Sei sulla pagina 1di 1

Il testo ha l'unico obiettivo di offrire una distribuzione uniforme delle lettere,

con pochissimi punti e a capo, per dare al redattore o tipografo in questione


l'idea di come apparirà graficamente agli occhi del lettore un testo che deve
essere ancora scritto. Il bello è che il lorem ipsum fu utilizzato per caso nel
1500 da un anonimo tipografo per far scegliere al proprio cliente il carattere più
adatto: una pratica che non solo è durata più di cinque secoli, diventando così un
caposaldo dell'industria tipografica internazionale, ma che è sopravvissuta anche
all'arrivo della videoimpaginazione: un conto è fare queste prove con le macchine a
manovella, un conto è rendersi conto della grandezza dell'idea adesso che viviamo
nell'epoca digitale.

Andando più nello specifico, il lorem ipsum riprende il De finibus bonorum et


malorum di Cicerone. Ovvero il trattato sul confine tra il bene e il male, un'opera
scritta da Cicerone 45 anni prima la nascita di Gesù Cristo. Il pezzo del lorem
ipsum è trovabile nei paragrafi 32 e 33 del libro I. Altra particolarità del lorem
ipsum è che ha totalmente sostituito la vecchia pratica dell'etaoin shrdlu, la
vecchia tecnica per provare le linotype, utilizzando le lettere solitamente più
cliccate della tastiera. La tattica del lorem ipsum è stata preferita perché dà un
impatto estetico migliore, dal momento che nel corso del tempo il testo è stato
cambiato, sempre più a discapito del senso logico, alternando parole lunghe a
parole corte, proprio per dare un effetto visivo più verosimile