero emigrati e sarei sicuramente nato
Russia. Inoltre, perché la nave a cui sono saliti li ha portati
Chile? Mi piace immaginare che scegliamo la nostra destinazione in anticipo e
che nulla di ciò che ci accade è il risultato del caso. Ora se non c'è possibilità,
tutto ha un senso. Per me, è il mio incontro con la poesia che giustifica la mia
nascita in Cile.
Tuttavia, non si può dire che il Cile abbia avuto l'esclusività di
poesia...
No, i poeti sono ovunque. Ma la vita poetica, d'altra parte, è un bene
più scarso. In quanti paesi esiste un'atmosfera veramente poetica? Senza
Certamente l'antica Cina era una terra di poesie. Ma penso che, nel corso degli anni

Pagina 17
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
17
Cinquanta, il Cile viveva poeticamente come in nessun altro paese al mondo.
Potresti spiegarlo?
La poesia ha permeato tutto: insegnamento, politica, vita culturale ...
le persone stesse vivevano immerse nella poesia. Ciò era dovuto al temperamento
tipico dei cileni e più particolarmente all'influenza di cinque di
i nostri poeti, che sono diventati per me una sorta di archetipo.
Sono stati loro a plasmare la mia esistenza all'inizio. Più
noto a loro non era altro che Pablo Neruda, un politico
molto attivo, esuberante, molto prolifico nella sua scrittura e che, soprattutto, viveva
come un vero poeta.
Cosa vive come un vero poeta?
Prima di tutto, non temere, il coraggio di dare, avere l'audacia di vivere con un certo
eccesso. Neruda costruì una casa a forma di castello, radunandosi
intorno a lui un intero popolo, era un senatore, e quasi divenne presidente della
repubblica ... Ha dato la vita al Partito Comunista, per idealismo, perché
Volevo davvero realizzare una rivoluzione sociale, per costruire un mondo più
giusto ... E la sua poesia ha segnato tutta la gioventù cilena. In Cile, anche il
gli ubriachi in piena sessione alcolica recitavano versi di Neruda! La sua poesia
Fu recitato sia nelle scuole che in strada. Tutti volevano esserlo
poeta, come lui. Non sto solo parlando di studenti, ma anche di lavoratori
ubriachi che parlavano in versi! Ha saputo catturare l'intero ambiente nei suoi testi
paese pazzo.
Ascolta questa poesia che viene in mente e che abbiamo recitato in coro
quando, come studenti universitari, ci siamo ubriacati sul
Vino patriottico dalla nostra terra cilena:
Succede che mi stanco dei miei piedi e delle mie unghie
e i miei capelli e la mia ombra.
Succede che mi stanco di essere un uomo.
Tuttavia sarebbe delizioso
spaventa un notaio con un giglio tagliato
o uccidi una suora con un colpo all'orecchio.
Sarebbe bellissimo
attraversare le strade con un coltello verde
e urlando finché non muore di freddo.
Oltre a Neruda, famoso in tutto il mondo, c'erano altri quattro poeti
di fondamentale importanza. Vicente Huidobro proveniva da un mezzo
ricco, comunque meno umile di quello di Neruda. Sua madre lo sapeva
tutti i saloni letterari francesi e ha ricevuto un'educazione molto artistica
profondo, così la sua poesia, di grande bellezza formale, permeata
eleganza in tutto il paese. Abbiamo tutti sognato l'Europa, la cultura ...
Huidobro ci ha dato un'ottima lezione di estetica. Ad esempio, ti leggerò
questo frammento di una conferenza tenuta dal poeta a Madrid, tre anni
prima della comparsa del manifesto surrealista:
Oltre al significato grammaticale del linguaggio, ce n'è un altro, un significato
magia, che è l'unica che ci interessa ... Il poeta crea dal mondo che
che dovrebbe esistere ... Il valore del linguaggio della poesia è direttamente proporzionale al suo

Pagina 18
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
18
prendere le distanze dalla lingua parlata ... La lingua diventa un cerimoniale di
incantesimo e appare nella luminosità della sua nudità iniziale, estranea a tutti i costumi
iniziale convenzionale fissata in anticipo ... La poesia non è altro che l'ultima
orizzonte, che è, a sua volta, il bordo in cui si incontrano le estremità, dove non c'è
contraddizione o dubbio. A quel limite finale, il solito concatenamento del
i fenomeni infrangono la sua logica e, dall'altro lato, dove iniziano le terre del poeta, il
la catena è rifatta in una nuova logica. Il poeta tende la mano per guidarti
oltre l'ultimo orizzonte, sopra la punta della piramide, in quel campo quello
si estende oltre il vero e il falso, oltre la vita e la morte, di più
oltre lo spazio e il tempo, oltre la ragione e la fantasia, oltre lo spirito e
importa ... C'è un fuoco inestinguibile nella sua gola.
C'era anche una donna, Gabriela Mistral. Il suo aspetto era quello di a
signora arida, austera, lontana dalla poesia sensuale. Lei ha insegnato
scuole popolari e questa piccola governante si è trasformata in
noi come simbolo di pace. Ci ha insegnato il requisito morale in merito
dolore del mondo. Gabriela Mistral era per i cileni una specie di guru,
molto mistico, una figura materna universale. Ha parlato di Dio ma ha dato fede
di tale rigore ... Ascolta questi brani tratti dalla sua "Preghiera del Maestro" (il
insegnante in questione era naturalmente la governante):
Signore! Tu che hai insegnato, perdonami per l'insegnamento; che porta il nome di
Maestra, che hai portato sulla Terra ... Maestra, rendimi fervida e
disillusione del passeggero. Portami via questo desiderio impuro di giustizia
mob, il piccolo accenno di protesta che viene fuori da me quando mi fanno male ... Fammi
disprezzo di ogni potere che non è puro, di ogni pressione che non è tua
volontà ardente sulla mia vita ... Dammi semplicità e dammi profondità; liberami dall'essere
complicato o banale nella mia lezione quotidiana ... Alleggerisci la mia mano in punizione e
ammorbidirlo di più nella carezza.
Il quarto si chiamava Pablo de Rokha. Era anche un essere esuberante, a
una specie di pugile di poesie sulla maggior parte delle voci
pazza. Gli sono stati attribuiti attacchi anarchici, truffe ... In realtà era un
L'espressionista dadaista che portò provocazioni culturali in Cile. Era
turbolento, capace di insultare, e in ambienti letterari aveva un'aura terribile e
nero. Queste frasi singole, che riecheggiano come i saluti, dovrebbero bastare
darti un'idea del suo ardore infuriato:
Accendi la poesia, decapita la poesia ... Scegli qualsiasi materiale, come ad esempio
le stelle vengono scelte tra i lombrichi ... Quando Dio «era ancora blu nel
amico ... Tu, sei proprio al centro di Dio, come il sesso, proprio al centro ...
cadavere di Dio, furioso, ulula nelle mie viscere ... Colpirò l'Eternità con il
testa a testa del mio revolver.
Alla fine, il quinto si chiamava Nicanor Parra. Originario della città, è salito
i passi dell'università, divenne un insegnante in una grande scuola e incarnò il
figura dell'intellettuale, del poeta intelligente. Ci ha presentato Wittgenstein, il
Cerchio di Vienna, il diario intimo di Kafka. Ho avuto una vita molto sessuale
Sudamericano ...
Io intendo?
I sudamericani impazziscono per le bionde. Occasionalmente,

Pagina 19
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
19
Parra andò in Svezia e tornò con una donna svedese. Siamo rimasti affascinati nel vederlo accanto a
splendida bionda ... poi ha divorziato, è tornata in Svezia e è tornata con
una nuova creatura. A parte la sua influenza intellettuale, ha portato umorismo al
Poesia cilena; fu il primo a introdurre un elemento comico. Quando si crea il file
antipoesia, ha drammatizzato questa forma d'arte. Qui ho un frammento di
"Avvertimento per il lettore", di Parra:
La mia poesia non può assolutamente portare da nessuna parte:
"Le risate in questo libro sono false!" Discutere i miei detrattori.
Le sue lacrime, artificiali!
"Invece di sospirare, queste pagine sbadigliano"
"Calcia come un bambino con un seno"
"L'autore accenna a starnutire"
Secondo: ti invito a bruciare le tue navi,
Come i fenici, provo a formare il mio alfabeto.
"Perché disturbare il pubblico allora?", Chiederanno gli amici.
lettori:
"Se l'autore stesso inizia screditando i suoi scritti,
Cosa ci si può aspettare da loro! ».
Fai attenzione, non scredito nulla
O meglio, esalto il mio punto di vista,
Mi vanto dei miei limiti
Metto le mie creazioni attraverso il tetto.
Gli uccelli di Aristofane
Seppellirono nelle loro stesse teste
I cadaveri dei suoi genitori.
(Ogni uccello era un vero cimitero volante)
Secondo me
È giunto il momento di modernizzare questa cerimonia
E seppellisco le mie piume nelle teste dei signori lettori!
Quelle cinque personalità hanno segnato molto, capisco, il giovane che tu
era allora ...
Erano vivi, vivi e in lotta! Erano i migliori nemici del mondo,
i giorni trascorsero combattendo, scambiando insulti ... Pablo de Rokha, per
Ad esempio, ha pubblicato una lettera aperta a Vicente Huidobro in cui ha esclamato:
«Comincio ad essere stufo di questa storia, mio piccolo Vicentito. Altrimenti,
Non sono uno di quei codardi che picchiano un pollo che ridacchia perché dice
aver deposto un uovo in Europa ». Sai cosa ha detto di Neruda? "Paolo
Neruda non è un comunista, è un nududista - l'ultimo dei nerudisti, o l'unico,
probabilmente..."
Queste persone si sono esposte, non hanno avuto paura di vivere la loro passione. Quanto a
abbiamo abbracciato la causa dell'uno, poi quella dell'altro ...
immersa nella poesia dalla mattina alla sera, lo era davvero
al centro della nostra vita. Questi cinque poeti si sono formati per noi a
mandala alchemico: Neruda era l'acqua, Parra l'aria, Rokha il fuoco,
Gabriela Mistral la terra e Huidobro, al centro, la quintessenza. Volevamo
andare oltre i nostri predecessori, che altrimenti già avevano
anticipato le nostre ricerche.
E com'era?

Pagina 20
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
venti
Tutti questi poeti eseguivano atti. Huidobro disse: «Perché canti il
rosa, oh poeti! Fallo fiorire nella poesia »; Neruda sedusse una donna
dalla città promettendogli un regalo meraviglioso e poi mostrandogli un limone
le dimensioni di una zucca. Avevano iniziato a uscire dalla letteratura per
partecipare agli atti della vita quotidiana con la postura estetica e ribelle
tipico dei poeti.
Quindi tu e i tuoi amici volevate andare oltre in quella direzione.
Sono stato fortunato ad avere la stessa età del famoso poeta Enrique Lihn,
oggi deceduto. Un giorno, con lui e altri colleghi, abbiamo trovato in un libro su
Il futurismo italiano una frase illuminante di Marinetti: «La poesia è un atto».
Da quel momento in poi, abbiamo deciso di prestare maggiore attenzione all'atto poetico di
alla scrittura stessa. Per tre o quattro anni, ci siamo dedicati alla realizzazione
atti poetici. Ci abbiamo pensato tutto il giorno.
In cosa consistevano questi atti?
Ad esempio, Lihn e io decidemmo un giorno di camminare in linea retta, senza
mai randagio. Percorremmo un viale e arrivammo di fronte a una
albero. Invece di aggirarlo, saliremmo sull'albero per continuare il nostro
conversazione; se una macchina attraversasse il nostro cammino, andremmo avanti
in cima, abbiamo camminato sul suo tetto ... Di fronte a una casa, abbiamo suonato il campanello
Andavamo alla porta e uscivamo dove potevamo, a volte vicino
Una finestra. L'importante era mantenere la linea retta e non pagarne nessuna
presta attenzione all'ostacolo, fingi che non esista.
Questo deve aver causato più di un problema ...
Perché no? Dimentichi che il Cile era un paese poetico. Memoria
di aver suonato il campanello di una casa e di aver spiegato alla signora che eravamo
poeti in azione e che quindi abbiamo dovuto attraversare la sua casa
retta. Lei ha capito perfettamente e ci ha fatto uscire dalla porta sul retro.
Attraversare la città in linea retta è stato per noi fantastico
esperienza, nella misura in cui riusciamo a superare tutti gli ostacoli. Un po
a poco a poco, ci siamo spostati verso atti più forti. Ho studiato alla facoltà
di psicologia. Un giorno ero davvero stufo e ho deciso di recitare
esprimi la mia sazietà. Ho lasciato la classe e con calma sono andato a urinare davanti al
porta dell'ufficio del rettore. Certo, era a rischio di essere espulso
sicuramente dall'università. Cosa magica, nessuno mi ha visto. Ho fatto il mio atto e
Mi sono ritirato incredibilmente sollevato, in ogni senso della parola. Un altro giorno,
abbiamo messo molte monete in una valigetta che perde e abbiamo camminato
con lui il centro città: è stato straordinario vedere tutti
chinandosi dietro di noi, la strada piena di corpi piegati!
Abbiamo anche deciso di creare la nostra città immaginaria vicino alla città
vero. Per questo abbiamo dovuto procedere per celebrare le inaugurazioni. Stavamo andando
ai piedi di una statua, un famoso monumento e abbiamo iniziato una cerimonia
apertura, secondo la nostra fantasia. Questo è come per noi
la Biblioteca Nazionale fu trasformata in una specie di caffè intellettuale. Senza
dubito che sia il seme del Cabaret Místico. L'importante era nominare il
cose: dando loro nomi diversi, ci sembrava che li stessimo trasformando.
Abbiamo anche intrapreso azioni molto innocenti e non meno potenti,
come mettere in mano il revisore che è venuto a richiedere il nostro biglietto

Pagina 21
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
ventuno
bus un bellissimo guscio ... L'uomo era così stupito che
Continuava a camminare senza dire nulla.
Avevi appena vent'anni. Che occhi ha guardato la tua famiglia a tutti quelli
eccentricità?
Come sapete, vengo da una famiglia di immigrati che ha trascorso otto anni
ore al giorno all'interno di un negozio. Quando la poesia è entrata in me in questo modo
la vita, sono stati lasciati con la bocca aperta. Un giorno io e i miei amici abbiamo preso un
manichino e l'abbiamo vestito con i vestiti di mia madre. Quindi lo adagiamo come a
cadavere, circondato da candelieri, e abbiamo iniziato una scia nella stanza di famiglia.
Dato che stavamo facendo teatro, avevamo gli oggetti di scena necessari e l'impressione era
travolgente. Quando è arrivata mia madre, si è vista velata! Tutto il mio
gli amici iniziarono ad esprimere le loro condoglianze ... Era naturalmente a
enorme impatto per la mia famiglia. Ancora una volta, abbiamo riempito il letto dei miei genitori
vermi.
Ma è molto crudele, eri un figlio odioso ...
Li amavo, ma volevo esplodere con tutta la follia della mia giovinezza
limiti. Questi atti li hanno scossi, costretti ad aprirsi. Cos'altro potrebbe
fare prima dell'imprevisto? La vita è così, capisci?
imprevedibile. Pensi che il giorno accadrà in questo o quel modo e, in
in realtà, puoi essere investito da un camion all'angolo, imbatterti
una vecchia padrona e portarla in albergo per fare l'amore o cadere dal soffitto
la tua testa mentre lavori. Il telefono potrebbe squillare per annunciare il meglio o
peggiori notizie. I nostri atti come giovani poeti non hanno fatto altro che
evidenziando questo, contro la corrente del rigido mondo dei miei genitori. Apri il
letto e incontrare un alveare di vermi è una situazione che
Simboleggia fortemente ciò che accade a tutti noi, ogni giorno.
Mio padre praticava la psicomagia senza saperlo: ne era convinto
più merce aveva, più avrebbe venduto. Dovevi dare clienti
un'immagine di sovrabbondanza. C'è stato un tempo in cui aveva alle spalle
sì, una fila di cassetti apparentemente piena di calzini. Lo ha fatto risaltare
un calzino da uno dei cassetti per dare la sensazione che lo fossero
stipato, quando, in effetti, non c'era assolutamente nulla dentro. Un giorno
quando il negozio era pieno di clienti, uno dei miei amici, ubriaco, si è fatto
per aprire tutti i cassetti. Poi fece una poesia proclamando che mio padre lo era
un uomo eccezionale, paragonabile ai grandi mistici: proprio come loro
venduto sottovuoto puro!
Suo padre doveva essere stato furioso ...
Non proprio. Ogni volta che accadeva un atto del genere, la mia famiglia soffriva molto
impatto, seguito da silenzio e grande perplessità. Li avevamo
completamente sopraffatto, ed è stato così straordinario per loro che
credevano di vivere un sogno sveglio, qualcosa al di fuori dei loro limiti
esistenza abituale. Tutti questi atti erano impregnati di una qualità
onirico, impregnato di follia. Ricordo che Lihn e io guardiamo
strani obiettivi: quando eravamo stufi dell'università, partimmo per
Valparaíso in treno, determinato a non tornare fino a una vecchia signora
ti invito a prendere una tazza di tè. Una volta raggiunto il nostro obiettivo, siamo tornati
trionfante nella capitale.

Pagina 22
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
22
Un giorno, accompagnato da un altro amico, sono andato in un buon ristorante, stavamo andando
Eravamo entrambi vestiti molto elegantemente e abbiamo ordinato una bistecca al pepe. Una volta
servito, strofiniamo tutto il corpo con la carne, macchiando il nostro
capi di abbigliamento. E una volta terminata l'operazione, chiediamo di nuovo lo stesso e
ripetiamo l'atto. Lo abbiamo fatto cinque o sei volte di seguito fino a quando
ristorante in preda al panico. Un anno dopo siamo tornati allo stesso
stabilimento, ma il maitre ci è venuto incontro: «Se hai intenzione di ripetere cosa
hanno fatto l'altra volta, per non parlare, non permetterò loro di entrare nel ristorante ». lui
L'atto lo aveva influenzato così tanto che era come se il tempo si fosse fermato.
Era passato un anno, ma per lui era come se fosse successo.
settimana prima.
Le sue parole mi ricordano un episodio di quando avevo quindici anni
Sedici anni. Ero nel mezzo della lettura di Dostoevskij e di questi russi
esaltato che passò immediatamente dallo sconforto all'esaltazione,
si accesero per una causa, rotolarono sul pavimento, mi affascinarono.
Un giorno ho detto ai miei amici: perché continuare ad andare avanti? Cosa succederebbe se
tutti decidono di fermare il movimento?: dove stiamo andando? E abbiamo deciso
giacere a terra, in mezzo alla strada, senza muoversi. pedoni
Si librarono sopra di noi, alcuni facendo commenti. Se non io
Ho sbagliato, è stato un atto poetico ...
Ovviamente! E sono sicuro che i nostri lettori, se iniziano
pensa, ricorderanno momenti simili di mettere in discussione la realtà
obbligatorio. Andiamo anche a letto una volta di fronte a una banca, sporchi
e sfilacciato per dare alla gente l'impressione che sia una crisi economica
sempre possibile, quella sofferenza può sorgere in qualsiasi momento. Ma uno
Ancora una volta, tutto ciò stava accadendo in Cile, in quel paese, in preda a una forma di follia
collettivo. Sicuramente non avremmo potuto andare così lontano in un altro contesto.
La maggior parte dei burocrati cileni ha vissuto fino alle sei del mattino
in ritardo. Una volta fuori dall'ufficio, si sono ubriacati e cambiati
personalità, quasi corpo. Hanno abbandonato la loro personalità burocratica a
assume la tua identità magica. La festa era ovunque, in tutto il paese
Ero surreale senza saperlo.
Solo il temperamento cileno spiegherebbe questa atmosfera?
Le persone hanno chiamato ragionevole, quelli che credono nella forza di questo
mondo, non pongono atti folli. Ma in Cile la terra tremava ogni sei
giorni! Il suolo stesso del paese era, per così dire, convulso. Questo fece
tutti erano soggetti a un terremoto, fisico ed esistenziale. Non ho abitato
Siamo un mondo enorme governato da un ordine borghese presumibilmente bene
impiantato ma una realtà traballante. Nulla è rimasto fisso, tutto
Stavo tremando! ... (Risate.) Tutti vivevano in modo precario, entrambi sul piano materiale
come relazionale. Non hai mai saputo come sarebbe finita una festa: la coppia sposata
alle sei del pomeriggio poteva liberarsi alle sei di mattina, gli ospiti
potevano buttare i mobili fuori dalla finestra ... Naturalmente, viveva l'angoscia
il cuore di tutta quella follia. Il paese era povero, le classi sociali molto
differenziato ...
Sono passati diversi decenni ... Con la distanza del tempo, come vedi
oggi quegli atti? Al di là del pittoresco, cosa ti hanno insegnato?

Pagina 23
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
2. 3
Audacia, umorismo, attitudine a mettere in discussione postulati mediocri
dalla vita ordinaria e l'amore per l'atto libero. E qual è la definizione di
atto poetico? Deve essere bello, estetico e rinunciare a qualsiasi giustificazione. Maggio
anche portare un po 'di violenza. L'atto poetico è un richiamo alla realtà:
dobbiamo affrontare la morte stessa, l'imprevisto, la nostra ombra, il
vermi che formicolano dentro di noi. Questa vita che noi
vorremmo che la logica fosse in realtà pazza, scioccante, meravigliosa e crudele. Nostro
il comportamento, che pretendiamo essere logico e consapevole, è, in effetti, irrazionale,
pazzo, contraddittorio. Se osserviamo lucidamente la nostra realtà,
Confermiamo che è poetico, illogico, esuberante. In quei tempi io
era senza dubbio immaturo, un giovane insolente senza cervello; ciò non significa che
Questo periodo mi insegnerà anche a percepire la folle creatività di
l'esistenza non si identifica più con i limiti entro i quali la maggior parte
delle persone è rinchiuso fino a quando non regge più e scoppia.
La poesia non rispetta un ordinamento stereotipato del mondo ...
No, la poesia è convulsa, è legata al tremore della terra! Lei denuncia
apparenze, trafigge bugie e convenzioni con la sua spada.
Ricordo che una volta andammo alla Facoltà di Medicina e, con la complicità
da un amico, abbiamo rubato il braccio di un cadavere. L'abbiamo nascosto dentro
manica del nostro cappotto e abbiamo giocato stringendo le mani delle persone, toccandole con
questa mano morta. Nessuno ha osato commentare che fosse fredda, senza vita,
perché nessuno voleva riconoscere la dura realtà che era questo membro
morto. Mentre ti parlo, mi rendo conto che in un certo senso sto confessando
IO. So che tutto ciò può sembrare fantasioso. Per noi lo era
sicuramente da un gioco, ma anche da un atto profondamente drammatico!
L'atto ha creato un'altra realtà nel cuore della realtà ordinaria. Noi
permesso l'accesso ad un altro livello, e sono ancora convinto che con nuovi atti
aprire la porta a una nuova dimensione.
L'atto così concepito non ha alcun valore purificatore e terapeutico?
Ovviamente! Se ci pensate, la nostra storia individuale è composta
parole e azioni. Il più delle volte le persone si accontentano
piccoli atti innocui, fino a quando un giorno "esplode" e, senza alcun controllo,
è furiosa, rompe tutto, pronuncia insulti, si abbandona alla violenza, arriva
anche al crimine ... Se un potenziale criminale conosceva l'atto poetico,
Avrebbe sublimato il suo gesto omicida mettendo in scena un atto equivalente.
Ma ciò potrebbe portare a determinati estremi non senza pericolo ...
Effettivamente. La società ha creato barriere per la sua paura
espressione, violenza, non sorgono in ogni momento. Pertanto, quando a
agire diversamente dalle azioni ordinarie e codificate, è importante farlo
Misurare e accettare consapevolmente le conseguenze in anticipo. Fare un
l'atto è un processo consapevole che mira a introdurre volontariamente a
fessura nell'ordine della morte che perpetua la società e non la manifestazione
compulsivo di una ribellione cieca. È conveniente non identificarsi con l'atto
poetico, non essere portato via dalle energie che rilascia. Bretone, ad esempio,
cadde nella trappola quando, spinto dal suo entusiasmo, dichiarò che era vero
l'atto poetico consisterebbe nell'andare in strada armati di una pistola e sparare
sulle persone. In seguito è stato molto dispiaciuto. E che non c'è stato alcun passo verso l'atto!

Pagina 24
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
24
Ma questa affermazione era essa stessa il segno di un'esplosione. L'atto poetico lo consente
esprimere energie normalmente represse o dormienti dentro di noi. lui
atto incosciente è una porta aperta al vandalismo, alla violenza. quando
le folle si surriscaldano, quando le manifestazioni degenerano e le persone
inizia a bruciare macchine o lanciare pietre, è anche un
rilascio di energie represse. Tuttavia, queste manifestazioni non garantiscono il
atti poetici qualificanti.
Eri te e i tuoi gruppi consapevoli di questo?
Abbiamo finito per esserlo, dopo aver osservato alcuni atti pericolosi
perpetrato da esseri rapiti ... I miei amici e io siamo scossi
su quelle esperienze e che ci hanno fatto seriamente mettere in discussione noi stessi. Un haiku
Il giapponese ci ha fornito un indizio: lo studente porta la sua poesia all'insegnante, dentro
che dice:
Una farfalla:
Mi tolgo le ali
E diventa pepe!
La risposta dell'insegnante fu immediata: «No, no; non è così lasciatemi
correggi la tua poesia »:
Un pepe
Ci ho messo le ali
E diventa una farfalla!
La lezione è chiara: l'atto poetico deve essere sempre positivo, andare nella direzione
di costruzione e non di distruzione ...
Tuttavia, molte volte è essenziale distruggere per poterlo fare
successivamente costruire ...
Sì, ma fai attenzione alla distruzione come fine a se stessa! L'atto è azione e non
reazione vandalizzata.
In tal caso, come valuteresti alcuni degli "atti" di cui hai discusso?
Molti di loro erano, in effetti, solo reazioni o, diciamo,
tentativi più o meno goffi nella direzione di un atto degno di questo nome. Quello
gli fece decidere di fare un esame personale. Ho capito chiaramente
che invece di svuotare tutti i cassetti di mio padre, saremmo dovuti arrivare
in processione con una spedizione di calze e hanno riempito le loro scatole
fai avverare il tuo sogno. Invece di mettere i vermi sul letto di
i miei genitori avremmo dovuto imbottirlo con monete di cioccolato avvolte
su lamina d'oro. Invece di simulare la scia di mia madre, avremmo potuto
rappresentava una scena in cui avrebbe potuto ammirare se stessa
gloria, come la vergine durante l'assunzione. Lo shock causato dall'atto deve
Sii positivo.
Dopo questa consapevolezza, ti sei sentito in colpa,
Si sono pentiti di eventuali rimpianti?
No, e continuo a dire che la colpa è inutile. Errore consentito
purché sia commesso una sola volta e nell'ambito di una ricerca sincera

Pagina 25
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
25
conoscenza. Questa è la condizione umana: l'uomo cerca conoscenza,
E cos'è l'uomo alla ricerca di qualcosa ma, per definizione, un essere irregolare? lui
l'errore è parte integrante del viaggio. Abbandoniamo quelle esperienze
negativo, ma senza rimpianti. Avevano aperto la porta del
vero atto poetico. Per preparare una frittata devi rompere le uova.

Pagina 26
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
26
Atto teatrale
Abbiamo evocato la dimensione metafisica dell'atto, ma torniamo alla sua
aspetto artistico. Se la poesia è soprattutto un atto, quale posto sarebbe
la scrittura? Tu e i tuoi amici stavate scrivendo o erano contenti
agisce?
Lihn continuò a scrivere e divenne uno dei grandi poeti del paese,
Tanto che oggi nessuno ricorda le proprie azioni. I cileni sarebbero sorpresi
per sapere a quali giochi giocava il suo poeta nazionale in gioventù. Per il
per quanto mi riguarda, ho abbandonato la poesia propria a cui dedicarmi
Teatro.
Come è avvenuta quella transizione?
L'amore per l'atto mi ha portato a creare oggetti. Tra gli altri, alcuni pupazzi di cui
Mi innamorai presto. Prima di tutto, ha visto nella marionetta una figura essenzialmente
metafisica. Mi è piaciuto vedere che un oggetto che avevo realizzato con il mio
mi sono sfuggite le mani. Dal momento in cui ho raggiunto
il burattino per animarlo, il personaggio ha iniziato a vivere in un modo quasi
autonomo. Stavo assistendo allo sviluppo di una personalità sconosciuta, come se il
bambola ha usato la mia voce e le mie mani per prendere un'identità che già
era suo. Mi sembrava di lavorare come server piuttosto che come creatore.
Alla fine, ebbe l'impressione di essere diretto, manipolato dal
Bambola! Questa profonda relazione con i burattini ha dato vita al desiderio di farlo
diventare uno di loro, cioè un attore teatrale.
Pensi davvero che un attore assomigli ad un burattino? Lo trovo discutibile ...
In ogni caso, quella era la mia idea di teatro e la professione di comico. Non me
gli piaceva il teatro psicologico, dedicato all'imitazione della "realtà". Per me quello
il teatro chiamato realista era un'espressione volgare in cui, fingendo
mostrare qualcosa del reale, la dimensione più apparente è stata ricreata e anche il
più vuoti e grossolani nel mondo come normalmente percepiti. Quello che so
generalmente chiamato "realtà" non è che una parte, un aspetto di un ordine
molto più ampio. Mi è sembrato - e ancora mi sembra - che il teatro
Il realista auto-disegnato ignora la dimensione inconscia e onirica
e magia della realtà. Perché, insisto, la realtà non è razionale, non importa come
quindi vogliamo credere di rassicurarci. In generale, i comportamenti
gli umani sono motivati da forze inconsce, qualunque cosa possano
siano le spiegazioni razionali che attribuiremo loro in seguito. Il mondo stesso

Pagina 27
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
27
è omogeneo, ma un amalgama di forze misteriose. Non trattenere dal
la realtà più dell'apparenza immediata è tradirla e soccombere al
illusione, anche se si maschera da "realismo". Odio come odiava il teatro
Realisticamente, ho iniziato a provare repulsione verso la nozione di autore. Non volevo vedere
alcuni comici ripetono un testo precedentemente scritto, preferendo assistere a un atto
teatrale che non aveva nulla a che fare con la letteratura. Mi sono detto: "Perché
appoggiarsi a un testo chiamato teatrale, in una commedia? Tutto può essere interpretato e
messa in scena. Potrei mettere in scena il giornale del giorno, mettere su un dramma
meraviglioso dalla prima pagina di un giornale ». Quindi ho già iniziato a lavorare
sperimentare una crescente libertà. Dal momento che non intendevo imitare la realtà,
Potrei muovermi per il mio capriccio, fare i gesti più stravaganti, ululare ...
Presto, lo scenario stesso mi è apparso come una limitazione. Volevo ottenere il
teatro teatro. Ad esempio, ho immaginato un gioco all'interno di un autobus. lui
Il pubblico attese alle fermate e salì sull'autobus che attraversava la città. Di
improvvisamente dovevi uscire e andare in un bar, un ospedale di maternità, un macello;
in breve, entra dove stava succedendo qualcosa e riprendi la marcia ...
le esperienze che ho realizzato sono state successivamente raccolte da altri. Quando era
annunciò che il mio spettacolo avrebbe avuto luogo in un teatro, a volte mi avrebbe portato
spettatori in scantinati, servizi igienici o sul tetto. Più tardi
mi venne in mente l'idea che il teatro potesse fare a meno degli spettatori e non
deve comportarsi più degli attori. Quindi ho avuto grandi feste a
che tutti potevano interpretare. Alla fine, mi è sembrato che interpretare a
il personaggio era inutile. L'attore, ho pensato allora, dovrebbe provare a interpretare il suo
proprio mistero, esternare ciò che è dentro. Non vai a teatro per
fuggire da se stesso, ma per ristabilire il contatto con il mistero che siamo
tutti. Il teatro mi interessava meno come distrazione che come strumento
di conoscenza di sé. Così ho sostituito la classica "rappresentazione" con cosa
L'ho chiamato "il panico effimero".
Cos'è esattamente "il panico effimero"?
A questo punto, dovrei fare riferimento a un testo che ho pubblicato nel 1973 in
un libro ideato da Fernando Arrabal intitolato Le Panique. In esso ho formulato cosa
essenziale del mio processo e delle mie concezioni teatrali: «Per raggiungere il
L'euforia di panico deve prima essere liberata dall'edificio del teatro ». Dal
punto di vista architettonico, qualunque sia la forma, i teatri
sono progettati per attori e spettatori; obbedire alla legge primordiale di
gioco, che consiste nel delimitare uno spazio, cioè isolare la scena dal
realtà, ed è per questo che impongono (il principale fattore antipanico) una concezione
a priori dell'attore e delle relazioni spaziali. Prima di tutto, l'attore deve
servire l'architetto e poi l'autore. I teatri impongono movimenti
corpo, sebbene, in generale, sia il gesto umano che determina il
architettura. Rimuovendo lo spettatore alla festa di panico, viene rimosso automaticamente
La «poltrona» e l '«interpretazione» sono tenuti davanti a uno sguardo immobile. Il luogo
dove "effimero" si verifica è uno spazio illimitato, in modo tale che
Non si sa dove inizi la scena e dove inizi la realtà. Il
"Panic Company" sceglierà il posto più adatto a loro: un lotto libero, a
foresta, una piazza pubblica, una sala operatoria, una piscina, una casa in rovina o
un teatro tradizionale, ma usando tutto il suo volume: dimostrazioni
euforico nel cortile, negli spogliatoi o nei bagni,
straripando lungo i corridoi, nel seminterrato, nel tetto, ecc. Pure
puoi fare un "effimero" sotto il mare, su un aereo, su un treno veloce, un ce
menterio, una maternità, un mattatoio, una casa di cura, in una grotta

Pagina 28
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
28
preistorico, in un bar gay, in un convento o durante una veglia.
Poiché "effimero" è una manifestazione concreta, non può essere evocato
in esso problemi di spazio e tempo: lo spazio ha le sue misure reali e
non può simboleggiare un altro spazio: è quello che è nell'istante stesso. Qualcosa
Lo stesso accade nel tempo: non puoi immaginare l'età. Il tempo che
succede davvero corrisponde a quanto tempo le azioni svolte in questo
momento. In quel tempo reale e in quello spazio oggettivo l'ex attore si muove. lui
L'attore è un uomo che divide la sua attività tra una "persona" e un
"carattere". Prima del panico, potevano essere contati in modo chiaro e preciso
due scuole teatrali: in una la persona-attore ha dovuto fondersi completamente
nel "personaggio", mentendo a se stesso e agli altri, con tale padronanza che
perderebbe la sua "persona" per diventare un altro, un personaggio con limiti
più conciso, prodotto secondo le definizioni. Nella seconda scuola,
ha insegnato ad agire in modo eclettico, in modo che l'attore, mentre
persona, era contemporaneamente un personaggio. In nessun caso si dovrebbe
dimentica che recitava e la persona, durante lo spettacolo, poteva
critica il tuo personaggio.
L'ex attore, l'uomo di panico, non recita in una performance e ha eliminato
totalmente il personaggio. Nel "effimero", quest'uomo in preda al panico cerca di raggiungere
alla persona che è.
Che un'altra commedia venga eseguita all'interno di una commedia, loro adorano
i drammaturghi. Succede molte volte che su una scena ne viene montata un'altra
scena in cui altri attori recitano prima dei primi attori.
Il panico pensa che nella vita di tutti i giorni camminino tutti gli "augustiani"
mascherato da un personaggio e che la missione del teatro è quella di fare
l'uomo smette di interpretare un personaggio di fronte ad altri personaggi, che
finiscono per rimuoverlo per avvicinarsi gradualmente alla persona.
È il percorso inverso delle vecchie scuole di teatro; invece di andare
persona al personaggio - come credevano queste scuole - tentativi di panico
ottenere dal personaggio che è (dall'educazione antipanico impiantata da
l '"agosto") alla persona che è chiusa dentro di sé. Questo
"L'altro" risveglio nel panico euforia non è un pupazzo fatto di
definizioni e bugie, ma un essere con limitazioni minori. L'euforia di
l '"effimero" conduce alla totalità, alla liberazione delle forze superiori, a
stato di grazia.
In breve: l'uomo di panico non si nasconde dietro i suoi personaggi, ma
cercando di trovare la sua vera modalità di espressione. Invece di essere un
Bugiardo esibizionista, è un poeta in trance. (Capiamo da
poeta non lo scrittore desktop, ma l'atleta creativo.)
Come hai materializzato questo programma manifest?
Ho promosso tra il pubblico e gli attori la pratica di un atto teatrale radicale
che consisteva nell'interpretare il proprio dramma, nell'esplorare il proprio enigma
intimo. Fu per me l'inizio di un teatro sacro e quasi terapeutico. Poi
Mi sono reso conto che se fossi riuscito, nella mia attività teatrale, a far saltare in aria il film
le forme, lo spazio, la relazione attore-spettatore, non avevano ancora attaccato il
tempo metereologico. Ero ancora imprigionato nell'idea che lo spettacolo dovesse essere
provato ed eseguito in più occasioni. Al momento in cui
gli eventi stavano cominciando a emergere negli Stati Uniti, così ho inventato
Messico, quello che ho chiamato "il panico effimero". Consisteva nel montaggio a
mostra che poteva essere visto solo una volta. Dovevi introdurre delle cose

Pagina 29
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
29
deperibile: fumo, frutta, gelatina, animali vivi ... Si trattava di creare
atti che non potrebbero mai essere ripetuti. In breve, volevo che il teatro lo facesse
invece di tendere verso il fisso, verso la morte, è tornato alla sua stessa specificità:
il momento istantaneo, il fuggitivo, il momento unico per sempre. In tal senso, il
il teatro è realizzato a immagine della vita, in cui, secondo la citazione di Eraclito,
non si fa mai il bagno nello stesso fiume. Concepire il teatro in questo modo era portarlo a
estremo, vai al parossismo di questa forma d'arte. Attraverso l' accaduto
Ho riscoperto l'atto teatrale e il suo potenziale terapeutico.
Come l'ho fatto? Quali erano gli ingredienti di quelli
avvenimenti?
Beh, ho scelto un posto, potrebbe essere tutt'altro che un teatro: la scuola
de Bellas Artes, un ospedale psichiatrico, un sanatorio, una scuola per persone con
Sindrome di Down ... Ho scelto luoghi esistenti e ho inserito l'azione in essi.
Gli hanno davvero permesso di installare il panico effimero in quei luoghi?
Sì, questa è la cosa meravigliosa del Messico! La disciplina è inesistente, ti permettono
fai quel genere di cose. Un giorno abbiamo messo su un grande balletto in un cimitero: lo era
un atto forte, la danza dei vivi tra i morti ... Poi, una volta selezionato
Dopo aver allestito il posto, mi sono rivolto a un gruppo di persone desiderose di esprimersi.
In nessun caso mi rivolgevo agli attori, ma alle persone disposte a fare un film
atto pubblico gratuito. Ci sono tutte le condizioni per il
avvento dell'effimero ...
L'effimero, come l'hai praticato, aveva, se non sbaglio, qualcosa di simile
Fantastico: aveva tutti gli ingredienti per una sontuosa festa. Come
Hai avuto i mezzi necessari per finanziare tali eventi?
Ho sempre trovato i soldi. Per me doveva essere un panico effimero
proprio una festa. Ora, quando hai una festa, non ti carica
i tuoi ospiti per le bevande o il cibo che mangiano. Lo farò
ha sempre riparato: ha ricevuto denaro per i diritti d'autore, ha assemblato più pezzi
classico, spesso con un altro nome ... Il fatto è che, proprio come
Gurdjieff, non ho mai avuto problemi finanziari, che, visto come ha funzionato
sempre, è davvero miracoloso! Per il resto, credo nel miracolo, o meglio
nell'esistenza di una legge: se le mie intenzioni sono pure e faccio quello che devo
fare, i soldi arriveranno, in un modo o nell'altro. Forse non sarò mai quello che so
una persona ricca chiama, ma avrò sempre i mezzi finanziari per farlo
richiede ogni momento. Quando c'erano soldi nelle mie casse, li ho investiti in a
accadendo. Stavo chiedendo a qualcuno di sapere cosa voleva esprimere e io
fornito i mezzi per farlo. Questo modo di affrontare l'avvenimento
quindi aveva già un valore terapeutico. Era anche un modo di
proseguire nella linea degli atti poetici di cui abbiamo parlato.
Quali lezioni hai tratto dai tuoi avvenimenti?
Mi sono reso conto che molte persone recitano un atto che
Le condizioni ordinarie non consentono loro di esibirsi. Ma per quanto riguarda qualcuno
offre la possibilità concreta di esprimere pubblicamente e in circostanze
atto favorevole che vi dorme, è molto raro che la persona dubiti. Se io
chiedi quale atto vorresti recitare in pubblico, sono sicuro che lo farai

Pagina 30
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
30
una risposta si verificherebbe immediatamente e se soddisfacessi le condizioni
favorevole alla realizzazione di quel gesto, saresti felice di partecipare
nel gioco.
Va bene...
Lasciatemi fare alcuni esempi: negli anni sessanta avevo fondato
Il Messico è un gruppo di panico, non con attori e altri artisti, ma con persone
gli appassionati alla ricerca di un modo autentico di esprimersi, lontano da tutto
conformità. Avendo raggiunto il cortile centrale della scuola di San Carlos,
Ho suggerito ai miei amici di immaginare l'atto che vorrebbero eseguire, e io
procurerebbe i mezzi per realizzarlo. Il famoso pittore Manuel Felguérez
si unì alla manifestazione di panico e decise di gestire pubblicamente un pollo
al fine di realizzare un dipinto astratto con le viscere e il sangue del
l'animale, mentre al suo fianco sua moglie, vestita con un'uniforme nazista, divorava
una dozzina di tacos di pollo.
Che campione di buon gusto ... davvero squisito. Ce ne sono altri?
Centinaia! Una ragazza voleva ballare nuda al ritmo
Africano come un uomo barbuto coperto il suo corpo con schiuma da barba.
Un altro voleva apparire come una ballerina di danza classica, con indosso un tutù ma senza mutande, e
pipì mentre si gioca la morte del cigno. Uno studente di architettura
usò un manichino da vetrina e lo colpì violentemente con un'ascia nel
pancia e sesso. Una volta distrutto il manichino, prese diverse corde dall'interno
di chorizo e centinaia di palline di vetro. Un altro studente sembrava vestito come
insegnante di matematica con un grosso sacco pieno di uova. Come
recitava le sue formule algebriche, rompendosi un uovo dopo l'altro sulla fronte.
Un altro arrivò con un barattolo di ferro bianco e diversi litri di latte. In piedi sul
tinaja, ha iniziato a recitare una classica poesia per la festa della mamma mentre si svuotava
bottiglie di latte in testa. Una donna con lunghi capelli biondi,
vestita con calze nere decorate con caviglie di perle, apparve
camminando con le stampelle e urlando in cima ai nostri polmoni: «Sono innocente! sono
innocente!". Allo stesso tempo, ha tirato pezzi di carne cruda tra i suoi seni
che ha lanciato al pubblico. Quindi si sedette sulla sedia di un bambino e si fece da solo
radere completamente la testa da un parrucchiere. Davanti a lei c'era un'auto
pieno di teste di bambola di tutte le dimensioni, senza occhi o capelli. Una volta
rasata, la donna cominciò a gettare la testa sul pubblico urlando:
"Sono io! Sono io!". Un ragazzo vestito in smoking si spinse verso di lui.
al centro della scena una vasca da bagno coperta da un asciugamano. A causa del peso,
puoi immaginare che fosse pieno di liquido. Lasciò il palco e tornò
portando in braccio una giovane donna vestita da sposa. Senza rilasciarlo, ha rimosso il file
asciugamano: la vasca era piena di sangue. Continuando a trattenere la sposa, cominciò a farlo
accarezzare il seno, il pube e le gambe per finire, sempre di più
eccitato, immergendolo nel sangue. Ha subito iniziato a strofinarlo
una vipera dal vivo mentre cantava un'opera lirica. Una donna estremamente
attraente, con l'aria di un vampiro di Hollywood, in un lungo vestito d'oro
che ha modellato il suo corpo, è apparso sul palco con un paio di forbici
grande in mano. Diversi uomini oscuri le strisciavano verso,
Ognuna le offre un'enorme banana che ha tagliato con le forbici
ridendo forte ...
Sono esempi sufficienti. Alcuni vedrebbero in queste descrizioni barocche

Pagina 31
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
31
una raccolta di fantasmi ... Parli prima del valore terapeutico
di tali atti; Ma non c'è il rischio di cadere piatto e
esibizionismo?
In Messico era vietato eseguire in pubblico un atto che aveva
connotazioni apertamente sessuali. Dal momento che non volevo avere problemi con
giustizia, esercitò una sorta di controllo e scartò quelle persone di cui
gli atti avrebbero potuto essere visti come attacchi contro il bene
personalizzato. Inoltre, ho sempre cercato di stare lontano dalle storie
di droghe. Ma, insisto, la censura è stata esercitata solo in quei due settori: a
un giorno matto ha insistito per mangiare un piccione vivo sul palco. suo
l'atto produsse una commozione generale, svenimenti, articoli di protesta nel
giornali, ma non potevano mandarmi in prigione, cosa che sarebbe accaduta se
sarebbe stato uno scandalo sessuale. Al di fuori del sesso, tutto era permesso.
Parli di un limite imposto dall'estero dalla legge del Paese. Di
avrebbe fatto senza quelle restrizioni?
Negli Stati Uniti era frequente, nel contesto degli avvenimenti, arrendersi
alle specie di orge collettive in cui i partecipanti hanno proceduto
accarezzarsi a vicenda fumando marijuana. Sono stato invitato più volte a
quel tipo di celebrazione, a New York o altrove, ma ho sempre rifiutato
invito perché ho capito subito che questa strada era un vicolo senza
partenza. Tutto ciò alla fine tradotto in una subdola forma di pornografia.
Ora, la pornografia non è costruttiva ma distruttiva: sotto il
apparenza di libertà, ciò che in realtà sta proponendo è un nuovo modo di
schiavitù.
Ritorniamo alla storia del pepe e della farfalla ... Se l'atto è a
azione e non reazione, dov'è il limite tra il rilascio
mostri che dormono profondamente dentro di noi, con il conseguente rischio
che ci divorano e l'esecuzione cosciente di un atto liberatorio?
È un confine molto sottile e qui sta proprio il pericolo
tipo di pratiche. Ho presto scoperto che le persone mi stavano avvicinando
quale pornografia o atti vandalici costituivano atti. Non li ho incoraggiati a continuare
perché l'esperienza acquisita durante gli atti poetici mi aveva insegnato
dirigere solo cose positive. Tuttavia, il "positivo" è molto difficile, cioè
ciò che va nel senso della vita e della sua espansione; per il "negativo"
Capisco cosa va nella direzione della morte e della distruzione quando
gli "atti" sono messi in scena. L'atto stesso implica il collegamento con cosa
oscuro e violento, indicibile e represso che si porta dentro. Per positivo
Qualunque cosa sia, ogni atto porta con sé una certa "negatività".
L'importante è che quelle energie distruttive, che comunque
quando rimangono stagnanti ci mangiano dentro, possono ventilare
in un'espressione canalizzata e trasformante. L'alchimia dell'atto compiuta
trasmutare l'oscurità in luce.
La tua responsabilità è schiacciante, per non dire altro! Non rischiare
gioca l'apprendista stregone?
Non più. Non sono al sicuro da tutti i rischi, perché il pericolo fa parte della vita.
Se vuoi rimanere piegato nel tuo piccolo mondo senza mettere in discussione il tuo

Pagina 32
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
32
operazione, non vale la pena provare un atto che implica esporsi! Migliore
resta a casa a guardare la televisione ... Ma il lavoro che propongo
attualmente si basa su una lunga esperienza, esperienza che non ho
avuto in quel lontano tempo di avvenimenti. Altrimenti no
Dovevo essere un terapista: prima di tutto, come artista,
uomo di teatro alla ricerca della piena espressione, mentre lo esploravo
forma d'arte in cui ha visto, inoltre, effetti terapeutici. dovere
ricollocare quelle esperienze nel contesto. Detto questo, ammetto di essermi impegnato
a quel tempo alcuni difetti. Ad esempio, la devozione pubblica del
oggi il piccione mi sembra un errore di rotta, un atto puramente distruttivo.
Ma non me l'aspettavo! Non immaginavo che l'uomo potesse esibirsi
Qualcosa di simile, non ha mai dichiarato che questa era la sua intenzione. Quando l'ho visto arrivare
con quell'animale vivo, mi ha colpito duramente e mi sono sentito sopraffatto ...
Riconosco la mia follia da quel momento. Ma uno diventa saggio solo nel
mentre attraversi la tua stessa follia.
Hai mai avuto paura di perdere il controllo di un'energia che tu
aveva generato? Ci sono stati momenti in cui il panico effimero è stato trasformato
in puro e semplice panico?
(Risate.) Ci sono stati momenti estremi, ma penso di esserci sempre stato
misteriosamente protetto. Sono rimasto molto colpito nel vedere Jerry Lee Lewis
bruciare il piano alla fine dei suoi concerti; che mi ha portato a dare fuoco a a
piano e generare un movimento di panico nella stanza. In un'altra occasione, nel
Il centro americano di Parigi, durante un effimero che ha fatto la storia, ha avuto un
cesto pieno di serpenti che stavo per lanciare al pubblico.
Riesci a immaginare l'Apocalisse a cui avremmo partecipato? Ma nell'istante
quando stavo per passare l'atto, una sorta di sesto senso mi ha avvertito del
Pericolo. All'improvviso ho avuto la visione di un panico terrificante, attacchi
Cuore, persone calpestate o schiacciate nella fuga verso l'uscita ...
Potrebbe essere stata una vera catastrofe ...
Potresti darmi un esempio di un avvenimento eccessivo che ho per te
un valore iniziatico?
All'epoca ero giovane e piuttosto bello. Ho quindi avuto
alcuni ammiratori. Quattro di loro volevano mettere in scena uno strano
disposizione: in Messico è consuetudine bere tequila accompagnata da a
tipo di succo di pomodoro piccante chiamato sangrita. Quindi ce ne sono sempre due
bottiglie, una di tequila e una di sangrita. Le signore sono salite sul palco
Offri una bottiglia di tequila, chiedendomi di bere da essa. Una volta
Avevo un dottore venuto e prelevò un po 'di sangue da ognuno. Quello
il sangue fu versato in un bicchiere che mi fu presentato dicendo: "Adesso bevi il
sangrita; bevi la sangrita dei tuoi discepoli »... Era un vero
impatto. Ho intrapreso un lungo discorso su pane, vino, cena,
Ultima cena di Cristo, mentre mi diceva che da quando era stata la
abbastanza audace da organizzare quegli avvenimenti, ora dovevo farlo
affrontare le conseguenze delle mie azioni. Quando finalmente
Ho deciso di bere il sangue, era coagulato! Nella mia qualità di creatore di cosa
panico effimero, per me è stato impossibile sgattaiolare via: quindi non ho bevuto, ma
Ho mangiato il sangue dei miei seguaci ...
Al di là del carattere eccessivo o scandaloso di tali esperienze, queste
hanno un valore iniziatico. Ti costringono ad andare, anche solo per un momento, oltre

Pagina 33
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
33
di attrazione e repulsione, di condizionamento culturale, di
criteri di bellezza e bruttezza ...
Queste donne mi hanno messo contro il muro e ho dovuto abbandonare il
discorsi ed estetica pura. Era un insegnamento. Ammetto che tutti questi atti
non sono sempre stati eseguiti coscienziosamente e che era un periodo
sperimentale, ma è entrando nella gabbia che la tigre viene domata.
Da un punto di vista artistico, queste pratiche gli hanno guadagnato una reputazione.
piuttosto controverso ...
La controversia fu considerevole. Ho ricevuto molte lettere in cui il ditirambo
si strofinò le spalle con l'insulto, persino la minaccia. Il mondo del teatro messicano
fu rivoluzionato. Dal Messico sono venuto a Parigi, dove quello
straordinario avvenimento dell'American Center.
Forse potresti parlarcene, per quanto lo fosse per te a
una specie di apoteosi, un atto convulso e purificante.
Sì, è stata una grande festa, una celebrazione in cui le forze del
l'oscurità venne fuori dalla trappola per combattere in piena luce con le forze
luminoso, un combattimento tra angeli e bestie, un rituale saturo di saggezza
e follia ... Quello spettacolo di panico era stato preparato minuziosamente.
Avevo acquisito esperienza e non tentavo più: i rischi
sono stati assunti con piena conoscenza della causa. Montando questo
evento, ero consapevole che stavo andando verso la morte,
un rito di transizione che poteva essere solo distrutto o trasformato ... Per
non si trattava di divertirsi concedendosi una piccola masturbazione
intellettuale di fronte a un pubblico prescelto. Non avevo nulla a che fare con il
lucubrazioni d'avanguardia da parte di cervelli poveri di
alcuni pseudo artisti autosufficienti! Mi importava così poco
allora come adesso il temibile mezzo di "spiritualità", di opinione
di quelle persone costantemente spaventate che cercano rifugio in un nirvana
scadente per evitare di dover affrontare le mostruosità della vita,
la dimensione di panico della vita di tutti i giorni ... Non si trattava di montare un piccolo
spettacolo simpatico la cui audacia è stata applaudita dai critici della moda,
ma mettermi in discussione completamente. Volevo espormi, mettere a rischio la vita,
morte, follia, saggezza, esecuzione di una sorta di sacrificio rituale.
Quello che è successo?
La prima parte era basata su creazioni di Topor, Arrabal e
Alain-Yves Leyaouanc. Topor mi ha dato quattro disegni che ho messo in scena
con la compagnia di balletto di Graciela Martínez, in costume di stoffa bianca
che l'artista stesso ha disegnato e personaggi tagliati dal legno. lui
Il pubblico ha così potuto assistere al balletto di Topor, che si è svolto lentamente su un
sfondo nero. Comprendeva le fasi dell'iniziazione di una ragazza molto giovane:
il primo paio di calze, portato in una piccola carriola da una vecchia senza
gambe, il primo paio di scarpe, il primo reggiseno (due personaggi simili a Chaplin
hanno preso a calci un enorme petto di gesso, sollevandosi
una nuvola di polvere), il primo rossetto, i primi gioielli ...
Arrabal mi ha dato una commedia di quattro pagine: la storia di a
principessa innamorata di un principe dalla testa di cane che ha appena
tradendolo con un principe dalla testa di toro. Per questa scena, ho avuto

Pagina 34
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
3. 4
riempì il palco con migliaia di pulcini che cinguettavano facendo rumore
infernale. La principessa ha masturbato un corno di toro fino a quando non è uscito un jet
di latte condensato. Queste prime due parti costituivano secondo me il
prologo comico-poetico al "melodramma sacramentale". Alcuni dei poeti
i più famosi americani della beat generation, incluso Allen
Ginsberg e Lawrence Ferlinghetti hanno partecipato all'evento. Quest'ultimo è
Fu così colpito che mi chiese il suo City Lights Journal a
descrizione del melodramma sacramentale, preceduto da un breve prologo
esplicativo. Ti leggerò quel documento, pubblicato a San Francisco nel 1966.
Scritto nel calore di quell'evento, esprime meglio tutta la follia e la bellezza di
questo panico effimero di ciò che i miei ricordi attuali potrebbero fare.
Lo scopo del teatro: provocare incidenti.
Il teatro dovrebbe basarsi su ciò che finora abbiamo chiamato
«Errori»: incidenti effimeri. Accettando la sua natura effimera, il teatro scoprirà cosa
che lo distingue dalle altre arti e, quindi, si aprirà alla sua stessa essenza. Gli altri
le arti lasciano pagine scritte, registrazioni, tessuti, volumi: tracce oggettive che il
il tempo passa solo molto lentamente. Il teatro, nel frattempo, non dovrebbe nemmeno durare
un solo giorno della vita di un uomo. Non appena è nato, dovrebbe morire presto. Il
solo le impronte che lascerà saranno incise all'interno degli esseri umani e
si manifesteranno in cambiamenti psicologici. Se lo scopo delle altre arti è creare opere,
lo scopo del teatro è di cambiare direttamente gli uomini: se il teatro non è a
scienze della vita, non può essere un'arte.
MELODRAM SACRAMENTALE
Un panico effimero presentato il 24 maggio 1965
al secondo festival di espressione libera di Parigi
Uno spazio scenico da cui sono state rimosse tutte le stringhe, i set
eccetera. In altre parole, un palcoscenico privo di tutte le sue futilità: i muri
nudo.
Tutto è dipinto di bianco, anche il pavimento.
Un'auto nera (in buone condizioni); il vetro è rotto in modo da farlo
possono immagazzinare oggetti all'interno, usare quello spazio come un armadio, come un posto dove
riposo, ecc.
Due scatole bianche su cui sono disposti oggetti bianchi.
Una macelleria, una piccola ascia.
Una boccetta di olio bollente su una stufa elettrica.
Prima di sollevare il sipario, viene bruciata una grande quantità di incenso.
Tutte le donne hanno il seno nudo.
Due di loro, distesi sul pavimento, sono completamente dipinti di bianco.
Un'altra donna, dipinta di nero, è sul tetto della macchina nera. Accanto a lei,
un altro, dipinto di rosa. Entrambi hanno i piedi immersi in un barattolo di
argento.
Una donna, con un lungo vestito argentato e capelli mezzo pettinati
luna, riposa su due stampelle. Tutta la sua faccia è mascherata, persino il naso
e la sua bocca. Due buchi nel vestito rivelano i suoi capezzoli, un altro rivela i suoi peli pubici.
Porta con sé un grosso paio di forbici d'argento.
Ancora un'altra donna, che indossa un cappuccio da boia, grandi stivali di pelle, a
cintura spessa. Ha una frusta in mano. I suoi seni sono coperti da uno scialle
nero.
Gruppo rock'n'roll: sei ragazzi con i capelli lunghi fino alle spalle.
Nessuno avrebbe dovuto ingerire droghe tranne i musicisti.
Una rampa collega il palco con il pubblico. Gli oggetti e i costumi usati durante il

Pagina 35
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
35
lo spettacolo verrà rilasciato agli spettatori.
Apertura improvvisa e fragorosa del sipario. La calma prima della tempesta.
Appare, vestito con un abito di plastica nera lucida, pantaloni alti come
da un bidone della spazzatura, stivali di gomma, guanti di pelle, lenti di plastica spessa.
Sulla mia testa, un casco da motociclista, bianco, come un grosso uovo.
Due oche bianche. Mi sono tagliato la gola. La musica esplode: cascata di chitarre
elettrico.
Gli uccelli vagano in agonia. Le piume volano. Il sangue schizza sul
due donne bianche. Trance. Ballo con loro. Li ho colpiti con i cadaveri. Rumore
Morte. Sangue.
(Avevo programmato di massacrare gli uccelli sul bancone del macellaio. Ma nel mio stato
trance, portato da una strana forza, ho strappato il collo con le mani con il
con la stessa facilità con cui avresti rimosso il tappo da una bottiglia.)
La donna rosa, con i piedi sempre nel vaso, ondeggia i fianchi mentre
la donna nera, come una schiava, inizia a coprire il suo corpo di miele.
Distruggo le oche sul bancone del macellaio.
La donna argentata apre e chiude violentemente le forbici. Ah, quel rumore metallico!
Passa le forbici alle due donne bianche, che iniziano a tagliare la plastica
nero.
Mi distruggono il vestito. Perdo gli stivali e i guanti. Stranamente posseduto
Inoltre, le due donne finiscono per strapparmi il vestito a mani nude.
Il mio corpo viene quindi rivestito con 20 chili di bistecca, cucito come una camicia.
Ululanti, le donne si avventano sulla carne rossa e la fanno a pezzi
piccoli. Consegnano i pezzi alla donna d'argento. Con un cucchiaio enorme
argentato, introduce con calma le bistecche nell'olio bollente. (Il
la vicinanza della stufa e dei corpi sudati delle donne produce colpi
elettrico.)
Ogni pezzo di carne fritta è posto su un piatto bianco; le donne offrono
piatti in vista pubblica.
Sono ancora vestito con pantaloni di pelle nera. Un fallo fatto con esso
la materia è perpendicolare al terreno. Ho dei braccialetti di cuoio
polsi e caviglie: omaggio a Maciste, l'Ercole del popolo italiano.
Concentrazione. Karate-kata.
Raccolgo l'ascia e taglio il fallo di cuoio sul tavolo del macellaio.
La donna di colore, consapevole del suo scheletro, balla, muove le sue ossa come una
fantoccio, mentre rompo i piatti bianchi con colpi di martello.
Le donne bianche ballano senza sosta. Quando si sentono stanchi, adottano il
postura zazen.
Sollevo una scatola di metallo. Lentamente, alzo lo scialle nero che mi copre il seno.
del carnefice. La sua pelle non è dipinta. Ha un seno forte e sano, un corpo
potente.
Mi passo il dipinto intorno al collo, voltando le spalle al pubblico.
La donna mi dà un colpo di frusta. Traccio una linea rossa sul seno destro con
un rossetto.
Seconda ciglia. La linea inizia dal tuo plesso solare e scende verso il tuo
vagina.
(La prima ciglia è stata forte, ma non abbastanza: aveva bisogno di più. Stava cercando un
stato psicologico che mi era sconosciuto fino ad allora. Ho dovuto sanguinare
trascendere me stesso, rompere la mia stessa immagine. Il secondo colpo mi ha segnato
immediatamente. Quindi il carnefice perse il controllo, perché molte volte lo aveva fatto
sognavo di frustare un uomo. La terza volta, completamente eccitato, io
frustò con tutte le sue forze. La ferita ha impiegato due settimane per guarire.)
La donna vuole continuare a colpirmi; mi spinge con tutte le sue forze. Con il
apparato attorno al collo, mi giro e cado a terra. (Avrei potuto rompere il mio
vertebre cervicali, ma nello strano stato emotivo in cui mi trovo, il

Pagina 36
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
36
Il tempo rallenta e, come se fossi in un film al rallentatore,
ta, sono stato in grado di alzarmi senza il minimo infortunio.) Le pungo il seno per calmarla. Calma.
La donna di colore mi porta limoni. Ah, quel colore giallo!
Li dispongo in cerchio sul pavimento. Mi inginocchio al centro.
Un parrucchiere professionista, quasi paralizzato dalla paura, si avvicina per tagliarmi
capelli.
La donna coperta di miele scende dal tetto della macchina. Ballo con lei.
Desiderio sessuale, con una forza onirica. Le sue calze sembrano riassumere tutto
ipocrisia sociale. Li tiro fuori senza preamboli. Le scivolano lungo le cosce piene di miele.
api L'impatto del suo pube nero. La sottomissione delle donne. I suoi occhi socchiusi.
La sua naturale accettazione della nudità. La libertà. Purezza. Si inginocchia accanto a me.
Sul suo corpo, e partendo dalla pancia, incollo i capelli che mi tagliano.
Voglio dare l'impressione che i tuoi peli pubici crescano come una foresta e
invadere tutto il tuo corpo. Le mani del parrucchiere sono paralizzate dall'ansia.
È il carnefice che deve finire di radermi la testa.
Due modelli di Catherine Harley, ignari di tutto ciò che sta accadendo e pieno di
panico all'idea di sporcare i suoi costosissimi abiti di seta (presi in affitto
l'occasione), vanno e vengono, portando sul palco 250 grandi pani.
A quel tempo, il mio cervello è in fiamme. Tiro fuori da un barattolo d'argento quattro
serpenti neri. All'inizio, provo ad attaccarli con un panno adesivo su di me
testa come i capelli, ma cedo la tentazione di posarli sul mio petto
come due croci vive. Il mio sudore mi impedisce.
I serpenti si increspano intorno alle mie mani come acqua viva. Nozze.
Inseguo la donna rosa con i serpenti. Si nasconde in macchina, come
una tartaruga nel suo guscio. Danza dentro. Suggerisce un pesce in un acquario.
Spavento uno dei due modelli. Lascia cadere il pane e salta indietro.
Uno spettatore ride. Gli lancio il pane in faccia. (Durante un ricevimento, alcuni giorni
Più tardi, questa donna mi si è avvicinata e mi ha detto che quando ha ricevuto quel pane in faccia
aveva provato la sensazione di comunione, come se avessi introdotto a
ospite gigantesco attraverso il cranio.)
Improvvisamente lucidità: vedo il pubblico seduto lì sui seggi, gente paralizzata,
isterico, eccitato, ma immobile, senza coinvolgimento fisico, terrorizzato dal caos
che sta per divorarli: devo lanciarli contro i serpenti o farli esplodere.
Mi trattengo. Respingo il facile scandalo di un panico collettivo.
Calma. Violenza musicale. Gli amplificatori a tutto volume.
Mi vesto in pantaloni, una camicia e scarpe arancioni. Il colore di a
Buddista bruciato vivo.
Esco e torno con una pesante croce fatta di due travi di legno. Sulla croce
un pollo crocifisso a testa in giù, culo in su, con due chiodi nelle zampe,
come un Cristo decapitato. L'ho lasciato marcire per una settimana. Sulla croce
due segnali stradali: sotto, un cartello con una freccia e la menzione «Exit by
su"; sopra il pollo, un cartello con la menzione: "Vietato uscire." Gli do il
croce alla donna d'argento. Ne porto un altro. Due segni indicatori: sempre uno sotto quello
indica verso l'alto; sempre uno al piano superiore che vieta di uscire.
Passo la croce a una delle donne in bianco. Porto una terza croce. Lo farò
Consegno l'altra donna in bianco.
Le due donne cavalcano sulle croci, trasformandole in giganteschi fallo;
combattono tra loro; uno di questi introduce il punto della croce attraverso la finestra del
auto e simula i movimenti di un atto sessuale con l'auto.
Sistemo il barattolo davanti alla croce. Il pollo crocifisso viene scosso sopra
le teste degli spettatori. Lasciamo cadere le croci.
Scelgo tra i musicisti quello con i capelli più lunghi. Lo raccolgo.
È più rigido di una mummia. Lo ha vestito con un seme di patate. Lo copro di stola.
Le donne, in ginocchio, aprono la bocca e tirano fuori la lingua il più lontano possibile.
Appare un nuovo personaggio: una donna vestita con un abito tubolare, come una

Pagina 37
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
37
lombrico in piedi. Attraverso questo costume, voglio suggerire l'idea di una "forma papale" in
decomposizione. Un papa trasformato in un camembert.
Il musicista, imitando i gesti di un prete, apre una lattina di frutta sciroppata.
Mette mezza pesca gialla nella bocca di ciascuna delle donne. Questi così
Deglutiscono in un morso.
Wafer imbevuto di sciroppo!
Una donna incinta fa la sua comparsa. Stomaco di cartone. Il papa si accorge
chi ha una mano di gesso. Prendi l'ascia e spezzala in mille pezzi. Apre il
stomaco usando un pidocchio (devo controllarlo per evitare di ferirlo
Veramente).
Si mette le mani nello stomaco, da cui estrae le lampadine elettriche. Il
la donna urla come se stesse partorendo. Si alza, prende un bambino dal seno
di gomma e colpisce il papa al petto con esso. La bambola cade a terra. La donna lo è
ritirarsi. Raccolgo il bambino. Apro la pancia con un bisturi ed estraggo dal suo interno un pesce
Vivo nelle convulsioni dell'agonia. Fine della musica. Solo percussioni brutali.
Il pesce continua a contorcersi; il batterista scuote qualche bottiglia di champagne fino a quando
esplodere.
Vedendo come la schiuma copre tutto, il papa ha una vestibilità epilettica. Il pesce
andare morto. La batteria è silenziosa. Lancio l'animale oltre la rampa; cade nel mezzo di
pubblico. Presenza di morte
Tutti lasciano il palco, tranne me.
Musica ebraica. Inno atroce. Lentezza.
Due enormi mani bianche mi lanciano la testa di una mucca. Pesa otto chili. suo
bianchezza, sua umidità; i suoi occhi, la sua lingua ...
Le mie braccia sentono il loro freddo. Io stesso divento frigido. Per un secondo, io
Mi trasformo in quella testa.
Sento il mio corpo: un cadavere a forma di testa di mucca. Cado da
ginocchia. Voglio ululare. Per me è impossibile farlo perché la bocca della mucca è chiusa.
Gli ho messo l'indice negli occhi. Le mie dita scivolano sulle pupille. Non sento niente
a parte il mio satellite sensibile alle dita che gira intorno a un pianeta morto. io
Mi sento come la testa della mucca: cieca. Desiderio di vedere
Buco la lingua con un punteruolo; Apro le mascelle. Tirare la lingua. Dirigo il
testa, con la bocca aperta, verso il cielo, nello stesso momento in cui alzo il mio, con il
bocca aperta.
Un ululato non viene da me, ma dal cadavere. Ancora una volta, vedo il pubblico.
Immobile, ghiacciato, fatto di pelle bovina morta. Siamo tutti i cadaveri. Lancio il
testa in mezzo alla stanza. Questo diventa il centro del nostro cerchio.
Entra un rabbino (le enormi mani bianche erano le sue).
Indossa un cappotto nero, un cappello nero, una barba bianca da vecchio
Poinsettia. Cammina come Frankenstein. È in piedi su un barattolo d'argento. Estratto
tre bottiglie di latte da una valigia di cuoio. Le versa sul suo cappello.
Mi strofino la guancia contro la sua. Il suo viso è bianco. Facciamo un bagno al latte.
Battesimo.
Mi prende per le orecchie e mi dà un bacio appassionato sulla bocca. Le sue mani
mi afferrano per le natiche. Il bacio dura diversi minuti. Tremo, elettrificato. Kaddish.
Con una matita nera, traccia due linee dagli angoli della mia bocca alla mia
mento. La mia mascella ora sembra quella di un polso da ventriloquo. Lui è seduto
sul bancone del macellaio. Una delle sue mani è appoggiata sulla mia schiena
come se volesse attraversarlo, tagliare la colonna vertebrale, inserire la sua
dita dentro la mia gabbia toracica e premendo sui miei polmoni per costringerli a urlare o
pregare. Mi costringe a muovermi. Mi sento come una macchina, come un robot. Angoscia.
Devo smettere di essere una macchina.
Faccio scivolare la mano tra le sue gambe. Apro la sua mosca. Ho messo la mano dentro e
una forza insolita estraggo una zampa di maiale, simile all'immagine che io
Avevo il fallo di mio padre quando avevo cinque anni. Ritiro l'altra mano

Pagina 38
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
38
un paio di testicoli di toro. Apro le braccia a forma di croce. Il rabbino ulula come se
sarebbe stato castrato. Sembra morto.
La musica ebraica diventa più forte; ogni volta diventa più malinconico.
Appare un macellaio, vestito con un cappello, un cappotto, con la barba nera,
il suo grembiule coperto di sangue.
Tende al rabbino e inizia l'autopsia: mette le mani nel cappotto e tira fuori
un enorme cuore di mucca. Odore di carne. Inchiodo il mio cuore sulla croce. Pezzo lungo
di coraggio. Lo inchiodo.
Il macellaio esce. Terrorizzato, alzo il cappello del rabbino. Mi viene fuori un cervello
mucca. Lo soffio sopra la mia testa.
Prendo la croce e la metto vicino al rabbino. Prendo un lungo nastro dalla valigia
plastica rossa e legò l'uomo alla croce ricoperta di budella.
Sollevo l'intero telaio: legno, carne, vestiti, corpo e lo lascio cadere giù dalla rampa
che va al pubblico. (Il peso totale è di 125 kg: ma, nonostante la violenza del
colpo, l'uomo non sentì nulla o subì il minimo graffio.)
Entrano donne bianche, nere, rosa e argento.
Si inginocchiano.
Aspettare.
Entra un nuovo personaggio: una donna coperta di raso nero tagliata a triangoli.
Una specie di ragnatela. È ormeggiato un gommone lungo tre metri
il suo vestito e sembra un'enorme vulva. Plastica arancione gonfiata con aria. Il fondo del
la zattera è di plastica bianca.
Simbolo: l'imene.
Danza. Lei mi chiama. Quando mi avvicino, lei mi rifiuta. Quando me ne vado
lei mi segue. Mi si appollaia addosso. La zattera mi copre completamente. prendo il; prendo la
ascia. Rompo lo sfondo bianco. Howl. Strappo il panno e mi rifugio nella vagina.
Rimango tra le sue gambe, nascosto nel raso nero. Da una borsa nascosta
accanto alla sua pancia, estraggo quaranta tartarughe vive che lancio al pubblico.
Sembrano emergere dall'enorme vagina. Come pietre vive, si direbbe.
Comincio a nascere. Urla di una donna che partorisce. Cado a terra nel mezzo del
bicchiere di lampadine elettriche, piatti, piume, sangue,
dalle esplosioni di fuochi d'artificio (mentre mi rasavano la testa, ho acceso 36
fuochi, uno per ogni anno della mia vita), pozzanghere di miele, pezzetti di pesca, limoni,
pane, latte, carne, stracci, trucioli di legno, unghie, sudore: sono rinato in questo mondo.
Le mie urla assomigliano a quelle di un bambino o di un vecchio. Il vecchio rabbino, attraverso enorme
sforzi, esegue piccoli salti a destra e sinistra, legati alla croce come a
maiale morente. Viene rilasciato dal nastro di plastica. Lui esce.
La madre-donna spinge la donna nera verso di me. Lo alzo. La porto al
al centro della scena, ha le braccia aperte a forma di croce. Un cadavere:
la vernice nera suggerisce una cremazione: la mia stessa morte.
Dandomi la vita, la donna ha gettato la morte tra le mie braccia. Macchiato con
Il trucco del mio partner, inizio a diventare completamente nero. La mia faccia sembra
quello di un bruciato.
Le donne ci legano l'un l'altro con bende. Sono legato a lei dal
vita, braccia, gambe e collo. Questo cadavere ossuto è incorporato in me
e ci sono incorporato. Sembriamo due gemelli siamesi: come se fossimo uno
persona. Lentamente, improvvisiamo una danza. Scendiamo a terra. Il
i movimenti non sono né tuoi né miei, ma entrambi allo stesso tempo.
Possiamo controllarli.
Le donne bianche e rosa ci cospargono di sciroppi di menta, cassis e
Limone. Il liquido viscoso, verde, rosso e giallo ci copre; mescolato con la polvere,
forma una specie di fango.
Magma.
Il sipario inizia a cadere lentamente. I nostri due corpi si afferrano l'un l'altro
un altro, come due colonne. Vogliamo alzarci, cadiamo.

Pagina 39
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
39
Il sipario cala.
(Tutti gli ingredienti utilizzati nel melodramma sacramentale furono rilasciati
al pubblico: tute, asce, contenitori, animali, pane, ricambi auto, ecc. Il
I partecipanti combattono come rapaci per le reliquie. Non è rimasto nulla.)
Mi chiedo se rimpiango di aver perso quello che succede o se mi congratulo con me stesso per averlo
sbarazzarsi di lui ...
Aspetta, non finisce qui! Mentre il pubblico contestava le tartarughe
vivo, i visceri, le bistecche, i capelli, ecc., sono tornato sul palco
e ho rivolto al pubblico i seguenti termini: «Generalmente si paga a caro prezzo
il suo posto in teatro per ricevere poco in cambio. Oggi l'ingresso era gratuito,
non hai pagato nulla ma hai ricevuto molto. È mezzanotte. Per
ti presento l'ultima parte della poesia, ho bisogno di un paio d'ore per
preparazione. Vai a prendere un caffè e torna alle due del mattino.
Tutti applaudirono e uscirono dalla stanza. Due ore dopo, il teatro
era di nuovo pieno. Poi ho iniziato il cerimoniale che aveva
Propose Alain-Yves Leyaouanc. Vestito con un vestito anni venti,
Ho rasato il pube della sua giovane moglie al suono della musica sacra. A proposito del suo
corpo, aveva incollato dei domino. È stato un atto molto eccitante, e il
lo spirito con cui veniva eseguita generava immediatamente un'atmosfera
religioso. C'era anche una replica del Pensatore di Rodin in cui
abbiamo fatto buchi con un martello. Getti di inchiostro cinese gli uscirono dalla testa
dal pensatore, quindi abbiamo liberato duemila uccellini nella stanza. Alla fine dell'evento
Ero così pulito da me stesso che gli uccelli vennero a posarsi su di me
vai senza che me ne accorga.
Qual era il significato di questa dimostrazione pubblica?
Era come un'ordinazione, il sacrificio rituale di ciò che per così tanto tempo
aveva plasmato la mia vita. Questo accade, mentre si passa alla storia,
chiuso un intero palcoscenico della mia vita. Ne ero esausto, senza sangue, e pensavo molto
a. Ho sempre visto lo spettro della distruzione in bilico intorno a me.
brosa e sentiva, più che mai, che il teatro doveva andare in direzione della luce.
Tuttavia, mi sono detto: «Non dimenticare mai che appare il fiore di loto
dalla melma ». Devi esplorare il fango, toccare la morte e il fango per arrampicarti
verso i cieli limpidi. Da allora in poi, la mia preoccupazione fu
promuovere un teatro positivo, illuminante e liberatorio. Mi sono reso conto di averlo fatto
devo cambiare in un modo completamente diverso e ho iniziato a praticare il
consigli sul teatro: se qualcuno, chiunque, volesse fare teatro, lo farei
ha comunicato la seguente teoria: il teatro è una forza magica, un'esperienza
personale e non trasferibile. Non appartiene agli attori, ma a tutti.
Basta una decisione, un assaggio di risoluzione per trasformare quella forza
vita. È tempo che l'essere umano si rompa con i riflessi condizionati,
circoli ipnotici, autoconcetti sbagliati. Letteratura universale
dà un posto importante al tema del "doppio" che, a poco a poco, espelle
un uomo della sua stessa vita, si appropria dei suoi posti preferiti, i suoi
amicizie, la sua famiglia, il suo lavoro, fino a quando non divenne un emarginato e
a volte addirittura lo uccidono, secondo alcune versioni di quel mito universale. Nel
Per quanto mi riguarda, penso che siamo il "doppio" e non l'originale.
Significa che ci identifichiamo con un personaggio che non è altro che a
caricatura della nostra profonda identità?

Pagina 40
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
40
Esattamente. La nostra auto-concezione ...
In altre parole: l'idea che facciamo di noi stessi ...
Sì, il nostro ego - non importa di quale nome diamo quel fattore
alienazione - è solo una copia pallida, un'approssimazione del nostro essere
essenziale. Ci identifichiamo con quel doppio tanto irrisorio quanto illusorio. E di
"L'originale" appare presto. Il padrone del posto ritorna per prendere quel posto
corrisponde. In quel momento, il sé limitato si sente perseguitato, in pericolo
morte, che è totalmente vero. Perché l'originale alla fine si dissolverà
Il doppio. Come gli umani si sono identificati con il nostro doppio, dobbiamo
capire che l'invasore è solo se stesso, la nostra natura profonda.
Nulla ci appartiene, tutto proviene dall'originale. La nostra unica possibilità è quella
l'Altro appare e ci elimina. Non soffriremo di quel crimine, ma
vi parteciperemo. È un sacro sacrificio in cui ci si dà
tutto per il maestro, senza angoscia ...
Fino a che punto il teatro può aiutare una persona a tornare
"Originale"?, Per usare l'espressione che usi.
Dal momento che viviamo rinchiusi in quello che chiamo "nostro"
autoconcetto ", l'idea che abbiamo di noi stessi, perché no
hai un punto di vista totalmente diverso? Ad esempio, domani lo sarai
Rimbaud. Ti alzerai essendo Rimbaud, ti laverai i denti, ti vestirai
come lui, penserai come lui, viaggerai per la città come lui ... Durante a
settimana, ventiquattro ore al giorno e per nessuno spettatore tranne te,
sarai il poeta, comportandoti come un'altra persona con i tuoi amici e conoscenti senza
non dare loro alcuna spiegazione. Sarai un autore-attore-spettatore,
producendoti, non in un teatro, ma nella vita.
Se ho capito bene, ha spiegato quella teoria ai suoi consulenti e poi li ha riparati
Un programma...
Effettivamente! Ha istituito un programma, un atto o una serie di atti per
esibirsi nella vita in un dato momento: cinque ore, dodici ore, ventiquattro
ore ... Un programma sviluppato in base alle sue difficoltà, progettato per rompersi
il personaggio con cui si erano identificati per aiutarli a ripristinare il loro
si lega alla sua natura profonda. Ho fatto adottare un ateo per settimane
la personalità di un santo. A una madre indifferente, ho assegnato il compito di
imitare l'amore materno per un secolo. Ho affidato a un giudice il compito di vestire
Vagabondo per andare a chiedere l'elemosina di fronte alla terrazza di un ristorante. Il suo
tasche, ha dovuto estrarre manciate di occhi di vetro dai polsi.
In questo modo, ha creato un personaggio destinato a impiantarsi nella vita di tutti i giorni
e per migliorarlo. È in quello stadio che stava acquisendo la mia ricerca teatrale
a poco a poco una dimensione terapeutica. Dal regista sono diventato
consulente teatrale, istruendo le persone a prendere il loro posto
come personaggio nella commedia dell'esistenza.
Confesso un certo scetticismo riguardo agli effetti di quella terapia teatrale,
sebbene l'idea stessa sia molto interessante. Come una madre indifferente potrebbe
decidere di adottare il carattere di una madre amorevole e, soprattutto, farcela
per tutta la loro esistenza?

Pagina 41
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
41
Prima di tutto, non dimenticare che tutti i consulenti hanno sofferto di essere
sottoposti al loro doppio. Se si sono avvicinati a me, è stato proprio perché si sentivano
nella loro funzione sbagliata e avvertirono la natura radicalmente diversa dell'originale
in loro. Il processo si basava quindi sul reale desiderio di cambiare. Madre
indifferente, per esempio, soffriva di non poter trasmettere molto amore a suo figlio.
Per il resto, credo nelle virtù dell'imitazione, nel buon senso di
parola. Un santo avanzerà lungo il cammino dell '"imitazione di Gesù Cristo". Perché
un ateo stufo della sua incredulità non potrebbe iniziare a imitare un santo?
Perché no? Ora, qualsiasi imitazione di quel tipo - quello
è uguale a ciò che viene chiamato un ascetismo o una pratica spirituale - non proprio
è così facile da eseguire giorno per giorno ...
Essere d'accordo. Ma se la madre fosse un po 'meno indifferente grazie a questo
processo e l'ateo ha fatto un passo verso la santità, non sarebbe qualcosa per cui
se meraviglioso?

Pagina 42
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
42
L'atto del sogno
L'interpretazione dei sogni occupa un posto preponderante nel
compito del mistico artista-sciamano-regista-clown-teatro alla ricerca di
quell'altra forma di follia che è saggezza.
Sì, sebbene l'interpretazione dei sogni sia una pratica tanto antica quanto
mondo. Nel tempo, solo le forme di interpretazione sono cambiate, da
il sistema semplicistico che consiste nell'attribuire sistematicamente un significato
concreto simbolico a questa o quell'immagine fino al concetto di Jung, secondo il quale
Non si tratta di spiegare il sogno, ma di continuare a viverlo, attraverso l'analisi,
in uno stato di veglia, per vedere dove ci conduce. Il prossimo stadio,
situato al di là di ogni interpretazione, consiste nell'entrare nel sogno lucido,
in cui sai che stai sognando, conoscenza che ti dà la possibilità di
lavorare sul contenuto del sogno.
È la pratica che è diventata nota grazie a Carlos Castaneda ...
Lo rese popolare, ma non lo inventò. In realtà, il primo libro dedicato a
il sogno lucido che conosco è stato pubblicato in Francia: Les rêves et les moyens de
les diriger, di Hervey de Saint-Denis. Già nel 1867, questo autore aveva ragione
essenziale della domanda, come puoi vedere in questo frammento che voglio
leggerti:
Poiché un sogno è come un riflesso della vita reale, gli eventi che sembrano accadere
generalmente, anche nella loro incoerenza, seguono alcune leggi cronologiche
coerente con la normale sequenza di tutti i veri eventi. Voglio dire sì, per
esempio, sogno di essermi rotto il braccio, mi sembrerà di averlo in una fionda o lo farò
Lo uso con cautela, o se sogno che le persiane di una stanza siano chiuse, io
Sembrerà che la luce sia stata intercettata e che l'oscurità stia crescendo intorno a me. Di
Pertanto, ho immaginato che, se nei sogni, facevo il gesto di mettere la mano sul
agli occhi, prima di tutto avrei avuto un'illusione simile a ciò che mi sarebbe successo
essere veramente sveglio se avesse fatto lo stesso gesto, cioè quello che avrebbe fatto
scompaiono le immagini di oggetti che mi sembra di vedere di fronte. Quindi io
Ho chiesto se, dopo aver prodotto questa interruzione della visione, il mio
l'immaginazione evoca più facilmente i nuovi oggetti in cui proverei a sistemare
pensiero. L'esperienza ha dimostrato che il ragionamento era corretto. Il
mettendo, nel sogno, una mano davanti ai miei occhi in quel momento cancellò il
visione di un campo che in precedenza avevo tentato invano di cambiare solo di
forza dell'immaginazione. Per un momento non vidi nulla, esattamente come
sarebbe successo a me nella vita reale. Quindi ho fatto un nuovo appello energico a

Pagina 43
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
43
Ricordo la famosa eruzione di mostri e, come per magia, questa
Ricordo, chiaramente posto ora al centro del mio pensiero, è stato disegnato
presto chiaro, luminoso, tumultuoso, senza, prima di svegliarmi, avevo
percezione del modo in cui la transizione era stata operata ... Se raggiungiamo questo-
stabilire in modo conclusivo che la volontà può conservare, durante il sonno, il
abbastanza forza per dirigere il percorso della mente attraverso il mondo di
illusioni e reminiscenze (come durante il giorno dirige il corpo attraverso il
eventi del mondo reale), possiamo dedurre che una certa abitudine di esercitarlo
la facoltà, insieme a quella di prendere conoscenza, nei sogni, del loro vero stato, guiderà
a poco a poco, che persiste nello sforzo, per risultati conclusivi. Non solo
riconoscerà, prima di tutto, l'azione della sua volontà cosciente nella direzione del
sogni lucidi e calmi, ma presto scoprirai l'influenza di questo
sarà in sogni incoerenti e appassionati. I sogni incoerenti lo sono
si coordineranno notevolmente sotto questa influenza; e in sogni appassionati, pieni di
desideri tumultuosi o pensieri dolorosi, il risultato di questa conoscenza e
questa libertà di spirito acquisita sarà il potere di scacciare le immagini
spiacevole e favorire felici illusioni. Paura di visioni spiacevoli
diminuirà man mano che la sua iniquità viene apprezzata e il desiderio di vedere apparire
Le immagini piacevoli saranno più attive nel riconoscere la capacità di evocarle; il desiderio
sarà presto più forte della paura e poiché l'idea dominante è ciò che rende
appaiono le immagini, prevarrà il piacevole sogno. Questo è almeno
il modo in cui spiego, teoricamente, un fenomeno vissuto da me
costantemente.
Emozionante, vero? Non so se Castaneda sarebbe stato ispirato da questo libro o dal suo
le scoperte coincidono casualmente con quelle dell'autore. La verità è che questo
il testo di fine Ottocento mostra chiaramente il metodo che in seguito
Carlos avrebbe spiegato. Fu André Bretón a raccomandare la sua lettura.
Hai iniziato a fare sogni lucidi dopo averlo letto o è stato
familiare quell'esperienza?
Sono stato molto fortunato ad avere il mio primo sogno lucido a diciassette anni.
In quel sogno ero in un cinema in cui un film di
cartone animato, degno di Dalí. All'improvviso ero seduto al centro del
Sono uscito e sapevo che stavo sognando. Ho guardato verso l'uscita, ma, dal momento che non c'era
più
che un adolescente privo di qualsiasi cultura spirituale o psicoanalitica, ho pensato:
"Se varco quella porta, entrerò in un altro mondo e morirò." E sono andato nel panico! Me
l'unica soluzione era svegliarmi, quindi ho fatto enormi sforzi per uscire da
sogno, fino al momento in cui ho sentito di essere salito dalle profondità
verso il mio corpo, che sembrava trovarsi in superficie. Mi sono unito al mio
avvolgere e svegliato. Questa è stata la mia prima esperienza e sembrava francamente
terrificante. Successivamente, ho iniziato a familiarizzare con i sogni lucidi.
Come puoi essere sicuro di sognare? Alla fine della giornata io
Potrei anche decidere ora, mentre parliamo, che sto sognando ...
All'inizio ho fatto un controllo. Mi ha supportato con entrambe le mani
l'aria, come in una tavola invisibile, e mi ha spinto. Se saliva era perché
Stava suonando. Poi vorrei fare un giro e iniziare a lavorare sul mio sogno.
Posso leggerti un sogno lucido che ho scritto sul mio quaderno giallo nel 1970 e quello
È stato particolarmente importante per me, dal momento che ho messo in pratica
prima volta che ho descritto la tecnica:

Pagina 44
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
44
Sono solo in una casa sconosciuta. Tutto mi sembra completamente reale, ma senza
per sapere perché, poiché nulla mi dice, penso: «Forse sto sognando ... Se lo sono
sognando, posso volare ... ». Faccio uno sforzo, mi appoggio in aria con i palmi delle mani
mani e io salto in alto. Galleggio nella stanza. È un sogno! Mi dico.
Decido di cogliere l'occasione per perfezionare il mio volo e non solo guardarmi volare
ma sentirmi volare. Accendo la campana, vado su e giù. Sono soddisfatto.
Decido di pianificare intorno alla casa. Volo lungo un corridoio ed entro in una stanza buia. In un
all'angolo vedo due bambini di circa cinque anni. Avanzo verso di loro per vederli di più
chiaramente: non sono bambini ma due gnomi vecchi, magri e rugosi. Ridono e sono-
condannare Sono gli spiriti della casa. Hanno un'aria inquietante. Mi evitano.
Scompaiono nell'ombra e ridono di me. Non oso cercarli. Il sogno
mi assorbe, perdo la mia lucidità ... viaggio in un autobus senza autista o passeggeri. Io guardo
fuori dalla finestra e vedo una foresta pietrificata. Mi dico "Probabilmente è un sogno.
Lo controllerò ". Vado fuori dall'autobus attraverso il vetro e scivolo dentro
foresta. Di nuovo perdo la mia lucidità. Ora sono in un seminterrato, di fronte a a
finestra opaca. Non mi ci vuole molto a capire che sogno e mi dico: "Certo, questo è
un sogno". Provo a volare fuori dalla finestra, ma non ci riesco. Ho la sensazione
che le pareti hanno uno spessore di diversi metri. Ma devo affrontarli. io sento
che è impossibile. Mi sforzo di provare. Attraverso il muro senza difficoltà e esco al
spazio: fuori c'è un cielo blu, galleggio tra le nuvole. Mentre mi lascio andare
una leggera brezza, penso: «Devo approfittare di questo sogno per vedere il mio Dio interiore ...».
Improvvisamente, mi sento invadere da una profonda stanchezza, che ovviamente precede
con grande paura. Mi spiego: «È un test troppo difficile, non ancora
Sono pronto per quell'incontro, lo lascerò per un altro giorno ». E sveglia. Di a
parte sono felice di aver scoperto una tecnica che mi permette di sapere se
Sogno, ma d'altra parte, sono irritato dalla mia debolezza e dalla mia mancanza di coraggio. In me stesso
taccuino dei sogni scrivo questo commento: «Penso che sia giunto il momento di andare
più lontano nel sogno lucido. Prendere rischi. Ma ho ancora paura di morire, no
Oserei ... avrei potuto entrare nel mio inconscio fino a quando non avessi trovato il Dio dentro; fiducia
Lui ... avrei dovuto inseguire gli gnomi, affrontarli, parlare con loro senza essere disturbato dai loro
beffardo, contatto reale con loro, conoscendo i loro segreti. Avrei dovuto creare mondi,
passare attraverso la morte, raggiungere il centro del mio essere, superare mostri e terrori ... vorrei
sii più coraggioso la prossima volta e padroneggia la mia paura. Devo anche trovare
alleati e accettali, non sempre faccio tutto il lavoro da solo ».
Suppongo che la tua pratica del sogno lucido abbia attraversato diverse fasi ...
Ho iniziato a dirigere un gioco. Mi disse: "Voglio vedere passare gli elefanti
Africa". E in pochi secondi ero in Africa, a guardare un branco di
elefanti. Potrei cambiare scenario, voglio andare al Polo Sud e poi vedere migliaia
di pinguini ... Questo mi ha reso così felice che mi sono svegliato.
Poi ho sperimentato tutti i tipi di esperienze su di me. Una volta
Volevo sapere che cosa sarebbe morto: mi sono buttato dalla cima di un edificio e mi sono schiantato
contro il pavimento. Immediatamente, mi sono trovato vivo in un altro corpo, tra i
folla che guarda il corpo del kamikaze. Così ho scoperto che il cervello
la morte è sconosciuta. Ancora una volta ho deciso di lasciarmi appartenere a un dio mitico.
Hai avuto un orgasmo femminile?
L'esperienza di questa penetrazione è stata più completa di quella di una relazione
flusso sessuale. Non dimenticare che ho lavorato con immagini da sogno
superano i limiti della realtà. Per farti capire meglio la mia pratica,
Posso leggere il sogno come l'ho scritto in dettaglio nel mio taccuino, con
del 9 aprile 1978: "Sono in una camera da letto, disteso sul pavimento tra due

Pagina 45
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
Quattro cinque
letti gemelli. Ho le spalle al muro. Di fronte ai miei piedi
appare un imbunche ... ».
Un imbunche?
Sì, te lo spiego: il pomeriggio prima del sogno ero stato in un bar con un
Esilio cileno a cui ho chiesto del folklore di Mapuche. Lui mi ha detto che,
Secondo la leggenda, gli stregoni di Chiloé rubarono i bambini e li mutilarono in modo che,
trasformati in mostri, hanno servito come aiutanti con il nome di
"Imbunches". Continuo: «... un nano cieco, nudo, con la pelle di pollo
spennato, becco di uccello, ceppi che servono come braccia, busto
gambe contorte e arcuate: una specie di grande feto, così orribile
come inquietante. E poi penso: "È un dio in cui devo entrare
in relazione. La sua bruttezza deve generare qualcosa nel mio spirito. "Ora lo so
Sto sognando e ho il potere di guidare il mio sogno. Decido di lavorare
quel mostro per trasformarlo in divinità positiva. E ho capito.
Il imbunche acquisisce una buona altezza, caratteristiche regolari e diventa un
essere bello, indescrivibile, come una statua vivente. Esco tra i letti e
Mi sdraio sulla schiena al centro della stanza. So che devo esserlo
inseminato da dio. Sto cercando la mia femminilità ed è per questo che alzo le gambe. UN
un tubo trasparente, lungo circa quaranta centimetri, fuoriesce da mezzo
le gambe di dio. Decido di darmi senza resistenza in modo che possa presentarmi
il tubo tra sesso e ano, quel posto sul perineo che il tantra chiama chakra
muladhara. So di non avere una vagina e non ho intenzione di provare a
penetrazione anale. Il dio si inginocchia tra le mie gambe aperte e inizia a farlo
penetrami. Il suo organo sale sulla mia schiena fino a quando lo sento
entra nel mio cervello. La mia coscienza esplode ».
Eccezionale...
Se chiamate questa esplosione cataclismica "orgasmo femminile", allora sì,
Gilles, l'ho provato ed è stata una sensazione meravigliosa. Mi sono sentito molto
eccitato lasciandomi appartenere a questo dio creato dal mio
mostruosità. Poi mi sono dedicato a esprimere desideri insoddisfatti nel
stato di veglia, in particolare i desideri sessuali, ovviamente. Nei sogni io
Ho consegnato fantastiche orge con donne semi-umane, semi-pantera.
Lascia che ti legga un'altra delle note che ho preso dopo una di queste
sogni. Anche se vorrei insistere su un punto: prima di realizzare sogni lucidi,
in cui ho controllato le immagini, ho dovuto superare una serie di ostacoli
che è apparso come molti altri test di iniziazione. Solo una volta
superato, meriterebbero il diritto di essere il proprietario e il signore dei miei sogni. Questo
Un passaggio, tratto dal mio taccuino, mostra bene questo aspetto del processo:
«Sono in un mondo industriale, senza natura, composto solo da
immobiliare. È un confine. Non ho documenti di identità. Tre soldati
impediscimi di passare. Salto la barriera e corro, inseguito dal
militare. Dopo aver aperto le porte di un garage, mi trovo di fronte a un pozzo di
migliaia di chilometri di profondità. Sull'orlo di questo abisso, mi rendo conto
sto sognando I persecutori hanno cessato di esistere. Decido di buttarmi
nel profondo, sapendo che non può succedere nulla a me. Salto e cado alla grande
velocità. Non sono spaventato. Sento il desiderio di fermare la caduta. La caduta cessa.
Una porta appare sul muro. Entro, e ora sono sotto il portico di a
Cattedrale. Capisco di avere il potere magico di sollevarmi davanti ai miei occhi
quello che voglio. Poi sento il desiderio di avere un'esperienza erotica.

Pagina 46
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
46
Creo tre donne bestia, metà pantere e metà femmine umane, che lo sono
accovacciato o a carponi. Ne bacio uno sulla bocca e le sue lunghe labbra sembrano
ninfe di vulva. Cerco di inserire il mio dito indice nel sesso, sotto il
coda. Ne possiedo uno mentre gli altri mi graffiano bene e provano a farlo
raggiungere l'orgasmo. Ma inevitabilmente smetto di essere lucido e il sogno
assorbe e alla fine si trasforma in un incubo. Svegliati con la palpitazione
nes ... ».
Dove risiede la dimensione iniziatica in queste esperienze?
Nella particolarità che, a quel tempo, ho iniziato a fare il
l'amore con quelle donne animali, il desiderio mi prese, facendomi
Ho perso la lucidità e il sogno sarebbe fuori dal mio controllo. Ho dimenticato di esserlo
sognare. La stessa cosa mi è successa con la ricchezza. Quando ne sono rimasta affascinata
soldi, il mio sogno non era più lucido. Ogni volta che ho provato a soddisfare
le mie passioni umane, la sceneggiatura mi ha assorbito e ho perso la mia lucidità. È stato un grande
apprendimento: ho finalmente capito che, nella vita come nei sogni,
per rimanere lucidi è necessario prendere le distanze, non identificarsi con l'azione. È
un vecchio principio spirituale che mi ricordava il sogno lucido. Desiderio e
la paura sono i due volti della nostra identificazione, come affermato da tutti
tradizioni.
Il sogno mi ha anche insegnato ad agire contro le mie paure. C'era un tempo
dove spesso ho avuto lo stesso incubo: ero in un deserto e
Dall'orizzonte, come un'immensa nuvola di negatività, un'entità
psichico determinato a distruggermi. Mi sono svegliato urlando e mi sono intriso
sudore ... Un giorno mi sono stancato e ho deciso di offrirmi in sacrificio all'entità. Al culmine
dal sogno, in uno stato di lucido terrore, mi sono detto: "Va bene, mi fermerò
voglio svegliarmi. Devi solo venire e distruggermi ». L'entità si avvicinò
e improvvisamente è scomparso. Mi sono svegliato qualche secondo e sono tornato a dormire
placidamente. Poi ho capito che siamo noi stessi a farlo
nutriamo i nostri terrori. Ciò che ci spaventa perde tutto
forza nel momento in cui smettiamo di combatterla. È uno dei
insegnamenti classici del sogno lucido. Diverse volte sono riuscito a controllare il
paura del transito finale attraverso la mia stessa morte.
Potresti aggiungere altri esempi di tale processo?
Devo solo guardare nel mio taccuino ... Ad esempio: «Ho un desiderio
enorme da urinare. Sento la vescica piena. In una vasca da bagno bianca, faccio pipì a
denso flusso di sangue. Mi dico: "Il liquido è rosso perché faccio troppo
sforzo. Non riesco a smettere di urinare; ma mi rilasso e, per mia volontà,
Trasformo il rosso in giallo. "In nessun momento mi sono lasciato dominare
angoscia. A poco a poco, trasformo il colore. Quindi l'incubo mi domina
ancora e ancora urino il sangue. Riacquisto il controllo del sonno, senza perdere
serenità e il jet acquisisce definitivamente il suo colore ambrato ».
Un altro sogno: «Mi ritrovo in un caffè, in una piazza pubblica, seduto in un
angolo tra gli altri clienti. All'improvviso, nel mezzo della terrazza, un ragazzo
Barbuto, pazzo e aggressivo, tira fuori una pistola. Con una risata agghiacciante,
appoggia l'arma sul tempio di un compagno. Furioso, mi alzo e gli grido
Dovrebbe essere più delicato. Ti ricordo che di recente il tuo amico ha provato
si suicida sparandosi alla testa e che, per questo motivo, la sua battuta pesante
potrebbe traumatizzarti. Poi mi guarda e mi indica, borbottando in tono
Sadistico: "Okay, e adesso?" Si aspetta che inizi a tremare, ma

Pagina 47
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
47
Non sono spaventato. Mi circondi ma non sobbalzo. lo so
non sparerà e gli dico "So che non lo farai". "E perché no?" Mi chiede.
"Perché sono troppo piccolo per le tue delusioni di grandezza", gli dico. E
Anzi, so che questo pazzo, offuscato, assorbito dal suo stesso spirito, non lo fa
Sarai sinceramente interessato a me abbastanza da annientarmi.
Mi sveglio felice: quello che avrebbe potuto essere un incubo non mi ha causato
paura".
Un altro sogno in cui domo il mio mostro: «Cammino vicino a
si aprì e giunse in un buco circolare che somigliava a un'enorme bocca di
fognario. Da lui emerge un mostro gigantesco e spaventoso, una ventina
metri di altezza. Controllo rapidamente il mio senso di disgusto perché
Capisco che l'orribile creatura è una parte di me, un'energia oscura della mia
spirito. Decido di non distruggerlo ma di trasformarlo. Quindi in quello stesso
istantaneamente, è coperto di piume bianche, diventa luminoso, apre sei ali e
eleva. Diventa una bellissima entità angelica, si offre di prendermi
Arrivo nel Cosmo. Ma controllo anche quella tentazione. L'angelo è un
energia luminosa del mio spirito che devo assorbire. Lo faccio coprire me e
Lo respiro attraverso tutti i pori della mia pelle. Ora sono io quello che, trasformato in a
Essere pieno di energia e luce, si alza con calma. Sveglio, felice.
Ora leggerò un sogno molto poetico in cui mi vedo entrare
occhi aperti nel regno dei morti: «Sono nella sala d'aspetto della morte.
Di fronte a me, seduto su una panchina, c'è il cantante Carlos Gardel, morto
quarant'anni. Lo saluto dicendo: "Dai, abbi coraggio, decidi di morire ...".
Entriamo in un'altra stanza dove vedo una porta attraverso la quale
dritto alla morte. Un portiere cupo ci sente tutti presenti e
decidere chi attraverserà o meno l'ultima porta. Arrivano prima
noi due adolescenti. Dopo averli cercati, il portiere li rifiuta e
se ne vanno, devastati per aver dovuto continuare a vivere. Gardel è dichiarato
morto, ora è il mio turno. Il portiere mi sente e mi dichiara deceduto. Charles
Gardel esita, ha paura. Dico "Che importa? Meglio! Ora lo sapremo
finalmente cosa c'è dietro quella porta! "Con decisione e fermezza, lo spingo a
lascia che entri in quell'altra dimensione con me. Mentre attraversavo la porta, il cantante
scompare in un'esplosione di luce. Ho appena attraversato il confine del
Morte, mi trovo in un paesaggio di verdi colline. Sono in compagnia di
persone molto simpatiche. Getto in aria buste vuote che cadono
pieno di dolci e oggetti preziosi. Posso fare miracoli, perché domino
questa dimensione e so che le buste che lancio in aria cadranno sempre piene.
Faccio regali alle persone intorno a me e mi sveglio molto felice ».
E vediamo un ultimo sogno in cui, come in tanti altri, mi ritrovo
ancora una volta di fronte al mostro: «Devo attraversare un buio seminterrato con
piano terra speronato. Uno sconosciuto mi sta aspettando per farmi entrare.
Sento la presenza di un animale nella penombra. So che questo è un
pantera nera e che l'ignoto è il suo domatore. Mi indica un segno
attraversare in linea retta, senza paura. Gli obbedisco, ma la pantera salta su
mi getta a terra ... e, con le sue zampe anteriori, mi fissa la testa.
Mi mordicchia il cranio senza farmi del male, come un gatto che gioca con il mouse.
Vedo la faccia rotta del domatore che, vedendomi in balia della sua bestia,
sentirsi impotente Tuttavia, non mi abbandono alla paura in nessun momento.
Senza muoversi, lascio che la pantera mi accarezzi i capelli con le mascelle. lo so
Devo arrendermi, fondermi con lei, accettare la situazione con amore;
dissolversi nella pantera. Comincio a vibrare con amore e divento tutt'uno con lei. Nel
in quell'istante la pantera scompare. Mi alzo, attraverso il seminterrato e seguo il mio
strada. Mi sveglio pieno di gioia.

Pagina 48
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
48
Se ho capito bene, hai applicato gli insegnamenti ricevuti nei sogni
la loro vita diurna e successivamente li hanno incorporati nella pratica della psicomagia ...
Assolutamente. Ho fatto un grande sforzo per rimanere fedele giorno dopo giorno a
cosa mi è stato permesso di capire nei sogni. Perché a che serve ricevere
insegnamenti se non li applichi quando si incontrano difficoltà
ogni giorno? Un insegnamento non diventa operativo, non acquisisce tutta la sua forza
trasformando, fino al momento in cui viene applicato.
Potresti dare un esempio di un principio ricevuto applicato alla vita quotidiana
nei sogni?
Bene, come dicevo, il sogno lucido mi ha insegnato ad affrontare il mostro.
È permesso fuggire fintanto che non si sentono le forze necessarie per farlo
davanti; ma c'è un momento in cui devi guardarlo negli occhi. Così
Accade spesso che il mostro così sfidato diventi un alleato.
La nostra paura alimenta l'animosità dell'avversario, mentre la nostra
la volontà di affrontarlo con amore lo disarma, cioè gli fa cambiare il suo
orientamento. Quando ero in Messico a filmare la montagna sacra, lo è
hanno prodotto voci scandalose: mentre giravamo davanti a una cattedrale,
si cominciò a dire che aveva celebrato messe nere proprio lì. so anche
Mormorò di aver ridicolizzato l'esercito e la polizia messicani ... Un giorno lui
due poliziotti mi hanno detto: "Il ministro vuole vederlo". Mi hanno preso
all'ufficio di quel ministro che, più o meno, mi disse: «Ascolta,
Jodorowsky, il presidente lo conosce bene e ammira il suo lavoro; ci sei dentro
ad un amico. Ma fai attenzione: un governo può essere un grande amico, ma se
È contrario a te, può diventare un temibile nemico ... Non farlo apparire
nessuna uniforme nel film, elimina tutti i simboli religiosi e vivrai
silenzioso".
In Messico, queste parole, nella bocca di un ministro, ammontavano a
Minaccia di morte. Quella notte quando sono tornato a casa, ho sentito delle voci urlare dentro
il giardino: "Jodorowsky, stai attento o ti spelleremo ...". C'era in Messico a
gruppo paramilitare chiamato Los Halcones che era responsabile del lavoro
sporco. Ho capito che questo potrebbe finire male, e il giorno dopo ho preso
Tutta la mia famiglia negli Stati Uniti, decisa a finire le riprese lì. Senza
Tuttavia, ero contrario al fatto che quel ministro rimanesse nemico per me e
che il ricordo di una minaccia di morte rimase nel mio inconscio.
Dopo che il film è finito, ho raccolto tutte le recensioni positive da The Mountain
Sacro I pubblicato in Europa e negli Stati Uniti, tornato in Messico e ordinato a
udienza con il ministro, che ormai si è rivelato arrabbiato con me
perché me ne ero andato con tutta la mia attrezzatura. E, consegnandogli i ritagli di
Stampa, gli ho detto: «Guarda cosa fa il mio film per il Messico; tutto il mondo
parla di questo paese ». Vedendo che avevo avuto il coraggio di entrare nel
la bocca del lupo sorrise e mi diede una pacca sulla schiena: "Molto bene,
Jodorowsky, sei coraggioso, mi congratulo con te. Non solo non mi ha reso più difficile,
ma mi ha persino fatto dei regali! È un vero aneddoto che mostra come
la misura è salutare a volte osando sfidare il mostro. L'inizio
È essenziale, per quanto è possibile, non lasciare mai un account in sospeso
con un nemico. Perché se ci sono larve, l'odio si nutre di se stesso
stesso, in pericolo di proliferazione. Una bomba con una lattina molto lunga
impiegare anni per esplodere; ma il giorno della battuta d'arresto si verifica il danno

Pagina 49
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
49
sono grandi. Pertanto, è meglio disarmare la bomba, non lasciare minacce
di morte che ci circonda o nel nostro inconscio. Ma non c'è
che uccidere l'avversario: è molto meglio renderlo un alleato.
Un altro principio del sogno lucido è quello di cambiare il contenuto del sogno.
Come l'hai applicato nel corso della tua esistenza diurna?
Ti ho già detto che mi piaceva cambiare scenario nei sogni, spendere
dall'Africa agli Stati Uniti, ad esempio, trasformando l'ambiente ...
Ho imparato che nella mia vita quotidiana non dovevo lasciarmi prendere da una cornice. Il
la realtà di tutti i giorni non è rigida, o è solo rigida nella nostra mente, nel
concetto che ne abbiamo. Se ci sentiamo legati, stanchi di muoverci
sempre nello stesso ambiente, abbiamo il potere di cambiare! Oms
dice che è impossibile? Il sogno lucido mi ha insegnato ad entrare
una realtà duttile in cui può sempre verificarsi qualsiasi mutazione,
qualsiasi trasformazione. Questo dipende solo dalla mia intenzione: nel sogno
lucido, l'unico desiderio di ritrovarmi in Africa, tra le mandrie di elefanti,
mi è bastato trasportarmi lì. In questa altra modalità di sonno che è
la "realtà" è anche il mio cervello, il modo in cui mi rappresento
mondo, che determina il reale. La "realtà" non esiste da sola; immediato
istantaneamente, creiamo la nostra realtà, felice o lugubre, monotona o
emozionante.
Per esempio?
L'altro giorno, quando sei entrato in casa mia, hai notato che tutto era cambiato.
Ero stanco della vecchia decorazione. Ho comprato mobili e ho lasciato tutto per strada
quello che avevo e non volevo più vedere. Quell'evacuazione divenne a
una specie di festa, la gente ha iniziato a prendere tutto ... Giorni dopo, alcuni
I vicini mi hanno urlato, "Sappiamo già chi sei!" "Wow," ho risposto, "e
Come fanno a saperlo? Per i miei fumetti, per i miei film ...? » "Per il tuo
rifiuto! Recuperiamo cose incredibili davanti a casa tua. » Cioè no
Ho cambiato solo la mia decorazione ma, in una certa misura, ho trasformato l'ambiente
del quartiere.
Va bene, ma è sempre più facile cambiare i mobili, se lo hai
soldi, che trasferirsi in Africa con gli elefanti ...
Non; il principio fondamentale è lo stesso, si svolge nella mente,
nella nostra concezione della realtà. La realtà può essere percepita come a
incubo e Dio sa che, nell'ordine delle vittime, qualsiasi cosa
può succedere. Ma è all'interno della stessa realtà in cui si può
affina la tua lucidità ed esegui atti che trasformano il campo negativo in
contesto positivo.
Ci saranno quelli che pensano che questo sia un problema economico: se hai soldi,
puoi prendere un aereo e in poche ore essere in Africa o visitare New York.
Sì, ma devi attirare la vita! La tua vita corrisponde all'idea che crei
da lei ... Ad esempio, non sono mai stato un milionario, nemmeno molto ricco, ma
Ho sempre applicato il principio del sogno lucido alla mia vita diurna: perché no
trasportami su un altro sito? Quindi quando ho sperimentato a
bisogno reale, ho attratto circostanze favorevoli per il mio

Pagina 50
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
cinquanta
il bisogno si avvererà. Qualche giorno fa ho sentito il desiderio di fare un piccolo
fuga. Ero stato invitato a un festival del cinema di Chicago e lì ci sono andato, a
segreto, tre giorni. Sono partito venerdì e sono tornato domenica ... Nessuno l'ha scoperto.
(Risata.)
Ricordo che un giorno un amico miliardario mi chiese: "Cosa stai facendo
questo fine settimana?". "Niente", ho risposto. "Vuoi andare ad Acapulco?" E questo è tutto
È!, Il suo reattore privato ci ha portato ad Acapulco, per trascorrere il fine settimana.
Sentirlo sembra molto semplice, ma non tutti hanno amici
miliardari ...
Vedo che vuoi tirarmi la lingua, ma lo sai bene come me, grazie a te
esperienza personale, che ognuno crea la propria realtà ... l'ho davvero avuto
la necessità di andare a passare il fine settimana dall'altra parte del mondo, lo ero
intimamente convinto della malleabilità della vita e mi ha mandato a
miliardario con jet privato, tutto qui.
Nel tuo caso, ad esempio: quello che ti è piaciuto di più della vita è stato l'incontro
saggio e ascolta il rock'n'roll. Volevi davvero conciliare questi due aspetti
della tua esistenza, apparentemente disparato. E bene, dal momento che non hai avuto un'idea
realtà rigida, hai favorito le circostanze più favorevoli e, infine,
Li hai trovati in Arizona quando hai incontrato un vero saggio che, no
soddisfatto di aver fondato un ashram, ha anche guidato un gruppo di
rock n roll. È molto probabile che non ci sia altra persona al mondo che
Combina queste due attività. Fino ad allora, quell'uomo era molto piccolo
conosciuto negli Stati Uniti e completamente sconosciuto in Europa, ma
Nonostante ciò la magia della vita te lo ha inviato. Inoltre, da adolescente, stavi per farlo
hai visto tutti i miei film e hai raccolto gli articoli che parlavano di me; e
Adesso siamo amici e ci divertiamo a creare libri insieme. Con innocenza e
determinazione, le circostanze possono essere promosse statisticamente poco
probabile.
Essere d'accordo...
Ti racconterò un'altra storia: nel 1957, prima di teorizzare su tutte queste cose,
un giorno ho chiesto a mia moglie:
-Dove vorresti andare in vacanza?
"Mi piacerebbe molto andare in Grecia", ha risposto.
"Molto bene" dissi. Andremo in Grecia!
-Ma come? Non abbiamo un soldo ...
-Voi andremo in Grecia!
In quel momento, bussarono alla porta del loft dove vivevamo. Era
un amico che faceva parte di un gruppo musicale molto sudamericano
conosciuto all'epoca, Los Guaranís di Francisco Marín, e mi disse:
-In tre giorni andremo in tournée in Grecia con uno spettacolo
folcloristico e uno dei nostri ballerini si è ammalato. Tu vuoi
sostituiscilo?
-Ma non conosco i balli ...
-Non importa, mia moglie ti mostrerà.
Ne ho immediatamente imparati due, Bailecito e Carnavalito, e siamo andati in Grecia.
Dopo averlo vissuto, come possiamo non considerare la realtà come un sogno a cui stiamo andando
creando in movimento?
Concordo sul principio, ma mi sembra che sia suo

Pagina 51
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
51
gli aneddoti e il loro approccio possono essere fonte di confusione. Dopotutto,
il mondo è pieno di persone che non chiedono ma di realizzare i loro sogni senza
provando troppo ... L'esperienza dimostra che non è abbastanza volere, c'è
meritarsi.
Quello che hai appena sottolineato sembra molto importante per me. Ma queste cose che
Spiego che mi sono davvero successi e posso affermare che la mia vita è dentro
in linea con i miei sogni più fantastici. Ci credo davvero
magia della vita. Ora, affinché questa magia sia efficace, tutti devono
coltivare in te stesso una serie di virtù che possono sembrare
contraddittorio in linea di principio: innocenza, autocontrollo, fede, coraggio ...
movimento questa magia richiede molta audacia, anche purezza e profondità
lavora con te stesso. Devo insistere sul fatto che ho consacrato il mio
esistenza per perfezionarmi, conoscermi, rendermi accessibile all'interno.
È essenziale non abbandonare la disciplina in qualsiasi momento, senza il quale
questo approccio alla realtà non sarebbe altro che un'illusione. La vita non c'è
per soddisfare i desideri della prima persona pigra che si presenta! La vita no
corrisponde ma nella misura in cui ti dai ad esso e ti sforzi
superare il tuo egocentrismo.
Questo lavoro ascetico, quindi, potrebbe essere visto come l'applicazione di
insegnamenti ricevuti dal sogno lucido? Lo dico perché l'ascetismo richiede
sforzo, di fronte al sogno lucido, in cui è sufficiente formulare uno scopo
lascia che sia fatto ...
In realtà, rimanere coscienti durante i sogni lucidi richiede a
sforzo considerevole. Inoltre, le emozioni vissute
durante il sonno sono reali. Se sei terrorizzato, lo senti davvero,
provi terrore; ed è difficile farcela. In fondo, il grande insegnamento
il sogno lucido è meno nella scoperta della magia quotidiana che in
questa richiesta di lucidità, perché non dobbiamo dimenticare che senza lucidità nulla è
possibile. Come ho detto, dal momento in cui ti lasci trasportare dall'esperienza
che stai vivendo, il sogno ti assorbe e perdi la lucidità, che è l'unica cosa
che sostiene la dimensione magica. La magia che abbiamo evocato non funziona ma
grazie al distanziamento. Ciò che il gioco consente è la lucidità del testimone, per
al contrario, l'esistenza dei nani di identificazione, limita il campo di
possibilità. Nel sogno si applicano le stesse leggi della vita quotidiana:
più ti allontani, più puoi goderti l'esistenza e sentirla come a
ampio parco giochi. Se non riesci a prendere le distanze, la vita può diventare
un vicolo cieco. Quindi, paradossalmente, il sonno mi ha insegnato a farlo
assicurare, per mantenere il filo dell'esistenza, una corrente di lucidità, anche a
costo di grandi sforzi. Perché Dio sa quanto può essere meraviglioso
Sii vita a volte, specialmente se ti apri un po 'alla sua magia! Tuttavia, a
nello stesso momento in cui ti apri, aumenta la tentazione di lasciarti assorbire, il
pericolo di identificarsi. D'altra parte, anche la lucidità è rafforzata da
pratica.
Un altro lucido sogno di insegnamento a cui abbiamo già accennato, un altro aspetto di
la magia è la scoperta della flessibilità della realtà. Non solo non lo so
concepisci la vita come un processo rigido, ma acquisisci
flessibilità.
Così è. Cerco di non definirmi eccessivamente, di non chiudermi in una visione
vicino a me stesso. Nel sogno posso percepire me stesso come un uomo di

Pagina 52
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
52
sessanta anni ma anche da ragazzo o da vecchio
come donna, perché no? Nel sogno si esprimono varie sfaccettature di me
essere. In realtà, provo a lasciare che queste sfaccettature si esprimano e ci provo
rispondere alle esigenze della situazione senza aggrapparsi a un'idea
preconcetto di ciò che sono o dovrei essere. Quando viaggio, molte persone
interessato alla mia nazionalità. Se qualcuno mi dice su un aereo, "Sei tu
Italiano? ”, Rispondo:“ Sì ”. Se mi prendono per greco, francese, russo, israeliano, ecc.
tera, rispondo sempre si. Il mio interlocutore, felice di averlo
giusto, mi tratta allora come un italiano, un russo, un greco, un cileno,
e questo non cambia nulla ... Ricordi cosa ci è successo di recente in
Maggiorana? Perché questo è un buon esempio di questo atteggiamento. quando
siamo arrivati, il pubblico non si aspettava da me ma era venuto ad ascoltare il
Dr. Westphaler.
Bene, per il Dr. Woestlandt ...
»Sono posti ciascuno sotto una delle mie ascelle, come le stampelle
umano, per aiutarmi ad avanzare verso una scala di pietra nera di
ventidue gradini che sale al centro del cortile, come un piedistallo. "Già
Mi sento in grado di affrontare la Divinità da solo ", dico quindi ai miei amici.
gos. E poiché so che entrambi fanno parte del sogno, li faccio sparire da a
Spingo e inizio a salire la scala. Ancora una volta sono preso dal terrore: forse vedrò
un'immagine orribile sorge davanti a me ... I passaggi sono bagnati e devo farlo
fare enormi sforzi per non scivolare. Improvvisamente, a
Fotografia animata in cui un attore gigantesco fa una smorfia da clown. io
È difficile da credere: "Una foto, un attore, la Divinità ...? Non è possibile!" L'attore
scompare e appaio al suo posto. Ho sessant'anni e sembro vecchio
Professore universitario. Indosso un blazer di cashmere e occhiali all'estremità
del naso. Penso che questa enorme immagine di me stesso sia uno schermo
necessaria, la proiezione di antichi ideali, che mi permetterà di vivere senza angoscia
il mio primo incontro con la Divinità. La foto prende vita e inizia a parlarmi
Con simpatia. Mi dà un messaggio, una lezione. Trattengo poco, a malapena
cinque o sei parole: "Il tesoro dell'umanità ...". Sono molto contento di questo
piccola esperienza, che mi permette di fare un primo passo nella ricerca di
Dio interiore, della guida, dell'insegnante intimo, del sé impersonale, il
nome dato ad esso; e, inoltre, senza provare paura. Raccolgo tutte le mie forze, io
supporto in aria e inizio a galleggiare: con un attacco di ariete, attraverso il
schermo e mi lancio nel cielo, immensità raggomitolata di stelle. Ancora
Voglio contemplare il mio Dio interiore. Due piramidi appaiono davanti a me
imbricato, grande come quello di Cheope, simile a una stella di David in
sollievo. Mi dico che non dovrei accontentarmi di guardarli: uno è nero e l'altro
bianco, ma devo fondermi con loro. Penetra nel suo centro ed esplodo come
un universo in fiamme ».
Questo è il sogno come l'ho scritto. Sulla base di questa esperienza vissuta,
Ho scritto la sceneggiatura di El Incal.
Quindi la pratica del sogno lucido è di montare un atto all'interno del
contenuto dei sogni. Puoi andare oltre il sogno lucido?
Sì. È possibile passare a quello che chiamo "il sogno terapeutico", all'interno del quale
la lucidità è usata per curare una ferita o consolare una mancanza
esperienza nello stato di veglia. Citerò quattro esempi da me
taccuino:

Pagina 53
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
53
Sono in compagnia di Teresa, mia nonna paterna, che, per
disaccordi familiari, non ho avuto occasione di incontrarmi. È una donna piccola e spessa
con una fronte ampia. Nel sogno, mi rendo conto che non lo facciamo davvero
sappiamo che non ci siamo mai parlati, che non abbiamo camminato insieme nemmeno uno
tempo. Gli dico: "Com'è possibile che tu, mia nonna, non mi abbia mai avuto
zos? ». Capisco che questa è una mancanza di delicatezza e rettifico: «Piuttosto,
Come è possibile, nonna, che io, tuo nipote, non ti abbia mai baciato? tu
Propongo di darglielo ora e lei accetta. Ci abbracciamo e ci baciamo. Mi sveglio con
un chiaro ricordo del sogno, felice di aver trovato questo archetipo familiare.
Sono nella mia camera da letto, com'è realmente, in piedi di fronte a mio padre. Gli dico:
In tutta la mia vita, non mi hai baciato come fa un padre. Mi hai fatto temere e
nient'altro. Ma ora che sarò più grande, ti abbraccerò ». E, senza paura, lo abbraccio,
Lo bacio e lo scuoto. E mentre lo scuoto sento la forza sorprendente della sua schiena. E
Esclamo felice: "Hai novant'anni e sei ancora così forte!" Continuo a dondolarlo,
con audacia e tenerezza, e gli dico: «Dato che non hai mai comunicato con me al tatto,
Ho anche negato ogni contatto fisico con mio figlio Axel ». E appare Axel, con il
età che ha oggi, 26 anni. Lo abbraccio e gli chiedo di dondolarmi, mentre ho appena dondolato
Io a mio padre. Mi sveglio. Durante il giorno, parlo con Axel e spiego il sogno
felicemente. Gli chiedo di abbracciarmi e scuotermi. All'inizio è timido, cosa
a malincuore, ma a poco a poco si commuove e abbiamo finito per stabilire un
contatto che ci offre una sensazione di benessere e pace per entrambi. In questo modo
ma, nei sogni, ho fatto qualcosa che mancava nella mia relazione con mio padre e, nel
In realtà, ho permesso a mio figlio di colmare questa lacuna nella sua relazione con me.
Ho problemi finanziari e sogno che mi assumeranno come attore in a
Compagnia teatrale. Sto scrivendo al datore di lavoro per discutere del mio stipendio. Lo spiego
Devi pagarmi molto bene perché, conoscendomi come conosco me stesso, non lo so
Mi accontenterò dell'interpretazione, ma cercherò di realizzare lo spettacolo nel suo insieme
andare perfettamente. Supervisionerò le luci, la musica, i costumi, il lavoro dei miei
compagni, ecc. In breve, mi prenderò cura di tutto. L'uomo d'affari mi capisce e
Mi dà un buon stipendio, quello che merito. Mi sveglio calmo e mi sono ripreso
fiducia in me stesso. So che le difficoltà economiche saranno risolte.
Ho sofferto di forti dolori di stomaco per tre giorni, probabilmente a causa di
di un'infezione intestinale. Dormo male e non voglio prendere antibiotici. Mi sdraio e
sogno: sono nel mio letto, soffrendo gli stessi dolori che ho quando sono
sveglio. Pachita, la donna delle medicine, arriva. Giace su di me e fa schifo sul fianco
Mi culla il collo dicendo: "Sto per guarirti, fratellino". Fare uno sforzo
supremo, fa scivolare la mano sinistra tra i nostri corpi e la appoggia sul mio ventre.
Quindi vola in aria senza lasciarmi. Rimaniamo in posizione orizzontale per un po ', e
poi scendiamo a letto. Svanisce lentamente. Mi sveglio guarito senza
sentire alcun dolore. Mi sembra che, per dirla in qualche modo, ho assunto
medicina donna e finalmente posso accedere a un dottore interno, una specie di Divinità.
Ricordo che in Messico, prima di morire, Pachita fece apparire un anello sul palmo
Lo mise con la mano sul mio anello sinistro e disse: "Verrò a trovarti nei sogni".
Come puoi immaginare, questo tipo di sogno è tremendamente positivo.
Sono sogni riparativi in tutti i sensi della parola e in cui il
l'inconscio incanala la sua forza per guarire.
Se è possibile usare quella conoscenza acquisita nella pratica del sogno lucido
per arrivare al sogno terapeutico, potresti andare ancora oltre,

Pagina 54
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
54
attraverso il sogno una dimensione di saggezza?
È quello che chiamo "l'umile sogno". Un giorno ho smesso di proporre atti,
per aiutare il sogno come semplice osservatore. In quei casi ho lasciato
il sogno si sviluppa, che prende il suo corso, ma senza essere assorbito da esso,
rimanendo lucido. Sono uno spettatore del mio sogno e mi astengo da tutto
intervento. Inoltre, penso che ultimamente ho raggiunto un livello ancora più elevato
sottile, che io chiamo "sonno saggio". Il protagonista del sogno a cui frequento
La qualità degli spettatori è saggia. Di 'le frasi che scrivo quando mi sveglio:
frasi che, inoltre, non hanno nulla di originale e da cui potrebbero essere estratte
qualsiasi testo sacro. Ma nascono dalle profondità dell'inconscio, tali
mentre osservo lucidamente durante il sonno.
Puoi raccontare qualcuno di quei sogni saggi?
Sì, ma con riluttanza ...
Perché? Forse si tratta di modestia?
No. Non è per quello! Ho semplicemente paura che non mi crederai,
(Jodorowsky recupera dalla sua biblioteca un enorme taccuino che sembra un
oro.) In questo altro quaderno scrivo i miei sogni più positivi. Posso aprirlo e
leggi un esempio di sonno saggio; ma i nostri lettori accetteranno che a
l'uomo può avere sogni simili? Forse dovrei prima dire la mia parola
onorario...
Perchè no? Sarebbe quasi surreale: «Dichiaro di aver sognato in mio onore
saggiamente ... ».
Ok, quindi certifico sul mio onore di aver avuto questi sogni!
Tutti sono liberi di credermi o no.
Questi sogni sono così inauditi?
Non; sono in realtà molto semplici. Ciò che è inaudito è proprio
quell'elemento che li rende saggi sogni. Tutto è nel clima interno del
sognare. (Jodorowsky legge dal suo grande taccuino.) «Sono in una classe di
Arti marziali. L'insegnante mi dice: "Rilassati tra le mie braccia rilassato". Nel-
Poi mi viene in mente: "Wow, ho intenzione di ottenere un totale relax", e
Lascio cadere senza prenotazione. L'insegnante mi sostiene e mi allunga sul pavimento.
Quindi prova a farmi una chiave. Il mio abbandono è tale da non riuscire.
Quindi dice al suo assistente: "Impossibile combattere con lui. È morto e
nulla può essere fatto contro una persona morta "». Questo è un esempio di sogno
salvia in cui ho ottenuto un totale relax.
Un altro esempio: «Esco in strada con un abito molto attillato che mi dà un
aspetto magro. Quindi penso: "È bello che le persone mi vedano debole,
perché lo so e mi sento molto forte dentro "». O quest'altro sogno: «Frequento
la classe di un professore di filosofia che dichiara: "Il segreto è stare con il
pensò. "A cui rispondo:" Se non hai accettato di morire,
Non hai ottenuto nulla. Solo l'accettazione della tomba ci libera dal
pensato alla morte "».
Altri due: «Alcuni zingari mi portano nel loro magazzino, dove tengono
tutti i tipi di mobili. Vogliono consultarmi e mi insegnano, in una scatola
Pagina 55
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
55
Cartone, un grande calice, simile a quello dell'asso dei tarocchi di Marsiglia. Pensare
usalo nei tuoi esperimenti di alchimia per scoprire il solvente
universale, la sostanza in grado di dissolvere tutta l'altra materia. Lo farò
Chiedo sorridendo: "Sai qual è il solvente universale?" Vedendo no
Conosci la risposta, dico: "È il sangue di Cristo. Una goccia di sangue
di Cristo nel cuore dissolve tutti gli altri sentimenti. Dopo
che solo l'amore rimane "». E infine: «Un bambino triste mi dice:" Sono molto piccolo
cosa. Non valgo niente. Dio non mi vede, è impegnato con cose più importanti ".
Rispondo: "Immagina la superficie di una sfera formata dall'infinito di
punti. Ora immagina il centro di quella sfera: è un singolo punto quello
comunica con tutti gli altri "».
Mi aspettavo altri sogni deliranti, una proliferazione di simboli
magico, come nei suoi film o nei suoi fumetti. I sogni che racconta sono
di un'insolita sobrietà in te ...
Bene, i miei fumetti e i miei film corrispondono più ai sogni lucidi.
Come puoi vedere, molti di questi sogni sono molto brevi. Il
speciale in loro è nel loro impatto e come mi vedo in loro: nel sogno,
Sono saggio, sereno e felice, un sentimento che sussiste per un periodo in cui
svegliarlo.
Ora vorrei che tu fornissi esempi di "umile sonno" ...
Questo è un altro tipo di sogno, in cui ammiro il coraggio degli altri. Per esempio:
Sono a casa di amici. Nella casa c'è una donna del villaggio ma di portamento
distinto. Non ha più di 58 anni. La considero molto istruita, simpatica e
umano. Dopo un momento mi chiede: "Sai chi sono?" rispondo
negativamente. Poi mi dice: "Sono Cristina. Mi sono presa cura di te quando eri
piccolo. "Poi scopro di essere in presenza della mia prima baby-sitter.
Dico ai miei amici: "Ti rendi conto? È la prima donna che abbia mai amato
nella mia vita! "Sapendo che è ancora vivo e verificando il grado di raffinatezza che ha
raggiunto mi porta grande gioia. Cristina e io ci siamo baciati e poi lei
va. Le mie amiche mi dicono allora, in tono di ammirazione: "Ha 80 anni e,
Nonostante ciò, che giovane donna vedi! "Mi sveglio pieno di gioia».
Un altro: «Una rivolta studentesca mi sorprende in mezzo alla strada. Il
i giovani bruciano auto e la polizia è ovunque. Scoppi di
mitra e mi lancio a terra ma senza paura. Sono fermato da un poliziotto e
mi porta alla stazione di polizia. Lì mi interrogano. Ho sangue freddo. io ho il
tasche piene di opuscoli anti-militari e ritagli di stampa con eventi
in cui polizia e militari svolgono un ruolo ridicolo. Spiego che sono un insegnante
tarocchi e liberami. Vado in fondo alla strada, ho la tuta a brandelli e ho anche
scarpe perse. Ho messo una custodia per occhiali come infradito. Io entro
in un bar per chiedere della mia strada. Tra i clienti c'è una donna del villaggio
Paffuto e con una faccia gentile che mi guarda con pietà, come se fossi un
senza fissa dimora. E mormora: "Devi vedere come è quel povero uomo, abbiamo
fare qualcosa. "Mi prende per un mendicante. Sembra così buono con me e mi commuove
così tanto la sua compassione che decido di non farla uscire dal suo errore e accettare il ruolo che
attribuito a me, per non deluderla e consentirle di esercitarsi al meglio
sentimenti. Apro la mia valigetta nera e cerco un piccolo gioco di tarocchi
daglielo. Tra i tarocchi ci sono bottiglie di pillole. Sono vitamine, ma il
la donna è convinta che io porti droghe, il che la aumenta
Pagina 56
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
56
compassione. Non sapendo nulla dei tarocchi, pesca una carta, il Mago. "Cattivo", dice. "Non
Dovresti portare questa lettera. Guarda, quest'uomo ha una pillola tra le dita ... "
Lei crede che il cerchio giallo che il mago ha tra le dita sia un po '
farmaco. Ti ringrazio per le tue buone intenzioni, prometto di non tornare
alzati e vattene dal bar. In nessun momento sono stato tentato di farlo
dammi importanza. Al contrario, mi sono umiliato con gioia.
Distingui ancora più forme di sogni?
Ovviamente! È possibile realizzare il "sogno generoso", in cui si condivide
con il resto dell'umanità ciò che hai imparato. Ad esempio: «I
Mi incontro in uno spazio immenso, sorvolando una marcia per la pace verso
hanno partecipato migliaia di manifestanti. Quando percepisco che sto sognando, comincio a farlo
gira a mezz'aria per attirare l'attenzione. Le persone, ammirate, osservano come
Levita. Quindi ti chiedo di tenere le mani e formare una catena, al fine di
vola con me. Toccandoli, li faccio alzare e cerco di farli volare attraverso
forza del mio pensiero, ma non si muovono. Devo prenderli con
tenerezza e non lasciarsi andare. Quindi volano verso di me e iniziamo
evolvere attraverso l'aria formando figure, tutte in una catena, fino a quando
sveglio".
Impara non solo a dare, ma anche a ricevere, accetta il favore che
può farci l'altro è anche una forma di generosità, come ho capito
nel seguente sogno: «Sono a Parigi. I giornali hanno un problema con
il governo, che non fornisce loro materie prime per la stampa. France-Soir
deve uscire con la prima pagina scritta a mano e stampata da un
procedura primitiva, a base di zucchero. Accanto al chiosco della rivista,
seduto a un tavolo di legno c'è Bernadette, la defunta madre di Brontis,
Mio figlio maggiore Mi siedo di fronte a lei e la vedo bella e felice come poche volte dentro
vita. Ora sono fiducioso, so di poter contare su di esso. Rendersene conto
Sto sognando, mi dico: "Bernadette è morta, ma vive nel sogno. No
Ho paura di parlare con una donna morta. Mi fido di lei. È un archetipo che può
servirmi perché conosce bene le questioni politiche per le quali ignoro
completo e sarà sempre disponibile quando vuoi chiederglielo. "
Bernadette inizia a spiegarmi perché la situazione è così tesa e perché
il presidente ha torto di fidarsi del ministro che ha appena nominato.
Poi mi parla del futuro: "Viviamo con l'idea che il futuro no
Appartiene - mi dice -, che non è per noi ... Eppure lo siamo
legato ad esso. In futuro saremo molto attivi. "Penso che si riferisca al futuro
in generale, ai milioni di anni che l'universo deve ancora sapere ».
Dopo questo sogno, completamente lucido, ero contento di averlo fatto
riconciliato con la madre di mio figlio, soprattutto dopo tutto il
conflitti che viviamo. Bernadette è diventata un'alleata che si offre
collaborare con il meglio di se stessa per perfezionare il mio spirito.
Quindi, grazie al sogno, ho accettato una sua nuova presenza nella mia vita.
Sogno lucido, sogno terapeutico, sogno saggio, sogno umile, sogno
generoso ... Qual è l'ultimo sogno per te, il nec plus ultra dreamlike?
Il sogno magico e creativo. Durante tutti questi anni di esplorazione dei sogni
Ne ho conosciuto solo uno, vale a dire: «Sono nella mia camera da letto. Supportandomi
In aria con i palmi delle mani, prendo il volo. Quindi decido di sentirmi
tutto il potere della mia voce. Lasciando uscire la canzone da me, ho scelto un
suoni di forza quasi illimitati che vanno ben oltre l'opera. No
Pagina 57
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
57
per fare uno sforzo per emettere la voce, la invoco e arriva. Devo solo lasciarmi
esci dalla bocca per scoprirlo, vivo e magico ... profondamente
eccitato, mi sento come se mi aprissi a una dimensione sconosciuta di me stesso fino a quando
adesso. Con piena lucidità, apro gli occhi e mi sveglio. Sento il mio cuore battere
vigore. Senza muoversi, ricordo tutti i dettagli del sogno. Improvvisamente raggiunge
alle mie orecchie una canzone che non è né vicina né lontana. Non viene emesso da una voce
umano, ma non per questo smette di avere il suono umano, è come se fosse un tutto
il quartiere della città canterà. Mi sembra che il canto provenga da un'altra dimensione.
Penso di essere ancora mezzo addormentato e devo osservare di più
lucidamente cosa succede. Il fenomeno si ripete e mi abbandono all'ascolto,
anche se il carattere totalmente nuovo dell'esperienza cambia il mio ritmo
cardiaco. Da un lato, mi sento vittima di un'allucinazione; dall'altro io
sembra che una piccola porta si apra verso quello che potremmo chiamare il terzo orecchio,
non il terzo occhio, l'orecchio della "clairaudizione". Mi addormento profondamente e
sogni, mi vedo in una strada di Montmartre. Cammino borbottando: "Era un
voce divina, la voce di una dea. Non è uscito di gola, lo era
espirato dalla realtà stessa. Veniva dalle strade, dalle case e dal
aria"".
Formidabile. Ma ora torniamo a quel sogno chiamato realtà.
Possiamo, come affermano alcuni saggi, vedere la nostra vita come un sogno di
chi dovrebbe svegliarsi?
Preferirei dire quello di questo sogno inconscio che di solito è la nostra vita
devi fare un sogno lucido. C'è stato un tempo in cui, prima di dormire, avevo
l'abitudine di rivedere tutti gli eventi della giornata. Ho visualizzato il
film del mio viaggio, prima dall'inizio alla fine e poi viceversa, secondo
consiglio da un vecchio libro di magia. Questa pratica di "inversione" aveva
l'effetto di permettermi di trovarmi a una certa distanza dagli eventi della giornata.
Dopo aver analizzato, giudicato e schierato le parti nel primo esame,
Sono tornato a rivedere la giornata al contrario e poi lo ero
Distanziato. La realtà così catturata presentava le stesse caratteristiche di
un sogno lucido. Poi ho capito che, come tutti gli altri, dentro
buona misura ho sognato la mia vita! L'atto di rivedere il giorno dal
la notte equivaleva alla pratica di ricordare i miei sogni al mattino.
Ricordare un sogno è già come organizzarlo. non vedo
il sogno completo, ma quello che ho selezionato da esso. Allo stesso modo, a
rivedere le ultime ventiquattro ore, non ho accesso a tutti gli atti del
giorno, ma quelli che ho conservato. Questa selezione costituisce già un'interpretazione
su cui in seguito ho basato i miei giudizi e apprezzamenti. Per farci di più
consapevoli, possiamo iniziare distinguendo la nostra percezione soggettiva da
giorno di ciò che costituisce la tua realtà oggettiva. Quando ci siamo già fermati
confonderli, siamo in grado di assistere come spettatori allo sviluppo del
giorno, senza essere influenzato da giudizi e apprezzamenti. Da questo atteggiamento di
la vita testimone può essere interpretata come un sogno viene interpretato. Per esempio:
Un giorno Guy Mauchamp, uno dei miei studenti, mi chiese un consiglio; non so cosa fare
per i giovani inquilini senza scrupoli di lasciare una casa che
era di sua proprietà. Dopo aver espresso la mia sorpresa che non c'era
è andato alla polizia, poiché la legge era dalla sua parte, ho detto: «In un certo senso
Quindi questa situazione è adatta a te. Grazie a lei, esprimi un'angoscia antica.
Propongo questo approccio: considerare questa situazione come un sogno
avresti avuto e tentato di interpretarlo come interpreteresti un sogno di
la notte scorsa. Hai un fratello minore? ». Lui rispose di sì, e poi

Pagina 58
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
58
Gli ho chiesto se, da bambino, non si sentiva in ritardo quando quel bambino ha catturato tutto
l'attenzione dei suoi genitori, e lui rispose che lo era, anzi. Dopo
Gli ho chiesto delle relazioni che ora aveva con suo fratello. Come
Ho immaginato, Guy mi ha confessato che non avevano buoni rapporti o
non hanno mai visto. Poi gli ho spiegato che è stato lui stesso a promuovere il
invasione di inquilini, al fine di esternare l'angoscia che nella sua infanzia
causato la presenza di suo fratello. Ho aggiunto che se volevo il
situazione, aveva bisogno di perdonare suo fratello, di trattarlo bene e
fare pace. Le ho dato un consiglio psicomagico e, dopo una settimana,
Ho ricevuto una cartolina da Strasburgo («Fuochi d'artificio nella cattedrale, esplosione
di sacra gioia ") con il seguente messaggio:" In risposta alla mia richiesta,
Mi ha prescritto un atto psicomagico e, per concludere, gli ho dato il risultato.
Ho dovuto offrire un mazzo di fiori a mio fratello e pranzare con lui, al fine di
stabilire una relazione fraterna e mettere da parte il passato in cui io
si sentì spostato dalla sua causa. L'obiettivo era quello di ottenere la marcia del
inquilini illegali di casa mia. Ho inviato i fiori a mio fratello e gli ho parlato
Venerdì a mezzogiorno. Venerdì sera i due inquilini stavano partendo ...
Prendendo i miei mobili! Ma comunque, se ne andarono e fui in grado di riavere la mia casa.
Grazie". Interessante, vero? Prendere i mobili è stato come prendere parte
Del tuo passato.
Voglio dire, hai indotto quel giovane a interpretare una situazione reale come se lui
sarà un sogno pieno di simboli da decifrare ...
Esattamente. Dal momento che sogniamo la nostra vita, la interpreteremo e
scopri cosa stai cercando di dirci, anche i messaggi che vuoi trasmettere
trasformalo in un sogno lucido. Una volta raggiunta la lucidità, avremo
libertà di agire sulla realtà, sapendo che se solo ci provassimo
soddisfare i nostri desideri egoistici saremo spazzati via, perderemo
correttezza, controllo e quindi la possibilità di compiere un atto
vero. Divertirsi recitando, sia nella notte che nel sonno
In questo sogno diurno che chiamiamo vita, dobbiamo essere sempre meno
coinvolti.
Quella distanza che non impedisce l'azione o la compassione, ma non lo fa
Non autorizza né l'avidità né il sentimentalismo, è molto simile alla saggezza.
Ovviamente! A che serve vivere con i tuoi sogni e fare a
sforzo per raggiungere la lucidità ma per trovare la saggezza? La realtà
è un sogno in cui dobbiamo lavorare per passare progressivamente
sogno inconscio, privo di ogni lucidità, e che può essere un incubo,
quello che chiamo il sogno saggio.
E il risveglio? Le tradizioni spirituali parlano di coloro che hanno
svegliato...
Svegliarsi è smettere di sognare, scomparendo dall'universo dei sogni a
diventa colui che lo sogna .

Pagina 59
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
59
L'atto magico
Per i principianti, qual è l'atto magico secondo Jodorowsky? Come andare
atto da sogno per atto magico?
Bene, come ho detto, è stato in Messico che ho acquisito un certo comando del
atto da sogno. Se il Cile era un paese poetico, il Messico è un paese totalmente onirico
in cui l'inconscio non smette di emergere. Qualcuno un po '
sensibile percepirà lì questa dimensione, sentirà la presenza del sogno nel
molto consistenza della realtà messicana. Anche se puoi anche vivere dieci
anni lì senza nemmeno catturare il magico Messico. Nella stessa città del Messico
c'è un intero mondo di stregoni che gli stranieri male informati trovano difficile
molto per entrare. Quando le persone non si sentono bene o hanno difficoltà
affari, vai da una strega che esegue una sorta di purificazione purificatrice.
A tal fine, strofina su tutto il corpo con erbe imbevute di acqua santa.
È una pratica molto comune, e non solo tra i cittadini.
Intellettuali e politici non esitano ad arrendersi ad esso, dopo la stregoneria
fa parte della vita messicana. Tra queste streghe si possono trovare, da
poi, guaritori esperti in funghi allucinogeni e piante medicinali. Il
si conoscono fino a tremila erbe. Altri usano esclusivamente
escrementi di animali. Ci sono anche strane creature che provocano
fenomeni così peculiari che non si sa se sono magie o inganni. Di
Ad esempio, ricordo una donna di una cittadina lontana che si presentava
sempre a malapena coperto con una maglietta, che mostra alcune punte d'acciaio
quel germoglio da tutto il suo corpo. Si pratica anche la magia nera e c'è
molti stregoni che fanno maledizioni. Se vuoi maledire il tuo
nemico, puoi rivolgerti a loro. Ho assistito a cose curiose. Di
Ad esempio, a uno spettacolo, ho preso in giro una donna molto influente che tutti
chiamarono la Tigre e chi, si sosteneva, era l'amante del Presidente. Il
gli artisti della mia compagnia non volevano salire sul palco perché erano convinti
che la Tigre avesse maledetto il teatro. Poi me ne sono andato
per trovare l'aiuto di una strega per annullare l'esagono. confesso
Ho riso quando l'ho visto spruzzare l'intero teatro con acqua santa. Ma dopo,
Mentre stavamo bevendo il caffè, l'uomo cominciò a lamentarsi, perché lo era
leggendo un'immensa ebollizione nell'ano. Quell'improvvisa eruzione cutanea acquisita
proporzioni tali che l'uomo doveva andare in ospedale. Non aveva il minimo
dubita che il suo corpo abbia assorbito l'esagono lanciato a teatro.

Pagina 60
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
60
Potrebbe essere stata una reazione psicosomatica?
È possibile. Ma, comunque, a volte accadono cose strane ... Un giorno,
il direttore di una scuola di Belle Arti con cui aveva appena firmato un
il contratto mi disse: «Sei ingenuo. Sei innamorato del Messico, tutto
Sembra meraviglioso Ma se hai il coraggio di guardare in questo cassetto ne scoprirai un altro
aspetto del paese ». Sono andato nel cassetto, l'ho aperto e ho subito sentito dolore
testa atroce.
Cosa c'era in quel cassetto infernale?
Figure di cera orribili, usate dalle streghe per torturare a distanza
le vittime indicate dai loro consulenti. Erano così orribili che solo
Vederli mi turbano. Se fossero esposti al Centro Pompidou o al
Louvre, il pubblico scoprirà qual è il potere benefico o malvagio di
un lavoro d'arte. Un tale oggetto carico di energia influenza direttamente il
organismo di colui che lo contempla. Anche se di per sé l'esperienza è stata
spiacevole, aveva la virtù di farmi riflettere. Mi chiedevo dove
ci sarebbe l'artista benefattore; il buon mago le cui opere furono caricate
di una forza positiva così grande da portare estasi allo spettatore. È un
principio che ho usato in seguito in psicomagia.
Potresti citare un esempio?
Un giorno ho ricevuto la visita di una donna che aveva un figlio omosessuale. Quello
La donna non era stata in grado di superare il fatto che suo figlio fosse diverso. Anche se
Aveva ancora un grande affetto per lui, allo stesso tempo si sentiva a
vergogna profonda. Il figlio voleva fare il pianista, ma ogni volta che lo faceva
si sedette ad un esame o tenne un concerto, sua madre fu presa dal panico
avrà esito negativo. Il povero ragazzo se ne accorse e ciò lo colpì a tal punto che
finalmente fallito. Ho capito rapidamente che la carriera del pianista
rappresentava per quella donna un'attività effeminata, di carattere
omosessuale. Quindi ho indicato un esercizio. Gli stregoni che fanno maledizioni
Realizzano figurine con l'effigie della vittima con cui si cimentano
perni. Ho chiesto a quella madre di usare la stessa procedura. Fatto
una figura nell'immagine di suo figlio e ha messo pezzi di unghie, capelli e frammenti di
vestiti da ragazzo, in modo che l'oggetto fosse davvero impregnato
la loro energia. Seguendo le mie istruzioni, la donna infilò un luigi d'oro sotto
ogni piede e versò una goccia d'oro su ciascuno dei sette chakra o
centri vitali del corpo. Quindi spruzzò la figura con acqua santa, la mise sul
lato di un piano che aveva i tasti imbrattati di miele - un simbolo di dolcezza e
dolcezza- lasciò una candela accesa nella stanza e pregò lì per un'ora ogni
giorno per il successo di tuo figlio. Il prossimo concerto è stato un successo e le relazioni
tra madre e figlio sono cambiati positivamente.
Magia bianca?
No, psicomagico! In seguito torneremo ai principi di
psicomagia; se ho dato questo esempio ora è per dimostrare che ho
ispirato alle pratiche di magia nera così comuni in Messico. Ma ho deciso
invertire il processo: se il male può essere fatto a distanza, perché non dovrebbe
essere in grado di fare del bene?

Pagina 61
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
61
Sì, ma non è sufficiente avere buone intenzioni o invertire le maledizioni
popolare. In che modo tali pratiche possono essere efficaci?
Madre e figlio sono collegati psichicamente. Se la madre dà anche se così
è solo un passo per adottare un altro atteggiamento interiore, e l'atto stesso in
in un modo che indica il cambiamento, questo atto acquisisce una solidità e una materialità
che altrimenti non avrebbe; il figlio, da parte sua, deve percepirlo
cesariamente, anche se in quel momento è molto lontano. E deve
reagire. Come la madre non poteva accettare razionalmente l'omosessualità
di suo figlio o di perdonarlo, gli ho dato la possibilità concreta di fare un passo in questo
senso, adattandosi a un cerimoniale meticolosamente prefissato in anticipo.
Questo è un linguaggio che l'inconscio comprende. In analisi tradizionale
si tratta di decifrare e interpretare i messaggi inviati in un linguaggio ordinario
dall'inconscio. Agisco al contrario: invio messaggi all'inconscio
usando il linguaggio simbolico che è suo. In psicomagia, corrisponde
all'inconscio di decifrare le informazioni trasmesse dal conscio.
Se ti ho capito bene, in psicomagia devi imparare a parlare
linguaggio dell'inconscio e quindi, consciamente, mandargli messaggi.
Esattamente. E se ti rivolgi all'inconscio nella sua lingua, in
il principio ti risponderà. Ma torneremo a questo. Al momento, io
vorrei spiegare in che modo l'atto magico ha contribuito all'avvento del
psicomagia. Quando, in Messico, ho scoperto il potere della stregoneria malvagia,
Naturalmente, ho considerato la possibilità di una stregoneria benefica. Se alcune forze
simili possono essere mobilitati al servizio del male, se non potessero essere usati
buon servizio? Ho iniziato a cercare uno stregone benefattore. Un amico mi ha parlato
a quei tempi della famosa Pachita, una donna di 80 anni che ne aveva molte
La gente veniva a vedere da lontano, sperando di trovare la guarigione. io
si sentiva molto a disagio alla prospettiva di incontrare quella famosa strega, quindi
che mi sono preparato per questo.
Perché era "irrequieto"?
Era sospettoso. Dopotutto, nulla mi ha garantito che questa donna non lo avrebbe fatto
era anche malefico. Perché in Messico ci sono streghe molto pericolose che
può entrare di nascosto nell'inconscio di un paziente sensibile e
lancia un esagono di effetto ritardato. Vai a vederli, all'inizio non ti senti
niente di insolito, ma dopo tre o sei mesi, inizi a soffrire ...
Quindi mi sono protetto bene prima di visitare Pachita. Perché non ero una strega
qualsiasi: nei giorni di consultazione poteva facilmente attrarre 3.000 visitatori.
Ti dirò che a volte dovevi anche evacuarla in elicottero ... Quindi,
precauzioni dovrebbero essere prese ...
Che cosa hai fatto? Come ti proteggi dall'influenza di una strega?
In un certo senso si può dire che questo è stato il mio primo atto psicomagico. Al
All'inizio ho sentito che la cosa più urgente era cancellare la mia identità. Vai a conoscerlo
la mia vecchia identità si stava esponendo al peggio. Quindi ho iniziato vestendomi e
indossare nuovi vestiti. Era importante che quei capi no
Avrei scelto, quindi ho chiesto a un amico di comprarmi tutto
Abiti vari che vuoi, a estrema spersonalizzazione e che il
L'outfit ottenuto non rifletterà il gusto di un particolare individuo. Calzini,

Pagina 62
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
62
biancheria intima, tutto doveva essere assolutamente nuovo. Non mi sono messo i vestiti
nuovo fino al momento di uscire a casa di Pachita. Inoltre, me stesso
Ho fatto un documento di identità falsa: un altro nome, un'altra data di
nascita, un'altra foto ... ho comprato una braciola di maiale, l'ho avvolta
argento e l'ho messo in tasca come promemoria. Quindi ogni volta
mi misi una mano in tasca, questo insolito contatto della carne me lo ricorderebbe
Ero in una situazione speciale e non dovevo essere preso
non c'è modo. Quando sono arrivato al piano in cui Pachita ha operato quel giorno, io
Ho trovato in presenza di una trentina di persone, alcune di buona reputazione
Sociale. Devo dire che le circostanze in cui il mio
l'incontro con Pachita è stato un vero privilegio, lontano dalle folle che
si affollarono intorno a lui quando operava in un luogo pubblico. Perché io
faceva parte dell'intellighenzia. Sebbene Pachita non andasse al cinema, sapeva che io
era un regista e aveva realizzato un film di cui si era parlato molto,
La Talpa. Alla fine mi sono avvicinato e ho visto una vecchia signora magra con una nuvola addosso
un occhio. La fronte sporgente, il naso adunco gli avevano appena dato un'occhiata
di mostro. Appena varcata la soglia, mi fissò e
chiamò "Ragazzo, tu, ragazzo!" Ho pensato che fosse strano sentirli chiamare
"Ragazzo" quando ho più di 40 anni. "Di cosa hai paura?", Ha detto.
"Vieni più vicino a questa povera vecchia!" Lentamente, sono andato da lei, sbalordito. Quello
la donna aveva trovato la parola giusta per contattarmi perché non l'avevo fatto
ancora maturato. Sebbene non fossi un bambino, il mio grado di maturità non era cosa
corrisponde a un uomo della mia età. Interiormente era ancora un
Teenager.
"Cosa vuoi da me? Che cosa vuoi da questa povera vecchia? »Mi chiese.
"Sei un guaritore, vero?", Gli ho chiesto. Mi piacerebbe vedere le tue mani. Prima
lo stupore di tutti, che si chiedeva perché me lo avesse dato
Preferenza, ha messo la sua mano nella mia. E quella vecchia aveva una mano
morbidezza, purezza ... Sembrava quella di una ragazza di 15 anni! Non ci potevo credere
i miei sensi. "Oh, hai una mano da ragazza, una ragazza carina!" In ciò
In quel momento, una sensazione difficile da descrivere mi è venuta in mente. Di fronte a quella vecchia
deformato, pensavo di dover affrontare l'adolescente ideale che il giovane che
viveva ancora dentro di me, aveva sempre cercato. Aveva la mano alzata,
palmo verso di me, e ho capito chiaramente che avrei ricevuto un po '
cosa. Mi sentivo disorientato, non sapevo cosa fare. Si udì un mormorio
tra i partecipanti: mi hanno detto di accettare il regalo. Ho pensato in fretta
quel dono di Pachita era indicibile in natura, ma volevo fare un gesto
denotando che ha accettato il dono invisibile. Quindi ho fatto una mossa da prendere
qualcosa dalla sua mano. Mentre mi avvicinavo, vidi che qualcosa splendeva tra il suo anello e il suo
dito
cuore. Ho preso l'oggetto metallico, era un occhio dentro un triangolo,
proprio il simbolo di El Topo ... Ho iniziato a fare delle deduzioni da quello
Esperienza inaudita: “Questa donna è una straordinaria prestigiatore. Al
Mettendo la mano sulla mia non mi ero accorto che nascondesse oggetti.
Il colpo sarebbe stato preparato in anticipo, ma come era riuscito
far uscire quell'occhio dal nulla? E come faceva a sapere che quello era il simbolo
del mio film? ». Quindi le ho chiesto se potevo aiutare lei e lei
accettato immediatamente. "Sì", disse, "oggi mi leggerai la poesia che io
ti porterà in trance. Ho iniziato a recitare una poesia per lui
Cuauhtémoc, eroe messicano divinizzato. In quel momento, quella vecchia
rugoso emise un tremendo grido, come un ruggito di leone, e cominciò a parlare
con la voce di un uomo: «Amici, sono felice di essere in mezzo a voi! Portami a
primo malato! ». I pazienti iniziarono a sfilare, ciascuno con un uovo

Pagina 63
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
63
nella mano. Dopo aver massaggiato tutti i loro corpi con esso, la strega lo ha rotto e
esaminò tuorlo e bianco, per scoprire il male ... Se non avesse trovato nulla di grave,
tisane raccomandate o cose a volte strane come
caffèlatte. Ha anche consigliato di mangiare uova di termite o di applicare
impiastri di patate cotte ed escrementi umani. Quando il problema
Sembrava serio, stava proponendo un "intervento chirurgico". Ho assistito a questi
interventi e ho visto cose irripetibili; rispetto a loro, le operazioni
dei guaritori filippini sembrano insipide manipolazioni.
Per esempio?
Ho potuto mettere in relazione centinaia di operazioni, perché ho continuato ad essere un assistente
per un po 'di tempo. Volevo essere in prima fila, a studiare cosa ci fosse
Stava succedendo e ho assistito a cose incredibili. Ad esempio l'ambiente: quasi
Pachita operava sempre a casa una o due volte alla settimana. Pavimento
era impregnato di un odore puzzolente, perché Pachita dava il benvenuto a tutti
gli animali malati del quartiere, che vivevano con lei temporaneamente e facevano
le tue esigenze ovunque. Era un calvario aspettare la sua cacca puzzolente
cane, gatto, pappagallo ... Nonostante tutto, non appena entrò nella stanza
operare, l'odore sembrava svanire dalla sola presenza di esso. Lo era certamente
la sua incredibile posizione, il suo comportamento, che ci ha fatto dimenticare quelli
esalazioni. Quella vecchia signora aveva l'aura di un grande lama
reincarnarsi.
Cosa pensi lo abbia reso così impressionante?
Molte volte mi sono posto la stessa domanda. Ed è quella Pachita
Ha impressionato sia i suoi seguaci che i non credenti! La verità è
aveva un'energia superiore al normale. Un giorno, la moglie del presidente
dalla Repubblica del Messico la invitò a un ricevimento che si tenne nel cortile della
Palazzo del Governo, in cui c'erano numerose gabbie con uccelli di
specie diverse. Quando arrivò Pachita, quegli uccelli sonnecchianti
fino ad allora si svegliarono e cinguettarono come per salutare l'alba.
Molti testimoni hanno confermato l'incidente. Ma non solo l'ha usata
carisma, ha saputo creare l'ambiente giusto intorno a lui per affascinare così tanto
il visitatore e i malati. La sua casa era al buio, un po 'spessa
le tende impedivano alla luce di filtrare, quindi quando scendevi dalla strada avevi
la sensazione di entrare in un mondo di tenebre. Vari aiutanti, tutti
convinto della reale esistenza del Fratello, come Pachita chiamava il
spirito con cui apparentemente ha contattato e che, secondo lei, ha realizzato il
cure, guidò il nuovo arrivato attraverso un itinerario che doveva fare
fare alla cieca. Penso che quegli aiutanti abbiano avuto un ruolo chiave in
lo sviluppo di "operazioni".
Vuoi dire che hanno aiutato la strega a fare giochi di mani?
È possibile che Pachita fosse un grande prestigiatore. In realtà quello
non sarà mai conosciuto. La verità è che gli aiutanti, qualunque sia il ruolo
suonavano, non erano complici di una bufala; tutti avevano una fede
enorme nell'esistenza del Fratello. Agli occhi di quelle brave persone,
questo era ciò che contava. Pachita era solo un eccellente guaritore, a
"Canale", come vorremmo dire oggi, uno strumento di Dio. Hanno rispettato

Pagina 64
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
64
la vecchia, ma quando non era in trance non la veneravano. Per loro, essere
disincarnato era più reale della persona in carne e ossa attraverso la quale
si stava manifestando. Questa fede che avvolgeva Pachita ha generato un'atmosfera
magia che ha aiutato a convincere il paziente delle sue possibilità di guarigione.
Come ha avuto luogo una consultazione "normale" a casa di Pachita?
Le persone, sedute in una stanza buia, stavano aspettando il loro turno per entrare
nella stanza in cui operava la strega. Tutti gli aiutanti hanno parlato
voce bassa, come se fossero in un tempio. A volte uno di loro sarebbe uscito dal
"Sala operatoria" nasconde un misterioso pacchetto nelle sue mani. Nel-
Si chiuse in bagno e, attraverso la porta semiaperta, il bagliore del
oggetto che bruciava nel fuoco. L'assistente sarebbe uscito e ci avrebbe avvertito in un
Mormoro, "Non entrare fino a quando il danno non è stato consumato. È pericoloso
avvicinati a lui mentre è attivo. Potrebbero prenderlo ... ». Cosa è stato davvero
quel "danno"? Non lo sapevamo, ma il semplice fatto di dover astenersi da
urinare mentre si stava verificando una di quelle immolazioni col fuoco
una strana impressione. A poco a poco, si abbandonò la solita realtà a
lasciati trascinare in un mondo parallelo totalmente irrazionale. Dopo
presto, quattro aiutanti lasciarono la sala operatoria portando un corpo
inerte avvolto in una tela insanguinata e depositato a terra, come
se fosse un cadavere. Perché, una volta terminata l'operazione e il
bende, Pachita ha richiesto l'immobilità assoluta dal paziente per mezz'ora,
a pena di morte istantanea. L'operato, timoroso di essere annientato
da forze superiori, non fecero il minimo gesto. Immobile, pietrificato,
sembravano davvero morti. Non è necessario aggiungere l'effetto esercitato
scenario sul candidato. Quando Pachita lo chiamò a bassa voce,
usando sempre la stessa formula, "Ora tocca a te, figlio della mia anima", il
Il paziente tremò dalla testa ai piedi e tornò all'infanzia. Di
che forse si può dire che questa strega non ha servito gli adulti ma i bambini,
perché è così che li ha trattati, qualunque sia la loro età. Ricordo di averla vista
dare una caramella a un ministro mentre chiede con la sua voce profonda e
affettuoso: «Cosa ti fa male, figlia mia?». Le persone si abbandonarono a lei nel corpo
e anima, prendendolo come antidoto al suo terrore.
Ho appena descritto l'atmosfera, i preliminari, molto importante, senza dubbio.
Ma vorrei sapere come si è sviluppata l'operazione stessa in generale ...
Come "aiutante" dovevi essere un testimone privilegiato.
Non so fino a che punto, perché come tutti erano sotto il potere del
magia dell'ambiente! Pachita fece sdraiare il paziente su un lettino, sempre a
la luce di una candela, poiché, secondo lei, la luce elettrica potrebbe danneggiare gli organi
interno. Quindi, indicò il luogo del corpo che stava per "operare", circondandolo
cotone e versato un litro di alcool su di esso. L'odore del prodotto è
sparsi in tutta la stanza, creando un ambiente di sala operatoria. Lei
Sono sempre stato accompagnato da due assistenti, spesso ne ero uno
loro e mezza dozzina di discepoli che erano severamente proibiti
incrociare le gambe, le braccia o le dita, per facilitare il libero movimento del
Energia. In piedi accanto a lui, io stesso ho visto il suo dito affondare quasi completamente
agli occhi di un cieco, o di come "ha cambiato il cuore" di un paziente, che
sembrava aprire il petto con le mani, facendo scorrere il sangue ... Pachita me
Ho costretto a mettere la mano nella ferita, ho sentito la carne strappata e

Pagina 65
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
65
ritirò le dita insanguinate. Da un barattolo di vetro accanto a lui, io
passava un cuore, nessuno sapeva dove - dal magazzino o dall'ospedale -
che ha "impiantato" magicamente nel corpo della paziente:
non appena fu posto sul petto, il cuore improvvisamente scomparve,
come aspirato dal corpo del paziente. Questo fenomeno di "aspirazione" era
comune a tutti i suoi "impianti": per esempio, Pachita ne ha preso un pezzo
intestino, lo posizionò sul "operato" e in quel preciso istante scomparve
dentro. L'ho vista aprire una testa e mettere le mani dentro. Potresti sentire l'odore di
le ossa cantate, hai sentito del rumore liquido ... L'operazione no
privo di violenza ed è stato uno spettacolo piuttosto rozzo, in stile messicano,
ma allo stesso tempo Pachita ha mostrato una dolcezza straordinaria.
Che ruolo hanno svolto gli adepti presenti?
La strega contava molto su di loro. A volte l'operazione sembrava
complicato, quindi Pachita e il paziente stesso hanno chiesto l'aiuto attivo di
tutti i presenti.
Potresti fare un esempio?
Ricordo le operazioni durante le quali il Fratello improvvisamente esclamò
attraverso la bocca di Pachita: «Il bambino si raffredda, presto riscalda l'aria o
perderemo...". Siamo corsi tutti immediatamente, isterici, alla ricerca di un
radiatore elettrico ... Quando collegato, abbiamo scoperto che il
elettricità! "Fai qualcosa o il bambino andrà in agonia!"
Fratello mentre il paziente, sull'orlo della crisi cardiaca, guarda senza dubbio
con la pancia aperta e le viscere nell'aria, gemette, congelato dal terrore: «Fratelli,
Ti prego, aiutami! ». E tutti mettemmo la bocca sul suo corpo e soffiammo-
siamo andati con tutte le nostre forze, angosciati, dimenticandoci di noi
stessi, cercando disperatamente di scaldarlo con il respiro. "Molto
Bene, cari figli ", disse improvvisamente la voce del Fratello," il
temperatura, il pericolo è finito, ora posso continuare ».
Qualcuno è mai morto?
No. Per quanto ne so, nessuno è morto a causa degli interventi di Pachita,
Sebbene molti di loro abbiano coinvolto momenti critici. In un modo,
quello sembrava far parte del processo.
Chi ha subito un intervento chirurgico?
Direi di si. L'operazione potrebbe essere abbastanza dolorosa. Quando è morto
Pachita, il dono è passato a suo figlio Enrique, che ha iniziato a operare come sua madre.
Ho partecipato a una delle sue operazioni e ho osservato che il Fratello parlava di più
dolcezza e che il coltello non fa più male. Così gli ho fatto osservare uno dei
aiutanti, che hanno risposto: «Dall'incarnazione all'incarnazione, fratello
sta progredendo. Ultimamente ha imparato a non far soffrire i pazienti.
Dice che Pachita era molto dolce, nonostante il suo grosso coltello.
Sei stato curato da lei, vero?
Sì, mi faceva male il fegato ed ero curioso di provare la

Pagina 66
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
66
operazione. Pachita mi disse che aveva un tumore al fegato e accettò
attendimi. Mi sono prestato al gioco, dicendomi che non poteva uccidermi. Perché,
con tutte le persone a cui aveva operato, se fosse accaduto un incidente
uno dei suoi pazienti sarebbe stato in prigione per molto tempo.
Non avevi paura della sofferenza, del dolore?
No, perché, per me, quello era teatro. Volevo sottopormi all'operazione
per vedere cosa è successo, e così ho fatto. Ma quando mi sono visto a letto, di fronte
Pachita, che teneva in mano un grosso coltello ed era circondato da adoratori che
Hanno pregato, ho iniziato a provare paura. Mi sarebbe piaciuto andarmene, ma lo era già
in ritardo. Ho notato che mi ha tagliato con le forbici ...
Ho sentito il dolore provato da una persona la cui carne è tagliata con alcuni
forbici! Il sangue scorreva e pensavo di morire. Poi mi ha pugnalato
nella mia pancia e ho avuto la sensazione che le mie viscere si stessero aprendo ... Nella mia vita io
mi ero sentito così male. Per circa otto minuti ho sofferto atrocemente e sono rimasto
Bianca. Pachita mi ha fatto un'infusione e ho sentito di nuovo il sangue scorrere
dal corpo. Poi ha fatto finta di strapparmi il fegato ... Finalmente,
mi passò le mani sul ventre per chiudere la ferita e immediatamente
il dolore è scomparso! Se era evocazione, l'illusione era perfetta: non solo il
i presenti hanno visto il flusso sanguigno e aprire la pancia ma lo stesso
il paziente ha sentito il dolore. Da allora, il fegato non mi ha più infastidito.
Lasciando da parte la guarigione, questa è stata una delle mie grandi esperienze
tutta la vita. Quella donna era una montagna, impressionante come un lama mitico
Tibetano. Non ho mai provato così tanto panico, né tanta gratitudine, come al momento
che mi ha detto che ero guarito e che potevo andarmene. Al momento,
Ho visto in lei la Madre universale. Che shock psicologico! Pachita è stata una grande
Psicologo, conosceva l'anima umana.
Hai avuto paura con Pachita?
O si! Sapeva molto bene come usare la terapia del terrore. A questa
A tal proposito, vorrei citare una testimonianza scritta da Valérie Trumblay, la mia ex
moglie, che era l'assistente della curandera allo stesso tempo:
Dopo aver abortito, aveva perso il bambino per aver ballato troppo
Durante una prova teatrale, aveva dolore ovarico. I medici non sono riusciti a trovare il
ha causato e hanno visto nei sintomi gli effetti psicosomatici di un senso di colpa.
Qualunque cosa fosse, il dolore era reale, lancinante, e durava da mesi ... decisi
consultare Pachita. Mi toccò la pancia, senza nemmeno farmi spogliare, e disse:
Eri incinta di due gemelli. Hai ancora un feto morto dentro. dovrò
operare su di te. Vieni venerdì pomeriggio a digiuno con un batuffolo di cotone, una benda
e un litro di alcol. Prenda questa infusione nei tre giorni precedenti il
operazione". Venerdì, Pachita, in trance, mi ha fatto assistere a un'operazione prima
intervenimi. Il fratello apre un corpo, tira fuori il cuore pulsante, ne mette un altro
Sostiene di aver comprato in un ospedale, mi fa toccare i visceri, chiude la ferita
una sola posa sulla mano e ordina agli aiutanti di portare l'operatore al
stanza di recupero. "Ora tu" mi dice la strega. Comincio a tremare
Dalla testa ai piedi, batte i denti, sudo. Quando la vedo sollevare il coltello
Sanguinante, cado a terra e mi siedo, terrorizzato. Così lui
Il fratello mi disse severamente attraverso la bocca di Pachita, che improvvisamente acquisì una voce
uomo rauco: "Calmati e sdraiati qui, se no, non sarò in grado di fare nulla e tu
le ovaie saranno cancrenose ». Mi sono alzato con la bocca asciutta, con molta difficoltà, e io

Pagina 67
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
67
Mi sono sdraiato sul lettino. Mentre un assistente ha abbassato la gonna per rivelare la mia pancia, il
altri iniziarono a pregare sotto il ritratto di Cuauhtémoc, il venerato imperatore che,
Secondo loro, non era altro che lo spirito che possedeva la strega. Questo imbevuto di alcol
dei cotoni e mettili sul mio ventre intorno alla zona che si stava preparando
tagliare. Poi, molto rapidamente, con un colpo di chirurgo freddo, mi ha aperto la pancia.
Ho sentito un forte dolore, ho sentito dei rumori liquidi, ho percepito l'odore del sangue e ho pensato che fossi
morto.
I tre minuti dell'operazione sembravano infiniti; il mio cuore batteva
all'ora, il suo fegato era nell'aria e tutto il suo corpo era congelato. Ma lei, o meglio il
Fratello, ero imperturbabile: non una parola, non un gesto inutile, una precisione
Eccezionale. Improvvisamente ho sentito un forte dolore, come se fosse un pezzo di
visceri e Pachita mi mostrarono una cosa nera viscida come un piccolo polpo.
"Questo è il feto, è marcio." L'odore era insopportabile. Portami una borsa, ordinò.
Gli aiutanti corsero in cucina e tornarono con un sacchetto di plastica di
Supermercato. Pachita preparò con cura un pacchetto, lo legò con un nastro rosso e lo diede
a suo figlio che dice: "Stasera lo getterai nel canale, nelle acque scure, dandogli il
indietro e te ne andrai senza voltare la faccia. Le cose malvagie sono catturate dallo sguardo ... ».
Quindi chiuse la ferita con le mani e il dolore scomparve in un istante, allo stesso modo
tempo che paura. Mi ha bendato la pancia e mi ha ordinato di riposare
tre giorni e prendere un'acqua preparata appositamente per me. Come ero il
Ultima paziente della giornata, a quel tempo Pachita ha dovuto recuperare il proprio corpo e fare
per il fratello di tornare nel suo regno. Ho iniziato a piangere, così forte che i miei singhiozzi
Sembravano oltrepassare la piccola stanza. Mentre gli aiutanti lo pregavano
Pachita tornò a essere una donna, sentii una vocina che piangeva piangendo nel corridoio:
Mamma mamma ... Mi è sembrato che solo io potessi sentirlo e ho esclamato: "Là fuori
c'è un ragazzo che chiama sua madre ». Mi è stato severamente ordinato di tacere e lasciar andare
vampiro. Dopo un mese sono stato in grado di camminare normalmente. Mi fa molto male
trafisse la pancia al minimo movimento improvviso. Ma il risultato dell'operazione è stato
enfatico: mai più sofferto di dolore ovarico, dopo aver sofferto così tanto. Da
Così, sono diventato un convinto di Pachita e, in compagnia di Alejandro,
Ho partecipato a molte operazioni. Non saprei dire categoricamente se ciò che ho visto fosse
reale o illusione, ma tuttavia ho visto che la donna ha guarito coloro che avevano fiducia in lei e,
soprattutto nel fratello. Pachita ha dedicato tutta la sua vita a coloro che hanno sofferto. sì
questa era una trappola, doveva essere una "trappola sacra", come direbbe Alessandro.
Ora vorrei riferire un fallimento che, a mio avviso, era dovuto alla mancanza di fiducia o
malafede del paziente. Conoscevo una donna americana ricca e divorziata che
ha sofferto di mania persecutoria. Era convinta che la morte la perseguitasse, quello
circolò attraverso di esso usandolo come un canale. Il suo assistente era annegato
Nella piscina, sua madre era morta in un incidente aereo mentre la stava visitando, a
il suo amico si era suicidato, ecc. L'ho portata a casa di Pachita, dopo
dopo averla avvertita che lo avrebbe presentato a una posesa. L'americano arrivò
a casa della strega di umore ambiguo. Stavo cercando di convincerla a
credeva, ma era chiusa nella sfiducia della donna bianca che visita a
città indiana. Entrò in sala operatoria con aria di disgusto e disprezzo. Al
vedendola entrare, il Fratello incarnato in Pachita arrossì e, schiumando contro il
bocca e brandendo il coltello con un'espressione omicida, si lanciò contro di lei, deciso a
uccidila. Tra gli otto presenti, abbiamo tenuto la strega, che
Combatté con una forza così grande che sembrava quasi impossibile ridurlo. Intoniamo
un incantesimo e, dopo alcuni minuti di completa crisi di panico e colera
al limite dell'epilessia, il Fratello si calmò. Cominciò ad accarezzare la testa del nor-
Era americana, improvvisamente molto sottomessa, come una ragazza spaventata. "Io già
vedi, figlia piccola ", mormorò il fratello attraverso la bocca di Pachita," sei posseduto da un
demone criminale. Senza saperlo, dai la morte. Vuoi uccidere. Non illuderti, lo so
sincero e renditi conto che, per paura del mondo e per rancore, sei pieno di sete
di distruzione. Se vuoi liberarti, devi seguire le mie istruzioni alla lettera ».

Pagina 68
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
68
Il fratello gli ordinò di andare al mercato per erbe medicinali e magiche e
Comprerò sette diversi nastri colorati e un pezzo di corallo. Per ventuno giorni,
prima di coricarsi, ha dovuto avvolgere il corpo con i sette nastri e dormire coperto come
una mummia, con il corallo sul petto, come un medaglione. Per me, il messaggio era
certo: doveva dormire ogni notte avvolto nell'arcobaleno, simbolo dell'alleanza con Dio,
e purificato dall'umile bellezza del corallo. Ma il paziente non la vide in quel modo. Finito
la consultazione, è tornato alla sua vecchia personalità e ha creato tutti gli ostacoli
immaginabile per non seguire le istruzioni per andare al mercato. Prima a
punta, poi proposto di acquistare i nastri in un negozio del centro, come il
Il mercato gli sembrava un posto sporco, pieno di indiani schifosi ... Dopo due o tre
settimane, l'ho convinta ad accompagnarmi al mercato. Una volta lì, ha dimostrato
una cicatrice assurda, contrattava il prezzo di corallo e nastri fino a raggiungere
arrabbiarsi per qualche soldo. Finalmente lasciamo il mercato portando il
pacchetto in mano, ma ha quasi dimenticato nel taxi senza mostrare di più
minimo interesse nel recuperarlo. Stanco già, ho deciso di tagliare il nostro legame e mai più
L'ho vista di nuovo, l'ho lasciata nel suo mondo senza fede o amore, vittima di se stessa ... Altri anni
Più tardi ho appreso dalla stampa che aveva assassinato il suo amante. Lui aveva ragione
Pachita: quella donna era un'assassina. Fratello, sta cercando di avventarsi
lei per ucciderla si è comportata come uno specchio. Si aggrappava alle sue sofferenze, no
voleva cambiare, quindi non poteva beneficiare della saggezza trasmessa da
Pachita, che andò a consultare solo perché gli avevo chiesto di farlo, senza avere fede
vero in suo potere. Con tutto ciò intendo che era necessario collaborare con il
maga. Il Fratello non poteva curare coloro che non lo desideravano profondamente e lui
rifiutato di collaborare.
Potrebbe succedere che una persona avesse fede ma non volesse ritrovare la salute.
Ricordo, ad esempio, una donna di nome Henriette, paziente di un medico amichevole
i nostri a cui non sono stati dati più di due anni di vita. Henriette era ammalata
il cancro e entrambi i seni erano già stati rimossi. Su richiesta del suo medico, che lo era
Sostenitore di provare tutto, mi ha accompagnato in Messico. Anche se molto depressa, lei
Ha dichiarato pronto per essere gestito da Pachita. Ha proposto di purificare il suo sangue
iniettando due litri di plasma da un'altra dimensione, materializzata dal
Fratello. Venne il giorno e, dopo la cerimonia che seguì, Henriette si ritrovò a mentire
nel letto. Il fratello ha pugnalato il coltello nel suo braccio e abbiamo sentito il sangue cadere in a
secchio di metallo, era un getto denso e puzzolente. Più tardi, il Fratello ha introdotto
avvolto l'estremità di un tubo di plastica lungo tre piedi, sollevando il
un'altra estremità per connetterlo con l'invisibile. Potremmo sentire il suono di un liquido
Scorreva senza intoppi da un luogo incerto e in quel momento il Fratello disse:
"Ricevi il santo plasma, figlia piccola, non rifiutarlo." Il giorno dopo l'operazione,
Henriette era triste. Non credeva negli effetti della "trasfusione" e fu abbattuta.
Ho provato a farla reagire, ma era impossibile. Ero petulante come una ragazza, burbero
ed egoista. Mi ha incolpato per aver voluto portarla fuori dal suo calvario. Due giorni dopo, è uscito
un grande ascesso purulento sul braccio. Molto spaventato, ho chiamato Enrique, il figlio di
Pachita, che, dopo aver consultato sua madre, mi disse: «La tua amica ha fiducia
medicina, ma la rifiuta. Vuoi liberarti del plasma santo. Fammi fare stasera
i tuoi bisogni in un vasino e domani mattina applichi gli escrementi nel
braccio, in modo che esploda il fuoco dell'infezione ». Ho trasmesso il messaggio a Henriette, che
si rinchiuse nella sua stanza. Non so se abbia seguito il consiglio o meno, ma la verità è che
L'ascesso esplose, lasciando un buco molto grande, così profondo che l'osso era visibile.
La portai immediatamente a casa di Pachita, che, trasformata in Fratello, disse al
Malato con la sua voce virile: «Ti stavo aspettando, piccola figlia, ti darò quello che vuoi.
Venire...". La donna di medicina le prese la mano come una bambina, la portò sul letto e
sorprendentemente, ha iniziato a canticchiare una vecchia canzone francese, mentre
Gettò il coltello davanti agli occhi spalancati del paziente. Ho avuto l'impressione di
che l'ha ipnotizzata. Quindi chiese:

Pagina 69
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
69
- Dimmi, perché volevi che ti tagliassero il seno?
Al che Henriette, con la sua voce da ragazzina, rispose:
-Per non essere una madre.
-E adesso, mia cara ragazza, cosa vuoi tagliare?
-I nodi che si gonfiano nel mio collo.
-Perché?
-Per evitare di parlare con le persone.
-E poi, figlia piccola?
-Le ghiandole linfatiche che si gonfiano sotto le mie braccia saranno tagliate.
-Perché?
-Per evitare di dover lavorare.
-E poi?
-Le persone che mi gonfiano vicino al sesso mi taglieranno, in modo che io possa essere solo
con me stesso.
-E poi?
"I linfonodi nelle mie gambe, quindi non possono costringermi ad andare da nessuna parte."
-E cosa vuoi dopo?
-Morire...
-Molto bene, figlia piccola, ora conosci il percorso che seguirà la tua malattia. Scegli: o
segui quel percorso o guarisci te stesso.
Pachita gli mise un cerotto sul braccio e dopo tre giorni la ferita ebbe
sfregiato. Henriette decise di tornare a Parigi e morì due settimane dopo. quando
Ho dato la triste notizia a Pachita, lei ha risposto: «Il fratello non viene solo per guarire.
Aiuta anche coloro che desiderano morire. Cancro e altre malattie
Le tombe si presentano come guerrieri, seguendo un preciso piano di conquista. quando
mostri a una persona malata che cerca di annientare se stesso il suo cammino
malattia, si affretta a seguirlo. Per questo motivo, i francesi, anziché due
anni di sofferenza, ha smesso di combattere. Si arrese alla sua malattia e l'aiutò a realizzare il suo piano
in due settimane". Ho imparato la lezione: prima credevo che, al fine di salvare una persona,
era abbastanza per renderla consapevole della sua spinta all'autodistruzione. Questo caso mi ha fatto
capire che questa scoperta potrebbe anche accelerare la sua morte.
In effetti, la testimonianza di Valérie è molto interessante, proprio per questo
che si riferisce al rapporto tra guarigione e fede e all'importanza del desiderio
vivere. Cosa ne pensi? Dovevi avere fede per guarire te stesso?
Non necessariamente. Tutto ciò che Valérie racconta è rigorosamente vero,
ma un principio generale non può essere tratto da esso. Era certamente preferibile
avere fede, ma non era una condizione sine qua non. D'altra parte, Pachita
sembrava sapere bene come convincere gli scettici, proprio come faceva io
Ha messo in mano l'emblema del mio film. Un giorno ho preso Jean-Pierre
Vignau, uno specialista cinematografico. Era un colosso, un campione di karate, in cui non credeva
queste cose e non intendeva essere ingannato da un vecchio messicano. Aveva
un infortunio alla gamba e gli ho consigliato di andare con mia moglie a casa
Pachita. Era riluttante ma, come lo accusavo di avere paura,
alla fine accettò, sebbene giurasse che non sarebbe stato preso in giro.
E quale fu il risultato dello scontro tra la vecchia strega e questo
eroe del film?
Si scopre che Vignau è stato così colpito dalla storia che lui stesso
nelle sue memorie Corps d'acier, pubblicato nel 1984 da Robert Laffont.
Leggerò il passaggio. Questa testimonianza di uno scettico conferma ciò che ho detto
su Pachita:

Pagina 70
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
70
Durante quel soggiorno in Messico, a casa di Alejandro, ho incontrato di più
insolito di tutta la mia esistenza. Il più insolito e, allo stesso tempo, il più reale. Verso
mesi in cui ho avuto una lacrima alla coscia. E non era piccolo ma simile a un fascio
due polsini, con un foro al centro. A Parigi, ho visitato per settimane
medici e specialisti per ripararlo per me. Ma non c'era modo. Lisa e
Mi dissero semplicemente di abbandonare il karate, perché non aveva scelta. UN
Quella sera Jodorowsky disse a Valérie, sua moglie, che forse potevano portarmi a visitare
Pachita, una vecchia medicina del Messico. Qui la chiameremmo una strega. E una mattina
Parto presto per la casa di Pachita con Valérie, che tiene in mano un uovo
crudo, essenziale per il trattamento.
Arriviamo in una strada non molto ampia. Un cancello di legno. Valérie chiama. Il
socchiuso la porta e un brav'uomo guarda a chi il mio amico spiega il motivo
la nostra visita. L'uomo ci fa entrare. Il patio è pieno. Uomini, donne e bambini
da tutte le classi sociali, in particolare i poveri, gli indiani, i meticci, i tipici messicani
con navicella, cibo e bambini appesi sulla schiena, persone che parlano, discutono,
urla. Alla fine del patio, su una pila di legna da ardere, un aquilotto contempla il
scena con sguardo penetrante e calmo.
Aspettiamo. Dopo circa venti minuti, si apre una porta della casa circostante
il giardino. Una vecchia signora esce, una vecchia signora. Sembra che molte delle donne che
sono nel cortile. È molto corto, spesso, curvo, ha una nuvola in un occhio, con il
chi sembra vedere meglio dell'altro, vedere ciò che non vede con il bene. Impossibile calcolare
della tua età. Potrebbero essere cento anni o cinquanta. Guarda quelli di noi nel cortile, scegli
un uomo tende la mano. Tu ... L'uomo si alza e la segue in casa. Dopo
Dopo un po ', un bel po', viene fuori. Lei guarda indietro al raduno e mi indica con il
dito. Tu ... sono io. Noto che adotto un atteggiamento mentale aperto nei confronti di questo
persona insolita. Mi dico: «Non so niente o so niente. Pertanto, mi apro. Di
comunque, la mia gamba non sarà peggio ».
Qualcosa di sorpreso accadrebbe prima degli altri -Alejandro mi spiegò poi che Pachita
ritiene che gli uomini dovrebbero passare davanti alle donne, perché sopportano di peggio
il dolore e le donne possono aspettare-, l'ho seguita, accompagnato da Valérie, che
Ho spiegato il mio caso in spagnolo.
Improvvisamente, la vecchia si gira verso di me e fa due o tre mosse di karate.
molto velocemente, guardandomi con il loro occhio bianco. A quel tempo, se avessero
chiese alla sua età, avrei detto vent'anni. Quindi, prendi l'uovo crudo che ha
portato da Valérie, lo sguscia e lo strofina su tutto il corpo: viso, maniche, camicia,
i pantaloni. Quindi fa lo stesso con un liquido bianco che attinge da a
enorme bottiglia dietro di lui. Sono imbrattato dalla testa ai piedi. Tocco il
gamba, i grumi della lacrima. Poi si gira, si avvicina a una specie di piccolo altare,
come una piccola nascita, con figure e candele, e inizia a pregare a bassa voce. Me
ascolto Non capisco niente, ma ascolto. La stanza è buia,
illuminato da tre o quattro candele. Un tavolo dove i pazienti si sdraiano
essere operato, due o tre assistenti che sono lì per imparare o per loro
trasmetti il tuo regalo. E Pachita che prega. Quindi smette di pregare, si gira verso il suo
aiuta e detta un elenco di prodotti, erbe, piante. Mi danno la lista per me
Valérie. La guardo.
-E tutto questo, quanto devo dargli?
-Dagli quello che vuoi, un peso, due ...
Mi misi una mano in tasca e tirai fuori la prima cosa che trovai, un biglietto uguale
Non so quanti pesos, ho dimenticato, e siamo tornati nel patio. Siamo andati a uno dei
quei grandi mercati messicani dove tutto è colore, urla e movimento, e
dove quando vedi la vitalità delle persone pensi, proprio come in Africa, che non sentono
il calore. In quel mercato un po 'folle, abbiamo comprato ciò di cui avevamo bisogno.
Quando tornammo a casa di Alejandro, Valérie cucinò un piatto con tutto e ne fece uno
cataplasma che mi ha messo sulla coscia. L'ho indossato per tre settimane. Con lei
Ho fatto la mia vita normale e mi sono persino allenato. Dopo tre settimane, l'ho tolto.

Pagina 71
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
71
Era completamente scomparso! Non ho sentito altro dolore se non la trazione durante la rimozione di
impiastro, che mi ha strappato i capelli. La lacrima è stata guarita. E non ho mai più
sentito di nuovo. Ovviamente, coloro che non hanno vissuto una situazione simile
possono mettere in discussione la veridicità della minoranza che ha. Ma lo affermo
Pachita mi aveva davvero guarito.
Questa è la testimonianza di Jean-Pierre. Interessante, non credi?
Ovviamente! E cosa si può dedurre da tutto ciò?
Non direi mai che le manipolazioni di Pachita erano vere
operazioni; ma nemmeno direi diversamente. E infine, ho tratto la conclusione
quello non era importante. In realtà ciò che ci rende queste cose
turbare è la nostra fede in un mondo "oggettivo", la nostra mentalità
moderno stile razionale. Cerchiamo sempre di posizionarci come
osservatori distanti di un fenomeno apparentemente esterno di cui
I meccanismi devono essere chiaramente delineati. Nella mentalità
"Sciamanico", al contrario, questo problema non si pone nemmeno. Non c'è argomento
osservatore o oggetto osservato, c'è solo il mondo, un sogno formicolio di
segni e simboli, un campo di interazione in cui forze e
molteplici influenze. In questo contesto, sapere se le operazioni di Pachita sono
"Reale" o non incoerente. Quale realtà? Dal momento che
entri nel campo energetico della strega, ti integri nella sua realtà e lei in lei
Una volta entrati nel tuo, entrambi si evolvono in una realtà in cui le pratiche di
la guarigione è operante. E il fatto è che molte persone sono state curate
Veramente! D'altra parte, attenendosi al punto di vista chiamato "obiettivo",
Non ho mai potuto scoprire il "trucco", nonostante fosse stato al suo fianco per una settimana
dopo settimana per ore ... In ogni caso, puoi solo riconoscere il
Il genio di Pachita. Se il tuo era teatro, che grande attrice! Se fosse illusionismo,
questa brava donna era la più grande illusionista di tutti i tempi! E quello
psicologo ...
Cosa ti ha insegnato? Cosa hai salvato da tutto questo per integrarlo più avanti nel
pratica psicomagica?
Prima di tutto ho imparato a trattare le persone. Grazie a lei, ho capito
che tutti - o quasi tutti - sono bambini, a volte adolescenti. Il primo quello
Pachita fece semplicemente toccare le sue mani a tutti quelli che venivano da lei, quindi
stabilito una relazione sensoriale e instillato la fiducia nelle persone. lo so
ha prodotto uno strano fenomeno: dal momento in cui l'hai sentito
mani, è stata trasformata per te in una specie di madre universale e non puoi
resisterti. Questo è anche quello che mi è successo, anche se, a quel tempo, io
Ho rifiutato gli insegnanti e mi sono rifiutato di presentare. Tuttavia, quando lo tocchi
la mia resistenza si sciolse come neve al sole. Pachita ha saputo trovare nel
adulto, anche nel modo più sicuro, un bambino che dorme, desideroso di amore, e il
il contatto è stato più efficace delle parole per creare fiducia e aprire il tuo
stato ricettivo. Questo contatto sembrava anche permettergli di fare la diagnosi.
Ricordo, ad esempio, l'occasione in cui l'ho portato da un amico francese. Verso
tempo in sofferenza, e i medici francesi ne avevano avuto bisogno di sei
mesi per diagnosticare un polipo nell'intestino. Pachita le passò le mani
attraverso il corpo e immediatamente rilevata la presenza di un nodulo nell'intestino.
Il mio amico era sbalordito!
Ma, oltre a manifestare questi poteri quasi divinatori, quella strega

Pagina 72
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
72
A volte praticavo quello che oggi mi sembrano meravigliosi atti psicomagici: a
il giorno in cui ha ricevuto un uomo che stava per suicidarsi perché non poteva sopportarlo
idea di diventare calvo a 30 anni. Avevo provato tutti i trattamenti
possibile senza successo. Il fratello gli chiese attraverso la bocca della vecchia: «Credi in
me?". L'uomo rispose affermativamente e, di fatto, ebbe fiducia in Pachita. lui
lo spirito quindi gli diede queste istruzioni: «Prendi un chilo di escrementi
ratto, urina sopra e mescola bene fino ad ottenere una pasta che applicherai
nella testa. Questo rimedio farà crescere i capelli ». Si lamentò l'uomo
Delicatamente, ma Pachita ha insistito, dicendo che se voleva evitare la calvizie,
non c'era scelta. Decise quindi di sottoporsi a questo insolito trattamento.
Tre mesi dopo la visitò di nuovo e disse: «È molto difficile da trovare
escrementi di topo ma alla fine ho trovato un laboratorio dove allevano topi
bianca. Ho convinto un dipendente a conservare i miei escrementi per me.
Quando ho raccolto il chilo, ho urinato, fatto la pasta e poi ho capito
Non mi importava se non avessi i capelli. Pertanto, non ho usato l'unguento e ho deciso
accetta la mia fortuna ».
Ho visto in questo un atto di psicomagia elementale. Pachita ha chiesto un prezzo
che non era disposto a pagare. Quando ha trovato l'azione stessa,
capì che poteva perfettamente accettare il suo destino. Di fronte al requisito
reale, preferivo rimanere calvo. Ha lasciato il suo mondo immaginario da guardare
di fronte al mondo reale. Queste istruzioni, assurde a prima vista, gli davano
occasione per maturare, lo hanno fatto passare attraverso un intero processo alla fine del quale
era possibile accettarsi così com'era. È così che concepisco la psicomagia. Molti
A volte, Pachita ha indotto le persone a compiere un atto insolito che, al fine di
account, ha mirato a riconciliarli con un aspetto di se stessi.
Ricordo una persona per cui il denaro era un grosso problema,
una persona incapace di guadagnarsi da vivere. La vecchia gli impose uno sconosciuto
cerimoniale: il "paziente" ha dovuto urinare ogni notte in un vaso da notte, fino a quando
era pieno. Quindi ho dovuto lasciare il vasino sotto il letto e dormire
trenta giorni in cima alle sue urine. Ho assistito alla consultazione e ovviamente
Mi chiedevo quale sarebbe stato il suo significato. A poco a poco ho trovato il suo significato:
se una persona che non soffre di alcun declino fisico o intellettuale non lo fa
riesce a guadagnarsi da vivere perché non lo vuole. Una parte di sé è
si oppone ed è in conflitto con il denaro. Ora segui il
Le istruzioni di Pachita potrebbero comportare l'esposizione a un vero calvario: no
ci vuole molto tempo per l'urina tenuta giorno dopo giorno sotto il letto
puzza. Il paziente che è costretto a dormire sul vasino rimane compromesso.
incinta della sua stessa effluvia, riposa accanto alla sua macerazione
rifiuto. Inoltre, questo esercizio richiede uno spirito di sacrificio e
sviluppa la forza di volontà. Perché devi averli per resistere
ogni notte l'incontro con la propria urina ...
Senza dubbio, ma come si collega al denaro?
Innanzitutto, una relazione simbolica: l'urina è gialla, come la
oro. Ma, allo stesso tempo, è uno spreco ... Produrre rifiuti è un
necessità fisiologica e la necessità di urinare o defecare è essa stessa
prodotto di un'altra necessità, quella di mangiare e bere. Ora a partecipare
questi bisogni, devi guadagnare soldi. Denaro, nella misura in cui
rappresenta l'energia, deve circolare ... e quella persona non si guadagnava da vivere
perché è stato respinto dal denaro, che ha considerato sporco, vile ...
persona, il concetto di denaro come energia è stato bloccato. Il
aveva bisogno, ma non voleva essere attiva nella sua manipolazione. Una parte di esso

Pagina 73
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
73
ha rifiutato di intervenire nel movimento che fa entrare e uscire i soldi,
diventa cibo ... Lo ha fatto schifo riconoscere il posto legittimo di
«Oro» in questa rete che costituisce tutta l'esistenza. Pachita lo costrinse a dominare
quella paura. Trovandosi solo con la sua urina stagnante ogni notte, il paziente
aveva la visione che gli escrementi d'oro non fossero "sporchi" se circolavano. Se uno è
si rifiuta di vederlo e lo mette sotto il letto, i problemi iniziano ... L'oro
Puzzava perché quella persona gli aveva assegnato un posto vergognoso. Finalmente,
Come dicevo, il semplice fatto di praticare l'esercizio fino alla fine lo ha costretto a farlo
esercitare la tua volontà, una qualità essenziale per guadagnarsi da vivere normalmente.
A proposito, Pachita ha richiesto alcun pagamento dai suoi pazienti?
Non; non ha richiesto tasse, ma la gente gli ha fatto delle donazioni. Quando ho operato,
ha sempre avuto un cestino vicino a lei con una grande borsa dove i pazienti
hanno messo quello che volevano. Pachita non poteva essere accusato di essere di fronte a a
attività commerciale. Anche se, naturalmente, quelli con i soldi lo hanno pagato bene; di-
che, senza dubbio, è stata un'esperienza preziosa la presenza di quella donna ...
Non ha guarito per guadagnare soldi, ha guadagnato soldi perché ha guarito.
Ritorniamo alla tua esperienza e a ciò che quell'incontro
lei, come per psicomagici.
Il suo contributo alla psicomagia è tanto semplice quanto essenziale: guardandolo,
Ho scoperto che quando viene simulata un'operazione, il corpo umano reagisce
come se subisse un vero intervento. Se ti dico che aprirò il tuo
pancia per rimuovere un pezzo di fegato, se ti costringo a mentire su un tavolo e
Riproduco esattamente tutti i suoni, tutti gli odori e i
manipolazioni, se senti il coltello sulla tua pelle, se vedi un salto di sangue, se ce l'hai
la sensazione che le mie mani stiano lacerando le tue viscere e ne estraggano alcune
saranno "gestiti". Il corpo umano accetta direttamente e ingenuamente il
linguaggio simbolico, alla maniera dei bambini. Pachita lo sapeva ed era un insegnante
supremo nell'arte di usare quella lingua in modo operativo, mai meglio
detto.
Quindi, Pachita era soprattutto uno specialista della comunicazione
simbolico?
Assolutamente. Inoltre, ha osservato con molta attenzione gli oggetti, il
gioielli che indossavi. Ricordo una donna con un braccialetto ovale, in cui,
In una buca anche ovale, era incorporato un orologio. Quello doveva
essere, senza dubbio, un dono di sua madre, e Pachita lo scoprì immediatamente
quella donna non avrebbe risolto i suoi problemi finché non fosse stata liberata dall'influenza di
sua madre. Era anche evidente che questo buco simboleggiava la madre, nel
in cui l'orologio della figlia era ancora custodito. Intuitivamente, Pachita decifrò il
messaggio simbolico e raccomandato un intero rituale per sbarazzarsi dell'oggetto. Per
non era nulla di insignificante, il mondo era come una foresta di simboli dentro
relazione permanente. Essere in contatto con lei mi sono aperto alla lingua di
oggetti, il significato dei doni, ad esempio: tutti i doni
ha un significato, fa parte di una dinamica di possesso e comunicazione.
Dimenticare una cosa a casa di un amico, per esempio, o in un luogo pubblico no
non c'è niente di gratuito. La stregoneria primitiva conosce il meccanismo di questi
interazioni e domina più o meno. Ma è, ovviamente, a
conoscenza intuitiva, non intellettuale o scientifica. Lo stregone o sciamano

Pagina 74
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
74
probabilmente non sarebbe in grado di descrivere rigorosamente la propria pratica;
Per farlo, dovrebbe stare fuori, guardarsi agire e decifrare il suo
funzionamento. Ora il suo potere sta proprio nel fatto che
mantenere una relazione interna con il mondo.
Non è spettatore di un mondo "oggettivo" inanimato, ma parte integrante
di un universo soggettivo in cui tutto è vivo. Pachita stessa ha capito
malattie come esseri animati: il tumore era una creatura malvagia che
meritava di essere bruciato vivo e all'improvviso hai sentito il canto degli uccelli. Qualche volta
rimosso una forma in movimento dal corpo malato che hai visto mescolare
l'oscurità come un burattino. Ha materializzato la malattia, che ha così perso
il suo potere di nemico invisibile - e quindi tanto più minaccioso - e il
incarnato in una figura vagamente grottesca, che meritava di ricevere la morte.
Dal ventre di un omosessuale vidi come tirò fuori un fallo nero che sbuffava
come un rospo ...
Qualcosa di degno di uno dei tuoi eventi ... Quello che descrivi in realtà
scene "panico".
Degno di Goya! Non so come abbia fatto a portarci in quel mondo barocco ...
Trance, allucinazioni collettive, gioco di prestigio? Comunque, si
c'era una trappola, era una sacra trappola. Intendo i suoi atti magici
erano efficaci. Pachita sollevò la maggior parte di coloro che vennero a trovarla, per
questo è quello che volevo osservare e imparare da esso ...
Ma situarsi in una logica leggermente diversa: a differenza di a
Castaneda, che dopo aver ricevuto il messaggio da don Juan diventa
Anche nello sciamano, non fai finta di essere uno stregone. Sei contento di assimilare
alcuni principi universali per trasportarli a un'esibizione non magica,
ma "psicomagico".
È vero, perché non provengo da una cultura "primitiva". Secondo me,
con poche eccezioni - non pronuncio sul caso di Castaneda, che
Mi sono incontrato in Messico a quel tempo-, non puoi diventare uno sciamano o uno stregone
se non sei nato in un contesto primitivo. Con la migliore volontà e la più grande
ampiezza di giudizio del mondo, non si è così facilmente liberati da tutto ciò
bagaglio occidentale e razionale.
Castaneda è un personaggio incomprensibile di cui pochi possono vantarsi
aver visto. In quali circostanze lo hai incontrato?
All'epoca, negli anni '70, ero molto conosciuto
significa, grazie al mio film El Topo, che per molti era una specie di
riferimento nel cinema magico. Castaneda aveva visto El Topo dos
volte, e gli piaceva. Ero in Messico in un ristorante di
quello che serve delle splendide bistecche e beve del buon vino. Era accompagnato da
un'attrice messicana che ha riconosciuto un amico che era con a
Signore. Castaneda, che non era un altro signore, dopo aver appreso chi ero, mandò
la sua amica al nostro tavolo. La donna mi ha chiesto se volevo incontrare Cas-
Taneda. "Certo", ho risposto. "Sono un tuo grande ammiratore!" Lei ha detto che
Sarebbe venuto a sedersi al mio tavolo, ma ho insistito per andare dal suo.
Una coincidenza immaginaria ...

Pagina 75
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
75
La vita è immaginaria! Ho proposto a Castaneda di andare a casa sua, ma voleva venire
al mio hotel. Eravamo come due cinesi, in competizione con i complimenti. Non si fermerebbe
dammi la preferenza, e ho fatto lo stesso, ovviamente ...
E non dubitava di essere davvero alla presenza di Castaneda?
Non un istante Più tardi, negli Stati Uniti, fu pubblicato un libro in cui
appare un suo ritratto, un disegno. Ed è il ritratto dell'uomo che ho incontrato.
Qual è stata la tua prima impressione?
In Messico, è facile determinare la classe sociale a cui appartiene un uomo
solo vedendo il fisico. Castaneda sembra un cameriere.
Come!
Sì, sembra un uomo del popolo; Non è spesso, ma è robusto, con il
capelli ricci e naso leggermente appiattito: un messicano delle classi popolari.
Ma, non appena apre la bocca, diventa un principe; dietro ciascuno
la sua parola è percepita una grande cultura.
Dà l'impressione di saggezza?
Più che saggezza, simpatia. Siamo diventati rapidamente amici. indossava
semplicemente e stava spedendo una buona bistecca, lavata con Beaujolais ... No
assomigliava a don Juan ma alla Castaneda che appare nei libri. Me
Ho incontrato di nuovo il suo tono, con la sua voce, per così dire ...
Secondo te, i tuoi libri raccontano eventi reali o sono finzione?
È difficile per me pronunciare me stesso. La mia impressione è che sia fondata su a
esperienza reale dalla quale sviluppa e introduce concetti tratti da
letteratura esoterica universale. Nei suoi libri trovi Zen,
Upanishad, tarocchi, lavoro sui sogni ... Una cosa è certa: quella
va davvero in giro per il Messico per fare le sue ricerche.
Credi nell'esistenza di don Juan?
Non; Penso che questo personaggio sia una grande invenzione di Castaneda, che da
poi ha incontrato diversi stregoni Yaqui.
Come si è sviluppata la tua conversazione nella camera d'albergo?
Prima ha chiamato per farmi sapere che sarebbe stato a cinque minuti di distanza.
avanzamento. Sono stato toccato da tale delicatezza. Poi quando arrivò, dissi: "Non so se
sei un pazzo, un genio, un ladro o se dici la verità ». Mi ha assicurato che no
Stava dicendo più della verità e subito dopo mi raccontò una storia incredibile,
come lo aveva proiettato don Juan, con una semplice pacca sulla spalla
a quaranta chilometri di distanza ... perché era stato distratto da un
donna che passa ... Mi ha anche parlato della vita sessuale di don Juan,
che fu in grado di eiaculare quindici volte di seguito. D'altra parte, mi sembra
che a Castaneda piacciono molto le donne. Mi ha chiesto se no
Potremmo fare un film insieme. Hollywood gli aveva offerto
Pagina 76
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
76
un sacco di soldi, ma non voleva che don Juan fosse Anthony Quinn ... Quindi
Cominciò a soffrire di diarrea, con molto dolore alla pancia, cosa che, mi disse, non lo fece
mai accaduto. Ho anche sentito un forte dolore, nel fegato e nella gamba
giusto. Era strano che quei dolori ci venissero quando abbiamo iniziato
considerare un progetto. Il dolore ci ha fatto strisciare attraverso
camera. Ho chiamato un taxi e l'ho accompagnato in hotel. Più tardi, sono andato a fare
operare per Pachita. Aveva invitato Castaneda ad andare incontro a questo
donna eccezionale, ma non è apparsa. Ho dovuto rimanere a letto per tre
giorni. Una volta restaurato, l'ho chiamato in hotel, ma se n'era già andato. No
Vedendolo di nuovo, la vita ci separava. Un guerriero non lascia traccia.
In altre parole, sembra essere sia un imbroglione che una persona molto disinteressata.
teresante ...
Mi ha raccontato le sue storie di don Juan con tale convinzione ... Lo sono
abituato al teatro, agli attori, e non pensavo stesse mentendo. Può essere
essere pazzo ed essere un genio?
Secondo te, qual è stato il contributo di Castaneda?
Il suo contributo è stato immenso: ha creato una diversa fonte di conoscenza,
la fonte sudamericana. Rianimò il concetto di guerriero spirituale ... Tornò
per aggiornare il lavoro sul sonno sveglio. Senza dubbio, ha pubblicato-
fare troppo, ma gli editori nordamericani firmano contratti per
una dozzina di libri. E sempre, nonostante tutto, ha qualcosa di nuovo da dire,
i suoi libri rivelano molte cose dimenticate. Quindi, vero o falso,
non importa. Se è una trappola, è una trappola sacra ...
Come un cileno di origine russa con lunghi anni di vita in Messico,
non sei certo il prototipo dell'adoratore della dea occidentale
Motivo...
È vero, sono un po 'pazzo, come sai ... Ma la mia follia, il mio eccesso,
rimangono radicati in una cultura, nonostante tutto, moderna. Volendolo o
no, sono il prodotto di una società materialista che cerca di mantenere
mondo una relazione oggettiva. La mia audacia più estrema è sempre
in quel contesto da cui non possiamo uscire. Forse lo espandono, lo fanno
Le loro contraddizioni e vicoli ciechi sono sospesi, ma non li annullano. Per
Per essere una strega o uno sciamano, devi abitare in un mondo sciamanico. Come per me
rispetto Non credo abbastanza nella magia primitiva per diventare un mago
me stessa. Quindi, anche se volevo imparare da Pachita, non ho mai aspirato a ricevere il suo
dono di diventare un guaritore a mia volta. Inoltre, direi che l'ho sempre fatto
L'ho resistito.
Potrebbe non credere nella magia abbastanza da diventare un mago, ma
credi in lei nonostante tutto ...
La verità è che non posso dire che sia vero o che sia una bugia. Ma
Capii rapidamente che se volevo imparare da Pachita, dovevo adottare
un atteggiamento inequivocabile e fingere di non credere affatto.
Perché?

Pagina 77
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
77
Se avessi iniziato dal principio che tutto ciò poteva essere vero, quello
la magia in quanto tale potrebbe essere una realtà, avrebbe presto raggiunto un vicolo
Uscita Vietata. Mi sarei sforzato di seguirla nel suo percorso magico, dentro
diventare un mago me stesso per ottenere solo risultati parziali o
mediocre, poiché, ripeto, non si può cambiare pelle e diventare
sciamano perché si dice che tutto ciò potrebbe essere vero. Così io
Mi sono costretto ad agire come se potesse essere solo falso. Per "falso" non voglio
dire inesistente - dovevi riconoscere le cure e gli strani fenomeni
che si è verificato intorno ad esso, ma piuttosto che può essere spiegato da
un insieme di leggi psicofisiologiche. Quindi, ero dentro
la volontà di imparare da questa donna qualcosa che in seguito avrei potuto usare
il mio contesto.
¿ Come ad esempio che cosa?
Il modo di gestire il linguaggio degli oggetti e il vocabolario simbolico,
al fine di produrre determinati effetti nelle persone; in breve, il modo di affrontare
direttamente all'inconscio nella sua lingua, sia attraverso
parole, oggetti o atti. Che ho imparato da Pachita.
Pachita era eccezionale, certo, ma faceva parte di una tradizione ...
Ovviamente. Quindi, dopo averla incontrata, ho scoperto il posto in cui
magia in tutte le culture primitive. Ho letto centinaia di libri sull'argomento,
per cercare di estrarre gli elementi universali degni di essere usati
consapevolmente nella mia pratica. Non mi soffermerò su questo, ma
Darò alcuni esempi. In tutte le culture c'è l'idea del potere di
la parola, la certezza che provoca il desiderio espresso nel modo giusto
la sua realizzazione. Ma spesso il nome di Dio o dello spirito è rafforzato
per la sua associazione a un'immagine. Gli antichi sapevano intuitivamente che il
l'inconscio non è solo ricettivo al linguaggio orale, ma anche alle forme, a
le immagini, agli oggetti. D'altro canto, gli egiziani attribuivano importanza
capitale per la parola scritta. Più che dire doveva essere scritto. In psicomagico, io
Di solito chiedo alle persone di scrivere lettere, non tanto per quello che dicono
quanti perché il semplice fatto di scrivere e inviare la lettera ha effetti
terapeutico Un'altra pratica universale è quella di purificazione, abluzioni
rituali.
A Babilonia, durante le cerimonie di guarigione, gli esorcisti ordinarono
il paziente a spogliarsi, a gettare via tutti i suoi vecchi vestiti, simboli di
io vecchio e mi vesto di nuovo. Gli egiziani considerarono il
prerequisito di purificazione per recitare le formule magiche, come ad esempio
Questo antico testo testimonia, da cui ho dimenticato la sua origine, ma quale
ha ispirato: «Se un uomo pronuncia questa formula per l'uso
proprio, dovrebbe essere imbrattato di oli e unguenti e avere il turibolo in mano
pieno; deve avere natron di una certa qualità dietro le orecchie e una qualità
diverso dal natron in bocca; devono indossare due nuovi abiti dopo
avere lavato nelle acque del diluvio, indossare sandali bianchi e avere
ha dipinto l'immagine della dea Maat sulla lingua con inchiostro fresco ». anche io
Chiedo a molti di quelli che vengono a consultarmi di fare il bagno e procedere
alcuni bagni, perché so che questo atto, apparentemente ingenuo, influenzerà
in particolare nella loro psicologia, li metterà in una disposizione diversa. sì
qualcuno ha paura di parlare con sua madre, lo consiglio prima dell'intervista
sciacquare la bocca sette volte e riempire le tasche di lavanda.

Pagina 78
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
78
Questi dettagli saranno sufficienti per affrontare l'intervista in modo diverso. Il
antico attribuiva anche un ruolo benevolo a numerosi oggetti
simbolico: i testi magici venivano recitati su un insetto, un animale
piccola o addirittura una collana. Fasce di lino, figurine di
cera, piume, capelli ... Dopo aver trovato nei testi antichi riferimenti
in seguito a queste pratiche, mi sono dato una riflessione sul
proiezioni che le persone fanno sugli oggetti e mi chiedevo come
usali in modo positivo. I maghi incisero il nome dei loro nemici
navi che in seguito si spezzarono e seppellirono, distruzione e scomparsa che avrebbero dovuto
portare quelli di tali avversari ... Sulle suole dei sandali reali sono
dipingevano le effigi dei "malvagi", in modo che il re calpestasse il
possibili invasori. In psicomagia, ricorro agli stessi principi
"Primitivo", ma a scopi esclusivamente positivi. Lo consiglio alle persone
"Carica" un oggetto, che riporta un nome ... In questo stesso ordine di cose,
Le streghe ittite mi hanno fatto scoprire i concetti di sostituzione e
identificazione: in realtà, il mago non distrugge il male, ma si impadronisce
scopre le sue origini e lo estirpano dal corpo o dallo spirito della vittima
per riportarlo all'inferno. Secondo un testo antico, «un oggetto sarà legato al
mano destra e piede destro dell'offerente, quindi verrà slegato e legato
un topo, mentre l'officiante dice: 'Ho estirpato il male e l'ho legato
questo topo "; e poi il topo verrà rilasciato». Così Pachita estirpò il male a
instillalo in una pianta, un albero o un cactus, che ha fatto morire la pianta
sotto i nostri occhi. Puoi anche sostituire la vittima con un agnello o
una capra: è il vecchio metodo di macellazione sostitutivo, in cui l'animale
prende il posto del paziente: il suo turbante è legato alla testa del
capra, il cui collo è tagliato con un coltello che avrà precedentemente toccato il
collo del malato. Secondo la magia ebraica è possibile ingannare, ingannare e indurre
errore alle forze del male. Per questo, la persona in cui sono travestiti da travestimenti
insegnano, il nome è cambiato ... Io stesso ho avuto l'opportunità di verificare
i risultati positivi ottenuti con la modifica del nome,
anche se è solo l'ortografia. Applico la stessa idea a una carta dei tarocchi: il
La Torre ("La casa di Dio" / La Maison Dieu / in francese) inizialmente indica a
catastrofe, ma perché non vedere in essa "l'Anima e il suo Dio" / L'Âme et son
Dieu / (che suona lo stesso in francese) e quindi dare una carica positiva? Questi vecchi
I rituali mi hanno anche insegnato a suggerire di seppellire qualcosa nel terreno quando
vuoi purificarlo.
Questi sono solo esempi di principi universali dell'atto magico che ho
recuperato per l'uso nell'atto psicomagico o, in altre parole, in a
azione terapeutica.

Pagina 79
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
79
L'atto psicomagico
Nel magico contesto che circonda una strega come Pachita, la fede gioca a
ruolo essenziale?
Bene, invece di parlare di "fede", usiamo la parola "obbedienza". Voglio
semplicemente dicendo che anche se non credi nel potere della strega, lo è
È saggio rimanere imparziali e dargli ogni possibilità di agire.
In altre parole, che tu abbia fede o meno, devi essere abbastanza onesto
come se seguire le istruzioni ricevute alla lettera. Se vai a a
medico e quando lasci il tuo ufficio non ti preoccupi di comprare o prendere
farmaci che ha prescritto, come puoi pronunciare in seguito
l'efficacia del trattamento? Se Pachita raccomanda un atto, la persona crede
in esso e lo compie senza cercare di capire. Obbedisci, tutto qui, per il mio-
Teriosa che può essere la pratica raccomandata. Come abbiamo già indicato, tutto
Questo fa parte di una cultura radicalmente diversa dalla nostra. Direttore
da un'importante rivista mensile parigina, affetta da cancro, I
chiese in quegli anni se poteva presentare Pachita. L'ho portato a casa sua,
lo operò e disse: «Sei guarito, ma stai attento: non dirlo a nessuno fino a quando
sono passati sei mesi ». Non ha obbedito. È appena tornato a
Francia, si era fatto esaminare da una serie di medici, sperando che
confermeranno il verdetto della strega. Gli dissero che non era guarito, e
è morto tre mesi dopo. Al contrario, un amico francese, segretario di
stampa di una grande società cinematografica, che ne aveva avute diverse
attacchi di cuore, su mia richiesta, è andato a trovare Pachita in modo che "ha cambiato il
cuore". Dopo l'operazione, la strega gli chiese di aspettare tre mesi e
lo ha fatto. Alla fine di quel periodo, ha subito diversi esami, e il
L'ECG ha rivelato un grande miglioramento. Sono passati anni e continua
vivo ... potrei anche citare il caso dell'assistente del regista François
Reichenbach. A seguito di un incidente stradale, sembrava condannata a
paralisi. Pachita la operò e riprese a camminare. Qualche tempo fa sei venuto a trovarmi
ringraziarmi per averti presentato alla strega. Ho colto l'occasione
per chiedergli di testimoniare in una conferenza che avrei tenuto prima alla Sorbona
un auditorium di circa cinquecento persone. Lasciami leggere parte del tuo
testimonianza, registrata e trascritta:
- (Jodorowsky :) Quindi, ti metterò in discussione. Come ti chiami?
-Claudie.
-Quale regista francese sei stato assistente?
-Era l'assistente di Reichenbach.

Pagina 80
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
80
-Hai avuto un incidente?
-Sì, in Belize. La sua colonna vertebrale era sbriciolata, i nervi recisi in
schiena e nove vertebre rotte. Sono stato in coma per tre mesi. Quando ho ottenuto il
conoscenza, mi è stato detto che ero paralizzato e non potevo più camminare.
Quindi Reichenbach mi chiamò e disse: «Sono con Alejandro Jodorowsky, lo farò
È passato ". Per me, allora, Jodorowsky era una persona che aveva creato un
film assolutamente delirante. Mi chiede: "Cosa c'è che non va in te?", E io gli rispondo:
Sono paralizzato. "Non è grave", mi dice allora. «Devi andare in Messico per vedere
la strega Pachita. » Sono andato a fare un intervento chirurgico, anche se non ci credevo. Non credeva nel suo
coltello, né
creduto nel nulla. Mi ha fatto male mille demoni. Faceva molto male. Mi ha aperto
dalla nuca al coccige. Gli avevo dato un centinaio di franchi del tempo in modo che
Comprerò le vertebre.
- (Qualcuno del pubblico :) Come?
- (Jodorowsky :) Sì, dovresti sapere che Pachita ha comprato le vertebre in ospedale o dentro
l'obitorio, non lo so molto bene ... A volte, apparirebbe con un cuore in a
vaso...
-Sì, è andata così! Ma devo dirti una cosa: ero sicuro che un giorno io
Mi alzavo e camminavo di nuovo. Non credevo in Pachita e mi sembrava che lo fosse Alejandro
pazzo, ma ero sicuro che avrei camminato di nuovo, e l'ho superato. Ma
Soprattutto, ho creduto in me stesso.
-Conta la tua operazione!
-Beh, con il coltello mi ha aperto la schiena da cima a fondo. L'ho sentito
perfettamente. In seguito, mi sentivo come se stessi colpendo con un martello. Poi mi ha dato il
indietro ... oh no, prima mi ha dato l'alcool di novanta gradi. C'era un odore sporco di
sangue caldo. L'alcol mi pungeva in modo orribile. L'ho morsa! Sì, l'ho morsa!
Mi ha messo un braccio attorno e sicuramente non ho perso l'occasione. In ciò
Stavo per svenire. In realtà, non era tanto per il dolore quanto
a causa dell'odore del sangue, non potevo sopportarlo. Mettimi sulla schiena. Mi sono detto "Ma cosa
Lui? "E io smisi di vedere le sue mani. Non c'erano mani. Erano nella mia pancia,
e non ho sentito niente.
-Questo è quello che ha visto ...
-È quello che ho visto.
-Quello è! A volte, gente, questo è come il trasferimento. Non so se tu abbia visto
una trasmissione su aikido  2  : arriva l'insegnante e, con il ki, sembra invincibile. Non è
perché davanti a una persona che non è discepolo, non può fare nulla. È
Deve esserci un trasferimento. Cioè, trasferiamo ad alcuni archetipi
forze che portiamo dentro e, in virtù di questo trasferimento, lo facciamo
persona un insegnante, un guru, qualcuno che ha una forza immensa. Qualcuno
invincibile. Ciò è dovuto al nostro trasferimento. È completamente utile e necessario,
ma è un trasferimento. Con Pachita la cosa divertente era che tutti quelli che stavano per farlo
vederla fare quel trasferimento.
Interessante ... Claudie non ha creduto, ma completamente presentato, a differenza del
direttore della rivista, che ha fatto quello che voleva.
Sì. Perché la pratica funzionasse, prima di tutto dovevi giocare
senza cercare di capire. Tuttavia, per quanto mi riguarda, ho fatto uno sforzo per
scoprire alcuni dei meccanismi che hanno funzionato nel processo di guarigione,
così puoi riutilizzarli in seguito. Ricordo, per esempio, un amico che
mi sentivo molto debole. Pachita gli disse di non assumere più vitamine. Gli ordinò di farlo
entrare in una macelleria, rubare un pezzo di carne e mangiarlo.
arti marziali giapponesi usate come autodifesa. Esso consiste nell'utilizzare la

energia dell'attaccante per sconfiggerlo. (N. di E.)

Pagina 81
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
81
Ha dovuto eseguire questo rituale una volta alla settimana. Certo amico
ha recuperato tutta la sua energia e, secondo me, per una ragione molto semplice:
ottenere una rapina settimanale era per quel povero timido un atto di a
inaudito di audacia. Ha dovuto mobilitare tutte le sue energie. Poi ha scoperto
che era più forte e più determinato di quanto pensasse e dal momento in cui lo aveva fatto
Un'altra percezione di se stesso, la sua vita è cambiata. Almeno, è così che lo capisco.
Io spiego.
Tra cogliere alcuni dei sottili meccanismi psicologici presenti nel
la stregoneria praticata da Pachita e raccomanda di agire da soli, i media sono fantastici
distanza. Come hai salvato quella distanza? Come sei passato da un riflesso
riguardo l'atto magico alla pratica della psicomagia?
Come sapete, ho studiato a fondo i tarocchi e ho una certa reputazione come
giocatore di tarocchi. Ma sono un autore di fumetti e regista teatrale e
cinema, quindi non ho mai provato a guadagnarmi da vivere con le carte. Senza
Tuttavia, ad un certo punto, ho voluto approfondire il mio studio del
tarocchi. Per questo ho dovuto comunicare con gli altri, praticare la lettura
lettere. Così sono andato in una libreria in rue des Lombards chiamata
Arcane 22 e che è specializzato in tarocchi. Dato che i proprietari mi rispettavano,
Ho suggerito di sistemarmi una stanzetta nella stanza sul retro,
promettendo, in cambio, di ricevere due persone al giorno per sei
mesi, per scrivere le lettere in modo professionale. I proprietari della libreria
Hanno messo un piccolo segno e i consulenti hanno iniziato ad arrivare. Non mi estenderò
qui sul mio concetto di tarocchi. Dirò solo che non leggo il futuro, ma io
Mi conformo alla lettura presente e centrale sull'autoconoscenza,
basato sul principio che è inutile conoscere il futuro quando non si sa chi
è uno qui e ora. In breve, quelle sessioni suscitavano in me certezze
riflessi. Più andava avanti, più si rendeva conto con forza
i problemi hanno portato all'albero genealogico.
Cosa vuoi dire con questo?
Accedere alle difficoltà di una persona è accedere alla sua famiglia, penetrare
nell'atmosfera psicologica del loro ambiente familiare. Siamo tutti contrassegnati da
per non dire contaminato, dal nostro universo psico-mentale. Così,
molte persone assumono una personalità che non è la loro, ma
proviene da uno o più membri del loro ambiente affettivo. Nato a
La famiglia è, per così dire, posseduta.
Questo possesso viene di solito tramandato di generazione in generazione: il
ossessionato diventa un incantatore, proiettando sui suoi figli ciò che era
proiettato su di lui ... a meno che una consapevolezza non riesca a rompere il
Circolo vizioso. Dopo una consultazione di due ore, molti hanno esclamato:
"Non avevo scoperto così tanto in due anni di psicoanalisi!" Questo
Ero molto soddisfatto e convinto che fosse sufficiente esserne consapevoli
una situazione problematica per risolverlo. Tuttavia, non era vero. Per
Superare una difficoltà non è sufficiente per identificarla chiaramente. Un colpo di
La coscienza che non è seguita da un atto è completamente sterile. Poco da
poco, me ne rendevo conto e ho concluso che dovevo
consigliare le persone. Ma ero riluttante a farlo. Con quale diritto potrebbe
immischiarsi nella vita degli altri, influenzandone la vita
comportamento? Non volevo diventare me stesso un incantatore! Era uno

Pagina 82
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
82
posizione difficile, dal momento che le persone che venivano a consultarmi non ne chiedevano un'altra
cosa: avrei dovuto diventare padre, madre, figlio, marito, moglie ...
Ma non ero disposto a diventare il direttore spirituale di nessuno,
immischiarsi nell'esistenza di altri. Poi ho avuto un'idea:
Perché la consapevolezza fosse efficace, ho dovuto fare il
un altro, lo inducono a compiere un atto molto preciso, senza quindi assumere la tutela o
ruolo guida per quanto riguarda la totalità della vita di quella persona. Così è nato il
atto psicomagico, in cui tutte le influenze assimilate nel
nel corso degli anni e di cui abbiamo parlato nei nostri discorsi.
Come hai proceduto?
Prima di tutto, ho studiato la persona, ho chiesto che me lo dicesse assolutamente
qualunque cosa. Invece di provare a indovinare attraverso i tarocchi cosa potrei nascondere,
l'ha semplicemente sottoposta a interrogatorio. Stavo chiedendo al mio cliente del suo
nascita, genitori, nonni, fratelli, vita sessuale, relazione
con i soldi, la sua vita amorosa, la sua vita intellettuale, la sua salute ...
Insomma, una vera confessione.
Assolutamente! E presto sono stato depositario di alcuni terribili segreti: rapine,
stupro, incesto ... Un uomo mi ha confessato che, da bambino, alla fine di
anno scolastico, ha aspettato su un muro un insegnante che odiava
gettare una grossa pietra in testa. Forse l'insegnante è morto, ma il
ragazzo non è rimasto lì per controllarlo ... Un giorno ho ricevuto un padre
Belga, e ho notato rapidamente che era gay. "Sì", confessa, "e ho
fare sesso con dieci persone al giorno nelle saune, ogni volta
Vengo a Parigi. Sai qual è il mio problema? Con cosa vorrei fare
quattordici, come il mio amico ... ». Gli stracci sporchi iniziarono a uscire. Ho ricevuto il
confidenze più oscure e più stravaganti. L'incesto era all'ordine del giorno:
Una donna mi ha confessato che il padre di sua figlia non era altro che suo padre;
un ragazzo sedotto da sua madre mi ha raccontato tutti i dettagli ...
Sadomasochismo, fissazioni omosessuali, ossessione per il piacere solitario ...
Tutto è apparso lì! Le persone si sono scatenate perché si sentivano sicure e
Mi sono considerato in grado di proporre una terapia adattata al loro patrimonio sociale e
culturale.
Perché è stato importante per te che la confessione fosse così dettagliata?
Perché, prima di intraprendere qualsiasi cosa, è essenziale conoscere il
terra. Ho imparato quel principio da Miyamoto Musashi, l'autore del Libro di
cinque squilli. Prima del combattimento, dice, devi andare in campo molto presto e
acquisire da lui una conoscenza perfetta. Ci sono anche medici che applicano questo
metodo. Familiarizzazione con il terreno psico-affettivo della persona
sembrava un prerequisito per raccomandare qualsiasi atto
psicomagia.
E che ruolo hanno i tarocchi in tutto questo? Se una persona confessa, già
non è necessario indovinare nulla.
Le persone spesso fanno solo mezze confessioni. Mantengono il meglio
per dopo, per così dire ... I tarocchi mi hanno aiutato a rivelare segreti
all'inizio indicibile. Quindi, avendo tutto il

Pagina 83
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
83
elementi, eri in grado di proporre un atto sia irrazionale che
razionale: apparentemente irrazionale, ma razionale nella misura in cui la persona
sapeva perché doveva farlo. D'altra parte, ogni atto psicomagico ha
effetti perversi, cioè incontrollati, che costituiscono esattamente i suoi
ricchezza.
Spiegalo, per favore.
Faccio un esempio: un giorno ho ricevuto la visita di una signora svizzera il cui padre
era morto in Perù quando aveva 8 anni. Sua madre lo fece scomparire
tutte le tracce di quell'uomo, bruciando lettere e foto, quindi mio
Il consulente era ancora, emotivamente, una bambina di 8 anni. Con
oltre quarant'anni parlava da bambina e aveva seri problemi. tu
Ho prescritto un atto: dovevo andare in Perù, nei luoghi in cui suo padre aveva vissuto, e
portare qualcosa, un ricordo, una prova tangibile della sua esistenza. quando
tornato in Europa, ha dovuto mettere il ricordo o i ricordi nella sua stanza,
accendi una candela e poi vai a casa di sua madre e la schiaffeggia. È
Inutile dire che sua madre la maltrattò e la insultò. Come puoi vedere, il
Il rispetto di questo atto ha richiesto un impegno. La donna andò in Perù,
trovò la pensione in cui aveva vissuto suo padre e, a causa di una di quelle sincronie
proveniente da quella che chiamo la "danza della realtà", ha trovato lettere e foto.
Il padre li aveva dati al proprietario della pensione, confidando che un giorno
sua figlia sarebbe andata a cercarli. Diversi decenni dopo, il mio paziente ne trovò un po '
ricordi in virtù dei quali suo padre, per così dire, è risorto. Al
leggendo quelle lettere e guardando quelle fotografie, la donna smise di guardare
suo padre era una specie di fantasma e finalmente sentiva di essere stato un essere
carne e ossa. Quando tornò a casa, mise le lettere e le foto nelle sue
stanza, accese una candela e andò a trovare sua madre, con l'intenzione di darle
un ottimo schiaffo. Madre e figlia hanno avuto una relazione molto difficile. Ma il mio
il paziente fu sorpreso di scoprire che sua madre - che aveva
annunciò la sua visita- la stava aspettando e, per una volta, aveva preparato a
cibo. Stupita di vederla così gentile, era molto imbarazzata di doverlo fare
schiaffeggiarla, poiché per una volta sua madre non le ha dato alcun motivo per farlo. Ma
l'atto psicomagico costituisce un contratto inevitabile che sapeva che avrebbe dovuto
rispetto. Durante il dessert, la mia paziente ha schiaffeggiato sua madre di sorpresa e senza
ragione apparente, temendo un contraccolpo da parte della madre, che ha sempre
avevo temuto. Invece, ha semplicemente chiesto, "Perché l'hai fatto?
fatto?". Di fronte a tale equanimità, la figlia ha finalmente trovato le parole
esprimi tutte le lamentele che hai avuto su di lei. E questo è stato il sorprendente
La risposta di sua madre: "Mi hai schiaffeggiato ... Beh, avresti dovuto darmi
dato un altro! ». Alla fine, l'amicizia è nata tra le due donne.
Sembra quasi un miracolo ...
Potrei darti una prova della verità di questa storia. L'ho contato per
si noti che l'atto segue la propria logica. Non puoi prevedere come sarà
sviluppare o quali saranno i suoi effetti. Ma se è prescritto sulla base
di una buona conoscenza del terreno, dei suoi effetti, qualunque essi siano, no
può essere positivo.
Quindi è passato dalla lettura dei tarocchi alla prescrizione di atti psicomagici ...
Ho dovuto subito affrontare una forte domanda: c'erano i miei

Pagina 84
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
84
Consulenti dei tarocchi, quelli che avevano seguito i miei corsi di massaggio, quelli che
Hanno partecipato alle mie conferenze settimanali al Mystic Cabaret ... Una folla.
Questo mi ha spinto ad adottare tre formule di lavoro: un individuo, un altro in
gruppi da trenta a quaranta, e un altro nel quadro del Cabaret, dove siamo
circa quattro o cinquecento persone. Comunque, la procedura
l'essenziale non varia: qualcuno mi espone una difficoltà e raccomando un atto.
Ora, la maggior parte degli atti è stata prescritta nel corso di
conversazioni private.
Raccomandando un atto, stipula un contratto con la persona ...
Sì, e questo accordo reciproco è molto importante. Prima di tutto, il
persona accetta di compiere l'atto come lo prescrivo, senza
cambiare qualcosa. Sempre in quella linea e per evitare deformazioni
a causa di un errore della memoria, la persona dovrebbe prendere immediatamente nota del
atto e la procedura da seguire. Una volta fatto l'atto, devi inviarmi
una lettera in cui, prima di tutto, trascrive le istruzioni ricevute
me; in secondo luogo, mi racconta in dettaglio come ha fatto
eseguito e le circostanze e gli incidenti verificatisi durante il processo; e dentro
terzo posto, descrive i risultati ottenuti. Invio questa lettera
costituisce la mia unica commissione per la prescrizione dell'atto.
Significa che non ottieni soldi come psicomaggio?
Ho sempre voluto dispensare gli atti gratuitamente almeno dal
punto di vista strettamente finanziario, dal momento che scrivere e inviare la lettera
sono anche una forma di punizione. Sforzandomi di scrivermi
ampiamente, la persona paga un prezzo, che percepisco.
Come reagiscono i vostri consulenti a queste particolari esigenze?
Ci sono tante reazioni quanti sono i consulenti, ovviamente, ma è possibile
distinguere alcuni tipi di atteggiamento. Ci sono persone che impiegano un anno per mandarmi
la lettera; altri discutono, non vogliono fare esattamente quello che dico loro e
contraggono ..., trovano tutti i tipi di scuse per non seguire le istruzioni
il verbo. Ora, quando cambi qualcosa, non importa quanto piccolo,
le condizioni essenziali per il raggiungimento dell'atto non sono rispettate e il
gli effetti possono anche essere negativi. Va detto che parlando in questo modo
diretto all'inconscio suppone di esercitare una pressione su di esso: si cerca di fare
obbedire. Ora abbiamo solo i problemi che vogliamo avere.
Siamo legati alle nostre difficoltà. Non c'è niente di straordinario,
bene, alcuni cercano di travisare e sabotare l'atto: in realtà no
vogliono guarire. Uscire dalle nostre difficoltà implica una profonda modifica
la nostra relazione con noi stessi e con tutto il nostro passato. In questi
condizioni, chi è veramente disposto a cambiare? Le persone vogliono andarsene
soffrire, ma non è disposto a pagare il prezzo, cioè a cambiare, a non seguire
definendosi secondo le sue preziose sofferenze. Nella mia qualità di
Consigliere, meno accetto la contrattazione, più benefici ottengono gli altri.
Spetta a loro accettare o rifiutare le mie condizioni.
Lascia che il sì sia sì, il no essere no ...

Pagina 85
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
85
Esattamente!
È noto che lo psicoterapeuta si autorizzi a prendere i pazienti.
Cosa succede allo psicomagico? Come puoi autorizzare te stesso
prescrivere atti che riguardano direttamente l'inconscio?
Darò una risposta irrazionale: nel momento in cui prescrivo l'atto, in caso contrario
Dubito, sono onesto.
Sicuramente ti comporti equamente, ma come puoi esserne sicuro?
Dopo tutto, la posta in gioco è alta ...
A questo proposito, c'è solo una domanda: chi prescrive l'atto? io ho
Ho lavorato così duramente per smettere di identificarmi con me stesso che, quando dispongo a
Consiglio psicologico, non sono io che parlo, ma il mio inconscio.
Tutti sono così! Entrambi reagiscono come marionette, commossi
impulsi inconsci ...
È vero, ma l'uomo che è mosso dai suoi automatismi non si ferma mai
identificarsi con se stessi. Non pretendo di aver raggiunto la saggezza,
perché non sono "deidentificato" ventiquattro ore al giorno; ma quando
Mi prescrivo un atto, quando svolgo il mio ruolo di psicomagico e mi ritrovo
in trance o autoipnosi, o come vuoi chiamarla, colui che parla non è mio
Piccolo me. Sento che ciò che deve essere detto emerge dal profondo.
Ritengo di aver lavorato su me stesso abbastanza da poterlo fare
realizzare questa specifica dissociazione da me stesso. Certo che ci muoviamo
in un ambiente sottile e soggettivo che non è legato al ragionamento ma a
Fede. Un santo sa che fa del bene; nel profondo, lo sai
sincero e incoraggiato da una forza positiva, anche se alcuni lo criticano e lo vedono
in lui un essere con cattivi istinti. Ogni volta che do consigli psicomagici,
Sono convinto che questa sia la risposta appropriata al problema
di quella persona. È solo in una seconda fase quando l'ho già esposto e
Spiego razionalmente. Il consiglio nasce senza mediazione dal mio inconscio,
in connessione diretta con l'inconscio di colui o colui che mi consulta.
Questa capacità di parlare in profondità non è stata data a tutti.
mondo.
Nel mio caso, è il frutto del lavoro di una vita! Ho trascorso buona parte di
la mia esistenza meditando e studiando gli insegnamenti tradizionali a
trovare gradualmente in me uno spazio impersonale. Non parliamo
santità, ma piuttosto di impersonalità, di uno stato oltre o
più vicino al piccolo me. Pertanto, l'atto non è prescritto da Alexander ma dal
non persona in me. Quindi mi sento incoraggiato da un sentimento
totalmente positivo e disinteressato: nella mia qualità di "psicomagico", non cerco
ma per fare del bene. Non chiedo soldi ai miei pazienti, ma impegno. La sua volontà
cambiare costituisce la mia punizione, e per questo la psicomagia no
diventare un business. Credimi: la domanda è così forte che avrei
È stato molto facile vivere comodamente con le mie domande. Le persone preferiscono pagare,
tira fuori la borsa, piuttosto che dare un po 'di se stessa. Ma posso

Pagina 86
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
86
sostenere la mia famiglia con il cinema e i fumetti, e preferisco questo per
I miei servizi psicomagici non sono pagati in franchi o dollari, ma
altro.
Questa attività non è gratificante? Almeno ti fa sentire
riconosciuto.
Non uso la psicomagia per ottenere il riconoscimento!
Allora perché hai voluto un libro dedicato a questo
disciplina?
La mia motivazione è molto diversa: anche se scrivo romanzi e sceneggiature
film e fumetti, non penso che dovrei scrivere un trattato da solo
psicomagia; d'altra parte, sarebbe un peccato se questa particolare disciplina
scompare dopo la mia morte, che non c'era traccia. Anche io
prega che sia giunto il momento di mettere le cose per iscritto e diffonderlo
esercizio. Sempre più persone parlano di Pachita, chi
scrivere, con più o meno talento e sensibilità, libri e articoli
in relazione a quale fosse la mia ispirazione, quelle energie con cui io
Ho trovato in contatto diretto. E ho sentito il bisogno di sottolineare, a
spiega come sono arrivato alla psicomagia attraverso l'atto poetico, l'atto
teatrale, l'atto del sogno e l'atto magico - prima di tutto, per testimoniare
certo approccio alla realtà da cui deriva la pratica psicomagica e, in
secondo, fornire agli interessati
coordinate, un testo che serve da riferimento. Concependo questo libro con te
Sono commosso solo da uno spirito di servizio.
Insomma, la psicomagia è un esercizio puramente spirituale ...
Così è. Mi concentro sull'azione, il semplice atto di dare, di alleviare il
dolore nel prescrivere un atto, non mi interessa cosa posso ottenere per questo
personale. Per questo motivo, la psicomagia non poteva essere limitata ai parametri
medico o paramedico. Si basa soprattutto sul distacco da cui il
pratica.
Sarà sempre possibile mantenere questo distacco? Ci sono molti
terapisti che cadono nella trappola: quando sono già riusciti a guadagnarsi da vivere dal loro ufficio, i
il bisogno materiale li induce a prendere sempre più pazienti, senza mostrare
sempre una prova di discernimento ...
Sebbene la richiesta mi abbia spinto a fare una pratica psicomagica
professionale, non mi troverei mai in una situazione di dipendenza economica
da lei, per la semplice ragione che fumetti e film mi permettono di vivere
bene. Inoltre, non ho intenzione di abbandonare la creazione artistica!
Da un punto di vista materiale, il distacco consiste nell'esercizio
sapendo che uno può lasciarlo in qualsiasi momento senza essere
senza risorse.
Potresti specificare cosa intendi per "distacco", non solo dal
punto di vista materiale, ma nella pratica della stessa psicomagia?
Per poter aiutare una persona, non c'è attesa
Pagina 87
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
87
niente di lei e devi entrare senza tutti gli aspetti della tua privacy
sentirsi coinvolti o destabilizzati. Un esempio: un partecipante a
Uno dei miei corsi di massaggio non sopportava nessuno che gli toccasse il petto. Nel
come uomo, anche se voleva fare sesso
con lui, fece un gesto di sfiorarsi il seno, cominciò a urlare. Questa situazione
la faceva soffrire molto e desiderava ardentemente liberarsi del suo panico irrazionale. Io ho proposto
per rivelare il suo petto, e lo fece, mostrando un bel seno
che non c'era nulla di mostruoso o insolito. Poi gli ho chiesto se si fidava
io e lui abbiamo risposto di si. Così ho detto: "Vorrei toccarti in un certo senso
particolare che non assomiglia in alcun modo alle carezze di un uomo desideroso
goditi il tuo corpo o il tocco di un medico che ti esaminerà freddamente. io
Vorrei toccarti con il mio spirito. Pensi che potrei toccarti, sdraiarti con te
un contatto intimo che non ha nulla di sessuale? ». Lui rispose che "forse"
e poi le ho messo le mani a tre metri dal suo seno e ho detto piano:
Guarda le mie mani. Mi avvicinerò lentamente, millimetro per millimetro. Nel
Quando ti senti assalito o a disagio, dimmi di fermarmi e io mi fermerò
muoviti ".
Metto le mani molto lentamente. Quando avevo dieci centimetri
dei suoi seni mi ha chiesto di smettere. Ho obbedito e, dopo molto tempo,
Passai molto vicino all'area dolorosa, lentamente, molto lentamente, e tornai a
Sono molto attento alla tua reazione. Lei, rassicurata dalla tenerezza del
attenzione che gli è stata dedicata, percependo che ha agito con tutta delicatezza, non
emesso il minimo di protesta. Alla fine, le mie mani si posarono sul suo seno, senza
non provava dolore, il che gli causava un vivace stupore. Questo aneddoto è
Un esempio di questa distanza che, secondo me, è essenziale
per coloro che vogliono davvero aiutare gli altri. Potevo toccare, sentire il mio seno
di quella donna che mi mette fuori dal mio io sessuale, senza pensarci un attimo
nel piacere. In realtà, l'ho toccata con lo spirito. A quel tempo io
Non era un uomo, ma un'entità. Devi essere in grado di toccare il corpo del
un altro, entrare in contatto con il suo spirito, senza che questa vicinanza si risvegli
noi problemi non ancora risolti. Ho citato il caso di questa donna
bello, ma forse dovrei sottolineare che ho toccato tutti i tipi di persone,
vecchio, giovane, bello, brutto, a volte deforme o malato ... L'importante è
mettiti in uno stato interiore che esclude qualsiasi tentazione di approfittare del
un altro, abusare del potere che uno ha su di lui ... Perché, dopo tutto, lui
provare i tarocchi, il massaggio o lo psicomagico nulla ha senso se non per a
forza unica: l'energia altruistica che a volte spinge un essere umano a
venire in aiuto di un altro essere umano. È puro, semplice e
delicato. Dal momento in cui quella volontà personale, desiderio o
paure, la relazione d'aiuto perde la sua giustificazione e diventa a
mascherata. Non sto dicendo che queste manifestazioni dell'ego non possano sorgere in me
quando recito, ma li riconosco immediatamente per quello che sono e li lascio
passare, poiché i sentimenti possono passare nella meditazione Zen,
svaniscono all'istante e non hanno nulla a che fare con il mio rapporto con la persona che
Mi ha dato l'opportunità di aiutarla. Sono consapevole della necessità di a
purificazione interiore, di quelle abluzioni rituali sostenute da molti
tradizioni e che non riguardano solo l'igiene del corpo, ma soprattutto la pulizia
del cuore e dello spirito. Ma d'altra parte, a che serve rompere il mio
mi chiedo se sarò abbastanza purificato, abbastanza
trasparente? Ricordo una storia Zen a riguardo: durante una passeggiata
un paesaggio innevato che dice un discepolo «Maestro, i tetti sono bianchi,
Quando smetteranno di esserlo? L'insegnante è lento a rispondere. Concentrati su
la sua hara e alla fine dice con voce profonda: «Quando i tetti sono bianchi,

Pagina 88
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
88
sono bianchi. Quando non sono bianchi, non sono bianchi! ». È ottimo! Il
importante è accettarti. Se la mia condizione attuale mi produce
il disagio è un segno che lo rifiuto. Quindi, più o meno
Cerco consapevolmente di essere diverso da quello che sono; insomma, non sono io. sì
al contrario, accetto pienamente il mio stato di questo momento, sono in pace.
Non mi dispiace per aver creduto che dovesse essere più santo, più bello, più puro di
che sono qui e ora. Quando sono bianco, sono bianco; quando sono buio lo sono
buio, punto. Questo non gli impedisce di lavorare per me, cercando di essere un
strumento migliore; questa accettazione di se stessi non limita le aspirazioni
li sostiene. Perché puoi avanzare solo da quello che sei
Veramente.
Ciò che dice ci porta a contemplare possibili rischi di false dichiarazioni; sì
Ho capito bene, solo una persona può dispensare consigli psicologici
che ha lavorato molto su se stessa. Direi persino che questo trattamento
è essenzialmente tuo, e poiché è il risultato della tua particolare carriera,
difficilmente potrebbe essere applicato da altri, anche se potrebbe servire come a
ispirazione; in effetti hai dei follower che cercano di emularlo. Loro
le serate del Mystic Cabaret attirano tutti i tipi di persone, alcune delle quali
che, credendosi molto più preparati di quello che sono, usano il loro
parole e i suoi insegnamenti da solo ...
Sfortunatamente, è vero. Citerò solo un caso: dopo averlo fatto
sentito parlare di psicomagia, un certo individuo si sentiva autorizzato
esercitarsi immediatamente. Ha organizzato un seminario e, con grande aplomb, ha prescritto
a tutte le donne presenti allo stesso atto: ognuna doveva comprarne alcune
grandi forbici e inviale come regalo a tua madre! Catastrofico! Deve
ci sono tanti consigli quante sono le persone, inoltre gli atti non possono essere
prescrivere "all'ingrosso". Il supermercato psicomagico è un'aberrazione.
Ogni atto è prescritto "su misura", dopo un attento ascolto e, come
Ho spiegato, da un contatto spontaneo con l'inconscio stesso, che
è possibile solo grazie a una dissociazione del sé, che a sua volta è il risultato di a
lungo lavoro spirituale. Prescrivi lo stesso atto a un intero gruppo, senza ascoltarlo
la persona e senza vero amore, la trovo perniciosa. Immagina la reazione
di madri che ricevono le forbici per posta ... L'effetto doveva essere negativo
con la forza. Prescrivo un atto apparentemente aggressivo solo quando ho il
certezza che le conseguenze saranno positive. Si tratta sempre di atti
essenzialmente creativo. Al contrario, quest'uomo esercitò un'influenza
distruttivo.
Lo stesso individuo ha chiesto alle sue vittime di identificarsi con una bambola,
che vi versano tutto il loro dolore, tutta la loro carica negativa e la depositano
a casa sua, in un sacco. Poi una donna molto angosciata venne a trovarmi,
afferrato da una psicosi, convinto che quest'uomo ora detenesse un
potere su di lei ... Inoltre, non riuscivo nemmeno a riportarle il polso
rassicurarla perché, una volta che i suoi consulenti se ne sono andati, ha gettato tutto
La spazzatura. In breve, era un commerciante che voleva guadagnare
soldi che sfruttano il mio lavoro e la credulità di un gruppo di donne. Deve
denunciare pubblicamente coloro che abusano del mio nome
praticare la psicomagia con gli altri.
Questo è un grande ostacolo. Ma ¿ come al fine di evitare questo tipo di sofisticazioni?
La soluzione è quella di formare alcune persone dove ho

Pagina 89
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
89
vera fiducia e che conosco da molto tempo, come già faccio
i miei corsi di massaggio, tarocchi o psicogenealogia, a cui di solito vado
psicologi e psicoanalisti. Ma addestrare gli psicomagici è più delicato. Per
Per esercitare questa disciplina, è necessario aver svolto un profondo lavoro spirituale,
aver rinunciato alle passioni o, almeno, non essere preda di
Loro ... insisto di nuovo che questo è il lavoro di una vita.

Pagina 90
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
90
Alcuni atti psicomagici
Vorrei che l'ultima parte della nostra conversazione fosse più
rilassato e lo dedichiamo alla descrizione di alcuni atti psicomagici.
Non ho problemi, ma devo fare un avvertimento: descrivere un atto
Psychomagic equivale a penetrare direttamente nel linguaggio dell'inconscio.
E questo non è un processo insipido. Tu o altri potete sentire
disturbato a sentirlo o leggerlo. Non è che con questi atti cerco di risolvere
puzzle straordinari, sono contento di occuparmi di piccoli problemi
umano, quindi ciò che è più misterioso e irrazionale che piccolo
problemi reciproci? Le nostre difficoltà quotidiane nascondono abissi,
sono solo la punta di un enorme iceberg.
Essere d'accordo. Dacci alcuni esempi ...
Ad esempio, un mio amico ballerino aveva una figlia con un uomo che aveva
lo stesso nome di suo padre. Questo è già molto significativo.
Ma è anche che la ballerina è stata chiamata come la madre di lei
amante!
È come se ognuno cercasse l'altro, rispettivamente, per suo padre e suo
madre...
Curioso, vero? In realtà, molte volte le persone si innamorano di a
nome o professione che ti ricorda il padre o la madre. Essere
Da bambina, questa ballerina è rimasta sola con sua madre, completamente separata dalla
padre. In seguito non solo ha dovuto trovare un uomo di nome
come suo padre, ma è anche riuscita a convincerlo ad abbandonarla e
scompare, in modo che sua figlia abbia avuto un'infanzia simile alla sua.
Naturalmente, tutto ciò non è stato ideato da lei in modo consapevole; È un
strategia inconscia e, comunque, tra le più grossolane. Quando ha iniziato
Comprendendo il danno causato, venne a vedermi chiedermelo
prescrivere un atto che gli permetta di perdonare suo padre e quindi superare il suo odio
agli uomini. Lo supplicai di dirmi a che punto suo padre si era rotto
tutte le relazioni con esso. "Poco dopo il mio primo ciclo", rispose. È
spesso un padre si separa da sua figlia quando diventa donna. tu
sembra aver perso la ragazza seduta sulle sue ginocchia e fa male doverlo fare
rinunciare a qualche forma di intimità, di contatto. Poi gli ho chiesto dove
suo padre fu sepolto, gli proposi di andare nella sua tomba e gli dissi: "Ecco, io

Pagina 91
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
91
il più vicino possibile al cadavere, seppellire un cotone imbevuto di sangue
mestruale e un barattolo di miele.
Sangue e miele ...
Tesoro per infondere dolcezza, per indicare che non è un atto aggressivo
ma di un approccio amorevole, di un tentativo di comunicazione. È un
esempio di un atto psicomagico molto semplice che consente di riattivare una relazione
tagliato brutalmente e allo stesso tempo continua un'evoluzione emotiva
traumatico interrotto. Sebbene fosse adulta, la donna era ancora nel
l'adolescente che ha dovuto affrontare le sue prime regole e la separazione da lei
padre.
Un altro esempio per favore.
Il giovane Chantal è stato trovato all'età di 4 anni in una scuola che ha diretto il
sorella della madre di tua madre ...
Voglio dire, tua prozia ...
Esatto, una prozia che ha sadicamente maltrattato questa ragazza. Nel suo
Lavorando con me, Chantal ha scoperto tutto l'odio che provava per quella donna.
Non poteva perdonarla, ma non poteva neppure vendicarsi, dato che il suo tiranno lo era già
aveva lasciato questo mondo. Pertanto, gli ho consigliato di andare nella tomba di
quella donna e, una volta lì, dà libero sfogo al suo odio: calciare il
grave, urla, urina e defecazione, ma a condizione che
analizzare attentamente le reazioni causate dalla sua esecuzione
vendetta. Chantal ha seguito il mio consiglio e, dopo essersi sfogato sul tum-
ba, provava dal profondo di se stessa il desiderio di pulirlo e coprirlo di fiori.
E a poco a poco, ha dovuto arrendersi alle prove che effettivamente provava
amore per la tua prozia.
E che avevi indovinato?
Certo, era evidente che tutto quell'odio non era altro che la faccia deformata di a
affetto non corrisposto. Sapevo che Chantal una volta l'avevo fatto
espresso il suo desiderio di odio, sentirà il bisogno di manifestarlo
l'amore che aveva a lungo detenuto per una donna che, in quello
sinistro collegio, rappresentava il suo unico legame familiare.
Un altro esempio per favore.
Una signora soffriva di vertigini costanti. Bastava una semplice pozza d'acqua
per farti girare la testa. Le ho consigliato di mettere i piedi tra le cosce
di una donna e strofina la pianta contro la vulva.
E qual è stato il risultato di questo trattamento d'urto?
Questo atto ha causato una crisi piangente, seguita da una rivelazione
Salvataggio. In breve, il significato simbolico della sua vertigine era la paura di essere
inghiottito da sua madre, terrore del sesso materno e così via.
Come ti vengono in mente queste idee?

Pagina 92
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
92
Mi vengono in mente, non dimenticare la mia carriera di artista o le varie fasi
creativi della mia esistenza, che mi hanno plasmato e sviluppato il mio
immaginazione.
Hai mai incontrato una mente vuota di fronte a un paziente?
Finora, mai. Mi è sempre venuta una risposta.
Suppongo che il mio consiglio vari in termini di qualità ed efficacia, ma non posso
dillo io stesso. Sono le persone che vengono a consultarmi che devono svolgere
l'atto e giudicare da soli. In realtà non mi immagino stupido
di fronte a una persona. Dopo tutto, sei un mago o non lo sei! Se vieni a
consultami, avrò necessariamente qualcosa da dirti. Le mie parole saranno sempre
ben intenzionato e non mancherà di efficacia. Per quanto riguarda il suo grado di successo,
Questo è qualcosa che non posso specificare. Una cosa deve essere chiara: io no
Lo localizzo in un campo scientifico, ma in un piano artistico. Psychomagia no
finge di essere una scienza, ma una forma d'arte che ha delle virtù
terapeutico, che è totalmente diverso. Picasso ne guadagnò più di diecimila
disegni. Tutti sono più o meno buoni, nessuno è totalmente privo di valore
di valore; ma non tutti sono capolavori. Tuttavia, ciascuno di essi lo è
Picasso, cioè un prodotto del talento di un artista completo. «Non cerco, io
Trovo ", disse Picasso appunto. Trovare è un'abitudine, un secondo
natura. Chi non ha acquisito l'abitudine di trovare non sa cosa
getto spontaneo che sgorga dalla profondità, ma a chi è collegato
la sua fonte creativa lo lascia semplicemente fluire. È possibile immaginare un insegnante
zen che non ha accettato la sfida della domanda di un discepolo? È
la sicurezza non viene dalla scienza o dalla megalomania, ma dalla fede,
prova.
Continuiamo con nuovi esempi ...
Un ragazzo si lamenta di "vivere tra le nuvole", spiega che non lo fa
riesce a "mettere piede nella realtà" o "avanzare" verso l'autonomia
finanziario. Prendo le tue parole alla lettera e propongo di prenderne due
monete d'oro e incollale alle suole delle scarpe in modo che
Ho passato tutto il giorno a pestare l'oro. Da quel momento in poi, scende dalle nuvole,
metto piede nella realtà e vai avanti ... In questo caso, uso persino il
parole usate dal querent. Per finire, vorrei parlare di a
atto che riguarda mio figlio maggiore, Brontis.
Ti sento.
Quando Brontis aveva 7 anni, prese parte al mio film El Topo. È necessario
fai notare che Bernadette, sua madre, non ha mai vissuto con me. Quando il
Abbiamo concepito, pensavo di essere sterile. Mio padre odiava suo padre e mai
firmato "Jodorowsky". Dal momento che non avevo voglia di riprodurlo
cognome, mi aveva sottilmente convinto di non averlo mai fatto
avrebbe avuto figli ed era quindi l'ultimo Jodorowsky.
Un giorno un'attrice con cui ho lavorato mi ha detto che ne era convinta
la mia fertilità, a cui ho risposto che nella mia destinazione il
procreazione. Alla fine abbiamo fatto sesso e, qualche tempo dopo,
ha annunciato di essere incinta di me. Da quando mi sono fidato di lei,
sapendo che la creatura era mia, ho sperimentato una sorta di rivoluzione personale,
sia interno che esterno. La donna con cui vivevo a sinistra ed ero sola

Pagina 93
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
93
affrontando questa responsabilità per la quale non era affatto preparato.
Ho accettato l'arrivo del bambino - per me è stato escluso il ricorso all'aborto - ma
Mi sono sentito confuso, di umore molto diverso da quello di un
padre. Inoltre, era povero e non poteva fornire assistenza finanziaria alla madre e
ragazzo, al punto che quando è nato Brontis non potevo dargli più di
un orsacchiotto. Poco dopo, l'attrice è andata a lavorare in Europa,
portando via il bambino. Dopo sei o sette anni ho sperimentato un profondo
crisi di coscienza e sono tornato in contatto con la madre di mio figlio
digli che adesso ha avuto una situazione finanziaria migliore e che, se lo desiderasse,
Potrebbe mandarmi a Brontis. Il ragazzo venne con il suo orsacchiotto e una sua foto
madre. Così ho deciso di farlo partecipare a El Topo. Il film inizia così:
Vengo a suonare il flauto, accompagnato dal ragazzo, e dico solennemente:
«Ora hai 7 anni, sei un uomo. Seppellisci il tuo primo giocattolo e ritratto
di tua madre ". Il ragazzo obbedisce, seppellisce l'orso nella sabbia, mette la foto nella
buca e poi entrambi andiamo via.
Passarono gli anni e mi resi conto che Brontis e io lo avevamo fatto
difficoltà di comunicazione sul piano spirituale. Ho dovuto ammetterlo
Avevo fatto degli errori e ho provato a ripararli. Brontis ne aveva parlato diversi
volte del giocattolo che gli avevo chiesto di seppellire quando è venuto a vivere
con Me. Quell'orso era stato il suo primo giocattolo, glielo avevo dato
quando è nato, prima che ci separassimo per sette anni. quando
abbiamo finito il film, non siamo andati a riprenderci l'orso. Ho capito che c'era
brutalmente separato dalla sua infanzia e sua madre: una volta c'era
Sepolto il ritratto accanto al giocattolo, non parlò più di Bernadette e se ne andò
per scriverti. Più tardi mi confessò: «Non ho sofferto, perché immaginavo che le formiche
sarebbero andati a vivere dentro l'orso, che sarebbe stata la loro casa ». In questo modo,
confortò il ragazzo ... Un giorno, molto più tardi, quando Brontis aveva 24 anni,
Ho immaginato un nuovo atto per riparare quello vecchio. Per il suo compleanno, io
Ho detto: seppellirò un orsacchiotto nel giardino di casa nostra, lo coprirò
sabbia e accanto ad essa metterò una foto della madre. Quindi indosserò un
cappello nero, simile a quello che indossava a El Topo, chiederò a Brontis
si spogliò e venne nel giardino - nel film, il ragazzo apparve nudo - a
scoprire l'orso e la foto. Gli dirò: «Oggi hai 7 anni e hai il diritto di farlo
essere un bambino. Vieni a scoprire il tuo primo giocattolo e il ritratto di tua madre ». E ho deciso
agire, ma mi sono imbattuto in alcuni imponderabili: stavo pensando di acquistare
un orso il più vicino possibile all'altro, un giocattolo duro, imbottito di paglia. Ma il
L'industria era progredita e tutti gli orsacchiotti erano morbidi. Per il
Pertanto, il vecchio orso rigido divenne un orso morbido e flessibile. Riferendosi a
foto, quella che Brontis aveva sepolto all'età di 7 anni era in bianco e nero; quando
Ho cercato un ritratto di sua madre per eseguire l'atto: Bernardetta era morta
in un incidente aereo, ne ho trovato solo uno a colori, quindi mio figlio,
chi aveva seppellito una foto grigia, ora avrebbe acquisito un'immagine a colori. Nel
In realtà, queste modifiche dovute alla "possibilità" hanno contribuito notevolmente
al successo dell'atto. Il che mi porta a dire che gli imponderabili, gli elementi
che non possiamo controllare, svolgono anche un ruolo importante
psicomagia. È necessario fare uno sforzo per compiere l'atto secondo le istruzioni
ricevuto e nelle migliori condizioni e, in questo stato d'animo,
considerare le contingenze e altri cambiamenti al di fuori del nostro controllo come se
farà parte del processo. A El Topo, ho protetto Brontis dal sole cocente
dal deserto con un ombrello nero; ma il giorno in cui abbiamo già eseguito l'atto
qui in Francia pioveva e dovevo proteggerlo con un ombrello
nero. In realtà, non sapeva cosa avrei fatto, ma vedendomi imitare
trotto un cavallo come se stesse cavalcando la groppa con lui, si rese conto,

Pagina 94
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
94
appollaiato sulla schiena e siamo andati, sotto la pioggia, nel posto in cui avevo
seppellito l'orso. Curiosamente, ha detto: «Non ho portato un ombrello. Sapevo che tu
mi aspetteresti e mi riparerai », come se avessi una premonizione di quello che sarebbe successo.
Ha portato alla luce l'orso e la foto a colori di sua madre, ci siamo abbracciati e abbiamo pianto
lungo, con la testa sulla mia spalla, lacrime di gratitudine, come un bambino
pieno di tenerezza. Quel giorno decise di spedirmi una poesia ogni giorno e
Da allora ricevo un suo messaggio ogni giorno. Tengo la tua poesia in una
scatola speciale. Va da sé che la comunicazione tra di noi è migliorata
molto e ora abbiamo un bellissimo rapporto.
È una storia molto bella. In quell'atto hai riprodotto volontariamente a
situazione si è verificata durante l'infanzia ...
Sì, ma rendendolo giusto. Ho preso gli stessi elementi associati a
carica sentimentale negativa e ho dato loro una carica positiva. In questo modo
Ho pagato il mio debito psicologico.

Pagina 95
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
95
Breve epistolare psicomagico
Una volta che la persona ha compiuto l'atto, afferma che l'unica remunerazione
Ciò che chiede è che gli inviano una lettera che gli informa delle fasi dell'esecuzione.
Vorrei che tu spiegassi alcuni dettagli su quell'e-mail psicomagica
quale è stabilito.
Richiedo la lettera, per due motivi: poiché un atto psicomagico presenta tutto
le caratteristiche di un sogno, se non viene scritto immediatamente viene dimenticato
velocemente. D'altra parte, ciò che viene ricevuto deve essere condiviso. Il migliore
Un modo per premiare un terapeuta è mostrare loro come, grazie al tuo aiuto,
uno ha riacquistato salute. Saper ringraziare è un segno di salute
spirituale. Queste lettere sono quindi parte integrante dell'atto psicomagico. Il
giudicano e completano, per così dire.
Questo aumenta la mia curiosità. Potresti mostrarmene uno?
Sì, naturalmente. Poiché non è possibile mostrare un atto, utilizzeremo le carte.
Per capire bene il processo, commenterò la prima lettera della frase
per frase. Più tardi, quando leggerò gli altri, lascerò indovinare tutti i motivi
dietro tali atti irrazionali a prima vista.
Dobbiamo cominciare?
Non bisogna dimenticare che in queste lettere non sono io che parlo ma il
persona a cui ho prescritto un atto, un atto di cui mi dà conto
questo mezzo. Questo è il primo e lo commenterò sul 3 :
Sono uno psicologo e sono andato a trovarlo perché non potevo lavorare nella mia professione. Non ho vinto né
un penny. Mi hai imposto il seguente atto di psicomagia: prendi una pentola
doppia forma quadrata ... [Gli ho detto di prendere una pentola doppia quadrata,
come quello dei tarocchi: doppio quadrato magico, cioè spirito e corpo.
Ho dovuto lavorare con entrambi.] ... di un colore significativo. [Che colore? Persona
doveva scegliere un colore che avesse una forza simbolica per lei, in modo che l'oggetto
tu
I commenti di Alejandro Jodorowsky sono intervallati nel testo tra parentesi quadre.

Per facilità di lettura, piccolo grammaticale o

Pagina 96
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
96
stile. La maggior parte degli originali è in possesso di Jodorowsky, essendo in grado di verificarne la sua
autenticità.
suggerisci qualcosa.] Dividilo in due parti e pianta il grano. [Ecco un gioco di
Parole: in francese c'è un detto che suggerisce l'idea che quando pianti il grano, tu
Il grano cresce in tasca, perché il denaro si chiama blé, grano.] Da un lato, il
Il grano doveva essere piantato in quattro file, due file pari e due file dispari. [Per me,
fare file pari e dispari simboleggia il riconoscimento di uomini e donne
che tutti portiamo dentro: in tutti i riti di iniziazione, i numeri dispari lo sono
maschio e coppia, femmina. Presta la stessa attenzione a uomini e donne
è riconoscere il partner dentro di noi.]
Dall'altro lato, il grano verrebbe piantato in modo disordinato. [Pertanto, c'è un lato
ordinato che simboleggia la necessità dell'intelletto di lavorare con il metodo e un altro lato
nel disordine, che indica la fiducia data all'inconscio. Questa disposizione spaziale
manifesta che l'ordine perfetto esiste solo accanto al disordine.]
Il 7 febbraio, quando sono tornato a casa dopo essere stato via per due giorni, io
Mi rendo conto che il grano germina. Ma il lato sinistro dei due quadrati è
quasi sterile, con solo uno o due germogli. [Solo il grano è cresciuto sul lato destro ...
Che mistero! Perché sul lato destro sì e sul lato sinistro no? Lo sappiamo in
la nostra società patriarcale, il lato sinistro è il femminile: il lato passivo del corpo
è simbolizzato a sinistra. In India la mano destra è la mano di Dio e il
a sinistra, quello dalla sporcizia, quello usato per pulire il sedere, mentre con il
giusto che mangi. E quando sputi, devi sempre farlo a sinistra,
mai a destra. In questo caso, dobbiamo capire questo messaggio
trasmette alla donna interiore: nega la sua femminilità. E la psicomagia, che opera
attraverso la sincronia o, se preferite, dalla poesia, si manifesta attraverso questi
immagini di grano: «Guarda la tua femminilità, non trascurare il tuo intuito, abbi cura di tua moglie
dentro!". È come se il grano gli dicesse: «Non cresco perché non ami la terra. E non
ami la terra perché non ami te stesso nella tua dimensione femminile ».] Me l'ha detto
metti l'argilla nelle aree sterili e bagnale di acqua santa di notte ...
[Per me, l'argilla è il corpo umano. Si dice che Dio abbia creato Adamo prendendo l'argilla
dei quattro punti cardinali e con quell'argilla proveniente dai quattro punti del
terra, fatto un uomo equilibrato. Queste quattro parti sono anche in noi: se il
l'essere umano non ha stabilito un equilibrio tra i suoi bisogni fisici, i suoi
desideri, emozioni e intelletto, non puoi stare bene. In un essere umano sta bene
sviluppate, queste quattro energie sono in equilibrio. Per quanto riguarda l'acqua santa, essa
prescritto in modo che il corpo sia benedetto. È la prima cosa da fare
riprendere il contatto con la dimensione femminile in se stessi: quando si chiede a questa donna
interiore per benedire il tuo corpo, ti invito a sacralizzarlo, per smettere di disprezzarlo,
riprendersi possesso di lui], e fare piccoli cuori di filo e
mettili nei quattro angoli della stanza; più tardi mi ha chiesto di pregare per il mio
antenate. Compro argilla verde. L'ho messo sul lato sinistro e, per
Di notte, lo innaffio con acqua santa, che in precedenza avevo lasciato sul mio altare, vicino
del Buddha. Ho anche il filo per creare i cuori. [Ho imposto a
lavoro, poiché per trovare un lavoro era necessario imparare a lavorare. Da li
quei piccoli compiti che doveva svolgere e gli dissero: «Impara ad amare il lavoro
o non lavorerai mai ».]
Il 20 febbraio creo i cuori e li metto come hai ordinato. metto
più argilla, acqua santa e prego le donne nel mio albero genealogico che
vieni in mio aiuto. Il 24 continuo a mettere argilla, acqua santa e pregare. Appare
lo scoppio occasionale, ma non sul lato destro. [Qui esprime la sua differenza-
ciation tra sinistra e destra. Istituire una competizione. È come se dicesse: «A

Pagina 97
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
97
la donna non è come un uomo. È diminuito, è inferiore ». E quando osserva: "Non lo è
come il lato destro ", devi rispondere:" Certo che no, dal momento che è il lato
sinistra!".]
Non è successo nulla per un mese ... [Tutto è realmente accaduto.] Dopo
Avendo messo di tanto in tanto argilla e acqua santa, vidi che il grano era cresciuto.
[Divertente: dice che non succede nulla, ma invece è cresciuto il grano.]
I lati sterili sono meno folti degli altri. [C'è sempre il
confronto ... Ma anche se non fosse cresciuto più di una singola piccola pianta,
in una manciata di terra rubata da un cimitero, nel mezzo dell'inverno, con alcuni cereali
Acquistato da un negozio di alimentari, sarebbe stato meraviglioso. Nel suo
la stanza cresce grano: che miracolo!]
Ho due file di sei piani e due di cinque. [Ciò aggiunge fino a 22 ... Ricordiamolo
Gli ho detto di usare un vaso che era un doppio quadrato, al fine di formare un
carta dei tarocchi. E in questo quadrato a forma di tarocchi ci sono 22 piante, altrettante
come gli arcani maggiori. Miracolo!]
Ho trovato lavoro il 2 marzo e sto ancora lavorando. Grazie per l'aiuto.
Ha raggiunto il suo obiettivo. Mi piacerebbe conoscere un'altra storia.
Non ho intenzione di commentarlo. Il suo autore, uno scrittore americano di nome R.
M. Koster, stava attraversando un periodo di siccità creativa e si diresse verso
alcolismo. Sua moglie conosceva il mio lavoro e intuiva che avrei potuto aiutarlo
per recuperare la sua creatività lo ha portato a fare il viaggio da Panama, dove
Rimasero fino a Parigi, così da poterle imporre un atto di psicomagia. devo
fai notare che quest'uomo aveva trascorso circa dieci anni senza scrivere un libro. Ho letto il
lettera che mi ha scritto dopo essermi liberato dall'alcolismo e aver iniziato
riscrivere, entrambi dopo aver eseguito l'atto.
Molto interessante il caso.
Koster scrive con una disinvoltura che non nasconde la sua tragica dimensione
esperienza, come vedremo ora.
Situazione nel marzo 1987: durante gli anni settanta scrissi tre romanzi, i tre
molto bene, erano ambientati in un immaginario paese centroamericano, metafora
di Panama. Senza il mio sospetto, questi romanzi hanno prefigurato la storia del
Repubblica di Panama, perché, dopo averli scritti, Dio decise di plagiarmi:
l'immaginato è diventato realtà. Un artista predice il futuro, perché a differenza
altri conoscono il presente. Mentre lavoravo al terzo romanzo, ho perso il
coraggio, angosciato dai militari. Ho deciso di non scrivere di più su quel paese immaginario
Si chiamava Tiniebla e, nelle ultime pagine, l'ho distrutto con un terremoto. Ho finito
quel romanzo del settembre 1978 e da allora non ho più scritto
Ho perso la fiducia nelle mie capacità letterarie e mi sono appassionato al bere. quando
Io e te ci siamo incontrati, ho detto: «Senza fiducia non puoi lavorare. Scrivere un
il romanzo è come buttarti dalla cima di un edificio. Scrivi senza sapere dove andrai
Stop. Forse i pompieri ti verranno a prendere, forse no. Ma se cerchi prima di tutto sicurezza,
devi scendere le scale. Ecco, sei sicuro, ma non scrivi un romanzo.
Quando provi a vivere la vita giù per le scale, non la vivi. UN
momento del lancio ».
Mi hai risposto: «Sei posseduto da un vecchio me. Quando stavi scrivendo quel libro,
chi ha scritto era altro, i personaggi che parlavano erano anche altri. Ma quelli
I personaggi esistono nel tuo inconscio, fanno parte di te. E tu cosa hai fatto? Hai rotto
con loro, li hai uccisi. Pertanto, quegli esseri sono arrabbiati con te perché
Non hai portato il tuo romanzo dove dovrebbe andare. Nella creatività, devi obbedire.
Quando crei, devi arrenderti, lasciare che la creazione cresca come un fungo.

Pagina 98
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
98
Dobbiamo obbedire a ciò che cresce in noi, e tu no, e così tagli
creatività".
Ho accettato la sua analisi, perché ero sempre convinto che fosse questo il libro
cerca la scrittrice, proprio come la femmina cerca il maschio e non viceversa.
Mi ha raccomandato:
1. Brucia i miei quattro progetti dopo il terzo romanzo, quelli che non ho potuto
finire. L'incendio doveva avvenire nella stanza in cui lavoro.
2. Usa una bevanda alcolica per accendere il fuoco, al fine di tagliare il mio
consumo eccessivo di alcol.
3. Dal momento che la stanza è al primo piano, e da quando avevo usato il
metafora dello scrittore che si lancia dalla cima di un edificio, cioè che si dona
completamente al suo libro, suggerì che, una volta terminato il rito, uscisse
finestra invece di scendere le scale.
E ha specificato altri dettagli che appariranno mentre descrive il mio atto. Ho raccolto tutto
il materiale necessario e l'ho messo in un secchio di ferro: i quattro manoscritti
incompiuto, un litro di vodka, il filo verde per legare le foglie, un perno a
pungimi il dito e versa una goccia di sangue su ogni manoscritto ...
Ho dato fuoco. Immediatamente, un fumo orribile riempì la stanza. Ho preso il
secchio, anche se faceva già caldo, e lo portò in bagno per non soffocare la stanza.
D'altra parte, non voleva che qualcuno che vedesse il fumo chiamasse i vigili del fuoco. Ho chiuso il
porta del bagno, ho messo il secchio nella tazza e ho iniziato a tossire dal soffocamento. Me ne sono andato
velocemente
Chiusi la porta e per i successivi quindici minuti tornai di tanto in tanto a
assicurarsi che il fuoco non si sia spento. Nel frattempo, ho iniziato a preparare il mio
uscire dalla finestra. Come tutte le finestre di questo paese tropicale, anche questo ha
una persiana di lastre di vetro e una zanzariera. Prima ho svitato il
zanzariera, e poi ho smontato parte del cieco per superare l'operazione
delicato che richiedeva la rimozione del pezzo di metallo che regge il vetro. Una volta
Bruciò la pila di manoscritti e la porta si aprì, il fumo mi avvolgeva. Non
Ho potuto respirare e ho portato il secchio fuori dalla finestra, poiché mi era vietato l'uso
le scale. L'ho lasciato su una sporgenza proprio sotto la finestra e
Corsi a chiudere la porta del bagno per evitare che il fumo si diffondesse in tutta la casa. Di
Per qualche misteriosa ragione, è rimasto un lenzuolo sul coperchio della tazza. Sono uscito da
finestra, ho attraversato il tetto e sono sceso nel patio. Ho gettato via ciò che era rimasto del
manoscritti. Il giorno dopo, quando sono andato in bagno, ho scoperto che era fermo
pieno di fumo e che i muri, prima bianchi, erano diventati neri. quando
Presi la carta che era rimasta nella tazza, vidi che la parte era sotto
era ancora bianco. Ho pulito il bagno, ma anche oggi, dopo sei mesi, il
odore di fumo e puoi vedere la differenza tra il rettangolo bianco e il resto, che ora
è grigio.
Risultati psicomagici:
1. Ho scritto un articolo su Panama che è stato pubblicato dalla rivista Harpers nel loro
Numero del giugno 1988.
2. Ho cercato un agente letterario. Questo agente ha venduto un progetto per settantamila dollari
del libro scritto da me dal materiale fornito da G. Sánchez-Borbón, a
esiliato.
3. Tra gennaio e aprile 1988, ho scritto le trentacinquemila parole superbe di
questo libro.
Conclusioni: fino ad ora, nessun libro di finzione ha bussato alla mia porta
chiedimi di scriverlo, ma sto scrivendo con molto successo riguardo al
Eventi panamensi. Sembra che la sua magia non si interessi del genere e
è guidato solo dal soggetto.
Vedi ... Ho scritto una cartolina a Koster per congratularmi con lui, notandolo

Pagina 99
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
99
non aveva bruciato la foglia rimasta sul coperchio. Ho anche detto
che, se avesse voluto scrivere narrativa, avrebbe potuto proporre un altro atto psicomagico. Che cosa
Rispose: «Per il momento, non voglio più recitare, perché ne ho molti
lavoro. Molte idee mi saltano in testa: cinema, ecc. Sai quando
è vuoto. Ora sono pieno. Grazie".
Che tu abbia o meno fiducia nella psicomagia, è vero che esponi
fatti verificabili, il che è impressionante. Fai tutti i tuoi consulenti
rispondono con lettere verbose come quelle di quest'ultima?
In generale si. Ma a volte mi capita che, diciamo per deformazione
professionale, nel corso di una conversazione amichevole propongo un atto senza
che mi hanno chiesto. In quei casi, quasi mai ci riesco
Rispondi, semplicemente perché, in generale, l'atto non viene compiuto. Persona
non lo ha richiesto, lo ascolta con indifferenza, forse divertito e curioso,
ma senza dargli importanza.
Sottolinea nuovamente l'importanza della motivazione, decisiva in tutto
terapia. Ciò che conta è che la persona vuole davvero cambiare ...
Ovviamente. Se c'è vero desiderio e anche fiducia, tutto è
possibile. Leggerò una lettera molto lunga che esemplifica quel principio: un atto di
La cosa più semplice può acquisire una dimensione miracolosa se fatta con fede:
Mi chiamo Jacqueline. Ti ho già detto che mio padre si è suicidato quando avevo 12 anni
prendendo cinquanta compresse di optalidon. Gliel'ho detto anche con così tanti problemi
di denaro trasportato negli anni, ho spesso adottato atteggiamenti suicidari.
Spiegò che mio padre si era suicidato in modo gentile (con le compresse) e che io
Mi suicidavo a poco a poco, il che imitava mio padre.
Gli ho anche detto che mia madre era morta tre settimane dopo mio padre
(Ha sofferto di degenerazione cerebrale per anni). Ho dovuto esprimere con
un atto qualcosa che mi aveva soffocato per molto tempo. Avevo bisogno di una liberatoria e penso
nei miracoli.
Propose il seguente atto: andare in una casa di cura, comprarne una dozzina
di bellissime (grandi) arance, regalale a 12 persone e parla con 12 minuti
ognuno di loro. Immediatamente, chiamalo per dirgli quello che ha vissuto. Dal mio
mio padre era morto un sabato, mi ha detto di eseguire l'atto sabato.
Ho cercato di capire cosa stava proponendo. Ho pensato che la residenza mi ha messo nel
l'età di mio padre (all'inizio, non mi è venuto in mente di associare l'atto a mia madre), che
le arance erano un simbolo di fertilità e quello, quando andavano a vedere persone che avevano
all'incirca alla stessa età di mio padre, smetterei di rifiutarlo. Sì in questo
occasione gli ha dato la vita, mi autorizzerei anche a vivere e smettere di sentire
spinto a riprodurre il suo atto. Inoltre, 12 arance, 12 persone, questo era per me
un simbolo arcano dell'impiccato dei tarocchi. Quindi, ho dovuto andare su a
fine del mio albero, fino alla fine del mio dolore, per trovare gioia;
forse era necessario che io morissi subito per rinascere e occupare il mio vero
posto. I giorni che hanno preceduto l'evento non sono stati molto piacevoli; Mi sentivo male
Ho avuto palpitazioni e una sensazione di angoscia e soffocamento. Ho cercato una residenza pubblica,
perché pensavo che forse i suoi occupanti fossero persone più bisognose, peggio
a condizione che gli anziani di un istituto privato. Ho dovuto andare a uno
popolazione situata a 43 chilometri dalla città in cui vivo, una popolazione che ha
lo stesso nome di mio marito (!), dove si trova la casa di cura
Locale. Su consiglio di un amico, in precedenza ho telefonato al direttore e
Ho spiegato che ero uno psicologo e che stavo facendo un lavoro che si occupava di solitudine

Pagina 100
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
100
degli anziani, per i quali aveva bisogno di scambiare impressioni con una dozzina
persone. All'arrivo, ho scoperto che questo era qualcosa per cui non avevo
preparato. Tutte le persone presenti sembravano avere comportamenti curiosi,
anormale. Molti di loro soffrivano di disturbi mentali. Avevo ragione su un punto, perché
Mi sono riunito con un elemento del mio passato che mi aveva fatto soffrire molto: il mio
anche la madre era "sconvolta" diversi anni prima della sua morte, qualcosa del genere
Mi ero sempre rifiutato di riconoscere. Lì sono tornato per affrontare qualcosa di molto
doloroso. Non aveva scelto quel posto per caso. Nonostante il dolore, non potevo dare
mezzo giro, doveva andare avanti. Il dolore mi ha annegato, c'era così tanto
impotenza in quelle persone ... Ho avuto l'impressione che mi stessero chiedendo
Aiuto. Ho provato un grande amore per tutti quei "vecchi". Ho trovato difficile misurare il
tempo trascorso con ogni persona. So che devi rispettare scrupolosamente
fin nei minimi dettagli di un atto psicomagico, in modo da non "rovinarlo". Tu io
Avevo indicato 12 minuti a persona; nel mio ufficio passo circa cinque ore con il
persona che viene a trovarmi e non guarda mai un orologio; lì dovevo concentrarmi (cosa
come un impiccato), ma era decisamente buono, anche un must per me.
Questo mi ha costretto a mettermi nel presente, a rimanere vigile, a realizzare
che l'amore che uno dà è percepito dall'altro, che i messaggi trasmessi non lo fanno
devono essere più lunghi per essere più intensi.
C'erano persone senza denti, quindi non potevano mangiare l'arancia e non volevano
accettarlo. Poi ho detto loro di darlo a chiunque volessero. Altri no
Gli piacevano le arance e dicevano anche loro di regalarlo. Questo deve essere successo
quattro o cinque volte. C'è stato un tempo in cui ero molto spaventato a causa di un uomo
chi era completamente squilibrato si rifiutò di prendere l'arancia, anche per darla via.
Dato che aveva litigato con quest'uomo, non sapeva se poteva contarlo come uno dei
12 persone (da quando mi è rimasta la sua arancia), il che ha notevolmente complicato l'atto e
Avevo paura di sbagliarmi. L'uomo mi ha seguito mentre stavo parlando con altre persone e
Finalmente sono riuscito a convincerlo a tenere l'arancia. All'improvviso, l'uomo
è caduto. Le sue gambe erano deformate e si aiutò con un dispositivo per camminare. Tutti i
Il mondo guardava, ma nessuno si muoveva. Per quanto ho potuto, l'ho aiutato
Siediti ma mi sono rifiutato di sedermi mentre cercavo un
infermiera. Una volta retto, ha insistito per avanzare. C'erano persone che dicevano
che voleva andare nella sua stanza, che era in un altro reparto. Ho continuato a tenerlo
salendo una scala per andare dove voleva. Ho tenuto dietro di lui,
in modo che non cadesse all'indietro e si spogliasse. Può sembrare strano, ma non avevo paura
Il suo corpo cadde su di me e mi fece rotolare su per le scale. Ci siamo sentiti in giro
a noi la forza di quell'amore che ci circonda. Finalmente amico
è riuscito ad arrivare dove voleva.
Era già mezzogiorno, all'ora di pranzo, e mi rimaneva ancora un'arancia, cioè
Ho dovuto parlare con qualcun altro. Ancora una volta avevo paura che il mio atto non fosse valido.
Ho dovuto interromperlo per un'ora e poi tornare a parlare con l'ultima persona
e dagli il frutto. E se l'interruzione rovinasse tutto?
Sono uscito, ho incontrato mio marito che mi stava aspettando e ne abbiamo parlato. Aveva
dedicato 12 minuti a ciascuna persona e ha avuto l'impressione di aver distribuito felicità,
di aver contribuito ad alleviare la sofferenza. Ma quanto mi hanno dato anche
quelle undici persone! Può sembrare curioso, nel caso di persone diminuite
psichicamente, ma mi hanno ringraziato tutti per essere andati a vederli. Ogni volta che
Ho detto "arrivederci" mi hanno risposto con "grazie". Penso che anche se l'intelletto perde
tutto o parte di quello che viene chiamato "senso della realtà", anche il cuore percepisce
l'amore gli ha offerto. Almeno, è quello che ho sentito in quel posto.
Dopo un'ora, sono tornato a vedere la dodicesima persona con il mio dodicesimo
arancia. Era un uomo a cui era stata amputata una gamba e che era seduta
in sedia a rotelle. Poi sono partito, sapendo che questo atto mi aveva fatto
consapevole che ci sono luoghi nel mondo in cui c'è un'enorme sofferenza
che ognuno di noi potrebbe contribuire ad alleviare. In quel manicomio mi sono trovato di fronte

Pagina 101
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
101
mio padre e mia madre. Dopo tutto, i miei genitori sono morti tre settimane dopo
intervallo quando ero ancora bambino e mi sentivo totalmente abbandonato; dietro di me
visitando la residenza, ebbe l'impressione di aver dato vita a entrambi. Una volta
Dopo questo atto, ti ho telefonato, come avevi richiesto, a
digli quello che aveva provato. Dopo avermi ascoltato, mi ha suggerito di fare cosa
successivo: «Vai al luogo in cui hai comprato le arance la prima volta, a mezzogiorno -il
12, ha sottolineato, "e comprare un'arancia, la più bella". Gli ho chiesto che giorno
Ho dovuto farlo e tu mi hai detto in che giorno sono andato a casa. Era un sabato. Così
Mi ordinò: «Fallo di sabato. Siediti alla porta di una chiesa e mangia l'arancia
lentamente, oltre 12 minuti. Questo è tutto".
Sabato 14 luglio sono andato al mercato. Il giorno prima aveva chiesto se ci sarebbe stata una vendita
nonostante sia festivo. Alle 12 ho scelto l'arancia che mi è sembrata di più
bellissimo e l'ho comprato. Ho guidato la mia bicicletta e, accompagnato da mio marito, ho cercato un
chiesa alla cui porta potrei sedere. C'era una chiesa chiamata Nostra Signora di
La Paz, che non avevo mai visto perché non ero attratto dalla sua architettura moderna.
È in periferia e avevo solo una preoccupazione: che potesse esserlo
Chiuso a chiave, come accade di solito nelle chiese quando non ci sono uffici. Così che
Ho lasciato la bici e, oh, miracolo, quando ho spinto la porta ho scoperto che non era chiusa.
All'interno della chiesa forma un quarto di cerchio, ci sono molte vetrate -
Moderno, certo, ma mi sentivo a mio agio. Era una chiesa calda. Mi sono seduto a
prega e ringrazia prima di andare a mangiare l'arancia. Poi venne il prete,
Pregò e iniziò a riparare la chiesa. Volevo che se ne andasse perché non l'ho fatto
Ho osato mangiare l'arancia alla porta. Ho preso la bici e, insieme a mio marito, chi
Stavo aspettando fuori, ci siamo allontanati un po '. Quando se ne andò, aveva lasciato la porta aperta.
Aveva la sensazione che questo atto dovesse essere fatto con la porta aperta; provato
che in caso contrario, l'accesso alla felicità mi sarebbe proibito.
Abbiamo aspettato un po 'e siamo tornati in chiesa, dove abbiamo visto con sollievo che non siamo più
c'era la macchina del prete. Ma avevo di nuovo paura che la porta fosse
bloccato. Non solo non era bloccato, ma era ancora aperto
in coppia, proprio come l'avevo lasciato. Quindi, con grande sollievo e grande gioia, io
Mi sono seduto davanti alla porta aperta. Alle 13:12 ho iniziato a sbucciare l'arancia.
Durante la settimana, mi diceva che 12 minuti erano troppo lunghi per mangiare
un'arancia. Ed è che non assaporo il cibo, ma lo bevo.
Alle 13:12 è iniziata per me una bellissima rivoluzione, la strada per finire
quella parte di me stessa per andare verso una trasformazione totale. Ho iniziato a degustare
la prima quarta parte. Quello che ho sentito allora non lo dimenticherò mai. Adesso mentre
Scrivo queste righe, provo la stessa emozione. Stavo mangiando quel quarto
parte, lentamente, a piccoli morsi.
Sono stato toccato, volevo piangere, ma con gioia. Questa volta l'ho capito
Stavo andando bene e, forse per la prima volta, avevo il potere di vivere. Era la vita come era
Assaporando, ciò che è entrato attraverso di me, è scivolato dentro di me. L'ho sentito davvero
Prima mi aveva proibito qualcosa di molto importante. La vita, senza dubbio ... Lì l'ho capito
La porta di Dio mi è sempre stata aperta e sono stato io a farlo
chiuso. Mi sono sentito in piena comunione con Dio. È stata un'emozione intensa. Dopo
Dopo aver assaggiato il primo trimestre, ho guardato l'orologio: erano passati quattro minuti.
Il tempo passò rapidamente, quindi dovetti sbrigarmi un po '. L'emozione era ferma
essere forti. Dopo aver provato un po 'di dolore, ho continuato a mangiare la mia arancia con
Vero piacere. Penso che fino ad allora non avessi scoperto il sapore di a
arancia. È stata una rivelazione. In realtà era come se stessi mangiando per la prima volta. io
Vorrei che il tempo fosse più lento, per gustarlo ancora di più. Ma
act è act e alle 13:24 ho finito la mia arancia. Poi sono tornato in chiesa e
Rimasi qualche minuto, senza pensare a niente. In me il vuoto era stato creato, ma lo era
un piacevole vuoto, indispensabile, ovviamente, perché una forza si stabilizzi
nuovo. Poi sono andato con mio marito, che mi stava aspettando in una banca, molto vicino,
perché avevo bisogno della sua compagnia quel giorno.

Pagina 102
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
102
E mi rendo conto che, chiedendomi di scriverti, continui ad aiutarmi. Come
direi? Quando ho mangiato l'arancia, ho provato un senso di accettazione del
la vita in me. Forse corrispondeva al momento in cui sono stato concepito, perché quando scrivevo
-Ho scritto più volte la lettera-, ho avuto la sensazione di dare alla luce me stesso.
Ho il desiderio di guarire dal mio passato e devo dirti che, per il momento, è il mio
figlia, che ha 12 anni, che mi aiuta a muovermi in quella direzione. Lei è cosa
Voglio di più e desidero che tu sia felice, ma so che non sarai in grado di trovare la felicità se non lo fai
Offro una buona immagine di qualcuno che vuole vivere.
È una lettera commovente in molti modi, specialmente come testimonianza
della fede di quella donna nella psicomagia. L'inconveniente di
"Difficile da vivere" è che è un male molto diffuso. Dopo aver letto
da questa lunga missiva, sono contento che questa persona possa sentirsi rinascere,
ma vorrei che tu trovassi una lettera più breve che esponesse il
risoluzione grazie alla psicomagia di una difficoltà più concreta, più facile da fare
fissare.
Leggerò la lettera di Armelle, figlia di una donna francese e vietnamita. Molto
autocosciente tra i francesi, ha vissuto male la sua femminilità perché non ha accettato
le sue caratteristiche orientali. Suo padre, molto segnato dalla guerra, respinse il suo paese
originariamente. Ho consigliato a questa giovane donna di andare in quel paese in cerca delle sue radici.
In precedenza, a Natale, ha dovuto mangiare un mango, salvare la pietra e
fatelo germinare in un bicchiere d'acqua e poi piantatelo in una pentola
trentatre giorni. Poi ho dovuto portarlo in Vietnam e piantarlo in un
giardino di famiglia paterna. Quello che segue è quello che mi ha scritto una volta
ha compiuto l'atto:
Sono partito per il Vietnam il 5 agosto 1986. Il volo è stato molto regolare, ma a malapena
abbiamo iniziato a sorvolare il Vietnam, siamo entrati in una zona di turbolenza che ha tremato
l'aereo. Quindi mi sono sentito male e mentre eravamo in Vietnam non l'ho fatto
più che vomitare in bagno. Ho avuto la sensazione che una parte di me stesse rifiutando
quel paese (forse a causa dell'avversione di mio padre per la sua stessa razza).
Quando siamo atterrati, mi è sembrato di riconoscere mio padre in tutti i bambini con
Stavo attraversando (mio padre ha lasciato il Vietnam all'età di 14 anni). Quindi, curiosamente, io
Mi sentivo angosciato per le mestruazioni, avevo la stessa sensazione che avevo nel mio
prime mestruazioni. Penso quindi di aver ristabilito il contatto con la mia femminilità.
Ho anche avuto l'opportunità di osservare la femminilità dei vietnamiti, la loro naturalezza, la loro
fragilità, il suo fascino.
Fui sorpreso che non mi prendessero per il vietnamita e poi, per la prima volta,
Ho notato chiaramente le mie radici francesi.
Il 13 agosto sono arrivato nella città natale di mio padre. Ero molto emozionato e
Ho pianto per gran parte della notte, sentendomi immensa solitudine e forte
oltraggio a mio padre. Il giorno dopo andai a trovare la casa della mia bisnonna; era
meraviglioso, perché anni fa, il 14 agosto, la mia trisavola era morta e ora
Tutta la famiglia si era radunata lì per celebrare il culto degli antenati.
Bruciamo incenso davanti agli altari di tutti gli antenati. Mi sono sentita viva
emozione per la tomba della mia bisnonna, che certamente non conoscevo. Poi ho piantato
il mango in un giardino, con l'aiuto di tutta la famiglia.
È stato un momento straordinario: scavare la terra gialla del Vietnam per piantarlo
alberello che aveva le sue radici impregnate di terra nera dalla Francia ... Il contrasto
tra le due terre era un simbolo meraviglioso. Inoltre, che coincidenza, il giardino
Era pieno di manghi.
Quel viaggio è stato molto importante. Mi ha permesso di riconoscere la mia femminilità, analizzare e
valorizzare l'eredità di questa cultura, scoprendo di aver fondato il mio complesso razziale

Pagina 103
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
103
una chimera. Grazie.
Perché Armelle ha dovuto mangiare il mango a Natale e poi seppellire?
l'osso esattamente 33 giorni dopo?
Quella ragazza non aveva solo un complesso a causa della sua doppia origine,
ma era anche tra due religioni. Pertanto, dovrei
convincere il tuo inconscio ad accettare le tue due culture come un dono,
unendoli in esso. Cristo nacque a Natale e morì all'età di 33 anni per dopo
risorgere. Ed è questo ciclo che Armelle trasportava in Vietnam sotto forma di
pianta.
Hai avuto la possibilità di "curare" altri complessi razziali?
Sì, naturalmente. Un giorno venne a trovarmi un uomo che era il figlio di un padre africano
e madre francese, e quasi immediatamente dopo ho ricevuto una donna che
era nella stessa situazione. Non si conoscevano, venivano a consultarmi tutti
che dalla sua parte. Entrambi provavano grande amarezza a causa del loro doppio
origine. Ho deciso di unirli in un atto psicomagico che si sarebbero esibiti insieme. Mi sono detto
che attraverso quell'atto simultaneo, compiuto da due persone diverse
sesso, l'uomo e la donna interiori si affronterebbero, animus e anima. Non lo avevano
pelle né troppo chiara né troppo scura. Ho chiesto loro di indossarne uno in nero e
l'altro in bianco; guidare fino all'Arco di Trionfo e scendere
dagli Champs Elysées; che ritornano al punto di partenza; ritornare a
luogo in cui avevano inventato e scambiato documenti; che lui
il nero divenne bianco e viceversa; e che alla fine hanno fatto lo stesso
viaggio. Leggerò la lettera del ragazzo, che si chiamava Sylvain:
Sabato mattina: davanti ai miei occhi ci sono due tubi per il trucco. Tu hai il
scritta "carne", l'altra "nera". Il bagno è piccolo e la ragazza
che è alla mia destra mi mette a disagio. Manca di energia, flessibilità, dà l'impressione di
sta per piangere. Ha scelto di truccarsi prima la donna bianca. Per il
Tanto, ho messo il trucco nero. Ho i crampi, fino a quando non mi dico: «Non succede
niente, questo è niente. Sarà divertente". In realtà, non ha nulla di divertente. io
accordo su ciò che mi ha spinto ad accettare di andare sotto gli Champs-Elysées sotto mentite spoglie
nero e poi bianco. Ricordo quindici o venti anni di vita
autocosciente del mio senso di inferiorità razziale, della mia confusione, della mia avversione a me stesso
me stesso, la mia insoddisfazione. Penso a Laurence che urla di disgusto in un corridoio
da scuola, almeno vent'anni fa, sapendo che ero innamorato di lei.
Guardo la mia immagine in uno specchio e finalmente mi dico che mi piace l'idea. L'auto
Ci lascia nella parte alta del Campos. Indosso un berretto e una parrucca rasta.  Me
il compagno è bianco e indossa nero. Avanziamo velocemente, all'inizio, come
volendo correre, ma presto abbiamo rallentato. Chiamo il
Attenzione. Nessuno sembra notare la donna accanto a me. Molti mi guardano
sorridendo e mi sento molto piccolo, ristretto dentro di me. Sento il
persone: "Ehi, uomo rasta!".  Sorrido. Non sento il corpo, non sento il terreno su cui calpesto.
Ho l'impressione di sognare, mi sento a disagio. Mi fa venir voglia di strapparmi la parrucca
e cancella il colore dalla mia pelle, gridando: "Questo non sono io!" Entriamo in una galleria, lì
scarsa luminosità e calmati un po '. Quando usciamo, mi sento meglio. Il resto del tour
Mi sembra più facile e controllo una cosa: qualunque sia l'immagine
la gente ha di me, è solo un'immagine. Nessuno può vedermi come sono se io
Non decido di mostrarmi. E anche allora, chi sarebbe davvero in grado di vedermi?
Arriviamo alla fine del nostro primo tour. Quando ritorno in macchina, ripenso
in questa idea dell'immagine e mi dico che sarebbe interessante giocare un po 'con la mia.

Pagina 104
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
104
Siamo già di nuovo in bagno. Mi strofino la faccia e il colore nero scompare,
scorre nel lavandino. Ricordo che, durante la mia infanzia, mi sarebbe piaciuto vedere
quindi drenare il colore della mia pelle.
Ora devo fare un bersaglio. Il trucco mi sembra più difficile. Mi costa
il lavoro imita l'aspetto della pelle bianca. Ho un aspetto volgare. L'immagine che
Questa volta mi sono regalato una specie di fan dei heavy metal con un cappello da rock. lui
truccarmi in bianco mi fa sentire come se stessi commettendo un sacrilegio. È interessante, perché
Non l'ho mai sentito prima. Siamo scesi di nuovo nei campi, ora nessuno sembra accorgersene
in me, ma molti guardano la ragazza accanto a me. È molto nero e indossa
Bianca. Durante tutto il tour mi chiedo se le persone si sentirebbero così a disagio
Come mi sento adesso, se sapessi cosa sto facendo ...
Tuttavia, dopo tutto, tutto è molto impersonale. Nessuno vede niente. Le persone sono
indifferente, ognuno va da solo. Un tour del Virgin Megastore e fine del viaggio. io
Mi sento molto leggero. Ho davvero voglia di spendere un bel soldo in vestiti nuovi. È
come se un sogno fosse finito.
Molto interessante, ma la lettera non menziona i postumi dell'atto.
Sia Sylvain che Nathalie, la ragazza, avevano molto
positivo. Qualche tempo dopo i due trovarono un partner: Sylvain, una donna
bianco e Nathalie, un uomo di colore. Per quanto ne so, le due coppie lavorano
bene.
Finora ha evocato complessi dolorosi, ma principalmente
psicologico: un uomo incapace di guadagnarsi da vivere, uno scrittore che non scrive,
persone che non si erano riconciliate con la loro origine razziale. Sarebbe il
psicomagia nelle persone che avrebbero subito uno specifico trauma esterno ...?
Penso, ad esempio, a un aborto, un'esperienza traumatica molto comune,
Sfortunatamente.
Bene, leggerò una lettera relativa a quel problema. Si sentì Brigitte
colpevole di un aborto che aveva avuto in assenza di Michel, il suo compagno.
Era depressa e non si dimise. La relazione della coppia era in crisi,
si allontanarono sempre più l'uno dall'altro. Ho proposto un atto, pensando che
tutti e due insieme potrebbero avere quel funerale e infine seppellire il feto. Brigitte e
Michel doveva fare tra loro una scatola di legno nobile, che
evidentemente simboleggiava la bara e rivestito con un tessuto dei migliori
qualità. D'altra parte, di comune accordo, dovevano scegliere un frutto che
simboleggerebbe il feto. Hanno scelto un mango. Brigitte, nuda, dovette indossarla
frutto sul ventre, tenendolo con una forte benda. Michel ha dovuto tagliare il
benda con le forbici, come un chirurgo, e prendi il mango. Brigitte
ha dovuto rivivere tutti i sentimenti che aveva provato durante il
operazione ed esprimerli ad alta voce. Dopo aver messo il "feto" nella scatola,
dovevano seppellirlo in un posto bellissimo. Quindi Brigitte ha dovuto
bacia Michel e metti in bocca due marmi di marmo con la lingua,
uno nero e l'altro rosso. Michel ha dovuto sputare prima il marmo nero.
Questo era l'atto prescritto. E questa è la lettera di Brigitte:
La ricerca dei materiali è stata fatta con un po 'di fretta, come quella
c'era durante l'ora che ha preceduto l'interruzione volontaria della gravidanza. Ho scelto il
lo stesso giorno si è tenuto, un sabato alle 18:15. L'atto si svolge nel
sala operatoria, con le gambe sollevate, nuda e con la maniglia sul ventre,
jeto per una benda. Michel si avvicina. Vesti di bianco, proprio come il chirurgo. Ricavo

Pagina 105
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
105
velocemente e grido, grido, sento la lacrima nella pancia, piango molto, io
odio, mi sta mutilando. Michel ha tagliato le bende e ha messo la maniglia nella scatola.
All'improvviso ho una domanda: ho dovuto tagliare anche il manico con le forbici? Me-
Chel vuole farlo, ma io lo fermo. Piango molto Michel mi dice: "Comunque,
il mango non può vivere una volta strappato ». Poi si siede accanto a me e
accarezza la fronte. Noto che mi odia. Sono mille le leghe da me. Ora devi trovare
il posto dove seppellire la scatola. Siamo arrivati in moto a St. Germain-en-Laye con una pioggia-
via torrenziale. Provo sia amarezza che grande sollievo.
Infine, ci fermiamo a Marly le Roi, nel parco del castello preferito di Luigi XIV.
Un magnifico sito. Piango inconsolabilmente. Michel mi sostiene, ma lo è ancora
distante. Facciamo il buco con le mani, dove nessuno può vederci. Ha quasi
crepuscolo. Ci siamo baciati. Ho messo entrambi i marmi in bocca a Michel. Ne sputa uno,
quello rosso, che cade a terra. Divento isterico. Michel reagisce, trova il marmo
rosso e dammelo. Lo rimetto in bocca. Come prescritto, sputa
Il marmo nero prima mi bacia e restituisce quello rosso. Lancio il nero nello stagno
dal parco e mi sento molto sollevato. Con quello rosso, farò un anello, come te
consigliato. Vengono riprodotte reazioni psicosomatiche: arrossamento intenso sulla guancia sinistra
merda analoga a quelle che si sono verificate dopo l'intervento. mi sento davvero
liberato dalla colpa e con nuove energie. Sono calmo e sereno e accetto cosa
quello può venire. Riacquisto fiducia in me stesso e in Michel. Scelgo la vita, qualunque cosa accada
passaggio. Le mie energie interne sono rigenerate, non sento più il panico morboso.
Qual è il significato del bacio con le due pietre colorate?
Uso i simboli della vita e della morte (rosso e nero), oltre al simbolo
opportunità. Baciandola, una manifestazione di amore, provvede Brigitte
Michel la possibilità di dare la vita o la morte. Se sputi prima la palla nera,
Michel esprime il suo desiderio di uccidere il feto, non di essere un padre. Lui stesso raccoglie
la palla e, rimettendola in bocca, cerca un'altra possibilità. E questa volta
sceglie di sputare la palla rossa, la vita, che mette nella bocca del suo partner.
In questo modo manifesta la sua accettazione di un altro bambino che potrebbe venire. Quando si lancia
la palla nera in uno stagno, Brigitte restituisce i suoi impulsi al suo inconscio
la morte, riacquista fiducia in Michel e si libera dalle sue paure e dalle sue
colpa. Ora la vita circola attraverso il suo corpo, non la morte. Di seguito, il suo
Il sesso sarà il centro della creazione, non la distruzione.
Questo atto illustra la tecnica di "usare il linguaggio di
inconscio". Cioè, se ho capito bene, la molla essenziale di
psicomagia.
Sì, ma do anche consigli semplici e logici che puoi capire
chiunque all'istante.
Quei consigli, come funzionano?
Per essere efficace, devo cogliere l'occasione o provocarla,
trova il momento giusto per dispensarli. È una questione di adeguamento,
per così dire. Lo stesso consiglio, dato in un brutto momento, può essere
inefficace. Il processo può essere paragonato al calcio: se si getta in porta senza
c'è spazio sufficiente, non importa quanto sia preciso il tiro, non passerà il
in difesa. Al contrario, se approfitti di un momento di esitazione, a
debolezza del portiere, la palla entrerà. Inoltre, quando una persona abbassa a
piccola guardia, provo a segnare un goal psicologico. Devi tenere a mente
che chi cade in un vizio è costantemente sulla difensiva. L'ego

Pagina 106
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
106
si rifiuta di muoversi. Pertanto, devo approfittare o provocare un momento
di distrazione, al fine di passare un ordine attraverso le linee del
difesa, anche l'inconscio. Per il consulente di approvare il consiglio,
devi perforare il tuo io testardo e toccarlo molto in una zona di te stesso
più impersonale.
Hai una lettera che illustra questo principio?
Sebbene non sia una lettera in sé, questa testimonianza servirà
scritto dal famoso fumettista Jean Giraud, alias Moebius.
Ho incontrato Alejandro a metà degli anni '70. Stavamo lavorando al film
Duna. Erano passati due mesi da quando ogni giorno mi ha sorpreso per la sua strada
totalmente surreale da proporre, non solo la creazione di un'opera, ma anche
qualsiasi pensiero o situazione. A quei tempi, uno dei problemi che maggiormente
sopraffatto era quello del tabacco. Come trascorrere lunghe ore con quella persona appassionata-
na senza punteggiare i miei riflessi con grandi sbuffi di fumo blu? Impossibile
qualsiasi trasgressione: Alexander, invocando presunte crisi mortali di asma, aveva
ho trasformato la sigaretta in un tabù sul piatto e ho dovuto isolarmi, come uno scolaretto
colpevole, nel cortile annesso al nostro edificio.
Un giorno, chiacchierando allegramente con diversi compagni di squadra di
produzione, mentre bevevo un drink sulla terrazza di un caffè, ho messo in dubbio
Alejandro in tono festoso, forse pensando di metterlo sul posto, o forse solo
per dire qualcosa: «Alejandro, tu che hai trattato tanti maghi e che te li hai persino dati
come mago - a quel tempo, avevo idee confuse di magia con cui condivo
ironia-, non potresti aiutarmi con un incantesimo o un incantesimo a smettere di fumare? ».
Cosa ti aspettavi? Una risposta-piroetta che susciterebbe risate e consegna il mio
chiedi alle nebbie dell'oblio. Ma, con mio totale stupore, Alejandro, in
invece di scivolare via, rispose di si, che conosceva una magia potente, infallibile,
che mi avrebbe mostrato in quel momento, se avessi voluto. Ma prima dovevo
assicurati che il mio scopo di smettere di fumare fosse reale perché l'incantesimo lo era
forte, e mi sono dovuto abituare all'idea che, quando la magia ha iniziato a funzionare, io
Non avrei mai più fumato in vita mia.
Intorno al tavolo c'era silenzio, l'attenzione era focalizzata su cosa
Avevo appena promosso. Alejandro mi guardò con un'ilarità discreta e amichevole.
Ho pensato al fumo, amico, compagno impalpabile, sempre disponibile, discreto,
efficace e rassicurante, nello scatto felice dell'accendino, nella striscia dello
fosforo ... Era disposto a rinunciare a questi piaceri, a quanto pare
indispensabile? Ma stavo anche pensando al grigio della cenere che sembra invaderlo
tutto, nel respiro affannoso, nella tosse rauca e dolorosa del mattino ... ho deciso di dare
passo. Inoltre, ero curioso. Non vedrei solo Alexander proporre un atto
magia, ma sarei l'oggetto. Sono stato incoraggiato da qualcos'altro: i colleghi presenti
stavano aspettando la mia decisione. Li avrebbe delusi privandoli di vedere la magia in azione?
-Ok, sono pronto.
-Adesso?
-Adesso.
-Molto bene. Dammi il tuo pacchetto di sigarette.
Tirai fuori il mio pacchetto di Gauloise, il terzo del quale avevo fumato. tu
lancerebbe un incantesimo, lo trasformerebbe in una zucca? Dopo aver mormorato estranei
fascino, Alexander ha detto molto seriamente:
-La mia magia è potente ma molto semplice. Per smettere di fumare, basta prendere il
decisione e hai già. La chiave è ricordare quella decisione, e qui
interviene la magia. Chi ha una matita?
Gli consegnai quello che avevo e osservai affascinato i gesti sicuri con cui il mio
amico stava rimuovendo l'involucro di cellophane. Prese la matita ... Ora avrebbe visto quale segno

Pagina 107
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
107
Kabbalistico, quale potente incantesimo trasformerebbe il mio pacchetto di sigarette iniziato.
-Molto semplice: da una parte scrivo questa piccola parola: "No", e dall'altra, questa piccola frase:
"Io posso".
Alejandro rimise il pacco nel sacchetto di cellophane e me lo restituì come se
era una bomba destinata ad esplodere o niente meno che il Santo Graal
avvolto nel vello d'oro. Mi ha detto di mettere via il pacchetto mezza dozzina
settimane, fino a quando, liberato da ogni desiderio di fumare, lo diede a un bisognoso
(chi deve essersi chiesto cosa significasse "No" e "Posso").
E da allora non ho più avuto il minimo desiderio di accendere una sigaretta.
Bene, in questo caso si può dire che ciò che salva è la fede. Però...
A volte un atto apparentemente assurdo può aiutare a guarire a
malattia, perché un atto "parla" all'inconscio e prende i simboli
per realtà. La malattia è un sintomo di una mancanza. Se l'inconscio
ritiene che questa mancanza sia stata corretta, smette di lamentarsi attraverso il
sintomi. Ad esempio, ascolta la lettera di questa donna, Sonia Silver:
Sono andato a trovarlo al Cabaret Místico il 30 ottobre 1992 e gli ho fatto una domanda:
«Per diciotto mesi ho sentito un forte dolore al collo. Può essere questo dolore
effetto di una regressione dal punto di vista spirituale? ». Mi ero consultato
medici, agopuntori, massaggiatori, osteopati, guaritori, guaritori e, da
quindi, preso antinfiammatori, cortisone, infiltrazioni, ecc. Non aveva fatto niente
effetto. La notte di mercoledì 30 ottobre, hai indicato un atto psicomagico:
Ho dovuto sedermi sulle ginocchia di mio marito e ha dovuto cantarmi la parte posteriore del collo
bambinaia. Ma quello che non sapevi è che mio marito è un cantante d'opera. Canto da solo
una canzone di Schubert. Sono guarito, non fa più male e non mi stancherei di dare
Grazie...
Che cosa era successo?
Molto semplice: ho fatto un'equazione tra la nuca, il passato e l'inconscio.
Ho sentito che la relazione di Sonia con suo padre non era stata in grado di svilupparsi
adeguatamente. Sedendola in ginocchio, il marito, simbolicamente,
avrebbe interpretato il ruolo del padre e lei sarebbe tornata alla sua infanzia. D'altro canto,
cantare una ninna nanna al culmine del punto doloroso, farebbe un desiderio di
infanzia che non era stata soddisfatta, cioè che il padre la metteva a dormire e
comunicare con lei a livello emotivo.
Una sintesi impressionante ... Comunque, non ha guarito Sonia del
una mancanza che stava vivendo a causa della sua relazione frustrata con suo padre.
No, né intendevo farlo. Ma la psicomagia l'ha guarita da uno dei sintomi
generato da quella mancanza. Ne più ne meno. Anche se a volte anche
Sono riuscito ad alleviare direttamente la sofferenza causata dall'assenza di
padre, come puoi vedere dalla lettera di quest'uomo di nome Patrick:
Fin dall'infanzia, avevo sempre provato un certo disagio nei confronti dei miei genitori.
Ho 45 anni e otto anni fa mia madre mi ha rivelato che era una bambina illegittima. Lei non lo sa
non l'aveva detto a nessuno. Alla morte di suo marito, l'uomo che avevo considerato
mio padre e chi mi ha educato, mia madre ha distrutto tutte le foto e ha eliminato tutte
ricordi di mio padre, che è morto quando avevo 3 anni e non ricordo
assolutamente. Provai una rabbia vivace al pensiero che non avrei mai visto la sua faccia. Ho frequentato
una delle lezioni che hai tenuto sull'albero genealogico e su di te

Pagina 108
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
108
Ho chiesto cosa si potrebbe fare quando una persona non ha incontrato il padre o l'ha fatto
nessuna foto di lui. Mi hai risposto che se non fossi stato riconosciuto da me
padre, ma sapevo dove era sepolto - mia madre me lo aveva detto -
Ho dovuto andare nella sua tomba per dichiararmi suo figlio inserendo una foto nel
tomba. Così ho fatto dopo qualche esitazione.
A poco a poco, la mia rabbia svanì. Ho accettato l'idea di non vedere mai la sua
fazioni. Due settimane fa mia madre, che era convinta di aver distrutto
fino all'ultimo ricordo di quell'uomo, ha trovato una foto e me l'ha data. Questo
Incontrare mio padre è stato ed è ancora una grande gioia per me. Per la prima volta
nella mia vita ho conoscenza della mia identità. Ora mi sento riconciliato e pieno di
amore per i miei due genitori e anche per mia madre. Il suo consiglio era provvidenziale.
Grazie con tutto il cuore.
Questo esempio illustra una delle mie convinzioni, vale a dire quella realtà
funziona come un sogno. L'istante in cui Patrick mette la sua foto
la sepoltura di suo padre, il suo inconscio porta la realtà al simbolo e la unisce a
la figura paterna. Quindi può sorgere nel sogno che è la vita. Non
essendo stato in grado di prevenire questa unione, cioè l'apparizione della verità,
la madre collabora, trova la foto e dà a suo figlio l'immagine che lo renderà
sentirsi completo. Per me, tutti gli eventi sono intimamente collegati
ogni. Un atto ben eseguito influenza l'intera realtà.
La madre ha collaborato sul posto inconsciamente.
Ecco perché è necessario che le persone coinvolte in un atto siano informate
del suo obiettivo, al fine di poter partecipare con fervore alla sua realizzazione. Darò a
esempio di collaborazione consapevole e di successo. A Gérard, un uomo a
con cui la sua costante richiesta emotiva gli ha causato grandi sofferenze
Per quanto riguarda sua moglie, gli ho consigliato di acquistare due grandi conici e una palla di
lana rossa per compiere un atto con l'aiuto di sua madre. Questa è la sua lettera:
Il lunedì di Pasqua, dopo aver fatto colazione insieme, io e mia madre andammo a Notre-
Dammi di comprare le due candele. C'erano molte persone. Successivamente, l'ho invitata a pranzo a
un ristorante cinese. Parliamo molto di Dio, della vita, della famiglia. Dopo
siamo tornati a casa. Poco prima di mezzanotte, andammo nella sua stanza (lei e mio padre
dormono in stanze separate). Mettiamo le candele accese nel camino.
Erano orientati nord-sud. Li avevo dietro, uno a sinistra e il
un altro a destra. Quindi ci leghiamo saldamente con la lana rossa. Noi
leghiamo tutto il corpo: piedi, gambe, tronco, braccia, mani, testa ...
uniti in modo che quando uno si muoveva, l'altro doveva seguire il suo movimento.
In quel momento ho rivissuto il legame che avevo con mia madre durante la mia infanzia e
adolescenza. A quel tempo, mi sentivo in dovere di seguire tutto ciò che lei indicava
vedere cose come lei, pensare come lei, comportarsi come lei ... Poi ho sentito,
altezza della pancia, un calore che è scomparso poco dopo. Rimanemmo così legati
fino a mezzanotte. Eravamo entrambi molto calmi. A mezzanotte, ho iniziato a
tagliare la lana, prima in fondo, i piedi, l'infanzia ... Ognuno ha tagliato la metà del
nodi, dai legami, ma lei voleva che io tagliassi ancora un po '. Quando potremmo
Ci siamo separati, ho pensato, "Ora, da questo momento in poi, sono libero". Ho ringraziato lui e a
bacio. Abbiamo parlato a lungo, ma era stanca. Ho fatto saltare il
candele, ne presi una e andai a casa. L'ultima parte del mio atto era di fare un
dono che prima doveva sognare. Un giorno ho avuto un'idea: l'unico regalo che potevo
compensare la rottura causata dall'atto era ringraziarlo per tutto
dado. Sabato 9 maggio, a mezzanotte, gli ho scritto a sangue: «Ti ringrazio
per tutto quello che mi hai dato. ti amo Dio ti benedica". Quindi ho sigillato la lettera

Pagina 109
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
109
con la cera della candela di Notre-Dame che aveva acceso prima di scrivere. Quell'atto
ha trasformato la mia vita; Da quel momento, ho smesso di sopraffare come mia moglie
Avevo fatto fino ad allora a causa di una richiesta affettiva che veniva dal mio
finanza.
Ora vorrei mostrarti un'altra lettera che affronta un problema di
identificazione con la madre. È scritto da un pittore, vittima di gravi crisi di
asma. Qui ho usato l'elemento del sogno che l'artista usa nel suo
pittura. Inoltre, questa lettera è interessante anche perché presenta il caso di
una persona che aveva già fatto ricorso alla psicomagia e si era sentita
apparentemente guarito dalla ricaduta, che ha richiesto un nuovo atto. PER
A volte un atto può far scomparire una difficoltà senza rimuoverla alla radice, e
allora è conveniente prescrivere un nuovo atto:
... Gli ho chiesto perché, dopo aver visitato un ossario afflitto a Napoli, ho sofferto
una grave crisi asmatica entro un anno dalla non recidiva. anche lui
Ho chiesto perché, dal giorno di apertura della mia mostra sul
"Angeli", accaduto per caso l'8 giugno, vigilia del ventesimo anniversario
dopo la morte di mia madre, ero tornato a frequenti attacchi di asma e aveva
Riprese le medicine quotidiane che pensava non fossero più necessarie. E questo è
che, dopo aver seppellito, su suo consiglio, tutte le medicine sotto la tomba di
mia madre, esattamente un anno fa, mi considerò decisamente guarita. Nel
Sinceramente, non aveva avuto una sola crisi, fino a quel giorno a Napoli. Ha risposto
che probabilmente non mi sono autorizzato ad avere successo nella professione
amato perché mia madre era morta dopo una lunga malattia senza averla
stato in grado di raggiungere la sua pienezza. Mi ha quindi consigliato di dipingere uno scheletro e di
sopra disegnerà un angelo, la cui veste opaca copriva le ossa. Lo stavo proponendo, in
In un certo senso, il mio dolore per mia madre sublimerà nell'angelo. L'idea mi è piaciuta. Ho seguito
i suoi consigli e nonostante la mia attuale incapacità di dipingere ho fatto uno sforzo e sono andato dal mio
studiare per realizzare il disegno. Ho dipinto lo scheletro, ma poiché non mi piaceva, ne disegnai un altro
in cima e poi ho realizzato l'angelo bianco. Giorni dopo ho avuto una grave crisi d'asma con
la bronchite che mi è costata molto da superare. Ero disperato e così stanco che avevo
che andare a riposare in montagna. Ero confuso e dubitavo di tutto e di tutti. Di
perché lo psicomagico questa volta aveva fallito, causando persino un risultato
inverso a quello che ti aspettavi? Mistero ... Ero perplesso fino a quando ho riflettuto e
Mi sono ricordato che, prima di disegnare l'angelo, avevo fatto due scheletri, due scheletri!
per un angelo singolo! Ho capito che, inconsciamente, mi sentivo ancora fortemente
intrappolato dal dolore, quel dolore che mi ha fatto star male. Al mio ritorno, ho ripetuto il
psicomagia. Questa volta ho disegnato uno scheletro e poi un angelo. Il giorno dopo, ho ridotto
dosi di droga a metà. Il giorno dopo, li ho cancellati del tutto. Sono stato guarito!
Gli atti di cui queste lettere testimoniano rivelano
diverse sfaccettature della psicomagia. Potresti selezionare un'ultima carta nel
che, grazie alla sua straordinaria disciplina, ha neutralizzato un meccanismo
psicologico comune? Penso, ad esempio, alla paura. È un fatto riconosciuto
che, in molti casi, la paura maschera un desiderio represso. Hai nel tuo
Hai qualche "caso" che rivela e risolve questa stessa banale dinamica?
Ho molte di queste carte, ma scelgo questa perché è il prototipo:
Una notte di maggio, di ritorno da una delle sue conferenze, sul portale del mio
Sono stato attaccato da un uomo mascherato che voleva violentarmi a casa. Non l'ha capito, ma
Ero molto spaventato e sicuramente trasferito il mio orrore sul lato destro del corpo, che
la mattina dopo era paralizzato. Questo mi ha causato una grande antipatia

Pagina 110
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
110
verso gli uomini, non poteva sopportare il suo tocco e talvolta non poteva nemmeno sedersi
la sua parte. La paura mi afferrò e se fossi tornato a casa tardi avrei scalato tutti e sei i piani
in esecuzione. Io, che non avevo mai chiuso a chiave la porta prima, mi isolavo dal mondo
Fuori, in piedi dietro tre serrature. Ma la paura non è rimasta con l'altro
vicino alla porta, ma mi ha sempre accompagnato ... Mi hai prescritto un atto:
Vai a Pigalle e comportati come una puttana. Dare una scusa per non andare con il
uomini che si avvicinano ». Una corazza di piombo non sarebbe sembrata più
pesante ... ho scelto un 17 luglio perché il numero 17 corrisponde alla stella nei tarocchi
e Acquario, il mio segno, mettendomi così sotto la sua protezione.
Non conoscevo bene quel quartiere, quindi sono andato prima a riconoscere il terreno. Di
Certo, è stato molto difficile per me interpretare quel ruolo, completamente nuovo per
me. Il 17 di sera, alle 9, indossa una minigonna, una camicetta molto attillata, scarpe
con i tacchi e le calze a rete, e pesantemente truccato, mi sono diretto a Pigalle. Non desideravo
incontrando vicini di casa lungo la strada.
Su una piattaforma della metropolitana, un uomo venne a chiedermi, prima, se lo avessi fatto
fuoco, poi l'ora e, infine, per una stazione della metropolitana. Mi sono sentito dentro
dalla pelle del personaggio e guardò cosa mi stava succedendo. In Pigalle a
l'amico e la sua presenza mi hanno rassicurato.
Mi sono seduto sulla terrazza di un caffè scelto appositamente. Ho incrociato le gambe con
impudenza e ho acceso voluttuosamente una sigaretta bionda, osservando ciò che mi circondava.
Ho scoperto gli sguardi di uomini, avidi, sprezzanti, perversi, ecc.
Di fronte a quegli sguardi, ho notato che in me, nella mia pancia, a
nuova forza. Passò un'ora, si avvicinarono cinque o sei uomini che volevano
vieni a casa con me. Mi sono rifiutato, con il pretesto di una malattia benigna. Alcuni
devono aver pensato che avesse l'AIDS.
Dopo cena con il mio amico Hervé, sono tornato a casa sfinito, ma non ce l'ho più
paura e da allora sono stato in grado di relazionarmi con gli uomini e caricare i miei sei
pavimenti senza problemi. Ho smesso di nascondermi e mi sento in pace.
Questo atto mi ha permesso di scoprire come i vari personaggi hanno convissuto in me,
manifestali, vivi la mia paura e superala. Ho sperimentato una grande uscita e il
confidenza che da ora in poi potrei andare avanti, continuare per la mia strada. Senza questo atto, cosa
dubbio, avrebbe represso tutto. Ora mi sento come se avessi aperto.
Mercoledì scorso, quando sono tornato dalla conferenza, ho visto un uomo che mi seguiva.
Voleva dormire con me. Mi è venuto in mente l'atto e tutta la forza che era venuta in mente
estratto da esso. Discutevo con quell'uomo e potevo vedere la paura nei suoi occhi. Prendere
consapevolezza della mia forza e anche lui la sentiva. Ha lasciato l'edificio e sono salito sul mio
appartamento tranquillo e sicuro.
Tanto amore, gioia e armonia per te e la tua famiglia.
Possa questa bella lettera chiudere questo breve epistolare psicomagico!

Pagina 111
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
111
Immaginazione al potere
Lo psicomagico non è forse troppo semplice e in qualche modo effimero? UN
la psicoanalisi richiede anni e ci sono terapie che durano a lungo
periodi. ..
Un labirinto non è altro che un groviglio di linee rette. mi chiedo se
A volte, analisi e terapie non tenderanno a introdurre sinuosità nelle linee ...
Inoltre, un atto ha un carattere più conclusivo di qualsiasi parola. Non
Tuttavia, devo specificare una cosa: raramente prescrivo un atto a una persona senza
in precedenza studia quello che chiamo il tuo albero genealogico: la tua famiglia, i genitori,
nonni, fratelli, ecc.
In altre parole, ciascuno degli atti che abbiamo esaminato non è per
conti ma un episodio in un processo più lungo.
Sì, ma un episodio serio e decisivo. Se ho un chiodo nella scarpa, tutto il mio
il mondo, la mia sensibilità, sarà influenzato. Prima di fingere di andare oltre,
affinare la vista, devo estrarre l'unghia. Allo stesso modo, quando soffriamo
trauma, tutta la nostra esistenza soffre. È quindi importante porre rimedio a questo
trauma.
D'altra parte, mi sembra che la psicomagia aiuti a risolverne alcuni
problemi concreti e specifici. Lo vedo più come un intervento puntuale
che come terapia, diciamo, globale ...
C'è solo una cura globale: trovare Dio. Non c'è altro. Solo il
la scoperta del nostro Dio interiore può guarirci per sempre. Il
altri è camminare per i rami. Una terapia può essere solo parziale.
Cosa dire ora, per terminare queste conversazioni che abbiamo
tenuto?
È importante sottolineare l'importanza dell'immaginazione. In un modo,
Qui mi sono dedicato a un immaginario esercizio di autobiografia. Non in a
senso di "fittizio", dal momento che tutti i fatti riportati sono veri, ma dentro
il fatto che la storia profonda della mia vita è quella di uno sforzo costante
espandere l'immaginazione, spingere indietro i suoi limiti, catturarla nella sua

Pagina 112
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
112
potenziale terapeutico e trasfigurante. Se insegno qualcosa è immaginazione.
Alejandro Jodorowsky, professore di immaginazione.
Esattamente. Insegno alle persone a immaginare. Per la maggior parte del
tempo non abbiamo idea di cosa possa essere l'immaginazione che non concepiamo
nemmeno l'ampiezza dei suoi dischi. Perché, a parte l'immaginazione
intellettuale, c'è l'immaginazione sentimentale, l'immaginazione sessuale, il
immaginazione corporea, immaginazione economica, immaginazione mistica,
immaginazione scientifica ... L'immaginazione funziona in tutti i campi, compreso
ciò che consideriamo "razionale". Ha il suo posto ovunque. Importa,
bene, sviluppalo per affrontare la realtà, non da una prospettiva
unico, ma da più angolazioni. Normalmente, visualizziamo tutto secondo
stretto paradigma delle nostre credenze e condizionamenti. Dalla realtà,
misterioso, così vasto e imprevedibile, percepiamo solo ciò che perde
attraverso il nostro minuscolo punto di vista. L'immaginazione attiva è la chiave
di una visione ampia, permette di focalizzare la vita da punti di vista che non lo sono
nostro, pensa e senti da diverse angolazioni. Questo è quello vero
libertà: essere in grado di uscire da se stessi, oltrepassare i limiti del nostro
piccolo mondo individuale da aprire all'universo. Vorrei il
I lettori del nostro libro accetteranno, almeno, l'idea del potere terapeutico
dell'immaginazione, di cui la psicomagia, dopo tutto, non è altro che
un'applicazione modesta.

Pagina 113
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
113
Lezioni per mutanti
(interviste a Javier Esteban)

Pagina 114
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
114
Nota preliminare
Alejandro Jodorowsky ha accettato che iniziamo queste lezioni per i mutanti
solo se fossero utili agli altri. La mia risposta è stata che se fossero per me,
uomo scettico e un po 'distrutto, potrebbero essere per gli altri. Quindi decidiamo
svolgere questo lavoro che completa, dieci anni dopo la sua apparizione, il suo
lavoro mitico Psychomagia. Queste interviste sono, quindi, il frutto di a
esperienza tra qualcuno disposto a condividere conoscenze e qualcuno che
Vuole imparare. Più che verificare certezze, le nostre parole ruotano costantemente
dubbi e risposte gentili.
A causa delle sue circostanze personali e livello di coscienza, Jodorowsky ha
percorsi aperti e scorciatoie alla ricerca della felicità. Lungi dall'essere un guru (no
piace questa figura), il nostro autore è un essere evoluto della specie che,
Per questo motivo, ride di se stesso. I loro tour sono adatti per un intero
generazione effervescente di mutanti usando le singole formule di
conoscenza e autorealizzazione. Per guarire, per crescere, Alejandro ci mostra
quell'uomo ha a sua disposizione chiavi come la meditazione, l'arte, i sogni,
certe sostanze sacre, magia, alchimia, linguaggio, umorismo o tarocchi.
La prima parte di Lessons for Mutants è dedicata a queste tecniche .
Nel corso della sua intensa esistenza, Jodorowsky ha attraversato un formidabile
viaggio umano di migliaia di anni in pochi, ha visitato culture e
esperienze conosciute, pur facendo parte dell'avanguardia culturale
con i suoi contributi a fumetti, cinema o letteratura. Questo viaggio attraverso il ricordo di
l'umanità è una sfida continua e fantasiosa e un esercizio profondo di
superare, dove prima di tutto è necessario sapere chi siamo, dimenticando
parte di ciò che è stato appreso, come rivela l'autore nella seconda parte di queste letture
zioni.
Jodorowsky concepisce le esperienze di rottura e cambiamento in un certo senso
personale, diffidando di qualsiasi Chiesa, "figura stilizzata" o commissario dello spirito.
Dalla libertà e per la libertà, usa una sintesi di esperienze che lo sono
terapeutico e necessario all'ultimo uomo: colui che ha smesso di lottare per
pura sopravvivenza e cerca il loro sviluppo interiore. Indipendentemente da nessuno
rivelazione o testo sacro, di qualsiasi tradizione dogmatica o ideologica,
Jodorowsky comprende che la realtà deve essere percepita in prima persona e
eseguito artisticamente. Per quella formidabile ricerca, per quella folle prova ed errore, è
ha dedicato la terza parte di questa intervista.
Le idee dell'autore su diversi livelli di coscienza o molti altri
i problemi si collegano con la filosofia perenne nella sua forma più pura, ma lontano dal
stretti quadri di religioni tradizionali. Anche se parlo di Dio,
Pagina 115
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
115
Jodorowsky non è un teista o un ateo, uno spiritista o un religioso, ma semplicemente un
Sona. Per lui, la salute è l'equivalente unico della moralità, perché la nostra
la realizzazione non può aspettare l'aldilà, ma deve avvenire in questo
mondo, rompendo i limiti che lo impediscono. Alcune di queste idee attestano
il fenomeno chiamato "religione a la carte" che si è diffuso in tutto il nostro
società negli ultimi tempi.
Alejandro è un visionario nella misura in cui il suo livello di coscienza
appare oltre i limiti del suo tempo. Un "illuminato" che detesta il
possibilità di fondare una scuola, ma che ha trascorso anni del suo tempo
strano tentativo di santità civile. Le sue intuizioni sulla società, la religione
e il destino dell'umanità è stato raccolto nella quarta parte, sotto forma di
visioni che includono un esercizio di futurologia in cui il lettore troverà
molte idee e impressioni dell'autore.
In queste interviste non è stato possibile tralasciare l'attività terapeutica,
che l'autore considera essenziale e che svolge in vari seminari in tutto il
mondo. Nel capitolo dedicato all'arte della guarigione, Alejandro rivede e chiarisce
alcuni aspetti già esposti nella sua psicomagia. L'ultima parte di questo lavoro
È una canzone per la vita che riflette l'atteggiamento felice e brillante del nostro personaggio.
La trascrizione delle parole di Alessandro non è mai stata facile, ma
sì rispettoso e per quanto possibile letterale anche se i limiti del
la scrittura è diventata evidente non riuscendo a raccogliere tutta la ricchezza dalla sua
discorso orale. Sono fiducioso di poter trasmettere alcune delle tue intuizioni a quelle
cercano risposte ed esperienze nel meraviglioso viaggio dell'esistenza. io ho
è fuggito dal colloquio specializzato in una delle tecniche che il
autore, anche se qui parliamo di quasi tutti. Quindi, in conclusione, questo lavoro
Impressioni: una guida per tutti coloro che vogliono trasformarsi e non a
manuale degli studiosi; un testimone del suo modo di fare e di vivere, un modesto
insegnamento sotto forma di dialogo in cui rappresenterei un nuovo
generazione di mutanti.
Devo confessare che credo che in linea di principio Alexander abbia accettato di realizzarli
interviste semplicemente per aiutarmi, anche se in seguito gli è piaciuto il risultato e
considera utile agli altri. Sono andato a Parigi con un certo complesso di
invadente. In quei giorni, ha trascorso pazientemente un'ora e mezza
tutti i giorni a casa. Alla fine di ogni intervista, potrei tradurre mentalmente la sua
risposte in esempi caduti come cascate di immagini. Lo stato di
una leggera alterazione della coscienza ha lasciato il posto a una piacevole ubriachezza telepatica.
Domande legate come stringhe di immagini. Abbiamo finito per parlare
alone di santi, senza motivo. Lasciando il secondo giorno, mi confessò:
"Non so se tutto ciò sarà utile perché non ricordo nulla di ciò che tu
Ho detto". Jodorowsky ebbe la delicatezza di rispondere in trance
Le mie domande. In quelle ore sul divano mi sentivo come uno scultore che colpisce un
immenso marmo da cui emergerebbe un volto, uno strano ritratto che a sua volta sarebbe
uno specchio per gli altri. "Come lo vedi?" Continuava a dirmelo, come se lo fosse.
pittura. Durante i giorni in cui ho potuto frequentare la sua casa, la dinamica è stata
variando. Spesso le mie domande hanno ridotto il livello del suo discorso, ma altro
A volte lo hanno catapultato. Viaggiamo molto insieme. L'ubriaco a volte è durato
ore. Di tutte le immagini che conservo di quei giorni, una mi visita di volta in volta
ogni tanto come un sogno: siamo pennelli che disegnano la propria vita, quella
si trasforma in ogni momento.
Javier Esteban
Parigi-Barcellona, marzo-luglio 2003

Pagina 116
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
116
Chiavi dell'anima
io
Sogno e veglia sono due volti della realtà segretamente uniti. Capire
i sogni sono un modo per conoscerci e cambiarci, ma fino a che punto
punto possiamo farlo considerando che sono doni che non chiediamo?
Se possiamo. Durante la mia vita ho attraversato diversi processi con
per quanto riguarda il sogno. Veniva da una famiglia nevrotica, era angosciato, aveva
I genitori che si odiavano a vicenda e questo mi ha procurato incubi terribili. Dovevo
superare quegli incubi affrontandoli, sconfiggendo la mia nevrosi. È
È vero che ha avuto il dono di realizzare sogni lucidi, di dirigerli da molto
giovane. All'inizio, i sogni lucidi si presentarono sotto forma di tentazioni:
Mi sono svegliato nel sogno e volevo guadagnare fama, diventare milionario,
avere esperienze sessuali. Alla fine, quello che è successo è che sono rimasto
catturato. Nel momento in cui ho chiesto cose individuali, sono caduto nel
sonno e conseguentemente persa lucidità. Stavo tornando in a
sogno ingovernabile. Più tardi, nei miei sogni, il
desiderio di essere un mago: ho giocato con le immagini, sono diventato un guru, volevo essere in
grado. Di
di nuovo, intrappolato, perse la sua lucidità.
I sogni stanno cambiando e puoi fare cose diverse al loro interno,
come un demiurgo. Ma poi ti rendi conto che se sogni è a causa di
qualcosa e non è salutare interferire nella sfilata di immagini.
È finalmente giunto il momento in cui sono semplicemente un testimone del mio
sogni: li contemplo e li riposo. Attualmente, non so davvero se sogno o
no, perché nei miei sogni il personaggio sono io proprio come nella vita reale.
Mescola veglia e sonno?
No, non è quello. Voglio dire, quando sogni di solito non sei tu
hai altre personalità, sei in grado di fare cose che non fai nel
vita reale. Nei miei sogni, tuttavia, aiuto le persone: continuo a insegnare,
Ho letto i tarocchi, faccio conferenze. In realtà, non c'è più alcuna differenza tra cosa
Faccio nei miei sogni e quello che faccio sveglio. Che indipendentemente dalla loro lingua o
contenuto simbolico. Ieri sera, ero su un aereo al buio e l'aereo
è entrato nella luce. Ciò che ho ora sono sogni felici, non ho più incubi.
Non ho paura perché controllo quelle situazioni. Dormo senza alcuna tensione.
I sogni sono accettati come arrivano. In un certo senso, non lo sto dicendo

Pagina 117
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
117
ego, perché non mi riferisco esattamente alla mia personalità, la mia
l'identità si è consolidata. Si è coagulato. La mia personalità nel
l'inconscio è esattamente lo stesso della vita reale.
Quale terapia mi consigliate per superare gli incubi?
Ho iniziato con Freud ed è stato molto divertente: per lui i sogni lo sono
desideri repressi, desideri frustrati, ecc. Con Jung mi sono anche divertito:
sognato e poi prolungato i sogni in traversine, continuando la storia,
mettere in discussione il sogno di vedere cosa voleva dirmi. Poi ho continuato con
sogni svegli, sviluppando l'immaginazione. Ci sono molte terapie
magnifico. Nei sogni lucidi ci avviciniamo a ciò che le tribù di
i Senoi, che lavorano con i sogni durante il giorno, realizzandoli attraverso
una specie di teatro. In altre scuole le scolpiscono, creano figure,
dipingono ... In questo modo li introduci alla tua vita reale, giusto?
Ma tutto questo è solo per quando siamo ammalati. Quando guarisci già
non devi fare nulla. Vivi, sogni e basta. Non c'è
repressione.
I sogni ci insegnano la vera natura della vita?
La vita ci insegna la vera natura della vita. E il vero
la natura della vita è un misto di sogni e vita. Perché tutta la vita è
sognare! Lo ha già detto Calderón, per il quale aveva un livello di coscienza molto elevato
il suo tempo. Quando vivi nell'ora, quel momento ci sembra reale, ma un'ora
allora apparterrà alla memoria, e le immagini della memoria avranno
esattamente la stessa qualità delle immagini di un sogno.
Potremmo dire che stiamo cavalcando un sogno e che tutto questo, nel
Mentre avanziamo e vediamo, si infiltra nel mondo di
sogni e diventa un sogno. E i sogni? Bene
al contrario: noi sogniamo e quei sogni vengono introdotti nelle nostre vite
vero. I sogni si stanno avverando, come sta diventando la realtà
in sogno. Tutto ciò che sogni finisce per diventare reale.
Dici che possiamo accedere ai defunti che compaiono nel
sogni e che abitano in un luogo della nostra memoria, che può darci
consigli e aiutaci ...
Abbiamo una mente collettiva, un inconscio collettivo che è da qualche parte
posto. Ci deve essere una regione dei morti che si trova nel
inconscio collettivo. Quello che è stato chiamato "inferno" in alcune culture.
Attraverso i sogni, anche tu sei diventato consapevole dell'esistenza
di magia, vero?
Nei sogni lucidi posso volontariamente cambiare alcune cose, ma
fino a un certo punto. Non posso cambiare tutto tranne una parte del sogno. Con il
la magia accade allo stesso modo: puoi produrre cambiamenti nella realtà ma non
puoi cambiare tutta la realtà.

Pagina 118
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
118
II
Alla base della sua terapia, l'arte e la poesia sono fondamentali.
Penso che ogni essere umano dovrebbe dedicarsi alla scrittura di poesie per mezz'ora a
giorno, senza preoccuparti se ciò che scrivi è buono o cattivo, se ci riuscirai
commerciale o no. La poesia deve essere una costante nella vita per purificare il
ego ... Ogni giorno dovremmo fare un atto libero, una piccola cosa
servire gli altri, come dare a un bambino una tavoletta di cioccolato, cose semplici. io ho
raggiunto una certa depravazione nella ricerca del bene. A volte deposito a
banconota nella tasca di un mendicante che dorme, così che pensa di avere
fortuna. Invento miracoli. Anche se non credi nei miracoli, puoi fare-
cosa funziona per aiutare gli altri.
Questa stanza è piena di lettere di ringraziamento in cui io
chiedi cosa voglio in cambio dell'aiuto dato. Rispondo a quello
niente, perché aiuto gratuitamente. Faccio tutto questo in base al tempo del
che posso avere per gli altri.
Cosa usi per accompagnarti quando crei?
Per trent'anni ho sempre lavorato con la musica di sottofondo di arpe
Celtico, che produce un effetto in qualche modo ipnotico. Se non sono molto ispirato,
Profumo la suola delle mie scarpe o disegno con un pennello imbevuto di miele
un enneagramma 1 sul fondo dei miei piedi. E, in tempi di siccità creativa,
Tingo i miei testicoli di rosso con vernice vegetale.
Dice che l'arte guarisce. Come?
L'arte guarisce perché dobbiamo guarire noi stessi dal non essere noi stessi e non
essere nel presente. C'è una frase chassidica che dice: “Se non tu, chi?
Se non qui, dove? Se non ora quando?". Se puoi
risolvi il quando, il qui e il chi (il te), sei te stesso e lo hai già fatto
riuscito a guarirti.
Lo spettacolo sta conoscendo te stesso?
Sì, ma conoscere te stesso è conoscere l'umanità e l'universo. È
passa dal singolare al plurale.
Potresti spiegarlo?
Pensa che il bisogno di guarigione sia causato da una mancanza di coscienza.
La malattia è che abbiamo tagliato i sindacati con il mondo. Il
la malattia è mancanza di bellezza e la bellezza è unione. Manca la malattia
di coscienza, e la coscienza è unione con se stessi e con l'universo.
Quali artisti sono riusciti a guarire completamente se stessi?
La cosa più difficile al mondo è fare un'arte sublime. Poche persone hanno
avuto. Ma potrei citare René Daumal, che ha imparato il sanscrito,
era

Pagina 119
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
119
1  simbolo. Stella a nove punte. (N. di E.)
Lo studente di Gurdjieff, è stato realizzato. García Lorca è il caso opposto: non poteva
sapeva come farlo. Quando leggi il Poeta a New York, ti dispiace.
Ha detto che la letteratura è inutile se non cura. E se guarisce solo l'autore?
L'arte può guarire qualcuno e far star male gli altri?
Mi ricordi quegli artisti che dicono che questo mondo non vale niente, quello
è una schifezza, che non siamo arrivati da nessuna parte, che Dio è morto e tutti quelli
cose. La cattiva letteratura è quella. Vai a mostrare l'ombelico, racconta come hai preso
caffè con latte al mattino, nel disgusto generale, quando tutto
è marcio intorno a te. Mentre il mondo sta morendo, prendo il mio
caffèlatte. O faccio il mio piccolo atto sessuale. Questo è obsoleto. Ci sono
che passare attraverso la tenda nevrotica. Ad esempio, confesso di non poter leggere
a Proust. È troppo malato per me e la sua neura può infettarmi. sì
Ogni giorno vedo casi di nevrosi, perché dovrei leggere altri pazienti. Oggi a
Il giorno di Kafka è sciolto ovunque. Metterò una lettera e lo sono
con Kafka all'ufficio postale. Un ufficiale in difficoltà.
Quali scrittori e pittori vorresti salvare? Quale sarebbe la tua galleria d'arte curativa
preferito?
Domanda difficile! Traduce il concetto del campionato di boxe
ciò è stato stabilito nell'arte, in cui possiamo dire qual è il migliore
pittura, il miglior libro, la migliore musica, ecc. Ma non vedo una vita così.
Vedo strutture nell'arte. Ad esempio: al cinema, più che il migliore
film chiederei generi, i migliori western o drammi. Me
Ho la mia casa piena di western, nella mia biblioteca ci sono romanzi di Silver Kane
e da altri autori; e fumetti, libri sulla filosofia orientale, sufismo, cabala,
magia, alchimia, psicoanalisi ... Sono un uomo del mio tempo, e nel mio tempo c'è
Internet. Non puoi e non dovresti parlare di lavoro personale, abbiamo masse
intere opere per sezioni e non per autori. Internet ha rivoluzionato
Tutto questo. Avrei intere librerie. Il mio ideale come essere umano sarebbe un vecchio
sogno: tutti i libri della storia dell'umanità, tutte le immagini del
storia, tutti i film, musica, sculture, ecc.
E l'arte che non guarisce la include?
Anche se non guarisce -qualcosa di diverso-, intrattiene. Una persona in buona salute può
leggi Cioran o Houellebecq e ridi molto. Anche se non produrrei quel tipo
della letteratura, perché è totalmente superato. Ma eccolo qui. Uno può passare
da Kafka a Castaneda e proseguire l'allenamento. Allo stesso modo che il
l'uomo sta mutando da alcuni livelli di coscienza ad altri, l'arte sta mutando
da alcuni livelli di coscienza ad altri. È collettivo e non individuale. Non posso
dire che il miglior pittore è Leonardo. Posso dire che ha raggiunto un altro livello di
coscienza, ma come individuo poteva solo andare così lontano
livello. Se guardi, alle loro macchine mancava il motore perché mancavano
Energia. Quelle macchine meravigliose non avevano l'essenziale, che è il
Energia; hanno usato un'energia molto primaria e scarsa, basata sulla pressione e sull'acqua.
Leonardo non è stato in grado di risolvere quel problema. I suoi limiti sono stati stabiliti da
Allora l'umanità, la cui natura è collettiva, capisci? Se io
fai la classica domanda, "Quale libro porteresti su un'isola deserta?"
Vorrei rispondere che un computer con Internet. È ovvio.

Pagina 120
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
120
III
Quale pensi sia il vero scopo del linguaggio? Come interpretarlo e
renderlo utile?
La lingua è soprattutto un'attività del corpo, corrisponde alla
natura del sistema nervoso. Dal mio punto di vista, dovremmo esserlo
capace di produrre un linguaggio bello e poetico. Un linguaggio salutare. Il
le malattie mentali, come le malattie corporee, si riflettono nel
Modo di parlare. Ci sono dementi, malati, tubercolari o
cancerose; parole non naturali ma violente e criminali. Il
la malattia e il linguaggio folle reagiscono e sono distruttivi.
Attraverso il linguaggio, inoltre, trasmettiamo malattie e
accediamo a livelli inferiori di coscienza. I livelli di coscienza del
il linguaggio coincide con quello dell'essere umano. Allo stesso modo del corpo
l'essere umano è mutato, anche il linguaggio. Se ristagniamo la nostra lingua,
usiamo una forma e un contenuto che non ci corrispondono più. Se usiamo
un vocabolario malato che non è il nostro, ci sta gradualmente minando.
C'è l'uso della volgarità, del grottesco, dell'esplosione ...
Se vuoi dire parolacce, ti dirò che le parolacce sono belle
porzioni rivoluzionarie che hanno lo scopo di rompere gli stampi familiari,
sociale e di ogni tipo. Abbiamo l'impressione che ci sia grande libertà
quando pronuncia una parolaccia, tuttavia il suo uso riduce il livello di coscienza.
La parolaccia non è utile, o è solo all'inizio, per liberarsi. All'inizio
È rivoluzionario, ma non porta a nessuna mutazione. È come un gergo.
Le persone deformano il linguaggio attraverso il gergo, che in linea di principio può
essere utile nella misura in cui stabilisce forti relazioni di identità di gruppo,
ma improvvisamente abbassa il livello di coscienza. L'unica lingua che ci carica
il livello di coscienza è il linguaggio sublime: quello dell'arte e della poesia.
Da quello che dice, è necessario ricreare una nuova lingua per smettere di vedere
mondo in un certo modo. Cosa dovremmo cambiare riguardo al nostro
lingua per cambiarci?
Sto lavorando a un libro di definizioni chiamato Intellectually
Destra. Pensiamo tutti male e quindi dobbiamo cambiare alcuni concetti
Dagli altri. Ho iniziato cambiando le seguenti espressioni:
-Mai per pochissime volte.
-Sempre per spesso.
-Un ladro per qualcuno che ha sequestrato qualcosa di alieno.
-Infinito per estensione sconosciuta.
-Eternal in ultima impensabile.
-Sei il mio insegnante perché mi insegni ad imparare da me stesso.
-Voglio fare perché sto facendo cose inutili.
Voglio ad essere per me il disprezzo.
Dammi da permettendomi di prendere.
-Mettimi perché non ti rispetto.

Pagina 121
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
121
-La mia donna per l'essere con cui condivido la mia vita.
-Il mio lavoro per quello che ho ricevuto.
-E 'così che sei, così ti percepisco.
-Il mio per quello che ho adesso.
-Muoio per cambiare forma.
Sto realizzando questo libro ascoltando le persone che parlano lungo la strada, vado
creando percorsi nella lingua. Sto anche fornendo definizioni che
rompere con quelli che esistono. Tutti sono definiti dal loro rifiuto:
-La felicità è essere meno ansioso ogni giorno.
-La decisione deve essere meno confusa ogni giorno.
- Il coraggio deve essere meno vigliacco ogni giorno.
-L'intelligenza è sempre meno sciocca.
Quindi possiamo capire le cose in modo diverso. lo considero
lavorare la lingua in questo modo perché, a causa di una semplice mancanza di comprensione,
ci stiamo muovendo verso una catastrofe. Stiamo pensando male. Quindi dobbiamo
sostituire nella nostra lingua:
- Inizia di seguito.
-Bella giorno per giorno mi sento bene.
-Failing per cambiare attività. -Lo so dal credo.
-Sono colpevole perché sono responsabile.
Qual è il meccanismo attraverso il quale le Belle Arti possono aumentare la nostra
livello di coscienza?
La spiegazione è nella sua stessa definizione: bella arte e creazione
artistico. La bellezza è il limite massimo a cui possiamo accedere attraverso il
linguaggio. Non possiamo raggiungere la verità, ma possiamo affrontarla
attraverso la bellezza. Non c'è verità nel linguaggio. La bellezza è cosa
Gli iniziati chiamano "la fiammata della verità". È il massimo che puoi
raggiungere l'essere umano.
La bruttezza corrisponderebbe, al contrario, al livello più basso di
consapevolezza?
Quando diciamo bellezza parliamo di bruttezza, quando diciamo luce parliamo di oscurità.
Sono opposti. Quando ne citiamo uno, stiamo già parlando dell'altro. Se dobbiamo
definire la bruttezza, ti direi che molte volte ho cercato un concetto antagonista
alla bellezza ... Con questo sistema di opposti parlava di bene e di male, di bello
e brutto. Ho affrontato tutto ciò e alla fine sono rimasto con due concetti-
strumento: utile e inutile. Utile è tutto ciò che ci aiuta a raggiungere i livelli
di coscienza superiore; inutile è tutto ciò che abbassa il livello di
coscienza, che colpisce il sistema nervoso causando depressione e
autodistruzione. L'attacco alla nostra stessa salute porta alla distruzione di
altri. Tuttavia, il più alto livello di coscienza porta all'euforia
vivere e il desiderio di immortalità, eternità e infinito. L'immortalità è
probabilmente - poiché la morte è un fenomeno individuale - di
collettivamente: esaltare e difendere l'umanità. La razza umana
come collettivo può essere infinito. La morte è individuale e sapere che aiuta
capire il mondo. La negazione della morte è la negazione dell'individuo.

Pagina 122
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
122
IV
L'ubriaco è necessario per sostenere la vita?
Ubriacarsi porta grande gioia emotiva, ma l'alcolismo lo è
orribile. Può succedere che beviamo sporadicamente come via di fuga o
divertente, ma non necessario. Penso che le persone intelligenti debbano aprirsi
le porte della percezione, ma non devi farlo come ha fatto Timothy
Leary, che ha trasformato il suo mondo in stato di ebbrezza, è diventato dipendente e è morto drogato,
senza
Sii te stesso.
Una cosa è infrangere i tuoi limiti e un'altra è scappare. Non lo consiglio
a chiunque fugga, io non sostengo questo ubriacone di evasione. Nemmeno
Consiglio la marijuana, perché è un generoso prozac, un antidolorifico, ma non
è bello essere sedati tutto il giorno.
E prendere i funghi almeno una volta nella vita?
È diverso. L'esperienza che produce ti avvicina alla metafisica e
misticismo. Quando la marijuana viene fumata per la prima volta, il
sensi: insegna a mangiare bene, a annusare bene, a sentire bene la musica. Ma abbastanza
una o due volte per imparare. Altrimenti, finisce per creare un esercito di sciocchi
sensuale e pigro che si sentono geni solo come l'alcolismo
Ricacciare le persone violente e questo è di scarsa utilità.
Saresti diventato come sei senza assumere sostanze
allucinogeno?
Non sono venuto a niente. Dove devo andare? (Si alza e si gira su se stesso
stesso.) Non è stato raggiunto. Nel mio caso, dovevo portarli in qualsiasi momento, verso
40 anni, quando stava per fare The Holy Mountain e doveva giocare
Un insegnante. Aveva bisogno di sapere com'era la mente di un saggio. Non l'ho avuto
mentalità e percepito i miei limiti. Quindi ho assunto un guru, Oscar Ichazo,
che era uno dei creatori di moda dell'enneagramma e il maestro di
Claudio Naranjo. Gli ho pagato diciassette mila dollari per darmi un LSD e
mi guiderà. Era un acido puro, una polvere che si dissolveva nel succo d'arancia. UN
un'ora dopo mi ha dato una sigaretta alla marijuana. Il primo colpo è durato otto
ore, dopo un po 'ci siamo presi di nuovo. Ci sono state due sessioni in cui
Ho imparato molto e ho infranto i miei limiti. Credo che queste esperienze no
dovrebbero essere fatti in uno spirito festivo, né da soli né in compagnia di persone che
non hanno raggiunto un livello elevato di coscienza. Può succedere che durante il
ti fa vedere quelle persone come demoni.
Questa è la spiegazione del perché ho preso questo tipo di farmaco. La conseguenza
è che mi ha aperto la mente e mi ha mostrato quanto potevo
raggiungere. Gurdjieff ha detto che le droghe sono per questo: sei nel seminterrato di a
costruire e il farmaco ti fa salire subito sulla terrazza. Sei nel garage e tu
fa esplodere cinquanta piani. Vedi l'intero orizzonte, l'intera città e quando
torni, ti rendi conto che per rialzarti devi arrampicarti
tutti i piani da soli, senza droghe.
Come nel mito della grotta, ma potendo guardare oltre.

Pagina 123
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
123
Sì. Ma, in questo caso, arrampicare con i propri sforzi, senza LSD. È circa
arrivare a vedere senza droghe, e si può fare. Altrimenti non funziona.
In Occidente, ci manca un quadro di riferimento o una cultura di
usi per prendere queste sostanze. Ad esempio, i funghi qui sono
Consumano nei modi più brutali, alle feste, senza riferimento o scopo. PER
li hai dati a María Sabina, lo sciamano ...
Me li ha inviati tramite una persona di nome Francisco Fierro, che era sua
assistente. Sapeva quanto prendere, come vomitare, cosa fare durante
prendere e tutto il resto. Quell'esperienza può essere un rito molto saggio se
ci siamo sbarazzati di iniettare dei. Perché sei tu che devi fare il
viaggiare, senza lasciarsi controllare a distanza dall'esterno o imposto agli archetipi; fra
altre cose, perché i tuoi archetipi sono dentro di te e il tuo viaggio è tuo.
Molti praticano culti sincretici con l'ayahuasca, come con altri
farmaci.
L'ayahuasca non deve essere mescolata con santerías e cose del genere
tipo, come nessun altro farmaco. L'ayahuasca deve essere presa con calma,
nessun rito e guidato da qualcuno che la conosce, come tutte le droghe
psichedelici.
Significa che queste sostanze devono essere assunte con qualcuno che
sapere, ma non proiettare una forma di cultura religiosa o il tuo interesse o
storia personale di altri ...
Anzi, con qualcuno che ha sviluppato il proprio spirito e che agisce
come guida, ma senza imporre i loro concetti durante l'esperienza. Di
quando sei in difficoltà mostrami la via d'uscita. Ero con Oscar
Lo prendo e all'improvviso squillò il telefono. Era nel mezzo del viaggio e mi disse:
"Risposte". "Ma come?" Gli ho chiesto. "Puoi essere in due mondi",
risposto. Sollevai il telefono, parlai normalmente e continuai a sparare. È un
buona guida.
Potrei, e chiunque può essere in due mondi: uno chiamato
reale e l'altro. Questa è una grande lezione che solo un insegnante può dare. Questo è
solo un esempio di ciò che possiamo imparare durante un viaggio.
Quindi la sostanza lo ha aperto alla conoscenza ...
Per me è stato un grande passo. Consiglio di farlo almeno una volta e in uno
modo guidato. Ho osservato che mia moglie Marianne aveva dei limiti spirituali
Nonostante parli sei lingue, sia giovane che universitario, proprio per avere
ha ricevuto un'educazione razionalista francese. Volevo seguire il percorso dei tarocchi
e le ho detto che non poteva stare in quella prigione razionale e quella
Avevo bisogno di un'esperienza psichedelica. Quindi l'ho accompagnata in Olanda.
Ho affittato una stanza con una finestra sul cielo e alle due o tre del mattino
Li ho fatti mangiare dei funghi in modo che l'effetto raggiungesse la luce dell'alba.
L'ho guidata. Stavo aprendo la strada e si è rivelata un'esperienza decisiva nella sua
tutta la vita. Se avessi approfittato del suo viaggio e l'avessi sedotta,
avrebbe perso tutti i benefici di quell'esperienza.
Pagina 124
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
124
Anche la marijuana dovrebbe essere presa come qualcosa di iniziatico, come
alcool alle feste bacchiche. Agape fa parte di quella cultura che abbiamo
perso.
Quale strano meccanismo di coscienza può causare questi
le sostanze infrangono i confini?
Siamo abituati a vivere in un mondo lineare, in un'architettura
cubico e razionale, ed è per questo che in un dato momento siamo costretti a rompere
le limitazioni. Molte volte non possiamo farlo, proprio perché
siamo imprigionati nella mente. Quindi dobbiamo avere un'esperienza in
che i nostri meccanismi di percezione saltano per conoscere gli altri
mondi.
Gli sciamani erano persone primitive; ma ora siamo noi quelli
vogliamo portare i funghi nella nostra aria, non con i loro riti. Non berrò
nuota con uno sciamano, vecchio stile. Per cosa? Perché prendere l'ayahuasca
iniziare a cantare la Vergine Maria o il serpente? Cosa mi importa
quello? Alcuni seguaci della terapia della Gestalt pubblicarono dischi di Wagner per
prendi la ketamina. No per favore!
Quando prendi sostanze devi essere in natura, ad aspettare
La luce del giorno arriva, con il minor numero di interferenze possibile. Basta con un insegnante
per dirti qua e là. E uno o due colpi sono sufficienti per
il cervello si spalanca per la vita.
Non si tratta davvero di droghe. Un'esperienza con i funghi non è come
consumare droghe. Avevo un barattolo con una polvere di funghi e ho deciso di darlo a
persone care perché pensavo fosse meglio darglielo piuttosto che darglielo
qualsiasi stronzo con la scusa di organizzare una festa e fare cose stupide.
Immagino che queste sostanze siano sacre per te.
Aspetta, non cadiamo nella trappola del concetto "sacro". Qualunque cosa
Può essere sacro per un santo, anche per la cacca di cane. E per a
cittadino normale nulla è "sacro" ma forse "utile". Va detto questo
queste esperienze cambiano in funzione e risultato in base ai livelli di
coscienza che ha chi li prende. Sostanze psichedeliche erano, in
in primo luogo, preso dagli sciamani, che avevano un livello di coscienza
superiore alla tribù. La mia tesi è che sono raccomandati solo per le persone che
avere un alto livello di coscienza. Ci sono persone con un livello di coscienza quasi
animale che può essere perso o accentuare la sua malsana tendenza con il
sostanze. Devi stare molto attento, non solo quando guardi chi sei
le dai, ma per decidere con chi le porti. Ho una frase che può
Riassumi questa situazione: "Non so dove sto andando, ma so con chi sto andando." Non lo so
devi seguire questa strada con persone che non sono in grado di assorbire
esperienza, perché proveranno a trascinarti fuori dal tuo viaggio. Dare droghe a
soldati e li trasformerai in assassini. Dare droga a un santo e lui può farlo
opere magnifiche. Stai molto attento con questo. Non pensiamo, come intendevano
alcuni, che versando l'LSD nelle fonti di una città migliorerai il
società. Sarebbe un pericolo pubblico.
Ad esempio, l'ayahuasca è caduta nelle mani di persone con mentalità
romantico-infantile e l'ha trasformato in religione. Grave errore. I gradi di
Consapevolmente basso, spreca sistematicamente queste energie. Ma questo

Pagina 125
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
125
Naturalmente, in un dato momento, quando si accede a una formazione sociale
razionale, come quello che ci danno, è necessario che le persone che hanno
le responsabilità hanno un'esperienza in modo da sapere cosa c'è oltre
razionale.
Ma ci saranno persone che non ne hanno bisogno ...
Chiaro. Al momento non ne ho bisogno. È come essere dentro
sogni, e già lo sono. Cosa ottengo vedendo allucinazioni e cose del genere
Lo so? L'esperienza è bellissima, okay, ma cosa troverò
Là? È utile quando senti di avere un limite e prenderti per aiutarti
farsene una ragione. La persona con un basso livello di coscienza è spaventata se lo scopre
ha un limite, si arrabbia e piange quando lo sa. La persona con un livello superiore di
coscienza tutto ciò che vuoi è dire dove sono i tuoi limiti
essere in grado di batterli, ed è profondamente grato di poter migliorare. Persone
con un basso livello di coscienza sta cercando qualcuno per confermare la sua
valori, ma le persone con un alto livello di coscienza sono alla ricerca di qualcuno
Segna i tuoi difetti per superarli.
V
Potresti spiegare cos'è veramente i tarocchi?
Il tarocco è una macchina metafisica. Un organismo di immagini e forme
molto difficile da sintetizzare, uno dei primi linguaggi ottici dell'umanità.
Il tarocco ha 22 arcani maggiori. Se con l'alfabeto spagnolo puoi scrivere
Don Chisciotte, immagina cosa puoi fare con 22 carte, che devi fare
aggiungi altri 56 arcani minori.
Il tarocco soddisfa alcune regole dell'ottica proiettiva. È come uno specchio quello
ti permette di svilupparti mentre vedi sempre più te stesso
stesso. Lo uso per gli altri e anche per me stesso, per esaminare questo
specchio e per capirci. Se, per esempio, gli chiedo "Che cosa sta pregando?"
lui mi risponde. "Che cos'è l'amore?" Me lo spiega. "Chi sono io?", E lì
tu appari. I tarocchi ci insegnano l'inconscio del cliente e, se possibile
ti aiuto, ti aiuto. Serve per guarire.
I tarocchi possono essere usati per tutto tranne che per leggere il futuro.
Quando le persone sono interessate al futuro e chiedimi ad esempio
"Ho intenzione di trovare un uomo?", Rispondo loro: "Non ho intenzione di dirtelo perché
Posso influenzarti, quello che ho intenzione di spiegare è perché fino ad ora non l'hai fatto
trovato un uomo ». "Ho intenzione di avere soldi?" Vogliono sapere, e cosa
Insegno perché non hanno soldi. "Non so se vivere a Madrid o Barcellona",
Ne ho un altro e, beh, l'importante è sapere perché non sai come decidere.
Riduco tutto ai giorni nostri.
Non credo davvero nel futuro, è qualcosa che non voglio nemmeno toccare
perché il cervello tende a obbedire alle previsioni. Alla persona che
ha un po 'di fiducia in te, se gli dici che si romperà una gamba, la romperà.
A volte succede che quella grande macchina magica che è il tarocco,
quando cade nelle mani degli pseudototisti, si riduce a
strumento per leggere il futuro. Trasformalo in un oggetto. È un crimine quello

Pagina 126
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
126
ignora che il tarocco è un'opera d'arte sacra.
Ha detto che per leggere i tarocchi devi prendere le distanze dal cliente,
non interferire affatto con la tua vita.
Sì e no. Per leggere i tarocchi, devi identificarti completamente con il cliente,
ora senza interferire nei loro affari. Devi rispettarlo, senza fingere
influenza o usalo.
L'ho sempre letto gratuitamente, tranne qualche mese
quando ho iniziato, perché dovevo guadagnarmi da vivere, non perché lo fossi
generoso, ma perché il tarocco è qualcosa di utile per gli altri. Se colleziono lo distorco
e, in questo modo, non posso conoscerlo a fondo. I tarocchi stanno bene e
è fare arte.
In altre parole, ciò che fa con i tarocchi è "consultare il cliente".
Sì. È come un contatore Geiger. Ti dice cosa succede, cosa succede, come va
quella persona. Lo dice a se stessa. E a volte risponde quando c'è un
dubbio o scelta. Il tarocco chiarisce, mostra la volontà del consulente e
Aiuta a scoprire cosa c'è dentro.
Come possiamo capire cosa ci dice il tarocco?
All'inizio cercando di sviluppare la telepatia, ho provato a indovinare. Quindi io
Mi sono semplicemente dedicato a leggerlo, il che non mi impedisce di provare a vedere cosa
consulente, come sono la loro salute, affetti, sessualità o
intellettualità. Accetto il consulente con i suoi limiti, sento la sua voce, noto come
sente l'odore del respiro e a volte lo tocco. Prendo tutto quello che posso prima di buttarlo
le lettere: vedo come le mescola, come si muove, come si comporta, come mi parla.
SEGA
Nel corso della storia umana, la metafora della trasformazione
Il personale ha assunto forme diverse. Uno di questi è stato magico. È
magia possibile senza superstizione?
La magia non è superstizione, la magia è la natura del mondo. lui
il mondo non è né logico né razionale, è magico e c'è una stretta unione di
tutti gli eventi, ecco perché ho chiamato il mio libro The Dance of Reality,
perché tutti gli eventi sono collegati, uniti; il tempo non è lineare,
gli effetti a volte si verificano prima delle cause, ci sono misteri ...
il settanta percento del mondo non possiamo capirlo come lo scimpanzé
non comprende il novanta percento del mondo. Abbiamo ancora molto da fare
per imparare. La realtà è miracolosa, è magica. Non obbedire presto
sono scienziati. La realtà non è scientifica.
E quando non capiamo quella natura del mondo creiamo la sua-
perstitions ...
Esatto, e crediamo in cose che non sono perché ne abbiamo bisogno.
La magia funziona sulla realtà o sul nostro modo di vedere

Pagina 127
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
127
mondo?
Nella magia, se sei consapevole, vedrai le metafore, le analogie:
Per far piovere, lo sciamano fa rumore per terra con le dita. Se hai
evoluto ti rendi conto che questo, ad un certo livello, funziona perché
l'analogia è utile. L'inconscio accetta metafore e quando conosci il
leggi dell'inconscio ti rendi conto che la magia gestisce quelle leggi. Il
la magia lavora sull'inconscio.
Sto parlando dell'inconscio della realtà, non del nostro piccolo inconscio.
Essendo misterioso, la realtà mostra che esiste un inconscio personale, uno
familiare, uno di gruppo, uno del pianeta, uno dell'universo ... Questa è la realtà. lui
il mondo è sia il manifestato che il non manifestato. Il mondo è così tanto
che è come quello che non è. Il mondo è così tanto la possibilità che ci appare
come le infinite possibilità che ci sono nascoste.
Uno è una coscienza immortale, una riproduzione esatta dell'universo. il tuo
l'inconscio è una particella e allo stesso tempo l'intero cosmo. E
qualunque cosa dicano del tuo corpo limitato, sei la coscienza totale. Tè
non importa cosa ti dicono della tua carne effimera, se diventi parte del
coscienza divina, sei immortale. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo devi avere
l'umiltà di cancellare personalmente l'accettazione di essere solo un canale. Ma se tu
ti presenti come un essere onnipotente che sa tutto, sarai un falso. Di
Più cerco di essere più di quello che sono, non sono più di quello che sono. dovere
essere consapevoli di chi siamo. Il più grande potere della tua vita è il potere
aiuto e il più grande beneficio che l'uomo ha è di vivere in pace. Ci sono
misteri, ma non li si padroneggia. Ho conosciuto piccoli miracoli telepatici,
che ogni giorno sono un po 'più grandi. Ma non capisco le cose che vengono dette
nelle leggende: «L'insegnante vede una persona e conosce il suo nome e la sua data
nascita". Non ci arrivo, ma arrivo ad altre cose. La telepatia esiste, lo so.
Come definiresti la magia nera, rispetto alla magia bianca?
La magia nera è una magia malata che cerca di sfruttare il
natura del mondo. È una magia inutile perché si sta dirigendo verso
distruzione. Esiste solo in coloro che ci credono. Aprire la porta può essere molto
pericoloso per uno.
Come spieghi l'esistenza della magia bianca e nera?
Lo spirito ha radici profonde, rami profondi. Puoi scioglierti
il negativo all'infinito, nel buio, oppure puoi elevarti alla luce. È un
una questione di scelta. Ma non voglio parlare di magia nera perché, come già
Ho detto, è una cosa malata.
La tecnica non è attualmente applicata alla magia?
Non sappiamo cosa sia. Sappiamo che funziona. Come se non lo sapessimo
quale energia muove l'universo. Lo ignoriamo ancora. Possiamo intuire come
Il mondo funziona e lo chiamiamo in molti modi, incluso Dio. Il
che non abbiamo capito, lo chiamiamo magia, ma in realtà è un
uso della magia. Stiamo parlando di un uso della magia, ma non
sappiamo esattamente di cosa si tratta. Non lo controlliamo. Non possiamo ancora.
Quali sono le leggi della magia?

Pagina 128
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
128
Ce ne sono quattro: volere, osare, potere e tacere. Con "silenzioso" intendo "obbedire".
La forza di riposo è la forza più grande, ecco perché a volte racconto quella storia
iniziatico che racconta come fa l'uomo più forte dell'Impero cinese
dimostrazione di forza estraendo una farfalla da una scatola e dicendo: "Lo sono
Così forte che posso prendere una farfalla per le ali senza danneggiarla. Quello è
silenziare.
La conoscenza deve manifestarsi solo quando viene richiesta e se non c'è
tacere. Una cosa è dare e un'altra forzare gli altri a ricevere ...
E come interpreti "volere, osare, potere e tacere"?
"Vuoi": se non vuoi, non avanzi. C'è chi non vuole essere curato. Il
I Vangeli lo indicano quando Gesù chiede al paralitico se vuole camminare,
perché se non vuoi, nemmeno un dio può curarti.
«Osare»: guarire te stesso è affrontare i cambiamenti che la guarigione farà
produrre. Il paralitico era stato disabilitato per quarant'anni, quindi guarisci per lui
significava non avere soldi perché non avrebbe chiesto di più. Quando sei malato
in realtà stai richiamando l'attenzione degli altri per prenderti cura di te, lo sei
chiedere amore La malattia è una commedia di richieste. Chiede il malato
urlando di amarlo. Dobbiamo osare di essere guariti, inserirne uno nuovo
individualità in cui non si conosce la direzione perché c'è un cambiamento
e, in una certa misura, una nuova personalità.
"Potenza": significa che una volta che fai le cose, entri
combattere e non devi essere il tuo stesso nemico. Essere in grado di essere uno e non
sii un altro, non combattere contro te stesso perché produrrà una grande nevrosi
di fallimento.
"Stai zitto": significa che quando provi a trasmettere ciò che hai guadagnato, lo perdi
per esibizionista. Questo è il problema che alcuni guru hanno: mostrano il loro
santità e perderlo in quello stesso atto. Il vero insegnante è invisibile: no
non ha fiori, niente collane, niente anelli, niente foto, non ha scuola o discepoli. Per
il vero maestro di tutta l'umanità è il suo discepolo. Subdolo
fa scorrere beni e conoscenze che possono aumentare il livello di coscienza del
altro. Non hai bisogno di una scuola o aspiri ad essere un insegnante. È un insegnante perché
obbedisce a una volontà universale che gli è superiore.
Cosa fa un alchimista?
La prima cosa sarebbe definire cosa sia un alchimista: colui che cerca la pietra filosofale,
quello che trasforma i metalli vili in oro, quello che cerca un solvente universale e,
infine, l'elisir di lunga vita. La pietra filosofale: l'alchimista vuole
sviluppa i tuoi valori interiori fino all'incredibile, fai crescere il tuo essere e,
grazie a ciò, attraverso il suo livello di coscienza, può elevarsi agli altri
dimensioni.
L'elisir di lunga vita è una persona che accetta la sua vita e vive tutto
deve vivere senza autodistruzione.
Il solvente universale è una persona che ha sviluppato nel suo cuore il
amore divino. L'amore è ciò che dissolve ogni resistenza.
VII
Perché guariamo quando ridiamo?

Pagina 129
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
129
In un certo senso perché quando ridiamo lasciamo andare ciò che ci fa male o
tortura. Le risate creano una distanza per noi con i nostri conflitti e le nostre libertà
nodi. Aiuta momentaneamente. Apri gli argini e offri felicità
per qualche istante. È buono come uno starnuto, che è veloce e
liberatorio.
Ecco come funzionano anche gli scherzi ...
Ma non esiste un tipo di scherzo, ma molte varietà. Ci sono battute
aggressivo, razzista o sessuale malato. Le persone esprimono alla grande
quantità di malattie con questo tipo di battute che le libera dall'angoscia
portare queste cose. Ma ci sono alcune battute che potremmo
chiamano iniziati e che hanno un contenuto metafisico, filosofico, umano: lo sono
battute profonde. Questo modo di umorismo è sempre stato utilizzato
scuole mistiche: i sufi raccontavano storie sul saggio idiota Mulla
Nasrudin, qualcosa di simile ha fatto i roshis Zen, e c'è anche un'intera serie di
barzellette sui rabbini. Nelle scuole di iniziazione lo scherzo è un elemento
importante con lo stesso valore dei testi sacri. È incredibile ma è così.
Allo stesso modo dobbiamo capire le storie, per esempio quelle di
fate, che sono anche preziose.
Anche se la nostra cultura li denigra.
Sì, perché la nostra cultura denigra tutto ciò che è profondo. Ad esempio il
cerimonia del tè. Il tè era un elemento essenziale nelle culture orientali, a
soprattutto in Cina e Giappone, come il caffè nel sufismo. Invece ora cosa
beviamo a tutte le ore, quando in realtà si tratta di prodotti sacri,
come è la marijuana. Quando sono andato in Olanda e ho chiesto come
I funghi, hanno risposto che li hanno messi su una pizza. Le persone li mangiano senza
senza senso. Tutto il sacro è stato perso.
Di recente hanno venduto all'asta pubblica le opere d'arte che ha lasciato
L'eredità di André Breton, e la cosa divertente è che la cosa migliore che aveva era sua
pietre. Breton si dedicava alla raccolta di bellissimi ciottoli che per lui erano il lavoro
della più grande arte esistente. Logicamente, non hanno alcun valore commerciale.
Neanche la poesia è in vendita. Questa è la cosa meravigliosa della vera arte,
L'hanno reso industriale. Amico, quando raggiunge un livello di
coscienza adeguata, senti il sacro in tutto ciò che ti circonda e nel mondo
quindi assume il suo significato. Le piante, le pietre, lo scherzo: sono sacri; il
le cose diventano sacre. Ho incontrato uno sciamano che ha curato la raucedine con a
infuso di escrementi di mucca.
Ti ricordi qualche scherzo speciale?
Ogni giorno ne ho uno preferito. Ieri parlava di un uomo che
vince la lotteria e gli chiedono se è contento dei milioni, e risponde: «No
Sono felice, perché ho comprato due biglietti: con uno i milioni mi hanno toccato,
ma con l'altro niente mi ha toccato ». Invece di vedere la gioia della vita, questo
l'uomo si aggrappa al negativo di lei.
Devi ridere dell'assurdità del mondo e non credere a nulla ..., ma nessuno dei due
noi stessi o le nostre mutazioni?
Chiaro. Ci sono stati d'animo diversi. Umorismo nero, che ti sta prendendo le distanze

Pagina 130
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
130
mondo. Umorismo normale, che ride del mondo. Umorismo di panico che è
ridere a crepapelle ed essere felici nella vita. Non dobbiamo ridere , come fa l'umorismo
volgare, ma ridi , come fa l'umorismo surreale. O umorismo di panico, che
è semplicemente ridere: essere felici in mezzo al caos e alla distruzione. Il
I cinesi hanno accettato questa scoperta inventando il gioco della morte ... A
l'insegnante è morto con la testa a terra e i piedi in aria,
ridendo forte. Questo è capire l'esistenza.

Pagina 131
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
131
La scia della vita
io
Pensi che possiamo sfuggire alla nostra origine o che siamo determinati
per lui?
Abbiamo predestinazioni del passato, certo, ma cosa bisogna fare
è prendere coscienza di loro e non obbedirli. Possiamo scegliere ogni passaggio
seguendo la nostra esistenza. Ecco in cosa consiste la nostra libertà, non lasciandoci
determinare dal passato o ripeterlo.
È possibile intuire, come sostengono alcune tradizioni, quelle esperienze
precedenti o influenze che pesano sulla nostra vita?
Non posso parlare di vite precedenti, ma posso dire che prima di nascere lo ero
qualcosa - non so cosa - e che dopo la morte sarò qualcosa - anche io non so cosa -. Quello è
tutto ciò che possiamo assicurare, il resto non lo sappiamo. Adesso però
se immaginassimo vite passate, non sarebbe possibile assicurarlo
vero, non c'è modo di dimostrarlo.
Alcune interpretazioni religiose, per spiegare il dolore, lo sottolineano
Chi è nato cieco sta pagando qualcosa che ha commesso in un'altra vita, forse
perché ha strappato gli occhi a qualcuno ...
Bene, ammettiamolo! Ma quella persona hanno tirato fuori un altro
la vita sta pagando che in una vita ancora precedente anche lui ha attirato la sua attenzione
qualcuno che a sua volta in un'altra incarnazione era un carnefice, e così sono tutti
colpevole e non ci sono vittime, oppure sono tutte vittime e non ci sono colpevoli.
Quindi non pensi che dovremmo giustificare le disuguaglianze di
origine per presunti debiti karmici.
Anzi, perché oltre ad essere falso sarebbe anti-terapeutico. Il
le cose non possono essere giustificate dal destino. Siamo segnati dalla vita
famiglia, educazione e sociocultura. È qualcosa che abbiamo portato da allora
siamo nati, ma ciò non significa che dobbiamo compiere un destino. Uno vede

Pagina 132
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
132
il mondo in modo diverso se parli inglese, spagnolo o francese. Siamo esseri
allenato da una cultura che formatta il nostro cervello. Dobbiamo
combattere contro l'imposizione di essere noi stessi.
Leggendo le tue opere hai la sensazione che siamo obbligati a farlo
liberarci dallo stato condizionato in cui siamo nati ...
Non abbiamo alcun obbligo. Sarebbe bello se ci liberassimo, ma no
siamo obbligati.
Per sviluppare, dobbiamo staccarci da ciò che ci viene dato?
Sviluppare in che senso?
Intendo spiritualmente.
Krishnamurti si è sviluppato molto spiritualmente, tuttavia alcuni
si suicidarono a causa delle loro teorie. Non si tratta solo di sviluppare
spiritualmente, dobbiamo vedere ciò che ci interessa. Non credo nella spiritualità,
Credo nella salute.
Va bene: per guarire, dobbiamo liberarci del nostro
origine?
Tutto ciò che portiamo - siamo come il worm - deve ruotare fino a quando
diventare una farfalla. Non dovremmo disinvestirci da nulla. Quello che abbiamo
ricevuto è un tesoro. Non è necessario castrare o rimuovere una parte. dovere
fertilizzare e mutare ciò che ci viene dato.
Qualcuno non può essere felice nella loro famiglia o nella loro casta, nel loro mondo
o con la tua educazione e vuoi continuare con quello che hai ricevuto?
Se lo è, lascialo continuare. Ma tutti hanno una croce. Il mio è il
il mio, il tuo è tuo: posso solo farti conoscere la tua croce e, da
quindi, lo togli o no. Dipende da te.
È possibile che senza sistemare il mondo e la società possiamo stare bene
noi stessi?
Non possiamo. O meglio: saremmo isole di perfezione nel mezzo di
imperfezione.
Non abbiamo mitizzato la ribellione contro tutto quanto sopra come tratto
di individualismo assoluto?
Non vorrei usare la parola "ribellione" per parlarne. Se vogliamo il
cambiamento del mondo, preferisco parlare di "mutazione". Se vogliamo trasformare il
In realtà, cominciamo con noi stessi. Non chiediamo al mondo di farlo
né cambiare né combattere la società. Dobbiamo essere noi stessi
che affermano i nostri valori.
La religione e i costumi ci integrano in un gruppo che forma il nostro
personalità. Altre tradizioni sono migliori di quella

Pagina 133
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
133
ricambiato? Ha senso cambiare la tua religione?
No, non ha senso. Passare da una tradizione all'altra non ha nulla di reale
effetti perché un dio è uguale a un altro. È un altro cartone animato, un'altra limitazione. Ci sono
che superare la limitazione per essere aperti alla vita. Il secolo deve
smetti di essere religioso per diventare mistico. Ci sarà un tempo in cui tutti
gli esseri umani sul pianeta hanno lo stesso sentimento mistico e si fermano
religioni secondarie. Né credo che esista una religione migliore di un'altra.
II
Come dovremmo prendere "ciò che gli altri diranno" di noi?
Ci sono due posizioni: quella di coloro che tengono conto del "cosa diranno" e quella di
quelli che si occupano di "cosa dovrei dire di me stesso". Un barbaro
psicologico può vivere in quello che diranno, ma una persona che ha un alto livello
di coscienza direbbe: "Questo è ciò che voglio da me stesso, proprio perché lo sono
consapevole".
Ora ci sono diversi livelli di coscienza. Il primo è un livello
animale che pensa: "Quello che ho, ho." Le persone possono essere viste per strada
in questo modo: mercenari, ladri o assassini. Sopra quel livello c'è il livello
infantile, dove tutto è un gioco superficiale; in quello stato non c'è coscienza o
di infinito o eternità, né morte né universo. Quindi c'è un altro livello
della coscienza adolescenziale in cui tutte le soluzioni del mondo sono nel
coppia, in quella piccola cellula dell'amore, e che è un livello che la maggior parte dei
si sviluppano le riviste del cuore, le storie della televisione o del cinema. Questo
livello serve a trovare la felicità nella coppia e tutto ciò che comporta. Ma si
andiamo oltre è possibile accedere a un livello per adulti e appare "l'altro".
Tuttavia, c'è l'adulto egoista e l'adulto socialmente e globalmente consapevole.
Il primo sfrutta le industrie più deboli o meno intelligenti
dannoso o monopolizza il potere politico. È disastroso. Il secondo capisce che il
un altro è tanto quanto lui, che deve preoccuparsi delle catastrofi sociali e
ecologico, vale a dire, il mondo in cui viviamo tutti. Sapere il
responsabilità. Ma soprattutto c'è un livello di coscienza
cosmico dove l'essere vive nell'intero universo, spazio infinito, tempo eterno,
impermanenza permanente ... A quel livello ci sono quei grandi temi
come il "conosci te stesso". E oltre a ciò c'è ancora una coscienza divina
dove potremmo concepire qual è quel costrutto che abbiamo chiamato Dio.
Pensi che sia possibile sbirciare in quel livello di coscienza divina?
Sì. E per concludere, per cominciare, dobbiamo fermarci
parlando in nome di Dio ... Dobbiamo smettere di pensare che Dio lo farà
sistemare le cose e dire che se Dio ha costruito questo universo sbagliato, qui
siamo qui per rifarlo. Se c'è un Dio, siamo qui per aiutarlo. Così
prenderemo il mondo e noi stessi, faremo cosa
vogliamo con piena coscienza e con piena responsabilità. A questo livello di
la coscienza divina è vera arte.
Senza lo sviluppo della personalità, è possibile accedere a livelli elevati di
consapevolezza?

Pagina 134
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
134
A volte lo sviluppo della coscienza coincide con lo sviluppo di
personalità, ma non sempre. Ogni caso è diverso. Una volta è venuto a trovarmi
Vittorio Gassman. Soffriva di grave depressione ed era già un artista famoso. Al
nel suo albero genealogico ho visto che sua madre voleva che fosse un attore e che lui
non voleva quello che ha pagato con dolore. Si ammalò e soffrì di depressione. Era famoso,
ma quella non era la sua vocazione. Sebbene fosse un grande attore, questo non gli è servito
Niente. Gli ho raccomandato molte cose: gli ho detto di andare nella tomba di sua madre,
uccidere un gallo e riempire la tomba di sangue, per imbrattare il pene
sangue e penetrare sua moglie con furia. Ha detto che se non fosse Vittorio
Gassman lo avrebbe fatto ma, essendo quello che era, non poteva. Due anni dopo,
morto. Non avevo mai contato prima, ma è un buon esempio per dimostrarlo
si può far obbedire agli altri e persino avere successo, ma in caso contrario
sei felice che sia inutile.
Obbediamo permanentemente alle previsioni degli altri, senza essere noi
loro stessi?
Il cervello ha la tendenza ad essere guidato da previsioni, devi avere
attento a non cadere per questo.
Parli spesso della capacità delle persone di programmare anche le loro
propria morte. C'è chi è convinto che morirà a una certa età e cosa
incontra ...
Così è. Il cervello è programmato a volte imitando l'età della morte di
parenti o personaggi famosi.
III
Siamo bambini vestiti da adulti?
Siamo vecchi travestiti da bambini, antichi, antichi. Sulla nostra pelle
ci sono milioni di cellule con una memoria complessa.
Si dice che non dovremmo lasciarci trasportare dal film della vita ... ma da quello
non è così facile.
Molte persone vengono portate via, in effetti, da quello che tu chiami il film del
tutta la vita. Molti vogliono essere come gli altri e questo porta alla morte.
nella vita. Dobbiamo trovare ciò che ci distingue dagli altri per arrivarci
essere qualcosa. Non appena proviamo ad essere simili agli altri, diventiamo
zombie.
Spesso in gioventù si brama di vivere la vita di un altro, di vivere attraverso cosa
che gli altri vivono ...
Quando ho iniziato i miei studi psicomagici ho incontrato diversi
insegnanti. Uno di questi era Óscar Ichazo, che un giorno mi disse: «Durante a
volta mi imiterai perché ti ho dato la conoscenza che non avevi: io ho
ha segnato la tua anima vergine ». L'anima imita per un certo periodo chi ha
risvegliato, ma che dura molto poco se sei cosciente e lungo se lo sei
ingenuo.

Pagina 135
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
135
Per sentire una vita piena, pensi una riconciliazione con il
i genitori?
È stato arricchente per me incontrare Goyo Cárdenas, un criminale seriale
che uccise diciassette donne e le seppellì nel suo giardino. Erano le dieci
anni in un manicomio e poi divenne un avvocato e aveva una famiglia. L'ho incontrato
Giornale El Heraldo, bevendo caffè. Era un gentiluomo molto affabile. Chiesto
come lo aveva passato e mi ha detto che aveva già dimenticato tutto perché
era stato qualcun altro a farlo.
Era sincero, perché credo che molte vite possano essere vissute nello stesso
vita, nella stessa persona e nello stesso cervello. C'è redenzione. lui
ha pagato la colpa e si è riscattato. I valori che Goyo Cárdenas mostrò in seguito
erano già dentro anche quando era un criminale. Era un angelo in a
personalità deviante. Quando la personalità deviante si dissolse, apparve
Il suo angelo. Penso che la stessa cosa accada con la famiglia: ci fanno del male, è come
una trappola, accorciano la nostra vita, ci prendono in giro psichicamente e socioculturale,
ci forniscono un livello limitato di coscienza, ci rimuovono dal nostro essere
essenziale, infondono in noi idee che non sono nostre e nel momento in cui
troviamo nel mondo, tutto crolla e dobbiamo ricostruire
vita. Perdoniamo perché nessuno è colpevole. Generazione dopo
generazione, ognuna è una vittima della precedente. Siamo stati molti secoli
vittime, ma alla fine capisci che non ci dovrebbe essere più rancore.
Sono arrivato a pensare che i miei genitori fossero colpevoli di aver partorito.
Pensavo che dando alla luce me mi avrebbero ucciso. Li ha incolpati per molti
cose, ma poi ho capito la frase del Buddha che dice: "La verità è quella che è
Utile". Così ho iniziato a pensare e mi sono detto: "Ero qualcosa prima di nascere e
Ho scelto i miei genitori perché ne avevo bisogno come scuola. I limiti che mi danno
mi hanno dato ciò che mi hanno fatto e io sono ciò che sono grazie a loro ». Ci sono dei frutti
meravigliosi alberi contorti.
Pensi che sia necessario "uccidere il padre", come ha sottolineato Freud?
L'atto simbolico della morte del padre è assolutamente necessario, ma
devi farlo in modo intelligente, lucido e senza rancore. Se percepisci il tuo
padre in modo violento, non lo stai uccidendo: lo stai chiedendo
Ti amo perché ne hai bisogno. Ma se riesci a vederlo positivamente, senza il tuo
piedistallo e senza averne paura, non mi stai più implorando di amarti per farlo
esiste ... Ed è allora che lo uccidi, quando lo fai cadere. Ma una volta
demolito devi ricostruirlo e assegnare i valori, perché i genitori
hanno valori essenziali, anche se sono mostri: ci danno la vita, lasciano i loro
imprimere su alcune parti del nostro essere e diventeranno il motore che
Ci permetterà di diventare ciò che siamo in modo consapevole.
Con il padre dobbiamo applicare quella massima di magia operativa che dice:
"Scioglie e coagula." Per superarlo, deve essere precedentemente sciolto.
Metti tutto al suo posto e osservalo intellettualmente, fisicamente e sessualmente
per vedere chi è. E poi devi coagularlo, rifarlo dentro te stesso come
vuoi che sia. Devi fare un lavoro interiore e, una volta superato
tutto ciò, recupera il padre assorbendo i suoi valori.
La crudeltà di alcuni bambini o interpolazioni è una creazione frustrata?
Sono colpevoli di ciò che fanno?
Non c'è nessun difetto. Ciò che chiami crudeltà è in realtà l'incoscienza. UN

Pagina 136
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
136
il bambino non è crudele a meno che non sia malato. Nel suo comportamento si riproduce
la psiche familiare, come i cani. È ignorante e copia un ambiente.
Ci sono genitori che si comportano come guru. Quando un bambino è razzista, non è il bambino
chi è razzista, è il padre che lo è. Se un bambino uccide un altro bambino, i genitori
sono i criminali. Il bambino, in questo caso, è posseduto. Non possiamo parlare
male infantile: i bambini non sono crudeli, questa è una leggenda; sono solo
incosciente e ignorante, non lo sanno. Riproducono comportamenti adulti.
Ha scritto che le ferite familiari non guariscono mai completamente.
Vero. Credo che gli esseri umani abbiano comportamenti animali ma anche
verdure. L'animale ha cellule che guariscono e chiudono le ferite. Senza
Tuttavia, se tagli un ramo, non ricresce più: una ferita di pianta è per
sempre e tutto ciò che possiamo fare è coprirlo. Perché lo troviamo
alberi con cavità, che producono funghi che alimentano il tronco. Nostro
il cuore si comporta, in questo senso, come una verdura. Se ne fai uno
la ferita non guarisce mai, lì rimane. Quello che potrebbe accadere è quello nuovo
le esperienze coprono questa ferita con la vita.
Non sono consolato dalla morte di uno dei miei figli, molti sono già passati
anni e fa ancora male. Ma ho una vita felice con quel ricordo,
anche se non c'è consolazione. Ho avuto la forza di creare, insieme a
dolore, altri amori, altre opere, altre soddisfazioni. Tu puoi vivere
vicino alle ferite.
Che ruolo giocano amici e compagni di classe nella nostra vita?
viaggio?
Ho avuto due amici d'infanzia che ho interpretato durante il mio
vita, attraverso altre persone e circostanze. Gli amici sono, in questo
senso, come una famiglia: sono sempre lì. Sono un link simile a
appartenenti a una generazione, sono generazionali. Andiamo tutti insieme
viaggiando sullo stesso aereo, siamo passeggeri sullo stesso treno. Sono molto
importante perché siamo esseri gregari e non lupi mannari. Considero
l'amicizia e l'incontro con gli altri è essenziale. Per sapere che a
l'amicizia sta arricchendo, dobbiamo sapere perché la coltiviamo. L'amicizia è
creare qualcosa insieme.
La gioventù è piena di pregiudizi che si appianano nel tempo?
Non invecchi e lasci cadere le tappe, almeno secondo
la mia esperienza. Il bambino rimane sempre, l'adolescente rimane, il giovane rimane, il
l'adulto rimane ... Man mano che cresce si diventa un gruppo
si aggiungono esseri e personalità, perché dove c'è continuità
non c'è separazione.
Per tutta la vita, i pregiudizi non sono fissi, ma credenze. Io ricordo
che quando avevo 30 anni ho fatto una cosa fondamentale: ho preso un quaderno e mi sono detto:
«Scriverò tutte le idee che ho in mente. In cosa credo? E il
Ho scritto, l'ho fatto per sbarazzarmi di loro come i pidocchi. E poi mi sono detto: sei tu
le idee non sono io; Posso usarli e possono essermi utili, ma non sono io.
Il giovane a volte crede che ciò che pensa sia lui, come a volte lo si pensa
la sua macchina o che le sue scarpe sono lui. Ma le idee sono come le camicie. Non
sono se stessi. In gioventù si può sbagliare, ma come
col passare del tempo le cose si dissolvono e la cosa importante rimane, il

Pagina 137
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
137
essere essenziale.
Durante la prima giovinezza compaiono i primi idoli musicali o
media. Sono necessari o limitano il nostro sviluppo?
Sono necessari per alcuni. Non avevo idoli ma mi sono avvicinato molto
del poeta Nicanor Parra, che era fondamentale per il nostro gruppo e più vecchio di
NOI. A volte abbiamo bisogno di insegnanti o guide, anche se nel mio caso certo
Atteggiamenti che solo l'arte mi ha salvato. Ero un artista e dovevo fare il mio nome e il mio
lavoro, e quindi non potrei darmi il 100% ad altre persone o a
altre opere. Tuttavia, ho cercato insegnanti e ho visitato insegnanti.
Non mi riferisco solo ai cosiddetti maestri spirituali ma ai miti
media, a cui tanti giovani vogliono apparire.
Non ci sono mai riuscito, per fortuna. Per alcune persone sono necessarie
perché ci mancano le mitologie e il cervello lavora con la mitologia
inconscio. Quindi gli attori di Hollywood hanno sostituito,
sfortunatamente per gli dei pagani. Forma di calciatori o cantanti
parte dello stesso fenomeno. Hanno i loro ruoli e ad un certo punto possono
servire, ma non sono né necessari né abbiamo l'obbligo di possederli.
Come dovrebbe essere insegnato a un giovane o un figlio a capire la vita?
Dovrei chiedere alla mia famiglia. Ho preso mio figlio Christopher all'età di 8 anni
per assistere ad un'operazione di Pachita e l'ho incoraggiato a mettere il dito in a
ferita, per vedere come viene praticato un buco in una testa, come cambiarlo
un polmone ... Alla stessa età ho ricevuto un massaggio da un guru.
Christopher è stato formato con gruppi di sciamani, ho fatto tutto ciò che potevo fare
avrebbe bisogno di tutto il libro per contarlo. Ho rimosso la parola "padre" in modo che
quel monolite non esisteva. Non mi ha mai chiamato papà, ma "Alejandro". Mai
Ho imposto un vestito. E così ho fatto con tutti i miei figli. Quando siamo passati
negozio di giocattoli e tremarono, disse loro: "Entra e compra cosa
tu vuoi ... ". Una volta tornavano con dei piccoli giocattoli ma, una volta, mio figlio Adam
è apparso con un cavallo di pezza a grandezza naturale. L'intero negozio lo guardò,
ma gli ho comprato il cavallo. Ho dato loro un'educazione molto consapevole, molto
corretta. Ma gli errori vengono sempre fatti, molti errori. Ne ho dato uno tre
ciglia e più tardi, quando ho compiuto 15 anni, le ho restituite. lo so
aveva urinato dietro il divano e, quando la colpì, disse: "Questo è un
punizione formale, ma non lo faccio con rabbia ». Non mi ha mai perdonato: ecco perché
una cerimonia di famiglia, mi ha colpito di nuovo.

Pagina 138
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
138
Ponte invisibile
io
A cosa possiamo aspirare in questa vita?
Per molte cose. Ma soprattutto per vivere a lungo. Per questo abbiamo bisogno
lavorare su ciò che ci piace e, fintanto che siamo esseri pacifici, fare cosa
che ci piace Dobbiamo essere ciò che siamo e non ciò che vogliono che siamo.
Amare ciò che amiamo senza impegno, senza nodi nevrotici che non possiamo
legare. Desideriamo ciò che vogliamo e creiamo ciò che siamo in grado di fare.
Vivi con una certa prosperità, senza sprecare. Ma una prosperità per tutti,
non una prosperità basata sullo sfruttamento dell'altro. E ovviamente devi raggiungere
per essere immortali e per questo dobbiamo vivere come se fossimo immortali,
pensando che abbiamo ancora mille anni per fare ciò che vogliamo, ma
senza dimenticare che in dieci secondi possiamo morire.
Per molte scuole la conoscenza passa attraverso il piacere, la felicità,
vietata; per altri passa attraverso ascetismo, camicia di capelli, resa e sacrificio.
Andranno tutti nello stesso posto?
Sono tutti modi per ritrovarti. Ora tutti questi
i percorsi devono essere fatti con la massima dignità, perché siamo mortali. Non
siamo eterni e il nostro stato attuale sta per finire. La vita ci colpisce
ogni momento. Sebbene siamo titani, siamo sconfitti. Sapendolo, uno
Puoi lavorare con più calma, con umiltà. Si tratta di raggiungere la santità,
proporlo. La felicità non consiste nell'avere le cose ma nel provare gioia
vivere, recuperarlo. Può essere perso nel grembo materno, perché
possiamo essere feti nevrotici quando la madre vuole eliminarci. In questi
casi, recuperare la felicità della vita è qualcosa di magnifico che permette
la nostra unione con l'universo nel suo insieme, con il tempo e con lo spazio,
con coscienza nella sua interezza. È uno stato di trance euforica costante
all'interno di questo corpo, possibile perché siamo una piccola cassa contenente
un'immensità che, a sua volta, è nella più piccola delle nostre cellule.
A quello stato di euforia della vita, può essere raggiunto da molti percorsi?
Sì, ma non in alcun modo. Ho iniziato con l'arte. Ho fatto teatro di
avanguardia, poesia, scandalo, tutto. Poi ho praticato la meditazione.

Pagina 139
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
139
Ore di meditazione, tempo, esattamente l'opposto di ciò che aveva fatto; ma
sempre mosso da costante attenzione, da un costante desiderio di
curiosità e sapere senza paura. Questo è l'audacia. È il segreto di
vita.
Oltre a immaginare, giocare con la mente per evitare di essere imprigionati in questo
realtà, l'obiettivo è di cambiarci, più precisamente per guarirci?
È che parli della mente, ma da quando ho scoperto i tarocchi ho sempre
Parlo di almeno quattro centri dell'essere umano: intellettuale, emotivo,
sessuale e corporale. Non solo la mente si destreggia e si destreggia, il centro
agiscono anche il centro emotivo, sessuale e del corpo. Devi conoscerti e
osservare. Ad esempio: il centro intellettuale vuole essere e diventa
silenzio. Il centro emotivo vuole amare e viene all'amore attraverso l'indifferenza. lui
il centro sessuale vuole creare e arriva a creare imparando a fallire. Centro
Il caporale vuole vivere e arriva a vivere imparando a morire.
Se la vita che ci circonda e il mondo in cui abitiamo sono una costruzione
mentale, perché non possiamo uscirne a piacimento, quando ne abbiamo bisogno,
segnare la distanza e fermarsi lungo la strada?
Sì, possiamo uscirne a piacimento, ma richiede coraggio e a
sforzo da parte nostra. La meditazione è uno dei modi possibili.
Fino a che punto la nostra libertà consiste nel conoscere e presumere che la nostra
il destino è già scritto?
Non posso dire che il futuro sia scritto. Le mie leggi mi dicono che quando
chiedi un possibile futuro, stai già mostrando i tuoi limiti, pensandolo
c'è solo un possibile futuro. Se apro la mia mente su questo argomento e accetto che ci sia
un futuro, devo riconoscere che ci sono infiniti possibili futuri e che sto scegliendo
perché ogni momento si apre una possibilità diversa davanti a me. io costruisco
il mio futuro con i miei passi
Non vede quindi il nostro destino in modo lineare o spaziale ...
No, lo vedo come un fan o una struttura di possibili futuri. Vale a dire
Possiamo costruire il nostro destino, ma non possiamo creare un destino. Ce ne sono diecimila
strade e tutto governato. Posso andare su una delle diecimila strade, ma
Non posso inventarne diecimila e uno.
Cos'è allora la libertà?
La libertà interiore consiste nel poter scegliere liberamente una delle diecimila
percorsi, ciò che abbiamo chiamato libero arbitrio. E se hai un destino perché
proiettate l'albero genealogico nel futuro, quindi il futuro tende a ripetere il
passato e questo è ciò da cui dobbiamo liberarci. Dobbiamo fare
futuri diversi dal passato e vanno alla ricerca per diventare se stessi.
Le sue idee potrebbero essere definite mutazioniste. Siamo mutanti?
Noi siamo tutti. Ci sono molte cose che non capiamo perché le nostre
il corpo si sta sviluppando. Di recente ho parlato con un medico che

Pagina 140
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
140
Diceva che la ghiandola pineale era una ghiandola stentata. Ho risposto a quell'essere
L'essere umano è un animale in evoluzione che non può avere nulla di stentato in esso. Il
La ghiandola pineale potrebbe essere, perché no, il seme di un organo che sta per succedere
svilupparsi e convertirsi nel quarto cervello. Ha cambiato la sua visione scientifica in pochi
ore di una conferenza che avrebbe tenuto a Los Angeles. Che cosa
Ho spiegato che non c'è nulla di stentato, che si potrebbe dire esattamente cosa
Al contrario, e mi sembrerebbe più logico. Da allora stiamo sviluppando qualcosa di nuovo
quella ghiandola, ci sono cose che ancora non capiamo perché siamo simili
scimpanzé ...
Qual è il punto in cui non possiamo capire qualcosa a cui siamo destinati
scoprire?
Non possiamo immaginare l'eterno. Non possiamo concepirlo, e se non possiamo
capire l'universo, siamo ignoranti e limitati. Mi chiedi di lui
senso di tutto ciò, ma sicuramente saranno i nostri discendenti che
posso capirlo. Siamo qui per produrre un discendente
che utilizzerà lo stesso cervello che abbiamo già ma più sviluppato. Se lui
Penso che il cervello rettiliano si sia evoluto nei nostri tre cervelli umani
onestamente stiamo creando il quarto cervello che non deve essere
Materiale.
Nel Medioevo lo intuirono e lo dipinsero sotto forma di aureola perché
hanno visto, come un cerchio dorato intorno alla testa. Che spiegazione hai?
dipingere un alone? Perché l'alone è stato inventato? Bene, perché l'alone è
vero.
II
Quale consiglio daresti a un cercatore di conoscenza, a qualcuno che
cercherà se stesso?
Ho iniziato a meditare. Ma prima ho cercato persone che avevano un livello di
coscienza più alta della mia, anche se non sono andato a rendere omaggio o
con vocazione di discepolo. Mi sono messo in contatto con le persone che ho considerato
interessante. L'errore che ho fatto è stato fare amicizia con un insegnante, perché
Non accetti più né lo scambio né l'insegnamento. Con amicizia
Sbilanciano i livelli di coscienza tra due persone. Ma sapendo
tutte queste persone il mio livello di coscienza è aumentato e ho imparato molto, fino a quando
che sono arrivato a dove ho ritenuto valido. Quando raggiungi un livello stimato
importante, puoi e dovresti darti agli altri per imparare
con te.
Di tutte le sue esperienze di conoscenza: psicoanalisi, sciamanesimo,
prendendo sostanze, meditazione ... quale sceglieresti?
L'esercizio più clamoroso che faccio da anni è l'arresto
pensiero. Assicurati che non una sola parola entri nel mio cervello. UN
Una volta capito, ho il pensiero che mi dice
che sono stato in grado di fermare le parole. Questo è stato il più difficile.
Anche praticare la meditazione era molto importante per me, sebbene il mio
Il percorso ha avuto più a che fare con la creazione artistica.

Pagina 141
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
141
Sconsiglia percorsi razionali come la filosofia o lo studio della scienza?
Non sconsiglio, penso che anche tutti questi percorsi siano buoni. Il
la filosofia mi ha fatto porre domande che poi dovevo risolvere
da altre discipline.
Sono alti livelli di coscienza trovati nelle persone o
gruppi?
È difficile appartenere a un gruppo perché creano gruppi costituiti
dipendenze. Se parlassimo con il buon senso che ci caratterizza,
dovremmo parlare del grande gruppo di umanità, dell'intera umanità.
Fortunatamente, ho smesso di selezionare le persone molto tempo fa, e tutto il resto
Mercoledì incontro al bar con coloro che vogliono venire a leggere a loro
i tarocchi. Da un'età devi renderti utile agli altri. Quando hai
vissuto e la vita ti ha dato un'esperienza, buona o cattiva, a
momento in cui devi trasmettere ciò che sai.
Invece di diventare un vecchio pazzo, dovresti andare sempre più lontano. Né
non c'è invecchiamento né declino mentale. La memoria può
hai meno capacità di trovare una parola, o forse puoi sentire
meno desiderio sessuale, meno virulenza, ma il desiderio non deve essere
mancante. Se per tutta la vita hai lavorato sulle emozioni, quando
maturi inizi a conoscere sentimenti sublimi, che non hai avuto quando
Eri giovane perché la natura non lo permetteva. Fino all'età di 40 anni devi
Ti trovo. La vera apertura della coscienza non può essere fatta prima
di quell'età. Da lì inizia il percorso.
Fai notare che la contemplazione è la tecnica che perfeziona tutto
cose. Cosa intendi con contemplazione?
In meditazione, congeli e dedichi la tua attenzione a ciò che accade nel tuo
all'interno, come se fossi seduto sul bordo di un fiume a guardare le cose che passano.
E la contemplazione è la stessa ma nuota in quel fiume. Voglio dire, tu
vedere cosa ti succede ma sei pienamente nella vita, recitazione.
Cosa significa "essere posseduto dallo spirito del maestro"?
Il nostro cervello, che è vasto e infinito, nello stesso modo in cui produce
la nostra personalità può produrre altri. Voglio dire, impariamo a
costruire una personalità, gli schizofrenici possono averne trenta
personalità e anche di più. Quando vai a vedere un insegnante, vedi un altro essere
umano che ha un livello di coscienza più alto del tuo. Cosa succede?
Che stai inseguendo quel livello di coscienza, il tuo cervello lo sta inseguendo. Allora lei
il cervello cattura quel livello e lo riproduce nella tua persona, ma poiché è il primo
Una volta che lo vedi, lo identifichi con la sua persona, con il suo ego, con il suo personaggio ...
cervello, invece di agire come se avesse la tua forma, ti dà la forma dell'altro,
ti fa sentire di avere il corpo dell'altro, la personalità dell'altro, l'apparente
individualità dell'altro.
Questo produce un'imitazione, e penso che questo sia ciò che intendi per espressione
"Sii posseduto dallo spirito del maestro." Non che l'insegnante sia in te
ma c'è un'imitazione di un livello di coscienza che stai prendendo in considerazione
superiore al tuo.

Pagina 142
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
142
E l'insegnante che pensa di essere il prescelto?
Bene, ci sono trappole nel percorso della mutazione della coscienza. Il
Ho spiegato nel mio libro The Gospels to Heal. In realtà sei un percorso.
Il tuo cervello è un percorso in cui camminano tutti gli dei. Se sulla strada che vedo
un dio e creo un dio, sono caduto nella trappola del guru. In realtà lo siamo
il percorso in cui accadono le cose, non i passanti.
Cosa sono i test iniziatici?
Nelle parole di Castaneda, sfide. Considerali in questo modo. Diamo un'occhiata ad alcuni
trauma: una donna viene violentata e ciò le distrugge la vita. Un'altra donna viene violentata,
fa il bagno, pulisce, piange, soffre, recupera, decide che non parlerà mai più
di esso e continua la sua vita. La stessa cosa accade nelle guerre, alcune persone
sono danneggiati per sempre e altri, invece, sono rafforzati. Devo dire
che il trauma non produce la malattia, il trauma è il fattore scatenante.
C'è una base di malattia dentro di noi che esplode il trauma.
E per quanto riguarda i test iniziatici, consistono in quanto segue: hai un livello
di coscienza e sei di fronte a un evento. Devi
reagire in modo utile per te e andare avanti. Il test è una sfida per te
tu sviluppi.
Il sacrificio è una trappola masochista?
Così è. Le religioni ci hanno confuso. Nella nostra cultura, il paradiso no
era sulla terra, non era alla tua portata. Dovevi guadagnare l'aldilà
sofferenza nella vita e la Chiesa, che ti dice di soffrire, è diventata ricca e
potente.
Perché puoi provare paura quando ci avviciniamo agli archetipi
attraverso sogni, immaginazione o sostanze allucinogene?
La folla, le persone in generale, cambiano il loro livello di coscienza solo quando
è in gravi difficoltà, come ad esempio di fronte a una catastrofe ecologica o al
terrorismo. La folla ha paura degli archetipi perché lo sono gli archetipi
contenuto ad alta consapevolezza, e questo spaventa le persone che non vogliono
modificare. Ogni volta che affrontiamo archetipi, lo siamo
di fronte a una dissoluzione dell'identità.
III
Abbiamo costruito una pelle invisibile che chiamiamo ego?
No, la pelle non è l'ego. Siamo abituati a pensare che sia così, ma non lo è
vero. Guardiamo oltre: immagina un leone. Va fino al suo
salta, quello è il suo territorio. Quando vede un animale entrare nel suo territorio, salta.
Ci sono anche piante la cui percezione raggiunge i mille chilometri di distanza,
uccelli che raggiungono formidabili distanze con il loro volo, o organismi che
ti lasciano sentire lontano. E nell'uomo? Bene, attraverso la telepatia, essere
l'uomo può fare il giro del mondo. L'uomo non ha limiti.

Pagina 143
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
143
Quindi quale sarebbe l'ego?
Molte volte l'ego è stato parlato senza capirlo. In realtà noi
abbiamo il nostro essere essenziale e un'altra parte acquisita che consente a
identificazione o identità. Quest'ultimo è l'ego, un'identità acquisita che
è al servizio dell'essenza. L'ego può degenerare in personalità
deviante, schizofrenico o paranoico perché l'ego è dove
mettono in evidenza i traumi e i colpi della vita.
Riconosci che molti anni fa hai avuto un ego gigantesco. Quello
puoi fare nel nostro mondo senza l'ego?
L'ego è sordo. Sordi e ciechi L'ego deve essere domato. È il nucleo del
Dottrina indù. L'ego deve piegarsi prima dell'essenza. Nel
le attività sociali sono sviluppate i più grandi ego, come nel
università, dove una persona parla e parla anche se nessuno è attento, e
non ascoltare mai. Con quel tipo di persone non c'è dialogo, ma un lungo monologo.
Nella vita devi entrare in dialogo e ascoltare gli altri. L'ego è
necessario come il guscio dell'uovo che circonda l'essenza. Quella "uccisione
all'ego »sono follie dei guru, che, a proposito, sono grandi egomani. io
Ricordo Osho, che, nonostante fosse una persona molto intelligente,
Gli ha fatto mettere la faccia sulle magliette dei suoi seguaci. In ognuno dei suoi
libri c'erano quindici o venti foto del suo corpo. L'ego può arrivare
diventare delirante. Quest'uomo ha trascorso la sua vita a combattere
ego e tuttavia lo ha solo rafforzato. Ha affrontato l'ego del
altri ma mai con i tuoi. Vedo i guru come clown. Loro sono
necessario, ma sono grandi figure stilizzate.
Siamo schiavi dei nostri desideri?
Desideriamo sempre cose: più soldi, più oggetti. lui
il mondo è puro desiderio. Ci hanno messo in testa che non dobbiamo invecchiare,
Migliaia di annunci ci incoraggiano ad allargare le labbra, a sistemare il seno, ad allungare
il pene o riaffermare i nostri glutei. Desideriamo e desideriamo tutto ciò che vediamo
Li vediamo nelle pubblicità o per strada. Ogni volta che mi collego a Internet I
Trovo quattro proposizioni costanti: allungare il fallo, più in basso
ingrassare, comprare prostitute e guadagnare una fortuna senza lavorare ... o appaiono le banche
immaginario dove guadagni milioni. Questo è il grave problema di questa società:
è pieno di desideri da consumare e apparire, ma c'è molto poco desiderio
di essere.
Dovremmo quindi imparare, come ci è stato detto tante volte, a
battere il desiderio?
Le scuole orientali trasmettono un'antichissima saggezza che dovrebbe
essere rivisto. Gli insegnamenti del Buddha sono stati molto idealizzati, e
state attenti. La leggenda del Buddha, se guardi da vicino, ci mostra abbastanza
sfortunato: un giovane ricco che abbandona moglie e figlio per sentirsi a proprio agio
quilo, qualcuno che teme le cose più naturali del mondo come la morte,
vecchiaia, malattia e povertà ... Ma, naturalmente, nella sua dottrina si suppone che
la liberazione dal desiderio ci garantisce la salvezza, che consiste nel non rinascere,
solo perché crede nella rinascita o nel pellegrinaggio dell'anima, che è

Pagina 144
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
144
molto da supporre e potrebbe non essere vero.
Se non credo nella reincarnazione, Buddha cade. Per lui devi scappare
di questa vita per non reincarnarsi di nuovo, e questo è un errore. No
sfuggire al nulla. Devi vivere la vita. Non so se ci sia reincarnazione, no
possiamo sapere. Non possiamo stabilire dottrine comunicando le cose
Devo credere, come dire che stiamo per fermare la ruota della reincarnazione, il
karma, ecc. Sono credenze sospette. Non li uso in alcun modo.
Ben guardati, sono tossici per chiunque.
IV
Vorrei chiederti della morte ...
Cos'è la morte? Solo un cambiamento, una mutazione. Non abbiamo paura
morte, ma il cambiamento che implica.
Dove l'hai imparato?
(Risate.) La morte è una parola e ho iniziato a impararla con i tarocchi. Il
la morte è arcana XIII e non ha nome. Si trova al centro del mazzo.
Mi sono reso conto che una volta avevo 15 anni e sono scomparso. Poi ho avuto
30, poi 40, e io continuavo a scomparire. In questo momento ho 74 anni, sono un altro
ma sono ancora felice A 90 anni sarò felice, a 100 anni seguirò
felice, quando avrò 300 anni sarò grande, quando avrò un milione di anni
Sarò una festa.
Pensi che ci sia rimasto qualcosa di noi quando moriremo?
Hanno chiesto a un maestro Zen: "E dopo la morte?" E il
Disse: "Non lo so, non sono ancora morto." Sono qui. Ma so che cosa
Sono anticipi.
La carta dei Tarocchi Chariot viene affondata nel terreno. Dove
diretto? La terra si muove e la sposta. Andiamo avanti con l'universo.
Cosa mi interessa dopo? Non mi è mai importato di come sarebbe stato a 80 anni, o
100 o 1.000 o 60.000. Ciò che conta per me è sapere chi sono
Ora, non dove sto andando ...
Quando inizi a poco a poco a sbarazzarti della tua identità, per essere un
Umano generico, smetti di vederti a una certa età. Allora ti fermi
identificarsi con il tempo in generale. Quindi non ti riconosci più come originario
una patria o un oratore di una certa lingua. Non ti vedi nel tuo nome, no
ti confondi con le cose che hai, smetti di identificarti.
Ma dove sostenerci in quella visione di se stessi?
Ti aggrappi a ciò che sei. Per la gioia della vita. Sei più felice e
non hai bisogno della tuta rigida di carattere o personalità. Diventi fluido,
come l'acqua. Lao Tzu dice: «Bisogna essere come l'acqua che prende la forma del
vetro che lo contiene ». Passi la vita prendendo forma e questo è grandioso. Ci sono
un momento in cui lo accetti e dici a te stesso: "Questo che sono io scompare". E uno
Una volta che sei consapevole, ci sei sempre. Ti senti alle calcagna a
abisso di vuoto totale e tu avanzi come una luce. E quella luce che sei
sai che l'abisso lo inghiottirà. C'è speranza che tu ti dissolva

Pagina 145
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
145
con gioia infinita nell'oceano cosmico, e sei tu, ma finché accetti
cedi la tua coscienza. L'ultimo regalo che fai è la tua coscienza.
Quando arriviamo alla morte, il meglio che possiamo offrire è a
coscienza perfetta e luminosa, una coscienza chiara che devi sapere come creare,
perché se no, come diceva Gurdjieff, muori come un cane, senza offrirti
coscienza o costruire un'anima.
Si dice che il potere sia racchiuso tra le pareti del cranio ... Ma
Dove metteresti la nostra coscienza?
Fuori dal corpo Il corpo è come l'osso di una pesca, tuttavia
la coscienza non ha limiti ed è in continua espansione.
Suggerisci che in uno sforzo di immaginazione possiamo liberarci da cosa
apparente, nello stesso modo in cui ascoltiamo la musica o suoniamo con la memoria
Potremmo trasferirci in un altro posto. Tuttavia, non è abbastanza con cui giochiamo
una manciata di immagini ... devi cambiare per migliorare, cambiare il soggetto che
immagina, vero?
C'è un tipo di immaginazione che è quasi industriale: sono delusioni. Non c'è
che confondere l'immaginazione con il delirio costante. posso immaginare
qualsiasi cosa tutto il tempo senza approfondire nulla: racconti e racconti e
racconti senza approfondire il loro significato ... O possiamo, come Kafka, immergerci
fino a un certo livello e ristagnare. Non ha mai accettato la felicità. È stato piantato nel
nevrosi.
Lo sforzo è sempre necessario, ma perché questo sforzo è richiesto da noi
permanente cos'è l'esistenza?
Nella vita devi essere sempre attento, non in tensione. Lo noto quando
dici "sforzo", ti sembra spiacevole, ma non credo che ci sia
Facciamo cose che odiamo ma cose che ci piacciono. Quando parlo
di «sforzo» parlo di piacevole sforzo: dipingere, ballare, vivere, sono sforzi
totalmente divertente. Dobbiamo fare ciò che ci piace nella vita e
lottare per questo.
La vita è una prova?
No. La vita è una scuola di iniziazione. O come diceva Castaneda: una sfida.
Per il guerriero, questa è la cosa importante.
C'è qualche punto nel teorizzare della vita?
Chi fa la teoria della vita è perché non la conosce. Ma colui che la conosce,
Devi comunicare le tue esperienze, insegnare ciò che hai vissuto.
Ritorniamo ancora una volta alla domanda vecchia e testarda del perché
quello esiste?
Una donna che era molto malata di cancro mi chiamò dall'ospedale e
mi ha chiesto: "Qual è lo scopo della vita?" Ho pensato e risposto cosa
si aspettava: "La vita non ha significato". Quindi sospirò e disse: "Ecco cosa
che mi aspettavo di sentire ». Il giorno dopo è morto. Ho risposto che per confortarla,

Pagina 146
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
146
perché quella donna non aveva scelta. Anche se credo che la vita abbia
senso, un senso che non dobbiamo conoscere. È un mistero. Quell'idea
che tutte le cose abbiano uno scopo è molto mentale. Ovviamente
abbiamo una fine, ma non lo sappiamo. Se non lo fosse, non sarei qui.
Abbiamo uno scopo come umanità nell'universo. Abbiamo un destino e,
tuttavia, non dobbiamo conoscerlo razionalmente. E questo deve
accettalo nel modo più salutare possibile. Trasforma il nostro pianeta in a
giardino. Arricchiscilo e arricchiscici.
Cosa significa essere te stesso? Possiamo mai saperlo
riguardo a noi?
Conoscere te stesso in realtà significa che sei l'universo. Io non
Ho dei limiti perché sono unito all'universo come un organismo: il tempo è
la mia vita, quello che succede è la mia vita ed è la vita. Se mi conosco lo sono
l'attore e lo spettatore. Il noto e il conoscitore allo stesso tempo. Fino a
Posso passare da attore a spettatore ad un certo punto, ma c'è un momento
supremo in cui l'attore e lo spettatore si fondono. Questa non è più conoscenza.
È pura coscienza, stato.
Cosa significa essere realizzati attraverso il transpersonale? Non è stato abusato?
di questa parola?
Non è verbosità, è semplicemente un costrutto utile. Ciò che capiamo
personale corrisponde all'atteggiamento di chiudersi nella propria psicologia e
analizza tutto attraverso te stesso. Il transpersonale significa accettare che esiste
l'altro, per tenerne conto per percepire il mondo e capire le cose.
In questo senso, il transpersonale trascende i limiti. Avremmo, per quello
modo, che per raggiungere il pensiero androgino. Se tu fossi una persona normale
penseresti prima come spagnolo, poi come uomo e poi come
globo terrestre. L'ideale è pensare senza nazionalità, senza definizione sessuale e senza essere
deformato dal sistema solare.
Possiamo pensare che un giorno diventeremo realtà?
Questa è una trappola, perché nessuno è pienamente realizzato. Che cos'è
essere fatto? Avanza come può. Ad esempio, oggi sono stato
scrivendo tutto il giorno Los Technopadres, una serie di fumetti che
lo adoro. Sono felice perché mi piace la scena che ho inventato. Sono euforico
perché sto creando. Sebbene sia una storia per bambini o giovani, io
affascina. E ogni mattina scrivo una poesia di quattro o cinque righe, non ho
tempo per di più. Sono piccole cose che faccio e che mi piacciono:
Stanza abbandonata
casa senza proprietario
il vuoto si nasconde
sotto le mie parole.
Come un cieco
cosa troverai
un tesoro nella spazzatura
Ho lasciato passare l'inverno.

Pagina 147
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
147
Non ringraziarmi.
Cosa ti ho dato
mi è stato dato
solo per te.
Non voglio che tu mi ami
Voglio che tu ami:
gli incendi non hanno proprietario.
Ascoltandolo, ho l'impressione che la nostra felicità sia guardare
il mondo in un certo modo.
Non è una questione di percezione. Consiste nell'essere se stessi. quando
tu avanzi ti percepisci nella tua interezza. Non si tratta di delimitare la realtà. sì
diciamo: "Vorrei sapere", stiamo proiettando l'illusione di avere un
io, che lo so anche io. E non si tratta di questo. Dall'antichità classica
Rispettiamo molto l'espressione "Conosci te stesso", ma in realtà lo è
abbastanza confuso. La gente pensa che sia un po 'come te
Ti trovo. In realtà quando diciamo "conosci te stesso", quello "tu
stesso »è l'universo. L'universo conosce se stesso. "Conosci me", dice il
universo. Con la voce di Dio, conoscere te stesso significa ... conoscermi. Cui-
dato: non pensare "Tu sei io, io sono te". Veramente, "Tu non sei me, ma io
Sono tuo".
I grandi maestri sostengono che dobbiamo imparare a morire in pace.
Ma per questo, hai bisogno di tutto questo viaggio?
Sì, naturalmente. La vita sta imparando a morire con calma, "giocando a morire"
hanno detto i cinesi. Ma morire sta entrando in un processo, come quando
lentamente dall'infanzia alla pubertà: capelli, ormoni ... lo vivi
come un cambiamento. Avanzate nella vita e la vecchiaia inizia ad apparire, che è
un altro periodo. I capelli diventano bianchi, i denti gialli. Se combatti
contro la vecchiaia, invecchi con angoscia. Se combatti la pubertà, tu
traumatizzare. Ad un certo momento entriamo tutti nel processo della morte,
che può e deve vivere esattamente come gli altri cambiamenti precedenti.
La morte non è che uno stato. Nessuno è morto! Nessuno muore!
Entreremo tutti nel processo della morte e la cosa meravigliosa è quella
accettiamolo con la facilità con cui entriamo nella pubertà o
scadenza.

Pagina 148
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
148
visioni
io
Cosa ne pensi degli intermediari dello spirito? Di quelli che hanno
organizzato per insegnarci i misteri della vita.
Ultimamente ho diviso il mondo, anche se queste decisioni lo sono
esseri arbitrari e figure stilizzate. La parola "figura stilizzata" che ha
aderito al linguaggio, serve a designare tutti i costrutti mentali.
Ci sono, ovviamente, utili figure stilizzate e figure stilizzate inutili. E l'utilità di
Variano col passare del tempo o le nostre circostanze cambiano
individui. Ad un certo punto, un burattino inutile può tornare utile.
Il burattino utile è quello che ci conduce alle mutazioni necessarie. Il
i monaci, perché vivono nel celibato, non sono degni di fede. Se tutti
se fossi un prete, la razza umana sarebbe finita. In questo senso, non sono buoni.
Non è possibile portare Dio con te o comunicarlo ad altri da una vita che
va contro la natura umana.
Quando questi monaci si organizzano in sette, sorgono altri problemi.
Immagino che provino a monopolizzare ciò che chiamano verità ...
Le sette potrebbero essere utili, il problema è, infatti, che la loro realtà
si tratta di appropriarsi di Dio. Proprietà privata di Dio. Quindi dichiarano
che chi non appartiene alla setta è infedele, degno di distruzione. Loro sono
separatori. Non si uniscono. Credo che in futuro i templi saranno versatili.
Ci saranno cattedrali in cui sono tenuti tutti i culti, con libero accesso e
assoluta compatibilità. Successivamente, i nomi di
dei, che saranno entità anonime. Se dai un nome a Dio, lo sei
appropriandolo.
La religione, come una Costituzione, deve essere rivista, perché nel
Man mano che l'uomo muta, la religione deve cambiare. La setta
procedere con divieti. Ciò che l'uomo non sa è chiamato Dio: lo è
una forma di superstizione. Man mano che il cervello si evolve, il
credenze cieche e tabù si stanno sgretolando.
In che modo ciò influisce su ciò che chiami salute ...?
Dobbiamo essere molto consapevoli del fatto che sotto ogni malattia esiste
un divieto. Un divieto che deriva dalla superstizione.

Pagina 149
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
149
Pertanto, non raccomanda alcuna chiesa ...
No, ma nemmeno quei templi dei maestri Zen, siano essi spagnoli,
Americano o messicano. Sono figure stilizzate che imitano tradizioni, lingue e
Cibi giapponesi.
Ma le sette possiedono tecniche e conoscenze interessanti.
Chiaro. Ma per acquisire quelle tecniche e conoscenze, non ci vuole molto
circo. Quando Ejo Takata mi ha portato uno staff Zen, l'ho restituito
dicendogli: «Non sono un maestro Zen, non darmi questo. Non sarò mai un
Maestro, non darò bastoni a nessuno, tu mi fai un grande onore, ma no
Lo voglio. La mia strada è un'altra ».
Qual è il punto in cui l'umanità ha prodotto esseri come Gesù o
Buddha?
Quando dici Gesù e Buddha stai parlando di esseri che per me lo sono
immaginario. È come se mi dicessi Don Chisciotte o Amleto. Lo stesso. Ma cosa
sii immaginario non mi interessa. Ciò che conta per me è la qualità del tuo
messaggio, che è meraviglioso.
In un certo senso sono lì, possono quasi essere toccati.
Sono lì, mitici, ma ora stiamo parlando di esseri umani. Non sappiamo se
alcuni esseri umani hanno ricevuto la rivelazione. Non sapremo mai se il santo
è pazzo o se hai allucinazioni.
E delle apparenze o rivelazioni, cosa ne pensi?
Vedere le apparizioni della Vergine non mi interessa. Non mi dimostra nulla. Vedi uno
la ragazza trasparente che mi sorride arrampicandosi su un albero è la stessa per me
che vedere un gorilla arrampicarsi su un albero. È curioso come quello: non ti aiuta
Niente.
E quale spiegazione dai a questi fenomeni?
Si verificano perché le persone desiderano esistere, è un'allucinazione
collettivo. Jung ha detto che i dischi volanti sono un prodotto dell'inconscio
collettivo. Sono sogni collettivi.
Perché abbiamo la sensazione che le religioni siano trappole per il
spirito?
Le religioni diventano trappole dal momento in cui sono
limiti. La Divinità non ha nome né nazionalità ed è per tutti. Il
la religione arriva a stabilire trame nella realtà mistica e alla fine si sente il
limiti di ogni religione e questi diventano trappole. D'altro canto,
libri sacri sono stati interpretati in modo aberrante per secoli da
monaci per i quali la donna è il diavolo e finiscono per infettare i testi
i santi con le loro interpretazioni devianti; allora questo succede alle scuole
politica, società ... e finisce per creare stress. Religione, che dovrebbe essere

Pagina 150
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
150
panacea universale, diventa il veleno universale: tutte le religioni.
Hai studiato Kabbalah, che oltre ad avere un'interpretazione religiosa
è una lingua.
Sì, una lingua che produce molti matti: in ebraico ogni lettera ha un
valore numerico e ogni parola che leggi è e aggiunge un certo numero.
Quindi fai combinazioni e dici: «Il numero 87 è luna (levana, in
Ebraico) ma anche la parola carrion (nevela) aggiunge 87, quindi luna e
la carogna sarebbe la stessa ». È un sistema delirante; la Cabala ti porta al delirio.
Siamo adulti Non abbiamo bisogno di credere nelle favole. Non
Possiamo dire che un libro è stato scritto da Dio. Non possiamo dire che il
La Bibbia, il libro sacro, sii la parola divina. Possiamo dire che è un
romanzo, un'opera d'arte. E le lingue sono opere d'arte. Ma tutti, non solo
Ebraico o sanscrito. Posso giocare con tutte le lingue allo stesso modo.
Che relazione ha avuto con il sufismo?
Nel sufismo, quando lo incontri, scopri grandi bellezze. È come il
crema dell'Islam. È un misticismo profondo, ma sono prigionieri del Corano.
Sebbene Shams-de-Tabriz o Rumi fossero anime molto libere ...
Ho deciso di guarire, consapevole che le malattie derivano
i libri. Dietro ogni malattia c'è un libro, sia esso il Corano, il
Vangeli, Antico Testamento, Sutra buddisti ... Tutti i libri, sì
Sono interpretati dal fanatismo, producono malattie. dovere
reinterpretare tutti questi testi, dobbiamo prenderli per quello che sono: opere di
arte. La Bibbia, per esempio, è un romanzo meraviglioso.
Tutte le credenze stabiliscono metafore per spiegare l'esistenza, ma il
la spiegazione di ciò che ci accade rimane un mistero. Questo fraintendimento,
a volte ci porta ad approcci deliranti ... Pensi che Dio sia un
giocatore compulsivo?
È un gioco intellettuale interessante parlare di Dio e pensare che sia un essere.
chi gioca, chi ha gli attributi, chi è annoiato e chi supera la noia
lanciando i dadi. Quando Maimonide scrisse il suo libro Guide to the Perplexed
ci sono voluti tre volumi per cercare di definire Dio e concluderlo
Dio è ciò di cui non si può dire nulla. Dio è l'impensabile, il
innominabile. E aggiungo che è imbattibile, perché: come amerai cosa
non lo sai Mi piace l'idea che suoni, ma penso che non sia lui a farlo
giocare. È l'essere umano che gioca: è l'umanità che gioca. Johan
Huizinga ha scritto un libro chiamato Homo Ludens che è un'analisi dell'uomo
come essere che gioca. L'uomo è un essere che gioca e costruisce illusioni
sua somiglianza. L'uomo ha immaginato un Dio che suona ...
In cosa hai fiducia?
Quando fu chiesto a Ramakrishna se credeva in Dio, rispose di no.
"Come è possibile che un così grande mistico non creda in Dio?" Gli hanno chiesto.
"Non credo perché lo conosco", rispose. Non credo nel concetto di "fede", credo

Pagina 151
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
151
nella conoscenza.
Conosciuto?
Ci sono cose che conosco, sì. Il pazzo non lo sa ma pensa di saperlo. Il saggio no
lo sa ma sa che non lo sa. Quando lo sciocco lo sa, non sa cosa sa. quando
l'uomo saggio lo sa, lo sa.
Cosa significa per te il concetto di "santo civile"? Chi sarebbe?
Sono una persona che ha deciso di fare del bene, semplicemente. Non è
Ci sono riuscito, ma ho proposto. Oltre a guadagnarsi da vivere o
avere figli e una moglie, come tutti possiamo fare, ho proposto di fare del bene
nella misura in cui sono nella società civile. Il santo civile sarebbe colui che imita
santità da queste posizioni. Nessuno è in realtà santo, ma imita il
santità. Il santo sarebbe l'essere umano perfetto, ma l'attuale essere umano è ancora
è in fase di evoluzione. Quindi è tenuto solo ad imitare la santità.
Come possiamo imitare la santità?
Per intuizione. Il santo ascolta ciò che deve fare. E questo viene
interiore, di quello che chiamiamo Dio interiore. C'è una percezione in noi, qualcosa
che ci dice: «Qual è il migliore in questa situazione? Come aiutare
vicino di casa?".
Per il santo civile non c'è sacrificio; come tutti gli altri, sfugge al
sacrificio masochistico dei santi e conduce una vita normale, integrata nel
società. Ma, inoltre, è consapevole del mondo, è consapevole del suo
Gli atti devono essere curativi per gli altri e per se stesso.
La santità non è qualcosa che appartiene alle religioni, né significa repressione
sessuale. La santità consiste nell'avere una coscienza divina e cosmica. quando
Ho parlato di santità civile, mi hanno preso per matto, ma ora viene praticato.
Era necessario parlare di santità civile, e l'ho fatto. Come dico anche che l'arte
per essere arte deve guarire. E molti hanno iniziato a praticarlo. quando
scopri un'idea e la commenti, a volte si diffonde ovunque.
Quando un fiore si apre è primavera in tutto il mondo.
II
Rendere la politica necessaria per lo sviluppo della nostra coscienza?
I politici hanno una funzione sociale, sono i nostri dipendenti, lo siamo
noi che li paghiamo. Devi capire che è un presidente
sarebbe il nostro manager; la polizia, i nostri dipendenti, come cassieri
dalla banca o dai camerieri. I politici sono i nostri servi, non i nostri
maestri.
Ma si può avere una passione politica ...
Non l'ho mai avuto, ho sempre odiato la politica. Non mi sono mai mescolato con quelle persone
perché, per me, la politica dovrebbe essere metafisica, mistica e artistica. Me
Consiglio di porre fine alla politica, che ora è il cancro della società

Pagina 152
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
152
perché non significa più niente. Attualmente, un presidente non dipinge molto,
incarna un vecchio simbolo, ma dietro ci sono le multinazionali,
petroliere, ecc. Potremmo vivere molto bene senza di loro, senza figure stilizzate e senza
posizioni rappresentative. Le persone stanno imparando perché le vedono
rappresentato come strizzatina d'occhio o imitato dagli umoristi in televisione e già
non essere confuso.
Allo stesso tempo, dici che il mondo deve essere cambiato ...
Deve essere cambiato, ma non dalla politica. Quando ero a
America Latina, scrittori molto famosi mi hanno detto di pronunciare questo
schierarsi a sinistra perché altrimenti non mi hanno mai avvertito
avrebbe successo letterario. Mi hanno anche detto che se non fossi andato a sinistra
Mi considererebbero da destra. «Parla e avrai successo letterario! È cosa
cosa abbiamo fatto! Altrimenti, ci avrai come nemici », I
chiarito. Non mi sono schierato dalla sua parte perché ritengo che l'arte non sia politica,
è la politica che deve diventare arte, ma non l'artista in politica.
Quale sarebbe l'utopia per oggi?
Per cominciare, vorrei che tutte le funzioni umane fossero eseguite da una
coppia, a partire da scuola. È mostruoso che i bambini lasciano il
partner e verranno educati da insegnanti, solo un uomo o solo un
donna, che è la negazione della coppia. Le classi dovrebbero essere date coppie di
entrambi i sessi e i bambini devono essere educati da un uomo e una donna, dal
allo stesso modo dovrebbero esserci un Papa e una Papessa, un presidente e un
presidente, non necessariamente marito e moglie. È quello che vorrei fare come prima
misura politica per la vita sociale: tutte le attività umane dovrebbero
essere eseguito in coppie complementari.
Viviamo alienati da un mondo in balia della tecnica,
mercato e denaro. È dovuto al capitalismo o è il problema dentro
NOI?
Se guardi da vicino, ciò che definisce l'uomo o i valori non è il
quantità ma qualità. L'umanità è sempre stata qualificata per il suo
valenze. Un'altra cosa è la grande massa, che è ciò che fondamentalmente gestisce
mondo, perché i politici hanno bisogno dei tuoi voti e ti devono ingannare
legittimare. Il nostro lavoro è un altro, è quello di creare persone consapevoli. Tutto ciò che
Desidero per me stesso, desidero per gli altri. Coscienza del lavoro, per dopo
distribuirlo. Che l'umanità non affondi nella catastrofe, perché allora
la quantità dominerà e la massa ha un basso livello di coscienza. dovere
aumentare il livello di coscienza: la folla non rappresenta l'essere umano. In questo
le persone della società malata nascono come anticorpi chiamati ad espandere il
coscienza, ma quello è un lavoro che deve essere fatto da scuola, da
la strada, dall'arte, da ogni parola. Quindi parlo di arte per guarire, e
non politica.
Né gli spettacoli che intorpidiscono fanno del bene; Beh forse
per sostenere la vita, no? Mi diverto, mi diverto con
I film americani come un nano, che servono a smorzare il cervello,
ma tutta quella pseudo-arte non cambia la società. Anche se, davvero, il
La città non deve cambiare, deve mutare ... E, a poco a poco, sta mutando. Se hai preso
per qualsiasi essere mediocre di oggi e trasferirlo nel Medioevo, sarebbe un

Pagina 153
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
153
genio. Stiamo cambiando, stiamo mutando, ma la massa fa molto di più
lentamente. La società è come il corpo di un pollo: le zampe del
i polli sono duri e insensibili, l'occhio è molto vivo e ci sono esseri che incarnano
le cellule dell'occhio e altre che incarnano le cellule delle gambe, dell'ala o delle sue
fogna.
Sebbene non tutti gli esseri umani abbiano la stessa funzione, coscienza
Il collettivo è assolutamente necessario. Ci sono, come ho detto, diversi gradi di
coscienza, e questa è la cosa più importante: la mutazione del grado di coscienza. sì
se avessimo un altro livello di coscienza l'umanità sarebbe meravigliosa. lui
il problema è che l'uomo della strada ha un livello di coscienza animale,
infantile e romantico, che lo mantiene sostenendo coloro che non lo favoriscono, sia esso
classe politica, l'esercito ...
Da scuola e televisione c'è un elogio costante di
guerre e potere. La nostra storia è la storia di battaglie e
imposizioni. La vergogna dell'umanità. L'esercito e la polizia lo sono
elementi repressivi che sembrano essenziali, ma che potrebbero non esserlo
esistere. Ho proposto in Cile che l'esercito cambi la sua uniforme per un tutu e
impara prima di tutto come ballare il balletto classico e poi studia
composizioni floreali e giardinaggio per fertilizzare il nostro deserto cileno e convertirlo
bene in un giardino.
III
Il futuro è qualcosa che sta già accadendo tra di noi. Come vedi il futuro di
la specie, di quell'umanità di cui parla?
Sono stanco del pessimismo, la razza umana cambia sempre quando lo è
in pericolo di morte. Quando le persone iniziano a morire per le strade,
Termineremo l'inquinamento e altre sciocchezze. Risponderemo entro
bisogno.
Non è mai troppo tardi?
Non è mai troppo tardi. Allo stesso tempo, i telefoni cellulari sono perfezionati,
automobili, genetica, armi e molte altre cose sono sviluppate
fanno bene all'umanità. La scoperta dell'energia atomica
comportava risultati positivi per la medicina e la scienza. Il percorso che ha
la genetica presa ora sembra mostruosa, ma è necessario perché
stiamo entrando nella vita. La clonazione deve essere scoperta se vogliamo
evolvere e abbandonare la nostra origine primata. In alchimia uno dei
le idee di forza erano l'omuncolo: creare un essere umano. Dobbiamo esserlo
in grado di farlo. L'idea della purificazione della razza ha rovinato il desiderio
quell'uomo avanza geneticamente, ma dovremo ottenere un
corpo diverso poiché non risponde ai nostri desideri spirituali.
Ma con la scomparsa di culture e specie, la distruzione del
Amazzonia ... il mondo non sarà mai così com'era.
Ma possiamo ricrearlo con la genetica. Grazie alla genetica che stiamo per fare
recuperare gli animali che abbiamo sterminato. Non dobbiamo essere contrari
della scienza. Per me il progresso scientifico è molto positivo. Come in

Pagina 154
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
154
natura: più progrediamo nel male, più facciamo nel bene.
Perché c'è una tale paura del futuro?
Guarda, un animale ha paura perché può mangiarlo ovunque
momento. Perché questa società funzioni e l'anarchismo non si diffonda, è così
che lavorare con la paura. Esistono diversi terrori: terrore economico (molto attuale), il
terrore sessuale (AIDS), il terrore della coscienza (quando inizia una società
pensa alla pena di morte), al terrore emotivo (la guerra dei sessi),
eccetera. Il terrore è complesso: costruisce difese e mantiene
società invariata.
Come immagini il mondo tra qualche anno? Quali mutazioni fai tu
sembra possibile?
Credo che in futuro il nostro motore energetico, il nostro
Energia. I cambiamenti di una società sono cambiamenti di energia. siamo
tutti costretti a volare! Ma non per volare come gli uccelli, ma per scoprire il
forza antigravità. Non possiamo concepire un futuro senza superare la gravità.
Tutto cambierà. Una città è un luogo con radici, e il
città. Vivremo in conchiglie volanti. Il cielo sarà popolato e il suolo
Sarà privo di strade, strade, non useremo benzina ... Sorvoleremo
un meraviglioso giardino popolato da tutti i tipi di animali. Viviamo dentro
la libertà. Cambierà lo spirito, cambierà tutto.
Pensi che ci stiamo dirigendo verso un mondo senza limiti materiali, verso a
spiritualizzazione?
Sì, e sarà un cambiamento graduale. Non ci saranno mobili con cui lavoreremo
materiali intelligenti che si sfaldano e riacquistano forma, robot portatili,
indumenti curativi, che possono dirci la nostra temperatura e il nostro stato
in ogni momento, avremo case pensanti che funzioneranno da sole. Tutto quello
È già sviluppato, ma sarà perfezionato. I combustibili fossili lo sono
finirà: ci sono già macchine che funzionano a idrogeno, gas, aria
compressa. L'inquinamento finirà. Il denaro si evolverà in qualcosa
immateriale. Se avremo una nuova energia libera, ci godremo tutti
tempo libero e lunga vita. Svilupperemo l'arte, la bellezza. Parleremo
forse cantando, come i poeti. La telepatia, a poco a poco, andrà
affermandosi come lingua. Ci sarà un mezzo di comunicazione istantaneo
e universale. La coppia migliorerà molto e diventerà consapevole. Non può succedere
che, come ora, alcuni mangiano e altri no, quindi la fame scomparirà. lui
l'uomo comune dovrà evolvere il suo livello. Siamo gorilla, primati.
Siamo ancora in formazione, ma voleremo.
Anche se ci saranno molti combattimenti e resistenza nazionalista per preservare il
Piccole cose arriveranno in un momento in cui tutto ciò finirà perché sarà inutile.
Come finirà? Grazie ai bambini Saranno quei figli di nazionalismi
comunicato con tutti in futuro. A poco a poco, tutto
le nazionalità si mescoleranno. Le lingue si mescoleranno.
Un futuro meraviglioso ci aspetta, dopo aver attraversato enormi parassiti necessari
in modo che non invadiamo il pianeta e non distruggiamo le altre specie.
Ci saranno sempre malattie per bilanciare la popolazione. Ma guariremo
con la mente.
Pagina 155
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
155
Quasi tutte le specie che ci hanno condannato scompaiono
accompagnato in evoluzione?
No. Li ricreamo. Rimuoveremo da una pelle di tigre appesa al muro
tigri.
Ma saranno reali o virtuali?
Vero.
Qual è la tua opinione sugli esperimenti genetici?
La genetica è sacra. Non dobbiamo opporci.
Pensi quindi che un giorno saremo in grado di creare bellezza, come l'ala di
una farfalla o un fiore?
Certo, possiamo prendere un osso o qualcosa di organico per ricreare l'animale: dentro
una cella è tutto.
Ricrea, ma non creare ...
Bene, puoi mescolare animali e specie ...
Quindi la manipolazione genetica ti sembra una necessità?
Mi sembra essenziale. La coscienza ci è stata data in modo che
sperimentiamo.
E la clonazione?
È assolutamente essenziale e devi sperimentare a fondo. Durante
un'età non era avanzata a causa del pregiudizio religioso, e ora non è avanzata
a causa di pregiudizi scientifici, economici, politici ... Dobbiamo
Continua!
Alcune persone pensano che la clonazione possa violare i diritti fondamentali
della persona.
Perché, se la persona vuole?
Parlo dal punto di vista di chi è nato clonato. Potresti crearne cento
copie di un essere umano e usale per trapianti di organi o schiavitù.
Goethe scrisse a Werther e duemila giovani si suicidarono, e alcuni dissero:
Perché ho dovuto scriverlo? Quelle cose non dovrebbero essere scritte. Ecco come
censura, derivata da ipotesi di questo tipo. Ma, seguendo lo stesso
ragionamento, dovremmo anche bruciare la Bibbia, perché ha prodotto di più
morti della bomba atomica. O tutti i testi buddisti, perché ci sono quelli che
brucia come un bonzo. Tutto ha un pericolo, sempre. Ma perché c'è quello
pericolo non impediremo alle cose di fare il loro corso. Come se ci fosse il
pericolo di creare eserciti di zombi, c'è anche la possibilità di fare
un'umanità nuova, dotata, longeva: una mutazione del
l'umanità verso qualcosa di infinitamente migliore di noi ora. Quello è lui
strada.

Pagina 156
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
156
Tuttavia, se analizziamo la storia, quando sono stati fatti tentativi per migliorare il
specie ci sono stati fenomeni gravi come ad esempio il nazismo.
Ma in quel caso furono tentativi di selezione razziale ai fini del dominio. Non
era genetico, non hai lavorato sul feto o sulla cellula, o niente per il
stile. Erano sogni del tempo, spinti dal desiderio di una razza superiore che
dominare le altre razze. Ma quello di cui sto parlando è un'umanità
superiore, non di razza superiore. Quindi, la genetica è ammessa. Vedi
Come ci sono barriere che ci impediscono di raggiungere la verità? Siamo rimasti
inchiodato all'idea che la genetica è a rischio di introdurre un nuovo führer.
Cambiamo il concetto: creiamo un'umanità superiore, e poi
accetteremo la genetica.
Pensi che in futuro ci sarà un mondo virtuale, mentre attiri
Internet?
No. La radice del virtuale è il reale. Per questo, sempre, il mondo virtuale è
si dissolverà nel reale.
Pensi che le religioni, come le comprendiamo, saranno a
passato?
Certo, un fenomeno storico, un fossile. Ci saranno mistici, ma i vecchi
le credenze saranno già fossili. Quando guardo i film con i preti, rido
molto: i preti sono come un vero carnevale, i rabbini sono come un
sfilata folle, i tibetani, la lepre Krishna, tutti mascherati da
travestiti. Un religioso non ha bisogno di indossare un'uniforme.
Ci saranno nuove chiese?
Non conosco le chiese, ma ci saranno grandi sale da ballo. Tutti quei posti lo sono
Si convertiranno in luoghi di festa.
Come pensi che si svilupperà l'arte?
Lo stiamo già vedendo. Con i nuovi media nasce l'arte multiuso. È
diciamo, ora siamo abituati a leggere una poesia, ammirando una scultura
o un dipinto, per andare a uno spettacolo teatrale ... In una piccola macchina lo avrai
tutto: letteratura, musica, voci, immagini, avrai una terza dimensione ...
totale arte.
Come si evolverà il nostro senso del tempo?
Dato che vivremo molto più a lungo, quando avremo tremila anni di vita sarà un
piacere essere vecchi, perché essere vecchi significa essere in mezzo al cosmo e al
universo. Sentiremo l'universo. È un dono divino che ci dà la vita.
Essere vivi è un dono inimmaginabile. Dobbiamo lavorare per migliorare
questa meraviglia.
La vita extraterrestre è molto presente nell'universo dei suoi fumetti. PER
ciò che è dovuto
È presente perché esiste. Come anche i problemi

Pagina 157
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
157
metafisico, politico, come tutto è. Perché in un fumetto non sarà in grado
essere tutto? I peggiori ci sono generi: teatro comico, teatro
drammatico, melodramma ... Non ci credo.
Non esiste un pianeta o sistema planetario: esiste un cosmo, un universo che
è presente in ogni secondo.
Pensi che ci possa essere una civiltà più avanzata da qualche parte nel
universo?
Certo, è completamente credibile. Perché dovremmo pensare di essere noi
solo esseri che esistono? La soluzione al fenomeno della coscienza che abbiamo
piuttosto che cercarlo nell'intero universo concepito come un'unità. E proprio come c'è
conoscenza e vita in un posto, ci potrebbe essere in un altro. Potrebbe essere un modo
di vita diversa dalla nostra, persino incomprensibile.

Pagina 158
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
158
L'arte della guarigione
L'organismo, secondo te, è un lavandino per problemi irrisolti.
Certo, perché quando non vuoi diventare consapevole di ciò che hai, il
il corpo lo trasforma in malattia. Ogni segreto tende ad apparire dal
proprio come l'occulto tende a manifestarsi. La natura vuole
sii sano e ti rendi conto di te stesso, e quando ti trattieni, trattieni qualcosa di te stesso
Stava uscendo da qualche parte.
Da dove provengono le dipendenze che affliggono le nostre società?
Di carenze infantili, che le persone cercano di compensare
modalità. L'alcolismo è generalmente causato dalla mancanza di latte materno. E il
La dipendenza da eroina è generalmente dovuta alla mancanza di essere, all'assenza di
riconoscimento, per riempire il vuoto di non essere amato.
Esiste la follia o è un'invenzione della polizia, come direbbe Topor?
Esiste. Abbiamo bisogno di sogno e realtà. C'è un momento in cui viene cancellato
individualità, e quindi il cervello funziona senza controllo, e arriviamo al
follia. Il cervello è un universo in costante espansione e movimento. Andiamo
in una prigione razionale che naviga dentro un pazzo.
Quale pensi sia la malattia più diffusa?
Sofferenza emotiva. La civiltà ci predispone.
Hai partecipato a molte operazioni in cui gli sciamani curano il
persone. Che ne dici della realtà e del montaggio nelle cure del
primitivo?
È ciò che chiamo "trappola sacra". Lo sciamano compie atti teatrali,
imita i poteri e imitare i poteri produce l'effetto, perché apre le porte
di quella cosa misteriosa che siamo.
Dubitava sempre di ciò che vedeva in quei tipi di rituali, ma poi gliene diede un altro
senso, piuttosto metaforico, che avrebbe poi integrato nelle sue terapie.
Ho iniziato a non credere in niente. Non che dubitassi, non volevo solo crederci

Pagina 159
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
159
quello. Il passo positivo che ho fatto in quelle pratiche è stato quello di eliminare il credere e
non ci credo, mi sono sbarazzato di questi due atteggiamenti. Gli scienziati non ci credono, ma
credono nel non credere. È un errore. Dobbiamo rinunciare a pregiudizi contro questi
agisce, sperimenta tranquillamente e vede i risultati.
Il modo di agire dello sciamano è, in ogni caso, metaforico.
Certo, perché l'inconscio procede con metafore. Se, ad esempio, a
qualcuno che ti ha fatto molto male gli dai una palla dipinta di nero e lui
dici "Ecco, questo è il tuo cancro e non il mio, tienilo", questa è una metafora.
Ma il paziente, più o meno, di solito rifiuta di essere curato.
Non è che resista più o meno, è che resiste sempre, per una ragione
molto semplice: la malattia stessa è già una resistenza. UN
resistenza al messaggio dell'inconscio. È in atto un divieto e,
nella misura in cui resisti, crei una malattia.
Quando leggo i tarocchi, combatto come se fossi in una partita di arti
arti marziali. Una lotta di karate con il consulente, che rifiuta di esserlo
aiutato. I tarocchi sono un'arte marziale che cerca di darti la vita, ma il consulente
combatte e resiste.
Combatti con le difese che appartengono a ciascun livello di coscienza. Passaggio
da un livello di coscienza all'altro è una battaglia. Le persone si difendono dall'essere
curato perché è stato caratterizzato da un carattere genetico, socioculturale e
famiglia che ti dà un'identità. Le persone malate chiedono qualcosa,
lei vuole che tu la ami. Per aiutarla, devi lottare per farla accettare
che non otterrà mai ciò che non gli è stato dato durante l'infanzia.
Paradossalmente, e allo stesso tempo, il paziente chiede una cura.
In realtà, il paziente chiede la cura in modo che il dolore scompaia, non il
patologia. Stai chiedendo un'aspirina metafisica. Lui vuole il
sintomo, ma rifiuta di voler vedere l'essenza che produce questa malattia.
Non vuole vederlo perché perdere l'identità è ciò che temiamo di più.
È come la paura della morte?
No. È molto più della paura della morte. Il cervello non concepisce la paura
fino alla morte, ma la paura di perdere la propria identità, che è il suo equivalente. Il
si può dire che una persona che perde memoria è un morto vivente,
devi iniziare una nuova vita.
Senza sfondo primitivo o superstizione, ciò che rimane del
cerimonie di guarigione eseguite dagli sciamani?
Non è solo una questione di decorazione primitiva. Non siamo primitivi. quando
Ero in India, in occasione delle riprese del mio film Tusk (1978), ho cercato un
insegnante. Ho incontrato uno che stava lasciando l'albergo e che era molto grasso, lui
si era arricchito e ingrassato, si era occidentalizzato in un certo senso
grottesco. Un altro giorno vidi una sfilata di sadhu, i santi indiani,
protestando che il prezzo della marijuana era aumentato: erano tutti
drogato. Le donne vendettero i loro sari di seta e comprarono quelli di nylon.
Eccetera. Questi popoli primitivi vogliono venire qui, questo spiega l'invasione di

Pagina 160
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
160
sciamani di ogni genere che arrivano nelle nostre città. Tutti quelli che vengono
per salvare il mondo in cui vogliono entrare nella civiltà e ciò che li attrae è
tutti i soldi. Questo è ciò che attira l'attenzione dell'Occidente. È ridicolo
che noi, che abbiamo lasciato la mentalità primitiva, siamo arrivati
alla mente razionale, torniamo a cercare segreti nella primitiva. Non
possiamo tornare indietro. Dobbiamo prendere quella conoscenza, applicarla alla nostra
mente razionale e andare ancora oltre.
Ma c'è chi va nella giungla in cerca di riti, sciamani e riferimenti
che abbiamo dimenticato qui ...
La moda per il neo-sciamanesimo è ridicola. È bello visitare altre città
apprendere tecniche che abbiamo perso, ma non imitarle o riprodurle
superstizioni, i loro dei o i loro riti, che non ci servono. È stupido NOI
Non saremo mai Redskins o indiani dell'Amazzonia, anche se lo faremo
proponiamo. Il libro di Antonin Artaud The Tarahumara è deplorevole, in
quanto parla di quella città con uno sguardo turistico. Tende a idealizzare
gli antichi. Non erano meglio di noi, anche se le persone e il folklore
hanno sempre conservato i resti di una conoscenza deceduta che, dall'altro
parte, non possiamo impiegare. L'atteggiamento tradizionalista non ci è utile.
In cosa consiste la psicomagia?
Psychomagic consiste nel dare consigli per risolvere problemi,
applicando in modo non superstizioso le tecniche della magia. Gli elementi
che sono disponibili sono tutti i tipi di atti simbolici che possono essere
proposto a una persona.
La prima cosa di cui dobbiamo essere consapevoli è che quando a
persona ha un problema che devi introdurre nel loro problema, in modo che lo sia
esserne consapevoli. Devi portarlo al limite del tuo problema, non allontanarlo
accanto a lui, ma affronta le sue paure. Una volta superati, il
L'angoscia scompare e la persona può superare. Se hai paura di qualcosa,
Devi affrontare quella paura. Questo non è qualcosa di originale: devi metterlo
persona di fronte alla sua angoscia. Da lì, ci sono metodi concreti per
aiutala. Nel caso in cui una persona abbia sofferto per tutta la vita, l'unica cosa
Ciò che si può fare è lasciarlo morire e rinascere di nuovo. Questo è fatto
metaforicamente, ad esempio cambiando il nome e creando una carta
nuova visita.
La psicomagia dipende da soluzioni creative molto semplici in cui io
Non ho limiti. Sono cose non aggressive, cose benigne, mai
distruttivo. Ad esempio, se seppelliamo qualcosa dobbiamo piantare qualcosa. Il
la creatività non dovrebbe essere vista dal lato del male o come una possibilità di
fai male, capisci? Perché la creatività dal male diventa
distruttibilità. E la distruttibilità non è interessante.
Puoi applicare te stesso la psicomagia o hai bisogno di un insegnante?
Ovviamente puoi applicarlo da solo. Lo faccio continuamente.
Ho feticci miei e sacri, e anche comici. Ho creato un
piccolo altare, riflessi condizionati.
Quali caratteristiche deve avere un uomo per guarire un altro?

Pagina 161
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
161
Non cura un altro, aiuta un altro a guarire. Chi vuole guarire un altro è un
invano. Neanche l'altro è guarito. Dio lo guarisce. Credo che il motore di tutto
questa è bontà Quando una persona sviluppa in sé la sensazione di
gentilezza, nota i sentimenti dell'altro e fa quello che può per tirarlo fuori
sbagliato. Devi metterti nei panni dell'altro e fare ciò che puoi affinché l'altro
scopri come guarirti. Per questo è necessario che l'altro sale al
consapevolezza e spostare la tua visione delle cose. Tutti percepiamo il
vita da un punto di vista, più o meno variabile, ad una certa altezza.
Quando cambiamo quel punto di vista, la nostra vita cambia.
Il terapeuta dovrebbe lasciare la morale da parte per guarire?
Deve essere amorale, ma non immorale. L'immoralità rivela una malattia.
Essere amorali per il terapeuta significa non giudicare. Come un medico: se a
l'assassino ha una ferita, il chirurgo lo aiuta e cuce la ferita. Dello stesso
come dovrebbe agire il terapeuta. Devi lasciar andare il pregiudizio e altro ancora
persino un terapista psicologico.
Un certo disinteresse personale e la distanza sono essenziali per curare?
Sarebbe necessario specificare ciò che intendiamo per "disinteresse". Va bene non volere
nulla della persona, ma ciò significa anche un certo cinismo e indifferenza. lui
il terapeuta ha interesse a guarire la persona, e precisamente quell'interesse fa
renderlo altruista. Sto parlando di terapisti che non stanno cercando di fare soldi o
truffa le persone, come fanno certi indovini. C'è un altro tipo di interesse, che
si manifesta quando lo psicoterapeuta ha un complesso di fronte al cliente e
vuole diventare un supporto per i malati, rafforzare il loro ego o exploit
il suo interesse narcisistico. Altre volte ci sono interessi politici o sociali. ho incontrato
a uno psicoanalista che distrusse sistematicamente le coppie che erano
avvicinato perché odiava l'uomo. C'è anche l'interesse di essere amati. O
il più semplice: cerca di fare amicizia con il paziente, ma questo deve essere lasciato
lateralmente per guarire.
Spesso dici che la guarigione è tutt'altro che un gioco surreale ... ma dentro
nelle sue ricette di psicomagia c'è molto gioco e persino umorismo.
C'è un po 'di umorismo, ma quello che succede è che il momento lo facciamo
qualcosa che non abbiamo mai fatto, siamo già sulla strada della guarigione. Ci sono
di rompere le routine. Come parliamo del linguaggio dell'inconscio o
sogni, questi atti possono essere strani in apparenza. È il modo
contrariamente a quello seguito da Freud con psicoanalisi e sogni. lui
la psicoanalisi registra i sogni e li interpreta alla luce della ragione, va da cosa
inconscio al razionale. Vado indietro: prendo il razionale e lo trasformo in
linguaggio dei sogni, introducendo i sogni nel linguaggio della realtà.
Gli atti psicomagici equivalgono a costruire sogni nella realtà. naps
le cose non accadono, devi farle accadere. La realtà cerca la liberazione
onirico e devi far accadere qualcosa affinché qualcuno possa guarire. Tutto ciò che
viene fuori dal razionale lo fa ridere o spaventare. Risate o orrore sono solo reazioni
per uscire dall'ordinario.
La verità è che la psicomagia è diventata popolare. Come lo prendi?
Trovo per strada molti atti di psicomagia che non ho dato.

Pagina 162
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
162
(Risate.) È vero che viene usato molto. All'inizio ero molto discreto.
Per anni ho dato consigli e li ho scritti. Poi venne Gilles Farcet e
abbiamo realizzato il libro Psychomagia, che ha impiegato quattro anni per preparare, mentre io
ancora lavorando. Quando il libro è uscito in Francia ha avuto molto successo e
tradotto in spagnolo e italiano. La gente ha iniziato a cercarmi, e poi
Sono stato in grado di fare esperimenti. Per un anno ho ricevuto due persone ogni giorno a
casa mia per cercare di elaborare le leggi della psicomagia, ho pensato che fosse parte
della mia creatività e che, prima di morire, dovevo essere in grado di mostrarglielo
mio figlio Christopher, mia moglie Marianne e poi alcuni terapisti.
Continuo ad addestrare le persone, ma il processo è molto lento. Sono necessari a
meno, quattro o cinque anni di esperienza e molta attività artistica.
La differenza fondamentale tra questa terapia e la psicoanalisi è che
È stato creato da persone che venivano dall'università e dalla scienza, mentre
che ho creato una tecnica che viene dall'arte. Dico che uno scienziato no
può essere un terapista. La cura è opera di artisti e poeti. Altrimenti non puoi
cura.
Lavora a fondo con il corpo, ma tenendo conto dell'esistenza di a
corpo fantasma, di cui hai studiato molto.
Ho iniziato a studiare religioni, tantra, yoga, alchimia, zen,
Medicina cinese, la Cabala. Mi sono reso conto che ogni cultura crea una biologia
immaginario che funziona. Ad esempio, ho studiato quel muladhara chakra, che
è tra il sesso e l'ano, è come un fiore a quattro petali che ha
centra un elefante con il tronco sollevato. All'inizio ho pensato:
"Davvero non mi sento come se avessi dei fiori tra il pene e l'ano."
Ma quando sono andato in India ho deciso di cavalcare un elefante, per vedere cosa fosse. E
allora ho capito perché l'hanno detto di quel chakra: quando cavalchi un elefante
senti la forza della natura. L'elefante si muove come un giroscopio, non lo so
non si inclina né a destra né a sinistra, va come una barca in un mare calmo.
È come una forza monumentale della terra che senti tra le tue gambe.
Poi ho capito che quei fiori e quell'elefante sono metaforici, ci sono
che capirlo nel suo senso culturale; sono posizioni che si trovano in
corpo, ma sono immaginari.
A molte persone dico che se vuoi imparare il massaggio do-in, non premere
il pollice il corpo in cerca di meridiani mitici. Ti insegno tra un'ora come
spingi tutto il corpo della persona con il pollice e i pazienti guariscono.
Chakra e meridiani sono biologie immaginarie. Il corpo è un tutto. io
Mi sono interessato alla biologia immaginaria perché l'ho scoperto quando immagini la tua
corpo, lo stai creando. Castaneda ha una forte biologia immaginaria, con
il punto di raccolta e tutto ciò che proviene dall'esoterismo europeo, dall'aura e
il riposo. Ho anche studiato i corpi mutilati, i cosiddetti "arti"
fantasma".
Che consiglio daresti per perdere le paure che soffriamo?
Ogni caso è diverso, ma ho sempre detto che devono essere manifestati
una forma psicomagica. Devi scoprire cosa ti spaventa e farlo. Si uno
la persona ha paura di morire, lo sottopongo a un funerale, lo seppellisco simbolicamente. PER
Chiunque abbia paura di essere povero lo ha mandato in un'altra città per chiedere un giorno. Loro
Mi metto al limite di ciò che temono. Affrontarla.
Georg Groddeck ha detto una cosa che mi è davvero piaciuta: "Hai paura di cosa

Pagina 163
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
163
tu vuoi". Se una persona ha paura di essere gay, lo mando vestito
Travestito in un bar gay. Per superare la paura, devi lasciarla
entra concretamente nella tua vita.
La medicina del futuro contemplerà argomenti come la psicomagia,
teatro o psico-sciamanesimo?
La medicina del futuro dovrà integrare tutto ciò, sebbene lo sia già
facendolo. Ho molti studenti del Dr. Hamer, che hanno creato il
biopsicogenealogia, che per me è un delirio, ma a poco a poco
evidente.
E il mio amico Jean-Claude Lapraz, un medico di fitoterapia, mi ha mandato per due
anni ai suoi pazienti in modo che potessi vedere se c'erano problemi psicologici.
Tra noi due, abbiamo raggiunto un accordo che diceva: «No
supponiamo che tutte le malattie siano psicologiche, ma lo faremo
osservare ciò che è psicologico nelle malattie ». Studiamo il
eventi psichici nella loro relazione con il corpo e, allo stesso tempo, i due
abbiamo fatto il nostro lavoro.
I medici di oggi ... esercitano un po 'di psico-sciamani?
Ma se per la stragrande maggioranza di loro sei un numero e non hai nulla
cosa dire! Lo stato della medicina deve essere radicalmente riformato: dal
ospedali alle abitudini. Infermieri, dottori, non sanno come trattare il paziente,
pensano che il paziente debba essere trattato in modo crudele e impersonale, e non è così
lavori. Guariscono le macchine.
La cosa fondamentale nella guarigione è che la persona si esprime e parla. Appunti,
Quando guarisci qualcuno, c'è un cambiamento nella persona che è stata
sentito. Per curare devi sapere chi è il paziente e in quale campo
La sua malattia e il suo carattere si sono sviluppati. Per sapere chi è, è importante
È necessario sviluppare il tuo albero genealogico almeno fino ai bisnonni.
Ma nulla di tutto ciò si applica oggi nella medicina convenzionale.
Cosa ne pensi del suicidio?
Se hai una malattia grave e incurabile, il suicidio è un'opzione possibile.
Le persone hanno il diritto di porre fine alla propria vita. La vita non prolunga a
agonia. La medicina di oggi prolunga il dolore, ed è terribile.
Come vedi come la nostra società affronta la morte?
È mostruosità come nasce e come muore. Non è così che dovrebbe essere
per venire al mondo, si dovrebbe recuperare la nascita e la morte a casa.

Pagina 164
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
164
Comprendi la vita
Tutta la vita non è forse un miracolo?
È ricco. Se guardi da vicino un prato, ti rendi conto che ogni cosa
la pianta è di un verde diverso, ogni coccinella è diversa dall'altra. Molti
conosciamo l'aneddoto di quell'uomo che ha fotografato i fiocchi di neve e
scoprì che ognuno era diverso: miliardi di fiocchi, ognuno
con la sua forma. In altre parole, tutto è varietà, differenza. Ma allo stesso tempo,
tutto viene comunicato, siamo collegati da fili segreti. Si vive solo una volta
creazione miracolosa. Tutta la realtà è una pura unione di fili mentali,
emotivo ...
Devi camminare in punta di piedi, leggermente, sul mondo senza soffrire
la realtà...
I passaggi sono importanti. L'intero essere si riflette nelle piante dei piedi,
Dove vanno tutti i tuoi finali. I passaggi ci definiscono. Gli esseri
persone care, cani e gatti, ad esempio, conoscono i nostri passi. Ma c'è
le persone che vivono molto chiuse nelle loro menti e non si preoccupano dei loro passi,
come se la terra fosse davvero sporca e potesse macchiarsi i piedi.
Quando ho lasciato il Cile avevo 23 anni, al mio ritorno avevo 63 anni. Le strade
erano pieni di ricordi, di emozioni; Sono stato lì tutta la mia adolescenza,
pieno di poesia. Camminava sui marciapiedi accarezzandoli con le piante dei piedi
scarpe. Le azioni verso gli altri dovrebbero essere delicate come i passaggi
colpiamo la terra che fa parte di noi.
Cosa significa "non soffrire" la realtà?
La persona che non controlla il proprio territorio non controlla la propria esistenza. Se uno non lo fa
è cosciente, si lascia andare, non solo esternamente ma anche con il
pensieri che ti assaliscono. È molto vulnerabile a desideri e sentimenti. Di
esempio, vivi tranquillamente con tua moglie e, catastrofe!, all'improvviso perdi la
controllo perché ti sei innamorato di un altro. Non devi soffrire la realtà, devi
navigare su di esso, superare venti e tempeste. Tra i colpi del
mare e segni, devi muoverti con calma e guardare verso il porto
dove stai andando.
A New York, quando stavo mettendo insieme il mio film The Holy Mountain,
Ho avuto problemi di ogni genere e ho inzuppato sei o sette camicie con il mio sudore

Pagina 165
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
165
ogni notte. Sono andato a trovare un saggio cinese che mi era stato consigliato. Era
poeta, grande insegnante di tai-chi e medico. Appena mi vide, disse: "Che cos'è
il suo scopo nella vita? ». Sono rimasto trasposto, senza risposta. Lui continuò:
"Se non mi dici qual è il tuo scopo nella vita, non posso curarti."
Poi ho capito che se una nave attraversa la vita senza scopo, non raggiunge
nessuna porta. Ciò che permette alla vita di non divorarci è avere uno scopo.
Più è alto, più ci vorrà.
Come mistico ho un solo scopo: conoscere Dio. Non il dio
di cui si parla dappertutto, ma quella cosa incredibile che muove il
universo. Ancora di più: dissolversi con calma in lui. Questo è il mio scopo
E, per questo, non è necessario essere un guru, una persona illuminata o un altro burattino per il
stile.
Dovremmo agire nella vita come in un grande sogno?
Come in un sogno lucido, non come in un incubo. E più è lucido
un sogno meno sonno è. Passare il fiume è passare la vita. Piena felicità nonostante
di piena sofferenza. Non mi piacciono le guerre. Ne ho passate molte:
Ho iniziato con il mondo ... Non sono uno di quelli che credono che gli esseri umani dovrebbero
essere angosciato.
Ma il fatto è che viviamo pieni di angoscia ...
Ricorda che Maria e Zaccaria vedono un angelo e che, due volte, l'angelo
dice loro di non aver paura. Stavo scrivendo I Vangeli per guarire e io
Mi è venuta in mente questa scena. Credo che l'angelo porti via la loro paura. Il primo
il passo per entrare nella coscienza divina e cosmica è perdere la paura. Di
di? Perché l'essenza degli animali è avere paura, e questo ci limita.
Il nostro corpo ha paura di essere mangiato. Questo è il primo e il più basilare.
Film come Alien o Shark affrontano quel background primitivo: essere divorati o
non dover mangiare.
La paura, d'altro canto, è utile. Se i bambini non hanno imparato che non hanno
che bruciare, morirebbero tutti. La paura preserva la vita, senza di essa non viviamo,
ma invece il panico è qualcos'altro. L'angoscia è paura di cosa
sconosciuto. Quando non sai di cosa hai paura, allora succede
angoscia. L'essenziale non è tanto sbarazzarsi della paura quanto non lasciarsi dominare
per panico.
Dice che l'amore cresce mentre diminuiscono le critiche. ¿ Come
Dovremmo agire contro i difetti degli altri?
Il nemico dell'amore è la critica dell'altro. Se qualcuno ti critica, è perché non lo fanno
amore. Devi accettare l'altro così com'è. Ora, la critica è una cosa e la
il giudizio oggettivo è un altro. Giudicare è male, ma sapere cosa succede agli altri
va bene. Devi dire all'altro: «Non ti critico perché ti amo, ma vedo il tuo
limiti e vorrei renderti consapevole di loro in modo che tu faccia cosa
tu vuoi ". Questo non è critico.
Di solito dice che "ciò che ti dai dai, ciò che non ti dai da portare via" ...
Ciò significa che ciò che fai al mondo lo fai a te stesso, e cosa
non dai al mondo lo porti via. Se mantengo la conoscenza, la porto via. Me
Avevo un insegnante, un alchimista, che aveva 110 anni e si impiccò con un filo

Pagina 166
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
166
nella sua stanza. Aveva una conoscenza enciclopedica e monumentale, ma la dava
in poche frasi ... A cosa serviva accumulare così tanta conoscenza? lo so
suicidio!
La conoscenza è ricevuta e data. Quando dai la conoscenza
arricchisci. Se non dai amore, lo stai togliendo da te stesso. Se inizio
aiutare le persone, se inizio a guarire le persone, inizio a guarire,
Capisci Per essere un terapista devi essere malato. La prima cosa lì
cosa fare per guarire te stesso è curare le persone. Il mondo sei tu e io lo sono
me. Il mondo non è nostro, è quello che siamo. Non voglio camminare con i piedi
sporco. Perché devo camminare su terreni inquinati o tra alberi
chi sta morendo? Ciò a cui stiamo soffrendo stiamo facendo
noi stessi: se avveleniamo l'atmosfera attacchiamo i nostri polmoni.
Se ingerisco tossine come nicotina o alcool, sto contaminando il mio sangue, ma
Dato che il sangue appartiene a tutti - il mio sangue non è mio - sto avvelenando il
umanità.
Ho un'altra frase: «Non voglio nulla per me stesso che non sia per gli altri».
Ha scritto che per trasformare bisogna dare e non chiedere, il che è molto
diverso.
Per trasformare devi dare, ma anche per trasformare devi
per imparare. Uno si chiude e non ammette l'amore dell'altro, l'affetto o l'aiuto di
altro. Il vero salto è imparare a ricevere, che è difficile quanto imparare
dare. E devi anche imparare a chiedere ciò di cui hai bisogno: la giustizia è dare
se stesso ciò che si merita. Ecco perché nei Vangeli si dice: «Chiama e sii
ti si aprirà ». Se chiedo una lunga vita è perché ho il diritto di chiederlo. Se io
Chiedo che venga usata altra energia oltre al petrolio perché ce l'ho
il diritto di chiederlo, come ad esempio che i fiumi vengano puliti o che le guerre si fermino o quello
le fortune non si accumulano in alcuni paesi mentre altri trascorrono la miseria.
Ho il diritto di chiedere che le fortune circolino in tutto il pianeta. abbiamo
che imparare a chiedere ciò che è giusto e non chiedere ciò che non è necessario chiedere.
E le persone che non chiedono ...?
Un santo che non chiede nulla è un santo che vive chiuso in se stesso e
che il mondo lascia passare ... È una decisione individuale, ma è necessario avere
a chi trasmettere le tue conoscenze. Un momento fa ti ho menzionato
maestro alchimista, che aveva un'incredibile saggezza e che mi rivelò il
segreti del contagocce. Era stato un prestigiatore, un uomo famoso ...
Aveva messo tutti i suoi soldi in banca e, a causa di un errore economico del
l'inflazione, la perse e non sapeva cosa vivere. E così è appeso a un filo.
Si è impiccato per non averlo condiviso con gli altri. Ho avuto una crisi profonda
quando l'ho scoperto e mi sono chiesto alla fine di quell'uomo. Ho imparato qualcosa: il
saggezza che non dai, perdi. Alla morte di quell'uomo, con la reazione
che mi ha prodotto, ho iniziato con il mio mistico cabaret, un posto dove avrei potuto insegnare
il resto tutto ciò che ho imparato durante la settimana. qualche volta io
hanno rubato idee, ma non importa. Ci sono persone che dicono che abbia fatto cose che io
Mi sono inventato. Non mi importa.
Una volta, questo stesso insegnante centenario con il corpo di un adolescente,
Ha detto che aveva studiato arti marziali. "Anch'io", risposi.
Eravamo a Notre Dame e lui disse: "Attaccami". Mi metto in posizione
combatte e muove la mano sinistra in un modo così incredibilmente bello
che mentre la guardavo affascinato mi ha dato un grande schiaffo: «La bellezza è la

Pagina 167
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
167
arma più pericolosa ", mi ha avvertito. Mi ci è voluto molto tempo per capirlo.
Ha usato una pratica segreta cinese che prevede il disegno a
serpente che distrae il nemico. E così è la bellezza. L'arma più terribile.
L'arma più potente dell'essere umano è l'immaginazione. Da dove viene
l'immaginazione?
L'immaginazione è un gioco di costruzioni che abbiamo. Per vari
percorsi che stiamo acquisendo materiali: parole, emozioni, desideri,
bisogni, sensazioni, percezioni. Tutti questi materiali
Organizziamo con la nostra coscienza razionale, come abbiamo fatto noi
imparato. Sebbene siamo primitivi nel processo di identità e nella conoscenza
nostre possibilità, le organizziamo. Nel cervello, tutti questi
i pezzi si accumulano e possono essere mescolati e ordinati con forme diverse,
come nel giocattolo Lego. In questo processo non abbiamo solo cosa
ci viene dato dall'esterno, acquisito, ma con ciò che si trova,
misteriosamente, nel nostro cervello; quello che chiamiamo inconscio. L'immagi-
la nazione deve creare con questi materiali. Quando leggi, stai immaginando molto
più di quello che stai leggendo. L'immaginazione è una lingua più ricca di
linguaggio orale limitato ... L'immaginazione supera i limiti razionali. C'è un
visivo, tattile, olfattivo, orale, uditivo, emotivo, sessuale o
lectual. Un'immaginazione emotiva che sviluppa i tuoi sentimenti al punto
sublime o criminale. Un'immaginazione sessuale, come quella del Marchese de Sade;
un'immaginazione materiale, come quella di Marx, che ha visto il mondo attraverso
dell'economia. Chiamo la creatività dell'immaginazione. La base della vita.
Se soffriamo è per mancanza di immaginazione, per mancanza di creatività.
Dopotutto, abbiamo qualcosa per risparmiare la vita?
(Sorridendo.) La tua domanda è bella, perché rende la vita un oggetto e
da te un soggetto che è al di fuori di esso e che lo giudica anche. Noi non
siamo burattini fuori dalla vita! Per perdonare la vita avremmo prima
che perdonare noi stessi. E dovremmo essere colpevoli
di qualcosa e noi non lo siamo. Non c'è nessun difetto. Non c'è nemmeno un criminale che lo sia
colpevole da solo: ogni singolo crimine è il prodotto della famiglia, della società e
la storia.
Ho parlato in termini di risentimento verso la vita.
Devi perdere i risentimenti: è il grande lavoro di risolvere la rabbia e
rancore. Siamo pieni di rancori e frustrazioni per l'amore non imparato.
La malattia è mancanza di amore.
E contro la mancanza di amore?
La creatività.
Possiamo imparare ad essere creativi?
Certo, ti darò immediatamente un corso.

Pagina 168
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
168
Corso intensivo di creatività
Pagina 169
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
169
introduzione
Quando parlo di creatività mi riferisco a un cambiamento totale in
noi stessi. Se non avessi mai voluto riflettere ad alta voce su questo argomento
è perché quello che sentirai è molto strano. Senza creatività, il mondo
sta andando molto male. Sono sicuro che la maggior parte delle malattie
provengono da una mancanza di creatività e che i problemi sociali
abbiamo nel mondo sono dovuti a questa mancanza. Cattiva creatività
capito causa guerra e criminalità.
Per lavorare con la creatività, devi essere critico con te stesso e verso di te
tutto ciò che rappresentiamo. Quando guardo una persona, posso vedere dove
lo stato è il tuo corpo. Vedo anche le sue tensioni mentali,
come si ritira il suo spirito. In altri, percepisco i dubbi che hanno
se stessi o guardo l'educazione ricevuta come una crosta pesante, da allora
sono stati educati dalla razionalità. Altri ballano tutto il tempo con
cose del passato. Quando guardo, non lo faccio con uno sguardo critico ma con un
aspetto creativo. Se leggo i tarocchi a qualcuno vedo la persona interamente, perché
Ignoro i miei limiti per questo. Questo è solo un esempio di creatività.
Voglio spiegare cos'è la creatività nel suo insieme e perché la creatività
è così raro. La creatività è così strana che con essa puoi diventare
Cristo, Buddha, la Vergine o Atena. La creatività è legata alla religione
e anche con i miti. Mi ha salvato la vita. Quindi ho intenzione di presentare
questo corso racconta le cose del mio passato.
Ti dirò che sono nato in un quartiere popolare, che mio padre aveva un negozio ed era
mercante. Lo dico in un libro intitolato La danza della realtà. Sono venuto a
fermare un mondo molto limitato e ho pensato che la creatività fosse l'unica chiave
aveva. La verità è che mi piaceva studiare, ero un bravo studente, ma io
un po 'noioso. Come i miei zii, che odiavo, erano studenti universitari,
Ho lasciato il college. Poi mi sono detto: "L'unica chiave
può salvarmi la vita è immaginazione ».
Ma come si sviluppa l'immaginazione? Nel mio caso non è stato difficile. Me
Avevo imparato a leggere all'età di 5 anni e ho trascorso gran parte del mio tempo tra
libri: fiabe, storie di ogni tipo ... Ho sviluppato la mia immaginazione
attraverso la lettura. L'immaginario formato attraverso i libri è sempre un
immaginario intellettuale, passa attraverso le parole. Ma l'immaginazione è
molto di più. La creatività trabocca di parole.
Uno dei grandi nemici da creare è il morale. Devi essere amorale
sviluppare l'immaginazione. La moralità imprigiona l'immaginario. dovere
sii coraggioso e fai a meno di quella stampella.

Pagina 170
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
170
Storia immaginaria
L'essere umano, dal punto di vista storico, ha iniziato vivendo
rinchiuso in ciò che era, in sé. Poi si rese conto che poteva
lasciando in sé elementi che non erano in esso, ma al di fuori di esso
Corpo. Ci mettono nella natura e si scopre che la natura lo è
NOI! All'inizio, tuttavia, il mondo era estraneo a noi.
Ad esempio, supponiamo di essere un selvaggio: so che il mondo non sono io,
ma mi rendo conto che ci sono alberi, vegetazione, fiori, muschio ...
di stregoneria, un giorno incorporo l'albero nella mia persona. Creo un totem di verdure.
Sono attaccato all'albero, al totem. Quando un albero viene piantato, quell'albero sono io;
quando il suo tronco viene tagliato, muoio. Quando muoiono, si depositano nella mia bocca
semi, e da esso cresce un altro albero meraviglioso. Un albero emerge dal mio cadavere,
quindi sono un seme. Incorporando gli alberi, comincio a coltivare la terra,
perché mi identifico con le piante. Ciò che è alla base della mia immaginazione
È il mondo vegetale, e questo è stato trasmesso fino ad oggi dal
I fitoterapisti usano le piante per guarire. Devi entrare nello spirito di
piante, ma al contrario, aprendo una porta per lo spirito del
le piante mi penetrano. Fino a quando lo spirito delle piante non è penetrato
In me, non sarò creativo.
Dove finisce lo spirito delle piante è l'Om Mani Padme Hum,
o il diamante nel loto. Qui è concentrata l'intera religione tibetana. Del
la palude lascia un loto in cui Buddha cresce. L'intera religione egiziana o buddista è
si deposita nell'incorporazione di una pianta. Perché si apre al sole, si espande
il suo profumo diventa dio. Sono una pianta che cresce dal fango, che cresce da
il mio inconscio; Cresco dalla coscienza, dalla conoscenza e l'Essere viene da me
di luce. Tutto ciò ha un'origine remota. La pianta che ho incorporato in me ha
apri le mie porte. C'è un koan zen che dice: «Porta aperta a nord, porta
aperto a sud, aperto a est, aperto a ovest »- È la risposta a
cos'è il Buddha. Non capisci cosa significhi, ma almeno tu
capire che qualcosa si apre. La persona che non è iniziata nella creatività
Si dedica alla ricerca, ma sarà molto difficile per lui aprirsi. Per essere creativi, c'è
lasciare andare. E così entri nello Zen, perché la valuta essenziale dello Zen è
lascia cadere i legami, liberati.
Quando l'umanità continua la sua avanzata, l'uomo lascia entrare l'animale
a. Assorbe l'animale: insetti, rane, tigri, leoni,
leopardi, ragni ... cioè il totem animale- Dal totem animale nascerà tutto
gli dei: Apollo è una rana, per esempio. In molte culture brillano
maschere di animali, leopardi in Messico, coccodrilli in Africa e persino
lo zodiaco è simboleggiato da figure animali e ancora oggi il
incorporazione del totem animale nella nostra vita quotidiana: usiamo espressioni
come "essere un rapace" o "fare la guerra come predatori". abbiamo
incorporato l'animale in noi.
È così che all'inizio l'essere umano ha prodotto la sua creatività. Di ogni cosa
che incorpora, fa un dio. Con ogni dimensione incorporata, la nostra
essere. Dopo aver incorporato l'animale, l'uomo diventa un cacciatore; può sollevare
mucche, agnelli ... Se incorpori una tigre, puoi cacciare una tigre; se inserisci a
elefante, puoi domare un elefante. Da qui il dio Ganesha in India,
con la sua testa di elefante. Per la cultura indiana il ragno è Maya, quello che tesse il
universo; E questo universo è un sogno, un sogno intessuto a forma di ragnatela. Nel
il tarocco possiamo vedere che l'arcano 8 è giustizia e giustizia è a
discendente del ragno. Tutte e otto le discese dal ragno: le otto zampe, la

Pagina 171
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
171
simbolo di infinito e altri riferimenti.
Ma devi andare oltre. L'uomo osserva i movimenti della luna,
i movimenti del sole; Lo sguardo delle stelle incorpora i ritmi del cosmo.
Da qui la legge, i reali sono nati; l'intera organizzazione della società nasce dal
incorporazione del ritmo cosmico. Ad esempio, c'era un re che nelle notti di
la luna piena ha fatto regali alla sua gente e quando la luna è scomparsa è stata
deposto. Hanno seguito il comportamento della luna. È pensato in cicli. L'inclusione di
le stelle nell'organizzazione sociale persistono ancora. Siamo governati da a
presidente, che simboleggia il sole, e dalla moglie del presidente, che simboleggia il
Luna. Il papa è un simbolo solare; la Papessa è un simbolo lunare. Il
L'assimilazione dei ritmi cosmici è importante per noi. L'illuminazione
è fatto con riferimento a quei cicli. Si dice: «Mi accenderò, lo farò
diventa il sole ». E brilliamo come il sole. Cioè, quel nostro fine supremo
deve diventare Sole (Amon-Ra), perché la luna riflette la luce del sole. Che cosa
significa che l'io deve essere come la luna, quell'umile, su cui riflettere
è interamente luce solare. Quando al sole è stato dato un significato maschile,
la nostra società ha iniziato a degenerare. In Germania ci sono tracce di a
antica civiltà in cui la luna era maschio e il sole femmina. Loro sono
resti di una società matriarcale in cui significava diventare un sole
diventare una donna. Oggi significherebbe diventare un uomo,
inconsciamente parlando. Tutto ciò non significa che dovremmo capire
il sole come rappresentazione papale o altra rappresentazione. In fondo al sole c'è un
una specie di essenziale androgino.
Già nell'era dell'illuminismo, l'uomo decide di essere intellettuale, puramente
intellettuale. E i meccanici iniziano a produrre i dispositivi: motori a gas,
meccanismi o macchine che funzionano con energia manuale, come ad esempio
orologi. E l'uomo incorpora le macchine. Il comportamento del
macchine! Il pensiero razionale è arrivato. Ancora oggi ci sono tracce
di quel razionalismo dell'Età dell'Illuminismo. Quando vado al cinema con un francese,
Dice: "Ma questo non è logico, non è possibile". Se vedremo The Shining, il
Film di Kubrick, quando il protagonista si blocca e improvvisamente esce con un
ax, diciamo: "Questo non è possibile, non è logico, chi ha aperto il file
porta?". Poiché non sembra possibile, non sembra accettabile. Tutto ciò che non lo fa
Non è logico che non valga la pena! Ciò che faccio come esempio mostra l'introduzione di
la macchina nel nostro immaginario, perché le macchine sono assolute e
totalmente logico. Hanno uno scopo molto chiaro, quindi l'uomo deve
avere uno scopo chiaro. Il buddismo, al contrario, cerca l'illuminazione senza
scopo. Siamo contrassegnati dal razionalismo. Essere razionali è buono, ma
Essere solo razionali è una lebbra, è una piaga, una malattia. Quando il
la sessualità ha preso la strada della razionalità attraverso la religione, perché
Ad esempio, si è verificata una catastrofe. È stata creata una morale razionale che è stata
esteso a tutta la società e che è profondamente distruttivo. Incorporando
la razionalità nei confronti del sesso crea un problema, che ci ha portato in seguito,
proprio per rompere la razionalità.
Freud e i surrealisti apparvero in reazione a questa malattia. lui
Il surrealismo è stato molto importante perché abbiamo iniziato a identificarci con il
sogni, rivendichiamo il regno dei sogni, in quanto è parte di
NOI. Prima, in Grecia, il sogno era degli dei, non era per il
gli esseri umani. Ma incorporando il sogno, sono quello che sogno.
Ancora un altro passo. Ora, nel 21 ° secolo, abbiamo i computer. esso
È un cambiamento totale della nostra mentalità, perché in dieci anni abbiamo

Pagina 172
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
172
assunto tutti i sistemi informatici. Ora una casa che puoi guardare
da tutti i lati. Sai, con la tua immaginazione, che puoi entrare nel
finestra, visita un appartamento ed esci. Possiamo guardare una persona con il
mente, attraversa tutte le tue vene e tutto il tuo corpo per raggiungere il luogo prescelto.
Voglio dire che inizi ad avere un atteggiamento da computer. Questo è il
mutazione che stiamo soffrendo al momento. Elaboriamo i dati di
un modo differente. Cosa verrà dopo? Beh, ho fatto un breve tour
storico dell'immaginario.
Quello che voglio spiegare è che, se guardo le mie scarpe, sono di un'epoca
razionale, vedo la verdura, le scarpe come radici. Vedo l'animale, le scarpe piacciono
pelle, il materiale con cui sono realizzati. E posso anche intravedere dove
mi prendono, le scarpe come oggetto, e questo è razionale. Surreale: lo vedo
tutta la mia infanzia è lì dentro! E nell'età di oggi, le scarpe possono essere
rosso, può essere verde, giallo; Posso cambiare il colore, posso cambiare
la forma; ci sono dieci milioni di scarpe che posso mettere subito in piedi.
Sono libero di uscire dalla mia prigione mentale.
Dalla nostra cella
Comincio questa parte del corso con la parola "prigione". Spero che sia così
una chiave per te. Per me questa riflessione è stata molto importante. È il
realtà in cui vivo. Ecco la storia: sono nato in un corpo limitato,
Mi sento impotente. Tutti abbiamo quattro elementi: l'intelletto, il
emotivo, sessuale e corporeo. Viviamo in idee, emozioni,
vuole e ha bisogno. Questi quattro elementi sono rappresentati in
Mandala tibetana, indiana, indù, nella carta dei tarocchi Il mondo, ecc. È un
divisione in quattro parti, con il quinto elemento al centro. Questo è il
vero viaggio attraverso l'intera storia dell'arte umana. Nel
ognuna di queste quattro parti abbiamo come guardiani i draghi.
Ogni torre è saldamente protetta. Ricordiamo l'immagine dei leoni
che custodiscono la porta di un tempio o i doccioni di Notre-Dame. abbiamo
dentro di noi ci sono eccellenti guardiani che ci trattengono
limitato e pesantemente custodito. Il mio intelletto è bloccato, custodito; mio
emozioni, cassaforma; la mia sessualità e le mie esigenze, custodite. Qualunque cosa
è protetto e precisamente quei carcerieri che abbiamo creato
sono quelli che ci impediscono di essere creativi. Quindi quello che sto dicendo è a
un po 'rivoluzionario, perché per essere creativi devi battere i guardiani
e abbattere le porte, anche se non sono state viste e anche se non sono state identificate.
Sono come la strega cattiva che doveva essere superata nelle fiabe; sono i
orco, paura ... Sono i nostri custodi. Siamo stati plasmati dalla storia
dell'umanità, per lo sviluppo del pianeta, per la società, per il paese, per
la famiglia. Tutto ciò che vive in noi. I nostri osservatori sono preistorici.
A poco a poco sono diventati forti, sono stati espressi. Abbiamo bisogno
attaccare quei guardiani, sbarazzarsene, il problema è che quando lo sono
Attacchi, ci sentiamo minacciati, non protetti, appare la paura.
L'ultimo limite che deve essere superato per essere creativo è quello di
feci. Siamo un corpo che espelle la materia in decomposizione. Il
urina, saliva, sperma, mestruazioni ... Stiamo solo parlando
Corpo. Una persona che ha profondi guardiani nelle loro escrezioni no
Può essere creativo. Nella medicina ayurvedica c'è una scuola che usa il
urina per scopi medicinali. In Messico ho trovato un guaritore che ha guarito
tutti i tipi di escrementi di animali, e secondo lui ogni escremento aveva un
diversa capacità medicinale.

Pagina 173
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
173
Nella creatività psicomagnetica, a volte quando le persone lo sono
bloccato, li faccio dipingere un quadro con i loro escrementi. Quel lucchetto
Di solito ha la sua origine durante l'infanzia, nei casi di famiglie molto esigenti con il
pulire e vietare ai bambini di sporcarsi o di mangiare con le dita. Loro
proibivano di essere liberi.
Essere creativo
Se qualcuno vuole essere creativo, dovrebbe provare a praticare il seguente esercizio:
uno dovrebbe essere posizionato su una superficie assorbente, bere un litro o due di
acqua, e quindi dovresti provare a urinare disegnando e lasciando che l'acqua
una traccia. Comunque sia, dobbiamo tenere presente che per essere creativi il bambino-
Una cosa sporca deve esistere in noi. Nell'escrezione non ci possono essere limiti. ero
un'amica intima della pittrice surrealista Leonora Carrington, che era stata
Il partner di Max Ernst. L'ho incontrata in Messico. Mi ha detto che era stato
anche l'amante di Buñuel, ma che la abbandonò improvvisamente. Poi lei,
il giorno in cui ha mestruato ha messo le mani nel sangue e le ha stampate
in tutto il suo appartamento. Era la sua reazione creativa, un atto di psicomagia in
che le mestruazioni sono usate come elemento di trasformazione. io ho
dato molti atti di psicomagia del genere. Nell'amore magico il sangue
Il mestruale è ampiamente usato. Le escrezioni, in generale, sono utilizzate per tutti
tipo di incantesimi. La magia spesso funziona in base
escrezioni: la bava del rospo, il serpente, i ragni ... Tutto ciò
Lo troviamo personale, come l'escrezione, viene utilizzato in modo creativo.
Se vuoi essere un generatore, non dovresti avere limiti sessuali, come ad esempio
è successo con il primo grande pioniere di questo, il Marchese de Sade. Ecco perché lui
Il surrealismo lo ha adottato: perché immaginava ogni tipo di relazione sessuale. Durante la lettura
Nei 120 giorni di Sodoma, Sade si rivela uno scienziato che ha indagato
tutte le possibilità di sesso illimitato. Può andare dal mangia-uomo a
il crimine sadico, l'incesto, raggiungono tutto. Per risvegliare la creatività, ci sono
che avere un'immaginazione sessuale libera da ogni morale, libera da tutte le immagini
religioso. Devi liberarti. Un artista deve immaginare di più
grandi aberrazioni. Dobbiamo svilupparci nelle nostre menti
Tutte le possibilità.
Quando qualcuno ha immaginazione, ma è sbilanciato, può uccidere
milioni di ebrei, come è successo con Hitler, o fanno esplodere una bomba
atomico. In entrambi i casi, si è sviluppato il lato oscuro che ci abita.
Uno dei più grandi guardiani che vegliano su di noi è il super-io, che
plasmato dai nostri genitori, ci dice in modo permanente: «Questo è fatto, quello
non è fatto, è proibito ». Il super-io deve essere incorporato, padroneggiato,
spruzzalo.
Anche un essere creativo non ha limiti emotivi. Ciò significa che
dobbiamo essere consapevoli che si può uccidere, tradire, essere dolci,
vanitoso, avido, arrabbiato ... emotivamente posso e devo immaginare tutto in me.
Posso essere un santo, posso essere forse il più grande benefattore dell'umanità, e a
Allo stesso tempo, posso essere un tipo che avvelena le acque per eliminare la vita.
Nel mio immaginario emotivo devo superare tutti i limiti, superarli.
Vediamo ora gli aspetti che si riferiscono alla creatività e al mentale. Il
La prima cosa che devo superare è l'impero delle parole. Se sono annegato
in parole non posso essere creativo. Questo è ciò che ho fatto in me
interno: ho visualizzato tutte le degenerazioni nel mondo. Non sono un-

Pagina 174
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
174
pravado, ma nel momento in cui devo creare qualcosa, ho tutto il necessario
articoli a mia disposizione. Quando vedo una persona, mi dispiace, come
sai, dei limiti. Pertanto, la persona può dirmi cosa c'è che non va: me
non mi sorprenderà. Una delle grandi barriere nella creatività
La terapia è sorpresa. Un terapeuta non può essere sorpreso, deve esserlo
pronto a sentire tutto, nulla ti sorprenderà mai perché ha
immaginavo tutto. Ora, la stranezza meravigliosa è qualcosa di molto diverso da
sorpresa.
Ha detto che le parole sono la prima barriera - la più essenziale - in cui
siamo imprigionati E ciò accade perché, in generale, nella nostra civiltà
collega la persona a tutto ciò che dice: "Io sono ciò che dico". Questa idea
persiste ancora, nonostante il fatto che con il surrealismo, Freud, Lacan e altri,
ha twittato l'idea che è ciò che viene detto. Eppure passiamo l'intera giornata
dicendoci cose. L'amicizia "idiota" è incontrarsi per dire cose, no
fare cose. Ci diciamo l'un l'altro cantando come in un pollaio. Noi
Educiamo parlando, non facendo le cose. Quindi il detto "Dal dire al fare
c'è una lunga strada ». Passiamo la vita dicendo "Me l'hai detto",
"Ritira immediatamente ciò che hai detto." È molto infantile, è l'infantilismo di
un'educazione verbale, dove solo le parole significano qualcosa. E creatività
in questo stato è nullo. Un mondo in cui ci sono solo parole è a
universo in cui non c'è creatività. Le parole sono isteriche quando lo sono
preso come una lingua in cui l'obiettivo sono le stesse parole. Il
la creatività avviene al di fuori delle parole. Quando il poeta lavora essenzialmente
con le parole, poi esplodono. Sono sparsi, rotti.

Pagina 175
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
175
Esercizi di immaginazione
Quanto sopra è stata una piccola introduzione più o meno teorica su
immaginazione. Ma cosa fare con tutti questi materiali? siamo
disposto a sbarazzarsi di vecchie idee? Questa è la base su cui esiste
di lavoro.
La prima cosa da fare per essere creativi è questa: viviamo in
un limite spaziale. L'intelletto è compresso dalla testa e quando
chiudi gli occhi, sei al buio. Chiudere gli occhi è come essere in a
prigione. Ogni volta che chiudo gli occhi, entro in un sotterraneo. Questa impressione
di spazio deriva dal concetto di proprietà privata. La società ha creato il
proprietà privata, il diritto allo spazio che mi appartiene, ma non di più.
Siamo abituati a non occupare troppo spazio, alla ristrettezza. Nel
Educazione familiare ci viene assegnato un posto al tavolo. A scuola ho il mio
banca, non posso lasciare il mio sito. Ne siamo stati educati. A chi sei
me lo dici? »: le persone che si esprimono lo fanno perché non ce l'hanno
spazio. Considerano che non siamo niente. Quindi, a quanto pare, a
spazio ridicolo. Non siamo grandi. Quando inizi con questi esercizi,
non siamo ancora grandi. Quello che dobbiamo fare è dirci: «Quello
l'oscurità che vedo è l'oscurità dell'universo, quindi ogni volta che chiudo
gli occhi, entro nello spazio cosmico ». Dobbiamo partire da questa idea! dovere
Crealo! Mi sentivo mentalmente limitato e mi sono detto: "Come posso essere di più
intelligente o più percettivo? ». Così ho chiuso gli occhi e ho immaginato una luce e
Metto la luce il più lontano possibile in quell'universo infinito che non sono riuscito a raggiungere.
Ho iniziato con un universo rettangolare. Voglio dire, mi sono proiettato in avanti.
Ho continuato all'infinito. Sempre più lontano, perso nello spazio. Poi sono andato
a destra, sempre di più, verso l'infinito. E a sinistra, ogni volta
inoltre, fino a quando nessuno sa dove. E poi all'indietro, in lontananza. io
posto in un universo che aveva una parte anteriore e una posteriore, una destra e una
sinistra. E poi sono salito, sempre più in alto, il più in alto possibile, e
poi giù, sempre più in basso, nell'abisso profondo. Quello vuole
dire che lo spazio in avanti è infinito, il contrario è infinito, per il
destra è infinito, sinistra è infinito, verso l'alto è infinito e verso
sotto c'è l'infinito. Mi piace molto l'infinito, non ne ho paura mentalmente. E
Ora puoi fare questo esercizio: scopri i tuoi piedi, alzati dritto,
puoi guidare da una luce o semplicemente pensare che stai andando avanti. dovere
fare. Anche se non ti senti in grado di farlo, devi provare
capirlo. Chiudiamo gli occhi e ricominciamo.
Cresci
Un altro esercizio: immagina di guardarmi. Guardami. C'è uno sguardo
matematica: destra, sinistra, su, giù. Ma ce n'è anche un altro
modo di guardare. Mi concentro sul centro di me stesso e, a poco a poco, cresco.
Tutto il mio essere cresce come una sfera. Per farlo bene devi essere
completamente verticale. Vedrai che questa è la posizione della meditazione.
Cresco come una sfera, avanza in tutto il pianeta e poi in tutto il mondo.
universo. Cresco, riempio l'universo. Mi sento come se fossi una sfera che occupa
tutto l'universo. Questo è un guru. Ti ricevo nella mia sfera, vuoi che lo faccia
abbraccio? Ti abbraccio ed è l'intero universo che ti abbraccia. Ho occupato

Pagina 176
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
176
tutto lo spazio possibile all'infinito. Posso dirti che se puoi farlo
questo, diventerai Maestri. Anche se essere un Maestro completo è molto di più.
Ora il lontano viene da me, la destra viene da me, la sinistra viene da me, cosa
dal basso viene da me, dall'alto viene da me. La sfera viene da me. Quando io faccio
questo esercizio sono io e ognuno è ciascuno. In tutto ci sono
discipline orientali sintetizzate. Occupo l'intero universo, quindi l'università-
Quindi mi viene in mente. Questo è tutto. Non hai bisogno di meditare per vent'anni. Abbastanza
facendo questo esercizio, facendo pratica fino a quando non lo fai bene. dovere
siediti in posizione verticale e pensa in tutta la spaziosità che hai immaginato, da collezionare
tutta quell'ampiezza in te. Quando sono così, sono invincibile. Non puoi me
abbattere. Sono un buddha di pietra. Non posso essere abbattuto perché l'ho raccolto
tutto lo spazio in me. E ho la possibilità di andare all'infinito. Stai per andare
per quanto possibile, quindi raccogli tutto. Stai per essere completamente
creativo.
L'essere che percepisco non è esattamente l'essere che sono, perché ho
un sentimento di me. I miei genitori mi dissero che ero brutto; quindi io
Capisco come mi hanno percepito. E a volte mi percepisco secondo gli occhi del
altri. Ma in realtà, ho una sensazione per me stesso. E il sentimento di me
stessi cambiamenti! Quando sono depresso, tutta la mia sensazione corporea è
distorto dalla depressione che ho. Ma riesco a percepire me stesso in diversi
modi, non sono costretto a percepirmi sempre allo stesso modo. Maggio l
cambia la mia percezione di me stesso. C'è tutta la magia sciamanica.
espansioni
Ora faremo una passeggiata attraverso lo sciamanesimo. Quanto sopra è venuto da
buddismo. Cresco come l'intero universo e poi mi raduno. Io sono il
montagna, ma quale montagna? Sono io?
Ora lavoreremo con la sensazione. Immagina di guardarmi. Guardami
un po. Sono grande, senza limiti, sono nello spazio. Dopo tutto quello
lo spazio è completamente in me. Grande comprensione, grande compassione. Me
Io sono la realtà. Tutta quella forza - perché creare spazio sta creando forza - entra
in te. Come si dice in Star Wars: "Possa la forza
accompagnare. Creerò la forza, la forza è in me. E quando la forza è
dentro di te è come una spada. È possibile uscirne attraverso i miei dieci
dita. Sono concentrato su me stesso, le mie dita proiettano all'infinito. Le mie dita
hanno un potere incalcolabile. E rinforzo il mio cuore. In questo corpo
concentrato ho un cuore che cresce all'infinito. non ho
bisogno di crescere come una sfera. Una parte di me può crescere. io
Mi raduno in me stesso e il mio cuore riempie il mondo. E ora che ho una base
solido, il mio cuore ritorna da me. E così la mia sessualità può riempire il mondo, la mia
la mente può riempire il mondo, la mia forza può riempire il mondo. Quello vuole
Dire che posso fare con la sensazione del mio corpo ciò che voglio, capito?
Ciò che vuoi.
Ho applicato questo, ad esempio, al massaggio di iniziazione. Se riesci ad aprire a
cuore perché non aprirlo a mano? Quindi concentro il
corpo, e poi inizia ad aprirsi. E le persone iniziano a piangere. Perché hanno
vissuto in uno spazio limitato.

Pagina 177
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
177
Accendere
Come si può vedere, la sensazione può essere cambiata. L'idea di vivere in a
la prigione è superabile. Ecco perché posso prendere quello che vuoi da me, e posso
portami via tutto ciò che è pesante. E tutto ciò che non è chiaro, non lo ammetto.
Ora proietta una parte di te. Devi solo proiettare un pezzo
dal corpo e tenere lontano da noi le pulci depressive. Quando ci sentiamo no
possiamo fare di più, faremo come i pugili: «Non sono sconfitto!». Come un
cane, espello le pulci da me, espello tutto ciò che mi ferma e farò cosa
devo fare, è così semplice. Dal momento che sono i guardiani che
stuzzicare, dobbiamo espellerli. E andiamo avanti. Devi crescere come una sfera,
ritorna al nostro stato, e poi, quando ti senti solido - perché questo
stato dà una sensazione di grande solidità, dando output a qualsiasi parte del
Corpo. Illimitato! Il tuo corpo, il tuo cuore, il tuo intestino, qualunque cosa tu voglia.
Rafforza ciò che vuoi.
Ora ti illuminerai all'istante, ti sentirai come un Buddha, saprai cosa
Che cos'è. Questo ti servirà. Non deprimerti pensando di farlo
sbagliato. Si inizia facendolo e facendo ciò che è possibile. Prendo in una mano il
forza, energia e inizia ad accumulare tutta l'energia nell'universo. È lui
intero universo quello che viene a me ... L'energia verrà e la mia energia verrà
arrivarci ... questo è tutto! Questa è forza. Sta lasciando andare. Una volta fatto questo
esercizio, puoi accumulare la forza nelle tue mani e comunicarla a chi
vuoi, il tuo lavoro, te stesso. Devi immaginare di avere, devi
immaginalo qui, crealo qui. Maschio, femmina, destra, sinistra,
collaborare insieme, padre, madre, entrambe le mani ... come una preghiera! OH MIO DIO,
Aiutami! Sono così, pregando, e quando sono così arriva l'energia cosmica
davvero, si espande. Le credo. Sono il creatore della mia energia. Questo è quello che è
la creatività.
A volte c'è un bambino in noi che è stato punito. Un bambino che lo è
tormentato perché l'hanno messo in un angolo. L'hanno incasinato e lui lo è
mettere sulla difensiva. Quel bambino rifiuta tutto. E quel bambino, di cui
abusato, abuso di te, abuso dell'adulto, abuso della tua forza, non ti lascia essere te stesso
stesso. E abbastanza è abbastanza! Mettiamo da parte i tuoi capricci. Proprio adesso
cresciamo. Il bambino vittima è fatto per crescere, è bello stuzzicarlo.
Esco da me stesso e mi riempio di forza. Sono in grado di riempirmi di forza. Tutti i
l'energia che chiamiamo spazio viene da me.
Sii senza peso
Un altro esercizio: la persona non creativa obbedisce alla forza di gravità.
Sentiamo la gravità in noi. La Terra ci dice sempre: «Lo sei
terra, finirai in me ». In ogni momento sentiamo che dobbiamo cadere.
Tutto ci porta a svanire, a deprimerci e, a poco a poco.
co, cadiamo. Non possiamo immaginare che ci sia un'altra forza che può superare
peso. È così. Se ho la sensazione del mio peso, mi sentirò pesante. Ma si
Comincio a espellere il peso da me, se mi toglierò tutto il peso, mi sentirò
luce. Posso padroneggiare quella sensazione. Sono creativo quando faccio quello che faccio
Voglio con lei. Posso sentire molto pesante o posso essere senza peso! Del
allo stesso modo il mio corpo è buio dentro ma può essere pieno
luminosità. Questo è stato illuminato. Un essere illuminato sentirà che il suo corpo non lo è
Ha un peso. Ha solo il peso necessario che vuole, ha la luce che vuole

Pagina 178
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
178
ri: tutto è controllato. Non sono più prigioniero di niente, di nessuno
sensazione. Posso pesare milioni di chili o nessuno. Io controllo
quella sensazione di oscurità e luce, controllo la sensazione di caldo e freddo.
Questo ci porta allo yoga himalayano e non devi andare lì o essere uno yogi. Solo
dobbiamo farlo. Ricorda il kung fu cinese, dove ha combattuto
posto in aria. Possiamo farlo da soli, sentire quella luce. Questo ha
a che fare anche con l'illuminazione. Quando siamo illuminati significa che
l'ombra è sparita. E quando vai verso la luce, puoi raggiungere l'ombra.
Non sei un prigioniero di luce. Se raggiungiamo la leggerezza, possiamo tornare a
peso; non si dovrebbe nemmeno essere prigionieri di leggerezza.
Lavoriamo Una volta che hai questa sensazione, aumenta la forza e riempi
il corpo della forza. A quel tempo è potente. È quello che fanno i guru
con tutti i tipi di trucchi evocatori. Simbolicamente si traduce così: «I
Posso darti energia senza sosta ». Quando lo fanno, c'è una forza infinita.
Il guru ha lavorato con tutto ciò e prende il lato immaginario, che è illimitato. E
la gente crede che si sia verificato un miracolo, ma quel miracolo possiamo farlo
ognuno di noi lo fa. Consiste semplicemente nel lavorare con
sentendo che abbiamo di noi stessi. Posso cambiare in ogni momento
quello che percepisco di me stesso. Posso essere grande, posso essere piccolo. È il
Sensazione di me ciò che varia, tutto qui. Posso dare e posso anche prendere.
Prendi l'energia del mondo e prendila da me. Tutto questo è il lavoro di andare
infinito e ritorno.
Il gioco del tempo e dello spazio
Non abbiamo limiti di tempo. I sufi dicono: "Davanti a Dio devi vivere
come se avessimo un minuto, davanti agli uomini come se avessimo avuto un migliaio di anni ».
Ciò significa che un secondo è eterno, che l'importante è svilupparlo.
In India vive una donna che abbraccia tutti coloro che vengono da lei e
quelle persone ottengono un'illuminazione incredibile. Lo stesso si può ottenere se
ti siedi e ti concentri sullo spazio. Crei la forza, una forza infinita.
Rafforza il tuo cuore. Quindi lascia che l'infinito entri in te e in
eternità. Chi abbraccia è me, ma ci sono milioni e milioni di esseri in me
spirito; milioni di mondi, milioni di attività tra le mie braccia. E tutto il
il tempo futuro arriva: mi metto nell'infinito e mi metto nell'eternità. PER
Da quel momento, la nostra prigione esplode.
Quando si va a cercare un guru, si va a cercare ciò che si potrebbe
fai: vuoi che qualcun altro faccia per te quello che dovresti fare tu, perché
pensi di non poterlo fare da solo. Ma il guru non ha ricevuto quel dono da
il paradiso, l'ha creato, l'ha creato. Ha lavorato per ottenerlo, ottenerlo
tu.
Non possiamo stare con il ragazzino capriccioso che dice: «Mi hanno fatto
danno, mi hanno colpito, ecco perché non faccio nulla. Non ho niente dentro, non lo sono
creativo". Stop! Coltiviamo il bambino dentro di me. Quell'essere è un
essere millenario; Sono millenario. Prima di me c'era tutto questo, e dopo di me
C'è molto di più Qui ci sono tutti gli esseri umani separati. Ma io sono
capace di unirsi. Quando mi muovo, tutti gli esseri umani
mossa. È come una collana: questo filo rappresenta la sensazione di spazio e
tempo metereologico. E tutti si muovono, ecco cosa è importante. Invece di chiedere all'altro
per muovermi, devo muovermi da solo. Questo sono io, questo è il momento
questo è spazio. È una collana sacra. Sono unito. Questo è ciò che viene chiamato

Pagina 179
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
179
un punto di attrazione. Da quel punto, tutto si muove. io posso
mi considero un punto di forza. Quello che faccio, lo fanno tutti.
In altre parole, è importante che lo faccia in modo che tutti lo facciano.
Quando facciamo questo esercizio, lo facciamo nel mezzo dell'eternità, in
Nel mezzo dell'infinito, siamo il punto di attrazione dell'umanità. Del
l'umanità passata e l'umanità a venire. Tutti i morti ci seguono,
tutti i non nati ci seguono. Sembrerà molto strano tutto questo, ma dentro
la realtà è il pensiero del Buddha! È ciò che il Buddha ha semplicemente sentito.
Ecco come è fatto il nostro cervello. Quando il cervello si apre, in uno
naturalmente si tratta di questo.
Non sono parole, sono esercizi per la creatività. Non devi essere un codardo
né avere paura di entrare veramente in ciò che è l'essere umano. Noi siamo
esseri con tutte queste capacità, ma ci hanno limitato. Siamo in questo
momento, qui e ora. Me. Ma non è così! È il Tutto che è qui e ora-
RA. In me è tutta l'umanità, trascino tutti gli uomini che sono stati e
sarà. Vivo nel mezzo di tutto lo spazio. Questo è quando possiamo
capire questo mudra dove il palmo della nostra mano è rivolto verso la parte anteriore: «I
Sono qui e fermo il mondo ». Un artista deve pensare in questo modo e fare il suo lavoro
ponendo questi problemi.
Benedici il mondo
Un altro esercizio: sono nell'eternità, mi sento nel mezzo del futuro
infinito e il passato infinito. Apro le mani e chiudo le mani. Faccio un
benedizione. Voglio dire, sono nell'eternità e benedico il mondo. Questo è tutto.
Devi farlo in questo modo perché un creatore è assolutamente paranoico. Si crede
Dio. E non dovresti aver paura di prenderti per dio o dea. io
Benedico: ho molto da dare, sono forte, ho tutto ciò che serve
benedici il mondo. Basta con i complessi di inferiorità! Con tutto questo già
hai tutti i mezzi che i fondatori di setta solitamente distribuiscono. UN
Quindi ti fanno il lavaggio del cervello per ammirare in loro un potere superiore
non immagini di averlo in te, ma puoi averlo anche tu. Per quello devi
pulisci tutte le tenebre, perché siamo pieni di ragnatele. Per quello c'è
piuttosto che spingere il bambino dentro di noi, dobbiamo lavarlo bene, pulirlo,
crescilo. Perché abbiamo un tutore, la mente, che ci rende
reagire sempre allo stesso modo. Ma facendo questo esercizio, uno diventa
Creatore. Nessuno può farti niente tranne ucciderti, e nemmeno quello, perché
c'è la vita eterna. Voglio dire, sei già invincibile. E tutto ciò che esiste
Puoi avere. Se c'è talento, posso avere talento. Vedi ora come
Alzo le mani all'infinito, vanno all'infinito: prendo la vita. Nello stesso modo
che posso dare energia, posso prenderlo. Tutta la creatività, posso averlo.
Tutti i soldi del mondo, posso averli. Tutto ciò che l'altro ha. Il
bellezza? Posso avere bellezza. Energia? Posso avere l'energia.
Questo è tutto per me Posso prendere e posso dare. È facile da immaginare. È come
un gioco.
Ma anche prendere è difficile per noi, perché abbiamo dei limiti da ricevere.
Quando dicono "Chi sei per averlo? Perché tu?"
i miei genitori dissero quando lasciai il Cile per studiare con il mimo Marcel
Marceau; nel mio caso la risposta è stata: "Perché no?" E l'ho fatto. l'ho chiamata
porta e ho lavorato con lui. Ma ho sfidato il divieto. "Perché tu?" "E di
non?" "Perché hai intenzione di fare ciò che non ho fatto?" "Perché io voglio

Pagina 180
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
180
e posso. Questo sta sfidando il divieto. E periodo. Se ti senti bello, cosa
desideri. Sarai! Sarai affascinante! Puoi affascinare le persone! Ma tu no
concepisci come un essere affascinante. Vieni qui per imparare ad essere affascinante,
perché puoi esserlo. Le persone ti vedono come vedi te stesso, semplicemente. Se io
Mi considero inferiore, gli altri mi vedranno o mi crederanno inferiore. Ma se vedo me stesso
Come un dio o una dea, è così che gli altri mi vedranno! Non tutto il
mondo, ma molti, solo il necessario.
Ad esempio, diamo un'occhiata ad alcuni musicisti famosi. Tutti credono
sono fantastici, perché in precedenza hanno sentito di essere dei geni.
Quindi, nel tempo, il mito finisce perché gli altri realizzano
che non erano così. Può funzionare per un certo tempo, ma dopo
il lavoro spirituale deve essere fatto per sostenere questo "sentimento bello". Perché
se questa sensazione cessa in te e non l'abbiamo incorporata
veramente, tutto cade a pezzi. Pertanto, dobbiamo continuare con
pazienza, perseveranza, perseveranza. Se non perseveri, non sei un creatore. Il
la creazione è soprattutto volontà. La nostra azione creativa è un accumulo
di forza e pazienza.
Sciogli il sé
Abbiamo già creato lo spazio. Lo spazio è qui, il tempo è adesso. Nel
il qui e ora è il me. È necessario attaccare questo sé. Abbiamo visto il
prigione del tempo, la prigione dello spazio in cui viviamo prigionieri di se stessi. E
ecco la parte più difficile: saltare se stessi, questa è la cosa più difficile di tutte.
Perché siamo così identificati con questo io che difendiamo noi stessi e
ci aggrappiamo ad esso, non vogliamo cambiare. Siamo testardi, siamo recalcitranti,
siamo impossibili, siamo un mostro. Puro e noi siamo semplicemente a
mostro e non l'abbiamo rilasciato. Diciamo: "Anche io."
I romani, i greci, dissero che il sé era nel grembo materno, quello da lì
Le idee sono nate e poi si sono rifugiate nel cervello. Altri
le civiltà hanno messo il sé nel petto o nel naso, non è noto dove
localizzalo. Dov'è l'io? Abbiamo un me ed è molto difficile lasciarsi andare. Noi entriamo
nel lavoro sciamanico: la dissoluzione dell'io. Attualmente lo osserviamo nel
moderna tecnica digitale chiamata morphing, con la quale possiamo animare e
converti un'immagine in un'altra. Cioè, devi lavorare per accettare il
diversi cambiamenti del sé, il che è molto difficile. Gli attori lo fanno quando
interpreteranno un personaggio, ma non vanno molto lontano perché l'attore lo è
sempre io e il personaggio che interpreta. Ma qui si tratta di vedere cosa
possiamo fare per arricchire il sé. Ed è molto semplice Ma nessuno te lo dice. sì
Apro la personalità di tutto, tutto parlerà attraverso di me. Divento
tu, io divento l'altro. Ma come? Come? Ti ho lasciato entrare
e ti esprimo. In quel momento divento assolutamente un creatore,
perché tutto parla attraverso di me.
Ho intenzione di fare un esempio. C'è Cristóbal, figlio mio, seduto su una sedia
legna. Divento lui: "Sono seduto qui come un ricevitore di luce,
sapendo che in un tempo infinito, eterno davanti a me, brillerò; che la luce se ne vada
fare; che sono connesso a tutto ... ». La creatività riguarda l'assorbimento
l'altro ed esprimerlo in sé. E non solo all'altro, anche alle cose. io
Divento una sedia: «Sono felice perché mi piace che ci sia un essere seduto
riguardo a me. Compio il mio ruolo, perché lo mantengo dritto, non lo lascio
fatica; grazie a me è qui. Inoltre, il mio legno non è morto. Non c'è

Pagina 181
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
181
una sola falena su di me. Continuo bene, rimango forte, anche se lo è
antico. Durerò a lungo. Forse durerò più a lungo di lui. Ci sarà
scomparso e sarò ancora qui. Non c'è bisogno di rifiutarmi. Lo farò
Tengo. Con le mie quattro gambe sono la base materiale su cui poggia.
può sedere ».
Quando ho iniziato a studiare la pantomima, la prima cosa che ci hanno insegnato
era che, per fare gesti, non devi fare gesti. L'inizio di
La pantomima deve rimanere neutrale. Quindi verranno fatti tutti i gesti.
volere. Per lo stesso motivo, la base dell'immaginazione non sta avendo l'immaginazione, lo è
arrivare a rompere tutto ciò che è immaginario. Da lì, puoi fare quello che sai
volere. Se l'immaginario non si rompe, sarà sempre con i parassiti.
Durante tutto il tempo ci sono cose che si muovono nel nostro immaginario. fa
è necessario rompere il dialogo interno, il linguaggio interno, ordinare il caos emotivo,
l'invasione dei desideri, il corpo indisciplinato. Devi essere in grado di farlo
padroneggiare tutto ciò.
Sii un punto
Puoi fare un esercizio molto semplice: la cosa più semplice
puoi pensare che sia un punto, giusto? Supponiamo di avere un pennello o un
matita e disegneremo un punto. Dovremo davvero creare il
punto con tutto lo spirito, con tutto ciò che è emotivo, come se aprissimo un punto
nello spazio. Facciamo il punto. Se è possibile creare il punto, lo faremo
poi molte cose con lui. Ma devi davvero mettere tutto
concentrazione sulla creazione di un punto. È la prima cosa che viene fatta
mosse di karate. Karateka sono persone in grado di creare un
punto, un punto di concentrazione mentale ed emotiva. Creiamo un punto
intensamente, come se a quel punto ci fosse tutta l'energia nell'universo. UN
punto di energia totale. Tutto deve essere lì. Devi mettere molta forza a
creare il punto. Dobbiamo farlo con tutto il nostro essere. Tutto nostro
concentrazione su un punto, un punto, un punto ... tutto qui! Bene possiamo
fare un buon punto, un punto perfetto, un punto concentrato? Bravo, è un
buon sforzo. Adesso diamo un'occhiata. Ho il punto qui sulla mia fronte. Tutti
la mia mente è un punto. Sono concentrato su un singolo punto. Ho ragione
emotivo, ho il punto qui nel mio petto e nel sesso, ovunque.
Posso spostare il punto, posso metterlo in bocca, qui, lì, nei miei occhi ... Mio
la volontà è un punto! Questo è tutto! Fai questo esercizio. Lavora con lui
punto. Concentrati sull'energia del punto, introduci il punto nel tuo
Corpo. È come l'esercizio dello spazio. Ecco tutti gli indirizzi
concentrarsi su un punto. Tutti i pensieri, tutti i sentimenti, tutto
i desideri. Quando impari a chiarire il punto, puoi fare tutto
i movimenti che sono desiderati. Qualunque disciplina tu voglia
pratica, danza, teatro, karate, arti marziali, tutto viene messo al suo posto.
Perché è solo questo: faccio un gesto e la mia intenzione va lì. Fare
rendere. Tutto è concentrato, tutta la mia attenzione va lì, tutta la mia concentrazione
è chiaro, preciso. Il Karate, in sostanza, consiste nel creare un punto specifico
dove puoi colpire e così puoi rompere un tavolo. Ma in
lo sviluppo del punto richiede anni.
Belle arti

Pagina 182
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
182
Ora canteremo, ma in modo immaginario, senza voce. Canteremo la canzone
più meraviglioso. Canta la canzone più meravigliosa senza audio! Immaginalo
canti con una voce meravigliosa. Avanti. Questa è creatività Devi
canta come gli uccelli. Ecco come impari. Con concentrazione, con forza,
fallo, questo non è un teatro ... Puoi muoverti, andare avanti, non stare fermo.
Canta, indossa tutta l'intensità di un grande cantante. Metti tutto il tuo
talento da cantare. Ti piace, vero? È fantastico, puoi cantare tutto
vuoi in completo silenzio, con la bocca chiusa.
Abbiamo già cantato. Ora creeremo. Fai quello che puoi, non posso
darti quello che non fai. Se canti, fallo a fondo, sarà grandioso
progresso per tutti, perché per l'inconscio canti. Il tuo
L'inconscio ti considererà cantanti se fingi di saper cantare. lui
il messaggio arriva a lui e sarà soddisfatto. Sai già come cantare, capisci?
Ora, nella mia immaginazione, posso suonare il piano. Puoi usarne altri
strumenti, ma sono più difficili. Cominciamo con il piano, con il quale
usa entrambe le mani e poi puoi andare allo strumento che desideri. tu
ti rilassi, suoni appassionatamente il piano invisibile e cerchi di immaginare cosa
stai interpretando. Qualunque cosa tu voglia, ma suona il piano. Questo esercizio è
meraviglioso. E quando sei stanco del piano, vai su un altro strumento. E
raggiungerai il meglio di te. Raggiungi il sublime con la musica!
(Piccola parentesi. Fino ad ora era un gioco da ragazzi. I bambini giocano
Così. Ma ora sarà la tua professione. È necessario raggiungere il sublime di
voi stessi. Non così divertente. Devi toccare, ma sentire
solo il meglio della tua anima. Possa il meglio di te toccare. Tu fai
musica di immensa spiritualità. Gioca quello. Ti chiedo il massimo
bellezza spirituale, il sublime. Sei il più bello, puoi sedurre il
tutta l'umanità con la tua musica. Non va sottovalutato, al contrario,
devi valutare te stesso. Questo viene da solo. Inizi, e poi arriva. Il concerto
Potrebbe durare tutto il giorno. Sarebbe bello se facessi questi esercizi fino al
diglielo. A poco a poco, con la pratica, le nostre capacità si stanno risvegliando
creativo, fino a raggiungere il sublime.)
Avere talento
Ora proporrò un esercizio molto semplice che stimolerà il tuo
talento. Non hai talento? Bene, lo avrai subito. Nessun dubbio
uno è. Ho il talento quando ho il potere. E ho il potere quando
Ho il diritto alla vita o alla morte sugli altri. Da quel momento in poi
Ho il potere. Dio è onnipotente perché può uccidere quando vuole. E
perché può crearmi quando vuole. E se sono vivo, è perché lui
perdona. Quindi la capacità di uccidere, di perdonare, creerà il talento. È
semplice. Immagino di essere un cobra, di avere un veleno e quello che ho davanti
c'è una scimmia. Sono di fronte alla scimmia, concentrato, completamente
assorto, mi muovo, lo guardo, lo ipnotizzo e la scimmia fa quello che voglio.
È un atteggiamento di talento. Ti ho detto la verità. Ti provoco
Guarda. Ti faccio essere qui. Ti ho creato. È necessario quello
diventi un cobra. Invece di essere sempre la vittima, il topolino che è
ipnotizzato, andiamo dall'altra parte. Siamo noi che ipnotizziamo il
gente, ok? Per questo devi rilassarti e poi creare il punto,

Pagina 183
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
183
tiralo su, e poi oscilliamo perché siamo pronti a saltare,
ma non saltiamo. Facciamo finta di saltare, ma non saltiamo. È così
come la scimmia è ipnotizzata. Né ti mordiamo. Sei solo ipnotizzato.
Devi sviluppare quella capacità di sembrare ipnotizzante. Non è seducente, lo è
molto diverso dal sedurre. Con la mia concentrazione mentale, ho l'altro. Lavoro
quello. Questo è talento. Non stiamo partecipando a una riunione di cobra, ma
una fratellanza di saggi che sono come cobra, che si rispettano l'un l'altro
perché sanno che la loro conoscenza è mortale. Ora prova a passare il tuo
testa quando espelle la forza. Cerca di andare oltre l'interno del tuo
testa: immagina che i tuoi occhi siano trenta centimetri più alti di quelli
cranio e, sentendo che sei un cobra, pensa che abbiamo sotto l'ombelico,
due o tre dita verso il basso, un punto di concentrazione e che esiste una forza
che va da lì verso l'esterno, che può entrare negli altri. Nel grembo materno.
Questa è la carta dei tarocchi dell'Imperatore. È seduto in questo modo e la forza è lì.
Disegnare
Ora faremo un esercizio di creatività applicata. Come abbiamo tutto il
strumenti mentali necessari, concentrazione, forza, tutto
abbiamo studiato in questo corso, immaginerai di avere un tessuto, la dimensione
tu vuoi. Hai un pennello che può cambiare colore in base al tuo
desiderio. E farai un dipinto, un dipinto immaginario. Puoi disegnare, puoi
fare grandi macchie, puoi cambiare i colori, come preferisci.
Quindi siediti in gruppo e, gesticolando, descrivi l'immagine che è stata
dipinto, ok? Cominciamo! Mentre dipingi puoi ascoltare musica
immaginario per guidarti. Se vuoi essere creativo, creatività! E se qualcuno
ha un potenziale creativo, per continuare, per continuare fino ad alcuni
cosa. Per l'inconscio è come se fosse stato realizzato un dipinto, sai?
Per l'inconscio, ciò che è stato fatto nell'immaginario è come se avesse reagito
davvero liza. Nel sistema nervoso, quando immagini qualcosa, esso
attivare le stesse connessioni. Quello che succede è che le persone normali non lo fanno
Propone di fare cose simili, perché non ci credono. In realtà se tu
vuoi essere creativo, devi solo farlo. Se dipingo dieci o venti dipinti
come questo, immaginario, dopo sarò in grado di realizzare un vero dipinto, sarò preparato
dipingere. Vedi
Scolpire
E ora, per terminare questa serie di esercizi, devi fare un
scultura. La scultura è realizzata nello spazio. Puoi usare qualsiasi materiale,
marmo, oro, bronzo, qualunque cosa tu voglia. E crei un personaggio che, se vuoi
superare, puoi diventare astratto. Pensa a quale scultura vuoi realizzare.
Siete scultori. Saremo in grado di manipolare lo spazio in modo creativo. È
importante perché se non viene fatto ci sarà una dimensione che non sarà
sviluppato. Devi muoverti attorno all'oggetto, la scultura ci costringe a farlo
abbandonando lo sguardo, ci permette di sviluppare il nostro spirito girandoci
intorno all'oggetto creato. Una volta finito lo descriveremo, perché lo sono anche
commenti importanti. Prima di iniziare a scolpire, pensa attentamente a
importa che tu scelga, deve essere una questione che ti piace. E anche il
puoi colorare ...

Pagina 184
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
184
Crea moda
In questo esercizio creeremo abiti. Puoi realizzare l'abito individualmente
o in un gruppo. Se lo fai in gruppo, ognuno deve fare tre abiti
gli altri. Dai un'occhiata all'altra persona e vedi cosa potrebbe vestire
lodala. Non è una critica. Devi osare e dare forza al modo di
travestiti, come ad un carnevale. Crea abiti immaginari. E lo vedrai, da
Proprio come puoi dipingere, scolpire o fare musica, puoi creare moda.
Sii audace. Se dopo questo esercizio ti viene chiesto di fare un
sfilata, ce la puoi fare! Si tratta di vedere com'è l'altro. È possibile modificare il
abiti, fai un'operazione estetica, puoi riempire, rimuovere, sei il proprietario
aspetto dell'altro. Sei il suo proprietario. Cominciamo.
L'Arcobaleno
Promuoveremo la creatività con un esercizio essenziale. Il
Quello che sto per fare è contare da 9 a 0 in modo da poter focalizzare la tua attenzione. dovere
ascolta attentamente. Rimanere concentrato è il metodo migliore, il più semplice
immagina i colori dell'arcobaleno: rosso, arancio, giallo, verde, blu, indaco e
Viola. Mentre conto, mi tuffo nel rosso, e poi
Vedo che il rosso si sta trasformando in arancione, che è arancione
diventa giallo, il giallo diventa verde, il verde diventa
blu, blu scuro, viola. Questo è solo per occupare la mente e non pensare
parole. Senti l'arrivo del colore. Nove ... otto ... sempre di più
concentrati. Sette ... più concentrati. Sei ... più in profondità, più in profondità.
Cinque ... più in profondità, più in profondità. Quattro ... più in profondità ... Tre ... di più
profondo, ascolto, concentrazione, ricettività. Due ... più in profondità ...
Ora useremo l'inconscio, uno ... useremo l'inconscio ...
Il tuo spazio
Dentro di te hai lo spazio, il territorio che ami. C'è un territorio
qual è il tuo. Può essere ai piedi della montagna, in campagna, vicino all'oceano,
può essere di terreno fertile, di sabbia; tutto quello che vuoi. Lascia che ti raggiunga
terreno, immagina il tuo sito ideale per te. Vedi? Cosa c'è? Ci sono ombre?
Che profumo ha? Ci sono piccoli insetti? Altri animali? Che cosa
Lascia che ci sia. E in quel tuo territorio, cammina felice, felice: perché finalmente
hai un territorio delle dimensioni che desideri. Piccolo, grande, ognuno ha il
il tuo. È essenziale che l'inconscio ti dia la tua terra. La terra che
appartiene. Il pezzo di pianeta che ti appartiene. Il paesaggio in cui vivere. Non
scegli il panorama degli altri. Non scegliere i tuoi genitori, scegli il tuo.
Prendi la gioia della tua terra e guarda come sorge la casa, la cabina
qual è il tuo. È la tua casa ideale, dove vuoi vivere, sviluppare, accompagnare
o no, tutta la tua vita. Qual è la casa che vuoi? Che taglia? Che cosa
Materiale? Com'è? Pensa a qual è il tuo spazio ideale. Illimitato. Quando quello
La casa ideale è arrivata per te, circondala, guardala bene, entra e crea tutto per essa:
bagni, letti, cucina, bicchieri, cucchiai ..., tutti gli oggetti nel tuo
Stai per creare una casa ideale e tutte le sue stanze. Cammina e crea la tua casa
alla fine! Quindi sai cosa vuoi davvero, senza limiti! Non c'è
limiti di denaro, non vi è alcun divieto, non è necessario essere piccoli, né

Pagina 185
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
185
mediocre. Scegli nella tua creatività quello che vuoi davvero, così
allora puoi farlo nella vita reale. Prenditi il tuo tempo ... Scopri quali
sono le attività che vuoi fare in quella casa ... i materiali ... tu sei il
Grande architetto. Il tuo architetto. Il tuo stesso creatore ... Prendi tutto il tuo
tempo perché è essenziale per te sapere qual è il tuo territorio. La tua casa sei tu
ego, è il tuo vero io. Pensa anche a come ti vestirai
Casa. Quale abbigliamento ti corrisponde. Come vuoi presentarti. In cucina,
sogna tutto quello che vuoi mangiare. Qual è il tuo cibo ideale. E concentrati sul
compagnia ideale. Con chi vuoi stare. Se vuoi stare con qualcuno o no.
Ci può essere una stanza dei tarocchi, un cinema, musica, libri, animali, qualunque cosa
quello che vuoi Illimitato. Immagina, in questa casa ideale, il tuo letto.
E questa parte dell'esercizio è anche essenziale, essenziale, per farlo
bene. Sei a letto, sdraiati, ma la tua vita è finita. Sei morto. E
dal tuo cadavere viene il nuovo essere che è rinato. Come vuoi rinascere? Questi
sdraiati, un essere, un corpo che ha finito e ti alzi con un corpo
nuovo. Con quale fisico? Quale sesso? A che età? Cosa saresti?
ideale? Devi immaginare un sé ideale. Il me che abbiamo non è il nostro me
ideale. Ne abbiamo uno ideale anche se è ancora lontano. Concediti il permesso di farlo
immagina. Tutti questi esercizi sono per eliminare la mancanza di fiducia, a
arricchirti. Se hai la tua terra, se hai la tua casa, se hai il tuo essere ideale, hai
arricchito.
Ora critica te stesso come farebbe una persona della tua famiglia. Tua madre, tuo padre,
tuo fratello. Parla per lui. Mettiti al posto di qualcuno che è
opporsi. Perché se fino ad ora non avevi immaginato nulla di tutto ciò, è dovuto
che in te ci sono forze che ti si oppongono per immaginarlo. Cosa sono questi
le forze? Incorniciali. Ad esempio, parla come parlerebbe tua madre. O tuo padre. E
revisione. Tutta la nuova medicina parla del territorio, dicendo che una perdita
del territorio crea malattie. Perché il cervello, dicono, si comporta come un
animale che ha bisogno del suo territorio. Anche se non penso che sia assolutamente
Sì, credo che il territorio sia una parte molto importante. Cosi quando
sappiamo quale territorio ci appartiene, facciamo un grande passo verso
creatività. E la casa è lo sviluppo del nostro sé individuale. E se invento
la casa che voglio per me stessa, mi permetto di esistere. Fuori dai genitori.
Quindi discutere con i genitori o creare un nuovo corpo per te è un approccio
libertà creativa che fai. La creatività viene da una libertà interiore, da
un apprezzamento interno. So di avere tutto dentro di me, quindi posso
mettimi in azione. L'immaginazione funziona su principi molto semplici.
Liberati dalla lingua
Questo sarà un breve esercizio di rilascio della lingua. siamo
parlava sempre come un essere normale. Abbiamo paura di
follia. Tuttavia, i fiumi che scorrono lungo i tetti coperti
i piccioni saranno sempre bianchi e scuri, per aprirsi verso il tunnel di tutti
le delizie ... hai capito? Non? Sì? Questo è come dovremmo
parla, devi permetterti di parlare una lingua completamente pazza
prova a spiegare un sentimento. Devi creare una conversazione, comunicare
con un linguaggio verbale, non concettuale. Siete pronti? Può
alleva qualsiasi Sansone, impedendo a Dalila di tagliare e manifestare il cigno
sul tavolo tre o quattro storie che saranno deliziosamente zuccherate,
accordo? E ciò che è stato fatto con le parole, può essere fatto inventando

Pagina 186
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
186
le parole, fía fa nara ké. Costruisci il batch batch quelaramanda droie pretcho
Apande Ketaka Kiugala Patchu! Erabutchi Kara me. Questo si libera un po '. Fallo
tu. Rilascia la lingua. Quando entrerai in questo, ti piacerà. Al
all'inizio ti sentirai tagliato, perché la prigione più grande è la lingua
linguaggio logico e articolato. È un esercizio surreale. Ma rompe il
linguaggio normale per consentire la libertà creativa. E forse le cose verranno fuori
cattivo gusto, non importa. Cose idiote, cose infantili. Ma usciranno anche loro
cose belle allo stesso tempo. Prova a farlo, e poi passeremo alle tecniche
dell'immaginazione.

Pagina 187
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
187
Tecniche di immaginazione
L'immaginazione ha principi molto semplici. Alcuni creatori hanno
abituato allo sfinimento. La base dell'immaginazione ha quattro
elementi, che sono come elementi matematici: diminuzione, ingrandimento,
divisione e moltiplicazione. Questi sono i quattro elementi dell'immaginazione.
Innanzitutto c'è la diminuzione e l'allargamento. Dopo la divisione,
moltiplicazione continua. E poi il mix. E con queste cinque cose,
avrai una pazza immaginazione. È molto semplice. In diminuzione è necessario
riduci tutto, nell'immaginario, fino a quando tutto diventa piccolo. Per esempio,
vedi qualcuno che passa con un pacco e in quel pacco puoi trasportare tutto il tuo
città natale o città in cui è nato. Hai una grande immaginazione
perché hai diminuito qualcosa. Puoi diminuire qualsiasi cosa. Nella mia tasca
a sinistra posso portare mia mamma, nella mia tasca destra ho mio padre. Il
Discuto e poi li guardo. Succede nel film Honey, mi sono ridotto
bambini, che ricrea questo gioco.
Diminuisci, diminuisci e devi combattere con i ragni. Questi sono, per
io, semplici elementi dell'immaginazione. E sono ampiamente usati! Ma anche
abbiamo i giganti: quello sarebbe allargamento. Puoi aggiungere una zucca.
L'esempio tipico sarebbe la zucca che cresce e cresce e raggiunge la dimensione del
pianeta, diventando lei stessa un pianeta. E poi è così grande
occupa una galassia. All'interno della zucca c'è un'intera storia, un'intera storia è nata
umanità. Questo sta allargando qualsiasi cosa. È semplice. Cresci cosa
be, fai arte. In architettura, prendi tre scatole di fiammiferi, aumentale e
fai un edificio Ecco come procedono gli architetti. Questo è crescere.
L'immaginazione ha la possibilità di aumentare o diminuire. Il
L'immaginazione giapponese ha creato i piccoli alberi nani, o bonsai, i
i jíbaros riducono la testa e il cinema fa crescere una scimmia, per esempio, come
King Kong o Godzilla, o la bomba atomica, che è l'amplificazione di a
piccola bomba. Nel mio caso, ho un fumetto chiamato Megalex, a proposito di a
città che occupa l'intero pianeta, anche se non sono stato il primo a farlo.
È anche possibile l'espansione della forza (Superman). Tutti i
i supereroi aumentano leggermente: ad esempio Flash Gordon è il più veloce. Questo
il personaggio che guarda attraverso tutto o quello che ascolta tutto.
Questo si trova nelle fiabe. O la persona che ha una tale voce
forte che fa cadere gli edifici. C'è l'uomo che può possedere
trecento donne in una notte, ecc.
Immagina questo: un cavallo passa per la strada e pensi che ci sia un'invasione,
che tutto è pieno di cavalli, che si moltiplicano, che è una novità

Pagina 188
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
188
peste. Ora ci sono così tanti cavalli che dobbiamo scappare perché siamo
invaso. E a questo punto possiamo aggiungere un elemento: la miscela. Il
i cavalli diventano carnivori e devi scappare perché lo sono
divorare gli umani. Questa è immaginazione. Cioè l'immaginazione
Hai usato la miscela. (Ma stavamo ancora parlando della diminuzione e del
estensione.)
Una persona diventa così debole, così debole, che deve essere legata con fili,
come i burattini: è un presidente e deve fare il suo discorso in quel modo. Altro
esempio: una persona perde potere e le sue ossa diventano liquide, come
Acqua. Possiamo immaginarlo.
C'è una storia in cui una ragazza ha i capelli così lunghi che lei
in amore può arrampicarsi sulle sue trecce. Sarebbe un'estensione dei capelli.
Aumento diminuzione.
(Molte delle opere di Ionesco sono molto semplici. In una di esse c'è
una donna che serve una tazza di tè, e poi un'altra, e un'altra ancora, migliaia di tazze di tè.
In un altro, ci sono funghi che crescono, e quindi l'intera casa è piena
essi. In un altro, c'è un morto che cresce e cresce e occupa l'intera scena. E dentro
Sulle sedie c'è una sedia, un'altra sedia, l'intera scena è piena di sedie. Questo vuole
dire che l'autore non aveva troppa immaginazione, perché ha usato
solo il trucco di far crescere le cose. In tutte le sue opere c'è qualcosa
che si moltiplica. Questa diventa una norma!)
Un altro elemento dell'immaginazione è la situazione in cui qualcosa inizia
mancanza. Manca il cibo, manca l'acqua. Dune è un pianeta dove non c'è
Acqua. Un intero lavoro viene fatto su un pianeta che non ha acqua. È stato
separato un elemento. E separando un elemento dalla natura, diventa a
mondo immaginario. Ti sto mostrando le procedure dell'immaginazione,
formule che puoi quindi applicare in qualsiasi momento al tuo mondo o
essere in grado di creare. Aumento diminuzione. Può essere fatto.
Una telefonata, dieci telefonate, in tutto il pianeta
i telefoni squillano, gli edifici cadono e c'è una catastrofe. Di
moltiplicazione. Per aumento Poi arriva la divisione: c'è una mano che
cammina da sola, ti salta al collo ... e ti strangola. E fugge come se fosse un
Ragno. Questa è divisione. Oppure stai camminando per la strada e vedi due gambe che
camminano senza il corpo. Nello studio di Jung sulle storie di pellicce
il rosso parla di un eroe che vuole possedere la figlia del capo. Poi invia
il suo fallo con l'acqua e il fallo possiede solo la ragazza, lasciandola incinta. Questo
il modo in cui riesce a sposarla.
Moltiplicazione. Alcuni dei indù hanno più braccia. E in ciascuno
mano, un occhio. Moltiplicazione delle armi. Ganesha ha quattro braccia. Ci sono
anche un dio greco con tre teste. Nel Odissea, il Ciclope ha un solo
occhio, sulla fronte. Questa è una diminuzione. Nel caso del terzo occhio, c'è un occhio di
più. Sarebbe una moltiplicazione.
E poi, con questi quattro elementi, si verifica la miscelazione. La Sfinge di
Egitto. Ha una testa umana, un corpo di leone, ali d'aquila, una coda
mucca. È diventato un mostro. Ci sono numerosi esempi nelle tabelle
da El Bosco, che ha usato molte miscele di elementi. Un centauro lo è
un'
mix di uomo e animale. Prendi un elemento da uno, un elemento da un altro,
e vieni insieme. Ecco come vengono creati i mostri. Un angelo è una miscela di un essere
umano e un uccello con le sue ali.
Ho sviluppato a lungo queste miscele. Lo immaginavo così
per esempio, l'integrazione di una testa di elefante in un corpo che è una nuvola, e
quattro scale come gambe. Questa possibilità di mescolare gli elementi è a

Pagina 189
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
189
interessante possibilità artistica, che l'immaginario utilizza. Sono tecniche che
abbiamo a nostra disposizione. Si noti che tutto il tempo che stiamo vedendo
applicazioni di queste tecniche, nell'arte, nella pubblicità. Se lo padroni
tecnica, potresti lavorare in qualsiasi agenzia pubblicitaria.
E c'è un'altra forma di immaginazione, che è l'immaginario del tempo. Il viaggio dentro
tempo. In quel viaggio, posso tornare indietro nel tempo. Ma il problema è che, se
il passato viene modificato, il presente viene modificato da dove ho iniziato. Questo è
chiamato un paradosso temporale, ed è stato ampiamente sviluppato nella scienza
finzione. È uno dei suoi grandi temi. Se vado nel passato e uccido mia madre,
allora non avrei potuto nascere perché non mi avrebbe partorito. Viaggio
il tempo è un motivo centrale in molti film. Film popolari come
il
Serie
di
Ritorna al futuro. Pertanto, l'immaginario cerca di giocare con il tempo. Ma
questa ha una base edipica molto forte perché se torno indietro nel tempo posso sedurre
mia madre e farla diventare la mia ragazza, e in quel caso potrebbe generarmi
lo stesso con mia madre. O posso sedurre mio padre in passato. Questo è il
base del viaggio nel tempo. Interferire in passato significa interferire con
i nostri genitori.
Poi c'è l'escatologia, che è l'immaginario della fine del mondo. Di cosa
dalla fine del mondo. Dal fuoco, dall'acqua, dalla peste, dal passaggio
in un'altra dimensione. C'è una grande parte dell'immaginario che si occupa della fine del mondo.
Non lo consiglio, anche se lo faccio intensamente: immagino vari
modi per morire. Mi immaginavo di annegare, suicidarmi, correre da
un edificio, diviso in due. Mi sono proiettato molto nel suicidio, nel
morte, per liberarmi un po 'da me stesso. Ripeto di no
Io raccomando. Se sei in difficoltà, non farlo. È difficile. Soprattutto immagina il
morte di persone care. È forte, perché c'è sempre la minaccia di
che una persona cara scompare e temiamo anche la possibilità di fermarci
esistiamo noi
Per eliminarlo, ho immaginato molto. Non sono diventato niente
che è ciò che accade quando si entra nel buio. Ho iniziato a immaginare
nero, nero profondo, che dissolve il mio io nel vuoto. E poi il
emergenza verso l'esistenza e la luce.

Pagina 190
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
190
Applicazioni terapeutiche
Lavoreremo con la sensazione. Pensa a come ti senti, cosa
sentimento che hai, perché proviamo sentimenti che a volte sono un po '
angosciante. Pertanto, ti mostrerò come lavorare quella sensazione di angoscia.
Qualcuno ha una sensazione del genere?
"Mi sento come se avessi un muro nel petto." Ascolta bene, questo è
immaginario. Com'è quel muro: pietra, metallo, cemento?
Concentrati, prova a dirmi com'è. Di mattoni rossi? Essere d'accordo. Di
che taglia è, ti circonda come un tubo, dove lo metti? Immagina ora quelli
Mattoni rossi. Immagina che siano mattoni a tua disposizione. È un
Teriale che è tuo, puoi fare quello che vuoi con quel materiale. Per primo
invece ti difende: un muro può difenderti. Cosa ti difende? Cerca il
sensazione. Non devi pensare, devi vedere come ci si sente. Questo muro
è completamente utile. Ora medita sui mattoni rossi. Sono belli.
Penso che siano carini. Iniettare bellezza nei mattoni. Sempre più bellezza
su quel muro, ok? È tuo, ti appartiene. Puoi fare quello che vuoi con esso.
Costruisci qualsiasi cosa con esso. Fai uno spazio. Costruisci un posto. Ma
immagina. Immagina com'è quel posto, con quei mattoni. Vedi un posto accogliente
dor, puoi andare dentro. Quindi hai creato una porta. Ecco la soluzione: no
il muro deve essere rimosso, una porta deve essere aperta. E ora immagina il muro
in te, con una piccola porta attraverso la quale puoi uscire ed entrare. Fa parte di
tu che preservi la tua individualità. Questo muro preserva la tua individualità perché
Al momento è ancora debole, ok? Ora fortifica la tua individualità.
I mattoni rossi ti daranno forza. Se diventi forte perderai la paura.
Nessuno ti può invadere, capisci? Devi prendere l'immaginario e incorporare
porarlo. Sensazione di lavoro Perché le sensazioni che ci vengono presentate
sono come simboli, possiamo lavorare direttamente con loro.
Una persona mi ha detto che sente di avere escrementi nel suo cuore e
Ho risposto che gli escrementi sono un compost, che penso che aggiunga terreno e
che tutto può crescere. Se la persona coltiva qualcosa lì
sentire cambiamenti.
"Sento qualcosa sulle mie spalle, qualcosa che mi schiaccia." Bene, senti cosa tu
schiaccia. Lascialo venire. Non difenderti, ok? Cambia la sensazione.
Pensa che viene da dentro e fuori. Modifica te stesso. Questo deriva da te
dentro, sai cos'è? Sono ali che stanno crescendo. Quindi lasciali
Cresci. Spingere! Spingi le ali che ti permetteranno di andare dove vuoi.
Crea le tue ali e sposta le tue ali. Vai dove vuoi. Verso la tua terra, verso di te
territorio, verso te stesso. Verso la tua realizzazione. Ecco come si lavora

Pagina 191
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
191
sensazione.
"Mi sento come una palla di piombo nell'area del plesso solare." Meraviglioso.
Immagina che il tuo corpo sia la fornace, l'athanor alchemico. Immagina: in un altro
incarnazione eri un alchimista. La palla di testa è la prima questione che va
diventare oro. Quindi lascia che scenda in modo che io possa arrivare al
fuoco di pancia. L'utero è il fuoco della Grande Opera. Lavora, lascia che il
la palla scende, invece di difenderti lascia che si scaldi il fuoco del tuo
sessualità, ok? A poco a poco, vai facendola salire dove
era, e man mano che sale lo fai cambiare colore, fino a quando
diventa dorato e raggiungi il centro del torace. E poi lo fai brillare
proiettare i suoi raggi su tutti i lati. Falla salire. E così fai l'oro.
Cosa farai con l'oro?: Monete, soldi. È l'accettazione del denaro nel tuo
il petto. La negazione del denaro diventa una palla. Hai problemi?
i soldi? Sì? Bene, ora dovrai guadagnare. Se durante il rilancio
quella palla, quel peso, ti senti troppo materialista, fallo diventare
amo i soldi. Ama la tua creatività che i soldi ti danno. Con il
creatività, la sensazione di angoscia sparirà.
"Ho un prurito in testa, le spine mi si attaccano." Non lo faremo
chiedi cosa sono quelle spine. Accetterete solo la sensazione, ma
senza chiederti perché o cosa significano, perché potrebbero essere i
pensieri critici lanciati a te da bambino, cose del genere. avrete
pensare che esce dalla tua testa, non che ti entra nella testa. Ma è necessario
che lavori davvero con quella sensazione. E ciò che viene fuori dalla tua testa è
si trasformeranno in rose, perché le rose hanno spine. E quando immagini
hai delle rose in testa, immagina che gli insetti vengano ad impollinare. E
con polline, impollineranno altre piante in tutto il mondo. In questo modo, tu
il disagio diventa un dono per il mondo. E poi puoi scrivere
poesie, puoi fare quello che vuoi.
Dobbiamo terminare tutti questo gioco di "Guarda cosa mi hai fatto" o
"Tu non mi ami". È una mancanza di creatività. Non dovremmo gongolare
la sensazione di non essere amato. Precisamente, se ho quella sensazione di no
per essere amato, devi cambiare quella sensazione e sentirti amato. E cosa può
fare? Bene, per cominciare, smetti di chiedere. Se smetto di chiedere, sono nel
situazione del dare e poi diremo: «Non mi vuoi, ma ti adoro». E
invece di passare la vita ad arrabbiarmi, a tormentare l'altro e a soffrire, dirò
Basta e il problema è finito. Ti amo. Non vivrò come una vittima
tutta la mia vita. No. Ti amo e basta. Se non mi ami è un tuo problema, no
il mio. C'è la cura. Quando sei creativo, non ti concentri più
la richiesta di qualcosa, al contrario, la produciamo noi stessi. Dobbiamo
metti l'amore dove non c'è amore e lo troveremo. Perché se usi il
un altro come specchio della tua mancanza di capacità di amare, è perché ci sei andato
cerca qualcuno che non ti ama e questo perché non puoi amare. Sei
incapace di amare, e il tuo problema di non amarti ti metti nell'altro, lo proietti
come uno specchio. Amore E se ami, l'altro ti amerà, perché lo farai
proietta il tuo amore per lui.
Cominciamo amando le cose: arte, persone, le nostre opere, tutto.
Dedichiamoci alla creazione e all'amore. Perché l'altro atteggiamento mi porta a non farlo
niente, stare in piedi tutto il tempo. La creatività, al contrario, porta a
fai quello che devi fare. E quello che fai, progetti. E se lo proietti,

Pagina 192
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
192
lo ricevi. Tutto ciò che dai al mondo, il mondo ti dà. Tutto ciò che non lo fa
tu dai al mondo, il mondo non te lo dà. Devi liberarti, grazie alla creatività,
della petizione. Quando diciamo "Voglio avere talento", dobbiamo dire
Ho talento! Perché dovrei avere talento, se ce l'ho? voglio avere
successo. Ma ho successo! Tutto quello che voglio, ho. Quindi mi fermo
chiedo e inizio a fare il mio lavoro. Questo è tutto! Se voglio riprodurre musica, il
Io gioco. Se voglio cantare, canto. Se voglio scrivere, scrivo. Se voglio guadagnare soldi,
Lo vinco io. E periodo.
Perché al nostro fianco c'è sempre la prigione che ci impedisce di realizzare noi stessi.
Papà, mamma, vero? È il dannato divieto che ci ha detto: essere una vittima,
vivi come una vittima e diventa una vittima. Disturbare l'altro. Ma questo sarebbe già
soggetto per un altro corso meno accelerato.

Pagina 193
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
193
Appendice.
Psychomagic: poesia applicata
al trattamento della follia
Martín Bakero, psicoterapeuta
e dottore in psicopatologia
dall'università Parigi-VII

Pagina 194
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
194
Come sono stati mostrati i metodi di contenimento della psicosi
radicalmente repressivo, disumanizzante, insoddisfacente nei suoi risultati
clinico e hanno causato effetti collaterali significativi, uno dei
le domande che ci poniamo come terapisti delle psicosi sono cosa
trattamento da utilizzare in modo che la persona non sia influenzata dai trattamenti
Elettrochimici applicati in alcuni casi acuti e cronici. Come
ripristinare i legami tra soggetto e realtà, bloccati nella psicosi, senza
Il soggetto perde memoria, psicomotricità o immaginazione?
Come negli antichi luoghi di divinazione di Delfi o Dandará, e
somigliante ai trattamenti praticati nei templi di
Asclepio, il sanatorio di Georg Groddeck o i trattamenti di Alessandro
Tralles, la psicomagia subordina la ragione all'immaginazione: la soluzione arriva
dettato dal sintomo della follia, ed è in quella direzione che la cura
aprirà le sue vele; specialmente se lo consideriamo in greco
"Sintomo" significa coincidenza (sintomo). Invece di reprimere o provare
eliminare i sintomi allucinatori o persecutori, in cui si trova la psicomagia
la metafora delirante è un modo per curare l'inconscio e attraverso gli atti
la poetica la conduce alla realizzazione simbolica. In questo dominio, i sogni spesso
essere molto importante. Ad esempio, nell'antichità, Asclepio lasciò una lettera
ogni volta che appariva, e questa lettera divenne la chiave per leggere il
malattia, che consentirebbe di curarla. Empedocle potrebbe, attraverso metafore
magia, ferma i venti, causa o ferma la pioggia; ha anche guarito
attraverso atti che oggi potrebbero essere descritti come sciamanici.
Poiché il sintomo della malattia è una prova di cura, il delirio in
la psicosi è un tentativo di ristabilire i legami con la realtà. Il
la psicomagia creata da Jodorowsky estrae i suoi metodi da antichi ed efficaci
forme innovative e moderne di guarigione legate alla magia
teorie psicologiche dell'inconscio e utilizza le più svariate tecniche di
arte d'avanguardia classificata come effimera, avvenimenti, installazioni,
spettacoli, ecc., arti le cui origini risalgono a secoli fa: Diogene
camminando nuda con una lampada attraverso Atene, entrando Socrate
le spalle a un banchetto, così non ti accorgerai di essere in ritardo,
Empedocle che cammina in sandali dorati, monaci taoisti che dormono
con la testa verso il suolo per accumulare lo sperma nella tua mente ed essere in grado di volare,
i sacerdoti babilonesi che spruzzano i fedeli con l'acqua contenuta in a
brocca a forma di seno della divina Iside. Tutti, sviluppi gratuiti del
l'immaginazione di abitare il mondo in modo poetico, cioè raggiungere
unisci la ragione con l'immaginazione e l'intuizione.
Parliamo di magia perché le leggi della magia sono le stesse che governano
l'inconscio: metonimia e metafora. La prima legge è quella della contiguità,
in cui la parte è identificata con il tutto; il secondo è quello della somiglianza, in
che il simile agisce sul simile. Creando un atto psicologico, lo siamo
occupando il linguaggio dell'inconscio. Magia, psicoanalisi e poesia.

Pagina 195
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
195
Numerosi tentativi di trattare la follia possono mostrarci
quella psicomagia - senza essere stata nominata come tale - aveva
ha iniziato a esercitare i suoi benefici migliaia di anni fa. Ed è questa la storia
a volte è scritto in modo retroattivo; bene, solo dopo il
L'invenzione della psicoanalisi di Freud, possiamo trovare il suo pre
cursori, come Nietzsche, Socrate o alcuni filosofi stoici, sebbene
questa lettura comparativa è possibile solo dalla creazione freudiana di tale
tecnica. Jodorowsky, nell'inventare la psicomagia, dà un nome e fonda a
tecnica che ha conosciuto molti risultati terapeutici nel corso dei secoli,
ma che prima di lui non potevamo distinguere, poiché questo non aveva un filo conduttore
per caratterizzarlo. Psychomagic arriva a riguadagnare un dominio perduto: il
stretta collaborazione tra terapia e arte.
Gli alienisti non hanno smesso di cercare possibili navi comunicanti
tra l'arte e la terapia per stabilire un metodo di trattamento. È così
come nei primi centri terapeutici della psicosi, noti a Baghdad
nel V secolo, la musica e altre arti erano associate alla guarigione. Anche nel
Bibbia ci sono numerosi esempi di cure attraverso metodi che oggi
può essere descritto come un atto di psicomagia: David ha guarito Saúl di uno stato
delirante a suonare la sua arpa, Gesù fece riguadagnare la vista a un cieco
imbrattandosi gli occhi con saliva e argilla.
Melampo, un terapeuta greco, ha curato la follia delle donne dionisiache di
Argos attraverso grida rituali, danze catartiche e altri atti che hanno
registrato nella storia. Marcel Mauss racconta anche della guarigione
de Ificlo di Melampo: Fílaco, padre di Ificlo, lascia con noncuranza il suo
figlio di un coltello insanguinato mentre castrava un ariete. Ificlo fugge
spaventato e sterile per questo. Melampo lo cura facendolo leccare
per dieci giorni la ruggine del coltello ha trovato sull'albero dove Fílaco lo
aveva inchiodato quando vide suo figlio fuggire. Qui vediamo come si è diffuso il sintomo
dubitato dell'identificazione di Ificlo con l'ariete castrato. Melampo è capace
curarlo facendolo incorporare l'elemento temuto e trasformandolo in
alleato. Placito Sisto, un medico latino del quarto secolo, lo riteneva un bene
il trattamento per la febbre consisteva nel preparare una pozione sciogliendo una scheggia di
una porta attraverso la quale era appena passato un eunuco. Marcelo Empírico, per
rimuovere gli ascessi dall'occhio destro, toccarli con tre dita
Lasciato mentre tossiva ripetendo tre volte: "I muli non portano creature
mondo, né la pietra produce lana; che questa malattia non culmina neanche, ma
se lo fa, appassirà. Un'altra caratteristica prescrizione oftalmologica di
afferma il suo libro De medicamentis empiricis : devi dipingere un ragno bianco
con le gambe molto lunghe e schiacciarlo in olio. Questa pozione rimuove i punti
il bianco degli occhi se usato regolarmente, deve preparare un bene
quantità con abbastanza olio in modo che non finisca prima di finire la cura.
Diversi esempi nell'antichità testimoniano operazioni magiche
basato sull'identificazione, sulla simpatia tra oggetti: una goccia di
il sangue su una formula magica chiude una ferita; un disegno che rappresenta
un cane con tutte e quattro le zampe e un muso incatenato guarirà la rabbia.
Ci sono anche operazioni magiche collettive, antecedenti di cosa
Jodorowsky oggi chiama "psicomagia sociale". Questo è il caso ad esempio di
amuleti pubblici che esistevano in Egitto. Per immunizzare te stesso dai morsi
di serpenti o scorpioni, a
statua di una divinità coperta da iscrizioni magiche, a
getto d'acqua dalla testa ai piedi e poi hai bevuto quel liquido
raccolto ai piedi della statua.
Ci sono molti casi di guarigione di folli, attraverso atti, portati a

Pagina 196
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
196
eseguita da Alessandro di Tralles, eminente medico bizantino. Una volta ha guarito a
delirante che pensava di non avere la testa facendolo continuare a
cappello di piombo, già un uomo che non poteva urinare perché pensava che se
il mondo intero sarebbe inondato, dicendogli che c'era un grande incendio
nelle terre che l'Europa occupa oggi e che potrebbero estinguersi solo se lui
urinato. A una paziente che pensava di avere un serpente dentro di sé
stomaco che non le lasciava sfamare gli chiese di convocare il serpente,
dandogli un emetico. Mentre vomitava, lanciò rapidamente un serpente
ciò fece credere alla donna che il rettile fosse emerso dal suo grembo.
Anche la saggezza popolare ha rimedi per trattare alcuni tipi di
complicazioni. Queste procedure esistono, ad esempio, in molti
paesi, passando un bambino che ha una frattura da una crepa
espressamente fessurato, e in seguito deve essere unito e guarito.
La psicomagia fornisce un aiuto fondamentale e un metodo radicale
psicoterapia della psicosi. Favorisce l'interesse del soggetto
il mondo e ricrea una relazione essenziale con il suo ambiente, grazie all'irruzione
abbagliante di poesia, ha perso il dialogo dopo la crisi psicotica iniziale, dal momento che il
la follia implica l'assenza della creazione. Gli atti simbolici causano il
soggetto sbloccare i loro meccanismi di difesa psicotica e metterli al
servizio di bellezza. Un atto psicologico, accompagnato da un dipinto
psicoterapico appropriato, può facilitare il soggetto a uscire dal suo blocco
affettivo e la sua attività psichica autoerotica, per reindirizzare il suo interesse
verso gli altri. In alcuni casi di autismo, dove non c'è mai stato
comunicazione con gli altri, alcuni atti compiuti dalle famiglie di
i soggetti coinvolti possono indurre il soggetto malato a uscire dal suo confino
e accedere alla lingua, che era vietata da alcuni segreti di famiglia che
può risalire a tre generazioni. Nei seguenti casi clinici
che abbiamo selezionato, saremo in grado di apprezzare come hanno gli atti psicomagici
stato in grado di incanalare le ansie più primitive, sbloccare il maggior numero di inibizioni
profondo e contiene i sintomi psicotici più aggressivi e distruttivi
RANTES. A volte possiamo dire che la psicomagia ha agito con una forza
atomico che supera la cura per l'elettroshock o il coma dell'insulina. Sono i
primi casi di uno strumento terapeutico fondamentale, in cui il
solo una parola non è abbastanza. L'atto psicomagico prepara la strada per
parola, reintroducendo la poesia nell'esistenza del soggetto, come un raggio di
immaginazione che penetra nell'oscurità della decomposizione mentale.
1. Una persona si lamenta di non riuscire a dormire da mesi, da allora
pensa che il suo cuscino sia abitato da scarafaggi che mangiano il suo
pensieri. Di fronte a tale paura, non può appoggiare la testa sul cuscino o
addormentarsi, provocandogli un'angoscia insopportabile
disintegrazione psichica. Ti consigliamo di acquistare scarafaggi reali e
metterli sul cuscino durante la notte. La notte successiva
devi sostituire quelli veri con scarafaggi di plastica. La terza notte devi
appoggiare la testa su un cuscino con le immagini stampate sulla copertina
di scarafaggi. Il quarto giorno dovrebbe tornare a dormire con il suo normale cuscino ...
Dopo una settimana di domande e il superamento della resistenza che
aveva, compie l'atto prescritto, e da allora cessano le sue paure e
può addormentarsi.
In questo atto, andando nella direzione opposta del sintomo, abbiamo fatto

Pagina 197
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
197
appaiono i temuti bug, portandoli fuori dall'immaginario per renderli reali.
Poi, a poco a poco, abbiamo fatto scomparire gli scarafaggi,
restituendoli dal reale all'immaginario, proprio come le paure di
consulente.
2. Un adolescente di 14 anni è stato ricoverato in un servizio psichiatrico.
È stata diagnosticata la schizofrenia catatonica paranoica. Il suo delirio consisteva nel no
vuole crescere, e ha tirato fuori i capelli che crescevano mentre
si fermò davanti allo specchio facendo strane contorsioni e smorfie con le sue
Corpo. Si tolse i capelli da baffi, barba, ascella, pube, ma non senza
grande dolore e sangue dalle sue ferite. Il team di professionisti ha deciso di presentare domanda
un trattamento con neurolettici (antipsicotici), e successivamente testato il
elettroshock quando questi erano inefficaci. Solo il nuovo trattamento
Riuscì a "brutalizzare" il paziente e a fargli perdere alcune facoltà cognitive.
Il delirio ha affermato di essere più forte dei trattamenti psichiatrici
classico. L'adolescente stava partecipando a un seminario di poesia. Sei continuamente
Hanno prestato libri che, naturalmente, ha perso senza ricordare quasi quale
è stata l'impressione della sua lettura, in gran parte a causa dell'elettroshock che di
veniva quindi fornito due o tre volte a settimana. Come è stato il minore
dal reparto, tutti (psichiatri, psicologi, infermieri, stagisti)
si preoccupavano molto del suo disturbo. Un giorno gli abbiamo inviato il libro di Oscar
Wilde Il ritratto di Dorian Gray, la cui trama parla di un individuo che non vuole
invecchiare. Alcuni giorni dopo aver letto il libro, viene chiesto alla famiglia
comprare vestiti, vernici e tutti gli attrezzi necessari per i giovani
dipingi il tuo autoritratto. Alla fine del ritratto, dovrebbe scrivere in fondo: "Ecco il mio
ritratto che non invecchierà ... Adesso posso calmarmi ». Il mese successivo
È stato dimesso e mentre continua con controlli mensili in ospedale,
era in grado di tornare a scuola, che aveva abbandonato un anno prima del suo
ricovero in ospedale. Attualmente continua a dipingere e ha terminato gli studi.
In questo caso vediamo come il soggetto, attraverso l'atto psicologico,
si identifica con il personaggio che non invecchia, ottenendo attraverso questa finzione
la poetica risiede nel mondo.
3. Una guardia di un'officina riparazioni auto, che si avvicina a 50
anni, iniziò a soffrire una notevole angoscia, una totale abbattimento psichico
e fisico che lo annullò come soggetto, e altri sintomi tipici di un potenziale
psicosi in fase di aggiornamento. L'unica attività che sembrava a volte
Interessarlo era giocare con dei fili che facevano figurine. Parlando con lui,
ci siamo resi conto che aveva giocato a quel gioco sin da quando era molto giovane.
Come tutte le persone intorno a lui consideravano questa attività assurda in a
Un uomo adulto e un padre di famiglia, gli era stato proibito da una simile occupazione. tu
Abbiamo proposto di riprenderlo e ignorare le critiche degli altri, dato che era il
l'unica opera che lo ha interessato e legato alla vita, senza la quale
sicuramente si sarebbe suicidato o avrebbe ceduto a una crisi psicotica. tu
Abbiamo indicato che avrebbe inventato una nuova figura di filo ogni giorno. In un
Il momento dovrebbe darli via. La produzione di questi «piccoli giocattoli
impossibile ", come li chiamava, aumentò esponenzialmente e cominciò a farlo
distribuirli tra le persone che hanno visitato il laboratorio in cui ha lavorato. Le sue angosce
sono diminuiti nel corso dei mesi. In vista dell'evoluzione,

Pagina 198
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
198
lo mettiamo a pagamento per le piccole figure "impossibili" - di cui
descrizione presentata come una sfida per le persone, ho iniziato a chiedere il filo
Dovevo continuare a creare. Così entrò in una nuova relazione simbolica
con il mondo, una relazione che, in un momento precedente, lui e gli altri avevano avuto
creduto irrimediabilmente perso. Oggi è un uomo felice e molto socievole.
Gran parte della sua angoscia è scomparsa.
Il processo attivo di creazione reattiva in questo caso il desiderio nel soggetto,
che, seguendo le nostre indicazioni, inizia a vendere le figurine di
filo, diventando un artigiano molto apprezzato nel loro ambiente. Ottieni bene
superare i divieti della sua cerchia familiare e esprimere un desiderio infantile, che
diventa il ponte tra gli altri e il loro mondo interiore. Di fronte
angoscia di perdere per sempre l'unione con il mondo, quel ponte potrebbe
ricostruire, grazie a questa attività artigianale indotta dal nostro
indicazioni psicomagiche.
4. Una ragazza di 16 anni aveva perso l'udito e gli esami medici
praticato non ha rivelato alcun infortunio. I suoi genitori ci consultano
disperato non sapere cosa fare per la loro figlia. Stupiti, sentiamo che il
padre è pianista e madre cantante d'opera. Ci rendiamo conto che il tuo
la figlia aveva optato per la sordità, sentendosi emarginata dalla sua musica
i genitori amano. Il 17 ° compleanno di sua figlia si stava avvicinando, e lei
la famiglia non sapeva cosa fare per questa data. Data la preoccupazione dei genitori, loro
Abbiamo proposto un atto: hanno dovuto andare da un artigiano per insegnare loro come fare
piste. Quindi, per 16 giorni, avrebbero fatto due cerchi a forma di a
Sole. Il compleanno di tua figlia (17 giorni dopo aver iniziato a fare il
cerchi, che erano equivalenti ai 17 anni di vita della ragazza) dovevano darle
gli orecchini che collocano la madre uno nell'orecchio sinistro e il padre
un altro a destra. Lo hanno fatto e la loro figlia ha ricevuto felicemente e felicemente il
Sentes, e venne a trovarci portando i cerchi come due talismani. Lentamente
ha recuperato l'udito. Ha persino iniziato ad acquistare dischi da
musica ... e li ascolta, a volte con i suoi genitori.
In questo caso vediamo il rifiuto dei genitori di avere accesso alla figlia
mondo della musica (riservato solo a loro, come professionisti). Avevano
privò sua figlia di partecipare al suo desiderio e di identificarsi con la sublimazione
dai genitori: questo divieto genealogico ha causato la risposta del suo corpo
sordità. Quando i genitori accettano il fatto che le loro figlie hanno avuto il
musica nelle orecchie, riuscì a ritrovare l'udito.
5. Una paziente crede di essere perseguitata dallo spirito del suo ex amante. soffre
una crisi, e nel suo delirio inizia a elaborare una specie di piccoli libri
realizzato con peli pubici, carte da gioco, foto, unghie, sangue e altri oggetti
corpo. La sua famiglia si sente costretta a chiamare un'ambulanza al
strano di una situazione del genere, e lei stessa mette in relazione questo episodio con una sensazione di
stranezza totale, descrivendo quel momento come "completamente delirante". Lui aveva
che essere ricoverato in ospedale per alcuni giorni. Mentre quel fantasma iniziava a retrocedere,
abbiamo avvertito che la crisi potrebbe riapparire se non prendessimo provvedimenti
psicomagia.
Proponiamo di ripetere il momento del delirio - prescrizione del sintomo

Pagina 199
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
199
prima che sia prodotto, al fine di controllarlo, per riprodurre l'elaborazione
dei libri e tutti i rituali deliranti che avevo vissuto, una volta al giorno
per 10 giorni (la durata del suo ultimo attacco), ma questa volta
doveva filmarlo e inviarlo alla persona che credeva la stesse inseguendo.
Da quando lo ha fatto, non ha più avuto quelle paure paranoiche, e lo ha fatto
dedicato, ogni volta che qualcosa la dava fastidio, per fare film in ambientazioni che
riflettere le loro paure. È passata dall'essere la "vittima" delle sue paure a
rappresentarli sul palco, diventando così attivi e responsabili per conto proprio
divenire.
6. Un altro caso in cui utilizziamo la visione e la sua estensione tecnica,
la macchina fotografica era quella di un consulente che soffriva di psicosi isterica. Lei ha affermato
mantenere il contatto con gli spiriti del passato che hanno affidato i segreti del
l'umanità, che non l'hanno lasciata vivere in pace e che l'hanno lasciata incinta
le loro voci. Nel suo albero genealogico c'erano molti soggetti che avevano
voleva diventare cineasti e avevano fallito in una simile iniziativa. Questa persona
Ha lavorato come stilista di moda, ma era un lavoro che la annoiava
enormemente. Ciò a cui era inconsciamente interessata era la possibilità
fare film, essere in una posizione creativa attorno all'immagine
movimento. Poco dopo, le sue condizioni sono peggiorate e ha iniziato a farsi prendere dal panico,
blackout, perdita di coscienza, paralisi e altri incidenti che
Avrebbero potuto essere fatali. Data l'impossibilità di continuare il processo
terapeutico attraverso la parola, gli abbiamo detto che se non fosse arrivato al prossimo
sessione con un film girato, la ricoveravamo in ospedale e le facevamo prendere molti
altre medicine.
La sessione successiva è arrivata con un bellissimo film su a
albero in un giardino dove mostrava come le persone si avvicinavano ed entravano
contatto con quell'albero che potremmo interpretare come una metafora per il suo
proprio stato psicologico. Da quel giorno, puoi filmare tutti quei messaggi
crede di ricevere dal passato e ha recentemente vinto un premio in a
concorso cinematografico sperimentale.
7. Un uomo di 28 anni viveva negli ospedali da dieci anni
psichiatrico. La sua diagnosi era la schizofrenia paranoica e il suo sintomo
principale, che ha sentito voci. I medici che lo hanno curato non lo hanno fatto
il contenuto delle voci era interessante; erano contenti di amministrare
farmaci per far sparire le voci, cosa mai raggiunta.
Tuttavia l'angoscia della disintegrazione, i manierismi schizoidi e il
mania persecutoria aumentata. L'abbiamo incontrato allora, quando nessuno
nel settore psichiatrico sapevo cosa farne. Organizziamo un seminario di
voce per lui e altri schizofrenici che hanno sofferto di sentire voci. Nostro
L'idea era che dovevano passare da semplici soggetti passivi "sofferenti" dalla psicosi a
essere attivi, attori ispirati dalle proprie paure. Questa persona stava ascoltando
costantemente le voci dei personaggi dei cartoni animati che avevano
visto nella sua infanzia. Abbiamo proposto di vestirsi una volta al giorno per un anno
nei panni di quando era bambino, e imita le sue voci
personaggi persecutori.
Per lui non si trattava di imitare, ma di incarnarli davvero

Pagina 200
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
200
personaggi. A volte si abbandonava alla ripetizione di quelle voci che
hanno minacciato con molto dolore e difficoltà. A poco a poco, ha identificato il
personaggi diversi che parlano nella sua testa e come ha iniziato a
nominandoli, l'esperienza è diventata più gioiosa e gioiosa. A otto mesi il
l'ospedale ha deciso di dimettersi, ma in ogni recensione ha recitato le voci di
quei personaggi, che esprimono gioia e libertà illimitate. Fino al
Al momento non ha più bisogno di essere ricoverato in ospedale, è sposato e lavora; suo
la principale distrazione è registrare le voci che ha "sentito da bambino" e
mostrali ai tuoi amici.
8. Una donna sente che presto morirà, che la inseguono per strada
avvelenarla o strangolarla. Ci dice che sua sorella, il cui nome era
come lei, era stato strangolato a morte da bambino mentre sua madre
Stava organizzando una festa per i suoi amici. Vedendo in quel caso l'origine della sua
paure, proponiamo il seguente atto: devi vestirti da bambino e offrire a
la festa alla quale i suoi genitori devono partecipare, così come alla festa in cui i suoi
sorella. Quando tutti gli ospiti sono presenti, dovresti leggere il verbale del tuo
morte mia, dì ai tuoi genitori di rimuovere la collana che indosserai
indossando quella notte (indossa sempre collane molto strette attorno al collo),
e gettalo tra le fiamme del camino. Quindi dovresti fare il bagno con acqua santa -
la sua famiglia era molto cattolica e riapparve alla festa vestita con altri vestiti, leggi
il suo certificato di nascita con un nuovo nome e danza alla festa con lei
ospiti.
Eseguendo questo atto, la persona non solo si è liberata dalle sue paure, ma
quella stessa notte scoprì, con la sua nuova personalità, che ora è suo
marito.
9. Una persona che non ha potuto fare sesso per anni
pensava che "voci strane come aghi" penetrassero nei pori della sua pelle.
Non potevo prendere la metropolitana o qualsiasi trasporto pubblico per paura che il
Le "onde cerebrali" delle persone la penetrano, causandole un forte dolore.
Dopo un periodo di trattamento senza miglioramento dei sintomi, muore
suo padre. Dopo alcuni mesi, ricorda che sua madre, che fino ad allora
il giorno in cui aveva pieno potere su sua figlia, gli aveva detto da bambina che lei
poteva penetrarlo "con un ago" per deflorarlo. Il paziente rimane in a
stato semi-logico dopo l'apparizione di tale memoria. Quando si riprende
coscienza, prescriviamo il seguente atto: è necessario fabbricare durante
prossima luna piena un oggetto d'arte in cui diversi tipi di
vagine penetrate dagli aghi. Quindi devi darlo a tua madre e mai
di più per vederlo di nuovo. Con nostra sorpresa e benessere, ha eseguito l'atto
immediatamente, perché si stava avvicinando la luna piena (che simboleggiava la madre).
Ha progettato oggetti che rappresentavano più vagine, da ragazze e adulti,
penetrato da aghi di tutte le dimensioni e forme. Anche gli aghi
Potrebbero essere voci o sguardi. Lo diede a sua madre il giorno dopo e mai più
L'ha vista di nuovo. Da allora non ha avuto problemi ad usare
trasporto pubblico o fare sesso e ha conosciuto il
orgasmo.

Pagina 201
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
201
10. Un giovane viene a consultarci perché il suo sudore e il suo tremore
mani, che non ti permettono di stringere la mano alle persone, rendendola difficile
la vita enormemente, che lo ha portato a tentare il suicidio. Me lo dice
i suoi genitori lo hanno costretto da bambino a indossare i guanti, anche in estate, come
punizione per una rapina che aveva commesso. Gli diciamo di rubare un guanto dal suo
padre e un altro a sua madre, che li usano per un mese in estate e restringere il
mano a tutte le persone con i guanti; lo indichiamo anche
poi bruciali, fai una crema con le ceneri e spalmali le mani
lei ogni mattina per un anno. Lo ha fatto, e da allora non lo ha fatto
Ho avuto di nuovo tali problemi.
11. Un paziente afferma di essere "posseduto da un'immagine nera, un'ombra"
che la perseguita. Ci dice che il suo rapporto con sua madre è disastroso, perché
Dalla sua infanzia lo ha sentito dire che è orribile e che è pazza. Suo padre
era sempre assente. Durante l'adolescenza ha dovuto essere ricoverata in ospedale
causa di manie persecutorie o crisi psicotiche in cui credeva di essere il
Vergine Maria o essere posseduto dagli spiriti. Farmaci psicotropi e
i trattamenti psichiatrici classici non avevano fatto altro che
disturbi della personalità, ma hanno dato origine a quel tipo di ombra nera
che la perseguitava, un'immagine che sua madre le aveva instillato fin da bambina.
Ci dice che sua madre si veste sempre con un cappotto nero. Per
liberalo dalla sua influenza, ti diciamo di massaggiare tutto il tuo corpo
una foto di sua madre, che in seguito si veste nei suoi vestiti, in particolare il suo cappotto
nero e che cammina tutta la mattina dove sua madre fa regolarmente.
A mezzogiorno (quando il sole, il simbolo del padre, è al suo apice)
devi bruciare quei vestiti, mettere in valigia le ceneri e gettarle nella Senna
senza guardare indietro. Quindi, devi andare a mangiare la tua torta preferita e fare
alcune foto, in cui è possibile verificare che non ci siano ombre seguenti
dola.
Da quel momento, da allora non ha più avuto bisogno di assumere altri farmaci
l'angoscia che avevo sparito. Settimane dopo lasciò la casa di sua madre
per entrare in un convento, da dove mi scrive regolarmente
dimmi che sei molto felice. Si era dimenticato di dirmi che la torta era quella
mangiò dopo aver gettato le ceneri l'immagine di sua madre era una torta
che chiamano "religiosi" in francese.
12. Un bambino di 8 anni che frequenta un centro di degenza per un giorno
i bambini con conflitti di tipo psicotico, si lamentano perché si sentono enormi
angoscia legata al tuo corpo, in particolare il desiderio di strapparti gli occhi o
pugnalare un coltello, ma soprattutto perché hai un incubo ricorrente che
Non lo lascia dormire, in cui appare un mostro che vuole divorarlo.
L'unico modo in cui ha scoperto di calmarsi è di sdraiarsi sul letto.
da sua madre, ma questo interrompe le relazioni familiari.
Attraverso interviste con il bambino e i suoi genitori, lo apprendiamo
era stato vittima di abusi sessuali da parte di un fratellastro
mentre erano nella casa della madre del ragazzo, dai suoi genitori
Sono divorziati. Si era sentito molto non protetto da lei, da quando lo aveva fatto
ripetutamente abusato della madre a casa, sebbene
non se n'era accorta.
Per molto tempo, a questo fratellastro fu proibito di rimanere nel
comune in cui viveva il nostro consulente. L'angoscia è tornata durante a

Pagina 202
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
202
visita illegale che quella ha fatto alla sua famiglia, nascosta dal padre. Abbiamo capito
che il trauma sperimentato è tornato a fiorire, e soprattutto la sensazione di
impotenza in relazione ai suoi genitori.
Come il bambino in questione, durante il trattamento, ha iniziato a manifestarsi
un grande interesse per la botanica e la germinazione delle piante in generale,
Abbiamo proposto il seguente atto a lui e ai suoi genitori: dovrebbe chiedere al padre di farlo
dare un seme di una pianta che porta frutto e che la madre prepara
terra per piantare in un vaso. Il bambino ha dovuto estrarre l'argilla dal
mostro che lo inseguiva nei sogni. Quindi la madre ha dovuto accompagnare il
bambino mentre ha seppellito il mostro insultandolo e posizionando il
pianta.
Immediatamente dopo l'atto l'angoscia è scomparsa e il bambino ha
Ho sviluppato una grande capacità cognitiva, evidenziando la sua eccellenza in
tutti i rami, specialmente nelle scienze naturali. Hai recuperato il file
fiducia e non ha più bisogno di dormire con sua madre. L'uso della plastilina ha
ha permesso di modellare e dare forma alle immagini che lo terrorizzavano e che ha
placato la sua angoscia. La trasmissione della capacità riproduttiva, di
parte del padre, quando gli dà il seme (i frutti rappresentano il
occhi), e il fatto di seppellire il mostro inseguitore - una rappresentazione del
fratellastro che ha abusato di, hanno fatto diventare la rabbia contenuta
una corrente creativa, che risveglia la curiosità intellettuale e la capacità di
creazione nel nostro consulente.
Pagina 203
Alejandro Jodorowsky - Pssicomagia
203
Ho incontrato Alejandro Jodorowsky nel 1996, durante un seminario su
psicomagico e psicogenealogia che ha insegnato in Cile per psichiatri e
psicologi. L'ho seguito e ammirato a lungo per il suo affascinante
carriera come creatore e artista d'avanguardia. A quel tempo avevo dei dubbi
intorno a scegliere di essere un poeta o un terapeuta, poiché entrambi erano percorsi vitali
per me. Stava cercando un percorso che potesse conciliare i due percorsi. Jodorowsky
era passato dall'arte alla terapia con tutta la capacità inventiva che quella
implica. Quando fu il mio turno in officina, gli chiesi il mio dilemma e lui disse: «Tu
Hai già iniziato, ora hai bisogno di qualcuno che ti confermi ». Subito
mi ha scritto sul petto ciò che è diventato un tatuaggio per me
indelebile: «Poeta e psicoterapeuta». Da quel momento me ne sono reso conto
Potrei seguire entrambi i percorsi senza rinunciare a nessuno dei miei
auguri, come aveva fatto mio padre lasciando la musica per dedicarsi
completamente all'ingegneria. Se entrambe le vie fossero importanti per me,
poteva seguirli entrambi e nutrirsi a vicenda.
Poi mi ha suggerito: «Hai già letto molti libri, ora devi andare a cercare
fonti viventi ... ». Quindi ho promesso di andare a lavorare con lui. "Ma prima
pubblica il tuo libro di poesie », mi disse. Ho pubblicato il mio libro La Via Lattea, che era
pubblicato un giorno prima della mia partenza in Francia. Sono arrivato con lui a Parigi e l'ho lasciato
Alejandro a casa sua. Pochi giorni dopo ho chiamato il suo segretario, che
Lo ha contattato direttamente: "Dove sei?" Mi ha chiesto. "Qui
sulla terra ", ho risposto. Mi ha letto i tarocchi qualche giorno dopo in un bar dove
stava iniziando la sua nuova stagione. Prese tre carte: il carrello, la torre [o
Maison Dieu] e il giudizio ... Avevo in mano André's Arcane 17
Bretone.
Da allora abbiamo gradualmente instaurato una relazione di
fiducia, insegnamento e amicizia. Mi ha mostrato infinite cose, tra
altri i tarocchi e psicomagici; Ho contribuito umilmente la mia passione per
poesia e terapia della follia. A poco a poco ho applicato le leggi di
psicomagia alla terapia dei matti. Un percorso che inizia e inizia
danno i loro primi frutti.
Martín Bakero