Sei sulla pagina 1di 34

Fonetica e fonologia, pronuncia

standard e pronunce regionali:


grafemi e interpunzione
(modulo 87)

Claudio Giovanardi
Università di Roma Tre

Ultima revisione 10 Settembre 2008


ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Presentazione del modulo

Il modulo presenta le nozioni fondamentali che uno studente straniero deve conoscere relativamente
ai seguenti aspetti della lingua italiana: fonetica e fonologia, pronuncia, grafia, punteggiatura. In
particolare nel modulo vengono analizzati i seguenti argomenti: la distinzione tra fonetica e
fonologia e tra foni e fonemi; l'elenco e la classificazione dei fonemi dell’italiano; la pronuncia
standard dell’italiano; le pronunce regionali con particolare riferimento al nord, alla Toscana, a
Roma e al sud; la corrispondenza imperfetta tra grafemi e fonemi dell’italiano; le novità
nell’ortografia italiana; gli aspetti della scrittura del passato; il ruolo della punteggiatura nel testo
scritto; la funzione dei principali segni d’interpunzione ed evidenziazione della variazione d’uso nel
corso del tempo.

2
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Guida al modulo

Avvertenza

Per la corretta visualizzazione dei caratteri speciali inclusi nel modulo è indispensabile avere
installato sul proprio computer i caratteri dell'alfabeto fonetico internazionale nella versione SIL
Encore IPA. I caratteri possono essere scaricati gratuitamente dal sito web della società linguistica
internazionale SIL International all'indirizzo http://www.sil.org/computing/fonts/ipareadme.html e
sono disponibili per sistemi Windows e Macintosh.

ICoN non ha rapporti commerciali con SIL International e non si assume responsabilità connesse
all'installazione o utilizzazione dei font.

Scopo del modulo

Scopo generale del modulo è fornire le nozioni fondamentali nei seguenti campi: fonetica e
fonologia dell’italiano; pronuncia dell’italiano standard; pronunce regionali; grafia dell’italiano;
punteggiatura dell’italiano.

Lista degli obiettivi

UD 1 - Fonetica e fonologia

Obiettivo: caratterizzare la distinzione tra fonetica e fonologia.

Sottoobiettivo: spiegare il ruolo dell’accento, del tono e della lunghezza.

UD 2 - I fonemi dell'italiano

Obiettivo: presentare i fonemi dell’italiano.

Sottoobiettivo: elencare e classificare i fonemi dell’italiano.

UD 3 - Pronuncia dell’italiano

Obiettivo: conoscere i rapporti tra la pronuncia standard e altri tipi di pronuncia dell'italiano.

3
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Sottoobiettivo: conoscere pronunce dell’italiano meno tradizionali.

UD 4 - Pronuncia dell'italiano standard

Obiettivo: conoscere la pronuncia standard dell’italiano secondo la tradizione normativa.

Sottoobiettivo: richiamare l’attenzione su particolari fenomeni come il raddoppiamento


fonosintattico, l’elisione, il troncamento.

UD 5 - Varietà della pronuncia

Obiettivo: conoscere pronunce non standard dell’italiano legate alle diverse aree geografiche.

Sottoobiettivo: presentare le caratteristiche dei principali tipi di pronunce.

Sottoobiettivo: riconoscere i tratti fonetici del dialetto romano.

Sottoobiettivo: riconoscere i tratti fonetici del dialetto napoletano.

UD 6 - Grafia dell'italiano

Obiettivo: conoscere la corrispondenza tra grafemi e fonemi dell'italiano.

Sottoobiettivo: conoscere le novità della grafia italiana.

Sottoobiettivo: conoscere alcuni aspetti della grafia del passato.

Sottoobiettivo: riflettere su alcuni aspetti dell'ortografia, come l'uso delle lettere


maiuscole.

UD 7 - Punteggiatura dell'italiano: i segni principali

Obiettivo: chiarire il ruolo della punteggiatura e dei principali segni d’interpunzione.

Sottoobiettivo: comprendere il funzionamento del punto e della virgola

Contenuti del modulo

Il modulo è composto da:

4
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

1. il testo delle unità didattiche;


2. un corredo di file audio.

Attività richieste

Lettura e studio dei materiali che compongono il modulo. Svolgimento degli esercizi.

Materiale facoltativo di approfondimento

Lettura di alcune pagine tratte dai seguenti moduli:

- m00082 [Le varietà diafasiche e diastratiche del repertorio]: UD 2


- m00097 [Profilo di storia linguistica italiana II: unificazione, norma ed espansione dell'italiano]:
UD 2
- m00191 [Boccaccio, il Decameron]: 5.1
- m00196 [Francesco Petrarca]: 2.2
- m00199 [Elementi di fonologia e prosodia dell'italiano]: 1.4, 1.6, 1.7

Lettura di voci di approfondimento:

- Manuzio, Aldo, detto il Vecchio


- Trissino, Gian Giorgio

5
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Indice delle unità didattiche

UD 1 - Fonetica e fonologia

L'unità didattica chiarisce la differenza tra foni e fonemi e le nozioni di accento, tono, lunghezza.

1.1 - Distinzione tra fonetica e fonologia

1.2 - Coppie minime, varianti libere, varianti combinatorie

1.3 - Accento, tono, lunghezza

UD 2 - I fonemi dell'italiano

L'unità didattica presenta, elenca e classifica i fonemi dell'italiano.

2.1 - Fonemi dell'italiano

2.2 - Classificazione dei fonemi vocalici dell'italiano

2.3 - Classificazione dei fonemi consonantici dell'italiano

UD 3 - Pronuncia dell'italiano

L'unità didattica fornisce un quadro dei rapporti tra la pronuncia standard e altri tipi di pronuncia
dell'italiano.

3.1 - L'italiano standard nella pronuncia

3.2 - Altri tipi di pronuncia dell'italiano

3.3 - Ogni regione ha la sua pronuncia

UD 4 - Pronuncia dell'italiano standard

L'unità didattica illustra la pronuncia standard dell'italiano, ma anche alcune varianti più recenti; si
sofferma inoltre su alcuni fenomeni come il raddoppiamento fonosintattico, l'elisione, il
troncamento.

4.1 - La pronuncia standard dei fonemi dell'italiano

6
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

4.2 - Il raddoppiamento fonosintattico

4.3 - Elisione e troncamento

UD 5 - Varietà della pronuncia

L'unità didattica illustra le diverse pronunce regionali.

5.1 - Pronunce settentrionali

5.2 - Pronuncia toscana

5.3 - Pronuncia romana

5.4 - Pronunce meridionali

UD 6 - Grafia dell'italiano

L'unità didattica chiarisce il rapporto tra grafemi e fonemi dell'italiano; informa sulle più recenti
innovazioni della grafia e sul modo di scrivere di alcuni grandi autori del passato.

6.1 - Grafia e pronuncia

6.2 - Novità nella grafia dell'italiano

6.3 - Come scrivevano Petrarca e Boccaccio

6.4 - Progetti di riforma dell'alfabeto

6.5 - Uso della maiuscola

UD 7 - Punteggiatura dell'italiano: i segni principali

L'unità didattica chiarisce il ruolo della punteggiatura e la funzione dei principali segni di
interpunzione dell'italiano.

7.1 - Che cos'è la punteggiatura

7.2 - Il punto

7.3 - La virgola

7.4 - Il punto e virgola e i due punti

7.5 - Altri segni di punteggiatura

7
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 1 - Fonetica e fonologia

L'unità didattica chiarisce la differenza tra foni e fonemi e le nozioni di accento, tono, lunghezza.

1.1 - Distinzione tra fonetica e fonologia

1.2 - Coppie minime, varianti libere, varianti combinatorie

1.3 - Accento, tono, lunghezza

1.1 - Distinzione tra fonetica e fonologia

In via preliminare è importante chiarire la differenza tra fonetica e fonologia. La fonetica è la


scienza che studia i suoni articolati del linguaggio umano, detti "foni". La fonetica descrittiva ha il
compito di descrivere i foni di una o più lingue, eventualmente facendo ricorso a strumenti di
laboratorio, che consentono di registrare e analizzare distintamente ciascun suono. In prospettiva
storica, inoltre, lo studio fonetico permette di capire come si è evoluta la pronuncia lungo il tempo.
La fonetica ha un'importante applicazione anche nel campo delle scienze mediche, in particolare per
quanto riguarda la riabilitazione dei deficit di pronuncia.

La fonologia ha un compito diverso. Non studia i foni in quanto tali, nella loro concreta
realizzazione fisica, ma solo quei foni che, alternandosi liberamente all'interno di una sequenza
fonica, per esempio una parola, hanno un valore distintivo, cioè contribuiscono a far cambiare
significato alla parola stessa. Questi foni con valore distintivo si chiamano "fonemi". Facciamo
subito un esempio. Prendiamo la parola "cane". Se sostituiamo la consonante iniziale con altre,
avremo le seguenti parole italiane: "lane", "nane", "pane", "rane", "sane", "tane", "vane". In altri
termini, ogni consonante che abbiamo messo in posizione iniziale ha creato parole diverse. Questo
significa che esse sono dei fonemi dell'italiano: /k/, /l/, /n/, /p/, /r/, /s/, /t/, /v/ (per tradizione i fonemi
si scrivono tra barre oblique, e la sillaba accentata è preceduta da un apice; per le trascrizioni di
questo modulo saranno utilizzati i simboli dell'Associazione Fonetica Internazionale; per l'elenco
dei fonemi dell'italiano vedi 2.1).

Per chiarire meglio la distinzione tra foni e fonemi, possiamo dire che i foni sono le manifestazioni
fisiche concrete dei fonemi, nel senso che un fonema può essere realizzato con foni assai diversi tra
loro. Come è facile constatare per chiunque, ognuno di noi ha un suo modo di pronunciare che
deriva in parte da condizioni oggettive (caratteristiche e stato di salute degli organi che servono per
produrre i suoni), in parte da particolari stati emotivi (quando si è emozionati, ansiosi, tristi,
contenti, si tende a pronunciare in modo diverso i foni). Tuttavia queste oscillazioni non
impediscono a noi di farci capire dagli altri e di capire gli altri. Questo perché il fonema, più che un
suono, è una rappresentazione astratta di una classe di foni affini, di cui rappresenta, in un certo
senso, la media. Certo, l'oscillazione nella pronuncia di un fono deve essere contenuta entro certi
limiti. Non deve produrre confusione: la pronuncia della /t/ di /'rate/ può avere diverse realizzazioni
concrete, ma non può arrivare a confondersi con /d/, altrimenti produrrebbe un'altra parola, /'rade/.

8
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

1.2 - Coppie minime, varianti libere, varianti combinatorie

Le parole italiane "pane" e "rane" si differenziano solo in base alla consonante iniziale,
rispettivamente /p/ e /r/; queste consonanti sono, dunque, due distinti fonemi. Quando una coppia di
parole è identica in tutto il resto, ma differisce solo per la presenza/assenza di un singolo fonema, si
parla di "coppia minima" o "unidivergente". Naturalmente le coppie minime nel lessico dell'italiano
sono numerosissime. Bisogna anche considerare le coppie minime che non sono segnalate dalla
grafia, per esempio quelle che si fondano sull'opposizione tra e tonica chiusa /e/ e aperta //, oppure
tra o tonica chiusa /o/ e aperta //. Esempi: /'venti/∼ /'vnti//'peska/∼ /'pska/ /'botte/∼ /'btte/
/'kolto/∼ /'klto/.

Audio 1

Abbiamo visto che nella pronuncia concreta dei foni vi sono, entro certi limiti, molte possibili
varianti individuali. Dobbiamo però distinguere tra "varianti libere" e "varianti combinatorie" dei
fonemi. Le varianti libere sono abitudini di pronuncia di un singolo individuo o di un determinato
gruppo di parlanti. Per esempio possiamo citare la pronuncia della "erre uvulare", la cosiddetta "erre
moscia" o "alla francese", che è diversa dalla "r" alveolare italiana /r/. Oppure possiamo ricordare la
pronuncia /profes'sre/ con la "o" aperta, che caratterizza i parlanti dell'area meridionale estrema,
invece di quella normale /profes'sore/. Queste varianti però sono in un certo senso innocue: non
aggiungono nuovi fonemi, quindi non alterano il sistema fonologico dell'italiano. Tutt'al più
rappresentano un vezzo e ci consentono in qualche caso di individuare la provenienza geografica
del parlante.

Le varianti combinatorie, a differenza di quelle libere, non dipendono dalle scelte individuali, ma
sono "imposte" dal contesto fonetico in cui il fono viene realizzato. Prendiamo le parole "vengo" e
"vendo". In queste due parole, la "n" è solo in apparenza lo stesso fono. In realtà in "vengo"
abbiamo una "n" velare, il cui simbolo fonetico è [], mentre in "vendo" abbiamo una "n" dentale il
cui simbolo fonetico è [n]. Questi due foni sono condizionati dalle consonanti che seguono,
rispettivamente la velare /g/ e la dentale /d/, e noi non abbiamo scelta: possiamo pronunciarli solo in
quel modo. Tuttavia la diversa pronuncia della "n" non ha valore distintivo, quindi non siamo in
presenza di due fonemi diversi, ma di due "allofoni" dello stesso fonema. In altre lingue, invece, la
"n" velare e nasale costituiscono due diversi fonemi: in inglese, per esempio, "to sing" /si/ si
distingue da "sin" /sin/ solo in base alla diversa articolazione della "n".

1.3 - Accento, tono, lunghezza

Non basta conoscere tutti i fonemi dell'italiano per esaurire il discorso sulla fonologia. In realtà
occorre considerare anche altri aspetti. Partiamo dall'accento. Una sillaba accentata si distingue da
una sillaba non accentata per tre motivi diversi: 1) la sillaba accentata è più forte delle altre, cioè è
pronunciata con una maggiore intensità di emissione del flusso d'aria; 2) la sillaba accentata ha una
durata maggiore delle altre; 3) la sillaba accentata ha una maggiore altezza tonale, cioè le corde
vocali vibrano con una frequenza maggiore. L'italiano è una lingua ad accento libero, nel senso che

9
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

non è possibile sapere a priori su quale sillaba cade l'accento, a differenza di quanto avviene in altre
lingue (per esempio in ungherese l'accento cade per lo più sulla prima sillaba, in polacco sulla
penultima, in turco sull'ultima). In italiano l'accento tonico può avere valore distintivo, dal momento
che alcune coppie minime di parole si distinguono solo in base alla posizione dell'accento:
àncora~ancóra, càmice~camìcie, prìncipi~princìpi; si pensi inoltre alla serie càpitano, capitàno,
capitanò. Le parole formate da più sillabe oltre all'accento primario, che cade sulla sillaba tonica,
hanno anche uno o più accenti secondari, un po' meno intensi rispetto a quelli primari. Nella parola
rèdazióne l'accento primario cade sulla sillaba zio, mentre quello secondario sulla sillaba re.

Parliamo ora dell'altezza tonale dei suoni. L'altezza tonale è data dalla frequenza delle vibrazioni
delle corde vocali. In alcune lingue, dette "lingue tonali", la variazione di tono può avere valore
distintivo per distinguere i significati (per esempio in cinese mandarino). L'italiano non è una lingua
tonale, ma le variazioni di altezza tonale servono nell'intonazione per distinguere, per esempio,
un'affermazione da una domanda. Così l'affermazione viene domani ha un andamento della
sequenza dei toni diverso dalla domanda viene domani?.

Un altro aspetto rilevante in fonologia è rappresentato dalla lunghezza. Vedremo tra poco (2.1) che
in italiano la lunghezza, cioè la maggiore durata, delle consonanti può avere valore distintivo:
distinguiamo infatti coppie minime come caro~carro, casa~cassa, fato~fatto. Anche le vocali
hanno una lunghezza diversa, ma, in italiano, la lunghezza vocalica non ha valore distintivo.
Comunque le vocali toniche in sillaba libera hanno una lunghezza maggiore rispetto a quelle in
sillaba chiusa.

10
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 2 - I fonemi dell'italiano

L'unità didattica presenta, elenca e classifica i fonemi dell'italiano.

2.1 - Fonemi dell'italiano

2.2 - Classificazione dei fonemi vocalici dell'italiano

2.3 - Classificazione dei fonemi consonantici dell'italiano

2.1 - Fonemi dell'italiano

Quanti sono i fonemi della lingua italiana? La risposta è meno scontata di quanto si potrebbe
pensare. Infatti non vi è un parere unanime tra gli studiosi. Il problema più spinoso riguarda
l'interpretazione delle coppie minime formate dall'opposizione tra consonanti intervocaliche tenui e
intense, come nel caso di "pala"∼ "palla". Alcuni infatti ritengono che la doppia "l" di "palla" non
sia da intendere come un suono intenso, ma come la ripetizione dello stesso fonema. In ogni caso va
ricordato che, tra le lingue romanze, solo l'italiano e il sardo presentano una distinzione fonologica
fondata sulla lunghezza consonantica.

In linea di massima, comunque, possiamo individuare 30 fonemi dell'italiano (vedi il modulo


Elementi di fonologia e prosodia dell'italiano, 1.4, 1.6, 1.7):

7 vocali in posizione tonica:


/i/, /e/, //, /a/, //, /o/, /u/;

Audio 2

21 consonanti, di cui 15 possono essere tenui o intense in posizione intervocalica:


/p/, /b/, /k/, /g/, /t/, /d/, /m/, /n/, /f/, /v/, /r/, /l/,
/t/ (è il suono rappresentato da c in "amici" e da "ci" in "camicia"), /d/ (è il suono rappresentato da
"gi" in "ragione"), /s/; 5 sono solo di grado intenso in posizione intervocalica: // (è il suono
rappresentato da "gli" in "figlio"), // (è il suono rappresentato da "gn" in "vigna"), // (è il suono
rappresentato da "sc" in "nascere"), /ts/ (è il suono rappresentato da "z" in "nazione" o da "zz" in
"palazzo"), /dz/ (è il suono rappresentato da "zz" in "razzo"); 1 è sempre di grado tenue: /z/ (è il
suono rappresentato da "s" in "rosa");

Audio 3

2 semiconsonanti, ovvero suoni intermedi tra la vocale e la consonante: /j/, /w/.

11
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Per quanto riguarda le due semiconsonanti non tutti gli studiosi sono d'accordo nel considerarle
fonemi. Tuttavia qualche raro caso di coppia minima fondata sull'opposizione
vocale~semiconsonante esiste: "alleviamo" /alle'vjamo/ voce del verbo "allevare" si oppone a
"alleviamo" /allevi'amo/ voce del verbo "alleviare"; "la quale" /la'kwale/ pronome relativo si oppone
a "lacuale" /laku'ale/ aggettivo collegato a "lago".

Audio 4

È inoltre evidente che, se consideriamo nel numero dei fonemi anche le 15 consonanti con suono
intenso in posizione intervocalica, dobbiamo innalzare la cifra complessiva a 45. D'altra parte le
coppie minime fondate sull'opposizione consonante tenue/intensa sono numerose. Vediamo qualche
esempio:

"tropi"∼ "troppi" "roca"∼ "rocca" "note"∼ "notte" "nana"∼ "nanna" "caro"∼ "carro" "casa"∼ "cassa".

Occorre precisare che ci stiamo riferendo ai fonemi dell'italiano standard (per la cui pronuncia si
veda 4.1). Le diverse pronunce regionali (vedi UD 5) presentano alcuni aspetti divergenti rispetto al
quadro appena delineato.

2.2 - Classificazione dei fonemi vocalici dell'italiano

Per classificare i fonemi dell'italiano occorre innanzi tutto distinguere tra suoni vocalici e
consonantici. Nel caso delle vocali l'aria espirata non incontra ostacoli lungo il suo cammino
attraverso gli organi fonatori, al contrario di quanto avviene per le consonanti.

Cominciamo a vedere come vengono articolate le vocali italiane. La diversa articolazione delle
vocali italiane dipende dagli spostamenti della lingua all'interno del cavo orale [Fig.1].

Fig.1 : Schema di classificazione dei fonemi vocalici dell’italiano.

Quando la lingua è schiacciata sulla parte bassa della bocca e la bocca stessa ha il massimo grado di
apertura si realizza la vocale /a/, che è detta anche "vocale media" o "centrale".

12
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Quando la lingua si solleva e si sposta in avanti verso il palato duro si realizzano tre vocali: //, /e/,
/i/, dette "vocali anteriori" o "palatali", con un decrescente grado di apertura della bocca durante
l'articolazione del suono.

Quando, infine, la lingua si solleva e si sposta indietro, verso la parte posteriore del palato, si
realizzano altre tre vocali: //, /o/, /u/, dette "vocali posteriori" o "velari" (perché la parte posteriore
del palato è detta "velo palatino"). Nella pronuncia delle tre vocali posteriori è necessario anche
l'arrotondamento delle labbra, che è minimo per // e massimo per /u/.

Le vocali sono dunque 7 in posizione tonica, cioè sotto accento, mentre in posizione atona, cioè in
sillaba non accentata, diventano 5, perché non c'è più l'opposizione tra //~ /e/ e //~/o/.

2.3 - Classificazione dei fonemi consonantici dell'italiano

Le consonanti vengono classificate in base a diversi parametri. I più importanti sono: modo di
articolazione, punto di articolazione, tipo di fonazione [Fig.1].

Fig.1 : Schema di classificazione dei fonemi consonantici dell’italiano.

Il modo di articolazione può comportare la chiusura completa momentanea del canale fonatorio
(avremo allora le "consonanti occlusive"); oppure ancora una chiusura completa seguita da un
allontanamento graduale degli organi (avremo allora le "consonanti affricate"). Il punto di
articolazione può essere localizzato nelle labbra ("consonanti bilabiali"), tra labbra e denti
("consonanti labiodentali"), nei denti ("consonanti dentali"), nel palato duro ("consonanti palatali"),
nel velo palatino ("consonanti velari"). Infine il tipo di fonazione riguarda la presenza ("consonanti
sonore") o assenza ("consonanti sorde") della vibrazione delle corde vocali, e il passaggio dell'aria
attraverso il cavo orale ("consonanti orali") o attraverso le fosse nasali ("consonanti nasali").

Qualche esempio: la /p/ è una consonante occlusiva bilabiale sorda orale; la /n/ è una occlusiva
dentale sonora nasale; la /dz/ è un'affricata dentale sonora; la // è una fricativa palatale sorda.

13
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 3 - Pronuncia dell'italiano

L'unità didattica fornisce un quadro dei rapporti tra la pronuncia standard e altri tipi di pronuncia
dell'italiano.

3.1 - L'italiano standard nella pronuncia

3.2 - Altri tipi di pronuncia dell'italiano

3.3 - Ogni regione ha la sua pronuncia

3.1 - L'italiano standard nella pronuncia

Prima di passare ad analizzare i caratteri fondamentali della pronuncia dell'italiano standard è


opportuno un chiarimento sul concetto di "standard" (vedi il modulo Le varietà diafasiche e
diastratiche del repertorio, UD 2). Vari studiosi ritengono che, al di fuori della lingua scritta,
l'italiano standard sia effettivamente usato in pochissimi casi, in particolare da alcune categorie
professionali, come gli attori, i doppiatori, gli annunciatori, i presentatori. Quindi, mentre tutti gli
italiani colti sono in grado di usare la lingua standard nei testi scritti di media o alta formalità, non
tutti gli italiani colti sanno utilizzare la pronuncia standard di riferimento. Questo avviene anche
perché nella scuola, tradizionalmente, l'attenzione degli insegnanti è tutta concentrata sull'uso
corretto delle norme grafiche e scrittorie e molto meno sulla pronuncia dei ragazzi. Giustamente da
più parti si reclama una maggiore attenzione per l'insegnamento dell'ortoepia, cioè della corretta
pronuncia dell'italiano; ma è pur vero che corsi di dizione dovrebbero essere impartiti innanzi tutto
agli insegnanti, i quali, molto spesso, presentano a loro volta pronunce fortemente regionali.

Dunque qual è il modello di italiano standard (che alcuni preferiscono chiamare "italiano neutro")
che bisogna seguire nella pronuncia? Tradizionalmente tale modello veniva identificato con la
pronuncia fiorentina colta, depurata di alcuni tratti troppo locali (vedi 3.2 e 5.2). Dobbiamo però
ribadire che quasi tutti i parlanti presentano tratti regionali nella loro pronuncia, cioè fanno capire la
loro area geografica di provenienza. Ascoltando qualcuno parlare siamo generalmente in grado di
capire almeno se è di origine settentrionale, toscana, romana o meridionale. La provenienza
geografica dei parlanti non si intuisce soltanto dal loro modo di pronunciare i suoni, ma anche dalla
particolare intonazione, che è diversa da zona a zona. L'intonazione è chiamata anche, in modo non
scientifico, "calata" o "accento"; di una persona si dice che ha la calata (o l'accento) meridionale,
settentrionale, romano, e così via.

Da un certo punto di vista potremmo dunque dire che il parlante modello, ossia colui che parla
l'italiano standard, è quello del quale non si riesce a capire, almeno di primo acchito, l'area
geografica di origine. Potremmo infine aggiungere che quasi nessuno possiede la pronuncia
standard dalla nascita, e che la pronuncia standard dell'italiano va appresa con lo studio.

14
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

3.2 - Altri tipi di pronuncia dell'italiano

Secondo Canepari (Canepari 2000: 21) anche la pronuncia, come tutti gli altri aspetti della lingua, è
sottoposta a mutamenti con il passare del tempo. Per esempio, per quanto riguarda la sede
dell'accento, abbiamo vari casi di oscillazione, soprattutto nel caso di parole di origine colta, per i
quali è difficile escludere una delle due pronunce: sclèrosi~scleròsi, mìmesi~mimèsi, vàluto~valùto,
ossìmoro~ossimòro. Come sempre accade è l'uso della maggior parte degli utenti a imporre, nel
tempo, una soluzione o l'altra. Tuttavia, sempre secondo Canepari, un modello di riferimento nella
pronuncia dell'italiano di oggi si può trovare in tre diverse categorie di pubblico: a) le persone di
cultura elevata per quanto riguarda l'accentazione delle parole; b) gli attori e i doppiatori
professionali per quanto riguarda la pronuncia dei fonemi e il tipo di intonazione realizzato; c) gli
italiani dell'Italia centrale per quanto riguarda la scelta nella pronuncia di determinati fonemi.

Possiamo distinguere diversi tipi di pronuncia. La pronuncia tradizionale, quella tramandata dai
manuali, è su base fiorentina senza alcuni fenomeni più vistosi, come la "gorgia", cioè la pronuncia
aspirata delle consonati sorde intervocaliche, o la pronuncia /'dji/ invece di /'djti/ per la parola
dieci. Oggi però si sta affermando, anche presso i professionisti della parola, un tipo di pronuncia
moderna meno condizionata dal modello fiorentino rispetto al passato; un caso tipico è la pronuncia
/'lettera/ ormai decisamente preferita a /'lttera/ che è tipica del toscano; come pure la pronuncia
/ko'lnna/ è preferita a quella tradizionale toscana /ko'lonna/.

In taluni casi vi possono essere delle pronunce tollerate, anche se quasi mai usate dai professionisti
della parola, come gli attori, i doppiatori e altri. È il caso di /'so/ , pronuncia diffusissima
nell'Italia centrale della parola sogno, che si contrappone a quella normativa /'soo/ con la o
chiusa. Bisogna comunque evitare pronunce troppo trascurate, perché molto spesso sono una spia
della scarsa cultura di chi le usa. È il caso delle cosiddette "pronunce ortografiche", cioè basate
troppo strettamente sui segni grafici, come quando qualcuno dice /'tjlo/ anziché /'tlo/, perché
influenzato dalla grafia cielo, oppure dice /'jntsa/ invece di /'ntsa/ sulla base della grafia scienza.

3.3 - Ogni regione ha la sua pronuncia

Una ricchezza italiana, oltre al gran numero dei dialetti, è sicuramente rappresentata dalla grande
varietà delle pronunce regionali. Si potrebbe dire che in ciascuna regione si sente parlare italiano in
modo diverso. Certamente non tutte le pronunce regionali sono uguali; esse variano a seconda del
grado d'istruzione, della posizione socio-economica, dell'età e del sesso del parlante. Avremo quindi
pronunce regionali più o meno "marcate", cioè più o meno riconoscibili.

In un certo senso potremmo individuare tante pronunce diverse per quante sono le regioni italiane,
anche se non sempre i confini amministrativi coincidono con quelli linguistici. Tuttavia in questa
sede ci limiteremo a un'analisi più generale. Distingueremo pertanto quattro aree: settentrionale,
toscana, centrale, meridionale. L'area settentrionale e meridionale, insieme, raggruppano circa l'80%
dei parlanti; l'area toscana è importante perché l'italiano si è formato sul modello toscano
trecentesco; infine l'area centrale è ritenuta da alcuni studiosi quella che meglio realizza i fonemi
dell'italiano (3.2).

15
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

L'area meridionale italiana può essere suddivisa in una parte alto-meridionale (Abruzzo, Molise,
Campania, Lucania, Puglia) e in una parte basso-meridionale (Calabria, Sicilia). Questa
suddivisione non ha un valore puramente geografico, ma risponde a delle differenze, talvolta anche
sostanziali, tra un tipo di pronuncia e l'altro.

Bisogna ricordare inoltre che le caratteristiche di una pronuncia non risiedono solo nel modo di
articolare i fonemi, ma anche in altri elementi, come l'accento, il ritmo e l'intonazione (1.3; 3.1).

Qualcuno potrebbe chiedersi a che cosa serve essere informati sulle pronunce regionali dell'italiano.
Innanzi tutto si tratta di una conoscenza utile per quanti, parlanti stranieri, trascorrono un periodo di
studio o di vacanza in Italia e devono abituarsi a riconoscere i tratti locali della pronuncia italiana.
In secondo luogo, è solo attraverso l'individuazione degli aspetti che si allontanano dallo standard
che è possibile migliorare la propria pronuncia. Chi vuole avvicinarsi il più possibile a una
pronuncia standard deve saper riconoscere, e quindi eliminare, le caratteristiche regionali.

16
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 4 - Pronuncia dell'italiano standard

L'unità didattica illustra la pronuncia standard dell'italiano, ma anche alcune varianti più recenti; si
sofferma inoltre su alcuni fenomeni come il raddoppiamento fonosintattico, l'elisione, il
troncamento.

4.1 - La pronuncia standard dei fonemi dell'italiano

4.2 - Il raddoppiamento fonosintattico

4.3 - Elisione e troncamento

4.1 - La pronuncia standard dei fonemi dell'italiano

È opportuno riportare in una tabella i simboli fonetici dei fonemi dell'italiano e alcuni esempi di
parole che li contengono, accompagnate dalla loro trascrizione fonologica. Ci serviamo dei simboli
dell'Associazione Fonetica Internazionale (IPA). La sillaba tonica, dove cade l'accento, è preceduta
da un apice.

Vocali:

/a/ cane /'kane/

/e/ fede /'fede/

// petto /'ptto/

/i/ pino /'pino/ Audio 5

/o/ sole /'sole/

// porta /'prta/

/u/ lupo /'lupo/

/u/ lupo /'lupo/

Semiconsonanti:

/j/ fiore /'fjore/ Audio 6

/w/ buono /'bwno/

17
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Consonanti:

/k/ caro /'karo/; chiave /'kjave/; quadro /'kwadro/; kantiano /kan'tjano/

/g/ gola /'gola/; ghianda /'gjanda/

/p/ palo /'palo/

/b/ ballo /'ballo/

/m/ mano /'mano/

/t/ tana /'tana/

/d/ dado /'dado/

/n/ nave /'nave/

// gnocco /'kko/

/ts/ zeppa /'tseppa/

/dz/ zona /'dzna/

Audio 7
/t/ cera /'tera/; cielo /'tlo/; ciocca /'tkka/

/d/ giro /'diro/; giacca /'dakka/

/f/ faro /'faro/

/v/ varo /'varo/

/s/ sano /'sano/

/z/ smesso /'zmesso/

// scena /'na/; sciopero /'pero/

/r/ rete /'rete/

/l/ luna /'luna/

/ / fogli /'fi/; foglio /'f o/.

18
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

4.2 - Il raddoppiamento fonosintattico

Nella pronuncia standard dell'italiano c'è un fenomeno importante che è difficile da cogliere, perché
non è rappresentato dalla grafia: il "raddoppiamento fonosintattico". Di che cosa si tratta? In alcuni
casi la consonante iniziale di una parola viene pronunciata con suono intenso, anche se la grafia non
ce lo dice. Per esempio alla grafia a letto corrisponde, in italiano standard, la pronuncia /a l'ltto/;
alla grafia qualche volta corrisponde la pronuncia /'kwalke v'vlta/. Il raddoppiamento
fonosintattico è evidente nella grafia solo quando le due (o più) parole, per tradizione, si scrivono
unite: eppure (e pure), laggiù (là giù), nemmeno (né meno), pallavvolo (palla a volo), soprattutto
(sopra a tutto).

Quali sono le parole dopo le quali si verifica la pronuncia intensa della consonante iniziale della
parola che segue?

1) Innanzi tutto dopo la gran parte dei monosillabi, sia quelli che recano l'accento grafico (è, già, là,
lì, può e altri), sia quelli che non lo recano (a, che, chi, da, e, fa, fra, fu, ha, ho, ma, me, no, o, qua,
qui, sa, se, so, sta, sto, su, te, tra, tre, tu, va e altri). Facciamo qualche esempio:

è bello (/ b'bllo/), là sotto ( /la s'sotto/), a me (/a m'me/), chi viene (/ki v'vjne/), ha fame (/a
f'fame/), qui sopra (/kwi s'sopra/), sto bene (/st b'bne/), tre volte (/tre v'vlte/).

2) Dopo tutte le parole di più sillabe con l'accento sull'ultima sillaba: caffè, così, giacché, libertà,
partì, perché, volontà e così via.

Facciamo qualche esempio: caffè bollente ( /kaf'f bbol'lnte/), così via (/ko'zi v'via/), partì tardi
(/par'ti t'tardi/), perché piove /per'ke p'pjve/.

3) Dopo le parole come, dove, qualche, sopra: come vado /'kome v'vado/, dove siete /'dove s'sjte/,
qualche fiore (/'kwalke f'fjore/), sopra te (/'sopra tte/). Va però precisato che dopo come e dove il
raddoppiamento della consonante avviene solo in Toscana, come del resto per la preposizione da:
alla grafia da solo corrisponde la pronuncia toscana /da s'solo/, ma nelle altre parti d'Italia avremo
/da solo/.

Questi appena visti sono i casi principali in cui si verifica il fenomeno del raddoppiamento
fonosintattico. Occorre però dire che tale fenomeno è proprio del toscano e dell'italiano centrale e
meridionale, mentre è poco diffuso nell'italiano settentrionale. I parlanti settentrionali, anche colti,
tenderanno quindi a non rafforzare il suono della consonante iniziale nelle condizioni che abbiamo
descritto.

4.3 - Elisione e troncamento

Si chiama "elisione" la caduta della vocale finale di una parola davanti alla vocale iniziale della
parola seguente. Questo fenomeno riguarda tanto la pronuncia quanto la grafia. Scrivendo,
dobbiamo indicare con l'apostrofo la caduta della vocale: una amica > un'amica, di oggi > d'oggi,
senza anima > senz'anima. Parlando, il ricorso all'elisione è frequentissimo, anche se nella grafia

19
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

non ve ne è traccia. Per esempio degli uomini può essere pronunciato, con elisione, /de'wmini/,
ma non può essere scritto degl'uomini, né tanto meno degluomini. Vi sono delle forme che si
prestano meglio di altre all'elisione. Innanzi tutto i monosillabi, tra cui spicca la preposizione di;
con questa preposizione l'elisione è in taluni casi di fatto obbligatoria: nessuno direbbe o
scriverebbe andare di amore e di accordo, ma andare d'amore e d'accordo, oppure un bracciale di
oro, ma piuttosto d'oro. In genere i monosillabi si elidono quando la loro vocale finale coincide con
quella iniziale della parola seguente: s'insultano è più frequente di s'amano, l'amo è più frequente di
l'odio (la odio). Solo la preposizione da non si elide mai, anche per evitare la confusione con di:
d'avere sta infatti per di avere e non per da avere.

Si chiama "troncamento" la caduta di una vocale, di una consonante o di una sillaba in fine di
parola. A differenza dell'elisione, il troncamento non avviene solo davanti alla vocale iniziale della
parola che segue. Nella grafia non si usa l'apostrofo. Pensiamo a casi come buon giorno, ben detto,
gran maleducato. Vediamo i casi più ricorrenti di troncamento. Il troncamento è molto usato nei
sostantivi che indicano un titolo seguìti dal nome proprio: il signor Rossi, il professor Bianchi, il
dottor Verdi, il cardinal Martini. Anche bello e santo in taluni casi subiscono il troncamento
obbligatorio: un bel ragazzo, san Giuseppe. Alcuni nomi propri si troncano nei nomi doppi: Anton
Giulio, Gian Carlo (anche in grafia unita Giancarlo), Pier Paolo. Si troncano anche le parole Valle,
Colle, Monte, Torre, nei nomi di luogo: Val d'Elsa, Val padana, Colfiorito, Monreale, Tor di
Quinto. Infine ecco due casi particolari in cui si usa il troncamento: con la parola frate quando è
seguita dal nome proprio (fra Cristoforo, fra Giovanni); con la parola cavallo ormai solo nel
proverbio a caval donato non si guarda in bocca.

20
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 5 - Varietà della pronuncia

L'unità didattica illustra le diverse pronunce regionali.

5.1 - Pronunce settentrionali

5.2 - Pronuncia toscana

5.3 - Pronuncia romana

5.4 - Pronunce meridionali

5.1 - Pronunce settentrionali

Cominciamo a vedere le particolarità di pronuncia dell'italiano nelle varie aree geografiche della
penisola. Spesso ci si rende conto di queste particolarità, quando si dice che la tal persona ha
l'"accento" o la "calata" milanese, toscana, romana ecc. Partiamo dall'Italia settentrionale. Un primo
aspetto che colpisce un ascoltatore non settentrionale è la diversa pronuncia delle vocali e e o chiuse
e aperte. Al nord non si distingue nella pronuncia tra pésca /'peska/, ossia l'attività del pescare, e
pèsca /'pska/, il frutto, e neppure tra bótte /'botte/, il recipiente, e bòtte /'btte/, le percosse. Quando
si vuole imitare o prendere in giro un settentrionale si pronuncia /'bene/ anziché /'bne/, oppure
/'stlla/ al posto di /'stella/. Una curiosità è che in Veneto si fa una distinzione, estranea all'italiano,
tra /'bekko/ e /'bkko/: bécco con la e chiusa significa 'caprone' o 'cornuto', mentre bècco con la e
aperta significa appunto 'becco'.

Audio 8

Un'altra tendenza tipica delle pronunce settentrionali è quella a pronunciare come tenui le
consonanti doppie intervocaliche: palla diventa /'pala/, canna diventa /'kana/, baffo diventa /'bafo/ e
così via. Questo fenomeno si verifica anche su confine di parola, infatti manca il raddoppiamento
fonosintattico (vedi 4.2): invece della pronuncia standard /a k'kasa/ abbiamo /a 'kasa/ per la grafia a
casa, invece di /e t'tre/ abbiamo /e 'tre/ per la grafia e tre. Molto spesso vengono confusi alcuni
suoni come // e /lj/, oppure // e /nj/. Per esempio la parola figlio nella pronuncia standard è
/'fio/, mentre al nord tende a diventare /'filjo/; invece la parola vigna, pronunciata /'via/ nello
standard, al nord diventa /'vinja/. Questa confusione si riflette spesso anche nella grafia dei
settentrionali di scarsa cultura, incerti tra figlio e filio, tra vigna e vinia.

Nelle pronunce settentrionali meno curate il suono /ts/ tende a trasformarsi in /s/, così pure /dz/ può
passare a /z/: pizza /'pittsa/ dello standard diventa /'pissa/, mentre organizzazione
/organiddzat'tsjone/ diventa /organiza'sjone/. Un altro passaggio frequente è quello dal suono // a
/sj/; per esempio il verbo lasciare /la'are/ nella pronuncia settentrionale trascurata può diventare

21
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

/las'sjare/. Un'altra divergenza rispetto allo standard è rappresentata dal prefisso trans-, che,
contrariamente allo standard /trans/, è pronunciato con la s sonora, ossia /tranz/.

5.2 - Pronuncia toscana

Veniamo alla Toscana, che, come è noto, rappresenta la culla della lingua italiana. Tuttavia,
chiunque oggi vada in qualche località toscana noterà alcune importanti differenze tra la pronuncia
dello standard e quella locale. Perché questo? Perché l'italiano si è formato sul fiorentino del
Trecento, così come ci è stato tramandato dai grandi capolavori letterari. Ma nel frattempo il
toscano si è evoluto, a livello di lingua parlata, allontanandosi da quel modello di alcuni secoli fa.

Audio 9

Vediamo le principali caratteristiche della pronuncia toscana. Il fenomeno sicuramente più vistoso è
rappresentato dalla "gorgia", ossia dalla pronuncia aspirata delle consonanti occlusive sorde /k/, /t/,
/p/ in posizione intervocalica. Ecco che un fiorentino non dirà /la 'kasa/ come gli altri italiani, ma /la
'hasa/; però attenzione, perché dirà normalmente /a k'kasa/ e non /a 'hasa/, rispettando il
raddoppiamento fonosintattico. Ancora nel campo delle consonanti, a Firenze, come in altre parti
dell'Italia centrale, la pronuncia del fonema /t/ in posizione intervocalica passa a //: una parola
come acido, anziché /'atido/ è pronunciata /'aido/. Del tutto particolare della Toscana è invece il
passaggio da /d/ a //, per cui una parola come ragione è pronunciata /ra'one/ e non, come nello
standard, /ra'done/. In Toscana si mantiene il valore distintivo della s sorda /s/ e sonora /z/, che
servono, appunto, per indicare parole diverse; così si distingue /'fuso/, che è lo strumento per
tessere, da /'fuzo/, participio passato di fondere; o, ancora, si distingue /'kjse/, passato remoto del
verbo chiedere, da /'kjze/, plurale di chiesa. Naturalmente nella grafia avremo per entrambi i casi
fuso e chiese. Anche per quanto riguarda z sorda /ts/ e sonora /dz/ abbiamo distinzioni del tipo già
visto per la s: alla grafia razza corrispondono due pronunce, /'rattsa/, cioè stirpe, e /'raddza/, un
pesce.

Infine qualche osservazione sulle vocali. L'aspetto più interessante è rappresentato dal passaggio del
dittongo /w/ a //; ecco allora che le parole dello standard buono, nuovo, pronunciate normalmente
/'bwno/, /'nwvo/, in bocca toscana diventano /'bno/, /'nvo/. Per quanto riguarda la pronuncia di
e, o aperte e chiuse, vi sono delle particolarità toscane, come per esempio la pronuncia /'lttera/
invece di /'lettera/, oppure /'dopo/ anziché /'dpo/. Comunque anche in Toscana vi è una certa
oscillazione fra i due suoni della e e della o.

5.3 - Pronuncia romana

Tra le pronunce dell'Italia centrale ci soffermiamo su quella romana. La pronuncia di Roma


presenta molti tratti in comune con la pronuncia standard, ma anche alcune significative divergenze.
Alcuni studiosi, nei decenni passati, hanno creduto che la pronuncia romana potesse diventare il
modello di riferimento per tutti gli italiani. Così non è stato per vari motivi, ma non c'è dubbio che
22
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

la varietà di pronuncia romana sia tra le più conosciute nell'intera penisola, anche grazie alla grande
diffusione di certi film ambientati a Roma.

Cominciamo da qualche osservazione sulle vocali. Per quanto riguarda la e e la o toniche abbiamo
in qualche caso diversa apertura rispetto allo standard di tipo toscano (5.2). A Roma si pronuncia
bisògno, colònna, dòpo, Giòrgio, orgòglio, pòsto, tutte con //, mentre la pronuncia toscana prevede
/o/. Così pure a Roma abbiamo céntro, esémpio, mémbro, léttera, con /e/ al posto di // della
pronuncia toscana; oppure allègro, Cèsare con // invece di /e/. Nelle pronunce più trascurate,
inoltre, come del resto accade anche in Toscana, il dittongo /w/ passa a //: da buona a bòna, da
cuore a còre.

Audio 10

I fatti più significativi della pronuncia romana riguardano tuttavia il consonantismo. Innanzi tutto vi
è la tendenza a pronunciare con suono intenso le consonanti /b/ e /d/ in posizione intervocalica:
nobile diventa /'nbbile/, mentre fragile diventa /'fraddile/. In accordo col toscano abbiamo anche
a Roma il passaggio da /t/ a // in posizione intervocalica: pace /'pate/ viene pronunciato /'pae/.

Un'altra caratteristica che distingue la pronuncia romana, ma anche di tanta parte dell'Italia centrale,
è il passaggio da /s/ a /ts/ dopo /l/, /n/, /r/. In italiano abbiamo polso /'polso/, penso /'pnso/, forse
/'forse/, che a Roma vengono però pronunciati /'poltso/, /'pntso/, /'fortse/. I parlanti meno colti
tendono a pronunciare come debole il suono intenso /rr/: in tal modo corre diventa /'kore/, arriva
diventa /a'riva/. Sempre nella pronuncia più trascurata la /l/ davanti a consonante passa a /r/, cioè
coltello è pronunciato /kor'tllo/. Ancora qualche altra particolarità. I nessi /lj/ e /nj/ dello standard
tendono a passare a // e //: Italia diventa /i'taa/; niente diventa /'nte/. La semiconsonante /j/
può essere pronunciata con notevole intensità: di ieri viene reso con /di j'jeri/; buio è reso come
/'bujjo/.

5.4 - Pronunce meridionali

Anche l'etichetta "pronunce meridionali" è piuttosto generica, poiché vi è molta differenza tra la
pronuncia dell'italiano in Campania, in Puglia, in Sicilia e altrove. In genere, comunque, le
pronunce meridionali sono quelle che vengono percepite come le più lontane dallo standard.
Vediamo alcuni aspetti della pronuncia campana. Per quanto riguarda il vocalismo, notiamo che per
la e e la o aperte e chiuse vi sono delle differenze rispetto alla pronuncia standard. Abbiamo infatti
la // in parole come biglietto, lucetta, mettere, momento, solamente, vero, le quali sono invece
pronunciate con /e/ nello standard; abbiamo la // in parole come ancora, forse, giorno, loro, tocco,
al posto di /o/ dello standard. Al contrario, presentano /o/ invece di // parole come grotta e nodo.

Audio 11

23
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Nel settore delle consonanti, un tratto caratteristico della pronuncia campana è costituito dal
passaggio del suono // a /jj/; la parola figlio /'fio/ diventa /'fijjo/, la parola sbaglio /'zbao/
diventa /'zbajjo/. Un altro aspetto importante è la tendenza a pronunciare le consonanti occlusive
sorde /p/, /t/, /k/ come sonore, cioè rispettivamente /b/, /d, /g/, dopo una consonante nasale. Per
esempio un tempo /un ‘tmpo/ può essere pronunciato /un ‘dmbo/, anche /'anke/ diventa /'ange/,
contento /kon'tnto/ suona come /kon'dndo/. Sono frequenti le pronunce basate sulla grafia, come
nel caso di cielo /'tlo/ che viene realizzato come /'tjelo/, oppure scienza /'ntsa/ che diventa
/'jentsa/. Come a Roma, la /b/ e la /d/ intervocaliche sono pronunciate come intense: nobile
/'nbile/ diventa /'nbbile/ e fragile /'fradile/ diventa /'fraddile/.

Passando alla Sicilia, ci colpisce innanzi tutto la pronuncia di /r/ iniziale di parola, che è sempre
molto forte. Per esempio la rete /la ‘rete/ in siciliano diventa /la r'rete/, la radio /la 'radjo/ diventa /la
r'radjo/. Come in tutta l'Italia meridionale, in Sicilia la pronuncia di /s/ intervocalica è sempre sorda:
casa /'kasa/, rosa /'rsa/. Nelle pronunce più trascurate la /r/ può essere pronunciata come la
consonante che segue; per esempio parole come barba, porto, marca, forno, parla possono essere
pronunciate come /'babba/, /'ptto/, /'makka/, /'fonno/, /'palla/. A differenza di quanto avviene nella
gran parte dell'Italia centromeridionale, in Sicilia non avviene il passaggio del suono /t/ a // in
posizione intervocalica; la parola luce è infatti pronunciata correttamente /'lute/ e non /'lue/.

24
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 6 - Grafia dell'italiano

L'unità didattica chiarisce il rapporto tra grafemi e fonemi dell'italiano; informa sulle più recenti
innovazioni della grafia e sul modo di scrivere di alcuni grandi autori del passato.

6.1 - Grafia e pronuncia

6.2 - Novità nella grafia dell'italiano

6.3 - Come scrivevano Petrarca e Boccaccio

6.4 - Progetti di riforma dell'alfabeto

6.5 - Uso della maiuscola

6.1 - Grafia e pronuncia

Rispetto ad altre lingue l'italiano presenta un sistema grafico (l' "ortografia") che rispecchia
abbastanza bene i suoni. Mentre, infatti, per il francese e l'inglese la grafia è molto lontana dalla
pronuncia, in italiano e in spagnolo la distanza è molto ridotta. L'alfabeto italiano deriva,
ovviamente, da quello latino, rispetto al quale presenta però vari elementi di novità, dovuti alla
necessità di rappresentare suoni sconosciuti al latino. Per la fissazione della norma grafica italiana
fu molto importante la scelta degli Accademici della Crusca, i quali già nella prima edizione del
Vocabolario della Crusca (1612) adottarono una grafia di tipo fonetico, rinunciando alla grafia
latineggiante ancora viva per tutto il Quattrocento e parte del Cinquecento.

Vediamo ora il rapporto che c'è tra le lettere (o "grafemi") dell'alfabeto italiano e i fonemi che
rappresentano. Scriviamo i grafemi in corsivo e a fianco, tra barre oblique, i fonemi corrispondenti:

a = /a/

b = /b/

c = /t/ davanti a i, e; /k/ davanti a a, o, u

d = /d/

e = /e/, //

f = /f/

g = /d/ davanti a i, e; /g/ davanti a a, o, u

h = non ha valore fonetico; si usa solo in alcune forme del verbo avere (ho, hai, ha, hanno) oppure
dopo c, g per indicare i suoni /k/, /g/ davanti a e, i: chiesa, ghianda

25
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

i = /i, /j/

l = /l/

m = /m/

n = /n/

o = /o/, //

p = /p/

q = /k/

r = /r/

s = /s/, /z/

t = /t/

u = /u/, /w/

v = /v/

z = /ts/, /dz/

Come si può vedere, il sistema grafico italiano è abbastanza vicino, ma non completamente
sovrapponibile, alle regole di pronuncia. Talvolta lo stesso grafema rappresenta fonemi diversi: è il
caso di c, e, g, i, o, s, z. Talvolta, invece, lo stesso fonema è rappresentato da grafemi diversi, come
nel caso di /k/, /g/, /t/, /d/. Alcuni fonemi, infine, sono rappresentati da grafemi formati da più
lettere: il fonema // è scritto sci in sciapo /'apo/; il fonema // è reso con gli in figlio /'fio/; il
fonema // è reso con gn in ognuno /o'uno/.

6.2 - Novità nella grafia dell'italiano

La grafia, come ogni altro aspetto della lingua, tende ad evolvere nel tempo, anche se molto
lentamente, perché la lingua scritta è molto più conservativa rispetto a quella parlata. Oggi non
scriviamo più come nel passato. Per esempio l'usanza di mettere l'accento grave o acuto su alcuni
monosillabi, come è, dà, là, né, sé, tè, si è stabilizzata solo nel corso del Novecento. La distinzione
tra u per la vocale e la semiconsonante e v per la consonante si è affermata definitivamente solo nel
corso del Settecento. Alcuni usi sono ancor oggi oscillanti, per esempio per quanto riguarda
l'apostrofo dopo parole come tal, qual, ma anche dopo un articolo maschile, nonostante la norma
preveda un' solo davanti a nomi femminili comincianti per vocale. Incertezza vi è spesso anche per
la grafia di alcune parole composte: si scrive iper-mercato o ipermercato? maxi-concorso o
maxiconcorso? Possiamo solo dire che la tendenza prevalente è quella a scrivere queste parole in
grafia unita.

26
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Novità nella grafia arrivano soprattutto dalle parole inglesi e americane. Si pensi a grafemi come j,
k, w, x, y, in parole quali joint, killer, windsurf, mixer, yacht. Interessante è il caso di parole
comincianti per h, che nella lingua originaria indicano un suono aspirato, ma in italiano vengono
pronunciate con h muta, secondo la tradizione di quel segno nel nostro alfabeto. Così noi, al
contrario degli angloamericani, pronunciamo handicap, hardware, habitat, come se quell'h non
esistesse. Il problema del rapporto fra grafia e pronuncia fa sì che talvolta una parola inglese venga
resa in italiano in modi diversi. Accanto a sandwich troviamo sandvich o sandvic; accanto a toast,
tost; oltre a nylon possiamo vedere scritto nailon, naylon; il dolce frutto kiwi si alterna con kivi;
infine il roast-beef può diventare rost-beef o rosbif (con grafia di tipo fonetico).

Soprattutto i giovani usano grafemi stranieri per fini scherzosi. La y è molto usata nelle
abbreviazioni dei nomi propri: Giachy (o anche Giaky) per Giacomo, Francy per
Francesco/Francesca, Silvy per Silvia, Marty per Martino/Martina e così via. La k viene sfruttata
nel linguaggio ironico soprattutto di stampo politico, e fa assumere alle parole un valore negativo o
spregiativo: sui muri delle città ancora oggi si leggono scritte contro gli amerikani, oppure contro
Kossiga e Kossutta, due noti personaggi politici. Infine dobbiamo ricordare le sequenze di grafemi
che imitano un suono o un rumore, tipiche del linguaggio dei fumetti: bzzzz indica un ronzio, grrrr
un'espressione di rabbia, splash il rumore di qualcosa che cade, roarrrrr il motore di un'automobile
a tutta velocità.

6.3 - Come scrivevano Petrarca e Boccaccio

Oggi siamo abituati alla stampa e al mondo del computer. Siamo abituati a leggere testi
perfettamente stampati e, molto spesso, noi stessi usiamo direttamente la videoscrittura del
computer per scrivere. Ma un tempo, prima dell'invenzione della stampa, come si scriveva? E,
soprattutto, come scrivevano gli autori che ci hanno lasciato grandi capolavori? Per nostra fortuna si
sono conservati due autografi importantissimi: quello del Canzoniere di Francesco Petrarca e quello
del Decameron di Giovanni Boccaccio (vedi il modulo Francesco Petrarca, 2.2 e Boccaccio: il
Decameron, 5.1), ossia le due opere che, insieme alla Commedia di Dante, sono alla base
dell'italiano letterario.

Fig.1 : Dettaglio di un manoscritto autografo di Francesco Petrarca, Roma, Biblioteca Apostolica


Vaticana, ms. Vat. Lat. 3196, c. 7r.

La grafia usata dal Petrarca nel Canzoniere presenta, ovviamente, alcune differenze rispetto all'uso
moderno [Fig.1]. Troviamo numerose parole scritte con h iniziale, che è un residuo della grafia
latina: huomo, humano, honesto, honore. Sempre all'influsso della grafia latina si deve l'uso della x
in parole come extremo, excellentia, dextro, nonché la grafia ti o ci per z: gratia, presentia,
precioso. Naturalmente la maggiore oscillazione si ha per quei grafemi che rappresentano suoni
estranei al latino classico. Uno di questi è il fonema /ts/ che Petrarca rappresenta con la ç semplice

27
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

(per esempio in sença) o doppia (per esempio in allegreçça). Petrarca adotta invece il sistema
moderno per rappresentare i suoni palatali // e //, che vengono resi rispettivamente con gli e gn.

Boccaccio, nel Decameron, usa molte grafie latineggianti. Si tratta cioè di grafie che non hanno più
alcun valore fonetico, ma servono per dare una coloritura dotta alla pagina. Al tempo di Boccaccio
nessuno più pronunciava advisare o advolgere, ma il grande scrittore amava scrivere proprio così,
piuttosto che avvisare e avvolgere. Come pure amava scrivere observare per osservare, captività
per cattività, decta per detta. Come in Petrarca, anche in Boccaccio abbondano le gafie con h
iniziale, del tipo di herba, honore, honesto, huomo, mentre per i fonemi /ts/ e /dz/ il grafema usato è
z o ç.

Petrarca e Boccaccio, grandi scrittori e uomini di raffinata cultura, usano dunque una grafia che
presenta diverse oscillazioni. Siamo ancora lontani, nel Trecento, da una stabilizzazione della
norma grafica, che si avrà solo a partire dall'avvento della stampa. In Italia, fino al Cinquecento,
impera un sistema multigrafico: ogni città, ogni corte ha le proprie abitudini di scrittura. Solo nel
corso del Cinquecento, insieme all'affermazione del toscano come lingua nazionale, comincia a
fissarsi anche la norma grafica dell'italiano (vedi il modulo Profilo di storia linguistica italiana II:
unificazione, norma ed espansione dell'italiano, UD 2).

6.4 - Progetti di riforma dell'alfabeto

Abbiamo visto (6.1) che l'alfabeto italiano non rispecchia perfettamente i suoni della nostra lingua.
Questo fatto ha attirato nel corso dei secoli l'attenzione degli studiosi e dei grammatici, i quali
hanno proposto varie soluzioni per arrivare a una corrispondenza perfetta tra grafia e fonologia.
Quasi nessuna proposta di riforma dell'alfabeto è risultata vincente, perché l'ortografia è molto
conservativa. Spesso le riforme ortografiche imposte dall'alto sono destinate al fallimento, oppure a
una lunga battaglia con le vecchie consuetudini.

Fig.1 : Particolare dell'edizione moderna di un trattato del Trissino.

La prima importante riforma ortografica fu proposta nel 1524 da Giovan Giorgio Trissino, scrittore
e grammatico veneto (vedi la voce Trissino, Gian Giorgio). Trissino voleva introdurre alcuni
simboli nuovi per evitare che lo stesso grafema rappresentasse suoni diversi [Fig.1]. I nuovi simboli
erano due lettere greche, ε (epsilon) e ω (omega), che dovevano rappresentare // e //; in seguito
propose anche la  per il suono /z/. Inoltre Trissino voleva differenziare z = /ts/ e ç = /dz/, u e v, j =
/j/ e i = /i/. Una riforma razionale, dunque, ma della quale fu accolta la sola differenziazione tra u e
v. Alla fine del Cinquecento Giorgio Bartoli ritornò sul problema della distinzione di alcuni
grafemi. Egli usò  per /z/ e s per /s/, z per /ts/ e  per /dz/, u per la vocale e v per la consonante, j

28
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

per la semiconsonante distinto da i per la vocale. Nel Settecento vi furono altri progetti di riforma
ortografica. Il più importante fu quello di Anton Maria Salvini, il quale si limitò a introdurre i
simboli ê e ô per indicare rispettivamente // e //.

In pieno Ottocento il lessicografo Giovanni Gherardini propose una riforma ortografica fondata
sostanzialmente sul modello dell'ortografia latina. Per Gherardini non era importante risolvere i casi
di conflitto tra ortografia e pronuncia, ma bisognava ricorrere al modello latino come punto di
riferimento generale. Ecco quindi la proposta di grafie con una sola consonante laddove la
pronuncia presenta invece il suono intenso: aqua, fugire, dubio, febre; in altri casi era invece
preferita la grafia con doppia consonante: commodo, commune. Nel campo delle vocali si doveva
scrivere confundere per confondere, spelunca per spelonca, fundere per fondere. La riforma
ortografica del Gherardini fallì in quanto antistorica. In pieno Ottocento egli cercò di imporre un
ritorno al modello grafico latino, ormai completamente tramontato. Tuttavia Gherardini ebbe alcuni
illustri seguaci, più o meno fedeli alle sue teorie, tra i quali ricordiamo Carducci e D'Annunzio.

6.5 - Uso della maiuscola

Nella grafia dell'italiano l'uso delle maiuscole conosce diverse incertezze e oscillazioni. Partiamo
dai casi in cui l'iniziale maiuscola di una parola è d'obbligo. Ciò avviene in tre casi: a) all'inizio
assoluto di un testo; b) dopo un punto fermo; c) con i nomi propri. Vediamo più da vicino il settore
dei nomi propri. La maiuscola è d'obbligo nei nomi e cognomi: Maria, Francesco, Rossi, Bianchi;
per i cognomi l'unica eccezione è rappresentata dal de o di nobiliare: Massimo d'Azeglio, ma
Massimiliano Di Giovanni. Anche i nomi sacri presentano la maiuscola: il Creatore, la Madonna,
Gesù Cristo, Maometto. Si scrivono invece per lo più con la minuscola gli appellativi che
accompagnano nomi o cognomi: l'ingegner Pozzi, l'avvocato Bassi, il professor Baldelli; la
maiuscola si usa solo quando l'appellativo è usato per antonomasia: l'Avvocato, con riferimento a
Giovanni Agnelli, noto industriale italiano. Non vi è accordo unanime per quanto riguarda i nomi di
popoli o degli abitanti di un determinato territorio: possiamo scrivere i Francesi ma anche i
francesi, gli Africani, ma anche gli africani; negli usi aggettivali è invece obbligatoria la minuscola:
la birra tedesca, le abitudini inglesi.

Vogliono la maiuscola anche i nomi geografici, come Roma, Toscana, Germania, Europa. Tuttavia
quando il nome geografico è accompagnato da un nome comune, quest'ultimo può essere scritto con
la maiuscola o la minuscola: Monte Bianco o monte Bianco, Lago di Garda o lago di Garda, Via
Quattro Cantoni o via Quattro Cantoni. Un altro settore in cui si ha oscillazione è quello
rappresentato dal nome dei secoli e dei decenni; si può infatti scrivere il Trecento o il trecento, il
Novecento o il novecento, i favolosi anni Sessanta o i favolosi anni sessanta. La maiuscola si usa
anche per i titoli dei libri e di altre opere artistiche: Uno, nessuno e centomila, La storia, Miracolo a
Milano, Sei personaggi in cerca d'autore; bisogna fare attenzione quando l'articolo di un titolo
viene inglobato in una preposizione precedente, perché in questo caso la maiuscola passa alla parola
che segue: Il gattopardo, ma i personaggi del Gattopardo.

Un uso particolare è rappresentato dalla cosiddetta maiuscola reverenziale o di rispetto. La si usa


nei confronti di persone verso le quali si vuole manifestare rispetto e deferenza. In questi casi si
scrivono maiuscoli non solo gli appellativi, come per esempio Egregio Professore, Gentile
Dottoressa, Illustre Ingegnere, ma anche pronomi personali e possessivi (come Lei saprà, oppure
ho ricevuto la Sua lettera).

29
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

UD 7 - Punteggiatura dell'italiano: i segni principali

L'unità didattica chiarisce il ruolo della punteggiatura e la funzione dei principali segni di
interpunzione dell'italiano.

7.1 - Che cos'è la punteggiatura

7.2 - Il punto

7.3 - La virgola

7.4 - Il punto e virgola e i due punti

7.5 - Altri segni di punteggiatura

7.1 - Che cos'è la punteggiatura

La punteggiatura (o "interpunzione") è l'insieme dei segni non alfabetici che si usano nella lingua
scritta per suddividere il testo nelle sue parti e per favorire l'interpretazione dei rapporti sintattici e
semantici all'interno del testo da parte del lettore. In italiano i principali segni d'interpunzione sono i
seguenti: il punto fermo (.), la virgola (,), i due punti (:), il punto e virgola (;), il punto esclamativo
(!), il punto interrogativo (?), i puntini di sospensione (…), le virgolette (" ", «», ‘ ’), il trattino (-), le
parentesi tonde ( ). Il settore della punteggiatura è il meno stabilizzato nell'àmbito della lingua
scritta. Possiamo dire che ogni scrivente ha un suo personale modo di usare i segni interpuntivi. Se,
infatti, distribuissimo un testo privo di punteggiatura a dieci persone diverse, chiedendo loro di
mettere la punteggiatura, avremmo quasi certamente dieci soluzioni diverse.

La punteggiatura risponde in realtà a diverse funzioni. Innanzi tutto vi è la "funzione sintattica". In


questo caso la punteggiatura serve per segmentare il testo nelle sue componenti più o meno ampie.
Per questa funzione i segni più utilizzati sono il punto, il punto e virgola, la virgola, i due punti.
Molto importanti, per separare porzioni ampie di testo, sono anche gli a capo e gli spazi bianchi, che
isolano innanzi tutto visivamente due o più parti dello stesso testo. Ma i segni interpuntivi servono
anche a precisare i rapporti che esistono tra le proposizioni o tra due elementi della stessa
proposizione. In linea di massima possiamo dire che il punto fermo indica uno stacco forte, mentre
la virgola indica uno stacco debole e il punto e virgola e i due punti svolgono un ruolo intermedio.

La seconda importante funzione della punteggiatura è quella "intonativa". In questo caso la


punteggiatura serve per far capire al lettore con quale intonazione deve leggere una frase. Da questo
punto di vista i segni più utilizzati sono il punto interrogativo, il punto esclamativo e i puntini di
sospensione. Vediamo questi esempi: parte oggi, parte oggi?, parte oggi!, parte oggi…. La prima
frase è una semplice affermazione, la seconda è una domanda, la terza un'esclamazione, la quarta è
un'affermazione che sottintende uno sviluppo del pensiero (rammarico, gioia, incertezza, e così via).
Senza l'aiuto dei segni di punteggiatura noi non saremmo in grado di capire che cosa effettivamente
l'autore del testo intende comunicarci.

30
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

7.2 - Il punto

Il punto fermo, o semplicemente punto, è certamente uno dei segni interpuntivi fondamentali. È
anche il segno più antico, benché in passato avesse un valore diverso da quello di oggi.
Tradizionalmente il punto si usa per indicare una pausa forte, alla fine di un periodo o alla fine di
una frase. È quindi il segno più importante per orientare il lettore nella segmentazione del testo
voluta dall'autore. Oltre che per questa funzione principale, il punto viene utilizzato nella scrittura
anche per altri fini. Innanzi tutto nelle abbreviazioni, dove può comparire alla fine o al centro della
parola a seconda del tipo di abbreviazione. Nelle abbreviazioni per troncamento abbiamo solo le
prime lettere di una parola chiuse dal punto: dott. (dottore), prof. (professore), pag. o p. (pagina),
ecc. (eccetera). Vi sono poi le abbreviazioni per contrazione, formate con le lettere iniziali e quelle
finali di una parola. In questo caso il punto si mette tra le lettere iniziali e quelle finali. Per esempio:
ill.mo (illustrissimo), gent.mo (gentilissimo), chiar.mo (chiarissimo); un'abbreviazione per
contrazione è anche dr. per "dottore", che può essere usata al posto di dott. Un'altra varietà di
abbreviazioni è quella formata dalla consonante iniziale e da un'altra consonante della parola: sg.
(seguente), ms. (manoscritto). Il punto tende invece ormai a essere sempre meno usato nelle sigle.
Oggi è decisamente prevalente la grafia CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro)
rispetto a C.G.I.L., come pure FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio) prevale su F.I.G.C. Il
punto non si usa mai nelle sigle delle province e delle nazioni: RM (Roma) e non R.M., GB (Gran
Bretagna) e non G.B.

Recentemente il punto, soprattutto nel linguaggio giornalistico, è usato molto più che in passato
anche al posto di altri segni quali il punto e virgola e la virgola. Addirittura vi è la tendenza a
frammentare una proposizione con un punto, laddove normalmente non ci aspetteremmo nessun
segno d'interpunzione. Facciamo un esempio con questa frase: "I soldati al fronte muoiono. Di
noia". È evidente che secondo le regole della sintassi italiana la locuzione preposizionale di noia
non dovrebbe essere separata dal verbo muoiono; ma il punto viene introdotto per richiamare
maggiormente l'attenzione del lettore mettendo in evidenza la parte della notizia ritenuta più
interessante.

7.3 - La virgola

Insieme al punto, la virgola è sicuramente il segno di punteggiatura più usato. Di norma indica una
pausa breve, ma è molto soggetta agli usi individuali dell'interpunzione. In taluni casi l'uso della
virgola è interdetto: tra soggetto e verbo, tra verbo e complemento, tra aggettivo e sostantivo. Si
scrive il cane abbaia; guardo la televisione; un bravo ragazzo; non il cane, abbaia e così via.
Tuttavia anche questa regola ha le sue eccezioni. Per esempio la virgola si mette quando il soggetto
segue il verbo: parli bene, tu e in tutti i casi in cui si vuole ottenere un effetto di enfasi o mettere in
rilievo un elemento del discorso.

Vediamo ora i contesti sintattici in cui più frequentemente si usa la virgola. In primo luogo
troviamo le frasi coordinate senza congiunzioni, come in questo esempio: mi alzo, mi vesto, faccio
colazione, mi lavo i denti, vado a scuola. Prima delle congiunzioni coordinative la virgola è per lo
più omessa (mi lavo i denti e vado a scuola), ma talvolta può essere introdotta per dare maggiore
rilievo alla frase coordinata: l'ho rimproverato, e non me ne pento. Abbiamo poi le enumerazioni,
ossia le serie di parole tra loro collegate, generalmente separate dalla virgola: è una ragazza buona,
onesta, generosa; bisogna predicare la pace, la libertà, la fratellanza, l'amicizia fra i popoli. Anche

31
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

in questo caso la virgola non si usa davanti a una congiunzione, ma anche in questo caso vi possono
essere delle eccezioni dovute a effetti espressivi: una persona seria, esperta, e affidabile.

Naturalmente la virgola serve per separare anche le proposizioni subordinate dalla principale: non è
venuto, benché l'avessi invitato molto tempo fa; non si può uscire, perché fuori piove e fa molto
freddo.

La virgola si usa inoltre prima di un'apposizione: Maradona, il genio del calcio; se l'apposizione è
in mezzo alla frase, la virgola si usa prima e dopo l'apposizione: Maradona, il genio del calcio, ha
dato l'addio al pallone. Si usa anche prima di un vocativo: smettila, Francesca! La virgola è molto
diffusa per segnalare gli incisi, anche se, in questo caso, deve subire la concorrenza dei trattini e
delle parentesi tonde. Possiamo infatti scrivere in tre modi questa frase: Milano, la seconda città
d'Italia, è la capitale industriale; Milano - la seconda città d'Italia - è la capitale industriale;
Milano (la seconda città d'Italia) è la capitale industriale.

7.4 - Il punto e virgola e i due punti

Dopo il punto (vedi 7.2) e la virgola (vedi 7.3) soffermiamoci ora su altri due segni d'interpunzione,
meno usati, ma ben noti a chi scrive e legge i testi italiani. Il punto e virgola (;) fu introdotto in
italiano dal celebre tipografo veneziano Aldo Manuzio nel 1501 (vedi la voce Manuzio, Aldo detto
il Vecchio). È un segno in forte regresso nella punteggiatura contemporanea, perché cede spazio sia
al punto sia alla virgola, rispetto ai quali rappresenta una soluzione intermedia. In effetti il punto e
virgola indica una pausa più forte rispetto alla virgola, ma meno forte rispetto al punto fermo. Non
vi sono contesti sintattici in cui ricorre obbligatoriamente, ma possiamo individuare alcuni casi
particolari. Innanzi tutto nelle enumerazioni strutturalmente complesse, come in questo esempio: a
Luigi regalerò una penna e un libro di storia, che è la sua passione; a Maria un cd del suo gruppo
preferito e un romanzo d'avventure; per Francesco devo ancora decidere. In secondo luogo nelle
frasi coordinate non ravvicinate; per esempio: non ho dubbi sul fatto che non fosse tua intenzione
offenderlo, né tanto meno deriderlo; però dovevi considerare meglio il tono delle tue affermazioni.

Contrariamente al punto e virgola, i due punti (:) sono oggi più usati che in passato. La loro
funzione principale è quella di precisare, illustrare, chiarire ciò che è stato scritto subito prima. Vi
può essere un intento descrittivo dell'affermazione che precede: mi piace l'Italia: i suoi paesaggi, il
suo mare, la sua gente. I due punti possono introdurre la conseguenza di una causa espressa in
precedenza: guidava ubriaco: l'automobile si è schiantata contro un muro. Viceversa possono
introdurre la causa di un effetto illustrato in precedenza: ha comprato tre appartamenti in un mese:
il padre gli ha lasciato una ricca eredità. Come si sarà già capito, l'uso dei due punti consente un
collegamento rapido tra due proposizioni senza ricorrere a collegamenti coordinativi o
subordinativi. Per questo motivo i due punti sono molto usati nei titoli dei giornali e anche nel
linguaggio pubblicitario, ossia laddove è necessario "risparmiare" parole per esigenze di spazio e di
efficacia comunicativa. Nei testi scritti i due punti assolvono a un'altra importante funzione, cioè
servono a introdurre un discorso diretto, per lo più posto tra virgolette o trattini. Per esempio:

Giacomo entrò nella stanza e disse: "Ho deciso di imparare a suonare la batteria".

32
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

7.5 - Altri segni di punteggiatura

Chiudiamo la rassegna dei segni di punteggiatura analizzandone alcuni che, pur essendo meno
frequenti rispetto a quelli visti in precedenza, sono tuttavia usuali nei nostri testi. Il punto
interrogativo (?) indica che la frase precedente è una domanda, e va pertanto letta con l'intonazione
tipica delle domande: dove vai?, perché hai comprato quel libro?. Quando la frase interrogativa è
lunga e complessa non è sempre facile capire da dove comincia l'intonazione interrogativa. In
questo senso l'ortografia dello spagnolo è più precisa, perché indica l'inizio dell'intonazione
interrogativa con un punto interrogativo rovesciato e la fine con il punto interrogativo classico. Il
punto esclamativo (!) è usato per indicare l'intonazione tipica di un'esclamazione causata da diversi
stati d'animo: gioia, sorpresa, rabbia, delusione. Per esempio: che bello!, sapevo che sarebbe finita
così!, non ci credo!. Il punto esclamativo è usato anche nelle frasi che esprimono un ordine o
un'intimazione: chiudi la porta!, non provarci più!. Talvolta si usano insieme il punto interrogativo
ed esclamativo quando l'intonazione è a metà strada tra la domanda e l'esclamazione ma sei proprio
tu?!.

Anche i puntini di sospensione servono per indicare un'intonazione sospensiva, allusiva o reticente.
Si usano sempre nel numero di tre (…). Vediamo qualche esempio: io non vorrei venire, se tu però
…; mi sembrava di avertelo già detto…; Mario è arrogante e…. Spesso i puntini di sospensione
vengono usati per riprodurre le pause e i cambi di progetto del parlato: credo…ehm… che tu…no,
cioè, io… possiamo andarci. In particolare nel linguaggio giornalistico i puntini di sospensione
vengono utilizzati a fini ironici e scherzosi per divertire e sollecitare il lettore. Infine i puntini di
sospensione sono utilizzati per indicare che una parte di una citazione è stata saltata. In questo caso,
però, per evitare confusioni, è opportuno mettere i puntini tra parentesi tonde o quadre.

Chiudiamo con le virgolette, che hanno due usi principali. Il primo è quello di contrassegnare un
discorso diretto: Il professore entrò e disse: "buongiorno ragazzi!". Il secondo è quello di indicare
un uso particolare (ironico, scherzoso, metaforico) di una determinata parola o espressione: a suo
modo anche lui è un "artista", perché sa aprire le porte senza scardinarle; tante "scatolette" di
sardine: le automobili in fila viste dall'alto.

33
ICoN – Italian Culture on the Net C. Giovanardi – Fonetica e fonologia…

Letture consigliate

Storia e teoria dell'interpunzione (1992), a cura di E. Cresti, N. Maraschio, L. Toschi, Roma,


Bulzoni.

Pier Marco Bertinetto – Emanuela Magno Caldognetto (1993), Ritmo e intonazione, in Introduzione
all’italiano contemporaneo. Le strutture, a cura di A. A. Sobrero, Roma-Bari, Laterza: pp. 141-192.

Luciano Canepari (1980), Italiano standard e pronunce regionali, Padova, Cleup.

Luciano Canepari (2000), Manuale di pronuncia italiana, Bologna, Zanichelli (prima edizione
1992).

Martin Maiden (1998), Storia linguistica dell’italiano, Bologna, il Mulino.

Nicoletta Maraschio (1993), Grafia e ortografia: evoluzione e codificazione, in Storia della lingua
italiana, a cura di L. Serianni e P. Trifone, vol. I, Torino, Einaudi: pp. 139-227.

Bruno Migliorini - Carlo Tagliavini - Piero Fiorelli (1981), Dizionario d’ortografia e di pronunzia,
Torino, Eri (prima edizione 1969).

Alberto M. Mioni (1993), Fonetica e fonologia, in Introduzione all’italiano contemporaneo. Le


strutture, a cura di A. A. Sobrero, Roma-Bari, Laterza: pp. 101-139.

Luca Serianni (1988), Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria. Suoni, forme,
costrutti, Torino, Utet.

Arianna Uguzzoni (1978), La fonologia, Bologna, Zanichelli.

Sitografia

Il sito ufficiale della più antica e prestigiosa accademia linguistica italiana, fondata nel 1583 a
Firenze e sede della pubblicazione del primo Vocabolario della lingua italiana nel 1612, attualmente
impegnata per la valorizzazione e la coscienza critica di tutti molteplici aspetti linguistici, filologici,
culturali e interculturali legati alla diffusione della lingua italiana nel mondo:
www.accademiadellacrusca.it

Il sito ufficiale del Dizionario italiano multimediale e multilingue d'ortografia e di pronuncia


(DOP), ideato in origine da Migliorini, Tagliavini e Fiorelli e realizzato in veste multimediale da
Fiorelli, Borri e Parascandolo:
www.dizionario.rai.it

34