Sei sulla pagina 1di 1

Roberto Di Giorgio

Ciclo di vita cellulare

Una cellula eucariota vive ed esplica le proprie funzioni finché non procede a divisione, oppure
cessa la sua vita.
Negli organismi pluricellulari, alcune cellule una volta diventate adulte, non sono più in grado di
dividersi (come per i neuroni o i globuli rossi).
Il ciclo cellulare è suddiviso in quattro fasi, definite: G1, S, G2 e M .
Tutte le cellule che non si dividono, rimangono bloccate nella fase definita G0 . Una cellula può
autodistruggersi tramite un processo chiamato “ Apoptosi ”; esso si differenzia dalla “Necrosi “ in
quanto in quest’ultimo le cellule muoiono per un processo patologico.

Le prime tre fasi vengono definite “ Interfase ” e rappresentano il periodo che precede la divisione
cellulare.

• Interfase
1. La fase G1 è la prima fase del ciclo ed è un momento di intensa crescita, tanto che la
cellula raddoppia di volume, inoltre abbiamo la produzione di nuovi organelli (tra
cui i centrioli) e di enzimi che serviranno per la riproduzione del DNA.
2. La fase S consiste nella replicazione del DNA. In questa fase i filamenti che
compongono una molecola di DNA si separano, facendo da stampo per un nuovo
filamento complementare.
3. La fase G2 consiste nella produzione di altri organelli citoplasmatici in vista della
successiva divisione.

• La fase M

La fase M comprende due processi: uno chiamato Mitosi ed uno chiamato citodieresi.

La mitosi è il processo tramite il quale il nucleo di una cellula madre viene diviso dando vita a due
nuclei figli ciascuno dotato di un patrimonio genetico.
Essa consta di quattro fasi definite: Profase, Metafase, Anafase e infine Telofase.

1. Nella profase il DNA si despiralizza e si condensa assumendo l’aspetto di corpuscoli, la


membrana nucleare scompare e contemporaneamente nel citoplasma si vengono a formare
due centrosomi (formati da un coppia di centrioli) che iniziano a migrare verso i poli
formando un fuso mitotico. Da qui si inizia a diramare un insieme di microtubuli che
formano l’aster.
2. Nella metafase, i cromosomi raggiungono il massimo grado di condensazione e si allineano
sul piano equatoriale della cellula.
3. Nell’anafase, i cromosomi si dividono in due cromatidi fratelli migrando verso i due poli
grazie all’accorciamento del fuso mitotico.
4. Nella telofase ,infine, il fuso inizia a scomparire, i cromosomi si despiralizzano ed attorno
ad essi si riforma la membrana nucleare facendo ricomparire il nucleo.

La citodieresi è la divisione finale del citoplasma che segue quasi sempre la mitosi. Nelle cellule
animali, all’equatore della cellula, si forma un solco che diventa sempre più profondo fino a quando
la cellula non viene divisa in due parti uguali.
Nelle cellule vegetali invece avviene la formazione di un diaframma che si origina nel centro della
cellula.