Sei sulla pagina 1di 25

docsity.

com

Il museo oggi - Docsity

131-167 minuti

Il museo oggi – Cataldo / Paraventi

Linee guida per una museologia contemporanea

Parte prima: Il museo e la sua


storia........................................................................................................................... 1 1. La nascita del
collezionismo.............................................................................................................................. 1

1. La tomba, il tempio, la stoà: i primi


“musei”...................................................................................................1 2. La Biblioteca di Alessandria
d'Egitto.............................................................................................................1 3. Roma: collezioni, immagini
e manifestazioni del potere................................................................................1 4. Dai tesori delle cattedrali
al collezionismo laico............................................................................................1 5. Gli
studioli..................................................................................................................................................... 1

1. Apollo e le Muse nello studiolo di Lionello d'Este.....................................................................................1 2.


Dalla stoà alla loggia: lo spazio espositivo della galleria..........................................................................2

6. Il collezionismo mediceo fra Quattrocento e Cinquecento............................................................................2


7. Roma: recupero e dispersione dell'antico.....................................................................................................2
8. Il progetto di Paolo Govio: il nuovo luogo delle
Muse....................................................................................2 9. Dalla meraviglia al metodo: raccolte
scientifiche e Wunderkammern...........................................................2 10. Il collezionismo europeo nel
Seicento.........................................................................................................2

2. La nascita del museo


pubblico........................................................................................................................... 3 1. Le istituzioni
museali fra XVII e XVIII secolo. Nascita dei musei scientifici...................................................3 2. Il museo
come divulgazione del sapere........................................................................................................3 3. L'età
dell'Illuminismo..................................................................................................................................... 3

1. Trasformazioni e riallestimenti..................................................................................................................3 2.
I nuovi edifici............................................................................................................................................ 3
4. Il museo durante la Rivoluzione francese.....................................................................................................3
5. Il museo napoleonico.................................................................................................................................... 3

3. Il museo
nell'Ottocento....................................................................................................................................... 4 1.
Musei, architettura e città.............................................................................................................................. 4

1. Il dibattito architettonico e l'interesse per l'archeologia............................................................................4


3. I musei americani..................................................................................................................................... 4

2. I musei di arte industriale e le Esposizioni Universali....................................................................................4


1. L'interesse per l'etnografia.......................................................................................................................4

4. Verso il museo
contemporaneo.......................................................................................................................... 4 1. Le
trasformazioni dell'idea di museo agli inizi del XX secolo.........................................................................4

1. Il museo d'arte moderna.......................................................................................................................... 4 2.


La trasformazione del ruolo del museo....................................................................................................4 3. La
fondazione dell'ICOM..........................................................................................................................5

2. L'evoluzione dell'architettura e della struttura museale nel


Novecento.........................................................5 3. I nuovi aspetti del museo alla fine del XX secolo: spazio e
contenuti............................................................5 4. Il museo come centro
polifunzionale.............................................................................................................5 5. Verso il museo del
terzo millennio................................................................................................................. 5

Parte seconda: Il museo


contemporaneo.................................................................................................................... 6 5. Il museo e le
sue definizioni............................................................................................................................... 6

1. Il museo: da contenitore di beni a soggetto di


cultura...................................................................................6 2. La definizione di museo in
Italia....................................................................................................................6 3. I soggetti in campo
pubblici e privati.............................................................................................................6
1. I musei statali........................................................................................................................................... 6 2.
I musei degli enti locali............................................................................................................................. 6 3. I
musei universitari, ecclesiastici e privati.................................................................................................6

4. La presenza dei musei in Italia. L'indagine della Corte dei Conti..................................................................7


5. L'ICOM e le associazioni museali italiane.....................................................................................................7
6. Gli attori privati in materia di
musei...............................................................................................................7 7. Il “museo fuori dal museo”:
il patrimonio culturale sul territorio.....................................................................7 6. Lineamenti di
legislazione in materia di beni culturali e musei......................................................................7 1. La
Costituzione e le prime norme in materia di musei...................................................................................7 2.
Beni culturali e musei.................................................................................................................................... 7 3.
Il decentramento amministrativo: le Leggi Bassanini e il D.Lgs. 112/1998....................................................8 4.
Le novità della L.Cost.3/2001 in materia di beni culturali..............................................................................8
5. Il Codice dei beni culturali e del paesaggio...................................................................................................8
6. L'istituzione di un museo...............................................................................................................................
8 7. L'istituzione dei musei nella legislazione
regionale.......................................................................................8

7. Le tipologie di
musei.......................................................................................................................................... 8 8. Le
discipline del museo.................................................................................................................................... 10

1. Museologia, museografia, museotecnica....................................................................................................10


2. Uno sguardo sul passato: la nascita della museografia..............................................................................10

3. Museologia e museografia: il ruolo dell'ICOM, la situazione in


Italia...........................................................10 9. Il museo come servizio
pubblico...................................................................................................................... 11

1. Una nuova prospettiva per i musei


italiani...................................................................................................11 2. La Carta dei
servizi..................................................................................................................................... 11 3. Il D.M. 10
maggio 2001. Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei
musei (art.150 co.6 D.Lgs. 112/1998).........................................................................................11 4. La
certificazione degli standard museali e il controllo della qualità.............................................................13

1. La certificazione della qualità museale in Italia e le attività di autovalutazione......................................13 5.


Lavorare nei musei...................................................................................................................................... 13
1. Le professioni museali nel Codice dei beni culturali e del paesaggio....................................................13 2.
La Carta nazionale delle professioni museali.........................................................................................13

Parte prima: Il museo e la sua storia 1. La nascita del collezionismo

1. La tomba, il tempio, la stoà: i primi “musei” Collezionare è un fenomeno antropologico. I corredi funerari
sono i più antichi esempi di collezionismo: nelle tombe sono presenti non solo oggetti della vita quotidiana
o di significato religioso, ma anche beni di prestigio e rarità. Collezionare è anche un fenomeno religioso: i
templi possedevano ricche collezioni. Si attingeva ai contesti di guerra, ribadendo l'unione del segno di
potere con quello economico, legato al valore dell'oggetto. I tesori greci, costituitisi grazie a offerte votive,
sono stati i primi depositi di opere d'arte. Sull'Acropoli di Atene nacque il più antico esempio di pinacoteca.
Nel corso del V secolo a.C. si sviluppò la connessione fra il tema del giardino (delle Muse) e quello dello
studio, che apre la strada al legame fra le Muse e la collezione. Durante il periodo ellenistico le collezioni si
concentrarono nelle mani di principi, governatori o ricchi. Attalo I fu il rappresentante di un nuovo
collezionismo basato sull'integrazione dei saperi. Creò un complesso culturale con una notevole raccolta di
opere, biblioteca, giardino, orto botanico. Comparvero il mercante d'arte, incaricato dal collezionista di
trovare le opere, e il critico d'arte. Vi era anche la conservazione degli oggetti con la colla di pesce e
l'utilizzo di cubetti pieni d'acqua o olio per aumentare l'umidità di una sala.

2. La Biblioteca di Alessandria d'Egitto I Tolomei crearono due istituzioni culturali: la Biblioteca e il Museo. Il
Museo offriva a scienziati e letterati i mezzi per praticare le loro discipline senza doversi preoccupare del
sostentamento. Il Mouseion alessandrino consisteva in un ampio recinto, circondato da un porticato a
colonne, collegato ad un'esedra. Erano presenti anche un giardino botanico, un serraglio, un anfiteatro, sale
di lavoro ed un refettorio.

3. Roma: collezioni, immagini e manifestazioni del potere Anche le collezioni romane erano costituite in
gran parte di oggetti provenienti da bottini di guerra. Prese inizio il commercio dell'arte e la replica in copia
delle opere. Marco Agrippa, consigliere di Augusto, pensò che lo stato romano dovesse trasmettere la
cultura e l'arte al popolo trasferendo a Roma, rendendo pubbliche, le collezioni custodite nelle grandi ville
private. Trasportare le sculture greche a Roma per collocarle a ornamento determina il venir meno della
loro funzione sacra e l'affermarsi di quella estetica e simbolica. Le invasioni barbariche innescarono la
consuetudine di conservare, per motivi di sicurezza, intere fortune nei luoghi più protetti.

4. Dai tesori delle cattedrali al collezionismo laico Nel Medioevo la componente religiosa divenne
protagonista nelle logiche del collezionismo. Si collezionavano i resti dei martiri, le reliquie e gli strumenti
della passione di Cristo e della vita della Vergine e le reliquie di contatto. A essi venivano attribuiti poteri
taumaturgici (miracolosi). Per rendere onore a queste vestigia si ricorreva all'uso dei materiali più ricchi:
oro, argento, pietre preziose. L'accumulazione di tali oggetti ha dato vita ai “tesori”, meta dei pellegrini,
conservati in stanze, cappelle isolate, monasteri, cattedrali o chiese. Carlo Magno riunì un ragguardevole
tesoro nella cappella di Aquisgrana. L'età delle Crociate diede inizio alla seconda fase di formazione dei
tesori in Occidente. Durante il Medioevo, la Chiesa reprimeva i fedeli rispetto all'ostentazione della
ricchezza e alla manifestazione esplicita del piacere del possesso di beni terreni. Però, proprio da un uomo
di chiesa giunge una delle prime testimonianze relative al piacere del possesso a fini collezionistici. Suger,
abate di Saint-Denis. La Chiesa è stata la prima vera custode di oggetti e la prima a dedicare all'allestimento
delle raccolte di reliquie e reperti naturali un'attenzione di tipo museologico. I reperti archeologici
convissero nelle chiese accanto ai reperti naturali, la cui finalità principale era quella di destare meraviglia
nei fedeli. I reperti archeologici venivano usati a scopi edilizi. Gli unici che venivano preservati erano quelli il
cui significato simbolico poteva esaltare il potere di chi li possedeva. Una delle prime raccolte in ambito
laico fu quella del duca Jean de Berry: era conservata in un luogo privato ed era accompagnata da un
inventario esemplare. La caratteristica di questa raccolta è la vastità del programma. Ciriaco d'Ancona fu il
primo mercante-archeologo che girò per il mondo acquistando antichi codici, sculture e medaglie e
trascrivendo epigrafi.

5. Gli studioli Lo studiolo costituì l'evoluzione di un piccolo spzio adibito inizialmente a guardaroba, in cui,
oltre al necessario per scrivere e leggere, si accumulavano oggetti ricchi di significati simbolici. Fra il
Quattrocento e il Cinquecento, gli studioli iniziarono a riempirsi di piccoli oggetti d'arte e di strumenti di
studio. È un fenomeno tipicamente italiano. Gli studioli erano direttamente collegati al loro committente
dal programma iconografico. Lo studiolo del Palazzo Ducale a Urbino di Federico da Montefeltro prevedeva
la celebrazione delle virtù politiche e degli interessi umanistici del duca. Lo studiolo di Francesco de' Medici
rispecchiava gli interessi esoterici del principe.

1. Apollo e le Muse nello studiolo di Lionello d'Este Nello studiolo di Lionello d'Este a Ferrara si esaltava il
buon governo e i successi diplomatici del committente, sotto la protezione di Apollo e delle Muse. La
presenza di questi due elementi insieme richiama in qualche modo il

modello del principe-filosofo descritto da Platone nella Repubblica.

2. Dalla stoà alla loggia: lo spazio espositivo della galleria Alla fine del Cinquecento subentrò la volontà da
parte dei collezionisti di esporre le raccolte ad un pubblico più ampio e in luoghi meno appartati. Si esaurì il
fenomeno degli studioli. La galleria fu ritenuta più adatta all'approccio col pubblico.

6. Il collezionismo mediceo fra Quattrocento e Cinquecento Gli umanisti fiorentini studiavano la civiltà
greca attraverso i testi e cercavano contemporaneamente di farla rivivere attraverso il collezionismo. La
notevole raccolta di opere antiche della famiglia Medici fu usata sia come strumento per ottenere il
consenso della città sia come modo per affermare il proprio prestigio culturale. Lorenzo il Magnifico allestì
una sorta di museo all'aperto nel giardino di San Marco: è qui che si formerà Michelangelo. Francesco I
riorganizzò le collezioni all'interno degli Uffizi per offrire al pubblico un panorama in un museo con finalità
didattiche e rappresentative. Gli Uffizi, opera di Giorgio Vasari, divennero un complesso comprendente un
teatro, una chiesa e una galleria per le esposizioni. Il Rinascimento italiano perfezionò il concetto di museo
e di collezione in un'ottica antropocentrica. Tale approccio superò presto i confini italiani.
7. Roma: recupero e dispersione dell'antico A Roma il collezionismo si sviluppò inizialmente in rapporto al
recupero dell'antico. Prima dell'intervento degli umanisti, i ruderi e i monumenti erano stati considerati
cave all'aperto da cui ricavare materiale all'occorrenza. Quando però gli umanisti intrapreso gli studi dei
testi classici, si guardò ai monumenti antichi in una prospettiva storico-documentaria. Sisto IV, come
strumento simbolico di propaganda, donò alla città di Roma un nucleo di statue, collocandole sul
Campidoglio. Questo divenne il primo museo cittadino aperto al pubblico. Giulio II creò sul colle Vaticano il
Museo del Belvedere, il primo statuario all'aperto all'interno di un giardino. Con Leone X Medici la politica
di tutela del patrimonio antico si intensificò, con la nomina di Raffaello a ispettore generale delle Belle Arti.
Alcuni eventi legati alle sistemazioni urbanistiche della città incrementarono le collezioni delle grandi
famiglie.

8. Il progetto di Paolo Govio: il nuovo luogo delle Muse Paolo Govio tentò un recupero dell'antico facendo
costruire sulle rive del lago di Como una villa composta di vari ambienti fra cui giardini, portici e cortili per
predisporre le proprie collezioni. Una delle sale della villa venne fatta decorare con immagini delle Muse: da
qui la “riscoperta” del termine museo, usato per indicare lo spazio fisico per l'esposizione delle opere. Il
museo prevedeva un programma iconografico e un'architettura monumentale la cui struttura era destinata
a contenere la collezione di antichità e di monete appartenente allo stesso Govio. Andavano predisposti
luoghi differenti per i diversi tipi di raccolte, dimostrando una precisa attenzione per il momento della
fruizione di queste da parte del pubblico.

9. Dalla meraviglia al metodo: raccolte scientifiche e Wunderkammern Intorno alla metà del Cinquecento si
formarono le prime grandi collezioni enciclopediche. Si trasformarono le collezioni in “opera” parallela della
riflessione scientifica. Il fine della collezione divenne riunire una campionatura del mondo visibile,
ordinando l'esistente entro schemi largamente comprensivi. La collezione messe insieme dall'Aldrovandi
era un tentativo di fornire una classificazione per immagini di tutto il mondo naturale sotto forma di
archivio; al suo interno, tuttavia, comparivano anche reperti artistici e antichi. Molte raccolte botaniche e
scientifiche nacquero non in ambito nobiliare ma borghese, come supporto professionale e di studio per i
loro possessori. In Italia, tre furono le raccolte che superarono le altre in fama: quella di Francesco Calzolari,
quella di Michele Mercati e quella di Ferrante Imperato. Durante il Seicento le categorie del raro e del
meraviglioso furono pian piano soppiantate da una visione più analitica della natura, di cui si indagavano i
vari aspetti e fenomeni col metodo sperimentale galileiano. È a questo punto che le categorie di arte e
scienza vennero divise. La specializzazione delle raccolte italiane non aveva riscontri in altri contesti
europei. Parallelamente, si affermò, specie nell'Europa del nord, il fenomeno delle Wunderkammern.
Ferdinando del Tirolo possedeva un'armeria, una biblioteca e oggetti esposti in armadi di legno chiusi e
suddivisi in due tipi: in base alla natura degli oggetti ed in base alla tecnica di lavorazione. Rodolfo II di
Praga riunì una collezione basata su oggetti particolari, conservò la collezione senza aprirla al pubblico.

10. Il collezionismo europeo nel Seicento A partire dal XVII secolo alcune importanti raccolte subirono dei
passaggi di proprietà. Carlo I d'Inghilterra acquistò la collezione dei Gonzaga, ma il governo puritano inglese
gliela confiscò sottoponendola ad un'asta pubblica, disperdendola. I collezionisti italiani cominciarono a
vendere le loro collezioni, alimentando il collezionismo straniero. Si consolidò il mercato dell'arte. Parigi e
Lipsia erano i centri più importanti dell'arte europea; anche Amsterdam rivestì un ruolo predominante con
le vendite all'asta. I collezionisti del Seicento italiani erano principi e banchieri, in Olanda borghesi e nelle
Fiandre aristocratici. Si sviluppò anche un mercato illegale: da qui nacque la richiesta di un certificato di
autenticità. Però, gli stessi collezionisti contattavano gli artisti per commissionare loro copie di opere
famose.
2

2. La nascita del museo pubblico

1. Le istituzioni museali fra XVII e XVIII secolo. Nascita dei musei scientifici Nel XVIII secolo si fece strada
l'idea del museo come strumento al servizio della società. Il museo moderno, concepito come luogo
pubblico dove si conservano le memorie del passato, nacque durante l'Illuminismo e con la Rivoluzione
francese, quando si diffuse l'idea che una collezione fosse un bene pubblico. In Inghilterra, nel 1683, venne
inaugurato all'Università di Oxford un nuovo edificio, l'Ashmoleam Museum, il primo realizzato
intenzionalmente per essere adibito a museo scientifico. Era un edificio diviso in tre livelli, che
comprendeva anche la scuola, la biblioteca e il laboratorio; l'esperienza diretta cominciava ad essere
considerata determinante per l'apprendimento. L'ingresso era consentito a tutti, pagando un biglietto, e gli
oggetti si potevano anche toccare.

2. Il museo come divulgazione del sapere Nel XVIII secolo si cominciò a considerare la divulgazione del
sapere come una responsabilità pubblica: alcuni sovrani furono persuasi che la trasmissione del sapere
fosse essenziale al progresso. Bologna e Basilea furono tra le prime a fondare musei e biblioteche
pubbliche. Con l'apertura al pubblico dei musei, la figura del collezionista perse importanza e il controllo e
la gestione delle raccolte passarono alle istituzioni, Accademie e Università. Le collezioni offrivano un valido
sostegno allo studio. Del pubblico che frequentava i musei, tuttavia, non facevano ancora parte i ceti
popolari.

3. L'età dell'Illuminismo

1. Trasformazioni e riallestimenti Con l'Illuminismo si avviò una trasformazione dell'organizzazione dei


musei, che cominciarono a staccarsi dalla tradizione delle Kunstkammern; la collezione doveva rispondere a
criteri di organicità e coerenza, non poteva più ricercare il proprio valore nella quantità e nella “curiosità”
ma nella qualità estetica. In Francia, l'apertura al pubblico aveva lo scopo di rafforzare agli occhi dei
visitatori stranieri il prestigio di una collezione che, pur appartenendo al re, veniva già considerata
patrimonio nazionale, ma anche quello di prevenire il degrado delle tele. Luigi XVI avviò il progetto di
trasformazione in museo pubblico del palazzo del Louvre, che verrà aperto al pubblico nel 1793. A Roma,
papa Clemente XII aveva inaugurato nel 1734 il Museo Capitolino. Negli stessi anni, le scoperte di Ercolano
e Pompei fornirono enormi quantità di oggetti. Con la prima riorganizzazione degli Uffizi, Pietro Leopoldo di
Lorena separò le collezioni medicee d'arte e di scienza e trasportò gli strumenti scientifici a Museo della
Specola, primo vero esempio di museo scientifico in Italia.

2. I nuovi edifici Il Fridericianum a Kassel fu il primo edificio concepito per essere un museo pubblico d'arte.
Il museo dovrebbe essere un edificio quadrato con un ampio cortile, avente su ogni lato una loggia corinzia
e una sala dalle due parti. Queste otto gallerie convergono nelle quattro sale d'angolo e sono illuminate da
una piccola cupola. Una più grande sovrasta il centro di ogni ala ed illumina la sala principale dietro la loggia
(portici). Il modello del portico seguito da una sala con cupola derivava dal Pantheon. Un riferimento al
Pantheon venne esplicitato anche in Spagna nel Museo del Prado a Madrid. Il Museo Pio Clementino fu
costruito con sale denominate “Sala delle Muse”, “Sala a Croce Greca” e “Sala Rotonda”, ispirata al
Pantheon.

4. Il museo durante la Rivoluzione francese Con la Rivoluzione francese, nel 1789 iniziò il processo di
confisca dei beni, considerati “beni nazionali”, requisiti dallo Stato inizialmente al clero e successivamente
agli aristocratici e alla Corona. Da un lato l'impero rivoluzionario portò a episodi di vandalismo e distruzione
nei riguardi di tutto ciò che era legato all'Ancien Régime, dall'altro impose il rispetto legislativo per la
conservazione delle vestigia e dei monumenti storici. Lo Stato si assunse la responsabilità della tutela di
questi beni. Venne istituita una commissione ai monumenti con il compito di redigere un inventario di tutti i
tesori d'arte di Francia. Tutti i beni confiscati furono trasportati al Louvre. Il nuovo museo fu concepito
come un archivio universale con il fine di rappresentare un'immagine del mondo universalmente valida e
attendibile e fornire un sapere enciclopedico sulla base di una logica classificatoria positivista. A questa
concezione derivò anche la separazione nei quattro settori fondamentali: arte, storia, scienze naturali e
tecnica. Un'altra caratteristica fu il compito morale: l'educazione di tutti i cittadini attraverso il museo
apparentemente era finalizzata ad accrescere il sapere individuale, con lo scopo ideale di liberare il popolo
dalla tirannia e dall'ignoranza; in realtà assunse la forma di un nuovo modo di gestire e controllare i
cittadini, con l'intento di trasformarli in utile risorsa per lo Stato stesso.

5. Il museo napoleonico Nel periodo napoleonico i musei diventarono il simbolo dell'espansione militare
della Francia in Europa. La collezione del Louvre si era arricchita nel corso del tempo e all'inizio
dell'Ottocento, grazie a tutte le ricchezze “di rapina” convogliate in Francia con le campagne napoleoniche.
Le opere esposte al Louvre cominciarono ad essere accompagnate da testi esplicativi: vennero realizzati
cataloghi a prezzi modici e guide alle collezioni. Il libero

accesso rese necessaria la creazione di nuove figure professionali, come i “custodi”. Il modello rimase un
esempio. Nel 1809 il governo filonapoleonico del Regno d'Italia inaugurò a Milano la Pinacoteca di Brera.
Con la Restaurazione, migliaia di opere d'arte “conquistate” da Napoleone furono restituite ai Paesi
d'origine.

3. Il museo nell'Ottocento

1. Musei, architettura e città

1. Il dibattito architettonico e l'interesse per l'archeologia Nell'Ottocento si affermò il concetto di museo


come monumento, con funzione di contenitore delle collezioni artistiche. In Inghilterra, Germania e Stati
Uniti si definirono i modelli di riferimento per l'architettura del museo: il tempio greco, la cupola del
Pantheon romano e le ville rinascimentali palladiane. L'Italia, a differenza del resto d'Europa, diede luogo
all'allestimento di musei in edifici antichi sorti per altre funzioni. Lo sviluppo dei grandi musei in questo
periodo è legato all'interesse per l'archeologia e per le vestigia storiche, diffusosi dopo le campagne
napoleoniche in Egitto, che contribuirono a spostare l'interesse sui reperti della civiltà egizia inizialmente, e
successivamente su quelli delle civiltà sumeriche, babilonesi ed assire. Con il Romanticismo, poi, crebbe
anche l'interesse per l'archeologia locale, per le origini del proprio paese o città. Di conseguenza nacquero,
specie in Germania, musei di storia e arte medievale, fino a quel momento ritenute espressione di una
cultura barbara.

3. I musei americani La nascita del museo negli Stati Uniti si colloca nella seconda metà dell'Ottocento. I
primi musei americani si ispiravano ai modelli europei, tuttavia erano istituzioni con un netto orientamento
didattico. In America nacque anche il concetto, poi importato in Europa, dell'impresa museo, cioè un luogo
di cultura da gestire come un'attività imprenditoriale che svolge un ruolo attivo di orientamento del gusto
del pubblico imponendo, attraverso i canali dell'industria culturale, passioni e mode.

2. I musei di arte industriale e le Esposizioni Universali Nel corso dell'Ottocento sorsero numerosi musei di
arti applicate all'industria, con la finalità didattica di contribuire al perfezionamento delle arti industriali.
Questi musei nacquero sulla scorta delle Esposizioni Universali. Dopo la prima Esposizione Universale,
tenutasi a Londra nel 1851, venne organizzata un'esposizione permanente. Il museo restava aperto la sera
per consentire alle classi lavoratrici di visitarlo. Venne introdotta perciò l'illuminazione artificiale. Si sviluppò
una diversa idea di museo, dove la funzione espositiva acquistò maggior importanza rispetto all'edificio in
se stesso: il museo monumentale cedeva dunque il passo al museo contemporaneo. Gli edifici transitori
realizzati per le grandi esposizioni si dimostrano laboratori utili per sperimentare nuovi materiali, tecniche
di costruzione, modi di organizzare gli spazi. L'arte non è più legata al collezionismo ma considerata il luogo
del consumo collettivo.

1. L'interesse per l'etnografia Attraverso le Esposizioni il mondo occidentale venne in contatto con gli
oggetti e le culture dei Paesi extraeuropei e si accrebbe il gusto per l'esotico. Le collezioni etnologiche
costituirono la branca più nuova dei musei scientifici. Queste raccolte avevano lo scopo di rappresentare la
via, l'attività e gli usi, e in parte la storia di quei popoli dei quali mancavano documenti certi; alle collezioni
etnografiche erano di solito annesse le collezioni antropologiche e preistoriche. Le ricerche di etnografia
locale, stimolate dalla volontà di affermazione nazionale, incoraggiarono la conservazione delle
testimonianze materiali delle tradizioni popolari. Alla fine del XIX secolo vennero creati i primi musei
all'aperto. Il principio di esposizione di questi musei di cultura popolare consisteva nella ricostruzione, la più
esatta possibile, delle forme di vita di altre epoche.

4. Verso il museo contemporaneo

1. Le trasformazioni dell'idea di museo agli inizi del XX secolo

1. Il museo d'arte moderna Il museo d'arte nel corso del XIX secolo aveva avuto il compito di diffondere
anche le opere degli artisti contemporanei. Già verso la fine dell'Ottocento, diventa la salvaguardia dei
valori della tradizione, e le opere degli impressionisti e post-impressionisti saranno ignorate. In
conseguenza, nasce l'idea del museo d'arte moderna. Nel 1929 si costituisce il primo nucleo del MoMA
(Museum of Modern Art) a New York, che rappresentava qualcosa di nuovo. È il contributo più autentico
che l'America abbia offerto alla storia del museo. Il museo non doveva limitarsi a considerare le discipline
tradizionali, ma doveva accogliere fotografia, architettura, disegno industriale e film.

2. La trasformazione del ruolo del museo Nel Novecento il museo diviene bersaglio di critiche da parte delle
avanguardie. Henry van de Velde enucleò alcune regole per il museo pubblico:

1. il museo non deve esporre tutto ciò che possiede in maniera costante

2. le opere inferiori dei grandi maestri non competono al giudizio di tutto il pubblico ma solo degli
specialisti 3. ogni scuola nazionale deve avere una sala, o più sale, secondo i casi, dove le opere
fondamentali verranno

esposte permanentemente, le altre conservate in annessi aperti a chiunque ne faccia domanda 4. il museo
deve essere pensato e costruito in modo tale che il pubblico potrà recarsi in una sala precisa

senza dover passare da altre sale, e l'accesso alle sale sarà diretto con corridoi o gallerie in comunicazione
con una galleria circolare o con l'esterno.

Gli allestimenti tendono alla semplificazione per valorizzare gli oggetti esposti, gli sfondi diventano neutri e
si studiano le più idonee condizioni di illuminazione. L'organizzazione delle mostre temporanee diventa
sempre più frequente. Mentre prima non si teneva conto delle esigenze del visitatore, ora si cerca di
sollecitare la sua partecipazione alla visita e di studiare i suoi comportamenti all'interno del museo.

3. La fondazione dell'ICOM Nel 1926, sotto l'egida della Società delle Nazioni viene fondato l'Office
International des Musées (OIM). Nella seconda metà del Novecento si crea un organismo internazionale,
l'ICOM (International Council of Museums) per il coordinamento internazionale tra i musei nell'ambito
dell'UNESCO.

2. L'evoluzione dell'architettura e della struttura museale nel Novecento Un problema divenuto


fondamentale nel corso del XX secolo è il ruolo della struttura architettonica del museo:

1. van der Rohe: il museo è un semplice contenitore, senza infierire con le opere presenti (“museo vuoto”)
2. Frank Lloyd Wright: l'edifico deve essere al centro dell'attenzione.
È soprattutto in Italia che si è verificato il ricorso al secondo tipo di museo, definibile “museo interno”. La
trasformazione di vecchi edifici come conventi o palazzi principeschi in musei diventa una consuetudine, sia
per conservare questi edifici, spesso opere d'arte in sé, sia per preservare l'antico spazio urbano. A partire
dagli anni Sessanta, per esporre le proprie opere gli artisti si rivolgono via via alla strada e ai luoghi dimessi
o non convenzionali; ad esempio vengono allestite mostre di scultura nei parchi pubblici. L'intento non è
quello di affermare la superiorità della pittura o della scultura rispetto all'architettura, ma di trovare nuovi
equilibri fra esse, affinché una non prevalga sull'altra.

3. I nuovi aspetti del museo alla fine del XX secolo: spazio e contenuti Nel 1977 a Parigi viene inaugurato il
Centre National d'Art et de Culture Georges Pompidou. È il manifesto di una nuova corrente architettonica,
l'high tech, in cui viene lasciata a vista la struttura in acciaio. Il nuovo centro non sarebbe stato diviso in
sezioni poiché l'intento era quello di creare un complesso interdisciplinare. Il pensiero museologico va
modificandosi ad un ritmo sempre più sostenuto; di conseguenza, gli edifici tendono ad “invecchiare” più in
fretta e sia gli spazi sia le dotazioni tecniche diventano facilmente obsoleti. Negli anni Ottanta viene rivista
l'usanza italiana di reimpiego dei palazzi.

4. Il museo come centro polifunzionale Il museo contemporaneo è un'istituzione dichiaratamente didattica,


che deve rispondere a molte nuove funzioni e svolgere numerose attività e pertanto deve possedere spazi
adeguati. Il museo è diventato un luogo destinato non più solo all'apprendimento ma anche al divertimento
e sempre più attento ai servizi rivolti al pubblico. Molti istituti tengono conferenze, producono film e libri. Si
può fare una distinzione tra “spazi serviti” e “spazi che servono”: i primi fondamentali e accessibili al
pubblico, e dedicati alle mostre, alle conferenze, alle biblioteche pubbliche, ai banchi vendita, e gli altri
secondari, che ne rendono possibile il funzionamento, come gli uffici, i centri di ricerca, documentazione e
restauro delle opere, le officine e i depositi. Esiste poi un terzo tipo di spazi, definiti “accessori”, che hanno
un ruolo sociale (ristoranti, bar, negozi). La diffusione delle nuove funzioni del museo determina un
incremento degli interventi di ampliamento.

5. Verso il museo del terzo millennio Oggi è fondamentale cercare di coinvolgere il visitatore. Il rapporto tra
musei e visitatori è neutrale: questi sono invisibili gli uni agli altri e sono liberi di scegliere ciò che più
interessa loro. L'obiettivo dell'edilizia museale dovrebbe essere un'architettura al servizio dell'opera d'arte
come involucro il più naturale possibile. Il museo attualmente è al centro di un acceso dibattito che riguarda
la sua natura e la sua metodologia, la sua stessa finalità è messa in discussione. La più grande
trasformazione del museo negli ultimi tempi riguarda gli allestimenti. Ai modelli di allestimento statici si
sono sostituiti quelli dinamici, sottoposti a continue revisioni. Gli oggetti non sono più presentati in un
quadro classificatorio con una didascalia che li inquadra in un unico contesto di riferimento, ma sono
presenti quadri di riferimento molteplici. Mentre prima gli allestimenti erano di ordine storico-cronologico,
oggi le due tendenze prevalenti sono l'allestimento di carattere astorico e quello monografico. Il primo
cerca di mettere in evidenza affinità estetiche, e da per scontata la competenza del visitatore. In altri tipi di
musei, invece, le tecniche museografiche si sono arricchite di una vasta gamma di tecnologie di
comunicazione informatica e multimediale. Più diffusi attualmente sono i musei tematici e nuove forme
museali nate intorno ad un evento e ad una storia particolare. Ciò che sta cambiando è l'idea di museo da
aperto al pubblico a museo dei pubblici, ossia, fruibile da pubblici diversi per bagaglio culturale, etnico. Il
museo si sta trasformando in un centro polifunzionale.
5

Parte seconda: Il museo contemporaneo 5. Il museo e le sue definizioni

1. Il museo: da contenitore di beni a soggetto di cultura Il museo oggi è considerato un soggetto in grado di
organizzare in maniera unitaria azioni e servizi per la tutela, la fruizione e la valorizzazione dei beni in esso
racchiusi. Conoscenza e valorizzazione, tutela e fruizione sono vocaboli che esprimono la stessa finalità,
ovvero la trasmissione del bene alle generazioni future. A questa missione è legata la funzione primaria del
museo. Il museo infatti contribuisce a rafforzare l'identità e la crescita sociale di una comunità.

2. La definizione di museo in Italia Il museo è considerato da una parte come un bene culturale in sé e,
dall'altra, come un servizio reso alla collettività. Il museo è qualificato in Italia come bene d'interesse
pubblico. La prima fonte normativa statale che ha definito il museo è il D.Lgs. 490/1999: “Struttura
comunque denominata, organizzata per la conservazione, valorizzazione e fruizione dei beni culturali”. Il
Codice di deontologia professionale dell'ICOM definisce: “Il museo è un'istituzione permanente, senza
scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che
riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell'umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le
conserva, le comunica e, soprattutto, le espone ai fini di studio, educazione e diletto”. In Italia lo strumento
di riferimento per la legislazione e per avere una definizione di museo è il Codice dei beni culturali e del
paesaggio (2004), che definisce il museo “Struttura permanente che acquisisce, conserva, ordina ed espone
beni culturali per finalità di educazione e di studio”. In questo codice si incontrano altre tipologie di
strutture:

• raccolta museale: insieme di oggetti privi di un principio di aggregazione e di un progetto collezionistico,


non organizzati in base a un atto istitutivo e privi di personale adeguato. La struttura svolge principalmente
le funzioni di conservazione ed esposizione con apertura al pubblico

• collezione: un insieme di oggetti/materiali scelti e riuniti in musei, retto da un nesso di omogeneità


dovuto a una complessiva logica aggregativa liberamente determinata

• deposito attrezzato: struttura che accoglie le opere d'arte rimosse dagli edifici del territorio per lavori o
restauri, nonché per il tempo necessario all'esecuzione dei lavori di ripristino, recupero e restauro delle sedi
originarie

• bene monumentale con valenza museale: beni e complessi monumentali che racchiudono all'interno beni
e arredi di particolare interesse storico o artistico e che sono assimilabili alle strutture museali.

3. I soggetti in campo pubblici e privati I soggetti che si occupano di musei sono: gli enti pubblici (Stato,
Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane, Università), enti ecclesiastici, privati. Possono definirsi
pubblici quei musei per i quali l'ente pubblico manifesta una qualunque forma di titolarità per quel che
riguarda la proprietà delle collezioni e le modalità di gestione del patrimonio. I musei pubblici possono
essere allestiti in edifici privati e viceversa.

1. I musei statali I musei statali si sono formati sulle collezioni degli Stati preunitari, talvolta ereditate dalle
casate principesche e incrementate nel tempo con l'incameramento di opere provenienti dagli enti
ecclesiastici soppressi, di acquisti o di donazioni. Il museo è organo del Ministero dei Beni Culturali. Non
essendo dotati di personalità giuridica, non sono tenuti a redigere statuti o regolamenti.

2. I musei degli enti locali I musei appartenenti agli enti locali (Comuni e Province) o agli enti territoriali
(Regioni) sottostanno agli statuti, ai regolamenti o ai provvedimenti amministrativi degli enti cui
appartengono. Fanno parte di questa categoria la maggioranza dei musei italiani, cioè i musei civici:
un'istituzione sorta a causa delle soppressioni degli enti ecclesiastici e della conseguente acquisizione dei
loro beni, con lo scopo di raccogliere le testimonianze archeologiche e artistiche del territorio della
comunità, o in seguito alle donazioni dei cittadini.

3. I musei universitari, ecclesiastici e privati Appartengono ai musei pubblici anche i musei universitari: nati
con finalità didattiche, in genere ospitano collezioni di strumenti scientifici, reperti fossili, collezioni
naturalistiche o etnoantropologiche. I beni di proprietà ecclesiastica sono conservati negli edifici di culto o
in musei che possono essere diocesani, parrocchiali, musei dell'Opera del Duomo o semplici raccolte di arte
sacra, cui vanno aggiunti i musei delle comunità ebraiche e protestanti. La Cofnerenza Episcopale Italiana
collabora sempre più con il Ministero e le Regioni, ai fini della conservazione del patrimonio culturale. Per
quanto riguarda i musei privati, solo in caso di eccezionale interesse delle collezioni, possono essere
assoggettati a visita da parte del pubblico, i proprietari hanno solo obblighi di conservazione.

4. La presenza dei musei in Italia. L'indagine della Corte dei Conti Sono stati individuati in Italia 3430 musei,
aggregati per Regione e distinti in tre macroaree geografiche: Nord, Centro e Sud, comprese isole. Al Nord
c'è il 43% dei musei (1476), al Centro 1158. Le regioni che registrano il maggior numero di musei sono la
Toscana, l'Emilia-Romagna, la Lombardia, il Lazio, le Marche e il Veneto. Al Nord ci sono 5,77 musei ogni
100.000 abitanti, al Centro 9,52 e al Sud 4,13. La parte più rilevante dei musei è di proprietà pubblica (66%),
il 22% è privato, mentre quello ecclesiastico è l'11,81%. Fra quelli pubblici, il 20% sono statali. I musei degli
enti locali sono il 52% dell'intero patrimonio nazionale museale.

5. L'ICOM e le associazioni museali italiane L'ICOM (International Council of Museums) è l'organizzazione


internazionale dei musei e dei professionisti museali impegnata a preservare, assicurare la continuità e a
comunicare il valore del patrimonio culturale e naturale mondiale, attuale e futuro, materiale e
immateriale. Ha 19.000 aderenti. Organizzazione non governativa, l'ICOM è associato all'UNESCO e gode
dello status di organismo consultivo presso le Nazioni Unite. Ha sede a Parigi. Il Comitato Nazionale Italiano
(ICOM Italia) si occupa di tutti i problemi strettamente connessi allo sviluppo e alla difesa della professione
museale; si propone inoltre di importare in Italia il dibattito internazionale sulla museologia e di esportare
le idee e le metodologie qui elaborate per garantire una corretta gestione del patrimonio culturale e delle
istituzioni museali. In Italia lavorano altre associazioni museali:

• Associazione Musei d'Arte Contemporanea Italiani (AMACI) • Associazione Musei Ecclesiastici Italiani
(AMEI) • Associazione Nazionale dei Musei Locali e Istituzionali Italiani (ANMLI) • Associazione Nazionale
Musei Scientifici (ANMS) • Società Italiana per i Beni e la Museografia Demoetnoatropologica (SIMBDEA).

La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) ha istituito una propria commissione di delegati
rettorali, denominata Commissione Musei, Archivi e Centri per le Collezioni universitarie di interesse
storico-scientifico, con il compito di promuovere la discussione e il confronto sulla museologia scientifica in
ambito universitario. Queste associazioni, convocate da ICOM Italia, hanno approvato un documento
congiunto: la Carta nazionale delle professioni museali (2005).

6. Gli attori privati in materia di musei Il ruolo dei privati può risultare molto diversificato. La tipologia più
diffusa è quella del privato proprietario del bene e quindi responsabile della sua conservazione e
promozione. Un'ulteriore modalità di coinvolgimento dei privati è la sponsorizzazione: ogni contributo in
beni o servizi da parte di soggetti privati alla progettazione o all'attuazione di iniziative del Ministero, di enti
territoriali, nonché di soggetti privati per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, con lo scopo di
promuovere il nome, il marchio, l'immagine, l'attività o il prodotto dell'attività dei medesimi soggetti. Ci
sono soggetti privati che agiscono a fini economici: gli editori, le società e le cooperative addette ai servizi
museali. Associazioni culturali e di volontariato spesso offrono un valido supporto per la fruizione.

7. Il “museo fuori dal museo”: il patrimonio culturale sul territorio Uno dei tratti salienti della cultura
italiana è l'integrazione tra musei e territorio. Il museo diventa “attivo”, un contenitore che racconta quel
luogo con la sua storia e le sue peculiarità. Un museo può svolgere ulteriori funzioni che riguardano non
solo le proprie collezioni ma l'intero territorio circostante: censimento e catalogazione dei beni culturali;
gestione degli archivi del patrimonio; gestione e coordinamento degli strumenti per la conservazione dei
beni culturali; coordinamento della gestione e fruizione delle strutture e dei luoghi da visitare;
comunicazione e promozione delle attività.

6. Lineamenti di legislazione in materia di beni culturali e musei

1. La Costituzione e le prime norme in materia di musei La Costituzione, all'art.9, assegna alla “Repubblica”
il compito di promuovere “lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e la tutela del paesaggio e del
patrimonio storico e artistico nazionale”. Nel 1975 si dispose che il Ministero provvedesse “alla tutela ed
alla valorizzazione del patrimonio culturale del paese” e promuovesse “la diffusione dell'arte e della cultura,
coordinando iniziative all'interno e all'estero”. Già nel 1960 invece venne riconosciuta l'importanza dei
musei appartenenti ad enti diversi dallo Stato.

2. Beni culturali e musei Nel 1964 il Parlamento istituì la Commissione Franceschini e fu emanata la
definizione di bene culturale: bene afferente la sfera pubblica in quanto destinato alla fruizione collettiva e
quale testimonianza avente valore di civiltà. Anche l'oggetto di uso pratico può in questo senso assumere la
veste di bene culturale nel momento in cui, in seguito a mutamenti contingenti o al trascorrere del tempo,
al progresso o alla trasformazione della società, acquista il valore di testimonianza e documento
significativo del passato. I beni culturali acquisirono anche il ruolo di motore dello sviluppo economico e
fonte di nuova occupazione.

3. Il decentramento amministrativo: le Leggi Bassanini e il D.Lgs. 112/1998 Processo di decentramento:

1. L. Bassanini 1 (1997): allo Stato fu riservata la sola funzione di tutela dei beni culturali. 2. L. Bassanini 2
(1997): si stabilì che il Governo avrebbe potuto prevedere il trasferimento della gestione dei

musei statali alle autonomie territoriali. 3. D.Lgs. 112/1998: una commissione avrebbe dovuto definire quali
beni sarebbero rimasti allo Stato e quali

era possibile trasferire alla gestione degli enti territoriali. 4. Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e
sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei (2001):

il primo atto che stabilisce e prescrive linee-guida, diritti e doveri in materia di musei.

4. Le novità della L.Cost.3/2001 in materia di beni culturali Con la modifica del Titolo V della Parte II della
Costituzione con la L.Cost.3/2001, viene riformato il sistema delle autonomie locali e dei rapporti con lo
Stato, attribuendo allo Stato la potestà legislativa esclusiva e la conseguente potestà regolamentare in
materia di tutela dei beni culturali e ambientali. Vi è prescritto che la legge statale disciplini forme di intesa
e coordinamento tra Stato e Regioni in materia di tutela dei beni culturali. Le funzioni amministrative sono
attribuite ai Comuni, salvo che, per assicurarne l'esercizio unitario, siano conferite a Province, Città
Metropolitane, Regioni e Stato. Il Consiglio di Stato ha attribuito alle Regioni il compito di emanare leggi in
merito alla gestione dei musei e al personale che vi deve operare.

5. Il Codice dei beni culturali e del paesaggio Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (2004) si fonda sulla
concezione comune di patrimonio culturale, composto da beni culturali e paesaggistici. La tutela è definita
come attvità diretta ad individuare i beni costituenti il patrimonio culturale e a garantirne la protezione e la
conservazione per fini di pubblica fruizione. Le funzioni di tutela sono attribuite al Ministero per i Beni e le
Attività Culturali. Le Regioni, le Province, i Comuni e le Città Metropolitane cooperano con il Ministero
nell'esercizio di esse. La valorizzazione consiste nel promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e
nell'assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica. Essa comprende anche la
promozione ed il sostegno degli interventi di conservazione del patrimonio culturale. Lo Stato, le Regioni,
gli altri enti pubblici territoriali assicurano la fruizione dei beni presenti negli istituti e nei luoghi di cultura.
Lo Stato, le Regioni, e gli altri enti pubblici territoriali definiscono accordi volti a stabilire gli obiettivi, a
fissare i tempi e le modalità di attuazione.

6. L'istituzione di un museo Ogni museo dovrebbe essere dotato di un atto che ne disciplini l'organizzazione
e l'attività e che soprattutto ne definisca l'ordinamento giuridico, mentre invece questo spesso non si
verifica. L'atto in questione è il primo degli standard museali previsti sia dal Codice ICOM che dal
documento ministeriale del 2001 per accreditare l'istituto in questione come museo, ovvero come
istituzione permanente, durevole e senza fini di lucro.

7. L'istituzione dei musei nella legislazione regionale Solo nella legislazione più recente di alcune Regioni è
presente qualche traccia dell'iter di costituzione del museo. La prima Regione in Italia che si è posta il
problema del riconoscimento dei musei è stata la Regione Lombardia, seguita da Campania, Umbria e
Provincia di Bolzano.

7. Le tipologie di musei Un sistema di classificazione dei musei che deriva da un documento dell'UNESCO
del 1984 ha lo scopo di suddividere i musei in undici grandi classi:

• musei d'arte: musei che espongono opere d'arte e d'arte applicata, comprendono i musei di scultura, le
gallerie di pittura, i musei della fotografia e del cinema, i musei di architettura, incluse le gallerie d'arte
permanenti di biblioteche e archivi

• musei di storia e archeologia: i musei di storia si propongono di presentare l'evoluzione storica di una
regione, di una zona o di una provincia per un periodo limitato o di lungo periodo. I musei di archeologia si
distinguono per il fatto che le loro collezioni sono in parte o integralmente frutto di scavi. Sono compresi i
musei con collezioni di cimeli storici, i memoriali, i musei di archivi, i musei militari, i musei dedicati a
personaggi storici, i musei di archeologia, i musei di antichità, ecc.

• musei di storia e scienze naturali: espongono soggetti legati sia a una sia a più discipline come la biologia,
la geologia, la botanica, la zoologia, la paleontologia e l'ecologia

• musei della scienza e della tecnica: musei connessi a una o più scienze esatte o a tecnologie come
l'astronomia, la matematica, la fisica, la chimica, la medicina, le industrie edili, gli articoli manifatturieri.
Sono anche inclusi i planetari e i centri scientifici

• musei di etnografia e antropologia: presentano materiali sulla cultura, le credenze, i costumi, le arti
tradizionali, ecc.

• musei specializzati: interessati alla ricerca e alla presentazione di tutti gli aspetti di un singolo tema o
soggetto non compreso nelle categorie precedenti
8

• musei territoriali: illustrano un territorio più o meno esteso tale da costituire un'entità storica e culturale
e talvolta anche etnica, economica o sociale, le cui collezioni si riferiscono cioè più a un territorio specifico
che non a uno specifico tema o soggetto

• musei generali: possiedono collezioni miste • altri musei: non inclusi in nessuna delle altre categorie •
monumenti storici e aree archeologiche: opere architettoniche o scultoree e aree di particolare interesse

dal punto di vista archeologico, storico, etnologico e antropologico • giardini zoologici, orti botanici, acquari
e riserve naturali: presentano specie viventi.

Suddivisione di Georges-Henri Rivière (padre degli ecomusei): • musei d'arte • musei di scienze dell'uomo •
musei di scienze della natura • musei delle scienze e delle tecniche.

Distinzione in base al contenuto (più importante per questo libro): • accademia: museo o pinacoteca
chiamati accademia se hanno subito la trasformazione da istituzione

adibita all'uso didattico • antiquarium: piccolo museo che raccoglie materiale archeologico locale • armeria:
affonda le sue radici tra tardo Medioevo e Rinascimento • calcografia: raccolta di lastre di rame incluse da
artisti per la stampa • casa-museo: palazzi o dimore di artisti o di personaggi storici di cui conservano
cimeli, l'arredo o le opere.

Nel caso di studi di artisti si parla di casa-atelier • ecomuseo: il patrimonio culturale e naturale di una
comunità, ereditato, trasformato, prodotto e trasmesso

di generazione in generazione, in quanto tale, appartiene al futuro e diventa una risorsa locale che trova la
sua ragion d'essere solo nell'integrazione all'interno delle dinamiche di sviluppo. Questo concetto,
radicandosi in un determinato territorio, si manifesta come ecomuseo, organizzato in circuiti o percorsi,
comprese aree agricole e insediamenti rurali, sedi museali, centro di documentazione e laboratori didattici
a carattere tematico

• gabinetto: ambiente destinato ad accogliere raccolte di tipo specialistico: monete e medaglie, disegni e
stampe, vetri, gemme e oreficeria. In genere è annesso a musei più ampi
• gabinetto dei disegni e delle stampe: composto da disegni e stampe frutto del collezionismo privato
illuminato sviluppatosi soprattutto in Italia, Francia e Inghilterra nel corso del XVII secolo. In Italia se ne
occupò Giorgio Vasari: i disegni di artisti italiani dal XIV al XVI secolo vennero montati su cartoni la cui
cornice era da lui stesso disegnata

• galleria: nasce come ambiente spazioso per accogliere dipinti e sculture. Quando lo spazio o la galleria
ospitano solo dipinti e opere di pittura essa si chiama pinacoteca

• galleria d'arte moderna: nasce nel XIX secolo per musealizzare le opere d'arte contemporanea. La galleria
d'arte moderna rientra nella famgilia dei musei artistici

• gipsoteca: collezione di gessi che possono essere tratti da sculture o frutto dell'opera di artisti •
gliptoteca: collezione di sculture antiche • lipsanoteca: luogo dove si conservano reliquie • museo
archeologico: raccolte di oggetti provenienti da scavi o ritrovamenti risalenti alle civiltà antiche fino

al periodo alto medievale compreso. I musei archeologici possono documentare sia la storia di un territorio
sia essere specializzati in una sola civiltà. Negli ultimi decenni la conoscenza archeologica del territorio è
stata valorizzata con l'istituzione dei parchi e delle aree archeologiche la cui visita, ove possibile, è spesso
associata e integrata a quella del museo vero e proprio

• museo antropologico ed etnografico: raccolta di materiali relativi alle culture delle diverse popolazioni,
comprese le documentazioni di testimonianze orali, di eventi o rituali e di beni etnoantropologici. In Italia si
sono affermati i musei della civiltà contadina, del vino, e dedicati alla valorizzazione dei mestieri e delle
abitudini di vita del passato e alle culture tradizionali

• museo d'arte: raccolte di oggetti d'arte, comprendenti le pinacoteche, le gallerie e i monumenti


contenenti collezioni d'arte

• museo di arte industriale: istituti sorti in Europa nel corso del XIX secolo per promuovere la conoscenza
delle arti applicate e l'evoluzione delle tecniche di produzione. Oggetto di questi musei erano sia le
applicazioni nel campo della meccanica, della fisica, dell'elettrotecnica, sia le sperimentazioni per migliorare
la qualità estetica dei prodotti dell'industria

• museo del gioiello: raccolte di oggetti di oreficeria che si diffusero in Italia nel corso del XIX secolo, frutto
del collezionismo privato sorto sulla scia dell'interesse per le arti minori e per le arti applicate

• museo del paesaggio: nasce per focalizzare l'attenzione sull'idea di paesaggio inteso come parte
integrante della vita dell'uomo e quindi soggetto a trasformazioni ed evoluzioni, scenario della storia della
comunità locale e immaginario di riferimento per la collettività
9

• museo del territorio: museo articolato in sezioni cronologiche che raccontano la storia, la cultura, le
vicende artistiche di una determinata realtà locale attraverso la relazione tra spazi storici veri e propri,
oggetti, reperti e materiale didattico

• museo d'impresa: nasce per valorizzare ed esporre il patrimonio di oggetti culturali e scientifici della
storia dell'azienda, esprimendo sia un valore estetico che una testimonianza allo sviluppo socio-economico
dell'impresa e del territorio

• museo navale: musei dedicati alla storia della marineria e all'evoluzione della tecnica navale con
esposizione di memorie, modelli di navi e cimeli

• museo numismatico: raccolta di monete e medaglie che in genere costituiscono una sezione di un museo
• museo di preistoria: in concomitanza con l'affermarsi della disciplina legata allo studio della preistoria, nel

corso della metà del XIX secolo, furono istituiti i relativi musei con classificazione dei materiali in chiave
cronologica. Con l'approfondimento degli studi preistorici i musei di questo genere hanno preso
un'impostazione più didattica

• museo di scienza e di tecnica: il primo della storia era il nucleo principale del Mouséion di Alessandria
d'Egitto, fondato intorno al 284 a.C. da Tolomeo II Filadelfo. Fino a tutto il Rinascimento il collezionismo
artistico si intrecciò con quello scientifico. Fu grazie a Galileo e a Cartesio che si prese coscienza
dell'importanza dei singoli strumenti e modelli, compresi i relativi progetti e disegni, e della necessità della
loro valorizzazione in appositi musei e laboratori

• museo specializzato: collezioni con preciso orientamento tipologico, come i musei di oggetti devozionali o
di uso liturgico, di oggetti insoliti e di curiosità, nonché di raccolte particolari monotematiche

• museo di storia: raccolte di oggetti legati ad eventi storici. Vengono comprese anche le case di personaggi
illustri trasformate in museo

• museo di storia e scienze naturali: raccolte di specie animali e vegetali non viventi, minerali o fossili nate
già in epoca alessandrina, anche se le raccolte naturalistiche sono in genere associate alle collezioni
rinascimentali, agli erbari e agli orti botanici. Legate inizialmente alle Accademie e alle Università, nel corso
del XIX le raccolte naturalistiche furono in seguito allestite come istituzioni civiche
• museo virtuale: nato grazie al recente sviluppo dell'informatica e di internet, le collezioni sono immagini
“artificiali” costruite tramite il computer rendendo fruibili opere, ambienti e contesti talvolta perduti o
dispersi. In alcuni casi il museo virtuale si affianca a quello reale

• palazzo o dimora-museo: palazzo storico dove una collezione di opere d'arte o di altra natura è
conservata • parco-museo di scultura all'aperto: il fenomeno della scultura all'aperto permea tutto il XX
secolo con

momenti di incontro tra scultura e ambiente naturale o urbano • pinacoteca: raccolta di dipinti e opere di
pittura in uno spazio o galleria • quadreria: simile alla pinacoteca, si differenzia dal punto di vista
museografico: le quadrerie sono raccolte

di dipinti frutto di collezionismo privato giunte integre fino ai giorni nostri e raramente anteriori al XV
secolo.

8. Le discipline del museo

1. Museologia, museografia, museotecnica Museologia: scienza sociale che, sulla base di conoscenze
specialistiche circa la natura degli oggetti del museo, ne studia i contenuti, la storia e individua le modalità
di trasmissione di questo sapere all'esterno in stretto rapporto con i responsabili museografici.
Museografia: azioni che garantiscono la progettazione degli spazi espositivi del museo e un legame logico e
semantico tra l'architettura del museo e il suo contenuto. Museotecnica: attività e conoscenze pratiche di
ogni aspetto del museo che ne consentono il pieno svolgimento e che riguardano le scelte tecniche legate
ai problemi espositivi. È fondamentale riflettere sull'importanza strategica del binomio museologia-
museografia, che può garantire una progettazione di qualità e una valorizzazione consona degli eventi.

2. Uno sguardo sul passato: la nascita della museografia Fino a pochi decenni fa i vocaboli museologia e
museografia erano sinonimi. La museografia nacque con Caspar Friedrich Neickel nel 1727: l'autore
intendeva una descrizione di musei, gallerie, gabinetti e degli oggetti in essi contenuti suddivisi in naturalia
et artificialia. A seguito dell'apertura al pubblico dei musei tra il XVIII e il XIX secolo, si cede il posto al
rapporto del museo con i visitatori. Sono queste le basi per la nascita della museologia. La museologia come
disciplina trova la sua prima grande affermazione nel dopoguerra, quando il museo diviene un'istituzione
pubblica.

3. Museologia e museografia: il ruolo dell'ICOM, la situazione in Italia Gli artisti, in particolare gli esponenti
del Bauhaus, sono stati i primi a promuovere l'idea di un museo totale, dove l'opera d'arte non fosse
separata dalla collettività, dove lo sguardo del visitatore fosse più attirato dall'oggetto valorizzato nella sua
specificità e dove accanto al museo prendesse spazio l'idea della mostra temporanea. L'ICOM

10
si ramifica negli Stati di tutto il mondo per promuovere una nuova idea di museologia che conferisca al
museo un ruolo attivo e propulsivo di sviluppo sociale, che parte dal territorio dove il museo ha sede, e non
di mero contenitore di oggetti. Il messaggio che l'ICOM diffonde è quello di una museologia intesa come
disciplina che affronta i progetti di cambiamento e di innovazione dei musei partendo dalla conoscenza
profonda della loro genesi, in stretto dialogo con la museografia. Nel 1967-68 fu sperimentato presso
l'Università di Firenze il primo insegnamento di museologia. Dagli anni Ottanta a oggi gli insegnamenti di
museologia sono aumentati negli atenei italiani. La museografia è in genere insegnata nelle Facoltà di
Architettura. In assenza di una legge dello Stato che dia indirizzi certi e cogenti sulle figure professionali del
museo, continua ancora a persistere in Italia una concezione del museo come luogo elitario. Franco Russoli,
uno tra i primi direttori direttori di museo in Italia a rifiutare l'idea del museo come luogo elitario,
riconobbe la peculiarità del museo diffuso nel territorio, l'impossibilità di standardizzarlo in maniera
univoca, l'esigenza di far funzionare in maniera sinergica le istituzioni museali della città come “rete di
produttori di cultura”. L'ICOM Italia riconosce come prioritaria la presenza di museologi all'interno delle
strutture con precise responsabilità settoriali ad essi affidate, in primis la cura e la conservazione delle
collezioni, così come accade a livello internazionale.

9. Il museo come servizio pubblico

1. Una nuova prospettiva per i musei italiani La nuova definizione di museo fornita nel Codice dei beni
culturali e del paesaggio si allinea alla ridefinizione di museo data dal Consiglio d'Europa e dall'Associazione
dei Musei Europei come public service, tenuto a raggiungere un package of qualities basato sull'equilibrio di
due elementi: la qualità della conservazione delle collezioni e la qualità dei servizi erogati al pubblico. I
Principi sull'erogazione dei servizi pubblici (1994) hanno introdotto la Carta dei Servizi. A seguito di ciò, le
amministrazioni dei settori di “pubblica utilità” sono tenute ad elaborare fattori da cui dipende la qualità
del servizio e, sulla base di essi, ad adottare e pubblicare standard generali e specifici di qualità dei servizi; a
delineare modalità di informazioni degli utenti sui servizi offerti; a valutare la qualtià del servizio reso e a
rendere pubblica una relazione in merito; a favorire la partecipazione civica per la valutazione dei risultati
conseguiti e il miglioramento della qualità dei servizi offerti. Il portale web culturale MINERVA si occupa
dell'erogazione di manuali per la qualità dei siti web culturali.

2. La Carta dei servizi Le Carte rappresentano il tentativo di ridare efficacia all'atività della Pubblica
Amministrazione facendo partecipare gli utenti al controllo del servizio, attraverso la definizione dei livelli
minimi di prestazione che i cittadini hanno il diritto di ottenere. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali
ha emanato un Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo
dei musei individuando otto ambiti di funzionamento del museo con i relativi requisiti e standard minimi di
funzionamento. L'estensione ai servizi culturali dello strumento della Carta dei Servizi ha portato al Modello
di Carta dei servizi per Musei, Monumenti e Aree Archeologiche. Sono stati definiti per ciascuna tipologia di
servizio, i fattori di qualità – e i relativi indicatori – ritenuti rilevanti per l'utenza.

3. Il D.M. 10 maggio 2001. Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e
sviluppo dei musei (art.150 co.6 D.Lgs. 112/1998) “Atto di indirizzo” valido per tutti i musei italiani a
prescindere dalla loro proprietà e gestione. Si tratta del primo atto statale che riconosce pienamente al
museo lo status di istituto. Il documento è considerato uno strumento di valutazione della qualità dei musei
per raggiungere i migliori risultati sia in materia di conservazione, di sicurezza, di prevenzione dai rischi, che
in materia di catalogazione, ordinamento e allestimento, incremento delle collezioni, valorizzazione e
fruizione pubblica e personale. Questa complessa serie di funzioni e attività è articolata in otto ambiti
precisi: status giuridico, assetto finanziario, strutture del museo, personale, sicurezza, gestione e cura delle
collezioni, rapporti del museo con il pubblico e relativi servizi, rapporti con il territorio. I principali attori
dell'attuazione e messa in pratica del documento sono state alcune Regioni italiane attive nell'elaborare,
sulla base del suddetto, criteri “semplificatori” per definire i musei locali e identificare i livelli minimi da
garantire per poter accedere ai contributi regionali. Nell'Atto di indirizzo sono previsti pochissimi obblighi,
due dei quali evidenziati: che il museo sia dotato di uno statuto o di un regolamento e che sia individuato
chiaramente il responsabile delle collezioni e delle attività. Ambito I – Status giuridico Ogni museo deve
essere dotato di uno statuto e/o di un regolamento scritto che, al di là dell'atto costitutivo, e in aderenza
alla definizione generale di museo, individui chiaramente:

• la sua natura di organismo permanente senza scopo di lucro • la missione e le finalità del museo • le
forme di governo e di gestione • l'assetto finanziario e l'ordinamento contabile • le norme e le dotazioni di
personale • il patrimonio

11

• i principi generali per la gestione e cura delle collezioni • i principi generali di erogazione dei servizi al
pubblico • le modalità di raccolta dei dati sull'attività e la gestione del museo, a fini statistici e di
programmazione • i compiti e le funzioni che il museo debba assumere in riferimento al contesto
territoriale, nonché

nell'ambito di una eventuale organizzazione in forma associata. Ambito II – Assetto finanziario È vivamente
raccomandata la progressiva adozione di documenti contabili. È opportuno che le entrate siano ripartite
tra: autofinanziamento e risorse esterne (fondi di dotazioni, trasferimenti, contributi pubblici e privati,
sponsorizzazioni). E le spese divise tra quelle concernenti:

• funzionamento e manutenzione ordinaria, personale, gestione amministrativa ed operativa • gestione


delle collezioni, studi e attività scientifica • servizi al pubblico e attività culturali • investimenti e
manutenzione straordinaria.

Ambito III – Strutture del museo La qualità dell'istituzione museale deve essere valutata in relazione alla
capacità di soddisfare le specifiche esigenze di gestione del museo, di cura delle collezioni e di servizio al
pubblico. Le istituzioni museali sono chiamate a perseguire specifici obiettivi in garanzia di qualità. È
dunque auspicabile che si istituiscano quanto prima agenzie regionali in grado di espletare il compito di
controllo della qualità del servizio museale e che si definiscano programmi di certificazione di qualità e
procedure di accreditamento. In coerenza con tale approccio le strutture del museo devono essere valutate
con riferimento alla qualità dei servizi da esse resi, piuttosto che alle caratteristiche degli organismi fisici
che le costituiscono. Ambito IV – Personale Lo Stato, le Regioni e le Autonomie Locali si impegnano a
definire i profili professionali essenziali, i requisiti di accesso, le modalità di selezione e di inquadramento
del personale museale, al fine di garantire omogenei livelli qualitativi delle prestazioni, a prescindere dalla
proprietà e dalla forma di gestione, e di consentire un'eventuale mobilità di personale tra strutture
pubbliche statali, regionali, locali. Ambito V – Sicurezza del museo Sono presenti diverse problematiche
inerenti la salvaguardia degli edifici e del loro contenuto, ma anche la sicurezza degli occupanti. Tali
problematiche assumono di volta in volta la denominazione di conservazione, tutela, restauro, sicurezza sul
lavoro, sicurezza antincendio, ecc. Si tratta di materie molto complesse ed anche tra loro molto diverse che
rischiano talvolta di entrare in rotta di collisione. Ambito VI- Gestione e cura delle collezioni Linee di
riferimento generali:

• realizzazione di una struttura museale organizzata in modo da soddisfare e suscitare la domanda di


cultura del pubblico

• ideazione di percorsi che, all'interno di un piano organizzativo delle collezioni, si inseriscano in una rete di
relazioni capaci di contestualizzare i manufatti in un complesso di dati e di informazioni fruibili al pubblico

• catalogazione che mira alla restituzione di un contesto, sia mediante la georeferenziazione attuale e
stoica di ogni singolo bene, sia mediante l'individuazione di relazioni specifiche tra i beni mobili, i loro
contenitori e l'ambito territoriale.

La gestione delle collezioni museali deve prevedere il perseguimento di obiettivi di qualità in merito a: •
conservazione e restauro • incremento e inalienabilità • registrazione e documentazione • esposizioni
permanenti e temporanee e prestiti • politiche di ricerca e di studio.

Per ciascuno di tali ambiti sono stati definiti standard che costituiscono principi e criteri generali cui
attenersi. Ambito VII – Rapporti del museo con il pubblico e relativi servizi Dovranno essere assicurati:

• l'accesso agli spazi espositivi • la consultazione della documentazione esistente presso il museo • la
fruizione delle attività specifiche e culturali del museo • l'informazione per la miglior fruizione dei servizi
stessi.

Ambito VIII – Rapporti con il territorio L'assunzione di responsabilità estese al territorio costituisce una
scelta e non un obbligo, anche se resta vivamente raccomandato che i musei locali italiani siano
adeguatamente attrezzati per svolgere funzioni di presidi territoriali idonei a facilitare localmente il lavoro
degli organi preposti alla ricerca, alla tutela, alla valorizzazione, alla pianificazione territoriale ed alla
didattica in tema di storia e culture locali.

12
4. La certificazione degli standard museali e il controllo della qualità 1. La certificazione della qualità
museale in Italia e le attività di autovalutazione In Italia non esiste ancora un sistema nazionale di
valutazione omogeneo. Nel caso dell'automiglioramento il processo può iniziare senza bisogno di impulsi
esterni. Perché si avvii un effettivo processo di diagnosi è necessaria l'azione di enti sovraordinati rispetto ai
musei. Per favorire questi processi è fondamentale puntare:

• sulla presenza nei musei di personale adeguato • su attività di formazione e aggiornamento dedicate a
tutti gli ambiti di azione previsti dal D.M. 10 mag 2001 • su iniziative di studio, documentazione e ricerca
volte all'applicazione degli standard nei musei.

L'istituto museale è sottoposto a un processo di aziendalizzazione inteso come riconoscimento anche


economico del suo operare e della sua dimensione organizzativa. Il TQM (Modello di Gestione Totale) è un
insieme di concetti, metodi e tecniche di gestione che mirano a creare e sostenere in un 'impresa le
condizioni organizzative e culturali per conseguire eccellenti risultati di business. La sfida è l'applicazione di
griglie e metodi valutativi aziendali a un'istituzione come quella museale la cui missione di base è diversa da
quella dell'impresa, essendo priva di fini di lucro e dove, oltre la soddisfazione del cliente, va valutata la
cura e la conservazione delle collezioni.

5. Lavorare nei musei

1. Le professioni museali nel Codice dei beni culturali e del paesaggio Il D.M. 10 maggio 2001 propone
undici figure professionali fondamentali per il funzionamento dei musei: il direttore, il
conservatore/curatore, il responsabile del servizio educativo, l'esperto in comunicazione, il funzionario
amministrativo, il responsabile tecnico, il restauratore, il responsabile della sicurezza, l'assistente al
pubblico/operatore museale, l'addetto alla sorveglianza e vigilanza, il personale operativo di supporto.

2. La Carta nazionale delle professioni museali Le associazioni museali italiane hanno elaborato una Carta
nazionale delle professioni museali, con l'obiettivo di ribadire la centralità del ruolo dei professionisti
museali e di sanare la storica assenza di definizione delle professionalità presenti nei musei. Le principali
professionalità museali individuate sono venti e si basano sulla esperienza italiana, ma anche sul lavoro
svolto da ICOM. Questa carta si presenta come uno strumento dove si esclude la formazione di un albo
professionale specifico e che invece mira alla definizione di profili professionali, per ognuno dei quali sono
identificati responsabilità, ambiti e compiti, i requisiti per l'accesso all'incarico e infine le modalità
d'incarico. Il processo di attuazione dipenderà dalle singole Regioni. Al centro della “mappa delle
professionalità museali” è collocato il direttore. È il garante dell'attività del museo nei confronti
dell'amministrazione responsabile, della comunità scientifica e dei cittadini. A lui afferisce la piena
responsabilità dell'attuazione della missione e delle politiche del museo, della sua gestione, della
conservazione, valorizzazione, promozione e godimento pubblico delle collezioni, nonché della ricerca
scientifica svolta dal museo. È il responsabile diretto e indiretto delle risorse umane e finanziarie,
dell'attuazione delle funzioni del museo e dell'insieme delle sue relazioni interne ed esterne. Le altre figure
sono divise in quattro ambiti:
• ricerca, cura e gestione delle collezioni • amministrazione, finanze, gestione delle risorse umane e delle
relazioni pubbliche • servizi e rapporti con il pubblico • strutture, allestimenti e sicurezza.

In Italia al momento non esistono percorsi formativi di laurea dedicati a queste professioni. Alcuni passi
avanti sono stati fatti nel settore della contrattualistica: a parte quella pubblica, dove si entra per concorso,
esiste quella privata, dove si applicano contratti di vario tipo.

Potrebbero piacerti anche