Sei sulla pagina 1di 4

Eone (teologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli eoni, in molti sistemi gnostici, rappresentano le varie emanazioni del Dio primo, noto anche come l'Uno,
la Monade, Aion Teleos (l'Eone Perfetto), Bythos (greco per Profondità), Proarkhe (greco per Prima
dell'Inizio), Arkhe (greco per Inizio). Questo primo essere è anch'esso un eone e contiene in sé un altro
essere noto come Ennoia (greco per Pensiero), o Charis (greco per Grazia), o Sige (greco per Silenzio).
L'essere perfetto, in seguito, concepisce il secondo ed il terzo eone: il maschio Caen (greco per Potere) e la
femmina Akhana (Verità, Amore).

Gli Eoni, ad uno sguardo superficiale potrebbero essere equiparati agli angeli ebraico-cristiani, ma in quanto
emanazioni (e non "creazioni") del Dio primo, l'Uno, il Principio, l'Origine, e quindi in quanto esseri divini a
tutti gli effetti e non semplicemente spirituali (quali sono gli angeli ebraico-cristiani) sono in realtà
equiparabili più correttamente agli Dèi Ipercosmici (cioè "al di là del Cosmo", quindi Dèi risiedenti
nell'Iperuranio, l'insieme dei Mondi superiori, il "Paradiso") o Iperuranici del Neoplatonismo. Lo stesso
nome Aion o Aeon era il nome di un'antica divinità microasiatica del Tempo e dell'Eternità, fu usato anche
come nome della divinità leontocefala del Mithraismo che aveva lo stesso significato. Platone usa il termine
Aion per denotare l'Eternità del Mondo delle Idee, nel suo Mito della caverna.

Gli eoni erano spesso rappresentati in coppie maschio/femmina dette sizigie, il cui numero frequentemente
raggiungeva le 20-30. Due degli eoni più comunemente citati erano Cristo e Sophia. Gli eoni, nel loro
insieme, costituivano il pleroma, la "regione della luce". Le regioni più basse del pleroma erano anche
quelle più vicine all'oscurità, ovvero al mondo fisico.

Quando un eone chiamato Sophia emanò senza il suo eone partner, il risultato fu il Demiurgo, o mezzo-
creatore (nei testi gnostici a volte chiamato Yalda Baoth), una creatura che non sarebbe mai dovuta esistere.
Questa creatura non apparteneva al pleroma, e l'Uno emanò due eoni, Cristo e lo Spirito Santo, per salvare
l'umanità dal Demiurgo. Cristo prese poi la forma della creatura umana Gesù in modo da poter insegnare
all'umanità la via per raggiungere la gnosi: il ritorno al pleroma.

Anche il Vangelo di Giuda, recentemente scoperto, tradotto e poi acquistato dalla National Geographic
Society menziona gli eoni e parla degli insegnamenti di Gesù al loro riguardo [vedi The Lost Gospel (https://
web.archive.org/web/20110502031443/http://www.nationalgeographic.com/lostgospel/) - versione online
dal National Geographic, contenente [1] (https://web.archive.org/web/20090227043939/http://www.national
geographic.com/lostgospel/document.html) testi copti, traduzioni inglesi e fotografie.].

Indice
Valentino
Tolomeo e Colorbaso
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni
Valentino
Secondo l'opera di Quinto Settimio Fiorente Tertulliano Contro i Valentiniani (latino: Adversus
Valentinianos), capitolo VII e VIII, lo gnostico Valentino parlava di 30 eoni diversi che si erano emanati l'un
l'altro in sequenza. I primi otto di questi eoni (corrispondenti alle generazioni da uno a quattro riportate
sotto) venivano chiamati Ogdoad.

Prima generazione:
Bythos (l'Abisso) che contiene in sé un altro essere detto Sige (Silenzio, Charis-Grazia,
Ennoea-Pensiero.)

Seconda generazione:
Caen (Potere) e Akhana (Amore)

Terza generazione, emanata da Caen ed Akhana:


Nous (Nus, Mente) e Aletheia (Veritas, Verità)

Quarta generazione, emanata da Nous ed Aletheia:


Sermo (Parola) e Vita

Quinta generazione, emanata da Sermo e Vita:


Anthropos (Homo, Umanità) ed Ecclesia (Chiesa)

Sesta generazione:
Emanata da Sermo e Vita:
Bythios (Profondo) e Mixis (Miscuglio)
Ageratos (Mai vecchio) ed Henosis (Unione)
Autophyes (Natura essenziale) ed Hedone (Piacere)
Acinetos (Inamovibile) e Syncrasis (Commissione)
Monogenes (Unico-generato) e Macaria (Felicità)
Emanati da Anthropos ed Ecclesia:
Paracletus (Consolatore) e Pistis (Fede)
Patricas (Paterno) ed Elpis (Speranza)
Metricos (Materno) ed Agape (Amore)
Ainos (Preghiera) e Synesis (Intelligenza)
Ecclesiasticus (Figlio di Ecclesia) e Macariotes (Beatitudine)
Theletus (Perfetto) e Sophia (Saggezza)

Tolomeo e Colorbaso
Secondo l'opera di Sant'Ireneo di Lione Contro le eresie (Latino: Adversus Haereses), libro 1, capitolo 12, i
seguaci degli gnostici Tolomeo e Colorbaso parlavano di eoni diversi da quelli di Valentino. Logos nacque
quando Anthropos imparò a parlare. I primi quattro erano chiamati Tetrade e gli otto Ogdoad.

Prima generazione:
Bythos (l'Uno) e Sige (Silenzio, Charis, Ennoea ecc.)

Seconda generazione (concepita dall'Uno):


Caen (Potere) e Akhana (Amore)

Terza generazione, emanata da Caen ed Akhana:


Ennoae (Pensiero) e Thelesis (Volontà)

Quarta generazione, emanata da Ennoae e Thelesis:


Nous (o Monogenes) e Aletheia

Quinta generazione, emanata da Nous ed Aletheia:


Anthropos (Homo, Uomo) ed Ecclesia (Chiesa)

Sesta generazione, emanata da Anthropos ed Ecclesia:


Logos e Zoe

Settima generazione:
Emanata da Logos e Zoe:
Bythius e Mixis
Ageratos ed Henosis
Autophyes ed Hedone
Acinetos e Syncrasis
Monogenes e Macaria
Emanati da Anthropos ed Ecclesia:
Paracletus e Pistis
Patricos ed Elpis
Metricos ed Agape
Ainos e Synesis
Ecclesiasticus e Macariotes
Theletos e Sophia

Logos e Zoe sono elementi caratteristici di questo sistema che, se comparato al precedente, può esserne
considerato una versione evoluta comprendente 34 eoni. Non è chiaro, comunque, se questi due fossero
davvero considerati eoni.

Bibliografia
Catholic Encyclopedia, Volume I. New York 1907, Robert Appleton Company. Nihil obstat, 1º
marzo 1907. Remy Lafort, S.T.D., Censor. Imprimatur +Cardinale John Murphy Farley,
Arcivescovo di New York.

Voci correlate
Dottrina gnostica
Sophia (religione)
Tolomeo (gnostico)
Valentino (filosofo)

Collegamenti esterni

(EN) Eone, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Eone_(teologia)&oldid=105831338"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 20 giu 2019 alle 17:24.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi
condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.