Sei sulla pagina 1di 2

norme da studiare:

1) dlgs 59/2017 e 66/2017

2) dlgs 297/1994

3) legge 104/92 (definizione di handicap) legge quadro

4) legge 107/2015 (ptof)

5) dpr 235/2007

6) Ministra Falcucci

7) legge 517/1977 articoli: 2, 3, 34, 38

8) DOCUMENTO IMPORTSANTE: INDEX per l'inclusione (a livello europeo), nato in Inghilterra nel 2001.
Dice: lo standard dell'inclusione nelle scuole, si può misurare? Pone moltissime domande.

9) Nel 2008 viene tradotto in italiano.

10) ALTRO DOCUMENTO IMPORTANTE: Lisbona 2000: Europa 2020 ed Europa 2030. Misure e strategie
da adottare dagli stati membri per alzare i livelli d'inclusione.

Si sono resi conto che i criteri d'inclusione stabiliti erano troppo elevati perciò le commissioni si sono
riunite nuovamente (in anticipo, per giunta) nel 2018 per stabilire AGENDA 2030.

11) Convenzione ONU per i diritti delle persone (2007)

SVOLGIMENTO
1) Questi 2 DLgs trattano la formazione del docente di sostegno. Il dlgs 66/2017 si riferisce alla
scuola dell'infanzia e primaria. Prevede un "corso di specializzazione in pedagogia e didattica
speciale per le attività di sostegno didattico e l'inclusione scolastica" presso le università
autorizzate dal miur al quale possono accedere solo coloro i quali sono in possesso di laurea
magistrale a ciclo unico in scienze della formazione che hanno conseguito altri 60 crediti relativi
alla didattica dell'inclusione. Il corso prevede l'acquisizione di 60 crediti e 300 ore di tirocinio.

Il Dlgs 59/2017 si riferisce alle scuole secondarie di primo e secondo grado. Prevede il
superamento di un concorso pubblico nazionale antecedente un percorso di formazione
triennale. Il percorso prevede un primo anno di formazione alla fine del quale c'è il
conseguimento del diploma di specializzazione in sostegno didattico e inclusione scolastica. I
successivi 2 anni, invece, prevedono tirocinio, formazione ed inserimento della funzione
docente.

Questa procedura è stata resa obsoleta dal Dlgs 145/2018 che, in sostituzione del percorso
triennale (FIT), prevede un anno di formazione/prova dopo il superamento del concorso. Se il
docente ottiene una valutazione positiva al termine dell'anno di prova viene confermato in
ruolo presso l'istituzione scolastica nella quale ha prestato servizio.

Dlgs 60/2017: promozione e diffusione della cultura umanistica, valorizzazione del territorio.
Ogni istituto ha un fondo di 2 milioni di euro da investire nello sviluppo dei temi della creatività
e nella conoscenza del proprio territorio.

Dlgs 61/2017: riguarda l'istruzione professionale. Deve formare lo studente ad arti e mestieri
strategici per l'economia del paese e garantire che le conoscenze acquisite consentano una
facile transizione al mondo del lavoro.

2) Stabilisce e regola la funzione docente

3) Legge 104/92 (legge quadro)