Sei sulla pagina 1di 3

Natale in Italia

Natale è una festa cristiana che celebra la nascita di Gesù e che viene festeggiata dalla
Chiesa cattolica il 25 dicembre. Siccome la maggior parte degli italiani sono cattolici, Natale
in Italia si festeggia il 25 ed è una festa nazionale. Natale è una delle festi più importanti in
Italia ed è un giorno che si trascorre in compagnia di amici e famiglia. Nella maggior parte
d’Italia le festività e le preparazioni per Natale cominciano l’8 dicembre, il giorno
dell’Immacolata Concezione, e finiscono il 6 gennaio, all’Epifania.

Il giorno dell'Immacolata Concezione in Italia cominciano le preparazioni per Natale.


Le scuole e moltissimi ufficci vengono chiusi, si addobano gli alberi, si decorano le case e si
prepara il presepe. Questo non è il caso a Milano dove le preparazioni per Natale cominciano
un giorno prima, il giorno della festa di Sant’Ambrogio, Santo Patrono di Milano, mentre a
Bari tutto comincia il 6 dicembre, il giorno della festa di San Nicola. C’è una tradizione legata
al giorno dell’Immacolata Concezione diffusa in alcune regioni d’Italia (Abruzzo, Puglia,
Umbria). Secondo la tradizione, la sera dell’8 dicembre si accendono fuochi e si preparano le
frittelle. Questi fuochi vengono detti “focaracci” e “fuochi della Venuta”.

La tradizione dell’addobbamento dell’albero venne in Italia dal Nord di Europa alla


fine dell’Ottocento. Regina Margherita di Savoia, la moglie di Umberto I, il re d’Italia, decise
di fare addobbare un albero nel Palzzo del Quirinale (Roma). Da questo momento
l’addobbamento dell’albero diventò un costume molto populare in tutta la penisola. Oggi,
nella maggior parte d’Italia l’albero viene allestito l’8 dicembre, il giorno dell’Immacolata, e
smontato il 6 gennaio, giorno dell’Epifania.

La tradizione del presepe ha origini molto antiche però il presepe vivente è una
tradizione nata nella penisola italiana grazie a San Francesco d’Assisi. Secondo la leggenda,
nella notte della Vigilia di Natale del 1223. a Greccio, in Umbria, lui allestì il primo presepe
vivente della storia, oggi conosciuto come “il Presepe di Greccio”. Lo dovette organizzare
sulla strada perché in quel tempo in Chiesa era proibito tenere rappresentazioni sacre. Per
questo motivo, chiese da papa il benestare per svolgere una messa all’aperto.

Il primo presepe con le statuine lo allestì lo scultore Arnolfo di Cambio nel 1289. Lui
fece otto statuine di legno. Le statuine rappresentavano la Sacra Famiglia, il bue e l’asinello, e
i re Magi. Questo presepe è ora conservato nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

La tradizione degli zampognari è una tradizione natalizia molto diffusa nel Sud
d’Italia. Gli zampognari sono gli uomini, suonatori di zampogna, che vestiti da pastori
scendono dalle montagne e suonano le canzoni natalizie.

La Vigilia è il giorno che precede Natale. In Italia, la sera del 24 dicembre si festeggia
con un cenone che deve essere a base di pesce perché nella Chiesa cattolica il 24 è considerato
giorno di “magro”. Al Nord d'Italia non si dà molta importanza al cenone della Vigilia, però al
Centro e al Sud il cenone della Vigilia è più importante dal pranzo del Natale. Il menu della
Vigila di Natale si differisce da una regiona all’altra, però sulle molte tavole italiane si
possono trovare per esempio gli spaghetti alle vongole, gli tortellini in brodo, baccalà, etc. La
stessa cosa vale per il menu del pranzo di Natale, ma su ogni tavola si trova uno dei 3 dolci
natalizi più popolari in Italia: il Panettone, il Pandoro ed il Torrone.

Il Ceppo di Natale è una delle tradizioni natalizie che ha origini nel Duecento. Si è
sviluppata nei Paesi del Nord Europa e da lì è arrivata anche in Italia. Questa tradizione era un
tempo diffusa in Lombardia (zocco) e in Toscana (ciocco). Secondo la tradizione, il 24
dicembre il capofamiglia metteva a bruciare nel camino un grosso tronco di legno e questo
tronco di legno veniva poi lasciato ardere fino all’Epifania.

Nella tradizione natalizia italiana, i portatori di doni sono Santa Lucia, Gesù Bambino,
Babbo Natale e la Befana.

La figura di Befana è rappresentata come una vecchia strega, brutta ma buona.


Secondo la tradizione, la Befana porta regali ai bambini buoni e carbone ai bambini cattivi.
Secondo una leggenda, la Befana, dopo la nascita di Gesù, non volse seguire i Re Magi e
dopo si pentì. Si dice che lei porta doni a bambini perche spera che uno di questi bambini sia
Gesù.
Sitografia

https://it.wikipedia.org/wiki/Natale_in_Italia#Celebrazioni_religiose

https://www.focusjunior.it/comportamento/feste/l8-dicembre-si-festeggia-limmacolata-
concezione/

https://www.vologratis.org/natale-in-italia-tradizioni-curiosita/

http://www.natale.it/tradizioni-natalizie