Sei sulla pagina 1di 4

Esercizio I

2
Sia X una variabile casuale di valore atteso E X e varianza Var X .
X X
(1) Si utilizzino le proprietà del valore atteso e della varianza per calcolare E e Var .

Soluzione:
X 1 1 1
E E X E X 0

X 1 1 1 2
Var 2
Var X 2
Var X 0 2
1

(2) Indichiamo con FX , la funzione ripartizione di X. Calcolare la probabilità P X a P a X a ,


fissato a 0 .
Soluzione:
P X a P a X a FX a FX a 2 FX a 1

Esercizio II

2
(1) Si utilizzi la disuguaglianza di Chebyshev per dare una minorazione, espressa in fuzione di a e , della
probabilità P X a , cioè si determini una funzione g tale che P X a g a, 2 .
Soluzione:
2
2
Dato P X a g a, , per Chebyshev vale che P X 1 2

2 2
quindi: P X a ; in conclusione: g a, 2 1
1
a2 a2
(2) Supponiamo solo in questo punto che sia 2 9 . Si utilizzi la disuguaglianza di Chebyshev per dare una
minorazione della probabilità P X 3 .
Soluzione:
2
9
P X 3 1 2
P X 3 1 2
P X 3 0
3 3

(3) Si controlli che per a si ha che P X a 0,95 .


0,05
Soluzione:
2 2 2 2
0,05
P X a 1 2
0,95 1 2
0,95 1 2
0,95 1 2
0,95
a a
0,05

1 0,05 0,95 0,95 0,95 quindi è verificata per a


0,05
Esercizio III

Facciamo ora l’ulteriore ipotesi che X sia una variabile casuale normale.
(1) Si scriva in funzione di e 2 la densità di probabilità f X x .
Soluzione:
2
x
1 2 2
fX x e
2
(2) Si controlli che P X a 0,95 per a 1,96 .
Soluzione:
X a a a
P X a 0,95 P 0,95 P Z 0,95 2 1 0,95

a 0,95 1 a a
0,975 1,96 a 1,96
2
(3) Si controlli che l’affermazione fatta al punto II.3 è comunque vera.
Soluzione:
2 2 2 2
0,05
P X a 1 2
0,95 1 2
0,95 1 2
0,95 1 2
0,95
a a
0,05

1 0,05 0,95 0,95 0,95 quindi è verifica per a


0,05
2
(4) Fissiamo solo in questo punto 0 e 1.
(a) Si tracci il grafico di f X x .
Soluzione:
Il grafico è quello della normale standard.

(b) Si utilizzino le tabelle della funzione di ripartizione delle normale standard per determinare il
valore minimo della costante a tale che P X a P a X a 0,95 .
Soluzione:
P X a 0,95 2 a 1 0 ,95 a 0,975 a 1,96
X E X
(5) Ricordiamo che se X segue la legge normale allora anche la variabile Z segue la legge
Var X
normale. Quanto vale E Z ? Quanto vale Var Z ? Si giustifichino le risposte.
Soluzione:
È proprio la definizione di variabile normale standard, quindi E Z 0 e Var Z 1.
(6) Si determini il valore minimo di a tale che P Z a 0,95
Soluzione:
P Z a 0,95 2 a 1 0 ,95 a 0,975 a 1,96
Esercizio IV

Sia X 1 ,..., X n un campione casuale di numerosità n estratto dalla popolazione normale X, di valore atteso
n
2 1
E X X e varianza Var X X . Ricordiamo che la variabile casuale X i , combinazione lineare di
n i 1
variabili normale indipendenti, segue a sua volta legge normale.
n
2 1
(1) Si esprimano in funzione di X , X e n il valore atteso e la varianza di Xi .
n i 1
Soluzione:
n n
1 1 1
E Xi E Xi n E X E X X
n i 1
n i 1
n
n n 2
1 1 1 X
Var Xi Var Xi n Var X
n i 1 n2 i 1 n2 n
n 2
1 1,96
(2) Si controlli che P Xi c X 0,95 per n
n i 1
c
Soluzione:
n
1
Xi
1
n n i 1 c c n
X X
P Xi c X 0,95 P 0,95 P Z 0,95
n i 1
2 2 X
X X
n n
2
1,96
P Z c n 0,95 2 c n 1 0,95 c n 1,96 n
c
(3) Fissato solo in questo punto c=0,3 si dia una valore numerico per n.
Soluzione:
2
1,96
n n 43
0,3
(4) Si proponga uno stimatore per E X basato sul campione X 1 ,..., X n .
Soluzione:
n
1
La media campionaria Xi .
n i 1
(5) Lo stimatore che avete proposto al punto precedente è non distorto? È consistente?
Soluzione:
n n
1 1 1
È non distorto: E Xi E Xi n E X E X
n i 1
n i 1
n
Poiché è non distorto, il suo errore quadratico medio coincide con la sua varianza.
n n 2
1 1 1 X
Var Xi Var Xi n Var X
n i 1 n2 i 1 n2 n
La varianza tende a zero per n che tende a infinito, quindi è consistente.
Esercizio V

La mia azienda produce cartucce per stampanti. Sono venuto a conoscenza di una gara per la fornitura di
toner per stampanti laser ad un’importante ditta. Il requisito imposto dalla ditta è che le cartucce
garantiscano una durata media di 4000 pagine di testo, secondo il seguente standard internazionale:
per dichiarare che la durata di una cartuccia è di K pagine, l’azienda produttrice deve garantire che sia almeno
uguale a 0,95 la probabilità che l’errore nella stima del numero atteso E(X)=K di pagine di testo stampabili con
una cartuccia sia al più uguale a 0,3 X X denota la deviazione standard della variabile casuale
X=”numero di pagine di testo stampabili con una cartuccia”.

Vorrei poter partecipare alla gara, ma non ho valutato il numero medio di pagine stampabili dalle mie
cartucce secondo lo standard internazionale. Ipotizzo che il numero di pagine che una cartuccia può
stampare sia una variabile casuale normale.

Tempo fa avevo raccolto dati relativi a 50 cartucce (per ogni cartuccia mi ero annotato quante pagine di
testo ero riuscito a stampare prima dell’esaurimento della cartuccia). In totale, con 50 cartucce, ero riuscito a
stampare 200000 pagine.

(1) Aiutatemi a stimare la durata media E X delle cartucce prodotte dalla mia ditta, espresso in numero di
pagine.
Soluzione:
n
1 200000
La media campionaria Xi 4000
n i 1
50

(2) Ho l’impressione che 50 cartucce non siano sufficienti per soddisfare le garanzie richieste dallo standard
internazionale. Mi date ragione?
Soluzione:
n
1
Xi
n i 1 0,3 0,3
X X
P 0,95 P Z 0,95 P Z 0,3 n 0,95
2 2 2
X X X
n n n

poiché n=50 P Z 0,3 50 0,95 2 2,12 1 0,95 2 0 ,9830 1 0,95


0,966 0,95
Quindi le 50 cartucce sono sufficienti per soddisfare lo standard internazionale.

(3) Una cartuccia di toner mi costa 50 euro, trascuro il costo della carta su cui stampare.

(a) Quanto mi potrebbe costare l’adeguamento allo standard se non avessi le 50 osservazioni?
Soluzione:
2
1,96
P Z 0,3 n 0,95 2 0,3 n 1 0,95 0,3 n 1,96 n
0,3
n 43 Per adeugarsi allo standard ci vogliono almeno 43 cartucce.
Quindi se ogni cartuccia costa 50 euro, il costo minimo è 50

(b) Tenendo invece conto della 50 osservazioni, quanto mi costa l’adeguamento standard?
Soluzione:
Se ogni cartuccia costa 50 euro, il costo di 50 cartucce è 50