Sei sulla pagina 1di 34

Glittica

Enciclopedia dell' Arte Antica - stampa

di M. Cima - I. Pini - P. Zazoff - M.-L. Vollenweider - F. Silvano - G. Pisano - D.


Collon - P. Callieri

GLITTICA (v. vol. III, p. 956; vol. VII, p. 88, s.v. scarabeo e p. 285, s.v. sigillo). - Le
gemme. - Lo studio delle gemme antiche, oltre agli aspetti più squisitamente artistici legati
alla g. come espressione di una raffinatissima cultura figurativa, offre lo spunto per una
serie di indagini relative ai materiali impiegati, alla loro diffusione, ai problemi di estrazione
e commercio e infine al gusto che determinò, presso ogni civiltà, una predilezione
particolare per certi tipi di pietre o per certe destinazioni decorative.
In effetti, proprio per il loro carattere speciale e per la possibilità di individuare in molti
casi i luoghi di estrazione, le gemme rappresentano un elemento di grande importanza per
la ricostruzione dei modelli commerciali che governarono la diffusione di questi particolari
beni di lusso nel mondo antico. In questo senso appare sempre più importante che alle
analisi di carattere storico-artistico si affianchino quelle prettamente specialistiche da
eseguire sui singoli reperti da parte di esperti gemmologi, in modo da poter localizzare i
giacimenti d'origine. La diffusione di tali metodologie potrà fornire, anche a livello statistico,
un importante contributo sul piano della storia economica e commerciale nelle varie epoche
e regioni.
Un esempio emblematico, che contribuisce a far luce sull'ampia rete di rapporti
commerciali necessari per lo scambio di questi materiali preziosi, può essere offerto dal
lapislazzuli.
La rarità del minerale in natura, che viene estratto solo in zone ben circoscritte e, nello
stesso tempo, il largo uso che se ne fece per l'arte decorativa in regioni anche molto distanti
da quelle zone, permettono infatti di intuire - e, in alcuni casi, anche di individuare
scientificamente - lunghi percorsi che presuppongono organizzazioni commerciali
notevolmente complesse.
Nel mondo antico questa preziosa pietra blu veniva estratta anche vicino al lago Baikal,
nella Siberia orientale, ma le principali fonti sfruttate nell'antichità sono da individuare
nell'impervia regione del Badakhšan, nell'attuale Afghanistan, a Ν di Kabul. Le miniere,
situate in una zona montuosa a una quota compresa tra i 1800 e i 4200 m, vennero
sfruttate almeno a partire dal IV millennio a.C. Da lì, percorrendo vie carovaniere che
attraversavano l'altipiano iranico, il lapislazzuli raggiungeva i ricchi e potenti centri della
Mesopotamia, dove veniva utilizzato per sigilli, gioielli, piccole sculture a tutto tondo,
elementi di intarsi e per ricavare iridi, sopracciglia e capigliature di statue. Particolarmente
significativi, sia per qualità che per quantità, risultano i materiali provenienti dalla
necropoli reale di Ur e da Mari (metà del III millennio a.C.) che testimoniano un periodo di
straordinaria floridezza dei commerci, oltre all'altissimo livello raggiunto dall'artigianato
artistico. Nello stesso periodo il lapislazzuli conosce una particolare fortuna anche in Egitto,
dove giungeva tramite la Mesopotamia, con la quale l'Egitto era legato da intensi rapporti.
Prova ne sia che per un periodo di due secoli circa, all'inizio del III millennio, la diffusione
della pietra subisce una brusca interruzione contemporaneamente nelle due regioni,
dovuta forse a gravi problemi negli scambi con i popoli dell'altipiano iranico.
Anche a Ebla, nella corte del c.d. Palazzo Reale G (fase Mardikh II Β I) il rinvenimento di
una consistente quantità di minerale grezzo (c.a 20 kg) attesta l'ampia diffusione di questo
materiale presso tutte le civiltà del Vicino
Oriente antico e ha fatto persino pensare alla possibilità di un ruolo di mediazione
commerciale svolto da Ebla tra la Mesopotamia da una parte e l'Egitto e l'Anatolia
dall'altra.
Una fortunata esplorazione archeologica condotta dall'Istituto Italiano per il Medio ed
Estremo Oriente in un sito dell'Iran orientale, Šahr-e Sokhta, ha permesso di individuare
uno dei centri di smistamento della pietra situato lungo la via carovaniera che collegava i
luoghi di estrazione a quelli di utilizzazione. Si sono rinvenute infatti, in strati databili
nell'ambito del III millennio a.C., consistenti prove di una vera e propria attività intensiva
di lavorazione del lapislazzuli (e con esso anche di turchese e corniola). Tali attestazioni
consistono oltre che in residui di lavorazione del minerale grezzo, anche negli strumenti
litici che servivano a separare la lazurite dal materiale calcareo insieme al quale viene
estratta e in quelli utilizzati per forare le perle che venivano poi levigate e lucidate.
A dimostrazione dell'ininterrotto successo di questa pietra come prezioso materiale
decorativo e dell'altissimo valore mantenuto nel corso dei secoli, si può citare l'importante
ritrovamento effettuato ad Ai Khānum, capitale della Battriana orientale. Nella Tesoreria
del palazzo di età ellenistica è stata scoperta una notevole quantità di materiali preziosi, sia
lavorati che grezzi, e fra questi ultimi almeno 130 kg di lapislazzuli in piccoli blocchi. La
regione del Badakhšan costituisce il retroterra montuoso della piana di Ai Khānum e le
cave, in epoca ellenistica, dovevano essere sotto il diretto controllo dell'autorità greca
stabilita nel palazzo. I Greci abbandonarono la città intorno al 145 a.C.
In ogni modo la mediazione esercitata dai popoli iranici nel commercio di questo raro
materiale deve aver mantenuto inalterato per secoli il suo carattere di esclusività: ancora
nel periodo di Plinio (Nat. hist., XXXVII, 120) si credeva che i migliori sappiri (questo è il
termine usato per indicare i lapislazzuli) si trovassero tra i Medi.
Un altro periodo di grande fascino per una ricerca sulla fortuna delle pietre preziose nel
mondo antico è quello immediatamente successivo alla spedizione in Oriente di Alessandro
Magno. La millenaria tradizione decorativa orientale, così legata da una parte all'uso dei
materiali preziosi, dall'altra al vivace effetto cromatico creato dall'accostamento di elementi
di varia natura e di sgargianti colori, avrà un'influenza fondamentale nel determinare
nell'arte occidentale un periodo di notevole successo delle pietre colorate. Il fecondo
contatto con i regni orientali verificatosi durante il viaggio di Alessandro provocò una più
approfondita conoscenza delle antiche civiltà incontrate, nelle loro espressioni artistiche e
culturali, ma anche uno spontaneo desiderio di emulazione delle manifestazioni di lusso
strabiliante che circondavano i sovrani di quelle terre. Fu immediatamente percepito da
parte dei condottieri greci - ai quali per cultura quel lusso doveva risultare estraneo - che
si trattava di un linguaggio particolare e particolarmente efficace, espressione esteriore di
un potere sconfinato. Insieme a questo, le conquiste orientali di Alessandro facilitarono gli
scambi commerciali con l'Oriente e l'approvvigionamento di questi materiali preziosi.
Non è forse un caso che proprio in questo periodo si collochi l'opera di Teofrasto, il filosofo
allievo e successore di Aristotele, vicino alla corte macedone, che, nell'ambito di una
produzione letteraria volta allo studio della natura, scrive un trattato sulla formazione della
terra e dei minerali, inserendo molte informazioni sulle gemme di origine orientale. La
conoscenza diretta di quelle lontane regioni ha sicuramente stimolato l'indagine scientifica
sull'origine dei loro preziosi prodotti oltre che un nuovo interesse per il loro valore
decorativo.
E così, insieme a uno straordinario sviluppo della g. e al notevole incremento nell'uso delle
gemme nella gioielleria ellenistica, le pietre preziose conoscono in questo periodo un uso
eccezionale anche in sontuosi apparati decorativi e in oggetti d'arredo. Le colonne che
sostenevano il padiglione di Alessandro, fatto a imitazione di quello dei re persiani erano
περίχρυσοι καί διάλιθοι καί περιάργυροι (Ath., XII, 538 d ss.); il sontuoso carro funebre
che condusse il suo corpo da Babilonia ad Alessandria, dove fu sepolto, aveva un
baldacchino λιθοκόλλητον (Diod. Sic., XVIII, 26,5). Sulla nave di Tolemeo Filopatore
esisteva un ambiente dedicato a Dioniso, nel quale era ricavato un sacello destinato a
contenere i ritratti della famiglia reale, fatto di «vere pietre» (Ath., V, 205 f). È così pure,
insieme alle decorazioni architettoniche, la stessa profusione di pietre si trova anche nelle
suppellettili: i ricchi servizi da mensa possono essere composti da vasi ricavati da un unico
blocco di pietra dura o d'oro e decorati da pietre (Ath., V, 197 c) oppure incrostati di pietre
(Theophr., Char., 23,3) oppure ancora in onice montati in oro (App., Mithr., XII, 17, 115).
Con le guerre di conquista orientali la passione per le gemme fu trasmessa anche al mondo
romano dove prima le grandi famiglie della Repubblica e poi i personaggi della casa
imperiale divennero collezionisti e successivamente committenti di opere di glittica. Fu
ereditato anche il gusto per i sontuosi apparati nei quali le gemme avevano una parte
importante: al di là delle numerose attestazioni letterarie, il ritrovamento di disiecta
membra di uno di questi costituisce una testimonianza positiva e concreta dell'esistenza di
questo genere di Wunderkammer.
Così a Roma, nella residenza imperiale degli horti Lamiani sull'Esquilino, è stata rinvenuta
la fastosa decorazione di un ambiente dove, tra lamine di bronzo dorato, sbalzate e lavorate
a giorno, erano inserite numerosissime gemme di diverse varietà e forme. Tutto il
complesso decorativo può essere attribuito - in base a confronti con pitture di II e IV stile,
e anche in relazione alla storia del complesso architettonico ricostruibile dalle fonti - all'età
giulio-claudia.
Tra le 415 gemme rinvenute si trovano peridoti, ametiste, granati, lapislazzuli, quarzi
microcristallini verdi, calcedoni di diversi colori, cristalli di rocca, corniole, agateonici,
zaffiri, quarzi citrini, berilli verdi, quarzi avventurina, acquamarine. Esse sono, nella
maggior parte, tagliate a cabochon semplice o doppio in forme diverse: ovali, circolari, a
goccia, oppure subtriangolari o subrettangolari. Insieme a esse lastrine di cristallo di rocca
lavorate a incavo, elementi globulari dello stesso materiale, molte lastrine di agata e infine
due corniole incise.
L'importanza del ritrovamento, oltre alla possibilità di individuare un filone finora
inesplorato dell'antica arte decorativa, risiede nell'ulteriore conferma delle fonti antiche
sulla strabiliante concentrazione a Roma di materiali preziosi e, in questo caso, di gemme.
La richiesta pressante di beni di lusso, e non solo da parte della casa imperiale, ma anche e
soprattutto della classe emergente che ne faceva simboli di status, deve aver sviluppato un
mercato particolarmente ricco e vivace, anche a livello dei materiali grezzi.
Sulla scorta delle fonti, e soprattutto del libro xxxvii della Naturalis Historia di Plinio che
rimane, nonostante alcune difficoltà di interpretazione, uno strumento fondamentale
XXXVII qualsiasi ricerca in questo campo, sappiamo che le migliori gemme erano
considerate quelle provenienti dall'Oriente e soprattutto dall'India. L'approvvigionamento
di questi beni di lusso era condizionato quindi dalle grandi distanze da percorrere e dai
conseguenti enormi problemi organizzativi. Il commercio si svolgeva, sicuramente insieme
a quello delle spezie, lungo percorsi sia terrestri che marittimi. Le vie di terra che
dall'India, attraverso l'Afghanistan e l'Iran raggiungevano le grandi città carovaniere e da
queste proseguivano fino ai porti del Mediterraneo, non furono mai abbandonate
nonostante grandi difficoltà di carattere sia logistico che politico.
Ma un impulso straordinario al commercio con l'Oriente deve essere venuto dalla
«scoperta» dei monsoni. Sia stato Eudosso di Cizico (Strab., II, 3, 4) oppure Ippalo (Plin.,
Nat. hist., VI, 100-101; Peripl. M. Eryth., 57) il primo scopritore occidentale del segreto di
questi venti costanti dell'Oceano Indiano che spirano per un periodo da SO, permettendo
di raggiungere le coste occidentali dell'India e girano poi da NE in modo che le flotte
commerciali possono tornare indietro nello stesso anno, il periodo di questa scoperta si
deve aggirare intorno alla fine del II sec. a.C. Il Periplo del Mare Eritreo, preziosissimo
portolano ricco di informazioni e databile, nonostante numerose perplessità, alla metà del I
sec. d.C., rappresenta una straordinaria testimonianza delle possibilità commerciali offerte
da questa rotta. Con il favore dei venti le navi provenienti dall'India potevano scegliere, a
seconda delle specifiche esigenze di scambio, di imboccare il Golfo Persico, per poi scaricare
le merci che avrebbero proseguito via terra per i porti del Mediterraneo, oppure di risalire
il Mar Rosso dove, sulla costa egiziana, si trovavano organizzatissimi scali commerciali che
convogliavano le merci fino ad Alessandria, vero centro nevralgico del commercio orientale
nel Mediterraneo.
Con l'età augustea il traffico con l'Oriente conobbe un notevole sviluppo, soprattutto grazie
alla pace e alla stabilità politica instauratesi nel Mediterraneo che favorirono lo svilupparsi
degli interessi commerciali. Strabone (II, 5, 12) ricorda lo straordinario incremento nel
numero delle navi che nell'età augustea, rispetto a quella tolemaica, lasciavano i porti
egiziani per l'Oriente.
Non è ancora stata compiutamente analizzata l'incidenza che le pietre preziose di origine
indiana - o genericamente orientale - ebbero sul volume totale di questo complesso
sistema commerciale. Plinio stesso sottolinea (Nat. hist., VI, 101) la notevole portata di
questo traffico, stabilendo in 50.000.000 di sesterzi all'anno il valore delle merci importate
dall'India, vendute poi a Roma a un prezzo cento volte superiore. Generalmente come
principali voci tra queste importazioni vengono considerate le spezie, indispensabile
complemento del sistema alimentare antico, e la seta cinese, altro bene di lusso
estremamente ricercato: la riconsiderazione delle gemme antiche dal punto di vista della
loro provenienza porterà determinanti argomenti per la ricostruzione di questo
affascinante capitolo di storia economica.
Bibl.: Per le gemme in generale: S. Cavenago Bignami Moneta, Gemmologia, Milano 1965 2
(ed. rivista e ampliata); A. Lipinsky, Oro, argento, gemme e smalti. Tecnologia delle arti
dalle origini alla fine del Medioevo, Firenze 1975, pp. 277-387.
Per il commercio e la diffusione del lapislazzulo: G. Herrmann, Lapis Lazuli: the Early
Phases of His Trade, in Iraq, XXX, 1968, pp. 21-57; J. Crowfoot Payne, Lapis Lazuli in
Early Egypt, ibid., pp. 58-61; M. Piperno, M. Tosi, Lithic Technology behind the Ancient
Lapis Lazuli Trade, in Expedition, XVI, 1973, I, pp.· 15-23; F. Pinnock, The Lapis Lazuli
Trade in the Illrd Millennium B. C. and the Evidence from the Royal Palace G of Ebla, in
M. K. Buccellati (ed.), Insight through Images. Studies in Honor of E. Porada, Malibu
1986, pp. 221-228; C. Rapin, La trésorerie hellénistique d'Aï Khanoum, in RA, 1987, I, pp.
41-70; P. Matthiae, Ebla. Un impero ritrovato, Torino 19892 , p. 273.
Per l'uso delle gemme in apparati decorativi di età ellenistica e romana: M. Cima, E. La
Rocca (ed.), Le tranquille dimore degli dei (cat.), Venezia 1986, pp. 30-32, 105-144. -
Nella decorazione di suppellettili: H. P. B. Bühler, Antike Gefässe aus Edelsteinen,
Magonza 1973.
Per il commercio con l'Oriente: Ε. H. Warmington, The Commerce between Roman
Empire and India, Cambridge 1928 (Londra-New York 19742 ); M. Wheeler, Rome
beyond the Imperial Frontiers, Londra 1954; J. I. Miller, The Spice Trade of the Roman
Empire, 29 B.C.-A.D. 641, Oxford 1969 (tr. it., Roma e la via delle spezie, Torino 1964); J.
Thorley, The Development of Trade between the Roman Empire and the East under
Augustus, in GaR, XVI, 1969, pp. 209-223; M. G. Raschke, New Studies in Roman
Commerce with the East, in ANRW, II, 9, 1978, 2, pp. 604-1361.
(M. Cima)
Creta e Micene. - Solo l'edizione, avviata nel 1965, del Corpus dei sigilli minoici e micenei
sparsi nelle collezioni di tutto il mondo ha creato una base per lo studio sistematico di
questi importanti reperti dell'Età del Bronzo, il cui numero è in costante aumento grazie
all'attività di scavo.
Le origini della g. risalgono, a Creta e nella Grecia continentale, fino alla prima Età del
Bronzo (III millennio a.C.). Tra i primi esempi si contano sigilli dall'insediamento di
Myrtos-Pyrgos, poi dalle necropoli di Lenda, Archanes-Phourni e Mochlos; invece dalle
Cicladi abbiamo solo testimonianze isolate, nonostante numerosi scavi. Poiché la grande
maggioranza dei primi sigilli cretesi proviene dalle tombe a thòlos della Messarà, usate a
lungo e costantemente per inumazioni, ma la cui stratigrafia non è quasi mai chiara, un
ordinamento cronologico convincente fra i periodi Antico Minoico II-Medio Minoico IA
(2900-1930 a.C.) risulta fino a questo momento estremamente arduo. Il gran numero di
forme e motivi dei primi sigilli cretesi è stato sistemato complessivamente da un punto di
vista tipologico da P. Yule. Ricerche comparate, condotte tenendo conto di materiali, forme,
motivi, luoghi di provenienza e dei pochi altri agganci cronologici possibili, hanno condotto a
isolare un'officina o un gruppo di officine, attive presumibilmente nel periodo Medio
Minoico IA ai margini della piana della Messarà. La ricchezza di forme dei primi sigilli
cretesi era straordinaria. Come materiali venivano impiegati soprattutto steatite,
serpentino, osso, avorio e si suppone anche una «pasta». Dopo le più recenti ricerche di O.
Krzyszkowska oggi siamo in grado di distinguere con relativa certezza sigilli in osso, in
zanne di cinghiale e in avorio; questi ultimi venivano intagliati quasi unicamente su denti di
ippopotamo, perciò si pensa che la materia prima dovesse essere importata dall'Egitto. Di
particolare importanza sono i sigilli, in gran parte ancora inediti, di Archanes-Phourni: da
un lato servono a completare il repertorio di forme e motivi già noto, dall'altro
testimoniano in maniera univoca che, contrariamente all'opinione sinora prevalente, anche
nella parte settentrionale di Creta osso e avorio venivano largamente adoperati per la
produzione di sigilli. Accanto a essi per il periodo sino alla conclusione del Medio Minoico IA
(c.a 1930 a.C.), sono note anche alcune cretule con impronte di sigillo, provenienti da
Myrtos-Pyrgos e Cnosso, a dimostrazione del loro impiego a scopi amministrativi.
Testimonianze analoghe del periodo Antico Elladico II (2400-2300) si hanno sul
continente, soprattutto dalla c.d. Casa delle tegole di Lerna, e da Tirinto, Asine, Kea. Sinora
conosciamo scarsamente gli originali dei motivi ornamentali sugli stampi del medesimo
periodo da Lerna, abbastanza fini e talvolta davvero complessi, con scarsi paralleli nella g.
cretese. Invece i pochi sigilli noti del periodo Antico Elladico sono per lo più lavorati in
maniera grossolana e presentano motivi più semplici. Per quanto riguarda la media Età del
Bronzo, non sono documentati sigilli dal continente, ma ciò non deve significare che in
quell'epoca non fossero noti in Grecia. Sino a oggi conosciamo soltanto poche tombe e
insediamenti del periodo Medio Elladico, e nuovi scavi potrebbero modificare rapidamente
la scena.
A Creta la g. continuò a svilupparsi nel periodo Medio Minoico. L'innovazione più
significativa per la produzione di sigilli fu senza dubbio l'uso, iniziato nel Medio Minoico II,
delle c.d. pietre semi-preziose; pressoché contemporaneamente venne introdotto quello
che si ritiene fosse un trapano fisso con punte intercambiabili. Da allora in poi usando un
mezzo abrasivo (il corindone di Nasso?) fu possibile incidere motivi straordinariamente fini
anche sulle pietre dure. A Mallia ci è nota la bottega di un intagliatore di gemme, e
ricerche, ulteriori della scuola francese nel complesso di edifici già precedentemente
riportati alla luce hanno appurato da poco che essa era attiva verso la fine del periodo
Medio Minoico IIB (1750-1700 a.C.). Da ciò si ricava che un grande gruppo di prismi
triangolari va datato considerevolmente più tardi di quanto si fosse supposto finora. Nel
Medio Minoico II e Medio Minoico III forme caratteristiche dei sigilli sono la discoidale, a
prisma a tre o quattro lati e quelle «a timbro» a cuscino. Le prime impronte di sigilli
anulari ovali sono testimoniate da cretule del periodo Medio Minoico IIB, provenienti
dall'antico palazzo di Festo; i sigilli del Medio Minoico II recano anche le testimonianze più
ricche della scrittura geroglifica minoica. In questa fase si incontrano le prime raffigurazioni
naturalistiche: linee del terreno, zone sassose e piante delimitano talvolta il campo della
composizione; all'occasione compaiono persino gruppi di più figure. Di importanza capitale
sono le ricerche compiute sul retro delle cretule, in quanto possono fornire indicazioni sul
tipo di segnatura e sugli oggetti così contrassegnati, dunque sul genere di controllo che si
aveva sulle merci.
Al contrario dello sviluppo sul continente, dove verso la fine del Medio Minoico III - sotto
l'influenza di Creta - si inizia nuovamente una tradizione g., sull'isola il passaggio dalla g. del
periodo Medio Minoico a quella del Tardo Elladico si compie senza soluzione di continuità.
Vengono incise ancora soprattutto pietre locali morbide, pressoché ignote sul continente
sin quasi alla fine del periodo Tardo Elladico III AI (c.a 1400 a.C.). Comunque, in entrambe
le zone, dall'inizio della tarda Età del Bronzo fino c.a al 1350 a.C. vengono lavorate gemme
di minerali duri, come agate, ametiste, cristalli di rocca, ematiti, diaspri, corniole e lapis
lacedaemonius. Talvolta vengono intagliati sigilli sia in vetro sia in pietra; in seguito li si
pressò in stampi. Le forme più diffuse della g. nella tarda Età del Bronzo sono quella
lentoide, l'amigdaloide, il cuscino e il prisma a tre lati; saltuaria è la presenza del sigillo
cilindrico. Si aggiungano inoltre anelli con castoni ovali, prodotti in diversi modi e tipi. Nel
periodo Tardo Elladico I (c.a 1560-1470 a.C.) a Creta fu adoperato un numero
relativamente alto di cretule per sigillare. I temi della g. egea nella tarda Età del Bronzo
sono eminentemente di tipo figurativo. Prevalgono quelli di animali isolati, per lo più leoni,
caproni e tori. Inoltre s'incontrano creature fantastiche quali grifi, sfingi e fusioni di vario
genere fra uomini e bestie. Queste ultime talora sono disposte specularmente in
composizioni araldiche; inoltre, al principio della tarda Età del Bronzo, sia a Creta sia sul
continente, compaiono scene di lotta e di caccia, nonché assalti di fiere, principalmente di
leoni e bovini. Infine, di valore particolare sono le scene di culto con più figure. I tentativi di
separare, in base allo stile, le immagini della tarda Età del Bronzo su sigilli in pietra dura
originarie di Creta da quelle della regione greca, finora non hanno condotto a esiti
convincenti; del resto scambi commerciali in entrambe le direzioni rendono difficile rilevare
una possibile differenziazione stilistica. In generale si potrà affermare che la g. micenea fino
c.a al 1350 a.C. mostra una certa tendenza alla monumentalizzazione dei temi figurativi
realizzati mediante un contemporaneo trattamento accurato dei dettagli, mentre tali
caratteristiche si riscontrano più raramente sulle gemme di Creta, lavorate in maniera più
sintetica e frettolosa.
Verso la metà del XIV sec. a.C. la produzione di sigilli in materiale duro cessa per cause
finora sconosciute, e da allora nella regione egea ne vengono incisi solamente in pietra
locale morbida, principalmente vari tipi di steatite e fluorite. I motivi figurati si restringono
quasi interamente a rappresentare singoli animali, mentre si incontrano abbastanza spesso
motivi ornamentali. La produzione pare interrompersi quasi interamente sullo scorcio del
XIII sec. a.C. All'interno di questa g. tarda e fortemente stilizzata è possibile distinguere
nuovamente in maniera univoca i lavori cretesi da quelli della Grecia continentale. È strano
che nel XIII sec. a.C. nei centri tardo-micenei come Micene, Pylos e Tebe per sigillare
venissero usati quasi esclusivamente sigilli e anelli-sigillo notevolmente più antichi. Forse i
sigilli coevi in pietra morbida, spesso appena usciti di bottega, non erano più usati per
questo scopo, analogamente a quelli di vetro pressati negli stampi, bensì impiegati come
oggetti decorativi, offerte funerarie e oggetti votivi. In contesti del XII sec. sono stati
trovati soltanto rari sigilli in pietra morbida, in prevalenza di età più antica. In seguito il
loro uso, stando alle nostre conoscenze attuali, non è più testimoniato fino al periodo
geometrico (v. anche minoica-micenea, civiltà e arte).
Bibl.: In generale: A. Sakellariou, Les Cachets Minoens de la Collection Giamalakis
(Études Crétoises, X), Parigi 1958; V. E. G. Kenna, Cretan Seals, Oxford 1960; Corpus der
mimischen und mykenischen Siegel, I, Berlino 1964 e ss.; J. Boardman, Greek Gems and
Finger Rings, Londra 1970, pp. 18-106, 386-399; I. Pini (ed.), Die kretisch-mykenische
Glyptik und ihre gegenwärtigen Probleme (Deutsche Forschungsgemeinschaft), Boppard
1974; S. Hood, The Arts in Prehistoric Greece, Harmondsworth 1978, pp. 209-232; I. Pini
(ed.), Studien zur minoischen und helladischen Glyptik. Beiträge zum 2. Marburger
SiegelSymposium (Corpus der minoischen und mykenischen Siegel, Suppl. 1), Berlino
1981; id. (ed.), Fragen und Probleme der bronzezeitlichen ägäischen Glyptik. Beiträge
zum 3. Internationalen Marburger Siegel-Symposium 1985 (Corpus der minoischen und
mykenischen Siegel, Suppl. 3), Berlino 1989.
Neolitico: J. Makkay, Early Stamp Seals in South-East Europe, Budapest 1984.
Prima Età del Bronzo: F. Matz, Frühkretische Siegel, Berlino 1928; P. Warren, The
Primary Dating Evidence for Early Minoan Seals, in Kadmos, IX, 1970, pp. 29-37; M.
Heath Wiencke, The Lerna Sealings, in I. Pini (ed.), Die kretischmykenische Glyptik ...,
cit., pp. 149-163; ead., Tipology and Style of Prepalatial Seals, in I. Pini (ed.), Studien zur
minoischen ..., cit., pp. 251-260; I. Pini, Ein Beitrag zur chronologischen Ordnung der
frühkretischen Siegel, in Πεπραγμενα του Δ ' Διεθνούς Κρητολογικου Συνεδρίου,
Ηράκλειο 1976, I, 2, Atene 1981, pp. 421-435, tavv. CXX-CXXIX; J. Sakellarakis,
Κρονολογιμενα σύνολα μινωικων σφραγίδων απο της Αρχανες, ibid., pp. 510-531; tavv.
CLXIII-CLXXVIII; Μ. Κ. Η. Eggert, H.-P. Wotzka, Kreta und die absolute Chronologie
des europäischen Neolithikums, in Germania, LXV, 1987, p. 379 ss., in part. pp. 398-413.
Media Età del Bronzo: E. Grumach, The Structure of the Cretan Hieroglyphic Script, in
Bulletin John Rylands Library Manchester, XLVI, 1964, pp. 346-384; D. Levi, Sulle
origini minoiche, in PP, CXXVII, 1969, pp. 241-264; L. Godart, J.-P. Olivier, in J.-C.
Poursat e altri, Le Quartier Mu (Etudes Crétoises, XXIII), Parigi 1978, pp. 80-89; J.-C.
Poursat, L'Atelier des Sceaux et le Quartier Mu de Mallia: Études Comparée des Sceaux
Découverts, in I. Pini (ed.), Studien zur minoischen ..., cit., pp. 61-64; J. H. Betts, The Seal
from Shaft Grave. A «Mycenaean Chieftain»?, in Shaft Graves in Bronze Age Greece.
Temple University Aegean Symposium, VI. Philadelphia 1981, Filadelfia 1981 pp. 2-8; id.,
Seals of Middle Minoan III: Chronology and Technical Revolution, in I. Pini (ed.),
Fragen und Probleme ..., cit., p. I ss.; J. G. Younger, Seals? from Middle Helladic Greece,
in Hydra, Vili, 1991, pp. 35-46.
Tarda Età del Bronzo: D. G. Hogarth, The Zakro Sealings, in JHS, XXII, 1902, pp. 76-93,
tavv. VI-X; D. Levi, Le cretule di Zakro, in ASAtene, VIII-IX, 1925-1926, pp. 157-201,
tavv. XV-XVIII; id., Le cretule di Haghia Triada, ibid., pp. 71-156, tavv. VIII-XIV; H.
Biesantz, Kretisch-mykenische Siegelbilder, Marburgo 1954; Μ. Α. V. Gill, The Knossos
Sealings: Provenance and Identification, in BSA, LX, 1965, pp. 58-98, tavv. V-XIX; Α.
Sakellariou, Μυκηναικη Σφραγιδογλυφια (ADelt, Suppl. 8), Atene 1966; I. A.
Papapostolou, Τα Σφραγίσματα των Χανίων, Atene 1977; Ι. Pini, Kypro-ägäische
Rollsiegel, in Jdl, XCV, 1980, pp. 77-108; J. Η. Betts, j. G. Younger, Aegean Seals of the
Late Bronze Age: Masters and Workshops, in Kadmos, XXI, 1982, pp. 104-121; J. G.
Younger, Aegean Seals of the Late Bronze Age: Masters and Workshops, ibid., XXII,
1983, pp. 109-136; J. Weingarten, The Zakro Master and His Place in Prehistory,
Göteborg 1983; J. G. Younger, Seven Types of Ring Construction in the Greek Late
Bronze Age, in Aux origines de l'hellénisme. La Crète et la Grèce. Hommage à H. van
Effenterre, Parigi 1984, pp. 83-90; id., Aegean Seals of the Late Bronze Age. Masters and
Workshops, 3. The First-Generation Mycenaean Masters, in Kadmos, XXIII, 1984, pp.
38-64; id., Aegean Seals of the Late Bronze Age. Stylistic Groups, 4. Almondand Dot-Eye
Groups of the Fifteenth Century B.C., ibid., XXIV, 1985, pp. 34-73; A. Onassoglou, Die
talismanischen Siegel (Corpus der minoischen und mykenischen Siegel, Suppl. 2), Berlino
1985; E. Hallager, The Master Impression. A Clay Sealing from the Greek-Swedish
Excavations at Kasteiii, Khania (Studies in Mediterranean Archaeology, 69), Göteborg
1985; J. G. Younger, Aegean Seals of the Late Bronze Age. Stylistic Groups, 5. Minoan
Groups Contemporary with LM III A I, in Kadmos, XXV, 1986, pp. 119-140; E. Hallager,
The Iconography of Late Minoan and Mycenaean Finger Rings, Bristol 1988.
Cretule: E. Fiandra, Ancora a proposito delle cretule di Festòs. Connessione tra i sistemi
amministrativi centralizzati e l'uso delle cretule nell'età del bronzo, in BdA, LX, 1975, pp.
1-25; I. Pini, Neue Beobachtungen zu den tönernen Siegelabdrücken von Zakros, in AA,
1983, pp. 559-572; V. L. Aravantinos, The Use of Sealings in the Administration of
Mycenaean Palaces, in C. W. Shelmerdine, Th. Palaima (ed.), Pylos Comes Alive, New
York 1984, pp. 41-48; J. Weingarten, Some Unusual Minoan Clay Nodules, in Kadmos,
XXV, 1986, pp. 1-21; id., The Sealing Structures of Minoan Crete. MM II Phaistos to the
Destruction of the Palace of Knossos, I, in OxfJA, V, 1986, pp. 279-298; id., The Sealing
Structures of Minoan Crete. MM II Phaistos to the Destruction of the Palace of Knossos,
2, ibid., VII, 1988, pp. 1-25; E. Hallager, The Use of Seals on the Minoan Roundel, in I.
Pini (ed.), Fragen und Probleme ..., cit., pp. 55-78; I. Pini, The Hieroglyphic Deposit and
the Temple Repositories at Knossos, in Aegaeum, 5, 1990, pp. 33-54; J. C. Poursat,
Hieroglyphic Documents and Seals from Mallia, Quarter Mu, ibid., pp. 25-29; J.
Weingarten, Three Upheavals in Minoan Sealing Administration. Evidence for Radical
Change, ibid., pp. 105-114; V. L. Aravantinos, The Mycenaean Inscribed Sealings from
Thebes: Problems of Content and Function, ibid., pp. 149-167; E. Hallager, Roundels
among Sealings in Minoan Administration: A Comprehensive Analysis of Function, ibid.
(I. Pini)
Etruria e mondo italico. - Grazie a studi recenti, si può affermare che, intorno all'anno 540
a.C., immigrati greci fondarono in Etruria centri per la lavorazione delle pietre preziose, o,
per meglio dire, quasi esclusivamente di scarabei. I soggetti raffigurati sono di carattere
mitologico, ispirati principalmente al ciclo epico troiano. Miti greci sono rappresentati
anche su scarabei di stile severo, tra i quali possono essere annoverati gli esemplari più
pregiati della glittica etrusca, come p.es. la famosa gemma Stosch.
Gli artigiani etruschi si appropriarono di motivi greci con metodo compilatorio; ma via via,
nella lavorazione delle piccole superfici delle pietre, si fece strada uno stile autonomo; di
particolare rilievo è la ricchissima decorazione della parte posteriore degli scarabei. Tali
prodotti possono essere reputati, insieme a quelli greci e fenici, tra i più sofisticati lavori di
g. in assoluto.
A partire dalla seconda metà del V sec., gli scarabei figurati presentano figure più sciolte
caratterizzate da un più libero ritmo di movimenti e da un modellato dalla ricca
articolazione (stile libero). Nel repertorio figurativo primeggiano ancora i motivi greci,
tuttavia non mancano scene tratte dalla vita quotidiana; si affacciano inoltre temi
direttamente correlati con l'ambiente italico.
Dalla metà del IV sec. in avanti, gli scarabei figurati mostrano sempre maggiori affinità con
quelli del tipo «a globulo», tecnica di cui
è ormai accertata l'origine etrusca. Lo stile delle figure è animato da rotondità e incavi che
spesso contrastano con il pronunciato linearismo del lavoro d'intaglio. Fortemente puliti e
incastonati in anelli d'oro più o meno lussuosi, gli scarabei rappresentano adesso un tipo di
ornamento ambito e richiesto dal pubblico: scarabei «a globulo» furono esportati fino in
Crimea e per un lungo periodo dominarono i mercati del Mediterraneo. Come è ben
comprensibile, in concorrenza con i laboratori etruschi sorsero ben presto centri per la
lavorazione delle gemme anche nel Lazio, Campania e Apulia, e quindi, oltre a quelle
greche, compaiono' le prime iscrizioni latine.
Agli anelli d'oro degli scarabei etruschi P. Zazoff ha dedicato un intero capitolo, nell'ambito
dello Handbuch der Archäologie: le numerose varianti di questo genere di ornamenti,
sicuramente molto ricercati, sono in armonia con quanto ci resta dell'arte orafa etrusca, che
appare altamente sviluppata. Anch'essi denotano la mentalità peculiare agli artigiani della
regione, caratterizzata da uno spiccato senso della precisione. L'anello d'oro accresce
l'effetto delle gemme colorate - soprattutto la corniola, ma anche l'agata policroma, usata
dall'epoca arcaica in modo particolare nella varietà a striature trasversali.
In quest'ultima fase, che prende avvio dalla metà del IV sec., si producono scarabei che
non seguono più l'antico e codificato repertorio figurativo greco. Emerge in essi, invece, un
nuovo stile che preferisce immagini figurate di minori dimensioni entro uno spazio libero.
Tali Scarabei si distinguono nettamente da quelli etruschi e sono considerati opera di
laboratori non etruschi.
Le gemme etrusche discoidali, incastonate in anelli metallici, si rivelano fedeli imitazioni
degli scarabei di stile severo e libero. W. Martini ha dedicato loro una monografia; tuttavia
l'inizio di questa nuova tradizione etrusca resta incerto. I temi prediletti nel III-II sec. a.C.
mostrano un accentuato carattere religioso oppure rappresentano scene di genere; dal
punto di vista stilistico tradiscono inizialmente un'impronta ellenistica, per avvicinarsi più
tardi al gusto romano. Un ruolo di rilievo vi ha la sardonica marrone; diffusa è anche il
calcedonio chiaro, ma fino a epoca repubblicana la pietra più frequentemente impiegata è la
sardonica a striature trasversali.
La valutazione della g. del Mediterraneo occidentale, che non può considerarsi né
strettamente etrusca, né tantomeno ellenistica, ma esposta alle influenze di entrambe le
tradizioni e, comunque, punto di partenza dell'arte di intagliare le pietre preziose d'epoca
romana augustea, pone alcune difficoltà. A tale problema sono stati dedicati studi
approfonditi. M.-L. Vollenweider si è occupata dei laboratori tardo-repubblicani,
rivolgendo speciali attenzioni agli intagli di particolare pregio; successivamente, soprattutto
G. Sena Chiesa e A. Krug hanno studiato gemme rinvenute durante scavi archeologici. P.
Zazoff ha proposto, nello Handbuch der Archäologie, un raggruppamento su basi
territoriali. Vi è infine un gruppo di autori di cataloghi (G. Sena Chiesa, E. Zwierlein-Diehl,
M. Maaskant-Kleibrink), che hanno tentato di evidenziare differenziazioni stilistiche.
I temi attualmente dominanti sono quelli legati ad ambiente italico; p.es. i soggetti
dionisiaci in Campania, o i miti concernenti le origini di Roma, nel Lazio. Ma una posizione
di assoluta preminenza è occupata dai ritratti, spesso veri capolavori; notevolmente diffuse
sono anche scene di culto, p.es. i motivi di Diana Nemorensis o di Otriada, e inoltre soggetti
tratti dal mondo artigianale o bucolico.
La gamma dei tipi di pietre impiegate è ricca (ametista, topazio, granata, almandino e
prasio), mentre la pasta vitrea assume un ruolo di crescente importanza nell'ambito della
produzione glittica di massa.
Bibl.: Scarabei: A. Furtwängler, Antike Gemmen, III, Lipsia-Berlino 1900, p. 170 ss.; P.
Zazoff, Zur ältesten Glyptik Etruriens, in Jdl, LXXXI, 1966, p. 63 ss.; id., Etruskische
Skarabäen, Magonza 1968; P. G. Guzzo, Le gemme a scarabeo del Museo Nazionale di
Napoli, in MEFRA, LXXXIII, 1971, p. 326 ss.; M.-L. Vollenweider, Die Porträtgemmen
der römischen Republik, I-II, Magonza 1972-1974; P. Zazoff, Die antiken Gemmen
(HdArch, IV), Monaco 1983, p. 214 ss.
Pietre da anello: Α. Furtwängler, op. cit., p. 216 ss.; E. Zweierlein-Diehl (ed.), Antike
Gemmen in deutschen Sammlungen, II, Staatliche Museen Preussischer Kulturbesitz,
Antikenabteilung Berlin, Monaco 1969, p. 121 ss.; W. Martini, Die etruskische
Ringsteinglyptik (RM, Suppl. 18), Heidelberg 1971; E. Zweierlein-Diehl (ed.), Die antiken
Gemmen des Kunsthistorischen Museums in Wien, I, Die Gemmen von der minoischen
Zeit bis zur frühen römischen Kaiserzeit, Monaco 1973, p. 61 ss.; P. Zazoff, Die antiken ...,
cit., p. 250 ss.
Gemme italiche e romane repubblicane: A. Furtwängler, Studien über die Gemmen mit
Künstlerinschriften, in Jdl, III, 1889, p. 46 ss.; id., op. cit., pp. 112 ss., 173 ss., 216 ss., 289
ss.; G. Sena Chiesa, Gemme del Museo Nazionale di Aquileia, 2 voll., Roma 1966; M.-L.
Vollenweider, Die Steinschneidekunst und ihre Künstler in spätrepublikanischer und
augusteischer Zeit, Baden Baden 1966; ead., Die Porträtgemmen ..., cit., passim; G. Sena
Chiesa, Gemme di Luni, Roma 1978; M. Maaskant-Kleibrink, Catalogue of the Engraved
Gems in the Royal Coin Cabinet The Hague, L'Aia 1978, p. 99 ss.; E. Zweierlein-Diehl
(ed.), Die antiken Gemmen des Kunsthistorischen Museums in Wien, II. Die Glasgemmen.
Die Glaskameen. Nachträge zu Band I. Die Gemmen der späteren römischen Kaiserzeit,
I, Götter, Monaco 1979, p. 118 ss.; A. Krug, Antike Gemmen in Römisch-Germanischen
Museum Köln, Francoforte 1981; G. Platz-Horster, Die antiken Gemmen in Rheinischen
Landesmuseum Bonn, Bonn 1984; E. Zweierlein-Diehl, Glaspasten im Martin von
WagnerMuseum der Universität Würzburg, Monaco 1986; A. R. Mandrioli-Bizzarri, La
collezione di Gemme del Museo Civico Archeologico di Bologna, Bologna 1987; P. Zazoff,
Archaische Werkstätten in Etrurien, in Die Welt der Etrusker, Berlino 1990, pp. 287-290.
(P. Zazoff)
Grecia e Roma. - Negli ultimi due decenni la g. si è arricchita di nuovi studi, che riguardano
varie classi di materiali e abbracciano quasi tutte le epoche in cui quest'arte è stata
praticata. Se per l'età arcaica poche sono state le nuove scoperte segnalate, tuttavia sono
stati chiariti i rapporti tra le fasi che sono andate man mano succedendosi, così come le
relazioni tra le diverse regioni. Si conoscono meglio oggi i legami con la g. minoica e
micenea, o con la produzione insulare (cfr. le pubblicazioni di J. Boardman); è stato
ugualmente messo in evidenza il prestito di elementi tecnici dalla g. cipriota (Vollenweider,
1983, III, n. 69).
D'altra parte, le affinità con la Ionia e Sardi e, tramite queste, con la Persia achemenide,
sono incontestabili. Il sigillo piramidale di Ginevra (Vollenweider, 1983, III, n. 36, fig. 1),
p.es., con toro sotto un'iscrizione lidia manelim appartenuto probabilmente a un magistrato
persiano di stanza a Sardi, si collega per lo stile allo scarabeo con leone inciso a firma
Aristotaiches (Boardman, 1970, tav. CCCLXXXVIII).
Capolavori di grande raffinatezza videro la luce nella bottega di Epimenes, che ha firmato
uno scarabeoide in calcedonio, lungo 17 mm, attualmente nel Museum of Fine Arts di
Boston (Beazley, 1920, n. 28, tav. 11/9; Boardman, 1970, tav. CCCLV); un giovane nudo,
visto di spalle, trattiene il suo cavallo che si impenna. L'incisione si distingue per le delicate
sfumature dei volumi, delle linee degli elementi globulari dell'immagine. L'arciere del
Metropolitan Museum lo eguaglia appena. Ricordiamo anche lo scarabeoide in calcedonio
(alt. 11 mm, largh. 15 mm, prof. 8,5 mm) che ha recentemente arricchito il Museo di
Ginevra (Vollenweider, 1983, III, n. 212): un caprone accompagnato dal nome del
proprietario, ΗΕΣΛΑΓΟΡΟ EMI.
La stessa raffinatezza caratterizza un gruppo di pietre, una delle quali, a Berlino, porta il
nome di Semon, considerato in genere quello del proprietario: raffigura un personaggio
femminile accovacciato che riempie la sua idria da una fontana con bocca a protome di
leone (Zwierlein-Diehl, 1969, n. 88).
Non è affatto semplice individuare le botteghe di questi capolavori, il cui luogo di
rinvenimento solo raramente coincide con i luoghi di produzione. Si pensi alla lontananza
geografica di siti quali Naukratis (per la pietra firmata da Epimenes e per l'altra a lui
attribuita) e Troia (per la giovane che attinge acqua alla fontana). Bisogna nondimeno
ammettere che la costa dell'Asia Minore, le isole greche, le colonie d'Egitto e infine Cipro
costituivano attorno al 500 a.C. una koinè artistica.
Per la g., fu Dexamenos di Chio che durante il periodo classico incarnò la perfezione. Le sue
opere erano diffuse non solo ad Atene, ma fino in Crimea, dove sono state scoperte due
gemme con la sua firma: due aironi, uno che prende maestosamente il volo, l'altro che si
pulisce l'ala, entrambi al Museo dell'Ermitage (Neverov, 1976, nn. 19 e 20, fig. 2). Al
ritratto firmato del museo di Boston, raffigurante un uomo maturo, E. Zwierlein-Diehl ha
aggiunto una testa di adolescente, conservata a Berlino (Zwierlein-Diehl, 1976). La mano
dello stesso incisore si riconosce anche su due studi di cavallette (Vollenweider, 1974, p.
142 s.).
A partire dalla fine del V sec., le botteghe si diffusero in Magna Grecia, a Siracusa, dove
alcuni maestri scrissero i loro nomi su splendidi coni monetari. Si confronterà pertanto il
calcedonio del museo di Boston (Beazley, 1920, n. 55; Boardman, 1970, tav. DLXI) con i
decadrammi firmati da Euainetos del 432 a.C.: stessa volata di cavalli al galoppo, stessa
posa dell'auriga, Artemide Arethusa. Con il suo stile vivo e raffinato e con il suo dinamismo,
questo artista annuncia una nuova epoca: ci si avvia verso un mondo in movimento, un
mondo aperto all'esterno.
L'età ellenistica. - A partire da Alessandro, nuovi stili penetrano nel mondo greco e italico,
irradiandosi fino in Oriente. L'aspirazione alla monumentalità, uno dei caratteri essenziali,
è percepibile già sull'anello d'oro del Metropolitan Museum (Richter, 1956, n. 81;
Boardman, 1970, tav. DCCLXI) con l'effigie del reeroe con il capo coperto dalla leontea. I
tratti incisivi, duri, intensi, annunciano un'epoca in cui regnerà la forza, percettibile negli
occhi resi da globuli prominenti.
Il ritratto, come espressione della personalità, costituisce uno dei principali soggetti dei
sigilli e delle gemme ellenistiche. Le dimensioni di questi manufatti sono spesso
considerevoll. L'Alessandro dell'anello (25 mm) è di pari monumentalità di quello della
gemma di Oxford (Boardman, Vollenweider, 1978, n. 280) o di Berenice J, sposa di
Tolemeo I, sull'emblema d'oro (ibid., n. 282). L'ametista di Tolemeo II Filadelfia (ibid., n.
285) misura 25,5 mm; la grande sardonica dell'Ermitage (Neverov, 1976, n. 55), che
raffigura Tolemeo III, raggiunge 3,5 cm.
I ritratti dei sovrani si distinguono spesso per l'alta qualità, una tenera e dolce eleganza,
una penetrazione fine dei tratti del viso. Così è per la corniola con l'immagine di una dea o
di una regina che porta una cornucopia sul braccio sinistro e versa l'offerta su un
thymiatèrion, identificabile forse con la «decima Musa», Arsinoe II, il cui ritratto compare
sull'ametista di Ginevra (Vollenweider, 1979, II, n. 40, fig. 3). Un opale della Collezione
Merz raffigura probabilmente Tolemeo II (Vollenweider, 1984, n. 258), uno smeraldo della
Collezione Velay ritrae forse Berenice III. Ricordiamo ancora la corniola del Cabinet des
Médailles con l'effigie di Tolemeo VI (?).
Alcuni artisti firmarono le loro opere, come Nikandros, per un ritratto di regina inciso in un
giacinto bruno della Walters Art Gallery (Richter, 1968, n. 636) e Lykomedes per un'effigie
di Berenice II, assimilata a Iside, nel museo di Boston (ibid., n. 635). Databili al passaggio
tra il III e il II sec. a.C., abbiamo due granati che portano il nome di Apollonios: quello del
museo di Atene raffigura Antioco III ancora giovane, quello di Baltimora, montato in un
pesante anello d'oro, il ritratto a mezzo busto di un cortigiano (Richter, 1968, nn. 678 e
677). La firma di Nikias compare su un altro granato (Vollenweider, 1983, III, n. 219) con
l'effigie di un principe pontico. Un incisore ancora sconosciuto, di nome Demetrios, ha
ritratto Mitridate VI, re del Ponto, su un granato incastonato in un anello d'oro. Athenion,
Boethos, Gaios, Protarchos, appartengono alla stessa generazione.
A tutti questi eccezionali capolavori si aggiunge una serie di anelli di bronzo del III sec.,
scoperti nelle necropoli di diversi siti greci della sponda settentrionale del Ponto Eusino
(Neverov, 1974). Notiamo anche l'insieme degli anelli ritrovati nell'Antro Coricio nel 1970 e
1971, pubblicati da M. A. Zagdoun. Si tratta di un lotto di 807 anelli e 207 frammenti, dei
quali i più antichi risalgono al periodo geometrico, i più recenti datano all'età ellenistica.
È opportuno menzionare infine i diversi ritrovamenti di impronte di sigillo, alcune delle
quali ci tramandano dei ritratti rari, come quello di Seleuco IV al Cabinet des Médailles.
Oltre alle impronte del Royal Ontario Museum di Toronto, provenienti dall'Egitto e
pubblicate da J. G. Milne (1916), ricordiamo il gruppo di Doliche, nel Cabinet Royal dell'Aja
(Maaskant-Kleibrink, 1971, p. 23 ss.) e quello di Cirene (Maddoli, 1965, p. 38 ss.). Le
cretule conosciute oggi si contano a decine di migliaia: H. Kyrieleis sta preparando la
pubblicazione dei materiali di Paphos e Cipro; M. F. Boussac e altri sono impegnati sui
materiali di Delos; A. Invernizzi sta lavorando su circa ventimila cretule del periodo
seleucide da Seleucia sul Tigri. Pregevole è l'opera redatta da P. A. Pantos sulle impronte di
sigillo della città etolica di Kallipolis.
La glittica romana. - Posta al centro dell'Italia, Roma ha subito in misura eguale l'influenza
del Nord e del Sud della penisola. Gli Etruschi, essi stessi formati alla scuola greca, le
trasmisero un genere di gemme che possono essere ricondotte alla storia romana o che
riflettono dei riti religiosi, quali le immagini di Diana Nemorensis e le scene di sacrificio. La
leggenda di Otriada è probabilmente romana, come quella del pastore Faustolo.
In contrasto con questi piccoli sigilli, opere di incisione decisa e di plasticità vigorosa, il
contatto di Roma con la Magna Grecia produsse un altro stile, caratterizzato da un
realismo pittorico, come quello mostrato dalla scena di coniuratio (cfr. Vollenweider, 1972-
1974, tav. XL/I). Quest'ultima non compare solo su una serie di sigilli convessi in pasta
vitrea, ma anche su alcune monete. Già da molto tempo prima del 269-266 a.C., la testa di
Eracle e, sul rovescio, i gemelli allattati dalla lupa ornavano i didrammi emessi a Roma. Il
motivo sarà uno di quelli più frequentemente attestati nella g., e queste diverse
testimonianze della storia e dell'arte romana si troveranno nei numerosi cataloghi dei
musei e delle collezioni private pubblicati ormai da qualche decennio.
Nel corso della seconda guerra punica iniziò la diffusione delle paste vitree con l'immagine
del vincitore o dell'uomo politico che garantì la salvezza di Roma in un momento di grande
pericolo. Conosciamo sette paste vitree di Scipione l'Africano (cfr. Vollenweider, 1972-
1974, tav. XXXVIII s.), che fanno riscontro alle monete emesse a Canusium all'inizio del II
sec. a.C. Con Giulio Cesare, il numero di paste vitree sale a una trentina; innumerevoli sono
quelle di Ottaviano, che si possono1 confrontare con le monete degli anni dal 44 al 35 a.C. e
che si arricchiscono di simboli politici di vittoria e di felicità.
A fianco di questi sigilli di piccole dimensioni, spesso inferiori a 12 mm di altezza, gli
esemplari dei maestri testimoniano una stilizzazione più avanzata. Ricordiamo Demostene,
su un'ametista firmata Dioskourides, Cesare e, su una gemma monumentale, il giovane
Ottaviano assimilato a Hermes. Nel I e nel II sec. d.C. scorre davanti ai nostri occhi una
vera e propria galleria di ritratti imperiali.
Frequenti nel I sec. a.C., i nomi degli incisori divengono in seguito più rari. Ma i capolavori
rimangono numerosi sotto la dinastia degli Antonini: Traiano, Adriano, Antinoo, uno dei cui
ritratti è firmato Antoninianus. Un'ametista al museo di Napoli mostra un'immagine
commovente di Antonino Pio. Un altro capolavoro è il berillo con le effigi di Faustina II e
dei membri della sua famiglia; più tardi, ancora su un berillo, abbiamo il ritratto di Giulia
Domna (Metropolitan Museum of Art). Un'ametista dell'Ermitage, raffigurante Lucio Vero,
fornisce la prova della maestrìa e della capacità di penetrazione psicologica degli incisori di
questo periodo (Neverov, 1976, n. 137, fig. 6).
Dopo ciò assistiamo a un rapido declino, anche se la produzione non diminuisce come
quantità. Le gemme di buona qualità divengono una rara eccezione, quale il grande nicolo
della Collezione Merz, in cui Caracalla viene raffigurato come Eracle (Vollenweider, 1984, n.
312). La decadenza si manifesta, p.es., su una corniola di Firenze, dove l'abbandono della
forma risalta in modo crudele. Bruttezza e rozzezza caratterizzano in questo periodo molti
sigilli di piccolo formato, in cui vediamo tutti i tipi di divinità e di altre figure dell'epoca: la
maggior parte di essi proviene da regioni periferiche dell'Impero, dal Danubio, dal Reno,
dalla Britannia, dalla Gallia, dalla Palestina.
La g. conoscerà un nuovo slancio sotto Costantino, in particolare con le effigi di Elena,
madre dell'imperatore, e di Costantino stesso (grande zaffiro di Firenze); così pure con
quelle di Costantino II a Berlino, e di Costantino Gallo, su un berillo chiaro del Cabinet des
Médailles.
Eclettica e sempre più sporadica, l'arte della g. finirà per disperdersi nell'espressione
barbarica.
Bibl.: J. G. Milne, Ptolemaic Seal Impressions, in JHS, XXXVI, 1916, p. 87 s.; G. Maddoli,
Le Cretule del Nomophylakion di Cirene, in ASAtene, XXV-XXVI, 1963-1964, p. 38 s.; G.
M. A. Richter, The Engraved Gems of the Greeks and Etruscans, Londra 1968; J.
Boardman, A Greek Seal and Necklace in London, in AntK, XIII, 1970, pp. 48-51; id.,
Pyramidal Stamp Seal in the Persian Empire, in Iran, VIII, 1970, pp. 19-45; id., Greek
Gems and Finger Rings, Early Bronze Age to Late Classical, Londra 1970; M.-L.
Vollenweider, Un symbole des buts politiques de César, in Genava, XVIII, 1970, pp. 49-
61; P. Zazoff, Laufende Gorgo, stehende Artemis?, in AA, 1970, p. 154 s.; J. Boardman,
The Danicourt Gems in Perone, in RA, 1971, 2, pp. 195-214; W. Martini, Die etruskische
Ringsteinglyptik (RM, Suppl 18), Heidelberg 1971; M. Maaskant-Kleibrink, Cachets de
terre, in BABesch, XLVI, 1971, p. 23 s.; G. Buehler, Eine Nike des Aulos, in AA, 1972, I, p.
117 s.; M.-L. Vollenweider, Die Porträtgemmen der römischen Republik, I-II, Magonza
1972-1974; E. Zwierlein-Diehl, Gemmenbildnisse des M. Porcius Cato Uticensis, in AA,
1973, 2, p. 272 s.; P. Roscam, Intailles inédites des Musées Royaux d'Art et d'Histoire de
Bruxelles au type de Tyché-Fortuna, Bruxelles-Roma 1973; P. Zazoff, Zur Geschichte des
Stosch'schen Steines, in AA, 1974, 3, pp. 466-482; M.-L. Vollenweider, Le criquet de la
collection Seyrig dans l'oeuvre de Dexeménos, in RevNum, XVI, 1974, pp. 142-148; E.
Walter-Karydi, Spätarchaische Gemmenschneider, in JbBerlMus, XVII, 1975, pp. 5-44;
J. Boardman, Greek and Persian Glyptic in Anatolia and beyond, in RA, 1976, I, pp. 45-
54; E. Zwierlein-Diehl, Gemmen mit ungedeuteten Szenen aus dem griechischen Epos, in
Studien zum antiken Epos (Beitrage zur klassischen Philologie, LXII), Meisenheim 1976,
pp. 22-31; G. Sena Chiesa, Gemme romane di cultura ellenìstica ad Aquileia, in Aquileia e
l'Oriente mediterraneo (Antichità Altoadriatiche, XII), Udine 1977, pp. 197-214, fig. 17;
M.-L. Vollenweider, Deux portraits inconnus de la dynastie du Pont et les graveur Nikias,
Zoilos et Apollonios, in AntK, XXIII, 1980, p. 146 s.; E. Zwierlein-Diehl, Simpuvium
Numae, in Tainia. R. Hampe zum 70. Geburtstag, Magonza 1980, p. 405 s.; P. Zazoff,
Vom Gemmensammeln zur Glyptikforschung. Antikensammlungen des 18. Jhs., Berlino
1981; R. Perry, Pharnakes: Die Wiederentdeckung eines Gemmenschneiders, ibid., pp.
343-348; M.-F. Boussac, A propos de quelques sceaux déliens, in BCH, CVI, 1982, pp.
427-446; P. Zazoff, Die antiken Gemmen (HdArch, IV), Monaco 1983; id.,
Gemmensammler und Gemmenforscher, Monaco 1983; E. Tóth, Ein Goldring mit
Porträtgemme eines julisch-claudischen Prinzen, in RömÖ, XI-XII, 1983-1984, pp. 315-
336, tav. XXI; M.-L. Vollenweider, Portraits d'enfants en miniature de la dynastie des
Ptolêmées, in N. Bonacasa (ed.), Alessandria e il mondo ellenistico-romano. Studi in
onore di A. Adriani, II, Roma 1984, pp. 363-377; M. A. Zagdoun, Bagues et Anneaux
(BCH, Suppl. IX), Parigi 1984, pp. 183-260; J. Boardman, Greek Gem Engraving. Archaic
into Classical, in Greek Art. Archaic into Classical. A Symposium in the University at
Cincinnaty 1982, Leida 1985, pp. 83-95, tavv. LXXIV-LXXVII; M.-L. Vollenweider, Le
développement du portrait glyptique à l'époque des Antonins et des Sévères, in Ritratto
ufficiale e ritratto privato. Atti della II Conferenza internazionale sul ritratto romano,
Roma 1984, Roma 1988.
Musei e Collezioni: J. D. Beazley, The Levies House Collection of Ancient Gems, 1920; G.
M. A. Richter, Catalogue of Engraved Gems Greek, Etruscan and Roman in the
Metropolitan Museum of Art, Londra 1956; M.-L. Vollenweider, Catalogue raisonné des
sceaux, cylindres, intailles et camées, I, Gineva 1967; II, Magonza 1979; III, Magonza
1983; W. e E. Rudolph, Ancient Jewellery from the Collection of Burton Y. Berry,
Bloomington 1973; E. Zwierlein-Diehl, Die antiken Gemmen des Kunsthistorischen
Museums in Wien, I. Die Gemmen von der minoischen Zeit bis zur frühen römische
Kaiserzeit, Monaco 1973; P. Roscam, Intailles inédites des Musées Royaux ..., cit., pp. 11-
47, tavv. I-IV; J. Boardman, Intaglios and Rings, Greek, Etruscan and Eastern, from a
Private Collection, Londra, 1975; O. Neverov, Antique Intaglios in the Hermitage
Collection, Leningrado 1976; G. Femmel, G. Heres, Die Gemmen aus Goethes Sammlung,
Lipsia 1977; J. Boardman, D. Scarisbrick, The Ralph Harari Collection of Finger Rings,
Londra 1977; M. Maaskant-Kleibrink, Catalogue of the Engraved Gems in the Royal Coin
Cabinet, The Hague. The Greek, Etruscan and Roman Collections, L'Aia 1978; J.
Boardman, M.-L. Vollenweider, Catalogue of the Engraved Gems and Finger Rings in the
Ashmolean Museum, I. Greek and Etruscan, Oxford 1978; E. Zwierlein-Diehl, Die antiken
Gemmen des Kunsthistorischen Museums in Wien, II. Die Glasgemmen. Die Glaskameen.
Nachtrage zu Band I. Die Gemmen der späteren römischen Kaiserzeit, I, Götter, Monaco
1979; U. Pannuti, Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Catalogo della collezione
glittica, I, Roma 1983; G. Sena Chiesa, Le gemme nel Museo di Aquileia, in Aquileia e
l'Oriente mediterraneo (Antichità Altoadriatiche, XXIV), Udine 1984, pp. 13-28, tavv. I-
VIII; M.-L. Vollenweider, Deliciae Leonis. Antike geschnittene Steine und Ringe aus einer
Privatsammlung, Magonza 1984; M. MaaskantKleibrink, The Engraved Gems. Roman
and Non-Roman (Description of the Collections in the Rijksmuseum G. M. Kam at
Nijmegen, X), Nimega 1986. - In particolare: Antike Gemmen in deutschen Sammlungen,
I-IV: E. Brandt (ed.), I, Staatlichen Münzsammlung München, I. Griechische Gemmen
von minoischen Zeit bis zum späten Hellenismus.; Monaco 1968; E. Zwierlein-Diehl, II,
Staatliche Museen Preussischer Kulturbesitz Antikenabteilung Berlin, Monaco 1969; E.
Brandt, E. Schmidt (ed.), I, Staatliche Münzsammlung München, 2. Italische Gemmen
etruskisch bis römisch-republikanisch, Monaco 1970; V. Sherf, P. Gercke, P. Zazoff, III,
Braunschweig, Göttingen, Kassel, Wiesbaden 1970; E. Brandt e altri (ed.), I, Staatliche
Münzsammlung München, 3. Gemmen und Glaspasten der römischen Kaiserzeit, Monaco
1972; M. Schulter, G. Platz-Hoster, P. Zazoff (ed.), Antike Gemmen in Deutschen
Sammlungen, IV. Hannover; KestnerMuseum, Hamburg, Museum für Kunst und
Gewerbe,: Wiesbaden 1975.
Regioni periferiche: G. Horster, Statuen auf Gemmen, Bonn 1970; H. Guiraud, Quelques
divinités guerrières sur des pierres gravées trouvées en Gaule, in Pallas, XX, 1973, pp.
115-137; M. Gramatopol, Les pierres gravées du Cabinet numismatique de l'Académie
Roumaine, Bruxelles 1974; M. Henig, The Lewis Collection of Engraved Gemstones (BAR,
Suppl. S., I), Cambridge 1975; id., Vindolanda Jewellery, Newcastle upon Tyne 1975; id.,
A Corpus of Roman Engraved Gemstones from British Sites, Oxford 1978; A. Dimitrova-
Milčeva, Antike Gemmen und Kameen aus dem Archäologischen Nationalmuseum in
Sofia, Sofia 1980; A. Krug, Antike Gemmen im Römisch-Germanischen Museum,
Francoforte 1981 (con bibl. prec.); M. Lordkipanidze, Drevnejšie perstni-pečati Iberii i
Kolkhidy («I più antichi anelli da sigillo dell'Iberia e della Colchide»), Tbilisi 1981; G.
Horster, Die antiken Gemmen im Rheinischen Landesmuseum, Bonn 1984; A. Invernizzi,
M. M. Negro Mancini, E. Valtz, Seleucia sul Tigri, in La terra tra i due fiumi (cat.), Torino
1985, pp. 87-89; P. A. Pantos, Τα σφραγίσματα της αιτωλικης Καλλιπόλεως, Atene 1985;
M. Henig, Μ. Whiting, Engraved Gems from Gadara in Jordan, Oxford 1987.
(M.-L. Vollenweider)
Egitto. - I sigilli egiziani possono essere divisi in due gruppi principali, cilindrici e a stampo.
I primi appaiono diffusamente già in tombe della I dinastia, inseriti in un telaio di legno o di
metallo entro il quale potevano rotolare, oppure infilati in collane o bracciali. Realizzati per
lo più in steatite nera o serpentino, ma anche in legno o avorio, sono in un primo tempo
abbastanza corti e spessi, con iscrizioni a grandi caratteri e raffigurazione del proprietario,
ma poi progressivamente si fanno più alti e sottili, con testi sempre più estesi e segni
geroglifici più piccoli. La diffusione dei sigilli ufficiali e privati sin dagli inizi dell'Antico Regno
è il segno di un sistema amministrativo perfettamente organizzato; ancora nel Medio
Regno i sovrani continuarono a sigillare i documenti ufficiali con questo tipo di oggetto. I
sigilli cilindrici furono usati fino al tardo Medio Regno, epoca in cui vennero quasi del tutto
sostituiti da quelli a forma di scarabeo, che si svilupparono con ogni probabilità dai sigilli a
stampo del I Periodo Intermedio. Infatti, a fianco dei sigilli cilindrici, nella VI dinastia fece
la sua comparsa un nuovo tipo di sigillo di forma circolare, ovale o rettangolare, con base
piatta e superficie superiore convessa; tuttavia, benché la maggior parte di questi oggetti
rechi inciso sulla faccia inferiore un disegno, è probabile che essi non fossero usati come
veri e propri sigilli, ma venissero portati come ornamenti o amuleti.
Dalla VI alla X dinastia si svilupparono moltissime forme: tra le più diffuse quelle circolari e
rettangolari con dorsi piramidali, trapezoidali, semicilindrici, o lavorati sì da raffigurare
protomi animali o figure umane. Il materiale si allargò alla steatite invetriata, al calcare,
alla ceramica invetriata e all'osso; i motivi incisi sulla base comprendevano disegni
geometrici, motivi vegetali, animali (in particolare protomi di gazzelle e altri animali,
disposte simmetricamente) e anche, se pur molto raramente, segni geroglifici.
Una classe a sé stante è costituita dagli anelli-sigillo: appaiono per la prima volta nel Medio
Regno e sono costituiti da un semplice filo d'oro, passante dal foro di sospensione di uno
scarabeo, annodato alle due estremità; questo particolare sistema permetteva allo
scarabeo di girare su se stesso, mostrando la faccia inferiore con l'iscrizione, e poter essere
così usato come sigillo per identificare il proprietario. Talvolta allo scarabeo si sostituisce
una semplice placchetta rettangolare di ceramica invetriata, pietra dura o oro, montata
anch'essa con castone mobile. Con la XVIII dinastia furono prodotti a stampo i primi
pesanti anelli in metallo, i c.d. anelli a staffa, con castone decorato; quest'ultimo era usato
per sigillare i documenti e fu adoperato fino all'epoca romana.
Bibl.: W. M. F. Petrie, Buttons and Design-Scarabs, Londra 1925; W. A. Ward, The Origin
of Egyptian Design - Amulets, in JEA, LVI, 56, 1970, pp. 65-80; M. Gibson, R. D. Biggs,
Seals and Sealing in the Ancient Near East, Malibu 1977; P. Kaplony, Die Rollsiegel des
Alten Reichs (Monumenta Aegyptiaca, 2), Bruxelles 1977; id., Katalog der Figurenzylinder
(Monumenta Aegyptiaca, 3), Bruxelles 1978; id., Zur Definition der Beschriftungund
Bebilderungstypen von Rollsiegeln, Skarabäen und andere Stempelsiegeln, in GöttMisz,
XXIX, 1978, pp. 47-60; O. Tufnell, Studies on Scarab Seals, 2, Scarab Seals and Their
Contribution to History in the Early Second Millenium B.C., Warminster 1984; W. A.
Ward, Scarab Typology and Archaeological Context, in AJA, XCI, 1987, pp. 507-532; L.
Cagiola, Gli amuleti e gli scarabei del Museo Barracco, in BollMC, III, 1989, pp. 11-22.
(F. Silvano)
Levante. - Sotto l'impulso delle colonie commerciali assire in Cappadocia, la g. siriana
ricevette un notevole impulso. I sigilli, per lo più di ematite, riproducono una tematica, resa
con incisione sfumata, che comprende temi cultuali, nonché numerosi motivi minori di
origine mesopotamica, di derivazione egiziana e originari della Siria stessa (botteghe di
Aleppo). In Palestina oltre qualche cilindro di fattura o d'ispirazione siriana vengono usati
come sigilli e come amuleti gli scarabei egiziani (II millennio). In epoca mitannica (seconda
metà del II millennnio) si afferma un nuovo tipo di materiale (quarzo sinterizzato) che
dilata notevolmente la produzione (common style) caratterizzata dall'uso del punteruolo
per particolari anatomici e dettagli, nonché dalla suddivisione simmetrica degli spazi. La
documentazione è molto ampia (impronte sui testi da Nuzi, esemplari da Alalakh, da siti
della Ğezira e da diverse località palestinesi). Botteghe sono state individuate a Bet Šě’an e
Ugarit. Nella tematica ridotta, rispetto alla g. paleosiriana di gusto narrativo, prevalgono gli
schemi araldici, il tipico «pilastro del cielo», motivi decorativi. Quale reazione alla
produzione massificata vi è quindi la riutilizzazione di sigilli più antichi (II millennio). Oltre i
termini cronologici e areali dell'impero mitannico vi sono altre due potenze politiche che
condizionarono gli stili glittici locali: gli Ittiti e gli Egiziani. I sigilli usati al Sud riflettono
infatti influenza tecnica (stile lineare) e iconografica egiziana. Il medesimo stile lineare è
comunque usato anche al Nord per temi di tradizione diversa. Governatori ittiti di città
quali Karkemiš ed Emar, accanto ai sigilli cilindrici usarono quelli a stampo, che in Anatolia
avevano completamente soppiantato gli altri e i cui soggetti erano principalmente ittiti. Con
il I millennio tutta la costa levantina adottò il sigillo a stampo basato sullo scarabeo e solo in
Siria sopravvisse una classe di sigilli cilindrici (caratterizzati da un bordo a piccoli triangoli),
che influenzò con ogni verosimiglianza lo stile lineare assiro del IX sec. a.C.
Alla fine del IX sec. a.C. la diffusione della scrittura alfabetica incrementò l'uso del sigillo a
stampo dopo millenni di oblio. Il passaggio da un tipo all'altro potrebbe essere individuato
in certi esemplari neo-assiri incastonati in oro con ulteriore motivo inciso sulla base,
utilizzati prevalentemente a stampo. Con la prima metà del I millennio a.C., i sigilli a
stampo, cubici, prismatici, conici, con o senza foro di sospensione ricavato superiormente, e
decorazione su tutte o meno le facce, si affermarono e costituirono uno specifico tipo
dell'arte glittica, diffuso soprattutto in Anatolia, Armenia, Nord della Siria e nelle zone più a
Sud, vale a dire in quelle regioni nelle quali l'uso limitato della scrittura e il diverso
materiale adoperato rendevano il sigillo a stampo più adeguato alle necessità. Inoltre i
ritrovamenti del IX sec. a.C. dall'Eubea e da Rodi ne testimoniano l'ulteriore diffusione, al
momento ipoteticamente attribuita alla fase più antica dell'espansione fenicia nel
Mediterraneo. Il sigillo a timbro fu usato infatti dai maestri incisori fenici nell'VIII, se non
già nel IX sec. a.C., come documentano i reperti con motivi precipui del repertorio
iconografico di tale cultura (scarabeo a quattro ali, grifone alato, sfinge a protome di falco,
Bes con serpenti, ecc.). La riapparizione poi di suddette caratteristiche tematiche sui più
tardi stampi ciprioti è chiaramente riflesso dell'attività di una koinè ciprofenicia. Tale tipo
di sigillo, presente in tutta l'area siro-palestinese, fu usato dai Fenici limitatamente rispetto
a quello basato sulla forma dello scarabeo.
Il sigillo a forma di scarabeo di derivazione egiziana, già attestato nella zona durante il II
millennio a.C. (Palestina) ovvero di scaraboide (il coleottero è riprodotto nelle linee generali
e i dettagli anatomici non sono precisi) assolve anche la funzione di pendente e anello dal
valore apotropaico. Molti reperti infatti conservano la caratteristica montatura in metallo
(in Occidente decorata anche da filigrana) a castone mobile, ideato all'origine in Egitto (XII
Dinastia), per facilitarne l'impiego quale sigillo. Parecchi esemplari presentano a metà
dell'anello, verso l'esterno, un appiccagnolo a rocchetto. Questi reperti, cui viene attribuita
un'origine fenicia sebbene la genesi sia assai complessa, indicano che scarabei e scaraboidi
erano fissati anche alle montature caratteristiche dei pendenti, quali appaiono al collo di
statue (Cipro), e che i defunti venivano seppelliti con tale parure. La maggior parte degli
scarabei è in diaspro verde scuro, quindi nella stessa pietra usata nelle colonie occidentali,
anche se sulla base di analisi risultano di sicura origine diversa; né mancano esemplari in
steatite, corniola e calcedonio. Pur essendo molto diffusi, solo un numero ridotto di reperti
viene dalla madrepatria (un opificio è stato localizzato a Biblo) e da Cipro, mentre la
maggior parte della documentazione è fornita dalla aree della diaspora fenicia (Cartagine,
Tharros, Ibiza e Spagna). Le iscrizioni, che generalmente riportano il nome del
proprietario, sembrano una caratteristica della g. di Palestina più che di Siria. Nella
tematica convergono motivi di origine diversa (egiziana, di tradizione vicino-orientale e
greca). Accanto a esemplari più fedeli alle convenzioni narrative e tecniche della
produzione propria della regione, vi sono reperti realizzati in una serie di stili tecnici
(secondo J. Boardman: «puro» stile fenicio di difficile individuazione, greco-persiano o
greco-punico) espressi nei limiti di un linguaggio relativamente uniforme e
prevalentemente indirizzato alle valenze simboliche e magiche delle iconografie.
Iconografie nelle quali comunque è sempre prioritaria l'incidenza dell'Egitto e la presenza
di temi attestati negli avori e nelle coppe (scarabeo a quattro ali, Horas sul fiore di loto,
sfingi alate affrontate ai lati dell'albero sacro, mucca che allatta il vitello, ecc.). È verosimile
attribuire ai Fenici e a maestranze itineranti la diffusione e l'imitazione nelle altre zone.
Per quanto concerne i numerosissimi scarabei restituiti dalle aree interessate dalla
colonizzazione fenicia, la distinzione più qualificante è basata sul materiale. Gli scarabei e
scaraboidi di pasta smaltata rinvenuti nella colonie occidentali in tombe della fase più
antica (VII-VI sec. a.C.) rivelano, per convergenza di elementi tecnici, iconografici, stilistici
e talora epigrafici, una fattura egiziana e quindi un'importazione per via diretta (Naukratis
e Memfi) e solo in qualche caso un'imitazione molto aderente ai modelli originari. Gli
scarabei in pietra dura (diaspro verde, corniola, agata, alabastro, radice di lapislazzuli)
risultano invece di ambientazione occidentale, anche in considerazione del fatto che in
Egitto la produzione di tale genere si esaurisce.
La vasta distribuzione degli scarabei in diaspro verde scuro in Sardegna e in particolare a
Tharros, la documentazione iconografica in tale località più variata e ricca anche
quantitativamente rispetto a Cartagine, nonché l'individuazione di giacimenti di diaspro
nell'entroterra di Tharros (Monte Arci), già sfruttati nell'antichità, sono tutti elementi che
concomitantemente hanno rivelato quest'ultimo quale maggiore centro di produzione e
irradiazione nell'area sarda. Primario e unico, quindi, risulta il ruolo svolto dagli opifici di
Tharros attivi nel periodo compreso tra il VI e il III sec. a.C. e operanti anche con funzione
irradiante nei confronti di altri centri: Cartagine e Ibiza, che restano in posizione
secondaria e subordinata. Ai reperti che riproducono temi di antica tradizione fenicia e in
genere vicino-orientale, eseguiti nella migliore tradizione glittica fenicia, si affianca e si
sviluppa di seguito una produzione che, pur nella pluralità delle componenti espresse con
una variata gamma di tecniche (incisione lineare, drill-hole, «a globolo») e di moduli
stilistici diversi (per i quali si è individuata anche l'opera di maestri incisori di scuola
tirrenica), offre soluzioni autonome e originali di cultura figurativa punica.
Bibl.: J. Vercoutter, Les objets égyptiens et égyptisants du mobilier funéraire
carthaginois, Parigi 1945; W. Culican, The Iconography of Some Phoenician Seals and
Seals Impressions, in Australian Journal of Biblical Archaeology, I, 1968, pp. 35-50; J.
Boardman, Greek Gems and Finger Rings. Early Bronze Age to Late Classical, Londra
1970; E. Acquaro I sigilli, in E. Acquaro, S. Moscati, M. L. Uberti, Anecdota tharrica,
Roma 1975, pp. 51-69; S. F. Bondi, Gli scarabei di Monte Sirai, in Saggi Fenici, I, Roma
1975, pp. 73-98; G. Matthiae Scandone, Scarabei e scaraboidi egiziani ed egittizzanti del
Museo Nazionale di Cagliari, Roma 1975; E. Acquaro, Componenti etrusco-ioniche nella
glittica tharrense, in RStFen, IV, 1976, pp. 167-170; V. Karageorghis e altri, Fouilles de
Kition, II. Objects égyptiens et égyptisants, Nicosia 1976; E. Acquaro, Gli scarabei in
pietra dura, in E. Acquaro, S. Moscati, M. L. Uberti, La Collezione Biggio. Antichità
puniche a Sant'Antioco (Collezione di studi fenici, 9), Roma 1977, pp. 45-49; G.
Quattrocchi Pisano, Dieci scarabei da Tharros, in RStFen, VI, 1978, pp. 37-56; M. R.
Hestrin, M. Dayagi-Mendels, Inscribed Seals. First Temple Period. Hebrew, Ammonite,
Moabite Phoenician and Aramaic. From the Collections of the Israel Museum and the
Israel Department of Antiquities and Museums, Gerusalemme 1979; E. Acquaro, Note di
glittica punica 1-3, in OA, XXI, 1982, pp. 197-201; J. H. Fernandez, J. Padró, Escarabeos
del Museo Arqueológico de Ibiza, Madrid 1982; E. Acquaro, Note di glittica punica 4-5, in
AEsp, LVI, 1983, pp. 235-237; J. Boardman, Escarabeos de piedra procedentes de Ibiza,
Madrid 1984 (con bibl. prec.); P. Bordreuil, Catalogue de sceaux ouest-sémitiques inscrits
de la Bibliothèque Nationale, du Musée du Louvre et du Musée biblique de Bible et Terre
Sainte, Parigi 1986; E. Acquaro, Gli scarabei punici in pietra dura del Museo Nazionale
«G. A. Sanna» di Sassari, in RendLinc, XLII, 1987, pp. 227-252; J. Boardman, Greek,
Punic and Related Types, in R. D. Barnett, C. Mendleson (ed.), Tharros. A Catalogue of
Material in the British Museum from Phoenician and Other Tombs at Tharros, Sardinia,
Londra 1987, pp. 96-97; E. Gubel, «Syro-Cypriote» Cubical Stamps. The Phoenician
Connection, in Phoenicia and the East Mediterranean in the First Millennium B.C. (Studia
Phoenicia, V), Lovanio 1987, pp. 195-224 (con bibl. prec.); E. Gubel, Phoenician Seals in
the Allard Pierson Museum, Amsterdam (CGPH 3), in RStFen, XVI, 1988, pp. 145-163. -
Si vedano inoltre i volumi Antike Gemmen in Deutschen Sammlungen, I-IV, 1972-1975.
(G. Pisano)
Mesopotamia. - A partire dal VII millennio a.C. sono attestati stampi in argilla e in pietra,
rinvenuti in alcuni siti della Turchia (Çatal Hüyük, Hacılar, Çayönü), nell'Iraq nord-
orientale (Ğarmo), a Haǰǰi Firuz nell'Iran nordoccidentale, a Gerico e soprattutto in Siria
(Ras Šamra, Buqras, al-Kaum e Biblo). Utilizzati su pane, tessuti, cuoio o ceramica e
verisímilmente in origine affiancati da oggetti analoghi in materiali deperibili quali legno e
osso, presentano motivi geometrici, talvolta abbastanza elaborati, che attestano contatti a
lunga distanza anche fino all'Europa sud-orientale.
Le prime testimonianze dell'uso dei sigilli per scopi amministrativi risalgono al V miillennio
a.C. Nel sito di Arpačiya nell'Iraq settentrionale, in un livello appartenente alla cultura di
Ḥalaf, sono state rinvenute diverse cretule di argilla di forma affusolata, accuratamente
sagomate attorno ai nodi delle corde utilizzate per legare delle merci e impresse con piccoli
sigilli, alcuni dei quali a forma di mano, incisi con motivi lineari. Il rinvenimento negli stessi
livelli di amuleti di pietra di forma simile con fori di sospensione, dimostra che erano questi
gli oggetti usati per sigillare, e illustra lo stretto rapporto che esisteva nel Vicino Oriente
fra sigillo e amuleto. Come gli amuleti assicuravano a chi li indossava una protezione
personale, così i sigilli erano posti a protezione di merci, documenti legali e transazioni.
Successivamente i sigilli passarono a proteggere il loro proprietario, e il loro uso viene
specificato in testi medici del II e I millennio a.C. Alcune pietre incise potevano essere
utilizzate come sigilli sebbene fossero originariamente degli amuleti. Appartengono a
questa categoria i sigilli a stampo a forma di timpano che portano rappresentazioni di
animali, diffusi tra la Turchia centrale e la Siria settentrionale durante il IV millennio a.C.
Così sono anche i numerosissimi amuleti a forma di animale e i sigilli-amuleto emisferici, a
forma di tavoletta e a forma di rene della fine del IV millennio, spesso con semplici motivi
eseguiti col trapano, rinvenuti in tutta la Mesopotamia, a volte sepolti a protezione delle
fondazioni dei templi come a Tell Brak in Siria ma dei quali non si conoscono impronte.
Dalle sue origini ad Arpačya, l'uso di sigilli a stampo si diffuse nel corso dei duemila anni
successivi. Le rappresentazioni si fecero più elaborate con una preferenza per le
raffigurazioni di animali e di uomini impegnati nella caccia, nel sesso e nel culto. I gruppi
più numerosi di sigilli e di impronte sono stati rinvenuti a Değirmentepe nella Turchia
centro-orientale, a Tepe Gawra nell'Iraq settentrionale e a Susa nell'Iran sud-occidentale.
I materiali divennero sempre più varí, comprendendo persino il lapislazzuli afghano. I
sigilli, generalmente tondi o quadrati, presentavano dei fori di sospensione e spesso una
presa o un pomello per facilitarne l'uso.
L'invenzione del sigillo cilindrico segna il declino dei sigilli a stampo: questi continuarono a
essere utilizzati fra le culture prive di scrittura o da popolazioni che scrivevano su materiali
deperibili come il cuoio, fatto questo che rende difficile la loro datazione. Lo stampo
divenne il principale tipo di sigillo nel Golfo Persico e nella Valle dell'Indo tra la fine del III
e l'inizio del II millennio a.C.
Il sigillo cilindrico si diffuse subito dopo il 3500 a.C. a Uruk, nella bassa Mesopotamia, e a
Susa, nell'Iran sud-occidentale, usato per impronte su documenti d'argilla. La dimensione
ideale di un cilindro è c.a 2/2,5 cm di altezza e 1/1,5 cm di diametro; in certi periodi
vennero preferite pietre di maggiore o minore grandezza, per le quali tuttavia mancano
testimonianze di un vero uso come sigillo. Generalmente i sigilli erano di pietra, il cui tipo
variava a seconda della moda, della disponibilità e delle capacità tecniche, con una tendenza
generale a passare dalle pietre morbide a quelle dure. Per millenni i sigilli furono lavorati
con attrezzi di selce o rame, ma l'elemento principale fu sempre un buon abrasivo, quale lo
smeriglio di Nasso nell'Egeo o della costa dell'India occidentale. Non ci sono testimonianze
sull'uso di sistemi per ingrandire l'immagine durante la lavorazione, ma è possibile che ci si
servisse di artigiani miopi, poiché la miopia rende possibile mettere a fuoco un oggetto a
distanza ravvicinata e quindi ingrandito. E poiché la miopia è ereditaria, è possibile che
l'arte si tramandasse di padre in figlio.
I sigilli più antichi erano di grandi dimensioni, in genere intagliati in pietre morbide con
strumenti tenuti in mano, o forse anche in materiali deperibili, poiché di molte impronte
non si conoscono i sigilli corrispondenti. Alcuni non sono perforati e presentano un pomello
sulla cima, spesso dalla forma animale, che poteva essere scolpito nella stessa pietra del
sigillo oppure fatto con una pietra differente o con il rame e quindi applicato. Alcuni sigilli
venivano perforati longitudinalmente, procedimento che diventerà poi la norma.
I motivi principali dei sigilli dell'età di Uruk erano costituiti da file di animali e da scene in
cui una figura, tradizionalmente intesa come il «re-sacerdote», svolge le sue funzioni di
capo secolare e religioso. Egli compare barbato, con capelli lunghi tenuti sulla fronte da una
spessa fascia e indossa una gonna a rete; nutre le greggi del tempio, sottomette i
prigionieri, viaggia su imbarcazioni cerimoniali e sta di fronte ad altari sostenuti da tori.
Alcune impronte di sigillo sono basate su variazioni di motivi di serpenti e uccelli intrecciati.
I primi sigilli cilindrici vennero impressi su sfere di argilla contenenti «gettoni» (tokens)
che rappresentavano l'ammontare della merce spedita e che in caso di contestazioni
potevano essere contati rompendo l'involucro; questo tipo di documento è conosciuto
soprattutto a Susa. A Uruk i sigilli venivano rotolati su tavolette d'argilla iscritte con i
precedessori pittografici della scrittura cuneiforme. Quest'ultima divenne il principale
veicolo di trasmissione del sigillo cilindrico: dove veniva usata la prima veniva
conseguentemente adottato il secondo. In certi casi culture che usavano prevalentemente i
sigilli a stampo adottarono la scrittura cuneiforme sviluppando un ibrido, lo stampo
cilindrico: si tratta di un cilindro privo di foro che presenta un disegno inciso anche alla sua
base e che poteva essere utilizzato nello stesso tempo come sigillo a stampo.
Questi stampi cilindrici furono adottati dagli Ittiti e dagli Urartei. La recente scoperta di
stampi cilindrici in Asia centrale comporta importanti implicazioni per quanto concerne la
diffusione del commercio mesopotamico nel corso del II millennio a.C.
Impronte di sigilli cilindrici con lo stile di Uruk sono stati rinvenuti lungo l'Eufrate in Siria e
Turchia (Habùba Rabira e Malatya) e verso E in Iran (Susa).
Un altro tipo di sigillo è conosciuto più da esempi reali che da impronte e verisímilmente
restò in uso piuttosto a lungo. Conosciuto tradizionalmente come il tipo di Ğemdet Naṣr,
presenta un'altezza e un diametro di c.a 2 cm; di pietra calcarea colorata, spesso rossa o
rosa, è lavorato a trapano, con fregi di donne con la treccia che lavorano vasi, tessono
oppure compiono cerimonie. Esempi provengono soprattutto dall'Iran, dalla Mesopotamia
e dalla Siria, influenzando anche l'Egitto, che adottò il sigillo a cilindro alla fine del IV
millennio a.C. utilizzandolo per più di mille anni.
Lo stile di Ğemdet Naṣr, che usava il trapano assieme alla lima, si mantenne per i grandi
sigilli di calcare della regione del Diyāla; greggi presso edifici templari costituivano il
soggetto principale. Il Diyāla divenne parte della rete commerciale che univa Susa alla Siria
passando per la bassa Mesopotamia. Uno stile internazionale, alle volte definito
Pedemontano o Ninivita 5, è attestato nei siti dislocati lungo questa direttrice. Sono
caratteristici i motivi a scala, cerchi tratteggiati e archi. Accanto a questi vi erano molti stili
locali fra i quali il più caratteristico è quello proto-elamita, in cui gli animali assumono un
comportamento umano venendo rappresentati nell'atto di banchettare o suonare
strumenti musicali. Un altro stile è quello «a broccato», nel Diyāla, con motivi lineari di
animali intrecciati su sigilli alti e sottili.
Durante il periodo proto-dinastico, a partire dal 2750 a.C., si svilupparono una serie di
motivi più elaborati, tra cui scene di culto in cui compaiono esseri umani, che spesso
prendono parte a banchetti. Intorno al 2600 a.C. le scene di banchetto avevano raggiunto
un pieno sviluppo e i partecipanti, a volte accompagnati da musicisti, vengono
rappresentati nell'atto di bere da una giara facendo uso di canne o da coppe tenute in
mano. Spesso queste scene sono distribuite su due registri. Una seconda scena molto
frequente, talvolta in combinazione con la prima, è quella del combattimento fra animali.
Qui un eroe viene rappresentato nell'atto di proteggere le specie addomesticate dall'attacco
di leoni o, occasionalmente, di leopardi. Entrambe le scene continuarono a essere diffuse
anche più tardi nell'area vicino-orientale, soprattutto in Mesopotamia.
Tra il 2340 e il 2200 a.C. l'arte dell'intaglio del sigillo raggiunse il massimo dell'eccellenza
all'interno delle officine reali della dinastia accadica. I fregi con combattimenti di animali ed
eroi vennero semplificati alla fine del periodo accadico, quando due coppie di contendenti di
pari valore incorniciano un'iscrizione. Le scene di banchetto furono sostituite da una scena
di presentazione in cui il proprietario del sigillo viene condotto da una divinità minore al
cospetto di una divinità seduta. Spesso tali scene vengono combinate con rappresentazioni
mitologiche e combattimenti fra divinità. Le divinità si identificano per il copricapo a corna
e per i loro attributi caratteristici che sono spesso l'espressione della loro duplice natura
sumerica e accadica: un coltello seghettato per il dio solare Utu/Šamaš, utilizzato per
aprirsi la strada attraverso le montagne dell'Est; ali, armi che si levano dalle spalle e un
grappolo di datteri per Inanna/Ištar, nella quale confluiscono elementi della fertilità e della
guerra; rivoli d'acque e pesci per il dio Enki/Ea, spesso accompagnato dal suo assistente
bifronte e dall'uccello Zu che ha sottratto le Tavole del Destino. I sigilli sono grandi, spesso
dai lati concavi, e fatti di materiali diversi, il più delle volte serpentina ma anche pietre
verdi o quarzi duri (diaspro rosso e bianco, diaspro verde, cristallo di rocca).
Durante la successiva rinascita neo-sumerica, il re Šulgi (2094-2047 a.C.) riorganizzò
l'amministrazione. Si sono conservate migliaia di tavolette amministrative con impronte di
sigilli che i funzionari cambiavano regolarmente ogni qual volta avanzavano nella gerarchia.
La elorite, che rimpiazzò la serpentina, divenne il materiale dominante. La gamma delle
rappresentazioni si restrinse a scene di combattimento con tre personaggi (generalmente
una figura umana attaccata da due leoni) e alle scene di presentazione. Spesso una lunga
iscrizione, in forma di preghiera, forniva i nomi del re e dei funzionari rappresentati.
Meno di mezzo secolo dopo la morte di Šulgi, la III dinastia di Ur crollò, seguita da un
secolo oscuro. A partire dal 1900 a.C. mercanti provenienti da Assur si insediarono nella
Turchia centrale, mentre Babilonia, Sippar, Mari e Karkemiš sull'Eufrate erano parte di
una fittissima rete commerciale; Ešnuna, sulla via che porta all'Iran, divenne attiva nella
rinata direttrice Susa-Siria.
I sigilli del periodo paleo-babilonese (1900-1600 a.C.) presentano dapprima uno sviluppo
delle rappresentazioni utilizzate durante la III dinastia di Ur. Divenne popolare il dio della
tempesta Adad, soprattutto in Siria e Turchia. Nelle scene di combattimento i leoni
aggressori vengono affiancati dai grifoni con uomini inginocchiati e capridi accucciati a far
da vittime.
Sebbene i motivi rimanessero gli stessi, la loro esecuzione variava da area ad area. A
Babilonia compare generalmente un'iscrizione su tre righe e spesso vengono aggiunti
simboli divini. In Iran le corna del copricapo divino sono divergenti, gli adoranti hanno
capelli rigonfi e le figure spesso atteggiano le loro braccia in una maniera caratteristica. In
Siria il sovrano porta un grande copricapo ovale e un abito dagli spessi bordi mentre la dea
veste sovente un abito similare con una tiara di forma cilindrica con corna; i motivi di
riempimento provengono spesso dal repertorio egiziano. In Turchia gli abiti dei personaggi
e dei molti animali, oltre alle teste che riempiono lo sfondo, sono incisi e modellati in modo
elaborato. In tutta l'area l'ematite costituiva il materiale più comunemente usato e i sigilli
avevano le dimensioni ideali per il loro uso.
Tra il 1600 c.a e il 1450 vi sono poche testimonianze di sviluppi nella glittica. La scoperta di
un sistema rapido e poco costoso nella fabbricazione di sigilli cilindrici di pasta vitrea
(faïence) portò verso una produzione in massa di vaghi e sigilli invetriati che vennero
commercializzati in tutto il Vicino Oriente, ma in special modo si diffusero nell'impero
mitannico, nella Siria settentrionale. Figure umane e animali venivano spesso disposti ai
due lati di un albero terminante con dei globuli. In contrasto con questa tendenza,
diventarono popolari i sigilli dei periodi più antichi e si diffusero tipi di pietra dura, spesso
conglomerati di quarzo. I motivi della Babilonia cassita erano tratti dal repertorio paleo-
babilonese presentando una lunga iscrizione, di frequente una preghiera, oppure
trattavano soggetti mitici. Le splendide rappresentazioni dei sigilli medioassiri mostrano
lotte di demoni e mostri oppure animali che saltano verso un albero. L'uso dei sigilli
cilindrici si diffuse fino a Cipro dove gli esempi più raffinati, di ematite, mostrano
personaggi dalla testa animale nell'atto di afferrare animali. Anche l'area egea adottò
occasionalmente il sigillo a cilindro, producendo pregevoli stili ibridi quali quello cipro-
mitannico e quello cipro-minoico.
Dopo un periodo di decadenza tra il 1200 e l'inizio del I millennio a.C., in Mesopotamia il
sigillo cilindrico conobbe una nuova fortuna, probabilmente per influenza siriana, poiché
divennero popolari motivi egittizzanti, come il disco solare alato. Si usavano molti materiali
diversi dai quali dipendevano gli stili dell'intaglio del sigillo. La serpentina, ben conosciuta
sin dall'età accadica, servì per realizzare sigilli in stile lineare raffiguranti sovrani assiri
seduti o stanti coi loro attendenti di fronte a una tavola per offerte, oppure animali e mostri
che si inseguono vicendevolmente. Quest'ultimo soggetto compare anche su sigilli di pietra
dura, spesso corniola; tuttavia il trapano e la lima usati per intagliarli portarono a uno stile
più affrettato ma meno statico. Sebbene sia difficile determinare gli stili regionali e
stabilirne le cronologie, è probabile che molti di questi sigilli in cut-style fossero babilonesi.
La datazione dei sigilli della prima metà del I millennio a.C. è resa difficile dal fatto che
pochi di essi portano iscrizioni. C'è però un piccolo gruppo di calcedoni e corniole lavorati
con trapano e lima, collocabili intorno all'8oo a.C., raffiguranti funzionari assiri di fronte a
divinità. I contemporanei sigilli babilonesi erano di migliore qualità. Si preferiva la
rappresentazione di eroi divini dalle spade ricurve che protendono una gamba al momento
di attaccare un animale o un mostro. Dalla fine dell'VIII sec. tuttavia gli stili di Assiria e
Babilonia si fusero rappresentando geni, molte volte alati, mentre afferrano animali ai loro
lati.
Questo motivo fu adottato in Iran dagli Achemenidi all'inizio del V sec. a.C., quando
crearono uno stile imperiale in cui un eroe regale viene posto tra animali e mostri, spesso
sotto un egittizzante disco solare alato. I raffinati sigilli di calcedonio, corniola e agata
rappresentano comunque il canto del cigno del sigillo cilindrico; tranne l'amministrazione
reale, la maggior parte degli abitanti del vasto impero achemenide tornò a utilizzare ancora
una volta i sigilli a stampo.
Sebbene finora manchino esempi concreti, a partire dal IX sec. l'amministrazione assira
aveva già adottato come sigillo regale uno stampo che raffigurava il sovrano nell'atto di
afferrare un leone. Molti di questi sigilli, noti dalle loro impronte, variano
considerevolmente nelle dimensioni e sono circondati da incorniciature differenti. Questo
motivo venne adottato anche dai Persiani per sigilli conoidali di calcedonio, lapislazzuli e
vetro. I Babilonesi usavano di frequente forme piramidali dall'impronta ottagonale e incisi,
spesso in modo véramente affrettato, con un sacerdote davanti a simboli divini o a un
altare: lo stesso soggetto era reso in modo più raffinato sui sigilli a cilindro, e continuò a
essere in uso sino all'inizio del V sec. a.C. Durante il V sec. a.C. i Persiani entrarono in
contatto con i Greci e si servirono di artigiani ionici per le loro realizzazioni edilizie. I motivi
arcaici, classici ed ellenistici ebbero un impatto duraturo nella g. vicino orientale, ma anche
lo stesso Oriente fu in ispiratore dell'arte greca.
Bibl.: H. Frankfort, Cylinder Seals. A Documentary Essay on the Art and Religion of the
Ancient Near East, Londra 1939; E. Porada, Corpus of Near Eastern Seals in North
American Collections. I, The Pierpoint Morgan Library Collection (The Bollingen Series,
14), Washington 1948; H. Frankfort, Stratified Cylinder Seals from the Diyala Region,
Chicago 1955; O. E. Ravn, A Catalogue of Oriental Cylinder Seals and Impressions in the
Danish National Museum, Copenaghen 1960; P. Amiet, La glyptique mésopotamienne
archaïque, Parigi 1961; R. M. Boehmer, Die Entwicklung der Glyptik während der
Akkad-Zeit, Berlino 1965; N. Özgüç, The Anatolian Group of Cylinder Seal Impressions
form Kiiltepe, Ankara 1965; A. Moortgat, Vorderasiatische Rollsiegel. Ein Beitrag zur
Geschichte der Steinschneidekunst, Berlino 1966; Β. Buchanan, Catalogue of the Ancient
Near Eastern Seals in the Ashmolean Museum, I. Cylinder Seal, Oxford 1966; M.-L.
Vollenweider, Catalogue raisonné des sceaux, cylindres et intailles, I, Ginevra 1967 e III,
Ginevra 1983; Β. Buchanan, Early Near Eastern Seals in the Yale Babylonian Collection,
New Haven-Londra 1970; E. Porada, Tchoga Zanbil, IV. La glyptique (MDAFI, XLII),
Parigi 1970; V. E. Kenna, Catalogue of the Cypriote Seals of the Bronze Age in the British
Museum, Göteborg 1971; H. Limet, Les légendes des sceaux cassites, Bruxelles 1971; P.
Amiet, Glyptique susienne (MDAFI, XLIII), Parigi 1972; D. Collon, The Seal Impressions
from Tell Atchana/Alalakh, Neukirchen-Vluyn 1975; E. Williams-Forte, Ancient Near
Eastern Seals - A Selection of Stamp and Cylinder Seals from the Collection of Mrs.
William H. Moore, Metropolitan Museum of Art, New York 1976; M. Gibson, R. D. Biggs
(ed.), Seals and Sealing in the Ancient Near East, Malibu 1977; A. Ben Tor, Cylinder Seals
of Third-Millennium Palestine, Cambridge (Mass.) 1978; Ö. Tunca, Catalogue des sceaux-
cylindres du Musée d'Adana, Malibu 1979; P. Amiet, La glyptique mésopotamienne
archaïque, Parigi 19802 ; H. Kühne e altri, Das Rollsiegel in Syrien, Tubinga 1980; E.
Porada (ed.), Ancient Art in Seals, Princeton 1980; id., The Cylinder Seals Found at
Thebes in Boeotia, in AfO, XXVIII, 1981, pp. 1-78; D. Collon, Catalogue of the Western
Asiatic Seals in the British Museum - Cylinder Seals, II. Akkadian -Post Akkadian- Ur
III Period, Londra 1982; ead., The Alalakh Cylinder Seals. A New Catalogue of the
Actual Seals Excavated by Sir Leonard Woolley at Tell Atchana, and from Neighbouring
Sites on the Syrian-Turkish Border, Oxford 1982; S. A. Rashid, H. A. Ali-Huri, The
Akkadian Seals of the Iraq Museum, Baghdad 1982; L. Gorelick, E. Williams-Forte,
Ancient Seals and the Bible, Malibu 1983; B. Buchanan, Catalogue of Ancient Near
Eastern Seals in the Ashmolean Museum, II. The Prehistoric Stamp Seals, Oxford 1984;
B. Teissier, Ancient Near Eastern Cylinder Seals from the Marcopoli Collection, Berkeley
1984; D. Collon, Catalogue of the Western Asiatic Seals in the British Museum Cylinder
Seals, III. Isin/Larsa and Old Babylonian Periods, Londra 1986; ead., First Impressions.
Cylinder Seals in the Ancient Near East, Londra 1987 (con bibl.); B. Buchanan, P. R. S.
Moorey, Catalogue of Ancient Near Eastern Seals in the Ashmolean Museum, III. The
Iron Age Stamps Seals, c. 1200-350 B.C., Oxford 1988; D. Matthews, Principles of
Composition in Near Eastern Glyptic of the Later Second Millennium B. C. (Orbis
Biblicum et Orientalis, Series Archaeologica 8), Friburgo 1990; Α. von Wickede,
Prähistorische Stempelglyptik in Vorderasien (diss.), Monaco 1990; M. Rashad, Die
Entwicklung der vorund frühgeschichtlichen Stempelsiegel in Iran (AMI, Suppl. 13),
Berlino 1990.
(D. Collon)
Iran storico. - Se i sigilli cilindrici prodotti nei territori dell'impero achemenide
rappresentano un capitolo della g. mesopotamica (v. paragrafo precedente), con i gruppi di
gemme dette «greco-persiane» ci troviamo di fronte a una produzione originale di sigilli a
stampo, legata all'incontro su terra achemenide tra la g. ellenistica delle regioni dell'Oriente
(gemme greco-orientali) e le visioni stilistiche del mondo iranico. Classificata in modo
esauriente da J. Boardman, la g. greco-persiana si caratterizza per la grande diffusione di
pietre di forma scaraboide e, soprattutto, per l'uso comune di tecniche di incisione «a
globolo», che costruiscono la figura con elementi incisi globulari privi di rifinitura. Officine
«greco-persiane» sembrano essere state presenti su tutto il territorio achemenide, fino al
Nord-Ovest dell'India, per tutto il IV e parte del III sec. a.C.
La conquista macedone e la successiva dominazione seleucide non portarono solo
all'affermazione definitiva dei sigilli a stampo e delle gemme da anello, ma a una vasta
diffusione delle iconografie e degli stili dell'ellenismo, particolarmente evidente in centri di
cultura ellenistica quali Seleucia sul Tigri. Nonostante l'ampio margine di oscillazione nella
datazione dei sigilli di tutta la regione (come in genere di tutti i sigilli), non è da escludere
che la migrazione verso Oriente di motivi e forme ellenistiche, in ambito sfragistico, possa
in qualche caso risalire a quest'epoca.
La g. del periodo partico è mal nota, perché molto spesso confusa con quella, ampiamente
documentata, del periodo sasanide. Di particolare interesse sono le gemme rinvenute a
Merv (Margiana), dove nel I-II sec. d.C. troviamo rappresentati motivi di tradizione
occidentale quali la Nike o Eracle accanto a motivi iranici ben attestati poi in ambito
sasanide, quale p.es. la fiera che assale la preda. Un quadro simile è offerto dalle cretule
rinvenute a Nisa Vecchia, datate alla fine del li-inizi del III sec. d.C., con impronte di sigilli
più antichi. La produzione glittica partica successiva all'inizio dell'era cristiana si svolse in
modo indipendente dall'influsso ellenistico, di pari passo con la diffusione dei sigilli in strati
sociali più ampi; interessante a riguardo è la documentazione offerta dalle cretule
recentemente portate alla luce a Göböklï (Margiana).
Nel periodo sasanide tale diffusione raggiunse il suo apice, come testimoniano le migliaia di
sigilli in pietra conservati in musei e collezioni private di tutto il mondo. Meglio nota grazie
all'interesse da parte degli studiosi già a partire dalla fine del secolo scorso, la produzione
glittica sasanide trova un utile raffronto nei diversi gruppi unitari di cretule (bullae)
rinvenuti a Qasr-e Abu Nasr, Takht-e Soleymān e in altri siti.
Non ancora inquadrata con certezza nella sua cronologia (dal III al VII sec. d.C.), la g.
sasanide presenta un'ampia varietà di temi: ritratti convenzionali, raffigurazioni di divinità,
animali, piante, simboli e monogrammi. Di particolare pregio sono i sigilli con ritratti reali,
prodotti in officine in cui la tradizione ellenistica non era stata del tutto dimenticata. Spesso
i motivi figurati sono accompagnati da brevi iscrizioni mediopersiane, di carattere augurale
o dedicatorio. Molti dei soggetti avevano verosimilmente un significato simbolico e
augurale, connesso alle proprietà magiche delle pietre utilizzate. Le diverse forme
stilistiche sono state riassunte da C. J. Brunner nei seguenti gruppi, distinti sulla base del
rendimento delle figure, progressivamente semplificate e schematizzate: a) naturalistico;
b) convenzionale; c) semplificato; d) scontornato; e) graffiato.
Bibl.: Ph. Ackermann, Sāsānian Seals, in A. U. Pope (ed.), Survey of Persian Art, I,
Londra 1938, pp. 784-815; M. E. Masson, G. A. Pugačenkova, Ottiski parfjanskikh pečatej
iz Nisy («Impronte di sigilli partici da Nisa»), in VesDrevIstor, 1954, pp. 159-169; A. Ja.
Borisov, V. G. Lukonin, Sasanidskie gemmy. Katalog sobranija Gosudarstvennogo
Ermitaža («Le gemme sasanidi. Catalogo della collezione dell'Ermitage»), Leningrado
1962; G. A. Pugačenkova, Mervskie gemmy-intalii («Gemme incise da Merv»), in
TJuTAKE, XII, Aškhabad 1963, pp. 201-211; A. D. H. Bivar, Catalogue of the Western
Asiatic Seals in the British Museum. Stamp Seals, II: the Sassanian Dynasty, Londra
1969; J. Boardman, Greek Gems and Finger Rings. Early Bronze Age to Late Classical,
Londra 1970; R. Gobi, Die sasanidischen Tonbullen vom Takht-i-Suleiman und die
Probleme der Sphragistik, in ActaAntHung, XIX, 1971, pp. 95-112; id., Der sasanidische
Siegelkanon, Brunswick 1973; R. N. Frye (ed.), Sasanian Remains from Qasr-i Abu Nasr,
Cambridge (Mass.) 1973; J.. Boardman, Greek and Persian Glyptic in Anatolia and
beyond, in RA, 1976, pp. 45-54; C. j. Brunner, Sasanian Stamp Seals in the Metropolitan
Museum of Art, New York 1978; Ph. Gignoux, R. Gyselen, Catalogue des sceaux, camées
et bulles sassanides de la Bibliothèque Nationale et du Musée du Louvre. II. Les sceaux et
bulles inscrits, Parigi 1978; iid., Sceaux sasanides de diverses collections privées, Lovanio
1982; P. Zazoff, Die antike Gemmen (HdArch, IV), Monaco 1983, pp. 163-192, 363-373;
Ph. Gignoux, Les bulles sasanides de Qasr-i Abu Nasr (Collection du Metropolitan
Museum of Art), in Acta Iranica, X, Leida 1985, pp. 195-215; Ph. Gignoux, R. Gyselen,
Bulles et sceaux sassanides de diverses collections (Studia Iranica, Cahier 4), Parigi 1987;
iid., Sceaux de femmes â l'époque Sassanide, in Archaeologia Iranica et Orientalis.
Miscellanea in honorem L. Vanden Berghe, I, Gand 1989, pp. 877-896; A. D. H. Bivar,
Glyptica Iranica, in Bulletin of the Asia Institute, n.s., IV, 1990, pp. 191-199; P. Callieri,
La glittica greco-persiana nelle regioni orientali dell'impero achemenide, in Studi di
Egittologia e di Antichità Puniche, XI, 1992, pp. 63-76.
(P. Callieri)
Asia centrale. - La conoscenza della g. di età storica delle regioni centroasiatiche è legata
alle diverse vicende degli studi archeologici nelle due aree ex-sovietica e cinese. Nella
prima, comprendente oltre alla Partia e alla Margiana, la Chorasmia, la Battriana
settentrionale, la Sogdiana e le aree più a oriente (Ferghana, Semireč'e), le estese ricerche
condotte dagli archeologi sovietici hanno portato alla luce nuovi materiali che si sono
aggiunti a quanto già raccolto nei musei dall'opera di studiosi e collezionisti del secolo scorso
e dei primi anni di questo, quali N. F. Petrovskij e B. N. Kastalskij. Mancano però
monografie specifiche sugli stili e la cronologia della g. di produzione locale, mentre
interesse maggiore hanno destato i sigilli di ispirazione ellenistica o di importazione dal
bacino del Mediterraneo. Una particolare classe di sigilli in pietra, attestata anche nel
Gandhāra e nell'India settentrionale, è quella riconducibile al mondo delle genti
centroasiatiche che dalla fine del IV al VI sec. d.C. dominarono anche sulle regioni nord-
occidentali e settentrionali del subcontinente indiano (Hūṇa): su questi sigilli troviamo
ritratti convenzionali e iscrizioni in scrittura battriana o in brāhmī (una delle scritture
sillabiche utilizzate nell'India antica per trascrivere le lingue pracrite). A un'epoca
compresa tra la fine del VII e gli inizi dell'VIII sec. d.C. risalgono le cretule con impronte di
sigilli ritrattistici, rinvenute assieme a documenti scritti nel castello sul Monte Mug in
Sogdiana.
Per il bacino del Tarim (Xinjiang cinese) la scarsità di nuove informazioni sulla g. delle
antiche città carovaniere è compensata dall'abbondante documentazione raccolta dalle
spedizioni condotte dagli archeologi occidentali tra la fine del secolo scorso e gli anni della
prima guerra mondiale. La produzione di sigilli locali comprende, oltre agli oggetti in pietra,
anche quelli in metallo, osso e vetro, e presenta le caratteristiche proprie di una regione
aperta alle sollecitazioni culturali delle diverse genti che la popolavano e delle aree
limitrofe. Nella grande varietà di forme prevalgono i sigilli circolari e quelli a losanga,
frequentemente con presa sul retro. I motivi raffigurati sono decorativi o figurati; tra
questi ultimi, i temi animalistici mostrano il peso dell'elemento nomadico, mentre nelle
rappresentazioni di figure umane sono riconoscibili influenze iraniche ed ellenistiche. I
sigilli di tipo ellenistico, rinvenuti soprattutto a Niya e Khotan, ci mostrano iconografie quali
Atena, Eros, Zeus, Eracle, in una resa stilistica naturalistica che sembra indicare l'attività di
incisori occidentali emigrati (attestata, sembra, nel Gandhāra) o l'importazione delle
gemme già lavorate. Sicuramente importati sono i numerosi sigilli cinesi, di forma quadrata
o rettangolare, con ideogrammi. Lo studio dei sigilli è completato da quello delle loro
impronte sulle cretule di argilla cruda che sigillavano documenti o recipienti, conservate in
gran numero dal clima secco.
Bibl.: M. A. Stein, Ruins of Desert Cathay, Londra 1912; F. H. Andrews, Descriptive
Catalogue of Antiquities Recovered by Sir Aurel Stein ... Central Asian Antiquities
Museum, Nuova Delhi 1935; B. Staviskij, Notes on Gem-Seals with Kushäna Cursive
Inscriptions in the Collections of the State Hermitage, in JNSI, XXII, 1960, pp. 102-108;
N. V. D'jakonova, «Sakskie» pečati iz Serindii («Sigilli «Saka» dalla Serindia»), in
VesDrevIstor, 1962, p. 175 ss.; G. A. Pugačenkova, Reznye kamni antičnoj pory ν Muzee
Istorii Uzbekistana («Gemme incise di epoca classica nel Museo di Storia
dell'Uzbekistan»), in Trudy Taškentskogo Gosudarstvennogo Universiteta, 200, 1963, p.
69 ss.; M. Maillard, in L'Asie Centrale, histoire et civilisation, Parigi 1977, p. 71 ss.; L. M.
Levina, A. B. Nikitin, Ob odnof gruppe iranskikh reznykh kamnej iz vostočnogo Priaral'ja
(«Su un gruppo di gemme incise iraniche dalla regione a E dell'Arai»), in VesDrevIstor,
1991, 4, pp. 53-65.
(P. Callieri)
Afghanistan e Nord-Ovest dell'India. - Il carattere prevalentemente antiquario delle
maggiori raccolte di sigilli e la mancanza di rinvenimenti quantitativamente significativi di
impronte su argilla di provenienza stratigrafica non hanno impedito lo studio della g. (e in
genere di tutta la sfragistica) in questa ampia regione di confine tra l'altopiano iranico e le
pianure indiane, in cui la fenomenologia artistica vede nella scultura c.d. del Gandhāra il
principale punto di indagine. Per il fitto succedersi di dominazioni straniere e per il
fondamentale ruolo tenuto dal commercio nell'economia regionale, la g. dell'Afghanistan e
del Nord-Ovest dell'India ci appare estremamente eterogenea, con numerosi gruppi di
sigilli prodotti localmente e altrettanti importati da aree esterne. Nel periodo storico le
testimonianze più antiche risalgono al IV e III sec. a.C., quando la produzione più diffusa
era quella «greco-persiana» (forse in parte di produzione locale), affiancata da sigilli di
forma piramidale di tradizione locale. Per il periodo indogreco (II sec. a.C.) mancano sigilli
di attribuzione certa, anche se alcune gemme con iconografie ellenistiche, verisímilmente
prodotte sul posto, potrebbero risalire a quest'epoca. L'attribuzione al periodo indo-greco
di tre sigilli iscritti dovuti a tradizioni artigianali diverse proposta su base paleografica da
G. Fussman rappresenterebbe, qualora le iscrizioni fossero senz'altro contemporanee ai
soggetti raffigurati sui sigilli, una testimonianza interessante della g. del periodo, in cui
coesisterebbero sigilli ellenistici, sigilli di tradizione locale privi di influsso ellenistico sia
nell'iconografia sia nella tecnica esecutiva e sigilli «greco-persiani». Di particolare interesse
sarebbe la conferma dell'ipotesi che alcune officine «greco-persiane» avevano continuato a
operare nel Nord-Ovest anche nel II sec. a.C.
È con il I sec. d.C. e in particolare con il gruppo dei granati rinvenuti in un contesto
stratigrafico di età pertica nell'abitato di Sirkap a Taxila che appare meglio documentata
una produzione glittica locale di tradizione occidentale, che ripete in un linguaggio
ellenistico iconografie classiche già presenti sulla monetazione indo-greca; l'utilizzazione di
pietre indiane, in forme che nella g. del Mediterraneo sono piuttosto rare, e lievi varianti
iconografiche suggeriscono l'origine locale di questi sigilli, che sono affiancati dalla graduale
diffusione di gemme romane importate, che prosegue anche in età kuṣāṇa. Di grande
interesse, ma purtroppo di irresolvibile problematicità, sono le gemme romane con
iscrizioni kharoṣṭhī (la scrittura sillabica utilizzata nel Nord-Ovest per la lingua pracrita),
dove è spesso impossibile accertare se l'iscrizione sia stata aggiunta a una gemma
importata o se invece rappresenti una testimonianza inconfutabile della produzione locale.
Oltre all'evidenza stratigrafica di Taxila, è l'adesione non solo tecnico-stilistica, ma anche
iconografica, ai modelli occidentali a far proporre di datare al I sec. d.C. l'insieme dei sigilli
del Nord-Ovest di questo gruppo. A Sirkap quest'epoca è ricchissima di prodotti ellenistici,
ed è ipotizzabile che, per la richiesta dei sovrani partici, nel Nord-Ovest sia arrivato un
primo gruppo di incisori occidentali.
Ancora l'evidenza stratigrafica di Sirkap (in negativo) e i confronti con la monetazione
kuṣāṇa e con la g. romana del II-III sec. d.C. permettono di collocare in questo periodo il
più numeroso gruppo di sigilli del Nord-Ovest, che P. Callieri propone di denominare «delle
divinità tutelari gandhariche». È una produzione in cui è chiara la dipendenza tecnico-
stilistica dai modelli romani, che sembra giustificarsi solo con la presenza diretta di un
secondo gruppo di artigiani emigrati: le iconografie però, pur derivando dai tipi occidentali,
sono ormai originali, espressione della religiosità locale. È una produzione parallela a quella
numismatica, con reciproche influenze, dove però l'ampio pantheon kuṣāṇa si restringe a
poche diverse forme di divinità affini tra loro, con popolarità locale (e una minima
importanza del buddhismo). Le forme preferite sono le gemme di tipo scaraboide, forate, e
quelle ovali convesse da castone, con una predilezione per calcedoni e granati. Questo
gruppo rappresenta la quasi totalità della produzione glittica del Nord-Ovest di età kuṣāṇa,
assieme a un altro gruppo di minore consistenza numerica di sigilli legati più
specificamente a un ambiente di corte kuṣāṇa.
Con la fine dei Kuṣāṇa e l'arrivo dei Sasanidi verisímilmente iniziò il flusso di sigilli sasanidi,
abbondantemente documentati nella regione. La g. locale post- kuṣāṇa risente di questa
presenza sasanide, anche se pochi sono i sigilli con iconografie legate specificamente ai
Kušānšāhān, i principi sasanidi che governavano la regione. Con i c.d. Kidariti e gli Eftaliti in
tutta l'ampia regione compresa tra l'Asia centrale e l'India settentrionale (v. paragrafo
precedente), compaiono classi ben definite di sigilli ritrattistici, quasi tutti di forma ovale
convessa, con una prevalenza di granati e cristallo di rocca, disposte in sequenza dalla fine
del IV al VI sec. d.C. Se questi materiali mostrano una componente sasanide, che di pari
passo con l'emancipazione politica si fa progressivamente più flebile, altri sigilli del Nord-
Ovest post- kuṣāṇa oltre all'influsso sasanide manifestano il peso notevole dell'arte indiana
di epoca gupta. L'arte gupta, che ha prodotto alcuni sigilli importati nel Nord-Ovest, è
parimenti alla base di alcuni sigilli databili intorno al V sec. d.C. documentati solo dalle
impronte sui contrassegni d'argilla cotta rinvenuti a Kula Dheri nel Gandhāra.
L'ultima testimonianza della g. pre-islamica riguarda il periodo degli Hindu-Śāhi, tra l'VIII
e il X sec. d.C.
Oltre ai sigilli in pietra, vanno ricordati quelli in altri materiali, particolarmente quelli in
metallo, che in origine rappresentavano la produzione più «povera» ma di maggiore
diffusione, giunta a noi in quantità esigua.
Bibl.: E. Senart, Notes d'épigraphie indienne II. Sur quelques pierres gravées provenant
du Caboul, in Journal Asiatique, XIII, 1889, pp. 364-375; J. Marshall, Taxila, Cambridge
1951; A. D. H. Bivar, The Kushano-Sassanian Episode (diss.), Oxford 1955; id., An
Unknown Punjab Seal-Collector, in JNSI, XXIII, 1961, pp. 309-327; B. N. Mukherjee,
Nana on Lion, Calcutta 1969; G. Fussman, Intailles et empreintes indiennes du Cabinet
des Médailles de Paris, in RevNum, XIV, 1972, pp. 21-47; V. Sarianidi, Bactrian Gold from
the Excavations of the Tillya-Tepe Necropolis in Northern Afghanistan, Leningrado
1985; P. Callieri, I sigilli e le cretule del Nord-Ovest del sub-continente indiano e
dell'Afghanistan (IVsec. a.C.-X sec. d.C.) (diss.), Napoli 1986; id., La glittica romana nel
Gandhāra: presenze e influssi, in RendLinc, s. vin, XLIV, 1991, pp. 243-254; id., New
Perspectives in the Appreciation of the Gandharan Culture: A Contribution from the
Sphragistic, in G. Bhattacharya (ed.), Aksayantvl, Essays Presented to Dr. Debaia Mitra
in Admiration of Her Scholarly Contribution, Delhi 1991, pp. 67-72.
(P. Callieri)
India storica. - La g. dell'India storica è nota, oltre che dalle gemme raccolte nel secolo
scorso da A. Cunningham e da altri studiosi e antiquari britannici e conservate in massima
parte in Gran Bretagna e in India, soprattutto dalle impronte di sigillo sulle centinaia di
cretule portate alla luce dagli scavi archeologici in numerosi siti. Lo studio delle cretule,
spesso scoperte in veri e propri depositi o archivi, tra cui ricordiamo quelli di Nālandā,
Vaiśālī e Rājbāḍīḍaṇga, permette inoltre un'interessante indagine sui sistemi di chiusura e
di archiviazione. Pur mancando una sistemazione cronologica organica dei diversi gruppi
stilistici, la datazione dei sigilli indiani è resa più agevole dallo studio paleografico delle
iscrizioni che frequentemente completano le raffigurazioni, in genere a esse coeve.
Le testimonianze più antiche (escludendo i sigilli della valle dell'Indo) risalgono al IV-III
sec. a.C., ma è per l'età gupta e post-gupta, tra il IV e il VII sec. d.C., che disponiamo delle
più ampie testimonianze, relative a tutte le sfere sociali, da quella dell'aristocrazia di corte
alle istituzioni religiose e a quelle commerciali. Un sito di particolare rilievo per la
conoscenza della g. indiana è rappresentato da Räjghät, nei pressi di Benares, dove assieme
a impronte di sigilli appartenenti alle successive principali fasi della storia della città antica,
dal I sec. a.C. al VI d.C., sono state rinvenute, in un contesto stratigrafico databile al II-III
sec. d.C., numerose cretule con impronte di sigilli ellenistici per iconografia e stile. Il peso
della g. mediterranea di tradizione ellenistico-romana, già particolarmente evidente nel
Nord-Ovest del subcontinente, è avvertito anche nella g. indiana di età gupta, come
testimoniano diversi dei sigilli in pietra di quest'epoca giunti sino a noi: sembra plausibile
un contatto diretto con il mondo tardo-romano, piuttosto che un retaggio gandharico.
Le iconografie rappresentate sui sigilli indiani comprendono figure umane o divinità
antropomorfiche, animali, elementi vegetali e simboli o monogrammi, in gran parte di
significato religioso pertinente alle principali correnti devozionali (buddhiste, scivaite e
visnuite); non mancano però i sigilli con sola iscrizione, privi di raffigurazione figurata. Le
forme più comuni sono quelle ovali a cabochon, che venivano incastonate in anelli metallici.
Sono utilizzate quasi tutte le varietà di pietre semi-preziose e preziose, scelte
verisímilmente (come del resto in tutto il mondo antico) in relazione alle proprietà magiche
e apotropaiche tradizionalmente loro attribuite, ma sono particolarmente diffuse proprio
quelle pietre che anche le officine glittiche romane, secondo Plinio, importavano dall'India,
quali il granato, il cristallo di rocca, la sardonica, l'agata e le sarda; sigilli in altri materiali di
minore pregio (metalli, osso, conchiglie) avevano una grande diffusione, ma ci sono
testimoniati in misura ridotta, sia per il minore interesse collezionistico che per la maggiore
intrinseca deperibilità.
Bibl.: A. Cunningham, Description of Some Ancient Gems from Bactria, the Punjab and
India, in JASB, X, 1841, pp. 147-157; T. Bloch, Excavations at Basarh, in ASIAR 1903-4,
pp. 101-122; H. Shastri, The Clay Seals of Nälandä, in Epigraphia Indica, XXI, 1926, pp.
72-77; M. G. Dikshit, Cunningham Collection of Seals in the British Museum, in JNSI,
XXII, 1960, pp. 123-130 (con molte attribuzioni errate!); Κ. Κ. Thaplyal, Studies in
Ancient Indian Seals, Lucknow 1972; V. S. Agrawala, Varanasi Seals and Sealings,
Benares 1984 (sulle cretule di Rājghāt).
(P. Callieri)

Potrebbero piacerti anche