Sei sulla pagina 1di 360

Edoardo Cosenza, Gaetano Manfredi,

Marisa Pecce

STRUTTURE
IN CEMENTO
ARMATO
Basi della progettazione

SECONDA EDIZIONE

HOEPLI
STRUTTURE
IN CEMENTO ARMATO
Edoardo Cosenza Gaetano Manfredi Marisa Pecce

STRUTTURE
IN CEMENTO ARMATO
Basi della progettazione

Seconda edizione

EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO


Copyright © Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2015
Via Hoepli 5, 20121 Milano (Italy)
tel. +39 02 864871 – fax +39 02 8052886
e-mail hoepli@hoepli.it

www.hoepli.it

Tutti i diritti sono riservati a norma di legge


e a norma delle convenzioni internazionali
Indice

Prefazione alla prima edizione (Carlo Greco) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX

Introduzione alla seconda edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XI

1 Sicurezza e affidabilità strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


1.1 Necessità di un approccio probabilistico alla valutazione
della sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1.1 Differenziazione dell’affidabilità delle costruzioni . . . . . . . . 3
1.2 Variabili aleatorie e distribuzioni di probabilità . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Funzione stato limite e collasso convenzionale . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.4 Metodi di analisi della sicurezza strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.4.1 Metodi di livello III . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.4.2 Metodi di livello II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.5 Affidabilità e codici per le costruzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.5.1 Metodi di I livello e metodo semi-probabilistico
agli stati limite secondo la norma italiana . . . . . . . . . . . . . . 19

2 Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.1 Calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.1.1 Comportamento in compressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.1.2 Comportamento in trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.1.3 Effetti della temperatura, ritiro e viscosità . . . . . . . . . . . . . 37
2.1.4 Legami costitutivi pluriassiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
2.2 Acciaio di armatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2.2.1 Comportamento in trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
2.2.2 Comportamento in compressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
2.3 Aderenza acciaio-calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2.3.1 Modello fisico del legame di aderenza . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2.3.2 Modello teorico per il legame di aderenza . . . . . . . . . . . . . . 55

3 Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . 61


3.1 Valutazione delle azioni di progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
3.2 Materiali e ipotesi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
3.3 Calcolo delle tensioni in condizioni di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . 64
VI Indice

3.3.1 Verifica delle sezioni sottoposte a flessione semplice


e composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.3.2 Flessione composta con grande eccentricità . . . . . . . . . . . . . 66
3.3.3 Flessione semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
3.3.4 Valutazione dell’eccentricità e dei raggi di nocciolo . . . . . . 70
3.3.5 Flessione composta con piccola eccentricità . . . . . . . . . . . . 71
3.3.6 Limitazione delle tensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
3.4 Analisi locale dello stato deformativo
e tensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
3.5 Stato limite di fessurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
3.5.1 Il calcolo dell’apertura delle fessure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
3.5.2 La verifica indiretta dell’ampiezza delle fessure . . . . . . . . . 101
3.5.3 Minimi di armatura nelle travi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
3.6 Stato limite di deformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
3.6.1 Analisi media della sezione e calcolo delle frecce . . . . . . . . 105
3.6.2 Calcolo tecnico delle frecce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
3.6.3 Effetti differiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
3.6.4 Verifica indiretta delle deformazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121

4 Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione . . . . . . . . . 125


4.1 Legame costitutivo del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
4.2 Legame costitutivo dell’acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
4.3 Sezioni soggette a tensioni normali: ipotesi di calcolo . . . . . . . . . . 131
4.4 Valutazione della sezione inflessa: metodo dello stress block . . . . 132
4.4.1 Sezione inflessa a semplice armatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
4.4.2 Sezione inflessa a doppia armatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
4.5 Valutazione della sezione inflessa: modellazione del calcestruzzo
parabola-rettangolo ed elasto-plastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
4.6 Limitazione dei quantitativi di armatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
4.7 Valutazione della sezione inflessa in presenza di legame
elastico-incrudente per l’acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
4.8 Valutazione della sezione pressoinflessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
4.8.1 Verifica in pressoflessione retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
4.8.2 Costruzione semplificata dei domini di pressoflessione
retta su sezioni ad armatura simmetrica . . . . . . . . . . . . . . . 154
4.8.3 Sezione con doppia armatura non simmetrica . . . . . . . . . . . 158
4.8.4 Sezione circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
4.9 Verifiche in pressoflessione deviata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167

5 Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse . . . . . . 173


5.1 Duttilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
5.2 Duttilità in curvatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
5.2.1 Valutazione della duttilità degli elementi inflessi (travi) . . 177
5.2.2 Valutazione della duttilità degli elementi pressoinflessi
(pilastri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
5.2.3 L’effetto del confinamento sulla deformazione ultima
del calcestruzzo in elementi pressoinflessi . . . . . . . . . . . . . . 183
5.3 Limitazioni normative per la duttilità degli elementi
pressoinflessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Indice VII

5.4 Progettazione delle sezioni inflesse per resistenza e duttilità . . . . 190


5.5 Progettazione delle sezioni pressoinflesse per resistenza
e duttilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197

6 Stato Limite Ultimo per taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201


6.1 Trattazione elastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
6.2 Travi senza armatura a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
6.3 Travi armate a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
6.3.1 Meccanismo di Ritter-Mörsch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
6.3.2 Meccanismo a inclinazione variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
6.4 Verifica e progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
6.4.1 Verifica della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
6.4.2 Progetto delle armature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.5 Traslazione del momento flettente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

7 Stato Limite Ultimo per torsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


7.1 Impostazione del problema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
7.2 Modello a traliccio spaziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
7.3 Verifica e progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
7.3.1 Verifica della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
7.3.2 Progetto delle armature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
7.4 Sollecitazioni composte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248

8 Stato Limite Ultimo di punzonamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257


8.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
8.2 Punzonamento: fenomenologia e modi di collasso . . . . . . . . . . . . . 259
8.3 Lo stato limite ultimo di punzonamento
nelle norme tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
8.3.1 Il punzonamento nelle norme tecniche del secolo scorso . . 264
8.3.2 Lo stato limite di punzonamento nelle norme italiane . . . . 265
8.4 La procedura di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
8.4.1 La superficie di rottura convenzionale e i perimetri di
controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
8.4.2 Il calcolo delle sollecitazioni di progetto . . . . . . . . . . . . . . . . 270
8.4.3 La resistenza di progetto in assenza di armatura . . . . . . . 275
8.4.4 La resistenza di progetto in presenza di apposita
armatura
trasversale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
8.4.5 Armatura a punzonamento, dettagli costruttivi . . . . . . . . . 277

9 Aste snelle in cemento armato e Stato Limite Ultimo


di stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
9.1 Aste compresse e non linearità geometrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
9.2 Aste compresse e non-linearità meccanica del calcestruzzo . . . . . 289
9.3 Aste compresse e viscosità del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
9.4 Vincoli e snellezza limite delle aste compresse . . . . . . . . . . . . . . . . 294
9.5 Metodi di verifica nelle strutture complesse . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
9.5.1 Metodo generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
9.5.2 Metodo della rigidezza nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
VIII Indice

9.6 Metodi di analisi delle colonne isolate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307


9.6.1 Metodo della colonna modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
9.6.2 Metodo della curvatura nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
9.7 Sollecitazioni di pressoflessione biassiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314

10 Durabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
10.1 Cause del degrado del c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
10.2 Degrado del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
10.2.1 Attacco dei solfati e solfuri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
10.2.2 Attacco di Acidi e Cloruri (Cl− ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
10.2.3 Carbonatazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
10.2.4 Degrado per cause fisiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
10.3 Degrado dell’acciaio: la corrosione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
10.4 Progettazione basata sul ciclo di vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
10.4.1 Parametri significativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
10.4.2 Approccio progettuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
10.4.3 Dettagli costruttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
10.4.4 Materiali innovativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331

Riferimenti bibliografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341


Prefazione alla prima edizione

Alcuni anni addietro, in occasione del mio distacco dall’Università per limiti di
età, gli Autori di questo libro vollero raccogliere e dare alle stampe gli appunti
delle mie lezioni tenute al Corso di Tecnica delle Costruzioni sullo studio delle
strutture in cemento armato calcolate agli “Stati Limite”.
La prefazione di quel piccolo volume, che Edoardo Cosenza, Gaetano Man-
fredi e Marisa Pecce vollero redigere, era caratterizzata dall’affetto che essi
avevano per me, tanto che essi, ricordando gli anni trascorsi insieme e l’entu-
siasmo e l’intensità con cui si lavorava, si erano voluti riconoscere come miei
allievi. Mai bugia fu più grande e generosa: eravamo allora, e lo siamo ancora,
solamente legati da un’aperta ed affettuosa amicizia e dal desiderio di tutti noi
di approfondire attraverso la ricerca le nostre conoscenze degli argomenti che
ci appassionavano.
Sono stato perciò particolarmente lieto quando i miei amici mi hanno chiesto
di redigere una breve prefazione a questo loro libro, che conferma la dedizione
e l’entusiasmo che continuano a coltivare per un capitolo straordinariamente
attuale della Tecnica delle Costruzioni, quale è la progettazione delle strutture
in cemento armato.
Attuale, dicevo, perché negli ultimi decenni si sono significativamente modi-
ficati e approfonditi i procedimenti di calcolo e di verifica, così come si sono rea-
lizzati materiali con caratteristiche estremamente più elevate, che permettono
di realizzare strutture sempre più ardite e più sicure.
Il libro che ho il piacere di presentare, e che ho letto con grande interesse,
tratta compiutamente e con esemplare chiarezza i principi base della progetta-
zione delle costruzioni in cemento armato, anche sotto gli aspetti, di significato
particolarmente attuale, della loro duttilità, criterio fondamentale soprattutto
nell’ingegneria sismica, e della loro durabilità, che è divenuto un parametro
essenziale di una moderna progettazione.
Gli Autori hanno avuto il merito, infine, di mettere a disposizione dei let-
tori, ingegneri e studenti, un testo che permetterà di acquisire le conoscenze
necessarie per applicare, e soprattutto interpretare e comprendere, le nuove
Norme Tecniche per le Costruzioni contenute nel D.M. 14.1.2008, che regolerà,
fra l’altro, in un prossimo futuro la progettazione delle strutture in cemento
armato.
Con l’affetto di sempre vadano ad Edoardo Cosenza, Gaetano Manfredi e
Marisa Pecce i miei complimenti ed il mio augurio.

Carlo Greco
Introduzione alla seconda edizione

Scrivere un libro sulle basi della progettazione delle strutture in cemento ar-
mato due secoli dopo la casa di Auguste Perret in Rue Franklin a Parigi può
sembrare un esercizio accademico. Ma il cemento armato dimostra, ancora oggi,
di essere un materiale moderno in continua evoluzione, capace di dare risposte
convincenti alle prestazioni sempre più avanzate che il mondo dei progettisti
richiede.
Proprio questo volume ne è una dimostrazione pratica. Quando nel 2008
preparammo la prima edizione, la “struttura-simbolo” era rappresentata dal-
le famose Petronas Twin Towers a Kuala Lumpur con ultimo piano a quota
375 m e realizzate con calcestruzzo ad alte prestazioni caratterizzato da una
resistenza a compressione fino a 80 MPa. Con questa nuova seconda edizione,
cambia il simbolo mondiale: nel gennaio del 2010 a Dubai è stato ufficialmente
aperto al pubblico il Burj Khalifa che con i suoi 828 m di altezza è attualmen-
te il grattacielo più alto al mondo; nella realizzazione della struttura è stato
raggiunto il record di un getto di calcestruzzo da terra a una altezza di 601 m.
Dunque un materiale che da duecento anni, continuamente, riesce a sorpren-
derci. Questa seconda edizione nasce certamente dal grande successo editoriale
della prima. La grande spinta da parte della Hoepli – che ringraziamo sentita-
mente – ci ha consentito, nonostante i grandi nuovi impegni che nel frattempo
sono arrivati, di riuscire a rivedere profondamente il volume.
In particolare, le esperienze didattiche maturate in questi anni di utilizzo
del testo e il recente aggiornamento del Model Code 2010 e delle Norme Tec-
niche per le Costruzioni approvate nel novembre del 2014 nell’assemblea del
Consiglio superiore dei Lavori Pubblici ci hanno indotto alla redazione di una
nuova edizione del testo che, seppur non modificata nell’impianto complessivo
rispetto alla prima edizione, risulta notevolmente arricchita al fine di soddi-
sfare sia le esigenze degli studenti che dei professionisti. Tale obiettivo è stato
perseguito mediante l’introduzione di chiarimenti puntuali e di nuovi esempi
esplicativi, l’allineamento della terminologia e dei contenuti alla nuova versione
delle Norme Tecniche per le Costruzioni, e anche nuove tematiche di interesse e
pratica applicazione, poco trattate nei libri di settore. In particolare, l’introdu-
zione del calcolo a flessione e pressoflessione delle sezioni circolari, argomento
frequente nella pratica professionale ma al contempo assente da quasi tutti i
libri del settore. E poi l’ampliamento e allineamento al nuovo testo normativo
delle procedure di calcolo per tener conto dell’effetto del confinamento negli
XII Introduzione alla seconda edizione

elementi in cemento armato. Infine è stato aggiunto un nuovo capitolo mira-


to alla trattazione dello stato limite ultimo di punzonamento, argomento di
grande interesse per i professionisti, ma in genere poco trattato.
Ritornando alla modernità del calcestruzzo, per il progettista strutturale
rispondere alle sfide della modernità richiede un mix di tre ingredienti che
vanno continuamente innovati: materiali più avanzati, metodi di progettazione
più evoluti, norme tecniche più sicure.
Relativamente ai materiali che costituiscono il cemento armato, negli ulti-
mi anni sono stati realizzati enormi progressi e si sono aperti nuovi orizzonti
creativi e tecnologici, sorretti dall’apporto dell’Ingegneria dei Materiali.
Ma le nuove sfide sono orientate principalmente a garantire una maggiore
durabilità al cemento armato. Esistono calcestruzzi ad altissime prestazioni co-
me il reactive power concrete RPC che raggiunge resistenze di 200 MPa, dove la
tradizionale armatura metallica è completamente assente, oppure calcestruzzi
autocompattanti SCC caratterizzati da un grado di porosità bassissimo. Esi-
stono armature in acciaio inossidabile o armature in materiale composito che
risultano praticamente inattaccabili dalla corrosione.
Allo stesso modo i metodi di progettazione si sono profondamente modificati
nel corso degli anni. Nel dopoguerra, con Nervi, Dishinger e Torroja, la nuova
frontiera del cemento armato è stata rappresentata dalla progettazione dei
ponti di grande luce e di grandi coperture. Negli anni settanta vi è stato un
affrancamento delle forme strutturali dalla rappresentazione matematica: da
un lato hanno trovato spazio i metodi numerici di soluzione delle strutture,
dall’altro il design by testing è diventato approccio diffuso. A partire dagli anni
novanta, con l’evoluzione della progettazione antisismica, il calcolo non lineare
è diventato strumento di progettazione operativa e al dimensionamento per
resistenza si è affiancata la progettazione per duttilità.
La normativa tecnica ha progressivamente recepito, con un ritardo a volte
eccessivo, le innovazioni che provenivano dal mondo della ricerca e della pro-
gettazione. In Italia il cemento armato iniziò a diffondersi a cavallo fra il XIX
e il XX secolo, ma una legislazione specifica per regolarne l’utilizzo fu emanata
solo a partire dal novembre 1939 (R.D.L. n.2229 del 16.11.1939). Allo stesso
modo si è dovuto attendere prima l’OPCM n. 3274 del 20 marzo 2003 e poi le
nuove Norme Tecniche per le Costruzioni, approvate dal Consiglio Superiore
dei Lavori Pubblici e pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 14 gennaio 2008, per
abbandonare definitivamente il metodo alle tensioni ammissibili e consentire
solo la progettazione basata sul metodo semi-probabilistico agli stati limite.
In questo contesto il volume fornisce le conoscenze e gli strumenti operativi
alla base della progettazione delle strutture in cemento armato seguendo un
approccio moderno e aggiornato alle normative nazionali e internazionali più
recenti. Si rivolge agli studenti delle scuole di Ingegneria e Architettura e ai
professionisti che avvertono la necessità di aggiornarsi alla luce dei recenti
cambiamenti metodologici e normativi. Il libro è utile tanto per le Lauree
triennali, facendo una adeguata scelta degli argomenti, quanto per le Lauree
di secondo livello, in alcuni approfondimenti degli argomenti trattati.
L’obiettivo è stato di coniugare impostazione didattica, aggiornamento dei
contenuti e capacità operativa. Per questo motivo accanto ai classici capitoli
relativi alla progettazione degli elementi per flessione, taglio e torsione, vi sono
Introduzione alla seconda edizione XIII

capitoli specifici relativi al punzonamento, al comportamento delle aste snelle


alla progettazione per duttilità e per durabilità delle strutture. Dal punto di
vista normativo il testo fa riferimento alle Norme Tecniche per le Costruzioni
(D.M. 14.1.2008 e al recente aggiornamento approvato nel novembre 2014) e
agli Eurocodici, che rappresentano i riferimenti più recenti in sede nazionale
ed europea; sono presenti inoltre riferimenti specifici al Model Code 2010.
Per quanto riguarda i contenuti, nel Capitolo 1 sono presentati i principi
della sicurezza strutturale con riferimento ai differenti approcci metodologici fi-
no al metodo semi-probabilistico agli stati limite secondo la norma italiana. Nel
Capitolo 2 sono descritte le principali proprietà fisiche e meccaniche del calce-
struzzo e dell’acciaio da armatura. Nel Capitolo 3 vengono mostrate le verifiche
in esercizio per fessurazione, deformazione e stato tensionale. Nei Capitoli 4
e 5 sono presentati i criteri di progetto e verifica di elementi in c.a. soggetti
a sollecitazione di flessione e pressoflessione con riferimento sia alla resistenza
sia alla duttilità. Nei Capitoli 6 e 7 si discutono le verifiche a taglio e torsio-
ne con particolare riferimento al metodo delle bielle a inclinazione variabile.
Nel Capitolo 8 vengono analizzate le problematiche connesse al punzonamento.
Nel Capitolo 9 si tratta il comportamento delle aste snelle in cemento armato.
Nel Capitolo 10, infine, si presentano le problematiche relative alla durabilità
del cemento armato con la descrizione delle principali cause del degrado e la
presentazione della progettazione basata sul ciclo di vita della struttura.
Non sono trattati alcuni argomenti anch’essi importanti per la progettazio-
ne delle strutture in cemento armato, come l’analisi degli elementi tozzi con
i meccanismi tirante e puntone, la resistenza all’incendio, il comportamento
delle strutture bidimensionali piane e curve e altri ancora. Ma, come precisa il
sottotitolo del volume, vengono trattate solo le “basi della progettazione”.
Ogni capitolo è corredato, inoltre, di esempi ed esercizi che accompagnano
il lettore nell’applicazione dei principi e dei metodi esposti.
Il volume è integrato da risorse on line (applicazioni supplementari, ul-
teriori esercizi, eventuali aggiornamenti normativi) disponibili all’indirizzo
www.hoeplieditore.it/6684-1 ed è scaricabile in versione digitale da leggere,
sottolineare e annotare, su tablet e su computer.

Collaborazioni
Questo volume raccoglie parte del lavoro svolto dagli autori nell’ambito della
scuola napoletana di ingegneria strutturale fondata da Adriano Galli e conti-
nuata da Elio Giangreco e da Carlo Greco. Alcuni giovani colleghi hanno colla-
borato alla stesura dei diversi capitoli e a loro va il nostro ringraziamento, con
una particolare menzione a Marco Di Ludovico che ha curato il coordinamento
editoriale dell’intero testo.

Sicurezza e affidabilità strutturale Iunio Iervolino


Materiali Francesca Ceroni
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio Francesca Ceroni
XIV Introduzione alla seconda edizione

Stato Limite Ultimo per flessione


e pressoflessione Marco Di Ludovico e Carmine Galasso
Duttilità e progetto di sezioni inflesse
e pressoinflesse Marco Di Ludovico
Stato Limite Ultimo per taglio Gerardo M. Verderame
Stato Limite Ultimo per torsione Gerardo M. Verderame
Stato Limite Ultimo di punzonamento Giovanni Fabbrocino e Marco Di Ludovico
Aste snelle in cemento armato
e Stato Limite Ultimo di stabilità Giovanni Fabbrocino
Durabilità Andrea Prota
capitolo 1
Sicurezza e affidabilità strutturale

1.1 Necessità di un approccio probabilistico alla valutazione della sicurezza


1.2 Variabili aleatorie e distribuzioni di probabilità
1.3 Funzione stato limite e collasso convenzionale
1.4 Metodi di analisi della sicurezza strutturale
1.5 Affidabilità e codici per le costruzioni

Il fine ultimo della progettazione delle strutture è quello di garantire che l’o-
pera assolva alla funzione per cui è stata concepita mantenendo un prefissato
livello di sicurezza. Per sicurezza strutturale in genere si intende il grado di
protezione di persone e beni rispetto alle conseguenze del collasso strutturale,
il che non necessariamente indica la distruzione dell’opera, bensì il raggiun-
gimento/superamento di una qualunque condizione (nel seguito stato limite)
che determini il malfunzionamento del sistema strutturale o di una sua parte e
che, quindi, possa potenzialmente determinare delle conseguenze indesiderate.
Nel caso dei crolli tale concetto è evidente, ma si pensi anche al caso di una
struttura che ospiti un processo industriale a grande valore aggiunto, come per
esempio la produzione di microprocessori. Se le macchine per tale produzione
sono molto sensibili alle vibrazioni, il progetto della costruzione deve assicurare
un determinato grado di sicurezza rispetto alla rigidezza dei solai che ospitano
gli impianti.
Chiarito il concetto di sicurezza va subito precisato che esso dipende sempre
dal periodo di “funzionamento” o, per meglio dire, dalla vita della costruzione.
Questo sia perché generalmente garantire la sicurezza per una vita più lunga
è più costoso, sia perché è praticamente impossibile assicurare un certo livello
di protezione indefinitamente, perché per esempio, i sistemi ingegneristici sono
spesso soggetti a degrado delle prestazioni nel tempo.
Nella pratica dell’ingegneria, non solo civile, i concetti appena discussi si
sintetizzano nell’affidabilità del sistema in oggetto. Essa si può definire opera-
tivamente come la capacità di soddisfare la funzione richiesta, in determinate
condizioni d’uso e per un fissato tempo di missione. Nel caso delle strutture,
il periodo, di tempo è spesso riferito alla vita nominale definita anche “utile”
o “tecnica”, che è quel periodo per cui la costruzione deve assolvere alla sua
funzione in base alla corretta progettazione e alla normale manutenzione.

1.1 Necessità di un approccio probabilistico


alla valutazione della sicurezza
I fattori endogeni ed esogeni che interagiscono e determinano le condizioni di
funzionamento di una costruzione durante l’intera vita utile, come per esempio
2 Capitolo 1

le resistenze dei materiali o i carichi e le azioni a cui essa è sottoposta, non è


certo che assumano i valori considerati per i calcoli di progetto. Per esempio,
le effettive proprietà del calcestruzzo in un edificio non coincidono mai con
quelle di calcolo perché esse variano sia nel tempo, per fenomeni di interazione
del materiale con l’ambiente, sia nello spazio, nel senso che non tutte le parti
di una stessa struttura sono soggette allo stesso processo di “invecchiamento”.
Inoltre, anche le proprietà iniziali dell’opera appena costruita possono differire
in una certa misura da quelle di progetto per effetto della qualità del processo
costruttivo. Allo stesso modo il carico da neve o le sollecitazioni imposte da
eventuali terremoti che interesseranno la struttura, per forza di cose, non sono
noti con certezza al momento del progetto.
È chiaro che l’ingegnere sarà tanto più confidente nella sicurezza della
struttura progettata quanto meglio sarà possibile quantificare le eterogenei-
tà delle grandezze che ne influenzano il comportamento. Si può già intuire
quindi, ma sarà comunque chiarito di qui a poco, come la valutazione dei
margini di sicurezza di una costruzione sia un problema legato al grado di
conoscenza dei fattori che regolano la meccanica strutturale. D’altra parte,
lo stato delle conoscenze dei fenomeni che interessano il sistema è sempre
inevitabilmente incompleto o noto con incertezza e quindi affetto da alea-
torietà. Per questo è necessario ricorrere a un metodo per tenere in con-
to tale incertezza razionalmente e quindi in modo economicamente oppor-
tuno.
Il calcolo delle probabilità è una disciplina nata proprio allo scopo di rende-
re matematicamente quantificabile lo stato di conoscenze limitato relativo a un
certo fenomeno di interesse. In altre parole, la teoria delle probabilità non fa
altro che tradurre in un linguaggio matematico (e quindi codificato) la fiducia
che si ha sull’esito di un certo fenomeno sulla base di quanto si è in grado di
descriverlo in tutti i suoi aspetti. In questo contesto la sicurezza strutturale
assume, attraverso il concetto di affidabilità, una definizione quantitativa. Si
può dire che l’affidabilità di un sistema, R(T ), è la probabilità che la sua mis-
sione sia portata a termine con successo nell’intervallo di tempo di interesse
(0, T ). Nel caso di un’opera d’ingegneria civile, per esempio, una possibile mis-
sione è il mantenimento della funzionalità nella vita (T ). Da ciò consegue che
l’affidabilità è la probabilità che la struttura sia funzionante, secondo i criteri
stabiliti, al tempo T .

R (T ) = Pr {La struttura non ha raggiunto il collasso prima di T } (1.1)

Per comprendere meglio la probabilità al secondo termine della (1.1) si può


dire che essa è la frazione del nostro patrimonio che saremmo disposti a
scommettere, per ricevere ritorno unitario sul capitale, sul fatto di trova-
re la costruzione funzionante al tempo T . La stessa probabilità è anche su-
scettibile di una interpretazione frequentista. Essa, in un parco di strutture
che per quanto ne sappiamo sono tutte eguali, è la frazione di queste che
ci aspettiamo siano ancora funzionanti al tempo T essendo state costrui-
te insieme. Coerentemente con queste definizioni l’affidabilità è un numero
sempre compreso tra zero e uno ed è esprimibile anche in termini percen-
tuali.
Sicurezza e affidabilità strutturale 3

Il complemento a uno (1.2) dell’affidabilità esprime, dunque, il rischio di rag-


giungimento di una condizione per cui la struttura non garantisce più le pre-
stazioni necessarie e quindi assume il nome di probabilità di collasso (o failure
probability, Pf ).
Pf = 1 − R (T ) = 1 − Pr {Sopravvivenza in 0, T } (1.2)
Il controllo della probabilità di collasso per una struttura nuova e la sua va-
lutazione per una struttura esistente è l’obiettivo della sicurezza strutturale.
Pf , una volta calcolata, consente una misura della sicurezza attraverso il con-
fronto con Pf∗ che è un valore di tale probabilità fissato a priori in relazione
al rischio accettato del collasso e delle conseguenze che possono derivarne. Co-
me si discuterà nel seguito, la struttura rispetta i requisiti in relazione a un
particolare stato limite se la probabilità, Pf , di raggiungimento di tale stato
non supera Pf∗ , cioè se è verificata la disuguaglianza Pf ≤ Pf∗ ; si veda anche il
Paragrafo (1.3).

1.1.1 Differenziazione dell’affidabilità delle costruzioni


La determinazione del rischio accettato e quindi della probabilità di collasso
per le costruzioni, è un problema estremamente complesso che riveste aspetti
tali da richiedere competenze politiche e socio-economiche prima che struttu-
rali. Rispondere alla domanda “quale livello di sicurezza è abbastanza sicuro
per una costruzione? ” ha riflessi non trascurabili. Infatti, sebbene le costruzioni
abbiano generalmente una bassa probabilità di collasso, quando questo avviene
anche per una sola struttura rispetto alle moltissime che sono sicure, l’impat-
to mediatico sull’intera società è molto forte e amplifica significativamente le
conseguenze dirette, seppur gravi, dell’evento. Ciò sembrerebbe spingere affin-
ché siano molto basse le probabilità di collasso accettate e quindi imposte dai
codici per le costruzioni. D’altra parte però, a bassi valori di Pf∗ corrispondono
strutture (case, ponti, scuole ecc.) comparativamente più costose. Poiché il set-
tore delle costruzioni è economicamente importante, sia per quanto riguarda
la spesa pubblica sia dal punto di vista dell’economia privata, non è possibile
definire il livello di rischio accettato senza tenere in debito conto le condizioni
economiche e di sviluppo del paese in questione. Infatti, razionalmente, il le-
gislatore, nel definire Pf∗ , dovrebbe tendere a livellare la sicurezza in modo da
ripartire opportunamente le risorse da investire per aumentare il livello genera-
le di qualità della vita del paese. In altre parole, è quasi inutile, se non proprio
irrazionale, garantire una bassissima probabilità di collasso delle costruzioni in
un paese in cui c’è un elevato rischio legato agli incidenti stradali o a ragioni
sanitarie, quali le epidemie.
Per questo, un grosso lavoro di ricerca è stato portato avanti negli ultimi
quarant’anni per calibrare le probabilità di collasso per diversi stati limite e per
diversi tipi di costruzione. Infatti, è ragionevole che la probabilità accettata che
un solaio vibri troppo in una abitazione (Stato Limite di Esercizio) sia più alta
che la probabilità che la costruzione crolli (Stato Limite Ultimo). Allo stesso
modo, è maggiore il rischio di collasso accettato per un edificio residenziale
rispetto a una struttura a grande affollamento come uno stadio sportivo. È
questo, in sintesi, il concetto di differenziazione dell’affidabilità, mentre per una
breve discussione sui valori accettati di Pf∗ nel contesto europeo si rimanda al
4 Capitolo 1

seguito del capitolo. Si vedrà, altresì, nel prosieguo che è altrettanto complicato
definire procedure di progetto codificate in apposite normative che garantiscano
il livello di rischio fissato. Infatti, diversamente da quanto avviene in altri
contesti di applicazione come quello industriale, la valutazione dell’affidabilità
strutturale per le costruzioni civili deve necessariamente basarsi sull’analisi e
sul calcolo invece che sulla sperimentazione, sia per la scala delle opere in
questione, sia per l’unicità dei processi e delle pratiche costruttive. Per questo,
le procedure di progettazione moderne come quelle adottate dalle normative
italiane sono sempre legate, seppur tale legame può risultare poco visibile, a
metodi di analisi della sicurezza strutturale.

1.2 Variabili aleatorie e distribuzioni di probabilità


Si è accennato a come il funzionamento delle strutture sia regolato da enti che,
per motivi diversi, non sono noti con certezza, o per meglio dire, sono noti con
incertezza. Tra questi ci sono: le azioni, le proprietà dei materiali, in qualche
caso le geometrie degli elementi che costituiscono il sistema, le caratteristiche
della risposta della struttura rispetto alle sollecitazioni, le leggi che regolano
l’evoluzione nel tempo di fenomeni di degrado o di invecchiamento ecc. Tut-
te queste grandezze sono rappresentabili da variabili aleatorie (VA) in altre
parole grandezze che, pur essendo determinate, non sono note allo stato delle
conoscenze del progettista.
La locuzione di variabile aleatoria verrà utilizzata nel seguito perché usata
frequentemente. Tuttavia, essa non è del tutto propria, bensì si dovrebbe par-
lare di numeri aleatori in quanto le grandezze in questione non sono variabili.
Basti pensare all’esempio della resistenza dell’acciaio in un certo punto di un
pilastro di una certa struttura in cemento armato; esso esiste ed è unico, ma
non è noto a meno di indagini specifiche che migliorino lo stato di conoscenza
(Erto, 1999).
L’incertezza sul valore di ciascuna variabile aleatoria si può caratterizzare
attraverso la cosiddetta funzione distribuzione cumulata (CDF), che si indica
spesso come F (x). Essa è una funzione che associa a ogni possibile valore della
variabile X la probabilità che essa assuma valore inferiore a x (con la lettera
minuscola si indica un particolare valore possibile della variabile aleatoria e co-
me tale esso prende anche il nome di realizzazione della VA). Un’altra funzione
che spesso si usa per caratterizzare una variabile aleatoria è la funzione densità
di probabilità (PDF) che si indica come f (x) e non è altro che la derivata della
CDF. La PDF, se moltiplicata per l’infinitesimo dx, associa a ogni specifico
valore x la probabilità che X sia compresa tra x e x + dx. È chiaro, quindi,
come l’area sottesa dalla f (x) alla sinistra di x sia proprio F (x).
Esistono molti modelli di VA che si usano comunemente per descrivere le
incertezze di un certo fenomeno. Uno dei modelli più semplici è quello di VA
uniforme la cui PDF è costante in un intervallo e nulla al di fuori. Parlando
in modo grossolano, essa rappresenta il caso in cui diamo eguale credito al
fatto che la variabile assuma uno qualunque dei valori nell’intervallo, mentre
siamo certi che essa non può assumere uno dei valori al di fuori di questo. Le
espressioni della PDF e della CDF sono fornite nella (1.3) e rappresentate nella
Figura 1.1a per una VA uniforme definita nell’intervallo [1,7]. Si noti come la
Sicurezza e affidabilità strutturale 5

CDF valga 0 prima di dell’estremo inferiore dell’intervallo ed è 1 dopo l’estremo


superiore.
Un altro modello molto comune è quello di VA gaussiana o normale, de-
scritto nella (1.4), la cui PDF ha la nota forma a campana e la cui CDF, nota
anche come funzione di Gauss e indicata con la lettera greca Φ, ha il tipico
andamento ad esse (Fig. 1.1b).
8
8
1 > 0 x<a
<f (x) = x ∈ [a, b] x−a
>
<
b−a F (x) = x ∈ [a, b] (1.3)
:0 x∈/ [a, b] >
> b−a
1 x>b
:

1 1 x−µ 2
f (x) = √ e− 2 ( σ )
2πσ 2
Zx (1.4)
1 1 x−µ 2
F (x) = Φ (x) = √ e− 2 ( σ ) dx x ∈] − ∞, +∞]
2πσ 2
−∞

1 (a)
0,9
0,8
0,7
0,6
0,5
0,4
F(x)
0,3
F(x)
0,2
f(x)
0,1
0
0 1 2 x 3 4 5 6 7 8
X
(b)
1
0,9
0,8
0,7
0,6
0,5
0,4
0,3 F(x) Figura 1.1
0,2 PDF e CDF di due
f(x) esempi di variabile
0,1
F(x) aleatoria
0 (a) uniforme
0 1 2 x 3 4 5 6 7 8
X (b) gaussiana.
6 Capitolo 1

Si noti che la PDF e la CDF della VA gaussiana dipendono solo da due parame-
tri µ e σ, che prendono il nome di media (o valore atteso) e deviazione standard
rispettivamente. La media è il valore centrale nella PDF di Figura 1.1 e cioè il
valore attorno al quale ci si aspetta che si trovi il valore vero di X. Infatti, si
vede come siano più probabili i valori attorno alla media e meno frequenti quelli
lontano da questa. La deviazione standard è una misura della “larghezza” della
campana (è la distanza della media dal punto di flesso della curva) e quindi
misura l’incertezza sul valore di X, infatti se fossimo certi assolutamente che la
VA assume il valore medio, la deviazione standard tenderebbe a zero, mentre
più grande è σ più grande è la probabilità che si attribuisce a valori lontani
dalla media della variabile. Media e deviazione standard sono calcolabili per
qualunque variabile (anche su base sperimentale), per esempio la media della
VA uniforme coincide con il valore centrale dell’intervallo di definizione mentre
la σ è proporzionale all’ampiezza di tale intervallo.
Una misura comunemente usata per l’incertezza associata a una variabi-
le aleatoria è il coefficiente di variazione (CoV) definito come la deviazione
standard diviso la media. Il suo carattere adimensionale consente, in linea di
principio, di confrontare le incertezze di differenti VA.
Dopo aver definito le funzioni che permettono di quantificare l’incertezza
su di una variabile aleatoria è opportuno soffermarsi brevemente sul concetto
di percentile o frattile. Esso è semplicemente il possibile valore della VA asso-
ciato a una precisa probabilità di minoramento e cioè a un particolare valore
della F (x). Per esempio, il quinto percentile della VA aleatoria resistenza del
calcestruzzo è quel particolare valore di resistenza tale che (secondo la interpre-
tazione frequentista) solo il 5% delle volte si riscontrano casi in cui la resistenza
è uguale o più bassa e quindi è quel valore x per cui F (x) = 0,05. Allo stesso
modo il cinquantesimo percentile (detto anche mediana) è quel valore per cui
la metà dei campioni avrà resistenza inferiore o uguale (x : F (x) = 0,5) e
l’altra metà superiore.
Le variabili aleatorie che tipicamente entrano nella valutazione della sicu-
rezza delle strutture sono legate ai carichi, di cui si discuterà brevemente alla
fine del capitolo, e alle proprietà dei materiali. Queste ultime entrano in gioco
per la caratterizzazione probabilistica della resistenza degli elementi struttura-
li. Talvolta anche le dimensioni geometriche delle sezioni degli elementi possono
essere caratterizzate come variabili aleatorie a causa di una non perfetta rea-
lizzazione o variabilità di costruzione, tuttavia queste incertezze sono spesso
trascurabili rispetto alle altre e non considerate in fase di progetto. Diverso è il
caso della valutazione probabilistica della sicurezza degli edifici esistenti per cui
l’incertezza sull’effettiva geometria degli elementi e delle armature può essere
molto significativa se non si dispongono informazioni dettagliate sul progetto
originale.
Le incertezze sulle proprietà meccaniche dei materiali possono dipendere,
per esempio, dalle variabilità connaturate al processo produttivo e dalla realiz-
zazione della costruzione stessa. Se si prende, per esempio, un materiale etero-
geneo come il calcestruzzo, la cui produzione spesso è un processo che avviene
a piè d’opera senza un rigido controllo di qualità industriale, le sue proprietà
possono presentare variabilità significative. Simili considerazioni sono valide
per l’acciaio il quale, essendo per sua natura meno eterogeneo del calcestruzzo
Sicurezza e affidabilità strutturale 7

e prodotto in stabilimento, gode tipicamente di incertezza inferiore. Ciò nono-


stante, se si eseguono delle misure di resistenza di barre di acciaio provenienti
da uno stesso lotto, si ottengono risultati diversi per ogni campione.
Tradizionalmente i modelli di variabile aleatoria più utilizzati per carat-
terizzare le resistenze di acciaio e calcestruzzo sono le distribuzioni normale,
lognormale e Weibull. Del modello normale si è già discusso, esso è spesso usato
per descrivere la variabilità della resistenza a compressione (cilindrica) del cal-
cestruzzo (Nowak e Szerszen, 2003). Nella Tabella 1.1 si riportano i valori dei
parametri della distribuzione normale della resistenza stimati su dei campioni
di calcestruzzo pre-miscelato in stabilimento con diversi valori caratteristici,
fck . Si noti che il coefficiente di variazione è nell’ordine del 10 ÷ 15 % per quelli
a resistenza inferiore mentre per quelli a più alta resistenza, il CoV si riduce a
circa il 5%.
f ck (MPa) µ (MPa) CoV Tabella 1.1
21 28 0,10 Medie e coefficienti
28 34 0,15 di variazione della
34 39 0,06 resistenza a
41 46 0,04 compressione per
calcestruzzi con
Un’altra distribuzione tipicamente usata per descrivere le proprietà dei mate- diversi valori
caratteristici.
riali è quella lognormale. Una VA si può definire lognormale quando si assume
che il suo logaritmo, che ovviamente è ancora una variabile aleatoria perché
trasformazione analitica di una variabile aleatoria, sia caratterizzato da una
distribuzione normale. Questo modello si usa spesso quando la variabile di
interesse può assumere valori di un solo segno come accade nel caso delle resi-
stenze. Infatti, definendo la distribuzione della variabile attraverso quella del
suo logaritmo si ottiene che la distribuzione della variabile di partenza non sia
definita per valori negativi. È facile dimostrare che se il logaritmo della varia-
bile è distribuito normalmente le PDF e CDF della variabile di interesse sono
date dalle espressioni nella (1.5) in cui µlog(x) e σlog(x) sono, rispettivamente, la
media e la deviazione standard del logaritmo.
✓ ◆2
log(x)−µlog(x)
1 − 12
f (x) = q x ∈ [0, +∞[
σlog(x)
e
2
x 2πσlog(x)
(1.5)
Zx ✓
log(x)−µlog(x)
◆2
1 1 − 21
F (x) = q x ∈ [0, +∞[
σlog(x)
e dx
2
2πσlog(x) x
−∞

La resistenza allo “snervamento” (si vedano i Capitoli 2 e 4 per maggiori det-


tagli su questo fenomeno dell’acciaio da costruzione) è anch’essa modellata in
modo normale o lognormale. Nella Tabella 1.2 si riportano i risultati di media, Tabella 1.2
Medie e coefficienti
Diametro (mm) µ (MPa) CoV di variazione per la
9 496 0,04 resistenza allo
16 465 0,04 snervamento
22 482 0,05 dell’acciaio con
32 470 0,04 valore caratteristico
nominale 420 MPa.
8 Capitolo 1

e il coefficiente di variazione della resistenza di campioni di barre di diverso


diametro con resistenza caratteristica dichiarata dal produttore di 420 MPa.
Si noti come il coefficiente di variazione sia sistematicamente ridotto rispetto a
quello della resistenza a compressione del calcestruzzo essendo nell’ordine del
5%. Anche per l’acciaio, così come per il calcestruzzo, le qualità a più alta resi-
stenza sono più controllate e quindi presentano un CoV inferiore, infatti trefoli
per cemento armato precompresso con resistenze caratteristiche di 1800 MPa
hanno un CoV tra l’1% e il 3%.
Il modello Weibull, infine, è stato dimostrato adattarsi meglio a descrive-
re l’andamento sperimentale delle resistenze di materiali cosiddetti “fragili” e
cioè che si rompono improvvisamente non dando granché preavviso quando la
risposta è ancora sostanzialmente elastica e lineare. In tali materiali la crisi è
dovuta generalmente alla propagazione di un difetto intrinseco (discontinuità,
fessura ecc.) divenuto instabile. Tale comportamento è ben diverso da quello
duttile, come nel caso dell’acciaio, in cui la rottura avviene a seguito di un forte
allungamento plastico. Anche il modello Weibull (1.6) è definito per valori non
negativi della variabile. Esso dipende ancora da due parametri α e k detti pa-
rametri di scala e forma che ovviamente dipendono dal materiale considerato
proprio come la media e la deviazione standard.
k ⇣ x ⌘k−1 −( αx )k x k
f (x) = e F (x) = 1 − e−( α ) x ∈ [0, +∞[ (1.6)
α α
Alcuni studi hanno anche verificato l’adattamento di distribuzioni di tipo Wei-
bull ai risultati di prove di compressione a rottura per il calcestruzzo soprat-
tutto ad alta resistenza, attribuendo un comportamento fragile al materiale
(Tumidajski et al., 2006). Questo tipo di distribuzione sembra, invece, parti-
colarmente adatto ai materiali innovativi che cominciano ora ad essere usati
nelle costruzioni. È questo il caso dei materiali compositi come quelli plastici
rinforzati con fibre di carbonio o vetro. Barre di questi materiali si stanno pro-
ponendo come alternativa rispetto all’acciaio per costruzioni in calcestruzzo
armato grazie alla loro elevata resistenza e ridotta sensibilità agli agenti ag-
gressivi. La rottura a trazione di una barra in materiale composito avviene con
le modalità caratteristiche di un materiale fragile. Nella Tabella 1.3 si riporta-
no i parametri della distribuzione Weibull per barre in fibra di vetro o GFRP
(Glass Fiber Reinforced Plastics) di diverso diametro (Zureick et al. 2006).

Tabella 1.3 Diametro (mm) µ(MPa) CoV k α (MPa)


Medie e coefficienti 9 894 0,13 10 938
di variazione per la 16 785 0,08 15 813
resistenza a trazione
22 660 0,05 26 673
di barre in fibra di
32 529 0,08 15 548
vetro.

Si nota un significativo “effetto scala” per cui le resistenze medie delle barre
si riducono al crescere del diametro seppur il materiale sia lo stesso. Questo
perché in sezioni più grandi, la probabilità che si verifichino imperfezioni a
livello microscopico – che influenzano la resistenza del provino – aumenta. Nella
realtà infatti, a causa della natura multifase nonché dei processi di produzione
utilizzati, un materiale composito è sempre sede di difetti. In particolare, nella
Sicurezza e affidabilità strutturale 9

matrice si possono trovare porosità dovute sia alla presenza di bolle d’aria sia
a gas che si sviluppano durante il processo di produzione del materiale e micro-
fessure dovute sia a tensioni residue indotte da fenomeni di ritiro sia da cause di
origine termica (dilatazioni termiche differenziali fra le varie fasi). L’evoluzione
di tali micro-fessure porta a una progressiva perdita di rigidezza nella risposta
del materiale. In prossimità dei difetti si hanno infatti concentrazioni tensionali
che provocano l’estensione dei difetti stessi e il loro progressivo collegarsi fino
a formare macrofessure.

1.3 Funzione stato limite e collasso convenzionale


Nel definire la probabilità nella (1.2) si è implicitamente assunta una modalità,
o criterio, di collasso del sistema. Come discusso, esso in realtà non è necessa-
riamente unico e non rigidamente connesso allo scompaginamento strutturale,
per cui è più opportuno parlare di attingimento di uno stato limite indesiderato
o superamento di uno stato accettabile. Si definiscono stati limite le situazioni
a partire dalle quali una struttura, o una delle sue parti, cessa di assolvere alla
funzione alla quale era destinata e per la quale era stata progettata e costrui-
ta. La sicurezza, pertanto, è legata al possibile raggiungimento di uno o più di
questi stati e la probabilità di collasso è proprio la probabilità di occorrenza
della condizione limite di interesse per il sistema che stiamo considerando.
Per definire matematicamente il raggiungimento/superamento di uno stato
limite ci si serve di una cosiddetta funzione limite, G, dipendente dal vettore
di variabili aleatorie (o, eventualmente, processi stocastici) che riguardano la
struttura (X1 , X2 , ..., Xn ). Convenzionalmente, si fa in modo che la funzione
limite sia positiva se la struttura è in condizioni di sicurezza e assuma va-
lori non positivi nel caso di raggiungimento o superamento della condizione
limite, come rappresentato dalla (1.7). La condizione G = 0 nello spazio a
n dimensioni delle variabili definisce una superficie definita superficie di col-
lasso.
8
>
> G > 0 se la struttura è in condizioni
>
< di sicurezza
G (X1 , X2 , ..., Xn ) : (1.7)
>
>
>G ≤ 0 se la struttura ha raggiunto o
superato la condizione limite
:

Le azioni che agiscono sulle strutture variano nel tempo così come le proprietà
dei materiali e le relative resistenze. In generale, quindi, l’affidabilità dovrebbe
esprimersi come la probabilità espressa dalla (1.8), ovvero come probabilità
che la funzione limite sia positiva in tutto l’intervallo temporale d’interesse.
� ⇥ ⇤
R (T ) = Pr G X (t) , t > 0 ∀t ∈ (0, T ) (1.8)

Tuttavia, nel caso in cui la dipendenza dal tempo delle azioni e delle resistenze
sia non significativa (“analisi al tempo zero o tempo invariante”), la probabilità
di collasso si calcola semplicemente secondo la (1.9).
� � �
Pf = Pr G X ≤ 0 (1.9)
10 Capitolo 1

La condizione per cui la funzione limite è non positiva definisce una regione
nello spazio delle variabili che si può definire dominio di collasso, F , in quan-
to è l’insieme dei valori del vettore X per cui G è non positiva. Qualora sia
nota la funzione densità di probabilità congiunta fX (x1 , x2 , ..., xn ) che carat-
terizza l’incertezza del vettore X nel suo insieme, dalla relazione (1.9) segue
immediatamente che il calcolo della probabilità di collasso si riduce al calcolo
dell’integrale di tale funzione esteso alla regione F .
Z
(1.10)

Pf = P X ∈ F = fX (x1 , x2 , ..., xn ) dx
F

Per fissare le idee si immagini che il vettore X sia composto da due sole va-
riabili aleatorie: la resistenza R e la sollecitazione S. È evidente, quindi, come
G (R, S) = R − S rappresenti la funzione limite, dato che se S è maggiore
o uguale a R ci si trova in condizioni di collasso, Pf è Pr {R − S ≤ 0} =
Pr {R ≤ S}. Nella Figura 1.2 è rappresentata una possibile distribuzione di
probabilità congiunta dei numeri aleatori R ed S, nonché il suo insieme di defi-
nizione in cui è possibile individuare il dominio di collasso F . L’equazione G = 0
(che corrisponde a R − S = 0), nel piano delle variabili definisce, la separazione
tra dominio di sicurezza (in cui R è maggiore di S) e di collasso F (1.10).

S
Figura 1.2 R
Distribuzione
congiunta e
dominio di collasso.

Vale la pena osservare anche che la forma G = R − S non è l’unica possibile,


per esempio, una definizione equivalente è G = R/S, per cui il collasso è
rappresentato dalla condizione R/S ≤ 1.

1.4 Metodi di analisi della sicurezza strutturale


Si discutono nel seguito i possibili approcci al calcolo dell’affidabilità struttura-
le. Ciascuno di essi corrisponde a una diversa strategia per il calcolo di Pf con
un crescente livello di approssimazione a cui corrisponde, tuttavia, una mag-
giore efficienza computazionale. I metodi dell’affidabilità strutturale rivestono
un ruolo di grande importanza in quanto, come si vedrà nel Paragrafo 1.5,
Sicurezza e affidabilità strutturale 11

sono alla base delle procedure di calcolo dei moderni codici di progettazione
strutturale.

1.4.1 Metodi di livello III


I cosiddetti metodi di livello III dell’affidabilità strutturale hanno come obietti-
vo il calcolo dell’integrale (1.10) per via analitica o con metodi numerici. Come
discusso, un esempio semplice è fornito dal modello in cui G dipende da due
sole variabili R ed S, condizione che si può ottenere, per esempio, definendo
due relazioni funzionali Gr e Gs ottenute separando le variabili aleatorie di
X̄ che influenzano la resistenza (X̄R ) e quelle che influenzano la sollecitazione
(X̄S ) (si noti che alcune VA possono comparire sia in GR sia in GS ):
( � �
R = Gr X̄R
� � (1.11)
S = Gs X̄s

È chiaro che R ed S sono anch’esse variabili aleatorie perché funzioni di varia-


bili aleatorie. Per esempio, se nel calcolo di una sezione inflessa l’unica variabile
aleatoria che influenza la resistenza è la tensione ultima di collasso, anche il mo-
mento ultimo della sezione sarà conseguentemente una VA. Allo stesso modo,
se la sezione in questione appartiene a una trave semplicemente appoggiata su
cui agisce un carico distribuito di intensità incerta, anche il momento massimo
sulla trave, che rappresenta la sollecitazione per la sezione, sarà una VA.
Se nel modello descritto, che nella teoria dell’affidabilità è noto come
sollecitazione-resistenza (Fig. 1.3), S ed R sono anche stocasticamente indi-
pendenti il problema del calcolo della probabilità di collasso può essere par-
ticolarmente agevole. In questo caso fortunato la distribuzione congiunta che
compare nella (1.10) è data dal prodotto delle due distribuzioni marginali di
R ed S e consente, talvolta, di eseguire il calcolo di Pf in forma chiusa. Infatti,
si può dimostrare che la probabilità di collasso si può calcolare come la somma
delle probabilità di collasso calcolate condizionatamente a ogni specifico valo-
re della sollecitazione. Questo corrisponde a scomporre il problema in compiti
più semplici. Calcolando, cioè, la probabilità di collasso nell’ipotesi che la sol-
lecitazione assuma un valore preciso (cioè la probabilità di collasso calcolata
condizionatamente a un certo valore della sollecitazione), Pr {R ≤ S|S = s},
ripetendo il calcolo per qualunque valore della sollecitazione e poi somman-
fS (s)

fR (r)

Pr{R # r}

Pr{s < S # s + ds} Figura 1.3


Modello
sollecitazione-
ds R, S resistenza.
12 Capitolo 1

done i risultati pesandoli con la probabilità che ciascuno di quei valori della
sollecitazione ha di verificarsi, Pr {S = s}. In pratica:

X
Pf = Pr {R ≤ S|S = s} Pr {S = s} (1.12)
ogni s

Se R ed S sono anche stocasticamente indipendenti e cioè Pr {R ≤ S|S = s} =


Pr {R ≤ s}, il primo termine della somma (1.12) non dipende da S e nel caso
di VA continue, non è altro che la CDF della resistenza, mentre il secondo
termine rappresenta la PDF della sollecitazione. Si può quindi scrivere la (1.13)
che può portare al calcolo della probabilità di collasso in forma chiusa come
nell’applicazione che segue.

Z
+∞

Pf = Pr {R ≤ S} = Pr {R ≤ S|S ∈ (s, s+ds)} Pr {S ∈ (s, s+ds)} =


−∞
(1.13)
Z
+∞

= FR (s) fS (s) ds
−∞

Esempio 1.1

Si consideri la trave della Figura 1.4; l’abbassamento mas- 6 cm]. Si supponga che il massimo abbassamento “resisten-
simo o freccia (in corrispondenza della mezzeria) “richiesto” te” (cioè che si può tollerare), vR sia caratterizzato da una
dai carichi vale: distribuzione aleatoria uniforme nell’intervallo [5 cm, 9 cm].
1 P l3 Per calcolare la probabilità di collasso della trave secondo
f = vS =
48 EI x la (1.13), è necessario calcolare la PDF della sollecitazione
con l = 6 m, E = 2 · 107 kN/m2 , Ix = 2 · 10−5 m4 , e P e la CDF della resistenza. La PDF della sollecitazione va-
caratterizzata da una distribuzione uniforme nell’intervallo le 1/4 nell’intervallo di definizione e 0 al di fuori; la CDF
[2 kN, 6 kN]. della resistenza vale 0 prima di 5 cm, 1 dopo 9 cm e varia
Di conseguenza, f è una variabile aleatoria uniforme nel- linearmente all’interno dell’intervallo.
l’intervallo [ ∼ 0,02 m, ∼ 0,06 m] ovvero circa [2 cm,

0,4
0,35
0,3 fS(s) fR(r)
P 0,25
PDF

A B 0,2
V 0,15
0,1
0,05
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
v (cm)
Figura 1.4 Schema statico e funzioni densità di probabilità di sollecitazione e resistenza.
Sicurezza e affidabilità strutturale 13

Zs Zs Z+∞
1
FR (s) = fR (s) ds = ds = Pf = FR (s)f S (s)ds =
4
0 5 (1.14) −∞
s −5 Z5 Z6
= 5≤R≤9
4 = FR (s) fS (s)ds + FR (s)f S (s)ds =
| {z } (1.15)
2 =0 5

Z6  �6
s −5 1 s2
= ds = − 5s = 0,0313
16 16 2 5
5

L’integrazione della (1.10) è raramente così immediata in quanto la scom-


posizione della distribuzione di probabilità del vettore X nelle distribuzioni
delle singole variabili non è sempre così agevole, anche perché non sempre i
numeri aleatori che lo compongono sono stocasticamente indipendenti. Inol-
tre, l’individuazione del dominio di collasso, F , può essere un compito affat-
to semplice. Più in generale sono estremamente rari i casi in cui l’integrale
nella (1.10) è risolvibile analiticamente ossia giungendo alla soluzione esat-
ta. Esistono, tuttavia, metodi numerici per risolvere il problema del calcolo
di Pf . Tra questi metodi vale la pena citare quelli cosiddetti di simulazio-
ne perché virtualmente replicano un gran numero di volte l’evento di cui si
vuole calcolare la probabilità di accadimento. Tali procedure, più o meno raf-
finate, sono tutte caratterizzate da un’accuratezza inversamente proporzionale
al numero di simulazioni, per cui richiedono l’impiego di calcolatori elettro-
nici.
Il metodo di simulazione più semplice ma anche più conosciuto è il cosiddet-
to metodo Montecarlo. Esso calcola l’integrale (1.10) definendo una funzione
ausiliaria I, la funzione indicatrice, che assume valore nullo per i valori del
vettore X per cui G è positiva e valore unitario per quei valori del vettore
per cui la funzione stato limite assume valori negativi e quindi nel caso del
collasso. L’introduzione della funzione indicatrice consente di calcolare la pro-
babilità di collasso estendendo l’integrale a tutto lo spazio Rn di definizione
di X, liberandosi del problema di dover determinare quale sia il dominio di
collasso. Infatti è facile riconoscere che la probabilità di collasso coincide con
il valore dell’integrale nella (1.16). È altresì facile mostrare che l’ultimo mem-
bro di tale integrale è approssimato dal rapporto tra il numero di volte in cui
ripetendo l’esperimento esso ha dato esito negativo (kf ), per cui risulta G ≤ 0,
e il numero totale di prove eseguite (k).
⇢ Z
I (x) = 0 se G (x) > 0
I (x) : ⇒ Pf = fX (x) dx =
I (x) = 1 se G (x) ≤ 0
F
(1.16)
kf
Z
= I (x) fX (x) dx ≈
k
Rn
14 Capitolo 1

Esempio 1.2
Per illustrare il metodo Montecarlo si faccia riferimento al si è osservato il collasso e si incrementa un contatore
caso della trave di cui all’Esempio 1.1. Il metodo consiste che tiene conto proprio dei collassi;
dei seguenti passi: 3. si torna al passo 1.
Ripetendo questo processo 10 000 volte si ottiene la distri-
1. si estraggono a caso due valori, uno per la resistenza e buzione simulata delle frequenze della differenza R−S nella
uno per la sollecitazione dalle rispettive distribuzioni; Figura 1.5. Nel caso in esame tale simulazione ha portato
2. si calcola la differenza dei valori estratti, se la differen- a 317 casi in cui questa era minore o eguale a 0, per cui
za è positiva si va al passo successivo se essa è, invece, la probabilità stimata è pari a kf /k = 0,0317, che è circa
negativa vuol dire che in questa particolare simulazione pari al valore trovato con la soluzione in forma chiusa.
1200 1200

1000 1000

800 800

600 600

400 400

200 200

0 0
4,5 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 8,5 9 9,5 1,5 2 2,5 3 3,5 4 4,5 5 5,5 6 6,5
VR (cm) VS (cm)
Estrazione di un valore di ciascuna delle variabili i=i+1
aleatorie, VR e VS, secondo le rispettive distribuzioni

Verifica della condizione di collasso no


G ≤ 0 per i valori estratti


kf = k f + 1

250

200

150

100

50

0
–1 0 1 2 3 4 5 6 7
VR – VS (cm)
Figura 1.5 Diagramma di flusso del metodo Montecarlo per l’esempio 1.1 e distribuzione della differenza R − S
proveniente dalla simulazione.

Dall’esempio appena illustrato è evidente il vantaggio dei metodi di simulazio-


ne: se si riesce a ripetere molte volte l’esperimento, basta contare il numero di
volte in cui esso finisce in un collasso rispetto al numero totale; ciò però ha un
Sicurezza e affidabilità strutturale 15

prezzo. Si dimostra che il numero di simulazioni necessarie per ottenere una ap-
prossimazione di solito accettabile della probabilità di collasso è dell’ordine di
grandezza di 10/Pf per cui per stimare una probabilità di 10−3 sono necessarie
almeno 104 simulazioni. Visto che le probabilità di collasso delle strutture sono
generalmente molto basse e che ogni simulazione richiede una analisi strut-
turale completa, l’onere computazionale richiesto può essere proibitivo anche
per delle macchine. Sono stati sviluppati, quindi, metodi di simulazione detti
“intelligenti”, i cui dettagli si tralasciano in questa sede, che rappresentano evo-
luzioni del metodo Montecarlo per cercare di ridurre il numero di simulazioni
necessarie per calcolare l’affidabilità con una data accuratezza.

1.4.2 Metodi di livello II


� �
Si è già discusso come la condizione G X = 0 rappresenti la separazione del
dominio di collasso dal dominio di sopravvivenza. Nel caso semplice del modello
sollecitazione resistenza, assumendo che il vettore di variabili aleatorie (R, S)
abbia distribuzione normale, la funzione G ha ancora distribuzione normale.
Nell’ipotesi che R ed S siano anche non correlate, la media e la deviazione
standard di G sono date dalle (1.17).
q
2
µ G = µR − µ S ; σG = σR + σS2 (1.17)

In questo caso particolare allora la probabilità di collasso, cioè la probabilità


che G sia minore o eguale a zero, si calcola semplicemente ricordando l’integrale
di Gauss, per cui:

Z0 !
1 g−µ
− 21 ( σ G )
2
µR − µ S
Pf = Pr {G ≤ 0} = p 2
e G dg = Φ − p 2 =
2πσG σR + σS2
!
−∞ (1.18)
µR − µS
=1−Φ p 2 = 1 − Φ (β)
σR + σS2

Nella (1.18) si è indicato con β il valore in cui si calcola la funzione di Gauss


per ottenere la probabilità di collasso. Questo risultato è suscettibile di una
interpretazione geometrica. Infatti, posto y2 = (r − µR )/σR e y1 = (s − µS )/σS
la funzione limite si esprime come segue:

G (R, S) = y2 σR − y1 σS + µR − µS = 0 (1.19)

Nello spazio delle variabili standardizzate la distanza della superficie limite


(che resta lineare) è quella rappresentata nella Figura 1.6. Si può facilmente
dimostrare che la lunghezza del segmento OP è proprio pari a β; quindi la
probabilità di collasso è legata alla distanza della superficie di stato limite
dall’origine. In tale contesto il punto P assume il nome di punto di progetto,
mentre β è detto indice di sicurezza.
16 Capitolo 1

y1

r= s

O
y2
P
Figura 1.6
Traccia
della superficie F
limite lineare
nel piano
delle variabili
standardizzate.

Generalizzando, si può dire che in tutti quei casi in cui la funzione stato li-
mite, G, è una combinazione lineare delle variabili aleatorie che influenzano il
comportamento strutturale le quali hanno distribuzione congiuntamente gaus-
siana, il calcolo della probabilità di collasso secondo la (1.19) è esatto. Infatti
se G dipende da X attraverso n + 1 costanti reali {a0 , a1 , a2 , ..., an }, risulta:
� �
G X = a0 + a1 X1 + a2 X2 + ... + an Xn (1.20)
Per la linearità si ottiene immediatamente la media di G come combinazione
lineare delle medie delle componenti di X. Allo stesso modo si può calcolare la
varianza (quadrato della deviazione standard) di G attraverso la (1.22) avendo
supposto le variabili che compongono il vettore X anche non correlate:
µG = a0 + a1 µX1 + a2 µX2 + ... + an µXn (1.21)
2
σG = a21 σX
2
1
+ a22 σX
2
2
+ ... + a2n σX
2
n
(1.22)
Per cui l’indice di sicurezza è dato dalla (1.23) e rappresenta ancora la di-
stanza della superficie limite dall’origine nello spazio delle variabili aleatorie
standardizzate yi = (xi − µXi )/σXi .
Pn
a0 + ai µXi
µG i=1
β= = rn (1.23)
σG P 2 2
ai σXi
i=1

Esempio 1.3
Si consideri la pensilina della Figura 1.7 caratterizzata da struttura e si assuma una tensione massima che il materia-
due elementi portanti ciascuno dei quali costituito da un le può sopportare (σam ) anch’essa gaussiana caratterizzata
ritto verticale e da un traverso orizzontale. Su di essi è da una media di 2 · 105 kN/m2 e una deviazione standard di
poggiata una piastra secondaria, che con buona approssi- 4 · 104 kN/m2 . Le dimensioni a ed l si assumano determini-
mazione può essere studiata come trave appoggiata. Su sticamente pari a 2 m e 1 m rispettivamente, e si consideri,
tale piastra agisce un carico distribuito per unità di superfi- inoltre, che la sezione trasversale degli elementi, a doppio
cie qs gaussiano con media 12 kN/m2 e deviazione standard T, è costante e di area A = 2960 mm2 e di momento
1,8 kN/m2 . Si supponga di trascurare il peso proprio della d’inerzia rispetto all’asse baricentrico Ix = 961 cm4 .
Sicurezza e affidabilità strutturale 17

sez. A
qs q = qs a / 2 10 cm
M

14 cm
0,8 cm
h

A M = ql 2 / 2 1 cm

l N = ql

Figura 1.7 Struttura oggetto dell’esempio 1.3. risolvibile in forma chiusa, per diversi valori dell’argomento
è tabellato in quasi tutti i libri di statistica).
Il carico qs si ripartisce sulle due travi come carico a metro
lineare q = qs · a/2; q sarà ancora gaussiano con media µσ − kµq 2 · 105 − 3982 · 2
β = p am =q = 4,7
12 kN/m2 e deviazione standard pari a 1, 8 kN/m2 . Se 2
σam + k 2 σq (4 · 104 )2 + (3982)2 · (1,8)2
si assume una formulazione della superficie limite del tipo
G = R − S, si può scrivere: Pf = 1 − Φ (β) = 1 − Φ (4,7) = 1, 3 · 10−6

G = σam − σmax ⇒ Pf = Pr {σam − σmax ≤ 0} (1.24) 0,5


Distribuzione Normale Standard

In cui σmax è la massima tensione sulla struttura. Riscriven-


0,4
do l’espressione di G in funzione delle variabili aleatorie del
problema, si ha: 0,3
⇣ ⌘
q·l 2
2 3
(−q · l) − 2
G = σam − σmax = σam − 4 + · ymax 5 = 0,2
A Ix
0,1
= σam − k · q
= 4,7
(1.25)
2 0
l l 1
dove k = + · ymax = 3982 . È quindi immediato –5 0 5
A 2·I m (G –
ricavare l’indice di sicurezza e poi la probabilità di collasso G) / G
come Pf = 1 − Φ (β) (si noti che l’integrale di Gauss, non Figura 1.8 Distribuzione della funzione limite G.

I metodi di livello II sono caratterizzati dalla stima dell’indice di sicurezza β e


dal calcolo della probabilità di collasso attraverso la relazione Pf = 1 − Φ (β),
sebbene esso non conduca sempre a un risultato esatto (se non nelle condizioni
descritte), bensì a una un’approssimazione di Pf . L’entità dell’approssima-
zione dipende strettamente dalla forma della funzione di stato limite, dalla
natura delle variabili aleatorie coinvolte e dalla eventuale dipendenza stoca-
stica.
Per equazioni di stato limite non lineari, come per esempio G (R, S) =
R2 − S 2 la distanza (β) della superficie limite dall’origine dello spazio della
variabili standardizzate Y , si può ancora utilizzare per stimare Pf attraverso
Pf = 1 − Φ (β). In pratica, si può dire che i metodi di secondo livello sono tesi
alla ricerca del punto di progetto, yd , cioè quello che verifica le due condizioni
espresse dalla (1.26).
( � d d d

G y 1 , yn , ..., yn =0
y d = y1 , yn , ..., ynd :
� d d � q
2 2 2 (1.26)
β = min (y1d ) + (ynd ) + ... + (ynd )
18 Capitolo 1

Per capire come nel caso di funzioni di stato limite non-lineari la probabilità di
collasso relativa sia approssimata basta linearizzare G intorno a y d (Fig. 1.9)
attraverso un’espansione in serie di Taylor che si arresti al primo ordine. È facile
intuire come l’approssimazione sia tanto maggiore quanto sia l’area interposta
tra l’approssimazione lineare e la reale superficie limite. Inoltre nel caso la
funzione sia convessa rispetto all’origine calcolare la probabilità di collasso in
questo modo equivale a sovrastimare la probabilità stessa; nel caso di concavità
rispetto all’origine la probabilità di collasso è sottostimata.

Sottostima Sovrastima
y1 proporzionale y1 proporzionale
a quest'area a quest'area

G=0 G=0
Figura 1.9 y2 y2
yd yd
Rappresentazione
degli errori
dei metodi F F
di secondo livello
per funzioni stato
limite non lineari.

Vale la pena notare, infine, che se le variabili Xi sono non normali (ma in-
dipendenti altrimenti il caso è molto più complesso da affrontare) è ancora
possibile valutare la probabilità di collasso attraverso i metodi di secondo li-
vello. In pratica, ci si riconduce a distribuzioni normali “equivalenti” per ogni
variabile Xi .

1.5 Affidabilità e codici per le costruzioni


Fino agli anni sessanta la sicurezza strutturale nei codici di tutto il mondo era
basata sul concetto di tensione ammissibile che sottintendeva il principio che
le strutture fossero elastiche, sebbene fosse molto raro che esse si comportas-
sero elasticamente fino al collasso. Le incertezze erano tenute in conto nelle
verifiche utilizzando dei valori delle tensioni ammissibili ridotti da coefficienti
di sicurezza ben maggiori di uno.
È chiaro che utilizzare dei coefficienti di sicurezza sulle tensioni non dava
alcuna possibilità di controllare il livello di rischio dell’intera struttura. Tra
la fine degli anni sessanta e gli anni settanta, tuttavia, si ebbe un cambio di
filosofia nella progettazione per la sicurezza strutturale. Una serie di collassi
di strutture nel mondo dovuti ad azioni per neve, vento e soprattutto a causa
di terremoti, rivelarono una serie di deficienze nell’approccio alla sicurezza dei
codici del tempo, richiedendo un progresso soprattutto per quanto riguarda-
va la protezione rispetto agli eventi naturali potenzialmente catastrofici. Per
questo motivo nasceva la necessità di distinguere le condizioni di funziona-
mento delle strutture nel caso di eventi pericolosi (ma rari) e nel quotidia-
no. Allo stesso tempo si andavano sviluppando i metodi dell’affidabilità di
II livello e basi dati di osservazioni per la modellazione delle incertezze sulle
azioni.
Sicurezza e affidabilità strutturale 19

1.5.1 Metodi di I livello e metodo semi-probabilistico agli stati limite


secondo la norma italiana
Il processo descritto produsse all’inizio degli anni ottanta la prima ufficializza-
zione della necessità di adottare nei codici un approccio alla sicurezza secondo
il modello sollecitazione-resistenza e che solo le strutture che rispettavano una
certa probabilità di collasso accettata erano da considerarsi sicure. Siccome fu
subito riconosciuto che i professionisti avrebbero avuto difficoltà ad applicare
direttamente i metodi dell’affidabilità strutturale di livello III e II, venne pro-
posto un formato più semplice poi noto come metodo semi-probabilistico agli
stati limite che si formalizza nella relazione (1.27). Essa rappresenta una veri-
fica tra scalari in cui la resistenza nominale, Rn , viene stabilita sulle basi della
meccanica strutturale e ridotta da opportuni coefficienti (γm ), mentre le azioni
nominali, Qi , fornite dai codici vengono anch’esse amplificate (da coefficienti
γq ) per tenere conto delle incertezze e garantire, in qualche modo, una certa
probabilità di collasso strutturale.
X
γq Qi ≤ Rn /γm (1.27)
Un approccio di questo tipo è di livello I ed è detto in inglese load-resistance
factor design (LFRD). Esso, sostanzialmente, rinuncia al calcolo della probabi-
lità di collasso attraverso la (1.10) e anche indirettamente attraverso il calcolo
dell’indice di sicurezza come per i metodi di livello II. Al livello I della sicurezza
strutturale semplicemente s’individuano dei valori fattorizzati delle resistenze
e degli effetti delle azioni. Progettando la struttura considerando tali valori di
calcolo ci si garantisce, in linea di principio, che la probabilità di collasso sia
compatibile rispetto ai criteri di accettabilità discussi.
In pratica, i valori di progetto per le sollecitazioni e le resistenze si ottengono
minorando i termini da cui dipende R e maggiorando quelli da cui dipende
S attraverso, i cosiddetti fattori parziali di sicurezza. Si noti che, minorare
una variabile aleatoria è in linea di principio impossibile in quanto essa è,
per definizione, ignota. In realtà si considerano percentili molto bassi per le
resistenze (molto alti per le sollecitazioni) in modo che tali valori siano molto
probabilmente superati (non superati).
Ciò si traduce nella trasformazione della condizione di sicurezza da R > S,
valutata in termini probabilistici, alla (1.28) che è un confronto tra scalari e
in cui il pedice d sta per design. Rd e Sd sono, appunto, i valori di progetto e
rappresentano rispettivamente il limite superiore dei valori delle resistenze da
attribuire ai materiali e il limite inferiore degli effetti delle azioni che si possono
considerare.
Rd > Sd (1.28)
Si potrebbe, dunque, affermare che con i metodi di primo livello si confrontano
due numeri e non si calcolano probabilità. Tuttavia, i termini confrontati so-
no indirettamente legati alla probabilità di collasso attraverso le distribuzioni
delle variabili di cui rappresentano particolari percentili come descritto nella
Figura 1.10.
Per capire meglio il significato dei valori di progetto è opportuno ragionare
sui cosiddetti valori caratteristici, definiti come i percentili tali che si abbia una
probabilità del 5% che la resistenza effettiva sia minore di quella caratteristica
20 Capitolo 1

fS(s)

fR(r)

Figura 1.10
Significato
probabilistico
dei valori
di progetto. sk sd rd rk R, S

Rk e che la sollecitazione effettiva sia maggiore di Sk . Sembra così logico indi-


viduare la posizione relativa delle curve di distribuzione S ed R attraverso il
fattore di sicurezza caratteristico γk = Rk /Sk che può essere inteso come inver-
samente proporzionale alla probabilità di collasso. I valori di progetto hanno
lo stesso significato di quelli caratteristici ma si riferiscono a frattili di circa un
ordine di grandezza inferiore. In genere, i frattili sono assunti pari al 5‰. Per
le grandezze con piccoli coefficienti di variazione, ovvero per grandezze che non
riguardino univocamente resistenze o azioni, si possono considerare frattili al
50% (valori mediani).
In conclusione, il tipo di verifica di sicurezza espressa dalla (1.28) è del
tutto analoga a una verifica di tipo deterministico, tuttavia, i valori che
si confrontano derivano da una caratterizzazione probabilistica delle azio-
ni e delle caratteristiche strutturali; per questo motivo si parla di metodi
semi-probabilistici.

Esempio 1.4
Per comprendere meglio il legame tra metodi semi- Eguagliando il momento ultimo al momento sollecitan-
probabilistici e probabilità di collasso, si può prendere per te secondo la (1.28), si ottiene il valore nominale del-
esempio una sezione inflessa in cemento armato rettan- la sollecitazione. Assumendo che la sollecitazione deri-
golare 60 × 30 cm2 semplicemente armata con 10 cm2 vi da carichi permanenti e accidentali (in rapporto co-
acciaio. stante tra loro pari a 2) le cui distribuzioni si pos-
Considerando le resistenze caratteristiche dei materiali cal- sono parametrizzare in funzione proprio di tale valore,
cestruzzo e acciaio pari a 29 MPa e 440 MPa rispetti- come descritto ancora nella Tabella 1.4, è anche no-
vamente, è possibile ricavare il momento ultimo in fun- ta la distribuzione del momento sollecitante la sezio-
zione dei fattori parziali di sicurezza. Inoltre, utilizzando i ne.
parametri della Tabella 1.4, è anche possibile ottenere la Con tali informazioni si può eseguire il calcolo della sicu-
distribuzione di probabilità del momento massimo che la rezza secondo il discusso modello sollecitazione-resistenza
sezione può sopportare considerando anche una certa va- con un metodo di II livello e quindi ottenere l’indice
riabilità delle dimensioni geometriche dovuta, per esempio, di sicurezza per un particolare valore dei fattori parzia-
alla pratica costruttiva. li.
Sicurezza e affidabilità strutturale 21

Tabella 1.4 Distribuzioni delle variabili dell’esempio 1.4.


Variabile Aleatoria Distribuzione Media CoV
Base Normale 30 [cm] 0,03
Altezza Normale 60 [cm] 0,03
Resistenza acciaio Normale 500 [MPa] 0,07
Resistenza calcestruzzo Normale 35 [MPa] 0,10
Momento dovuto ai carichi permanenti Normale 1,05·Valore nominale 0,10
Momento dovuto ai carichi accidentali Gumbel 1,00·Valore nominale 0,25

Rappresentando β in funzione del coefficiente lato ac- Si pensi, infatti, come dal punto di vista del progetto, un
ciaio, γf (si è supposto costante quello del calcestruz- coefficiente maggiore porti a sovra-dimensionare la sezione,
zo, γC = 1,5), si ottiene un andamento come nella Figu- che quindi avrà una affidabilità maggiore di una progettata
ra 1.11. con un minore coefficiente parziale a parità di distribuzioni
Si noti come la sicurezza aumenti al crescere del coeffi- di resistenze e sollecitazioni.
ciente parziale di sicurezza, questo è un risultato atteso.

8,5
8

7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4

3,5
2 1,8 1,6 1,4 1,2 1
f

Figura 1.11 Andamento dell’indice di sicurezza al variare del coefficiente parziale di sicurezza dell’acciaio
per una sezione inflessa.

Sebbene, alcuni progressi recenti dell’ingegneria strutturale lascino prevedere


che si vada verso codici internazionali di progetto a base completamente pro-
babilistica in cui si richieda di calcolare l’effettiva sicurezza della costruzione, i
metodi di livello I sono stati recepiti da molti codici normativi che prescrivono
i valori di progetto garantendo nominalmente a priori la probabilità di collasso.
Tale approccio, come è evidente, semplifica fortemente l’analisi dell’affidabilità
strutturale evitando al professionista di dover affrontare un’onerosa caratte-
rizzazione e trattamento delle incertezze. D’altra parte è facile intuire come
in tal modo sia critica la fase di calibrazione di Rd ed Sd dai quali dipende
completamente il margine d’affidabilità; è anche per questo che il livello I si
confà a un approccio normativo in cui i valori di progetto siano imposti dall’al-
to derivando, in linea di principio, da considerazioni politico/economiche sul
livello di sicurezza accettabile per il parco del costruito.
22 Capitolo 1

Si è fin qui illustrato, molto sinteticamente, l’attributo semi-probabilistico del


procedimento di calcolo che si sta trattando. Esso si riferisce a un valore del-
la probabilità di collasso definito a priori, Pf∗ , per ciascuno stato limite. Il
progettista non verifica che sia Pf ≤ Pf∗ ma garantisce implicitamente la com-
patibilità con questa relazione. Resta da chiarire il significato degli stati limite
da considerarsi, che per la normativa italiana (Min.LL.PP., NTC 2008) possono
dividersi in due categorie:

1. Stati Limite Ultimi (SLU) sono irreversibili e corrispondono al valore estre-


mo della capacità portante come per esempio: perdita di equilibrio della
struttura o di una sua parte; spostamenti o deformazioni eccessive; rag-
giungimento della massima capacità di resistenza di parti di strutture,
collegamenti, fondazioni ecc.;
2. gli Stati Limite di Esercizio (SLE) possono essere reversibili o irreversibili
e riguardano le esigenze di utilizzazione normale dell’opera in esame: ec-
cessiva fessurazione del calcestruzzo o altri fenomeni che possano ridurre
la durabilità della struttura, la sua efficienza o il suo aspetto; spostamenti
e deformazioni che possano limitare l’uso della costruzione; spostamenti e
deformazioni che possano compromettere l’efficienza e l’aspetto di elementi
non strutturali, impianti, macchinari; vibrazioni che possano compromet-
tere l’uso della costruzione; corrosione o eccessivo degrado dei materiali in
funzione dell’ambiente di esposizione ecc.

Il codice europeo per le costruzioni (Eurocodice; CEN, 2002), da cui quello ita-
liano è derivato, classifica i valori minimi raccomandati di affidabilità fornendo
valori di riferimento dell’indice di sicurezza in relazione alle conseguenze del
raggiungimento di un determinato stato limite. Infatti, a seconda che le con-
seguenze siano elevate in termini di vite umane o molto gravi dal punto di
vista economico e sociale (collasso di edifici pubblici affollati) il β minimo rac-
comandato è 4,3 avendo come riferimento un periodo di tempo di 50 anni, a
cui corrisponde una probabilità di collasso secondo la (1.18) pari a 8,5 10−6 .
Se il collasso interessa edifici residenziali o uffici le conseguenze si considerano
medie e il β minimo è 3,8 la cui probabilità di collasso in 50 anni è 7 · 10−5 . Se
le conseguenze sono invece modeste (per esempio costruzioni agricole o magaz-
zini) β minimo è 3,3 la cui probabilità di collasso in 50 anni è circa 5·10−4 . Per
quanto riguarda gli stati limite di esercizio il β minimo è 1,5 la cui probabilità
di collasso è 0,067. È importante notare, tuttavia, che tali valori non debbano
considerarsi come rappresentativi della probabilità di collasso effettiva di una
struttura progettata in questo modo, ma abbiano carattere (necessariamente)
solo comparativo/nominale.
Per la determinazione dei valori di progetto Rd ed Sd , il metodo semi-
probabilistico agli stati limite amplifica i carichi e ridurre le resistenze in base
alla rispettiva statistica e probabilità di occorrenza. Dal lato delle resisten-
ze questo risultato si può ottenere passando dai valori caratteristici a quelli
di progetto, (1.29), adottando coefficienti parziali di sicurezza. La normativa
italiana stabilisce per il calcestruzzo γc = 1,5 e per l’acciaio γf = 1,15.

Rk
Rd = (1.29)
γM
Sicurezza e affidabilità strutturale 23

Per quanto riguarda le azioni da utilizzare nelle verifiche agli stati limite esse
si classificano, secondo la modalità di applicazione, in dirette, indirette e da
degrado in relazione a che siano derivanti da forze (o carichi), da spostamenti
(o anche forze di precompressione o variazioni di temperatura) o da alterazioni
delle proprietà dei materiali rispettivamente. Si possono anche distinguere per
la modalità di risposta nella struttura come statiche, se non provocano accele-
razioni, dinamiche, in caso contrario, e pseudo-statiche, se sono dinamiche ma
rappresentabili da forze statiche equivalenti. La classificazione più importante,
tuttavia è quelle relativa alla variazione d’intensità nel tempo, in tal caso la
normativa italiana fa la seguente distinzione:
# come azioni permanenti (G) quelle che agiscono durante tutta la vita nomi-
nale della costruzione e la cui variazione di intensità è limitata e molto lenta
(es. pesi propri, spostamenti differenziali, azioni dovuti a effetti reologici,
precompressione ecc.);
# come azioni variabili (Q) quelle che hanno valori istantanei che possono
variare sensibilmente nel tempo; tali azioni si dicono di lunga durata se
agiscono per un tempo non trascurabile rispetto alla vita nominale della
struttura; di breve durata altrimenti;
# come azioni eccezionali quelle che si verificano solo eccezionalmente nel corso
della vita nominale (per esempio incendi, esplosioni, impatti ecc.);
# come azioni sismiche quelle derivanti dai terremoti.
Le combinazioni delle azioni ai fini delle verifiche degli stati limite sono le
seguenti:
# combinazione fondamentale, generalmente impiegata per gli SLU:
γG1 · G1 + γG2 · G2 + γQ1 · Qk1 + γQ2 · ψ02 · Qk2 + γQ3 · ψ03 · Qk3 + . . .
# combinazioni rara, per SLE irreversibili:
G1 + G2 + Qk1 + ψ02 · Qk2 + ψ03 · Qk3 + . . .
# combinazioni frequente, per SLE reversibili:
G1 + G2 + ψ11 · Qk1 + ψ22 · Qk2 + ψ23 · Qk3 + . . .
# combinazione quasi permanente, generalmente impiegata per gli SLE rela-
tivi ad azioni che hanno effetti a lungo termine:
G1 + G2 + ψ21 · Qk1 + ψ22 · Qk2 + ψ23 · Qk3 + . . .
Altre combinazioni esistono per casi specifici come quello sismico o derivante
da azioni eccezionali. Nelle combinazioni i coefficienti γ sono coefficienti par-
ziali amplificativi dei carichi e ψi sono coefficienti di combinazione che servono
a tenere conto della probabilità di accadimento contemporaneo di azioni di
diversa natura. Con Qk1 si indica la azione variabile dominante e Qk2 , Qk3 ecc.
azioni variabili che possono agire contemporaneamente a quella dominante. Le
azioni variabili Qkj vengono combinate con i coefficienti di combinazione ψ0j ,
ψ1j e ψ2j , i cui valori sono forniti nella Tabella 1.5. Un esempio dei valori dei
coefficienti γ da assumere per la determinazione degli effetti delle azioni nelle
verifiche agli SLU è riportato nella Tabella 1.6.
24 Capitolo 1

Categoria/Azione variabile ψ0 ψ1 ψ2
Tabella 1.5 Categoria A Ambienti a uso residenziale 0,7 0,5 0,3
Coefficienti di Categoria B Uffici 0,7 0,5 0,3
combinazione. Categoria C Ambienti suscettibili di affollamento 0,7 0,7 0,6
Categoria D Ambienti a uso commerciale 0,7 0,7 0,6
Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini 1,0 0,9 0,8
e ambienti a uso industriale
Categoria F Rimesse e parcheggi 0,7 0,7 0,6
(per autoveicoli di peso ≤ 30 kN)
Categoria G Rimesse e parcheggi 0,7 0,5 0,3
(per autoveicoli di peso > 30 kN)
Categoria H Coperture 0,0 0,0 0,0
Vento 0,6 0,2 0,0
Neve (a quota ≤ 1000 m s.l.m.) 0,5 0,2 0,0
Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) 0,7 0,5 0,2
Variazioni termiche 0,6 0,5 0,0

Tabella 1.6 Coefficiente


Coefficienti parziali favorevoli 1,0
Carichi permanenti γG1
per le azioni nelle
sfavorevoli 1,3
verifiche agli SLU.
Carichi permanenti non strutturali favorevoli γG2 0,8
sfavorevoli 1,5
Carichi variabili favorevoli γQi 0,0
sfavorevoli 1,5

Dal punto di vista probabilistico i carichi che danno luogo ad azioni perma-
nenti sono modellati con distribuzioni di tipo normale. Per quanto riguarda
le azioni variabili invece la distribuzione più utilizzata e quella di Gumbel che
è una distribuzione che ben si adatta a descrivere (verificare alcune ipotesi)
la distribuzione dei massimi delle azioni e che quindi è di interesse dal punto
di vista della progettazione. Infatti, il valore caratteristico, Qk , di un’azione
variabile è il valore corrispondente a un dato frattile (tipicamente alto) del-
la popolazione dei massimi, in relazione al periodo di riferimento dell’azione
variabile stessa. Con riferimento alla durata percentuale relativa ai livelli di
intensità dell’azione variabile, si definiscono:
# valore quasi permanente ψ2j · Qkj : la media della distribuzione temporale
dell’intensità;
# valore frequente ψ1j · Qkj : il valore corrispondente al frattile 95 % della
distribuzione temporale dell’intensità e cioè che è superato per una limitata
frazione del periodo di riferimento;
# valore di combinazione ψ0j · Qkj : il valore tale che la probabilità di supera-
mento degli effetti causati dalla concomitanza con altre azioni sia circa la
stessa di quella assunta al valore caratteristico di una singola azione.
Vale la pena ricordare che il valore frequente viene definito a livello europeo in
modo che risulti superato per un intervallo di tempo piccolo rispetto al periodo
di interesse, per esempio il 5%. Il valore quasi-permanente può essere conside-
rato come un particolare valore frequente che viene superato per un intervallo
Sicurezza e affidabilità strutturale 25

tempo paragonabile al tempo di interesse. Il valore raro è necessariamente un


percentile superiore in una ipotetica distribuzione (Fig. 1.12).

Figura 1.12
Posizioni relative
dei frattili
in una ipotetica
distribuzione
Valore Valore Valore Q dell’azione
Quasi Perm. Frequente di combinazione nel tempo.

Quindi, si può dire che nella combinazione caratteristica (o rara) si considerano


i valori caratteristici delle azioni permanenti e dell’azione variabile dominan-
te e i valori di combinazione delle altre azioni variabili. Nella combinazione
frequente si considerano i valori caratteristici delle azioni permanenti, il valore
frequente dell’azione variabile dominante e i valori quasi permanenti delle altre
azioni variabili. Nella combinazione quasi permanente, infine, si considerano i
valori caratteristici delle azioni permanenti e i valori quasi permanenti delle
azioni variabili.
capitolo 2
Materiali

2.1 Calcestruzzo
2.2 Acciaio di armatura
2.3 Aderenza acciaio-calcestruzzo

Il calcestruzzo armato è composto da calcestruzzo e da acciaio in barre e, per-


tanto i meccanismi resistenti e deformativi dipendono sia dalle caratteristiche
dei due componenti, sia dalla loro interazione mediante l’aderenza che nasce
all’interfaccia.
I due materiali componenti presentano proprietà molto diverse tra loro e
proprio per tale motivo il loro accoppiamento consente di ottenere un materiale
con buone prestazioni per diversi aspetti, considerato che nella progettazione
si possono modificare le quantità e la disposizione delle armature in modo da
massimizzare le caratteristiche ritenute più significative per il tipo di progetto.
Tuttavia si può affermare, in generale, che mentre del calcestruzzo si sfrutta
la capacità di resistenza a compressione, dell’acciaio si sfrutta la resistenza a
trazione, dando vita a meccanismi resistenti più o meno complessi. Alla base
della collaborazione tra i due materiali vi è comunque l’aderenza e quindi è im-
portante che i meccanismi di trasferimento delle tensioni che la caratterizzano
siano efficaci anche in condizioni ultime.
Nel seguito si introducono le caratteristiche meccaniche e le proprietà prin-
cipali del calcestruzzo e dell’acciaio; inoltre, si illustrano i meccanismi di
trasferimento che condizionano l’aderenza tra i due materiali.

2.1 Calcestruzzo
Il calcestruzzo è un materiale non omogeneo le cui caratteristiche meccaniche
dipendono dai suoi componenti (inerte, cemento e acqua) e dai loro rapporti
relativi in termini di quantità in volume o in peso. Un’importante proprietà
del calcestruzzo è la densità, che determina anche l’aliquota di peso proprio
da considerare nella valutazione dei carichi in fase di progettazione; per il
calcestruzzo si può assumere un valore di circa 24 kN/m3 , a meno che non si
utilizzino miscele particolari per specifiche applicazioni. Il Model Code 2010
classifica i calcestruzzi in base alla densità a secco secondo il seguente sche-
ma:
– calcestruzzo con inerte leggero (8-20 kN/m3 );
– calcestruzzo di peso normale (20-26 kN/m3 );
– calcestruzzo pesante (> 26 kN/m3 ).
28 Capitolo 2

Si deve tuttavia tenere conto che la densità è collegata alla porosità del ma-
teriale e al tipo di inerti e pertanto condiziona le proprietà meccaniche; in
generale una riduzione di densità comporta una riduzione della resistenza e
un incremento della deformabilità influenzando anche i meccanismi di crisi.
L’evoluzione della tecnologia del calcestruzzo consente oggi di disporre di mi-
scele con caratteristiche particolari che possono soddisfare esigenze specifiche
delle realizzazioni in c.a. Sicuramente tra questi devono esse menzionati, e tro-
vano già un notevole impiego, i calcestruzzi ad alta resistenza (HSC – High
Strength Concrete), gli auto compattanti (SSC – Self Compacting Concrete),
i fibrorinforzati (FRC – Fiber Reinforced Concrete).
I calcestruzzi ad alta resistenza possono raggiungere una resistenza a com-
pressione caratteristica cilindrica, che verrà definita successivamente, maggiore
di 50 MPa e fino a 100 MPa. Tali calcestruzzi vengono indicati anche come
calcestruzzi ad alte prestazioni (HPC – High Performance Concrete) perché
l’incremento di resistenza è associato a una riduzione della porosità e quindi a
un incremento di durabilità (CNR DT 209/2012).
I calcestruzzi auto compattanti sono caratterizzati da una elevata fluidità ed
elevata resistenza alla segregazione allo stato fresco; in questo modo si ottiene
un buon adattamento a qualsiasi forma e densità di armature, anche senza
vibrazione. Il risultato è una riduzione dei vuoti e dei difetti e quindi, ancora
una volta, un incremento della durabilità anche nel caso di getto di elementi
complessi.
Il calcestruzzo fibrorinforzato contiene, oltre ai normali ingredienti, anche
delle fibre per cui le proprietà che si possono ottenere dipendono dal tipo e dal-
la percentuale volumetrica di fibre aggiunte alla miscela. In linea di massima
le fibre consentono di incrementare l’energia di frattura del materiale e quindi
ridurre le dimensioni delle micro e macro fessure. Per la progettazione ed ese-
cuzione di elementi strutturali in calcestruzzo fibrorinforzato anche armato, in
Italia sono disponibili le istruzioni CNR DT 204/2006.
Si deve sottolineare che la nuova edizione delle norme tecniche consente
esplicitamente l’uso di questi materiali speciali. Infatti le classi di calcestruz-
zo possono arrivare fino a resistenze cilindriche a compressione caratteristi-
che di 90 MPa; inoltre, viene esplicitamente consentito l’uso di fibre nella mi-
svela.
Il comportamento meccanico descritto in questo capitolo si riferisce a cal-
cestruzzi con densità normale e senza particolari additivi nelle miscele, quindi
non tutte le proprietà si possono estendere ad altri casi.
Nonostante la disomogeneità, il comportamento macroscopico del calce-
struzzo, con riferimento cioè a elementi di dimensioni molto maggiori degli
inerti più grandi che lo compongono, può essere schematizzato in modo af-
fidabile come quello di un materiale omogeneo e isotropo. Viceversa la sua
composizione, che lo rende un materiale sostanzialmente lapideo anche se di
origine artificiale, gli conferisce un comportamento fortemente diverso in pre-
senza di sollecitazioni di compressione o di trazione. Per tale motivo i legami
costitutivi vengono nel seguito analizzati principalmente con riferimento al
caso di stato tensionale monoassiale, distinguendo i casi di sollecitazione di
compressione e trazione, e facendo cenno anche agli stati tensionali plurias-
siali.
Materiali 29

2.1.1 Comportamento in compressione


Il fenomeno microscopico più significativo nel calcestruzzo compresso consiste
in una microfessurazione diffusa già per livelli tensionali modesti, che dipen-
de dalla scarsa resistenza agli sforzi di trazione dell’interfaccia matrice-inerte.
D’altra parte, è necessario sottolineare che l’evoluzione della tecnologia del
calcestruzzo consente oggi la realizzazione, senza modificare i componenti ma
solo le loro proporzioni, di calcestruzzi con una matrice cementizia di resistenza
comparabile a quella dell’inerte, cosicché non solo la resistenza del calcestruzzo
aumenta sfruttando a pieno quella dell’inerte, ma il meccanismo microscopico
di crisi diventa molto più simile a quello di un materiale lapideo omogeneo con
fenomeni fessurativi che riguardano indistintamente entrambi i componenti.
In presenza di uno stato di sollecitazione di compressione monoassiale tale
microfessurazione determina un legame sperimentale tensione-deformazione, σ-
ε, che si presenta non lineare per valori di carico anche molto più bassi di quello
di rottura. In particolare, quando il calcestruzzo ha una resistenza cosiddetta
normale (fino a 50 MPa), le prove monoassiali di compressione mostrano un
andamento della relazione σ-ε pressoché lineare fino a valori di tensioni di circa
il 30 ÷ 40% di quella massima; successivamente, la microfessurazione interna
si diffonde determinando un progressivo abbattimento della rigidezza.
In questo primo tratto pressoché lineare è possibile definire una deformabi-
lità elastica, necessaria per alcune verifiche di servizio di elementi in cemento
armato (per esempio calcolo degli spostamenti) che sono condotte median-
te analisi in campo elastico lineare. In particolare si può stimare un valore
del modulo elastico sulla base di apposite prove sperimentali di compressione
monoassiale considerando valori di tensione inferiori al 40% della resistenza;
tuttavia poiché la prova di compressione per la determinazione della resistenza
è la più comune per la sua semplicità di esecuzione, sono disponibili diverse
formulazioni che consentono di valutare il modulo elastico in funzione della
resistenza a compressione. La formulazione indicata dalla Normativa Italiana
(NTC, 2008), che coincide anche con quella dell’Eurocodice 2 (EC2, 2004), è:
fcm 0,3
✓ ◆
Ecm = 22 000 · [MPa] (2.1)
10
La formula è analoga anche nel Model Code 2010, ma il coefficiente è 21500 e si
riferisce a inerti di quarzo; per altri inerti è fornito un coefficiente diverso. Per
i calcestruzzi leggeri si deve ricorrere a una formulazione diversa, quale quella
fornita dal Model Code 2010.
Nella fase in cui il comportamento del calcestruzzo è elastico-lineare il coef-
ficiente di Poisson si assume generalmente pari a 0,15 − 0,2.
Quando si raggiunge la resistenza a compressione fc si manifestano del-
le macrofessure e il legame costitutivo (σ-ε) comincia a percorrere un ramo
discendente. Quanto descritto si ritrova anche per calcestruzzi di resistenze
maggiori, ma con una progressiva variazione della forma del legame costituti-
vo. All’aumentare della resistenza l’andamento iniziale si presenta lineare fino
a una percentuale della resistenza sempre più elevata, la deformazione corri-
spondente al punto di picco aumenta e il ramo discendente diventa sempre più
ripido, come si può vedere nella Figura 2.1, dove sono riportati tipici legami
costitutivi ottenuti da prove sperimentali di compressione su provini cilindrici
realizzati con calcestruzzi di resistenza crescente.
30 Capitolo 2

100

80

s (MPa)
60

40
Figura 2.1
Tipici legami
costitutivi 20
del calcestruzzo
al variare
della resistenza 0
a compressione. 0 0,002 e 0,004 0,006

Questo risultato è la logica conseguenza di un meccanismo di rottura sem-


pre più fragile al crescere della resistenza della matrice, che non consente un
danneggiamento graduale e diffuso. Tale aspetto del comportamento del calce-
struzzo è rappresentativo della duttilità del materiale, che in un moderno ap-
proccio progettuale assume un ruolo rilevante nella definizione della sicurezza
strutturale.
A tale scopo nella tecnologia di produzione del calcestruzzo è stata in-
trodotta la possibilità di aggiungere nella miscela fibre di diversa natura che
consentono proprio una diffusione delle microfessure. In questo modo si incre-
menta l’energia di frattura del materiale e si ottiene a livello macroscopico un
ramo post-picco del legame costitutivo meno ripido, anche per calcestruzzi al
alta resistenza (HSC) (Fig. 2.2). L’energia di frattura GF [N/mm], in assen-
za di apposita sperimentazione, si può valutare secondo il Model Code 2010 con

1,0

0,8
HSC con fibre
0,6
/max

0,4
Figura 2.2
Effetto delle fibre 0,2
sul legame
costitutivo
del calcestruzzo 0
0 0,001 0,002 0,003 0,004 0,005 0,006 0,007 0,008 0,009 0,01
compresso. ε
Materiali 31

la seguente espressione:
0,18
GF = 73 · fcm (2.2)
dove fcm è la resistenza media a compressione in MPa.
Anche in questo caso l’espressione si modifica per i calcestruzzi speciali
(leggeri, fibrorinforzati, ecc. . . ).
Tuttavia si deve fare cenno anche a un altro aspetto che riguarda il tratto
discendente della relazione σ-ε; infatti per tracciare questa relazione il carico
applicato e l’accorciamento del provino di calcestruzzo misurati sperimental-
mente si traducono in tensione e deformazione con riferimento all’area e alla
lunghezza del provino, considerando quindi un comportamento uniforme del-
l’intero elemento. In realtà, si può osservare che le macrofessure interessano solo
una zona limitata del provino, la cui estensione è pressoché indipendente dalle
dimensioni del provino stesso, cosicché i risultati sono influenzati da un effet-
to scala, con tratti discendenti apparentemente più ripidi all’aumentare della
lunghezza del provino. In realtà l’andamento post-picco del legame costitutivo
dovrebbe essere rappresentato in termini di relazione tensione-accorciamento,
σ-w.
Infatti la rottura nel calcestruzzo avviene, indipendentemente dalle dimen-
sioni dell’elemento sottoposto a prova, per la formazione di una frattura che
presenta all’incirca sempre le medesime dimensioni (circa 1 mm) e pertanto
la deformazione ultima, che è il rapporto tra l’allungamento e la dimensione
iniziale, dipende molto dall’altezza del provino.
Si può introdurre un metodo molto semplice per tener conto di tale aspetto
come suggerito da Hilsdorf (1991) e riportato nella Figura 2.3, dove il ramo
di softening del legame costitutivo è rappresentato da un diagramma (σ, w), il
classico legame costitutivo (σ, ε) si tramuta quindi in un legame (σ, ε0 ), dove
ε0 = ε + w/L, con L altezza del provino.

fc fc fc

+ = Figura 2.3
w/L
Legami costitutivi
tensione-
accorciamento
ε wc w ε' = ε + w/L in compressione.

Si ottengono in tal modo dei legami per il calcestruzzo variabili, per quello
che riguarda il ramo decrescente, al variare dell’altezza del provino. La Fi-
gura 2.4 mostra delle tipiche curve relative a prove di compressione monoas-
siale (le tensioni sono normalizzate rispetto alla tensione massima) su pri-
smi di altezza, H, diversa, evidenziando l’effetto scala descritto. I diagram-
mi indicano, come si è detto che il comportamento post-picco diventa ap-
parentemente più fragile all’aumentare delle dimensioni del provino (effetto
scala).
32 Capitolo 2

1,2
H = 200 mm
1,0 H = 100 mm
H = 50 mm
0,8

max
0,6
/

0,4
Figura 2.4
Curve tensione-
deformazione 0,2
in compressione
al variare 0
della dimensione 0 0,002 0,004 0,006 0,008 0,01
del provino. ε'

Per quanto riguarda, infine, le modalità di determinazione sperimentale della


resistenza a compressione, le prove di rottura si possono effettuare sia su ele-
menti cubici sia cilindrici, in base alle quali si definiscono rispettivamente la
resistenza cubica Rc e quella cilindrica fc . Le prove devono essere realizzate
conformemente alle norme UNI EN più aggiornate.
Nella progettazione di strutture in c.a. si fa riferimento a valori delle re-
sistenze ottenuti dopo 28 giorni di maturazione, salvo una differente specifica
indicazione, e inoltre si utilizzano valori caratteristici sia nel caso di resistenza
cubica, Rck , sia cilindrica, fck . Il concetto di resistenza caratteristica (Cap. 1),
inteso come il valore che ha il 5% di probabilità di essere minorato, è fonda-
mentale in un approccio probabilistico, anche se non essendo sempre possibile
effettuare una qualificazione del calcestruzzo con un elevato numero di provini,
sia nella letteratura sia nella NTC 2008 e nel Model Code 2010 si suggerisce la
seguente relazione tra valore medio e caratteristico della resistenza cilindrica a
compressione:
fcm = fck + 8 [MPa] (2.3)
Si deve inoltre considerare che le resistenze cilindrica e cubica ottenute dalle
prove di compressione risultano differenti a causa dei diversi effetti di bordo nei
due tipi di provino. In particolare l’elemento cubico, sicuramente tridimensio-
nale, risente fortemente delle condizioni di vincolo esercitate dalla macchina di
prova ed è caratterizzato da una resistenza più alta. Il maggior valore ottenuto
nella prova su elementi cubici dipende da un effetto di bordo più forte nell’e-
lemento tridimensionale che consiste in una compressione trasversale ai bordi
dovuta all’impedimento della dilatazione trasversale per effetto dell’attrito of-
ferto dalle piastre di carico (Fig. 2.5). Nell’elemento cilindrico, caratterizzato
da un rapporto altezza/diametro uguale o maggiore di due, l’effetto di bordo
non si risente nella parte centrale del provino.
La letteratura tecnica suggerisce generalmente di utilizzare un coefficiente
riduttivo pari a 0,83 per passare dalla resistenza cubica caratteristica a quella
cilindrica caratteristica, entrambe ottenute su provini di dimensioni che rispet-
tano gli standard di prova delle normative UNI, cioè su un elemento cubico di
Materiali 33

Figura 2.5
Prove
di compressione
su un cubo
di calcestruzzo.

lato 100 ÷ 150 mm o su un elemento cilindrico di diametro 100 ÷ 150 mm e


altezza pari al doppio del diametro.
Le NTC 2008 consentono, per la realizzazione di opere in calcestruzzo ar-
mato, l’utilizzazione di calcestruzzo con resistenza cilindrica da 16 a 90 MPa
ovvero con resistenza cubica da 20 a 105 MPa, stabilendo una suddivisione in
calcestruzzo normale fino a una classe C50/60 e ad alta resistenza per classi
superiori fino a C90/105, e fornendo apposite indicazioni per legami costitutivi
e altre proprietà.
Le rappresentazioni analitiche del comportamento costitutivo del calcestruz-
zo compresso, reperibili in letteratura, sono molteplici. Il modello più sempli-
ce è il legame parabola-rettangolo adottato da numerose normative, tra cui
anche quella italiana (NTC 2008), di cui si parlerà nel Capitolo 4 dove si in-
troduce il calcolo della resistenza a flessione della sezione; tuttavia si deve
sottolineare che anche legami di tipo elasto-plastico o rigido-plastico sono effi-
caci per valutare la resistenza della sezione, come confermato dalla normativa
stessa.

2.1.2 Comportamento in trazione


La disomogeneità del materiale e la presenza di microfessure all’interfaccia tra
inerti e matrice cementizia giocano un ruolo fondamentale nella definizione del
legame costitutivo del calcestruzzo e del suo meccanismo di rottura, anche in
presenza di azioni di trazione.
L’applicazione di uno stato monoassiale e uniforme di sforzi di trazione
non determina una significativa microfessurazione fino a circa il 70% della
resistenza a trazione fct , per cui il legame tensione-deformazione è pressoché
lineare fino a tale livello. Per tensioni più elevate, la microfessurazione interna
comincia a crescere e tende a concentrarsi in una zona del provino dove si
innesca il processo di rottura che consiste in un sistema di microfessure più o
meno parallele tra loro, ma discontinue e normali alla direzione del carico. In
tale zona si continuano a trasmettere sforzi di trazione, ma l’intensità di tali
sforzi diminuisce con il crescere dell’apertura delle fessure fino alla formazione
di una fessura continua.
Come per la compressione, lo sviluppo del processo di rottura si concen-
tra nella maggior parte dei casi in una zona limitata con fessure di maggiore
34 Capitolo 2

estensione o in corrispondenza di un intaglio preesistente, rendendo discreto


il fenomeno della rottura a trazione. Anche in tale caso quindi il legame co-
stitutivo è caratterizzato da un ramo discendente che, in termini di relazione
tensione-deformazione, è influenzato dall’effetto scala.
La resistenza a trazione si presenta molto più bassa di quella a compressione,
circa il 10%, e può essere determinata con varie metodologie.
La prova di trazione diretta, sebbene sembri la più adatta a valutare tale
resistenza, viene raramente impiegata per le difficoltà di afferraggio del provino.
La prova di trazione per flessione viene effettuata su provini prismatici
generalmente sollecitati a flessione su 3 punti; la resistenza a trazione vie-
ne calcolata in corrispondenza della fibra più tesa in ipotesi di elasticità li-
neare e conservazione della sezione piana, sicché il valore risulta, in genere,
sovrastimato.
Nella prova di trazione per spacco (prova brasiliana) la resistenza si valuta
su provini cilindrici sollecitati a compressione su due generatrici diametral-
mente opposte. In tal modo l’azione del carico determina uno stato di tensione
biassiale con trazione normale alla direzione del carico applicato.
Proprio per le difficoltà di valutare sperimentalmente la resistenza a tra-
zione, sono state messe a punto, e adottate dai codici normativi, diverse for-
mulazioni per correlare la resistenza a trazione con quella a compressione, più
semplice da misurare sperimentalmente. Si riportano le formule suggerite dalla
NTC 2008 per valutare la resistenza media a trazione diretta fctm in funzione
della resistenza a compressione caratteristica:

2/3
fctm = 0,30 · fck per classi ≤ C50/60 (2.4)
fcm
✓ ◆
fctm = 2,12 · ln 1 + per classi > C50/60 (2.5)
10

I valori caratteristici corrispondenti ai frattili 5% e 95% sono assunti, rispet-


tivamente, pari a 0,7fctm , e 1,3fctm , pertanto la resistenza caratteristica risul-
ta:
fctk = 0, 7 · fctm (2.6)

Le stesse formule sono indicate anche nel Model Code 2010, che suggerisce una
formulazione alternativa per il calcestruzzo con inerti leggeri. Il valore medio
della resistenza a trazione per flessione risulta maggiore di quello ottenuto dalla
prova di trazione diretta e si può calcolare, in mancanza di sperimentazione,
amplificando la resistenza a trazione diretta (NTC 2008):

fcf m = 1, 2 · fctm (2.7)

Viceversa nel Model Code 2010 viene fornita la seguente espressione per valu-
tare la resistenza media a trazione a partire da quella flessionale in questo caso
indicata come fctm,f l :
fctm = αf l fctm,f l (2.8a)
Materiali 35

dove
0,06 · hb0,7
αf l = (2.8b)
1 + 0,06 · h0,07
b

essendo hb l’altezza della trave in mm.


In generale si può osservare che la resistenza a trazione aumenta in maniera
meno che proporzionale di quella a compressione.
La modellazione analitica del legame costitutivo deve partire ovviamente
dalle osservazioni sperimentali. È stato già rilevato che il comportamento è
lineare fino al 70% della resistenza a trazione, fct , ma uno scostamento sostan-
ziale si osserva solo per tensioni superiori al 90% di fct . Una volta raggiunta la
resistenza massima fct , si osserva un ramo decrescente con un comportamento
ancora lineare.
Il comportamento del provino prima del picco può essere descritto con un
legame σct -ε, mentre il ramo di softening deve essere analizzato in termini di
relazione tensione-allungamento σct -w (adesione coesiva). Le tensioni di trazio-
ne nel ramo discendente si chiamano “tensioni coesive” perché sono collegate
ai fenomeni di ingranamento degli inerti nella fase di microfessurazione.
La relazione σct -w può essere interpretata fisicamente come il risultato di
una prova di trazione dove si misura la deformazione in una zona qualsiasi
del provino (punto B) e in corrispondenza della fessura (punto A) (Fig. 2.6).
La deformazione misurata è uguale nei due punti fino al raggiungimento della
resistenza a trazione, fct , poi la fessura si apre in corrispondenza del punto A
e, mentre nel punto A la deformazione aumenta, nel punto B la deformazione
decresce.

ct Strain A e B
fct
Strain gauge A
Strain gauge A
w
Gf Strain gauge B
Strain gauge B

ε Figura 2.6
wc Modello coesivo
0 w della fessurazione.

L’area al di sotto del ramo di softening del grafico σct -ω ottenuto dall’estensi-
metro disposto in A si definisce energia di frattura Gf :
Zwc
Gf = σct (w)dw (2.9)
0

dove wc è l’apertura della fessura corrispondente all’annullamento della tensio-


ne di coesione (σct = 0, Fig. 2.6).
36 Capitolo 2

Il modello analitico della fessurazione coesiva è rappresentato nella Figura 2.7


(Model Code, 2010).

fctm
0,9 fctm

Tensione di trazione
nel calcestruzzo sct

1,5 Deformazione nel


(a) calcestruzzo e, [%]

fctm
Tensione di trazione
nel calcestruzzo sct

GF = area al di sotto del


Figura 2.7
legame ect – w
Modello del legame
costitutivo
del calcestruzzo
in trazione: 0,2 fctm
(a) sezione integra
(σct < fct );
(b) sezione fessurata w1 = GF/fctm Apertura della fessura, w wc = 5 GF/fctm
(σct > fct ). (b)

L’apertura della fessura corrisponde a una certa distribuzione di tensioni coe-


sive di trazione, σct , sulla faccia di rottura della fessura. Il Model Code 2010
introduce una formulazione per valutare l’apertura della fessura in funzione
della tensione di trazione (Fig. 2.7a e 2.8):
w
✓ ◆
σct = fctm · 1,0 − 0,8 · for w ≤ w1 (2.10a)
w1
w
✓ ◆
σct = fctm · 0,25 − 0,05 · for w1 < w ≤ wc (2.10b)
w1
dove:
# w è l’apertura della fessura in [mm];
# w1 = GF /fctm in [mm] quando σct = 0,20 · fctm ;
# wc = 5 · GF /fctm in [mm] quando σct = 0;
# GF è l’energia di frattura in [N/mm];
# fctm è la resistenza media a trazione del calcestruzzo in [MPa].
In particolare si assume che le tensioni coesive lungo l’interfaccia della fessura,
σct siano una funzione decrescente dell’apertura della fessura, w, variabile lungo
Materiali 37

fct

ct

Figura 2.8
Modello
di ampiezza
w di apertura
della fessura
in un materiale
quasi fragile.

la sezione; la tensione coesiva diventa uguale alla resistenza a trazione del


calcestruzzo, fctm , alla sommità della fessura, dove w = 0.

2.1.3 Effetti della temperatura, ritiro e viscosità


Quanto introdotto precedentemente prescinde dagli effetti ambientali e dal
tempo, ma in taluni casi questi effetti possono produrre stati tensionali ag-
giuntivi o modificare quelli esistenti. La variazione di temperatura provoca
distorsioni che su strutture iperstatiche danno origine a sollecitazioni la cui
entità dipende dalla geometria della struttura stessa. Per valutare gli effetti
della variazione di temperatura è necessario conoscere il coefficiente di dilata-
zione termica del materiale, che per il calcestruzzo assume un valore medio di
10−5 ◦ C−1 .
Le proprietà fisiche del calcestruzzo comportano anche lo sviluppo di feno-
meni dipendenti dal tempo (ritiro e viscosità) che devono essere considerati
nella progettazione perché intervengono sul comportamento strutturale.
Il ritiro consiste nella diminuzione di volume dovuta alla perdita di acqua
durante la maturazione del materiale. La deformazione da ritiro è isotropa e
si può suddividere in due aliquote che si sommano: ritiro autogeno e ritiro per
essiccamento.
L’aliquota dovuta al ritiro autogeno dipende fondamentalmente dalla mi-
scela del calcestruzzo e può essere sinteticamente valutata in funzione della
resistenza a compressione; per un calcestruzzo di resistenza fck = 25 MPa, la
deformazione da ritiro autogeno assume a tempo infinito valori di circa 4·10−5 .
Il ritiro per essiccamento dipende dalla geometria dell’elemento, dall’umi-
dità e dalla temperatura ambientale e assume valori dello stesso ordine di
grandezza di quello autogeno in condizioni normali, ma può presentare note-
voli variazioni in condizioni di umidità estreme. Negli elementi in calcestruz-
zo armato si può assumere una deformazione inferiore per tenere conto della
presenza dell’armatura, che tende a contrastare il fenomeno di ritiro.
Un altro fenomeno che si sviluppa nel tempo e che caratterizza in modo
sostanziale il comportamento del calcestruzzo è la viscosità, a causa della quale
38 Capitolo 2

in presenza di carichi di lunga durata, le deformazioni subiscono un incremento


nel tempo rispetto al valore iniziale. Infatti quando si applica un carico a
un elemento in calcestruzzo si possono manifestare tre tipi di deformazione
(Fig. 2.9): elastica, plastica e viscosa

ε
carico scarico

tempo

elastica
deformazione
reversibile
Figura 2.9 elastica differita
Deformazioni
viscosa deformazione
nel calcestruzzo plastica
al variare irreversibile
del tempo. tempo

La deformazione a lungo termine non è completamente reversibile a causa della


componente plastica che modifica la microstruttura della matrice cementizia.
Tuttavia per livelli di carico dell’ordine del 30÷40% della resistenza il fenomeno
viscoso si può assumere lineare e applicare il principio di sovrapposizione degli
effetti; mentre per tensioni maggiori l’evoluzione della microfessurazione rende
non trascurabili gli effetti non lineari.
L’intensità del fenomeno viscoso dipende da numerosi fattori: composizione
del calcestruzzo, geometria dell’elemento strutturale, umidità e temperatura
ambientale, età del calcestruzzo al momento dell’applicazione del carico, tipo
e livello dello stato tensionale.
Quando il materiale è sollecitato in campo elastico e lo stato tensionale è
pressoché costante o aumenta in maniera monotona, le deformazioni viscose
in linea di massima assumono valori pari a 2 o 3 volte quelli delle deforma-
zioni istantanee elastiche e possono essere calcolate con metodologie semplifi-
cate.
In particolare si può assumere che, sotto carico costante nel tempo e
tensori dell’ordine del 40% della resistenza a compressione del calcestruzzo
(Fig. 2.10a), la deformazione viscosa sia uguale a una aliquota della defor-
mazione elastica dovuta al carico applicato al tempo t0 , secondo l’espressione
seguente (Fig. fig2.10b):
σ(t0 )
εv (t, t0 ) = ϕ (t, t0 ) · (2.11)
E(t0 )
Materiali 39

(a)

(t0)

t0 t tempo
(b)

ε
εv(t0) = ϕ(t, t0) . εel(t0) Figura 2.10
Modellazione
dell’andamento
(t0)
εel(t0) = delle deformazioni
E(t0) nel calcestruzzo
compresso
t0 t tempo nel tempo.

Le NTC 2008 forniscono i valori del coefficiente ϕ(∞, t0 ) a tempo infinito


per valutare la deformazione viscosa del calcestruzzo in diverse condizioni di
umidità ambientale (Tab. 2.1 e 2.2), in base al tempo t0 di applicazione del
carico e alla dimensione fittizia h0 della sezione espressa come rapporto 2Ac /u,
essendo Ac l’area e u il perimetro della sezione esposto all’aria.

t0 h0 ≤ 75 mm h0 = 150 mm h0 = 300 mm h0 ≥ 75 mm Tabella 2.1


3 giorni 3,5 3,2 3,0 2,8 Valori di ϕ(∞, t0 ) per
7 giorni 2,9 2,7 2,5 2,3 atmosfera
15 giorni 2,6 2,4 2,2 2,1 con umidità relativa
30 giorni 2,3 2,1 1,9 1,8 di circa il 75%.
≥ 60 giorni 2,0 1,8 1,7 1,6

t0 h0 ≤ 75 mm h0 = 150 mm h0 = 300 mm h0 ≥ 75 mm Tabella 2.2


3 giorni 4,5 4,0 3,6 3,3 Valori di ϕ(∞, t0 ) per
7 giorni 3,7 3,3 3,0 2,8 atmosfera
15 giorni 3,3 3,0 2,7 2,5 con umidità relativa
30 giorni 2,9 2,6 2,3 2,2 di circa il 55%.
≥ 60 giorni 2,5 2,3 2,1 1,9

2.1.4 Legami costitutivi pluriassiali


Prima di introdurre il comportamento del calcestruzzo in presenza di uno stato
tensionale pluriassiale, si deve ricordare che sotto l’azione di una tensione mo-
noassiale, oltre alla deformazione nella direzione della tensione applicata, nasce
una deformazione trasversale. Nel caso di compressione monoassiale questa de-
formazione trasversale mostra un andamento non lineare analogo a quello della
deformazione longitudinale (Fig. 2.11).
40 Capitolo 2

1,00

Deformazione
0,75 volumetrica
Deformazione
trasversale
Deformazione
longitudinale
max
0,50
/

0,25
Figura 2.11
Deformazione
longitudinale e
trasversale
0
del calcestruzzo 6 4 2 0 2 4 6 8 10 12
compresso. Trazione ε . 10 – 4 Compressione

Nel caso di uno stato tensionale biassiale si verifica che, in presenza di com-
pressione trasversale, la resistenza a compressione si incrementa fino a circa
il 30%, mentre quella a trazione diminuisce; la presenza di tensione di trazio-
ne trasversale invece lascia praticamente inalterata la resistenza a trazione e
riduce in modo sostanziale quella a compressione. Nella Figura 2.12 è rappre-
sentato il dominio resistente biassiale descritto dalla formulazione di Kupfer &
Gerstle (1973).

– 0,2

2 / max 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0 – 0,2


– 0,2

– 0,4
1

– 0,6
2 2

– 0,8

1
– 1,0

Figura 2.12 1 / max


Legame biassiale – 1,2
di Kupfer & Gerstle
(1973).

Nel caso di stato tensione triassiale è importante sottolineare che la compres-


sione laterale determina un sostanziale miglioramento del comportamento nella
direzione longitudinale di applicazione del carico sia in termini di resistenza sia
Materiali 41

di capacità deformativa ultima. Infatti nella Figura 2.13 si osserva l’incremen-


to della resistenza e della duttilità delle curve tensione-deformazione in una
direzione, quando si applica anche una compressione trasversale; tale effetto è
crescente all’aumentare della tensione trasversale applicata.

120 28,2 MPa

100
σlongitudinale (MPa)

80
13,9 MPa Compressione
trasversale
60
7,52 MPa
40
3,79 MPa Figura 2.13
Legame costitutivo
20 Calcestruzzo non confinato fc = 25,2 MPa del calcestruzzo
compresso
in presenza
0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05 0,06 0,07 di compressione
ε longitudinale trasversale.

L’osservazione della dilatazione trasversale in un elemento compresso e dell’ef-


fetto benefico della tensione trasversale consentono di comprendere il ben noto
effetto delle staffe in acciaio negli elementi in calcestruzzo armato (c.a.). Infatti
negli elementi in c.a. compressi, le staffe esercitano una compressione laterale
con un’azione di confinamento passivo che aumenta al crescere della dilata-
zione trasversale del calcestruzzo compresso. L’efficacia di tale azione dipende
principalmente dal diametro delle staffe, dalla loro disposizione longitudinale
(passo), dalla distanza delle barre longitudinali a cui le staffe sono collegate e
dall’efficacia dei collegamenti tra i ferri longitudinali, come evidenziato nella
Figura 2.14, che mostra la presenza di zone di calcestruzzo non confinato in
funzione dei suddetti parametri, di cui si parlerà in dettaglio nel Capitolo 5.

Calcestruzzo
non confinato
x
s
z Figura 2.14
Effetto
di confinamento
Copriferro delle staffe.
42 Capitolo 2

Numerosi studi sperimentali hanno mostrato che la modifica del legame co-
stitutivo del calcestruzzo a seguito del fenomeno di confinamento dovuto alle
staffe può risultare essenziale per una corretta valutazione della sicurezza strut-
turale in termini di resistenza per taluni problemi, ma soprattutto in termini
di duttilità. Si deve sottolineare che attualmente questo aspetto entra espli-
citamente nella progettazione delle strutture in zona sismica attraverso indi-
cazioni sulle modalità di esecuzione dei dettagli costruttivi relativi alle staffe,
sulla disposizione dei ferri longitudinali e sull’uso di legature per rendere ef-
ficace il confinamento e incrementare così la duttilità del calcestruzzo com-
presso.
Modelli sofisticati consentono di interpretare bene il comportamento speri-
mentale del calcestruzzo compresso includendo anche gli effetti del confinamen-
to. Tra questi si deve citare il legame di Mander et al. (1988), in cui l’incremento
di resistenza e duttilità dovuto al confinamento dipende dalla percentuale di
staffe e dalla loro disposizione geometrica in relazione ai ferri longitudinali e
alle legature.
Un tipico legame costitutivo del calcestruzzo confinato si presenta qualitati-
vamente come quello riportato nella Figura 2.15, dove è confrontato con quello
non confinato; gli incrementi di resistenza, fcc , e duttilità, εccu , possono essere
notevoli e influenzare il comportamento strutturale soprattutto degli elementi
prevalentemente compressi, quali i pilastri.

s
Rottura
Calcestruzzo delle staffe
confinato
fcc

Ec Esec
Calcestruzzo
fc non confinato
Figura 2.15
Confronto tra Legame
copriferro
legame costitutivo
del calcestruzzo
εc0 2εc0 εsp εcc εccu ε
confinato e non ft'
confinato.

In particolare la deformazione ultima εccu in un provino di calcestruzzo soggetto


a una tensione radiale σr si può dedurre con buona approssimazione dalla
seguente formula di origine sperimentale
σr
εccu = εcu + 0,2 (2.12)
fc

essendo εcu la deformazione ultima e fc la resistenza del calcestruzzo in assenza


di confinamento.
Nel caso in cui il confinamento e dunque la tensione radiale sia dovuta alla
presenza di un tubo di acciaio di spessore t e raggio r, ipotizzando che l’acciaio
Materiali 43

sia snervato alla tensione σy , si ha la relazione fra tensione radiale σr e tensione


circonferenziale σy :

t
r
sr

r
sy sr sy

σr · r = σy · t (2.13)
da cui moltiplicando e dividendo per 2πr · s si ottiene:
t σy 2πrts Vs
σ r = σy = 2
= 0,5σy (2.14)
r 2 πr s Vc
essendo Vs e Vc rispettivamente il volume di acciaio confinante e il volume di cal-
cestruzzo confinato, considerando un elemento di tubo di acciaio con altezza s.
Sostituendo la (2.14) nella (2.12) si ottiene:
σy Vs
εccu = εcu + 0,1 = εcu + 0,1ωs (2.15)
f c Vc
essendo ωs la percentuale meccanica volumetrica di acciaio confinante:
σ y Vs
ωs = (2.16)
f c Vc
Poiché con le deformazioni assiali attive dal calcestruzzo in condizioni di rottura
è certamente verificabile che l’acciaio confinante sia snervato, la (2.15) fornisce
una ottima stima della deformazione ultima nel calcestruzzo confinato da un
cilindro in acciaio. La (2.15) verrà utilizzata nel Capitolo 5 nel caso di pilastri
in cemento armato, considerando l’opportuna correzione dovuta alla presenza
di acciaio distribuito fra armatura verticale e staffe invece che costituito da un
cilindro continuo, utilizzando la seguente formula:

εccu = εcu + 0,1αωst (2.17)

dove α è il coefficiente di efficienza delle staffe, minore dell’unità, e ωst è la


percentuale volumetrica delle staffe.

2.2 Acciaio di armatura


L’acciaio utilizzato per la costruzione di strutture in calcestruzzo armato è
una lega di ferro e carbonio prodotta in forma di barre. I diametri disponibili
sul mercato europeo sono numerosi e attualmente presentano una misura pari
espressa generalmente in millimetri.
L’identificazione dell’acciaio di armatura riguarda anche la tipologia di su-
perficie dell’acciaio, in quanto si distinguono barre con superficie liscia e barre
44 Capitolo 2

con superficie dotata di risalti (nervature) per ottenere un effetto di miglio-


ramento dell’aderenza tra acciaio e calcestruzzo. Le barre lisce sono state uti-
lizzate diffusamente fino agli anni settanta, quando la tecnologia ha permesso
di immettere sul mercato le barre ad aderenza migliorata, in quanto si è di-
mostrato, sulla base di studi sperimentali e analisi teoriche, che forniscono
una migliore risposta strutturale sotto vari aspetti legati fondamentalmente
al meccanismo di aderenza, di cui si parlerà successivamente. Il trattamento
superficiale non influenza il comportamento meccanico della barra nuda che
presenta un legame costitutivo uguale in trazione e in compressione, anche se
in questo secondo caso il comportamento meccanico è governato dal fenomeno
dell’instabilità, per cui raramente si percorre l’intero legame costitutivo. Si de-
ve anche sottolineare che il coefficiente di dilatazione termica è quasi uguale a
quello del calcestruzzo (10−5 ◦ C−1 ), e questo consente di non avere stati di coa-
zione tra acciaio e calcestruzzo negli elementi in c.a. per effetto delle variazioni
termiche.

2.2.1 Comportamento in trazione


Le prove sperimentali sull’acciaio evidenziano in generale in trazione un com-
portamento elastico lineare fino allo snervamento, seguito da una fase plastica
che si presenta diversa a secondo del tipo di acciaio.
Nel caso di acciai del tipo cold worked, in corrispondenza dello snervamento,
il legame presenta un gomito con successivo incrudimento, mentre gli acciai
del tipo heat treated mostrano dopo lo snervamento un tratto plastico e un
successivo incrudimento (incremento di tensione) fino alla rottura. In entrambi
i casi la rottura è preceduta dalla strizione della barra.

500

400
s (MPa)

300

200
Figura 2.16
Legame costitutivo
sperimentale 100
dell’acciaio in
trazione (tipo 0
heat-treated). 0,0 0,1 e 0,2 0,3 0,4

Nella Figura 2.16 è riportato un legame costitutivo tensione-deformazione spe-


rimentale per un acciaio tipo heat treated e nella Figura 2.17 si osserva la
strizione che si verifica in condizioni di rottura.
Anche per l’acciaio, come per il calcestruzzo, la caratterizzazione in soli ter-
mini di resistenza non è sufficiente, attesa l’importanza dei requisiti di duttilità
delle strutture.
Pertanto i parametri sperimentali che caratterizzano l’acciaio sono la tensio-
ne di snervamento fy , la tensione di rottura ft e la deformazione ultima εu , es-
sendo il modulo elastico Es praticamente una costante pari a 210 000 MPa.
Materiali 45

Figura 2.17
Fenomeno
della strizione
e rottura
di una barra
(a) (b) in trazione.

Il rapporto ft /fy rappresenta un indice della capacità di incrudimento, che con-


diziona significativamente il comportamento strutturale, soprattutto in zona
sismica.
La definizione della deformazione ultima εu può essere effettuata in diversi
modi in quanto, sebbene l’ente fisico misurato sia sempre la variazione della
distanza tra due punti posti a una distanza ∆l iniziale nota, la sua misura in
condizioni ultime risulta profondamente influenzata dalla presenza o meno del
fenomeno della strizione nel tratto di barra individuato da questi due punti.
Se da un lato si definiscono le deformazioni εs,5φ e εs,10φ , riferite rispetti-
vamente a una base di misura di 5 e 10 volte il diametro della barra a cavallo
della strizione, dall’altro si definisce la deformazione uniforme εu , generalmente
misurata su una base di 5 volte il diametro fuori dalla zona di strizione e posta
a una conveniente distanza dalla zona di ammorsamento del provino nelle ga-
nasce della macchina di prova. Per quanto riguarda la modellazione analitica
del legame costitutivo, il modello più semplice adottato da numerosi codici è
il legame elasto-plastico ideale.
Leggi analitiche più sofisticate possono essere impiegate per analisi più det-
tagliate come per esempio quella indicata dal Model Code 2010. In particolare
viene suggerita la seguente formulazione di (Menegotto e Pinto, 1973; 1974):
✓ ◆
ε
✓ ◆ ✓ ◆ (1 − b)
σ ε ε ε0
=b +d=b + ✓ ◆n �1/n (2.18)
σ0 ε0 ε0 ε
1+
ε0
In cui b è il rapporto tra la rigidezza finale e quella iniziale, d è la grandezza de-
finita graficamente nella Figura 2.18. Nella relazione normalizzata, la rigidezza
iniziale ha pendenza 1, l’inclinazione della tangente finale è b, e d varia fra 0 e
(1 − b) quando ε/ε0 aumenta da 0 al massimo valore finale, σ0 è la tensione di
snervamento ed ε0 la corrispondente deformazione.
Il parametro n definisce il passaggio tra la curva elastica e quella post-
elastica. La curva tende a una bilineare quando n tende a infinito (quindi con
n > 15), e a una curva piatta quando n è basso.
La formulazione secondo il modello di Ramberg e Osgood, che appare molto
adatta a simulare la relazione tensione-deformazione delle barre lavorate a
46 Capitolo 2

/ 0

1 1
b
1
1

Figura 2.18
d*
Legame di 1
(Menegotto e Pinto, b
b
1973; Menegotto e
Pinto, 1974). 1 ε/ε0

freddo (cold worked ), ha la seguente espressione analitica (Fig. 2.19):


✓ ◆
ft
εu −
Es
ln
σ ⇣ σ ⌘n
0,002 fy
ε= + n= ✓ ◆ ; B= (2.19)
Es B ft 0,002(1/n)
ln
fy

ft

fy

Figura 2.19
Legame costitutivo
dell’acciaio
secondo il modello
Ramberg-Osgood. εu ε

Un altro tipo di relazione tensione-deformazione si dimostra invece più idoneo


a rappresentare il comportamento delle barre trafilate e trattate a caldo (heat
treated ) e può essere descritto dalla seguente espressione analitica riportata
nella Figura 2.20:
σ = Es · ε per ε < εy (2.20)
σ = fy per ε ≤ ε ≤ εsh (2.21)
σ = fy + (fu − fy ) · [1 − e(εsh −ε)/k ] per ε > εsh (2.22)
εsh − εu
k = 0,028 ·
εsh − 0,16
dove εsh è la deformazione alla fine del ramo piatto che precede l’incrudimento.
Materiali 47

ft

fy

Figura 2.20
Legame costitutivo
tipico per l’acciaio
lavorato a caldo
εsh εu ε
(heat treated).

Anche per l’acciaio i valori della tensione di snervamento e di rottura da consi-


derare nella progettazione sono quelli caratteristici, cioè corrispondenti a una
probabilità del 5% di essere minorati e sono indicati rispettivamente con i
simboli fyk e ftk .
Per quanto riguarda gli acciai da utilizzare nella progettazione delle strut-
ture in calcestruzzo armato, la NTC 2008 indica due qualità di acciaio: B450A
e B450C. Entrambi devono avere una tensione di snervamento caratteristica
minima di 450 MPa, ma si differenziano per il rapporto di incrudimento e la
deformazione a rottura, ovvero per i parametri che ne definiscono la duttilità.
In particolare per tali parametri la normativa fornisce una definizione con si-
gnificato probabilistico indicando il frattile del 10% come valore caratteristico
del rapporto di incrudimento (ft /fy )k e della deformazione ultima indicata con
il simbolo (Agt )k .
L’acciaio B450A è caratterizzato da un rapporto di incrudimento minimo
(frattile 10% inferiore) e massimo (frattile 10% superiore) e da una deforma-
zione ultima pari rispettivamente a 1,05, 1,25 e 2,5%; l’acciaio B450C invece
presenta per gli stessi parametri i valori di 1,15, 1,35 e 7,5%.
Infine nella suddetta norma viene sottolineato anche il concetto di limi-
tare la differenza tra la tensione di snervamento caratteristica, utilizzata per
valutare la resistenza di progetto delle strutture, e il suo valore nominale; in-
fatti un’eccessiva sovra-resistenza non rappresenta una garanzia di maggiore
sicurezza, ma sicuramente introduce una maggiore aleatorietà della coerenza
del comportamento della struttura con il modello di calcolo allo Stato Limite
Ultimo (SLU), in cui è importante il comportamento post-elastico e la con-
seguente ridistribuzione di tensioni e sollecitazioni. In particolare il rapporto
(fy /fynom )k , riferito a un frattile del 10%, non deve essere maggiore di 1,25.
Maggiori dettagli sul legame costitutivo dell’acciaio previsto dalla NTC
2008 sono forniti nel Capitolo 4.

2.2.2 Comportamento in compressione

Il comportamento dell’acciaio in compressione è teoricamente uguale a quello


in trazione, anche se può essere interamente percorso solo se la geometria del
48 Capitolo 2

sistema consente di evitare fenomeni di intabilità prima che venga raggiunta


la resistenza e sfruttata la duttilità.
Recentemente l’argomento dell’instabilità delle barre in compressione, già af-
frontato negli ultimi decenni (Monti e Nuti,1992), è stato ripreso in una spe-
rimentazione relativa a barre di armatura lisce (Cosenza e Prota, 2006). Gli
effetti della instabilità delle barre sono esemplificati nella Figura 2.21a tratta
proprio dai risultati delle prove di (Cosenza e Prota, 2006) dove si confronta una
prova di trazione con tre prove di compressione sullo stesso tipo di barra e con
tre differenti lunghezze del provino in termini di rapporto lunghezza/diametro,
L/D. Tale rapporto è rappresentativo della snellezza della barra. Si osserva che
dopo lo snervamento, la barra in compressione non riesce a percorrere la stessa
curva di quella in trazione e presenta un ramo discendente per una deforma-
zione sempre più bassa all’aumentare della snellezza. Nella Figura 2.21b si può
osservare la deformazione della barra instabilizzata in campo plastico. Le prove
riportate in (Cosenza e Prota, 2006) hanno riguardato un campo molto ampio
di rapporti L/D (da 5 a 20), e hanno permesso di constatare che:
– per poter percorrere tutto il legame costitutivo in compressione, pratica-
mente coincidente con quello in trazione, il rapporto L/D deve essere non
superiore a 5;
– per poter raggiungere una elevata deformazione plastica ed un parziale
incrudimento, il rapporto L/D deve essere non superiore a 8;
– per poter raggiungere la tensione di snervamento, il rapporto L/D non deve
essere superiore a 20.

(a) (b)
500

Trazione
400

300 Compressione L/D = 6


s (MPa)

Figura 2.21 200


(a) Legame Compressione L/D = 8
costitutivo di barre in 100
Compressione L/D = 11
acciaio compresse;
(b) barra 0
deformata. 0,00 0,05 0,10 0,15 0,20
e

I suddetti risultati sono sintetizzati in Figura 2.22 dove sono riportati i dia-
grammi tensione-deformazione delle barre adimensionalizzati rispetto alla ten-
sione e deformazione allo snervamento, fy e εy , per valori di L/D compresi tra
8 e 20.
È chiaro che nelle strutture in c.a. la lunghezza libera di inflessione L che si
può assumere per le barre longitudinali in compressione dipende dal passo tra le
staffe che esercitano un vincolo alla deformazione laterale della barra. Poiché
per L/D maggiore di 20 le armature potrebbero non riuscire a raggiungere
la tensione di snervamento, il passo tra le staffe dovrebbe essere tale da non
determinare valori di L/D superiori a tale limite. A tale proposito si deve
sottolineare che il fenomeno dell’instabilità in compressione delle barre nelle
Materiali 49

1,1
1,0

0,9

0,8
0,7
/fy

L/D=8
0,6
0,5 L/D=9

0,4 L/D=10

0,3 L/D=13 L/D=12 L/D=11


Figura 2.22
0,2 Diagramma
normalizzato
L/D=20
0,1 del legame
costitutivo
0,0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 delle barre
ε/εy compresse.

strutture in calcestruzzo armato non influenza il calcolo della resistenza flessio-


nale della sezione allo Stato Limite Ultimo poiché la presenza del calcestruzzo e
delle armature trasversali consente comunque il raggiungimento della tensione
di snervamento nelle armature compresse, se si rispettano i limiti normativi
sui passi delle staffe. Analogamente, le indicazioni della normativa relative al
passo massimo tra le staffe nelle zone dove si deve garantire una elevata dut-
tilità tengono conto dei rapporti L/D che consentono al legame costitutivo
dell’acciaio di raggiungere una deformazione plastica elevata.

2.3 Aderenza acciaio-calcestruzzo


Il trasferimento degli sforzi tra la barra di armatura e il calcestruzzo avviene
al livello dell’interfaccia ed è influenzato dalle caratteristiche della superficie
della barra, che può essere corrugata (barre ad aderenza migliorata) o liscia,
e dalla composizione del calcestruzzo (dimensione e tipo di inerte, rapporto
acqua/cemento, rapporto inerte/cemento). Tuttavia il problema può essere af-
frontato a un livello macroscopico, come già è stato fatto per il comportamento
del calcestruzzo in termini di legame tensione-deformazione, introducendo un
macro legame tra la tensione tangenziale all’interfaccia (tensione di aderenza
τb ) e lo spostamento relativo tra la barra di acciaio e il calcestruzzo (scorrimen-
to s). In questo macro-legame si tiene conto in modo globale dei meccanismi
che si verificano a livello microscopico all’interfaccia e degli effetti dei diversi
parametri che influenzano il fenomeno.

2.3.1 Modello fisico del legame di aderenza


Lo studio del meccanismo di aderenza tra acciaio e calcestruzzo è strettamente
legato all’introduzione di un modello fisico che ne descriva il comportamento
reale e alla successiva rappresentazione analitica dello stesso. A tale proposito
50 Capitolo 2

si può affermare che per valori bassi delle sollecitazioni esiste una perfetta
adesione di tipo chimico-fisico tra matrice cementizia e barra di acciaio; al
crescere del carico, si verifica la fessurazione dell’interfaccia e si innesca un
meccanismo resistente costituito da bielle di calcestruzzo inclinate di un angolo
θ rispetto all’asse della barra (Fig. 2.23).

Trazioni Regione
circonferenziali non fessurata

Regione
fessurata
Figura 2.23 N
Meccanismo Azioni
resistente sul calcestruzzo
b
di aderenza b tan
per barre
ad aderenza Azioni
migliorata. sul calcestruzzo

La componente tangenziale dello sforzo esercitato dalla biella costituisce la ten-


sione tangenziale τb , mentre la componente radiale (τb · tan θ) sollecita gli anelli
di calcestruzzo concentrici alla barra, instaurando in essi uno stato tensionale
di trazione.
Il legame di aderenza si sviluppa completamente quando la crisi avvie-
ne per collasso delle bielle resistenti con conseguente formazione di un ci-
lindro costituito dalla barra e dal calcestruzzo circostante, che scorre in-
ternamente all’elemento in c.a. (crisi per pull-out ). Tuttavia prima di arri-
vare a questa condizione, la crisi dell’aderenza si può manifestare prema-
turamente quando le fessure longitudinali, dovute alla distribuzione anula-
re delle trazioni, raggiungono la superficie esterna dell’elemento (crisi per
splitting).
Sulla base delle prove sperimentali effettuate da diversi studiosi, il legame
di aderenza τb − s può essere rappresentato in maniera qualitativa con il dia-
gramma riportato nella Figura 2.24 introdotto da Tassios (1979), in cui sono

Possibili ( b, s)
per barre lisce Possibili ( b, s)
per barre nervate
º C
bu

B
bu

br
Figura 2.24 bA
A
br
Modello teorico b0
del legame Splitting completo Splitting completo
di aderenza
(Tassios, 1979). 0 s (scorrimento)
Materiali 51

indicate le diverse modalità di rottura che possono manifestarsi e sono evi-


denziate le differenze di comportamento tra barre ad aderenza migliorata e
barre lisce.
In tale diagramma si possono individuare alcuni valori significativi della
τb . In particolare il valore limite della tensione tangenziale di adesione, τbA ,
segnala l’innescarsi del fenomeno di microfessurazione all’interfaccia acciaio-
calcestruzzo, mentre il valore limite della tensione tangenziale di aderenza,
τbu , contraddistingue l’attingimento della crisi del legame. Il valore limite della
tensione di aderenza residua, τbr , caratterizza la fase immediatamente prece-
dente al collasso definitivo del legame con il distacco del cilindro di calce-
struzzo.
Passando all’esame dettagliato del legame si osserva un primo tratto, fino
a τb0 , dove si manifestano valori di scorrimento dell’ordine di pochi micron,
tali da potersi considerare praticamente nulli. La natura del legame in questa
fase è di tipo chimico-fisico e dipende anche dalla geometria della superficie di
acciaio (interlocking chimico-fisico). La tensione di adesione τb0 presenta per
calcestruzzi ordinari valori compresi tra 0,4 e 1,0 MPa. Per tensioni tangen-
ziali di poco maggiori della τb0 (nel grafico fino alla τbA ), il meccanismo è di
tipo sostanzialmente attritivo ed è legato al contributo dell’ingranamento degli
inerti nelle nervature (interlocking meccanico) nel caso di barre ad aderenza
migliorata.
In tutta questa prima fase il legame è molto rigido poiché non si è ancora
sviluppata una fessurazione all’interfaccia e quindi i valori degli scorrimenti
si possono considerare trascurabili; in queste condizioni il meccanismo di ade-
renza è influenzato principalmente dalla tipologia di calcestruzzo e dalle sue
modalità di confezionamento, in quanto le condizioni di maturazione e l’effetto
del ritiro possono creare un regime tensionale di compressione normale alla
superficie della barra. Inoltre in tale fase hanno una certa influenza la presenza
di armatura di confinamento, lo spessore del copriferro e le modalità di ca-
rico.
Al raggiungimento della tensione τbA si innesca all’interfaccia acciaio-
calcestruzzo una microfessurazione diffusa; ciò comporta che la rigidezza del
calcestruzzo all’interfaccia diminuisce progressivamente con incrementi di scor-
rimento sempre maggiori a parità di incremento di carico. La misura sperimen-
tale della tensione limite di adesione τbA non si presenta facile, ma una sua
misura approssimata è proprio data dalla tensione di resistenza a trazione del
calcestruzzo.
Per poter meglio comprendere l’innesco e lo sviluppo dei fenomeni di mi-
crofessurazione all’interfaccia tra acciaio e calcestruzzo è necessario valutare
la distribuzione delle tensioni nel calcestruzzo che circonda la barra e che di-
pendono sia dalle condizioni di sollecitazione, sia dalle condizioni al contorno
(Fig. 2.25).
Lo stato tensionale del calcestruzzo all’interfaccia con la barra al momen-
to della fessurazione (Fig. 2.25) è caratterizzato da tensioni di trazione nel
calcestruzzo parallele alla barra di acciaio, σx , da tensioni di trazione nel cal-
cestruzzo normali all’asse della barra, σy , e da tensioni tangenziali, τb ; si ge-
nerano inoltre anche delle tensioni di trazione σt (legate alle σy ) negli anelli
di calcestruzzo concentrici alla barra. Per effetto di questo regime tensionale
52 Capitolo 2

Figura 2.25
Stato tensionale
all’interfaccia s
acciaio-
calcestruzzo.

al crescere della sollecitazione nell’acciaio si innescano due fenomeni fessura-


tivi:
1. formazione di fessure diagonali a partire dall’interfaccia a causa del raggiun-
gimento di una tensione principale di trazione maggiore della resistenza del
calcestruzzo, fct , su di una giacitura inclinata all’incirca di 45◦ (diagonal
cracking), che individuano bielle compresse.
2. formazione di fessure radiali ortogonali alla barra dovute alla crisi per tra-
zione (σt > fct ) degli anelli di calcestruzzo che avvolgono la barra (radial
cracking o innesco dello splitting ).
Le sperimentazioni mostrano che, a parità di scorrimento, la tensione radiale
σt è, in genere, molto minore delle tensioni principali che nascono lungo le
diagonali, per cui la formazione delle fessure diagonali dovrebbe in ogni caso
precedere eventuali fenomeni di crisi per splitting.
Il meccanismo resistente descritto si forma anche nel caso di barre lisce;
le bielle compresse inclinate all’incirca di 45◦ rispetto all’asse della barra,
esercitano uno sforzo di compressione sull’acciaio, le cui componenti tangen-
ziali sono le τb . Tuttavia quando la superficie delle barre è liscia il mecca-
nismo di trasferimento per interlocking è profondamente degradato e viene
sostituito progressivamente da un meccanismo di trasferimento di tipo attri-
tivo.
Incrementando ulteriormente le sollecitazioni, si raggiunge la τbu (Fig. 2.24),
che rappresenta la resistenza ultima per le barre lisce. Per tale livello di ten-
sione tangenziale, qualora non sopraggiunga la crisi per splitting, si verifica
la crisi per pull-out dovuta al superamento della resistenza attritiva causa-
ta dal progressivo degrado dell’interfaccia acciaio-calcestruzzo al crescere de-
gli scorrimenti. In tale caso il legame decade rapidamente imboccando, a se-
conda delle modalità di rottura, uno dei rami decrescenti indicati nella Figu-
ra 2.24.
Qualora la crisi avvenga per splitting, il degrado è molto rapido e non vi è re-
sistenza residua. La crisi per splitting è caratterizzata dalla rottura degli anelli
di calcestruzzo che avvolgono la barra per superamento della loro resistenza a
trazione con conseguente formazione di fessure longitudinali che, raggiungen-
do la superficie esterna dell’elemento strutturale, comportano il collasso del
meccanismo di aderenza (Fig. 2.26).
Materiali 53

Lesione da splitting

Trazione circonferenziale

Figura 2.26
Trazioni
circonferenziali
negli anelli
di calcestruzzo e
fessurazione lungo
la barra (rottura
per splitting).

Per valutare la resistenza di tali anelli, si possono formulare tre diverse ipotesi
di condizione ultima schematizzate nella Figura 2.27:

a. raggiungimento della resistenza a trazione fctm nella fibra circonferenziale


più tesa di calcestruzzo, cioè quella adiacente alla barra (Fig. 2.27a);
b. fessurazione estesa fino a un certo tratto dello spessore dell’anello e raggiun-
gimento della resistenza fctm (Fig. 2.27b) nella prima fibra circonferenziale
ancora integra;
c. plasticizzazione (raggiungimento della resistenza fctm ) dell’intero spessore
dell’anello (Fig. 2.27c).

fctm fctm fctm

Figura 2.27
c Stato tensionale
in condizioni
(a) (b) (c) di splitting.

Nel grafico riportato nella Figura 2.28, in ordinata è riportato il rapporto


τbs /fctm tra la tensione di aderenza limite per crisi da splitting e la resistenza a
trazione del calcestruzzo, mentre in ascissa è riportato il rapporto geometrico
c/φ tra il copriferro e il diametro della barra.
Un’analisi elastica agli elementi finiti svolta da Eligehausen (1983), basata
sull’ipotesi che la crisi per splitting avvenga quando la trazione media circon-
ferenziale calcolata su uno spessore di anello pari a 0,5 · φ raggiunge il valore
della resistenza a trazione del calcestruzzo, ha condotto alla seguente rela-
zione:
c
r
τbs = fctm · 1,3175 · (2.23)
φ
Tale relazione ben interpreta i risultati sperimentali come si evince dai confronti
nella Figura 2.28 (curva tratteggiata), in cui sono riportati anche gli andamenti
54 Capitolo 2

bs/fctm
9

i c)
s
7

ote
, ip
fetta
6

per
ità
Eligehausen

stic
5

Pla
4

3
)
ib
2 tes
Figura 2.28 Ipo
Valutazione
della tensione 1
tangenziale limite Elasticità, ipotesi a)
τbs in funzione 0
del rapporto c/φ. 1 2 3 4 5 6
c/

delle funzioni corrispondenti alle tre ipotesi (1, 2 e 3) di situazione ultima


illustrate nella Figura 2.27.
In conclusione utilizzando l’espressione (2.23) suggerita da Eligehausen
(1983) per un calcestruzzo con resistenza cilindrica fc = 30 MPa, si ottiene,
per c/φ = 1,5 un valore della τbs pari a 3,12 MPa.
Anche per le barre ad aderenza migliorata, se le condizioni geometriche e
meccaniche consentono di non avere una crisi prematura per splitting, si rag-
giunge il valore ultimo τbu

e il collasso si verifica con la rottura per compressione
delle bielle di calcestruzzo delimitate da due fessure consecutive. Questa mo-
dalità di crisi viene indicata come pull-out poiché si conclude con l’estrazione
della barra dal calcestruzzo. Per un calcestruzzo di resistenza caratteristica a
compressione cubica pari a 30 MPa il valore della τbu ◦
è di circa 10 ÷ 15 MPa.
In definitiva, nel caso di barre ad aderenza migliorata, il meccanismo
di aderenza ha maggiori capacità di resistenza e rigidezza e la differenza è
sintetizzabile in due punti:

# l’interlocking tra inerti e nervature della barra è più efficace rispetto al


fenomeno analogo che si verifica nelle barre lisce e tende a degradarsi meno
rapidamente;
# le bielle di calcestruzzo contrastano con i denti delle nervature dando luogo
a delle plasticizzazioni locali (Fig. 2.29).

Le sperimentazioni disponibili mostrano che dopo il picco la crisi avviene con


un rapido decadimento del legame di aderenza sino al raggiungimento di una
tensione residua τbr che rimane in pratica costante, mentre gli scorrimenti
acciaio-calcestruzzo continuano ad aumentare rapidamente.
Materiali 55

Denti di calcestruzzo

Figura 2.29
F F+ F Effetto locale
delle barre
ad aderenza
migliorata.

Il meccanismo resistente in questa fase ultima è puramente attritivo e anticipa


lo sfilamento della barra. Nel caso di barre ad aderenza migliorata il pull-out
avviene con lo sfilamento di un cilindro costituito dalla barra di acciaio e dalle
bielle di calcestruzzo tranciate (Fig. 2.30a). Il meccanismo resistente che si
oppone a questo scorrimento è costituito dall’attrito calcestruzzo-calcestruzzo
lungo la superficie fessurata che delimita il cilindro interno e la matrice esterna
di calcestruzzo.
(a) (b)

N N
Figura 2.30
Crisi per pull-out
Barre ad aderenza Barre lisce
migliorata delle barre.

Il valore della resistenza residua τbr è calcolabile partendo dalla condizione di


tranciamento delle bielle di calcestruzzo e assumendo un opportuno coefficiente
di attrito calcestruzzo-calcestruzzo; in tale ipotesi si può porre:
τbr = 0, 12 · fc , (2.24)
a cui si possono aggiungere come termini additivi i contributi relativi a una
eventuale pressione di confinamento. Nel caso, per esempio, di un calcestruzzo
con resistenza cilindrica fc = 30 MPa si ottiene τbr = 3, 6 MPa.
Nel caso di barre lisce, invece, si ha che il meccanismo resistente è legato
all’attrito acciaio-calcestruzzo connesso allo scorrimento della sola barra di
acciaio rispetto alla matrice cementizia e quindi assume valori più modesti
(Fig. 2.30b).

2.3.2 Modello teorico per il legame di aderenza


Per quanto riguarda la modellazione del legame di aderenza, la relazione teorica
tra tensioni di aderenza e scorrimento proposta da Bertero-Eligehausen-Popov
(1983) è più raffinata rispetto ad altri legami che si ritrovano in letteratura,
sia per il dettaglio con cui sono state eseguite le prove su cui è stato calibrato,
sia per l’ampio spettro di variabilità dei parametri analizzati.
Occorre infatti considerare che le modalità di prova influiscono sul risulta-
to soprattutto per le differenti condizioni di sollecitazione del calcestruzzo. In
particolare, nelle prove sperimentali di aderenza realizzate su tiranti o attraver-
so lo schema del beam test, il calcestruzzo intorno alla barra viene sollecitato
56 Capitolo 2

solo dalle tensioni trasferite dalla barra stessa, mentre se si esegue la prova
utilizzando la procedura di pull-out il calcestruzzo risulta anche compresso da
una azione esterna di compressione. Sebbene quest’ultima condizione sia meno
rispondente alle effettive condizioni di lavoro della barra in acciaio, tuttavia,
poiché si tratta di una procedura sperimentale più semplice e meno influenzata
da imperfezioni del sistema di prova, rappresenta la modalità più comune di
esecuzione delle prove, ed è quella su cui sono stati tarati i modelli di legami
di aderenza disponibili in letteratura.
Le prove di aderenza su cui si basa il legame di Bertero et al. (1983) so-
no state effettuate mediante la procedura di pull-out su elementi dotati delle
seguenti caratteristiche:
# diametro delle barre: 25 mm
# resistenza del calcestruzzo: fc = 30 MPa;
# interasse tra le barre: 4 φ;
# armatura di confinamento: presente;
# compressione trasversale: assente;
# velocità di deformazione nelle barre: 1,7 mm/min;
# posizione della barra rispetto al getto: orizzontale.
La schematizzazione del legame è riportata nella Figura 2.31 e la sua formula-
zione analitica è la seguente:
✓ ◆α
s
τb = τmax · s ≤ s1 (2.25a)
s1
τb = τmax s1 ≤ s ≤ s2 (2.25b)
τmax − τf
τb = τmax − · (s − s2 ) s2 ≤ s ≤ s3 (2.25c)
s3 − s2
τb = τf s ≥ s3 (2.25d)

tb

tmax

Figura 2.31
Legame
di aderenza tf
acciaio-
calcestruzzo
proposto da Bertero
et al. (1983). s1 s2 s3 s

I parametri che caratterizzano il legame di aderenza (legame integro) di un


calcestruzzo con resistenza fc = 30 MPa in una zona di elemento lontana dagli
estremi o da sezioni fessurate, in cui possono nascere effetti locali di degrado,
assumono i valori indicati nella Tabella 2.3.
Materiali 57

Legame integro Tabella 2.3


s1 (mm) 1,0 Valori significativi
s2 (mm) 3,0 dei parametri
s3 (mm) 10,5 presenti nel legame
τmax (N/mm2 ) 13,5 B.E.P.
τf (N/mm2 ) 5,0
α 0,4

Per condizioni di carico diverse da quelle di prova si possono utilizzare dei


fattori correttivi, mentre per la zona di calcestruzzo vicina agli estremi dell’e-
lemento, che per una trave può corrispondere a una sezione fessurata, si può
assumere una formulazione degradata del legame per una distanza dall’estremo
pari a circa 5 volte il diametro della barra. Nel Model Code 2010 viene indicato
un legame di aderenza analogo a quello di (Bertero et al. 1993), ma i valori dei
parametri che definiscono il legame (τmax , smax , s1 , s2 , s3 , α e τf ) sono forniti
in funzione delle diverse condizioni di aderenze in cui può trovarsi l’armatura,
come riportato in Tabella 2.4.
Le prime due colonne si riferiscono a condizioni di aderenza in cui il cal-
cestruzzo è confinato e quindi si riesce a raggiungere la crisi per pull-out (il
copriferro è pari ad almeno 5φ e la distanza fra le barre ad almeno 10φ). Per
i parametri relativi alla rottura per splitting vengono considerate specifiche
condizioni e ipotesi semplificate; inoltre sono fornite indicazioni sui copriferri
e gli interferri minimi per garantire l’efficacia dell’aderenza.
Inoltre il Model Code 2010, analogamente al modello di (Bertero et al.
1993) individua una riduzione dell’efficienza del legame nelle zone della barra
distanti meno di 2φ dalla fessura mediante il seguente coefficiente riduttivo da
applicare alle tensioni τb :
λ = 0,5 · x/φ ≤ 1 (2.26)

Le NTC 2008 nel Capitolo 11 forniscono invece delle indicazioni sui requisiti
dei risultati di eventuali prove di aderenza:

τm ≥ 0, 098(80 − 1, 2φ) (2.27)

τr ≥ 0, 098(130 − 1, 9φ) (2.28)

essendo φ il diametro della barra in mm, τm il valor medio della tensione di


aderenza in MPa calcolata in corrispondenza di uno scorrimento di 0,01, 0,1 e
1 mm, e τr la tensione di aderenza massima al collasso.
È importante inoltre sottolineare che il fenomeno dell’aderenza non solo
determina il comportamento strutturale degli elementi in c.a. (Par. 3.4), ma
anche la definizione di alcuni dettagli costruttivi tra cui il più importante è la
“lunghezza di ancoraggio”, cioè il tratto terminale di una barra tesa, misurato
oltre la sezione nella quale la barra viene ritenuta efficace nella valutazione
della resistenza della sezione stessa. In accordo con l’approccio allo Stato Limite
Ultimo si assume che nella barra di acciaio possa esservi al massimo la tensione
di calcolo, fyd , pari alla tensione caratteristica di snervamento, fyk , divisa per
il coefficiente parziale di sicurezza γs (Cap. 4).
58 Capitolo 2

1 2 3 4 5 6
Pull-Out (PO) Splitting (SP)
εs < εs,y εs < εs,y
Condizioni Altre Condizioni di Altre condizioni
di buona condizioni buona aderenza di aderenza
aderenza di aderenza Non confinato Con staffe Non confinato Con staffe
fcm 0,25 fcm 0,25 fcm 0,25 fcm 0,25
✓ ◆ ✓ ◆ ✓ ◆ ✓ ◆
√ √
τmax 2,5 fcm 1,25 fcm 7,0 · 8,0 · 5,0 · 5,5 ·
25 25 25 25
s1 1,0 mm 1,8 mm s(τmax ) s(τmax ) s(τmax ) s(τmax )
s2 2,0 mm 3,6 mm s1 s1 s1 s1
1) 1) 1) 1)
s3 cclear cclear 1,2s1) 0,5cclear 1,2s1 0,5cclear
α 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4
τf 0,40τmax 0,40τmax 0 0,4τmax 0 0,4τmax
1) cclear è la distanza netta tra le nervature della barra

Tabella 2.4
La lunghezza di ancoraggio deve essere tale da consentire per aderenza il trasfe-
Valori dei parametri
del legame di
rimento al calcestruzzo della forza resistente, F , presente nella barra in acciaio
aderenza secondo il in corrispondenza della tensione fyd
Model Code 2010.
φ2
F = fyd π (2.29)
4
Assumendo l’ipotesi semplificata di distribuzione costante della tensione tan-
genziale di aderenza lungo la barra nel tratto di ancoraggio, ld , posta uguale
a un valore di resistenza tangenziale di calcolo, τd , la condizione suddetta è
espressa dall’equazione di equilibrio delle forze agenti nella barra nella direzione
del suo asse:
φ2
τd · π · φ · ld = fyd · π · (2.30)
4
da cui si ricava l’espressione della lunghezza di ancoraggio ld :
φ
ld = fyd · (2.31)
4 · τd
Per barre ad aderenza migliorata le NTC 2008 pongono la resistenza tangen-
ziale di aderenza di calcolo τd = fbd e pari a:
fbk
τd = fbd = (2.32)
γc
dove γc è il coefficiente parziale di sicurezza relativo al calcestruzzo (γc = 1,5),
e fbk è la resistenza tangenziale caratteristica di aderenza data da:
fbk = 2,25 · η1 · η2 · fctk (2.33)
in cui
# η1 = 1,0 in condizioni di buona aderenza,
# η1 = 0,7 in tutti gli altri casi e per barre in elementi strutturali con cassa-
forme scorrevoli, a meno che non si possa dimostrare che esistono condizioni
di “buona aderenza”,
# η2 = 1,0 per barre con diametro φ ≤ 32 mm,
Materiali 59

# η2 = (132 − φ)/100 per barre con diametro superiore,


# fctk è la resistenza a trazione caratteristica.
In ogni caso la normativa indica un valore minimo della lunghezza di ancoraggio
pari a 20 volte il diametro e comunque non inferiore a 150 mm.
La valutazione della lunghezza di ancoraggio deve essere effettuata in mo-
do analogo nelle zone di sovrapposizione, in cui si deve rispettare anche una
distanza massima tra le barre da sovrapporre (4 volte il diametro per le NTC
2008) in modo da garantire effettivamente il trasferimento delle tensioni tra le
due barre.
Nel Model Code 2010 si possono trovare ulteriori indicazioni sui dettagli co-
struttivi che intervengono sull’ancoraggio delle barre e sull’eventuale contributo
degli uncini di estremità.
capitolo 3
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio

3.1 Valutazione delle azioni di progetto


3.2 Materiali e ipotesi di calcolo
3.3 Calcolo delle tensioni in condizioni di esercizio
3.4 Analisi locale dello stato deformativo e tensionale
3.5 Stato limite di fessurazione
3.6 Stato limite di deformazione

Si definisce come Stato Limite di Esercizio (SLE) un qualsiasi stato, anche di


danneggiamento locale al di là del quale non sono più soddisfatte le prestazioni
necessarie per il corretto funzionamento in esercizio della struttura, anche in
termini di durabilità della struttura o di estetica.
Gli Stati Limite di Esercizio da tenere presenti in ciascun progetto vanno
considerati di volta in volta di comune accordo fra progettista e committente
e sono sicuramente correlati al concetto di durabilità della struttura e alla
definizione di vita utile della stessa. Gli SLE generalmente più importanti per
le strutture in c.a. sono:
# stato limite di fessurazione: secondo l’utilizzo della struttura e delle condi-
zioni ambientali in cui è inserita, con diversa gradualità possono intervenire
problemi di fessurazione del calcestruzzo tali da compromettere il corretto
utilizzo della struttura;
# stato limite di deformazione: eccessive deformazioni possono compromettere
l’utilizzo della struttura, creando danni a tramezzature, finiture ecc. . . ;
# stato limite di tensione: elevate tensioni di compressione nel calcestruzzo
possono comportare microfessurazione, con conseguenti problemi di dura-
bilità, o eccessive deformazioni viscose; elevate tensioni nell’acciaio teso pos-
sono determinare formazione di fessure troppo ampie e permanentemente
aperte con possibili problemi di durabilità;
# stato limite di vibrazione: soprattutto in presenza di particolari fonti di
vibrazioni, le caratteristiche dinamiche della struttura possono essere ina-
deguate al suo corretto utilizzo, arrecando disturbo agli occupanti, danneg-
giamento all’edificio o a beni in esso contenuti;
# stato limite per fatica: in alcune particolari tipologie strutturali, come per
esempio i ponti, i carichi in condizioni di servizio sono ciclici e possono
indurre un degrado prematuro dei materiali.
Nel seguito si concentrerà l’attenzione sullo stato limite di tensione, fessurazio-
ne e deformazione. Per quanto concerne il problema delle vibrazioni, il calcolo
può in generale essere complesso, anche se in talune situazioni la valutazione
delle deformazioni dinamiche in esercizio può dare informazioni sul periodo
62 Capitolo 3

proprio della struttura in esame. Analogamente per i fenomeni di fatica è ne-


cessario conoscere il comportamento ciclico sia dei materiali costituenti sia
dell’elemento in c.a. nel suo insieme, per il quale può intervenire il degrado
dell’aderenza a seguito della ciclicità dei carichi.
Il problema degli stati limite di esercizio è comunque fortemente correlato
alle azioni di progetto da prendere in esame per le verifiche, che si illustrano
brevemente nel seguito, e alla durabilità strutturale, di cui si daranno alcuni
cenni e maggiori dettagli nel Capitolo 9.

3.1 Valutazione delle azioni di progetto


Le azioni da considerare per le verifiche dello SLE sono strettamente correlate
alla probabilità di superamento dello Stato Limite che si vuole accettare. Nelle
verifiche allo Stato Limite Ultimo (SLU) si considerano probabilità di collasso
dell’ordine di 10−5 ÷ 10−7 , con i valori più alti corrispondenti a condizioni di
rottura duttile e i valori più bassi a condizioni di rottura fragile, mentre nel
caso degli SLE si accettano in genere probabilità dell’ordine di 10−2 ÷ 10−3 . La
probabilità decisamente più alta che si accetta è evidentemente legata alla de-
finizione stessa dello Stato Limite di Esercizio, il cui superamento non implica
perdita di vite umane, ma solo perdita di funzionalità. Il costo monetario di-
retto può dunque essere rilevante, ma è chiaro che può accettarsi una maggiore
probabilità di rischio non essendo in gioco la salvaguardia di vite umane.
Da un punto di vista operativo le verifiche si effettuano considerando ol-
tre al carico permanente (G), tre combinazioni delle azioni variabili Qk : rara,
frequente e quasi permanente. Le combinazioni, i coefficienti riduttivi di combi-
nazione ψ (Tab. 1.5) e i coefficienti di sicurezza γ (Tab. 1.6) forniti dalla NTC
2008 per calcolare i carichi sono stati già introdotti e illustrati nel Capitolo 1
poiché sono basati su concetti probabilistici.

Esempio 3.1

Nel caso di un edificio per abitazioni il valore caratteristi- • combinazione frequente: ψ11 · Qk = 0,5 · 2000 =
co del sovraccarico è Qk = 2000 N/m2 e pertanto per le 1000 N/m2 ;
diverse combinazioni risulta: • combinazione quasi permanente: ψ21 ·Qk = 0,3·2000 =
• combinazione rara: Qk = 2000 N/m2 ; 600 N/m2 .

Un aspetto a cui si deve fare riferimento per comprendere meglio le verifiche al-
lo SLE è la durabilità, che sta assumendo un’importanza sempre crescente nelle
problematiche strutturali. Poiché la trattazione esula dallo scopo del presente
capitolo, si sottolinea solo che le normative più avanzate, come l’intero corpo
degli Eurocodici o il Model Code (Model Code 2010), il Manuale per la pro-
gettazione di calcestruzzo durevole (CEB, 1992), i suggerimenti (CEB-RILEM,
1983) forniscono dettagliate informazioni su tale problematica. In particolare
secondo l’EC2 2004 la progettazione deve tenere in conto, mediante opportuni
dettagli costruttivi e verifiche in esercizio, che la struttura sia in grado di ga-
rantire anche una certa durata della sua vita senza perdere la funzionalità o
richiedere eccessivi interventi di manutenzione. A tale scopo vengono definite
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 63

le seguenti classi di esposizione per introdurre nelle verifiche in esercizio il tipo


di ambiente in cui la struttura è inserita:

1. ambiente secco (interno di abitazioni o uffici);


2. ambiente umido, dove la corrosione delle armature è dovuta fondamental-
mente alla carbonatazione del calcestruzzo;
3. ambiente umido con cloruri, esclusi quelli presenti in ambiente marino (per
esempio sali per lo scioglimento del ghiaccio);
4. ambiente marino, distinguendo i casi di strutture poste in prossimità del
mare o a diretto contatto con l’acqua del mare;
5. ambiente con cicli di gelo e disgelo;
6. ambiente aggressivo chimicamente.

Le classi 2, 3 e 4 possono subire aggravio dalla presenza di ghiaccio e comunque


riguardano fenomeni di degrado legati sostanzialmente alla corrosione dell’ac-
ciaio; le classi 5 e 6 si riferiscono invece a fenomeni di degrado per attacchi al
calcestruzzo e si possono verificare da sole oppure insieme con le precedenti.
In fase di progettazione la conoscenza della tipologia di ambiente può con-
durre alla scelta di calcestruzzi con caratteristiche specifiche o di classe diver-
sa, considerato che a una maggiore resistenza del calcestruzzo corrisponde in
genere una minore porosità e quindi una maggiore durabilità.
Nella NTC si fa riferimento alle classi di esposizione definite nelle Linee
Guida per il calcestruzzo strutturale emesse dal Servizio Tecnico Centrale del
Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Tra i dettagli costruttivi tutte le normative sottolineano l’importanza dello
spessore di copriferro, in quanto il calcestruzzo rappresenta la protezione del-
l’acciaio dalla corrosione e quindi l’entità del copriferro governa la velocità di
penetrazione degli agenti aggressivi verso l’armatura.
La tematica connessa alla durabilità è sicuramente complessa, ma può essere
trattata con rigore scientifico; nel Capitolo 9 si riporta un quadro sintetico delle
problematiche e delle indicazioni normative di riferimento.

3.2 Materiali e ipotesi di calcolo


Le verifiche in condizioni di esercizio si eseguono assumendo per i materia-
li un comportamento elastico lineare. Per l’acciaio tale ipotesi è chiaramente
corrispondente al reale comportamento poiché i livelli tensionali considerati
agli SLE sono inferiori alla tensione limite di snervamento. Per il calcestruzzo
invece, che presenta un comportamento non lineare anche nella parte iniziale
del suo legame costitutivo, si tratta di un’approssimazione comunque soddisfa-
cente per il campo di tensioni considerato (inferiore a 0,45fck o 0,60fck ) ed è
opportuno introdurre nei calcoli il modulo elastico secante.
Altre ipotesi di calcolo dipendono dal problema trattato; in particolare per
la verifica delle tensioni occorre valutare le caratteristiche della sezione tra-
sversale assumendo l’ipotesi di conservazione delle sezioni piane, la perfetta
aderenza tra acciaio e calcestruzzo e la non resistenza a trazione del calce-
struzzo, mentre per le verifiche allo stato limite di fessurazione e deformabilità
e la valutazione puntuale della curvatura occorre rimuovere l’ipotesi di perfetta
64 Capitolo 3

aderenza per tenere conto della relazione aderenza-scorrimento tra calcestruzzo


e acciaio e si introduce esplicitamente la resistenza a trazione del calcestruzzo.
In ogni caso le ipotesi saranno ribadite come premessa a ciascuna tratta-
zione.

3.3 Calcolo delle tensioni in condizioni di esercizio


Nel calcolo delle tensioni in condizioni di esercizio si considera l’ipotesi di
conservazione delle sezioni piane e di calcestruzzo non reagente a trazione,
mentre per i materiali si assumono legami costitutivi elastico-lineari e perfetta
aderenza tra acciaio e calcestruzzo.
Con tali assunzioni lo studio delle sezioni in condizioni di esercizio diviene
particolarmente semplice, poiché è possibile introdurre il concetto di omoge-
neizzazione dei materiali. Infatti per l’ipotesi di perfetta aderenza in corrispon-
denza di ogni armatura si ha l’uguaglianza della deformazione delle barre di
acciaio e della fibra di calcestruzzo posta alla stessa quota:

εs = εc (3.1)

Avendo assunto legami elastico-lineari per i materiali, la relazione tra tensioni


e deformazioni è funzione dei rispettivi moduli elastici attraverso la ben nota
legge di Hooke:
σs σc
εs = e εc = (3.2)
Es Ec
per cui dalla (3.1) si ha
σs σc σc
= e quindi σs = Es = n · σ c (3.3)
Es Ec Ec
avendo definito il coefficiente di omogeneizzazione come n = Es /Ec .
Il valore del coefficiente n è quindi legato ai moduli elastici dei due materia-
li, ma mentre per l’acciaio il valore del modulo di Young è pressoché costante al
variare del tipo di acciaio, per il calcestruzzo la sua definizione è più comples-
sa. In primo luogo essendo la legge σc − εc non lineare anche per bassi livelli
tensionali, esso dovrebbe dipendere dal valore della tensione, ma con buona
approssimazione si può assumere il valore secante valutato in corrispondenza
di circa 0,5 · fck . Per quanto riguarda invece l’influenza della qualità del calce-
struzzo, nella letteratura tecnica e nelle normative si trovano correlazioni tra il
modulo elastico e la resistenza a compressione del calcestruzzo (Cap. 2). Infine
per portare in conto anche gli effetti differiti di carichi a lungo termine, si può
assumere per il calcestruzzo nelle verifiche a lungo termine un modulo elastico
efficace ridotto per introdurre, in maniera semplificata e senza differenziare la
procedura di calcolo, gli effetti della viscosità nella ripartizione delle tensioni
tra l’acciaio e il calcestruzzo.
Per considerare globalmente tutti gli aspetti in modo semplificato, le nor-
mative (sia NTC 2008 sia EC2 2004) stabiliscono di assumere per il coefficien-
te n un valore intermedio pari a 15 (circa il doppio del reale rapporto tra i
moduli elastici) indipendentemente dalla classe del calcestruzzo, dal livello di
compressione da cui è sollecitato e dalla durata del carico.
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 65

La conservazione delle sezioni piane comporta che il diagramma delle defor-


mazioni nella sezione sia lineare. L’ipotesi di elasticità lineare implica, inoltre,
che anche il diagramma delle tensioni nel calcestruzzo sia lineare in quanto
ottenuto moltiplicando il diagramma delle deformazioni per il modulo elastico
del calcestruzzo. Sulla stessa retta è possibile riportare anche il valore del-
le tensioni nell’acciaio purché divise per il coefficiente di omogeneizzazione n
(Fig. 3.1 con riferimento a una sollecitazione di flessione semplice), in quanto
la tensione nelle barre di armatura si calcola moltiplicando la deformazione di
ciascuna armatura, che è la stessa della fibra di calcestruzzo posta alla stessa
quota, per il modulo elastico dell’acciaio (eq. 3.3). Infine nel diagramma delle
tensioni si assumono nulle le tensioni nella zona di calcestruzzo teso per l’i-
potesi di calcestruzzo non reagente a trazione, quindi la linea tratteggiata ha
solo un significato di costruzione grafica per segnalare la linearità tra le ten-
sioni nel calcestruzzo e la tensione nelle armature tese a meno del coefficiente
n. Nel prosieguo si farà riferimento sempre a sezioni con fibre superiori com-
presse, condizione corrispondente, quindi, a momento positivo (M > 0) per la
convenzione generalmente assunta sul segno del momento.
’c
c ’s ss/n
x

h d Figura 3.1
M
Distribuzione
delle tensioni
’s ss/n in una sezione
in c.a. soggetta
a flessione semplice.
b

3.3.1 Verifica delle sezioni sottoposte a flessione semplice e composta


Il calcolo dello stato tensionale in una sezione in calcestruzzo armato sottoposta
a flessione composta (momento flettente e sforzo normale) deve essere condotto
con due differenti approcci a secondo dei seguenti due casi che si possono
verificare per effetto dello stato di sollecitazione applicato:
1. L’asse neutro taglia la sezione e individua una parte di calcestruzzo teso
non reagente; la sezione risulta quindi parzializzata, nel senso che si assume
che il calcestruzzo al di sotto dell’asse neutro non dia nessun contributo
meccanico;
2. l’asse neutro è esterno alla sezione e quindi la sezione risulta interamente
reagente a compressione (tutta l’area di calcestruzzo e l’acciaio) o a trazione
(solo l’area di acciaio).
Nel primo caso si parla di flessione composta con grande eccentricità, nel
secondo caso di flessione composta in piccola eccentricità.
La procedura è differente nei due casi, perché se l’asse neutro è esterno, si
può trattare la sezione con le formulazioni utilizzate per le sezioni omogenee
e di materiale isoresistente, applicando il principio di sovrapposizione degli
effetti per sforzo normale e flessione. Quando l’asse neutro taglia la sezione
invece occorre considerare la sezione parzializzata e quindi lo sforzo normale e
66 Capitolo 3

il momento flettente non possono essere considerati separatamente perché una


parte della sezione (calcestruzzo teso) non reagisce.
Il caso della flessione semplice rappresenta una situazione limite di grande
eccentricità (infinita) in cui la presenza di sforzo normale nullo (da cui eccentri-
cità infinita) consente di risolvere il problema mediante equazioni più semplici.
In tal caso l’asse neutro certamente taglia la sezione in quanto per equilibrare
il momento flettente è necessario che una parte della sezione sia compressa e
la restante parte sia tesa.

3.3.2 Flessione composta con grande eccentricità


Si esamina in primo luogo il caso di sezione soggetta a pressoflessione o ten-
soflessione in grande eccentricità con asse neutro che, quindi, taglia la sezione.
Per esempio, ciò accade sicuramente se il centro di pressione, C, è al di fuori
della sezione (N > 0, Fig. 3.2a, N < 0, Fig. 3.2b). Entrambe le figure si ri-
feriscono alla presenza di un momento positivo (M > 0, fibre tese inferiori)
quando si trasporta lo sforzo normale nel baricentro geometrico della sezione.
I casi con momento negativo (M < 0, fibre tese superiori) si riconducono ai
casi delle Figure 3.2 semplicemente ribaltando la sezione. Si parla in tal caso
di grande eccentricità e il problema è governato dalle seguenti equazioni di
equilibrio alla traslazione e alla rotazione, scritte rispetto all’asse neutro della
sezione parzializzata
Zx X
k
σc,i · b(y) · dy − As,j · σs,j = N (3.4)
j=1
Zx 0
X
k
σc,i · b(y) · yi · dy + As,j · σs,j · ys,j = N · dn (3.5)
0 j=1

Nelle eq. (3.4) e (3.5) k è il numero di armature presenti in sezione, σc,i è la


tensione di compressione, assunta per convezione positiva, nella generica fibra
di calcestruzzo posta a distanza yi dall’asse neutro, σs,j è la tensione nell’ar-
matura j-esima posta a distanza ys,j dall’asse neutro e definita positiva se di
trazione, negativa se di compressione. Si noti che nell’eq. (3.5) la distanza ys,j
è positiva se l’armatura j-esima si trova al di sotto dell’asse neutro e negativa
se si trova al di sopra, mentre le distanze yi delle fibre di calcestruzzo dall’asse
neutro sono positive se al di sopra dell’asse neutro. Nel caso di grande eccen-
tricità, poiché è reagente solo la parte compressa della sezione in calcestruzzo,
risulterà sempre yi > 0, essendo le fibre compresse sempre al di sopra dell’asse
neutro (M > 0).
Nella eq. (3.5) dn è la distanza del punto di applicazione dello sforzo nor-
male dall’asse neutro ed è positiva se esso si trova al di sopra dell’asse neutro
(Fig. 3.2a), negativa se si trova al di sotto (Fig. 3.2b). Si osservi anche che si
può porre:
dn = a + x (3.6)
dove x è la distanza dell’asse neutro dal bordo compresso della sezione e a è la
distanza dello sforzo normale dal bordo compresso della sezione; a è positiva
se è al di sopra del bordo compresso della sezione, negativa se è al di sotto ed
è nulla se lo sforzo normale è applicato in corrispondenza del bordo compresso
(Figg. 3.2a e 3.2b).
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 67

a) N>0
C
a>0
sc
dn > 0 ss,j/n
sc,i
x
dy yi ss,j /n
n
b(y) ys,j
ys,j As,j ss,j /n
ss,j /n

sc
b)
sc,i ss,j/n
x
dy yi
n ss,j /n
b(y) ys,j
ys,j a<0 ss,j /n
As,j ss,j /n Figura 3.2
Distribuzione
dn < 0
delle tensioni
in una generica
sezione
C pressoinflessa.
N<0
Per la linearità del diagramma delle tensioni è possibile scrivere la relazione
tra le tensioni in qualunque fibra, anche nell’acciaio, e quella nel calcestruzzo
al bordo compresso, σc , (Fig. 3.2) come segue:
σc σs,j σc σc
σc,i = · yi = · ys,j → σs,j = n · · ys,j (3.7)
x n x x
Le (3.7), sostituite nelle (3.4) e (3.5) forniscono rispettivamente:
2 x 3
Z k
σc 4 X
yi · b(y) · dy − n · As,j · ys,j 5 = N (3.8)
x j=1
2 0x 3
Z k
σc 4 X
yi2 · b(y) · dy + n · 2 5
As,j · ys,j = N · dn (3.9)
x j=1
0

Nella (3.8) il termine contenuto nella parentesi quadrata è il momento stati-


co Sn rispetto all’asse neutro della sezione reagente omogeneizzata ovvero la
sezione composta dal calcestruzzo compresso e dalle armature omogeneizza-
te, ottenute amplificando il contributo geometrico mediante il coefficiente n,
definito in precedenza (eq. 3.3) come rapporto tra le rigidezze dei materiali
(n = Es /Ec ).
Nella eq. (3.9) il termine in parentesi rappresenta il momento d’inerzia della
sezione reagente omogeneizzata, In , sempre rispetto all’asse neutro. Risultano
pertanto le seguenti formule di verifica:
N N · dn N
a) σc = ·x b) σc = ·x c) σs = n · ys (3.10)
Sn In Sn
68 Capitolo 3

Tali equazioni contengono due incognite, la tensione massima di compressione


nel calcestruzzo, σc , e la profondità dell’asse neutro, x, che compare sia espli-
citamente che nelle caratteristiche inerziali della sezione, Sn e In . Nella 3.10c
σs è la tensione di trazione massima nell’acciaio che si attinge nell’armatura
posizionata alla massima distanza dall’asse neutro (ys ).
Dividendo la (3.10b) per la (3.10a), si ottiene una equazione nella sola
incognita x:
In
= dn = x + a (3.11)
Sn
Facendo riferimento al caso di una sezione rettangolare con due armature
(Fig. 3.3a) si ha:
b · x3
In = + n · A0s (x − c)2 + n · As · (d − x)2 (3.12)
3
b · x2
Sn = + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) (3.13)
2
L’espressione (3.11) in forma esplicita fornisce, quindi, un’equazione di terzo
grado in x:
6·n
x 3 + 3 · a · x2 + · [A0s · (c + a) + As · (d + a)] · x+
b
(3.14)
6·n
− · [A0s · c · (c + a) + As · d · (d + a)] = 0
b
dove per a e dn si assumono le convenzioni sui segni precedentemente definite
sia per il caso di pressoflessione (Fig. 3.3a) che di tensoflessione (Fig. 3.3b).
Le Figure 3.3a e 3.3b si riferiscono al caso di pressoflessione e tensoflessione
in grande eccentricità per sezione rettangolare soggetta in entrambi i casi a
momento positivo (M > 0) in analogia alle Figure 3.2a e 3.2b.
L’equazione (3.14) ammette una sola soluzione in campo reale e conduce
alla valutazione della profondità dell’asse neutro x rispetto al lembo compresso.

a) N>0 b)
C b
a>0
a=0
c dn > 0 c
As' x x As'

Figura 3.3 h d d h
Sezione a<0
rettangolare
As dn < 0 As
soggetta a
pressoflessione (a)
o tensoflessione (b)
in grande b
C
eccentricità. N<0
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 69

La (3.14) si può ottenere anche direttamente scrivendo un equilibrio alla rota-


zione della sezione intorno al punto di applicazione dello sforzo normale, posto
cioè a distanza dn dall’asse neutro.

3.3.3 Flessione semplice


Nel caso di flessione semplice, la risultante delle forze esterne si riduce a un mo-
mento M con asse di sollecitazione normale all’asse neutro; essendo N = 0 dalla
(3.8) si trae che è nullo il momento statico della sezione reagente omogeneizzata
rispetto all’asse neutro:
Sn = 0 (3.15)
da cui si evince che l’asse neutro coincide con l’asse baricentrico della sezione
reagente omogeneizzata.
In tal caso l’asse neutro si ricava direttamente dall’equazione (3.15) e
la tensione massima di compressione si valuta dall’equazione di equilibrio
alla rotazione (3.9) a secondo membro compare direttamente il momento
applicato M :
M
σc = ·x (3.16)
In
essendo In il momento d’inerzia della sezione omogeneizzata reagente rispetto
all’asse neutro e quindi rispetto al baricentro della suddetta sezione.
Inoltre per linearità si può ricavare la tensione nella j-esima armatura
metallica posta alla distanza ys,j dall’asse neutro:
M
σs,j = n · · ys,j (3.17)
In
Con riferimento al caso particolare di sezione rettangolare a doppia armatura,
come quella rappresentata nella Figura 3.4 sollecitata da un momento flettente

sc
c
ss' /n
A's
x

d
h

Figura 3.4
M Distribuzione
delle tensioni
As ss /n in una sezione
rettangolare
soggetta a flessione
b semplice.
70 Capitolo 3

positivo M > 0, la posizione dell’asse neutro si valuta imponendo la condizione


(3.15):
b · x2
Sn = + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) = 0 (3.18)
2
Le tensioni si calcolano introducendo nelle (3.16) e (3.17) il valore dell’asse
neutro ottenuto dalla (3.18) e il momento d’inerzia baricentrico della sezione
omogeneizzata reagente, calcolato come segue per il caso di sezione rettangolare

b · x3
In = + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2 (3.19)
3

3.3.4 Valutazione dell’eccentricità e dei raggi di nocciolo

Nei paragrafi precedenti sono state illustrate le modalità per calcolare le ten-
sioni nel calcestruzzo e nell’acciaio ipotizzando che l’asse neutro tagli la sezione
(sezione parzializzata) e che la sezione sia sollecitata da uno sforzo normale N
applicato direttamente nel centro di pressione, C.
Nella pratica in una sezione di una struttura in cemento armato non sempre
l’asse neutro taglia la sezione. Inoltre, in genere si dispone di una coppia di
sollecitazioni (M, N ) che discende da un’analisi dei carichi in cui la struttura
è modellata attraverso le linee di asse dei baricentri geometrici delle sezioni.
Ne consegue che la coppia (M, N ) è sempre riferita al baricentro geometrico
G della sezione e che, pertanto, il rapporto e = M/N , definito come eccentri-
cità, rappresenta la distanza fra il baricentro geometrico della sezione, G, ed
il centro di pressione, C. Assegnata, quindi, la coppia (M, N ) riferita al bari-
centro geometrico G, per utilizzare la eq. (3.11) l’effettiva posizione del centro
di pressione si ottiene spostando N di una distanza pari ad e dal baricentro
geometrico della sezione.
Per verificare se la sezione si parzializza sotto l’azione della coppia (M, N ),
è necessario controllare se il centro di pressione ricade all’esterno del nocciolo
centrale di inerzia della sezione reagente. Quest’ultima è costituita da calce-
struzzo compresso e armature omogeneizzate nel caso di sforzo normale di
compressione e delle sole armature nel caso di sforzo normale di trazione.
In particolare, avendo adottato sistematicamente la convenzione di conside-
rare sezioni soggette a sforzo normale e momento positivo (fibre tese inferiori),
nel caso di pressoflessione interessa conoscere il solo raggio di nocciolo superio-
re, ρn,s della sezione reagente, in quanto il centro di pressione si troverà al di
sopra del baricentro Gc della suddetta sezione. Il raggio di nocciolo si calcola,
quindi, con le usuali relazioni della geometria delle masse con riferimento al
baricentro Gc della sezione reagente e omogeneizzando le armature in acciaio
mediante il coefficiente n:
ρ2 I
ρn,s = ρ2 = (3.20)
yG,i A

dove yG,i è la distanza di Gc dal bordo inferiore della sezione, Iρ e A sono,


rispettivamente, momento di inerzia e raggio di inerzia rispetto a Gc ed area
della sezione omogeneizzata ipotizzata tutta reagente.
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 71

La sezione risulterà tutta compressa e quindi il calcestruzzo tutto reagen-


te, se valutata l’eccentricità ec di N rispetto al baricentro Gc della sezione
omogeneizzata si ha:
ec ≤ ρn,s (3.21)
In caso contrario, la sezione è parzializzata, l’asse neutro taglia la sezione e le
equazioni di equilibrio sono le 3.8 e 3.9 (Fig. 3.2a).
In presenza di tensoflessione e sempre nell’ipotesi di momento positivo,
parte della sezione contenente armatura deve essere in trazione, altrimenti non
potrebbe essere verificato l’equilibrio. In tal caso per verificare se la sezione è
tutta tesa e, quindi, sono reagenti solo le armature in acciaio, si definiscono il
baricentro della sezione reagente Gs ed il raggio di nocciolo inferiore ρn,i con
le seguenti relazioni:
ρ2 I
ρn,i = ρ2 = (3.22)
yG,s A
dove ρ è il raggio di inerzia della sezione costituita dalle sole armature, yG,s
è la distanza di Gs dall’armatura più distante posta al di sopra di esso, I e
A sono, rispettivamente, momento di inerzia rispetto a Gs ed area delle sole
armature. In tale caso si definisce l’eccentricità, es , di N rispetto al baricentro
delle sole armature, Gs , e si confronta con il raggio di nocciolo inferiore, ρn,i ,
in quanto, essendo M > 0, il centro di pressione si troverà al di sotto di Gs .
La sezione risulterà, quindi, tutta tesa se si verifica:

es ≤ ρn,i (3.23)

In caso contrario, la sezione è parzializzata, l’asse neutro taglia la sezione e le


equazioni di equilibrio sono le 3.8 e 3.9 (Fig. 3.2b).
Nel paragrafo che segue si effettuerà il calcolo delle tensioni nei materiali
nel caso di “piccola eccentricità” nelle ipotesi che la sezione sia tutta compressa
(ec ≤ ρn,s ) oppure tutta tesa (es ≤ ρn,i ).

3.3.5 Flessione composta con piccola eccentricità

Qualora il centro di pressione ricada all’interno del nocciolo d’inerzia della


sezione reagente (intera sezione in calcestruzzo e armature in acciaio nel caso
di compressione e sole armature in acciaio in caso di trazione), l’asse neutro
risulta esterno alla sezione e si parla di piccola eccentricità.
In entrambe le situazioni le tensioni nei materiali si possono calcolare ap-
plicando la sovrapposizione degli effetti prodotti dalla flessione e dallo sforzo
normale, considerando reagente l’intera sezione in c.a. in caso di sforzo normale
di compressione e le sole armature in caso di trazione.
In presenza di compressione le tensioni nelle fibre di calcestruzzo a distanza
yi dal baricentro Gc della sezione omogeneizzata interamente reagente si calco-
lano con la seguente formula e con riferimento alla simbologia introdotta nelle
Figure 3.2:
N N · ec
σc,i = + · yi (3.24)
A I
in cui lo sforzo normale N di compressione è assunto positivo (N > 0).
72 Capitolo 3

sc
c
A's = As ss' /n

C
Figura 3.5 rn,s N
d ec
Sezione h
rettangolare G = Gc
con armatura
simmetrica soggetta
a sforzo normale
di compressione As
in piccola ss /n
eccentricità.
b

Le tensioni nell’armatura metallica distante ys,j dal baricentro Gc si calcolano


come: ✓ ◆
N N · ec
σs,j = n · + · ys,j (3.25)
A I
essendo A e I rispettivamente l’area e il momento d’inerzia baricentrico della
sezione considerata interamente reagente (calcestruzzo + armature in accia-
io omogeneizzate). Nelle eq. (3.24) e (3.25) sia le distanze yi delle fibre del
calcestruzzo sia le distanze ys,j delle armature da Gc sono assunte positive se
si trovano al di sopra di esso. Si sottolinea, infatti, che nel caso in esame le
armature sono tutte soggette a tensione di compressione, per cui nella (3.25) il
termine relativo al momento è additivo quando ha lo stesso segno del termine
legato allo sforzo normale di compressione, ovvero per le armature disposte al
di sopra del baricentro, mentre deve essere sottrattivo per le armature poste
al di sotto di Gc .
In Figura 3.5 si riporta la distribuzione delle tensioni nel caso di sezione
rettangolare con armatura simmetrica (As = A0s ) soggetta a sforzo normale di
compressione in piccola eccentricità (ec ≤ ρn,s ).
Nel caso di trazione con piccola eccentricità la verifica è analoga, ma l’area
e l’inerzia si riferiscono alle sole armature in acciaio. Le tensioni di trazione
nelle armature poste a distanza ys,j dal baricentro, Gs , delle sole armature in
acciaio si calcolano come:
2 3
6 N N · es 7
σs,j = − 6 k − k · ys,j 7 (3.26)
6 7
2
4P P 5
As,j As,j · ys,j
j=1 j=1

Si noti che il segno negativo al di fuori della parentesi nella eq. (3.26) è dovuto
alla usuale convezione di considerare positive le tensioni di trazione nelle ar-
mature, avendo assunto in questo caso lo sforzo normale di trazione negativo
(N < 0).
Si osserva, inoltre, che, essendo lo sforzo normale interno al nocciolo della
sezione reagente, le tensioni nelle armature sono sempre di trazione e, pertanto,
nella (3.26) avendo assunto la stessa convenzione sul segno delle distanze delle
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 73

armature del caso precedente il termine relativo al momento è additivo quando


ha lo stesso segno del termine legato allo sforzo normale di trazione, ovvero
per le armature disposte al di sotto del baricentro, Gs , e deve essere sottrattivo
per le armature poste al di sopra di Gs .
Nel caso di sezione rettangolare con armatura simmetrica (Fig. 3.6, As =
A0s , per cui G = Gs ), l’espressione per calcolare la massima tensione di trazione
nell’acciaio, che nel caso specifico si ha nell’armatura inferiore [ys,j = −( h2 − c)]
diventa la seguente:
2 3 2 3
6 N ✓ ◆7
N · es h 6 N N · es 7
σs = −6 + − c 7= −6 + 5 (3.27)
6 7
◆2 · ✓ ◆7
4 2As

h 2 4 2As h
2As · −c
5
2As · −c 2
2
nella quale anche l’eccentricità es dello sforzo di trazione è calcolata rispetto
al baricentro delle sole armature in acciaio, Gs .

c ss' /n
A's = As

G = Gs Figura 3.6
h d
es Sezione
rn,i
N rettangolare
C
con armatura
simmetrica soggetta
As a sforzo normale
ss /n di trazione
in piccola
b eccentricità.

3.3.6 Limitazione delle tensioni


La verifica delle tensioni consiste nel confrontare le tensioni che si attingono nei
materiali in condizioni di esercizio con alcune limitazioni fissate dalle normative
per contenere i fenomeni di microfessurazione e di viscosità nel calcestruzzo
compresso e lo snervamento nell’acciaio.
La presenza di elevate compressioni in condizioni di esercizio può dare luogo
a due fenomeni particolarmente dannosi per le strutture in cemento armato:
da un lato nelle combinazioni di carico più gravose, quali quelle rare, possono
determinarsi microfessurazioni che favoriscono l’apertura di lesioni longitudi-
nali lungo le isostatiche di compressione, dall’altro, nelle combinazioni di carico
quasi permanente, si possono esaltare le deformazioni viscose nel calcestruzzo.
Al fine di preservare la durabilità strutturale nelle condizioni ambientali
maggiormente onerose, le NTC 2008 prescrivono che la massima tensione di
compressione nel calcestruzzo debba rispettare le seguenti limitazioni:
# combinazioni di carico rare
σc,max ≤ 0,60 · fck (3.28)
74 Capitolo 3

# combinazioni di carico quasi permanente


σc,max ≤ 0,45 · fck (3.29)
essendo fck la resistenza cilindrica caratteristica a compressione del calce-
struzzo.
Tali limitazioni devono essere ridotte del 20% per elementi di spessore inferiore
a 50 mm. Le limitazioni poste dall’EC2 2004 sono analoghe, ma si riferiscono
solo al caso di ambienti aggressivi per le combinazioni di carico rare, mentre
per quelle quasi permanenti si indica la possibilità di non rispettare le limi-
tazioni fornite introducendo direttamente nel calcolo gli effetti della viscosità
non lineare.
Per quanto attiene la massima trazione nell’acciaio delle armature, le stesse
normative pongono il seguente limite per la combinazione rara:
σs ≤ 0,80 · fyk (3.30)
Ovviamente il calcolo delle sollecitazioni e delle relative tensioni deve essere
condotto attraverso un’analisi elastica, con le ipotesi introdotte e le modalità
illustrate nei paragrafi precedenti.
Con riferimento a una sezione rettangolare, si introducono i seguenti valori
adimensionali dello sforzo normale e del momento flettente:
N M
; (3.31)
b · h · fck b · h2 · fck
Nelle Figure 3.7 si riportano due esempi di domini di resistenza in termini di
sforzo normale e momento flettente normalizzati secondo le (3.31) considerando
come condizioni di verifica i valori limite delle tensioni forniti dalle NTC 2008,
per la combinazione di carico rara e quasi permanente.
Gli esempi sono riferiti a un caso di armatura simmetrica, che generalmen-
te viene impiegata in un pilastro, copriferro pari al 10% dell’altezza utile e
percentuale geometrica di armatura complessiva pari all’1% disposta simme-
tricamente agli estremi. La Figura 3.7a si riferisce alla condizione di verifica
σc = 0,45 · fck e σs = 0,8 · fyk , mentre la Figura 3.7b si riferisce alla condizione
di verifica σc = 0,6 · fck e σs = 0,8 · fyk .
Inoltre i calcoli sono stati eseguiti assumendo n = 15, calcestruzzo con
resistenza caratteristica fck = 25 MPa ed acciaio B450C con resistenza
caratteristica di snervamento fyk = 450 MPa.
Nel dominio, costituito dalle coppie adimensionalizzate (M, N ) che fanno
pervenire al raggiungimento della tensione limite nel calcestruzzo compresso o
nell’acciaio teso, si distinguono quattro diversi tratti. In particolare da sinistra
verso destra si rileva:
1. raggiungimento della tensione limite nell’acciaio, con sezione tutta tesa e
costituita quindi dalle sole armature; è valida la relazione lineare fra M ed
N fornita dalla 3.26 (tenso-flessione in piccola eccentricità);
2. raggiungimento della tensione limite nell’acciaio, con sezione parzializzata
(presso o tenso-flessione in grande eccentricità). Il punto di separazione
dal primo tratto si ottiene considerando la retta inclinata con pendenza,
M/N = es pari al raggio di nocciolo inferiore della sezione reagente, ρn,i ,
introdotto al Paragrafo 3.3.4;
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 75

a) 0,08 tensione limite nel calcestruzzo


M/fckh2b tensione limite nell’acciaio
grande
eccentricità
3
0,06

aio
grande
ite nell’acci 4
truzzo
eccentricità
0,04 piccola
2 eccentricità
e nel calces
tensione lim

piccola
eccentricità ec = rns
0,02 1
1

ec=rni
0,00 1
–0,15 0 0,15 0,3 0,45 N/fckhb 0.6

b) tensione limite nel calcestruzzo


grande
M/fckh2b eccentricità tensione limite nell’acciaio
0,08 3
struzzo
el calce

0,06
grande piccola
iaio e n

eccentricità eccentricità
2
4 Figura 3.7
nell’acc

0,04
ec = rns
Dominio di verifica
piccola
e limite

eccentricità 1 tensionale riferito a


valori adimensionali
tension

0,02 1 di momento e sforzo


normale (a) σc =0,45
ec=rni
1 · fck ; (b) σc =0,6 · fck .
0,00
–0,15 0,05 0,25 0,45 N/fckhb 0,65

3. raggiungimento della tensione limite nel calcestruzzo compresso, con sezio-


ne parzializzata (presso-flessione in grande eccentricità). Il punto di sepa-
razione con la curva del tratto 2 rappresenta lo stato di sollecitazione nella
sezione in cui si raggiungono contemporaneamente le tensioni limite nel
calcestruzzo compresso e nell’acciaio teso;
4. raggiungimento della tensione limite nel calcestruzzo compresso con sezione
tutta compressa (presso-flessione in piccola eccentricità). È valida la rela-
zione lineare fra M ed N data dalla 3.24. Il punto di separazione con il terzo
tratto si ottiene considerando la retta inclinata con pendenza M/N = ec
pari al raggio di nocciolo superiore della sezione omogeneizzata reagente,
ρn,s introdotto al Paragrafo 3.3.4.
Per il caso di flessione semplice si riporta nella Figura 3.8 il valore del mo-
mento flettente adimensionalizzato secondo la (3.31), per il caso di doppia
armatura simmetrica e di semplice armatura, al variare della percentuale di
armatura tesa; nei grafici sono distinti i tratti in cui la verifica è governata dal
raggiungimento della tensione limite nel calcestruzzo e nell’acciaio.
76 Capitolo 3

0,40
tensione limite calcestruzzo
M/fckh2b
tensione limite acciaio
0,30

doppia armatura
0,20 simmetrica
Figura 3.8 semplice armatura
Valori adimensionali
0,10
del momento
flettente
al raggiungimento 0,00
dei limiti tensionali 0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05
nei materiali. % geometrica armatura tesa

Esempio 3.2
Verifica tensionale in una sezione soggetta Con riferimento a uno schema di trave semplicemente ap-
a flessione semplice poggiata di lunghezza L = 6 m si ottiene un momento
Si assume una trave di sezione rettangolare (Fig. 3.9) con flettente massimo in mezzeria:
le seguenti proprietà: Fk · L2 26 · 62
M= = = 117 kNm
8 8
• base b = 1000 mm;
• altezza totale h = 320 mm; Si considera un valore del coefficiente di omogeneizzazione
n = 15.
• altezza utile d = 290 mm;
L’asse neutro della sezione parzializzata omogeneizzata, x,
• copriferro c = 30 mm;
si calcola attraverso l’annullamento del momento statico
• lunghezza L = 6 m;
della suddetta sezione rispetto al suo baricentro utilizzando
• armatura in trazione 14 φ 16 per un’area di acciaio
l’espressione (3.18) e la corrispondente inerzia attraverso
As = 2814 mm2 ;
l’espressione (3.19):
• armatura in compressione 14 φ 16 per un’area di
acciaio A0s = 2814 mm2 . b · x2
Sn = 0 : + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) = 0
• fck = 20 MPa; 2
• acciaio B450C con fy k = 450 MPa. 1000 · x 2
+15 · 2814 · (x −30)−15 · 2814 · (290 − x) = 0
2
Si consideri una verifica in combinazione di carico quasi per- → x = 100 mm
manente, per cui assumendo che i valori caratteristici dei b · x3
In = + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2
carichi siano pari a 20 kN/m per il permanente e 20 kN/m 3
per l’accidentale e adottando un coefficiente ψ2 = 0,3 per 1000 · 1003
In = + 15 · 2814 · (100 − 30)2 +
civile abitazione, si avrà un carico totale pari a: 3
+ 15 · 2814 · (290 − 100)2
Fk = Gk + ψ2 Qk = 20 + 0,3 · 20 = 26 kN/m → In = 2063, 9 · 106 mm4

M
30

14 16
320

14 16

1000
30

Figura 3.9 Sezione a doppia armatura soggetta a flessione semplice.


Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 77

Le tensioni nell’acciaio teso e compresso si possono La tensione al lembo compresso di calcestruzzo si calcola
calcolare con l’espressione (3.17): con l’espressione (3.16) ed è pari a:
M 117 · 106
σs = n · · (d − x) = 15 · · (290 − 100) = M 117 · 106
In 2063,9 · 106 σc = ·x = · 100 = 5,7 MPa < 0,45 · fck =
In 2063,9 · 108
= 162 MPa < 0,8 · fy k = 0,8 · 450 = 360 MPa
= 0,45 · 20 = 9,0 MPa
M 117 · 106
σs0 = n · · (x − c) = 15 · (100 − 30) =
In 2063,9 · 106 Tutte le tensioni rientrano nei limiti previsti dalla NTC 2008
= 60 MPa per le combinazioni di carico quasi permanente.

Esempio 3.3

Verifica tensionale in una sezione soggetta • Calcolo dell’area omogeneizzata:


a pressoflessione in piccola eccentricità
A = b · h + n · A0s + n · As = 300 · 600
Si considera una sezione rettangolare (Fig. 3.10) con le
seguenti proprietà: + 15 · (804 + 1206) = 210 150 mm2

• base b = 300 mm; • Calcolo della posizione del baricentro Gc della sezione
• altezza totale h = 600 mm; omogeneizzata rispetto al lembo superiore:
• copriferro c = 30 mm;
Ss bh2 /2 + n · As · d + n · A0s · c
• altezza utile d = h − c = 600 mm − 30mm = 570 mm; yG,s = = =
• armatura in trazione 6 φ 16 per un’area di acciaio A b · h + n · As + n · A0s
As = 1206 mm2 ; 300 · 6002 /2 + 15 · 1206 · 570 + 15 · 804 · 30
• armatura in compressione 4 φ 16 per un’area di acciaio = =
300 · 600 + 15 · 1206 + 15 · 804
A0s = 804 mm2 . = 308 mm
Lo sforzo normale di compressione applicato nel baricentro • Calcolo dell’eccentricità rispetto al baricentro Gc della
geometrico della sezione è pari a 500 kN e il momento flet- sezione omogeneizzata
tente è M = 40 kN m (Fig. 3.10a). L’eccentricità rispetto
al baricentro geometrico è quindi pari a (Fig. 3.10b): ec = e + yG,s − 0,5h = 80 + 308 − 300 = 88 mm
M 40 Ciò significa che lo sforzo normale è applicato al di so-
e= = = 0,08 m = 80 mm
N 500 pra del baricentro, Gc , della sezione omogeneizzata a
Ciò comporta che lo sforzo normale si può considerare ap- una distanza di 88 mm e che tale distanza deve esse-
plicato al di sopra del baricentro geometrico a una distanza re confrontata con il raggio di nocciolo superiore della
e = 80 mm (Fig. 3.10b). stessa sezione.
yGs = 308

yGs = 308

4 F 16 4 F 16
300

300

N = 500 kN
N = 500 kN
e = 80
600
570

600
570

G G
Gc Gc

M = 40 kNm
6 F 16 6 F 16

300 300
30

30

a) b)

Figura 3.10 Sezione a doppia armatura soggetta a flessione in piccola eccentricità.


78 Capitolo 3

• Calcolo dell’inerzia della sezione omogeneizzata Con riferimento alle caratteristiche della sezione omoge-
b·h 3 neizzata le tensioni massime nei materiali si calcolano,
I= + b · h · (0,5h − yG,s )2 + n · A0s · (yG,s − c)2 + quindi, come segue:
12
+ n · As · (d − yG,s )2 • tensione di compressione nel calcestruzzo:
300 · 6003
I= + 300 · 600 · (0,5 · 600 − 308)2 + N N · ec 500 · 1000
12 σc,max = + · yG,s = +
+ 15 · 804 · (308 − 30)2 + A I 210 150
500 · 1000 · 88
+ 15 · 1206 · (570 − 308)2 = 7585 · 106 mm4 + · 308 =
7585 · 106
• Calcolo del raggio di inerzia della sezione omogeneizzata: = 2,4 + 1,8 = 4,2 MPa < 0,45fck = 9,0 MPa
I 7585 · 106
ρ2 = = = 36 095 mm2 • tensione di compressione nell’armatura superiore:
A 210 150
• Calcolo del raggio di nocciolo superiore: N N · ec 500 · 1000
σs = n · +n· ·(yG,s − c) = 15 · +
ρ2 36 095 A I 210 150
ρn,s = = =
(h − yG,s ) (600 − 308) 500 · 1000 · 88
+ 15 · · (308 − 30) = 60 MPa
= 124 mm > 88 mm 7585 · 106
Si tratta, dunque, di piccola eccentricità. < 0,8fy k = 360 MPa

Esempio 3.4

Verifica tensionale in una sezione soggetta La posizione dell’asse neutro si calcola risolvendo l’equazio-
a pressoflessione in grande eccentricità ne (3.11):
Si considera una sezione rettangolare (Fig. 3.11) con le dn · Sn = In → (x + a)Sn = In →
seguenti proprietà: → Sn (x + a) − In = 0
b · x2
✓ ◆
→ + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) · (x + a)+
• base b = 300 mm; ✓2 3 ◆
b·x
• altezza totale h = 600 mm; − + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2 = 0
3
• copriferro di entrambe le armature c = 30 mm;
• altezza utile d = h − c = 600 − 30 = 570 mm; Tale espressione, ricordando la (3.14), che si riscrive qui
per chiarezza di esposizione, diventa:
• armatura inferiore 6 φ 16 per un’area di acciaio As =
1206 mm2 ; 6·n
x3 + 3 · a · x2 + · [A0s · (c + a) + As · (d + a)] · x+
• armatura superiore 6 φ 16 per un’area di acciaio A0s = b
6·n
1206 mm2 ; − · [A0s · c · (c + a) + As · d · (d + a)] = 0
b
• fck = 20 MPa;
in cui si è assunto a > 0 e dn > 0 per le convenzioni defi-
• fy k = 450 MPa.
nite in precedenza e sostituendo i valori numerici del caso
in esame si ha:
Lo sforzo normale di compressione applicato nel baricentro
6 · 15
geometrico della sezione è pari a 300 kN e il momento flet- x 3 + 3 · 200 · x 2 + ·
300
tente è M = 150 kN m (Fig. 3.11a). L’eccentricità rispetto 6 · 15
al baricentro geometrico risulta quindi: · [1206 · (30 + 200) + 1206 · (570 + 200)] · x − ·
300
· [1206 · 30 · (30 + 200) + 1206 · 570 · (570 + 200)] = 0
M 150 → x 3 + 600 · x 2 + 36 180 − 161 290 440 = 0
e= = = 0,5 m = 500 mm
N 300
La risoluzione dell’equazione cubica in x si può eseguire
a = e − 0,5h = 500 − 300 = 200 mm
rapidamente con un numero ridotto di iterazioni adottan-
do il metodo della tangente per la ricerca degli zeri della
Ciò comporta che lo sforzo normale si può considerare funzione F (x) definita come:
applicato al di sopra del baricentro geometrico ad una
distanza e = 500 mm (Fig. 3.11b). F (x) = x 3 + 600 · x 2 + 361 800 · x − 161 290 440 = 0
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 79

N = 300 kN

a = 200

e = 500
dn
6 F 16 x 6 F 16 x
30

30
G N = 300 kN G
600
570

600
570
M = 150 kNm
6 F 16 6 F 16

a) 300 300
b)
Figura 3.11 Sezione a doppia armatura soggetta a pressoflessione in grande eccentricità.
Se si definisce la sua funzione derivata F 0 (x): per x3 = 281 mm
0 2
F (x) = 3x + 1200 · x + 361 800 F (281)
è: x4 = 281 − = 281 − 10,6 = 270,4 mm
si può trovare la soluzione dell’equazione partendo da un F 0 (281)
valore di tentativo dell’asse neutro, xi , e calcolando il va- per x4 = 270,4 mm
lore successivo che si avvicina maggiormente alla soluzione F (270,4)
come segue: è: x5 = 270,4 − = 270,4 − 0,2 = 270,2 mm
F 0 (270,4)
F (xi ) F (xi )
F 0 (xi ) = → xi+1 = xi − 0
(xi − xi+1 ) F (xi ) Si assume perciò x = 270 mm e si può calcolare il mo-
in cui la derivata della funzione F (x) nel punto xi è calco- mento statico secondo l’espressione (3.13) e le tensioni
lata come rapporto tra la funzione F (x) calcolata in xi e la nei materiali usando le (3.10):
differenza (xi − xi+1 ).
La procedura si itera fin quando lo scarto tra due valo- b · x2
Sn = + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) =
ri successivi di tentativo si riduce al di sotto di un valore 2
prefissato (per esempio 5%). 300 · 2702
= + 15 · 1206 · (270 − 30)+
In genere bastano tre iterazioni per arrivare a convergenza 2
partendo da un valore di tentativo pari all’altezza utile della − 15 · 1206 · (570 − 270) = 9850 · 103 mm3
sezione. N 300 000
σc = ·x = · 270 = 8,2 MPa < 0,45 · fck =
Nel caso della sezione in esame si ottiene: Sn 9 850 000
per x1 = 570 mm = 0,45 · 20 MPa = 9,0 MPa
F (570) σc 15 · 8,2
è: x2 = 570 − = 570 − 210 = 360 mm σs = n · · (d − x) = · (570 − 270) =
F 0 (570) x 270
= 136,7 MPa < 0,8 · fy k = 0,8 · 450 MPa = 360 MPa
per x2 = 360 mm
F (360) Tutte le tensioni rientrano nei limiti previsti dalla NTC 2008
è: x3 = 360 − = 360 − 79 = 281 mm
F 0 (360) per le combinazioni di carico quasi permanente.
Esempio 3.5

Verifica tensionale in una sezione soggetta • altezza utile d = h − c = 600 − 30 = 570 mm;
a tensoflessione • armatura superiore 8 φ 16 per un’area di acciaio As =
Si considera una sezione rettangolare (Fig. 3.12) con le 1608 mm2 ;
seguenti proprietà: • armatura inferiore 6 φ 16 per un’area di acciaio A0s =
• base b = 300 mm; 1206 mm2 ;
• altezza totale h = 600 mm; • fck = 20 MPa;
• copriferro di entrambe le armature c = 30 mm; • fy k = 450 MPa.
80 Capitolo 3

x M = 100 kNm

x
6 F 16 6 F 16

N = 200 kN
570
600

600
570
G G

a = 800
dn
e = 500
8 F 16 8 F 16

300 300
30

30
N = 200 kN
a) b)
Figura 3.12 Sezione rettangolare a doppia armatura soggetta a tensoflessione.

Lo sforzo normale di trazione applicato nel baricentro geo- Operando come nel caso precedente, si ha:
metrico della sezione è pari a 200 kN e il momento fletten-
te è M = 100 kN m (Fig. 3.12a). L’eccentricità rispetto al per x1 = 570 mm
baricentro geometrico risulta quindi: F (570)
è: x2 = 570 − 0 = 570 − 346 = 224 mm
F (570)
M 100 per x2 = 224 mm
e= = = 0,5 m = 500 mm
N 200
F (224)
a = e + 0,5h = 500 + 300 = 800 mm è: x3 = 224 − 0 = 224 − 95 = 129 mm
F (224)
per x3 = 129 mm
Ciò comporta che lo sforzo normale si può considerare ap-
plicato al di sotto del baricentro geometrico a una distanza F (129)
è: x4 = 129 − 0 = 129 − 17 = 112 mm
e = 500 mm (Fig. 3.12b). Le distanze a e dn si assumono F (129)
quindi negative per le convezioni assunte. per x4 = 112 mm
L’equazione determinatrice dell’asse neutro è sempre la F (112)
è: x5 = 112 − 0 = 112 − 0,8 = 111,2 mm
(3.14), in cui il segno della distanza a è negativo in base F (112)
alle convenzioni assunte:
Si assume perciò x = 111 mm; con tale valore si può calco-
3 6·n ⇥ 0
2 ⇤ lare il momento statico secondo la (3.13) e la tensione mas-
x −3·a·x + As · (c − a) + As · (d − a) · x+
b sima di compressione nel calcestruzzo al lembo compresso
6·n ⇥ 0 ⇤ e di trazione nell’armatura inferiore secondo le (3.10):
− · As · c · (c − a) + As · d · (d − a) = 0
b
b · x2
Sn = + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) =
Nel caso della sezione da verificare si ha: 2
300 · 1112
x 3 − 2400x 2 − 389 538x + 71 600 220 = 0 = + 15 · 1206 · (111 − 30)+
2
− 15 · 1608 · (570 − 111) =
La risoluzione dell’equazione cubica in x si può eseguire
= −7758 · 103 mm3
rapidamente con un numero ridotto di iterazioni adottan-
do il metodo della tangente per la ricerca degli zeri della N −200 000
funzione F (x). σc = ·x = · 111 = 2, 9 MPa < 0,45 · fck =
Sn −7 758 000
Infatti con riferimento alla funzione F (x):
= 0,45 · 20 MPa = 9,0 MPa
F (x) = x 3 − 2400x 2 − 389 538x + 71 600 220 = 0 N 15(−200 000)
σs = n· · (d −x) = (570−111) = 177,5 MPa
Sn −7 758 000
e alla sua funzione derivata F 0 (x): < 0,8 · fy k = 0,8 · 450 MPa = 360 MPa
Tutte le tensioni rientrano nei limiti previsti dalla NTC 2008
F 0 (x) = 3x 2 − 4800x − 389 538 per le combinazioni di carico quasi permanente.
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 81

Esempio 3.6
Verifica tensionale in una sezione soggetta L’inerzia delle due armature rispetto a tale baricentro è:
a tensoflessione in piccola eccentricità
I = A0S · (yG,s − c)2 + As · (d − yG,s )2 =
Si considera la sezione rettangolare caratterizzata dalle
seguenti proprietà: = 804·(354−30)2 +1206·(570−354)2 = 141·106 mm4

• base b = 300 mm; Il raggio di nocciolo inferiore della sezione reagente si


calcola come segue:
• altezza totale h = 600 mm;
• copriferro c = 30 mm; ρ2 I 141 · 106
ρn,i = = = = 198 mm
• altezza utile d = h − c = 600 mm − 30mm = 570mm; yG,s A · yG,s 2010 · 354
• armatura inferiore 6φ16 per un’area di acciaio As =
L’eccentricità dello sforzo normale N rispetto al baricentro
1206 mm2 ;
delle armature Gs risulta quindi:
• armatura superiore 4φ16 per un’area di acciaio A0s =
804 mm2 . es = 0,5h + e − yG,s = 300 + 100 − 354 =
= 46 mm < ρn,i = 198 mm
Lo sforzo normale di trazione applicato nel baricentro geo-
metrico della sezione è N = 500 kN e il momento flettente Si tratta dunque di piccola eccentricità come ipotizzato.
è M = 50 kN m (Fig. 3.13a). L’eccentricità rispetto al I valori delle tensioni di trazione nelle due armature si cal-
baricentro geometrico risulta quindi: colano utilizzando l’espressione (3.26) in cui lo sforzo nor-
male N è negativo in quanto è di trazione, (N = −500k),
M 50 la distanza dell’armatura As dal baricentro Gs è negativa,
e= = = 0,1 m = 100 mm
N 500 mentre quella dell’armatura A0s è positiva:
Ciò comporta che lo sforzo normale si può considerare ap- 
N N · es

plicato al di sotto del baricentro geometrico della sezione σs = − + · (d − yG,s ) =
A I
a una distanza e = 100 mm (Fig. 3.13b).
500 000 500 000 · 46
Dato che lo sforzo normale di trazione è applicato all’in- = + · (570 − 354) =
2010 141 · 106
terno della sezione con una ridotta eccentricità si ipotizza
= 284 MPa < 0,8fy k = 0,8 · 450 = 360 MPa
un caso di “piccola eccentricità” e si procede, pertanto, al  �
calcolo del baricentro della sezione reagente, Gs , costituita N N · es
σs0 = − − · (yG,s − c) =
dalle sole armature. La distanza del baricentro dal lembo A I
superiore della sezione reagente si calcola come segue: 500 000 500 000 · 46
= − · (354 − 30) =
20 106 141 · 106
A0s · c + As · d 804 · 30 + 1206 · 570 = 196 MPa < 0,8fy k = 360 MPa
yG,s = = = 354 mm
A 2010
Entrambe le tensioni di trazione sono inferiori al limite
avendo assunto A = A0s +As = 804 + 1206 = 2010 mm2 . previsto dalle NTC 2008.

4 F 16 4 F 16
M = 50 kNm
570
600
600
570

G G
Gs es= 46 e = 100
N = 500 kN

N = 500 kN
6 F 16 6 F 16

300 300
30
30

a) b)
Figura 3.13 Sezione rettangolare a doppia armatura soggetta a tensoflessione in piccola eccentricità.
82 Capitolo 3

3.4 Analisi locale dello stato deformativo


e tensionale
Il comportamento di una trave inflessa in calcestruzzo armato è governato da
fenomeni fessurativi che si manifestano generalmente per bassi livelli di carico,
e quindi anche in condizioni di esercizio, a causa della limitata resistenza a
trazione del calcestruzzo.
Sottoponendo, infatti, una trave a un carico verticale, dopo una prima fase
in cui l’elemento rimane integro, cominciano a formarsi delle fessure nella parte
tesa disposte verticalmente nelle zone dove prevale la sollecitazione di flessione
e inclinate quando la sollecitazione tagliante diventa più importante (Fig. 3.14).

Figura 3.14
Quadro fessurativo
su un elemento
in c.a. inflesso.

Le fessure si presentano disposte a una certa distanza tra loro e si formano


progressivamente riducendo tale distanza fino a un valore del carico, per il quale
restano pressoché stabili in termini di distanza e mostrano solo un incremento
dell’apertura (condizione di fessurazione stabilizzata).
L’analisi del fenomeno fessurativo di una trave si può ricondurre anche a
quello che accade in un tirante in calcestruzzo, cioè un prisma di calcestruzzo
in cui è annegata al centro una barra di acciaio all’estremità della quale sono
applicate azioni di trazione (Fig. 3.15).

Figura 3.15
Quadro fessurativo
su un elemento
in trazione.

Infatti, in una trave inflessa si può individuare una zona di calcestruzzo teso
al di sotto dell’asse neutro il cui comportamento è assimilabile a quello di un
tirante nel quale si sono aperte delle fessure a una certa distanza (Fig. 3.16);
nelle fessure la trazione è applicata direttamente all’acciaio poiché le due facce
di calcestruzzo si sono distaccate.
I problemi degli stati limite di fessurazione e di deformazione sono stretta-
mente legati al meccanismo con cui, dopo essersi verificata la fessurazione di al-
cune sezioni, il calcestruzzo teso, tramite l’aderenza con le barre di armatura, è
comunque in grado di trasferire tensioni di trazione all’acciaio. L’impostazione
razionale del problema richiede pertanto uno studio a livello “locale”, che con-
sideri i legami costitutivi dei materiali e analizzi ciò che accade puntualmente
nell’elemento armato.
L’approccio locale che può, allo stato attuale, effettivamente perseguirsi
parte dalla definizione di un “legame costitutivo di aderenza”, ovvero dalla re-
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 83

Figura 3.16
Schematizzazione
Concio tra due fessure del comportamento
Tirante
di un tratto di trave
ss calcestruzzo teso ss inflessa tra due
zona tesa
barra fessure.

lazione definita a livello macroscopico fra gli scorrimenti s che si manifestano


fra acciaio e calcestruzzo teso e la tensione tangenziale τ che si sviluppa al-
l’interfaccia. In realtà è possibile un approccio ancora più raffinato che parte
dall’analisi di ciò che accade effettivamente all’interfaccia fra acciaio e calce-
struzzo, considerando in dettaglio la geometria delle nervature e gli sforzi locali
che nascono. Nel seguito non si considera tale approccio di tipo “microscopico”
e si fa direttamente riferimento al legame macroscopico τ -s.
Ciò premesso, con riferimento a una generica barra in acciaio immersa in
un elemento prismatico in calcestruzzo (tirante) e indicando con:
# us lo spostamento assiale della barra;
# εs , σs la deformazione e la tensione assiale nella barra;
# uct lo spostamento assiale del calcestruzzo teso;
# εct , σct la deformazione e la tensione assiale nel calcestruzzo teso;
# εc , σc la deformazione e la tensione nel calcestruzzo compresso;
# s lo scorrimento fra acciaio e calcestruzzo teso;
# τ la tensione tangenziale di aderenza;
# φ il diametro della barra;
# z l’asse di riferimento parallelo alla direzione della barra
si definisce in ogni sezione z:
s = us − uct
dus
εs = (3.32)
dx
duct
εct =
dx
da cui, derivando rispetto all’ascissa z, si ottiene:
ds
= εs − εct (3.33)
dz
L’equilibrio alla traslazione di un tratto elementare dz di barra di acciaio
fornisce la seguente equazione:
φ2
π · φ · τ · dz = π dσs (3.34)
4
da cui:
φ dσs
τ= · (3.35)
4 dz
84 Capitolo 3

La (3.35) indica che per effetto delle tensioni tangenziali di aderenza la tensione
di trazione nella barra di acciaio non è costante, ma si riduce allontanandosi
dalla sezione di applicazione del carico o da una sezione fessurata, in cui, come
si è detto, la trazione è applicata alla sola barra di acciaio.
Lo studio di un tirante in cemento armato caricato da una forza di trazione
T è inoltre governato dall’equazione di equilibrio alla traslazione dell’intera
sezione che può scriversi, nell’ipotesi di conservazione delle sezioni piane, nel
seguente modo: Z
σct · dA + As · σs = T (3.36)
Act

essendo Act l’area del calcestruzzo teso e As l’area di acciaio. Le (3.36) e (3.37)
indicano che la riduzione di sforzo normale che localmente subisce la barra
di acciaio nel tratto dz corrisponde a un eguale incremento di sforzo normale
nel calcestruzzo teso affinché sia verificato l’equilibrio alla traslazione in ogni
sezione del tirante.
A titolo di esempio, nella Figura 3.17 è illustrato l’andamento qualitativo
dello scorrimento, della tensione di aderenza, della tensione nell’acciaio e della
tensione nel calcestruzzo teso in un tirante in cemento armato in cui si sia
formata una fessura al centro.
T T

ss
Figura 3.17
Analisi locale
di un tirante in c.a.
nel tratto tra due sct
fessure.

Nel caso dell’elemento soggetto genericamente a pressoflessione e valendo sem-


pre la (3.35) a livello locale, all’equazione (3.36) vanno sostituite le due equa-
zioni di equilibrio alla traslazione e alla rotazione della sezione, che, nell’ipotesi
di conservazione delle sezioni piane, possono scriversi:
Z Xn
σc,i · dA + As,j · σs,j = N (3.37)
Ac j=1
Z X
n
σc,i · yi · dA + As,j · ys,j · σs,j = M (3.38)
Ac j=1

avendo trascurato negli equilibri il contributo del calcestruzzo teso, essendo Ac


l’area di calcestruzzo compresso, yi la distanza della generica fibra di calce-
struzzo compresso dall’asse baricentrico, σc,i la tensione di compressione nella
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 85

generica fibra di calcestruzzo, As,j l’area della j-esima barra di armatura, ys,j
la distanza dell’j-esima barra di armatura dall’asse baricentrico, e σs,j la ten-
sione nell’j-esima barra di armatura (positiva se di compressione, negativa se
di trazione). Il sistema di equazioni (3.33), (3.35) e (3.36) nel caso del tiran-
te e (3.33), (3.35), (3.37) e (3.38) nel caso dell’elemento inflesso consente di
conoscere le distribuzioni delle tensioni tangenziali e degli scorrimenti lungo
l’interfaccia calcestruzzo-barra di acciaio, le distribuzioni delle tensioni nel cal-
cestruzzo teso, nel calcestruzzo compresso e nelle barre di armatura, una volta
assegnati i legami costitutivi dei materiali e il legame di aderenza τ (s).
Trattandosi di una condizione di esercizio, è in genere lecito considerare per
calcestruzzo compresso e acciaio teso un legame lineare definito rispettivamente
dai moduli di elasticità Ec ed Es . Tanto il calcestruzzo teso quanto l’aderenza
non rispondono invece linearmente. In particolare per le condizioni di esercizio
si può considerare solo il primo tratto del legame costitutivo di aderenza già
definito nel Capitolo 2 (Par. 2.3.2.):
✓ ◆α
s
τ = τmax · per s ≤ s1 (3.39)
s1
in cui i valori di τmax ed s1 dipendono essenzialmente dalla resistenza a
compressione del calcestruzzo.
Per esempio nel Model Code 2010 (Model Code 2012), nel legame di ade-
renza per rottura per pull-out, in condizioni
√ di buona aderenza i valori di τmax
ed s1 sono pari rispettivamente √ a 2,5 · f cm e 1,0 mm, mentre per tutte le altre
condizioni sono pari a 1,25 · fcm e 1,8 mm (fcm è la resistenza a compres-
sione media cilindrica del calcestruzzo). Per il legame di aderenza in caso di
rottura per splitting, i valori di τmax ed s1 dipendono anche dalla condizione
di confinamento del calcestruzzo.
Il valore del parametro α è invece indipendente dal calcestruzzo e dalle
condizioni di aderenza e vale sempre 0,4.
La relazione (3.39) è rappresentata in termini adimensionali nel diagram-
ma della Figura 3.18 per α = 0,4. Si osserva la pendenza di valore infinito
all’origine che da un lato rende plausibile, per limitati valori di τ , l’ipotesi di
perfetta aderenza, mentre dall’altro rende il problema analitico estremamente
non lineare.
Per quanto riguarda il calcestruzzo teso, una notevole semplificazione si
ottiene trascurando la sua deformazione rispetto a quella dell’acciaio. Tale
ipotesi è in genere largamente verificata, e consente di disaccoppiare le due
equazioni (3.33) e (3.35) dalle equazioni di equilibrio (3.36) o (3.37)-(3.38)
della sezione nelle quali si è trascurato il contributo del calcestruzzo teso.
Trascurando la deformazione del calcestruzzo teso nella 3.33, in ipotesi di
linearità del comportamento dell’acciaio teso, utilizzando il legame di aderenza
dato dalla (3.39) per il caso del tirante, derivando ulteriormente la (3.33) e
sostituendo in essa la (3.35) si ottiene l’unica equazione:
d2 s 4 · τmax α
− s =0 (3.40)
dz 2 Es · φ · sα1
L’interazione fra calcestruzzo teso e barra tesa, che è il principale meccanismo
che influenza i diversi problemi in esercizio, è dunque governata dall’equazione
non lineare (3.40).
86 Capitolo 3

0,8

0,6

t / tmax
a = 0,4

0,4

Figura 3.18
Andamento 0,2
della relazione τ -s
in termini
0
adimensionali. 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
s / smax

Per risolvere il problema differenziale dato dalla (3.40) è necessario conoscere


la distanza fra due successive fessure, sr . In teoria tale distanza può calcolarsi
imponendo il raggiungimento delle resistenza a trazione nel calcestruzzo teso,
ma nella pratica si utilizza una espressione semi-empirica, come descritto nel
successivo Paragrafo 3.5. Stabilito l’intervallo di integrazione, rimane il proble-
ma delle condizioni al contorno; in particolare nelle sezioni fessurate un’usuale
analisi elastica lineare fornisce lo sforzo nella barra sia nel caso di sforzo norma-
le di trazione che di flessione e quindi la relativa tensione e deformazione, σs ed
εs . In entrambe le sezioni fessurate è quindi nota la derivata prima dello scorri-
mento s, mediante la (3.33) in cui si trascura la deformazione del calcestruzzo
teso.
La risoluzione semplice della (3.40) richiede che siano noti i valori di s
e della sua derivata in una sezione, altrimenti si deve ricorrere a soluzioni
particolarmente onerose dal punto di vista computazionale.
In particolare la risoluzione della (3.40) è molto semplice quando esiste una
sezione in cui:
s=0
ds
=0 (3.41)
dz
Le (3.41) equivalgono a dire che le deformazioni nella barra di acciaio e nel
calcestruzzo teso nella stessa sezione sono uguali (εs = εct ) e che non c’è scor-
rimento tra i due materiali. Tali condizioni potrebbero verificarsi nella mezze-
ria del concio tra due fessure consecutive (Fig. 3.17) se la distanza tra esse è
sufficientemente grande.
Infatti, assumendo l’origine dell’asse z in tale sezione, è immediato verificare
che la (3.40) ammette una soluzione del tipo:
s = A · zB (3.42)
Se si utilizzano le condizioni al contorno date dalle (3.41) e l’espressione (3.42),
effettuando le derivate, sostituendo nella (3.40) e utilizzando il principio di
identità dei polinomi, si ha che:
" 2
#1/(1−α)
2 · τmax · (1 − α) 2
A= B= (3.43)
Es · φ · smax · (1 + α)
α 1−α
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 87

La condizione espressa dalla (3.41) si verifica solo se la barra è perfettamente


ancorata fra due fessure, ma non costituisce la regola generale e pertanto sono
necessarie altre tecniche risolutive. Per esempio è piuttosto semplice la risolu-
zione mediante discretizzazione alle differenze finite. A tal proposito è stato mo-
strato (Ciampi et al., 1983) che è molto più efficiente trasformare il problema ai
limiti nella risoluzione iterativa di problemi di valori iniziali; è conveniente cioè
assegnare arbitrariamente lo scorrimento della sezione iniziale fessurata e itera-
re fino al soddisfacimento della condizione ai limiti nell’altra sezione fessurata
di estremità, indipendentemente dal valore della distanza tra le fessure.
Una volta risolto localmente il problema, e quindi valutata la distribuzio-
ne delle deformazioni nell’acciaio e nel calcestruzzo teso, è immediata la va-
lutazione dell’ampiezza w delle fessure poste a una distanza sr come segue:
Z sr
w= (εs − εct )dz (3.44a)
o come
0
Z sr
w= εs dz (3.44b)
0
se si trascurano le deformazioni nel calcestruzzo teso.
Dopo che la fessura si è formata, infatti, la sua apertura è dovuta proprio
agli scorrimenti che si verificano tra la barra in acciaio e il calcestruzzo teso e
si può, quindi, calcolare come integrale delle deformazioni lungo il concio tra
due fessure successive. In realtà, l’apertura di ogni fessura dipenderebbe sia
dagli scorrimenti in metà concio alla sua sinistra che da quelli in metà concio
alla sua destra, ma, in ipotesi di fessure poste tutte a distanza uguale e pari a
sr , l’apertura si può calcolare come integrale lungo sr espresso dalle (3.44).
Lo studio a livello locale del comportamento delle sezioni rappresentato
dalle (3.33), (3.35) e (3.36) evidenzia che, anche dopo il raggiungimento della
resistenza a trazione, il calcestruzzo teso continua a dare un contributo di resi-
stenza e rigidezza nei tratti compresi tra le fessure grazie al trasferimento delle
tensioni per aderenza. L’effetto irrigidente è generalmente indicato in lettera-
tura con il termine inglese “tension stiffening” ed è, chiaramente, funzione della
qualità del legame di aderenza all’interfaccia barra-calcestruzzo che determina
il trasferimento delle tensioni tangenziali. Migliore è l’aderenza, infatti, mag-
giore è il trasferimento di tensioni tangenziali e, quindi, la riduzione di tensione
e di deformazione nell’acciaio e l’incremento di tensioni nel calcestruzzo teso,
per cui il concio complessivamente risulta più “rigido”. Al crescere della tensio-
ne di trazione applicata all’acciaio, tuttavia, il numero di fessure aumenta e il
contributo del calcestruzzo decresce in quanto si esplica in tratti sempre più
piccoli. Come si vedrà nel seguito, per valutare l’effetto di “tension stiffening” si
fa in genere riferimento alla deformazione media nell’acciaio e nel calcestruzzo
teso nel concio tra due fessure.
Oltre all’apertura della fessura è inoltre possibile calcolare le curvature locali
delle sezioni nel concio tra due fessure mediante l’espressione:
1 εs + εc
= (3.45)
r d
essendo εc la deformazione del calcestruzzo al lembo maggiormente compresso
e d l’altezza utile della sezione inflessa. Integrando le curvature è poi possibile
passare al calcolo delle rotazioni e degli spostamenti dell’elemento considerato.
88 Capitolo 3

Infine una modellazione analoga a quella descritta si può effettuare mediante


codici di calcolo agli elementi finiti utilizzando una discretizzazione del sistema
acciaio-calcestruzzo di tipo bidimensionale o tridimensionale e introducendo il
legame di aderenza con appositi elementi di interfaccia distribuiti o concentrati.
Si osservi che spesso, in presenza di forti gradienti di momento, si formano sin-
gole fessure e il problema va quindi opportunamente specializzato. Si osservi
ancora che in certe situazioni la fessurazione va seguita nella sua progressio-
ne introducendo un approccio per la modellazione del calcestruzzo in trazione
basato sui principi della meccanica della frattura e quindi sulla definizione di
un’energia di frattura funzione del legame costitutivo a trazione del calcestruzzo.
La metodologia esposta è da ritenersi solo di riferimento e spesso non è
utilizzabile nella pratica tecnica. Pertanto nel seguito, dopo avere introdotto i
principi generali che governano gli stati limite di fessurazione e di deformazione,
si illustrano metodi applicativi più o meno complessi per effettuare le verifiche
corrispondenti a tali stati limite.

3.5 Stato limite di fessurazione


In accordo con le normative più avanzate (per esempio l’EC2 2004 e il Model
Code 2010) può dirsi che la fessurazione deve essere limitata a un livello tale
da non pregiudicare il corretto funzionamento della struttura e da renderne
accettabile l’aspetto da un punto di vista estetico. Viene così introdotto un con-
cetto centrale di tutte le verifiche allo SLE: un aspetto inaccettabile per la com-
mittenza va trattato alla stessa stregua di un malfunzionamento strutturale.
Un secondo concetto rilevante è che la fessurazione delle strutture in ce-
mento armato è quasi inevitabile. Infatti la modesta resistenza a trazione del
calcestruzzo, insieme alla presenza di deformazioni imposte (ritiro, piccoli ce-
dimenti dei vincoli ecc.) renderebbe del tutto antieconomica una progettazione
che abbia come obiettivo l’eliminazione di tensioni di trazione elevate e quin-
di di fessure. D’altra parte nella teoria convenzionale del cemento armato si
fa costante riferimento all’ipotesi di “calcestruzzo non reagente a trazione” e
pertanto, coerentemente con tale ipotesi, in genere la fessurazione viene accet-
tata. Lo Stato Limite di Fessurazione si prefigge di inquadrare in un contesto
razionale la problematica, definendo di volta in volta le eventuali verifiche in
base alle prestazioni che la struttura deve garantire.
Un terzo concetto di notevole rilevanza applicativa è che la fessurazione è
legata totalmente alle azioni solo in taluni casi che possono essere studiati in
un contesto “strutturale”. Viceversa molto spesso la formazione delle fessure è
collegata a ritiro, calore di idratazione, qualità delle casseforme, reazioni chi-
miche ecc. In tal caso solo una corretta progettazione dei dettagli costruttivi,
delle modalità di getto e maturazione, della posa in opera e utilizzo delle casse-
forme ecc. . . , facendo poi riferimento al particolare ambiente in cui la struttura
è inserita, possono limitare il fenomeno.
A titolo esemplificativo nella Figura 3.19 sono riportate varie tipologie di fes-
sure dovute a diversi fenomeni che si verificano nelle strutture in cemento arma-
to; le diverse tipologie di fessure sono individuate da lettere differenti, per ognu-
na delle quali nella Tabella 3.1 sono riportati il tipo o la causa, la posizione in
cui compaiono più comunemente e il tempo in cui appaiono (Model Code 2010).
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 89

A
A
B
I
K E
C
F

N
G B
H B
H
L Figura 3.19
I Schema
D delle diverse
M
tipologie di fessure.

Tipo o causa Posizione usuale Tempo di apparizione Tabella 3.1


Sudorazione A sopra le armature Classificazione
(bleeding) B testa delle colonne 10 minuti ÷ 3 ore delle fessure
intrinseche.
C cambio sezione
Ritiro plastico D sulle diagonali
(evaporazione rapida) E casuali 30 minuti ÷ 6 ore
F sopra le armature
Contrazioni termiche G pareti spesse 1 giorno ÷ 3 mesi
(calore di idratazione) H solette spesse
elementi spessi con
Ritiro eccessivo I giunti inefficienti mesi e settimane

Irregolarità J calcestruzzo a vista 1 ÷ 7 giorni


(casseforme impermeabili) K solette talvolta molto più tardi
Corrosione delle armature L in corrispondenza > 2 anni
M delle armature
Reazioni alcali-inerti N parti umide > 5 anni

Con riferimento invece agli stati fessurativi indotti da azioni strutturali, si


distinguono i tre seguenti stati:
a) Stato Limite di decompressione;
b) Stato Limite per formazione delle fessure;
c) Stato Limite di apertura delle fessure.
Lo Stato Limite di decompressione corrisponde a non ammettere alcuna tra-
zione nel manufatto ed è una condizione richiesta in alcune situazioni carat-
terizzate da ambienti molto aggressivi. Il calcolo si riconduce dunque a una
usuale analisi elastica con calcestruzzo reagente tanto a trazione quanto a
compressione, verificando che non si manifestino tensioni di trazione.
Nel caso di Stato Limite per formazione delle fessure si considera il calce-
struzzo reagente a trazione, e quindi si procede con le stesse modalità di calcolo
del caso precedente; la verifica consiste nel controllare che la trazione massi-
ma non superi quella ammissibile, eventualmente con un certo coefficiente di
sicurezza.
90 Capitolo 3

Nello Stato Limite di apertura delle fessure, si accetta che la tensione limite di
trazione possa essere superata e che si possano, quindi, formare delle fessure.
La verifica consiste in tal caso nel controllo dell’apertura delle fessure formatesi
nell’elemento, poiché l’eccessiva apertura rappresenta una via preferenziale per
gli agenti aggressivi per raggiungere le armature in acciaio.

3.5.1 Il calcolo dell’apertura delle fessure


Si è già visto come da un’analisi locale è possibile risalire all’ampiezza delle
fessure utilizzando i legami costitutivi dei materiali. È stato anche sottolineato
che questa è sicuramente una procedura di tipo raffinato molto spesso troppo
complessa per applicazioni tecniche, per le quali si può invece procedere in
modo semplificato come segue.
Rimuovendo l’ipotesi di perfetta aderenza tra acciaio e calcestruzzo teso e
introducendo le deformazioni medie εsm e εctm , in senso integrale, dell’acciaio
e del calcestruzzo teso fra due fessure successive, la (3.44) si può esprimere
come:
wm = srm · (εsm − εctm ) (3.46)
essendo srm la distanza media fra le fessure e:
R srm R srm
εs · dsr εct · dsr
εsm = 0
; εctm = 0 (3.47)
srm srm
La (3.46) fornisce l’ampiezza media delle fessure wm come prodotto della di-
stanza media fra le fessure per la differenza tra la deformazione media nell’ac-
ciaio e quella nel calcestruzzo. La (3.46) indica inoltre che, se ci fosse perfetta
aderenza tra i due materiali, non ci sarebbe scorrimento, per cui l’apertura
delle fessure sarebbe nulla; al contrario, in assenza di aderenza, e quindi in
assenza di trasferimento di tensioni tra acciaio e calcestruzzo, si avrebbe che le
tensioni e le deformazioni nel calcestruzzo teso sarebbero nulle da cui si avreb-
be εctm = 0 e εsm = εs = σs /Es , per cui lo scorrimento sarebbe pari proprio
all’allungamento del tratto di barra di lunghezza srm :
σs
wm = srm · εs = srm · (3.48)
Es
Al migliorare delle proprietà di aderenza, migliora il trasferimento di tensioni
tangenziali al calcestruzzo, si riduce la deformazione media nell’acciaio, au-
menta la deformazione media nel calcestruzzo e quindi complessivamente si
riduce l’apertura media delle fessure.
La (3.46) diventa operativa per calcolare l’apertura delle fessure quando so-
no fornite le espressioni esplicite per i due fattori. Le formulazioni che in genere
si utilizzano sono di origine empirica e sono basate sull’analisi statistica di ri-
sultati sperimentali, in quanto sia la distanza tra le fessure sia la loro ampiezza
sono grandezze molto difficili da valutare, perché caratterizzate da un’eleva-
ta dispersione sperimentale anche a causa dell’eterogeneità del calcestruzzo a
livello microscopico.
Nei paragrafi seguenti si riportano le nozioni e la metodologia per il cal-
colo dei due termini e le indicazioni normative per il calcolo e la limitazione
dell’apertura delle fessure.
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 91

La formazione delle fessure


Per elementi soggetti a sforzo normale di trazione, la fessurazione si attiva
in corrispondenza dello sforzo normale di fessurazione, Ncr , corrispondente a
una tensione uniforme di trazione in sezione pari alla resistenza a trazione del
calcestruzzo, fctm :
Ncr = fctm · (Act + n · As ) (3.49)
essendo Act e As l’area di calcestruzzo in trazione e l’area complessiva dell’ar-
matura in acciaio.
Per elementi inflessi, invece, la fessurazione si manifesta quando il momento
sollecitante raggiunge il momento di fessurazione, Mcr , definito come il momen-
to in presenza del quale al lembo teso la tensione di trazione massima è pari
alla resistenza a trazione del calcestruzzo. Pertanto, il momento di fessurazione
si può calcolare assumendo la sezione tutta reagente e imponendo che al lembo
teso la tensione nel calcestruzzo sia fctm :
fctm · I
Mcr = (3.50a)
h−x
dove x e I sono l’asse neutro e l’inerzia della sezione omogeneizzata tutta rea-
gente prima della fessurazione e h è l’altezza della sezione. Per una sezione
rettangolare di base b si ottiene, quindi:
fctm · b · h2
Mcr = (3.50b)
6
b · h3 h
avendo assunto I ' ex= .
12 2
Per la valutazione del momento di fessurazione si potrebbero anche utiliz-
zare formule più dettagliate per il calcolo dell’inerzia che tengano conto del
contributo geometrico delle armature opportunamente omogeneizzate e del di-
verso comportamento del calcestruzzo compresso e teso. In realtà, data l’incer-
tezza da cui è affetta la determinazione sperimentale della resistenza a trazione
del calcestruzzo, il livello di approssimazione delle equazioni (3.50) è più che
accettabile.
Lo Stato Limite di formazione delle fessure, secondo le NTC 2008, è indi-
viduato dal raggiungimento nella fibra della sezione più sollecitata a trazione
di una tensione pari a:
fctm
σt = (3.51)
1,2
essendo fctm la resistenza media a trazione del calcestruzzo. Nessuna indica-
zione specifica è fornita relativamente al valore da utilizzare per il calcolo del
momento di fessurazione per le verifiche sull’apertura delle fessure (Stato Li-
mite di apertura delle fessure) e le verifiche di deformabilità (Stato Limite di
deformabilità).
Nell’Eurocodice 2 (2004) e nel nuovo Model Code (Model Code 2012), inve-
ce, la tensione massima di trazione per il calcolo del momento di fessurazione
per le verifiche sull’apertura delle fessure e le verifiche di deformabilità è fctm .
Inoltre, nel caso di elementi inflessi, e in assenza di tensioni di trazioni as-
siali, l’Eurocodice 2 consente di utilizzare una resistenza a trazione flessionale,
92 Capitolo 3

fctm,f l , che può essere calcolata come:


fctm,f l = max{(1,6 − h/1000) · fctm ; fctm } (3.52)
essendo h l’altezza della sezione espressa in mm.
Negli esempi numerici sulle verifiche di fessurazione e deformabilità riportati
a seguire si è utilizzata la resistenza media a trazione, fctm , e non fctm,f l per
il calcolo del momento di fessurazione, avendo scelto di operare a vantaggio di
sicurezza.

La propagazione delle fessure


Con riferimento a un elemento sollecitato a trazione pura, quando lo sforzo
normale raggiunge il valore di fessurazione, Ncr , la resistenza a trazione è su-
perata contemporaneamente in tutte le sezioni dell’elemento. Nella realtà dal
punto di vista microscopico il materiale è diverso da sezione a sezione, per cui
la prima fessura si innescherà nella sezione meno resistente che non è possibile
definire esattamente con considerazioni teoriche. A parità di carico o per ca-
richi crescenti, nuove fessure si formeranno ad una certa distanza dalla prima
fino ad una condizione di stabilizzazione in cui non si formeranno più nuove
fessure, ma potranno verificarsi solo incrementi dell’apertura di quelle esistenti.
In particolare, la condizione di fessurazione stabilizzata si raggiunge quando
la distanza tra le fessure è tale da non potersi più raggiungere nel calcestruz-
zo teso la resistenza a trazione per effetto del trasferimento delle tensioni di
aderenza. Secondo un approccio semplificato, adottato anche dal Model Code
2010, si ipotizza che la fase di formazione delle fessure avvenga ad un carico
costante e pari a quello per cui si forma la prima fessura e che per valori supe-
riori di tale carico si abbia la fase di fessurazione stabilizzata. Nella realtà la
fase di formazione delle fessure avviene per carichi progressivamente crescenti;
il Model Code 2010, per esempio, considera un intervallo di carico in cui si for-
mano le fessure in cui il valore minimo corrisponde al raggiungimento di una
tensione di trazione nel calcestruzzo pari a fctk,0,05 , mentre il valore massimo
corrisponde al raggiungimento di fctk,0,95 (essendo fctk,0,05 e fctk,0,95 i frattili al
5% e 95% della resistenza a trazione del calcestruzzo).
Analogamente in un elemento inflesso, le prime fessure si formano quando il
momento supera il momento di fessurazione, Mcr , precedentemente definito. Al
crescere del carico, nei tratti di trave dove il momento è maggiore del momento
di fessurazione, nuove fessure si formeranno a una certa distanza dalla prima fin
quando si raggiungerà una condizione di fessurazione stabilizzata e potranno
solo aprirsi le fessure esistenti.
La fessurazione è quindi un fenomeno discontinuo che interessa un numero
limitato di sezioni e la posizione esatta delle fessure è legata all’eterogeneità
del calcestruzzo oltre che alla distribuzione dei carichi nell’elemento.
La separazione dell’elemento in più conci definiti dalle fessure fa sì che le
barre di acciaio in prossimità della sezione fessurata (sezione tipo 1 in Fig. 3.20)
siano sollecitate dall’intero sforzo normale di trazione nel caso del tirante o
a quello corrispondente al momento sollecitante in caso di elemento inflesso.
Le tensioni tangenziali, τ , che nascono lungo l’interfaccia calcestruzzo teso-
barra di acciaio si oppongono allo sfilamento indotto dallo sforzo di trazio-
ne e, mentre da un lato riducono la tensione di trazione nella barra, dall’altro
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 93

Dz
2 1
ta
Ncr Figura 3.20
Distribuzione
Act delle tensioni
di aderenza intorno
per equilibrio trasferiscono tensioni di trazione nel calcestruzzo nell’intorno alla barra a partire
da una sezione
della barra stessa.
fessurata.
In un elemento soggetto a solo sforzo normale (tirante), quando è applicato
lo sforzo di fessurazione, Ncr , e immediatamente prima della formazione delle
fessure, la tensione nelle armature in tutte le sezioni risulta:
Es · εc · Ec
σs = Es · εs = Es · εc = = n · σct = n · fctm (3.53)
Ec
avendo assunto εc = εs e Ec pari al modulo elastico a trazione del calcestruzzo.
Nelle sezioni fessurate (sezione tipo 1 in Fig. 3.20) per valori dello sforzo
normale N ≥ Ncr ,N è portato tutto dalle armature di area complessivamente As
in quanto il calcestruzzo non si assume più reagente a trazione, per cui si ha:
N
σs1 =
As (3.54)
σct1 =0

La tensione nelle barre di armatura si riduce allontanandosi dalla sezione fessu-


rata per effetto delle tensioni di aderenza. Volendo semplificare la trattazione,
si può assumere una distribuzione costante delle tensioni di aderenza (ipotesi di
Brice) che nella realtà sono variabili lungo le barre in funzione degli scorrimenti
(vedi Eq. 3.39). Pertanto, partendo dalla sezione fessurata (1), l’equilibrio alla
traslazione delle m barre di diametro ∅ in una sezione (2) posta a distanza ∆z
dalla prima fornisce:
τ · mπφ · ∆z
∆N = (σs1 − σs2 ) · As = τ · mπφ · ∆z −→ ∆σs = (3.55)
As
Analogamente per il calcestruzzo teso, il trasferimento delle tensioni tangenziali
consente di scrivere il seguente equilibrio tra la sezione fessurata (1) e la sezione
(2) a distanza ∆z:
∆N = τ · mπφ · ∆z = (σct2 − σct1 ) · Act = σct2 · Act −→
τ · mπφ · ∆z (3.56)
−→ ∆σct = σct2 =
Act
essendo Act l’area di calcestruzzo in trazione.
Le (3.55) e (3.56) indicano che, per l’ipotesi di tensioni tangenziali costanti,
le tensioni nell’acciaio decrescono linearmente e le tensioni nel calcestruzzo
crescono linearmente (Fig. 3.21).
Poiché la tensione di trazione nel calcestruzzo può essere al massimo pari
alla sua resistenza, fctm , uguagliando la tensione di trazione nella sezione (2)
alla resistenza fctm , si ottiene una lunghezza di trasferimento, ltr , che rappre-
senta la minima distanza da una fessura già formata a cui se ne può formare
94 Capitolo 3

N N

ss2 = n fctm
tensioni
nell’acciaio
sct2 = fctm
Figura 3.21 tensioni nel
Distribuzione calcestruzzo
delle tensioni
nell’acciaio tensioni di aderenza
e nel calcestruzzo
a partire
ltr ltr
dalla fessura.

un’altra:
τ · mπφ · ∆z fctm · Act fctm · Act /As
σct2 = = fctm −→ ltr = = =
Act τ · mπφ τ · mπφ/As
(3.57a)
fctm · Act /As fctm · φ
= =
τ · mπφ/mπφ2 /4 4 · τ · ρs

Nella (3.57a) si è definita la percentuale di armatura in trazione rispetto all’area


di calcestruzzo teso come:
As
ρs = (3.58a)
Act
In ipotesi di formazione delle fessure a carico costante e pari a Ncr , nella sezio-
ne (2) a distanza ltr dalla sezione fessurata (1), la tensione nell’acciaio torna
a essere n · fctm come prima della fessurazione (Fig. 3.21). A distanza ltr dalla
sezione fessurata (1), la tensione nell’acciaio, utilizzando la (3.55) e la (3.57a)
si calcola, infatti, come:
τ · mπφ · ltr fctm · Act
σs2 = σs1 − ∆σs = σs1 − = σs1 − (3.59a)
As As
Usando la (3.54) e la (3.49) si ottiene:
Ncr fctm · Act
σs2 = − = n · fctm (3.59b)
As As
L’area di calcestruzzo in trazione coinvolta nel meccanismo di trasferimento
dopo la fessurazione non è, in genere, l’intera area della sezione in trazione, ma
solo quella nell’intorno delle barre effettivamente interessata dal trasferimen-
to di tensioni tangenziali. Tale area viene definita area di calcestruzzo effica-
ce, Act,eff , per cui la percentuale di armatura rispetto all’area di calcestruzzo
efficace si scrive:
As
ρs,eff = (3.58b)
Act,eff
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 95

e quindi la lunghezza di trasferimento diventa:


fctm · φ
ltr = (3.57b)
4 · τ · ρs,eff
Le fessure possono quindi formarsi a una distanza minima da fessure già forma-
tesi pari a ltr , fin quando si arriva ad una condizione di fessurazione stabilizzata
in cui la distanza tra due fessure successive non è sufficiente perché se ne formi
una intermedia a seguito del trasferimento di tensioni tangenziali. Pertanto,
se due fessure si trovano ad una distanza maggiore di 2 ltr , potrà formarsi tra
loro un’altra fessura, perché nel calcestruzzo si potrà raggiungere la resistenza
a trazione a distanza ltr da quelle già presenti. Se invece la distanza è inferio-
re, non se ne potrà formare un’altra (Fig. 3.22): per tale motivo la distanza
tra due fessure sarà compresa tra ltr e 2ltr . L’espressione (3.57b) rappresenta
la base teorica per l’espressione fornita dal Model Code 2010 per calcolare la
lunghezza del tratto in cui si verificano scorrimenti tra acciaio e calcestruzzo,
definita appunto come lunghezza di trasferimento:
fctm · φ
ls,max = k · c + (3.59)
4 · τbms · ρs,eff

Nella formula (3.59) si introduce in maniera esplicita anche l’effetto del copri-
ferro, c, e un coefficiente, k, che ne pesa l’effetto. In mancanza di specifiche
informazioni, si può assumere k = 1 mentre τbms è la tensione tangenziale
media assunta costante tra due fessure e definita come:

τbms = 1,8fctm (3.60a)


τbms = 1,35fctm per carichi di lunga durata. (3.60b)

ltr > 2ltr < 2ltr ltr

N N

tensioni
nell’acciaio
ss
Figura 3.22
Distribuzione
tensioni nel delle tensioni
fctm calcestruzzo
sct nell’acciaio
e nel calcestruzzo
= sezione fessurata in presenza
‚= sezione di incipiente fessurazione di più fessure.

La formazione di nuove fessure non avviene in realtà a carico costante sia per
la disomogeneità del calcestruzzo, sia perché le tensioni di aderenza non sono
costanti, ma dipendono dalla distanza dalla sezione fessurata e dal livello di
carico, in quanto sono funzioni dello scorrimento tra calcestruzzo e barre di
acciaio secondo un legame del tipo di quello rappresentato dalla (3.39).
96 Capitolo 3

Con riferimento al tratto compreso tra la sezione fessurata (1) e una sezione
(2) di incipiente fessurazione posta a distanza ltr dalla (1), la tensione media
nella barra di acciaio nel concio così individuato, si può scrivere:
σs1 + σs2
 �
∆σs ∆σs
σsm = = σs1 − = σs1 · 1 − 0,5 · (3.61)
2 2 σs1
Le (3.55) e (3.56) scritte per ∆z = ltr e con riferimento all’area di calcestruzzo
teso effettivamente coinvolto dal trasferimento delle tensioni diventano:
τ · mπφ · ltr
∆σs = (3.55b)
As
τ · mπφ · ltr
∆σct = fctm = (3.56b)
Act,eff
e forniscono: Act,eff · fctm
∆σs = (3.63)
As
La tensione media nell’acciaio risulta quindi:
 �
Act,eff · fctm
σsm = σs1 · 1 − 0,5 · (3.64)
As · σs1
e la corrispondente deformazione media si calcola come:
 �
σs1 Act,eff · fctm σs1 Act,eff · fctm
εsm = · 1 − 0,5 · = − 0,5 · =
Es As · σs1 Es E s · As
(3.65)
σs1 fctm
= − 0,5 ·
Es Es · ρs,eff
Analogamente la tensione e la deformazione media nel calcestruzzo tra due
fessure si calcolano come:
σctm = 0,5 · fctm (3.66)
fctm
εctm = 0,5 · (3.67)
Ec
La differenza tra la deformazione media nell’acciaio e nel calcestruzzo teso si
scrive quindi:
fctm σs1 0,5 fctm fctm
✓ ◆
σs1 fctm
εsm −εctm = −0,5· −0,5 = − · + ·Es =
Es Es ·ρs,eff Ec Es Es ρs,eff Ec
(3.68)
σs1 0,5 fctm
= − · (1 + n · ρs,eff )
Es Es ρs,eff
La deformazione media nell’armatura in acciaio è quindi inferiore alla defor-
mazione massima che si ha nella sezione fessurata a causa del fenomeno di
tension stiffening, ovvero dell’effetto irrigidente del calcestruzzo teso tra due
fessure successive.
Nel caso di elementi inflessi, la struttura della formula (3.68) resta la stessa,
in quanto il comportamento del concio tra due fessure successive in un elemento
inflesso può essere studiato con riferimento allo schema di tirante nell’intorno
della barra. La (3.68) è, infatti, del tutto analoga alla seguente formulazione
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 97

fornita dalla Circolare 617 associata alla NTC 2008 per il calcolo della diffe-
renza tra le deformazioni medie dell’armatura di acciaio e del calcestruzzo nel
concio tra due successive fessure:
σs − kt · fct,eff /ρp,eff [1 + αe · ρp,eff ] σs
εsm − εctm = ≥ 0,6 (3.69)
Es Es
dove:
# ρp,eff è la percentuale di armatura rispetto all’area effettiva in trazione
Act,eff ; ed è equivalente alla ρs,eff definita dalla (3.58b) Act,eff è definita co-
me l’area di calcestruzzo intorno alle barre data dall’EC2 2004 come valore
minimo tra (2, 5 · b · (h − d), b · (h − x)/3, b · h/2) essendo b, h e d rispetti-
vamente larghezza, altezza e altezza utile della trave, intendendo l’altezza
utile come distanza tra il bordo compresso e il baricentro delle armature.
Nell’espressione della percentuale di armatura è possibile portare in conto
anche l’eventuale presenza di armature di acciaio pretese;
# Es è il modulo elastico dell’acciaio;
# Ecm è il modulo secante di elasticità del calcestruzzo;
# fct,eff è il valore medio dell’effettiva resistenza a trazione del calcestruzzo al
momento in cui avviene la fessurazione (al di sotto dei 28 giorni fct,eff ≤
fctm );
# kt è un fattore funzione della durata del carico applicato, assunto uguale a
0,6 per carichi di breve durata e 0,4 per carichi di lunga durata. Tale fattore
sostituisce il coefficiente 0,5 presente nella Equazione (3.68) per l’ipotesi di
tensioni di aderenza costanti e tiene conto in maniera semplificata dell’ef-
fetto della durata dei carichi sul meccanismo di aderenza. Si assume infatti
che per carichi di lunga durata la qualità dell’aderenza debba peggiorare
(kt = 0,4).
# αe = Es /Ecm ovvero è l’equivalente del coefficiente di omogeneizzazione n
presente nella (3.68).
# σs è la tensione di trazione nell’armatura nella sezione fessurata in corri-
spondenza dei carichi di progetto assunti per la verifica.

Il calcolo tecnico dell’apertura delle fessure

La formulazione sviluppata fornisce l’ampiezza “media” delle fessure mentre nel-


la verifica normativa si deve far riferimento all’ampiezza “caratteristica”. L’a-
nalisi del problema richiede dunque un’impostazione di tipo probabilistico; per
esempio, disponendo delle statistiche del comportamento dei materiali, è pos-
sibile sviluppare un’analisi Monte Carlo, come si è introdotto nel Capitolo 1.
La verifica dello Stato Limite di apertura delle fessure si effettua confron-
tando il valore caratteristico con un valore di progetto wlim :
wk ≤ wlim (3.70)

L’ultima versione dell’EC2 2004, da cui sono tratte anche le indicazioni con-
tenute nella Circolare 617 associata alle NTC 2008, fornisce direttamente il
valore di calcolo dell’ampiezza tra due fessure con riferimento alla distanza
massima tra le fessure:
wk = sr,max · (εsm − εcm ) (3.71)
98 Capitolo 3

Per la distanza massima tra le fessure, sr,max , l’EC2 2004 e la Circolare 617
forniscono la seguente formulazione, per il caso di distanza tra le armature
inferiore a 5 · (c + φ/2):
φ
sr,max = k3 · c + k1 · k2 · k4 (3.72)
ρp,eff
dove:
# c è il copriferro delle armature;
# φ è il diametro delle barre; nel caso in cui vi siano barre di diametri differenti
si considera un diametro equivalente φeq esprimibile per una sezione avente
n1 barre di diametro φ1 ed n2 barre di diametro φ2 come:
n1 φ21 + n2 φ22
φeq = (3.73)
n1 φ 1 + n2 φ 2
# k1 è un coefficiente che tiene conto della qualità dell’aderenza delle barre
e assume valori pari a 0,8 per le barre ad aderenza migliorata e 1,6 per le
barre lisce;
# k2 è un coefficiente che tiene conto della distribuzione delle deformazioni ed
è pari a 0,5 per la flessione e 1 per la trazione pura;
# k3 e k4 sono coefficienti i cui valori possono essere fissati da ciascuna nor-
mativa nazionale, anche se i valori consigliati sono rispettivamente 3,4 e
0,425.
Se la distanza tra le armature è maggiore di 5(c + φ/2) o le armature sono
inclinate rispetto alla direzione principale delle tensioni di trazione, nell’EC2
2004 vengono suggerite apposite espressioni per sr,max .
La (3.72) presenta la stessa struttura della (3.57b) con la differenza che
al posto della tensione di aderenza introduce dei coefficienti numerici k1 , k2
e k4 per tener conto in maniera semplificata, e indipendente dalla resistenza
del calcestruzzo, di alcuni fenomeni che influenzano la qualità dell’aderenza
e introduce l’effetto del copriferro in analogia a quanto suggerito anche dal
Model Code 2010.
Nel Model Code 2010 per l’apertura delle fessure di progetto è fornita la
formula:
wd = 2 · ls,max (εsm − εcm − εcs ) (3.74)
in cui ls,max è data dalla (3.59) e la differenza tra le deformazioni medie, a
meno del contributo legato al ritiro del calcestruzzo, εcs , si calcola come:
✓ ◆
σs σs,cr
εsm − εctm = · 1−β· (3.75)
Es σs
essendo il coefficiente β pari a 0,6 per carichi di breve durata e 0,4 per carichi di
lunga durata; gli altri simboli hanno il significato già introdotto in precedenza.
La (3.75) si ottiene dalle equazioni (3.65) e (3.67) definendo la tensione
nell’armatura, σs,cr , come la tensione corrispondente all’applicazione alla sola
armatura dello sforzo normale di fessurazione, Ncr , definito dalla (3.49) in cui
si pone Act = Act,eff :
Ncr fctm fctm
σs,cr = = · (Act,eff + n · As ) = · (1 + n · ρs,eff ) (3.76)
As As ρs,eff
fctm fctm σs1 0,5
✓ ◆
σs1 σs1 σs,cr
εsm−εctm = −0,5 −0,5 = − ·σs,cr= · 1−0,5 · (3.77)
Es Es ·ρs,eff Ec Es Es Es σs1
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 99

La (3.77) è del tutto analoga alla 3.75 a meno del coefficiente β che sostituisce
il fattore 0,5.
Nel caso di flessione le formule per il calcolo dell’apertura della fessura
(3.71 o 3.74) si riferiscono alla quota dell’armatura; se si vuole calcolare il
valore dell’apertura al lembo teso si devono moltiplicare i valori ottenuti per
il fattore geometrico ( h−x
d−x
) essendo h e d altezza totale e altezza utile della
sezione.
La Circolare 617 associata alla NTC 2008 da anche la possibilità di calcolare
il valore caratteristico dell’apertura delle fessure moltiplicando il valore medio
dell’apertura delle fessure, wm , per il fattore 1,7 come segue:

wk = 1,7 · wm = 1,7 · εsm · srm (3.78)

dove srm è il valore medio della distanza tra le fessure e εsm è la deformazione
media del solo acciaio tra due fessure in quanto si trascura la deformazione
media nel calcestruzzo teso. Tuttavia, non sono fornite espressioni per il calcolo
dei due termini e si rimanda a formule di letteratura di comprovata validità,
a meno di non considerare le espressioni fornite dal D.M. 9 gennaio 1996,
esplicitamente richiamate nella Circolare 617. Considerando, però, che tale
approccio è stato sostituito sia nell’Eurocodice 2 che nel Model Code 2010 dalle
espressioni già viste in precedenza (3.71 o 3.74) che forniscono direttamente
il valore massimo dell’apertura delle fessure, si rimanda a quest’ultime per le
verifiche negli esempi numerici.
Per quanto riguarda i valori limite dell’apertura delle fessure le NTC 2008
fanno riferimento alla Tabella 3.2, dove il valore wd coincide con il valore
caratteristico definito in precedenza (3.71) e i valori limite sono:

w1 = 0,2 mm
w2 = 0,3 mm
w3 = 0,4 mm

Armatura Tabella 3.2


Gruppi Condizioni Combinazione Limitazione
esigenze ambientali di azioni Sensibile Poco sensibile dell’apertura
delle fessure
Stato limite wd Stato limite w d
secondo NTC 2008.
A Ordinarie Frequente ap. fessure ≤ w2 ap. fessure ≤ w3
Quasi
ap. fessure ≤ w1 ap. fessure ≤ w2
permanente
B Aggressive Frequente ap. fessure ≤ w1 ap. fessure ≤ w2
Quasi
decompressione – ap. fessure ≤ w1
permanente
C Molto Frequente formazione fessure – ap. fessure ≤ w1
aggressive
Quasi
decompressione – ap. fessure ≤ w1
permanente
100 Capitolo 3

Esempio 3.7
Verifica dell’apertura delle fessure flettente massimo in mezzeria pari a:
Nel seguito si riporta un esempio numerico per il calcolo
M = Fk · L2 /8 = 117 kNm
dell’ampiezza delle fessure, a cui si farà riferimento anche
nei paragrafi successivi per la verifica allo Stato Limite di In primo luogo si valuta il momento di prima fessurazione
Deformazione. in modo semplificato facendo riferimento alla sola sezione
Si considera la stessa trave di sezione rettangolare esami- di calcestruzzo:
nata nell’esempio 3.2, caratterizzata dalle seguenti proprie-
b · h2 1000 · 3202
tà: Mcr = fctm = 2, 2 · = 37,5 kNm
6 6
• base b = 1000 mm; da cui si ha:
• altezza totale h = 320 mm;
• altezza utile d = 290 mm; Mcr 37,5
= = 0,32 → M > Mcr
• copriferro c = 30 mm; M 117
• lunghezza L = 6 m; La tensione nell’armatura in trazione, σs , nella sezione
• armatura in trazione 14 φ 16 per un’area di acciaio fessurata si può calcolare mediante la formula semplificata:
As = 2814 mm2 ;
• armatura in compressione 14 φ 16 per un’area di M 117 · 106
σs = = = 159 MPa
acciaio A0s = 2814 mm2 . 0,9 · d · As 0,9 · 290 · 2814

Per quanto riguarda i materiali si utilizza un calcestruzzo Oppure con la formula esatta (3.17):
di resistenza cilindrica caratteristica fck = 20 MPa, cui cor-
M M
risponde una resistenza media a trazione del calcestruzzo, σs = n · · ys = n · (d − x) =
In In
fctm pari a:
117 · 106
2/3 = 15 · · (290 − 100) = 161 MPa
fctm = 0,3 · fck = 0,3 · 202/3 = 2,2 MPa 2063, 9 · 106

Il modulo elastico del calcestruzzo risulta: avendo calcolato l’asse neutro x attraverso l’annullamen-
to del momento statico della sezione parzializzata omoge-
Ecm = 22 000·(fcm /10)0,3= 22 000·(28/10)0,3= 29 962 MPa neizzata (3.18) e successivamente l’inerzia corrispondente
(3.19):
essendo fcm = fck + 8 MPa = 28 MPa.
Si considera un acciaio B450C caratterizzato da una ten- b · x2
sione di snervamento fy k = 450 MPa, e un modulo elastico Sn = 0 : + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) = 0
2
Es = 210 000 MPa. 1000 · x 2
+15 · 2814 · (x − 30) − 15 · 2814 · (290 − x) =
I valori caratteristici dei carichi sono pari a 20 kN/m per 2
il permanente e 20 kN/m per l’accidentale; pertanto nel- = 0 → x = 100 mm
la condizione quasi permanente si ha un carico totale di b · x3
26 kN/m: In = + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2
3
1000 · 1003
Fk = Gk + ψ21 Qk1 = 20 + 0,3 · 20 = 26 kN/m In = + 15 · 2814 · (100 − 30)2 +
3
Con riferimento a uno schema di trave semplicemente + 15 · 2814 · (290 − 100)2
appoggiata di lunghezza L = 6 m si ottiene un momento → In = 2063, 9 · 106 mm4

M
14 16
320
30

14 16

1000
30

Figura 3.23 Sezione a doppia armatura soggetta a flessione semplice.


Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 101

La percentuale di armatura ρp,eff risulta: φ


sr,max = k3 · c + k1 · k2 · k4 =
ρp,ef f
16
As = 3, 4 · 30 + 0,8 · 0,5 · 0,425 = 173 mm
ρp,eff = 0,0384
b · min (2, 5 · c; [h − x]/3)  �
2814 σs fct,eff fct,eff 161
= = 0,0384 εsm − εctm = − kt + = −
min (75 000; 73 333) Es Es · ρp,eff Ecm 210 000
 �
2,2 2,2
+ 0,4 · + = 0,00063
Avendo inoltre fissato: k1 = 0,8 per barre ad aderen- 210 000 · 0.0384 29 962
za migliorata; k2 = 0,5 per sollecitazione di flessione; da cui:
k3 = 3, 4; k4 = 0,425; kt = 0,4 per carichi di lunga durata
e fct,eff = fctm = 2,2 MPa si ha: wk = sr,max · (εsm − εctm ) = 173 · 0,00063 = 0,109 < ω1

3.5.2 La verifica indiretta dell’ampiezza delle fessure


In molti casi non è necessario utilizzare le metodologie introdotte nei paragrafi
precedenti, bensì è sufficiente procedere a una verifica indiretta dell’ampiezza
delle fessure.
Facendo riferimento alle indicazioni dell’EC2 2004, che coincidono con quelle
della Circolare 617 associata alla NTC, è necessario che venga disposta un’ar-
matura minima, di cui si parla nel paragrafo successivo, e che siano verificati
i seguenti punti:
1. in corrispondenza dei diametri prescelti siano soddisfatte alcune limitazioni
tensionali riportate nella Tabella 3.3, che si riferiscono a un copriferro di
25 mm, a una resistenza a trazione del calcestruzzo fct,eff = fctm = 2,9
MPa, ai valori dei coefficienti k = 1 e kc = 0,4 per il calcolo dell’armatura
minima (Par. 3.5.3), ai valori dei coefficienti k1 = 0,8, k2 = 0,5 e kt =
0,4 per le verifiche di fessurazione. La tensione nell’acciaio si riferisce alla
combinazione di carico pertinente la verifica.

Tensione nell’acciaio Massimo diametro delle barre (mm) Tabella 3.3


(MPa) w k = 0,4 mm w k = 0,3 mm w k = 0,2 mm Limitazione
160 40 32 25 dell’apertura
200 32 25 16 delle fessure
240 20 16 12 secondo NTC 2008.
280 16 12 8
320 12 10 6
360 10 8 –

2. siano rispettate le distanze minime fra le barre indicate nella Tabella 3.4.

Tensione nell’acciaio Massima distanza delle barre (mm) Tabella 3.4


(MPa) w k = 0,4 mm w k = 0,3 mm w k = 0,2 mm Limitazioni
160 300 300 200 delle distanze
200 300 250 150 tra le barre
240 250 200 100 per il controllo
280 200 150 50 dell’apertura
320 150 100 – delle fessure.
360 100 50 –
102 Capitolo 3

Si osservi che nel calcolo tecnico dell’apertura delle fessure la (3.69) mostra che
è importante limitare la tensione nell’acciaio e la (3.72) che occorre limitare il
diametro delle barre, a parità di area di armatura, per ridurre la distanza tra
le fessure.
La limitazione del diametro (requisito 2) garantisce inoltre che le barre siano
sufficientemente diffuse. In pratica se sono soddisfatti i requisiti presentati nelle
Tabelle 3.3 e 3.4, le analisi numeriche sviluppate in precedenza garantiscono
che l’ampiezza delle fessure non è superiore ai limiti 0,4, 0,3 e 0,2 mm. Tali
limitazioni sono cautelative rispetto al calcolo esatto.
Con riferimento all’esempio 3.7 e ai limiti riportati in Tabella 3.3 e 3.4, si
osserva, infatti, che per la tensione di lavoro delle armature nella combinazione
di carico di verifica (161 MPa), il diametro delle barre (16 mm) è inferiore al
valore massimo (25 mm) indicato per avere un’ampiezza massima delle fessure
pari a 0,2 mm. Analogamente, per la stessa tensione di lavoro la distanza tra
le armature (circa 60 mm) è inferiore al valore massimo (200 mm) indicato
per avere un’ampiezza massima delle fessure pari a 0,2 mm. Entrambe le limi-
tazioni forniscono quindi un’apertura massima delle fessure pari a 0,2 mm; il
calcolo esatto fornisce invece un valore massimo dell’ampiezza delle fessure di
0,109 mm, che è quasi la metà del valore cautelativo ottenuto con la verifica
indiretta.
Esempio 3.8
Verifica dell’apertura delle fessure condizione frequente il carico di progetto totale è:
Si considera la sezione rettangolare caratterizzata dalle se- q = Fk = Gk + ψ11 Qk1 = 18 + 0,5 · 14 = 25 kN/m
guenti proprietà:
Con riferimento a uno schema di trave semplicemente
• base b = 300 mm;
appoggiata di lunghezza L = 6 m il momento flettente
• altezza totale h = 600 mm;
massimo in mezzeria è pari a:
• copriferro c = 30 mm;
altezza utile d = 570 mm; q · l2
• Mmax = = 112,5 kN m
• lunghezza L = 6 m; 8
• armatura in trazione 4φ14 per un area di acciaio As1 = Si valuta il momento di fessurazione in modo semplificato
615 mm2 ; facendo riferimento alla sola sezione di calcestruzzo:
• armatura in compressione 2φ14 per un area di acciaio b · h2 300 · 6002
As2 = 308 mm2 . Mcr = fctm · = 2,2 · = 39,6 kNm
6 6
Per quanto riguarda i materiali si utilizza un calcestruzzo Il momento di fessurazione risulta quindi maggiore di quel-
di resistenza cilindrica caratteristica fck = 20 MPa, cui cor- lo massimo agente in sezione. La tensione nell’armatu-
risponde una resistenza media a trazione del calcestruzzo, ra in trazione, σs , si può calcolare mediante la formula
fctm pari a: semplificata:
2/3
fctm = 0,3 · fck = 0,3 · 202/3 = 2,2 MPa M 112,5 · 106
σs = = = 357 MPa <
0,9 · d · As 0,9 · 570 · 615
Il modulo elastico del calcestruzzo risulta: < 0,8fy k = 360 MPa
Ecm = 22 000 · (fcm /10)0,3= 22 000 · (28/10)0,3= 29 962 MPa Oppure con la formula esatta:
essendo fcm = fck + 8 MPa = 28 MPa M 112,5 · 106
σs = n · · (d − x) = 15 · · (570 − 149) =
Si considera un acciaio B450C caratterizzato da un ten- In 2031,3 · 106
sione di snervamento fy = 450 MPa e modulo elastico = 350 MPa < 0,8fy k = 360 MPa
Es = 210 000 MPa.
I valori caratteristici dei carichi sono di 18 kN/m per il avendo calcolato l’asse neutro attraverso l’annullamento
permanente e 14 kN/m per l’accidentale; considerando una del momento statico della sezione parzializzata omoge-
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 103

neizzata e successivamente l’inerzia corrispondente: si ha:


φ
sr,max = k3 · c + k1 · k2 · k4 =
b · x2 pp,eff
Sn = 0 → + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) = 0 14
2 = 3,4 · 30 + 0,8 · 0,5 · 0,425 = 189 mm
0,0273
300 · x 2 σs

fct,eff fct,eff

+ 15 · 308 · (x − 30) − 15 · 615 · (570 − x) = εsm − εctm = − kt + =
2 Es  Es · ρp,eff Ecm �
= 0 → x = 149 mm 350 2,2 2,2
= −0,4· + = 0,00148
210 000 210 000·0,0273 29 962
b · x3
In = + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2
3 da cui:
300 · 1493
In = + 15 · 308 · (149 − 30)2 + wk = sr,max · (εsm − εcm ) = 189 · 0,00148 =
3
= 0,28 mm < w2 = 0,3 mm
+ 15 · 615 · (570 − 149)2 = 2031,3 · 106 mm4
Considerando un’area di armatura in trazione pari a 6φ12 =
La percentuale di armatura ρr risulta: 678 mm2 che è quasi equivalente ai 4φ14 (615 mm2 ), ma
realizzata con barre di diametro inferiore, si ottiene per la
stessa sezione e la stessa condizione di carico, un’apertura
As
ρp,eff = = delle fessure inferiore:
b · min(2,5 · c; [h − x]/3)
678
ρp,eff = = 0,030
615 300 · min(75; 150)
= = 0,0273 φ
300 · min(75; 150) sr,max = k3 · c + k1 · k2 · k4 = 3,4 · 30+
ρp,eff
12
Avendo inoltre fissato: 0,8 · 0,5 · 0,425 = 170 mm
0,030
M 112,5 · 106
σs = = = 323 MPa
• k1 = 0,8 barre ad aderenza migliorata; 0,9 · d · As 0,9 · 570· 678 �
323 2,2 2,2
• k2 = 0,5 per sollecitazione di flessione; εsm − εctm = − 0,4· + =
210 000 210 000 · 0,0301 29 962
• k3 = 3,4; k4 = 0,425; kt = 0,4 per carichi di lunga = 0,00137
durata; wk = sr,max · (εsm − εctm ) = 170 · 0,00137 =
• fct,eff = fctm = 2,2 MPa; = 0,23 mm < w2 = 0,3 mm

3.5.3 Minimi di armatura nelle travi


Il rispetto dei minimi di armatura nelle sezioni in cemento armato è un pro-
blema di particolare rilevanza. Infatti per evitare situazioni di elevata fragilità
è necessario imporre che all’inizio della fessurazione la sezione abbia un’arma-
tura sufficiente a sopportare la forza di trazione che il calcestruzzo teso era in
grado di assorbire.
In particolare in una sezione semplicemente tesa si deve garantire:
Ny ≥ Ncr (3.79)
essendo Ncr l’azione assiale che induce la fessurazione definita dalla 3.49 e Ny
lo sforzo di snervamento dell’armatura. Limitando, all’atto della fessurazione,
la tensione nell’acciaio a un valore cautelativo σs inferiore alla tensione di
snervamento, si deve verificare:
Ny = σs · As ≥ Ncr = fct · [Act + nAs ] ' fct · Act (3.80)
104 Capitolo 3

da cui:
fct
As ≥ · Act (3.81)
σs
In una sezione inflessa si deve invece verificare:

My ≥ Mcr (3.82)

essendo Mcr e My per una sezione rettangolare di base b e altezza h:

b · h2 fct · h · 2Act fct · h


Mcr ⇠
= fct · = = · Act (3.83)
6 6 3
= 0,9 · d · σs · As ⇠
My ⇠ = 0,8 · σs · h · As (3.84)
bh
avendo assunto Act , l’area di calcestruzzo in trazione, pari a 2
e 0,9d ' 0,8h.
Si trae pertanto:
fct
As ≥ 0,4 · · Act (3.85)
σs
La formula suggerita dall’EC2 2004 è la seguente:
fct,eff
As ≥ k · k c · · Act,eff (3.86)
σs
dove:
# kc è un coefficiente che tiene conto della distribuzione delle tensioni nella
sezione prima della fessurazione; si assume 1 per trazione pura, mentre per
la flessione sono fornite le formule che dipendono dalla forma della sezione
(sezione rettangolare, a cassone, a T) e che forniscono valori del coefficiente
inferiori a 1,0;
# k è un coefficiente che tiene conto delle tensioni intrinseche presenti nel
calcestruzzo (per esempio per effetto del ritiro) e assume valori compresi
tra 0,65 e 1,0, in particolare:
– k = 1 per solette con h  300 mm o ali con larghezza  300 mm;
– k = 0,65 per solette con h ≥ 800 mm o ali con larghezza ≥ 800 mm,
mentre valori intermedi possono essere interpolati;
# fct,eff il valore medio dell’effettiva resistenza a trazione del calcestruz-
zo al momento in cui avviene la fessurazione (al di sotto dei 28 giorni
fct,eff  fctm ).
Per quanto riguarda invece la NTC 2008, viene fornita la seguente formula:
fctm
As ≥ 0,26 · · bt · d ma comunque non inferiore a 0,0013 · bt · d (3.87)
fyk
essendo bt la larghezza media della zona tesa. Per una trave a T con piattabanda
compressa, nel calcolare il valore di bt si considera solo la larghezza dell’ani-
ma.
La (3.87) definisce valori della percentuale di armatura minima molto più
bassi (0,13% e 0,24 % per un calcestruzzo di resistenza fck 20 MPa e 50 MPa
rispettivamente) rispetto alla (3.86). Tuttavia si deve sottolineare che per le
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 105

costruzioni in zona sismica viene introdotto nella stessa normativa italiana un


minimo di armatura tesa decisamente maggiore:
1,4
As ≥ · bt · d (3.88)
fyk
che per un acciaio con tensione di snervamento 450 MPa (per esempio tipo
B450C) fornisce un valore della percentuale minima del 0,3% indipendente-
mente dalla classe del calcestruzzo.
Il rispetto del minimo di armatura deve garantire l’assenza di rottura di tipo
“fragilissimo” all’atto della fessurazione; si osservi peraltro che la formulazione
normativa illustrata è comunque il risultato di una trattazione estremamente
semplificata di una problematica molto più complessa che può essere affrontata
con maggiore dettaglio nell’ambito della meccanica della frattura.

3.6 Stato limite di deformazione


Il soddisfacimento dello Stato Limite di Deformazione è basato sulla necessità
che la deformazione di un elemento o di una struttura sia tale da non com-
prometterne la funzionalità e l’aspetto estetico. Adeguati valori limite della
deformazione devono tenere conto della natura delle finiture, dei tramezzi non-
ché della funzione della struttura. I valori limite, in perfetta analogia con lo
Stato Limite di Fessurazione, vanno concordati con il committente.
In pratica le limitazioni non riguardano direttamente gli spostamenti verticali
delle travi, bensì il rapporto freccia/luce (f /l). Infatti gli elementi fragili che
possono essere posizionati al di sopra delle travi sono in genere sensibili alle
distorsioni angolari, di cui una misura significativa è appunto il rapporto f /l.
Fermo restando che i limiti accettati di f /l vanno concordati con il com-
mittente, indicazioni di massima sono le seguenti:
# per garantire l’aspetto e la fruibilità in condizioni standard, per i carichi
quasi permanenti è necessario che f /l sia inferiore a 1/250;
# nel caso in cui siano temuti danni a tramezzi, finiture o infissi, è necessario
limitare f /l a 1/500.
In alcuni casi la limitazione delle frecce può essere fatta in modo implicito
limitando il rapporto luce/altezza dell’elemento strutturale, ma in generale si
deve procedere al calcolo dello spostamento verificandone la compatibilità con
le limitazioni che ne garantiscono la funzionalità.
Nel seguito, sulla falsariga di quanto sviluppato per la fessurazione, si
presenteranno diverse metodologie di calcolo delle frecce di diversa difficoltà
applicativa.

3.6.1 Analisi media della sezione e calcolo delle frecce


L’analisi locale presentata nel Paragrafo 3.4 consente anche il calcolo degli spo-
stamenti; infatti dall’analisi locale delle deformazioni nel concio tra due fessure
può calcolarsi la curvatura in ciascuna sezione e dall’integrazione delle curva-
ture lungo l’elemento è poi possibile passare al calcolo delle rotazioni e degli
spostamenti. Qualche ulteriore difficoltà si presenta nel caso delle strutture
106 Capitolo 3

iperstatiche. In pratica ben difficilmente si fa riferimento a una tale procedura


in quanto è troppo onerosa dal punto di vista computazionale.
La procedura più raffinata che può effettivamente considerarsi si basa inve-
ce sulla definizione di una curvatura “media” delle sezioni; tale concetto è del
tutto simile, e pertanto collegato agli stessi parametri, a quello definito nel Pa-
ragrafo 3.5.1 per la deformazione media nell’armatura. Infatti esaminando un
concio di trave tra due fessure (Fig. 3.24a), si individua la situazione di sezione
parzializzata (stadio 2) nelle sezioni in cui è localizzata la fessura, mentre nelle
sezioni all’interno del concio tra due fessure, per l’effetto irrigidente del calce-
struzzo teso che è reagente per la parte definita come area efficace grazie al
trasferimento delle tensioni di aderenza (tension stiffening), il comportamento
tende a quello di sezione interamente reagente (stadio 1).
L’effettivo comportamento dell’elemento si può quindi modellare facendo
riferimento a una curvatura media, 1/rm , della sezione ricavata a partire dalle
curvature valutate nello stadio 1 non fessurato, 1/r1 , e nello stadio 2 fessurato,
1/r2 , con una formula che in generale può porsi nella seguente forma:

1 1 1
= · (1 − ζ) + ·ζ (3.89)
rm r1 r2
✓ ◆n
σs,cr
ζ =1−β· (3.90)
σs
essendo:
1 M 1 M
= = 0≤1−ζ ≤1 (3.91)
r1 Ec I 1 r2 Ec I 2
dove I1 e I2 sono le inerzie della sezione nello stadio 1 e 2 (con I1 = I e
I2 = In secondo la simbologia precedentemente introdotta) x1 e x2 sono i
corrispondenti valori dell’asse neutro della sezione nello stadio 1 e 2, σs è
la tensione nell’acciaio nella sezione fessurata (stadio 2) in cui è applicato
il momento massimo, e σs,cr è stata definita, nel caso di trazione semplice dalla
Eq. (3.76) come:
Ncr
= σs,cr
As
da cui:
σs,cr Ncr
= (3.92)
σs N
essendo
N
σs = (3.93)
As
In caso di flessione in analogia al caso della trazione la tensione σs,cr è definita
come la tensione nell’armatura quando alla sezione fessurata è applicato il
momento di fessurazione:
Mcr
σs,cr = n · · (d − x2 ) (3.94)
In
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 107

La tensione nell’armatura nella sezione fessurata in presenza di un momento


M ≥ Mcr si calcola con la formula di Navier con riferimento all’inerzia, In , e
all’asse neutro, x2 , della sezione fessurata omogeneizzata reagente:
M
σs = n · · (d − x2 ) (3.95)
In
Dal rapporto delle 3.94 e 3.95 si ottiene, quindi:
σs,cr Mcr
= (3.96)
σs M
In generale si definisce il coefficiente di tension stiffening come:
Mcr n
✓ ◆
γ=β· (3.97)
M
in cui i parametri β ed n servono per correggere l’espressione per le ipote-
si esemplificative fatte (tensioni di aderenza costanti). La relazione momento
curvatura media M − 1/rm è riportata qualitativamente nella Figura 3.24b,
insieme alle curvature 1/r1 e 1/r2 .

A B
x2 Stadio1
x1 M

Stadio 2
EcI1
1 Figura 3.24
A B Comportamento
A-A B-B medio
x2 EcI2 dell’elemento.
x1 Mcr 1 (a) Schema
del concio.
1/rm (b) Relazione
I2 I1 Ig momento-curvatura
(a) (b) media.

Per esempio la formulazione del Model Code 2010 può porsi in forma analoga
alla (3.89) definendo:
Mcr 2
✓ ◆
1−ζ =β· (3.98)
M
essendo:
# β un coefficiente che tiene conto della durata dei carichi (1,0 per carichi di
breve durata, 0,5 per carichi di lunga durata o ciclici).
In alternativa si può procedere introducendo il concetto di inerzia media (o
efficace, equivalente):
Im = I1 · γ + I2 · (1 − γ) (3.99)
È questo il caso del modello introdotto dall’ACI 318 (2005), basato sul modello
originario di (Bransen, 1977) e in cui si definisce

Mcr 4
✓ ◆
γ= (3.100)
M
108 Capitolo 3

In realtà i modelli di tension stiffening possono essere tutti espressi ponendo il


termine 1/EI m nella seguente forma (Greco e Cosenza, 1988; Cosenza e Greco,
1991):
1 1 Mcr I1
 ✓ ◆�
= · 1 − Fts , , β1 , β2 (3.101)
Ec I m Ec I 2 M I2
dove Ec I2 è la rigidezza caratteristica dello stadio 2, mentre Fts è una funzio-
ne adimensionale che introduce l’effetto di tension stiffening e dipende dalle
variabili Mcr /M , I1 /I2 , β1 e β2 .
L’espressione di Fts , considerando le proposte del CEB (1985) e dell’ACI
435 (1984), assume rispettivamente la seguente forma:
◆2 ✓
Mcr I2
✓ ◆
Fts = β1 · β2 · · 1− (3.102)
M I1
4
(Mcr /M ) · (I1 /I2 − 1)
Fts = 1 − 4 (3.103)
1 + (Mcr /M ) · (I1 /I2 − 1)

Per il calcolo dello spostamento in mezzeria, freccia f , può essere applicato il


principio dei lavori virtuali come segue:
MM0
Z
f= · dz (3.104)
Ec I
l

essendo M il diagramma del momento flettente sulla trave di cui si vuole


calcolare lo spostamento, M 0 quello della trave ausiliaria caricata con la forza
unitaria in mezzeria ed l la lunghezza dell’intero elemento.
La (3.104) consente di valutare la freccia tenendo conto della fessurazione
e del tension stiffening, e può porsi nella seguente forma:

f = f1 + ∆f2 − ∆fts (3.105)

in cui: f1 è la freccia nell’ipotesi di struttura non fessurata (stadio 1); ∆f2 è


l’incremento di freccia dovuta al tratto fessurato considerato nello stadio 2 e
∆fts è il decremento dovuto al tension stiffening nei conci tra le fessure nel
tratto fessura.
Infatti, indicato con l la lunghezza dell’intero elemento strutturale, con
l1 il tratto non fessurato e con l2 il tratto fessurato, dalla (3.104) si ha
immediatamente:
MM0 MM0
Z Z
f1 = · dz f2 = · dz (3.106)
Ec I 1 Ec I 2
l l
1 1
Z ✓ ◆
∆f2 = − · M M 0 · dz (3.107)
Ec I 2 Ec I 1
l2
MM0
Z
∆fts = Fts · dz (3.108)
Ec I 1
l2
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 109

La (3.107) si può in generale esprimere come:

I2
✓ ◆
∆f2 = f2 · 1 − F1 (3.109)
I1

essendo F1 funzione del rapporto l⇤ /l tra la lunghezza del tratto non fessurato
e la luce della trave.
Inoltre nel caso della formulazione del CEB si ha:
1 I2 M0
✓ ◆ Z
2
∆fts = · (Mcr ) · β1 · β2 · 1 − · dz (3.110)
Ec I 2 I1 M
l2

che si può porre nella forma:

I2
✓ ◆
∆fts = f2 · β1 · β2 · 1 − · F2 (3.111)
I1

dove F2 è ancora una funzione del rapporto tra la lunghezza del tratto non
fessurato e la lunghezza totale.
Nella Tabella 3.5 sono riportati i valori di F1 , F2 ed l⇤ /l per gli schemi stati-
ci di trave semplicemente appoggiata e di mensola, considerando la condizione
di carico uniformemente distribuito q eventualmente insieme a una forza con-
centrata in mezzeria F ; quest’ultima viene introdotta in termini adimensionali
come F = F/ (q · l).
In particolare con l⇤ si è indicata la distanza fra l’appoggio e la prima sezione
fessurata nel caso della trave appoggiata; la distanza fra l’estremo non vincolato
e la prima sezione fessurata nel caso della mensola. Un’ulteriore espressione
per la valutazione della freccia si ottiene sostituendo nella (3.105) le (3.109) e
(3.111) e considerando che I2 /I1 = f1 /f2 :

f1 f1
✓ ◆ ✓ ◆
f = f1 + f2 · 1 − · F1 − f 2 · β 1 · β 2 · 1 − · F2 =
f2 f2 (3.112)
= f1 + (f2 − f1 ) · (F1 − β1 · β2 · F2 )

che avendo posto:


γ = F1 − β1 · β2 · F2 (3.113)
si può mettere nella forma :

f = f1 · (1 − γ) + f2 · γ (3.114)

e cioè in una forma duale alla (3.89).


La funzione 1 − γ è diagrammata nelle Figure 3.25 e 3.26 per i due schemi
statici considerati e per i due casi β1 · β2 =1 e β1 · β2 = 0,5. Si è assunto come
variabile il rapporto fra il momento di prima fessurazione Mcr e il momento
massimo Mmax che agisce sullo schema considerato.
I diagrammi consentono l’immediato calcolo delle frecce per i due schemi,
particolarmente ricorrenti nella pratica. Si osservi come le due famiglie di curve
siano estremamente raccolte.
110 Capitolo 3

Tabella 3.5


F1 , F2 , l∗ /l per

1+2F
gli schemi di trave


· 1+2 · F
appoggiata

⌘2 M ⇣
Mmax
e di mensola.

cr
Mmax
Mcr

Mcr ⇣
Mmax
Mcr
1+F −
l ∗ /l

Mmax
1−
2

2
r

F+
1−

⌘ r⇣

r

F+
1+F

◆�

+2·F
1+F−l∗/l

1+2·F
l∗

1+2·F
l
·ln 2· 1−

l∗
l
✓ ∗ ◆2 #2  ✓

·ln

l∗
l
·ln 2

· 1+ ·F
# "

#2
·ln
8
5

1+ ·F
⌘ ✓l ∗◆2 2

l∗
l
◆4

8
3
F2

+2·F·

l∗
l
l

192


l

5
l

1+F −

◆2

l∗
192 l ∗

l
l

"✓
"

l ∗⇣
·


l
5

"
⌘ ✓ l ∗◆3 48✓ l∗◆4

✓ ∗ ◆3 #
5 l
✓ ◆4
48 l ∗

l
l

l
+

+ ·F· 1−
+ ·

✓ ∗ ◆4
5

1+ ·F
"
1+ F

l
8
5

8
3
✓ ◆3
F1

1+F ·

8
3
1−
64 l ∗
l

◆4
1− ·

8 64 ⇣
5

l
5 5

l

1+ F

1−
F = F/(q . l)

F = F/(q . l)
q

q
Schema

q
statico

3.6.2 Calcolo tecnico delle frecce

La procedura illustrata precedentemente, pur essendo già una modellazione


semplificata per la valutazione delle frecce, può risultare comunque onerosa
da un punto di vista applicativo nel caso di schemi più complessi; pertanto le
normative forniscono anche la possibilità di effettuare una valutazione diretta
degli spostamenti senza calcolare le curvature.
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 111

(a)
1
1– g F q
0,8 b1b2 = 1
l
0,6
F = F / (q . l) 5
0,4 2
1.5
0,2 F 1
0.5
0
0
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
Mcr /Mmax
(b)
1
1– g F q
0,8 b1b2 = 0,5
l
0,6
F = F / (q . l) 5
0,4 2 Figura 3.25
1.5 Andamento
0,2 F 1 della funzione γ:
0.5 (a) trave
0
appoggiata con
0 β1 · β2 = 1; (b) trave
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 appoggiata con
Mcr /Mmax β1 · β2 = 0,5.

In pratica sia il Model Code 2010 sia l’EC2 2004 suggeriscono formule dello
stesso tipo delle (3.89), ma che forniscono direttamente gli spostamenti (frecce):

f = f1 · (1 − ζ) + f2 · ζ (3.115)
✓ ◆2
σs,cr
ζ =1−β·
σs
dove:
# f1 e f2 sono i valori delle frecce calcolati con riferimento all’inerzia ri-
spettivamente della sezione integra (stadio 1) e della sezione fessurata
(stadio 2);
# β è un coefficiente che tiene conto della durata dei carichi (1,0 per carichi
di breve durata, 0,5 per carichi di lunga durata o ciclici);
# σs è la tensione nell’armatura nella sezione fessurata in corrispondenza dei
carichi applicati;
# σs,cr è la tensione nell’armatura nella sezione fessurata in corrispondenza
dei carichi applicati che causano la prima fessurazione.
112 Capitolo 3

(a)
1
1– g F q
0,8 b1b2 = 1

l
0,6
F = F / (q . l) 5
0,4 2
1.5
0,2 F 1
0.5
0
0
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
Mcr /Mmax
(b)
1
1– g F q
0,8 b1b2 = 0,5

l
0,6
F = F / (q . l) 5
0,4 2
Figura 3.26 1.5
Andamento 0,2 F 1
0.5
della funzione γ: 0
(a) mensola con
0
β1 · β2 = 1;
(b) mensola con
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
β1 · β2 = 0,5. Mcr /Mmax

Come illustrato nel Paragrafo 3.6.1, il rapporto σs,cr /σs può essere sostituito
dal rapporto Mcr /M per elementi inflessi o Ncr /N per elementi tesi, essendo
Mcr ed Ncr il momento e lo sforzo normale di fessurazione, per cui la (3.115)
diventa:
" ◆ #
Mcr 2 Mcr 2
✓ ◆ ✓
f = f1 · β · + f2 · 1 − β · (3.116)
M M

La (3.116) esplicita la forma della (3.114) mediante una dipendenza funzionale


da Mcr /Mmax estremamente semplificata. Si osservi però che nella scelta di
formulazioni di diversa approssimazione si deve sempre tenere conto dell’affi-
dabilità dei parametri meccanici necessari per le valutazioni. In particolare il
calcolo delle frecce è fortemente condizionato dalla valutazione del modulo di
elasticità del calcestruzzo Ec e del momento di fessurazione Mcr , ovvero della
resistenza a trazione del calcestruzzo.
Infatti l’utilizzo di formulazioni raffinate risulta inefficace se le valutazioni
di Ec e Mcr non sono adeguatamente affidabili, per cui è certamente sufficiente
utilizzare formule approssimate del tipo della (3.115).
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 113

Nelle Figure 3.27 sono riportati numerosi risultati sperimentali relativi alla
dipendenza del modulo elastico Ec e della resistenza a trazione fr del calce-
struzzo dalla resistenza a compressione; è evidente la notevole dispersione dei
risultati e quindi il grado di affidabilità che possono avere le formulazioni.
(a) (b)
45 6,0

fr (MPa)
Ec (GPa)

40 5,5
5,0
35
4,5
30 4,0
25 3,5 Figura 3.27
3,0 Risultati sperimentali
20
2,5 relativi
15 2,0 al calcestruzzo
10 1,5 in funzione
1,0 della resistenza
5 a compressione.
0,5
0 (a) Modulo elastico;
0,0
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 (b) Modulo di
fc (MPa) fc (M Pa) rottura.

La normativa americana (ACI 318-05, 2005) fornisce la seguente formulazione


per il calcolo dell’inerzia media equivalente, Ie :
" ◆ #
Mcr 3 Mcr 3
✓ ◆ ✓
I e = Ig · + Icr · 1 − (3.117)
Ma Ma

essendo Ig e Icr i valori dell’inerzia rispettivamente della sezione integra (Ig =


I1 ) e della sezione fessurata (Icr = I2 ), Ma il momento sollecitante.
L’influenza della modellazione e delle incertezze sperimentali nella valuta-
zione delle frecce è stata studiata da diversi autori (Beeby, 1974; Ramsay et
al., 1978; Cosenza, 1988; Espion e Halleaux, 1990; Cosenza e Greco, 1990;,
Cosenza e Rizzano, 1994), cui si rimanda per ulteriori approfondimenti. Ad
esempio in Cosenza e Greco (1990) e Cosenza e Rizzano (1994) è mostrato, su
base statistica, come una migliore aderenza ai risultati sperimentali si abbia
considerando nella (3.116) l’esponente 1,5 invece di 2; in tal caso l’affidabilità
statistica della formula può addirittura essere superiore a quella del metodo
più raffinato basato sull’integrazione delle curvature.

3.6.3 Effetti differiti


Il calcolo delle deformazioni nelle strutture in cemento armato non può assolu-
tamente prescindere dagli effetti “lenti”, e cioè dagli effetti che si sviluppano nel
calcestruzzo nel tempo; nel seguito viene fatto un breve cenno alla problematica
in relazione alla valutazione delle deformazioni.
Nel tempo si manifestano nel calcestruzzo fenomeni sia deformativi in
assenza di carico dovuti al “ritiro”, sia in presenza di carico dovuti alla
“viscosità”.
114 Capitolo 3

Tanto il ritiro quanto la viscosità sono collegati agli stessi parametri, di cui i
principali sono il tempo di maturazione, il perimetro esposto all’aria rispetto
all’area della sezione, l’umidità relativa dell’ambiente. Tanto il ritiro quanto
la viscosità, essendo sostanzialmente legati agli scambi di acqua con l’esterno,
aumentano in presenza di ridotti tempi di maturazione, di elevati perimetri
esposti all’atmosfera, di ambienti secchi.
Ritiro e viscosità possono essere trattati sovrapponendo gli effetti nelle
singole fibre, mentre nell’intera sezione vi è un’approssimazione legata alla
variazione della profondità dell’asse neutro.
Il ritiro è una deformazione imposta al calcestruzzo e il problema può essere
studiato in maniera semplice dividendo in due fasi la soluzione. Nella prima
fase si sottopone alla distorsione da ritiro l’intera sezione, acciaio compreso;
si valuta così lo sforzo che nasce nell’acciaio (nel calcestruzzo la deformazione
indotta dal ritiro è atensionale) e per equilibrio in una seconda fase si applica
l’azione uguale e contraria all’intera sezione. Ne consegue che se l’armatura
è simmetrica, l’acciaio contrasta la deformazione da ritiro senza alcun effetto
flessionale. Se invece l’armatura non è simmetrica allora lo sforzo che si sviluppa
provoca anche curvatura e quindi inflessione nell’elemento.
Indicando con εsh la deformazione da ritiro, con riferimento al caso di
sezione semplicemente armata, si ottiene il seguente sforzo:
Nsh = εsh · Es · As (3.118)
applicato alla quota delle armature in trazione poste a distanza ys dal baricen-
tro della sezione reagente. Si ha dunque un momento flettente pari a:
Sc
Msh = εsh · Es · As · ys = εsh · Es · Ss = εsh · Es · = εsh · Ec · Sc (3.119)
n
con Ss ed Sc momenti statici rispetto al baricentro della sezione reagente
dell’acciaio teso e del calcestruzzo compresso rispettivamente, dovendo essere
Sc + n · Ss = 0.
La curvatura dovuta al ritiro risulta quindi:
1 Msh Sc n · Ss
= = εsh · = εsh (3.120)
rsh Ec · I I I
dove I è il momento di inerzia I1 o I2 della sezione in stadio 1 o 2 a seconda
della condizione di carico in esame. L’espressione (3.120) è quella fornita dal
Model Code 2010.
Se la sezione è costante lungo l’intero elemento, lo spostamento massimo
assume il seguente valore:
c1 · Msh · l2 Sc · l2
fsh = = c1 · εsh · (3.121)
Ec · I I
dove c1 vale 1/8 per la trave appoggiata e 1/2 per la mensola e ipotizzando un
momento costante lungo l’elemento pari a Msh .
Per quanto concerne l’effetto della viscosità, per stati tensionali non su-
periori al 30 ÷ 40% della resistenza a compressione del calcestruzzo è valida
la teoria lineare della viscosità, per cui la deformazione viscosa εv si assu-
me proporzionale, secondo un coefficiente di viscosità ϕ, alla deformazione
elastica εel .
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 115

Da tale assunzione si ottiene immediatamente il metodo EM (Effective Modu-


lus), in quanto si ha:
σc
ε = εel + εv = εel · (1 + ϕ) = · (1 + ϕ) (3.122)
Ec
e pertanto, in termini equivalenti, il problema si risolve introducendo nelle
formulazioni di calcolo della freccia il modulo elastico efficace del calcestruzzo
Ec,eff , come suggerito dal Model Code 2010:
Ec
Ec,eff = (3.123)
1+ϕ
Il problema a questo punto può essere trattato secondo le procedure illustrate
nei paragrafi precedenti utilizzando il modulo efficace nel calcolo della freccia.
In realtà la metodologia è approssimata, in quanto lo stato tensionale nel
calcestruzzo varia nel tempo; in tal caso un potente strumento ingegneristico
è costituito dal metodo “algebrizzato” detto anche “AAEM” e cioè del modulo
elastico modificato per l’età (Age Adjusted Effective Modulus). Tuttavia nel
caso in esame, analisi numeriche e confronti sperimentali svolti da Cosenza et
al. (1990) hanno mostrato che l’influenza del metodo è minimo, in quanto lo
stato tensionale è poco variabile, e comunque l’incertezza nella valutazione dei
parametri meccanici che definiscono il modello è di gran lunga superiore.
Per esempio nelle Figure 3.28 e 3.29 è riportato un confronto teorico-
sperimentale con riferimento alle prove effettuate da Bakoss et al. (1982) e
Jaccoud e Favre (1982) e considerando diverse metodologie teoriche. In par-
ticolare la metodologie considerate sono la procedura EM innanzi definita,
quelle EMr in cui, più rigorosamente, ritiro e viscosità sono considerati con-
temporaneamente e non si applica l’effetto del ritiro sulla sezione già affetta
dalla viscosità e la procedura AAEM in cui si considera la variabilità dello stato
di compressione del calcestruzzo. I risultati teorici sono praticamente coinci-
denti tra loro e l’accordo con i risultati sperimentali è sicuramente soddisfa-
cente.
In conclusione si può affermare che per il calcolo tecnico delle frecce è suffi-
ciente utilizzare la formulazione EM, essendo inutile ricorrere a procedure più
raffinate.
14

12

10
f (t, t0) (mm)

6 M / Mcr = 0,7 sperimentale


4 max = 2,39
AAEM
εcmax = 0 , 0 0 0 3 77 EMr
Figura 3.28
2 EM
Confronto teorico-
0 sperimantale: prove
0 100 200 300 400 500 600 di Jaccoud e Favre
t – t0 (giorni) (1982).
116 Capitolo 3

28

24

20

f (t, t0) (mm)


16

12 M / Mcr = 0,7 sperimentale


8 max = 2,42 AAEM
Figura 3.29 = 0,935 EMr
Confronto teorico- 4 εcmax = 0, 000377 EM
sperimentale: prove
di Bakoss et al. 0
(1982). 0 100 200 300 400 500 600
t – t0 (giorni)

Esempio 3.9
�2
1000 · 3203

a) Verifica di deformabilità a breve termine (t = 0) 320
I1 = + 1000 · 320 − 163 +
12 2
Con riferimento alla stessa trave introdotta negli esempi 3.2
+ 7 · 2814 · (290 − 163)2 +
e 3.7 ma armata inferiormente con 14φ16 = 2814 mm2 e
superiormente con 8φ16 = 1601mm2 si procede alla valuta- + 7 · 1608 · (163 − 30)2 = 3250,4 · 106 mm4
zione della freccia istantanea (tempo 0) per una condizione Trascurando il contributo delle armature si avrebbe I1 =
di carico rara. Al tempo t = 0 si considera un coefficien- bh3
= 2730,7 · 106 mm4 , valore che risulta circa 15%
12
te di omogeneizzazione, n, pari all’effettivo rapporto tra i inferiore a quello calcolato esattamente.
moduli elastici dei materiali: La freccia nello stadio 1 al tempo t = 0 è quindi pari a:
• calcestruzzo: Ecm = 29 962 MPa (come già calcolato 5 q · L4 5 40 · 60004
nell’esempio 3.6); f1 = · = · = 6,9 mm
384 Ecm · I1 384 299 62 · 3250,4 · 106
• acciaio: Es = 210 000 MPa;
Calcolo delle caratteristiche della sezione fessurata
da cui si ottiene n = 7.
(stadio 2):
La sezione presenta le stesse caratteristiche geometriche
riportate nella Figura 3.23. La posizione dell’asse neutro della sezione fessurata, x2 , si
Il carico distribuito agente sulla trave appoggiata di lun- calcola, come già fatto nell’esempio 3.2, mediante l’annul-
ghezza 6,0 m in condizione rara è q = Fk = 40 kN/m, lamento del momento statico rispetto al baricentro della
essendo Gk = 20 kN/m e Qk = 20 kN/m. sezione parzializzata attraverso la (3.18) ma assumendo il
coefficiente di omogeneizzazione pari all’effettivo rapporto
Calcolo delle caratteristiche della sezione non tra i moduli, n = 7:
fessurata (stadio 1): b · x22
+ n · A0s · (x2 − c) − n · As · (d − x2 ) = 0
2
Si riporta il calcolo della posizione del baricentro della sezio- 1000·x22
+7·1608·(x2 −30)−7·2814·(290−x2 ) = 0
ne omogeneizzata non fessurata come x1 = Ss /A, essendo 2
Ss il momento statico della sezione omogeneizzata rispetto → x2 = 83 mm
al lembo superiore della sezione:
L’inerzia della sezione parzializzata si calcola con la (3.19):
b · h2 /2 + n · As · d + n · A0s · c b · x23
x1 = = I2 = + n · A0s · (x2 − c)2 + n · As · (d − x2 )2
b · h + n · As + n · A0s 3
2
1000·320 /2+7·2814·290+7·1608·30 1000 · 833
= = 163 mm I2 = + 7 · 1608 · (83 − 30)2 +
1000 · 320 + 7 · (2814 + 1608) 3
+ 7 · 2814 · (290 − 83)2
L’inerzia della sezione non fessurata è quindi pari a: → I2 = 1066,3 · 106 mm4

b · h3 La freccia nello stadio 2 al tempo t = 0 è quindi pari a:


I1 = + b · h · (0.5h − x1 )2 + n · A0s · (x1 − c)2 +
12 5 q · L4 5 40 · 60004
+ n · As · (d − x1 )2 f2 = · = · = 21,1 mm
384 Ecm · I2 384 299 62 · 1066,3 · 106
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 117

Il momento massimo agente in campata è: e quindi avendo assunto β1 · β2 =1 si ottiene:


2 2
q·L 40 × 6
M= = = 180 kNm γ = 1 − F1 + β1 · β2 · F2 = 1 − 0,998 + 0,067 = 0,069
8 8
Il momento di prima fessurazione già calcolato nell’esem-
da cui:
pio 3.6 è pari a:
fctm · b · h2 f0 = f1 · γ + f2 · (1 − γ) =
Mcr = = 37,5 kNm
6
= 6,9 · 0,069 + 21,1 · (1 − 0,069) = 20,1 mm
da cui si ottiene:
✓ ◆2
Mcr 37,5 Mcr Utilizzando la formula applicativa (3.116) proposta dal-
= = 0,209 = 0,044
M 180 M l’EC2 2004 si ha:
Volendo applicare la modellazione “raffinata” illustrata nel ✓ ◆2 " ✓ ◆2 #
Paragrafo 3.6.1 e con riferimento agli schemi riportati nel- Mcr Mcr
f = f1 · β · + f2 · 1 − β ·
la Tabella 3.5, si ha per la trave appoggiata con carico Ms Ms
distribuito:
 r � f = 6,9 · 0,044 + 21,1 · (1 − 0,044) = 20,5 mm
Mcr
1 − 1 − ⇥ √ ⇤
l⇤ Mmax 1 − 1 − 0,209
= = = 0,055 avendo assunto β = 1 per carichi di breve durata.
l 2 2 I risultati dimostrano l’affidabilità delle formulazioni di
✓ ⇤ ◆3 ✓ ⇤ ◆4
64 l 48 l calcolo diretto delle frecce.
F1 = 1 − · + · = 0,998
5 l 5 l Il rapporto freccia/luce risulta quindi:
" ✓ ⇤ ◆ 2 #2  ✓ ◆�
192 l⇤ l l⇤
F2 = · − · ln 2 · 1 − = 0,067 f 20,5
5 l l l = = 0,0034 < 0,004 = 1/250
l 6000

b) Verifica di deformabilità a lungo termine (della stessa si ha:


sezione considerata al punto 3.9a) Ecm 29 962
Per effettuare invece la verifica a lungo termine è ne- Ec,eff = = = 8812 MPa
(1 + ϕ) (1 + 2, 40)
cessario valutare la freccia tenendo conto della viscosità. 210 000
Con il metodo EM la procedura è estremamente sem- neff = = 23,8
8804
plice: si utilizzano le espressioni e i metodi dei Paragrafi
3.6.1 e 3.6.2 semplicemente sostituendo al modulo elasti- Calcolo delle caratteristiche della sezione non
co “istantaneo” Ecm quello effettivo Ec,eff e dunque al coef- fessurata (stadio 1):
ficiente di omogeneizzazione istantaneo n quello effettivo
neff = Es /Ec,eff . Si calcola la posizione del baricentro della sezione omo-
Per quanto concerne l’influenza della viscosità sull’ade- geneizzata come segue portando in conto il contribu-
renza, solo recentemente sono stati effettuati studi spe- to geometrico delle armature attraverso il coefficiente di
rimentali; in pratica il fenomeno è introdotto in maniera omogeneizzazione, neff :
estremamente semplificata assumendo il valore 0,5 per il 0,5 · b · h2 + neff · As · d + neff · A0s · c
x1 = =
coefficiente β nella (3.116). b · h + neff · As + neff · A0s
Nel caso in esame si assumono in maniera approssimata per 0,5·1000·3202 +23,8·2814·290+23,8·1608·30
= = 169 mm
il coefficiente di viscosità ϕ = 2,40 e per la deformazione 1000 · 320 + 23,8 · 1608 + 23,8 · 2814
da ritiro εsh = 0,00025. La valutazione della freccia vie-
L’inerzia della sezione non fessurata è pari a:
ne effettuata per la condizione di carico quasi-permanente,
assumendo un coefficiente riduttivo dei carichi accidentali b · h3
I1 = + b · h · (0,5h − x1 )2 + nef f · A0s · (x1 − c)2 +
ψ21 = 0,3 per civile abitazione, da cui si ottiene un carico 12
pari a: + nef f · As · (d − x1 )2
1000 · 3203
q = Gk + ψ21 QK = 20 + 0,3 · 20 = 26 kN/m I1 = + 1000 · 320(0,5 · 320 − 169)2 +
12
Procedendo con il calcolo della freccia mediante la stes- + 23,8 · 2814 · (290 − 169)2 +
sa metodologia utilizzata per il calcolo a breve termine + 23,8 · 1608 · (169 − 30)2 = 4476,6 · 106 mm4
118 Capitolo 3

La freccia in stadio 1 al tempo t = ∞ risulta quindi: Il momento massimo agente in campata è:


4
5 q·L
f1 = · f1 = Mmax = 26 · 62 /8 = 117 kNm
384 Ec,eff · I1
26 · 60004
◆2
5

= = 11,1 mm Mcr 37,5 Mcr
·
384 8812 · 4476,6 · 106 per cui = = 0,321 = 0,103.
M 117 M
Utilizzando direttamente l’espressione semplificata del-
Calcolo delle caratteristiche della sezione fessurata
l’EC2 2004 si ha:
(stadio 2): "
✓ ◆2 ✓ ◆2 #
L’asse neutro della sezione fessurata si calcola mediante Mcr Mcr
f = f1 · β · + f2 · 1 − β ·
l’annullamento del momento statico rispetto al baricen- Ms Ms
tro della sezione parzializzata attraverso la (3.18) in cui
si assume n = neff = 23,8: f1 = 11,1 · 0,5 · 0,103+17,7 · (1 − 0,5 · 0,103) = 17,4 mm

b · x22 Per quanto concerne l’effetto del ritiro, applicando diretta-


Sn = 0: +nef f · A0s · (x2 − c) − nef f · As · (d − x2 ) = 0
2 mente l’intera deformazione da ritiro sulla sezione fessurata
1000 · x22 (I = I2 ), si ha:
+ 23,8 · 1608 · (x2 − 30)+
2
− 23,8 · 2814 · (290 − x2 ) = 0 x22 · b 1232 · 1000
Sc = = = 7,56 · 106 mm3
→ x2 = 123 mm 2 2

L’inerzia della sezione parzializzata si calcola con la (3.19): εsh = 0,00025

b · x23 1 Msh Sc · L2
I2 = + nef f · A0s · (x2 − c)2 + nef f · As · (d − x2 )2 fsh = · · L2 = εsh · =
3 8 Ec I 8 · I2
1000 · 1233
I2 = + 7,56 · 106 · 60002
3 = 0,00025 · = 3,0 mm
8 · 2819,1 · 106
+23, 8·1608·(123 − 30)2 +23,8 · 2814·(290−123)2
→ I2 = 2819,1 · 106 mm4 e quindi la freccia totale a tempo infinito risulta:

La freccia nello stadio 2 al tempo t = ∞ è quindi pari a: f1 = 17,4 + 3,0 = 20,4 mm


4
5 q·L
f2 = · = Si ha pertanto un rapporto freccia/luce pari a:
384 Ec,eff · I2
5 26 · 60004 f1 20,4
= · = 17,7 mm = = 0,0034 < 0,004 = 1/250
384 8812 · 2819,1 · 106 l 6000

Esempio 3.10
a) Verifica di deformabilità a breve termine Assumendo i valori caratteristici dei carichi pari a 20 kN/m
Si consideri la sezione rettangolare caratterizzata dalle se- per il permanente e 20 kN/m per l’accidentale, in
guenti proprietà: combinazione rara il carico di progetto totale è:

• base b = 300 mm; q = Fk = Gk + Qk = 20 + 20 = 40 kN/m


• altezza totale h = 600 mm;
• copriferro c = 30 mm; Si calcola la posizione del baricentro della sezione omo-
• altezza utile d = 570 mm; geneizzata come segue portando in conto il contribu-
• lunghezza L = 6 m; to geometrico delle armature attraverso il coefficiente di
• armatura inferiore 4φ14 per un area di acciaio As = omogeneizzazione, n:
615 mm2 ;
• armatura superiore 2φ14 per un area di acciaio A0 s = 0,5 · b · h2 + n · As · d + n · A0s · c
x1 = =
308 mm2 ; b · h + n · As + n · A0s
• modulo elastico del calcestruzzo: Ecm = 29 962 MPa; 0,5 · 300 · 6002 + 7 · 615 · 570 + 7 · 308 · 30
= =
• modulo elastico dell’acciaio: Es = 210 000 MPa; 300 · 600 + 7 · 615 + 7 · 308
• coefficiente di omogeneizzazione: n = 7. = 303 mm
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 119

L’inerzia della sezione non fessurata è quindi pari a: La freccia in stadio 2 al tempo t = 0 è quindi pari a:
3
b·h
I1 = + b · h · (0,5 · h − x1 )2 + n · A0s · (x1 − c)2 + 5 q · L4 5 40 · 60004
12 f2 = · = · =
+ n · As · (d − x1 )2 384 Ecm · I2 384 29 962 · 1058 · 106
300 · 6003 = 21,3 mm
I1 = + 300 · 600 · (300 − 303)2 +
12
+ 7 · 615 · (570 − 303)2 + Il momento massimo agente in campata è:
2 6 4
+ 7 · 308 · (303 − 30) = 5869,2 · 10 mm
q · l2
Si osserva che tale valore differisce di circa il 10% dal valo- Mmax = = 40 · 62 /8 = 180 kNm
8
re dell’inerzia ottenibile trascurando il contributo delle ar-
mature (I1 = b·h
3
= 5400 · 106 mm4 ) che rappresenta, b · h2 300 · 6002
12 Mcr = fctm · = 2,2 · = 39,6 kNm
quindi, una stima accettabile dell’inerzia non fessurata della 6 6
sezione.
per cui
La freccia nello stadio 1 al tempo t = 0 risulta:
◆2
q · L4 40 · 60004

5 5 Mcr 39,6 Mcr
f1 = · = · = 3,8 mm. = = 0,22 = 0,048
384 Ecm · I1 384 29 962 · 5869 · 106 M 180 M
Le caratteristiche della sezione fessurata si calcolano come
segue: Utilizzando l’espressione dell’EC2 (2004) si ha:
b · x22 " ◆2 #
+ n · A0s · (x2 − c) − n · As · (d − x2 ) = 0
◆2
Sn = 0 →
✓ ✓
2 Mcr Mcr
f = f1 · β · + f2 · 1 − β ·
300 · x22 Ms Ms
+ 7 · 308 · (x2 − 30) − 7 · 615 · (570 − x2 ) = 0
2
→ x2 = 110 mm f = 3,8 · 1 · 0,048 + 21,3 · (1 − 1 · 0,048) = 20,5 mm
b· x23
I2 = + n · A0s · (x2 − c)2 + n · As · (d − x2 )2 avendo assunto per carichi di breve durata β = 1.
3
300 · 1103 Il rapporto freccia/luce risulta quindi:
I2 = + 7 · 308 · (110 − 30)2 +
3
+ 7 · 615 · (570 − 110)2 → I2 = 1058 · 106 mm4 20,5
f /l = = 0,0034 < 1/250
6000

b) Verifica di deformabilità a lungo termine mendo una percentuale di umidità del 55% e un istante di
applicazione dei carichi t0 = 30 giorni.
Per effettuare la verifica a lungo termine si valuta la freccia
Lo spessore fittizio della sezione in esame è:
tenendo conto della viscosità con il metodo EM. Si utiliz-
zano quindi le espressioni ed i metodi visti per il calcolo al 2 · Ac
h0 = = 200
tempo t = 0 semplicemente sostituendo al modulo elastico p
“istantaneo” Ec quello effettivo Ec,eff e dunque al coeffi-
ciente di omogeneizzazione istantaneo n quello effettivo per cui in base ai valori delle tabelle si assume il coefficiente
neff = Es /Ec,eff . di viscosità ψ ≈ 2,40.
Per quanto concerne l’influenza della viscosità il feno- Procedendo con il calcolo della freccia mediante la stessa
meno è introdotto in maniera estremamente semplificata metodologia utilizzata per il calcolo a breve termine si avrà
assumendo il valore 0,5 per il coefficiente β. che il modulo elastico del calcestruzzo diventa:
La valutazione della freccia a lungo termine viene effettua- Ec 29 962
Ec,eff = = = 8812 MPa
ta per la condizione di carico quasi-permanente. Se i valori (1 + ϕ) (1 + 2,40)
caratteristici dei carichi sono di 20 kN/m per il permanente
e il coefficiente di omogeneizzazione è:
e 20 kN/m per l’accidentale ed assumendo un coefficiente
riduttivo ψ21 = 0,3 per civile abitazione, il carico di progetto 210 000
neff = = 23,8
totale è: 8812

Calcolo delle caratteristiche della sezione non


q = Gk + ψ21 · Qk = 20 + 0,3 · 20 = 26 kN/m
fessurata (Stadio 1):
Per la valutazione degli effetti di viscosità si fa riferimento Si calcola la posizione del baricentro della sezione omoge-
alle Tabelle 11.2 delle NTC 2008 riportate a seguire, assu- neizzata come segue portando in conto il contributo geo-
120 Capitolo 3

Tabella 11.2.VI – Valori di φ(∞, t0 ). Atmosfera con unidità relativa di circa il 75%.
t0 h0 ≤ 75 mm h0 = 150 h0 = 300 h0 ≥ 600 mm
3 giorni 3,5 3,2 3,0 2,8
7 giorni 2,9 2,7 2,5 2,3
15 giorni 2,6 2,4 2,2 2,1
30 giorni 2,3 2,1 1,9 1,8
≥ 60 giorni 2,0 1,8 1,7 1,6

Tabella 11.2.VII – Valori di φ(∞, t0 ). Atmosfera con unidità relativa di circa il 55%.
t0 h0 ≤ 75 mm h0 = 150 h0 = 300 h0 ≥ 600 mm
3 giorni 4,5 4,0 3,6 3,3
7 giorni 3,7 3,3 3,0 2,8
15 giorni 3,3 3,0 2,7 2,5
30 giorni 2,9 2,6 2,3 2,2
≥ 60 giorni 2,5 2,3 2,1 1,9

metrico delle armature attraverso il coefficiente di omoge- della sezione parzializzata assumendo neff = 23,8:
neizzazione, neff :
b · x22
0,5 · b · h2 + neff · As · d + neff · A0s · c + neff · A0s · (x2 − c) − neff · As · (d − x2 ) = 0
x1 = = 2
b · h + neff · As + neff · A0s
300·x22
0,5 · 300 · 6002 + 23,8 · 615 · 570 + 23,8 · 308 · 30 +23,8·308·(x2 −30)−23,8·615·(570−x2 ) = 0
= = 2
300 · 600 + 23,8 · 615 + 23,8 · 308
→ x2 = 177 mm
= 310 mm
L’inerzia della sezione parzializzata si calcola come:
L’inerzia della sezione non fessurata è quindi pari a:
b · h3 b · x23
I1 = + b · h · (0,5 · h − x1 )2 + I2 = + neff · A0s · (x2 − c)2 + neff · As · (d − x2 )2
12 3
+ neff · A0s · (x1 − c)2 + neff · As · (d − x1 )2 300 · 1773
I2 = + 23,8 · 308 · (177 − 30)2 +
3
300 · 6003
I1 = + 300 · 600 · (300 − 310)2 + + 23,8 · 615 · (570 − 177)2
12
+ 23,8 · 615 · (570 − 310)2 + → I2 = 2974 · 106 mm4

+ 23,8 · 308 · (310 − 30)2 = 6982,2 · 106 mm4 La freccia in stadio 2 al tempo t = ∞ risulta:
Rispetto a quanto visto per la verifica a breve termine,
5 q · L4 5 26 · 60004
tale valore è sensibilmente più grande (+30%) del termi- f2 = · = · = 16,7 mm
3 384 Ec,eff · I2 384 8812 · 2974 · 106
ne I1 = b·h12
= 5400 · 106 mm4 in quanto le armature
sono omogeneizzate attraverso un coefficiente maggiore Il momento massimo agente in campata è:
n = 23,8.
La freccia in stadio 1 al tempo t = ∞ è quindi pari a: q · l2
Mmax = = 26 · 62 /8 = 117 kNm
8
5 q · L4 5 26 · 60004
f1 = · = · = 7,1 mm b · h2 300 · 6002
384 Ec,eff · I1 384 8812 · 6982,2 · 106 Mcr = fctm · = 2,2 · = 39,6 kNm
6 6
Calcolo delle caratteristiche della sezione fessurata
(Stadio 2): per cui

L’asse neutro della sezione fessurata si calcola mediante


✓ ◆2
Mcr 39,6 Mcr
l’annullamento del momento statico rispetto al baricentro = = 0,34 = 0,115
M 117 M
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 121

Utilizzando l’espressione dell’EC2 (2004) si ha: La seconda aliquota di ritiro, detta di ritiro autogeno, si
✓ ◆2 " ✓ ◆2 # calcola:
Mcr Mcr
f = f1 · β · + f2 · 1 − β ·
Ms Ms εca,∞ = −2,5 · (fck − 10) · 10−6 =
f = 7,1 · 0,5 · 0,115 + 16,7 · (1 − 0,5 · 0,115) = 16,1 mm
= −2,5 · (20 − 10) · 10−6 = −0,025‰
avendo assunto per carichi di lunga durata β = 0,5.
Per quanto concerne l’effetto del ritiro, applicando di- La deformazione da ritiro complessiva è quindi pari a:
rettamente l’intera deformazione da ritiro sulla sezione
εcs = εcd + εcs = −0,000417 − 0,000025 =
fessurata, si ha:
= −0,000442 = −0,442 · 10−3
x2 · b 1772 · 300
Sc = 2 = = 4699 · 103 mm3 1 Msh Sc · L2
2 2 αsh = · · L2 = εsh · =
8 Ec I 8 · I2
La deformazione da ritiro si calcola con riferimento alle in-
4699 · 103 · 60002
dicazioni delle NTC 2008. Assumendo una condizione di = 0,000442 · = 3,1 mm
umidità relativa del 60%, una resistenza fck = 20 MPa, ed 8 · 2974 · 106
essendo h0 = 200 mm, dalle Tabelle 11.2Va e 11.2Vb si La freccia totale a tempo infinito risulta:
ha:
εco = −0,00049 e kh = 0,85 f = 16,1 + 3,1 = 19,2 mm
da cui si ottiene:
Si ha pertanto un rapporto freccia/luce pari a:
εcd,∞ = kh · εc0 = −0,85 · 0,49 = −0,417 (aliquota di ritiro
f 19,2
da essiccamento in ‰) = = 0,0032 < 0,004 = 1/250
L 6000

Tabella 11.2Va
Deformazione da ritiro per essiccamento (in ‰)
f ck Umidità relativa (in %) Tabella 11.2Vb
20 40 60 80 90 100 h0 [mm] k h
20 − 0,62 − 0,58 − 0,49 − 0,30 − 0,17 + 0,00 100 1,0
40 − 0,48 − 0,46 − 0,38 − 0,24 − 0,13 + 0,00 200 0,85
60 − 0,38 − 0,36 − 0,30 − 0,19 − 0,10 + 0,00 300 0,75
80 − 0,30 − 0,28 − 0,24 − 0,15 − 0,07 + 0,00 > 500 0,7

3.6.4 Verifica indiretta delle deformazioni


Il calcolo presentato nei paragrafi precedenti non è particolarmente complesso.
Tuttavia è comunque comodo, dal punto di vista progettuale, poter utilizzare
delle tabelle di rapida utilizzazione per effettuare il controllo indiretto delle
frecce senza calcoli di dettaglio.
A tal proposito si osservi che, considerando in vantaggio di sicurezza il
solo stadio 2 di sezione fessurata, che peraltro rappresenta in molti casi l’in-
troduzione di una piccola approssimazione, la freccia può scriversi in generale
come:
Mmax · l2
f∼ = f2 = c2 · (3.124)
Ec · I 2
dove per la trave semplicemente appoggiata c2 assume i valori 40/384 e 1/12
rispettivamente nel caso di carico distribuito e forza concentrata in mezzeria,
mentre per la mensola assume i valori 1/4 e 1/3 rispettivamente per i due tipi
di carico.
122 Capitolo 3

Ponendo la tensione nelle armatura in acciaio nella sezione fessurata:


Mmax
σs = n · · (d − x) (3.125)
I2
da cui:
σs · I 2 x
Mmax = con ξ = (3.126)
n · d · (1 − ξ) d
dove, nel caso di sezione rettangolare a semplice armatura, ξ dipende unicamen-
te dal prodotto di n per la percentuale geometrica dell’armatura ρ = As /bd:
" s #
2
ξ = −n · ρ · 1 − 1 + (3.127)
n · ρd
può in definitiva scriversi:
σs 1 l2
f = c2 · · · (3.128)
Es 1 − ξ d
da cui:
f c2 σs l
= · · (3.129)
l 1 − ξ Es d
La (3.129) è approssimata, perché trascura l’effetto del tension stiffening, non
considera il ritiro ed è inoltre valida unicamente per la sezione rettangolare a
semplice armatura. È però utile per individuare i parametri che governano il
problema e la loro influenza, in quanto si evidenzia che per limitare il rapporto
f /l è sufficiente limitare l/d avendo fissato il valore della tensione di lavoro
nell’acciaio e la posizione dell’asse neutro, che a sua volta è univocamente
definita dalla percentuale geometrica di armatura.
A tal proposito l’EC2 2004 fornisce un’espressione di l/d in funzione dei
parametri meccanici e della percentuale di armatura per effettuare la verifica
senza il calcolo delle frecce.
La Tabella 3.6 riporta i valori limite di l/d fonti della Circolare 617, valutati
considerando una tensione nell’armatura di 310 MPa e un calcestruzzo con
fck = 30 MPa, per garantire un valore di f /l inferiore a 1/250 per la condizione
di carico quasi permanente.

Tabella 3.6 Elemento strutturale ρd = 1,5% ρd = 0,5%


Valori di l/d limite calcestruzzo calcestruzzo
per garantire molto sollecitato poco sollecitato
la verifica travi semplicemente appoggiate, solette or-
di deformabilità 1. dite in una o due direzioni semplicemente 14 20
(σs = 310 MPa, appoggiate
fck = 30 MPa). estremità di travi continue o di solette con-
2. tinue lungo un lato ordite in una o due 18 26
direzioni
campata interna di trave o di soletta ordita
3. 20 30
in una o due direzioni
4. solette appoggiate su pilastri senza travi 17 24
5. mensole 6 8
Calcolo elastico e Stato Limite di Esercizio 123

I limiti sono relativi a due intervalli di percentuali di armatura: ρd = 1,5% (defi-


nito calcestruzzo molto sollecitato) e ρd = 0,5% (calcestruzzo poco sollecitato)
che rappresentano in pratica l’influenza di ξ.
Si osservi come la tabella prescinda dai valori del coefficiente di viscosità e
dalla deformazione da ritiro e va quindi ritenuta valida per valori medi di tali
parametri.
capitolo 4
Stato Limite Ultimo per flessione
e pressoflessione

4.1 Legame costitutivo del calcestruzzo


4.2 Legame costitutivo dell’acciaio
4.3 Sezioni soggette a tensioni normali: ipotesi di calcolo
4.4 Valutazione della sezione inflessa: metodo dello stress block
4.5 Valutazione della sezione inflessa: modellazione del calcestruzzo parabola-rettangolo
ed elasto-plastico
4.6 Limitazione dei quantitativi di armatura
4.7 Valutazione della sezione inflessa in presenza di legame elastico-incrudente per l’acciaio
4.8 Valutazione della sezione pressoinflessa
4.9 Verifiche in pressoflessione deviata

4.1 Legame costitutivo del calcestruzzo


La Normativa italiana, NTC 2008, prevede diversi modelli del legame costitu-
tivo fra cui il progettista può scegliere.
Tutti i legami sono caratterizzati dallo stesso valore della resistenza di
progetto σcd e della deformazione ultima del calcestruzzo εcu .
In particolare σcd si calcola a partire dalla resistenza cilindrica caratteristica
(5◦ percentile) fck , con la seguente formula:

fck
σcd = αcc (4.1)
γc

dove αcc tiene conto della differenza di modalità di rottura in laboratorio e nelle
strutture reali, e γc è il coefficiente parziale del materiale calcestruzzo; αcc è in
genere minore dell’unità, perché la velocità di prova in laboratorio è in genere
maggiore di quella con cui può collassare la struttura, pertanto si assume pari
a 0,85. La velocità di carico, infatti, influenza le caratteristiche meccaniche
del materiale e, in particolare, all’aumentare della stessa si registrano per il
calcestruzzo incrementi di resistenza. In caso di azioni eccezionali la NTC 2008
suggerisce di assumere il valore unitario, nel caso di azioni sismiche prevede,
cautelativamente, l’utilizzo di αcc =0,85. Per quanto riguarda γc , in passato in
Italia si utilizzava il valore 1,6. Nella nuova normativa, in coerenza con quanto
suggerito dall’Eurocodice 2 (EC2, 2004), si assume γc = 1,5, con un vantaggio
di circa il 7%.
Nella tabella che segue, per le diverse Classi di calcestruzzo previste in
Italia, è riportato il valore di σcd , assumendo αcc = 0,85.
126 Capitolo 4

Tabella 4.1 Classe 16/20 20/25 25/30 28/35 35/45 40/50 45/55
Valori di σcd
σ cd (MPa) 9,07 11,33 14,17 15,87 19,83 22,67 25,50
al variare
Classe 50/60 55/67 60/75 70/85 80/95 90/105
della Classe
σ cd (MPa) 28,33 31,17 34,00 39,67 45,33 51,00
di calcestruzzo.

Per quanto concerne εcu , si assume il valore di 3,5‰. Tale valore è realistico
considerando calcestruzzi non confinati; in presenza di confinamento efficace
(staffe chiuse e fitte, confinamento con compositi ecc.), la deformazione ul-
tima può aumentare, anche sostanzialmente. Si discuterà dell’argomento nel
Capitolo 5.
I modelli normativi prevedono per l’andamento σc -εc legami costitutivi
standardizzati.
Il legame di riferimento è di tipo parabola-rettangolo, descritto da un tratto
parabolico che raggiunge σcd per una deformazione εc2 = 2‰, per poi mante-
nersi con una tensione costante fino a εcu = 3,5‰ (Fig. 4.1). Tale legame è il più
realistico, in quanto modella la non linearità che è presente fin dal principio.

cd

Figura 4.1
Legame parabola-
rettangolo ε
εc2 = 2 ‰ εcu = 3,5 ‰
per il calcestruzzo.

Le equazioni che lo descrivono sono:


✓ ◆
σcd εc
σc (εc ) = 2 · εc 1 − =
εc2 2εc2
= 1000σcd εc (−250εc + 1) per εc ≤ εc2 = 2‰

σc (εc ) = σcd per εc2 = 2‰ ≤ εc ≤ εcu = 3, 5‰ (4.2)


Nel caso che la Classe di resistenza sia superiore a C50/60, il modello si modifica
per tener conto della minore duttilità del materiale, nel seguente modo:
0,53
εc2 = 2‰ + 0,0085% (fck − 50)
4
εcu = 2, 6‰ + 3, 5% [(90 − f ck ) /100] (4.3)
I diagrammi tensione deformazione che si ottengono adottando il legame para-
bola rettangolo di normativa al variare della classe di resistenza del calcestruzzo
sono riportati nella Figura 4.2.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 127

60
(MPa)
C 90/105
50 εc2 = εcu

C 70/85
40
εc2 εcu
C 55/67
30 εc2 C 45/55 εcu

C 35/45
20 Figura 4.2
I diagrammi
C 20/25 tensione
10 deformazione
per il calcestruzzo
εc2 εcu ε al variare
0 della classe
0,0‰ 1,0‰ 2,0‰ 3,0‰ 4,0‰ di resistenza.

Nel caso di calcestruzzo con Classe di resistenza non superiore a C50/60, è


immediato dimostrare che l’area al di sotto della curva risulta pari a:
2 4 3 17
✓ ◆
A(σ − ε) = σcd εcu · + = σcd εcu ∼ = 0,8094σcd εcu (4.4)
3 7 7 21
Tale area rappresenta l’energia che, in un problema monodimensionale, si im-
magazzina nel volume unitario di calcestruzzo, e cioè nel cubetto dai lati unitari
centrato nel punto in esame.
Si osservi ancora che la distanza del baricentro dell’area del diagramma
parabola-rettangolo dall’origine degli assi vale:
5 4 2 4 11 3 20 33
+ + 139
d(σ − ε) = 8 7 3 7 14 7 εcu = 147 98 εcu = εcu =
17 17 238
21 21 (4.5)
99
✓ ◆
= 1− = 0,5840εcu = (1 − 0,4160)εcu
εcu ∼
238

Un altro legame che il progettista può utilizzare è quello elasto-plastico


(Fig. 4.3).
In particolare, il legame previsto dalla normativa è lineare fino alla deforma-
zione di εc3 = 1,75‰ e costante fino a εcu = 3,5‰. Dunque il legame fornisce
una duttilità pari a 2,0.
L’area al di sotto della curva è:
1 1 1 3
✓ ◆
A(σ − ε) = σcd εcu · + = σcd εcu = 0,75σcd εcu (4.6)
2 2 2 4

dunque l’area è pari a 63/68 volte e quindi il 7% in meno del diagramma


parabola-rettangolo; evidentemente si considera un diagramma in vantaggio di
128 Capitolo 4

cd

Figura 4.3
Legame
elasto-plastico ε
εc3 = 1,75 ‰ εcu = 3,5 ‰
per il calcestruzzo.

sicurezza rispetto a quello più rigoroso, trattandosi di un legame maggiormente


semplificato.
Si osservi ancora che per avere la stessa area al di sotto della curva e ottenere
cioè un legame elasto-plastico perfettamente equivalente, dal punto di vista
energetico, a quello parabola-rettangolo, il limite di snervamento εc3 dovrebbe
essere:
1 17 8
εc3 + (3, 5‰ − εc3 ) = 3, 5‰ ⇒ εc3 = 3, 5‰ ∼
= 1, 333‰ (4.7)
2 21 21

a cui corrisponderebbe una duttilità pari a 2,63; anche in questo caso la scelta
normativa è dal lato della sicurezza.
Considerando il modello normativo, il baricentro dell’area dista evidente-
mente:
21 31
+ 13 4 13
d(σ − ε) = εcu 3 4 4 2 = εcu = εcu ∼
= 0,7222εcu (4.8)
1 1 24 3 18
+
4 2

Per Classi di resistenza superiore a C50/60 il valore di εc3 aumenta nel seguente
modo:
εc3 = 1, 75‰ + 0,55‰ [(fck − 50)] /40 (4.9)

Il modello elasto-plastico, introdotto di recente nelle normative, è molto uti-


le nel caso si sviluppino analisi agli Elementi Finiti. Infatti, modellando sia
calcestruzzo sia acciaio con tale legame, è possibile rientrare in programmi di
uso generale; meno utile è l’utilizzo in casi monodimensionali, come si vedrà
nel seguito.
Il modello normativo più semplice è evidentemente quello costante fra i
limiti εc4 ed εcu (Fig. 4.4). Per calcestruzzi di resistenza normale, si assume
εc4 =0,2 εcu . Pertanto tale legame presenta un’area pari a 0,8εcu σcd e una di-
stanza dall’origine degli assi pari a 0,6εcu . Dunque è ottima l’approssimazione
rispetto al diagramma parabola-rettangolo, se il diagramma è completamente
sviluppato.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 129

cd

Figura 4.4
Legame rettangolo
ε (stress block)
εc4 = 0,7 ‰ εcu = 3,5 ‰ per il calcestruzzo.

4.2 Legame costitutivo dell’acciaio


Gli acciai che si usano in Italia e in Europa per elementi inflessi o presso inflessi
in zona sismica devono soddisfare importanti requisiti di duttilità. In partico-
lare, è richiesta una deformazione “caratteristica” a rottura εuk pari ad almeno
il 7,5%. Tale deformazione deve essere letta come deformazione corrispondente
al massimo della tensione in un diagramma tensione-deformazione. Dunque si
tratta di una grandezza ben diversa da quella usata in passato e può dedursi
solo da una prova effettuata in controllo di spostamento. Inoltre si osservi che
il valore è caratteristico con il frattile del 10%, e cioè almeno il 90% dei provini
deve presentare un valore superiore. Un tipico risultato sperimentale per una
barra disponibile sul mercato italiano è presentato nella Figura 4.5.

800

700
ft = 600 MPa
600
fy = 520 MPa
500
(MPa)

400

300
Figura 4.5
200 Legame costitutivo
di una barra
100 nervata ottenuto
εy = 0,0029 εsh = 0,0230 εu = 0,1073
0
ε da una prova
0,00 0,02 0,04 0,06 0,08 0,10 0,12 0,14 sperimentale.

L’acciaio deve soddisfare anche ulteriori requisiti sull’incrudimento. Ovvero


il rapporto di tensione massima e tensione allo snervamento, valutato come
valore caratteristico inferiore al 10 ◦ percentile, deve essere maggiore di 1,15.
Tale importante requisito di “duttilità” dell’elemento è necessario negli elementi
in cemento armato inflessi o pressoinflessi per avere adeguate estensioni della
zona plasticizzata. Inoltre il valore caratteristico superiore al 10 ◦ percentile
deve essere inferiore a 1,35, così come il rapporto fra tensione di snervamento
effettiva e tensione di snervamento nominale (percentile del 10%) non deve
130 Capitolo 4

essere superiore a 1,25.


✓ ◆ ✓ ◆ ✓ ◆
ft ft fy
≥ 1, 15 ≤ 1, 35 ≤ 1, 25 (4.10)
fy k fy k
fy,nom k

La deformazione associata alla tensione di rottura dell’acciaio è molto gran-


de rispetto a quella limite del calcestruzzo compresso. Dunque è pressoc-
ché impossibile con tali acciai che la crisi della sezione avvenga per crisi
dell’acciaio.
Sulla base di questa considerazione, le nuove norme considerano un legame
elasto-plastico per l’acciaio (Fig. 4.6). La grande novità è che non viene limitata
la deformazione ultima dell’acciaio (precedentemente si limitava al valore 1%).
Ne consegue che il calcolo delle resistenze delle sezioni inflesse e pressoinflesse
si semplifica enormemente, come si vedrà nel seguito.

fyd

arctg Es
Figura 4.6
Legame
elasto-plastico ε
per l’acciaio. εyd εud εuk

Ne consegue che la crisi di una sezione inflessa o pressoinflessa avviene sem-


pre per schiacciamento del calcestruzzo. Un tipico esempio è riportato nelle
Figure 4.7 e 4.8 Si osserva lo schiacciamento del calcestruzzo compresso e la
conseguente instabilizzazione dell’armatura compressa.

Figura 4.7
Schiacciamento
del calcestruzzo.

Sulla base di questa considerazione il calcolo delle resistenze delle sezioni


inflesse e pressoinflesse si semplifica enormemente, come si vedrà nel seguito.
Un’altra possibilità offerta al progettista consiste nell’adottare opportuni
modelli rappresentativi del reale comportamento del materiale; in tali modelli
si considera un ramo incrudente nel legame tensione deformazione dell’acciaio
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 131

Figura 4.8
Instabilizzazione
dell’armatura
compressa.

definito in base al valore di calcolo εud = 0,9 εuk (εuk = (Agt )k ) della deforma-
zione uniforme ultima, al valore di calcolo della tensione di snervamento fyd
pari a fyk /γS con γS = 1,15, e al rapporto di sovra-resistenza k = ft /fy come
rappresentato dalla Figura 4.9.

kfyd
fyd

arctg Es Figura 4.9


Legame tensione
deformazione con
ε ramo incrudente
εyd εud εuk per l’acciaio.

4.3 Sezioni soggette a tensioni normali:


ipotesi di calcolo
Le ipotesi di calcolo su cui si basa la trattazione sono le seguenti:
1. conservazione delle sezioni piane, considerando calcestruzzo compresso e
acciaio teso;
2. perfetta aderenza fra calcestruzzo compresso e acciaio compresso;
3. calcestruzzo non reagente a trazione.
L’ipotesi 1 è rigorosa, ed è in realtà un risultato teorico facilmente dimostrabile,
nel caso di un solido alla De Saint Venant, con materiale caratterizzato da
comportamento elastico lineare, e assenza di taglio o torsione. Nel caso in
esame, con materiali dal comportamento non lineare, è un’ipotesi che trova
unicamente un conforto sperimentale.
L’ipotesi 2 è senz’altro giustificata dal basso livello deformativo che può
esserci in compressione, stante la limitata capacità deformativa del calcestruz-
zo. In verità piccoli scorrimenti potrebbero anche esserci, ma sono sicuramente
tecnicamente trascurabili.
132 Capitolo 4

L’ipotesi 3 è in realtà sempre soddisfatta, in quanto le sezioni che si verificano


sono le più sollecitate, e in tali sezioni la limitata resistenza a trazione che il
calcestruzzo comunque possiede è sicuramente vinta. In altri termini, poiché
la verifica viene effettuata in una sezione fessurata, l’ipotesi è perfettamente
corrispondente alla realtà.
Nel seguito a tali ipotesi “classiche”, si aggiungono le seguenti ulteriori
ipotesi:

4. la crisi avviene con il calcestruzzo schiacciato, cioè che raggiunge la defor-


mazione ultima εcu ;
5. l’armatura in trazione è snervata.
L’ipotesi 4 è giustificata dalla rimozione del limite di rottura dell’acciaio
teso: l’acciaio non può andare in crisi e dunque il collasso della sezione è
necessariamente collegato al calcestruzzo compresso.
L’ipotesi 5 è collegata alle limitazioni sui quantitativi di armatura, che
la rende rigorosa nel caso di sezioni inflesse, e verrà discussa successiva-
mente.
Il complesso delle ipotesi assunte rende particolarmente semplici le proce-
dure di calcolo, come si mostra nel seguito.

4.4 Valutazione della sezione inflessa:


metodo dello stress block
Nell’ipotesi che la crisi della sezione avvenga comunque con il calcestruzzo
schiacciato, il calcolo della sezione inflessa risulta molto semplice.
Infatti, nel calcestruzzo il legame costitutivo risulta completamente svilup-
pato. Pertanto si può rigorosamente fare riferimento a uno stress block valutato
con un rettangolo equivalente di altezza y. L’area vale circa 0,8 volte quella
del rettangolo che inscrive la parabola-rettangolo, e il baricentro è posto a
circa metà dello stress block. Si osservi che volendo essere pienamente rigo-
rosi, il baricentro andrebbe posto a una distanza dal lembo superiore pari a
0,4160/0,8095 = 0,5138 volte l’altezza dello stress block.
Inoltre il raggiungimento del momento resistente si otterrà sicuramente con
l’acciaio teso snervato a causa delle prescrizioni normative sui massimi quan-
titativi di armatura, come verrà evidenziato nel Paragrafo 4.6, peraltro senza
che esso possa arrivare alla rottura data la grande deformazione ultima che la
norma richiede.

4.4.1 Sezione inflessa a semplice armatura


Nel caso di sezione inflessa a semplice armatura la risultante di trazione che si
sviluppa al lembo teso è nota ed è evidentemente pari all’area dell’acciaio teso
As moltiplicato la tensione di calcolo dell’acciaio:

T = fyd As (4.11)
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 133

Poiché la crisi si ha con il calcestruzzo alla deformazione limite, la risultante


di compressione C vale:
C = σcd by (4.12)
avendo indicato con b la base della sezione e y l’altezza del block stress.

3,5‰ ε
cd cd
x C
y
h d d*
c Figura 4.10
Sezione inflessa
As >εyd fyd fyd T a semplice
b armatura.

Per l’equilibrio alla traslazione della sezione, la risultante di compressione C


deve essere uguale a T . L’equilibrio alla rotazione si raggiunge con una coppia
di forze T e C uguali e contrarie, che agiscono con un “braccio” pari alla
distanza d∗ che è naturale battezzare come “braccio della coppia interna”; tale
coppia deve uguagliare il momento resistente di progetto MRd della sezione
stessa.
Per valutare tale momento si deve determinare d∗ . Indicando con d, l’altezza
utile della sezione, si ha evidentemente:
d∗ = d − 0,5 · y (4.13)
Dunque la valutazione di y consegue immediatamente dall’eguaglianza di C e
T e la valutazione di d∗ dalla (4.13):
As fyd As fyd
y= =h =h·ω d∗ = d − 0,5hω (4.14)
bσcd bhσcd
avendo introdotto la percentuale meccanica di armatura:
As fyd
ω= (4.15)
bhσcd
Conseguentemente MRd vale:
MRd = T · d∗ = As fyd (d − 0,5hω) (4.16)
Si osservi che il calcolo è semplicissimo, sostanzialmente privo di approssi-
mazioni e non necessita di alcuna ipotesi sullo stato deformativo. Si osservi
che l’errore che si commette arrotondando 0,8095 a 0,8 e 0,4160 a 0,4 forni-
sce un’approssimazione minima, molto inferiore di quella che il confronto fra
tali numeri suggerirebbe; infatti, il termine moltiplicativo che fornisce il brac-
cio della coppia interna a partire dall’altezza utile, varia nelle due ipotesi nel
seguente modo:
d − 0,5hω ⇒ d − 0,5138hω
Al variare di ω in un intervallo realistico, per esempio 0,08-0,025, l’errore che
si commette è nell’intervallo 1‰ ÷ 3‰, ovvero del tutto trascurabile.
134 Capitolo 4

Esempio 4.1
Per esemplificare il calcolo si esamina la sezione di un solaio sia interno alla soletta; in tale caso la sezione a T può es-
latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: sere trattata come una sezione rettangolare di dimensioni
b = 100 cm h = 24 cm (salvo poi verificare che l’asse neu-
• altezza geometrica h = 24 cm;
tro sia interno alla soletta di spessore s = 4 cm). In tale
• copriferro c = 4 cm;
ipotesi si ha:
• altezza utile d = 20 cm;
• interasse travetti i = 50 cm; A s fy d 2 · 226 · 391,3
ω= = = 0,0520
• spessore travetti t = 10 cm; bhσcd 1000 · 240 · 14,17
• altezza soletta s = 4 cm. → y = h · ω = 240 · 0,0520 = 12,48 mm

4
e quindi la profondità dell’asse neutro vale

20
24

x = 1,25y = 15,6 mm < s

2f12 2f12 dunque l’asse neutro taglia la soletta e l’ipotesi assunta


risulta valida. Il braccio della coppia interna vale pertanto:
20 10 40 10 20
d ∗ = d − 0,5y = 200 − 0,5 · 12,48 = 193,76 mm
Si utilizza calcestruzzo di Classe 25/30, per cui: e quindi il momento resistente di progetto vale:
0,85 · 25
fck = 25 MPa σcd = = 14,17 MPa MRd = T · d ∗ = As fy d (d − 0,5y ) = 226 · 391,3 · 193,76 =
1,5
= 17,13 · 106 Nmm (17,13 kNm)
e un acciaio B450C, caratterizzato da
adottando come braccio della coppia interna l’espressione
455
fy k = 450 MPa fyd = = 391,3 MPa rigorosa
1,15
Es = 210 000 MPa d ∗ = d − 0,5138y = 200 − 0,5138 · 12,48 = 193,59 mm

Si procede al calcolo del valore del momento resistente si ha


in campata (momento positivo) supponendo un armatura
inferiore (per singolo travetto): As = 2φ12 mm = 226 mm2 . MRd = T · d ∗ = As fy d (d − 0,5138y ) =
Nel caso di sezione a T, l’asse neutro può avere profon- = 17,12 · 106 Nmm (= 17,12 kNm)
dità tale da essere interno alla soletta o interno all’anima
della sezione. Si ipotizza in prima istanza che l’asse neutro e dunque l’errore che si commette è del tutto trascurabile.

4.4.2 Sezione inflessa a doppia armatura


Nel caso di sezione inflessa a doppia armatura è necessario tener conto anche del
contributo fornito dall’armatura in compressione. In presenza di tale armatura
compressa, la risultante di compressione ha due componenti C1 e C2 . C1 può
essere valutata con:
C1 = σcd by (4.17)
Per valutare C2 si deve fare un’ulteriore ipotesi deformativa, per esempio che
l’acciaio compresso sia snervato. In tal caso C2 è evidentemente pari a:
C2 = fyd A0s (4.18)
e dunque l’equilibrio alla traslazione si ottiene con la seguente relazione:
byσcd + A0s fyd − As fyd = 0 (4.19)
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 135

A's c
3,5‰ ε cd cd
C2
x C1 C
y
h d d*
c
Figura 4.11
As > εyd fyd f yd T Sezione inflessa
b a doppia armatura.

da cui ancora una volta si trae y:


y A0 fyd
= ω − ω 0 con ω 0 = s (4.20)
h bhσcd
Per valutare d⇤ si deve trovare la posizione di C, che evidentemente dipende
da C1 e da C2 ; la distanza della forza risultante di compressione C dal bordo
superiore della sezione risulta, indicando con c il copriferro:
C1 0,5y + C2 c
dC = (4.21)
C1 + C2
da cui:
d⇤ = d − dC (4.22)
Si osservi però che il momento resistente che si ottiene è poco diverso da quello
che si ottiene trascurando l’armatura compressa.
Infatti la somma di C1 e C2 deve essere in ogni caso uguale a T indipen-
dentemente dal quantitativo di armatura compressa. Dunque nella valutazione
di MRd l’unica cosa che può variare è d⇤ . Ma a sua volta la posizione della
risultante varia poco per la presenza dell’armatura compressa. In particolare è
compresa fra c e 0,5y e al limite non cambia affatto se C2 è posizionata esat-
tamente in coincidenza di C1 . In ogni caso i valori di dc sono sempre contenuti
rispetto a d e l’errore che si ottiene inserendo il valore valutato in assenza di
armatura compressa è molto piccolo.
Dunque l’armatura compressa fa variare di poco il momento resistente della
sezione.
Nel calcolo rigoroso si osservi comunque che l’ipotesi di armatura compressa
snervata va controllata.
In particolare indicando con c il copriferro, la deformazione nell’acciaio
compresso risulta:
x−c y − 0,8c
ε0s = εcu = εcu (4.23)
x y
Imponendo che la deformazione ε0s raggiunga lo snervamento, si ottiene il valore
della profondità dell’asse neutro x al di sotto della quale l’acciaio compresso è
in campo elastico:
εcu εcu 3,5‰
x= c≤ c= c = 2,1c (4.24)
0
εcu − εs εcu − εy 3,5‰ − 1,86‰
136 Capitolo 4

avendo introdotto i valori riferiti a calcestruzzi di Classe non superiore a C50/60


e acciaio tipo B450C. Ovvero, esprimendo la formula in termini di altezza y
dello stress block (y = 0,8x), si ottiene che l’armatura compressa è in campo
elastico se e solo se:
y ≤ (2,10 · 0,8)c = 1,68c (4.25)
Si osservi che è impossibile che l’armatura compressa sia snervata se l’armatura
compressa è identica a quella tesa, perché altrimenti si arriverebbe all’assurdo
che non ci sarebbe bisogno di calcestruzzo compresso per l’equilibrio. Dunque
in caso di armatura simmetrica sicuramente la profondità y deve rispettare
la disuguaglianza (4.25) e pertanto l’armatura compressa non risulta sner-
vata.
Se l’armatura compressa non è snervata, la soluzione del problema è leg-
germente più complessa, in quanto l’equazione di equilibrio alla traslazione
diviene:
byσcd + A0s Es ε0s − As fyd = 0 (4.26a)
Da cui:
y − 0,8c
byσcd + A0s Es εcu − As fyd = 0 (4.26b)
y
e dunque y si ricava da una equazione di 2◦ grado:

y 2 bσcd − y (As fyd − A0s Es εcu ) − 0,8cA0s Es εcu = 0 (4.27)

Lo sforzo di compressione nell’acciaio compresso risulta:


y − 0,8c
C2 = Es ε0s A0s = Es A0s εcu (4.28)
y
e si può procedere al calcolo di MRd utilizzando le (4.21), (4.22) e la (4.29) che
segue:
MRd = T d⇤ = T (d − dc ) (4.29)

Esempio 4.2
Caso a) c = 4 cm
A’s = 4 16
Per esemplificare il calcolo si esamina una sezione in
cemento armato (Fig. 4.12), caratterizzata da:
d = 46 cm
h = 50 cm

• b = 30 cm;
• h = 50 cm;
• c = 4 cm.
Si utilizza calcestruzzo di Classe 25/30, per cui: c = 4 cm

• σcd = 0,85 × 25/1, 5 = 14,17 MPa;


• εcu = 0,0035; As = 4 16
e acciaio B450C caratterizzato da: b = 30 cm
fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391,3 MPa
Es = 210 000 MPa Figura 4.12 Sezione rettangolare con armatura sim-
metrica.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 137

Considerando un’armatura in trazione e in compressione c = 4 cm


A’s = 2 16
pari a 4 φ 16, si ottiene:

y 2 300 · 14,17 − y · 804 (391,3 − 210 000 · 0,0035) +

d=46 cm
h=50 cm
− 0,8 · 40 · 804 · 210 000 · 0,0035 = 0
4251y 2 + 276 335y − 18 910 080 = 0
c = 4 cm
y = 41,70 mm
y − 0,8c 41, 7 − 0,8 · 40
σs0 = Es εcu = 210 000 · 0,0035 = As = 6 16
y 41, 7
= 170,82 MPa b =30 cm
Figura 4.13 Sezione rettangolare con armatura non
La risultante in compressione è suddivisa nelle due com-
simmetrica.
ponenti:
Si utilizza calcestruzzo di Classe C 25/30 e acciaio B450C.
C1 = σcd by = 14,17 · 300 · 41,7 = 177,3 · 103 N È possibile in questo caso supporre, in prima istanza, che
C2 = σs0 As = 170,82 · 804 = 137,4 · 103 N l’armatura compressa sia snervata e si ottiene:
A s fy d 1206 · 391,3
con risultante posizionata a distanza dal lembo superiore ω= = = 0,2224
bhσcd 300 · 500 · 14,17
pari a: 0
A fy d 402 · 391,3
ω0 = s = = 0,0740
bhσcd 300 · 500 · 14,17
C1 0,5y + C2 c
dC = = y = h · (ω − ω ) = 500 · (0,2224 − 0,0740) = 74,20 mm
0
C 1 + C2
177,3 · 103 · 0,5 · 41,7 + 137,4 · 103 · 40 L’ipotesi di armatura compressa snervata va controllata;
= = 29,2 mm
314,6 · 103 l’armatura compressa è in campo elastico solo se:
MRd = T · d ⇤ = T · (d − dc ) = 314,6 · 103 · (460 − 29,2) =
y ≤ 1,68c = 67,2 mm
= 135, 52 · 106 Nmm
e quindi, per il caso in esame, l’ipotesi di armatura com-
Si osservi che, molto semplicemente, si può affidare l’intero pressa snervata risulta verificata.
momento flettente alla sola armatura, ottenendo: La risultante di compressione è suddivisa nelle due com-
ponenti:
steel
MRd = As fy d (h − 2c) = 804 · 391, 3 · (500 − 80) =
C1 = σcd by = 14,17 · 300 · 74,20 = 315,42 · 103 N
= 132, 13 · 106 Nmm = 0,975MRd
C2 = fy d A0s = 391,3 · 402 = 157,30 · 103 N
Se invece si trascura l’armatura compressa si ottiene: con risultante posizionata ad una distanza dal lembo su-
3
periore pari a:
T = fy d As = 391,3 · 804 = 314,6 · 10 N
As fy d 804 · 391,3 C1 · 0,5y + C2 · c
y = = = 74,0 mm dC = =
bσcd 300 · 14,17 C 1 + C2
315,42 · 103 · 0,5 · 74,2 + 157,30 · 103 · 40
d ⇤ = d − 0,5 · y = 460 − 0,5 · 74,0 = 423,0 mm = =
315,42 · 103 + 157,30 · 103
0
A s=0
MRd = 314,6 · 103 · 423 = 133,07 · 106 Nmm = = 38,06 mm
= 0,982 MRd MRd = T · d ⇤ = As fy d (d − dc ) =
= 1206 · 391,3 · (460 − 38,06) =
Dunque l’errore che si commette affidando tutto il momen-
= 199,106 Nmm (= 199 kNm)
to alle armature, oppure trascurando l’armatura compressa,
è di poche unità percentuali. Si osservi che anche in questo caso affidando l’intero mo-
Il risultato è generalizzato nel paragrafo che segue. mento flettente alla sola armatura si commette un errore
di poche unità percentuali:
Caso b)
steel
Con riferimento alla sezione di Figura 4.13 si procede al MRd = As fy d (h − 2c) = 1206 · 391,3 · (500 − 80) =
calcolo del momento resistente di progetto: = 198,20 · 106 Nmm (= 198 kNm) = 0,995MRd
138 Capitolo 4

allo stesso modo trascurando l’armatura compressa: con

T = As fy d = 1206 · 391,3 = 471,91 · 103 N C1 = bsσcd + b1 (y − s)σcd


As f y d
y = = hω = 500 · 0,2224 = 111,2 mm C2 = fy d A0s
bσcd

d = d − 0,5 · y = 460 − 0,5 · 111,2 = 404,4 mm T = fy d A0s
A0s =0
MRd = T · d ⇤ = 471,91 · 103 · 404,4 =
da cui
= 198,84 · 106 Nmm (= 199 kNm) = 0,999MRd
b s
y = h(ω − ω 0 ) − (b − b1 ) =
Caso c) b1 b1
Si analizza il caso di una sezione a T (Fig. 4.14). Si utilizza 600
= · 800 · (0,0183 − 0,0354)−
calcestruzzo di Classe C 25/30 e acciaio B450C. 400
100
b = 60 cm − (600 − 400) = 127,32 mm
c = 4 cm 400

As = 4 14
L’ipotesi di armatura compressa snervata va controllata;
s =10 cm l’armatura compressa è in campo elastico solo se:
d = 76 cm

y ≤ 1,68c = 67,2 mm
h = 80 cm

e quindi, per il caso in esame, l’ipotesi di armatura


60 cm
compressa snervata risulta verificata.
c = 4 cm La risultante di compressione è suddivisa nelle due compo-
nenti:

As = 6 24 C1 = bsσcd + b(y − s)σcd = (600 · 100 · 14,17)+


b1 = 40 cm + 400 · (127,32 − 100) · 14,17 = 1005,06 · 103 N
Figura 4.14 Sezione a T con armatura non simmetrica. C2 = fy d A0s = 391,3 · 615 = 240,65 · 103 N

con risultante posizionata ad una distanza dal lembo


Nel caso di seziona a T, l’asse neutro può avere profondità superiore pari a:
tale da essere interno alla soletta o interno all’anima della
sezione. Si ipotizza, in prima istanza, che l’asse neutro sia C1 · 0,5y + C2 · c
dC = =
interno alla soletta; in tal caso la sezione a T può esse- C1 + C2
re trattata come una sezione rettangolare con base b. Si 1005,06 · 103 · 0,5 · 127,32 + 240,65 · 103 · 40
ipotizza, inoltre, che l’armatura compressa sia snervata. In = =
1005,06 · 103 + 240,65 · 103
tale ipotesi si ha: = 59,09 mm
A s fy d 3184 · 391,7 MRd = T · d ⇤ = As fy d (d − dc ) =
ω= = = 0,0183
bhσcd 600 · 800 · 14,17
= 3183 · 391,3 · (760 − 59,09) =
A0 f y d 615 · 391,3
ω = s 0
= = 0,0354 = 873,25 · 106 Nmm (= 873,3 kNm)
bhσcd 600 · 800 · 14,17
y = h · (ω − ω 0 ) = 800 · (0,01836 − 0,0354) = Si noti in tale caso (sezione non rettangolare) il metodo del-
lo stress block fin qui adottato risulta essere meno accurato
= 118,20 mm > s in quanto la larghezza della sezione di calcestruzzo è varia-
poiché y risulta maggiore di s, certamente l’ipotesi di as- bile e, quindi, la equivalenza tra stress block e legame para-
se neutro interno alla soletta risulta essere errata. Si pro- bola rettangolo non deve riguardare le aree dei diagrammi
cede, pertanto, assumendo che l’asse neutro tagli l’anima delle tensioni ma i volumi sottesi alle aree di calcestruzzo
della sezione a T. In questo caso, mantenendo l’ipotesi di compresso. Tuttavia, la normativa consente di adottare un
armatura compressa snervata, si ottiene: legame del calcestruzzo rettangolo (Fig. 4.4) che, assu-
mendo una profondità della sezione compressa pari a 0,8x
C1 + C2 = T conduce al medesimo risultato.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 139

steel
Si osservi che anche in questo caso affidando l’intero mo- MRd = As fy d (h − 2c) = 3183 · 391,3 · (800 − 80) =
mento flettente alla sola armatura si commette un errore = 896,76 · 106 Nmm (= 896,7 kNm) = 1,027MRd
di poche unità percentuali:

4.5 Valutazione della sezione inflessa:


modellazione del calcestruzzo
parabola-rettangolo ed elasto-plastico
Nel seguito si confronta il comportamento a rottura della sezione in c.a. qualora
il calcestruzzo venga modellato con stress block, legame costitutivo parabola-
rettangolo e legame elasto-plastico. Il legame costitutivo dell’acciaio si conside-
ra idealmente elasto-plastico, rimandando al Paragrafo 4.7 l’analisi con legame
elastico-incrudente.
Si fa riferimento al caso di sezione di forma qualsiasi.
c
A’s

b(y) x
yG
G
d
h

c
Figura 4.15
Sezione di forma
As qualsiasi
doppiamente
y armata.

Per la soluzione del problema è necessario scrivere le equazioni di equilibrio


alla traslazione e alla rotazione rispetto al baricentro geometrico della sezione:
Zx
σc (εc ) b(y)dy + A0s σs0 (ε0s ) − As σs (εs ) = 0 (4.30)
0
Zx
σc (εc )b(y)(yG − y)dy +A0s σs0(ε0s )(yG − c) + As σs (εs )(d − yG ) = MRd (4.31)
0

con yG distanza del baricentro geometrico della sezione rispetto al suo lembo
superiore. Considerando che comunque il calcestruzzo compresso pervenga allo
schiacciamento, le ipotesi citate al Paragrafo 4.3 consentono di esprimere in
relazione lineare tutte le deformazioni in funzione di εcu :
x−y x−c d−x
εc (y) = εcu ; ε0s = εcu ; εs = εcu (4.32)
x x x
e dal legame costitutivo di calcestruzzo, acciaio compresso e acciaio teso si
passa alle tensioni presenti nelle relazioni (4.30) e (4.31). L’equazione di equi-
librio alla traslazione consente di determinare la profondità dell’asse neu-
tro x e, successivamente, l’equazione di equilibrio alla rotazione consente di
determinare MRd .
140 Capitolo 4

È interessante verificare i risultati ottenuti utilizzando diversi legami costi-


tutivi per il calcestruzzo; in particolare parabola-rettangolo, stress block ed
elasto-plastico. A tal proposito si considera una sezione rettangolare b = 30
cm, h = 50 cm a semplice armatura, copriferro c = 4 cm, classe di cal-
cestruzzo C25/30 (σcd = 14,17 MPa) e acciaio B450C (fyd = 391,3 MPa)
(Fig. 4.16).

Legame Legame Legame


parabola-rettangolo rettangolo elasto-plastico
3,5‰
ε cd cd cd
1,75‰ x
0,7‰
d = 46 cm

Figura 4.16
h = 50 cm

y
Sezione a semplice
armatura: calcolo c = 4 cm
di M Rd adottando
diversi legami fyd fyd
costitutivi As > εyd

per il calcestruzzo. b = 30 cm

I risultati in termini di momento resistente di progetto ottenuti adottando di-


versi legami costitutivi per il calcestruzzo sono sintetizzati nella Tabella 4.2, al
variare della percentuale geometrica di armatura tesa, ρ = As /bh, e compressa,
ρ0 = A0s /bh.

Tabella 4.2
Valori di MRd
al variare ρ0 =0
del legame
costitutivo
ε ε ε
del calcestruzzo
(sezione a semplice (1) (2) (3)
armatura). ρ = As /bh M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
0,30 77,26 77,35 1,0012 77,22 0,9995
0,40 101,35 101,51 1,0016 101,27 0,9992
0,60 147,01 147,41 1,0027 146,87 0,9990
0,80 189,35 190,06 1,0037 189,10 0,9987
1,00 228,36 229,47 1,0049 227,97 0,9983
1,20 264,04 265,64 1,0061 263,47 0,9978
1,40 296,39 298,56 1,0073 295,62 0,9974
1,60 325,41 328,23 1,0087 324,40 0,9969
1,80 348,27 352,51 1,0122 333,88 0,9587
2,00 353,96 363,56 1,0271 339,43 0,9590

Si osserva che le differenze fra stress block e parabola-rettangolo sono del tutto
trascurabili, nell’intero campo di variazione. Il legame elasto-plastico fornisce
risultati in leggero vantaggio di sicurezza, inferiore al 1% nel caso, rispettoso
della normativa, di percentuale inferiore a 0,8%; di poche unità percentuali per
armature superiori.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 141

Considerando la doppia armatura simmetrica, ρ = ρ0 , si ottengono i risulta-


ti riportati nella Tabella 4.3, dove sono confrontati i risultati ottenuti con-
siderando i tre legami costitutivi di normativa e anche la semplice formula
(MRd = fyd As (h − 2c)); l’errore di tutti i metodi approssimati, rispetto al lega-
me costitutivo parabola-rettangolo, è molto piccolo in un campo di armature
estremamente vasto.

Tabella 4.3
ρ0 = ρ MRd = fyd As (h − 2c) Valori di MRd
al variare
ε ε ε
del legame
costitutivo
(1) (2) (3) (4)
del calcestruzzo
ρ = As /bh M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3) M Rd (4) M Rd(4) e con formula
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1) semplificata
0,30 77,24 77,30 1,0008 77,18 0,9992 73,96 0,9575 (sezione a doppia
0,40 101,92 102,00 1,0008 101,88 0,9996 98,61 0,9675 armatura).
0,60 151,19 151,29 1,0007 151,18 0,9999 147,91 0,9783
0,80 200,38 200,53 1,0007 200,43 1,0002 197,22 0,9842
1,00 249,60 249,76 1,0006 249,67 1,0003 246,52 0,9877
1,20 298,82 298,98 1,0005 298,9 1,0003 295,83 0,9900
1,40 348,02 348,21 1,0005 348,14 1,0003 345,13 0,9917
1,60 397,24 397,44 1,0005 397,38 1,0004 394,43 0,9929
1,80 446,47 446,68 1,0005 446,63 1,0004 443,74 0,9939
2,00 495,69 495,92 1,0005 495,88 1,0004 493,04 0,9947

4.6 Limitazione dei quantitativi di armatura


La NTC 2008 impone delle limitazioni alle percentuali geometriche di armatura
tesa ρ e compressa ρ0 , definite nel seguente modo:
As A0s
ρ= ρ0 = (4.33)
bh bh
In particolare in una sezione inflessa la percentuale geometrica dell’armatura
tesa ρ deve rispettare la limitazione che segue:
3,5
ρ ≤ ρ0 + (fy,k in MPa) (4.34)
fyk
La relazione normativa impone implicitamente che la profondità dell’asse neu-
tro a rottura non sia eccessiva, conferendo adeguata duttilità alla sezione. In
particolare, considerando un acciaio del tipo B450C si ha:
3,5
ρ − ρ0 ≤ = 0,778% (4.35)
fyk
dalla (4.20) ricordando che y = 0,8x si ottiene:
x fyd
= 1,25(ω − ω 0 ) = 1,25 (ρ − ρ0 ) (4.36)
h σcd
142 Capitolo 4

Utilizzando la limitazione (4.35) si ottiene pertanto:


x ⇣x⌘ fyd 3,5 1,25 · 3,5 ∼ 3,8
≤ = 1,25 = = (σcd in MPa) (4.37)
h h max σcd fyk 1,15σcd σcd
Da cui, per le varie classi di calcestruzzo si ottiene la limitazione che segue:

Tabella 4.4 Classe 16/20 20/25 25/30 28/35 35/45 40/50 45/55 50/60
x/h limite al variare σ cd (MPa) 9,07 11,33 14,17 15,87 19,83 22,67 25,50 28,33
della Classe (x/h)max 0,419 0,335 0,268 0,239 0,192 0,168 0,149 0,134
di calcestruzzo.

Si osservi come la profondità dell’asse neutro in corrispondenza della quale si


ottiene la crisi con l’acciaio teso al limite elastico, (x/h)y è:

As' c
Figura 4.17 εcu = 3,5‰ ε
εcu εcu + εyd
Profondità asse =
x d
neutro xy εcu x x . h
in corrispondenza d = =
h εcu + εyd d h d
della crisi
con acciaio teso c x εcu . d
εyd =1,86‰ =
al limite elastico. h εcu + εyd h
As
b

⇣x⌘ εcu d 3,5‰ d d


= = = 0,653 ≈ 0,653 · 0,9 = 0,587 (4.38)
h y εcu + εy h 3,5‰ + 1,86‰ h h

dunque, avendo approssimato d/h ≈ 0,9, un valore ben maggiore di quelli che
si ottengono dalla Tabella 4.4.
Pertanto ne consegue che l’acciaio teso in una sezione rettangolare inflessa,
a semplice o doppia armatura, è sempre ampiamente snervato. Viene dunque
confermata l’ipotesi 5 del Paragrafo 4.3.
Viceversa, in corrispondenza del massimo di armatura di normativa, si
ottiene una deformazione nell’acciaio teso non inferiore a:
d−x d/h − x/h d/h − 3,8/σcd
εs = εcu = εcu ≥ εs,min = εcu (4.39)
x x/h 3,8/σcd

da cui, approssimando h/d ∼


= 1,1, si ottengono i valori riportati nella tabella
che segue:

Tabella 4.5 Classe 16/20 20/25 25/30 28/35 35/45 40/50 45/55 50/60
(εs )min al variare σ cd (MPa) 9,07 11,33 14,17 15,87 19,83 22,67 25,50 28,33
della Classe (εs )min 0,57% 0,80% 1,09% 1,26% 1,66% 1,95% 2,23% 2,52%
di calcestruzzo.

La crisi avviene dunque con l’acciaio ampiamente in campo plastico, garan-


tendo una adeguata duttilità alla sezione; tale argomento verrà ripreso nel
Capitolo 5.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 143

Si osservi ancora che dalla (4.13) e dalla limitazione (4.37) su x/h consegue
che, in semplice armatura, il braccio della coppia interno minimo sia:

x⌘ 1,52 h
⇣ ✓ ◆
d = d 1 − 0,4

≥ dmin = d 1 −

(4.40)
d σcd d

e quindi, al variare della classe di calcestruzzo, la minima altezza del braccio


della coppia interna è riportata nella Tabella 4.6, dove si è approssimato h/d ∼
=
1,1.
Tabella 4.6
Classe 16/20 20/25 25/30 28/35 35/45 40/50 45/55 50/60 (d ∗ /d)min al variare
σ cd (MPa) 9,07 11,33 14,17 15,87 19,83 22,67 25,50 28,33 della Classe
(d * /d)min 0,816 0,852 0,882 0, 895 0,916 0,926 0,934 0,941 di calcestruzzo.

Dunque, la limitazione del massimo di armatura impone anche che, in pratica,


il braccio della coppia interna non possa scendere al di sotto di 0,9 d, tranne che
per le Classi di calcestruzzo meno resistenti. Tale affermazione, unitamente alla
scarsa variabilità del braccio della coppia interna con la presenza di armatura
in compressione, è molto utile per le applicazioni. In particolare per effettuare
rapide verifiche sommarie della sezione, con formule del tipo:

MRd ∼
= 0, 9dAs fyd (4.41)

4.7 Valutazione della sezione inflessa in presenza


di legame elastico-incrudente per l’acciaio
Come visto nel Paragrafo 4.2, la NTC 2008 e l’EC2 2004 consentono di uti-
lizzare un legame elastico incrudente per l’acciaio; la massima deformazione
risulta pari a εud = 0,9εuk = 6,75%, mentre il rapporto di incrudimento da
utilizzare è quello caratteristico al 10 ◦ percentile. In particolare il legame co-
stitutivo è riportato nella Figura 4.15, dove k = ft /fy , ed è definito dalle
seguenti relazioni:

σs = Es εs per εs ≤ εy (4.42)
ε s − εy f t
 ✓ ◆�
σs = fyd 1 + −1 per εs ≥ εy
εud − εy fy

Poiché il minimo rapporto di incrudimento è k = 1,15 (mentre il massimo di


normativa è pari a k = 1,35) apparentemente si potrebbe ottenere un aumento
di almeno il 15% del momento resistente, sfruttando tale possibilità. In realtà
ciò è praticamente impossibile nelle sezioni rettangolari con elevati percen-
tuali di armature, in quanto lo sfruttamento dell’intero incrudimento porta a
posizioni dell’asse neutro assolutamente incompatibili con l’equilibrio.
Se invece l’armatura si avvicina ai minimi, allora il valore di x/h diminui-
sce ed è possibile un maggiore sfruttamento dell’incrudimento, ma comunque
sempre ben lontano dai rapporti di incrudimento.
144 Capitolo 4

kfyd
fyd

Figura 4.18 arctg Es


Legame tensione
deformazione
con ramo ε
incrudente εyd
εud εuk
per l’acciaio.

Si osservi inoltre che l’armatura compressa usufruisce pochissimo dell’incru-


dimento. Infatti la massima deformazione nell’acciaio compresso non può
superare εcu = 3,5‰ ; dunque la massima tensione nell’acciaio risulta:
εcu − εy ft ft
 ✓ ◆�  ✓ ◆�
0
σs = fyd 1 + − 1 = fyd 1 + 0,02498 −1 (4.43)
εud − εy fy fy

avendo introdotto per le diverse deformazioni i valori normativi. Dunque l’in-


cremento varia dal 3,7‰ al 8,7‰, al variare del rapporto di incrudimento fra
1,15 e 1,35: si tratta di un aumento inferiore al punto percentuale, in genere
tecnicamente trascurabile.
Nel caso di sezioni a semplice armatura, per valutare il momento resistente
è necessario considerare per l’acciaio teso il legame (4.42). Dalla linearità del
diagramma delle deformazioni consegue:
d−x
εs = εcu (4.44)
x
e la seguente equazione di equilibrio alla traslazione:
d − x εcu ft
 ✓ ◆
0,8σcd bx = As fyd 1 + −1 +
x εud − εy fy
(4.45)
ft
✓ ◆�
εy
− −1
εud − εy fy

Da cui la seguente equazione di secondo grado in x:


εcu + εy ft
 ✓ ◆�
2
0,8σcd bx − As fyd 1 − − 1 x+
εud − εy fy
(4.46)
ft
✓ ◆
εcu
− As fyd −1 d=0
εud − εy fy
⇣ x ⌘2 
εcu + εy ft
✓ ◆�
x εcu

ft

d
0,8 −ω 1 − −1 −ω −1 = 0 (4.47)
h εud − εy fy h εud − εy fy h
Dalla (4.47) si ottiene il valore di x/h in funzione di ω e del rapporto di
incrudimento, ft /fy avendo assegnato i parametri dei materiali. In particolare,
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 145

considerando calcestruzzo di Classe non superiore a C50/60 e acciaio del tipo


B450C si ha:
⇣ x ⌘2  ✓
ft
◆�
x

ft

d
0,8 − ω 1 − 0,08170 −1 − ω · 0,05332 −1 = 0 (4.48)
h fy h fy h

Determinato x/h, il momento resistente si trae immediatamente da:

MRd = 0,8σcd bx(d − 0,4x) (4.49)

Esempio 4.3
Per esemplificare il calcolo si esamina una sezione a sempli- conseguentemente il momento resistente di progetto vale:
ce armatura in cemento armato (Fig. 4.16), caratterizzata
da: MRd = T · d ∗ = As fy d (d − 0,5hω) =
• b = 30 cm; = 803,84 · 391,3 · 423 = 132,97 · 106 Nmm
• h = 50 cm;
• c = 4 cm; Caso b) k = ft /fy = 1,15, kfy d = 449,9 MPa
• As = 4 φ 16 = 803,84 mm2 . il rapporto x/h è determinabile attraverso la (4.48):
Si utilizza calcestruzzo di Classe 25/30, per cui: ⇣ x ⌘2 x
0,8 − 0,148 · [1 − 0,08170 (1,15 − 1)] +
• σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa; h h
• εcu = 0,0035 460
− 0,148 · 0,05332 (1,15 − 1) =0
500
e acciaio B450C: ⇣ x ⌘2 x
0,8 − 0,146 · − 0,001089 = 0
• fy k = 450 MPa; fy d = fy k /γs = 391,3 MPa; Es = h h
210 000 MPa.
x/h = 0,190 da cui x = 0,190 · 500 = 95 mm
Si determinano i valori dei momenti resistenti nel caso di
rapporto di incrudimento k = 1, e k = 1,15 MRd = 0,8σcd bx(d − 0, 4x) =
Caso a) k = ft /fy = 1, kfy d = 391,3 MPa = 0,8 · 14,17 · 300 · 95 · (460 − 0,4 · 95) =
Per la sezione in esame si ha: = 136,33 · 106 Nmm
As fy d 803,84 · 391,3
ω= = = 0,148 dunque nel passaggio da k = 1 a k = 1,15 si è avuto un
bhσcd 300 · 500 · 14,17
incremento di momento resistente pari a
y = h · ω = 500 · 0,148 = 74 mm
MRd(k=1,15) 136,33
e il braccio della coppia interna vale pertanto: ∆= = = 1,025
MRd(k=1,0) 132,97
d ∗ = d − 0,5 · y = 460 − 0,5 · 74 = 423 mm ovvero un incremento percentuale pari al 2,5%.

Con riferimento alla sezione della Figura 4.16 si riportano di seguito i valori
di MRd ottenuti utilizzando tre diversi legami σ-ε del calcestruzzo (parabola-
rettangolo, elastico-plastico e stress block ) e facendo variare la percentuale di
armatura tesa e il rapporto di incrudimento (k = ft /fy = 1,15, Tabella 4.7, e
k = ft /fy = 1,35, Tabella 4.8).
Nella Tabella 4.9 sono, inoltre, riportati i risultati in termini di MRd ottenuti
con rapporto di incrudimento k = ft /fy pari rispettivamente a 1, 1,15 e 1,35
con riferimento al solo legame del calcestruzzo di tipo parabola-rettangolo e
per valori di percentuale geometrica di armatura tesa variabili tra 0,3% e 1,0%;
in parentesi sono riportati i rapporti tra i momenti resistenti ottenuti con
k = 1, 15 o 1,35 e i momenti resistenti nel caso k = 1.
146 Capitolo 4

Tabella 4.7
Valori di MRd
ρ0 = 0
al variare
del legame
costitutivo ε ε ε
del calcestruzzo (1) (2) (3)
con acciaio ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
con rapporto ∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
di incrudimento 0,30 82,06 81,34 0,9912 80,96 0,9866
k = 1,15 (sezione 0,40 105,80 105,21 0,9945 104,67 0,9893
a semplice 0,60 151,00 150,39 0,9959 149,55 0,9904
armatura). 0,80 192,82 192,36 0,9976 191,11 0,9911
1,00 231,36 231,14 0,9991 229,37 0,9914
1,20 266,59 266,75 1,0006 264,35 0,9916
1,40 298,53 299,2 1,0022 296,04 0,9917
1,60 327,17 328,47 1,0040 324,45 0,9917
1,80 348,29 348,92 1,0018 333,88 0,9586
2,00 353,98 354,81 1,0024 339,43 0,9589

Tabella 4.8
Valori di MRd
ρ0 = 0
al variare
del legame
costitutivo ε ε ε
del calcestruzzo (1) (2) (3)
con acciaio ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
con rapporto ∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
di incrudimento 0,30 87,72 86,11 0,9816 85,34 0,9729
k = 1,35 (sezione 0,40 111,43 109,63 0,9838 108,74 0,9758
a semplice 0,60 156,16 154,05 0,9865 152,86 0,9789
armatura).
0,80 197,49 195,23 0,9886 193,63 0,9805
1,00 235,52 233,26 0,9904 231,16 0,9815
1,20 270,25 268,18 0,9924 265,47 0,9823
1,40 301,70 300,02 0,9944 296,58 0,9830
1,60 329,88 328,78 0,9967 324,51 0,9837
1,80 348,29 348,92 1,0018 333,88 0,9586
2,00 353,98 354,81 1,0024 339,43 0,9589

Tabella 4.9 ρ0 =0 k=1 k=1,15 k=1,35


Confronto MRd ρ= As /bh M Rd (kNm) M Rd (kNm) M Rd (kNm)
ottenuti con diversi 0,30% 77,26 82,06 (1,062) 87,72 (1,135)
valori del rapporto 0,40% 101,35 105,80 (1,043) 111,43 (1,099)
di incrudimento 0,60% 147,01 151,00 (1,027) 156,16 (1,062)
(sezione a semplice 0,80% 189,35 192,82 (1,018) 197,49 (1,043)
armatura).
1,00% 228,36 231,36 (1,013) 235,52 (1,031)
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 147

Da tale tabella si evince che si hanno aumenti percentuali del momento resi-
stente pari a circa il 6% per k = 1,15 e 14% per k = 1,35, nel caso di armatura
minima (0,3%), e che tali aumenti si riducono a valori del 1%-3% nel caso di
armatura massima (1,0%). Dunque, con riferimento ai risultati ottenuti per
k = 1 riportati nella Tabella 4.2, si ottengono aumenti significativi solo per le
percentuali di armature più piccole, e comunque ben lontani dall’aumento di
resistenza dell’acciaio.
Le considerazioni sinora svolte con riferimento alla sezione semplicemente
armata della Figura 4.16, possono essere estese considerando la presenza di
armatura anche in compressione. In particolare, nelle Tabelle 4.10 e 4.11 si

Tabella 4.10
Valori di MRd
al variare
del legame
ε ε ε
costitutivo
(1) (2) (3) del calcestruzzo
ρ0 = 0,25ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3) con acciaio
∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1) con rapporto
0,30 82,62 74,95 0,9072 84,21 1,0192 di incrudimento
0,40 107,38 99,12 0,9230 109,78 1,0223 k = 1,15 (sezione
0,60 155,72 146,68 0,9420 158,83 1,0200 a doppia armatura,
0,80 201,56 200,74 0,9959 205,8 1,0211 ρ0 = 0,25ρ).
1,00 245,45 244,69 0,9969 250,92 1,0223
1,20 287,49 286,85 0,9978 294,19 1,0233
1,40 327,68 327,25 0,9987 335,62 1,0242
1,60 366,03 365,87 0,9996 375,21 1,0251
1,80 402,53 402,73 1,0005 412,98 1,0260
2,00 437,18 437,83 1,0015 448,92 1,0269

Tabella 4.11
Valori di MRd
al variare
del legame
ε ε ε
costitutivo
(1) (2) (3) del calcestruzzo
ρ0 = 0,25ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3) con acciaio
∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1) con rapporto
0,30 89,00 81,30 0,9135 89,95 1,0107 di incrudimento
0,40 114,21 105,66 0,9251 115,70 1,0130 k = 1,35 (sezione
0,60 162,79 153,19 0,9410 164,09 1,0080 a doppia armatura,
0,80 208,20 205,58 0,9874 210,36 1,0104 ρ0 = 0,25ρ).
1,00 251,68 248,8 0,9886 254,73 1,0121
1,20 293,28 290,24 0,9896 297,27 1,0136
1,40 333,02 329,95 0,9908 338,02 1,0150
1,60 370,92 367,94 0,9920 376,99 1,0164
1,80 406,99 404,23 0,9932 414,20 1,0177
2,00 441,23 438,82 0,9945 449,65 1,0191
148 Capitolo 4

riportano i valori di MRd ottenuti per armatura in compressione pari al 25%


dell’armatura in trazione (ρ0 = 0,25ρ) e per rapporti di incrudimento pari a
k = 1,15 e k = 1,35.
Con riferimento ai risultati ottenuti mediante il legame del calcestruzzo
parabola-rettangolo, l’utilizzo di un legame elastico-incrudente per l’acciaio
comporta aumenti percentuali di momento resistente pari a circa il 7% per
k = 1,15 e il 15% per k = 1,35, nel caso di armatura minima (0,3%); tali
incrementi si riducono a valori dell’ordine del 0,7%-1,7% nel caso di armatura
massima (2,0%) come mostrato nella Tabella 4.12.

Tabella 4.12 ρ0 =0,25ρ k=1 k=1,15 k=1,35


Confronto MRd ρ= As /bh M Rd (kNm) M Rd (kNm) M Rd (kNm)
ottenuti con diversi 0,30% 77,28 82,62 (1,069) 89,00 (1,152)
valori del rapporto 0,40% 101,65 107,38 (1,056) 114,21 (1,124)
di incrudimento 0,60% 149,65 155,72 (1,041) 162,79 (1,088)
(sezione a doppia 0,80% 196,01 201,56 (1,028) 208,20 (1,062)
armatura, ρ0=0,25ρ). 1,00% 240,34 245,45 (1,021) 251,68 (1,047)
1,20% 282,80 287,49 (1,017) 293,28 (1,037)
1,40% 323,40 327,68 (1,013) 333,02 (1,030)
1,60% 362,13 366,03 (1,011) 370,92 (1,024)
1,80% 399,00 402,53 (1,009) 406,99 (1,020)
2,00% 434,00 437,18 (1,007) 441,23 (1,017)

Analogamente, considerando la presenza del 50% di armatura in compressio-


ne (ρ0 = 0,5ρ) i valori di MRd , ottenuti al variare del legame costitutivo del
calcestruzzo e per valori del rapporto di incrudimento pari rispettivamente a
k = 1,15 e k = 1,35, sono riportati nelle Tabelle 4.13 e 4.14.

Tabella 4.13
Valori di MRd
al variare
del legame
costitutivo ε ε ε

del calcestruzzo (1) (2) (3)


con acciaio ρ0 = 0,5ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
∆= ∆=
con rapporto (%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
di incrudimento 0,30 82,94 82,17 0,9907 85,06 1,0256
k = 1,15 (sezione 0,40 108,26 107,35 0,9916 111,43 1,0293
a doppia armatura, 0,60 158,28 157,07 0,9924 163,59 1,0335
ρ0 = 0,5 ρ). 0,80 207,75 206,26 0,9928 213,77 1,0290
1,00 255,98 254,55 0,9944 262,76 1,0265
1,20 302,58 301,10 0,9951 310,90 1,0275
1,40 348,35 346,85 0,9957 358,21 1,0283
1,60 393,30 391,81 0,9962 404,71 1,0290
1,80 437,42 435,99 0,9967 450,40 1,0297
2,00 480,72 479,39 0,9972 495,28 1,0303
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 149

Tabella 4.14
Valori di MRd
al variare
del legame
ε ε ε costitutivo
del calcestruzzo
(1) (2) (3)
con acciaio
con rapporto
ρ0 = 0,5ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
∆= ∆= di incrudimento
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1) k = 1,35 (sezione
0,30 89,91 88,01 0,9788 91,79 1,0209 a doppia armatura,
0,40 116,09 113,81 0,9804 118,90 1,0242 ρ0 = 0,5 ρ).
0,60 167,51 164,42 0,9816 171,80 1,0256
0,80 218,05 214,20 0,9823 221,35 1,0151
1,00 265,58 261,82 0,9858 269,83 1,0160
1,20 311,90 307,79 0,9868 317,37 1,0175
1,40 357,41 352,91 0,9874 364,05 1,0186
1,60 402,02 397,23 0,9881 409,90 1,0196
1,80 445,77 440,78 0,9888 454,95 1,0206
2,00 488,71 483,56 0,9895 499,22 1,0215

Dalla Tabella 4.15 si evincono aumenti percentuali del momento resistente


variabili da 7% a 16% nel caso di armatura minima (0,3%), che si riducono a
1%-3% nel caso di armatura massima (2,0%).

ρ0 =0,5ρ k=1 k=1,15 k=1,35 Tabella 4.15


Confronto MRd
ρ= As /bh M Rd (kNm) M Rd (kNm) M Rd (kNm)
ottenuti con diversi
0,30% 77,26 82,94 (1,074) 89,91 (1,164) valori del rapporto
0,40% 101,75 108,26 (1,064) 116,09 (1,141) di incrudimento
0,60% 150,57 158,28 (1,051) 167,51 (1,113) (sezione a doppia
0,80% 199,14 207,75 (1,043) 218,05 (1,095) armatura, ρ0 = 0,5 ρ).
1,00% 247,44 255,98 (1,035) 265,58 (1,073)
1,20% 294,44 302,58 (1,028) 311,90 (1,059)
1,40% 340,6 348,35 (1,023) 357,41 (1,049)
1,60% 385,94 393,3 (1,019) 402,02 (1,042)
1,80% 430,46 437,42 (1,016) 445,77 (1,036)
2,00% 474,13 480,72 (1,014) 488,71 (1,031)

Analizzando, infine, il caso di armatura simmetrica si ottengono i risultati ri-


portati nelle Tabelle 4.16 e 4.17. In questo caso si hanno incrementi percentuali
del momento resistente dal 8% al 18% nel caso di armatura minima (0,3%), che
si riducono a 5% - 11% nel caso di armatura massima (2,0%) come mostrato
nella Tabella 4.18.
150 Capitolo 4

Tabella 4.16
Valori di MRd
al variare
del legame
costitutivo ε ε ε
del calcestruzzo (1) (2) (3)
con acciaio ρ0 = ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
con rapporto ∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
di incrudimento 0,30 83,29 82,48 0,9903 82,23 0,9873
k = 1,15 (sezione 0,40 109,19 108,18 0,9907 107,91 0,9883
a doppia armatura, 0,60 160,73 159,30 0,9911 159,02 0,9893
ρ0 = ρ). 0,80 212,10 210,25 0,9913 209,96 0,9899
1,00 263,40 261,11 0,9913 260,82 0,9902
1,20 314,64 311,94 0,9914 311,65 0,9905
1,40 365,86 362,73 0,9914 362,44 0,9907
1,60 417,07 413,51 0,9915 413,22 0,9908
1,80 468,26 464,28 0,9915 463,99 0,9909
2,00 519,46 515,04 0,9915 514,76 0,9909

Tabella 4.17
Valori di MRd
al variare
del legame
costitutivo ε ε ε
del calcestruzzo (1) (2) (3)
con acciaio ρ0 =ρ M Rd (1) M Rd ( 2) M Rd(2) M Rd (3) M Rd(3)
con rapporto ∆= ∆=
(%) (kNm) (kNm) M Rd(1) (kNm) M Rd(1)
di incrudimento 0,30 90,91 88,90 0,9779 88,49 0,9734
k = 1,35 (sezione 0,40 118,35 115,81 0,9786 115,37 0,9748
a doppia armatura, 0,60 172,74 169,16 0,9793 168,67 0,9764
ρ0 = ρ).
0,80 226,79 222,18 0,9797 221,66 0,9774
1,00 280,69 275,03 0,9798 274,49 0,9779
1,20 334,48 327,78 0,9800 327,22 0,9783
1,40 388,22 380,46 0,9800 379,90 0,9786
1,60 441,90 433,10 0,9801 432,53 0,9788
1,80 495,52 485,71 0,9802 485,13 0,9790
2,00 549,16 538,30 0,9802 537,71 0,9791

Dalle tabelle riportate emerge con chiarezza che, specie nel caso di armature
simmetriche, all’aumentare di k si possono ottenere significativi incrementi di
momento resistente, sebbene inferiori al corrispettivo rapporto di incrudimento
(k = 1,15 e k = 1,35 comportano in ogni caso incrementi percentuali di mo-
mento resistente di progetto inferiori al 15% e al 35%, rispettivamente). Tali
incrementi evidenziano come l’utilizzo di un legame tensione deformazione con
ramo incrudente possa comportare, a parità di momento resistente, la necessità
di una minore quantità di armatura e conseguentemente, almeno in certi casi,
un significativo risparmio.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 151

Tabella 4.18
ρ0 = ρ k=1 k=1,15 k=1,35
Confronto MRd
ρ= As /bh M Rd (kNm) M Rd (kNm) M Rd (kNm) ottenuti con diversi
0,30% 77,24 83,29 (1,078) 90,91(1,177) valori del rapporto
0,40% 101,92 109,19 (1,071) 118,35 (1,161) di incrudimento
0,60% 151,19 160,73 (1,063) 172,74 (1,143) (sezione a doppia
armatura, ρ0 = ρ).
0,80% 200,38 212,1 (1,058) 226,79 (1,132)
1,00% 249,6 263,4 (1,055) 280,69 (1,125)
1,20% 298,82 314,64 (1,053) 334,48 (1,119)
1,40% 348,02 365,86 (1,051) 388,22 (1,116)
1,60% 397,24 417,07 (1,050) 441,90 (1,112)
1,80% 446,47 468,26 (1,049) 495,52 (1,110)
2,00% 495,69 519,46 (1,048) 549,16 (1,108)

Si osservi che uno sfruttamento ancora maggiore può invece essere realizzato
in sezioni con forma a T o analoghe, con spessore dell’ala superiore ridotta. In-
fatti, la presenza di una larga parte superiore di calcestruzzo compresso spinge
l’asse neutro verso l’alto, con conseguente aumento della deformazione nelle
barre tese. Tale effetto è chiaramente mostrato nella Tabella 4.19 dove si ripor-
tano, con riferimento alla sezione di Figura 4.19, i valori dei momenti resistenti
ottenuti in corrispondenza di valori di incrudimento k = 1, k = 1,15 e k = 1,35
nonché, in parentesi, i rapporti tra i momenti resistenti ottenuti con k = 1,15
o 1,35 con quelli ottenuti nel caso k = 1 (in ogni caso i valori dei momenti
resistenti sono stati ottenuti adottando per il calcestruzzo un legame di tipo
parabola-rettangolo).
Dalla Tabella 4.19 emerge che per la sezione in esame gli incrementi percen-
tuali del momento resistente raggiungono valori compresi tra il 10% e il 23%
nel caso di armatura minima (0,3%), riducendosi a valori pari al 6% ÷ 14%
nel caso di armatura massima (2,0%).

ρ0 =ρ k=1 k=1,15 k=1,35 Tabella 4.19


Confronto MRd
ρ= As /Ac M Rd (kNm) M Rd (kNm) M Rd (kNm)
ottenuti con diversi
0,30% 106,75 117,58 (1,101) 130,96 (1,226) valori del rapporto
0,40% 139,94 152,76 (1,091) 168,64 (1,205) di incrudimento
0,60% 205,95 222,44 (1,080) 242,77 (1,178) (sezione a T doppia
0,80% 271,76 294,60 (1,084) 316,03 (1,162) armatura, ρ0 = ρ).
1,00% 337,45 360,50 (1,068) 388,80 (1,152)
1,20% 403,12 429,25 (1,064) 461,24 (1,144)
1,40% 468,73 497,88 (1,062) 533,52 (1,138)
1,60% 534,36 566,44 (1,060) 605,62 (1,133)
1,80% 599,96 634,95 (1,058) 677,61 (1,129)
2,00% 665,56 703,40 (1,056) 749,54 (1,126)
152 Capitolo 4

80 cm
A's c = 4 cm

10 cm

d = 46 cm
h = 50 cm
40 cm
c = 4 cm

As
Figura 4.19
Sezione a T. b = 30 cm

In tale caso, dunque, la presenza della soletta induce effettivamente una tra-
slazione verso l’alto dell’asse neutro e pertanto è possibile ottenere incre-
menti di momento resistente più significativi all’incrementare del rapporto di
incrudimento.
Di seguito si riporta, un esempio numerico di calcolo su una sezione a T.

Esempio 4.4
Si analizza il caso di una sezione a T armata simmetrica- interno alla soletta)
mente (Fig. 4.19) e si determinano i valori dei momenti
y − 0,8c 30,43 − 0,8 · 40
resistenti nel caso di rapporto di incrudimento k = 1, e σs0 = Es εcu = 210 000 · 0,0035 =
y 30,43
k = 1,35.
Si utilizza calcestruzzo di Classe 25/30, per cui: = −37,92 MPa
• σcd = 0,85 × 25/1, 5 = 14,17 MPa; da cui si evince che l’armatura superiore non risulta sner-
• εcu = 0,0035 vata e non compressa ma tesa. La risultante in compres-
e acciaio B450C caratterizzato da: sione dovuta al calcestruzzo e quella di trazione dovuta
all’armatura superiore valgono rispettivamente:
fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391, 3 MPa
C1 = σcd by = 14,17 · 800 · 30,43 = 344,9 · 103 N
Es = 210 000 MPa
C2 = T2 = σs0 As = −37,92 · 804 = −30,4 · 103 N
Armatura simmetrica pari a 4 φ 16 (As = A0s = 4 φ 16 →
= 0,40% = ρ0 ,
ρ = As /Ac = 8,038/2000 ∼ e il momento resistente di progetto può essere calcolato
come:
ft
Caso a) k = fy
= 1, kfy d = 391,3 MPa ⇣ y⌘
MRd = C1 · d − − T2 · (d − c) =
nel caso di sezione a T, l’asse neutro può avere pro- 2✓ ◆
fondità tale da essere interno alla soletta o interno all’a- 30,43
= 344,9·103 · 460− − 30,4·103 ·(460−40) =
nima della sezione. Si ipotizza in prima istanza che l’as- 2
se neutro sia interno alla soletta; in tale caso la sezione = 140,63 · 106 Nmm
a T può essere trattata come una sezione rettangolare con
base B = 80 cm e pertanto y può essere calcolato ipo-
tizzando l’armatura superiore non snervata, attraverso la Caso b) k = ft /fy = 1,35, kfy d = 528,3 MPa
relazione (4.27):
Anche in questo caso si ipotizza in prima istanza che y sia
y 2 800 · 14,17 − y · 804 (391,3 − 210 000 · 0,0035) + interno alla soletta per cui la sezione a T può essere consi-
− 0,8 · 40 · 804 · 210 000 · 0,0035 = 0 derata come una sezione rettangolare con base B = 80 cm;
avendo considerato un acciaio con rapporto di incrudimen-
11 336y 2 + 276 335y − 18 910 080 = 0
to k = 1,35, trascurando l’armatura in compressione, la
y = 30, 43 mm (dunque x = 1,25 y = 38,08 mm < 100 profondità dell’asse neutro può essere ricavata attraverso
mm e risulta verificata l’ipotesi assunta di asse neutro la (4.47). Se si vuole tenere in conto anche il contributo
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 153

dell’acciaio in compressione l’espressione (4.47) si modifica da cui si ricava


come segue: x
= 0,0818 ⇒ x = 0,0818 · h = 0,0818 · 500 =
⇣ x ⌘2  ✓
εcu + εy ft
◆�
x
✓ ◆
εcu x h
0,8 −ω 1− −1 + ω 0 Es + = 40,9 mm
h εud − εy fy h fy d h
✓ ◆
εcu ft d εcu c (dunque risulta verificata l’ipotesi assunta di asse neu-
−ω −1 − ω 0 Es =0 x −c
εud − εy fy h fy d h tro interno alla soletta) inoltre ε0s = εcu =
x
avendo ipotizzato l’armatura superiore non snervata (ipote- 40,9 − 40
0,0035 = 0,000077 < εsy = 0,001863 per cui,
si da verificare una volta determinata la profondità dell’asse 40,9
nel caso in esame, l’armatura superiore risulta affettiva-
neutro), dove:
mente non snervata e il suo contributo alla risultante di
A s fy d A0 f y d 804·391,3 compressione è trascurabile.
ω= = ω 0= s = = 0,0554;
Bhσcd Bhσcd 800·500·14,17 A questo punto la risultante in compressione dovuta al
εcu + εy 0,0035 + 0,001863 calcestruzzo vale:
= = 0,08170;
εud − εy 0,0675 − 0,001863
C1 = σcd b0,8x = 14,17 · 800 · 0,8 · 40,9 =
εcu 0,0035
= = 0,0533; = 370,9 · 103 N
εud − εy 0,0675 − 0,001863
εcu 0,0035 e il momento resistente di progetto può essere calcolato
Es = = 1,878
fy d 391,3 come:
da cui: MRd = C1 · (d − 0,4x) = 370,9 · 103 · (460 − 0,4 · 40,9) =
⇣ x ⌘2
0,8 + {−0,0554 [1 − 0, 08170 (1,35 − 1)] + = 164,55 · 106 Nmm
h
x dunque nel passaggio da k = 1 a k = 1,35 si è avuto un
+ 0,0554 · 1,878} +
h incremento di momento resistente pari a
460 MRd(k=1,35)
− 0,0554 · 0,0533 (1,35 − 1) + 164,55
500 ∆= = = 1,17
MRd(k=1,0) 140,63
40
− 0,0554 · 1,878 · =0
500 ovvero un incremento percentuale pari al 17%.

4.8 Valutazione della sezione pressoinflessa


Con riferimento a sezioni soggette ad azioni di pressoflessione retta si discutono
di seguito le problematiche connesse alla verifica e alla costruzione del dominio
di rottura.

4.8.1 Verifica in pressoflessione retta

Nel caso di pressoflessione si opera esattamente come per la flessione, solo che
C e T non sono uguali e contrari ma devono avere come risultate lo sforzo
normale NSd che effettivamente agisce nella sezione.
Si consideri la sezione rettangolare della Figura 4.20 con armatura compres-
sa A0s e armatura tesa As . Il calcolo è molto semplice se si considerano entrambi
gli acciai snervati; infatti l’equilibrio alla traslazione immediatamente fornisce:

byσcd + A0s fyd − As fyd = NSd (4.50)


154 Capitolo 4

A's c
3,5‰ ε cd cd C2
M Sd x C
C1
y
N Sd
h d d*
c
Figura 4.20
Sezione As > εyd f yd f yd T
pressoinflessa. b

da cui
NSd + As fyd − A0s fyd
y= (4.51)
bσcd
da cui, introducendo lo sforzo normale adimensionale:
NSd
ν= (4.52)
bhσcd
si ottiene: y
= ν + ω − ω0 (4.53)
h
Dall’equilibrio alla rotazione intorno al baricentro geometrico della sezione (ba-
ricentro del solo calcestruzzo) si ricava immediatamente il momento resistente
MRd che la sezione può sopportare in caso di presenza di sforzo normale NSd :
✓ ◆ ✓ ◆
h−y h
MRd = ybσcd 0
+ fyd (As + As ) −c (4.54)
2 2
La (4.54) si basa evidentemente su alcune ipotesi semplificative che vanno
verificate alla fine del calcolo.
Innanzitutto la sezione è stata ipotizzata come parzializzata. È eviden-
te che se l’armatura inferiore è compressa, e cioè x > d, allora il calco-
lo va rifatto in altre ipotesi. Inoltre nella (4.54) entrambe le armature sono
state considerate snervate. È un caso molto frequente, ma che va comun-
que verificato; in particolare le armature risultano non snervate se risulta
rispettivamente:
y ≤ (2,10 · 0,8)c = 1,68c
(4.55)
⇒ armatura compressa in campo elastico

εcu 3,5‰
y ≥ 0,8 d = 0,8 d = 0,522d
εcu + εy 3,5‰ + 1,86‰ (4.56)
⇒ armatura tesa in campo elastico

4.8.2 Costruzione semplificata dei domini di pressoflessione retta


su sezioni ad armatura simmetrica
Nel caso di pressoflessione retta la sollecitazione è individuata da due parame-
tri (NSd , MSd ) e, al fine della verifica della sezione, è necessario controllare che
essa non induca il raggiungimento dello stato limite ultimo. Dal momento che
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 155

esistono infinite coppie di valori (N, M ) che corrispondono a condizioni di sta-


to limite della sezione (condizioni di rottura), è possibile individuare nel piano
N , M una regione, denominata dominio di rottura, la cui frontiera è costituita
dai punti per cui si raggiunge la rottura e al cui interno corrispondono i valori
di sollecitazione sopportati dalla sezione. I punti esterni a tale regione rappre-
sentano quindi, le sollecitazioni (NSd , MSd ) che non possono essere equilibrate
dalle tensioni interne alla sezione. Un esempio di dominio di rottura per una
sezione rettangolare ad armatura simmetrica (caso molto frequente per i pila-
stri per i quali, peraltro, tipicamente si ha una sollecitazione di pressoflessione)
è riportato in Figura 4.21.
M Dominio M-N
M (kNm)

Figura 4.21
N (kN) Dominio di rottura.

La determinazione del dominio di rottura rende di banale risoluzione la pro-


blematica connessa alla verifica della sezione per ogni possibile singola coppia
sollecitante (NSd , MSd ); la verifica può essere, difatti, effettuata graficamente
controllando che i punti rappresentativi delle possibili sollecitazioni risultino
interni al dominio di rottura.
La costruzione del dominio di rottura in pressoflessione per la sezione a
doppia armatura simmetrica si può fare molto semplicemente, considerando i
diagrammi a stress block.
Infatti, con riferimento al grafico della Figura 4.22, i due punti che caratte-
rizzano rispettivamente la trazione centrata (punto A) e compressione centrata
(punto B) sono caratterizzati da:
(A)
NRd = 2As fyd = 2F con F = As fyd (4.57)
(B) (A)
NRd = 2As fyd + bhσcd = NRd + Nc = 2F + Nc con Nc = bhσcd (4.58)

avendo indicato con Nc la resistenza della sezione in calcestruzzo.


Il punto C corrisponde alla flessione semplice; vale quanto detto nel Para-
grafo 4.4, e in termini approssimati si ha:
(C) (C)
NRd = 0 MRd = MRd,f lessione
(4.59)
con MRd,f lessione ∼
= As fyd (h − 2c) = F (h − 2c)
156 Capitolo 4

σcd
A's = As F Nc /2
c M
F F = As σsd
N M Nc = bhσcd
h D
As
c
b
F F σcd
Figura 4.22 Nc
Costruzione per via F F
C E
semplificata As f yd(h−2c) As f yd(h−2c)
del dominio F
σ
F cd
di rottura Nc
2
in pressoflessione F bhσcd /8 F
per sezioni a doppia A B
armatura 2As f yd Nc /2 Nc 2A f N
bhσcd /2 bhσcd /2 s yd
simmetrica.

Il punto E è il simmetrico di C rispetto al massimo; è dunque evidente che il


momento è identico a quello della flessione semplice, mentre lo sforzo normale
è proprio coincidente con la resistenza del solo calcestruzzo:
(E) (E)
NRd = Nc MRd = MRd,f lessione (4.60)

Ciò si deduce sia per simmetria, sia perché lo stress block esteso all’intera
altezza fornisce una compressione Nc centrata, mentre il momento flettente è
dato dalle sole due armature.
Infine il massimo momento flettente corrisponde al punto D:

(D) Nc (D) Nc h
NRd = MRd = MRd,f lessione + (4.61)
2 2 4
per il quale è evidente che lo stress block si estende esattamente a metà sezio-
ne; infatti aumentando il valore di y oltre h/2, si aggiunge un contributo di
compressione che ha braccio al di sotto di metà sezione e dunque fa diminuire
il momento flettente complessivamente applicato.
Dal dominio si rileva che la presenza di sforzo normale inferiore a Nc produce
necessariamente un aumento della resistenza flettente rispetto alla flessione
semplice; al massimo tale valore è fornito dal punto D e dunque il massimo
aumento rispetto al caso di flessione semplice risulta:

bh2 σcd
(D)
MRd MRd,f lessione + Nc h/8 ∼ 8
(C)
= =1+ =
MRd MRd,f lessione As fyd (h − 2c) (4.62)
0,125 1 0,15
1+ =1+

ω 1 − 2c/h ω

avendo considerato valori medi del rapporto c/h.


Si osservi ancora che tutto l’aumento di resistenza fra i punti C e D è ascri-
vibile al contributo del calcestruzzo, infatti, se si riporta il dominio resistente
della sola sezione in calcestruzzo, si ha quanto riportato nella Figura 4.22, ov-
vero un dominio che parte dall’origine, e arriva fino al punto caratterizzato da
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 157

Nc ; il massimo si ha lungo la verticale passante per D, e cioè per N = Nc /2,


e il momento corrispondente è pari all’incremento di resistenza Nc h/8.
In realtà si perviene al dominio della sezione in cemento armato, dilatando
il dominio della sezione in solo calcestruzzo a sinistra e a destra del contributo
2F e facendo traslare verso l’alto il dominio della sezione in calcestruzzo della
quantità MRd,f lessione .
Il dominio della sola sezione in calcestruzzo ha evidentemente equazione:

h y
✓ ◆
M =N − (4.63)
2 2

dove y si calcola immediatamente come:

N
y= (4.64)
bσcd

Per N = 0 e per N = Nc la sezione non ha alcuna resistenza flessionale. Nei


casi intermedi si ottiene immediatamente la seguente forma parabolica:

h N
✓ ◆
M =N 1− (4.65)
2 Nc

Dunque nella zona C-D-E il dominio approssimato della sezione in cemento


armato ha la seguente forma:

h N h
✓ ◆
MRd = As fyd (h − 2c) + N 1− = As fyd (h − 2c) + N (1 − ν) (4.66)
2 Nc 2

Tale espressione coincide con la (4.54) nel caso di As = A0s .

Esempio 4.5

Si consideri la sezione dell’esempio precedente (30×50 cm, (D) Nc h


MRd = MRd,f lessione + = 132,13 · 106 +
copriferro 4 cm, calcestruzzo Classe C25/30, acciaio 2 4
B450C) armata con 4 φ 16 simmetrici. 500
+ 1 062 000 · =
Si ottiene: 4
(A)
NRd = 2As fy d = 2 · 804 · 391,3 = 629.210 N = 132,13 · 106 + 132,84 · 106 = 264.97 · 106 Nmm
(E)
(B)
NRd = 2As fy d +bhσcd = 2 · 804 · 391,3+300 · 500 · 14,16 = NRd = Nc = 2 125 500 N;
(E)
= 629 210 + 2 125 500 = 2 754 710 N MRd = MRd,f lessione = 132,13 · 106 Nmm
MRd,f lessione ∼
= As fy d (h − 2c) = 804 · 391,3 · (500 − 80) =
Nella Figura 4.23 sono tracciati i domini di pressoflessione
= 132,13 · 106 Nmm con la formulazione semplificata appena descritta e inte-
(contro un valore calcolato “rigorosamente” di grando esattamente il diagramma parabola-rettangolo con-
siderando anche la possibilità che le armature, tese e com-
135,53 · 106 Nmm)
presse, possano rimanere in campo elastico (“metodo rigo-
(C) (C)
NRd =0 MRd = MRd,f lessione = 132,13 · 106 Nmm roso); con linea tratteggiata, inoltre, è riportato il dominio
Nc 2 124 000 che si ottiene semplicemente congiungendo i punti A-C e
(D)
NRd = = = 1 062 750 N D-E-B.
2 2
158 Capitolo 4

Si osserva che i punti A, B, C, D ed E si collocano con di sicurezza e la stessa considerazione può effettuarsi nei
buona precisione sul dominio calcolato “rigorosamente”. La riguardi dei tratti B-E e C-A. In ultimo si osservi che nella
forma del dominio è ottimamente approssimata dall’equa- pratica è ben difficile che ν risulti superiore a 0,5. Dunque
zione (4.66) nel tratto C-D, mentre è in svantaggio di si- il tratto più importante nelle verifiche è proprio C-D do-
curezza nel tratto D-E, in quanto l’armatura inferiore non ve la semplicissima espressione (4.66) fornisce un risultato
è snervata. Si osservi peraltro che il tratto D-E è ottima- ottimamente approssimato.
mente approssimato da una retta, che è anche in vantaggio

M (kNm) 300
“Metodo Rigoroso”
D
250 “Formulazione semplificata”

200

150
C E
100

50

A ν=0 ν = 0,5 ν=1 B


0
–1000 –500 0 500 1000 1500 2000 2500 3000
N (kN)
Figura 4.23 Dominio di pressoflessione con metodo rigoroso e formulazione semplificata.

4.8.3 Sezione con doppia armatura non simmetrica


Nel caso di sezione con armatura non simmetrica il dominio non è simmetrico
rispetto all’asse delle N . Infatti in presenza del massimo sforzo di trazione
assorbibile:
(A)
NRd = A0s fyd + As fyd (4.67)
il momento resistente non risulta nullo, perché le due armature sono sollecitate
da due forze diverse, bensì pari a:

(A) As − A0s
MRd = fyd (h − 2c) (4.68)
2
Analogamente in compressione si ha:
(B)
NRd = A0s fyd + As fyd + bhσcd (4.69)

e il momento resistente non risulta nullo, bensì negativo e pari a:

(B) As − A0s (A)


MRd = − fyd (h − 2c) = −MRd (4.70)
2
Dunque il dominio ha sempre i punti di cuspide su di una retta del fascio che
passa per il punto di coordinate (Nc /2, 0). La forma è analoga a quella del
caso di sezione simmetrica. Nella Figura 4.24 si riportano i domini della stessa
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 159

300

M (kNm)
A's = As
250 A's = 0,5As
A's = 0,25As
A's = 0
200

150

100
Figura 4.24
50 Domini
N (kN)
di pressoflessione
0
per sezione
−1000 −500 0 500 1000 1500 2000 2500 3000
con doppia
−50
armatura
non simmetrica.
−100

sezione esaminata precedentemente, nei quattro casi di A0s /As = 1, 0,5, 0,25 e 0.
Si osservi come, coerentemente con quanto detto in precedenza, i domini siano
molto raccolti nella zona della tensoflessione e della flessione semplice, mentre
si differenziano decisamente all’aumentare dello sforzo normale di compres-
sione.

4.8.4 Sezione circolare


Si discutono di seguito le problematiche connesse alla verifica di sezioni circo-
lari e alla costruzione del dominio di rottura. La forma circolare non è molto
usata in elementi soggetti a flessione ma può ritrovarsi in casi particolari, co-
me i pali di una paratia. La forma circolare è tuttavia frequente in elementi
pressoinflessi, come pilastri in edifici intelaiati, pile da ponte, o pali di fonda-
zione.
Si consideri la sezione circolare di raggio R della Figura 4.25 con armatura
totale As ; le barre di armatura sono disposte con spaziatura regolare lungo una
circonferenza di raggio r = R − c (raggio del cerchio meno il copriferro c) e
le armature aventi una stessa ordinata sono soggette alle stesse deformazioni,
εs,i , e tensioni, fs,i (Fig. 4.25).

εcu cd fyd
c
x εs,i fs,i
y = 0,8x
di

As,i Figura 4.25


Sezione circolare
ε c= ε s pressoinflessa.
160 Capitolo 4

La zona compressa è identificata da


Ac un segmento circolare (porzione di
cerchio delimitata da una corda): la
0,8x
risultante delle tensioni di compres-
dc c sione nel calcestruzzo può essere cal-
Figura 4.26 r R colata, in maniera semplificata, appli-
Area e posizione O cando uno stress-block a un segmen-
del baricentro to circolare di profondità y = 0,8x,
di un segmento
Figura 4.25; il valore di y, l’area,
circolare.
Ac , e la posizione del baricentro, dc ,
del segmento circolare possono essere
ricavate (Fig. 4.26) come:
4 sin3 θ R2
0,8x = R(1 − cos θ) dc = R Ac = (2θ − sin 2θ)
3 2θ − sin 2θ 2
con θ pari alla metà dell’angolo che definisce il segmento circolare in esame
R − 0,8x
θ = arccos
R
In questo caso, la scrittura delle equazioni di equilibrio alla traslazione e rota-
zione si effettua come al Paragrafo 4.8.1; la soluzione diretta, tuttavia, non è
semplice per la presenza di termini trigonometrici.
εcu 0,9 cd fyd
c
x 0,8x
Figura 4.27 εs,i
Sezione circolare
pressoinflessa, As
metodo
semplificato. ε c= ε s fyd

Nel metodo semplificato proposto nel seguito (Cosenza et al., 2011), le barre
di armatura longitudinale vengono sostituite con un’armatura uniformemen-
te diffusa secondo una circonferenza di raggio r (si immagini un cilindro di
acciaio) con area totale As (uguale all’armatura totale), trascurando così la
posizione reale di ciascuna barra, Figura 4.27. Considerando l’acciaio sempre
snervato (come per la sezione rettangolare) e utilizzando lo stress-block per il
calcestruzzo compresso con un valore della resistenza di progetto σcd 0
= 0,9σcd ,
si può scrivere l’equilibrio alla traslazione della sezione come:
R2
✓ ◆ ✓ ◆
0 θ π−θ
(2θ − sin 2θ)σcd + As fyd − As fyd = NSd (4.71)
2 π π
dove NSd è lo sforzo normale applicato, θ è uguale alla metà dell’angolo che
definisce lo stress-block (Fig. 4.26), che può variare
✓ idealmente
◆ ✓ da 0◆(assenza
θ π−θ
di compressione) a π (sezione tutta compressa), e As e As rap-
π π
presentano, approssimativamente, l’area dell’acciaio compresso e teso (ricavate
come frazioni tra rispettivi archi di circonferenza). L’approssimazione consiste
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 161

nel confondere i due angoli alla circonferenza di raggio R e R − c nel valutare


la parte di armatura tesa e quella compressa. La risultante di compressione è
ricavata a partire dalle formule del segmento circolare (Fig. 4.26). La scelta
di σcd
0
= 0,9σcd discende da una prescrizione dell’Eurocodice 2 se la larghezza
della zona compressa diminuisce procedendo nella direzione della fibra estrema.
2
Moltiplicando ciascun termine in equazione (4.71) per 2 0 , si ottiene:
R σcd
(2θ − sin 2θ) + 2ωθ − 2ω(π − θ) = 2νπ (4.72)
As fyd NSd 1
dove ω = 2
eν= , rappresentano rispettivamente la percentua-
πR σcd 0
πR2 σcd
0

le meccanica di armatura e lo sforzo normale adimensionale. Data la natura


trascendente della (4.72) non è possibile trovare la soluzione in forma chiusa;
in termini approssimati, il calcolo di θ si può eseguire rapidamente con un
numero ridotto di iterazioni adottando il metodo della tangente per la ricerca
degli zeri della funzione:
f (θ) = 2θ(1 + 2ω) − sin 2θ − 2π(ω + ν) (4.73)
che si ottiene ordinando la (4.72) e di cui è immediato ricavare la derivata, co-
me si rileva dal grafico di Figura 4.28a dove con θ⇤ è indicata la soluzione nel
caso esaminato; in alternativa è possibile utilizzare diagrammi come quello in
Figura 4.28b, che per diversi valor di ω e ν, forniscono la soluzione della (4.73).
1,8 Figura 4.28
8 R = 30 cm, c = 4 cm
= 1% (ω = 0,27), = 0,1
1,6
= /2 Funzione f (θ) (a) e θ
6
1,4 in funzione
[rad]

4 di percentuale
f( )

1,2
2 meccanica
2 1 =0 di armatura
0 0,8 = 0,1
* = 0,2 per diversi valori
–2 = 0,3
0,6 = 0,4 dello sforzo normale
= 0,5
–4 0,4 adimensionale (b).
0 1 2 3 4 5 6 0,25 0,5 0,75 1 1,25 1,5
(a) (b) ω

Una soluzione approssimata si può trovare sostituendo il termine sin 2θ della


(4.72) con la parabola (Di Laora et al., 2014):
16 ⇣ π ⌘ π
θ − θ per θ ≤ (4.74)
π2 2 2
In questo modo, l’equazione (4.72) diventa un’equazione di secondo grado
nell’incognita θ:
8 2 4
✓ ◆
θ + 1 + 2ω − θ − π(ω + ν) = 0 (4.75)
π2 π
che ammette soluzione positiva:2 3
v
⇣ π ⌘2 ✓ 4 32 ω+ν
◆6 u 7
θ= 1 + 2ω − u1 +
6−1 + u (4.76)
6 7
◆2 7
4 π π 4 5

4 t
1 + 2ω −
π
La Figura 4.29 riporta un confronto tra i valori esatti di θ ottenuti dall’equazio-
ne (4.72) e i valori ottenuti dall’equazione (4.76), in funzione della percentuale
162 Capitolo 4

/2
0,4
Figura 4.29
ω' =1
Soluzione esatta 0,5
0,2
e approssimata

[rad]
/4 0,1
per θ in funzione 0
v' =
di sforzo normale
adimensionale
e percentuale
0
meccanica 0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5
di armatura. v' ω'
meccanica di armatura e sforzo normale adimensionale rispettivamente. Si può
notare che i valori sono praticamente coincidenti. Si noti anche che l’espressione
semplificata per θ è valida per ν ≤ 0,5, i.e., θ ≤ π2 . Tuttavia, la funzione θ(ν)
è simmetrica rispetto al punto (0,5, π2), e quindi per ν > 0,5 i valori di θ
possono essere calcolati per simmetria.
Una volta calcolato θ, dall’equilibrio alla rotazione intorno al baricentro
geometrico della sezione si ricava immediatamente il momento resistente MRd
che la sezione può sopportare in caso di presenza di sforzo normale:
2 2
MRd = MRd,c + MRd,s = R3 sin3 θσcd
0
+ (R − c)As sin θfyd (4.77)
3 π
con:
2
0
MRd,c = Ac dc σcd = R3 sin3 θσcd
0
contributo del calcestruzzo;
3
θ 2
MRd,s = As fyd 2ds = (R − c)As sin θfyd contributo dell’acciaio (Fig. 4.30),
π π
in cui ds rappresenta la distanza del baricentro dell’arco di armatura tesa dal
centro ed è pari a ds = r sinθ θ .

As / fyd
y = 0.8x

ds
Figura 4.30
Contributo
dell’acciaio
ds
al momento
resistente As / fyd
di progetto.

Esempio 4.6
A titolo di esempio, il metodo semplificato proposto è ap- Si consideri inoltre calcestruzzo di classe C25/30 e acciaio
plicato ad un caso studio di una sezione circolare di raggio B450C (Fig. 4.31).
30 cm e copriferro uguale a 4 cm ( Rc = 0,13). Si consi- In Tabella 4.20 sono riportati i risultati in termini di mo-
derino diverse percentuali geometriche di armatura ρ tra mento resistente di progetto in accordo con diverse proce-
1% e 4% (corrispondenti ad un armatura distribuita pari a dure di calcolo. In particolare, MRd1 è il momento resistente
10φ20, 18φ20, 28φ20, e 36φ20, rispettivamente) coeren- di progetto calcolato attraverso il software Biaxial (dispo-
temente alle prescrizioni per pilastri in c.a. in zona sismica, nibile gratuitamente da http://www.reluis.it/), utilizzando
e diversi valori dello sforzo normale adimensionale, ν, tra un diagramma parabola-rettangolo per il calcestruzzo com-
0,1 e 0,5 (valori tipici per pilastri in c.a. in zona sismica). presso, l’effettiva posizione delle barre di armatura e un le
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 163

game elasto-plastico per l’acciaio teso e compresso (cioè che il calcolo effettuato considerando l’armatura esatta-
tenendo conto dell’effettivo stato deformativo di ciascuna mente al vertice (sulla verticale) può indurre ad ulteriori
barra); MRd2 è il momento resistente di progetto calcolato piccole approssimazioni in svantaggio di sicurezza poiché
0
utilizzando un diagramma stress-block con σcd = 0,9σcd , in fase di posizionamento della gabbia di armatura sono
l’effettiva posizione delle barre di armatura e un legame molto probabili piccole rotazioni non prevedibili apriori.
elasto-plastico per l’acciaio teso e compresso (come per il Il rapporto medio tra (MRd3 ) e (MRd1 ) è uguale a 1,03 con
calcolo di MRd1 ); MRd3 è il momento resistente di proget- un coefficiente di variazione dell’1% e un errore massimo
to calcolato utilizzando il metodo semplificato proposto. del 5% nel campo di armature e sforzo normale considerati.
I risultati in Tabella 1 permettono di affermare che i va- La Tabella 4.20 conferma che le differenze tra stress-block
lori del momento resistente di progetto ottenuti secondo e parabola-rettangolo sono del tutto trascurabili, nell’inte-
il metodo semplificato (MRd3 ) sono quasi coincidenti con ro campo di variazione, con un massimo errore del 5% e
i risultati ottenuti attraverso un calcolo rigoroso (MRd1 ), un errore medio del 2%.
sebbene in leggero svantaggio di sicurezza. Si noti, inoltre,
R = 30 cm

c = 4 cm

As = 10 20 As = 18 20 As = 28 20 As = 36 20
= 1,11% = 2% = 3,11% = 4%
(a) (b) (c) (d)

Figura 4.31 Sezione circolare esaminata.


Tabella 4.20 Confronto momento resistente di progetto calcolato con metodo rigoroso e con metodi
semplificati.

ν ρ ω M Rd1 (kNm) M Rd2 (kNm) M Rd2 /M Rd1 (kNm) M Rd3 (kNm) M Rd3 /M Rd1 (kNm)
1,11% 0,341 280 276 0,98 279 1,00
2,00% 0,614 464 459 0,99 473 1,02
0 3,11% 0,955 684 676 0,99 701 1,02
4,00% 1,228 852 844 0,99 877 1,03
1,11% 0,341 331 327 0,99 337 1,02
2,00% 0,614 507 502 0,99 518 1,02
0,1 3,11% 0,955 716 708 0,99 737 1,03
4,00% 1,228 878 868 0,99 908 1,03
1,11% 0,341 375 370 0,99 381 1,01
2,00% 0,614 540 530 0,98 553 1,02
0,2 3,11% 0,955 740 729 0,99 765 1,03
4,00% 1,228 900 886 0,98 932 1,04
1,11% 0,341 406 393 0,97 411 1,01
2,00% 0,614 562 551 0,98 577 1,03
0,3 3,11% 0,955 758 743 0,98 784 1,03
4,00% 1,228 913 898 0,98 949 1,04
1,11% 0,341 419 406 0,97 428 1,02
2,00% 0,614 574 557 0,97 591 1,03
0,4 3,11% 0,955 766 748 0,98 796 1,04
4,00% 1,228 918 899 0,98 959 1,04
1,11% 0,341 427 406 0,95 433 1,01
2,00% 0,614 577 555 0,96 596 1,03
0,5 3,11% 0,955 764 742 0,97 799 1,05
4,00% 1,228 914 893 0,98 962 1.05
164 Capitolo 4

Esempio 4.7

M (kNm)
500

400

300

200

100

0
–2000 –1000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
N (kN)

Figura 4.32 Dominio di rottura in pressoflessione determinato con metodo rigoroso.

Si consideri la sezione analizzata in Figura 4.31a. Il domi- (punto B) possono determinarsi come segue:
nio di pressoflessione ottenuto mediante la modellazione a (A)
• Punto A) NRd = As fy d = 10 · 314,2 · 391,3 =
fibre della sezione circolare, utilizzando il legame parabola-
1 229 000 N.
rettangolo per il calcestruzzo compresso e considerando (b)
• Punto B) NRD = Ac σcd + As fy d = π · 3002 · 14,17 +
l’effettiva distribuzione delle barre d’armatura all’interno
10 · 314,2 · 391,3 = 5 234 800 N.
della sezione (“metodo rigoroso”) è riportato in Figura 4.32.
Analogamente a quanto mostrato con riferimento a sezio- Per proseguire al calcolo del momento resistente nei punti
ni quadrate o rettangolari, anche per la sezione circolare C, D, E con la formulazione semplificata (4.77), è neces-
è possibile eseguire una costruzione semplificata del domi- sario valutare l’angolo θ dalla (4.76), funzione della per-
nio di pressoflessione determinandone attraverso semplici centuale meccanica di armatura ω e dello sforzo normale
formulazioni alcuni punti come riportato in Figura 4.33. adimensionale ν. Nel caso in esame si ha:
I punti estremi del dominio, corrispondenti a sollecitazio-
A s fy d 10 · 314,2 391,3
ne di trazione centrata (punto A) e compressione centrata ω= = = 0,34
πR2 σcd0
π · 3002 12,75


cd fyd ‘
cd fyd
yc

cd fyd 2R – yc

D
fyd C cd fyd
E

A B
v = –w v = 0,5 v=1+w N, v
N = – As fyd N = 0,5Av ‘cd N = Ac cd + Asfyd

Figura 4.33 Costruzione per via semplificata del dominio a pressoflessione per sezione circolare.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 165

• Punto C) Si noti che l’espressione semplificata per θ (eq. 4.75) è va-


ν (C)
=0 (C)
NRd =0 lida per ν ≤ 0,5, e per ν > 0,5 il valore di θ può essere
⇣ π ⌘2 ✓ ◆ calcolato per simmetria (θ (E) = θ (C) ):
4
θ (C) = 1 + 2ω − ·
4 π • Punto E
2 3
(E)
v ν 1
32 ω+ν
6 u 7
(E)
· 6−1 + u u1 + π ✓ ◆2 7 = 0,98 NRd 0
= ν · σcd · π · R2 = 1 · 12,75 · π · 3002 = 3 605 000N
6 7
4 t 4 5
1 + 2ω − θ(E) = θ (C) = 0,98
π
(E) (C)
(C) 2 2 MRd = MRd = 279 · 106 Nmm
MRd = R2 sin3 θσcd 0
+ (R − c)As sin θfy d =
3 π
2 2 Si osserva che i punti A, B, C, D, ed E si collocano con buo-
= · 3003 · sin3 (0,98 · 12,75 + (300 − 40) · 10·
na precisione sul dominio calcolato con “metodo rigoroso”,
3 π
· 314,2 · sin 0,98 · 391,3 = 279,106 Nmm Figura 4.34. Si osservi peraltro che il tratto A-C ed il tratto
E-B risultano ottimamente approssimati da una retta. Nel
• Punto D)
tratto C-D è possibile determinare, per ciascun valore di
ν (D) = 0,5 ν, i punti del dominio attraverso l’equazione (4.76) e l’e-
NRd = ν · σcd · π · R = 0,5 · 12,75 · π · 300 = 1 802 500N quazione (4.77). Il tratto D-E si ottiene per simmetria. La
(D) 0 2 2

⇣ π ⌘2 ✓ ◆ forma del dominio ottenuta mediante metodo rigoroso è


4
θ (D) = 1 + 2ω − · ottimamente approssimata dal dominio derivato mediante
4 π
2 3 la costruzione semplificata.
v Si osservi, infine, che nel tratto D-E in cui il momento
32 ω + ν resistente di progetto ottenuto attraverso la formulazio-
6 u 7
· 6−1 + uu1 + π ✓ ◆2 7 = 1,57
6 7
4 t 4 5 ne semplificata risulta in leggero svantaggio, è possibile
1 + 2ω −
π approssimare il dominio mediante una retta.
(D) 2 3 3 0 2
MRd = R sin θσcd + (R − c)As sin θfy d =
3 π
2 2
= · 3003 · sin3 (1,57 · 12,75 + (300 − 40) · 10·
3 π
· 314,2 · sin 1,57 · 391,3 = 433,106 Nmm
M (kNm)

500 “Metodo Rigoroso˝


D “Formulazione semplificata˝
400

300 E
C
200

100
A =0 = 0.5 =1 B
0
-2000 -1000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
N (kN)

Figura 4.34 Dominio di pressoflessione con metodo rigoroso e formulazione semplificata.

Nel caso di sezioni circolari semplicemente inflesse, in alternativa all’equazione


(4.77), si può scrivere:
As
MRd = kMRd,max = k fyd (2R − 2c) = kAs fyd r (4.78)
2
166 Capitolo 4

dove,
As
MRd,max =fyd (2R − 2c)
2
è il momento resistente che si ottiene trascurando il calcestruzzo compresso e
concentrando l’armatura in due punti di area A2s ciascuno (con As armatura
totale), a distanza 2R − 2c, come in Figura 4.35a.

1,25 c/R = 0,10


(As/2) fyd c/R = 0,15
c 1 c/R = 0,20
As/2 Equazione proposta

r
R 0,75
2r

k
0,5
Figura 4.35 As/2
(a) Sezione 0,25
semplificata e
(b) Rappresentazione 0
0 0,25 0,5 0,75 1 1,25
di k in funzione di ω. ω
(a) (b)

Il coefficiente k in equazione (4.78) dipende dalla percentuale meccanica di


armatura ω e dal rapporto Rc come mostrato in Figura 4.35b. La figura fa
riferimento ad una sezione circolare di raggio 30 cm, considerando diversi valori
del rapporto Rc (0,10, 0,15 e 0,20) e diverse percentuali geometriche di armatura
(0,5%, 1%, 2%, 3% e 4%); si assumono calcestruzzo di classe C25/30 e acciaio
B450C. Utilizzando una regressione non-lineare, i valori di k possono essere
modellati con la funzione:
k = 0,76ω −(0,2 R +0,08)
c
(4.79)
c c
I valori di k risultano poco sensibili al rapporto R
; se si trascura R
, è possibile
usare il semplice modello:
k = 0,76ω −0,11 (4.80)
Il confronto tra i valori di k e i valori che si ottengono dalle (4.79) o (4.80)
porta a errori trascurabili (minori del 5% e in media dell’1%), consentendo una
verifica rapida ed efficace di sezioni circolari inflesse.
Una ulteriore semplificazione che consente di ottenere in maniera immediata
l’ordine di grandezza del momento resistente di progetto, consiste nell’assumere
k = 0,8 da cui:
MRd = kAs fyd r = 0,8As fyd r (4.81)

Esempio 4.8
Con riferimento alle sezioni circolari analizzate nell’Esem- zando i valori di k ottenuti dall’equazione (4.80), ed MRd4 ,
pio 4.6 (Fig. 4.31), si confrontano i valori di momento equazione (4.78), utilizzando il valore di k = 0,8, equazio-
resistente ottenuti mediante calcolo con “metodo rigoro- ne (4.81).
so” (MRd1 ) con i valori ottenuti dal calcolo con la formu- I risultati in Tabella 4.21 mostrano che la formulazione sem-
lazione semplificata per sezione pressoinflessa (MRd2 , eq. plificata per sezione circolare semplicemente inflessa inter-
(4.77)) e dal calcolo con la formulazione semplificata per preta ottimamente i valori di momento resistente ottenuti
sezione semplicemente inflessa (MRd3 , eq. (4.78)), utiliz- applicando il metodo rigoroso.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 167

Tabella 4.21 Sezione circolare semplicemente inflessa: confronto momento resistente di progetto calcolato
con metodo rigoroso e con metodi semplificati.

M Rd1 M Rd2 M Rd3 M Rd4 M Rd2 /M Rd1 M Rd3 /M Rd1 M Rd4 /M Rd1
ν ρ ω
(kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
1,11% 0,341 280 279 273 256 1,00 0,98 0,91
2,00% 0,614 464 473 461 460 1,02 0,99 0,99
0 3,11% 0,955 684 701 684 716 1,02 1,00 1,04
4,00% 1,228 852 877 855 921 1,03 1,00 1,08

4.9 Verifiche in pressoflessione deviata


Una sezione è soggetta a pressoflessione deviata in caso di presenza contempo-
ranea di sforzo normale e momento flettente secondo una direzione non prin-
cipale di inerzia della sezione. Il procedimento per la costruzione del dominio
limite nel caso di pressoflessione deviata ricalca concettualmente quello già de-
scritto per la pressoflessione retta, ma si presenta notevolmente più complicato
in quanto l’asse neutro (n-n) non risulta essere più ortogonale rispetto all’asse
di sollecitazione (s-s).
s NSd y

n
ε

x
x

s
Figura 4.36
n Sezione soggetta
a pressoflessione
deviata.

In un problema di pressoflessione deviata, la profondità dell’asse neutro e la


sua inclinazione rispetto all’orizzontale possono essere determinate mediante
la risoluzione di due equazioni non lineari:
# di equilibrio tra lo sforzo normale sollecitante e lo sforzo normale interno
(ottenuto come integrale del campo tensionale sull’intera sezione):
Z Z
NSd = σc dAc + σs dAs (4.82)
Ac As

# di uguaglianza tra l’inclinazione del piano della sollecitazione esterna e


l’inclinazione del piano di sollecitazione interno:
MSd,x Mx
βest. = tan−1 = βint = tan−1 (4.83)
MSd,y My
168 Capitolo 4

con MSd,x ed MSd,y pari rispettivamente al momento sollecitante lungo l’asse


x e l’asse y, e Mx ed My pari rispettivamente al momento interno rispetto agli
assi baricentrici x e y dovuti al campo tensionale presente nella sezione:
Z Z Z Z
Mx = σc ydAc + σs ydAs ; My = σc xdAc + σs xdAs (4.84)
Ac As Ac As

Le procedure di calcolo inerenti la verifica di sezioni soggette a sollecitazioni di


pressoflessione deviata sono, pertanto, iterative e richiedono una integrazione
al passo delle tensioni agenti sulla sezione.
Il dominio di resistenza della sezione in regime di
NRd pressoflessione deviata è costituito da una superficie
rappresentabile in uno spazio tridimensionale NRd -
MRdx -MRdy , come riportato nella Figura 4.37.
Sezionando il dominio tridimensionale con un
piano a MRd,x =cost, MRd,y =cost e NRd =cost
si ottengono i domini NRd -MRd,y , NRd -MRd,x e
il diagramma di interazione, MRd,x -MRd,y come
rappresentato nella Figura 4.38.
Il dominio MRd,x -MRd,y può essere rappresentato,
in via approssimata, alla “Bresler” (Bresler, 1960)
secondo una
curva del tipo:
Figura 4.37 MRdx α MRdy β
✓ ◆ ✓ ◆
Dominio + =1 (4.85)
MRdx,0 MRdy,0
tridimensionale
NRd -MRd,x -MRd,y . MRdx MRdy in cui MRdx e MRdy indicano i momenti resistenti
lungo x e y nel caso di pressoflessione deviata, MRd,x0
e MRd,y0 indicano i momenti resistenti rispetto agli assi x e y nel caso di
pressoflessione retta, e α e β sono due coefficienti da assumersi maggiori o al
più uguali a 1.
Per analizzare le proprietà della (4.85), è possibile utilizzare la seguente
notazione semplificata:
MRdx MRdy
x= y= (4.86)
MRdx,0 MRdy,0
per cui la (4.74) si scrive:
xα + y β = 1 (4.87)
Ovvero, esplicitando rispetto a y:
1/β
y = (1 − xα ) (4.88)
La derivata rispetto a x risulta:
dy 1 1−β
= − αxα−1 (1 − xα ) β (4.89)
dx β
Per x = 0 la derivata vale evidentemente 0; per x = 1, poiché l’esponente
(1 − β)/β è negativo, la derivata è infinita.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 169

(a) (b)
NRd

NRd NRd

MRdx MRdy

MRdx MRdy
(c)
MRdx Figura 4.38
Dominio
tridimensionale
NRd -MRd,x -MRd,y (a);
sezione del dominio
MRdy nel piano NRd - MRd,x
e NRd -MRd,y (b);
sezione del dominio
nel piano
MRd,x -MRd,y (c).

Dunque la funzione (4.89), nel caso α, β > 1, parte dalle coordinate (0,1) e
(1,0) con tangente ortogonale agli assi.
Naturalmente se α = β = 1, il dominio degenera in un quadrilatero (in un
quadrato nel caso di sezione simmetrica rispetto agli assi x e y).
Se α = β = 2 la curva degenera in un cerchio nel caso di sezione simmetrica
rispetto agli assi x e y, viceversa in un’ellisse.
Considerando l’approssimazione α = β, una stima di α si può effettuare
studiando il solo caso:
MRdx MRdy
= =m (4.90)
MRdx,0 MRdy,0
ovvero considerando il punto del dominio che corrisponde alla intersezione con
la bisettrice del quadrante. Si ottiene immediatamente:
2mα = 1 (4.91)
da cui:
ln (1/2)
α= (4.92)
ln m
che consente la stima di α dallo studio di un solo caso di pressoflessione deviata;
dalla (4.91) si trae anche:
✓ ◆1/α
1
m= (4.93)
2
170 Capitolo 4

Dalla (4.92) si ottiene immediatamente che per α che tende all’infinito m tende
a 1 e pertanto la curva degenera in un quadrato (se la sezione è simmetrica
rispetto agli assi x e y ovvero MRdx,0 = MRdy,0 ) o in un rettangolo. Diverse
forme della curva MRd,x -MRdy nel quadrante dei momenti positivi sono rap-
presentate al variare di α con riferimento a una sezione quadrata (Fig. 4.39) o
rettangolare (Fig. 4.40) con armatura simmetrica nelle due direzioni.
45

α= 1

α= 1,2
30
α= 1,5
MRdy (kNm)

α= 1,75

Armatura: 4 φ16
α= 2
15

h = 30 cm
Figura 4.39 c = 4 cm
α= 5
Dominio MRdx -MRdy
al variare
α= ∞
dell’esponente α b = 30 cm
per sezione Calcestruzzo classe 25/30
0 Acciaio B450C
quadrata
con armatura 0 15 30 45
simmetrica. MRdx (kNm)

150

α= 1
120
MRdy (kNm)

α= 1,2

α= 1,5 90

α= 1,75 Armatura: 12 φ16


60
h = 50 cm

α= 2
Figura 4.40 c = 4 cm
Dominio MRdx -MRdy α= 5
30
al variare
α= ∞
dell’esponente α b = 30 cm
per sezione
0
rettangolare
0 30 60 90 120 150
con armatura
simmetrica. MRdx (kNm)

Si osservi ancora che molti autori suggeriscono la stima:


α = 1,4 ÷ 1,5 (4.94)
che risulta conservativa in molti casi.
Stato Limite Ultimo per flessione e pressoflessione 171

(B)
L’EC2 2004 suggerisce diversi valori di α al variare del rapporto NSd /NRd come
riportato nella Tabella 4.22:
(B)
NRd = As,tot fyd + bhσcd (4.95)

dove As,tot rappresenta l’area totale dell’armatura longitudinale.


(B)
N Sd /N Rd 0,1 0,7 1,0 Tabella 4.22
α 1,0 1,5 2,0 Valori di α al variare
(B)
di NSd /NRd .
(B)
Per valori intermedi di NSd /NRd è suggerita l’interpolazione lineare. Si noti
che anche le NTC 2014 suggeriscono di adottare i valori di α riportati in Tabel-
la 4.22; tuttavia, tali valori vengono correlati allo sforzo normale adimensionale
(B)
ν piuttosto che al rapporto NSd /NRd .
Stime più raffinate si possono effettuare valutando α in funzione delle al-
tre variabili del problema. In particolare a partire dalle percentuali geometri-
che di armatura nella direzione x e nella direzione y e dallo sforzo normale
adimensionalizzato:
Asx fyd Asy fyd Nsd
ωx = ωy = ν= (4.96)
bhσcd bhσcd bhσcd

Monti e Alessandri (2007) suggeriscono di calcolare l’esponente α secondo la


seguente espressione:
✓ ◆γ
b ϕ ψ ϑ
α=c (ωx ) (ωy ) (ν) (4.97)
h

Tabella 4.23
N sd c γ ϕ ψ θ
Valori di c, γ, ϕ, ψ, θ
>0 1,15 − 0,01 − 0,03 − 0,03 − 0,07
per la valutazione
=0 1,18 − 0,02 − 0,06 − 0,14 di α.
<0 1,30 − 0,06 − 0,13 − 0,30 0,18

Nel caso di sezione circolare la simmetria polare evidentemente porta a una


verifica in pressoflessione retta nel piano della sollecitazione. In altri termini,
qualora la scelta degli assi di riferimento x e y fornisca MSd,x ed MSd,y entrambi
non nulli, è sufficiente comporreqvettorialmente i due momenti, ottenendone
uno risultante di modulo MSd = MSd,x 2 2
+ MSd,y e verificare che tale momento
sollecitante sia inferiore a quello resistente della sezione valutato con i metodi
descritti al Paragrafo 4.8.4. È evidente che tale verifica fornisce rigorosamente
una sezione del dominio tridimensionale di resistenza nel piano MRd,x − MRd,y
(Fig. 4.38(c)) perfettamente circolare. L’EC2 2004 e le NTC 2014 suggeriscono,
pertanto, di adottare α = 2 che corrisponde perfettamente alla verifica appena
descritta.

Esempio 4.9

Si consideri una sezione rettangolare (30 × 50 cm), • σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa;
copriferro 4 cm, calcestruzzo Classe C25/30: • εcu = 0,0035
172 Capitolo 4

rigorosa basata sull’utilizzo di un’analisi a fibre della se-


zione (Di Ludovico et al., 2007) o adottando la procedura
semplificata alla “Bresler” basata sull’utilizzo dell’espressio-
h = 50 cm

ne (4.85) utilizzando diversi valori del coefficiente α = β


(α = 1,50 come suggerito da diversi autori; α determina-
to mediante la Tabella 4.22 (EC2, 2004); α determinato
mediante la Tabella 4.23 e l’espressione (4.97) (Monti e
c = 4 cm Alessandri, 2007)).

300
MRdy Metodo rigoroso
b = 30 cm
Bresler = 1,5
Armatura : 12 16 EC2
225
Monti e Alessandri
Figura 4.41 Sezione rettangolare 30 × 50cm.

armata con 12φ16 uniformemente distribuiti all’interno della 150


sezione (Fig. 4.41) con acciaio B450C caratterizzato da:

fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391,3 MPa 75


Es = 210 000 MPa

In relazione alla sezione in esame si ha: 0


(B)
NRd = As,tot fy d + bhσcd = 12 · 200,96 · 391,3+ 0 75 150 225 M 300
Rdx
+ 300 · 500 · 14,17 = 3 069 127 N ∼ = 3069 kN
Figura 4.42 Sezione rettangolare 30 × 50cm.
Ipotizzando uno sforzo normale agente pari a NSd =
613,8 kN, si ha:
Nella Figura 4.43a sono riportati, inoltre, i valori di α che
(B) 613 800 si dovrebbero assumere al variare del rapporto NSd /NRd
NSd /NRd = = 0,2
3 069 127 per approssimare al meglio il dominio MRd,x -MRdy ottenu-
per cui per interpolazione lineare dei valori nella Tabel- to mediante una procedura di calcolo rigorosa e i valori
la 4.22 si ottiene α = 1,08 (secondo indicazioni EC2 2004) di α suggeriti dalle procedure semplificate descritte. Nel-
e utilizzando i valori della Tabella 4.23 e l’espressione (4.97) la Figura 4.43b, infine, sono riportati gli errori percentuali,
(procedura Monti e Alessandri, 2007) si ha α = 1,40. ∆α , che si commettono nella valutazione di α, al variare di
Nella Figura 4.42 è rappresentato il dominio di resistenza NSd /NRd , utilizzando le suddette espressioni semplificate
MRd,x -MRdy ottenuto utilizzando una procedura di calcolo di α.

2,2 50%
γa
α (%)
∆α Bresler α= 1,5
2,0 EC2
30% Monti e Alessandri
1,8

1,6
10%
1,4

1,2
−10%
1,0
αderivato da metodo rigoroso
0,8 Bresler α=1,5 −30%
0,6 EC2
Monti e Alessandri NSd / NRd NSd / NRd
0,4 −50%
0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0

Figura 4.43 Valori di α ottenuti al variare del rapporto NSd /NRd con diversi metodi (a); errori % nella valutazione
di α (b).
capitolo 5
Duttilità e progetto di sezioni inflesse
e pressoinflesse

5.1 Duttilità
5.2 Duttilità in curvatura
5.3 Limitazioni normative per la duttilità degli elementi pressoinflessi
5.4 Progettazione delle sezioni inflesse per resistenza e duttilità
5.5 Progettazione delle sezioni pressoinflesse per resistenza e duttilità

5.1 Duttilità
La sopravvivenza delle strutture in cemento armato sottoposte ad azioni ecce-
zionali non può essere affidata alla sola resistenza, per problemi di costi econo-
mici; si deve invece prevedere la fuoriuscita della struttura dal campo elastico,
con deformazioni plastiche anche rilevanti, senza tuttavia che essa pervenga
al collasso. È necessario pertanto che le strutture posseggano una adeguata
“duttilità”.
A livello del materiale, la duttilità si valuta sui legami costitutivi. Se per
esempio si considerano i legami sperimentali di calcestruzzo o acciaio riportati
nel Capitolo 2 (Fig. 2.1 per il calcestruzzo, Fig. 2.16 per l’acciaio), oppure i
legami normativi presentati nel Capitolo 4 (Fig. 4.1, 4.3 e 4.4 per il calcestruzzo,
Fig. 4.6 e 4.9 per l’acciaio), assegnato un certo stato tensionale nel punto, l’area
al di sotto del diagramma costitutivo fino al punto σ-ε rappresenta l’energia
per unità di volume che il materiale ha immagazzinato. Ovvero l’energia nel
volume di dimensioni unitarie costruito intorno al punto di cui si valuta lo stato
tensionale. E infatti la dimensione di tale area è F L−2 , e cioè F L (energia)
diviso L3 (volume).
Allo scarico da tale punto solo una parte dell’energia viene restituita. Se
viene restituita tutta il materiale è elastico. Altrimenti l’aliquota non re-
stituita è stata dissipata plasticamente ed è servita a salvaguardare l’intera
struttura, senza pervenire al collasso; conseguentemente il materiale presenta
deformazioni permanenti allo scarico.
La duttilità si definisce numericamente in modo semplice se il legame co-
stitutivo è elasto-plastico. In particolare la duttilità µ, in termini di σ-ε, si
definisce come il rapporto fra la deformazione ultima e la deformazione di
snervamento.
Per esempio, con riferimento all’acciaio da normativa e acciaio B450C, poi-
ché il progettista può utilizzare una deformazione ultima pari al 6,75%, mentre
l’allungamento allo snervamento è 1,86‰, la duttilità massima di progetto è
circa 36, ovvero un numero molto alto.
Per quanto riguarda il calcestruzzo, il modello elasto-plastico della norma-
tiva (Fig. 4.3) porta immediatamente a una duttilità di 2; facendo riferimento
174 Capitolo 5

allo snervamento che si otterrebbe a parità di area complessiva rispetto al


diagramma parabola-rettangolo (espressione 4.7), si avrebbe una duttilità di
2,63.
Dunque l’acciaio è enormemente più duttile del calcestruzzo.
Se dal materiale si passa alla sezione, il comportamento strutturale è defini-
to dal diagramma momento-curvatura. Ovvero a ogni momento applicato M ,
con sforzo normale nullo (flessione semplice) o sforzo normale costante (pres-
soflessione), corrisponde una curvatura 1/r della sezione; il grafico di tutte le
coppie (M , 1/r) è definito come il diagramma momento-curvatura.
L’area al di sotto del diagramma momento-curvatura, fissato un certo punto
della curva, rappresenta l’energia per unità di lunghezza che l’elemento strut-
turale ha immagazzinato. Con dizione semplificata si può dire che rappresenta
l’energia nella sezione. A conferma si osservi che l’area ha dimensioni F , ovvero
F L (energia) diviso L (lunghezza).
Se si volesse passare dall’energia immagazzinata nella sezione a quella del-
l’intero elemento, si dovrebbe integrare il diagramma momento-curvatura sul-
l’intera lunghezza dell’elemento, ottenendo una rotazione che rappresenta la
rotazione complessiva, in parte elastica e in parte plastica, dell’elemento non
lineare.
La valutazione di tali rotazioni, e in particolare della parte plastica, è argo-
mento di estrema importanza per le costruzioni in zona sismica. Esistono diver-
se formulazioni che ne consentono la valutazione. In primo luogo formulazioni
teoriche complete, in cui vengono utilizzati tutti i modelli costitutivi introdotti
nel Capitolo 2 (calcestruzzo teso e compresso, acciaio teso e compresso, ade-
renza, influenza del taglio ecc.). Dal punto di vista applicativo e normativo, si
considerano formulazioni semplificate, che in genere si basano sulla definizio-
ne di “lunghezza della cerniera plastica”, oppure formulazioni semi-empiriche,
basate sull’analisi sperimentale di molte prove effettuate in laboratorio e con-
seguenti regressioni statistiche. Tali argomenti esulano dagli scopi di questo
volume e non verranno affrontati.

5.2 Duttilità in curvatura


La curvatura di una sezione inflessa o presso-inflessa è immediatamente ricon-
ducibile al diagramma delle deformazioni assiali.
Infatti, nella sola ipotesi di conservazione delle sezioni piane, considerando
un concio elementare di trave si ottiene quanto rappresentato nella Figura 5.1.
Nella figura le due facce delle sezioni opposte ruotano intorno al punto C;
dunque la distanza fra C e l’asse neutro della sezione è proprio il raggio di
curvatura della sezione, e il suo inverso è la curvatura della sezione.
Conviene assumere una lunghezza del concio elementare pari a 2, e dunque
una semi-dimensione del concio unitaria: in questo modo è lecito confondere
deformazioni e allungamenti.
Dalla similitudine dei triangoli che la sezione deformata crea, si ottiene
immediatamente che:
1 εc εs εc + εs
= = = (5.1)
r x d−x d
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 175

εc εc

h d

Figura 5.1
εs εs
Curvatura
di una sezione
1 1 inflessa.

In pratica la curvatura della sezione viene a coincidere con l’inclinazione della


retta delle deformazioni; il calcolo della stessa si ottiene dalla (5.1), assumendo
l’espressione che, caso per caso, è di più immediata applicazione. Per esempio
in condizioni ultime la crisi della sezione avverrà sicuramente a causa del rag-
giungimento della deformazione ultima nel calcestruzzo compresso, in quanto la
capacità di deformazione nell’acciaio di tipo B450C è molto elevata e, pertanto,
non può essere raggiunta prima di quella del calcestruzzo. Solo nel caso in cui
si utilizzi un acciaio B450A, non utilizzabile per elementi che devono assorbire
azioni sismiche, si potrebbe avere in qualche caso anche la crisi dell’acciaio.
Facendo riferimento a un acciaio ad alta duttilità come il B450C si ha:
✓ ◆
1 εcu
= (5.2)
r u xu
Per quanto riguarda l’inizio dello snervamento della sezione, si deve distinguere
il caso delle sezioni inflesse da quello delle sezioni pressoinflesse.
Nel primo caso l’inizio dello snervamento della sezione, e quindi il “go-
mito” nel diagramma momento-curvatura, si ottiene in corrispondenza dello
snervamento nell’acciaio e la curvatura vale:
✓ ◆
1 εsy
= (5.3)
r y d − xe
dove xe si calcola in condizioni elastiche, con i metodi riportati nel Capitolo 3.
Nel caso degli elementi presso-inflessi, il gomito del digramma si ottiene con
una migliore approssimazione se si considera il contemporaneo snervamento
delle armature tese e compresse, e quindi si ottiene:
✓ ◆
1 2εsy
= (5.4)
r y h − 2c
176 Capitolo 5

Ciò premesso, se si vuole valutare il diagramma momento-curvatura di una


sezione per punti, si deve assegnare un valore della curvatura. In termini di
diagramma delle deformazioni ciò corrisponde ad assegnare la pendenza della
curva della deformazioni. Sono quindi incognite la posizione dell’asse neutro,
che stabilisce un punto di passaggio della retta delle deformazioni, e il momento
che ha generato tale diagramma. D’altra parte al diagramma delle deforma-
zioni corrisponde immediatamente un diagramma delle tensioni mediante il
legame costitutivo. Dal diagramma delle tensioni, mediante i due equilibri alla
traslazione e alla rotazione, si ottengono le due incognite “posizione dell’asse
neutro” e “momento”.
Nella Figura 5.2 sono riportati i diagrammi momento-curvatura ottenuti con
riferimento a una sezione rettangolare di dimensioni b = 30 cm, h = 50 cm,
armatura tesa As = 15,00 cm2 , ρ = 1%, c = 4 cm (calcestruzzo Classe 25/30,
σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa; e acciaio, fyk = 450 MPa; fyd = fyk /γs =
391, 3 Mpa), per il caso della flessione semplice, al variare del rapporto fra
armatura compresa e tesa (0, 25%, 50%).

280
M (kNm)
240
'= 25% '= 50%
'= 0
200

160

120

80
Figura 5.2
Diagrammi
momento- 40
curvatura, sezione (1/r) 0,0001 (cm –1)
semplicemente 0
inflessa. 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5

Si ha la conferma che l’armatura compressa influisce poco sulla resistenza,


mentre interviene molto sulla duttilità, come si vedrà nel seguito in termini
analitici.
Nella Figura 5.3, con riferimento alla stessa sezione, caratterizzata però da
armatura simmetrica, si riportano i diagrammi momento-curvatura nel caso
di presso flessione, al variare dello sforzo normale adimensionalizzato ν fra 0
e 0,4.
Dal grafico emerge con chiarezza che all’aumentare dello sforzo normale
adimensionale aumenta la resistenza (per 0≤ ν ≤0,5, come visto nel Capitolo 4,
Paragrafo 4.8.2); al contempo, tuttavia, diminuisce sostanzialmente la duttilità,
come verrà evidenziato anche nel seguito.
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 177

400
= 0,4
360 = 0,3
= 0,2
320

280
= 0,1
M (kNm)

240

200

160

120

80
Figura 5.3
40
Diagrammi
0 momento-
0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 curvatura, sezione
(1/r) 0,0001 (cm –1) presso inflessa.

5.2.1 Valutazione della duttilità degli elementi inflessi (travi)


Nel seguito si definiscono semplici formule per valutare la duttilità degli
elementi inflessi.
Considerando l’equilibrio alla traslazione nella sezione trasversale ipotiz-
zando che l’armatura compressa sia snervata (ipotesi verificata se y ≥ 1,68c
ovvero x ≥ 2,1c), si può scrivere:
0, 8bxu σcd + A0s fyd − As fyd = 0 (5.5)
Da cui si trae xu :
xu As fyd A0 fyd
= 1, 25(ω − ω 0 ) con ω = ω0 = s (5.6)
h bhσcd bhσcd
La curvatura ultima risulta pertanto:
1 εcu 1
✓ ◆
εcu
= = 0, 8 (5.7)
r u xu h ω − ω0
Si deduce che la curvatura ultima è inversamente proporzionale all’altezza del-
la sezione e alla differenza fra le percentuali meccaniche di armatura tesa e
compressa, mentre è direttamente proporzionale alla deformazione ultima del
calcestruzzo.
Dunque per aumentare il valore della curvatura ultima nelle travi, renden-
dole più duttili, si può intervenire in due modi:
# inserendo un adeguato quantitativo di armatura compressa; la normativa, in
zona sismica, impone una percentuale di armatura compressa pari almeno
al 50% di quella tesa nelle “zone critiche” e almeno al 25% in tutte le altre
zone.
# aumentando la deformazione ultima del calcestruzzo, mediante adeguato
confinamento del materiale, come verrà precisato in maggior dettaglio nel
seguito; la normativa a tal fine impone quantitativi minimi di staffe tanto
in zona critica quanto altrove.
178 Capitolo 5

Per valutare la curvatura in condizioni di esercizio si deve determinare la po-


sizione dell’asse neutro in fase elastica. Tale posizione si determina con le
modalità descritte nel Capitolo 3.
In pratica la posizione dell’asse neutro in fase elastica oscilla nell’intervallo:

xe = 0,25 ÷ 0,30d (5.8)


Da cui si trae:
1
✓ ◆
εsy εsy εsy
= = = 1,4
∼ (5.9)
r y d − xe d (1 − xe /d) d
La duttilità in termini di curvatura, nel caso di elementi inflessi, può dunque
valutarsi con la seguente espressione:
(1/r)u 0,8 d εcu 1 εcu 1
µb1/r = = = 0,51
∼ (5.10)
(1/r)y 1,4 h εsy ω − ω 0 εsy ω − ω 0
avendo assunto c/h ∼ = 0,1, ovvero d/h ∼= 0,9.
Risulta che la duttilità è indipendente dall’altezza della sezione. È propor-
zionale alla deformazione ultima del calcestruzzo, mentre è inversamente pro-
porzionale alla deformazione allo snervamento dell’acciaio, e dunque alla ten-
sione di snervamento dell’acciaio, e alla differenza delle percentuali meccanica
di armatura tesa e compressa.
Si osservi per esempio che introducendo armatura in compressione pari alla
metà di quella tesa, la duttilità si raddoppia rispetto al caso in cui l’armatura
compressa è assente. Analogamente introducendo armatura compressa pari al
25% di quella tesa, la duttilità aumenta di 1/3.
Il confronto fra le formule appena introdotte e la valutazione numerica dei
diagrammi momento-curvatura è riportata nelle Figure 5.4, 5.5 e 5.6. La sezione
in esame è quella descritta al Paragrafo 5.2 facendo variare di volta in volta la
percentuale di armatura compressa.
280
'= 0
240

200
M (kNm)

160
Analisi Numerica
120
Modello approssimato eq.
(5.7) e (5.9)
80
Figura 5.4 Modello Approssimato
Diagrammi analisi lineare (eq. 3.18)
momento- 40
curvatura: numerico
e approssimato per 0
sezione a semplice 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5
armatura. (1/r) 0,0001 (cm –1)
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 179

280
' = 25%
240

200
M (kNm)

160
Analisi Numerica

120
Modello Approssimato eq.
(5.7) e (5.9)
80 Figura 5.5
Modello Approssimato analisi Diagrammi
lineare (eq. 3.18)
momento-
40
curvatura: numerico
e approssimato per
0 sezione a doppia
0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 armatura
(1/r) 0,0001 (cm –1) (ρ = 25% ρ0 ).

280
' =50%
240

200
M (kNm)

160
Analisi Numerica
120
Modello Approssimato eq.
(5.7) e (5.9)
80 Figura 5.6
Modello Approssimato analisi Diagrammi
lineare eq. (3.18)
40 momento-
curvatura: numerico
e approssimato per
0 sezione a doppia
0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 armatura
(1/r) 0,0001 (cm –1) (ρ = 50% ρ0 ).

Il diagramma numerico è ottenuto a partire dai legami parabola rettangolo del


calcestruzzo e del legame elasto-plastico dell’acciaio. I due modelli momento-
curvatura di tipo elasto-plastico differiscono rispetto alla valutazione del punto
di snervamento. In un caso la valutazione è basata sul calcolo effettivo, in cam-
po elastico, della posizione dell’asse neutro (equazione di 2◦ grado (3.18) del
Paragrafo 3.3.1 del Capitolo 3); in un altro usando direttamente la formula ap-
prossimata (5.9). In entrambi i casi semplificati la curvatura ultima è valutata
mediante la (5.7) mentre la soglia di plasticizzazione è valutata utilizzando le
relazioni (4.16), (4.21), (4.22) e (4.29) presentate nel Paragrafo 4.4 del Capitolo
4, e cioè valutando il momento resistente della sezione.
180 Capitolo 5

Si osservi come le valutazioni approssimate sono in sostanziale accordo con


la valutazione numerica; anche il risultato fornito dalla (5.9) è tecnicamente
accettabile, e conseguentemente è accettabile la stima di duttilità effettuata,
in modo semplicissimo, mediante la (5.10).
Si osservi ancora che se si vuole progettare l’armatura in modo da pervenire
a una prestabilita duttilità minima µmin , allora si deve avere:
εcu 1
0,51 ≥ µmin (5.11)
εsy ω − ω 0

ovvero, in termini di percentuale geometrica:


εcu σcd 1 0,0018 · σcd
ρ − ρ0 ≤ 0,51 = (5.12)
εsy fyd µmin εsy · fyd · µmin

essendo ρ e ρ0 le percentuali geometriche di armatura tesa e compressa.


Tale espressione è coincidente con quella proposta dall’Eurocodice 8, (EC8,
2003) per il controllo dell’armatura nelle sezioni inflesse in zona sismica.
Si osservi che se, per esempio, si vuole ottenere una duttilità minima pa-
ri a 10, considerando acciaio tipo B450 che è l’unico utilizzabile in Italia,
caratterizzato da:
fyk 391,3
fyk = 450 MPa fyd = = 391,3 MPa εsy = = 1,86‰
γs 210 000
si trae:
ρ − ρ0 ≤ 2,5 · 10−4 σcd (5.13)

5.2.2 Valutazione della duttilità degli elementi pressoinflessi (pilastri)


Si consideri una sezione rettangolare pressoinflessa con doppia armatura.
Considerando l’equilibrio alla traslazione, ipotizzando che l’armatura tesa
sia snervata (ipotesi verificata se y ≤ 0,522d ovvero x ≤ 0,653d) e che l’arma-
tura compressa sia snervata (ipotesi verificata se y ≥ 1,68c ovvero x ≥ 2,1c),
si può scrivere:
0,8bxu σcd + A0s fyd − As fyd = NSd (5.14)
Da cui si trae xu :
xu
= 1,25(ω − ω 0 + ν) (5.15)
h
con
As fyd A0s fyd NSd
ω= ; ω0 = ; ν= (5.16)
bhσcd bhσcd bhσcd
La curvatura ultima risulta pertanto:

1 1
✓ ◆
εcu εcu
= = 0,8 (5.17)
r u xu h ω − ω0 + ν

Dunque la presenza di sforzo normale di compressione è motivo di infragili-


mento della sezione.
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 181

In presenza di armatura simmetrica, tipica dei pilastri, risulta:


xu 1 εcu 1
✓ ◆
εcu
= 1,25ν = = 0,8 (5.18)
h r u xu h ν
Una valutazione semplificata della curvatura allo snervamento, come detto nel
Paragrafo 5.2, si può effettuare considerando entrambe le armature, tesa e
compressa, snervate. Da cui, ponendo nella (5.4) c/h = 0, 1, si trae:
1 2εsy 2εsy
✓ ◆
∼ εsy
= = = 2,5 (5.19)
r y h − 2c h (1 − 2c/h) h
La duttilità risulta:
(1/r)u 0,8 εcu 1 εcu 1
µc1/r = = = 0,32 (5.20)
(1/r)y 2,5 εsy ν εsy ν
Dunque gli strumenti progettuali per aumentare la duttilità flessionale dei
pilastri sono:
# limitare lo sforzo normale adimensionale e ciò può ottenersi solo aumentan-
do le dimensioni del pilastro. In particolare, le NTC 2014 impone che sia
ν < 0,55 per le strutture progettate in Classe di Duttilità Alta (CD “A”) e
ν < 0,65 per le strutture progettate in Classe di Duttilità Media (CD “B”).
# confererire un adeguato grado di “confinamento” al calcestruzzo, aumentan-
done la capacità deformativa.
Per valutare la capacità predittiva delle (5.17), (5.19) e (5.20) nelle Figure 5.7,
5.8, 5.9 e 5.10 sono mostrati i confronti fra i risultati numerici già descritti
nel Paragrafo 5.2 e le previsioni numeriche semplificate. La sezione in esame
è quella descritta al Paragrafo 5.2 doppiamente armata con ρ = ρ0 soggetta a
diversi valori di sforzo normale adimensionale (0,1≤ ν ≤ 0,4).
360
= 0,1
320

280
M (kNm)

240

200
Analisi Numerica
160
Modello Approssimato
120 eq. (5.17) e (5.19)
Figura 5.7
80 Modello Approssimato analisi
Diagrammi
lineare (eq. 3.14)
momento-
40
curvatura: numerico
0 e approssimato per
0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 sezione a doppia
(1/r) 0,0001 (cm –1) armatura (ν =0,1).
182 Capitolo 5

400
= 0,2
360

320

280

M (kNm)
240
Analisi Numerica
200

160 Modello Approssimato


eq. (5.17) e (5.19)
120
Figura 5.8 Modello Approssimato analisi
80 lineare (eq. 3.14)
Diagrammi
momento- 40
curvatura: numerico 0
e approssimato per
0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0
sezione a doppia
armatura (ν = 0,2). (1/r) 0,0001 (cm –1)

440
= 0,3
400
360
320
280
M (kNm)

240
Analisi Numerica
200
160 Modello Approssimato
eq. (5.17) e (5.19)
120
Figura 5.9
80 Modello Approssimato
Diagrammi analisi lineare (eq. 3.14)
momento- 40
curvatura: numerico
e approssimato per 0
sezione a doppia 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0
armatura (ν = 0,3). (1/r) 0,0001 (cm –1)

Nelle schematizzazioni semplificate si considera un legame elasto-plastico, con


soglia pari al momento resistente (calcolato mediante l’equazione (4.54) presen-
tata nel Paragrafo 4.8.1 del Capitolo 4) e due diverse valutazioni della curvatura
allo snervamento. In particolare, in un caso si considera la relazione (5.19), nel-
l’altro la valutazione della curvatura è stata effettuata con il metodo elastico
del Capitolo 3: la posizione dell’asse neutro è valutata mediante l’equazione di
3◦ grado (equazione (3.14) del Paragrafo 3.3.1 del Capitolo 3). In entrambi i
casi semplificati la curvatura ultima è valutata mediante la (5.17)
Dai grafici emerge che l’accordo è sicuramente accettabile e dunque le
conseguenze della formula (5.19) sono tecnicamente valide.
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 183

440
= 0,4
400
360
320
M (kNm)

280
240
Analisi Numerica
200
160 Modello Approssimato
eq. (5.17) e (5.19)
120
Modello Approssimato Figura 5.10
80 analisi lineare (eq. 3.14) Diagrammi
40 momento-
curvatura: numerico
0 e approssimato per
0,0 0,5 1,0 1,5 sezione a doppia
(1/r) 0,0001 (cm –1) armatura (ν = 0,4).

Si osservi che in assenza di confinamento e cioè imponendo εcu = 3,5‰, risulta


una duttilità degli elementi pressoinflessi molto limitata; per esempio se ν = 0,3
e l’acciaio è del tipo B450, la duttilità che si trae dalla (5.20) è pari a solo 2 e,
cioè, sicuramente insufficiente per garantire una adeguata capacità deformativa
in campo plastico all’intera struttura in zona sismica. Ciò si rileva graficamente
anche dalla Figura 5.9. Dunque per ottenere duttilità più elevate, sicuramen-
te necessarie in presenza di azioni eccezionali, si deve sfruttare l’effetto del
confinamento offerto dalle staffe, e predisporne un numero adeguato.

5.2.3 L’effetto del confinamento sulla deformazione ultima


del calcestruzzo in elementi pressoinflessi

Si è visto nel Capitolo 2 che l’effetto del confinamento sulla deformazione ultima
si può esprimere con la seguente formulazione, generalmente cautelativa:
σr
εccu = 0,0035 + 0,2 (5.21)
σcd
essendo σr la tensione radiale costante di confinamento. Se tale tensione radiale
è dovuta a un cilindro di acciaio di raggio r e spessore t, in cui il materiale
radiale è snervato (Fig. 5.11), si ha:
t
σr = fyd (5.22)
r
e dunque sostituendo nella (5.21):

2t fyd 2πrts fyd


εccu = 0,0035 + 0,1 = 0,0035 + 0,1 2 = 0,0035 + 0,1ωst (5.23)
r σcd πr s σcd
184 Capitolo 5

r
s
r
fyd 2r
fyd

2r

Figura 5.11
Tensione radiale
di confinamento σr . r2rs = 2fydts

essendo ωst la percentuale meccanica volumetrica di acciaio confinante pari


al rapporto fra il volume di acciaio confinante Vs e il volume di calcestruzzo
confinato Vc , entrambi di altezza s, moltiplicate per le rispettive tensioni di
calcolo:
2πrts fyd Vs fyd
ωst = = (5.24)
πr2 s σcd Vc σcd
l’espressione (5.24) è valida nel caso di una sezione tubolare composta acciaio-
calcestruzzo. Nel caso degli elementi in c.a. va evidentemente adattata e mo-
dificata. In particolare, negli elementi in c.a. non vi è la presenza di un tubo
circolare di acciaio di volume Vs , ma lo stesso volume Vs è costituito dalle barre
di armatura verticali e dalle staffe. Queste ultime in generale sono costituite
da tondini di armatura di area Ast e passo s.
La (5.23) risulta ancora valida a patto di introdurre il coefficiente di
efficienza α:
Vc,eff
α= ≤1 (5.25)
Vc
essendo Vc,eff il volume di calcestruzzo effettivamente confinato. Il coefficiente
α risulta pari a 1 solo nel caso di confinamento ideale, ovvero confinamento
dovuto al cilindro di sezione circolare.
Il coefficiente α può essere scomposto nei due fattori αh e αv , rispettiva-
mente di efficienza nel piano trasversale e di efficienza nel piano verticale e
pertanto l’effetto del confinamento sulla deformazione ultima si può esprimere
con la seguente formulazione:
εccu = 0,0035 + 0,1α · ωst = 0,0035 + 0,1αh αv · ωst (5.26)
Sezione circolare
Nel caso di sezioni di forma circolare, un cilindro di calcestruzzo confinato di
diametro 2r, con staffe di area Ast e passo s evidentemente si ha:
Vs = 2πrAst (5.27)
che naturalmente corrisponde a una tensione radiale media pari a:
2Ast fyd
σr = (5.28)
2rs
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 185

la percentuale volumetrica meccanica vale:


Vs fyd 2πrAst fyd 2Ast fyd
ωst = = = (5.29)
Vc σcd πr2 s σcd rs σcd
Evidentemente αh = 1, essendo la sezione circolare, mentre valutazioni speri-
mentali portano a:
h s iβ
αv = 1 − (5.30)
4r
essendo β = 2 per staffe circolari singole e β = 1 per staffe a spirale.
Naturalmente se il passo s tende a zero, si ricade nel caso del cilindro e αv
tende all’unità.
Sezione rettangolare
Il confinamento in un elemento di sezione rettangolare è schematizzato in Fi-
gura 5.12. Nella sezione trasversale l’effetto confinante si esprime soprattutto
negli spigoli delle staffe e in corrispondenza dei tirantini trasversali; nella sezio-
ne verticale in corrispondenza delle barre nei punti in cui esse sono vincolate
dalle staffe. La Figura 5.12 mostra come il volume di calcestruzzo effettiva-
mente confinato, Vc,eff , sia inferiore a quello complessivo del calcestruzzo. Il
coefficiente di efficienza orizzontale αh , può valutarsi attraverso la seguente
espressione di origine sperimentale:
X b2i
αh = 1 − (5.31a)
n
6b0 h0

in cui n è il numero totale di barre longitudinali vincolate lateralmente da staffe


o legature, bi è la distanza in orizzontale tra due barre vincolate consecutive, e
b0 e h0 sono le dimensioni dell’area del nucleo confinato di calcestruzzo compu-
tato tra gli assi delle staffe (Fig. 5.12). Qualora bi sia trascurabile rispetto alle
dimensioni b0 e h0 allora l’effetto confinante risulta massimo e si ha αh = 1.
Per quanto riguarda l’efficienza verticale, si ha:
✓ ◆ ✓ ◆
s s
αv = 1 − · 1− (5.31b)
2b0 2h0
h0

b0

Calcestruzzo non
confinato
x Figura 5.12
s
z Effetto
di confinamento
Copriferro delle staffe.
186 Capitolo 5

del tutto analoga alla (5.30) con β = 2; anche in questo caso al tendere di s a
zero si ottiene αv = 1.
Il volume confinante di acciaio è dato dal prodotto dell’area della staffa,
Ast , moltiplicato il perimetro complessivo della staffa nella sezione legature
comprese, pst , mentre il volume confinato di calcestruzzo è pari all’area del
nucleo confinato interno alla staffa (b0 · h0 ) moltiplicato il passo delle staffe, s,
e, pertanto, la percentuale volumetrica meccanica vale:
Ast pst fyd
ωst = (5.32)
b0 h0 s σcd
Si osservi che se la sezione è rettangolare e le staffe sono snervate, come normal-
mente accade per le elevate deformazioni per le quali l’elemento va in crisi, si
ha lo stato tensionale rappresentato graficamente in (Fig. 5.13). In particolare,
il calcestruzzo per effetto della tensione nelle staffe, è compresso da tensioni
σlx e σly pari a:
Ast,x fyd Ast,y fyd
σlx = σly = (5.33)
b0 s h0 s
Introducendo la percentuale meccanica nelle due direzioni x e y si ha:
Ast,x h0 fyd Ast,y b0 fyd
ωst,x = ωst,y = (5.34)
sb0 h0 σcd sb0 h0 σcd
c

Ast,y fyd

h0 ly
Ast,x fyd Ast,x fyd lx
Figura 5.13 lx

Tensioni ly
c
di confinamento σlx
e σly . b0 Ast,y fyd

Si deduce immediatamente che se la sezione è “meccanicamente simmetrica”,


ovvero ωst,x = ωst,y (come accade per esempio nel caso particolare di sezione
quadrata con staffa simmetrica), allora le due tensioni σlx e σly risultano uguali
ed evidentemente risulta ancora valida l’espressione (5.23) con ωst calcolato
mediante l’espressione (5.32).
Nel caso, invece, di sezione non simmetrica meccanicamente, le due tensioni
σlx e σly non sono uguali e si può utilizzare una tensione radiale equivalente
approssimata come:

= σlx σly
σr ∼ (5.35)
ovvero la media “geometrica” delle due tensioni longitudinali allo snervamento
delle staffe; la (5.35) non porterebbe alla (5.23). Si rilevi che può porsi:
√ σlx + σly
σlx σly ∼
= (5.36)
2
ovvero la media “geometrica” e “aritmetica” praticamente coincidono se le due
tensioni sono simili. Considerando allora una tensione radiale equivalente pari
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 187

alla media, si ha:


σlx + σly
σr ∼
= (5.37)
2
Utilizzando l’espressione (5.37) nella (5.21) si ottiene ancora la (5.23).
Per la validità resta però necessario che ωst,x e ωst,y non risultino mol-
to diverse, che è norma di buona costruzione. Naturalmente si ha ancora
ωst = Abst0 hp0st σfyd
cd
qualora, come praticamente sempre, l’armatura delle staffe sia
costituita da una unica tipologia di staffe di area Ast e perimetro complessivo
pst .
Per tener conto che il calcestruzzo all’interno del nucleo confinato può per-
venire a deformazioni maggiori di 3,5‰, si deve considerare che invece il copri-
ferro non confinato collassa e si distacca dalla sezione. Pertanto nell’espressione
(5.14), per armatura simmetrica, si deve considerare che all’aumentare della
sollecitazione si riduce la sezione; la resistenza e la duttilità, pertanto, sono of-
ferte unicamente dal nucleo confinato di calcestruzzo, che ha larghezza b0 < b.
Pertanto, in presenza di armatura simmetrica, dall’equilibrio alla traslazione
(Fig. 5.14), si ottiene:
0, 8b0 xu σcd = NSd (5.38)
Da cui si traggono progressivamente xu e la curvatura ultima:
xu b
= 1,25ν (5.39)
h b0
✓ ◆
1 εccu
= (5.40)
r u xu
dove la deformazione ultima nel calcestruzzo è data dalla (5.21).
b0
εcu = 3,5‰
bi bi ε
εccu cd cd
xu
yu
h
Figura 5.14
Sezione
pressoinflessa
b confinata.

Esempio 5.1
Si considera una sezione 500 mm × 500 mm, armata con Si deduce:
3 ferri di diametro 20 mm per lato e due ferri centrali di
NSd 1000 · 103
diametro inferiore che nel seguito verranno trascurati, staf- ν= = = 0,282
fe di diametro 8 mm con una coppia di legature ortogonali bhσcd 500 · 500 · 14,17
dello stesso diametro, con passo 100 mm (Fig. 5.15). Dall’equilibrio alla traslazione, considerando tutto l’accia-
Si utilizza Calcestruzzo di Classe 25/30, per cui: io snervato, si evidenzia che lo sforzo normale è equilibrato
• σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa; dal calcestruzzo del nucleo cerchiato, trascurando le due ar-
• εcu = 0,0035 mature di diametro inferiore poste al centro della sezione.
e acciaio B450C caratterizzato da: Considerando un copriferro netto delle staffe pari a 20 mm
e le staffe di diametro 8 mm, la dimensione del nucleo
fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391,3 MPa
cerchiato risulta:
La sezione è soggetta a uno sforzo normale di progetto pari
a Nsd = 1000 kN. b0 = 500 − 2 · 24 = 452 mm
188 Capitolo 5

452 Da cui si ricava la seguente curvatura ultima:


✓ ◆
212 212 1 εccu 13,8‰
= = = 7,07 · 10−5 mm−1
r u xu 195
La curvatura al limite dello snervamento approssimata
risulta:
✓ ◆
1 2εsy 2 · 1,86 · 10−3
=
∼ = = 8,77 · 10−6 mm−1
500 r y h − 2c 424
da cui si trae la seguente duttilità:
(1/r )u 7,07 · 10−5
µc1/r = = = 8,06
(1/r )y 8,77 · 10−6
Per confermare i risultati ottenuti, si sono costruiti i dia-
500
grammi momento-curvatura della sezione oggetto dell’e-
sempio. In particolare nella Figura 5.16 si riportano i dia-
Figura 5.15 Sezione analizzata.
grammi momento-curvatura trascurando (Fig. 5.16a) o te-
da cui: nendo in conto l’effetto del confinamento (Fig. 5.16b). I
b 500 diagrammi momento-curvatura sono ottenuti sia tramite
xu = 1,25hν = 1,25 · 500 · 0,282 = 195 mm
b0 452 analisi numerica (a partire dai legami parabola rettango-
Per considerare l’effetto del confinamento, in presenza di lo del calcestruzzo, con limite di deformazione esteso nel
staffe di diametro 8 mm (Ast = 50, 2 mm2 ) con pas- primo caso al 3,5‰ e nell’altro fino al 13,8‰, e del lega-
so s = 100 mm, e 2 legature ortogonali in ogni sezione me elasto-plastico dell’acciaio) sia attraverso le formula-
staffata, si ha: zioni semplificate basate sull’utilizzo delle relazioni (5.17),
(5.19) e (5.40).
n = 8, b0 = h0 = 452 mm Dai grafici viene in primo luogo confermata la validità delle
bi = (500 − 2 · (20 + 8 + 10))/2 = 212 mm formule semplificate proposte: la differenza fra la schemaiz-
Ast · pst fy d 50,2 · 6 · 452 391,3 zazione elasto-plastica semplificata e il risultato ottenuto
ωst = = · = 0,185
b0 · h0 · s σcd 452 · 452 · 100 14,17 per integrazione numerica è sostanzialmente trascurabile
X b 2 2
i 8 · 212 in entrambi i casi. Inoltre emerge con chiarezza che per
αh = 1 − =1− = 0,707
n
6b 0 0h 6 · 452 · 452 effetto del confinamento non si perviene a una sostanzia-

s
◆✓
s
◆ ✓
100
◆2 le variazione di capacità resistente della sezione, mentre si
αv = 1 − 1− = 1− = 0,791 incrementa notevolmente la duttilità della stessa. In parti-
2b0 2h0 2 · 452
colare si conferma, coerentemente con i risultati numerici
α = αh · αv = 0,707 · 0, 791 = 0, 559
appena ottenuti, che µc1/r passa da un valore pari a circa 2
εccu = 3,5‰ + 0,1α · ωst =
per la sezione non confinata a un valore pari a circa 8 nel
= 0,0035 + 0,1 · 0,559 · 0,185 = 13,8‰ caso in cui si tenga conto dell’effetto confinante.

400 400
= 0,282 = 0,282
360 360
320 320
280 280
M (kNm)

M (kNm)

240 240
200 200
Analisi Numerica Analisi Numerica
160 160
120 Modello Approssimato eq. 120 Modello Approssimato eq.
80 (5.17) e (5.19) 80 (5.17) e (5.29)
40 40
0 0
0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0 8,0 9,0 0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0 8,0
(a) (1/r) 0,0001 (cm–1) (b) (1/r) 0,0001 (cm–1)

Figura 5.16 Diagrammi momento-curvatura sezione non confinata (a), sezione confinata (b).
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 189

5.3 Limitazioni normative per la duttilità


degli elementi pressoinflessi
La duttilità delle sezioni pressoinflesse è un requisito essenziale per ottenere
strutture duttili. Pertanto nel seguito si discutono una serie di limitazioni che
le normative sismiche riportano.
Si osservi che dalla (5.28), (5.40) e dalla (5.21) si trae:
1 3,5‰ + 0,1α · ωst 1 b0
✓ ◆
εccu
= = 0, 8 (5.41)
r u xu h ν b

da cui si ottiene, utilizzando la (5.19), la seguente espressione per la duttilità:

(1/r)u 3,5‰ + 0,1α · ωst 1 b0


µc1/r = = 0,32 (5.42)
(1/r)y εsy ν b

A partire dalla (5.42) si vuole determinare una relazione che porti al valore
della percentuale di staffe che garantisca un’assegnata duttilità. In particolare,
per ottenere un valore minimo della duttilità µmin , si ha:
3,5‰ + 0,1α · ωst 1 b0
0,32 ≥ µcmin (5.43)
εsy ν b
da cui si trae, con piccoli arrotondamenti:
b
αωst ≥ 30µcmin εsy ν − 0,035 (5.44)
b0
che coincide con l’espressione esplicitamente suggerita dall’EC8 2003.
A titolo di esempio, considerando acciaio tipo B450 e richiedendo una
duttilità pari ad almeno 6, la (5.44) fornisce:
b
αωst ≥ 0,33ν − 0,035 (5.45)
b0
ovvero una formula di immediato utilizzo, funzione di pochi parametri.
Le NTC 2014 impongono che in zona sismica, e quindi ovunque sul terri-
torio nazionale, debba essere almeno ωst ≥ 0,08 in Classe di Duttilità Media
(CD“B”) e ωst ≥ 0,12 in Classe di Duttilità Alta (CD“A”), essendo le due
classi di duttilità collegate a possibili scelte progettuali che prevedono una
elevata capacità dissipativa o una media capacità dissipativa. Di seguto si in-
tende mostrare quali livelli di duttilità delle sezioni in c.a. ne conseguono. In
primo luogo, dalla espressione (5.26) considerando cautelativamente α = 0,5
conseguono valori minimi di εccu :

εccu = 0,0035+0,1α · ωst = 0,0035+0,1 · 0,5 · 0,08 = 0,0075 in CD“B” (5.46)


εccu = 0,0035+0,1α · ωst = 0,0035+0,1 · 0,5 · 0,12 = 0,0095 in CD“A” (5.47)

dunque poco più di del doppio della deformazione ultima del calcestruzzo con
minimo confinamento, εcu , nel caso CD“B”, e poco meno del triplo nel caso
CD“A”.
190 Capitolo 5

Volendo, inoltre, valutare la duttilità che consegue alle limitazioni imposte dalle
NTC 2014, dalla espressione (5.42), assumendo ancora α = 0,5, εsy = 1,86‰,
e ponendo b/b0 = 1,3, si ottiene:
3,5‰ + 0,5ωst 3,5‰ + 0,05ωst
µc1/r = 0,32 = 1,32 · 102 (5.48)
1,86‰ · ν · 1,3 ν
tale relazione nei casi di assenza di confinamento (ωst = 0, b/b0 = 1), di confi-
namento minimo in classe di duttilità CD“B” (ωst = 0,08), e di confinamento
minimo in classe di duttilità CD“A” (ωst = 0,12), fornisce rispettivamente:
0,60 1 1,25
µc1/r = µc1/r,CD“B00 ∼
= µc1/r,CD“A00 ∼
= (5.49)
ν ν ν
da cui si ottengono le duttilità minime conseguenti alle indicazioni normative
al variare di ν riportate in Tabella 5.1.

Tabella 5.1 ω st = 0 ω st = 0,08 ω st = 0,12


Minimi valori ν µc1/r µc1/r,CD“B” µc1/r,CD“A”
di duttilità in assenza 0,1 6,0 9,9 12,6
di confinamento, 0,2 3,0 5,0 6,3
in CD“B”, 0,3 2,0 3,3 4,2
e in CD“A”. 0,4 1,5 2,5 3,1
0,5 1,2 2,0 2,5

I valori riportati in tabella mostrano chiaramente l’importanza del confina-


mento e allo stesso tempo indicano che è necessario contenere il valore dello
sforzo normale adimensionale in quanto per elevati valori di ν la duttilità della
sezione permane modesta.

5.4 Progettazione delle sezioni inflesse per resistenza


e duttilità
Nel seguito si svilupperanno formule di progetto per sezioni inflesse in cemento
armato, considerando tanto i requisiti di resistenza quanto di duttilità.
In particolare si considera il caso della sezione rettangolare, a cui si riduce
la maggioranza dei casi strutturali.
La sezione è definita dalla resistenza dei due materiali, calcestruzzo e accia-
io, e da cinque parametri geometrici: dimensioni della base (b), altezza utile (d),
copriferro (c), quantitativo di armatura tesa (As ) e quantitativo di armatura
compressa (A0s ).
La resistenza dell’acciaio è definita dalla norma, mentre la resistenza del
calcestruzzo è definita a priori all’inizio della progettazione. La dimensione
del copriferro è scelta in base a problemi di durabilità, come riportato nel
Capitolo 9. Rimangono dunque quattro parametri.
In generale le equazioni a disposizione sono due equazioni di equilibrio in-
dipendenti, e pertanto le incognite vanno ridotte a due. In pratica una delle
due dimensioni, base b o altezza utile d, sono assegnate a priori per problemi
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 191

architettonici; inoltre si è visto che l’armatura compressa non influenza in ma-


niera significativa la resistenza flessionale, mentre invece è determinante per la
duttilità. Poiché il progetto viene svolto inizialmente “per resistenza”, in prima
approssimazione l’armatura compressa si può trascurare.
Dunque il progetto si riduce effettivamente ad avere solo due incognite. In
particolare si presentano due alternative in cui le incognite sono:

1. l’altezza h della sezione e il quantitativo di armatura tesa As ;


2. la larghezza b della sezione e il quantitativo di armatura tesa As .

In entrambi i casi, dall’equazione di equilibrio alla rotazione intorno al bari-


centro dell’armatura tesa, per il soddisfacimento della verifica di resistenza, si
trae:
0,8σcd bx(d − 0,4x) = MRd ≥ MSd (5.50)
Nel caso 1 si ottiene:
s r r
1 M Sd MSd
d≥ · = r∗ (5.51)
0,8σcd ξ(1 − 0,4ξ) b b

avendo posto s
x 1
ξ= er =

(5.52)
d 0,8σcd ξ(1 − 0, 4ξ)
Pertanto, nota la larghezza della sezione e assegnata la posizione dell’asse neu-
tro, ξ, dalla disequazione (5.51) è possibile determinare il valore dell’altezza
utile della trave e quindi della sua altezza totale.
In maniera del tutto analoga, ipotizzando che sia nota l’altezza della sezio-
ne, si può determinare, a partire dalla (5.50), la disequazione che consente di
progettare la larghezza, b, della sezione (caso 2):

1 MSd MSd
b≥ = r∗∗ 2 (5.53)
0,8σcd ξ(1 − 0,4ξ) d2 d

essendo:
2
r∗∗ = (r∗ ) (5.54)
Dunque il progetto dell’altezza utile o della base, scelti i materiali, dipende
unicamente dalla posizione ξ.
In entrambi i casi, il quantitativo di armatura tesa si trae dall’equilibrio
alla rotazione intorno alla risultante di compressione:

As fyd (d − 0,4x) = MRd ≥ MSd (5.55)

da cui
MRd MSd
As ≥ = ∗ (5.56)
d(1 − 0,4ξ)fyd t dfyd
essendo:
t∗ = (1 − 0,4ξ) (5.57)
192 Capitolo 5

In definitiva la progettazione si effettua assegnando a priori i materiali e la


profondità adimensionalizzata dell’asse neutro. Quindi si determina r∗ oppu-
re r∗∗ , a secondo del caso, valutando la geometria complessiva della sezio-
ne. Dalla (5.56) poi si trae l’armatura tesa mediante il coefficiente t∗ , che
peraltro, come visto nel Capitolo 4, è in genere ottimamente approssimato
da 0,9.
Un’altra importante variabile che deve entrare nella progettazione è la
duttilità richiesta µ.
A partire dalle relazioni (5.7) e (5.9) si ha:

1 1
✓ ◆ ✓ ◆
εcu εcu εsy εsy
= = = = (5.58)
r u x ξ·d r y d − xe d (1 − xe /d)

Pertanto la duttilità in termini di curvatura, nel caso di elementi inflessi a


doppia armatura, può valutarsi mediante la seguente espressione:

(1/r)u 1 − ξe εcu
µb1/r = = (5.59)
(1/r)y ξ εsy

dove ξe = xe /d si calcola con l’analisi elastica esposta al Capitolo 3. Dal-


la relazione (5.59) si evince che la variabile ξ è direttamente collegata alla
duttilità µ.

Esempio 5.2

Si analizza, a titolo di esempio, il caso di una sezione: un momento resistente maggiore del momento sollecitan-
te; sono inoltre riportati i valori di duttilità di sezione, µ,
• di base prefissata b = 30 cm;
che si ottengono per tali valori di progetto.
• copriferro c = 4 cm;
Per ξ > 0,2946 si ottengono valori di As che comporte-
calcestruzzo di Classe 25/30: rebbero il progetto di sezioni con percentuale geometrica
• σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa; di armatura maggiore di quella indicata come limite nella
• εcu = 0,0035; prescrizioni normativa e pari a 0,778% (caso sezione sem-
plicemente armata, Paragrafo 4.6, equazione (4.35)); i dia-
sollecitata a flessione semplice con MSd = 150 kNm di cui grammi delle Figure 5.17 e 5.18 vanno pertanto analizzati
si voglia progettare l’altezza, h, e l’area di armatura tesa, per valori di ξ < 0,2946. Nei grafici è anche segnalata la
As . Utilizzando acciaio B450C caratterizzato da posizione di ξ1% corrispondente alla limitazione della defor-
fy k mazione dell’acciaio pari all’1%. Tale limite, imposto dalla
fy k = 450 MPa σsd = = 391,3 MPa precedente normativa nazionale, può essere significativo se
γs
Es = 210 000 MPa si vuole limitare il danneggiamento della zona tesa della se-
zione in condizioni di rottura. In genere in zona sismica,
Applicando le equazioni sopra riportate si ottengono i valori data l’eccezionalità delle azioni di verifica, tale limitazione
di progetto di altezza utile della sezione, d, di armatura tesa non è significativa e infatti è stata rimossa nella NTC 2008.
As , e di duttilità in termini di curvatura, µb1/r , al variare del- Il valore numerico del limite ξ1% si trae immediatamente
la profondità dell’asse neutro adimensionalizzato rispetto a dalla linearità del diagramma delle deformazioni e risulta
d, ξ (Tabella 5.2). pari a:
Nelle Figure 5.17 e 5.18 sono riportati, al variare di ξ, i
valori di progetto minimi da assegnare all’altezza utile, d, εcu 3,5 7 ∼
e all’area di armatura tesa, As , che consentono di ottenere ξ1% = = = = 0,2593 (5.60)
1% + εcu 10 + 3,5 26
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 193

Tabella 5.2 Valori di d, As al variare della profondità dell’asse neutro.

ξ r* d (cm) εs σ s (MPa) t* As (cmq) ρ (%) µb1/r


0,10 0,959 67,78 0,0315 391,3 0,960 5,89 0,274 14,00
0,12 0,879 62,14 0,0257 391,3 0,952 6,48 0,327 11,35
0,14 0,817 57,77 0,0215 391,3 0,944 7,03 0,379 9,48
0,16 0,767 54,27 0,0184 391,3 0,936 7,55 0,432 8,10
0,18 0,727 51,39 0,0159 391,3 0,928 8,04 0,484 7,04
0,20 0,692 48,96 0,0140 391,3 0,920 8,51 0,536 6,21
0,22 0,663 46,89 0,0124 391,3 0,912 8,96 0,587 5,53
0,24 0,638 45,09 0,0111 391,3 0,904 9,40 0,639 4,98
0,2593 0,616 43,56 0,0100 391,3 0,896 9,82 0,688 4,53
0,26 0,615 43,51 0,0100 391,3 0,896 9,83 0,690 4,51
0,28 0,596 42,12 0,0090 391,3 0,888 10,25 0,741 4,12
0,2946 0,583 41,20 0,0084 391,3 0,882 10,55 0,778 3,86
0,30 0,578 40,87 0,0082 391,3 0,880 10,66 0,792 3,78
0,32 0,562 39,76 0,0074 391,3 0,872 11,06 0,842 3,48
0,34 0,548 38,75 0,0068 391,3 0,864 11,45 0,893 3,23
0,36 0,535 37,83 0,0062 391,3 0,856 11,84 0,943 3,00
0,38 0,523 37,00 0,0057 391,3 0,848 12,22 0,993 2,80
0,40 0,512 36,23 0,0053 391,3 0,840 12,60 1,044 2,63
0,42 0,502 35,53 0,0048 391,3 0,832 12,97 1,094 2,47
0,44 0,493 34,88 0,0045 391,3 0,824 13,34 1,144 2,32
0,46 0,485 34,28 0,0041 391,3 0,816 13,70 1,193 2,19
0,48 0,477 33,72 0,0038 391,3 0,808 14,07 1,243 2,07
0,50 0,470 33,21 0,0035 391,3 0,800 14,43 1,293 1,97

80
= 0,2593 = 0,2946 d
1%
70 As

60
d (cm); As (cm2);

50

40

30
x =0,25 x=0,29
20

10

0
0,0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0

Figura 5.17 Valori di progetto di d, As e µ.


194 Capitolo 5

80
d 3

= 0,2593
70

= 0,2946
As

60
x

1%
d (cm); As (cm2); 50

40

30

20

10

0
0,10 0,14 0,18 0,22 0,26 0,30

Figura 5.18 Valori di progetto di d, As e µ ( 0,10 ≤ ξ ≤ 0,3).

Dai grafici si evince che bassi valori della profondità del- in campo plastico), viceversa incrementare la profondità
l’asse neutro comportano il progetto di sezioni alte e de- dell’asse neutro implica il progetto di sezioni di altezza in-
bolmente armate con valori massimi di duttilità (la defor- feriore ma fortemente armate e caratterizzate da valori di
mazione ultima del calcestruzzo con acciaio ampiamente duttilità via via decrescenti.

Il coefficiente r∗ consente di valutare altezza utile e area di acciaio in trazione di


progetto una volta assegnata la profondità adimensionalizzata dell’asse neutro
e le resistenze di calcolo di calcestruzzo e acciaio; al fine di rendere indipendenti
dalle resistenze di calcolo dei materiali tale coefficiente può essere opportuno
considerare la seguente posizione, avendo scelto acciaio tipo B450:

(5.61)

r1 = r∗ σcd

per cui: s
MSd
d = r1 (5.62)
bσcd
I valori di r1 e t∗ , dipendenti solo dalla profondità dell’asse neutro ξ, sono
riportati nella Tabella 5.3.
Gli andamenti di r1 , t∗ e µ al variare di ξ sono riportati nella Figura 5.19 e
Figura 5.20.
Si osservi che spesso non è possibile pervenire alla duttilità richiesta consi-
derando la sola armatura tesa; in tali casi si deve ricorrere all’introduzione di
armatura compressa. Poiché si è visto nel Capitolo 4 e nel Paragrafo 5.3 del pre-
sente capitolo che l’armatura compressa altera poco la resistenza flessionale del-
la sezione, in genere aumentandola, si può progettare direttamente l’armatura
compressa per conferire la duttilità richiesta senza alterare significativamente
la resistenza.
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 195

ξ r1 t* Tabella 5.3
Valori di r1 e t∗
0,10 3,608 0,960
al variare
0,12 3,308 0,952
della profondità
0,14 3,075 0,944
dell’asse neutro.
0,16 2,889 0,936
0,18 2,736 0,928
0,20 2,606 0,920
0,22 2,496 0,912
0,24 2,400 0,904
0,26 2,319 0,896
0,2593 2,316 0,896
0,28 2,242 0,888
0,2946 2,193 0,882
0,30 2,176 0,880
0,32 2,117 0,872
0,34 2,063 0,864
0,36 2,014 0,856
0,38 1,970 0,848
0,40 1,929 0,840
0,42 1,891 0,832
0,44 1,86 0,824
0,46 1,825 0,816
0,48 1,795 0,808
0,50 1,768 0,800

20
r r1
= 0,2593

18
= 0,2946

t*
16 x
46
1%

14

12
r1; t*;

10

2
Figura 5.19
0
0,0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0 Valori di progetto
di r1 , t∗ e µ.

In particolare il progetto si può effettuare utilizzando la (5.12) che per comodità


si riporta:
εcu σcd 1 0,0018 · σcd
ρ − ρ0 ≤ 0,51 = (5.63)
εsy fyd µmin εsy · fyd · µmin
196 Capitolo 5

20

= 0,2593
r1

= 0,2946
18
t*
16

1%
14

r1; t* ;
12

10

2
Figura 5.20
Valori di progetto 0
di r1 , t∗ 0,10 0,14 0,18 0,22 0,26 0,30
e µ (0,10≤ ξ ≤ 0,3).

Si trae che per pervenire alla duttilità richiesta µmin , avendo progettato per re-
sistenza la percentuale di armatura tesa ρ, è necessaria la seguente percentuale
geometrica in compressione:

0,0018 · σcd
ρ0 ≥ ρ − (5.64)
εsy · fyd · µmin

Naturalmente se risulta ρ0 ≤ 0 significa che la duttilità della sezione a semplice


armatura è adeguata, senza necessità di inserire armatura compressa.

Esempio 5.3
r
1
r
Si consideri una sezione di base prefissata Msd
d≥ =
0,8σcd ξ(1 − 0,4ξ) b
• b = 30 cm; r
1 150 · 106
r
calcestruzzo di Classe 25/30: = =
0,8 · 14,17 · 0,2593(1 − 0, 4 · 0,2593) 300
• σcd = 0,85 × 25/1,5 = 14,17 MPa; r
150 · 106
• εcu = 0,0035 = 0,616 · = 436 mm
300
sollecitata a flessione semplice con MSd = 150 kNm di cui
si voglia progettare l’altezza, h, e l’area di armatura tesa, A tale altezza corrisponde il seguente quantitativo di
As utilizzando acciaio B450C armatura tesa:

fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391,3 MPa Msd


As ≥ =
d(1 − 0,4ξ)fy d
Es = 210 000 MPa
150 · 106
= = 981 mm2
Per evitare danneggiamenti alla zona tesa non si vuole supe- 436 · (1 − 0,4 · 0,2593) · 391,3
rare la limitazione dell’1% all’armatura in trazione. È però
anche richiesta una duttilità flessionale µmin non inferiore Si ha quindi una percentuale geometrica di armatura pari a
a 8. (copriferro complessivo posto pari a 35 mm) :
Imponendo la limitazione 1% all’acciaio teso, si ha ξ1% =
As 981
0,2593 da cui consegue: ρ= = = 0,694%
bh 300 · 471
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 197

Per raggiungere la duttilità 8 è necessario aggiungere la ovvero un’armatura in compressione pari a:


seguente percentuale geometrica di armatura:
A0s = ρ0 bh = 0,294 · 10−2 · 300 · 471 = 351 mm2
0,0018 · σcd
ρ0 ≥ ρ − = 0,694 · 10−2 +
εsy · fy d · µmin
0,0018 · 14,17
− = 0,249%
1,86 · 10−3 · 391,3 · 8

5.5 Progettazione delle sezioni pressoinflesse


per resistenza e duttilità
Nel seguito si svilupperanno formule di progetto per sezioni pressoinflesse in
cemento armato, considerando tanto i requisiti di resistenza quanto di duttilità.
Anche in questo caso si considera il caso più comune di sezione rettangolare.
La sezione è sollecitata dalla coppia MSd , NSd .
Il comportamento meccanico della sezione è definito dalla resistenza dei
due materiali, calcestruzzo e acciaio, e dai seguenti sette parametri geometrici:
dimensioni della base (b), altezza totale (h), copriferro (c), quantitativo di
armatura tesa (As ) e quantitativo di armatura compressa (A0s ), volume delle
staffe (Vst ) e passo delle staffe (s).
La resistenza dell’acciaio è definita dalla norma, mentre la resistenza del
calcestruzzo è definita a priori all’inizio della progettazione. Si considera il solo
caso di armatura simmetrica: As = A0s . La dimensione del copriferro è scelta
in base a problemi di durabilità, come riportato nel Capitolo 9. Restano da
definire, dunque, cinque parametri geometrici.
In primo luogo si possono determinare le dimensioni della sezione b e
h. A tal fine si può prefissare un valore dello sforzo normale adimensiona-
le ν; più è piccolo tale valore, tanto migliore sarà il comportamento della
sezione in termini di duttilità. Si può per esempio scegliere un valore pari
a 0,3.
Fissato ν, il prodotto delle due dimensioni della sezione si trae immediata-
mente da:
NSd NSd
ν= ⇒ bh = (5.65)
σcd bh νσcd
La scelta di b e h fra le infinite coppie che soddisfano la (5.65) è spesso do-
vuta a motivi architettonici. Dal punto di vista strutturale, se sono presenti
sollecitazioni flessionali paragonabili nelle due dimensioni, si tende alla forma
quadrata; se l’elemento è prevalentemente sollecitato in unico piano, si tende
al rettangolo allungato.
Una volta stabilite le due dimensioni b e h, l’armatura viene progettata per
resistere alla flessione, tenendo conto che una parte della resistenza è garantita
dallo sforzo normale. In particolare, il momento resistente di progetto è dato
dalla somma di due contributi:
✓ ◆
∼ h
MRd = N − 0, 4x + As fyd (h − 2c) (5.66)
2
198 Capitolo 5

e ricordando l’espressione (5.64) si ha:

x = 1, 25νh (5.67)

MRd ∼
= 0,5N h (1 − ν) + As fyd (h − 2c) (5.68)

Pertanto per ottenere una resistenza maggiore della sollecitazione si deve avere
che il momento portato dalle armature soddisfi la diseguaglianza:

As fyd (h − 2c) ≥ MSd − 0,5N h(1 − ν) (5.69)

e quindi:
MSd − 0,5N h (1 − ν)
As ≥ (5.70)
fyd (h − 2c)
La sezione così progettata, tuttavia, potrebbe non avere adeguate caratteri-
stiche di duttilità. Si deve, pertanto, intervenire con quantitativi di staffe che
confinino adeguatamente il calcestruzzo.
In particolare dalla (5.44) si trae:

b
αωst ≥ 30µcmin εsy ν − 0,035 (5.71)
b0

Dunque fissato un valore della duttilità richiesta, note le dimensioni geome-


triche e lo sforzo normale adimensionale, si ottiene il parametro α · ωst che
definisce il volume delle staffe.
Operativamente si può stabilire a priori il diametro delle staffe e quindi
l’area della sezione trasversale Ast ; in base alla geometria della sezione si può
anche scegliere una disposizione di staffe e legature, in modo da definire il
perimetro delle staffe nella sezione, pst . L’unica variabile progettuale rimane il
passo delle staffe s che deve soddisfare la relazione:
✓ ◆✓ ◆
s s Ast pst fyd
αh 1 − 1− = αωst (5.72)
2b0 2h0 sb0 h0 σcd

dove αh è dato dalla (5.22):

X b2i
αh = 1 − (5.73)
n
6b0 h0

La (5.72) rappresenta un’equazione non lineare in s, che si può risolvere per


tentativi. In alternativa si può fissare a priori un valore di α, per esempio
0,5, calcolare dalla (5.71) il valore di ωst e risolvere direttamente la seguente
espressione:
Ast pst fyd
s≥ (5.74)
b0 h0 σcd ωst
Salvo controllare a posteriori che il valore di α ipotizzato era conservativo.
Duttilità e progetto di sezioni inflesse e pressoinflesse 199

Esempio 5.4

Si vuole progettare una sezione che deve resistere alle se- Si dispongono 5 barre del diametro di 22 mm per ciascun
guenti sollecitazioni: NSd = 1000 kN e MSd = 800 kNm lato, ovvero As = 1900 mm2 .
e deve avere una duttilità non inferiore a 6. Si utilizza Per verificare la bontà della procedura proposta, nella Fi-
calcestruzzo di Classe 25/30 e acciaio B450C. gura 5.18 è riportato il dominio M-N per la sezione proget-
Scegliendo ν = 0,3 si ottiene: tata, costruita con i metodi del Capitolo 4, unitamente al
NSd NSd 1 000 000 punto di progetto; si verifica che il punto è adeguatamente
ν= ⇒ bh = = = 235 238 mm2 interno del dominio.
σcd bh νσcd 0,3 · 14,17
Per progettare le staffe in modo da ottenere una duttili-
Si sceglie b = 300 mm e h = 800 mm, a cui corrisponde: tà non inferiore a 6, si deve progettare un quantitativo di
NSd 1 000 000 staffe tale che:
ν= = = 0,294
σcd bh 14,17 · 300 · 800
b
L’aliquota di momento portata dallo sforzo normale risulta: αωst ≥ 30µcmin εsy ν − 0,035
b0
(1)
MRd = 0,5Nh (1 − ν) = 0,5 · 1 000 000 · 800 · (1−0,294) = Si ipotizza un copriferro netto di 20 mm e staffe del
= 2,824 · 108 Nmm diametro di 8 mm; Risulta:

Pertanto l’armatura deve portare la seguente aliquota di b0 = 300 − 2 · 24 = 252 mm


momento:
h0 = 800 − 2 · 24 = 752 mm
(2) (1)
MRd = As fy d (h − 2c) = MRd − MRd =
da cui
= 8 · 108 − 2,824 · 108 = 5,176 · 108 Nmm
b
Si deduce che è necessario disporre, su ciascun lembo della αωst ≥ 30µcmin εsy ν − 0,035 =
b0
sezione, un’armatura pari a:
300
(2) = 30 · 6 · 1,86‰ · 0,294 · − 0,035 = 0,0822
MRd 5,176 · 108 252
As ≥ = = 1837 mm2
fy d (h − 2c) 391,3(800 − 2 · 40)
Ipotizzando in prima approssimazione α = 0,5, si ottiene:
avendo ipotizzato un copriferro teorico dell’armatura pari
a c = 40 mm. ωst ≥ 0,164

1000
D “Metodo Rigoroso”
900
“Formulazione
800 semplificata”
700 Punto di Progetto
M (kNm)

600
C E
500
400
300
200
100
A =0 = 0,5 =1 B
0
–2000 –1000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
N (kN)
Figura 5.21 Dominio M-N per la sezione progettata.
200 Capitolo 5

Disponendo di una legatura intermedia nella direzione lunga Per verifica si ha:
e due nella direzione corta (Fig. 5.19), trascurando nella re- X bi2 4 · 1112 + 6 · 2412
sistenza i relativi ferri verticali perché di modesto diametro, αh = 1 − =1− = 0,650
6b0 h0 6 · 252 · 752
si ha: ✓
n
◆✓ ◆
pst = 4 · 252 + 3 · 752 = 1754 mm s s
αv = 1 − 1− =
2b0 2h0
Vst = Ast · pst = 50,24 · 1754 = 88,121 mm3 ✓
80
◆✓
80

= 1− 1− = 0,797
Vst fy d 88,121 · 391,3 2 · 252 2 · 752
s≥ = = 78,3 mm
b0 h0 σcd ωst 252 · 752 · 14,17 · 0,164 α = 0,650 · 0,797 = 0,518
Si approssima tale passo a: s = 80 mm Ast pst fy d 88,121 · 391,3
ωst = = = 0,1605
b0 h0 sσcd 252 · 752 · 80 · 14,17
252 Da cui la seguente deformazione ultima del calcestruzzo
111 111 confinato:

5 22 εccu = 3,5‰+0,1α·ωst = 3,5‰+0,1·0,518·0,1605 = 1,18%

240,6 Per valutare la curvatura ultima si considera resistente il


solo nucleo confinato, da cui:
b 300
xu = 1,25hν = 1,25 · 800 · 0,294 = 350 mm
staffe 8 b0 252
752 240,6 800
Le curvature in condizioni ultime e di snervamento valgono:

εconf in
✓ ◆
1 1,18%
= cu = = 3,37 · 10−5 mm−1
r u xu 350
240,6 ✓ ◆
1 ∼ 2εsy 2 · 1,86 · 10−3
= = = 5,17 · 10−6 mm−1
5 22 r y h − 2c 800 − 2 · 40

300 Da cui si ottiene la seguente duttilità ultima, che soddisfa


i requisiti di progetto:
Figura 5.22 Sezione progettata. (1/r )u 3,37 · 10−5
µ1/r = = = 6,52 > 6
(1/r )y 5,17 · 10−6
capitolo 6
Stato Limite Ultimo per taglio

6.1 Trattazione elastica


6.2 Travi senza armatura a taglio
6.3 Travi armate a taglio
6.4 Verifica e progetto
6.5 Traslazione del momento flettente

La sollecitazione tagliante è presente nella maggior parte degli elementi strut-


turali ed è generalmente accoppiata alla sollecitazione flessionale. Solo in casi
isolati può verificarsi la presenza di flessione in assenza di taglio (momento co-
stante) ovvero la presenza di taglio in assenza di flessione (sezione a momento
nullo).
In generale, se la trave evidenzia una crisi per un momento flettente minore
del corrispondente momento ultimo MRd si afferma che la crisi è governata dal
taglio.
La prematura crisi a taglio conduce, da un lato, a una riduzione della ca-
pacità flessionale della trave, ma soprattutto ne limita la capacità di deforma-
zione in campo post-elastico; in tal senso, la crisi a taglio può definirsi una
crisi fragile. I meccanismi resistenti a taglio, infatti, non sono caratterizzati da
elevati impegni plastici dell’acciaio di armatura ma coinvolgono soprattutto il
calcestruzzo, sia in compressione sia in trazione, che possiede limitate capacità
deformative rispetto all’acciaio.
Pertanto, le crisi a taglio possono avvenire bruscamente con repentine ca-
dute di resistenza e senza segni premonitori soprattutto in elementi privi di
specifica armatura trasversale a taglio.

6.1 Trattazione elastica


La teoria elastica relativa ai solidi omogenei e isotropi applicata agli elementi in
c.a. conduce nell’ipotesi di sezione trasversale interamente reagente, ossia con
calcestruzzo reagente a trazione, a valutazioni attendibili dello stato tensionale.
Tuttavia, poiché il taglio, V , non si presenta disaccoppiato dal momento
flettente M la valutazione dello stato tensionale non può prescindere dalla par-
zializzazione della sezione conseguente alla violazione della resistenza a trazione
del calcestruzzo. L’estensione della trattazione elastica alla fase post-fessurativa
è comunemente impiegata considerando la sezione reagente fessurata composta
dal calcestruzzo compresso e dalle armature opportunamente omogeneizzate.
La classica trattazione elastica del taglio per elementi in c.a. si basa sulla teoria
approssimata dello Jourawsky che consente di poter valutare, con riferimento
alla sezione trasversale, la tensione tangenziale della generica corda assunta
costante e pari al valor medio.
202 Capitolo 6

q q
M M + dM

z
Vy V y+ dVy

dz dz
y

z z+ d z Ac

corda
yz
zy
x x x h
Figura 6.1
Condizioni
di equilibrio y
di un concio
di trave. dz b

Con riferimento a un concio di trave a sezione costante di lunghezza dz


(Fig. 6.1), è possibile ricavare la tensione tangenziale τzy = τyz della gene-
rica corda mediante un equilibrio alla traslazione lungo z della parte di concio
al di sopra o al di sotto della corda:
Z Z
σz dA − (σz + dσz )dA + τyz bdz = 0 (6.1)
Ac Ac

dalla quale si ottiene: Z


dσz dA = τyz bdz (6.2)
Ac
D’altra parte, è possibile ricavare la tensione normale σz della generica fibra
posta a una distanza y dall’asse baricentrico in funzione del momento flettente
M e del momento di inerzia Ix della sezione rispetto all’asse baricentrico così
come segue:
dM
dσz = y (6.3)
Ix
e tenendo conto che:
dM = Vy dz (6.4)
la (6.2) diventa: Z
Vy dz
ydA = τyz bdz (6.5)
Ac Ix
da cui: Z
Vy V y Sx
τzy b = ydA = (6.6)
Ix Ac Ix
dove Sx è il momento statico, rispetto all’asse baricentrico, della parte di se-
zione Ac al di sopra della corda. Pertanto, la tensione tangenziale τzy = τyz
relativa alla generica corda può esprimersi come:
V y Sx
τzy = (6.7)
Ix b
Stato Limite Ultimo per taglio 203

Nella Figura 6.2 sono riportate, con riferimento a una sezione rettangolare in
c.a., le distribuzioni delle tensioni tangenziali τzy relative al caso di sezione
interamente reagente e al caso di sezione parzializzata, cioè con calcestruzzo
non reagente a trazione.

A's c
's /n C

x x
d*

s /n T
As max t

(a)
A's c
C
's /n
x x

d*

s /n
T
As max

(b)

C C + dC
dQ M + dM
M d* Figura 6.2
Distribuzione
dQ delle tensioni
tangenziali su
b T T + dT sezione rettangolare
(a) interamente
reagente,
(b) parzializzata,
dz (c) equilibrio
(c) del concio di trave.

Per sezioni definite da una larghezza di corda b costante lungo l’altezza, la


distribuzione delle tensioni tangenziali τzy attinge il suo valore massimo in
corrispondenza dell’asse baricentrico della sezione reagente:
Vy Sx∗
(τzy )max = (6.8)
Ix b
204 Capitolo 6

dove Sx∗ è il momento statico, rispetto all’asse baricentrico della sezione reagen-
te, della parte di sezione al di sopra della corda posta in corrispondenza dell’asse
baricentrico. Si ricorda che nel caso di sollecitazione di flessione semplice l’asse
baricentrico della sezione reagente coincide con l’asse neutro (Cap. 3).
Si osservi che al di sopra dell’asse neutro la risultante delle tensioni di
compressione è pari alla risultante di compressione C – uguale alla forza di
trazione T – della Figura 6.2a e b; così come le due parti superiore e inferiore
della Figura 6.2c, nel tratto elementare dz si scambiano, in corrispondenza del
piano orizzontale definito dall’asse neutro, una forza elementare dQ pari a:
dQ = dC = dT (6.9)
che prende il nome di “forza elementare di scorrimento”, in quanto tende a far
scorrere le due parti. Pertanto, la (6.2) può essere riscritta direttamente come:
Z
dσz dA = dC = dT = dQ = τyz bdz (6.10)
Ax

essendo Ax l’area di calcestruzzo al di sopra dell’asse neutro x.


Poiché sussistono le seguenti relazioni, avendo introdotto il braccio della
coppia interna d∗ (vedi anche Capitolo 4):
dM dC
M = C · d∗ Vy = = d∗ (6.11)
dz dz
si trae direttamente che:
1 dC Vy
(τzy ) = = ∗ (6.12)
b dz bd
La (6.8) e la (6.12) coincidono, potendosi dimostrare con considerazioni geo-
metriche che:
Ix
d∗ = ∗ (6.13)
Sx
Si osservi inoltre che la forza elementare di scorrimento, valutata nel tratto dz,
vale:
Vy dz
dQ = ∗ (6.14)
d
È bene evidenziare che la (6.12) e la (6.14) sono ottenute senza alcuna ipotesi di
linearità dei materiali. Dunque valgono anche se i materiali escono dal campo
elastico e verranno utilizzate nel seguito del capitolo, in condizioni di Stato
Limite Ultimo.
Per sezioni rettangolari di solo calcestruzzo e caratterizzate da una sezione
interamente reagente il braccio della coppia interna risulta eguale a d∗ = 2/3h,
con h altezza geometrica della sezione. Per sezioni rettangolari in c.a. e carat-
terizzate dalla parzializzazione del calcestruzzo, il braccio della coppia interna
si può calcolare, in fase elastica, in base alle formule illustrate nel Capitolo 3
(e risulta pari a (d − x)/3) e in fase non lineare secondo quanto illustrato
nel Capitolo 4; in entrambi i casi risulta possibile assumere l’approssimazione
= 0,9d con d altezza utile della sezione.
d∗ ∼
È possibile estendere le considerazioni sin ora fatte in termini puramente
sezionali all’intero elemento. Si faccia riferimento alla trave riportata nella
Figura 6.3, e soggetta a un carico uniformemente distribuito q.
Stato Limite Ultimo per taglio 205

b q

isostatiche di trazione
isostatiche di compressione
(a)

b q

Figura 6.3
Andamento
delle linee
isostatiche relative
(a) al caso
di sezione
totalmente
isostatiche di trazione reagente,
isostatiche di compressione (b) sezione
(b) parzializzata.

Se l’entità del carico esterno è modesta è possibile ipotizzare che in nessun


punto della trave venga violata la resistenza a trazione del calcestruzzo; in
tal caso, il comportamento della generica sezione trasversale è riconducibile
a quello della sezione interamente reagente. Il taglio e il momento flettente
sono quindi equilibrati da un sistema di tensioni normali che si sviluppa nel
calcestruzzo lungo delle direzioni principali, individuabili mediante le linee iso-
statiche, di trazione e compressione, tra loro ortogonali così come riportate
nella Figura 6.3a. È facile osservare che lungo l’asse baricentrico (anche asse
neutro) l’inclinazione delle isostatiche di compressione (ovvero di trazione) è
pari a 45◦ ; la presenza di sole tensioni tangenziali τ conduce a uno stato tensio-
nale denominato di taglio puro. Al di sopra dell’asse baricentrico le isostatiche
di compressione sono definite da inclinazioni via via minori sino a divenire
orizzontali in corrispondenza della mezzeria della trave. La presenza congiun-
ta di tensioni tangenziali τ e di tensioni normali σ di compressione riduce
l’inclinazione della direzione principale di compressione; tale effetto è tanto
più rilevante quanto maggiore è l’entità della tensione normale di compressio-
ne. Viceversa, al di sotto dell’asse baricentrico le isostatiche di compressione
sono caratterizzate da inclinazioni via via maggiori sino a divenire verticali
all’intradosso della trave.
Al crescere del carico le tensioni principali di trazione superano la resistenza
a trazione del calcestruzzo fct con la conseguente formazione di fessure lungo
206 Capitolo 6

direzioni ortogonali alle isostatiche di trazione ovvero lungo le isostatiche di


compressione. In via teorica è, quindi, possibile ipotizzare che il comporta-
mento della generica sezione trasversale sia riconducibile a quello della sezione
parzializzata. Analogamente al caso precedente si procede all’analisi delle linee
isostatiche che si sviluppano nell’elemento (Fig. 6.3b). In primo luogo l’asse
baricentrico (asse neutro) della sezione parzializzata non coincide con l’asse
geometrico della stessa; infatti, la parzializzazione della sezione conduce a un
asse baricentrico più alto. Inoltre, si registra un andamento singolare delle
isostatiche presenti nella zona tesa della trave. L’ipotesi di calcestruzzo non
reagente a trazione, infatti, conduce a uno stato tensionale nella zona al di
sotto dell’asse baricentrico definito dalla presenza di sole tensioni tangenziali
τzy con tensioni normali di trazione nulle; l’intera porzione di trave è caratte-
rizzata da uno stato tensionale di taglio puro. Le isostatiche di compressione
ovvero di trazione sono così definite da una inclinazione costante e pari a 45◦ .

Esempio 6.1

Con riferimento a una sezione rettangolare in solo calce- La distribuzione delle tensioni tangenziali lungo l’altezza
struzzo (Fig. 6.4), si vuol determinare il diagramma delle della sezione è ricavata mediante la (6.7), ossia come:
tensioni tangenziali agenti lungo la sezione trasversale e
Vy Sx
sottoposta a una sollecitazione tagliante V = 100 kN. τzy =
Ix b
Le caratteristiche geometriche della sezione sono:
dove Sx è il momento statico rispetto all’asse baricentri-
• altezza geometrica h = 500 mm; co, della parte di sezione al di sopra della corda distante y
• base b = 300 mm. dal bordo compresso. Il momento statico Sx può esprimersi
come:
 ✓ ◆�
h y
Sx = b · y · − per 0 ≤ y ≤ h
2 2

L’espressione parabolica del momento statico attinge il


500

proprio massimo per un valore di y = h/2 e risulta pari a:

b · h2
Sx∗ =
8
La tensione tangenziale massima è pertanto attinta in
corrispondenza dell’asse baricentrico risultando:

b · h2
✓ ◆
300
Vy ·
Vy Sx∗ 8 V
(τzy )max = = ◆·= ✓y ◆ =
Ix b b · h3 2

Figura 6.4 Sezione in solo calcestruzzo. b· b· h
12 3
100 000
= ◆ = 1,00 MPa
La posizione dell’asse baricentrico rispetto al bordo mag-

2
300 · 500
giormente compresso è pari alla semidimensione dell’al- 3
tezza:
x = 250 mm dalla quale si evince che per sezioni rettangolari di solo
calcestruzzo e caratterizzate da una sezione interamente
Il momento di inerzia Ix della sezione rispetto all’asse reagente il braccio della coppia interna è d ∗ = 2/3h con h
baricentrico è valutato come: altezza geometrica della sezione.
bh3 Con riferimento alla sezione in c.a. riportata nella Fi-
Ix = = 3125 · 106 mm4 gura 6.5, sottoposta a una sollecitazione tagliante V =
12
100 kN, si vuol determinare il diagramma delle tensioni
Stato Limite Ultimo per taglio 207

Il momento di inerzia Ix della sezione reagente rispetto


2 16
all’asse baricentrico è valutato come:
bx 3 b(h − x)3
Ix = + n0 · + n · A0s · (x − c)2 +
460

3 3
+ n · As · (d − x)2 =

500
300 · 257,533 300 · (500 − 257,53)3
= +1· +
3 3
2
+ 15 · 402 · (257,53 − 40) +
40

+ 15 · 804 · (460 − 257,53)2 = 3913 · 106 mm4


4 16
La distribuzione delle tensioni tangenziali lungo l’altezza
300 della sezione è ricavata mediante la (6.7), ossia come:
Vy Sx
τzy =
Figura 6.5 Sezione in c.a. Ix b
dove Sx è il momento statico rispetto all’asse baricentrico,
della parte di sezione al di sopra della corda distante y dal
tangenziali agenti lungo la sezione trasversale. Sono consi- bordo compresso. In particolare, il momento statico Sx può
derate entrambe le condizioni: sezione interamente reagen- così esprimersi:
te e sezione parzializzata. Le caratteristiche geometriche h ⇣ y ⌘i
della sezione sono: Sx = b · y · x − per 0 ≤ y ≤ c
2
• altezza geometrica h = 500 mm;
h ⇣ y⌘ i
Sx = b · y · x − + n · A0s · (x − c) per c ≤ y ≤ d
• altezza utile d = 460 mm; 2
• copriferro c = 40 mm; h ⇣ y⌘ i
Sx = b · y · x − + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x)
• base b = 300 mm; 2
• armatura longitudinale superiore A0s = 2 φ 16 = per d ≤ y ≤ h
402 mm2 ;
• armatura longitudinale inferiore As = 4 φ 16 = Nella Figura 6.6a è riportato il diagramma delle ten-
804 mm2 . sioni tangenziali. L’andamento parabolico è da imputar-
si alla funzione momento statico Sx . Quest’ultima in
Si adotta un coefficiente di omogeneizzazione delle ar- prossimità del copriferro superiore registra un incremen-
mature in acciaio rispetto al calcestruzzo compresso n = to [n · A0s ·(x −c)] causato dalla presenza dell’armatura su-
Es /Ec = 15 periore omogeneizzata mentre in prossimità del copriferro
inferiore registra un decremento [n · As · (h − x)] causato
Caso di sezione interamente reagente
dalla presenza dell’armatura inferiore omogeneizzata.
La posizione dell’asse baricentrico è determinata imponen- La massima tensione tangenziale può valutarsi come:
do che il momento statico della sezione reagente rispetto
Vy Sx⇤ Vy
all’asse baricentrico risulti: (τzy )max = =
Ix b bd ⇤
bx 2 b(h − x)2 dove d ⇤ , definito braccio della coppia interna, è pari al
Sx = +n·A0s ·(x −c)−n0 · −n·As ·(d −x) = 0
2 2 rapporto tra il momento di inerzia Ix e il momento sta-
dove n0 è il coefficiente di omogeneizzazione del calce- tico Sx⇤ , rispetto all’asse baricentrico della sezione reagen-
struzzo teso rispetto a quello compresso. Dalla precedente te, della parte di sezione al di sopra della corda posta in
espressione si ottiene una equazione di 2◦ grado nell’inco- corrispondenza dell’asse baricentrico, ossia:
gnita x da intendersi come la posizione dell’asse baricentri- Ix Ix
co rispetto al bordo maggiormente compresso. Nell’ipotesi d⇤ = =  � =
Sx⇤ x2
di adottare un coefficiente di omogeneizzazione n0 = 1 la b· + n · A0s · (x − c)
2
precedente espressione si semplifica in una equazione linea-
re nell’incognita x. In particolare, la posizione dell’asse bari- 3913 · 106
=  2
� =
centrico rispetto al bordo maggiormente compresso risulta 257,53
300 · + 15 · 402 · (257,53 − 40)
pari a: 2
x = 257,53 mm = 347,53 mm
208 Capitolo 6

(a) dalla quale si ottiene una equazione di 2◦ grado nell’in-


0,00 0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 cognita x da intendersi come la posizione dell’asse neu-
0 tro rispetto al bordo maggiormente compresso. La radice
copriferro (MPa)
50 positiva risulta pari a:
(y = 40 mm)
100 x = 145,19 mm
150 Il momento di inerzia Ix è valutato come:
asse
200 baricentrico bx 3
max = 0,96 MPa Ix = + n · A0s · (x − c)2 + n · As · (d − x)2 =
250 3
(y = 257,53 mm)
300 300 · 145,193
= + 15 · 402 · (145,19 − 40)2 +
350 3
+ 15 · 804 · (460 − 145,19)2 =
400
y (mm) altezza utile
450 = 1568 · 106 mm4
(y = 460 mm)
500 La distribuzione delle tensioni tangenziali lungo l’altezza
della sezione è ricavata mediante la (6.7) ossia come:
(b)
Vy Sx
0,00 0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 τzy =
0 Ix b
copriferro (MPa)
50 dove Sx è il momento statico rispetto all’asse baricentrico
(y = 40 mm)
della parte di sezione al di sopra della corda distante y dal
100 asse baricentrico bordo compresso. In particolare, il momento statico Sx può
150 (y = 145,19 mm) così esprimersi:
200
h ⇣ y ⌘i
max = 0,81 MPa Sx = b · y · x − per 0 ≤ y ≤ c
2
250 h ⇣ y⌘ i
300 Sx = b · y · x − + n · A0s · (x − c) per c ≤ y ≤ x
2
350 
x2

Sx = b · + n · A0s · (x − c) per x ≤ y ≤ d
400 2
y (mm) altezza utile
450 Nella Figura 6.6b è riportato il diagramma delle tensioni
(y = 460 mm) tangenziali. L’andamento parabolico sino all’asse neutro è
500
da imputarsi alla funzione momento statico Sx . Quest’ulti-
Figura 6.6 (a) sezione interamente reagente, (b) se- ma in prossimità del copriferro superiore registra un incre-
zione parzializzata. mento [n · A0s · (x − c)] causato dalla presenza dell’arma-
tura superiore omogeneizza ta mentre rimane costante al
di sotto dell’asse neutro dove il calcestruzzo non reagisce.
che per effetto della presenza delle armature risulta circa In maniera analoga, la massima tensione tangenziale può
pari a d ⇤ ∼
= 0,70 · h ossia maggiore di d ⇤ = 2/3 · h. valutarsi come:
La tensione tangenziale massima è pertanto pari a: Vy Sx⇤ Vy
(τzy )max = =
Vy 100 000 Ix b bd ⇤
(τzy )max = = = 0,96 MPa
bd ⇤ 300 · 347,53 dove il braccio della coppia interna d ⇤ è pari:
Caso di sezione parzializzata Ix Ix
d⇤ = =  � =
Sx⇤ x2
La posizione dell’asse neutro (asse baricentrico della sezio- b· + n · A0s · (x − c)
ne reagente in caso di flessione semplice) è determinata 2
imponendo che il momento statico della sezione reagente 1568 · 106
=  2
� =
rispetto all’asse neutro risulti: 145,19
300 · + 15 · 402 · (145,19 − 40)
2
bx 2
Sx = + n · A0s · (x − c) − n · As · (d − x) = 0 = 413,00 mm
2
Stato Limite Ultimo per taglio 209

circa pari a d ∗ ∼
= 0,90 · d. La tensione tangenziale massima Vy 100 000
(τzy )max = = = 0,81 MPa
è pertanto pari a: bd ∗ 300 · 413,00

6.2 Travi senza armatura a taglio


Il meccanismo resistente di travi in calcestruzzo armate solo longitudinalmente
risulta, in realtà, di non facile interpretazione; infatti, l’insorgere delle prime
fessure, conduce a una ridistribuzione tensionale dipendente da numerosi fat-
tori. La formazione delle fessure avviene in corrispondenza del superamento da
parte delle tensioni principali della resistenza a trazione del calcestruzzo.
Nelle zone caratterizzate da un regime prevalentemente flessionale si registra
la presenza di fessure verticali mentre nelle zone di massimo taglio si rileva la
formazione di fessure inclinate a 45◦ ; queste ultime salvo rare eccezioni sono
l’estensione di fessure flessionali. Inoltre, la presenza di fessure per ritiro e la
ridistribuzione dello sforzo di taglio in seguito all’insorgere di fessure flessionali
conduce a una prematura comparsa di fessure inclinate rispetto all’analisi delle
tensioni principali.
Tuttavia, dopo l’instaurarsi della fessurazione, lo studio delle direzioni e
delle tensioni principali è di scarsa rilevanza, dato che si sviluppano mecca-
nismi resistenti totalmente differenti. Per tal motivo, si premette, che stante
la complessità del fenomeno e i numerosi parametri in gioco le espressioni di
capacità proposte in letteratura sono in genere di natura semisperimentale.
La capacità tagliante di travi non armate trasversalmente può ricondursi
principalmente a due meccanismi tra loro interagenti, meccanismo a trave e
meccanismo ad arco, come riportato nella Figura 6.7.
C C
Figura 6.7
Meccanismi
resistenti a taglio:
(a) meccanismo
T T T
a trave,
V V (b) meccanismo
(a) (b) ad arco.

La fessurazione della trave divide la zona tesa in blocchi facilmente indivi-


duabili da due fessure consecutive. I singoli blocchi possono riguardarsi come
mensole incastrate nella zona compressa della trave e collegate tra loro dall’ar-
matura longitudinale tesa; tale comportamento è denominato effetto “pettine”.
La singola mensola (o dente) è sollecitata da una forza di scorrimento Q:
Q = T − (T − ∆T ) = ∆T (6.15)
indotta dalla variazione dello sforzo di trazione dell’armatura longitudinale
lungo lo sviluppo della trave. Nell’ipotesi di un meccanismo a trave, la forza
di scorrimento Q è indotta dalla variazione del momento flettente ∆M e come
già indicato dalla (6.14) risulta facilmente riconducibile al taglio V , come:
∆M V ∆z
Q = ∆T = = (6.16)
d ⇤ d⇤
con d⇤ braccio della coppia interna e ∆z lunghezza di un tratto di trave.
210 Capitolo 6

Il generico dente può quindi schematizzarsi come una mensola incastrata nel
corrente compresso della trave e sollecitato dalla forza di scorrimento Q. Per
effetto della forza di scorrimento Q, nella sezione di incastro del dente, si viene
a instaurare uno stato di sollecitazione che può condurre alla crisi della sezione
per superamento della resistenza a trazione del calcestruzzo. L’azione prodotta
dalla forza di scorrimento è contrastata da una serie di meccanismi resistenti
(Fig. 6.8) che garantiscono l’equilibrio del dente quali:
• la resistenza offerta dalla sezione di incastro, Vin ;
• le azioni mutue che sorgono all’interfaccia della fessura, Vai ;
• l’azione di spinotto esercitata dalle barre longitudinali in corrispondenza
della fessura, Vd .
A integrazione di tali meccanismi, che si innescano solo in presenza di una fes-
sura, va considerato il meccanismo costituito dalle tensioni tangenziali presenti
nel calcestruzzo non fessurato della zona compressa, Vcz . Il contributo di tale
meccanismo è connesso all’entità dell’asse neutro; la presenza di uno sforzo
assiale contribuisce all’incremento di siffatto meccanismo.
Nin
C Min
Vin
Vcz
d Vai,1
Vai d*
Vai,2

Figura 6.8 T T– T T
Vd Vd,1 Vd,2
Meccanismo a V
trave: contributi d* cot
resistenti a taglio.

Il trasferimento del taglio all’interfaccia della fessura è dovuto principalmente


all’ingranamento degli inerti presenti lungo l’interfaccia. Infatti, la superficie
fessurata non si presenta liscia e la presenza degli inerti contribuisce all’instau-
rarsi di una azione mutua che si oppone allo scorrimento relativo dei due conci
di trave. Tale meccanismo dipende da numerosi fattori quali l’area di contatto,
l’ampiezza della fessura, la presenza di tensioni normali nonché le caratteristi-
che degli inerti. Il meccanismo si instaura solo se si registra uno spostamento
relativo lungo la fessura, così come riportato nella Figura 6.9a.
w

Vai
Vai
Figura 6.9
Contributo dovuto
(a) all’ingranamen- γ
to degli inerti e
(b) all’effetto w
spinotto. (a) (b)
Stato Limite Ultimo per taglio 211

Il contributo dell’effetto spinotto (Fig. 6.9b) dipende principalmente dall’am-


montare dell’armatura longitudinale; infatti, dalle numerose risultanze speri-
mentali presenti in letteratura si registra che la resistenza a taglio aumenta
all’aumentare della percentuale geometrica di armatura longitudinale. A pari-
tà di carico esterno e all’aumentare della percentuale di armatura diminuisce
la richiesta deformativa della stessa; ciò conduce a una minore ampiezza della
fessura incrementando i contributi ad essa connessa, come l’ingranamento degli
inerti e l’effetto spinotto. Tuttavia, il contributo dovuto all’effetto spinotto ri-
sulta in genere limitato dalla resistenza a trazione del copriferro in calcestruzzo,
che rappresenta l’unico vincolo in assenza di staffe. I due contributi resistenti,
riconducibili all’ingranamento degli inerti e all’effetto spinotto dell’armatura
longitudinale, consentono di ridurre lo stato di sollecitazione nella sezione di
incastro del dente prodotto dalla forza di scorrimento Q(= ∆T ), come risulta
facilmente deducibile dalla Figura 6.8.
Il meccanismo ad arco consente di trasferire una aliquota del taglio diretta-
mente nella sezione di appoggio attraverso compressioni inclinate (Fig. 6.10).
L’effetto arco è principalmente governato da parametri dimensionali della trave.
In particolare, il contributo dell’effetto arco aumenta al diminuire del rapporto
(a/d) dove a è la luce di taglio, ossia la distanza tra l’appoggio e la sezione
di taglio nullo mentre d è l’altezza utile della sezione. Tale fenomeno risulta
significativo per travi definite da un rapporto (a/d) ≤ 2,5.

jd

V
Figura 6.10
a Meccanismo
ad arco.

Le risultanze sperimentali hanno, inoltre, identificato i principali parametri


che mostrano una significativa influenza sui menzionati meccanismi resistenti
a taglio: resistenza del calcestruzzo, effetto scala, presenza di sforzo assiale ecc.
La resistenza a taglio aumenta con la resistenza a compressione del calce-
struzzo. Nelle principali normative internazionali la resistenza a taglio è solita-
mente proporzionale a (fc )α con α compreso nell’intervallo (0,33÷0,50); risulta
verosimile ipotizzare che il parametro che governa il fenomeno è la resistenza
a trazione del calcestruzzo.
Il fenomeno dell’effetto scala (size effect) evidenzia una diminuzione del-
la resistenza a taglio all’aumentare dell’altezza della sezione; numerose prove
sperimentali (Kani, 1967; Shioya et al., 1989) dimostrano tale effetto. Le cause
212 Capitolo 6

vanno ricercate nella riduzione del contributo connesso all’ingranamento de-


gli inerti causato dalla elevata ampiezza della fessura che caratterizza travi di
maggiore altezza (Bazant et al. 1989; Reineck, 1990, 1991; Collins et al., 1998).
Risulta evidente che l’utilizzo di formulazioni semi-empiriche è indispensa-
bile per lo sviluppo di procedure progettuali di elementi in c.a. senza armature
resistenti a taglio.
La prima formulazione utilizzata in sede progettuale si basava sulla semplice
limitazione della tensione principale di trazione ση alla resistenza a trazione
del calcestruzzo fct . Nell’ipotesi di un comportamento elastico e di sezione
parzializzata, la tensione principale di trazione può valutarsi come:
V
ση = τ = ≤ fct (6.17)
0,9 · b · d
dove b è la base della sezione trasversale e d la sua altezza utile.
Le attuali formulazioni semi-empiriche finalizzate alla valutazione del ta-
glio resistente, VR , e adottate dalla maggior parte dei codici normativi sono
riconducibili alla seguente espressione (Zsutty, 1971):

d 1/3
✓ ◆
VR = 2,2 fc · ρl · b·d (6.18)
a
nella quale si possono scorgere i contributi legati alla resistenza del calcestruzzo
fc , all’ammontare della percentuale geometrica di armatura longitudinale ρl
e all’effetto arco attraverso il parametro (a/d). Solo più tardi si è preso in
considerazione l’effetto scala (ovvero l’ingranamento degli inerti) attraverso la
formulazione (Okamura, 1980):
◆1/3
(100 · ρl · fc )1/3 1,40

VR = 0,2 0,75 + b·d (6.19)
(d/1000)1/4 a/d

mediante il parametro (d/1000)1/4 .


La normativa italiana NTC 2008 consente l’impiego di elementi sprovvi-
sti di armature trasversali resistenti a taglio per solette, piastre e membratu-
re a comportamento analogo, a condizione che questi elementi abbiano suffi-
ciente capacità di ripartire i carichi trasversalmente, mentre per gli elementi
monodimensionali sono prescritti quantitativi minimi di armatura trasversale.
Nel seguito si fa riferimento al calcolo allo Stato Limite Ultimo effettuato
secondo le indicazioni della NTC 2008 che è pressoché coincidente con l’EC2
2004.
Il taglio resistente di progetto VRd , di un elemento fessurato è fornito dalla
seguente formula:
" 1/3
#
0,18 · k · (100 · ρl · fck )
VRd = + 0,15 · σcp · b · d (6.20)
γc

con un minimo pari a:

VRd ≥ VRd,min = (vmin + 0,15 · σcp ) · b · d (6.21)


Stato Limite Ultimo per taglio 213

dove:
r
200
• k =1+ ≤ 2;
d
1/2
• vmin = 0,035k 3/2 ·f ck ;
• d è l’altezza utile della sezione (in mm);
• b è la larghezza minima della sezione (in mm);
• NSd è lo sforzo assiale di progetto (in N);
• Ac è l’area della sezione di solo calcestruzzo (in mm2 )
• ρl = Asl /(b·d) ≤ 0,02 è la percentuale geometrica di armatura longitudinale
tesa che si estende per non meno di (lbd + d) oltre la sezione considerata,
dove lbd è la lunghezza di ancoraggio;
• σcp = NSd /Ac ≤ 0,2fcd è la tensione media di compressione della sezione
(compressione positiva).
È interessante osservare come sia possibile ricondurre ciascun termine del-
la (6.20) ai meccanismi resistenti precedentemente discussi: il termine (fck )1/3
al contributo legato alla resistenza del calcestruzzo (reazione della sezione di
incastro); k all’effetto scala, ossia al contributo offerto dall’ingranamento degli
inerti; ρl all’azione spinotto dell’armatura longitudinale e infine 0,15 · σcp alla
presenza dello sforzo assiale che incrementa il contributo offerto dalle tensioni
tangenziali nel calcestruzzo della zona compressa.

Esempio 6.2
Al fine di esemplificare il calcolo della resistenza a ta- tano:
glio di travi non armate si effettua la verifica a taglio di
un solaio latero-cementizio riportato nella Figura 6.11, di G1 = 3,30 kNm−1
caratteristiche geometriche: G2 = 1,70 kNm−1

mentre dall’uso residenziale del manufatto deriva che il


 luce di calcolo L = 5,00 m;
carico variabile caratteristico è pari:
 altezza geometrica h = 240 mm;
 altezza utile d = 210 mm; Qk = 2,00 kNm−1
 copriferro c = 30 mm;
Pertanto, il carico da considerare allo SLU è:
 interasse travetti i = 500 mm;
 spessore travetti t = 100 mm; Fd = γG1 G1 + γG2 G2 + γQ Qk = 1,30 · 3,30+
 altezza soletta s = 40 mm.
+ 1,50 · 1,70 + 1,5 · 2,00 = 9,84 kNm−1

Sono impiegati un calcestruzzo di classe 25/30, caratteriz- Il progetto a flessione del solaio conduce a una:
zato da
 armatura inferiore per singolo travetto in mezzeria:
 fck = 25 MPa; As = 2 φ 12 mm = 226 mm2 ;
 σcd = 0,85 · 25/1,50 = 14,17 MPa;  armatura inferiore per singolo travetto all’appoggio:
As = 1 φ 12 mm = 113 mm2 .
e un acciaio B450C, caratterizzato da
Il taglio massimo valutato a filo della trave a spessore
(z = 0,25 m) vale:
fy k = 450 MPa fy d = fy k /γs = 391,30 MPa
Es = 210 000 MPa Fd · L 9,84 · 5,00
VSd = − Fd · z = − 9,84 · 0,25 = 22,14 kN
2 2
Dall’analisi dei carichi permanenti strutturali e non strut- mentre il taglio massimo per travetto è pari:
turali deriva che i carichi agenti su una striscia di solaio di
1
1,00 m di larghezza (comprensiva di due travetti) risul- VSd = · 22,14 = 11,07 kN
2
214 Capitolo 6

500 mm 500 mm

L = 5000 mm

40
240

200
200 100 400 100 200

Figura 6.11 Solaio latero-cementizio.

La valutazione del taglio resistente per singolo travetto è • la tensione media a compressione della sezione, essendo
effettuata mediante la (6.20) ossia: NSd = 0, risulta σcp = 0,00.
" #
0,18 · k · (100 · ρl · fck )1/3 Per cui si ottiene:
VRd = + 0,15 · σcp · b · d
γc " #
0,18 · 1,98 · (100 · 0,00538 · 25)1/3
VRd = · 100 · 210 =
In relazione alle caratteristiche geometriche, di armatu- 1,50
ra e dei materiali si specializzano i singoli parametri che = 11 764 N = 11,76 kN
caratterizzano la formulazione del taglio resistente:
È necessario verificare che tale risultato risulti non minore
• la base b è assunta pari allo spessore del singolo tra-
di:
vetto, B = t = 100 mm;
VRd,min = (vmin + 0,15 · σcp ) · b · d
• l’altezza utile d è assunta uguale a d = (h − c) =
(240 − 30) = 210 mm; con:
• il fattore k:
r r vmin = 0,035k 3/2 ·f 1/2
ck = 0,0035·1,98
3/2
·251/2 = 0,49 Nmm−2
200 200
k =1+ =1+ = 1,98; da cui deriva che:
d 210
• la percentuale geometrica di armatura ρl in prossimità VRd,min = 0,488 · 100 · 210 = 10 248 N =
dell’appoggio:
= 10,25 kN ≤ VRd = 11,76 kN
As 113
ρl = = = 0,00538; Il confronto tra la sollecitazione tagliante VSd e la resistenza
b·d 100 · 210
a taglio VRd :
• la resistenza caratteristica cilindrica a compressione
fck = 25 MPa; VRd = 11,76 kN > VSd = 11,07 kN
• il fattore parziale di sicurezza del calcestruzzo γc =
1,50; consente di affermare che la verifica a taglio è soddisfatta.

6.3 Travi armate a taglio


La presenza di apposite armature trasversali conduce a un incremento del-
la capacità portante della trave. L’armatura trasversale migliora i contribu-
ti resistenti del meccanismo a trave, in quanto costituisce un collegamento
Stato Limite Ultimo per taglio 215

tra i blocchi (denti), individuati tra due fessure consecutive, trasformando-


le in mensole reciprocamente vincolate. In particolare, incrementa il contri-
buto dell’effetto spinotto, mediante un’azione di vincolo sull’armatura longi-
tudinale; limita l’apertura delle fessure diagonali, aumentando l’effetto del-
l’ingranamento; produce un’azione di confinamento sul calcestruzzo compres-
so migliorando la resistenza a compressione delle zone interessate dall’effetto
arco.
La presenza di armatura trasversale consente soprattutto di incrementare
ulteriormente la resistenza alla forza di scorrimento Q mediante un meccani-
smo denominato “a traliccio”. La forza di scorrimento Q viene assorbita da un
semplice meccanismo puntone e tirante (strut and tie), ossia con una risultante
di trazione che insorge nelle armature trasversali e una azione di compressio-
ne inclinata di θ che agisce all’interno del dente individuato da due fessure
consecutive (Fig. 6.12).

Ss

Figura 6.12
Sc
Ss Meccanismo di strut
Sc and tie, dovuto
alla presenza
T– T T Q= T
di armatura
trasversale.

I modelli a traliccio rappresentano complessivamente uno strumento pro-


gettuale molto efficace e consentono una visualizzazione fisica dei meccani-
smi resistenti considerando contemporaneamente gli effetti di taglio e fles-
sione.
Nel seguito sono presentati due modelli a traliccio: il meccanismo di Ritter-
Mörsch, da considerarsi storicamente il primo dei meccanismi a traliccio e il
traliccio a inclinazione variabile, da considerarsi tra i più significativi e moderni,
che conduce a soluzioni progettuali maggiormente economiche.

6.3.1 Meccanismo di Ritter-Mörsch


Ritter (1899) e Mörsch (1902) postulano in maniera indipendente che il mecca-
nismo di una trave in c.a., successivamente alla formazione di fessure diagonali,
si possa direttamente dedurre dal suo comportamento post-fessurativo come
riportato nella Figura 6.13a.
La trave viene schematizzata come una trave reticolare ideale. L’asse neutro,
sin dove si propagano le fessure che partono dal lembo inferiore dell’elemento,
individua il corrente compresso, l’armatura inferiore rappresenta il corrente te-
so e le bielle compresse di calcestruzzo, delimitate dalle fessure, costituiscono le
aste diagonali. Le armature trasversali disposte completano la struttura retico-
lare resistente, dando luogo alla schematizzazione indicata nella Figura 6.13b.
216 Capitolo 6

(a)

V V

a c a

V V
Figura 6.13
Meccanismo (b)
resistente di travi
armate a taglio: corrente compresso armatura a taglio
(a) quadro
fessurativo
di una trave
soggetta a taglio e
flessione, q a
(b) idealizzazione
del mecc