Sei sulla pagina 1di 50

165 R.

Tauraso - Analisi Matematica II

2.9 Esercizi e prove d’esame


Esercizio 2.1. Calcolare la lunghezza dell’arco di catenaria γ data dal grafico della funzione

ex + e−x
f (x) = , con x ∈ [−1, 1].
2
Soluzione.
L’arco si parametrizza ponendo

x(t) = t
γ(t) = t −t , t ∈ [−1, 1].
y(t) = e + e
2
Applicando la (2.4) otteniamo
s 2
1 1
et − e−t
Z Z 
0
|γ| = kγ (t)k dt = 1+ dt
−1 −1 2
1 1
1 1 t
Z Z Z
1 1 1 t
p q 1
2
e + e−t dt = e − e−t −1

= 4 + e2t + e−2t − 2 dt = (et + e−t ) dt =
2 −1 2 −1 2 −1 2
= e − e−1 .

Esercizio 2.2. Calcolare Z


f ds,
γ

2
dove f (x, y) = x + 8y e γ la curva rappresentata in figura.

Soluzione.
Il sostegno della curva γ è dato dall’unione di tre curve
γ1 , γ2 , γ3 , quindi possiamo scrivere
Z Z Z Z
f ds = f ds + f ds + f ds.
γ γ1 γ2 γ3

Parametrizziamo le curve ponendo


( ( (
x(t) = t x(t) = cos t x(t) = t
γ1 : , γ2 : , γ3 : .
y(t) = t y(t) = sin t y(t) = t

t ∈ [0, 1] t ∈ [0, π/4] t ∈ [0, 1/ 2]
Applicando la (2.3) si ottiene
1 1 1
t2
Z Z Z 
 p
2 2 2
1
f ds = t + 8 · 0 · 1 + 0 dt = t dt = = ;
0 0 2 0 2
γ1
Z Z π Z π
4  p 4
2
cos t + 8 sin2 t dt

f ds = cos t + 8 sin t · (− sin t)2 + (cos t)2 dt =
0 0
γ2
  π4
π 1 1
= [sin t]04 + 8 = √ + π − 2;
(t − sin t cos t)
2 0 2
Z Z √1  2
1
3 √2
2
2
 p t 8t 4 1
f ds = t + 8t · 12 + 12 dt = + = + √ .
0 2 3 0 3 2 2
γ3

Pertanto Z
1 1 4 1 1 3
f ds = + √ +π−2+ + √ =π− + √ .
2 2 3 2 2 6 2 2
γ
Integrali curvilinei 166

Esercizio 2.3. Calcolare Z


f ds,
γ

dove f (x, y) = xy e γ è l’arco dell’ellisse con semiassi a = 1 e b = 2 contenuto nel primo quadrante.

Soluzione.
L’equazione cartesiana dell’ellisse è

4x2 + y 2 = 4,

e una parametrizzazione è data da


(
x(t) = cos t
γ: , t ∈ [0, π/2].
y(t) = 2 sin t

Applicando la (2.3) si ha
Z Z π Z π
2 p 2 p
f ds = 2 2
(2 cos t sin t) · (− sin t) + (2 cos t) dt = (2 cos t sin t) · (1 − cos2 t) + (2 cos t)2 dt
0 0
γ1
Z π Z π
2 p 2 p
= 2
(2 cos t sin t) · 1 + 3 cos t dt = 2 cos t · 1 + 3 cos2 t d(− cos t)
0 0

0 1
  1 +1 1
1  1 + 3s2 2 
Z Z
cos t=s
p 1 p
2

= − 2s · 1 + 3s2 ds = 1 + 3s2 d 1 + 3s = 1
1 3 0 3 2 +1
0
 
1 16 2 14
= − = .
3 3 3 9

Esercizio 2.4. Calcolare la superficie del cilindro parabolico

y = x2 /4

delimitato dai piani z = 0, x = 0, z = 3x, y = 1.

Soluzione.

La superficie richiesta è data dall’integrale


Z
f ds,
γ

dove f (x, y) = 3x e γ è l’arco della parabola y =


x2 /4 per x ∈ [0, 2]. Allora, applicando la (2.3), si
ottiene

r 2
2 2
x2 2 √ u3/2 √
Z Z Z Z 
p 1+x2 /4=u
f ds = 3x 1 + (y 0 (x))2 dx = 3 x 1+ dx = 6 u du = 6 = 8 2 − 4.
0 0 4 1 3/2 1
γ

Esercizio 2.5. Calcolare il centro di massa dell’arco di cicloide omogeneo dato dalle equazioni
parametriche
(
x(t) = R(t − sin t)
γ(t) = , t ∈ [0, 2π], R > 0.
y(t) = R(1 − cos t)
167 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Soluzione.
Per il calcolo del centro di massa, si può immediatamente osservare che per simmetria si ha x̄ = πR,
quindi sarà sufficiente calcolare la coordinata ȳ, che per definizione è data dall’integrale
Z
1
ȳ = y ds.
|γ|
γ

Per il calcolo della lunghezza |γ| della curva applichiamo la (2.4)


Z Z 2π q Z 2π p
|γ| = ds = R2 (1 − cos t)2 + sin2 tdt = R2 1 + cos2 t − 2 cos t + sin2 tdt
0 0
γ
2π 2π
r 2π 2π

 
1 − cos t
Z Z Z Z
2 2 t t t
=R 2 − 2 cos t dt = 2R dt = 2R2 sin dt = 4R2 sin d
0 0 2 0 2 0 2 2
 2π
2 t
= 4R − cos = 4R2 [− cos(π) − (cos 0)] = 8R.
2 0

Allora la coordinata ȳ è
Z Z 2π  
1 1 t
ȳ = y ds = R(1 − cos t) · 2R sin dt
8R 8R 0 2
γ
Z 2π  
R t
= (1 − cos t) · sin dt
4 0 2
2π  
1 − cos t
Z
R t
= · sin dt
2 0 2 2

R 2π 2 t R 2π
Z     Z      Z π
t 2 t t t/2=u
= sin · sin dt = 1 − cos · sin dt = R 1 − cos2 u · sin u du
2 0 2 2 2 0 2 2 0
Z π Z π Z π Z π
=R 1 − cos2 u d(− cos u) = R cos2 u − 1 d(cos u) = R cos2 u d(cos u) − R d(cos u)
0 0 0 0
 3 π  
cos u π 1 1 2R 4R
=R − R [cos u]0 = R − − − R [−1 − 1] = − + 2R = .
3 0 3 3 3 3

In definitiva si ha  
4R
G πR, .
3
Esercizio 2.6. Calcolare il rapporto tra il momento d’inerzia rispetto all’asse z e la massa m di un
filo di densità δ che occupa l’insieme

{(x, 0, 0) : x ∈ [a, a + L]},

dove a ∈ R e L > 0. Per quale valore di a il rapporto I/m è minimo?

Soluzione.
La massa del filo è m = δ · L, pertanto il momento d’inerzia è
a+L a+L
x3
Z 
2 δ
(a + L)3 − a3 .

I= x · δ dx = δ =
x=a 3 x=a 3

Quindi si ha

I 1 L2
(a + L)3 − a3 = a2 + aL +

= .
m 3L 3
La parabola ottenuta assume minimo nel vertice, ossia in 2a + L, cioè per a = −L/2. Quindi il
rapporto I/m è minimo quando l’asse z passa per il punto medio del filo, ossia per il suo centro di
massa.
Integrali curvilinei 168

Esercizio 2.7. Sia F (x, y) = (xy, ey ) un campo vettoriale. Calcolare l’integrale del campo F~ lungo
la curva γ rappresentata in figura da (2, 0) a (0, 1).

Soluzione.

Dette γ1 e γ2 le curve descritte dai grafici delle due funzioni


y = −2x + 4 e y = x2 + 1, queste si parametrizzano ponendo
( (
x(t) = t x(t) = t
γ1 (t) : , γ2 (t) : .
y(t) = −2t + 4 y(t) = t2 + 1
t ∈ [2, 1] t ∈ [1, 0]

Abbiamo così che l’integrale lungo γ = γ1 ∪ γ2 è dato dalla


somma degli integrali di F~ lungo γ1 (t) e γ( t);

applicando allora la (2.10) ad entrambi gli integrali, si ottiene:


Z D E Z 1 Z 1
~ (t(4 + 2t)) · 1 + e4−2t · (−2) dt = 4t − 2t2 − 2e4−2t
   
F , d~γ1 = dt
2 2
γ1
1 
2t3
 
2 16 7
= 2t2 − + e4−2t = 2 − + e2 − 8 + − 1 = − + e2 ,
3 2 3 3 3
Z D E Z 0h  2
 i Z 0
2

F~ , d~γ2 = t(t2 + 1) · 1 + et +1 · (2t) dt = t3 + t + 2tet +1 dt

1 1
γ2
0
t4 t2
  
2 1 1 3
= + + et +1 = e− − − e2 =e− − e2 .
4 2 1 4 2 4

In definitiva
Z D E 7 3 37
F~ , d~γ = − + e2 + e − − e2 = e − .
3 4 12
γ

In alternativa, possiamo consideriamo la forma differenziale associata al campo vettoriale

ω(x, y) = xy dx + ey dy.

E’ immediato verificare che non è chiusa, pertanto nemmeno esatta. Così il calcolo dell’integrale può
anche essere eseguito chiudendo il percorso ed applicando
Gauss-Green. Infatti se consideriamo la retta passante per i
punti (0, 1) e (2, 0) di equazione y = −x/2 + 1 per il teorema
Gauss-Green si ha
Z ZZ   Z
∂ y ∂
ω(x, y) = (e ) − (xy) dxdy − ω(x, y)
∂x ∂y
γ D γ3
Z ZZ Z
ω(x, y) = − x dxdy − ω(x, y),
γ D γ3

dove naturalmente all’integrale doppio andrà sottratto l’in-


tegrale curvilineo di ω(x, y) lungo la curva γ3 che abbiamo
aggiunto per chiudere il percorso. Per il calcolo dell’integrale
doppio, suddividendo opportunamente il dominio D si ha
ZZ ZZ ZZ Z 1 Z x2 +1 Z 2 Z −2x+4
− x dxdy = − x dxdy − x dxdy = − x dxdy − x dxdy
x=0 y=−x/2+1 x=1 y=−x/2+1
D1 ∪D2 D1 D2
169 R. Tauraso - Analisi Matematica II

1 Z 2 Z 1  Z 2  2
x2
Z      
3x 3x 3x
=− x x2 + dx − x − + 3 dx = − x3 + dx + − 3x dx
x=0 2 x=1 2 x=0 2 x=1 2
3 1 2 2
 4   3 
x x x 3x 17
=− + + − =− .
4 6 x=0 2 2 x=1 12
Per l’integrale curvilineo si parametrizza la retta ponendo γ3 (t) = (t, −t/2 + 1) con t ∈ [0, 2] e si
ottiene
Z 2 2 2
e−t/2+1
 3
t2
Z 
y t t − 2t +1 5
xy dx + e dy = − +t− dt = + +e = − e.
0 2 2 6 2 0 3
γ3

Quindi Z D E 17 5 37
F~ , d~γ = − − + e = e − .
12 3 12
γ

Esercizio 2.8. Sia F (x, y) = xy, x2 y un campo vettoriale. Calcolare
Z D E
F~ , d~γ ,
γ

dove γ è il percorso chiuso rappresentato in figura.


Soluzione.
La curva γ è l’unione di tre curve γ1 , γ2 , γ3 , dove γ1 è l’arco
della circonferenza di centro (0, 1/2) e raggio 1/2 dal punto
(0, 0) al punto (0, 1), la curva γ2 è il segmento della retta y =
x+1 dal punto (0, 1) al punto (−1, 0) e la curva γ3 il segmento
dal punto (−1, 1) al punto (0, 0). Pertanto l’integrale del
campo vettoriale è
I D E Z D E Z D E Z D E
F~ , d~γ = F~ , d~γ1 + F~ , d~γ2 + F~ , d~γ3 .
γ1 ∪γ2 ∪γ3 γ1 γ2 γ3

Parametrizziamo le tre curve che compongono γ ponendo


( ( (
1
x(t) = 2 cos t x(t) = t x(t) = t
γ1 : 1
, γ2 : , γ3 : .
y(t) = 2 + 12 sin t y(t) = t + 1 y(t) = 0
t ∈ [−π/2, π/2] t ∈ [0, −1] t ∈ [−1, 0]
Applicando la (2.10) ad ogni integrale si ottiene:
Z D E Z π2  1 
1 1
 
1
 
1

1 1
 
1

F~ , d~γ1 = cos t + sin t · − sin t + cos2 t + sin t · cos t dt
−π2
2 2 2 2 4 2 2 2
γ1
 Z π 
12 1 1 1
= − cos t sin t − sin2 t cos t + cos3 t + sin t cos3 t dt
−π 2
8 8 16 16
Z π2   Z π2
1 1 1 1
= − sin2 t cos t + cos3 t dt + sin t cos3 t − cos t sin t dt
0 4 8 8 −2π 2

Z π  Z π2 Z π
1 2 1 1 1 2
= cos3 t − sin2 t cos t dt + 0 = cos t(1 − sin2 t) dt − cos t sin2 t dt
4 0 2 8 0 4 0
π π π
sin3 t 2 1 sin3 t 2 3 sin3 t 2
  
1 1 π
= sin t − − = [sin t]0 −
2
= 0,
8 3 0 4 3 0 8 8 3 0
E Z −1  Z −1  4 −1
2t3 t2
Z D
~ 2
 3 2
 t 1
F , d~γ2 = t (t + 1) · 1 + t (t + 1) · 1 = t + 2t + t dt = + + = ,
0 0 4 3 2 0 12
γ2
Z D E Z 0
~ (t · 0) · 1 + t2 · 0 · 0 = 0.
  
F , d~γ3 =
−1
γ3
Integrali curvilinei 170

In conclusione I D E 1
F~ , d~γ = .
12
γ

Il calcolo dell’integrale si può anche eseguire applicando il teorema di Gauss-Green. Infatti con-
sideriamo il dominio D che ha per frontiera la curva γ e la forma differenziale associata al cam-
po vettoriale

ω(x, y) := xy dx + x2 y dy.

Suddividendo opportunamente il dominio D, per Gauss-


Green deve essere
I ZZ  
∂ 2 ∂
ω(x, y) = (x y) − (xy) dxdy
∂x ∂y
∂D + D
ZZ ZZ
= (2xy − x) dxdy + (2xy − x) dxdy,
D1 D2
dove
D1 = (x, y) ∈ R2 : 0 ≤ y ≤ x + 1, x ≤ 0 , D2 = (x, y) ∈ R2 : x2 + (y − 1/2)2 ≤ 1/4, x ≥ 0 .
 

Per l’integrale su D1 , ricordando che le coordinate del baricentro di un triangolo omogeneo sono medie
delle coordinate dei vertici, si osserva che
ZZ ZZ ZZ ZZ
(2xy − x) dxdy = 2 xy dxdy − x dxdy = 2 xy dxdy − |D|x̄
D1 D1 D1 D1
ZZ   Z 0 Z x+1
1 1 1
=2 xy dxdy − − =2 xy dxdy +
2 3 x=−1 y=0 6
D1
0 x+1 0
xy 2
Z  Z
1 1
=2 dx + = (x3 + 2x2 + x) dx +
x=−1 2 y=0 6 x=−1 6
4 3 2 0
 
x 2x x 1 1 1 1
= + + + =− + = .
4 3 2 x=−1 6 12 6 12
Invece per l’integrale su D2 , conviene operare una traslazione, ponendo t = y − 1/2, in modo da
integrare sull’insieme
D20 = (x, t) ∈ R2 : x2 + t2 ≤ 1/4, x ≥ 0 .


In tal modo si ha
ZZ ZZ
(2x(t + 1/2) − x) dxdt = 2 xt dxdt.
D20 D20

Utilizzando le coordinate polari


1 1
x= ρ cos ϑ, t = ρ sin ϑ, ρ ∈ [0, 1], ϑ ∈ [−π/2, π/2]
2 2
e ricordando il fattore jacobiano di trasformazione pari a 1/4ρ dρdϑ, si ottiene
Z π2 Z π2
1 1 1 1 3
ZZ Z Z
3
2 xy dxdy = ρ cos ϑ sin ϑ dρdϑ = ρ dρ cos ϑ sin ϑ dϑ
2 ρ=0 − π2 2 ρ=0 −π2
D20
 1  2  π2
1 ρ4 sin ϑ 1
= = · 0 = 0.
2 4 0 2 − π 8
2

Quindi
ZZ
1
(2xy − x) dxdy = .
12
D
171 R. Tauraso - Analisi Matematica II


Esercizio 2.9. Sia F (x, y) = x + y 2 , y un campo vettoriale. Calcolare
Z D E
F~ , d~γ ,
γ

dove γ = γ1 ∪ γ2 , con γ1 l’arco di circonferenza


√ di centro (1, 0) e raggio 1 e γ2 un arco di parabola di
equazione x = 2 − y 2 , percorso da (0, 0) a (0, 2).
Soluzione.
La curva γ è l’unione di due curve γ1 e γ2 , dove γ1 è l’arco
della circonferenza di centro (1, 0) e raggio 1 dal punto (0, 0) al
è l’arco della parabola x = 2−y 2 dal
punto (1, 1), e la curva γ2√
punto (1, 1) al punto (0, 2). Pertanto l’integrale del campo
vettoriale è
Z D E Z D E Z D E
~
F , d~γ = ~
F , d~γ1 + F~ , d~γ2 .
γ1 ∪γ2 γ1 γ2

Parametrizziamo le due curve che compongono γ ponendo


( (
x(t) = 1 + cos t x(t) = 2 − t2
γ1 (t) : γ2 (t) :
y(t) = sin t y(t) = t

t ∈ [π, π/2], t ∈ [1, 2].
Applicando la (2.10) ad ogni integrale si ottiene
Z D E Z π2  Z π2
~ 2
   3 
F , d~γ1 = 1 + cos t + sin t · (− sin t) + sin t cos t dt = − sin t + sin t dt
π π
γ1
Z π Z π Z π
π
= sin3 t dt + sin t dt = sin t(1 − cos2 t) dt − [cos t] π =
π π π 2
2 2 2

cos3 t

π 1 5
= − [cos t] π + +1= , +1=1−
2 3 3 3 π
2
Z D √
E Z 2 Z √2  2 √2
~ 2 2
  t 3
F , d~γ2 = 2 − t + t · (−2t) + t dt = −3 t dt = −3 =− .
1 1 2 1 2
γ2

Quindi in definitiva Z D E 5 3 1
F~ , d~γ = − = .
3 2 6
γ

Alternativamente si può procedere chiudendo


√ il percorso con
il segmento congiungente i punti (0, 2) e (0, 0) e appli-
cando il teorema di Gauss-Green. Considerando la forma
differenziale associata al campo vettoriale assegnato

ω(x, y) := (x + y 2 ) dx + y dy,

per il teorema di Gauss-Green avremo


Z ZZ   Z
∂B ∂A
ω(x, y) = (x, y) − (x, y) dxdy − ω(x, y).
∂x ∂y
γ1 ∪γ2 D γ3

Per il calcolo dell’integrale doppio su D avremo:


ZZ  
ZZ Z 1 Z √2−x
∂ ∂ 2
(y) − (x + y ) dxdy = −2 y dxdy = −2 √ y dxdy
∂x ∂y 2 x=0 y= 1−(x−1)
D D

1 2−x 1 1
y2 x3 3x2
Z   Z 
2
 5
=−2 √ dx = − x − 3x + 2 dx = − − + 2x = − .
x=0 2 y= 1−(x−1)2 x=0 3 2 0 6
Integrali curvilinei 172

√ dell’integrale curvilineo, si parametrizza il segmento rettilineo γ3 ponendo γ3 (t) = (0, t)


Per il calcolo
con t ∈ [ 2, 0] e, applicando la (2.10), si ottiene
Z Z 0  2 0
2
 t
(0 + t ) · 0 + t dt = √ t dt = = −1.
2 2 √2
γ3

Si conclude così che


Z
5 1
ω(x, y) = − + 1 = .
6 6
γ

Esercizio 2.10. Calcolare


dx − dy
I
,
x+y+2
γ

dove γ è il percorso chiuso rappresentato in figura.


Soluzione.
Consideriamo la forma differenziale
dx dy
ω(x, y) = − .
x+y+2 x+y+2
Si verifica che non è chiusa, in quanto
 
∂ 1 1
− =
∂x x+y+2 (x + y + 2)2
 
∂ 1 1
=− ,
∂y x + y + 2 (x + y + 2)2

pertanto non può essere esatta. Quindi per il calcolo dell’inte-


grale si deve procedere in modo esplicito, oppure applicando
il teorema di Gauss-Green. Parametrizziamo le rette ponendo
( ( ( (
x(t) = t x(t) = t x(t) = t x(t) = t
γ1 : , γ2 : , γ3 : , γ4 : .
y(t) = 1 − t y(t) = 1 + t y(t) = −1 − t y(t) = t − 1
t ∈ [1, 0] t ∈ [0, −1] t ∈ [−1, 0] t ∈ [0, 1]
Applicando la (2.10) ad ogni curva si ottiene
Z 0
2 0

−1
Z Z
1 2
ω(x, y) = − dt = dt = − .
1 t + 1 − t + 2 t + 1 − t + 2 3 1 3
γ1
Z Z −1   Z −1  
1 1 1 1
ω(x, y) = − dt = − dt = 0.
0 t+1+t+2 t+1+t+2 0 2t + 3 3t + 3
γ2
0   0
−1
Z Z Z
1
ω(x, y) = − dt = 2 dt = 2.
−1 t−1−t+2 t−1−t+2 −1
γ3
Z Z 1   Z 1  
1 1 1 1
ω(x, y) = − dt = − dt = 0.
0 t+t−1+2 t+t−1+2 0 2t+ 2t + 1
γ4

Dunque
dx − dy
I
2 4
=− +0+2+0= .
x+y+2 3 3
γ

Applicando alternativamente il teorema di Gauss-Green, abbiamo che

I ZZ   ZZ   ZZ  
∂B ∂A 2 1
ω(x, y) = − dxdy = dxdy = 2 dxdy,
∂x ∂y (x + y + 2)2 (x + y + 2)2
γ D D D
173 R. Tauraso - Analisi Matematica II

dove l’insieme D è definito da

D = (x, y) ∈ R2 : −1 ≤ y − x ≤ 1, −1 ≤ y + x ≤ 1 .


Osservando la forma della funzione e la definizione del dominio D è opportuno operare un cambiamento
di variabili, ponendo cioè
( (
u=y−x x = (v − u)/2
Φ(u, v) := ⇒ ,
v =y+x y = (u + v)/2

in modo che anziché integrare sull’insieme D integreremo sull’insieme rettangolare

Φ−1 (D) = (u; v) ∈ R2 : −1 ≤ u ≤ 1, −1 ≤ v ≤ 1 .




Calcoliamo il fattore di trasformazione jacobiano,

∂u ∂u −1 
 
 −1

 ∂x ∂y 
−1 1
∂(x, y) ∂(u, v) −1

 = |−1 − 1|−1 = 1 .

= = 

 = 

∂(u, v) ∂(x, y)  ∂v 2
∂v  1 1
∂x ∂y

Pertanto l’integrale doppio diviene


ZZ   Z 1 Z 1  1
1 dudv 1 1 4
2 dxdy = = [u]−1 − = .
(x + y + 2)2 u=−1 v=−1 (v + 2)2 v + 2 −1 3
D

Esercizio 2.11. Calcolare I


(x + y)dx − (x − y)dy,
γ

dove γ è il percorso chiuso rappresentato in figura.

Soluzione.
La forma differenziale ω(x, y) = (x+y)dx−(x−y)dy è definita
in tutto R2 , insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa
in quanto
∂ ∂
(y − x) − 1 6= 1 = (x + y) ,
∂x ∂y
quindi non può essere esatta. Per il calcolo dell’integrale lun-
go la curva chiusa γ = γ1 ∪γ2 si può procedere o con il calcolo
esplicito o con il teorema di Gauss-Green. Parametrizziamo
le curve ponendo
( (
x(t) = t x(t) = t
γ1 : 2
t ∈ [1, 2], γ2 : t ∈ [2, 1].
y(t) = t − 1 y(t) = 3t − 3
Applicando la (2.10) si ottiene
Z Z 2 Z 2
t + t2 − 1 · (1) − t − t2 + 1 · (2t) dt = −t2 − 1 + 2t3 − t dt
  
ω(x, y) =
1 1
γ1
 3 2 
t4 t2

t 8 4 8
= − −t+ − = − +4+ = ,
3 2 2 1 3 3 3
Z Z 1 Z 2 1
(10t − 12) dt = 5t2 − 12t 2 = −3,

ω(x, y) = (t + 3t − 3) · (1) − (t − 3t + 3) · (3) dt =
2 1
γ2
Integrali curvilinei 174

e il risultato finale è 8/3 − 3 = −1/3. In alternativa, applicando il teorema di Gauss-Green al dominio


D con frontiera la curva chiusa γ avremo
I ZZ   ZZ Z 2 Z 3x−3
∂B ∂A
ω(x, y) = (x, y) − (x, y) dxdy = −2dxdy = −2 dxdy
∂x ∂y x=1 y=x2 −1
γ D D
2 3
2
3x2
Z 
x 1
x2 − 3x + 2 dx = 2

=2 − + 2x =− .
x=1 3 2 x=1 3
Esercizio 2.12. Calcolare la lunghezza e l’area delimitata dalla curva chiusa γ, detta astroide data
dalle equazioni parametriche:
(
x(t) = a cos3 t
γ(t) : , t ∈ [0, 2π], a > 0.
y(t) = a sin3 t

Soluzione.

L’asteroide è l’unione dei 4 archi AB, BC, CD e DA ed è una


curva chiusa. I 4 archi risultano a due a due congruenti ed è
facile verificare che γ è il luogo rappresentato dall’equazione
cartesiana

x2/3 + y 2/3 = a2/3 .

Dato che tale equazione è invariante rispetto al cambio di se-


gno di x e di y e rispetto alla scambio di x e y allora γ è sim-
metrica rispetto a entrambi gli assi cartesiani e ad entrambe
le bisettrici y = x e y = −x.

Ne segue che poiché l’arco AB è la quarta parte dell’astroide γ, applicando la (2.4) si ha che

Zπ/2q
2 2
[3a cos2 t(− sin t)] + 3a sin2 t cos t dt

|γ| = 4(AB) = 4
0

Zπ/2 q
=4 3a cos2 t sin2 t(cos2 t + sin2 t) dt
0

Zπ/2 Zπ/2  2 π/2


sin t
= 12a |cos t sin t| dt = 12a cos t dt = 12a = 6a.
2 0
0 0

Per il calcolo dell’area del dominio D possiamo applicare la (2.16) ossia,


ZZ I I
1 1
m(D) = |D| = dxdy = −ydx + xdy = −ydx + xdy
2 2
D ∂D + γ
Z2π
1
(−a sin3 t) · (3 cos2 t(− sin t)) + (a cos3 t) · (3 sin2 t(cos t)) dt
 
=
2
0
Z2π Z2π
1  2 4 3a2
3a sin t cos2 t + 3a2 cos4 t sin2 t dt = sin2 t cos2 t sin2 t + cos2 t dt
  
=
2 2
0 0
Z2π Z2π Z4π
3a2 3a2 3a2
= sin2 t cos2 t dt = (sin 2t)2 dt = (sin s)2 ds
2 8 16
0 0 0
2
 4π 2
3a 1 3a π
= (s − sin s cos s) = .
16 2 0 8
175 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Esercizio 2.13. Calcolare Z


y 2 dx + x2 dy,
γ

dove γ è la semiellisse in figura di semiassi a e b percorsa da (a, 0) a (−a, 0).


Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ma non
è chiusa in quanto
∂ ∂
x2 = 2x 6= 2y = y2 ,
 
∂x ∂y
pertanto non può essere esatta. Così per il calcolo dell’inte-
grale dovremo procedere con il calcolo esplicito oppure con il
teorema di Gauss-Green. Parametrizziamo l’ellisse ponendo
(
x(t) = a cos t
γ(t) : t ∈ [0, π].
y(t) = b sin t
Applicando la (2.10) si ottiene
Z Z π Z π
 2 2
2 2 2 2
−ab2 sin3 t + ab2 cos3 t) dt
  
y dx + x dy = (b sin t)(−a sin t) + (a cos t)(b cos t) dt =
0 0
γ
Z π Z π
= ab2 cos3 t dt − ab2 sin3 t dt
Z0 π 0
Z π
2 2
= ab cos t(1 − sin t) dt − ab2 sin t(1 − cos2 t) dt
0 0
Z π Z π
= ab2 (1 − sin2 t) d(sin t) − ab2 (1 − cos2 t) d(− cos t)
0 0
π  π
sin3 t cos3 t 4ab2

= ab2 sin t − + cos t − =− .
3 0 3 0 3
Volendo invece applicare il teorema di Gauss-Green potremo chiudere il percorso γ con il segmento γ1
che unisce i punti (−a, 0) e (a, 0) parametrizzato ponendo
(
x(t) = t
γ1 (t) : t ∈ [−a, a].
y(t) = 0

Allora, per il teorema di Gauss-Green avremo che


Z ZZ   Z
∂ ∂
x2 − y 2 dxdy − ω(x, y).
 
ω(x, y) =
∂x ∂y
γ D γ1
Si può osservare che l’integrale curvilineo è nullo essendo
Z Z a
ω(x, y) = (0 · 1 + t2 · 0) = 0,
−a
γ1

pertanto è sufficiente calcolare l’integrale doppio sull’insieme definito da


2
y2
 
2 x
D := (x, y) ∈ R : 2 + 2 ≤ 1, y ≥ 0 .
a b
In questo caso si può procedere in vari modi. Ad esempio effettuando il cambiamento di variabili
( (
u = x/a x = ua
Φ(u, v) := ⇒ ,
v = y/b y = vb

in modo che anziché integrare sull’insieme D, integreremo sulla semicirconferenza


Φ−1 (D) := (u; v) ∈ R2 : u2 + v 2 ≤ 1, v ≥ 0 .

Integrali curvilinei 176

Il relativo fattore di trasformazione jacobiano è


 −1
∂u ∂u

1/a 0 −1 −1
 
∂(x, y) ∂(u, v) −1 
∂x ∂y
 = 1 = ab,

∂(u, v) = ∂(x, y) =   = 
 
ab
∂v ∂v 0 1/b
 
∂x ∂y

pertanto l’integrale doppio diviene:


ZZ ZZ ZZ ZZ
2 2
(2x − 2y) dxdy = 2ab (au − bv) dudv = 2a b u dudv − 2ab v dudv
D Φ−1 (D) Φ−1 (D) Φ−1 (D)

= 2a2 b · |D0 | · ū − 2ab2 · |D0 | · v̄,

dove abbiamo osservato che i due integrali doppi sull’insieme Φ−1 (D) non sono altro che le coordinate
u e v del centro di massa del semicerchio di centro l’origine e raggio unitario. Quindi
4ab2
 
π π 4
2a2 b · · 0 − 2ab2 · · =− .
2 2 3π 3
In alternativa, si sarebbe potuto passare direttamente alle coordinate polari ellittiche ponendo

Φ(ρ, ϑ) = (aρ cos ϑ, bρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1], ϑ ∈ [0, π].

Ricordando che il fattore jacobiano di tale trasformazione è abρ, l’integrale diviene


ZZ Z 1 Z π
(2x − 2y) dxdy = 2ab ρ (aρ cos ϑ − bρ sin ϑ) dρdϑ
ρ=0 ϑ=0
D
Z 1 Z π Z 1 Z π
= 2ab aρ2 cos ϑ dρdϑ − 2ab bρ2 sin ϑ dρdϑ
ρ=0 ϑ=0 ρ=0 ϑ=0
3 1
1
ρ3 4ab2 4ab2
  
2 ρ π 2 π
= 2a b [sin ϑ]0 − 2ab [− cos ϑ]0 dϑ = 0 − =− .
3 0 3 0 3 3
Esercizio 2.14. Calcolare I    
2 2
3y 2 + 2xey dx + 2x2 yey dy,
γ

lungo il bordo del parallelogramma di vertici (0, 0), (2, 0), (3, 1) e (1, 1) percorso in senso antiorario.
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa in quanto
∂  2 y2  2 2 ∂  2 2

2x ye = 4yxey 6= 6y + 4xyey = 3y + 2xey ,
∂x ∂y
pertanto non può essere esatta. Tuttavia, sfruttando la li-
nearità, possiamo scrivere la forma assegnata come somma di
due forme differenziali ω1 (x, y) + ω2 (x, y), con
 2
  2

ω1 (x, y) = 2xey dx + 2x2 yey dy, ω2 (x, y) = 3y 2 dx.
Ora la forma differenziale ω1 (x, y) risulta chiusa, ed essendo R2 semplicemente connesso, risulterà an-
che esatta. Quindi il suo integrale lungo la linea chiusa γ sarà uguale a zero. Dunque è sufficiente
calcolare l’integrale della forma differenziale ω2 (x, y). Tale forma differenziale non è chiusa, e quindi
nemmeno esatta, e per il calcolo dell’integrale si può procedere sia per via diretta che utilizzando il
teorema di Gauss-Green. Parametrizziamo i lati del parallelogramma ponendo
( ( ( (
x(t) = t x(t) = t x(t) = t x(t) = t
γ1 : , γ2 : , γ3 : , γ4 : .
y(t) = 0 y(t) = t − 2 y(t) = 1 y(t) = t
t ∈ [0, 2] t ∈ [2, 3] t ∈ [3, 1] t ∈ [1, 0]
177 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Applicando la (2.10) ad ogni lato del parallelogramma si ottiene:


2 3 3
(t − 2)3
Z Z Z Z 
2
ω2 (x, y) = (3) · 0 + 0 dt = 0, ω2 (x, y) = (0) · 1 + 3(t − 2) · 1 dt = 3 = 1,
0 2 3 2
γ1 γ2
Z Z 1 Z Z 1  3 0
1 t
3t2 · 1 + 0, dt = 3

ω2 (x, y) = (3) · 1 + 0 dt = 3 [t]3 = −6, ω2 (x, y) = = −1.
3 0 3 1
γ3 γ4

Dunque
I I I Z Z Z Z
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = ω2 (x, y) + ω2 (x, y) + ω3 (x, y) + ω4 (x, y) = −6.
γ γ γ γ1 γ2 γ1 γ1

In alternativa, si può applicare il teorema di Gauss-Green


I ZZ   ZZ
∂ ∂ 2

ω2 (x, y) = (0) − 3y dxdy = −6 y dxdy
∂x ∂y
γ D D

dove
D = (x, y) ∈ R2 : y ≤ x ≤ y + 2, 0 ≤ y ≤ 1 .


Così si ottiene
ZZ Z 1 Z y+2 Z 1  1
−6 y dxdy = −6 y dx dy = −6 2ydy = −6 y 2 0 = −6.
y=0 x=y y=0
D

Esercizio 2.15. Per quale curva chiusa semplice percorsa in senso antiorario, l’integrale
I
y 3 − 3y + xy 2 dx + 9x − x3 + x2 y dy,
 

assume valore massimo.

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 e per il teorema di Gauss-Green applicato al
dominio D delimitato dalla frontiera della curva chiusa γ, si ha che
I ZZ   ZZ
∂ 3 2 ∂ 3 2
4 − x2 − y 2 dxdy.
  
ω(x, y) = 9x − x + x y − y − 3y + xy dxdy = 3
∂x ∂y
γ D D

La funzione integranda f (x, y) = 4−x2 −y 2 risulta negativa all’esterno della circonferenza x2 +y 2 = 4 e


positiva all’interno. Quindi l’integrale di ω(x, y) su γ è massimo proprio proprio D coincide con la zona
positiva, ossia se γ è la circonferenza
 e raggio 2. Proseguendo il calcolo dell’integrale
di centro l’origine
doppio sull’insieme D = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 4 dove si utilizzano le coordinate polari

Φ(ρ, ϑ) = (ρ cos ϑ, ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 2], ϑ ∈ [0, 2π],

si ottiene il valore massimo richiesto


Z 2 Z 2π 2 2
ρ4
ZZ Z 
2 2 2 3 2
  
3 4 − x − y dxdy = 3 ρ 4−ρ dρdϑ = 6π 4ρ − ρ dρ = 6π 2ρ − = 24π.
ρ=0 ϑ=0 ρ=0 4 0
D
 
Esercizio 2.16. Data la forma differenziale ω(x, y) = 3x2 y + 2xy 3 dx + x3 + f (x · y) dy, deter-
minare f (t) affinché ω(x, y) sia esatta in R2 .

Soluzione.
Dato che R2 è semplicemente connesso, è sufficiente che la forma assegnata sia chiusa,
∂ ∂
x3 + f (x · y) = 3x2 + f 0 (x · y) · y = 3x2 + 6xy 2 = 3x2 y + 2xy 3 ,
 
∂x ∂y
Integrali curvilinei 178

ossia se

3x2 + f 0 (x · y) · y = 3x2 + 6xy 2 ⇔ f 0 (x · y) · y = 6xy 2 ⇔ f 0 (x · y) = 6xy

posto xy = t, avremo, per ogni t ∈ R,


Z
0
f (t) = 6t ⇔ f (t) = 6t dt ⇔ f (t) = 3t2 + c.

Esercizio 2.17. Calcolare


Z
−y 3 dx + x3 dy,
γ

dove γ è l’arco di circonferenza centrata in (0, 1) da (1, 1) a (0, 0).

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 che è
un insieme semplicemente connesso, ma la forma non è chiusa
essendo
∂ ∂
x3 = 3x2 6= −3y 2 = −y 3 ,
 
∂x ∂y
pertanto non può essere esatta. Per il calcolo dell’integrale
bisogna procedere per via diretta o applicando il teorema di
Gauss-Green. Parametrizziamo la circonferenza ponendo
(
x(t) = 1 + cos t
γ(t) : t ∈ [π/2, π].
y(t) = sin t

Così
Z Z π Z π
− sin3 t · (− sin t) + (1 + cos t)3 · cos t dt =
 4
−y 3 dx + x3 dy = sin t + (1 + cos t)3 · cos t dt
  
π π
2 2
γ
Z π Z π Z π Z π Z π
4 4 2
= sin t dt + cos t dt + cos t dt + 3 cos t dt + 3 cos3 t dt.
π π π π π
2 2 2 2 2

Conviene calcolare gli integrali separatamente:


Z π Z π Z π Z π
4 3 (P) π
sin t d(cos t) = − cos t sin3 t π +
3
cos x d(sin3 x)

sin t dt = sin t · sin t dt = −
π π π 2 π
2 2 2 2
Z π Z π Z π Z π
=3 cos2 t sin2 t dt = 3 (1 − sin2 t) sin2 t dt = 3 sin2 t dt − 3 sin4 t dt
π π π π
2 2 2 2
Z π Z π Z
4 2 1
4 sin t dt = 3 sin t dt; (t − sin t cos t),
ricordando che sin2 t dt =
π
2
π
2
2
Z π Z π  3 π
π sin t 1 2
= d(sin t) − sin2 t d(sin t) = [sin t] π − = −1 + = − ,
π
2
π
2
2 3 π 3 3
2
Z π  π Z π
1  π π  π π
cos2 t dt = (t + sin t cos t) = − = , cos t dt = [sin t] π = −1.
π
2
2 π 2 4 4 π
2
2
2

In definitiva
Z π Z π Z π Z π Z π
3π 3π 3π 9π
sin4 t dt + cos4 t dt + cos t dt + 3 cos2 t dt + 3 cos3 t dt = + + −3= − 3.
π
2
π
2
π
2
π
2
π
2
16 16 4 8
179 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Come si può osservare, utilizzando il metodo diretto, i calcoli risultano piuttosto lunghi. In alternativa
proviamo ad applicare il teorema di Gauss-Green, chiudendo
il percorso con i segmenti che uniscono i punti (0, 0), (1, 0) e
i punti (1, 0), (1, 1),
Z ZZ   Z Z
∂ ∂
x3 − −y 3
 
ω= dxdy − ω − ω.
∂x ∂y
γ D γ1 γ2

Parametrizziamo i segmenti γ1 e γ2 ponendo


( (
x(t) = t x(t) = 1
γ1 (t) : t ∈ [0, 1], γ2 (t) : t ∈ [0, 1].
y(t) = 0 y(t) = t

Applicando la (2.10) si ottiene


Z Z 1 Z Z 1
3
−t · 0 + 13 · 1 dt = 1.
 
ω= −0 · 1 + t · 0 dt = 0, ω=
0 0
γ1 γ2

Per il calcolo dell’integrale doppio, avremo


ZZ   ZZ
∂ 3 ∂ 3
x2 + y 2
  
x − −y dxdy = 3 dxdy,
∂x ∂y
D D

dove D = (x, y) ∈ R2 : (x − 1)2 + y 2 ≤ 1, x ≥ 0, y ≥ 0 . Conviene operare una traslazione ponendo
s = x − 1 in modo che l’insieme di integrazione D si trasformi nell’insieme

D0 = (s, y) ∈ R2 : s2 + y 2 ≤ 1, s ≤ 0, y ≥ 0 .


Così l’integrale diviene


ZZ ZZ
(s + 1)2 + y 2 s2 + 2s + 1 + y 2
 
3 dsdy = 3 dsdy,
D0 D0

e passando in coordinate polari attraverso la trasformazione

Φ(ρ, ϑ) = (ρ cos ϑ, ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1] ϑ ∈ [π/2, π],

l’integrale doppio diventa


ZZ Z 1 Z π
s2 + 2s + 1 + y 2 ρ ρ2 cos2 ϑ + 2ρ cos ϑ + 1 + ρ2 sin2 ϑ dρdϑ
 
3 dsdy = 3
ρ=0 ϑ= π
2
Φ−1 (D 0 )
Z 1 Z π
ρ ρ2 + 2ρ cos ϑ + 1 dρdϑ

=3
ρ=0 ϑ= π
2
Z 1 Z π
ρ3 + 2ρ2 cos ϑ + ρ dρdϑ

=3
ρ=0 ϑ= π
2
Z 1 Z π Z 1 Z π Z 1 Z π
=3 ρ3 dρdϑ + 6 ρ2 cos ϑ dρdϑ + 3 ρ dρdϑ
ρ=0 ϑ= π
2 ρ=0 ϑ= π
2 ρ=0 ϑ= π
2
 1  3 1  1
3π ρ4 ρ π 3π ρ2 3π 3π 9π
= +6 [sin ϑ] π + = −2+ = − 2.
2 4 0 3 0 2 2 2 0 8 4 8

In conclusione
Z ZZ Z Z
2 2
 9π 9π
ω=3 x +y dxdy − ω− ω= −2−0−1= − 3.
8 8
γ D γ1 γ2
Integrali curvilinei 180

Esercizio 2.18. Calcolare


I
3x2 y 2 dx + 2x2 (1 + xy) dy,
γ

dove γ è il percorso chiuso dato da C2− ∪ C3 , dove Cr indica la circonferenza di raggio r e centro (r, 0)
percorsa in senso antiorario.

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso ma non è chiusa essendo
∂ ∂
2x2 (1 + xy) = 4x + 6x2 y 2 6= 6x2 y 2 = 3x2 y 2 ,
 
∂x ∂y
pertanto non può essere esatta. Tuttavia per la proprietà di
linearità, possiamo scrivere ω(x, y) come ω1 (x, y) + ω2 (x, y),
con

ω1 (x, y) = 3x2 y 2 dx + 2x3 y dy, ω2 (x, y) = 2x2 dy.

Risulta che la forma ω1 (x, y) è chiusa e quindi esatta nel-


l’insieme semplicemente connesso R2 ed essendo γ una curva
chiusa, il suo integrale è nullo. Pertanto è sufficiente calcolare
l’integrale ω2 (x, y) lungo γ. La forma ω2 (x, y) non è
evidentemente chiusa, e quindi nemmeno esatta, pertanto per il calcolo dell’integrale si deve procedere
per via diretta, oppure applicando il teorema di Gauss-Green. Utilizzando Gauss-Green si ha che
I I ZZ   ZZ
∂ ∂
2x2 −

ω2 (x, y) = ω2 (x, y) = (0) dxdy = 4 x dxdy,
∂x ∂y
γ ∂D + D D

dove
D = (x, y) ∈ R2 : (x − 2)2 + y 2 ≥ 4, (x − 3)2 + y 2 ≤ 9 .


Si può osservare che l’insieme D è equivalente alla differenza tra gli insiemi D1 \ D2 definiti da

D1 = (x, y) ∈ R2 : (x − 3)2 + y 2 ≤ 9 , D2 = (x, y) ∈ R2 : (x − 2)2 + y 2 ≤ 4 .


 

Inoltre per la simmetria rispetto all’asse x dell’insieme D = D1 \D2 e della funzione integranda avremo
che
ZZ ZZ ZZ ZZ
4 x dxdy = 8 x dxdy = 8 x dxdy − 8 x dxdy = 8|C3 |x̄C3 − 8|C2 |x̄C2 ,
D D+ (x−3)2 +y 2 ≤9 (x−2)2 +y 2 ≤4

dove |C3 | e |C2 | sono le aree dei due semicerchi, mentre x̄C3 e x̄C2 sono le coordinate x dei rispettivi
centri di massa (che evidentemente coincidono con l’ascissa del loro rispettivo centro). Pertanto

32 π 22 π
ZZ
8 x dxdy = 8 · ·3−8· · 2 = 108π − 32π = 76π.
2 2
D+

Volendo procedere per via diretta, parametrizziamo le due circonferenze ponendo


( (
x(t) = 3 + 3 cos t x(t) = 2 + 2 cos t
C3 := γ1 (t) = t ∈ [0, 2π), C2− := γ1− (t) = t ∈ [0, 2π),
y(t) = 3 sin t y(t) = 2 sin t
181 R. Tauraso - Analisi Matematica II

ed applicando la (2.10) alla forma ω2 (x, y) si ottiene


I Z 2π Z 2π Z 2π Z 2π
0 + 2(3 + 3 cos t)2 · 3 cos t dt = 6 9 cos3 t dt + 6 18 cos2 t dt
 
ω2 (x, y) = 9 cos t dt + 66
0 0 0 0
C3
2π Z  2π
2 1
= 108 cos t dt = 108 (t + cos t sin t ) = 108π,
0 2 0
I Z 2π Z 2π Z 2π Z 2π
0 + 2(2 + 2 cos t)2 · 2 cos t dt = −4 4 cos3 t dt − 4 8 cos2 t dt
 
ω2 (x, y) = − 4 cos t dt − 4
0 0 0 0
C2−
Z 2π  2π
1
= −32 cos2 t dt = −32 (t + cos t sin t ) = −32π.
0 2 0

Dunque il risultato finale è 108π − 32π = 76π.

Esercizio 2.19. Sia ω(x, y) = 2y dx + (x2 + ax) dy, con a > 0 una forma differenziale e sia γ la curva
chiusa rappresentata in figura. Determinare per quale valore di a si ha
I
π
ω(x, y) = + 4.
2
γ

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 , in-
sieme semplicemente connesso, ma non è chiusa (e quindi
neanche esatta) in quanto

∂ ∂
x2 + ax = 2x + a 6= 2 =

(2y) .
∂x ∂y
Per il calcolo dell’integrale si può procedere per via diretta,
oppure applicando il teorema di Gauss-Green. Applicando
Gauss-Green si ha

I I ZZ   ZZ
∂ ∂
x2 + ax −

ω(x, y) = ω(x, y) = (2y) dxdy = (2x + a − 2) dxdy
∂x ∂y
γ ∂D + D D
ZZ ZZ
=2 x dxdy + (a − 2) dxdy,
D D

dove
D = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, y ≤ x + 1, y ≥ x2 + 1 .


Per il primo integrale, considerando il dominio D = D1 ∪ D2 come in figura, avremo

ZZ ZZ ZZ
2 x dxdy = 2 x dxdy + 2 x dxdy
D D1 D2

Z 1 Z 1−x2 Z 0 Z x+1
=2 x dxdy + 2 x dxdy
x=0 y=x2 −1 x=−1 y=x2 −1
Z 1  p  Z 0
x 1 − x2 − x3 + x dx + 2 x2 − x3 + 2x dx

=2
x=0 x=−1

1  4 1 0
x2
 3
x4
Z  
p x x 2h 3/2 i1 2 5
1 − x2 d 1 − x2 +2 − + + x2 1 − x2

=− +2 − =− − +2 −
x=0 4 2 0 3 4 −1 3 0 3 12
2 5 1 1
= − + = .
3 6 2 3
Integrali curvilinei 182

Per il secondo integrale si tratta di calcolare l’area dell’in-


sieme D. Dato che l’insieme D è l’unione D1 ∪ D2 ∪ D3 ,
con

D1 = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, x ≥ 0, y ≥ 0


D2 = (x, y) ∈ R2 : y ≤ x + 1 x ≥ 0, y ≥ 0 ,


D3 = (x, y) ∈ R2 : y 2 ≥ x2 − 1, y ≤ 0 ,


avremo che
ZZ ZZ ZZ ZZ
(a − 2) dxdy = (a − 2) dxdy + (a − 2) dxdy + (a − 2) dxdy
D D1 D2 D3
π   Z 1 Z 0
1
= (a − 2) + (a − 2) + (a − 2) dxdy
4 2 x=−1 y=x2 +1
Z 1 1 !
x2
  
π 1 2 π 1
= (a − 2) + + 1 − x dx = (a − 2) + + x−
4 2 x=−1 4 2 2 −1
 
π 11
= (a − 2) + .
4 6
In conclusione abbiamo
I  
π π 11 1 π
ω(x, y) = + 4 ⇔ (a − 2) + + = +4 ⇔ a = 4.
2 4 6 3 2
γ

Esercizio 2.20. Sia


 2
  2 
ω(x, y) = a2 xex +y + cos(x + y 2 ) dx + ex +y + a2 y cos(x + y 2 ) dy.

Determinare per quali valori di a ∈ R, ω(x, y) è esatta in R2 e per tali valori determinare la funzione
potenziale.
Soluzione.
Poiché la forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 che è un insieme semplicemente connesso,
affinché risulti esatta è sufficiente che sia chiusa, ossia che verifichi l’uguaglianza
∂  x2 +y  ∂  2 x2 +y 
e + a2 y cos(x + y 2 = a xe + cos(x + y 2 ) ,
∂x ∂y
ossia se
2 2
2xex +y
− a2 y sin x + y 2 = a2 xex +y − 2y sin x2 + y 2
 
2 2
⇔ 2xex +y − a2 y sin x2 + y 2 − a2 xex +y + 2y sin x2 + y 2 = 0
 
2
⇔ xex +y 2 − a2 + y sin x2 + y 2 2 − a2 = 0
  
 2 
⇔ 2 − a2 xex +y + y sin x2 + y 2 = 0.

Pertanto per a = ± 2 la forma è esatta in R2 . In tal caso esiste una funzione potenziale U (x, y) tale
che
∂U 2 ∂U 2
(x, y) = 2xex +y + cos(x + y 2 ), (x, y) = ex +y + 2y cos(x + y 2 ).
∂x ∂y
Integrando la prima rispetto ad x otteniamo
Z   Z Z
x2 +y 2 x2 +y
U (x, y) = 2xe + cos(x + y ) dx = 2xe dx + cos(x + y 2 ) dx
Z Z
2
= ex +y d x2 + y + cos(x + y 2 ) d x2 + y
 

2
= ex +y
+ sin(x + y 2 ) + C(y).
183 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Ora derivando l’espressione trovata di U (x, y) rispetto ad y si ottiene


∂  x2 +y  2
e + sin(x + y 2 ) + C(y) = ex +y + 2y cos(x + y 2 ) + C 0 (y),
∂y
e per l’esattezza di ω(x, y) si ha che
2 2
ex +y
+ 2y cos(x + y 2 ) + C 0 (y) = ex +y
+ 2y cos(x + y 2 ) ⇔ C 0 (y) = 0 ⇔ C(y) = 0.

Pertanto
2
U (x, y) = ex +y
+ sin(x + y 2 ) + c.

Esercizio 2.21. Sia


ω(x, y) := (axy − π sin(πx)) dx + x2 + 4ey

dy.
Determinare per quali valori di a ∈ R, l’integrale
Z
15π
ω(x, y) = + 4e,
4
γ

dove γ è l’arco di circonferenza centrato in (1, 0) e raggio 1, da (2, 0) a (1, 1).

Soluzione.
Poiché la forma differenziale è definita in tutto R2 , insieme
semplicemente connesso, e
∂ ∂
x2 + 4ey = 2x = ax =

(axy − π sin(πx)) ,
∂x ∂y
si ha che la forma è chiusa per a = 2. Allora, per linearità,
possiamo scrivere ω(x, y) come ω1 (x, y) + ω2 (x, y), con

ω1 (x, y) = (2xy − π sin(πx)) dx + x2 + 4ey




ω2 (x, y) = (a − 2)xy dx.

La forma differenziale ω1 (x, y) è chiusa, e quindi esatta in R2 , pertanto esiste una funzione potenziale
U (x, y) tale che
∂U ∂U
(x, y) = x2 + 4ey .

(x, y) = (2xy − π sin(πx)) ,
∂x ∂y
Integrando la prima rispetto ad x, si ottiene
Z
U (x, y) = (2xy − π sin(πx)) dx = x2 y + cos(πx) + C(y).

Derivando ora l’espressione trovata rispetto ad y otteniamo



x2 y + cos(πx) + C(y) = x2 + C 0 (y),

∂y
e per l’esattezza si deve verificare che

x2 + C 0 (y) = x2 + 4ey ⇔ C 0 (y) = 4ey ⇔ C(y) = 4ey + c.

Pertanto la funzione potenziale cercata è

U (x, y) = x2 y + cos(πx) + 4ey

e l’integrale della forma differenziale ω1 (x, y) è


Z
ω1 (x, y) = U (1, 1) − U (2, 0) = 4e − 5.
γ
Integrali curvilinei 184

Per il calcolo dell’integrale della forma ω2 (x, y) procediamo per via diretta, e parametrizzando l’arco
della circonferenza
(
x(t) = 1 + cos t
γ(t) = t ∈ [0, π/2],
y(t) = sin t

si ottiene
Z Z π Z π
2 2
cos t sin2 t + sin2 t dt
 
ω2 (x, y) = [(a − 2)(1 + cos t)(sin t)(− sin t)] dt = (2 − a)
0 0
γ
π
sin3 t 1
  2
 
1 π
= (2 − a) + (t − sin t cos t) = (2 − a) + .
3 2 0 3 4
In conclusione, l’integrale della forma differenziale assegnata lungo γ è
Z Z Z  
1 π
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = 4e − 5 + (2 − a) + .
3 4
γ γ γ

Affinché tale integrale risulti uguale a 15π/4 + 4e è necessario che


   
1 π 15π 4 + 3π 15π
4e − 5 + (2 − a) + = + 4e ⇔ −5 + (2 − a) = ⇔ a = −13.
3 4 4 12 4
Esercizio 2.22 (Prova scritta del 08/07/2011). Calcolare l’integrale curvilineo
Z
(32xy + 16y) dx + 16x2 + 32x dy,


dove γ è la curva formata dall’unione del quarto di circonferenza di centro (1, 0) e raggio 1 da (0, 0)
a (1, 1) e dell’arco della parabola y = 2 − x2 da (1, 1) a (−1/2, 7/4).
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa in quanto
∂ ∂
16x2 + 32x = 32x + 32 6= 32x + 16 =

(32xy + 16y)
∂x ∂y
pertanto non è essere esatta. Tuttavia, sfruttando la proprie-
tà di linearità delle forme differenziali lineari, possiamo scri-
vere ω(x, y) come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y)
con

ω1 (x, y) = (32xy + 16y) dx + 16x2 + 16x dy,




ω2 (x, y) = 16x dy.

In tal modo la forma differenziale ω1 (x, y) è chiusa e quin-


di esatta in tutto R2 . Allora esiste una funzione potenziale
U (x, y) tale che
∂U ∂U
(x, y) = 16x2 + 16x .

(x, y) = (32xy + 16y) ,
∂x ∂y
Integrando la prima funzione rispetto ad x si ottiene
Z
U (x, y) = (32xy + 16y) dx = 16x2 y + 16xy + C(y),

e derivando l’espressione trovata rispetto ad y si trova



16x2 y + 16xy + C(y) = 16x2 + 16x + C 0 (y).

∂y
185 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Dunque per l’esattezza si deve verificare che


16x2 + 16x + C 0 (y) = 16x2 + 16x ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0,
pertanto una funzione potenziale è
U (x, y) = 16x2 y + 16xy.
Quindi
Z
ω1 (x, y) = U (−1/2, 7/4) − U (0, 0) = −7.
γ

Per il calcolo dell’integrale di ω2 (x, y), che evidentemente non è chiusa e quindi nemmeno esatta,
si può procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il
teorema di Gauss-Green, chiudendo opportunamente il per-
corso γ assegnato. Se chiudiamo con il segmento lungo la
retta y = −7x/2 e dividiamo il dominio D in D1 e D2 come
in figura, per Gauss-Green si ha che
Z ZZ   Z
∂ ∂
ω2 (x, y) = (16x − 0) − (0) dxdy − ω2 (x, y)
∂x ∂y
γ D γ3
ZZ Z
= 16 dxdy − ω2 (x, y)
D γ3
ZZ ZZ Z
= 16 dxdy + 16 dxdy − ω2 (x, y).
D1 D2 γ3
Per il calcolo degli integrali doppi, si ha
ZZ ZZ Z 1 Z 2−x2 Z 0 Z 2−x2
16 dxdy + 16 dxdy = 16 √ dxdy + 16 dxdy
x=0 y= 1−(x−1)2 x=− 12 y=− 7x
2
D1 D2
Z 1 Z 0
p 7x
= 16 2 − x2 − 1 − (x − 1)2 dx + 16 2 − x2 + dx
x=0 x=− 21 2
1 0 Z 1 p
x3 x3 7x2
 
= 16 2x − + 16 2x − + − 16 1 − (x − 1)2 dx
3 0 3 4 −1 x=0
2
    Z 0
x−1=sin t 1 1 7 p
= 16 2 − + 16 1 − + − 16 1 − sin2 t cos t dt
3 24 16 t=− π2
Z 0  0
1 π
= 35 − 16 cos2 t dt = 35 − 16 (t + cos t sin t) = 35 − 16 = 35 − 4π.
t=− π2
2 −π 4
2

Per il calcolo dell’integrale curvilineo, parametrizziamo il segmento γ3 ponendo γ3 (t) = (t, −7/4t) con
t ∈ [−1/2, 0], e otteniamo
Z Z 0    2 0  
7 t 1
ω2 (x, y) = (16t) · − dt = −56 = −28 0 − = 7.
− 21 2 2 −1 4
γ3 2

Pertanto si ha
Z Z Z
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = −7 + (35 − 4π − 7) = 21 − 4π.
γ γ γ

Esercizio 2.23 (Prova scritta del 14/07/2011). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
3x y
2 2
dx + 2 dy,
x +y x + y2
γ

dove γ è la semicirconferenza di centro (−1, 0) e raggio 2 percorsa da (1, 0) a (−3, 0) e contenuta nel
semipiano y ≥ 0.
Integrali curvilinei 186

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in Ω = R2 \ {(0, 0)}, che è un insieme connesso, ma non
semplicemente connesso, e dato che
   
∂ y −2xy −6xy ∂ 3x
∂x x2 + y 2
= 2 6= 2 = ∂y x2 + y 2
,
(x2 + y 2 ) (x2 + y 2 )

la forma non è chiusa, e quindi nemmeno esatta. Tutta-


via, sfruttando la linearità, possiamo scrivere ω(x, y) come
la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
x y 2x
ω1 (x, y) = dx + 2 dy, ω2 (x, y) = dx.
x2 + y 2 x + y2 x2 + y 2

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta in


qualunque sottoinsieme di Ω1 ⊂ Ω semplicemente connesso
che non contiene l’origine e contiene la curva γ. Quindi la
forma ω1 (x, y) ammette una funzione potenziale U (x, y) tale
che
∂U x ∂U y
(x, y) = 2 , (x, y) = 2 .
∂x x + y2 ∂y x + y2

Integrando la prima funzione rispetto ad x si ottiene


d x2 + y 2
Z Z
x 1 1
= ln x2 + y 2 + C(y),

U (x, y) = dx =
x2 + y 2 2 2
x +y 2 2

e derivando l’espressione trovata rispetto ad y si ottiene

 
∂ 1 y
ln x2 + y 2 + C(y) + C 0 (y).

=
∂y 2 x2 + y 2

Per l’esattezza si deve verificare che

y y
+ C 0 (y) = 2 ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0.
x2 +y 2 x + y2

Pertanto una funzione potenziale è

1
ln x2 + y 2 ,

U (x, y) =
2

e l’integrale di ω1 (x, y) è dato da

Z
ω1 (x, y) = U (−3, 0) − U (1, 0) = ln 3.
γ

Per la forma ω2 (x, y), che evidentemente non è chiusa e quindi nemmeno esatta, possiamo procedere
con il calcolo diretto. Osserviamo che in questo non risulta comodo applicare il teorema di Gauss-
Green in quanto il segmento che congiunge i punti (−3, 0) e (1, 0) passa per l’origine dove la forma
ω2 (x, y) non è definita. Si potrebbe trovare una curva alternativa per chiudere il percorso, ma non
sembra molto conveniente. Più semplicemente, se parametrizziamo la semicirconferenza ponendo

(
x(t) = −1 + 2 cos t
γ3 (t) = t ∈ [0, π],
y(t) = 2 sin t
187 R. Tauraso - Analisi Matematica II

si ottiene direttamente che


Z π  Z π 
4 cos t − 2 −8 cos t sin t + 4 sin t
Z
ω2 (x, y) = · (−2 sin t) dt = dt
0 (2 cos t − 1)2 + (2 sin t)2 0 4 cos2 t + 1 − 4 cos t + 4 sin2 t
γ
Z π  Z π  Z π 
−2 cos t sin t + sin t 2 cos t sin t sin t
=4 dt = −4 dt + 4 dt
0 5 − 4 cos t 0 5 − 4 cos t 0 5 − 4 cos t
Z π  Z π
cos t d(cos t)
=8 d(cos t) − 4 , posto cos t = s,
0 5 − 4 cos t 0 5 − 4 cos t
Z −1 Z −1 Z 1 Z 1
s ds ds s ds ds
=8 −4 = −8 +4
1 5 − 4s 1 5 − 4s −1 5 − 4s −1 5 − 4s
Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
−4s ds −4ds 5 − 4s − 5 ds d(5 − 4s)
=2 − =2 −
−1 5 − 4s −1 5 − 4s −1 5 − 4s −1 5 − 4s
Z 1 Z 1 Z 1
5 ds 1 5 d(5 − 4s)
=2 ds − − [ln |5 − 4s|]−1 = 4 − + ln 9
−1 −1 5 − 4s 2 −1 5 − 4s
5 1 5 3
= 4 − [ln |5 − 4s|]−1 + ln 9 = 4 − ln 9 + ln 9 = 4 − ln 9 = 4 − 3 ln 3.
2 2 2

In definitiva
Z Z Z
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = ln 3 + 4 − 3 ln 3 = 4 − 2 ln 3.
γ γ γ

Esercizio 2.24 (Prova scritta del 15/09/2011). Calcolare l’integrale curvilineo


I
xy(dx + dy)
γ

dove γ è la curva formata dall’unione della semicirconferenza di centro (0, 2) e raggio 2 da (0, 0) a
(0, 4) passante per (2, 2) e i segmenti rettilinei da (0, 4) a (−2, 4) e da (−2, 4) a (0, 0).

Soluzione.

La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 , in-


sieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
nemmeno esatta in quanto
∂ ∂
(xy) = y 6= x = (xy) .
∂x ∂y
Per il calcolo dell’integrale si può seguire la via diretta o ap-
plicare il teorema di Gauss-Green dato che γ = γ1 ∪ γ2 ∪
γ3 è una curva chiusa. Vediamo prima il calcolo diretto.
Parametrizziamo le curve che compongono γ ponendo

( ( (
x(t) = 2 cos t x(t) = t x(t) = t
γ1 (t) = , γ2 (t) = , γ3 (t) = .
y(t) = 2 + 2 sin t y(t) = 4 y(t) = −2t
t ∈ [−π/2, π/2] t ∈ [0, −2] t ∈ [−2, 0]

Allora avremo che


I Z Z Z Z
16 16
ω(x, y) = ω(x, y) = ω(x, y) + ω(x, y) + ω(x, y) = 4π − +8+ = 4π + 8,
3 3
γ γ1 ∪γ2 ∪γ3 γ1 γ2 γ3
Integrali curvilinei 188

dove
Z Z π
2
ω(x, y) = [(2 cos t(2 + 2 sin t))(−2 sin t) + (2 cos t(2 + 2 sin t))(2 cos t)] dt
−π
2
γ1
Z π
2
−8 cos t sin t − 8 cos t sin2 t + 8 cos2 t + 8 cos2 t sin t dt
 
=
−π
2
 π2  π2  π2  3  π2
sin2 t sin3 t
  
1 cos t
= −8 −8 + 8 (t + cos t sin t) +8
2 −π 3 −π 2 − π 3 −π
2 2 2 2

16 16
=0− + 4π + 0 = 4π − ,
3 3
Z −2 −2 −2
t2
Z Z 
ω(x, y) = ((4t) · 1 + (4t) · 0) dt = 4 t dt = 4 = 8,
0 0 2 0
γ2
Z Z 0 Z 0
16
(−2t2 ) · 1 + (−2t2 ) · (−2) dt = 2 t2 dt =

ω(x, y) = .
γ3 −2 −2 3

Se invece usiamo il teorema di Gauss-Green, suddividendo


opportunamente il dominio D, si ottiene
I ZZ  
∂ ∂
ω(x, y) = (xy) − (xy) dxdy
∂x ∂y
∂D + D
ZZ
= (y − x) dxdy

ZDZ ZZ
= y dxdy − x dxdy

ZDZ ZDZ ZZ ZZ
= y dxdy − x dxdy + y dxdy − x dxdy
D1 D1 D2 D2

= |D1 |ȳD1 − |D1 |x̄D1 + |D2 |ȳD2 − |D2 |x̄D2 ,

dove |D1 | e |D2 | sono le aree dei corrispondenti dei domini, ossia del semicerchio di raggio 2 e del
triangolo rettangolo, mentre ȳD1 , x̄D1 , ȳD2 , x̄D2 sono le coordinate dei baricentri dei rispettivi insiemi.
Per il semicerchio abbiamo che ȳD1 = 2 e x̄D1 = 8/3π, mentre per il triangolo, ricordando che le coor-
dinare del baricentro sono la media delle rispettive coordinate, abbiamo che ȳD2 = 8/3 e x̄D2 = −2/3.
Pertanto
I
4π 8 8 2
ω(x, y) = · 2 − 4π · + 4 · + 4 · = 4π + 8.
2 3π 3 3
γ

Esercizio 2.25 (Prova scritta del 23/09/2011). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
2x + 3y 2 dx + axydy


dove γ è la curva formata dall’unione del quarto di circonferenza di centro (0, 0) e raggio 2 da (2, 0)
a (0, 2) e del quarto di circonferenza di centro (2, 2) e raggio 2 da (0, 2) a (2, 0). Per quale valore di a
tale integrale è uguale a zero?

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 , insieme semplicemente connesso, quindi affinché
il suo integrale lungo la curva chiusa γ sia nullo è sufficiente che risulti esatta in R2 , e ciò avviene se la
189 R. Tauraso - Analisi Matematica II

forma differenziale è chiusa, ossia se


∂ ∂
2x + 3y 2 ,

(axy) = ay = 6y =
∂x ∂y
da cui si ottiene

ay = 6y ⇔ (a − 6)y = 0 ⇔ a = 6.

Così per a = 6 la forma differenziale è esatta in R2 e il suo


integrale lungo γ è nullo. Inoltre, per linearità, se scrivia-
mo la forma differenziale assegnata come somma delle forme
ω1 (x, y) e ω2 (x, y) definite da

ω1 (x, y) = 2x + 3y 2

dx + 6xy dy, ω2 (x, y) = (a − 6)xy dy,

per quanto detto basterà calcolare solo l’integrale lungo γ della forma ω2 (x, y). Per il calcolo si può
procedere o per via diretta, o applicando il teorema di Gauss-Green. Per via diretta parametrizziamo
le circonferenze che compongono γ,
( (
x(t) = 2 cos t x(t) = 2 + 2 cos t
γ1 (t) = t ∈ [0, π/2], γ2 (t) = t ∈ [π, 3π/2].
y(t) = 2 sin t y(t) = 2 + 2 sin t

Dunque
Z Z π Z π
2 2
ω2 (x, y) = (a − 6) (4 cos t sin t) · (2 cos t) dt = 8(a − 6) cos2 t sin t dt
0 0
γ1
π  π2
cos3 t
Z 
2
2 8
= 8(a − 6) cos t d(− cos t) = 8(6 − a) = (a − 6),
0 3 0 3
Z Z 3π
2
ω2 (x, y) = (a − 6) [(2 + 2 cos t)(2 + 2 sin t) · (2 cos t)] dt
π
γ2
Z 3π
2
cos t + cos t sin t + cos2 t + cos2 t sin t dt

= 8(a − 6)
π
 3π
sin2 t 1 cos3 t 2
  
π 5
= 8(a − 6) sin t + + (t + cos t sin t) − = 8(a − 6) − .
2 2 3 π 4 6
In conclusione si ottiene
I I Z Z  
8 π 5
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) + ω2 (x, y) = 0 + (a − 6) + 8(a − 6) −
3 4 6
γ γ γ1 γ2

= (a − 6)(2π − 4).

Invece applicando il teorema di Gauss-Green al domino D, frontiera della curva γ, si ottiene


I ZZ  
∂ ∂
2x + 3y 2 dxdy

ω(x, y) = (axy) −
∂x ∂y
∂D + D
ZZ ZZ
= (a − 6) y dxdy = (a − 6) y dxdy
D D
= (a − 6) · ȳ · |D|,

dove |D| rappresenta l’area dell’insieme D e ȳ è la coordinata


y del suo baricentro. Osservando la simmetria dell’insieme D,
si ottiene facilmente che la sua area è il doppio della differenza
tra l’area del quarto di cerchio di centro l’origine e raggio 2 e
l’area del triangolo rettangolo di vertici (0, 0), (2, 0), (0, 2).
Integrali curvilinei 190

Inoltre per la coordinata y del baricentro si può osservare che dato che D è simmetrico rispetto alle
rette y = 2 − x e y = x, il baricentro si trova nell’intersezione tra queste due rette, ossia nel punto
(1, 1). Quindi
 
4π 2 · 2
I
ω(x, y) = (a − 6) · ȳ · m(D) = 2 (a − 6) · 1 · − = (a − 6)(2π − 4).
4 2
γ

Esercizio 2.26 (Prova scritta del 14/02/2012). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
x3 + 2xy − x dx + x2 y + y 3 dy
 

dove γ è la curva formata dall’unione dell’arco di circonferenza da (1, 0) a (0, 1) passante per (2, 1) e
dal segmento da (0, 1) a (0, 2) a (1, 0).
Soluzione.

La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ,


insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa, in quanto
∂ ∂
x2 y + y 3 = 2xy 6= 2x = x3 + 2xy − x ,
 
∂x ∂y
pertanto non può essere nemmeno esatta. Per il calcolo del-
l’integrale procediamo applicando il teorema di Gauss-Green
in quanto per via diretta gli integrali da calcolare sono piut-
tosto laboriosi. Suddividendo opportunamente l’insieme D,
abbiamo che

I ZZ ZZ ZZ ZZ
ω(x, y) = (2xy − 2x) dxdy = 2 (xy − x) dxdy = 2 (xy − x) dxdy + 2 (xy − x) dxdy,
γ D D D1 D2

dove gli insiemi D1 e D2 sono definiti come

D1 = {(x, y) ∈ R2 : (x − 1)2 + (y − 1)2 ≤ 1, x ≥ 1},


D2 = {(x, y) ∈ R2 : (x − 1)2 + (y − 1)2 ≤ 1, x ≤ 1, y ≥ 1 − x}.

Utilizziamo le coordinate polari per il dominio D1 , ponendo


h π πi
Φ(ρ, ϑ) = (1 + ρ cos ϑ, 1 + ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1], ϑ∈ − , ,
2 2
così si ottiene
Z 1 Z π2
2 ρ ((1 + ρ cos ϑ)(1 + ρ sin ϑ) − (1 + ρ cos ϑ)) dρdϑ
ρ=0 ϑ=− π
2

1 π 1   π2 1
ρ4 sin2 ϑ ρ3
Z Z  
2 π
3 2

=2 ρ sin ϑ cos ϑ + ρ sin ϑ dρdϑ = 2 −2 [cos ϑ]−2 π = 0.
ρ=0 ϑ=− π
2
4 0 2 −π 3 0
2
2

Quindi l’integrale curvilineo assegnato è determinato solamente dall’integrale sul dominio D2



I Z 1 Z √1−(x−1)2 +1 Z 1  2  1−(x−1)2 +1
y
ω(x, y) = 2 x (y − 1) dydx = 2 x −y dxdy
x=0 y=1−x x=0 2 y=1−x
γ
Z 1  
p 2 p  
2 2 2
= x 1 − (x − 1) + 1 − 2x 1 − (x − 1) + 1 − x(1 − x) − 2x dx
x=0
1  4 1 
2x3
Z 
3 2
 x 1 2 1
= −2x + 2x dx = − + = − + = .
x=0 2 3 0 2 3 6
191 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Esercizio 2.27 (Prova scritta del 23/02/2012). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
(2x − 3y + 4) dx + (3x + 2y − 2) dy
γ

dove γ è la curva lineare a tratti che unisce i seguenti punti nell’ordine assegnato: (3, 0), (3, 2), (0, 4),
(−2, 2) e (−2, −5).

Soluzione.

La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 ,


insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa, in quanto
∂ ∂
(3x + 2y − 2) = 3 6= −3 = (2x − 3y + 4) ,
∂x ∂y
pertanto non può essere nemmeno esatta. Tuttavia, sfrut-
tando la linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y) come la
somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con

ω1 (x, y) = (2x + 3y + 4) dx + (3x + 2y − 2) dy


ω2 (x, y) = −6y dx;

in tal modo la forma differenziale ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta (R2 è semplicemente connesso)
e quindi esiste una funzione potenziale U (x, y) tale che

∂U ∂U
(x, y) = (2x + 3y + 4) , (x, y) = (3x + 2y − 2) .
∂x ∂y

Integrando la prima rispetto ad x si ottiene


Z
U (x, y) = (2x + 3y + 4) dx = x2 + 3xy + 4x + C(y).

Ora derivando l’espressione trovata rispetto a y si ha


x2 + 3xy + 4x + C(y) = 3x + C 0 (y).

∂y

Quindi per l’esattezza si ha

3x + C 0 (y) = 3x + 2y − 2 ⇔ C 0 (y) = 2y − 2 ⇔ C(y) = y 2 − 2y + c,

pertanto una funzione potenziale è

U (x, y) = x2 + 3xy + 4x + y 2 − 2y.

Così l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è


Z
ω1 (x, y) = U (−2, −5) − U (3, 0) = 4 + 30 − 8 + 25 + 10 − (9 + 12) = 40.
γ
Integrali curvilinei 192

Per il calcolo dell’integrale di ω2 (x, y) lungo γ, che non è chiu-


sa e quindi nemmeno esatta, si può procedere con il calcolo
diretto, oppure più semplicemente applicando il teorema di
Gauss-Green dopo aver chiuso il percorso con il segmento γ1
lungo la retta y = x − 3. Allora l’integrale di ω2 (x, y) lungo
γ, è dato da
Z ZZ   Z
∂ ∂
ω2 (x, y) = (0) − (−6y) dxdy − ω2 (x, y)
∂x ∂y
γ D γ1
ZZ Z Z
=6 dxdy − ω2 (x, y) = 6 · m(D) − ω2 (x, y).
D γ1 γ1

Per il calcolo dell’area di D senza utilizzare il calcolo integrale,


si può osservare che è data dalla somma dell’area del triangolo
di vertici (3, 2), (0, 4), (−2, 2), e del trapezio rettangolo di
vertici (3, 2), (−2, 2), (−2, −5), (3, 0). Pertanto
 
5 · 2 (7 + 2) · 5 55
6 · |D| = 6 · + =6· = 165.
2 2 2

Per il calcolo dell’integrale curvilineo di ω2 (x, y) lungo γ1 , parametrizziamo il segmento ponendo


γ1 (t) = (t, t − 3) con t ∈ [−2, 3] e così
Z Z 3 3
(18 − 6t) dt = 18t − 3t2 −2 = 75,

ω2 (x, y) =
−2
γ1

pertanto si ha 165 − 75 = 90 e concludendo si ottiene


Z Z Z
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = 40 + 90 = 130.
γ γ γ

Esercizio 2.28 (Prova scritta del 02/07/2012). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
3 + xy + 2x
dx + y dy
y+2
γ

dove γ è la curva data dal grafico della funzione y = sin(πx), da (0, 0) a (2, 0).

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita nell’in-
sieme
Ω := (x, y) ∈ R2 : y 6= −2 ,


che non è connesso. Tuttavia possiamo considerare


l’insieme semplicemente connesso

Ω1 := (x, y) ∈ R2 : y > −2 ,


che contiene la curva γ. La forma differenziale non


è chiusa, dato che
 
∂ 3 ∂ 3 + xy + 2x
(y) = 0 6= − = ,
∂x (y + 2)2 ∂y y+2

ma scrivendo la forma differenziale nel modo seguente


 
3 + xy + 2x 3 + x(y + 2) 3
dx + y dy = dx + y dy = +x dx + y dy,
y+2 y+2 y+2
193 R. Tauraso - Analisi Matematica II

possiamo scrivere la forma ω(x, y) come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
 
3
ω1 (x, y) = x dx + y dy, ω2 (x, y) = dx.
y+2
La forma ω1 (x, y) è chiusa nell’insieme semplicemente connesso Ω1 e pertanto risulta anche esatta.
Quindi ω1 (x, y) ammette una funzione potenziale U (x, y) tale che
∂U ∂U
(x, y) = x, (x, y) = y.
∂x ∂y
Integrando la prima uguaglianza rispetto ad x si ottiene
x2
Z
U (x, y) = x dx = + C(y)
2
e derivando ora l’espressione trovata rispetto ad y si ha
∂ x2 y2
 
+ C(y) = C 0 (y), e per l’esattezza deve essere: C 0 (y) = y ⇔ C(y) = + c.
∂y 2 2
Pertanto abbiamo che
x2 y2
U (x, y) = + +c
2 2
e l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è
Z
ω1 (x, y) = U (2, 0) − U (0, 0) = 2.
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che evidentemente non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il
calcolo dell’integrale procediamo per via diretta. Parametrizziamo la curva γ nel modo seguente
(
x(t) = t
γ(t) = t ∈ [0, 2],
y(t) = sin(πt)

e dunque
Z Z 2 Z 2π
3 dt πt=s 3 ds
ω2 (x, y) = = .
0 sin(πt) + 2 π 0 sin s + 2
γ

L’integrale può essere calcolato applicando il metodo dei residui. Posto sin s = (z −1/z)/2i con z = eiϑ
si ha
3 2π
Z Z Z Z
ds 3 1 dz 3 2i dz 3 2
= z−1/z
· = z−1/z
· = 2
dz.
π 0 sin s + 2 π + 2 iz π + 2 iz π z − 4zi − 1
|z|=12i 2i |z|=1 |z|=1
√ √
La funzione f (z) = 1/z 2 − 4zi − 1 è singolare nei punti z1 = i( 3 − 2) e z2 = i(− 3 − 2) che sono poli
√ ha |z2 | > 2 > 1, quindi z2 non è contenuto all’interno della circonferenza |z| = 1. Invece
semplici. Si
|z1 | = 2 − 3 < 1, quindi z1 è all’interno della circonferenza |z| = 1. Il residuo di f in z1 è
z − z1 1 1 1
Res (f, z1 ) = lim (z − z1 )f (z) = lim = lim = = √ ,
z→z1 z→z1 (z − z1 )(z − z2 ) z→z 1 z − z2 z1 − z2 2i 3
pertanto si ha che
3
Z
2 6 6 1 6 √
2
dz = · 2iπ · Res (f, z1 ) = · 2iπ · √ = √ = 2 3.
π z − 4zi − 1 π π 2i 3 3
|z|=1

In conclusione,
Z Z Z √
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = 2 + 2 3.
γ γ γ
Integrali curvilinei 194

Esercizio 2.29 (Prova scritta del 10/07/2012). Calcolare l’integrale curvilineo


I    
x(x + 2) + y(y + 3) x(x − 3) + y(y + 2)
dx + dy
x2 + y 2 x2 + y 2
γr

dove γr è una circonferenza di centro (3, 4) e raggio r > 0, percorsa in senso antiorario.
Soluzione.
La forma differenziale assegnata, definita nell’insieme connesso Ω = {(x, y) ∈ R2 : (x, y) 6= (0, 0)}, è
esatta dato che
3x2 − 3y 2 − 4xy
   
∂ x(x − 3) + y(y + 2) ∂ x(x + 2) + y(y + 3)
= 2 = .
∂x x2 + y 2 (x2 + y 2 ) ∂y x2 + y 2
L’integrale deve essere calcolato lungo la curva chiusa γr . La
distanza dal punto (0, 0) del centro del fascio di circonferenze
concentriche è data da
p √
d = 32 + 42 = 25 = 5.

Dobbiamo quindi distinguere due casi: 0 < r < 5 e r > 5


(il raggio r non può essere uguale a 5 perché in questo caso
l’integrale della forma differenziale assegnata non è definito).
Poiché per r < 5 la forma differenziale è esatta in un insieme
semplicemente connesso, l’integrale lungo la curva chiusa γr
è nullo. Consideriamo ora il caso r > 5. La forma è definita
in un insieme connesso, ma non semplicemente connesso,
pertanto l’integrale lungo la curva chiusa γr non è detto che sia nullo. Tuttavia, per il teorema di
Gauss-Green, l’integrale lungo una curva γr è uguale all’integrale lungo una qualsiasi altra curva chiu-
sa che contiene la singolarità. Dunque per il calcolo è più semplice considerare la circonferenza C di
centro l’origine e raggio unitario. Se parametrizziamo la circonferenza C ponendo C(t) = (cos t, sin t)
con t ∈ [0, 2π], si ha che
I I Z 2π
ω(x, y) = ω(x, y) = [(1 + 2 cos t + 3 sin t) (− sin t) + (1 − 3 cos t + 2 sin t) (cos t)] dt
0
γr C
Z 2π

= (−3 − sin t + cos t) dt = [−3t + cos t + sin t]0 = −6π.
0
Esercizio 2.30 (Prova scritta del 11/09/2012). Calcolare l’integrale curvilineo
Z
y (ex + 5y) dx + ex − 2x2 dy


dove γ è il quarto di circonferenza di centro (1, 0) e raggio 1 percorso da (0, 0), a (1, 1).
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 , in-
sieme semplicemente connesso, ma non è chiusa (quindi
nemmeno esatta) dato che

∂ ∂
ex + 2x2 = ex − 4x 6= ex + 10y = (y (ex + 5y)) .

∂x ∂y

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con

ω1 (x, y) = yex dx + ex dy, ω2 (x, y) = 5y 2 dx − 2x2 dy.

In tal modo, la forma differenziale ω1 (x, y) è chiusa e quin-


di esatta. Quindi ω1 (x, y) ammette una funzione potenziale
U (x, y) tale che
∂U ∂U
(x, y) = (yex ) , (x, y) = (ex ) .
∂x ∂y
195 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Integrando la prima rispetto ad x si ottiene


Z
U (x, y) = (yex ) dx = yex + C(y),

e derivando l’espressione trovata rispetto a y abbiamo che



(yex + C(y)) = ex + C 0 (y).
∂y
Per l’esattezza si deve verificare che
ex + C 0 (y) = ex ⇔ C 0 (y) = 0 ⇔ C(y) = 0,
e pertanto la funzione potenziale cercata è
U (x, y) = yex .
Quindi l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è
Z
ω1 (x, y) = U (1, 1) − U (0, 0) = e.
γ

Consideriamo la forma ω2 (x, y), che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’integrale
lungo γ si può procedere per via diretta e parametrizzando la circonferenza come al solito,
(
x(t) = 1 + cos t
γ(t) = t ∈ [π, π/2],
y(t) = sin t
si ottiene
Z Z π/2 Z π/2
−5 sin3 t − 2(1 + cos t)2 cos t dt = −5 sin3 t − 2 cos3 t − 4 cos2 t − 2 cos t dt
  
ω2 (x, y) =
π π
γ
Z π/2 Z π/2 π/2
2 21 π/2
=5 (1 − cos t)d(cos t) − 2 (1 − sin t)d(sin t) − 4 (t + sin t cos t) − 2 [sin t]π
π π 2 π
 3
π/2  3 π/2
cos t sin t  π  10 20
= 5 cos t − − 2 sin t − −2 −π −2= − + π + 2 = π.
3 π 3 π 2 3 3
In definitiva il risultato finale è e + π.
Esercizio 2.31 (Prova scritta del 18/09/2012). Calcolare l’integrale curvilineo
Z
xy dx + xy dy,
γ

dove γ è la curva percorsa in senso antiorario formata dalle seguenti tre semicirconferenze contenute
nel semipiano y ≥ 0: centro (1, 0) e raggio 1, centro (0, 0) e raggio 2, centro (−1, 0) e raggio 1.
Soluzione.
La forma differenziale assegnata, definita in tutto R2 , insie-
me semplicemente connesso, non è chiusa e quindi neanche
esatta, dato che
∂ ∂
(xy) = y 6= x = (xy) .
∂x ∂y
Per il calcolo dell’integrale lungo la curva γ = γ1 ∪ γ2 ∪ γ3
si può procedere con il calcolo diretto, oppure applicando
opportunamente il teorema di Gauss-Green. Per il calcolo
diretto, parametrizziamo le tre semicirconferenze ponendo
( ( (
x(t) = 2 cos t x(t) = 1 + cos t x(t) = −1 + cos t
γ1 (t) = , γ2 (t) = , γ3 (t) = .
y(t) = 2 sin t y(t) = sin t y(t) = sin t
t ∈ [0, π] t ∈ [0, π] t ∈ [0, π]
Integrali curvilinei 196

Dopo dei tediosi calcoli si ottiene


Z Z π
8
−4 cos t sin2 t + 4 cos2 t sin t dt = ,
 
ω(x, y) =
0 3
γ1
Z Z π
2 π
− sin2 t − sin2 t cos t + sin t cos t + sin t cos2 t dt = − ,
 
ω(x, y) =
0 3 2
γ2
Z Z π
 2 2 π
sin t − sin2 t cos t − sin t cos t + sin t cos2 t dt = + .

ω(x, y) =
0 3 2
γ3

Concludendo, il risultato finale è 8/3+2/3−π/2+2/3+π/2 = 4. In alternativa, si osserva che il percorso


chiuso rappresentato in figura definisce il dominio D e
applicando il teorema di Gauss-Green si ottiene
Z ZZ   ZZ
∂ ∂
ω(x, y) = (xy) − (xy) dxdy = (y − x) dxdy
∂x ∂y
γ D D
ZZ ZZ
= y dxdy − x dxdy.
D D

A questo punto, si nota che per simmetria il secondo integrale


è nullo. Pertanto basta calcolare solo il primo integrale
2

4−x2 2 √4−x2
y2
ZZ ZZ Z Z Z 
y dxdy = 2 y dxdy = 2 √ y dydx = 2 √ y dx
x=0 y= 1−(x−1)2 x=0 2 y= 1−(x−1)2
D D+
Z 2 Z 2
2 2
2
(4 − 2x) dx = 4x − x2 x=0 = 8 − 4 = 4.
 
= 4 − x − 1 + (x − 1) dx =
x=0 x=0

Esercizio 2.32 (Prova scritta del 11/02/2013). Calcolare l’integrale curvilineo


I
(ey + y(ex + y)) dx + (ex + x(ey − 1)) dy
γ

dove γ è l’ellisse percorsa in senso antiorario data dalla seguente equazione 9x2 + 4y 2 = 36.
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita in tutto R2 , in-
sieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
nemmeno esatta, dato che
∂ x
(e + x(ey − 1)) = ex + ey − 1,
∂x
∂ y
(e + y(ex + y)) = ey + ex + 2y.
∂y

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con

ω1 (x, y) = (ey + yex )) dx + (ex + xey )) dy,


ω2 (x, y) = y 2 dx − x dy.

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa, e quindi esatta, pertanto l’integrale lungo la curva chiusa γ
è nullo. Dunque è sufficiente calcolare l’integrale di ω2 (x, y) lungo γ. Per il calcolo, possiamo procedere
per via diretta oppure applicando il teorema di Gauss-Green. Per il calcolo diretto, parametrizziamo
l’ellisse ponendo
(
x(t) = 2 cos t
γ(t) = t ∈ [0, 2π],
y(t) = 3 sin t
197 R. Tauraso - Analisi Matematica II

e otteniamo
2π 2π
18 cos3 t
I Z 
1
18 sin3 t − 6 cos2 t dt =
 
ω2 (x, y) = − cos t − (t + cos t sin t) = −6π.
0 3 3 0
γ

Invece applicando il teorema di Gauss-Green si ha che


I ZZ   ZZ ZZ ZZ
∂ ∂
y 2 ) dxdy =

ω2 (x, y) = (−x)) − (2y − 1) dxdy = 2 y dxdy − dxdy
∂x ∂y
γ D D D D
|D|ȳ  ȳ 
= − |D| = |D| −1 ,
2 2
dove |D| è l’area dell’ellisse di semiassi a = 2 e b = 3, ossia |D| = abπ = 6π, mentre ȳ è la coordinata
y del baricentro dell’ellisse, che è evidentemente uguale a zero. Quindi possiamo concludere che
I
ω2 (x, y) = 6π (0 − 1) = −6π.
γ

Esercizio 2.33 (Prova scritta del 25/02/2013). Calcolare l’integrale curvilineo


Z    
8x 16y
dx + dy
3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 )
γ

dove γ è la semicirconferenza da (0, −1), a (0, 5), passante per (3, 2).

Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita nell’insieme

Ω := {(x, y) ∈ R2 : (x, y) 6= (0, 0)}

che è connesso, ma non semplicemente connesso. La forma


non è chiusa e quindi nemmeno esatta, dato che
 
∂ 16y 32xy
=− ,
∂x 3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 )2
 
∂ 8x 16xy
=− .
∂y 3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 )2

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
   
8x 8y 8y dy
ω1 (x, y) = dx + dy, ω2 (x, y) = .
3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 )

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa ed anche esatta in ogni insieme Ω1 ⊂ Ω semplicemente
connesso che contiene la curva γ come rappresentato in figura. Dunque la forma ω1 (x, y) ammette
una funzione potenziale U (x, y) tale che
 
∂U 8x ∂U 8y
(x, y) = , (x, y) = .
∂x 3(x2 + y 2 ) ∂y 3(x2 + y 2 )
Integrando la prima rispetto ad x otteniamo

d(x2 + y 2 )
Z Z
8x 4 4
U (x, y) = 2 2
dx = = ln(x2 + y 2 ) + C(y)
3(x + y ) 3 (x2 + y 2 ) 3
e derivando rispetto ad y l’espressione trovata otteniamo
 
∂ 4 8y
2 2
ln(x + y ) + C(y) = + C 0 (y).
∂y 3 3(x2 + y 2 )
Integrali curvilinei 198

Per l’esattezza si deve verificare che


8y 8y
+ C 0 (y) = ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0.
3(x2 + y 2 ) 3(x2 + y 2 )
Pertanto, una funzione potenziale è
4
ln(x2 + y 2 ),
U (x, y) =
3
e quindi l’integrale della forma ω1 (x, y) lungo γ è
Z
4 8
ω1 (x, y) = U (0, 5) − U (0, −1) = ln(25) = ln 5.
3 3
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’in-
tegrale lungo γ si può procedere con il calcolo diretto. In questo caso applicare il teorema di Gauss-
Green è piuttosto complicato a causa della presenza della singolarità nell’origine. Parametrizziamo la
semicirconferenza di equazione x2 + (y − 2) = 9 ponendo
(
x(t) = 3 cos t h π πi
γ(t) = t∈ − ; .
y(t) = 2 + 3 sin t 2 2
Quindi
Z Z π   Z π2  
2 8(2 + 3 sin t) 2 + 3 sin t
ω2 (x, y) = · (3 cos t) dt = 8 d(sin t)
−π
2
3((3 cos t)2 + (2 + 3 sin t)2 ) −π 2
13 + 12 sin t
γ
Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
sin t=s 2 + 3s 8 + 12s 13 + 12s 1
= 8 ds = 2 ds = 2 ds − 10 ds
−1 13 + 12s −1 13 + 12s −1 13 + 12s −1 13 + 12s
5 1 d(13 + 12s)
Z
1 5 1 5 5
= 2 [s]−1 − = 4 − [ln |13 + 12s|]−1 = 4 − ln 25 = 4 − ln 5.
6 −1 13 + 12s 6 6 3
Così il risultato finale è
Z Z Z
8 5
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = ln 5 + 4 − ln 5 = 4 + ln 5.
3 3
γ γ γ

Esercizio 2.34 (Prova scritta del 19/07/2013). Calcolare l’integrale curvilineo


y(2 + y)2 (x + y) − x
Z    
x(2 + y)(3x + 2y) + 1
dx + dy
2+y (2 + y)2
γ

dove γ è l’arco della circonferenza centrata in (1, 0), e di raggio 1 che parte da (0, 0), passa per (2, 0)
e finisce in (1, −1).
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita nell’insieme

Ω := {(x, y) ∈ R2 : y 6= −2},

che non è non connesso, ma unione di due parti semplicemente


connesse. La forma non è chiusa e quindi nemmeno esatta in
quanto
 
∂ x 1
y(x + y) − =y− ,
∂x (2 + y)2 (2 + y)2
 
∂ 1 1
x(3x + 2y) + = 2x − .
∂y 2+y (2 + y)2

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
dx x dy
ω2 (x, y) = 3x2 + 2xy dx + yx + y 2 dy.
 
ω1 (x, y) = − ,
2 + y (2 + y)2
199 R. Tauraso - Analisi Matematica II

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa ed anche esatta nell’insieme Ω1 := {(x, y) ∈ R2 : y > −2}
semplicemente connesso che contiene la curva γ. Allora la forma ω1 (x, y) ammette in Ω1 una funzione
potenziale U (x, y) tale che
∂U 1 ∂U x
(x, y) = , (x, y) = − .
∂x 2+y ∂y (2 + y)2
Integrando la prima rispetto ad x otteniamo
Z Z
1 1 x
U (x, y) = dx = dx = + C(y)
2+y 2+y 2+y
e derivando ora rispetto ad y l’espressione trovata otteniamo
 
∂ x x
+ C(y) = − + C 0 (y).
∂y 2 + y (2 + y)2
Per l’esattezza si deve avere che
x x
− + C 0 (y) = − ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0,
(2 + y)2 (2 + y)2
pertanto una funzione potenziale è
x
U (x, y) = .
2+y
Allora l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è
Z
ω1 (x, y) = U (1, −1) − U (0, 0) = 1 − 0 = 1.
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’in-
tegrale lungo γ si può procedere chiudendo il percorso con il
segmento lungo la retta y = −x, ed applicando il teorema di
Gauss-Green. Tenendo presente l’orientazione della curva γ,
si ottiene
Z
ω2 (x, y)
γ−
ZZ   Z
∂ 2
 ∂ 2

= yx + y − 3x + 2xy dxdy − ω2 (x, y)
∂x ∂y
D γ1
Z ZZ Z
ω2 (x, y) = − (y − 2x) dxdy + ω2 (x, y).
γ D γ1

Per l’integrale curvilineo, parametrizziamo il segmento


ponendo γ1 (t) = (t, −t), t ∈ [1, 0]. Così
Z Z 1 Z 1  3 1
 2 2
 2 2
  2 t 1
ω2 (x, y) = 3t − 2t · 1 + −t + t · (−1) dt = t dt = = .
0 0 3 0 3
γ1

Per il calcolo dell’integrale doppio, suddividiamo opportunamente il dominio D, in modo tale che
ZZ ZZ ZZ ZZ
(y − 2x) dxdy = (y − 2x) dxdy + (y − 2x) dxdy + (y − 2x) dxdy
D D1 D2 D3
ZZ ZZ ZZ ZZ ZZ
= y dxdy − 2 x dxdy + (y − 2x) dxdy + y dxdy − 2 x dxdy
D1 D1 D2 D3 D3
ZZ
= |D1 |ȳD1 − 2|D1 |x̄D1 + (y − 2x) dxdy + |D3 |ȳD3 − 2|D3 |x̄D3
D2
Integrali curvilinei 200

dove |D1 | e |D3 | sono le aree degli insiemi D1 e D3 , mentre ȳD1 , x̄D1 , ȳD3 , x̄D3 sono le coordinate dei
rispettivi baricentri. Allora si ha
ZZ ZZ
π 4 π 1 1 2 1 1
· −2· ·1+ (y − 2x) dxdy − · − 2 · · = (y − 2x) dxdy − − π.
2 3π 2 3 2 3 2 6
D2 D2

Per l’integrale su D2 con una traslazione nel centro della circonferenza di equazione (x − 1)2 + y 2 = 1,
ponendo t = x − 1, l’insieme D2 si trasforma nell’insieme
D20 := {(t, y) ∈ R2 : t2 + y 2 ≤ 1, y ≤ 0, t ≥ 0},
e quindi l’integrale diviene
ZZ ZZ ZZ
(y − 2x) dxdy = (y − 2(t + 1)) dtdy = (y − 2t − 2) dtdy.
D2 D20 D20

Passiamo alle coordinate polari, ponendo t = ρ cos ϑ, y = ρ sin ϑ con ρ ∈ [0, 1] e ϑ ∈ [3π/2, 2π].
Dunque
ZZ Z 1 Z 2π
(y − 2t − 2) dtdy = ρ (ρ sin ϑ − 2ρ cos ϑ − 2) dρdϑ
ρ=0 ϑ= 3π
2
D20
Z 1 Z 2π Z 1 Z 2π Z 1 Z 2π
ρ2 sin ϑ dρdϑ − 2 ρ2 cos ϑ dρdϑ − 2
 
= ρdρdϑ
ρ=0 ϑ= 3π
2 ρ=0 ϑ= 3π
2 ρ=0 ϑ= 3π
2

1 1 1
ρ3 ρ3 ρ2
  
2π 2π 2π 1 2 π π
= [cos ϑ] 3π − 2 [sin ϑ] 3π − 2 [ϑ] 3π = − − − = −1 − .
3 0
2 3 0
2 2 0
2 3 3 2 2
Pertanto
Z ZZ Z  
π 1 1 3 + 3π
ω2 (x, y) = − (y − 2x) dxdy + ω2 (x, y) = − −1 − − − π + = .
2 6 3 2
γ D γ1

In conclusione si ottiene
Z Z Z
3 + 3π 5 + 3π
ω= ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = 1 + = .
2 2
γ γ γ

Esercizio 2.35 (Prova scritta del 06/09/2013). Calcolare l’integrale curvilineo


Z  
1 1
+ (−(y − 3) dx + x dy) ,
x2 + y 2 x2 + (y − 3)2
γ

dove γ è l’arco√della circonferenza centrata in (0, 0) e di raggio 6 che parte da (0, −6), passa per (6, 0)
e finisce in (3 3, 3).
Soluzione.
La forma differenziale assegnata è definita nell’insieme

Ω := {(x, y) ∈ R2 : (x, y) 6= (0, 0), (x, y) 6= (0, 3)}

che è connesso, ma non semplicemente connesso. Tuttavia


considerando l’insieme Ω1 ⊂ Ω che contiene la curva γ co-
me in figura, otteniamo un insieme semplicemente connesso.
Sfruttando la linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)
come la somma delle forme ω1 (x, y), ω2 (x, y) e ω3 (x, y) con

−(y − 3) x
ω1 (x, y) = dx + 2 dy,
x2 + (y − 3)2 x + (y − 3)2
−y x
ω2 (x, y) = 2 dx + 2 dy,
x + y2 x + x2
3
ω3 (x, y) = 2 dx.
x + y2
201 R. Tauraso - Analisi Matematica II

In tal modo le forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) risultano chiuse e quindi esatte, dato che in Ω1 ,

(y − 3)2 − x2
   
∂ x ∂ −(y − 3)
= 2 = ,
∂x x2 + (y − 3)2 (x2 + (y − 3)2 ) ∂y x2 + (y − 3)2
y 2 − x2
   
∂ x ∂ −y
= 2 = ∂y .
∂x x2 + y 2 (x2 + y 2 ) x2 + y 2

Allora le forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) ammettono delle funzioni potenziale U1 (x, y) e U2 (x, y) tali che

∂U1 −(y − 3) ∂U1 x


(x, y) = 2 , (x, y) = 2 ,
∂x x + (y − 3)2 ∂y x + (y − 3)2
∂U2 −y ∂U2 x
(x, y) = 2 , (x, y) = 2 .
∂x x + y2 ∂y x + x2
Per determinare le funzioni U1 (x, y) e U2 (x, y), integriamo le seconde rispetto ad y,

d y−3
Z Z Z 
x 1 x
U1 (x, y) = dy = x i dy =
y−3 2
h 2
x2 + (y − 3)2 x2 y−3

x + 1 x +1
 
y−3
= arctan + C(x),
x
d xy
Z Z Z 
x 1
U2 (x, y) = dy = x h i dx = y 2
x2 + x2 2 
x2 xy + 1 x +1
y
= arctan + D(x).
x
Derivando ora le espressioni delle U1 (x, y) e U2 (x, y) rispetto ad x otteniamo
   
∂ y−3 y−3 1 0 y−3
arctan + C(x) = ·  + C (x) = − 2 + C 0 (x),
∂y x x2 y−3 2 x + (y − 3)2
1+ x
∂  y  y 1 0 y
arctan + D(x) = − 2 ·  + D (x) = − 2 + D0 (x).
∂y x x 1+ y 2 x + y2
x

Per l’esattezza, si deve verificare che


y−3 −(y − 3)
− + C 0 (x) = 2 ⇔ C 0 (x) = 0 ⇒ C(x) = 0,
x2 + (y − 3)2 x + (y − 3)2
y −y
− 2 2
+ D0 (x) = 2 ⇔ D0 (y) = 0 ⇒ D(y) = 0.
x +y x + y2
Pertanto due funzioni potenziali sono
 
y−3 y
U1 (x, y) = arctan , U2 (x, y) = arctan .
x x

Allora l’integrale di ω1 (x, y) e ω2 (x, y) è



   
3−3 −6 − 3
Z
π
ω1 (x, y) = U1 (3 3, 3) − U1 (0, −6) = arctan √ − lim arctan = ,
3 3 x→0 x 2
γ

   
−6
Z
3 π π 2π
ω2,1 (x, y) = U2 (3 3, 3) − U2 (0, −6) = arctan √ − lim arctan = + = .
3 3 x→0 x 6 2 3
γ

Rimane da calcolare l’integrale di ω3 (x, y) lungo la curva γ. In questo caso si può procedere con il
calcolo diretto. Parametrizziamo la circonferenza ponendo
(  
x(t) = 6 cos t −π π
γ(t) = t∈ , ,
y(t) = 6 sin t 2 6
Integrali curvilinei 202

così si ottiene:

Z Z π   π6 √
1 6 cos t 3
ω3 (x, y) = − sin t dt = = .
2 −π
2
2 −π 4
γ 2

In conclusione si ha

Z Z Z Z √ √
π 2π 3 14π + 3 3
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) + ω3 (x, y) = + + = .
2 3 4 12
γ γ γ γ

Esercizio 2.36 (Prova scritta del 19/09/2013). Sia la curva data dalle seguenti equazioni para-
metriche
(
x(t) = 10et/4 cos t
γ(t) = t ∈ (−∞, 0) .
y(t) = 10et/4 sin t

Calcolare le coordinate del suo baricentro nel caso in cui la curva sia di materiale omogeneo.

Soluzione.
Le coordinate del baricentro della curva omogenea γ sono per
definizione date da
Z Z 0 Z 0
1 0 1
x̄ = x ds = x(t)kγ (t)kdt, ȳ = y(t)kγ 0 (t)kdt
|γ| −∞ |γ| −∞
γ

dove |γ| indica la lunghezza della curva e


q
2 2
kγ 0 (t)k = (x0 (t)) + (y 0 (t)) .

Cominciamo calcolando la lunghezza della curva γ,

s 2 2
Z Z 0 
0 5 t/4 5 t/4
|γ| = kγ (t)k dt = e (cos t − 4 sin t) + e (sin t + 4 cos t) dt
−∞ 2 2
γ
s
Z 0   
25 t/2 25 t/2
= e (cos2 t + 16 sin2 t − 8 sin t cos t) + e (sin2 t + 16 cos2 t + 8 sin t cos t) dt
−∞ 4 4
Z 0
5 p
= et/4 cos2 t + 16 sin2 t − 8 sin t cos t + sin2 t + 16 cos2 t + 8 sin t cos t dt
2 −∞
√ Z √ √ 
5 17 0 t/4 √

5 17 h t/4 i0 5 17 k/4
= e dt = 4e = 4 − lim 4e = 10 17.
2 −∞ 2 −∞ 2 k→−∞

Allora

0
√ !
0
5 17et/4
Z Z
1 t/4 5 5 2
x̄ = √ 10e cos t · dt = et/2 cos t dt =
· = 1,
10 17 −∞ 2 2 −∞ 2 5
0
√ !
5 17et/4 5 0 t/2
Z Z  
1 t/4 5 4
ȳ = √ 10e sin t · dt = e sin t dt = · − = −2,
10 17 −∞ 2 2 −∞ 2 5
203 R. Tauraso - Analisi Matematica II

dato che
Z 0 0 0
1 0 t/2
Z h i0 Z   Z
(P)
et/2 cos t dt = et/2 d(sin t) = et/2 sin t − sin t d et/2 = − e sin t dt
−∞ −∞ −∞ −∞ 2 −∞
1 0 t/2 1 0 t/2
Z i0 Z
(P) 1
h
= e d(cos t) = et/2 cos t − e cos t dt
2 −∞ 2 −∞ 4 −∞
5 0 t/2
Z Z 0
1 2
e cos t dt = ⇒ et/2 cos t dt = ,
4 −∞ 2 −∞ 5
Z 0 Z 0 Z 0
1 0 t/2
h i0   Z
(P)
et/2 sin t dt = − et/2 d(cos t) = − et/2 cos t + cos t d et/2 = −1 + e cos t dt
−∞ −∞ −∞ −∞ 2 −∞
1 0 t/2
Z i0 Z
1 (P)
h
= −1 + et/2 d(sin t) = −1 + et/2 sin t − e sin t dt
2 −∞ 4 −∞
5 0 t/2
Z Z 0
4
e sin t dt = −1 ⇒ et/2 cos t dt = − .
4 −∞ −∞ 5

Esercizio 2.37 (Prova scritta del 24/02/2014). Calcolare l’integrale curvilineo

x(1 + y 3 )
Z    
1 − 2xy
dx − dy
y y2
γ

dove γ è dato da un segmento dal punto (1, 1) al punto (−1, 2) e dall’arco di circonferenza dal punto
(−1, 2) al punto (1, 2) passante per (0, 3).

Soluzione.

La forma differenziale assegnata è definita nell’insieme non


connesso
Ω := {(x, y) ∈ R2 : y 6= 0}.
L’insieme Ω1 ⊂ Ω che contiene la curva γ = γ1 ∪ γ2 e non
contiene l’asse x come in figura, è semplicemente connesso.
La forma differenziale ω(x, y) non è chiusa e quindi neanche
esatta dato che
x(1 + y 3 ) 1 + y3
   
∂ 1 ∂ 1 − 2xy
− =− 6= − 2 = .
∂x y2 y2 y ∂y y

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere ω(x, y) come la


somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
1 − 2xy x
ω1 (x, y) = dx − 2 dy, ω2 (x, y) = −xy dy.
y y

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta nell’insieme semplicemente connesso Ω1
che contiene la curva γ. Dunque ω1 (x, y) ammette una funzione potenziale U (x, y) tale che

∂U 1 − 2xy ∂U x
(x, y) = , (x, y) = − 2 .
∂x y ∂y y

Integrando la prima rispetto ad x si ha

1 − 2xy x − x2 y
Z Z
1
U (x, y) = dx = (1 − 2xy) dx = + C(y)
y y y

e ora derivando l’espressione trovata rispetto ad y otteniamo

∂ x − x2 y
 
x
+ C(y) = − 2 + C 0 (y).
∂y y y
Integrali curvilinei 204

Per l’esattezza si deve verificare che


x x
− 2 + C 0 (y) = − 2 ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0,
y y
pertanto una funzione potenziale è

x − x2 y
U (x, y) = .
y

Allora l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è


Z
1 1
ω1 (x, y) = U (1, 2) − U (1, 1) = − − 0 = − .
2 2
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’in-
tegrale si può procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il teorema di Gauss-Green. Pro-
cediamo in entrambi i modi. Parametrizziamo il segmento γ1 lungo la retta y = −x/2 + 3/2 e la
semicirconferenza γ2 di equazione x2 + (y − 2)2 = 1 ponendo
( (
x(t) = t x(t) = cos t
γ1 (t) = t ∈ [1, −1], γ2 (t) = t ∈ [π, 0].
y(t) = −t/2 + 3/2 y(t) = 2 + sin t

Quindi
−1 0
t2
Z Z Z Z Z
3t
ω2 (x, y) = ω2 (x, y) + ω2 (x, y) = − + dt − (2 cos t + sin t cos t) cos t dt
1 4 4 π
γ γ1 γ2
2 −1
2π
3
sin2 t
  
t 3t 1 2
= − + − (t + sin t cos t) + = + + π.
12 8 1 2 π 6 3

Pertanto,
Z Z Z
1 1 2 1
ω(x, y) = ω2 (x, y) + ω2 (x, y) = − + + + π = + π.
2 6 3 3
γ γ γ

Se invece vogliamo applicare il teorema di Gauss-Green, possiamo chiudere il percorso con il segmento
verticale γ3 lungo la retta x = 1. Tenendo conto dell’orientazione assegnata alla curva γ, si ottiene
Z ZZ   Z
∂(−xy) ∂(0)
ω2 (x, y) = − dxdy − ω2 (x, y),
∂x ∂y
γ− D γ3−
Z ZZ Z
ω2 (x, y) = − (−y) dxdy + ω2 (x, y)
γ D γ3−
ZZ ZZ Z
= y dxdy + y dxdy − ω2 (x, y)
D1 D2 γ3
Z
= |D1 |ȳD1 + |D2 |ȳD2 − ω2 (x, y),
γ3

dove |D1 | e |D2 | rappresentano rispettivamente le aree del se-


micerchio di centro (0, 2) e raggio 1 e del triangolo rettangolo
di vertici (1, 1), (1, 2), (−1, 2), mentre ȳD1 e ȳD2 rappresen-
tano le coordinate y dei rispettivi baricentri. Allora abbiamo
che
Z   Z Z
π 4 5 7
ω2 (x, y) = · 2 + + 1 · + ω2 (x, y) = π + − ω2 (x, y).
2 3π 3 3
γ γ3 γ3
205 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Per il calcolo dell’integrale curvilineo, parametrizziamo il segmento ponendo γ3 (t) = (1, t) con t ∈ [1, 2]
e si ha
Z Z 2  2 2
t 1 3
ω2 (x, y) = t dt = =2− = .
1 2 1 2 2
γ3

In conclusione
Z Z Z
1 7 3 1
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = − + π + − = + π.
2 3 2 3
γ γ γ

Esercizio 2.38 (Prova scritta del 02/07/2014). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
y 1 − y 2 + cos x dx + x(1 + x2 ) + sin x + y dy
 

dove γ è la poligonale non chiusa che unisce i seguenti punti nell’ordine assegnato: (0, 0), (2, 0), (1, 2)
e (0, 2).
Soluzione.

La forma differenziale assegnata ω(x, y) è definita in tutto R2 ,


insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
neanche esatta dato che

x + x3 + sin x + y = 1 + 3x2 + cos x,

∂x

y − y 3 + y cos x = 1 − 3y 2 + cos x.

∂y

Tuttavia sfruttando la linearità, possiamo scrivere ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con

ω2 (x, y) = −y 3 dx + x3 + y dy.

ω1 (x, y) = (y + y cos x) dx + (x + sin x) dy,

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta in R2 . Dunque ω1 (x, y) ammette una
funzione potenziale U (x, y) tale che
∂U ∂U
(x, y) = (y + y cos x) , (x, y) = (x + sin x) .
∂x ∂y
Integrando la prima rispetto ad x si ha
Z
U (x, y) = (y + y cos x) dx = yx + y sin x + C(y),

e derivando ora l’espressione trovata rispetto ad y otteniamo



(yx + y sin x + C(y)) = x + sin x + C 0 (y).
∂y
Per l’esattezza deve essere

x + sin x + C 0 (y) = x + sin x ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0,

e pertanto una funzione potenziale è

U (x, y) = yx + y sin x.

Quindi l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è


Z
ω1 (x, y) = U (0, 2) − U (0, 0) = 0.
γ
Integrali curvilinei 206

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’in-
tegrale si può procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il teorema di Gauss-Green, chiudendo
il percorso con il segmento verticale γ4 . Seguiamo questo
secondo procedimento,
Z
ω2 (x, y)
γ
ZZ   Z
∂ 3
 ∂ 3

= x +y − −y dxdy − ω2 (x, y)
∂x ∂y
D γ4
ZZ Z
3x2 + 3y 2 dxdy − ω2 (x, y)

=
D γ4
ZZ Z
x2 + y 2

=3 dxdy − ω2 (x, y).
D γ4
Per il calcolo dell’integrale doppio, si ottiene
2 −y/2+2 2 −y/2+2
x3
ZZ Z Z Z 
x2 + y 2 dxdy = 3 x2 + y 2 dxdy = 3 + xy 2
 
3 dy
y=0 x=0 y=0 3 x=0
D
2
(−y/2 + 2)3
Z  
=3 + (−y/2 + 2)y 2 dy
y=0 3
Z 2  3 Z 2 
y2 y3 13y 3 5y 2
 
y 8 2 8
=3 − + − 2y + + 2y − dy = 3 − + − 2y + dy
y=0 24 2 3 2 y=0 24 2 3
2
13y 4 5y 3
  
2 8y 208 40 16 35 35
=3 − + −y + =3 − + −4+ =3· = .
96 6 3 y=0 96 6 3 6 2

Per il calcolo dell’integrale curvilineo lungo il segmento γ4 , parametrizzato γ4 (t) = (0, t) con t ∈ [2, 0],
si ottiene
Z Z 0 Z 0  2 0
3
 t
ω2 (x, y) = −t · 0 + (t) · 1 dt = t dt = = −2.
2 2 2 2
γ4

In definitiva 0 + 35/2 − (−2) = 39/2.


Esercizio 2.39 (Prova scritta del 14/07/2014). Calcolare l’integrale curvilineo
1 + 6x + 3x3
Z    
2xy
6x − 2 dx + dy
(x + 2)2 x2 + 2
γ

dove γ è l’arco di circonferenza da (1, 0) a (0, 1), passante per (2, 1).
Soluzione.
La forma differenziale assegnata ω(x, y) è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
neanche esatta dato che
∂ 1 + 6x + 3x3
   
∂ 1 2x
= + 3x =− 2 +3
∂x x2 + 2 ∂x x2 + 2 (x + 2)2
 
∂ 2xy 2x
6x − 2 =− 2 .
∂y (x + 2)2 (x + 2)2

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere ω(x, y) come la


somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
   
2xy 1
ω1 (x, y) = 6x − 2 dx + dy, ω2 (x, y) = 3x dy.
(x + 2)2 x2 + 2
207 R. Tauraso - Analisi Matematica II

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta in R2 . Dunque ω1 (x, y) ammette una
funzione potenziale U (x, y) tale che
∂U 2xy ∂U 1
(x, y) = 6x − 2 , (x, y) = 2 .
∂x (x + 2)2 ∂y x +2
Integrando la seconda rispetto ad y si ha
Z  
1 y
U (x, y) = dy = + C(x)
x2 + 2 x2 + 2

e derivando ora l’espressione trovata rispetto ad x otteniamo


 
∂ y 2xy
+ C(x) = − 2 + C 0 (x).
∂x x2 + 2 (x + 2)2

Per l’esattezza deve essere


2xy 2xy
− + C 0 (x) = 6x − 2 ⇔ C 0 (x) = 6x ⇒ C(y) = 3x2 + c
(x2 + 2)2 (x + 2)2
e pertanto una funzione potenziale è
y
U (x, y) = + 3x2 .
x2 + 2
Allora l’integrale di ω1 (x, y) lungo γ è
Z
1 5
ω1 (x, y) = U (0, 1) − U (1, 0) = − 3 = − .
2 2
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo del-
l’integrale possiamo procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il teorema di Gauss-Green.
Procediamo in entrambi i modi. Parametrizziamo la circonferenza di equazione (x − 1)2 + (y − 1)2 = 1
ponendo
(
x(t) = 1 + cos t h π i
γ(t) = t ∈ − ,π .
y(t) = 1 + sin t 2

Allora
Z Z π Z π  π
 2 1 9π
ω2 (x, y) = (3 + 3 cos t) cos t dt = 3 cos t + cos t dt = 3 sin t + (t + sin t cos t) =3+
−π
2 −π
2
2 −π 4
γ 2

e possiamo concludere che


Z Z Z
5 9π 1 9π
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = − + 3 + = + .
2 4 2 4
γ γ γ

Per applicare il teorema di Gauss-Green, chiudiamo il percorso con il segmento γ1 , lungo la retta di
equazione y = 1 − x. Quindi
Z ZZ   Z
∂ ∂
ω2 (x, y) = (3x) − (0) dxdy − ω2 (x, y)
∂x ∂y
γ D γ1
ZZ Z Z
= 3dxdy − ω2 (x, y) = 3|D| − ω2 (x, y),
D γ1 γ1

dove |D| è l’area dell’insieme D. Senza utilizzare del calcolo


integrale, l’area di D si ottiene come la somma di tre quarti
dell’area del cerchio di raggio 1 e l’area del triangolo di vertici
(1, 0), (0, 1) e (1, 1). Per l’integrale curvilineo invece
Integrali curvilinei 208

parametrizziamo il segmento sulla retta y = 1 − x ponendo γ1 (t) = (t, 1 − t) con t ∈ [0, 1]. Così si
ottiene
Z Z   Z 1  2 1
3π 1 9π 3 t 9π
ω2 (x, y) = 3m(D) − ω2 (x, y) = 3 + − −3t dt = + +3 = + 3.
4 2 0 4 2 2 0 4
γ γ1

Pertanto il risultato finale è −5/2 + 9π/4 + 3 = 1/2 + 9π/4.


Esercizio 2.40 (Prova scritta del 10/09/2014). Calcolare l’integrale curvilineo
Z
(3x + y) dx + (xy) dy
γ

dove γ è data nell’ordine dal segmento da (1, 1) a (2, 2), dalla semicirconferenza da (2, 2) a (0, 0)
passante per (0, 2) e dal segmento da (0, 0) a (2, 0).
Soluzione.
La forma differenziale ω(x, y) assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
nemmeno esatta, dato che
∂ ∂
(xy) = y 6= 1 = (3x + y) .
∂x ∂y
Per il calcolo dell’integrale lungo la curva γ si può procedere
per via diretta oppure applicando il teorema di Gauss-Green
ad un opportuno percorso chiuso. Procediamo in entrambi
i modi. Parametrizziamo le curve che compongo√ γ√
ponendo
γ1 (t) = (t, t) con t ∈ [1, 2], γ2 (t) = (1 + 2 cos t, 1 + 2 sin t),
con t ∈ [π/4, 5π/4] e γ3 (t) = (t, 0) con t ∈ [0, 2].
Allora
Z Z 2 Z 2  3 2  
2
 2
 t 2 8 1 25
ω(x, y) = (3t + t) · 1 + t · 1 dt = t + 4t dt = + 2t = +8− −2 = ,
1 1 3 1 3 3 3
γ1

Z Z 4  √ √ √ 
ω(x, y) = −4 2 sin t − 4 sin t cos t − 2 sin2 t + 2 cos2 t + 2 cos t + 2 2 cos2 t sin t dt
π
4
γ2
 2  5π  5π
√ √ √ cos2 t 4

5π sin t 4 5π 5π 5π
= 4 2 [cos t] π −4
4
− [t − sin t cos t] π + [t + sin t cos t] π + 2 [sin t] π − 2 2
4 4 4
4 2 π 4 4 4 2 π
4 4

2 28
= −8 − 0 − π + π − 2 + = − ,
3 3
Z Z 2  2 2
3t
ω(x, y) = (3t) · 1 dt = = 6.
0 2 0
γ3

In definitiva 25/3 − 28/3 + 6 = 5. Se invece applichiamo il teorema di Gauss-Green, chiudendo


opportunamente il percorso assegnato con il segmento γ4
lungo la retta y = x, si ottiene
Z ZZ Z Z
ω(x, y) = (y − 1) dxdy − ω(x, y) + ω(x, y).
γ D γ4 γ3

Per il calcolo degli integrali curvilinei, quello lungo γ3 è stato


calcolato precedentemente, mentre per il segmento γ4 , pa-
rametrizziamo ponendo γ4 (t) = (t, t) con t ∈ [0, 1]. Così
abbiamo che
Z 1 1
t3
Z 
2
 2 7
ω(x, y) = 4t + t dt = 2t + = .
0 3 0 3
γ4
209 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Consideriamo ora l’integrale doppio sull’insieme D definito come

D = {(x, y) ∈ R2 : (x − 1)2 + (y − 1)2 ≤ 2, y ≥ x}.

In questo caso conviene considerare un cambiamento di variabili (una traslazione) ponendo u = x − 1


e v = y − 1 con fattore jacobiano di trasformazione uguale a 1, in modo tale che anziché integrare la
funzione y − 1 sull’insieme D integreremo la funzione v sull’insieme D0 dato da

D0 = {(u, v) ∈ R2 : u2 + v 2 ≤ 2, v ≥ u}.

Quindi passando in coordinate polari,

√ √
 
π 5π
Φ(ρ, ϑ) = ( 2ρ cos ϑ, 2ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1], ϑ ,
4 4

e ricordando il fattore jacobiano di trasformazione 2ρ dρdϑ, si ottiene



1 √ √ ρ3 1
ZZ ZZ Z Z  
4  5π
(y − 1) dxdy = v dudv = 2ρ 2ρ sin ϑ dρdϑ = 2 2 [− cos ϑ] π4
ρ=0 ϑ= π
4
3 0 4
D D0
√ √ √ !
2 2 2 2 4
= + = .
3 2 2 3

In conclusione, il risultato finale é ancora


Z ZZ Z Z
4 7
ω(x, y) = (y − 1) dxdy − ω(x, y) + ω(x, y) = − + 6 = 5.
3 3
γ D γ4 γ3

Esercizio 2.41 (Prova scritta del 22/09/2014). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
y y 2 + exy dx + x 4y 2 + exy dy
 

dove γ = ∂D+ e D := {(x, y) ∈ R2 : 1 + 3y 2 ≤ x2 + 4y 2 ≤ 4, x > 0}.

Soluzione.
La forma differenziale ω(x, y) assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e quindi
neanche esatta dato che

x 4y 2 + exy = 4y 2 + exy + xyexy

∂x

y y 2 + exy = 3y 2 + exy + xyexy .

∂y

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y)


come la somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con

ω1 (x, y) = (yexy ) dx + (xexy ) dy, ω2 (x, y) = y 3 dx + 4xy 2 dy.

In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta in R2 , pertanto l’integrale lungo la curva
chiusa γ = γ1 ∪ γ2 è nullo. Consideriamo ora la forma ω2 (x, y) che non è chiusa e quindi nemmeno
esatta. Per il calcolo dell’integrale possiamo procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il
teorema di Gauss-Green. Procediamo in entrambi i modi, anche se è evidente che l’applicazione del
teorema di Gauss-Green è più conveniente. Parametrizziamo l’ellisse di equazione x2 /4 + y 2 = 1
e la circonferenza di equazione x2 + y 2 = 1 ponendo γ1 (t) = (2 cos t, sin t) con t ∈ [−π/2, π/2] e
Integrali curvilinei 210

γ2 (t) = (cos t, sin t) con t ∈ [π/2, −π/2]. Allora


Z Z π2 Z π
2
3 2
−2 sin4 t + 8 cos2 t sin2 t dt
  
ω2 (x, y) = sin t (−2 sin t) + 8 cos t sin t (cos t) dt =
−π
2 −π
2
γ1
Z π Z π
2 2
−2 sin4 t + 8(1 − sin2 t) sin2 t dt = 8 sin2 t − 10 sin4 t dt
 
=
−π
2 −π
2
  π2   π2
1 3 1 3 30π π
= 8 (t − sin t cos t) − 10 (t − sin t cos t) − cos t sin t = 4π − = ,
2 −π 8 4 −π 8 4
2 2
Z Z − π2 Z − π2
sin3 t (− sin t) + 4 cos t sin2 t (cos t) dt = − sin4 t + 4 cos2 t sin2 t dt
  
ω2 (x, y) =
π π
2 2
γ1
Z −π
2
Z −π
2
− sin4 t + 4(1 − sin2 t) sin2 t dt = 4 sin2 t − 5 sin4 t dt
 
=
π π
2 2
 − π2  − π2
1 3 1 15π π
= 4 (t − sin t cos t) − 5 (t − sin t cos t) − cos t sin3 t = −2π + =− .
2 π 8 4 π 8 8
2 2

Quindi in definitiva: 0 + π/4 − π/8 = π/8. Applicando invece il teorema di Gauss-Green al dominio D
individuato dalla frontiera di γ, abbiamo
Z ZZ   ZZ
∂ ∂ 3
ω2 (x, y) = (4xy 2 ) − (y ) dxdy = y 2 dxdy.
∂x ∂y
γ D D

Osservando la simmetria della funzione integranda e del


dominio di integrazione rispetto all’asse x, otteniamo
Z ZZ
ω2 (x, y) = 2 y 2 dxdy.
γ D+

A questo punto si può notare che l’insieme D+ è equivalente


alla differenza tra insiemi D1+ \ D2+ dove
2
 
+ 2 x 2
D2+ = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, x ≥ 0, y ≥ 0 .

D1 = (x, y) ∈ R : + y ≤ 1, x ≥ 0, y ≥ 0 ,
4
Pertanto l’integrale è equivalente a
Z ZZ ZZ ZZ
2 2
ω2 (x, y) = 2 y dxdy = 2 y dxdy − 2 y 2 dxdy.
γ D+ D1+ D2+

Iniziamo calcolando l’integrale sull’insieme D1+ . Passando in coordinate ellittiche, ponendo cioè
h πi
Φ(ρ, ϑ) = (2ρ cos ϑ, ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1], ϑ ∈ 0, ,
2
e ricordando il fattore jacobiano di trasformazione abρdρdϑ = 2ρdρdϑ, si ottiene
ZZ Z 1 Z π2  4 1   π2
ρ 1 π
2 y 2 dxdy = 4 ρ3 sin2 ϑ dρdϑ = 4 (ϑ − sin ϑ cos ϑ) = .
ρ=0 ϑ=0 4 0 2 0 4
D1+

Per l’integrare sull’insieme D2+ , si passa in coordinate polari ponendo


h πi
Φ(ρ, ϑ) = (ρ cos ϑ, ρ sin ϑ), ρ ∈ [0, 1],
ϑ ∈ 0, .
2
Ricordando il fattore jacobiano di trasformazione ρdρdϑ, si ottiene
ZZ Z 1 Z π2  4 1   π2
2 3 2 ρ 1 π
2 y dxdy = ρ sin ϑ dρdϑ = 2 (ϑ − sin ϑ cos ϑ) = .
ρ=0 ϑ=0 4 0 2 0 8
D1+
211 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Quindi, come prima, il risultato finale è


Z Z ZZ
π π π
ω(x, y) = ω1 (x, y) + y 2 dxdy = 0 + − = .
4 8 8
γ γ D

Esercizio 2.42 (Prova scritta del 02/02/2015). Calcolare l’integrale curvilineo


Z 3
x + yx4 + y 5 x4 + y 3 + y 4
dx + dy
x4 + y 4 x4 + y 4
γ

dove γ è data nell’ordine dal quarto di circonferenza x2 + y 2 = 1 da (1, 0) a (0, 1), dal segmento da
(0, 1) a (0, 3) e dal quarto d’ellisse 9x2 + 4y 2 = 36 da (0, 3) a (2, 0).
Soluzione.
La forma differenziale ω(x, y) assegnata è definita in tutto
R2 \ {(0, 0)}, insieme connesso, ma non semplicemente con-
nesso. Tuttavia, se consideriamo l’insieme Ω, come in figura,
che contiene la curva γ, otteniamo un insieme semplicemen-
te connesso. La forma differenziale non è chiusa e dunque
neanche esatta. Infatti, scrivendo opportunamente la forma
differenziale,

x3 y3
   
ω(x, y) = + y dx + + 1 dy,
x4 + y 4 x4 + y 4

si ha che
y3 −4x3 y 3
 

+ 1 =
∂x x4 + y 4 (x4 + y 4 )2
3
−4x3 y 3
 
∂ x
+ y = + 1,
∂y x4 + y 4 (x4 + y 4 )2

Notiamo però, che per linearità, possiamo scrivere la forma ω(x, y) come la somma delle forme ω1 (x, y)
e ω2 (x, y) con

x3 y3
   
ω1 (x, y) = dx + dy, ω2 (x, y) = y dx + dy.
x4 + y 4 x4 + y 4
In tal modo la forma ω1 (x, y) è chiusa e quindi esatta in Ω e dunque ammette una funzione potenziale
U (x, y) tale che

∂U x3 ∂U y3
(x, y) = 4 , (x, y) = 4 .
∂x x + y4 ∂y x + y4
Integrando la prima delle rispetto ad x otteniamo
x3
Z Z
1 1  1
d x4 + y 4 = ln x4 + y 4 + C(y)

U (x, y) = 4 4
dx = 4 4
x +y 4 x +y 4
e derivando l’espressione trovata rispetto ad y si ha
 
∂ 1 y
4 4
+ C 0 (y).

ln x + y + C(y) = 4
∂y 4 x + y4
Quindi per l’esattezza si deve avere
y3 0 y3
+ C (y) = ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0
x4 + y 4 x4 + y 4
e pertanto una funzione potenziale è
1
ln x4 + y 4 .

U (x, y) =
4
Integrali curvilinei 212

Così l’integrale di ω1 (x, y) è


Z
1 1
ω1 (x, y) = U (2, 0) − U (1, 0) = ln (16) − ln (1) = ln 2.
4 4
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y), che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo del-
l’integrale lungo γ possiamo procedere con il calcolo diretto, oppure applicando il teorema di Gauss-
Green dopo aver chiuso il cammino ad esempio con il segmento γ4 . Procediamo in entrambi i modi.
Parametrizziamo le curve che compongono γ ponendo
( ( (
x(t) = cos t x(t) = 0 x(t) = 2 cos t
γ1 (t) = , γ2 (t) = , γ3 (t) = .
y(t) = sin t y(t) = t y(t) = 3 sin t
t ∈ [0, π/2] t ∈ [1, 3] t ∈ [π/2, 0]

Allora
Z Z π Z π   π2
2 2 1 π
ω2 (x, y) = sin t · (− sin t) + cos t dt = cos t − sin2 t dt = sin t − (t − sin t cos t) =1− ,
0 0 2 0 4
γ1
Z Z 3
ω2 (x, y) = t · 0 + 1 dt = 2,
1
γ2
Z Z 0 Z 0
0 3π
ω2 (x, y) = 3 sin t · (−2 sin t) + 3 cos t dt = 3 cos t − 6 sin2 t dt = [3 sin t − 3 (t − sin t cos t)] π = − 3.
π
2
π
2
2 2
γ3

In definitiva abbiamo
Z Z Z Z
π 3π 5π
ω2 (x, y) = ω2 (x, y) + ω2 (x, y) + ω2 (x, y) = 1 − + 2 + −3= ,
4 2 4
γ γ1 γ2 γ3

e quindi l’integrale curvilineo assegnato è uguale a ln 2 + 5π/4. Se invece applichiamo il teorema di


Gauss-Green al dominio D individuato dal bordo ∂D = γ∪γ4 ,
tenendo conto dell’orientazione, avremo
Z Z ZZ  
∂ ∂
ω2 (x, y) = ω2 (x, y) − (1) − (y) dxdy
∂x ∂y
∂D + γ4 D
Z ZZ
= ω2 (x, y) + dxdy,
γ4 D

dove l’insieme D è definito da

D = (x, y) ∈ R2 : 9x2 + 4y 2 ≤ 36, x2 + y 2 ≥ 1, x ≥ 0, y ≥ 0 .




Si nota che l’integrale doppio non è altro che l’area dell’insie-


me D, che può essere calcolata semplicemente considerando
la differenza tra le aree degli insiemi De e Dc , rispettivamente
il quarto di ellisse e il quarto di cerchio, ossia

|De | |Dc | abπ πr2


ZZ
6π π 5π
dxdy = − = − = − = .
4 4 4 4 4 4 4
D

Per il calcolo dell’integrale curvilineo, parametrizziamo curva γ4 ponendo γ4 (t) = (t, 0) con t ∈ [2, 1],
e si ottiene facilmente 0. Pertanto, come prima, si conclude che
Z Z Z

ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = ln 2 + .
4
γ γ γ
213 R. Tauraso - Analisi Matematica II

Esercizio 2.43 (Prova scritta del 16/02/2015). Calcolare l’integrale curvilineo


Z
2 2
4xy 2 ex dx + (2x + 6y)ex dy
γ

dove γ è data dal segmento da (−2, 2) a (0, 0) e dall’arco di curva y = x3 da (0, 0) a (1, 1).
Soluzione.
La forma differenziale ω(x, y) assegnata è definita in tutto R2 ,
insieme semplicemente connesso, ma non è chiusa e dunque
neanche esatta, in quanto
∂  2
 2 2 2
(2x + 6y)ex = 2ex + 4x2 ex + 12xyex
∂x
∂  2
 2
4xy 2 ex = 8xyex .
∂y

Tuttavia, per linearità, possiamo scrivere ω(x, y) come la


somma delle forme ω1 (x, y) e ω2 (x, y) con
2 2 2
ω1 (x, y) = 4xy 2 ex dx + 4yex dy, ω2 (x, y) := (2x + 2y)ex dy.
In tal modo la forma ω1 (x, y) risulta chiusa e quindi esatta in R2 ed ammette una funzione potenziale
U (x, y) tale che
∂U 2 ∂U 2
(x, y) = 4xy 2 ex , (x, y) = 4yex .
∂x ∂y
Integrando la prima rispetto ad x otteniamo
Z Z
2 x2 2 2 2
ex d x2 = 2y 2 ex + C(y)

U (x, y) = 4xy e dx = 2y

e derivando l’espressione trovata rispetto ad y si ha


∂  2 x2  2
2y e + C(y) = 4yex + C 0 (y).
∂y
Quindi per l’esattezza si deve avere che
2 2
4yex + C 0 (y) = 4yex ⇔ C 0 (y) = 0 ⇒ C(y) = 0
e una funzione potenziale è
2
U (x, y) = 2y 2 ex .
Così l’integrale della forma ω1 (x, y) lungo γ è uguale a
Z
ω1 (x, y) = U (1, 1) − U (−2, 2) = 2e − 8e4 .
γ

Consideriamo ora la forma ω2 (x, y), che non è chiusa e quindi nemmeno esatta. Per il calcolo dell’in-
tegrale lungo γ possiamo procedere in questo caso col calcolo diretto. Parametrizziamo le curve che
compongono γ ponendo
( (
x(t) = t x(t) = t
γ1 (t) = , t ∈ [−2, 0], γ2 (t) = , t ∈ [0, 1].
y(t) = −t y(t) = t3

Allora si ottiene:
Z Z 0
2
ω2 (x, y) = (2t − 2t)et (−1) dt = 0,
−2
γ1
Z Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
3 t2 2 3 t2 5 t2 3 t2 2
ω2 (x, y) = (2t + 2t )e · 3t dt = 6t e + 6t e dt = 6t e dt + 6t5 et dt.
0 0 0 0
γ2
Integrali curvilinei 214

Calcoliamo i due integrali separatamente,


Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
2 2 2 t2 =s
6t3 et dt = 6 t2 · t · et dt = 3 t2 · et d(t2 ) = 3 s · es ds
0 0 0 0
Z 1 Z 1
(P) 1 1
=3 s d(es ) = 3 [ses ]0 −3 es d(s) = 3e − 3 [es ]0 = 3e − 3e + 3 = 3,
0 0
Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
5 t 2
4 t 2
4 t2 2 t2 =s
6t e dt = 6 t ·t·e dt = 3 t ·e d(t ) = 3 s2 · es ds
0 0 0 0
Z 1 Z 1 Z 1 Z 1
2 s (P) 1
s2 es 0 s 2 s
s d(es )

=3 s d(e ) = 3 −3 e d(s ) = 3e − 6 se ds = 3e − 6
0 0 0 0
Z 1
(P) 1 1
= 3e − 6 [ses ]0 + 6 es d(s) = −3e + 6 [es ]0 = −3e + 6e − 6 = 3e − 6.
0

In conclusione abbiamo
Z Z Z Z Z Z
ω(x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) = ω1 (x, y) + ω2 (x, y) + ω2 (x, y)
γ γ γ γ γ1 γ2

= 2e − 8e4 + 0 + 3 + 3e − 6 = 5e − 8e4 − 3.