Sei sulla pagina 1di 10

 MENU

PROGETTO BENESSERE 360

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD

La Dieta Ancestrale – Il Latte

Ritorna a “La Dieta Ancestrale – I Cereali -“

IL PROBLEMA DEL LATTE


Per migliaia di anni gli antenati dell’uomo, e poi l’homo sapiens stesso, si sono nutriti con un solo tipo di latte, quello
delle loro madri, e soltanto durante la prima infanzia. L’addomesticazione degli animali da latte è iniziata circa 9000
anni fa, quando i popoli pastori hanno cominciato a consumare latte ed i suoi derivati. L’introduzione delle mucche

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
da latte è relativamente recente, ed è soltanto a partire dall’ottocento, e soprattutto nel corso degli ultimi
cinquant’anni, che il latte di mucca ha preso il posto che occupa oggi nella nutrizione dei bambini e degli adulti. Il
latte materno è l’unico alimento realmente adatto ai fabbisogni del neonato e del bambino piccolo, che variano con
l’età. E’ sorprendente notare come anche la composizione del latte si modifichi nel tempo, e precisamente possiamo
distinguere: il colostro nei primi cinque giorni dopo il parto; il latte di transizione, dal sesto al quindicesimo giorno; il
latte maturo, dal sedicesimo giorno al quindicesimo mese. Questi tre tipi di latte presentano differenze a livello
glicidico, lipidico, proteico, dei minerali, degli oligoelementi e delle vitamine. La composizione del latte varia anche
nel corso della poppata stessa, in particolare aumenta la percentuale dei lipidi per provocare sazietà. Il latte materno
ed il latte di mucca presentano nette differenze, le principali sono:

il latte umano contiene il 7% di lattosio, la più alta percentuale fra tutti i mammiferi, inoltre la lattasi diminuisce
progressivamente con la crescita, ed in certi adulti non è addirittura più presente, questo vuol dire che, infanzia a
parte, la lattasi e comunque il latte in generale, non sono fisiologici.

il latte contiene una maggiore quantità di ginolattosi, che ha probabilmente un ruolo nello sviluppo del
cervello;
il latte umano è particolarmente ricco in colesterolo, trigliceridi, acido palmitico e acido oleico ed abbondante
di acidi grassi polinsaturi, che intervengono nella crescita e nella mielinizzazione del sistema nervoso
centrale;
il latte umano è caratterizzato da una relativa povertà in caseina, betalattoglobulina e in IgC;
il latte umano è ben fornito di alfalattalbumina (necessaria per la sintesi del lattosio), lattotrasferrina (che
serve al trasporto dello zinco e del ferro nell’intestino), in IgA secretorie (che tappezzano la mucosa

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
intestinale del bambino per opporsi alla penetrazione nel sangue dei batteri e dei virus) e di lisozima (attivo
contro i batteri);
le proteine del latte bovino hanno una struttura aminoacidica primaria diversa da quelle del latte umano;
il latte umano permette un assorbimento ottimale dei minerali e degli oligoelementi in esso contenuti, mentre
ad esempio ferro e calcio contenuti nel latte di mucca non vengono bene assorbiti dalla mucosa intestinale;
la percentuale di vitamine presenti nel latte umano è diversa rispetto a quella presente nel latte di mucca;
il latte di mucca contiene un vasto assortimento di fattori di crescita, destinati a fare aumentare il peso del
vitello di più di cento chili in un anno, questi non sono quindi adatti per l’uomo.

Tra il 1950 ed il 2000, l’altezza media dei francesi è aumentata di circa 10 cm ed il peso medio è cresciuto di quasi
10 Kg, il forte aumento del consumo dei latticini non è probabilmente estraneo a questo fenomeno, ma vanno fatte
alcune considerazioni:

il vitello ha quattro stomaci che dispongono di un arsenale enzimatico ben diverso da quello dell’unico
stomaco umano, sono anche differenti gli enzimi biliari, pancreatici e intestinali;
il latte di mucca permette al vitello di costruire rapidamente una grande quantità di tessuto osseo ma poco
tessuto nervoso, tutto il contrario di quanto accade nell’uomo, infatti il QI dei bambini nutriti con latte
materno è in media di 5 punti più elevato rispetto a quelli nutriti con latte di mucca.

Gli effetti nocivi del latte di mucca si possono riscontrare in diverse malattie:

nella poliartrite reumatoide, in una percentuale non trascurabile di pazienti, la sospensione dell’assunzione di
latticini provoca una remissione della sintomatologia, e la loro reintroduzione viene seguita da una ripresa dei

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
sintomi;
nel diabete mellito giovanile si osservano costantemente un titolo elevato di anticorpi anti albumina bovina, ai
quali viene attribuito un ruolo importante nella genesi delle lesioni del pancreas endocrino;
nella sclerosi a placche si è ottenuto il blocco dell’evoluzione della malattia eliminando dall’alimentazione dei
pazienti i grassi saturi di origine animale, tra cui il latte ed i suoi derivati, sostituiti con grassi insaturi di origine
vegetale;
nel decorso della nefropatia IgA si è evidenziata la presenza di molecole antigeniche provenienti dal latte nei
complessi immuni depositati a livello dei glomeruli renali;
alcune forme di emicrania sono chiaramente causate dall’assunzione di latticini e regrediscono quando questi
vengono esclusi;
il morbo di Crohn è nettamente più frequente fra gli anglosassoni e gli scandinavi che non fra i popoli di
origine latina, fatto collegato al maggior consumo di latte fra i primi rispetto ai secondi;
in Francia gli incidenti cardiovascolari e la durata di vita media più breve si riscontrano con maggior frequenza
al nord piuttosto che al sud, questo viene in gran parte attribuito all’uso del burro fra i primi e quello dell’olio di
oliva fra i secondi;
i bambini allattati dalla madre sviluppano molte meno infezioni gastrointestinali, respiratorie o
otorinolaringoiatriche rispetto agli altri;

La letteratura medica evidenzia come il consumo di latte materno comporta una riduzione della frequenza di
alcune malattie croniche nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza: diabete mellito di tipo I, malattia celiaca,
malattie infiammatorie intestinali, cancro.

Continua con “La Dieta Ancestrale – La Cottura –

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
————————————————————————–

lorenzo maini

vivisanoefelice@gmail.com

CONDIVIDI:

Tweet Condividi 6 SHARE Post

"Mi piace"
Di' per primo che ti piace.

A RC H I V I

febbraio 2018 (1)

luglio 2017 (2)

gennaio 2017 (5)

dicembre 2016 (4)

novembre 2016 (4)

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
ottobre 2016 (11)

settembre 2016 (6)

agosto 2016 (6)

luglio 2016 (11)

giugno 2016 (8)

aprile 2016 (12)

marzo 2016 (46)

febbraio 2016 (11)

gennaio 2016 (9)

dicembre 2015 (6)

FAC E B O O K

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
Vivi Sano e Felice
2161 "Mi piace"

Mi piace Condividi
C AT EG O R I E
Di' che ti piace prima di tutti i tuoi amici

Bevande (6)

Colazione (3)

Condimenti (3)

Consigli sugli Alimenti (42)

Contorni (4)

Diete (7)

Dolci (9)

elettrodomestici (1)

frutta (1)

Informazione (97)

La Natura ci Aiuta! (28)

Pane o simili (3)

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
Piatti Unici (7)

Primi (5)

Ricette (29)

Secondi (3)

Senza categoria (5)

Spezie (5)

Sport (8)

Vegan (7)

C E RC A L’ A R T I CO LO

Cerca …

S EG U I I L B LO G V I A E M A I L

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
I SCRI V I T I

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD